Pippinu u bicchinu e Alma a fantasma

Stampa questo copione

www.tittygiannino.jimdo.com

TITTY GIANNINO

pippinu u bicchinu e alma a fantasma

commedia brillante in 2 atti

NUOVA STESURA

2012

Personaggi

PEPPINO FOSSA, il becchino

NUNZIA FOSSA, la moglie

NINUZZO FOSSA, il figlio

ROSETTA FOSSA, la nuora                  

VITTORIA FOSSA, la nipote

ALMA GATTINERI, il fantasma

PLACIDO, il collega di Peppino

ANACLETO, il segretario del Diavolo

LUCIFERO, il Diavolo

ISIDORO, l'Angelo

SINOSSI

Peppino è un becchino molto credente, impiegato presso il cimitero, che, in un giorno di molto lavoro, cade rovinosamente su una bara che poi si scoprirà appartenere ad una “jettatrice” che aveva giurato di vendicarsi, anche dopo morta, di chiunque le avesse fatto del male. Alma, il fantasma dunque, decisa a vendicarsi di Peppino, si presenta a casa sua e comincia a combinarne di tutti i colori, a lui, ai suoi familiari ed amici. Peppino, in mezzo a tutto il trambusto causato da Alma, riuscirà comunque a farle compiere una buona azione che però le costerà cara. Alma infatti non potrà più, a detta di Anacleto, segretario del Diavolo, e di Lucifero stesso, essere riammessa nell'Inferno. Peppino comunque risolverà la situazione con un vero colpo di scena!

AMBIENTAZIONE

Per entrambi gli atti: il soggiorno di casa Fossa, in stile molto semplice, quasi povero. Al centro un tavolo con le sedie. Altre sedie appoggiate alle pareti; quadri e un'immagine di Gesù con altarino. A destra la porta della cucina, di fronte quella di ingresso, nascosta,  e a sinistra un'altra porta che immette nel resto della casa. Un attaccapanni.

CARATTERISTICHE DEI PERSONAGGI

PEPPINO, 50/60  con i capelli bianchi/brizzolati, sopra i vestiti da lavoro indossa, all'inizio del 1° atto, un camice nero tutto sporco di fango.

NUNZIA, più giovane  di Peppino, in abiti da casa.

NINUZZO, 30/40, da caratterizzare a scelta.

ROSETTA, coetanea di Ninuzzo, anche lei da caratterizzare a scelta.

VITTORIA, 16/18enne, jeans e maglietta.

PLACIDO,  più giovane di Peppino, un po' scemotto. Deve indossare delle bretelle.

ALMA GATTINERI, qualsiasi età. In abiti neri, viso molto cereo e capelli lunghi, neri e lisci.

LUCIFERO, qualsiasi età. In abiti tipici da Diavolo.

ANACLETO,  come Lucifero.

ISIDORO, qualsiasi età. In abiti tipici da Angelo.

PRIMO ATTO

PEPPINO         (Entra dall'ingresso. Si ferma al centro, vicino al tavolo, appoggiando la mano sulla spalliera di una sedia) Ahi! Ahi! Maria      chi stanchizza! Sugnu ciuncu da testa e pedi! Travagghiai tantu chi...           si non mi ssettu... mi ponnu ricogghiri ca cucchiaredda!  Ah! Chi                          junnata! Chi junnata! Si continuu così puru dumani... non c'è bisognu       mi ritonnu a casa... mi ponnu lassari    direttamenti  o travagghiu...   a ddà... o Campusantu!    (si massaggia        la schiena) Ahi! Ahi! Haju a       schina chi non ma sentu cchù! Chi fatica fari u bicchinu!          Specialmenti quannu si presentinu junnati comi a chisti! Ahi! Ahi!    (breve pausa, mentre toglie il camice e lo appende, e prende la        sedia per sedersi) Nunzia! Nunziatina! Nunziedda!

NUNZIA          (entra in scena dalla porta della cucina, asciugandosi le mani nel      grembiule) T'arricugghisti? Stava cu pinseri!

PEPPINO         Ma no vaddasti u giunnali stamatina?

NUNZIA          Ma chi ti pari chi non haju nenti i fari … jò? Ti pari chi mi mettu a jamma a cavaddu e mi leggiu u giunnali?

PEPPINO         Jamma a cavaddu o a sceccu... non m'interessa! U giunnali... tu... però...  ll'à leggiri! Ti ll'è sempri dittu! Ammenu... a pagina di      motti! Così... u sai quantu travagghiu haju e.. si vegnu cchiù taddu …       sai u picchì e non stai cu pinseri!

NUNZIA          Bonu u vaddu ora... fa u stissu?

PEPPINO         Leggilu... leggilu! Così u vidi quantu faticai oggi!

NUNZIA          Ma chi pensi... chi fatichi sulu tu?   (si          siede al tavolo, prende il                          giornale e guarda direttamente la pagina dei necrologi) Caspita!       China china è!

PEPPINO         Ah! U vidisti? Non eppi nu minutu di tempu mi m'arriposu!

NUNZIA          Si.. picchì jò?  (fra sé) Ci pari a iddu chi sulu u soi è       travagghiu!PEPPINO                         Ma tu u capisci chiddu chi voli diri sta pagina china? Chi arruauu    unu arreti all'autru! Na finiiunu cchiù! 11 funirali! Dicu... 11       funirali! Unu spiddìa e l'autru cuminciava!  Unu spiddìa e l'autru cuminciava!  Mancu u tempu pi riciatari! Insomma... jò e u collega              mei, Pracidu... oggi... eravamu   cunzati pi festi e pi lauranti!   (pausa) Non ci pozzu pinzari... 11 funirali... 11   cristiani...   tutti 'nta          na junnata!  10 masculi e na fimmina! A poi picchì morinu chiussai      masculi... non si capisci!

NUNZIA          (che intanto sta leggendo i necrologi) E si vidi chi vui siti fatti di       ritagghi i parrinu!

PEPPINO        Si... e vui autri fimmini di chiddi di monichi!  (pausa) Non poi sapiri         però di fastidi chi nni desi st'unica fimmina! Cu l'autri... na passiata... lisciu comi l'ogghiu... cu idda... autru chi passiata... na maratona...          anzi peggiu...  autru chi lisciu... raspusu... super-raspusu!(pausa) Mah... cusapi       cu era chista! Comi si chiamava... aspetta...

NUNZIA         Tu dicu jò... Alma Gattineri! U staju liggennu ora!

PEPPINO        Eccu … idda idda! Cettu... chi avìa un nomi … tuttu un programma...                         Gattineri... e pi fozza aviiumu aviri fastidi e camurrii... a sfuttuna     ll'avia  incoddu... da nascita! Sa puttava sempri cu idda!

NUNZIA         Ma chi dici! Ma chi fastidi ti potti dari na motta? Na vota chi unu è mottu... è mottu … defuntu... cadaviri... trapassatu!

PEPPINU        Si... remotu! (pausa) T'assicuru jò... chi sacciu chiddu chi        dicu! Picchì... mancu tu purrissi immaginari i cosi stotti... e strani.. i         stamatina!

NUNZIA         Si.. va beni... sicuru chi stai esagerannu!

PEPPINO        Ma quali esagerannu! Senti... senti … ora tu cuntu! Allura... pi prima                         cosa... mancu 'ntrasìu 'nto campusantu... chi cuminciau a        schizziddiari!

NUNZIA         (stranita) A schizziddiari? Quannu mai! Ccà suli e cauddu c'era!        Quali chioviri!

PEPPINO        Ah! U vidi chi è stranu! Ccà suli e cauddu... e dda... acqua chi Diu    dissi acqua! Picchì all'iniziu schizziddiava...  poi...   na  tempesta si       vutau!

NUNZIA         Mah! Jò... du tantu cauddu... autru chi linzola... baccalà cugghìa!     

PEPPINO        Boh! E chi t'è diri... e si vidi chi... o Campusantu … n'arrivau a        nuvoletta di Fantozzi! Pessonali! Regalu da signura... Gattineri!

NUNZIA         Ancora cu sta supestizioni!

PEPPINO        Ancora cu sta supestizioni? Aspetta chi ta cuntu tutta … pi filu e pi                         segnu! Allura... in primissi c'era nu suli chi spaccava i petri... poi                              (drammatico) tuttu 'nta na vota si scurau u cielu... divintau niru niru...       e poi... na goccia... du      gocci... tri gocci... quattru... cincu …         (ritorna ironico) Ah! E no gocciceddi... gucciuni chi quannu ti cadiinu i supra... ti sputtusaunu comi minimu!   (ritorna drammatico)    E PLIC...PLIC... PLIC... quannu arruammu finammenti uni a so       tomba (ritorna ironico) Ah! E dicu finammenti picchì era zziccata   'nto cchiù tintu puttusu... spatti!(ritorna drammatico e  imitando con         le mani) … 'nchiana... scinni... 'nchiana... scinni... vota... firrìa... scali pi supra... scali pi ssutta... vineddi e sdirrupuni...e ti pozzu       diri    chi cu na gran cascia supra i spaddi … a mia e a Pracidu... a lingua i fora ni niscìu! Comi i cani!(imita)

NUNZIA         (che aveva seguito seccata per la lungaggine, ironica) Mischineddi!                         Comunqui... cunchiudi sta storia chi a stai facennu troppu longa!    

PEPPINO        E si a storia è longa...  pi fozza ll'è fari longa! Cutta... non veni bona!                         Peddi... suspense! (detto come è scritto)

NUNZIA          Si comi no... sta cuntannu u fimmi giallu!  

PEPPINO        Quali giallu.. niru simmai! Anzi... megghiu nu triller! Si.. si... nu       triller!

NUNZIA         Comi no! Magari puru ca mmazzatina finali!

PEPPINO        No! A mmazzatina è iniziali... a motta era già 'nta cascia!

NUNZIA         Pippinu finiscila!  E smoviti … non n'avemu tempu i peddiri!

PEPPINO        E si... si... comi voi tu! Allura (ritorna           drammatico) … quannu                         arruammu unni a so tomba... (prende fiato) … a tempesta... u Diliuvu                         Univessali! L'acqua... a bagghiola cadìa! E non bagghiuledda...                         bagghiuluni!     (piagnucolando) E tutti incoddu a mia e a         ddu   povirazzu di Pracideddu! L'autri … in cacchi modu... aviinu       l'umbrello... comi l'avinu non si sapi vistu chi c'era u suli... fossi a conusciinu troppu bbona! Comunqui...  non chi l'umbrellu  bastava            tantu... ma sempri megghiu i nenti! Nui        dui... cu dda  gran cosa                         supra e spaddi... picchì era enormi... cchiù   picciridda non sa putia scegliri... mischini.. chi putiimu fari... nenti!   'Nzuppaumu e basta!    Ddu puddicini ni ridducemmu! Sculati fracidi!     Puru i mutanni... si       putiinu tocciri!   (pausa) E      secunnu tia... cumminatu così... chi mi         putìa succediri?

NUNZIA         Sintemu... chi ti putìa succediri?

PEPPINU        Avanti... chi mi putìa succediri?

NUNZIA         (sempre più infastidita) E Pippinu... strincila! Troppu a llongu a        pigghiasti!

PEPPINO        E bonu... bonu... a strinciu! (pausa. Ancora in tono piagnucolante) Da tanta acqua chi pigghiai cuminciai... a stranutari... e na finìa         cchiù!(starnutisce) U vidi? Ancora non n'aju finutu! Ora nu         raffridduri... comi minimu... non mu leva nuddu! E chistu è sulu u                      principiu!

NUNZIA         Picchì non finìu ccà?

PEPPINO        Ma si ti dissi chi era longa a storia! Fammi cuntari u restu... chi a     giunta è cchiù du rotulu!

NUNZIA         Puru! Fozza … cunta stu restu!

PEPPINO        Allura...  (sempre in tono drammatico) … quannu arruau … a Diu    piacennu... l'ura ma calaumu 'nta fossa... jò e Pracidu unu d'un    latu   e unu di ll'autru... mentri a scinniimu  pianu pianu...  (senza      drammaticità) … sempri sutta all' acqua, ah! ...PATAPUNFITI... non    si rumperu i coddi? Fici na gran botta! Rimbumbau 'nta tuttu u                         Campusantu! E i parenti e u parrinu chi ni vaddavinu cu l'occhi stotti!      E chista fu a secunna! Passamu a tezza!

NUNZIA         Puru a tezza c'è?

PEPPINO        E comi no! A tezza... chidda chi cunnìu i cauli! Senti... senti chista... immagina a scena... jò e Pracidu  sempri unu d'un latu e unu di ll'autru... mmammaluccati dopu a botta... chi non sapiimu si ridiri o    cianciri... jò chi stranutava ancora paru paru... ma comunqui...     pinsammu... a comi è è … unni avìa rruarri... arruau... ni priparammu       ca pala 'nte mani... pronti a finiri u travagghiu...  o Nunzia... chi nni sai... pi tutta l'acqua... a terra... fangu divintau... e jò … a stu puntu         (piagnucolando, enfatico)... sciddicai... e cadìa                         longu longu... comi nu piscistoccu... e u sai a unni?

NUNZIA         (preoccupata) Mischinu... a unni?

PEPPINO        (drammatico e piagnucolando) … rittu rittu supra a cascia da motta!                         Dda... 'nta fossa... e puru jò fici na gran botta! E puru i  me grida                         rimbumbaru 'nta tuttu u Campusantu! E puru chiddi i Pracideddu...                         scantulinu pi com'è... ribbillau a tutti! E i parenti e u parrinu ni        vaddaru n'autra vota cu l'occhi stotti!

NUNZIA         Poviru figghiu! E giustu giustu supra a cascia!

PEPPINO        Eh... eh! Supra a cascia di sta “Jattanira”! Ma quantu n'avìa chista   sputtuna i supra?... i vinniri propriu!  (pausa, sempre         piagnucolando)   A ddu puntu... m'à cridiri... mi scasau u cori! Non ti dicu e non ti        cuntu i pappitazioni chi mi vinninu!

NUNZIA         Ci cridu!

PEPPINO        E cunchiudennu... cu sta bedda caduta... chi mi putìa succediri?

NUNZIA         Sintemu... chi ti putìa succediri?

PEPPINO        Avanti... chi mi putìa succediri?

NUNZIA         N'autra vota? Ti fissasti? E dilla senza tanti fronzuli!

PEPPINO        E bonu... bonu... non ni mettu cchiù fronzuli!  (pausa) Comi stava    dicennu... chi mi putìa succediri?   (pausa ad effetto,          piagnucolando)   Chi mi mmaccai tuttu! Da testa e pedi! Ruttura... ringraziannu a       Diu... non mi nni fici... ma haju tutti l'ossa 'ndulurati.. rimuddati!! Unu non si savva! Mi scunucchiai  completu!  (pausa) 'Nta tant' anni                          chi fazzu stu misteri... unnè chi mi nni vaju in pinsioni... cu l'acqua...         a nivi … e  u ventu... non m'avìa mai          mmattutu na cosa i chisti!      Robba mi non      si cridi propriu!(pausa) Ah... m'avìa scuddatu!

NUNZIA         Ancora nn'avi?

PEPPINO        Eh! Ancora nn'avi!  (pausa) Quannu finammenti jò e      Pracidu a    ricittammu e avviimu finutu tutti i cosi... terra e bbalata i supra... no     rispuntau n'autra vota u suli? Comi si nenti fussi … e bruciava puru      cchiù di prima... accussì tantu chi nni stava vinennu puru                l'insolazioni!  Ammenu però ni sciugammu i robbi i supra!       (pausa)      Di sputtuna a lavari n'avìa chista!

NUNZIA         (viene attratta da un trafiletto sul giornale) Caru miu... mi sa chi non          è sulu sputtuna! Scuta... scuta ccà … senti chiddu chi dici u giunnali :      - Si è spenta ieri improvvisamente la signora Alma Gattineri , famosa in      tutto il  suo paese come iettatrice e menagrama! - 

PEPPINO        Megghiu mi sentu! Chi beddu esemplari! Ma  poi … quali paisi... non        cettu i ccà... cu a canuscìa!

NUNZIA         Boh... fossi era i quacchi autra patti!

PEPPINO        E rittu rittu ccà vosi stittirrata? Vinni i tanta luntana via mi mi rumpi        a testa a mia ?

NUNZIA         Fammi … fammi leggiri appressu... Pippinu!

PEPPINO        Leggi... leggi ddocu!

NUNZIA         Allura... - Chiunque l'abbia conosciuta afferma che ogni cosa da lei   predetta, si trasformava in realtà, e di conseguenza in avvenimenti         nefasti! -

PEPPINO        In chi cosa?

NUNZIA         In disgrazi va! 

PEPPINO        Ah! E ora si spiega u fattu!

NUNZIA         Spetta … continua u discussu!

PEPPINO        Ah puru?

NUNZIA         E senti... senti … stai attentu!

PEPPINO        Staju attentu... staju attentu! 

NUNZIA         - Molti sostengono persino, che i suoi due mariti, siano morti proprio        a causa di una sua iettatura; entrambi sono rimasti, infatti, vittime di        strani incidenti!-

PEPPINO        Mizzica... dui n'eppi e si schiticchiau tutti e dui! Complimenti!

NUNZIA         Aspetta chi continua : - Chi ha assistito alla sua dipartita, racconta che, la signora prima di esalare l'ultimo respiro …

PEPPINO        Esa  chi?

NUNZIA         I cripari! C'avivi caputu! E ora mutu chi mi facisti peddiri u filu!      Unn'era... ah... ccà...  -  Ha chiaramente detto che sarebbe ritornata     per continuare la sua “opera”, e ha diffidato chiunque di     farle del      male, anche dopo morta, perchè la sua vendetta sarebbe stata                implacabile! -  Niu niu e u cuntu finìu!

PEPPINO        Signuruzzu beddu chi cristiana! Non vurrissi essiri cettu 'nta so        menti! Povireddu cu ci capita sutta a so vindetta! Cu sta sotta di    avvettimentu... mi veninu i brividi sulu mi ci pensu!

NUNZIA         E tu non ci pinsari... u capisti?

PEPPINO        U capìa... u capìa!

NUNZIA         (curiosa) Mah! Attrova però comi potti moriri chista.. u vurrissi       propriu sapiri!

PEPPINO        Potti fari cacchi jettatura... sbagghiau mira... e ci arruau i supra! Si   potti fari.. n'autogol!

NUNZIA         Pippinu.. sai chi ti dicu? Cu si nni frega da Jattanira...oramai muriu..                         oramai è stittirrata...  non ci pinsamu cchiù!

PEPPINO        Hai ragiuni... è megghiu mi non ci pensu cchiù... a sta storia! Anchi si... non è tantu facili... l'ossa mei cussì rimuddati mu ricoddinu           ogni mumentu! Ahi! Ahi! Tuttu ruttu sugnu! Chi duluri! (si     massaggia)

NUNZIA         Bonu... non ti lamintari cchiù! Stasira... quannu ti cucchi... ti fazzu i                         massaggi e i strappi cauddi... così ti llegginu sti duluri... ti fai i          fumenti pu raffridduri... e  puru na bedda tisana rilassanti così ti scoddi tutti cosi e così stanotti poi dommiri tranquillu!

PEPPINO        Santa fimmina me mugghieri!     

NUNZIA         Eh! Mi manca sulu l'aureula supra a testa e mi mi dannu nu beddu   jonnu supra u calendariu... Santa Nunzia mattiri!

PEPPINO        E senti... santa Nunzia mattiri... pi stasira... ni facisti miraculi?         Magari cacchi cosa i manciari?

NUNZIA         Si … senza dubbiu! Moltiplicai … pani e ciciri!

PEPPINO        Ma non putivi moltiplicari cacchi autra cosa? Chissacciu... na bedda          teglia di pasta 'ncaciata... na bedda fedda i piscispadu a gghiotta... per   esempiu?

NUNZIA         E comi no! Bonu sarìa! Ma jò non sugnu na santa i serie A... pi cu    ringrazia a Diu du miraculu chi fici e chi... pi stasira... ti poi inchiri a    panza!

PEPPINO        Grazi Diu! U vidi? Sugnu ubbidienti!

NUNZIA         E ora fai u brau  e spetta n'autra picca chi... u miraculu... non è ancora      cottu i tuttu!

PEPPINO        E allura vai... vai 'nta cucina e finiscilu i cociri...stu miraculu...  chi   haju na fami chi non ci vidu cchiù i ll'occhi!

NUNZIA         Vaju... vaju.. menzamà Diu... mi mi diventi puru obbu oltri chi         ciuncu!  (si alza dalla sedia ed esce dalla porta della cucina)

PEPPINO        Finiscila … finiscila i babbìari!  (pausa) Ahi!          Mai mai m'avìa    sintutu accussì stancu! (pausa) Semu 'nto'n paiseddu i quattru jatti...       ma no niri ah?... parramuni chiaru!... comunqui... non n'avìa murutu accussì tanti 'nta nu jonnu sulu! Non è chi a signura Jattanira ... potti pinsari... mal comuni menzu gaudiu... e si nni puttau cu idda n'intera                         squatra i calciu! Mori Sansoni cu tutti i Filisdei!   (pausa) Noo... chi dicu... non ci cridu a sti così jò! Casuali fu! Jò cridenti sugnu!  (si          alza e va all'altarino) A mia... nuddu mi leva u Signuruzzu! E allura       parru cu tia! Si è cosa chi dicidisti Tu... vadda chi così .. non resta   cchiù nuddu 'nto paisi! Non è chi jò u dicu pi cacchi cosa... no!... picchì si fai comu oggi... jò … non cià fazzu! Jò sugnu vecchiareddu..     non è chi mi manca assai a pinzioni! Pi      cui.. stasira, dumani,         dopudumani.. chiudilu nu occhiceddu e falli                         campari n'autra picca        chiddi chi Tu.. insomma.. dicidisti!(con le mani fa il segno della      croce in senso di morte) Vadda chi.. non fai cuntentu sulu a mia.. chi           così mi pozzu ripusari ! Tutti sariimu cchiù cuntenti! Cettu a patti       chiddi pompi funibri.. si lamentiriinu pi scassenza di travaggiu e di ..      picciuli!  Eh! Nenti motti... nenti .. munita! (pausa)  E chi poi pensu         na cosa.. tutti 'nta na vota.. non ti stanchi puru Tu? Avanti! Chiudili           puru tutti i dui l'occhi e pigghiti na vacanza! Vidi quant'avi chi         travagghi.. sempri.. di continuu! Tutti i jonna!(comincia a sbadigliare)  Jonnu e notti! Ah! A Tia sonnu non ti nni veni mai?        (sbadiglio)  A       mia mi sta calannu!  (farfuglia insonnolito)  A fami                         l'haju.. ma u sonnu mi sta vincennu! Ah! Fossi è megghiu mi mi        fazzu cincu minuti.. tantu.. non è ancora prontu!  (si addormenta seduto sulla sedia, facendo il cosiddetto “testamento” e comincia a      russare)

(Nel frattempo si smorzano le luci, e appare all'improvviso il fantasma di Alma Gattineri)

ALMA             (con voce profonda e senza guadarlo)  Siete voi il becchino?

PEPPINO        (si sveglia di soprassalto)  Ah! Chi fu? Cu è? Cu è?

ALMA             Siete voi il becchino?

PEPPINO        (si strofina gli occhi) O è u sonnu o è a fami! Vidu na strana signura vistuta i niru 'nta me casa! Ma jò a potta na sintìa sunari! Boh! Fossi         mu staju 'nzunnannu! Sicuru.. sicuru!  (cerca di riaddormentarsi)

ALMA             (spazientita) Siete voi il becchino?

PEPPINO        (si risveglia)  Ah!Ah! (si concentra strofinandosi gli occhi) U     bicchinu? Si..si jò sugnu! Chi vuliti i mia?

ALMA             Non lo immaginate?

PEPPINO        (che ancora non ha capito chi è) No! E chi po' vuliri i mia? Vistu chi          sta ciccannu du bicchinu.. a massimu cacchi travagghiu! Dumani        però.. u campusantu a st'ura è chiusu! (e cerca di rimettersi a       dormire)

ALMA             Non voglio un lavoro da voi! Grazie.. ma .. me lo avete già fatto!

PEPPINO        (si risveglia e sbalordito) E quannu?

ALMA             Giusto stamattina!

PEPPINO        Stamatina? Ma jò non vi canusciu! Jò non mi ricoddu i vui! Va beni           chi nni vitti tanti stajunnata.. e chi junnata... mi nni mmattìu i tutti i   culuri!

ALMA             Eppure mi siete caduto addosso! Come fate  a non ricordare!

PEPPINO        Cadutu.. jò? Incoddu a vui? Ma jò.. na vota sula.. cadìa.. stamatina!         

ALMA             Appunto!

PEPPINO        (comincia a spaventarsi, deglutendo)  Vuliti diri … allura... chi..        cioè .. mi stati dicennu chi … no.. non mi ll'aviti dittu... si insomma...          chi siti... ma... cu... siti? Si... cu.. cu … cu.. siti?

ALMA             ( con voce profonda ) Alma Gattineri! In puro spirito!

PEPPINO        (balbettando) A...A...A...ma..ma.. Ga...Ga...in.. pu..pu...spiiii...spiiii..!

ALMA             (senza balbettare, affermando)  A...A...A...ma..ma.. Ga...Ga...in..                         pu..pu...spiiii...spiiii..!

PEPPINO        (si calma e parla a se stesso) Pippinu? Picchì t'à scantari? Non po'    essiri autru chi nu sognu!(si prende a schiaffi) Pippinu svigghiti! Stai    'nzunnannu!        

ALMA             Non sono affatto un sogno! Sono qui per davvero!

PEPPINO        (inghiotte) Ah... siti ccà... ve.. ve.. ve.. ramenti?

ALMA             Certo!

PEPPINO        (terrorizzato urla, si alza dalla sedia e si rifugia dietro la stessa)                          Aaaaahhhhh! Maria! Maria! Nu fantasma in casa mia! Sciò... sciò!   (fa tutti i gesti scaramantici che gli vengono in mente)  Vade retro       Satana!

ALMA             Non fate così! Tanto non me ne vado! No.. no! Almeno fino a quando                         non .. mi sarò vendicata!

PEPPINO        (affacciandosi dal nascondiglio) Vindicata? E di chi? Chi vi fici?      

ALMA             Avete osato disturbare il mio sonno eterno!

PEPPINO        Ma comu? Jò nenti fici!

ALMA             Avete lasciato cadere la mia … casa.. eterna! Mi siete caduto   addosso... vi sembra poco?

PEPPINO        (uscendo dal nascondiglio) Ah... chidda! Na sciddicatedda fu! No fici         mica apposta! E poi chi cuppa n'aju si si rumperu i coddi? Mica i fici   jò!

ALMA             Non ha nessuna importanza! Mi avete disturbato e basta!

PEPPINO        (riacquistando la calma)  Distubbatu... distubbatu! Oh.. si cadìa..     cuppa vostra è! L'acqua.. u fangu.. opira di cacchi vostra jettatura fu!     Pi cui si vi l'ata pigghiari cu cacchidunu.. pigghiativilla cu vui stissa!   Oh!

ALMA             (lo fulmina con gli occhi) State parlando troppo voi!

PEPPINO        (spaventato) No.. no! Non parru cchiù! Non parru cchiù!  Mi   mmutulisciu!

ALMA             Siete stato un villano... e dovete rimediare!

PEPPINO        (mentre si siede)  Eeee... e chi vuliti chi fazzu? Si vi ceccu scusa... po'                         bastari?

ALMA             Non so che farmene delle vostre scuse! Vorrei tanto tornare indietro..         ma non è possibile! Avevo finalmente trovato la pace.. la tranquillità..         un posticino delizioso con tante fiammelle.. e voi.. voi avete osato       svegliarmi!

PEPPINO        Cu tanti beddi fiammelli? E cioè.. a unni.. o 'nfennu?

ALMA             E dove se no?

PEPPINO        E d'altro cantu .. i jettatrici unni ponnu annari!? (pausa) E       comunqui... chi vuliti.. chiddu chi è fattu.. è fattu! Eh.. santa      pacenza!

ALMA                 (irritata) Santa pazienza un corno!

PEPPINO        Oh.. bonu.. bonu! Non vi quaddiati.. rifriddativi.. rifriddativi!

ALMA                 (deliziata)  Come stavo bene prima... prima che voi mi svegliaste!

PEPPINO        E ora... mi vi fazzu ritruvari sta paci.. c'ama fari?  (pensa, ha un'idea) Ah! Vuliti chi vi fazzu na calumidda?

ALMA                 (sconsolata)  Non basta!

PEPPINO        Vi dugnu du sonnifiri?

ALMA                 (sconsolata)  Non basta!

PEPPINO        Na para i gocci i Valium?

ALMA                 (sconsolata)  Non basta!

PEPPINO        Nu coppu 'nta testa.. allura!

ALMA                 (sconsolata)  Non basta!

PEPPINO        Ma aiuta.. eccomi! Stinnicchia subitu!

ALMA                 (lo fulmina con lo sguardo)  State zitto!

PEPPINO        Zitto! Comi vuliti vui! (pausa, pensa) E si  vi ddumu nu beddu falò... na bracera.. così ricriamu a stissa ambientazioni du 'nfennu.. così vi rilassati .. pinsati e vecchi tempi...

ALMA                 (lo interrompe e lo  fulmina con lo sguardo)  State zitto.. vi ho detto!

PEPPINO        Bonu .. bonu.. mutu.. mutu mi staju! (pausa)  Ma vistu chi non vi piacìu nudda soluzioni...  chi vuliti  fari? Ommai ristati sempri accussì.. pi così diri.. ruspigghiata?

ALMA                 Finché non avrò trovato una giusta vendetta! La soluzione è solo questa.. che sottostiate alla mia vendetta!

PEPPINO        Oh.. mali pi mia! Allura veru era chiddu chi dicìa u giunnali! Cadennu a sconcicai e 'ncappai rittu rittu 'nta so vindetta! Ma cu ma puttau sta jaddinedda 'nto pettu! Pi na sciddicatedda i nenti.. vidi tu chiddu chi jò m'è supputtari! Nu spiritu 'nto me salottu! E puru di na jettatrici! Non putìa essiri .. chissacciu... d'un parrinu? Sempri megghiu era! Ammenu.. mi benedicìa a casa! (pausa) Ma chi mali fici! Non sulu chi mi scuncassai tuttu.. puri st'autra ci vulìa! (ad Alma) Avanti.. sintemu.. ora.. chi vuliti fari? Avi 'ntinzioni i ristari ccà?

ALMA                 Non ho mai pensato di andarmene!

PEPPINO        Ma vi piaci propriu stari 'nta sta casa? Na casicedda poviredda è.. mica è na villa! C'ata fari ccà? Ciccativinni n'autra.. una cchiù bella.. cchiù ranni... cchiù ariusa.. ccà c'è puru puzza i muffa! Na sintiti?

ALMA                 (lo interrompe) State zitto! Non ho altra scelta! Non ha nessuna importanza tutto quello che state dicendo!

PEPPINO        Allura m'è mettiri pi fozza u cori in paci? E' propriu sicuru chi non vi nn'annati?

ALMA                 Sicuro!

PEPPINO        Non c'è nudda cosa chi vi po' fari canciari idea?

ALMA                 Decisamente  no!

PEPPINO        (munito di pazienza si siede) E va bè! Allura .. vistu c'ama divintari.. comi si dici... coinquilini... facemu.. pi così diri … amicizia!Va beni? Pi prima cosa .. ni damu u .. tu! Chi dici.. ti piaci a cosa?

ALMA                 Fai un pò ..  tu!

PEPPINO        E poi fazzu u brau patruni i casa.. ccà c'è na seggia e 'ssettiti.. chi non ti pozzu vidiri addritta! L'ospiti 'nta me casa non anna stari addritta... scommidi insomma!

ALMA                 Non mi siedo! Sto comoda così! Resto in piedi!

PEPPINO        Addritta voi stari? (riflette) Ah.. cettu.. ragiuni hai! Addritta... u sangu ciccola megghiu!

ALMA                 Ma che dici?!

PEPPINO        Comi chi dicu? (riflette di nuovo) Chi scemu! E motti non ci ciccola cchiù u sangu! Figuramunni e fantasmi! (pausa) Bonu.. resta unni si.. comi voi …  addritta.. cuccata... a testa sutta e pedi all'aria... basta chi non fai guai! Ni capemmu?

ALMA                 Ma io sono qua per farli... i guai! Lo hai già dimenticato? Se no.. che vendetta sarebbe?

PEPPINO        Na vendetta indolori! Liggera liggera! Vinisti? Mi facisti scantari? Non è sufficienti? Jò pensu chi .. basta.. avanza.. e ni suvecchia!

ALMA                 Solo stupidaggini!

PEPPINO        Mi chiami stupidaggini.. u cori chi mi rruau 'nta ula? Pigghiau l'ascensori tutto 'nta na vota.. n'autra picca l'infattu mi vinìa!

ALMA                 Esagerato!

PEPPINO        Jò non è mai statu esageratu! E' sempri dittu i cosi giusti! Giusti pi comi stannu! (pausa) E allura? Ancora pensi a comi ava esseri sta vindetta?

ALMA                 Senza dubbio!

PEPPINO        E sia! Si propriu non ccià fai...si ti jetta propriu pisanti stari cu ddu pedi 'nta na scappa..  avanti.. falli sti ddu guaiceddi.. picciriddi picciriddi però! Si ti fa sentiri megghiu.. fammi sciddicari n'autra vota... però.. pianu pianu.. na picca i riguaddu mi ll'à dari.. non tu scuddari chi sugnu già scunsintutu .. e l'età puru c'è!  (pausa) Ah.. e mi raccumannu.. poi.. azza i tacchi... pufff... sparisci.. leviti davanti i ll'occhi mei!

ALMA                 Non è così semplice!

PEPPINO        Puru! Ma jò dicu... picchì i cosi complicati m'anna mmattiri sempri a mia? Ma cu ti mannau... u mari?

ALMA                 No! Anacleto.. uno dei segretari di Lucifero!

PEPPINO        Nu segretariu du diaulu? Chista nova è! Ora puru u diaulu avi i segretari?

ALMA                 Con tutto il da fare che ha.. non potrebbe mica fare da solo!

PEPPINO        Vidi.. vidi chi cosa! “Tu.. pigghia ddu delinquenti! Tu.. 'nferra ddu criminali! E tu.. Anacletu...occupiti di dda jettatrici chi si ruspigghiau! Mannila.. mannila mi ci rumpi a testa a ddu poviru Cristu du bicchinu!”

ALMA                 Si! Funziona pressappoco così! Tranne la vostra definizione... non è  per niente adatta!

PEPPINO        (ride ironico) Ragiuni hai! “ ddu poviru diaulu ddu bicchinu”.. ti sona megghiu?

ALMA                 Non c'è paragone!

PEPPINO        Chi scattru chi sugnu! Unu chi sta 'nto 'nfennu.. chi putìa diri? (pausa) Ah... m'avissi statu 'nto  lettu.. stamatina! No.. jò travagghiaturi indefessu.. e puru fissa! Quanti voti Pracidu mi dici: “Statti a casa Pippinu... ci pensu jò oggi.. chi sugnu cchiù figghiolu!” E jò no... sempri presenti... indicativu.. congiuntivu e puru condizionali! Ma a mia cu mu fa fari.. e cu mu fici fari giustu giustu oggi! (pausa, ad Alma) E sintemu... ora chi voi fari? Ti vinni.. cacchi.. illuminazioni?

ALMA                 Non ancora! Mi farò venire quanto prima.. qualche ideuzza interessante!

PEPPINO        Non mi fidu di to pinsati.. di to ideuzzi! E pi giunta... interessanti! E di solitu... a giunta... è cchiù du rotulu!

(Improvvisamente le luci cominciano a lampeggiare e si sente un urlo agghiacciante  a cui si accoda anche Peppino. Alma ha il volto soddisfatto. Poi si sente  una voce maschile fuori campo che chiama come se venisse dall'oltretomba: “Pippinu! Pippinu!”)

PEPPINO        (terrorizzato) Cu.. cu .. è? (ad Alma, inghiottendo) Cu è... a motti chi           mi chiama? Accossì ta pinsasti? Mi levi di 'nto menzu subbitu subbitu? (pausa) Ma a motti non era fimmina? Chistu masculu mi     pari! Canciau sessu?

ALMA            (fa spallucce con aria di sufficienza)

(si risente la voce che chiama di nuovo:“Pippinu! Pippinu!”)

PEPPINO        (sempre più terrorizzato) Cu...cu... è?

(voce ancora fuori campo: “Aprimi! Aprimi!)

PEPPINO        Noooo... e chi era scemu! Non apru! Cu mu fa fari! (ad Alma) Na to                         pinsata è... veru?

ALMA            (fa spallucce con aria di sufficienza)

(la solita voce: “Aprimi Pippinu... Pracidu sugnu!”)

PEPPINO        Malantisa... Pracidu è! Ora puru iddu si metti 'nto menzu! Vegnu..    vegnu! (va ad aprire)

(Entra in scena Placido tenendo una mano con l'indice alzato e tutto spaventato fissa il dito)

PEPPINO        Chi fu Pracidu? Chi hai? Chi ti mmattìu? Chi è sti iditu chi hai pi     ll'aria?

PLACIDO       (visibilmente scosso, inghiottendo più volte,  fa più tentativi di   parlare, ma non ci riesce; poi finalmente, sempre con l'indice in bella    vista)  Scantatu .. sugnu! A buci .. non mi nesci! (ancora inghiottendo e respirando forte ) Comunqui... comi... annai mi...mi.. sonu... u campanellu.... Ihhh! Chi scantu!!!... Pigghiai... pigghiai...     pigghiai... pigghiai... (si ferma facendo capire che la voce      continua     a non uscire) Nenti! Non mi nesci!

PEPPINO        E basta...  spremiti... chi pigghiasti?

PLACIDO       (spremendosi) Si.. si ..  mi spremu.. pensi.. chi .. mi nesci megghiu?

PEPPINO        Pracidu... finiscila... vulìa 'ntenniri mi parri cchù viatu!

PLACIDO       (smette di spremersi, sempre spaventato e piagnucolando) Viatu non   mi nesci.. Iiiihhh!!Troppu assai mi scantai!  Vadda vadda! (riprova a raccontare) Pigghiai... a...a...a... s...s...s...

PEPPINO        Si.. comi no! Sceccu!  Dopu a “a” veni a “b” .. Pracido! Cammiti...    cammiti.. e satti spiegari! Chi pigghiasti?

PLACIDO       Va beni.. ci prou! (prende fiato e piagnucolando forte) A scossa         pigghiai! (si soffia sul dito)

PEPPINO        Aaahhh... eccu picchì lampiaru i luci! (rivolto verso Alma) Ora puru cu iddu ta pigghi? Non ti bastava jò?

ALMA            (fa di nuovo spallucce con aria di sufficienza)

PEPPINO        (ad Alma) Ma chi ti siccau a lingua a tia?

PLACIDO       (pensando che  Peppino parlasse  con lui, ma trovandolo girato         dall'altro lato, gli bussa nelle spalle) No.. u iditu mi siccau .. no a       lingua! Vaddilu... vaddilu... (piagnucolando) .. niru si fici!

PEPPINO        (si gira) Non parrava cu tia!

PLACIDO       (sempre col dito in aria, si guarda tutto intorno) E cu cu parravi? Jò nuddu vidu! Mi sa chi puru tu a pigghiasti.. a scossa!

PEPPINO        Quali scossa... quali scossa! (pausa) Oddiu... ci n'assimigghia assai...         ma comunqui... senti... tu nuddu... vidi?

PLACIDO       (riguardandosi intorno) No! Picchì .. cu è vidiri?

ALMA            (comincia a girare intorno a Placido, studiandolo)

PEPPINO        (ad Alma) Senti... finiscila mi girii attonnu a Pracideddu! A iddu        lassilu stari!

PLACIDO       (spaventato, si guarda attorno) Pippinu... cu .. cu .. è chi.. mi girìa .. attonnu? (quasi urlando, impaurito ) Jò nuddu vidu! (si strofina gli    occhi) Nuddu.. nuddu!

ALMA            (comincia anche a sfiorarlo)

PLACIDO       (ad ogni tocco di Alma fa un urletto) Ah! Cu c'è? Ah! Cu c'è     Pippinu? Mi scaaaaaaantu! Chi sta succidennu!!! Ah! Pippinu parra!      Ahhh!

PEPPINO        Finiscila tu ! Cala sti mani! Basta.. lassilu stari!

PLACIDO       Oddiu Pippinu! Chi c'è? Chi c'è? Mi scantuuuuu! Incoddu ma fazzu!                         (stringe le gambe piagnucolando)

ALMA            (smette di torturare Placido)

PLACIDO       (si guarda attorno perplesso) Ah! Fiuuu!! Finìu st'affiziu? (si calma   un po')

PEPPINO        Finiu... finiu... per ora! (ad Alma) Ora tu .. mettiti 'nta na cantunera e                         lassini peddiri! Oh! (poi a Placido)  Allura... tu voi sapiri  cu c'è?

PLACIDO       (afferma con un cenno del capo, con sguardo ancora terreo)

PEPPINO        Però non t'à scantari!

PLACIDO       Si mu dici così.... jò... già mi scaaantu!!

PEPPINO        Va beni và! Senti... teniti fotti...

PLACIDO       (tenendosi a Peppino forte)  Si.. si … fotti.. fotti.. ora poi sparari! (si                         prepara)

PEPPINO        (con tono risoluto) U fantasma da motta i stamatina c'è!

PLACIDO       (prima lo guarda bene negli occhi, poi gli urla disperato in       faccia,                         pietrificato. Al termine dell'urlo, piagnucolando) Mi mi tegnu fotti...            non mi bastau!  Pippinu... jò... incoddu  ma fazzu ! Mi .. mi... mi...nni          vaju... chi è  megghiu! (e cerca di andar via)

PEPPINO        (tirandolo per le bretelle) Unni vai.. unni curri cu sceccu!  Tu non mi poi lassari sulu!

PLACIDO       (cerca ancora di scappare) Si chi pozzu!

PEPPINO        (lo riprende ancora dalle bretelle) No chi non poi!

PLACIDO       (cerca ancora di scappare) Jò ccà... non ci restu!

PEPPINO        (lo riprende ancora dalle bretelle) Bell'amicu chi si! Mi lassi 'nto        mumentu du bisognu!

PLACIDO       No... (stringendo le gambe e piagnucolando) .. u bisognu l'haju  jò!  Ma staju facennu incoddu!!! Mi scantuuuu! I fantasmi no! I fantasmi          no! (poi non cerca più di scappare e sempre piagnucolando) Jò mu           mmagginava.. jò no vulìa fari u bicchinu... u                         sapìa chi prima o poi        unu di motti… si trasfommava in fantasma!                         (piagnucola forte.)

PEPPINO        E finiscila .. chi non ciccau a tia... cu mia l'avi! Jò ebbi a malasotta mi        ci cadu i supra!

PLACIDO       E allura … vistu chi non c'entru nenti... mi nni vaju! Levu u distubbu!                         (prova a scappare)

PEPPINO        (lo ritira dalle bretelle) Tu... non distubbi mai! Tonna ccà.. tonna! Tu          m'à dari na manu.. a risovviri sta situazioni!

PLACIDO       (arretra piano piano, fino ad attaccarsi al muro)No..no.. nenti manu..         e mancu pedi! Nenti ti dugnu! Jò mi scaaantu! ( e dopo essere          arretrato, sbatte con le spalle sul muro e comincia a camminare    appoggiandosi a questo con le mani in cerca della porta. Poi,                 calmatosi comincia ad annusare in giro)

PEPPINO        Chi hai chi ciaurii?

ALMA            (guarda Placido perplessa)

PLACIDO       (sempre annusando) Nenti... sentu nu ciauru.. anzi... nu fetu... familiari!

PEPPINO        E cioè?

PLACIDO       (continuando ad annusare) E d'altrondi .. non putìa essiri attrimenti!

PEPPINO        Ma chi senti?

PLACIDO       (sempre annusando) Sentu... sentu.. fetu i .. mottu! Pi sti cosi.. haju nasu jò!

PEPPINO        (annusando pure lui) E pari chi ti sbagghi... u sentu puru jò.. puru jò         haju nasu.. pi sti cosi... cu travagghiu chi facemu! (e comincia a guardare ed annusare Alma)

ALMA            (comincia ad indispettirsi e inizia ad annusarsi, le braccia , i vestiti)    Cosa vuoi dire... che … sono io??

PEPPINO        Jò e Pracidu... finu a prova contraria.. semu vivi! Veru Pracidu?

PLACIDO       (annuisce)

ALMA            Puzzare io?!? Nz!!! (sempre più indispettita) Io... da viva... emanavo un profumo inebriante, voluttuoso e sensuale!

PEPPINO        E ora chi si motta... feti.. e basta!

ALMA            ( infastidita e contrariata, comincia a camminare di fronte a Placido   e a Peppino, che comincia ad arretrare pure lui)

PLACIDO       (mentre ancora cammina a tastoni sul muro) Pippinu... chi c'è? Chi    sta succidennu? Unni è  a fantasma? Jò mi scaaaantu! Haju nu bruttu         prisentimentu!

PEPPINO        L'hai davanti.. infatti!

 PLACIDO      (urla ) U dicìa jò!  (e mette gli indici a croce, chiudendo gli occhi, e    sempre urlicchiando ) Vatinni.. vatinni!       Sciò.. sciò!

ALMA            (indispettita dalla croce, arretra) Grrr! Mi sto innervosendo.. con       questo qui! E' anche peggio di te! Io sono venuta qui solo per       vendicarmi e divertirmi! E non mi sto divertendo affatto!

PEPPINO        (ad Alma) E chi voi i mia... chistu passa u cummentu! Si non ti         piaci...ddà c'è a potta! Ti trovi na finestra!  O nesci d'unni voi tu! Vola          .. sparisci 'nta na nuvola i fumu.. passa attravessu i mura...fai          chiddu chi voi...nuddu ti tratteni!

ALMA            Ho bisogno di qualcos'altro! (sdegnata) Non certo di fare questi                         spettacolini di magia... che dici tu!!

PLACIDO       (che tastoni ha quasi raggiunto la porta) Pippinu.. unni è? Ancora    ccà è?

ALMA            Si... sono qua! Proprio davanti!(si mette più vicino a Placido    arrabbiata e con gesti, tipo alzando le braccia,  cerca di spaventarlo)

PLACIDO       (urla) Ccà è! U sentu! Puuu chi feeeetu!!!! Mi scantuuu!!! ( e    mette di nuovo  gli indici a croce, chiudendo gli occhi) Vatinni.. vatinni! Sciò.. sciò! Oddio.. oddio.. incoddu ma staju faceeeenuuu!   (stringe le gambe)

PEPPINO        (ad Alma) Lassilu nn'ari! Iddu non c'entra! Cecchiti cacchi autra cosa         i fari! Spassitilla cu autru!

ALMA            (fortemente arrabbiata, si gira verso Peppino e gli ripete gli stessi       gesti che ha fatto contro Placido) Stai zitto!!!

(Peppino urla , poi guarda Alma che, fermatasi, sembra una pentola in ebollizione pronta a scoppiare e , subito dopo, si sente in cucina un assordante rumore di stoviglie rotte e un urlo della moglie. Placido urla pure lui, e, approfittando del  trambusto, finalmente scappa. Alma si calma e ha l'aria soddisfatta)

                       

PEPPINO        Mihhh! Si incazzau! (poi) Chi fu? Nunzia chi succidìu? (ad Alma)     Oh.. viatu viatu truvasti l'attennativa! U spassu tu 'nvintasti di          prescia! (poi, non vedendo più                         Placido) Ma unni si n'annau       Pracido? (va alla porta) Pracido! Vadda   unni si! Ti n'annasti! Tonna arreti! Tonna ccà! Non mi lassari sulu..    menzu i guai!      

PLACIDO       (da fuori campo) Scodditillu! Non ci tonnu cchiù!

PEPPINO        Amici … e vadditi!

NUNZIA         (rientra dalla cucina scossa) Pippinu... Pippinu... non mu sacciu       spiegari!

PEPPINO        Bonu! (le porge una sedia) Ssettiti! Pigghia ciatu!Ti pottu nu   bicchieri d'acqua?

NUNZIA         (si siede) E' chistu u problema! Non n'avi cchiù!

PEPPINO        Chi? Acqua?

NUNZIA         No... bicchieri!

PEPPINO        Chi voli diri chi non n'avi cchiù? E tutti chiddi chi su 'nto stipettu?

NUNZIA         (sconsolata) Eh.. chiddi chi su 'nto stipettu!  (prende fiato) Fammi     cuntari chi ti spiegu!

PEPPINO        Spiega... spiega!

NUNZIA         Dunqui... stava mittennu i ciciri 'nte piatti.. m'à cridiri... jò no sacciu          comi fu.. fattu sta chi si sdirruparu tuuutti i piatti e tuuuutti i bicchieri

                        du stipettu!

PEPPINO        Puru i piatti?

NUNZIA         I piatti.. i tazzini.. i bicchirini du licuri.. tuuuttti! Non ni ristau mancu         unu sanu! (piagnucolando) Si ficinu tutti in milli piddicchieddi!

PEPPINO        (piano) Tu non tu sai spiegari! (ad Alma) Ma jò si! Non piddisti        tempu propriu!

NUNZIA         E non finìa!

PEPPINO        (ad Alma) M'avìa parutu troppu picca!

NUNZIA         Du scantu chi pigghiai... (piagnucolando) mi caderu tutti i ciciri        'nterra!

PEPPINO        (ad Alma) Puru a dajuni mi lassasti! Complimenti! Ti stai scialannu!

ALMA            Era solo un assaggio!

PEPPINO        Di chi? Di ciciri? Si caderu tutti 'nterra!

ALMA            Ma che hai capito? Un assaggio... della mia... vendetta!

PEPPINO        Ah puru?! Chiddu chi tagghia è arreti?

ALMA            (fa spallucce)

PEPPINO        Tantu a tia chi ti nni veni 'nta sacchetta! (a Nunzia) Ti senti megghiu?

NUNZIA         (si sta soffiando col grembiule) Ancora haju u cori chi mu sentu 'nta ula!

PEPPINO        Ti pari.... u cori canciau postu! Puru u mei si spostau 'nta ula!

NUNZIA         Pigghiai na gran botta i scantu.. mai 'nta me vita! (pausa) A mia però..       mi passi na cosa accussì strana! Si è 'nciurari... mi passi.. comi è       diri... soprannaturali!

PEPPINO        Non 'nciurari... chi ti cridu!

NUNZIA         Secunnu mia.. ci 'ntrasi dda tizia.. chidda du funirali i oggi!

PEPPINO        (ironico) No! Chi dici! Unni vai pinsannu!

NUNZIA         Ragiuni hai! A fozza mi parramu d'idda.. ni suggestionammu!

PEPPINO        Comi no! Sugnu tuttu suggestionatu!  (pausa) A propositu.. ma tu    vidi nenti i divessu.. ccà dintra?

NUNZIA         Picchì? Chi è vidiri?

PEPPINO        Vadditi in giru!

NUNZIA         (si alza dalla sedia, si guarda attorno, magari aiutata da Peppino      che la fa girare fin troppo)  Mi vaddai! E puru troppu.. mi girìa puru          a testa!

PEPPINO        E non vidisti nenti?

NUNZIA         A patti nu stratu i pubbirazzu e na para i fulinii chi non ebbi tempu mi      leu... no!

PEPPINO        (infastidito) Nunzia... dimmi na virità.. quantu semu 'nta sta stanza?

NUNZIA         Pippinu... a caduta ti mmiscau puru 'nta testa?

PEPPINO        Parra cu mia seriamenti... quantu semu?

NUNZIA         Dui!! Tu.. e jò!

PEPPINO        Non vidi cchiù a nuddu?

NUNZIA         Ma picchì cu c'è? Cacchi fantasma?

PEPPINO        Ah! Ma allura u vidi puru tu?

NUNZIA         Pippinu... ccà non c'è nuddu fantasma!

ALMA            Prima ci hai provato con quello ora con lei.. ma ancora non l'hai       capito che puoi vedermi solo tu?

PEPPINO        (ad Alma) Chi privilegiu!

NUNZIA         Secunnu mia si troppu stancu... e stravidi e straparri! E a Jattanira ti                         miagulìa 'nto ciriveddu! Sai chi ti dicu? I ciciri annaru a finiri 'nta                         spazzatura.. ma nui ama manciari u stissu! Ammenu u pani ristau e nu                         pugniceddu di alivi 'mpassuluti 'nta me         casa non manca mai!     Pacenza.. pi stasira annau così!

PEPPINO        E chi è fari? Mi ccuntentu u stissu! Basta chi non restu a dajuni! Va..         fa viatu.. pottili ccà! Così manciamu e ni cuccamu! Cchiù viatu        manci... cchiù viatu scura!

NUNZIA         Vaju.. staju arruannu! (esce verso la cucina)

PEPPINO        (ad Alma) Senti... annau comi annau! Pani e alivi? Pani e alivi!! Ma ammenu chiddi fammilli godiri in paci!

ALMA            Forse!

PEPPINO        Ah... malaintenziunata propriu si!(pausa) Ma jò mi dumannu e dicu...        ma chi mali fici.. chi m'è cianciri st'anima pessa! (rivolgendosi   all'altarino) Signuri.. u sacciu.. stasira ti staju distubbannu troppu assai... vali pi ddi voti chi non ti chiamu   propriu! Senti... fa cacchi          cosa Tu.. sulu Tu ci poi!

ALMA            Penso tu stia parlando alla persona sbagliata!

PEPPINO        Picchì? Megghiu d'Iddu cu c'è?

ALMA            Il punto non è chi è il migliore.. è solo una questione di …       competenze!

PEPPINO        Ah! Capìa! E chi voi.. u sceccu sbagghia! L'abitudini è! U fattu è chi          jò quannu haju bisognu .. a Iddu mi rivolgiu! Comunqui .. si pi na    vota ama canciari... e si canciari po' giuari mi ti fa annari! (si        inginocchia e bussa al pavimento) Ehi tu? Di dda sutta? Mi stai sintennu? Picchì non manni a chiddu .. comi si chiama? … ah...                         Anacletu! … mannilu ccà mi si ripotta arreti a chista ccà! A tia ti po'                         giuari ddocu... a mia ccà .. mi fa sulu dannu! (si pone in ascolto con la mano vicino all'orecchio per sentire meglio, sempre piegato ed        inginocchiato) Mah! Ccà non mi rispunni nuddu! U megghiu suddu ..         è chiddu chi non voli sentiri! (ad Alma) Ma tu si sicura chi me   rivolgiri a chiddu i sutta?

ALMA            E certo.. è ovvio.. è matematico!

PEPPINO        Ah... puru matematicu è? E va bè... s'ù dici tu! (ribussa) Ehi.. signor                         matematicu... sta in casa .. mi senti?

NUNZIA         (che intanto è rientrata con un vassoio in mano con il pane , le olive   ed il vino) Cu cu parri? Cu è chi t'ava sentiri? (sorpresa) E chi ci fai     'ndrinucchiatu      'nterra?

PEPPINO        (per giustificarsi) Nenti.. facìa allenamentu pa schina! (E comincia a fare dei piegamenti)

NUNZIA         Pippinu... avi i quannu ti rricugghisti... chi non pari cchiù tu! Si        stranu!

PEPPINO        Chi dici! A fami saravi... vistu chi stasira non c'è ricettu pi manciari!          Posa ddocu.. stamu a vidiri si è a vota bona!

NUNZIA         (mentre sistema tutto sul tavolo) Non ti biliari .. stavota manciamu!    Però.. sattiti regolari chi... si hai siti... à biviri 'nta buttigghia.. a    calaneddu... picchì bicchieri.. non n'avi cchiù!

PEPPINO        Ma comi ni cumminammu! A tri tubbi! (si siedono al tavolo, si          preparano per cenare, Peppino indossa un tovagliolo al collo) Mu        mettu... menzamà mi loddu... cu tuttu chiddu chi è manciari! ( ma     proprio mentre sta per prendere il primo boccone, suonano alla                  porta, e rivolgendosi quindi ad Alma)  Stavota a chistu scossa non ci          nni facisti pigghiari? U graziasti? E comi mai?

ALMA            Non mi diverto a fare sempre gli stessi scherzi!

PEPPINO        (ad Alma) Poviredda! (a Nunzia) Stavota manciamu? Parrasti troppu                         assai, Nunzia! Nenti.. stasira non c'è vessu! (ad Alma) Ti mittisti 'nta         testa chi m'à lassari mottu i fami!

ALMA            Ma io non c'entro niente!

PEPPINO        Si... cunticcillu a nn'autru!

NUNZIA         Pippinu... sunaru a potta! Non ti nn'accuggisti? Puru suddu divintasti?      A caduta ti scunsintìu puru i ricchi?

PEPPINO        Sintìa.. sintìa... i ricchi boni mi funzioninu! Vaju a japripri... apru..   apru! (togliendosi il tovagliolo) Sintemu cu è chi vinni mi mi rumpi a     testa a st'orariu! Pracidu non cridu propriu... si nni fuìu comi un surici! E mò ritonna ccà!  (ad Alma) Videmu chi soppresa mi                    priparasti! Quantu mi piacinu i soppresi a mia! (va alla porta)

NUNZIA         A me maritu ci appa propriu fari mali dda sciddicata! Va parrannu   sulu comi i pacci! Sugnu na pocu preoccupata!

PEPPINO        (ancora alla porta) Tu?! E chi ci fai ccà .. cu scuru? E sula?     Vitturiedda.. o nunnuzzu.. chi ti mmattìu?

NUNZIA         (sorpresa) Me niputi? Ccà?

(Peppino rientra in scena con la nipote Vittoria)

VITTORIA     Niente nonno... sono solo scappata di casa!

PEPPINO        Ti nni fuisti? E a iddu.. dd'infami.. unni u lassasti?

VITTORIA     Ma che hai capito?! Io non faccio queste cose.. sono del tutto superate! (a Nunzia) Ciao nonna!

NUNZIA         Vittoria.. a nonnicedda! Veni.. ssettiti! Chi c'è? Si stanca? Hai fami?           Voi manciari cu nui? A chiddu chi c'è però!

VITTORIA     (che si è seduta) No grazie, nonna! Ho già mangiato!

PEPPINO        (fra sé) Fubba a figghiola... prima pinsau mi si inchi a bobbicedda.. e         poi scappau! (forte) Nui no.. però! Pi cui.. statti ssittata 'nta sta          cantunera  finu a quannu nui finemu.. e poi ni parramu!

NUNZIA         Pippinu... ma quantu si sgabbarìatu!

PEPPINO        Oh.. jò è manciari! (si rivolge ad Alma) Prima chi a cacchiduna ci nni          veni n'autra 'nta testa! ( si risiede e riprende a mangiare)

VITTORIA     Ma che ha il nonno?

NUNZIA         Non ci fari casu.. è stancu! Oggi travagghiau assai! Tu chiuttostu...   chi hai? Cunticcillu a to nonna!

VITTORIA     Ecco... vostro figlio... mio padre.. è diventato insopportabile! E mia

                        madre... non me parliamo!

NUNZIA         Picchì.. chi ficinu?

VITTORIA     Non vogliono lasciarmi libera di fare le mie scelte! Pensano di avere .. al posto di una figlia... un cane.. da tenere.. al guinzaglio!

PEPPINO        (con la bocca piena) Però stasira riniscìu mi si strogghi.. stu cani!     (inghiotte) Senti.. cani sciotu.. non  putivi spittari finu a dumani? Pi     sta junnata n'aviimu avutu picca!

NUNZIA         Pippinu... a voi finiri?

VITTORIA     Avete ragione! Scusate l'orario! Ma ormai non potevo più tenere a    bada il mio spirito libero!

PEPPINO        Annamuci alleggiu chi spiriti! Unu ni basta.. n'avanza.. e ni      suvecchia!

NUNZIA         (guarda di traverso Peppino) Va beni.. a nonnicedda... pi stasira … u                         discussu.. u tagghiamu ccà! Pi stanotti.. resti ccà cu nui! Ah? Si         cuntenta? Però... dicemuccillu e toi chi si ccà! Non vurrìa mi si   allamminu pi nenti! Pippinu?! Telefonacci tu a Ninuzzu e Rosetta!

PEPPINO        (ancora mentre mangia) Picchì.. tu chi hai.. i mani ciunchi? Non vidi          chi.. sugnu... occupatu?

NUNZIA         E vaja... e fallu  stu beni!

PEPPINO        Tutti contru i mia.. vivi o motti .. sempri contru i mia! Mi ci nni sarìa         unu da me patti! (si asciuga col tovagliolo) Uffa... e facemula sta         telefonata! (va al telefono e piano) U Signuri m non mi rispunni dda tinta di me nora!

(durante la telefonata si sente solo il discorso di Peppino. Ogni “Uhm!” corrisponde alla risposta del suo interlocutore)

PEPPINO        Prontu.. Ninuzzu?  Uhm! To patri sugnu! Uhm! Si u sacciu chi è       taddu! Uhm! Stati manciannu? Uhm! Ah! Finistu! Biati vui autri!  Senti ccà! Uhm! No.. non succidìu nenti! Uhm! Spetta.. fammi    parrari! Uhm! Vidi chi to figghia è ccà! Uhm! (allontana la cornetta           dall'orecchio per un istante e lo farà altre volte pure dopo, dove si       reputa necessario) Figghiu non bucìari! Jò non ci 'ntrasu! Uhm! Senti      non mi stunari a ricchi! Uhm! Cammiti.. cammiti! Spetta.. spetta! e       Uhm! No.. no.. spetta.. spetta ti dissi! Uhm! No.. non vali la pena mi         ma passi a to mugghieri! Uhm! Tu si troppu nibbusu?  Uhm!                         (accondiscendendo)E passimi a Rosetta!(Mentre aspetta che la nuora                         venga al telefono) M'avìa annatu bona.. avìa rispunnutu Ninuzzu..    no.. mi l'appa passari pi fozza.. a me nora! Cchiù na pozzu sentiri!           (arriva al telefono Rosetta) Si? Prontu! Uhm! Si .. c'è ccà to figghia!   Uhm! Chi dissi? Chi non voli stari 'ttaccata.. avi u spiritu libbiru!     Uhm! Ciù dugni 'nta testa u so spiritu libbiru? Uhm! Veni e  ta     ripigghi?

VITTORIA     Non ci voglio ritornare a casa!

PEPPINO        Dici chi non ci voli ritunnari a casa! Uhm! Ah! Veni e a pigghi du      coddu? Uhm! E si fa resistenza a pigghi puru a cauci?

VITTORIA     (piagnucolando) Che maniere!

PEPPINO        Senti .. a me casa non vogghiu chi diventa nu campu i battaglia!        Uhm! Sai chi fai? Vai a dommiri.. anzi.. dummemu tutti! A notti potta          cunsigghiu! Uhm! Ciau.. ciau! Ti salutu! Bonanotti! (chiude il         telefono) Puru st'autra ci mancava!

NUNZIA         (a Vittoria) Veni.. veni.. a nonnicedda! Ti priparu u lettu!

VITTORIA     Tanto io.. lì.. non ci torno!

NUNZIA         Tu non veni.. Pippinu?

PEPPINO        Cuminciati a annari... ora vegnu!

(Nunzia e Vittoria escono)

PEPPINO        (ci ripensa) O Nunzia! Ma non m'avivi fari i massaggi e i strappi       cauddi?  Chi facisti? Tu scuddasti? Si, comi no! I fumenti.. a tisana...         tutti i cosi facisti! (non ricevendo risposta) E cu cu parri? Cu muru?      Mah! (poi ad Alma) Si cuntenta ora?

ALMA            Un po'!

PEPPINO        Un po'?! Non si ancora cuntenta?! Brava.. brava! (pausa) Eh! Boni i                         truvasti .. l'ideuzzi... prima t'à scialasti cu ddu povirazzu di      Pracideddu.. poi facisti corianduli i tutta a terraglia...  ora ti 'nvintasti a niputi       scappata da casa... u figghiu chi.. santu libiranti.. gridava   comi nu pacciu... a nora poi.. ittava focu di naschi! E già mi                         immaginu a     scena di dumani.. na batteria i Masottu! E non ti        scuddari i me mugghieri chi.. ca scusa i Vittoria.. i me duluri? I fici      passari in cavallaria! (breve pausa) E chistu picchì? Pu piaciri di sta      stroliga!

ALMA            Modera i termini!

PEPPINO        Picchì? Chi fai? Ma fai pagari? E chiussai i chiddu chi stai facennu!

ALMA            Non sfidarmi!

PEPPINO        Ma quali sfida! (guarda giù) Anacletu! Pigghittilla! Ora.. e non          dumani! Senti.. jò mi vaju a cuccari.. quannu mi ruspigghiu..   dumani... fammi a soppresa... non mi ll'à fari vidiri cchiù!

ALMA            Mi sembra difficile .. il mio compito non è ancora terminato!

PEPPINO        E pi fozza ll'à puttari a compimentu? Cu tu oddinau? U medicu?

ALMA            In un certo senso! Per stare di nuovo bene devo solo portare a termine       la mia vendetta! E ancora non sto bene del tutto!

PEPPINO        Senti bidduzza... megghiu mi non ti rispunnu! Mi nni vaju! (pausa)   Ah! E stanotti ammenu fammi dommiri 'nta santa paci.. vistu chiddu     chi mi spetta dumani!

ALMA            Vedrò quello che posso fare! (piano) Forse!

PEPPINO        E vada... vadda bona! Bonanotti va!

ALMA            Buonanotte!

PEPPINO        O com'è chi mi augurasti na cosa bona?

ALMA            Mi sono distratta un attimo!

PEPPINO        E fallu cchiù o spissu... chi è megghiu pi tutti! Ti salutu! E mi raccumannu... mogghia i pupi e non ti fari vidiri cchiù! Ciau! (e        mentre esce) Nunziedda... ma u massagginu mu fai? Ahiai... ahiai.. ahiai! Soffru! Soffru!

FINE PRIMO ATTO    

SECONDO ATTO

Stesso ambiente, il giorno dopo, di mattina. Entra in scena Peppino. Alma è messa in un angolo, in piedi, occhi chiusi, braccia stile morto.

PEPPINO        (non si  è accorto che Alma è ancora là; passeggia per la stanza) Chi                         nuttata chi passai! Mi vutai e mi firriai tuttu u tempu.. senza putiri   chiudiri occhiu! Non dicu assai.. nu minutu? Mancu chiddu! E gira di        ccà.. e gira di ddà.. nenti! A facci all'aria.. a panza sutta... nenti! Da    testa.. di pedi! Nenti! Ogni vota chi mi stava mpinnicchiannu nu       secunnu.. nenti!... donna vota du occhi tanti apetti.. parìa chi m'aviinu                         misu du sticchini! (pausa) E poi mancu fallu apposta... me       mugghieri... cuminciau na sunata! Sa fici sirrannu tauli tutta a notti!       Però... a chi mi ricoddu... Nunziedda.. non avìa mai 'rrunfatu! (pausa)      Ci mancava puru sta sotta i duluri chi aju 'nta testa! Pari chi aju na     para i matteddi chi mi battinu 'nto ciriveddu … Tunkiti-tunkiti... e                          tunkiti-tunkiti! D'altrondi.. dopu sta bedda nuttata.. mi pari u minimu!                         (mentre passeggia per la stanza, in questo momento si ritrova proprio                         davanti Alma. Spaventandosi, urla) Malantisa.. ancora ccà si?

ALMA            (apre gli occhi e impassibile) Passata bene la notte?

PEPPINO        Ma... fogghiu i via... ancora non ti nni desinu? (pausa, si siede) Oh.. non ti nni vulisti annari?! E jò chi spirava 'nto'n miraculu! Miraculu   oscuru simmai! (pausa, ripete a mò di presa in giro, le parole di    Alma) “Passata bene la notte?”... vinisti mi mi ruini a vita e ora mi                    pigghi puru pi.. fondelli? Pi non diri autru!

ALMA            Dicevo tanto per dire!

PEPPINO        E tantu pi diri... è  megghiu mi ti stai muta... chi aju nu diaulu pi       capiddu!

ALMA            Oh che bello! Vorrei averlo anch'io!

PEPPINO        (arrabbiato) E tu capisci sempri i cosi a modu toi!  Muta ti dissi!      Anacletu! A unni si? Pigghittilla! (pausa) Ma unni ti  zziccasti? Unni   ti mmucciasti.. chi non mi senti?

ALMA            Nervosetto di già?

PEPPINO        E secunnu tia.. comi avrissi essiri.. dopu dda bedda nuttata chi.. tu..           mi facisti passari? Tranquillu e friscu comi na rosa? Facciazza tosta!          (pausa) E a propositu... ieri sira non m'avivi prumittutu chi .. pi   stanotti... ti stavi cu du pedi 'nta na scappa e mi facivi  dommiri 'nta      santa paci?

ALMA            E tu.. ti sei fidato.. delle mie.. pseudo.. promesse? A me.. chiedevi..   santa pace?

PEPPINO        Ci avìa spiratu! Cusà.. duranti a notti.. nu canciamentu.. na botta i   generosità improvvisa!

ALMA            E hai sperato male!

PEPPINO        E mi nn'accuggìa! (pausa)E si ajeri era stancu.. oggi sugnu distruttu...                         scunucchiatu! Quasi quasi mi pigghiu na junnata e non ci vaju a                         travagghiari! Ogni tantu ci voli.. fissa si .. ma non sempri sempri! E poi.. na vogghiu lassari sula a me mugghieri oggi! Cusapi chiddu chi         ci saravi  ccà quannu veni me figghiu  e (ironico) .. me nora! Quantu      cciù dicu a Pracideddu chi mi staju intra! Menu mali chi sta ccà i     facci.. ora vaju e u chiamu! Sempri si voli veniri ccà.. bruscatu pi      com'è! Jò unni iddu non ci vaju di sicuru.. a me casa na lassu.. a mani          strani!

ALMA            Le mani strane.. sarebbero le mie? (mostra le mani)

PEPPINO        Comi dissi cacchidunu... “Tu l'hai detto”!

ALMA            (indispettita fa  un gesto di stizza)

PEPPINO        (va verso la porta ma trova Placido che origliava, come voce fuori      campo)  E tu ccà .. arreti a    potta si? Chi ci facivi?

PLACIDO       (sempre fuori campo) Vulìa sapiri comi avìa finutu … ma …                         (piagnucolando) .. mi scaaantava a  sunari.. cosa chi pigghiava di nou       a scossa!!

PEPPINO        'Ntrasi .. 'ntrasi e u vidi i pessona!

PLACIDO       Nooo.. non si nni parra propria!

PEPPINO        'Ntrasi... non ti scantari... non muzzica!

PLACIDO       (piagnucolando) Jò u cori l'haju debuli... mi scaaantu!

PEPPINO        Ma quannu mai!Ti briscìu ora stu cori debuli?(lo tira dalle bretelle e          lo fa entrare)

PLACIDO       (inizia un tira e molla con Peppino che cerca di trascinarlo e lui         cerca di scappare magari tenendosi qua e là) Aaahhh! Aiutu!!! Non vogghiu 'ntrasiriii!!!

PEPPINO        (uno strattone forte) E 'ntrasi ti dissi! Non mi fari biliari chi haju già u                         fighitu chinu!

PLACIDO       (terrorizzato si guarda attorno circospetto) Sempri ccà è? No..   picchì.. jò mi scaaantu!!!

PEPPINO        E cettu chi è ccà.. misi radici... a fantasmessa!

PLACIDO       Eh.. a unni ..è?

PEPPINO        Non ti nni incaricari.. luntana è.. per ora!

PLACIDO       Menu mali! Però.. na fari vvicinari ah?!.. picchì jò.. si no ..                         (piagnucolando)... mi scaaantu!

PEPPINO        E u capemmu... basta! (lo imita) Mi sccaantu.. mi scaantu! Pari nu    sceccu chi ragghia!!         

PLACIDO       Non ragghiu jò... mi scantu e basta! E si tu pemmetti.. jò.. mi mettu ccà! (si posiziona spalle al muro, vicino alla porta) non si sai mai.. pi        ogni evenienza! (fa il gesto di scappare)

PEPPINO        Statti unni voi.. basta chi ti stai mutu e non cuminci donnavota ca    litanìa chi ti scanti! (pausa) Senti.. vidi chi jò oggi.. non ci vegnu a       travagghiari! Megghiu mi restu intra... pi sovrintenniri a..      situazioni... onde scongiurare quassiasi pericolo!

PLACIDO       Fai comi voi! (pausa) Chiddu chi m'avivi diri .. finìu?

PEPPINO        Eh.. finìa!

PLACIDO       Allura.. jò.. mi nni vaju... picchì.. chi mi scantu .. tu dissi?

PEPPINO        (innervosito) E mu dicisti!

PLACIDO       E allura mi nni vaju! (fa per andarsene)

PEPPINO        (lo trattiene dalle bretelle)  Noo.. è ancora viatu.. resta cu mia! Pi       solidarietà!

PLACIDO       Solidarietà muriu!

PEPPINO        Paci all'anima soi! Tuttu un mori mori generali è! A basta chi non      diventa fantasma!

PLACIDO       No... i  fantasmi.. i fantasmi no... sunnu orribili... schifosi...     terrificanti.. e jò.. mi scaaantu !

PEPPINO        Oddiu... chista tanta brutta brutta ... non è!

ALMA            (sentitasi offesa, in un crescendo di emozioni) Cosa?!? Ed io sarei..     (con fare disgustato) … orribile?

PEPPINO        (volendo giustificare Placido) No.. chi dici... mali sintisti! (a     Placido) Chista ta putivi rispammiari!

ALMA            (più arrabbiata e sempre più disgustata) Schifosa?

PEPPINO        No... n'interferenza ci fu.. sicuru! (a Placido)  Ma chi mali facisti?

PLACIDO       Ma jò mi scantu!

PEPPINO        Si..si.. ora vidi comi ti scanti bonu! Sconcicasti u cani chi dommi!

ALMA            (ancora più arrabbiata) Terrificante?

PEPPINO        No...terrificante.... quannu mai! Ma.. non è chi hai cacchi ricchicedda                         stuppata? Non avisti sentiri        bona!

ALMA            (furibonda) Io ho sentito benissimo!  (breve pausa) Io.. così..    vilipesa... da questo bifolco... io.. che da viva ero così … seducente..        da avere tutti gli uomini ai miei piedi... io... che avevo la fila dietro la        mia porta.. io  che ho avuto l'imbarazzo della scelta... io... che mi      sono sposata due volte... e se avessi voluto ne avrei potuto sposare altri cento....

PEPPINO        E tutti e centu t'avissi schiticchiatu …  sicuru! Na vaddata t'avissi     bastatu... e na bedda occhiatura non cià luvava nuddu!

(Alma raggiunge il massimo dell'ira e quindi da questo momento inizia un fuggi fuggi di Peppino e Placido con Alma che li insegue, girando tutto intorno alla stanza, magari con Alma che fa sentire dei dolori improvvisi qua e là, tipo quelli  del wodoo, ai due che quindi urlano. Placido continuerà a ripetere “Jò mi scantu” e “Incoddu ma staju facennu”, stringendo le gambe; Peppino risponderà: “Scappa!”.  Il tutto finirà quando Peppino e Placido, dopo aver messo tutto in disordine, usciranno di scena. Alma quindi ricomponendosi, si calmerà un po'. Nel frattempo entra, dalla cucina, Nunzia)

NUNZIA         (vedendo sedie ed altro in disordine) E chi fu ccà? Chi succidìu?         Passau nu cicloni? Mah!  (comincia a sistemare ed a spolverare,   canticchiando. Passando davanti l'altarino si farà il segno della          croce; e quando si avvicina ad Alma, questa per ripicca, le mette                un          piede davanti, facendola inciampare) Matri! E a unni struppicai!                         (guarda a terra) Ccà nenti c'è! Mah! Ora mancu camminari sacciu     cchiù! (ricomincia a canticchiare; e mentre sta sistemando  una       sedia, Alma, a cui dava le spalle, le dà un colpo alla schiena. Nunzia     comincia a tossire)

PEPPINO        (rientrato mentre Alma dà il colpo a Nunzia)  Ah! Ti vitti! Femma..                         malandrina! A idda lassila stari!

NUNZIA         (che sta ancora tossendo) Pippinu chi dici? A cu è lassari stari? A      seggia? E malandrina a cu ciù dicisti? A mia? Ma si 'mbriacu cu tutta a matina?

PEPPINO        No! Non parrava cu tia! E non ti scantari.. chi non sugnu né pacciu e         né 'mbriacu!

NUNZIA         E allura.. chi è sta storia? Cu cu parravi? Ccà semu sulu nui dui!

PEPPINO        Nunzia.. non ci fari casu a chiddu chi dicu!

NUNZIA         Comi non ci fazzu casu?! Mi 'nciurii e non c'è fari casu? (pausa) Avi d'ajeri chi si stranu! Ajeri c'era a scusa chi eri stancu! Ma oggi? Non ti          ripusasti … stanotti? I duluri non ti passaru?

PEPPINO        Assai mi passaru! Poi cu ddi beddi massaggi chi non mi facisti!

NUNZIA         E chi voi... c'era to niputi ...eehh

PEPPINO        .. e io passai in secunnu pianu!

NUNZIA         E cettu... idda... cori i so nonna... avi a precedenza!

PEPPINO        Comi no... veni i destra! Nunzia.. lassa peddiri... e non mi fari diri    mali paroli in tuccu i prima matina!

NUNZIA         Ou! Ma si po' sapiri chi hai? Ti muzzicau a tarantula?

PEPPINO        Na tarantula no... ma ci n'assimigghia assai!

NUNZIA         Mah! Cu ti capisci è brau!

PEPPINO        Nunzia... pensa a fari chiddu chi stavi facennu senza mi ti bilii pi mia!        Chi a mia.. ci pensu jò! (Si siede) Ma mi raccumannu... occhi apetti!

NUNZIA         Occhi apetti? Chi voli diri?

PEPPINO        Nunzia.. occhi apetti e basta!

NUNZIA         Figghu.. chi si mistiriusu!

(entra Vittoria)

VITTORIA     Buongiorno! Ah! Che bella dormita mi sono fatta stanotte! (si stiracchia e poi parlotta con la nonna)

PEPPINO        Chi 'nvidia.. chi 'nvidia! Mi staju anciannu u fighitu! Jò sulu passai  na notti di  'nfennu!

ALMA            E non sei contento?

PEPPINO        Muta... muta statti! Si no vegnu ddocu e ti cau l'occhi! Chi di   quant'avi chi ccà ci si tu.. u 'nfennu l'haju a tempu pienu!

ALMA            Potessi averlo anch'io!

PEPPINO        Tu cedu volentieri!

VITTORIA     Mi sento così felice.. così libera! Starei sempre qua con voi! Voi si     che mi capite! (sospira) Mi sento così gioiosa.. che ho voglia di       aiutarti nelle faccende domestiche .. nonna!

NUNZIA         Chi niputi i cori!

PEPPINO        E annati.. annati.. faciti i bravi fimmineddi! E u dicu n'autra vota..    facitimi cuntentu... occhi  apetti!

NUNZIA         Occhi apetti.. occhi apetti! Bonu! Comi voi tu! Anchi si non capìa     chiddu chi ci 'ntrasi!

VITTORIA     Noi andiamo nonno! (esce insieme a Nunzia)

PEPPINO        Ciau.. ciau.. figghia!

ALMA            Di nuovo soli... eh?!

PEPPINO        E chi semu priati! M'avissi cuntintatu mi mi staju sulu.. sulu chi me pinseri!

ALMA            Come sei noioso!

PEPPINO        Megghiu noiosi... chi dannìuli comi a tia!

ALMA            Ma perché te la prendi così.. per un paio di scherzetti da nulla?

PEPPINO        Cu quali curaggiu i chiami... scherzetti da nulla?

ALMA            Suvvia.. non fare così! Io mi sto divertendo un mondo!

PEPPINO        Uh! Chi bellu divettimentu! Tu si.. chi u sai.. comi ci si divetti!          Facennu all'autri i dispetti!(fra sé) Puru a rima fici!(gli viene un'idea)          Ora u fazzu puru jò! Ora mi divettu jò! (si alza si dirige verso      l'altarino) Chi ni dirivi si ti dugnu na bagnatedda... (prende                         dall'altarino una bottiglietta con dell'acqua benedetta) .. cu l'acqua    biniditta? E' tanta belle frisca! (E va verso Alma)

ALMA            (comincia a spaventarsi) Non ti fidare.. sai?

PEPPINO        Picchì? Non ti piaci? Veni i tanta luntana via! Veni i Lùddissi! [Lourdes]

ALMA            (comincia  a indietreggiare) No! Non farlo!

PEPPINO        (la segue) Comi?!.. E' nu schezzettu i nenti! Non avivi dittu chi ti      piacinu i schezzetti? (Ricominciano a girare per la stanza)  E vaja!     Fallu pi mia! Na vota all'unu.. no? Prima ti divittisti tu.. ora tocca a     mia!

ALMA            Ti prego.. non lo fare!

PEPPINO        E di quannu in qua .. tu.. preghi? Chi facisti.. canciasti opinioni? Na                         bannera i cannavazzu si?

ALMA            Va bene... l'hai voluto tu!

(quando girando per la stanza, arrivano di nuovo al punto di partenza, si sentono Nunzia e Vittoria che urlano)

NUNZIA         (rientra dalla porta della cucina, trafelata e mani nei capelli)    Pippinu.. Pippinu! Scoppiau a pentola a prissioni! C'è a cucina china          china.. nnigghiata di linticchia! 'Nte mura.. 'nto tettu.. 'nta potta.. 'nta        finestra! A tutti i patti! (ritorna di nuovo correndo in cucina)

VITTORIA     (rientra anche lei correndo e sconvolta dall'altra porta) Nonno..         nonno! Si è allagato il bagno.. si è rotta la lavatrice.. non smette di         fare la centrifuga e si muove come una forsennata! E il rubinetto è       saltato via e non fa che sprizzare acqua dappertutto! (torna indietro di        nuovo rientrando)

NUNZIA         (ritorna in scena sempre scossa) Pippinu.. pippinu! Si bruciau a         padedda! Fumìa paru paru! E i patati divintaru cabbuni! (ritorna in   cucina)

VITTORIA     (rientra in scena dalla solita porta affannata) Nonno.. nonno! Dal     ferro da stiro esce un mare di  vapore … ha riempito tutta la stanza!          Non ci si vede più! E si è anche bruciata la tua camicia! (esce)

PEPPINO        (in tutto questo trambusto è rimasto scioccato e a bocca aperta,          seguendo  con lo sguardo ora Nunzia ora Vittoria; poi si riscuote ) Jò   vi ll'avia dittu mi aprìu l'occhi!

ALMA            (che aveva gongolato per tutto il tempo, ora ride) Ora si che mi          diverto davvero! E' che questo ti serva da lezione! Contro di me non        puoi lottare … è una battaglia ad armi impari!

PEPPINO        (si siede di peso sulla sedia vicino ad Alma) Jò no sacciu comi è fari   cu tia!  Tu  mi potti a ruina! (pausa) Anacletu! Anacletu scappa pi        ccà! Curri.. pottitilla! Non cià fazzu cchiù! Pottitilla.. e basta! (pausa)     Pacenza.. pacenza! Si siccau u pedi da pacenziara! Na reggiù cchiù!   Si non si nni va  subitu.. nu ssimpicu mi veni!

ALMA            Sei sempre esagerato!

PEPPINO        Ou! Mi ti pari! Haju na cetta età jò! Mica sugnu cchiù tantu     figghiuleddu! E u me cori.. non è cchiù chiddu di na vota! Tu dissi         ajeri.. canciau puru postu! Si nn'inchianau cchiù supra! Ccà! (indica     la gola)

ALMA            Cosa vuoi? Farmi intenerire?

PEPPINO        Eh! Magari ci rinescirìa!

ALMA            E non ci riesci invece!

PEPPINO        Maligna.. maligna si! Senza cori! Di petra!

ALMA            E' inutili chi lliffi e fai cannola.. u santu è di mammiru e non suda!   

PEPPINO        Ma quali santu! Tu...  nu santu? Ta putivi rispammiari chista! Si ti   sentirìa “iddu” ( e indica verso giù) .. si 'ngilusirìa! Autru chi santu! Ti fumminirìa!

ALMA            (fa spallucce) Volevo solo dirla .. a modo tuo! Sono solo .. scesa.. al tuo livello!

PEPPINO        Veramenti .. 'nchianasti.. al mio livello! Tu prima.. ddà (indica giù,   intendendo l'inferno).. eri!

ALMA            E ci sarei rimasta.. se non fosse stato per te... in quel caldo delizioso!

PEPPINO        Vadda... s'avissi statu pi mia... ti putivi fari a sauna e i bagni tucchi o                         'nfennu.. pi l'etennità!

(rientrano Nunzia e Vittoria)

NUNZIA         (con l'aria stanca si siede)  Ciccai mi ci dugnu na fatta i ricittata! Ma           mi scura u cori sulu mi 'ntrasu dda intra! E puru stavota appa ittari u        manciari! I beddi patati.. zzummìati 'nta spazzatura chi ciciri d'assira.. e ca linticchia di oggi!

VITTORIA     (anche lei afflitta e affaticata)  Anch'io ho cercato di fare qualcosa!    Ho messo un tappo al rubinetto.. ho buttato l'acqua dal balcone.. la    lavatrice si è fermata e il ferro da stiro ha smesso di fare vapore! Ma è        tutto un disordine! E per la tua camicia.. mi dispiace  nonno.. per     quella non c'è rimedio!

NUNZIA         Non potti capiri però picchì  ni stannu succidennu tutti sti cosi 'nta na       vota! Mi dugna comu l'impressioni chi ci sarìa … cacchidunu chi ni       pensa!

PEPPINO        Ni pensa! Ni pensa veru! Eccomi si ni pensa!

(suonano alla porta)

PEPPINO        Auddocu! Ccà c'è pronta n'autra pinsata!

NUNZIA         Ma non è chi è..  a Jattanira?

PEPPINO        Ma chi dici?  I Jattiniri non pensinu!

NUNZIA         Mah! (risuonano) Ora ora avìa misu u sederi supra a seggia! E          annamu a vidiri cu è! E comi voli Diu! Ci mancava sulu chista! Cu      stu macellu chi avemu intra! (va ad aprire)

(entrano in scena il figlio Ninuzzo e la nuora Rosetta, con tono molto alterato)

ROSETTA      Unnè?  Unnè Vittoria?

NINUZZO       Già.. unnè? Unnè?

VITTORIA     Mamma! Papà!

PEPPINO        (fra sé) Mih! Puru dda linguta di me nora vinni! E pari cu lassa         sulu nu minutu a me figghiu! Ci pari chi cciù robbinu!

NINUZZO       Avanti stamatina sugnu cammu! (alterato) Fila pa casa!

PEPPINO        Ammazza du cammu!

VITTORIA     (si nasconde dietro Nunzia) Non puoi costringermi!

NINUZZO       Si chi pozzu! Sugnu to patri! Mamma leviti davanti e non ti mettiri   'nto menzu!

ROSETTA      Smoviti Vittoria e non 'ntricari a to nonna!

NUNZIA         Figghioli.. dativi na cammata! Ssittamunni e parramu! Non si risovvinu accussì i cosi!

PEPPINO        E cettu! Mancu arruastu chi cuminciastu subitu  a bucìari! Pi giunta mancu salutastu! Bedda razza chi ddivai!

NINUZZO       Scusa papà! Non vulìa! E' chi.. sta storia.. mi fici peddiri i lumi!

PEPPINO        Pigghia na seggia e ssettiti! E cecca mi ritrovi sti lumi! E magari ci    dugni puru na ddumatedda!  (ad Alma) Ammessu chi.. cacchiduna.. u    pemmetti!  

ALMA            Non mettermi in mezzo!

PEPPINO        No! In prima fila.. chi potti a bannera!

(si siedono tutti, tranne, ovvio, Alma)

NUNZIA         Quannu vinni.. ieri sira.. Vittoria ni dissi chi vui non ci vuliti dari na          picca i libettà!

ROSETTA      (a Vittoria) Chi ci cuntasti e to nonni? Cettu chiddu chi ti cumminìa!

NINUZZO       Cettu.. cettu!

PEPPINO        Ni dissi ca tiniti ttaccata comi nu cani!

ROSETTA      Ah! Sti cosi ci cuntasti? Diccillu.. diccillu inveci chiddu chi ti passau          pa testa! Chiddu chi vulivi fari! U picchì scappasti.. diccillu e to        nonni!

NINUZZO       Fozza.. diccillu e to nonni!

VITTORIA     (piano) Volevo farmi un tatuaggio!

ROSETTA      Dillu cchiù fotti.. dillu... chi non ti sintemmu!

NINUZZO       Nenti sintemmu!

VITTORIA     (forte) Volevo farmi un tatuaggio!

ROSETTA      Nu cori ca freccia si vulìa stampari! Beddu.. russu comi u focu! E 'nto        pettu pi giunta!

NINUZZO       Pi giunta.. pi giunta!

PEPPINO        Eh.. o so postu!

ALMA            Rosso fuoco? Davvero un bel colore! Non c'è che dire! Brava Vittoria.. ottima scelta!

PEPPINO        Cecca mi non ci metti u nasu!

ALMA            Ho solo espresso la mia opinione!

PEPPINO        Non ni interessa.. a to opinioni!

ALMA            Ingrato!

PEPPINO        'Ntrichitimicciu!

ROSETTA      E mica finemmu! (a Vittoria) Completilu.. completilu u discussu!

VITTORIA     Volevo farmi un altro buco all'orecchio!

ROSETTA      N'autru bucu 'nta ricchi?

NINUZZO       Sulu?

ROSETTA      Quattru di ccà e quattru di ddà.. ni vulìa!

NINUZZO       Unu 'nto nasu!

ROSETTA      E puru.. unu 'nta panza!

NINUZZO       Tutta buchi si vulìa fari!

ROSETTA      Nu fummaggiu svizzuru vulìa divintari!

NINUZZO       Eccòmi! Peggiu di nu sculapasta!

PEPPINO        Ehh! E pi na para i buchi tutta sta storia? Pigghia aria!

NINUZZO       Na difenniri tu.. papà!

PEPPINO        E si na difinnemu nui! Chi ci stannu a fari si nnò i nonni?

ROSETTA      Mi rovininu i niputi!

PEPPINO        Ou... vidi comi parri tu! Chi jò.. a me niputi.. na rovinu!

NUNZIA         Pippinu.. non ti ci mettiri puru tu! L'atmosfera è già abbastanza        elettrica.. ci manchi sulu tu!

PEPPINO        E cu tutti sti lumi ddumati.. vidi dill'elettricità chi c'è!

ALMA            Si.. si! Comincio proprio a divertirmi!

PEPPINO        Non pozzu diri u stissu!

VITTORIA     Non capisco perché ve la prendete tanto! Ce l'hanno tutti!

ROSETTA      E si tutti si jettinu a mari?

NINUZZO       Avanti chi fai? Ti jetti puru tu?

VITTORIA      Che c'entra!  Io non mi sto buttando a mare!

ROSETTA      E si continui a frequentari ddi speci di amici chi hai.. cusapi!

VITTORIA     Cos'hanno ora i miei amici?

ROSETTA      Ti ll'è sempri dittu! Non mi piacinu!

NINUZZO       Sunnu tutti strani!

ROSETTA      Già! Hannu tutti ddi... mminnagghi.. chi ci 'mpenninu.. di ricchi...

NINUZZO       … du nasu...

ROSETTA      … da panza!

NINUZZO       Eh.. da panza.. da panza! Puru di ddà!

VITTORIA     E' il piercing.. il (scandisce) piercing! E' la moda!

PEPPINO        U pissi chi?

VITTORIA     Piercing.. nonno! Piercing! Non li leggi i giornali?

PEPPINO        A massimu a pagina di motti! Chi voi fari.. defommazioni        professionali!

ROSETTA      Si picchì poi.. ddi ugna?

NINUZZO       Cettu.. non ni scuddamu di chiddi!

ROSETTA      Blu.. niri.. si pittinu! Pari chi si incasaru pari pari 'nto'n casciuni!

NINUZZU       Sangu pistatu.. precisu!

ROSETTA      E i capiddi?

NINUZZU       Puru chiddi.. puru chiddi!

ROSETTA      Tutti  a culuri l'hannu! Na striscia russa...

NINUZZO       … na striscia viddi...

ROSETTA      .. una blu...

NINUZZO       … una gialla!

PEPPINO        (che guardava ora Rosetta ora Ninuzzo) Ma chi su biddichhi sti dui   chi parrinu a rati!

VITTORIA     Mi piacciono un sacco i capelli così! Prima o poi li farò anch'io!

ROSETTA      A passari prima supra u me cadaviri!

NINUZZO       E puru supra u mei!

PEPPINO        Mancu li cani! (a Vittoria accalorato) Non ci cadiri incoddu.. mi                         raccumannu! Ommi poi si ruspigghinu puru iddi e ti fannu vidiri i    surici viddi ca cuda paglina! E' nu cunsigghiu chi ti dugnu... sentilu a     to nonnu! Parru pi esperienza!

NUNZIA         Pippinu... ora mi staju siddiannu! Ora mi dugni na spiegazioni!

PEPPINO        E spiegazioni di chi? Chi dissi?

NUNZIA         Dici cosi chi non hannu sensu e puru malignità!

PEPPINO        E chi voi?! Cu pratica cu zoppu.. all'annu zuppìa!

NUNZIA         (alterata) E cu sarìa stu zoppu?

PEPPINO        Non si tu.. non ti biliari!

NUNZIA         (a Ninuzzo) U vidi comi divintau? Avi ddu jonna chi è così.. non       sacciu mancu comi è diri.. chi si capisci iddu sulu... acidu e ..         dspittusu.. comi .. nu fantasma! Eccu!

ALMA            (si punge)

PEPPINO        (a Nunzia) No diri .. pi cottesia! Chiudi a bucca! Troppi ricchi..         delicati.. sentinu! Sa ponnu puru pigghiari! (ad Alma) Non ci fari      casu.. dissi tantu pi diri.. aprìu a bucca e ci desi aria!

NINUZZO       Non ti capisciu .. papà! Chi voi diri?

PEPPINO        E non si tu chiddu c'ava capiri! E poi.. non sugnu mica jò..      l'aggomentu da discussioni.. o mi sbagghiu?

ROSETTA      Hai ragiuni!

PEPPINO        Mih! Me nora chi mi dugna ragiuni? Chista mi ll'è scriviri 'nto           calendariu!

ROSETTA      Ccà a discussioni si sta facennu longa! Ma u problema resta u stissu!                         Vittoria... tu ha pigghiari pa casa!

NINUZZO       Pa casa.. pa casa!

VITTORIA     Mamma.. papà.. io.. non mi muovo di qua!

ROSETTA      Santa figghiola.. non si capisci picchì ha essiri così tistuna! U to postu       è a casa.. cu to matri...

NINUZZO       .. e cu to patri!

VITTORIA     Uffa!

ROSETTA      Non ciusciari! E non ti mucichiari chi tantu.. tu.. ritonni cu nui!

VITTORIA     Non mi sfiora nemmeno l'idea!

ROSETTA      Senti... pinsava chi cu bonu tu mi sintivi!

PEPPINO        (piano) Ammazza  du bonu!

ROSETTA      (alterata) Ma ora  mi stai facennu 'nchianari i cincu minuti! E vistu   chi non senti ragiuni.. Ninuzzu.. parrici tu! Facci ddu buci tu.. e falla         passari pa casa! E di cussa! E du tantu curriri... u ciatu c'è vidiri         peddiri... l'occhi ci   anna   nesciri   i   fora... a  sta testadura di me    figghia!  (a Ninuzzo spingendolo dal braccio) Avanti parra.. fozza!

NINUZZO       Si! (apre la bocca per parlare ma)

ROSETTA      (a  Ninuzzo spingendolo dal braccio) Avanti parra.. fozza!

NINUZZO       Si! (apre la bocca per parlare ma)

ROSETTA      (a  Ninuzzo spingendolo dal braccio) Fozza.. cumincia a buciari! A cu                         aspetti... a carrozza?         

PEPPINO        (piano) Magari chi tu ti stai muta?

NINUZZO       E parru.. parru!  (si schiarisce la voce) Vittoria... a sintisti a to matri?

PEPPINO        Suli i suddi non sinteru!

NINUZZO       Suggiti i sta seggia! Fozza! Avanti! Marsch!

PEPPINO        'Nta casemma arruammu!

VITTORIA     Non mi smuovo di un millimetro!

PEPPINO        Vai Vittoria.. resisti!

NINUZZO       Basta! Non vogghiu sentiri cchiù cìu!

ROSETTA      Na parola na vogghiu sentiri cchiù!

NINUZZO       Fozza... n'amu!

ROSETTA      Smoviti!

NINUZZO       Nnachiti!

PEPPINO        (mentre Ninuzzo e Rosetta parlano “a rate”, si comporta come se       fosse un direttore d'orchestra , dando col dito la parola una volta ad uno una volta all'altro)

VITTORIA     Ho detto no e no!

NINUZZO       Tu fazzu diri jò.. “no!”!

ROSETTA      A cauci 'nto culu tu fazzu diri!

VITTORIA     Ci vengo solo se mi fate fare quello che ho detto!

ROSETTA      Non si nni parra propria!

NINUZZO       Mancu si pisti i pedi 'nterra!

VITTORIA     E allora io non vengo! Neanche con le cannonate!

PEPPINO        Puru i cannunati! A guerra du '15-'18  stannu facennu!

ROSETTA      Non ti smovi chi cannunati?

NINUZZO       Videmu si ti dugnu i bastunati!

PEPPINO        Mihh!  Puru i rimi a rati fannu!

VITTORIA     Non ci provare!

PEPPINO        Ora finemula! Ohh! (pausa) Viditi chiddu chi stannu cumminannu pi                         quattru buca e na pittata 'nto pettu!

ROSETTA      I buca sunnu ottu e u tatuaggiu  non è na semplici pittata!

NINUZZO       Quannu u fai.. non si nni va cchiù!

PEPPINO        Chiddu chi è.. è.. non è a fini du munnu! E si si nni fuirìa.. chi faristu?                         L'ecclissi totali? Farìu scoppiari a bumma atomica?

ROSETTA      E ti pari a tia chi si ci lassamu fari sti cosi.. prima o poi.. non ni        cummina cacchiduna cchiù rossa? Senti a mia... chisti (indica i gomiti) … mi fa passari ccà patti!

NINUZZO       (ripete lo stesso gesto della moglie) Si.. si... ccà patti.. ccà patti!

VITTORIA     (comincia a piagnucolare) Mi state dipingendo come un mostro! Ma          io sono una brava ragazza! Ho solo bisogno di un po' più di spazio!

ROSETTA      Spaziu.. spaziu! 'Nto spaziu nu volu ti fazzu fari!

NINUZZO       Giustu!

ROSETTA      (a Vittoria) Tu hai bisognu sulu di na drizzata! Si no resti stotta comi         a to patri! Vistu chi i to nonni no seppiru drizzari i picciriddu!

NINUZZO       ( a gesti dice “no..no”, stavolta non è d'accordo con la moglie)

PEPPINO        Ora si?! Senti cu parra! Siccomi idda vinni ritta!  A mia mi pari cchiù                         stotta da vinedda i san Cocimu![1]

NUNZIA         Ora chi voi inzinuari? Picchì è stottu me figghiu? Nui u criscemmu    comi si devi!

ROSETTA      Fossi!

NINUZZO       (rivolto alla moglie, a gesti “che dici?!”)

PEPPINO        Sta storia non mi piacìu cchiù! (si alza e va da Alma; nel frattempo    gli altri continuano tutti a litigare tra loro, a gesti,  senza  sentire i     loro discorsi. Poi ad Alma) Ooohhhh... ora basta! Mi staju siddiannu!         Cecca ma finisci!  Non ti bastau? Chi ti ficiru me mugghieri.. me         niputi.. me figghiu e me nora? Anzi no! A me nora a poi tuzzulìari                         quantu voi...jò... ti dugnu u pemmessu... però parramu i ll'autri! Chi          hai contra a iddi? Jò.. cadìa ajeri! Cu mia ti ll'à pigghiari!

ALMA            Mi piace vederti seccato e infastidito!

PEPPINO        A mia no! E non mi piaci vidiri sciarri 'nta me casa!

ALMA            E invece è così divertente!

PEPPINO        E dalli cu stu divettenti! (sbotta) Oooohhhh!!! Piddia a pacenza! Chi          mi hai a mia 'nto stomicu i travessu! Eccu! (Come liberato) Ohh!

ALMA            E come è possibile?

PEPPINO        Così! (Allarga le braccia all'altezza della vita) A testa i na patti e i     pedi i l'autra!

ALMA            Piuttosto scomodo!

PEPPINO        Tu non ci pinsari! Puru mi ti dugnu mpacciu e fastidiu comi tu mu    dugni a mia.. ci starìa piddavera! E tu farìa diri jò... è così divettenti!

ALMA            Stai diventando insopportabile!

PEPPINO        U to riflessu è ! (pausa) Ma jò dicu... na vidi dda faccicedda tristi di me niputi? Vaddila... non ti fa pena? Vaddici ddi occhiceddi         cianciulini.. ti pari giustu? Ragiuna..a tia chi ti nni veni 'nta sacchetta? Tantu... fantasma si e fantasma resti!

ALMA            (si infastidisce)

PEPPINO        Non rispunni? Nenti hai mi dici?

ALMA            E cosa vuoi che ti dica?

PEPPINO        Chissacciu.. chi si pintuta... chi a finisci... chi lassi stari a Vitturiedda!                         Ammenu chistu!

ALMA            (titubante) Eh... non posso!

PEPPINO        E vaja! Fammillu stu fauri! Ti scanti chi ti  vidi cacchidunu? E cu      t'ava vidiri? Non dicisti chi ti vidu sulu jò? E jò... si voi... chiudu          l'occhi.. così! (si chiude gli occhi con le mani) Avanti... non ti staju    vaddannu... non vidu nenti!

ALMA            (sbuffando) E va bene.. hai vinto tu! E comunque.. aprili gli occhi..   tanto jò... non mi servo né di magie né di  incantesimi!

(quando Peppino si toglie le mani dagli occhi, si risentono i discorsi degli altri, che improvvisamente si calmano)

ROSETTA      E bonu.. a mammicedda! Facemu nu pattu! Si tu ritonni a casa ti nni          fazzu fari n'autru...  bucu 'nte ricchi! E si propriu voi nu tatuaggiu...      fattillu a nn'autra patti... magari na patti cchiù mucciatedda.. e si è           possibili.. picciriddittu! Basta chi mi prumetti chi cecchi mi ne vidi      cchiù tantu ddi to amici! Semu d'accoddu?

NINUZZO       Giustu! N'avi tanti in giru bravi figghioli!

VITTORIA     Va bene mamma... va bene papà... accetto! ( ed abbraccia Rosetta e Ninuzzo)

PEPPINO        (guardando sbalordito la scena) Vadda... mi sintìu! Stavota piddavera        u fici! U cori s'ammobidìu! Appa diri cacchi ddu paroli           mammalucchini  e.. PUFF! .. matri.. patri e figghia.. ficiru paci! E         brava a fantasmessa!

ALMA            Niente complimenti.. non è il caso!

PEPPINO        Na vota tantu chi facisti na cosa bona.. quannu è toi.. è toi! (si rivolge        agli altri) Oh.. finammenti si cunchiudìu  sta storia! Avìu fattu na        tragedia greca pi na fissaria i nenti! (mette un braccio sulle spalle della nipote) Magari cu nu paru i ricchini i cchiù.. me niputi diventa puru cchù bedda! (indicandosi le orecchie) Tutta sbrilluccicanti di ccà         e di ddà! (La bacia sulla guancia)  Bedda du nonnu!

ROSETTA      Va beni.. ora luamu u distubbu!

PEPPINO        (con atteggiamento falso) Ma quannu mai... quali distubbu!

(si salutano e si baciano tutti)

NINUZZO       Ciau mamma!  Ciau papà!

ROSETTA      Si benedica! Si benedica!

VITTORIA     Ciao nonnina! Ciao nonnino!

PEPPINO/NUNZIA      Ciau .. ciau!

PEPPINO        Mi raccumannu... non vi sciarriati cchiù! A pecura o lupu!

(Peppino e Nunzia ritornano al tavolo; Peppino si siede, Nunzia prima di sedersi sistema le sedie)

NUNZIA         Mencu mali chi finiu sta soria! Mi sintia tutta 'ntossicata.. biliata! Mi         dulia u cori mi vidu accussì! Pi na babbaria poi! (pausa) A chi jò sapìa però .. fra di iddi... non aviinu mai avutu na parola! Tuttu 'nta na          vota Vittoria non stesi cchiù bona chi soi? Ninuzzu e Rosetta l'aviinu      sempri tinuta 'nto cuttuni spusu! Ci ll'aviinu sempri passati tutti!

PEPPINO        Puru si tinta.. me nora.. a Vittoria.. a crisciu na billizza!

NUNZIA         Mi passinu strani tutti sti fatti! Comi nu fummini cu bellu tempu!

PEPPINO        (fra sé) Si.. nu fummini di nomi Alma Gattineri! (pausa) Pari però... chi u malutempu.. finiu! Finiu i truniari e lampiari!

NUNZIA         Ma quali trona e quali lampi? C'è nu suli fora!

PEPPINO        Nenti.. parrava tantu pi diri!

NUNZIA         E tantu pi diri.. tu.. mi pari a mia.. chi non stai cchiù tantu bonu ca   testa!

PEPPINO        (un po' alterato) Bonu mu sai .. chi a me testa.. mi funziona bona! E chi non haju propriu nenti! Pi cui...non rumpiri e  ricettiti!

NUNZIA         (risentita) Comi u cafè! Sti cosi m'à diri a mia? (pausa)  Mi nni vaju ..         va! Mi nni vaju 'nta cucina.. così hai u tempu mi sbapuri.. si no ccà...          finiria mali!

PEPPINO        (ad Alma) U vidi  chiddu chi cunchiudisti? Chi me mugghieri mi        pigghia pi maleducatu e puru pacciu!

ALMA            Ma che cosa vuoi ancora da me? Ho sistemato tutto con tua nipote..          non ti basta? Per te ho intaccato la mia onorata carriera di iettatrice... nella speranza che non mi costi nulla!

 

(nel frattempo entra, magari accompagnato da una musica stile “Profondo rosso”, del fumo e comunque in maniera spettacolare, Anacleto)

ANACLETO   (alzando le braccia) Che il fuoco vi divori!

PEPPINO        (facendo scongiuri) Supa i to canni!

ALMA            (fra sé) Per tutti i demoni! Anacleto! Spero sia venuto a prendermi...          sono stufa di restare qua.. non mi diverto più! Questa vendetta ha        perso il suo fascino!

PEPPINO        (sbalordito) Ma.. cu si tu? D'unni veni?  Chi voi 'nta me casa?  Cu ti           fici trasiri?

ANACLETO   Ma come? Non hai fatto altro che chiamarmi in questi giorni!

PEPPINO        Allura.. voi diri...

ANACLETO   (lo interrompe) .. si .. sono Anacleto.. segretario personale del diavolo! Molto piacere! (gli porge la mano)

PEPPINO        (gli stringe la mano) U piaciri è tuttu m... ah! (si interrompe perché si                         brucia) Chi mi hai beni quantu bruci! (si soffia la mano) Va beni chi nto 'nfennu siti 'nto focu.. ma non pinsava chi bruciau accussì tantu!     (pausa) Ma .. levimi na curiosità a stu puntu..

ANACLETO   Dica.. dica pure!

PEPPINO        Ma.. cu tutto ddu focu... cu ddu incendiu paru.. non vi rrustiti mai? Non divintati cabbuni?

ANACLETO   Nooo! Il nostro è un fuoco speciale... (eccitandosi) brucia.. arde..       divampa.. ribolle... gorgoglia... (rilassandosi) .. ma non cuoce! Dentro ci si sta davvero bene.. vuol provare?

PEPPINO        (fa di nuovo gli scongiuri) Mancu mottu.. figghiu!

ANACLETO   Beh... in effetti.. da noi...  vivi.. non ce ne sono!

PEPPINO        Ma jò non pinsava chi ci stau boni.. dda intra! I lamenti... i grida... a          cui?

ANACLETO   I dannati...si.. quelli stanno male... soffrono ..come si suol dire.. le    pene dell'inferno! Comunque non tutti...

ALMA            Infatti io ci stavo bene!

ANACLETO   E per noi impiegati .. è anche diverso!

PEPPINO        Ah.. capia.. i raccumannati ci su a tutti i patti! (pausa) Comunque.. parramu di autru.. parramu di cosi seri! Vistu chi si ccà.. pensu chi mi sintisti.. chi conusci tutta a situazioni e chi.. quindi.. mi fai cuntentu?!ANACLETO       Certo...  io la sua chiamata l'ho sentita e …

PEPPINO        (lo interrompe e comincia ad esultare) E vai! Finammenti si nni va! U                         fantasma si nni vaaa!

ALMA            Io.. al posto tuo... non canterei ancora vittoria!

PEPPINO        (smette di esultare, ad Alma) Tu.. non canci mai... continui mi mà       jetti! Cucca! (Peppino ed Alma si fanno le smorfie. Poi ad Anacleto)      Senti tu.. bidduzzu... dimmi na cosa... prima non putivi veniri? Chi di          chista e du so malocchiu n'haju i sacchetti chini?

ANACLETO   Ma cosa vuole.. mica è facile avere il visto per venire.. su?! Neanche          per il segretario personale del diavolo.. sa? E' tutta una questione di      … burocrazia!

PEPPINO        Di chi?

ANACLETO   Di burocrazia! Noi.. deve sapere...  per venire su... abbiamo una       luuunga trafila da fare... la firma del capo dell'ufficio      Trasferimenti       temporanei... il bollo del direttore dell'ufficio Rientri... il        lasciapassare   della polizia infernale …  l'autorizzazione finale               firmata da lui, da Lucifero in persona..  il visto della dogana... ah e                         dimenticavo... la visita medica dell'ufficiale sanitario! Eh.. caro         signor Peppino... mica tutti     sono in grado di sopportare il clima         freddo di qua.. sa?

PEPPINO        Unni vai vai.. non cancia nenti! Ogni munnu è paisi! (pausa)    Comunqui, oramai si ccà e non peddiri tempu! Visti ccà.. non ci nn'è     bisognu! U benestari vu dugnu jò! Fozza... pigghiti a chista ccà e          smammati! Scurriti pa cubba!

ANACLETO   (alza la mano) Alt!

ALMA            Te l'avevo detto io di non gioire ancora!

PEPPINO        (ad Alma) Muta tu .. cucca! (ad Anacleto) Chi voli diri.. alt?

ANACLETO   Alt! Fermo! Tempo! Mi dispiace... ma non funzionano così le cose!

PEPPINO        Ma tutti i cosi complicati vui l'aviti? E sintemu comi funzioninu? Ata                         passari puru ccà 'nta cacchi ufficiu?

ALMA            Credo che per colpa tua le cose stiano molto peggio!

PEPPINO        Cucca.. ti dissi  mi ti stai muta!

ANACLETO   Il fatto è questo.. signor Peppino... mentre ero in viaggio ho ricevuto          una e-mail.. un comunicato urgente!

PEPPINO        Però.. boni siti ogganizzati!

ANACLETO   Una mail che ha modificato la situazione!

PEPPINO        A cosa non mi piaci... cuminciu mi sentu puzza di bruciatu!

ANACLETO   Oh... non ci faccia caso! E' il mio profumo... Fumel n° 5... il preferito         del capo!

PEPPINO        A puzza di bruciatu chi 'ntinnìa jò era n'autra! Comunqui.. parra...    comi i stannu allura i cosi?

ANCLETO      Vede... sono stato messo al corrente che la signora qui presente.. non         è stata molto coerente!

ALMA            (a Peppino) Lo immaginavo che era uno sbaglio ascoltarti!

ANACLETO   (Ad Alma)  Cara signora... lei ha fatto una buona azione! Ha fatto                         riappacificare i parenti del signor Peppino... modificando il suo        precedente intervento! In vista di ciò.. noi.. non possiamo più      riammetterla nei nostri ranghi! Ehhh.. la legge è legge! Dura lex.. sed    lex!

ALMA            E dura si!

PEPPINO        E dopu tuttu stu discussu complicatu e tutti sti speci i mali paroli.. e          Lessi chi non capìa chi ci 'ntrasi...

ANACLETO   Lessi? Cos'è Lessi?

PEPPINO        Lessi.. u cani! Bau.. bau! Chiddu du telefimmi!

ANACLETO   Ma cosa sta dicendo? Io ho detto .. lex.. che in latino vuol dire..        legge!

PEPPINO        A chiddu chi è.. a mia a cosa chi mi interessa è.. a conchiusioni.. qual         è? Chi sta... signura... resta ccà?

ANACLETO   Io non posso fare altrimenti!

ALMA            Ma non c'è nessun rimedio?

ANACLETO   Può fare solo ricorso al nostro tribunale.. assumere uno dei nostri     avvocati e sperare che riesca a dimostrare  che non era sua intenzione commettere il reato.. che è stata fuorviata dai buoni sentimenti  di    questo vivente! Ammesso che riesca a trovarlo... un avvocato.. in   questo momento... visto che sono tutti impegnati nel congresso .. “la                         popolazione infernale e la malafede”!

PEPPINO        Nu congressu assai interessanti! In tutti i modi... ammessu cu trova..          nu avvocatu.. quantu tempu po' passari?

ANACLETO   Du.. tre...

PEPPINO        (lo interrompe) .. jonna?

ANACLETO   … mila anni!

PEPPINO        (sbalordito) Quantu?

ANACLETO   E cosa vuole... anche i tribunali infernali vanno a rilento!

PEPPINO        Mali pi mia! Vidi quanti generazioni s'anna supputtari s'anima pessa         casa casa!  Ma ci voli propriu futtuna 'nta vita! Pi na mani.. ricittai a   me niputi... e pi l'autra mi tirai u zappuni supra e pedi! Ma cu mu fici        fari! A quannu a quannu pinsava chi... vutannula.. avìa truvatu a      soluzioni!

ANACLETO   D'accordo! Il mio dovere di ambasciatore.. l'ho fatto! Ora posso pure                         andare via!

PEPPINO        Nooo! Non ti nni poi annari così.. senza mi cunchiudisti nenti! Picchì         non poi... chiudiri... nu occhi? (chiude l'occhio)

ANACLETO   Non è nei miei poteri!

PEPPINO        A fai ritunnari.. a mmucciuni... clandestina!

ANACLETO   Lei la fa troppo semplice! Non è possibile farla passare alla dogana! I                         controlli sono severi! Glielo ripeto... non è nei miei poteri! 

PEPPINO        Ma quantu siti complicati! Peggiu di ccà.. siti! (pausa) Ma chi ci        vonnu i paranculi mi va mmuttati incoddu e mi va puttati?

ALMA            Ehi! Io non sono... un sacco di... patate!

PEPPINO        Mi interessa assai! (pausa, ad Anacleto) Ma unni a trovi n'autra        jettatrici comi a chista? Mica si trova tantu facimmenti na bedda       anima mavvaggia e maligna comi a chista!

ANACLETO   Ha fatto una buona azione... e una basta per non essere più malvagi!

PEPPINO        E dopu na vita di jettaturi... pi na vutitta sula?

ANACLETO   Mi dispiace.. ma non sono io a farle... le leggi! E' così e basta! (ad     Alma) Il  ricorso può essere inoltrato entro e non oltre 24 ore da        questo momento!

PEPPINO        'Nta chistu vi ittastu o rispammiu!

ANACLETO   A questo punto non resta che togliere l'incomodo!

PEPPINO        Quali incomodu... quali incomudu... finchè non mi risovvi sta storia..         non è n'incomodu!

ANACLETO   Signor Peppino.. la storia... io... non la posso risolvere!

PEPPINO        Annunca! Senti... jò sugnu sicuru... chi na soluzioni... sempri si trova!

ANACLETO   Glielo ripeto... una soluzione... non c'è!

PEPPINO        Senti bidduzzu... o di cantu o di pizzu... di sta situazioni n'ama nesciri        fora! Oh! (pausa, poi, come se avesse trovato un'idea,  in confidenza      ad Anacleto) Scuta... di solitu ccà.. o pianu i supra... supra a terra..       funziona così.. chi unu... s'ava truvari.. (circospetto) .. na raccumannazioni!

ANACLETO   (forte) Raccomandazione?

PEPPINO        (gli fa segno di fare silenzio) Schhh!... pianu! (sempre in confidenza)   I raccumannazioni... ha sapiri tu.. si fannu... (gesticolando) .. aumma       aumma!

ANACLETO   (ripete lo stesso gesto) E con questo... che vuole dire?

PEPPINO        Insomma... unu... cchiù supra i tia... chi nni po' raccumannari... non           c'è? Cacchi assessori... cacchi sinnicu...  nu ministru?

ANACLETO   Più sopra di me c'è... solo... lui!

PEPPINO        Lui... lui?

ANACLETO   Eh già!

PEPPINO        Ah... ma allura tu.. nu pezzu rossu si!? Ma comunqui... chi dici tu... nu tentativu .. u putemu fari.. con .. lui?

ANACLETO   Io.. non glielo consiglio! In confidenza... il mio capo.. è un tipo          molto... molto... collerico..  praticamente furioso.. e non vorrei di     certo incorrere nelle sue.. ire!

PEPPINO        E allura.. chi dici... c'ama lassari stari?

ANACLETO   Sicuro! Soprassediamo!

PEPPINO        (rassegnato) Soprassediamu! Comi dici tu!

ALMA            (che aveva seguito interessata il discorso, alterata) Soprassediamo .. un corno! Io voglio ritornare tra le mie fiammelle! Allora.. come si fa   a chiamarlo? (senza aspettare, batte col piede più volte sul    pavimento, e con tono imperioso) Ehi... grande capo... vieni qua...                         subito!

ANACLETO   (sorpreso e preoccupato) Cosa hai fatto?

(si smorzano le luci e si sente una lunga risata satanica; e poi, possibilmente dal basso, dal pubblico, entra Lucifero, con un tridente in mano che usa per spingere il malcapitato Placido, che, ad ogni colpo, urla)

PLACIDO       (terrorizzato, magari braccia in avanti, e quando viene colpito fa un   saltello, mettendo le mani ai capelli) Ah! Aiutu! Ah! Chi mi sta         succidennu!? Ah! Mali pi miiiia!Ah! Pippinu... Pippinu! Ah! Aiutuuu!      Malocchiu... malocchiu ci fu! Ah!  Mi scaaantuu!  (piagnucolando) Pippinu... fai cacchi cosa... picchi jò... incoddu  ma faaaazzu!

LUCIFERO     (infilzandolo) Grrrrr! Chi è questo pidocchio che intralcia il mio        cammino? Toglietemelo dai piedi! Grrr! Scansati .. pidocchio!

PLACIDO       (salito per primo sul palco, si nasconde dietro Peppino, sempre piagnucolando)  Chi mali fici jò... chi ci cuppu jò! Jò... mi scaaantu!

PEPPINO        (a Placido) Ma tu chi ci fai ccà.. non avivi essiri o campusantu?

PLACIDO       (sempre piagnucolando) Oggi nuddu muriu... e mi nni stava     ritunnannu a casa... quannu mi sintìa punciri u sederi! Ma chi mi sta        succidenuuuu! (piange vistosamente)

LUCIFERO     (che era salito anche lui sul palco, mentre parlano Placido e     Peppino, gira, sempre grugnendo,  e osserva nervoso i presenti, che    cercano di scansarsi, fino a che si pone davanti a Placido)

PEPPINO        (risponde alla domanda di Placido) Nenti Pracideddu... nenti! Lucifiru ti stava 'nfucchittannu!

PLACIDO       (anche lui vede Lucifero che gli sta davanti, e  terrorizzato urla e poi   scappa a gambe levate, mani nei capelli)

LUCIFERO     (sdegnato) Insulso pidocchio! (poi arrabbiato guardandoli uno ad    uno) Chi di voi ha osato chiamarmi? (Peppino e Anacleto indicano        Alma. Lucifero le si pone davanti puntandole il tridente ) E tu … chi   saresti?

ALMA            (rimane ammutolita e intimorita si nasconde dietro Anacleto)

ANACLETO   (spaventato, asciugandosi il sudore, prende la parola) Ehm... sua       maestà infernale... è una nostra.. ex... concittadina!

LUCIFERO     (piazzandosi davanti Anacleto) Perché.. ex?

ANACLETO   (sempre terrorizzato, piano) Ehm.. perché.. ha compiuto.. una...         buona azione!

LUCIFERO     (urlo satanico) Cosa odono le mie orecchie! Lo sai.. Anacleto... che   non devi pronunciare quelle parole?! Mi feriscono!!

ANACLETO   Si.. si... sua malignità... non lo faccio più!

LUCIFERO     (piazzandosi davanti Peppino) Tu .. mortale... dammi una         spiegazione! Perché mi trovo qua?

PEPPINO        (Atterrito) Si... si..  sua.. vostra.. loro... (indica Anacleto e Alma)        malvagità! Picchì u so segretariu dici chi dda fantasma .. non pò tunnari cchiù 'nto nfennu.. fici.. (piano, terrorizzato e chiudendo gli     occhi) ..na bona... azioni!

LUCIFERO     Grrr!!!! E allora.. da me... cosa volete?

PEPPINO        (timoroso) Lei chi è u capu... nu strappu alla regola... no po' fari?

LUCIFERO     (furioso) Grrrrr!!! Nooo! Contaminerebbe tutto il nostro mondo! Le buone azioni sono un virus letale!

PEPPINO        E va beni... ddu antibiotici e passa u scantu!

LUCIFERO     (furente  urla in faccia a Peppino)

PEPPINO        (rimane sconvolto dall'alito di Lucifero) Maria! Chi fetu i zolfu e di    accenni sparatu! Puuhhh!! (soffia con la mano per scacciare l'odore)          Na mentina.. no eh?!

LUCIFERO     (dopo aver vagato furibondo per la scena sempre ringhiando ai          presenti) Io non faccio sconti a nessuno!

PEPPINO        E a figghiola (indicando Alma)... mica è u zu nuddu? (andando da lei         e mentre la fa girare per presentarla) Vadda... modello.. Alma           Gattineri! Beddu esemplari di anima pessa... mavvaggia.. peffida e …         assolutamenti... senza cori!  (la fa girare ancora) Si distraiu sulu nu     attimu.. eeehh... po' capitari .. alli voti! Pi cui... na piddunatedda ..    non sa merita?

LUCIFERO     (ringhia ancora più forte) Perdonare? Perdonare? Aaarrrggg!!(di       nuovo in faccia a Peppino che scaccia un'altra volta l'odore con la     mano)  Mi hai      scambiato per quello di lassù!?!? Io non conosco   questa parola!

PEPPINO        E cià presentu jò!

LUCIFERO     (furibondo) Basta!! Io non voglio nel mio regno.. anime con la fedina                         penale.. sporca... macchiata di buone azioni! Lei (indica Alma) ...      rimarrà qui.. per l'eternità … e  non cambierò idea... mai!!! E non    azzardatevi a chiamarmi... mai piùùù!!!! Grrrrr!!!! (pausa) Anacleto?       Seguimi... siamo stati qui... anche troppo!!!! (ringhia furioso e poi    esce)

ANACLETO   Su.. subito... sua perfidia! (desolato ad Alma e Peppino) Devo           andare... il capo comanda... vi saluto! E che il fuoco vi divori! (esce)

PEPPINO        E ci tonna! Supa i to canni ti dissi!  (poi, sconsolato si siede) Chiddu                         c'avemu focu.. ni  basta!

ALMA            Hai visto cos'hai combinato?

PEPPINO        Jò? Picchì tu... cu sta bedda pinsata di chiamari a .. Lucifiru?!

ALMA            L'idea della .. raccomandazione... è stata tua!

PEPPINO        Oohh.. toi.. mei... oramai non avi cchiù impottanza! (pausa) Ma tu ne                         sapivi i reguli du 'nfennu? Mu putivi puru diri!

ALMA            Ma cosa credi.. è la prima volta che vado all'inferno... e anche l'ultima... come potevo saperlo? E comunque... ti avevo  detto che mi          sarei rovinata la reputazione!

PEPPINO        Ma jò pinsava chi tu u dicivi tantu pi diri!

ALMA            Tanto per dire .. un corno! (pausa) E ora che faccio? Come posso     andare via di qua? Mica posso restare… (tono sdegnato) in questa       casa .. per l'eternità?

PEPPINO        E ci manchirìa! Jò non dugnu asilu politicu a nuddu! Menu chi mai a          nu fantasma! E chi fantasma! (pausa, poi gli viene un'idea) Senti ccà!         Vistu chi tu avivi u poteri mi spasci e mi giusti i cosi... non è chi... bona pi bona.. poi divintari... na speci... di.. geniu?

ALMA            Come quello della lampada di Aladino? Tu.. saresti il padrone.. ed    io... dovrei esaudire.. i tuoi.. desideri?

PEPPINO        Eh! Propriu così! Tu sarissi... a “genia da cascia i mottu”! Ti    zzicchirivi donnavota dda intra.. e quannu jò avrissi bisognu.. ci darìa           na stricatedda.. e tu.. nescirivi fora dicennu.. “Ogni tuo desiderio è un          ordine.. padrone!”... tranquilla chi ta mantenirìa lucida lucida!

ALMA            Tu vaneggi!

PEPPINO        No.. picchì? Vadda chi ti trattirìa bona! Mica comi facisti tu cu mia! Ti darìa puru vittu e alloggiu.. gratis!

ALMA            (alterata) Ma che  gentile! Bellino assai il progettino! Peccato che hai          fatto i conti senza  l'oste.. anzi... due .. osti!

PEPPINO        E cioè? Cu sariinu sti.. osti?

ALMA            Anacleto e Lucifero.. no? Insieme al posto che mi spettava       all'inferno.. mi hanno tolto tutti i poteri che avevo! Per cui.. non son           più in grado né.. di fare guai.. né... opere buone!

PEPPINO        Chi piccatu! Era nu prugittinu..  chi micci! Avissi statu.. na casa       nova... na bella machina... nu beddu guaddaroba pi mia e pi       Nunziedda... Valentinu.. Dolce ca babba...

ALMA            (lo interrompe) Sogna.. sogna!

PEPPINO        Sempri chi pedi 'nterra mi fai scinniri tu! U lupu peddi u pilu ma no u                         viziu! (pausa) Jò no sacciu chiddu chi è fari cu tia! A storia divintau troppu complicata! Avivi vinutu mi ti vendichi i mia.. e ora.. a        pigghiasti tu.. 'nta sacchetta! Era megghiu chi ci facivi na catta i         passaggiu.. a ddà me.. sciddicatedda T'avivi ruspigghiatu? Pacenza! E      si propriu non ti putivi cchiù riddrummintari eh!... ti mittivi a cuntari i                         pecuri! E poi.. si propriu vulivi siviziari cacchidunu.. ta scuntavi cu iddi! Inveci mi dici.. pecura unu mancia.. pecura dui bivi.. eccetira...      dicivi... pecura unu ci doli a panza.. pecura dui si rumpiu u coddu..     pecura tri si rummuliau.. cacchi cosa ta 'nvintavi! A fantasia non ti      manca!

ALMA            Che discorsi stupidi! Oramai è inutile piangere sul latte versato! Sono        qui? Non mi resta che trovare una soluzione per andarmene! Anche     perché.. stare con te.. è diventato.. insostenibile! Sei troppo         antipatico!

PEPPINO        Senti cu parra... si bedda tu! (pausa, silenzio. Peppino ed Alma si      lanciano di tanto in tanto occhiate torve; poi Peppino si alza e va all'altarino) Signuri? Sugnu sempri jò... ddu poviru Cristu.. comi ti     piaci a tia...  du bicchinu! Senti ccà.. haju nu problema! Jò non ti                         chiamiria si non saria na cosa seria.. ci manchiria! Cu tuttu u cuffari           chi hai! A situazioni è chista... c'è st'anima pessa 'nta me casa chi sta ittannu focu di naschi... si bilia picchì piddiu u postu o 'nfennu dopu         chi fici n'opira bona! Jò u sacciu... a tia ti piacinu l'opiri boni! Pi cui      pinsava.. vistu a parabula da pecuredda smarrita.. chi tu.. putivi                         mettiri na bona parola.. chi.. insomma.. chi nu postu ciù davi Tu! No..       non dicu 'nto Paradisu.. non sia mai!... ammenu 'nto puggatoriu però!          Non è chi è tantu pintuta.. ma po' essiri chi prima o poi.. in cacchi        modu ci rinesci! Abbi na picchicedda i pietà.. si non pi idda.. fallu pi          mia.. chi sugnu to divotu! Nu ciru o jonnu.. tu garantisciu! (pausa)            Chi facisti...  mi scutasti?  Pozzu stari tranquillu chi mi ccuntenti?     Semu d'accoddu? N'intinnemmu? Sta beni! Jò.. spettu! ( si siede di         nuovo)

ALMA            Che stavi facendo?

PEPPINO        Stava parrannu cu nu amicu mei avvocatu! Iddu non è a ddu   congressu .. non è cosa soi!

ALMA            Oh bene! E verrà ad ascoltare il mio caso?

PEPPINO        Iddu non mi rispunnìu.. ma jò ci speru.. e u spettu! (ritorna il silenzio; Peppino guarda sempre l'orologio; poi cammina avanti   indietro per un     po', si risiede; è nervoso) Si.. spettu spettu.. a cu non          veni mai!

ALMA            Mi sto innervosendo! Ma ti avrà detto qualcosa.. questo avvocato?!

PEPPINO        Veramenti non dissi mancu na parola! Parrai tuttu u tempu jò!          (guarda l'altarino) Mi vaddava sulu... e puru ora mi sta vaddannu! Cusà mi sta scutannu!

(si smorzano le luci. Entra in scena [se fosse dall'alto sarebbe l'ideale] l'angelo Isidoro)

ISIDORO        Il Signore sia con voi!

PEPPINO        (esultante) Mi scutau.. mi scutau! Vinni... eccomi si vinni! Chistu      viatu viatu fici! Evidentementi 'nto Paradisu i cosi funzioninu      megghiu! (guarda l'altarino e mandando baci) Grazi.. grazi!

ALMA            (ad Isidoro) E voi chi siete?

ISIDORO        Sono Isidoro... l'angelo del Signore.. sono venuto a prendervi!

ALMA            (a Peppino) Ma con chi hai parlato? Chi era l'avvocato che hai          contattato?

PEPPINO        U megghiu i tutti! U vidi chi fici viatu?!

ISIDORO        (ad Alma) Nella sua infinita bontà il Signore ha deciso di perdonare tutti i vostri peccati e di accogliervi nel suo Regno! Vi sta    aspettando... purché vi pentiate!

PEPPINO        (ad Alma) A unni a trovi n'autra occasioni i chisti? Fozza pentiti!

ALMA            Mah... non saprei!

PEPPINO        Ou?! M'à fari fari na malafigura? Vidi chi jò ciù prumittìa! Avanti..   chi ci voli... pentiti!

ALMA            Sono indecisa!

PEPPINO        E di chi? Vadda chi unni vai si sta megghiu! Voi mettiri? Non c'è       paragoni! Inveci di focu dda c'è l'aria condizionata! Frischi frischi pi   l'etennità! Ci mittirìa a fimma mi ci vaju puru jò.. poi... poi assai comunqui! (ad Isidoro) Non è chi vui ci putiti mettiri na bona parola?

ISIDORO        Tranquillo... continuate così!

PEPPINO        Ah! Grazi! Mi luati  nu pisu du stomicu! (ad Alma) Allura.. a cu ci    spetti?

ALMA            Mah.. forse!

PEPPINO        Chi è ti bilii... chi poi ni videmu n'autra vota? Non ci pinsari! Dopu tuttu … ma si!...  volendu volendu  si na bona cristiana! E jò... non sugnu tantu malu! Avanti Ammuzza... datti na pintutedda!

ISIDORO        Vieni Alma... il tuo posto è con noi! (e viene illuminato e magari si    ode un coro di angeli)

ALMA            (viene attratta da quella luce, ma è ancora indecisa; e mentre cerca     di prendere una decisione, rientrano in scena di soppiatto Lucifero ed     Anacleto, che cominciano a girarle intorno dicendo piano al suo orecchio “ No... non pentirti!!! Non guardare la luce!!!” . Alla fine                  decide ed entra nel cerchio di luce di Isidoro) E va bene... mi pento!   (Lucifero ed Anacleto vanno via in collera)

PEPPINO        Oh! Facisti a megghiu cosa!

ISIDORO        Bene! Allora metti la mano destra sul cuore e ripeti con me... mio Dio        mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati e mi impegno a non commetterne mai più!

ALMA            (con la mano sul cuore) Mio Dio          mi pento e mi dolgo con tutto il       cuore dei miei peccati e mi impegno a non commetterne mai più!

PEPPINO        (esce un fazzoletto e si asciuga gli occhi e si soffia il naso) Sugnu                         commossu... veramenti … mi cummuvìa tuttu!

ISIDORO        Il tuo pentimento è sincero Alma... per me è sufficiente... sei dunque pronta ad indossare la veste del perdono?

ALMA            Si.. lo sono! (Isidoro l'aiuta ad indossare una veste bianca, si risente il coro degli angeli)

ISIDORO        Adesso tutto è compiuto! Vieni Alma.. seguimi.. prendi  con me la    strada che ti è stata preparata! (le tende una mano)

ALMA            (prima di dare la mano a Isidoro) Arrivederci Peppino!

PEPPINO        Arrivedecci Ammuzza! (saluta agitando il fazzoletto e Alma e Isidoro                         escono. Pausa) Chi mi pari stranu! Non m'è scantari cchiù di cacchi jettatura! (pausa) Quasi quasi... mi manca! Mi stava bbituannu!         N'autra picca divintava.. una di famigghia!

NUNZIA         (rientra in scena tutta dolorante) Ahi! Ahi! Chi duluri!

PEPPINO        Nunziedda! Chi ti mmattìu?

NUNZIA         Ah! Tutta scutrummata sugnu!

PEPPINO        E chi divintau... viziu i famigghia? Ssettiti a mugghiruzza! E cunta!   Jò cadìa... e tu.. c'avisti?

NUNZIA         (si siede e poi racconta piagnucolando) E chi ebbi.. chi ebbi! Era pi   strada... avìa nisciutu pi fari a spisa... stava pinsannu e fatti mei e    llianata mentri travissava... non mi nn'accuggìa chi stava .. passannu.. nu ccumpagnamentu! Fu comi fu... non sacciu diri comi.. basta!..            'mpuntai.. e cadìa! E u sai unni arrivai?

PEPPINO        (preoccupato) A unni?

NUNZIA         Sapissi!

PEPPINO        Dillu... a unni?

NUNZIA         (sempre piagnucolando disperata) Supa a cascia du mottu! Tutti i     cosi sdirrupai! Non poi sapiri di malanova chi mi mannaru tutti          quanti!

PEPPINO        Maria! E tu u sapivi cu era u mottu?

NUNZIA         Mi dissinu chi era dda speci i magu … chiddu bruttu bruttu …          chiddu chi stava 'nta dda casa        diruccata in pizzu a muntagna!        Chiddu stranu... chiddu chi caminava         sempri cu ddu jattu niru    supa a spadda e cu tantu di occhi spiritati e       chi ripitìa sempri … “Tutti dovete morire!”.. intantu.. ora murìu iddu!

PEPPINO        Santa Veggini! N'autra vota? Na finemmu cchù?! (pausa, pensa e si muove nervoso per la stanza) Na finemmu cchiù.. na finemmu!

NUNZIA         Pippinu... chi hai?

PEPPINO        (si ferma perché ha avuto un'idea) Isidoru.. sulu tu ci poi!

NUNZIA         (stranita) Isidoru? Cu è Isidoru?

PEPPINO        (non la sente e ricomincia a girare per la stanza) Isidoru... Isidoru..    tonna arreti.. veni ccà figghiu... scappa pi ccà.. n'avemu n'autru    prontu... non ni lassari 'nte guai... ritonna.. pigghiti puru a st'autru!

NUNZIA         Pippinu... cu è Isidoru?

PEPPINO        (esce continuando a ripetere) Isidoru... isidoru!

NUNZIA         (lo insegue zoppicante continuando a ripetere) Pippinu... Pippinu! Cu         è.. cu è?

(nel frattempo  ritornano in scena Lucifero ed Isidoro)

LUCIFERO     (collerico a Isidoro) Grrr! Sei riuscito un'altra volta a portare dalla tua       parte un'altra anima dannata! Se continuate così … tu e la tua schiera   di compari angeli...  l'Inferno si spopolerà del tutto! Grrr!

ISIDORO        E' un compito difficile questo... in un mondo in cui dilaga la violenza         e la cattiveria! Ma la speranza è che alla fine il bene trionferà sempre sul male ! Arrivederci … alla prossima battaglia!

PLACIDO       (nel frattempo è rientrato pure lui in scena titubante e impaurito)Co...          co... comi... finiu??? (poi guarda stranito, prima Isidoro, poi Lucifero   e a guardarlo comincia a urlargli  in faccia) Mi scaaaantuuu!           Incoddu ma faaazzuuu!!! (piagnucola forte)

LUCIFERO     Ancora tu.. pidocchio?! (e ricomincia a infilzarlo col tridente girando          per la scena ed infine escono di scena, con Placido che urlicchia ad     ogni tocco e  Isidoro che fa uno sguardo come per dire “Pazienza”!)

                                                                                                       FINE

SANTINA ( detta TITTY ) GIANNINO (n° pos. SIAE 216044)

www.tittygiannino.jimdo.com

In caso di eventuale rappresentazione contattare l'autrice

e-mail: tittyg68@gmail.comsantina.giannino@hotmail.it

cell. 3343589590


[1]    Vinedda di san Cocimu: strada piena di curve che costeggia il cimitero centrale di Messina.

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno