Pota, ma co’ le scagne

Stampa questo copione

PÖTA, MA CO’ LE SCAGNE

Di Velise Bonfante

Scena: Stazione di polizia. Ufficio persone scomparse, una panca o alcune sedie per le persone in attesa. Una ragazza, alquanto stagionata, va a denunciare la scomparsa di un  uomo.

Personaggi: -  Un poliziotto o una poliziotta

                    -  Marianna, ragazza alquanto stagionata

                    -  La madre di Marianna

                    -  Un giovanotto squattrinato, anche lui stagionato.

*****

Marianna) (Fuori scena) È permesso?

Poliziotto) Avanti.

Marianna) (Entrando) Buon giorno siòr.

Poliziotto) (Alza la testa dalle carte e la squadra burbero.) Buongiorno signorina, g’hala bisògn?

Marianna) Me sarés vignida a denuncià la scomparsa de ön òm

Poliziotto) Ah sé? (Prende un modulo) alura vedóm (si appresta a scrivere) Nome.

Marianna) Marianna.

Poliziotto) Ma nò el sò nòm, me ócor el nòm del scomparso, alura come se ciamàel?

Marianna) Giuseppe.

Poliziotto) E dopo?

Marianna) Garibaldi.

Poliziotto) (Scrivendo) Giuseppe Garibaldi. Garibaldi?

Marianna) Certo, Garibaldi, i sò amici i la ciàma isé per via dei baffi a la garibaldina.

Poliziotto) Ho capìt, alura el gh’era i bafi.

Marianna) Certo.

Poliziotto) Altri segni particolari?

Marianna) Me par mia.

Poliziotto) Ma come érel?

Marianna) Cosa entèndel?

Poliziotto) Só mia, érel grand, érel bas? Érel bèl?

Marianna)  Me l’ho semper vist en gran bèl, però la me mama la l’ha semper vist en gran bröt.

Poliziotto) La g’ha rizù signorina, la belèsa l’è töta relativa, “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”.

Marianna) Se l’è per chèl, a me ‘l me piazìa en gran tant e a la me mama el gh’é semper  piazìt en  gran póch.

Poliziotto) Alura vedom. Come èla stada? Cosa g’hal dit prim de sparì?

Marianna) El m’ha dit che l’endàa a comprà le sigarète e me no l’ho pö vist.

Poliziotto) E gàla notàt gnènt de strano?

Marianna) Certo, lü ‘l fömàa mia, e g’ho pensàt: cosa se na faràl de le sigarete!?

Poliziotto) Interessante, molto interessante e dopo?

Marianna) Ghe l’ho dit, me dopo l’ho pö vist.

Poliziotto) Ah! E de laurà che mestèr fàel?

Marianna) L’èra disocupàt.

Poliziotto) Ma prima de éser disocupàt?

Marianna) Só mia de precìs, me par el poeta. Sé, sé, el scrìia de  le poesie...

Poliziotto) Bèla profesiù... el stàa?

Marianna) Con de me e la me mama.

Poliziotto) Spuzàcc?

Marianna) Gnamò, però, lü el mia empromès che entro la fì de l’an se saresèm maridàcc. La me mama la ghìa za troàt el laurà, e siegn za dré a pensà de comprà ‘l vistìt de spùsa.

(Entra un giovanotto, alquanto stagionato e poveraccio, si siede ad aspettare il suo turno.)

Poliziotto) Staèf ensema per convivenza alura?

Marianna) No, schèrzel, per convenienza. Perchè lü ‘l ghe nia gna ü.

La madre) (Entra facendo roteare l’ombrello minacciosa) Finalmente te sèt decisa a vègner a denunciàl chèl disgraziàt.

Marianna) Sé, sé mama. Só vignida a denuncià la sò scomparsa.

La madre) E ghet denunciàt apó la scomparsa dei sólcc? E la scomparsa de l’argenteria? Ghé l’ét dit a la polizia?

Marianna) Come te sét semper venale! Chèle lé, j-è stüpidade mama.

La madre) Stüpidade en corno. Le palanche cara mia...

Poliziotto) (Interrompendo) Alura siure, stóm mia a pèrder temp. Per l’argenteria e i sólcc bisognà ‘ndà en de ön alter ufficio. Ché se denuncia apena le persone scomparse. Alura, dizìm come che l’éra stó Giuseppe Garibaldi.

Marianna) L’èra en gran bèl òm.

La madre) L’èra en gran bröt òm.

Marianna) De bèla presènza, en grànd elegante.

La madre) En gran strasù.

Marianna) Simpatìch.

La madre) Malmustùs.

Marianna) Entelligente.

La madre) Sémo. E apó cretino.

Marianna) Distinto.

La madre) Maledücàt.

Marianna) Coi caèi lónch e bióncc.

La madre) Coi caèi lónch e óncc.

Marianna) ‘N eroe.

La madre) En delinquènt.

Marianna) En poeta.

La madre) En làder.

Poliziotto) (Al pubblico) El sarà dificìl catàl giü isé.

Marianna) L’era come l’eroe dei due mondi.

La madre) Certo, du mondi, chèl de föra e chèl de dènt de la galera!

Marianna) El me sculte, l’èra en grand bu...

La madre) Per i cài.

Marianna)  Affettuoso, gentile...

La madre) (Alla figlia) Come fét a dì isé Marianna, se l’ho vist me che ‘l te menàa, e mia na ólta apena.

Marianna) Mama, chèl l’era en segno de afeto.

La madre) (Zittendola, al poliziotto) Vardì, sirchì de catàl e de catà suratöt la me argenteria che l’è en ricordo de famèa. (Alla figlia) E  guai a te se te me pòrtet a casa amó en pelabròch compagn, (al poliziotto) ades vó a véder se cate na sò fotografia.

Poliziotto) Chèl l’è l’ünich modo per troàl siura, perchè de le vòse descriziù me g’ho capìt pròpe en beèl gnènt. (A Marianna) Èntant la firme ché signorina.

(La madre esce, il poliziotto continua a scrivere, Marianna firma e quando fa per uscire le  si avvicina il giovanotto.)

Giovanotto) La me scüse signorina.

Marianna) (Civettuola) Sé?

Giovanotto) Visto che l’è restada de sula, pòde compangala a casa?

Marianna) Ma nò, el se distürbe mia che fó du pass. La me mama la völ mia che ‘ndaghe en machina co’ i sconosciuti.

Giovanotto) Me la machina ghe l’ho mia e isé l’acompagne olentéra a pè. Me presente isé dopo saró  pö ‘n sconosciuto (porgendole la mano) Piacere Giuseppe Verdi, sala, j-è i amici che me ciama Verdi.

Marianna) Perchè ghe piàs la müsica? (Stringendosi la mano a lungo e guardandosi negli occhi)

Giovanotto) No, perchè só semper al verd. Me fó ‘l pitur, pitüre i quàder. Le la sa signorina che có l’arte.

Marianna) El só, el só, se ‘n fa mia tacc de sólcc. Piacere, me só  Marianna.

Giovanotto) Vèdela signorina, adès noàlter se conosóm e isé la sò mama la garà pö gnènt de dì se l’acompagne a casa.

Marianna) Certo, ma lü la conòsel la me mama?

Giovanotto) G’ho mai vit el piazer, ma de sicür la sarà na fómna simpatica, entelligente.

Marianna) (Civettuola) Sal che fóm? Za che ‘l me compagna a casa, perché no se fèrmel apó a séna, isé ‘l conosarà la mé mama.

Giovanotto) La me par na grand bèla idea.

La madre) (Rientrando con una foto e porgendola al Poliziotto) Eco, el tègne.

Marianna) (Alla madre) Mama, varda che te presente el siór Giuseppe Verdi, el ghe tignìa isé tant a cunusìt che me l’arés envidàt a séna.

La madre) Giuseppe Verdi? Ghe piàs la müsica?

Marianna) Ma nò mama, l’è ‘n pitùr, el pütüra i quàder, j-è j amici che i la ciama isé perchè l’è semper al verd. T’el sét, gli artisti...

La madre) El só, el só, eccome se ‘só. Isé... e te... e lü. ( lo allontana minacciandolo con l’ombrello) El nàghe, el nàghe pör caro el me zuinòt, perchè stasera ghe n’è mia de séne en bal.

(Il giovanotto si allontana impermalito e va dal poliziotto a  parlare.)

La madre) (Alla figlia, prendendola sottobraccio, avanza di un passo) Cosa g’hét Marianna, la calamita per töcc i pelabróch, vèt a catài föra töcc te col lantirnì.

Marianna) Mama, t’el sét che me vöi mia restà pöta!

La madre) Marianna sculta, còsa gh’è se te rèstet pöta, (contando sulle dita) sóm za restade sensa or, sensa sólcc, sensa pelicia, biancheria,  quàder, soprammobji, argenteria... en dé o l’alter, se te vét aànti isé cara la me Marianna, restaróm apó senza la mobìlia, ma prima che i me porte vià la scagna de söta el cül... cara la me tùsa, el sét che te dìze?! Da adès en pòi en casa nóstra vé pö a séna nisü!

Marianna) (Pestando i piedi capricciosa) E se rèste pöta mama? J-àgn i pàsa.

La madre) Te restaré pöta, ma ghé resterà almén le scagne de sintàss zó.

ZITELLA,  MA   CON LE SEDIE

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Stazione di polizia. Ufficio persone scomparse, una panca o alcune sedie per le persone in attesa. Una ragazza, alquanto stagionata, va a denunciare la scomparsa di un  uomo.

Personaggi: -  Un poliziotto o una poliziotta

                    -  Marianna, ragazza alquanto stagionata

                    -  La madre di Marianna

                    -  Un giovanotto squattrinato, anche lui stagionato.

*****

Marianna) (Fuori scena) È permesso?

Poliziotto) Avanti.

Marianna) (Entrando) Buon giorno signore.

Poliziotto) (Alza la testa dalle carte e la squadra burbero.) Buongiorno signorina, ha bisogno?

Marianna) Io sarei venuta a denunciare la scomparsa di un uomo.

Poliziotto) Ah sì? (Prende un modulo) allora vediamo (si appresta a scrivere) Nome.

Marianna) Marianna.

Poliziotto) Ma no, il suo nome, mi serve il nome dello scomparso, allora come si chiamava?

Marianna) Giuseppe.

Poliziotto) E dopo?

Marianna) Garibaldi.

Poliziotto) (Scrivendo) Giuseppe Garibaldi. Garibaldi?

Marianna) Certo, Garibaldi, i suoi amici lo chiamavano così per via dei baffi alla garibaldina.

Poliziotto) Ho capito, allora aveva i baffi.

Marianna) Certo.

Poliziotto) Altri segni particolari?

Marianna) Non mi sembra.

Poliziotto) Ma com’era?

Marianna) Cosa intende?

Poliziotto) Non so, era grande, era basso, era bello?

Marianna)  Io l’ho sempre visto un gran bello, però la mia mamma l’ha sempre visto un gran brutto.

Poliziotto) Ha ragione signorina, la bellezza è tutta relativa, “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”.

Marianna) Se è per quello a me piaceva un gran tanto e alla mia mamma è sempre piaciuto un gran poco.

Poliziotto) Allora vediamo. Com’è stata? Cosa le ha detto prima di sparire.

Marianna) Mi ha detto che andava a comprare le sigarette ed io non l’ho più visto.

Poliziotto) E non ha notato niente di strano?

Marianna) Certo, lui non fumava ed io ho pensato: cosa se ne farà delle sigarette?!

Poliziotto) Interessante, molto interessante e dopo?

Marianna) Gli e lo ho detto, io dopo non l’ho più visto.

Poliziotto) Ah! E di lavoro che mestiere faceva?

Marianna) Era disoccupato.

Poliziotto) Ma prima di essere disoccupato?

Marianna) Non so bene di preciso, mi pare il poeta. Sì, sì, scriveva le poesie...

Poliziotto) Bella professione... e stava?

Marianna) Con me e la me mamma.

Poliziotto) Sposati?

Marianna) Per ora no, però, lui mi aveva promesso che entro la fine dell’anno ci saremmo sposati. La mia mamma gli aveva già trovato un lavoro e stavamo già pensando di comperare il vestito da sposa.

 (Entra un giovanotto, alquanto stagionato e poveraccio, si siede ad aspettare il suo turno.)

Poliziotto) Stavate insieme per convivenza allora?

Marianna) No, scherza! per convenienza. Perché lui non ne aveva nemmeno uno

La madre) (Entra facendo roteare l’ombrello minacciosa) Finalmente ti sei decisa a venire a denunciare quel disgraziato.

Marianna) Sì, sì mamma. Sono venuta a denunciare la sua scomparsa.

La madre) E hai denunciato anche la scomparsa dei soldi? E la scomparsa dell’argenteria? Gli e lo hai detto alla polizia?

Marianna) Ma come sei sempre venale! Quelle sono stupidate mamma.

La madre) Stupidate un corno. Le palanche cara mia...

Poliziotto) (Interrompendo) Allora signore, non stiamo a perdere tempo. Per l’argenteria e i soldi bisogna andare in un altro ufficio. Qui si denunciano solamente le persone scomparse. Allora, ditemi com’era questo Giuseppe Garibaldi.

Marianna) Era un gran bell’uomo.

La madre) Era un gran brutto uomo.

Marianna) Di bella presenza, molto elegante.

La madre) Un gran straccione.

Marianna) Simpatico.

La madre) Malmostoso.

Marianna) Intelligente.

La madre) Scemo e anche cretino.

Marianna) Distinto.

La madre) Maleducato

Marianna) Con i capelli lunghi e biondi.

La madre) Con i capelli lunghi e unti.

Marianna) Un eroe.

La madre) Un delinquente.

Marianna) Un poeta.

La madre) Un ladro.

Poliziotto) (Al pubblico) Sarà difficile trovarlo uno così.

Marianna) Era come l’eroe dei due mondi.

La madre) Certo, due mondi, quello fuori e quello dentro la galera!

Marianna) Mi ascolti, era un gran buono...

La madre) Per i calli.

Marianna)  Affettuoso, gentile...

La madre) (Alla figlia) Come fai a dire così Marianna, se l’ho visto io che ti menava, e non una volta sola.

Marianna) Mamma, quello era un segno d’affetto.

La madre) (Zittendola, al poliziotto) Guardate, cercate di trovarlo e soprattutto di trovare la mia argenteria che è un ricordo di famiglia. (Alla figlia) E  guai a te se mi porti a casa ancora un pelabrocco simile, (al poliziotto) ora vado a vedere se trovo una sua fotografia.

Poliziotto) Quello è l’unico modo per trovarlo signora, perché dalle vostre descrizioni io non ho capito proprio un bel niente. (A Marianna) nel frattempo fimi qui signorina.

(La madre esce, il poliziotto continua a scrivere, Marianna firma e quando fa per uscire le  si avvicina il giovanotto.)

Giovanotto) Mi scusi signorina.

Marianna) (Civettuola) Sì?

Giovanotto) Visto che è rimasta da sola, posso accompagnarla a casa?

Marianna) Ma no, non si disturbi che faccio due passi. La mia mamma non vuole che vada in macchina con degli sconosciuti.

Giovanotto) Io la macchina non ce l’ho così l’accompagno volentieri a piedi. Mi presento, così dopo non sarò più uno sconosciuto (porgendole la mano) Piacere Giuseppe Verdi, sa sono gli amici che mi chiamano Verdi.

Marianna) Perché le piace la musica? (Stringendosi la mano a lungo e guardandosi negli occhi.)

Giovanotto) No, perché sono sempre al verde. Io faccio il pittore, pitturo i quadri. Lei lo sa signorina che con l’arte.

Marianna) Lo so, lo so, non se ne fanno tanti di soldi. Piacere, io sono Marianna.

Giovanotto) Vede signorina, ora noi ci conosciamo e così la sua mamma non avrà più niente da ridire se la riaccompagno a casa.

Marianna) Certo, ma lei conosce la mia mamma?

Giovanotto) Non ho mai avuto il piacere ma di sicuro sarà una donna simpatica, intelligente.

Marianna) (Civettuola) Sa che possiamo fare? Già che mi accompagna a casa perché non si ferma anche a cena, così conoscerà la mia mamma.

Giovanotto) Mi sembra una gran bella idea.

La madre) (Rientrando con una foto e porgendola al Poliziotto) Ecco, tenga.

Marianna) (Alla madre) Mamma, guarda che ti presento il signor Giuseppe Verdi, ci teneva così tanto a conoscerti che io l’avrei invitato a cena.

La madre) Giuseppe Verdi? Le piace la musica?

Marianna) Ma no mamma, è un pittore, pittura i quadri, sono gli amici che lo chiamo così perché è sempre al verde. Lo sai che gli artisti...

La madre) Lo so, lo so, eccome se lo so. Così ... e tu ... e lui ( lo allontana minacciandolo con l’ombrello) Vada, se ne vada pure caro il mio giovanotto perché stasera non ce ne sono di cene in ballo.

(Il giovanotto si allontana impermalito e va dal poliziotto a  parlare.)

La madre) (Alla figlia, prendendola sottobraccio, avanza di un passo) Cosa hai Marianna, la calamita per tutti i pelabrocchi, vai a cercarli col lanternino?

Marianna) Mamma, ma lo sai che io non voglio restare zitella.

La madre) Marianna senti, cosa c’è se rimani zitella, (contando sulle dita) siamo già rimaste senza ori, senza soldi, senza pelliccia, biancheria, quadri, soprammobili, argenteria... un giorno o l’altro, se vai avanti così cara la mia Marianna, resteremo anche senza mobili, ma prima che mi portino via la sedia da sotto il sedere... cara la mia ragazza, sai cosa ti dico? Da ora in poi a casa nostra non viene più dentro nessuno.

Marianna) (Pestando i piedi capricciosa.) E se resto zitella mamma? Gli anni passano.

La madre) Tu resterai zitella ma ci resteranno almeno le sedie da sederci.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno