Potrei sposarmi (male che vada divorzio)

Stampa questo copione

Potrei sposarmi (Male che vada divorzio)

PÖDARES SPUSÁM (AL MASSIMO DIVORZIO)

COMMEDIA IN TRE ATTI DI PAOLO BIANCHI

PERSONAGGI E INTERPRETI:

Rudy (Pami): sposo

Sandy ( Cami): sposa

Assunta: mamma di Rudy

Carletto: papà della sposa

Avv. Francesco: amico di famiglia

Antonio: amico di Rudy

Luisa: moglie di Antonio

Serena: amica di Sandy

Dott.ssa De Nervi: psicologa


Potrei sposarmi (Male che vada divorzio) (1999)

La prima opera, qui allegata in formato PDF, racconta di un matrimonio partito male e finito peggio. È uno spaccato su una società dove sempre più le apparenze prevalgono sulla sostanza. Il primo atto è preparatorio ad un matrimonio nato, più che dall’amore, da calcoli economici e dalla paura della solitudine. Nel secondo atto si inscena la vita matrimoniale con i primi screzi e le prime incomprensioni. Il terzo atto, anticipato da un prologo mimico dove si manifestano le difficoltà della coppia, racconta della fine del matrimonio con le conseguenti miserie della spartizione dei beni comuni. Alla fine l’attenzione, più che sul figlio nato da poco, è accentrata sugli egoismi e le aspirazioni degli sposi. Questa, in estrema sintesi, la storia della commedia che, pur costellata di momenti di ilarità, vuole essere un momento di riflessione sui nostri tempi. Questo, del resto, penso sia il compito principale del teatro.

La commedia è pensata in dialetto e tradotta in italiano in maniera molto letterale per poter comparare meglio le due versioni. Poco si presta quindi ad una recitazione in italiano salvo sostanziali interventi sul testo. Ritengo, invece, che ben si adatti ad una ritraduzione nei vari dialetti locali. Per eventuali informazioni sarò lieto di mettermi a disposizione di chi lo richieda.

Paolo Bianchi

Via Europa, 2

25070 Ponte Caffaro (BS)

Tel. 0365 990000

Cel. 3494031214

E-Mail  paolo.bianchi49@tiscali.it


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Assunta: (Rigoverna la casa... fazzoletto in testa annodato davanti... bussanoalla porta) Avanti!

Carletto: Ciao Assunta... sit che sula? Ghela mia la me fiöla?

Assunta: Ie na töcc du a ordenà le bomboniere... i starà mia ié tat... sèntet zò 'n moment! El biet 'n beciér?

Carletto: Èe alà... a madona che pestöm con chela spusa... ié du mis che ghe 'n bal preparativi... i ga tegnì i se tat gna Carlo e Diana...

Assunta: Le chel che go det a me... érela mia bela na cerimonia intima?... nvece i parla de dusent invitati!

Carletto: (si mette le mani nei capelli) I garà mia ntensiù da vegnì a teràm le tasche a noatre per pagà 'l pranzo?

Assunta: Da chel che ho capì se eh!... E po völarés proprio saì perché 'l me fiol 'l se spusa... quando l'è a la me chè 'l trato semper come 'n principe... töte le domà la so resömada ndel let con du öf e 'l piatì de bascotì... a dösnà e sina 'l me ùrdena 'l menù come al albergo... ghe manca gnent... me capéso mia

Carletto: Eh Assunta... om völì casàc tre 'l nas töcc... te pöde mia faghen na colpa... certo che le comodità che 'l troa a chè cola so mare, cola me fiöla el se ie nsomia... la ghe le darà èla la resömada ... se gaès mia da fai me 'n po de mestèr a chè, te pödareset ciurà fo col badil...

ma te edarè che col tep la 'mpara!

Assunta: Sperom... i pense mia che naghe a fac la serva perché i se sbaglia! Certo che gnaca isè l'era mia tat bel no...

'n po che cola to fiöla... nel pecato... quando 'l völìa caàs la fam o 'l völìa sta sul 'l vegnìa fo da me.

Carletto: Tèe Assunta... adés me e te restom sui solenti...

pödarésem mia metìs 'nsema a noatre? Fom 'na cerimonia

sula... se le vira che me tocarà pagà 'l pranzo, almeno

'l pagòm per vargota... se proprio proprio pödom sta nel

pecato a noatre...


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Assunta: (Rigoverna la casa... fazzoletto in testa annodato davanti... bussano alla porta) Avanti!

Carletto: Ciao Assunta... sei qui sola? Non c’è mia figlia?

Assunta: Sono andati tutti e due a scegliere le bomboniere, saranno in arrivo...siediti un momento. Bevi un bicchiere?

Carletto: Va bene! Che caos questo matrimonio; da due mesi sono in ballo con i preparativi... Hanno fatto più in fretta Carlo e Diana!

Assunta: È quello che ripeto anch’io! Non sarebbe stata bella una cerimonia intima? Invece no: si parla di duecento invitati!

Carletto: (si mette le mani nei capelli) Non avranno intenzione, per pagare il pranzo, di tirare le tasche a noi?

Assunta: Se ho ben capito credo proprio di sì. E vorrei anche sapere perché mio figlio si sposa! A casa sua è trattato come un principe... tutte le mattine lo zabaione con due uova e un piattino di biscotti a letto... a pranzo e cena ordina il menù come al ristorante... non gli manca niente... io proprio non capisco!

Carletto: Eh Assunta, abbiamo voluto provere tutti, nonpuoi fargliene una colpa. Di sicuro le comodità che trova con sua madre, con mia figlia se le sogna, glielo darà lei lo zabaione! Se in casa non ci fossi io a fare le pulizie, si potrebbe rigovernare col badile... ma vedrai che con il tempo imparerà anche lei.

Assunta: Speriamo: se pensano che farò loro la serva si sbagliano! Certo che neanche questa era una bella situazione: un po’ stava con tua figlia, nel peccato... quando voleva togliersi la fame o restare da solo veniva da me.

Carletto: Assunta, adesso noi due restiamo soli soletti... non potremmo metterci insieme? Così facciamo una cerimonia sola. Visto che ci toccherà pagare il pranzo, almeno lo paghiamo per un buon motivo. Se proprio non ti va bene, potremmo vivere nel peccato anche noi.


Assunta: Te fala gula a ca te la resömada ndel let?

Carletto: Mia apèna che1a no... nel vegni vècc te ve stragno a resta sui... e po te si amo na fomla che fa girà 'l co

Assunta: Alà salàm... gom mia pö l'età per fa stöpedade... farésem sgregnà töcc... (Si sente parlottare fuori scena).. i rìa

Scena seconda

(Rudy e Sandy entrano gesticolando... vedono i genitori e li salutano)

Carletto: Che ghif po da megnolà amò prima de spusàf?... se tachì za adés... che sa dopo!

Rudy:             La to fiöla l'è granda ndel co... l'è dre a fam vegnì mat con chele bomboniere... (Rivolto a Sandy)... Ére1e mia bèle che1e da 3 €?

Sandy:  Stom mia le a petocà... po iéra precise a chèle de Gisela

che la se spusada 'n mis fa... i ga sgregna dre töcc...

Rudy:               Alura töle da 15 €... 3000 € de bomboniere... tri mis de

laorà!

Sandy:            Le se paga... sta mia pensà mal che le se paga!

Assunta: Gòe da fa 'l cafè?... Su vegnida a fa 'n po de mestér perché la paria na stala... se gaès da vegnì vergiù a troàf!

Sandy:            I le sa che l'è 'n periodo che sum ciapà... go na vita davanti per fa i mestér!

Carletto: Me sere vegnì a dit che ghe stada zö la sartura per

pröat 'l vestì...

Sandy:            Basta che la ghen naghe fo... la me corarà dre söl altar col vestì 'n bras!

Rudy:               Se te me scultàe me tel tödie za bèla fat 'l vestì... 'n

bel taiörino semplice semplice... te saréset stada benone e po te pödie dorvàl a dopo...

Sandy:  Se se spusa na olta sula... le robe besögna fale come Dio comanda... sarò mia la pö strasuna me?


Rudy:           E va bè!


Assunta:  Fa gola anche a te lo zabaione a letto?

Carletto: Non solo quello: col passare degli anni la solitudine ti fa venire la malinconia e, dopotutto, sei una donna che fa sempre girare la testa.

Assunta: Dai, salame… non abbiamo più l’età per le stupidaggini, faremmo ridere tutti (Si sente parlottare fuori scena)... arrivano

Scena seconda

(Rudy e Sandy entrano gesticolando... vedono i genitori e li salutano)

Carletto: Che c’è da brontolare ancor prima di sposarvi? Se incominciate già adesso, chissà col tempo!

Rudy:               Tua figlia ha le manie di grandezza, mi fa diventar

matto con le bomboniere. (Rivolto a Sandy) Non erano belle quelle da tre euro?

Sandy:            Non facciamo i pidocchiosi! Inoltre erano uguali a

quelle di Gisella, che si è sposata un mese fa: ha fatto ridere tutti!

Rudy:            E allora comprale da 15 €, 3000€ di bomboniere, tre mesi

di lavoro!

Sandy:   Vedrai che si pagano, non preoccuparti: si pagano!

Assunta: Devo fare il caffè? Sono venuta a fare un po’ di pulizie perché sembrava di essere in una stalla... se per caso dovesse venire qualcuno a trovarvi!

Sandy:   Lo sanno che in questo periodo siamo impegnati. Ho una vita davanti per fare le pulizie!

Carletto: Io sono venuto per dirti che a casa è arrivata la sarta per provarti il vestito.

Sandy:   Basta che si svegli... finirà per rincorrermi sull’altare col vestito sul braccio!

Rudy:              Se mi avessi ascoltato, il vestito lo comperavi già fatto, un bel tailleurino semplice semplice... saresti stata benissimo e l’avresti usato anche dopo...

Sandy:   Ci si sposa una volta sola. Le cose bisogna farle bene...

non sarò certo io la più stracciona!


Rudy:             E va bene!


Assunta: Se ocòr pö gnent me vo a chè ... egnarò pö tardi a fregà

i vetri... ciao...

Carletto: Vegno a me...(rivolto alla figlia)... T'è capì da na zö dala sartura!

Sandy:            Ho capì!

Rudy:               (mentre stanno per uscire) Mama... t'è mia fat 'l risot coifunc no per caso?

Assunta: Per caso l'ho mia fat... perché se no 'l sarès za lunc

... però tel prepararò dai!

Rudy:    Se vansa i func... magari a 'n piatì de spezatino... con du cocià de poré che tel fe i se bu... mia tàta roba no

... ghe n'ho na patata da mangià panini... i me ve fo dai öcc...

Assunta: Ve zö che argota trarò nsema... ( alza gli occhi al cielo) ... me tocarà fac da mangià fin che möro... (si salutano

ed escono)

Scena terza

Sandy:          Scultem, Pami, 1'è mei metì le robe 'n ciar proma de spusas... la to màre, la sarà a na buna fomla, però la ga da sta a la so chè... soporto mia che la sìes semper che a resedorà... la scoriusa da per töt... 'l va a fenì che nom a begà per colpa so.


Rudy:


Te ghè rasù, Cami, però te ghè aca de capìla: a chè ghe su apena me... adès che vo lè la resta le sula e la sa pö che fa.


Sandy:    Chei le ié afari so... noatre gom da pensà ala nosa de famia... a proposet... ciapa 'n ma la lista dei invitati che ardom se manca vergiù.

Rudy:

Madona

che lista...Arda

da

mia tacàghen

amò... de che a

'n po'

me tocarà portai

'n

de 'n stadio

a mangià ( Rudy

prende un quaderno e lo sfoglia lentamente) Òo l'è quasi

pieno '1 quaderno... quate

pagine èle po?

Sandy:              Le sarà vint... ie po des per pagina!... Da che... alura chèsto '1 ghe... che sto 'l ghe... madona (si batte lamano sulla fronte)... om mìa nvedà Marcello, l'impresario


Assunta: Se non occorre altro, io vado a casa... verrò più tardi a lavare i vetri... ciao

Carletto: Vengo anch’io. (rivolto alla figlia) Ricordati di andare dalla sarta.

Sandy:            Mi ricordo!

Rudy:              (Mentre stanno per uscire) Mamma, per caso non haicucinato il risotto coi funghi?

Assunta: Per caso non l’ho cucinato, altrimenti sarebbe stracotto:

però te lo farò, dai vieni!

Rudy:              Se avanzassero un po’ di funghi, magari potresti preparare un piattino di spezzatino e due cucchiai di purè che ti viene così bene: poca roba eh!... Sono stufo di mangiare panini: mi escono dagli occhi!

Assunta:  Vieni a casa che qualcosa farò... ( alza gli occhi al cielo) sarò condannata a fargli da mangiare fin chemuoio... (si salutano ed escono)

Scena terza

Sandy:           Ascoltami, Pami, è meglio chiarire le cose prima di sposarsi: tua madre sarà anche una brava donna, però deve stare a casa sua. Non sopporto che sia sempre qui a metter becco, a curiosare ovunque... finiremo col litigare a causa sua.

Rudy:              Hai ragione, Cami, però puoi capirla: a casa ci sono solo io... adesso che me ne vado resta da sola e non sa più che fare.

Sandy:   Quelli sono affari suoi, noi dobbiamo pensare alla nostra famiglia. A proposito, prendi la lista degli invitati e guardiamo se manca qualcuno.

Rudy:               Per la miseria che lista! Guarda di non aggiungerne altri, fra un po’ dovremo portarli allo stadio per il pranzo! (Rudy prende un quaderno e lo sfoglia lentamente) ehi, il quaderno è quasi pieno... quantepagine sono?

Sandy:            Saranno venti... alla fine non sono che dieci invitati per pagina: dammi.. questo c’è.. questo c’è.. che stupidi (si batte la mano sulla fronte) non abbiamo invitato Marcello, l’impresario!


Rudy:           'L cognesòm quasi gnac…

Sandy:  Che centra po, Pami? Chel le l'è mia ü che se fa vardà dre... te edarè che la so la busta la sarà sgiùfa... mia come chèle dei to amici strasù...

Rudy:

Arda po te... ma '1 me zio Angelì fet mia proprio ciünt

de nvidàl?

Sandy:

Me dec de no...

chèl l'è amò convinto che le spuse le

siès come na

olta...

le bela bu de pensà de caàsela con

ön servisio da ses de cafè

... magari cole chichere

scompagnade...

Rudy:

Che fòe po a

dic gnent...

l'è po me zio né...

Sandy:

Dic che al pranzo ghe töta roba che ghe fa mal...

eco

... dic che ghe roba ndigesta...

Rudy:

Te sè che 'l

degerés a i os e le sano come 'n coràl!...

Sandy:

Ghe sarà argota che l'ha mai mangià...

Rudy:

Forse '1 pès

de mar...

Sandy:

Eco...

dic che '1 pranzo l'è a base de aragoste...

te

edarè che 'l

sta a chè...

Rudy:

Te ghe n'è lasio...

(bussano alla porta)

Scena quarta

Rudy:               Avanti... (entrano Antonio e la moglie Luisa)

Sandy:            Àrdei che... sérem giüsto dre a vardà la lista dei

invitati... voatre si i pröm...

Luisa:  Sum vegnì proprio a parlà de che1... völìem saì chel che

ve ocòr... da no na a tö argota che ghi za...

Antonio: Quando se sum sposà me e Luisa i m’ha regalà des servizi de perù e gaem gna i piacc da mangiac zö.

Rudy:           La me mare la ga amo des söcherére e set cògome del tè

... '1 bel che om mai beì '1 te a la me chè... la ie dorva per metìc zö i fiur sec o la dentiera!


Rudy:  Lo conosciamo appena!

Sandy:  E cosa vuol dire, Pami? Quello è un tipo brillante, vedrai che la sua busta sarà bella gonfia, non certo come quella dei tuoi amici straccioni!

Rudy:           Vedi un po’ tu! Mio zio Angelino, a proposito, non hai proprio intenzione di invitarlo?

Sandy:  Direi proprio di no! Lui è ancora convinto che i matrimoni siano come una volta, capace di pensare di potersi togliere il pensiero con un servizio di caffè, magari con sei tazzine scoordinate...

Rudy:  Come faccio a non invitarlo? Dopo tutto è mio zio!

Sandy:  Raccontagli che al pranzo ci sono piatti che gli fanno male, digli che è tutta roba indigesta!

Rudy:  Lo sai che digerisce anche i sassi ed è sano come un pesce!

Sandy: Ci sarà qualcosa che non ha mai mangiato?

Rudy:  Forse il pesce di mare...

Sandy:  Ecco, digli che il pranzo è a base di aragoste, vedrai che se ne resta a casa.

Rudy:  Te lo puoi scordare!    (bussano alla porta)

Scena quarta

Rudy:                                  Avanti... (entrano Antonio e la moglie Luisa)

Sandy:            Eccovi qui... stavamo giusto guardando la lista degli

invitati e voi siete i primi...

Luisa:        Siamo appunto venuti per parlare di questo. Volevamo sapere cosa vi occorre in modo da non comperare qualcosa che avete già.

Antonio:

Quando ci

siamo sposati

io e Luisa ci

hanno regalato

sei servizi di

forchette

e non avevamo

neanche un piatto

per mangiare.

Rudy:

Mia madre

ha ancora sei

zuccheriere e

sette teiere, e

pensare che in

casa mia non abbiamo mai bevuto il te.

Ora le usa

per

metterci i fiori secchi

o la dentiera!


Sandy:  Per me i völ fa economia e i va a fenì che i töl töcc la stesa roba che costa poc... (rivolta a Luisa) Voatre vegnìf töcc trì?

Luisa:  Madona... sum semper sta amici de famia... pensàem da faf

'n detort a mia vegnì töcc...

Sandy:    (muove gli occhi come per fare un calcolo mentale e poi...) Sére dre a pensac sö... me mancarés la televisiù... a colori... 'n po' granda perché te sè che go tre 'n stanzu che fenés pö... 28 pollici la podarés na bè...

Antonio: A pensac dre bè... 'l gnaro daràl mia fastidio? A che le feste le i destürba apena... i gusa, i cor, i ié fa töte (rivolto alla moglie) 'l pödarés restà a chè cola to màre

... la vet gna l'ura che 'l ghe faghe 'n po' de compagnia...

Luisa:  'L sarà mei...

Sandy:            Alura se 'l ve mia 'l gnaro pödì töla 'n po' pö picinina

.. mia tat né, se no 'n font ala sala se la vet gnac...

Rudy:               (imbarazzato cerca di cambiare discorso) Tée Tone, fet amò i turni o fet giornada?

Antonio:  Fo 'l dopomesdé... anzi chel de che ve spusì 'l dösarés

cambiam Stefen...

Luisa:            La fomla de Stefen èla mia 'n cumpra 'n chei dé le?

Antonio:  Vöt che sàpe me quando la cumpra la fomla de Stefen!

Luisa:    'L sarà mei che te naghe a laorà che no ghe toche partì all'improvviso e ghe sìes da fermà la central eletrica.

Antonio:  A pensac dre bè l'è 'n bel ris-cio... go edèa che te ghe

rasù...

Sandy:            Ardì da fàmel saì ala svelta perché go da prenotà 'l

ristorante...

Luisa:            Tel disaròm per tep... se ègno me da sula che gòe da regalat po?

Sandy:    (un po' risentita) Scùltem... te vè nel negozio de elettrodomestici, da Danilo... el 'l sa chel che me ocòr (bussano)


Sandy:    Per me vogliono solo risparmiare e finiscono col comperare tutti le stesse cose, di poco prezzo... (rivolta a Luisa) Voi venite tutti e tre?

Luisa:  Certo! Siamo sempre stati amici di famiglia e pensiamo di

farvi un torto a non venire tutti...

Sandy:    (muove gli occhi come per fare un calcolo mentale e poi...) Ci stavamo pensando... ci mancherebbe la televisione, a colori, un po’ grande perché la stanza è enorme... penso che un 28 pollici potrebbe andar bene.

Antonio: A pensarci bene.. non è che il bambino darà fastidio? Quando ci sono feste non fanno che disturbare.. gridano, corrono, ne combinano di tutti i colori (rivolto alla moglie).. potrebbe restare a casa con tua madre.. nonaspetta altro che le faccia compagnia!

Luisa:            Sarà meglio!

Sandy:            Beh, se non viene il bambino potete comperarla un po’ più piccola, non troppo però altrimenti in fondo alla sala non riusciamo neanche a vederla!

Rudy:     (imbarazzato cerca di cambiare discorso) Ehi, Antonio, fai sempre i turni o lavori di giorno?

Antonio:     Lavoro il pomeriggio.. anzi, il giorno che vi sposate

dovrebbe cambiarmi Stefano...

Luisa:            La moglie di Stefano non dovrebbe partorire in quel periodo?

Antonio:  Cosa ne so io di quando deve partorire la moglie di Stefano!

Luisa: Sarà meglio che tu vada a lavorare che non abbia le doglie all’improvviso e debbano fermare la centrale elettrica.

Antonio: A pensarci bene è un grosso rischio... penso che tu abbia ragione!

Sandy:    Cercate di farmi sapere qualcosa in fretta perché devo prenotare il ristorante!

Luisa:    Te lo diremo in tempo. Se vengo da sola, cos’è che devo regalarti?

Sandy:            (un po’ risentita) Ascoltami... vai nel negozio dielettrodomestici, da Danilo, lui sa cosa mi occorre! (bussano)


Scena quinta

Entra Serena... si salutano)

Rudy:               Ve mia a parlàm de cerimonie, pranzi e bomboniere perché

le me vè fo dai öcc!

Serena:        Gnà 'n ment... (rivolta a Sandy)... ghe fo la sartura che völ proàt 'l vestì... l'ha vist che te nàe mia zö te e la ga pora da mia reà a fenìl.

Sandy:            L'è 'n mis che la me tira a bale... adès la ga la mosca 'ndel ciül töt de colpo... spetì 'n moment... dösarés fa ala svelta..(esce, convenevoli fra Luisa e Serena)

Antonio: (a Rudy) Ho sentì che ta fat la cagna... me fèt vedì i noèi?

Rudy: Nom (si alza) nom a tirà 'l fià... argot che gàbe mia a che

fa cole spuse!... spèta 'n moment... (sbircia dalla tenda.

Fuori scena la voce di Sandy)

(Sandy):  Vilano... sèra chela tenda che l'è mia edöcasiù...

(rivolta alla sarta)... nom ndel'atra stanza.

Rudy:           'N sic agn le öna dele poche olte che la vedo vestida! (Da

fuori scena arriva una scarpa contro la tenda... gli amici ridono)

Serena:        (a Luisa) Arda se ghe da fedàs de chèi ceciarù de om!

Antonio:     ( a Rudy)     Nom... terèsa!

Scena sesta

Luisa:  Sit che aca te per el regàl?

Serena:        No, no... me ghe fo la büsta!

Luisa:  Fa sito che ho ciapàda na sorpresa... noatre sérem 'n tri

... go domandà chèl che ghe ocoria e la ma det na televisiù... la le völìa a granda... chela ngurda! Cosé ho deciso che narò lè me da sula... go troà la scüsa che 'l me om 'l ga da laorà... e ater...

Serena:  Ah!... L'è na bèla leènda a con chele spuse... te sè mia pö che dac nè! i fa pransoni che costa 'n öcc del cò...

e bomboniere... e inviti... e fiur... e vestì! Vöt metic tre 50€?


Luisa:          Minimo minimo se ghen völ 150 a testa...


Scena Quinta

Entra Serena... si salutano)

Rudy: Non parlarmi di cerimonie, pranzi e bomboniere perché non ne posso più!

Serena: Non ci penso neanche! (rivolta a Sandy) C’è la sarta che vuole provarti il vestito: ha visto che non sei andata a casa sua e ha paura di non riuscire a finirlo.

Sandy:  È un mese che mi fa aspettare... adesso improvvisamente ha il fuoco al culo: aspettatemi un momento, dovrei fare in fretta..(esce, convenevoli fra Luisa e Serena)

Antonio: (a Rudy) Ho sentito che la cagna ha fatto i cuccioli, me li fai vedere?

Rudy:            Andiamo (si alza) andiamo a respirare, qualcosa che non abbia a che fare con i matrimoni... Aspetta un attimo (sbircia dalla tenda. Fuori scena la voce di Sandy)

(Sandy): Villano, chiudi la tenda, maleducato!(rivolta alla sarta) andiamo nell’altra stanza!

Rudy:           In cinque anni è una delle poche volte che la vedo

vestita! (Da fuori scena arriva una scarpa contro la tenda...gli amici ridono)

Serena:(a Luisa) Guarda se ci si può fidare di quei chiacchieroni!

Antonio: (a Rudy) Dai, andiamo, impiastro!

Scena sesta

Luisa:  Sei qui anche tu per il regalo?

Serena: No,no... io gli do i soldi in busta.

Luisa:  Taci, ho avuto una sorpresa! Noi siamo in tre e le ho chiesto cosa le occorreva: m’ha detto una televisione, e la voleva grande, l’ingorda! Alla fine ho deciso che andrò da sola. Ho trovato la scusa che mio marito deve lavorare... cosa vuoi farci...

Serena: Eh, è una bella faccenda con i matrimoni! Non sai più cosa regalare. Fanno pranzi che costano un occhio della testa, e bomboniere, e inviti, e fiori, e vestiti! Vuoi offrire 50 euro?


Luisa:  Come minimo ne occorrono 150 a testa...


Serena:        Ö la madona!

Luisa:  Certo... noatre sum en tri... che fa ie 450€, quasi mes

mis de paga del me om... '1 bel che 'l laura apena èl e 'l

mis che è se spusa a la me cösina...avanti natra olta.

Serena: Se va a fenì de laorà apena per i regai.

Luisa:   Tèe... Ma perché se spusarala po la nòsa amica?... Dopo sic agn che ie 'nsema le come se i födès spusà!

Serena: L'ho pensada a me!...

nde la se confidada...

"Adès go

'n'età

-la ma

det

- che

besögna sta sö cole rècie

... i om

i ghe cor

dre

ala

carne

fresca...

co

le

morte

de fam che

ghe

'n

giro 'n bel de i

ne troa 'n atra

e

chi

s'è

visto

s'è

visto

...

va a

troal

te, dopo, 'n

ater

salam che boca"

Luisa:  Alura te dise che la se spusa mia per amur... la se spusa

per convenienza...

Serena:        Gàet dei dubi?... pensa che la m 'ha det... "Pödarés spusàm ... al masimo divorzio... i fa i se a i atre!"

Luisa:           Per l'amur de Dio... se la part i se le a posto al so om

... por diaol!... cambiando discorso... l' èt vist te'l vestì?

Serena:        Se eh... ah le bel... bianc come e1 lat!

Luisa:           Me so mia no... al de de nciö i ghe da pö significato a

gnent... na olta el vestì bianc besögnàa meretàsel...

adès le le porta töte... bune o strase che le sìes...

Serena:        E 'l to che colur erel po?

Luisa:           Madona... bianco sporco... pana nom... mia bianc bianc no!

Serena:        Ah birichina... alura te sére mia tat a posto...

Luisa:           Sta mia fam di proprio töt töt... e 'l to?

Serena:        'L me l'era a boi... a macie dai...

Luisa:           E che voliel di po?

Serena:  Qualche olta se... qualche olta no... (ridono

maliziosamente)

(


Scena settima


Serena: Non dirai sul serio!

Luisa:  Direi... noi siamo in tre e quindi sono 450 €, quasi metà stipendio di mio marito... il fatto è che lavora solo lui e il mese prossimo si sposerà anche mia cugina, e siamo daccapo

Serena: Si finisce col lavorare appena per i regali!

Luisa:  Ascolta... perché si sposerà, la nostra amica? Dopo cinque anni di convivenza è come se fossero sposati!

Serena: L’ho pensato anch’io! Però un giorno si è confidata: “Adesso ho un’età- mi ha detto- in cui bisogna stare all’erta. Gli uomini preferiscono la carne fresca e, con tutte le affamate in circolazione, un bel giorno ne trovano un’altra e chi s’è visto s’è visto. Prova a trovarne un altro, dopo, un salame che abbocca!”

Luisa:  Allora pensi che non si sposi per amore, ma si sposi per

convenienza...

Serena: Avevi dei dubbi? Pensa che mi ha detto: “ Potrei sposarmi, male che vada divorzio... fanno così anche gli altri!”

Luisa: Per l’amor di Dio! Se parte così sta fresco suo marito,

poveretto! Cambiamo discorso: hai visto il vestito?

Serena: Certo... è bello... bianco come il latte!

Luisa: Io proprio non lo so, oggi non si dà più significato a niente. Un tempo il vestito bianco bisognava meritarselo, adesso lo mettono tutte, integre o usate che siano!

Serena: E il tuo di che colore era?

Luisa:  Come posso dirti.. bianco sporco.. panna, dai... non bianco completamente!

Serena: Birichina, vuol dire che non eri completamente a posto!

Luisa:  Non farmi dire proprio tutto, tutto... e il tuo?

Serena: Il mio era a pois, a macchie, se vuoi...

Luisa:  E cosa voleva significare?

Serena:  Qualche volta si, qualche volta no! (ridono maliziosamente)


Scena settima


Bussano etc ... entra l'avv. Francesco)

Avv:            Ndei i spus?

Luisa:  Sandy l'è dre a pröàs el vestì e Rudy l’è na a vardà i ca

col me om...

Avv:                  Sére vegnì a vardà chel che 'l fa ciünt da fa cola festa per ‘l adio al celibato!

Luisa:    Sif gnamò stöf de feste? Töte le ocasiù ie bune per fa baldoria!

Avv:                  Se se ghe da mia na ma a 'n amico a mandà zö 'n bocù amar nel momento del bisogno... che ocòrei a fa i amici?

Serena:   Trebolì mia a dac chele ma le nè? 'L me l'ho metì söl atenti sübet: “basta feste o te vè 'n bianco... 'n bianco” go det!... 'L sta fina mai atento a mia restà senza sigarete perché, pötost de na fo 'l fa senza fömà

... se no el le sa che 'l salta (fa il cenno con la mano)

Luisa:          Àe tentà a me de mandal 'n bianco, ma go mia caratere...

cedo sübet! (Entrano Rudy e Antonio)

Avv:               Ardei che!

Antonio:  Sum na a vardà i ca...


Rudy:


(rivolto ad Antonio) Dighel che cà!... Se i vè sö come la so mare go le 'n capetal!


Avv:


Cominciòmla mia cola càsa... adès l'è mia 'l moment.


Rudy:   Te öle mia che se parle de càsa perché te 'na cagna come

la me te te la nsomie aca de not...

Avv:            El taca a sbrofà!

Rudy:              'L set che 'n de sö 'n de na coturna le stada 'n ferma 40 menücc?... Ho fenìde ses sigarete pröma de trac e po? L'ei data zö dre a le corne, pensàe de troàla gna pö...

Avv:            Chei che dacc zö... 'l ca o la coturna?

Rudy:           Te respondo gnac... la to l'è töta invidia... nfati spèta

e spèta e la cagna la ve pö... su na 'n machina e ho

spetà amo 'n po... ale tante me su deciso a partì...

pensàe proprio che la födès morta...


(Bussano etc ... entra l'avv. Francesco)

Avv:        Dove sono gli sposi?

Luisa:  Sandy si sta provando il vestito e Rudy è andato a vedere i cuccioli con mio marito.

Avv:            Ero venuto a vedere cos’hanno intenzione di fare per

l’addio al celibato...

Luisa:    Non siete ancora stufi di feste? Tutte le occasioni sono buone per far baldoria!

Avv:                  Se non si aiutano gli amici a digerire un boccone amaro nel momento del bisogno, a cosa servono gli amici?

Serena: Non fate certo fatica ad aiutarli in quelle occasioni: Io mio marito l’ho messo subito in guardia:”basta feste o vai in bianco... in bianco” gli ho ripetuto. Controlla perfino che non gli manchino le sigarette perché, piuttosto di uscire, fa senza fumare. Altrimenti lo sa che salta (fa un esplicito cenno con la mano)

Luisa:             Avevo tentato anch’io di mandarlo in bianco, ma non ho carattere, cedo subito! (Entrano Rudy e Antonio)

Avv:               Eccovi qui!

Antonio: Siamo andati a vedere i cuccioli.

Rudy:              (rivolto ad Antonio, orgoglioso) Raccontagli che cani! Secrescono come la madre, mi ritrovo con un capitale!

Avv:               Non incominciamo con la caccia, non è il momento!

Rudy:              Tu non vuoi che si parli di caccia perché una cagna come la mia te la sogni!

Avv:               Incomincia lo sbruffone!

Rudy:           Lo sai che un giorno su una coturnice è rimasta in ferma 40 minuti?... Ho fumato sei sigarette prima di sparare e poi è caduta dalle rocce, pensavo di non trovarla più!

Avv:               Chi è caduto, il cane o la coturnice?

Rudy:           Non ti rispondo nemmeno, tu sei solo invidioso. Aspetta e aspetta, il cane non arriva; sono salito in macchina ed ho aspettato ancora un po’. Alla fine sono partito, pensavo proprio che fosse morta...


Serena:        La cagna o la coturna?

Rudy:               Tàchet a te? Parlì de uncineto che l'è mei!... (torna aparlare con gli amici) me vegnia da pianser..tritornanti... vardo nel specietì... vedòe mia 'l ca che ria cola coturna 'n boca? 'L'era amo viva!

Antonio:  Se la te corìa dre per forsa l'era amo viva!

Rudy:

La

coturna, salam... la me l 'ha portada amo viva!

Avv:

Come se ciàmela la to cagna?

Rudy:

Tromba!

Avv:

Eco... l'è el nom giüsto... Arda... me völìe mia parlàn

... ma visto che me sensighì ve ciünto chel che l'ha fat

'l

me cà st'autuno.

Serena:

Ghe reìf a fenìla la storia prima della spusa o la fenif

'n

ciesa?

Avv:

Che

bröta boca...

scultomla mia e ater...

Su na 'n del

Ösa 'n machina...

set le de dre a la casa de Gigi?...

gàe mia ntensiù da na a càsa no...

völie sgambà 'n po'

'l

ca...

salto zö dala machina e 'l ca l'è 'n ferma...

amo söl sedil...

l'ho tirà zö 'n bras stec stechento...

Antonio: Chet fat po a tiral fo dala portiera... l'è a gros?

Avv:

L'ho piegà

o no...

stupet!...

L'ho lagà

le dre a l'ur

della vié

... su

na a che 'n machina a tö

'l

sc-iop...

sarò sta è 'na mez'ura...

turno 'n dre

e

'l

ca l'era amo

le...

ale

tante

è partida

na becacia e

l'ho

copada

Tutti:  Bum! (l'avv. fa un gesto di stizza)

Serena:   Ades ve la ciünto me giöna... la me nona l'è ses agn che l'è nferma... semper söla carosina! (i cacciatori fanno un

gesto di stizza per zittirla)

Antonio: A chel punto che me obleghì a ciüntaf chel che me capetà a me... 'l cognesif chel viasadur del formai che ve töte le setemane? Eco chel le 'l sarà du agn che 'l me prega da vendic 'l me ca... chel le l'è giù che se ne ntent..


Serena:   Il cane o la coturnice?

Rudy:           Incominci anche tu? É meglio che parliate di uncinetto! (torna a parlare con gli amici) Mi veniva da piangere: Faccio tre tornanti, guardo nello specchietto e non vedo il cane che arriva con la coturnice in bocca? Era ancora viva!

Antonio:     Se ti rincorreva, per forza era ancor a viva!

Rudy:         La coturnice, salame... me l’ha portata ancora viva!

Avv:            Come si chiama la tua cagna?

Rudy:            Tromba!

Avv:              Ecco, è il nome giusto! Guardate, io non avrei voluto parlarne ma, visto che mi stuzzicate, vi racconto cosa ha fatto il mio cane lo scorso autunno.

Serena: Riuscite a finire la storia prima del matrimonio o avete intenzione di finirla in chiesa?

Avv:              Lingua malefica! Non ascoltiamola più. Sono andato nel bosco, sapete dietro alla casa di Gigi? Non avevo intenzione di andare a caccia, volevo solo far correre un po’ il cane. Scendo dalla macchina e il cane è in ferma, bloccato già sul sedile. Lo tiro fuori, in braccio, ancora rigido!

Antonio: Come hai fatto a farlo uscire dalla portiera, oltretutto è grosso?

Avv:              L’ho piegato, stupido! Poi l’ho lasciato sul ciglio della strada, sono andato con la macchina a prendere il fucile a casa, avrò impiegato mezz’ora; ritorno e il cane è ancora fermo, finalmente parte una beccaccia e la ammazzo...

Tutti:        Bum! (l'avv. fa un gesto di stizza)

Serena:   Ora vi racconto io qualcosa... sono sei anni che mia nonna è inferma, sempre sulla carrozzella! (i cacciatori

fanno un gesto di stizza per zittirla)

Antonio: A questo punto mi costringete a raccontare cos’è successo a me! Lo conoscete quel rappresentante di formaggi che arriva tutte le settimane? Ebbene, da due anni mi prega di vendergli il cane... lui è uno che se ne intende...


Rudy:           De formai!

Antonio:   De ca!... e me l'è du agn che ghe diso "Te ghe mia i solcc per compra 'n ca compagn!"... 'N bel de l'è rià deciso e 'l m'ha det: "Vöt dimel che che te völe per chel ca?"... E me: “ 'n ca isé 'l pöl valì 20 mila euro”

Luisa:            Dic chel che 'l ta respondì!

Antonio: 'L ga pensà 'n moment e po 'l m'ha det: "Vint mila euro ghe i'ho proprio mia, però te damel lo stes... te do du gacc da des mila euro"... per me l'è stupet! (Ridonotutti.. entra Sandy)

Scena ottava

Avv:               Àrdela che la spusa!

Sandy:   Che fif po che töcc? If sbaglià de?... L'è mia nciö 'l de dela spusa nè!

Avv:            Sére vegnì a vardà chel che 'l fa ciünt da fa 'l to om per

la festa del addio al celibato...

Luisa:  Te Antonio te stè a chè!

Antonio: Nom a fa quater cantade (entra Assunta con un pentolino))

Luisa:  Ho det che te stè a chè e basta! Se no... in bianco...

come la dis Serena.

Serena: Narì a finila al Castèl voatre, come al solito...

Rudy:               Che Castèl po!... tödom dre a 'l preit perché l'è brao a sunà la chitara!

Avv:               Te pöde nmaginà 'l preit al Castel... 'n po de rispeto!

Sandy:    Bèla bu da tiraf dre a el! Ad ogni modo te Rudy te pöde na perché chesto per te l’è l’adio definitivo al celibato, ale feste e ai amici asegn.

Avv. e Antonio:    Poaret!

Assunta:           Rudy, arda da quertat zö be da no na a ciapà 'l fredur!


Rudy:           Di formaggi?

Antonio: Di cani!... E io son due anni che gli rispondo: “ Tu non hai neanche i soldi per comperarlo un cane simile!” Un bel giorno arriva deciso: “Vuoi dirmi quanto vuoi per il cane?”... E io: “un cane così può valere 20 mila euro”

Luisa:  Ripeti cosa ti ha risposto!

Antonio: Ha pensato un momento e alla fine mi ha risposto: “Venti mila euro proprio non li ho, però tu il cane dammelo ugualmente e io ti do due gatti da dieci mila euro”... Per conto mio è stupido! (Ridono tutti.. entra Sandy)

Scena ottava

Avv:

Eccola qui

la sposa!

Sandy:

Cosa fate qui tutti?

Avete sbagliato giorno? Non è oggi

il giorno

della cerimonia!

Avv:

Ero venuto

a vedere cosa intende fare il tuo uomo per la

festa dell’addio al

celibato...

Luisa:

Tu Antonio

stai a casa!

Antonio:  Andiamo solo a cantare un po’!(entra Assunta con un pentolino)

Luisa:    Ripeto: stai a casa e basta! Altrimenti.. in bianco, come dice Serena.

Serena: Finirete al Night Club, come al solito!

Rudy:               Quale Night!... Prendiamo anche il prete perché suona bene la chitarra!

Avv.:           Immaginati il prete al Night!... Un po’ di rispetto!

Sandy:    Capaci di prendervi anche lui! In ogni caso tu Rudy stasera puoi andare perché per te questo è l’addio definitivo, al celibato, alle feste ed agli amici scavezzacollo!

Avv. E Antonio: Poveretto!

Assunta:  Rudy, vedi di coprirti bene che non ti venga un raffreddore!


Atto II

Scena prima

(Entrano Rudy con Sandy in braccio vestita da sposa)

Rudy:   Eccoci a casa! (la appoggia per terra) La sarà a na bela tradisiù fin che te si al piano tera... ma quando ghe quater rampe de scale 'l sares mei bandonàle che1e tradisiù che... se sàe che te pisàe i se tat ciamae chei dei traslochi a portat sö...

Sandy:  (ironica) Sciocco... adès su la tua metà e te garè da ösàt a portam lè.

Rudy:           Se... Cami...

Sandy:    Rudy, adès basta con chel stüpet de nom... fin che sérem morus l'era 'n ciünt... ades nom a fenì da fa sgregnà a i ca.

Rudy:           Va bè Cami... scusa!

Sandy:           Cambiando discorso... quat hai töt sö po cola cravata che i t'ha taàda?

Rudy:    Vöt che àbe ciùntà i solcc davanti a töcc?... Speta che vardo... (toglie i soldi di tasca e conta)... des... vint

... trenta... trentases euri.


Sandy:


O i i'ha mangià fo nel bìer prima de dàtei o i è 'n gran petoc... la costàa de pö la cravata!


Rudy:


Che vöt che i spendìes amo!... te i è desanguà con chei regài... ah i se le recordarà 'l nos matrimonio, i le desmentega pö no alè!


Sandy:            Te po! (Bussano) Avanti! (Entra Assunta)

Assunta:        Su vegnida a vardà se ocor vargot...

Sandy:            Assunta... l'è töt a posto... ocor gnent... gom besögn

apena de sta 'n po 'n pace...

Assunta:   No... sicome 'l fa fadìga a digerì... con töt el mangià

che ghera... magari na camomilla...


Atto II

Scena prima

(Entrano Rudy con Sandy in braccio vestita da sposa)

Rudy:   Eccoci a casa! (la appoggia per terra) Sarà anche una bella tradizione finché si abita al piano terra, ma se abiti al quarto piano certe tradizioni sarebbe meglio abbandonarle. Se avessi saputo che pesavi tanto, avrei chiamato una ditta di traslochi per portarti in casa!

Sandy:        (ironica) Sciocco... adesso sono la tua metà e dovraiabituarti a prendermi in braccio:

Rudy:           Si, Cami...

Sandy:  Rudy, adesso smettiamola con quel nome stupido, finché eravamo fidanzati poteva passare, adesso corriamo il rischio di far ridere i polli!

Rudy:           Va bene , Cami... scusa!

Sandy:  Cambiando discorso, quanto hanno ricavato col taglio della cravatta?

Rudy:           Volevi che contassi i soldi davanti a tutti? Aspetta che controllo...(toglie i soldi di tasca e conta) dieci, venti, trenta... trentasei euri.

Sandy:  O li hanno spesi per il bere prima di darteli o sono dei gran pidocchi... costava di più la cravatta!

Rudy:           Cosa volevi che spendessero di più! Li hai dissanguati con i tuoi regali... ah, se lo ricorderanno il nostro matrimonio, di sicuro non lo dimenticheranno più!

Sandy:  Adesso esageri! (bussano) Avanti (entra Assunta)

Assunta: Sono venuta a vedere se occorre qualcosa...

Sandy:  Assunta è tutto a posto, non occorre niente. Abbiamo solo

bisogno di stare un po’ in pace...

Assunta: Sai, siccome fatica a digerire e c’era un sacco di

cibo... magari volesse una camomilla...


Sandy:  Fina a le ghe rio a me... sarò buna, se ocor, da fac na camomila!

Assunta:  Domà mangìf che o vegnìf a chè?... Ho töt sö 'n po de

roba che vansada al pranso...

Sandy:            Chet fat?

Assunta:  L'è ac roba che i sbat iè... na a fala na del mal!

Sandy:            Che fegüre!

Assunta:  Che fegüre po?... Na olta faem semper isé!

Sandy:           Na olta la zet la möria aca de fam... ades ghe töcc i frigoriferi che sguèrsa... che fegüre!

Assunta:   'Nsoma... a me me paria na roba normale... se völì vegnì

fo...

Rudy:

L'è mei de no...

mama...

su tat sgiùf che domà mangiarò

na

minestrina de bröt e basta!

Assunta:

Ghe l'

if el bröt?

Sandy:

'L

fo de

dadi, che l'è pö legèr!

Assunta:

Ghe if

i

dadi?

Sandy:            Go la credenza piena!

Assunta:        Alura ocor gnent?

Rudy:               No mama... grasie... e bunanot...

Scena seconda

Sandy:           La to mama la comincia a dam söi nerf!... la farà mia ciünt de na 'nacc isé, perché ghel diso söl müs!

Rudy:              Làsa che la se üse, pora diaola, e te edarè che dopo la se calma... (In strada si sente un canto ironico sulle gioiedel matrimonio)

Sandy:  Èi gnamo na a dormì... chei àsegn?


Sandy:  Non mi sembra difficile, se occorre una camomilla la so fare anch’io!

Assunta: Domani avete intenzione di mangiare qui o venite a casa mia? Ho preso un po’ di cibo che è avanzato al pranzo!

Sandy:  Cosa hai fatto?

Assunta: È tutto cibo da buttare, è un peccato sprecarlo!

Sandy:  Che figuraccia!

Assunta: Quale figuraccia? Una volta si faceva sempre così!

Sandy:   Una volta la gente moriva di fame... adesso ci sono i frigoriferi che straripano... che figuraccia!

Assunta: Insomma, a me sembrava una cosa normale... se domani

volete venire a casa...

Rudy:           Meglio di no, mamma. Sono tanto pieno che domani mangerò una minestrina in brodo e basta!

Assunta: L’avete il brodo?

Sandy:  Lo faccio con i dadi, è più leggero!

Assunta: Li avete i dadi?

Sandy:  Ne ho la dispensa piena!

Assunta: Sicuri che non occorre niente?

Rudy:           No mamma, grazie, e buonanotte.

Scena seconda

Sandy:  Tua mamma incomincia a darmi sui nervi! Non penserà di

continuare così: finisce che glielo dico in faccia!

Rudy:              Lascia che si abitui, poveretta, e vedrai che dopo si calma... (In strada si sente un canto ironico sulle gioie delmatrimonio)

Sandy:  Non sono ancora andati a dormire, gli asinacci?


Rudy:           Te ghe n'è lasio! (si affacciano alla finestra) ghe a 'l to pare!

Sandy:           Àsen a el! (Salgono l'avv., Carletto e Antonio vestito dallavoro)

Rudy:             Sif gnamo stöf?...(rivolto ad Antonio) E te che fet po che?

Antonio: I m'ha fermà che vegnìe dala central e i me lagà pö na a

chè!...

Rudy:           Te si a posto!

Avv:                  E i spus?

Sandy:        I spus i garés besögn de na a dormì... l'è stada lunga a

sè la giornada...

Carletto: Ghi töta la vita davanti... ve stöfarì da na a dormì prest!

Sandy:    Me go son ades! Dopo se vedrà... ades vo a cambiam fo perché su stöfa de ntrapolam con chel vestì che...

(rivolta al marito)... arda da tirà tarde nè! (esce)

Antonio.             (Mentre Sandy esce la guarda) Tèe Rudy, la me par ‘n po’magra la to fomla, ades te ghe da fala mangià!

Rudy:           Fala mangià da chi che i le völ negiü! (Ridono)

Avv:        (rivolto a Rudy) Tèe... la ga za son... manca apena che la

gabe fret ai pe e l'è come töte le atre...

Rudy:

Sta

mia ic pora...

i m'ha

semper

ciamà 'l "termosifone"..

te

edarè che

sarò

bu da scaldac

i pe!

Avv:

Tèe

a proposito

de

nom...

ades te ghe da spiegàm perché

la

te ciamàa

Pami

...

Rudy:

Dai nom...

che

go

respet!

Antonio:  Dimel aca noatre... '1 sarà mia 'n laur grave!

Rudy:               Madona... ié laur da gnarì...

Carletto: Dai nom...

Rudy:           (schermendosi) Pa-mi 'l völ di passerotto mio... (Carletto

e l'avv. ridono. Antonio non capisce il significato)


Rudy:           Te lo puoi scordare (si affacciano alla finestra)c’è anche tuo padre!

Sandy:           Asino anche lui!(Salgono l'avv., Carletto e Antonio vestitodal lavoro)

Rudy:         Non siete ancora stanchi? (ad Antonio) E tu cosa fai qui?

Antonio: Mi hanno fermato, mentre venivo dal lavoro in centrale, e

non mi hanno più lasciato andare a casa!...

Rudy:            Sei sistemato per bene!

Avv:               Come va agli sposi?

Sandy:        Gli sposi avrebbero bisogno di andare a dormire, è stata

lunga abbastanza la giornata...

Carletto: Avete tutta la vita davanti, vi stancherete di andare a dormire presto.

Sandy:           Io ho sonno adesso, poi si vedrà! Adesso vado a cambiarmi perché sono stanca di inciamparmi in questo vestito (al marito) guarda di non far tardi! (esce)

Antonio:    (Mentre Sandy esce la guarda) Ehi, Rudy, tua moglie misembra un po’ magra, adesso devi farla mangiare!


Rudy:


Farla mangiare da chi, che non la vuole nessuno?


Avv:


(a Rudy) Ehi, ha già sonno! Manca solo che abbia freddoai piedi ed è proprio come tutte le altre.


Rudy:


Non temere, mi hanno sempre chiamato “il termosifone”... vedrai che sarò capace di scaldarle i piedi!


Avv:


Ehi, a proposito di nomi, adesso mi devi spiegare perché ti chiamava Pami...


Rudy:


Dai, taci, ho vergogna!


Antonio: Dillo anche a noi, dai... non sarà una cosa grave!

Rudy:            È una cosa da ragazzi.

Carletto: Su, da bravo!

Rudy:               (schermendosi) Pa-mi vuol dire passerotto mio... (Carlettoe l'avv. ridono. Antonio non capisce il significato)


Antonio:  Che ghe po da sgregnà?

Avv:                  A madona se te si ntrec!

Rudy:               Ocor spiegatel?

Antonio:   Gal a che fa col?... (Fa un gesto eloquente con la mano)

Tutti:            Èe... Èe... (Antonio capisce e ride)


Carletto:


L’et capida se?... L’era ura...


Avv:


E perché te tè la ciame Cami?


Rudy:


Desmèt che ghe che al so pare!


Carletto: Tèe... su mia nasì sota le föe de virs... certe robe pödo a capile!


Rudy:


Veramente... (imbarazzato) '1 völ di capannuccia mia... (ridono di nuovo)


Antonio:


Gal amo a che fa col?...


Tutti:


Èe... Èe...


Antonio:  Me ho semper pensà che 'l gaès a che fa col camì (gli

altri fanno segno con la mano a significare "quasi .. quasi")

Carletto:        E Rudy da che banda ègnel po?

Rudy:              Da Rodolfo Valentino... te sè chel attore famoso... la me màre l'è semper stada enamorada... ghe someòe mia? (Sialza in piedi e si mette di profilo)... ardì che fisico ...

ardì che profilo.. ardì che portamento!

Avv:               Giusto de nom... per 'l rest mia tat...

(Sandy):           (Fuori scena, rivolta a Rudy) Ghet amo tant o chi?.. àrda

che me smorso la luce...

Avv:               Làsel che 'n menüt che vè 'l bel...

Rudy:              Tèe... 'l set che prima da cognesì la me fomla sére 'n tombeur de femmes?

Antonio: Che c'entra 'l to nom cola fam po?

Rudy:              L'è frances, martalone... tombeur de femmes l'è giü che fa cröda le fomle come i pom, 'n Don Giovanni 'nsoma!


Antonio: Che c’è da ridere?

Avv:               Sei proprio ritardato!

Rudy:            Occorre spiegartelo?

Antonio: Ha a che fare con?... (Fa un gesto eloquente con la mano)

Tutti:            Sì...sì... (Antonio capisce e ride)

Carletto: Hai capito finalmente?... Era ora!

Avv:            Perché tu la chiami Cami?

Rudy:   Smettila, dai, che c’è anche suo padre!

Carletto: Ehi, guarda che non vengo dalla luna, certe cose posso


Rudy:

Antonio:

Tutti:


capirle...

Veramente...(imbarazzato) vuol dire capannuccia mia...

(ridono di nuovo)

Ha sempre a che fare col?...

Sì... sì...


Antonio:   Io sempre pensato che avesse a che fare col camino(gli

altri fanno segno con la mano a significare "quasi, quasi")


Carletto:


E Rudy da dove viene?


Rudy:


Da Rodolfo Valentino, sai il famoso attore. Mia madre ne è sempre stata innamorata. Non gli assomiglio? (Si alza in piedi e si mette di profilo)... Guardate che fisico... guardateche profilo... guardate il portamento!


Avv:


Lo ricordi forse nel nome, per il resto non troppo... (intanto si affaccia alla porta Sandy)


(Sandy):   (Fuori scena, a Rudy) Ne hai ancora per molto?... Fra unpo’ spengo la luce

Avv:            Lascialo qui un attimo che adesso viene il bello!

Rudy:              Lo sapete che prima di conoscere mia moglie ero considerato un tombeur de femmes?

Antonio: Cos’ha a che fare il tuo nome con la fame?

Rudy:              È francese, sempliciotto: tombeur de femmes è uno che fa cadere le donne ai suoi piedi, un Don Giovanni, insomma!


Avv:               Ho mai saì che te cognesìe 'l frances!

Rudy:     Nfati 'l so mia... però me su fat spiegà... perché l'inteligenza (rivolto a Carletto e Antonio) l'è fas spiegà le robe quando se le sa mia... mia come i fa tancc che cognesom... ie ndre come le tope e ié convinti de saì töt, dopo quando i fa quac maronada i fa la fegüra de ciocolatì... e magari i se nascors gnac... (applaudonotutti... brao... brao...) 'L sif chei che ié i stüpecc?...

Chei che pensa de eser bu da fat töt e i se fida mia dei atre...(Brao... brao...)

Carletto: Tèe... ma chele robe che sarésel mia mei tegnile scondide... se no l' va a fenì che de stüpecc ghe ne 'n giro po gna ü...

Rudy.

Sta mia pensà mal che tanto i le capés mia...

ié trop

convinti de

sé stes...

Avv:

Ad ogni modo te te sareset 'n tombeur de femmes

... ma come

fàet a fale

crödà le fomle...

ghe fàet la gambarola?...

Se te troae

mia la to Cami...

ades te sareset 'n mort de

fam...

Rudy:

I tò 'i ha proprio sbatì iè i solcc a fat stödià!

Avv:

Ocio che te

vegne mia bu 'n de o l'ater...

Rudy:

Mai!... ho giurato che a me i avocacc solcc i me ne

robarà mai ...

Avv:

Vedrom...

vedrom...

(Sandy): (fuori scena) If fenì da cieciarà che ghe rio mia a ciapà son?

Carletto: (Mettendo la mano sulla spalla a Rudy) La te toca a te...

amico…

Antonio: (alzandosi) “Pami e Cami” if sentì? (Scuote la testa

ridendo)


Avv:


Rudy, 'l tombeur de femmes... nom lè ala che stöpedade n'ho sentide asè!


Antonio: (Rivolto a Rudy) Vègnet a te?


Rudy:


Te par la sira? Vöt che la comincie le pratiche del divorsio amò domà a bonura? (Si salutano e i tre escono e,


fuori scena, incominciano a cantare. Rudy si affaccia alla


finestra a guardarli...


) I me fa quasi invidia... ma te


edarè... masimo na setemana e vò fo a me... (si frega le


Avv:            Non sapevo che conoscessi il francese!

Rudy:     Infatti non lo conosco, però mi informo perché l’intelligenza (rivolto sarcastico a Carletto e Antonio) consiste nel farsi spiegare le cose che non si sanno; non come fanno tanti di nostra conoscenza che, ignoranti assoluti, sono convinti di saper tutto. Alla fine, quando combinano disastri, fanno figuracce meschine e, magari non se ne accorgono nemmeno (applaudono tutti...

bravo... bravo...) Sapete chi sono gli stupidi? Chi pensadi saper far tutto e non si fida mai degli altri...

Bravo.. bravo.. )

Carletto: Si, ma queste cose non sarebbe meglio tenerle nascoste? Altrimenti finisce che stupidi non ne resta in circolazione neanche uno!

Rudy:

Non preoccuparti

che

tanto non

capiscono: sono troppo

pieni

di sé!

Avv:

Dunque

tu saresti

un tombeur de

femmes?

Come facevi a far

cadere le donne,

con

uno

sgambetto?

Se

non avessi

trovato la tua Cami,

ora

saresti un

morto di fame!

Rudy:               Tua mamma ha proprio buttato via i soldi per farti studiare!

Avv:               Stai attento che un giorno non ti possa servire!

Rudy:   Ho giurato che soldi a me gli avvocati non ne ruberanno

mai...

Avv:               Vedremo... vedremo...

(Sandy): (fuori scena) Avete finito di chiacchierare: non riesco ad addormentarmi!

Carletto: (Mettendo la mano sulla spalla a Rudy)tocca a te, amico...


Antonio:


Pami e Cami... avete sentito? (Scuote la testa ridendo)


Avv:


Rudy, il tombeur de femmes... andiamo che stupidaggini ne ho sentite abbastanza !


Antonio:     (a Rudy) Vieni anche tu?

Rudy:    Ti sembra la sera giusta? Vuoi che incominci le pratiche per in divorzio già domani mattina! (Si salutano e i tre

escono e, fuori scena, incominciano a cantare. Rudy si affaccia alla finestra a guardarli... ) Quasi, quasi liinvidio, ma vedrete, fra una settimana al massimo esco


mani)... ades vo a dormì... che la giomada l'è stadalunga asè...

(si abbassano le luci..in lontananza si continua a sentire ilcanto)

Scena terza

Monologo

(Si abbassano le luci e una voce fuori campo recita il monologo)

Gli spensierati nottambuli si avviano verso porti tumultuosi dove li attende la felicità e l’inevitabile mal di testa che arriverà, puntuale, all’indomani. Gli altri, i tranquilli pantofolai, si rannichiano sotto le coperte a ripassare i problemi della giornata appena trascorsa e cercare d’immaginare quelli del giorno dopo. Alla fine il sonno ristoratore stende il suo velo pietoso a placare tutte le ansie.Qualcuno sarà allietato dai sogni, altri dagli incubi e di nuovo arriverà il mattino che, bruscamente, riporterà tutti alla realtà.

Scena quarta

(Rudy esce in pigiama, si stira, sbadiglia, si stropiccia gli occhi)

Rudy:

A èser sincero me manca la resömada della me màre...

almeno 'n cafè... ho sercà

de fàgla capì a la me fomla...

"Ades eh

'n bel cafenì" ma

la se girada da l'atra banda...

ho spetà

amo 'n moment e ho pröà turna, l'ha tacà a rognà

come 'n ca... (imita il ringhio) alura su lià sö... ma l'è

la pröma

e l'ültema olta che ciapo 'n ma la machineta...

chel devente mia 'n vizio!

(Cerca di orientarsi in cucina,

prepara le tazzine e intanto entra Assunta)

Assunta:  Chi po... fet 'l cafè? L'è la pröma olta che 'l

sucede... sentet zö che me rangio me... alura come àla?

Rudy:           Come öt che la naghe... l'è meza giornada che su spusà!


Assunta:  Te domando perché te si za dre a cambià le abitudini!


anch’io... (si frega le mani) adesso vado a dormire...

oggi è stata una giornata proprio lunga!

(si abbassano le luci..in lontananza si continua a sentire ilcanto)

Scena terza

Monologo

(Si abbassano le luci e una voce fuori campo recita il monologo)

Gli spensierati nottambuli si avviano verso porti tumultuosi dove li attende la felicità e l’inevitabile mal di testa che arriverà, puntuale, all’indomani. Gli altri, i tranquilli pantofolai, si rannichiano sotto le coperte a ripassare i problemi della giornata appena trascorsa e cercare d’immaginare quelli del giorno dopo. Alla fine il sonno ristoratore stende il suo velo pietoso a placare tutte le ansie.Qualcuno sarà allietato dai sogni, altri dagli incubi e di nuovo arriverà il mattino che, bruscamente, riporterà tutti alla realtà.

Scena quarta

(Rudy esce in pigiama, si stira, sbadiglia, si stropiccia gli occhi)

Rudy:  Se devo essere sincero mi manca lo zabaione di mia mamma...

almeno un caffè... ho cercato di farlo capire a mia moglie: “ Adesso ci vorrebbe un bel caffè”, ma si è girata su un fianco. Ho aspettato un momento e ho provato di nuovo: ha incominciato a ringhiare come un cane (imitail ringhio) Alla fine ho dovuto alzarmi io. Però è la prima eultima volta che uso la macchina del caffè... che non diventi un’abitudine!(Cerca di orientarsi in cucina, prepara le tazzine e intanto entra Assunta)

Assunta: Cosa, fai il caffè? È la prima volta che ti succede! Siediti, lo faccio io! Come va?

Rudy:           Come vuoi che vada: sono sposato da mezza giornata!

Assunta: Lo chiedo perché mi sembra che stai già cambiando le abitudini


Rudy:           Chesta l'è 'n ecesiù... stadomà l'era 'n po nsemenida per la festa de ier... ma te edarè che 'n du o tri de fo prest a ösala... che, se ghe giü che cambiarà abitudini, sarò mia me no!

Assunta: Sperom... Aca se su mia tat convinta!

Rudy:           Te edarè! (Bussano... entrano Serena e Luisa)

Serena:        Buongiorno... come àla i sposini?

Rudy:               Eh... ‘nsoma!

Luisa:            Sandy 'ndela po?

Rudy:   Amo 'ndel let... l'era 'n po nsemenida per el mulì de ier.

Serena: Alura te si leà sö te a fa 'l cafè... alleluia!

Luisa:    Ié i se che le me piàs le fomle... chele che le le ndresa

amo defat! (Entra Sandy in pigiama e si salutano)

Sandy:            Che fif po che a bonùra?

Serena:        Bonura mia tat...ié le des e meza!

Luisa:

Som vegnìde

a vardà

se te me compagne dala

petinatrice

che gom l'apuntamento... de chela viè nom a

bìer a

'n

capucio...

Sandy:

Madona

... se

la gaès

tep pödares fam sistemà 'n po

a ca

me...

su che

töta spatösada!

Serena: Chet fat a spatösat i caèi a chel sistema le?

Sandy:            Ho dormì, bröta lengua! Spetì 'n moment che me vesteso e

vegno a me...

Rudy:               E 'l dösna?

Sandy:           Forse per mesdé tornom ndre... se rio mia, ghe tre 'l frigo pieno... te sarè bu da rangiàt na olta! (Esce per

cambiarsi)

Scena quinta


Rudy:           Questa è un’eccezione. Questa mattina Sandy era intontita per la festa di ieri. Vedrai che nel giro di due o tre giorni la svezzo io. Qui se ci sarà qualcuno che cambierà abitudini non sarò certo io!

Assunta:  Speriamo, anche se sono poco convinta!

Rudy:               Vedrai! (Bussano... entrano Serena e Luisa)

Serena:        Buongiorno... come va agli sposini?

Rudy:               Non male!

Luisa:            Sandy dov’è?

Rudy.   Ancora a letto. Era intontita per il trambusto di ieri.

Serena: E così ti sei alzato tu a fare il caffè... alleluia!

Luisa:    Così mi piacciono le donne, quelle che li raddrizzano subito! (Entra Sandy in pigiama e si salutano)

Sandy:  Cosa fate qui al mattino presto?

Serena: Non mi sembra tanto presto: sono le dieci e mezzo!

Luisa:  Abbiamo l’appuntamento dalla parrucchiera e siamo venute a vedere se ci accompagni... strada facendo potremmo bere un cappuccino.

Sandy:  Bene, se la parrucchiera avesse tempo, potrei farmi pettinare anch’io... sono tutta spettinata!

Serena: Come hai fatto a “spettinarti” in quel modo?

Sandy.  Ho dormito, malalingua! Aspettate un attimo che mi vesto e vengo anch’io.

Rudy:           E il pranzo?

Sandy:           Forse prima di mezzogiorno torniamo... se non torniamo c’è il frigorifero pieno, puoi arrangiarti per una volta! (Esce per cambiarsi)

Scena quinta


(In strada si sente nuovamente un canto sguaiato. La canzone è popolare, ad esempio Vola Colomba o altro. Si affacciano tutti alla finestra)

Rudy:               Ié amò 'n giro i lasaroni!

Luisa:            Ghe zö a '1 me om... bröt porco!

Assunta: I sarà na a cosine.... nde vöt che i sies stà?

Serena:        Alè a cosine ... svegliet fo che te ghe i to agn ...

chei le ié na a divani! (Entrano l'avv., Carletto e Antoniovisibilmente ubriachi e in disordine. Antonio ha il cappello della divisa girato all'indietro. Carletto si avvicina ad Assunta e tenta di abbracciarla, lei lo allontana e continua a rigovernare).

Rudy:   Sif gnamo na a dormì?

Avv:            Fa sito che om fat na not... e töt per colpa to...

Rudy:   Che centròe po me?

Avv:            Ades te spiego! (Assunta esce)

Luisa:    (rivolta all'avv.) Ades speta 'n menüt che ghe vergiü atre che ga da spiegà... (agitata al marito) Nde sit stà desgrasià... ho mia serà öcc töta la not dal pensà mal?

Antonio: ‘Ntat Luisa sta ferma che te me fè vegnì da gometà...

eco... adèes te spiego...eco... me su vegnì a dormì e te ronchesàe che tremàa i vetri... te m'è gna sentì!

Luisa:            Bosiàder!

Antonio: Su vegnì ndel let ma ghe reàe mia a ciapà son dal ciàs che te fàe... nel vegnì ciàr su na ndel ort e ho ncuntrà ei che...

Luisa:  E t'è metida sö la tuta neta della Cafaro!

Antonio:  L'è '1 pröm vestì che me capetà per le ma... e po... se la spurco mia ndel ort ste tuta... quand'el che la spurco?

Luisa:            Bosiàder, bosiadrù (si avvicina e annusa la giubba)...

sènti che profumo, porsel, sta mia dim che l’è l'odur de l'òio dele törbine nè?

Antonio:    Chet fat a ndoenà1? L'è proprio chel... ié reà chei de l'ENPI, chei dei infortuni söl lavoro e i ha oblegà '1 capo a metì '1 profumo nel òio perché se no i dis che se


(In strada si sente nuovamente un canto sguaiato. La canzone è popolare, ad esempio Vola Colomba o altro. Si affacciano tutti alla finestra)

Rudy:   Sono ancora in giro i lazzaroni!

Luisa:  C’è anche mio marito... brutto porco!

Assunta: Saranno andati in qualche casa a pettegolare, dove volete che siano stati?

Serena:   Svegliati che hai una bella età!... quelli sono andati “a divani”! (Entrano l'avv., Carletto e Antonio visibilmente ubriachi e in disordine. Antonio ha il cappello della divisa girato all'indietro. Carletto si avvicina ad Assunta e tenta di abbracciarla, lei lo allontana e continua a rigovernare).

Rudy:           Non siete ancora andati a letto?

Avv: Taci: abbiamo passato una brutta notte e tutto per colpa tua!

Rudy:   E io cosa c’entro?

Avv:            Adesso ti spiego! (Assunta esce)

Luisa:        (All’Avv.) Adesso aspetti un attimo che c’è qualcun altroche deve spiegare... (agitata al marito) Dove sei stato, disgraziato; non ho chiuso occhio tutta la notte per la preoccupazione!

Antonio: Luisa stai ferma che mi fai venire da vomitare.. ecco...

adesso ti spiego, ecco... sono venuto a letto e tu russavi da far tremare i vetri... non mi hai neanche sentito!

Luisa:  Bugiardo!

Antonio: Sono venuto a letto ma non riuscivo ad addormentarmi per il baccano che facevi... all’alba sono andato nell’orto e ho incontrato quei personaggi qui!

Luisa:  E ti sei messo la tuta pulita che usi in centrale?

Antonio: È il primo vestito che mi è capitato per le mani e poi, se non la sporco nell’orto, la tuta, quand’ è che la sporco?

Luisa:        Bugiardo, falso (si avvicina e annusa la giubba) sentite che profumo, maiale, non dirmi che questo è odore di olio delle turbine, vero?

Antonio:  Come hai fatto a indovinare? È proprio quello. Un giorno è arrivato l’ispettore dell’ENPI, l’infortunio sul lavoro, e ha


roina l'olfatto... se pödarés domandà a la pensiù per 'n dan del genere...

Luisa:            Bosiàder...

Carletto: L'è vira... me laùro 'n pescicoltura e i me fa metì 'l profumo aca nel acqua... perché se no i dis che l' odur dele trüte 'l fa pasà la fam... 1' è na malatia che ga aca ‘n nom... noresia... me par.

Serena: (A Luisa) Scùltei mia no... i se metì d'acordo per tiràt

'n giro...

Luisa:    'L so... (rivolta al marito)... Speta che rìe chei che fa i spogliarelli tre 'n discoteca e po te edarè chel che fo me... serca mia de fermàm... eco... serca mia de fermàm!

... (Antonio fa spallucce - entra Sandy)

Sandy:    Ié amò 'n giro... (stupita, poi rivolta a Rudy)... arda da mia fam na roba i se a me perché te la fo pagà ( si girae Rudy fa segno con la mano come per dire "aspetta e vedrai")

Rudy:   (rivolto agli amici) 'L biif 'l cafè che 'l ve desmesia fo?

... (tutti e tre annuiscono... Rudy aspetta che sia Sandy afarlo ed invece lei fa finta di niente) (Rudy parla con l'avv.)... adès te ghe da dim perché i pasà la not 'nbianc per colpa me.

Avv:        'L set ier ‘l festone che ghe sta?...

Rudy:   Ghe sere mIa a me?... Mbe'?...

Avv:            Ho lesì gna 'l giomal, me che su sempre ‘nformà!...

Sandy:  E alura?

Avv:               Nde vet a leser 'l giomal la not che ghe töt serà? Sum na

a lesìl al Castell

Luisa:  Fingardi!

Serena:        Co se fa po a léser 'l giomal al Castèl che ghe quasi zö

gna la luce?

Carletto: I m'ha portade le candile... apena om ordenà da bìer...

giornài e candìle per töcc ...

Luisa:            Bale... e noatre stom che amò a scultài!

Serena: ( A Carletto) Ciüntem so chel che ghera sö1 giornal!


Carletto: L'è sc-iopada la guera del Golfo...


obbligato il capo a mettere il profumo nell’olio altrimenti sembra si rovini l’olfatto... si potrebbe chiedere anche la pensione per un danno simile!

Luisa:              Bugiardo!

Carletto: È vero! Io lavoro in pescicoltura e hanno messo il profumo nell’acqua altrimenti dicono che l’odore delle trote fa perdere l’appetito... è una malattia che ha anche un nome... noressia, mi sembra!

Serena:          (A Luisa) Non ascoltarli... si sono messi d’accordo perprenderti in giro!

Luisa:         Lo so (al marito) Appena in discoteca arrivano gli spogliarellisti, vedrai cosa faccio io!... Non tentare di fermarmi... ecco, non tentare di fermarmi! (Antonio fa spallucce - entra Sandy)

Sandy:  Sono ancora in giro(stupita, poi rivolta a Rudy) Non pensare

di farmi una cosa del genere perché la paghi      ( si gira

e Rudy fa segno con la mano come per dire "aspetta e vedrai")

Rudy:                 (agli amici) Lo bevete un caffè per svegliarvi?(tutti e tre annuiscono... Rudy aspetta che sia Sandy a farlo ed invece lei fa finta di niente) (Rudy parla con l'avv.)... Adesso devispiegarmi perché sei stato sveglio tutta la notte per colpa mia!

Avv:                 Sai la grande festa che c’è stata ieri?

Rudy:              Non c’ero per caso anch’io? Beh?

Avv:                 Non ho letto neanche i giornali, io che sono sempre informato!

Sandy:        E allora?

Avv:                  Dove vai a leggere i giornali di notte quando c’è tutto chiuso?

Siamo andati a leggerli al Night Club!

Luisa:           Impostore!

Serena:        Come si fa a leggere il giornale al Night dove non c’è nemmeno

luce?

Carletto: C’hanno portato le candele. Appena abbiamo ordinato da bere, subito giornali e candele per tutti!

Luisa:           Palle... e noi restiamo qui ancora ad ascoltarli!

Serena:     (a Carletto) Raccontami cosa c’era scritto sul giornale!


Carletto: È scoppiata la guerra del Golfo...


Serena:        Chela le le sc-iopada amo nel '92, salam!

Avv:            (a Carletto) Te tè lesì chel vecc 'l giomal... chel che i

dorva a ncartà le botiglie...

Luisa: (a Antonio) Te chet lesì?

Antonio:  I’è date zö le torri gemelle

Luisa:  ‘L setember pasà, delinquente... ‘l les mai 'n giornal 'n de 'n an... qualche olta la gazeta... e 'l völ dam da bìer che l'è na a leser al Castel... desgrasià... chesta te me la paghe... coi interès te me la paghe!

Serena:        Nom che l'è tarde... se no perdom 'l posto dala petinatrice... (Escono arrabbiate)

Scena sesta

Carletto: (a Rudy) Tèe e chel cafè?

Rudy:           Pensàe che la le tachès so la fomla ma se vet che la se

desmentegada...

Antonio: Te edarè quate olte che la se desmentega!


Rudy:


Che sta l'è la pröma e l'ültema olta... anzi l'è la seconda... ma l'è l’ültema da bu!


Avv:


Me par che te parte col pe sbaglià... se te ghe mète mia la basta sübet... dopo se fa fadiga a domàle!


Rudy:


Pensa mia mal te!... Ma gàef da tirà fo na scüsa i se stüpeda per stanot?


Antonio:   Dic chi? Ntrà che le te cret gna a ciüntac le bosie...

se po te ghe ciünte la veretà!

Rudy:               Ghif vi almeno botep?

Avv:                  Ciao...'na deertida! L'è reàda 'n sac de merce nöa...

Carletto: Om mia combenà gnent no... sum sta le a ceciarà...


Rudy:


Ée... su mia la vòsa fomla... a me pödì ciüntamla la veretà...


Antonio:


Giuro... gom pagà da bìer e le ma ciüntade sö le so


desgrazie...


Serena:        Quella è scoppiata nel 92, idiota!

Avv:                   (A Carletto) Tu hai letto un giornale vecchio, uno di quelli cheusano per incartare le bottiglie!

Luisa:        (a Antonio) Tu cosa hai letto?

Antonio:     Sono cadute le torri gemelle!

Luisa:        In settembre di anni fa, delinquente! Non legge mai un giornale in tutto l’anno, qualche volta la Gazzetta dello Sport, e vuole convincermi che è andato a leggerlo al Night, disgraziato!

Questa me la paghi, con gli interessi, me la paghi!

Serena:   Andiamo, è tardi, altrimenti perdiamo il posto dalla parrucchiera... (Escono arrabbiate)

Scena sesta

Carletto: (a Rudy) Ehi, e il caffè?

Rudy:            Pensavo lo facesse mia moglie... probabilmente si è dimenticata!

Antonio:     Vedrai quante volte si dimenticherà!


Rudy:


Questa è la prima e ultima volta... anzi è la seconda, ma è l’ultima per davvero!


Avv:


Mi sembra che stai partendo col piede sbagliato, se non la tieni subito per la cavezza, dopo diventa difficile domarla!


Rudy:


Tu non dubitare! Ma non potevate trovare una scusa migliore per questa notte?


Antonio: Cosa racconti? Già non ti credono se racconti le bugie, puoi immaginare se racconti la verità!

Rudy:           Vi siete almeno divertiti?

Avv:              Un divertimento! È arrivato un sacco di merce nuova!

Carletto: Non abbiamo fatto niente... abbiamo chiacchierato.


Rudy:


Ehi, io non sono vostra moglie, a me potete raccontarla la verità!


Antonio: Giuro, abbiamo pagato da bere e ci hanno raccontato le loro disgrazie.


Avv:


Öna l'è restada orfana da picinina e l'è vegnida sö sula ne1a giungla...


Rudy:


Come Tarzan?


Avv:


Come Tarzan. Dopo i l 'ha troada argiü e la dis che l'è vegnida 'n Italia a stödià...


Carletto:  E che1a che ha pers l'om? I l'ha sc-iösà 'n elefante ntat che 'l traersàa 'l stradù... la faa vegnì 'l magù

... pora diaola!

Antonio: N'atra i l'ha rapida vergiü... m'è parì de capì che i era canibali... la dis che apena la vet na pögnata che bòi che va amo i caèi 'n pe! Difati if vist che caèi che la gàa?

Carletto: Che1a le la ié mangiarà mia de certo le galìne a lès a Nadàl!

Rudy:

Se ié che1e

le le

robe che ve

sucèse, pödief ciuntàgle

aca le vose

fomle ...

Antonio: Spèta che le te cret!

Rudy:

E che vèla costada

po töta ste

facenda?

Avv:

Sento euro per ü!...

Pecà che 'n chei posti le 'l preit

'l pöde mia

na...

'l garés vi

botèp a e1 a sentì töte

chele storie le...

Antonio:  Go edèa che 'l na mai sentide tate gna 'n confesiù ala

viglia de Pasqua ...

Carletto: Po penso che no 'l gàbes gna le palanche per na a sentì

töte chele storie le...


Rudy:


Per chela cifra le ve le ciöntàe a me quater bale... a costo de sta 'n pe töta la not...


Avv:


Alà macaco... vöt mètì fasele ciüntà sö da te e fasele ciüntà sö da èle? (Si alzano)


Antonio:   Nom a dormì che crödo dala son... l'è da l'atra not che

dormo mia...

Carletto: E i atre? (Si salutano e escono)


Avv:


Una è rimasta orfana da piccola giungla...


ed è cresciuta da sola nella


Rudy:


Come Tarzan?


Avv:


Come Tarzan. Poi l’ha trovata qualcuno e dice che è venuta in Italia a studiare.


Carletto:  E quella che ha perso il marito? L’ha schiacciato un elefante mentre attraversava la strada... faceva venire un magone, poveretta!

Antonio: Un’ altra è stata rapita da qualcuno, mi è sembrato di capire che erano cannibali. Diceva che quando vede una pentola che bolle gli si rizzano ancora i capelli! Infatti avete visto che capelli aveva?

Carletto: Quella di certo non mangerà galline lesse a Natale!

Rudy:            Se sono quelle le cose che vi sono successe, potevate raccontarle anche alla moglie.

Antonio: Non sperare che ti credano!

Rudy:   E quanto vi è costata tutta la faccenda?

Avv:                Cento euro a testa! Peccato che in posti del genere il prete non può andare... si divertirebbe anche lui a sentire tutte quelle storie!

Antonio: Sospetto non ne abbia mai sentite tante nemmeno in confessione alla vigilia di Pasqua!

Carletto: Penso non abbia nemmeno i soldi per andare a sentire tutti quei racconti!

Rudy:    Per una cifra del genere quattro balle ve le raccontavo anch’io, a costo di restare sveglio tutta la notte!

Avv:                Ma dai, scimmiotto... vuoi mettere sentirle raccontare da te e farsele raccontare da loro? (si alzano)

Antonio: Andiamo a dormire che cado dal sonno... non dormo dall’altra notte!

Carletto.  E noi altri? (Si salutano e escono)


Scena settima

(Rudy, rimasto solo, sparecchia la tavola e fa alcune considerazioni)

Rudy:   'L set che ntat che scultàe i me amici me vegnì 'n dubio?

... Go edèa che l'è fenida chela del "paserottino mio" ... me par che su dre a deventà 'n merlo. Del rest 'l sàe a pröma che sarès cambià argota... se te völe ic 'n po de comodità e 'n po de tranquillità argot besogna zuntac!

Assunta: (Bussa) Permès! Com' ela po che ghe gnamò le padele sol gas? Ié le ùndes e meza e ghe töt mort... fet ciünt de mia mangià?


Rudy:


La fomla l'è nada dala petinatrice... la starà mia è tat ... fàe ciünt de tacà sö l'acqua per la minestra, ma so mia quacc dadi go da metì zö!


Assunta:


Làsa sta alà... ve fo a chè che ghe l'ho fo me la menestra pronta...


Rudy:               E se vè la fomla?

Assunta:  La vegnarà fo a èla... se no la se rangiarà...

(nell'uscire, seguita dal figlio, si mette le mani nei

capelli)... te l'àe det... te l'àe det...


Scena settima

(Rudy, rimasto solo, sparecchia la tavola e fa alcune considerazioni)

Rudy:    Sapete che mentre ascoltavo i miei amici mi è preso un dubbio? Penso sia finita la storia del passerottino mio... sembra che stia diventando un merlo. Del resto lo sapevo anche prima che qualcosa sarebbe cambiato. Qualcosa devi rimetterci se vuoi un po’ di comodità e un po’ di tranquillità!

Assunta: (bussa) È permesso? Com’è che non ci sono ancora pentole sul fuoco? Sono le undici e mezza e tutto è spento... non fai conto di mangiare?

Rudy:            La moglie è andata dalla parrucchiera, arriverà in fretta. Pensavo di preparare la minestra, ma non so quanti dadi occorrono!

Assunta:     Lascia perdere! Vieni a casa che ce l’ho io la minestra pronta.

Rudy:           E se poi arriva la moglie?

Assunta: Verrà a casa anche lei. Oppure si arrangerà (nell'uscire, seguita dal figlio, si mette le mani nei capelli)... te

l’avevo detto... te l’avevo detto...


Atto III

Commento musicale: “La canzone dell’amore perduto” F. De Andrè

Scena mimica: alternanza luce e buio. Luce stroboscopicadurante le scene al buio.

Si apre il sipario

Buio: Sandy prepara la colazione - candela accesa sul tavolo.

Luce: Entra Rudy di ritorno dal lavoro- baci e moine- si siedono al tavolo- Rudy consegna la paga a Sandy felice poi la riprende e riconsegna a Sandy una sola banconota- Sandy imbronciata si gira verso il lavandino.

Buio: Rudy sparecchia e mette le stoviglie nel lavandino-Sandy, prima di uscire verso la camera, gli mette il grembiule e lo invita a lavare.

Luce: Entra Assunta. Stupita va dal figlio, lo rimprovera

silenziosamente, gli toglie il grembiule, lo indossa lei e incomincia a lavare. Rudy, sconsolato, va verso la camera. Assunta, rimasta senza detersivo, esce dalla parte opposta. (Buio)

Luce: Entra dalla camera Rudy in canottiera, sbadiglia, si stira, prepara il caffè, si siede al tavolo per berlo. Entra Sandy in vestaglia, spettinata. Rudy la guarda schifato. Sandy prende il caffè che Rudy stava per bere e lo beve lei. Rudy la manda a quel paese e entra in camera per vestirsi. (Buio)

Luce: Entra Assunta con una nuova confezione di detersivo per piatti, lo sbatte sul tavolo davanti a Sandy e si gira a rigovernare. Entra Rudy dalla camera con la vestaglia da lavoro, una sacca a spalle e un calzino in mano di cui mostra il buco a Sandy. Consegna il calzino da aggiustare alla mamma che, a sua volta, gli mette nella sacca i panini per il pranzo. Rudy prima di uscire bacia la mamma mentre


Atto III

Commento musicale: “La canzone dell’amore perduto” F. De Andrè

Scena mimica: alternanza luce e buio. Luce stroboscopicadurante le scene al buio.

Si apre il sipario

Buio: Sandy prepara la colazione - candela accesa sul tavolo.

Luce: Entra Rudy di ritorno dal lavoro- baci e moine- si siedono al tavolo- Rudy consegna la paga a Sandy felice poi la riprende e riconsegna a Sandy una sola banconota- Sandy imbronciata si gira verso il lavandino.

Buio: Rudy sparecchia e mette le stoviglie nel lavandino-Sandy, prima di uscire verso la camera, gli mette il grembiule e lo invita a lavare.

Luce: Entra Assunta. Stupita va dal figlio, lo rimprovera

silenziosamente, gli toglie il grembiule, lo indossa lei e incomincia a lavare. Rudy, sconsolato, va verso la camera. Assunta, rimasta senza detersivo, esce dalla parte opposta. (Buio)

Luce: Entra dalla camera Rudy in canottiera, sbadiglia, si stira, prepara il caffè, si siede al tavolo per berlo. Entra Sandy in vestaglia, spettinata. Rudy la guarda schifato. Sandy prende il caffè che Rudy stava per bere e lo beve lei. Rudy la manda a quel paese e entra in camera per vestirsi. (Buio)

Luce: Entra Assunta con una nuova confezione di detersivo per piatti, lo sbatte sul tavolo davanti a Sandy e si gira a rigovernare. Entra Rudy dalla camera con la vestaglia da lavoro, una sacca a spalle e un calzino in mano di cui mostra il buco a Sandy. Consegna il calzino da aggiustare alla mamma che, a sua volta, gli mette nella sacca i panini per il pranzo. Rudy prima di uscire


Sandy li osserva, scontrosa. Dopo l’uscita di Rudy, Assunta cerca di rigovernare ma Sandy non le lascia toccare niente. (Buio)

Luce: Sandy, ben vestita, esce dalla camera e se ne va dall’uscio. Incrocia Rudy, di ritorno dal lavoro, che la guarda stupito senza aprir bocca. Rudy guarda sconsolato una pentola vuota, prende dalla dispensa un bottiglione di vino e si siede al tavolo a bere per scacciare la delusione. Toglie dalla sacca il pane stantio avanzato sul lavoro e lo addenta con fatica. (Buio) Il pane è duro e Rudy lo rimette con rabbia nella sacca. Si avvia verso il divano per leggere il giornale.

Luce: Entra Sandy raggiante con un pacchetto. Toglie dal pacchetto delle scarpine di lana per neonati e le porta al divano per mostrarle a Rudy. Lui, indifferente, non le guarda nemmeno. Porge il bicchiere vuoto a Sandy e continua a leggere. (Buio)

Luce:              Dalla camera entra Sandy con il bambino nel cesto.

Contemporaneamente arriva Rudy dal lavoro e, estasiati, i due contemplano il bimbo. Rudy esce e rientra subito con un mazzo di fiori che consegna a Sandy. Sandy appoggia i fiori, toglie dalla culla biberon e pannolini e li consegna a Rudy come un invito a provvedere. (Buio)

Si alternano, a questo punto, scene di luce e buio ed ogni volta che c’è luce Sandy e Rudy vengono ripresi mentre stanno litigando. Alla fine, mentre marito e moglie si girano le spalle, entra Assunta che si mette fra i due. Le due donne si mostrano i pugni. Assunta prende la culla ed esce mentre Sandy minaccia di cacciare di casa anche Rudy. (Buio)

Buio: Entra dalla camera Sandy e si dirige verso il divano. Si siede pensosa ed intanto si fa luce ed incomincia il prologo.

Prologo


Sandy li osserva, scontrosa. Dopo l’uscita di Rudy, Assunta cerca di rigovernare ma Sandy non le lascia toccare niente. (Buio)

Luce: Sandy, ben vestita, esce dalla camera e se ne va dall’uscio. Incrocia Rudy, di ritorno dal lavoro, che la guarda stupito senza aprir bocca. Rudy guarda sconsolato una pentola vuota, prende dalla dispensa un bottiglione di vino e si siede al tavolo a bere per scacciare la delusione. Toglie dalla sacca il pane stantio avanzato sul lavoro e lo addenta con fatica. (Buio) Il pane è duro e Rudy lo rimette con rabbia nella sacca. Si avvia verso il divano per leggere il giornale.

Luce: Entra Sandy raggiante con un pacchetto. Toglie dal pacchetto delle scarpine di lana per neonati e le porta al divano per mostrarle a Rudy. Lui, indifferente, non le guarda nemmeno. Porge il bicchiere vuoto a Sandy e continua a leggere. (Buio)

Luce:              Dalla camera entra Sandy con il bambino nel cesto.

Contemporaneamente arriva Rudy dal lavoro e, estasiati, i due contemplano il bimbo. Rudy esce e rientra subito con un mazzo di fiori che consegna a Sandy. Sandy appoggia i fiori, toglie dalla culla biberon e pannolini e li consegna a Rudy come un invito a provvedere. (Buio)

Si alternano, a questo punto, scene di luce e buio ed ogni volta che c’è luce Sandy e Rudy vengono ripresi mentre stanno litigando. Alla fine, mentre marito e moglie si girano le spalle, entra Assunta che si mette fra i due. Le due donne si mostrano i pugni. Assunta prende la culla ed esce mentre Sandy minaccia di cacciare di casa anche Rudy. (Buio)

Buio: Entra dalla camera Sandy e si dirige verso il divano. Si siede pensosa ed intanto si fa luce ed incomincia il prologo.

Prologo


Passano tre anni, un tempo lunghissimo per gli amori precari. Finita la luna di miele, finita la novità, ammesso che novità ci sia mai stata, incominciano le difficoltà. A complicare il rapporto arriva un figlio che, invece di rinsaldare l'unione, accentua i dissidi.

( Entra la Dott. De  ervi… convenevoli… la dott. prende appunti su un block-notes)

Sandy:            Dott. De Nervi... sarei pronta...

Dott:               Si rilassi e mi racconti i rapporti con suo marito...

Sandy:            Quali rapporti?

Dott:                 Affettivi, sessuali, intellettuali: di ogni tipo, insomma. Non stia sulla difensiva, racconti liberamente.

Sandy:            Zero!

Dott:               Come zero?

Sandy:            Affettivi zero, sessuali zero, intellettuali zero.

Dott:               E quando vi vedete, cosa fate?

Sandy:    Ci vediamo raramente e, quando capita, lui guarda la televisione e io leggo qualche rivista; oppure litighiamo. Lui mi rinfaccia che non sono mai a casa, io, che qui non ho mai nessuno con cui confidarmi.

Dott:           E il figlio?

Sandy:  Il figlio sta con un' amica o dalla nonna...

Dott:           Non ne sentite mai la mancanza?

Sandy:            Mi piacerebbe tenerlo con me, ma ho troppi impegni...

(entra Assunta con una padella in mano)... l'è che turna!

Assunta:        El che 'l me Rudy?

Sandy:    'L ghe mia ‘l to Rudy... '1 ghe mai! (Assunta appoggia lapadella sul gas ed esce scusandosi con la dottoressa)(Uscita Assunta, Sandy si fa prendere da una crisi isterica, trema e si dimena)

Sandy:            Ha visto? È sempre così... sempre a mettere il becco

nella mia famiglia...

Dott:               Si rilassi... si rilassi... come si chiama suo figlio?


Sandy:              Ridge!


Passano tre anni, un tempo lunghissimo per gli amori precari. Finita la luna di miele, finita la novità, ammesso che novità ci sia mai stata, incominciano le difficoltà. A complicare il rapporto arriva un figlio che, invece di rinsaldare l'unione, accentua i dissidi.

( Entra la Dott. De  ervi… convenevoli… la dott. prende appunti su un block-notes)

Dott.

De Nervi...

sarei pronta...

Dott:

Si rilassi

e

mi racconti i rapporti con suo

marito...

Sandy:

Quali rapporti?

Dott:

Affettivi,

sessuali, intellettuali: di ogni

tipo,

insomma. Non

stia sulla difensiva, racconti

liberamente.

Sandy:

Zero!

Dott:

Come zero?

Sandy:            Affettivi zero, sessuali zero, intellettuali zero.

Dott:               E quando vi vedete, cosa fate?

Sandy:    Ci vediamo raramente e, quando capita, lui guarda la televisione e io leggo qualche rivista; oppure litighiamo. Lui mi rinfaccia che non sono mai a casa, io, che qui non ho mai nessuno con cui confidarmi.

Dott:           E il figlio?

Sandy:  Il figlio sta con un' amica o dalla nonna...

Dott:           Non ne sentite mai la mancanza?

Sandy:            Mi piacerebbe tenerlo con me, ma ho troppi impegni...

(entra Assunta con una padella in mano) è qui di nuovo!

Assunta:  È qui il mio Rudy?

Sandy:    Non c’è il tuo Rudy, non c’è mai! (Assunta appoggia lapadella sul gas ed esce scusandosi con la dottoressa)(Uscita Assunta, Sandy si fa prendere da una crisi isterica, trema e si dimena)

Sandy:            Ha visto? È sempre così... sempre a mettere il becco

nella mia famiglia...

Dott:               Si rilassi... si rilassi... come si chiama suo figlio?


Sandy:              Ridge!


Dott:


Ahi... ahi! ... Questo spiega molto... è il sintomo di una mentalità ben definita... lei si chiama Sandy, suo marito Rudy, suo figlio Ridge... molte cose si chiariscono!


Sandy:


E cosa c'entra?


Dott:


C'entra... c'entra... col nome avete assorbito una mentalità da telenovelas... un modo di pensare tipicamente americano. Lì ci si sposa come si compera un capo di abbigliamento: quando è logoro non si aggiusta, si cambia. Potremmo definirlo un matrimonio usa e getta.


Sandy:

Il nome

di

mio figlio d'accordo, ma il

mio non l'ho mica

scelto

io!

Dott:

Eh! I nomi

segnano... segnano la vita!

Nel nome spesso

c’è il

proprio destino. Inoltre lei è

affetta da un

forte complesso di Edipo.

Sandy:

Di chi?

Dott:

D'Edipo...

in parole povere lei è innamorata di suo padre

Sandy:

Chi po?...

'L me

pàre?...

Scusi ma si sbaglia...

non

siamo mai andati

d'accordo!

Dott:

Guardi che la psicologia è una scienza esatta... magari a

livello inconscio, ma lei è innamorata di suo padre e

nel marito cerca

una figura paterna a cui appoggiarsi...

Sandy:

Me par na roba a

me!... Scusi... mi sembra una cosa!

Dott:

Per oggi avrei finito. Quando pensa di continuare mi

faccia una telefonata.

Sandy:

Le devo qualcosa

per il disturbo?

Dott:

In ambulatorio sarebbero 100 euro, a domicilio sono 150 a

seduta... sa... il tempo che si perde per il

trasferimento...


Sandy:


(si appoggia al tavolo e sbianca)... E quante sedute dovrei


fare?


Dott:


Dipende da molti fattori... ma solitamente mai meno di dieci. (Sandy prende i soldi dal cassetto e paga) Si sente bene?


Sandy:


Un leggero capogiro...


Dott:


Allora restiamo d'accordo... telefoni!... (esce)


Dott:


Ahi... ahi! ... Questo spiega molto... è il sintomo di una mentalità ben definita... lei si chiama Sandy, suo marito Rudy, suo figlio Ridge... molte cose si chiariscono!


Sandy:


E cosa c'entra?


Dott:


C'entra... c'entra... col nome avete assorbito una mentalità da telenovelas... un modo di pensare tipicamente americano. Lì ci si sposa come si compera un capo di abbigliamento: quando è logoro non si aggiusta, si cambia. Potremmo definirlo un matrimonio usa e getta.


Sandy:  Il nome di mio figlio d'accordo, ma il mio non l'ho mica

scelto io!


Dott:


Eh! I nomi segnano... segnano la vita! Nel nome spesso c’è il proprio destino. Inoltre lei è affetta da un forte complesso di Edipo.


Sandy:


Di chi?


Dott:


D'Edipo... in parole povere lei è innamorata di suo padre


Sandy:


Cosa? Mio padre? Scusi ma si sbaglia... non siamo mai andati d’accordo!


Dott:


Guardi che la psicologia è una scienza esatta... magari a livello inconscio, ma lei è innamorata di suo padre e nel marito cerca una figura paterna a cui appoggiarsi...


Sandy:


Ma è proprio sicura?... Scusi... mi sembra una cosa!


Dott:


Per oggi avrei finito. Quando pensa di continuare mi faccia una telefonata.


Sandy:


Le devo qualcosa per il disturbo?


Dott:


In ambulatorio sarebbero 100 euro, a domicilio sono 150 a seduta... sa... il tempo che si perde per il trasferimento...


Sandy:


(si appoggia al tavolo e sbianca)... E quante sedute dovrei


fare?


Dott:


Dipende da molti fattori... ma solitamente mai meno di dieci. (Sandy prende i soldi dal cassetto e paga) Si sente bene?


Sandy:


Un leggero capogiro...


Dott:


Allora restiamo d'accordo... telefoni!... (esce)


Scena seconda

Sandy: A la faccia! 150 euri per fam ciüntà sö quater stöpedade

... e me sento tat come pröma... se chei solcc le i dorvàe a compra chel bel per de braghe de Armani che ho viste 'n botiga... starés 'n toc mèi!... te ghe n'è lasio che la ciame amò... se l'è per me la pöl destacàl 'l telefono... la tròo me la solusiù... ciàmo l'aocàt e l'è bela fenida... tanto ormai col me om i me met po nsema gna co l'attack...(bussano... entrano Luisa e Serena,si salutano etc... )

Sandy:            Ié turna 'n giro le bontempune...

Serena:        Su vegnida perché ho fenì i panolini del gnaro... dopo

ho ncontrà Luisa e la m'ha compagnà...

Sandy:            Come stàl po ‘l gnaro?

Serena:   'L sta benone... l'è 'n tesoro d'en gnaro... te l'òe det che 'l tacà a parla?

Sandy:            Te me l'è det. Tèe, a proposito de panolini, tàchel gnamò a fas capì quando la ghe scampa?... 'L me costa pö tant de panolini che de mangià!

Luisa:              A te ghe n'è lasio... el pöl dörà amò dei agn!... 'L me om l'ha pesà ndel let amò a l'atra not... chel porco...

l'ha fat baldoria e l'è rià a chè cimbo... chesà ndel pensàa da èser... tel diso me... corì ale trie de not a cambià lansoi, coèrte e materàs... l'ha bagnada fina mai la mochèt 'n tera. (Ridono maliziosamente)

Serena:        E te col to om come àla po?

Sandy:              Ormai sum du estranei! Se nol pésa nela cocèta... perché

nel me let l'è 'n pes che ‘l vedo mia...

Luisa:            Ma se pöl saì chel che söcès fra voatre du?

Sandy:            Me, che gòe da dit... me me sento stofegada... me go

besögn del me spazio per viver, dele me esperienze...

l'e che me par da ic le ma lögade...

Serena:        Se l'è per chel... töte... 'l me sucede po a me...

Sandy:            Se vet che a me de pö... e po 'l ga semper besögn de la so màre... l'è viziato... me su mia disposta a fac la mama.


Scena seconda

Sandy:     Alla faccia! 150 euri per farmi raccontare quattro stupidate, e

mi sento come prima. Se con quei soldi avessi comprato quel

bel paio di pantaloni di Armani che ho visto in negozio,

starei molto meglio! Se lo sogna che la chiami di nuovo: per

quel che mi riguarda può staccare il telefono. La trovo io la

soluzione: chiamo l’avvocato e così è finita. Ormai con mio

marito non stiamo più assiema neanche con la colla

(bussano... entrano Luisa e Serena, si salutano etc... )

Sandy:         Sono ancora a spasso le buontempone!

Serena:  Sono venuta a trovarti perché ho finito i pannolini del bambino. Ho incontrato Luisa e mi ha accompagnato.

Sandy:         Come sta il bambino?

Serena:  Sta bene, è un tesoro di bambino. Lo sai che ha incominciato a parlare?

Sandy:           Me l’hai già detto. A proposito di pannolini, non ha ancora incominciato a farsi capire quando deve fare i suoi bisogni?... Mi costa più di pannolini che di cibo!

Luisa:   Non contarci: può andare avanti anni! Mio marito ha fatto pipì a letto anche l’altra notte, il maiale! Ha fatto baldoria ed è arrivato a casa ubriaco fradicio... chissà dove pensava di essere. Guarda, una vergogna! Correre alle tre di notte per cambiare lenzuola, coperte e materassi... ha bagnato perfino la moquette per terra (Ridono maliziosamente)

Serena: E con tuo marito come va?

Sandy:           Ormai siamo due estranei! Se non piscia nella sua cuccetta, nel mio letto no perché non c’è mai!

Luisa:         Ma si può sapere cos’è successo fra voi due?

Sandy:   Cosa devo dirti, io mi sento soffocare; ho bisogno del mio spazio vitale, delle mie esperienze. Mi sembra di avere le mani legate!

Serena:     Non solo a te, a tutte... succede anche a me.

Sandy: A me probabilmente di più. Lui, inoltre, ha sempre bisogno

di sua mamma, è viziato: io non sono disposta a fargli


Luisa:           Ghe n'è 'n giro de chele situasiù che... epüre i tira avanti... i se piega 'n po ü 'n po l'ater e i se vè ‘n cutra...


Sandy:


Me su mia öna che se piega... me go la me dignità... anzi adès ghe telefono a èl e po a l'aocàt e sistemòm la facenda... spetì 'n menüt... (esce)


Serena:        Madona che situasiù... i me fa àca pena...

Luisa:            I se l'è sercada nè!... I pödìa saìl a pröma chel che 'l völìa di spusàs!

Serena:        Per me iera mia madür... i gàa da spetà amò 'n po'...

Luisa:            Se ié mia madörà fina adés i madüra gna pö no... che me despiàs l'è'l gnaro!

Serena:        Ié semper èi che ghe va de mes... èi i ghe n'ha gna colpa gna pecà... por diàoi... a pensà che l'è 'n tòto de 'n gnaro... se sa gna da ìghel...'1 fa ater che mangià e dormì... (Sandy ritorna)

Sandy:            Fatto... fuori il dente fuori il dolore... ghe stada che a 'na psicologa 'n moment fa... 150 euri la me costada, e ndaren...

Serena:        Ö la madona... ch'erèla po?

Sandy:            La Dott. De Nervi... la cognèset?

Serena:        Ciao... ntat za 'l nom 'l promèt gnent de bel... e po l'è mei che la varde la so la famìa... 'l so om, por diaol, 'l va lè gobo dai còregn!

Sandy:            E la ve che a 'nsegnam a me chel che go da fa? Per 150 euri?

Luisa:            E che t'àla det?

Sandy:  'N sac de stöpedade... che l'è colpa dei nom americani e

dele telenovelas...

Serena: Perché po... che ié i se bèle!...

Sandy:   'L set te?... Po la m'ha det che l'è colpa d'en complesso de giü che cogneso mia... complesso de Pippo... me par... 'n poche parole la dis che su 'namorada del me pare!... (ridono tutte) ormai ghe pö gnent da fa... i ga 'n bel dì i psicologi...


Luisa:  Sono situazioni frequenti, eppure si va avanti. Ci si piega un po’ uno, un po’ l’altro e si cerca di venirsi incontro

Sandy:           Io non sono una che si piega, io ho una dignità. Già che ci sono telefono a lui e all’avvocato e sistemiamo la faccenda. Aspettatemi un minuto! (esce)

Serena:     Mamma mia, che situazione! Mi fanno compassione.

Luisa:           Se la sono cercata, vero? Potevano saperlo anche prima cos’era il matrimonio!

Serena:  Per me non erano maturi, dovevano aspettare ancora un po’!

Luisa:   Se non sono maturati fino ad oggi di certo non matureranno più. Chi mi dispiace è il bambino!

Serena: Sono sempre loro a rimetterci e non hanno né colpa né peccato. Poveretti! E pensare che è un bambino buonissimo, non disturba mai, non fa che mangiare e dormire... (Sandy ritorna)

Sandy:   Fatto... fuori il dente fuori il dolore. È venuta anche una psicologa, un momento fa: 150 euri mi è costata e indarno!

Serena:     Cavolo!... E chi era?

Sandy:        La Dott.sa De Nervi, la conosci?

Serena:  Sicuro! Già il nome promette poco di buono e poi è meglio che la tipa guardi in casa propria... suo marito, poveretto, cammina piegato per le corna che porta!

Sandy:   E ha la faccia tosta di venire a insegnarmi cosa devo fare? E per 150 euri?

Luisa:        E cosa ti ha raccontato?

Sandy:        Un sacco di stupidate, che è tutta colpa dei nomi

americani e delle telenovelas...

Serena:        E perché mai? Sono così belle!

Sandy:           Saperlo! Inoltre mi ha detto che è colpa di un complesso di un tipo che non conosco, il complesso di Pippo, mi sembra. Alla fine ha detto che sono innamorata di mio padre! (ridono tutte) Ormai non c’è più niente da fare, possono raccontare quello che vogliono gli psicologi!


Serena:           Tèe... me sére vegnida a dit a natra roba...

(imbarazzata)... 'l to gnaro... poaretì... 'l me ciàma mama me...

Sandy:            E me come me ciàmel po?

Serena:        Cendy... me ghe volo 'n bè del mont, l’è come se ‘l födes me fiöl... però la me par mia na roba tat giüsta no... pödareset mia stac dre 'n po' de pö?

Sandy:            Te la sè la me situasiù... che fòe po?

Luisa:            Pödet mia sta a chè dal laorà?

Sandy:            Chei che me mantegna?

Serena:        Fat da argota dal to om!

Sandy:            Ah chel le se... 'l ghe n'ha a sè gna per èl!

Luisa:            Fa 'l part-time...

Sandy:            Bè1a edèa... con che1 che te ciàpe te ghe n'è asè gna per mangià... e 'l vestì?

Serena:        Preferéset perdì 'l gnaro o i vestì? (bussano)

Sandy:            Ié che...

Luisa:            Noatre nom lè ntat che parlì dei vos mestér... te salüdo

e àrda da risolvì la facenda...

Sandy:            Pensì mia mal... (Luisa e Serena incrociano l'avv. e Rudy,si salutano imbarazzati, poi escono)

Scena terza

(Sandy e Rudy stanno per sedersi vicini ma l'avv ... )


Avv:


L'è mei che nìef giü de na banda e giü da l'atra... a capotaola... me sto 'n mès... '1 so me come le va a fenì chele facende che!... Alura... sif proprio decisi?


Sandy:  L'è mei dac 'n tai sübet pröma che la fenése mal...

Rudy:           Su d'acordo ...

Avv:               Vedif che sö argota si d'acordo!

Rudy:           La sarà a l’üneca olta…


Serena:  Ehi, io ero venuta per dirti un’altra cosa (imbarazzata) il tuo bambino, poveretto, chiama mamma me!

Sandy:              Ed io, com’è che mi chiama?

Serena:          Cendy... Io gli voglio un bene dell’anima, è come se fosse mio figlio, però non mi sembra una bella cosa. Non potresti tenerlo vicino un po’di più?

Sandy:     La sai la mia situazione... come faccio?

Luisa:     Non puoi restare a casa dal lavoro?

Sandy:        E chi mi mantiene?

Serena:        Fatti dare qualcosa da tuo marito!

Sandy:           Stai fresca, non ne ha abbastanza nemmeno per lui!

Luisa:        Fai il part-time...

Sandy :          Bella idea! Coi soldi che guadagni non ce la fai neppure a mangiare... e i vestiti?

Serena:        Preferisci perdere il figlio o i vestiti? (bussano)

Sandy:           Sono arrivati...

Luisa:           Noi andiamo a casa intanto che parlate delle vostre faccende.

Ti saluto e vedi di risolvere il problema...

Sandy:              Non preoccuparti... (Luisa e Serena incrociano l'avv. e Rudy, si salutano imbarazzati, poi escono)

Scena terza

(Sandy e Rudy stanno per sedersi vicini ma l'avv ... )

Avv:              È meglio che andiate una da una parte e uno dall’altra, a

capotavola, io sto in mezzo. Io lo so come vanno a finire queste faccende! Allora, siete proprio decisi?

Sandy:        È meglio tagliare subito, prima che finisca male!

Rudy:              Sono d’accordo...

Avv:              Vedete che su qualcosa siete d’accordo?


Rudy:   Sarà anche l’unica volta...


Avv:

Alura... le robe le sta isé... if fata la separasiù dei

beni?

Rudy:

Che roba èla po?

Avv:

Se l'ì mia fata, töt chel che i trat ‘nsema dopo sposà 'l

va diviso a metà!

Rudy:

No... om fat gnent...

Sandy:

Ah... ghe mia tat no... giusto i regài da spuse e quac

centomila...

Rudy:

E i laùr che se pöl mia dividì?...

Avv:

Alura se fa la permuta... se ü 'l tegna la televesiù...

l'ater... '1 soe me... 'l tegnarà la lavatrice e 'l

frigorifero...

Rudy:

Me tegno la televesiù!

Sandy:

Vöt che 'l saès mia me?... e i solcc?...

Avv:

Metà per ü àca de chei!

Rudy:

E chei dela cravata quando me su spusà?... l'era me la

cravata...

Avv:

Te l'hai taàda pröma o dopo spusà?

Rudy:

Dopo... o no!... che domande èle po?

Avv:

Alura l'è metà per ü... quacc èrei i solcc?

Sandy:

36 euri...

Avv:

alura 18 euro per ü... stif le a vardà chele migole le?

Rudy:

'L fato l'è che l'era l'üneca cravata bela che gàe... e

po l'era me!

Sandy:

(Con disprezzo)...

piöcc...

(Rudy si alza minaccioso)

Avv:

Eco...

i taca...

'l sàe me che la nàa a fenì isé...

calmi

... calmi ...

Rudy:               Àe mia sbaglià me a ciamàt Cami... però 'l völìa dì "Carogna mia"... (Sandy si alza e gli lancia una ciabatta)


Avv:


Buoni... buoni... ardom da naghen fo che pö prest fenom mei l'è...


Avv:                Bene, le cose stanno in questi termini, avete fatto la separazione dei beni?

Rudy:   Che cos’è?

Avv:                Se non l’avete fatta, tutto quello che avete accumulato dopo il matrimonio va diviso a metà.

Rudy:   Non abbiamo fatto niente!

Sandy:  Per la verità non c’è molto... solo i regali del matrimonio e

qualche centinaio di euro

Rudy:

E le cose che non si possono dividere?

Avv:

In quel caso si fa la permuta. Ad esempio se uno tiene la

televisione, l’altro, che ne so, terrà la lavatrice e il

frigorifero...

Rudy:

Io tengo la televisione!

Sandy:

Pensi che non lo sapessi?...

E i soldi?

Avv:

Metà ciascuno anche quelli!

Rudy:

E i soldi della cravatta quando mi sono sposato? Era mia la

cravatta!

Avv:

L’hanno tagliata prima o dopo la cerimonia?

Rudy:

Dopo, no! Che domande sono?

Avv:

In quel caso metà ciascuno: quanti erano i soldi?

Sandy:

36 euri!

Avv:

E allora 18 euro a testa, ma state a guardare le briciole?

Rudy:    Il problema è che era l’unica cravatta bella che avevo, e inoltre era mia!

Sandy:        (Con disprezzo) pidocchio.. (Rudy si alza minaccioso)

Avv:            Ecco, incominciano! Io lo sapevo che finiva così! Calmi...

calmi...

Rudy:   Non mi ero sbagliato a chiamarti Cami, però voleva dire “Carogna mia”... (Sandy si alza e gli lancia una ciabatta)

Avv:              Buoni, buoni. Vediamo di fare in fretta che più presto finiamo meglio è!


Sandy:  Se l'è per chel l'era mia sbaglià gna 'l me Pami no...

"Pampalügo mio" (Rudy si alza di nuovo)

Avv:

Dai

da

brai!

Che ghe po amò?

Sandy:

Ghe

la

camera...

Avv:

Alura 'l

let

matremonial se pöl dividìl... na cocèta per

ü... 'n

comodì

e 'n abajour per

ü... e l'armadio?

Sandy:

L'armadio 'l

ga

sic ante...

Avv:

Èco

chèi

che

tegna 'l gnaro trie

ante... àca perché ghe

da

metìc tre i

so vestì; l'ater

do... a proposito e 'l

gnaro

che l'è la roba pö mportante?

Sandy:    Me 'l tegnarès con töt el ciör ma go de laorà e so mia a chi lagàghel... se 'l me pàsa i solcc per la baby-sitter

Rudy:               (rivolto all'avv.)Eco et vist... i solcc della cravata l'è stada svelta a dividìi... 'l gnaro la le mòla senza fa bef!...

Sandy:    Che fòe a mantegnìl?... E la to màre... semper dre a da consigli... " e fa isé... e dac chesto, e dac chel'ater, el me l'ho leà come Dio comanda"... adès la ga lasio da stac dre a so möt... èla mia conteta?... l'è semper sta chel che la ölia...

Rudy:

Che bestia!

Avv:

Stì calmi!...

Se ghe

gnent ater...

pödom a na lè

...

Rudy:

(all’avv.) Tèe

... quat èl

po 'l

to

destürbo?

Avv:

Per adès ié du mila

euro...

ü per

ü...

dopo ghe

sarà amo

argota...

'1 so mia de preciso

...

Sandy:

Madona che cifra...

'l bel che

te

sì a 'n amico

...

Avv:

Me 'n ciapo mia gna

ü nè...

i va töcc 'n marche

da bol e

'n tàse...

töte le

olte

che te vè a parlà 'n trebönàl ié

centenèr de bigliècc da

sento

che va fo...

Rudy:           Fa gnent, farò sensa cambià la machena ma almeno me lio 'n grop dal stomèc.


Sandy:  E neanche il mio Pami era sbagliato... “patacca mia” (Rudy

si alza di nuovo)


Avv:


Su, da bravi! Poi cosa c’è?


Sandy:


C’è la camera...


Avv:


Bene, il letto matrimoniale si può dividere, una cuccetta ciascuno, un comodino e un abat-jour ciascuno e l’armadio?


Sandy:


L’armadio ha cinque scomparti...


Avv:


Si fa così: a chi tiene il bambino toccano tre scomparti,

anche perché deve metterci i suoi vestiti; all’altro due.

A proposito: il bambino, che è il problema più importante?


Sandy:  Io lo terrei con tutto il cuore, ma devo lavorare e non so

a chi lasciarlo... se mi passa i soldi per la baby-sitter!


Rudy:


(all’avv.) Hai visto? I soldi della cravatta li ha divisiin fretta, il bambino lo scarica senza batter ciglio!


Sandy:


Come lo mantengo? E tua madre, sempre pronta a dare consigli: “Fai così, dagli questo, dagli quest’altro; e io mio figlio l’ho cresciuto come Dio comanda”. Adesso potrà educarlo come vuole... sarà contenta! È quello che ha sempre voluto!


Rudy:


Che bestia!


Avv:


State calmi! Se non c’è altro possiamo andare.


Rudy:


(all’avv.) Ehi, quanto di dobbiamo per il disturbo?


Avv:              Per ora sono due mila euro, mille a testa, dopo ci sarà ancora qualcosa, non lo so di preciso

Sandy:  Alla faccia, che cifra! E meno male che sei un amico!

Avv:              Sappiate che io non guadagno niente, sono tutti soldi che finiscono in marche da bollo e tasse. Ogni volta che si va a parlare in tribunale escono centinaia di euro!

Rudy:   Non fa niente, non cambierò l’automobile ma almeno mi levo un peso dallo stomaco


Sandy:  Po a me... a costo de na lè 'n mödande... ma almeno l'è

fenida...

Rudy:               Chel le te fè mia fadiga no a fal! (Sandy fa per scagliarsicontro Rudy ma l'avv. li divide)

Avv:               Buoni... ma che if fat po a na a fenì isé?

Rudy:           L'ha tacà amò 'l pröm de... te recòrdet quando la m'ha

mia fat 'l cafè?... dopo l'è sta semper pegio e l'ültèm colpo la ghe l'ha dat quando l'è nada 'n politica ...

Sandy:    Gome mia dirito da ic la parità... o völif comandà apena voatre?

Avv:

Buoni

...

Rudy:

L'ho

vista

... semper sul e mangià da cani...

sarò calà

des

chili...

àrdem...

Avv:

A me

me

par mia...

Rudy:           L'è perché su nfagotà sö de magliù e camise... se no te

te nascorsaréset e per fortüna che ogni tat vo a mangià dala me màre... se no sarés pel e os.

Sandy:            Poaretì! La so mammina, la le ‘ngrasa come ‘n capù... e le deventà ‘n capù!

Rudy:

Madona ... tirémela fo dale ma

perché la stròso!...

(l'avv. li tiene separati)

Sandy:

A proposito de mangià

... e i alimenti?

Rudy:

Sö chei su d'acordo...

te pàso

tosti e

cafè e lat per

tri

agn come t'è fat te con

me...

Avv:

Adès

nom...

(rivolto a Rudy)...

te te vègne con me 'n

uficio perché te ghe da fa 'n per de firme

...

po l'è mei

che

te staghe mia che prima

che vegne fo 'n polverù...

èla

la vegnarà fo dopo

... per so ciünt...

(si avviano e

Rudy si gira)...

Rudy:

Pröma

che turne 'n dre te töde sö i to stras e te ve lè

...

ùrs...

fat mia troà che

quando vègno a chè

... la chè

l'è

me...

l'era me pröma de

spusam, come la cravata...

pröma che i le taès...

e po

ié me a i ca...

(rivolto

all'avv.) testemone te che iera chei noèi che nasì prima

de spusam!

... eco!


Sandy:  E 'l gnaro quand' èl che pödarò vedìl?


Sandy: Anch’io, a costo di restare in mutande, ma almeno è finita!

Rudy:     In mutande non fai fatica a restarci! (Sandy fa per

scagliarsi contro Rudy ma l'avv. li divide)

Avv:              Buoni... Si può sapere come avete fatto a finire in questo modo?

Rudy:   Ha incominciato ancora il primo giorno, ti ricordi quando non ha fatto il caffè? Da allora è sempre peggiorata e la batosta finale me l’ha data quando è entrata in politica!

Sandy:  Non abbiamo diritto noi alla parità, o volete comandare solo voi?

Avv:            Buoni...

Rudy:           Non l’ho più vista: sempre da solo e mangiare da schifo. Avrò perso dieci chili... guardami!

Avv:               A me non pare...

Rudy:           È perché sono imbottito di maglioni e camicie, altrimenti te ne accorgeresti. Se ogni tanto non andassi a mangiare da mia madre sarei solo pelle e ossa!

Sandy:  Poveretto! La sua mammina lo ingrassa come un cappone...

ed è diventato un cappone!

Rudy:           Vigliacca... toglimela dalle mani altrimenti la strozzo!

(l'avv. li tiene separati)

Sandy:  A proposito di mangiare... e gli alimenti?

Rudy:   Su quelli sono d’accordo, ti concedo toast e caffelatte per tre anni, come hai fatto tu con me!

Avv:              Adesso andiamo. (a Rudy) Tu vieni con me in ufficio per fare un paio di firme. Inoltre non voglio che resti qui, che non scoppi una tempesta. Lei arriverà dopo, da sola (si avviano e Rudy si gira)...

Rudy:            Prima che torni indietro prendi tutti i tuoi stracci e te ne vai... fuori... non farti trovare quando torno a casa. La casa è mia, era mia prima del matrimonio, come la cravatta, prima che me la tagliassero. E sono miei anche i cani (all’Avv.) tu sei testimone che erano i cuccioli nati prima del matrimonio! Ecco!

Sandy:  E il bambino quand’è che potrò vederlo?


Rudy:           Quando 'l disarò me!...

Avv:               Piano... piano... chel le èl le decidarà 'l trebönal...

nom (escono)

Scena quarta

(Sandy è rattristata e nello stesso tempo arrabiata. Intanto racimola le sue cose.)

Sandy:   Ardì... ho sbatì é i agn piö bei della me vita per 'n bastardo compagn... se gaés da turnà ndré adès vo suora pötost... (bussano... è Assunta)

Assunta:  Ghèl mia 'l me Rudy? Go portade le camise sterade...

Sandy:            Adès te pode godìtel quat che te öle 'l to Rudy!

Assunta:  Che söcès?

Sandy:            Om divorsià... tödo sö la me roba e me la cào...

Assunta: Madona che grazia... l'ho saì amò 'l pröm de che la nàa a fenì isèta... che grazia... e ‘l gnaro?

Sandy:    Resta che a chel... cosé te pödarè viziàl come t'è fat col to fiöl... se te födèset stada fo dai pe forse sarésem na d'acordo... nvece che semper a metì 'l bec!

Assunta: Se te gaèset tendì ala to chè, nvece da na 'n scorlandola, ghe sarés mia sta besögn che vegnés che me ... l'importante l'è che te naghe fo dai pe ala svelta!

Sandy:    Vo lè... vo lè... l'atra roba vegnarò a töla quando ghe sarà mia che 'l to "bambino"... gòdetel... e arda da ic botep a fa la serva fin che te scampe...

Assunta:  Te pènsec mia... (Sandy esce ... Assunta balla ancheggiandoe cantando)

Scena quinta

Assunta: Che bèla giornada... iera agn che me nsomiàe na giomada isé! Ho fenì da domandà compermeso nela chè del me fiöl

... da dösì sbasà i öcc davanti a na slandruna de na nuora... da domandà per piacere per vedì 'l me neut... che giornada! (Entrano Rudy, Antonio e l'avv.)


Rudy:                 (ad Assunta) Èla nada lè?


Rudy:           Quando lo dirò io!

Avv:               Aspetta, aspetta... quello lo deciderà il tribunale,

andiamo (escono)

Scena quarta

(Sandy è rattristata e nello stesso tempo arrabiata. Intanto racimola le sue cose.)

Sandy:         Guarda un po’, ho sacrificato gli anni migliori della mia vita per un bastardo simile. Se tornassi indietro piuttosto mi farei suora. (bussano... è Assunta)

Assunta: Non c’è il mio Rudy? Ho portato le camicie stirate...

Sandy.  Adesso puoi godertelo quanto vuoi, il tuo Rudy!

Assunta: Cos’è successo?

Sandy.  Abbiamo divorziato! Prendo le mie cose e me ne vado!

Assunta: Madonna, che grazia! L’ho saputo subito che sarebbe finita così... che grazia! E il bambino?

Sandy:  Resta qui anche lui, così potrai viziarlo come hai fatto con tuo figlio. Se fossi stata fuori dai piedi, forse saremmo andati d’accordo! Invece no! Sempre a mettere il becco nelle nostre faccende!

Assunta: Se avessi accudito la tua casa, invece di andare a zonzo, non sarebbe stato necessario che venissi qua io: la cosa importante è che adesso te ne vada fuori dai piedi alla svelta.

Sandy:  Vado, vado... le altre cose verrò a prenderle quando non ci sarà il tuo “bambino”. Goditelo e vedi di divertirti a fare la serva fin che vivi!

Assunta: Tu non devi più preoccuparti! (Sandy esce ... Assunta ballaancheggiando e cantando)

Scena quinta

Assunta: Che splendida giornata, erano anni che sognavo una giornata simile! Ho finito di chiedere permesso nella casa di mio figlio, di dover abbassare gli occhi davanti a una lazzarona di una nuora, di chiedere per favore per poter vedere mio nipote... che giornata! (Entrano Rudy, Antonio e l'avv.)


Rudy:            (ad Assunta) Se n’è andata?


Assunta: L'è partida, l'è partida se Dio völ... (abbraccia ilfiglio)...Beìf 'l cafè?...(accettano) liscio o corèto?

Avv:                  Se ghe 'n gos de grègia le mei...

Assunta:        Spetì che vo a chè a töla perché che ghe ne mia!

Antonio:  Assunta... sta mia destörbàt... 'l beòm a liscio...

Assunta:  Che destürbo po?... Ié du pas... rio sübet...(esceancheggiando)

Antonio:  La me par conteta la to màre!


Rudy:


L'è pödìa mia vedìs co la me fomla... madona me recordàe mia che l'è pö la me fomla... che sodesfasiù!


Avv:


Tèe... perché po, visto che ghe l'adio al celibato, ‘nventom mia po a l'adio al matrimonio!


Rudy:               L'è na bela edèa... però sta olta 'l preit 'l tödom mia dre... la festa la fom come m'entèndo me... ghe n'ho ìda asè na olta me de cantà töta la not ala lüna come 'n loc con de na chitara che me spacàa le rècie...

Antonio:  D'acordo... sta olta te decìde te... te si te l'interessato! (Assunta rientra con la bottiglia dellagrappa e carica di padelle)

Rudy:           Che 'n fet po dèle padele?

Assunta: Se te ölarè mangià 'n po da cristiano 'l sarà mei che porte che quater padele... ho mai capì come se pödìa fa da mangià con de 'n padelì sul... 'n padelì che ghe stàa zö forse du öf de ciaresì...

Avv:            E meno mal che i’era mia de struzzo (Beffardo a Rudy) Te

starè mia tat a metì sö i chili che t'è pers!

Antonio:  Te tocarà na 'n palestra a fa ginastica per fa calà la pansa!

Rudy:               Sti mia ic pora che pröma che recùpere la fam che ho patida... (bevono il caffè mentre Assunta servizievole siaffanna attorno al tavolo) 'L sif che me par gna vìra! mepar da èser 'n onsèl che scampà fo dala reèta...


Avv:


Àrda da sta atento a mia ciocà 'n de n' atra...


Rudy:


Me 'n vardarò bè!... Alura d'acordo... stasira ale ot e meza... (a Antonio) àrda da tö dre i solcc... mia i soliti des euro né!


Assunta:


È partita, è partita se Dio vuole (abbraccia il figlio)

Bevete il caffè? (accettano)liscio o corretto?


Avv:


Se c’è un goccio di grappa è meglio!


Assunta: Aspettatemi che vado a casa a prenderla perché qui non ce n’è.

Antonio:     Assunta, non incomodarti, lo beviamo liscio!

Assunta:  Non è un disturbo! Sono due passi, arrivo subito ...(esce

ancheggiando)


Antonio:


Mi sembra contenta, tua madre!


Rudy:


Lei e mia moglie non si sopportavano... Che sbadato, non ricordavo che non è più mia moglie! Che soddisfazione!


Avv:


Ehi, perché, visto che esiste l’addio al celibato, non inventiamo l’addio al matrimonio!


Rudy:


È una bella idea! Però questa volta il prete non lo invitiamo, la festa la facciamo come voglio io! Mi è bastato una volta di cantare come un allocco alla luna con una chitarra che mi rompeva i timpani!


Antonio: D’accordo, questa volta decidi tu, sei tu l’interessato!

(Assunta rientra con la bottiglia della grappa e carica di

padelle)


Rudy:


Cosa ne fai delle padelle?


Assunta: Se vorrai mangiare come Dio comanda, è utile che porti qui qualche pentola: non ho mai capito come si poteva cucinare con un pentolino solo, un pentolino dove ci stavano forse due uova strapazzate!


Avv:


E meno male che non erano di struzzo! (beffardo a Rudy) Non ti ci vorrà molto a recuperare i chili che hai perso!


Antonio: Dovrai andare in palestra a far ginnastica per far diminuire la pancia!

Rudy:    Ce ne vorrà del tempo prima di mettermi in pari con la fame che ho sofferto! (bevono il caffè mentre Assunta servizievole si affanna attorno al tavolo) Lo sapete che non mi sembra vero!Mi sembra di essere un uccello scappato dalla rete.

Avv:            Stai attento a non finire subito in un’altra!

Rudy:   Me ne guarderò bene! Restiamo d’accordo, ci vediamo stasera alle otto e mezzo (a Antonio) ricordati di prendere i soldi e che non siano i soliti dieci euro!


Antonio: Èe...

Rudy:               (All'avv.) Te te ghe mia problemi... coi solcc dèla me parcela te pöde sta 'n giro 'n mis!

Avv:               E amò' con chela parcela!... ié töcc solcc che va a fenì

'n marche da bol e tàse... però na olta pagarò me dai!

Antonio: Che 'l sìes champagne... mia le solite gasose né!

Avv:               D' acordo!

Assunta:           Ardì da tendìc dre al me fiöl... se 'l gaès da söda fil

cuertà zö...

Avv:

Sta mia ic pora

...

ghe pensòm noatre a troac la

cuertina!

(sghignazzando escono)

Rudy:

Mama i compàgno zö

... e magari

nom aca bìer 'n pirlo...

Assunta:

Preòcupet

mia...

ntat me fò du

mestér e preparo da

mangià...

ghèt òa de argot?

Rudy:

Mangiarès

ontèra du gnòc facc 'n chè... me recòrdo mia

'l tep che i tàsto... magari a

do fetine de codeghì col

purè, mia tata roba nè!

Assunta:  Me mèto dre sübet... arda da mia esagerà col bìer!

Rudy:               Te paròe 'l tipo?

Scena sesta

(Assunta canticchia mentre rigoverna)

Carletto: Permesso?

Assunta:        Avanti... che fet po che?

Carletto: Ho sentide le ülteme novità... che söcès po?

Assunta:  L'è söcès chel che gàa da söcédì... la pödìa mia na

avanti isé...

Carletto: 'L bel che me sére ösà a sta per me ciünt... adès me

tocarà tacà sö turna per du... madona che despiasèr...

Assunta:  Te lè leàda isé... adès te tè la tegne...

Carletto: E ‘l me neut... mel lasarèt vedì qualche olta? (intanto


si avvicina per toccare Assunta)


Antonio:  Va bene...

Rudy:           (all’avv.) Tu problemi non ne hai; coi soldi della miaparcella puoi far festa un mese!

Avv.              E ridagliela con la parcella! Sono tutti soldi che finiscono in marche da bollo e tasse; però questa volta pagherò io!

Antonio: E che sia champagne, non le solite gazzose!

Avv:            D’accordo!

Assunta: State attenti a mio figlio: se dovesse sudare, guardate

che si copra bene...

Avv:                    Non preoccuparti... gliela troviamo noi la coperta giusta (sghignazzando escono)

Rudy:           Mamma li accompagno e magari andiamo al ber a bere un bianco.

Assunta: Non preoccuparti. Io governo un po’ e preparo da mangiare: hai voglia di qualcosa in particolare?

Rudy.      Mangerei volentieri gli gnocchi nostrani che è da tanto che non li assaggio... se ci fossero anche due fette di cotechino col purè, non tanta roba, mi raccomando!

Assunta: Incomincio subito. Vedi di non esagerare col bere...

Rudy:   Ti sembro il tipo?

Scena sesta

(Assunta canticchia mentre rigoverna)

Carletto:  È permesso?

Assunta:        Avanti... cosa sei venuto a fare?

Carletto: Ho sentito le novità... cos’è successo?

Assunta: È successo quello che doveva succedere... non poteva continuare così!

Carletto: Il fatto è che mi ero abituato a stare da solo... adesso dovrò

ricominciare a cucinare per due: che dispiacere!

Assunta:     L’hai educata così, adesso te la devi sorbire com’è!

Carletto: E mio nipote, me lo lascerai vedere qualche volta? (intanto si avvicina per toccare Assunta)


Assunta: Adès 'l ghe mia però, se te tegnarè le ma a posto, te pödarè vegnì a vedìl quando te öle...dopo töt l'è tat to come me...

Carletto:  Certo che se se födèsem spusà noatre du... la sarés mia nada a fenì isè no!... me su ü che se contènta de poc

... sarésem mia amò adura?... Pensa 'n du come 'l liarésem sö bè chel gnaro!

Assunta:   Spèta 'n moment che vo a vedì se ié vansàde quater bomboniere... (Carletto aspetta fiducioso fregandosi le manie intanto canticcha...) (Assunta esce col battipanni in mano

e lo rincorre attorno al tavolo)...ho giurato che 'n chelachè che della to famìa i pianta la tenda pö negiü... capito?

Carletto: Madona che caratere ... (escono correndo)

FINE


Assunta: Adesso non c’è però, se terrai le mani a posto, potrai vederlo quando vuoi; dopotutto è tanto nipote tuo come mio.

Carletto: Però, se noi due ci fossimo sposati non sarebbe finita così! Io sono uno che si accontenta di poco. Non saremmo ancora in tempo? Pensa come noi due assieme educheremmo bene il bambino!

Assunta: Aspetta un attimo: Vado a controllare se sono rimaste quattro bomboniere(Carletto aspetta fiducioso fregandosi le mani e intanto canticchia...) (Assunta esce col battipanni in mano e lo rincorre attorno al tavolo)...ho giurato che in questacasa nessuno della tua famiglia pianterà mai più la tenda, hai capito?

Carletto: Per la miseria, che brutto carattere! (escono correndo)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno