Premiata ditta Sciaccaluga & C.

Stampa questo copione

                    

"PREMIATA DITTA SCIACCALUGA & C"

          COMMEDIA DIALETTALE GENOVESE

    

                                tre  atti e due quadri di

                             ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

Carlo¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†-¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Fatt√Ľrin d'uffizio

Ernesto     SCIACCALÛGA      -          o prinçipà

Serafin      BOTTARO               -           capo uffizio

Luiginn-a  SCC-IAPPACASSE -           dattilografa

Gi√∂xe¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† DELFIN¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† -¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† d√Įto Pr√ľxa¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†

Beneita     SEGALERBA           -         da ditta Stoccafisso & Affini         

Lucrezia    PACE                       -            avvocato

Giovanni   PESCE                    -            cantuné

Marta        PAGAN                    -            donna de pulizie

Ester         TAGGIAVACCHE   -            ex impiegà da ditta

Silvia         DELPINO                 -           commessa do bar

In te' n scagno de Import - Export in Darsena in anni sci√Ľscianta

ATTO PRIMO

Tipico ufficio di Import - Export in Darsena. Porta principale sul fondo, a mezza vetrata, con la scritta <Premiata ditta Sciaccaluga & C">. Accanto alla porta una finestra con sotto un piccolo divano. Alla sinistra un porta conduce all'ufficio del principale. Alla destra un'altra porta conduce alla toilette. Scaffali con classeur e pratiche d'ufficio. Orologio alla parete, quadri marinari, calendario da togliere i foglietti del giorno. Alla sinistra, accanto alla porta del principale, una scrivania del Capo ufficio col telefono ed una sedia al di là della stessa per i clienti. Accanto alla scrivania, ad angolo, un tavolino con macchina da scrivere e sedia. Di fronte altra scrivania del fattorino.

 

SCENA I

(Serafin - Paggeu)

(all'apertura del sipario Serafin, seduto alla propria scrivania, sta telefonando. Di fronte, Paggeu, sta timbrando con troppo rumore, delle pratiche) 

SERAFIN ¬†¬†¬†¬†:- (tipo un po' untuoso, sta tentando una conversazione con una tale che non gli d√† spazio) "Sc√¨, sc√¨.. ho accap√¨o.." (si agita) " No, no.. beh.. anzi.. ma sci√† vedde.. sci√† me sc√Ľse.. sc√¨, per√≤.."

PAGGEU      :- (osserva di tanto in tanto il suo capetto in difficoltà. Tipo da topo d'ufficio, occhiali cerchiati di nero, barba incolta, quarant'anni apparentemente spesi male. Indossa giacca e pantaloni scuri di taglio troppo abbondante per la sua misura. Le maniche della giacca sono ripiegate sui polsi ed i pantaloni ripiegati sulle scarpe. Continua a timbrare disturbando la conversazione)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (spazientito, comincia ad essere insofferente.Fa segno a Paggeu di fare pi√Ļ piano con il timbro) "Ma Sci√† Ben√©ita, sci√† me lasceparl√† mi asc√¨.. ma.. ma se sci√† parla de lungo vosci√†.." (pausa)"No, no, ghe diggo che se.. pronto?.. Sci√† Ben√©ita, sci√† l'√® in linea?" (guarda Paggeu)"A l'ha misso z√Ľ"

PAGGEU      :- (con faccia tosta) "E chi a l'éa?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (rifacendogli il verso) "E chi a l'√©a?.. Sci√† no fasse finta d'√ęse ci√Ľ gnocco de quello che sci√† no l'√®.."

PAGGEU      :- (che aveva smesso di timbrare e sistemava delle carte o scriveva) "E cöse a voeiva a Scià Segalerba?

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "Ancon da sae che sci√† no saveiva chi a l'√©a" (pausa)"A voeiva d√§mme da intende che a part√Įa de caff√® che gh'ho arremb.. vend√Ľo a saveiva de maen.. che o caff√® o l'√©a 'n po' stransc√ģo"

PAGGEU      :- (sogghignando)"Ih, ih.. de votte a parla 'n po' a stramésci"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "Comme se a nostra ditta o no f√Įsse 'na ditta seria"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (annuendo con importanza)"Premiata ditta Sciaccaluga & C." (con sottile ironia)"Ma sci√≤ Serafin.. a no l'√©a quella part√¨a che sci√† l'ha accatt√≤u de.. sottoman.." (muove le dita come ad indicare.. una sottrazione di merce)"..da quello fr√Ľstaprexo√¨n do Pr√ľxa?"

SERAFIN     :- (imbarazzato)"Veramente no me ricordo.. quale partìa?"

PAGGEU      :- (salace)"Quella che scià gh'ha arrembòu"

SERAFIN¬† :-(impermalito)"VOI' parlae abbrettio.. mi no arrembo ninte a nisci√Ľn.." (imbarazzato)"A l'aveiva visto o caff√®.. a n'ha vosci√Ľo anche 'n campi√≤n"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (ironico)"A meno che.. o campi√≤n o no f√Įsse de 'n'√§tra parrocchia"

SERAFIN    :- (si alza e si avvicina minaccioso a Paggeu) "Comme saieiva a dì?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (tra il santarellino e l'ironico)"Saieiva d√¨ che a provenienza.." (accenna col movimento della mano ad un rimestamento misterioso. Poi vedendo il gesto minaccioso di Serafin, cambia tono)"Scherzavo.. Sci√† sa, pensavo a quelli sacchi de caff√® ch'aian arrobb√∂u meizi fa da-o magazin di Cannello e che stranamente o Pr√ľxa o l'aveiva sottoman.. Part√¨a che sci√† l'ha piggi√≤u pe' quattro palanche, ma che.."(come stesse dalla parte di Serafin)"Sci√† l'√® 'n bello gancio.. O prin√ßip√† o paghi√† 'n po' de ci√Ľ.. Sci√† l'ha faeto ben.. O ne d√† z√† tanto poco che.. nevvea.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :-(adirato)"VOI' parlae troppo.. Mi ho faeto fa 'n'affare a-o sci√≤ Scaccal√Ľga"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (rovista fra le sue carte)"M'√©a accapitt√≤u, pe' c√§xo s'intende, a fatt√Ľa, z√† scheita ma.. ancon da pag√†.."

SERAFIN     :- "E ben?.. Non son mi che devo pagà"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (facendo il finto tonto) "Sc√¨ ma.. fra quello che sci√† l'ha faeto fatt√Ľr√† e quello che invece sci√† l'ha concord√≤u.. gh'√® 'na bella differenza.."

SERAFIN¬†¬†¬† :- (interrompe adirato)"Ma insomma; comme sci√† se permette de fa de insinuazio√¨n?.. Mi ho misso o gi√Ľsto" (gli si avvicina minaccioso)

PAGGEU        :- "Ma s'accapisce"

SERAFIN     :- "E alloa perché me o stae de lungo a.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (lo interrompe)"Eh, eh, eh.. Sci√≤ cappo, g√†ibo.. Sci√† se calme.. Seg√Ľo che sci√† l'ha misso o gi√Ľsto .. o gi√Ľsto che o prin√ßip√† o paghi√† ma.." (divertito come se al gatto col topo) ".. differente perch√© poi l'√§tro magara o fai√† parte mes√≤n con Vosci√†.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (fuori dei gangheri lo prende per il colletto e lo scrolla)"Veuggio de spiegazio√¨n.. VOI' andae z√† feua de testa pe' o troppo pens√†.." (lascia la presa)"Limitaeve a tegn√¨ a corrispondenza e a fa o fatt√Ľr√¨n perch√© ve fasso d√† o via vattene, cap√¨o?!"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (che allo scrollare di Serafin muoveva la testa come un burattino, si riassetta il colletto) "M'arrovinae o vest√¨ e a camixa.." (con finta ingenuit√†)"Ma mi pensavo che forse o bacc√†n o vorrieiva √ęsse a-o corrente de questo acquisto.. anche pe' risparmi√†, s'accapisce.. Pare che o segge 'n po' a bagno con a ditta.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "Se v'azzardae ve c√ľxo drento a quello sacco de vest√¨ che portae"

SCENA II

(Serafin -Paggeu - Sciaccal√Ľga)

SCIACCALÛGA :- (apre la porta del suo studio ed entra in scena. Omaccione imponente, scruta i due)"Se peu savei cöse o l'è 'sto bordello?.. Ciacciarae invece de travaggià?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sottomesso"Ma sci√≤ Sciaccal√Ľga, o Paggeu o me.."

SCIACCAL√õGA:-"Lasciae perde o Paggeu e riferime ci√Ľttosto con chi parlavi primma a-o telefono"

SERAFIN     :- (imbarazzato)"Ehm.. con a Segalerba"

SCIACCAL√õGA:- "Semmai c√∂ commendat√ī Segalerba.. A sci√† Ben√©ita a l'√® a nostro cliente ci√Ľ importante.. Bezeugna tratt√§la ben" (pensoso)"Ghe dovemmo de belle palanche pe' o prestito.." (pausa)"E alloa?"¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†

PAGGEU      :- (divertito, sta a vedere cosa escogita Serafin)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (tergiversando) "A no m'ha lasci√≤u parl√†..A m'ha invest√¨o dixendo che.."(in evidente imbarazzo) ".. che l'√Ľrtima part√¨a de caff√® a saveiva de maen"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (sornione)"Sci√† se fig√Ľre 'n po'.."

SERAFIN     :- (dà un'occhiataccia a Paggeu)

SCIACCALÛGA:- (meravigliato)"De maen?.. E a se ne accorta òua?.. Ah, ma a me sentià.. La Premiata ditta Sciaccaluga.."

PAGGEU      :- (interrompe per starnutire) "Eccì..."

SCIACCALÛGA:- "& C., appunto.. a l'è 'na ditta seria, a no fa di bidoìn.."

PAGGEU      :- (a Serafin, salace)"Ah, ma o sciò Serafin queste cöse o-i sa.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (lo fulmina con lo sguardo e poi al principale) "Sci√≤ Sciaccal√Ľga.. Sci√† me lasce fa a m√¨.. ghe parli√≤u.. l'√® m√ęgio no piggi√§la de p√ęto, manaman a cangia rifornit√≤ e.."

SCIACCAL√õGA:- (lo interrompe) "O bon nomme da ditta sorviat√Ľtto"

PAGGEU      :- "Ben dito!"

SERAFIN      :- "E chi l'ha interpellòu voscià?" (al principale)"A ditta Sciaccaluga e.."

PAGGEU      :- (starnuta)"Eccì"

SERAFIN      :- (infastidito, a Paggeu) "Ma scià no me fasse de longo a cöa"

PAGGEU¬† ¬†¬†¬†¬†:- (finto remissivo) "Sci√† me sc√Ľse, m'√® vegn√Ľo torna da stran√Ľ√† e poi voeivo ricordaghe.. o bon nomme da ditta!"

SERAFIN¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ou so da mi.. VOI' pensae ai vostri pap√©.. sei solo bon de d√¨ de scemm√†ie" (al principale)"Ehm... sci√† vedde.. porrieiva anche d√§se che ghe f√Įsse quarche sacco de caff√® arremb√≤u.."

PAGGEU      :- (mima la parola con gesto eloquente) ".. zà.. arrembòu.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (dopo un'occhiataccia a Paggeu, continua)".. in te 'n posto √Ľn po' √Ľmido in to nostro magazin.."

PAGGEU      :- (fa scena con comicità)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- ".. e che a se ne segge accorta solo √≤ua ma, sci√† stagghe tranquillo.. scistemo t√Ľtto m√¨"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (sottovoce)"Sc√¨.. o scistema t√Ľtto l√©.."

SCIACCAL√õGA:- "E va ben.. ma.. m'arraccomando"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (con un untuoso inchino)"Sci√† no d√Ľbite"

PAGGEU      :- (si sposta dalla sua scrivania e va al centro della scena per parlare al Principale. Cammina vistosamente con i piedi piatti non posando il piede a terra come tutti, ossia prima il tacco e poi la suola, bensì suola e tacco contemporaneamente) "Sciò Baccan.. a propoxito de quello caffè.."

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (lo interrompe immediatamente) "VOI' andae a-o vostro posto e no perdei do tempo in ciaci√§re senza √ęse interrog√≤u!"

PAGGEU      :- (molto comico dentro al suo abito di enorme taglia, come già detto) "Va ben, va ben.. solo quande son interrogòu.." (sghignazzando)"..magara da o magistrato.." (fa dietro-front per avviarsi alla sua scrivania e viene fermato dal perentorio richiamo di Sciaccaluga che osservava il suo abito e il suo modo di camminare)

SCIACCAL√õGA:- "ALT!"

PAGGEU      :- (si blocca goffamente inchinato, con una gamba avanti e l'altra dietro e le braccia larghe ad accentuare la grossa taglia della giacca).

SERAFIN     :- (divertito, sembra vendicarsi delle frecciate di Paggeu)

SCIACCALÛGA:- (avvicinandosi)"Ma.. comme scià l'è ingiarmòu?"

PAGGEU      :- (immobile nella sua posizione, atteggia il viso come a dire <che c'è di strano?>)

SCIACCALÛGA:- "Ma cöse scià l'ha.. e gambe redene?"

PAGGEU      :- (riprendendo la posizione normale e voltandosi verso il Principale)"Scià m'ha intimòu l'alt, comme 'n vigile ch'ho l'è appreuvo a dà 'na multa e mì, ligio al dovere, me son affermòu de botto"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "E bella fermata. Se f√Įsci staeto a-o volante de 'na macchina gh'avievan daeto na patta drento"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Mi a-o volante de 'na macchina?.. E gh'ammanchieiva √§tro.. Saieivan speize in√Ľtili.. palanche cacciae via.."

SERAFIN     :- (al Principale)"Parlà de spende l'è comme spellälo vivo"

SCIACCALÛGA:- (a Paggeu scrollando il capo) "Capiscio che no gh'è pescio senza resca ma voscià scià l'esagera"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- "Esagero?.. Ma sci√† ghe fasse i conti.. Patente, bollo de circolazion, anzi bollo de proprietae.. asseg√Ľazi√≤n che, se no basta oua, a l'√® anche obbligatoria.." (mentre parla agitando le braccia, dispiega il risvolto delle maniche e le rif√† su con comicit√†) ".. garage, a meno che a no se lasce pe' a stradda con t√Ľtti i riscc-i che ne derivan.."(mima il.. furto) ".. opp√Ľre che arrovinan a carosser√¨a.. e poi ghe son e gomme.. a benzinn-a.. eh,eh.. dovve a mettemmo a benzinn-a?"

SERAFIN     :- (con ironia)"In to serbatöio"

PAGGEU      :- "Scià m'ha accapìio cöse voeivo dì.. e poi l'euio.."

SCIACCAL√õGA:- (ridendo, verso Serafin)".. e l'ax√īu.." (a Paggeu) "Ghe scommetto che sci√† no a piggieiva manco a pedale pe' no cons√Ľmm√† o fondo de braghe e pe' no rig√† a tomaie de scarpe"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (non raccogliendo)"E i guasti?.. Ghe son anche quelli da mette in conto.. Elettrauto, meccanico, caross√© e l√¨.. z√Ľ palanche.. e quindi sci√† l'accapisce sci√≤ Baccan che mi posso fa t√Ľtte e fermate br√Ľsche che me p√§ senza cor√¨ o riscc-io de famme d√† 'na patta drento"

SCIACCALÛGA:-"E o vestì?. Scià me pä 'n spaventaggio.. Dovve scià l'ha arroböu?"

PAGGEU¬†¬†¬† ¬†¬†:-¬† "Mi arrob√∂u?" (guarda Serafin)"Chi se gh'√® √Ľn co l'arr√∂ba, no son mi" (con tono apparentemente cortese)"Sci√† vedde sci√≤ Baccan, vosci√†, sci√† me permette, sci√† l'√® in err√ī perch√© questo vest√¨.. " (palpa il bavero della giacca)"..o l'√® ninte po-po-de-meno che dell'avvocato PERDICAUSA, principe del Foro di Genova.." (con importanza)"Emmo st√Ľdi√≤u insemme a l'istit√Ľto Arecco e sciccomme o l'aveiva smisso, dimostrandome amicizia e ricordandose di tempi da scheua, o me l'ha faeto avei"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sorridendo con malignit√†)"E.. o l'√©a da stessa mez√Ľa?"

SCIACCALÛGA:- (tirandogli il vestito qua e là) "Ma scià se o fasse armeno ripiggià"

SERAFIN     :- "Magara dandoghe anche 'n taggio a-e redugge"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (un po' imbarazzato)"Sc√¨, accapiscio anche mi che.. A PRIMMA VISTA.. o parrieiva.. ci√Ľttosto comodo.."

SCIACCAL√õGA:- "All'anima de comodo!"

PAGGEU      :-"..e che voendo.. se ghe porrieiva attrovà quarche LIEVE DIFETTO"

SCIACCAL√õGA:- "Quarche lieve difetto? Ma sci√† l'√® t√Ľtto astramass√≤u"

SERAFIN     :- (facendo eco)"Scì.. astramassòu"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ha parl√≤u l'avvocato CONFERMA.." (difendendo la propria tesi)"Ma se me vaddo a fa vedde da 'n c√Ľx√≤u.. ve lascio d√¨.. pe' f√§ghe fa e riparazio√¨n che d√¨ voi√§tri o l'√® bon de attrovaghe ci√Ľ difetti de quelli che, in APPARENZA, ghe son e piggi√§me 'na barc√† de palanche.. Tanto valieva alloa che me m'accatesse √Ľn vest√¨ neuvo"

SERAFIN     :- "Venieva 'n terremotto"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma 'na stoffa comme questa a costa 'n m√Ľggio de dinae, sent√¨, sent√¨ comm'a l'√® morbida.. a p√§ 'na carezza.. E poi.. basta 'na reduggi√† a-e braghe e a-e maneghe.."

SCIACCAL√õGA:- (ironico)"E a-e miande.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :-"No, quelle gh'han a piccagetta e basta 'na lig√† ci√Ľ in sci√Ľ.. tanto no se veddan"

SCIACCALÛGA:- (rassegnato)"Va ben, va ben.. emmo perso finn-a troppo tempo.. Scià vadde a-o seu posto e scià se fasse armeno a barba.. scià me pa' 'n pigoggioso"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma se me a fasso t√Ľtti i giorni poi a ricresce e alloa tanto vale f√§lla 'na votta √§ settemann-a.. se risparmia o sav√≤n.. o a corrente elettrica.."

SERAFIN     :- "E alloa Scià peu mangià anche 'na votta ä settemann-a perché tanto, se scià mangia, ghe ven torna famme" (si compiace della battuta)

PAGGEU      :- (lo guarda con aria da compatirlo)"Ghe pensiòu.. semmai l'invitto" (si avvia al suo posto camminando come già detto)

SCIACCALÛGA:- (che stava rientrando al proprio ufficio osserva la.. camminata di Pagliolo)"No saveivo che scià l'avesse i pé dösci.."

PAGGEU     :- (si ferma e si volta verso il principale)"Manco mi"

SERAFIN     :- "Mi, da quande o l'ha quelle scarpe, l'ho sempre visto camminà coscì"

SCIACCALÛGA:- "Se ghe son streite scià e fasse mette in forma, no? ..O scià no veu spende e palanche e scià preferisce rovinase i pé"

PAGGEU      :- "No so se l'éi notòu.. ma anche e scarpe son neuve.. o quaexi"

SERAFIN     :- (salace)"Sempre de l'avvocato Perdicausa, immagino"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :-"E sci√† l'ha immagin√≤u m√§, perch√© queste scarpe son do profess√≤ MIL- .. ill√Ľstre prim√§io de San Martin"

SCIACCAL√õGA:- (prendendolo in giro) "E anche l√© o l'ha st√Ľdi√≤u con vosci√†"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (meravigliato) "Sci√† l'ha conosci√Ľo?"

SCIACCAL√õGA:- "No!.. E comme mai √Ľn comme vosci√†, ch'o l'ha st√Ľdi√≤u con da gente divent√† famosa o s'√® rid√ľto a 'sto moddo?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬† :- (improvvisamente serio e triste) "E avverscita√® da vitta.. I mae.. che o Segn√≤ o l'agge in Gloria.. han sperper√≤u e palanche in te investimenti sbagliae, z√Ľgando √§ rulette, a poker.. e cosc√¨ no ho posci√Ľo prosegu√¨ i st√Ľddi e in ci√Ľ.. ho pat√ģo tanta famme e tanta vergheugna. Me son z√Ľ√≤u che mi no fai√≤u mai quella fin.." (riprendendosi e cambiando tono)"Ma ritornando a-e scarpe, se mi camminn-o p√∂sando i p√© comme fae voi√§tri, me tocca p√∂s√† pe' primma o tacco.."(fa la dimostrazione)"..e doppo a seua. Insomma l'√® evidente che se cons√Ľmmieiva i tacchi in√Ľtilmente.. Alloa ho pens√≤u, perch√® no p√∂s√† contemporaneamente o p√© t√Ľtto de ci√†tto..? Cosc√¨ no se spellinzigan manco i bordi da seua.. " (fa alcuni passi) "Ris√Ľltato: meno logor√ģo e se risparmia armeno due o tre votte e speize do caig√†, rispetto a quelli che camminn-an cons√Ľmando solo i tacchi" (guarda i due uomini che a loro volta si guardano increduli) "Me son armeno spieg√≤u?"

SCIACCAL√õGA:- "Euh.. Sci√† deve avei faeto 'n st√Ľddio particolare pe' arriv√† a questa concl√Ľsi√≤n.. E quande sci√† va pe' stradda.. sci√† va in te quello moddo?" (imita)"Cosc√¨?"

PAGGEU      :- "Veddo che scià m'ha accappìo"

SERAFIN      :- (additando il vestito)"E non ghe fan mai l'elemoxina?"

PAGGEU    :- (sornione)"Macché!"

SCIACCAL√õGA:- (severo)"Ma diggo!"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Eh... t√Ľtto fa.. a vitta a l'√® c√†-a"

SERAFIN   :- "A voscià a no ghe costa guaei"

SCIACCAL√õGA:- (allarga sconsolato le braccia)"Se a contesse a quarched√Ľn son seg√Ľo che no saieva cred√Ľo" (rientra nel proprio ufficio)

SERAFIN   :- (minaccioso, a Paggeu, sottovoce)"Se VOI' ve permettei ancon de fa de volgari insinuazioìn cö prinçipà in ti mae confronti.." (alza il tono della voce) "..ve rompo quella biscioeta che gh'éi a-o posto da tresta!"

SCIACCAL√õGA:- (riappare) "Ma insomma!.. C√∂se s√Ľccede, se peu savei?"

SERAFIN   :- (imbarazzato)"Ghe stavo dixendo de assettäse e de travaggià.."

SCIACCALÛGA:- (spazientito)"Paggeu, o sei che porto abbastanza pazienza, ma se a perdo, a perdo pé' 'n davvei.. Ammiae de filà se donca.." (accenna che lo manda via)

PAGGEU    :- (risentito)"Ma veramente o l'è o Serafin ch'o me parlava de.."

SERAFIN   :- (interrompendolo nel timore che dica troppo) "Obbedì e daeve da fa"

SCIACCALÛGA:- (a Serafin)"E gh'è bezeugno de crià.. No semmo miga in scie-e caladde.." (notando che dietro la macchina da scrivere non c'è nessuno)"E a scignorinn-a a no l'è ancon tornà dä Camera de Commercio?"

SERAFIN ¬† :- ¬†"A dovieiva z√† √ęse ch√¨.. Quande a vegne a striggio √Ľn po'"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Ma a Luiginn-a a sai√† rest√† intrappol√† in to traffego.. sotto √ę feste no se riesce manco a circol√† a p√©"

SCIACCAL√õGA:- "Mi devo and√† da-o commercialista.." (pensieroso) "..gh'√® quarche problema.. M'arraccomando, che t√Ľtto fille ben" (guarda severamente i due)"Se semmo accap√¨i?"

SERAFIN¬†¬† :- (con aria di sottomissione) "Sci√† no d√Ľbite"

PAGGEU    :- (fa un inchino che sa di presa in giro per Serafin) "Scià vadde tranquillo, ghe pensa o Serafin.. e Scià veddià che scià l'arrestià senza.."

SERAFIN   :- (l'uccide con lo sguardo accennando che gliela pagherà)

SCIACCALÛGA:- (sospettoso)"Senza cöse?"

PAGGEU    :- (guardando Serafin e tenendosi comicamente sulla difesa) "Senza pensieri.. "

SERAFIN¬†¬† :- (cercando credibilit√†)"Tranquillo sci√≤ bacc√†n.. i affari da Ditta son comme f√Įssan i affari mae"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (ironico)"Proppio cosc√¨.. comme se f√Įssan i affari seu!"

SCIACCAL√õGA:- "Bene" (esce all'esterno)

SCENA III

(Serafin - Paggeu)

SERAFIN¬†¬† :- (si avvicina minaccioso alla scrivania dove, rapidamente, va a sedersi Paggeu per evitare guai) "VOI' √©i propprio cuae de and√† a remengo.. a mangi√† a s√Ľppa dai fratti.. MA T√õTTO BELLO AMMACCOU"

PAGGEU    :- (con faccia di bronzo e con finta ingenuità)"E perché?.. No l'è foscia véa che i affari da Ditta son comme i affari seu?"

SERAFIN   :- (adirato, lo prende per il colletto della camicia e lo scuote, mentre con comicità Paggeu, scrolla il capo assecondando i movimenti inferti da Serafin) "Ammiae, sätafosci.. che vegno lì e ve rompo o muro, ve scrollo comme 'na toàgia, "

PAGGEU    :- "Ma scià m'arrovinieiva o vesti"

SERAFIN¬†¬† :- (lo lascia di botto)"Semmai ghe l'aggi√Ľsto"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (insistendo, con aria da santarellino)"Ma no gh'ho miga d√Įto da part√Įa de caff√® da Segalerba"

SERAFIN   :- (con aria di superiorità)"Semmai, da SciàSegalerba"

PAGGEU    :- "Comme Scià veu.. però me pà che chi ghe l'ha in to garriccio.."

SERAFIN   :- (interrompendolo con severità) "Parlae a moddo.. Chi no semmo in ti caruggi dove stae VOI'"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "L'√® in√Ľtile che Sci√† s'arragge e sci√† me dagghe do VOI'.. Mi stai√≤ in ti carruggi ma.. bidonate, m√¨, no ne fasso"

SERAFIN¬†¬† :- (sbottando)"Oh, ma insomma!.. A voei smette de fa de lungo de insinuazio√¨n?.. Manco se f√Įsse mi quello co fa di sotterf√Ľggi.. Proppio mi, Serafino Bottaro, fedele Capo Ufficio della ditta Sciaccaluga."

PAGGEU    :- "..& C!"

SERAFIN   :- (sta per reagire ma si apre la porta ed entra un Vigile Urbano)

SCENA IV

(Serafin - Paggeu ‚Äď Pesce)

PESCE       :-  (in divisa da Vigile Urbano , entra, guarda i due che altercano e si ferma un attimo poi interviene) "Buongiorno scignori..stae rattellando comme o solito?"

SERAFIN¬†¬† :- (assume una posa bonaria e si volta verso il nuovo venuto) "No se √Ľsa seunn√† o campanello primma de intr√†?"

PESCE       :- "O campanello?.. Gh'éa averto"

PAGGEU    :- "Sciò Pesce" (accennando a Serafin)"O me stava spiegando çerte ..pratiche"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-"Che strano moddo de spi√ęg√†‚Ķ Con de minacce..!"

PAGGEU    :- "Veramente.. con delle MANACCE"

SERAFIN   :- (con calma) "Macchè minacce.. no gh'è ninte da minaccià.. véa Paggeu?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (ironico)"T√Ľtto liscio.. comme a carta veddro"

SERAFIN¬†¬† :- (cambiando discorso, al vigile)"Ma vegnimmo a vosci√†..in c√∂se posso √ęs-sighe √Ľtile, Sci√≤ Pesce..spada"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (innervosito)"Primma de t√Ľtto son Pesce Giovanni e no Pesce spada! E non son vegn√Ľo chi pe' famme sfotte da du√¨ tipi comme voi√§tri du√¨!"

SERAFIN   :- "Dio n'avvarde.. no l'éa mae intenziòn"

PAGGEU    :- "No, no l'éa seu intenziòn"

SERAFIN   :- (a Paggeu)"No ho bezeugno de avvocati difensori"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (sornione)"Pe' √≤ua" (al Vigile, per cambiare discorso) "Sci√† conosce quello vigile che ciamman Pennola?.. Quello √ęrto cosc√¨" (accenna ad una statura molto bassa,andando su e gi√Ļ con la mano)

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E c√∂se o gh'aveiva.. e molle? (posa sul tavolo una cartella, estrae un foglio. Prende una penna e intanto parla)"Probabilmente, perch√© quarched√Ľn, cosc√¨ pe' r√Įe o l'ha vosci√Ľo scherz√† in sce-a a seu statua, dimmoghe, poco √ęrta"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (ironico)"Mi ho sempre cred√Ľo che pe' intr√† in ti cantun√® no se poesse and√† sotta a 'na certa altezza" (accenna con la mano alla statura, nemmeno si trattasse di un <bassotto>)"E invece.."(abbassa eccessivamente la mano)

SERAFIN¬†¬† :-(al vigile)"D√Įto cosc√¨ tra noi√§tri.. comme o l'avi√† faeto a intr√† in ti cantun√©?"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sbottando)"E mi che me so? Stae m√Įga √ßercando 'na denunzia pe' oltraggio a Pubblico Ufficiale?"

PAGGEU       :- "Mi no.. No so o Serafin.."

SERAFIN   :- "E zà, perché mi chi son?" (al vigile)"No l'éa mae intenziòn"

PAGGEU    :- "No l'éa seu intenziòn"

SERAFIN   :- (sta per replicare ma viene interrotto dal Vigile)

PESCE       :- (a Serafin)"Se Scià l'arriesce a sta 'n po' sitto.. gh'è da mette 'na firma chì"(indica in calce ad uno foglio che porge)

SERAFIN   :- (prende i fogli)"Che röba a l'è?"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "N'ingiunzion de pagamento de l'affitto de questi locali de proprietae do Com√Ľne..Sei in arretr√≤u de sei meixi"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "E comme mai o Com√Ľne o l'√® cosc√¨ rapido?.. De solito, primma de accorzisene ghe passa ci√Ľ tempo"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-"Sci√† no fasse o spiritoso" (a Serafin)"Sci√† mette 'na firma chi sotta ch' ho sprescia.. Gh'√©i d√ęxe giorni de tempo primma che segge daeto corso √§ proced√Ľa de sfratto da parte de l'Uffizio Legale do Com√Ľne"

SERAFIN  :- (scoraggiato)"Ceuve in sciò bagnòu"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-(a Serafin)"Se ghe f√Įsse o collega Lo Cascio, quello che ciammae Penolla, o ve rispondieiva: <Se pagavate a tiempo non cioveva cchi√Ļ>. Alloa voemmo firm√† a no?"

SERAFIN   :- "Ma perchè devo firmà mi..? Peu firmà anche o Paggeu"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "E da quande in sa.. Sci√† l'√® l'ommo de fid√Ľccia quande no gh'√® o prin√ßip√†.. Sci√† l'√® o seu sostit√Ľtto.. e alloa sci√† o sostituisce, no?"

SERAFIN   :- (siede, sospira e firma)

PAGGEU¬†¬†¬† :- (prendendolo in giro)"Due croxette m'arraccomando.. √Ľnn-a pe' o nomme e l'√§tra pe' o titolo de ragioniere"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (mentre sta riguadagnando l'uscita) "Paggeu, Sci√† stagghe bravo se donca commen√ß√® torna a rattell√†"(ritira il foglio firmato)"D√ęxe giorni a part√¨ da ancheu.. ricodaelo a-o vostro prin√ßip√†"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Sci√† sc√Ľse.. Cosc√¨ tanto pe' levane a curiositae e s'intende.. senza malizia.. riguardo a.." (accenna ancora una volta con la mano alla statura) "Sci√† no n'ha anc√≤n spieg√≤u comm'o l'ha faeto o Pennolla a intr√† in ti Vigili Urbani.. nella Polizia Municipale"

PESCE:- (innervosito e minaccioso)"Probabilmente perch√© a-o Com√Ľne ghe serviva √Ľn piccin per l√ęze e targhe de macchine senza ci√ęgase e magara anche pe' d√† a contravvension a quelli assettae comme voi√§tri du√¨! Va ben cosc√¨?"

SERAFIN e PAGGEU:- (si alzano di scatto)

PESCE       :-(gira rapidamente i tacchi ed esce di scena)

PAGGEU    :- "Baccere, comme o s'è arraggiòu"

SCENA V

(Serafin -Paggeu)

SERAFIN   :- (siede e dà una scorsa ai fogli lasciati dal vigile, Scrolla negativamente il capo. Poi, alza quasi furtivamente il ricevitore del telefono tenendo d'occhio Paggeu)

PAGGEU    :- (se ne avvede e finge di nulla ma sta attento. Fa rumore timbrando)

SERAFIN¬†¬† :- (mentre compone un numero al telefono, brontola con se stesso)"Chi bezeugna d√§se da fa con a ditta concorrente perch√© s'andemmo a bagno.."(sottovoce) "Pronto?.. Stoccafisso e Affini?.. Gh'√® a sci√† Ester Taggiavacche?" (pausa) "Sci, grazie" (sempre sottovoce, tenendo quasi la testa su di un cassetto e scrutando Paggeu) "Oh, sci√† Ester son mi.. Serafin" (pausa)"E va ben, √Ľn attimo, anche mi ho da fa"

PAGGEU    :- (estrae comicamente il fazzoletto e si asciuga il sudore)

SERAFIN¬†¬† :- (c.s.)"Voeivo digghe che.." (alza il capo per sbirciare Paggeu il quale finge di essere compreso nel suo lavoro) ".. Sci√† peu m√Įga fa 'n passo chi da m√¨ in scagno?" (pausa)"Comme perch√©.. perch√© devo parl√§ghe" (pausa)"Pe' telefono?" (d√† un'altra occhiata a Paggeu) "No, no posso.. a l'√® 'na questi√≤n delic√†.. Sci√† me fasse o piaxei.." (pausa) "Sempre gentile.. savi√≤ comme ricompens√§la.." (altra occhiata a Pagliolo e poi) "Se gh'√® quarched√Ľn, sci√† fasse finta de pass√† pe' c√§xo.. intesi eh?.."

SCENA VI

(Serafin - Paggeu - Pr√ľxa)

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (entra in scena Pr√ľxa, un tipo sospetto, con berretto in uso alla marina mercantile. Barba incolta e pipa in bocca. Entra con prepotenza andando diritto alla scrivania di Serafin, Ha con s√© un gancio da portuale)

SERAFIN¬†¬† :- (sobbalza alla vista di Pr√ľxa e gli scappa un'imprecazione) "Ma c√∂sse sci√† vegne chi a romp√¨.." (poi, al telefono)"No, no.. no divo a vosci√†.. sci√† sc√Ľse.. alloa comme d'accordio" (posa il ricevitore e si alza in piedi piuttosto impaurito)"Ma.. comme mai.." (guarda Paggeu che continua a far finta di nulla)".. no eivimo d'accordio che se vedeivimo a-o solito posto?.." (accenna di stare attendo a quello che dice perch√® c'√® Paggeu)

PAGGEU¬†¬†¬† :- (tra se', verso il pubblico)"Al√®.. √≤ua scc-euppa l'ab√ęrgo"

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬† :- (si siede strafottente all'angolo della scrivania. Si tira sul con un dito la visiera del berretto) "Son vegn√Ľo a piggi√†.."(accenna ai soldi) "..o mae avei."

SERAFIN¬†¬† :- (balbettando) "Ma sci√≤ Pr√ľxa.."

PRUXA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Pe' amixi Pr√ľxa..pe' vo√¨.. Signor Gi√∂xe Delfin.. o mae nomme"

SERAFIN   :- (c.s.)"A sci-scià Se-Segalerba a no l'ha ancon pagòu o prinçipà e mi.."

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (gli punta un dito a mo' di pistola)"Son c√∂se che a mi no me interessan.. Mi o caff√® v'ho daeto.. √©i mastr√Ľzz√≤u a vostro piaximento e √≤ua.. veuggio e palanche se donca.." (mima il taglio alla gola)

SERAFIN¬†¬† :- (si porta comicamente la mano alla gola e parla come non avesse pi√Ļ voce) "Se donca?"

PAGGEU    :- (ai alza e si avvicina con ironica cortesia)"Cappo.. scià veu che vadde da o spedizioné pe' imbarcà o vin in sciò traghetto?"

SERAFIN¬† :- (che teme di rimanere solo) "Ma.. sci√† me lascia chi con.E va ben.. sci√† vadde e sci√† vegne a rifer√Įme.. s√Ľbito per√≤!"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (sornione)"Ma se sci√† veu che stagghe via 'n po' de ci√Ľ, tanto sci√† l'√® in compagnia.."

SERAFIN¬†¬† :- "Gh' ho dito de rifer√Įme S√õBITO!"

PAGGEU    :- "Agli ordini" (esce)

SCENA VII

(Serafin - Pr√ľxa)

SERAFIN   :- "Ma cöse gh'è giòu de vegnì chi in scagno?"

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬† :- "√õn po' de faccia de tolla sc√¨.. √ßercae m√Įga de svignavela..? O paghae o caff√® che v'ho faeto avei de badda o.."

SERAFIN   :- "Eh, no.. Proppio de badda, no"

PRÜXA      :- "E semmai che no ghe rosiggiae.. Comunque attento, eh?"

SERAFIN¬†¬† :- "Ma ghe l'ho d√Įto.. a Sci√† Se-Segalerba o no l'ha ancon pag√≤u o sci√≤ Scia- Sciaccal√Ľga.. anzi o Baccan o l'ha sacci√Ľo che o caff√® o sa 'n po' de maen e o l'ha vosci√Ľo de spie-spiegazio√¨n"

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬† :- (lo sovrasta minaccioso) "Bell'ommo, no fae o dr√Įto con mi.. Miga pe' ninte me ciamman <fr√Ľstaprexo√¨n> e alloa.." (accenna al taglio della gola) "ve levo o m√§ de testa"

SERAFIN   :- "Scià se ca-calme.. faiòu o poscibile.. Ma se no intran de palanche.."

PRÜXA      :- "No son affari mae.. Faeve fa 'n prestito, ma mi veuggio quante concordòu e de sprescia perché.. devo taggià a corda.. INTEIXI?!"

SERAFIN   :- Eh, vediòu.. faiou.."

PRÜXA      :- "Trei giorni, trei giorni e poi.." (accenna ancora al taglio della gola) "Ve levo e tonsille"

SERAFIN   :- (impaurito)"Scì, scì.. tran-tranquillo.. in te 'n moddo o in te 'n'ätro.. pro-provvediòu"

PRÜXA      :- (apre l'uscio)"TREI GIORNI!" (esce)

SCENA VIII

(Serafin - Luiginn-a)

SERAFIN¬†¬† :- (si aggiusta la cravatta, si passa una mano sui capelli cercando di riprendere il contegno) "Ahimem√¨.. gh'ammancava anche d'√ęsime impeix√≤u con quello avanzo de gal√©a.. Paiva t√Ľtto cosc√¨ semplice.. √Ľnn-a part√ģa de caff√® a pr√ęxo strass√≤u.. vista a provenienza.." (mima il.. grattaggio) "O Baccan o pagava meno do solito ma o doppio de quello che devo pag√† mi a-o Pr√ľxa e mi.. me davo 'na scistemm√† a-e mae finanze... Poeivo damme da fa c√∂ a Luiginn-a.. m'accattavo a macchina.."

LUIGINN-A :- (entra dall'esterno. Non pi√Ļ giovanissima, √® graziosa, elegantina) "Bongiorno"

SERAFIN   :- (con aria da Capo) "A l'è l'òa de arrivà questa?" (accenna all'orologio)

LUIGINN-A :- "Quande se va pe' uffizi a l'√® cosc√¨ E poi son vegn√Ľa anche a pe'.. con 'sto traffego"

SERAFIN¬†¬† :- "Sci√† no l'impare da-o Paggeu" (accenna alla macchina da scrivere)"Gh'√® quella lettia da batte.. fatt√Ľe che devan pag√†.. Bezeugna sped√Įle de sprescia se no son guai seri..Va a fin√¨ che no piggemmo manco de sipendio"

LUIGINN-A :- (dopo aver posato il soprabito e i documenti sulla scrivania di Serafin, va a sedersi davanti alla macchina da scrivere) "Li gh'è o rinneuvo de l'iscrizion ä Camera de Commerco" (indica i documenti sulla scrivania)

SERAFIN¬†¬† :- (vi d√† una rapida scorsa)"Sc√¨.. poi l'amm√¨o.." (√® agitato) "O Pr√Ľxa..Devo and√† a fa 'na comisci√≤n" (si appresta ad uscire)

LUIGINN-A :- (che nel frattempo aveva messo un foglio nella macchina da scrivere, osserva Serafin)"Gh'√® quarc√∂sa che no va?.. Sci√† me p√§ t√Ľtto agit√≤u"

SERAFIN   :- (resta un attimo perplesso) "Mi?"

LUIGINN-A :-"E scì"

SERAFIN   :- (dopo averci pensato un attimo, va di slancio, con fare innamorato accanto alla donna)"L'è corpa seu!"

LUIGINN-A :- (sulla difesa)"Mae?.. E perché mai?"

SERAFIN   :- (prende la mano di lei)"Scignorinn-a Luiginn-a.. quande l'è che scià se decidde?"

LUIGINN-A :- (respingendolo con grazia)"Ma Sci√≤ Serafin.. c√∂se Sci√† fa? Se intra o prin√ßip√† o ne manda a vende cassarolle a Santag√†.." (lo guarda, con sorriso ironico) "E poi, sci√† me sc√Ľse.. con quello che sci√† guagna‚ĶSci√† o sa ben comme a penso mi"

SERAFIN   :- "Luiginn-a.. staggo scistemando'na faccenda che.. s'a va ben.. poemo fa 'n bello viägio finn-a a.." (estasiato) "SAMARCANDA"

LUIGINN-A :- "E perché proppio Samarcanda?"

SERAFIN   :- "Perché o l'è 'n nomme co pä 'na fòa.." (con dolcezza)"Samarcanda.. dovve faiemo o nostro viägio de nozze"

LUIGINN-A :- "Ma dovve o s'attreuva 'sto posto?"

SERAFIN   :- "Samarcanda?"

LUIGINN-A :- (accenna di si)"Eh!"

SERAFIN   :- "Veramente no me ricordo.. Me informiòu.. Ma scià ghe pensa Luiginn-a.. Mi e voscià, insemme.. a Samarcanda"

SCENA IX

(Serafin ‚Äď Luiginn-a Paggeu)

PAGGEU¬†¬†¬† :- ¬†(etra in quell'istante) "Me credeivo che f√Įse o Pr√ľxa" (guarda con occhio

                            accusatore la donna)

SERAFIN   :- (lascia rapidamente la mano della donna e si scosta. Luiginn-a finge di nulla e si mette a battere a macchina)

SERAFIN   :- "Ehm.. stavo.. ghe stavo dettando 'na lettia"

PAGGEU    :- (ironico)"Ah. E.. ghe a lezzeivi in scie 'na man?"

SERAFIN¬†¬† :- "Spiritoso.. Ci√Ľttosto.. √©i imbarc√≤u t√Ľtto in sci√≤ traghetto?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "T√Ľtto... "

SERAFIN   :- (interrompendolo) "Bene"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (continuando) "T√Ľtto blocc√≤u!"

SERAFIN   :- "Comme saieiva dì?"

PAGGEU    :- "Sciopero"

SERAFIN   :- "Di portuali?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "No.. da Tirrenia.. pe' t√Ľtta a giorn√†"

SERAFIN   :- "Pazienza.. Imbarchian doman"

PAGGEU    :- (divertito) "No, doman scioperan i portuali"

SERAFIN   :- (agitato)"E scià me e dixe a rate 'ste cöse?.. Imbarchian dopodoman?"

PAGGEU    :-"No, manco dopodoman"

SERAFIN   :- (che sta perdendo la pazienza)"Ma Scià me dà e notizie cö contagosse?.. Fan duì giorni de sciopero?"

PAGGEU    :- (che si diverte a mettere in imbarazzo Serafin)"No, fan solo 'na giornà"

SERAFIN¬†¬† :- (che non ne pu√≤ pi√Ļ)"Ma sci√† l'accianta l√¨ de parl√† a puntate?"(cercando di calmarsi e con cercata ironia) "Sci√† no me di√† m√Įga che sci√† fa sciopero vosci√†.. perch√©.. ah, ah, no ghe creddo"

PAGGEU    :- "Quande scià o fa Voscià o fasso anche mi.. Dopodiman fan sciopero i autotrasportatoì.. i camionisti"

SERAFIN   :- (preoccupato)"Ma alloa comme faiemo a imbarcà o vin?.. Se perdemmo anche quell'occaxòn.. a l'è finìa"

PAGGEU    :- (con noncuranza)"No perdemmo 'n bello ninte.. gh'ha pensòu o Paggeu.."

SERAFIN   :- (guardando Luiginn-a e sfottendolo) "Ah, ah.. e sentimmo comme"

PAGGEU    :- (godendosi la battuta)"Ghe pensa.. o PRÜXA con i seu ommi"

SERAFIN¬†¬† :- (resta di sasso)"Me voei fa vegn√¨ 'n scc-i√Ľppon de fotta?.. Pestae de lungo l'aegua in to mort√†?.. Ammiae che ve mando a.. a quello p√†ise s√©i?"

PAGGEU    :- (con faccia di bronzo) "E dovve?.. A SAMARCANDA?"

SERAFIN   :- (trattienendosi a stento)"Mmm" (stizzito, guarda la ragazza ed esce all'esterno)

 

SCENA X

(Luiginn-a - Paggeu)

LUIGINN-A :- (batte a macchina durante il dialogo dei due, toglie il foglio, dà una rapida occhiata allo scritto e mette in macchina una busta per l'indirizzo)

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Luiginn-a.. sci√† l'√® graziosa p√ętenn√† cosc√¨" (si avvicina nell'intento di toccarle i capelli)

LUIGINN-A :-"Paggeu scià vadde a-o seu posto. Scià sa che con mi no gh'è ninte da fa"

PAGGEU     :- (ritorna al posto con la solita camminata)"Già..il Serafino la porta a Samar- canda .. S'a va ben o no sa manco dovv'a l'è"

LUIGINN-A   :- (incredula) "Perché Voscià scià o sa?"

PAGGEU     :- (con importanza) "Mi scì"

LUIGINN-A :- "E dovv'a l'è? Scià no me digghe che scià gh' stato che scià no piggia manco l'autobus pe' non spende e palanche"

PAGGEU     :- (saccente)"Anche se no piggio l'autobus Samarcanda a l'è in te l'Uzbekistan"

LUIGINN-A :- "E dovve o se treuva o.. beccostan?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "O BECCOSTAN? O l'√® appena-a sciort√ģo.. Uzbekistan!"

LUIGINN-A : "E dovve o s'attreuva?"

PAGGEU     :- "Dovve gh'è Samarcanda"

LUIGINN-A-  :- "Ho accapìo.. scià nö sa"

PAGGEU     :- "A geografia, a stöia.. e questioìn finanziarie mi e-i so!"

LUIGINN-A :- "Questa poi.. e questioìn finanziarie.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Mi l√ęzo.. me tegno inform√≤u e modestamente, ho anche st√Ľdi√≤u"

LUIGINN-A :- (ironica)"..a l'Istituto Arecco.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Seg√Ľo.. e poi l√ęzo anche i giornali.. davanti a l'edicola s'intende"

LUIGINN-A :- "E me pàiva strano che scià l'accatesse"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Son palanche cacciae via.. tanto a l'indoman sciortan za quelli con e notizie neuve, e alloa, asp√ęto sempre quelle ci√Ľ fresche" (si avvicina alla donna e Luiginn-a riprende a battere l'indirizzo sulla busta)"I libbri son o ben dell'intelletto.." (poi come se declamasse)"Ma vosci√† sci√† l'√® o ben di euggi.. do spirito e.. via discorr√¨ndo" (prende la mano della ragazza e se la mette sul petto)

LUIGINN-A :- (la ritira rapidamente) "Ma c√∂se gh'√©i ancheu t√Ľtti?.. Ve sent√¨ spellinzig√† d√§ primmav√©ia?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Ma Luiginn-a.. sci√† l'√® comme 'n bign√©.. √Ľn fruto cand√ģo"

LUGINN-A¬† :- (salace)"Sc√¨, 'na pastasci√ľta c√∂ tocco! Ma sci√† me fasse o piaxei. Prop- pio vosci√†.. ghe saieiva c√§o eh?.. Sci√† se piggieiva l'euvo e galinn-a"

PAGGEU     :- (cercando di essere spiritoso) "Comme gallinella scià saieiva 'n boccon.. in quante a l'euvo.."(romantico)"..quello o vegnà in seguito e porrià nasce.. 'n bello pulìn"

LUIGINN-A :- "Ma sentì 'n po' che discorsci.. Paggeu a-o so posto!.. Scià no l'è o mae tipo"

PAGGEU     :- (allarga comicamente le braccia nel suo largo vestito)"E perché?.. No son elegante?"

LUIGINN-A   :- "E scià me o domanda ancon?.. A parte i seu.. travestimenti.. scià l'è anche 'n pigoggiòso"

PAGGEU     :- (offeso)"Pigoggioso.. a mi?"

LUIGINN-A :- "Intanto, quande a Silvia, a commessa do bar, a ne porta o caffé Voscia scià no-o piggia mai"

PAGGEU     :- "Perché o me rende nervoso"

LUIGINN-A :- "L'√§tro giorno.. tanto pe' fa l'√Ľrtimo esempio... in to bar, mentre intravo.. sci√† s'√® faeto d√† 'n gotto d'aegua do bronzin e poi sci√† l'ha faeto finta de no veddime.. C√∂se sci√† l'aveiva pu√ģa, de pagame l'aperitivo?.. Semmai ghe l'offrivo mi"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (comico)"E perch√© sci√† no me l'ha d√Įto?.. Avanzavo de beive quell'aegua ch'a saveiva anche de leppego" (pausa) "Ma ammia 'n po'.. mi che ghe stavo faxendo 'na proposta seria..." (come parlasse tra s√©)"L'ho sempre d√Įto .. e donne pensan solo de fa spende i dinae in ti vest√¨, belletti.. vi√§gi.. e APERITIVI"

LUIGINN-A :- "Appunto. Quindi scià no l'è l'elemento pe' mi"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (risentito)"Ehi, diggo.. ex giovinotta, a mi <elemento> no me l'ha mai d√Įto nisci√Ľn"

LUIGINN-A :-"Perché, scia l'è 'n'ommo forse? Ma scià me fasse o piaxei.. 'n'ommo co camminn-a comme 'n robot.. ch'o no l'ha manco de macchina.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (che ha trovato ragione al suo pensare)"E qui casca l'asino.. Ecco dovve andae a cazze.. se √Ľn o gh'ha a macchina.. s'o l'√® vest√ģo √§ modda.. s'o gh'ha a televix√≤n e o riscaldamento in casa.. t√Ľtte palanche stragg√™.. M√ęgio l√ęze di belli libbri.. istr√Ľise"

LUIGINN-A :-"Ma se sci√† no n'accatta.. t√Ľtti de badda.. √õn po' de bello part√ģo pe' 'na donna"

PAGGEU     :- "Me pä de accapì che no ghe vaddo ben"

LUIGINN-A :- (si alza e si avvicina) "Ma sci√† se gh'appensa se anche mi, pe' no cons√Ľmm√† i tacchi, camminesse comme vosci√†, pe' stradda.. magara a brassetto.." (lo prende a braccetto)"..cosc√¨?"(entrambi fanno alcuni passi.. alla Paggeu)

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Che cubbia!.. Du√¨ stipendi.. e speize rid√Ľte a l'essenziale.."

LUIGINN-A :- (scostandosi)"Dipende da c√∂se Sci√† l'intende pe' <essenziale>"(va al proprio posto)"Mi veuggio √Ľnn'ommo co me fasse fa a scign√≤a.. veuggio a donna de servizio.. fa de crox√©e.. vedde tanti posti"

PAGGEU     :- "Eccome chi"

LUIGINN-A :- "Scià l'è proppio 'na barzelletta"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Ma c√∂se serve and√† a vedde √§tri posti, √§tri panorami, √§tri monumenti.. and√† in m√ęzo a da gente che, magara, a no parla manco zeneize.. Tanto vale sta chi.. Gh'emmo di belli panorammi e no costan ninte.. gh'emmo i carruggi pin de st√∂ia.. O Righi" (si riavvicina a Luiginn-a volendo fare il seduttore) "Ghe son proaei verdi e poi.. quande ghe son i banchetti in ti giorni de festa, se peu beive anche 'na m√ęza orz√†"

LUIGINN-A :- (ironica) "No saià 'na speiza eccessiva?"

PAGGEU     :- "Ma quarche votta bezeugna gödisele e palanche!"

LUIGINN-A :- "E te lascio d√¨.. Ma c√∂se sci√† ne fa de palanche? Sci√† l'√® solo, sci√† sta in¬† te 'na casa dell'opera Pia e con due palanche sci√† paga a pix√≤n.. De vest√¨" (lo guarda)"..sci√† ghe n'ha in abbondanza.. scarpe, sci√† l'ha attrov√≤u a mainea de cons√Ľmmale.. f√Ľm√† sci√† no f√Ľmma.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "L'√® risacci√Ľo che o f√Ľmmo a fa m√Ę √§ stacca e ai polmo√¨n.. Mi e palanche no ei straggio per la bramosia del piacere.."

LUIGINN-A :- "Ah, ah.. bramosìa del piacere.. Voscià.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (serio)"R√ģe ben chi r√ģe all'√Ľrtimo.. Mi penso a-o fut√Ľro e Sci√† se penti√† d'aveime ref√Ľ√≤u"

LUIGINN-A :- (con calma)"Ma no ho miga vosci√Ľo offendilo.. ho d√Įto solo che aspiro a ben √§tro"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Sci√† continue p√Ľre a aspir√†.. intanto o tempo o passa"

LUIGINN-A :- "Ma anche pe' o Paggeu o tempo o passa.. e ci√Ľ che fut√Ľro, sci√† l'avi√† da ricord√† solo o pass√≤u"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "La vita comincia a quarant'anni e mi, son ancon √Ľn figgieu, √Ľn foento.. √Ľn sbarbatello.."

LUIGINN-A :- (additando alla sua barba incolta)"Ûn barba lunga, ätro che sbarbatello"

PAGGEU     :- (si riavvicina)"Luiginn-a, Scià me digghe che scià ghe ripensià"

SCENA XI

(Sirvia - Paggeu - Luiginn-a- Sciaccal√Ľga)

SIRVIA        :- (commessa del bar, entra con un cabaret e tre tazzinedi caffè) "Bongiorno.. Ho portòu i caffè"

LUIGINN-A :- "Chi l'ha ordinae?" (ironica) "O Paggeu?"

SIRVIA        :- (con un mezzo sorriso) "No creddo proprio"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Gh'√® poco da r√Įe.. O vizio do caff√® no ghe l'ho.. ecco t√Ľtto"

SIRVIA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'ha ordinae o vigile Pesce.."(sorniona) "..pe' a Luiginn-a sorviat√Ľtto"

LUIGINN-A :- "Pe' mì.. e perché mai?"

SIRVIA        :- "Mah.. i ommi.. se vedde ch'o sente pe lé.. quarcösa.."

PAGGEU     :- (salace, a Luiginn-a)  "O sentià.. spellinzigà dä primmavéja"

LUIGINN-A :- "Ma perché trei caffè"

SIRVIA        :- "Forse pe' no dà troppo in te l'euggio o se saià allargou"

LUIGINN-A :- "Ma a mi me ne basta √Ľn de caff√®.. o Paggeu o no ne piggia.." (si serve)

PAGGEU     :-  (a Sirvia) "Son staeti paghae?"

SIRVIA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Nat√Ľralmente"

PAGGEU     :- "E alloa, faiò 'n sacrificio pe' no straggiälo..saieiva 'n peccòu" (si servemettendo molto zucchero)

LUIGINN-A :- "Sirvia..beivite o terzo caffè.. No vorrieiva che o Paggeu, pe' no straggiälo o faxesse 'n' ätro sacrifizio"

SIRVIA        :- "Alloa.. n'approfitto mi ascì" (si serve)

PAGGEU     :- (gustandolo) "Però.. o l'éa abbastanza bon"

LUIGINN-A :- "E o no saveiva manco de rammo!"

SIRVIA        :- (raccoglie il tutto) "Staeve ben" (salace) "E grassie pe' a mancia!" (esce)

LUIGINN-A e PAGGEU:- "A riveddise"

 PAGGEU     :-(si riavvicina a Luiginn-a) "Ritornando a noiätri che l'éa quello ch'o gh'ha faeto a serenata sotta o barcon l'ätra neutte?"

LUIGINN-A :- (sospirando)"Eh..a no l'ea de seg√Ľo pe' mi quella serenata.. Ma comme sci√† fa a savei queste c√∂se?"

PAGGEU     :- (le prende una mano) "Perché scià me rende giöso"

SCIACCAL√õGA:- (entra e trova Paggeu accanto alla donna, infervorato)"C√∂se sci√† ghe fa li arremb√≤u?.." (lo squadra)"E t√Ľtto inveddr√≤u?"

PAGGEU     :- (ricomponendosi)"Mi , inveddreòu?..Ma sciò Baccàn ghe stavo dettando.."

SCIACCALÛGA:- "..e memöie.." (sarcastico)"L'eredità del signor Pagliolo" (burbero)"Scià stagghe a-o seu posto.." (alla donna)"E voscià, scignorinn-a, scià no semenn-e zizzania"

LUIGINN-A :- "Mi semen√† zizzania?.. Ma Sci√≤ Sciaccal√Ľga se gh'√® 'na santa donna, quella son mi.. o Paggeu o me stava.. dettando 'na lettia"

SCIACCAL√õGA:- (si china sulla macchina da scrivere)"In sci√® 'na b√Ľsta?" (a Paggeu)"Sci√† vadde s√Ľbito in Banca a f√§se d√† o rendiconto aggiorn√≤u, che devo portalo a-o commercialista"

PAGGEU     :- "Comme scià comanda"(tentando di giustificarsi)"Riguardo a primma.."

SCIACCAL√õGA:- (preoccupato)"Sci√† l'amm√¨e.. no gh'ho testa.. a l'√® 'na giorn√† neigra.. Comunque se o parl√† o costesse 'n citto sci√† se faieiva c√Ľx√¨ a bocca" (entra nel suo ufficio)

LUIGINN-A :- (aveva messo intanto un foglio dentro alla busta. La sigilla, si alza, prende il soprabito e a Paggeu) "Vaddo ä Posta a fa questa raccomandà urgente"

SCIACCAL√õGA:- (dal proprio ufficio chiama a voce alta)"Scignorinn-a Scc-iappacasse!"

LUIGINN-A :- (a Paggeu mentre si toglie il soprabito posandolo sulla sedia)"O me pä arraggiòu" (bussa alla porta del principale ed esce di scena)

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (va alla scrivania di Serafin, compone un numero al telefono e poi, misterioso, con voce bassa)"Pronto?.. Son Paggeu.." (pausa)"Sc√¨ asp√ęto ma.. f√Įto pe' piaxei" (tiene sotto controllo la porta del principale) "Pronto?.. Alloa?.. No posso parl√† ci√Ľ forte.. son in scagno.." (dall'ufficio del principale si sente un gridolino di Luginn-a) "Procedere come inteso.. sci√† m'ha accap√¨o?" (pausa) "Immantinente" (si sente un altro gridolino dalla porta del principale ed il tonfo di una sedia per terra) "Va ben, va ben.. se vedemmo a Banchi.." (posa il ricevitore e va sveltamente, con la sua camminata al proprio posto)

SCIACCAL√õGA:- (dall'ufficio)"Ma sci√† no l'agge pu√ģa.. sci√† stagghe brava.."

LUIGINN-A :- (piagnucolando rientra in scena un po' in disordine. Prende la busta)"T√Ľtti paegi i ommi"(indossa il soprabito o giacchetta del tailleur ed esce all'esterno seguita dallo sguardo di Paggeu che scrolla la testa)

SCIACCAL√õGA:- (entra precipitosamente in scena. Ha la cravatta storta ed √® spettinato)"Luiginn-a..!"(si avvede di Paggeu e ci resta male, poi con tono brusco) "No gh'aveivo d√Įto d'and√† in Banca?.." (adirato)"Quande diggo 'na c√∂sa a se fa!" (cambiando tono e calmandosi intanto che Pagliolo si apprestava ad uscire)"Ehm... sci√† l'ha pe' c√§xo sent√ģo.. √Ľn po' de remescio?..." (accenna al suo ufficio)

PAGGEU     :- "Scià veu dì se ho sentìo 'n crietto da Luiginn-a e o tonfo de 'na carega pe' taera?"

SCIACCALÛGA:- "Scì"

PAGGEU     :- (con faccia tosta) "NO.. NO HO SENTÎO NINTE"

(SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA I

(Serafin - Ester)

                          (All'apertura del sipario Serafin sta parlando con Ester Tagliavacche, impiegata  della ditta Stoccafisso e Affini, seduta dall'altro lato della scrivania)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "Come ghe stavo dixendo, sci√† Ester, ecco o motivo pe' o quale √ßerco, in caxo de necessitae, e me p√§ che ghe semmo, de intr√† in ta ditta dovve sci√† travaggia. Se a <Sciaccal√Ľga & C.> a l'andesse in fallimento avieiva z√† dovve scistemmame"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma no so c√∂sse posso fa.. No son miga a titolare da Ditta <Stoccafisso & Affini>, son solo a Segret√§ia do Sci√≤ Bevilaegua. o prin√ßip√† comme primma √©o a segret√§ia do sci√≤ Sciaccal√Ľga.. e poi.. sci√† o sa o perch√® me ne son andaeta.. o Sci√≤ Sciaccal√Ľga o l'√® 'n brav'ommo ma.. l'√® m√ęgio staghe √§ larga"

SERAFIN¬†¬† :- "O l'allungava e moen, eh? Da comme sci√† l'ha ag√ģo me levo tanto de cappello.. Ma.. ritornando √§ mae questi√≤n, se con o Sci√≤ Stoccafisso.. pard√≤n.. con o Sci√≤ Bevilaegua sci√† ghe mettesse 'na bonn-a parolla.." (si alza avvicinandosi a lei con galanteria)"..so che sci√† l'√® ben vista"

ESTER       :- (a scanso di equivoci)"Son ben vista perché so o mae mestè"

SERAFIN¬†¬† :- "Ma intendeivo d√¨ ben quello.. Sci√† sa che mi gh'ho abbastanza esperienza in to nostro sett√≤.. Emmo av√Ľo anche contatti telefonici a-o riguardo.."

ESTER       :- (poco convinta)"Veddiò cöse posso fa ma, senza garantighe ninte però"

SERAFIN   :- "Scià me dagghe 'na man e ghe saiò riconoscente"

SCENA II

(Serafin - Ester - Paggeu)

PAGGEU    :- (entrando ha udito l'ultima frase di Serafin)"Se voei 'na man.. ve a daggo mi.. Salve Scià Ester.. comm'a boccia?"

SERAFIN   :- (ricordando alla donna)"A passava de chi pe' cäxo.. vea?"

PAGGEU    :- "E comme no"

ESTER       :- "Passavo de chì e ho pensòu de vegni a trovà i mae ex colleghi"

SERAFIN   :- "Sempre gentile a nostra Ester"

PAGGEU    :- "Nostra?.. Scignorinn-a Taggiavacche.. scià l'è torna di nostri?"

ESTER       :- "E gh'ammanchieiva ancon"

SERAFIN¬†¬† :- "Sci√† no ghe dagghe a mente a-o nostro.. INDOSSAT√Ē" (fa un gesto per mettere in evidenza l'abito di Paggeu, poi a lui) "Ma sci√† no doveiva and√† da-o spedizion√©. Comme mai sci√† l'√® z√† chi?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (sornione) "Ma se dest√Ľrbo posso ritorn√§ghe"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si alza)"Devo proppio and√† via.. Ho lasci√≤u a m√ęzo a contabilitae"

SERAFIN   :- "Grazie da vixita"(va ad aprire la porta)

ESTER       :- (si avvia all'uscita dinoccolandosi, seguita dallo sguardo dei due) "Scignorìa sciò Paggeu.." (a Serafin)"Sciò Bottaro..se ghe son de novitae..se sentiemo, arrivederci"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (imitando lo sculettare della donna che esce)"A me fa vegn√¨ o m√§ de m√Ę"

SERAFIN¬†¬† :- (con una mano sulla fronte, gli sovviene qualcosa e poi, agitato)"Ah.. o Pr√ľxa" (a Paggeu) "Se vegno o prin√ßip√† sci√† ghe digghe che.."

PAGGEU    :- "..che scià l'è andaeto appreuvo ä scignorinn-a Taggiavacche.."

SERAFIN   :- "Macchè Taggiavacche e taggiabeu.. devo andà a fa 'na comiscion urgente" (uscendo) "Ma che lengua!"

SCENA III

(Sciaccal√Ľga - Paggeu)

PAGGEU    :- "Te o daggo mi .. ma che lengua.."

SCIACCAL√õGA:- (entra in scena rabbuiato. Squadra Paggeu che si alza)

PAGGEU¬†¬†¬† :- "River√Įto sci√≤ Sciaccal√Ľga"

SCIACCAL√õGA:-(severo)"Veddo che quande o gatto o no gh'e i ratti ballan, anzi no ballan pe' ninte, no ghe son adreit√Ľa"

PAGGEU    :- (servizievole)"Mi ghe son"

SCIACCAL√õGA:- "Veddo ben.. O Serafin e a Luiginn-a dovve son?"

PAGGEU    :- "Scià veu che i vadde a çercà?"

SCIACCALÛGA:- "E bravo.. coscì ne sparisce 'n'atro.. alloa?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "A scignorinn-a Scc-iappacasse, doppo.." (sornione)"..ch'a l'√® sciort√ģa.. de sprescia da o so uffizio a l'√® andaeta √§ Posta pe' quella raccomand√† e poi a doveiva and√† d√§ Ditta Costa.."

SCIACCAL√õGA:- "E quello benardo do Serafin?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Quello ben√†.. cio√® o sci√≤ Serafin no saviae.. o l'ha d√Įto ch'o doveiva fa 'na comiscion urgente.." (sovvenendogli) "Ah.. l'√® vegn√Ľo o vigile" (si avvicina alla scrivania di Serafin e prende un foglio che porge al principale) "O l'ha port√≤u questa ingiunzi√≤n.."

SCIACCALÛGA:- (prende il foglio)"Ingiunziòn?.. E de cöse?" (legge)

PAGGEU¬†¬†¬† :-"A parrieva 'n'ingi√Ľnzi√≤n de pagamento pe' l'affitto arretr√≤u "

SCIACCAL√õGA:- "A parieva 'n bello ninte.. A L'E' 'n'intimazi√≤n de pagamento.." (scoraggiato)"C√†pitan t√Ľtte assemme; p√∂vio de mi.. no me salva manco o Maraggi√†n" (con aria afflitta) "Paggeu, sci√† vadde 'n po' all'Uffizio Patrimonio do Com√Ľne a vedde se se peu avei 'n po' de proroga"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (si alza silenzioso)"S√Ľbito.. Fai√≤ t√Ľtto o poscibile.." (esce)

SCIACCAL√õGA:- (affranto, siede alla scrivania di Serafin) "A mae ditta.. a ditta ch'ho cre√≤u da o ninte a remengo.. No riescio a-accap√¨ comme mai t√Ľtte 'ste batoste.. e gare d'appalto perse pe' 'n p√©i.. Crediti serrae.. conti in rosso..no m'√©a mai s√Ľccesso.."

 

SCENA IV

(Sciaccal√Ľga ‚Äď Serafin - Lucrezia)

SERAFIN   :- (entra col fiatone)"Sciò Baccan, sciò Baccan.."

SCIACCAL√õGA:- (innervosito)"Ma c√∂se s√Ľccede ancheu?.. L'√® scc-i√Ľpp√≤u a guaera?"

SERAFIN¬†¬† :- (ansimante, si siede)"Sci√† me sc√Ľse ma.. me s'amm√∂lan e gambe"

SCIACCAL√õGA:- "E Sci√† parle.. c√∂se l'√® s√Ľccesso?"

SERAFIN   :- (come sentenziasse) "SEMMO ARROINAE"

SCIACCAL√õGA:- (ha uno scatto)"Eh?..Semmo arroinae?"

SERAFIN   :- "Anzi.. precisammo: SCIA' L'E' arroinòu!"

SCIACCALÛGA:-(sulle spine)"Ma bezeugna arrancaghe e parolle cö a tenaggia?... SEMMO O SON arròinòu?"

SERAFIN   :- "Scià l'è, scià l'è.." (piagnucolando)"E mi.. perdiòu o mae travaggio"

SCIACCAL√õGA:- (minaccioso)"Scia se spieghe, √∂xello do malaug√Ľrio"

SERAFIN   :- (lagnandosi sottovoce) "Ancon da sae che me son daeto da fa con a Stoccafiscio & Affini.."

SCIACCAL√õGA:- "Alloa?"

SERAFIN¬†¬† :- "Ecco.. o sacci√Ľo che sta pe' vegn√¨.." (suonano alla porta e Serafin va ad aprire. Appare una donna di bell'aspetto, elegante; aria professionale. Ha con se una valigetta ventiquattr'ore)

SERAFIN   :- "Desidera?"

SCIACCAL√õGA:- (d√† una sbirciata di malavoglia)"No ghe son pe' nisci√Ľn"

LUCREZIA¬† :- (avanza lentamente verso Sciaccal√Ľga mentre Serafin richiude l'uscio) "Creddo che ghe convegn√† ri√ßeivime"

SERAFIN   :- (che ha intuito)"Sciò Baccan.. LUPUS IN FABULA!"

SCIACCALÛGA:- (che non ha capito)"Guardi signorina che affari, per oggi.. emmo zà daeto.." (sospira) "A quanto pare la Premiata Ditta Sciaccaluga & C..."

SERAFIN   :- (sullo stesso tono) "Chiude i battenti."

LUCREZIA  :- "Sono la dottoressa PACE dello studio GUERRA"

SERAFIN   :- (lugubre)"Ogni nomme 'na garanzia!"

SCIACCAL√õGA:- (sul chi vive)"E allora?.. Non l'ho mica chiamata"

LUCREZIA  :- (posa sul tavolo la valigetta, l'apre ed estrae dei documenti, porgendoli a Sciaccaluga)"Chi gh'è a risposta a-o seu interrogativo"

SCIACCAL√õGA:- (rassegnato, si alza, prende i fogli)"All√≤a, sai√† m√ęgio che sci√† s'assette.." (Serafin provvede a porgerle una sedia)

LUCREZIA  :-(siede)"Ghe antiçipo zà che se scià no l'ha e palanche, di grossi capitali pe' attappà a bocca ai seu fornitoì, l'attivitae da ditta a dovià.."

SERAFIN   :- (interrompendo) "..ghe son anche i socci.."

LUCREZIA¬† :- (a Sciaccal√Ľga)"Ma i socci son a seu scign√≤a e a figgia.. v√©a?"

SCIACCALÛGA:- "Scì"

LUCREZIA¬† :- "No dovieivan √ęsighe √§tre difficoltae.. Comunque no veddo comme ne porriei sciort√¨.. se non √§ main√®a che o nostro St√Ľdio o ve s√Ľggerisce"

SCIACCAL√õGA:- "Bello s√Ľggerimento" (accenna alla carte) "Chi se d√Įxe de c√ęde t√Ľtto.. e mi dovve vaddo?"¬†

SERAFIN   :- " ..a Ditta Stoccafiscio e.."

SCIACCAL√õGA:- "Da 'n concorrente MAI" (a Lucrezia) "No se ne fa ninte.. o l'√® 'n f√Ľrto.. ne approffittae d√§ situazi√≤n momentanea"

LUCREZIA¬† :- "Sci√† se gh'appense ben perch√© presto.. anzi PRESTISCIMO sci√† s'attrovi√† in guai ancon ci√Ľ seri"

SERAFIN   :- (con aria triste)"SCIA' L'E ARROINOU.."

SCIACCAL√õGA:- (adirato)"Ma sci√† l'accianta l√¨ de fa o beccamorto?" (a Lucrezia)"Asp√ęttavo de incasci√† pe' pag√† 'na parte di nostri credito√¨.."

SERAFIN   :- (interrompendo)"E i nostri stipendi.."

SCIACCALÛGA:- (proseguendo) ".. ma Scià sa comme van e cöse in commercio.. se no gh'è de fondi.."

SERAFIN   :- (tombale)"Se va a fondo!"

SCIACCAL√õGA:- "M'aveivan promisso de proroghe.."

LUCREZIA  :- (professionale)"A questiòn a l'è a maexima.. " (accenna ai soldi)

SERAFIN   :- "..palanche.."

LUCREZIA  :- "I faeti, i faeti son quelli che contan. Purtroppo e intenzioìn.."

SERAFIN   :- (al principale)"Speremmo che scià no vadde in galéa"

SCIACCAL√õGA:- (sbottando)"Ma sci√† l'accianta l√¨ de famme de longo o beccamorto?" (a Lucrezia) "Sci√† me sc√Ľse.. ma Vosci√†, chi sci√† l'arrappresenta?"

LUCREZIA¬† :- "A o momento no ghe o posso ancon d√¨. Se Sci√† sa pensa de sarv√† armeno o bon nomme da ditta sai√† o nostro St√Ľdio ch' o s√Ľbentri√†, ch' o provvedi√† a-e trattative con i credito√¨ e che o fig√Ľri√† comme diretto interess√≤u"

SCIACCALÛGA:- "Ghe scommetto ch'a l'è quella abbiforcà da Segalerba"

SERAFIN   .- (tirando una frecciatina)"Della signora commendatore Segalerba"

SCIACCALÛGA:- (si alza nervoso)"Serafin..scià no me rompe l'anima perché o mando a vende frigoriferi in Alaska, cappìo?"

LUCREZIA  :- "Scià ghe pense ben.. Ma se scià no paga entro e scadenze prestabilìe, scià saià ciammòu da-o magistrato"

SCIACCAL√õGA:- (guarda i fogli sul tavolo)"T√Ľtti questi milioni de debito?.. Me p√§ strano.. No me ne son mai accorto.. E dovve i treuvo.." (siede scoraggiato)

LUCREZIA  :- "Sono tutti documentati.. I vostri creditori si sono consorziati presso il nostro Studio e qui.." (mostra altro foglio)".. ci sono le loro richieste.. Vogliono i soldi altrimenti viene messa a rischio anche la loro attività e.. a quanto pare, anche il Comune avanza dei crediti.."

SCIACCAL√õGA:- (si mette il viso tra le mani)

LUCREZIA  :-  "Non vedo in che modo ne potreste venir fuori senza troppi danni.. Rischiate la bancarotta fraudolenta.."

SERAFIN   :- "O drento o pagà.. a galéa a vitta.."

LUCREZIA  :- "Oa no esageremmo.. ma.. gh'è de l'ätro"

SCIACCAL√õGA:-(affranto)"De l'√§tro?.. Ma avvocato, se devo affond√† sci√† me spare t√Ľtta a bord√† in te 'na votta"

LUCREZIA¬† :- "Il commendator Crisostoma Benedetta Segalerba √® intenzionata a denun- ciarla per frode..pare che sci√† gh'agge arremb√≤u 'na part√Įa de caff√® de d√Ľb- bia provenienza e in ci√Ľ ch'a saveiva de maen.. stransc√¨o"

SERAFIN   :- (cerca di squagliarsela)"Oh, pövio de mì.."

SCIACCALÛGA:- (a Serafin, nervoso)"Con voscià ne parlemmo a parte de questa vendita che scià l'ha trattòu a mae nomme"

SERAFIN   :- (accennando alle manette)"Speremmo che scià segge a.. piede libero"

SCIACCAL√õGA:- (si alza di scatto per andare da Serafin e viene bloccato da Lucrezia) "Ma mi ghe desv√Įo o collo.."

LUCREZIA  :- "Scià se calme, scià se calme.."

SCIACCALGA:- "Eh, sc√¨.. sci√† se calme.. gh'√® proppio da calmase con di elementi cosc√¨" (a Lucrezia)"Ma a l'√©a 'na part√ģa de caff√® regolarmente vend√Ľa e con tanto de fatt√Ľa"

LUCREZIA¬† :- "A l'√©a 'na part√ģa spar√ģa misteriosamente da-o magazin do Canello" (guardando Serafin)"E inoltre c'√® l'aggravio della fattura fasulla!"

SERAFIN   :- (si alza di scatto e si avvia all'uscita) "Vaddo a çercà o Paggeu"

SCIACCAL√õGA:- "Eh, no!" (lo blocca indicandogli la sedia)"Sci√† sta chi e basta.. vorri√† d√Įse che.." (mima le manette)"Sci√† me fai√† compagnia"

SERAFIN¬†¬† :-¬† (cerca di difendersi)"T√Ľtte balle.. cal√Ľnnie.."

SCIACCAL√õGA:- (adirato)"E quella a saieiva staeta l'operazi√≤n ch'a l'avieiva scistemm√≤u a cascia?.. Ma quae cascia, quella do Serafin!.. Un tr√Ľffat√≤, ecco c√∂se sci√† l'√®.. Ah, ma a veitae a l'√® comme l'euio e a ven a galla.. In GALEA..a famme compagnia!"

SERAFIN¬†¬† :- (si siede sconfitto)"√Ątro che Samarcanda.."

LUCREZIA¬† :- (invitandolo alla calma) "Sci√≤ Sciaccal√Ľga..malgraddo che a situazi√≤n a no segge rosea.. quello, o quelli che rilevi√†n o t√Ľtto, han sempre stimma de vosci√† e pe' questo ghe convegne accett√† l'operazi√≤n che sta c√Ľrando o mae St√Ľdio.. Eviter√† la bancarotta, salver√† il suo buon nome e il cambio della ragione sociale potr√† sempre apparire come una normale contrattazione.. e nessuno ne sapr√† nulla.. se nisci√Ľn parla.." (guarda Serafin)

SCIACCALÛGA:- "Se o Serafin o l'arve a bocca, gh'arranco quelli quattro péi co l'ha in testa"

SERAFIN   :- "Tranquillo, no parlo.." (untuoso e lanciando un piccolo ricatto) "Ma.. 'na man lava l'ätra e.. nevvea.. spero che me tegniàn a travaggià.. anche mi devo campà e.. ä mae etae.. trovà 'n'ätro travaggio..."

SCIACCALÛGA:- (sarcastico)"Ma no gh'è a Stoccafiscio e Affini?"

LUCREZIA¬† :- (a Serafin)"Veddi√≤ c√∂sse porri√≤ fa"(a Sciaccal√Ľga)"Sci√† me dagghe 'na rispo- sta o ci√Ľ f√Įto poscibile.. ma ghe conseggio de accett√† a proposta che gh'ho faeto.. Potremo tacitare i creditori e salvare il salvabile e quando il nostro cliente lo riterr√† opportuno, prender√† possesso direttamente della ditta"

SERAFIN   :- "Alloa.. o l'è 'nommo"

LUCREZIA¬† :- "Non l'√® d√Įto.." (apre l'uscio)"Arrivederci" (esce)

SCIACCAL√õGA e SERAFIN:- "Arrivederci"

SCENA V

(Sciaccal√Ľga ‚Äď Serafin - Ester)

SIACCAL√õGA:- (guardando le carte sul tavolo) "C√ęde t√Ľtto..? Mah..! Chiss√† se se porri√† travaggi√† con i neuvi propriet√§i.."

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra)"L'√® permisso?..Oh, Sci√† sc√Ľse sci√≤ Sciaccal√Ľga.. no credeivo che.."

SCIACCAL√õGA:- "Sci√† vegne dentro.. Comme mai chi?" (amareggiato)"Sci√† l'√® vegn√Ľa a vedde a nave col√† a picco?"

ESTER       :- (imbarazzata) "Passavo de chì e coscì ho pensòu de intrà.."

SERAFIN¬†¬† :- (forzandola)".. a sal√Ľ√† i seu ex colleghi.."

SCIACCAL√õGA:- "Sci√† l'√® staeta f√Ľrba a moll√† l'ormezzo primma do naufraggio.."

ESTER       :- "Gh'è quarcösa che no va?"

SERAFIN   :- (porgendole una sedia)"Prego"

ESTER       :- (sedendo)"Grazie"

SCIACCALÛGA:- "Quarcösa?.. Semmo arroinae"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (dispiaciuta)"Sci√† no digghe cosc√¨.. peu d√§se che vadde t√Ľtto a posto"

SERAFIN   :- (fa un gesto eloquente a significare che sarà difficile che vada tutto a posto)

SCICCAL√õGA:- "I mi√§coi se faxeivan 'na votta.. Oua anche i Santi se son st√Ľffae e han serr√≤u b√Ľttega.." (triste) "Se vedde che semmo ri√Ľsc√¨i a fa angoscia anche a loi√§tri"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Son proppio mortific√†.. Forse.. sci√† no gh'aveiva e personn-e gi√Ľste" (guarda Serafin)

SERAFIN   :- (sentendosi offeso)"E comme saieiva a dì?"

SCIACCALÛGA:- (interessato)"Scià se spieghe"

ESTER       :- "Ma mi l'è zà 'n po' che son feua de chi.. però penso che scià l'agge.. scià me perdonn-e.. mollòu 'n po' o scagno.. magara pe' gödisse a vitta.."

SERAFIN¬†¬† :- (sentendosi coinvolto)"Mi ho sempre faeto quello che o prin√ßip√† o l'ha comand√≤u e o sci√≤ Sciaccal√Ľga, o no l'ha ninte da do√Įse in ti mae riguardi"

SCICCALÛGA:- (alla donna, ignorando Serafin)"Scià continue"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'euggio do padr√≤n o l'ingrascia o cavallo.. Bezeugna segu√¨ de personn-a e gare d'appalto, no f√§se d√¨ comme a l'e andaeta pe' √ęsse libero de fa o ganimede" (cercando di correggersi)"Oh, sci√† me sc√Ľse, no doveivo.."

SERAFIN   :- (adirato)"Ma brava.. Brava Ester.. ma che collega che scia l'è.."

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ghe domando sc√Ľsa Sci√≤ Sciaccal√Ľga do mae ard√¨ ma, sinceramente, me despiaxe.." (si alza)"Se po√ęsse fa quarc√∂sa, ben voent√©a"

SERAFIN¬†¬† :- "Ci√Ľ de cosc√¨.."

SCIACCALÛGA:- (incalzandola)"Se scià sa quarcösa scià parle.. scià fasse di nommi"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :-(timoroso)"Ma c√∂se sci√† veu ca sacce..a no l'√® m√Įga ci√Ľ chi in scagno"

SCIACCALÛGA:- "E chi l'ha interpellòu.. Scià no gh'ha ninte da fa?"

SERAFIN¬†¬† :- "Dovieiva and√† a vedde se o Paggeu o l'ha faeto t√Ľtto o necess√§io √§ Tirrenia"

SCIACCALÛGA:- "E alloa scià vadde.."

SERAFIN¬†¬† :- "Voeivo andaghe anche quande gh'ea quella donna.. ma sci√† m'ha d√Įto de rest√†"

SCIACCALÛGA:- "E oua ghe diggo de andà.. Anche se e cöse van abbrettio, no se deve aggraväle"

SERAFIN   :- (indeciso)"Vaddo, vaddo.. Scià Ester.. m'arraccomando"(indicando se stesso)"Scià pense ai colleghi primma de parlà.."

SCIACCALÛGA:- "Ma insomma.. ghe veu a mancinn-a pe arrancälo de chi?"

SERAFIN   :- "Vaddo.." (esce)

SCIACCAL√õGA:- "Alloa, sci√† Ester.. feua i nommi.. i faeti sorviat√Ľtto.. Son quelli che me interessan se veuggio √ßerc√† de sarv√† quarc√∂sa.. se ancon se peu"

ESTER       :- "Ma veramente, faeti.. no saviae.. solo parolle pe' sentìo dì"

SCIACCAL√õGA:- "Sci√† l'avi√† ben sent√ģo quarc√∂sa pe' immagin√† che quarched√Ľn m'ha faeto o sgambetto"

ESTER       :- (imbarazzata) "Ma mi.. no so.. pare che o mae Baccan o savesse quarcösa.."

SCIACCAL√õGA:- "O l'√® o Paggeu?.. Z√† o l'√® sempre in g√Įo e con quella faccia da beccamorto no se sa mai.." (pausa)"..a Luiginn-a a l'√® troppo imbran√† pe' √ßerc√† de f√§mme e scarpe e poi gh'√® o Serafin.. Ma quello o l'√® troppo abellin.. troppo pui√ľso de perde o posto e o graddo.. ghe p√§ d'√ęse importante.. No, no.. de chi no l'√® nisci√Ľn.. Sci√† me digghe vosci√†"

SCENA VII

(Sciaccal√Ľga - Ester - Segalerba)

SEGALERBA:- (donna di una certa et√†, entra come una catapulta e va ad affrontare Sciaccal√Ľga) "Gi√Ľsto ti!..Bell'amigo.. √ßerc√† de imbroggi√§me a mi.. a teu amiga Ben√©ita!"

ESTER       :- (si alza timorosa e si discosta)

SCIACCALÛGA:- "Ma Benéita.. no son moddi da scignoa questi!"

SEGALERBA:- (sempre adirata) "Che moddo semmai òu diggo mi e no ti, cäo o mae aspirante a Marasci"

SCIACCALÛGA:-(si alza)"Ma stanni calma..mi no saveivo ninte.. son staeto imbroggiòu mi ascì"

SEGALERBA:- (severa)"La signora Crisostoma Benedetta Segalerba a no te a perdonni√† mai, e l'√® in√Ľtile che ti digghi che no l'√® corpa teu, perch√© o comandante do vapore o l'√® sempre responsabile do seu equipaggio.. e se l'equipaggio o no va ben, no se navega perch√© se picca de chiggia e se va a fondo.. E MI A FONDO TE MANDO.. te fai√≤u mangi√† a bratta.. Gh'ho misso 'na vitta come donna, a famme stradda in te questo mest√© da ommi; t'hae arroin√≤u a mae rep√Ľtazi√≤n con i mae clienti, e mi no veuggio perde a stimma de tanti anni de travaggio..Mi te denunzio, t'arrovinn-o, in miande te lascio‚ĶTE MANGIO T√õTTO!"

SCIACCAL√õGA:- (crolla abbattuto sulla sedia col viso tra le mani)

ESTER       :- (cerca di rabbonire Segalerba)"Scià Segalerba, scià no segge coscì severa"

SEGALERBA:- "E vosci√† c√∂se sci√† ghe fa chi?.. Sci√† tegne o p√® in due scarpe..? Sci√† no l'√® ci√Ľ con o Bevilaegua, da Stoccafisso & Affini?"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ghe son sempre, ma questo trattamento o no me p√§ gi√Ľsto"

SEGALERBA :-"Quande scià ghe rimettià di milioni e scià perdià a faccia con i clien- ti, scià porrià parlà.. Ma fin che e palanche ghe e rimettian i ätri l'è bello fa i generosi"

SCIACCALÛGA:- (avvilito) "T'hae raxòn.. Me son fiòu de chi no doveivo.. ma no so ancòn de chi"

SEGALERBA:- (se ne dispiace a vedere l'amico così abbattuto)"Me despiaxe.. ma in to nostro mesté no l'è ammisso fa de queste scemmàie. Chi sbaglia paga"

SCENA VIII

(Sciaccal√Ľga - Ester - Segalerba - Serafin)

SERAFIN   :- (apre l'uscio ma appena vede Segalerba cerca di fare dientro-front)

SEGALERBA:- (a Sciaccal√Ľga)"Sci√† vegne p√Ľre drento bello gener√¨n" (a Sciaccal√Ľga)"Bezeugna lev√† a gramigna ch'a cresce in to proprio pr√≤u.. No nego che me segge serv√ģo quarche votta de l√©.."(indica Serafin)

SERAFIN   :- (cerca di difendersi)"Ma veramente.."

SEGALERBA:- "..ma no pensavo co sp√Ľesse in to pi√§to dovve o mangiava"

SCIACCAL√õGA:- "O Serafin?.. E mi che l'aveivo faeto o mae ommo de fid√Ľccia!"

SEGALERBA :- (a Serafin)"C√∂se credeivi.. che o Pr√ľxa o vendesse bambocce?"

ESTER       :- (cerca di rappacificare)"Ma.'na sola operaziòn sbaglià a no peu caccià a bagno 'na ditta comme questa.."

SEGALERBA:- "No sta a mi gi√Ľdic√†.. Peu anche d√§se che ghe fissan √§tre operazio√¨n.. dirottae!" (a Sciaccaluga)"Me despiaxe ma.ho pu√¨a che ti passiae o resto da teu vitta a vedde o so a quadretti" (gira e tacchi ed esce rapidamente)

SCIACCALÛGA:- (sconfortato)"Eh.. l'è proppio véa che chi accatta o lardo dai gatti e a faenn-a da-o spezià, presto s'attreuva in bolletta e ghe tocca dimandà"

ESTER¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si accomiata)"Vaddo mi asc√¨" (d√† la mano al suo ex principale) "Sci√† se fasse coraggio.. vorriae √ęsighe √Ľtile ma.. no saviae comme.."

SCIACCAL√õGA:- "Gh'orrieiva 'n miracolo.. Comunque, grazie d'√ęsse vegn√Ľa.."

SERAFIN   :- (l'accompagna alla porta. Chiusa la stessa guarda il principale e commenta) "Me sa tanto che ne tocchià imparà a vivve comme o Paggeu"

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

FINE DEL SECONDO ATTO

                                

ATTO TERZO

(Stessa scena del primo atto)

SCENA I

(Serafin -Luginn-a)

LUIGINN-A :- (sta battendo a macchina)

SERAFIN   :- (seduto alla sua scrivania)"Luiginn-a, scià gh'ha pensòu ä mae proposta?"

LUIGINN-A :- "Quale?"(continua a lavorare)

SERAFIN   :- (impermalito)"Comme quale? Gh'ho domandòu se Scià veu.. sposäme"

LUIGINN-A :- (non considerandolo)"E fig√Ľremmose"

SERAFIN¬†¬† :- "Ma se asp√ęttemmo troppo no porriemo mette sci√Ľ.. 'na ni√† de baragilli"

LUIGINN-A :- (ironica)"Sc√¨.. 'na ni√† de Serafini.. ma sci√† no gh'ha √§tro da pens√†? E poi ghe l'ho d√Įto c√∂se veuggio mi.. √Ľnn' ommo ch'o gh'agge 'n bon stipendio e che o me fasse.."

SERAFIN¬†¬† :- "..viagi√† .. e mou bellero.. me andaeto m√Ę 'n'affare se no a quest'√≤a.."

LUGINN-A :- (interrompendo)".. Scià saieiva a Marasci da armeno trei meixi.."

                             (suona il cicalino dall'ufficio del principale, oppure chiama Luiginn-a)

SERAFIN¬†¬† :- "√Ą ciamma a dottoressa"

LUIGINN-A :- (si alza e prende il foglio dattiloscritto) "A vorrià a lettera" (bussa ed entra)

SERAFIN   :- (si avvicina cautamente all'uscio di detta porta, cerca di origliare)

LUIGINN-A :-   (esce e scontra Serafin)

SERAFIN   :- (si scosta comicamente)"Ahia"

LUIGINN-A :- "Scià stava in agguato?"

SERAFIN¬†¬† :- "..√ßercavo de sent√¨ se se saveiva chi l'√® o neuvo padr√≤n do vapore.. Chi l'√® t√Ľtto 'n mistero"

LUIGINN-A :- (siede al proprio posto)"L'importante l'è che ne pagan e poi.. chi l'è, l'è"

SERAFIN   :- "Cöse a voeiva?"

LUIGINN-A :- "A lettera, e poi a m'ha domand√≤u se o Paggeu o l'√® ritorn√≤u d√§ clinica dovve gh'√® ricover√≤u o Sci√≤ Sciaccal√Ľga"

SERAFIN¬†¬† :- (sedendo al proprio posto)"Seg√Ľo ch'o l'ha piggi√≤u 'na br√Ľtta batosta.."

LUGINN-A :- "Tanto da fässe vegnì 'n'esaurimento nervoso"

SCENA II

(Luiginn-a - Serafin - Paggeu - Pr√ľxa)

PAGGEU    :- (entra dall'esterno con la sua solita camminata)

LUIGINN-A :- "A l'ha çercòu a dottoressa proppio òua"

PAGGEU    :- (si avvicina all'ufficio)"Vaddo" (bussa ed esce di scena)

SERAFIN¬†¬† :- (che lo seguiva con lo sguardo) "Se f√Įsse mi o neuvo prin√ßip√† me levieiva s√Ľbito quell'elemento cosc√¨ indecoroso.."

LUIGINN-A :- "E invece pare ch'a tegne in consciderazi√≤n i seu s√Ľggerimenti "

SERAFIN¬†¬† :- "Ma c√∂se sci√† veu ch'o s√Ľggerisce.. foscia comme risparmi√† in sce-o mangi√† andando a vedde i √§tri a-o ristorante"

PAGGEU    ::- (rientra in scena e prima di chiudere la porta) "Sarà fatto senz'altro dottoressa" (va al proprio posto)

SERAFIN   :- (che moriva dalla voglia di sapere)"E alloa?"

PAGGEU    :- "Alloa, cöse?"

SERAFIN   :- "Cösse a voeiva?"

PAGGEU    :- "Perché Scià no va a domandaghelo?"

SERAFIN¬†¬† :- "Paggeu.. poei √ęsse contento che no v'han cacci√≤u.. e t√Ľtto perch√© gh'ho misso 'na bonn-a parolla m√¨"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Davvei?.. Tranquillo, a m'ha domand√≤u se voemmo fa 'na colletta pe' o Sci√≤ Sciaccal√Ľga"

LUIGINN-A :- (ironica)"E proppio a-o Paggeu 'na domanda scimile"

SERAFIN   :- (salace)"L'è comme domandaghe o sangue"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "No gh'√® obbligo.. ognid√Ľn o l'√® libero de fa comm' o veu"

LUIGINN-A :- "Semmo zà comme a l'andià a finì.. ghe mettian sempre i maeximi"

SERAFIN   - (sornione)"Paggeu.. quante Scià gh'ha misso?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Gh'ho d√Įto che a mae quota ghe l'avieiva missa o Serafin"

SERAFIN¬†¬† :- (si alza e si avvia alla porta del principale)"E se l'√® vea ghe fasso fa a fig√Ľa do cioccolatt√®"

PAGGEU    :- "Andae e no perdei do tempo"

SERAFIN   :- "Ehi, diggo!.. Pöca caladda che fin'òua son ancon mi o cappo do personale .. e ghe staiò ancon pe' n po'"

PAGGEU¬†¬†¬† :-"√õn po' de personale: trei impieghae, √Ľn magazzin√© e 'na donna de pulizie"

SERAFIN¬†¬† :- "Mi conoscio o neuvo padr√≤n e vosci√†.. sci√† l'arresti√† sempre 'n bez√Ľgo"(bussa alla porta del principale ed esce di scena con Luiginn-a)

PAGGEU    :- (appena usciti i due, si alza e va alla scrivania di Serafin, apre il cassetto, guarda alcuni fogli e prende appunti, tenendo d'occhio la situazione. Quando sente che Serafin sta salutando, richiude rapidamente il cassetto a va alla propria scrivania)

SERAFIN   :- (rientra solo)"Ecco faeto" (a Paggeu, con ironia)"No ho visto o so nomme in ta notta"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Ma ghe l'ho d√Įto.. sci√† sai√† Vosci√† a forn√Įme e palanche pe' o Sci√≤ Sciaccal√Ľga" (si alza e si avvia l'uscita)"Devo and√† a ciamm√† a Marta"

SERAFIN   :- "E perché deve vegnì a donna de pulizie feua orario?"

PAGGEU    :- "E mi che ne so.. se vedde che vegnà o neuvo padròn" (esce)

SERAFIN¬†¬† :- "O p√§ l√® o neuvo padr√≤n.. ma ghe a levo mi a p√ľa"(va ad origliare alla porta del principale. Si apre la porta esterna ed entra Pr√ľxa)

PRÜXA      :- (si guarda attorno e poi va di filato da Serafin il quale se ne avvede e arretra spaventato verso la scrivania

PRÜXA      :- "Veddo che sei ben contento de veddime"

SERAFIN   :- (che cerca di tenerlo al di là della scrivania e si sposta ad ogni suo movimento) "E da cö-cöse l'éi accapìo..? No ve basta quello che v'ho zà daeto?"

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬† :- (si rimbocca minaccioso le maniche) "Voei piggi√§me in g√Įo?" (lo rincorre ostaco-lato dalla scrivania e dai movimenti di Serafin)

SERAFIN¬†¬† :- "Ma mi palanche no n'ho.. v'ho daeto t√Ľtto quello ch'aveivo"

PR√úXA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ve fasso firm√† tante de quelle cambiali da f√§ve vegn√¨ 'na paresi a 'na man" (cerca di agguantare Serafin il quale si sposta comme fa il gatto col topo) "O scrollo comme 'n'√ęrbo de n√®spoe.."

SERAFIN¬†¬† :- (guadagna l'uscita rincorso da Pr√ľxa che lascia la porta aperta)

PRÜXA      :- (da fuori)"Se v'acciappo ghe sciortan di berödi.." (la voce si allontana)

SCENA III

(Pesce - Luiginn-a)

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra, si guarda attorno e non vede nessuno e riferendosi ai due che sono usciti)"Han cuae de demo√§se..Stavotta che voeivo seunn√† o campanin attreuvo aporta averta.. Gh'√® nisci√Ľn?"

LUIGINN-A :- (rientra)"Ah, sci√≤ Pesce, ma.." (si guarda attorno)"Sci√† l'√©a vosci√† primma che sci√† faxeiva t√Ľtto quello bordello?"

PESCE         :-"Son appenn-a introu.. gh'éa a porta averta"

LUIGINN-A :- "E o Serafin dovv'o lè?"

PESCE         :- "E mi che ne so?.. Alloa.. sei sola" (si avvicina intenzionato)/

LUIGINN-A :- (prende posto alla macchina da scrivere) "Gh'è de là a dottoressa ca sta telefonando"

PESCE         :- "Luiginn-a, posso accompagnala a casa quande a smonta de servissio?"

LUIGINN-A :- "Quande smonto? No son miga de guardia comme voi√§tri.. Me p√§ d'√ęse a bella de Torriggia!

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (con enfasi)"Ma sci√† l'√® ci√Ļ che a bella de Torriggia.. Sci√† l'√® a bella da Darsena"(baciamano) "Sci√† l'√® in to mae cheu"

LUIGINN-A :- (ritira la mano)"Ammiae Pesce che mi gh'ho ätre idee"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-(con aria di chi ha tramato)"A gh'√® piax√Ľa a serenata sotto a-o barcon l'√§tra s√©ia?"

LUIGINN-A :- "E vosci√† comme Sci√† fa a saveilo.. tra l'√§tro a no l'√©a seg√Ľo pe' mi ma.. pe' quella mangiaommi da sci√† Rosamaria" (con cattiveria)"Chi troppo e chi ninte"

PESCE         :- "Eo mi che ghe a dedicavo"

LUIGINN-A :- " Ma se Scià l'è stonòu"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Beh.. l'√©a 'n mae amigo ch'o canta ben.. ma √©a mi che ghe a dedicavo.. Sci√† me piaxe e mi.. son √Ľn'ommo solo.."

LUIGINN-A :- (mette un foglio in macchina)"E se scià l'è solo cöse gh'intro mi?"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Gh'√® l'ho d√Įto.. Sci√† me piaxe ma.. a gh'ha sempre quelle id√©e in testa ..quelle de voei fa a gran scignoa?"

LUIGINN-A :-  (scrivendo a macchina) "Sempre da stessa idea"

PESCE:        - "Ma con i nostri duì stipendi quarcösa se peu fa"

LUIGINN-A :- "Ah, ma allora la sistemazione la cercherebbe lei!" (commentando fra sé) "T'hae accappìo o Pesce?.. Ma non l'ha ancora capito che IO voglio fare la signora e invece di fare un mese di ferie all'anno voglio fare un mese di lavoro e undici mesi di ferie!"

PESCE         :- "Che razza de idée.. "

LUIGINN-A :- "Guardi che io devo lavorare.. √≤ua chi no se scherza ci√Ľ.. E comme mai Sci√† l'√® chi?.. Non mi dir√† mica che √® venuto per farmi le solite proposte"

PESCE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (apre cartella documenti) "Son vegn√Ľo anche pe' questo"(mostra carte) "Ghe son de tasce arretrae da pag√† e da d√† a-o Sci√≤ Sciaccal√Ľga. In Comune no ris√Ľlta ancon o trapasso de consegne ai neuvi propriet√§i, e cosc√¨ consegno a Vosci√† L'importante che quarched√Ľn p√§ghe. Ghe da mette 'na firma ch√¨"

LUIGINN-A :- "I porto de de là" (si alza)

PESCE         :- (ne approfitta e tenta di abbracciarla. Luiginn-a lo respinge ma non prima che se ne avveda Paggeu che rientra dall'esterno)

SCENA IV

(Luiginn-a - Pesce - Paggeu)

PAGGEU     :- "Bene Sciò Pesce.. siamo all'attacco della roccaforte, eh?"

PESCE         :- (preso in flagrante cerca di darsi un contegno)

LUIGINN-A :- (lascia rapidamente la scena per andare dal principale)

PESCE         :- (imbarazzato)"Stavo.. consegnando delle cartelle da pagare alla signorina"

PAGGEU     :- (ironico)"Ma bravo il nostro Vigile Urbano che consegne le cartelle.."

PESCE         :- " Ma cösse andae a pensà.."

PAGGEU     :- "Che Scià l'ha 'n strano moddo de fa e consegne"

PESCE         :- (riprendendo contegno) "L'apparenza inganna..voi volete vedere solamente quello che INTENDETE vedere"

PAGGEU     :- "E no caro Pescio-spada, egregio signor vigile.. ho visto quello che NON intendevo vedere"

PESCE         :- "Cösse gh'è de strano. In fondo lé a l'è scignorinn-a e mì.."

PAGGEU     :- "..è ancora signorino"

PESCE         :- "Appunto.. Scià me stagghe ben.." (esce)

PAGGEU     :- "Veddiòu de sta ben" (pensando)"Ma ammia 'n po' 'sta Luiginn-a"

 

SCENA V

(Luiginn-a - Paggeu - Serafin - Marta)

SERAFIN     :- (entra in scena spaurito. Ha un occhio nero ed un braccio al collo. Zoppica leggermente. Seguito dallo sguardo indagatore di Paggeu, va lentamente alla propria scriviania)

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (salace)"E CHI L'HA INVEST√ŹO?.. 'na macchina sciaccapr√ģe?"

SERAFIN     :- (sedendo con sofferenza e cercando una scusa)"Son.. son cheito dä banchinn-a in sciè 'na ciatta..Ahia!"

PAGGEU     :- (intuisce e punta il dito esclamando)"O PRÜXA!"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (adirato)"Sci√† no nomine ci√Ľ quell'avanzo de gal√©a" (fa un movimento brusco) "Ah"

LUIGINN-A :- (rientra dalla sinistra e vede Serafin)"Mah.. CHI L'HA INVEST√ŹO?"

SERAFIN     :- (nervoso)"Ma devan proppio aveime investìo?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (ironico)"O l'√® sc√Ľggi√≤u.."

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (donna delle pulizie, entra dall'esterno con un secchio o pattumiera, uno straccio ed una scopa. Sulla quarantina, fazzoletto in testa, osserva tutti) "Ehil√†, brava gente.. sei anc√≤n t√Ľtti chi?"

LUIGINN-A :- "Salve Marta.. Comme mai zà chi a fa pulizie?"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sistemando le proprie cose) "L'√® vegn√Ľo o Sci√≤ Paggeu e ciamm√§me.. Ordini, ho m'ha d√Įto, ordini di fare pulizie straordinarie"(pausa)"Ma comme mai no sei sciort√ģi?.. De solito a quest'√≤a ve a sei daeti t√Ľtti a gambe"

SERAFIN     :-  "Ma comme ve permettei?.. Se ghe semmo veu dì ch'emmo da fa"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (notando il suo stato)"Oh..ma c√∂se Sci√† l'ha combin√≤u?.Sci√† L'E' STAETO INVEST√ŹO?"

PAGGEU     :- "O l'è ingambòu.. in te 'n ronsòn"

SERAFIN     :- (che stava andando su tutte le furie) "No l'è o cäxo de dà de spiegazioìn a.. 'na donna de pulizie"

MARTA       :- (fa spallucce ed inizia a passare lo straccio sui mobili) "Ha parlòu o padròn"

LUIGINN-A : "Ma a Marta l'√® tanti anni ch'a l'√® con noi√§tri.. oramai a l'√® 'n'istit√Ľzi√≤n"

PAGGEU     :- "L'è véa"

SERAFIN     :- (con autoritarismo, a Marta)"Donna! Pulì comme se deve e stae sitta"

MARTA       :- (sospendendo un attimo di passare lo straccio, con ironia)"Ha riparlòu o padron!"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (a Marta)"Commen√ßa p√ľre da mi, tanto devo sciort√¨"

SERAFIN     :- (indispettito)"E dovve scià va, se l'è lecito?"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (con sfott√≤, incamminandosi come al suo solito verso la porta del principale) "Ou Sci√† senti√†" (apre l'uscio e sulla soglia)"Dottoressa, mi andieva a.. svil√Ľpp√† quella operazi√≤n.. Ne approfittieiva intanto che a Marta a d√† 'na nettezz√†.. cosc√¨ rec√Ľpero 'n po' de tempo" (guarda Serafin)"Ah, gh'√® o Sci√≤ Serafin ch'o vorrieiva intr√† pe'.. quella sottoscrizi√≤n"

SERAFIN     :- (si alza di scatto, ma è indolenzito)"Ahia!" (accenna che gliela pagherà)

SCENA VI

(Serafin - Paggeu - Luiginn-a - Marta - Lucrezia)

LUCREZIA¬† :- (da fuori scena)"Ch'o l'intre p√Ľre..Sci√† me riferisce doppo o seu operato"

PAGGEU     :- (con un inchino)"Comme scià dexidera" (si avvia alla propria scrivania)

SERAFIN     :- (spazientito)"Ma insomma.. se peu savei cös'a l'è questa <operaziòn>?" (cammina zoppicando leggermente)"Poscibile che scià fasse quello che scià veu e che mi no ne sacce ninte?"

LUCREZIA  :- (entra e si avvicina alla dattilografa)"Scignorinn-a, scià me batte questa lettera, pe' piaxei"

LUIGINN-A :- "S√Ľbito" (procede)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (in piedi, accanto alla scrivania)"Dottoressa, sci√† me sc√Ľse, ma.."

LUCREZIA  :- (alza il capo e vede Serafin)"Ma.. E' STATO INVESTITO?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sbottando)"No, non sono stato investito.. t√Ľtti a stessa domanda.."

PAGGEU     :- "E' caduto.. malamente.. drento a 'na ciàtta"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (cercando di mantenere una certa calma)"Volevo chiederle.. con t√Ľtto o rispetto dov√Ľo s'intende.. d'√ęsse misso a-o corrente di movimenti do nostro fatt√Ľr√¨n.. de questa OPERAZION.. doppo t√Ľtto son sempre l'ommo de fid√Ľccia da ditta.."

LUCREZIA  :- (gelida)"Ah, scì? E alloa?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "Comme alloa.. Son sempre mi o cappo uffizio e no l'√® gi√Ľsto che √Ľn.."

LUCREZIA¬† :-(c.s.)"So mi quello che l'√® gi√Ľsto, signor Bottaro.. Io eseguo degli ordini ed il signor Pagliolo esegue i miei.. quindi.. sci√† fasse o travaggio che giorno pe' giorno ghe daggo... finch√® mi √® consentito di non ridurre il personale!"

SERAFIN     :- (che c'è rimasto male)"Ridurre il personale?.. Ma se semmo in trei gatti"

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- "Quattro con o magazzin√©.. ci√Ľ a Marta.. Ghe l'aveivo z√† d√Įto"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (cade a sedere avvilito)"Doppo t√Ľtto quello ch'ho faeto.."

PAGGEU¬†¬†¬†¬† :- (accennando.. alle botte)"E ri√ßev√Ľo"

SERAFIN     :- (a Paggeu, adirato)"Con Voscià a no finisce chi"

LUCREZIA¬† :- "Voei calmave t√Ľtti du√¨ o voei z√† allegger√¨ o personale?"

PAGGEU     :- (a Lucrezia)"Alloa, mi vaddo" (escxe)

LUCREZIA¬† :- "Sci√† se sbrighe" (a Marta) "Sci√† Pag√†n.. Sci√† vegne p√Ľre a fa pulizie de l√† da mi intanto che sciorto a fa 'na comisci√≤n" (osservando Luiginn-a e Serafin che stanno a guardare)"E ben?.. No se travaggia ci√Ľ?"

MARTA       :- (nel frattempo si era avviata, uscendo con l'occorrente, nell'ufficio del principale)

SERAFIN e LUIGINN-A: - (si mettono subito al lavoro)      

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (non si d√† per vinto e a Lucrezia)"Appenn-a arrivi√† o neuvo prin√ßip√† ghe domandi√≤u soddisfazi√≤n pe' questo trattamento. L√© o no me conosce ma o se rendi√† s√Ľbito conto che se a ditta a veu and√† avanti, m√¨ son √Ľn collaborat√≤ indispensabile"

LUCREZIA¬† :- (sull'uscio per uscire)"E comme mai c√∂ Sci√≤ Sciaccal√Ľga Sci√† no l'ha faeta and√† avanti a ditta?" (pausa)"Comunque sci√† stagghe tranquillo.. chi s√Ľbentra conosce ben o Sci√≤ Serafino Bottaro.. e sci√† porri√† digghe quello che sci√† veu" (apre la porta e sulla soglia incontra Silvia del bar,che sta entrando con un vassoio e tre caff√®) "Veddo che fae a sosta anche pe' o caff√®! Doppo parliemo anche de questo" (esce)

                      

SCENA VII

(Serafin - Luiginn-a ‚Äď Marta - Silvia)

SILVIA         :- (salace) "E cöse l'ha punzeggià.. 'na scorpena?.." (agli impiegati) "Bella gente, chì ghe son trei caffè"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- "√Ątri caff√®? Noi√§tri no l'emmo ordinae"

SILVIA         :- (avvedendosi dello stato di Serafin)"Ohh.. e cöse gh'è accapitòu?.. Scià l'è stato investio?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sbotta e con la mano aperta) "E √ßinque! L'√® za a quinta personn-a ch'a me fa a maexima domanda.. Oua basta!..Ritornemmo ai caff√®..Chi l'ha ordinae? De seg√Ľo non o Paggeu"

SILVIA         :- "Segreto!"

LUIGINN-A :- "Chi l'√® l'√®. Basta che quarched√Ľn l'agge pagae. Bevemmo pimma ch'o se raffreide"

SILVIA         :- (serve Luiginn-a, Serafin e guarda la terza tazza) "Quella.. a l'avanza?"

MARTA       :- (rientra) "Che bon ödò de caffè"

LUIGINN-A :- "Ghe n'avanza √Ľn"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Pecc√≤u che a m√¨ o me fa m√Ę.. O l'√® pag√≤u?"

SILVIA         :- "Scì"

MARTA       :- "Alloa o piggio.. pe' 'na votta..Posso"

SILVIA         :- "E me pàiva strano ch'o l'avanzesse.. Scià l'è paegia do Paggêu"

SERAFIN     :-  (dopoaver messo lo zucchero nella tazzinache rimescola) "Alloa, chi l'ha pagae?"

SILVIA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ho d√Įto ch'o l'√® 'n segreto e no posso d√¨ che l'ha offerti.. O PR√õXA!"

SERAFIN     :- (che stava sorseggiando spruzza per tera il caffè e tossisce)

SILVIA         :- "Che peccòu.. straggià cosci 'n bon caffè.."

LUIGINN-A :- "E comme mai quell'individuo o l'ha offerto i caffè?"

SILVIA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (raccoglie intanto le taze e si avvia alla porta) "O l'ha d√Įto ch'o l'ha faeto 'n bon affare con 'napersonn-a e che t√Ľtto l'√® andato ben.. Ah.. Sci√≤ Serafin, o m'ha anche d√Įto, primma de imbarc√§se, de fagghe tanti aug√Ľri e chese sci√† l'avesse bezeugno de l√©.. basta parl√§ne cono Scio Pagg√™u"

SERAFIN     :- (inviperito) "Feua de chì.. scierboa!"

SILVIa          :- (uscendo) "Che villan!"

SCENA VII

(Serafin ‚Äď Luiginn-a ‚Äď Marta)

MARTA       :- (rientra)"Posso pulire anche qui, signorina Luigina?"

LUIGINN-A :- "Oa che ch'a l'è andaeta a pulì de là.. a parla in lingua?"

MARTA       :- (passa lo strofinaccio sul tavolino)"Mi parlo e penso comme me pä tra 'na strassonà e l'ätra" (con sottile ironia) "Sei voiätri che no so comme parliei.. doppo i cangiamenti in vista.."

SERAFIN     :- "Ammiae, Marta.. che ve mando a frettà da 'n'ätra parte sei?"

LUIGINN-A :- (toglie il foglio dalla macchina da scrivere e va nell'ufficio del principale)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (critico)"Da 'n po' de tempo a 'sta parte, t√Ľtti se permettan de parl√† a stramesci.. Ah, ma.. a cangi√†, e comme a cangi√†"

MARTA       :- (sorniona) "Dipende pe' chi a cangià"(con noncuranza)"Peu anche dässe che mi conosce o neuvo prinçipà.. o padron do vapore.."

SERAFIN     :- (si avvicina interessato e, sottovoce)"O conoscei?.. E chi o l'è?"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (pulendo con energia)"No son miga tegn√Ľa a dighelo"

SERAFIN     :- (tenendo d'occhio la porta del principale)"Ve daggo quarcösa.." (mette mano al portafoglio)

MARTA       :- (che sembra offendersi) "Pe cöse m'éi piggiòu? Mi quelle cöse no e fasso"

SERAFIN     :- (sconfortato)"Alloa.. ninte.." (ripone il portafoglio)

MARTA       :- (decisa)"Quante me dae?"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (riprende il portafoglioe dei soldi)"Son miscio comme 'n despi√≤u .. m'han scamix√≤u.. rapin√≤u.. oltre a.. √ęssime ammacc√≤u ma.. gh'ho ancon questi.. ve bastan?"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (osserva)"Sci√† l'√® p√ęzo do Paggeu"

SERAFIN     :- "Pe' oua piggiae questi e poi.. doman.. ve ne daiòu di ätri"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (prende decisa i soldi e li mette in seno) "E mi..ve diggo t√Ľtto doman!"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :-"Gh'avieiva daeto de ci√Ľ ma se sci√† savesse quante cambiali m'han faeto firm√†.. me s'√® finn-a aggrupp√≤u a man.."(sospira)"E comme se no bastesse.. z√Ľ botte.."

MARTA¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Credeivo che sci√† f√Įsse sc√Ľggi√≤u" (apre l'uscio esterno) "Pe' √≤ua sci√† dorme tranquillo che.. domani si apre una nuova stagione!" (esce)

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- ¬†"Quella a sta sent√¨ t√Ľtto e a l'√® bonn-a de saveine ci√Ľ che mi" (pensieroso, come colto da un sospetto)"Ghe scommetto ch'a l'√® a Sci√† Segalerba.. O √ī Pr√ľxa? No, o Pr√ľxa no peu √ęse, o no l'ha a fedinn-a pulita.."

LUIGINN-A :- (rientra con un foglio in mano) "L'è òa de sciortì"

SERAFIN     :- "Luiginn-a..doman saviò o nomme misterioso" (si avvicina e le prende una mano)"Se me mandan via.. scià vegne con mi?"

LUIGINN-A :- "Ma Vosci√† scia l'√® bello matto.. No son ci√Ľ de primmo p√©i e trov√† 'n'√§tro posto no l'√® guaei fa√ßile pe' mi"

 SERAFIN    :- (insistendo)"Luiginn-a.. perché no se mettemmo insemme?"

LUIGINN-A :- "E dovve?.. Mettemmo √Ľn banco in sci√≤ merc√≤u?"

SERAFIN     :- "Ma no.. insemme in ta vitta e poi.. cö tempo.. porriemo anche fa quarche viägio"

LUIGINN-A :- "Scì.. De Ferrari - Staggén" (pausa)"A propoxito de viägi.. in sce-a tòa da dottoressa gh'éa questo biggetto pe' Voscià"

SERAFIN     :- (prende il foglietto)"Pe' mi?" (legge)

LUIGINN-A :- (che seguiva la lettura, legge)"Prenotare due biglietti aerei per.."

LUIGINN-A e SERAFIN:- "SAMARCANDA?!"

LUIGINN-A :- "Se vedde che lé a-o sa dovve o l'è 'sto Pàise"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sbottando)"Anche e idee m'arr√∂ban" (volta il foglio)"Gh'√® scr√Įto anche derr√©. Prenotare posto in albergo tramite Agenzia Viaggi della CIT.." (alla donna)"Ma bezeurri√† dagghe anche i nommi... e chi no ghe son.."

LUIGINN-A :- (prende l'elenco telefonico e cerca il numero) "Ecco chi, l'√® m√ęgio inform√§se s√Ľbito"

SERAFIN¬†¬†¬†¬† :- (sconsolato, compone il numero) "Pronto?.. Qui la ditta Sciaccal√Ľga & C" (pausa d'ascolto) "Grazie ma no son raffreido. E "C" sta per Compagnia. Parlo con la CIT?.. Vorrei prenotare due posti in aereo per.." (guarda Luginn-a e poi, mestamente) "SAMARCANDA" (pausa e un sospirone)"No.. no l'√® pe' mi.."

    (FINE DEL PRIMO QUADRO. Adagio, adagio si abbassano le luci fino all'oscurita'. quando gradatamente si riaccendono entra dall'esterno Serafin)

                                 

QUADRO SECONDO

SCENA VIII

(Serafin -Marta - Luiginn-a)

SERAFIN¬†¬† :- (entra, libero nei movimenti del braccio non pi√Ļ al collo. Stacca dal calendario il foglietto della data e va a sedere al proprio posto)"Stamattin son vegn√Ľo ci√Ľ f√Įto do solito.. Ho batt√Ľo finn-a o Paggeu" (mette a posto sulla scrivania)"Veuggio f√§mme vedde z√† in sce-o travaggio quande vegn√† o neuvo padron..semmai o f√Įsse mattiniero.."

MARTA      :- (entra in scena, vestita con eleganza tanto da non sembrare la donna delle pulizie)

SERAFIN   :- (notando che l'uscio si apriva finge di lavorare alacremente, poi si accorge che è Marta)"Ah, sei voì?" (nota l'eleganza)"Ma.. eì guagno a-o totocalcio?"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Bongiorno Sci√≤ Serafin.. Ancheu veuggio g√Ľst√§me a scena"

SERAFIN¬†¬† :- "E pe' questo ve sei vest√ģa a festa?"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬† :- (con faccia tosta, fa cenno a Serafin)"Son vegn√Ľa.. a pigg√† o saldo"

SERAFIN   :- (sbuffa, si alza estraendo il portafogli e si avvicina a Marta) "Ecco, chi.." (porge del denaro)"Feua o nomme.."

LUIGINN-A :- (entra in quell'istante) "Salve a t√Ľtti.. comme mai z√† chi?"

SERAFIN   :- (in evidente imbarazzo, coi soldi in mano)"Bongiorno Luiginn-a" (a Marta)"Alloa, Marta.. faeme o piaxei.. accattaeme in rosticceria quella röba.." (a Luiginn-a)"Coscì avanzo de perde do tempo"                         

LUIGINN-A :- (che si era nel frattempo tolto il soprabito andando a sedersi al proprio posto)"Baccere Marta, che eleganza z√† de mattin f√Įto"

SERAFIN   :- (a Marta, cercando di non farsi sentire da Luiginn-a) "Alloa.. o nomme do padròn da baracca?"

SCENA IX

(Serafin - Marta - Luiginn-a - Paggeu)

 (Si apre la porta esterna ed entra, elegantemente vestito, sbarbato, fazzolettino nel taschino, ritto sulla persona, Paggeu, il nuovo titolare della ditta, che cammina con signorilita')

MARTA      :- (con enfasi)"ECCO O NEUVO PRINCIPA'!"

SERAFIN   :- (come avesse visto un fantasma)"O Pa-Pa-Paggeu?" (cade pesantemente a sedere)"No l'è poscibile"

LUIGINN-A :- (incredula) "Voscià.. o prinçipà?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (con signorilit√†, mettendo la pipa in bocca) "Veddo che.. sei √Ľn po' conf√Ľsi.." (a Serafin, con ironia)"O me sbaglio?"

SERAFIN   :- (che pare in preda ad una crisi epilettica) "Eh, eh.. no l'è vea.. o l'è 'n scherzo do beliscimo.. Voei solo fämme vegnì 'n' aççidente"

MARTA      :- (con evidente soddisfazione)"E perché no l'è poscibile?"

SERAFIN¬†¬† :- (come piagnucolasse)"Ma se o camminava finn-a a v√©i comme 'n robotte pe' no cons√Ľmm√†se manco e scarpe.. dovve o l'ha piggi√≤u t√Ľtti i milioni pe' rilev√† a ditta?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (sottilmente ironico)"De seg√Ľo no da o Pr√ľxa" (pausa e con severit√†)"E c√∂sse credeivi, che faxesse quella vitta de sacrifizi e de rinunzie, pe' f√§ve fa de g√∂sciae de rie? ¬†Doveivo amm√Ľggia i dinae.. no straggi√§li" (a Luiginn-a) "Me rieivi appreuvo quande ve divo che me intendeivo de questio√¨n finanziarie.. de titoli de borsa.."

SERAFIN   :- (adirato, avvicinandosi a Marta)"Ridaeme e mae palanche!"

MARTA      :- "E no bell'ommo cäo.. quelle palanche ei daggo.. a mae frae.." (li porge a Paggeu) ".. perché:.."

PAGGEU¬†¬†¬† :- (interrompendo) "..perch√© son i dinae che sci√† paghi√† pe' mi, pe' a colletta¬† do Sci√≤ Sciaccal√Ľga.. sci√† se ricorda?" (accende la pipa)

LUIGINN-A :- (visibilmente sorpresa)"O Paggeu.. seu frae?"

PAGGEU    .- (guarda divertito la scena e manda, soddisfatto, folate di fumo dalla pipa)

MARTA¬†¬†¬†¬†¬† :- (sempre pi√Ļ soddisfatta) "Da ancheu.. Il signor Pagliolo, o prin√ßip√†.. no ascordaevelo scignori.."

SERAFIN   :- (incredulo)"Questa a l'è 'na balla.. Ma no sei Pagan de cognomme?"

MARTA      :- "Da sposà, ma..da fantina.. Pagliolo"

SERAFIN¬†¬† :- (sempre pi√Ļ frastornato, ride a scatti, nervosamente) "Eh, eh.. ma.. s-s-seg√Ľo.. Paggeu da fantinn-a.. Pagan da mai√†.. l'√® tanto semplice.. MA MI DIVENTO MATTO!" (tra se)"E mi che ghe n'ho d√Įto de t√Ľtti i colori.. o sa de t√Ľtti i mae sotterf√Ľggi.. No gh'√® ci√Ľ ninte da fa.. son fr√Įto.."

PAGGEU¬†¬†¬† :- (ironico)"Meno male che sci√† conosceiva o neuvo titolare da ditta.. cosc√¨ sci√† poeiva tegn√Įme o licenzi√§me, eh?"

SERAFIN¬†¬† :- "Ahimemi!" (si alza mestamente, guarda Luiginn-a allargando le braccia)"√Ątro che vi√§gi.." (si avvia, triuste, all'uscita)

PAGGEU    :- (con aria di comando) "E òua, dovve scià va?"

SERAFIN   :- (come un cane bastonato)"A vende frigoriferi in Alaska.. "

PAGGEU    :- (severo)"Scià vadde a o seu posto"

SERAFIN   :- (incredulo, additando la propria scrivania)"A o mae posto?.."

PAGGEU    :- (ripensandoci)"No!.. A-o mae posto" (indica la scrivania da fattorino) "Se scià veu restà chì a travaggià, s'intende"

SERAFIN   :- (tentennando tra le due scrivanie)"A.. o seu posto?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "A meno che sci√† no preferisce avei da fa c√∂ Pr√ľxa"

SERAFIN   :- (affrettandosi a cambiare scrivania)"No, no.. son contento de poei travaggià.." (a Luiginn-a, che lo guarda)"Bezeugna anche vive.."

LUIGINN-A :- "Pövio Serafin"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Per√≤, p√∂vio Paggeu sci√† no l'ha mai d√Įto, eh?"

LUIGINN-A :- "..savei l'avvegnì.."

SERAFIN¬†¬† :- ¬†"Sci√≤ Pagg.." (ingoia)"..prin√ßip√†.. sci√† no l'avi√† da pent√Įsse de mi.."

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Stando a-o mae posto penso proppio de no" (estrae dalla tasca un foglietto) "Dai mae appunti ris√Ľlta che quande gh'√©a quarche gara d'appalto, sci√† l'avvertiva √ßerti concorrenti di prexi segreti che o Sci√≤ Sciaccal√Ľga o metteiva in b√Ľsta serr√†.."

MARTA      :- (al fratello)"Ah.. l'è pe' quello che a ditta a perdeiva de votte e gare pe' rifornì i bastimenti.. e mense di stabilimenti, eccetera, eccetera"

LUIGINN-A :- (a Paggeu)"Sci√† l'√® seg√Ľo?.. Mi no me ne son mai accorta"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Luiginn-a, se no f√Įsse staeto bon de naveg√† segondo o vento.. no porrieiva port√† 'sta barca in sarvamento"

SERAFIN¬†¬† :- (sconfitto)"Sci√† l'ha scoverto proppio t√Ľtto.."

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Questo no o so.. Ma stando a o mae posto sci√† no porri√† fa di danni.. manco c√∂ Pr√ľxa.. che tra l'√§tro o no me pa guaei soddisfaeto de vosci√†"

LUIGINN-A :- (accennando alla scrivania che era di Serafin) "E.. lì.. chi ghe va?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "Sci√† veddi√† che quarched√Ľn ghe metti√≤u" (a Serafin)"Sci√≤ Bottaro, sci√† l'ha provved√Ľo a quell'incarego che a dottoressa Pace a gh'ha daeto?"

SERAFIN   :- (ancora frastornato degli avvenimenti)"Incarego? Quae incarego?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- (severo, con aria da manager)"Comme quale.. Ehi, diggo.. sci√† l'avi√† m√Įga ascord√≤u i biggetti.. i posti in albergo, v√©a?"

SERAFIN¬†¬† :- "Ah, sc√¨.. t√Ľtto faeto..t√Ľtto a posto. Devo solo dagghe i nommi e riciamm√† l'agenzia"

SCENA X

(Paggeu - Marta - Luiginn-a - Lucrezia - Serafin)

MARTA¬†¬†¬†¬†¬† :- (al fratello)"Carletto, mi vaddo.. gh'ho i figgeu a casa da soli e fra poco smonti√† mae m√†io da o t√Ľrno de neutte"

PAGGEU    :- "Sci, vanni.. ciao"

MARTA¬†¬†¬†¬†¬† :- (avviandosi orgogliosa all'uscita) "Bongiorno a t√Ľtti.."

TUTTI          :- "Bongiorno"

MARTA      :- (frizzante, al fratello)"Me son proppio demoà.. comme 'n te 'n film cö finale a sorpreiza" (esce)

LUCREZIA  :- (entra elegantissima; poi a Paggeu)"Caro.. ricordati che dobbiamo andare.. la cerimonia in Chiesa.. l'aereo.. quello non ci aspetta"

PAGGEU    :- "Subito cara" (a Serafin che non sa trattenere la sorpresa)"Alloa.. duì biggetti e camera in albergo .. direzione SAMARCANDA, a nomme de Pagliolo Carlo e.. Lucrezia Pace Pagliolo.. ma SÛBITO, eh?!"

SERAFIN¬†¬† :- (incredulo e imbambolato si avvia al telefono)"Sc√¨.. s√Ľbito.. du√¨ biggetti per Samarcanda.. per il Pagliolo e la Pagliola.."

LUIGINN-A :- (triste)"CHE STONDAIA CHE SON STAETA!"

SERAFIN   :- (al telefono, compone un numero e parla sottovoce)

PAGGEU¬†¬†¬† :- (a Luiginn-a, tirandole una frecciatina) "Comme sci√† vedde o fut√Ľro o riserva sempre de sorpreize.. e o Sciaccal√Ľga?.. Gh'√©i notizie?"

LUIGINN-A :- (frastornata)"Eh?.. Chi?.. Ah, o sci√≤ Sciaccal√Ľga.. Mah.. creddo che o stagghe m√ęgio"

SCENA XI

(Paggeu - Luiginn-a - Serafin - Lucrezia - Sciaccal√Ľga)

(Si apre la porta ed entra, voltato di spalle, Sciaccal√Ľga; si gira lentamente apparendo nella sua attuale situazione. Barba incolta, in un vestito stretto, tanto da avere le maniche della giacca corte dalla quale spuntano i polsini della camicia. giacca abbottonata ma ridicolmente stretta. Pantaloni cortissimi che lasciano intravvedere le calze.Sta un attimo perplesso a testa bassa, poi guarda i presenti come un cane bastonato)

TUTTI          :- (fanno scena di meraviglia. Serafin, terminata la telefonata, va al suo nuovo posto guardando incredulo, il suo ex principale)

PAGGEU¬†¬†¬† :- (cerca di fargli coraggio, prendendolo per un braccio e portandolo avanti)"Coraggio.. da o catt√ģo passo bezeugna sciort√Įne comme se peu"

SCIACCALÛGA:- (triste)"A vitta, a l'è 'na reua"

PAGGEU    :- (quasi a vendicarsi)"Ma comme scià l'è ingiarmòu.. dovve scià l'ha arrobböu 'sto vestì.. Scià me pä 'n spaventaggio"

SCIACCAL√õGA:- (sempre a capo chino) "Sci√† l'ha rax√≤n a restituimme e parolle che gh'ho d√Įto.. appreuvo a-o r√Įe ven o cianze..Ma mi.." (guardando Serafin)"Malgraddo che quarched√Ľn me sci√Ľscesse t√Ľtti i giorni in te o√©ge o solito ritornello.. ho sempre √ßerc√≤u de trattalo ben e de mantegnighe o posto"

PAGGEU    :-(con dolcezza)"O so, comme so che l'abito non fa il monaco" (sovvenendogli) "A propoxito de vestì scià porrieiva piggiäse, per intanto, o mae.. quello dell'avvocatoPerdicausa" (a Lucrezia)"E' sempre nell'armadio, vero?"

LUCREZIA  :- "Si caro, ma sbrigati" (va nell'ufficio del principale)

PAGGEU¬†¬†¬† :- (a Sciaccal√Ľga, sorridendo)"A mi, francamente o m'√©a ci√Ľttosto largo, ma a Vosci√† o dovieiva andaghe ben"

SCIACCALÛGA:- (sempre triste)"Grazie.. " (tristemente) "Da padròn a servo"

PAGGEU¬†¬†¬† :-"No l'√® d√Įto. Sciccomme mi e a dottoressa andemmo in vi√§gio de nozze.."

SERAFIN   :- (sospirando) "E che viägio.."

PAGGEU    :- "..d'accordio con mae moggé, scià s'assettià a quella scrivania lì.." (indica quella che era di Serafin)"E in atteisa do nostro rientro scià se peu accomodàse de de là.. a-o seu posto de primma.. scià l'arrezià e sorti da ditta.."

SCICCALÛGA:- (incredulo, si porta una mano al petto)"Mi.. de là?"

PAGGEU¬†¬†¬† :- "..e davanti √§ porta ghe porriemo mette 'na targa neuva.. neuva solo in parte..: <Ditta Pagliolo & Sciaccaluga>.. C√∂se sci√† ne d√Įxe, SOCCIO?"

LUIGINN-A e SERAFIN:- (meravigliati)"SOCCIO?"

SCIACCAL√õGA:- (commosso e incredulo)"Mi.. soccio?.. Con t√Ľtto o patatracche che l'√® s√Ľccesso?.. Ma mi.. palanche no n'ho ci√Ľ p√© fa o soccio. Ho dov√Ľo vende a casa. e finn-a i vest√¨ pe' pag√† i avvocati.."

PAGGEU¬†¬†¬† :- (sospingendolo dolcemente verso l'ufficio)"Saiemo insemme a govern√† o vapore.. so che sci√† conosce o mest√©.. " (guardando severamente Serafin)"Solo che sci√† no deve f√§sse imbroggi√†.. sci√† deve fa comme San Tommaxo.." (a Serafin)"Sci√≤ Bottaro.. sci√† vegne ch√¨ a piggi√† e disposizio√¨n da o Sci√≤ Sciaccal√Ľga" (vanno nell'ufficio del principale uscendo di scena)

LUIGINN-A :- (a Serafin)"Chi l'avieva mai d√Įto che o Paggeu.. che bez√Ľga son staeta.."

PAGGEU    :- (da fuori scena, chiama con severità)"SERAFIN!"

SERAFIN   :- (si alza dalla scrivania che era di Paggeu, per avviarsi alla porta del principale. Cammina lentamente come camminava Pagliolo prima)

LUIGINN-A :- (lo osserva con meraviglia)"Ma comme scia' camminn-a?"

SERAFIN   :- (fa due passi e si accorge di come cammina poi, costernato) "E SE VEDE CH'O L'E' O POSTO!" (va verso l'ufficio del principale comminando alla.. Paggeu, mentre il sipario di chiude)

F I N E

                              

  

        

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno