Premiata ditta Sciaccaluga & C.

Stampa questo copione

                    

"PREMIATA DITTA SCIACCALUGA & C"

          COMMEDIA DIALETTALE GENOVESE

    

                                tre  atti e due quadri di

                             ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

Carlo        PAGGEU                  -           Fattûrin d'uffizio

Ernesto     SCIACCALÛGA      -          o prinçipà

Serafin      BOTTARO               -           capo uffizio

Luiginn-a  SCC-IAPPACASSE -           dattilografa

Giöxe        DELFIN                    -           dïto Prüxa                                   

Beneita     SEGALERBA           -         da ditta Stoccafisso & Affini         

Lucrezia    PACE                       -            avvocato

Giovanni   PESCE                    -            cantuné

Marta        PAGAN                    -            donna de pulizie

Ester         TAGGIAVACCHE   -            ex impiegà da ditta

Silvia         DELPINO                 -           commessa do bar

In te' n scagno de Import - Export in Darsena in anni sciûscianta

ATTO PRIMO

Tipico ufficio di Import - Export in Darsena. Porta principale sul fondo, a mezza vetrata, con la scritta <Premiata ditta Sciaccaluga & C">. Accanto alla porta una finestra con sotto un piccolo divano. Alla sinistra un porta conduce all'ufficio del principale. Alla destra un'altra porta conduce alla toilette. Scaffali con classeur e pratiche d'ufficio. Orologio alla parete, quadri marinari, calendario da togliere i foglietti del giorno. Alla sinistra, accanto alla porta del principale, una scrivania del Capo ufficio col telefono ed una sedia al di là della stessa per i clienti. Accanto alla scrivania, ad angolo, un tavolino con macchina da scrivere e sedia. Di fronte altra scrivania del fattorino.

 

SCENA I

(Serafin - Paggeu)

(all'apertura del sipario Serafin, seduto alla propria scrivania, sta telefonando. Di fronte, Paggeu, sta timbrando con troppo rumore, delle pratiche) 

SERAFIN     :- (tipo un po' untuoso, sta tentando una conversazione con una tale che non gli dà spazio) "Scì, scì.. ho accapìo.." (si agita) " No, no.. beh.. anzi.. ma scià vedde.. scià me scûse.. scì, però.."

PAGGEU      :- (osserva di tanto in tanto il suo capetto in difficoltà. Tipo da topo d'ufficio, occhiali cerchiati di nero, barba incolta, quarant'anni apparentemente spesi male. Indossa giacca e pantaloni scuri di taglio troppo abbondante per la sua misura. Le maniche della giacca sono ripiegate sui polsi ed i pantaloni ripiegati sulle scarpe. Continua a timbrare disturbando la conversazione)

SERAFIN     :- (spazientito, comincia ad essere insofferente.Fa segno a Paggeu di fare più piano con il timbro) "Ma Scià Benéita, scià me lasceparlà mi ascì.. ma.. ma se scià parla de lungo voscià.." (pausa)"No, no, ghe diggo che se.. pronto?.. Scià Benéita, scià l'è in linea?" (guarda Paggeu)"A l'ha misso zû"

PAGGEU      :- (con faccia tosta) "E chi a l'éa?"

SERAFIN     :- (rifacendogli il verso) "E chi a l'éa?.. Scià no fasse finta d'ëse ciû gnocco de quello che scià no l'è.."

PAGGEU      :- (che aveva smesso di timbrare e sistemava delle carte o scriveva) "E cöse a voeiva a Scià Segalerba?

SERAFIN     :- "Ancon da sae che scià no saveiva chi a l'éa" (pausa)"A voeiva dämme da intende che a partïa de caffè che gh'ho arremb.. vendûo a saveiva de maen.. che o caffè o l'éa 'n po' stranscîo"

PAGGEU      :- (sogghignando)"Ih, ih.. de votte a parla 'n po' a stramésci"

SERAFIN     :- "Comme se a nostra ditta o no fïsse 'na ditta seria"

PAGGEU      :- (annuendo con importanza)"Premiata ditta Sciaccaluga & C." (con sottile ironia)"Ma sciò Serafin.. a no l'éa quella partìa che scià l'ha accattòu de.. sottoman.." (muove le dita come ad indicare.. una sottrazione di merce)"..da quello frûstaprexoìn do Prüxa?"

SERAFIN     :- (imbarazzato)"Veramente no me ricordo.. quale partìa?"

PAGGEU      :- (salace)"Quella che scià gh'ha arrembòu"

SERAFIN  :-(impermalito)"VOI' parlae abbrettio.. mi no arrembo ninte a nisciûn.." (imbarazzato)"A l'aveiva visto o caffè.. a n'ha vosciûo anche 'n campiòn"

PAGGEU     :- (ironico)"A meno che.. o campiòn o no fïsse de 'n'ätra parrocchia"

SERAFIN    :- (si alza e si avvicina minaccioso a Paggeu) "Comme saieiva a dì?"

PAGGEU    :- (tra il santarellino e l'ironico)"Saieiva dì che a provenienza.." (accenna col movimento della mano ad un rimestamento misterioso. Poi vedendo il gesto minaccioso di Serafin, cambia tono)"Scherzavo.. Scià sa, pensavo a quelli sacchi de caffè ch'aian arrobböu meizi fa da-o magazin di Cannello e che stranamente o Prüxa o l'aveiva sottoman.. Partìa che scià l'ha piggiòu pe' quattro palanche, ma che.."(come stesse dalla parte di Serafin)"Scià l'è 'n bello gancio.. O prinçipà o paghià 'n po' de ciû.. Scià l'ha faeto ben.. O ne dà zà tanto poco che.. nevvea.."

SERAFIN     :-(adirato)"VOI' parlae troppo.. Mi ho faeto fa 'n'affare a-o sciò Scaccalûga"

PAGGEU     :- (rovista fra le sue carte)"M'éa accapittòu, pe' cäxo s'intende, a fattûa, zà scheita ma.. ancon da pagà.."

SERAFIN     :- "E ben?.. Non son mi che devo pagà"

PAGGEU      :- (facendo il finto tonto) "Scì ma.. fra quello che scià l'ha faeto fattûrà e quello che invece scià l'ha concordòu.. gh'è 'na bella differenza.."

SERAFIN    :- (interrompe adirato)"Ma insomma; comme scià se permette de fa de insinuazioìn?.. Mi ho misso o giûsto" (gli si avvicina minaccioso)

PAGGEU        :- "Ma s'accapisce"

SERAFIN     :- "E alloa perché me o stae de lungo a.."

PAGGEU      :- (lo interrompe)"Eh, eh, eh.. Sciò cappo, gàibo.. Scià se calme.. Segûo che scià l'ha misso o giûsto .. o giûsto che o prinçipà o paghià ma.." (divertito come se al gatto col topo) ".. differente perché poi l'ätro magara o faià parte mesòn con Voscià.."

SERAFIN     :- (fuori dei gangheri lo prende per il colletto e lo scrolla)"Veuggio de spiegazioìn.. VOI' andae zà feua de testa pe' o troppo pensà.." (lascia la presa)"Limitaeve a tegnì a corrispondenza e a fa o fattûrìn perché ve fasso dà o via vattene, capìo?!"

PAGGEU      :- (che allo scrollare di Serafin muoveva la testa come un burattino, si riassetta il colletto) "M'arrovinae o vestì e a camixa.." (con finta ingenuità)"Ma mi pensavo che forse o baccàn o vorrieiva ësse a-o corrente de questo acquisto.. anche pe' risparmià, s'accapisce.. Pare che o segge 'n po' a bagno con a ditta.."

SERAFIN     :- "Se v'azzardae ve cüxo drento a quello sacco de vestì che portae"

SCENA II

(Serafin -Paggeu - Sciaccalûga)

SCIACCALÛGA :- (apre la porta del suo studio ed entra in scena. Omaccione imponente, scruta i due)"Se peu savei cöse o l'è 'sto bordello?.. Ciacciarae invece de travaggià?"

SERAFIN     :- (sottomesso"Ma sciò Sciaccalûga, o Paggeu o me.."

SCIACCALÛGA:-"Lasciae perde o Paggeu e riferime ciûttosto con chi parlavi primma a-o telefono"

SERAFIN     :- (imbarazzato)"Ehm.. con a Segalerba"

SCIACCALÛGA:- "Semmai cö commendatô Segalerba.. A scià Benéita a l'è a nostro cliente ciû importante.. Bezeugna trattäla ben" (pensoso)"Ghe dovemmo de belle palanche pe' o prestito.." (pausa)"E alloa?"                                   

PAGGEU      :- (divertito, sta a vedere cosa escogita Serafin)

SERAFIN     :- (tergiversando) "A no m'ha lasciòu parlà..A m'ha investìo dixendo che.."(in evidente imbarazzo) ".. che l'ûrtima partìa de caffè a saveiva de maen"

PAGGEU      :- (sornione)"Scià se figûre 'n po'.."

SERAFIN     :- (dà un'occhiataccia a Paggeu)

SCIACCALÛGA:- (meravigliato)"De maen?.. E a se ne accorta òua?.. Ah, ma a me sentià.. La Premiata ditta Sciaccaluga.."

PAGGEU      :- (interrompe per starnutire) "Eccì..."

SCIACCALÛGA:- "& C., appunto.. a l'è 'na ditta seria, a no fa di bidoìn.."

PAGGEU      :- (a Serafin, salace)"Ah, ma o sciò Serafin queste cöse o-i sa.."

SERAFIN     :- (lo fulmina con lo sguardo e poi al principale) "Sciò Sciaccalûga.. Scià me lasce fa a mì.. ghe parliòu.. l'è mëgio no piggiäla de pëto, manaman a cangia rifornitò e.."

SCIACCALÛGA:- (lo interrompe) "O bon nomme da ditta sorviatûtto"

PAGGEU      :- "Ben dito!"

SERAFIN      :- "E chi l'ha interpellòu voscià?" (al principale)"A ditta Sciaccaluga e.."

PAGGEU      :- (starnuta)"Eccì"

SERAFIN      :- (infastidito, a Paggeu) "Ma scià no me fasse de longo a cöa"

PAGGEU      :- (finto remissivo) "Scià me scûse, m'è vegnûo torna da stranûà e poi voeivo ricordaghe.. o bon nomme da ditta!"

SERAFIN      :- "Ou so da mi.. VOI' pensae ai vostri papé.. sei solo bon de dì de scemmàie" (al principale)"Ehm... scià vedde.. porrieiva anche däse che ghe fïsse quarche sacco de caffè arrembòu.."

PAGGEU      :- (mima la parola con gesto eloquente) ".. zà.. arrembòu.."

SERAFIN     :- (dopo un'occhiataccia a Paggeu, continua)".. in te 'n posto ûn po' ûmido in to nostro magazin.."

PAGGEU      :- (fa scena con comicità)

SERAFIN     :- ".. e che a se ne segge accorta solo òua ma, scià stagghe tranquillo.. scistemo tûtto mì"

PAGGEU      :- (sottovoce)"Scì.. o scistema tûtto lé.."

SCIACCALÛGA:- "E va ben.. ma.. m'arraccomando"

SERAFIN     :- (con un untuoso inchino)"Scià no dûbite"

PAGGEU      :- (si sposta dalla sua scrivania e va al centro della scena per parlare al Principale. Cammina vistosamente con i piedi piatti non posando il piede a terra come tutti, ossia prima il tacco e poi la suola, bensì suola e tacco contemporaneamente) "Sciò Baccan.. a propoxito de quello caffè.."

SERAFIN     :- (lo interrompe immediatamente) "VOI' andae a-o vostro posto e no perdei do tempo in ciaciäre senza ëse interrogòu!"

PAGGEU      :- (molto comico dentro al suo abito di enorme taglia, come già detto) "Va ben, va ben.. solo quande son interrogòu.." (sghignazzando)"..magara da o magistrato.." (fa dietro-front per avviarsi alla sua scrivania e viene fermato dal perentorio richiamo di Sciaccaluga che osservava il suo abito e il suo modo di camminare)

SCIACCALÛGA:- "ALT!"

PAGGEU      :- (si blocca goffamente inchinato, con una gamba avanti e l'altra dietro e le braccia larghe ad accentuare la grossa taglia della giacca).

SERAFIN     :- (divertito, sembra vendicarsi delle frecciate di Paggeu)

SCIACCALÛGA:- (avvicinandosi)"Ma.. comme scià l'è ingiarmòu?"

PAGGEU      :- (immobile nella sua posizione, atteggia il viso come a dire <che c'è di strano?>)

SCIACCALÛGA:- "Ma cöse scià l'ha.. e gambe redene?"

PAGGEU      :- (riprendendo la posizione normale e voltandosi verso il Principale)"Scià m'ha intimòu l'alt, comme 'n vigile ch'ho l'è appreuvo a dà 'na multa e mì, ligio al dovere, me son affermòu de botto"

SERAFIN     :- "E bella fermata. Se fïsci staeto a-o volante de 'na macchina gh'avievan daeto na patta drento"

PAGGEU     :- "Mi a-o volante de 'na macchina?.. E gh'ammanchieiva ätro.. Saieivan speize inûtili.. palanche cacciae via.."

SERAFIN     :- (al Principale)"Parlà de spende l'è comme spellälo vivo"

SCIACCALÛGA:- (a Paggeu scrollando il capo) "Capiscio che no gh'è pescio senza resca ma voscià scià l'esagera"

PAGGEU      :- "Esagero?.. Ma scià ghe fasse i conti.. Patente, bollo de circolazion, anzi bollo de proprietae.. assegûaziòn che, se no basta oua, a l'è anche obbligatoria.." (mentre parla agitando le braccia, dispiega il risvolto delle maniche e le rifà su con comicità) ".. garage, a meno che a no se lasce pe' a stradda con tûtti i riscc-i che ne derivan.."(mima il.. furto) ".. oppûre che arrovinan a carosserìa.. e poi ghe son e gomme.. a benzinn-a.. eh,eh.. dovve a mettemmo a benzinn-a?"

SERAFIN     :- (con ironia)"In to serbatöio"

PAGGEU      :- "Scià m'ha accapìio cöse voeivo dì.. e poi l'euio.."

SCIACCALÛGA:- (ridendo, verso Serafin)".. e l'axôu.." (a Paggeu) "Ghe scommetto che scià no a piggieiva manco a pedale pe' no consûmmà o fondo de braghe e pe' no rigà a tomaie de scarpe"

PAGGEU      :- (non raccogliendo)"E i guasti?.. Ghe son anche quelli da mette in conto.. Elettrauto, meccanico, carossé e lì.. zû palanche.. e quindi scià l'accapisce sciò Baccan che mi posso fa tûtte e fermate brûsche che me pä senza corì o riscc-io de famme dà 'na patta drento"

SCIACCALÛGA:-"E o vestì?. Scià me pä 'n spaventaggio.. Dovve scià l'ha arroböu?"

PAGGEU      :-  "Mi arroböu?" (guarda Serafin)"Chi se gh'è ûn co l'arröba, no son mi" (con tono apparentemente cortese)"Scià vedde sciò Baccan, voscià, scià me permette, scià l'è in errô perché questo vestì.. " (palpa il bavero della giacca)"..o l'è ninte po-po-de-meno che dell'avvocato PERDICAUSA, principe del Foro di Genova.." (con importanza)"Emmo stûdiòu insemme a l'istitûto Arecco e sciccomme o l'aveiva smisso, dimostrandome amicizia e ricordandose di tempi da scheua, o me l'ha faeto avei"

SERAFIN     :- (sorridendo con malignità)"E.. o l'éa da stessa mezûa?"

SCIACCALÛGA:- (tirandogli il vestito qua e là) "Ma scià se o fasse armeno ripiggià"

SERAFIN     :- "Magara dandoghe anche 'n taggio a-e redugge"

PAGGEU      :- (un po' imbarazzato)"Scì, accapiscio anche mi che.. A PRIMMA VISTA.. o parrieiva.. ciûttosto comodo.."

SCIACCALÛGA:- "All'anima de comodo!"

PAGGEU      :-"..e che voendo.. se ghe porrieiva attrovà quarche LIEVE DIFETTO"

SCIACCALÛGA:- "Quarche lieve difetto? Ma scià l'è tûtto astramassòu"

SERAFIN     :- (facendo eco)"Scì.. astramassòu"

PAGGEU      :- "Ha parlòu l'avvocato CONFERMA.." (difendendo la propria tesi)"Ma se me vaddo a fa vedde da 'n cûxòu.. ve lascio dì.. pe' fäghe fa e riparazioìn che dì voiätri o l'è bon de attrovaghe ciû difetti de quelli che, in APPARENZA, ghe son e piggiäme 'na barcà de palanche.. Tanto valieva alloa che me m'accatesse ûn vestì neuvo"

SERAFIN     :- "Venieva 'n terremotto"

PAGGEU      :- "Ma 'na stoffa comme questa a costa 'n mûggio de dinae, sentì, sentì comm'a l'è morbida.. a pä 'na carezza.. E poi.. basta 'na reduggià a-e braghe e a-e maneghe.."

SCIACCALÛGA:- (ironico)"E a-e miande.."

PAGGEU      :-"No, quelle gh'han a piccagetta e basta 'na ligà ciû in sciû.. tanto no se veddan"

SCIACCALÛGA:- (rassegnato)"Va ben, va ben.. emmo perso finn-a troppo tempo.. Scià vadde a-o seu posto e scià se fasse armeno a barba.. scià me pa' 'n pigoggioso"

PAGGEU      :- "Ma se me a fasso tûtti i giorni poi a ricresce e alloa tanto vale fälla 'na votta ä settemann-a.. se risparmia o savòn.. o a corrente elettrica.."

SERAFIN     :- "E alloa Scià peu mangià anche 'na votta ä settemann-a perché tanto, se scià mangia, ghe ven torna famme" (si compiace della battuta)

PAGGEU      :- (lo guarda con aria da compatirlo)"Ghe pensiòu.. semmai l'invitto" (si avvia al suo posto camminando come già detto)

SCIACCALÛGA:- (che stava rientrando al proprio ufficio osserva la.. camminata di Pagliolo)"No saveivo che scià l'avesse i pé dösci.."

PAGGEU     :- (si ferma e si volta verso il principale)"Manco mi"

SERAFIN     :- "Mi, da quande o l'ha quelle scarpe, l'ho sempre visto camminà coscì"

SCIACCALÛGA:- "Se ghe son streite scià e fasse mette in forma, no? ..O scià no veu spende e palanche e scià preferisce rovinase i pé"

PAGGEU      :- "No so se l'éi notòu.. ma anche e scarpe son neuve.. o quaexi"

SERAFIN     :- (salace)"Sempre de l'avvocato Perdicausa, immagino"

PAGGEU      :-"E scià l'ha immaginòu mä, perché queste scarpe son do professò MIL- .. illûstre primäio de San Martin"

SCIACCALÛGA:- (prendendolo in giro) "E anche lé o l'ha stûdiòu con voscià"

PAGGEU      :- (meravigliato) "Scià l'ha conosciûo?"

SCIACCALÛGA:- "No!.. E comme mai ûn comme voscià, ch'o l'ha stûdiòu con da gente diventà famosa o s'è ridüto a 'sto moddo?"

PAGGEU      :- (improvvisamente serio e triste) "E avverscitaè da vitta.. I mae.. che o Segnò o l'agge in Gloria.. han sperperòu e palanche in te investimenti sbagliae, zûgando ä rulette, a poker.. e coscì no ho posciûo proseguì i stûddi e in ciû.. ho patîo tanta famme e tanta vergheugna. Me son zûòu che mi no faiòu mai quella fin.." (riprendendosi e cambiando tono)"Ma ritornando a-e scarpe, se mi camminn-o pösando i pé comme fae voiätri, me tocca pösà pe' primma o tacco.."(fa la dimostrazione)"..e doppo a seua. Insomma l'è evidente che se consûmmieiva i tacchi inûtilmente.. Alloa ho pensòu, perchè no pösà contemporaneamente o pé tûtto de ciàtto..? Coscì no se spellinzigan manco i bordi da seua.. " (fa alcuni passi) "Risûltato: meno logorîo e se risparmia armeno due o tre votte e speize do caigà, rispetto a quelli che camminn-an consûmando solo i tacchi" (guarda i due uomini che a loro volta si guardano increduli) "Me son armeno spiegòu?"

SCIACCALÛGA:- "Euh.. Scià deve avei faeto 'n stûddio particolare pe' arrivà a questa conclûsiòn.. E quande scià va pe' stradda.. scià va in te quello moddo?" (imita)"Coscì?"

PAGGEU      :- "Veddo che scià m'ha accappìo"

SERAFIN      :- (additando il vestito)"E non ghe fan mai l'elemoxina?"

PAGGEU    :- (sornione)"Macché!"

SCIACCALÛGA:- (severo)"Ma diggo!"

PAGGEU    :- "Eh... tûtto fa.. a vitta a l'è cà-a"

SERAFIN   :- "A voscià a no ghe costa guaei"

SCIACCALÛGA:- (allarga sconsolato le braccia)"Se a contesse a quarchedûn son segûo che no saieva credûo" (rientra nel proprio ufficio)

SERAFIN   :- (minaccioso, a Paggeu, sottovoce)"Se VOI' ve permettei ancon de fa de volgari insinuazioìn cö prinçipà in ti mae confronti.." (alza il tono della voce) "..ve rompo quella biscioeta che gh'éi a-o posto da tresta!"

SCIACCALÛGA:- (riappare) "Ma insomma!.. Cöse sûccede, se peu savei?"

SERAFIN   :- (imbarazzato)"Ghe stavo dixendo de assettäse e de travaggià.."

SCIACCALÛGA:- (spazientito)"Paggeu, o sei che porto abbastanza pazienza, ma se a perdo, a perdo pé' 'n davvei.. Ammiae de filà se donca.." (accenna che lo manda via)

PAGGEU    :- (risentito)"Ma veramente o l'è o Serafin ch'o me parlava de.."

SERAFIN   :- (interrompendolo nel timore che dica troppo) "Obbedì e daeve da fa"

SCIACCALÛGA:- (a Serafin)"E gh'è bezeugno de crià.. No semmo miga in scie-e caladde.." (notando che dietro la macchina da scrivere non c'è nessuno)"E a scignorinn-a a no l'è ancon tornà dä Camera de Commercio?"

SERAFIN   :-  "A dovieiva zà ëse chì.. Quande a vegne a striggio ûn po'"

PAGGEU    :- "Ma a Luiginn-a a saià restà intrappolà in to traffego.. sotto ë feste no se riesce manco a circolà a pé"

SCIACCALÛGA:- "Mi devo andà da-o commercialista.." (pensieroso) "..gh'è quarche problema.. M'arraccomando, che tûtto fille ben" (guarda severamente i due)"Se semmo accapìi?"

SERAFIN   :- (con aria di sottomissione) "Scià no dûbite"

PAGGEU    :- (fa un inchino che sa di presa in giro per Serafin) "Scià vadde tranquillo, ghe pensa o Serafin.. e Scià veddià che scià l'arrestià senza.."

SERAFIN   :- (l'uccide con lo sguardo accennando che gliela pagherà)

SCIACCALÛGA:- (sospettoso)"Senza cöse?"

PAGGEU    :- (guardando Serafin e tenendosi comicamente sulla difesa) "Senza pensieri.. "

SERAFIN   :- (cercando credibilità)"Tranquillo sciò baccàn.. i affari da Ditta son comme fïssan i affari mae"

PAGGEU    :- (ironico)"Proppio coscì.. comme se fïssan i affari seu!"

SCIACCALÛGA:- "Bene" (esce all'esterno)

SCENA III

(Serafin - Paggeu)

SERAFIN   :- (si avvicina minaccioso alla scrivania dove, rapidamente, va a sedersi Paggeu per evitare guai) "VOI' éi propprio cuae de andà a remengo.. a mangià a sûppa dai fratti.. MA TÛTTO BELLO AMMACCOU"

PAGGEU    :- (con faccia di bronzo e con finta ingenuità)"E perché?.. No l'è foscia véa che i affari da Ditta son comme i affari seu?"

SERAFIN   :- (adirato, lo prende per il colletto della camicia e lo scuote, mentre con comicità Paggeu, scrolla il capo assecondando i movimenti inferti da Serafin) "Ammiae, sätafosci.. che vegno lì e ve rompo o muro, ve scrollo comme 'na toàgia, "

PAGGEU    :- "Ma scià m'arrovinieiva o vesti"

SERAFIN   :- (lo lascia di botto)"Semmai ghe l'aggiûsto"

PAGGEU    :- (insistendo, con aria da santarellino)"Ma no gh'ho miga dïto da partïa de caffè da Segalerba"

SERAFIN   :- (con aria di superiorità)"Semmai, da SciàSegalerba"

PAGGEU    :- "Comme Scià veu.. però me pà che chi ghe l'ha in to garriccio.."

SERAFIN   :- (interrompendolo con severità) "Parlae a moddo.. Chi no semmo in ti caruggi dove stae VOI'"

PAGGEU    :- "L'è inûtile che Scià s'arragge e scià me dagghe do VOI'.. Mi staiò in ti carruggi ma.. bidonate, mì, no ne fasso"

SERAFIN   :- (sbottando)"Oh, ma insomma!.. A voei smette de fa de lungo de insinuazioìn?.. Manco se fïsse mi quello co fa di sotterfûggi.. Proppio mi, Serafino Bottaro, fedele Capo Ufficio della ditta Sciaccaluga."

PAGGEU    :- "..& C!"

SERAFIN   :- (sta per reagire ma si apre la porta ed entra un Vigile Urbano)

SCENA IV

(Serafin - Paggeu – Pesce)

PESCE       :-  (in divisa da Vigile Urbano , entra, guarda i due che altercano e si ferma un attimo poi interviene) "Buongiorno scignori..stae rattellando comme o solito?"

SERAFIN   :- (assume una posa bonaria e si volta verso il nuovo venuto) "No se ûsa seunnà o campanello primma de intrà?"

PESCE       :- "O campanello?.. Gh'éa averto"

PAGGEU    :- "Sciò Pesce" (accennando a Serafin)"O me stava spiegando çerte ..pratiche"

PESCE       :-"Che strano moddo de spiëgà… Con de minacce..!"

PAGGEU    :- "Veramente.. con delle MANACCE"

SERAFIN   :- (con calma) "Macchè minacce.. no gh'è ninte da minaccià.. véa Paggeu?"

PAGGEU        :- (ironico)"Tûtto liscio.. comme a carta veddro"

SERAFIN   :- (cambiando discorso, al vigile)"Ma vegnimmo a voscià..in cöse posso ës-sighe ûtile, Sciò Pesce..spada"

PESCE       :- (innervosito)"Primma de tûtto son Pesce Giovanni e no Pesce spada! E non son vegnûo chi pe' famme sfotte da duì tipi comme voiätri duì!"

SERAFIN   :- "Dio n'avvarde.. no l'éa mae intenziòn"

PAGGEU    :- "No, no l'éa seu intenziòn"

SERAFIN   :- (a Paggeu)"No ho bezeugno de avvocati difensori"

PAGGEU    :- (sornione)"Pe' òua" (al Vigile, per cambiare discorso) "Scià conosce quello vigile che ciamman Pennola?.. Quello ërto coscì" (accenna ad una statura molto bassa,andando su e giù con la mano)

PESCE       :- "E cöse o gh'aveiva.. e molle? (posa sul tavolo una cartella, estrae un foglio. Prende una penna e intanto parla)"Probabilmente, perché quarchedûn, coscì pe' rïe o l'ha vosciûo scherzà in sce-a a seu statua, dimmoghe, poco ërta"

PAGGEU    :- (ironico)"Mi ho sempre credûo che pe' intrà in ti cantunè no se poesse andà sotta a 'na certa altezza" (accenna con la mano alla statura, nemmeno si trattasse di un <bassotto>)"E invece.."(abbassa eccessivamente la mano)

SERAFIN   :-(al vigile)"Dïto coscì tra noiätri.. comme o l'avià faeto a intrà in ti cantuné?"

PESCE       :- (sbottando)"E mi che me so? Stae mïga çercando 'na denunzia pe' oltraggio a Pubblico Ufficiale?"

PAGGEU       :- "Mi no.. No so o Serafin.."

SERAFIN   :- "E zà, perché mi chi son?" (al vigile)"No l'éa mae intenziòn"

PAGGEU    :- "No l'éa seu intenziòn"

SERAFIN   :- (sta per replicare ma viene interrotto dal Vigile)

PESCE       :- (a Serafin)"Se Scià l'arriesce a sta 'n po' sitto.. gh'è da mette 'na firma chì"(indica in calce ad uno foglio che porge)

SERAFIN   :- (prende i fogli)"Che röba a l'è?"

PESCE       :- "N'ingiunzion de pagamento de l'affitto de questi locali de proprietae do Comûne..Sei in arretròu de sei meixi"

PAGGEU    :- "E comme mai o Comûne o l'è coscì rapido?.. De solito, primma de accorzisene ghe passa ciû tempo"

PESCE       :-"Scià no fasse o spiritoso" (a Serafin)"Scià mette 'na firma chi sotta ch' ho sprescia.. Gh'éi dëxe giorni de tempo primma che segge daeto corso ä procedûa de sfratto da parte de l'Uffizio Legale do Comûne"

SERAFIN  :- (scoraggiato)"Ceuve in sciò bagnòu"

PESCE       :-(a Serafin)"Se ghe fïsse o collega Lo Cascio, quello che ciammae Penolla, o ve rispondieiva: <Se pagavate a tiempo non cioveva cchiù>. Alloa voemmo firmà a no?"

SERAFIN   :- "Ma perchè devo firmà mi..? Peu firmà anche o Paggeu"

PAGGEU    :- "E da quande in sa.. Scià l'è l'ommo de fidûccia quande no gh'è o prinçipà.. Scià l'è o seu sostitûtto.. e alloa scià o sostituisce, no?"

SERAFIN   :- (siede, sospira e firma)

PAGGEU    :- (prendendolo in giro)"Due croxette m'arraccomando.. ûnn-a pe' o nomme e l'ätra pe' o titolo de ragioniere"

PESCE       :- (mentre sta riguadagnando l'uscita) "Paggeu, Scià stagghe bravo se donca commençè torna a rattellà"(ritira il foglio firmato)"Dëxe giorni a partì da ancheu.. ricodaelo a-o vostro prinçipà"

PAGGEU    :- "Scià scûse.. Coscì tanto pe' levane a curiositae e s'intende.. senza malizia.. riguardo a.." (accenna ancora una volta con la mano alla statura) "Scià no n'ha ancòn spiegòu comm'o l'ha faeto o Pennolla a intrà in ti Vigili Urbani.. nella Polizia Municipale"

PESCE:- (innervosito e minaccioso)"Probabilmente perché a-o Comûne ghe serviva ûn piccin per lëze e targhe de macchine senza ciëgase e magara anche pe' dà a contravvension a quelli assettae comme voiätri duì! Va ben coscì?"

SERAFIN e PAGGEU:- (si alzano di scatto)

PESCE       :-(gira rapidamente i tacchi ed esce di scena)

PAGGEU    :- "Baccere, comme o s'è arraggiòu"

SCENA V

(Serafin -Paggeu)

SERAFIN   :- (siede e dà una scorsa ai fogli lasciati dal vigile, Scrolla negativamente il capo. Poi, alza quasi furtivamente il ricevitore del telefono tenendo d'occhio Paggeu)

PAGGEU    :- (se ne avvede e finge di nulla ma sta attento. Fa rumore timbrando)

SERAFIN   :- (mentre compone un numero al telefono, brontola con se stesso)"Chi bezeugna däse da fa con a ditta concorrente perché s'andemmo a bagno.."(sottovoce) "Pronto?.. Stoccafisso e Affini?.. Gh'è a scià Ester Taggiavacche?" (pausa) "Sci, grazie" (sempre sottovoce, tenendo quasi la testa su di un cassetto e scrutando Paggeu) "Oh, scià Ester son mi.. Serafin" (pausa)"E va ben, ûn attimo, anche mi ho da fa"

PAGGEU    :- (estrae comicamente il fazzoletto e si asciuga il sudore)

SERAFIN   :- (c.s.)"Voeivo digghe che.." (alza il capo per sbirciare Paggeu il quale finge di essere compreso nel suo lavoro) ".. Scià peu mïga fa 'n passo chi da mì in scagno?" (pausa)"Comme perché.. perché devo parläghe" (pausa)"Pe' telefono?" (dà un'altra occhiata a Paggeu) "No, no posso.. a l'è 'na questiòn delicà.. Scià me fasse o piaxei.." (pausa) "Sempre gentile.. saviò comme ricompensäla.." (altra occhiata a Pagliolo e poi) "Se gh'è quarchedûn, scià fasse finta de passà pe' cäxo.. intesi eh?.."

SCENA VI

(Serafin - Paggeu - Prüxa)

                   (entra in scena Prüxa, un tipo sospetto, con berretto in uso alla marina mercantile. Barba incolta e pipa in bocca. Entra con prepotenza andando diritto alla scrivania di Serafin, Ha con sé un gancio da portuale)

SERAFIN   :- (sobbalza alla vista di Prüxa e gli scappa un'imprecazione) "Ma cösse scià vegne chi a rompì.." (poi, al telefono)"No, no.. no divo a voscià.. scià scûse.. alloa comme d'accordio" (posa il ricevitore e si alza in piedi piuttosto impaurito)"Ma.. comme mai.." (guarda Paggeu che continua a far finta di nulla)".. no eivimo d'accordio che se vedeivimo a-o solito posto?.." (accenna di stare attendo a quello che dice perchè c'è Paggeu)

PAGGEU    :- (tra se', verso il pubblico)"Alè.. òua scc-euppa l'abërgo"

PRÜXA      :- (si siede strafottente all'angolo della scrivania. Si tira sul con un dito la visiera del berretto) "Son vegnûo a piggià.."(accenna ai soldi) "..o mae avei."

SERAFIN   :- (balbettando) "Ma sciò Prüxa.."

PRUXA      :- "Pe' amixi Prüxa..pe' voì.. Signor Giöxe Delfin.. o mae nomme"

SERAFIN   :- (c.s.)"A sci-scià Se-Segalerba a no l'ha ancon pagòu o prinçipà e mi.."

PRÜXA                                          :- (gli punta un dito a mo' di pistola)"Son cöse che a mi no me interessan.. Mi o caffè v'ho daeto.. éi mastrûzzòu a vostro piaximento e òua.. veuggio e palanche se donca.." (mima il taglio alla gola)

SERAFIN   :- (si porta comicamente la mano alla gola e parla come non avesse più voce) "Se donca?"

PAGGEU    :- (ai alza e si avvicina con ironica cortesia)"Cappo.. scià veu che vadde da o spedizioné pe' imbarcà o vin in sciò traghetto?"

SERAFIN  :- (che teme di rimanere solo) "Ma.. scià me lascia chi con.E va ben.. scià vadde e scià vegne a riferïme.. sûbito però!"

PAGGEU    :- (sornione)"Ma se scià veu che stagghe via 'n po' de ciû, tanto scià l'è in compagnia.."

SERAFIN   :- "Gh' ho dito de riferïme SÛBITO!"

PAGGEU    :- "Agli ordini" (esce)

SCENA VII

(Serafin - Prüxa)

SERAFIN   :- "Ma cöse gh'è giòu de vegnì chi in scagno?"

PRÜXA      :- "Ûn po' de faccia de tolla scì.. çercae mïga de svignavela..? O paghae o caffè che v'ho faeto avei de badda o.."

SERAFIN   :- "Eh, no.. Proppio de badda, no"

PRÜXA      :- "E semmai che no ghe rosiggiae.. Comunque attento, eh?"

SERAFIN   :- "Ma ghe l'ho dïto.. a Scià Se-Segalerba o no l'ha ancon pagòu o sciò Scia- Sciaccalûga.. anzi o Baccan o l'ha sacciûo che o caffè o sa 'n po' de maen e o l'ha vosciûo de spie-spiegazioìn"

PRÜXA      :- (lo sovrasta minaccioso) "Bell'ommo, no fae o drïto con mi.. Miga pe' ninte me ciamman <frûstaprexoìn> e alloa.." (accenna al taglio della gola) "ve levo o mä de testa"

SERAFIN   :- "Scià se ca-calme.. faiòu o poscibile.. Ma se no intran de palanche.."

PRÜXA      :- "No son affari mae.. Faeve fa 'n prestito, ma mi veuggio quante concordòu e de sprescia perché.. devo taggià a corda.. INTEIXI?!"

SERAFIN   :- Eh, vediòu.. faiou.."

PRÜXA      :- "Trei giorni, trei giorni e poi.." (accenna ancora al taglio della gola) "Ve levo e tonsille"

SERAFIN   :- (impaurito)"Scì, scì.. tran-tranquillo.. in te 'n moddo o in te 'n'ätro.. pro-provvediòu"

PRÜXA      :- (apre l'uscio)"TREI GIORNI!" (esce)

SCENA VIII

(Serafin - Luiginn-a)

SERAFIN   :- (si aggiusta la cravatta, si passa una mano sui capelli cercando di riprendere il contegno) "Ahimemì.. gh'ammancava anche d'ësime impeixòu con quello avanzo de galéa.. Paiva tûtto coscì semplice.. ûnn-a partîa de caffè a prëxo strassòu.. vista a provenienza.." (mima il.. grattaggio) "O Baccan o pagava meno do solito ma o doppio de quello che devo pagà mi a-o Prüxa e mi.. me davo 'na scistemmà a-e mae finanze... Poeivo damme da fa cö a Luiginn-a.. m'accattavo a macchina.."

LUIGINN-A :- (entra dall'esterno. Non più giovanissima, è graziosa, elegantina) "Bongiorno"

SERAFIN   :- (con aria da Capo) "A l'è l'òa de arrivà questa?" (accenna all'orologio)

LUIGINN-A :- "Quande se va pe' uffizi a l'è coscì E poi son vegnûa anche a pe'.. con 'sto traffego"

SERAFIN   :- "Scià no l'impare da-o Paggeu" (accenna alla macchina da scrivere)"Gh'è quella lettia da batte.. fattûe che devan pagà.. Bezeugna spedïle de sprescia se no son guai seri..Va a finì che no piggemmo manco de sipendio"

LUIGINN-A :- (dopo aver posato il soprabito e i documenti sulla scrivania di Serafin, va a sedersi davanti alla macchina da scrivere) "Li gh'è o rinneuvo de l'iscrizion ä Camera de Commerco" (indica i documenti sulla scrivania)

SERAFIN   :- (vi dà una rapida scorsa)"Scì.. poi l'ammìo.." (è agitato) "O Prûxa..Devo andà a fa 'na comisciòn" (si appresta ad uscire)

LUIGINN-A :- (che nel frattempo aveva messo un foglio nella macchina da scrivere, osserva Serafin)"Gh'è quarcösa che no va?.. Scià me pä tûtto agitòu"

SERAFIN   :- (resta un attimo perplesso) "Mi?"

LUIGINN-A :-"E scì"

SERAFIN   :- (dopo averci pensato un attimo, va di slancio, con fare innamorato accanto alla donna)"L'è corpa seu!"

LUIGINN-A :- (sulla difesa)"Mae?.. E perché mai?"

SERAFIN   :- (prende la mano di lei)"Scignorinn-a Luiginn-a.. quande l'è che scià se decidde?"

LUIGINN-A :- (respingendolo con grazia)"Ma Sciò Serafin.. cöse Scià fa? Se intra o prinçipà o ne manda a vende cassarolle a Santagà.." (lo guarda, con sorriso ironico) "E poi, scià me scûse.. con quello che scià guagna…Scià o sa ben comme a penso mi"

SERAFIN   :- "Luiginn-a.. staggo scistemando'na faccenda che.. s'a va ben.. poemo fa 'n bello viägio finn-a a.." (estasiato) "SAMARCANDA"

LUIGINN-A :- "E perché proppio Samarcanda?"

SERAFIN   :- "Perché o l'è 'n nomme co pä 'na fòa.." (con dolcezza)"Samarcanda.. dovve faiemo o nostro viägio de nozze"

LUIGINN-A :- "Ma dovve o s'attreuva 'sto posto?"

SERAFIN   :- "Samarcanda?"

LUIGINN-A :- (accenna di si)"Eh!"

SERAFIN   :- "Veramente no me ricordo.. Me informiòu.. Ma scià ghe pensa Luiginn-a.. Mi e voscià, insemme.. a Samarcanda"

SCENA IX

(Serafin – Luiginn-a Paggeu)

PAGGEU    :-  (etra in quell'istante) "Me credeivo che fïse o Prüxa" (guarda con occhio

                            accusatore la donna)

SERAFIN   :- (lascia rapidamente la mano della donna e si scosta. Luiginn-a finge di nulla e si mette a battere a macchina)

SERAFIN   :- "Ehm.. stavo.. ghe stavo dettando 'na lettia"

PAGGEU    :- (ironico)"Ah. E.. ghe a lezzeivi in scie 'na man?"

SERAFIN   :- "Spiritoso.. Ciûttosto.. éi imbarcòu tûtto in sciò traghetto?"

PAGGEU    :- "Tûtto... "

SERAFIN   :- (interrompendolo) "Bene"

PAGGEU    :- (continuando) "Tûtto bloccòu!"

SERAFIN   :- "Comme saieiva dì?"

PAGGEU    :- "Sciopero"

SERAFIN   :- "Di portuali?"

PAGGEU    :- "No.. da Tirrenia.. pe' tûtta a giornà"

SERAFIN   :- "Pazienza.. Imbarchian doman"

PAGGEU    :- (divertito) "No, doman scioperan i portuali"

SERAFIN   :- (agitato)"E scià me e dixe a rate 'ste cöse?.. Imbarchian dopodoman?"

PAGGEU    :-"No, manco dopodoman"

SERAFIN   :- (che sta perdendo la pazienza)"Ma Scià me dà e notizie cö contagosse?.. Fan duì giorni de sciopero?"

PAGGEU    :- (che si diverte a mettere in imbarazzo Serafin)"No, fan solo 'na giornà"

SERAFIN   :- (che non ne può più)"Ma scià l'accianta lì de parlà a puntate?"(cercando di calmarsi e con cercata ironia) "Scià no me dià mïga che scià fa sciopero voscià.. perché.. ah, ah, no ghe creddo"

PAGGEU    :- "Quande scià o fa Voscià o fasso anche mi.. Dopodiman fan sciopero i autotrasportatoì.. i camionisti"

SERAFIN   :- (preoccupato)"Ma alloa comme faiemo a imbarcà o vin?.. Se perdemmo anche quell'occaxòn.. a l'è finìa"

PAGGEU    :- (con noncuranza)"No perdemmo 'n bello ninte.. gh'ha pensòu o Paggeu.."

SERAFIN   :- (guardando Luiginn-a e sfottendolo) "Ah, ah.. e sentimmo comme"

PAGGEU    :- (godendosi la battuta)"Ghe pensa.. o PRÜXA con i seu ommi"

SERAFIN   :- (resta di sasso)"Me voei fa vegnì 'n scc-iûppon de fotta?.. Pestae de lungo l'aegua in to mortà?.. Ammiae che ve mando a.. a quello pàise séi?"

PAGGEU    :- (con faccia di bronzo) "E dovve?.. A SAMARCANDA?"

SERAFIN   :- (trattienendosi a stento)"Mmm" (stizzito, guarda la ragazza ed esce all'esterno)

 

SCENA X

(Luiginn-a - Paggeu)

LUIGINN-A :- (batte a macchina durante il dialogo dei due, toglie il foglio, dà una rapida occhiata allo scritto e mette in macchina una busta per l'indirizzo)

PAGGEU     :- "Luiginn-a.. scià l'è graziosa pëtennà coscì" (si avvicina nell'intento di toccarle i capelli)

LUIGINN-A :-"Paggeu scià vadde a-o seu posto. Scià sa che con mi no gh'è ninte da fa"

PAGGEU     :- (ritorna al posto con la solita camminata)"Già..il Serafino la porta a Samar- canda .. S'a va ben o no sa manco dovv'a l'è"

LUIGINN-A   :- (incredula) "Perché Voscià scià o sa?"

PAGGEU     :- (con importanza) "Mi scì"

LUIGINN-A :- "E dovv'a l'è? Scià no me digghe che scià gh' stato che scià no piggia manco l'autobus pe' non spende e palanche"

PAGGEU     :- (saccente)"Anche se no piggio l'autobus Samarcanda a l'è in te l'Uzbekistan"

LUIGINN-A :- "E dovve o se treuva o.. beccostan?"

PAGGEU     :- "O BECCOSTAN? O l'è appena-a sciortîo.. Uzbekistan!"

LUIGINN-A : "E dovve o s'attreuva?"

PAGGEU     :- "Dovve gh'è Samarcanda"

LUIGINN-A-  :- "Ho accapìo.. scià nö sa"

PAGGEU     :- "A geografia, a stöia.. e questioìn finanziarie mi e-i so!"

LUIGINN-A :- "Questa poi.. e questioìn finanziarie.."

PAGGEU     :- "Mi lëzo.. me tegno informòu e modestamente, ho anche stûdiòu"

LUIGINN-A :- (ironica)"..a l'Istituto Arecco.."

PAGGEU     :- "Segûo.. e poi lëzo anche i giornali.. davanti a l'edicola s'intende"

LUIGINN-A :- "E me pàiva strano che scià l'accatesse"

PAGGEU     :- "Son palanche cacciae via.. tanto a l'indoman sciortan za quelli con e notizie neuve, e alloa, aspëto sempre quelle ciû fresche" (si avvicina alla donna e Luiginn-a riprende a battere l'indirizzo sulla busta)"I libbri son o ben dell'intelletto.." (poi come se declamasse)"Ma voscià scià l'è o ben di euggi.. do spirito e.. via discorrìndo" (prende la mano della ragazza e se la mette sul petto)

LUIGINN-A :- (la ritira rapidamente) "Ma cöse gh'éi ancheu tûtti?.. Ve sentì spellinzigà dä primmavéia?"

PAGGEU     :- "Ma Luiginn-a.. scià l'è comme 'n bigné.. ûn fruto candîo"

LUGINN-A  :- (salace)"Scì, 'na pastasciüta cö tocco! Ma scià me fasse o piaxei. Prop- pio voscià.. ghe saieiva cäo eh?.. Scià se piggieiva l'euvo e galinn-a"

PAGGEU     :- (cercando di essere spiritoso) "Comme gallinella scià saieiva 'n boccon.. in quante a l'euvo.."(romantico)"..quello o vegnà in seguito e porrià nasce.. 'n bello pulìn"

LUIGINN-A :- "Ma sentì 'n po' che discorsci.. Paggeu a-o so posto!.. Scià no l'è o mae tipo"

PAGGEU     :- (allarga comicamente le braccia nel suo largo vestito)"E perché?.. No son elegante?"

LUIGINN-A   :- "E scià me o domanda ancon?.. A parte i seu.. travestimenti.. scià l'è anche 'n pigoggiòso"

PAGGEU     :- (offeso)"Pigoggioso.. a mi?"

LUIGINN-A :- "Intanto, quande a Silvia, a commessa do bar, a ne porta o caffé Voscia scià no-o piggia mai"

PAGGEU     :- "Perché o me rende nervoso"

LUIGINN-A :- "L'ätro giorno.. tanto pe' fa l'ûrtimo esempio... in to bar, mentre intravo.. scià s'è faeto dà 'n gotto d'aegua do bronzin e poi scià l'ha faeto finta de no veddime.. Cöse scià l'aveiva puîa, de pagame l'aperitivo?.. Semmai ghe l'offrivo mi"

PAGGEU     :- (comico)"E perché scià no me l'ha dïto?.. Avanzavo de beive quell'aegua ch'a saveiva anche de leppego" (pausa) "Ma ammia 'n po'.. mi che ghe stavo faxendo 'na proposta seria..." (come parlasse tra sé)"L'ho sempre dïto .. e donne pensan solo de fa spende i dinae in ti vestì, belletti.. viägi.. e APERITIVI"

LUIGINN-A :- "Appunto. Quindi scià no l'è l'elemento pe' mi"

PAGGEU     :- (risentito)"Ehi, diggo.. ex giovinotta, a mi <elemento> no me l'ha mai dïto nisciûn"

LUIGINN-A :-"Perché, scia l'è 'n'ommo forse? Ma scià me fasse o piaxei.. 'n'ommo co camminn-a comme 'n robot.. ch'o no l'ha manco de macchina.."

PAGGEU     :- (che ha trovato ragione al suo pensare)"E qui casca l'asino.. Ecco dovve andae a cazze.. se ûn o gh'ha a macchina.. s'o l'è vestîo ä modda.. s'o gh'ha a televixòn e o riscaldamento in casa.. tûtte palanche straggê.. Mëgio lëze di belli libbri.. istrûise"

LUIGINN-A :-"Ma se scià no n'accatta.. tûtti de badda.. Ûn po' de bello partîo pe' 'na donna"

PAGGEU     :- "Me pä de accapì che no ghe vaddo ben"

LUIGINN-A :- (si alza e si avvicina) "Ma scià se gh'appensa se anche mi, pe' no consûmmà i tacchi, camminesse comme voscià, pe' stradda.. magara a brassetto.." (lo prende a braccetto)"..coscì?"(entrambi fanno alcuni passi.. alla Paggeu)

PAGGEU     :- "Che cubbia!.. Duì stipendi.. e speize ridûte a l'essenziale.."

LUIGINN-A :- (scostandosi)"Dipende da cöse Scià l'intende pe' <essenziale>"(va al proprio posto)"Mi veuggio ûnn'ommo co me fasse fa a scignòa.. veuggio a donna de servizio.. fa de croxée.. vedde tanti posti"

PAGGEU     :- "Eccome chi"

LUIGINN-A :- "Scià l'è proppio 'na barzelletta"

PAGGEU     :- "Ma cöse serve andà a vedde ätri posti, ätri panorami, ätri monumenti.. andà in mëzo a da gente che, magara, a no parla manco zeneize.. Tanto vale sta chi.. Gh'emmo di belli panorammi e no costan ninte.. gh'emmo i carruggi pin de stöia.. O Righi" (si riavvicina a Luiginn-a volendo fare il seduttore) "Ghe son proaei verdi e poi.. quande ghe son i banchetti in ti giorni de festa, se peu beive anche 'na mëza orzà"

LUIGINN-A :- (ironica) "No saià 'na speiza eccessiva?"

PAGGEU     :- "Ma quarche votta bezeugna gödisele e palanche!"

LUIGINN-A :- "E te lascio dì.. Ma cöse scià ne fa de palanche? Scià l'è solo, scià sta in  te 'na casa dell'opera Pia e con due palanche scià paga a pixòn.. De vestì" (lo guarda)"..scià ghe n'ha in abbondanza.. scarpe, scià l'ha attrovòu a mainea de consûmmale.. fûmà scià no fûmma.."

PAGGEU     :- "L'è risacciûo che o fûmmo a fa mâ ä stacca e ai polmoìn.. Mi e palanche no ei straggio per la bramosia del piacere.."

LUIGINN-A :- "Ah, ah.. bramosìa del piacere.. Voscià.."

PAGGEU     :- (serio)"Rîe ben chi rîe all'ûrtimo.. Mi penso a-o futûro e Scià se pentià d'aveime refûòu"

LUIGINN-A :- (con calma)"Ma no ho miga vosciûo offendilo.. ho dïto solo che aspiro a ben ätro"

PAGGEU     :- "Scià continue pûre a aspirà.. intanto o tempo o passa"

LUIGINN-A :- "Ma anche pe' o Paggeu o tempo o passa.. e ciû che futûro, scià l'avià da ricordà solo o passòu"

PAGGEU     :- "La vita comincia a quarant'anni e mi, son ancon ûn figgieu, ûn foento.. ûn sbarbatello.."

LUIGINN-A :- (additando alla sua barba incolta)"Ûn barba lunga, ätro che sbarbatello"

PAGGEU     :- (si riavvicina)"Luiginn-a, Scià me digghe che scià ghe ripensià"

SCENA XI

(Sirvia - Paggeu - Luiginn-a- Sciaccalûga)

SIRVIA        :- (commessa del bar, entra con un cabaret e tre tazzinedi caffè) "Bongiorno.. Ho portòu i caffè"

LUIGINN-A :- "Chi l'ha ordinae?" (ironica) "O Paggeu?"

SIRVIA        :- (con un mezzo sorriso) "No creddo proprio"

PAGGEU     :- "Gh'è poco da rïe.. O vizio do caffè no ghe l'ho.. ecco tûtto"

SIRVIA        :- "L'ha ordinae o vigile Pesce.."(sorniona) "..pe' a Luiginn-a sorviatûtto"

LUIGINN-A :- "Pe' mì.. e perché mai?"

SIRVIA        :- "Mah.. i ommi.. se vedde ch'o sente pe lé.. quarcösa.."

PAGGEU     :- (salace, a Luiginn-a)  "O sentià.. spellinzigà dä primmavéja"

LUIGINN-A :- "Ma perché trei caffè"

SIRVIA        :- "Forse pe' no dà troppo in te l'euggio o se saià allargou"

LUIGINN-A :- "Ma a mi me ne basta ûn de caffè.. o Paggeu o no ne piggia.." (si serve)

PAGGEU     :-  (a Sirvia) "Son staeti paghae?"

SIRVIA        :- "Natûralmente"

PAGGEU     :- "E alloa, faiò 'n sacrificio pe' no straggiälo..saieiva 'n peccòu" (si servemettendo molto zucchero)

LUIGINN-A :- "Sirvia..beivite o terzo caffè.. No vorrieiva che o Paggeu, pe' no straggiälo o faxesse 'n' ätro sacrifizio"

SIRVIA        :- "Alloa.. n'approfitto mi ascì" (si serve)

PAGGEU     :- (gustandolo) "Però.. o l'éa abbastanza bon"

LUIGINN-A :- "E o no saveiva manco de rammo!"

SIRVIA        :- (raccoglie il tutto) "Staeve ben" (salace) "E grassie pe' a mancia!" (esce)

LUIGINN-A e PAGGEU:- "A riveddise"

 PAGGEU     :-(si riavvicina a Luiginn-a) "Ritornando a noiätri che l'éa quello ch'o gh'ha faeto a serenata sotta o barcon l'ätra neutte?"

LUIGINN-A :- (sospirando)"Eh..a no l'ea de segûo pe' mi quella serenata.. Ma comme scià fa a savei queste cöse?"

PAGGEU     :- (le prende una mano) "Perché scià me rende giöso"

SCIACCALÛGA:- (entra e trova Paggeu accanto alla donna, infervorato)"Cöse scià ghe fa li arrembòu?.." (lo squadra)"E tûtto inveddròu?"

PAGGEU     :- (ricomponendosi)"Mi , inveddreòu?..Ma sciò Baccàn ghe stavo dettando.."

SCIACCALÛGA:- "..e memöie.." (sarcastico)"L'eredità del signor Pagliolo" (burbero)"Scià stagghe a-o seu posto.." (alla donna)"E voscià, scignorinn-a, scià no semenn-e zizzania"

LUIGINN-A :- "Mi semenà zizzania?.. Ma Sciò Sciaccalûga se gh'è 'na santa donna, quella son mi.. o Paggeu o me stava.. dettando 'na lettia"

SCIACCALÛGA:- (si china sulla macchina da scrivere)"In sciè 'na bûsta?" (a Paggeu)"Scià vadde sûbito in Banca a fäse dà o rendiconto aggiornòu, che devo portalo a-o commercialista"

PAGGEU     :- "Comme scià comanda"(tentando di giustificarsi)"Riguardo a primma.."

SCIACCALÛGA:- (preoccupato)"Scià l'ammìe.. no gh'ho testa.. a l'è 'na giornà neigra.. Comunque se o parlà o costesse 'n citto scià se faieiva cûxì a bocca" (entra nel suo ufficio)

LUIGINN-A :- (aveva messo intanto un foglio dentro alla busta. La sigilla, si alza, prende il soprabito e a Paggeu) "Vaddo ä Posta a fa questa raccomandà urgente"

SCIACCALÛGA:- (dal proprio ufficio chiama a voce alta)"Scignorinn-a Scc-iappacasse!"

LUIGINN-A :- (a Paggeu mentre si toglie il soprabito posandolo sulla sedia)"O me pä arraggiòu" (bussa alla porta del principale ed esce di scena)

PAGGEU     :- (va alla scrivania di Serafin, compone un numero al telefono e poi, misterioso, con voce bassa)"Pronto?.. Son Paggeu.." (pausa)"Scì aspëto ma.. fïto pe' piaxei" (tiene sotto controllo la porta del principale) "Pronto?.. Alloa?.. No posso parlà ciû forte.. son in scagno.." (dall'ufficio del principale si sente un gridolino di Luginn-a) "Procedere come inteso.. scià m'ha accapìo?" (pausa) "Immantinente" (si sente un altro gridolino dalla porta del principale ed il tonfo di una sedia per terra) "Va ben, va ben.. se vedemmo a Banchi.." (posa il ricevitore e va sveltamente, con la sua camminata al proprio posto)

SCIACCALÛGA:- (dall'ufficio)"Ma scià no l'agge puîa.. scià stagghe brava.."

LUIGINN-A :- (piagnucolando rientra in scena un po' in disordine. Prende la busta)"Tûtti paegi i ommi"(indossa il soprabito o giacchetta del tailleur ed esce all'esterno seguita dallo sguardo di Paggeu che scrolla la testa)

SCIACCALÛGA:- (entra precipitosamente in scena. Ha la cravatta storta ed è spettinato)"Luiginn-a..!"(si avvede di Paggeu e ci resta male, poi con tono brusco) "No gh'aveivo dïto d'andà in Banca?.." (adirato)"Quande diggo 'na cösa a se fa!" (cambiando tono e calmandosi intanto che Pagliolo si apprestava ad uscire)"Ehm... scià l'ha pe' cäxo sentîo.. ûn po' de remescio?..." (accenna al suo ufficio)

PAGGEU     :- "Scià veu dì se ho sentìo 'n crietto da Luiginn-a e o tonfo de 'na carega pe' taera?"

SCIACCALÛGA:- "Scì"

PAGGEU     :- (con faccia tosta) "NO.. NO HO SENTÎO NINTE"

(SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA I

(Serafin - Ester)

                          (All'apertura del sipario Serafin sta parlando con Ester Tagliavacche, impiegata  della ditta Stoccafisso e Affini, seduta dall'altro lato della scrivania)

SERAFIN     :- "Come ghe stavo dixendo, scià Ester, ecco o motivo pe' o quale çerco, in caxo de necessitae, e me pä che ghe semmo, de intrà in ta ditta dovve scià travaggia. Se a <Sciaccalûga & C.> a l'andesse in fallimento avieiva zà dovve scistemmame"

ESTER         :- "Ma no so cösse posso fa.. No son miga a titolare da Ditta <Stoccafisso & Affini>, son solo a Segretäia do Sciò Bevilaegua. o prinçipà comme primma éo a segretäia do sciò Sciaccalûga.. e poi.. scià o sa o perchè me ne son andaeta.. o Sciò Sciaccalûga o l'è 'n brav'ommo ma.. l'è mëgio staghe ä larga"

SERAFIN   :- "O l'allungava e moen, eh? Da comme scià l'ha agîo me levo tanto de cappello.. Ma.. ritornando ä mae questiòn, se con o Sciò Stoccafisso.. pardòn.. con o Sciò Bevilaegua scià ghe mettesse 'na bonn-a parolla.." (si alza avvicinandosi a lei con galanteria)"..so che scià l'è ben vista"

ESTER       :- (a scanso di equivoci)"Son ben vista perché so o mae mestè"

SERAFIN   :- "Ma intendeivo dì ben quello.. Scià sa che mi gh'ho abbastanza esperienza in to nostro settò.. Emmo avûo anche contatti telefonici a-o riguardo.."

ESTER       :- (poco convinta)"Veddiò cöse posso fa ma, senza garantighe ninte però"

SERAFIN   :- "Scià me dagghe 'na man e ghe saiò riconoscente"

SCENA II

(Serafin - Ester - Paggeu)

PAGGEU    :- (entrando ha udito l'ultima frase di Serafin)"Se voei 'na man.. ve a daggo mi.. Salve Scià Ester.. comm'a boccia?"

SERAFIN   :- (ricordando alla donna)"A passava de chi pe' cäxo.. vea?"

PAGGEU    :- "E comme no"

ESTER       :- "Passavo de chì e ho pensòu de vegni a trovà i mae ex colleghi"

SERAFIN   :- "Sempre gentile a nostra Ester"

PAGGEU    :- "Nostra?.. Scignorinn-a Taggiavacche.. scià l'è torna di nostri?"

ESTER       :- "E gh'ammanchieiva ancon"

SERAFIN   :- "Scià no ghe dagghe a mente a-o nostro.. INDOSSATÔ" (fa un gesto per mettere in evidenza l'abito di Paggeu, poi a lui) "Ma scià no doveiva andà da-o spedizioné. Comme mai scià l'è zà chi?"

PAGGEU    :- (sornione) "Ma se destûrbo posso ritornäghe"

ESTER       :- (si alza)"Devo proppio andà via.. Ho lasciòu a mëzo a contabilitae"

SERAFIN   :- "Grazie da vixita"(va ad aprire la porta)

ESTER       :- (si avvia all'uscita dinoccolandosi, seguita dallo sguardo dei due) "Scignorìa sciò Paggeu.." (a Serafin)"Sciò Bottaro..se ghe son de novitae..se sentiemo, arrivederci"

PAGGEU    :- (imitando lo sculettare della donna che esce)"A me fa vegnì o mä de mâ"

SERAFIN   :- (con una mano sulla fronte, gli sovviene qualcosa e poi, agitato)"Ah.. o Prüxa" (a Paggeu) "Se vegno o prinçipà scià ghe digghe che.."

PAGGEU    :- "..che scià l'è andaeto appreuvo ä scignorinn-a Taggiavacche.."

SERAFIN   :- "Macchè Taggiavacche e taggiabeu.. devo andà a fa 'na comiscion urgente" (uscendo) "Ma che lengua!"

SCENA III

(Sciaccalûga - Paggeu)

PAGGEU    :- "Te o daggo mi .. ma che lengua.."

SCIACCALÛGA:- (entra in scena rabbuiato. Squadra Paggeu che si alza)

PAGGEU    :- "Riverïto sciò Sciaccalûga"

SCIACCALÛGA:-(severo)"Veddo che quande o gatto o no gh'e i ratti ballan, anzi no ballan pe' ninte, no ghe son adreitûa"

PAGGEU    :- (servizievole)"Mi ghe son"

SCIACCALÛGA:- "Veddo ben.. O Serafin e a Luiginn-a dovve son?"

PAGGEU    :- "Scià veu che i vadde a çercà?"

SCIACCALÛGA:- "E bravo.. coscì ne sparisce 'n'atro.. alloa?"

PAGGEU    :- "A scignorinn-a Scc-iappacasse, doppo.." (sornione)"..ch'a l'è sciortîa.. de sprescia da o so uffizio a l'è andaeta ä Posta pe' quella raccomandà e poi a doveiva andà dä Ditta Costa.."

SCIACCALÛGA:- "E quello benardo do Serafin?"

PAGGEU    :- "Quello benà.. cioè o sciò Serafin no saviae.. o l'ha dïto ch'o doveiva fa 'na comiscion urgente.." (sovvenendogli) "Ah.. l'è vegnûo o vigile" (si avvicina alla scrivania di Serafin e prende un foglio che porge al principale) "O l'ha portòu questa ingiunziòn.."

SCIACCALÛGA:- (prende il foglio)"Ingiunziòn?.. E de cöse?" (legge)

PAGGEU    :-"A parrieva 'n'ingiûnziòn de pagamento pe' l'affitto arretròu "

SCIACCALÛGA:- "A parieva 'n bello ninte.. A L'E' 'n'intimaziòn de pagamento.." (scoraggiato)"Càpitan tûtte assemme; pövio de mi.. no me salva manco o Maraggiàn" (con aria afflitta) "Paggeu, scià vadde 'n po' all'Uffizio Patrimonio do Comûne a vedde se se peu avei 'n po' de proroga"

PAGGEU    :- (si alza silenzioso)"Sûbito.. Faiò tûtto o poscibile.." (esce)

SCIACCALÛGA:- (affranto, siede alla scrivania di Serafin) "A mae ditta.. a ditta ch'ho creòu da o ninte a remengo.. No riescio a-accapì comme mai tûtte 'ste batoste.. e gare d'appalto perse pe' 'n péi.. Crediti serrae.. conti in rosso..no m'éa mai sûccesso.."

 

SCENA IV

(Sciaccalûga – Serafin - Lucrezia)

SERAFIN   :- (entra col fiatone)"Sciò Baccan, sciò Baccan.."

SCIACCALÛGA:- (innervosito)"Ma cöse sûccede ancheu?.. L'è scc-iûppòu a guaera?"

SERAFIN   :- (ansimante, si siede)"Scià me scûse ma.. me s'ammölan e gambe"

SCIACCALÛGA:- "E Scià parle.. cöse l'è sûccesso?"

SERAFIN   :- (come sentenziasse) "SEMMO ARROINAE"

SCIACCALÛGA:- (ha uno scatto)"Eh?..Semmo arroinae?"

SERAFIN   :- "Anzi.. precisammo: SCIA' L'E' arroinòu!"

SCIACCALÛGA:-(sulle spine)"Ma bezeugna arrancaghe e parolle cö a tenaggia?... SEMMO O SON arròinòu?"

SERAFIN   :- "Scià l'è, scià l'è.." (piagnucolando)"E mi.. perdiòu o mae travaggio"

SCIACCALÛGA:- (minaccioso)"Scia se spieghe, öxello do malaugûrio"

SERAFIN   :- (lagnandosi sottovoce) "Ancon da sae che me son daeto da fa con a Stoccafiscio & Affini.."

SCIACCALÛGA:- "Alloa?"

SERAFIN   :- "Ecco.. o sacciûo che sta pe' vegnì.." (suonano alla porta e Serafin va ad aprire. Appare una donna di bell'aspetto, elegante; aria professionale. Ha con se una valigetta ventiquattr'ore)

SERAFIN   :- "Desidera?"

SCIACCALÛGA:- (dà una sbirciata di malavoglia)"No ghe son pe' nisciûn"

LUCREZIA  :- (avanza lentamente verso Sciaccalûga mentre Serafin richiude l'uscio) "Creddo che ghe convegnà riçeivime"

SERAFIN   :- (che ha intuito)"Sciò Baccan.. LUPUS IN FABULA!"

SCIACCALÛGA:- (che non ha capito)"Guardi signorina che affari, per oggi.. emmo zà daeto.." (sospira) "A quanto pare la Premiata Ditta Sciaccaluga & C..."

SERAFIN   :- (sullo stesso tono) "Chiude i battenti."

LUCREZIA  :- "Sono la dottoressa PACE dello studio GUERRA"

SERAFIN   :- (lugubre)"Ogni nomme 'na garanzia!"

SCIACCALÛGA:- (sul chi vive)"E allora?.. Non l'ho mica chiamata"

LUCREZIA  :- (posa sul tavolo la valigetta, l'apre ed estrae dei documenti, porgendoli a Sciaccaluga)"Chi gh'è a risposta a-o seu interrogativo"

SCIACCALÛGA:- (rassegnato, si alza, prende i fogli)"Allòa, saià mëgio che scià s'assette.." (Serafin provvede a porgerle una sedia)

LUCREZIA  :-(siede)"Ghe antiçipo zà che se scià no l'ha e palanche, di grossi capitali pe' attappà a bocca ai seu fornitoì, l'attivitae da ditta a dovià.."

SERAFIN   :- (interrompendo) "..ghe son anche i socci.."

LUCREZIA  :- (a Sciaccalûga)"Ma i socci son a seu scignòa e a figgia.. véa?"

SCIACCALÛGA:- "Scì"

LUCREZIA  :- "No dovieivan ësighe ätre difficoltae.. Comunque no veddo comme ne porriei sciortì.. se non ä mainèa che o nostro Stûdio o ve sûggerisce"

SCIACCALÛGA:- "Bello sûggerimento" (accenna alla carte) "Chi se dïxe de cëde tûtto.. e mi dovve vaddo?" 

SERAFIN   :- " ..a Ditta Stoccafiscio e.."

SCIACCALÛGA:- "Da 'n concorrente MAI" (a Lucrezia) "No se ne fa ninte.. o l'è 'n fûrto.. ne approffittae dä situaziòn momentanea"

LUCREZIA  :- "Scià se gh'appense ben perché presto.. anzi PRESTISCIMO scià s'attrovià in guai ancon ciû seri"

SERAFIN   :- (con aria triste)"SCIA' L'E ARROINOU.."

SCIACCALÛGA:- (adirato)"Ma scià l'accianta lì de fa o beccamorto?" (a Lucrezia)"Aspëttavo de incascià pe' pagà 'na parte di nostri creditoì.."

SERAFIN   :- (interrompendo)"E i nostri stipendi.."

SCIACCALÛGA:- (proseguendo) ".. ma Scià sa comme van e cöse in commercio.. se no gh'è de fondi.."

SERAFIN   :- (tombale)"Se va a fondo!"

SCIACCALÛGA:- "M'aveivan promisso de proroghe.."

LUCREZIA  :- (professionale)"A questiòn a l'è a maexima.. " (accenna ai soldi)

SERAFIN   :- "..palanche.."

LUCREZIA  :- "I faeti, i faeti son quelli che contan. Purtroppo e intenzioìn.."

SERAFIN   :- (al principale)"Speremmo che scià no vadde in galéa"

SCIACCALÛGA:- (sbottando)"Ma scià l'accianta lì de famme de longo o beccamorto?" (a Lucrezia) "Scià me scûse.. ma Voscià, chi scià l'arrappresenta?"

LUCREZIA  :- "A o momento no ghe o posso ancon dì. Se Scià sa pensa de sarvà armeno o bon nomme da ditta saià o nostro Stûdio ch' o sûbentrià, ch' o provvedià a-e trattative con i creditoì e che o figûrià comme diretto interessòu"

SCIACCALÛGA:- "Ghe scommetto ch'a l'è quella abbiforcà da Segalerba"

SERAFIN   .- (tirando una frecciatina)"Della signora commendatore Segalerba"

SCIACCALÛGA:- (si alza nervoso)"Serafin..scià no me rompe l'anima perché o mando a vende frigoriferi in Alaska, cappìo?"

LUCREZIA  :- "Scià ghe pense ben.. Ma se scià no paga entro e scadenze prestabilìe, scià saià ciammòu da-o magistrato"

SCIACCALÛGA:- (guarda i fogli sul tavolo)"Tûtti questi milioni de debito?.. Me pä strano.. No me ne son mai accorto.. E dovve i treuvo.." (siede scoraggiato)

LUCREZIA  :- "Sono tutti documentati.. I vostri creditori si sono consorziati presso il nostro Studio e qui.." (mostra altro foglio)".. ci sono le loro richieste.. Vogliono i soldi altrimenti viene messa a rischio anche la loro attività e.. a quanto pare, anche il Comune avanza dei crediti.."

SCIACCALÛGA:- (si mette il viso tra le mani)

LUCREZIA  :-  "Non vedo in che modo ne potreste venir fuori senza troppi danni.. Rischiate la bancarotta fraudolenta.."

SERAFIN   :- "O drento o pagà.. a galéa a vitta.."

LUCREZIA  :- "Oa no esageremmo.. ma.. gh'è de l'ätro"

SCIACCALÛGA:-(affranto)"De l'ätro?.. Ma avvocato, se devo affondà scià me spare tûtta a bordà in te 'na votta"

LUCREZIA  :- "Il commendator Crisostoma Benedetta Segalerba è intenzionata a denun- ciarla per frode..pare che scià gh'agge arrembòu 'na partïa de caffè de dûb- bia provenienza e in ciû ch'a saveiva de maen.. stranscìo"

SERAFIN   :- (cerca di squagliarsela)"Oh, pövio de mì.."

SCIACCALÛGA:- (a Serafin, nervoso)"Con voscià ne parlemmo a parte de questa vendita che scià l'ha trattòu a mae nomme"

SERAFIN   :- (accennando alle manette)"Speremmo che scià segge a.. piede libero"

SCIACCALÛGA:- (si alza di scatto per andare da Serafin e viene bloccato da Lucrezia) "Ma mi ghe desvïo o collo.."

LUCREZIA  :- "Scià se calme, scià se calme.."

SCIACCALGA:- "Eh, scì.. scià se calme.. gh'è proppio da calmase con di elementi coscì" (a Lucrezia)"Ma a l'éa 'na partîa de caffè regolarmente vendûa e con tanto de fattûa"

LUCREZIA  :- "A l'éa 'na partîa sparîa misteriosamente da-o magazin do Canello" (guardando Serafin)"E inoltre c'è l'aggravio della fattura fasulla!"

SERAFIN   :- (si alza di scatto e si avvia all'uscita) "Vaddo a çercà o Paggeu"

SCIACCALÛGA:- "Eh, no!" (lo blocca indicandogli la sedia)"Scià sta chi e basta.. vorrià dïse che.." (mima le manette)"Scià me faià compagnia"

SERAFIN   :-  (cerca di difendersi)"Tûtte balle.. calûnnie.."

SCIACCALÛGA:- (adirato)"E quella a saieiva staeta l'operaziòn ch'a l'avieiva scistemmòu a cascia?.. Ma quae cascia, quella do Serafin!.. Un trûffatò, ecco cöse scià l'è.. Ah, ma a veitae a l'è comme l'euio e a ven a galla.. In GALEA..a famme compagnia!"

SERAFIN   :- (si siede sconfitto)"Ätro che Samarcanda.."

LUCREZIA  :- (invitandolo alla calma) "Sciò Sciaccalûga..malgraddo che a situaziòn a no segge rosea.. quello, o quelli che rileviàn o tûtto, han sempre stimma de voscià e pe' questo ghe convegne accettà l'operaziòn che sta cûrando o mae Stûdio.. Eviterà la bancarotta, salverà il suo buon nome e il cambio della ragione sociale potrà sempre apparire come una normale contrattazione.. e nessuno ne saprà nulla.. se nisciûn parla.." (guarda Serafin)

SCIACCALÛGA:- "Se o Serafin o l'arve a bocca, gh'arranco quelli quattro péi co l'ha in testa"

SERAFIN   :- "Tranquillo, no parlo.." (untuoso e lanciando un piccolo ricatto) "Ma.. 'na man lava l'ätra e.. nevvea.. spero che me tegniàn a travaggià.. anche mi devo campà e.. ä mae etae.. trovà 'n'ätro travaggio..."

SCIACCALÛGA:- (sarcastico)"Ma no gh'è a Stoccafiscio e Affini?"

LUCREZIA  :- (a Serafin)"Veddiò cösse porriò fa"(a Sciaccalûga)"Scià me dagghe 'na rispo- sta o ciû fïto poscibile.. ma ghe conseggio de accettà a proposta che gh'ho faeto.. Potremo tacitare i creditori e salvare il salvabile e quando il nostro cliente lo riterrà opportuno, prenderà possesso direttamente della ditta"

SERAFIN   :- "Alloa.. o l'è 'nommo"

LUCREZIA  :- "Non l'è dïto.." (apre l'uscio)"Arrivederci" (esce)

SCIACCALÛGA e SERAFIN:- "Arrivederci"

SCENA V

(Sciaccalûga – Serafin - Ester)

SIACCALÛGA:- (guardando le carte sul tavolo) "Cëde tûtto..? Mah..! Chissà se se porrià travaggià con i neuvi proprietäi.."

ESTER       :- (entra)"L'è permisso?..Oh, Scià scûse sciò Sciaccalûga.. no credeivo che.."

SCIACCALÛGA:- "Scià vegne dentro.. Comme mai chi?" (amareggiato)"Scià l'è vegnûa a vedde a nave colà a picco?"

ESTER       :- (imbarazzata) "Passavo de chì e coscì ho pensòu de intrà.."

SERAFIN   :- (forzandola)".. a salûà i seu ex colleghi.."

SCIACCALÛGA:- "Scià l'è staeta fûrba a mollà l'ormezzo primma do naufraggio.."

ESTER       :- "Gh'è quarcösa che no va?"

SERAFIN   :- (porgendole una sedia)"Prego"

ESTER       :- (sedendo)"Grazie"

SCIACCALÛGA:- "Quarcösa?.. Semmo arroinae"

ESTER       :- (dispiaciuta)"Scià no digghe coscì.. peu däse che vadde tûtto a posto"

SERAFIN   :- (fa un gesto eloquente a significare che sarà difficile che vada tutto a posto)

SCICCALÛGA:- "I miäcoi se faxeivan 'na votta.. Oua anche i Santi se son stûffae e han serròu bûttega.." (triste) "Se vedde che semmo riûscìi a fa angoscia anche a loiätri"

ESTER       :- "Son proppio mortificà.. Forse.. scià no gh'aveiva e personn-e giûste" (guarda Serafin)

SERAFIN   :- (sentendosi offeso)"E comme saieiva a dì?"

SCIACCALÛGA:- (interessato)"Scià se spieghe"

ESTER       :- "Ma mi l'è zà 'n po' che son feua de chi.. però penso che scià l'agge.. scià me perdonn-e.. mollòu 'n po' o scagno.. magara pe' gödisse a vitta.."

SERAFIN   :- (sentendosi coinvolto)"Mi ho sempre faeto quello che o prinçipà o l'ha comandòu e o sciò Sciaccalûga, o no l'ha ninte da doïse in ti mae riguardi"

SCICCALÛGA:- (alla donna, ignorando Serafin)"Scià continue"

ESTER       :- "L'euggio do padròn o l'ingrascia o cavallo.. Bezeugna seguì de personn-a e gare d'appalto, no fäse dì comme a l'e andaeta pe' ësse libero de fa o ganimede" (cercando di correggersi)"Oh, scià me scûse, no doveivo.."

SERAFIN   :- (adirato)"Ma brava.. Brava Ester.. ma che collega che scia l'è.."

ESTER       :- "Ghe domando scûsa Sciò Sciaccalûga do mae ardì ma, sinceramente, me despiaxe.." (si alza)"Se poësse fa quarcösa, ben voentéa"

SERAFIN   :- "Ciû de coscì.."

SCIACCALÛGA:- (incalzandola)"Se scià sa quarcösa scià parle.. scià fasse di nommi"

SERAFIN     :-(timoroso)"Ma cöse scià veu ca sacce..a no l'è mïga ciû chi in scagno"

SCIACCALÛGA:- "E chi l'ha interpellòu.. Scià no gh'ha ninte da fa?"

SERAFIN   :- "Dovieiva andà a vedde se o Paggeu o l'ha faeto tûtto o necessäio ä Tirrenia"

SCIACCALÛGA:- "E alloa scià vadde.."

SERAFIN   :- "Voeivo andaghe anche quande gh'ea quella donna.. ma scià m'ha dïto de restà"

SCIACCALÛGA:- "E oua ghe diggo de andà.. Anche se e cöse van abbrettio, no se deve aggraväle"

SERAFIN   :- (indeciso)"Vaddo, vaddo.. Scià Ester.. m'arraccomando"(indicando se stesso)"Scià pense ai colleghi primma de parlà.."

SCIACCALÛGA:- "Ma insomma.. ghe veu a mancinn-a pe arrancälo de chi?"

SERAFIN   :- "Vaddo.." (esce)

SCIACCALÛGA:- "Alloa, scià Ester.. feua i nommi.. i faeti sorviatûtto.. Son quelli che me interessan se veuggio çercà de sarvà quarcösa.. se ancon se peu"

ESTER       :- "Ma veramente, faeti.. no saviae.. solo parolle pe' sentìo dì"

SCIACCALÛGA:- "Scià l'avià ben sentîo quarcösa pe' immaginà che quarchedûn m'ha faeto o sgambetto"

ESTER       :- (imbarazzata) "Ma mi.. no so.. pare che o mae Baccan o savesse quarcösa.."

SCIACCALÛGA:- "O l'è o Paggeu?.. Zà o l'è sempre in gïo e con quella faccia da beccamorto no se sa mai.." (pausa)"..a Luiginn-a a l'è troppo imbranà pe' çercà de fämme e scarpe e poi gh'è o Serafin.. Ma quello o l'è troppo abellin.. troppo puiüso de perde o posto e o graddo.. ghe pä d'ëse importante.. No, no.. de chi no l'è nisciûn.. Scià me digghe voscià"

SCENA VII

(Sciaccalûga - Ester - Segalerba)

SEGALERBA:- (donna di una certa età, entra come una catapulta e va ad affrontare Sciaccalûga) "Giûsto ti!..Bell'amigo.. çercà de imbroggiäme a mi.. a teu amiga Benéita!"

ESTER       :- (si alza timorosa e si discosta)

SCIACCALÛGA:- "Ma Benéita.. no son moddi da scignoa questi!"

SEGALERBA:- (sempre adirata) "Che moddo semmai òu diggo mi e no ti, cäo o mae aspirante a Marasci"

SCIACCALÛGA:-(si alza)"Ma stanni calma..mi no saveivo ninte.. son staeto imbroggiòu mi ascì"

SEGALERBA:- (severa)"La signora Crisostoma Benedetta Segalerba a no te a perdonnià mai, e l'è inûtile che ti digghi che no l'è corpa teu, perché o comandante do vapore o l'è sempre responsabile do seu equipaggio.. e se l'equipaggio o no va ben, no se navega perché se picca de chiggia e se va a fondo.. E MI A FONDO TE MANDO.. te faiòu mangià a bratta.. Gh'ho misso 'na vitta come donna, a famme stradda in te questo mesté da ommi; t'hae arroinòu a mae repûtaziòn con i mae clienti, e mi no veuggio perde a stimma de tanti anni de travaggio..Mi te denunzio, t'arrovinn-o, in miande te lascio…TE MANGIO TÛTTO!"

SCIACCALÛGA:- (crolla abbattuto sulla sedia col viso tra le mani)

ESTER       :- (cerca di rabbonire Segalerba)"Scià Segalerba, scià no segge coscì severa"

SEGALERBA:- "E voscià cöse scià ghe fa chi?.. Scià tegne o pè in due scarpe..? Scià no l'è ciû con o Bevilaegua, da Stoccafisso & Affini?"

ESTER       :- "Ghe son sempre, ma questo trattamento o no me pä giûsto"

SEGALERBA :-"Quande scià ghe rimettià di milioni e scià perdià a faccia con i clien- ti, scià porrià parlà.. Ma fin che e palanche ghe e rimettian i ätri l'è bello fa i generosi"

SCIACCALÛGA:- (avvilito) "T'hae raxòn.. Me son fiòu de chi no doveivo.. ma no so ancòn de chi"

SEGALERBA:- (se ne dispiace a vedere l'amico così abbattuto)"Me despiaxe.. ma in to nostro mesté no l'è ammisso fa de queste scemmàie. Chi sbaglia paga"

SCENA VIII

(Sciaccalûga - Ester - Segalerba - Serafin)

SERAFIN   :- (apre l'uscio ma appena vede Segalerba cerca di fare dientro-front)

SEGALERBA:- (a Sciaccalûga)"Scià vegne pûre drento bello generìn" (a Sciaccalûga)"Bezeugna levà a gramigna ch'a cresce in to proprio pròu.. No nego che me segge servîo quarche votta de lé.."(indica Serafin)

SERAFIN   :- (cerca di difendersi)"Ma veramente.."

SEGALERBA:- "..ma no pensavo co spûesse in to piäto dovve o mangiava"

SCIACCALÛGA:- "O Serafin?.. E mi che l'aveivo faeto o mae ommo de fidûccia!"

SEGALERBA :- (a Serafin)"Cöse credeivi.. che o Prüxa o vendesse bambocce?"

ESTER       :- (cerca di rappacificare)"Ma.'na sola operaziòn sbaglià a no peu caccià a bagno 'na ditta comme questa.."

SEGALERBA:- "No sta a mi giûdicà.. Peu anche däse che ghe fissan ätre operazioìn.. dirottae!" (a Sciaccaluga)"Me despiaxe ma.ho puìa che ti passiae o resto da teu vitta a vedde o so a quadretti" (gira e tacchi ed esce rapidamente)

SCIACCALÛGA:- (sconfortato)"Eh.. l'è proppio véa che chi accatta o lardo dai gatti e a faenn-a da-o spezià, presto s'attreuva in bolletta e ghe tocca dimandà"

ESTER       :- (si accomiata)"Vaddo mi ascì" (dà la mano al suo ex principale) "Scià se fasse coraggio.. vorriae ësighe ûtile ma.. no saviae comme.."

SCIACCALÛGA:- "Gh'orrieiva 'n miracolo.. Comunque, grazie d'ësse vegnûa.."

SERAFIN   :- (l'accompagna alla porta. Chiusa la stessa guarda il principale e commenta) "Me sa tanto che ne tocchià imparà a vivve comme o Paggeu"

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

FINE DEL SECONDO ATTO

                                

ATTO TERZO

(Stessa scena del primo atto)

SCENA I

(Serafin -Luginn-a)

LUIGINN-A :- (sta battendo a macchina)

SERAFIN   :- (seduto alla sua scrivania)"Luiginn-a, scià gh'ha pensòu ä mae proposta?"

LUIGINN-A :- "Quale?"(continua a lavorare)

SERAFIN   :- (impermalito)"Comme quale? Gh'ho domandòu se Scià veu.. sposäme"

LUIGINN-A :- (non considerandolo)"E figûremmose"

SERAFIN   :- "Ma se aspëttemmo troppo no porriemo mette sciû.. 'na nià de baragilli"

LUIGINN-A :- (ironica)"Scì.. 'na nià de Serafini.. ma scià no gh'ha ätro da pensà? E poi ghe l'ho dïto cöse veuggio mi.. ûnn' ommo ch'o gh'agge 'n bon stipendio e che o me fasse.."

SERAFIN   :- "..viagià .. e mou bellero.. me andaeto mâ 'n'affare se no a quest'òa.."

LUGINN-A :- (interrompendo)".. Scià saieiva a Marasci da armeno trei meixi.."

                             (suona il cicalino dall'ufficio del principale, oppure chiama Luiginn-a)

SERAFIN   :- "Ä ciamma a dottoressa"

LUIGINN-A :- (si alza e prende il foglio dattiloscritto) "A vorrià a lettera" (bussa ed entra)

SERAFIN   :- (si avvicina cautamente all'uscio di detta porta, cerca di origliare)

LUIGINN-A :-   (esce e scontra Serafin)

SERAFIN   :- (si scosta comicamente)"Ahia"

LUIGINN-A :- "Scià stava in agguato?"

SERAFIN   :- "..çercavo de sentì se se saveiva chi l'è o neuvo padròn do vapore.. Chi l'è tûtto 'n mistero"

LUIGINN-A :- (siede al proprio posto)"L'importante l'è che ne pagan e poi.. chi l'è, l'è"

SERAFIN   :- "Cöse a voeiva?"

LUIGINN-A :- "A lettera, e poi a m'ha domandòu se o Paggeu o l'è ritornòu dä clinica dovve gh'è ricoveròu o Sciò Sciaccalûga"

SERAFIN   :- (sedendo al proprio posto)"Segûo ch'o l'ha piggiòu 'na brûtta batosta.."

LUGINN-A :- "Tanto da fässe vegnì 'n'esaurimento nervoso"

SCENA II

(Luiginn-a - Serafin - Paggeu - Prüxa)

PAGGEU    :- (entra dall'esterno con la sua solita camminata)

LUIGINN-A :- "A l'ha çercòu a dottoressa proppio òua"

PAGGEU    :- (si avvicina all'ufficio)"Vaddo" (bussa ed esce di scena)

SERAFIN   :- (che lo seguiva con lo sguardo) "Se fïsse mi o neuvo prinçipà me levieiva sûbito quell'elemento coscì indecoroso.."

LUIGINN-A :- "E invece pare ch'a tegne in conscideraziòn i seu sûggerimenti "

SERAFIN   :- "Ma cöse scià veu ch'o sûggerisce.. foscia comme risparmià in sce-o mangià andando a vedde i ätri a-o ristorante"

PAGGEU    ::- (rientra in scena e prima di chiudere la porta) "Sarà fatto senz'altro dottoressa" (va al proprio posto)

SERAFIN   :- (che moriva dalla voglia di sapere)"E alloa?"

PAGGEU    :- "Alloa, cöse?"

SERAFIN   :- "Cösse a voeiva?"

PAGGEU    :- "Perché Scià no va a domandaghelo?"

SERAFIN   :- "Paggeu.. poei ësse contento che no v'han cacciòu.. e tûtto perché gh'ho misso 'na bonn-a parolla mì"

PAGGEU    :- "Davvei?.. Tranquillo, a m'ha domandòu se voemmo fa 'na colletta pe' o Sciò Sciaccalûga"

LUIGINN-A :- (ironica)"E proppio a-o Paggeu 'na domanda scimile"

SERAFIN   :- (salace)"L'è comme domandaghe o sangue"

PAGGEU    :- "No gh'è obbligo.. ognidûn o l'è libero de fa comm' o veu"

LUIGINN-A :- "Semmo zà comme a l'andià a finì.. ghe mettian sempre i maeximi"

SERAFIN   - (sornione)"Paggeu.. quante Scià gh'ha misso?"

PAGGEU    :- "Gh'ho dïto che a mae quota ghe l'avieiva missa o Serafin"

SERAFIN   :- (si alza e si avvia alla porta del principale)"E se l'è vea ghe fasso fa a figûa do cioccolattè"

PAGGEU    :- "Andae e no perdei do tempo"

SERAFIN   :- "Ehi, diggo!.. Pöca caladda che fin'òua son ancon mi o cappo do personale .. e ghe staiò ancon pe' n po'"

PAGGEU    :-"Ûn po' de personale: trei impieghae, ûn magazziné e 'na donna de pulizie"

SERAFIN   :- "Mi conoscio o neuvo padròn e voscià.. scià l'arrestià sempre 'n bezûgo"(bussa alla porta del principale ed esce di scena con Luiginn-a)

PAGGEU    :- (appena usciti i due, si alza e va alla scrivania di Serafin, apre il cassetto, guarda alcuni fogli e prende appunti, tenendo d'occhio la situazione. Quando sente che Serafin sta salutando, richiude rapidamente il cassetto a va alla propria scrivania)

SERAFIN   :- (rientra solo)"Ecco faeto" (a Paggeu, con ironia)"No ho visto o so nomme in ta notta"

PAGGEU    :- "Ma ghe l'ho dïto.. scià saià Voscià a fornïme e palanche pe' o Sciò Sciaccalûga" (si alza e si avvia l'uscita)"Devo andà a ciammà a Marta"

SERAFIN   :- "E perché deve vegnì a donna de pulizie feua orario?"

PAGGEU    :- "E mi che ne so.. se vedde che vegnà o neuvo padròn" (esce)

SERAFIN   :- "O pä lè o neuvo padròn.. ma ghe a levo mi a püa"(va ad origliare alla porta del principale. Si apre la porta esterna ed entra Prüxa)

PRÜXA      :- (si guarda attorno e poi va di filato da Serafin il quale se ne avvede e arretra spaventato verso la scrivania

PRÜXA      :- "Veddo che sei ben contento de veddime"

SERAFIN   :- (che cerca di tenerlo al di là della scrivania e si sposta ad ogni suo movimento) "E da cö-cöse l'éi accapìo..? No ve basta quello che v'ho zà daeto?"

PRÜXA      :- (si rimbocca minaccioso le maniche) "Voei piggiäme in gïo?" (lo rincorre ostaco-lato dalla scrivania e dai movimenti di Serafin)

SERAFIN   :- "Ma mi palanche no n'ho.. v'ho daeto tûtto quello ch'aveivo"

PRÜXA      :- "Ve fasso firmà tante de quelle cambiali da fäve vegnì 'na paresi a 'na man" (cerca di agguantare Serafin il quale si sposta comme fa il gatto col topo) "O scrollo comme 'n'ërbo de nèspoe.."

SERAFIN   :- (guadagna l'uscita rincorso da Prüxa che lascia la porta aperta)

PRÜXA      :- (da fuori)"Se v'acciappo ghe sciortan di berödi.." (la voce si allontana)

SCENA III

(Pesce - Luiginn-a)

PESCE         :- (entra, si guarda attorno e non vede nessuno e riferendosi ai due che sono usciti)"Han cuae de demoäse..Stavotta che voeivo seunnà o campanin attreuvo aporta averta.. Gh'è nisciûn?"

LUIGINN-A :- (rientra)"Ah, sciò Pesce, ma.." (si guarda attorno)"Scià l'éa voscià primma che scià faxeiva tûtto quello bordello?"

PESCE         :-"Son appenn-a introu.. gh'éa a porta averta"

LUIGINN-A :- "E o Serafin dovv'o lè?"

PESCE         :- "E mi che ne so?.. Alloa.. sei sola" (si avvicina intenzionato)/

LUIGINN-A :- (prende posto alla macchina da scrivere) "Gh'è de là a dottoressa ca sta telefonando"

PESCE         :- "Luiginn-a, posso accompagnala a casa quande a smonta de servissio?"

LUIGINN-A :- "Quande smonto? No son miga de guardia comme voiätri.. Me pä d'ëse a bella de Torriggia!

PESCE         :- (con enfasi)"Ma scià l'è ciù che a bella de Torriggia.. Scià l'è a bella da Darsena"(baciamano) "Scià l'è in to mae cheu"

LUIGINN-A :- (ritira la mano)"Ammiae Pesce che mi gh'ho ätre idee"

PESCE         :-(con aria di chi ha tramato)"A gh'è piaxûa a serenata sotto a-o barcon l'ätra séia?"

LUIGINN-A :- "E voscià comme Scià fa a saveilo.. tra l'ätro a no l'éa segûo pe' mi ma.. pe' quella mangiaommi da scià Rosamaria" (con cattiveria)"Chi troppo e chi ninte"

PESCE         :- "Eo mi che ghe a dedicavo"

LUIGINN-A :- " Ma se Scià l'è stonòu"

PESCE         :- "Beh.. l'éa 'n mae amigo ch'o canta ben.. ma éa mi che ghe a dedicavo.. Scià me piaxe e mi.. son ûn'ommo solo.."

LUIGINN-A :- (mette un foglio in macchina)"E se scià l'è solo cöse gh'intro mi?"

PESCE         :- "Gh'è l'ho dïto.. Scià me piaxe ma.. a gh'ha sempre quelle idée in testa ..quelle de voei fa a gran scignoa?"

LUIGINN-A :-  (scrivendo a macchina) "Sempre da stessa idea"

PESCE:        - "Ma con i nostri duì stipendi quarcösa se peu fa"

LUIGINN-A :- "Ah, ma allora la sistemazione la cercherebbe lei!" (commentando fra sé) "T'hae accappìo o Pesce?.. Ma non l'ha ancora capito che IO voglio fare la signora e invece di fare un mese di ferie all'anno voglio fare un mese di lavoro e undici mesi di ferie!"

PESCE         :- "Che razza de idée.. "

LUIGINN-A :- "Guardi che io devo lavorare.. òua chi no se scherza ciû.. E comme mai Scià l'è chi?.. Non mi dirà mica che è venuto per farmi le solite proposte"

PESCE         :- (apre cartella documenti) "Son vegnûo anche pe' questo"(mostra carte) "Ghe son de tasce arretrae da pagà e da dà a-o Sciò Sciaccalûga. In Comune no risûlta ancon o trapasso de consegne ai neuvi proprietäi, e coscì consegno a Voscià L'importante che quarchedûn päghe. Ghe da mette 'na firma chì"

LUIGINN-A :- "I porto de de là" (si alza)

PESCE         :- (ne approfitta e tenta di abbracciarla. Luiginn-a lo respinge ma non prima che se ne avveda Paggeu che rientra dall'esterno)

SCENA IV

(Luiginn-a - Pesce - Paggeu)

PAGGEU     :- "Bene Sciò Pesce.. siamo all'attacco della roccaforte, eh?"

PESCE         :- (preso in flagrante cerca di darsi un contegno)

LUIGINN-A :- (lascia rapidamente la scena per andare dal principale)

PESCE         :- (imbarazzato)"Stavo.. consegnando delle cartelle da pagare alla signorina"

PAGGEU     :- (ironico)"Ma bravo il nostro Vigile Urbano che consegne le cartelle.."

PESCE         :- " Ma cösse andae a pensà.."

PAGGEU     :- "Che Scià l'ha 'n strano moddo de fa e consegne"

PESCE         :- (riprendendo contegno) "L'apparenza inganna..voi volete vedere solamente quello che INTENDETE vedere"

PAGGEU     :- "E no caro Pescio-spada, egregio signor vigile.. ho visto quello che NON intendevo vedere"

PESCE         :- "Cösse gh'è de strano. In fondo lé a l'è scignorinn-a e mì.."

PAGGEU     :- "..è ancora signorino"

PESCE         :- "Appunto.. Scià me stagghe ben.." (esce)

PAGGEU     :- "Veddiòu de sta ben" (pensando)"Ma ammia 'n po' 'sta Luiginn-a"

 

SCENA V

(Luiginn-a - Paggeu - Serafin - Marta)

SERAFIN     :- (entra in scena spaurito. Ha un occhio nero ed un braccio al collo. Zoppica leggermente. Seguito dallo sguardo indagatore di Paggeu, va lentamente alla propria scriviania)

PAGGEU     :- (salace)"E CHI L'HA INVESTÏO?.. 'na macchina sciaccaprîe?"

SERAFIN     :- (sedendo con sofferenza e cercando una scusa)"Son.. son cheito dä banchinn-a in sciè 'na ciatta..Ahia!"

PAGGEU     :- (intuisce e punta il dito esclamando)"O PRÜXA!"

SERAFIN     :- (adirato)"Scià no nomine ciû quell'avanzo de galéa" (fa un movimento brusco) "Ah"

LUIGINN-A :- (rientra dalla sinistra e vede Serafin)"Mah.. CHI L'HA INVESTÏO?"

SERAFIN     :- (nervoso)"Ma devan proppio aveime investìo?"

PAGGEU     :- (ironico)"O l'è scûggiòu.."

MARTA       :- (donna delle pulizie, entra dall'esterno con un secchio o pattumiera, uno straccio ed una scopa. Sulla quarantina, fazzoletto in testa, osserva tutti) "Ehilà, brava gente.. sei ancòn tûtti chi?"

LUIGINN-A :- "Salve Marta.. Comme mai zà chi a fa pulizie?"

MARTA       :- (sistemando le proprie cose) "L'è vegnûo o Sciò Paggeu e ciammäme.. Ordini, ho m'ha dïto, ordini di fare pulizie straordinarie"(pausa)"Ma comme mai no sei sciortîi?.. De solito a quest'òa ve a sei daeti tûtti a gambe"

SERAFIN     :-  "Ma comme ve permettei?.. Se ghe semmo veu dì ch'emmo da fa"

MARTA       :- (notando il suo stato)"Oh..ma cöse Scià l'ha combinòu?.Scià L'E' STAETO INVESTÏO?"

PAGGEU     :- "O l'è ingambòu.. in te 'n ronsòn"

SERAFIN     :- (che stava andando su tutte le furie) "No l'è o cäxo de dà de spiegazioìn a.. 'na donna de pulizie"

MARTA       :- (fa spallucce ed inizia a passare lo straccio sui mobili) "Ha parlòu o padròn"

LUIGINN-A : "Ma a Marta l'è tanti anni ch'a l'è con noiätri.. oramai a l'è 'n'istitûziòn"

PAGGEU     :- "L'è véa"

SERAFIN     :- (con autoritarismo, a Marta)"Donna! Pulì comme se deve e stae sitta"

MARTA       :- (sospendendo un attimo di passare lo straccio, con ironia)"Ha riparlòu o padron!"

PAGGEU     :- (a Marta)"Commença püre da mi, tanto devo sciortì"

SERAFIN     :- (indispettito)"E dovve scià va, se l'è lecito?"

PAGGEU     :- (con sfottò, incamminandosi come al suo solito verso la porta del principale) "Ou Scià sentià" (apre l'uscio e sulla soglia)"Dottoressa, mi andieva a.. svilûppà quella operaziòn.. Ne approfittieiva intanto che a Marta a dà 'na nettezzà.. coscì recûpero 'n po' de tempo" (guarda Serafin)"Ah, gh'è o Sciò Serafin ch'o vorrieiva intrà pe'.. quella sottoscriziòn"

SERAFIN     :- (si alza di scatto, ma è indolenzito)"Ahia!" (accenna che gliela pagherà)

SCENA VI

(Serafin - Paggeu - Luiginn-a - Marta - Lucrezia)

LUCREZIA  :- (da fuori scena)"Ch'o l'intre pûre..Scià me riferisce doppo o seu operato"

PAGGEU     :- (con un inchino)"Comme scià dexidera" (si avvia alla propria scrivania)

SERAFIN     :- (spazientito)"Ma insomma.. se peu savei cös'a l'è questa <operaziòn>?" (cammina zoppicando leggermente)"Poscibile che scià fasse quello che scià veu e che mi no ne sacce ninte?"

LUCREZIA  :- (entra e si avvicina alla dattilografa)"Scignorinn-a, scià me batte questa lettera, pe' piaxei"

LUIGINN-A :- "Sûbito" (procede)

SERAFIN     :- (in piedi, accanto alla scrivania)"Dottoressa, scià me scûse, ma.."

LUCREZIA  :- (alza il capo e vede Serafin)"Ma.. E' STATO INVESTITO?"

SERAFIN     :- (sbottando)"No, non sono stato investito.. tûtti a stessa domanda.."

PAGGEU     :- "E' caduto.. malamente.. drento a 'na ciàtta"

SERAFIN     :- (cercando di mantenere una certa calma)"Volevo chiederle.. con tûtto o rispetto dovûo s'intende.. d'ësse misso a-o corrente di movimenti do nostro fattûrìn.. de questa OPERAZION.. doppo tûtto son sempre l'ommo de fidûccia da ditta.."

LUCREZIA  :- (gelida)"Ah, scì? E alloa?"

SERAFIN     :- "Comme alloa.. Son sempre mi o cappo uffizio e no l'è giûsto che ûn.."

LUCREZIA  :-(c.s.)"So mi quello che l'è giûsto, signor Bottaro.. Io eseguo degli ordini ed il signor Pagliolo esegue i miei.. quindi.. scià fasse o travaggio che giorno pe' giorno ghe daggo... finchè mi è consentito di non ridurre il personale!"

SERAFIN     :- (che c'è rimasto male)"Ridurre il personale?.. Ma se semmo in trei gatti"

PAGGEU     :- "Quattro con o magazziné.. ciû a Marta.. Ghe l'aveivo zà dïto"

SERAFIN     :- (cade a sedere avvilito)"Doppo tûtto quello ch'ho faeto.."

PAGGEU     :- (accennando.. alle botte)"E riçevûo"

SERAFIN     :- (a Paggeu, adirato)"Con Voscià a no finisce chi"

LUCREZIA  :- "Voei calmave tûtti duì o voei zà alleggerì o personale?"

PAGGEU     :- (a Lucrezia)"Alloa, mi vaddo" (escxe)

LUCREZIA  :- "Scià se sbrighe" (a Marta) "Scià Pagàn.. Scià vegne pûre a fa pulizie de là da mi intanto che sciorto a fa 'na comisciòn" (osservando Luiginn-a e Serafin che stanno a guardare)"E ben?.. No se travaggia ciû?"

MARTA       :- (nel frattempo si era avviata, uscendo con l'occorrente, nell'ufficio del principale)

SERAFIN e LUIGINN-A: - (si mettono subito al lavoro)      

SERAFIN     :- (non si dà per vinto e a Lucrezia)"Appenn-a arrivià o neuvo prinçipà ghe domandiòu soddisfaziòn pe' questo trattamento. Lé o no me conosce ma o se rendià sûbito conto che se a ditta a veu andà avanti, mì son ûn collaboratò indispensabile"

LUCREZIA  :- (sull'uscio per uscire)"E comme mai cö Sciò Sciaccalûga Scià no l'ha faeta andà avanti a ditta?" (pausa)"Comunque scià stagghe tranquillo.. chi sûbentra conosce ben o Sciò Serafino Bottaro.. e scià porrià digghe quello che scià veu" (apre la porta e sulla soglia incontra Silvia del bar,che sta entrando con un vassoio e tre caffè) "Veddo che fae a sosta anche pe' o caffè! Doppo parliemo anche de questo" (esce)

                      

SCENA VII

(Serafin - Luiginn-a – Marta - Silvia)

SILVIA         :- (salace) "E cöse l'ha punzeggià.. 'na scorpena?.." (agli impiegati) "Bella gente, chì ghe son trei caffè"

SERAFIN     :- "Ätri caffè? Noiätri no l'emmo ordinae"

SILVIA         :- (avvedendosi dello stato di Serafin)"Ohh.. e cöse gh'è accapitòu?.. Scià l'è stato investio?"

SERAFIN     :- (sbotta e con la mano aperta) "E çinque! L'è za a quinta personn-a ch'a me fa a maexima domanda.. Oua basta!..Ritornemmo ai caffè..Chi l'ha ordinae? De segûo non o Paggeu"

SILVIA         :- "Segreto!"

LUIGINN-A :- "Chi l'è l'è. Basta che quarchedûn l'agge pagae. Bevemmo pimma ch'o se raffreide"

SILVIA         :- (serve Luiginn-a, Serafin e guarda la terza tazza) "Quella.. a l'avanza?"

MARTA       :- (rientra) "Che bon ödò de caffè"

LUIGINN-A :- "Ghe n'avanza ûn"

MARTA       :- "Peccòu che a mì o me fa mâ.. O l'è pagòu?"

SILVIA         :- "Scì"

MARTA       :- "Alloa o piggio.. pe' 'na votta..Posso"

SILVIA         :- "E me pàiva strano ch'o l'avanzesse.. Scià l'è paegia do Paggêu"

SERAFIN     :-  (dopoaver messo lo zucchero nella tazzinache rimescola) "Alloa, chi l'ha pagae?"

SILVIA         :- "Ho dïto ch'o l'è 'n segreto e no posso dì che l'ha offerti.. O PRÛXA!"

SERAFIN     :- (che stava sorseggiando spruzza per tera il caffè e tossisce)

SILVIA         :- "Che peccòu.. straggià cosci 'n bon caffè.."

LUIGINN-A :- "E comme mai quell'individuo o l'ha offerto i caffè?"

SILVIA         :- (raccoglie intanto le taze e si avvia alla porta) "O l'ha dïto ch'o l'ha faeto 'n bon affare con 'napersonn-a e che tûtto l'è andato ben.. Ah.. Sciò Serafin, o m'ha anche dïto, primma de imbarcäse, de fagghe tanti augûri e chese scià l'avesse bezeugno de lé.. basta parläne cono Scio Paggêu"

SERAFIN     :- (inviperito) "Feua de chì.. scierboa!"

SILVIa          :- (uscendo) "Che villan!"

SCENA VII

(Serafin – Luiginn-a – Marta)

MARTA       :- (rientra)"Posso pulire anche qui, signorina Luigina?"

LUIGINN-A :- "Oa che ch'a l'è andaeta a pulì de là.. a parla in lingua?"

MARTA       :- (passa lo strofinaccio sul tavolino)"Mi parlo e penso comme me pä tra 'na strassonà e l'ätra" (con sottile ironia) "Sei voiätri che no so comme parliei.. doppo i cangiamenti in vista.."

SERAFIN     :- "Ammiae, Marta.. che ve mando a frettà da 'n'ätra parte sei?"

LUIGINN-A :- (toglie il foglio dalla macchina da scrivere e va nell'ufficio del principale)

SERAFIN     :- (critico)"Da 'n po' de tempo a 'sta parte, tûtti se permettan de parlà a stramesci.. Ah, ma.. a cangià, e comme a cangià"

MARTA       :- (sorniona) "Dipende pe' chi a cangià"(con noncuranza)"Peu anche dässe che mi conosce o neuvo prinçipà.. o padron do vapore.."

SERAFIN     :- (si avvicina interessato e, sottovoce)"O conoscei?.. E chi o l'è?"

MARTA       :- (pulendo con energia)"No son miga tegnûa a dighelo"

SERAFIN     :- (tenendo d'occhio la porta del principale)"Ve daggo quarcösa.." (mette mano al portafoglio)

MARTA       :- (che sembra offendersi) "Pe cöse m'éi piggiòu? Mi quelle cöse no e fasso"

SERAFIN     :- (sconfortato)"Alloa.. ninte.." (ripone il portafoglio)

MARTA       :- (decisa)"Quante me dae?"

SERAFIN     :- (riprende il portafoglioe dei soldi)"Son miscio comme 'n despiòu .. m'han scamixòu.. rapinòu.. oltre a.. ëssime ammaccòu ma.. gh'ho ancon questi.. ve bastan?"

MARTA       :- (osserva)"Scià l'è pëzo do Paggeu"

SERAFIN     :- "Pe' oua piggiae questi e poi.. doman.. ve ne daiòu di ätri"

MARTA       :- (prende decisa i soldi e li mette in seno) "E mi..ve diggo tûtto doman!"

SERAFIN     :-"Gh'avieiva daeto de ciû ma se scià savesse quante cambiali m'han faeto firmà.. me s'è finn-a aggruppòu a man.."(sospira)"E comme se no bastesse.. zû botte.."

MARTA       :- "Credeivo che scià fïsse scûggiòu" (apre l'uscio esterno) "Pe' òua scià dorme tranquillo che.. domani si apre una nuova stagione!" (esce)

SERAFIN     :-  "Quella a sta sentì tûtto e a l'è bonn-a de saveine ciû che mi" (pensieroso, come colto da un sospetto)"Ghe scommetto ch'a l'è a Scià Segalerba.. O ô Prüxa? No, o Prüxa no peu ëse, o no l'ha a fedinn-a pulita.."

LUIGINN-A :- (rientra con un foglio in mano) "L'è òa de sciortì"

SERAFIN     :- "Luiginn-a..doman saviò o nomme misterioso" (si avvicina e le prende una mano)"Se me mandan via.. scià vegne con mi?"

LUIGINN-A :- "Ma Voscià scia l'è bello matto.. No son ciû de primmo péi e trovà 'n'ätro posto no l'è guaei façile pe' mi"

 SERAFIN    :- (insistendo)"Luiginn-a.. perché no se mettemmo insemme?"

LUIGINN-A :- "E dovve?.. Mettemmo ûn banco in sciò mercòu?"

SERAFIN     :- "Ma no.. insemme in ta vitta e poi.. cö tempo.. porriemo anche fa quarche viägio"

LUIGINN-A :- "Scì.. De Ferrari - Staggén" (pausa)"A propoxito de viägi.. in sce-a tòa da dottoressa gh'éa questo biggetto pe' Voscià"

SERAFIN     :- (prende il foglietto)"Pe' mi?" (legge)

LUIGINN-A :- (che seguiva la lettura, legge)"Prenotare due biglietti aerei per.."

LUIGINN-A e SERAFIN:- "SAMARCANDA?!"

LUIGINN-A :- "Se vedde che lé a-o sa dovve o l'è 'sto Pàise"

SERAFIN     :- (sbottando)"Anche e idee m'arröban" (volta il foglio)"Gh'è scrïto anche derré. Prenotare posto in albergo tramite Agenzia Viaggi della CIT.." (alla donna)"Ma bezeurrià dagghe anche i nommi... e chi no ghe son.."

LUIGINN-A :- (prende l'elenco telefonico e cerca il numero) "Ecco chi, l'è mëgio informäse sûbito"

SERAFIN     :- (sconsolato, compone il numero) "Pronto?.. Qui la ditta Sciaccalûga & C" (pausa d'ascolto) "Grazie ma no son raffreido. E "C" sta per Compagnia. Parlo con la CIT?.. Vorrei prenotare due posti in aereo per.." (guarda Luginn-a e poi, mestamente) "SAMARCANDA" (pausa e un sospirone)"No.. no l'è pe' mi.."

    (FINE DEL PRIMO QUADRO. Adagio, adagio si abbassano le luci fino all'oscurita'. quando gradatamente si riaccendono entra dall'esterno Serafin)

                                 

QUADRO SECONDO

SCENA VIII

(Serafin -Marta - Luiginn-a)

SERAFIN   :- (entra, libero nei movimenti del braccio non più al collo. Stacca dal calendario il foglietto della data e va a sedere al proprio posto)"Stamattin son vegnûo ciû fïto do solito.. Ho battûo finn-a o Paggeu" (mette a posto sulla scrivania)"Veuggio fämme vedde zà in sce-o travaggio quande vegnà o neuvo padron..semmai o fïsse mattiniero.."

MARTA      :- (entra in scena, vestita con eleganza tanto da non sembrare la donna delle pulizie)

SERAFIN   :- (notando che l'uscio si apriva finge di lavorare alacremente, poi si accorge che è Marta)"Ah, sei voì?" (nota l'eleganza)"Ma.. eì guagno a-o totocalcio?"

MARTA      :- "Bongiorno Sciò Serafin.. Ancheu veuggio gûstäme a scena"

SERAFIN   :- "E pe' questo ve sei vestîa a festa?"

MARTA      :- (con faccia tosta, fa cenno a Serafin)"Son vegnûa.. a piggà o saldo"

SERAFIN   :- (sbuffa, si alza estraendo il portafogli e si avvicina a Marta) "Ecco, chi.." (porge del denaro)"Feua o nomme.."

LUIGINN-A :- (entra in quell'istante) "Salve a tûtti.. comme mai zà chi?"

SERAFIN   :- (in evidente imbarazzo, coi soldi in mano)"Bongiorno Luiginn-a" (a Marta)"Alloa, Marta.. faeme o piaxei.. accattaeme in rosticceria quella röba.." (a Luiginn-a)"Coscì avanzo de perde do tempo"                         

LUIGINN-A :- (che si era nel frattempo tolto il soprabito andando a sedersi al proprio posto)"Baccere Marta, che eleganza zà de mattin fïto"

SERAFIN   :- (a Marta, cercando di non farsi sentire da Luiginn-a) "Alloa.. o nomme do padròn da baracca?"

SCENA IX

(Serafin - Marta - Luiginn-a - Paggeu)

 (Si apre la porta esterna ed entra, elegantemente vestito, sbarbato, fazzolettino nel taschino, ritto sulla persona, Paggeu, il nuovo titolare della ditta, che cammina con signorilita')

MARTA      :- (con enfasi)"ECCO O NEUVO PRINCIPA'!"

SERAFIN   :- (come avesse visto un fantasma)"O Pa-Pa-Paggeu?" (cade pesantemente a sedere)"No l'è poscibile"

LUIGINN-A :- (incredula) "Voscià.. o prinçipà?"

PAGGEU    :- (con signorilità, mettendo la pipa in bocca) "Veddo che.. sei ûn po' confûsi.." (a Serafin, con ironia)"O me sbaglio?"

SERAFIN   :- (che pare in preda ad una crisi epilettica) "Eh, eh.. no l'è vea.. o l'è 'n scherzo do beliscimo.. Voei solo fämme vegnì 'n' aççidente"

MARTA      :- (con evidente soddisfazione)"E perché no l'è poscibile?"

SERAFIN   :- (come piagnucolasse)"Ma se o camminava finn-a a véi comme 'n robotte pe' no consûmmàse manco e scarpe.. dovve o l'ha piggiòu tûtti i milioni pe' rilevà a ditta?"

PAGGEU    :- (sottilmente ironico)"De segûo no da o Prüxa" (pausa e con severità)"E cösse credeivi, che faxesse quella vitta de sacrifizi e de rinunzie, pe' fäve fa de gösciae de rie?  Doveivo ammûggia i dinae.. no straggiäli" (a Luiginn-a) "Me rieivi appreuvo quande ve divo che me intendeivo de questioìn finanziarie.. de titoli de borsa.."

SERAFIN   :- (adirato, avvicinandosi a Marta)"Ridaeme e mae palanche!"

MARTA      :- "E no bell'ommo cäo.. quelle palanche ei daggo.. a mae frae.." (li porge a Paggeu) ".. perché:.."

PAGGEU    :- (interrompendo) "..perché son i dinae che scià paghià pe' mi, pe' a colletta  do Sciò Sciaccalûga.. scià se ricorda?" (accende la pipa)

LUIGINN-A :- (visibilmente sorpresa)"O Paggeu.. seu frae?"

PAGGEU    .- (guarda divertito la scena e manda, soddisfatto, folate di fumo dalla pipa)

MARTA      :- (sempre più soddisfatta) "Da ancheu.. Il signor Pagliolo, o prinçipà.. no ascordaevelo scignori.."

SERAFIN   :- (incredulo)"Questa a l'è 'na balla.. Ma no sei Pagan de cognomme?"

MARTA      :- "Da sposà, ma..da fantina.. Pagliolo"

SERAFIN   :- (sempre più frastornato, ride a scatti, nervosamente) "Eh, eh.. ma.. s-s-segûo.. Paggeu da fantinn-a.. Pagan da maià.. l'è tanto semplice.. MA MI DIVENTO MATTO!" (tra se)"E mi che ghe n'ho dïto de tûtti i colori.. o sa de tûtti i mae sotterfûggi.. No gh'è ciû ninte da fa.. son frïto.."

PAGGEU    :- (ironico)"Meno male che scià conosceiva o neuvo titolare da ditta.. coscì scià poeiva tegnïme o licenziäme, eh?"

SERAFIN   :- "Ahimemi!" (si alza mestamente, guarda Luiginn-a allargando le braccia)"Ätro che viägi.." (si avvia, triuste, all'uscita)

PAGGEU    :- (con aria di comando) "E òua, dovve scià va?"

SERAFIN   :- (come un cane bastonato)"A vende frigoriferi in Alaska.. "

PAGGEU    :- (severo)"Scià vadde a o seu posto"

SERAFIN   :- (incredulo, additando la propria scrivania)"A o mae posto?.."

PAGGEU    :- (ripensandoci)"No!.. A-o mae posto" (indica la scrivania da fattorino) "Se scià veu restà chì a travaggià, s'intende"

SERAFIN   :- (tentennando tra le due scrivanie)"A.. o seu posto?"

PAGGEU    :- "A meno che scià no preferisce avei da fa cö Prüxa"

SERAFIN   :- (affrettandosi a cambiare scrivania)"No, no.. son contento de poei travaggià.." (a Luiginn-a, che lo guarda)"Bezeugna anche vive.."

LUIGINN-A :- "Pövio Serafin"

PAGGEU    :- "Però, pövio Paggeu scià no l'ha mai dïto, eh?"

LUIGINN-A :- "..savei l'avvegnì.."

SERAFIN   :-  "Sciò Pagg.." (ingoia)"..prinçipà.. scià no l'avià da pentïsse de mi.."

PAGGEU    :- "Stando a-o mae posto penso proppio de no" (estrae dalla tasca un foglietto) "Dai mae appunti risûlta che quande gh'éa quarche gara d'appalto, scià l'avvertiva çerti concorrenti di prexi segreti che o Sciò Sciaccalûga o metteiva in bûsta serrà.."

MARTA      :- (al fratello)"Ah.. l'è pe' quello che a ditta a perdeiva de votte e gare pe' rifornì i bastimenti.. e mense di stabilimenti, eccetera, eccetera"

LUIGINN-A :- (a Paggeu)"Scià l'è segûo?.. Mi no me ne son mai accorta"

PAGGEU    :- "Luiginn-a, se no fïsse staeto bon de navegà segondo o vento.. no porrieiva portà 'sta barca in sarvamento"

SERAFIN   :- (sconfitto)"Scià l'ha scoverto proppio tûtto.."

PAGGEU    :- "Questo no o so.. Ma stando a o mae posto scià no porrià fa di danni.. manco cö Prüxa.. che tra l'ätro o no me pa guaei soddisfaeto de voscià"

LUIGINN-A :- (accennando alla scrivania che era di Serafin) "E.. lì.. chi ghe va?"

PAGGEU    :- "Scià veddià che quarchedûn ghe mettiòu" (a Serafin)"Sciò Bottaro, scià l'ha provvedûo a quell'incarego che a dottoressa Pace a gh'ha daeto?"

SERAFIN   :- (ancora frastornato degli avvenimenti)"Incarego? Quae incarego?"

PAGGEU    :- (severo, con aria da manager)"Comme quale.. Ehi, diggo.. scià l'avià mïga ascordòu i biggetti.. i posti in albergo, véa?"

SERAFIN   :- "Ah, scì.. tûtto faeto..tûtto a posto. Devo solo dagghe i nommi e riciammà l'agenzia"

SCENA X

(Paggeu - Marta - Luiginn-a - Lucrezia - Serafin)

MARTA      :- (al fratello)"Carletto, mi vaddo.. gh'ho i figgeu a casa da soli e fra poco smontià mae màio da o tûrno de neutte"

PAGGEU    :- "Sci, vanni.. ciao"

MARTA      :- (avviandosi orgogliosa all'uscita) "Bongiorno a tûtti.."

TUTTI          :- "Bongiorno"

MARTA      :- (frizzante, al fratello)"Me son proppio demoà.. comme 'n te 'n film cö finale a sorpreiza" (esce)

LUCREZIA  :- (entra elegantissima; poi a Paggeu)"Caro.. ricordati che dobbiamo andare.. la cerimonia in Chiesa.. l'aereo.. quello non ci aspetta"

PAGGEU    :- "Subito cara" (a Serafin che non sa trattenere la sorpresa)"Alloa.. duì biggetti e camera in albergo .. direzione SAMARCANDA, a nomme de Pagliolo Carlo e.. Lucrezia Pace Pagliolo.. ma SÛBITO, eh?!"

SERAFIN   :- (incredulo e imbambolato si avvia al telefono)"Scì.. sûbito.. duì biggetti per Samarcanda.. per il Pagliolo e la Pagliola.."

LUIGINN-A :- (triste)"CHE STONDAIA CHE SON STAETA!"

SERAFIN   :- (al telefono, compone un numero e parla sottovoce)

PAGGEU    :- (a Luiginn-a, tirandole una frecciatina) "Comme scià vedde o futûro o riserva sempre de sorpreize.. e o Sciaccalûga?.. Gh'éi notizie?"

LUIGINN-A :- (frastornata)"Eh?.. Chi?.. Ah, o sciò Sciaccalûga.. Mah.. creddo che o stagghe mëgio"

SCENA XI

(Paggeu - Luiginn-a - Serafin - Lucrezia - Sciaccalûga)

(Si apre la porta ed entra, voltato di spalle, Sciaccalûga; si gira lentamente apparendo nella sua attuale situazione. Barba incolta, in un vestito stretto, tanto da avere le maniche della giacca corte dalla quale spuntano i polsini della camicia. giacca abbottonata ma ridicolmente stretta. Pantaloni cortissimi che lasciano intravvedere le calze.Sta un attimo perplesso a testa bassa, poi guarda i presenti come un cane bastonato)

TUTTI          :- (fanno scena di meraviglia. Serafin, terminata la telefonata, va al suo nuovo posto guardando incredulo, il suo ex principale)

PAGGEU    :- (cerca di fargli coraggio, prendendolo per un braccio e portandolo avanti)"Coraggio.. da o cattîo passo bezeugna sciortïne comme se peu"

SCIACCALÛGA:- (triste)"A vitta, a l'è 'na reua"

PAGGEU    :- (quasi a vendicarsi)"Ma comme scià l'è ingiarmòu.. dovve scià l'ha arrobböu 'sto vestì.. Scià me pä 'n spaventaggio"

SCIACCALÛGA:- (sempre a capo chino) "Scià l'ha raxòn a restituimme e parolle che gh'ho dïto.. appreuvo a-o rïe ven o cianze..Ma mi.." (guardando Serafin)"Malgraddo che quarchedûn me sciûscesse tûtti i giorni in te oége o solito ritornello.. ho sempre çercòu de trattalo ben e de mantegnighe o posto"

PAGGEU    :-(con dolcezza)"O so, comme so che l'abito non fa il monaco" (sovvenendogli) "A propoxito de vestì scià porrieiva piggiäse, per intanto, o mae.. quello dell'avvocatoPerdicausa" (a Lucrezia)"E' sempre nell'armadio, vero?"

LUCREZIA  :- "Si caro, ma sbrigati" (va nell'ufficio del principale)

PAGGEU    :- (a Sciaccalûga, sorridendo)"A mi, francamente o m'éa ciûttosto largo, ma a Voscià o dovieiva andaghe ben"

SCIACCALÛGA:- (sempre triste)"Grazie.. " (tristemente) "Da padròn a servo"

PAGGEU    :-"No l'è dïto. Sciccomme mi e a dottoressa andemmo in viägio de nozze.."

SERAFIN   :- (sospirando) "E che viägio.."

PAGGEU    :- "..d'accordio con mae moggé, scià s'assettià a quella scrivania lì.." (indica quella che era di Serafin)"E in atteisa do nostro rientro scià se peu accomodàse de de là.. a-o seu posto de primma.. scià l'arrezià e sorti da ditta.."

SCICCALÛGA:- (incredulo, si porta una mano al petto)"Mi.. de là?"

PAGGEU    :- "..e davanti ä porta ghe porriemo mette 'na targa neuva.. neuva solo in parte..: <Ditta Pagliolo & Sciaccaluga>.. Cöse scià ne dïxe, SOCCIO?"

LUIGINN-A e SERAFIN:- (meravigliati)"SOCCIO?"

SCIACCALÛGA:- (commosso e incredulo)"Mi.. soccio?.. Con tûtto o patatracche che l'è sûccesso?.. Ma mi.. palanche no n'ho ciû pé fa o soccio. Ho dovûo vende a casa. e finn-a i vestì pe' pagà i avvocati.."

PAGGEU    :- (sospingendolo dolcemente verso l'ufficio)"Saiemo insemme a governà o vapore.. so che scià conosce o mesté.. " (guardando severamente Serafin)"Solo che scià no deve fässe imbroggià.. scià deve fa comme San Tommaxo.." (a Serafin)"Sciò Bottaro.. scià vegne chì a piggià e disposizioìn da o Sciò Sciaccalûga" (vanno nell'ufficio del principale uscendo di scena)

LUIGINN-A :- (a Serafin)"Chi l'avieva mai dïto che o Paggeu.. che bezûga son staeta.."

PAGGEU    :- (da fuori scena, chiama con severità)"SERAFIN!"

SERAFIN   :- (si alza dalla scrivania che era di Paggeu, per avviarsi alla porta del principale. Cammina lentamente come camminava Pagliolo prima)

LUIGINN-A :- (lo osserva con meraviglia)"Ma comme scia' camminn-a?"

SERAFIN   :- (fa due passi e si accorge di come cammina poi, costernato) "E SE VEDE CH'O L'E' O POSTO!" (va verso l'ufficio del principale comminando alla.. Paggeu, mentre il sipario di chiude)

F I N E

                              

  

        

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno