Proprio sotto a Ponte Sisto

Stampa questo copione

Roma: Nino, Nino bello mio svejate, su

Di Maurizio Navarra

PERSONAGGI ED INTERPRETI

Roma                                                        :

Nino                                                          :

Lucio Lupercale                                       :

‘Ndonio                                                    :

Sabina                                                      :

Ciceruacchio                                             :

Anita Garibaldi                                        :

Zitella                                                       :

Ostessa                                                      :

Tesoriere                                                   :

Sora Diomira                                           :

Sora Clelia                                                :

Pasquino                                                   :

Lupa                                                         :

Rugantino                                                :

Margherita                                                        :

CANZONI

ER BARCAROLO

ROSINELLA DELLA CONA

QUANTO SEI BELLA  ROMA

ARRIVEDERCI ROMA

VECCHIA ROMA

ZOMPA E BALLA

STORNELLI ROMANI

RUGANTINO

ROMA NUN FA LA STUPIDA

LA SOCIETA’ DEI  MAGNACCIONI

Proprio sott’a ponte Sisto

(la scena è l’arcata di un ponte sul Tevere. In un cantuccio un mucchio di cartoni. Per creare l’atmosfera giusta la canzone “Er Barcarolo”)

Roma: (Voce fuori campo) Nino, Nino bello mio svejate, su!...Nino! Nino! E te voi da’ ‘na mossa?

Nino: (dal mucchio di cartoni emerge lentamente un barbone) Chi sei? Come te permetti de sveijamme? Nun lo vedi che stò a dormì?

Roma: (ancora fuori campo) A sor coso! Chi so’ io lo saprai ar tempo suo, me permetto de sveijatte perché me lo posso permette e, sur fatto che stai a dormì se ne semo accorti tutti ner raggio de du’ chilometri pe’ la caciara che fai. Fai più rumore de ‘na segheria!

Nino: (cerca di individuare l’origine della voce, si guarda intorno e con fare minaccioso brandisce un bastone) Ho capito come te chiami! Tu devi esse russa e te chiami madama Rompilova, Ma te renni conto? So’ du giorni che me sto’ a magnà pane e sputo e tu arivi a sveijamme proprio ar momento che ner sogno stavo pe’ addentà un coscio de abbacchio scrocchiarello.

Roma: (ancora fuori campo) E che? Te sfami co’ li sogni come un pensionato?

Nino: Li pensionati appett’a me so’ ricconi! Ma so’ padrone de magna’ gratis per lo meno in sogno, oppure me costa quarcosa? Chi sei? Fatte vede! Sei er padrone der sogno dell’abbacchio?

Roma: Li sogni so’ sogni amico mio. Mentre che dormi poi fa’ quello che te pare. Diventi Re o Reggina, poi ave’ più sordi de Berlusconi e più donne de Briatore, ma…appena che apri l’occhi…Bubbussettete!  (compare con un lampo) Tutto ritorna a esse proprio com’era prima de dormì!

Nino: (un misto di sorpresa e timore) A sora sposa, ce sei venuta da sola o qualcuno te cià mannata? Io e te pasta e facioli insieme nun l’avemo mai magnati, e quindi nun te conosco, eppure te permetti de rompeme li…stivali a quest’ora e pretenni puro de famme la morale? Ma si mo’ nun te ne vai finisce che faccio finta de dimenticamme che sei donna e co’ du sganassoni te faccio girà così forte che tutti te scambieranno pe’ ‘na Ferari a Monza!

Roma: Che sei scemo lo sanno tutti e si te voi rimette a ridormì, padrone!

Nino: ‘O vedi che si vòi ragioni pure? Vatten’a rompe li stinchi a quarcunantro, va! (si riavvicina ai cartoni)

Roma: Si la metti così, te saluto! Solo ‘na cosa. Quanno che ariva er Tevere a portattese via, salutalo da parte mia!

Nino: Er Tevere me se deve portà via? Che stai a dì?

Roma: Mo’ t’è passato er sonno eh? E’ che ‘sta suite all’Eccelsior dove dormi l’hanno messa proprio sott’a ponte Sisto…mettice che so’ venti giorni che piove, che l’Aniene ha già strabboccato vicino a Settebagni, che da Fiano a scenne giù la pioggia viè così fitta che ce potresti nuotà drento…va da se che si nun te movi più che de corsa  t’aripescheno li bilancioni a Fiumicino!

Nino: (si avvicina alla sponda e guarda il fiume) Anvedi come sta Fiume! Annamosene, spicciamose prima c’arivi. Senti, ma allora sei scesa giù da ponte pe’ sarvamme? Te la rischi…pe’ uno come me? E chi sei, famme indovinà, ‘n pompiere? la Caritas? O…’na disgraziata come me che nun cià più gnente da perde?

Roma: Ancora nun l’hai capito? Io so’ Roma! E sto qui perché siccome  qui voi romani sete rimasti veramente pochi, io cerco armeno de davve un po’ de protezzione!

Nino: Anvedi! Gaijardo! Che ber sogno! Addirittura stò a parlà co’ Roma. Sai che te dico? Sogno o sveijo, er core mio s’è messo a friccicà doppo tant’anni. Me permetti de ditte ‘na cosetta?

Canzone

(Quanto sei bella Roma)

Roma: Grazie! Piacione come ‘n romano vero! Sai quanti secoli so’ che nessuno me lo diceva più? E poi, famme  sfogà prima che me strabbocca er gargarozzo, nun ne posso più. Scuseme l’espressione, ma ‘sti morammazzati che continueno a dì che Roma è ladrona, che qui se magna a sbafo sulle spalle dell’artri, che qui è tutta ‘na caciara, proprio nun l’areggo più!

Nino: E tu, tu che sei Roma, te metti a perde tempo co’ sta gente che, perdoname tu l’espressione, quanno che scoreggia je s’arza er cappello? Ricordate…

Roma: Nun me sfidà co’ li ricordi che io…Tiè!

Antico romano: (Compare improvviso) Quousque tandem, Catilina, abutere patientia nostra?

Nino: Ao! Ma questo chi è? Come parla? Che, è forestiero?

Roma: Annamo bene! Questo qui parla latino. Ammazzate Ni’ come sei gnorante! Questo è ‘n antico romano, gnentemeno che Cicerone, er meijo avvocato de Roma!

Antico romano: Gentile signora Roma, innanzitutto mi scuso se non sia corretto il mio italiano, ma nelle traduzioni sarei mai andato bene io!

Nino: Ao! Si te levi ‘sto lenzolo che ciai addosso e vieni ar tempo de mo’ rischi de piatte un quattro in latino a scola! Però nun avè paura, continuando a parlà così o diventi giornalista o te fanno subbito conduttore televisivo! E così tu saresti Cicerone.

Antico romano: Veramente non sono Cicerone. Presentome stesso. Lucio, Lucio Lupercale detto il Loquentissimus.

Nino:Ma alloraCicerone…

Antico romano:Ecco, Cicerone non era romano, anzi era burus, burino come dite voi, un ciociaro vero, de Arpino. E se ne vantava. Troppo impegnato nella politica lui e così fossi stato io a scrivergli le arringhe e a portare avanti lo studio di avvocato.

Roma: Ao! Giuro che questa nun la sapevo manco io!

Antico romano: Excusatio! Oggi causa importantissima est per socio mio. Portare devo arringa io! Che dicevo prima? Audite: Quousque tandem, Catilina, abutere patientia nostra? Inizio bello. Qui li fregamo noi. Ave. (esce di scena)

Nino: A Roma, ma sei sicura che questo qui era proprio romano? A me me m’è sembrato che parlasse ‘n po’ come Don Lurio e n’ po’ come er nanetto de guere stellari!

Roma: Nun esse irriverente, guarda che si me ricordo Cesare quello ariva e te fa mette daga e corazza e te manna in Gallia!

Nino: Vedi che mo’ ragioni! Se ortre a li galli ce stanno pure le galline, giuro che parto subbito. Farei pazzie pe’ du’ ova ar tegamino! Famme pensa’…none, no. Gnente Cesare e gnente Gallia. Lì capace che ce trovamo Asterix che ce stroppia de mazzate!

Roma: A ignorantone! E che, dai retta alla propaganda francese? In Francia avemo vinto noi. Roma Testaccio 4 Vercingetoriggese 0!...E senza le capocciate de nessuno de ‘sti barbari!

Nino: A Ro’, io co’ la storia antica stò un po’ a disaggio! Perché nun te ricordi quarcosa de più…recente?

‘Ndonio: (entrando e piantandosi davanti a Nino) Recende? Comme sarebbe a dì recende? O stamio cor recende o stamio cor passato er posto mio ce deve stà!

Nino: E tu che c’entri qua? Sento ‘na cadenza dinghe donghe che me fa pensà…

‘Ndonio: E dillo! Mica me fai ‘mbressione sa? Voresti dì che so burino? Mbè? So’ burino e me ne vanto! Ao, guarda che senza noi burini de tutta ‘sta granne Roma nun ze ne parlerebbe neppure sa!

Roma: Mica vorai tirà in ballo ancora er coso delle sabine eh?

Sabina: Er coso nun era mica er nostro! Li cosi li teneveno ‘sti quattro romanacci ingrifati! E poi, che tengo da straparlane? Si noi sabine nun li facevamo cosà…addio core!

Nino: Però ‘sto cosà…in finale v’è piaciuto pure a voi…o no?

Sabina: A regazzì! Ringrazzia er celo che al tempo nostro la femmina doveva sembre stà sottomessa, sinnò lo sai tene che sarebbe successo? E poi…piaciuto!..‘sti vassalloni puzzavano de stallatico più de li pecorari nostri!

Roma: Erano sordati, poracci. Nessuno se pijava cura de loro…erano troppo occupati a fabbricà la città!

‘Ndonio: Cittane? Quattro sassi impilati vorai dì!

Roma: Ansenti ‘sto burino! Ao, sor coso pecoraro, rispetto!

‘Ndonio: A lo principio, più de quattro sassi nun eri! Voi mette co’ Veio?

Roma: Ancora co’ ‘sta Veio?

‘Ndonio: Roma, nun esse iriconoscente sa? Pe’ fabbricatte a te pure noi ciociari ciavemo messo mani…e caciotte!

Sabina: Parole sante! Solo doppo che ciavemo messo mano noi le cose so’ cambiate e come! Le prime leggi de Roma l’avemo fatte noi! Primo: niente lavasse, niente cosà. Seconno: si voi la cosetta mia me devi fà la casetta mia.

Nino: Hai capito? A Ro’, ma le cose stanno proprio così?

Roma: Ao! Damoje ‘n po’ de soddisfazione, che ce costa? Poi senti a me. Io conosco tutte le colleghe mie ner monno, Atene, Milano, Parigi…perfino Pechino. Er monno, poi dì quello che te pare, se regge tutto sur “mei fai cosà o nun me fai cosà”!

Sabina e ‘Ndonio: (cantano insieme e poi escono)

Canzone

(Rosinella della cona…)

Nino: Hai capito!? Ma nun potemo proprio uscì dalla storia antica?

Roma: Ecco qua! Pronti! (entra in scena un garibaldino)

Nino: E tu chi sei?

Garibaldino: Chi so’ io? Io so’ Brunetti Angelo, ma tutti me conoscheno come Ciceruacchio. Repubblichino, garibbardino, trasteverino e quindi omo de core e..de cortello!

Roma: Fijietto bello ancora te pesa eh?

Garibaldino: E si nun era perchè st’infami de francesi nun se so’ fatti li…cosi loro, noi c’eravamo costruita ‘na repubblica ch’era da ama’ come ‘na ciumachella de Trastevere…Vedessi quanti zuavi me so’ attaccati all’anima ar Vascello! Poi semo dovuti scappà. Noi romani, come tutti l’artri garibbardini, semo corsi via da Roma co’ le lacrime all’occhi insieme a Garibbardi e Anita. (entra in scena Anita)

Anita: (parla con un’inflessione strana tra il portoghese ed il romano) No, io non sono di Roma. Sono americana, o più precisamente brasilera. Però visto che abito sotto al monumento sul Gianicolo posso dirmi romana…di adozione!

Nino: Saresti…

Anita: Attento coi verbi Ni’! Non devi dì sarei…io casomai ero Anita, la moje di Garibaldi!

Nino: Onorato, veramente onorato signo’! Qui potete consideravve a casa vostra; vedete…oggi Roma è piena de brasiliani de adozione, ma nun fanno proprio er mestiere vostro o de vostro marito! So’ artre  guere quelle…Nun volevo che se pijasse sto disturbo…

Anita: Non raccolgo, anche perchè non mi hai chiamato tu. Mi ha chiamato Ciceruacchio ricordandomi la fuga da Roma. Quanta pena, quanta saudade! Per fare un esempio della nostalgia che si prova lasciando Roma ci vogliono le parole di un romano… No te preoccupe viejo!  Saltiamo soltanto de un secolo!.

Canzone

(Arrivederci Roma)

Nino: Ao che prescia! Stamo già alli saluti. Semo arivati ar capolinea?

Roma: Carmete un po’, la corsa è ancora lunga, abbi pazienza!

Nino: Pazienza? Io la pazienza la posso venne ar mercato, penza ‘n po’…

Roma: Allora tutti fora! Sortimo ar tempo der Papa Re! (tenendosi per mano, quasi con una danza entrano i personaggi del quadro)

Zitella: Beh, io so zitella! Nun ciò marito, è cosa certa e risaputa! Che dici? Quarche vorta m’hai visto er corpo gonfio? Anvedi questo! Primo: magno abbondante pur’io, quarche vorta. Secondo: lo sanno pure i muri che quanno soffia er vento de scirocco te senti stracco e te s’abbotta la panza. Terzo: la sarta mia quarche vorta segue la moda e me veste a la francese…

L’ostessa: Quarto: er compare tuo cara zitella, brav’omo e ricco assai, so’ già tre vorte che te cura st’abbottà de panza con una vacanzetta giusta giusta: tre mesi a Tivoli all’acqua sorforina e torni a casa, secca più de prima! E… Cesaretta la balia, a furia de’ sgonfiamenti de panza, ce se stà a fa’ ricca!

Zitella: E certo che tu dell’acqua sei ‘n esperta! Giù all’osteria da te se dice ch’entra ‘n biroccio de vino da Velletri e ‘n calesse d’acqua da fontan de Trevi!

L’ostessa: E’ che li clienti vengheno da me perché se devono levà la sete!

Tesoriere: E tu je la spegni cor prosciutto, co’ le saraghe salate e er baccalà e giù cor pepe da fa’ diventà nere le fettuccine!

L’ostessa: Ma io lo faccio pe’ beneficenza! Nun lo dico solo io. Chiedete. Da me se magna bene e lo sa tutto Borgo. E si servo robba piccosa lo fo’ perché nun c’è soddisafazione più mijore pe’ un omo che levasse la sete e poi…insomma, si nun se beve o se beve poco, li pori vignaioli, me sai dì come fanno a svotasse le botti?

Tesoriere: E così, a fine sera, tutti contenti. Er cliente co’ la panza piena, l’ostessa co’ la cassa colma de bajocchi, er vignarolo co’ le botti vote e…pure la sora zitella…

Zitella: E io che c’entro? Io so’ zitella e nun vado certo pe’ osterie!

Tesoriere: Ma ce va er compare tuo. Quello, se fa venì le recchie rosse co’ tutto quer carico de pepe, lo pija quell’allegria che solo er vino de li Castelli te po’ dà…e allora locco locco gattona da te a levasse ‘n antro tipo de sete…

Zitella: Da che pulpito parte la predica! Ma tu nun sei er sor Tesoriere? Certo tu all’osteria nun ce magni, magari perché ciarivi sazio. Un mozzico mentre ariscoti le gabelle…

L’ostessa: Un’azzannata ar costo dell’apparto, e pe’ dessert  la cresta sulle decime e sulle tasse der macinato!

Zitella: M’ha detto er compare che ier l’artro er confessore, a la Rasceli, doppo ave’ sentito li peccati sui j’è rimasto er braccio arzato per un po’ perché nun sapeva se daje l’assoluzione o quattro mazzate sulla capoccia!

Tesoriere: Che? Pure er compare tuo è ito a la confessione? Se doveva fa’ perdonà l’urtima vacanza tua a Tivoli o che?

Sora Diomira: Chiacchiere, chiacchiere e basta!

Sora Clelia: A Sora Diomì; ce lo sai che tanto questi stanno sempre a posto!

Sora Diomira: Giusto Sora Clelia mia! A una ce penza er comparetto suo, a un’artra je basta l’osteria a Borgo…

Sora Clelia: E ar terzo li sordi je cascheno nelle saccocce da soli! E intanto qui doppo che so’ arivati ‘sti francesi a levacce la repubblica ogni giorno se và più peggio.

Sora Diomira: Er Governo dice che ce vonno più sordi pe’ l’esercito e pe’ ricostruì le difese…

Sora Clelia: De conseguenza aumenta le tasse e…

Sora Diomira: Pe’ combinà er pranzo co’ la cena è sempre più difficile. E chi ce rimette semo noi madri de famija che ce toccherà annà a raccoje la cicoria su li campi per fa’ magnà tutti.

Sora Clelia: Giusto. Sora Diomira mia, guarda te. Ieri sei ova un bajocchetto, oggi pe’ compralle ce ne vonno due. Oggi pe’ ‘na libbra de coda e ‘na cartata de trippa ce so’ voluti dodici bajocchi e ieri er macellaro quasi te la tirava dietro pe’ cinque…

Sora Diomira: A me, solo la frutta nun me manca mai…

Sora Clelia: Si, perché tu fijo la frega dall’orto der Curato! Ma come fai pe’ ‘r vino?

Sora Diomira: Giro! Guardo! Vado a piedi da Monti alla Madonna der Divino Amore perché lì, fori porta, c’è ‘na fraschetta cor vino bono e ancora a ‘n prezzo onesto!

Sora Clelia: L’ho inteso dì. Se tratta der sor Gasparetto no? Però ne fai de strada a piedi!

Sora Diomira: E che! Innanzitutto c’è la devozione der pellegrinaggio alla Madonna. E poi? Ce volemo fa’ mancà la soddisfazione de fasse ‘na foijetta doppo cena? Er vino, poi, sostituisce la carbonella che costa cara arrabbiata…

Sora Clelia: Se po’ dì che risparmiamo e, in grazzia de Dio pe’ er pellegrinaggio fatto, ‘na foijetta de vino bono scalla a te, scalla tu marito e…de conseguenza er letto! (i personaggi escono)

Nino: Ma sei sicura che stamo ar tempo de Papa Re? Me pare de stà ar giorno d’oggi! Le regazze…se danno da fa’ co’ quelli che cianno li sordi, all’osteria annacquano er vino e arzeno er prezzo, chi lo po’ fa… rubba e se sostituisci euro a bajocchi la situazione è proprio tale e quale! Le cose, però, oggi vanno peggio. A quer tempo la sera a riscallatte ce stava er goccetto de vino e poi… e oggi? Oggi come te riscalli, co’ Maurizio Costanzo?

Roma: Ma che te credevi? Nun ce lo sai che ar monno nun cambia gnente, proprio gnente?

Pasquino: Roma mia, è proprio vero. Però ‘na differenza c’è. Ho passato secoli a sfotte er governo e i potenti. Oggi nun so ce riuscirei più.

Nino: E tu chi sei?

Pasquino: Io so’ Pasquino, er vero core de Roma. So’ tutto sfregnato. M’hanno levato le braccia e le gambe, m’anno pure spaccato er naso e m’hanno murato sotto palazzo Braschi. Nun sanno che favore m’hanno fatto. Vedi? Così combinato me ritrovo nella condizzione ideale….

Nino: Ideale de che? Me vorai dì nella condizzione peggiore!

Pasquino: Nun capisci? Più sfregnato de così nun potrei esse! E allora me ne sto sornione sur cantone mio, vedo er monno che me passa davanti e posso dì a chiunque tutto quello che me pare. Dico ladro ar ministro? Mbè? Nun me po’ fa’ arestà, nun saprebbe come famme mette le manette. Dico zoccola a ‘na signora? Prova a fa causa a ‘n pezzo de marmo. So’ senza gambe e nun posso scappà via, ma er fatto che m’hanno levato er naso me protegge pure da quelli che me tireno la merda addosso: senza la nasca d’ordinanza nun posso sentì manco la puzza!

Nino: Gajardo! Nun ce se penzerebbe mai! Sei veramente ‘na forza!

Pasquino: Purtroppo proprio ‘na forza no! Vedi. Io dico ladro ar ministro? Mbè? Mica pe’ questo smette de rubbà! E ce aggiungo pe’ bon peso che quarche signora che s’è intesa chiamà zoccola…e quarche marito c’ho chiamato cornuto cianno addirittura costruito sopra ‘na reputazzione e ce se so’ comprati ‘na villa!

Nino: Allora nun ne vale la pena!?

Pasquino: Ao, ma proprio nun capisci gnente! A Roma, ma chi te porti a giro?

Roma: Robba che se trova sotto li ponti, che ce voi fa?

Pasquino: Leva alla gente romana er gusto de rosicà; provece. A morè! Chiedi a ‘n minatore. Se fai scoppià la polvere così, sulla superfice, fai solo ‘n gran botto che po’ solo dà fastidio alle recchie. Se tu piji la stessa porvere e la metti sotto un masso, quanno scoppia er masso diventa ‘n mucchio de serci…e c’è ‘n sacco de gente che se fa male.

Nino: Giusto! E chi ciaveva pensato?

Pasquino: Io! Sennò sai quante vorte er Papa m’avrebbe messo a fa’ serci pe’ lastrica’ le strade!?

Roma: E così tu saresti senza paura?

Pasquino: Certo!

Roma: Allora mo’ chiamo a Lillo, er cane de Rosina e vedi!

Pasquino: Che c’entra. Proprio quer cane piscione devi chiamà? Famme scompiscià da ‘n cane me me secca assai. Però…basta aspettà ‘n bell’acquazzone e tutto va via…pisciate de cane, foje morte, carte de pasquinate, ricordi brutti e pensieracci. E’ cosa vecchia, come er monno!

Canzone

(Vecchia Roma)

Roma: A morè, e che, mo’ manchi de rispetto? Vecchia a chi? Io so’ Roma, mica tu nonna!

Nino: Nonna mia! Pe’ carità nun me la fa’ comparì davanti perché si me vede come so’ ridotto se potrebbe impressionà pora donna!

Roma: Impressionà? Ma che te credi? Tu’ nonna s’è vista du’ guere mondiali e tu pensi che ancora se potrebbe impressionà de quarche cosa?

Nino: A sproposito de impressionà! A sora Roma, a me, me pare che ciai ‘n faccino…proprio rubbacori!

Roma: Ao! T’aspettavo ar varco. Tutti uguali st’ommini…je dai un dito e loro…

Nino: Co’ la luna che ce stà le parole so’ tempo sprecato.

Roma: E allora?

Nino: (si avvicina a Roma e, con la scusa di valutare i panni…allunga un po’ le mani) E allora me te magnerebbe de baci e carezze! Guarda che ber barconcino de pizzo che portate sulla vesta…e la camicetta? E’ proprio seta fina!

Roma: Eh birbaccione, come la sai longa e…soprattutto come sei sverto de mano! Appett’a te er polpo fa la figura der monco!

Nino: Co’ ‘na paciocca come te le mani coreno da sole! Te posso regalà ‘na spighetta?

Roma: Tu me voi regala’ la spighetta pe’ pijatte tutto er granaro! A morè! Te voi scanzà?

Nino: Allora me cacci?

Roma: Nun dico questo ma…Me voi sfidà? Attento, che se la piji sur sentimento Roma po’ esse pure assassina!

Nino: Io nun ho paura de nessuno…Si la voce e li compagni m’assisteno…vada pe’ la sfida, perché no!  (i personaggi usciti prima, rientrano e si dispongono uomini da una parte e donne dall’altra)

Canzone

Ogni attore canta un ritornello

  ZOMPA E BALLA

Donna

Questa e ‘na strada piena dè cortelli

Nun ce passà Peppino che te ce taji (bis)

Se so’ tajiati bulli assai più belli

Tutti

Rit. Zompa e balla tra ‘sti cortelli

Nun te fidà ce so’ inganni e tranelli

Uomo

Me so’ fatto ‘n cortello a punta e tajio

Ce vojio spaccà er core a chi lo vojio (bis)

E statte de sicuro che nun me sbajio

- rit-

Donna

Povero amore mio che s’è avvilito

Per una cortellata che j’anno dato (bis)

Cortello traditore che l’ha ferito

-rit-

Uomo

Me vojio fa’ ‘n cortello a fronna d’oliva

Vojio spaccacce er core a chi m’amava (bis)

De quella ‘nfame boia che me tradiva

-rit-

Uomini insieme

noi semo monticiani e che volete

dieci a bajocco damo le cortellate (bis)

cercate ‘n petto quante ne volete

-rit-

Donne insieme

Noi semo monticiane nun tremamo

E lo spadino ‘n testa lo tenemo (bis)

Er cortelluccio ‘n petto e le stecche ‘n mano

-rit-

Tutti insieme

Te possino dà tante cortellate

Pe’ quante messe dice l’arciprete (bis)

Pe’ quante vorte dice orate frate

(tutti insieme si scatenano in un saltarello)

Roma: A Nì, tutta ‘sta gente che ce sta a guardà e che ce sta a sbatte le mani e noi nun j’avemo ancora cantato manco ‘no stornello? E che romani semo?

Nino: Alè tutti. Fate attenzione ar maestro e, si ve basta er gargarozzo arifatece er coro. Attacca sor mae’…

(si invita il pubblico a fare il coro ripetendo le prime parole dello stornello)

Fiore de ruta

Vve so’ venuto a fa’ la serenata

Sto core appassionato ve saluta*

A la viola,

Quanno te vedo da lontano, o cara

Abbasso l’occhi e perdo la parola*

Fior d’erba bella

Più cresce fiume e più legname a galla

Più t’arimiro e più me pari bella*

 Fior d’amaranto

Si t’ho voluto bene me ne pento

Nun me credevo fussi tanto finto*

Spiga d’argento

Per corpa tua ho sospirato tanto

Pori sospiri mii buttati ar vento*

Fior de bambace

In celo c’è ‘na stella ch’ariluce

Sarà l’amore mio che vo’ fa pace?*

Fiore de gijo

Si me dai er tu ritratto nun lo vojo

Ma si me dai er core me lo pijo*[1]

Fiore der mai

Quanno che tu me parli ce lo sai

Me dici amore e poi nun me lo dai

(In alternativa vanno benissimo gli “stornelli maliziosi”)

Roma: Ecco, mo’ si che se cominciamo a merità er battimani

Nino: A proposito de mani, che stavamo a dì prima? Si. Proprio ‘na camicetta de stoffa assai fina…(di nuovo prova ad allungare le mani)

Roma: Stavamo a dì che sarebbe bene che le mani te le mettessi ‘n saccoccia sor pomicione! Qui nun c’è trippa pe’ gatti randagi!

Nino: E che sarà mai! Te sei fatta conquistà da tanti e…da me, proprio da me che so’ romano no?

Roma: Ao! E’ ora de finilla! E che te ce metti pure te? Già m’hanno messo nei guai co’ quella favola de Romolo e Remo che lascia capì che qui sarebbe nato tutto da ‘na…lupa (entra in scena la Lupa) che…diciamo passeggiava de notte vicino ar Tevere…

Lupa: A passeggiava! Ma come ve permettete! Piano co’ ‘sta storia della lupa che me ce potrei pure sturbà.

Nino: E tu chi sei?

Roma: Forse se potrebbe dì che lei… sarebbe mi’ madre…

Lupa: Anvedi questi! Semo arivati ner 2009, annamo in America in sei ore, semo preoccupati della concorenza cinese, stamo a discute gnente meno si se possono clonà le persone e quarcuno ancora ritira fori che io me sarei messa a fa le zozzerie cor dio Marte?

Nino: E allora, ce voi dì che la storia è sbaijata?

Lupa: Ma quali zozzerie! Quale dio de la guera! Mi’ marito era un sordato, un pezzo de marcantonio che quanno se bardava pe’ annà in battaija contro li laziali faceva girà la capoccia a tutte le regazze. Che te devo dì pe’ fatte capì…ce l’hai presente Totti? Mbè, pe’ carattere e portamento…je somijava assai!

Nino: A sora cosa, cancella tutto. Fermete. Lassece stà er dio Marte e tutto er resto…meijo lascià tutto nell’indefinito…che finì tutti in mutanne a giocà a palla!

Roma: Bella ‘sta sortita co’ Totti! Ce manca solo che Romolo ce diventa De Rossi e Remo Di Canio! A ma’ a te l’aria der Tevere t’ha sempre fatto male…

Lupa: Vedi li tempi de oggi? Li fiji mancheno de rispetto ai genitori e, gratta gratta, pòi scoprì che magari Roma, ch’è Roma, sotto sotto fa er tifo pe’ la Juve o pe’ ‘r Milan!

Roma: A ma’, come sei suscettibile, nun fa’ l’esaggerata! (la Lupa esce)

Nino: Questo, sia ben chiaro è ‘n sogno tuo!

Roma: La mamma è mamma. Vo’ lo spazzio suo!

Rugantino: (irrompe letteralmente in scena) E lo spazzio mio? Provete solo a fregatte ‘n millimetro de lo spazzio mio e qui faccio ‘no sfracello!

Roma: Sempre er solito. Te fai subbito riconosce Rugantì!

Rugantino: E so’ du’ ore che state a parlà de Roma e de romani e ancora nessuno m’ha preso in considerazione? Ma che? Semo diventati tutti matti? Nu lo sapete che a Roma, appena ‘n gradino sotto ar Papa ce stò io?

Nino: E mica sarai Cacini!

Rugantino: Io so’ Rugantino, er meijo paino de tutti. Er più tosto da Trastevere a Monti passanno pe’ Testaccio e Panìco. Chi cià provato co’ me s’è dovuto fa’ aggiustà all’ospedale o addrittura se n’è annato a abbità ar Verano. A Nì, permetteme. Te sei ridotto a dormì a l’Hotel de ponte Sisto perchè nun sai gnente, nun sai vive! Sentime a me comme se fà.

(Dal Rugantino) La ballata di Rugantino

 (Rugantino esce)

Roma: Lasselo perde a quello! E’ proprio er classico bullo. Arza la cresta co’ chi lo fa’ parlà, ma si quarcuno poco poco j’arza ‘na mano, bada bene basta er gesto, sparisce e nun lo vedi più.

Nino: E sai quanti n’ho conosciuti come lui? Uno così nun me fa’ arabbià, piuttosto me fa’ tenerezza. Prima de famme ride.

Roma: A Nì, tu nun me la racconti giusta. Te stò a studià da un ber po’. Tu nun sei nato poraccio. Dillo. Confidete co’ Roma tua. Pe’ te questa è come ‘na seconna vita…

Nino: Lo potrei nasconde a tutto er monno, ma a te…Vedi, le cose stanno così…Me permetti un ricordo mio?

Margherita: (entra in scena con un certo sussiego) No, Ninetto mio, nun possiamo più andare avanti così. Credimi, ti voglio bene più di quando t’ho conosciuto…ma capiscimi. Vedersi ancora è diventato molto rischioso per tutti e due…

Nino: Margherita mia. Nun mi puoi dire così. Lo sai bene quello che sento per te. La mia vita non avrebbe senso se dovessi viverti lontano.

Margherita: Amore mio, credi che per me sia facile? Ogni momento che passo lontana da te è un momento che strazia tutto il mio cuore!

Nino: Ma allora perché, amor mio, dimmi perché sei così crudele con me. Dici di amarmi e mi allontani?

Margherita: Non capisci Nino? La nostra relazione è andata troppo oltre…Giulio sa tutto. Qualche mala lingua deve averlo informato di sicuro. Mi ha fatta seguire…ci ha fatto seguire…dobbiamo essere prudenti per evitare uno scandalo…o chissà cos’altro!

Nino: Allora ti ha fatto una scenata! Povero amore mio!

Margherita: Le urla, le minacce, ancora tremo! E poi…

Nino: Poi?

Margherita: Non mi far dire, non costringermi…

Nino: Io voglio sapere, debbo sapere…

Roma: Attento Nino…Non ti sei accorto che ti vuole scaricare? Lascia perdere…

Nino: Allora Margherita, dimmi tutto, te lo chiedo in nome del nostro amore!

Roma: Sembra sordo, povero Nino! E questo chi lo ferma?

Margherita: Mi ha umiliato ecco. Per causa tua sono stata umiliata, picchiata. Vuoi vedere anche i lividi?

Nino: Giulio è tuo marito, ma non si può, non si deve permettere!

Margherita: E’ un violento. Lo è sempre stato con me. Lascialo stare…lasciami stare al mio destino!

Nino: Guai! Guai a lui! Povero amore mio!

Roma: E così? Com’è andata?

Nino: E’ andata che il sangue mi è arrivato alla testa, lasciata Margherita sono andato a cercare Giulio. L’ho fermato per la strada. L’ho insultato e, prima che lui potesse rispondermi l’ho colpito. Un pugno, un pugno solo. Lui è caduto, ha picchiato la testa…il sangue…

Roma: E tu?

Nino: Mentre cercavo di soccorrerlo lui mi guardava negli occhi ed ha avuto la forza di chiedermi…”Chi sei? Perché…”

Roma: Non mi dire…

Nino: Te lo dico invece. Giulio poveraccio non sapeva nulla. Margherita si era inventata tutto, aveva iniziato una relazione con un certo Tullio e la gelosia di Giulio era stata soltanto un pretesto, per avere campo libero.

Roma: E allora?

Nino: Non avevo e non ho parenti. Non sono sposato. Ho venduto tutto quello che avevo, casa, azienda, terreni e l’ho dato in risarcimento a Giulio che si era fatto veramente male. Sono letteralmente sparito. Soltanto così sono riuscito ad evitare guai peggiori.

Roma: A Nì, me dispiace proprio…io avevo cercato de fermatte…acqua passata.

Nino: Mica è finita qui! Che li possin’ammazzalli tutti e due! M’hanno truffato capisci? Messe le carte a posto, messe le mani sur mio, Margherita s’è perfino rimessa co’ Giulio.

Roma: Senti questa! E tu come hai saputo?

Nino: Quanno stai in queste condizioni sei solo ‘n’ombra da evità, sei niente, nessuno. Vicino ar niente se parla e se straparla. Vedi, quanno ho saputo nun ce volevo crede. Poi ho visto coll’occhi mia.

Roma: E hai fatto?

Nino: E che avevo da fa? Che po’ fa’ un’ombra? L’ombra è ‘n contorno de scuro che passa pe’ la tera e pe’ li muri. Mo’ c’è, mo’ nun ce sta più. Tu nun acchiappi lei e lei nun acchiappa a te. E poi lo diceva uno ancora più antico de te, Roma mia, un greco che poraccio stava puro cecato: se “nessuno” s’arabbia che voi che succede? Niente. Zero via zero ar quoto.

Roma: Quella sgrugnata ar core, allora, t’ha fatto bene!

Nino: Mica vero! Ancora me ce ‘n…coso parecchio! Forse, però, solo pe’ abbitudine. Vedi. Er tempo passa, te sbiadisce li ricordi e mentre gira er meccanismo der cervello, passanno sulle pene d’un amore oramai lontano, cigola ‘na rotella e  te ripete “A Nino!… Chissenè!”. Poi conto li sordi c’ho fatto co’ la carità e si me basteno pe’ ‘na litrata de vino e quarche cosa da magnà, doppo la cena, mentre che me rinvolto in mezzo a li cartoni dico che la giornata mia l’ho passata da gran signore!

Roma: Te contenti de poco! E quanno piove o gela?

Nino: Se sopravvive! Ma nun te dico come sinnò se sparge la voce e rimango fregato co’ la concorrenza.

Roma: Lo sai che m’hai messo in imbarazzo? Te volevo da’ quarcosa, magari fatte trovà un portafoijo co’ tanti sordi, ma me renno conto che co’ te c’è poco da fa’. Una cosa però te la posso regalà. Un gioco de prestigio. Un’illusione, solo un’illusione, ma granne come Roma. (si avvicina alla quinta, esce e rientra Margherita) Guardeme bene Nino, dimme chi so’!

Nino: Margherita!

Margherita: So’ venuta solo pe’ te. Dimme amore mio, ma tu me voi bene?

Canzone

(Roma nun fa la stupida)

(esce Margherita e rientra Roma)

Roma: Vedi quanto ce vole poco? Pòi esse l’urtimo de’ li disgraziati, ma te basta un cantuccio d’illusione e subbito te se riscalda er core! Ma, alò, alegri gente! Metteteve ‘n saccoccia i fazzoletti…

Nino: Si questo è stato tutto un sogno, nun me voijo svejà più. Coraggio paini de Roma, pronti ar gioco e voi donne tirate su la vesta…E che avete capito? Poco, s’intenne, solo quer tanto pe’ move bene le cianche e pe’ ballà.

(Entrano tutti i personaggi, cantano tutti insieme e poi si scatenano in un Saltarello)

Canzone

(La società dei magnaccioni)


[1] * - Stornelli tratti dalla tradizione romana

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno