Stampa questo copione

Giambattista Spampinato

“PSEUDOLUS”

da Tito Maccio Plauto

Libera riduzione in due atti


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PERSONAGGI:

PSEUDOLO, servo di

CALIDORO, figlio di

SIMONE

BALLIONE, vecchio lenone

FENICIA, innamorata di Calidoro

SIRA, schiava di Ballione

ARPACE, militare

PROLOGO


1


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PROLOGO – (Recitato a sipario abbassato)

Signuri mei, a tutti la bona sira.

Scusati si non haju cetra e mancu lira

e mi prisentu ccà, in quattru e quattr’ottu:

‘u Prolugu sugnu e vogghiu fari bottu.

Cu’ è additta si po’ puru assittari,

cu’ sta durmennu si po’ arrusbigghiari,

la tila di la scena ora si spalanca

e lu spittaculu quantu prima arranca.

La storia ca vi cuntu è genuina:

è‘na bella commedia plautina, unni si parra di ‘n servu birbanti

ca ‘mbrogghi e ‘ntrichi ni faceva tanti

a dannu di ‘n vecchiu ruffianu

ca ppi li soldi apparava li manu,

fussiru mini, dracmi o sesterzi,

li pritinneva sani, minuti o a pezzi.

‘Stu servu spirtuliddu e furbacchiuni

tirava a cuntintari lu so’ patruni,

ppi la scacioni ca era ‘nnamuratu

di ‘na schiava: amuri ricambiatu.

Calidoru – accussì ‘u chiama la fudda –

non sapi unni sbattiri la midudda,

ppi procurari soldi e riscattari

la donna ca disidira impalmari.

Ccu la memti spersa di ‘n poviru sbannutu

a lu so’ servu, perciò, dumanna ajutu;

chiddu, ca una ni fa e centu ni pensa,

studia lu pianu e pripara la lenza:

ci metti un amu di setti, nicu nicu,

e ‘ngagghia lu so’ acerrimu nemicu.

Vaju cuntatu di l’A finu a la Zeta

Ppi la ragiuni ca lu nostru pueta

du’ suli versi ci aveva tramannatu;

chiddi c’aviti ‘ntisu l’haju ‘nvintatu.

Sistimativi beddi comudi ‘nta la sedia

E assuppativi tutta la commedia.

Ju sugnu filici e macari cuntentu

di augurarivi bon divertimentu.

Si poi la commedia vi sarà gradita,

ju ni godu e non m’arrusicu li jta.


2


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

ATTO PRIMO

Piazzetta prospiciente la casa di Calidoro, che trovasi sulla sinistra della scena; mentre la casa di Ballione trovasi sulla destra. Al centro della scena vi è collocata una fontana decorativa.

SCENA PRIMA

Sira e poi Calidoro, e poi Pseudolo.

SIRA – (Esce guardinga dalla casa di Ballione per bussare alla porta di Calidoro, ma sobbalzaall’applauso del pubblico) Malanova di mia sula, mi satau l’arma!… Mi pareva ca non c’era nuddu.E ju ca vuleva fari ‘na cosa ammucciuni. E’ inutili, ‘u proverbiu non sbagghia mai: “Nenti fari ca nenti si sapi!”. Ju ci ‘u dissi a Fenicia: “Non mi ci mettu ‘nta ‘sti centu missi! Si si nn’accorgi ‘u patruni, sugnu cunsumata; chiddu mi manna all’isola! Pirchì non ci manni a n’autra in casa di Calidoro?”. ‘U sapiti chi mi rispunnìu? “Tu, ppi mia, si’ comu ‘na soru!”. A ‘stu puntu c’aveva a fari? Mi fici dari ‘a littra e ci ‘a staju purtannu o’ so’ ‘nnamuratu. (A uno del pubblico, immaginando che abbia parlato) Comu?… Ju haju ‘a facci d’a ruffiana?… Forsi ci l’haju fattu alei?… No, no, non m’affinnii pirchì ju ‘a ruffiana fazzu di misteri, e ‘a sacciu fari… Comu?… Chi ci voli a falla?… E ci pruvassi lei, videmu si ci rinesci!… ‘A ruffiana, prima di tuttu, ha essiri ‘na pirsuna fidata, poi non ha aviri ‘u vudeddu di papira… Chi significa ?… Ca ha sapiri teniri i segreti intra ‘u stomucu. Nuddu, mintemu, ha sapiri ca ci staju purtannu ‘sta littra a Calidoro. Chi dici?… ‘U staju vanniannu e’ quattru venti?… E chi significa? Ccu vuatri ni pozzu parrari pirchì siti fora d’a commedia e, poi, non vi cunveni di parrarini. Si parrati, non putiti canusciri ‘u secutu di ‘sta vicenda. Ora, però, facitamminni jri prima ca non trovu cchiù a Calidoro e Fenicia mi duna ‘a culpa a mia. Perciò, con permesso. (Va a bussare alla porta della casa di Calidoro)

CALIDORO – (Aprendo e affacciandosi)Cu’ è? Oh, Sira, tu si’? Chi voi ?

SIRA – Ju non vogghiu nenti. Ti staju purtannu ‘na littra di Fenicia.

CALIDORO – Della mia Fenicia? E che mi manda a dire?

SIRA – Ju chi leggiu i littri di l’autri? Però, cridu, ca ci su’ mali frusculi.

CALIDORO – Comu ‘u sai tu s’a littra non ‘a liggisti?

SIRA – Ci ‘u liggii ‘nta facci a Fenicia

CALIDORO – E m’u dici accussì?

SIRA – E comu ti l’haju a diri, cantannu? Chiuttostu, famminni jri prima ca s’affaccia Balliuni em’i sona cc’u vastuni!

CALIDORO – Ti ringraziu, Sira, macari si non mi purtasti boni nutizii. Ti prego, però, di salutarela mia Fenicia.

SIRA – Sarà fatto. Anzi, ‘u sai chi fazzu? Ci dugnu ‘n vasuni ppi tia. Ti saluto.(Via, in casa diBallione)

CALIDORO – (Si siede sul bordo della fontana e legge le tavolette incerate che gli ha portatoSira, disperandosi durante la lettura. Nel frattempo arriva Pseudolo che lo trova mesto e triste.


3


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PSEUDOLO – Chi è ‘sta facci di funerali? Ricivìu brutti notizii? Chi c’è scrittu ‘nta ‘sti tavuletti?

Scuppìau ‘na guerra e ci mannaru ‘a cartulina precettu, oppuri sunu cambiali di pavari?

CALIDORO – Caro Pseudolo, sono sfortunato e molto infelice!

PSEUDOLO – Giovi ci nni scanza e libira!

CALIDORO – Giove non c’entra nella mia disgrazia. Sono infelice a causa di Venere!

PSEUDOLO – Chi ci fici ‘dda… bona dea?

CALIDORO –(Dandogli le tavolette)Toh, leggi tu stissu accussì saprai di tutta la mia infelicità.

PSEUDOLO –(Cercando di decifrare la scrittura)Per Pollùce, ccà ci voli ‘u farmacistapp’intirpitrari chiddu ca c’è scrittu ‘nta ‘sti tavuletti!

CALIDORO – Non essere irriverente! Quelle tavolette sono state scritte da una mano graziosa edelicata.

PSEUDOLO – ‘A jaddina janca havi i manu?

CALIDORO – Finiscila di scherzare e leggi! Io non sono capace di leggerla per la seconda volta:

la mia mente è assente!

PSEUDOLO – Ho capito, haju a fari tutti cosi ju!

CALIDORO – Vo’ leggiri, sì o no?

PSEUDOLO – E ‘n mumentu, quantu mi cuncentru; ju ‘a scola sirali friquintai.(Osservando letavolette) Ccà è, ‘a staju vidennu…

CALIDORO – A cui?

PSEUDOLO – ‘A so’ ‘nnamurata.

CALIDORO – (Guardando in giro)Unn’è? Non ‘a vidu.

PSEUDOLO – Ccà è, stirnicchiata longa longa supra ‘a cira d’i tavuletti.

CALIDORO –(Capendo lo scherzo)Che gli dei e le dee ti possano….

PSEUDOLO – (Interrompendolo)Proteggere?

CALIDORO – No! Che ti possano maledire! Ti meriti la màcina. Leggi!

PSEUDOLO – Staju liggennu: “Fenicia al suo innamorato Calidoro, con la complicità di questacera e delle tavolette invia il suo saluto e implora salvezza con l’anima, con la mente e col cuore”.

PSEUDOLO – E ju ca non pozzu fari nenti!

PSEUDOLO – Chi geniri di salvezza vulissi?


4


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Soldi!

PSEUDOLO – Ah, i soldi ora si chiamunu: salvezza?

CALIDORO – Per la mia amata Fenicia, sì.

PSEUDOLO – E ‘n salutu di cira ‘u voli ricambiatu ccu soldi d’argentu?

CALIDORO – Voli essiri affrancata, ‘u capisci ora? Avanti, statti mutu e cuntinua a leggiri.

PSEUDOLO – Si m’haju a stari mutu comu pozzu leggiri?

CALIDORO – Smettila chè non ho voglia di stare a sentire le tue idiozie!

PSEUDOLO – Va beni, leggiu: “Mio amato Calidoro, il lenone mi ha venduta per venti mine ad unsoldato straniero che gli ha versato un anticipo di quindici mine. Mi trattengono qui solo le restanti cinque mine che dovranno essere consegnate dal soldato entro oggi, insieme al contrassegno del suo ritratto impresso da un anello sulla cera del patto stipulato”.

CALIDORO – Hai capito? Questa è la mia fine!

PSEUDOLO – Non facissi ‘u tragicu, ora, e mi facissi finiri di leggiri, videmu o’ funnu chi piscipigghiamu. (Continua a leggere) “I nostri abbracci, i nostri baci, il piacere di vederci, il desiderio di stare insieme, il nostro amore, ci vengono strappati di forza e distrutti se non troviamo, io e te insieme, ma più te che me, una soluzione, una via di salvezza. Ti ho fatto sapere tutto ciò per conoscere fino a che punto mi ami”.

CALIDORO – Non è commoventi chiddu ca mi scrivi?

PSEUDOLO – Strappalacrime!

CALIDORO – Pirchì non chianci, allura?

PSEUDOLO – Pirchì non mi veni.

CALIDORO – Sei senza cuore!

PSEUDOLO – Patruneddu, si non mittemu da parti i piagnistei, putemu dari l’addiu alla bellaFenicia!

CALIDORO – Chi putemu fari? Ci volunu vinti mini pp’u riscattu e nuatri non ci avemu mancu‘na nichila.

PSEUDOLO – (Con enfasi)Tuttu chiddu ca pussedu è so’!

CALIDORO – Grazie, tu si’ ‘n veru amicu! Quantu pussedi?

PSEUDOLO – Nenti!

CALIDORO – Non schirzari ca non è ‘u mumentu.


5


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PSEUDOLO – Non scherzu; di “nenti” ci nn’haju tantu.

CALIDORO – Di nenti non haju chi faramminni… nenti! Non ci hai mancu ‘na dracma?

PSEUDOLO – Chi po’ fari ccu ‘na sula dracma?

CALIDORO – M’accattu ‘na corda pp’affucarimi.(Melodrammatico)Voglio raggiungere letenebre prima che le tenebre scendano!

PSEUDOLO – E si lei attisica i palitti, a mia cu’ m’a torna ‘a dracma? Non si nni fa nenti.

CALIDORO – Io non posso vivere senza di lei!

PSEUDOLO – Ora ci ‘a finissi di piccìari ca sempri ‘u truvamu un rimediu.

CALIDORO – Sugnu ‘nte to’ manu. Tu sulu mi poi ajutari.

PSEUDOLO – Ci prumettu ca intra oggi avrà i vinti mini e la bella Fenicia.

CALIDORO – Lo volesse il Cielo!

PSEUDOLO – Non ci cridi? Avanti, forza, mi dumannassi i vinti mini. Non vidu l’ura didaraccilli!

CALIDORO – Ma si dicisti ca non pussedi nenti?!

PSEUDOLO – E’ pp’impignarimi ccu mia stissu. Forza, m’i dumannassi!

CALIDORO – E va beni. M’i duni vinti mini d’argentu?

PSEUDOLO – Ci po’ calari ‘a pasta ca ‘n pollu di spinnari ‘u trovu. E si non ci rinesciu, di riservac’è sempri so’ papà. (Al pubblico) ‘U staju dicennu bellu forti in modu ca tutti ‘u ponu sentiri: Vardativi di mia oggi! Non vi fidati d’i me’ paroli pirchì, cu’ si fida, ci rimetti vinti mini senza ca si nn’accorgi!

CALIDORO – Mutu ca sta niscennu ‘ddu ruffianu di Balliuni: sentu cigolari ‘a so’ porta.

PSEUDOLO – Ju l’ossa ci vulissi sentiri cigolari!(Si appartano dietro la fontana)

SCENA SECONDA

Ballione e Sira.

BALLIONE – (Venendo fuori, seguito da Sira)Veni ccà, Sira, ca t’haju a parrari in privatu. ‘Udicu a tia ca si’ ‘a cchiù anziana.

SIRA – Quant’è finu vossia! Ju mancu trent’anni haju!

BALLIONE – Anziana di servizio, non d’età! Perciò, stai beni attenta a chiddu ca ti dicu e riferisciall’autri to’ culleghi, ca su’ boni sulu ppi mangiari pani a tradimentu.

SIRA – Vossia parra.


6


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – In primis, v’aviti a scutulari ‘u sonnu e ‘a sfuncitudini c’aviti d’incoddu tutti pariannunca, a furia di nirbati, v’arridduciu ‘a carina a strisci comu ‘na zebra. Poi, siccomu oggi è ‘u me’ compleannu…

SIRA – Auguri!

BALLIONE – Grazii. ‘U vogghiu fistiggiari ccu l’amici. Perciò, mi raccumannu: pulizia generali estraordinaria. Vuatri fimmini abbissativi e allicchittativi per accogliere e intrattenere i miei invitati. Sapitivi cumpurtari, ‘nto vostru interessi, ma, soprattutto, ‘nta chiddu miu. A secunnu comu vi cumpurtati, deciderò si siti degni di divintari liberte oppuri si v’haju a vinniri comu fici già ccu ‘dda bona a nenti di Fenicia che ha avuto l’ardire d’innamorarsi senza il mio consenso e di trìuliari d’a matina a’ sira. Dovete essere graziose e gentili con i miei amici accussì, cch’i rijali ca vi fannu, ni facemu i provvisti ppi tuttu l’annu.

SIRA – Va beni, vossia mi non dubita.

BALLIONE – Ed ora vi dicu chiddu c’aviti a fari. Tu, Sira, t’ha’ allisciari ‘u mulinaru e fari inmodu ca ni manna ‘na vintina di sacchi di farina. Ecrodora ha corteggiari ‘u macellaiu e si fa mannari ‘na trentina di bistecchi di vitellinu di latte, ‘na quarantina di cutuletti e un centinaio di caddozzi di sasizza. Ad Edilia ci tocca l’ugghiularu e si fa allinghiri i giarri ca su’ leggi. A Sistilide, ‘a lassu libera…

SIRA – Non pertecipa, allura, o’ fistinu?

BALLIONE – Fammi finiri di parrari. ‘A lassu libira di travagghiarisi a cu’ voli, basta ca macariidda fa ‘a so’ parti. E, ora, ti po’ ritirari e, mi raccumannu, faciti comu vi staju cumannannu si non vuliti divintari merci di barattu. (Sira via)

CALIDORO – (Piano a Pseudolo)‘U sintisti? Chi mi cunsigghi di fari?

PSEUDOLO –(Piano)Ora ci pensu ju. Oggi, ca è ‘u compleannu di Balliuni, ci facemu ‘n bellurijalu.

CALIDORO – Ccu quali soldi?

PSEUDOLO – Senza soldi.(Ballione si avvia)

CALIDORO – Si nni sta jennu. Pirchì non ‘u fermi?

PSEUDOLO – Si fidassi di mia ca sacciu chiddu c’haju a fari.(Chiama)Ehi, Balliuni,fermiti cat’haju a parrari.

BALLIONE – (Si ferma, ma senza voltarsi)Cu’ è ‘stu rumpiscatuli ca si permetti di disturbarimiccu tuttu ‘u chiffari ca haju?

PSEUDOLO – Unu ca fu il tuo salvatore.

BALLIONE – (C.s.)Cu’ “fu” è mortu, ju haju bisognu di unu ca “è”.

PSEUDOLO – Ju “fui” il salvatore, ma “sugnu” chiddu ca ti rumpi i corna si non ti stai mutu em’ascuti.


7


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Non è possibile scambiare due parole con te?

BALLIONE – (C.s.)Haju primmura.

CALIDORO – Io, invece, ho necessità di parlarti.

BALLIONE –(C.s.)Di ‘st’aricchia non ci sentu.

CALIDORO – Soldi te ne ho dati fin quando ne ho avuti.

BALLIONE – (C.s.)Chiddu ca ha statu, ormai è passatu.

CALIDORO – Te ne darò ancora quando ne avrò.

BALLIONE – (C.s.)Chiacchiri non nni mangiu.

CALIDORO – Quello che t’ho dato, allora, l’ho buttato al vento?

BALLIONE – (C.s.)T’haju dittu ca ‘u passatu non m’interessa; prifirisciu ‘u prisenti e ‘u futuru.

CALIDORO – Visto che non ti degni di guardare chi ti parla, per lo meno lo stai riconoscendo?

BALLIONE – (C.s.)Sacciu cu’ ha statu; in quantu a cu’ è ora, mi nni staju accurgennu.

PSEUDOLO – Vidi ca hai di guadagnaricci si ti voti.

BALLIONE –(C.s.)Quann’è accussì, mi votu.(Si gira facendo finta di scorgerli ora)CarissimoCalidoro, comu stai? Pseudulu, tu eri ca chiamavi? Non v’aveva ricanusciutu.

PSEUDOLO – Mischinu, è tuttu dispiaciutu!

BALLIONE – Ve lo giuro, ppi quantu stimu e veniru tutti li dei dell’Olimpo!

PSEUDOLO – Bonu, vòtila ca s’abbrucia!

BALLIONE – Chiuttostu, Calidoru comu t’a passi?

PSEUDOLO – ‘U me’ patruneddu è ‘nnamuratu, ma in bolletta. Non ti nni fa compassioni?

BALLIONE – Mi dispiaci. Si putissi manteniri ‘a me’ famigghia cc’a cumpasioni, ‘u cumpatissi.

PSEUDOLO – S’affrunta a diriti ca non ti po’ dari i vinti mini d’u riscattu pp’a so’ ‘nnamurata.

BALLIONE – Iddu s’affrunta ca non m’i po’ dari, ju, inveci, mi addoloro ca non ‘i pozzu riciviri.

PSEUDOLO – Però, te le darà, basta ca hai tanticchia di pacienza.

BALLIONE – Caru Pseudulu, si ‘u to’ patruni fussi ‘nnamuratu veramenti, i soldi l’avissi truvatu,a costu di ricurriri ad un usuraio.

CALIDORO – Questo mai! Queste cose io non le faccio!


8


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – A Fenicia, allura, t’a po’ scurdari!

CALIDORO – Ho provato a farmeli prestare da una persona autorizzata, ma non ci sono riuscito.

E’ la legge dei venticinque anni che mi rovina; non mi hanno potuto fare credito.

PSEUDOLO – Già, di quannu applicaru ‘sta “Liggi Pletoria”, ca annulla i contratti stipulati daiminori di venticinque anni e cunnanna a cu’ approfitta dell’inesperienza dei minori, non si fannu cchiù affari.

BALLIONE – ‘A stissa liggi vali ppi mia; mi scantu a fari creditu.

PSEUDOLO – Non ti basta chiddu ca t’ha datu finu ad ora ‘u me’ patruni?

BALLIONE – ‘U ‘nnamuratu è perfettu sulu quannu po’ dari in sichitanza; quannu non havi cchiùnenti di dari, non havi dirittu all’amuri.

CALIDORO – Ti prometto che appena avrò i soldi, te li darò.

BALLIONE – Caru Calidoru, i paroli non fannu sgrusciu, i soldi sì. Ti stai prisintannu davanti amia cch’i manu leggi.

CALIDORO – Ma, almeno, aspetta qualche giorno ancora a vendere Fenicia, fino a quando tornamio padre.

BALLIONE – Si è ppi chistu, aspettu quantu voi tu.

CALIDORO – Ti ringrazio, sei veramente gentile.

BALLIONE – Di nenti. Anzi, ‘u sai chi ti dicu? Fenicia non è cchiù in vendita.

CALIDORO – Veramente? Non posso crederci.

PSEUDOLO – Balliuni, sta’ parrannu cc’a virità?

CALIDORO – Pseudolo, vai a cercare due agnelli; voglio fare un sacrificio al sommo Giove.

PSEUDOLO – Aspittassi prima di fari sacrifici ca staju sintennu fetu di bruciatu. Balliuni, rispunnia mia: è veru ca Fenicia non è cchiù in vendita?

BALLIONE – (Ridendo)Certu, pirchì havi ‘n pezzu ca m’a vinnii.

CALIDORO – Come?

BALLIONE – Senza cammisa: ccu sulu davanti e ‘u d’arredi.

PSEUDOLO – ‘U diceva ju ca c’era fetu di bruciatu.

CALIDORO – Hai venduto la mia innamorata?

BALLIONE – Ppi vinti mini o, si preferisci, ppi quattru voti cincu mini, o ppi cincu voti quattrumini o ppi du’ voti deci mini.


9


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – E a chi l’hai venduta?

BALLIONE – A ‘n suldatu furasteri, ca mi desi già un anticipu di chinnici mini. PSEUDOLO –(A Calidoro, piano)Accussì c’era scrittu ‘nta littra di Fenicia. CALIDORO –(A Ballione)Ma tu hai promesso che l’avresti venduta solo a me! BALLIONE – Veru è.

CALIDORO – Non hai mantenuto la promessa.

BALLIONE – Però m’intascai chinnici mini sunanti.

CALIDORO – Sei uno scellerato!

BALLIONE – E’ veru, però, quannu mi servunu soldi, pozzu prelevarini tutti chiddi ca vogghiu,mentri tu, ca si’ ‘n carusu bonu, non hai unni sbattiri ‘a midudda!

CALIDORO – Non voglio scendere al tuo stesso livello. Pseudolo, digliene quattro per conto mio!

PSEUDOLO – Ccu tuttu ‘u cori!(A Ballione)Ora ti ridduciu comu ‘na pulpetta sfatta cch’i me’‘ngiurii. (Comincia ad ingiuriare) Sbriugnatazzu amaru!

BALLIONE – ‘A peddi ci l’haju dura.

PSEUDOLO – Cosa fitusa!

BALLIONE – Chista mancu arrivau.

PSEUDOLO – Miserabili!

BALLIONE – (Gli ride in faccia)

PSEUDOLO – Spogghia tombi!

BALLIONE – (C.s.)

PSEUDOLO – Figghiu di buttana!

BALLIONE – Calidoru, provicci tu ca Pseudulu mancu mi cartigghiau.

CALIDORO – Ti accontento: bugiardo e spergiuro!

BALLIONE – Chista è troppu nica.

CALIDORO – Ladro!

BALLIONE – Ancora nica è.

CALIDORO – Trasgressore delle leggi!


10


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – (Ride ancora)

CALIDORO – Magnaccio!

BALLIONE – E’ ‘u me’ misteri.

CALIDORO – Rovina fanciulle!

CALIDORO – Pruvaticci ‘nsemi, megghiu.

PSEUDOLO – Figghiu di tappinara!

CALIDORO – Feccia dell’umanità!

PSEUDOLO – Sbirru!

CALIDORO – Sanguisuga!

PSEUDOLO – Cunfidenti d’a Questura!

CALIDORO – Truffatore!

PSEUDOLO – Curnutu!

CALIDORO – Ruffiano!

PSEUDOLO – Mollusco!

BALLIONE – (Dopo una pausa di silenzio da parte dei due)E foru chisti l’ingiurii ca m’aveunu aridduciri comu ‘na pulpetta sfatta?

PSEUDOLO – Avemu persu tempu. Balliuni è peggiu di ‘na vutti senza funnu: non s’allinghi mai.

BALLIONE – ‘U capisturu, finalmenti? Comunqui, vogghiu essiri ginirusu: si oggi ‘u suldatu nonmi porta ‘u restu d’i soldi d’u riscattu, vistu ca ‘u cuntrattu scadi, a Fenicia t’a vinnu a tia. E ccu chistu, vi salutu. (Via)

CALIDORO – (Dopo che Ballione è andato via)E siamo al punto di partenza.

PSEUDOLO – Patruni, mi vinni un’idea ppi mettiri intra ‘u saccu a Balliuni e affrancari a Feniciasenza spenniri mancu ‘n soldu.

CALIDORO – Fussi veru chiddu ca stai dicennu!

PSEUDOLO – Non mi cridi? Non ci nn’havi cchiù fiducia ‘nto so’ servu affiziunatu? CALIDORO – Tanta e ti promettu di rijalariti la libertà, se tu mi ridai la mia Fenicia. PSEUDOLO – ‘A po’ cunsidirari cosa fatta. Però, haju bisognu di essiri ajutatu. CALIDORO – Dimmi chiddu c’haju a fari: sugnu a to’ disposizioni.


11


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PSEUDOLO – Non s’affinnissi, ma vossia non è la persona adatta. Ci voli unu furbu e sveltu. CALIDORO – E ti pari facili truvallu?

PSEUDOLO – Ju ci tentu, ma vossia non facissi parola ccu nuddu. Staju turnannu.(Via)

SCENA TERZA

Calidoro e Sira, e poi Fenicia.

SIRA – (Venendo fuori dalla casa di Ballione)Calidoru, ti salutu.

CALIDORO – Oh, Sira, ciao.

SIRA – A Balliuni l’ha’ vistu?

CALIDORO – S’alluntanau ‘n mumemtu fa.

SIRA – (Gli si avvicina)Haju ‘ntisu vuci. Vi sciarriastiru? CALIDORO – Ballione è un miserabile! Ci dissi chiddu ca si miritava.

SIRA – Ccu iddu è tempu persu. Pari fattu di gomma: tuttu chiddu ca ci dici, ci ribumma.

CALIDORO – A mia m’u dici? Mi nn’haju accurgiutu, purtroppu.

SIRA – Havi ‘a faccia tosta ca ci ponu sparari pospiri contraventu.

CALIDORO – E chiddu ca fa cchiù impressioni è ca tuttu ci va lisciu comu l’ogghiu. Oggi, peresempiu, scadi ‘u cuntrattu ppi Fenicia, ebbeni, sugnu sicuru ca ‘u suldatu non manteni l’impegnu e Balliuni ci guadagna i chinnici mini d’a caparra.

SIRA – E pirchì non ringrazii a tutti li dei dell’Olimpo si va comu pensi, accussì a Fenicial’affranchi tu.

CALIDORO – Ccu quali soldi? Mia buona Sira, non possiedo neanche una dracma.

SIRA – Chi pensi di fari, allura?

CALIDORO – Nenti, sugnu ccà a meditare sopra la mia disgrazia.

SIRA – E Pseudulu? T’abbannunau macari iddu?

CALIDORO – S’alluntanau ‘n mumentu.

SIRA – Jvu a procurari i soldi pp’u riscattu?

CALIDORO – Dici ca havi un piano ppi libirari a Fenicia, ma ju non ci cridu pirchì la mia buonasorte m’abbannunau.

SIRA – Ju, inveci, ci cridu. Haju fiducia in Pseudulu. Quannu prumetti ‘na cosa, ‘a manteni. ‘Navota mi promisi ‘n paru di pinnenti d’oru…


12


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – E t’i rijalau?

SIRA – Certu! Non erunu d’oru, ma mantinni ‘a prumissa.

CALIDORO – Erunu d’argentu?

SIRA – No, di chiummu. L’importanti, però, ca non vinni menu a’ so’ parola.

CALIDORO – Allura, pozzu stari friscu! Inveci di Fenicia, al massimu, pozzu aviri ‘u so’ ritrattu.(Pausa) Unn’è Fenicia? ‘A pozzu vidiri?

SIRA – Sulu ppi ‘n mumentu. Si torna ‘u patruni e vi vidi ‘nsemi, s’a pigghia ccu mia.

CALIDORO – Fammi trasiri: ‘a salutu e tornu a nesciri.(Fa per entrare)

SIRA – (Impedendoglielo)Chi si’ pazzu? Unni vo’ trasiri? Tu, allura, mi voi morta! Si trasi, ‘ddi‘nvidiusi d’i me’ cumpagni mi fannu ‘a spia cc’u patruni e sugnu cunsumata. T’a mannu ccà fora accussì, si vi trova Balliuni, s’a pigghia sulu ccu Fenicia. Aspettimi ccà. (Entra e, poco dopo, riappare con Fenicia) Ju vi fazzu da palu e si vidu arrivari a Balliuni, v’avvisu. (Si porta dalla parte donde è uscito Ballione)

CALIDORO – Grazie, Sira. Si’ ‘na vera amica. L’aricchini d’oru t’i rijalu ju, quannu haju i soldi.

SIRA – Campa cavaddu!… Chiuttostu, non ‘a faciti longa.

CALIDORO – (A Fenicia, prendendole le mani)Fenicia cara, morivo dalla voglia di vederti perdirti quanto sono infelice.

FENICIA – Oh, Calidoro mio, anch’io sono infelice e, al pensiero che oggi si presenterà il soldatoa reclamarmi, vorrei piuttosto morire.

SIRA – (A parte)‘A ficiru finiri a lagna!

CALIDORO – Io, però, sono più infelice di te perché non ho trovato i soldi per affrancarti.

FENICIA – Ed, invece, sono io la più infelice perché ti perderò per sempre.

CALIDORO – Ti dico che sono io il più infelice.

FENICIA – Ed, invece, no.

SIRA – Ahu, mittitivi d’accordu. Facitila a paru e sparu.

CALIDORO – Io avevo promesso di affrancarti da quel miserabile lenone di Ballione e di fartimia, ma non posso mantenere la promessa.

FENICIA – Ed io sarò costretta a seguire uno che non conosco, che farà di me ciò che vorrà.

CALIDORO – Vedi che sono io il più infelice?

FENICIA – Ma perché?


13


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Perché resterò qui impotente, mentre uno straniero farà di te la favorita.

SIRA – (A parte)‘A jaddina fa l’ovu e o’ jaddu ci abbamba ‘u culu!

FENICIA – (Continuando la disputa con Calidoro)Sarò io la più infelice perché dovrò subire leattenzioni e le voglie di uno sconosciuto.

SIRA – (Intervenendo)Inveci di sciarriarivi a cu’ è ‘u cchiù infelici pirchì non circati di mittiricci‘na pezza di supra e truvari ‘na soluzioni ai vostri guai?

CALIDORO – Ma chi soluzioni pozzu truvari si l’unica è chidda di cunsignari intra oggi a Balliunii soldi d’u riscattu!

FENICIA – Ma tu hai detto di non avere i soldi.

CALIDORO – Appunto per questo sono tanto infelice.

SIRA – E chi è, ci risemu? Calidoru, sulu chistu sai diri: “tri pila havi ‘u me’ porcu e tri pila havi ‘ume’ porcu”? Cangia sunata e facci tanticchia di curaggiu a ‘sta criatura ca havi ‘na simana ca non mangia e non dormi, pinsannu alla sorti ca l’aspetta.

CALIDORO – Hai ragione, Sira. Sono un buono a nulla. Perdonami, mia adorata Fenicia; io non timerito. Sono qui a tormentarti invece di consolarti. Avrei voluto dirti che benedico il momento in cui ti ho conosciuta e che il tempo che abbiamo trascorso insieme è stato meraviglioso, ma il pensiero tormentoso di perderti mi ha ricacciato in gola le parole!

SIRA – E non ci ‘u stai dicennu ora?

CALIDORO – Ah, sì? Non me ne ero accorto. Scusami, amore mio, forse è la gioia di vederti chemi fa perdere la testa. Vedi, cara, io, quando sto con te, non ragiono più.

SIRA –(A parte)Mi nni staju accurgennu.

CALIDORO – Vorrei che il tempo si fermasse, che intorno a noi si facesse il vuoto e che la nostramente si sgombrasse da ogni pensiero!

SIRA – (C.s.)Ahu, nenti voli!… Pigghiau ‘a calata e cu’ ‘u ferna cchiù?

CALIDORO – Sarebbe meraviglioso poter vivere in un’isola deserta, noi due soli, a guardarcinegli occhi ed ad amarci dalla mattina alla sera!

SIRA – (C.s.)Senza mangiari?

ISIDORO – Poi, mi guardo attorno e mi accorgo che la realtà è ben diversa!

SIRA – (C.s.)E menu mali, almenu mangiati!

FENICIA – Io non volevo innamorarmi di te: avevo paura. Sentivo che prima o poi doveva arrivareil momento del distacco; però, non mi pento di averti amato. Almeno, il tempo trascorso con te è stato pieno ed intenso e non vuoto ed inutile come quando non ti conoscevo e se, dobbiamo separarci per sempre, mi resterà di te un dolce ricordo che mi porterò dietro per tutta la vita.


14


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Noi non dobbiamo separarci, non possiamo… Piuttosto la morte!

FENICIA – Hai ragione, amore mio. Senza di te la vita sarebbe insopportabile: meglio morire!

SIRA –(C.s.)Ora si ficiru lisci!

CALIDORO – Vorreste veramente morire?

FENICIA – Sì, insieme a te sarebbe una cosa dolce.

CALIDORO – (Frastornato)Ah, dovrei morire anch’ io?

FENICIA – Vorreste forse farmi morire da sola?

CALIDORO – No, no, insieme… Ma, ora che ci penso, è meglio aspettare Pseudolo. Mi hapromesso che ci aiuterà.

SIRA – Megghiu è. E, vistu ca vi passau ‘a primmura di moriri e decidistiru d’aspittari a Pseudulu,aspittatilu ognunu ppi cuntu vostru, prima c’arriva Balliuni e vi fa aspittari ‘a vostra malanova.

FENICIA – E’ vero, Sira. E’ meglio rientrare prima che arrivi quel vecchiaccio.(A Calidoro)SePseudolo ti portasse buone nuove, fammele conoscere subito.

CALIDORO – Sarò felice di farlo. Intanto vado ad aspettarlo in casa. Addio, amore mio!

FENICIA – A più tardi.(Via tutti e tre, rispettivamente nelle proprie abitazioni)

SCENA QUARTA

Simone e Pseudolo.

SIMONE –(Viene dalla destra insieme a Pseudolo)Si avissiru eleggiri un re, tra tutti gliscialacquatori di sostanze e tra tutti i fimminari, me’ figghiu Calidoru risultassi ‘u primu.

PSEUDOLO – Pirchì vossia dici chistu?

SIMONE – Pirchì ni parra tutta la Trinacria delle sue imprese. Ahu, mancu ‘u tempu di sbarcari cami misiru al corrente della sua ultima avventura: chidda di affrancari ‘a so’ ‘nnamurata; e, dici, ca sta circannu soldi comu un dispiratu, dopu ca sperperau chiddi ca ci lassai ju.

PSEUDOLO – Non è veru. Su’ i sfacinnati e i malalingua ca parrunu assai e s’impununu i corna dil’autri.

SIMONE – E, inveci, è tuttu veru. Mi nni aveva accurgiutu macari ju, prima di partiri, ca s’asapeva sentiri ccu ‘na schiava di Balliuni.

PSEUDOLO – E macari ca fussi veru, chi sta facennu di mali? E’ forsi ‘na novità ca ‘n picciottus’innamura di ‘na schiava e cerca di affrancalla?

SIMONE – Ju non vogghiu ca fa ‘na cosa vecchia. A mia mi piaciunu i nuvità.

PSEUDOLO – Vossia, quann’era picciottu, faceva cosi originali? Faceva chiddu ca fa so’ figghiu.


15


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIMONE – Però, cascava sempri additta comu i jatti. Iddu, inveci, fa dannu. E tu si’ ‘u dignumaestru di me’ figghiu. Tu ci fai scola. Ma ju ti mannu o’ mulinu a girari ‘a macina!

PSEUDOLO – ‘U sacciu ca vossia non havi ‘na bona stima di mia e chistu mi fa acchianari ‘anirvusa, pirchì ju, inveci, ‘u rispettu.

SIMONE – Comu ti permetti, tu uno schiavo, di fariti acchianari ‘a nirvusa? Stai attentu cchiuttostuai dumanni ca staju ppi rivulgiriti e, bada, ca vogghiu ca mi rispunni cc’a virità.

PSEUDOLO – Vossia dumanassi.

SIMONE – ‘A ‘nnamurata di me’ figghiu si chiama Fenicia?

PSEUDOLO – Signorsì, si chiama propriu Fenicia.

SIMONE – E, ppi casu, è ‘na flautista?

PSEUDOLO – Signorsì, Fenicia sona ‘u flautu.

SIMONE – E pensa di affrancarla?

PSEUDOLO – Signorsì, chista è la sua intenzione.

SIMONE – E dimmi n’autra cosa: tu, ppi casu, non è ca stai circannu di frigarimi i vinti mini d’u

riscattu? (Pseudolo non risponde) Confessa! Dimmi ancora: signorsì!

PSEUDOLO – Signorsì:

SIMONE – Ah, è accussì? E pirchì non ‘u cunfissasti subitu?

PSEUDOLO – Pirchì non vuleva denunziari ‘u me’ patruneddu o’ patruni. Si l’avissi fattu, so’figghiu m’avissi mannatu a girari ‘a macina o’ mulinu.

SIMONE – E non ci pinsavi ca o’ mulinu ti ci avissi mannatu ju?

PSEUDOLO – Sì, però, ‘a punizioni di so’ figghiu era cchiù immediata… Ppi chidda so’ c’era,inveci, tanticchia di respiru.

SIMONE – E ora ca ju haju scopertu ogni ‘ntricciu, unni i procurati i soldi d’u riscattu? Ju haju,già, avvisatu tutti l’amici mei di non farivi creditu.

PSEUDOLO – N’u facemu fari d’i nemici.

SIMONE – Haju avvisatu macari i nemici.

PSEUDOLO – Allura, n’i duna vossia.

SIMONE – Frischi aviti a stari!

PSEUDOLO – E, inveci, com’è veru Giovi, i sgancia vossia, annunca non mi chiamu cchiùPseudulu!


16


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIMONE – Mi voi sfidari?

PSEUDOLO – Sissignuri!… Chiamu a testimoni tutti li dei: intra oggi, vossia ni duna i soldi!

SIMONE – V’i siggiti a’ Banca di Londra!

PSEUDOLO – Non sulu ni duna i soldi, ma ci prumettu macari ca, con un imbroglio di chiddi casacciu fari ju, ci soffiu la bella flautista a Balliuni senza spenniri soldi. Accussì i vinti mini, ca ni duna vossia, ni restunu sani.

SIMONE – Si fai chistu, avrai superato per valore il tiranno di Siracusa Agatocle. Ma, si non ci ‘afai, ti spedisciu ‘rittu ‘rittu a girari ‘a macina!

PSEUDOLO – Si ci rinesciu, però, vossia n’i duna i soldi senza fari storii?

SIMONE – Va bene, affari fattu; ma, sugnu sicuru, ca ti poi già cunsidirari o’ mulinu.

PSEUDOLO – Chistu è ancora da vidiri! E ora sgumbrassi di ccà; facissi spazio e’ me’ pinseripirchì haju bisognu di cuncintrarimi, per ordire l’inganno più grosso e complicato della mia brillante carriera di schiavo! (Alza le braccia al cielo) O Giove, e voi tutti Dei dell’Olimpo, vi chiamo a testimoni! Oggi si compirà un grande evento storico; il giovane Calidoro affrancherà la sua dolce innamorata Fenicia dal vecchio lenone Ballione con la complicità del sottoscritto e con i soldi del padre Simone. Se così non sarà, l’amore dei due piccioncini sarà spezzato, il sottoscritto si ridurrà a girare la macina al mulino e il pubblico resterà deluso perché la commedia non avrà seguito!

S I P A R I O


17


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

ATTO SECONDO

La stessa scena del 1° atto.

QUADRO PRIMO – SCENA PRIMA

Pseudolo e Sira.

PSEUDOLO – Finu a ‘stu mumentu tuttu fila lisciu secunnu i me’ piani.

SIRA – Ma si’ sicuru di chiddu ca fai?

PSEUDOLO – Ho fatto un piano ca non po’ sgarrari mancu di ‘n pilu. Mia cara Sira, non è di tuttiprogettari piani comu a chiddu miu e, soprattuttu, mittilli in atto. Ci voli ‘ngegnu e curaggiu, chiddi ca a mia, modestamente, non mi mancunu mai.

SIRA – Ma si ti scanti macari quannu t’abbaia ‘n cani d’arredi!

PSEUDOLO – Chi c’entra? Chidda è paura fisica. Chiddu ca intentu ju è coraggio morale. Tu nonmi po’ capiri pirchì si’ ‘gnuranti.

SIRA – M’u po’ spiegari almenu qual’è ‘stu pianu ca hai in mente?

PSEUDOLO – Ti pari ca è facili putillu capiri? Comunque, ci provu. Prima, però, rispunni a mia:

chi è il comune nemico, mio e di tutti vuatri?

SIRA – Balliuni.

PSEUDOLO – Brava! Qual è la fortezza d’espugnare?

SIRA – Mizzica, c’è ‘na fortezza d’espugnari?

PSEUDOLO – Certo, la casa di Ballione!

SIRA – E pirchì?

PSEUDOLO – Pirchì chistu è il piano che ho elaborato nella mia mente. Dunque, ho pensato agliinganni e alle astuzie che devo adoperare contro di lui, e li ho schierati come se fossero soldati. Al momento opportuno, al mio comando, daranno battaglia per sconfiggere il mortale nemico e conquistare la fortezza attaccata.

SIRA – Ni sacciu menu di prima.

PSEUDOLO – T’u dissi ca non era facili capiri. Io, mia cara Sira, sono nato per compiere grandiimprese che mi daranno nei secoli gloria e fama!

SIRA – Ppi com’ora, inveci, ti dununu fami e lignati!

PSEUDOLO – Ti cumpatisciu pirchì si’ ‘na povira ‘gnuranti!… E, ora, trasatinni intra ca staarrivannu genti. (Sira via,mentre Pseudolo siede su uno scalino della fontana)


18


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SCENA SECONDA

Arpace e Pseudolo.

ARPACE – (Arriva guardandosi intorno. E’ vestito da militare con corazza, elmo e spada alfianco. Parla da solo) La piazza, che mi è stata indicata, sembra questa. Il mio padrone mi ha dettoche la casa dove abita Ballione è la prima della piazza, venendo dalla strada del porto. Però, prima di bussare e consegnare il contrassegno e il denaro, vorrei essere sicuro. Ora chiedo a quel tale che sta seduto sullo scalino della fontana.

POSEUDOLO – (A parte)Haju ‘ntisu beni? Vo’ vidiri ca ‘stu suldatu è l’attinnenti dell’Ufficialica s’accattau a Fenicia?… Ci voli, allura, n’autru pianu, vista l’occasioni ca si sta prisintannu.

ARPACE – (Che era rimasto indeciso, si avvicina alla casa di Ballione)Forse è meglio bussare efar venire fuori qualcuno.

PSEUDOLO –(Impedendogli di bussare)E’ inutili ca tuppulii; ju sugnu ccà ppi proteggiri ‘a portad’i tuppuliati. Sai com’è? Tuppulìa oggi, tuppulìa dumani, ‘nta porta si ci fa ‘n bellu cafolu.

ARPACE – Scusa… Sei Ballione?

PSEUDOLO – No, sono il suo sottoballione.

ARPACE – Come sarebbe a dire?

PSEUDOLO – Sono il suo vice!

ARPACE – Una specie di attendente?

PSEUDOLO – Di più. Io dò gli ordini all’attendente.

ARPACE – Sei schiavo o libero?

PSEUDOLO – Per modestia ho rifiutato di diventare libero.

ARPACE – Vuol dire che lo stato di schiavo ti si confà meglio.

PSEUDOLO – Ahu, non ti talii ‘nto specchiu quannu affenni ‘a genti?

ARPACE – Non ti volevo offendere.

PSEUDOLO – Jemu e’ curti, si’ l’attinnenti d’u suldatu ca s’accattau a Fenicia? Chiddu ca ci desio’ me’ patruni chinnici mini d’argentu ppi caparra?

ARPACE – Ma tu dove mi hai conosciuto? Io, prima d’ora, qui non ci sono mai venuto.

PSEUDOLO – Figghiu beddu, tu si’ ‘n libru apertu. Sacciu ca fu fissata questa data per il saldodell’acquisto; e lui non ha ancora saldato.

ARPACE – I soldi li ho portati io.

PSEUDOLO – E chi ci aspetti a darammilli?


19


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

ARPACE – A te non affiderei nanche un obolo.

PSEUDOLO – Per tua norma e regola, devi sapere ca ‘a genti fa ‘a fila pp’affidarimi i soldi. E noncincu miserabili mini, ma milli voti di cchiù!

ARPACE – Io non ti conosco e non mi fido. Piuttosto, come ti chiami? PSEUDOLO – (A parte)Ahi, ahi… Chi nomu ci dicu?(Poi, forte)Mi chiamo Siro.

ARPACE – Ed, allora, Siro, chiama il tuo padrone in modo che io possa portare a termine la miamissione.

PESEUDOLO – Non c’è, è nisciutu. Si m’i vo’ dari a mia i soldi, ‘u debitu sarà saldatu comu si cil’avissi datu personalmenti ad iddu.

ARPACE – Il mio padrone vuole rimettere questa somma, non rimettercela. Io la consegnerò solo aBallione.

PSEUDOLO – Ma iddu non c’è; è o’ tribunali.

ARPACE – Tornerò quando potrò trovarlo in casa. Tieni, consegnagli questa lettera; c’è ilcontrassegno del mio padrone.

PSEUDOLO – ‘U vidu; ni lassau ‘na copia ccà.

ARPACE – Tu sai tutto!

PSEUDOLO – Modestamente, si fa quel che si può. A propositu, comu ti chiami? ARPACE – Arpace.

PSEUDOLO – Arpace, ti nni po’ jri beddu valenti, ca ti servirò a dovere.

ARPACE – Ti chiedo un altro favore: io ho preso alloggio alla taverna grande, vicino al porto, daOriside. Vorrei che tu mi venissi a chiamare quando il tuo padrone sarà tornato dal tribunale.

PSEUDOLO – Sarà fatto.

ARPACE – Sai, ho fatto un lungo viaggio e vorrei ristorarmi e riposarmi.

PSEUDOLO – Allinghiti ‘a panza e alluppiati ca t’abbersu ju pp’i festi!

ARPACE – Cosa hai detto?

PSEUDOLO – Ho detto: buon appetito e buon riposo.

ARPACE – Grazie.

PSEUDOLO – Non c’è di che.

ARPACE – Ti saluto; ci vediamo più tardi.(Via)20


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SCENA TERZA

Pseudolo solo, e poi Calidoro.

PSEUDOLO – Certu ca haju ‘na furtuna!…(E fa il gesto relativo)La dea bendata s’infunciaupropriu ccu mia. Va bene ca aveva prontu il mio piano d’azione, ma non m’aspittava ‘na cugnintura di chista: Arpaci ca mi porta finu e’ pedi ‘u contrassegnu d’u so’ patruni. E, non sulu, patruni Simuni ca, pirdennu ‘a scummissa, mi rifà d’i vinti mini. Megghiu di comu si stannu mittennu i cosi, non puteva essiri. (Alza le braccia al cielo) O Dei immortali, vi ringrazio! Meritate il sacrificio di almeno dieci giovenchi e cinquanta agnelli, ma, purtroppu, non pussedu mancu ‘na nichila pp’accattarimi menzu chilu di trippa, perciò dovete aspettare anche voi comu a l’autri credituri.

CALIDORO – (Uscendo dalla propria casa)Chi hai ca parri sulu?

PSEUDOLO – Stava pinsannu ad alta voce. Patruneddu, apparassi i manu ca ci offru una triplicegioia in un piatto d’argento o, megghiu ancora, tre gioie condite, modestamente, con la mia astuzia, in modo differente. Ecco qua, tutto è concentrato in questa lettera sigillata.

CALIDORO – Chi mi stai dicennu? Veru è? Devo, allora, salutare in te la Speranza o la Salute? PSEUDOLO – L’una e l’autra.

CALIDORO – (Inchinandosi)Speranza e salute, salve! Ora cuntimi unu di tuttu.

PSEUDOLO – Ricivii posta: ‘na littra con un contrassegno.

CALIDORO – Un contrassegno?

PSEUDOLO – Sì, chiddu d’u suldatu ca s’accattau a Fenicia.

CALIDORO – E comu mai è ‘nte to’ manu?

PSEUDOLO – M’u desi Arpaci.

CALIDORO – E cu’ è Arpaci?

PSEUDOLO – L’incaricatu ca vinni a prelevari a Fenicia, ma ju ci ‘a fici ‘nta l’occhi.

CALIDORO – Cunta.

PSEUDOLO – E no! ‘Sta commedia ‘a stamu recitannu pp’u pubblicu ca già sapi comu jvu ‘afacenna pirchì era prisenti. S’a cuntu n’autra vota, ‘u pubblicu s’autta a risintilla; perciò, poi ci ‘a cuntu a sulu.

CALIDORO – E, allura, chi facemu?

PSEUDOLO – Si preparassi ad abbracciare ‘a so’ ‘nnamurata ca, fa’ cuntu, sarà libira.

CALIDORO – Lo volesse Giove!

PSEUDOLO – Giove è d’accordu, a pattu ca truvamu immediatamente un uomo furbo e scaltrocomu ci dissi prima.


21


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Non l’ha’ truvatu ancora? Forse c’è chi fa al caso nostro. Lo schiavo di mio zio, cheè arrivato l’altro ieri da Siracusa.

PSEUDOLO – Cui, ‘ddu carnaluvari? No, non va beni. Chiuttostu mi travestu ju di suldatu. Però,ci volunu sempri i cincu mini.

CALIDORO – Compare Callifone si è messo a disposizione. Ce li presta lui.

PSEUDOLO – Avemu a procurari, allura, ‘na divisa militari, completa di elmo e spada.

CALIDORO – T’a fai pristari da compare Callifone ca, quann’era piciottu, fici ‘u suldatu.

PSEUDOLO – Benissimu, semu a postu.

CALIDORO – Ma chi vo’ fari?

PSEUDOLO – Ppi com’ora non pozzu parrari. E di tuttu chiddu c’avemu dittu fin’ora, miraccumannu, non facissi parola ccu nuddu!

CALIDORO – Sarò muto come un pesce.

PSEUDOLO – Bravu! Ju, intantu, vaju pp’a divisa e pp’i cincu mini.

CALIDORO – Ju, ‘nveci, speru di vidiri a Fenicia.

PSEUDOLO – Non ci dicissi nenti. Deve essere un segreto per tutti.

CALIDORO – Ti nni po’ jri tranquillu.(A questo punto vengono fuori Fenicia e Sira) PSEUDOLO – (Scorgendo Fenicia)Ccà è; ‘a sparrata nesci in chianu!

CALIDORO – Cu’ c’ è?

PSEUDOLO – ‘A ‘zza monica d’a Mircè!… Cu’ po’ essiri? Fenicia ccu Sira. Megghiu ca rimannu‘a visita a cumpari Callifone.

CALIDORO – Vai, vai, non perdiri tempu.

PSEUDOLO – Prima vogghiu sapiri chi nuvità portunu Fenicia e Sira.

SCENA QUARTA

Fenicia, Sira e detti.

CALIDORO – (Andando ncontro alla fanciulla)Mia adorata, sono felice di vederti. Benedetto ilsole che ti bacia in fronte!

FENICIA – Oh, mio caro, io sono sulle spine, ignorando quale sarà la mia sorte!

SIRA – Ahu, non cuminciamu ch’i làstimi! Cerca di non pinsaricci e vedrai che tutto andrà bene. FENICIA – Ma lo capisci che da un momento all’altro potrebbe arrivare chi mi porterà via?

22


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Non temere! Pseudolo ha intercettato…

PSEUDOLO – (Interrompendolo)Ah, ah, ah… Allura fici beni a rimannari ‘a visita a Callifone!

FENICIA – Chi ha intercettato Pseudolo?

PSEUDOLO – (Prontamente)A me’ soru!

CALIDORO – No, che dici?!

PSEUDOLO – Giustu dicu!… Intercettai a me’ soru c’aveva ‘n vudeddu di papira cchiù grossu ecchiù largu di ‘n cafolu! (La battuta deve essere recitata con intenzione. Calidoro capisce e zittisce)

FENICIA – Che c’entra la sorella di Pseudolo con il militare che mi ha comprata?

PSEUDOLO – Col militare non c’entra affatto…

FENICIA – E, allora?

PSEUDOLO – Me’ soru è cchiù brava d’a sibilla cumana pp’insittari ‘a vintura; e mi dissi ca sarà‘u me’ patruni Calidoru ad affrancariti.

FENICIA – Lo voglia il Cielo!

SIRA – (A Pseudolo)Ma chi ‘ncucchi? Tu soru non nn’hai!

PSEUDOLO – Ccà, ma o’ me’ paisi nn’haju ‘na menza duzzina.

SIRA – Tu m’ha’ dittu sempri ca si’ figghiu unicu.

PSEUDOLO – Di matri viduva. Certu, comu masculu sugnu figghiu unicu, ma haju sei soru cchiùgranni di mia. Veru, patruni?

CALIDORO – Verissimo.

SIRA – E si’ orfanu di patri?

CALIDORO – Sì, me’ matri è viduva. ‘A bon’armuzza di me’ patri, ca ci spiccicava ‘u cori ppi ‘nfigghiu masculu, quannu nascìu ‘a sesta figghia fimmina, s’attaccau ‘na petra o’ coddu e si jttau a mari.

SIRA – E tu nascisti ppi virtù di Patri Giove? Si to’ patri si jttau a mari e morsi, tu di cu’ fustigeneratu? E, dopu novi misi, cu’ t’i tirau i pedi?

PSEUDOLO – Ma ju non nascii dopu novi misi; nascii dopu n’ura.

SIRA – Allura si’ cucchiu?

PSEUDOLO – Sì, gemello.

SIRA – E pirchì non ‘u dicevi prima?


23


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PSEUDOLO – Non mi dasti ‘u tempu.

FENICIA – Parlami di tua sorella.

PSEUDOLO – ‘A cucchia?

FENICIA – Sì, la gemella.

PSEUDOLO – Non m’assumigghia ppi nenti; idda è ‘na fimmina…

SIRA –(Prontamente)E tu si’ masculu. Scupristi l’acqua cauda!

PSEUDOLO – Sira, mi vo’ fari parrari?

FENICIA – Ti prego, Sira, lascialo dire; sono molto ansiosa di sapere.

PSEUDOLO –(A parte)Chi ci po’ ‘ntirissari di me’ soru?… Boh!…(Poi, forte)Perciò, comu tistava dicennu, me’ soru è ‘na fimmina tranquilla, calma, rimissiva; mentri ju sugnu tuttu pipi; idda è bionda, ju sugnu castanu (O viceversa); idda è curticedda, mentri ju…

FENICIA – Ma io non voglio conoscere le caratteristiche somatiche di tua sorella; nonm’interessano.

PSEUDOLO – Chi vo’ sapiri, allura?

FENICIA – Voglio sapere che cosa t’ha detto!

PSEUDOLO – Cui?

SIRA – To’ soru, ‘a sibilla.

PSEUDO – Ma non è idda ‘a sibilla.

SIRA – E, allura, cui?

PSEUDOLO – Esmeralda.

SIRA – La maga dagli occhi celesti?

PSEUDOLO – Comu ‘u sai ca ci l’havi celesti l’occhi?

SIRA – Pirchì l’haju ‘ntisu ‘nta pubblicità.

FENICIA – Perciò, mi vuoi dire che cosa t’ha detto?

PSEUDOLO – (inventando)Di non essiri ‘ncurta e camurriusa, ma di pazientari ca tuttu s’aggiusta. FENICIA – T’ha detto proprio così?

PSEUDOLO – Testualmente!… Dici ca si ti fai veniri l’ansia o cuminci a smaniari, arriva subitu ‘usuldatu e ti porta ccu iddu.


24


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Pseudolo ha ragione; perché il suo piano abbia buon fine, occorre che tu stia calmae non vada in escandescenze.

SIRA – Certu, prima ca Balliuni s’insospettisce e non nni fa annacari mancu ‘a cuda.

FENICIA – Ma io non riesco a stare calma; è più forte di me!

CALIDORO – Devi sforzarti, tesoro.

PSEUDOLO – Sira, facci pigghiari ‘na camomilla e, si non bastassi, dacci a biviri menzu litru dibromuru. E, ora, smammati di ccà ca avemu chiffari.

CALIDORO – Non temere. Entro ‘sta sera sarai libera e verrai via con me.

FENICIA – Tu lo dici per prendermi in giro.

CALIDORO – Lo dico perché ci credo e, perciò, sarà così.

FENICIA – Lo voglia il Cielo!

SIRA – E ci torna!… Si ti stannu assicurannu ca sarai libira, chi voi ancora?… Ma, allura, c’avissia diri ju? A mia nuddu m’affranca! Sugnu distinata a ‘nvicchiari e a moriri ppi manu di Balliuni!

PSEUDOLO – Si hai trent’anni compiuti, hai dirittu allo svincolo gratuito.

SIRA – Ca era jucaturi di palluni!

PSEUDOLO – E, allura, ti svinculu ju.

SIRA – Ci fussi cu’ svinculassi a tia!… Jemuninni, va’, prima ca ci nni dicu qualcuna ‘rossa!

FENICIA – Ti prego, Calidoro, non mi abbandonare al mio destino!

CALIDORO – Ti prometto che questa sera sarai tra le mie braccia!

FENICIA – Arrivederci, amore mio adorato, e che Venere ci assista!

CALIDORO – Ci puoi contare!(Fenicia e Sira via)

PSEUDOLO – Ci aveva raccumannatu di non fari parola ccu nuddu d’a littra e d’u contrassegnu e,comu ‘n vudeddu di papira, si stava sduvacannu.

CALIDORO – Perdonami, mio buon Pseudolo, ma la vista della mia Fenicia mi ha fatto scordareogni cosa, comprese le tue raccomandazioni.

PSEUDOLO – Non è ppi vuliricci fari ‘na sorpresa, ma si Fenicia e Sira venunu a canuscenza d’unostru pianu, sempri fimmini su’, e si ponu tradiri; e Balliuni ni manna a carti quarantottu!

CALIDORO – Hai ragiuni; non ci aveva fattu casu. Ora ti nni po’ jri tranquillu ca non parru cchiù.

PSEUDOLO – Mi dispiaci, ma haju a rimannari ancora ‘a visita a cumpari Callifone.


25


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

CALIDORO – Pirchì?

PSEUDOLO – Pirchì sta rincasannu Balliuni e vogghiu vidiri chi aria tira.

SCENA QUINTA

Ballione e detti.

BALLIONE – (Arrivando)“Cu’ dici donna, dici dannu!”… ‘U pruverbiu anticu non sbagghia mai,ma ci nn’è n’autru, proverbiu, ca ‘u ‘nvintai ju ppi l‘occasioni, ca recita accussì: “Cu’ dici cocu, dici focu!”.

CALIDORO – Che ti è successo, Ballione?

BALLIONE – Haju statu o’ mircatu pp’ingaggiari un cocu; ma è ‘u mircatu d’i latri! Ahu, sim’avissi pigghiatu l’impegnu di ‘ngaggiari ‘n spatiolu, sicuramenti non nn’avissi pututu truvari unu peggiu di chiddu ca ‘ngaggiai!

CALIDORO – E tu perché l’hai ingaggiato?

BALLIONE – Ppi mancanza di scelta: non ci nn’erunu autri.

CALIDORO – E come mai?

PSEUDOLO – V’u spiegu ju. Quannu unu va o’ mircatu pp’ingaggiari un cocu, non cerca ‘u cchiùbravu; cerca chiddu ca costa di menu, ppi risparmiari. I cochi ca restunu, fannu i prezzi ca volunu.

BALLIONE – Propriu accussì: Mi custau caru e sugnu sicuru ca non sarà all’altezza.

PSEUDOLO – Ci arrivasti tardu o’ mircatu.

BALLIONE – ‘A culpa è vostra ca mi facistiru perdiri tempu ccu ‘n saccu di chiacchiri inutili cami frasturnaru ‘a testa.

CALIDORO – Nuatri ti frasturnamu ‘a testa cch’i chiacchiri?

BALLIONE – Sissignuri, chiacchiri e tabacchieri di lignu!

PSEUDOLO – Noi ti abbiamo proposto un affare.

BALLIONE – Bell’affare: affrancare ‘a megghiu schiava ca pussedu senza mancu ‘na nichila!

CALIDORO – Non è veru; prima o poi t’avissi pagatu!

BALLIONE – Quannu? Alle calende greche?

PSEUDOLO – Balliuni, pirchì ‘ngaggiasti ‘stu cocu?

BALLIONE – Oggi è il mio compleanno e, perciò, haju ospiti a pranzu.

PSEUDOLO – Ti siddiasti di campari? Un cocu ‘ngaggiatu o’ mircatu t’avvilena a tia e all’ospiti.Dimmi ‘a virità: quantu ‘u pagasti?


26


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – Deci dracmi.

PSEUDOLO – Si m’u dicevi a mia, ti nni procurava unu a mità prezzu; un cocu seriu e priparatu enon un lestofante comu a chiddu ca ingaggiasti tu.

BALLIONE – Chistu mi promisi ca pripara ‘u mangiari cch’i megghiu aromi: chiodi di garofano,cannella, zafferano, noce moscata…

PSEUDOLO – T’u dissi ca vi voli morti!

BALLIONE – E pirchì?

PSEUDOLO – Pirchì chiddu ca ci metti ‘nto mangiari su’ tutti cosi dannifichi ca fannu scuppiari ‘ustomucu comu ‘n palluncinu vunghiatu assai.

BALLIONE – M’assicurau ca su’ spezie orientali.

PSEUDOLO – E moriti cch’i pedi a livanti!

BALLIONE – Fazzu i corna!… ‘U to’ cocu, inveci, chi m’avissi priparatu?

PSEUDOLO – Tutta roba genuina e frisca: agghiu, ogghiu, semi di finocchiu, peperoncinu, cipuddidi Calabria, mustarda, senape…

BALLIONE – Ah, leviti di ddocu! Chisti cosi frischi i chiami? Mi nn’avissi jutu all’autru munnuprima di mangiari pp’u sulu ciauru! Tu si’ cchiù lestofanti d’u cocu ca ‘ngaggiai. Macari cumpari Simuni m’avvisau di non fidarimi di tia. Dici ca giurasti di farimi i “scarpi”. Perciò, stai luntanu di mia e non t’avvicinari pirchì ju, quannu vidu a tia, vidu o’ diavulu! Anzi, ‘u sai chi fazzu? M’alluntanu ju: mi nni vaju. Ti salutu. (Via)

PSEUDOLO – Pezzu di vecchiu bacuccu, s’a parau ‘a botta!

CALIDORO – ‘U sintisti? Me’ patri ‘u misi in guardia. Si schierau a favuri di Balliuni!

PSEUDOLO – So’ papà, ppi ‘na dracma, si facissi fari ‘na lavanna di scarpi vecchi!

CALIDORO – Cosi da pazzi! S’è vistu mai ‘n patri schierarisi contru ‘u so’ stissu sangu?

PSEUDOLO – Potenza di l’argent, comu diciunu i Galli!… Ma non si preoccupassi ca c’èpriparata ‘na frittata ppi tutti du’ vecchi ca i facemu ristari ccu ‘na manu d’avanti e n’autra d’arredi! Chiuttostu, quantu mi spicciu a jri ‘nti cumpari Callifone, prima ca torna Arpace.

CALIDORO – Ju, inveci, vaju a sacrificari ‘na coppia di palummi alla dea Venere.

PSEUDOLO – E unni i pigghia i palummi? Nuatri chi ci avemu palummi?

CALIDORO – A’ piazza Stesicoro; ddà ci nni su’ tanti!

PSEUDOLO – Benissimu, cu’ si spiccia prima, aspetta ccà.(Al pubblico)Vuatri, intantu,mangiativi quattru coccia di calia e di simenza, e stuppativi ‘na cazzusa! (BUIO e intervento del Prologo)


27


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PROLOGO – (Recitato a sipario aperto e con un cono di luce)

Scusatimi si tornu n’autra vota

a cuntarivi làstimi e suspira;

lu munnu gira comu fa la rota,

cc’u tempu si maturnu li pira.

Pseudulu, ormai è cosa fatta,

di suldatu si vesti, ccu elmu e spata,

e si prisenta ccà ‘nta ‘sta ribalta

a recitari la parti, a menti studiata.

Difatti, di suldatu stracanciatu,

dicennu di apparteniri o’ battagliuni,

s’affranca a Fenicia d’u so’ latu,

livannaccilla o’ vecchiu Balliuni.

Lu vecchiu quannu scopri tuttu ‘u ‘ntricciu?

Quannu Arpaci, lu suldatu veru,

Arriva pittinatu e beddu spicciu,

a reclamari l’acquistu per interu.

Ddocu, bestemmi, fulmini e saetti,

cosi ‘ntricciusi, scummissi pirduti,

mali paroli e cosi mai letti;

tutti li dei sunu strabuduti.

Pseudulu si la ridi allegramenti,

avennu cuntintatu lu so’ patruni,

di tutti l’autri non ci nn’importa nenti,

mancu di Callifoni e di Simuni.

Morali di la favula: ju vi lassu;

guditivi la fini e stati attenti;

di l’amici stativi ‘n palmu arrassu,

macari di li nemici e mali genti.

Fiducia a nuddu, mancu a li vudedda,

ca si sciarrìunu ppi spartirisi lu mangiari:

cu’ voli ‘a carni e cui la vastedda;

poi ccu ‘n indigestu fannu pinìari.

Non haju cchiù chi diri e chi cuntari,

ormai finii: li rimi su’ a rilentu;

si haju sbagghiatu, m’aviti a pirdunari

e, ‘ntantu, v’auguru bon proseguimentu.


28


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

QUADRO SECONDO - SCENA PRIMA

Peseudolo solo, e poi Ballione.

PSEUDOLO – (Arriva dalla destra travestito da soldato)Oh, ci semu! Ora tuppulìu e cu’ s’è vistu,s’è vistu! (Bussa contraffacendo la voce) Ehi, di casa! Non c’è nessuno?

SIRA – (Affacciandosi)Si mi duni ‘u tempu, ci nni semu quantu ni voi!

PSEUDOLO – Mi basta il solo Ballione o qualcuno che faccia le sue veci.

SIRA – Ju non ti bastu? Non sugnu di tuo gusto?

PSEUDOLO – Per me, sì, ma per il momento ho una missione da compiere.

SIRA – Ma chi sei?

PSEUDOLO – Se tu non mi riconosci, ho fiducia nel successo della mia missione.

SIRA – Ma di che missione parli?

PSEUDOLO – Prima guardami bene.

SIRA – Perché vuoi essere guardato?

PSEUDOLO – Per avere la conferma della bontà del mio travestimento. SIRA – (Finalmente riconoscendolo)Pseudulu, tu si’? T’arrulasti nell’esercitu?

PSEUDOLO – Muta, non fari ‘u me’ nomu ca ccà ju sugnu il soldato Arpace, l’attinnentidell’ufficiali ca si voli affrancari a Fenicia.

SIRA – E chi vo’ fari?

PSEUDOLO – Prelevare a Fenicia.

SIRA – Ppi cunsignalla all’ufficiali?

PSEUDOLO – Chi sugnu pazzu?

SIRA – E, allura, a cui?

PSEUDOLO – O’ me’ patruneddu Calidoro. Chiamimi a Balliuni.

SIRA – E si ti ricanusci?

PSEUDOLO – Non mi ricanuscisti tu ca mi canusci d’intra e di fora e m’avissi a ricanusciriBalliuni ca mancu ci vidi bonu? Non ti preoccupari, chiamulu!

SIRA – Comu voi tu: t’u chiamu subitu, ma stai attentu.

PSEUDOLO – Non ci fari capiri nenti.


29


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIRA – Ti pari ca nascii aeri?

PSEUDOLO – ‘U sacciu ca tu si’ spirtuna.

SIRA – Modestamenti…

PSEUDOLO – Ppi tia ci pensu dopu.

SIRA – Vogghiu vidiri. Aspetta ca ti chiamu a Balliuni.(Si avvicina alla porta d’ingresso dellacasa di Ballione e chiama) Patruni!… Patruni Balliuni, c’è ‘n suldatu ca ‘u cerca!

BALLIONE – (Viene fuori, a Pseudolo)Che c’è? Chi sei?

PSEUDOLO – Io sono Arpace. Il mio padrone mi ha incaricato di consegnarti questa lettera.

BALLIONE – Cu’ è ‘u to’ patruni?

PSEUDOLO –(Peplesso e confuso)Guarda il suo ritratto nel contrassegno e, poi, dimmelo tu ilnome, così saprò che sei davvero Ballione.

BALLIONE – (Controllando)Ah, è Polimacheroplagide.

PSEUDOLO – E’ lui. Non ho sbagliato a consegnarti la lettera visto che lo hai riconosciuto.

BALLIONE – Come sta Polimacheroplagide?

PSUDOLO – Come può stare un prode guerriero, per Giove! Ma sbrigati a leggere la lettera perchého fretta; ti porto anche le cinque mine che ti doveva il mio padrone; intanto fai uscire la ragazza; devo trovarmi a Malta entro oggi. Il mio padrone è un tipo che non scherza.

BALLIONE – L’ho conosciuto bene.

PSEUDOLO – Ed, allora, sbrigati a leggere.

BALLIONE – Si ti stai tanticchia mutu e mi duni ‘u tempu, ‘a leggiu. Dunque,(Legge forte)“Polimacheroplagide invia a Ballione questa lettera, scritta da lui stesso e contrassegnata col suo ritratto, come già stabilito”.

PSEUDOLO – Il sigillo è sulla lettera.

BALLIONE – ‘U vidu; non sugnu orvu. Ma ‘u to’ patruni, quannu scrivi, non usa mannari ‘nsalutu ?

PSEUDOLO – I militari non salutano mai. Con la stessa mano con cui inviano salute agli amici,tolgono la vita ai nemici. Ma tu continua a leggere.

BALLIONE –(Legge)“Da Arpace, che ti reca questa lettera, voglio che tu riceva il denaro; a luivoglio che tu consegni la ragazza. Il saluto per iscritto si deve mandare a chi lo merita; tu non lo meriti, perciò non te lo mando!”.

PSEUDOLO – Ebbene?


30


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – Chistu si chiama parrari chiaru!… Dammi i soldi ca ti cunsignu a Fenicia.(Pseudolo dà i soldi) Sira, vo’ chiama a Fenicia. (Sira esegue, tornando subito dopo con l’amica) Fenicia, vai con questo soldato e buona fortuna. (A Pseudolo) Ora è tuttu a postu. Buon viaggio e salutimi a Polimacheroplagide, si si fa salutari. (Entra in casa, seguito da Sira)

PSEUDOLO – (Alla ragazza che ha le lacrime agli occhi)Non chianciri, i cosi non su’ comu cridi.

FENICIA – Io credo in quello che vedo.

PSEUDOLO – Certi voti l’apparenza inganna. Infatti, ju non sugnu Arpace; sugnu Pseudulu.

FENICIA – (Riconoscendolo)Pseudolo?! Ti prego, aiutami, non mi abbandonare al mio destino!

PSEUDOLO – Stai tranquilla ca ormai si’ salva. Tra poco potrai abbracciare il tuo Calidoro.

FENICIA – Non capisco.

PSEUDOLO – Mi sono travestito da Arpace per affrancarti.

FENICIA – E la lettera col contrassegno?

PSEUDOLO – E’ ‘dda soru ca intercettai.

FENICIA – Capisco sempre di meno.

PSEUDOLO – Capirai cchiù tardu quannu t’u spiega Calidoro. Ppi com’ora sluggiamu di ccàprima ca arriva ‘u veru Arpaci e Balliuni scopri l’ingannu.

FENICIA – Sì, sì, non perdiamo tempo.(Entrano in casa di Calidoro)

SCENA TERZA

Ballione solo, e poi Simone.

BALLIONE – (Venendo fuori)Ah, arrifriscai!… Ora ca Arpaci si purtau a Fenicia, finalmentisugnu tranquillu! Pirchì non veni ora ‘ddu furfanti di Pseudulu a farimi ‘a birbantata di pigghiarisi a Fenicia?… Per Giove, preferisciu di essiri suttirratu vivu chiuttostu ca farimi pigghiari ppi fissa di ‘ddu lestofanti!… Quannu ‘u ‘ncontru, m’haju a divertiri a sfuttillu. Ma forsi non ‘u ‘ncontru cchiù pirchì Simuni ‘u manna a girari ‘a macina o’ mulinu.

SIMONE – (Viene da destra)Balliuni, Ulisse ci riniscìu a purtarisi ‘u Palladiu dalla rocca di Troia?

BALLIONE – Che cosa? Cu’ è ‘stu Palladiu?

SIMONE – Mancu chistu sai? La statua di Minerva, cioè Fenicia! S’a purtau?

BALLIONE – S’a purtau, ma non Ulisse; Arpace, l’attinnenti di Polimacheroplagide.

SIMONE – Allura, è tuttu a postu?

BALLIONE – Già, vincisti ‘a scummissa ccu Pseudulu.


31


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIMONE – Menu mali. Mi vineva d’a manca a daricci vinti mini a ‘ddu scavezzacoddu.

BALLIONE – Ora, si ci pirmetti, ‘na prumissa t’a vogghiu fari ju.

SIMONE – Di chi si tratta?

BALLIONE – Si Pseudulu s’a fida ancora a ‘mpatrunirisi di Fenicia, i vinti mini, ca tu ci avissi adari a to’ figghiu, t’i rifazzu ju. Si non ci rinesci, ju non vogghiu nenti. Ci stai?

SIMONE – Ma pirchì mi vo’ fari ‘sta prumissa si a Fenicia già s’a purtaru?

BALLIONE – Accussì, ppi sfiziu.

SIMONE – E va beni. Siccomu non risicu nenti, accettu. A Pseudulu, chiuttostu, l’ha’ vistu?

BALLIONE – Sì, e visti macari a to’ figghiu Calidoru.

SIMONE – Ti dissiru cosa?

BALLIONE – No, nenti. Erunu acchiffarati… a tempu persu.

SIMONE – M’u ‘mmaginu, ma ‘u bellu veni quannu Pseudulu si trova ccu ‘na manu d’avanti en’autra d’arredi. (Intanto arriva Arpace) Vidi ca turnau ‘u suldatu.

BALLIONE – Non è chiddu di prima.

SIMONE – Cu’ è, allura?

BALLIONE – Non ‘u canusciu.

SCENA QUARTA

Arpace e detti.

ARPACE – (Arrivando)Avevo voglia di aspettare Siro che mi venisse a chiamare! Chi si fida deglialtri, è un povero fesso. E’ meglio che me la sbrighi da solo; non c’è niente di meglio, perciò, che bussare alla porta per fare uscire qualcuno. Voglio che il lenone riceva il denaro e mi consegni la ragazza. (Bussa) Ehi, di casa!… C’è qualcuno che voglia aprire?

BALLIONE – (Intervenendo)Ehi, tu, militare, a chi cerchi?

ARPACE – Sto cercando il padrone di casa, il ruffiano Ballione.

BALLIONE – E, allora, risparmiati la fatica di cercarlo perché ce l’hai davanti.

ARPACE – (Indicando Simone)E’ lui?

SIMONE – Non sugnu ju. ‘U “ruffianu” iddu è.

BALLIONE – Iddu, inveci, è ‘u “galantomu” ca ricurri o’ “ruffianu” ppi pagari i debiti!

SIMONE – A tia non ci haju ricurrutu mai e debiti non nn’haju!


32


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – Tu no, ma tanti autri, ca mi disprezzunu comu fai tu, sì!

ARPACE – A me tutto questo non interessa.

BALLIONE – Chi t’interessa, allura?

ARPACE – Parlare con te ed essere ascoltato.

BALLIONE – Parra!

ARPACE – Tieni questa borsa; ci sono cinque mine d’argento; il mio padrone Polimacheroplagidemi ha comandato di consegnartele per saldare il debito e per avere Fenicia.

BALLIONE – (Incredulo)‘U to’ patruni?

ARPACE – Per l’appunto.

BALLIONE – Il militare?

ARPACE – Precisamente.

BALLIONE – Polimacheroplagide ti mannau ccà?

ARPACE – L’hai detto.

BALLIONE – Ppi cunsignarimi i soldi?

ARPACE – Se tu sei il ruffiano Ballione.

BALLIONE – E ppi prelevari a Fenicia?

ARPACE – Proprio così.

BALLIONE – Figghiu, tardu arrivasti.

ARPACE – Come sarebbe che sono arrivato tardi?

BALLIONE – Aspetta ‘n mumentu.(A parte, a Simone)Ha’ ‘ntisu? Chi ti nni pari?

SIMONE – Staju sintennu fetu di bruciatu! Haju l’impressioni ca i cosi si stannu mittennu mali.

BALLIONE – Ma non capisci chi sta succidennu?

SIMONE – Non ci staju capennu nenti.

BALLIONE – ‘Ddu ‘mbrugghiuni di Pseudulu mannau a ‘st’individuu, travistutu di suldatu, ppifrigarisi a Fenicia.

SIMONE – Ni si’ sicuru?

BALLIONE – Ci mittissi ‘a manu supra ‘u focu!


33


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

ARPACE – Ehi, tu, quando ti occuperai di me?

BALLIONE – Propriu di tia mi staju occupannu.(Piano, a Simone)Chi facemu, l’assecunnamu? SIMONE – Divirtemuni tanticchia a sbintallu prima di diricci ‘a virità.

BALLIONE – Forza, accussì ni facemu quattru risati!(Gli si avvicinano, mettendoselo in mezzo)Perciò, tu si’ l’attinnenti d’u to’ patruni?

ARPACE – Certo che lo sono.

SIMONE – E quantu spinnìu pp’accattariti?

ARPACE – Mi ha conquistato in battaglia; in patria io ero un capo.

BALLIONE – Un capo di chiddi attaccati o’ coddu?

SIMONE – Ma, allura, era ‘na testa!… ‘Na testa di ca…vulu!(Ridono)

ARPACE – Io ero un capo a cavallo.

BALLIONE – ‘U cavaddu di coppi o chiddu di mazzi?

ARPACE – Io non vi capisco molto bene, ma, se quello che mi dite sono ingiurie, ve la faròpagare!

SIMONE – Non sono ingiurie; sono apprezzamenti.

ARPACE – Ah, mi pareva!

BALLIONE – ‘U sai ca si’ ‘n bellu bagghiolu?

ARPACE – Non capisco.

BALLIONE – Sei un bel bagliolo!

ARPACE –(Che sospetta l’ingiuria, minaccioso)Come ti permetti?

BALLIONE – (Spaventato)Ma che hai capito?

ARPACE – Tu mi hai ingiuriato ed io ti punirò!

SIMONE – Ma no, non te la prendere, Ballione non ti ha ingiuriato!

ARPACE – Mi ha chiamato bagliolo!

SIMONE – E “bagliolo” non è una parola d’offesa. Ballione ti ha detto che sei un bel giovane.

BALLIONE – Ti volevo fare un complimento.

ARPACE – Ah, sì?


34


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

BALLIONE – Certo. Qui da noi, quando uno incontra un bel giovanotto come te, dice: Oh, che belbagliolo!

ARPACE – A casa mia siamo quattro figli, tutti baglioli, come dite voi. Anche mia sorella èbagliola. Mio padre, poi, è il più bagliolo di tutti.

BALLIONE – Insomma, una famiglia bagliola!

ARPACE – Sì, sì.

SIMONE – (Continuando nello sfottò)Tu, quann’eri nicu, cascasti d’a naca?

ARPACE – (Scambiando la frase per un altro apprezzamento)Sì, sì, anche i miei fratelli, miasorella e mio padre.

SIMONE – Si salvau sulu to’ matri.

BALLIONE – E dimmi n’autra cosa: quantu ti custau ‘u noleggiu di ‘sta divisa?

SIMONE – ‘A spada è vera o c’e sulu ‘u manicu?

ARPACE – Ma che dite? Io sono un soldato vero!

BALLIONE – Avanti, jttamu i carti in tavula: ppi quali somma t’incaggiau Pseudulu?

ARPACE – Chi è codesto Pseudolo?

BALLIONE – Chiddu ca ti mannau ccà ppi truffarimi!

ARPACE – Di che truffa vai cianciando? Io non so niente! Tu, piuttosto, stai cercando di truffare ilmio padrone!

BALLIONE – No, tu e Pseudolo! Comunqui, ci po’ diri ca ‘u suldatu veru già si prisintau e s’apurtau a Fenicia.

ARPACE – Ma sono io il soldato incaricato di prelevare Fenicia! T’ho già dato il denaro e, prima,quando sono arrivato, ho consegnato al tuo servo la lettera sigillata con il ritratto del mio padrone.

BALLIONE – A quali servu ci ‘a cunsignasti?

ARPACE – A Siro.

SIMONE – (A Ballione)Tu hai ‘n servu ca si chiama Siro?

BALLIONE – No!… E’ ‘ddu gran figghiu di ‘nchiappata di Pseudulu ca s’invintau ‘stustratagemma degnu d’iddu!… Travistìu a ‘stu picciottu di suldatu, l’istruìu per bene, si procurau i cincu mini e ‘u mannau ccà.

SIMONE – Però, a diri ‘a virità, chistu pari ‘n suldatu veru.

ARPACE – Io sono un soldato vero!


35


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIMONE – Caru Balliuni, haju l’impressioni ca Pseudulu ti fici pilu e contrapilu!

BALLIONE – ‘A stissa ‘mpressioni ‘a staju avvirtennu macari ju.(Ad Arpace)Chi aspettu aveva‘u servu a cu’ ci cunsignasti ‘a littra d’u to’ patruni?

ARPACE – Era un tale di statura media, occhi vivaci…(Descrive l’aspetto di Pseudolo) BALLIONE – Iddu era: Pseudulu! Sugnu rovinatu!

ARPACE – Per Ercole, non ti lascerò rovinare del tutto se prima non mi rendi il denaro per intero:

le cinque mine che t’ho dato ora e le quindici che t’ha lasciato il mio padrone, più gli interessi!

BALLIONE – Gli interessi t’i siggi a’ banca di Londra! SIMONE – Vidi ca macari ju pritennu i vinti mini d’a prumissa.

BALLIONE – Tu t’i siggi ‘nto bummulu! Ju ‘a prumissa t’a fici pirchì mi pareva d’aviri scampatual pericolo di essere gabbato, credendo d’avere consegnato Fenicia al vero interessato.

SIMONE – Ed io le pretendo proprio per la tua stupida sicurezza. Accussì, n’autra vota, impari! BALLIONE – E va beni, tu, però, m’ha’ a cunsignari a Pseudulu.

SIMONE – E pirchì? Chi culpa havi Pseudulu? Ju t’avvisai milli voti di stari in guardia. BALLIONE – ‘Ddu lazzaruni mi rovinau!

SIMONE – E, a mia, no? Persi ‘a scummissa e macari ju ci haju a dari i vinti mini.

BALLIONE – Tu, però, ti rifai ccu chiddi ca ti dugnu ju!

SIMONE – Ma non ci guadagnu nenti!

ARPACE – Ti vuoi decidere a restituirmi il denaro o devo ricorrere alle maniere forti?

BALLIONE – Subitu. Vieni con me che ti rimborso.

ARPACE – Dove devo venire?

BALLIONE – In casa o voi ca t’i portu ccà fora?

ARPACE – No, vengo in casa, ma… non sarà, per caso un tranello?

BALLIONE – Ma che tranello!… Che vai dicendo?… Ju mi scantu di tia, ca si’ armatu! ARPACE – Va bene, andiamo.

SIMONE – A mia quannu m’i duni i vinti mini?

BALLIONE – Oggi pagu i furasteri, dumani i paisani.(Al pubblico)Oggi non ricorre il mionatalizio, ma il mio mortalizio! (Via insieme ad Arpace)


36


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SCENA QUINTA

Simone solo, poi Pseudolo, Calidoro e Fenicia.

SIMONE – Certu ca Pseudulu è un gran figghiu di bona fimmina! Una ni fa e centu ni pensa!Autru ca Ulisse e l’ingannu d’u cavaddu di Troia! Pseudulu fici di cchiù e ‘ddu poviru Balliuni ci rimisi quaranta mini e Fenicia! (Viene fuori Arpace che va via senza salutare)

PSEUDOLO –(Arrivando subito dopo un po’ brillo)Patruni Simuni, havi…

SIMONE –(Scambiandolo per un saluto)Ave, caro Pseudolo!… Si’ ‘n pocu brillu, veru?

PSEUDOLO – Nonsignura, ho bevuto solo un goccetto. Perciò, havi…

SIMONE – Ave, Pseudolo! Ho già risposto al tuo saluto.

PSEUDOLO – Vossignuria mi facissi finiri di parrari. Ci vuleva diri ca havi menz’ura ca ‘u stajuaspittannu.

SIMONE – E chi voi?

PSEUDOLO – Ho vinto la scommessa: Fenicia è ccu so’ figghiu Calidoru, libira comu l’aria!

SIMONE – Sacciu tuttu ppi filu e ppi segnu.

PSEUDOLO – Chi ci aspetta, allura, a darimi i soldi?

SIMONE – T’i miritasti, l’ammettu. Teni ccà, pigghiatilli.(Gli consegna una borsa con il denaro)

PSEUDOLO – (Prendendola, felice chiama)Patruni Calidoru!… Fenicia!… Viniti fora ca semuricchi!

CALIDORO –(Venendo fuori insieme a Fenicia)Che c’è? Perché gridi?

PSEUDOLO – Semu ricchi!… Putemu sbafari e ‘mbriacarini ppi ‘n misi di secutu!… So’ papà mipagau ‘a scummissa.

CALIDORO – Ora che ho la mia Fenicia, non berrò mai più. Me la voglio godere in pieni sensi!(Fenicia lo abbraccia)

SIMONE – Ci riniscisti, finalmenti?

CALIDORO – Perdonatemi, padre, ma io sono così innamorato di Fenicia che non potevo piùvivere senza di lei.

SIMONE – Ma è una schiava!

CALIDORO – Ora non più!

SIMONE – Però, lo è stata!

CALIDORO – E’ vero, ma in patria non è nata schiava: è nata nobile!


37


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

SIMONE – Ma chi po’ diri ‘a genti?

PSEUDOLO – Chi voli ca po’ diri? Ca patruni Calidoru è ‘u degnu figghiu di so’ patri!… Vossia,quann’era picciottu, scummettu ca era comu a iddu. Aveva ‘nte vini ‘u focu di Mungibeddu e, quannu videva ‘na fimmina, schiava o liberta, plebea o nobile, pirdeva ‘a testa e faceva di tuttu ppi conquistalla. So’ figghiu è comu a vossia: fa chiddu ca faceva so’ patri!

SIMONE – Ma non fa nenti d’originali! Non fa autru ca imitari a mia!

PSEUDOLO – Di quannu ‘u munnu fu criatu, l’omu, ppi furtuna, nei confronti d’a fimmina, s’hacumpurtatu sempri di ‘na manera: ha fattu i stissi cosi. Vossia imitau a so’ patri ca, a so’ vota, imitau a so’ nannu; so’ figghiu imita a vossia; e così via! C’è qualcunu ca nesci fora d’u siminatu e voli essiri “diversu”, ma non cerca fimmini; va a caccia di masculi! Vossia voli, forsi, ca so’ figghiu divintassi “diversu”?

SIMONE – Tuttu summatu, prifirisciu ca imita a mia!

PSEUDOLO – Menu mali ca ‘u sapi diri!… E, si non fussi accussì, ‘u munnu si nni jssi acatafasciu. Jssimu arredi anziché avanti!

SIMONE – Hai ragiuni. Non si finisci mai d’imparari, macari quannu si è vecchi!

CALIDORO – Acconsenti, allora, al mio matrimonio con Fenicia?

SIMONE – Figghiu, fa comu ti detta ‘a to’ cuscenza di omu libiru e comu ti suggerisci ‘u to’ cori.

CALIDORO – (Abbracciandolo)Grazie, padre. Voi siete un uomo saggio.

FENICIA – (A Simone)Signore, sappiate che, pur vivendo nella casa del lenone Ballione, conl’aiuto di Sira, sono riuscita a restare illibata. Ecco perché Ballione mi aveva venduta.

SIMONE – Ti credo, figlia.

FENICIA – (Inginocchiandoglisi davanti)E, allora, beneditemi perché sono degna di entrare nellavostra famiglia.

SIMONE – Tutta santa e biniditta!(La alza e l’abbraccia)

PSEUDOLO – Bravu a patruni Simuni ca, oltri alla saggezza, mette in mostra tutta la sua bontà!

SIMONE – Ed ora tutti a pranzo, all’osteria di Sistilide. Offro io!

CALIDORO – Accettiamo con gioia e ti ringraziamo. Prima, però, dobbiamo restituire a Callifonele cinque mine che ci ha prestato. Pseudolo, vai a portargliele.

PSEUDOLO – Subitu, principali!(Apre la borsa e prende i soldi)

SIMONE – Alt! Callifone mi dissi ca d’i cincu mini ni fa omaggio a Pseudolo per premiare la suaastuzia e l’affetto che ha per Calidoro.


38


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato

PSEUDOLO – ‘U sta dicennu ppi daveru? I cincu mini su’ i mei e ni pozzu fari tuttu chiddu ca nivogghiu?

SIMONE – Certamente.

PSEUDOLO – E, allura, affrancu a Sira ca mi voli beni!(Va alla casa di Ballione, apre la porta egrida) Balliuni, affacciti! (Ballione si affaccia insieme a Sira) Ccà ci su’ cincu mini, ‘u riscattu diSira. (Gli dà i soldi) Di ‘stu mumentu in poi, Sira è mia! (A Sira) Schiava, seguimi ca semu invitati a pranzu da Patruni Simuni!

SIRA – Sugnu pronta, ma non comu schiava!

PSEUDOLO – E, allura, comu?

SIRA – Comu muggheri!

PSEUDOLO – Il tuo desiderio è un ordine!(La prende per mano e si avviano in quest’ordine: intesta Simone, subito dopo Calidoro che tiene per mano Fenicia e, dietro, Pseudolo e Sira)

S I P A R I O

Giambattista Spampinato

Via Orto Limoni, 60 – 95125 – CATANIA

Tel. 095.436657 – Cell. 338.6374574.


39


“PSEUDOLUS” – da T. M. Plauto – Libera riduzione in 2 atti di Giambattista Spampinato


40

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno