Quand ghè i danè, amis e parent in semper tra i pè

Stampa questo copione

QUAND GHE’ I DANEE’, AMIS E PARENT IN SEMPER TRA I PE’

QUAND GHE’ I DANE’, AMIS E PARENT IN SEMPER TRA I PE’

COMMEDIA BRILLANTE IN 3 ATTI

di Barbara De Angeli

  

PERSONAGGI:

Alfredo: ex “magut”milionario

Tonino: gestore del Bar Pensione da Tonino

Battista: amico fraterno di Alfredo

Carmen: cameriera

Tommaso: figlioccio di Alfredo

Giusy: sorella di Alfredo

Germano: marito succube di Giusy

Enrichetta detta Ketty: figlia di Giusy e Germano

Rinaldo: fratello di Ketty

Olimpia: zia pazzerellona della moglie di Alfredo

Silvano: conoscente di Alfredo molto “sensibile” al fascino femminile

Adalgisa: moglie gelosa di Silvano nonché attivista in parrocchia

Lisetta: attivista in parrocchia

Mariuccia: attivista in parrocchia

QUAND GHE’ I DANEE’, AMIS E PARENT IN SEMPER TRA I PE’

ATTO PRIMO

Interno di un soggiorno, divani e poltrone, su di un mobile il ritratto di Rosina, moglie defunta di Alfredo, un telefono, da una parte l’ingresso verso la zona notte, dall’altra l’accesso verso la cucina. La porta di Ingresso deve essere rivolta verso il pubblico, in modo che quando le persone suonano alla porta, aprendola,  si veda chi c’è dall’altra parte

La scena è vuota. Suona il campanello e Alfredo uscendo o dalle camere o dalla cucina va ad aprire

Alfredo              Ciao Rinaldo, vegna avanti…       

Rinaldo             Buongiorno zio,  ‘me te stet? T’è passata l’influenza intestinale?

Alfredo             Sì dai, me par de stà un po’ mej, anche se un quaj girett in bagn l’ho fa’ anche incoeu. Dai, sètes giò on moment. Te voeur bev un quajcoss?

Rinaldo             Un bicer d’amaro cont una pastiglia di Alka Seltzer, grazie. Sono appena stato a mangiare dalla mamma che mi ha fatto la casoeula….Per fortuna le avevo detto di farmi qualcosa di veloce e di leggero che oggi pomeriggio dovevo lavorare più del solito

Alfredo             …la te giamò andàda ben! L’ultima volta che l’ha m’ha invidàa, la m’ha preparà nervitt coi scigùll de antipast,  melanzan a la parmigiana de prim e oss bùs con peveronàa de second. Infin l’ha faj el dolce: tiramisù con la panna, perchè col mascarpòn el ghè pareva tropp legèr. A proposit de laurà, ‘me van i tò afari?            

Rinaldo             Come la mia digestione. Ho un po’ di problemi. Da quando ho aperto il negozio, invece di guadagnar soldi continuo a farli uscire:paga l’affitto, paga le tasse, paga i fornitori, paga la commessa: non ho ancora capito quando arriverà il momento in cui potrò intascare qualcosa per me

Alfredo           L’è semper inscì, quand se comincia un quajcoss de noeuv ghè voeur pazienza, se po’ minga pensà de mèt in pè un’attività e de guadagnà subit un munton de  danè! Ghe voeur ciapà el gir

Rinaldo             Sì, ma ch’el gir chi l’è un po’ tropp largh per i me’ gust! Se solo non                         avessi  l’affitto da pagare, sarebbe già un bel vantaggio,  ma comprare il negozio è un investimento che proprio non posso fare perché servirebbero parecchi soldi. Oppure basterebbe conoscere qualcuno con tante proprietà che possa garantire per me con la banca. Sai…. qualcuno senza problemi, senza figli da crescere, senza mogli da mantenere….qualcuno che viva di rendita!

Alfredo             e magari che ghè sia apèna pasà la caghèta!

Rinaldo             Oh,che stupido! Non avevo neppure pensato che…

Alfredo             …te seret adrè a parlà con l’identikit del tuo salvatore ideale!!! Rinaldo, t’el set che se te ghè bisogn d’aiut, mi mè tiri minga indrè, t’ho dà 1.000 euro anche el mes pasà, aiut che, quand me le domanda, ghè do’ anca a la toa sorela, la Ketty, ma finchè l’è un quajcoss per superà un moment de difficoltà va ben, ma impegnà i me’ proprietà per garantì una cifra inscì grossa la ritegni no una roba giusta. Ognun gh’ha de imparà a fass i oss e caminà cont i so’ gamb! Quand sarà el moment, te porteret a cà la tua part, ma per adess conténtes! Quand gh’avevi mi la toa età fasevi el magut, levavi su ai 5 or tutt i matin e lauravi almen 15 or al dì!

Rinaldo             Zio! Non ti chiederei mai una cosa del genere, anche per rispetto a mia sorella. Comunque son passato per  sentire se hai bisogno di qualcosa. Se hai la spesa da fare…

Alfredo             No, grazie. Sont a post

Rinaldo             …devo bagnare il giardino?

Alfredo             l’ha piuvù stanott!

Rinaldo             Allora devo pulirti l’automobile?

Alfredo             Quand piova la mèti in de l’autorimessa! Comunque preoccupes no! Và al to’ negosi che l’è mej!

Rinaldo             Ok, ci vediamo zio.  Grazie per l’amaro!!!

Alfredo             (Si rivolge al pubblico) Porcu sciampin! In chi tucc come i avvoltoi! In drè spetà che tiri la gambèta per fa la vita de nababbi , nel frattemp, fan de tutt per metes in vista sperando che mèta el so nom  in del testament. Pensà che prima che vincessi al superenalotto faseven fina fadiga a saludam!

                          Cert che g’ho avù una gran botta de cù: l’unic 6 in tutta Italia. Ho ciapà tant

                          de chi danè de fàgh concorrenza al Berlusca. Comunque son stà ben attent

                          de minga montass el cò anca se prima s’eri un mort de famm. Una metà j’ho

investì in del maton e con l’altra metà ho fà d’investiment sicùr che, insema ai fitt che ciàpi, me dan una bèla rendita, inscì de permetom de viv con tutt i comodità. Magari son stà un po’ egoista ma ho pensà ben che se sganciavi un quajcoss prima del temp, adèss savevi pù nanca de vegh i parent, e inveci, col fatto che el grano che l’ho in man ammo’ mì, corren  tucc che l’è un piasè. Tra l’alter l’è anca un periodo che g’ho bisogn: dù ann fa sont restà de botto vedov (asciuga qualche lacrima) Pora la mia Rosina!….E no assè, anche la cameriera la m’ha dà el du de picc perché l’ha dì  che la se sentiva no de sta in cà in de per lè, sola, cont un omm me mì. Che finchè gh’èra la mia dona l’era un cunt, ma adess la sa fidava no. Come se podessi fagh el fil a una befana me’lè! La gh’aveva anche i barbis! De alura, n’ho fà pasà una desena, ma ho nonammò de’ trouvà una dona affidabil.

Suona il campanello. Alfredo va ad aprire e fa entrarere Tonino

Afredo              Ciao Tonino, qual buon vento?

Tonino              Vengo a saldare i debiti del Bar/Pensione da Tonino

Alfredo             Cert che per traversà la strà te ghè ne miss de temp!

Tonino              Beh, dai, sont indrè domà de ses mes, ma te vedaret che per la fin de l’ann che vegn me tiri in pari

Alfredo           (Ridendo) Dim un po’ m’ el fa v’un cont  el cò disper a tiras in pari? Te set fortunà de vè trovà un proprietarì come mì che l’è to amis e ch’el g’ha minga de bisogn altrimenti….

Tonino           …a proposit de bisogn! M’el va el tùbo de scappament ? M’han dit che t’è vegnù ammò un cagòn de l’acident!

Alfredo           Se ved che vess chi, de frunt a tì, col rifless de la vedrina, tutt i volt che te manden ti a cagà , la me vegn adoss a mì!

Tonino           (Ridono entrambi) Intanta che sont chi te cunti su l’ultima! T’el set se l’ha combinà la dona d’un noster amis? Poedi no fat el nom per motivi di discrezione, perché t’el set…me l’ha dit un mè client intanta che l’era bell’e tulber e, in quei casi, mi sento come un padre confessore…

Alfredo           No, se l’ha combinà?

Tonino           Donca, la sua dona l’ha gh’ha semper fa un sacc de corna

Alfredo           …e già chi ghè voeur minga tropa fantasia per capì chi l’è!

Tonino           …moral, come se sa, i marì in semper i ultim a savèl! E qui el gh’ha reson el Piero, che inveci de portà a cà la dòna, l’ha portà a cà la bicilèta, almen se ghè la ciùlen, el s’incorgia sùbit! Tornandess a num, el noster amis l’ha ricevù una lettera anonima che ghè diseva in dove la se incontrava la sua dòna con l’amante. Lù l’ha dì nient cont nessun de vè ricevù ‘sta lettera e l’ha decis de verificà

Alfredo           Scusa un moment, ma se l’ha dit nien cont nessun, tì me te fet a savel?

Tonino           …el su e basta ! Ti preoccupes no! Comunque mi te cunti su a grandi linee, quel che ho sentì per caso, perché i particolar l’è no che ja conossi ben. Insomma, l’Artemisia l’è andà foera de cà vers i 3 or

Alfredo           Cont un nom inscì comune l’è quasi imposibil capì de chi l’è che se tratta

Tonino           Mi el cognom l’ho minga dit. Lù el ghe andà adrè de nascost, l’ha vista posteggià in sul piazzal del santuari  e saltà sù in su ‘na porche nera. Alòra el se scondù e l’ha spetà de vedela tournà. Dopo un para d’or, lè l’è rivà, l’ha sbasutà su el Porchel (nel sens de quel ch’el g’ha la porche) e l’è saltà giò de la vettura per andà in su la sua. El Giovann l’è vegnì foeura all’improvvis (te disi minga el cognom, però!)....e el g’ha vousà “T’ho becà bruta loeuggia!!!” Ma t’el set, lè,  se la gh’ha rispost? “Second ti, vist che te ciàpet 800 euro al mes de stipendi, me fasevi a pagà i bulèt, al fitt, de vestì e de mangià?....quest chi l’è el ringraziament!!! L’ho sempre fatto per ragioni di economia domestica e ades te trovet anca de dì? Però te me domandevet minga de dove rivaven i danè quant te preparavi di bei paciarètt!” Tè capì?…l’ha fai per lù de mettegh i corna. L’è propri vera che i corna in tàmme i dent, fann mal quand spunten, ma poeu aiuten a mangià.

Alfredo           (sarcastico, mentre compila la ricevuta dell’affitto)Cert che te set stai un po’ tropp generich. Vegh minga la possibilità de savè i particolar, de savè chi l’è lù e chi l’è lè,  ghè minga de gust!

Tonino           (in italiano per darsi un tono professionale)D’altronde la mia professione impone una certa discrezione. In questi casi sono come un padre confessore!

Alfredo           Certament, figuress! Ghè mancaria ! To’…. la ricevuda del fitt!

Tonino           Grazie Alfredo, se vedum apèna che g’ho ammò un po’ de danè de dàt

Alfredo           (Ridendo) Alòra me sa che se vedum tra un para d’ann!

Uscendo Tonino si incrocia con Battista che sta arrivando.

Tonino           Ciao Battista!

Alfredo             Ciao Battista, vegn avanti!

Battista             Ciao Tonino, ciao Alfredo, uhè, m’è te stèt?  T’è pasà la caghètta?

Alfredo             Vedi che i me’ moviment intestinaj in diventatà de pubblico dominio

Battista             Quand ghè nient de mej de cuntass su, fa notizia anca l’influenza

Alfredo             Dai, settès giò! Te bevet un quajcoss? (Si siedono sul divano)

Battista             No grazie, sont pèna vegnì foeura del bar del Tonino. Incoeu gh’era trambust. La notizia del giorno l’è che in cà del Silvano ghe un po’ de maraja.

T’el saveva che el mès pasà l’aveva cambià la camerera? Adess ghè pù nanca quèla noeva. Par che la sia stada la sua miee a casciala via, perché la girava per cà in minigonna e con dì scolladùr de fàgh  perd la trebisonda anca a un prevost…e par ch’el Silvano el ghè fasess anca di regalin! L’ha propri perdù el cò!

Alfredo           Per perd el cò’ ghè voraria vèghel. El Silvano l’è semper stà sensibile al fascino   femminile e, a pensagh ben, l’è nanca v’un ch’el guarda tròpp per el

                        sottil. Van ben tucc! Se ghe capita a tir la mia ex cameriera, per intendes, quèla coi barbis, el ghè fa el fil anche a lè,  garantito!

risate

Battista             Sì, ma dis che la Carmen l’era propri una gran bèla tusa…

Alfredo             L’era……”è”! L’è minga morta. L’ha domà cambià el datore di lavoro

Battista             L’è minga morta ma, economicamente parlando, l’è conscià de trà via. L’è restà sensa cà e senza laurà, perché quell’isterica de l’Adalgisa l’ha sbatù foera de la porta da un dì con l’alter….e cara grasia che la gh’ha lassà portà via i su strasc! L’era ammò in proeva e la nanca podù rivolges ai sindacati, pora fioela! Pensà che diseven tucc che l’era inscì sveglia e brava a gestì la cà….

Alfredo             Torni  a dit che l’ è minga morta, quindi non “era” ma “l’è” brava a gestì la cà!

Battista             Ma se la cà la ghè pù….”l’era”! …e se te ghe penset ben g’ho reson mì!

Alfredo:            T’el set se te disi? Puttost che dat reson, la cà ghè la mèti mi!

Cià, dim in dove la se troeva stà Carmen che g’ho propi bisogn d’una cameriera in gamba: ghè du 3 mes de proeva e, se la me va ben, assunta!!! E digh al Silvano de girà a la larga, che, casomai che do l’indiriss de quela coi barbis, tant, a lù, la ghè va ben istess! (Ridono)

Battista:            L’ha ciapà una stansa in afitt in del Tonino in attesa d’una sistemasion

Alfredo :           Cià che ghè telefoni al Tonino!

(Prende il telefono e compone il numero) Tonino? Sunt l’Alfredo! M’han dit che lì in de tì ghè una tosa che la faseva la camerera in cà del Silvano….Come el saria che ti te set minga i afari di to’ client? Dai Tonino, fa minga el pistola!...sì, el so, te set come un padre confessore! La dovariss ciamàss Carmen. Par che ghè sia staj un quaj problema col datore di lavoro e l’han licenziàda…Ah….l’Adalgisa l’ha becà intanta che la ghè dava denter col Silvano??? Lè l’era bell’e biotta??? Eren in sul sourè??? Uhei, per fortuna che te set minga i afari di to’ client, altrimenti te me fourniva anca el numer de tessera sanitaria…… Senta, mi gh’ho de parlà cont che la fioela lì….No…..Fa minga el scemo…gh’ho bisogn d’una camerera,…e poeu mi me ciàmi no Silvano!!! Alora digh de pasà de chi che se mètom d’accord….ciao

(rivolto a Battista) T’è capì el Tonino? El sa nient, el sa nient in su la notizia generica, poeu in sul particolar el se riprenda…

Battista:            (ride) uhè, sta attent come te se comportet con la camerera perché el Tonino el   vigila! Ciao, se vedom…..           

            Da fuori si sente chiamare “Alfredo! Alfredo!” poi arriva Olimpia, una zia pazzerellona di Rosina che Alfredo si è ritrovato sul gobbo dopo la morte della moglie

Olimpia             (entra senza suonare) Uhè Alfredo, forse ho trouvà el sistema de risolv el me’ problema. S’eri drè guardà un programma de medicina in sul prim canal e gh’era un professoròn, de quei cui barbìs, che l’ha dit una roba interessantissima: “guardare un bel panorama mentre si è in bagno aiuta chi soffre di stitichezza”, perché, in pratica te sé rilassa tutt i busècc. Alòra m’è vegnì un’idea: te podaria minga spostamm la magnolia del giardin che, lì in due lè, la me porta via la visuàl e mètela giù de fianc a la finestra de la stanza?

Alfredo             Zia Olimpia, l’è minga un vas de gerani! L’e alta vott meter!

Olimpia             (decisamente arrabbiata inveisce contro Alfredo) E allora? Ghè pù i omen d’una volta! Fan fadiga a fa tuscoss!!! Se ghè fuss stà chi la mia nevouda Rosina (va verso il ritratto guardandolo con malinconia e si gira di scatto verso Alfredo) te m’avaria minga tratà incì…..Ah! I parent ciapà!.., gh’han minga de rispett!!! (esce e sbatte la porta incrociando Tonino)

Suona il campanello

Tonino            (ridendo) S’tè ghe faj a l’Olimpia? L’andava via tutta rabiàda! Ho compagnà qui la Sig.na Carmen, come da tua richiesta

Alfredo             A dì la verità t’avevi domandà de digh gentilmente se la podeva passà de  chi

Tonino             Ho fatto di più!  (si siede sul divano)

Carmen            Buongiorno, io sono Carmen

Alfredo             Piacere signorina, mi sunt l’Alfredo! Che la vègna avanti…

Alfredo si rivolge a Tonino che è seduto sul divano nell’attesa di gustarsi la conversazione

Alfredo             Tonino, l’è no che te ghè de fa in del to’ bar?

Tonino             Con la mia professione posso anche prendermi una mezz’ora di pausa

Alfredo             alora ciàpa la tua mezz’ora de pausa e va a fa un girett, grazie. Mì e la signorina Carmen gh’em de parlà

Tonino              (Rivolto al pubblico) T’è capì! Quand el gh’ha bisogn “Tonino, Tonino” poeu quand el piasè ghè l’ho faj el me càscia via…

Tonino se ne va a malincuore

Alfredo:            La sè comoda signorina, la se sèta giò. Podi offrigh un quajcoss e bev?

Carmen:            Acqua, grazie, non bevo altro.

Alfredo:            Come gh’ avrà accennà el sciur Tonino, mì sont adrè cercà una governante che la se ciapa cura de mi e de la mia cà. Ovviamente, oltre al stipendi, la gh’avarà vitto, alloggio e un dì a la settimana de libera uscita. Altrettant ovviament, ghè darò 3 mes de prova e poeu, se tucc e dù se troevum ben, lè la sarà confermada, altrimenti, amici come prima.

Carmen:            Non so davvero come ringraziarla della fiducia, visto che in paese si dice di tutto e di più sulla mia persona… (cambia espressione dalla gratitudine al dubbi)o. Non è che per caso lei mi vuole assumere proprio perché girano strane voci sul mio conto? Perché se è così le dico subito che tutto quanto si dice in giro non ha niente a che fare con la verità, indi per cui, se la sua intenzione è questa, le dico subito di rassegnarsi. Io, non farò cose che non siano in linea con la professione di governante! E già che ci siamo le dico anche che l’unica verità, in tutta questa storia, è che il Sig.Silvano mi importunava sempre. Solo che finchè mi importunava a parole era un conto, ma l’altro giorno stavo pulendo i vetri e lui ha aspettato che salissi in cima alla scala per infilarmi una mano non le dico dove. Non ci ho visto più dalla rabbia, sono scesa e l’ho riempito di schiaffi, quel porco, mi scusi ma non mi è ancora passata la rabbia!Le urla hanno fatto correre anche la moglie e io mi sono ritrovata licenziata in tronco: (sarcastica) ”solidarietà femminile”!!!

Alfredo             T’è capì el Silvano? El perda minga el temp cont el corteggiament: el passa subit al sodo, stò brut purscel mort!

Carmen             Come può ben immaginare, per una donna come la signora Adalgisa è difficile ammettere di avere un marito che tenta di fare il porco con la cameriera, quindi è molto più facile mettere in giro voci false sul conto di una ragazza che nessuno conosce, dicendo che tentava di provocare suo marito in tutti i modi. La sua parola, di donna onorata e conosciuta da tutti, contro la mia. Una ragazza sconosciuta che viene da un'altra città: tutti crederanno a lei!

Alfredo             Che la staga tranquilla signorina. L’è vera che chi nessun de numm la cognosa, ma cognosum tucc el Sivano…e questo el va tutto a favor su! E quel che pensi mi, el pensen anche tutt i alter e in particolar i donn del paes che g’han avù el piasè de vess in di su mir: ovvero tutta la fascia dai 18 ai 50. L’è una sorta de collezionista espert in statistica! La sua teoria l’è: “cèrchighela a cent per veghen voeuna e vess content” mentre el suo motto l’è: “Gh’avarò una bela fàcia de tòla mì a cercàghela, ma anca lè a dim de no….”. Invece la pora sciura Adalgisa  la creda de vè spusà el Brad Pitt de la pianura Padana. L’è convinta che tutt i donn voeuren purtaghel via!

Carmen             per quanto mi riguarda se lo può tenere!!!

Alfredo             …l’è quel che ha pensà tutt l’elettorato femminil del paes dai 50 in giù!!! Tornando a noi, signorina Carmen, ghe ribadìsi che mi sont minga el Silvano, gh’ho nient de spartì con lu , se non una quai partida a scupa ogni tant, donca che la gh’abbia nessun timur. Se per lè và ben, la poeda comincià anca adès.

Carmen             …allora mi metto al lavoro! (alzandosi per andare a prendere la sua borsa) Ah, Sig. Alfredo!….grazie della fiducia.

A quel punto Alfredo annuisce e le mostra la casa:

Alfredo             …la ved, signorina, quest chi l’è il soggiorno, de là ghè i stans e de la part de chi ghè la cùsina….

Arriva Battista suona il campanello e  Alfredo apre la porta. Battista ha gli occhiali sulla testa.

Battista             Ho minga lassà chi i mè ociai??? Je troevi pù

Alfredo             Guardes in sul co’! Te set bel e sciopà eh…

Battista             Oh…..Mej inscì, credevi de vej pers.  Alòra? che idea t’è se fà de la Carmen?

Alfredo             La me par una tosa sveglia e schietta, la par propi la persona che cercavi!

Battista             Chissà come mai l’è vegnuda propri chi in del noster paes. Se sa nanca ben de in dove la riva

Alfredo             Appena  gh’avaro’ un po’ de confidenza cercherò de scoprì un quajcoss in su la sua vita. Adess che ghè pensi, l’ha m’è talment  piasuda, che g’ho nanca domandà né el cognom, né l’età, ma la gh’avarà 30 ann a dàghen tanti!!!

Suona il campanello e Carmen va ad aprire. Entra Ketty, vestita firmata dalla testa fino ai piedi e si rivolge a Camen con tono decisamente arrogante

Carmen             Arrivo! Buongiorno

Ketty                 E lei chi è???

Carmen             Mi scusi eh, ma sono io che apro e lei che suona, quindi chi è lei?

Alfredo            (sorridendo divertito dalla reazione di Carmen mentre Battista si siede sul divano e apre un giornale). L’è la mia nevoda! Ciao Enrichetta, come stai?

Ketty                 (imbarazzata per il nome di battesimo) Zio, come te lo devo dire di chiamarmi Ketty, con la K E doppia T e ipsilon finale:  Ketty! (si avvicina allo zio in modo decisamente ruffiano) Come stai? Ti e passata la caghètta?

Alfredo             Me sa che a furia de ciamàla la ritorna!

Ketty                 Ma daiii, non scherzare! Posso fare qualcosa per te? Che so io, la spesa, il                       bucato…

Alfredo             No. De incoeu sont autonomo: gh’è la Carmen!

Ketty                 Carmen? ….diminutivo di Carmela?

Carmen             (sarcastica)…mi spiace per lei ma io sono così all’anagrafe.

Carmen si ritira in cucina

Ketty                 Buongiorno Battista. (Sottovoce, prendendo in disparte Alfredo) Ma zio, è mai possibile che tu abbia sempre qualcuno in casa? Avrei bisogno di parlarti da sola ma non si riesce mai a trovare un momento, poi adesso c’è anche ‘sta Carmela!

Alfredo             (ad alta voce) scultom ben Enrichetta…

Ketty                 ….KETTY!!!

Alfredo             va ben…Ketty!  Te l'ho giamò dit che la se ciama Carmen!

Ketty                 questo è quello che racconta lei!... e poi si può sapere da dove è saltata fuori  visto che fino a ieri eri ancora in meditazione nell’attesa di trovare la persona giusta?

Alfredo             ti preoccupes no de in dove le saltà foeura, puttost se t’è ghè bisogn? Perché quand te voeuret parlamm sensa nissun intorna l’argomento l’è vun sol: t’è ghè bisogn de danè!

Ketty                 (facendo la ”putelàa”) zio, sai che ti voglio bene…..e che per me sei l’unica persona veramente importante. A chi posso chiedere aiuto nella difficoltà se non a te???

Alfredo             me sa che pusè che come zio, te me appresset come bancomat!

Ketty                 daiii zio, non scherzare! Hai provato anche tu cosa significa avere sempre i soldi misurati! La vita, oggi come oggi è cara!

Alfredo             Sentom ben, Ketty (sottolinea il nomignolo in tono polemico), quand mì s’eri un mort de famm, andavi no in gir vestì firmà de cò fin a i pè e ingiuielà ‘me la madòna del petroli!

Ketty                 Ma zio, sono tutti regali! Io non ho comprato niente! I soldi mi servono per… (sta palesemente cercando una scusa credibile)….riparare la caldaia che mi si è rotta improvvisamente!

Alfredo             E quanto te servaria???

Ketty                 diciamo cinq……(vede la faccia dello zio e va calando l’entità della richiesta) …quatt……..tremila euro???

Alfredo             (rivolto al pubblico) Me sa che la caldaia ghè la ripara el  Giorgio Armani! 

Alfredo             (mentre estrae dei soldi da un cassetto) Mi sont bravo, mi sont bòn…

Battista             (sussurrando e senza alzare gli occhi dal giornale) ….e te passet per cojon! 

Alfredo             (fulmina Battista con lo sguardo) Scoltum ben Enrichetta, ciapà sti 1.000 euro e menare!

Battista             (sempre sussurrando, mentre legge il giornale alza gli occhi verso il pubblico)….eh còsten i caldèr al di d’incoeu!

Ketty                 grazie zio!!! Come sei generoso! (lo bacia sulla guancia)Ti adoro!!! Ci vediamo…Buongiorno Battista!!!…..Carmela…(sottolineato con ironia, mentre passa di fianco a Carmen)

Alfredo             (parlando con Battista) che Giuda Iscariota d’una nevuda……

 Ketty quasi sulla porta si mette in disparte a contare i soldi e nel frattempo suona il campanello

Carmen             Arrivo!!! (apre, vede il Silvano, richiude la porta e gli si para davanti a braccia aperte)

Alfredo             Chi l’era? Un orco assassino?

Carmen             Peggio: non un orco ma un porco!!! (scappa verso la cucina senza aprire la porta)

Alfredo va ad aprire.

Alfredo             Ah! Te set ti Silvano…

Silvano              Che sistemi in questi chi? Ma t’è vist che la m’ha sarà su la porta in fàcia??? Però adess che ghè pensi, sunt talment bello e affascinante che l’avrà sarà su la porta per minga saltam adoss

Alfredo             (prendendolo in giro)…ma t’el set? Adès che te guardi me vegn voeuja de saltàt adoss anca a mì! ’Ste diset Battista? Te ghè saltaria minga adoss?

Battista             (solleva gli occhi dal giornale che sta leggendo) No. Ormai riposo in pace, ghè salti pù adoss a nessun

Ketty finisce di contare i soldi e si avvia alla porta, quando viene “intercettata” da Silvano

Silvano              Oh! Buongiorno Ketty. Come siamo eleganti! Che bel decolté!!! Sei sempre la ragazza più elegante del paese

Ketty                 Sono elegante perché ho degli ottimi gusti, tanto nei vestiti quanto negli uomini : non mi piace ciò che è vecchio, brutto e pacchiano!

Silvano              meno mal che mi sunt un omm rafinà, bel e giuvin, altrimenti pensavi che te ghè l’avevet con mi!

Ketty                 Ma ce l’hai uno specchio in casa tua? A non rivederci Silvano! Ciao Zio! Battista….

Silvano              (Rivolto al pubblico) Chi disprezza ama…..Non lo vuole ammettere ma è pazza di me!

Alfredo             Silvano…ma almen con la mia neuda, almen de front a mì, te podaria no cercà de trategnis?

Silvano              S’eri drè scherzà!….E poeu t’el set che sont coplimentus. L’era minga per cercà de tacchinà. Dìm un po’ Alfredo, te podaria minga prestàm la machina che la mia la s’è fermada?

Alfredo             Ciapa la machina, ma i ciàv ti e do’mì e lassi stà la Carmen perché te set bon de approfità de l’ocasion per fa ammo’ el Rodolfo Valentino di pelabrocch!

Silvano              Mej inscì,  perché la podaria saltàm adoss. Le donne impazziscono per me. Non sono in grado di controllare il mio fascino! Grazie Alfredo! Te la porti indrèe de chi e mezz’ora!

Alfredo:            Veda de drouvala minga per portà in camporella un quai cadenass de quei che te frequentet tì

Silvano:             Me dispias per tì ma io  frequento solo donne bellissime!

Alfredo:            …se ti e pàghèt,  poeu dàs!!! Comunque fa come te voerèt, basta che te me domandet no i danè a mì…

Silvano esce e incrocia Olimpia che arriva sbraitando.

Battista             (solleva gli occhi dal giornale che sta leggendo ed esclama rivolto al pubblico) Che la cà chi l’è pegg d’ un autogrill!

Olimpia:            Alfredo! Se te podet minga spostam la magnolia, le no che te podet spostam el cess? E dimm no che l’è una roba che se poeu no fa perché te fasevet el magùt

Alfredo             E indove te voraria met el cess?

Olimpia:            Voraria mettel al post de la stanza de lett, alment quand rièssi no a fala guardi foera e me concentri!

Alfredo             Zia,  per met el cess al post de la stanza che voer smontà tutta la cà!

Olimpia             (Arrabbiatissima) Ho bell ‘e vist che te ghè  minga voja de famm ch’el piasè chì! Col fatto che ti te vet che l’è una belèssa, te capiset minga i me problema!!! Ghè pù i omen d’una volta! Fan fadiga a fa tuscoss!….se ghè fuss stà chi la mia Rosina el m’avaria minga tratà inscì! Ah, i parent ciapà….g’han minga de rispett! (se ne va sbraitando)

Battista sorride divertito mentre Alfredo lo fa accomodare e gli versa qualcosa da bere

Battista             Cert che te ghè di bei tass, eh!  Tra la Ketty, el so’ fradel, el Silvano ch’el g’ha semper bisogn d’un quajcoss., la parrocchia, el Tonino, che la matèla de l’Olimpia…

Alfredo             T’è vist come me voeuren ben?

Battista             Almen l’Olimpia la te cerca minga de danè, ma i alter! Mi ja capissi propri no: anca se ho minga vinciù al superenalotto, la mia casetta ghè l’ho, e anca bèla. Una volta che gh’ho assè de mangià, de andà a bev un quaj cafè e fa una partida a cart cont i mè amis,  mì son l’omm pùsè felice del mond!

Alfredo             Infatti, ti Batista, te set l’unich che l’è restà istess in di me confront: te seret amis prima e te set amis adess in la stessa manera. In tutt  i alter che han cambià attegiament! Ciapa ad esempi el Gustavo: prima se bechevum semper, ma adès el me dà semper reson. Dì volt fu aposta a dì di rob che lù l’avaria mai sopurtà per vedè m’el se comporta, ma lù, imperterrito, el me dà semper reson…e come l’è diventà gentiiiiile!!!Ti inveci, te me mandet semper a dà via el cù come una volta!

Battista             (ridendo) Spess e voulentera!!!

Alfredo           Però anch’ el Tommaso, che per mi l’è come un fieu, l’è restà semper quel! Te   disarò che  l’è cresù in d’una famiglia de disgrasià e quand s’em conosù,  i servizi  sociali gh’aveven pena trouvà el laurà come magut in due lavuravi mì. El m’è piasù subit  e anca lu el m’ha ciapà come punto de riferiment: come il papà che el desiderava…e mi son stà ben content, perché mì e la mia dona gh’avevom minga de prole, e el Tommaso l’era propri el bravo fieu che avarisom voursù

Battista             “l’è” un bravo fioeu! L’è minga mort!

Alfredo             Oddio, tirem no in ball ammò ‘sta storia prima che me tòca assum un quajvun d’alter!

Battista             ghè minga de pericol! El Tommaso l’è al post ben col laurà

Alfredo             si, e adess ghè manca domà de trouvà una brava tosa per met su famiglia che l’è ora: l’età ghè l’ha e ammò un po’ ch’el speta…

Battista             ma t’el  set che l’è timid! L’è quel che ghè dà minga la possibilità de fass avanti coj tosann

Alfredo             Ghè voraria una dona un po’ intraprendente  e schietta perché, se spètom ch’el se fa avanti lù, el resta marèl!!!

Suona il campanello e arriva Tonino. Apre direttamente Alfredo che si trova vicino alla porta

Tonino              Scusa Alfredo ma g’ho un urgensa….

Alfredo             Se g’he sucess?

Tonino              Te podariet minga prestam 300 euro?

Alfredo             Ma te me pèna portà  el  fitt de ses mes fa!

Tonino              Si ma ghè rivà el fornidur de patatin e de salatini e se ghe do minga almen 300 euro el me lassa minga giù la merce….e se g’ho nient de servì con l’aperitiv poedi anca sarà sù!

Alfredo             Ciàpa ‘sti 300 euro e va foera di ball!

Tonino              A proposit! T’el set se ghè sucess? La fioela del Celestino l’ha parturì, ma par che el fieu che ghè nasù l’è negher ‘mé un scorbatt e, sia lè che el so omm, in biond ‘mé du svedes

Alfredo             Magari un quaj antenato l’era neghèr

Tonino              Poeu dass, ma un antenato de quel che l’ha messa incinta, che par ch’el sia el garzon del prestinè: quel che ghè pena vegnù su de Palermo….

Alfredo             Ciumbia! T’è ghè giamò faj l’esam del dna! Te set mej dei RIS….

Tonino              E sai com’è….io so tutto perché quando vengono da me i clienti e bevono un po’ io sono come un padre confessore.Grazie Alfredo, te set propri un amis!

Alfredo             El poeu minga dit la stessa roba de tì el gener del Celestino.

                   Ridono tutti e si salutano, mentre Tonino sta uscendo, entra Olimpia urlando “Alfredo….Alfredo…” dopo essere entrata lo guarda fisso negli occhi

Olimpia             Va ben! Ho capì che te ghè minga voja de trebulà alora cercarò de vegnìt incontra: te poeu no famm un cess in giardin cont una finestra grossa per guardà foeura?

Alfredo             Olimpia, se te fò la finestra grossa per guardà foeura, ghe anca quei che, da foera, guarden denter e, crèdom in su la parola,  te set minga un bel spetacol a vedet setàda giò in sul cess

Olimpia             (spazientita) Se l’è per quel,  poedi mett i tend!

Alfredo             ma te se adrè a piantà un gibilè perché te ghè de stimulàss guardando il panorama, e adess te voeur mètt i tend?

Olimpia             (Sempre più stizzita) Quand te ghè minga voeja de famm on piasè, ghè nient de fa! Ghè pù i omen d’una volta! Fan fadiga a fa tuscoss! Se ghè fuss stà chi la mia Rosina el m’avaria minga tratà incì!…..Ah…i parent ciapà!….g’han minga de rispett!!! (esce e sbattendo la porta)

                   Alfredo ride per non piangere e, sconsolato, va a sedersi vicino a Battista ma suona ancora il campanello. Carmen va ad aprire

Carmen             buongiorno!

Tommaso         (estasiato alla vista di Carmen) …e lei chi è?

Carmen             Ma signor Alfredo, come funziona in questa casa? Perché tutti quelli che suonano chiedono a me chi sono?

Alfredo             che la sa preoccupa no signorina Carmen, l’è la novità del moment!

Tommaso         e che gran bela novità… (sempre con sguardo estasiato)

Alfredo             te voeret bev un quajcoss, Tommaso?

Tommaso         Si…no…va ben….fa tì (ancora paralizzato dalla celestiale visione)

Alfredo             Tommaso, te se sentet ben???

Tommaso         …benissim!!! Mai stato meglio! (girandosi ancora per vedere Carmen)

Alfredo             Alora settes giò che te do un bicier d’acqua, tant tì te voeuret mai nient de divers.             

Tommaso      Grazie… (alza la voe per farsi sentire da carmen che nel frattempo è andata in cucina) ma oggi la voglio gassata! (sempre inebriato e inebetito dalla presenza della Carmen che segue continuamente con lo sguardo)…ma de quand l’è che te ghè la camerera?

Alfredo             de quand la dona del Silvano l’ha sbatù foera de cà la sua…

Tommaso lo guarda con fare di chi non ha capito nulla

Alfredo             l’è una storia lunga: la Carmen l’era la camerera del Silvano

Tommaso      … del Silvano??? L’è come s’el Cappuccetto Rosso el ghè fasess de camerera al loff!

Alfredo           Infatti la “dona del loff”, l’ha sbatù el Capuccetto Rosso in su ‘na strà!

Battista           …e come in tutt i favol pusè bej che ghè se cunta ai fieou, el loff  l’ha ciapà in del lisca e cont un para de balordòn de soura via!

Scoppiano tutti a ridere

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Suonano alla porta

Carmen             …arrivo! Buongiorno…

Adalgisa            Guarda, guarda chi se vèd! (cambia tono dal sarcastico all’aggressivo)…e ti ‘ste fe’ chi?

Carmen             Signor Alfredo, la domanda è cambiata. Adesso non chiedono più chi sono ma cosa ci faccio qui… (sottovoce in modo che senta solo Adalgisa) …stò al sicuro. Qui non ci sono lupi mannari!

Adalgisa            (a denti stretti) brùta carogna! Ladra di mariti altrui!!!

Alfredo             (arriva abbastanza divertito dal siparietto) oh, accomodatevi! (rivolto al pubblico) Le tre Marie della parrocchia! Manca domà la caroza a forma de panetun e poeu sem al completo! (ora rivolto a loro) A cosa devi l’onor de la vostra visita?

Lisetta:              semm passà a portà un salut a v’un di noster parrocchiani pusè generos.

Adalgisa:           come el sta sciur Alfredo? l’è pasàda l’influenza intestinàl?

Alfredo:            (rivolto al pubblico) des ann fa ghè saria fregà nient a nisun dì me’ busecc! (risponde alla domanda) Tuscoss ben grazie, salvo ricadute. E sa, con quel che me gira intorna, podaria anca capità… (alludendo proprio alla presenza sgradita delle tre “befane”)

Mariuccia:        ch’el me scusa ma capisi no.

Alfredo:            no, disi, in del sens di virus: ghè ne gira de tutt i tipi.

Lisetta:              Dìsen che quand se soffra de chi form chi, bisognaria mangià roba legera per un poeu de temp

Mariuccia:        se l’è per quell, son foera d’intestin anca mì, e poeu, de quand son vedova, me lassi un po’ andà in del mangià, g’ho minga voja de tratass ben! Me senti insci sola….(sguardo languido) ghè vouraria un quajcoss che risvegliass i me interess, la mia voglia di vivere…(strusciandosi ad Alfredo con fare voglioso mentre lui si sposta e cerca di evitare il contatto fisico)

Adalgisa:           (trattiene Mariuccia per un braccio, strattonandola,  nel tentativo di richiamarla all’ordine) beh, adess le mej parlà del motiv de la nostra visita. La parrocchia l’è drè organissà una raccolta fondi per restaurà il campanile e vourarìsom savè s’el scior Alfredo el poeu dà una man

Alfredo:            ghè mancaria! Farò pervenì al sciur curàt un assegn con la mia donasion

Lisetta:              el saveum, num, ch’el se sarià minga tirà indrè: un omm generos me lù el fa minga mancà el propri contributo quand ghè de bisogn.

Alfredo:            la se figura, Signorina Lisetta, apena se poeu dà una man, se fa voulentera!

Adalgisa:           (mentre Carmen non c’è) ch’el senta sig.Alfredo, e ch’el me scusa se risulti un po’ invadenta, ma un omm tutto d’un pezzo ‘me lù, come el fa a tegnì in cà una colf inscì….inscì…..(fingendo di non trovare la definizione adatta)

Alfredo:            inscì come?

Adalgisa:           allegra…?

Alfredo:            cara la mia sciura Adalgisa, mi sont  un omm che apprezza l’allegria!

Adalgisa:           forsi l’ha minga capì cosa intendi. L’è minga una fioela seria: l’è specializzada in del sedurre uomini sposati

Alfredo:            (fingendo di aver inteso la frase in altro modo) alòra sont a post perché mi sont vedov! Poedi offrìv un thè cont un  quaj biscottin?

Mariuccia:        volentieri.  (si struscia vicino ad Alfredo e gli sussurra) me fa propri piasè ciapà un quajcoss de cald da un omm come lù! (Adalgisa la strattona nuvamente in modo stizzoso)

Alfredo:            (Si sposta ancora e si rivolge al pubblico) ma con tutt i donn che gh’è in gir, propi che la carampana chì la doveva fam el fil ? Carmen, per cortesia. La poeu preparà un thè per le  tre m….. Ehmmm…per chi sciour chi?

Suona il campanello e Alfredo corre ad aprire, quasi per sottrarsi alla “morsa” delle tre marie ed entra Battista

Alfredo:            (sottovoce per non farsi sentire) Battista!... meno mal che t’è set rivà! Sont chi in mess a le tre marie, con la Mariuccia che ghe manca de saltam adoss, l’Adalgisa che ghe l’ha amò su cont la Carmen e la Lisetta che ….la Lisetta…. (sguardo tra il sognante e lo stupito) …la Lisetta… Ma t’el set che la Lisetta l’è propri una gran bela dòna? L’avevi mai notada prima. Sarà che quand rivaven chi ghè dava a trà la mia Rosina, ma me pareven tri carampan e inveci, adèe che je vedi de tacà, la Lisetta l’è propi voeuna che pias. Me la fa a trouvass ben con chi dò befan lì?

Battista:            Pòra fioela, l’è no de sicur una question de trouvass ben, ma l’è in de per lè, l’ha gh’ha nient de fa perché l’è una baby pensionata e per pasà un poeu de temp la và a dà una man in parrocchia. (Facendosi avanti) Buongiorno signore, tutto bene?

Lisetta:              buongiorno Battista, che piasè rivedèl

Nel frattempo Carmen si appresta a servire il the

Battista:            el piasè l’è tutt mè! Sciura Adalgisa….sciura Mariuccia… S’eri propri adrè a domandàs: chissà cosa organizzaran quest’ann per la festa de la parrocchia?

Adalgisa:           la pesca de beneficenza, la cuccagna, la corsa con i sacch, el tir a la fun e la serata danzante, alla quale, ovviament, si tutt invidà…..a parte (marcando forte e alludendo in modo palese alla Carmen che sta mettendo le tazze sul tavolino) quej che poeden creà di problema ai parrocchiani presenti!

Alfredo:            (sarcasticamente prende le difese di Carmen) alorà ghè convegna lassa a cà el Silvano!

Adalgisa            ( lo fulmina con uno sguardo interrogativo) perché el dìs inscì del me’ Silvano?

Aldredo            Ma no….s’eri adrè scherzà! .(rivolto al pubblico) minga tant! Sem content de accettà el voster invito. La vegna anca lè signorina Carmen, vero? Me faria tanto piasè

Carmen:            Volentieri e (marcando la frase in modo polemico) spero non ci siano in giro uomini che approfittano della confusione per mettere le mani addosso alle ragazze sole

Alfredo:            Signorina Carmen, ghè minga de problema. Se la trova un quai mamalùcc la me ciama che ghe pensom mì e il Batista a sistemal!

Adalgisa:           Cert che se la va in gir tuta sculàda e con foera el cù i omen borlen in tentasion!

Carmen:            Io posso! Sono giovane e bella! Certo che se fossi una befana mi vestirei diversamente….magari con (descrive l’abbigliamento dell’Adalgisa)

Adalgisa fa un gesto di stizza e tenta di pestarle un piede mentre serve il the

Alfredo:            …(prende ancora le difese di Carmen) si ma ghè tanti omen che borlen in tentasion a prescindere de l’abbigliament, de l’età e de la belessa.

Mariuccia:        (sempre strusciandosi all’Alfredo) cert che quand i omm in affascinanti, g’hann nanca el temp de borlà in tentazion!!! Sem num donn che se sèntom attratte come calamite…(e lo guarda con fare voglioso)

Suona il campanello arriva Silvano

Carmen             (ironica) Oh…Signora Adalgisa! C’è il suo adorato marito!

Adalgisa            ‘ste fè’ chi?

Silvano              …son vegnù a domandagh un piasè all’Alfredo (Guarda molto interessato Lisetta, si avvicina quatto quatto e a bassa voce, per non farsi sentire dalla moglie) come la trovo bene signorina Lisetta, lei è sempre la donna più affascinante che frequenta la parrocchia!

Lisetta               (ad alta voce proprio per farsi sentire da Adalgisa) peccato che non possa dire la stessa cosa di lei!

Adalgisa            (guardando il marito incuriosita)…perché la t’ha dit inscì??’

Silvano              No…l’è che….(cerca un modo per giustificare la situazione e ci riesce)La sciura Lisetta l’è una persona che la se dà semper de fa per i alter. S’eri drè complimentàs e lè, per scherzà, l’ha m’ha faj notà che mi sont minga come lè.

Lisetta               Disèm che il Silvano, (allusiva) magari, l’è dispunìbil in altri campi, ma in su la beneficienza per la parrocchia el làssa un po’ a desiderà..

Silvano              (lasciando intendere a Lisetta il suo interesse) Semper disponibil in dì rob che me appasiuna!

Alfredo             Taja curt  Silvano, se t’è ghè bisogn ‘sta volta?

Silvano              Sunt drè andà al feneral d’un mè amis e me sont accort che g’ho minga una giacca scura adatta a l’occasion. L’è no che te podet prestamen voeuna?

Alfredo             Carmen! Anzi, no….vegna che te la do mi la giachèta! (Alfredo va verso la zona notte e Silvano lo segue)

Suona il campanello entrano Giusy e Germano. Lei alta, giovane, avvenente. Lui basso, tarchiato e decisamente più là con gli anni rispetto a lei,  “tontolone” e infatuato da qualunque cosa faccia o dica la moglie.

Carmen:            signor Alfredo, oggi c’era un congresso e non mi ha informata? Arrivo!

Giusy:                Buongiorno, lei è la nuova cameriera?

Germano:         L’è la nuova cameriera lei?

Carmen:            Si, buongiorno a voi! Sciur Alfredo, abbiamo due ospiti che non mi hanno chiesto chi sono e cosa faccio qui, ma hanno capito al volo che sono la nuova cameriera. Chi devo dire?

Giusy:                Sont la Giusy, la sorella dell’Alfredo e la mamma della Ketty e quest chi  l’è el mè omm!

Germano:         Eh  già è… sunt el so omm!

Giusy:                …e lè l’è la signorina Carmela?

Arrivano Silvano con la giacca e Alfredo

Alfredo:            La se ciàma Carmen… vegna avanti anca tì se te ghe stèt!

Silvano              (uscendo si ferma a “tacchinare” anche Giusy) Oh, Sciura Giusy! Mè la stà ben cont i cavei de ch’el color chi, la me par pusè giovina. Ghe daria cinq…. (guarda Battista posizionato dietro a Giusy e Germano, che lo incita visibilmente ad alzare la posta)…dès ann  in men de l’ultima volta che l’ho vista!

Alfredo             (rivolto al pubblico) Ossssssignur!!!!! L’ha rott la soglia psicologica di 50ann!!!(Ora si rivolge a lui) Silvano, và pur che mi e la mia sorela gh’em de parlà, grazie!

Adalgisa:           Bè allora togliamo il disturbo anche noi.  (Rivolta a Silvano con aria sospettosa)  Che amis l’è che ghe mort ?  Perché te me le minga dit ? Spetta che vegni anca mi al funeral  (aria di disapprovazione di Silvano che non la vuole portare con sé. Escono insieme discutendo tra loro)        

Lisetta:              Beh, sciur Alfredo, vèm anca  num… el saludom e el ringrasiom per l’ospitalità!

Alfredo:            Arrivederci a presto signorina (si rivolge solo a Lisetta mentre Mariuccia fa di tutto per tirare l’attenzione su di sé)

Mariuccia:        (si avvicina ad Alfredo e gli sussurra) s’el vouer vegnì a trovamm per che la cenetta leggera ch’emm dit prima el faga minga di compliment!

Alfredo:            (distratto, in quanto la sua attenzione è rivolta solo a Lisetta) la ringràzi tantissim, ma pensi de fa “el digiuno completo”

Battista             Senta Alfredo, mi intant vo’ giù in del Tonino e t’aspetti lì! (esce)

Escono tutti tranne Giusy, Germano

Giusy:               senta un po’ Alfredo, mì sont la tua sorela e ho semper cercà de consigliat ben…

Germano:         Eh  già è …..la t’ha semper consiglià ben.

Giusy:                Avè ciapà una tosa sconosciuta a servissi sensa savè nient in su la sua vita, e sensa savè se la se’ introdotta in cà tua con altre mire, me par minga che sia una roba de omm intelligent quale te set tì

Germano:         Eh già è….le no una roba de omm intelligent come te sèt ti….no eh…

Alfredo             (rivolgendosi al pubblico e alludendo a Germano)…senta de che pùlpit!

Giusy:                quindi finchè te set in temp, cerca de liquidala che tant ghe pensom num a fa tutt quel che te ghè de bisogn

Germano:         Eh già è….ghè pensum num…tutt quel che te ghè de bisogn…

Giusy:                sensa cuntà che l’ha anca cercà de purtagh via l’omm a l’Adalgisa!

Alfredo:            senta Giusy, t’è sèt pù de primo pelo e, fin a ier pensavi, che te podevet restà foera di mir del Silvano, ma stà ben attenta, perché  dopo l’attacc ch’el t’ha fa 5 minut fa, pensi propri che l’ha alzà l’età massima delle prede, quindi tègnes pronta. Da doman, l’Adalgisa, la podaria dì in gir che anche ti te set drè cercà de portagh via l’omm. Comunque domanda conferma anche all’ Enrichetta, se quel che te disi l’è minga vera…

Giusy:                ciamela no inscì che t’el set che la s’inrabisa! Comunque anche la Ketty la pensa che la Carmela l’è minga una cameriera che la va ben per tì!

Germano:         Eh già è…..l’è minga la cameriera che va ben per ti…

Alfredo:            intanta che vialter stabilì quel che va ben o no per mi, mi vo’ col Battista a vedè se rièsi a trovà un sistema per mèt tranquila la zia Olimpia. Se vedom dopo!

Giusy                 (fa accomodare Germano sul divano dopo avergli raccomandato di non mangiare i biscotti rimasti sul tavolo chiama al telefono cellulare Ketty) Ketty, intant che el zio el ghè no, passa in del Rinaldo e vègna chi subit che ghè un’emergenza de fronteggià! Dobbiamo “presidiare il forte” (si gira e fulmina Germano con lo sguardo sorprendendolo a rubare i biscotti, il quale, con la sua aria da tontolone cerca di fare l’indifferente smettendo di botto di masticare)…fagh vedè a la Carmela che num sem present in cà del zio e la poeu minga fa quel che la voeur lè!!!(si rivolge al pubblico) Se pensi  che ho spusà quel pisquano qui del me’ omm perchè l’aveva eredità un impero ….e poeu el se faj trùfà del so soci che l’ha lassà in bolèta!!!!...el masarìa! Inscì, adèe, me restà domà “el tarlùch” e me toca vegnì qui a elemosinà i farghùi dal me fradel!  (guardando Germano) Oh Signur, .che tavan d’un omm che ho sposà.!!!!.

Germano          Eh già è …...son stàj tropp tavan……

                         

Chiudi e apri oppure spegnere le luci

Arrivano Ketty, Rinaldo.

Iniziano a parlare tra loro cercando di non farsi sentire dalla cameriera. Ketty, in punta di piedi va verso l’anticamera per vedere se c’è la Carmen…

Giusy:                         Come ve disevì, se poeu no stà chi a guardà un vero e propi attentato alla vostra eredità. Ghe vouer fa un quajcoss!!!

Ketty:                non possiamo permettere che la Carmela rimanga in casa!

Rinaldo:            è troppo giovane e bella. Le donne come quella sanno come gestirsi un sessantenne come lo zio. Lo circuiscono con il loro fascino e poi, zac!!! Lo incastrano. Quelli come lui credono di essere dei duri tutti d’un pezzo ma poi, (entra Carmen con il carrello per sparecchiare e sculetta sotto il naso di Rinaldo e lui conclude la frase estasiato dalla visione del fondoschiena)..quando ti capitano sotto il naso certe cose…..cosa stavamo dicendo???….ah sì parlavamo della festa della parrocchia!!!

            Iniziano a disquisire tutti e tre cercando di parlare d’altro fino a che non esce Carmen che nel frattempo ha sparecchiato

Giusy:                         Te vist come la cammina??? La par propri una pantera!  (le fa il verso della camminata)  Quella lì prima o dopo la na frega!

Ketty:                quella è una furbastra. Glielo si legge in volto. Pensa, si chiama Carmela e dice di chiamarsi Carmen perché probabilmente è un nome più sexy e più, aggressivo. Ci metterà nulla a farlo innamorare, si farà mettere incinta subito e così addio eredità per tutti noi!

Rinaldo:            potrebbe anche non essere così, ma noi non possiamo rischiare. Dobbiamo trovare il modo di convincerlo a licenziarla, con le buone o con le cattive! Possiamo fare una cosa di questo tipo: se lui non vuole saperne di prendersi una cameriera più adeguata alla situazione, tipo la baffona che aveva prima per intenderci, dobbiamo fare in modo di screditare la Carmen. Ad esempio fargli capire che non è persona di cui fidarsi

Ketty:                io potrei raccontargli di aver saputo da un conoscente che nella casa dove lavorava prima aveva rubato dei soldi, per questo ha cambiato città!

Giusy                 La me par propri un’idea giusta, ma come poedum fa per faghèl cred?

Rinaldo:            infatti non sarà cosa facile dargliela a bere. Stravede per lei!

Giusy:                Me sont accorta anche mì: l’è bell e imbesuì. Quand el parla de lè ghe rid    anche el bùs del gnao

Rinaldo:            Idea!!!! Possiamo fare così. Uno di noi la tiene occupata mentre chiacchieriamo  qui in soggiorno e l’altro finge di andare in bagno e invece va a nascondere il proprio portafogli nella sua camera…

Ketty:               Ho già capito tutto: ci penso io! Nascondo il mio portafogli in camera della Carmen, poi alla sera chiamo lo zio dicendogli che avevo il borsellino quando sono entrata in casa sua e poi, uscendo non l’ho più trovato. Lo convincerò a perquisire la camera della Carmela e, voilà, il gioco è fatto!!! (rivolta al pubblico)…anzi gli dico anche che mi sono spariti 700 euro, così, se lo zio ci casca, me li ridà e corro a comprarmi  quello splendido foulard di Gucci che ho visto in via Montenapoleone

Giusy                 700? …ma fa 1000! Almèn ghè vegn foera un quajcoss anche per mì….La me par propri un’idea grandiùsa!

Rinaldo:            a mali estremi, estremi rimedi! Mi spiace essere complice in una messa in scena così cattiva, ma d'altronde se l’è voluta lei, perché quella furbastra non è qui per caso: è senz’altro una cacciatrice di dote.

Giusy:                Ma certament che l’è inscì! Ma l’ha minga fa’ i cunt cont num che semm pusè furb de lè

Germano:         Eh già è…..sem pùsè furb de lè……e forsi anca mì!

Rinaldo:            Se lei ci batte sul tempo restiamo senza il becco d’un quattrino. Non possiamo assistere impotenti alla nostra disfatta

Ketty:                senza contare, che poi, una volta che l’avrà sposata, non ci aiuterà più neppure nelle spesucce di tutti i giorni

Giusy:                me par che sia l’unica solusion

Germano:         …..eh già è….l’è l’unica solusion….eh si è……

A questo punto si vede Carmen che fa capolino e ha ascoltato tutto il discorso. Nessuno di loro la vede e Giusy la chiama

Giusy:                Carmen… ascolti, la mè saluda l’Alfredo, perché vedum ch’el tarda a tournà e  ghèm un po’ de robb de sbrigà

Germano          ….eh già è….un po’ de robb de sbrigà…

Ketty                 Magari io e Rinaldo torniamo più tardi. Arrivederci

Saluti a soggetto e tutti escono e Carmen rimane sola

Carmen:            hai capito??? Questi hanno paura che io gli porti via la dote e vogliono farmi passare per ladra.  La mia povera mamma diceva sempre “pensa el lader che tucc a robèn” e aveva ragione. Sono talmente disonesti loro che non riescono a pensare che una ragazza come me possa fare il suo lavoro senza doppi fini. Devo correre ai ripari. Ma come posso fare? Potrei cercare il portafogli nella mia camera, portarlo al signor Alfredo e raccontargli tutto….No! Potrebbe pensare che l’ho rubato e che poi mi sono pentita! Devo muovermi in modo più furbo…(si illumina)idea!!!!

Chiudi apri sipario

Suona il campanello- entrano Ketty e Rinaldo

Ketty:                Buongiorno Carmela, è rientrato lo zio?

Carmen:            No signorina Enrichetta, non ancora (gesto di stizza da parte di Ketty per il nome di battesimo)

Ketty:                Va bene comunque noi lo aspettiamo.

Rinaldo:            (Cerca di intrattenere Carmen per dare il tempo alla sorella di attuare il loro piano) Allora Carmen, come andiamo? Si trova bene a casa dello zio?

Carmen:            Benissimo. Io faccio il mio lavoro e lui mi paga. Meglio di così…

Rinaldo:            Non è una nostra compaesana vero?

Carmen:            No, sono nata a 20 km da qui, ma poi mi sono trasferita a Trieste e adesso sono tornata vicino al mio paese natale

Ketty:                scusate ma devo approfittare per andare un attimo in bagno

Rinaldo:            mi dica Carmen. Come mai ha scelto di cambiare città?

Carmen:            avevo semplicemente bisogno di tagliare col passato e di cambiare tutto ciò che mi stava intorno

Rinaldo:            e come mai proprio qui, in un paese di 3000 anime?

Carmen:            semplicemente perché ho letto un’inserzione. Cercavano una cameriera e mi sono presentata.

Rinaldo:            lo zio ha messo un’inserzione???

Carmen:            no, vostro zio no, l’inserzione l’avevano messa i coniugi presso i quali ho lavorato prima di essere presa in prova da vostro zio. Come mai tutta questa curiosità nei confronti di una semplice cameriera?

Rinaldo:            Non è curiosità, è semplicemente un modo come un altro per conoscerci

Carmen:            Mi sembra tutto così strano

Rinaldo:            Non c’è nulla di strano, noi siamo spesso qui dallo zio, siamo come dei figli… e dovremo frequentarci parecchio. Quindi è abbastanza normale fare amicizia con lei

Ketty:                (torna dal “bagno” e lancia uno sguardo di intesa al fratello) eccomi qua. Lo zio non è ancora tornato?

Carmen:            Non penso torni a breve, aveva alcuni impegni

Ketty:                Pazienza vuol dire che ripasseremo in un altro momento. Arrivederci

Saluti a soggetto

Carmen rimane sola a casa vuota

Carmen:            adesso corro a vedere dove quella brutta carogna mi ha nascosto il portafogli!!! (esce e torna dopo un attimo con il portafogli in mano e si rivolge al pubblico)Eccolo qui, se non li avessi sentiti mi avrebbero  fregata ben bene. L’aveva nascosto nel cassetto della mia biancheria intima. Sotto a tutto.  (nasconde il portafogli in un cassetto del mobile che c’è in soggiorno e si rivolge al pubblico con fare risentito)Ma adesso la sistemo io quella morta di fame vestita come un manichino di via della Spiga!

Buio-luce

E’ sera, Alfredo è rientrato e suona il telefono

Carmen:            Sig. Alfredo è sua nipote.

Alfredo:            Dimmi Ketty. Cosa??? No, guarda che l’è minga possibil! Ma te set sicura??? Poedi minga cred a una roba del gener. Comunque vegna chi un moment che ne parlom con calma. Ma te poeu minga fa un’accusa del gener se ghè minga de prov! Dai te aspetti. Ma veda de fa svelt perché stasera voeri andà a dormì prest. Sonto sicur che te set adrè  sbagliass.

Carmen:            cosa succede sig. Alfredo?

Alfredo:            No nient. La mia nevouda  ogni tant la gh’ha le traveggole. La se preoccupa no!

Carmen si ritira, Alfredo legge un giornale

Entra Olimpia senza suonare

Olimpia             Senta, mi sont minga bona de andà in bagn se guardi minga el panorama. Fasem inscì, famm vedè se de la finestra del tò bagn se veda un quajcoss che me pias, almen quand gh’ho difficoltà vegni a fàla chi….

Alfredo             Ossignùr…me mancava anca la zia Olimpia che la vegna qui a fàla!!!

Olimpia             (Và e torna dal bagno) Che schivi d’un panorama! Te vedet el mur de la cà de fianc…

Alfredo             Scusa Olimpia, cosa te pensavet? De vedè i champs Elysèe???

Olimpia             L’è mai pussibil che se poeu minga vegh un cess adatt ai me esigens?

Alfredo             Ma scusa, Olimpia, te ghet 75 ann…in due te l’è faj fin a on quai dì fa?

Olimpia             Con gli anni cambiano i gusti e le esigenze! Te legget minga i giurnaj? Ignorant d’un ingnorant!!!

Esce di casa sbattendo la porta

Suona il campanello e va ad aprire Alfredo

Ketty:                Sono incazzata nera! Quella ladra... Per questo nasconde il suo vero nome.

Alfredo:            Intant calmess e permettes minga de drouvà ch’el tono chi finchè savarem no me l’è andada verament la faccenda.

Ketty:                Si fa in fretta a scoprire la verità. Chiedile di poter perquisire la sua stanza. Se è pulita non avrà problemi a farci entrare

Alfredo:            Come fu a domandagh una roba del gener? L’è iscì gentile con mi!

Ketty:                sarà gentile perché ha i suoi buoni motivi. Comunque ci penso io Carmen….Carmen….(Carmen la raggiunge) Mi senta bene: lei è qui da pochi giorni e noi non la conosciamo. Siccome oggi pomeriggio è sparito il mio portafogli, io sono convinta che sia stata lei a rubarmelo. Quindi se vuole togliermi questi dubbi, faccia il santo piacere di lasciarci entrare nella sua camera e di guardare tra le sue cose!

Carmen:            A parte il fatto che questo suo pensiero mi offende, io non ho nessun problema a farla entrare in camera mia, ma se poi non trova nulla come la mettiamo?

Ketty:                Non ne sono così convinta, perché il portafogli mi è sparito proprio in questa casa e, a meno che mio fratello non sia diventato un furfante di colpo, la ladra può essere solo lei

Alfredo:            (visibilmente imbarazzato) Signorina Carmen, che la scusa tanto per quell che l’è drè dì la mia nevouda, mi dubiti no de la sua onestà

Ketty:                Se è onesta ci faccia guardare nei suoi cassetti

Carmen:            accomodatevi pure. Voi non vi fidate di me ma io mi fido di  voi. Vi aspetto qui in soggiorno mentre cercate.

Mentre Ketty e Alfredo vanno in camera, Carmen toglie il portafogli dal cassetto dove

lo aveva nascosto prima e lo infila nella borsa di Ketty.

  Dopo un po’ tornano Aldredo e Ketty. Quest’ultima uno sguardo cadaverico tra lo stupito, il depresso e l’incazzato

Alfredo:            adess pretendi che te faghet  i to’ scùs a la Signorina Carmen. Te ghè no vergogna per come te set compurtà?

Ketty:                finchè non salta fuori il mio portafogli, io non chiedo scusa a nessuno!

Carmen:            siamo sicuri che lei non ha preso una scusa perché non mi sopporta? E se il portafogli ce l’avesse proprio lei?

Ketty:                ma cosa sta dicendo? Avevo questa borsa quando sono venuta qui: guardi con i suoi occhi!

Carmen:            Io non sono maleducata come lei. Non frugo in cose che non mi appartengono

Ketty:                allora zio guarda tu stesso

Alfredo, quasi spazientito,  rovista nella borsa ed estrae il portafogli.

Alfredo:            (decisamente arrabbiato) e quest qui se l’è?

Ketty:                (impietrita) che scherzi sono questi? (Urlando) Me lo ha messo lei sicuramente! Càrogna!!! Questa me la paghi!

Alfredo:            Senta Enrichetta, finisela lì de dì stupidad e torna a cà toa con i to’ pè altrimenti  te casci mi a pescià in del cù! (mentre la spinge letteralmente fuori di casa)  Foera di chi! Robb de matt!!!

Ketty esce arrabbiata nera

Alfredo:            So’ propri no se fa per domandagh scusa de quel che ghè sucess. Me son trouvà in mezz a una situasion che sont stà minga bon de controlà

Carmen:            Sig,Alfredo, so che lei è una persona buona, purtroppo sua nipote non ha preso da lei. Buonanotte e grazie per aver preso le mie difese.

Alfredo:            Buonanotte Carmen, a domani.

FINE SECONDO ATTO

                         

TERZO ATTO

(Suonano alla porta)

Carmen:         Buongiorno sig. Tonino

Tonino           Gh’è minga l’Alfredo?

Carmen          Glielo chiamo subito. Sig. Alfredo, c’è il sig. Tonino

Alfredo           Ossignur….Tonino, quand te vedi chi gh’ho un brutt presentiment: te ghè bisogn de danè!

Tonino           Giuri che dopo te me vedet pù per un pò

Alfredo           No, cerca de fass vedè perchè te ghè de dami indrè! Quanto te ghè bisogn?

Tonino           450 euro!

Alfredo           Ma te se matt? T’ho dà 300 euro l’alter dì per toeu i salatini e le patatine

Tonino           Si, ma se paghi no j’ aperitiv podi minga dàgh ai client i salatini con l’acqua del rubinett! Alfredo te scongiuri! Se ghe dò minga i 450 euro quel lì el me lassa giò minga j’ aperitiv e i spumant

Alfredo           Mi ti ‘e do, ma te podet anca anda a dà via el cù!

+Tonino          T’el sé che sont drè pensagh?... perché disen che se guadagna ben. A proposit! Te se ricordet el Gustavo, quel ch’el tacava semper lit con tì ma poeu, quand t’è vinciù al superenalotto l’ha comincià a dat reson? Beh, el so fioeu pareva ch’el fudess un dirigent d’una grossa ditta, el se vedeva pù di noster part. Un mè client, che l’aveva conosù chi in del me local, el m’ha dit che l’ha vist in cors Sempion a Milan ch’el rolava vestì de dona

Alfredo           Ma dai… magari l’era v’un che ghè somigliava

Tonino           No assolutamente. Pensa che l’ha riconosù per via d’un grosso neo a furma de brugna ch’el g’ha in sul brasc

Alfredo           Se l’è inscì gross sarà una voeja e non un neo

Tonino           Considerandes che se tratta d’una brùgna e che lù el gh'ha di gust divers, disaria che l’è propri un neo (risate)

Alfredo           ‘sta volta me sa che te ghè reson. Tò, ciapa i danè e cerca de cambià banca per ch’el mes chi

Tonino           Grasssie Alfredo. Uhì, me raccomandi. Làsses minga scapà quel che t’ho dit, o mej, lasses minga scapà che te l’ho dit mì, perchè t’el set, la mia profession l’è un po’ tamme quella del…

Alfredo           (facendo la cantilena)padre confessore! Sta tranquill, sarò una tomba!

Tonino va via. Alfredo cambia locale e suona di nuovo il campanello

Carmen:            Arrivo! Buongiorno Signora Giusy, si accomodi! Signor Germano

Giusy:                 Ghè el me fradel? G’ho de parlagh!

Germano:         E già eh…...la g’ha de parlàgh!

Carmen:            Signor Alfredo! Sua sorella e suo cognato

Alfredo:            Oh Giusy, te set rivà in un moment che sont de prèssa. Sont adreè andà foera perché ghè el Batista ch’el me spèta

Giusy:                Vourevi scusam per quel che ghè sucèss ier con la Ketty, ma la Ketty l’aveva perdù el portafoej in de l’ingress de cà, mi l’ho trouvà, ghè l’ho mis in de la burseta e me sont dimenticada de dighèl. L’è l’ha pensàa che…

Germano:         E già eh..…ghè l’ ha mis in de la burseta e la sé dimenticada de dighel

Alfredo:            Senta Giusy, questa l’è no una bona giustificasion per dagh de la ladra a la Carmen. La m’ha faj fa una figùra de cioccolatè! Comunque acqua passata. Digh domà de circolà a la larga per un po’ de temp che gh’hà de sfumam el nervous

Germano:         (guardando la moglie che lo ricambia con una sguardo truce)E già eh…..adess gh’ha de sfumagh el nervus

Giusy:                La Ketty la gh’ha daj la colpa a la Carmen perché un noster conoscent  del so’ paes, l’ha dit che l’ha cambià città perché l’han becada a robà in d’una cà in dove la prestava servisi.

Germano:         E già eh…l’ha robà in d’una cà in dove la prestava servisi

Alfredo:            (Alterato)Senta Giusy, digh alla Enrichetta de fas i affari sò e suratutt de imparà de la Carmen a laurà, vist che la va avanti con tutti i danè che la ne ciuccia a mi e a vialter. E con questo “argomento chiuso”!!!

Germano:         (sempre rivolto a Giusy che lo ricambia con uno sguardo decisamente arrabbiato) ……argomento chiuso!

Escono. Arriva Olimpia, incrociandoli, mentre entra come al solito senza suonare

Olimpia             (molto scocciata) Alora, se te me sistemet minga el cess o la magnolia, mi cambi cà, inscì te ghè de famm el trasloc de souravia!

Alfredo             Senta Olimpia, le nò pùsè facil fa un bel clisteri? Però t’el fo minga mi eh, te ciamet l’infermèr

Olimpia             (indignata) Ossignur ghe pù de religion! Adèss el me manda anca a fàla… e in compagnia de l’infermer. (con tono decisamente alterato) Sono una signora io, come ti permetti??? Se ghè fuss stà chi la mia nevoda Rosina a sentì chi rob chi! Ossignùùùùùr…..ah…i parent ciapà, gh’han minga de rispett! (esce e sbatte la porta Alfredo cerca di inseguirla per tranquillizzarla)

Suonano alla porta e Carmen va ad aprire

Tommaso:        E’ permesso? Buongiorno signorina Carmen, si ricorda di me?

Carmen:            Certo che mi ricordo di lei, anche se, con tutta la gente che va e viene in questa casa, è una domanda sensata la sua.

Tommaso:        Io volevo (impacciato al punto che non gli vengono le parole)….volevo….dirle se….c’è il signor Alfredo!

Carmen:            No, è appena uscito e penso che ne abbia per un po’. Vuole bere qualcosa?

Tommaso:        volentieri…(sempre molto timoroso) però se lei mi fa compagnia.

Carmen:            a dire il vero io non sono pagata per consumare, ma per servire. Però se lei mantiene il segreto ci beviamo un thè insieme

Tommaso:        (entusiasta) Segreto al sicuro!

Si siedono sul divano e Carmen serve

Tommaso:        Come si trova nel nostro paese signorina Carmen?

Carmen:            Intanto tolga il signorina. Anzi, se ti fa piacere diamoci del tu, anzi del Thè vista la circostanza

Tommaso:        (ride) oltre che bella lei…anzi,… tu (con una certa emozione) sei anche simpatica!…con rispetto eh….

Carmen:            diamine! Mi hai fatto un complimento, mica mi hai insultata! Mi trovo bene, a parte la disavventura che mi è capitata in casa del signor Silvano, posso dire che adesso, con il signor Alfredo, sto proprio bene.

Tommaso:        L’Alfredo è proprio un brav’uomo. Non so come avrei fatto senza di lui.  La mia famiglia era un vero disastro: mia madre sempre sull’orlo della pazzia mentre mio padre viveva attaccato alla bottiglia. Gli assistenti sociali erano di casa. Poi, proprio loro, hanno fatto in modo di trovarmi un lavoro e di darmi una sistemazione in un alloggio del comune. E’ in cantiere che ho conosciuto l’Alfredo: lui non aveva figli e mi ha preso subito a cuore. Mi invitava spesso a casa sua e io mi sono sempre sentito come un figlio. Quando poi ha fatto la vincita, ha voluto che  lasciassi l’alloggio del comune e mi ha messo a disposizione uno dei suoi appartamenti, così non avrei più dovuto pagare nemmeno quel piccolo affitto che mi veniva richiesto.

Carmen:            è stato davvero un bel gesto da parte sua

Tommaso:        Per me è come un padre. Ogni volta che ho un problema mi rivolgo a lui, perché ormai è il mio punto di riferimento. Il papà che non è stato quell’ubriacone che mi ha messo al mondo. Anche la povera Rosina mi voleva molto bene (guarda con nostalgia il suo ritratto). Ho sofferto tanto per la sua morte

Carmen:            Confidenza per confidenza, anch’io non ho avuto una vita facile. Sono cresciuta sola con mia mamma. Mio padre è morto quando ero bambina. E qualche anno fa ho perso anche lei. Povera donna. E’stata proprio sfortunata nella vita. Pensa che sia lei, sia la sorella maggiore, sono state tolte alla madre perché non poteva accudirle

Tommaso:        …e come son cresciute? In un istituto?

Carmen:            all’inizio! Poi, avendo 7 anni differenza, sono state date in adozione a  due famiglie diverse. Ma fosse solo questo…

Tommaso:        se ghè sucess ammo’?

Carmen:            La cosa peggiore è stata proprio l’impossibilità, una volta adulta, di mettersi in contatto con la sorella.  Non è mai riuscita a rintracciarla.

Tommaso:        Come mai? Non poteva chiedere informazioni all’istituto?

Carmen             Sai come si dice…”quand un can l’è malà ghè tàca anca i mosch!”. Un incendio ha distrutto l’ufficio dell’orfanatrofio e nessuno è più riuscito a risalire ai documenti che le avrebbero permesso un ricongiungimento. Avrebbe dato qualunque cosa per trovare sua sorella. Ma con il solo nome di battesimo non ha potuto fare granchè (marcando con un sospiro)…Annalisa! Ogni qualvolta sentiva di qualche donna con questo nome, andava a domandare se fosse stata adottata. Adesso che lei non c’è più io sono sola al mondo a parte, ovviamente, questa ipotetica zia Annalisa che non riuscirò mai a trovare. Spero un giorno di avere 2 figlie per poterle chiamare come mia mamma e mia zia:  Marta e Annalisa e fare in modo che possano avere quella felicità che a loro è stata negata.

Tommaso:        Mi dispiace tanto. Chissà come ti senti sola! Ti auguro davvero di trovare un bravo ragazzo per realizzare il tuo sogno…se non sei già fidanzata (distoglie lo sguardo da lei intimidito)

Carmen:            Per il momento non ci penso, non ho ancora trovato la persona giusta!

Tommaso:        (la riguarda negli occhi entusiasta) Ah bene!(accortosi della gaffe si ridimensiona di colpo)….no…scusa…. Senti Carmen, ti piacerebbe (molto impacciato) quando hai il giorno libero,…se non hai altri impegni, …se ti va……insomma…verresti a fare una passeggiata con me?

Carmen:            Perché no?

Tommaso:        Allora ci vediamo…..quando?

Carmen:            Tra due giorni! Adesso devo sparecchiare prima che ritorni il signor Alfredo. Arrivederci Tommaso!

Tommaso:        Arrivederci! (esce)

Buio-Luce

Suona il campanello e arrivano le tre marie

Carmen:            Signor Alfredo, ci sono le signore della parrocchia!

(inizia il solito battibecco tra Carmen e Adalgisa)

Adalgisa:           hai detto bene: “Signore”!

Carmen:            Sì ma non ho specificato quante fossero. Le signore per me sono solo 2!

Adalgisa:           Stà ben aténta a come te parlet!

Carmen:         l’unica cosa a cui devo stare attenta sono gli uomini viscidi che si comportano da maiali!

Lisetta:           (richiama all’ordine Adalgisa toccandole il braccio) Ehmmmm! Siamo qui per portare la ricevuta della donazione al signor Alfredo

Alfredo:          (arriva dalla zona notte) Eccomi qui, buongiorno signore! Accomodatevi, poedi offriv un quajcoss?

Mariuccia:      Sìììì! (con un sospiro e strusciandosi contro Alfredo mentre Mariuccia la trattiene nel tentativo di richiamarla) quand el voer offrim un quajcoss de so, mi sont semper ben disposta!

Adalgisa:        (strattonando la Mariuccia per un braccio nel tentativo richiamarla ad un comportamento più consono alla circostanza) el ringrazi, ma mì e la Mariuccia ghèm l’appuntament in del peruchè ( la Mariuccia fa la faccia dispiaciuta di quella che aveva dimenticato l’impegno). Ciapùm sempre el stess dì e anca el stess orari per fà la piega, almen intanta che sem là, spetegulum un po’! El sà come sèm num donn. Mi el disi semper: vegnì foera del barbè senza nutizi, l’è come ciucià un legn ch’el sia minga regolizi!!!

Alfredo:          almen lè, sciura Lisetta, la bevaria un caffè insema a mi?

Lisetta:           se le no de tropp disturb, acetarìa volentera!

Alfredo:          aggiudicato!!! Allora sciura Adalgisa e sciura Mariuccia ve lassi liber de andà a ciucià el regolizi!

Saluti a soggetto

Alfredo:          Me fa piasè, sciura Lisetta, che la se sia fermada chi con mi! Che la se comòda…(la fa sedere sul divano)

Lisetta:           anca a mi sciur Alfredo. S’el vouer, mi g’ho minga trop diversiv via de la parrocchia. Sont insci in de per mì, me sont mai spusada e adèss, che sont in pension,  la giornada l’è lunga de passà!

Alfredo:          Una dona  bèla e intelligenta come le, la farà minga de fadiga a trouvà un quajvun che ghè dà a trà

Lisetta:           el ringrasi di compliment, ma mi g’ho semper un po’ de timidezza in di confrunt de la gent che cognusi minga. Gh’ho minga avù una vita facil mi!

Alfredo:          nessun de num gh’avu la vita facil. E la ghè credarà no, ma de quand ho faj el 6 al superenalotto ghè vegnì tuscoss pussè complicàa . Discuti no che la sia stàda una gran fortuna, ma improvvisament, tutt quej che prima me guardaven nanca in facia in diventà mè amis, i me nevoud, che, a momenti, savevi nanca de vegh, improvvisament in diventà tutt premurosi e gentili. El problema gross  l’è che te set pù bon de capì chi l’è che te vouer verament ben e chi l’è che, inveci, el te sta tacà domà per interess

Lisetta:           In de la vita ognun de num el g’ha di priorità, di sogn ch’el vouraria realizà. Per un quajvun l’è l’amour, per un quajvun la ricchessa e per un quajvun, come mi, el sarià podè string tra i brasc la propria sorèla

Alfredo:          Perché, la sta lountan?

Lisetta:           Se  savessi in dove la stà, andaria de cursa, ma podarò mai savel e nanca incontrala

Alfredo:          che la mè scusa ma ades diventi courius….

Lisetta:           mi sont orfana. La mia mamma la poudeva no ciapàs cura de mi e nanca de la mia sorela, che la gh’aveva 7 ann men de mì e inscì la n’ha miss in d’un istitut. Poeu mi son stàda adottada e la mia sorela, che a quel temp là la gh’aveva 6 mes, l’e stàda adottada da un’altra famiglia. Quand son vegnu granda, vorevi ritrovala, ma i uffisi dell’orfanatrofi eran andàa distrutt in d’un incendi e nessun l’è staj in grado de damm notizi in su la sua famiglia… insci son rivà a quasi 60 ann sola al mond e sensa vegh la sodisfasion de brascià su la mia sorella, sensa savè se l’è viva o morta, se l’ha g’avu di fieu o no. Per mi l’è diventada un’ossesion. L’unic scopo de la mia vita! (sospirando) La se ciama Marta. L’è l’unica roba che so de lè.

Alfredo:          Cert che l’è una storia incredibil. Mi ghe auguri con tutt el coeur de riesì a realisà el su sogn e magari de riesì a vegh anca lè una sua famiglia

Lisetta:           oramai l’è tardi, sia per el me’ sogn, sia per una famiglia

Alfredo:          (alludendo a se’ stesso) l’è mai tardi per trouvà un brav’omm che el poeda renderla felice

Lisetta:           Sensa ritrovà la mia sorela podarò mai vess felice! Adess gh’ho propri de scapà perché gh’ho de andà a fa un po’ de spesa. El saludi sciur Alfredo.

Alfredo           oh…semm nanca riesì a bève el cafè! Arrivederci Lisetta…me piasaria che la vegness ammò a trovamm….

Lisetta            Anche a me è piaciuto molto parlare con lei. Arrivederci

  Lisetta esce, Alfredo va verso il ritratto della moglie, lo prende tra le mani,  le chiede scusa e poi lo chiude nello scrittoio sul quale era appoggiato. Dopo un attimo suona il campanello e arriva Tonino

Alfredo           Ossignur….te do pù nient….te l’ho dit che…

Tonino           Calmess….gh’ho bisogn no de danè. Ma ho vist che ghè vegnì foera de cà tua la Lisetta in de per lè e me sunt domandà “come mai l’era minga cont j alter do? Te voeret vedè che ch’el malnatt d’un Alfredo….

Alfredo           Tonino, tè podaria minga fass i afari tò una volta tant?

Tonino           Mi gh’ho a coeur i mè amis…quello che succede a loro è come se succedesse a me….alora….te set andà a segn? Hai colpito?

Alfredo           ti te frequent tropp person come el Silvano…

Tonino           A proposit del Silvano…t’el  set ch’el continuava  a giragh in gir a la Lucia, le l’ha cercà de sluntanal coi bon, ma poeu lù el tornava a la carica, alora ghè l’ha dit al so omm. El Fausto l’ha ciapà per al coll e el gh’ha dit de girà a la larga. E poeu el g’ha dai anca un catafigh in su la facia disendigh “Quest chi l’è un avvertiment…girigh ammò in gir a la mia dona che te scèpi tutt i oss”

Alfredo           Oh…questa sì che l’è una bèla notizia….un bel catafigh el ghè voureva propi!

Tonino           Uhei, alòra vù…e (ironico)  saludom la Lisetta!!!

Alfredo           Tonino….va a dà via i ciapp!!!

Si abbassano le luci  

Rientrano Carmen e Tommaso dopo aver fatto il giro insieme

Tommaso:     Grazie Carmen, è stato uno dei pomeriggi più belli della mia vita

Carmen:         Sei caduto in un fosso e lo chiami pomeriggio più bello della tua vita?

Tommaso:     guarda il lato positivo: il fosso era asciutto e poi, la botta più forte che ho preso non è dovuta alla caduta di oggi, ma a quando t’ho vista per la prima volta una settimana fa

Carmen:         Devo essere sincera. Quando t’ho visto ho sentito anch’io qualcosa per te

Tommaso:     (un po’ impacciato)…essere più precisi sul “qualcosa”?

Carmen:         diamo tempo al tempo…buona serata! (gli dà un bacio sulla guancia e lui finge di barcollare e di svenire)

Si abbassano le luci

Suona il campanello ed entra Battista

Battista:            Permesso, buongiorno Signorina! Ciao Alfredo.  Alora, mè la va?

Alfredo:            Abbastansa ben.  Sont adrè aspetà el Tommaso ch’el m’ha dit ch’el g’ha de parlam

Battista:            Beh, alora vo’ via, voeri no sembrà invadent, ma prima che vaga via…(quasi sottovoce per non farsi sentire dalla Carmen) me la và con la Lisetta?

Alfredo:            T’el set che me sont innamoràa alla mia età? L’è propi una dona meravigliosa. Pecà che la riesa no a lasass andà per via d’un problema famigliar

Battista:            che problema? L’è in de per lè!

Suona il campanello

Alfredo:            Adès  poedi no spiegat, ghè rivà el Tommaso ( va ad aprire)

Mentre Tommaso sta  per entrare viene “scavalcato” da Olimpia che va dritta e decisa verso Alfredo

Olimpia           Te podet no spustala? Alùra, proeuva a tajà un pù de brocc de la magnolia magari dopo riesarù a vedè un quajcoss! Te vedet che fo’ del tutt per vegnìt incontra?

Alfredo           Va ben, Olimpia, se se tratta domà de taja di brocc ghè minga de problema

Olimpia           (diffidente) Alùra t’aspetti! Ciao Tommaso….amore della zia, ti sì che te set un bravo fieu (rimarca lasciando ovviamente intendere che è diverso da Alfredo)

Alfredo e Tommaso si salutano ridendo

Tommaso         Se la gh’ha l’Olimpia?

Alfredo:          La  soporti pù…un di o l’alter la bùti in del cess e tiri la corda! Vegna avanti Tommaso…cunta su!

Tommaso:        senta Alfredo, ti per mi te set come un papà e mi voeuri dit una roba important

Alfredo:            Sunt tutt orecc

Tommaso;        me sunt innamorà!!!

Alfredo:            Oh!!! Finalment! Questa sì che l’è una bela notizia. Adess ciami la Carmen: gh’em dè dervì una botiglia e festegià!  (Ad alta voce)   Carmen! Porti una bottiglia di spumante per cortesia. 

Carmen:            subito

Alfredo:            (A Tommaso ) E chi è la fortunata?

Tommaso:        (balbettando per l’emozione) La…..la….. Carmen…..

Alfredo:            Ades  la riva con la bottiglia!

Tommaso:        No! Vourevi dì che ….la Carmen….

Alfredo:            T’ho dit che l’arriva, te ghè insci set?

Tommaso:        (in un fiato)  Alfredo, me sont innamorà de la Carmen!

Alfredo:            (sorpreso) Oh, brutt malnatt! T’è ghè i gust raffinàa eh? Ma te ghè l’è dìt?

Tommaso:        eh,  ghè l’ho faj capì

Alfredo:            e lè? Te par che la te corrisponda?

Tommaso:        Ma…. L’ha dit che la proeva un quajcoss per mi, ma l’ha minga specificà cosa…

Alfredo:            Stà voeur che la sia? Orticaria?

Tommaso:        Ma..mi credi de piasegh….. e poeu…

Alfredo:            e poeu cosa?

Tommaso:        L’è una tosa che l’ha soffert in de la sua vita, come mì

Alfredo:            Dai, cunta su, perché mi so propri nient del suo passato

Carmen:            Signor Alfredo, mi dispiace abbiamo finito lo spumante, esco a comprarlo.

Carmen esce

Tommaso:        Ecco l’è  cresùda in de per lè con la sua mama perché ghè mort el papà che l’era una fiurina e ades gh’è mort anca la mama

Alfredo:            Oh pora fioela! Se veda che l’è no spensierada me i alter tosann de la sua età

Tommaso:        E oltretutt la sua mama l’ha pasà tutta la vita a cercà una sorella che l’ha mai cognusù e l’è morta senza avegh questa sodisfasion

Alfredo             (con lo sguardo stupito e allo stesso tempo incuriosito)…ma come mai l’ha mai cognusù la sorela?

Tommaso:        Eren in orfanatrofi e dopo in stà adotà da du famili different. La sorella la gh’aveva 7 ann e lè 6 mes… e poeu han minga podù ricongiunges perché un incendi l’ha distrutt tutt i documenti che gh’eren  in de l’istitut…

Alfredo             Ma te set minga come la se ciamàva la sua mama?

Tommaso         Adès me ricordi no ben quel che l’era el nom de la mama e quel de la zia, ma se ciamaven Marta e Annalisa

Alfredo:            (Ripete: Marta e Annalisa più volte e poi si illumina) Tommaso gh’ho un’idea. (Entusiasta) Organizzom una bella  festa! Perché una quaj novità ghè l’ho anche mi. Tè credaret minga de vess l’unic omm che s’è innamorà!

Tommaso:        (con un’espressione tra il perplesso e il tontolone)…non ho capito!

Alfredo:            Fìdes de mì Tommaso. Ghe sarà una grande festa. Ti te domandaret la man de la Carmen e poeu ghe sarà un finale col botto!!!

          Si chiude il sipario e quando si riapre sono tutti, tranne Tonino,  posizionati per la festa in abiti eleganti, mentre Silvano e Adalgisa entrano in quel momento. Alfredo sorride vedendo il livido sull’occhio di Silvano

Alfredo             Uhè Silvano, ‘ste combinà? Te ciapà un catafigh???

Mentre Silvano si accinge a rispondere si intromette Adalgisa

Aldalgisa:          pensa che sfortuna. Ghè pias tanto andà a vedè i so’ amis che giughen al tennis… ghe veghì foera una balèta del camp a velicità supersonica e la ghè andà propi in su l’oecc….por el me Silvano, me l’è staj sfortunà!!!

      Silvano annuisce e poi si guarda attorno,vede Carmen e si allontana. Olimpia si avvicina ad    Alfredo

Olimpia             Mi t’el disi subit che mangi nient perché dopo riessi no andà in bagn…..e per colpa tua che te risolvet minga el me problema….

Alfredo             Te prometti che doman vegni a tajat i brocc…

Olimpia             E intanta el me intestin el sciòpa!!! E se sciòpi in affari tu, sunt chi a la tua festa!  (intanto mangia e beve)

Alfredo             Ma t’è dit che te mangiavèt nient….

Olimpia             (scocciata) poco, poco….

Silvano:             ( affianca Carmen) Signorina Carmen, mi vurevi minga vess sfacià con lè, ma se la douvess cambià idea, mi sont semper disponibil…

Carmen:            (a denti stretti) anca mi sont semper dispunibil! A piantàt un lordon subit in su l’altra guancia almen te fe pendant

Silvano:             uhè,  ma che modi villani cont un omm de classe me’ mì!

Carmen:            Veda de girà a la larga perché te declassi subit cont una pescià in due disi mì!.

Silvano:             Oh vabbè…come non detto! Che caratterino…(si allontana e si rivolge al pubblico) queste donne che non si lasciano andare di fronte all’istinto….resten nervòs!!!!

Rinaldo assiste alla scena….

Alfredo richiama l’attenzione degli invitati

Alfredo:            V’ho faj vegnì chi tucc perché questa chi l’è una serata speciale. Ghè de chi moment in la vita dove, improvvisament, ghe cambia tuscoss e el destin el na riserva di sorpres inaspetà

Ketty:                (si alza di scatto dal divano) Oddio zio, non dirmi che è uscita una nuova borsa di Louis Vuitton e io non lo sapevo!

Alfredo:            Senta Ketty, mi ch’el Luis lì el so nanca chi l’è,  ma incoeu ghè saran un po’ de novità. Mi incominciaria dal Tommaso, che per mi l’è come un fioeu (Cenni di irritazione tra i nipoti e la Giusy)…Dai Tommaso, sù curagg! Dì davanti a tucc cosa t’indenda fa!

Tommaso:        (un po’ imbarazzato e balbettante) Ecco…io..…vorrei fare una dichiarazione…..(sospirando) d’amore!

Alfredo:            Carmen, fermès de servì e ascolta anca tì

Tommaso:        So che forse sono precipitoso,  (sempre impacciato e balbettante) ma ci sono momenti in cui il tuo cuore sa di aver trovato la persona giusta e allora è inutile aspettare. (Estrae una scatoletta con l’anello e si inginocchia di fronte a Carmen) Carmen, ho pensato tanto a quello che mi hai detto, e mi piacerebbe essere il protagonista del tuo sogno….(aprendo la scatoletta) vuoi accettare questo anello? 

Carmen:            (Imbarazzata e commossa per l’accaduto, lo abbraccia e poi si distoglie)…io non so cosa dire!...mi hai talmente sorpresa….sì…ti dico di sì!!! (si riabbracciano)

Tutti applaudono, si brinda. Intanto Silvano si guarda in giro e punta la Ketty

Silvano:             Ciao Ketty, lo sai che anch’io sono un uomo pieno di sorprese?

Ketty:                Silvano, se non giri alla larga vedrai che sorpresa t’arriva in mezzo ai denti!

Silvano:             uhè, che modi sono? Ho un animo sensibile io, una risposta così mi fa soffrire

Ketty:                Silvano, se non ti allontani entro 10 secondi rischi una pedata nel punto dove è maggiormente concentrata la tua sensibilità…e allora si che potresti soffrire!!!

Silvano:             (Si rivolge al pubblico) Questa sera ci sono un po’ di malintesi sull’utilizzo delle mie doti nascoste!!! (sorride e smamma con il bicchiere in mano, sempre guardandosi attorno…)

Rinaldo assiste alla scena nuovamente e sorride…

Rinaldo             (si rivolge a Ketty) complimenti sorellina, l’hai sistemato ben bene… prima s’è beccato una minaccia dalla Carmen, adesso da te….dici che per oggi è a posto?

Ketty                 A posto? Sarà a posto dopo che ci avrà provato con tutte. Mancano ancora la Lisetta, la Mariuccia, la mamma e la zia Olimpia (ridono) Il problema è che non si arrende: è sempre convinto di recuperare  consensi

Rinaldo             Da un certo punto di vista è persino simpatico

Ketty                 ….a te che sei un uomo!  (con espressione schifata) Rabbrividisco da tanto mi ripugna…non lo vorrei neppure per fare il ripieno dei ravioli!

Rinaldo             ….esagerata. Speriamo che lo zio abbia fatto questa festa per comunicare qualcosa di bello che riguarda anche noi. Che so io? Magari ha deciso di elargirci un anticipo sull’eredità!

Ketty                 Qualcosa mi di dice che non è così, staremo a vedere!

Li raggiunge Giusy

Giusy                 Savì un quajcoss in sul motiv de la festa? Ho vist che serov  drè a parlà…

Rinaldo             No assolutamente….a dire il vero poi, stavamo parlando di quanto è pirla il Silvano, Quel vizio di tampinare le donne non lo perde proprio

Giusy                 (cambia espressione)…Rinaldo….mi gh’avaria de dit un roba….

Rinaldo             Dimmi…..

Ma a questo punto Alfredo prende la parola e cala il silenzio

Alfredo:            El prim sogn de questa sera el sé realisà, ma l’è minga finida chi. Fina a poc temp fa pensavi che l’amour l’era un sentiment per i giovin e che a la mia età el coeur el serviva domà per pompà el sang. E inveci, con gran sorpresa, ho scopert che l’è minga insci...e se l’ho scopert l’è grazie ad una donna che ghè chi tra num

Mariuccia:        (si fa avanti trionfante) finalment te se’ decis!!! Ammo’ un po’ , se douvevi fa per fatel capì?

Alfredo:            scusom Mariuccia, ti te dovevet fa propi nient, anzi no, ona roba te podet fala: fa pùr un pass indrè:!!!  (Mariuccia delusa si ritira mogia, mogia) Puttost vegn chi visin a mi Lisetta! Questa l’è la prima sorpresa che el destin l’ha riservà per ti questa sera. Te set vegnù tanti volt in cà mia e mi avevi mai fà caso a quanto te seret bèla. Domà l’alter dì me sont res cunt che el coeur el me batteva fort e ho capì che l’era per ti. (Anche lui estrae la scatoletta con l’anello e si inginocchia offrendolo a Lisetta) Lisetta, poedi domandà la tua man?

Lisetta, imbarazzata, senza parole, ancora allibita accetta l’anello e si avvicina a lui, quasi per baciarlo ma poi si ritrae subito per l’imbarazzo. Commenti vari dei presenti (in bene e in male) mentre suona il campanello ed entra Tonino

Tonino              me sont pers un quajcoss? Ghè di novità? Intanta mì ho pensà de portà una bottiglia de spumant…

Alfredo             Tonino, tè mai pensà de sarà su el bar/pensione e de andà a lavourà a la Digos??? Dai, fermess, che la festa le non ammò finida, ciàpa on bicer… e grazie del penser…

Tonino              Grazie de cousè?….te le pagà tì!

Nel frattempo Rinaldo si avvicina a Giusy e domanda

Rinaldo             Mamma….cosa mi stavi dicendo?

Giusy                 So no come ditel Rinaldo, ma se t’el disi minga adès, pensi che rivarà pù el moment giust. Chi me senti men imbarazzàa….con tuta la gent intorna…perché gh’ho pagura de la tua reasion, ma l’è giust che t’el sappiet…

Giusy non si accorge che Tonino è di spalle e sta seguendo il discorso

Rinaldo             Sapere cosa?

Giusy                 Ecco, te vedet Rinaldo….el pirla…l’è…… el to’ papà!

Rinaldo             Beh, se ghè de noeuv? T’è semper dit de ve’ sposà un pistola

Giusy                 T’è minga capì, l’è no quel che intendi mi de solit….ma quel che te indendevet ti prima:  el Silvano!!!

Rinaldo             (Ha un mancamento)  Noooooo!!!  Mamma questo no, è davvero un colpo basso.

Giusy                 Perdonom Rinaldo, ma in ch’el periodo lì seri talment rabbiada cont el Germano per via che el s’era  lassà mangià foeura tuscoss dal sò soci,  che io… ecco… una sera sono uscita e mi sono buttata sul primo che passava perchè volevo vendicarmi, fargliela pagare… domà che purtropp, el primm che passava l’era propi el Silvano. E inscì l’ho pagada mi. Cerca de capì, dopo tutt và che l’è stada ona bella sfortuna, con tutt i bej omm che ghe in gir andà a capitamm proppi quel lì…però gh’ho de ammett che te se vegnì foera propi ben! 

Tonino              (con la faccia di chi ha appena fatto un sei al superenalotto) Và che bel altarin che ho scopert, quest el mancava dal mio confessionale privato. Comunque Rinaldo stà quiet, te set minga l’unic. Per quel che ne so mi de sicur te ghet on fradell e ona sorella, ma cont ona differenza: che ti te ghè domà el papà pirla ma ona mamma che l’è ona bella donna e anca intelligenta…  chi du là invece, oltre ad avegh nel dna el marchio del Silvano gh’hann anca i mamm che hinn propi du cadenass…perciò…..consoles!

                   Giusy accortasi della “frittata” ha un malore, tutti le vanno in soccorso tranne  Germano che, come un ebete, è seduto sul divano. La fanno sedere accanto al marito e a quel punto tutti si accorgono che qualcosa non va ma allo stesso tempo non si sanno spiegare quale altra sorpresa ci possa essere…  La Mariuccia inizialmente arrabbiata nera si ammorbidisce di botto avvicinandosi (di nascosto dall’Adalgisa) al Silvano, il quale, da buon cacciatore, vuole essere lui il predatore… ma poi si guarda attorno,  passa tutte in rassegna tutte le donne presenti e, suo malgrado,  decide di accettare quel che passa il convento, le fa l’occhiolino e solleva il bicchiere. L’Adalgisa si accorge e prende per il bavero la Mariuccia…

Adalgisa            Lassa stà el me omm!!!” !!!...( urlando)  giò i man del nichel!!! (ora si rivolge al pubblico)….Fioeu, che roba tremenda avè spusà un bell’omm…ghè vouer tegni avert cent oeucc per tutt i donnasc che voeren purtàmel via, compresa questa qui!….Girare alla larga (Le da uno spintone grazie al quale Mariuccia, finisce contro Battista che si rigira e si trova faccia a faccia con lei….si fissano negli occhi)

Mariuccia         (languida) Signor Battista non avevo mai notato quel suo sguardo così magnetico

Battista:            (imbarazzato di fronte a tutti)….uhè…sarà che l’è la serada di sorpres, ma mi l’avevi mai vista inscì carina sciura Mariuccia!

Alfredo:            (sarcastico) uhè Battista, fas curà la vista! Dai, scherzavi! (rivolto al pubblico)…minga tant!

Battista             L’Alfredo el me toeva semper in gir, ma stavolta ghè vedi propri ben. L’è impegnada doman sera?

Mariuccia         Ma per lù sont libera anca subit! (vicino all’orecchio) e poeu, s’el voeur, la festa ghè la fò mì.

Battista             (rivolto ad Alfredo) a che ora la finss la festa? Perché mi gh’ho un impegn urgente!

Mariuccia :       (impaziente) a dire il vero anca mi!!!                 

…poi Alfredo riprende a parlare:

Alfredo:            Se gh’avì pasienza ammò un quaj minut, perchè i sorpres hinn minga finì.  (si rivolge a Lisetta)  Lisetta, se te me dèt el permess, gh’ho de dit una roba impurtanta riguardo al tò sogn.

Lisetta:              Ma io….

Alfredo:            Fidès de mì Lisetta….

Lisetta fa di sì con la testa, senza parlare

Alfredo:            Putropp te podaret pù incontrà la tua sorella Marta, perché l’ha lassà ch’el mond chi un quai ann fa, ma te poedet brascià su la tua nevouda. La sua unica fioela:  Carmen vegna chi! Lisetta, la Carmen l’è la fioela de la tua sorella.

Lisetta:              (scoppia in lacrime per la felicità) L’è no possibi! Te seret  chi, visin a mi!

Carmen:            (quasi paralizzata dalla sorpresa, appena realizza, si riprende e corre ad abbracciarla) Non ci posso credere……Ziaaaaaaaa!!!!

Germano:         (con la sua aria da tontolone) ma Giusy…mi ho capì nient!! Se gh’è sucess?

Giusy:                nient, Germano, ho capì minga tropp nanca mi, ma quel che ghè de’ sicur l’è che intanta che voeuna la piangia e l’altra la gh’ha el magon, l’eredità di noster fioeu l’è andada a monton!

Germano:         (che non ha capito niente come al solito) Uhè, un monton…me sont contènt!

         Giusy sviene demoralizzata mentre per tutti gli altri la festa continua, si alza la musica e si chiude il sipario.

F   I   N   E

SCENA UNICA: ambientato nel salotto di una bella casa. Deve essere ben visibile la porta di ingresso perché il pubblico deve scorgere le persone che si presentano alla porta non appena questa viene aperta e deve essere visibile un vano che separa il soggiorno dalla zona notte

PARTICOLARITA’: il copione è ambientato ai giorni nostri e, come in tutte le famiglie di origine meneghina, gli anziani parlano il dialetto, mentre i giovani lo comprendono, ma sono abituati a rispondere in lingua lasciando al dialetto solo qualche frase. Talvolta si rapportano nel linguaggio al loro interlocutore e al loro stile di vita. Tommaso ad esempio, si rivolge a Carmen parlando in italiano, mentre, pur essendo giovane, parla in dialetto con Alfredo di cui è stato compagno di lavoro. I nipoti di Alfredo, invece, essendo ragazzi di qualche pretesa estetico-culturale parlano solo ed esclusivamente in lingua italiana, sforzandosi, ogni tanto, di fare qualche battuta in “milanès” per compiacere lo zio. Ambientato in un paese dove si conoscono tutti.

TRAMA: Alfredo, dieci anni prima, ha “centrato” un 6 al superenalotto vincendo un sacco di soldi. Da quel momento i parenti si sono legati a lui in maniera decisamente pressante, come le “tre marie” che sono sempre a caccia di contributi per le iniziative parrocchiali, come il Silvano che cerca sempre di “scroccare”beni materiali a lui e favori di natura “fisica” a tutte le donne che gli girano intorno,  come il Tonino affittuario di un bar/pensione di proprietà di Alfredo che ha sempre problemi li liquidità…ma ci sarà comunque qualcuno che, avendo altri traguardi nella propria vita, non si lascerà condizionare dal denaro...

TEMI: Nello scenario di un’improvvisa ricchezza vengono trattati il tema dell’età che avanza e della solitudine, dell’opportunismo e dell’amicizia vera, della seduzione e dell’amore sincero sullo sfondo di pettegolezzi, ipocrisie e piccole e grandi malignità.

Per qualunque informazione zerobarbara@gmail.com

  

                         

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno