Quando eravamo ricchi

Stampa questo copione

Quando eravamo ricchi

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

24/04/2009

Personaggi: 12

Assunta De Napoli, ricca divenuta

Romano De Roma, marito di Assunta

Loredana De Roma, figlia di Romano e Assunta

Cornelia Orrenda, madre di Assunta

Bastian Contrario, cameriere di casa

Dolores, cameriera di Assunta

Cono Gelato, innamorato di Loredana

Salvatore Fecale, zio di Cono

Benedetto Ilfrutto, marito geloso di Rachele

Michele Sogliola, agente del Fisco

Apollo Arrosto, rapinatore

Rachele Inguardabile, amica di Cornelia

Quando si ha la fortuna di vincere 120 milioni al Superenalotto, bisogna saper non sperperare la fortuna trovata. Eppure non succede esattamente così. Quando si hanno all’improvviso tanti soldi tra le mani, non si è parsimoniosi e sisperpera la fortuna. E’ quanto accade a Romano De Roma, incapace di amministrare la somma vinta da sua moglie Assunta. Uno tra i primi errori commessi è quello di ostentare il proprio status di ricchi al mondo intero, prima di tutto acquistano case ed auto che non servirebbero nemmeno. Poi si assumono un cameriere sordo ed una cameriera ninfomane ed ambiziosa. Quindi, si attraggono in casa le mire di un ladro che trova disponibilissimo Romano nel lasciarsi derubare, perché ciò fa tendenza da uomo ricco. Oltretutto le ambizioni di Romano si estendono su sua figlia Loredana, spasimata dal nipote (Cono) di un ricco uomo di affari (Salvatore Fecale). Ma alla ragazza non interessa l’affare. Anzi! Intanto nel frattempo il cameriere sordo Bastian ne combinerà di tutti i colori.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

  


            Napoli, salone della lussuosa casa De Roma. Alla stanza vi si accede attraverso una entrata comune centrale. A centro stanza c’è un tavolo contornato da quattro sedie e alla sua sinistra un divanetto. Alle pareti, ci sono quadri e una credenza. Ai due lati della stanza vi sono altrettante porte: a destra si va in cucina, camera da letto, cameretta, lo studio e stanza da bagno; a sinistra, altre due camerette e il secondo bagno.  

ATTO PRIMO

1. [Romano De Roma, Assunta De Napoli, Salvatore Fecale e Bastian Contrario]

                   Seduti al tavolo ci sono Romano, Assunta e Salvatore.

Romano:   Allora, carissimo Salvatore, cosa ne pensi della nostra nuova casa? 

Salvatore: Bellissima, è una reggia! Romano, ma allora il caseificio ti fa guadagnare bene!

Romano:   E no. ‘Na casa accussì, nun m’’a putevo maje accattà vennenno ‘o furmaggio!

Salvatore: E allora, scusami la domanda indiscreta, ma come avete fatto a comprarvela?

Assunta:    Ehm… questione di fortuna. Tutto qua.

Romano:   Vabbuò, Assù, cu’ Salvatore Fecale putìmme parlà. E’ robba mia!

Assunta:    E lo so, quello il signor Fecale è una colonna.  

Romano:   Appunto, è ‘na colonna fecale!

Salvatore: (Ironico) E grazie tante. Insomma, se po’ ssapé comme t’he’ accattato ‘sta casa?

Romano:   Salvatò, circa un anno fa abbiamo vinto 120.000.000 di Euro al Superenalotto.

Assunta:    No, veramente l’aggio vinciute io!

Romano:   E vabbuò, o tu o io, ‘a schedina sempe ‘int’a ‘sta famiglia è trasuta!

Salvatore: (Sconvolto) Addirittura… 120.000.000 di Euro?

Romano:   Sì. E così io, mia moglie e mia figlia Loredana, stiamo facendo la vita dei sogni.

                   A proposito, Assù, ricordami che devo regalare una Ferrari ai nostri familiari.

                   Ah, Salvatò, ma tu lo sai? Noi teniamo pure il cuoco: Gino. E mia moglie tiene

                   la cameriera personale: Dolores. E io tengo il mio cameriere: Bastian Contrario.

Salvatore: Nel senso che ti contrasta sempre?

Romano:   No, se chiamma proprio accussì! E’ un mio cugino che era rimasto disoccupato.  

                   Ora gli faccio fare il caffè. (Lo chiama) Bastian! Ehi, Bastian! Niente, nun vene!

Assunta:    E se capisce, chillo è surdo! (Si alza in piedi e lo chiama) Bastian!

Salvatore: No, lasciate stare, niente caffè. Vi ringrazio. (Si alza in piedi) Non è il caso.

Romano:   (Si alza pure lui) E che fai? Già te ne vai?

Salvatore: Devo passare al Circolo Canottieri. Io ti ho organizzato la partita di carte col

                   Tirolese. Giocherete a Baccarà.

Romano:   Salvatò, ma nun era proprio ‘o caso. Io nun ‘o saccio jucà ‘stu juoco.

Salvatore: Ascoltami bene: se vuoi entrare a far parte del Circolo, devi comportarti come 

                   tutti i ricchi che lo frequentano. Perciò, gioca bene, se no il Tirolese ti mangia!

Assunta:    Sentite, signor Salvatore, io non sono proprio d’accordo che mio marito gioca a

                   carte. Non ci sarebbe un’altra cosa più blasonata?

Salvatore: Più blasonata di giocare a Baccarà col Tirolese? E’ impossibile. Ora scusatemi,

                   ma passando al Circolo, approfitto pure per prelevare mio nipote Cono.

Romano:   A proposito di tuo nipote, ma lui tiene sempre un interesse per nostra figlia?

Salvatore: E chiedilo a lui. Tra l’altro, lui è il figlio di mia sorella che, ahimé, ora non c’è

                   più. Io non ho figli, così alla mia morte gli lascerò tutti i miei averi.

Romano:   Alla tua morte? E… c’è ancora tempo?

Assunta:    Romano, ma che domande so’ cheste?

Salvatore: No, signora, tranquilla. Tanto, ho una salute di ferro. Allora, arrivederci.

I due:         Arrivederci.

                   Salvatore esce di casa. Assunta guarda male Romano e lui se ne accorge.

Romano:   Che d’è, Assù? Pecché me staje guardanno accussì?

Assunta:    He’ fernuto ‘e ì mettenno ‘e manifeste in giro? ‘Sta vincita ‘o Superenalotto, ‘a

                   sape tutta Napule. Ma ch’aspiette, che ce truvamme ‘e marjuole ‘int’’a casa?

Romano:   E si trase ‘nu marjuolo, ce regalo ‘na Ferrari e n’’o caccio! Ma sì, godi popolo!  

                   Da destra entra proprio Bastian (vestito in livrea).  

Bastian:     Uhé, cià, Romà. Stranamente, oggie nun m’he’ chiammato proprio.

Romano:   Io nun t’aggio chiammato? Embé, e allora pecché staje ccà?

Bastian:     Ma pe’ caso vuo’ sapé pecché stongo ccà?

Romano:   Sì.

Bastian:     No, niente, m’aggio venuto a piglià ‘na boccata d’aria!

Romano:   Ma che staje, ‘a Rotonda Diaz?

Bastian:     Siente, giacché ce truvamme, dicìteme che vulìte magnà stasera a cena. (Tira

                   fuori dalla tasca un block notes e una penna) Io prendo nota.

Romano:   No, Bastian, stasera resto fuori casa. Vado al Circolo. Devo giocare a Baccarà

                   col Tirolese.

Bastian:     Comme?

Romano:   (Alza la voce) A Baccarà col Tirolese!

Bastian:     ‘O baccalà ‘a Livornese? Agli ordini! (Prende nota)

Romano:   No, nun he’ capito. Oggie nun se magna.

Bastian:     (Fraintende) OK, lasagna! (Prende nota)

Assunta:    (Si avvicina) Uhé, quala lasagna? Ma chisto comme se permette?

Bastian:     ‘E ppurpette? Sì, sì, ‘e mmetto ‘int’’a lasagna! (Scrive) E pe’ sicondo?

Romano:   Ma io nun voglio magnà. Me voglio ì a cuccà ‘ncoppa ‘o baldacchino!

Bastian:     OK, ‘na coscia ‘e tacchino! (Prende nota) E pe’ frutta?

Romano:   (Si arrabbia) Nun voglio niente! Vulésse che tu ce sentìsse.

Bastian:     OK, duje cachisse! (Prende nota)

Assunta:    (Lo richiama) Bastian, tu staje ‘int’’o pallone!

Bastian:     OK, sei felle ‘e mellone! (Prende nota)

Romano:   Embé, t’aggia accattà doje recchie sane!

Bastian:     Vuo’ pure ‘e banane? E io t’accuntento! (Prende nota) E pe’ dolce?

Romano:   Basta, nun te voglio cchiù vedé!

Bastian:     ‘A Saint Honoré? M’’o vveco io! (Prende nota)

Romano:   Ma mò te mengo ‘nu scarpone!

Bastian:     Ce aggia mettere ‘o mascarpone? E allora nun è ‘a Saint Honoré, è ‘o Tiramisù!

Romano:   Marò, nun ce ‘a faccio cchiù!

Assunta:    Calmate, Romà, te va ‘o sango ‘ncapa!

Bastian:     Allora io vaco add’’o cuoco e ce faccio priparà tutto cose. Buon appetito.

                   Fa un inchino tutto scomposto e va a destra. Assunta e Romano sono perplessi.      

Romano:   E mò chi s’’o mmagna tutta chella rrobba? L’aggia ì a fermà assolutamente.

Assunta:    Addò vaje? Tu m’he’ accumpagnà ‘a gioielleria a accattà ‘a parure ‘e brillante.

Romano:   Ma ‘a gioielleria sta ccà vvicino. Nun te puo’ piglià ‘o mezzo?

Assunta:    No, preferisco a gghì cu’ ‘a machina.

Romano:   Embé, ‘nu juorno ‘e chiste, t’aggia regalà ‘na Ferrari pure a te!

Assunta:    E tanto, io nun ‘a saccio purtà.

Romano:   Appunto! Po’ essere che guidanno, guidanno… ‘a machina fa ‘o duvere suojo!

                   La prende sottobraccio e i due escono di casa (Romano sbuffa seccato).

2. [Loredana, Dolores e poi Cornelia Orrenda]

                   Da sinistra entra Loredana che da disposizioni a Dolores.

Loredana: Allora hai capito, Dolores? Più tardi devi aiutarmi a sistemare il mio nuovo

                   guardaroba. E se non esce un po’ di spazio, alcuni miei vestiti li buttiamo via.

Dolores:     Ma come, quelli sono costosissimi. E sono pure nuovi.

Loredana: E che me ne ‘mporta? Papà non ci tiene. Lui voleva per forza regalarmi una

                    Ferrari, ma io ho preferito svaligiare negozi d’alta moda e centri commerciali.

Dolores:    Scusami, per curiosità, ma tu che segno zodiacale sei? Gemelli o Acquario?

Loredana: Nessuno dei due. A proposito, dopo devi accompagnarmi dall’estetista.

Dolores:     Uh, Gesù, e io devo fare i servizi domestici. Se no, chi la sente a tua madre?

Loredana: Mia madre, se sa che te l’ho chiesto io, non ti dirà niente.

Dolores:     E va bene.

Loredana: (Felice) Marò, comme me piace ‘e cummannà! Si me vedesse mia nonna…!

                   Dalla comune (al centro) entra sua nonna Cornelia, vestita male e ignorante.                 

Cornelia:   Néh, chi è che sta parlanno malamente ‘e me?

Loredana: Ciao, carissima nonna.

Cornelia:   Cià, Loredà.

Dolores:     Buongiorno, signora Orrenda.

Cornelia:   Uhé, orrenda a me? E comme te permiette?

Dolores:     Ma signora, quello è il vostro cognome.

Cornelia:   Ah, già. Siente, fa’ ‘na cosa: chiàmmeme sempe signora Cornelia!

Dolores:     Va bene. Signora, scusate, per curiosità: ma voi siete Leone o Toro?

Cornelia:   E che songo n’animale, io?

Dolores:     No, ma io dicevo come segno zodiacale.

Loredana: Va bene, lascia stare. Senti, nonna, ma io ti vedo nervosa. Che ti è successo?

Cornelia:   Aggio saputo che pàteto sta regalanno ‘e Ferrari a cane e a puorce.

Loredana: Te lo confermo.

Cornelia:   E a me niente? S’ha scurdato che tene ‘na suocera?

Loredana: Ma se tu non hai la patente.

Cornelia:   E che ffa? Io m’aggia attiggià con le mie amiche.

Loredana: Senti, nonna, piuttosto dici a mammà e a papà di calmarsi con le spese pazze.

Cornelia:   E già. Tuo padre ha voluto perfino due camerieri e un cuoco. Che spesa inutile! 

Dolores:     Signò, ma mò vulìte vedé ch’’o problema so’ proprio io?

Cornelia:   Ma quello deve rinunciare a qualcosa.

Dolores:     E facìtece rinuncià a cocch’ata cosa! Per esempio, le Ferrari.

Cornelia:   No, me l’ha da regalà a me. Piuttosto, perché non rinuncia alle feste in casa?

Loredana: E come faccio io senza le feste? Ieri ne abbiamo fatta una stupenda in giardino.

                   C’erano pure i fuochi d’artificio e la banda musicale. E perfino le majorette. 

Cornelia:   Sì, he’ raggione tu, ce stévene pure ‘e maggiorate!

Loredana: Quali maggiorate? Ho detto “majorette”.

Cornelia:   Ma allora, accussì, nun levàmme ‘a miezo niente! Vabbuò, aggio capito: io

                    incomincio a parlare con Romano, sempre da gran signora, e poi vedremo che

                    cosa si può eliminare. Addò sta, mò? ‘Int’’o studio suojo?

Loredana: Non lo so. Credo di sì. Vogliamo andare a vedere?

Cornelia:   E se capisce. Però traso primm’io… da gran signora!

                   Le tre vanno a destra.

3. [Romano, Assunta e poi Bastian. Infine Loredana e Cornelia]

 

                   Dalla comune tornano Romano e Assunta. Lei pare piuttosto delusa.

Romano:   Assù, ma mò pozzo capì che vvo’ dicere chella faccia?

Assunta:   Tu m’ire promesso ‘a parure e brillante. Però non me l’hai comprata più.

Romano:   E pe’ forza, chella custava 30.000 Euro. Io te la voglio regalare da 60.000 in su!

Assunta:   ‘Nu mumento, ma ‘e sorde l’aggio vinciute io. Picciò, tu l’he’ ‘a sulo spennere.

Romano:   E va bene, allora domani mattina vado a comprarti quella parure, a tua insaputa.       

Assunta:   A mia insaputa? Ma si tu mò me l’he’ ditto!

Romano:   E nun fa niente. Faje apposta che nun ‘o ssaje.

Assunta:   Vabbuò. A proposito, pecché t’he’ accattato chillu campaniello? A che te serve?

Romano:   (Dalla tasca estrae…) Eccolo qua: serve per chiamare Bastian.

Assunta:   E tu spiere ch’accussì Bastian te sente? E’ ‘na parola.

Romano:   Tutto po’ essere. Mò faccio ‘na prova. (Suona il campanellino)

Assunta:   He’ visto? Bastian nun l’ha ‘ntiso.

                   Da destra entra proprio Bastian con tanto di block notes e penna.

Bastian:     Eccomi qua!

Assunta:   (Meravigliata) Oddio, Romà! Bastian ha ‘ntiso ‘o campaniello e è venuto.

Romano:   Visto? (Mostra il campanello a Bastian) Bene, Bastian, il campanello funziona.

Bastian:     Eh? (Poi indica il campanello) Romà, ma chillu coso che tiene ‘nmana, sona?

Romano:   (A Assunta) Uh, Giesù, ma allora chisto nun l’ha ‘ntiso, ‘o campaniello.

Assunta:    Si’ cuntento, mò?

Romano:   (A Bastian) Néh, ma allora pecché staje ccà?

Bastian:     Romà, famme parlà ‘nu mumento: ‘a lasagna nun ce sta. Nun se po’ cucenà.

Romano:   Ancora cu’ ‘sta lasagna? E basta!

Bastian:     Vuo’ ‘a pasta? (Scrive) OK, ‘o posto d’’a lasagna, ‘a pasta. E comm’’a vuo’?

Romano:   Embé, è meglio che io me ne esca.

Bastian:     ‘A puttanesca? ‘Ncoppa ‘a pasta?

Romano:   (Nervoso) Ma tu me faje sulo rirere!

Bastian:     Fasule e cicere? Allora nun ‘a vuo’ cchiù ‘a puttanesca?

Assunta:    Siente, basta, vatténne. Nun vulìmme niente. Simme ‘e passaggio.

Bastian:     Vulìte ‘n’assaggio? E allora ve faccio priparà ‘nu poco ‘e puttanesca ‘ncoppa ‘a

                   pasta, e ppo’ ‘e fasule e ‘e cicere da parte! Uahm, ‘e che famme che tenite!

                   Bastian va a destra. Romano lo chiama inutilmente, aiutandosi col campanello.

Romano:   Uhé, viene accà, addò vaje?

Assunta:   Tanto, è inutile ch’’o chiamme. Ormai t’he’ mangià pe’ forza tutta chella rrobba.

Romano:   Embé, io a chisto l’aggia caccià. Se n’ha da ì. Domani farò scrivere un annuncio

                   sul giornale: “Cercasi cameriere. Offro lauto stipendio e una Ferrari in regalo”.

                   Da destra tornano Loredana e Cornelia.  

Loredana: Ciao mammà, ciao papà. Guardate chi ci sta con me: la nonna.

Assunta:    Cià, mammà. Romano, saluta mia madre.

Romano:   (Senza entusiasmo) Sì, sì, vabbuò. Buongiorno.

Cornelia:   (Addita i due) Ah, eccoli qua: Sodoma e Gomorra!

Assunta:    Ma ch’è stato? Che t’amme fatte?

Loredana: No, non ve lo dice lei. Parlo prima io.

Romano:   Ma pecché, tu tiene ‘a prenotazione?

Loredana: No, però conosco il motivo per cui la nonna è arrabbiata con voi. Lei è scontenta

                   di come state spendendo i soldi che abbiamo vinto.

Cornelia:   Esattamente. Voi la dovete smettere di fare feste, festini e festicciole.

Loredana: No, nonna, avevamo detto che loro due non dovevano più regalare le Ferrari.

Cornelia:   E pecché? Addò sta scritto che nun m’hanna regalà ‘na Ferrari pure a me?

Romano:   Ma pecché, vuje nun v’’a putìte permettere?

Cornelia:   (Triste) Non più. Io e mio marito stiamo in crisi di soldi. E poi la nostra casa è

                   tutta disastrata. Teniamo le capre sul muro!

Romano:   (Sorpreso) ‘E ccapre ‘ncoppa ‘o muro? Ma stanne inchiodate?

Assunta:    Ma no, quella si è espressa male. Lei vuole dire che sul muro ci sono le crepes!

Romano:   ‘E crepes ‘ncoppa ‘o muro? E pecché stanne lloco? Mettitele ‘int’’o piatto!

Loredana: Ma quali crepes? Si chiamano crepe. La nonna tiene le crepe sul muro.

Cornelia:   E già. S’è sfravecata ‘a casa mia! Lo abbiamo segnalato pure al comune. Però

                   non possiamo fare niente per colpa di un cavallo burocratico!

Romano:   Aroppo ‘e ccapre, mò è asciuto pure ‘o cavallo? Ma addò state ‘e casa, ‘o zoo?!

Loredana: Ma la nonna vuole dire “cavillo burocratico”, non cavallo.

Assunta:    Mammà, insomma tu stai arrabbiata con noi per i nostri soldi?

Cornelia:   Esatto. Non li dovete buttare.  

Assunta:    Ma a te che te ne ‘mporta? Mica i soldi li abbiamo rubati?

Romano:   E già. Quelli sono entrati in casa nostra spontaneamente! Mica faccio il ladro? E

                   he mi avete preso, per Alì Asciù?

Loredana: No, quello è Alì Babà.

Romano:   Vabbuò, sempe ‘nu dolce è!

Cornelia:   Ma voi, da quando avete vinto, non mi avete fatto nessun regalo. E si fa questo?

Romano:   Beh, io direi: invece della Ferrari, vi regaliamo una villa al Vomero, a via Cilea.

Cornelia:   Uh, grazie! A proposito, ti raccomando, la villa deve essere con vista sul mare.

Romano:   Ma noi ve ne troviamo una con vista, non sul mare, bensì sott’acqua! Vi piace?

Assunta:    Ma fùsseve scieme, tutt’e dduje? A via Cilea nun se vede ‘o mare!

Cornelia:   E allora, senza ‘o mare. E dopo festeggiamo con una bottiglia di champagne.

Romano:   Esatto, una bella bottiglia di Moscio Antonio!

Le tre:       Bravo! (Lo applaudono)

Cornelia:   Grazie, Romà, comme si’ addiventato gentile! Allora è ‘o vero: ‘e sorde fanne

                   scemulì ‘e ggente! Buongiorno a tutte quante!

                   Cornelia esce di casa beatamente. Assunta guarda male Romano.      

Romano:   E mò che vvuo’, Assù? Pecché me staje guardanno stuorto?

Assunta:    Vulésse capì pecché si’ addiventato accussì generoso! Tu, a mammà, nun l’he’

                   maje suppurtata. E mò, bell’e buono, ce vuo’ regalà addirittura ‘na villa.

Romano:   E mica ce ‘a regalo cu’ ‘e sorde mie? Si’ stata tu che he’ vinciuto. Picciò, io sto’

                   spennenno ‘e sorde tuoje! T’he’ scurdata?

Assunta:    He’ raggione tu. A proposito, ma Dolores che fine ha fatto?

Loredana: Sta sistemando il mio guardaroba.

Assunta:    E allora jamme addù essa. Ha da sistimà pure ‘o guardaroba mio! Jamme, ja’.

                   Le due escono a sinistra. Romano si rilassa.

Romano:   Menu male, se ne so’ gghiute. Siente che tranquillità ce sta ‘int’a ‘stu mumento!

                   Da destra torna Bastian, dubbioso.

Bastian:     No, Romà, amma cagnà tutta ‘a cena!

Romano:   ‘N’ata vota ccà staje? Ma t’aggio ditto che nun voglio magnà?

Bastian:     Statte qujeto, famme fa’ a me. Tu hai detto che vuoi la pasta. E come la vuoi?

Romano:   Ma comm’aggia fa’ cu’ te? A me chi me cunzola?

Bastian:     Aggia mettere ‘o gorgonzola? OK! (Prende nota) E pe’ sicondo?

Romano:   Non tengo fame. Leggimi le labbra.

Bastian:    Comme?

Romano:   Lieggeme ‘o musso. ‘O musso. ‘O musso!

Bastian:    ‘O musso? Aggio capito: vaje truvanno ‘o pede e ‘o musso! (Prende nota)

Romano:   (Si dispera) Marò, ma tu nun capisce?

Bastian:     Pure ‘e pisce? Contento tu! (Prende nota)

Romano:   Caro mio, tu sei alla frutta!

Bastian:    ‘A frutta? E ‘nu mumento, ce sto’ arrivanno. Famme sentì, che frutta vuo’?

Romano:   Voglio che tu jette ‘o sango.

Bastian:     Vuo’ ‘o mango? Nun ce sta.

Romano:   Siente, mò me ne vaco ‘int’’a stanza mia e me cocco.

Bastian:     ‘O cocco? Sì, ce sta! (Prende nota) E il gelato, a che gusto?

Romano:   Basta, falle pe’ Sant’Eustacchio!

Bastian:     A pistacchio? Ci sta! (Prende nota) OK, ora io vado in cucina. Spero di trovare

                   tutte queste cose. E se non le trovo, torno da te e rifacciamo il menù da capo.

Romano:   (Spazientito) No, basta, t’he’ ‘a levà ‘a nanzo ‘a ll’uocchie mie.  

Bastian:    Ah?

Romano:   Te n’he’ ‘a ì…!

                  Bastian esce a destra seguito da Romano, inferocito.

4. [Dolores, Cono Gelato e poi Loredana. Infine Bastian]                  

                 Da sinistra torna Dolores. Pare piuttosto contrariata.

Dolores:  Uffa, ‘a signora Assunta ha scassato ‘o specchio. Mò so’ sett’anne ‘e disgrazie!

                 Menu male ca io nun so’ superstiziosa! E famme piglià ‘a scopa, va’!

                 Si dirige verso destra, ma dalla comune (al centro) entra Cono: è un tipo molto

                 imbranato. E’ vestito in modo ridicolo ed è tutto impolverato e trasandato.

Cono:      Dolores! (E va da lei)

Dolores:  Signor Cono, come state? Ma vi è successo qualcosa? Vi vedo tutto impolverato.

Cono:      No, niente, stavo appena uscendo dal Circolo Canottieri per aspettare mio zio che

                 mi veniva a prendere. All’improvviso lui è arrivato con la sua auto.

Dolores:  Embé, e allora? Vi ha dato un passaggio fino a qua?

Cono:      No, nun m’ha visto proprio, e accussì m’ha menato sotto! Allora me ne sono

                 uscito per dietro, ma lui ha fatto retromarcia… e m’ha menato sotto ‘n’ata vota!

Dolores:  Uh, guardate. E poi?

Cono:      Mi ha chiamato sul cellulare, ma ovviamente io non potevo rispondere, perché

                 stavo sotto alla macchina! Così lui ha preso e se n’é andato.

Dolores:  E voi come avete fatto a venire fin qua?

Cono:      Col pullman. Però io non stavo sul pullman… stevo sotto ‘o pullman! Quello, mio                      

                    zio è ripartito con la sua auto, ma è giunto un pullman che mi ha investito!

Dolores:     Allora è un miracolo che non siete morto!

Cono:         Appunto! A proposito, il signor Romano e la signora Assunta ci sono?

Dolores:     Certamente. Ve li chiamo?

Cono:         (Misterioso) No, lascia stare. Io sto qua per Loredana. Potresti chiamarmela?

Dolores:     (Delusa) Ho capito. Scusate, per curiosità, ma voi che segno zodiacale siete?

Cono:         Cammina, va’ a chiammà a Loredana!

Dolores:     Va bene. Con permesso.

                    Dolores esce subito a sinistra. Cono si tiene la schiena, dolorante.

Cono:         Uff, sto’ tutto struppiato. Certo che mio zio, alla guida, è proprio un impedito!

                   Da destra torna Bastian, lamentandosi. Cono lo osserva.

Bastian:     Ma che cacchio se vo’ magnà Romano? Primma dice ‘a lasagna, po’ dice ‘a

                   puttanesca, po’ ‘e fasule e ‘e cicere, po’ ‘e maccarune, e mò vo’ cagnà ancora.

                   Ma pecché nun se sta dijuno?! (Poi nota Cono) Uhé, carissimo signor Collo!

Cono:         Mi chiamo Cono. Con la “enne”. Che mi dici di bello?

Bastian:     Io? E chi po’ parlà, ccà ddinto? Io sono ridotto in schiavitù.

Cono:         Addirittura? E vabbuò, nun te lagnà.

Bastian:     Comme?

Cono:         (Alza la voce) Nun te lagnà!

Bastian:     Vulìte magnà? Ma allora rimanite a pranzo ccà? Io faccio cucenà pure pe’ vuje!

Cono:         No, ma chi vo’ magnà? A me il cibo mi fa male.

Bastian:     ‘A carne ‘e maiale? E ‘o primmo piatto nun v’’o magnate?

Cono:         Ma come parli? Che cafonata!

Bastian:     Vulìte ‘a caponata? Ma è sempe ‘nu sicondo. Io voglio sapé ‘o primmo piatto.

                    Però tenìmme sulo ‘e maccarune.

Cono:         (Stufo) Basta, porco cane!

Bastian:     Pasta e patane? Ma site surdo? (Gli urla contro) Tenìmme sulo ‘e maccarune!

Cono:         Guarda, glielo dico al signor Romano.

Bastian:     Ah, allora vulìte ‘o rromano?  

Cono:         Ma io sto qua per Loredana!

Bastian:     Mò vulìte ‘o Grana? Ma se po’ ssapé che furmaggio vulite? Signor Cotto…

Cono:         Ma che Cotto? Io mi chiamo Cono Gelato! Hai capito? (Mima) Cono Gelato.

Bastian:     Aggio capito: vulìte direttamente ‘o gelato!  

Cono:         Ora ricordo: tu ci senti a mala pena.

Bastian:     A amarena? Nun ce sta. Dicite ‘n’atu gusto.

Cono:         (Si arrabbia) Non lo so!

Bastian:     Nun ‘o ssapite? Allora io vaco ‘int’’a cucina a piglià ‘o block notes, e quanno

                   torno, me dicite tutto ‘o menù completo. Va bene? Con permesso.

                   Bastian va a destra, ma Cono cerca inutilmente di richiamarne l’attenzione. 

Cono:         No, addò vaje? (Rinuncia) Vabbuò, è inutile. (Si siede di nuovo) Chillo è surdo.

                   Si da una sistemata agli abiti. Da sinistra tornano Dolores e Loredana.

Dolores:     Hai capito, Loredana? Qua dentro ci sta il tuo principe azzurro!

Loredana: (Speranzosa) Veramente? E dove sta, dove sta?

Dolores:     (Indica Cono) Eccolo!

Loredana: (Delusa) Cono? E chillo fosse ‘o principe azzurro?

Dolores:     E certo. Chillo sta chino ‘e denare. Beata te, che ti vuole!

Loredana: Ma a me nun me piace. Chillo è accussì imbranato!

Dolores:    Loredà, l’appetito vien mangiando. Non lasciare mai niente nel piatto, se no  

                   viene qualcun’altra e se lo mangia lei. Capisci a me! Vai, vai, datti da fare.

                   Dolores va verso destra e avvisa Cono.

                   Signor Cono, la signorina Loredana sta arrivando!

                   Dolores esce a destra e Cono si alza agitato, gettando a terra la sedia.     

Cono:         Bene, ora la attendo! (Si guarda addosso) Ma guarde comme sto’ cumbinato.

                   Mò nun ce ‘o ddico che so’ gghiuto sotto ‘a ‘na machina e sotto a ‘nu pullman!

                   Inventerò una palla per atteggiarmi un poco! E già. Néh, ma addò sta, chesta?

Loredana: Eccomi qua!

Cono:         Tesoro mio! (Va da lei) Ma tu sei appena arrivata?

Loredana: Sì. (Lo osserva bene) E cos’è successo al tuo vestito?

Cono:         Beh, se sapessi! Sono stato assalito da tre-quattro-cinque-sei malviventi.

Loredana: Ma no! E scommetto che tu li hai picchiati e li hai messi in fuga!

Cono:         E tu comm’’o ssaje?

Loredana: Intuito! Vieni, Cono, è meglio che ci sediamo sul divanetto.

                   Si siedono al divanetto, e da destra arriva Bastian con block notes e penna.

Bastian:     Eccomi di ritorno. Ah, ma ce sta pure ‘a signurina Loredana?

Cono:         Oh, no, mò ce sta chisto?

Loredana: Chi, Bastian? Ignoralo, tanto, lui non ci sente. E allora, Cono, devi dirmi niente?

Cono:         Dunque, mia cara Loredana, io direi…

Bastian:     (Spazientito) E me vulìte dicere che ve vulìte magnà pe’ primmo piatto.

Cono:         E stattu zitto! Dunque, Loredana, dicevo: non costringermi ad un folle sermone.

Bastian:     Vulìte ‘e ffarfalle al salmone? OK! (E scrive) E pe’ sicondo?

Cono:         Oh, mia diletta, ma io cosa aspetto?

Bastian:     ‘O capretto? OK! (E scrive) E pe’ contorno?

Cono:         Mia Loredana, io voglio dirti che finora ho sottaciuto.

Bastian:     ‘O sottaceto? Molto bene! (E scrive)

Cono:         I miei pensieri sono lunghi.

Bastian:     Pure i funghi? Allora, due contorni! (E scrive)

Cono:         Le mie parole non sono gran che.

Bastian:     Pure ‘e crocché? Allora, tre contorni! (E scrive)

Cono:         Ma sappi che tu sei una principessa.

Bastian:     Pure ‘a platessa? Allora, due secondi e tre contorni! (E scrive) E pe’ frutta?

Cono:         O mia dea, tu diventerai una regina.

Bastian:     L’uva regina? No, nun ce sta.

Cono:         In quanto a seduzione, tu sei una vera decana!

Bastian:     ‘A pera decana? Sì, ce sta. (E scrive) Mò ce manca sulo ‘o dolce.

Cono:         Ed è dolce per me dirti che ti aspetta il mio cuore. 

Bastian:     ‘A zuppetta cu’ ‘o liquore! (Prende nota) E ‘a signurina Loredana, invece?

Loredana: Cono, tu stai correndo troppo. Hai preso tutto per una dolce favola.

Bastian:     Un dolce a fragola? OK! (E scrive)

Cono:         Ma perché? Io non sono un pagliaccio.

Bastian:     Pure ‘o sanguinaccio? OK! (E scrive)

Loredana: Caro mio, le tue sono solo chiacchiere.

Bastian:     Pure ‘e cchiacchiere ve vulìte magnà? Ma accussì ve vene ‘o diabete!

Loredana:(A Bastian) Tu stai zitto! A te che te ne frega?

Bastian:     E vabbuò. (Continua a scrivere)

Loredana: (Si alza in piedi) Caro Cono, mi dispiace, ma non mi hai convinta.

Cono:         (Si alza pure lui) Che? Ma dico io, cosa vuoi di più?

Bastian:     Un amaro?

Cono:         Ma te ne vuo’ ì, sì o no?

Bastian:     Me n’aggia ì? Allora ho finito? Molto bene. A dopo per il pranzo.

Cono:         (Sdegnato) E me ne vado pure io!

Loredana: Aspetta, cretino. Dove vai? Hai sbagliato tutto.

Bastian:     (Pensa ce l’abbiano con lui, risponde al posto di Cono) Aggio sbagliato?

Cono:         E cosa ho sbagliato?

Loredana: Io non sono una che vuol sentire poesie. Non amo le parole dolci.

Bastian:     Dobbiamo cambiare tutti i dolci? E dite.

Loredana: Io sono una tipa forte.

Bastian:     ‘O panforte? Speramme ch’’o cuoco ‘o sape fa’! (Scrive)

Cono:         Ma che dici? Ora, come al solito, fuggirai da me. Andrai in Costiera.

Bastian:     ‘A pastiera? Allora aggia cancellà ‘o panforte. (Corregge sul block notes) 

Loredana: No, ti sbagli. Io non fuggirò.

Cono:         E allora aspetterò che la tua rabbia sia passata.

Bastian:     ‘A cassata? Allora aggia cancellà ‘a pastiera. (Corregge ancora)  

Cono:         Io, pur di averti, sfonderò le tue sacre porte.

Bastian:     Mò ‘a Sacher Torte? (Spazientito, va tra i due) No, e mò basta! Mò overamente

                   m’aggio scucciato. (Mostra il block notes) Guardate ccà quanta rrobba m’’ite

                   fatto scrivere e scancellà. Allora mò vaco add’’o cuoco e ‘o faccio cucenà tutto   

                   cose! E guaje a vuje si nun v’’o magnate! So’ stato chiaro? E ppo’ vedìmme!

                   Se ne va a destra imbronciato. Cono e Loredana lo osservano basiti.  

Cono:         Néh, ma chi c’ha ditto niente, a chillo?!

Loredana: Te l’ho detto, ignoralo. Comunque, ora ho da fare. Mi allontano da te.

Cono:         E non mi lasci nemmeno una piccola speranza?

Loredana: Per ora no. Poi, un giorno, vedremo. Ora, con permesso.

                   Esce via a sinistra. Cono pare sconsolato.

Cono:         E va bene. Vorrà dire che ti dimenticherò, cara Loredana. Addio!

                   Va per andarsene, urta contro una sedia e rischia di cadere. La guarda male.

                   Anche tu sei contro di me. Ma io non mi spezzo. Al massimo… mi rompo!

                   Ed esce via di casa.   

5. [Romano e Dolores. Poi Apollo Arrosto]

                  Da destra tornano Romano e Dolores (con una scopa in mano).

Dolores:   Signor Romano, ma per caso avete parlato con vostra suocera?

Romano:  Sì, primma. Ma pecché?

Dolores:   No, nulla, state attento a chi vi dice che i camerieri sono inutili e vanno licenziati.   

                  E’ solo invidia. Dicono così per farsi regalare le Ferrari e le feste, quelli là!

Romano:  Ma “quelli là” chi?

Dolores:   Quelli là che vi parlano male dei camerieri. (Seccata) Ho capito: voi non avete

                  capito che io ho capito che voi non avete capito. Mi avete capito?

Romano:  (Confuso) Beh, veramente, io…

Dolores:   (Sexy) E allora adesso mi costringete ad usare le mie arti femminili con voi? 

Romano:  Comme?

Dolores:    (Sexy) Ma dai, che non ci ascolta nessuno.

                   Dalla comune entra Apollo Arrosto, tutto vestito di nero.

Apollo:      E’ permesso?

Dolores:    (Si ricompone, spazza in terra) Prego, prego, entrate.

Apollo:      (Viene avanti) Con chi posso parlare?

Dolores:    Con me, dite pure.

Romano:   Aspiette ‘nu mumento, e io che faccio?

Dolores:    Potete andare.

Romano:   (S’arrabbia) Ma sono io il capo della casa. Perciò, parlo io. Tu va’ a spazzà, va’.

Dolores:    Va bene, io vado. (Sexy) Ci si vede dopo! (Gli fa l’occhiolino) Con permesso!

                   Esce a sinistra sculettante. Apollo le guarda il sedere e Romano se ne accorge.

Romano:   Sentite, guardate a me. Lasciate stare il sedere della mia cameriera.

Apollo:      No, ma io guardavo la scopa!

Romano:   Ma quala scopa? Insomma, ditemi chi siete.

Apollo:      Io sono Apollo Arrosto. E voi siete Romano De Roma.

Romano:   Embé, e allora?

Apollo:      (Tira fuori una pistola e gliela punta contro) Mani in alto, questa è una rapina!

Romano:   (Alza le mani, intimorito) Uh, Marò!

Apollo:      Muòvete, damme tutto chello che tiene.

Romano:   Ma io nun tengo niente.

Apollo:      (Con atteggiamento di sfida) ‘O vero? E chi ha vinciuto ‘o Superenalotto? Io?

Romano:   E tu comm’’o ssaje?

Apollo:      ‘O ssape tutto Napule! 

Romano:   (Timoroso) Siente ‘nu mumento, ma si io nun te dongo niente… tu che me faje?

Apollo:      ‘A vide ‘sta pistola?

Romano:   Aggio capito. Viene cu’ me. Andiamo nel mio studio. Tengo tutto là dentro.

Apollo:      Menu male, oggie m’è gghiuta bona! Su, forza, andiamo. Io ti seguisco!

                   Escono a destra.

6. [Loredana e Rachele Inguardabile. Poi Benedetto Ilfrutto. Infine Bastian]

                   Da sinistra entra Loredana. E’ raggiante.

Loredana: Ma sì, che me ne ‘mporta? Io sono ricca e voglio spendere i soldi. Tanto, mica li

                   abbiamo rubati? Li abbiamo vinti! E così mi è venuta un’idea: domani comprerò

                   un regalino per mamma e papà. Oggi mi sono messa in contatto con un signore

                   gentilissimo. Ha detto che mi vende il simbolo della città di Napoli: il Vesuvio!

                   Ha voluto solo 10 milioni di Euro. Embé, domani glieli porto con tanta felicità!

                   Figurati quando lo dirò a mammà e a papà!

                   In casa entra Rachele Inguardabile, amica di Cornelia. E’ una donna

                   bruttissima, di una quarantina d’anni, in abito da sera sgargiante.

Rachele:    Posso entrare?

Loredana: Uh, la signora Rachele Inguardabile. Prego, entrate pure. Accomodatevi.

Rachele:    Grazie. (Le si avvicina) Molto gentile. (Si siede al tavolo)

Loredana: Vi faccio fare il caffè?

Rachele:    No, grazie, non ne bevo.

Loredana: Come volete voi. E come sta la vostra piccola figlia Olivia?

Rachele:    Sta benissimo.

Loredana:  E voi, invece? Come va? Non siete andata più in Spagna?

Rachele:     Magari! Mio marito me l’ha promesso, ma non mi ci porta mai. Chillu cacaglio!

Loredana:  Ma è sempre geloso di voi?

Rachele:     Sì, troppo, troppo! Pensa sempre che qualcuno mi seduce e mi porta via.

Loredana:  A voi? Ma non credo proprio. Secondo me esagera.

Rachele:     E invece, Benedetto non sa che adesso sto qua, se no fa succedere un terremoto!                  

Loredana:  Se lo dite voi!

Rachele:     E a voi, invece, che si dice? Ho saputo che siete diventati ricchi!

Loredana:  No, ma chi va dicendo queste cose in giro?

Rachele:     E questo non ve lo posso dire: vostra nonna Cornelia.

Loredana:  Mia nonna? E va bene, è vero. Ma a voi che ve ne frega che siamo ricchi? 

Rachele:     Ora ve lo dico. (Patetica) Signorina, io e mio marito ce la passiamo male. La

                    crisi ci consuma. Lui è in cassa integrazione e rischia pure il licenziamento.

Loredana:  Cassa integrazione? Licenziamento? Ma se quello tiene un’impresa edile!

Rachele:     Ah, già! Allora rischia il fallimento. Io invece non trovo lavoro perché non ho 

                    mai lavorato. E come la manteniamo, a nostra figlia Olivia? Tra l’altro, io e mio

                    marito non abbiamo familiari che ci aiutino. Ci siete rimasti solo voi! 

Loredana:  Che? Noi? E mica siamo vostri familiari?

Rachele:     No, però siete bravi cristiani. E poi vivete in questo lusso così sgargiante.

Loredana:  Sì, ma tutto questo non è mio. E’ dei miei genitori.

Rachele:     Ma un giorno sarà vostro.

Loredana:  Brava, e allora ripassate tra qualche anno.

Rachele:     (Sdegnata) Che cattiveria! Nun avita fa’ bene. Puzzata perdere tutt’’e sorde!

Loredana:  Signora Rachele! Embé? E che sso’ ‘sti ccose?

Rachele:     (S’alza in piedi) Me ne vado. Posso uscire di nascosto dalla finestra della vostra

                    stanza? Temo d’incontrare mio marito qua fuori. Chillo me rompe ‘a capa.

Loredana:  Niente di meno? E va bene. Seguitemi.

Rachele:     Un momento, devo fare un ultimo tentativo con voi: e allora non c’è niente da                     

                    fare? Non mi potete aiutare economicamente?

Loredana:  Mi dispiace.

Rachele:     (Uscendo sdegnata) Che brutti ggente! Puzzata rimané senza ‘nu centesimo.  

                    Escono a sinistra. Dal centro entra Benedetto Ilfrutto, marito di Rachele. E’

                    tartaglio, veste male ed ha un tic nervoso con le labbra: pare che lanci baci.

Benedetto: (Entra facendo il tic) A-addò sta Rachele? Co-corre voce che vie-viene spesso

                    qua. Ma a ffa’ che? Si è tra-trasuta ccà ddinto, ‘a rompo ‘a ca… ‘a capa! Io

                    sono tro-troppo geloso.

                    Si apposta sulla comune e guarda fuori. Da sinistra torna Loredana.

Loredana:  Ecco qua. ‘A signora Rachele nun riusceva a scavalcà ‘a fenesta… così io le ho

                    dato una mano: l’aggio menata abbascio! E menu male ch’’o marito nun l’ha

                    truvata ccà ddinto, o si no m’era assurbì pure a chillu cacaglio!

                    Benedetto nota Loredana e va da lei.

Benedetto: Bu-bu…! Bu-bu…! Buongiorno!

Loredana:  Chi è? (Si volta e lo nota) Oddio mio, me l’aggio chiammato!

Benedetto: (Le si avvicina) Ho de-detto bu-bu… bu-bu… buongiorno.

Loredana:  Buongiorno, signor Benedetto Ilfrutto. Come state? Scommetto che state bene!

Benedetto: Bra-bra… bra-brava! (Poi comincia il suo tic con le labbra: lancia baci)

Loredana:  (L’osserva interdetta, poi cambia discorso) Ehm… e come mai da queste parti?

Benedetto: Vo-vo… vo-vo… vo-vo…

Loredana:  Ch’è succieso? Ve site ‘ncagliato?

Benedetto: (Si prende a schiaffi e si sblocca) Vo-volevo sapere se a-avete visto mia moglie.

Loredana:  No, per carità. Perciò, vi saluto, arrivederci!

Benedetto: Me-me n’aggia ì?

Loredana:  E sì, io ho da fare. Tornate a trovarci con vostra moglie e la piccola Olivia.

Benedetto: Se-sentite, po-posso evitare di uscire dalla po-porta? Vo-vorrei uscire dalla fi-

                    finestra della vostra stanza.

Loredana:  Pure vuje? No, cioè, volevo dire: è per non farvi scoprire da vostra moglie?

Benedetto: Sì, sì.

Loredana:  E va bene. Vado un attimo a vedere se giù ci sta ancora lei.

Benedetto: Lei chi?

Loredana:  Ehm… la gatta: l’ho buttata giù dalla finestra. Torno subito. Con permesso.

Benedetto: Pre-prego. (Poi comincia il suo tic con le labbra: lancia baci)

                    Lo osserva, imbarazzata, poi corre via a sinistra. Benedetto trama qualcosa.

                    Ma a chi-chi vuo’ fa’ fe-fesso? Io so-so che Rachele vie-viene in questa ca-casa

                     per il si-signor Romano. E ce-certo, quello è un riccone. Ma io la sco-scoprirò!

                    Da destra entra Bastian con un carrellino per la spesa.

Bastian:      E gghiamme a ffa’ ‘a spesa, jamme!

                    I due si notano e si guardano circospetti. Ognuno fa considerazioni tra sé e sé.

Benedetto: Chi-chisto sarrà ‘o ca-cameriere. Ora lo co-corrompo. (Gli si avvicina) Chi-

                    chi… chi-chiedo scusa.

Bastian:      E chi è chisto?

Benedetto: Io so-sono Benedetto Ilfrutto. (Comincia il suo tic con le labbra: lancia baci)

Bastian:      (Lo osserva perplesso) Ma pecché chella porta d’ingresso sta sempe aperta?!

Benedetto: Se-senti, vuoi gua-guadagnarti 50 Euro? (Li prende dalla tasca e glieli mostra)

Bastian:      A chi? Io songo ‘n’ommo normale. Picciò, aria!

Benedetto: Ma da… ma da… ma da… (Si schiaffeggia e si sblocca)

Bastian:      Ma chisto che ffa’, se piglia a pacchere isso sulo?!

Benedetto: Ma da… ma dai. (Poi comincia il suo tic con le labbra: lancia baci)

Bastian:      No, no, guardate, io nun pozzo fa’ ‘e ccose sporche. Io faccio ‘o cameriere!

Benedetto: Ma tu-tu vulìsse sfottere ‘a mazzarella ‘e San Giuseppe?

Bastian:      ‘A muzzarella ‘e San Giuseppe nun l’aggio maje accattata!

Benedetto: Ma che-che he’ capito? A me no-non mi interessi tu. Io vo-voglio sapere una

                    co-cosa sul signor Romano: quello è riccone.

Bastian:     (Sconvolto) Che? Romano è ricch… è ricch… è ricch…? Nun ‘o riesco a dicere.  

                    (Si schiaffeggia ma non si sblocca) Romano è ricch… è ricch… (Si dispera)

                    Niente, nun funziona!

Benedetto: Se-senti, se ve-vedi una certa Rachele, così io me la mangio!

Bastian:     ‘E cchele ‘e rangio? Ma si io nun l’aggio ancora accattate.

Benedetto: Nu-nun cagnà discorso. He’ ca-capito? Io passo domani e ti regalo altri 50 Euro.

Bastian:     Va bene.

Benedetto: Eccoti i soldi.

Bastian:     (Li prende e se li nasconde gelosamente e avidamentein tasca) Grazie, grazie!

Benedetto: Bene. O-ora po-posso andare. Pe-però non ci siamo mai visti. Hai capi… hai

                    capi.. hai capi… (Si prende a schiaffi e si sblocca) Hai capito? Arrivederci.

                    Poi fa il suo tic con le labbra: lancia baci. E così esce via a sinistra, sempre col

                    proprio tic. Bastian è schifato e sconvolto.

Bastian:     M’è venuto ‘o schifo ‘e ì a ffa’ ‘a spesa! E chi se l’aspettava? Romano è ricch…

                   è ricch… vabbé, inzomma, chillu fatto llà. E ‘stu tizio che mò se n’è gghiuto s’è

                   ‘nnammurato ‘e isso. Però vuole la certezza matematica della “ricchionaggine”

                   di Romano. Così mi ha dato 50 Euro per spiarlo e domani me ne dà altri 50. Vo’

                   pure sapé si Romano se magna ‘e cchele ‘e rangio! Chi sa pecché? Mah! Quase

                   quase, io ce confermo tutto chello che vvo’ isso, accussì me regala ‘n’atu bellu

                   cinquant’Euro! E sì, allora mò me ne vaco a ffa’ ‘na granda spesa!

                   Prende il carrello e se lo traina, felice, fuori casa.

7. [Loredana e Assunta. Poi Romano ed Apollo. Infine Bastian]

                   Da sinistra tornano Assunta e Loredana.

Assunta:    Loredà, ma che ce stive facenno vicino ‘a fenesta?

Loredana: (Guarda in stanza e cerca Benedetto) No, niente, Benedetto Ilfrutto!

Assunta:    Benedetto Ilfrutto?

Loredana: Ehm… cioè, nel senso che sto pregando. Da quando abbiamo vinto, mi è venuta

                   una fede che non avevo prima!

Assunta:    Mah! Siente ‘na cosa, aggio saputo ‘na situazione che tu m’he’ spiegà ‘nu poco.

                   Ma comme, tu he’ rifiutato a Cono, ‘o nipote ‘e Salvatore Fecale?

Loredana: Mica l’aggio rifiutato? Semplicemente, nun l’aggio vuluto!

Assunta:    Cretina! Quanno more ‘o zio, Cono addiventa ‘o cchiù ricco ‘e Napule.

Loredana: E quanno more ‘o zio, ne parlamme!

Assunta:    Ascoltami, quello è un bravo giovane.

Loredana: Mammà, stai a sentire a me: quando esce un bravo giovane e bellissimo… allora

                   me lo prendo. Tanto, a me i soldi non mi servono. Noi siamo già ricchissimi.

Assunta:    E speramme che dura, ‘sta ricchezza improvvisa! Tuo padre se sta facenno ‘na

                   pubblicità maje vista, pe’ mezza ‘e chella vincita ‘o Superenalotto. Meno male

                   che fino ad ora non abbiamo attratto l’attenzione di nessun rapinatore…! 

                   Da destra entrano: Romano con uno scatolone in mano e Apollo che lo segue

                   con la pistola puntata dietro. Le due li osservano sorprese.

Romano:   Ecco qua, tutti i gioielli che teniamo in casa li ho messi in questo scatolone.

Assunta:    Romà, ma che staje facénno?

Romano:   (Minimizza) Ah, no, niente, questo signore che sta con me è un rapinatore.

Assunta:    E che vvo’?

Romano:   Mi sta un momento rapinando!

Loredana: (Spaventata) Oddio, chiamiamo la polizia.

Apollo:      Néh, ma a chi vo’ chiammà, chella?

Romano:   No, ma nun ‘a da’ retta. (Poi a Loredana) Uhé, a te, fatte ‘e fatte tuoje.

Loredana: Che?

Assunta:    Ma che staje dicenno?

Romano:   Assù, basta! Noi, come tutti i ricchi che si rispettano, dobbiamo essere rapinati.

                   Chiaro? Il rapinatore qui presente, ha scelto a noi tra tutti i ricchi di Napoli!

Assunta:    (Ironica) E sì, amme vinciuto ‘o cuncorso!

Romano:   Esatto, brava! Mò fance fa’. (Poi ad Apollo) Dunque, torniamo a noi. Dicevo

                   che in questo scatolone ci stanno gioielli e soldi.

Apollo:      E ‘a Ferrari quanno m’’a daje?

Romano:   Passa un altro giorno.

Loredana: Papà, ma che l’he’ pigliato, p’’o cumpagniello tuojo?

Romano:   ‘N’ata vota? Senti, vattene in punizione nella tua stanza.

Apollo:      No, chella s’ha da sta’ ccà. E pure mugliéreta. Uhé, a tutt’e ddoje, assettàtteve!

                   Le due si guardano perplesse e poi si siedono. Romano e Apollo contrattano.

Romano:   E allora, Apollo, t’’o vuo’ piglià, sì o no, ‘stu scatolone?

Apollo:      E ‘na parola. Chillo è gruosso. S’ha da purtà a doje mane. E io tengo ‘a pistola.

Romano:   Aspiette, mò te dongo ‘na mana!

                   Apollo e Romano si scambiano la pistola e lo scatolone. Romano commenta.

                   Ecco fatto. Sulo che mò ‘a pistola è rimasta ‘nmana a me.

Apollo:      E già. E mò comme facìmme?

Loredana: (Scatta in piedi) Papà, acchiappalo. E’ disarmato, ora non è più pericoloso.

Romano:   Loredà, e te vuo’ sta’ zitta? Nuje tenimme ‘nu problema e l’amma risolvere.

Apollo:      Romà, ma comm’è scucciante ‘sta figlia toja!

Assunta:    Loredà, ma quant’è fesso ‘stu pato tuojo!

Loredana: Appunto. E’ meglio che m’assetto e nun parlo cchiù! (Si siede imbronciata)

Romano:   Dunque, Apollo, io mò so’ rimasto cu’ ‘a pistola e tu cu’ ‘o scatolone. Mò ce

                   vulésse ‘na terza perzona che ce desse ‘na mana. Già, ma chi?

                   Dal centro, entra Bastian (col carrello della spesa) che nota gli altri.

Bastian:     Signori, stasera se magna buono!

Romano:   ‘O vi’ lloco! Il mio cameriere Bastian! Néh, a te, viene ccà ‘nu mumento.

Bastian:     Io? Ma io aggia priparà ‘o magnà.

Romano:   Bastian, t’aggio ditto ‘e venì immediatamente ccà.

Bastian:    (Perplesso, gli si avvicina) E vabbuò. Che te serve?

Romano:   (Gli indica Apollo) Lo vedi, a lui? E’ Apollo Arrosto.

Bastian:     Se vo’ magnà ‘nu pollo arrosto? Ma che stamme, ‘o ristorante?

Romano:   Ma no, nun he’ capito. Lui è un ladro. Hai capito? Un ladro.

Bastian:    ‘O lardo?! Ma allora aggia fa’ pure ‘o casatiello?

Romano:   No, lui tiene una rivoltella.

Bastian:    ‘Na “ricuttella”? Ma io ‘a ricotta nun l’aggio accattata!

Romano:   Senti, basta, dobbiamo essere cauti. Hai capito? Cauti.

Bastian:     Va truvanno ‘e crauti?

Romano:   Silenzio! Mantieni questa pistola e non la far cadere.

                   Cede la pistola a Bastian, poi prende il pacco dalle mani di Apollo.

                   Ecco qua, Apollo, adesso ti puoi riprendere la pistola.

Apollo:      E ‘o scatolone?

Romano:   Ah, già. Mò ce ‘o dongo a Bastian.

                   Così Romano passa lo scatolone ad Apollo e si riprende la pistola.

                   Ecco qua, Apollo. Mò va buono?

Apollo:       No, amma cagnà ‘n’ata vota.

                   Apollo cede lo scatolone a Bastian e si riprende la pistola. 

Bastian:     No, nun è accussì, ve state sbaglianno. Amma cagnà ‘n’ata vota!

                   I tre continuano a scambiarsi pistola e scatolone. Le due li guardano, allibite.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1. [Romano e Salvatore. Poi Apollo. Infine Bastian e Dolores]

                   In casa entra Salvatore, seguito da Romano che parla con qualcuno fuori porta.

Romano:   No, Pascà, oggi tengo da fare. Nun te piglià collera. Mi rapini un altro giorno.

                   Tranquillo, stai sempre nei miei pensieri. Cià, cià. (Va da Salvatore) Ecco fatto.

Salvatore: Romà, ma tu te miette a ffa’ cumpagne e cumpagnielle cu’ ‘e marjuole?

Romano:   No, quello è per farmi un po’ di pubblicità. Se mi rubano, io finisco sui giornali.

Salvatore: A proposito, ma quel rapinatore che è venuto qua ieri, si è preso molte cose? 

Romano:   Sì. Ma pazienza, io poi ho ricomprato di nuovo tutte le cose. E stamattina ho

                   comprato un bel digeribile!

Salvatore: E che d’è?

Romano:   Chillu coso che vola ‘ncielo. Si usa pure per la pubblicità.

Salvatore: Ah, ma allora si tratta del dirigibile. Embé, e che te n’he’ ‘a fa’?

Romano:   L’aggia attaccà ‘ncoppa ‘a ringhiera d’’o terrazzo mio. Sopra ci devo scrivere:

                   “Qui abita Romano De Roma. Venitemi a trovare.”!

Salvatore: Romano, secondo me, stai spendendo troppo. Questo è uno schiaffo alla miseria.

Romano:   Salvatò, si vive una sola volta. Anzi, dopo scendo e mi compro un’altra cosa.

Salvatore: E cioè?

Romano:   Un materasso in latte!

Salvatore: (Ironico) Sì, ‘nu matarazzo ‘e ciucculata! Si dice lattice! Hai capito?

Romano:   Ho capito. A proposito, allora domani mattina vengo pure io a giocare a golf. Tu

                   ci sei andato ieri?

Salvatore: Sì. E giocando a golf, ho dimenticato il golf nella Golf ingolfata della mia colf!

Romano:   (Perplesso) Comme?

Salvatore: Ho detto che ieri, giocando a golf, ho dimenticato il golf nella Golf ingolfata…

Romano:   (Lo interrompe) Sì, sì, vabbuò. Mò però vaco ‘e pressa. Ho appuntamento con

                   un certo Apollo Arrosto.

                   Ad un tratto, in casa, entra Apollo.

Salvatore: E chi è?

Apollo:      E’ permesso?

Romano:   Eccolo qua!

Apollo:      (Estrae la pistola e la punta verso Salvatore) Mani in alto!

Salvatore: Uh, Maronna mia! (Tiene le braccia alzate, intimorito)

Apollo:      Damme tutto chello che tiene!

Romano:   No, Apollo, lascia perdere a lui. Rapina solo a me. Oggi stai troppo in anticipo!  

Salvatore: Ma che v’ate dato, l’appuntamento?!

Apollo:       Tu stattu zitto e tieni le mani in alto!

Salvatore: (Esegue, intimorito) Sì, sì, sì!

Apollo:      Romano, famme sentì: se io faccio andare via a questo tizio, tu che mi dai?

Romano:   ‘A Ferrari che m’aggio accattato stammatina.

Apollo:      Già ‘a tengo. Me l’he’ data aiére!

Romano:   E allora: vestiti, gioielli e orologi.

Apollo:      No, nun m’abbasta.

Romano:   E allora, che te pozzo offrì?  

Salvatore: Ma che l’he’ purtato, ‘o BAR?

Apollo:       Tu fai silenzio e tieni le mani in alto!

Salvatore: Scusate, se volete, io me ne vado. Da soli, parlerete meglio!

Apollo:       E sì, vatténne! Però esci tenendo le mani alzate. E ti raccomando, niente polizia.

Salvatore: Sì, sì, sì, certo. Cià, Romà, ce vedimme stasera. Arrivederci, signor rapinatore!

                   Salvatore si volta ed esce di casa, sempre tenendo le mani in alto.

Apollo:       E allora, Romano, voglio un castello e un milione di Euro.

Romano:    Che? Ma si’ scemo?

Apollo:       Uhé, io te sto’ rapinanno. Ma allora vuo’ essere acciso?

Romano:    No, no, nel senso che già ti ho regalato una casa a Montecarlo. T’he’ scurdato?

Apollo:       Ah, già, ieri siamo stati pure dal notaio. Allora adesso dammi 300 Euro.

Romano:    Soltanto? E il milione di Euro non lo vuoi più.

Apollo:       E certamente, domani. Ma adesso mi servono 300 Euro p’accattà ‘a Playstation!

Romano:    E va bene. Andiamo nel mio studio e ti dò i soldi. Vieni di qua, vieni.

                    I due vanno a destra. Da sinistra tornano Bastian (dubbioso) e Dolores (stufa).

Dolores:     Ma inzomma, tu si’ proprio ottuso!

Bastian:     Io so’ rattuso? E comme te permiette? Io nun t’aggio tuccata proprio!

Dolores:     Ma no, Bastian, ascolta: se ci cacciano da qua dentro, rimaniamo all’asciutto. 

Bastian:     Prosciutto? E tu, pe’ ‘nu poco ‘e prusutto, staje facenno tutto ‘stu burdello?

Dolores:     Ma qualu prusutto? Io sto parlando di un problema irrisolto.

Bastian:     ‘O risotto? E va’ add’’o cuoco e dincello! Io ch’aggia fa’?

Dolores:     Ma no, non hai capito. Insomma, io, di questo lavoro, me ne sono innamorata.

Bastian:     Comme?

Dolores:     (Gridando) Innamorata.

Bastian:     Vuo’ l’orata?

Dolores:     Non hai capito una virgola.

Bastian:     Mò vuo’ ‘a spigola? Nun aggio capito: vuo’ l’orata o ‘a spigola?

Dolores:    (Grida) Ho capito: ce amma a fa’ ‘a mappatella, dimane e matina!

Bastian:     ‘E ttagliatelle ‘e nonna Pina?

Dolores:    (Seccata) Ma va’ muore ‘e subbeto! Mi hai stufato!

                   E se ne torna a sinistra. Bastian rimane perplesso e fa una considerazione.

Bastian:     L’he’ ‘ntisa? Chella va truvanno ‘o stufato! Ora glielo dico al cuoco. Mah!               

                   Esce a destra, dubbioso.

2. [Cornelia, Assunta e Loredana]

                   Rincasano Cornelia, Assunta (con un pacco di dolci) e Loredana.

Assunta:    Ecco qua. Abbiamo comprato dei dolci di fine pasticceria per festeggiare un po’. 

Cornelia:   Sì, ma secondo me, he’ ‘nu poco esaggerato.

Assunta:    Uh, e pecché?

Cornelia:   E pecché tu ‘iva accattà sulo ‘e dolce, invece te si’ accattata tutta ‘a pasticceria!

Loredana: Mammà, era meglio che ti compravi una bella discoteca. Io adoro ballare.

Assunta:    E te miette a abballa ‘int’’a pasticceria!

Cornelia:   Néh, Assù, ma tu m’he’ regalà ancora ‘a Ferrari e ‘a casa ‘ncoppa ‘o Vommero.

Assunta:    Non ti preoccupare.

Loredana: Mammà, e a me niente?

Assunta:    E che t’aggia acccattà?

Loredana: Ho deciso di svaligiare dei negozi di abbigliamento al Vomero!

Assunta:    E vabbuò.

Cornelia:   ‘Nu mumento, e a me niente?

Assunta:    E tu nun he’ avé ‘a Ferrari e ‘a villa ‘ncoppa ‘o Vommero?

Cornelia:   Sì, per io voglio pure ‘nu sacco ‘e vestite nuove. E pure ‘e gioielle.

Assunta:    Va bene, avrai pure i vestiti e i gioielli.

Loredana: E a me niente?

Assunta:    Amme ditto che t’aggia regalà ‘e vestite ‘ncoppa ‘o Vommero.

Loredana: E i gioielli? E le scarpe?

Assunta:    Va bene, ti regalo pure i gioielli e le scarpe.

Cornelia:   Uh, e a me niente?

Assunta:    E tu nun he’ avé ‘a Ferrari, ‘a villa ‘ncoppa ‘o Vommero, ‘e vestite e ‘e gioielle?

Cornelia:   ‘O vero? E comme cammino? Scaveza?

Assunta:    E allora t’aggia regalà ‘e scarpe pure a te!

Loredana: Uh, e a me niente?

Assunta:    Che vvuo’ cchiù?

Loredana: La cameriera e il cuoco.

Assunta:    E tu già li tieni. Basta, ora non esagerare. Accontentati dei vestiti, delle scarpe e

                   dei gioielli. E si faje ‘a brava, te regalo ‘a pasticceria che mò aggio accattato.

Loredana: Grazie.

Assunta:    Bene, mammà, adesso accompagnami in cucina a posare i dolci nel frigorifero.

Cornelia:   Uh, mi sono ricordata una cosa: il mio frigorifero si è rotto. Che peccato!  

Assunta:    Aggio capito, aggio capito: domani te lo compro. Ora però andiamo in cucina.

Cornelia:   Uh, mi sono ricordata un’altra cosa: la cucina mia si è invecchiata. Che peccato!

Assunta:    Ho capito, domani te la compro. Adesso però vogliamo andare da Bastian?

Cornelia:   Uh, mi sono ricordata un’altra cosa: vulésse ‘nu bellu cameriere… muscoloso!

Assunta:    Va bene. Però adesso andiamo.

Cornelia:   Addò?

Assunta:    E’ meglio che nun t’’o ddico, o si no tu t’arricuorde cocch’ata cosa! Seguimi!

                   Le due vanno a destra. Loredana rimasta sola beatamente si siede al divanetto.

Loredana: Com’è bello essere ricchi. E pensare che m’ero fatta degli scrupoli. Ma chi se ne

                   frega? ‘A faccia ‘e chi ce vo’ male!

                   Ed esce al centro (fuori casa).

3. [Romano ed Apollo. Poi Bastian. Infine Dolores e Michele Sogliola]

                  Da destra tornano Romano (con 300 Euro in mano) ed Apollo (con la pistola).

Romano:  Ecco fatto. Questi sono i 300 Euro che mi hai chiesto.

Apollo:     Allora, statte buono, Romà! (Va per andarsene)

Romano:  Addò vaje? T’’e vvuo’ piglià ‘sti treciento Euro?

Apollo:     Ah, già, grazie. (Va a prenderli) E grazie della casa a Montecarlo!  

Romano:  Scé, t’he’ scurdato ‘o milione! Va bene, mi segno tutto sul taccuino.

                  Da destra entra Bastian. Ha sentito la parola “taccuino” ma capisce tutt’altro.

Bastian:   ‘O tacchino? (Va dai due) Néh, chi ‘e tutt’e dduje se vo’ magnà ‘nu tacchino?

Romano:  (Si arrabbia) Ma qualu tacchino? Io ho detto “taccuino”.

Bastian:    Romà, ma ‘stu tizio cu’ ‘a pistola ‘nmana pecché sta sempe ccà?

Romano:  E comme t’’o spiego? E’ ‘na parola!

Bastian:    T’ha purtato ‘na scarola?

Apollo:     Ma chisto parla sempe ‘e magnà?

Romano:  E quello è il suo ruolo.

Bastian:   ‘O puparuolo? N’ha purtato unu sulo?

Apollo:     Ma mò he’ pigliato ‘o vizio!

Bastian:   ‘O virzo? He’ purtato pure ‘o virzo?

Apollo:     Eh, m’ha scagnato p’’o verdummaro!

Romano:  Basta! Smettiamola, per favore! Apollo, vatténne, o si no, chisto continua ancora.

Apollo:     Ah, sì? E io ‘o sparo ‘int’’o ginocchio!

Bastian:   ‘O vero? He’ purtato pure ‘o finocchio?!

Apollo:     (Stufo) Uff!

                  Apollo lo manda a quel paese con un gesto e poi va via.   

Bastian:   E comm’è? ‘O verdummaro se n’è gghiuto?

Romano: Ma qualu verdummaro?

Bastian:   Vabbuò, nun me ne ‘mporta chi è. Io voglio sapere cosa vuoi mangiare.

Romano: (Fa il gesto di ammollargli un ceffone)Ma mò te dongo ‘nu paccarone!

Bastian:   ‘O maccarone? Molto bene, te faccio ‘nu bellu maccarone cu’ ‘a sarza!

                 E corre a destra. Romano tenta inutilmente di fermarlo, chiamandolo.

Romano: No, no, ma che he’ capit…?! Bastian! Mannaggia! (Si siede al tavolo e si rilassa)

                 Meglio che mi godo un po’ di tranquillità. In fondo, io sto facendo una bella vita!

                 Da destra esce Dolores che quatta quatta gli si avvicina da dietro. Lui continua.

                 Mi piace troppo essere servito e riverito come un signore. Quasi, quasi, sto

                 pensando di cambiare pure i camerieri!

Dolores:  (Urla, straziata) Nooo!

Romano: (Salta in piedi dallo spavento) Mamma bella! Che caspito è succieso?!

Dolores:  Signor Romano, io lo sospettavo. Ho capito, vi hanno convinto.

Romano: Ma chi?

Dolores:  Quelli là che parlano male dei camerieri. E va bene. Signor Romano, io sono

                 disposta a concedermi a voi. (Sexy) Volete?

Romano: Che cosa voglio?

                 Entra dalla comune Michele Sogliola, in giacca e cravatta. Ha una cartellina.

Dolores:  (A Romano) Io mi ritengo vostra serva. Per cui, disponete pure di me carnalmente.

Michele:  E’ permesso?

Dolores:  Ehm… prego! (E comincia a sistemare le sedie al tavolo, facendo finta di nulla)

Romano: Scusate, ma voi chi siete?

Michele:  (Avvicinandosi a Romano)Il Fisco.

Romano: Molto piacere, signor Fisco!

Michele:  No, ma io mi chiamo Michele Sogliola.

Romano: E allora il Fisco chi è?

Michele:  Sono sempre io.

Romano: Ma voi non siete Michele Sogliola?

Michele:  Sì, ma sono anche il Fisco.

Romano: Allora tenete un doppio cognome?

Dolores:  (Spazientita) Signor Romano, questo signore è del Fisco: è uno d’’e ttasse!

Michele:  Ecco, lei ha capito tutto.

Romano: E chella è intelligente, quanno vo’ essa! Vai, Dolores, vai a sistemare dentro.

Dolores:  Prima di andarmene, vorrei chiedere una cosa al signore.

Romano: Al Signore? E te vuo’ mettere a pregà proprio ccà ddinto?

Dolores:  No, al signore qui presente. Signor Sogliola, ma voi che segno zodiacale siete?

Romano: E’ Pesci!

Michele:  E voi come lo sapete?

Romano: Vi chiamate Sogliola!

Dolores:  Giustamente! Va bene, con permesso.

                 Dolores esce a sinistra. Michele apre la cartellina e legge qualcosa su dei fogli.

Michele:  E allora, ricordatemi un poco le vostre generalità.

Romano: Io sono Romano De Roma.

Michele:  Non dite bugie. Voi siete napoletanissimo.

Romano: Ma io mi chiamo Romano De Roma. E mia moglie si chiama Assunta De Napoli.

Michele:  Ecco qua, vi ho trovato.

Romano: Scusate, ma che ho fatto?

Michele:  Tempo fa avevate un caseificio che ora non avete più. E mi spiegate come vi

                 trovate questa bella ed enorme casa?

Romano: Beh… ho fatto il muto!

Michele:  Il muto? Volete dire il mutuo! A me non risulta.

Romano: Ah, già, questa casa me l’hanno regalata.

Michele:  A noi però risulta 1.000.000 di Euro, versato in contanti al signor Ciro Esposito.

Romano: Ehm… e vabbé, lo confesso, glieli ho dati io. Erano tutti i miei risparmi!

Michele:  Strano, a me risulta che voi avete vinto alla Sisal ben 120.000.000 di Euro.

Romano: (Finge stupore) ‘O vero? (Finge felicità) Che bellezza, è quanno m’’e ddanno?!

Michele:  Già li avete ricevuti. Voi avete pure la cameriera. Glieli pagate i contributi?

Romano: Ma che cameriera? Quella è una donna così, che mi pulisce la casa per passione.

Michele:  Strano, appena sono entrato, le ho sentito dire: “Io mi ritengo la vostra serva…”.

Romano: E va bene, sì, confesso. Però tengo solo a lei come cameriera. Me puòzzene cecà!

                 Da destra entra il solito Bastian col block notes e la penna, pronto per scrivere.  

Bastian:  Romano, Gino ‘o cuoco sta cucenanno. E’ quase pronto ‘o magnà! 

Michele:  E chi è costui?

Romano: (Finge spavento) Uh, mamma mia, un estraneo in casa mia! E comm’è trasuto?

Bastian:  (Lo osserva perplesso) Romà…!

Romano: Signor Sogliola, io non lo conosco. Lo giuro su mia suocera!

Bastian:  Romano!

Michele:  Eppure vi sta chiamando. 

Romano: (A Bastian) Senta, signore, cosa le serve? (Con la testa gli fa segni di andarsene)

Bastian:  (Lo osserva perplesso) Ma che tiene, ‘o torcicollo?

Romano: Ma io non la conosco. (Continua con la testa a fargli segni di andarsene)

Bastian:  (Lo imita con la testa) Romà, siente, ma ‘stu signore ha da pranzà pur’isso ccà?

Romano: (Ferma la testa e si arrabbia) Non so di cosa lei stia parlando.

Michele:  Signor De Roma, smettiamola di fare la commedia. Basta! Avete capito? Basta!

Bastian:  Pure vuje ‘a pasta, vulìte? E allora ne faccio ittà ciente gramme ‘e cchiù! (Scrive)

Michele:  Ma quale pasta?

Romano: Signor Sogliola, evitate di parlare troppo con lui. Chisto nun capisce niente.

Michele:  Ma pecché? E’ cretino?

Bastian:  Vulite ‘o Crodino?

Romano: Ma che Crodino? Lui è il Fisco.

Bastian:  E’ frisco? Biato a isso!  

Michele:  Ma no, io sono Sogliola.

Bastian:  Comme?

Michele:  Ho detto Sogliola!

Bastian:  Vulite pure ‘a sogliola? E vabbuò! (Scrive)

Michele:  Signor De Roma, è meglio che lui se ne vada. Avete capito? Meglio che vada!

Bastian:  ‘O pesce spada? ‘Nzieme ‘a sogliola? Contento voi! (Scrive, poi…) Allora, a dopo

                 per il pranzo. (Fa l’inchino) Con permesso.

                 Bastian esce a destra.

Michele:  Scusate, ma aroppo, tutta chella rrobba, chi s’’o magna?

Romano: E chi ‘o ssape?

Michele:   E intanto, voi prima avete detto di avere solo la cameriera, e invece adesso sono

                  saltati fuori pure un altro cameriere e il cuoco. Quale altra sorpresa c’è ancora?

                  Da destra entrano Assunta e Cornelia. Vanno accanto a Romano.

Assunta:   Romano, sei andato dal gioielliere? Devi comprarmi la parure di 30.000 Euro!

Romano:  Ma che staje dicenno? Signor Sogliola, non ci fate caso. Lei è mia moglie.

Michele:   Ah, bene, lei è la signora Assunta De Napoli. E l’altra signora chi è?

Cornelia: Sono la mamma della sposa di Romano: al secolo, Cornelia Orrenda.

Michele:   Piacere, Michele Sogliola.

Cornelia: Romano, te lo dico davanti a questo signore: io sto aspettando ancora la Ferrari e

                  la villa al Vomero.

Romano:  Zitta! Ehm… sì, signor Sogliola, dovete sapere che noi tre stavamo giocando a

                  Monopoli! E mia suocera ha vinto una villa al Vomero… però per finta!

Cornelia: Ma che finta? Tira fuori la villa al Vomero! ‘A voglio mommò!

Assunta:   A proposito, Romano, poco fa sono uscita a comprare i dolci.

Romano:  Ah, meno male, una cosa tranquilla!

Assunta:   E invece ho comprato tutta la pasticceria.

Michele:   Pure?

Cornelia: Assù, e nun te scurdà ch’a me e a Loredana ce he’ regalà ‘na valanga ‘e rrobba!

Assunta:   E nun dicere sempe ‘a stessa cosa! Fai così, avviati giù. Io ti raggiungo subito.

Cornelia: Molto bene. Allora, arrivederci, signor Dentice.

                  Cornelia esce di casa. Michele resta perplesso.

Michele:   Ma io mi chiamo Sogliola! Insomma, signor Romano De Roma, vi ho sgamato. 

Assunta:   Scusate, ma che modo arrogante di parlare, tenete. Sembrate uno del Fisco.

Romano:   Ecco, brava! ‘Na vota tanto, he’ ditto ‘na cosa bona!

Assunta:   (Comincia a capire) Ehm… ma perché, lui è… uno del Fisco?

Michele:   Già, e secondo i rilevamenti della Guardia di Finanza, risulta che voi avete una

                  barca di soldi, pure all’estero, e proprietà non dichiarate. Come me lo spiegate?

Romano:  E va bene, confesso tutto: noi siamo diventati ricchi grazie al mio caseificio che

                  tenevo prima. E sapete perché? ‘O furmaggio e ‘a ricotta còstene assaje!

Michele:   E che tenìte, ‘o furmaggio e ‘a ricotta d’oro?

Assunta:   Romà, ormai l’he’ ditto a tutto ‘o munno. Dicimmancello pure a isso. Signore,   

                  noi abbiamo vinto 120.000.000 di Euro al Superenalotto. E se lo volete sapere,

                  stiamo regalando delle Ferrari a tutti quanti. E ne regaleremo una pure a voi.

Michele:   (Impressionato) Ma… questa è corruzione! Arrivederci.

                  Michele esce di casa, offeso.

Romano:  Ecco qua, m’he’ ‘nguajato a me. Anze, t’he’ ‘nguajata pure tu!

Assunta:   Ma io… veramente… cioè…! E mò comme se fa, Romà? A chi chiammàmme?

Romano:  Ce vùlesse Salvatore Fecale, ma nun tengo ‘o nummero ‘e cellulare. Mannaggia! 

Assunta:    E calmati. Adesso mandiamo Bastian a casa sua a chiamarlo. Dove sta Bastian?

                   Da destra arriva proprio Bastian che si ferma, fa un inchino e annuncia:

Bastian:     Signori, il pranzo è pronto.

I due:         (Sorpresi) Il pranzo?

Bastian:     Gli ospiti dove stanno?

Assunta:    (Gli fa segno) Ma chi, Bastian?

Bastian:     Quelli che stavano qua dentro, compreso quel tizio che voleva la sogliola.

Romano:    Senti, Bastian, per favore, fammi una commissione: si tratta di vita o di morte.

Bastian:     (Capisce tutt’altro) Aggia accattà ‘e ttorte?

Romano:    No, me serve ‘nu cunziglio ‘a Salvatore.

Bastian:     (Capisce tutt’altro) ‘O cuniglio ‘a cacciatora?

Romano:    (Imbestialito) E mò basta. L’he’ fernì ‘e parlà ‘e magnà. Tu m’he’ distrutto.

Bastian:     (Capisce tutt’altro) Vaje truvanno ‘o strutto?

Romano:    No, vaco truvanno chi t’accide.

Assunta:     Addirittura!

Bastian:     (Capisce tutt’altro) Romà, Assunta va’ truvanno ‘a frittura!

Romano:    Ma io dimane te ne caccio.

Bastian:     (Capisce tutt’altro) ‘A mulignana ‘int’’o buccaccio?

Romano:    (Rassegnato, si abbatte su una sedia) No!

Bastian:      Nun te prioccupà, Romà, mò te faccio truvà ‘a tavola chiena ‘e magnà! Io vaco!

                    E se ne esce a destra. Assunta tenta di consolare Romano.

Assunta:     Vabbuò, lass’’o sta’. Mò ‘o vaco a chiammà io a Salvatore Fecale. Staje calmo,

                    nun è succieso niente. Ogni cosa tornerà alla normalità. He’ capito, Romà? Cià.

                    Esce di casa. Romano, dubbioso, s’alza in piedi e parla da solo. Pare confuso.  

Romano:    Io nun riesco a capì. Cioè… nun riesco a capì. Inzomma… nun riesco a capì.

                    Aggia dicere ‘a verità? Nun riesco a capì!

                    Esce via di casa (al centro).   

 

4. [Bastian e poi Benedetto. Poi Salvatore, Romano e Assunta. Infine Loredana]

                    Da destra entra Bastian con una tovaglia piegata. La apre sul tavolo (per

                    apparecchiare) e canticchia canzoni classiche napoletane a modo suo.          

Bastian:      “Chella llà chella llà, mò va dicenno ca nun vo’ magnà…” / “Te si’ fatta ‘na

                    fella ‘e cassata, ‘na pastiera con l’acqua di rose…” / “Tu me diciste sì ‘na sera

                    ‘e maggio, e mò gratte ‘o furmaggiooo…”.                  

                    Dopo l’acuto, esce a destra. In casa entra Benedetto con una cartellina.

Benedetto: Chi-chi sa se Ba-Bastian ha sco-scoperto le cose su R-Romano e R-Rachele?

                    Sp-sp-sp… (Si da uno schiaffo e si sblocca) Sp-speriamo di sì!

                    Va alla comune e vi guarda fuori. Torna Bastian con altre tovaglie. Canticchia.

Bastian:      “Comm’è bella, comm’è bella / ‘a città d’’a muzzarella…!”.

                    Sistema le tovaglie sul tavolo. Benedetto si volta e lo nota.

Benedetto: Ah, ec-ec-eccolo qua. (Gli si avvicina da dietro e lo chiama) Ba-Bastian…!

Bastian:      (Non lo sente, continua a canticchiare) “Tu vuo’ fa’ ‘na parmigiana,

                    parmigiana, parmigiana / siente a me chi t’’o ffa’ fa’…”!

Benedetto: (Alza un po’ la voce) Ba-Bastian!

Bastian:      (Canticchia) “Oje zito, oje zito mio / si’ meglio d’’o maccarone / te magno cu’

                    ‘o furchettone / ‘o primmo e ll’urdimo sarraje pe’ meee!”. (Dopo l’acuto,       

                    osserva Benedetto. Così fa finta di niente) Ehm… uhé, salve! Vuje state ccà?

Benedetto: Ba-ba… Ba-ba … (Si prende a schiaffi per sbloccarsi) Ba-Bastian. Che no-

                    novità ci sono sul si-signor Romano?

                    Bastian, perplesso, vorrebbe rispondere, ma non ha capito. Benedetto seguita.

                    Ho ca… ho ca… ho capito, avevo ra-ragione io. Non è così?

                    Bastian, perplesso, vorrebbe rispondere, ma non ha capito. Benedetto seguita.

                    Hai vi-visto? Non rispondi. All... allora adesso scriviamo una le-lettera a lu-lui:

                    io detto e tu scrivi. (Dalla cartellina prende carta e fogli, posa il tutto in tavola,   

                    poi…) Ass… ass…! (Si schiaffeggia ma non si sblocca) Ass… ass…!

Bastian:      Aspettate, mò v’’o dongo io ‘nu pacchero! (Gli da un buffetto e lo sblocca)

Benedetto: Ass-assiettete! E scrivi!

Bastian:     (Sorpreso) E ch’aggia scrivere?

Benedetto: (Ironico) Vu-vulìsse scrivere ‘nu menù?

Bastian:     ‘Nu menù? E vabbuò. (Si siede al tavolo)

Benedetto: (Cerca l’ispirazione guardando altrove) Du-dunque: “Ca-caro Romano”.

Bastian:     (Perplesso) E già, comm’è caro ‘o rromano. Vulésseme cagnà furmaggio?

Benedetto: (Si arrabbia) No-non mi distrarre.

Bastian:      E vabbuò. (Scrive quanto suggeritogli)

Benedetto: “Io so-sono un uomo stramazzato”.

Bastian:      Un uovo strapazzato! (Scrive quanto suggeritogli)

Benedetto: “Ba-basta. Sono stufo!”.

Bastian:      (Scrive quanto suggeritogli in modo sbagliato) ‘A pasta cu’o tartufo. E ppo’?

Benedetto: “Di-dimentica Rachele”.

Bastian:      ‘E cchele! OK! (E scrive)

Benedetto: “Ma tu, Ro-Romano, sai cos’è la sofferenza?”.

Bastian:      ‘A crescenza! OK! (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)  

Benedetto: (Con ardore) “Provala, provala”!

Bastian:     ‘A provola? OK! (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto: “Io no-non l’ho mai sorpassata”!

Bastian:    ‘A soppressata! (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto: “E ri… e ri… (Si schiaffeggia e si sblocca) E rimarrai g-gelato di meraviglia”.

Bastian:     Gelato alla vaniglia. (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto: “Go-godrò nel vedere i tuoi pianti”…

Bastian:    ‘O Chianti? Pure ‘o vino aggia accattà? (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto: Fi-fi… fi-fi… (Si prende a schiaffi per sbloccarsi) Firmato, Benedetto Ilfrutto.

Bastian:     ‘O frullato ‘e frutta! (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto:Ba-ba… ba-ba… ba-ba…!

Bastian:    Pure ‘o babà? (Scrive quanto suggeritogli, sbagliato)

Benedetto: Be-bene. O-ora co-consegna le le-lettere al tuo ti-titolare e a mia mo-moglie.

Bastian:    ‘Nu mumento, e ‘e sorde chi m’’e ddà?

Benedetto: ‘E so-sorde? I so-soldi li caccerà lui, il riccone.

Bastian:     E vabbuò.

Benedetto: Bene, gra-grazie di tu-tutto. (Prende 50 Euro dalla tasca) Tieni.

Bastian:    (Glieli tira di mano) Ma grazie a voi del pensiero!

Benedetto: Ti salu… ti salu… (Si prende a schiaffi per sbloccarsi) Ti saluto.

                   Benedetto esce via. Bastian osserva i 50 Euro appena regalatigli.

Bastian:    Allora, se ho capito bene, chillu tizio m’ha fatto scrivere ‘stu menù pecché vo’

                   organizzà ‘na cena ccà ddinto in onore ‘e Romano. Ma po’ pecché l’ha da pavà

                   Romano? E che me ne frega? Tanto, io tengo il fondo cassa che mi ha dato lui.  

                   E famme piglià ‘a giacca, accussì vaco a ffa’ ‘a spesa. (Bacia i 50 Euro) Belli!    

                   Esce a sinistra. Dal centro entra Salvatore con Assunta e Romano che litigano.

Assunta:    Romà, tu si’ ‘nu ‘nfamone! Che caspito he’ cumbinato cu’ ‘e sorde mie?  

Romano:   Niente, aggio jucato a Baccarà cu’ ‘o Tirolese e aggio perzo 53.000 Euro.  

Assunta:    Menu male, me penzave peggio.

Romano:   Aspiette a parlà: mi ha chiamato il direttore della banca e così ho capito che mi

                   sono sbagliato. (Commosso) Io v’aggia cunfessà ‘na cosa: ‘ncoppa all’assegno,

                   invece ‘e scrivere “Euro 53.000”, ce aggio miso tre zere ‘e cchiù!

Salvatore: Ma allora nun ce he’ dato 53.000 Euro, bensì 53 milioni!

Assunta:    Idiota! E nun ce ‘o ppuo’ ddicere a ‘stu Tirolese che te si’ sbagliato?  

Salvatore: ‘Onna Assù, e secondo voi, ‘o Tirolese ve dà ‘n’ata vota ‘e sorde? Ma pe’ carità!

Assunta:    (Si dispera) Mamma mia, mamma mia…! (Si siede sul divanetto, affranta)

Romano:   E chesto fosse niente. Assù, io e te nun amme fatto ‘a dichiarazione dei redditi.

Assunta:    E allora?

Romano:   Amme avuto ‘na multa: so’ durice milione ‘e Euro!

Salvatore: Pure?

Romano:   E nun è fernuta ccà. Io e te amme avuto ‘a brillante idea ‘e mettere 30 milione ‘e

                   Euro ‘ncoppa a ‘na banca svizzera. Ma la legge italiana lo vieta. Tu lo sapevi?   

Assunta:    No. Vabbuò, ma che succede?

Romano:   Si pensano che siamo evasori fiscali. Accussì amme avuto 10 milione ‘e Euro ‘e  

                   multa. E nun è tutto: ‘a banca svizzera addò amme miso ‘e sorde è fallita!

Assunta:    (Triste) Stamme ittanno comm’’e scieme tutt’’e sorde ch’amme viunciuto.

Salvatore: Ma fatemi capire un po’: dei 120.000.000 che avete vinto, quanto vi è rimasto?

Romano:   Per la precisione, 10.040.000 Euro. Stanno conservati nella nostra cassaforte.

Salvatore: Embé, e allora godetevi i 10 milioni che vi sono rimasti, per 100 anni!

                   Torna in casa Loredana. Pare molto rattristata.

Loredana: Buonasera a tutti.

Salvatore: Oh, ecco la nostra carissima Loredana.

Loredana: Papà, mammà, vi arrabbiate se vi dico una cosa?

Assunta:    (Si alza in piedi) No, non ci arrabbiamo. Ma pecché, ch’è stato?

Loredana: (Rammaricata) Sono stata truffata.

Romano:   Tutto qua? E vabbuò, l’importante è che nun he’ cacciato solde!

Loredana: E invece sì. Li ho presi dalla cassaforte. E ho comprato… il Vesuvio.

Romano:   ‘O Vesuvio? Ma pecché, se po’ accattà?

Salvatore: Per carità! Quello è un parco nazionale. E quanto l’hai pagato, al truffatore?

Loredana: Non ho il coraggio di dirlo.

Assunta:    No, tu l’he’ ‘a dicere. Parla!

Loredana: L’ho pagato… 10 milioni di Euro!

Assunta:    (Sconvolta) Oddio!

Romano:   (Sconvolto) Ce so’ rimaste sulo 40.000 Euro!

Assunta:    Disgraziata, te voglio accidere.

Romano:   E pur’io!

Salvatore: (Li trattiene) No, no, calmi!

Loredana: Aiutatemi!

                   Loredana fugge via a sinistra, inseguita dai due e Salvatore che vuole placarli.

5. [Cornelia e Bastian. Poi Assunta, Salvatore e Romano]

                    Dalla comune (al centro) entra Cornelia, beatamente, con un pacco regalo.

Cornelia:   Com’è bella mia figlia Assunta: mi ha donato la villa al Vomero. E com’è bella  

                    mia nipote Loredana: oggi mi regalerà il Vesuvio. Ma sì, è bellillo pure mio

                    genero Romano: se sta zitto e nun fa storie! (Guarda il pacco regalo) E questo  

                    è il mio regalo per loro: un vaso cinese antico. Da gran signora quale sono io!

                    S’avvia a destra, ma da sinistra entra Bastian in giacca, canticchiando.

Bastian:     (Canticchiando) “Ah, comme se fa / a cucenà duiciento gramme ‘e baccalà!”.

Cornelia:   (Va da lui e muove la mano per farsi notare) Bastian!

Bastian:     Ah, siete voi, signora Cornuta?

Cornelia:   Uhé, ma che Cornuta? Io me chiammo Cornelia. Ah, già, chisto è surdo!

Bastian:     Scusate, mò nun pozzo perdere tiempo cu’ vuje. Aggia ì a ffa’ ‘a spesa.

Cornelia:   (Posa il pacco regalo sul tavolo) Bravo, bravo.

Bastian:     Me l’ha ordinata un signore sconosciuto che vuole offrire una cena al signor

                   Romano. E sapete perché? Quel tizio, al signor Romano… lo ama!

Cornelia:   (Sorpresa) Che? Ma allora Romano è… orecchione! Bastian, tu mi devi

                   promettere una cosa. Guardami negli occhi. 

Bastian:     No, oggie nun facìmme ‘e gnocchi!

Cornelia:   Ah, già, tu sei un non udente.

Bastian:     No, oggie nun facìmme ‘o riso al dente!

Cornelia:   Ma che parlo a ffa’ cu’ te? Io faccio solo discorsi concreti.

Bastian:     No, oggie nun facìmme ‘e strozzapreti.

Cornelia:   Ma che preti? Io sono una peccatora!

Bastian:     Amma fa’ ‘a pescatora?

Cornelia:   (Seccata) E basta! Mò te vatto proprio!

                   Cornelia rincorre Bastian fino all’uscita, poi torna al centro imprecando.

                   ‘Stu scustumato! ‘E che parlantina che tene. ‘E che pappardella!

                   Bastian torna da dietro, si fa notare da Cornelia e le dice ancora una cosa.  

Bastian:     No, oggie nun facìmme ‘e pappardelle!

Cornelia:   Staje ancora ccà? (Toglie una scarpa) Ma mò te ciacco proprio!

                   E la lancia a Bastian che fugge di casa. Cornelia va a recuperare la scarpa.

                   No, ma io a chisto ‘o faccio caccià. ‘Nu cameriere surdo è assurdo! (Prende il

                   regalo dal tavolo) Aggia fa’ assumere a uno cu’ ‘e rrecchie d’elefante!

                   Esce a desra. Da sinistra tornano Salvatore sottobraccio a Romano e Assunta.

Salvatore: Venite qua, non è il caso di picchiare quella povera creatura di vostra figlia.

Assunta:    No, ma io l’aggia scassà ‘a capa. (Va per tornare a sinistra)

Salvatore: (La blocca) Non fate così, signora Assunta. Perché ve la prendete con Loredana?

                   In fondo, ha fatto esattamente ciò che state facendo voi: sperperare denaro.

Assunta:   (Si siede al tavolo) Avete ragione. Questo succede quando uno tiene troppi soldi.

Romano:   (Si siede al tavolo, amaro) E invece, Assù, io e te amme visto ‘o benessere…

                   ma non eravamo pronti. Io ho voluto vivere da nababbo. E tu… da namamma!

Assunta:    E chesta è ‘a punizione. Mò nun c’è rimasto quase niente. Nun tenìmme manco

                   ‘e sorde pe’ t’arapì ‘n’ata vota ‘o caseificio. Romà, amme sbagliato tutto cose.

Salvatore: E non vorrei nemmeno dirvi che i vostri guai non sono finiti qua.

Romano:   Ancora? Salvatò, a ‘stu punto ormai amme fatto trenta, facìmme pure trentuno!

Salvatore: Beh, ho saputo che questa casa è sporca.

Romano:   Ma nun dicere scimmità. Chella, Dolores, lava e pulezza tutt’’e juorne!

Salvatore: Ma no, io dicevo tutt’altro: ma voi sapete a chi avete dato i soldi di questa casa?

Assunta:    Al signor Ciro Esposito, un anno e un mese fa: un milione di Euro, in contanti!

Salvatore: Quel Ciro Esposito è un truffatore. Il vero proprietario deve ricevere più di un

                   milione e mezzo di Euro. E ora dovrete darglielo voi!

Assunta:   (Si dispera) Che? Uh, mamma mia!

Romano:   Salvatò, tu m’he’ aiutà!

Salvatore: E io allora che ci sto a fare?

Romano:   E si te ne vuo’ ì, statte buono!

Salvatore: No, io intendo dire: che ci sto a fare se non vi aiuto? La soluzione vostra è una

                   sola: mio nipote Cono e vostra figlia Loredana… sposi.

                   Romano e Assunta si guardano come per un cenno d’intesa. Salvatore continua.

                   Del resto, Cono dovrà ricevere la mia eredità… quando io sarò morto.

Assunta:    Ma voi siete ancora vivo.

Romano:   E chisto è ‘o guajo! Ehm… no, dico, per forza bisogna aspettare la tua morte?

Salvatore: Il testamento dei genitori di Cono vuole così. Adesso vado a prendere Cono e lo

                   porto qua. Voi invece parlate con Loredana e convincetela. Ci vediamo dopo.

                   Salvatore esce di casa. Romano e Assunta, dopo un po’ di pausa, parlano.

Romano:   Assù, e che me guarde a ffa’? Parle, si he’ ‘a parlà!

Assunta:    Romà, l’amma fa’?      

Romano:   Assù, o ti mangi questa minestra… oppure fernesce overamente ‘a menesta!

                   Da destra entra Cornelia col pacco regalo.

Cornelia:  (Sdolcinata) Assunta, Romano! Eccovi! (Va a baciarli sulle guance) Che bello

                   rivedervi! A proposito, grazie della villa al Vomero. E pure io tengo un regalo

                   per voi. Vale quasi quanto la villa al Vomero. Eccolo.

Romano:   Mettite ccà. (Le prende il pacco di mano e subito lo scarta)

Assunta:   (Si alza e va a vedere, impaziente) Fa’ ambresso, arape!

Romano:   E ‘nu mumento. (Finito di scartare, osserva il vaso cinese) E che d’è ‘stu coso?

Cornelia:  Un vaso di una antichissima dinastia cinese.

Romano:   (Sdegnato) Ma no, grazie, non dovevate. Non me lo posso nemmeno vendere!

Cornelia:  Ma… non so come vi vedo strani. Mica è successo qualcosa?

Romano:   No, niente, amma cumbinà ‘nu matrimonio. S’ha da spusà mia figlia Loredana.

Cornelia:  Uh, che bellezza! Sono convinta che sarà un matrimonio principesco!

Assunta:   Ma tu nun saje pecché s’ha da spusà. Qua le cose non vanno più bene

                   economicamente e ci serve assolutamente un matrimonio.

Cornelia:  (Delusa) Che? ‘E ccose nun vanne cchiù buono economicamente? In che senso?

Assunta:   Stamme rischianno ‘e ì sotto e ‘ncoppa.

Cornelia:  (Si riprende il vaso da Romano) Jamme addù Loredana. S’ha da assolutamente

                   spusà! Dove sta? Nella sua stanza? Jamme, vengo pur’io.

                  Non lascia più parlare Romano ed Assunta. I tre escono a sinistra.

6. [Benedetto e Dolores. Poi Apollo e Romano]

                   Dalla comune entra Dolores.

Dolores:    Basta, mi sono decisa: ho denunciato i signori Romano, perché mi fanno   

                   lavorare a nero. Mio fratello è sindacalista. Lo chiamano il “leone”! Ma sì, io

                   aggia penzà ‘a vicchiaia mia. Senzia pietà, senza scrupoli! (Se la ride) Ahahah!

                    Dalla comune entra Benedetto che le si avvicina.

Benedetto: Bu-bu… Bu-bu… (Si da uno schiaffo e si sblocca) Buongiorno!

Dolores:     Vuje? ‘N’ata vota? Sentite, insomma, state cercando ancora vostra moglie?

Benedetto: Sì.

Dolores:     Va bene, allora vi dico la verità: la signora Rachele viene spesso in questa casa.

Benedetto: Ma all-allora è vero: R-Rachele e il signor R-Romano…

Dolores:     Che fanno?

Benedetto: (Sconvolto) No, no, non può ess… Non può ess… (Si schiaffeggia e si sblocca)

                    Non può essere. Ma io li rovino! Al signor R-Romano toglierò tutti i suoi soldi.

Dolores:     Oddio, no!

Benedetto: E inve… e inve… e inve… (Si da uno schiaffo e si sblocca) E invece sì! Lui si è

                    pre-preso mia moglie? E io gliela fa-faccio pagare, a chillu… chillu… chillu…

                    (Si schiaffeggia, ma inutilmente) No-non funziona più! Aiut… Aiut… Aiut…!

                    Benedetto esce di casa schiaffeggiandosi. Dolores rimane basita. 

Dolores:     Ma che sta succedenno? Che sta cumbinanno ‘o signor Romano? Nun capisco.

                    Da sinistra torna esultante Romano.

Romano:    Allelujah! (Va da lei) Dolores, ma tu he’ capito? Loredana si sposerà con Cono!

                    Mò arrìvene denare a palate! Embé, si succede, aggia mettere a posto tante

                    cose. Voglio peffìno pavà ‘e contribbute a te, a Bastian e a Gino ‘o cuoco!

Dolores:     (Sconvolta) Oddio, e ora come si fa?

Romano:    A ffa’ che cosa?

Dolores:     Con mio fratello, il “leone”!

Romano:    ‘O lione? Néh, ma che cacchio staje dicenno? Io nun te capisco!

Dolores:     Sentite, qualunque cosa succederà, io sarò sempre la vostra cameriera preferita?

Romano:    E io una sola ne tengo! Mica me po’ piacé Bastian? E neppure Gino ‘o cuoco.

Dolores:     (Sexy) E allora, questo è il momento che io posso concedermi a voi! Tutta, tutta!

Romano:    Tutta, tutta? E allora viene cu’ me!

                    Si prendono per mano e vanno verso destra, ma dalla comune entra Apollo.

Apollo:       Salve!

I due:         (Si fermano e lo mandano a quel paese) Uff!

Dolores:     Aggio capito, signor Romano, nun è destino. Nun è destino!

                    Continua a ripetere questa frase uscendo via a destra. Apollo va da Romano.

Apollo:       Néh, ma che ll’aggio fatto, a chella?

Romano:    No, niente, quella è un poco esaurita.

Apollo:       Vabbuò, comunque… (Estrae la pistola) Mani in alto.

Romano:    (Rassegnato) Ma che mani in alto e mani in alto?  

Apollo:       (Sorpreso) Ma… ch’è stato?

Romano:    Niente. (Si siede al divanetto, sconsolato) Aggio perzo tutto cose.

Apollo:       Eh? E io mò comme faccio? M’ero abituato troppo buono.

Romano:    E già, tra rapine e multe, aggio avuto ‘nu salasso! M’è rimasta sulo chesta casa.

Apollo:       Ma questa casa adesso è mia.

Romano:    E io mica ti ho regalata questa? Te ne ho regalata una a Montecarlo.

Apollo:       (Beffardo) Romà, t’aggio fatto fesso! Quando noi siamo stati dal notaio, tu non

                    mi hai intestato la casa a Montecarlo.

Romano:    (Dubbioso) E allora che m’he’ fatto firmà? 

Apollo:       (Se la ride) L’atto di cessione di questa casa. E il notaio sapeva tutto!

Romano:    (Sconvolto) Apò, ma tu fusse scemo? E io e ‘a famiglia mia addò ce ne jamme?

Apollo:     Addò vuo’ tu!

Romano:  Apò, levamme tutto cose ‘a miezo. Nuje amme pazziato. Abbiamo fatto finta!

Apollo:     (Si arrabbia) Ma che finta? Vuo’ leggere ‘e ccarte?

Romano:  Stattu zitto, nun alluccà! Si te sente muglierema, me spara.

Apollo:     E si nun te spara mugliereta, te sparo io! Ricordati che io sono un rapinatore.

Romano:  (Si alza in piedi, con tono di sfida) E va’, famme vedé: spara!

Apollo:     (Gli punta la pistola contro) Romà, nun me provocà, ca io te sparo!

Romano:  Va’, va’. Nun te prioccupà!

Apollo:     E comme te sparo? Senza pallottole? (La getta sul tavolo e si siede sul divanetto)

                  Romà, io sono un fallito. Nella mia vita, aggio rapinato sulo a ‘na perzona: tu! 

Romano:  (Ironico) ‘E che suddisfazione!   

Apollo:     Senti, tu mi fai pietà. Perciò, voglio offrirti la possibilità di riprenderti casa tua.

Romano:  (Speranzoso) Overamente? E che te pozzo da’, che te pozzò offrì?

Apollo:     Io mi sono innamorato di una donna che vive in casa tua.

Romano:  La mia cameriera Dolores?

Apollo:     (Si alza in piedi) Tua figlia!

Romano:  (Sconvolto) Che?No, mia figlia no.

Apollo:     E pecché?

Romano:  Pecché mia figlia s’ha da piglià a Cono Gelato!

Apollo:     E glielo offro io!

Romano:  No, ma Cono Gelato è ‘n’essere umano!

Apollo:     E allora non se ne fa niente. O la casa… o la figlia!

Romano:  No, mia figlia nun è possibile.

Apollo:     E allora cià.

                  Apollo esce di casa.  

Romano:  Apollino, Apolluccio mio, pe’ favore, nun me ‘nguajà!

                  Lo rincorre fuori casa.

 

7. [Cornelia, Assunta e Loredana. Poi Bastian]

                   Da sinistra tornano Cornelia (senza regalo), Assunta e Loredana.

Cornelia:   Io, in qualità di Cornelia Orrenda, vi dico che sono felice di questo matrimonio.

Loredana: ‘Nu mumento, ma io ancora nun aggio accettato ufficialmente!

Cornelia:   Uhé, tu nun he’ discutere chello che te dico io. He’ capito?

Loredana: E perché?

Cornelia:   E perché io, in questa casa, rappresento una nonna, una mamma e una suocera!

Assunta:    Mammà, nun c’è bisogno che facìmme ‘a gerarchia. Parlo io con mia figlia.

Cornelia:   No, ce parlo io. (Sbrigativa) Inzomma, Loredà, stamme jenno sotto e ‘ncoppa!

Assunta:    Stamme? E che ce azzicche tu?

Cornelia:   Io partecipo ai vostri problemi economici emotivamente.

Loredana: Scusate, ma di quali problemi economici si stanno parlando?

Assunta:    Loredà, ti parlo da mamma a figlia: i soldi della vincita sono quasi finiti.

Loredana: Che?

Assunta:    Amma pavà pure ‘nu sacco ‘e multe. Ormai la pacchia è finita!

Loredana: Scusate, ma perché io mi dovrei sposare a Cono? Chillu è ‘nu ‘mbranato.

Assunta:    Uh, guardate. E se dice? Chillo tene tutte chelli qualità: sta chino ‘e sorde!

Loredana: Quanno more ‘o zio!

Assunta:    E mica ‘o zio ‘e Cono po’ campà pe’ sempe?

Loredana: Io mi sposo a chi dico io. E a me piace Maurizio, il figlio del tranviere di fronte.

Assunta:    Ma chillo è disoccupato! Me vulìsse purtà ‘n’atu guajo ‘int’’a casa mia?

Loredana: Ma a me Cono non mi piace.

Assunta:    E tu nun te prioccupà. Almeno, provaci! Famme ‘stu regalo!

Loredana: E va bene. Vi voglio accontentare.

Assunta:    Brava, bravissima!

Cornelia:   Tu si’ meglio ‘e mammeta! Chella se vulétte spusà afforza a pateto!

Assunta:    Non ricordiamo questi tristi eventi. Non è il caso!

Loredana: Sì, ma come devo fare per sedurre quel pezzo di marmo di Cono?

Assunta:    Cara figlia mia, è ora di tirare fuori la donna che c’è in te. Ed è ora di tirare fuori

                   la vestaglia che ti ho regalato io, tutta in pizzo e merletti.

Loredana: Ma quella fa parte del corredo. Mi serve per il mio matrimonio.

Assunta:    Appunto! Adesso quella vestaglia è necessaria prima di quel giorno.

Loredana: (Sospira) Sognavo tutt’altro matrimonio. Che si deve fare per salvare la patria!

Assunta:    Uhé, embé? E che d’è ‘sta faccia triste? Nun te prioccupà, figlia mia.

Cornelia:   Assù, nun perdere tiempo. Jamme a piglià ‘sta vestaglia.

Assunta:    E già. Tra poco viene Cono, accompagnato da suo zio. Forza, jamme, jamme!

                  Assunta spinge Loredana via a sinistra. Le segue Cornelia, tutta esultante.

8. [Bastian e Dolores. Poi Salvatore, Cono, Romano, Assunta e Loredana]

                  Dalla comune entra Bastian con quattro buste di spesa pesantissime. Barcolla.

Bastian:    Mamma bella… e che ce sta ‘int’a ‘sti bbuste? ‘O cemento armato? (Posa le

                  buste sul divanetto e si siede al tavolo) Sto’ tutto acciso! E chi m’aiuta, a me?

                  Chiude gli occhi e si rilassa. Da destra entra Dolores.

Dolores:   Néh, ma addò è gghiuto Bast…?! (Lo nota) Ah, sta lloco. (Va da lui) Bastian!

Bastian:    (Occhi chiusi, parla da solo) Comm’è bello quanno nisciuno te chiamma!

Dolores:   (Alza la voce) Bastian!

Bastian:    (Occhi chiusi, parla da solo) Vulésse ‘sta bella tranquillità tutt’’e juorne!

Dolores:   (Grida) Bastian!

Bastian:     (Occhi chiusi, parla da solo) ‘Na vota me chiamma Romano, ‘na vota Assunta,

                   ‘na vota Loredana… pe’ nun parlà, po’, ‘e chella scassapalle ‘e Dolores.  

Dolores:    (Scuotendolo con rabbia) Ma io sto’ ccà!

Bastian:     (Salta in piedi) Chi è? Chi è? Ah, si’ tu? No, niente, stevo parlanno ‘e mangià!

Dolores:     Sì, sì, vabbuò. Ma che fine he’ fatto?

Bastian:     Ma che domanda è chesta? Chiuttosto, damme ‘na mana a purtà ‘int’’a cucina

                   chelli buste ‘e spesa. Si tratta di cibo per una cena.  

Dolores:    Ancora? Beato a chi tiene i soldi! (Poi sbadiglia)

Bastian:     (Si arrabbia) Ma ‘a vuo’ fernì ‘e fa’ domande inutile?

Dolores:    Ma io aggio fatto ‘nu sbadiglio! Miezu scemo, jamme ‘int’’a cucina. Forza!

                   I due prendono due buste a testa e vanno a destra. Dalla comune entrano

                   Salvatore e Cono. Quest’ultimo ha un braccio ingessato e la testa fasciata.   

Salvatore: Néh, Cono, ma che caspito t’è succieso? Pecché staje cumbinato accussì?

Cono:         No, niente, sono stato investito da un uomo.

Salvatore: In macchina?

Cono:         No, ‘ncoppa ‘a seggia a rutelle!

Salvatore: Ho capito, Cono, ma adesso veniamo a noi. Io ti ho portato qui per Loredana.

Cono:         No, ma nun è proprio ‘o caso. Io la vorrei pure, ma quella mi rifiuta sempre.

Salvatore: Ma lei finge di rifiutarti. Vuole vedere fino a che punto arriva il tuo amore.

Cono:         Si’ sicuro?

Salvatore: Ma certo. Anzi, appena tu la incontri, sai cosa devi dirle? Tu devi dirle…

                   Dalla comune entra Romano: si ferma sulla soglia. Non visto dai due, impreca.

Romano:    Porca zozza!

Salvatore: (Ripete) Porca zozza!

Cono:         E pecché aggia dicere accussì?

Salvatore: No, ma nun he’ dicere accussì. Me so’ ‘mbrugliato. Tu devi soltanto dirle…

Romano:    E mò chi ce ‘o ddice a Assunta?!

Salvatore: (Ripete) E mò chi ce ‘o ddice a Assunta?!

Cono:         Assunta?!

Salvatore: Ma no, me sò ‘mbrugliato ‘n’ata vota. Nun saccio pecché, ma areto a me ce sta

                   ‘n’interfertenza che me cagna ‘e pparole! (Si volta, nota Romano) Ah, ma si’ tu?

Cono:         Buonasera, signor Romano.

Romano:   (Avvicinandosi ai due) Ma che buonasera? Io sto’ ‘nguajato.

Salvatore: Ma pecché, ch’è stato?

Romano:   Salvatò, aggio perzo pure ‘a casa!

Salvatore: Pure? Ehm… ma non hai visto che ci sta Cono?E’ venuto qua per tua figlia.

Romano:   Ah, già. Allora stanne arrivanne ‘e sorde…! No, cioè… ‘o matrimonio. 

Salvatore: Già. E così, lui e Loredana, beneficeranno della mia eredità, alla mia morte.

Romano:   E già, si sultanto tu putìsse anticipà ‘nu poco l’evento!

Salvatore: Comme?

Romano:   No, dico, accorciamo i tempi. Se ti senti male, non sforzarti di stare bene!   

Salvatore: Ma io non ti capisco. Insomma, dove sta la sposina?

Romano:   E già, ‘o vvulésse sapé pur’io. (Imprecando) Ma addò sta Loredana?!

                   Da sinistra tornano Cornelia e Assunta. Parlano tra loro e non notano gli altri.

Assunta:   Ecco qua, mammà, ora tutto è pronto.

Cornelia:  Mò ce manca sulo chillu ‘mbranato ‘e Cono!

Cono:        Prego?

Romano:   (Mette una toppa) No, ehm… Cono, ti presento mia suocera.

Cornelia:  (Imbarazzata) Oddio, ma chisto sta ccà?

Romano:   E già, ate fatto ‘na granda figura.

Cornelia:  Ma ‘na granda figura ‘e che?

Romano:   Nun v’’o ppozzo dicere!

Salvatore: E allora, dov’è la nostra meravigliosa Loredana?

Assunta:    Sta nella sua stanza. E’ quasi pronta.

Salvatore: E’ quasi pronta per cosa?

Cornelia:  (Maliziosa) Sono cose da giovani. Noi non possiamo capire!

Salvatore: Bene, allora Cono è pronto.

Assunta:    Allora avviciniamoci alla porta. Loredana sta aspettando a Cono. Venite, su.

                   I cinque si avvicinano alla porta di sinistra e vi si fermano davanti.  

Romano:   Vai, forza, Cono, chiama Loredana. (Lo nota indeciso) E vai, vai. Fatti notare.

                   Fatti sentire. (Stufo di vederlo immobile) Fatte vedé ‘a ‘nu psichiatra!

Cono:        Ma… che devo dire?

Cornelia:  Chiamala.

Cono:           E va bene. Ehm… Loredana, ci sei?

Loredana:   (Dalla sua stanza) Chi è che rompe ‘e scatole?

Cono:           Sono io, Cono.

Loredana:   (Dalla sua stanza, più dolce) Ah, ehm… sei tu? Io sono qui, in una posa sexy.

Cono:           Ma sei vestita?

Loredana:   No, sono quasi nuda.

Cono:           Ah, e allora non posso entrare.

Assunta:      E pecché?

Cono:           E si chella sta spugliata!

                     Gli altri quattro si disperano a gesti. Romano si arrabbia con lui di brutto.

Romano:     Ma si’ proprio negato? ‘E chi schifo! E’ cchiù rattuso Bastian che tu!

                     Si siede al divanetto, sconsolato. Da destra entra proprio Bastian, dubbioso.

Bastian:       Embé, a chillu cuoco l’aggia vattere!

Romano:     Ah, parlavo d’’o diavolo e so’ spuntate ‘e ccorne! (Lo chiama) Bastian!

Bastian:      (Non nota lui, nota gli altri) E che stanne facenno, chilli llà? (Va da loro)

Romano:     No, uhé, addò vaje? Lloco ddinto ce sta Loredana.

Bastian:      (A Cornelia, Assunta, Cono e Salvatore) Signori, salve! Che fate di bello, qua?

Salvatore:  ‘Na cosa ch’a te nun te riguarda proprio. Cono se sta concentranno.

Bastian:      Eh? (Poi guarda nella porta a sinistra) Uh, ma llà ddinto ce sta ‘na femmena

                    annùda! Comm’è bona! Mamma d’’o Carmine! Io me votto!

                    Entra di corsa a sinistra.   

As-Cor-Sa: Uhé, addò vaje?

                    Assunta, Cornelia e Salvatore corrono a sinistra. Romano corre verso Cono.   

Romano:    E te vuo’ movere?

Cono:         Ma aggia trasì pur’io?

Romano:    E se capisce. Bastian te sta levànno ‘a purpetta ‘a ‘int’’o piatto! Va’, muòvete!

                    Lo prende per il braccio e se lo porta a sinistra con sé.

Scena Ultima. [Benedetto e Rachele. Poi tutti gli altri, tranne Dolores]

                    Dalla comune entra Benedetto che trascina dentro casa per mano Rachele.

Benedetto: Viene ccà. Mò fa-fa… fa-fa… (Si prende a schiaffi e si sblocca) Mò facìmme ‘e

                    cunte, io e te. Inzomma, se po’ ssapé pe-pecché si’ venuta ccà ddinto!

Rachele:     E pecché mò me staje purtanno tu!

Benedetto: Nu-nun è ‘o vero. Tu ti vedi col signor R-Romano. 

Rachele:     Io?

Benedetto: Sì. Io… io… io… (Si prende a schiaffi e si sblocca) Io so tutto.

Rachele:     Ma no, nun è ‘o vero.

Benedetto: (Si arrabbia) No-non negare! Adesso do-domandiamo a Ba-Bastian. Addò sta?

                    Da sinistra esce Bastian, trascinato da Romano, Assunta e Cornelia.

Romano:    Bastian, disgraziato…!

Rachele:     Oddio! (Nota gli altri e, imbarazzata, si apparta in prossimità della comune)

Romano:    (A Bastian) Ma che ffaje? Zumpe ‘ncuollo a mia figlia Loredana?

Bastian:      Ma pecché, mica era Loredana, chella?

Benedetto: (Va ad afferrare anche lui per un braccio Bastian) Ah, tu-tu… tu-tu… tu-tu…

Romano:    Ma che d’è, sta arrivanno ‘o treno?!

Benedetto: Tu-tu adesso de-devi pa-parlare con Rachele.

Bastian:      ‘E cchele? Sì, l’aggio accattate.

Romano:    Sentite, ma vuje chi site?

Benedetto: Be-Benedetto Ilfrutto.

Romano:    Del tuo seno Gesù!  

Bastian:      Romà, io a chisto ‘o cunosco: è uno che se piglia a pacchere isso sulo!

Romano:    E pecché se piglia a pacchere?

Bastian:      Pecché s’è ‘nnammurato ‘e te!

Gli altri:     (Sorpresi) Che?!

Benedetto: Ma no. Ba-Bastian, che sta-stai dicendo?

Bastian:      Ma chi ve capisce? Ma vuje fusseve cacaglio?

Benedetto: E tu fu-fusse surdo?

Romano:    Esattamente, chisto è surdo.  

Benedetto: Ma allo-allora quala lettera ha scritto? (Fa segno e mima) Ba-Bastian, ‘a lettera.

Bastian:      Ah, ‘o menù? Romà, ‘stu tizio qui presente vo’ priparà ‘na cena ccà ddinto,

                    però a spese toje. Picciò, aggio spiso tutto ‘o fondo cassa che m’he’ dato tu!

Romano:    (Sconvolto) Che?

Benedetto: Ma che menù? Qua-quala cena? Si-signor Romano, era una le-lettera per voi.

Romano:    Per me? Ma allora nun era ‘nu menù? E chillo, Gino ‘o cuoco, mò starrà

                    cucenanno ogni ben di Dio! Bisogna fermarlo. Presto, Bastian, vola in cucina.

Bastian:      Aggia ì ‘int’’a cucina? E pecché?

Romano:    Informa Gino. Hai capito? (Grida) Informa Gino.

Bastian:      Vuo’ ‘nu furmaggino? E mò t’’o vaco a piglià!

                    Bastian va via a destra, mentre Romano cerca disperatamente di richiamarlo.

Romano:    No, ma addò vaje? Qualu furmaggino? Addò vaje? Mannaggia ‘a sordità!

Rachele:     (Va da Benedetto) Vedi? Mi hai fatto spiare da un sordo. Ma io sono innocente.

Benedetto: No, no e no. Si-signor Romano De Roma, voi sie-siete l’amante di Rachele.

Romano:    Io? E chi è ‘sta Rachele?

Benedetto: Lei.

Romano:    (La nota) P’ammore ‘e Dio! Quant’è brutta. Assù, assumiglia a te!

Assunta:     Ma pecché, io so’ brutta?

Romano:    No, però t’assumiglia!

Assunta:     (La osserva) Ma chella è Rachele. Mammà, guarde chi ce sta.

Cornelia:    (Fredda) Nun me ne ‘mporta proprio! Io e essa stamme appiccecate!

Rachele:     E’ vero. Ma se lei vuole… facciamo pace.

Cornelia:    (S’ammorbidisce e le va vicino) Io songo ‘na gran signora. (Le stringe la mano)

Rachele:     Comme so’ cuntenta! Ascolta, Cornelia, devo chiederti un favore.

Cornelia:    Dimmi pure, tesoro.

Rachele:     Io e mio marito siamo in crisi economica. Mi puoi dare dei soldi?

Cornelia:    Quanto te schifo!

Benedetto: Ra-Rachele, perché chiedi soldi alla signora Cornelia? E’ ve-vero, siamo in

                    crisi. Ma ci vuo-vuole dignità. Pe-perciò, i so-soldi ce li darà il signor Romano.

Romano:    (Si arrabbia) Io? Ma pigliate ‘a via d’’a porta e jatevenne. Fuori!

                    Romano prende sottobraccio i due e li conduce fuori porta. Poi torna al centro.   

                    Ecco qua, giustizia è fatta. E adesso vediamo a Cono e allo zio. Addò stanne?

                    Da sinistra ecco proprio Cono e Salvatore, entrambi con una mano sul viso.

Salvatore:  He’, visto? Pe’ colpa toja, io e te amme acchiappato ‘nu pacchero ‘a Loredana.

Cono:          Pe’ colpa mia? Tu l’he’ data ‘nu vaso, io invece l’aggio sulo zumpata ‘ncuollo!   

Romano:   (Va da loro) Néh, ma vuje che state cumbinanno? Fuori da questa casa!

Salvatore: E ‘o matrimonio cu’ Cono?

Romano:   Ma qualu Cono e Cono? Mia figlia nun se sposa cchiù cu’ ‘sta specie d’ommo!

Salvatore: Cono, e tu nun dice niente? Chillo te sta offennénno.

Cono:         A me? Ma pecché, ha ditto coccosa ‘e male?

Salvatore: Scé, nun sierve proprio a niente. Me faje fa’ sulo figure ‘e…! Jammuncenne.

                   Lo afferra per il braccio e se lo porta via. Assunta s’avvicina a Romano. 

Assunta:    Bravo, Romà, mò me si’ piaciuto.

Romano:   Ma sì, che me ne ‘mporta che stamme in crisi? Io preferisco la dignità.

Cornelia:   Pazzi, ma che state combinando?

Romano:   Suocera, basta, nun ce scucciate. Ate avuto ‘a casa ‘ncoppa ‘o Vommero? Ate

                   avuto a Ferrari? Ate avuto ‘e vestite e ‘e gioielle? E che ce facìte ancora ccà?

Cornelia:   Ah, sì? Accussì stanne ‘e ccose? Allora mi riprendo il regalo che vi ho portato.

Assunta:    Chella specie ‘e vaso cinese? E pigliatillo. Che ce n’amma fa’.

Cornelia:   Mò m’’o vaco a piglià. Da gran signora! (S’avvia a sinistra) ‘Sti duje piéghere!

                   Va via a sinistra, in camera di Loredana. 

Romano:   Finalmente! Liberazione! Mò se ne va.

Assunta:    Sì, ma mò comme facìmme? Nuje stamme ‘nguajate.

Romano:   Non preoccuparti, poi ci penseremo. Adesso chiedo a Bastian dello champagne.

                   Da destra invece arriva Bastian con un formaggino.

Bastian:     Romano, t’aggio purtato ‘nu furmaggino!

Romano:   (Glielo tira di mano) Ma qualu furmaggino?

Bastian:     A proposito, la cena è pronta. Dove stanno gli invitati? E la signora Cornuta?  

                   Da sinistra torna Cornelia col suo vaso cinese in mano.

Cornelia:   Ecco qua. Questo regalo non ve lo meritate.

Bastian:     Ah, ‘a vi’ ccanno. Signora Cornuta!

Cornelia:   Cornelia! Siente, Bastian, te voglio fa’ ‘nu regalo. Tié. (Gli dà il vaso)

Bastian:     E’ pe’ me? E che d’è ‘stu coso?

Cornelia:   E nun se vede? E’ ‘nu vaso cinese, dell’antica dinastia Ming.

Bastian:     (Legge l’iscrizione italiana sul vaso) “Vaso Ming”. Néh, ma che Ming m’ate

                   regalato! (Glielo restituisce sdegnato) Facìteme ‘o piacere!

                   Ed esce via a destra, blaterando. Cornelia, perplessa, gli parla dietro.

Cornelia:   Tu si’ tale e quale ‘e padrune tuoje! E’ meglio che me ne vaco. Bona jurnata!

                   Esce via di casa.

Assunta:    Beh, poi ci parlo io con mammà e sistemo tutto. Mò però vaco addù Loredana. 

                   E invece da sinistra entra proprio Loredana che si è vestita.   

Loredana: Se ne so’ gghiute, chilli duje rattuse ‘e Cono e d’’o zio?!

Romano:   Sì, se ne so’ gghiute.

Assunta:    Loredà, ma addò l’he’ misa ‘a vestaglia?

Loredana: L’ho posata e mi sono vestita. Non entrerà mai più nessun uomo in questa casa.

                   In casa entra Michele: ride come un matto. Va dai tre che lo guardano, basiti.

Michele:    (Ridendo) Salve!

Loredana: Néh, ma chi è chisto?

Romano:   Il Fisco!

Assunta:    E che vvo’?

Romano:   Mò sentiamo. Néh, ma che vvulìte, ancora? Ce sta cocch’ata multa?

Michele:    (Ridendo) Signor Romano De Roma… vi debbo dire una cosa comica: ci siamo

                   sbagliati…! Non eravate voi l’evasore fiscale! La multa… non è vostra!

Romano:   ‘O vero? Ma allora mò me restituite tutt’’e sorde?

Michele:    (Ridendo) No! Dovete fare ricorso… e i ricorsi durano anni e anni!

                   Esce via di casa, ridendo. Romano, Assunta e Loredana rimangono perplessi.

Assunta:    E vabbé, almeno ci è rimasta la nostra casa. E questa, nessuno ce la può levare!

                   Dalla comune entra Apollo con due valige. Va vicino a Romano.

Apollo:      Eccomi qua, Romano. Io sono arrivato.

Romano:   (Si dispera) Oddio mio!

Loredana: Ch’è succieso?

Apollo:      Signori, cominciate a sgombrare.

Assunta:    E pecché?

Apollo:      Io songo ‘o padrone ‘e ‘sta casa. (Dalla giacca estrae un foglio) Carta canta!

Ass&Lor:  Che?

Assunta:    Ma che sta dicenno, chisto, Romà? E’ ‘o vero, ‘stu fatto?

Romano:   (Piangendo) Sì!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno