Quanno se dice ‘a ciorta!

Stampa questo copione

QUANNO SE DICE 'A CIORTA

S.I.A.E.                                                          Teatro Comico Napoletano                                                          

Quanno se dice ’a ciorta!

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1994)

Non sono consentiti adattamenti e variazioni del titolo. 

Questo lavoro, inserito in uno spettacolo di CABTEATRO, è stato rappresentato per la prima volta nel 1995 dalla Compagnia Il Guazzabuglio di Maria Teresa Sisto.

L’introduzione in versi “E guaje ’e Pulecenella”, riportata nell’ultima pagina, è facoltativa.

S.I.A.E.                                                

                                                              Teatro Comico Napoletano

Quanno se dice ’a ciorta!

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1994)

Personaggi

MICHELE                 : Giovane squattrinato

PEPPINO                  : Amico di Michele

LADRO                      : Giovane in tuta scura

I personaggi sono di età compresa fra i 25 e i 30 anni.

Quanno se dice ’a ciorta!

La vicenda si svolge in una serata di ottobre. La scena è ambientata in un piccolo e misero tinello. Sulla parete destra un piccolo arco che fa da comune  e un vecchio mobile basso con sopra qualche rivista. Sul fondale un balcone malridotto con vetri incollati qua e là con lo scotch per pacchi. Sulla parete sinistra, verso il proscenio, una porta aperta che dà nella camera da letto, una cassapanca e, eventualmente, una sedia. Alle pareti un paio di poster di calciatori.  Al centro della scena un tavolo quadrato, coperto da incerata, con sopra un libro giallo aperto, una tazzina di caffè, una busta di latte  e una radiolina spenta.

Michele, il giovane inquilino del mini appartamento, si è appisolato, stando seduto col gomito sinistro appoggiato sul tavolo e il piede destro ingessato sollevato su una sedia davanti a lui. La gamba del jeans è tagliata all’interno, dal ginocchio in giù. Sotto la sedia, dove Michele è seduto, c’è un pappagallo per raccogliere l’urina. Una terza sedia è accostata al tavolo.

PEPPINO (dal corridoio della comune - voce fuori campo) : Permesso?...  (Entra in scena e vedendo Peppino che dorme) Chisto dorme e lassa pure ’a porta aperta...  (A voce alta ) Michè, so’ Peppino.

MICHELE (svegliandosi di soprassalto) : Peppì!... E comme sì trasuto!?

PEPPINO : ’A porta steva aperta.

MICHELE (tossisce) : Se vede ca donna Carmela, ’a guardaporta, quanno è scesa, nun se l’ è tirata!... Primma m’ ha purtato sta tazza ’e cafè e ’a busta ’e latte… Io ce aggio dato ’e cchiave accussì, quanno vene, nun m’aggi’ ’a sósere… Ha ditto ca dimane me saglie nu piatto ’e pasta. (Si guarda il piede ingessato) Stu guaio nun ce vuleva propio!... Aggi’ ’a purta ’o gesso pe’ nu mese!… Menumale ca tengo sta radiulella pe’ cumpagnia.

PEPPINO (guarda sul mobile basso): Ma addó stà ’a televisione?   

MICHELE (tossisce): ’A televisione ’a tene ’o radiotecnico pecché s’era scassata… È già venuto ddoje vote pe’ m’ha cunzignà...

PEPPINO (si siede sull’altra sedia che è vicina al tavolo) : E nun ghieva bòna ancora?

MICHELE: Che ne saccio!...  Chillo nun è sagliuto… Aggio pregato a Donna Carmela ’e lle dicere ca stongo fore Napule… Addó ’e ppigliavo’e sorde p’ ’o pavà!?

PEPPINO : Ma si nun tenive ’e sorde pe’ pavà ’o radiotecnico, comme t’è venuto ’ncapo d’ ’o chiammà!

MICHELE : Sapevo sti fatte!... Io avevo truvato chillu bellu posto ’e guardiano notturno e llà m’avesseno pavato a settimana… ’E sorde p’ ’o radiotecnico l’avesse sicuramente accuchiato pe’ quanno isso  me purtava ’o televisore accunciato… Chi puteva immaginà ca io nun ce arrivavo nemmanco ’ncopp’ ’a fatica!...  E penzà ca m’ero pure avviato pe’ tiempo! (Nervoso)  Si avesse ’int’ ’e mmane ’o cane c’ ha fatto ’ncopp’ ’o marciappiede  io ’o strafucasse  ’nzieme ’o padrone...  A me chella sciuliata m’è custata na coscia.

PEPPINO (sorride) : Però io saccio che porta bene, si uno ce va a fernì c’ ’o pere ’a dinto.

MICHELE: Sentite che scemità!...   Io ce aggio arrefuso pure ’o cazone… Ncopp’ ’o spitale me l’hanno tagliato pe’ mettere ’o gesso.… Forse ce aggio arrefuso pure ’e scarpe... ’A guardaporta l’ha mise fore ’o balcone, talmente che fetevano… (Guarda il piede ingessato - voce lamentosa) Peppì, ce pienze, agg’ ’a stà nu mese accussì!      

PEPPINO : Nu mese passa ampressa… Mò nun t’avvilì!... (Indicando la tazzina di caffè) Michè, nun è ca t’è avanzato nu poco ’e cafè?

MICHELE (avvicina a sè la tazzina, tossendoci quasi dentro) : Me n’ ero astipato nu surzillo pe m’ ’o piglià cchiù tarde cu nu bicchiere ’e latte (colpo di tosse)… Ma si ’o vvuo’?  (gli porge la tazzina).

PEPPINO (con aria un po’ schifata) No, lassa stà... Miché, ma pe’ sta tosse nun te staje piglianno niente?

MICHELE : M’aggio pigliato n’aspirina; tenevo sulo chella.

PEPPINO : Quanno ’a guardaporta toja ha telefonato, io nun stevo ’a casa…Ha parlato cu mammà.

MICHELE : E io so’ caduto ca ero appena asciuto d’ ’o purtone… È stato uno d’ ’o palazzo che m’ha purtato ô spitale. 

PEPPINO: Quanno aggio saputo ca ire caduto, aggio avvertito subbeto a Gaetano… Mò sicuramente ’o vide ’e venì.

MICHELE : È venuto già, ma nun è pututo saglì.

PEPPINO : E pecché?

MICHELE: Pecché ha avuto n’incidente propio all’angolo d’ ’o vico… ’A guardaporta m’ha ditto ca isso nun s’è fatto niente, ma ’a vespa s’ è tutta scassata.

PEPPINO : Uh, Gesù, e mò comme faccio!... Comme me ne torno â casa?! 

MICHELE : C’ ’o pulmanno, comme si’ venuto.

PEPPINO : E séh, c’ ’o pulmanno!... Io tenevo sulo nu biglietto e aggio fatto a tiempo a tiempo a ’nfilarlo ’int’ ’a machinetta quanno è sagliuto ’o cuntrullore.

MICHELE : E vabbuó va’ tranquillo!... Sicuramente ’o cuntrullore nun saglie n’ata vota.

PEPPINO : Parle buono tu!... Ma ’o guaje ’o passo io, si me pescano senza ’o biglietto.

 

MICHELE (tono accattivante): Peppì, nun me fà acalà; piglieme ’o pappavallo ’a ccà ’nterra.

PEPPINO : Michè, ma tu nun si’ paralizzato; tiene sulo nu pere ’ngessato… Facisse buono a te movere nu poco, si no fernesce ca te paralizze overamente.

MICHELE : Ma a me me fa male pure  ’a coscia… Me soso quann’ è  nicessario... Nun voglio sfurzà ’o père… È  meglio si mò apprufitto ca tu staje ccà.

PEPPINO (pazientemente si abbassa a prendere il pappagallo che è sotto la sedia di Michele): E vabbuó! (glielo porge e va verso il balcone per non dargli soggezione).

MICHELE (con molta cautela mette il piede ingessato a terra) : Stu pappavallo me l’ha dato ’a guardaporta… S’ ’o truvava pecché ’o figlio n’anno fa se rumpette ’o ginocchio.

 PEPPINO (dandogli le spalle) : Michè, vide ’e fà ampressa!

MICHELE (si alza in piedi) : E damme ’o tiempo!

Un ladro con scarpe da ginnastica, tuta nera e un sacco vuoto di tela sulla spalla, esce con passo felpato dalla porta della camera da letto, impugnando una pistola, e minaccia Michele che gli sta di fronte col pappagallo in mano.

MICHELE (solleva subito le mani in alto, reggendo con la destra il pappagallo  - voce fievole): Peppì, aiutame!

Il ladro porta l’indice dell’altra mano al naso, intimandogli di tacere. 

PEPPINO (sempre girato di spalle):  Ma che dice!...  Spiccete!   

Il ladro a gesti, facendo scorrere più volte il pollice sul medio e sull’indice, fa capire a Michele che vuole i soldi.

MICHELE (al ladro): È na parola!

PEPPINO : E sfuorzete! … (Per accelerare) : Piisc…piisc…piisc....

MICHELE (a Peppino, senza voltarsi) : M’è passata ’a voglia.

PEPPINO (adirato) : E me faje fà pure pisc pisc (Si gira e vede il ladro con la pistola in pugno - voce fievole) piisc (solleva le mani in alto).

LADRO : E ferniscela cu stu pisc pisc, si no va a fernì ca me faccio sotto!

PEPPINO (immobile - voce tremula) : Ma io ’o ddicevo pe’ ll’amico mio.

LADRO (punta la pistola verso Peppino): Nun parlà!... Damme ’o portafoglio e tutto chello che ttiene ’int’ ’e ssacche. Spiccete! Fa ampressa!

PEPPINO : E che ce vò?  (infila le mani nelle tasche dei jeans e le rivolta per dimostrare che sono vuote).

 

LADRO (ironico): ’A sacca ca tiene arèto te l’hé scurdata?

PEPPINO: Ah, già! (tira fuori dal taschino posteriore un portatessera di finta pelle).

LADRO (gli strappa il portatessera di mano) : Aiza ’e mmane! (Apre il portatessera e vi guarda dentro)  ’Ncopp’ a sta fotografia faje ancora cchiù schifo!... (Tira fuori un biglietto del pullman) Stu biglietto è ausato ’o puo’ pure jettà (fa per appallottolarlo).

PEPPINO (con le mani alzate): No, no!... Me ce songo affezionato… L’aggio tenuto dint’ ’a sacca cchiù ’e nu mese… (Rammaricato) Ogge però l’aggio avut’ ’a ausà.

MICHELE (in piedi, con le mani alzate) : Comme capitale teneva sulo stu biglietto. 

LADRO (a Peppino, buttando  il biglietto e il portatessere sul tavolo):  Miettete scuorno! (Con la pistola in pugno si rivolge a Michele) Tu staje ’e casa ccà; nun può dicere ca si’ asciuto senza sòrde....Vutte ’e mmane e damme tutto chello che ttiene!

MICHELE (abbassa le mani - timoroso) : Miette ’a pistola cchiù llà!... ’A casciaforte nun ’a tengo… (Alludendo ai poster sulle pareti) ’E quadre so chille ca vide appise.   

LADRO (minaccioso): Nun pazzià!…Caccia ’e sòrde! Fa’ ampressa!

MICHELE : Damme sulo nu minuto  (gli porge il pappagallo).

LADRO (trovandosi il pappagallo in mano, lo butta sotto il tavolo in direzione di Peppino): Che schifo!

PEPPINO (si sposta) : Menumale ca era vacante, si no me ’nfunnevo ’o cazone!

MICHELE (rivolta entrambe le tasche dei pantaloni per dimostrare che sono completamente vuote) : Ecco fatto!... Dint’ ’a sacca ca tengo arèto ce stà sulo nu pertuso… Si vuo’, può  cuntrullà.  

LADRO (nervoso): Tu me vulisse fà credere ca dint’ ’a casa nun tiene nemmeno na lira!

PEPPINO : Chillo nun ce vulesse credere manch’ isso.

Il ladro avvicina a sè la sedia che è di lato a Michele, urtando involontariamente il piede ingessato.

MICHELE (viso contratto): Mamma  d’ ’o Carmine, che dulore!...  Ogge ce mancava sulo ’o mariuolo fesso! (si siede).

LADRO : E comme te permiette!... Io ’a pistola ’a tengo ancora ’mmano… Si me faje perdere ’a pacienza....

MICHELE : E me facisse nu piacere.

LADRO (poggia la pistola sul tavolo): Io nun faccio piacere a nisciuno (si siede a cavalcioni sulla sedia).

PEPPINO (al ladro) : Ma l’hé capito o no ca isso è cchiù pezzente ’e me!... Che t’aspettave ’e truvà? (si siede di fronte a loro).  

LADRO: ’Int’ a sta casa, si ce so’ venuto, è pecché ce so’ stato custretto.

MICHELE:  Custretto a chi?

LADRO: D’ ’a malasciorta… Pe’ ghì dint’ ’a casa affianco, addó stà na  vecchia carica ’e denare, aggio penzato ’e passà  p’  ’o balcone tujo… Aggio perzo ddoje semmane a studià stu palazzo pe’ capì quann’era ’o mumento buono, ma tu nun ascive quase mai e, si ascive, turnave sempe ampressa.

MICHELE: Pecché nun avevo truvato nisciuna fatica.

LADRO: E se vede ca nun ’a cercave buono.

MICHELE: ’A cercavo, ’a cercavo e l’avevo pure truvata… Avev’ ’a piglià servizio propio stasera.

Peppino prende il suo portatessera dal tavolo, vi inserisce il biglietto del pullman e lo rimette nel taschino posteriore del jeans. 

LADRO (sorride): Già, nu posto ’e  guardiano notturno…  M’ ’o ddicette ’a ’nnammurata mia… Chella fatica dint’ a stu palazzo… Pigliaje ’o terno quanno ’o ssapette… Finalmente stasera te n’ascive a faticà e io tenevo tutt’ ’o tiempo!… Pe’ me era na scemenza trasì ccà; ’a porta toja s’arape cu nu sciuscio… Putevo arrivà dint’ a niente ô balcone d’ ’a vecchia… Chillo  sta quase attaccato c’ ’o tujo… Accussì, nun appena ’a guardaporta s’è alluntanata pe’ ghittà ’a munnezza, me so’ ’nfilato  int’ ’o palazzo e so’ sagliuto… ’A porta toja d’ ’e scale steva sulo appannata…  So’ trasuto zitto zitto e aggio truvato a te c’ ’o père ’ngessato ca durmive ncopp’ ’a seggia…   Pe poco nun m’ha pigliato nu colpo… (Nervoso a Michele) Ma comme, tu vaje a cadé propio ogge! (prende l’accendino e il pacchetto di sigarette da una tasca).

MICHELE : E che fosse colpa mia!... Si acchiappo ’o cane che m’ha fatto sciulià...

PEPPINO (al ladro): E allora?...

LADRO: E allora, senza fà rummore, so’ ghiuto dint’ ’a cammera ’e lietto (indica la porta aperta)  e da chillu balcone so’ passato ’int’ ’o balcone d’ ’a vecchia.

PEPPINO: E essa nun t’ha ’ntiso?

LADRO: No, chella stà fore; è ghiuta a truvà a na parente… Saccio c’ avess’ ’a turnà dimane (si accende una sigaretta).

MICHELE : Allora pe’ chesto s’è mmisa l’antifurto (guarda voglioso la sigaretta).

LADRO (nervoso) : E pure ’a tapparella ’e fierro… L’antifurto steva cummigliato ’a na pianta… Menumale ca  l’aggio visto! Nun sia mai sunava!...’E corza so’ turnato arèto;  pe’ poco nun so’ caduto abbascio…  E ccà aggio truvato a te c’ ’o pappavallo ’mmano e all’amico tujo ca te deva pressa… (Aspira nervosamente la sigaretta) Se pò essere cchiù scalugnato ’e me? (rimette l’accendino e il pacchetto di sigarette in tasca). 

PEPPINO: Se pò, se pò... Tanto pe’ te fà capì, tu mò staje fumanno (annusa l’odore del tabacco) e chesto pe’ te è na cosa normale…  Nemmanco te l’immagine ca nuje stammo suffrenno a te guardà.

LADRO: Aggio capito.  (Prende l’accendino e il pacchetto di sigarette dalla tasca e li poggia sul tavolo davanti a Peppino).

PEPPINO : Grazie (prende una sigaretta dal pacchetto)… ’E  ssigarette pe’ me so’ addeventate nu lusso…’A ditta addó fatico nun me pava ’a tre mmise (si accende la sigaretta e avvicina il pacchetto e l’accendino a Michele).  

MICHELE (al ladro - tono confidenziale): Si te cuntasse ’a vita mia, tu ce putisse scrivere nu rumanzo! (prende una sigaretta dal pacchetto).

LADRO: E che faccio ’o scrittore!

MICHELE : Io dicevo accussì pe’ dicere (si accende la sigaretta).

LADRO: ’E guaje mieje m’ abbastano e m’ avanzano (mette la pistola in tasca). 

MICHELE (gustando la sigaretta) : Ah, ce vuleva propio!  (rimette l’accendino sul tavolo vicino al pacchetto di sigarette).

LADRO (guarda l’orologio e si alza di scatto): Uh, comm’è tarde!... Io aggi’ ’a arrivà fin’ a Casoria.

PEPPINO (si alza): Hé ditto Casoria? (si alza).

LADRO : Sì, pecché?

PEPPINO : E comme ce arrive?

LADRO : C’ ’o motorino… Ma che significa st’ interrogatorio?

MICHELE : Chillo sta ’e casa propio a Casoria e stasera ha perzo ’o passaggio ’e n’amico (avvicina a sè la sedia e con cautela vi poggia il piede ingessato).

PEPPINO (al ladro) : Truvannete a ghì, nun è ca me putisse?...

LADRO (ironico a entrambi) : Si ve serve pure nu prestito, nun facite cumplimente... (Rivolto a Peppino) Jammo, spiccete che vaco ’e pressa! (prende il pacchetto di sigarette e l’accendino che sono sul tavolo e li mette in tasca).

PEPPINO : Grazie!... Michè, allora ce vedimmo.

MICHELE : Si viene, ccà me truove (con la mano, senza abbassarsi, cerca il pappagallo sotto la sedia dov’è seduto).

LADRO: Io invece spero e nun ve ’ncuntrà cchiù (prende il sacco vuoto da terra e, arrotolandolo, esce di scena dalla comune).

MICHELE : Peppì, addó è fernuto’o pappavallo?

PEPPINO  (si abbassa a raccogliere il pappagallo da terra e porgendoglielo) : ’O i’ccanno... Statte buono! (esce di scena dalla comune).

MICHELE (a voce alta) : Lassa ’a porta appannata!... ’A chiudo io primma ’e me cuccà… Che giurnata!... (Poggia il pappagallo sul pavimento accanto alla sedia) Faccio doppo, quanno me soso… Mò me voglio arrepusà nu poco… Cchiù tarde me bevo stu surzillo ’e cafè c’ ’o llatte e me vaco a cuccà.     

Peppino  e il ladro ritornano mestamente in scena.

Michele li osserva perplesso.

LADRO (si avvicina al tavolo, butta a terra il sacco di tela e si siede): Ma comme, io l’avevo pure attaccato vicino ’o paletto!... ’O tenevo sulo ’a na semmana… Me l’ero  arrubbato a Pusilleco.... E mò comme torno â casa!?

PEPPINO (appoggiato al mobiletto) : Ciorta, cio’, so’  rimasto n’ata vota ’nterra!... Mò nun me resta che durmì ccà.

LADRO (a Michele) : Si nun te dispiace, rimango pur’io (prende il pacchetto di sigarette e l’accendino dalla tasca e li poggia nervosamente sul tavolo).

PEPPINO (a Michele): Tu tiene ’o lietto a ddoje piazze… Ce arrangiammo.

 

LADRO: Sta jurnata è ghiuta tutta storta (tira fuori una sigaretta dal pacchetto). 

MICHELE (stringendosi la testa fra le mani): E pe’ me nun è fernuta ancora!

Cala subito il sipario

F I N E

Introduzione facoltativa in versi

’E guaje ’e Pulecenella

’Nnascosta aret’ ’a maschera,

na voce senza faccia,

te conta divertennote

’e male ’e sta città.

’E guaje ca lle succedono

ca song’ overo tante,

pe’ te che campe a Napule

nun so’ na nuvità.

’e guaje ’e Pulecenella:i guai di Pulcinella; aret’ ’a:dietro la; te conta:ti racconta; ca song’ overo tante:che sono davvero tanti.

Questi versi sono stati successivamente pubblicati nel mio libro “Chicchi di grano - Poesie, macchiette, teatro in versi, testi di canzoni” (ed Guida 2005).

A chi volesse approfondire la conoscenza del nostro idioma consiglio di procurarsi la mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (ed. Kairos 2008), un pratico strumento di consultazione per evitare soprattutto gli strafalcioni nella scrittura napoletana che, ahimè, oggi si sprecano

                                 

Colomba Rosaria Andolfi

                                

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno