Quanno succede a te…

Stampa questo copione

QUANNO SUCCEDE A TE...

                                                                       Teatro Comico Napoletano    

Tutelato dalla SIAE

                                          QUANNO SUCCEDE A TE...

Atto unico breve

di Colomba Rosaria Andolfi

(1997)

       

Non sono consentiti adattamenti, riduzioni, modifiche del testo, variazioni del titolo.

“Quanno succede a te…” fu scritto per un saggio scolastico e depositato alla S.I.A.E. il 22/1/1997. In seguito quest’atto unico fu inserito nel mio spettacolo di Cabteatro “Si ride dentro, si ride fuori”  che la Compagnia Il Guazzabuglio portò in scena nel 1998.

                                                                       Teatro Comico Napoletano    

Tutelato dalla SIAE

QUANNO SUCCEDE A TE...

Atto unico breve

di Colomba Rosaria Andolfi

(1997)

PERSONAGGI

GIOVANNI (il capo)

MICHELE

TOTONNO (’o ’nzisto)

GAETANO

ALFREDO

I personaggi sono ragazzi di strada, di età compresa fra i quindici e i diciassette anni. Indossano jeans e magliette; Michele indossa anche un giubbotto smanicato. Giovanni, il loro capo, è in giacca e cravatta perché deve recarsi a una cerimonia.

“QUANNO SUCCEDE A TE...”

Atto unico breve

di Colomba Rosaria Andolfi

(1997)

La scena raffigura una piazzetta nel cuore di Napoli. Un gruppo di quattro ragazzi parlotta in un angolo; a terra è poggiato un sacco vuoto di tela.  Un quinto ragazzo (Michele) entra in scena dal lato opposto e con aria decisa va verso di loro.

Totonno (rivolto a Giovanni): ’O vi’ ccanno. È isso.

Alfredo: Da comme cammina me pare nu poco capuzziello.

Michele (avvicinatosi): Bongiorno. Eccomi qua.

Giovanni (vestito elegantemente): E comme te chiamme?

Michele: Me chiammo Michele.

Giovanni (indica Totonno): ’O ’nzisto m’ha ditto ca vulisse faticà pe’ me.

Michele: Sì, è accussì.

Giovanni: Però primma s’ha da vedé che saje fà.

Totonno: Ha fatto sulamente ’e scippe, ma nun s’è fatto maje pezzecà.

Giovanni (rivolto a Michele): Erano almeno buone?... Quanto ce arricavave?

Michele: Comme minimo nu centone.

Giovanni: Tu si’ nuovo ’e sta zona... Addó hé faticato fino a mò?

Michele: Primma faticavo cu n’amico mio ca teneva ’o motorino; po’ ’o motorino s’è scassato e m’aggio miso a faticà pe’ cunto mio. (Sorride) ’E ccosce ’e tengo bone; saccio correre.

Giovanni: E addó hé faticato pe’ cunto tujo?

Michele: ’O  Cavone, però ’o pizzo c’avev’ ’a sburzà pe faticà llà addeventava sempe cchiù pesante.

Totonno (rivolto a Giovanni): Pe’ chesto se n’è ghiuto.

Giovanni (con fare da guappo, rivolto a Michele): Int’ a sta zona ccà cumanna ’o cumpare mio... Cu isso m’ ’a veco io... Ccà se sparte accussì: ’a mmità vène a me e ’o riesto v’ ’o spartite vuje. ’E bborze, ’e burzelline e ll’ati ccose ’e mmettimmo int’ a chillu sacco (indica il sacco di tela poggiato a terra). Mamma mia s’ ’e vvenne ’ncopp’a na bancarella. ’A mmità ’e chello ca ce guadagna s’ ’o ttène essa e ’o riesto ce ’o spartimmo nuje.... Allora che me dice?

Michele: A me me stà bbuono.

Giovanni (tono minaccioso): Gué, si viene pezzecato d’ ’e gguardie, nun fà ’o fesso!…  Arricuordete ca si cante, hé fernuto ’e campà… Tu m’hé capito?!

Michele: E comme no!

Giovanni (guarda l’orologio d’oro che tiene al polso e mostrandolo a Michele): È bello; è ovè?... M’ ’o pigliaje ’a copp’ ’o vraccio ’e uno. (Ride) Chillo steva fermo a nu semaforo c’ ’o fenestiello apierto. E che piezza ’e machina ca teneva!... (Accarezza l’orologio) Fuje overo nu colpo da maestro!... Nun le dette nemmanco ’o tiempo d’alluccà.

Totonno: Giuvà, tu si’ na cosa grande!

Gaetano (guarda Giovanni con ammirazione): Io m’arricordo ’e quanno scippaste ’a catena d’oro a chella guagliona… (Ride) Pe’ poco nun ’a strafucaste. (Rivolto a Michele) ’A catena era bella doppia.

Alfredo (sorride): Giuvanne quanno vede l’oro nun capisce niente cchiù.

Giovanni (rammaricato): Peccato ca ogge tengo che fa!... Sòrema piccerella se fa ’a Primma Cummenione... Doppo ’a cerimonia jammo ’o ristorante. Mammà ha invitato a tutte ’e pariente. (Guarda l’ora) Tengo ancora na mezora ’e tiempo... (Rivolto a Michele) Jammo, famme vedé che saje fà!

Totonno: Giuva’, che dice, l’accumpagno?

Giovanni: No; lassa stà... Vedimmo comme s’ ’a spiccia isso sulo. (Rivolto a Michele) M’arraccumanno, cirche ’e fà nu colpo buono... Chesta pe’ te è comme si fosse na prova. (Sorride) Cu ’e sorde ’e stu scippo festiggiammo ’a trasuta toja int’ a ll’organizzazione.

Michele: Te faccio vedé ca nun te ne pentarraje... Io tengo cchiù fiuto ’e nu cane (spavaldo, guarda gli altri ragazzi e si allontana).

Giovanni: Va!…Fa’ ampressa!... Nuje t’aspettammo ccà.

Michele (si gira): Accumminciate a urdinà ’e dolce (esce di scena).

Giovanni: (rivolto agli altri) Stu Michele me pare scetato.

Totonno: Pe’ chesto te l’aggio fatto canoscere.

Giovanni (rivolto a Gaetano): E tu, Gaetà, che ne pienze? ... Ce putimmo fidà?

Gaetano: D’ ’a faccia me pare pulito, ma sarrà meglio tenerlo d’uocchio.

Giovanni (rivolto a Alfredo): Alfrè, chisto è affare tujo. Vide che fa, cu chi se ’ncontra…(Si gira verso Gaetano) Tu, Gaetà, p’ ’e primme tiempe, nun ’o perdere ’e vista. Quanno fa nu scippo, vide si ce cunzegna tutte cose… Si sulamente ce prova a fà ’o furbo, lle dongo na lezione ca nun s’ ’a scorda cchiù.

Alfredo (ride): Comme ce ’a diste a Mezamano.

Giovanni: E pure peggio. (Tira fuori dalla tasca un accendino d’oro,  lo guarda e sorride) St’accendino m’ ’o fregaje ’a copp’ ’o tavolo ’e nu ristorante.A chillu viecchio rimbambito lle vennette pure na rosa (ripone l’accendino in tasca).

        I compagni ridono.

Alfredo (divertito): Chisà ’o viecchio doppo che faccia ha fatto.

Gaetano: L’avesse propio vuluto vedé.

Giovanni (sorride e si dà una sistemata al nodo della cravatta - tono confidenziale):Si vedisseve a mammà comme s’è tirata a lusso... Pare propio na gran signora...  Stammatina s’è mmiso ’o vestito nuovo e è turnata add’ ’o parrucchiere pe’ se  fà accuncià ’e capille. Fra poco ’a vedite ’e venì. Ha ditto ca me vene a piglià, accussì trasimmo ’nzieme dint’ ’a chiesa (porta le dita della mano all'altezza della bocca e con l’alito opacizza le unghie per poi lucidarsele sul davanti della giacca).

Totonno: Mamma toja starrà alicante, ma tu staje nu capolavoro. (Rivolto agli altri) È overo?

Alfredo (ammirando la giacca di Giovanni): Stu vestito te scenne a penniello.  

Gaetano: E vide che scarpe!

Totonno (rivolto ai compagni): Sta arrivanno Michele... (Ride) Guardate comme corre.

Michele (trafelato, si avvicina al gruppo. Tira fuori da sotto il giubbotto smanicato una bella borsetta e la consegna a Totonno): Totò, tié! Falla sparì subbeto! Chesta scotta assaje.

Giovanni (ironico): E che ce sta na bomba…  Pecché scotta?   

Michele (rivolto a Totonno): Totò, fa’ ampressa! Annascunnela int’ a chillu  sacco!

        Totonno infila la borsetta nel sacco di tela.

Giovanni (con fare da guappo poggia due dita sulla spalla di Michele ): Titò, t’aggio fatto na dumanda… Rispunne!… Pecché chella borza scotta?

Michele: Pecchè ’a signora nun ’a vuleva mullà ’e nisciuna manèra. Allora io me songo arraggiato e ll’aggio dato nu cavice… (Per giustificarsi) Ce songo stato custretto… E chella è fernuta longa longa ’nterra.

Totonno (pregustando il bottino): Se vede ca ’a signora sapeva ’o fatto sujo.

Giovanni: ’A borza l’hé araputa già?

Michele: Nooo!... Me ne so’ venuto ’e corza quanno aggio visto ’o sanghe.

Gaetano: ’O sanghe!

Michele: E chella è caduta propio ’ncopp’ ’o taglio d’ ’o marciappiede.

Alfredo: Povera femmena!

Giovanni: Invece lle stà bbuono, accussì se ’mpara a fà resistenza.... Totò, arape chella borza!… Vedimmo che ce sta.

Totonno (contento): Subito! (Apre il sacco e comincia a rovistare nella borsetta tirando fuori soltanto il contenuto): Ce sta stu mazzo ’e chiave.

Giovanni: Lassalo dinto. Si truvammo ’a carta d’identità cu l’indirizzo, facimmo l’affare cu Gennaro ’o sorice.

Totonno: Ccà ce stà na busta... (Vi sbircia dentro - entusiasta) È chiena ’e sorde!

 

Giovanni: Lassala dinto… E bravo a Michele! (gli poggia una mano sulla spalla).

Gaetano: Allora mò festeggiammo.

Totonno: Ce stà pure stu portatessera. (Lo apre) Peccato! Ce sta sulamente na fotografia (mostra la fotografia a Giovanni).

Giovanni (gli strappa il portatessera di mano): Ma chesta è ’a fotografia d’ ’a bonanema ’e papà!...  Allora chille  so’ ’e sorde p’ ’o ristorante…  (Si porta una mano alla fronte) Uh, Maronna!

Gaetano: Giuvà, ma che te piglia!

Alfredo: Facce capì pure a nuje.

Giovanni (con fare minaccioso, afferra Michele per un braccio): Dimme, sta signora teneva nu vestito ’e seta blù cu ’e sciure ’mpietto?

 

Michele (spaventato): Nun m’arricordo… Accussì me pare… Ma pecché?.. Ch’è stato?

Giovanni (con voce rotta): Addó è succieso?… Rispunne!

Michele (indica con la mano il luogo dello scippo): Int’ ’a siconda traversa llà ’e rimpetto... Nun ’o ssaccio comme se chiamma ’a via.

Giovanni (corre urlando in quella direzione): Mammà!… Mammà! (esce di scena).

Alfredo (rivolto a Michele): Ma comme, cu tanta gente ca ce stà, tu vaje a scippà propio a Donna Filumena!?

Michele (voce lamentosa): Ma io che ne putevo sapé?

        Totonno prende il sacco da terra e si allontana, seguito da Gaetano e da Alfredo.   Michele mestamente va nella direzione opposta.

Buio - Cala il sipario

F I N E

Il napoletano: lingua da studiare. La mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (ed. Kairòs), in vendita nelle librerie e on-line, è disponibile anche in versione Ipad.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno