Questa la par la Cà del Belfagòr!

Stampa questo copione

Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

“Questa la par la Cà del Belfàgor,,

DI GIOVANNI MOTTIN

COMMEDIA POPOLARE SEMIDIALETTALE IN DUE ATTI

Il testo è disponibile secondo la licenza

Creative Commons Attribution 4.0 International License:

https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/deed.it

Nel caso vogliate portarla in scena è gradita all'autore una Vs. gentile comunicazione attraverso il seguente indirizzo mail: g.mottin@gmail.com Grazie!


Commedia 2016                                                                   Pagina 1


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Questa la par la Cà del Belfagor!

2 atti

Ambientata nell’ appartamento del secondo piano di una palazzina, abitata felicemente da coppie

anziane. Vicini alle festività Natalizie.

Protagonisti Mario, Carmen, il figlio Palmiro

Filo (giallo) conduttore: la scomparsa della bicicletta del Mario.

Il campanello di casa (il tormentone)

-episodi/scene di vita comune nella casa dove avvengono situazioni tragicomiche

Trama

La storia comincia con una giornata come le altre (sotto Natale)

ma la scomparsa della bicicletta del "vecchio" fa prendere una piega di mistero che si risolverà solo alla fine…

Interpreti:

1.

- Mario

marito

2.

- Carmen

moglie

3.

- Palmiro

figlio

4.

- Olimpia

1^vicina di casa

5.

- Natale

Marito della 1^vicina

6.

- Amelia

Nipote di Mario e Carmen

7.

- Gianpaolo

marito della Nipote

8.

- Berenice

2^vicina

9.

- Drusilla

sorella 2^vicina

10.- Carabiniere

11.- Appuntato

12.- Tecnico Telecom

Personaggi tutti da caratterizzare ma cmq "anziani" a parte la giovane coppia Amelia / Gianpaolo e le comparse


Commedia 2016                                                                   Pagina 2


Scena1 - Mario el so mal de ventar

IL SIPARIO SI APRE E MOSTRA UNA SALA DA PRANZO ARREDATA CON UN ALBERELLO DI NATALE SOPRA UN MOBILETTO, UN TAVOLO IN MEZZO E UN OROLOGIO APPESO.

IL BALCONE E’ ACCENNATO DA DUE PICCOLE

RINGHIERE AGLI ESTREMI DEL PALCO (PROSCENIO). SULLA DESTRA LA PORTA DI

INGRESSO, SULLA SINISTRA L’INVITO ALLE ALTRE STANZE

MUSICA NATALIZIA (a dissolvere)

Carmen (entra in scena da sinistra, trascinando i piedi, accende l’alberello

natalizio)

-“Cià va! ga demm una pizzada altrimenti al

par gnanca natal!... Ooh pora mi, quanti Natal hinn pasàa… ta set propri vegnuda vegia

Carmen!”(guarda l’ora e aggiunge)

“El sarà giamò rivàa ul postin… cià che vu giò a toe ul giornal…”

(ad alta voce)  “Mario! Varda che a vu giò da

bàs a ciapà ul giornal, vegni subit! Ciamum minga che rivi subit!... T’è capii?”

(intanto esce dalla porta di ingresso)

Mario (da fuori) - “Carmen!... Carmen! ….Ooohh….” (entra in scena da sinistra

massaggiandosi la pancia)

“Carmen! ‘Nduè che ta set !? … Uuhhhh… al ma doer… crispula se’l ma doer…

(continua a massagiarsi e intanto vede l’alberello acceso) “eccula… sun chi cunt’ulmal de ventar e lèe la pensa al Natal…

(lo spegne) ...Vedemm almen de risparmiàasula buletta!... Oooohhh”

Carmen (rientra col giornale in mano)- “Oh Mario! sa ghet? Ta stet minga ben ?!”

Mario - “Parlemm no, va….Uuuhh… U durmì

maal e me sun alzàaa pegg! G’ho tutt un rugament… Ooohhh… par mi, hinn sta’ i verduur che te me metuu ‘ndela minestra iersira!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Carmen - “Ahh già! Mo’ l’è culpa mia… Ho

mai sentuu che i verdur, freschi par giunta, fann maal! Ta cugnossi ben ormai… caro ul me Mario… Scumeti che te sgrufugnàaa sù

un quajcoss stanocc, intant che mi durmivi

eh?! Gulùus d’un gulùus… va là, e questi hinn i conseguenz di too bravàtt!!”

Mario - “Va ben, Va ben… lassem perd… Ohhhh… mo’ famm un piasèe… cumpagumm al bagnn … Uhhhh…”

Carmen - “Su! dai … ‘ndemm!” (si avvicina ea braccietto lo accompagna verso sinistra uscendo di scena)

Mario (da fuori)- “Eccula... lassum chi visinalla porta… mò ma s’arangi mi!!”

Carmen  (entrando  ad  alta  voce)  -  “Ghe

mancaria alter!!! Voeri campà un quaj ann ammò !!”

(sedendosi al tavolo e aprendo il giornale)

“A proposit: cià che vedumm chi l’è che le moort”

(e aggiunge) “Ah Mario, và che incòo saràscià l’Amelia a farci visita…”

Mario (da fuori, lamentandosi)- “Oohhh…”

SUONANO IL CAMPANELLO

Carmen - “O santa! che la sia giamò rivada chi?! cià famm vedè… (si avvicina al balcone)

.... ma va… a l’è ul solit stupidott che sa

divertiss a sonà ul campanell e poe scapàa via!”

(ritorna al tavolo)

Mario (da fuori)- “Uuhhh…”

Carmen commenta col giornale aperto sui necrologi

Carmen - “Ohh santa pulenta… Cugnossi nessun !!... Peccato... ben, fa nagott!!”

(gira le altre pagine e si sofferma su una leggendo ad alta voce)


Commedia 2016                                                                    Pagina 3


“SI AVVISANO I CITTADINI CHE NELLA GIORNATA DI VENERDI’ 20 DICEMBRE,

CAUSA    LAVORI     DI       MANUTENZIONE,

VERRA’ SOSPESA L’EROGAZIONE DELL’ACQUA NELLE SEGUENTI VIE DEL PAESE ….”

(legge sottovoce, poi commenta ad alta voce) “Mario semm dentar anca num… Incòo tiren via l’acqua!”

Mario (da fuori)-

“Ooohhh… cus’è che te ditt?!?”

(Rumore di scroscio)

Carmen (alzando la voce)- “U ditt che oggi tiren via l’acqua… (legge meglio) … “famm vedè da che ura… Oh crispula! Da adess!!”

Mario (da fuori)- “Carmen, Carmen! l’acqua!... la vegnn NO! …. e mi gho ammoò de finì!!!! Uhhhh...”

Carmen (ad alta voce)-

“Sta calmo Mario… sta calmo!”

Mario (sempre da fuori)- “Cum’è fuu a sta calmo che sun chi in chela manera chi !!??”

Carmen (più agitata)- “Beh… sta li quiet.. che

dess femm un quajcoss… oh mama!!...

cert   che    s’el    savevum    prima   ma     sa

urganizzavi… Oh CIELO!... mo’ se femm?!?....

Mario (da fuori agitato)-

“ Carmen! … CARMEN!!....Uuuhhh”

Carmen (c.s.) - “Stà calmo tu dit!... propri adess che la sarà scià l’Amelia… sent che

udur!!

Verduum foera un zicc…

(apre la finestra/balcone e commenta)

… MARIO.. anca ti...

ta podevat minga fàla profumada stavolta

!?!.... Bestia che spuzzament !!“

(cerca e tira fuori un deodorante e comincia a spruzzare per tutta la sala, si ferma … annusa l’aria e… tappandosi il naso si dirige col


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

deodorante a sinistra, quasi fuori scena e da una forte spruzzata in basso)

Mario (urlato)- “CARMEN  SA  FET  ?!?...

(tossisce) ...TA SE DREE AVVELENAMM...

MUCALA!! (tossisce ancora)”

SUONANO IL CAMPANELLO DI NUOVO

Carmen - “Oh mamma questa chi l’è l’AMELIA !!!! Che figur !!!”

(e giù n’altra spruzzata, guarda dal balcone e

saluta, poi si dirige verso la porta di ingresso e rispruzza a caso quà e là)

scena2 - L’arrivo della nipote Amelia

Carmen (sorride forzatamente)- “Entra cara,ciao … come stai?... come siamo belle stamattina! ”

Amelia (entrando)- “Ciao zia!! Grazie!! … io sto bene… scusami ma sono arrivata presto

perchè ho molte cose da fare oggi e sono un po’ di corsa… “

Mario (da fuori)- tossisce forte

Amelia - “Cos’ha lo zio?... non sta bene ?!?”

Carmen - “Chi?!? Aaah.. lo zio!... No beh.. lo zio ha un po’ di tosse… da stanotte, si”

Amelia - “Ma che strano odore che c’è in casa… un misto tra lavanda e…”

Carmen         (interrompendola          subito)          -

“L’ammoniaca!!! Si.. ho… ho appena passato il pavimento con… con una nuova marca di ammoniaca, ecco!… dicevano che fosse profumata ma… al g’ha quell’udur chi!!”

(a bassa voce) “... e a mi non è ch’el me piassmia tant!! Ma t’al set… ma la cumprada ul

Palmiro cunviint de pruvàa un prodotto noef e alura podi dì nagott … (sventolando il


Commedia 2016                                                                   Pagina 4


fazzoletto davanti al naso) … ma l’è mingastàa un acquisto induinàa!!”

Amelia - “Ma allora non è che lo zio tossisce per questo ?!?”

Carmen - “Aahh … al pò dass!! Ma cus’è t’à vorat… anca lù ormai a l’è veciott e certi robb

ai sopporta pieu!!

Amelia - “Beh state attenti però… con alcuni prodotti meglio fare molta attenzione… ma vedo che avete aperto le finestre… bene!”

ENTRA IL MARIO trascinandosi e abbottonandosi a fatica il bottone dei pantaloni

Carmen (cambiando discorso)- “Ma famm capiì Amelia, Ta lavoret minga incoo?!?”

Amelia - “Si zia, sun giamò in ferie, la ditta dove lavoro ci obbliga a far fuori tutte le ferie arretrate e quindi oggi sono già a casa! Meglio così aprofitto per ultimare tutte le compere di

Natale che mi mancavano, oltre che tutto il resto.” (vedendo lo zio)

“Oh ciao Zio Mario, tutto a posto? come stai?”

Mario - “Ehhh… DISCRETINO!”

Carmen (rivolta al Mario sgomitandolo piano)

-“Amelia … si stava preoccupando perchè ti

ha sentito tossire, VERO che il nuovo prodotto per i pavimenti al t’ha dàa un pùu de fastidi ?!”

Mario - “Cus’è ?!?”

Carmen (facendo l’occhiolino e alzando la voce) -“U dit che la nuova AMMONIACA per ipavimenti che ha comperato ul Palmiro … la ta daà fastidi… perchè la fa uno strano udur…”

Mario (schietto) . “De merda!”

Amelia - “Zio! Cosa dici!?!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Carmen (fulminandolo)- “MARIO! Contieniti! ’demm…”

Mario - “Propri  sa  poe  no  respirà  !!!  Eh

contieniti.. contieniti.. se riusissi a tacà chel

butunn chi, riessaria a trategniiss puseè facilmet!”

Carmen (cerca di riparare cambiando ancoradiscorso) -“Amelia senti, al telefono ieri mihai accennato che dovevi dirmi qualcosa, c’è

qualche novità?”

Amelia - “No, niente di importante, ma volevo

avvisarti    che    ho    sentito     il    mio    amico

installatore, sai per quel apparecchio che ti permette di chiamare in caso di urgenza?”

Mario - “Ah si...specia... cum’è che el se ciama... ul SALVAGENT !!!

Amelia (ridendo)- “No zio, non il salvagent, ma il SALVAVITA… il SALVAVITA BEGALLI!

quello che ha un solo bottone rosso da premere quando non state bene e chiama lui i numeri interessati!

Mario - “Ah par mi … l’unic butunn che mi salverebbe al sarià cheschì dei pantalun… al voer minga sarass sù… sto diavul!!”

Carmen - “Dagh no la culpa al butun eh?! finchè ta segutatt a mangiàa cume n tossich,

ta podaret mai sta ben nel fisich e gnanca ben in di too calzun!!” (rivolta alla nipote)

“Al par che ghadu mai de mangiàa … al gha sempar famm… mi al su minga… pusèe al diventa vecc e pusèe al pegiura… al par un “maniaco alimentare!”

Amelia (ride)- “Su zia… non te la prendere dai… tanto ci sei tu a controllarlo no?!”

Carmen - “Si ma che fadiga tegnill a freno … beh cambiamo discorso, ehh quand’è che ul to amiìs al vegnaria scià par faà ul mestè? “


Commedia 2016                                                                    Pagina 5


Amelia - “Guarda non mi ha detto una data precisa perchè è molto preso con il lavoro… non saprei… appena ha un momento libero mi

ha detto che passerà di qua e di cominciare ad avvisarvi, ok?”

Carmen - “Va bene… E’ grazie che ogni tanto passi di quà a trovarci… ormai stà casa l’è diventada la cà del Belgafor!!”

Amelia - “Eccola, ogni tanto tiri fuori sta faccenda… ma dimmi cosa significa questa

frase che continui a ripetere ogni tanto... chi è questo Belfagor?!”

MUSICA ADATTA DOLCE IN SOTTOFONDO

Carmen (nostalgica)- “Ohh vedi cara… è una storia di un po’ di anni fa… quando noi del

condominio eravamo tutti più giovani                ed

avevamo  i  figli  ancora  piccoli…  avevamo

trovato una casetta, in montagna, niente di particolare eh, anzi piuttosto vecchiotta, ma

che ci permetteva di passare tutti insieme dei bellissimi fine settimana… sai alla sera

quando accompagnavamo i piccoli a dormire dovevamo passare lungo un corridoio esterno

ein questo corridoio c’erano alcune piccole fessure con la griglia che noi mamme

battevamo con un bastoncino e dicevamo

“Attenti  arriva,  arriva  ul  diavulett,  arriva  il

Belfagor !!

E i piccoli che correvano, ridendo, verso la camera da letto!” (sospira)Ah ...che bei ricordi e come si stava bene tutti insieme…

ora   invece   ...semm   diventàa    tucc    vecc,

imbisuìi e semm tuti sarà dentar i nost cà… e

inscìi passen i dì senza vedè pieu anima viva!

Sto cundumini l’è propri diventà ... come quella cà del Belfagor!!”

Mario - “Ma Carmen, a proposit de fieu, ‘nduè che l’è ul Palmiro?”

Carmen - “Incoo l’è andàa a lavuràa mezza giornada…”

SQUILLA IL TELEFONO


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Amelia - “Oh scusatemi, ora devo proprio andare, così ti lascio rispondere al telefono…”

(esce)

Carmen - “Ciao Amelia e grazie della visita..”

Mario (sulla porta)- “Ciao Amelia, Ciao, cerca de stà ben…e saludum ul to marii”

Scena3 - L'è sparida la "Graziella"!

SQUILLA ANCORA IL TELEFONO

Carmen - “Pronto?... Ah tà set ti!... dimmi Palmiro…”

Mario (si avvicina)- “Se l’g’ha? al stà minga ben?”

Carmen (al Mario)- “Cito! … cum’è? ah hu capìi … ta rivet tardi a mangià ! Va bene…”

Mario - “Cum’è VA BENE!? Oej, mi cuminci

ad aveghh famm è?! Cià passum scià ul telefono…”

Carmen - “Sta bun un zicc e tàas… NOo… minga a ti Palmiro… dimmi…”

Mario - “A che ura al’riva ?!?”

Carmen - “Ul tecnico del telefono ?! … Eh !?

Sent ta passi ul to pà perchè mi di chi robb chi ma s’intendi mia tropp… (al Mario) … Sent ti cus’è ch’el voer dì ul Palmiro.”

(passa la cornetta al Mario)

Mario - “Pronto! Cusal’è sta storia che ta rivet tardi a mangià !? … Va che ta speci no!!... Weei mi ghu giamo famm adess…

Fà isvelt!... Cum’è ?? ...Al vegn a mangià anca ul tecnico della Telecom ?! … Ah no, al

sarà scià in giornada par cambiarci la LINEA

…(rivolto a Carmen)


Commedia 2016                                                                    Pagina 6


Oej Carmen ta pudevat dimmel che serumm metùu in DIETA però eh ?!!

Carmen - “Ma varda che imbisuìi d’un homm… la sarà la linea TELEFONICA no? Oh cò !!”

Mario - “Va ben… se ghè un quajcoss che capissi no col tecnico ta fù ciamà… va ben…

Hu capìii, ma adess taca gio ul telefono e fa ISVELT a vegni a cà… e va DASI !! …

Sel voer dì: “CUME FU A FA’ ISVELT SE DEVI N’DA’ ADASI ???” … fa inscì e basta! Ciao… (rivolto alla Carmen)

… Wee, al s’è incazàa!”

Carmen - “Par forza… tal trattat cumè nnfiulett “

Mario - “E ti daghh sempar rasun … vedaremo ‘duè che finissum!”

BUSSANO ALLA PORTA (sul pianerottolo si vede il vicino Natale che ansima e insiste)

Mario - “Carmen, hann busàa !”

Carmen - “Hu sentu Mario, adess vu a dervì la porta…” (si dirige alla porta e apre poirivolta al Mario) “A lè sciàa Natal !”

Mario (già vicino all’alberello) - “Alura al pizzum!”

Carmen - “Mario fa minga ul spirituus, a ghe chì ul Natale

(rivolta al Natale che ansima)... chel vegnNatale, al vegna dentar … s’el g’hà… g’ha manca ul fiàa ?!?”

Natale fa per parlare ma non riesce a dire nulla

Carmen (tra se)- “O mamma… sarà mica per l’odore…

(e tirando fuori un fazzoletto dal grembiule gli tappa la bocca)


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Natale inizia ad agitarsi perchè non respira più e dimena le braccia…

Mario (a voce alta)- “Carmen!! Ma cus’è che ta set drèe a fa cus’è ?!? Inscìi t’al sufegatt !!!

Carmen - “Mi pensavi che al respirava pù par… va beh… Scusumm, toh

(offredogli una sedia a Natale) setass giò chi e ciàpa fiàa … (tra sè) se ta podat!”

Natale comincia a blaterare qualcosa

Mario e Carmen - “Eehh ?!?”

Natale - “Ho voo...ho vooo… ho voruu fà i scall de cu… de cu…

Mario - “Natale! set drèe a dì cus’è ?”

Natale - “de cursa! perchè n’del to garage …”

Mario - “N’del me garage… cosa?!”

Natale - “N’del to garage la ghè pieu la tua bicicletta!!!”

Mario - “CUS’EE??”

Natale - “Si,  s’eri andàa de bas a toe ul vin

quand hu vist che la seranda del to garage l’era verta…

u sbirciàa dentar perchè credevi che ta serat giò anca ti e invece…

e   ho    vist    quel    che    voerevi   mia   vedè:

(MUSICA ADATTA)

….   l’è sparida la tua Graziella !!!”

Carmen - “Ma Natale … ta set sicuur ?!”

Mario - “Ohh mama … famm setà giò… ma manca ul fiaàa!

Natale - “Ma si, Carmen… l’eva sempar stada là appesa sulla parete… lucidata sempre come un oracolo… e stamane gheran dumà i


Commedia 2016                                                                   Pagina 7


ganci che la tegnevan su… ma dela bicicletta gnanca l’umbrìa!!”

Mario - “La mia Graziella, … la mia povera

Graziella!!!, sent Carmen… va giò ti a vedè per piasè … famm una cortesia… ”

Carmen - “Va ben… va ben.. vo subit, devianca fa andàa una machinada de culuràa”

Mario - “T’è vist Natale eh? … sun chi con t’ul coer spezà e la mia miee la pensa alla lavatriss!”

Carmen - “Su, su dai .. to dit che vu giò subitt

… sta calmo…”

(esce da destra lasciando la porta aperta)

Scena4 - I vicini curiosi (e un po’ sordi)

Carmen (dal pianerottolo)- “Natale, vegn scià cum mi…”

Natale - “Rivii, ...dasi dasi, ma rivii anca mi..” (si alza ed esce anche lui)

Intanto arrivano gli altri vicini che sentendo i lamenti del Mario, curiosi domandano …

Mario - “Ohh pora mi… la mia Graziella… me l’hann purtada via!!”

Olimpia (entrando)- “Mario… Mario se l’è succedùu … sa g’het de lamentass ??!”

Intanto a “ruota” entra anche Berenice eDrusilla (sorda da un bel po’ di tempo) che rimane vicina all’uscio

Mario - “Oohh Olimpia taas… questa chì la duveva minga capità!!! … la mia Graziella!!”

Berenice - “Cusa l’è capitàa alla tua Graziella, Mario?!”

Mario - “Ma l’hann purtada via…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Drusilla (tirando il vestito alla Berenice)- “Se l’ha ditt ??!”

Berenice (rivolta ad Drusilla)- “G’hann purtàa via la Graziella al Mario…”

Drusilla - “Ooh povero Mario… (pausa)bestia ma che Udùur che ghè in chela cà chi!… e chi l’è la Graziella ?!”

Berenice - “Mah, al sù minga … forse una sua cusina. o una parente…”

Mario - “...Pensà quanto temp pasàa insema… la mia migliore compagna de viagg...”

Berenice (a Drusilla)- “G’ha da vess stada la sua compagna, una sua EX…”

Drusilla - “Urca! ma … ma l’è morta?!?”

Mario - “Ah ma sa troevi quel disgraziàa che me l’ha purtada via… “

Olimpia - “Ohh Mario… stà tent de fà mia una quaj vacada… “

Berenice (a Drusilla)- “No, no... l’è minga morta … l’è stada rapida !!!”

Drusilla - “ Cus’èe !?! … Vacca puleggia!!... G’hann rapii la sua EX… Ooh povero Mario!”

Mario - “E pensàa quanti avventur, … alla mattina andavi giò a vedè cume la stava…”

Drusilla (sempre rivolta a Berenice)

“Se la dì ?!?”

Berenice - “Tàas un zic che senti no! “

Mario - “E quanch’è l’eva giò de pression… ciapavi con cura la pompetta e la tiravi su!”

Berenice (a Drusilla)- “Ghe curava la depression cunt la pompetta !!??”


Commedia 2016                                                                   Pagina 8


Mario - “La tegnevi sempre in ordine… e se la cadena la cigulava un pùu, bastava metigh ‘na gota d’olii e…”

Berenice - “OOhh mama!” (tappandogli le orecchie alla Drusilla)

Drusilla - “Cus’èe !?!”

Berenice - “Tàas !!”

Mario - “ La filava via che l’erà un piasèe!”

Olimpia - “Che bei ricordi….”

Mario - “Eh si! quan’che l’era bela che prunta… g’ha montavi sura e… me fermava pieu nissun!!!”

Berenice (Sconcertata mentre tiene tappatele orecchie a Drusilla) -“DEPRAVATO!!!”

Olimpia - “Ma Berenice cosa ta gh’et?!?”

Entra nel frattempo Carmen seguita dal Natale

Carmen - “Eh si! Mario, purtroppo ul Natale al g’ha resun… Hann purtàa via la tua bicicletta!”

Berenice - “Cum’è … la BICICLETTA ?!?”

Carmen - “Si la Graziella del me marìi, la

tegneva giò in cantina tacada su ormai da tanti ann, e anche se l’aduperava minga da unbel tocc, la lustrava semper tuti i santi dì”

Mario - “Ah ma mi su chi è che l’è stàa eh … son sicur che l’è quel balordo d’un juinott che el seguta a sunàa ul campanell… scumetum ?!?”

Carmen - “Ta diset … ma dai… ga credi minga!”

Mario - “Speremm che el’ma cerca no ul riscatto perch’è de danèee ga nemm minga!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Olimpia - “Mario, Carmen mi disaria de curr

minga tropp cun la fantasia e prima de accusàaa un quajvun ch’el centra nagott … ciamaria i Carabinieer!”

Carmen - “Brava Olimpia, hai ragione l’è mej che la giustizia la faga il suo corso…”

Natale - “Preoccupivass minga tropp… gli hugià ciamà mi!”

Mario - “Bravo Natale, ta saret col fiàa curt … ma ta set prevident: Te fà ben!!”

Olimpia (gongolosa)-

“Il mio Natale ...a l’è propri un omm da spusàa!!” (e gli da un bacino)

Drusilla (a Berenice)- “Ma mi ho n’ammò de capìi un quajcoss!!”

SUONANO IL CAMPANELLO…

Mario - “Carmen! All’erta! … g’ha da vess quel disgrasiaa… A mo’ al sistemi mi…”

Carmen - “Mario stai calmo… non sappiamo che reazione potrà avere…”

Mario - “Lassa fà de mi … n’tant che hinn chi anca i testimoni…”

(si avvicina al balcone e gridando)

“OEJ  FARABUTTO!  N’DUE’  CHE  TE  ME

NASCUNDUU LA BICICLETTA ?!?

MI TA DENUNCI … ANZI PRIMA TA CATI E

POE TA PORTI DAI CARAMBA A PESCIAAT

N’DEL  DEDREE…  T’E’  CAPII  SI  O  NO...

EEH?!?

VEGN  SU  SE  TA  G’HET  UL  CORAGG...

TROGLODITA!!!”

Silenzio….

Mario - “ALUURA ?!?...”

Maresciallo (da fuori)- “Sono il maresciallo Lombardo dei Carabinieri…e sono quì con il mio appuntato….Ci ha chiamato Lei ?!?”


Commedia 2016                                                                   Pagina 9


scena5 - Riven i Carramba (che sorpresa!)

Mario (a Carmen)- “Ooh porc.. Che figura de ciculatèe!! Mo’ se fù!? ...Carmen!”

Carmen - “Cus’è che ta voeret faà ??!! Verdìich ul cancell no ?!”

Mario (agitato)- “Ecco si! Brava …”

(poi rivolto al balcone ad alta voce)

“UN   MUMENT    CHE     VA    VERDII      UL

CANCELL!!... 2° PIANO… A SINISTRA!”

Intanto i vicini escono dalla scena

Olimpia - “Carmen, Mario se avete bisogno rimango qui con voi..”

Carmen - “No, grazie Olimpia… sei sempre gentile a preoccuparti ma no è necessario…”

Accompagnata alla porta esce anche Olimpia Prima che entrino i carabinieri Carmen spruzza ancora del deodorante in casa cercando di camuffare gli odori in casa.

Carmen - “Ma vardèe se propri incòo deven vegnì scià tucc… cun’t quest uduur!”

Mario intanto va alla porta ad accogliere l’arrivo dei carabinieri

Mario - “Avanti, avanti… prego accomodatevi…e scusimm par prima...”

Maresciallo - “Buongiorno!” Appuntato (un po’ balbuziente) - “Buo..Buo.. Buongiorno!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario (riprende)- “E chee segutan a sunàa ul nost campanell … e ma fann scapàa la

pazienza… credevi de bun che anzichè vessvialtar, al fudèes stà quel disgrasiàa d’un juinott… scusimm ancamò!”

Maresciallo - “Non importa … capiamo la situazione… (annusando l’aria) ma, ditemi… cos’è questo odore ?!? … sente anche lei appuntato ?!?”

Appuntato - “Tre...Tre…

Mario - “Al faga anca Quatar !!”

Appuntato - “Tre.. Tremedo!!”

Carmen - “AAhh… l’odore… Nooo è che.. ecco si… sto cucinando, bravo (rivolta alMaresciallo).. sto facendo una … una vecchiaricetta che mi ha tramandato mia nonna…”

Maresciallo - “Ah si?!”

Carmen - “Si, Sii (strizzando l’occhiolino a Mario) … e questo odore è per via dei diversiingredienti … vede ho messo a cuocere

diverse verdure con frattaglie di maiale e vitello, poi patate, carote, barbabietole ma ho aggiunto anche degli asparagi, un cavolfiore, 2 zampe di gallina per darle un po’ di sapore

e… del fegato d’oca… del rognone con una manciata di spezie e … paprika… si anche paprika a volonta!! … è una ricetta segreta sa?!”

Mario - “U capii perchè seguti a curr in bagn!! Nanca i stregg mangiàven chi robb li!!!”

Maresciallo (sottovoce all’altro) - “Appuntato.. quì la situazione è preoccupante!”


Commedia 2016                                                                Pagina 10


Appuntato  -  “Con…  Con…  Confermo!....

chè.. Me..Metto a verbale ?!”

Maresciallo - “Scriva...Scriva…”

Appuntato intanto si siede, estrae taccuino e

penna e inizia a scrivere...

Maresciallo (agli anziani) - “Dunque … spiegateci cosa è successo per filo e per segno senza tralasciare nulla dal momento

che ogni minimo particolare può essere di estrema rilevanza!”

Mario - “Dunca… (sospiro)...Mann purtà via la Graziella!”

Maresciallo - “Chi?....un  momento,  prego!

Partiamo dall’inizio! Il nome della rapita?!”

Mario - “Graziella!”

Maresciallo - “Età?”

Mario - “Sui cinquanta… portati gloriosamente bene, però eh !!

L’eva ammò lustra cum’è quand l’ho cumprada !!”

Appuntato (scrivendo) - “...ziella !”

Maresciallo - “Come... comprata ?!” Appuntato (scrivendo) - “...umprada”

Carmen - “Maresciallo, mi scusi ma temi che gh’è sa inteduvv no!… Ci hanno rubato una bicicletta … modello Graziella… non una persona… (poi rivolta al Mario)

T’à devat parlar ciar, Mario, dai, che altriment ta fet sù un rebellott ch’ el finiss pùu! Te capìi ?!”

Mario - “Si, si … U capìi!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Appuntato (scrivendo) - “...Te, Te capìi?”

Mario (al maresciallo)- “Ma se l’è drèe a fàa ?? Al scrivv tuscoss ?!?”

Maresciallo - “Non ci faccia caso… è il suo lavoro… (orgogliosamente) Ed è il migliore!”

Appuntato                         (scrivendo)                         -

“...TU...TUSCOSS...(poi al Maresciallo)

Mi.. Mizzega, ma..maresciallo, per fortuna che sono a Como da dieci anni e a fu..a fu.. a furia

di verbali ho imparato a scri...a scri… a scrivere in dialetto...altrimenti…

(cambiando tono imitando il Mario)

DU..DU..DUMAN MATINA, SE..SE..SERUM

CHI’ ANCAMO’!”

Mario (a Carmen, sottovoce, imitandoAppuntato) -“Se..Se...Semm a post!”

Carmen (zittendolo)- “Mucala! Fàas minga catà via!”

Maresciallo - “Ma ritorniamo al furto… mi descriva l’oggetto trafugato!”

Mario - “La mia Graziella… la g’hà du root, un

manubri,un campanell,     na cadena (che la

tegni sempar uliada cume sa devv), na lùus

denanz e vuna, rossa, di dietro… ul telaio a l’è de colour verdino chiaro…”

Maresciallo - “E il volto ?!”

Mario - “Cum’è ul volto… Maresciallo.. ma l’è drèee a ciapamm par ul…”

Appuntato (scrivendo) - “..DI DIETRO..”


Commedia 2016                                                                Pagina 11


Maresciallo - “Noo! intendevo il volto del rapitore?...l’ha visto in faccia ?!

Carmen - “No,maresciallo, mi scusi… non lo abbiamo visto… deve essere successo

stanotte o di mattina presto e num serum chì in cà!”

Mario - “Già ...cun’ t un màal de ventar …però a g’ho idea de chi podaria vessistàa…”

Maresciallo - “Ah SI?!?... bene, me lo descriva allora”!

Mario - “E cum’è fuu… el me sempar scapàa via prima che’l vedevi… ma s’el cati !! ... gha’l cambi me ul volto!!”

Maresciallo - “Non faccia nulla!

Mi raccomando, a questo ci pensiamo noi

(rivolgendosi  all’appuntato)        Appuntato

rilegga il verbale… si attenga solo ai dati

oggettivi, tralasci i commenti.. (a bassa voce)

facciamo alla svelta che quest’odore è insopportabile!”

Appuntato - “Affermativo, Maresciallo!” Prende il taccuino e comincia a leggere..

Appuntato - “Co...Co...Como, Addì 20 di..di...dicembre c.a. …”

Maresciallo (togliendogli di mano il taccuinio)

-“Va beh… Dunque, ….

(legge sommariamente il verbale)

Davanti a me… scomparsa del veicolo a 2

ruote… Graziella…segni particolari…. campanello… catena… nessuna descrizione del possibile malfattore…


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

VA BENE, tutto corretto!, Bravo Appuntato!” Appuntato - “Dovere!”

Mario (a Carmen)- “Sarà... ma mi hu capìi ‘nbel nagott!”

Maresciallo - “Bene!, gentili signori togliamo il disturbo, noi cercheremo di individuare il colpevole e recuperare la refurtiva. Appena

avremo notizie vi informeremo immediatamente: state pure tranquilli;

Appuntato?”

Appuntato - “Comandi!” Maresciallo - “Saluti i signori… il dovere ci chiama!”

Carmen - “Grazie… grazie e buon lavoro allora!” (accompagnandoli alla porta)

Maresciallo  -  “Grazie  signora..  ah  stavo

dimenticando   una    cosa    importante:     Fate

attenzione perchè da stamattina nel paese per

qualche    ora     hanno    tolto      l’erogazione

dell’acqua!”

Mario - “Già!”

Carmen - “Grazie e voi come fate a saperlo?”

Maresciallo - “Purtroppo è capitato proprio mentre ero sotto la doccia, tutto insaponato…”

Mario - “Almen lu l’eva profumàa!!! … mi seri n’dela…”

Carmen - “MARIOO!!” interrompendolo

Appuntato - “Arri..Arri..Arrivederci signori!” Maresciallo (sospingendo il collega)- “A presto, buona giornata”


Commedia 2016                                                                Pagina 12


(i due escono mentre sventolano una mano davanti al naso)

Mario e Carmen - “Arrivederci e grazie….”

Mario - “Speremm in benn …”

scena6 - Carmen hann sunàaa!

Mario – “Ma com’è che la dì che ‘l se ciama ul Marescallo?!”

Carmen – “Lombardo ma pàar..”

Mario - “Par vess Lumbard al ma par proprìun terùun!!... E quel'alter? Te sentù Carmen? al betega pulito!!! Por'omm puderann mai metal a prestà servizi ai posti di blocco!!"

Carmen - "Perchè?"

Mario -"Cum'è perchè?! O Carmen, urachel'ferma la prima machina grdando A-A-A-ALT! a l'è giamò sota i root lu cun'tuta la paletta!!! ...

Mah …saru pessimista ma … par mi... quei dù lì ...da biciclette na trovann pù !...

Carmen - “Ma ta set drèe a dì cusé Mario? …

Mi sun cunvinta che hinn bravi e cataran ul ladro sul fatto anzi… sulla bicicletta… e te la riportano a casa sana e salva… la tua Graziella, ta vedaret !”

Mario - “Speremm… ma sun mia tropp cunvint… però Carmen tuta sta storia dei Carabinier… la m’ha metù famm … l’è mia ura

de mangià?!

Carmen - “Mario… anca cun che l’udur chi ta vegn fam, ta gherat minga mal de ventar ?!”

Mario - “Eehh … De vess che tuta ‘sta facenda ma fàa guarìi ul stomich e m’ha metù appetito”

Carmen - “Cià aluura … damm una mann a preparàa la tavola va…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

LA VICINA BERENICE SUL PIANEROTTOLO CON IN MANO UNA TEGLIA (FUMANTE) SUONA IL CAMPANELLO

Mario - “CARMEN! ...Hann sunàaa”

Carmen (guardando l’ora) - “Sii Mario, ho sentù… el sarà ul solit maruchin che arriva sempar a vend i so robb a quell’ura chi! Fass

minga vedè e verd minga che altrimenti al ta mola pieu!”

Berenice intanto comincia ad agitarsi perchè la teglia comincia a scottare

Berenice - “Su, daii... verdii sta porta che la teglia la scòta! “

E RISUONA IL CAMPANELLO..

Mario (d’impulso) - “CARMEN! ...Hann sunàaa”

Carmen - “Muchela e tàs... cito!”

Berenice           (commenta            lamentandosi):

“‘Ndemm dai, che la scota!” (poi ad alta voce)

“Carmen!, Mario… sii in cà?”

E RISUONA IL CAMPANELLO..

Mario (subito Forte) “CAR… (sottovoce)men! Hann sunàa!”

La vicina no ne può più, appoggia la teglia e inizia a bussare e suonare

Berenice - “Uh Geent! ...Aprite sono la BERE… Carmen, Mario!”

Carmen - “OOhhh a l’è la Berenice… MARIO! T’a set ming’incurgiù?!?”

Mario - “A l’è mezzura che ta disi che hann sunàa !!!”

Finalmente Carmen apre la porta a Berenice, la vicina.


Commedia 2016                                                                Pagina 13


Carmen - “Scusumm Bere, néh … Ma mi seri in cusina e sentivi no e ul Mario … tal set l’è diventàa vecc e un anca un pù storno!”

Mario - “Ah … MI?!?”

Berenice -  “Sentite,  visto  il  trambusto  di

stamattina ho detto alla Drusilla…<< Và che quej poor gent con ‘sta storia della denuncia,

hann nanca havùu ul temp de preparàa da

mangiàa ! G’ha porti su mi un quajcoss da

mett sota i denc!!>> e così vi ho portato queste lasagne appena sfornate…

(appoggiando la teglia sul tavolo) ... Stìi attenti che scotann ammò!”

Mario - “OOHh Grazie, Berenice, Grazie mille… serumm proprìi dree a decid cosa fàa de mangiàa… vero Carmen?...(guardando la

teglia) Finalmeent un quajcoss de bun damangiàa... Perchè ormai l’è ura de mangiàa (guarda l’orologio) o NO?!”

Carmen - “Fudess par ti… qualsiasi ura l’è “URA DE MANGIAA!”

Mario - “Beh intat che vialtar ciciaruf , vu giòuna scapada a fàa un mestè col Natale… “

Carmen -

“Cum’è ta ghavevat minga famm ?!?”

Mario (uscendo): “Si! ma questa l’è na robba pusèe urgente!” (ed esce dalla porta)

Carmen - “Grazie mille cara, sai … Ul Mario al g’ha resùn: Mi in cusina sun stà mai buna de fà un quajcoss de particular… cusinàa l’è minga ul mè mesté… sun minga una brava cuoca!”

Berenice - “Ma dai, su Carmen … non abbatterti così…”

Carmen - “Eh NO… lo ammetto… me piass

no fà da mangiàa! Purtroppo ul me omm pusèee al diventa vecc e pusèe al g’ha


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

sempar una famm cronica… e alura ta’l vedat che a una certa ura al cumnicià a trempilàa … quan’hinn i vundees e meza… al sa prepara

la tavula e al sa seta giò...

poe’l taca <<Carmen… se fett da mangiàa

incòo ??>>

... alura par tegnill calmo g’ha duu là un quaj grissino… e inscìi al stàa bun per cinq minut…

Berenice - “Oh povera Carmen!”

Carmen - “Anca sul vin… dobbiamo stare attenti!”

Berenice - “Carmen! cosa stai dicendo…”

Carmen - “No, no … non fraitedermi...ul Mario al bevv dumà un bicer a pasto… ma al voraria bevv sempar quel bun… ch’el custa pusèe… e aluura…”

Berenice - “E Aluura?”

Carmen - “E aluura femm cum’è in trattoria… al slunghum cun l’acqua senza fass vedè da

lù!... se femm minga inscìi dopumangiàa ul Mario al tira certi runfàaat!!”

Berenice - “Oh povera cà!”

Carmen (guardando la porta) - “Cito, che senti che l’è sciaa ul Mario!”

Mario (rientra in casa soddisfatto)- “Ohh bene! sun propri cuntet dell’idea che mè vegnuda… adess SI che podi mangiàa in pàas…(sedendosi a tavola) … Carmen l’è prunt?!?”

Carmen (a Berenice)-

“Ta vedat cum’è che’l fàa?!?...

(a Mario)

Si Mario, dess mangiumm sta quiet un zicc!”

Berenice - “Bene dai, mò va lassi in pàas… Ciao Mario! Ciao cara e buonappetito!”

Carmen - “Grazie del pensiero…”


Commedia 2016                                                                Pagina 14


Mario - “Ciao Berenice!.. Grazie, grazie..”

SUONA IL CAMPANELLO..

scena7 - 'ndu è che l'è finì ul Palmiro?

Mario - "chi l'è adess? Carmen... hansuunàa!"

Carmen - "specia lì un attim che vedi..."(Carmen si avvicina al balcone)

Mario - "Carmen... alura? Chi è che hasunàa?..."

Carmen (dal balcone)- "DISGRASSIÀA... VA'

CHE CIAMUM I CARABBINIEER ... MUCHELA DE FAA STI STUPIDAT...TURNA NDREE.. OEJ... VA CHE PARLI CUN TI!!"

Mario (si alza e si avvicina a Carmen)- "E

RESTITUISS     LA      MIA        BICICLETTA...

VISIGOTO!!!"

Carmen - "Mario dess agitass minga chealtriment tà vegn un quajcoss.."

Mario - "Ma sii Carmen... ta ghet resun...(poirivolto ancora al balcone) ...FARABUTTO!!!"

Carmen - "Mariooo!!"

Mario - "Un quai di al cati! ... juri!... fudessl'ultima roba che fù ndela mia vita!!!"

Carmen - "Va ben... ma adess setass gio ecalmass un zicc!"

Mario - "Ma cume fù a calmass eh? Cun quelbaluurd che al seguta a tomm in giìr!!"

... ah ma quando torna ul Palmiro... a proposit ... nduè che l'è finii? Ormai l'é ura de mangiàa!"

Carmen - "arriva pusèe tàard..."

Mario - "Mo al ciami... ndué chel'é ultelefono?" (Trova il telefono sul tavolo e


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

compone il numero)... "pronto?... pronto?...macché al g'ha ul telefono smurzàa!!.."

Carmen - "Lassal sta!"

Mario - "dess ritenti..."(ricompone il numero) “ Pronto? … E l’é chi è ca l’èe ?... la segreteria telefonica ? … senta signora segreteria la ma passa ul Palmiro per piasèe ?!? Cum’è lasci

un messaggio dopo ul segnale acustico?!? Gh’al dù mi ul segnale acustico …

(pernacchia)

Carmen - “MARIO!! NON FARE IL VILLANO!! Dev’ess che ul Palmiro l’è dree ammò a lauràaa e al poe minga respùund … te CAPII?!? Lassal in pàas!!!”

Mario - “Ma varda te… anca la segretaria telefonica sa mett in mezz!!”

Carmen - “Uffa ...l’è cum’è parlàa col mùur!, Testun d’un Testun … ma và in Paradis!!”

(Carmen esce a sx)

Mario - “Mò ritenti ancamò … Oej … al ma faa

preoccupàa quel fioeu lì!... (ricompone il numero)...Occupàaaammò ...MA L’E’

POSSIBIL?! QUANCH’E’ Lè A Cà, A L’E’ SEMPAR AL TELEFONO ...QUAND L’è VIA… AL RESPUUND MAI!! MAH…”

(di nuovo il numero) “Mò si! Ah mò ghasemm...al suna libero… Pronto? Palmiro a l’è minga ura de turnàa a ca? Oej … Chi l’è suceduù un quarantott! e ...MI … mi… insomma MI G’Ho FAMM, Te capii ??!? Fà

isvelt a vegnì a cà!! MOVEES!!!... Pronto ?!?

Cosa significa “Guardi che ha sbagliato numero?!?” A l’è minga ul me fioeu ?!? Aaahh ...a l’é ul Sciur Parroco !!! E lu s’el fàa lì

nsema     al  me  Palmiro  ?!?...  Pronto?!?...

(piano, guadando il telefono) L’ha tacàaagiò!!”

SUONA IL CAMPANELLO

Carmen (rientra)- “Vu mi a verd la porta … al sarà ul Palmiro…(guarda giu) Si l’è propri lu!”


Commedia 2016                                                                Pagina 15


Mario (non ha sentito perchè preso coltelefono) -“Pronto ? No, nient ancamò!

Eppure me pareva che al sunava … mo al ciami mi…(rifà il numero)

Dalla porta compare il Palmiro con il cellulare

in mano ma Mario non si accorge e continua la telefonata…

Mario - “Pronto ?”

Palmiro (risponde al cellulare)- “Wee sun chi! se ta voret ?!?”

Mario - “Ooh  Palmiro!  finalment!!  Oej  se

duvevi telefunàagh al Santo Padre fasevi pùsèe svelt!!”

Palmiro (sempre sulla porta)- “Perchè la màma t’ha minga dit che rivavi pùsèee tardi?”

Mario - “Ma si! Ma dess l’è prupri ura de turnàa … o NO? Va che mi sun drèe a speciat par mangiàa ‘nsema … Ma se ta tardat ammò

un pùu ...me passa la fàmm !!

Palmiro (ridendo) “A TI?!? A TI te passa la famm...ahaah… ma se fudess par ti ta mangiaria sempar … dai pà!

Cuntà minga su scemaat va là!!”

Mario - “Be!? Aluura ta vegnat a cà SI o

NO?!?”

Palmiro - “Guarda papà che sun giamò rivàa

a cà! Ma ti ta set tropp ciapà a ciamam al telefono che ta s’accorget nanca !”

Mario - “Cum’è ta set giamò a cà? ‘nduè che ta set?!?”

Palmiro - “Propri da drèe de ti! (togliendogli iltelefono da dietro) … e mo taca gio che taspendat un capitale in telefonàat!!!”

Camen alzando gli occhi al cielo, esce a sinistra

Mario (sorpreso)- “Oh porcu diavul… ta serat dree a toem in gìir ! Bravo! E ‘ntant al tò pà a l’è propri capitada grossa… “


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Palmiro - “Perchè se t’è sucèees ?!?”

Mario - “Ohh Palmiro se te savess … (drammatico) … M’hann portà via la

Graziella!!”

Palmiro - “Già … me l’hanno detto… e chi l’è che le stàaa ??”

Mario - “Varda: de  preciis al sù no! Ma son

sicur che l’è stà quel disgrasiàa d’un lazzarun

che ci viene a suonare sempre ul campanell…

e poe al scapa via…

Ah! Ma s’el cati!!!”

Palmiro - “Seee, Pà… a tè inscìi de cuùr per catàal !!!... Va che lè minga “juinott” come Ti !!!”

Mario - “S’el voer dì ?!? Guarda che anche io c’ho le armi segrete sai ?!?”

Palmiro - “Ho VIsto!”

Mario (sorpreso)- “Cus’è che te vist ?!?”

Palmiro - “Ho visto quali armi usi … sent papà...parlemm ciaar … mi voeri nanca savè cum’è te fàa e nanca chi ta dà ‘na mann … ma sicuramente a l’è una tua idea…”

Mario (c.s.) - “Quale idea?!”

Palmiro - “Fa minga finta de mià savè … che l’è tuta tapezzada la via …”

Mario - “E Alura ?!? … Ul Natale e i suoi compagni della cooperativa m’hann fà un piasèe …”

Palmiro - “Certo! Ma in questo caso g’ho idea che tu abbia esagerato un po’... va ben vess disperàa… ma diritura tacà questi manifest par tut ul paèes, dai !!!!!”

mentre rientra Carmen scuotendo la testa Palmiro mostra il manifesto con la foto della graziella e sotto una scritta SCOMPARSA!!

*** FINE PRIMO ATTO ***


Commedia 2016                                                                Pagina 16


INIZIO SECONDO ATTO

Scena8 - M’hann metùu la “BANDA LARGA”!

Si apre sipario e appare scena vuota...

Musica di carillon (a sfumare)

Entrain scena da sx il Palmiro che si prepara ad uscire di casa..

Palmiro - "Mà...Pà... Ciao... mi vù!"

Carmen (da fuori) - "Ta set drèe ad andaà ?Ciao ... Ciao"

Palmiro - "Va che starù via un pàra d'hur...preocupivass no ... t'è capi Pà?"

Carmen (sempre da fuori) "A l'è ammo drèe afà un sunellin, ta sent minga!

... va, va... g'ha'l disi mi!! Ciao."

Palmiro prende un mazzo di chiavi ed esce

Carmen (entrando da sx) - "OOhh sarà mej fàun quajcoss instu bàas, se da no ...riva sera che hu cumbinàa un bel nagott!!... Dai Carmen...Forza! "

Sbadigliando accende l'alberello...

Carmen - "Meno maal che l'acqua l'hanntacada! ...E finalmeènt em podùu cascià via quei measmi ... savevi pù cus'è fà!"

Canticchia "Acqua azzurra...Acqua chiara... " intanto che mette via dei piatti

LA INTERROMPE IL SUONO DEL CAMPANELLO.

Mario (da fuori) "Carmen! ... Hann sunàa!!"

Carmen (tra sè imitando male il Mario) "Hannsunàa...Carmen hann sunàa...


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

ma va Mario che ta set un bel robb eh?!

Lù al màngia, al dòrma, al cumanda

ma chi l'è che la devv sempar truttà l'è la Carmen..."

Avvicinandosi al balcone

Carmen- "Speremm che sia ul Palmiro ch'elsè dimenticàa un quajcoss e minga

chel'là perchè altriment... g'ha casci giò in sul cò una pentula d'acqua...

(guarda dal balcone) ... No! Nè vun nè l'alter...

specia che senti chi l'è e

cos'el voer..." (Alza il Citofono) "Siiii ?!?"

Carmen "Oh Buongiorno! Si, si ul mè fieu almà visàa... che'l vegna su!!"

(attacca il citofono) e grida verso sinistra ... "Mario, MARIO!!!"

Mario (da fuori) "OOeeh! Se ghè ?!?"

Carmen "Và che le dree a rivàa ul tecnico...vegn sciàa per piasèe! "

Mario (entrando abbotonandosi ancora ilsolito bottone) "Rivi...rivi"

Carmen "Sent Ti cus'el voeur ... tal set che miin di robb tenniche capissi propri un bel nagott..."

Mario "Lassa fà de mi!!!"

Carmen apre la porta ed entra il Tecnico Telecom...

Carmen "Prego... buongiorno.. la lascio colme marìi...(rivolgedosi a Mario)

... Va che vado un salto dalla Olimpia... ma racumandi eh ?!" (esce dalla porta)

Mario "Va, Va... va tranquilla... stu chi mi... (altecnico)

Buongiorno! Se l'è chi a fàa cus'è ?!?"

Tecnico "Buongiorno! Sono qui per installarvila "Banda larga".. al sa regorda?"


Commedia 2016                                                                Pagina 17


Mario "Cus'è , La BANDA LARGA ?!? Se l'è?! Una fascia elastica ?!?"

Tecnico (sorridendo) "Ma no, sciur Mario...

Non è una fascia... è uno scatolotto che serve per navigare ..."

Mario "Par fà cus'è ?!?"

Tecnico "Per navigare ... e più velocementedi prima... Ul so fiuoo la sa!!"

Mario "Ahh … la serviss per navigaà ?? Wee juinott va che mi … un pù de ann fà, seri

propri bravu nel canottaggio..."

Tecnico “Ah ci credo, ci credo…  ma questa

cosa (mostrando un modem) serve per navigare... nella RETE!”

Mario “Ah! mi u sempar doperaà la canna!”

Tecnico “Come ?”

Mario “... Par pescà! … U dì che hu sempardoperàa la canna, mai usato la rete!

Ciapavi su di quej pèes ….

grand in stà manera! <aprendo le mani> Orca fioee se n’hu catàa!

Tecnico “Posso appoggiare gli atrezzi?”

Mario “Oh ch’el faga pùr … ma… al ma disa na roba … cume femm a navigàa cun quelrobb piscinin lì? Eh?

... S’è l’è... un canotto gonfiabile ?

Tecnico  <Ridendo>  “Nooo,  questo  è  un

MODEM mica un gonfiabile.. e per giunta guai, dico GUAI a metterlo nell’acqua, si

fulmina!!!

Mario “Oh bella!! E cum’è femm aluraa… capissi minga!”

Tecnico: “L’è  un  modo  di  dire  moderno!

Oggi, oltre a navigare sul mare, con questi si può navigare in INTERNET!.... SUL WEB...ha mai sentito parlare del WuWuWu ???


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario <pensieroso poi esclama>

“AAhh  Siii!      ...Quej    del    Panda!     .     ul

WuWuWuEffe!! Ogni taant m’ha riva la pubblicità!”

Tecnco “No Sciur Mario, quelli di W ne hanno solo 2! Questo ne ha 3! WuWuWu … …e il suo computer si apre al mondo!...

Vede Mario, per farle un esempio io con questa cosa qui, posso comunicare con un amico che è in ferie in Giappone, leggere la

mia posta in America, guardare le notizie dall’Inghilterra, sapere in qualsiasi momento

quanto soldi ho in banca e anche trovare la strada per una località sconosciuta! Oppure

semplicemente leggermi un libro o vedere un film…tutto questo con pochi click ... e da oggi

tutto più velocemente!!!

Mario “Vacca paja! Tuscoss n’sema? E ghavà minga insema la vista ?!!?

Tecnico “Nooo! Ed essendo più veloce vedrà

come sarà rapido anche quando dovrà fare dei DOWNLOAD…”

Mario “Se l’è cusèe ?”

Tecnico “Che cosà?”

Mario “Il GION BRAUN... Li... quela roba che l’ha pena dìi??”

Tecnico “Il DOWNLOAD? Ah niente è quando deve SCARICARE…vedrà come farà veloce”

Mario “Wee NAN! Va che hu pena passà l’intera matinada a scaricamm ...

Che s’è l’era puseè VELOCE rivavi nanca in temp al baagn!! …

Dopu altar che WuWuWu…Wu..revi vedè se fasevi!

Tecnico “Ah … ma questo non è un problema che mi riguarda..”

Mario “..S’el veniva sciàa stamatina ...sicuramente l’eva SI, anca un problema soò!”

Tecnico (intento che continua a lavorare)

MAh ….non capisco… Ecco ancora 2 fili e

poi ho finito … “


Commedia 2016                                                                Pagina 18


Mario “Ehh però la fàa anca isvelt … devi digh un quajcoss al me Palmiro ?”

Tecnico - “No dovrebbe sapere già tutto e

comunque ora le lascio il librettino con la nuova password… (vedendo la faccia delMario si corregge)… la PAROLA D’ORDINE!”

Mario (guardandolo un po’ strano) “Cus’è?! La PAROLA d’ORDINE ???

Al varda che semm minga in guera… ma da m’bel tocc!!”

Tecnico (alzando gli occhi) “Lo so benissimo, ma la PAROLA d’ORDINE serve per non fa entrare gli intrusi … “

Mario “OEEEH! Non me ne parli!! …. M’hann

pena purtà via la Graziella !!

Tecnico “Eehh ? Ma nooo,      non ha capito,

parlavo di quelli informatici.. serve per tenere lontano gli HACKER!”

Mario (facendo finta di capire) “Ahhh la serviss per tegniì luntan i…

(poi rivolgendosi a sx) Wee Carmen! Abbiamo risolto tutti i problemi con gli ACARI !!! Da

duman ta podat durmii tranquilla!! (sottovoce al tecnico) “tant la dorma mai !!!”

Tecnico (tra se) “Ma non era uscita di casa ?!... Mah!” (poi ad alta voce) ”Bene, sciur Mario io ho finito … è tutto a posto e

comunque per qualsiasi problema dica a suo

figlio che chiamando il nr. verde scritto qui

(fa vedere la scatola) gli dicono cosa deve

fare, va bene?”

Mario “Va ben, va ben…e... gha devi dagh un quajcoss ?”

Tecnico “No, no a me non deve niente, sarà già compreso nella prossima bolletta”

Rientra in casa dalla porta Carmen


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario (rivolto a Carmen) “Ah.. ta set chi!?

Varda che ul sciur chi la pena finìi de fà ul mestè!”

Tecnico (uscendo di casa) “Allora arrivederci, vi saluto e vi auguro una buona giornata!”

Mario (accompagnandolo alla porta) “Grazie,

Grazie … e allora … SAJONARA! “

(intanto il tecnico esce) “... El’ma saludai so

ACARI!!”

Carmen (sorpresa) “Ma Mario?!? Se ta set dree a di cus’èe ??? Te bevùu ul vin ?”

Mario “Preocupass minga che num du sa intendum…”

Carmen - “Ma almen t’è capii un quajcoss ?!?”

Mario - “Mah...A dì la verita… U capìì dumà na roba… che hu capii un bel nagott!!”

Carmen - “Ma forse l’eva l’amìs del’Amelia …

quel che doveva collegà un scatolott con un bottone rosso per le emergenze…”

Mario  -  “Ma  l’ha  ditt  un  quajcoss  sugli

INTRUSI ..(guardando il modem) ma mi ...de BUTUNI ROSSI na vedi no! Mah”

SUONA IL CAMPANELLO

Scena9 - 'sti Caramba han truvà un bel nagott!

Mario va verso la finestra e grida ...

Mario - “PAROLA D’ORDINE!!”

Mario fa cenno alla Carmen di star in silenzio e aggiunge

Mario (sottovoce) - “Oej ...la BANDA LARGA... la funziona!!”


Commedia 2016                                                                Pagina 19


Risuona il campanello…

Mario (gridato) - “PAROLA D’ORDINE!”

da fuori campo si sente l’appuntato che chiede al Maresciallo

Appuntato - “Ma.. Ma… Maresciallo… che

rispondiamo?? Io me..me..me la sono scordata!!! Lei la sa??”

Maresciallo - “No!! Ma sul verbale non l’ha scritta?!”

Appuntato: “e come facevo ???.... è se...è

se...segreta!!!”

Maresciallo - “Imbecille!!!”

Mario (alla Carmen) - “Hinn i solit Carabbinier

e mi u fàa la solita figura…” (ai Carabinieri) “Ahhh sii vialter do… Prego salite, va specii!”

Carmen - “Quand hinn ndàa via ta ma spiegat cus’è che ta serat dree a fàa...”

Mario - “Si dopu...dopu… speremm che l’abbiano trovata… la mia Graziella!!

Chiss’à cumè l’hann cunsciada!!...”

Entrano i Carabinieri

Maresciallo - “E’ Permesso?”

Mario “Avanti, avanti… scusimm ma ...s’eri dree a pruvàa cun’t la mia dona la Banda Larga!”

(I due Carabinieri si guardano come a chiedersi cosa stia dicendo)

Maresciallo - (sottovoce allappuntato) “La situazione di questi due stà peggiorando …”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Appuntato - “Affermativo!”

Maresciallo - “Mi ricordi che appena arrivati in

caserma faremo doverosa segnalazione all’ASL… credo sia per colpa di quegli intrugli che prepara la moglie…”

Mario - “Aluura ? Avete novità ?!”

Maresciallo - “Ecco signor Mario...siamo venuti qui per quello!”

Mario (a Carmen) - “Ecco ta vedat ?! Ti che ta credevat minga…”

Carmen (tra se) - “Eccula...adess sun mi che ga credevi no… “

Maresciallo - “Beh ecco … veramente abbiamo cercato ovunque… ma della sua bicicletta purtroppo… neanche l’ombra!”

Appuntato         -         “A…        A…         Abbiamo

fe...fe...fermato tutti i ciclisti che passavano

dal paese ma...ma.. ma nessuno di loro possedevano una bicicletta co...co… come da Lei descritta!”

Mario - “O porcu sciampitt… nduè che l’avrà nascosta quel disgrasiaa?...”

Carmen - “l’avrà mica smontata e venduta pezzo per pezzo ?”

Mario - “Ooh Signur.. la mia Graziella… ma senti maal…”(si siede)

Maresciallo        -         “Nossignora,     abbiamo

ipotizzato anche noi un possibile traffico di

pezzi di antiquariato ma dai nostri registri non ci risulta nulla del genere…”

Mario - “Weee  ...adasi cunt’ i parool èh?

Antiquariato un’acciderbula! La mia Graziella

aveva solo 50anni !! E portati bene ...per giunta!!!”

Entra Palmiro dalla porta


Commedia 2016                                                                Pagina 20


Palmiro - “Ohh Buongiorno a tutti … se fann chi le forze dell’ordine ? ... Ah specia… sono

qui per la scomparsa della bicicleta...ho induinàa ?”

Mario - “Si Palmiro…”

Palmiro - “A proposito… avete sentito la notizia ? “

Carmen - “No, Palmiro, se l’è succedù ?”

Palmiro - “Pare che oggi in paese sia stata

bloccata in modo imprevisto la ormai storica manifestazione ciclistica chiamata “Il Giro dei

Babbi Natali” … ma non era il solito controllo antidoping, No!… pare che 2 carabinieri

abbiano voluto controllare tutte le bici in gara… UNA ad UNA!!!

Estraendo il fazzoletto e asciugandosi la fronte l’appuntato sospira:

Appuntato - ““SIGNORSI’, CONFERMO!!”

Maresciallo - “Ecco vede… Noi stiamo facendo di tutto per riuscire a recuperare la refurtiva, ma chiedo gentilmente a voi che, se per qualche motivo, venite a conoscenza di fatti o persone riguardanti questo caso di

contattarci immediatamente e di non fare stupidate...ehh? Signor Mario ha capito?”

Mario - “Ho capito… u capii… ma intant chiss’à me la sofriss la mia Graziella… Luntan da mi…!!!”

Carmen - “Dai su...Mario! Mo esagera minga dai… Semm minga drèe a parlàa di una persona dai… alura cus’è ta fasevat se al post della Graziella purtaven via mi ???”

Mario - “Ehhh… (tra se) Magari!”

Carmen - “COSA!?”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario - “Ma noo dai... sun drèe a scherzàa…Ta ghè resuun … a l’èra dumà na bicicletta!”

Maresciallo - “Bene!  Ora  noi  torniamo  in

caserma, eh appuntato? Con tutto il lavoro di ricerca fatto oggi … una bella doccia non ce la

toglie nessuno (rivolto ai coniugi) “Visto che l’acqua è stata riallacciata!”

Appuntato - “Arrivederci…” Maresciallo - “Buona serata!”

Carmen (accompagnandoli alla porta) - “Buona serata a voi e grazie …”

I due escono.

Mario - “GRAZIE de cus’è ?!? … Hann truvàa nbel nagott!!!”

Scena10 - la cena di poaritt

Carmen - “Beh … cus’al voer dì?!? Luur fann quel che podann anzi… hann ‘dirittura bloccà

una gara ciclistica par cuntrulàa se ghera la tua bicicletta… pùuseè de inscìi se ta voerat ??”

rivolta poi al Palmiro

Carmen - “E ti ?!? Ta disat nièent ?!”

Palmiro - “Ma dispiàas ...ma la mama stavolta la g’ha resùun: stiamo parlando di una

bicicletta, Pa! Se fàan giàmò fadiga a truvàa una persona rapita… figuremass di una bicicletta de cinquant’ann fa !!!”

Mario - “Si ma l’è minga una bicicletta qualunque… a l’è la MIA GRAZIELLA!!!”

Carmen - “Oooh quanti storìi, par luur s’à

cambia ?!? Ben, ben dess cambiem discuurs che sa devi mett drèe a preparàa la cena


Commedia 2016                                                                Pagina 21


cus’è che preferissuv MINESTRINA o FURMAGG è PURE’ ?”

Palmiro - “Me par de vess in uspedàal !!! Ehh

Quand’è che passano a togliermi il catetere?” Carmen - “Mucala de cuntàa su scemàat e damm na risposta!”

Palmiro - “Par mi va ben na pastina …”

Carmen (rivolta al Mario) - “E ti ?”

Mario (sedendosi) - “Ahh…cun sti’ nuvitàa ...

a m’è scapada la famm… mangi n’bel nagott!”

SUONA IL CAMPANELLO…

Mario - “Carmen!... respund ti che mi ghu minga la forza nanca de mandàll all’inferno!”

Palmiro - “Fermi, vado io … (guarda dalbalcone) … L’è la Amelia con ul soo marìi !”

Carmen - “Mario, SU EH!? Buttass minga giò inscìi dai!... Metì là na pastina anca par ti !”

Palmiro - “Mi vu incontro agli sposini… "

(e va alla porta e apre)

Entrano Amelia e Gianpaolo

Amelia - “Ciao Palmi… come stai? … Zio Mario, zia Carmen… tutto bene?”

Gianpaolo (ad Amelia) - “Amelia dai… sai che non mi piace che chiami tuo cugino PALMI!”

Palmiro - “Ohh non preoccuparti è una vita che mi chiama così!!... vero AME?”

Carmen - “Ciao ciao… oh che bello vedervi tutti e due … come state ?! (rivolta al Mario) Weej … t’hann saludàaa”

Mario - “Ciao, Ciao Amelia…. ohh le vegnù

scià anca ul Giampaolo?

Bravi, settivas gio! Palmiro! porta scià n’altra sedia par ul Giampaolo…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Giampaolo - “Ma nooo lassastà stu in pè… tant scapumm via subit, vero cara?”

Carmen - “Ma dai su!.... cinq minut dai… va

fou no pagà ul bgliett!”

Amelia - “Ma si! Ci fermeremo poco perchè siamo un po’ cotti e dobbiamo ancora mangiare… Oggi è stata proprio una bella

giornata, sai zia?  Siamo finalmente riusciti a

trovare il tempo per passare nei vari negozi e comperare gli ulltimi regali di Natale …”

Giampaolo - “Già! Tutto il santo giorno tra i negozi…”

Palmiro (sottovoce al Gianpaolo) - “Chissà che bel divertimént…”

Gianpaolo (sottovoce) - “Ufff … Non me ne parlare…. du bocc” (facendo il gesto)

Amelia - “Vero caro… una giornata stupenda … ,a cosa stai dicendo a Palmi?”

Gianpaolo - “Noo disevi che… che  abbiamo

trovato   anche    le    BOCCE   per    il    nostro

Alberello!”

Amelia - “Ehh si! il nostro PRIMO NATALE da sposini!!”

Mario - “Tegnìill bel streeng ch’el passa in un attim .... Ma a proposit (guardando l’orologio):

Avii già mangiàa ?!?”

Amelia (guardando la Carmen che alza gliocchi al cielo) : “No zio, dobbiamo ancoracenare…”

Carmen - “Il vostro primo Natale… che bell…

ta sa regordat Mario, ul nost?!... Gherum

nagott, serumm senza danèe ma innamorati come ul prim dì! ...Ehh bei tempi!!!”

Mario - “Ah si .. si! Quand la tua mama l’era

borlada gio par ul giazz … (a Gianpaolo)...


Commedia 2016                                                                Pagina 22


Ghera giò un giazz alt inscii … al faseva un frecc de biss … porcoboia che frecc ch’el faseva quel Natale!!”

Carmen - “Mannoooo!! Quel’lì l’era ul Natale dopo, si ... quand la mia mama l’hemm purtàda all’uspedàal … che tòma che la fàa, pora dona ... “

Mario - “E inscii hemm saltàa anca ul pranz

!!!....     A     proposit:      (sempre       guardando

l’orologio): Avii già mangiàa ?!?”

Carmen  (guardando  Amelia         che   ride)     -

“T’hann già dìi de NO do voolt !! T’he minga sentii prima ?”

Mario - “Eh … avevi minga sentù… “

Palmiro - “Seee ... (rivolngendosi allamamma)Ma quindi ? Cum’è lè finida cun lanonna ?”

Mario - “Ooh … fintant che l’era all’uspedaa

...tutto bene… e quan che l’è turnada a cà

...UUHH”

Carmen - “Cumincia no con sta storia eh

Mario!... Pora dona, la pudeva minga movees e insci …”

Mario - “La se faseva servìi e riverìi cum’è na regina !! … anca quand l’era guarida !!!”

Carmen - “Ooh senti … la mama l’è sempar la mama!!!”

Mario - “Paar Ti!... par mi l’è sempre stada la SUOCERA!!! … Anca se l’era ferma cun la gamba rotta… bisognava imbùcala !!!”

Gianpaolo - “Ma dai ?”

Mario - “A proposit (riguardando l’orologio):Vialtar... avii già mangiàa ?!?”

Palmiro - “Ohh Pa! MO BASTA! ...n’demm te l’hann già dii de NO ‘na mota de voolt,...


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

A DEVAN AMMO MANGIA’ !!!! Capiselà un pùu…’ndemm”

Mario - (guardando sempre l’orologio) - “Ehh u capìi, u capìii… (sottovoce) Mi u capìi!”

Amelia (cambiando discorso) - “Beh appena

passato Natale, io e Gianpaolo abbiamo già prenotato un viaggio all’estero ..”

Carmen - “Ooh che bello e ‘nduè che vii ?”

Gianpaolo - “Africa!... più esattamente e Tenerif!”

Amelia - “Siii al caldo!!!”

Palmiro - “In mezzo agli ippopotami !!!”

Amelia - “...alle giraffe, le antilopi… SI! Non vedo l’ora di fare un bel safari!!.. ”

Carmen - “A mi... l’unic post all’estero che m’ha purtàa ul Mario: l’è sta a Livigno!!”

Mario - “Ma se tu purtàa anca in Svizzera … dai Carmen…”

Carmen - “SI... par fà ul pien de benzina!!!... Ma sa po!? Che du martutott che semm !!!”

Amelia - “Ma dai zia … allora erano altri

tempi... adess con poco ta vett molto più lontano… così si possono visitare luoghi mai visti, conoscere razze, lingue… provare cibilocali...”

Mario - ““T’è ditt ben ecco...(rivolta alla mogliee a Palmiro)…alura adess lassej andàa quidu chi che devann ammò mangia!!”

gli altri si guardano in faccia e scoppiano tutti in una fragorosa risata!!

Carmen (ad Amelia sottovoce) “A l’è un bel furbett!!, a l’è turnada la famm ma al voer minga dill !!”


Commedia 2016                                                                Pagina 23


Amelia - “Ma si, lo zio ha ragione! E’ meglio

che togliamo il disturbo, così potete mangiare anche voi!”

Palmiro (a Mario, ridendo) - “Ta set un bel elemeènt ...

Mario - “Perchè? Cus’hu dì del maal?”

Amelia - “Ciao Zio … buona cena…”

Gianpaolo - “Ciao Mario, Ciao Carmen… Ciao Palmiro…

Palmiro - “Ah se volete passare dopo cena … stasera femm la tumbulada cunduminial… “ Carmen - “Ma si dai… ci farebbe piacere...

inscii a riduvv un pùu!!”

Amelia - “Ooh si che bello (a Gianpaolo) c’è sempre da divertirsi in qs. occasioni…”

Gianpaolo - “Ma io sarei un po’ stanco Amelia… è tutto il santo giorno che giriamoper i negozi!!!”

Amelia - “Ecco appunto! Così chiudiamo la giornata in bellezza!! Dai, dai… (agli zii) Grazie, ci saremo anche noi!” -

Gianpaolo sbuffa

Amelia - “Dai Gianpaolo mangiamo una pizza veloce e poi torniamo…

su (sospingendolo fuori)..Ciao zia!, Ciao zio…

ciao PALMI!...”

Palmiro - “Ciao AME!!”

Amelia e Gianpaolo escono dalla porta e Carmen esce da sinistra

Mario (quando usciti) - “AMEN!”

Palmiro - “Si ma anca ti Pà, ta gh’è un tatto … “

Mario - “U capìi ma segutaven a ciciaràa,ciciaràa, ciciaràa … e intant la pasava anca l’ura de cena!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Palmiro - “Ma se prima ta gherat minga famm ?”

Mario - “Bravu... te propri dì giust:...PRIMA!”

Carmen (entra portando un piatto in tavola) -

“Ecco Mario la tua minestrina … occhio che la

scota! mangia su isveelt che ormai sarann scià i alter per la tumbulada…”

Mario (lamentandosi)-”Eccula… adess sun

mi che devi mangiàa su isveelt! ... che manera de fa!! ...La ma par la cena di poaritt!!”

RISUONA IL CAMPANELLO...

Scena11 - La Tombolada del cundumini

Mario - “PAROLA D’ORDINE!”

I vicini sul pianerottolo con la tombola sotto braccio

Drusilla - “Se l’ha di?”

Berenice - “Un quajcoss ch’el finiss con ORDINE!”

Natale - “FORZE DELL’ORDINE!!”

Olimpia - “Ohh povero Mario … c’ha scambiati per i Carabinieri…”

Berenice (alla porta) - “NOO semm minga i

Caramba! Semm nun Mario! semm chi par giugàa alla tombola, ‘se rigordet?!”

Mario,sbuffando- “Ma ‘nchela cà chi sa poe minga mangiàa in santa pàas …

(ad alta voce) “A GHE’ NISSUN in CA’!!”

Carmen - “MArioo ndemm ...fà no ul maleducàa… (rivolta al figlio)Palmiro và ti a verd la porta..”

Palmiro apre la porta di ingresso


Commedia 2016                                                                Pagina 24


Palmiro - “Ohhh eccovi già qui...avanti, avanti prego… serumm drèe a finì de mangiàa ma fa nagott…”

Carmen (portando via il piatto al Mario) “Cià cià che preparum i post per la tumbulada… Palmiro va de là a tòe i cadrèegh…”

(e porta via anche il bicchiere al Mario mentre stava bevendo)

Mario - “Ma cus’è crispula.. almen famm finì!”

Carmen - “Su, su dai ...a l’è finìi ul temp ---TEMPO SCADUTO!...”

Palmiro (uscendo a sinistra) “Con permesso…”

Olimpia (a Mario) - “Allora...ci sono novità ?!”

Mario    -     “Par   cus’è   ?!   …    Ah   per    la

Graziella!!...No! I Carabinier hann truvàa ammo nient”

Olimpia - “Dai Mario sii fiducioso, vedrai che la cosa si risolverà a breve… ne sono certa!”

Natale - “Ma siii dai Mario, dai… ta vedaret che con i soo temp… i Caramba ti risolveranno il caso… e poi li ho chiamati io

!!!!... Vero Drusilla ?!?”

Drusilla distratta e sorda non risponde

Berenice - “Wei Drusilla… và che inn drèe a parlà cun ti! T’è pizàa l’apparecchio?!?”

Drusilla - “Cus’è ?!?”

Berenice - “L’apparecchio (indicando l’orecchio) ...Pizà sù sto robb!!!”

Drusilla - “L’orecchio ?!?... ahhh l’apparecchio !!! Si, Si… g’ha lu suu!!”

Berenice - “Hu capìii … ma pizal!! ACCENDILO!!!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario (alzando gli occhi al cielo)- “Cumincium ben!... che serata!”

Palmiro (rientra con 2 sedie) -Ecco le prime … trà un’attim rivi con le altre…” Carmen - “Eccula… intant che ul me Palmiro

al finiss de purtà scià i cadreegh cumincium a distribuìì i cartell eh...san disuvv?”

Olimpia  -  “Ma  si  va  bene  ma  non  ti

preoccupare, aspettiamo che tutti si possano sedere..”

Mario - “Mi ciapi ul cartellun !”

SUONA IL CAMPANELLO

Mario - “Carmen… hann sunàa!!”

Carmen - Forse la da vess l’Amelia col soo marii (a Olimpia) ul Gianpaolo!”

Olimpia - “Ohh vegnan sciaà anca luur? Ohche bell! Te sentù Natale ? Ci saranno anche gli sposini!

Carmen dal balcone - “Si si hinn propri luur … verd Palmiro!! ...Che pizza veloce che hann fàa, però!”

Drusilla (a Berenice) -

“Cus’è che l’è capità ?? “

Berenice - “Rivenn su gli sposini !!!”

Drusilla - “Hinn saltà su i tombini ?!”

Mario -DRUSILLA PIZA LA’ STU ROBB !!!

Demoni!!! Inscìì ta vinceret mai a tumbula!!! (a Carmen) Carmen… E il cartellun ??”

Carmen “Un mument Mario! Hinn drèe a rivàa l’Amelia e il soo Om”

Mario - “E aluura? podann fà istess i scaal anca se mi gho ul cartellun!!”

Carmen (pestandoglilo in testa)


Commedia 2016                                                                Pagina 25


“TO!! e Taas un mument…

Mario - “Ehh Che fà de manera!!”

Entrano i due sposini dalla porta

Amelia - “E permeeesssso ….”

Gianpaolo - “Sera! buonasera a tutti!”

Carmen - “Bestia ma in’duè che sii andàaa a mangiàa la pizza inscìi sveelt ??”

Gianpaolo - “Lassemm perd!” Amelia - “Ooo zia quando ho visto che ci mettevano troppo tempo a prepaparle…

abbiamo ripiegato su una insalatona già pronta!!”

Palmiro (rientra con altre due sedie e vedeAmelia) - “Ah siete già qui!”

Amelia - “PALMI!!! quaaanto tempo…” Gianpaolo - “Già!”

Mario - “Ma vialter du… si sicùur che avìi giàmangiàa ??”

Palmiro e Carmen “MARIO!!!??”

Mario “Scherzavi….scherzavi… Alura podi già

trà foera il primm numer ? Mi sun prunt!!”

I vicini si siedono...

Natale - “Calma, calma Mario semm drèe

ammò a distribuì i cartell , intant i donn hinn drèe a divid i premi…vero Drusilla?”

Drusilla - “Se tè dìi cus’è ?”

Berenice - “Ooo sent un puu… Eeeh SCIAO! (prende carta e penna e scrive) “ACCENDI L’AURICOLARE !!”

Drusilla - “Accideent ecco perchè sentivi un bel nagott...l’evi lasà smurzàa!!”

Natale (al Palmiro) - “Ma minga dumàa l’apparecc… anca l’unic neurone che la ga!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Palmiro “HA HA HA 1..2...3 PROVA … Mi senti Drusilla ??”

Drusilla “Forte e chiaro Palmiro!”

Carmen - “Bene ora allora possiamo partire… tutti avete le cartelle ??!!”

MARIO - “TRENTOTTO !!”

Carmen - “Un mument Mario specia n’attim !!”

Berenice - “Mi g’ha luu… e ti Drusilla?(sbirciando sulla sua cartella)

Drusilla - Cus’è ?! … Ahh NO! Mi hu pena fàai vutantatrii (83)… a nuvembar!”

Intanto Palmiro recupera ancora due sedie per gli sposini

Olimpia - “No Drusilla semm minga drèe a parlà degli anni ma l’è ul primm numer dela tumbula… ta ga l’ett ul 38 ?!”

Drusilla (guardando la cartella) “Uhh ...No, mi NO… ma ce l’ha la Berenice!!”

Mario - “CINQUANTASEI!” Gianpaolo - “C’é l’HO!!” Natale - “Oorpo! g’hu il 55!”

Drusilla “Quell ga l’hu … varda che beel ul cinquantacinq!!” (coprendo la casella)

Berenice - “Và che la di 56 !!!”

Mario - “VENTINOVE!!”

Carmen - Mario và dasì per piasè che semm ammo drèe a cercàa ul cinquantases !!”

Olimpia - “venti...nooove, .venti...nooove, venti ...NO! gha l’hu NO!”

Natale - “Ta ma paret un pùu sfortunada eh Olimpia?”


Commedia 2016                                                                Pagina 26


Carmen - “Sfortunada nel gioco , Fortunada in amur … Eh ?! Cumpagna de mi!”

Mario - “UNO!!! Il capo dei mille!”

Carmen (commentando) -Eccula...lassem perd!”

Drusilla - “Varda scià ! Ma manca un numer per far ...AMBO!”

Amelia - “A me ne manca uno per fare cinquina”

MARIO                     -                      “QUARANTASES

...QUARANTASEI!!”

Berenice - “Cinquina!”

Drusilla - “Ooh porca!”

Mario (a Natale) - “Cuntrola, dai”

Natale (Vedendo la cartella di Berenice) - “UNO, VENTINOVE, TRENTOTTO, …”

Mario - “Si…”

Natale - “46 e cinquantasei”

Drusilla - Mi seri ammo drèe a specià de fa ambo col’ vutantatrii (83) …”

Olimpia - “Ma Drusilla va che l’ottantatre non è uscito !!

Drusilla - “Cum’è l’hu segnàaa prima …(rivolta al Mario) Mario?!

Mario - “No, l’è minga ammò saltà fouera! Ta

set stada ti a di che te faà apena dess gli 83 ann”

Drusilla - “Oej! Viàlter sii metù d’acordi eh ?!”

Berenice - “No Drusilla, Ghann resuun “

Mario - “Sii a post ?! … bene… VENTIQUATTRO!”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Berenice - “Cus’’ é QUARANTAQUATTRO?

Drusilla - “Quarantaquattro… CINQUINAAA!!”

Carmen - “Ma nnoo... l’hà dì ventiquattro!”

Drusilla - “Oej ma alura fii apposta!!!... Questa partida l’è trucada!!”

Mario - “Wee ti… adasi cunt’i parol eehh!?! Palmiro - “Calma...calma ...se gh’è ?”

Mario - “Crispula chi l’è drèe a veni fora un QUARANTOTT!”

Natale - “CINQUINAAA!!! ...cu’l 48 !!!”

Drusilla - “Uuunn mument! l’avevi faa prima mi!!!”

Olimpia - “O signurr cum’è sa scalduvv…”

SUONA PIU’ VOLTE IL CAMPANELLO!

tutti in silenzio

Scena12 - stà giò Palmiro ch'el catum!

Carmen - “Stii calmi che al pò vess chel stupid d’un juinott”

Mario - “Ahh MO’ basta!!!...Nanca alla tumbula in paàs sa pò giugàa … PALMIRO!”

Palmiro - “Se gh’è Pà?!”

Mario - “Va ben ul campanell, passi la bicicletta ma anca la tumbula NO!!”

Palmiro - “Eh cos’è che ta voret fàa??”

Mario (alzandosi) - “Voeri almen vedè che facia ch’el g’ha… s’el riconiussi vu a toel dritto dritto a cà sua! O g’ha mandi là i carabinieer!!”


Commedia 2016                                                                Pagina 27


Carmen - “E cusèe che ta voret fàa ??!”

Mario - “Carmen …. 2 TORCE!! … Palmiro

smorza la luus!! … E vialter ma racumandi, cercate di stare in silenzio...”

Palmiro - “Ma ta voeret spigass mej ?!”

Mario - “Voeri special quanch’el passa ammò de chi e vedel ben… quel farabutt!!” Carmen - “Ma propri adess ?!”

Mario - “Si o Adess o mai più … avanti!!”

Carmen esce a sinistra a prendere le torce

Drusilla (ad alta voce a Berenice) - “CUS’E’ CHE LA DI??”

TUTTI (a Drusilla) - “SSSHHHHTTT!!!”

Drusilla - “Ho capii...smorzi l’apparecc !! (toccandosi l’orecchio)”

Natale - “Basta che ta lassat piz ul ...cervell!”

Carmen rientra con le torce in mano Palmiro spegne le luci

(LUCI SPENTE)

I VICINI - “OOohhh”

Mario - “Palmiro!! Cum’è che se piza ch’el robb chi ?!?”

Palmiro - “Spècia che ta du una mann” (aiutaMario ad accendere la torcia)

Insieme si appostano alle ringhiere

Natale - “Carmen ma tal lassat andàa foera cun questo frecc… va che semm in inverno !!”

Carmen - “Eh Natale...oramai tal cugnussat no … se ul Mario al sa mett in del còo ‘na robba…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Natale - “Eh si… ta ghet propri resuun…”

Mario - “Cito! Vialtar du…. (a bassa voce)

Palmiro … vedi niente ?!”

Palmiro - “Sto scrutando nella notte, pà! … ma vedi ‘nbel nagott!!”

Berenice - “Ceert che sti mestèe era mej fal in primavera o d’estaà… disi ben?”

Amelia - “Beh in effetti la signora Berenice non ha tutti i torti!”

Gianpaolo - “Ehh già oggi è proprio una giornata … indimenticabile!!”

Natale - “Par mi l’era mej specià i carabinieèr … Olimpia?”

Olimpia - “Mah siii… Ma ul povero Mario na pudeva pieu !!”

Mario - “SILENZIO!!! Ohh crispula, ma come femm a catal se segutuvv a ciciaraà!!”

Natale - “SI ma moves perchè al diventa frecc anca chi!!”

Silenzio ….

(rumore di un cigolio di bicicletta )

Palmiro - “Cito!!! senti un rumur … al par ul cigulio de na bicicletta!!”

Mario (a bassa voce) - “Aluura l’è minga la mia Graziella!!”

Palmiro (a bassa voce) - “Va che le drèe a vegnì sciàa!”

Mario (c.s.)- “Stà giò Palmiro che stavolta al catum!”

Palmiro - “Papà ta set sicur che’l sia lu ???”

Mario - “Ma si .. Palmiro tal vedat no?!”


Commedia 2016                                                                Pagina 28


Palmiro  -         “Mah…  me   par   che   sia    ul

Romualdo che tutt i ser al pasa de chi in bicicletta…”

Mario    -     “Ta   set   sicur   ??   mah..    forse

(allungadosi per vedere meglio) … forse taghet resuun!”

Palmiro - “Ma si che l’è lu… tal vedat minga?” Mario - “al se fermàaa … taas !!”

I due i silenzio si aqquattano….

STRIMPELLATA DEL CAMPANELLO DI CASA e si sente ..

Voce esterna - “A NONNOOOOooooo!!!!”

Mario -ORRPO l’era chellà!!...e l’è scapaa Ta set riusii a vedel Palmiro ?!?”

Palmiro - “No Pà! ...Che dù rembambiii che semm; c’e la fatta sotta al naas”

Mario - “Va, ndemm!! Vemm in lecc che l’è mej!!”

Si accendono le luci e (mentre i vicini ridono sotto i baffi) i due rientrano in casa…

Scena13 - La bicicletta noeva! Tutta culpa del Palmiro.

Drusilla (applaudendo) - “Aluura ...l’i vist in facia ?!?”

Berenice - “Mucalà … ta vedat no che facia ghann !!!”

Mario - “Ah ma un quaj dì al cati … giuro!!”

Olimpia - “Beh mi disaria(rivolgendosi a tuttigli altri) de mucala cun statumbulada!”

Natale - “Si cara ...ta ghè resuun … forse (alzandosi) l’è mej che vemm tutti in lecc…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Drusilla - “Cum’è … e la mia cinquina ??!!”

Mario - “Sent’Drusilla femm finta che tevingiuu tuscoss eh ??

... a mi l’è scapada la voja de giugàa!”

Carmen - “ Si dai… credi che al saria mej

durmig a sura un puu a sta storia, duman matina penseremm cum’è fa..”

Palmiro (schiarendosi la voce) - “Ehm, ehm … scusate un momento … tutti!”

Mario - “Sa ghet ? .. ta stet minga ben ??”

Palmiro - “No pà...stu benissim e che devi ditt ‘na roba…”

Mario - “Eh, lassum andà via luur (indicando ivicini) e poi te me la diset …”

Palmiro - “No papà… meglio che sentano tutti… devo confessare che…”

Carmen - “Palmiro ???...” Palmiro - “Setivass giò ‘n’attim che va cùnti su una storia…”

Drusilla (a Berenice) - “Se l’ha ditt cuseè ??” Berenice - “Tàas !!”

Palmiro - “Dunque, è un po’ di giorni che

dove lavoro è stato assunto un ragazzo giovane, nordafricano, un bravu fiuoo … l’altra matina seri arivàa un pu prima del solit e l’ho becàa ‘ndel bagn che l’era drèe a sistemass la faccia tuta sudada e gu dumandàa cus’a l’era dre a fà … insomma ho scoperto che si

stava rinfrescando perchè tuti i mattin, e de conseguenza tuti i seer, non avendo la patente e non essendoci un bus che possa

portarlo al lavoro, se fa 7 km de corsa per andàa e turnàa dal lauraà… 7 km de corsa

capito !!!

Mario - “E aluura ?!”

Palmiro - “Aluura hu pensàa che fra pochigiorni è Natale , Si! Anca par lu, e me vegnù in ment de faggh un regalo.. u pensàa

<<TANT UL ME’ PA’ L’ADOPERA PUU>> e inscìi ghu regalà la tua bicicletta !!!”


Commedia 2016                                                                Pagina 29


Mario- “Cus’è te fàaa !!!????”

Tutti (sorpresi) - “OOhhhh”

Palmiro - “A duvevuff vedè mè l’è stà cuntent por fieoo !!!”

Mario - “Desgrassiàa, d’un vilan !!! TI ….ta set

sta TI!!! … (toccandosi il cuore)Tu quoque,

Palmiro, fili mi! Anche tu, Palmiro, figlio mio!... Come hai potuto ?!”

Palmiro - “Dai non arrabbiarti ...In fondo pà …

la generosità la si impara anche dai genitori

no?... Sei stato sempre tu a dirmi fin da piccolo di preoccuparmi per gli altri …”

Mario - “Si ma…. la mia Graziella!!!”

Carmen - “Oh Testone!!! Al posto di esserecontento del gesto di altruismo che ha fatto il Palmiro sei ancora quì a piangerti adosso !!!!

(a Palmiro) ...Bravo!!! Sono fiera di te!!”

Palmiro - “E comunque non è finita…” Mario - “Un’altra surpresa incòo non lareggo.”

Carmen - “Ma cito e tàas !! Par piasèe … avanti Palmiro…”

Palmiro esce un’attimo dalla porta

Amelia - “Palmi! dove stai andando ?!” Palmiro (da fuori scena) - “Un attimo ancora e arrivo…”

Tutti si guardano sorpresi e increduli, Palmiro rientra spingendo/portando un gran pacco

Palmiro - “Eeecco qui… Questa è la nuova sopresa per il mio papà!!”

Mario - “Par miI?!?”

Palmiro - “Cià Pà … vegn scià ...U pensàa

che questa l’era mej de quell’altra…”


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Mario - “Altra cosa ??...”

Palmiro - “Apri !!”

Mario - “Cus’è diavul ….” (scopre il regalo:

una nuovissima ciclette)

TUTTI - “Ooohhh !!!”

Palmiro - “Ta podaret pu andàa in gir ma par

pedalàa adess... non hai più scuse!! E insci ti rinforzi la muscolatura delle gambe …”

Carmen - “OOh Palmiro…ta se propri generuus … cumpagn dela tua mama!!!”

(e gli da un bacino)

Palmiro - “Grazie mamma!!! E grazie papà e tanti AUGURONI di BUON NATALE!!!”

Mario (abbracciando Palmiro) - “Grazie, grazie…. te me fàaa propri una bela surpresa!!”

Natale - “Wee Mario ta saret cuntent eh ??!! Và che bell’idea !!!”

Olimpia - “Oh adess si che puoi riprendere a

pedalare ...senza neanche aver bisogno di scendere da basso!!”

Berenice - “Posso farci un giro?” (fa persederci sopra)

Mario - “Giò i mann ehh dalla mia nuova

Graziella!!! Prima la provi mi!”

Natale - “Dai su … Mario… dumà un girett !!”

Drusilla - “Va Palmiro che la bicicletta chi l'èsenza root!!!”

Gianpaolo - “E giusto così … la serviss dumà per pedalàa !!”

Drusilla - “Ohh Cribbio!! Sann pù cus’è inventàa !!”

Mario - “Cià cia… spustivass che la proevi..” Olimpia - “Si però dopo un girett al femm anca nun è Mario?”


Commedia 2016                                                                Pagina 30


Nuova compagnia teatrale “Noi d’Albate”

Natale - “Mi ma sa prenoti par teerz…”

Berenice - “Eeh calma gha sun anca mi …”

Dedicato a mia moglie Milena

Drusilla - “UN ATTIM !!!... (tutti fermi) ...

e a quella coppia ispiratrice:

Tutti - “Ehhh ?”

Carlo e Carla:

Drusilla - “Ma alla fine …. CHI E’ CHE L’EVA

‘STA FAMOSA GRAZIELLA ???!!”

semplicemente...Fantastici!!!

Tutti – “Ma vaaaa….”

Carmen (aprendo le braccia) -

“Questa... l’è propri la cà del Belfagor!!!!”

*** FINE COMMEDIA ***

GIOVANNI MOTTIN


Commedia 2016                                                                Pagina 31


Creative Commons — Attribuzione 4.0 Internazionale — CC BY 4.0                                                                                                                                                                            https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/deed.it


Creative Commons

CREATIVE COMMONS LICENSE DEED

ATTRIBUZIONE4.0 INTERNAZIONALE  (CC BY 4.0)

Questo è un riassunto in linguaggio accessibile a tutti (e non un sostituto) della licenza. Limitazione di responsabilità

Tu sei libero di:

 Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato

 Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere

per qualsiasi fine, anche commerciale.

Il licenziante non può revocare questi diritti fintanto che tu rispetti i

termini della licenza.

Alle seguenti condizioni:

Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, manon con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale.

Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologicheche impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridicisu quanto la licenza consente loro di fare.

Note:

Non sei tenuto a rispettare i termini della licenza per quelle componenti del materiale che siano in pubblico dominio o nei casi in cui il tuo utilizzo sia consentito da una eccezione o limitazione prevista dalla legge.

Non sono fornite garanzie. La licenza può non conferirti tutte le autorizzazioni necessarie per l'utilizzo che ti prefiggi. Ad esempio, diritti di terzi come i diritti all'immagine, alla riservatezza e i diritti morali potrebbero restringere gli usi che ti prefiggi sul materiale.


1 di 2                                                                                                                                                                                                                                        26/07/2016 22:20


Creative Commons — Attribuzione 4.0 Internazionale — CC BY 4.0                                                                                                                                                                            https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/deed.it


This content is freely available under simple legal terms because of Creative Commons, a non-profit that survives on donations. If you love this content, and love that it's free for everyone, please consider a donation to support our work.


2 di 2                                                                                                                                                                                                                                        26/07/2016 22:20

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno