Questa storia non mi è nuova…

Stampa questo copione

PERSONAGGI

QUESTA STORIA NON

MI E’ NUOVA…

commedia in due tempi di

                       Giovanna Castellano

PERSONAGGI

Pasquale – disoccupato con mille occupazioni

Carmela – sua moglie

Davide – loro figlio

Luciano – amico di Davide

Donna Rosa – madre di Carmela

Achille – inconsistente guappo di quartiere

Tommaso –Vittorio – Salvatore – amici di Achille

Donna Rafilina – sedicente cartomante

Morelli – medico di base

Paolo – giovane uomo innamorato di Carmela

PRIMO  TEMPO

Camera di soggiorno con tutto l’arredamento tipico. Al centro della scena c’è un mobile con ante. Di lato un cavalletto da pittore con accanto una sedia su cui c’è una tavolozza, dei pennelli e un camicione appoggiato alla spalliera. Appeso alla parete, al centro della scena, un orologio a muro.

Dalle quinte si sente la voce di Carmela, è agitata.

CARMELA  -  Pascà, vuò ascì  ′a dint’  ′a  ′stu bagno? Songo ′e  ′nnove e ′nu quarto!

PASQUALE  - (dalle quinte, ad alta voce) Sto ascenne! Ma come hai fatto a non sentire la sveglia?

CARMELA -  (indisponente, entrando nel soggiorno con un pacco tra le mani) Io ′a sveglia l’aggio ′ntisa! (poi, allusiva) Si’ tu ca nun ′e ′ntiso manco a me quanno t’aggio scetato!

PASQUALE - (rassegnato, entrando anche lui nel soggiorno con addosso un accappatoio) Va buò, vedimme ′e nun ce fa’ ′a croce a primma matina: hai ragione tu!

CARMELA - (guardando Pasquale, ironica) Ma che d’è, ti sei fatto la doccia?

PASQUALE -(quasi infastidito dall’inutilità della domanda) Ma come, mi facevo la doccia?  Si aggi’ ′a ji ′o corteo! Suro primma e quanno torno me la faccio.

CARMELA - (incrociando  le  braccia)   E  allora  pecchè  t’è  miso ′st’accappatoio?

PASQUALE - (secco) Me moro ′e friddo!

CARMELA - (scuotendo il capo come per dissentire e cominciando ad aprire il pacchetto) Qua sta la roba per il corteo: cappellino e giubbino, fischietto, striscione con la scritta “VOGLIAMO IL LAVORO”,…

PASQUALE - (la interrompe, battendosi la fronte) A proposito di lavoro, vuo’ vede’ ′ncoppa all’agenda ogge c’aveva fa’?

CARMELA - (aprendo un’agenda che prende dal mobiletto vicino al telefono, legge) Signora Carotenuto, scorre il lavello; avvocato Di Lorenzo, si è rotta la scrivania; signora De Rosa, portare a vedere i parati; trattoria “Mezza Luna”, il fornello ha una perdita.

PASQUALE - (scuro in viso) Eh, a lloro e  ′sti cortei! Io po’ vulesse sape’ si ′nce danno ′o posto comme faticammo cchiù! Va buo’: telefona a tutti e dici che tengo l’influenza, poi vediamo.

CARMELA - (dando a Pasquale l’occorrente per la manifestazione) O guaio è ca tu può fatica’ sulo ′e matina.

PASQUALE - (strofinandosi le braccia per combattere il freddo) ′O guaio? Ringrazia a Dio c’aggio truvato ′stu sistema!  Chillo, ′o dottore Morelli, tanto strunzo nun è, se n’era accorto ca io nun tenevo niente. Ma io, ca manco so’ strunzo, ′na vota dicevo ca me faceva male a ′na parte, ′na vota a n’ata, e mo m’avutava ′a capa, e mo me  sentivo  ′a  freva,  m’ aggio  fatto  scrivere  tutt’ ′e ′nnalese. Po’ m’aggio fatto da’ l’accertamente ′e Totore ca tene ′o diabete, Tonino ca tene ′o core ingrossato  m’ha date ′e suoie, m’aggio pigliate chille ′e mammeta ca è malata ′e fegato, nostro figlio Davide detto “il genio del còmputer” ha cagnato ′e nomme ′a coppa e Morelli ci ha dovuto credere! Ora, grazie a quello che ha scritto nella sua relazione dopo aver visto gli accertamenti, stiamo in questa casa come “abusivi autorizzati”!

CARMELA - Eh, ′o saccio. Ma tu puo’ asci’ sulo ′e matina perché ufficialmente ti devi curare. Poi dalle due fino ′a matina appriesso, nun te puo’ movere cchiù. Ccà stanno tutte quante comm’ ′e cane: appena sgarrammo quaccune se piazza dint’ ′a casa  e  ′nce ne fa caccià!

PASQUALE - (con atavica rassegnazione) E ′nu poco ′e pazienza! Io tutt’ ′e juorne ′e ddoje sto ccà e la casa nessuno ce la toglie.

CARMELA - Mah! Io vaco a scetà a Davide e priparo ′o latte a mammà.

Carmela esce e Pasquale, tolto l’accappatoio, indossa il giubbino, mette il fischietto in tasca, mette il cappellino e avvolge lo striscione per poi infilarlo sotto il braccio.

Carmela torna nel soggiorno e prende posto vicino al telefono per avvertire i clienti di Pasquale.

Entra Davide.

DAVIDE - (sbadigliando) ′giorno.

PASQUALE - ′giorno.

CARMELA - (abitudinaria, col ritmo della ritualità) ′giorno. Ti sei preso il caffè?

DAVIDE - (che, di fatto, non è ancora sveglio) Eh? Ah, sì, sì.

Entra la mamma di Carmela.

DONNA ROSA - (prende fiato, come per darsi forza) Buongiorno.

CARMELA - (ancora alle prese con l’agenda e il telefono) Mo te porto ′o latte, faccio ′nu mumento ′sti telefonate.

DONNA ROSA  -  (con  tono  petulante)  Pascalì, puortate ′o ′mbrello.

CARMELA - Ma quale ′mbrello, mammà! Pe’ ddoje nuvole, chello mo esce ′o sole.

DONNA ROSA - (irritata) Sì, ′o sole ′a dint’ ′e canale! Ajere chesto ha ditto chillo ′a  dint’ ′a televisione: nun ve frusciate ca dimane chiove!

CARMELA - (sbuffando) ′Overo? Ha ditto proprio accussì? Chillo cu ′a divisa ′ncuollo, cu ′o cappiello ′ncapa, cu ′a cartina giografica areto, ha ditto: nun ve frusciate! Mammà…

DONNA ROSA - Sì, l’ha ditto. E ha ditto pure ca chili llà ′a parte ′e coppa nun se ponno assettà fino a martedì!

CARMELA - Mammà, ma che stai dicenno?

DONNA ROSA - Uè, chesta comme è tosta! Ha ditto: al nord devono stare allerta fino a martedì. E chella nun me crede maje!

CARMELA - (comincia ad innervosirsi) Comme, te credo, hai ragione tu!

DAVIDE - (alla nonna, per interrompere la discussione) Nonna, come stai?

DONNA ROSA - (imbronciata, guardando nel vuoto) Sting e stong, comme steve accussì stongo!

Pasquale, Carmela e Davide si scambiano uno sguardo d’intesa, poi gesticolano come per dire: e ti pareva, sempre la solita risposta!

Carmela riprende a telefonare.

Bussano alla porta, Davide va ad aprire e torna con il suo amico Luciano.

LUCIANO - (rivolto ai presenti) Buongiorno. (poi, alla nonna) Donna Rosa, che si dice?

DONNA ROSA - (sempre guardando nel vuoto) Chi tene ′e denare campa felice!

Di nuovo mimica di commento, questa volta il dialogo muto si svolge a quattro.

Carmela ha completato le telefonate e porta il latte alla mamma.

DONNA ROSA - (a Davide che sta parlando con Luciano) Guagliò, appicce ′nu poco ′a televisione.

CARMELA  -  (sbuffando)  Mammà,  a  chest’ora  già  cu  ′sta  cosa  dint’ ′e ′rrecchie! Ma nun te sfastidie fino a stasera?

DONNA ROSA - (a Carmela) Sì! (poi, nel vuoto) Ma almeno a essa nun l’aggi’ ′a risponnere! E po’ voglio sentere ′o fatto d’ ′o Vesuvio: dice che può avere un’erezione.

DAVIDE - Un’eruzione, nonna. Si dice eruzione.

DONNA ROSA - Eh, e comme si’ suttile! Eruzione, erezione, sempe chell’è!

DAVIDE - Ma no, nonna. L’erezione è un’altra cosa.

DONNA ROSA - Overo? E che d’è?

PASQUALE - (ammiccante) Carmè, spiegancello tu a mammeta che d’è l’erezione.

CARMELA - (indicando Pasquale facendo scivolare la mano dall’alto in basso) E’ chello c’ ′ave chisto ′na vota ogni morte ′e Papa!

PASQUALE - (risentito, taglia corto) Va buò, io me ne vaco. S’è fatto tarde.

Esce.

CARMELA  -  (con aria di rimprovero) Davide, ma ogge manco vaje  ′a scola?

DAVIDE - Mammì, ma c’è lo sciopero.

CARMELA - E che c’entra? Quello di oggi è per il lavoro.

LUCIANO - Sì signora, ma abbiamo partecipato anche noi studenti. Per solidarietà.

DONNA ROSA - (distaccata) E nun ghiate ′o corteo?

DAVIDE - (con aria da incompreso) Ma no nonna, è inutile: abbiamo organizzato un corteo virtuale tramite Internet.

DONNA ROSA - (perentoria, come per mettere un distacco tra lei e il resto del mondo) Carmè, mo ca scinne nun astutà ‘a televisione!

DAVIDE - (prima scambia un sorriso d’intesa con Luciano, poi si rivolge alla nonna) Scommetto che non hai capito, vero?

Donna Rosa rimane immobile, senza parlare e senza muoversi.

LUCIANO - (con l’intenzione di rendersi utile spiegando qualcosa d’Internet alla signora Rosa) Signora Rosa, dunque…

DONNA ROSA - (interrompendo qualsiasi tentativo di dialogo) … dunque: voglio ′na cosa secca e lunga!

Risate dei tre mentre Davide si batte l’indice sulla tempia come per dire: è un po’ matta.

DONNA ROSA - Lo so chello ca state dicenne: sono pazza! Ma nun è overo, Io nun so’ pazza! Sulo ca ′e cose storte nun m’′e fido ′e vedé! Chillu povero Pascale va sbattenno tuorno tuorno pe′ vedè comme ha da purtà quaccosa ′e sorde ′a casa, e vuie nun ′nce facite purtà manco ′o ′mbrello. Chillo s’accide ′e fatica! Ve site scurdate ca ′a semmana passata è ghiuto a fa’ ′a traviata ′a casa do’ dentista?

CARMELA, DAVIDE, LUCIANO - (all’unisono, con stupore) ′A traviata?

DONNA ROSA - Eh, ′a traviata! Nun è ghiuto a sistimà chillu trave ca se steve spezzanno?

CARMELA - (risentita) Sì, va buò… Però, mammà, pur’io faccio ′o mio. Nun è ca mentre isso fa ′a traviata, io me stongo cu ′e mane mmane!

DONNA ROSA - E chi dice chesto? Tu nun staje cu ′e mame mmane, ma tutto il tempo lo perdi con gli articoli pittoreschi! (e indica il cavalletto)

CARMELA - (taglia corto) Io me priparo e vaco a fa a spesa. Che vulimme mangià?

DAVIDE - Mammì, vedi tu. Ah, Luciano mangia con noi.

DONNA ROSA - Sì, sì, vidatello tu.

CARMELA - Allora faccio pasta e lenticchie e ddoje purpette fritte.

DAVIDE - No, le lenticchie non mi piacciono. A me fammi pasta e patate. Lucià, tu che vuoi?

LUCIANO - Per carità, per me va bene qualunque cosa. Solo, invece delle polpette preferisco una fettina di carne.

DONNA ROSA - Quanta vizie ′sti giuvene ′e mo! Si avisseve fatta ′a guerra ve mangiasseve tutte cose. Comunque a me famme ′e spaghetti aglio e uoglio e n’uovo a filoscio.

CARMELA - Chesto è pecchè aveva vedè io! Azz, cca me pare ca state ′o ristorante! (poi, inchinandosi ironicamente) Scusate tanto, adesso mi procuro un blocchetto per prendere gli ordinativi. Uè, io mo scengo: chello ca me vene pe’ capa, chello accatte!

Cala la luce. Salto di tempo, sono le tre del pomeriggio.

Nel soggiorno, oltre a donna Rosa, Carmela, Davide e Luciano che sono seduti intorno al tavolo, ci sono quattro uomini, in piedi, che parlottano tra loro.

Qualche attimo di silenzio, poi Carmela sbotta.

CARMELA - (aggressiva) Uè, ma insomma, che ghiate truvanno?

TOMMASO - (staccandosi dal gruppo e avvicinandosi al tavolo) Donna Carmè, ′o marito vuosto nun è turnato pe′ ddoje, perciò ve ne dovete andare da questa casa!

ACHILLE - (avvicinandosi anche lui, ammiccante) Pe′ me po′ pure rimanè. Tanto, muglierema m’ha lassato e stongo sul’io e mammà.  ′Onna Carmè,  si  vulite  restà  dint’  ′a ′sta casa, lassate a Pascale e mettiteve cu me.

CARMELA - Ma vuje fusseve asciute pazzo? Ma comme, io lascio a Pascale?

DONNA ROSA - ′Ave raggione: chella po’ che fa si more ′o Papa?

TOMMASO - ‘O Papa? E che c’entra ′o Papa?

CARMELA - (rimproverando la mamma con lo sguardo) Niente, niente, chella mammà tene genio e pazzià.

DONNA ROSA - Ma chi sta pazzianne! Vuje avite ditte ′o Vesuvio, ′o Papa, che saccio.

ACHILLE - Ma che d’è ′stu Vesuvio, ′stu Papa, che state dicenne? Comunque io nun tengo genio ′e pazzià, è meglio ca ′a fernite, sinò faccio succedere  ′a guerra!

Davide ha un moto di reazione, ma Achille che è il più robusto del gruppo, lo trattiene.

ACHILLE - (minaccioso)Guagliò, statte calmo, sinò te scommo ′e sanghe! So’ ′e tre passate e pateto nun ce sta: ′a casa l’avite perza! Invece ′e vasà ′nterra ca ve vulimme fa rimanè dint’ ′a casa a te, a mammeta e a nonneta, tu t’attigge pure! Io aggio fatto ′na proposta onesta. Loro, ca invece so’ ′nzurate, se la teneno comme cammarera.

SALVATORE - (allusivo) Ca po′, si ′nce vulesse mettere ′o riesto vicino…

Gli altri tre uomini ridono.

DONNA ROSA - (indignata) Papoff: lava, stira e ′ntosta!

ACHILLE - (ignorando l’intromissione di donna Rosa, continua col suo tono minaccioso) Tu, invece di fare lo studente, vaje a faticà, puorte  ′e sorde a casa e nuje ve dammo ′a magnà!

Carmela si dispera coprendosi il volto con le mani. L’aria si fa tesa.

LUCIANO - (con l’aria di chi vuole togliersi da una situazione scomoda, esitante) Davide, io me ne vado. Ci vediamo stasera. Buongiorno a tutti.

Nessuno risponde, Luciano esce.

VITTORIO - (il quarto del gruppo che sembra il più mite) Donna Carmè, e non vi disperate.

ACHILLE - (sempre arrogante) Tanto, è pure inutile! Accettate la nostra proposta e nun se ne parla cchiù. Anzi, mo ci mettiamo a nostro agio: mettite ′a tavola, purtate chello c’avite cucenato e magnammo! (poi, a Davide) Guagliò, va’ a dicere ′e famiglie noste abbascio ca pe’ stasera se sistema tutte cose.

Davide freme, fa per reagire, poi si controlla ed esce.

DONNA ROSA - (sempre col suo solito modo di parlare fissando il vuoto) E quant’ ′e vuje veneno ′e casa ccà?

I quattro si guardano tra loro, interrogandosi con lo sguardo.

VITTORIO - ′Overo, non ci avevamo pensato.

ACHILLE - (sbrigativo) Che vulimme fa? Va buono ′o tuocco?

SALVATORE - (come per dire “che sciocchezza!”) Eh, ′o tuocco!

ACHILLE -  (incalzante) ′O braccio ′e fierro?

TOMMASO - A chi? Tanto fosse sicuro ca vincisse tu.

ACHILLE - ′Na mano ′e tressette?

VITTORIO - Nun ′o saccio jucà.

ACHILLE - (spazientito) Jate a fà ′nculo! Va buò, facimme ′na cosa: per non appiccicarci tra di noi, facimme decidere a donna Carmela. 

Gli altri tre accettano entusiasti.

VITTORIO - Donna Carmè, tocca a voi: decidete.

CARMELA - (avvilita) Ma c’aggia decidere? Io nun voglio a nisciuno! Io voglio sulo a Pascalino mio!

ACHILLE - (imperativo) ′Onna Carmè, dovete decidere! Noi non vi abbiamo chiesto quello che volete fare, vi abbiamo detto quello che dovete fare!

CARMELA - (con tono fintamente ingenuo) Va buò, facimme accussì: quanno fa l’urdema puntata ′e “Sentieri” ve lo dico.

VITTORIO - (spazientito) Ma a chi vulite piglià pe’ fesso? V’ata decidere! Massimo pe’ stasera.

TOMMASO - ′Ave raggione Vittorio: nuie avimm’′a sapè stasera addò avimm’′a jì a durmì!

Rientra Davide.

CARMELA - (tentando comunque di prendere tempo) E va bene! Però facimme ′na cosa: tengo ′na catasta ′e panne ′a stirà, appena fernesco ′e stirà l’urdemo panno ve lo dico. Intanto  vuie  mangiate, è tutto pronto, fate tutto da soli,  io me vaco a mettere ′nu poco ′ncoppo ′o lietto: sto stanca.

ACHILLE - Va bene così. Ne parlamme quanno fernite ′e stirà. Pertramente, buon riposo. (poi agli altri tre) Guagliù, jamme a magnà.

I quattro escono. Carmela, dopo essersi accertata che essi non la possono sentire,  fa cenno a Davide di avvicinarsi.

CARMELA - (a Davide) Va’ a chiammà a donna Rafilina, chella ca fa ′e carte. Mi deve dare un consiglio pe’ me levà ′a tuorno ′sti quatte fetienti. (poi, rivolta a donna Rosa) Mammà, che dici, è bbona donna Rafilina?, anduvina?

DONNA ROSA -(solita espressione) Quanno ′o piecoro sta appiso, anduvina ca è stato acciso!

DAVIDE -(sorpreso) Nonna, e chisto ′a do’ è asciuto?

DONNA ROSA -′O diceva ′a nonna mia!

Calo di luce. All’illuminazione i personaggi sono Tommaso, Salvatore e Vittorio seduti intorno al tavolo.

VITTORIO - (evidentemente stanco di reggere la situazione) Menu male ca Achille s’è addurmuto: nun me fidavo chiù d’ ′o sentere!

SALVATORE - (approvando) Overo! Cierti vvote nun se supporta proprio!

TOMMASO - (rassegnato) Intanto è′o chiù forte e have ragione sempe isso.

VITTORIO - E speriamo ca ′onna Carmela nun sceglie a isso, sinò chi ′o mantene chiù dint’ ′o quartiere.

TOMMASO - (sicuro di sé) Si sceglie a isso è sulo pe’ paura!

SALVATORE - (realistico)Eh già! Invece si sceglie a uno ′e nuje è pecchè s’è annamurata! Tummà, aggio pazienza…!

VITTORIO - A chi sceglie sceglie, basta ca ′sta storia fernesce. Io me so’ scucciato!

SALVATORE - E pur’io! Io nun ce vulevo manco venì, ma Achille m’ha quase obbligato. E c’aggi’ ′a fa? ′A colpa è ′a mia ca un aggio voluto jì  ′a scola! Chella aveva ragione mammà quanno me diceva: siente a me figlio mio, va ′a scola ca ′o studio serve dint’ ′a vita!

TOMMASO - Certo! Accussì si studiave, chello ca staje dicenne ′o dicive in italiano! Totò, scola o nun scola, sempe ire ′nu disoccupato senza casa!

VITTORIO - Io quaccosa aggio tentato ′e fa’, ma nun m’è maje riuscito niente! Proprio ′o mese passato steve arapenne ′nu magazzino…

TOMMASO - … e t’avista fermà pecchè passajene ′e guardie! Vittò, simme sfortunate!

SALVATORE - Eh, ma me pare ca nuje ′o capimmo e invece Achille, ca tene ′e stesse guaie nuoste, se sente ′nu rre!

TOMMASO - E biate a isso!

VITTORIO - Biate a isso e povere a nuje! Comunque, io ′o magazzino overo ′o vulevo arapì, po’…

SALVATORE - Vittò, ′nce l’′e raccontata mille vote ′a storia d’′o magazzino, fance sta quiete!

Dalle quinte si sente la voce di Achille.

ACHILLE - Guagliù, venite a ccà!

TOMMASO - E ghiamme jà, s’è scetato.

I tre escono, dopo qualche momento entrano Pasquale e Luciano. Pasquale, si appoggia al braccio di Luciano.

LUCIANO - Don Pasquà, io appena ho visto che tornavate a casa ignaro di quello che stava succedendo, sono corso ad avvertirvi. Questi mi sembrano cani sciolti pieni di rabbia.

PASQUALE - (molto provato e con abiti ridotti molto male) Grazie Lucià, ma si tu sapisse chello c’aggio passato!

LUCIANO - Infatti, ma che è successo? Perché non siete tornato alle due come al solito?

PASQUALE - Che t’aggià ′a dicere? ′Na Divina Commedia, proprio ′na Divina Commedia!

LUCIANO - (con l’aria di chi non comprende) ′Na Divina Commedia?

PASQUALE - (convinto) Sì, ′na Divina Commedia: tutt’′e ′mpicce l’aggio truvate io!

LUCIANO - (sorpreso) E che c’entra la Divina Commedia?

PASQUALE - (quasi spazientito)  Comme Lucià, ′o fatto ′e chillo ca jette a fa ′a guerra contro ′e troie e nun era cchiù capace ′e turnà a casa.

LUCIANO - (sorride: finalmente ha capito) Ah, l’Odissea!

PASQUALE - (poco convinto) Sei sicuro? A me mi sembra ch’era ′a Divina Commedia. Va buo’, si ′o dice tu ca saje ausà ′o còmputer vo’ dicere ca è overo. Mi correggo, sapisse c’aggio passato: ′n’Odissea!

LUCIANO - (guardandosi intorno per vedere se entra qualcuno) E cioè?

PASQUALE - (si siede, è visibilmente stanco) Stamattina so’ asciuto pe’ ghì ′o corteo? (Luciano fa cenno di sì) Eh, e fino ′o Corso Garibaldi è ghiuto tutto liscio; là so’ accumminciate ′e guaie! ′E guagliune ca teneno ′e motorini hanno fatto ′na manifestazione pecchè nun se vonno mettere ′o casco: hanno bloccato tutt’a strada vuttanno ′e motorini a mano pe’ nun fa’ fa ′o corteo po’ lavoro. E io aggio perzo ′e prime doje ore!

LUCIANO - E poi? La manifestazione è finita?

PASQUALE - Sì, pecchè so accumminciate a’ ascì ′e femmene cu ′e borze mmane ch’evano jì a fa’ ′a spesa: loro pe’ fa’ ′e scippe s’evano mettere ′e casche e pirciò se ne so’ ghiute!

LUCIANO - E quindi siete andato al corteo?

PASQUALE - Ho tentato in tutti i modi! D’ ′a ferrovia se n’era già jute. Allora aggio penzato ′e jì cu ′a machina fino al punto del comizio, ma m’ero scurdato ca là ce sta l’isola pedonale ′e chi l’è stravive!

LUCIANO - Eh già, quindi non vi hanno fatto passare.

PASQUALE - (sorpreso) E pecchè nun m’avevano fa’ passà?

LUCIANO - (perplesso) … ma, l’isola pedonale…

PASQUALE - E che c’entra? Quello c’è il vigile vicino alla transenna che chiude la strada. Tutte quante se fermano, ′nce spiegano ca pe’ chello c’hanna fa’ ′nce vo’ pe’ forza ′a machina, isso sposta ′a transenna e li fa passare!

LUCIANO - Allora avete risolto!

PASQUALE - Sì, però ′nce steve ′na caspita ′e fila ′e machine ca aspettavano ′o turno lloro pe’ parlà cu ′o vigile. Insomma, p’aspettà ′o turno mio aggio perza n’at’ora!

LUCIANO - (un po’ avvilito)Certo che è dura ′a vita d’′o disoccupato! E pensare che mo che mi diplomo aggia fa’ pur’io ′a stessa trafila.

PASQUALE - Sì, ma nun t’avvilì: è dura, ma dà pure soddisfazione, se guadagnano belli sorde si uno tene genio ′e faticà.

LUCIANO - Va bene, ma torniamo a noi. Siete andato finalmente alla manifestazione?

PASQUALE - E aspetta, mo siente. Quando sono entrato nell’isola pedonale, nun so’ stato capace ′e truvà ′o posto pe’ parcheggìà, aggio girato cchiù ′e mez’ora e po’ aggio dovuto mettere ′a machina dint’ ′o garage. Mentre me steve avvianno pe’ ghì a sentere almeno ′o cumuzio ′e chiusura, m’ha fermato ′na guagliona.

LUCIANO - ′Na guagliona? E chi era?

PASQUALE - Subito non l’ho capito! Però era ′na bella guagliona, teneva ′na diece ′e minigonna e ′a sotto ′a giacca se vedeva ′na maglietta tutta scullata. Ma chello ca cchiù m’ha ′ncantato era ′a voce, ′na voce bella, melodiosa, dolce. Insomma, chella parlava e a me me pareva ca cantava.

LUCIANO - (incuriosito) Sì, ma chi era?

PASQUALE - Subito non l’ho capito! Mi ha detto che doveva fare certe domande all’uommene pecchè ′na casa ′e moda doveva lanciare un nuovo tessuto e vulevano l’opinione d’ ′a ggente: sai, ′e sondaggi. E parlava, parlava e mentre parlava me tuccava ′o giubbino, me tuccava ′o cazone, me girava attuorno, e parlava, parlava, m’ha quase ′nzallanuto pecchè parlava sulo essa, domande non me ne faceva.

LUCIANO - (spazientito) Ma allora, chi era?

PASQUALE - Subito non l’ho capito! Però, quando se n’è andata e mi sono andato a prendere un caffè, ho visto che non tenevo più il portafogli, volevo telefonare a Carmela per chiedere se l’avevo rimasto a casa e non ho trovato neanche ′o cellulare, vulevo vedè che ora s’era fatta e nun aggio truvato manco ′o rilorge, allora ho capito: era ′na granda zoccola ca m’ha fatto pulito pulito.

LUCIANO - (allargando le braccia scoraggiato) Don Pasquà, e che giornata!

PASQUALE - E fosse fernuta! Mo vene ′o bello!

LUCIANO - Ancora?

PASQUALE - E sì, pecchè quanno so’ arrivato mmieze ′a piazza, era fernuto pure ′o comizio! I miei compagni hanno ditto ca io pe’ ghì ′a faticà  nun  aggio  fatto  ′o  corteo  e  quatte o  cinche ′e  lloro,  e  cchiù ′ncazzuse, m’hanno abbuffato ′e mazzate. Quanno finalmente se ne so’ ghiute, me so’ ghiute a piglià ′a machina, ma ′o garagista nun me l’ha vuluta dà pecchè, logicamente, nun tenevo ′e sorde pe pavà. Conclusione: aggio dovuto turnà a ppere! Sto acciso Lucià, me vulesse arrepusà ′nu poco.

LUCIANO - (con tono allarmistico) E’ ′na parola! Con tutto quello che sta succedendo qua? Don Pasquà, voi rischiate di perdere la casa e anche la moglie! Ve l’ho detto in che condizioni hanno messo donna Carmela, che deve fare quella poverina?

PASQUALE - (riflette qualche momento poi, con decisione) Che facette chillo d’′e troie quanno turnaje ′a casa?

LUCIANO - Ulisse?

PASQUALE - (sempre perplesso) Ulisse? Ma nun era Dante Alighieri?

LUCIANO - (spazientito) Don Pasquà…

PASQUALE - (si arrende) Va buò, che facette Ulisse?

LUCIANO - (si tocca il mento, come chi cerca qualcosa nella memoria) Se non sbaglio, fece suggerire a Penelope di sottoporre gli aspiranti ad una prova con il proprio arco; in realtà egli era l’unico al mondo in grado di tendere quell’arco e di usarlo. Penelope avrebbe sposato chi fosse riuscito, con quell’arco, ad infilare dieci scuri allineate. Quando ognuno fallì la propria prova lui, irriconoscibile date le vicissitudini, provò e ci riuscì. Subito cominciò la sua vendetta e ridivenne il padrone della sua casa.

PASQUALE - (con aria estasiata, evidentemente affascinato dall’idea di emulare un eroe) Va buò, mànname a Davide, me metto d’accordo cu isso. Dincello ca me vaco a chiudere dint’ ′o stanzino: ccà nisciuno m’ha da’ vedè!

I due escono dalle quinte.

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Stessa scena. Entrano Carmela e donna Rosa.

CARMELA - Ma che sarà successo a Pasquale, pecché nun è tornato?

DONNA ROSA - ′O facite faticà troppo! Me vulesse sbaglià, ma penzo ca s’è ′ntiso male e l’avranno purtato dint’a quacche spitale. Siente a me: telefona ′o Loreto.

CARMELA - Mammà, e comme ′a faje nera! Uno vulesse ′na parola ′e cunforto.

DONNA ROSA - Carmè, ma tu fusse scema? Si nun vuò sentere ′e risposte, allora nun fa’ manco ′e domande. Che vuò sentere, ca sta buono? Allora sta buono: è ghiuto a mangià abbascio a “Zi’ Teresa”!

CARMELA - Eh già, o ′o Loreto o ′a “Zi’ Teresa”! Non può essere una cosa tra l’uno e l’altra?

DONNA ROSA - Comme! S’è fermato a piazza Municipio! Carmè, famme ′o piacere!

Bussano alla porta, Carmela va ad aprire e torna con Rafilina.

CARMELA - Io nun ′o capisco a mio figlio, nun puteva turnà a casa?

DONNA RAFILINA - E’ stato Luciano ca l’ha chiammato, ma ha ditto ca subbeto saglieva.  Ma mo parlammo do’ fatto, Daviduccio  m’ha  ditto  tutte  cose.  Ma  chi  so’   st’uommene  ′e niente?, Davide nun ′e conosce, nun me l’ha saputo spiegà.

DONNA ROSA - (impaziente) E cu ′o ′ndinderendinderendà, penzate a facere e nun a parlà.

CARMELA - (guardando la mamma con aria di rimprovero per la sua inopportuna intromissione)  ′O capo è don Achille, chillu mariuolo ca l’anno passato stette pure  ′ngalera, v’ ′o ricurdate?, a Natale se mette cu ′a bancarella d’ ′e botte vicino ′a caserma.

RAFILINA - (con aria preoccupata) Aggio capito! Allora ′o guaio è grosso. So’ mala gente. Comunque, quanno Davide m’ha ditto ′o fatto, m’aggio purtate ′e carte appriesso: voglio fa’ ′na passata pe’ vedè comme va a fernì.

CARMELA - Avite fatto bbuono. Vedite che diceno ′sti carte.

RAFILINA - (mischia le carte, le poggia sul tavolo)  Spaccate.

Carmela avvicina la mano destra al mazzo di carte.

RAFILINA - (perentoria la blocca) No!, cu ′a mano do’ core.

Carmela esegue. Rafilina comincia a girare le carte.

CARMELA - (ansiosa) Allora , Rafilì, comme vanno ′e cose?

RAFILINA - ′Onna Carmè, io veco l’acqua ′mbrugliata.

DONNA ROSA - Aggio ditto ca veneva a chiovere?

CARMELA - Mammà, e manco te staje zitta! Dicite Rafilì.

RAFILINA - (continuando a girare le carte) Ca veco violenza.

CARMELA - (spaventata) Madonna, Rafilì, me violentano.

RAFILINA - Purtroppo no! Però nun se po’ mai sapè: è asciuto l’asso ′e mazze!

CARMELA - (infastidita) Rafilì, vuje pazziate e io stongo ′ncoppe ′e spine! Sapisseve c’asso ′e mazze tengo pe’ cape!

RAFILINA - E chillo pirciò è asciuto! Si vuje ′o tenite ′ncapa io che ′nce pozzo fa? Site vuje ca ′o penzate! Comunque ′e cose s’acconcene, vedo trionfo della giustizia, è asciuto ′o rre ′e spade! Chillo acconce tutte cose.

DONNA ROSA - Già: è arrivato San Giorgio!

RAFILINA - ′Onna Carmè, state serena, pigliate tiempo, stirate chianu chianu, date ′o tiempo a don Pascale ′e turnà.

CARMELA - (strofinandosi gli occhi per contenere lacrime imminenti) …eh, Pascale! Quaccosa è succieso, sinò m’avesse fatto almeno ′na telefonata.

Entrano in scena i quattro pretendenti.

ACHILLE - (arrogante) ′Onna Carmè, a che state cu ′sti panne? Avite fernuto ′e stirà?

CARMELA - (tremante) Io… no…, io… mo me so’ scetata, ancora aggi’ ′a accummincià.

ACHILLE - (sempre più spazientito) ′Onna Carmè, so’ quase ′e sei! Se sta facenno  tarde, qua ci dobbiamo decidere!

Gli altri tre approvano parlottando tra loro.

RAFILINA - (rendendosi conto della difficoltà di Carmela, le fa un cenno come per dire “ci penso io” e si avvicina ad Achille con fare conciliante) E ghiamme, ′nu poco ′e pazienza. Donna Carmela sta ′nu poco scossa e poi…

ACHILLE - (brusco) E vuje chi site?

RAFILINA - Rafilina, a servirvi.

ACHILLE - (calmo ma severo) A favorirmi. Ma comunque faciteve ′e fatte vuoste.

RAFILINA - Sicuro! Però, sapite che d’è…

ACHILLE - (in un crescendo rabbioso) V’aggio ditto non v’intromettete!

RAFILINA - Aggio capito, però donna Carmela…

ACHILLE - (furioso) Basta! La dovete finire, sinò ve ne caccio ′a dint’ a ′sta casa!

RAFILINA - (ha perso la pazienza) Uè, vuie ′nce avite ammusciato ′o sacicce, carissimo don Achille!

ACHILLE - (sorpreso) Rafilì, parlate buono, sinò…

RAFILINA - Sinò che? Che facite? Comunque adesso parlo buono: voi ci avete appassito la salsiccia, carissimo don Aquello!

ACHILLE - Aquello?

RAFILINA - E sì, vi ho chiamato in italiano!

DONNA ROSA - Sia fatta ′a vuluntà ′e Dio! ′Nce vuleva proprio! Ccà, chi pecora se fa, ′o lupo s’ ′o magna!

Entrano Davide e Luciano. Davide va verso l’altra quinta per raggiungere il padre e Luciano, a disagio, si sposta da un punto all’altro della scena.

Achille e Rafilina si guardano in cagnesco.

Rientra Davide, gesticolando chiama a raccolta le tre donne e, dai gesti che fanno, risulta evidente che stanno concordando qualcosa; nel frattempo anche i quattro uomini fanno scena parlottando tra loro. Quando Davide finisce di parlare le tre donne si siedono, Davide si posiziona dietro la madre e le poggia le mani sulle spalle, come per infonderle coraggio.

CARMELA-(con tono fermo) Signori, aggio deciso: levammo ′a miezo ′o stirà, ′a casa s’ ′a piglia chi riesce ad aprire la porta di questo mobile al primo tentativo!

ACHILLE - (infastidito) Ma che d’′e ′sta strunzata? E che ′nce vò? Ma comme, avimme arapì ′a porta e ′nu mobbile?

CARMELA - (sempre più decisa) Sì!, chi arape ′a porta ′e ′stu mobbile se piglia ′a casa! Cu ′o patto, però, ca si nisciuno l’arape ve ne iate tutt’ ′e quatte.

ACHILLE - (spavaldo) E sta bene. Ma si l’arapimme tutt’ ′e quatte?

CARMELA - (sicura di sé) Non credo: uno solo ci riuscirà.

VITTORIO - Va buò, accummencio io.

Si avvicina al mobile con disinvoltura e fa quello che normalmente si fa per aprire un’anta: tira, ma l’anta non si muove.

VITTORIO - (deluso) Mannaggia ′a miseria!, me credevo ca s’arapeva dint’ a niente, se vede ca sta ′ncatastata. Vuol dire ca io e mia moglie ci arrangiamo un altro poco a casa di mia suocera.

CARMELA - Fuori uno.

TOMMASO - Tocca a me: mo ′nce dongo ′na bella botta!

Si avvicina, impugna la maniglia, dà un tiro secco, ma l’anta non si muove.

TOMMASO - E va fa ′nculo! Ero sicuro ca ′nce ′a facevo! Aggio perzo pur’io.

CARMELA - Avanti un altro.

SALVATORE - Ma allora ′o fatto è serio!  ′Nce  aggi’ ′a  mettere tutt’ ′a forza ca tengo.

Si avvicina al mobile, con una mano lo tiene fermo e con l’altra impugna la maniglia, tira forte, ma l’anta non si muove.

SALVATORE - Mamma d’ ′o Carmene! Ma ′a quant’anne nun l’arapite?

CARMELA - E il terzo pure è andato.

ACHILLE - (spavaldo) Site ′na schifezza tutt’ ′e tre! Guardate a me pe’ ve ′mparà l’uommene ′overe comme se comportano: guagliù, ′a casa è  ′a mia!

Si avvicina al mobile, si sputa tra le mani sfregandole tra loro, muove le spalle come per attivare i muscoli, impugna la maniglia, dà uno strattone, ma l’anta non si apre.

CARMELA - E quattro! Siamo al completo.

ACHILLE - (arrabbiato) ′Onna Carmè, ma vuie ′nce avisseve fatte fesse? ′Sta porta se po’ arapì o no? E m’aggio pure fatto male ′o dito!

CARMELA - ′A porta se po’ arapì, siete voi quattro che non siete in grado di aprirla.

ACHILLE - Non siamo in grado? ′Onna Carmè, io tengo ′a forza ′e ′nu toro! ′A porta nun s’è araputa, e m’aggio quase levato ′nu piezzo ′e dito!

CARMELA - Meglio accussì! ′A prossima vota ca jate ′ngalera, putite fa’ ′o rito abbreviato!

EntraPasquale, malconcio e barcollante; provoca la sorpresa dei quattro uomini.

PASQUALE -(con calma) Posso provare io?

ACHILLE -(sprezzante) Tu?, ma si nun te fidi nemmeno ′e stà allerta!

RAFILINA - Overo don Pascà, comme state cumbinato male. Mo vaco a chiammà ′o dottore Morelli, vuje v’avita visità.

CARMELA - Ma no, Rafilì, nun ve scomodate, nun date retta.

RAFILINA - ′Onna Carmè, ′o faccio con piacere: a me ′o dottore Morelli me piace pure! E po’ ′e carte m’hanno ditto che devo fare un incontro importante, cu ′na persona perbene.

DONNA ROSA - Falla jì, nun ′e capito ca nun và pe’ mariteto?

CARMELA - E ghiate Rafilì, jate.

Rafilina esce.

PASQUALE - Vulesse pruvà ′o stesso. Però, si l’arape ve ne jate.

ACHILLE - Ma si nun l’arape te ne vaie tu.

PASQUALE - Sta bene.

Tenendo una mano sul rene come per cercare di lenire un dolore, si avvicina al mobile, prende una chiave che si trova in una ciotoletta che funge da soprammobile, solleva una coccarda che copriva una toppa,  infila la chiave, la gira, l’anta si apre.

ACHILLE - (infuriato) Ma comm’è?, steve chiusa a chiave? E pecchè nun l’avite ditto?

PASQUALE - (con l’aria di chi assapora un successo già previsto, quasi stanca) E perché te lo dovevano dire?

ACHILLE - (spaesato) Ma io me credevo ca ′nce vuleva ′a forza.

PASQUALE – Pecchè tu sulo chesto capisci, perché è l’unico valore che  conosci.  Mia moglie non ha detto “vence chi tene ′a forza e arapì chella porta”, ha ditto sulamente “vence chi arape chella porta”. ′O riesto ′nce l’ ′e miso tu, cu ′a capa toia. Achì, tu te cride ca chi tene ′a forza è cchiù forte ′e ll’ate, nun è overo! Tu capisci solo la forza dei muscoli, chella forza ca fa paura. Ma esiste la forza della mente, chella forza ca te fa ragiunà, chella forza ca quanno te fa ottené quaccosa ti fa stare bene perché sai che l’hai ottenuta perché la meritavi. ′A forza ca cunusce tu è chella ca si uno te dà ′na cosa, ′o fa sulo pe’ paura e dopo ti disprezza. Achì, cu ′a forza toia può vencere ′o braccio ′e fierro, invece, cu ′a forza mia tengo a Carmela, a Davide e ′na casa. Achì, ′e perzo, te ne devi andare.

ACHILLE - (tentando una reazione) … ma io…

PASQUALE - (urlando) Achì, vattenne!

Achille esce con gli altri.

Entrano Rafilina e il dottore Morelli.

RAFILINA - Dottò, comme ′o vedite?

MORELLI - (sinceramente preoccupato) Male, molto male! Don Pasquale, vi dovete far visitare subito, mi preoccupate.

PASQUALE - Dottò, vi ringrazio, ma non è niente: sono solo molto stanco. Domani starò benissimo.

MORELLI - (scoraggiato) Eccoli qua! Stanno tutti benissimo e poi ti muoiono tra le mani!

Lo guarda per qualche attimo senza parlare.

RAFILINA - (cercando di darsi un tono per mettersi in evidenza col medico) Dottore, ma c’è qualcosa che non va? Io vi vedo un po’ assortito.

MORELLI - Sì, infatti ho il cappotto blu, il vestito grigio e le scarpe nere.

LUCIANO - Dottore, la signora voleva dire assorto.

MORELLI - (ironico) Ah, meno male che me l’hai spiegato, non l’avevo capito. (poi, rivolto a Pasquale) Don Pasquà, voi avete il diabete, il fegato malconcio, il cuore ingrossato, un aspetto da far paura e pensate che domani starete benissimo! E’ assurdo, voi vi dovete ricoverare!

PASQUALE - Dottò, ma quale ricovero? Se sape ca dint’ ′e spitale t’accidono e nun te pavano.

MORELLI - E questa è la solita mentalità della gente ignorante! E poi, chi ha parlato di ospedale? Ci sono delle strutture private dove tutto funziona a meraviglia. Per esempio, c’è la clinica “SORRISO” che è convenzionata con la mutua ed è gestita da suore eccezionali; ve la consiglio perché so con certezza che là ogni ammalato viene trattato come se fosse Gesù Cristo!

PASQUALE - Allora  è  comme  ′o  Cardarelli:  pure  llà  e malati ′e  mettono ′ncroce! Grazie dottò, ma nun date retta: preferisco stare a casa mia.

DONNA ROSA - Domandate si le facesse bene ′na bella coscia ′e pullo.

RAFILINA - (con fare da raffinatezza affettata) Dottore, dice la signora Rosa gli possiamo far mangiare una gamba di pollo?

MORELLI - (rivolto a Luciano) Giovanotto, mi devi spiegare qualcosa?

LUCIANO - E penso proprio che non c’è bisogno.

MORELLI - (rassegnato) Va bene. Io me ne vado, il mio dovere l’ho fatto. Ma se non volete ascoltare i miei consigli certo non vi posso obbligare. Buona sera a tutti.

Esce.

RAFILINA - (tentando di non perdere di vista il medico) E mo me ne vaco pur’io. Menu male ca è andato tutto bene. Bona nuttata.

CARMELA - Buona notte, Rafilì’. E  grazie assaje.

Esce anche Rafilina.

Davide si avvicina a donna Rosa.

Pasquale abbraccia Carmela che si asciuga le lacrime.

CARMELA - Pascà, comme me l’aggio vista brutta.

PASQUALE - (facendole una carezza sui capelli) Nun ce penzà cchiù, è fernuta. Carmè, jammoce a mettere dint’ ′o lietto: stamme stanche.

CARMELA - (un po’ smorfiosa) Pascà, te la ricordi ancora la storia del letto nostro?

PASQUALE - (tenero)  E  chi  se la scorda?  Era ′o lietto ′e zi’  Maria, ′nce cagnaime ′a spallera, ′o pittaime marrò e cagnaie faccia. Jamme Carmè.

I due escono.

DAVIDE - (rivolto a donna Rosa) Io e Luciano usciamo un po’. Ci vediamo più tardi.

Escono anche loro. Donna Rosa rimane sola in scena, tira fuori dalla tasca un Rosario e comincia a pregare. Bussano alla porta.

DONNA ROSA - (seccata) …e quanno fernesce ′sta jurnata? Famm’ji a vedè chi è.

Esce e rientra con un bel giovanotto che la segue.

DONNA ROSA - (continuando un discorso evidentemente già iniziato) …t’aggio ditto ca s’è ghiuta a cuccà cu ′o marito. Stavano stanchi, vieni dimane e ′nce parle.

PAOLO - (ansioso) Signora, vi prego, devo parlarle subito: non so se domani troverò il coraggio che ho ora. Provate a chiamarla: se non dorme vedrete che viene.

DONNA ROSA - (vinta dall’insistenza del giovane) E che diece ′e capa tosta! (poi, alzando la voce) Carmè, può ascì ′nu mumento?, ′nce sta ′nu giovane ca te vo parlà.

Si sente dalle quinte la voce di Carmela.

CARMELA - (come per dire “proprio ora?”) Mammà?!?!?

DONNA ROSA - E tu che vuò a me? Chillo va ′e pressa!

Carmela esce, guarda Paolo, esita un po’, poi gli parla.

CARMELA - Ma io ti conosco, tu non sei quello che lavora nell’ agenzia di assicurazioni qui di fronte?

PAOLO - Sì, sono proprio io. Mi chiamo Paolo e anch’io vi conosco.

CARMELA - (sinceramente sorpresa) E che mi vuoi dire?

PAOLO - (un po’ imbarazzato) Io… ho saputo della casa…, di vostro marito, io… io volevo…

CARMELA - Pure tu? Pure tu vulive ′a casa mia?

PAOLO - (offeso, rompe gli indugi) No, io non ero interessato alla casa e non lo sono! Io voglio te, io sono innamorato di te, io una casa la voglio, ma per viverci insieme a te! Sono mesi che tengo questo peso dentro di me e ho sperato che tuo marito non tornasse perché tu potessi finalmente essere libera! Carmela, vieni via con me!

Donna Rosa si fa ripetutamente il segno della croce.

CARMELA - (sconvolta) Ma che dici? Tu sei così giovane, sei poco più di un ragazzo. Paolo, non scherzare. E poi Pasquale è qui, è tornato, io…

PAOLO - (quasi d’istinto) …ma se non fosse tornato? Carmela, fammi realizzare questo sogno. Da mesi, quando alzo gli occhi e sul tuo balcone vedo quelle tende da sole…

DONNA ROSA - …pienze ca ′e vulisse venì a fa’ compagnia? Ma chelle songo po’ sole, nun è che stanno sole!

Paolo ignora donna Rosa e si avvicina a Carmela, Carmela indietreggia.

PAOLO - (insistente) Se non fosse tornato?

CARMELA - (decisa) Se non fosse tornato non lo so, ma è tornato e questo basta! (poi, più intenerita) Ma com’è che hai fatto così tardi?, com’è che non sei venuto prima? Anch’io ti ho notato in questi mesi e…

Dalle quinte si sente la voce di Pasquale.

PASQUALE - Carmè, ma chi è?

CARMELA - (richiamata alla realtà) Nessuno! Pascà, non è nessuno! (poi, a Paolo) Sei arrivato troppo tardi, ora devi solo andare via (pausa) purtroppo! (si ferma, ci ripensa) Però dint’ ′a ′sti juorne, doppo ′e ddoje, te vengo a truvà  dint’ all’agenzia e ne parlammo. Adesso vattene.

Paolo esce.

CARMELA - (un po’ stralunata) Mammà…

DONNA ROSA - Aggio capito chello ca staie penzanno: primma a morte e po’ ′a ′ccasione! Carmè, siente a mamma toia: tu pitte troppo! Vatte a cuccà Carmè, Pascale t’aspetta!

CARMELA - Si, però ′o vaco a truvà!

DONNA ROSA - Figlia mia, ma tu si’ pazza!

CARMELA - Mammà, ma che te cride ca stamme overamente ′e tiempe  ′e Penelope? Chesto fallo credere all’uommene ca, se sape, se credono tutte chello ca le fa piacere! ′Na cosa erano chilli quatte fetienti, n’ata cosa è ′nu bellu guaglione giovane e educato. E poi sono quarant’anni che mi tormenti con i tuoi “pare brutto”, “a gente che dice”, “pienze buono chello che faje”. ′A quant’ero piccerella mi hai sempre detto quello che si doveva fare, senza mai preoccuparti di quello che io avrei voluto fare. Mo basta! Paolo mi piace. Che c’è di male?

DONNA ROSA - Carmè, chillo Pascale te po’ levà ′a matria podestà!

CARMELA - Quando parli tu mi sembri un supermercato: dici 2 e sbagli 3! Comunque, mica voglio lasciare Pasquale e sfasciare la famiglia, sarà come dipingere un quadro: quando finisce l’ispirazione si mette da parte.

DONNA ROSA - E si po’ te vene qualche altra ispirazione?

CARMELA - Mammà, e faccio un altro quadro! Finchè avrò a disposizione colori e pennelli ho deciso di dipingere sempre!

DONNA ROSA - (riflettendo un po’) E vai Carmè, hai ragione tu: addo’ c’è gusto nun c’è perdenza; e po’, comme se dice? ′O lassato è perduto! Ah, ′e tenesse io mo quarant’anne!

Entra Pasquale.

PASQUALE - (insistente) Carmè, ma chi era?

CARMELA  - Te l’ho detto Pasquà: nessuno!

PASQUALE - Ah, nessuno. Pecchè si è qualcuno ca ′nce vo’ da’ fastidio, io ′o ceco n’uocchio!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno