Questioni personali

Stampa questo copione

Questioni Personali

di Nunzio Cocivera

COMMEDIA COMICA IN TRE ATTI

PERSONAGGI:

1. Ambrogio Licata 45/50 anni

2. Mauro Licata figlio scemo 20/25 anni

3. Michele Licata figlio 30 anni giovane e simpatico

4. Mara Licata moglie 40/45 anni casalinga semplice

5. Mimma Felsi madre

6. Enzo Felsi padre

7. Ketty Felsi figlia e fidanzata di Michele

8. Mastru Ninu uomo dai 35/45 anni muratore

9. Desiderio figlio di mastru Ninu, età 7/13 anni

SCENE:

I° ATTO: nel salotto di casa Licata

II° ATTO: nel salotto di casa Licata

III° ATTO: nel soggiorno di casa Felsi

I° ATTO

In scena, seduti in salotto, Mauro (ragazzo sui 18-22) e il padre Ambrogio (uomo sui 45-50 anni) che giocano a carte per circa 2 minuti. (Mauro spesso gioca sulla scena con un pallone gonfiandolo e sgonfiandolo.

MAURO: Dui di briscula (tira la carta).

AMBROGIO: Porca miseria! Ci misi u caricu, sbagghià.

MAURO: (Tira le carte in aria) Basta! Io cu tia non ci giocu chiù.

AMBROGIO: Ma picchì sugnu mbrughiuni.

MAURO: Picchì tu quandu cià mettiri a briscula, ci metti u caricu; quandu cià mettiri u caricu, ci metti a briscula. Ma fa apposta pi mi fari vinciri, veru?

AMBROGIO: Ma noo! Chi dici? Tu si chiù bravu, giochi megghiu di mia e mi vinci apposta.

MAURO: Non po' essiri, tu mbrogghi!

AMBROGIO: Ma no! Tu si un campioni. E' la pura virità.

MAURO: Non è veru,a tia ti pari chi sugnu babbu e giochi accussi pi mi fari vinciri.

AMBROGIO: E' chi si un giocatori sceltu, apposta cu tia non vinciu mai. Si tu ci fa casu a briscula, a scupa, a trissetti, all'asupighia tuttu, a scala quaranta, insomma a tutti i giochi chi si fannu chi carti tu mi vinci sempri.

MAURO: E comu mai si giocu cu Micheli a me bravura non c'è chiù; si giucamu a sordi mi spinna! Si giucamu a seccu mi vinci.

AMBROGIO: Perché lui è fortunato al gioco e sfortunato in amore, non è mancu zitu.

MAURO: Tu l'ha sempri pronta cacchi scusa tantu pensi

MAURO è scemu mucca tutti cosi!

AMBROGIO: No me fighiu tu non si scemu si malatu.

MAURO: Si aiu a malatia da babbaria apposta tutti mi sfuttunu e tu chi si bonu mi fa vinciri o giocu ti vinciu puru i sordi, chi poi mi vinci me frati.

AMBROGIO: Tu non ci giucari cu iddu soprattuttu a sordi, gioca cu mia, chi a mia mi vinci sempri.

MAURO: Appuntu tu mi fa vinciri sempri i soddi, si giocu a soddi vinciu cu tia e cu Micheli perdu sempri.

AMBROGIO: Si giucamu a secco o chi sordi tu vinci sempri si troppu bravu e datu chi cu to frati perdi non ci giucari cu iddu, soprattutto a sordi, senò tiu vinci chiddi chi mi vinci a mia.

MAURO: E pi chissu io dicu chi tu mi fa vinciri apposta: è mai possibili che tu non vinci mai!

AMBROGIO: Non è veru! Tu sei un campione di briscola e di scopa! ENTRA IN SCENA LA MAMMA MARTA

MARTA: Chi aviti da gridari accussì?

MAURO: U papà è mbrughiuni. E allura che spizzicu c'è a giucari si vinciu sempri io?

MARTA: U papà non ti faci vinciri tu u vinci sempri picchì si bravu!

AMBROGIO: Io avi chi ciù dicu.

MAURO: Insomma dì a virità: mi fa vinciri sempri? Così tu si cuntentu chi vinci, datu chi ci piaci a tutti vinciri.

MARTA: U sa picchì to patri ti fa vinciri sempri? Così tu si cuntentu.

MAURO: E io non sugnu cuntentu di vinciri sempri, vabbeni! E picciò, quandu giocu vogghiu peddiri.

AMBROGIO: Allura picchì ogni volta chi giochi cu to frati, tutti i voti chi peddi ti metti a cianciri?

MAURO: Picchì iddu eni mbrugghiuni, non gioca leali.

MARTA: Allura non si mai cuntentu: si ti fannu vinciri, dici chi ti mbrogghiunu; se ti fannu peddiri dici chi ti mbrogghiunu u stissu, chi vo a butti china e a mugghieri mbriaca?

MAURO: A butti china na vulissi, ma a mugghieri mbriaca mi piacissi, eccome!

MARTA: E picchì mbriaca ti piacissi a mugghieri a tia?

MAURO: Picchì si è mbriaca cu sapi quanti ni cummina!

AMBROGIO: No, si è comu a to mamma, quandu è mbriaca dormi. CONTEMPORANEAMENTE ENTRA MICHELE, RAGAZZO SUI 25/30 ANNI CON BARBA LUNGA.

MICHELE: Picchì sulu si è mbriaca? Si pigghia a iddu pi maritu!

MAURO: Tu picchì parri? Non è chi sta megghiu a fimmini, e si chiù ranni!

MICHELE: Io sugnu zitu, inveci cretinu, zitu!

MARTA: E da quandu?

AMBROGIO: Cu è chissa?

MICHELE: Ketty Felsi, un amore di ragazza. Stiamo assieme da qualche anno.

MARTA: Chi stati assemi?

AMBROGIO: Ma unni stati? Quand stati assemi, se sta ca, dommi ca, manci ca, ti cucchi ca!

MICHELE: Quandu io non sugnu ca staiu cu idda.

MARTA: Chi? Vinnifuistu?

MICHELE: Ma quali fuiri? Non si usa chiù. "Stamu assemi" voli diri chi ni frequentamu, semu ziti!

AMBROGIO: E' na carusa bona? Di bona famigghia? So patri chi fa? So mamma chi tipu è? Avi frati, soru? Quant'anni avi? Chi faci, travaghia? Studia? Passia? Sapi cucinari?

MARTA: Forza parra, dimmi tutto: nome, cognome, maternità e paternità, quantu su i famighia, unni stanno, cosa hanno, che lavoro fanno?

AMBROGIO: Com'è bionda, auta, curta, sicca, rossa... longa, stritta.

MAURO: Avanti, parra! Com'è me cugnata? Bella, alta, tutta curve e rotondità, insomma è ben piazzata di fisico?

MICHELE: Oh! Puru tu vo sapiri assai mutu e fatti i cavuli to.

AMBROGIO: Iddu sava stari mutu, ma tu a parrari; forza rispondi alle nostre domande.

MARTA: E voglio pure i dettagli.

MICHELE: Frenatevi, non curriti chi su tutti si dumandi; e poi vi scurdastu mi mi dumandati quantu pisa, quantu denti iavi, u numiru du codici fiscali.

MAURO: Picchì chi avi a dintera!

MARTA: Si a carusa è bona e a famighia puru, su stari ziti così non va beni, sanna fari i cosi seri.

AMBROGIO: Insomma prisentiti a casa, unni i so genitori fa u to doveri di carusu seriu di bona famigghia e ci chiedi a so manu, comu si usa ufficialmenti.

MAURO: Allura ti fa zitu ufficialmenti?

MICHELE: Oh, chi su sti stori, tutti chi faciti progetti, deciditi pi mia! Unni rivammu? Chisti su questioni personali chi mi l'è vidiri io e ketty quandu sarà ura di fari chiddu cama fari!

AMBROGIO: Comu? E niautri non cuntamu nenti? Non ni interessa?

MARTA: Chi voli diri "questioni personali"? Picchì niautri semu strani?

AMBROGIO: Veru è. I cosi giusti sanna fari: cettu su questiuni personali puru pi niautri chi ti ficiumu e ti criscemmu!

MICHELE: I genituri iannu puru cacchi dirittu, non ti pari?

MAURO: Com'è me cugnata? Comu si chiama?

MICHELE: Ketty si chiama e eni bellissima.

MAURO: Kitti, che bellu nomi!

MICHELE: Ketty, non Kitti.

AMBROGIO: (a Mauro) Tu fatti na passiata ch'è parrari cu to frati io, di questioni personali.

MAURO: Io restu ca vabbeni? Sunnu quastioni personali puru pi mia: vogghiu sapiri tutto con i particolari.

MICHELE: A quantu pari cà pi tutti sunnu questioni personali, sulu pi mia no! Allura parrati viautri, arrivedecci (esce)

MARTA: Unni va? (a Mauro) A chiamulu!

AMBROGIO: Chi cosi i nesciri pazzi! Non si po chiù parrari chi figghi i sti tempi! Non c'è dialogo!

MARTA: Poi videmu, stasira. Ora dammi 50 euro che iri a putia, moviti.

AMBROGIO: Sa putia pari chi guadagna sulu cu mia! Ca catti cu 50 euro?

MARTA: Detersivi, sapuni pi robbi...

AMBROGIO: Cettu chi tu pari chi ti manci i detersivi di quantu ni consumu! Cecca di risparmiari!

MARTA: Risparmiari, risparmiari, e comu? Chi detersivi non si po' risparmiari.

AMBROGIO: Per esempiu: na vota lavi u linzolu di sutta, e, all'autra simana, chiddu di supra, i fediri i giri e cosi i lavi menu spessu e risparmi.

MARTA: Quannu tu ia i causi lordi, ti giri o ruversu, e puru i to figghi, no? E si ta lavari u culu tu va lavi a mari e tu stui ca petra pumici.

AMBROGIO: Oh! Io u menzu d'arreri l'aiu delicatu.

MARTA: Tu si tuttu delicatu davanti e d'arreri.

AMBROGIO: Tu inveci essendu chi si chiù dura menu delicata ti po' lavari ca varichina.

MARTA: U sa chi fa i robbi lordi ci porti a to mamma e io a me mamma cussi risparmiamu.

AMBROGIO: Puru chissu si putissi fari, non ci avia pinsatu!

MARTA: non dicemu fissarii. Io inveci ti facissi manciari na simana si e una no. Così risparmiassi.

AMBROGIO: E sugnu io chi dicu fissari, ah! A limiti chiddu chi dissi io si putissi fari.

MARTA: Non dicemu fissarii. Va moviti, nesci i soddi e non mi rumpiri i...

AMBROGIO: Oh! Muntuiti a to roba! Chi vulivi diri?

MARTA: Chiddu chi capisti tu. E tantu pi precisari, chidda è roba me. Ti ho preso tutto compreso.

AMBROGIO: Mi hai preso? Oh, io ti ho presa, fino a prova contraria!

MARTA: Tantu pi pricisari e pi ti informari, chi si mali informatu, sunnu i fimmini chi si scegliunu l'omini, no o cuntrariu.

AMBROGIO: Di chi mundu è mundu, sunnu l'omini chi pigghiunu e scegliunu e si ceccunu i fimmini. Cettu, cu sti tempi moderni, cacchi eccezioni c'è, ma cacchi eccezioni! Non fu io chi ti dissi: "Mi vo' pi zitu?"

MARTA: Ma io fu chi ti sciglì. Si non ti vulia ti dicia no.

AMBROGIO: Ma si io non tu dicia, tu comu mi sciglii, ah? Comu sciglii?

MARTA: Niautri fimmini avemu l'arma segreta pi ni fari veniri a ciccari! Io ti avevo scelto e fici in modu di farti pinzari chi sciglivi tu! Tutto calcolatu, comu un rilogiu svizzuru!

AMBROGIO: Ah! Bella fregatura chi siti i fimmini!

MARTA: Semu na bella fregatura chi ci piaci all'omini, a tutti l'omini.

AMBROGIO: Non propriu a tutti, ci sunnu l'eccezioni. (sventolando un orecchio per farsi capire).

MARTA: Ambrogio, io dissi all'omini, a tutti l'omini (pausa) Moviti, dammi a munita (Ambrogio esegue)

AMBROGIO: Te doccu e salli spendiri, non sugnu bancheri io!

MARTA: Io i sacciu spendiri. Ma u nicissariu è nicissariu. (esce)

AMBROGIO: (Rimane in scena facendo dei gesti). ENTRA MAURO

MAURO: Papà, no potti rivari a Micheli, curria forti.

AMBROGIO: (sussulta) Mi facisti scantari. Chiddu sicuramenti iu unni a zita. Speriamu chi è na bona carusa!

MAURO: Sarà brava, sennò non dicia: "a me zita", Micheli. Quandu io u vidia cu cacchi fimmina, ci dumandava "è a to zita" e iddu dicia: "ma quali zita! Era na carusa!... Era una." Oppuru: "Na fimmina!" Si dissi zita, stavota ci semu, si marita.

AMBROGIO: Non curriri puru tu. Ma dimmi na cosa, l'ha vista tu? U sa cu è? Com'è? E' bella, è alta, bassa, bionda, bruna, rossa, sicca, quant'anni avi?

MAURO: Pensu chi sarà bona.

AMBROGIO: Insomma io vogghiu sapiri cosi chiù seri, non si eni bona o ca frevi a 40.

MAURO: Dumandici a Micheli i dettagli.

AMBROGIO: Chiddu non parra, non si sbuttuna.

MAURO: Quannu vaci o bagnu sava sbuttunari pensu, se no si fa i supra.

AMBROGIO: Insomma parra: tu l'ha sapiri cu è, sicuru... rispunni!

MAURO: Insomma papà io di fimmini chi frequenta Micheli non sacciu un tubo.

AMBROGIO: Io chissu non ci cridu chi tu non ha vistu a to frati cu chissa.

MAURO: Insomma io non sacciu nenti veramenti: ti pozzu diri sulu chi è fimmina.

AMBROGIO: Chi è fimmina u pensu puru io, insomma prra forza! Non mi vo' diri chi tu non sa cu è?

MAURO: No! Ma canusciu a me frati, ava essiri bona!

AMBROGIO: Chi voli diri bona? Di bonu fari, di bona famigghia, è carusa seria? Chissu io intendu pi bona.

MAURO: Io pi bona intendu bona (facendo il gesto).

AMBROGIO: Chinni sa tu di bona o non bona?

MAURO: Si era pi tia, di quantu ti interessi di mia, io non sapia piddaveru chi vulia diri fimmina, né bona, né brutta.

AMBROGIO: Comu non mi interessu di tia? Chi voli diri stu discussu?

MAURO: Sugnu o non sugnu masculu puru io?

AMBROGIO: Chi discussi fa? Cettu chi si masculu!

MAURO: Allura, comu a tutti i masculi, haiu puru io i me esigenzi, non ti pari?

AMBROGIO: (sbalordito) Non ci avia mai pinsatu nta stu sensu s'è diri a virità!

MAURO: U sa quanti anni haiu? Non ciavii pinsatu mancu.

AMBROGIO: Chi discussi, cettu chi sacciu quant'anni ha!

MAURO: E tu non sa si io a me età sugnu o non sugnu statu a fimmini, ho avuto o non ho avuto fimmini, donne!

AMBROGIO: Veramente no! (sempre più stupito)

MAURO: Allura ammetti chi tind'ha futtutu i mia e di me problemi! Cettu io sugnu babbu, lassatimi ta me babbaria

AMBROGIO: Ca io staiu facendu a parti du babbu (breve pausa). E no du babbu picchì sugnu papà, ma proprio di babbu babbu.

MAURO: Cettu su questioni personali se si tratta i Micheli: trattandosi di mia non ti interessa!

AMBROGIO: Me figghiu, io non sacciu ch'è diri, propriu no sacciu. Cu cia pinsatu mai a sti cosi!

MAURO: Cettu, mi potti ca, mi potti dà: ma undi era nicissariu, mi andava, non mi puttasti mai... al massimo o cinema o circo.

AMBROGIO: (resta muto, pensieroso).

MAURO: Non parri, aiu ragiuni chi ti interessa picca o quasi propria di mia e di me desideri, di me esigenzi.

AMBROGIO: Non è veru, no po diri, a parti nta stu casu.

MAURO: E cu ci avia a pinsari, a mamma? Chisti su cosi i masculi, tu ci avii a pinsari pi mia! (pausa). Ma cettu, io sugnu babbu, lassatimi nta me babbaria.

AMBROGIO: Mi pari a mia chi pi essiri babbu sta facendu discussi di unu troppu scattru! Ca u babbu u staiu facendu piddaveru io oggi! (resta un attimo assorto, poi chiede). A propositu, dato chi semu a sti discussi (breve pausa). Tu... tu... cià iutu a donne?

MAURO: Ah! Ora ci pensi, ora mi dumandi? Io risbigghià u cani chi dommi, comu si dici (pausa breve). E allura u papà du fighiu babbu ci veni u dubbiu si so figgghiu nta so babbaria ha avuto a scattrizza di iri a fimmini o di farsi portare da qualcuno, magari dal fratello scaltro.

AMBROGIO: Beh! Io non ci avia riflittutu finora, ma datu chi ci semu, andiamo fino in fondo... allora?

MAURO: Allora 60 minuti, chi vo?

AMBROGIO: Allora devi dire a papà la verità.

MAURO: Io al papà non ci dicu nenti, nenti da fa, caro papà.

AMBROGIO: Senti Mauro... (con tono comprensivo, affettuoso) a to patri certi cosi ci po' diri: tu a fimmini cia iutu, ta purtatu qualcuno?

MAURO: Magari vuoi sapere si me frati mi aiutò in questo senso; ti poni il problema, ti poni il dilemma: "po' essiri o no?"

AMBROGIO: To frati ti purtò a fimmini?

MAURO: Ora ti veni u dubbio, ti poni il problema, la domanda "è andato o no?!" Tu pensavi chi io era vergini di corpu e di pinseru?

AMBROGIO: Insomma, cià iutu o no? Iaiu dirittu di sapiri o puru no? Sugnu o non sugnu to patri?

MAURO: Dumandici a mamma, ma mittemu chi si me patri, se la mamma conferma, non ha diritto du sapiri.

AMBROGIO: E picchì no?

MAURO: Picchì chisti sunnu cosi riguardanti sulu a mia, questioni personali su! (esce di scena scrollando le spalle)

AMBROGIO: Aspetta! Unni va? E picchì ci dumandu? Unni va su questioni personali (resta confuso qualche attimo, poi entra la moglie e lo fa sobbalzare).

MARTA: U sa chi mi capitò? U sa chi mi succidiu?

AMBROGIO: E chi ti potti succediri? Chi ti potti capitari? (la guarda) Fisicamenti pari chi si tutta ca. Piddisti a testa? Anzi, non puttasti nenti, piddisti a spisa? U detersivu, rumpisti l'ova?

MARTA: No, quali detersivu, ma quali ova?

AMBROGIO: Piddisti u lisciuni?

MARTA: Non piddi nenti: usa chi mi succidiu?

AMBROGIO: (non la fa finire) Aspetta, prima ti cuntu chiddu chi mi succidiu a mia, cosi impensabili!

MARTA: Fa parrari prima a mia, è chiù importanti.

AMBROGIO: Sicurmaneti non chiù di chiddu ch'è diri io. Senti...

MARTA: (non lo fa finire) Senti tu, ti staiu dicendu chi è importantissimu.

AMBROGIO: Chissu u po' diri dopu. Non po' essiri chiù importanti di chiddu c'è diri io? Camurria zittiti!

MARTA: (urlando) Oh! Oh! Quannu è parrari io ta zittiri tu! Si dicu chi è importanti, io sacciu chiddu chi dicu, e pecciò parru! Tu settiti, sta addritta, ma lassimi parrari e non mi iinterrumpiri chiù se non prima finisciu di parrari, vabbeni?

AMBROGIO: Vabbeni, parra tu. Ma appena m'ha cuntari cacchi pilu di cacchi dunu chi a mia non minni futti nenti, ti ndi mbiscu una chi ti scugnu i denti.

MARTA: Visti a to nora! Anzi, a nostra nora!

AMBROGIO: A cu vidisti? Quali nora?

MARTA: Quali nora! Quanti figghi ha chi ti dissiru chi su ziti?

AMBROGIO: E chinnisacciu!

MARTA: A zita di Micheli, no?

AMBROGIO: Unni a vidisti?

MARTA: Vicinu... a putia, era cu na picca di autri carusi, fimmini, avia... avia a minigonna e nautra carusa a chiamò pi nomi e cugnomi: si chiama Felsi Ketty.

AMBROGIO: E chi avia? A minigonna? Comu l'avia i cosci?

MARTA: Stamu parrandu da possibili nora!

AMBROGIO: E allura a parti u fattu chi ancora non sapemu nenti e non c'è che una parola di nostro figlio di un vago fidanzamento cu na certa Ketty, della quale siamo all'oscuro su tutto, ignoriamo tutto di lei e famiglia, ho solo posto una domanda.

MARTA: E tu mi dumandi comu l'avia i cosci, ti pari normali?

AMBROGIO: Picchì che c'è di stranu? No pozzu sapiri si me nora iavi i cosci boni o no? ENTRA MAURO CHE SENTE LE ULTIME PAROLE DEL PADRE

MARTA: Io vidu a me nora e pensi chi ci vaiu a vaddu i cosci! Ma cettu chi si finu tu, na cosa di lusso.

MAURO: Vidisti a Ketty, mamma?

AMBROGIO: Sì, a visti ca minigonna.

MAURO: (alla madre) E unni? Mamma unni a vidisti?

MARTA: Vicinu a putia cu nautri 4 carusi fimmini.

MAURO: E com'era, com'era? Comu l'avia i cosci?

MARTA: Simpatica, ma avia a minigonna idda sula, l'autri aviunu i causi e puru tu fa sti domandi scemi comu a to patri?

AMBROGIO: Chi centra? Si vidi chi l'autri iannu i iammi stotti!

MAURO: Ora io vidu sa vidu (fa per uscire).

MARTA: Sì, sì, vidi sa vidi, era dà chi passiava cu l'amiche.

MAURO: Vaiu, ciau (esce)

MARTA: Tu chi m'avia a diri?

AMBROGIO: Ma tu finisti di fari a spisa?

MARTA: Veramenti no, currì pi ti dari a nutizia (guarda l'orologio).

AMBROGIO: Unnè chi chiudi a putia. Cammina, iutimi, moviti di chi mi avii a parrari, parramu pi strata.

MARTA: Chi pi strata l'argomento è delicato. Si parla a casa in privato.

AMBROGIO: E chi ha di così delicato e di privato?

MARTA: Andiamo a fare spesa, poi ti cuntu o ritornu a casa a quattrocchi.

AMBROGIO: Ma chi ma diri di così scabroso?

MARTA: Moviti va, sù questioni personali. Poi ne parliamo a casa (escono)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

All'apertura del secondo atto entra in scena Michele, agitato, di corsa sulla scena vuota.

MICHELE: Papà, mamma, vu dissi e vu ripetu: facitivi i fatti vostri (pausa). Undi sinni eru? (continua a chiamare). Mauru, Mauru, mancu du scemu c'è !

MASTRUNINU: (entra in scena un uomo sui 30/35 anni) Permessu, Ciau Micheli (di tanto in tanto si sente un fischio fuori scena) Undi su to mamma e to patri?

MICHELE: Buongiornu, chi vulia ?

MASTRUNINU: Incuntrà a putia e mi dissiru chi viniunu subito a casa: io ci dissi chi pigghiava u metru e vinia. Rivà prima cuminciu a misurari.

MICHELE: Cata fari cu metru? Cata misurari?

MASTRUNINU: Chinni sacciu, ratteddi? Modifichi. To mamma voli fatti travagghi, dici chi tu ta fari zitu e voli puliiari a casa. Ma cu è chissa, a canusciu io?

MICHELE: Oh, cumpari Ninu, non ci rumpiti puru vui: facitivi i fatti vostri, ora puru i modifichi a casa!

MASTRUNINU: Chi mali c'è si mi dì cu è?

MICHELE: Su questioni personali. E stautra camurria chi frisca cu è?

MASTRUNINU: Me figghiu Desideriu. (a Desiderio, gridando) Desideriu, finiscila!

DESIDERIO: (entra un bambino sui 10/14 anni) Chi vo', ah?

MASTRUNINU: Vogghiu ca finisci di friscari cu su cosu!

DESIDERIO: Io inveci friscu quantu mi pari (fischia 3/4 volte). Vabbeni.

MASTRUNINU: Ti ndi mbiscu una chi ti fazzu nghiuttiri su cosu!

DESIDERIO: Io ci telefunu o telefunu a zzurru e ci dicu chi tu mi maltratti (e fischia)

MASTRUNINU: Tu dugnu io u telefunu nta testa! Ietta su friscalettu chi ti rivaru!

DESIDERIO: U friscalettu è u me, mu desi u nonnu e io friscu quantu mi pari, capisti? Friscu (e fischia).

MASTRUNINU: Appena rivamu a casa ti rifriscu io!

DESIDERIO: Io ciu dicu a mamma e o nonnu, e ci telefunu...

MASTRUNINU: Capì, ci telefuni o telefunu azzurru.

DESIDERIO: e all'UNICEF e ai carabinierti, a polizia...

MICHELE: Ora basta! Ca si a me casa e tu l'ha finiri, senò ti pigghiu u friscalettu e ciù dugnu a me frati Mauru.

DESIDERIO: Chistu è u me (lo mette in tasca)

MICHELE: Settiti e mutu, senò ti pigghiu a cauci nto culu! (Desiderio si siede). E poi ci po' telefonari puru o telefunu verdi.

MASTRUNINU: U vidi non c'è chiù rispettu, educazione, i figghi non scutunu chiù i genitori, non ci po' chiù dari na tumpulata a scopo educativo chi chiamunu u telefunu azzurru..

MICHELE: E quannu su i figghi chi ci miscunu e genitori a cu anna chiamari?

MASTRUNINU: Parri di un caso in partticolari o du paisi.

MICHELE: Ma no, mi riferiscu e giurnaliu, a televisioni: sinni sentunu di tutti i culuri, figghi chi mazzunu i patri e i matri di corpa ed altri addirittura li uccidono per interessi.

MASTRUNINU: Una volta la società si formava dalla famiglia, ora i famighi su cunsumati senza rispetto, senza onore e se si perde il senso di famiglia, il rispetto, come si può rispettare il prossimo, la società?

MICHELE: Aviti ragiuni si non si rispetta u patri, figuramini u prossimu.

MASTRUNINU: Allura Micheli, camu a fari ca?

MICHELE: No sacciu, ma pensu nenti.

MASTRUNINU: To mamma dici chi voli rinfriscari a casa.

MICHELE: Ci ietta na picca d'acqua e a rinfrisca.

MASTRUNINU: Vegnu dopu, va. Amunindi Desideriu. (si alza e va via fischiando)

MICHELE: Puru a rinfriscata, chi testa chi annu! Ma cu mi purtava a parrari, mi putia ghiuttiri a lingua, ora cu sa chi mi cuminunu milli dumanni: "Unni va? Chi fa? Dunni veni?" I soliti genitori all'antica chi si ntricunu nta tutti i cosi e sugnu masculu, si era fimmina era na tragedia greca. Quantu vidu si trovu a Ketty e ciu dicu. (esce) ENTRANO AMBROGIO E MARTA CON QUATTRO BORSE

AMBROGIO: Cettu chi ni catti cosi tu quannu fa a spisa!

MARTA: E chi fazzu, ma fazzu sempri da? Vaiu na vota e pi na simana sugnu a postu.

AMBROGIO: Pi na simana? Io pinsava chi era pi un misi! ENTRA MAURO DI CORSA.

MAURO: Mamma, mamma, a visti! Ch'è bona Kitti! Papà, ci visti! Chi belli cosci chi Kitti!

MARTA: A vidisti? Ti piaciu?

MAURO: Cettu è bona!

AMBROGIO: Si passiava frevi nonnavia, sicuru era bona.

MAURO: Bona non nta stu sensu, nta l'autru.

MARTA: E tu chi facisti?

MAURO: Dunqui, io ci dissi: ciau Kitti, e idda mi dissi: to frati mi parra sempri di tia. Ciau Mauru e mi desi un bacittu, ca nta facci.

AMBROGIO: Chi cumminasti! Ora sicuramenti to frati s'incazza! Ci avii a dari sulu na vaddata e basta!

MARTA: Fici bonu inveci chi ci parroi. E chi facisti poi me figghiu?

MAURO: A cumpugnà a casa. Idda mi dissi: non caro, non ti disturbare. U sa mamma, parrava tutta in italianu comu e turisti nordisti. Ma io nzistì e ci dissi: io ti cumpagnu. Salutò l'amichi e a cumpagnà.

AMBROGIO: E a cumpagnasti a casa?

MAURO: Cettu, rivammu davanti a potta e idda mi dissi: grazie Mauro del pensiero, ciao e mi desi nautru bacittu ca! (in faccia).

MARTA: Allura facisti u cavaleri, me figghiu, cu to cugnata!

MAURO: Cettu, e mentri ni salutammu rivò so mamma e ci dissi: cu è Kitty? E idda ci dissi: un amico mamma. Io ci dissi: "Salve signora, io sugnu Mauru Licata, figghiu di Ambrogio Licata e fratello di Micheli, suo ienniru, zito di Kitti qui presenti, me cugnata".

MARTA: E idda?

MAURO: Idda vaddò a Kitti, vaddò a mia e dissi: "Comu? Tu si zita? Cu è stu Micheli?" Kitti non ci rispundiu, allura io ci dissi: "Micheli è me frati".

MARTA: Mancu so mamma allura sapia nenti?

AMBROGIO: Cettu, i mammi e i patri non c'interessa chiddu chi hannu i figghi, su questioni personali.

MAURO: E' chiddu chi ci dissi Kitti a so mamma quandu idda ci dissi: "E picchì non mu dicisti chi eri zita?" Queste sono questioni personali, a tempo debito l'avresti saputo. Non era ancora il caso di dirlo in famiglia. Dovresti capire che queste sono cose strettamente personali.

MARTA: E so mamma?

MAURO: Idda, la signora, si fici nta facci di milli culuri e ci dissi: figlia ingrata e ineducata. Queste cose io, tua madre, le devo sapere dagli estranei? Tu dovevi dirmelo!

AMBROGIO: E idda?

MAURO: So mamma ci dissi di cosi, facennu uci forti e idda non si scantò propria. Ci dissi "non era ancora il caso che tu lo sapessi e neanche il papà".

MARTA: E la mamma non cia vutò una nto mussu a manu ruversa.

MAURO: No| Idda ci dissi da quanto tempo dura? Quando l'avresti detto? Idda ci dissi: "a tempo debito, te lo ripeto a tempo debito."

AMBROGIO: E comu ci dissi?

MAURO: Ci dissi a tempo debito! Non capì chi debito era, forsi a putia, forsi a macelleria, boh?!

MARTA: Quali debito?

AMBROGIO: Ma quali debito! A tempo debito voli diri quand'è ura tu dicia.

MARTA: Quand'è ura in italianu si dici a tempu debitu?

AMBROGIO: Certamenti. Io sugnu un pocu istruitu e si cosi i sacciu, a tempo debito, a suo tempo.

MARTA: Allura me figghiu, dimmi, comu finiu?

MAURO: Dunqui, so mamma ci dissi a Kitti: cu tia facemu i cunti dopu. Tu, mi dissi a mia, dimmi undi sta chi è veniri a parrari chi to genitori e cu to frati.

AMBROGIO: E tu ci dasti l'indirizzu?

MAURO: Cettu, indirizzu, nomi e cugnomi u to e da mamma. Mi dissi: appena veni me maritu vinemu.

MARTA: Venunu cà?

MAURO: Cettu, ca venunu.

AMBROGIO: Ora sì chi semu appostu, proprio a posto.

MARTA: Io mi vaiu a canciari. Ambrogiu tu non ti canci? Ti metti u vestitu?

AMBROGIO: Ma quali vestitu! Io sugnu bonu così!

MARTA: Io mi vestu meghiu, c'è fari na bona impressioni e cumpari (esce di scena).

AMBROGIO: Micheli sicuramenti s'incazza comu un niru appena u sapi.

MAURO: E picchì s'avissi a ncazzari?

AMBROGIO: Appena veni u vidi. Ah! A proposito, du fattu quandu u chiaremu?

MAURO: Quali fattu papà, di chi fatto parri?

AMBROGIO: Chiddu di fimmini.

MAURO: Quali fimmini?

AMBROGIO: U sa quali fimmini!

MAURO: Io no sacciu quali su i fimmini.

AMBROGIO: Nè canusci tu e fimmini, veru?

MAURO: Cettu chi canusciu, ma non sacciu quali dì tu! Di quali fimmini sta parrannu?

AMBROGIO: Io dicu i fimmini chi dì tu, quelle femmine che hai frequentato tu! Le hai frequentate o non le hai frequentate? Ci sei o non ci sei stato a femmine, a male femmine?

MAURO: Perché devono essere male femmine per forza?

AMBROGIO: Insomma, tu solo con quelle puoi aver fatto, se hai fatto, esperienza.

MAURO: Cettu, io sugnu babbu, sulu le male femmine si mettono cu mia, veru? Magari da marciapiede.

AMBROGIO: No me fighiu, io non vulia diri chissu!

MAURO: U sacciu chi vulivi diri. Picchì tu quand'eri schettu non ci isti mai a mali fimmini?

AMBROGIO: Chi c'entru io? Chi c'entra chi fici io? Quelli sono questioni personali.

MAURO: Questioni personali sunnu puru pi mia, non ti pari?

AMBROGIO: No, non mi pari picchì i patri iannu dirittu di sapiri chi fannu i figghi, mentri u cuntrariu no, i figghi devono dire al padre quello che fanno finchè vivono con lui, è un dovere morale dei figli.

MAURO: Belli paroli, ma a mia non mi cunvinci.

AMBROGIO: Io a tia ti nzignà che devi confidare ai genitori tutto, le cose si discutono in famiglia e si risolvono.

MAURO: Cetti cosi non si discurrunu, su tabù, nta certi famighi: comu mai tu non hai mai parlato cu mia di sesso, finora?

AMBROGIO: Finora io non lo credevo necessario, importante.

MAURO: Certo il figlio scemo doveva restare ignorante su certi argomenti, poteva essere pericoloso parlare di certe cose.

AMBROGIO: Insomma finora fu comu fu, ora tu hai il dovere morale di parlarmi, dovere MORALE!

MAURO: E' inutili chi usi paroli rossi, morali o non morali io non parlo.

AMBROGIO: Tu mi la diri se no io ti pighiu a tumpulana.

MAURO: Prima vidi di sistimari a storia di Micheli; poi parramu, si tu vogghiu diri e senza minacci.

AMBROGIO: A storia di Micheli è quasi a postu. MICHELE ENTRA PROPRIO NEL MINUTO PRECISO PER SENTIRE

MICHELE: Chi è a postu? Chi c'entru io? Chi è stu fattu? Quali storia?

AMBROGIO: Nenti, si parrava cu to frati.

MICHELE: Parrau di mia, picchì?

MAURO: Picchì fra pocu veni Kitti ca so famigghia.

MICHELE: (Stupito) Venunu ca?

AMBROGIO: Sì, pi ni canusciri.

MICHELE: Comu? Com'è stu fattu? Fammi capiri.

MAURO: A mamma visti a Kitti, mu dissi a mia, io a salutà, a cumpagnà a casa, dà visti a so mamma e mi dissi chi veni ca cu so marito, patri di Kitti.

MICHELE: (Si lascia cadere a sedere) Chi mi cumminastu! Un macellu! (Breve pausa) Io v'avia dittu chi erunu questiuni personali. (Si butta verso il fratello, che si nasconde dietro il padre) Io ti mazzu!

MAURO: Aiutu papà!

AMBROGIO: Cammiti Micheli!

MICHELE: Comu mi cammu! A vuiautri cu vi puttò a vi interessari di me fatti personali?

AMBROGIO: Non succidiu nenti.

MICHELE: Chi voli diri non succidiu nenti, mi mittistu nte guai a mia e a Ketty! (A Mauro) Io a tia ti tiru u coddu comu un iadduzzu, disgraziatu!

AMBROGIO: Ora basta (autoritario), finiscila! Ormai è fatta.

MICHELE: Cettu, ormai è fatta!

AMBROGIO: Insomma, tu a vo' seriamenti a sta carusa o no?

MICHELE: Non è chistu u puntu. E' chi viautri non aviu u dirittu mi v'intricau.

AMBROGIO: Ormai semu ntricati. Ora u problema è si tu ti vilivi sulu passari u tempu cu chissa, semu cunsumati! Senò, non c'è problema, non c'è motivo di lite.

MICHELE: U problema c'è u stissu, picchì non erumu pronti pi fidanzamentu e autru!

AMBROGIO: Chi stavu facendu ancora i provi?

MAURO: Undi nto divanu?

MICHELE: (minaccioso) Tu non fiatari.

MAURO: Aiutu papà!! (si nasconde)

AMBROGIO: Allura Micheli, parramu seriamenti, a vulivi seriamenti?

MICHELE: Cettu pi futtuna, ma non è questo il punto.

AMBROGIO: Allura semu a posto.

MICHELE: E inveci no! Porca miseria! Non era ura ancora! Voi non dovevate intricarvi! Chisti sunnu... (entra MARTA)

MARTA: Sunnu questioni personali, ormai sunnu pi tutta a famighia.

MAURO: Ancora erunu a virgula no o puntu.

MICHELE: Mamma, secundu tia haiu tortu io? E tu mutu Ah!

MARTA: Certamenti, picchì si cosi si discurrunu, si decidunu in famigghia, tu ancora anche se sei più grande di Mauro non era il caso di circari zita.

AMBROGIO: To mamma dissi giustu: Non era ancora ura!

MICHELE: Ma appuntu noi eravamu ziti pi cavulu nostri senza tricari i famighi.

MARTA: E ti pari giustu.

MICHELE: A me sì e anche a Ketty.

AMBROGIO: E mittemu chi Ketty era to soru ti sembrava giusto stu zitiari goni, goni, stati, strati.

MAURO: Vineddi, vineddi, fraschi, fraschi.

MICHELE: Tu mutu cosa fitusa.

AMBROGIO: Ora basta è inutile... (si sente il campanello forte). Mauro vidi cu è.

MAURO: C'è Don Ninu... e da camurria di so figghia. (Desiderio da un calcio a Mauro)

MASTRUNINU: Buongiornu (entra con secchio e attrezzi da muratore)

MAURO: Malanova mi avi u trenu (e zoppica)

AMBROGIO: Accomodatevi.

MASTRUNINU: Allura, chi vuliu fattu? Avia vinutu antura e non vi truvà (Desiderio fischia e nasconde il fischietto).

MAURO: Dammi u friscalettu.

DESIDERIO: Chi si scemu, io non tu dugnu.

AMBROGIO: MAURO! (Mauro si siede) E tu non friscari pi fauri!

MARTA: Dunqui don Ninu, vulemu fari na stuppata a sti buca, cussi Micheli ci duna na pittata e mura, sti travagghi di intra ormai non facemu chiù a tempu, me nora und'è veni. (Desiderio tira con un elastico, della carta a Mauro: Mauro si alza e lo prende a schiaffi).

DESIDERIO: Aiutu papà! (Ambrogio dà uno schiaffo a Mauro ma prende il muro)

MAURO: Cuminciò iddu!

DESIDERIO: Non è veru, iddu fu!

MASTRUNINU: Settiti e sta mutu (si siede).

MARTA: Ma stu carusu non ci vaci a scola?

MASTRUNINU: Avi 3 anni chi ripeti a quarta, e datu chi non voli, mu purtà cu mia a travagghiari.

MICHELE: Ma quanti anni avi?

MASTRUNINU: 11 anni persi.

MARTA: Undici anni? Ma vui quanti anni aviti, chi vi maritastu cu ciuccettu a bucca?

MASTRUNINU: Era un pocu giovani, ora aiu 30 anni. Ma chi mi stavu dicendu, cu è vostra nora? E' paisana?

MICHELE: Ora facemu i manifesti!

AMBROGIO: Micheli chi ti ne dari una puru a tia?

MICHELE: Ma picchi non vi faciti i fatti vostri tutti quanti siti, finalmenti.

MARTA: Scusatilu Mastru Ninu!

MASTUNINU: Non fa nenti. Allura cama a fari?

AMBROGIO: Aviumu a fari tanti cosi, ma ora facemu u chiù nicissariu. Ama giustari u curmali e a zaddacca supra i canali.

MAURO: Chi è a vacca supra i canali?

MICHELE: Si a scecca! Zittiti scemu!

MARTA: Poi a porta da cucina chi si scugnò. Viniti, va fazzu vidiri (restano Mauro e Desiderio).

MAURO: Dammi u friscalettu!

DESIDERIO: E chi era scemu, dammi docu!

MAURO: Io non sugnu scemu, dammi docu!

DESIDERIO: (gli sfugge) Non ti ndi dignu!

MAURO: Fammi fari na friscata, una sula!

DESIDERIO: Chi si scemu? Dopu chi frischi tu, io non friscassi chiù mancu su lavassi cu l'acitu muriaticu (rientrano)

MASTRUNINU: Va beni a simana chi trasi vegnu. Amunindi Desideriu.

AMBROGIO: Arrivederci (Anche gli altri salutano).

MICHELE: Insomma mamma e papà avete esagerato chiamastu u mastru, inchistu u paisi di me fatti personali.

MARTA: Niautri sapemu chiddu cama fari e tu da figlio devi accetare e capire le ragioni dei genitori per il tuo bene.

AMBROGIO: To mamma stavolta si spiegò perfettamente.

MAURO: Perfettamente, perfetto tutto fatto, ma puru tu sa nonna si ntrica nte fatti personali ti ncazzi e puru a mamma.

AMBROGIO: (confuso e perplesso) Beh! Hai ragione però il dilemma è che da figlio la penso in un modo e da genitore in un altro.

MARTA: E non è facile essere genitori.

MICHELE: Aviti na testa tutti i dui! (suona il campanello due volte) E tu mutu scemu!

AMBROGIO: Docu su!

MAURO: (al fratello) Rivò Kitti. (Michele lo guarda minaccioso e Mauro si ritrae).

MARTA: (a Mauro) Moviti, aprici.

MAURO: (esegue) Ciao Kitti. Bonasira, avanti trasiti. ENTRANO IN SCENA KETTY (ragazza di 17/20, vestita sportiva, con minigonna), SUO PADRE ENZO (uomo sui 40/45 anni in vestito), LA MADRE MIMMA (donna sui 38/45 elegante e piacevole)

AMBROGIO Si accomodi signor...(dà la mano)

ENZO: Felsi Enzo piaceri, chista è mia moglie Mimma, mia figlia Ketty.

MIMMA: Piaceri (dà la mano) Sugnu onorata.

KETTY: Buonasera

AMBROGIO: Mia moglie (si presentano e si salutano), mio figlio Mauro.

MAURO: Piaceri, l'autri i canusciu. (saluta solo Enzo).

AMBROGIO: Questo è Michele, vostro futuro ienniro.

ENZO: Ciau Micheli (dà la mano)

MIMMA: Ah! Tu si Micheli!

MICHELE: Piaciri, sugnu Micheli.

KITTY: Ciao Michele (si danno la mano e si affiancano) Papà, mammà questo è Michele.

MICHELE: Chista è Kitty papà e mamma (baci dei genitori ai fidanzati).

ENZO: Cettu chi ndi ficiru na sorpresa! Cu l'avia a diri chi me figghia era zita!

MIMMA: Chi tempi d'oggi i genitori non sannu mai nenti di figghi! Cu l'avia a pinsare chi idda era zita!

AMBROGIO: Puru niautri u seppumu pi sbagghiu. Sti carusi fannu tutta nta iddi, diciunu chi su questioni personali.

MIMMA: U stissu mi dissi idda, su questioni personali. Ma io sugnu cuntenta chi si seppuru i cosi, i genti parranu, megghiu fari i cosi precisi e ufficialmenti.

MARTA: Io appena u seppi ciù dissi a me figghiu, va presentiti a casa comu eni giustu.

ENZO: Niautri veramenti prima di veniri ca ndi informammu e... è diri u veru, sugnu cuntentu, me figghia seppi scegliri. Bravu carusu e travagghiaturi (i fidanzati si fanno segni).

MIMMA: Ah! Puru pi viautri da famigghia belli informazioni ndi desiru! Bravi personi e lavoratori, così ni dissuru.

ENZO: Sugnu cuntentu veramenti. Ndi dissuru: so patri è un gran lavoratore: non avi nenti, però su bona famigghia. E chistu è importanti, i soddi non cuntunu, non sunnu nenti, l'importante è l'onestà, l'onore di gente che lavora e che rispetta tutto e tutti.

AMBROGIO: Sono d'accordo compare Enzo.

MARTA: E puru io quantu vali u rispettu.

MIMMA: Semu du stissu cetu sociali, chistu è bonu almenu ni capemu e ni consideramu.

ENZO: E ni rispittami; unni c'è rispettu c'è tuttu! Comu dissi, i soddi non su nenti.

AMBROGIO: Pi cu nondavi!

MIMMA: Tanti voti si annu i soddi e manca a saluti, manca a paci.

ENZO: Chistu è veru, meghiu a saluti undi c'è (Mauro interrompe)

MAURO: Saluti, un paru di scappi novi e poi fami!

ENZO: Quandu c'è a saluti non ci né fami picchì si travagghia e si mancia.

AMBROGIO: Veru è. Io aiu travagghiatu onestamenti e non mi lamentu, fami non damu avutu.

MAURO: Chi dì? Quandu arrivi a sira non fa iautru chi diri a mamma: moviti, fa a manciari, staiu murendo

MARTA: Allura pregu, veniti, vi fazzu a vidiri a casa.

MIMMA: E ziti i lassamu suli, così parrunu.

AMBROGIO: Andiamo prego.

MARTA: Accomodatevi (si avviano) (a Mauro) Camina a vidiri a casa.

MAURO: Io a canusciu, già l'aiu visru tanti voti.

MARTA: (lo tira via mentre gli altri sono già fuori scena)

MICHELE: Ketty ma chi succidiu?

KETTY: Non lo so neanche io, sono stata presa di sorpresa senza volerlo.

MICHELE: A mia mi fa incavolari stu fattu chi decideru tutti loro per noi.

KETTY: Veramente è insolito e sorprendente, però devo dire che in fondo sono contenta di conoscere i tuoi

MICHELE: Io inveci sugnu ncazzatu comu un niru! Non s'avia arrivari a stu puntu senza chi niautri sapemu nenti!

KETTY: Sembra veramente uno di quei matrimoni combinati.

MICHELE: E' chissu. Pi futtuna però semu d'accordo niautri.

KETTY: (si stringe a lui) Noi ci amiamo, e...lasciamoci trasportare dagli eventi.

MICHELE: Ma quali venti. Ormai siamo costretti (entrano parlando i genitori) a sopportare questa situazione.

MIMMA: Cummari, veramenti na bella casa aviti, picciridda ma ben tenuta e ben arredata.

ENZO: Cummari complimenti, bella sistemata. Cettu modesta comu a nostra, ma quando non manca nenti, semu a postu. Bella casa veramenti! Si viniti unni niautri e precisa comu a vostra senza lussi il necessario modesta e funzionante per tutte le occorenze.

MARTA: Io chisti iau i mobili sa di quannu ni maritammu ma io mi curreggiu e si mantenunu comu novi.

MAURO: Puru io a visti. (al fratello) Micheli, avemu na bella casa cu ogni cosa o so postu.

MICHELE: Menu mali chi mu dicisti, io no sapia.

MARTA: Micheli nzignici a casa a to zita. Ambrogio tu sta cu cumpari; io e a cummari priparamu cacchi cosa di mbiviri. (escono di scena i fidanzati e le due madri).

MAURO: Zignici a to stanza e u lettu (Ambrogio gli dà una sberla).

AMBROGIO: Scusati cumpari, non vi dumandà quant'anni avi ketty.

ENZO: Me figghia avi... (dice un'età compresa fra i 17 e i 20 anni, in base all'età dimostrata dall'attrice). E' tuttu u nostru aviri, u nostru beni.

AMBROGIO: Me figghiu avi... (età dai 25 ai 30 anni) e travagghia di quand'era carusu, sugnu sicuru chi cu iddu, vostra figghia starà benissimu!

ENZO: A proposito, io non vi dumandà chi travagghiu faci Micheli

AMBROGIO: L'imbianchinu.

MAURO: U pitturi pitta tuttu chiddu chi ci capita.

ENZO: Io a pittà du misi fa a me casa! Chinni sapia chi avia u ienniru pitturi!

AMBROGIO: Cu v'à pittò?

ENZO: Don Minicu u Rizzu. U canusciti?

AMBROGIO: E comu! Micheli cu iddu su nsignò u misteri! Anzi, Don Minicu ci potta tantu travagghiu a me figghiu! Iddu ormai avi na certa età, undè chi si ritira in pinzioni.

ENZO: Allura Micheli ava essiri bravu, cu du maestru!

AMBROGIO: E comu si dici, l'allievu superò u maestru (rientrano le madri)

MARTA: (con i bicchieri) Ca c'è ambiviri, brindamu! Unni su i carusi? (entrano Michele e Ketty)

MICHELE: Ca semu (Michele e Ketty prendono i bicchieri)

AMBROGIO: Brindiamo all'amicizia, e ziti e o rispettu! (Alzano i bicchieri e brindano)

MIMMA: Ora ndamairi, è taddu.

MARTA: No, ristati a manciari?

ENZO: Grazi cummari, non putemu, avemu un impegnu. Però dumani siti nvitati a nostra casa, a pranzu.

MIMMA: Ora ama scappari. Arrivederci a domani (tutti salutano).

MARTA: Micheli tu i ncumpagni veru?

MICHELE: Cettu!

AMBROGIO: Vinemu puru niaitri finu a fora.

MIMMA: Non c'è bisognu cumpari, grazii.

MARTA: Io vegnu finu a sutta. (escono Marta e gli altri, restano in scena Ambrogio e Mauro).

AMBROGIO: Bella famiglia sugnu cuntentu e puru a cummari si presenta beni. To frati si ittò nta na bona famigghia.

MAURO: Veru è a soggira si manteni bona megghiu du soggiru sicuru.

AMBROGIO: Allura Mauru, chi ndi pensi da cugnata?

MAURO: E' megghiu di me frati!

AMBROGIO: Christu è veru!

MAURO: Propriou non c'è dubbiu, è na fimmina bona!

AMBROGIO: A propositu di fimmini, tu ancora non m'a dittu nenti! Tu cià iutu o no?

MAURO: U vo' propriu sapiri?

AMBROGIO: Certu! Certamenti!

MAURO: Allura u sa chi ti dicu, non ti interessa, chisti su questioni personali. Ciao (esce).

AMBROGIO: Aspetta! Ti dugnu io i questioni personali! (lo insegue)

FINE II° ATTO

III° ATTO

(La scena si svolge il giorno dopo in casa felsi, in soggiorno) In scena MIMMA con una scatola in mano e ENZO.

ENZO: Mimma, ma chi cattasti?

MIMMA: Un portaceneri di cristallu, stu tavulu paria spugghiatu. (lo ripone sul tavolo).

ENZO: Pronta è to figghia?

MIMMA: Si scindiu u iattu sutta, era ca, nto menzu da casa!

ENZO: To figghia cu stu iattu casa casa è na camurria!

MIMMA: Io apposta ciu fici scindiri sutta, cusà a idi non piaciunu i iatti!

ENZO: Micheli sicuramenti u sapi chi avi u iattu e chi ci voli beni chiù di iddu!

MIMMA: Poi tu, chiù beni di iddu ci voli beni! Comu si po' vuliri beni o iattu! Tu, del resto, o to cani di caccia ci vò piddaveru chiù beni di mia.

ENZO: Non esageriamu. Io ci vogghiu beni e cani picchì su indispensabili pa caccia, non è chi mi po' paragonari i cani chi iatti!

MIMMA: Che c'è i differenza? Sempre animali su.

ENZO: A differenza c'è, non è chi un iattu è comu un cani di caccia! Chi c'è u iattu di caccia?

MIMMA: Picchì i iatti non cacciunu i surici? I felini sono cacciatori nati.

ENZO: No, chistu chi avemu, i surici cacciunu a iddu.

MIMMA: Esagiratu!

ENZO: Non esagiru propria! Si Ketty non ci catta i scatoletti chiddu murissi di fami. (entra Ketty)

KETTY: Chi è che morirebbe di fame?

ENZO: Murissi di fami u to iattu si tu non ci cattassi si scatoletti! U viziasti!

KETTY: Non esageriamo, mangia anche la pasta!

ENZO: Si cu sugu e ca ricotta rattata! Io vi mittisti a pani duru e acqua a tutti i dui.

MIMMA: Lassamu peddiri cani e iatti. Undè chi arrivunu iddi, muvemunni.

KETTY: Io vado a finiri di prepararmi (esce)

ENZO: Chi preparasti Mimma?

MIMMA: Maccarruna o furnu, cutuletti, fici a macedonia e i cannola ca ricotta!

ENZO: A postu, mi vaiu a mettu a cravatta... (si ferma e guarda a terra) ... vadda chi c'è dà!

MIMMA: Chi c'è?

ENZO: Cacca di iattu!

MIMMA: Unni?

ENZO: Da! Io du iattu ciu mazzu! Si cacò nto menzu a casa e l'autru iornu, non fari finta chi tu scurdasti si sdbudiddò supra a machina, ancora c'è puzza.

MIMMA: Esagerato! E' passato un sacco di tempo e ancora c'è puzza.

ENZO: E chi voli diri a mochetti si è inzuppata. A pisciazza du iattu feti peggiu di qualsiasi cosa.

MIMMA: Insomma pulisci prima che arrivano gli ospiti, o cominci a puzzare.

ENZO: Ci dicemu chi è un nuovo profumo pa casa marca gatto.

MIMMA: Non fari u spiritusu, sbrighiti chi unnè arrivunu.

ENZO: Io non ni voghiu sapiri va ranciati tu e to fighia purtastu u iattu intra e vi pighiati chiddu chi vi lassa.

MIMMA: Quello è un gatto da appartamento, è un gatto fino, non è un randagio, è un gatto siamese.

ENZO: U iattu è finu, allura puliziali tu i so finizzi, io no supportu chiù, lorda sempri tutti i cosi.

MIMMA: Ci voli pazienza: su animali, allura u to cani?

ENZO: Io u cani u tegnu fora, no casa casa, nta so cuccia.

MIMMA: Non fari stori, ricogghila prima chi arrivunu.

ENZO: Chiama a to figghia, u iattu è u so!

MIMMA: Non fari stori, ricogghila!

ENZO: Cu chi?

MIMMA: (gli dà la scatola del posacenere) Mettila ca intra. (prende due tovaglioli di carta e li dà al marito) Te docu!

ENZO: Sta camurria ci mancava! Chi ci stuppassi a du iattu! (si china e si rialza) Puh, chi puzza! MIMMA: Sbrighiti Enzu.

ENZO: (si china) Chi schifu! Chi puzza! Chisti su i scatuletti (raccoglie qualcosa)

MIMMA: Io apru a potta così nesci a puzza (apre) (Sulla porta)

MARTA: Bonasira cummari, mancu sunai e già iapriti?

AMBROGIO: Bonasira cummari, u cumpari undi è?

ENZO: (si alza con la scatola in mano) Bonasira cumpari, e i carusi?

AMBROGIO: Ora venunu. Chi c'è cumpari?

ENZO: (Cerca di nascondere la scatola) Nenti cumpari, un po' di aria pesanti!

AMBROGIO: Chi c'è nto scatulu?

ENZO: Non vu pozzu diri!

AMBROGIO: E picchì cumpari ? Chi è un regalu pi mia? Videmu?

ENZO: Cumpari non è un regalu pi vui.

AMBROGIO: Pi me mugghieri? Videmu?

ENZO: No cumpari, no.

AMBROGIO: Capì, è pi me figghiu, facitimmillu vidiri!

ENZO: Non voffenditi cumpari, ma non po' essiri!

AMBROGIO: Dai cumpari, chi c'è i mali su vidu?

MARTA: Ambrogio, non nzistiri, se è cacchi cosa pi niautri quandu è ura u vidi!

ENZO: (posa la scatola da qualche parte) Allura cumpari, comu mai i carusi non vinniru cu vuiautri?

AMBROGIO: Ora venunu, Mauru non era prontu e Micheli u spittò.

MARTA: E me nora undi è?

AMBROGIO: Ah, sì, undi è Ketty?

MIMMA: E' sutta, ora veni, accomodatevi (si siedono)

MARTA: U vidi Ambrogiu chi bellu portaciniri avi a cummari! Così mi piaciunu a mia!

MIMMA: Cristallo di Boemia, è roba fina. Viditi, a mia mi piaciunu i cosi boni.

MARTA: Puru a mia, veramenti.

MIMMA: Ma viniti cummari, vi fazzu vidiri a casa (le donne si alzano). Cumpari viniti. Vui mi facisti vidiri a vostra, ora è giusto chi vi fazzu vidiri a mia. Prego cumpari, viniti.

AMBROGIO: (si alza e mentre si sposta apre la scatola, si tappa il naso e dice) Ma cumpari, non l'aviti i servizi?

MIMMA: (era di spalle e non ha visto) Certu cumpari, belli servizi di piatti, di biccheri, di posati... ora vi zignu.

AMBROGIO: Io dicia i servizi, bagnu!

MIMMA: Cettu, ci ni cattà unu a Ketty di puro cotoni e di marca bona.

AMBROGIO: Io vulia diri: non l'aviti u bagnu cummari?

MIMMA: Certamenti, ata iri in bagnu?

AMBROGIO: No, veramenti...

MARTA: Allura picchì tutti si dumandi babbi?

AMBROGIO: Picchì nto scatulu c'è na bella...

MARTA: Oh! Ma ti fissasti cu su scatulu, non t'interessa chi c'è.

AMBROGIO: Su sapia non vaddava, veramenti.

MARTA: Ma picchì vaddasti?

AMBROGIO: Purtroppu!

ENZO: Cumpari, vi pozzu spiegari tutti cosi.

AMBROGIO: Non c'è bisognu, dopo tuttu su questioni personali.

MARTA: Ma chi vidisti nto scatulu?

MIMMA: Cummari, me figghia avi un iattu siamesi chi...

MARTA: Cummari, ma picchì ni parrati di un iattu di sei misi? Ni canciati discussu?

MIMMA: No un iattu di sei misi, ma un iattu siamesi, è di razza!

AMBROGIO: Ma chi c'entra u iattu?

ENZO: C'entra picchì chiddu nto scatulu fu u iattu!

AMBROGIO: Ah! Ora capì!

MARTA: Ora dicitimmillu puru a mia chi c'è nto scatulu!

MIMMA: Lassamu peddiri cummari, è megghiu, non è na bella cosa!

MARTA: (rassegnata) E va beni, si non mu vuliti diri! ENTRA KETTY

KETTY: Buongiorno (saluta e bacia i suoceri) Dove sono Michele e Mauro?

MARTA: Veramenti no sacciu!

AMBROGIO: Ni dissiru: "niautri semu avanti all'ENEL, o passari ni pigghiati." Inveci dà non c'erunu.

MIMMA: E ne spittastu?

MARTA: No, picchì Micheli ni dissi: "se percasu non semu dà itivinni, niautri rivamu.

KETTY: E non vi hanno detto dove andavano? E che intenzioni avevano?

AMBROGIO: Io veramenti ci dumandà-

KETTY: E cosa le hanno detto?

AMBROGIO: Chi mi dissiru? Tutti e dui in coru: sunnu questioni personali, nta niautri frati! E sinni eru.

MARTA: Chinni sacciu, tutti sti nuvità! Non capì chiù nenti io! Sti carusi certi voti ne capisciu: chiddu u picciulu è un po' ritardatu, ma u ranni certi voti eni peggiu i so frati.

MAURO: A propositu cummari, non pi mi mpicciari, ma Mauro nasciu così?

ENZO: Mimma non era il caso fare domande così personali.

AMBROGIO: Beh, voi siete ormai della famiglia: non è nato così, era...

MARTA: Era bonu finu a 6 anni, crisciva na bellezza e bellu cicciottellu e furbu.

AMBROGIO: Furbu è puru ora, non è scemu: è un po' lentu di riflessi e ha qualche lieve handicap, ma è scaltro.

MARTA: Ci vinni na malatia e stava murennu, si dipiriu, divintò nirvusu, non manciava, si indibuliu assai, ci vosiru anni di terapia.

AMBROGIO: E quanti sordi niscemmu di duttura e midicinali non vi dicu.

MARTA: L'autru è bonu ma avi na testa dura e non mi scuta chiù.

AMBROGIO: Ora parra di questioni personali.

MARTA: Chiddu, me figghiu, ormai voli essiri indipendenti.

MIMMA: Cettu, purru chista, ogni cosa dici: "sono questioni personali."

ENZO: No, Mimma, nostra figghia dici: "sono questioni strettamente personali."

MIMMA: Veru è, così dici!

AMBROGIO: Cà veramenti mi siddia cu tutti sti storii!! Ci stannu rumpendu i questioni personali piddaveru! MARTA, APPROFITTANDO DEL DISCORSO, SBIRCIA NELLA SCATOLA, MA SI RITRAE NAUSEATA.

ENZO: Ketty prendi quella scatola e buttala nella spazzatura.

KETTY: Che c'è dentro?

MIMMA: Ormai non c'è chiù nenti di mbucciari, u to iattu si cacò e to patri a misi nto scatulu! Anzi, u vaiu a iettu io (esce)

KETTY: Dovete perdonarci per quello!

MARTA: Ma chi dì! Non ti preoccupare, u sapemu comu su i nimali! (suona il campanello)

KETTY: Vado io, devono essere loro (rientra dopo un po' con un mazzo di fiori) Era un fioraio, ha portato questi fiori.

MIMMA: C'è un biglietto! (lo prende e lo legge) - "Io Michele, vi invio questi fiori a voi tutti, beddi e brutti. Vi siete intricati nta li me cosi personali, dicendo che per voi tutti erano questioni personali. Perciò, sbrigativilli nta viautri queste questioni personali: io non vegnu! A Mauru mu tegnu comu sostegnu."

MARTA: Ma chi nisceru pazzi tutti i dui frati?

MIMMA: Ma chi voli diri?

AMBROGIO: Ieri sira Micheli mi dissi chi non ci vinia picchì era comu si si sintia costrettu!

MARTA: Vo' vidiri chi non ci veni piddaveru?

ENZO: (a Ketty) Ma comu ragiuna u to zitu?

KETTY: Ragiona bene, anzi benissimo! Siete tutti voi che ragionate male! Con le vostre idee all'antica avete rovinato il nostro rapporto!

MIMMA: Quali rapporto? Viautri avistu un rapporto? Sessuali?

ENZO: Non può essiri chi tu...

KETTY: Tutto può essere, anche che voi non capite niente! Aver un rapporto non vuol dire necessariamente quello che pensate voi!

MIMMA: Allura non ci fu rapportu?

ENZO: Parra sciagurata!

KETTY: Ora basta! Siamo nel duemila e non potete continuare a decidere per noi! I genitori devono capire che i figli non sono una cosa di loro proprietà, ma persone con la loro mente che ragionano e decidono da sole. E voi dovete accettarlo, rispettando le loro scelte!

MIMMA: Cose da pazzi! (si lascia cadere a sedere)

ENZO: Unu i manda a scola, e vadda chi discucci ti fannu!

KETTY: Dovete finirla di decidere per noi. Siamo noi a decidere del nostro futuro, voi dovete solo accettare le nostre scelte.

MIMMA: Ma cosa stai blaterando, noi genitori abbiamo diritto di tutto sui figli.

KETTY: Non è più come una volta che i genitori decidono come vestirli, come nutrirli a che scuola mandarli, magari maritarli con chi pare a loro, è sbagliato tutto il concetto. Sono cose passate ormai non più accettabili. Ora noi facciamo le nostre scelte e voi dovete accettarle in tuti i campi.

MIMMA: E i genitori secondo te che voce hanno in capitolo nei riguardi dei figli che crescono, vestono, nutrono con immensi sacrifici.

KETTY: Vi è concesso solo di proporre qualche consiglio che noi valutiamo se accettare o meno, voi pensate solo a voi, ai vostri sogni di genitori, per puro egoismo.

ENZO: Tutti struiti si sentono ranni moderni i patri e i matri sunnu comu a scupa arreti a porta, e unu i manna a scola.

KETTY: Quà non è questione di scuola e non scuola. E' che proprio non si fa come avete fatto voi! Ci avete messi da parte e avete deciso per noi! Naturalmente Michele avrà avuto la sensazione di essere costretto!

AMBROGIO: Ma costretto a far che cosa? Non eru già ziti? Niautri vuliumu sulu fari ufficiali la cosa!

ENZO: E eni puru giustu.

KETTY: Dal tuo punto di vista è giusto; da nostro non tanto.

ENZO: Insomma, io fazzu comu a chiddu, u pilatu, chi si lavò i mani e non vogghiu sapiri chiù nenti!

MIMMA: Cu è chissu, u pilatu, chi si lavò i mani?

ENZO: Chiddu chi dissi: essiri non po' essiri, Ponziu, u Pilatu.

KETTY: Papà, hai fatto un po' di confusione.

MIMMA: Insomma, ora che facciamo?

MARTA: Putissumu u stissu fari festa con l'auguriu che mettunu giudiziu i figghi!

AMBROGIO: Lassandu da parti u fidanzamentu per ora, vistu che sono cose di figghi e chi e patri non c'interessunu, e poi si vedrà.

ENZO: D'accordo, ormai siete qua, ora mangiamo e poi si vedrà.

KETTY: Ma che poi si vedrà! E i ragazzi dove sono?

ENZO: Dicisti che siete persone e deciditi sulu no? Allura viditilla viautri!

MIMMA: E datu chi i genitori non cuntunu nenti, di ora in poi canciamu sistema: vi lassamu i decisioni chi vuliti decideri e i conseguenzi (campanello)

KETTY: Qua sono!

MAURO: Ciao a tutti, buonasera.

AMBROGIO: Undi ha statu? Undi è to frati?

MAURO: A fimmini.

KETTY: Come?

MARTA: Undi dicisti chi è to frati?

MAURO: Io non dissi nenti.

ENZO: Tu dicisti a fimmini.

MIMMA: Sintì puru io, Micheli sindi iu a fimmini?

MAURO: Ma cu fu chi dissi chi Micheli sindi iu a fimmini?

AMBROGIO: Tu ora ora!

MAURO: Ma chi stai dicendu! Io non dissi undi è Micheli!

AMBROGIO: Mauru io ti dumandà undi è tofrati e tu dicisti: a fimmini!

MAURO: Tu mi facisti du domandi: undi ha statu e und'è to frati.

MARTA: Appuntu, e tu dicisti: a fimmini!

KETTY: Ho sentito anch'io purtroppo!

MAURO: Ma io rispundì sulu a prima dumanda, chidda rivolta a mia e cioè: "undi ha statu", e io dissi "a fimmini".

KETTY: Allora Michele non è a donne, vero?

MAURO: E chi è megghiu chi è a masculi?

KETTY: In quel caso meglio a donne!

MIMMA: Chi dici me figghia, se il tuo fidanzato è a donne qualcosa non va nel vostro rapporto.

ENZO: Si era a masculi pensu chi era molto peggiu per tutti.

AMBROGIO: Micheli è fimminaru forti, autru chi masculi.

MIMMA: Come? Frequenta altre donne?

AMBROGIO: Prima di ketty, ora solo lei ci ha detto che la ama.

MIMMA: Sono felice spero che non vada né ad altre donne e tanto meno a maschi.

MAURO: Megghiu a fimmini allura.

KETTY: Dei due mali meglio il minore.

MAURO: Non ti cantari chi me frati non cancia sponda sicuru.

MARTA: Insomma finemula cu sti chiacchiri scunchiuduti, dicci undi è to frati.

AMBROGIO: Allura tu va a fimmini!

MARTA: Finemula! Stamu dandu na mala impressioni di niautri o compari e a cummari! (pausa) Undi è to frati? Rispundi.

MAURO: Dallo barbiere a farsi la barba.

MARTA: Si iu a fari a barba?

MAURO: Sì, dici chi non vinia cà, ca barba longa.

AMBROGIO: E niautri tutti preoccupati!

MIMMA: E comu mai ci metti così tantu tempu pi si fari a barba?

KETTY: Veramenti, come mai?

MAURO: Ava a spittari u so turnu, ci su l'autri prima!

ENZO: E i ciuri cu du bigliettu?

MIMMA: Chi vulia diri ufattu di ciuri?

MAURO: Era un bellu scherzu, veru? Vi preoccupastu?

AMBROGIO: Nessunu si preoccupò, u capemmu chi era pi schezzari!

MARTA: Appena veni ciu dugnu io u scherzu a du disonestu!

ENZO: Cettu chi ni fici discurriri cu su scherzu! Però me ienniru è puru spiritusu, ah!

MARTA: Appena veni ciu fazzu pigghiari io u spiritu pi si midicari, ci spaccu a testa!

AMBROGIO: Esagirata, pi così pocu!

MARTA: A tia ti pari pocu sta mala figura chi stamu facendo?

MIMMA: Ma quali mala figura, chistu è normali, cosi chi capitanu e cosi di giovani, di carusi. Me maritu inveci, che è beddu randi, u sapiti chi mi cumminò?

ENZO: Non è u sacu Mimma.

MIMMA: No, te svergugnari! A bimana passata, andammu a casa di na signora, che, tra l'altro canuscemu da poco, da picca tempu, e si parrava: a signora ha avuto tri figgi, e si manteni ancora molto bella, con un corpo da ragazza!

ENZO: L'ata vidimi compari, è na bella fimmina, avi du... (indica il seno).

MIMMA: Io ci dissi: signora, lei avi un corpu bellissimu! Si patti me maritu e ci faci: si lei si facissi pagari, cu su corpu chi avi, minumu ci dassiru 200 alla volta! A mia mi cadiu a facci nterra!

ENZO: Era un complimentu, sulu chi no capiu!

MIMMA: Ma chi complimentu! Chidda fu un'offesa, non mi parra chiù a mia!

AMBROGIO: Forsi picchì duecento mila ci passiru picca! Ndi vulia 300!

MARTA: Ambrogio chi discussi davanti e carusi!

KETTY: Oramai siamo grandi io e Mauro.

MAURO: E puru vaccinati, sviluppati e puru chi pila nisciuti e in certi casi raduti.

AMBROGIO: Ineducatu! (gli dà una sberla)

MAURO: Io non dissi nenti di maleducatu, dissi a verità puru a mamma si radi i iammi, a visti io!

AMBROGIO: Mutu scimunitu, chi su si discussi.

MARTA: Cummari, compari scusati!

MAURO: Picchì a cummari non si radi i pila nte iammi?

AMBROGIO: (gli dà una sberla) Ora basta, non fiatari chiù.

ENZO: Lassatilu stari, dopu tuttu non dissi nenti di stranu.

MAURO: Grazii compari Enzu.

AMBROGIO: (gli dà un calcio).

MAURO: Hai, chi fici di mali?

ENZO: Sapiti chi vi dicu? Micheli fra pocu avissi a veniri, niautri putissimo cuminciari a decideri quando amu a fari i fedini di fidanzamentu.

AMBROGIO: Pi festi è l'ocasioni bona, putissimo puru...

MIMMA: Amunindi dabbanda, nto salotto, stamu chiù comudi. Camina Ketty.

KETTY: Io non vengo, decidete voi, tanto state facendo quello che volete! (escono i genitori)

MAURO: Non si cuntenta Ketty chi ti fa zita cu Micheli?

KETTY: Io non mi sto fidanzando ora, io ero già fidanzata con Michele.

MAURO: E allura, non è u stissu?

KETTY: No! Perchè ora saremo trascinati dagli eventi. Già vogliono fare e disfare per noi! (suona il campanello: appre Ketty)

MICHELE: (entra, la bacia) Ciao tesoro. Undi sunnu i genitori?

MAURO: Sunnu nto salotto, decidunu pa neddi di fidanzamentu!

MICHELE: Porca miseria! Già rivaru e neddi?

KETTY: Ci hanno rovinato tutto, tutti i nostri progetti, le nostre idee.

MAURO: Quali progetti?

MICHELE: Noi avevamo deciso di stare alcuni anni così, poi, quando avremmo ritenuto di essere pronti, glielo avremmo detto!

KETTY: Ora, chissà come finirà con loro di mezzo che decidono per noi! Io non sono pronta ad affrontare tutto questo.

MICHELE: E mancu io!

KETTY: E come facciamo?

MAURO: Io aiu un'idea.

MICHELE: Chi ha tu? Pensa pi tia.

KETTY: Aspetta, lascialo parlare.

MAURO: Faciti finta chi vi lassati, e poi vi viditi comu prima.

KETTY: (lo bacia) Sei un tesoro, bellissima idea!

MICHELE: Bona, mi piaci. Ora dicemu così.

MAURO: Sulu chi dopu ata stari attenti nommi sinnaccoggiunu.

KETTY: Staremo attenti! (entrano i genitori)

AMBROGIO: Ah! Rivasti tu?

MICHELE: Buongiorno a tutti!

ENZO: Ciao Micheli.

MIMMA: Ciao.

MARTA: Rivasti, finalmente! Niautri ora ora parrammu pi viautri pu vostru fidanzamentu. U misi chi trasi facemu u fidanzamentu bonu, chi fedini.

MICHELE: Quale fidanzamento?

KETTY: Appunto, quale fidanzamento, Mauro forse si è fatto fidanzato?

ENZO: Fate gli spiritosi, oggi?

MIMMA: Cosa cìè?

ENZO: L'hai sentita tua figlia, fa la spiritosa.

KETTY: Io sono serissima, qua non c'è niente da festeggiare, nessun fidanzamento.

MICHELE: Io nemmeno so di quale fidanzamento parlano.

MAURO: Forse du me fidanzamentu che ancora non esiste, non c'è traccia.

AMBROGIO: Insomma, siamo seri. Siamo o non siamo qui per il fidanzamento dei nostri figli?

ENZO: Non ci sono dubbi su questo fidanzamento.

MICHELE: Dubbi ce ne sono tantissimi.

KETTY: Ma di quale fidanzamento parlate?

ENZO: Il vostro?

MIMMA: U to!

MARTA: Chi voli diri Micheli?

AMBROGIO: Chi è stu fattu?

MICHELE: E' chi non semu chiù ziti!

MARTA: Ma chi dì? Finemula di schirzari!

KETTY: Non sta scherzando, ci siamo lasciati!

ENZO: Comu?

MIMMA: E picchì?

MARTA: Ma chi niscistu pacci?

AMBROGIO: Scherzunu sicuramenti!

MICHELE: Non stanno scherzando!

AMBROGIO: E si po' sapiri u motivu?

MICHELE: Sono questioni personali!

MARTA: Chi voli diri....?

AMBROGIO: Amuninni, a casa parramu, ni facemu i cunti.

MARTA: Arrivederci, e scusati.

MIMMA: Ormai ristati a manciari.

AMBROGIO: Propriu non è u casu. Grazie e arrivederci. TUTTI SALUTANO; I FIDANZATI SI STRINGONO LA MANO E SI SALUTANO. POI I LICITA ESCONO DI SCENA.

MARTA: Scusati ancora, mi dispiace... (escono)

ENZO: (rimasto in scena con la moglie e la figlia) Insomma tu ma spiegari ora chi è stu fattu. Parla sciagurata!

MIMMA: Che figura! E picchì vi lassastu? Si po' sapiri?

KETTY: No! Queste sono cose personali, strettamente personali. (esce scrollando le spalle e facendo una smorfia, mentre i genitori la inseguono)

ENZO: Tu dugnu io i personali! Veni cà!!

MIMMA: Io ti scippu i capiddi, disonesta!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno