Quinnice solde so’ cchiù assaie de seimila lire

Stampa questo copione

QUINNICE SOLDE SO’ CCHIÙ ASSAIE

QUINNICE SOLDE SO’ CCHIù ASSAIE
DE SEIMILA LIRE

Commedia in tre atti

Personaggi

Il Barone D. Boroboamo, fratello di

Asdrubale Barilotto, padre di

Mariuccia

Lucrezia, moglie di Asdrubale

Pulcinella, suo fratello

Nicola

Feliciello, nipote di

Dorotea

D.Carlino Mezzotornese

D. Anselmo

Una guardia

D. Pasqualino, un notaio, un facchino, che non parlano

L’azione avviene in Napoli, epoca presente

ATTO PRIMO

Camera in casa di Asdrubale. Una porta in fondo, tre laterali, una finestra a destra dello spettatore, tavolino con occorrente da scrivere, carte, libri. In fondo a sinistra comò con due foderi con sopra lume spento. Sedie antiche ecc. ecc.

SCENA PRIMA

Mariuccia che lavora calze, indi Carlino dal fondo.

MARIUCCIA (cantando): Vurria addeventà no suricillo, per fa no portosillo a sta vonnella. (Guardandosi la gonna.) E la vonnella e anne... Guè, uh! caspita, io cantava e ccà overo nce stà no pertuso... Sì, è uno nce ne sta nfaccia a sta vonnella, e aggio voglia de me l’acconcià, aggio voglia de mettere pezze ca non ne caccio niente cchiù! ma sicuro, si la tengo da duje anne... che diavolo, si era de fierro pure se sarrìa strutta!... Sempe chesta ncuollo, de festa, de juorno de lavoro, p’ascì, pe la casa, sempe la stessa. Mannaggia la sciorta mia! Aggio avuto da nascere accossì sfortunata! Non pozzo manco parlà, non pozzo manco sfucà co patemo e mammema pecché dicene che non hanno addò pigliarle. E li vuò dà tuorto; gnernò, ed intanto m’aggio da stà zitta,e aggio da ncuttà sempe. E comme! Sfortunata pure a fa l’ammore! Voglio tanto bene a Feliciello, isso pure va pazzo pe me, ma sta disperato de na manera tale che non se pò credere! Venette a parlà co papà D. Carlino lo studente che sta ncapo a nuje de casa, e chillo, avimmo appurato ca lo patre le manna da fora 30 lire a lo mese, e isso ha da penzà a magnà e a dormì, pe chisto veramente è stato meglio accossì pecché non me ne passava manca pe la capo. E no chiacchiarone che quanno accommencia a parlà te leve le cervelle... m’ha mannato no sacco de lettere, ma io non l’aggio maje risposto.

CARLINO (di dentro): è pemesso? Si può?

MARIUCCIA: Uh! e teccatillo ntiempo! Mò me trova combinata de chesta manera!... Che nce vene a fà, io non lo saccio.

CARLINO: E così?... Si può?... Posso?... C’è permesso? (c.s.)

MARIUCCIA: Favorite. (Va a sedere.)

CARLINO: Corpo del Codice di procedura! Voi Mariuccia! Voi sola in questa camera?

MARIUCCIA: Sissignore, sola, ma a momento esce Papà, perciò jatevenne non ve facite a vedè.

CARLINO: Andarmene. Andarmene?... Lasciarvi così presto? Ma che cosa dite? Ora che la fortuna mi vi ha fatta trovar sola volete che io parta? Volete così presto farmi privo de’ vostri begl’occhi, della vostra bella fisonomia? Ah! no, Mariuccia, se anche sopraggiungesse vostro padre, vostra madre, il diavolo in persona io sarei qui ritto a guardarvi, ad ammirarvi... Ma deh! Perché non mi amate? Perché non volete rendermi felice con un vostro sguardo d’amore?

MARIUCCIA: Ma quanta vote ve l’aggio da dì, che io non pozzo corrispondere all’ammore vuosto, pecché pe primme papà non vò, e pe seconno, v’aggio ditto mille vote che io voglio bene a Feliciello.

CARLINO: Quello stupido, quell’inetto, quell’imbecille, quello sciocco che non sa se è vivo, che non tiene alcuna speranza, che non ha avvenire? Quell’antipatico, che se parla indispone, se ride, urta il sistema nervoso, se piange spoetizza... Oh, ma questo è uno sbaglio, voi sposare Feliciello? Voi sì bella, sì leggiadra, voi degna di un principe, degna d’un signore di alto rango, voi essere la moglie di un... di un Feliciello Sciosciammocca?... Oh, ma voi fate la più grande bestialità, voi vi rovinate voi ve ne pentirete... Ma la cosa non finirà così... No... no... io lo sfiderò, io lo ucciderò, lo spolverizzerò, lo ridurrò in cenere, e quando lo avrò ridotto cenere lo porterò qui in un fazzoletto per farvi vedere la verità.

MARIUCCIA: Bù! L’arreduce cennere, lo puorte ccà... Vattenne, si non vuò essere schiaffiato da me.

CARLINO: Da voi! Oh! sarei troppo fortunato, sarei troppo felice. Uno schiaffo da voi?

MARIUCCIA: E vattenne a mmalora! (Gli dà un urto.)

CARLINO: Oh! piacere... Oh consolazione! Grazie, mia simpatica Mariuccia, grazie.

MARIUCCIA: D. Carlì jatevenne.

CARLINO: No, io resterò qui immobile, pietrificato... Anima mia, tesoretto mio, lascia che io... (Per abbracciarla.)

MARIUCCIA: Te, acchiappa... (Gli dà uno schiaffo.)

CARLINO: Oh! Contento! Oh! giubilo insuperabile! Che dolcezza che bella cosa! Oh come cala dolce sul mio viso la vostra gentile manina!

MARIUCCIA: D. Carlì, vattenne, si nò mò lasse le mmane e piglio la seggia.

CARLINO: Sì, sì, me ne vado, me ne vado. Cuore di questo petto, anima dell’anima mia, me ne vado, ma ritornerò, ritornerò sempre. T’amo, e ti amerò finché esalerò l’ultimo respiro! E quel Sciosciammocca, quel vile che ardisce dichiararsi mio rivale, che ardisce aspirare alla vostra candidissima mano, io lo stritolerò, lo annienterò d’innanzi agli occhi vostri. Dopo sarò arrestato, processato, condannato per causa vostra, per voi cara Mariuccia rinnegherei la vita, me stesso... per voi che se mi dicessero, essa è tua quando avrai sorpassato quella voragine di fiamme, io correrei risoluto a balzarmi nel fuoco precipitevolissimevolmente. (Via.)

MARIUCCIA: Mall’arma de mammeta! Vuje vedite che ne vò da me st’ammoinatore? Quanno parla, me fa votà la capo! Seh, isso è arrivato co tanta chiacchiere che me conta. Have voglia de dicere, ca io a Feliciello voglio bene, e a isso m’aggio da sposà! A proposito, mò che vene l’aggio da fà na cancariata, pecché ajersera non venette, secunno lo soleto sotto a la fenesta... l’aspettaje tanto tiempo! (Si pone a lavorare.)

SCENA SECONDA

Asdrubale, Lucrezia, e detta.

ASDRUBALE: E vattenne a mmalora a te, e chi te vò sentere cchiù, vecchia pazza!

LUCREZIA: Uh! Me chiamma vecchia pazza a me! Servo oscellenzia, ca isso sarrà figliuolo!

ASDRUBALE: Non so’ figliuolo, ma penso cchiù assennato de te, so’ viecchio, ma non so’ capricciuso comme sì tu...

LUCREZIA: Puozze avè no cancaro dinto a lo naso. Io so’ capricciosa. E che capriccio tengo io?

MARIUCCIA: Neh gnò, chesta è n’auta jurnata! Comme, dinto a sta casa non potimmo stà no momento quieto! Che è stato se pò appurà?...

ASDRUBALE: è stato, ca chesta non me vò lassà ire, me vo ncojetà pe forza. Chella vede chesta miseria, vede ca io me fatico lo tuppo mio vicino a no tavolino juorne e notte, e se ne vene che stammatina è la nasceta soja e non le faccio nisciuno complimento.

MARIUCCIA: Neh, mammà, a che ghiate penzanno. Nuje lo Cielo lo sape comme stammo!

LUCREZIA: Nonsignore, non è stato accossì lo fatto. Tu haje da sentere a me. Lo primmo appicceco è stato chisto. Ha accominciato a dicere, che io era cchiù vecchia d’isso, io le diceva gnernò, io so’ cchiù giovene, isso voleva ncuccià pe forza ca so’ cchiù vecchia. Allora me so’ ricordato che teneva la fede de nasceta dinta a lo comò, l’aggio pigliata pe farcela vedé, e aggio visto, che ogge era appunto la nasceta mia. Te può figurà, l’aggio ditto: e comme, so’ 20 anne che te songo mogliera, e sta jornata non me l’haje maje fatta conoscere, e accossì quanno è lo nomme mio, accossì è sempe...

ASDRUBALE: Ma che vuoi da me, si la sciorta accossì vò! Tu avarisse d’avè prudenza, pecché tu saje che pe causa toja io me trovo in questo stato, pecché per averme pigliato a te, frateme Boroboamo me ne cacciaje da la casa soja, addò faceva lo signore, e non me volette cchiù conoscere.

LUCREZIA: E pecché? Che t’avive pigliato quacche femmena de niente!

ASDRUBALE: Non signore, maje questo. Perché eri di bassa condizione, pecché non tenive niente, e isso mmece me voleva dà na donna istruita, coltivata e con dote. Io non volette sentirlo e isso me ne cacciaje, e non m’ha voluto chiù conoscere... L’aggio mannato tanta lettere e non m’ha voluto maje rispondere, tanto, che m’è venuto la sconfidenzia de scriverlo cchiù.

LUCREZIA: Ma quanno nc’era tutto chesto, pecché me veniste a ncojetà a me poverella, pecché me sposaste?

ASDRUBALE: Embè, quanno è destinato ca uno ha da passà nu guaio che nce vuò fà?... Basta fenimmele. Lassame scrivere, si no stammattina, co tutto ca è la nasceta toja, non se magna

LUCREZIA: Sì, non se magna, io aggio fatta la penzata, mò piglio chillo cazone tujo e lo gilè e lo manno a vennere pe Nicola addò lo saponaro.

ASDRUBALE: Uh! Puozze passà no guaio, io chillo cazone tengo, che me vuò fà rummanè ambettola.

MARIUCCIA: Nò mammà, nonsignore, lassate stà... Lo Signore non abbandona mai a nisciuno, mò vedite, che sta jornata capita quacche provvidenza!

SCENA TERZA

Nicola con carta in mano, e detti.

NICOLA: D. Asdrù, l’usciere ha portato sta carta de lo patrone de casa, dicenno ca è la terza citazione, e si non ghiate a risponnere manco a chesta, dinto a tre ghiuorne ve manna sequestro e sfratto.

ASDRUBALE: è venuta la provvidenza!

LUCREZIA: Iarrammo miezo a la via!

NICOLA: Oh! Ma vuje nce avite da pensà a st’affare. Vuje comme ntennite ca li gente avanzano li danare lloro, e s’hanno da stà zitte? Chillo poverommo have d’avè no zeffunne de denare, vuje avite da vedè comme avite da fà pe lo pagà... Ve ne state accossì sciolto. Da n’auta parte, caro D. Asdrubale, abbasamme pure sto cunto nuosto. Io so’ duje anne che sto co vuje a servì, e m’avite attrassate no sacco de mesate. Vuje duje anne fA quanno teniveve la scola aperta, me facisteve venì co vuje mentre io steva co no ricco signore, me promettisteve mare e munno, pò, doppo quattro mise, levasteve la scola pecché de guagliune n’erano rummase poche, e li spese erano assaje, d’allora in poi non me avite dato cchiù no centesimo, e io ntanto, non v’aggio lassato, pecché aggio tenuto sempe la speranza ca m’avisseve pavato, mò però non me fido d’aspettà cchiù, perciò facimmo sti cunte ca tengo ntenzione de cagnà patrone.

ASDRUBALE: Nicola mio, tu haje ragione, qui nessuno ti dà torto, ma agge pacienza n’auto poco, haje aspettato tanto tiempo... non dubità pecché li primme denare che faccio saranno li tuoie.

NICOLA: D. Asdrù, vedite ca io aspetto n’autri quatto juorne, doppo si non me pavate, io me regolo a modo mio. (Via.)

ASDRUBALE: Mariù, chesta è n’auta provvidenza...

LUCREZIA: Sto cancaro de patrone de casa che vò, non se sape. Ogne tanto manna na carta, e pò just’ogge ca e...

ASDRUBALE. La nasceta de mammeta e de papeto. La vuò fernì, o no?

LUCREZIA: Schiatta, voglio parlà, te dà ntuppe?

ASDRUBALE. Parla quante vuò tu, puozze perdere la lengua!

LUCREZIA: E tu cannarone!

MARIUCCIA: Mò accomminciate n’auta vota, ma la fernite sì, o nò?

SCENA QUARTA

Pulcinella prima dentro poi fuori, e detti.

PULCINELLA (di dentro dando la voce): A chi tene mbrelle viecchie da vennere.

ASDRUBALE: Lo vì lloco, mò se ne vene chist’auto magna franche. E stammattina sta frisco!

MARIUCCIA: Uh! vene zi Pulicenella, meno male.

ASDRUBALE: Sì, meno male, statte allegramente.

MARIUCCIA: Chillo me fa fà no zeffunno de rise.

ASDRUBALE: E magne rise. Vuje vedite, io mò non pozzo arrivà pe la famiglia mia, aggio da penzà pure pe li pariente.

LUCREZIA: Guè non accommincià, sà, Pulicenella m’è frato, e nzì a che so’ viva io, non le mancarrà maje no muorzo de pane, e pò lo poveriello quanno lo tene nce lo dà?

ASDRUBALE: Seh, nce pare: so’ cinco mise che vene a magnà ccà, e non m’ha dato autro che seje lire. Va bene che non ha magnato na gran cosa, va bene che quacche vota è stato diuno nzieme co nuje, ma ntanto dinto a cinco mise seje lire m’ha dato.

LUCREZIA: E che vuò? Tanto ha potuto! Comme chillo s’abbuscasse na pezza a lo juorno.

PULCINELLA: A chi tene mbrelle viecchie, da vennere. (Dà la voce, poi entra in iscena.) Oh! caro cognato... (Saluta, poi mette gli ombrelli sul tavolino dove scrive Asdrubale.)

ASDRUBALE: Mall’arma toja! Tu m’haje scassato tutto lo scritto. Io comme faccio... avimmo accomminciato male.

PULCINELLA: Scusa, cognato. Sorella, addio.

MARIUCCIA: Zì Pulecenè, site venuto cchiù priesto stammatina?

LUCREZIA: Veramente. Comme va? Tu viene sempe verso le doje, mò ancora ha da sonà miezojuorno?

PULCINELLA: Se... Non saje pecché so’ venuto cchiù priesto stammatina.

LUCREZIA: Pecché?

PULCINELLA: Pe doje ragione: la primma pecché me so’ stancate de cammenà, pecché nisciuno m’ha chiammato, né pe vennere, né p‘accattà...

MARIUCCIA: E la seconna?

PULCINELLA: La seconna pecché m’è schiuppata na famma, che gli aristocratici chiammano appetito, ma che io la caratterizzo pe lopa addirittura.

ASDRUBALE (scrivendo): (E staje frisco!).

MARIUCCIA: Zi zi, ccà non s’è allummato manco lo fuoco.

PULCINELLA: E pecché?

MARIUCCIA: Pecché denare non nce ne stanno.

PULCINELLA: E co li denare s’appiccia lo fuoco?

MARIUCCIA: Nonsignore, co li denare s’accattano li gravune.

PULCINELLA: E denare non nce ne stanno?

MARIUCCIA: Non nce ne stanno.

PULCINELLA (a Lucrezia): Mariteto non ne tene?

LUCREZIA: No.

PULCINELLA: E comme te vene ncapo? (Ad Asdrubale.)

ASDRUBALE: Comme me vene ncapo? Vì che ciuccio, comme si fosse no capriccio.

PULCINELLA: Embè, comme se fà stammatina?

LUCREZIA: Tu non haje fatto niente co li mbrelle?

PULCINELLA: Lasseme stà, Lucrè: mannaggia quanno maje me venette ncapo de metterme a fà lo mbrellaro! Nec stanno tante cose da vennere, justo li mbrelle jette a scegliere! Io pò te dico la verità, me metto pure scuorno, chi me vede, va te trova che dice! Ah, mannaggia la capa mia che sempe sciacqua l’aggio tenuta! Me ne volette venì a Napole, mentre che a l’Acerra steva buono, jette a lassà chella sciorta d’arte che faceva!

MARIUCCIA: Neh, zi, zi, che faciveve?

PULCINELLA: Io faceva lo zeppelajuolo.

ASDRUBALE: Che bella cosa!

MARIUCCIA: Ah, zi, zi, jatevenne, comme site curioso.

ASDRUBALE: Se mette scuorno de fa lo mbrellaro, e faceva lo zeppelajuolo!

PULCINELLA: Se capisce, vuò mettere lo mbrellaro, co lo zeppelaiuolo. Lo zeppelajuolo, è come fosse lo pasticciere... poca differenza nce sta. Uno fa la pasta doce, e l’autro fa la pasta rustica.

ASDRUBALE: Seh, na piccola differenza.

LUCREZIA: Vale a dire che sto mestiere te dà poco guadagno?

PULCINELLA: Pochissimo. Te pare, da stammatina che erano li sette e meze quanno so’ asciuto, e nzino a mò ca è miezojuorno non aggio abbuscato autro che quinnece solde.

LUCREZIA: Nientemeno!

MARIUCCIA: Accussì poco?

PULCINELLA: Ma che? Aggio avuto da fà quacche tre miglia de via. Alla fine na femmena a Foria s’ha accattato no mbrello pe lo sole, e m’ha dato meza lira.

ASDRUBALE: Vì che aveva da essere!

PULCINELLA: Pò siccome ajere uno me dette ad acconcià no mbrello che nce steveno sulo le bacchette e la mazza, io nce l’aggio covierto e m’ha dato cinche solde.

ASDRUBALE: (L’avrà commigliato de carta velina!).

PULCINELLA: Poco primma steva pe vennere no mbrello a uno, ma chillo non l’ha voluto cchiù.

LUCREZIA: E comme?

PULCINELLA: Haje da sapè che n’ommo m’ha chiammato e m’ha ditto: Tiene no buono mbrello, e che non sia caro? Sissignore, l’aggio risposto io. Ma è leggiero? Leggerissimo, eccolo ccà, e l’aggio mostato chisto. (Fa vedere un grosso ombrello. Mariuccia ride.) è un po’ grosso, m’ha ditto isso. Quanto è il prezzo? Signò, ccà meno de doje lire e meza non posso darlo. Eh, il prezzo non è caro! Ma che cosa è, qua ci manca la veruletta? Sicuro, aggio rispuosto io mò accossì se fanno li mbrelle, appunto pe no farle pesà. Me capacita, ha ditto isso, e steva pe piglià li denare... Allora l’aggio ditto: ma signò, badate che chisto quanno chiove, non lo potite arapì. E perché? Pecché l’acqua che nce va ncoppa lo fà scagnà, e diventa bianco.

ASDRUBALE: (Oh, che ciuccio!).

PULCINELLA: Allora non fa niente, me ne servirò per il sole. No, mio caro signore, è meglio che ve l’avviso, si no n’autra vota non me chiammate. Pe lo sole manco lo potite portà, pecché quanno lo sole se nfoca, l’ossatura che è de fenocchiette, s’arriccia, e lo mbrello non lo potite chiudere cchiù.

MARIUCCIA (ridendo): Ah, ah, ah!

PULCINELLA: Neh, vuje lo credarrisseve? Chillo non l’ha voluto cchiù.

ASDRUBALE: E grazie, chillo che ne faceva?

PULCINELLA: Comme, io l’avviso tanta cose pe bene, e me fa chell’azione.

ASDRUBALE: Ma dimme na cosa, piezzo de ciuccio! Io aggio da parlà pe forza si nò mò schiatto. Sto mbrello pe qua uso chillo l’aveva d’accattà, pe l’acqua no, pe lo sole manche, e pecché l’aveva da servì?

PULCINELLA: Sì na bestia, pecché isso m’aveva dì damme no mbrello che resiste all’acqua ed al sole, io diceva non ne tengo, e finiva...

ASDRUBALE: Dicive non ne tengo? Allora tu sti mbrielle quanno cancaro li vinne?

PULCINELLA: Non li vennaraggio maje, ma la mia coscienza è netta. Basta: chiste so’ quinnece solde, se li vulite?

ASDRUBALE: Vattenne, lassa stà, tienatille. Ogge n’avimmo cinco de lo mese, avarria da venì D. Dorotea, la zia de D. Feliciello a portarme la mesata, speriamo che venga.

PULCINELLA: Si non vene, ccà stanno sempe li quinnice solde apparicchiate pe ogne chi sa.

ASDRUBALE: Dàlle co li quinnice solde: vì chisto comme s’ammoina, si manco fossero quinnece lire.

LUCREZIA: E che vuò, chillo tanto tene, e tanto t’offre.

MARIUCCIA (che stava alla finestra): Uh, papà, sta saglienno D. Feliciello co la zia.

ASDRUBALE: Ah! io ve l’aggio ditto, meno male.

PULCINELLA: Quanto porta de mesata?

ASDRUBALE: Cinche lire.

PULCINELLA: Manco male, li quinnice solde me l’astipo.

MARIUCCIA: (Io aggio addimannà a Feliciello pecché ajere sera non venette).

LUCREZIA: Guè, t’avviso na cosa, sti cinche franche v’hannno da spennere tutte stammatina che è...

ASDRUBALE: La nasceta mia... io lo sapevo.

PULCINELLA (piano a Mariuccia): (Mò vene D. Feliciello, mò vene la fiamma)...

MARIUCCIA: (Zitto, zi Pulecenè, pe carità!).

SCENA QUINTA

Dorotea, Feliciello con cartella e detti.

DOROTEA (uscendo): Felì.

FELICIELLO (uscendo): Zi zi.

DOROTEA: Trase. Caro D. Asdrubale, vi saluto: carissima D. Lucrezia, come state?

LUCREZIA: Non nc‘è male. (Si baciano.)

DOROTEA: E tu, Mariù?

MARIUCCIA: A servirve.

FELICIELLO: Maestro (gli bacia la mano.), Signora D. Lucrezia... D. Mariuccia...

MARIUCCIA: (Te voglio chiavà no punio nfronte, pecché...).

DOROTEA: Felì...

FELICIELLO: Zi zi...

DOROTEA: Haje baciato la mano al maestro?

ASDRUBALE: Sì signora, me l’ha baciata.

PULCINELLA: A me ancora la deve baciare.

DOROTEA: Felì...

FELICIELLO: Zi zi...

DOROTEA: Bacia la mano anche al signore.

ASDRUBALE: Nonsignore, quello scerza. (Piano a D. Felice.) Neh, zi zia ha portata la mesata?

FELICIELLO: (Gnernò).

ASDRUBALE: (Gnemò, e pecché).

FELICIELLO: Perché!... Zi... Zi...

DOROTEA: Felì!...

ASDRUBALE (a Felice): (Zitto!).

FELICIELLO: Il maestro vi saluta.

DOROTEA: Io l’aggio salutato. Grazie.

LUCREZIA: E comme và, che site venuta vuje stammatina?

DOROTEA: Lassateme sta, che m’aggio pigliato no cuofene de collera. Felì...

FELICIELLO: Zi zi.

DOROTEA: Non fate lezione?

ASDRUBALE: Eccoci qua... D. Felì, sedete...

FELICIELLO: Son pronto. (E per quale ragione Mariuccia me vò dà no punio nfronte?)

ASDRUBALE (leggendo): Il Diluvio...

PULCINELLA: Che d’è sta chiovenno?

ASDRUBALE: Levate da lloco, e lassece fà.

DOROTEA Avite da sapè che io tengo quinnece ducate a lo mese e la casa franca, pecché maritemo era maggiore, e per conseguenza a morte sua m’è attoccata la pensione, e che per averla ogne mese, me piglio no zeffunno de collera...

ASDRUBALE (c.s.): Noè... punto e virgola.

FELICIELLO (distratto guardando Mariuccia): Perché?

ASDRUBALE: Pecché? Pecchesto... pecché nce vò punto e virgola...

FELICIELLO Va bene... (Ah! che io mi strangolerei!)

DOROTEA: Figuratevi, cara D. Lucrezia, che è no guaio, no vero guaio. Primma de tutto, v’avite da caccià la fede de vita e nce vò na lira e duje solde, po’ l’avite da portà a lo notaro, chillo ve fà lo certificato si site vedova veramente, pò doppo co lo borderò mmano avito da jre ad esigere li denare mmiezo a na folla, mmiezo a tanta gente, e cierte matine ve n’avite da j senza niente, pecché non potite passà...

LUCREZIA: Nientemeno! (E de li cinche franche chesta non ne parla!)

ASDRUBALE: Orribilmente col te non con d... (Correggendo.)

FELICIELLO (c.s.): Nonsignore.

ASDRUBALE: Perché nonsignore?...

FELICIELLO: Che avete detto?

ASDRUBALE: Orribilmente col te, col te, te.

PULCINELLA (porgendo la mano): Che m’haje da dà?

ASDRUBALE: Niente. Lassace fà scola.

FELICIELLO: Ah, va bene, ho capito... (Ah! se potessi sapere)...

PULCINELLA: E mò pecché pazzie, dice primma te, e doppo non me dà niente.

DOROTEA: Felì.

FELICIELLO-PULCINELLA (a due): Zi zi.

DOROTEA: Che ora so’?

FELICIELLO: Maestro, che ora sarà?

ASDRUBALE: Mezzogiorno passato;

DOROTEA: Mezzogiorno. Ecco ccà, mò nientemeno da ccà aggio da jre n’autra vota ncoppa a le Finanze, pecché nce so’ ghiuto stammatina e tanto de la folla men’aggio avuto da jre. Ah, è no guaio, è no guaio! (Si alza.) D. Asdrù, io me ne vaco, ve raccomanno. Guè, appena haje finito de fà scola ritirate, non me fà stà co lo pensiero. Ah! cara D. Lucrezia, che volite che ve dico io vaco pazza pe sto nepote mio, isso sulo m’è rummaso... E pò io l’aggio da volè bene pe forza, pecché povero guaglione non tene né mamma a né patre. Va, stateve bene. Felì...

FELICIELLO: Zi zi...

DOROTEA: Ci siamo capiti?

FELICIELLO: Va bene. (Dorotea via.)

PULCINELLA: E li cinche lire?

ASDRUBALE: Le volimmo spennere tutte quante stammatina.

FELICIELLO: Io credo che si sarà dimenticata.

ASDRUBALE: Cheste non so’ cose che se scordano.

PULCINELLA: Figurammece per esempio che io non tenesse li quinnece solde stammatina. Comme se faciarria?

ASDRUBALE: Dalle co sti quinnece solde.

LUCREZIA: Intanto chell’era la speranza nosta, e mò... (E comme! E la nasceta mia e aggia da stà senza la marenna!) Aspè... Pulicené, damme mezza lira...

PULCINELLA: Chesta è essa. (Dà la mezza lira.)

LUCREZIA (ad Asdrubale): Asdrù, mò ne manno a piglià latte e pane, e facimmo almeno marenna.

ASDRUBALE: (E sì arrivata).

LUCREZIA: Nicò... (Chiamando.)

SCENA SESTA

Nicola, e detti.

NICOLA: Che volite?... Guè, Pulicené, te saluto.

PULCINELLA: Alla razia toja, Nicò...

LUCREZIA: (Nicò, agge pacienza, chesta è na mezza lira va da lo cafettiere derimpetto, e fanne portà latte, cafè e pane).

NICOLA: (Va bene). (Per andare.)

LUCREZIA: (Guè, Nicò, non lo portà ccà, miettelo alla cammera appriesso).

NICOLA: (Va bene). (Via.)

LUCREZIA (piano a Pulcinella): (Capisce, si nò, D. Felice lo vede e nce conviene de mmitarlo).

PULCINELLA: (Aggio capito).

ASDRUBALE: Andiamo, scrivete. (Leggendo e dettando.) L’asino ed il cavallo.

PULCINELLA: O pure fate così: D. Asdrubale e D. Felice.

ASDRUBALE: Ma che vuò fà fà scola, o no?

FELICIELLO: (Se potessi rimaner solo con lei!).

ASDRUBALE: Scrivete. Un asino portando una grossa soma...

FELICIELLO (scrivendo): (Te dà no punio nfronte m’ha ditto, e pecché?).

ASDRUBALE: Avete fatto?

FELICIELLO: Sissignore.

ASDRUBALE: Incontrò per istrada un cavallo.

FELICIELLO (ripetendo): Cavallo.

ASDRUBALE: E gli disse fammi il favore.

PULCINELLA (ridendo): (Vuje vedite chillo che le mpara!).

FELICIELLO (c.s.): Il favore.

ASDRUBALE: Di aiutarmi a portare metà del mio peso.

PULCINELLA: Lo ciuccio se fidava a dicere tutte sti cose!

FELICIELLO: (Io non arrivo a sapere il perché!).

ASDRUBALE: Che state dicendo?

FELICIELLO: No... voleva sapere una cosa: Metà si scrive con l’accento sopra a l’a?

ASDRUBALE: E si capisce.

FELICIELLO: Metà del mio peso.

ASDRUBALE: Il cavallo gli disse: No, mio caro amico non posso.

PULCINELLA: Io mò crepo, non ne pozzo cchiù! (Ridendo.) Tu che le mpare a chillo povero guaglione? E chill’autro che se sta zitto, e scrive... L’aseno diceva... nfaccia a lo cavallo... ajutame a portare... Lo cavallo diceva.., non posso, mio caro amico... Uh mamma mia, io mò crepo!

ASDRUBALE: Puozze crepà veramente, va, te lo dico co lo sango all’uocchie. Non sapeva che era succieso!... Vuje vedite chisto mò non me vò lassà ire!

PULCINELLA: Comme, tu non haje ditto?

ASDRUBALE: Che nce have che fa. Chella è na favola. Che d’è, l’asino parlava?

PULCINELLA: Embé, tu non parle?

ASDRUBALE: Mò le chiave lo calamaro nfaccia.

MARIUCCIA: Comme site curiuso.

ASDRUBALE: Scrivete, D. Felì, non le date udienza. Dove siamo rimasti.

FELICIELLO (leggendo): Mio caro amico, non posso.

ASDRUBALE: L’asino stanco cadde, e morì.

FELICIELLO (c.s.): Morì.

ASDRUBALE: Allora il padrone prese tutta la soma e la pose sul cavallo.

FELICIELLO: Sul cavallo.

ASDRUBALE: Ed è anche la pelle dell’asino.

FELICIELLO: La pelle dell’asino.

ASDRUBALE (prende il quaderno e legge): «L’asino ed il cavallo. Un asino portando una grossa soma, incontrò per istrada un cavallo, e gli disse... due punti... Fammi il favore di aiutarmi a portare la metà del mio peso... punto. Il cavallo gli disse, due punti no mio caro amico, virgola, non posso... punto... L’asino stanco, virgola, cadde e morì.., punto e virgola. Allora il padrone prese tutta la soma e la pose sul cavallo ed anche la pelle dell’asino». Il carattere è un poco cattivo, ma non fa niente...

SCENA SETTIMA

Nicola, e detti.

NICOLA (piano a Lucrezia): (Sapete, lo caffettiere sta dinto).

LUCREZIA: (Va buono Nicò, fannillo j, dincelle che a n’autro poco se vene a piglià le tazze).

NICOLA: Va bene. (Via.)

LUCREZIA (piano ad Asdrubale): Asdrù, chillo ha portato lo latte e cafè, lassa a chisto, si nò non ne truove.

ASDRUBALE: (Aspetta no momento).

LUCREZIA: (Se fà friddo). Mariù, jammoncenne, Pulicené viene...

PULCINELLA: Songo lesto. (Lucré, si mariteto trica no poco non trova manco li tazze.) (Via.)

LUCREZIA: (E accossì succede...). Jamme, Mariù. (Via.)

MARIUCCIA: Jate, ca mò vengo co papà...

ASDRUBALE: (Mall’arma vosta, chiste overo fanno. Mariù dà chiacchiere a D. Felice, che io mò vengo). (Via.)

FELICIELLO: Ma se pò sapè che cos’è, pecché ma haje ditto che me daje no punio nfronte?

MARIUCCIA: Non alluccà. Pecché te lo mmierete. Assassino! Ajersera pecchè me faciste aspettà tanto tiempo fore alla fenesta, e non veniste?

FELICIELLO: Ah pe chesto? Io non sapevo che era! Ajersera zi Zia non me volle fare uscire, disse che veniva a piovere.

MARIUCCIA: E pe causa che veniva a piovere, sua Eccellenza non se poteva nfonnere le scarpe.

FELICIELLO: Io per me sarei venuto... (Gridando.)

MARIUCCIA: Non alluccà.

FELICIELLO (piano): Io per me sarei venuto...

MARIUCCIA: E pecché nun veniste?

FELICIELLO: Pe causa di mia zia, tu non sai quella quanto è terribile, appena dice na cosa vuol’essere ubbidita, ed io la debbo sentire.

MARIUCCIA: Ah neh... tu a zieta vuò sentere, e a me no? E statte buono, vattenne.

FELICIELLO (piano): Ma che gran male io ho fatto? (Gridando.)

MARIUCCIA: Non alluccà.

FELICIELLO (piano): Ma che gran male ho io fatto?

MARIUCCIA: Guè, allo corte, io mò te dico na cosa, si tu non faje chello che dico io, ncoppa nce sta no giovene che me vò spusà, anzi a mò m’ha mannato no zeffunno de lettere, e io non l’aggio risposto mai, pe causa che faceva l’ammore co te. Appena tu me faje quacche autra cosa, io lo scrivo.

FELICIELLO: Comme, comme, ncoppa nce stà no giovene che t’ha mannato no zeffunno de lettere?

MARIUCCIA Ma non aggio maje rispuosto.

FELICIELLO: (Fosse na finzione!). E dove stanno queste lettere?

MARIUCCIA: Li vuò vedè? (Va vicino al cassettone tira un fodero e prende un portafogli.) Li vi ccà, so’ cchiù de 50 lettere.

FELICIELLO: Ah! E te le tieni conservate?

MARIUCCIA: Sì...

FELICIELLO: E perché?

MARIUCCIA: Pecchesto.

FELICIELLO (dopo pausa gridando): Conservate.

MARIUCCIA: Non alluccà.

FELICIELLO (piano): Conservate? (Pausa.) No, bell’ammore, bell’ammore, bell’affezione veramente, se vede proprio che tu me vuò bene, che non pienze che sulo a me!... Se vede proprio!... Mentre si fà l’amore con una persona, si ricevono lettere da un altro individuo, e si tengono conservate. (Gridando, azione di Mariuccia.) E si tengono conservate, mentre quelle lettere prima di tutto non te le dovevi ricevere, oppure le dovevi bruciare, insomma le dovevi calcolare poco... invece tu mi pare che le hai calcolate assai, e calcolando le lettere, vuol dire che calcoli quello che l’ha scritte. (Forte, poi piano.) Quello che le ha scritte, ma non fa niente, si sa, tu avrai riflettuto che io era miserabile, che era un infelice, che non poteva sposarti, e vedendo che questo giovine è ricco, sta bene... cerchi d’allontanarmi... di lasciarmi... d’abbandonarmi... (Piange.)

MARIUCCIA (Uh! poveriello, chillo chiagne... m’è venuto a chiagnere pure a me). Viene cca, siente, facimmo accossì... io mò m’astipo sti lettere, si tu te puorte buono, e me volarrai bene: io te prometto che sti lettere li straccio primme, e po l’abbruscio.

FELICIELLO: Si me porto buono? E pecchè non me le daje mò?

MARIUCCIA: Mò non te le pozzo dà, li metto n’autra vota dinto a sto teraturo addò stevano, e quanno sarrà tiempo l’avarraje.

FELICIELLO: Mariù, dammelle.

MARIUCCIA: Non te le pozzo dà, saccio io quanno l’haje d’avè. (Mette il portafoglio nel primo fodero del cassettone lo chiude a chiave, che conserva.)

FELICIELLO: (Oh! se potessi rubarmele!).

LUCREZIA (di dentro): Mariuccia, Mariù...

MARIUCCIA: Eccome ccà. Me chiammano dinto, io vaco. Haje ntiso, portete buono, e chelle lettere se stracciarranno. (Ah! che me fa proprio compassione!) (Via.)

FELICIELLO: Ah! che io non me poteva mai figurare che ci fosse tutto questo... Un giovine dunque vorrebbe sposare Mariuccia, e le manda delle lettere? Ah! se potessi avere quelle lettere!... Se potessi farlo sto dispietto... Aspetta... caspita!... io a la casa tengo no portafoglio perfettamente uguale a quello che nce stanno le lettere dinto, me lo prenderei e metterei invece il mio con carte bianche... sarebbe un bel colpo... Sì, ma lo comò sta chiuso, si vaco pe scassà faccio rummore. Mò vaco alla casa, piglio lo portafoglio mio, e torno ccà co na scusa e vedrà di cambiarlo con quello che sta nel comò... Accussì va buono:.. Mariuccia vedendo che me ne sono andato, rimetterà la chiave al suo posto. Sì, ben pensato... (Per partire.)

SCENA OTTAVA

Pulcinella, e detto.

PULCINELLA (uscendo): D. Felì, ve ne jate?

FELICIELLO: Sì, dite al maestro che verrà più tardi, adesso ho da fare. (Via.)

PULCINELLA: Ma sentite, aspettate... Chisto è miezo pazzo... Basta, lo certo è che io co sto latte e cafè aggio fatto peggio, pecché m’ha smuoppeta na famma nummero uno!

SCENA NONA

Boroboamo, Nicola, e detto.

NICOLA: Da questa parte. Favorite.

BOROBOAMO: Grazie. (Oh! Dio che miseria!)

NICOLA: Pulicené, D. Asdrubale addò sta?

PULCINELLA: Sta dinto.

BOROBOAMO: Fatemi il favore di chiamarlo.

PULCINELLA: Eccome ccà. (Nicò, chi è sta corniola vecchia.)

NICOLA: (E chi lo sape? è no signore).

PULCINELLA: (Grazie de la notizia!). (Via con Nicola.)

BOROBOAMO: Quale miseria! (Guardando intorno.) In che stato è ridotto, per la sua cattiva testa, il mio povero fratello!... Era mio dovere recargli un soccorso, e son contento di essere giunto in tempo. Dio sa se avessi tardato ancora, che sarebbe avvenuto di lui... Non vorrei però aver da fare con quella ineducata di sua moglie, che è la causa della sua rovina... Oh! se mi avesse inteso, non si troverebbe in questa miserabilissima posizione. Dopo ventun’anno di viaggi, dopo che ho visitato quasi tutto il mondo, dopo che la mia fisionomia si è quasi del tutto cangiata... chi sa se mio fratello mi riconoscerà a prima vista... Del resto sarebbe meglio che non mi riconoscesse, così potrei vedere effettuito il progetto che ho ideato, ed assicurarmi con gli occhi miei se vengo a beneficare un ingrato!

SCENA DECIMA

Asdrubale, Pulcinella, Nicola, e detto.

ASDRUBALE (di dentro): Chi me vò?

PULCINELLA (uscendo con D. Asdrubale): Sto signore.

BOROBOAMO: (Come è ridotto!).

ASDRUBALE: Con chi ho l’onore di parlare?

BOROBOAMO: (Non mi ha riconosciuto. Il mio progetto cammina!). Io sono... ma se non vi dispiace, desidererei sedere.

ASDRUBALE: Serviteve... Neh, ciuccione pigliate le segge! Scusate, io non ci aveva pensato. Facite priesto.

NICOLA: Eccoce ccà. (Prende una sedia e la dà a Boroboamo.)

BOROBOAMO: Dunque, io mi chiamo Carlo Sifinge.

PULCINELLA: Come, il signore si frigge?

BOROBOAMO: Si-fin-ge. Capite?

ASDRUBALE: Lasciaci parlare.

NICOLA (a Pulcinella): (Statte zitto non l’interrompere. Sentimmo).

BOROBOAMO: Sono amico intrinseco del Barone Boroboamo Barilotto vostro fratello.

ASDRUBALE: De fratemo? (Con interesse.)

BOROBOAMO: Per l’appunto.

ASDRUBALE. Ah! Signore...

PULCINELLA: (Queste sono le vere carità!).

ASDRUBALE: (Statte zitto!). Ah! Signore, sappiate che io gli ho scritto no zeffunno de lettere, e isso non m’ha rispuosto maje... Sono ventun’anno che non lo vedo, sono ventun’anno che mi ha abbandonato per causa...

BOROBOAMO: Che sposaste una donna di bassa condizione.

ASDRUBALE: Sissignore. Avita da sapè che isso...

BOROBOAMO: Non voleva farvela sposare.

ASDRUBALE: Perfettamente. Invece...

BOROBOAMO: Voleva darvi una donna istruita, con dote...

ASDRUBALE: E vuje sapite tutte cose, che parlo a fà?...

BOROBOAMO: Vostro fratello al presente se trova a Livorno e sapendo che voi siete in uno stato molto diverso dal suo... dimentico del passato, per mezzo mio vi manda...

ASDRUBALE (con ansia.) Che cosa?

BOROBOAMO: Fatemi il favore di chiudere quella finestra: tira un po’ di vento.

ASDRUBALE: Chiudete quella finestra. (Gridando.)

PULCINELLA: Subito. (Esegue.)

BOROBOAMO: Grazioso quell’uomo. Come ti chiami?

PULCINELLA: Pulicenella Cetrulo.

BOROBOAMO: Cetrulo... curioso anche il cognome... Tò, prendi: (gli dà un sigaro) ed anche a voi. (Lo da anche ad Asdrubale e Nicola.)

PULCINELLA: Grazie.

NICOLA: Mille razie, signò.

ASDRUBALE: Obbligato. Dunque, signore?...

BOROBOAMO: Eccomi qua. Vostro fratello, avendo letta l’ultima vostra lettera, nella quale gli chiedevate un soccorso, senza perder tempo, mi chiamò e mi disse: Carlo sò che devi recarti in Napoli, sarei contentissimo se ti portassi da mio fratello Asdrubale, onde consegnargli...

ASDRUBALE (con ansia): Che cosa?

BOROBOAMO (cava lo scatolino dei zolfanelli e accende un sigaro): Volete accendere?

ASDRUBALE: (Chisto mò me fà figlià!). Ecco ccà, appicciammo... (Accende il sigaro.)

BOROBOAMO: (Io crepo dal ridere!).

ASDRUBALE: Per carità, signore. Ditemi che cosa mi manda?

BOROBOAMO: Sei mila lire.

NICOLA: (Che sento!).

PULCINELLA: (Nientemeno! Mò magnammo.)

ASDRUBALE: Signò, pe carità, vuje che dicite? Veramente fratemo me manna seimila lire?...

BOROBOAMO: Sicuro.

ASDRUBALE: Non me ngannate?

BOROBOAMO: Per quale ragione dovrei ingannarvi? Per farvene assicurare, leggete. (Gli dà una lettera.)

ASDRUBALE (apre e legge): «Caro fratello, Sono passati ventun’anno dacché fosti sconosciuto da me per fratello»... Oh, si è lo carattere suio. «Sono passati ventun’anno dacché fosti sconosciuto da me per fratello. Ora hai troppo sofferto, io dimentico tutto, e ti perdono. Pel mio amico Carlo Sifinge ti mando la somma di seimila lire, che a me soverchiano, ed a te bisognano... Un bacio affettuoso e credimi». Ah! (Bacia la lettera.) Beneditto, beneditto frato mio che lo Cielo te pozza mannà tanto bene, quanto ne desidero pe me! E a voi, signore, a voi che vi siete incomodato, ve sarraggio oblligato pe tutto lo tiempo della vita mia.

BOROBOAMO: Ma nient’affatto. (Si alza va al tavolino, cava un portafogli ne trae molti biglietti di banca.)

NICOLA: (Ah, chille denare me fanno no cierto effetto!).

PULCINELLA: (Mamma mia, quanta denare! Nicò, tu li vide?).

NICOLA: (Veco... veco... Ah, si potesse!).

ASDRUBALE: E mò che volite fà?

BOROBOAMO: Voglio numerarveli...

ASDRUBALE: Dateme ecà., non serve.

BOROBOAMO: No, scusate, è per mia delicatezza. (Gli conta il denaro.) Siete contento?

ASDRUBALE: Ve pare? Contento, contentissimo... Figuratevi, io adesso pago tutti i miei debiti, e risciatarraggio no poco.

NICOLA: (Si me riesce, te voglio fà riseiatà comme dich’io!...).

ASDRUBALE: Ma a proposito. Nicò, chiamma a Mariuccia figliema e a Lucrezia moglierema.

BOROBOAMO: No, no, lasciatele stare, non le incomodate io parto, le ossequierete da parte mia.

ASDRUBALE: Nonsignore, aspettate mia moglie.

BOROBOAMO: Un’altra volta la vedrò.

ASDRUBALE: Ma...

BOROBOAMO: Un’altra volta, non dubitate, ritornerò. A rivederci. (Via.)

ASDRUBALE: Ah! Nicola mio. Ah! Pulicenella caro, io mò moro pe la consolazione!... Abballate, sonate!... Se tratta de semila lire...

PULCINELLA: Che bella cosa! Semila lire sicuro che fanno cchiù de ventimila ducate!

ASDRUBALE: Che te faie scappà dalla vocca: statte zitto... Mariuccia, Lucrezia, ascite ccà fora...

SCENA UNDICESIMA

Mariuccia, Lucrezia e detti.

LUCREZIA: Che è stato?

MARIUCCIA: Che è succiesso?

PULCINELLA: Avite da sapè...

ASDRUBALE: Zitto, aspetta... (Non lo dicimmo tutto nzieme, pò essere che le vene quacche cosa!...)

LUCREZIA: Nzomma?

MARIUCCIA: De che se tratta?

ASDRUBALE: Se tratta nientemeno che fratemo Boroboamo...

LUCREZIA: Chillo puorco!

PULCINELLA: Non è puorco siente primma.

LUCREZIA: Che à fatto?

ASDRUBALE: M’ha mannato pe n’amico sujo na lettera e semila lire...

LUCREZIA: Seimilia?...

ASDRUBALE: Lire... Lire...

LUCREZIA: Lire? Seimilia? Io mò moro! (Sviene.)

PULCINELLA: Aspetta, chiano, che jammo nterra tutte e duje...

ASDRUBALE: Io l’aggio ditto!... Facitele addurà quacche cosa...

MARIUCCIA: Papà, vuje veramente dicite?

ASDRUBALE: Sine, veramente.

MARIUCCIA: Uh, che consolazione! Io ve l’aggio ditto che lo Cielo mannava la provvidenza... Mammà... Mammà... (Chiamando.)

LUCREZIA: Ah! (Sospira.)

PULCINELLA: Sospira, manco male.

LUCREZIA (rinvenendo): Marito mio bello, tu overo dice?

ASDRUBALE: Ma sì, sì veramente, li vì ccà, chiste songo li denare... (glieli mostra.)

LUCREZIA: Ah! sì, comme so’ belle. Mò nce potimmo luvà tutte li diebbete.

ASDRUBALE: Sicuro, chesta è la primma cosa. Aspetta... Stammatina lo patrone de casa ha mannata la terza citazione, embé mò le scrivo na lettera dicennole che se venesse a piglià tutto chello che avanza... (Va al tavolino e scrive.) Nicola mio, mò sarrai provato tu pure, agge pacienza, porta sta lettera a D. Anselmo lo patrone de casa, e dincelle che stasera se venesse ad esigere li denare... va...

NICOLA: Ma, D. Asdrù, mò pò essere che non lo trovo.

ASDRUBALE: Le rommane la lettera a lo guardaporta.

NICOLA: Ma vedite... A ghì fino a llà...

ASDRUBALE: Non fa niente, famme sto piacere; quanno tuorno avarraie chello che avanze, e fuorze anche de cchiù.

NICOLA: Volite accossi, mo vaco. (Non me movarraggio manco se me sparano... Aggio d’appurà addo astipa li denare, che bello colpo che saria!) (Via.)

ASDRUBALE: Mogliera mia cara, io non ce capo dinto a li panne pe la consolazione! Poco primma non tenevamo manco no centesimo, e mò tenimmo seimilia lire...

PULCINELLA: E più cinque soldi dei miei.

ASDRUBALE: E statte zitto, vattenne co sti cinche solde. Lucré, sa che volimmo fà, ascimmo, jammoce ad accattà no vestito pedono, e tre o quattro pare de scarpe...

MARIUCCIA: Papà, vengo pur io...

ASDRUBALE: Sicuro, e te voglio fà spezzà no bell’abito de seta a gusto tujo...

MARIUCCIA: Uh! Che bella cosa...

ASDRUBALE: Jammo, non perdimmo tiempo. Aspetta, non nce portammo tutti li denare ncuollo... portammoce 200 franche... Lo riesto facimmole astipà a Pulicinella.

PULCINELLA: Tu sì pazzo, io ajere perdette cinche sorde e miezo.

ASDRUBALE: E addò li mettimmo?... Nce volaria no portafoglio... Me pare che nce ha da stà... Mariù, chillo portafoglio che te dette io, che n’haje fatto?

MARIUCCIA: (Uh, mmalora, llà nce stanno le lettere dinto!). Sta dinto a lo comò. (Vedimmo de levarle.) (Apre il primo fodero del cassettone, prende il portafogli e ne cava le lettere.) Eccole ccà.

ASDRUBALE: Ah, chisto è adattato. (Vi mette dentro il denaro e lo chiude dentro il primo fodero del cassettone.) Ccà stanno buono.

PULCINELLA: Vuje ve ne jate, e io che faccio?...

ASDRUBALE: Tu m’haje da fa lo piacere de starte ccà a guardà la casa... Nuje non potimmo tricà autro che n’ora, n’ora e meza al massimo. Fra le altre cose, voglio fà na bona spesa, voglio accattà magnà a zeffunno.

PULCINELLA: Guè, lo magnà ha da essere la primma cosa!...

LUCREZIA: Te pare! Ogge è la nasceta mia!...

PULCINELLA: Che poteva mancà.

ASDRUBALE: Te voglio fà solennizzà na nascita che a lo munno tujo non l’haje solennizzata ancora... Iammo, site lesto?

SCENA DODICESIMA

Feliciello dal fondo senza lasciarsi vedere, poi Nicola e detti.

FELICIELLO: (Oh, fortuna, stanno p’ascì!... Io l’aveva ditto che la chiave steva vicino a lo comò... Cielo mio, te ringrazio... m’annasconno... e si chiste chiudono la porta, comme esco?).

PULCINELLA: Vuje vedite, io mò aggio da rummanì ccà.

ASDRUBALE: Agge pacienza, nuje tornammo priesto...

FELICIELLO: (Ah, resta Pulicinella... benissimo!). (Si nasconde.)

ASDRUBALE: Iammo, facimmo priesto. Pulicenè, te raccomanno la casa. Ah, che io non conchiudo cchiù tanto de lo piacere. (Via.)

LUCREZIA: Sta consolazione veramente non me l’aspettava. (Via.)

MARIUCCIA: Co la veste de seta ncuollo, mare chi me dice na parola! (Via.)

PULCINELLA: Vuje vedite che autro guaio aggio passato! Mò va te trova quanto tricarranno, e io aggio da stà sulo ccà... Basta, lo pensiero che da ccà a n’autro poco magno, me fà stà cchiù allegro!... Io ntramente accominciarria ad allummà lo fuoco, ma gravune non nce ne stanno! Ntanto non me fido de stà senza fà niente!

NICOLA (esce dal fondo, con un canestro di bottiglie): (La sciorta non poteva esserme cchiù favorevole... So’ asciute, e hanno rummaso ccà sto turzo de carcioffola si non s’hanno purtato tutte le dinare ncuollo, lo corpo è fatto!... Aggio portato apposta doje botteglie de Marsala pe mbriacà a sto ntontero.) Pulicené, te saluto!

PULCINELLA Oh, manco male che sì venuto, non me fidava proprio de stà sulo. E comme va, non sì ghiuto da lo patrone de casa?

NICOLA: No, nce aggio mannato a lo figlio de lo guardaporta... E tu sì rimasto sulo?

PULCINELLA: Già, sulo... Meno male che sì venuto tu; pare che accussì, parlammo no poco, e lo tiempo che aggio da aspettà addeventa cchiù curto.

NICOLA: Quanto tiempo tricano?

PULCINELLA: N’ora, n’ora e meza.

NICOLA: (M’avasta). Allora già che è chesto assettammoce e parlammo no poco. A proposito... ccà stanno li bottiglie de Marsala, pecché non ne sbottigliammo una e vedimmo comm’è?

PULCINELLA: Se, dice buono, io la Marsala non l’aggio provata ancora, pigliala.

NICOLA (prende il canestro, ne toglie due bottiglie, le stura e le mette sul tavolino): Famme sapè si te piace. (Beve.)

PULCINELLA (beve): Buono sà, è saporito assaje.

NICOLA: E se capisce, è Marsala, e tanto avasta.

PULCINELLA: Marsala, ovè? Chesto sicuro jarrà 8 solde la carrafa.

NICOLA: Sì, otto solde... tu che dice. Cheste se vennene a bottiglie. Ognuna de cheste stà doje lire e meza.

PULCINELLA: Ah! neh? (Beve.) Nò, ma è buono sà...

NICOLA: Guè, a proposito io tengo la sicaro che m’ha dato chillo signore: mò me l’appiccio.

PULCINELLA: E io pure lo tengo, ma è troppo forte, me fà avotà la capa.

NICOLA: Non fa niente, fuma che fumo pur’io.

PULCINELLA: Sì, fumammo. (Accendono.)

FELICIELLO (in fondo): (Comme faccio, si chiste se n’addonano me pigliano pe mariuolo! Oh, mamma mia. Io non saccio io stesso comme m’aggio da regolà).

NICOLA: (Potesse persuaderlo e farlo aunì co mmico e pigliarce li denare tutte e duje. Vedimmo comme la penza). Caro Pulicenella che vuò che te dico, ma... ma a tenè denare è na gran bella cosa.

PULCINELLA: Guè! Chillo che dice! Se capisce! (Beve.)

NICOLA: E particolarmente pò chillo che da disperato deventa ricco.

PULCINELLA: E lo saccio chesto; ma ha d’avè la fortuna d’essere rimasta n’eredità, o pure de piglià na quaterna, che è difficile assaie.

NICOLA: Tu quà quaterna, tu quà eredità, tutt’autro che chesto.

PULCINELLA: E comme se fa ricco? Se trova ntera?

NICOLA: Nemmeno.

PULCINELLA: E comme?

NICOLA: E comme? Dimme na cosa, tu saje a Peppe lo scarparo? S’abbuscava seje lire a la settimana, jeva tutto stracciato: eppure, mò va te pesca addà stanà, e che ricchezze s’avarrà fatto.

PULCINELLA: Pecché?

NICOLA: Pecché ha saputo fa li fatte suoje. Haje da sapè che no juorno jette a piglià la mesura a no gran signore, a no marchese che era sulo, senza mugliera, senza nisciuno, ricco, ma ricco assaje. Peppe, che pensaje de fà? Doppo pigliata la mesura, lo menaje ntera, lo dette na botta de cortiello, e l’accedette: se pigliaje no cascettino chino d’oro e brillante e 30 mila lire che teneva ncuollo, e llà pe llà se ne scappaje. Da chillo juorno, Peppe non s’è visto cchiù non s’è potuto trovà, né lo trovarranno!

PULCINELLA: E tu accossì dice d’addeventà ricco? No, amico mio sta ricchezza tienatella per te... E tu tiene ncapo che Peppe non è afferrato?

NICOLA: E comme l’afferrano?

PULCINELLA: Ah, te nganne, figlio mio! Peppe è afferrato, siente a me. Ne passarranno 10 anne, 15 anne, 20 anne si attocca, ma la pena s’ha da pavà. Peppe haje da sapè che mò lo tene scritto nfronte. Amico mio, chi fa male tiempo ne passa, ma lo chiagne... Vive. (Beve.) Io tanno magno co appetito quanno saccio che chello magnà me l’aggio faticato; sarrà pane e caso, pane nfuso a lo vino, pane assoluto, ma è cchiù saporito però de na fella de timbano acquistato senza faticà. (Beve.)

NICOLA: Va buono, cheste so’ chiacchiere.

PULCINELLA: No, non so’ chiacchiere. Io stammatina m’aggio abbuscato quinnece solde...

NICOLA: Pih! Che miseria! Quinnece solde!...

PULCINELLA: Già, 15 soldi, ma doppo cammenato meza jornata!... Eppure io so’ cuntento. Meza lira l’aggio dato a sorema, e avimmo fatto marenna, me so’ rimaste 5 solde.

NICOLA: E quanno so’ fenute chiste?

PULCINELLA: Me metto n’autra vota ncammino...

NICOLA: Faje n’autra quinnecina de solde...

PULCINELLA: Volesse lo Cielo e li facesse ogni ghiuorno.

NICOLA: Ma che songo 15 solde? So’ na fumata de pippa, quanno uno non s’abbusca cinche o seimila franche ogne tanto! (Non è cosa, chisto non se fa capace.)

PULCINELLA: Gué, ma sto marzateco è quacche cosa de bello. (Incomincia ad ubbriacarsi.)

NICOLA: Fuma, Pulicenè.

PULCINELLA: No, me fa avutà la capo e pò s’è pure stutato.

NICOLA: Aspetta, mò te faccio io appiccià. (Accende un fiammifero.)

FELICIELLO: (Succede chello che pò succedere, ma io non pozzo aspettà cchiù). (Si toglie le scarpe e piano piano va al cassettone, apre il primo fodero, ne toglie il portafogli vi mette il suo, e via dicendo:) (è fatto).

NICOLA (dopo acceso il sigaro a Pulcinella): A proposito, Pulicenè, lassammo sto discurzo e pigliammone n’autro.

PULCINELLA: Se, pigliammone n’autro... (Beve.)

NICOLA: E comme, doppo 21 anne, lo frate de D. Asdrubale finalmente s’è ricordato de isso?

PULCINELLA: Già... isso... Damme no fiammifero.

NICOLA: E pecché, tu staje allummato... (L’amico se n’è ghiuto, mò è lo momento!) Compagnò, vive. (Versando del vino della sua bottiglia.)

PULCINELLA: Sì, vevo, vevo, pecchè sto vino è proprio pre... pre... prelibato.

NICOLA: Dunche, doppo 21 anne s’è ricordato de ho frate, e l’ha mannato pe chillo signore nientemeno che seimila lire.

PULCINELLA: Già, seimila lire.

NICOLA (guardando intorno): E no piacere sa, chillo mò addò se lo credeva d’avè sta fortuna! (Manda boccate di fumo del sigaro sul volto a Pulcinella.)

PULCINELLA (tossisce): Eh, eh, sto vino fa venì la tosse, ma è saporito assai... Guè, Nicò, tu pecché abballe? Ah, ah, ah. (Ride.)

NICOLA: Lo faccio pe te fà stà allegro... E... dimme na cosa, Pulicenè, mò D. Asdrubale, la mogliera e la figlia addò so ghiute?

PULCINELLA: So’ ghiute... a... (Ride.) Ah! ah! ah! Nicò, tu staje mbriaco! Uh, mamma mia, tu non te rieje allerta!

NICOLA: Sì è overo... ma D. Asdrubale addò è ghiuto?

PULCINELLA: E ghiuto fino a... è ghiuto a fà spesa.

NICOLA: E s’ha portato tutte li denare ncuollo?

PULCINELLA: Ncuollo?... No... s’ha portato... E tu non lo saje?

NICOLA: No... io non saccio niente.., quanto s’ha portato?

PULCINELLA: S’ha portato... (Ride.) Ah, ah, tu comme sì ciuccio! Nicò, tu sì mbriacone! Ah! ah! ah.

NICOLA: Sì, va buono... Ma D. Asdrubale quanto s’ha portato ncuollo?

PULCINELLA: Poco... lo riesto l’ha miso...

NICOLA: Addò l’ha miso?...

PULCINELLA: L’ha miso dinto a lo... bicchiere... (Ridendo.)

NICOLA: Pulicenè, non pazzià, dimme addò l’ha miso...

PULCINELLA: Che saccio... dinto a lo portafoglio... dinto a lo... ah! ah!

NICOLA: (Ah, che io stongo ncoppa a le spine!). Dinto a lo portafoglio?... E lo portafoglio addò sta?

PULCINELLA: Sta... sta dinto llà... Vive, Nicò... (Beve.)

NICOLA: Llà, ma a che pizzo?

PULCINELLA: A lo pizzo... pizzitrangola... (Ride.) Ah! ah...

NICOLA: Addò ha mise lo portafoglio, neh Pulicenè?

PULCINELLA: Lo comò lo sape...

NICOLA: (Ah! lo comò... addonca dinto a lo comò l’ha stipato). (Si alza, apre il comò, prende il portafogli che vi ha messo Felice.) Ah, sorte te ringrazio, lo colpo è fatto! (Se lo mette in tasca.)

BOROBOAMO (di dentro): Va bene, va bene... Li aspetterò.

NICOLA: Ah! Saglie gente... Si fuje pe li grade, me potarria ncuntrà co quaccheduno. Ah, sta fenesta! (Guarda.) Sì... pe dinto a lo giardino... pò scravacco lo muro. (Si precipita per la finestra.)

PULCINELLA: Nicò... Nicò... (Ubbriaco all’eccesso.)

SCENA TREDICESIMA

Boroboamo, e detto.

BOROBOAMO: Ho trovato la porta aperta... vorrei sapere... Che vedo! Quell’uomo ubbriaco a tal segno... Ma che disordine è questo... Nessuno è in casa... quale sospetto!

PULCINELLA: Nicò... lo portafoglio... Ah! ah! (Ride.)

BOROBOAMO: Portafogli!... (Guarda dalla finestra.) Un uomo s’arrampica per quel muro... Ma sì, non m’inganno!... Egli è Nicola il servo... Che avesse...

PULCINELLA: Nicola... semilia lire...

BOROBOAMO: Che sento!... Egli forse ha rubato il danaro! Ah, per dio! Lo raggiungerò! (Via.)

PULCINELLA: Nicò, tu non vive cchiù... questo è marzatico... ncuorpo fa buono... Nicò... qunno vene... D. Asdrubale, Peppe lo scarparo... vive Nicò. (Dando la voce.) Mbrelle viecchie da vennere... Mamma mia, lo solaro me tremma sotto a li piede... Li mobele se fanno na tarantella... la seggia avota attuorno... statte sodo, che me faje avutà l’uocchie... mall’arma de mammeta! (Ridendo.) Mò moro sotto a li prete... (A stento arriva alla finestra di strada e grida.) Terremoto... Terremoto! (Torna nel mezzo ridendo sgangheratamente.) Mbrelle viecchie da vennere!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera rustica in casa di D. Dorotea. In fondo una finestra a dritta porta: la comune a sinistra, nel mezzo armadio, un tavolino con sopra salvietta, piatto coperto con maccheroni, bicchiere, pane, posata ecc. Tre porte laterali, due a destra dello spettatore, e una a sinistra. Accanto alla prima porta a destra, braciere con fuoco sedie rustiche ecc. ecc.

SCENA PRIMA

D. Pasqualino vicino al fuoco che legge; e Dorotea dall’altro lato, che prende caffè.

DOROTEA (bevendo il caffè): Volite no poco de cafè? (Pasqualino fa segno di no.) (E vide si te dà maje lo piacere de risponnere! Che brutto carattere che tene chisto, si non tenesse preciso bisogno de tenè affittata chella cammera, da quanto tiempo l’avaria licenziato. Io voglio vedè proprio si lo fa pe dispietto.) D. Pascalì, che ora so’?

PASQUALINO: Non sò.

DOROTEA: Sarranno li tre e meze?

PASQUALINO (cacciando l’orologio): No, più tardi.

DOROTEA: Allora so’ li quatto?

PASQUALINO: Nonsignore.

DOROTEA: E che ora so’?

PASQUALINO: Sono le tre e 57 minuti.

DOROTEA: E avite ditto che non so’ li quatto, nce mancano tre minuti. E intanto Feliciello non se vede, lo magnà se fa friddo. Ah, chillo non ha vò fernì io saccio pecché trica tanto.

PASQUALINO: Perché?

DOROTEA: Lo volite sapé?

PASQUALINO: No.

DOROTEA: No, e io non ve lo dico.

PASQUALINO: Se lo dite, mi fate piacere.

DOROTEA: (Uh, mamma mia! Chisto è pazzo!). Avite da conoscere che Feliciello se vommechea co la figlia de lo masto de scola, e pecchesto sempe che va a fà lezione, se sta tre ore a la vota. Isso me lo dicette, povere guaglione, me dice tutte cose, io non lo strillaie, pecché saccio che è na cosa che non pò avè pede.

PASQUALINO: E chi ve l’ha detto?

DOROTEA: Comme, chi me l’ha ditto, lo dico io: ve pare, essa non tene niente, isso peggio, dunche comme se ponno spusà? Lo matrimonio allora è bello, quanno non s’have niente a desiderare, si no, sapite che succede? Che lo marito e la mogliera s’appiccecano sempe, nce so’ sempre disturbi, non se sta maje mpace, dico buono?

PASQUALINO: Dite male.

DOROTEA: E pecché? Sentimmo.

PASQUALINO: Quando il marito e ha moglie si amano di cuore, i guai diventano piaceri.

DOROTEA: Eppure è overo, sapite, pecché quanno nc’è ammore fra l’una e l’autra parte, non succedono contraste. Se contentano l’uno co l’autra, la mogliera pe non fa ncojetà lo marito se contenta de tenè una veste, lo marito pe non fa ncojetà la mogliera se contenta d’uno piatto comm’è è... Sì, sì, avite ditto buono.

PASQUALINO: Ho detto male.

DOROTEA: Uh! D. Pascalì, uno a vuje comme v’ha da contentà? Basta io sta cosa non voglio che pigliasse pede, pecché non volaria che chillo povero Feliciello nce mettesse na passione forte... Sapite quanto è brutta na passione!

PASQUALINO: Niente affatto, è bella! Io pure teneva una passione, ma che passione!...

DOROTEA: Co chi?... Co na femmena?

PASQUALINO: E si capisce benissimo con chi dovea tenerla?

DOROTEA: E non poteva essere che teniveve na passione co no cane?

PASQUALINO: Oh, altro che cane! Era una giovane su i diciassette, o diciotto anni.

DOROTEA: Era bella?

PASQUALINO: No, brutta.

DOROTEA: Brutta!...

PASQUALINO: No... sì... brutta... ma simpatica... Oh, troppo simpatica!

DOROTEA: E la lassasteve?

PASQUALINO: No, ella abbandonò me...

DOROTEA: Uh! E pecché?

PASQUALINO: Perché un giovinotto le incominciò a fare ha corte, le mandò molti regali...

DOROTEA: E vuje?

PASQUALINO: Ed io non ne sapeva niente... Insomma ella si diede in braccio a colui, ed abbandonò me, dicendo che io non aveva mezzi e non poteva sposarla: mentre che tutto ciò non è veroaffatto, perché io le dissi che avevo due zie e due zii ricchissimi i quali morendo avrebbero lasciato me loro unico erede.

DOROTEA: Nientemeno! Avevano da murì quatto perzune?

PASQUALINO: E vi fa meraviglia?...

DOROTEA: E da quanto tiempo ve site tassate?

PASQUALINO: Uh, sono cinque anni.

DOROTEA: E li zie vuoste so’ muorte?

PASQUALINO: Non ancora.

DOROTEA: Figurateve chella giovane quanto tiempo aveva d’aspettà.

PASQUALINO: Basta... basta, non ne parliamo più adesso, altrimenti si attacca talmente la mia nervatura, che son capace di buttarmi dalla finestra.

DOROTEA: Pe carità, m’avisseve da fa passà no guaio! Non parlammo cchiù d’essa. A proposito D. Pascalì, ve raccomanno pe dimane de darme la mesata, pecché me servono li denare.

PASQUALINO: Domani vi servirò, aspetto lettere da mio padre.

DOROTEA: Dunque, posso essere sicura che me date li denare dimane matina?

PASQUALINO: No.

DOROTEA: Comme nò?

PASQUALINO: Domani mattina no, domani al giorno sì.

DOROTEA: O la matina, o lo juorno, sempe l’istesso è. (Mamma mia! Chisto quanto è originale!)

SCENA SECONDA

Feliciello e detti.

FELICIELLO (entrando e baciando la mano a Dorotea): Zi zi, vi bacio ha mano. Caro D. Pasqualino...

PASQUALINO: Buongiorno.

DOROTEA: Ah! sì venuto finalmente? Che te ne sì fatto nzi a mò? Lo magnà sta llà da doje ore.

FELICIELLO: Zi zi, scusate. Lo maestro m’ha trattenuto.

DOROTEA: Lo maestro... lo maestro? O è stata la maestrina?

FELICIELLO: Zi zi...

DOROTEA: Statte zitto, birbantiello!

FELICIELLO (siede, va per mangiare e piange).

DOROTEA: (Povero guaglione, me fa proprio compassione!).

PASQUALINO: Ma vedete se è possibile che io debbo vedere una bestia simile che piange, sarà meglio che me ne vada altrimenti mi si attaccano i nervi. (Si alza butta la sedia e via.)

DOROTEA: Non chiagnere, che si nò vanno li lagreme dinto a li maccarune.

FELICIELLO: Meglio accossì, me li magno zucuse!

DOROTEA: Tiene appetito?

FELICIELLO: Così, cosi...

DOROTEA: Non chiagnere cchiù, io aggio pazziato. Comme te sì portato co la lezione?

FELICIELLO: Ho avuto ottimo. Nove punti.

DOROTEA: Che avite jocato a la scopa?

FELICIELLO: Nonsignore. (Mangiando.)

DOROTEA: Embè tu haje ditto: nove punti.

FELICIELLO: Perché nove punti significa ottimo.

DOROTEA: A che staje co la lengua francese?

FELICIELLO: Sto alla fine: poche altre cose mi debbo imparare.

DOROTEA: Feliciè, famme sentere quacche cosa...

FELICIELLO: Mersì, significa grazie: quella virgoletta che si mette qualche volta sotto alla e... si chiama... si chiama sedighia...

DOROTEA: E che autro t’haje mparato?

FELICIELLO: Fino a mò chesto sulo; ma lo maestro m’ha ditto che co n’autro paro de lezione che faccio, posso parlà benissimo francese.

DOROTEA: Oh! D. Asdrubahe è no buono maestro; e io da llà non te levo cchiù.

FELICIELLO: (Haje da vedè chi se ne va... Lo portafoglio co li lettere sta dinto a le mmane meje. Oh, che piacere!).

DOROTEA: Che vuò che te dico a me D. Asdrubale m’è simpatico.

FELICIELLO: E a me pure... (la figlia).

DOROTEA: Pecché aggio visto che ne tene assaje cura de te, te mpara buono... pò è no buon’ommo tanto isso quanto la mogliera. Feliciè, dì la verità, quanto è bona chella mogliera.

FELICIELLO: Quanto è bona... (la figlia).

DOROTEA: E ha ditto niente quanto me ne so’ ghiuta io?

FELICIELLO: M’ha cercata la mesata.

DOROTEA: E tu che h’haje ditto?

FELICIELLO: E che l’aveva da dicere? Aggio fatto vede che ve jereve scordato.

DOROTEA: E che mmalora, neh, me n’era fojuta. Comme va de pressa sto D. Asdrubale, so’ appena li 5 de lo mese! Uh, mamma mia! Pe cchesto non ho pozzo vedè a chillo, comme è nteressato, che le venga no cancaro!

FELICIELLO: Zi zi, è la simpatia?

DOROTEA: E agge pacienza che nce ho dico!

FELICIELLO (si alza, Dorotea sparecchia. Egli si accorge del volume che fa il portafoglio nel petto): (Chisto ccà nce pare, comme faccio? Zi zia lo vede e se ho piglia... Aspetta mò lo metto dinto a lo stipo a muro). (Apre l’armadio e sta per mettervi il portafogli.)

DOROTEA: Che miette lloco dinto?

FELICIELLO: Niente zi zi; na cosa.

DOROTEA: Che cosa?

FELICIELLO: M’astipo no poco de pane e formaggio pe stasera.

DOROTEA: Nonsignore, mangiatello, nce sta l’autro.

FELICIELLO: Allora non fa niente... (Conserva il portafogli.)

DOROTEA: Che t’haje stipato mpietto?

FELICIELLO: Lo formaggio.

DOROTEA: Tu quà formaggio. Tu pare come tenisse lo scartiello.

FELICIELLO: Eh, pare a voi.

DOROTEA: Pare a me? Io lo beco. Che tiene mpietto?

FELICIELLO (piangendo): Zi zi...

DOROTEA: Parla, che tiene mpietto?

FELICIELLO: Zi zi, io ve lo dico, ma non me strillate.

DOROTEA: Nonsignore, non te strillo.

FELICIELLO: Avite da sapè che ha figlia de lo maestro, Mariuccia...

DOROTEA: Mariuccia, io lo sapeva.

FELICIELLO: M’ha ditto, che si non faceva tutto chello che voleva essa, se sposava no giovinotto che sta de casa dinto a lo stesso palazzo sujo, lo quale l’ha mannato no sacco de lettere; io l’aggio cercato sti lettere, e essa non me l’ha voluto dà, l’ha miso dinto a no portafoglio e l’ha stipato dinto a lo comò; io aggio aspettato che se ne so’ ghiute, e quanno nisciuno me poteva vedé, aggio apierto lo teraturo, che pe bona sorta nce steva la chiave vicino, e m’aggio pigliato lo portafoglio. (Mostrandolo.)

DOROTEA: Ah! mariuncello, mariuncello! (Non sapeva che era!) Comme, tu mò non la vuò fernì, invece de pensà a studià...

FELICIELLO: Oh! mò zi zi, già che non m’avite strillato, leggimmo sti lettere, vedimmo chillo ciuccio che le scriveva.

DOROTEA Vattè, che te preme de leggerle? Cchiù priesto straccele.

FELICIELLO: No, zi zi, aggio da vedè primma che diceno; voglio vedè si essa lo risponneva. Assettammoce. (Seggono. Felice apre il portafoglio, e con sorpresa lo chiude.) Guè!!

DOROTEA: Che è stato?

FELICIELLO: No... niente... non saccio...

DOROTEA: Comme?!... Volimmo leggere?

FELICIELLO: Sì... leggimmo...

DOROTEA: E quanno?

FELICIELLO (apre di nuovo il portafoglio, si accorge del denaro, lo chiude, se lo pone in petto, si alza e grida:) Zi, zi!... zi, zi...

DOROTEA: Uh! mamma mia! Ch’è succiesso?... Feliciè... (Si alza.)

FELICIELLO: Zi zi, e comm’è stato? Comme è avvenuto?... Chi ha potuto essere... chi nce l’ha mise?

DOROTEA: Uh! Cielo mio, chisto non ragiona, fosse juto mpazzia!

FELICIELLO: (Oh, che bella idea pe ne fà jre a zi zia, e contà quanto songo sti denare... Si nce le facce vedè, chella se li piglia; mò me fingo pazzo!). (Gridando.) Ah! Ah! jatevenne, jatevenne, si nò v’accido.

DOROTEA: Oh! Feliciello mio, core de zi zia toja! calmate...

FELICIELLO: Niente, jatevenne, si no ve votto abbascio!

DOROTEA: Uh! è pazzo! è pazzo! Gente, gente!

FELICIELLO: Jateme a chiammà lo notaro.

DOROTEA: E che ne vuò fà de lo notaro?

FELICIELLO: Lo saccio io, jatemmillo a chiammà. (Grida.)

SCENA TERZA

D. Pasqualino, con cappello in testa, e detti.

DOROTEA: D. Pascalino mio, Feliciello è ghiuto mpazzia.

PASQUALINO: Voi che dite! E come?

DOROTEA: E che ne saccio... Ha ditto nfaccia a me: jatevenne, si nò ve votto abbascio.

PASQUALINO: Nientemeno! Ma che dice?

DOROTEA: Che saccio... vò lo notaro.

FELICIELLO: (E quanno se ne vanno!). Jatevenne! Jateme a chiammà lo notaro...

PASQUALINO: Ma perché vuole il notaro?

DOROTEA: E io che ne saccio?

PASQUALINO: Se quella è la fissazione, sarà meglio che glielo andiate a chiamare; può essere che si calmi un poco.

DOROTEA: Sì sì, dicite buono, mò vaco. Uh, mamma mia, io mò moro! D. Pascalì tenitele compagnia. Feliciè, io me ne vaco.

FELICIELLO: No, avite da jre tutte li duje.

DOROTEA: Vaco io, D. Pascalino resta.

FELICIELLO: Nonsignore! (Gridando.) Tutte e duje arrivate cchiù priesto.

PASQUALINO: Come se in due fossimo carrozza a due cavalli.

FELICIELLO: Jate, jate. (Gridando.)

PASQUALINO: Eccomi qua...

DOROTEA: (Mò rimanimmo ditto a chesta a fianco che le stesse attiento! Cielo mio, ajutalo tu! Iamme D. Pascalì).

PASQUALINO: Sono con voi. (Viano.)

FELICIELLO (dopo aver chiusa la porta, va alla finestra e si assicura che i due sono andati via): Anima de tutte li muorte mieje, chesto che cos’è? Songh’io o non songh’io... Fosse juto veramente mpazzia. Comme! Sto portafoglio che aveva da essere chino de lettere, che cos’è, lo trovo chino de carte nove de ciente franche! (Apre ilportafoglio.) Eccole ccà... quanto so’ belle! Io mò co chisti denare me faccio no bello vestito... m’accatto no rilorgio, na catena d’oro, accossì quanno vaco a fa lezione, Mariuccia me vede vestuto tanto bello, e... Feliciè, che arma de mammeta staje dicenno? Ma tu veramente haje perduta la ragione? Io!... No... Embè, che mmalora staje dicenno? Tu sto portafoglio addò l’haje trovato? Dinto a lo comò de Mariuccia... da dinto mmece de li lettere, che nce hai truvato?... Tutte denare!... Dunque questo che vuol dire? Che tu haje fatto no furto?... No, non è furto... Pecché l’intenzione mia era de pigliarme li lettere, non già li denare. Ma ora che invece delle lettere hai trovato il denaro, ti conviene di restituirlo... E sicuro... Embè, come dici che ti vuoi fare l’orologio, la catena, ho vestito? Già se capisce... Uh, mamma mia, io non saccio io stesso che dico!... Sta cosa non me l’aspettava... Sento rummore... Chi sarrà... (Nasconde il portafoglio. Si bussa di dentro.) Chi è?

SCENA QUARTA

D. Carlino prima dentro, poi fuori, e detto.

CARLINO (di dentro): Aprite.

FELICIELLO: Chi è? Sta voce non la conosco. (Forte.) Chi siete?

CARLINO (c.s.): Se non aprite, non posso dirlo.

FELICIELLO: Chi cancaro sarrà? Basta aprummo, e vedimmo chi è... Aspetta, voglio mettere prima sto portafoglio a no pizzo cchiù sicuro. (Entra a destra poi torna.)

CARLINO (c.s.): E così? Si apre o non si apre questa porta?

UNA VOCE DI DENTRO: Vuje a chi jate trovanno?

CARLINO (c.s.): D. Felice Sciosciammocca.

VOCE (c.s.): Embè, aspettate che v’apre, ma stateve attiento, sapite?

CARLINO (c.s.): Io non mi metto paura di nessuno! Ma quando diavolo aprirà?

FELICIELLO (uscendo): Eccomi qua... L’aggio miso dinto a li materazze. (Apre la porta.)

CARLINO (fuori): E tanto ci voleva ad aprire questa porta? Corpo di Satanasso! Nemmeno se si fosse trattato di entrare in una casa di grande nobiltà! Ho bussato ha prima, la seconda, ha terza volta, e non si apriva mai! Ma questo significa non aver proprio educazione; non si fa aspettare mai un galantuomo tanto tempo in mezzo alle scale... E poi queste scale rotte, mal fatte; degna scalinata di questa casa, degna casa di un Felice Sciosciammocca, degno cognome alla vostra figura... Ma se non ho fatto un chiasso, è stato perché lì fuori vi era una donna che con le sue parole mi ha trattenuto, altrimenti io faceva aprire quella porta a furia di calci, e non solamente la porta ma pure chi trovasi in casa. Ah, voi non sapete quando mi sale il sangue alla testa, io non ci vedo più, mi scende una nube sugli occhi, e divento un leone, un tigre, un orso bianco. (Felice vuoi parlare, egli fa segno di zittire.) Ora prendete due sedie, sediamo, parliamo, ragioniamo.

FELICIELLO: (Chisto chi cancaro sarrà?). (Seggono.)

CARLINO: Io sò che voi siete...

FELICIELLO: Io sono...

CARLINO: Felice Sciosciammocca... vi ho detto che ho sò: avete una zia che si chiama Dorotea: questa vostra zia, vive con una piccola pensione.., insomma siete poveri assai... lo sò... Io poi mi chiamo il signor Carlino Mezzotornese.

FELICIELLO: Accortata e ho cognome, e fate giusto no centesimo.

CARLINO: Non scherzate, qui non si scherza, non voglio scherzi, levate gli scherzi, io odio gli scherzi.

FELICIELLO: Eh, quanta scherzi! Nzomma?

CARLINO: Dunque, io sono Carlino Mezzotornese, figlio di D. Nicola...

FELICIELLO: E fratello di Colombina.

CARLINO: E io vi ho pregato... non scherzate, vi prego. Figlio di D. Nicola Mezzotornese, avvocato criminale, e D. Angiola Maria La Vespa...

FELICIELLO: Addò sta? Uh, Chelle so’ velenose.

CARLINO: Che cosa?

FELICIELLO: La vespra.

CARLINO: Che vespra, io dico il cognome di mammà.

FELICIELLO: Ah, mammà se chiamma vespra? Io me credeva che teneva na vespra ncuollo.

CARLINO: Due fratelli tenevo, e morirono tutti e due: io sono rimasto l’unico e solo della famiglia, io sono l’erede universale, quando muore papà, non rimane neanche un Mezzotornese.

FELICIELLO: Allora non vi lascia niente.

CARLINO: Pecché?

FELICIELLO: E vuje avite ditte che quanno more papà non ve rimane manco miezo tornese.

CARLINO: Uh, come capite male, io parlo del cognome: ho detto così, quando muore papà, il cognome Mezzotornese non lo tiene nessuno più, fuorché io; dunque io sarò l’erede assoluto.

FELICIELLO: Va bene; ma io de chesto che n’aggio da fà?

CARLINO: Sentite appresso.

FELICIELLO: Fate subito, che io non posso perdere tempo.

CARLINO: Dovete perdere tempo, bisogna perdere tempo, voglio che perdiate tempo. Sappiate in brevi accenti, signor Felice Sciosciammocca, che io non posso soffrire che voi amiate l’istessa donna che amo io. Voi amate la signorina Mariuccia, la figlia di D. Asdrubaie Barilotto il maestro di scuola, quella rosa di maggio, quel tesoretto, quell’angelo, quella dea, io non posso permettere che sposasse un mostro qual voi siete.

FELICIELLO: Come!

CARLINO: Non vi offendete ancora, perché ci è più roba. Voi siete un miserabile, un ragazzo senza mezzi, senza avvenire, senza alcuna speranza.

FELICIELLO: Io?...

CARLINO: Sì, voi, ma non vi offendete, perché ci è ancora da dire. Voi sposando quella giovane la rendereste eternamente infelice, perché per quella ragazza ci vuole un uomo bello, ricco, nobile, e voi all’opposto siete brutto, miserabile, imbecille...

FELICIELLO: Imbecille! io!... Se pò sapè quanno m’aggio da offendere?

CARLINO: Vi potete offendere quando volete voi, ma vi prevengo, non mi sfidate perché non accetto, ma non già per paura: voi per me siete uno stuzzicadenti, ma perché non siete mio pari, la punta della mia spada non può toccare la vostra...

FELICIELLO: Ma insomma voi che volete da me?

CARLINO: Quello che voglio adesso ve lo dirò. Voglio che lasciate all’istante di amare Mariuccia, voglio che non mettiate più piede in quella casa, voglio che vi dimentichiate perfettamente di lei. Io le ho mandato moltissime lettere, alle quali non ha mai risposto per vostra cagione.

FELICIELLO: (Uh! caspita, chisto è chillo tale... Mò t’acconcio io).

CARLINO: Avete capito?... Voglio...

FELICIELLO: Che haje da volè, l’arma de la promamma de mammeta, che haje da volè, li muoffe de tutta la razza toja?

CARLINO: Che!...

FELICIELLO: Non v’offendete ancora! C’è più robba! Sto piezzo de fecatiello arravogliato a lo lauro, se ne vene, voglio, lasciate, fate questo, fate quello: co chi te credive de parlà? Non siete mio pari... Mò piglio na seggia e te la ncoperchio ncapo.

CARLINO: A me?

FELICIELLO: Sì, a te... non v’offendete ancora, nc’è più robba. Io so’ miserabile? Tu tiene la faccia de la famma, tu comme staje mò darrisse de mano nfaccia a na tavola de pane, e te ne viene miserabile. Miezo tornè, si non te ne vai, te faccio addeventà novecalle.

CARLINO: Oh! Questo poi...

FELICIELLO: Non vi offendete ancora. Gué, sa che t’avviso, vattenne mò proprio guatto guatto si non vuò che mmece de fartene jre per ha porta, te ne faccio jre per la fenesta.

CARLINO: Sì, me ne vado, ma me ha pagherai. (Passeggia.) Tu hai avuto l’ardire di dire queste parole a me? A me, a D. Carlino Mezzotornese!... Va bene, la vedremo!... Voglio vedere con quali mezzi sposerai Mariuccia!

FELICIELLO: Co chilli mezzi che non tiene tu.

CARLINO: Tu?... E che mezzi tieni tu?

FELICIELLO: (Chisto non sape niente de lo portafoglio!). Che mezzi tengo io? Mezzi che mi hai dati tu stesso.

CARLINO: Io?...

FELICIELLO: Sì tu... per causa tua... io... (Con precauzione.) Haje da sapè che dinto a ho portafoglio de Mariuccia nce stevano li lettere toje, io per avere quelle lettere in mie mani, me pigliaje chillo portafoglio, e da dinto, mmece de li lettere aggio trovato tutte denare, carte de mille lire.

CARLINO: Che!

FELICIELLO: Mò te può offendere!

CARLINO: Carte da mille lire? E come?

FELICIELLO: E io che ne saccio, ho certo è che mmece de lettere aggio trovato denare, lo comme e lo pecchè non lo saccio ancora.

CARLINO: E dove sta questo portafogli.

FELICIELLO: Ah! Lo portafoglio?... Dove sta? Lo tengo io astipato, saccio io addò sta.

CARLINO: Ma che cosa intendi di fare? Quel denaro non è tuo certamente.

FELICIELLO: Non è mio, lo sò, ma io posso dire: o mi date Mariuccia, o pure non vi darò un centesimo: lloro per non perdere il denare, subito me la fanno spusà.

CARLINO: Ah! questo è il conto che t’hai fatto? Sì, mi piace è proprio un bel conto, è un magnifico conto, ma è un conto senza l’oste: io che sono l’oste aggiusto il conto e faccio così: vado in questo momento in Questura, rivelerà il fatto al Questore, dirà che tu sei un ladro, dirò che ti sei introdotto di furto in una povera famiglia, ed hai rubato quel denaro. Il Questore manderà due Carabinieri a prenderti e quindi ti farà carcerare, e si prenderà il denaro, e lo ritornerà a D. Asdrubale, il quale vedendo che per causa mia ho ha ricuperato, dietro le mie istanze di volere sua figlia per moglie, subito me l’accorderà.

FELICIELLO: Signor oste, avete aggiustato il conto? Perdonate quando nce faccio n’autra refolella io. Quando siamo a buscie e buscie, vuoi sapere io mò che faccio? tu vai da lo Questore a dire che so’ mariuolo, io mò pe mò m’affaccio ala fenesta e me metto ad alluccà: mariuole! mariuole! Saglie la guardia, e io le dico che me sì venuto ad arrobbà, ad assassinà dinto a la casa, nisciuno de li duje tenimmo testimonii, ma io aggio sempe ragione, pecchè stongo dinta a la casa mia, te faccio arrestare, e poi faccio quello che ho progettato pe me sposà Mariuccia.

CARLINO: Tu sei un ladro!

FELICIELLO: Non chiammà ladro...

CARLINO: Sì, ladro, non una volta, ma mille volte.

FELICIELLO: Non me ne fà saglì de capo, che io t’affoco.

CARLINO: Non mi dire queste parole, perché io sono nervoso! Io t’ammazzo!

FELICIELLO: Mò te siente no schiaffo. (Retrocede.)

CARLINO: Ti dò tanti calci...

FELICIELLO: A me?... (c.s.)

CARLINO: Sì, a te... (c.s. Tutti e due hanno paura. Sì bussa di dentro; i due si guardano, poi dicono:) Chi è?...

SCENA QUINTA

Nicola, poi Boroboamo, e detti.

NICOLA (di dentro): Aprite, songh’io...

CARLINO: Ah! La voce di Nicola! (Piglia fiato.) Imbecille che sei, ti voglio far vedere... (Apre.)

FELICIELLO (c.s.): Muorto de famma che sì. Trase. Nicò. Comme va che sì benuto?

NICOLA: Che d’è ve state contrastanno? D. Carli, che è succiesso?

CARLINO: è avvenuto, che questo ladro...

FELICIELLO: Non chiammà ladro. Nicò, lo fatto è ghiuto accossì...

CARLINO: Che mi vai raccontando! Nicola, in due parole questo ladro ha rubato un portafoglio con dentro carte da mille lire di D. Asdrubale Baribotto.

NICOLA: (Ah! non m’era ngannato... Sorte te ringrazio!).

FELICIELLO: E torna a dì n’autra vota arrobbato. Nicò, lo fatto è ghiuto de chesta manera: haje da sape...

NICOLA: Va bene, sccio tutto. Che arrubbato e arrubbato state dicenno? D. Felice è no galantommo, io saccio lo fatto comme va, e badate come parlate... (Iatevenne, che nce penso io.)

CARLINO: (Ah! Ho capito). Va bene, me ne vado, eccomi qua... (Nicola, ti raccomando.) (Apre la porta e si presenta Boroboamo avvolto in un mantello: Carlino si spaventa, vorrebbe parlare, ma Boroboamo gli fà segno di tacere e andarsene, Carlino via tremando, Boroboamo entra, chiude e si nasconde dietro l’armadio.)

FELICIELLO: Mariuolo a me!

NICOLA: D. Felì, non lo date retta: ma ve pare, io mò non ve saccio fuorze che vuje site no galantommo, no giovene annorato, chesto che cos’è. Chillo v’ha chiammato mariuolo, e sapite pecché? Pecché sape che D. Mariuccia fà l’ammore co vuje, sape che ve vulite bene, e siccome isso nce volarria fà l’ammore, ha visto che non pò essere, e perciò fa chesto; ma mò perde ntutto la speranza. Voglio vedè che dice mò che sente che spusate.

FELICIELLO: Spusammo?

NICOLA: Sì, spusate. D. Felì, la zia non nce sta?

FELICIELLO: No, è asciuta... Spusammo neh, Nicò, spiegate.

NICOLA: E chillo D. Pascalino manco nce sta?

FELICIELLO: No, è asciuto co zia Dorotea... Nicò, parla.

NICOLA: Sissignore, sissignore, spusate. L’autra sera parlajeno de vuje; D. Asdrubale dicette che jereve no buono giovene, D. Lucrezia lo stesso, nzomma combinajeno lo tutto. Vuje pò chille denare che avite trovato dinto a lo portafoglio, sapite de chi songo?

FELICIELLO: De chi?

NICOLA: Li vuoste stesse?

FELICIELLO: Li mieje, e comme?

NICOLA: Li vuoste, sicuro, na vota che avite da essere lo marito de la figlia de D. Asdrubale, ho quale diceva l’autra sera: ma comme sposano? Li mezze chi nce le dà? A chesto D. Lucrezia risponnette: guè, fino a mò non te l’aggio fatto sapè, pe paura che tu non t’avisse frusciato tutte cose; ma mò che figliema s’have da mmaretà, te dico che io m’aggio faticato lo tuppo mio vicino a no fuso pe farle quacche cosa de dote, e mò so’ arrivata a na somma che si se marita non fà na cattiva figura.

FELICIELLO: Comme?

NICOLA: Già... S’avotaje D. Asdrubade: è addò stanno sti denare? Li tengo dinto a no portafoglio, servarranno pe fà lo corredo, e p’acconcià na bella casa de sposarizio.

BOROBOAMO (dall’armadio): (Io non ne capisco niente più).

FELICIELLO: Uh! Nicolino mio, tu m’haje consolato, m’haje data na notizia che non me l’aspettava.

NICOLA: Vuje pò pe na pazzia che avite voluto fà, v’avite pigliato lo portafoglio; ma è buono che le mannate mò proprio li denare, pecché se venne nu magnifico lietto d’ottone a doje piazze pe poche denare, bello assaje, proprio lietto de spuse; lo padrone se lo leva pecché le servono li denare, e D. Asdrubale non vorria perdere st’occasione.

FELICIELLO: Sicuro, dite buono... Uh! mamma mia, io non combino cchiù... Nicò, tu dice overo, o pazzie?

NICOLA: Seh, pazziava... Iate a piglià li denare, va.

FELICIELLO: Eccome ccà. (Per andare.) Ma Nicò, comme va che D. Asdrubale ha acconsentito tutto nzieme a sto matrimonio?

NICOLA: Chillo è pazzo, non lo sapite? E pò D. Mariuccia chiagneva sempe, diceva sempe: o Feliciello mio, o la morte.

FELICIELLO: Oh, benedetta, benedetta, Mariuccia mia!

NICOLA: Jate, jate... non perdimmo cchiù tiempo.

FELICIELLO: So’ lesto... Io mò moro per la consolazione! (Via poi torna coi portafogli.)

NICOLA: E và che vuò stà frisco! Io non saccio tanta buscia da dà me songo asciute. Ah, sorte non m’abbandonà. Appena aggio lo portafoglio dinto a li mmane, non me truvarranno cchiù ntramente campo! (Guardando.) Ah, che si faccio sto colpo me potarraggio chiammà l’ommo lo cchiù fortunato de sta terra.

BOROBOAMO (avanzandosi con pistole): No, l’uomo il più disgraziato!

NICOLA (sorpreso): Che!...

BOROBOAMO: Ladro, traditore... tu hai tentato rubare una misera famiglia, ma io saprò vendicarla.

NICOLA: Pe carità, signò... Io dinto a lo comò non aggio trovato autro che chisto portafoglio senza niente dinto... Lo vero portafoglio lo tene D. Felice.

BOROBOAMO: Quel povero giovine che tu hai saputo così bene ingannare. A me questo portafogli. (Con la pistola impugnata.)

NICOLA: Eccolo ccà (glielo dà). Signò, pe carità non me facite passà no guaio.

BOROBOAMO: La punizione l’avrai, non da me, ma dal Cielo. Esci.

NICOLA: Grazie, eccellenza: ve vaso li mane.

BOROBOAMO: Esci!...

NICOLA: Ubbidisco. (Andandosene.) (Ah, che m’accedarria pe l’arraggia!)

FELICIELLO (con portafogli): Nicò, chisto è... Chi è... Voi chi siete?

BOROBOAMO: Zitto... A me quel portofogli.

FELICIELLO: Uh, mamma mia! E vuje chi site? Io me metto paura.

BOROBOAMO: Silenzio, non profferite parola! Io sono il fratello di D. Asdrubale Baribotto. Nicola vi aveva ingannato, egli era venuto per rubarvi.

FELICIELLO: Non signore, voi siete un ladro. Per carità non mi rubate; questo denaro serve pe fa lo corredo...

BOROBOAMO: Che corredo, è stata una menzogna! A me quel denaro.

FELICIELLO: Oh, mai, e pò mai, voi mi volete rubare: mò me metto ad alluccà... Mariuole... Mariuole...

BOROBOAMO: A me quel denaro, o ti faccio saltare le cervella in aria! (Mostra la pistola.)

FELICIELLO: Cielo mio! Mò moro! Eccolo ccà, tenite. (Glielo dà.) Uh! Io sono rovinato! (Si afferra al soprabito di Boroboamo.) Signore mio, pe carità, voi mi fate passà l’ultimo guaio.

BOROBOAMO: Lasciatemi... (Per andare ma Felice lo trattiene.)

FELICIELLO: Signore mio, io con questo denaro mi debbo sposare Mariuccia.

BOROBOAMO: E la sposerete, parola mia d’onore... lasciatemi.

FELICIELLO: Signore mio, abbiate compassione di un povero giovinotto...

BOROBOAMO: Ma lasciatemi una volta...

FELICIELLO: Signore mio, non mi rubate, per carità: voi fate un peccato mortale... Io sarò carcerato.

BOROBOAMO: (Come levarmi d’intorno questa mignatta?... Ah, ho pensato! Il falso portafogli mi leverà dall’imbarazzo).

FELICIELLO: Signore mio...

BOROBOAMO: Ma lasciatemi una volta... Ecco qua, prendete questo maledetto portafogli. (Gli dà il falso portafogli e via.)

FELICIELLO: Grazie, grazie... (Chiude la porta a chiave, poi corre ad inginocchiarsi al proscenio.) Cielo mio, te ringrazio!... Io lo vedo e non lo credo ancora! Aggio trovato no mariuolo compassionevole... Uh, mamma mia! Mò me vene na cosa pe la consolazione! E chi se lo credeva che chillo me tornava lo portafoglio! (Si bussa.) Seh, haje da vedè chi t’apre cchiù!

SCENA SESTA

Dorotea, D. Pasqualino, Notaio, prima dentro poi fuori, e detto.

DOROTEA (di dentro): Feliciè...

FELICIELLO: Ah! è zi Zia... (Va ad aprire.)

DOROTEA (guardandolo con timore): Feliciè, comme staje? Zi zia toja t’ha portato lo Notaro.

FELICIELLO: (Uh, cancaro! A proposito m’era scordato che era pazzo).

PASQUALINO: D. Felì, come vi sentite? Il Notaio sta qua.

FELICIELLO (dopo lazzi a piacere): Che notaio... Che state dicenno! Zi zi, io non so’ pazzo... io... vuje non sapite niente.., io aveva trovato dinto... e siccome pò doppo... (Discorso imbrogliato.)

PASQUALINO: (Uh, questo è arrivato all’ultimo grado! Povero giovine!)

DOROTEA: Felì, ma che dice?

FELICIELLO: Zi zi... io non combino cchiù... Basta, avite da sapè che dinto a sto portafoglio nce stanno tutte carte de mille lire!

I TRE: Mille lire!

FELICIELLO: Sì, sì, pe na combinazione che pò ve conto... eccole ccà. (Apre il portafogli.) Ccà nce stanno tutte carte de... (Guarda meglio.) Cca nce stanno... (Guarda di nuovo nel portafogli, e quando si è assicurato che non c’è niente, incomincia a gridare, girando il palcoscenico sempre nell’eccesso della disperazione.)

PASQUALINO: E pazzo! E pazzo!

DOROTEA: Ajuto! Ajuto!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

 

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Mariuccia e Anselmo che entra.

MARIUCCIA: Trasite, D. Ansè.

ANSELMO: (La vì ccà chella guagliona che m’ha levata la pace!). Buon giorno. Come state?

MARIUCCIA: Non nc’è male... Assettateve... (Gli dà una sedia.)

ANSELMO: Grazie... grazie, cara D. Mariuccia... (Guè, io mò era venuto ccà ncoppa accussì arraggiato, e mò vedenno a chesta so’ addeventato no piccerillo.) E accossì, papà non nce sta?

MARIUCCIA: Gnorsì, sta dinto, si volite che ve lo chiammo, mò vaco...

ANSELMO: No, no, aspetta, non fa niente, lassalo stà: parlammo no poco tutte e duje... Ma che d’è, non saccio comme te veco! Che è succiesso?

MARIUCCIA: Na disgrazia, caro D. Anselmo.

ANSELMO: (Uh, ha ditto caro!). Na disgrazia, e quale?

MARIUCCIA: Avite da sapè che lo frate de papà nce aveva mannato pe mezzo de n’amico sujo seimila lire, nuje nce l’avimmo pigliate, e nce l’avimmo astipato dinto a lo comò. Simmo asciute pe accattà quacche cosa da magnà, cierte scarpe, na vesta pe me, e ccà nc’è rimasto zi Pulicenella. Simmo tricato nò cchiù de n’ora e no quarto: tornanno ccà, avimmo trovato la porta aperta, zi Pulicenella mbriaco, e li denare mancante.

ANSELMO: Nientemeno! E chi è stato lo mariuolo?

MARIUCCIA: Chi lo ssape? (Piange.)

ANSELMO: E non chiagnere. Mariuccia mia: ma pecché ve servevano sti denare?

MARIUCCIA: Comme, ve pare! Nce avevamo da levà tutte li diebbete, avevamo da pavà a vuje...

ANSELMO: Ih, fosse chisto tutto ho male. Io aspetto quanto vuò tu, e si tu volisse, non solo non ne parlarria cchiù de sto debbeto, ma quanto sta casa sarrìa la toja. (Carezzevole.)

MARIUCCIA: (Uh, mall’arma de mammeta! E chist’autro nce mancava! Fignimmo). Sì volesse io? Comme s’intende?

ANSELMO: E che sò io... questo poi lo sai tu...

MARIUCCIA: Ma si vuje non ve spiegate.

ANSELMO: Ecco qua... Mariù... Haje da sapè...

SCENA SECONDA

Pulcinella e detti.

PULCINELLA: D. Ansè, scusate, m’avisseve mbriacato vuje?

ANSELMO: Oh! caspita, chisto a tiempo a tiempo!? Chi t’ha mbriacato, tu sì pazzo!

PULCINELLA: Non mi avete ubbriacato voi?

ANSELMO: Non signore, io mò so’ arrivato.

PULCINELLA: Ccà quaccheduno m’ha mbriacato, chesto è certo, non facimmo lefreche mò.

ANSELMO: Tu quà lefreche, io non ne saccio niente.

PULCINELLA: Ccà m’hanno mbriacato, e s’hanno arrubbato li denare, per cui ditelo chi è stato, perché io non me lo ricordo, altrimenti vi faccio andare in galera!

ANSELMO: Guè, ma tu staje co lo scherzo!

MARIUCCIA: D. Ansè, non le date retta, zi zio pazzea: intanto a papà l’è venuta chella sorta de convulzione, l’avimmo avuto da mettere de pressa ncoppa e lo lietto! Ah, comme se fa, comme se fa?

ANSELMO: Ma non vi affliggete, cara D.a Mariuccia, si vedrà, si vedrà, si appurerà qualche cosa... non ve pigliate collera. Alla fine poi non è na grossa somma, sono seimila lire.

MARIUCCIA: Eh, comme parlate bello vuje, seimila lire a nuje nce facevano assaje; pagavamo tutte li diebbete, e non tenevamo cchiù seccature vicino a la porta.

ANSELMO: E io pure so’ seccatura?

MARIUCCIA: Che nee have che fà, vuje site no buono giovene, vuje site l’unico che nce facite piacere quanno venite. Ah, si fossero tutte comme a vuje sarrìa na fortuna; l’autre songo fastidiuse, perfediuse, ineducate, brutte, vuje mmece site amabile, compiacente, educato, e simpatico... Mò che v’arriamo potuto pavà, mò ha avuto da succedere che... Ah, mannaggia la sorte mia! (Via.)

ANSELMO (dopo pausa): Neh, saje si fa l’ammore?...

PULCINELLA: E io che ne saccio...

ANSELMO: Tu non puoi figurarti a me quanto me piace sta figliola: io pure aggio da piacè a essa, pecché m’ha chiammato simpatico, amabile... Ah, si me la potesse sposà, farria qualunque cosa. Sì nce lo dico a D. Asdrubale, faje che me la dà?

PULCINELLA: (Oh, cancaro, aggio fatto na pensata!). Sicuro che ve la darria, ma chillo ve pare, sta accossì arraggiato pe lo fatto che è succieso.

ANSELMO: Quale fatto?

PULCINELLA: Comme, lo fatto de li seimila lire che s’hanno arrobbato... Non sapite niente?

ANSELMO: Sì, lo saccio, Mariuccia me l’ha ditto. Ah, dunque acconsentirebbe?

PULCINELLA: Sicuro! Ve pare, addò lo trova uno comme vuje?

ANSELMO: Guè, io so’ ricco assaje sa, io so’ proprietario, io oltre alle case tengo pure massarie.

PULCINELLA: E che nce vò lo dicere? Che fuorze non lo saccio?

ANSELMO: D. Asdrubale faciarria n’affarone.

PULCINELLA: Lo saccio; ma ve pare chillo sta de chella manera, comme volite parlarle de chesto?... A vuje Mariuccia ve piace?

ANSELMO: E nce vò addimannà? Io pe me la sposà faciarria qualunque cosa.

PULCINELLA: Qualunque cosa? Embè, mò ve dongo io lo mezzo. Pe essa nce have piacere certo, lo patre per farlo dire de sì, l’avite da dare vuje li seimilia franche che l’hanno arrubbato.

ANSELMO: Nientemeno!

PULCINELLA: Nientemeno? E che songhe, seimilia franche pe vuje? So’ niente, e pò avite ditto che faciarrisseve qualunque cosa...

ANSELMO: Oh, questo sì, l’ho detto, e lo ripeto; ma tu ne sei sicuro che D. Asdrubale dietro li denare che caccio io, me ha fà sposà?

PULCINELLA: Sicurissimo, ve pare! E pò nce metto pure io na bona parola, e assicurateve che Mariuccia sarrà la vosta.

ANSELMO: Bravo! Allora io mò sà che faccio? Detto, fatto: mò vaco a la casa, me piglio li denare, e vengo ccà, me chiammo a D. Asdrubale, le faccio vedè li seimilia lire, e le dico che si me fà sposà Manuccia io nce li dongo. Songo sicuro che non me lo fa ascì manco da la vocca... Io vaco... Pulicenè; tu intanto incomincia a preparare la cosa. Statte buono. (Via.)

PULCINELLA: Stateve bene. Và che vuò stà frisco. Ah, che io mò non me pozzo fà capace comme va ho fatto che m’è succiesso. Io me credeva ch’era suonno, e chillo lo fatto è stato veramente: ma non me pozzo arricordà chi cancaro steva vicino a me che diceva: vive, vive! (Pensando.) Eh, quaccheduno ha avuto da essere. Ma chi sarrà stato? Lo certo è che lo porta de li grade steva chiusa... E nò, chille hanno scassato... m’hanno mbriacato buono, buono... io aggio pigliato na brutta pella. Dice che aggio dormuto da la mezza fino a 24 ore, e non me sarrìa scetato, si non me sonnavo che era venuto lo terremoto e steva morenno sotto a le prete, tanto de la paura me so’ scetato. Io vorria proprio appurà comme è ghiuto ho fatto.

SCENA TERZA

Asdrubale. Lucrezia e detti.

LUCREZIA: E avasta mò, che te vuò fa venì no moto?

ASDRUBALE: E sarrìa meglio.., la morte!...

PULCINELLA: De li surece e de li scarrafune.

ASDRUBALE: E pazzea pure! Uh, chillo pazzea... Io mò te strafoco, assassino! Tu m’haje arrovinato!

PULCINELLA: Io che ne saccio chi è stato.

ASDRUBALE: Chi è stato? Comme io te rummano dinta a la casa apposta pe non rimanerla sola, e tu te mbriache de chella manera, te faje arrubbà li denare? E comme, doppo aspettato tanto tiempo, frateme finalmente me manna seimilia lire e tu me li faje arrubbà. Brigante, assassino! Io si t’accidarria pure poco sarrìa.

PULCINELLA: Ma che nce aggio da fà, chillo m’ha mbriacato.

ASDRUBALE: Chi?

PULCINELLA: Tu non lo saje?

ASDRUBALE: No.

PULCINELLA: E manco io.

ASDRUBALE: E che lo dice a fà allora.

LUCREZIA: Asdrù, ma tu non pienze de fà niente?

ASDRUBALE: E che aggio da fà, che pozzo fà... Ma mò me vesto, vaco da lo Questore, chi sa ne potesse caccià isso le mmane... Ma mò che nce penzo, si vaco da lo Questore, chisto passa no guajo!

PULCINELLA: Io?

LUCREZIA: Fratemo! E pecché?

ASDRUBALE: E già, se capisce, chillo vò sapè chiacchiere, dice: voi stavate dentro la casa, dunque voi siete il ladro.

LUCREZIA: Già, chesto pure è overo, e intanto avimmo avuto da perdere li denare e nce avimmo da stà zitto. Addimmannammo a lo guardaporta chi è sagliuto mentre nuje non nce stevemo.

ASDRUBALE: Nce l’aggio addimmannato, ha ditto che non ha visto saglì a nisciuno. Intanto Nicola è ghiuto da lo patrone de casa, e ancora ha da venì...

PULCINELLA (forte): Nicola!... Nicola!... (Da sé.) Nicò... vive...

ASDRUBALE: Che è stato?

PULCINELLA: Sì... no, non pò essere, chillo era aiuto da lo patrone de casa.

ASDRUBALE: Che è succiesso?

PULCINELLA: No, niente, me credeva che Nicola m’aveva mbriacato.

ASDRUBALE: Tu sì pazzo: Nicola è no buono ommo... vattenne.

LUCREZIA: E pò chillo se n’è ghiuto prima de nuje... tu che dice...

PULCINELLA: Che saccio... me pareva...

ASDRUBALE: Mò siente a lo patrone de casa, stasera lo vide venì...

PULCINELLA: Chillo poco primma è venuto.

ASDRUBALE: è venuto?

PULCINELLA: E se n’è ghiuto mò proprio.

ASDRUBALE: E che ha ditto? S’è nfucato?

PULCINELLA: No, anze non l’ha annommenato manco chello che avanza.

ASDRUBALE: Tu che dice! E comme?

PULCINELLA: Haje da sapè che s’è nnammorato de Mariuccia...

ASDRUBALE: D. Anselmo?

PULCINELLA: Già, se n’è nnammorato a signo tale, che ha ditto che mò jeva a la casa soja, pigliava semila lire, e te veneva a dicere che si tu le dive a figlieta pe mogliera, isso te deva li denare.

ASDRUBALE: Veramente?

LUCREZIA: Pulicenè, stisse pazzianno?

PULCINELLA: No, veramente: anze, io l’aggio ditto che portasse li denare, che Mariuccia sarrà la soja.

ASDRUBALE: No, haje fatto buono... haje da vedè si chella lo vò.

PULCINELLA: Sì lo vò! Se l’ha da piglià pe forza, io accossì voglio!

ASDRUBALE: Guè, io voglio... E tu chi sì?

PULCINELLA: Chi so’? Le sono padre... nò... le sono zio.

ASDRUBALE: E non te ne vuò jre, comme tu mò me vuò nquietà pe forza? Mariuccia se pigliava a D. Anselmo.

LUCREZIA: Volesse lo Cielo, sarrìa na fortuna, chillo sta buono mpurpato.

PULCINELLA: In ogni modo, si non lo vò essa me lo piglio io, e buonanotte!

ASDRUBALE: Sicuro, facite la razza de li micche!

SCENA QUARTA

D. Carlino e detti, indi Mariuccia.

CARLINO: Riveritissimo signor D. Asdrubale, onorevolissimo D. Pulcinella, rispettabilissima D. Lucrezia ho il bene di salutarvi e di dedicarvi la instancabile mia servitù.

ASDRUBALE: Padrone mio... (E chisto nce mancava!)

LUCREZIA: (Justo mò’ sto chiacchiarone!).

CARLINO: Posso o no avere il piacere di dirvi due parole in fretta in fretta, perché ho da fare, un amico mi sta aspettando abbasso il portone, perché dobbiamo insieme disbrigare un affare di qualche importanza: egli non voleva farmi salire per non farmi perdere tempo; ma io gli ho detto: carissimo amico mio, mi devi scusare, perché debbo per forza andare da D. Asdrubale per un affare che mi preme assai, più del nostro. Allora egli ha soggiunto: va pure, ma ti prego di non farmi aspettare molto tempo... No, ho detto, dieci minuti e sarò da te. Quindi eccomi a voi, caro D. Asdrubale, mi scuserete se mi prendo la libertà d’incomodarvi, ma che cosa volete, ho dovuto per forza farlo, il bene, l’affezione, la stima, il rispetto che ho per voi, m’hanno oblligato... (Asdrubale e Pulcineila vorrebbero parlare, ma non possono.) Se non vi dispiace, sediamo. (Prende le sedie e seggono.) Signor D. Asdrubale, un giorno, se ben vi ricordate, io venni a chiedervi la mano di vostra figlia Marietta, voi spero, che non vi sarete dimenticato; ha prima volta mi diceste di sì, poi dopo 4 giorni, cambiaste idea, e trovaste la scusa che vi eravate informato di me, e vi avevano detto che io era un miserabile. Diffamazione, diffamazione, mio caro D. Asdrubale, io stavo bene, stavo molto comodo, e come sto attualmente comodo.

PULCINELLA: (Lo saccio, mò che sta assettato).

ASDRUBALE: Ma...

CARLINO: Un momento, lasciatemi parlare, non m’interrompete, perché l’amico mi sta aspettando. Dunque, come stava dicendo, fu una diffamazione. Voi credeste alle bugie della gentaglia, e mi licenziaste. Io quel giorno voleva uccidermi, ma poi dissi fra me: no, non debbo morire, finché ci è vita ci è speranza; io debbo amare quella donna sempre, sempre! E così fu che le mandai una quantità di lettere, alle quali non sono stato mai risposto, e sapete perché? Perché vostra figlia faceva all’amore con quell’imbecille di D. Felice Sciosciammocca!

ASDRUBALE: Come! Come!

LUCREZIA: Veramente?

PULCINELLA: Sì, sì, lo sò io pure.

ASDRUBALE: Gué, chillo vì comme lo dice facile. Voi veramente dite?

CARLINO: Ve ho giuro sulla tomba della moglie del fratello di mammà!

ASDRUBALE: (Vì che giuramento luongo!). Ma voi come lo sapete?

CARLINO: Come lo sò? E che sò solamente questo? So’ cose che voi paghereste mille piastre per saperle...

PULCINELLA: Ma scusate...

CARLINO: Un momento! Non m’interrompete! D. Asdrubale, vi è stato rubato il denaro che stava in un portafogli?

ASDRUBALE: Sissignore, seimila franchi.

PULCINELLA: M’avite mbriacato voi?

ASDRUBALE: Zitto, lassame sentere... Ebbene?

CARLINO: Ebbene, io sò chi è stato il ladro.

ASDRUBALE: Lo sapete?

CARLINO: Sì, lo sò... ma...

ASDRUBALE: Dicitelo...

LUCREZIA: Facite priesto...

PULCINELLA: E quanno?

CARLINO: Io ve lo dirò, a patto che voi dovete promettermi di darmi vostra figlia per moglie.

ASDRUBALE: Eh, ma caro D. Carlino, che volete che faccio, se chella non ci ha piacere.

CARLINO: Ci avrà piacere, basta che voi acconsentiate.

ASDRUBALE: Io per me acconsento.

LUCREZIA: (Asdrù!...).

ASDRUBALE: (Statte zitta, io dico accossì, pò doppo se ne parla).

CARLINO: Voi avete detto che acconsentite?

ASDRUBALE: Sissignore.

CARLINO: Non mi basta; datemi la vostra parola d’onore.

PULCINELLA: Va bene, D. Asdrubale ve lo giura sulla tomba del padre, della figlia, della cognata, del fratello...

ASDRUBALE: Statte zitto: embè io so’ pronto: in parola d’onore che io acconsento a farvela sposare. (Haje da vedè che dice essa.)

CARLINO: Bravo, bravo: ricordatevi che avete detto: parola mia d’onore. Dunque sappiate che il ladro delle vostre seimila lire èstato...

I TRE: Chi?

CARLINO: D. Felice Sciosciammocca!

LUCREZIA: Comme!

ASDRUBALE: Voi che dite?

PULCINELLA: D. Felice Sciosciammocca!

CARLINO: Sì, egli stesso. Quando voi siete usciti, è venuto qua di soppiatto ed ha rubato il denaro.

ASDRUBALE: Uh, mamma mia! Vuje che dicite? D. Feliciello lo scolaro mio? Ma questo è impossibile!

CARLINO: Impossibile! Ah, voi dite che è impossibile? Io pure credeva così, ma sono stato a casa sua, egli stesso me ho ha detto.

ASDRUBALE: Ve l’ha detto isso?

CARLINO: Sì, e se non credete a me, dovete credere a Nicola il vostro servo, il quale è venuto dopo di me e mi ha fatto segno di andarmene che ci pensava lui a farsi dare il denaro.

ASDRUBALE: Uh! Cielo mio che sento! D. Carlì, vuje dicite overo, o pazziate? Embè, per quale ragione Feliciello ha fatto chesto? Comme, chillo era no stupido, no ciuccione, no ntrughione!

CARLINO: Eh, caro D. Asdrubale, il Cielo vi scarsi da questi tali, che fanno vedere di essere sciocchi! Oh, adesso che vi ho portata questa consolantissima notizia, vi ricorderete che mi avete data la vostra parola d’onore; Mariuccia dev’esser mia moglie. Un uomo come voi, probo, integro, costituito non deve mancare alla sua parola. Una parola vale un contratto, e quell’uomo che manca alla sua parola non ha diritto di stare al mondo, per me lo calcolo zero! Ma voi poi siete un galantuomo, un uomo onesto, ed io son sicuro, sicurissimo che voi prima di mancare ad una parola, vi uccidereste mille volte, e così farei pur’io. Basta, ho l’onore di ossequiarvi: signor Pulcinella, vi dedico la mia servitu; rispettabilissima D. Lucrezia, ho il bene di riverirvi. Io sarò qui fra una mezz’ora; vado per quell’affare che vi ho già detto: l’amico s’impazienta. Chieggo permesso, dichiarandomi vostro fedelissimo, ubbidientissimo e devotissimo servitore. (Via.)

PULCINELLA: Ha sparato l’ultimo piezzo de fuoco!

ASDRUBALE: M’ha rimasto co ha parola nganna!

LUCREZIA: E comme D. Feliciello capace de tanto!

ASDRUBALE: E chella bricconcella che nce faceva l’ammore!

PULCINELLA: Tutto va buono, ma me chi cancaro m’ha mbriacato non se sape! (Esce Mariuccia, e non si fa vedere.)

ASDRUBALE: Nce simmo scordate d’addimannarlo a D. Carlino. Io credo che D. Feliciello pe pighiarse li denare, t’ha mbriacato.

LUCREZIA: E accossì ha avuto da essere. Tu te ricuorde niente?

PULCINELLA: Io?... Sì, me ricordo che... Abbuoniconto; io steva... aspetta... aspetta... mò me vene a mente... pe ntramente io faceva... nò, appena io... isso... io non me ne ricordo niente.

ASDRUBALE: All’arma toja, non sapeva che diceva... Oh, sì è accossì, D. Feliciello l’avrà da fare con me, lo voglio fà j ngalera!

MARIUCCIA: (Ngalera!). (Avanzandosi.) E pecché, neh, papà? Che ha fatto D. Feliciello?

ASDRUBALE: Che ha fatto? Sì, famme la semplicetta, tu non saje niente, non è vero?

MARIUCCIA: De che?

ASDRUBALE: De che? Qua s’è saputo tutto!

PULCINELLA: Sì è saputo tutto!

ASDRUBALE: Statte zitto tu, io songo ho padre, io aggio da parlà.

PULCINELLA: E io so’ zio, e pure posso parlare.

ASDRUBALE: Bricconcella!

PULCINELLA: Bricconcella!

ASDRUBALE: Statte zitto... (A Mariuccia:) Lazzarella!

PULCINELLA: Lazzarella!

ASDRUBALE: Eh, ma che avimmo da fà, me vuò fà parlà, o no?

MARIUCCIA: Papà, ma se pò sapè che è stato?

ASDRUBALE: Che è stato... D. Feliciello... D. Feliciello, tu nce facive l’ammore!

MARIUCCIA: Ah! Io non sapeva che era, e vuje pecchesto state accossì arraggiato? Sissignore, nce faceva l’ammore sì, lo voglio bene, me piace, è no buono giovene.

ASDRUBALE: Buono giovene! Buono giovene! Sì veramente! E no mariuolo!

MARIUCCIA: Mariuolo!

PULCINELLA: Sissignore, mariuolo, e non solo mariuolo, ma ladro pure.

ASDRUBALE: E non è lo stesso?

MARIUCCIA: Mariuolo, e pecché?

ASDRUBALE: Pecché, quanno nuje simmo asciute, isso è venuto ccà ha mbriacato a Pulicenella, e s’ha arrubbato ho portafoglio da dinto a lo comò.

MARIUCCIA: Vuje che dicite? Feliciello!

ASDRUBALE: Sì, sì, Feliciello, Feliciello... Mò proprio vaco da ho Questore e ho faccio arrestà. Tu viene co mmico, devi parlare anche tu; justo, justo la Questura sta ccà vicino, jammoncenne.

PULCINELLA: Iamme, mò lo faccio io lo piattino. Ah! Mariunciello colla scala ncuollo. E comme! S’arrobba li denare senza manco avvisaremmello... Jammoncenne...

ASDRUBALE: Lucrè, io mò vengo. Mò l’acconcio io. (Via.)

PULCINELLA: Povero D. Felice, mò addeventa infelice. (Via.)

MARIUCCIA: Mammà, ma comme?

LUCREZIA: E che comme, e comme... Bricconcella..., se mette a fà l’ammore annascuosto de li genitori, senza nemmeno farlo sapere alla madre. Te voglio... acconcià io te voglio... (Via nella camera.)

MARIUCCIA: Mamma mia! Ma è overo, o non è overo chello che aggio ntiso? Comme, Feliciello mio, tanto buono, tanto scemo, capace nientemeno d’arrubbà!... Oh, nò, nò, manco si l’avesse visto co l’uocchie miei!... Chillo me vò tanto bene, e pò faceva chesto! Oh, no, non pò essere... io nce scommettaria la capa che lo povero Feliciello è innocente! (Rimane a pensare.)

SCENA QUINTA

Feliciello, sotto l’uscio col viso pallido, e detta.

FELICIELLO (la prima volta chiama Mariuccia, ma in modo da non farsi sentire, la seconda si sente appena, la terza grida, e piange): Mariù!!

MARIUCCIA (spaventata): Chi è.

FELICIELLO (quasi svenuto): So’ io... (Entra.)

MARIUCCIA: Feliciello mio! Che è stato? Parla. Che t’è venuto quacche cosa?

FELICIELLO (stentatamente): Damme na seggia!

MARIUCCIA: Na seggia eccolaccà... Uh, mamma mia! Chiammarria mammà, ma chella pò essere... Feliciè, che è stato, rispunne?

FELICIELLO: Mò, mò, lasseme prima piglià sciato... Ah, mò moro: Mariuccia mia, ajutame. (Siede.)

MARIUCCIA: Ma che t’è venuto no svenimento?

FELICIELLO: Nò, nò, autro che svenimento. Mariuccia mia, haje da sapè,che io aggio fatto na corsa da la casa mia fino a ccà... e so’ venuto pe vederte... pe salutarte l’ultima vota.

MARIUCCIA: L’ultima vota! Uh, mamma mia! E pecché? (Piange.)

FELICIELLO: Siente, siente che m’è succiesso. Te ricuorde quanno stammattina tu m’haje ditto che no giovene t’aveva mannato no zeffunno de lettere, e tu li tenive astipate dinto a ho portafoglio? Non me l’haje voluto dà, e te l’haje astipato dinto a lo comò: io corrivato de chesto, non sapeva come aveva da fà pe pighiarme chillo portafoglio: tu te ne sì ghiuta dinto, e io aggio fatta la pensata de jre a la casa, pigliarme no portafoglio perfettamente comme a lo tujo, metterle dinto a lo comò, e pigliarme chillo co le lettere. A dirle e farlo, è stato proprio niente. So’ ghiuto a la casa; me aggio pigliato lo portafoglio e so’ venuto ccà. Vuje stiveve p’ascì, io aggio aspettato che site asciute, e mentre Pulicenella e Nicola parlavano nfra de loro, io zitto zitto aggio apierto lo teraturo, m’agguo pigliato lo vero portafoglio, nce aggio miso lo fauzo, e me ne so’ ghiuto...

MARIUCCIA: Che sento!... Appriesso?

FELICIELLO: Te può figurare! Io steva tutto ammoinate che aveva fatto chillo sorte de colpo. Mmiezo a la strada voleva aprì lo portafoglio, voleva leggere quacche lettera, ma che saccio, la paura, lo piacere, l’anzietà de volerle leggere co tutta la comodità mia non me lo hanno fatto arapì. Dinto a no zumpo so’ arrivato a la casa, e quanno aggio apierto lo portafoglio, mmece de lettere nce aggio trovato tutte denare!

MARIUCCIA: Ah n’era certa! Cielo mio, te ne ringrazio. Aggio capito. Io li lettere nce le levaje da dinto a lo portafoglio, pecché papà lo jeva trovanno, io nce lo dette vacante, e isso nce mettette li denare dinto... e tu credennete... Oh meno male, meno male, Feliciello mio, che lo fatto è ghiuto accossì. Haje da sapè che papà ha saputo tutto cose, e mò è ghiuto da lo Questore pe farte arrestà.

FELICIELLO: E già. Have ragione. Io saccio pure che D. Asdrubale aveva acconsentito a farce sposà. Voleva fà lo corredo pe te... voleva accattà lo lietto d’attone...

MARIUCCIA: Tu che dice, io non ne saccio niente de tutto chesto.

FELICIELLO: Forse non te l’avranno fatto sapè. Ah, io mò moro mò moro!

MARIUCCIA: Ma tu pecché t’affligge? Anzi haje da stà allegro, pecché mò che vene papà co zi Pulicenella, tu le dice lo fatto comme è ghiuto, le conzigne n’autra vota li denare, e chillo so’ sicuro che tanto de ho piacere nce fà sposà.

FELICIELLO Ah!... Ah!... è vero! (Piange.) Io mò moro! Questa era quello che io aveva progettato! Ma... Ma... Ah, io mò moro!

MARIUCCIA: Ma se pò sapè che è stato?

FELICIELLO: Mariuccia mia, haje da sapè. che a la casa mia è venuto n’ommo brutto brutto, il quale mettennome doje pistole nfaccia m’ha ditto: «A me quel portafogli, o adesso ti sparo...».

MARIUCCIA: Uh!

FELICIELLO: Mariuccia mia, io stéva sulo, me so’ miso tanta paura che sono stato costretto de darle lo portafoglio.

MARIUCCIA: Che!

FELICIELLO: E lo briccone, lo mariuolone, non saje che m’ha fatto? Vedenno che io alluccava de chella manera, pe farme stà zitto, ha pigliato lo portafoglio fauzo mio, che non saccio comme cancaro lo teneva isso, e me l’ha dato; io tutto allegro me credeva che aveva trovato no mariuolo galantomo, so’ ghiuto p’arapì lo portafoglio, e non nce aggio trovato niente... Allora so’ addeventato no pazzo, non sapeva io stesso che faceva, che diceva! Aggio penzato: mò vide che s’appurarrà lo fatto, io songo pigliato pe mariuolo, so’ arrestato, so’ condannato.., moro... e senza vedè Mariuccia?... Oh, chesto non sarrà maje, aggio ditto... so’ sciso mmiezo a la via comme steva pe la casa so’ curzo ccà, pe... pe... vederte, e... (Piange forte.)

MARIUCCIA: Uh! Feliciello mio! Feliciello mio!... (Piange.)

FELICIELLO: D. Asdrubale è ghiuto da lo Questore, mò venero, m’arrestano e me portano carcerato!

MARIUCCIA: Ma nò, comme t’arrestano? Che fuorze lo portafoglio lo tiene tu?

FELICIELLO: Volesse lo Cielo e ho tenesse io, mò l’hanno rubbato.

MARIUCCIA: Dunche ha da essere arrestato chillo, non tu.

FELICIELLO: Vi comme parle bello. Io non tengo testimoni, so’ carcerato senza fà chiacchiere! Uh, mamma mia, comme faccio, io non so’ stato maje carcerato, io non saccio si chell’aria me fa bene o nò! (Piange.)

MARIUCCIA: Uh! Feliciello mio! (c.s.)

FELICIELLO: Cara Mariuccia, damme l’ultimo abbraccio! (Si abbracciano.)

SCENA SESTA

Lucrezia e detti.

LUCREZIA: Ah! birbante!

MARIUCCIA: (Mammà!).

FELICIELLO: (Aggio d’abbuscà primma, e pò vaco carcerato!).

LUCREZIA: Comme, comme! E tu haje l’ardire de venire dinto a sta casa, e te piglie la libertà d’abbracciarla pure!

FELICIELLO: D. Lucrè, era l’ultimo abbraccio.

LUCREZIA: Ah, dunche primma de chisto nce so’ state l’autre?

MARIUCCIA: Mammà...

LUCREZIA: Zitto tu, lazzarella! Nzomma che nce sì venuto a fà ccà... Mariunciello!

FELICIELLO: D. Lucrè, io non sono mariunciello!

LUCREZIA: No? E avarisse lo coraggio d’anniarlo pure? Mò, mò vene Asdrubale e sentimmo che ne sarrà de la vita toja! Assassino, haje mbriacato chillo povero Pulicenella de chella manera!

FELICIELLO: Io?

LUCREZIA: Sì, sì, tu. Tu sì stato che l’haje mbriacato, appunto pe t’arrobbà li denare. Mò te pienze che anniannelo, arrepare lo fatto, nò, figlio mio: mò o cacce li denare, o si no, ngalera, e llà vaje a morì!

FELICIELLO: Ma si non sentite...

LUCREZIA: Niente, niente, non voglio sentere niente! Ngalera.

MARIUCCIA: Mammà mia!

LUCREZIA: Non nc’è nè mamma mia, né mamma toja! Tu sì no mariuolo!

FELICIELLO: D. Lucrè, non me chiammate mariuolo, pecché io sono figlio di persona civile, mio padre era un galantuomo.

LUCREZIA: E chesta non è na bella ragione: si pateto era no galantommo, tu sì no mariuolo, te fa meraviglia? Uh; nce ne stanno tante!

FELICIELLO: Nient’affatto, io sono un giovine onesto!

LUCREZIA: Sicuro onesto... bell’onestà veramente!

MARIUCCIA: Mammà, ma sentite no momento: avite da sapè che Feliciello...

SCENA SETTIMA

D. Anselmo e detti.

ANSELMO: Signori, buona sera.

LUCREZIA: Bona sera, D. Ansé.

ANSELMO: Scusate, D. Lucré, D. Pulicenella non nce sta?

LUCREZIA: Nonsignore, ma si ve trattenite no momento mò lo vedite venì.

ANSELMO: Vedete, si tratta di un affare di premura; mò aspetto no poco.

LUCREZIA: Sissignore,è annore pe nuje: assettateve.

ANSELMO: Grazie. Veramente sto no poco stanco, aggio fatto na corsa da la casa mia fino a ccà. (Siede.) (Quanto è bella; quanto cchiù la veco, cchiù me ne fa saglì de capo. Tengo li denare dinta a la sacca, si potesse parlà co D. Asdrubale!) D. Asdrubale nemmeno nce sta?

LUCREZIA: No, D. Ansè, so’ asciute tutt’e duje, hanno avuto da jre fino da lo Questore.

ANSELMO: Da lo Questore! E pecché?

LUCREZIA: Pecché, caro D. Anselmo, si è scoverto chi nce ha arrubbato li denare.

ANSELMO: Ah, s’è appurato! E chi è?

LUCREZIA: Chi è? Lo vedite ecà. (Mostra Felice.)

ANSELMO (sorpreso): Quello!

LUCREZIA: Sì, sì, quello.

FELICIELLO: D. Lucrè io non ho inteso rubare.

ANSELMO: Forse avrà inteso de pigliarsille.

FELICIELLO: Voi stateve zitto, perché non sapete il fatto.

LUCREZIA: Che à da sapè, e ha da sapè, che tu sì no mariuolo!

FELICIELLO: V’ho pregato che io non so’ mariunciello.

LUCREZIA: Lo meglio che sarrìa pe te che tu cacciasse li denare.

FELICIELLO: Ma se me l’hanno rubati.

LUCREZIA: Uh, mò statte a bedè che nce l’hanno arrubbato a isso.

FELICIELLO: Sissignore, perché quanno io me li pigliaie da dinto a lo comò...

LUCREZIA: Ah, dunque confiesse che te li pighiaste da dinto a lo comò? Uh, povero a te, te veco e te chiagne.

FELICIELLO: E già comme fosse muorto.

LUCREZIA: No poco peggio, no poco peggio, briccone! Tu mò vaje ngalera ammanettato! E faceva pure l’ammore co Mariuccia, bella sorte l’avarria data.

ANSELMO: (Che sento!). Comme, comme! Faceva l’ammore co Mariuccia?

LUCREZIA: Già e sta ciuccia che lo corrisponneva... la voglio accidere de mazzate!

ANSELMO: Ma adesso l’ha lasciato?

LUCREZIA: Se capisce. Na vota che va carcerato.

ANSELMO: (Respiro!). Venesse subito D. Asdrubale co li guardie, pe se lo portà.

FELICIELLO: All’arma de mammeta! Guè, chillo vì comme lo dice facile, comme me portassero ncampagna!

ANSELMO: (Isso va carcerato, e Mariuccia è la mia!).

SCENA OTTAVA

D. Carlino e detti.

CARLINO: Eccomi qui, prontissimo all’appuntamento, avevo detto che avrei tardato mezz’ora, ma sono venuto più presto, perché quando sono calato da qua non ho trovato l’amico, il quale credo io, avendo atteso un poco troppo se ne sarà andato: l’ho cercato per tutt’i siti, ma non l’ho potuto trovare: ma che vedo, sei qui miserabile! Sei qui ladro!...

FELICIELLO: Non chiammà ladro tu pure; che te dongo na seggia ncapo!

CARLINO: A me! Tu, vilissima criatura!

FELICIELLO: Io so’ creatura? Io tengo 18 anne e sette mise, me chiamma creatura!

CARLINO: Eccolo qua, eccolo qua, signora Lucrezia, l’uomo che vi hà rubato!

LUCREZIA: Gnorsì, gnorsì...

CARLINO: Ma che lo nega, forse?

LUCREZIA: No, non lo nega, ma dice che nce l’hanno arrubbato n’autra vota.

CARLINO: Menzogna, menzogna!

LUCREZIA: Asdrubale è ghiuto a la Questura a rivelare il fatto.

CARLINO: Bravo, bravo, in galera. Non lo fate uscire, sapete.

ANSELMO: Non dubitate, sto io ccà.

FELICIELLO: Non avite paura, che io non fuje; songo nnocente e non tremmo!

CARLINO: Tremerai, tremerai! Ma io che cosa vado a pensare... indovinate... Che questo imbecille si aveva messo in mente di volere sposare vostra figlia, quest’angioletto, questa rosa allo spuntare d’aprile.

LUCREZIA: Sicuro, justo a isso le voleva dà.

ANSELMO: (Chillo è muorzo che spetta a me!).

CARLINO: Signora Lucrezia, ritenete che in me troverete un vero vostro figlio, io vi amerò, e vi stimerò come una seconda madre. Marietta sposando me, non avra più che cosa desiderare.

ANSELMO: (Chisto che dice!).

FELICIELLO: (Che sento!).

LUCREZIA: Non serve che lo dicite, se sape! (Vuò stà frisco!)

CARLINO: Io farò tutto il possibile per contentarla in ogni piccola cosa, per lei sarò capace anche di precipitarmi da un balcone. L’amo troppo, troppo! (Va a baciarle la mano.)

FELICIELLO: (E comme! Nnanze a l’uocchie mieje!).

ANSELMO: (No, io mò me ne vaco, e che nce appuro cchiù! Ccà stanno a duie a duie).

SCENA NONA

D. Asdrubale, Pulcinella, Dorotea, D. Pasqualino, Guardie prima dentro poi fuori, e detti.

DOROTEA (di dentro gridando): Aspettate... Aspettate!

ASDRUBALE (c.s.): Favorite da questa parte.

FELICIELLO: La voce de zi zia!

LUCREZIA: Asdrubale che vene.

DOROTEA: Nepote mio! Lassatemmillo vasà pe l’ultima vota! (Di dentro.)

ASDRUBALE (fuori): Ah! Eccolo ccà: arrestatelo!

GUARDIA: Signor Felice Sciosciammocca, in nome della legge siete in arresto!

FELICIELLO: Ah! Io lo sapeva.

DOROTEA (fuori): Nepote mio caro caro! Feliciello mio, core de zi zia toja!... (L’abbraccia.)

FELICIELLO: Zì, zì, non chiagnite.

ASDRUBALE: Briccone! Dimme na cosa, comme haje tenuto coraggio de fà chello che haje fatto? Comme, io che t’aggio voluto tanto bene. Li denare addò stanno?

LUCREZIA: Ha ditto che nce l’hanno arrubbate...

CARLINO: Egli mente.

PULCINELLA: Egli vasinicola.

ASDRUBALE: Arrubbato! E comme?

FELICIELLO: è venuto n’ommo a la casa mia, m’ha trovato sulo e si non l’avesse dato lo portafoglio, m’avarria sparato.

PULCINELLA: E perché non t’haje fatto sparà?

FELICIELLO: E pò moreva, e chillo sempe se lo pigliava.

ASDRUBALE: Ma dimme na cosa, tu pecché te l’haje pigliato da nuje?

FELICIELLO: Pecché non me credeva che nce stevano li denare dinto.

MARIUCCIA: Se credeva che nce trovava li lettere de D. Carlino dirette a me.

CARLINO: Non è vero, non è vero.

ASDRUBALE: Tu lo faje pe lo commiglià no poco.

PULCINELLA: (D. Ansè, avite portate li seimila lire?).

ANSELMO: (Mò te dongo no punio nfronte! Chella fà l’amore co miezo munno!).

GUARDIA: Signori, io non posso più trattenermi. Voi seguiteci.

FELICIELLO: Eccomi qua.

MARIUCCIA: Fehiciello mio! (Piange.)

DOROTEA: Nepote mio! (Gridando.)

PULCINELLA: Guè, vì che voce che tene sta vecchia!

FELICIELLO: Zi zia mia! (Si abbracciano.) Mariù... (Piange.)

MARIUCCIA (c.s.): Feliciè.

FELICIELLO: Addio! Vaco carcerato innocentemente, e nisciuno m’ajuta! Jammoncenne... (Per partire.)

SCENA ULTIMA

Boroboamo, e detti

BOROBOAMO: Fermatevi tutti!

TUTTI: Chi è chisto?

FELICIELLO (dando un grido): Ah! Lo vi ccà chillo che m’ha arrubbato!

BOROBOAMO: No, quello che vi ha salvato!

TUTTI: Salvato!

BOROBOAMO: Voi stavate per consegnare il portafogli col denaro a Nicola, che, avendo visto mancargli il colpo, cercava ingannarvi e così rubare il denaro, e vi era quasi riuscito; ma io stava nascosto di dietro all’armadio, quando voi siete venuto col portafogli per darlo a Nicola: pochi momenti prima egli era uscito dalla vostra casa da me obbligato. Credevo che con le buone mi avreste dato il portafogli, e avreste creduto alle mie parole. Ma chi sa per chi diavolo mi avevate preso, e non volevate darmelo: allora sono stato costretto di farmebo dare con la forza, ed eccolo qua. Vi prego di lasciare questo povero giovine, egli è innocente.

TUTTI: Innocente!

GUARDIA: Ma signore...

BOROBOAMO: è innocente! Io ve lo garentisco. (Gli dà la sua carta.)

GUARDIA (dopo letto): Basta così. Signori... (Via.)

FELICIELLO: Mamma mia! Ma è overo, o non è overo?

DOROTEA: Nepote mio!

ASDRUBALE: Signore... Ma spiegateci...

BOROBOAMO: A voi preme solo sapere che Nicola ha ubbriacato costui per prendersi il portafogli col denaro...

PULCINELLA: Io l’aveva ditto!

ASDRUBALE: E D. Felice?

BOROBOAMO: Dovete ringraziarlo: egli ha messo il portafogli falso nel cassettone e si ha preso il vero, credendo trovarci lettere non denaro. Nicola poi avendo trovato un biglietto nel portafogli scritto da D. Felice e diretto a vostra figlia, subito è andato in casa di questo povero giovine, e con sotterfugi, con bugie, stava per farsi dare il vero portafogli, ma io però, io che l’ho sempre seguito nei suoi passi, ho fatto quello che avrebbe fatto chiunque altro al mio posto.

MARIUCCIA: Cielo mio, te ringrazio!...

DOROTEA: Ah, che pozzate campà mill’anne!

CARLINO: (Io adesso muoio!).

ASDRUBALE: Signore mio, io ve ringrazio assai, assai!

LUCREZIA: Povero D. Feliciello, aveva ragione!

DOROTEA: E comme! Nepoteme era mariuolo!

BOROBOAMO: Ecco dunque il vostro portafogli col denaro.

FELICIELLO: Ah! signore, lassate che ve vaso le mmane! Dunque era vero chello che me diciveve? Dunque Nicola m’ha ingannato, e io credeva invece... Oh, signore, già che è chesto, ricordatevi che voi mi avete data la parola d’onore che me faciveve sposà a Mariuccia.

BOROBOAMO: E la sposerete.

TUTTI (meno Dorotea, Pasqualino e Mariuccia): Come!

BOROBOAMO: Sì, la sposerete!

CARLINO: Voi che cosa dite? Mariuccia ha da essere mia moglie, D. Asdrubale mi ha data la sua parola d’onore.

BOROBOAMO: D. Asdrubale ritirerà la sua parola, e darà invece sua figlia a D. Felicetto.

CARLINO: Oh, questo è impossibile!

BOROBOAMO: Pare a voi, io ho credo possibilissimo.

ASDRUBALE: Ma signore, io non posso...

FELICIELLO: Ma che cos’è voi vi parlate col voi? D. Asdrù, ma ho sapete o no, che chisto signore è lo frate vuosto?

ASDRUBALE: Fratemo!

FELICIELLO: Sissignore, isso stesso stammatina me l’ha ditto.

ASDRUBALE: Tu che dice?

BOROBOAMO: Dice la verità. Sì, io sono Boroboamo, tuo fratello: erano 21 anno che non ti vedeva, mi sono presentato sotto altro nome per... per mie vedute.

ASDRUBALE: Comme! Che sento! Tu sì Boroboamo, fratemo! Tu! Abbracceme, frato mio, caro caro! (Sì abbracciano.)

MARIUCCIA: Zi zio mio!

BOROBOAMO: Non credo che vorrai dispiacermi per la seconda volta?

ASDRUBALE: Comme sarrìa a dicere?

BOROBOAMO: Bramo che si faccia questo matrimonio fra tua figlia e Feliciello.

ASDRUBALE: Oh, sicuro! Ma...

BOROBOAMO: Ma che cosa? Essi verranno in casa mia e non avranno che desiderare: non ho figli, non solo, ciò che tengo è vostro.

ASDRUBALE: Oh, bravo, spusate, e lo Cielo ve pozza benedicere!

MARIUCCIA: Feliciello mio!

FELICIELLO: Mariuccia cara cara!

CARLINO: Signor Asdrubabe, e la vostra parola?

ASDRUBALE: Che parola, e parola. Jesce fora, pezzente muorto de famma. M’ha ditto tanto male de chillo povero Feliciello.

CARLINO: Ma signori...

PULCINELLA: Quando un galantuomo vi ha detto uscite fuori con belle maniere, mi pare che basta: iesce da la via de fora. (Lo prende a calci.)

CARLINO: Ah!... Piano, piano... (Via.)

ASDRUBALE: D. Ansè, domani sarete soddisfatto.

ANSELMO: Va bene.

ASDRUBALE: Intanto Nicola che io credeva tanto buono, me steva facenno chillo piattino!

BOROBOAMO: Oh, ma basta adesso, non si pensi più al passato. Venite tutti con me in casa mia, colà faremo imbandire una mensa e così solennizzeremo queste nozze. Andiamo. (Viano tutti e restano Felice e Mariuccia.)

MARIUCCIA: Feliciè, simmo sposate.

FELICIELLO: Sì...

MARIUCCIA: Mò sì contento?

FELICIELLO: Sì.

MARIUCCIA: Jammo dinto a la casa de zi Boroboamo.

FELICIELLO: Sì.

MARIUCCIA: Là mangiarrammo e vevarrammo allegramente.

FELICIELLO: Sì.

MARIUCCIA: Spiere niente cchiù?

FELICIELLO: Sì.

MARIUCCIA: Sì? E che cosa?

FELICIELLO: Il compatimento di questo rispettabile pubblico!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno