Raggio di sole

Stampa questo copione

“RAGGIO DI SOLE”

“RAGGIO DI SOLE”

Commedia in due atti

di

Luciano Medusa

       

Personaggi:

Platone

Pappone

Maccarone

Lucia (Raggio di Sole)

Mario

Allegra brigata (amici di Mario e Lucia)

PRIMO ATTO

Scena: Pilone di un ponte, tre baracche fatiscenti; una addosso al pilone, le altre due di fronte. Un grande ombrellone da spiaggia, vecchio e logoro è aperto per ripararsi dalla pioggia.

Platone è seduto su di un sedile di un’auto all’ingresso della sua baracca. Indossa un vecchio frac, logoro e stretto, sotto, s’intravede una maglia intima altrettanto logora e rattoppata, i pantaloni, molto larghi, sono tenuti da bretelle, in testa ha un basco, alle mani, dei guanti senza dita, grossi scarponi senza stringhe, uno dei quali, al momento, è per terra, mentre lui, con un piede nudo è intento a rammendarsi un calzino. Deve dare l’impressione di un clown.

 

Platone

E chest’è a quindicesima vota che t’aggia cosere e tu pè quinnece vote te si scusute. E mo vedimme chi vence...Ma che zuzzimmaria ‘e vita! Nun ce sta niente ‘a fa: cchiù jamme annanze e cchiù è peggio! L’ommo se mangia all’ommo, comm’animali ce scannamme, ce muzzecamme: “ Io so’ meglio ‘e te!...No, io so’ meglio ‘e te! Io tengo cchiù ‘e te! No, io tengo cchiù ‘e te! Si? E famme vedè! Tu ‘o ttiene cheste? E chest’ate e chest’ate?...Embè, e tu ‘o ttiene cheste e chest’ate e chest’ate?...E intanto...s’è bucato n’ata vota stu spaccimm’’e cazettino. Chill’è nuovo, tre anni tene!

Pappone

(dalla baracca addosso al pilone, si sente un trambusto) Zoccola! Tu sì ‘na grande zoccola! Ma si t’acchiappo hè furnut’’e vallià. Addò vaje?...Fermete ‘nu poco...si t’aggio dint’e mmane te faccio maledì ‘o juorno ca m’hè ‘ncuntrate.

Platone

Sempe ‘a solita storia, ogni ghiuono , isso e chella piezz’’e zoccola! Nun è capace da caccià ‘a dint’’a case. Ma che ‘omme ‘e niente! Se sta mangianne tutto chelle ca tene, lo sta rovinando. (Rivolto alla baracca) Ma accirele a chesta piezz’’e troia.

Pappone

(esce, cappotto logoro un paio di taglie più grande, tanto da doversi rimboccare le maniche, pantalone stretto e rattoppato tenuto su da un filo di spago, maglione di colore vistoso e scarponi grandissimi, berretto da neve, uno di quelli che lasciano fuori solo il viso) E secondo te che sto tentando ‘e fa? Chella se ne fuje!

Platone

(ironico) Ma guarda un po', guarda? Uno ‘a vo accidere e chelle se ne fuje! Che ingrata!

Pappone

Platò, ccà già tengo ‘e cazze ca m’abballano...mo te miette pure tu?

Platone

Pappò, tu staje ‘a tre mmise a fa tutt’’e sante juorne ‘a stessa storia e nun riesce, ‘a tre mmise, a lle da na mazzate ‘ncape pà rummanè ‘nterra?

Pappone     

Prima di tutto, nun so’ tre mmise. So’ sule ‘nu par’ ’e semmane ca ‘a voglio accidere. Sono tre mesi che sta con me. Tre mesi fa pe’ me fa fa ‘nu poco ‘e cumpagnia ‘a facette rummanè dinto, ma po', chella stronza ‘e mmerda ha accumenciate a se mangià tutto chello ca se trove annanze. Ccà ‘a Maronna ‘o ssape e Gesù Crist’’o vvede comme jamme annanze e quella troia se permette ‘e mangià quando vò essa.

Platone

Quanno arape ‘a vocca tu e comme si s’arrapesse ‘o scarico ‘e tutt’ ‘e fogne do’ munno.

Pappone

Tutt’ ’a rrobba ca m’ha purtate Maccarone ajere, se l’ha mangiate tutta quante, teneve ‘na pummarulella astipata, ma che dico astipata, suffunnata, proprio pè nun c’ ’a fa truvà. Pure chella s’hè mangiata.

Platone

Ogni uomo con un po' di buon senso, pè se fa fa ‘nu poco ‘e cumpagnia, se cresce ‘nu cane, ‘na jatta, ‘nu cardillo pecchè sono docili s’affezionano. Tu invece, pè cumpagnia te vaje a piglà ‘nu piezz’’e zucculone ‘e chesta manera cu na fetent’’e core annerucuta e cu ‘nu sfunnelo ca nun fernesce maje!

Pappone

Ma che ne sapevo io?! Quanno trasette dint’a barracca, te l’avesse vulute fa vedè: peccerella, secca secca, cu chilli mustaccielle fine fine. Jeve truvanne qualcos’’a mangià, ca io pensaje:” Guarda a cheste, nun sulo è zoccola ma è pure sfurtunata, cu tanti posti proprio dint’’a barracca ‘e nu pezzente era capità!” Pigliaje ‘nu poco e tozzera e c’’o dette. ‘A chillu juorno nun me l’aggia levata cchiù ‘a tuorno.

Platone

‘A chillu juorne s’è accumenciate a fa, primma, ciotta ciotta, poi me pareva ‘na jatta e mo me pare ‘nu cane. Pappò, circa da fa fore sinò chesta addeventa comm’a ‘nu ciuccio sardagnuolo.

Pappone

Hai ragione, ma tu ‘o ssaje ca chelle me steve muzzecanne pure? Chella puttana, doppo che l’aggia levate ‘a famm’’a cuollo, piglia e me vò muzzecà?

Platone

Nun ce sta nient ‘a fa: è zoccola di nome ed è zoccola  di fatto. Io m’arricordo ca quann’ ‘ero peccirello tenevo un criceto.

Pappone

‘Nu che?

Platone

(scoraggiato) Un criceto! Pappò, ‘na specie ‘e zoccola piccerella.

Pappone

Ah! Mò aggio capito!

Platone

E già! Tu comme animali conosci solo zoccole, pimmece e purucchje.

Pappone

Nossignore! Conosco pure ‘e scarrafune.

Platone

(ironico) Pur’ ‘e scarrafune?! Tu c’hai una cultura animalesca.

Pappone

Platò, ma tu che t’arricuorde e quann’ ire piccerillo?

Platone

(serio) Tutto!… M’arricordo  tutte cose… E chi s’ ‘o po’ scurdà?!

Pappone

(interessato) E raccunte.

Platone

No! Sò ccose passate e chello ca è stato è stato.

Pappone

Ogni vvote ca t’addumanno ‘e me parlà ‘e te rispunne sempe ‘o stesso. Tu nun sì comm’ a nuje. Nuje simme nati dint’ ‘a miseria e dint’ ‘a miseria campamme. Nun sapimme né leggere e né scrivere pecchè nisciune maje c’ha mannate ‘a scola. Simme stati sempe troppo impegnati a ce regnere ‘o stommaco e c’amma scurdate d’ ‘e cerevelle e po’ tu saje tutte cose ‘e nuje. Tu saje ‘o mestiere ‘e mamma mia, saje ca quanne carette malate doppo ‘nu par’ ‘e mise me lassaje e ‘nu guagliunciello figlio ‘e…mamma mia, senza pate né parenti, dint’ a stu munno ‘e munneza fa ‘a fine ch’ aggia fatto io. Saje ca ‘a mamma ‘e Maccarone, collega di mia madre, riuscette a strunzià a ‘nu surdato americano e se ne jette cu isso in america e lassaje ‘o figlio ‘e sette anni,  mmieze scemo, alla nonna ca murette doppo duje mise e Maccarone sulo, mmieze scemo e figlio ‘e zoccola già è assaje ca è ancora vivo. Ma tu? Tu chi sì? Si figlio ‘e zoccola pure tu?

Platone

(violento lo minaccia) Nun te permettere!…Nun te permettere!… (si calma) Io vivevo in una bellissima casa. Nun me mancava nienete: papà guadagnava bene ed era rispettatissimo, mammà era una maestra di musica: pianoforte. Io tenevo la mia cameretta, i miei giocattoli, i  miei libri di favole… 

Pappone

E po’ ch’ è succieso?

Platone

Fernette ‘a guerra. Pè ll’ate fernette, pè mme accumenciaje:  “ Fai presto, dobbiamo scappare!” M’accumenciaje ‘a fa ‘a valigia: “Prendi solo il necessario, lascia tutto il resto!” “Ma…i miei libri?” “Lasciali. Non c’è tempo. Poi papà te li comprerà nuovi.” Me vuttajeno dint’ ‘a ‘na macchina e zittu zitte come ladri ce ne scappammo.

Pappone

Ma pecchè?

Platone

Perché papà era il podestà del paese, mia madre, la moglie del podestà ed io il figlio del podestà.

Pappone

E po’?

Platone

E po’ sempe ‘a stessa storia: “ Qualcuno ci ha riconosciuti, dobbiamo lasciare il paese!” E fujeveme ‘a n’ ata parte e ogni vvote che fujeveme le valige diventavano sempre di meno fino a quando, senza più valige, ce pigliajene.

Pappone

Chi ve pigliaje?

Platone

I partiggiani. Ci identificarono, ci processarono, ce sputajeno ‘ncuollo, ‘a papà ‘o rignetteno ‘e mazzate…a mammà lle tagliareno ‘e capille e a uno a uno s’ ‘a passajeno tutti quanti…annanze a mme…annanze a papà…e po’… (come un mitragliatore) tatatatatà! Pappò, in un attimo sono diventato orfano.

Pappone

E tu?

Platone

Il posto di un orfano è l’orfanotrofio. Che friddo e che famme, Pappò, peggio ‘e mò…Me ne scappai! E da allora ho visitato quasi tutti i ponti d’Italia, tutt’ ‘e cchiese,e po’ so venute ccà.

Pappone

Maronna mia! E chi so crereve?

Platone

E chi so scorda?

Maccarone

(entra dal fondo carico di sacchetti di plastica logori e sporchi, trascina uno scheletro di un porte-enfant carico di sacchetti di plastica. Indossa una tuta da militare, naturalmente logora e larga. E’, come già si è detto: “Mmieze scemo”, ingenuo bambinesco) Io a me chià l’osse e vuje a perdere tiempo. Ma sempe vene ‘o journo ca fernesce sta storia!

Pappone

Ma sempe vene ‘o juorno ca te rassigne!

Maccarone

Ma che vuò rassignà? Ma ve pare giusto ca io aggia ghì tuorno tuorno a truvà ‘a rrobba e vuje ve ne state ccà tutt’o juorno a fare conversazione e a ve piglià ‘a rrobba ch’aggia truvato io? Aizate un poco il vostro fetentissimo culo e ghiate a cercà pure vuje dint’’a munnezza, jate a stennere ‘a mano pure vuje!

Pappone

Maccarò, a mme mi pare di essere stato chiaro. Quanno veniste ccà, che te dicette? Te dicette:” Maccarone caro, io ti donco il permesso di abitare nella mia vecchia barracca, dato ca me ne songo costruita un’altra cchiù grossa. In cambio tu però  devi andare a prendere la robba pure per me.” E’ vero?

Maccarone

E’ vero! Ma io nun ce ll’aggio cu’ tte!

Platone

Se la mia intuizione non mi tradisce, allora tu ce ll’hai cu’ mme?

Maccarone

Si cu’ tte. Cu’ Pappone ho fatto un patto, ma cu’ tte nun aggia fatto niente. Perchè devo dare a campare pure a te?

Platone

Uh Gesù, voi lo sentite? Quest’essere viscido e meschino, cafone nonché ignorante e cafardo si permette di rivolgersi, con queste schifezze di parole a me, a me che sono un signore e che ho la cultura?

Maccarone

Ma tu quà cultura e cultura? Tu ‘a terza elementare hè fate!

Platone

Hè ritte niente!? La terza elementare dei miei tempi, mio caro, è come ...

Maccarone

‘A terza elementare ‘e chisti tiempe.

Platone

(a Pappone) Chist’’o vì? (Indica Maccarone) E’ tale e quale ‘a zoccola toja. Irriconoscente, ingrato...strunzo.

Pappone

Fernitela mò! (A Maccarone) Tu nun ‘o vuò capì ca Platone, mmieze a nuje è ‘o cchiù struito. Ammacare isso sape leggere. Accussì, ogni tanto ce legge ‘nu libro, quando ‘o truvamme ce legge ‘o giurnale. Po' ‘a sera ce racconta tutte chelli belli storie, Biancaneve e i sette cani, Cappuccetto rotto, Zanna janca, t’arricuorde? Jamme, nun fa accussì, chillo nun t’’e cconta cchiù.

Maccarone

Insomma, io aggia faticà pè tutti quante?

Pappone

Maccarò, Tu ancora hè capì che ‘a vita accussì funziona. te l’ha spiegato  Platone pè cient’e ssirece vote e tu nun ‘o vuò capì, mò t’ ’o spiego io, n’ ata vota: nuje simme ‘na cummunità, dint’a ‘na cummunità ce sta chi tene e chi nun tene. Allora, facimme l’esempio ‘ncuoll’a nuje, accussì ce capimmo meglio: io, Pappone tenco ‘a barracca, tu nun ‘a tiene, io ‘a piglio  e t’’a dongo a te, Platone tene ‘a cultura, nuje nun ‘a tenimme, Platone piglia e ce ‘a da anuje, tu, Maccarone, tiene...

Maccarone

...’e palle accussì ‘e stì discorse. Continua jà:” Tu tiene ‘a forza e ‘a capacità ‘e ghì ‘a truvà ‘a rrobba e ‘a vaje ‘a truvà”. Intanto, ‘a barracca reste sempe ‘a toja, ‘a cultura reste sempe ‘e Platone e ‘o mangià  ca ve dongo io v’’o vuttate pè coppe e ve scappa pè sotto! Accusì Pappone tene sempe ‘a barracca, Platone tene sempe ‘a cultura e chelle ca porto io se perde ’int’’o cesso!

Platone

Ma che schifo! Io provo schifo per lo schifo che mi fai provare.

Pappone

Che brutta cosa è l’ignorantezza!

Maccarone

Guarde ‘nu poco chi m’adda chiammà gnurante?! Nun se dice “ignorantezza” se dice: gnurantità!

Platone

Allora, se ho capito bene, con tutta questa scarricata che ti sei fatto vuoi dire che da oggi a questa parte te ne vuoi uscire dalla communità?

Maccarone

Si sta communità è sulo a cummudità vosta, si. Ma si ‘a cummunità è pure a cummudità mia, no.

Pappone

E vedimme ‘nu poco, che vulisse pè sta cummudità toja?

Maccarone

Che vulesse?...Vedimme ‘nu poco...vulesse...cioè io...ecco: Io vulesse ‘na carta ca condicesse, cu ‘a firma toja ‘a sotto...

Pappone

‘A firma?!

Maccarone

‘A croce. ‘Na carta la quale dicesse...cioè...ca screvesseme...cioè ca Platone screvesse...ca (si ferma stremato) Marò, sto tutte surate!... Cioè, Pappone dicesse:“ tu ‘a vuo’ e pigliatella.” Ecco qua, ho detto.

Platone

Maccarò, tu quande parle è meglio ca te stai zitto.

Pappone

Io n’aggia capito niente!

Maccarone

(risoluto) Insomma, ‘a barracca è a mia! Te l’aggia pavate juorne pè juorno cu ‘a rrobba ca t’aggia date.

Pappone

E comme?! Tu tiene ‘o curaggio ‘e me fa cheste a mme? Dint’’a chelli rammere a chilli cartune ce sta ‘o sudore mio!

Maccarone

‘O ssaccio! Pè ce levà ‘o fetore tuoje ll’aggia avuta lavà cu ‘a varracchina. E mo è a mia!

Platone

(fa segno a Pappone che sa lui come fare) Aspettate, aspettate! Non penso che sia il caso di litigare. A tutto c’è rimedio. (con tono da oratore) Maccarone, giustamente...

Pappone

Giustamente?!

Platone

Zitto! ...Giustamente, dicevo, doppo che ha buttato il sangue per cercare qualcosa nei bidoni dell’ immondizia, dopo che ha chiesto l’elemosina anche per noi, dint’’o viente, sott’’all’acqua, cu ‘o friddo ca lle traseve dint’all’ossa, pè copp’’e ccarne, sprezzante dell’intemperie...

Pappone

(non capisce) Che?

Platone

Nun se ne futteve do’ tiempe. Mo m’ hè fatte scurdà chello ca steve dicenno.

Maccarone

(suggerisce) Spezze anche le miserie.

Platone

Ma qua miserie vaje truvanne?! (riprende) Sprezzante dell’intemperie ci ha sempre portato qualcosa da mettere sotto i denti. E Pappone, per questo, col cuore in mano e con gli occhi inondati di lacrime, ti dice...

Pappone

(risoluto, stringendo la mano di Maccarone) Grazie, sì ‘n’amico. Continua accussì ca jamme bbuono. E ‘a fernimme ccà.

Platone

Nossignore! Pappone ti dice: “Tu vuoi che te scrivo che la baracca è tua? Ed io te lo scrivo, fermo restante che tu ci continui a portare la roba che trovi a noi. Anzi, che adesso che sei padrone della baracca, perchè Pappone è n’ommo ‘e core, per riconoscenza,di tutte le cose che trovi, le cose più buone tu ce le dai a noi. Va bene?

Pappone

Nun va bene niente! Platò, sì ch’ ’e cazze tu! Tu faje:” mangia cu ‘o tuoje mangia!” ‘A barracca è a mia, ammesso ca io ce facesse questa carta, ‘a robba cchiù bbona ‘a voglio sulo io!

Platone

(diplomatico) Ah, scusa, io me credevo ca ‘a carte te ‘a vulive fa scrivere ‘a me. Ma si ‘a vuò scrivere tu, fai pure.

Pappone

‘A scriv’io?! E comm’’a scrivo? Io nun saccio nè leggere e nè scrivere.

Platone

E allora t’a fai scrivere ‘a Maccarone.

Maccarone

(ironico) Sì, ce mettimmo io e Pappone e scrivimme ‘nu manuale:” Comme se fa a scrivere senza sapè scrivere.”

Platone

Ah, già, tu neanche sai scrivere?

Pappone

Ma che me ne fotte, tanto chesta carta nun s’adda scrivere.

Platone

Hai ragione, pecchè (con intenzione a Pappone) si pure io ‘a screvesse, vuje neanche ‘a putisseve leggere, pecchè nisciuno ‘e tutt’e dduje sapite leggere. Né tu, né Maccarone. E’ giusto Pappò?

Pappone

(non capisce, poi realizza) E allora ‘ncopp’ ’a sta carte se pò scrivere chello...

Platone

(lo interrompe) ...Quello che è giusto  scrivere.

Pappone

Maccarò, hai ragione. Adesso, Platone ci scriverà una carta che dice che la barracca è a toja e che tu in cambio continuerai a purtarce ‘a rrobba e ‘a meglia rrobba c’ ’a daje a nuje.

Platone

A me!

Pappone

Ma comme!?

Platone

‘O a mme, o sta carte v’ ’a scrivete vuje.

Pappone

(a malincuore) E va bene! A Platone ‘e ccose cchiù bbone.

Maccarone

Pè mme, va benissimo. Platò, piglia carta e penna.

Platone

(frugando nelle tasche) Aveva tenè ‘nu muzzon’’e matita...eccolo qua! ‘A carta, però nun ‘a tengo.

Maccarone

Aspetta. (fruga in un sacchetto di plastica e ne caccia un quaderno) Vire si ce sta qualche pagina bianca.

Platone

(prende il quaderno e controlla) Si, ce sta. Allora, vediamo un po’... (scrive) Oggi...quante n’avimmo?

Maccarone

Boh!

Pappone

A mme me pare ca è martedì.

Platone

E che scrive: “ Oggi, martedì”? Ce vò ‘a data, ‘o juorno preciso.

Pappone

Platò e nuje nun ‘o sapimmo. Dint’ ’a barracca tengo ‘nu calendario...

Maccarone

E vall’a piglià.

Pappone

Ma tu m’ ’o riste tre anni fa!

Platone

Va buò, nun ve preoccupate. (scrive) Da questo momento in poi...

Pappone

Bravo!

Maccarone

Guagliò, chi ha studiato riesce sempre a se n’ascì.

Platone

(c.s.) Io Pappone...

Pappone

Platone.

Platone

Io Pappone!

Pappone

Guè, ma te stisse scemunenno? Tu sì Platone.

Platone

Ma che c’azzecca? Sto screvenno io ma è comme si stisse screvenne tu, cioè io mo sono tu ca scrive.

Pappone

Io n’aggia capito nienete. Comunque, fa tu.

Platone

Allora, Io Pappone...nato?

Pappone

Si!

Platone

Si, che cosa?

Pappone

Si, sò nato.

Platone

(ironico) Ah, si? Non me n’ero accorto. Nato, quando, dove, in che data in che luogo?

Pappone

Platò, ‘na domanda ‘a vota! Tu me faje sti domande difficile una appriess’’a nata?

Platone

Allora, quando sei nato?

Pappone

Sono nato...Maronna mia...è passato nu sacch’’e tiempe, chi s’o rricorda cchiù.

Maccarone

Scrive, ci dispiace molto, ma quello di prima non si ricorda quando è nato, però è nato, questo è sicuro, se lo sapeva quello lo diceva, perchè è un tipo che non si fida di tenere una ‘mbroglia in bocca. Grazie.

Platone

Pure grazie aggia scrivere?

Maccarone

Pezziente sì, ma educati!

Pappone

Bravo! Ave ragione Maccarone.

Platone

Ma addò sò capitato? Mo invece ‘e scrivere ‘nu cuntratto scrivimme ‘a Dimmedia Commina...a Commina Divedia...m’hanno fatte ‘mbruglià ‘a lengua pure a mme! A Divina Commedia.

Pappone

E che è?

Platone

Comme: “che è” ? é il più grande libro che mai nessuno è stato più capace di scrivere.

Maccarone

E si ancora l’anna scrivere comme se fa a dicere ca è il più grande libro?

Pappone

Scè, è grande  ca tene ‘na cupertina grande e ‘nu sacch’e fogli, tutti bianchi, ma ‘e ttene.

Platone

Sì, stanne aspettane a vvuje p’ ’o scrivere. Vuje site ddoje bestie. La Divina Commedia è stata scritta già, da un grande poeta: ...se chiammava...Alighiero.

Pappone

Noschese! Sì, l’aggia sentut’e nummenà pur’io.

Platone

Ma qua’ Noschese vaje truvanne? Se chiammava Alighiero ...Manzoni,...o Leopardo?...no, me pare ca era ‘nat’ animale...ma qua’ animale, mo m’arricordo, Alighiero Foscolo, per gli amici Ugo.

Maccarone

(a Pappone) Siente siè, sape pure comm’’o chiammavene ‘e cumpagne!

Pappone

Quant’è bello quanno uno ha studiato!

Platone

Comunque, jamm’ annanze. Allora, da questo momento,io Pappone,...ch’aggia scrivere ccà?...io Pappone che esisto, questo è sicuro, figlio di...?

Pappone

S’adda scrivere cheste?

Platone

E’ certo! Si deve scrivere la madre ed il padre. Allora, figlio di...?

Pappone

Zoccola e di un cliente scanosciuto.

Platone

Si va bè! Ma sta zoccola ‘e mammeta ‘o teneve ‘nu nomme o no?

Pappone

‘O nomm’’e mammà?! Assuntina , Assuntina Esposito, detta “ ‘a cernapereta ”.

Platone

Basta solo Assuntina Esposito. Levamme sta cernapereta ‘a miezo. E di padre sconosciuto. Da la sua barracca che sta sotto il ponte...comme putimme dicere...dove stiamo noi, adesso che scriviamo, a Maccarone nato...?

Maccarone

Si, pur’io!

Platone

(con pazienza) Maccarone, che esiste, questo è sicuro, figlio di...?

Maccarone

Assuntina Esposito.

Platone

Ma Assuntina Esposito è ‘a mamma ‘e Pappone? Mica site frate vuje ?

Maccarone

No, manch’ ‘e cane! Io frato a chillo?! Mammà soja era “ cernapereta “ ‘a mia era “ pernacchia “.

Platone

Maronna mia, io nun capisco niente cchiù. Allora, qua dobbiamo aggiustare. Assuntina Esposito cernapereta e Assuntina Esposito pernacchia. ‘O ssaje chi era pateto?

Maccarone

Comme no! Era ‘nu marines americano,...bianco però!

Platone

E comme se chiammava?

Maccarone

Nun ‘o ssaccio, però, mo che m’arricordo, mammà ‘o chiammava sempe

“ strunzo “.

Platone

E che ce scrivo io ccà ‘ncoppe:” Figlio di Assuntina Esposito Pernacchia e di marines strunzo americano?

Maccarone

E nun ‘o ssaccio, vire tu. Si tu ca si gghiute ‘a scola, mica io!

Platone

Scrivimmo accussi. E di marines americano,... strunzo nun era ‘o nomme d’ ‘o marines, mammeta ‘o chiammava accussì pecchè si se l’ha purtate cu isso in America, era proprio strunzo. Vediamo un po’, ...americano,  che prende la barracca condicente che tutto quello che trova, cioè, il meglio di tutto quello che trova, lo porta a mme, che sono Platone e che sono conusciuto e non c’è bisogno di scrivere né il padre né la madre, requie e pace all’anima loro.

 Allora, leggiamo un poco: “ Da questo momento in poi, io Pappone, che esisto, questo è sicuro, figlio di Assuntina Esposito Cernapereta e di padre sconosciuto, dò la mia baracca che sta sotto il ponte dove stiamo noi adesso che stiamo scrivendo, a Maccarone che esiste, questo è sicuro, figlio di Assuntina Esposito Pernacchia e di marines americano, che prende la barracca condicente che tutto quello che trova, cioè, il meglio di tutto quello che trova, lo porta a me, che sono Platone e che sono canosciuto e non c’è bisogno di scrivere né il padre né la madre, requie e pace all’anima loro. Va bene così?

Maccarone

Troppo bella!

Pappone

Platò si n’ artista!

Platone

Mo avita mettere sulo ‘a firma...cioè ‘a croce e tutto è fatto. (porge la matita a Maccarone, che subito mette la croce. Poi, la porge a Pappone che esita) Pappò, miette a croce e nun te preoccupà.

Pappone

Io ‘a metto, ma si succede qualcosa, po’ m’ ’o piglio cu tte!

Platone

Pappò, te può ghì a durmì mmieze a dduje cuscini.

Pappone

Io nun ne tengo neanche uno, comme faccio a durmì mmieze a dduje?

Platone

E’ un modo di dire, vo dicere ca può sta tranquillo.

Maccarone

(appena Pappone finisce di mettere la croce gli strappa il foglio di mano, con soddisfazione) Ah! Finalmente, mo so pur’io pussidente, (abbraccia la baracca) Mo si a mia, pè ssempe a mia!

Pappone

(preoccupato a Platone) Platò, ma stamme traquille?

Platone

Nun te preoccupà ‘a barracca è sempe a toje.’Ncopp’a chillu foglio ce sta scritte tutt’ata cose.

Pappone

E speriamo ch’è accussì. Pecchè si nun è accussì io addo te vengo.

Platone

Nun fa sempe chiacchiere e ghiamme a vedè che c’ha purtate.

Pappone

E ghiamme, jà! (si avvia)

Platone

Pappò, ‘a meglia rrobba è a mia!

Pappone

E ce sta bisogno ca ‘o ddice? Tu staje parlanne cu ‘n’ommo. Platò, non per offendere ma davanti a te c’è la statua dell’onestà!

Platone

(ironico) Statua ’ell’ onestà, cammine, fa ampresse, jamme a vedè che ce stà ‘e bbuono. (i due frugano nei sacchetti di plastica e ne cacciano svariate cose: da indumenti smessi a cibo, suppellettili, giocattoli. Platone tiene per se le cose più buone ed utili e da a Pappone il resto. Ogni volta, l’oggetto estratto viene analizzato ed ogni volta c’è una piccola lite per l’accaparramento. Il tutto viene svolto a soggetto)  

Maccarone

(nel frattempo si è lisciato e sistemato la sua baracca, ha messo perfino dei fiori all’ingresso, ha spolverato e adesso sta spazzando e canta) Avevo una barracca piccolina in Canadà… Ma comm’è bello a tenè ‘na cosa da soja! Na cosa ca nisciune te po' tuccà cchiù, te vene ‘o ggenio da curà, da fa cchiù bella, pecchè è comme si chesta cosa ffusse tu stesse e allora curanne a essa,  te cure tu stesso, te faje cchiù belle  stesso tu.

Platone

Hai ragione. Te truove cu ‘a scopa mmane te faje ‘na scupatella for’’a barracca mia?

Pappone

(precisa) ‘A barracca mia!

Platone

(si corregge ironicamente) Va bene, te faje na scupatella for’ ’a barracca ‘e Pappone, nella quale ci abito io?

Maccarone

(con lo stesso tono) Ma pecchè, tu ti sei cioncate le mani? Piglia ‘a scopa toja e fatte a scupatella for’a bbarracca ‘e Pappone nella quale ci abiti tu. Ognuno si scopa la robba sua.

Platone

Ma che carugnone! Doppo che t’aggia fatte fa chist’affare! Doppo ca ti ho fatto diventare padrone della casa in cui vivi! Mi neghi una scopata?

Pappone

Ave raggione! Doppo ca hè fatto st’affare putisse essere pure ‘nu poco cchiù riconoscente.

Maccarone

Ma allora nun avite capito niente? La scopata ve la potevo fare un quarto d’ora fa, adesso no.

Pappone

E pecchè ch’è cagnate?

Maccarone

Comme, ch’è cagnate? ‘Nu quarto d’ora fa nun teneve niente e mo sono un padrone, un pussidente. Pappò, mo ‘a barracca è a mia!

Platone

Ncopp’a faccia da terra ce stanno cierti uommene ca nun s’ammeretene niente, pecchè nun so sanno tenè, nun ce sta niente ‘a fa, a chisto ‘a ricchezza c’è gghiute ‘ncapo! Va bbuò, nun fa niente, famme purtà sta rrobba dinto e po' ‘a scupata m’a faccio io. (Porta la roba che si è accaparrata nella sua baracca)

Pappone

Hai ragione! Mo me stipo pure io sta rrobba e me faccio pure io na pulezzata. (entra nella sua baracca)

Maccarone

Bravi, finalmente avite capito! Ognuno se fa ‘e ccose soje. E’ fernuto ‘o tiempo dello sfruttamento. Adesso siamo tutti uguali, tutti pussidenti. E che ‘nce vuò fa! Io cu sta piezz’ ‘e barracca me metteve a fa ‘o scupatore lloro! (Entrando nella baracca canta)

Lucia

(è una bellissima donna, giovane, elegantissima: abito lungo con ampio décolleté e ampio spacco laterale, tacchi a spillo. Entra di corsa, un po' spaventata, come se fuggisse da qualcuno. Si nasconde e vede se è riuscita a non farsi seguire. Controlla ancora un po', finché non è sicura che non la segue più nessuno, poi si gira e con paura e disgusto si rende conto del luogo in cui si trova.) Madonna mia, ma dove sono capitata? Che puzza! (si muove con circospezione, da un’occhiata alla baracca di Maccarone, sta per avvicinarsi a quella di Pappone) 

Maccarone

(esce, distratto, vede Lucia, spaventato) Chi è!

Lucia

(si gira di scatto ed uno strano gioco di luci la fa sembrare un’apparizione. Spaventata, si blocca e riesce solo a dire , con voce soffocata) Madonna! 

Maccarone

‘A maronna? (sbalordito si inginocchia quasi con la faccia a terra) Maronna mia, nun me fa niente ‘e male. ‘O ssaccio io so ‘nu peccatore, ‘e vvote jastemme a tte ‘a figliete Gesù Cristo e a tutt’o calendario, ma in fondo in fondo so ‘nu buon’ommo.

Lucia

(c.s.) Ma io...

Maccarone

(la interrompe) Ma tu si ‘a mamma ‘e tutt’e mamme e si pure mamma a mme e si nun me perduone tu, mammarella mia bella, chi me po' perdunà?

Lucia

(c.s.) Vorrei solo...

Maccarone

(c.s.) Damme tutt’e castighi ca vuò, m’emmerete, ma tieneme sempe sott’o mante tuoje. E arricuordete ca so ‘nu pezzente e nullatenente.

Lucia

(c.s.) Ti stai sbagliando...

Maccarone

(c.s.) Si, me so sbagliato! Nun è vero ca so nullatenente, ‘a barracca è a mia. Hai ragione tu. Ma ti giuro non l’ho fatto apposta. E’ appena mezz’ora che è a mia e me l’era scurdate.

Lucia

(c.s.) Ma ti prego...

Maccarone

(c.s.) Tu preghi a me?! Nun sia mai! So io ca t’aggia prià, ‘a chistu mumento in poi ti pregherò ore , minute e quarte d’ora, fino a che more. T’ ’o ggiuro, mammarella mia bella.

Lucia

(c.s.) Io non sono la tua mammarella...

Maccarone

(c.s.) No, nun m’abbandunà pure tu!  Mammà mia m’abbandunaje ca teneve sette anni, si m’abbandune pure tu, io more.

Platone

(dalla sua baracca) Maccarò, ma che cazzo staje facenne?

Maccarone

(c.s.) Matra perdona a lui che nun sape chello ca dice!

Lucia

(c.s.) Ma chi devo perdonare?...

Maccarone

A Platone, è amico mio, cumpagn’ ’e miseria, è sta vita ca c’ha fatte addeventà accusì. Crireme, mammarella bella, amma sbagliate tutte cose, amma sbagliate a nascere, pecchè si nasceveme ‘a n’ata parte nuje nun eramo accussì.

Lucia

(infastidita) Basta! Fammi parlare!...Ma per chi mi hai preso, io mi chiamo Lucia...

Maccarone

(c.s.)  Lucia?…Santa Lucia mia damm’ ’e lume...

Lucia

(c.s.) Se non la smetti ti do un calcio, altro che lumi! Io non sono né la madonna né una santa io sono una...

Pappone

(dalla sua baracca, insieme ad un trambusto) Zoccola, tu staje n’ata vota ccà!? Ch’è, nun t’è bastato chello ca te sì mangiato stammatina? Jesce fore vattenne, aggia ditto jesce fore, sinò te spacco ‘a capa!

Lucia

Ma che succede?

Platone

(uscendo) All’aneme do piezzo ‘e curnuto, vire si ‘a fernesce, isso e chella piezz’ ’e zoccola (indica Lucia e si accorge di lei) Maronna mia!

Maccarone

Nun è ‘a Maronna è Santa Lucia.

Lucia

Ti ho detto che non sono una santa!

Pappone

(c.s.) Sì ‘na troia (si sente un colpo secco) Ah! Finalmente t’aggia accise!

Lucia

Ucciso? Chi ha ucciso?

Platone

‘A ‘na piezz’e zoccola  ca lle steve zucanne ‘a salute.

Lucia

(spaventata) Ma dove sono capitata. Mario...Mario...aiuto, questi sono degli assassini!

Platone

Ma qual’ assassini? Ma che avite capito? Venite qua! Pappò, jesce fore ca ‘a signurina c’ha pigliate pè criminali.

Pappone

(tiene per la coda un grosso topo morto, esce) Guagliù, finalmente l’aggia accise a sta piezz’’e zoccola!

Platone

Fance ‘a vedè ‘a signurina, sinò chella se penze ca chisà a chi hè accise.

Pappone

(che non si era accorto di Lucia) Quale signurina?...Guè, è vuje che facite ccà? Chi siete?

Platone

Ha ditto Maccarone ca è Santa Lucia.

Pappone

Maccarò t’hanna azzeccat’ ’o nomme. (guarda Lucia) Si chesta è Santa Lucia Io songo ‘o bambino Gesù.

Lucia

(sbalordita, resta a fissare il grosso topo che Pappone, parlando, le fa penzolare sotto gli occhi, non resiste e sviene) Cos’è questo! Mario....

Platone

(la regge) Maccarò, aiutami, chesta pesa!

Maccarone

Gesù, Giuseppe, Sant’ Anna e Maria, è morta Santa Lucia! (sposta, al centro del palco, il sedile dell’ auto che sta vicino alla baracca di Platone)

Pappone

Ma che è, è venuta ‘a muria de’ zoccole?

Platone

(adagia Lucia sul sedile) Ma se po' sapè chesta chi è?

Maccarone

E’ Santa Lucia.

Pappone

N’ata vota?! Chesta  me da tutta l’impressione ‘e ‘na puttana ‘e lusso.

Platone

(cerca di farla rinvenire e le da degli schiaffetti sulle guance, poi si da un tono, secondo lui, da galante) Signorina,svegliatevi, non è successo niente, questo e solo un topo.

Pappone

Qua’ topo, chesta è femmena! E’ una topa!

Maccarone

(a Pappone) Ma dico io, si proprio n’animale! Tu nun saje chi è, ‘a do vene, che fa e lle vaje a schiaffà ‘na zoccola morta sott’o musso?

Pappone

Ma si sapevo ca era accussì delicata ‘e stommaco, ce metteve ‘a zoccola sott’o musso?

Platone

(che nel frattempo ha continuato a darle piccoli schiaffetti per rianimarla) Guagliù, comm’è liscia!

Maccarone

E comm’è prufumata!

Pappone

E’ overe! E comm’è bbona!

Platone

Pappò, si proprio n’animale! E’ svenuta, forse è morta e tu vaje a pensà a sti ccose?

Pappone

‘A femmena doppo n’ora ca è morta è ancora cavera!

Lucia

(incomincia a riprendersi) Dove sono?...Che brutto sogno..che incubo...

Platone

Se sta arripiglianne. Pappò hè pusate ‘a zoccola?

Pappone

Si, l’aggia pusate, nun te preoccupà.

Maccarone

Scetateve, nun ve preoccupate, simme amice. (si vedono solo le teste dei tre, come se stessero appoggiate sulla spalliera del sedile)

Lucia

(si riprende ma non ce la fa ad alzarsi) Chi siete?

Platone

Platone.

Maccarone

Maccarone.

Pappone

Pappone.

Lucia

Da dove venite?

Platone

Siamo stati sempre qua.

Maccarone

Sempe ccà.

Pappone

Ccà.

Lucia

(alzandosi) Ed io che ci faccio qua!

Platone

Boh!

Maccarone

Boh!

Pappone

Boh!

Lucia

(ricordando) Già, ora ricordo...Mario...il topo...Madonna che schifo! (si alza)

Platone

(le si avvicina, sempre con modi galanti) Adesso state meglio, vi state ricordando tutto.

Lucia

(impaurita indietreggia) Non ti avvicinare. Non ho soldi, non ho gioielli, lasciatemi andare, non mi fate del male.

Maccarone

Signurì, ma secondo voi, si nuje fosseme state mariuoli o chissà che, doppo ca site svenuta,  stivene ancora accussì?

Pappone

Nuje, v’ereme levate pure ‘e mutande!

Lucia

(spaventata si tocca per controllare se ha ancora le mutande)

Platone

Avete visto? Le mutande stanno al loro posto. Noi siamo pezzenti mica ladri, per questo siamo pezzenti.

Maccarone

Ma vuje chi site, che ce facite ccà. Io, comme v’aggia viste, v’aggia pigliate pè ‘a Maronna, po' pè Santa Lucia...vuje site accussì bella... accussì prufumata, che ce facite mmiez’a sta munnezza?

Lucia

(si è resa conto di stare tra persone innocue e si mostra più disponibile) Sono capitata qui per caso. Stavo, col mio ragazzo, qui vicino. Ci siamo fermati un po', sapete, per stare un po' soli. Stavamo in macchina e abbiamo litigato. Mario è il solito prepotente, mi ha trattata male ed io non ce l’ho fatta più. Sono scesa dalla macchina e sono scappata. Lui mi ha seguita per un po', ma poi, mi sono nascosta qui, non mi ha trovata e penso che se ne sia andato.

Platone

Signorina, permettete un consiglio? Non date più retta a questo…Mario. Un uomo che abbandona una bellezza come voi, in questi posti così brutti, non vi merita.

Pappone

Gesù Cristo, da ‘o ppane a chi nun ten’e riente. E’ cosa chesta? Uno lascia          (indica Lucia) stù bben’e’ Ddio pè ccà mmieze e se ne va?

Maccarone

E meno male ch’avite ‘ncuntrate a nuje! Si ‘ncuntravene a qualche fetente, quello vi faceva il pelo e il contropelo.

Platone

Maccarone, non dire queste cose, la signorina si spaventa.

Lucia

No, non vi preoccupate. Siete così bravi, così gentili. Vi confesso che mi avete fatto paura, ma adesso sono tranquilla, sono stata proprio fortunata ad incontrare voi. Solo che adesso, se Mario se ne andato, non so come fare per tornare a casa.

Maccarone

Perchè, ve ne vulite ghì?

Lucia

Veramente...

Platone

Restate un altro poco.

Lucia

(capisce di aver fatto colpo, si crea un silenzio colmo dell’imbarazzo e della tenerezza di Platone e Maccarone, dello stupore di Pappone e della compiacenza di Lucia)

Pappone

Ma secondo voi, ‘na bella femmena accussì, ca certamente vive dint’a ‘na casa grossa, pulita, bella; ca nun adda cercà dint’a munnezza pè mangià, nun adda chiedere l’elemosina, insomma una ricca, ca cammina dint’a machina, ca è capitata ccà pè cumbinazione , si degna a fare un po' di compagnia a noi, chella nun vede l’ora ‘e se ne fuì. Cara signurina, vuje ccà site comm’a furchette dint’o brore. Avite capite?

Platone

(a parte a Pappone) Pappò, non si dice: avite capito! Si dice: mi sono spiegato.

Pappone

Ah, accussì se dice? (a Lucia) Io me so spiegato, ma vuje avite capito? (a Platone) Va bbuono accussì?

Lucia

Se mi promettete di accompagnarmi a casa, rimango un altro poco.

Maccarone

(con enfasi) E comme no!? Non vi preoccupate, v’accumpagno io, ve porto ‘ncopp’’e spalle fin ‘a casa.

Platone

(pulisce, alla meglio, il sedile dell’auto) Accomodatevi qui.

Lucia

Aspettate, qui è troppo buio. (Va a chiudere l’ombrellone e si illumina tutto l’ambiente della luce dei lampioni del ponte soprastante) Ecco così è meglio no?

Pappone

(meravigliato, guarda verso l’origine della luce) Uh, Gesù, nuje teneveme stu lampadario e nun ‘o ssapeveme?

Maccarone

(come Pappone) Ma vene ‘a copp’o ponte?

Platone 

(come i due) Tant’anni ccà e nun ce n’ereme maje accorti!

Lucia

(divertita) Avete visto? Ci volevo io per darvi un po' di luce.

Maccarone

Ma allora vuje site veramente Santa Lucia?

Lucia

Io mi chiamo Lucia , ma non sono una santa. (si siede)

Platone

(si avvicina a Lucia e le siede ai piedi) Ma per me  si.

Maccarone

(si avvicina a Lucia e le siede ai piedi, di fronte a Platone) Pure pè mme.

Pappone

Mo c’appiccene pure ddoje cannele. Guagliù, nun esagerate. E’ vero, è ‘na bella figliola...

Platone

Liscia.

Maccarone

Prufumata.

Pappone

Me pare ‘a réclame d’a carta igienica.

Lucia

Non mi fate tutti questi complimenti. Va a finire che ci credo davvero.

Maccarone

Ma è vero! Lucia, vuje...

Lucia

Dammi del tu.

Maccarone

(confuso e felice) Io, a  vuje, ‘o tu?!

Lucia

Si, siamo amici, ormai, no?

Maccarone

(c.s.) Si, si, simme amici. Io so Maccarone, il tuo amico.

Platone

E io sono Platone, un altro amico tuo.

Lucia

(a Pappone) E tu come ti chiami?

Pappone

(sta da parte e piano piano si avvicina a Lucia) Io...cioè...pure io so amico tuoje?

Lucia

Certo.

Pappone

Io so Pappone.

Lucia

Che strani nomi che avete. Però sono originali.

Platone

Veramente, questi non sono i nomi nostri,  sono  contronomi.

Maccarone

‘A piccerille c’hanno chiammate sempe accussì.

Pappone

‘E nomme vere ce l’amma scurdate.

Lucia

E allora datemi un contronome pure a me.

Maccarone

A te? Pecchè? Lucia è accussì bello.

Pappone

A mme nun me vene nienete.

Platone

Possiamo chiamarti “ Raggio di sole” ?

Lucia

Raggio di sole? Bellissimo! Bravo!

Platone

Grazie!

Maccarone

Chillo ha studiato, perciò, t’ha truvate subbito ‘o nomme. ?A quanno si venuta tu parle pure pulito pulito.

Lucia

Hai studiato? Che titolo hai?

Platone

Niente… la terza elementare.

Lucia

La terza elementare?

Platone

Quella di una volta, però!

Maccarone

(a Lucia) Ma tu jesce sempe accussì, da casa?

Lucia

In che senso?

Maccarone

Cioè, te vieste sempe accussì, cu tutt’e...cose ‘a fore (con le mani fa intendere: il seno)...cu ‘e cosce...

Pappone

(ironico) E sì, mo esce senza cosce! S’ ’e smonta, ‘e lascia ‘a casa e po’ vola.

Maccarone

Statte zitto tu ca si scemo e nun capisci nienete.

Lucia

(a Pappone) Lascialo stare. (a Maccarone) No, non mi vesto sempre così. Questa sera mi sono messa ...con le cose...fuori per andare ad una festa.

Maccarone

Hè viste scè? Chist’è ‘o vestito da’ festa...mica Lucia ogni gghiuorno esce cu...’e ccosce...e cu ‘e zizze?

Platone

(lo ammonisce) Maccarò, non si dice così! Si dice: le gambe ed il seno.

Pappone

Seno?...Uno: seno. Due: sene.

Lucia

Va bene, non fa niente, basta capirsi. Per andare ad una festa ci si veste sempre un po’ più eleganti, poi, la festa di stasera era un po’ particolare e mi sono vestita un po’ più...così. Il mio fidanzato, Mario...

Maccarone

Mario è l’ommo tuoje?Chillu fetente ca t’ha lasciata ccà e se n’è gghiuto?

Lucia

Si, hai detto bene: fetente e maniaco.

Platone

Maniaco? Dicci la verità, Mario ti voleva “ Maneggiare”?

Lucia

Bè, si! Alla festa ci stavamo annoiando e ce ne siamo andati. Ci siamo fermati qui vicino e abbiamo incominciato a ...capite?

Maccarone

(malizioso) A maneggiare!

Lucia

Ad un certo punto mi ha chiesto una cosa...Dio mio...solo a pensarci mi vengono i brividi. Gli ho gridato di smetterla, che non l’avrei mai fatto, non mi piaceva, ma lui niente, insisteva, non sentiva quello che gli dicevo mi ha spaventata a tal punto che me ne sono scappata. Ma che porco!

Pappone

Se fa ampresse a dicere: “che porco!  Ca Mario è n’ommo ‘e niente , chest’è sicuro: nun s’abbandona ‘na femmena ccà mmieze. Però...pure tu, jà?!

Lucia

Pure io, cosa?

Pappone

Lucì, quanno l’omme ten’’o sango...e ‘a femmena tene...chelle che tene...e ‘o ffa vedè pure, ‘o sango se scarfe, volle, saglie ‘ncape e a femmena s’adda sta!

Maccarone

Tu si ‘n animale! Sulo all’animale ce saglie ‘o sango ‘ncape e anna fa chello c’anna fa! L’ommo è n’ata cosa.

Pappone

L’ommo è n’ata cosa?...L’ommo ca dice tu è ricchione.

Platone

Secondo me, anche se questo sangue sale in testa, se la donna non vuole, questo sangue se ne deve scendere un’altra volta al posto suo. Se fossi stato al posto di Mario...io al posto di Mario...certamente non ti avrei fatto spaventare.

Maccarone

Nemmen’io! A mme me bastava ‘a sta abbracciate e guardà ‘e stelle ‘nsieme a te.

Pappone

Pure a mme me piacene ‘e fa sti ccose, ma doppo però.

Lucia

Come siete cari! Peccato che... (si ferma)

Platone

Che?

Lucia

Niente.

Maccarone

No, tu stive dicenne ‘na cosa, ferniscela ‘e dicere.

Lucia

Per un attimo ho pensato che se vi curaste un po’ di più se...no, niente.

Platone

Lucia , e non sta bene, se uno comincia a parlare deve anche finire.

Maccarone

Tu hè ditto ca simme amici. L’amice se dicene tutte cose.

Lucia

Non trovo le parole per dirvelo, ho paura di offendervi.

Pappone

A nuje ‘e parole nun c’offendono, simme abbituati.

Lucia

Prima di stasera, pensavo a voi...cioè, ai barboni, insomma, ai pezzenti come a dei bruti, ladri, sporchi, insensibili ed invece, stasera ho conosciuto voi che mi avete accolta, aiutata, rispettata eppure potevate in qualsiasi momento derubarmi, stuprarmi, picchiarmi. Mentre parlavate, ho avuto l’impressione di essere ad una festa di carnevale insieme ai miei amici che si erano travestiti da barboni. Ho pensato che se vi toglieste questi...travestimenti, (Platone si alza e si allontana) potreste benissimo, essere amici miei.

Pappone

Ma chi te capisce?! Primma dice ca simme amice tuoje po’ dice ca putesseme addevetà amice tuoje! Ma simme amice tuoje o no?!

Lucia

Si, ma qui...sotto il ponte. Sopra, dove corrono le macchine, dove ci sono i negozi, i supermercati, le scuole, gli uffici, sarebbe difficile rimanere amici.

Maccarone

Pecchè, che ce manca a nuje?

Lucia

Niente...cioè...tutto!

Platone

(ritorna ad essere il Platone di sempre) Maccarò, nuje simme pezziente! Nun tenimme ‘a fatica, nun tenimm’e vestite, nun tenimm’a machina, ‘a cart ‘e credito, ‘o telefonino, ‘o cunto corrente, ‘o triatro, ‘o cinema, ‘e libbri, ‘o giurnale, ‘a televisione. Chest’è ‘a vita ‘e coppe e nuje amma sta sempe ‘a sotto.

Lucia

No, non dovete stare sempre sotto...come ve lo devo dire...potreste almeno...conformarvi, ecco, fare qualcosa per...

Platone

P’addeventà comm’a vvuje? E comme se fa? Ma dimme ‘na cosa Lucì, secondo te, chi è stato a ce fa addeventà accussì? Nun ‘ossaje?… E mò t’ ‘o ddico io. E’ stata ’a ggente comm’a tte, Lucì, chill’e coppe. E mo, una ‘e coppe, ce vene a dì:  ” ...si ma putisseve addeventà ‘nu poco comm’a nnuje!” Mo, vuò vedè ca ‘a colpa è a nosta? Mo va a fernì ca simme nuje che li schifiamo e nun vulimme essere comm’a lloro. Maccarò, ‘a colpa è a toja ca si nato da Assuntina Esposito Pernacchia e che all’età di sette anni te pigliaje e te dicette:” ...guagliò, io aggio che fa, circa ‘e mezze ‘e nun ce romper’o cazzo e piglia ‘a via toja!” E tu Pappò, nun te siente in colpa p’a vita che ffaje?

Lucia

Io non dicevo questo.

Maccarone

E’ meglio ca te stai zitta, nun dicere niente cchiù. Chisto nun è posto pè tte e ‘ncoppe nun è poste pè nnuje. Stasera è succieso ‘na cosa ca nun aveva succedere. Mo vattenne, piglia ‘a via toja.

Lucia

Sopra non è posto per voi, così come siete adesso ma se solo capiste che... se solo mi sentiste un poco… Io vi prometto che...

Platone

Zitta!...Nun prumettere niente...falle pè pietà!

Lucia

Perché no!

Pappone

Pecchè no?...Ma che vuò fa? ‘O ppoco ‘e allemosena te miette l’anima in pace e te ne vuò ì? E nun da retta, allemmosena toja nun ‘a vulimme, a nuje nun ce manca niente, te ne può ghì.

Lucia

E allora, devo andarmene? Così, senza la possibilità di spiegarmi, di ripagarvi per la vostra accoglienza?Insomma, siete sicuri che per voi non posso fare niente?

Platone

E che può fa? Famme sentì, ci vuoi fare “ conformare “? Comme facimme è impossobile . No, nun ce putimme conformà nuje, tu, invece si.

Lucia

Questa è bella! Io, e come?

Platone

(provocatorio) Si dice ca ce vuò aiutà veramente, ma dico veramente, ‘na cosa ‘a putisse fa…

Lucia

Cosa? Dimmi cosa, se mi è possibile, credetemi,  la farò con tutto il cuore.

Platone

(c.s.) Tu, almeno a uno ‘e nuje, ce putisse cagnà ‘a vita. Ce putisse fa avè chello che qualcuno di noi nun ha mai avuto e qualcun altro ha perso. Raggio ‘e So’, si tu vuò aiutà, almeno a’ uno ‘e sti’ pezziente t’avissa spusà a’ ‘uno ‘e nuje.

Lucia

(sbalordita) Ma che dici?

Platone

(incalza, ironico, per vederla in difficoltà)Scegli tu: ccà ce sta Maccarone, Maccarone è nu bellu guaglione, fatecatore, onesto e non so se hai notato comme te guarda. S’è anammurate Lucì. O vire, s’è annamurato ‘e te.

Maccarone

(con pudore) Platò, ferniscela.

Platone

(c.s.)E ccà ce sta Pappone, nun è tanto bello ma è n’affarista. Pappone, perfino dint’a sta miseria, è riuscito  a deventà padrone, pussidente, figurati si teneve ‘na cosa ‘e solde?

Pappone

(con soddisfazione) Ch’aggia sapute fa!

Platone

(c.s.) E poi ci sono io. Te vulisse spusà cu mme? Io sono un bravo amatore, ‘e vvote riesco ad essere pure romantico, e t’o ggiuro nun so viulento. Eccoci qua, sciglie tu.

Lucia

(c.s.) Ma che stai dicendo?

Platone

(incalza violentemente) Io che sto dicenno? Tu che stai dicenno! Viene ccà a ncuità a tre povere pezziente, ce schiaffe ‘nfaccia tutto stu bben’ ‘e Ddio, ‘a pelle liscia liscia, stu prufume ca c’ha arrevutate tutt’e cervelle, sti cosce,  stì zizze e po’ ce dice, ca c’avimma cunfurmà, ca nun t’ammeretamme, ca nun sì pè nnuje. E comme ce vuò aiutà? Famme sentì? Ce vuò da ‘na cosa e solde? Ce vuò dicere comme amma fa pe ce cunfurmà? E no, Raggio ‘e Sole mio, te à cunfurmà tu: Jamme, fa ampresse, rispunne, cu chi te vuò spusà?

Lucia

(confusa subisce la provocazione) Ma voi…ma come… (decisa, con aria di sfida) E va bene! Volete che mi sposi con uno di voi?... ed io me lo sposerò! Ma ad una condizione, però: (lentamente perché sentano bene) dovete essere voi a decidere chi sarà il mio sposo. Voi stessi dovete dirmi chi di voi tre è il migliore, il più bello, il più elegante, il più pulito, il più maschio...

Pappone

(confuso e sbalordito) Ma che staje dicenno ? Nuje stesse t’avimma dicere cu chi t’hè spusà?

Lucia

Si, su ditemi con chi ed io, stesso adesso, lo porterò con me a casa mia. (resta zitta a notare l’incertezza e la confusione che ha creato) Allora? Chi di voi è il mio sposo? (i tre si guardano e tacciono. Lucia si sente vincitrice) Ho capito. Non è una cosa facile da decidere. E’ vero? Allora facciamo un patto: tornerò tra...una settimana, così avrete, penso, abbastanza tempo per scegliere e mi porterò via lo sposo che avrete scelto per me. Senza fiatare, senza oppormi. Tutto quello che mi direte di fare, io farò. Penso che adesso sia meglio  lasciarvi da soli, avrete di certo molto da discutere. Ci vediamo tra una settimana. Arrivederci. (esce)

I tre restano increduli l’uno di fronte all’altro, guardano Lucia che va via. Il raggio di luce, dal ponte li investe.         

Fine Primo atto

SECONDO ATTO

Scena: La stessa del primo atto. Ognuno ha messo dei panni stesi ad asciugare nei pressi della sua baracca. Tutto è più pulito ed ordinato.

L’aspetto dei tre, in questo atto, è migliorato: sono più puliti, più curati, se non fosse per gli indumenti, troppo larghi o troppo stretti e per i loro colori che fanno a cazzotti, si direbbero delle persone normali.

Maccarone

(inginocchiato vicino al bidone col fuoco, parla ad una fotografia che maneggia con cura) ...no, nun te preoccupà, ‘a ggente è maligna e nun te dice mai: “lavete ‘a faccia ca pare cchiù bell’ ‘e me!” Qualsiasi cosa fai, l’he fatte sbagliata e loro invece fanne tutte cose bbuone. ‘E scieme! Avessa vuluto vedè a loro, doppo ‘a guerra si avessere ‘ncuntrate a ‘nu marines, comme l’hè ‘ncuntrate tu, mammarella mia bella, pure lloro avessere fatte barracca e burattini e via. Nun ‘è da retta a chiile ca dicene ca m’hè abbandunato. Tu nun m’hè abbandunato, io m’arricordo bbuone, primme ‘e te ne ghì m’abbracciaste forte forte e me diciste: “Core ‘e mamma...” accussi me diciste: “Core ‘e mamma...” po' te mettiste a chiagnere e nun ‘ngarraste a dicere cchiù niente ma pure si nun parlaste io, mica sò scemo, capiette tutte cose. Pò chillu strunzo ‘e marines te pigliaje e te purtaje in America. Mammà, aggia cunusciuto a una guagliona, se chiamma Raggio ‘e sole. Sta chien’’e solde, è bella: se lava tutt’’e juorne, ‘e vvote pure doje vote ‘o juorno, tene ‘a pelle liscia liscia, prufuma e tene doje cosce e doje zizze ca fanno asci pazzo! Mammà, si ‘a furtuna m’aiuta e riesco ‘a m’ ‘a spusà, te giuro, mammarella mia bella, ca m’’a porto cu mme in America e te vengo a cercà. M’ ‘a metto sott’ ‘o raccio e vaco giranno pè tutt’ America, fino a che nun te trovo, accussì vire pure tu quant’ è bella. Figurati ca io, ‘a primma vota che l’aggia vista, comm’ ‘oscemo ‘a pigliaje pà Maronna, po' Pappone ce mettette ‘na zoccola morta sott’’o naso e essa svenette e allora io pensaje: “Nun po' essere ‘a Maronna!” ‘A Maronna, cu ‘na zoccola morta sott’ ‘o naso, nun fossa svenuta.   

Pappone

(uscendo dalla sua baracca) Maccarò, tu staje ancora ccà?

Maccarone

(sorpreso, di scatto si alza e nasconde la foto) Si, ma mo me ne vaco.

Pappone

(cercando di strappargli la foto dalle mani) Che te staje annascunneno? Famme vedè.

Maccarone

(gli sfugge) Nun è niente. Nun sò fatte tuoje. Statte ferme.

Pappone

E’ inutile che t’’annascunne, ‘o saccio ch’è: è a fotografia (ironico) della signora Assuntina Esposito Pernacchia.

Maccarone

Aggia ditto ca nun sò fatte tuoje e basta!

Pappone

Maccarò, ma a me che me ne fotte?! Io ‘o ddico pè tte. Tu già si mmieze scemo, a furia ‘e parlà cu ‘a fotografia ‘e mammeta va a fernì ca se scemunisce pure chell’ata mmità.

Maccarone

Nun te preoccupà, piense ‘a scemità toja che ‘a mia ce penso io! Mo fammene ghì, ca sinò ccà sucede chello che nun adda succedere (esce)

Pappone

(rincorrendolo) E va, vattene!...A proposito, vire si riesce a truvà ‘na cravatta!

Maccarone

(da fuori) E’ certo che ‘a trovo, accussì t’’astegne ‘nganno!

Pappone

(rivolto verso Maccarone) E tu si bbuono?! (Ammirandosi) Guarda ccà, guà! Marò e comme so bello! Aveva ragione Raggio ‘e Sole, senza chelli pezze ‘ncuolle simme tutta nata cosa. E dicere ca stì dduje scieme vonne cumpetere! (tastando i panni stesi) Chiste sò asciutte. Mo ‘e llevo. (Entra nella baracca e ne esce subito con un cesto di vimini aggiustato alla meglio con dello spago; vede Platone che, con un cesto simile si accinge a prendere i suoi panni asciutti, con disprezzo e non curanza gli gira le spalle e inizia a prendere i suoi panni asciutti)

Platone

(lo nota e intona un canto a dispetto)

                       Ciurillo ‘e rosa,

                                ‘a uocchje annure vire ca n’è ccosa,

                                Pure si tu te vieste d’oro o argiente,

                                sotto a ‘sti panni fiete mmalamente.

Pappone

(come Platone)        Cior’ ‘e cucozza,

                                vedenne cierti ccose io esco pazzo.

                                Cierti zuzzuse, strunze e senza core,    

                                nate pezzienti, vonno fa ‘e signure.

Platone

(c.s.)                       Cior’ ‘amaranto,

                                nun saccio cchiù pecchè te ‘ncazze tanto.

                                Sta ‘nvidia ca tu pruove juorno e notte,

                                ce sta pecchè è ‘a paura che te fotte.

Pappone

(c.s.)                       Cior’ ‘e pesiello,

                                nun songo maje stato cchiù tranquillo,

                                Figurati si mo me fa ‘mpressione

                                nu piezz’ ‘e strunzo, piechero e ricchione.

Platone

(offeso, inveisce contro l’altro) Chi è ricchione?

Pappone

(brandendo un bastone) Tu, pecchè, qualcosa? Fatte sotto, famme vedè si ‘e parole toje so cchiù toste ‘e stu bastone. Platò, dint’ ‘a vita ce vo ‘o bastone, ‘e chiacchiere so moscie, nun fanno male. Tu te vuò spusà cu Raggio ‘e Sole? E famme sentì, che tiene ca ce può da? Chella sape leggere, nun è comm’ a nuje. Che te crire, ca lle raccunte na storiella e chella s’accuntenta, lle liegge ‘nu libbro e chella ti ama con tutto il cuoro per tutta la duratura della vita? Pappò, dint’ ‘a vita ce vo ‘o bastone.

Platone

(risentito) Cu tte ce vò ‘o bastone, pecchè si ‘na bestia.

Pappone

Levete ‘a miezo, siente a mme. Si è vero che ‘a vuò bbene, levete ‘a miezo. Tu lle ‘nguaje ‘na vita sana. ‘A femmena, pure si se regne chin’ ‘e ciure, pure si fa ‘a lacremella si guarda ‘e tramonti, pure si dice cca è romantica, soto sotto vo una cosa: ‘o bastone!  

Platone

Tu si n’ animale! L’animale fino a cheste po’ arrivà. L’ommo, dint’ ‘a vita tene cose assaje cchiù belle.

Pappone

(canzonatorio) T’arricuorde chella sturiella ca ce raccuntave sempe? Ce steva ‘na vota ‘na volpe, ca se vuleve magnà ‘nu poco d’uva, ma l’uva steve troppo aveta e nun c’ ‘a faceva ‘a piglià, allora dicette:” Ma ch’ aggia fa cu chest’ ‘uva, è tutta fraceta, che schifo. Mo me magno ‘e castagnelle ca stanno pè terra.”  Platò Raggio ‘e Sole sta troppo aveta, accuntientete de’ castagnelle.

Platone

Tu te staje futtenn’ ‘e paura. E’ ‘a paura ca te fa parlà. ‘O ssaje ca nun tiene speranze, ca Raggio ‘e Sole s’ acceresse pe nun te spusà e ce vuò fa scuraggia pure a nuje.

Pappone

Raggio ‘e Sole dicette ca se spusave cu chillo ca nuje ce dicevemo ‘e se spusà e l’adda fa!

Platone

E’ passato già ‘nu mese e mmiezo, quarantacinche juorne e Raggio ‘e Sole dicette tre semmane.

Pappone

E che significa cheste? Ce sta danno chiù tiempo, accussì ce pensammo meglio.

Platone

S’è scurdato ‘e nuje e forse s’ è già spusate cu Mario.

Pappone

Ma si pienze chesto, pecchè te lave, t’ allisce e te ‘mprufume?

Platone

Pecche?...Pecchè si po’ vene me trova tutto spuorco e fetente?

Pappone

Platò, io ‘a quanno è venuta Raggio ‘e Sole nun capisco niente cchiù. Ccà s’è arrevutate tutte cose. Sò quarantacinche juorne ca nun facimme ato ca c’appiccecà, ‘nu mese ‘e mmiezo ‘e guerra continua. Nuje steveme tantu belle! Ognuno teneve ‘o posto suoje, nun c’appiccecavemo maje e so quarantacinche juorne che ce stamme muzzecanno comm’ ‘e cane..

Platone

Tu nun hè maje capito niente. Ma che te crire, ca chesta che facimmo nuje è vita? Sulo pecchè si ‘o padrone e tre barracche sporche e arruzzute te crire ‘e essere qualcuno? “Steveme tantu belle...” Cheste significa sta tantu belle? Se sta bbuone quanno se sape chi sì veramente e quanno se fa chello ca vuò veramente.Tu si qualcuno ccà, sotto ‘o ponte, ma ‘ncoppo nun sanno manco ca esisti.

Pappone

Nun è vero.

Platone

Nun è vero? E’ pecchè nun saglje ‘ncoppe? So’ ddiec’ ‘anni ca nun saglje ‘ncoppe, pecchè?

Pappone

(si muove nervosamente, non resiste) Pecchè...pecchè...pecchè ccà so’ Pappone e ‘ncoppo nun so’ niente! (piangendo si accascia a terra)

Platone

(pietoso) Nun fa accussì... (gli si avvicina) Te staje spurcanno tutt’ ‘o cazone nuovo...susete... (lo aiuta) Nun te preoccupà, dimane ce ne jamme a ffa na camminata ‘a part’ ‘e coppe. (gli da un fazzoletto) Tiè, asciuttate ‘e llacrime.

Pappone

(Si asciuga le lacrime e si soffia il naso, poi porge il fazzoletto a Platone)

Platone

(sta per prenderselo, poi ci ripensa) Tienatille, t’ ‘o regalo.

Pappone

Tu che ddice? Raggio ‘e Sole vene o no ?

Platone

(pensa, poi) Siente, facimme ‘na cosa. Quanno vene Raggio ‘e Sole nuje lle dicimme:” Siente, nuje nun amma scelto a nisiuno, pecchè ognuno ‘e nuje po’ essere ‘o sposo tuoje, quindi scegli tu cu chi te vuò spusà”.

Pappone

E po’ che succede?

Platone

Succede ca, quanno uno ‘e nuje, chi per esso sia, se spose cu Raggio ‘e Sole, vede ‘a situazione comm’è e se chiamma a chill’ati dduje e ce trova ‘na fatica, insomma trova ‘na sistemazione pure pè chill’ati dduje. Che ne pienze?

Pappone

A mme me pare ‘na bella cosa. Bravo Platò, sulo uno che ha studiato puteve pensà ‘na cosa ‘e chesta.

Platone

Facenne accussì, ce sistimamme tutt’ ‘e tre, accussì pozzo cammenà mmiez’ ‘a via cu ‘a capa aizata e pozzo dicere:” Io sono Platone, io sono...

Maccarone

(entra furibondo con un foglio tra le mani, lo interrompe) N’ ommo ‘e mmerda! Cheste sì!

Pappone

(si mette tra i due per non permettere a Maccarone di picchiare l’altro) Maccarò, ma che dici?

Maccarone

‘O ssaccio io che ddico, lievete ‘a miezo, sinò ll’hai pure tu! (a Platone) Ch’ hè scritto ccà ‘ncoppe?

Platone

(evasivo) Ma ch’ è stu coso ?

Maccarone

Nun ‘o saje? Chisto è ‘o cuntratto ca screviste tu.

Platone

(c.s.) Ma io nun m’arricordo. Qua’ cuntratto vaje truvanne ‘a me?

Maccarone

E m’ero scurdato! Chillo, ccà sta ‘o nutaje ‘e conseguenza ca tra ‘e centenaja ‘e cuntratte ca fa s’è scurdato ‘e chisto. Platò, tu dint’ ‘a vita toja ‘nu cuntratto hè scritto: chisto.

Pappone

(sempre impedendo il contatto fisico tra i due) E calmati mo, te si fatto russo russo, mo te faje vinì ‘na cosa...

Maccarone

Chillo è ‘nu ‘mbuglione fetente. Ma tu hè capito chillo che s’è firato ‘e scrivere ccà ‘ncoppe?

Pappone

Ma che ne saje tu ‘e chello che ce sta scritto, saje leggere?

Maccarone

io no, ma Niculin’ ‘o prufessore si. Me l’ha letto isso.

Pappone

(sorpreso) Ah! Te l’ha letto isso? (a Platone) Ce l’ha letto isso!

Platone

Nun ‘o da retta chillo nun sape leggere.

Maccarone

Chillo sape leggere meglio ‘e te. Ha ditto pure ca he scritto stu cuntratto ‘na schifezza, nun pè niente ‘o chiammano ‘o prufessore. Chillo ha fatte ‘a quinta elementare.

Pappone

(da paciere) E va bbuò! Che vuò fa mo? ‘O vuò accidere pecchè ha scritt’ ‘o cuntratto ‘na schifezza? Jamme, nella vita ci vuole considerazione, c’amma capì e aiutà uno cu ‘nato.

Maccarone

Ma tu forse nun hè capito ca ccà ‘ncoppo ce sta scritto ca l’unico proprietario e tutto chesto è sulo isso e basta.

Pappone

(di colpo si gira e cerca di afferrare Platone che si rifugia nella sua baracca) Piezz’ ‘e carogna, ‘mbruglione fetente, disonesto, si t’acchiappo te faccio che ‘a morte nun te vò cchiù.

Platone

(dalla sua baracca) Mannaggia a Niculin’ ‘o prufessore, mannaggia. Chillu piezzo ‘e carogne nun se puteve fa ‘e fatte suoje!

Pappone

Jesce fore, vigliacco, Doppo che ce daje ‘a fiducia ‘a chist’ uommene ‘e niente, doppo fatte nu patto ‘a ommo ‘a ommo te permiette ‘e srivere llà ‘ncoppe ca tu si ‘o padrone ‘e tutte cose? Jesce foreca te faccio vedè io chi è ‘o padrone...

Platone

‘O padrone si tu, si sulo tu.

Maccarone

No! ‘O padrone so pur’ io. Chella barracca è ‘a mia.

Pappone

Tu chella barracca t’ ‘a suonne! Io e Platone c’eravamo messi d’accordo, ca ‘ncopp’ ‘a chella carta ‘nce screveva tutte strunzate, sinò mica ce ‘a facevo srivere.

Maccarone

E bravi! V’ireve mise d’accordo tutt’ ‘e dduje? E isso, t’ha ‘mbrusate pure a tte?

Pappone

Chillu ‘mbuglione, disonesto e mariuolo.

Maccarone

(con intenzione) Isso!? Tu invece si ‘a statua ‘ell’ onestà, è vero?

Pappone

Che c’entra? ‘A barracca già era ‘a mia e io nun t’ ‘a vulevo da...

Platone

(c.s.) Permettete una parola ?

Pappone

Statte zitto, strunzo! Si jesce te faccio rognele rognele.

Maccarone

Guarda ‘nu poco addò so capitato: mmiez’ ‘e ‘mbrugliune, mariuoli e uommene ‘e niente!

Pappone

(minaccioso) Guagliò, abbada a comme parli.

Maccarone

Pecchè, sinò che faje, me vatte? Voglio vedè, vien’ ‘a ccà.

 (lite a soggetto, i due si azzuffano imprecando)

        

Platone

(esce) Guagliù fernitela...stateve ferme...basta mo... (urla) BASTA! (i due si immobilizzano e guardano Platone) Ma site asciute pazze? (prende il contratto) pè mmez’ ‘e sta carta state facenne succedere stu ppoco? “ ‘O padrone songo io,...no ‘o patrono so io...”  Ma, padrone ‘e che?...’E sti quatte rammere arrezzute?...E po’ chi ‘o ddice? Sta carta? E che valore tene sta carta?...Cu sta carta può ghì annanze a nu giudice e dicere:” Signor giudoce ‘o padrone so io.” ? E chillo ‘o ssaje che ddice? “ Ma vuje chi site, da dove venite, voi per la legge nun esistite.” Chillo ce sputa in faccia a tutt’ ‘e tre. Sta carta nun vale niente, (la strappa) e nuje ce stamme appiccecanno pè niente...tutto chello ca se fa ccà bascio nun conta, ‘o vvulite capì si o no? (a Pappone) Pappò dincello tu.

Pappone

E’ vero, ccà bbascio nun simme nisciuno, amma sagli ‘ncoppo.

Maccarone

E che saglimme a ffa ‘ncoppo, che ghiamme a ffa ‘ncoppo?

Platone

Pè sta meglio! Ma tu hè capito ca si uno ‘e nuje se spose a Raggio ‘e sole ch’addecenta?

Pappone

Addeventa ‘nu signore, uno ca quanno cammina p’ à strada ‘o salutene tutti quanti, ‘o rispettano, vestiti in quantità, machine belle, colazione, pranzo e cena, vill’ a mmare, vill’ in montagna, Maccarò, chi se sposa a Raggio ‘e Sole và ‘mparaviso.

Platone

Nuje c’amma mise già d’accordo. Quanno vene Raggio ‘e Sole lle dicimme:” Nuje simm’ eguale tutt’ ‘e tre, perciò sciglje tu.” ‘Na vota ca ha scigliute a uno ‘e nuje, doppo nu poco chillo ca è stato scigliuto trove ‘na sistemazione pure all’ate e fernesce sta vita. E pure ll’ate ponne tenè ‘na machina, vestite e tutt’ ‘e cummudità. Tu nun ‘e vvuò sti ccose? Nun vuò cagnà?

Maccarone

Ma che vuò cagnà? Ccà nun cagna maje niente. ‘E  suonne so brutte, pecchè fernescene. Guagliù, basta, scetammece. Raggio ‘e sole nun esiste. Raggio ‘e sole era ‘nu suonno e ‘o suonno è fernuto.

Pappone

Ma che staje dicenno? Proprio tu, dice stì ccose? 

Maccarone

Nun ce sta niente ‘a fa! Ma che se ne fottene ‘e nuje ? Chi simme nuje? Ca nun sapimme nemmeno comme ce chiammamme veramente. Guagliù, nuje nun simme niente! Ogni vvota ca me mette a cercà qualcosa dint’ ‘e bidune dà munnezza me sento comme si fosse ‘nu cane, ‘na jatta, n’ animale. Comm’a lloro cerco, scavo, mangio e comm’ ‘a lloro aspetto ca qualcuno me da qualcosa, rimanenze, cose che a lloro nun servene cchiù e  comme vuò ca Raggio ‘e Sole se spose a uno ‘e nuje, nuje pè essa simme comm’ ‘a zoccola toja, Pappò, chella è capitata ccà pè sbaglio. Ll’avite vista, nun è comm’ ‘a nuje. Essa se cagna ‘e vestite ogni ghiuorno e se lava e se ‘mprufuma, cammina dint’ ‘e mmachine, va ‘e feste, mangia tre vvote ‘o juorno, se vere cu ‘o guaglione, se bacia cu ‘o guaglione, s’abbraccia, fottene... 

Platone

L’ hè vista!

Maccarone

Si!...L’aggia vista! L’ aggia vista.

Pappone

Quanno, addò?

Maccarone

Poco fa, primma ‘e ghì addo Niculino ‘o prufessore. E’ sagliuta dint’ a ‘na machina grossa, tanto ca era grossa me parevene ddoje. 

Platone

Steve sul’essa?

Maccrone

Steve cu ‘o guaglione suoje, forse era Mario.

Pappone

E che ne saje ca era ‘o guaglione suoje? Putev’essere ‘o frate, n’ amico...

Maccarone

Cu ‘nu frate o cu n’ amico, uno  s’abbraccia e se vase ‘mmocca?

Pappone

Se vasavene ‘mmocca?

Maccarone

Stevene ascenne ‘a dint’ ‘a  n’albergo, tutt’abbracciati, se vasavene...

Pappone

Ma si sicuro ca era essa?

Maccarone

Era essa, era essa. Comme me pozzo sbaglià, chi s’ ‘a scorda cchiù?

Pappone

Nuje pè essa simme comm’ ‘a zoccola mia? Essa è comm’ ‘a zoccola mia! Troia!

Pappone

(inveisce contro Pappone) Nun te permettere ca te spacco ‘a capa! (a Maccarone) Chella ca hè viste tu nun era Raggio ‘e Sole, era una ca le rassomigliava.

Maccarone

Ma quanne maje, era proprio essa...

Platone

(afferra Maccarone per il bavero) Nun era essa, nun era essa, nun po' essere Raggio ‘e sole (piangendo si accascia ai piedi di Maccarone)

Maccarone

(mente) Forse hai raggione, me so sbagliato, nun era essa. Era una ca c’ assumegliava, steve troppo luntana e l’aggia pigliata pè essa. Nun te preoccupà, Platò, nun era essa. Ncoppe so tutt’eguale, vestene tutt’ o stesso, se movene tutt’ ‘o stesso, fanne tutt’ ‘e stessi ccose. L’aviseva vedè pure vuje, comme sò curiuse! Sempe ‘e corze: fujene dint’ ‘e machine, fujene ‘a ppere, se salutano fujenne, mangiano fujenne. ‘Ncoppe è tutto ‘nu fuja fuje.

Pappone

Vuò ‘o fazzuletto? Tiè, chisto è pulito..

Platone

(prende il fazzoletto) Ma chist’ è ‘o mio!

Pappone

E’ chillo che m’hè dato primme. Io fazzuletto nun ne tengo, uso ‘e mmaniche.

Platone

E chisto è pulito?

Pappone

Platò, io m’aggia asciuttate sulo ‘e llacrime!

Platone

Sulo ‘e llacrime? Tu t’hè fatte chella fetent’ ‘e susciata?

Pappone

Esaggerato! Era ‘na susciatella.

Platone

‘Na suciatella?! Chella me pareva ‘na cascata.

Maccarone

Vuò vedè ch’ aggia truvate? (estrae una bottiglietta dalla tasca) Guarda ccà, è prufumo, (apre la bottiglietta e l’avvicina alle narici di Platone)

Platone

(come rinvenisse) Ma chesto...chest’è ‘o prufumo ‘e Raggio ‘e Sole!

Pappone

(annusa dalle mani di Platone) Fa sentì...ma qua’ prufumo, cheste fete!

Maccarone

Tu te sì tanto ‘mprignato ‘e  fetore ca  ‘o prufume  pè tte  è addeventate puzza.

Dal fondo, come un’apparizione, avanza Lucia, è vestita da sposa, un velo le copre il viso. Avanza lentamente come se stesse andando all’altare, si ferma e scopre il viso.

Lucia

Io sono pronta, chi è il mio sposo?

I tre restano impalati senza parole, riescono solo a fissarla con meraviglia e gioia.

Allora? Avete deciso chi è il più adatto a diventare il mio sposo?

Pappone

No!

Lucia

Come, no? 

Platone

Siamo adatti tutt’ ‘e trè.

Lucia

Ma non posso sposarmi con tutti e tre. Noi rimanemmo che dovevate voi stessi sciegliere il mio sposo. Su facciamo presto.

Maccarone

Simm’ eguale tutt’ ‘e trè. E po' ccà nun se fuje, ccà nun ghiammo ‘e pressa. Sciglie tu cu chi te vuò spusà.

Lucia

Sulla faccia della terra non esisono nemmeno due gocce d’acqua  uguali e voi dite di essere uguali?

Platone

Nuje nun simme gocce d’acqua, nuje simme pezzienti, ‘e pezziente sò tutt’ eguale.

Lucia

Eppure io dico di no. E ve lo voglio dimostrare, così lo capite anche voi.

Pappone

Nuje capimme, simme pezziente, no scieme.

Lucia

Ma non volevo intendere questo. Ognuno di noi è particolare, ci sono cose che fa uno e l’altro non riesce a fare. Abbiamo sensibilità ed esperienze diverse che ci fanno inevitabilmente differenti.

Pappone

E allora?

Lucia

Allora, voi mi dovete dare una mano.

Platone

Nuje a te?

Lucia

Si, io vi chiederò di fare, per me certe cose, così potrò scegliere io stessa il mio sposo. Da quello che farete, da come lo farete, io capirò chi dovrò sposare.

Maccarone

Ma c’ ‘o ddice stesso mo, però. Mica ce faje aspettà n’atu mes’ ‘e mmiezo?

Lucia

Ma sono già vestita da sposa, sono pronta. (ironica) E poi qui non si corre. (a Maccarone) Abbiamo tutto il tempo, no?

Platone

Che dobbiamo fare?

Lucia

Vediamo un po'. A me piacciono molto gli uomini con un’ andatura fiera, fatemi vedere la vostra andatura.

Pappone

Accumenciamme bbuono! Nuje simme pezziente, chi vuò ca tene st’armatura?

Lucia

Ma che armatura? L’andatura!

Pappone

Ah, l’andatura?! Io avevo capito armatura. (a Platone) Platò, nuje ‘a tenimme sta cosa?

Platone

Nun ‘o ssaccio. (a Maccarone) Maccarò, l’ hè maje truvate, n’andatura tu? Caso mai, pè dint’ ‘e bidune dà munnezza? 

Maccarone

Veramente nun l’aggio maje truvate.

Lucia

Ma che dite? L’andatura, cioè, il modo di camminare.

Pappone

Comme uno cammina? E chest’è? Io me pensavo ca era ‘na cosa ca se metteve ‘ncuollo.

Lucia

Allora, me la volete far vedere?

Maccarone

Che cosa?

Lucia

L’andatura. Incomincia tu, Platone. Fammi vedere come cammini.

Platone

(imbarazzato) Comme cammino io? E comme vuò ca cammino..?

Lucia

Fiero.

Platone

Fiero. (con imbarazzo percorre goffamente tutto il palco) Va bbuono accussì?

Lucia

Adesso tu, Maccarone.

Maccarone

(come Platone) Ecco quà!

Lucia

Pappone, tocca a te.

Pappone

Subito. (come gli altri due)

Lucia

Benissimo, adesso...

Maccarone

Ce dice cu chi te vuò spusà.

Lucia

No, non correre, è ancora presto, devo rendermi conto di altre cose, questo non basta.

Pappone

E ch’amma fa cchiù?

Lucia

A me piacciono gli uomini romantici. Vediamo, cosa fareste di romantico, per me?

Maccarone

Te screvesse ‘na poesia ogni ghiuorno.

Lucia

Bellissimo, fanne una adesso.

Maccarone

Mo, bell’ e bbuono? Nun saccio si me vene.

Lucia

Dai sforzati.

Maccarone

(pensa, poi inizia) Nun t’addurmì,

                             rieste cull’uocchje apierte, 

                             sta strada è scura scura  e tutta storta.

                             ‘E tuoje nun so dduje uocchje so  ddoje stelle

                             ca allummeno sta strada tutt’ ‘e notte.

Fallo pè mme,

nun ‘e stutà sti stelle

allummela sta strada,

famme vedè

si aggia piglià stu vico, oppure chillo

si ‘nfunn’ ‘o vico po, ce trovo a tte.

Lucia

Bellissima!

Maccarone

Sti ccose se ponne dicere sulo si ‘e ssiente veramente.

Platone

‘Nu poco ‘e cumpagnia!

Che te ‘mporta si songo brutto, viecchio e tutto spuorco.

Nun tengo argiente e oro, so pezzente.

Pè tte io tengo ‘o core sulamente.

Lucia

Ma siete dei poeti! Ma chi se lo sarebbe immaginato? Pappone, adesso tocca a tte.

Pappone

Parole nun ne tengo

ma si ‘e tenesse

io certo te dicesse

“Lucì, te voglio bbene.”

E po’ fernesse.

Lucia

Siete meravigliosi, tutti e tre!

Platone

E allora a chi vuò pè sposo?

Lucia

Non correte, non datemi fretta. Io devo decidere con chi dovrò stare per tutta la vita e non posso deciderlo così, su due piedi.

Pappone

E miettete ‘ncopp’ ‘a nu pere sulo.

Lucia

Nel senso che non posso deciderlo in fretta.

Pappone

Ma che vuò vedè, scusa? Me pare ca te vuò accattà ‘nu cane e vuò vedè chello che sape fa. Amma ditto ca uno ‘e nuje è uguale a ‘nato. Mo è ‘o mumento ‘e scegliere:  o io o Platone o Maccarone. Jamme, sciglje. 

Lucia

Ho detto che non dovete darmi fretta. Le cose fatte in fretta portano all’errore ed io non voglio e non posso sbagliare. Per esempio, se io scegliessi te (si avvicina a Pappone e lo accarezza) e poi m’accorgessi di aver sbagliato ed invece di te vrei preferito te (accarezza Platone) o te (accarezza Maccarone)

Maccarone

(ammaliato) Amma fa quacc’ata cosa?

Lucia

Si. A me piace molto ballare e mi piace l’ uomo che sa ballare, fatemi vedere come ballate.

Platone

(guardando gli altri) Ch’amma fa?

Maccarone

(a Lucia) Ch’amma ballà ‘o moderno o ‘o classico?

Lucia

Quello che volete.

Pappone

Maccarò accumience tu.

Maccarone

(inizia a “ ballare “, è ridicolo, ballano anche gli atri due, sempre in modo molto ridicolo)

Lucia

(per un po’ assiste a quell’ obbrobrio, poi non resiste e scoppia a ridere) Basta, basta per favore, non ce la faccio più!

Platone

Pecchè rire? Nun te piace comme ballammo?

Maccarone

Forse me muvevo troppo lento?

Pappone

Te prego, nun rirere, nun rirere...

Dal fondo si sentono delle grandi risate. All’improvviso gli amici di Lucia invadono il palco. Indossano costumi di Carnevale, hanno trombette, coriandoli, stelle filanti. Girando intorno ai tre barboni gli lanciano coriandoli e stelle filanti, mentre loro si rannicchiano al centro.

            

Mario

(vestito da sposo, ridendo e schernendoli) Ecco i miei rivali in amore. Ma li guardate? Come sono ridicoli. Ma come potevate pensare che Lucia...l’avete guardata bene...Lucia sposa di uno di voi? Solo degli imbecilli potevano crederci.

1 amica

(ironica) Ma siete vestiti anche voi da carnevale?

Lucia

Mario, adesso che è Carnevale li possiamo portare anche su, che ne dici?

Mario

Ma li vedi come sono ridicoli? Così vestiti non sono adatti nemmeno per carnevale.

Tutti

A carnevale ogni scherzo vale!

Continuano a girare intorno ai tre malcapitati, continuano ad insultarli, fino a quando non si annoiano e decidono di andare via.

Coriandoli e stelle filanti invadono l’ambiente. I tre, al centro del palco, restano piangenti, delusi e increduli. Platone guarda gli amici, si guarda intorno poi si alza e lentamente si avvicina all’ombrellone che si troverà in un angolo abbandonato, lo apre, piangendo, con dolore, raduna le sue forze e lo fissa a terra dirompendo in un fragoroso piando si accascia a terra. La scena si fa sempre più buia.  L’ultima scena è fatta di buio e singhiozzi.

FINE

 Gennaio 1998

 

Luciano Medusa

32

1332

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno