R’corpo d’Tonio e Gino

Stampa questo copione

LA RAPINA

R’CORPO D’TONIO E GINO

Scheda copione

Titolo

R’CORPO D’TONIO  E GINO

Autore ed aventi diritto

GIULIANO ANGELETTI  (poetangeletti@gmail.com

tel. 3317115597

Genere

COMMEDIA BRILLANTE

Atti

1

Durata (min)

60

Lingua

VERNACOLO VEZZANESE

Personaggi maschili

6

Personaggi femminili

4

Minimo attori maschili

6

Minimo attrici femminili

4

Premi e riconoscimenti

Depositato S.i.a.e.

Sezione DOR numero posizione SIAE 198563

Reparto proventi : concordato tra gli Aventi Diritto

Da effettuarsi dalla SIAE

100%

100%

R’CORPO D’TONIO E GINO

COMMEDIA

BRILLANTE

DI

GIULIANO ANGELETTI  IN VERNACOLO VEZZANESE

ATTO UNICO

PERSONAGGI:

TONIO

GINO

ARSENIO

ORTENSIA

MARISA

DIRETTORE

NERINA

ERASMO

ANSELMO

ORESTINA

ATTO UNICO

SCENA 1

TONIO – GINO

GINO:

(ECCITATO) TI È PIÀ I SODI

TONIO:

(SI FRUGA NELLE TASCHE) ECCO …

(E LI TIRA FUORI)

GINO:

(LI PRENDE E LI CONTA)

MA COS’I ENU’!

TONIO:

(HA TIRATO FUORI TUTTE LE BANCONOTE CHE AVEVA IN TASCA, LE GUARDA PERPLESSO)

I DEVU ESERA….

GINO:

(ALTERATO)

MA I SODI FAUSI QUALI ENU’!

TONIO:
(LE GIRA E LE RIGIRA, AD UNA AD UNA … POI PERPLESSO)

FORSE I SARAN CHESTI!

(LE CONTROLLA DI NUOVO)

NO LENO CHESTI!

GINO:

(STRAPPANDO LETTERALMENTE LE BANCONOTE DI MANO A TONIO)

MA FAMIA VEDERA!

(LE ESAMINA METTENDOLE IN CONTROLUCE)

MA’ TI VEDI LA DEVU ESEERA CHESTE!

(LE RIPASSA A TONIO)

A TO DITO CHE L’N CHESTIE !

TONIO:

(PRENDE LE BANCONOTE E SE LE METTE IN TASCA)

GINO:

E MO CAN FATO’ R LAVORO PU GROSSO PIGIA P’R BEN E CAMINA A FRATIA CAMBIARA

TONIO:

SI… ALLORA A VAGO!

GINO:

(METTE FRETTA)

MA T’SE ANCHA CHI, COST’ASPETI LA CAROZA

TONIO:

MA DOVE A VAGO!

GINO:

DO V’ TE VO TE, AR BAR D’R MUNICIPIO, O AR BONSAI, OPURA AR TABACCHIN DA GIANPAOLO O LA FRANCA !

TONIO:

ME ALORA A VO….

(TONIO ESCE DI SCENA)

GINO:

(PERPLESSO)

SPERIAM  C’LA VADA TUTO BEN

E SE TUTO LA VA BEN, A  NE STAMPAM COSI TANTI  CHE TUTA V’ZAN SARÀ INVASA DA EURI FALSI …

MA CANTO I GHE META!

(TONIO RIENTRA IN SCENA)

TONIO:

(SODDISFATTO)

TUTO BEN,  A SON RIUSCI  A CAMBIARA TUTI I SOLDI

(COMPIACENDOSI)

ME A SON …

N GRAN FALSARIO …

ME A SON

R’ PÙ BRAVO D’ TUTI

GINO:

BRAVO TONIO

MA I BIGETI CHI GROSI TE GI E’ CAMBIA’

TONIO:

SI … SA TO ITO CHE A SON STA PU CHE BRAVO

GINO:

E COS’ TE COMPRA

TONIO:

N’ CIOCOLATIN DA LA FRANCA, DOI ZOLFANEI DA GIANPAOLO E L’OCASION AR BAR

GINO:

P’RCHÉ L’OCCASION

TONIO:

(AD ALTA VOCE)

P’RCHÉ L’OCCASION FA L’UOMO LADRO

GINO:

TIRA FORA U  RESTO CA MIRAN

TONIO:

(TIRA FUORI I RESTI DALLE TASCHE)

ECCO!

GINO:

(PRENDE I RESTI)

FAMME VEDERA BEN, TIRA FORA ANCA I SODI BON

TONIO:

(SI SVUOTA COMPLETAMENTE LE TASCHE)

(ENTRAMBI SI SIEDONO SULLA PANCHINA)

GINO:
(LEGGENDO IL PRIMO SCONTRINO FISCALE)

DONCA U CIOCOLATIN PU I ZORFANEI, I VENU DOU EURO, N’BOZA A TE TE DOVRESTI AVERA

(CONTA)

498 BRUTTO SEMO I T’AN FREGA’

TONIO:

(FRUGANDOSI IN TASCA)

 ECCO I SODI VERI …

GINO:

(PRENDE I SOLDI E LI CONTROLLA)

(INFEROCITO)

MA QUESTI IENO FAUSI!

TONIO:

(SCUSANDOSI E GIUSTIFICANDOSI)

GINO ME HO PROVA A DARE  I 500 FALSI MA GINPAOLO I NI HA VOSU’

GINO:

(INFEROCITO)

COME I NI HA VOSU’ !

TONIO:

ANZI I MA ITO!

GINO:

COS’I HA ITO!

TONIO:

DOVE TE VE ANDARA CON I SODI D’R MONOPOLI

GINO:

(INFURIATO)

È VERO! I ENO I SODI D’R MONOPOLI …

(SCONSOLATO)

TE SE  MATO TONIO, SEI MATTO, E STO DIVENTANDO MATTO ANCA ME

TONIO:

(SORRIDENDO)

NE TE PREOCCUPARE! E NON ARRABBIARTE, ALTRIMENTI A TE  SE ISA LA PRESSION

GINO:

BASTA !  A SMETTO DE FARE R’ LADRO E MEN  VAGO A LAVORARE

TONIO:

(PASSANDO L’OCCASIONE ALL’AMICO)

TEN  MIRA, MAGARA TE TROVI CALCHE ANNUNCIO CHE TE INTERESSA!

GINO:

(ALTERATO)

TONIO SMETETA !

TONIO:

MA ME A LO DISEVO P’R TE!

GINO:

(SEDUTO SULLA PANCHINA)

VA BENE … DAMME L’OCCASION

(LO SFOGLIA)

TONIO ….

TONIO:

SI

GINO:

(EUFORICO)

A FAREM N’ CORPO ECCEZIONALE

(SI ALZA DALLA PANCHINA)

IN E PARLERAN AI PRADI, VALERAN E BOTAGNA P’R ANI

TONIO:

A DIVENTEREM  RICHI

GINO:

RICCHISSIMI …

TONIO:

E COSA FEMO!

GINO:

AVVICINATI

(SILENZIO E CHE NON CI SENTA NESSUNO)

(TONIO SI AVVICINA)

TONIO … NOI A RAPINEREM  LE POSTE DE V’ZAN

TONIO:

(SODDISFATTO)

MENO MALE, COSÌ SE MI PIO PER UN PO’ A  RITORNO IN CARBONA

GINO:

STAVOLTA I NE GHE PIO, HO STUDIA TUTO N’TI MINIMI PARTICOLARI

TONIO:

MA ME A VOI FAME CIAPAE

GINO:

(CON LA CANTILENA)

MA ME A VOI FAME CIAPAE

(FEROCE)

STA ZITO SEMO

TONIO:

VA BEN, BASTA CHE N’TE TE N’CAZZI …DIME

GINO:

PRIMA DI TUTTO A GHE SERVA NA MACCHINA

TONIO:

ME A NE GHE L’HO, E A NE GO MANCO LA PATENTE

GINO:

MANCO ME!

BISOGNA TROVARA CARCHE DUN CHI GABIA SIA MACCHINA CHE PATENTE

TONIO:

A LO TROVEMO SULL’OCCASION

GINO:

MA CHI LA GUIDA!

TONIO:

ME NO!

GINO:

(ALTERATO)

ALORA SEMO A TROVEREN  SIA LA MACCHINA CHE L’AUTISTA SULL’OCCASION

BASTA FARA N ‘BELLO ANNUNZIO

TE GHE N’LAPIS E N’PAPERO …

TONIO

(SI FRUGA NELLE TASCHE)

SI!

(E PASSA A GINO  FOGLIO E PENNA)

GINO:

MA LA NE SCRIVA!

TONIO:

(NE PASSA UN’ ALTRA)

CIAPA STA CHI

GINO:

MA LA NE SCRIVA! MA COSA TE TEN N’ TA BOGIA NA BIRO CA NE SCRIVA

TONIO:

A ME DISPIASEVA BUTALA VIA … COMUNQUE A GHE NO N’AUTRA …

GINO:

(PROVA LA PENNA)

QUESTA LA SCRIVA!

(E SCRIVE SU UN NOTES)

CERCASI AUTISTA AUTOMUNITO PER RAPINA ALLE POSTE

VA BENE!

TONIO:

NO LA MANCA QUALCO

GINO:

R’ TIPO DI PATENTE … VERO

TONIO:

GINO PERCHÉ LA GHE SCRITTO IN OGNI ANNUNCIO LAVORO FISSO O INTERINALE, INTESTINALE E COSA LA VO DIRE GINO

GINO:

(PERPLESSO)

FESSO SI SA …. INTESTINALE È UNO CHE I GA NA MASSA DI CORPO:

COMUNQUE

(SCRIVE DI NUOVO)

NOI A GHE SCRIVEMO TUTTO, TANTO PER NON SBAGIAE

RICHIESTA DI LAVORO: CERCASI AUTISTA CON PATENTE B AUTOMUNITO PER RAPINA ALLE POSTE DI FOLLO FESSO E INTESTINALE

ADESSO ANDEMO A FARE L’ANNUNCIO

(TONIO E GINO ESCONO DI SCENA)

SCENA 2

ORTENSIA – MARISA

(ENTRA MARISA CON PASSO STANCO E SI SIEDE SU UNO SGABELLO AL CENTRO. ENTRA ORTENSIA SBADIGLIANDO, POSA LA BORSA)

ORTENSIA:

(VOLTANDOSI E ACCORGENDOSI DI ORTENSIA)

BONA GIORNA’

MARISA:

(SBADIGLIA)

 BONA GIORNA’!A SE PRONTA PER LA GARA ?

ORTENSIA:

(STANCAMENTE)

 META N’ MOTO LE MACCHINE

MARISA:

( CONTINUA IL SUO DISCORSO)

A  GO N DOLORE QUI…

(SI TOCCA LA BOCCA DELLO STOMACO)

POI I ZIRA ANCORA PER COSÌ …

(SI TOCCA LA PANCIA E POI IL COLLO )

ORTENSIA:

(AD ALTA VOCE)

DIRETTORE DOI MINUTI D’ SOSPENSION,  FE ENTRARE I DOTORI E I MASSAGGIATORI

(IL DIRETTORE, FUORI SCENA, VOCE IMPERIOSA)

IL DIRETTORE:

REPARTO SANITARIO AL PROPRIO POSTO

(ENTRANO I MASSAGGIATORI E MASSAGGIANO LE DUE OPERATRICI)

(UN UTENTE GRIDANDO DA FUORI SCENA)

L’E’ SI O NO L’ORA REVI’ !

ORTENSIA:

(IGNORA LA VOCE DELL’UTENTE, PARLA AL DIRETTORE CHE È SEMPRE FUORI SCENA)

DIRETTORE TIME AUT …

(IL DIRETTORE  FUORI SCENA , RISPONDE)

IL DIRETTORE:

(PERPLESSO)

TIME AUT! COSA LA GHE D’NUOVO, MO A SE METEMO A PARLAR FORESTO!

MARISA:

 (CON FRENESIA)

A DIGO  ALL’ANTIDOPING CHA PIGIO NA PASTICCA P’R N’ PROBLEMIN

IL DIRETTORE

(ENTRA ED ESCE DI SCENA)

CHE PROBLEMIN LA SARESA!

MARISA:

(RISOLUTA)

C’È LA PRIVATY

IL DIRETTORE:

(RISOLUTO)

MA ME A LO DEVO SAVERE

MARISA:

MA ME AL LO DIGO!

IL DIRETTORE:

E ME AN’LA FACCIO PARTECIPARA!

MARISA:

(PERPLESSA)

MA ME A VOI FARA LA GARA

IL DIRETTORE:

(SOTTOVOCE)

LA META N’ FOGIETTO SOTTO LA PORTA DEL MEO UFFICIO… LE ASSICURO CHA RIMANA TUTTO TRA DE NOI

(MARISA CERCANDO DI NON FARSI NOTARE METTE UN FOGLIETTO SOTTO LA PORTA DELL’UFFICIO DEL DIRETTORE, POI SI RIMETTE A SEDERE)

IL DIRETTORE:

(AD ALTA VOCE)

N’ PO DE MAR DE TESTA, CONCESSO ….

ME A SCRIVO CHE MARISA BOTTI LA PIGIA PER LA GARA ODIERNA UN ASPIRINA MA

MARISA

(PRENDE L’ASPIRINA FOSFORESCENTE CON CALMA LA BEVE)

ORTENSIA:

(ALTERATA)

A ME L’AN ME PARA NA BELA COSA!

IL DIRETTORE:

QUEL CHE L’E’ GIUSTO A U DECIDO ME  …

(BREVE PAUSA)

A MANCO  DOI MINUTI, DOI MINUTI ALLA PARTENZA! I CORRIDORI I COMINZO A SCAUDAZE

(UN UTENTE GRIDANDO DA FUORI SCENA)

È ORA!  AREVI ! NOI A SIAN PRONTI …

MIRE CHE ME A FAGO ESPOSTO AL DIRETTORE

(DA FUORI SCENA , RISPONDE)

IL DIRETTORE:

(ALTEZZOSO)

A PODE’ FARE N’ESPOSTO ANCHE AU MINISTRO LA MANCO SEMPRE DOI MINUTI

ORTENSIA:

(SVOGLIATA)

 

TUTTI I GIORNI LA SOLITA CORSA

DA NOI A NE SUCCEDA MAI N’ CAZO

( MARISA E ORTENSIA FANNO PRERISCALDAMENTO)

MARISA:

A SON PRONTA

ORTENSIA:

ANCA ME!

MARISA:

ALORA ALA MACCHINA

ORTENSIA:

TRA N’MINUTO LA SE REVA

MARISA:

TE SE CARCO’ D’R CONTRATTO

ORTENSIA:

MA A NE  SO NIENTA, LA S’ NE OCCUPERÀ L’ORGANO COMPETENTE E IL MEMBRO DELLA COMMISSION

AVANTI…

MARISA:

COMPUTER , A COMINCIAN!

ORTENSIA:

CHE NOIA, A NE SUCCEDA MAI NIENTE IN QUEST’UFFICIO!

MARISA:
DIRETTORE A SE REVA!

(ERASMO, VOCE FUORI CAMPO)

ERASMO:

(ALTERATO)

AREVI … L’È L’ORA A SON LE 8 N’PUNTO, SE NON AREVI ME A CHIEDO DE PROTESTARA CON IL DIRETTORE. ME A SON IN SOVRALLENAMENTO

(VOCE FUORI CAMPO)

IL DIRETTORE:

(ALTERATO)

A SON ME L’ DIRETTORE

(IL DIRETTORE LEGGE IL REGOLAMENTO)

RICORDANDOVE A TUTI R’ PRINCIPIO D’ SPORTIVITA’ L’ENTE I VE AUGURA BONA CORSA E N BOCCA AL LUPO

(FUORI SCENA)

ANSELMO:

CREPI

IL DIRETTORE

(FUORI SCENA )

PRONTI

ATTENTI TEGNIVE PRONTI

(ATTENZIONE ALLO SPARO)

BANG

(VOCE FUORI CAMPO)

NERINA:

( RIVOLTO AD UN ALTRO UTENTE)

PIANO CON I CAUZI, ARTRIMENTI ME A LA FO SQUALIFICARE

(ENTRANO E SI GETTANO SUL NUMERO E SE LO METTONO AL COLLO, UNO DI LORO NON PRENDE IL NUMERO, MA SI METTE IN FILA LO STESSO)

SCENA 3

ORTENSIA – MARISA – NERINA – ERASMO - ANSELMO

(TUTTI IMMOBILI COME STATUE)

ANSELMO:

(LEGGE UN COMUNICATO)

GLI UTENTI CHIEDONO LA SQUALIFICA DEL SIGNOR ERASMO PER COMPORTAMENTO SCORRETTO

ERASMO:

(ALTERATO)

MA A SCHERZEMO …

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

CONSEGNE LE VOSTRE DIMOSTRANZE, TUTTI I CASI SARANNO PIA’ IN CONSIDERAZION ALLA FIN DEL PROSSIMO MESE

NERINA:

(ALTERATA)

ME A  SCRIVO AL MINISTRO E VE FO LICENZIARE

(VOCE FUORI CAMPO)

IL DIRETTORE:

R’ MINISTRO I È ME CUSINO, STIA ATTENTO LE A NON ALZARE TROPPO LA VOSE ALTRIMENTI A SON ME  CHE A LA FO LICENZIARE DALL’ARSENALE

(BREVE PAUSA)

E MO PER LA PROVA RICOMPENSA A REVIMO

TUTTI GLI UTENTI :

(IN CORO )

AREVA !

MARISA E ORTENSIA

( IN PIEDI SI SFREGANO LE MANI)

(VOCE FUORI CAMPO)

IL DIRETTORE:

(SCOCCIATO)

VA BENE AREVIMO …

IL DIRETTORE:

ALLO SPORTELLO 1 IL NUMERO 41

NERINA:

(EUFORICA)

SONO IO !

ME !

ORTENSIA:

(DELUSA)

ME… A REVO ME

(METTE IL CARTELLO)

 

OPEN

MARISA:

(SODDISFATTA)

E ME A ME PIO UN RECUPERO PSCICOFISICO

(CHIUDE LO SPORTELLO)

SCENA 4

ERASMO – ANSELMO – NERINA - ORTENSIA

NERINA:

TOCCA ME

ME A GO IL NUMERO 41

ERASMO:

NO TOCCA ME, ME A SONO ENTRATO PER PRIMO MA A ME  SON DIMENTICA DI PIARE IL NUMERO

NERINA:

QUESTO NON MI INTERESSA, IO HO IL NUMERO 41 E VOI … NIENTE

ERASMO:

ME A SON ENTRA PRIMA DE VOI, E ALORA MO A VAGO ME

NERINA:

TOCCA A ME … TOCCA ME

ERASMO:

(PERPLESSO)

NERINA:
TOCCA ME! TOCCA ME!

ERASMO:

MA ! IO ….

NERINA:

TOCCA ME …

ERASMO:

(PERPLESSO)

VA BEN … HO CAPI

ERASMO:

(ABBRACCIA FOCOSO NERINA)

VIENI QUI BRIOSCONA!

NERINA:

(DIVINCOLANDOSI)

MA VOI A SE MATTO!

COSA A FE!

È INUTILE CHE A SPINGE’

TOCCA ME!

ERASMO:

(PERPLESSO)

ME A NE CAPISO!

(ANSELMO CHE ASPETTA FURIOSO)

ANSELMO:

MA COSA A GHE VA IL NOTARO PER FARE UNA RACCOMANDATA

NERINA:
DOPO TOCCA ME!

ANSELMO:

(ENTRA PREPOTENTE)

TOCCA ME IO HO IL NUMERO 42

VADO IO CHE HO FRETTA

NERINA:

TOCCA  ME!

ANSELMO:

IO HO IL NUMERO 42

QUINDI TOCCA  ME

ERASMO:

IO VERAMENTE

ANSELMO:

TOCCA ME! E BASSTA . E POI … NE ME GUARDARE CON QUELLA FACCIA, ALTRIMENTI TE LA ROMPO A FORZA DE SCIAFON

E ADESSO TOCCA  ME!

ERASMO:

(RIVOLTO A NERINA)

CHE COSA A VOLE’ !

NERINA:

(A BASSA VOCE)

VUOLE CHE LO TOCCHI!

ERASMO:

MA LEI LE SICURA!

ANSELMO:

COSA HA DA MIRARE! TOCCALO !

ERASMO:

(PERPLESSO)

ME A ‘N ME LA SENTO

NERINA:

(FA IL GESTO DI ALLUNGARE LA MANO)

ALLUNGHI LA MANO

ERASMO:

MA …I  È N ‘UOMO E NON L’HO MAI FATTO

NERINA:

(MOSTRANDO LA MANO)

MA BASTA ALLUNGARE LA MAN

ERASMO:

(ALLUNGA LA MANO POI LA RITTRAE)

A NE ME LA SENTO! E POII E’ N ‘ OMO

ANSELMO:

(SI SENTE OSSERVATO SI VOLTA DI SCATTO)

COSA HA DA GUARDARE ! TOCCA ME

(ANSELMO SI VOLTA DI NUOVO VERSO LA CASSA)

ERASMO:

(ALLUNGA LA MANO)

(NERINA SPINGE LA MANO DI ERASMO VERSO IL SEDERE DI ANSELMO CHE SI GIRA DI SCATTO)

ANSELMO:

(MINACCIOSO)

NON SOLO LEI I È UN PREPOTENTE, MA ANCHE UN DEPRAVATO

ERASMO:

ME A NE VOLEVO MA LEI … INSISTEVA CON

TOCCA ME … TOCCA ME …

… ED IO HO DOVU… FALO

ANSELMO:

HO DOVUTO! MA PER CHII  MI HA PIA’!

ORTENSIA:

ALLORA SBRIGHEVE ME A  NON GO TEMPO DA PERDERE

(ENTRA ANSELMO ALLO SPORTELLO)

ANSELMO:

HO UNA BOLLETTA

E POI HO QUESTO!

ORTENSIA:

(IGNORA L’UTENTE E RIVOLTA A MARISA PARLA DEL SINDACATO)

MARISA, I GHE LA FARAN GLI RIUSCIRANNO GLI ORGANI COMPETENTI A RISOLVERE LA SITUAZION

MARISA:

(FUORI SCENA)

SE I SE MUVONO GLI ORGANI COMPETENTI VEDRAI CHE QUALCOSA SUCCEDE

ANSELMO:

(ALTERATO)

ALLORA A SE SBRIGHIEMO

ORTENSIA:

(ALTERATA)

PORTA UN PO’ DI PAZIENZA …

(ANSELMO IN SILENZIO CONSEGNA LE CARTE ALLO SPORTELLO)

(IN FILA ERASMO E NERINA)

ERASMO:

SIGNORINA!

NERINA:

SI!

ERASMO:

SIGNORINA LA S’ARCORDA ….POCO TEMPO FA ME A L’HO ABBRACCIA’

NERINA:

SI, E ALLORA!

ERASMO:

R’ MEO ORGANO COMPETENTE

NERINA:

COME A SARESE

ERASMO:

I SÈ MOSSO!

NERINA:

MA COSA A DISE!

ERASMO:

HO SENTI CHE I  SE DEVU MOVERE GLI ORGANI COMPETENTI

NERINA:

(AD ALTA VOCE)

MA PER CHI I MA PIA’ : ME A CIAMO LE GUARDIE

ERASMO:

SI ! CIAME LE GUARDIE ME A VOI LE GUARDIE

NERINA:

A SON ME CHE A CIAMO LE GUARDIE

ERASMO:

SONO IO CHE CHIAMO LE GUARDIE

NERINA:

PERCHÉ LEI A CIAMA LE GUARDIE

ERASMO:

LEI CIAMA LE GUARDIE ED IO CIAMO LE GUARDIE

(INTERVIENE ORTENSIA ANSELMO È SEMPRE SILENZIOSO DAVANTI ALLO SPORTELLO)

ORTENSIA:

(AD ALTA VOCE E VERSO I DUE UTENTI IN CODA)

SMETTELA ALTRIMENTI ME E VE BUTTO FORA

(ERASMO E NERINA IN UNISONO)

COLPA SUA!

ORTENSIA:

L’AN ME INTERESSA DE CHI È LA COLPA

ADESSO TEGNI LA FILA

( ERASMO ABBRACCIA NERINA)

NERINA:

MA COSA FA!

ERASMO:

A TEGNO LA FILA CON L’ORGANO INTERNO

(ERASMO SMETTE DI ABBRACCIARE NERINA)

ORTENSIA:

(RISOLUTA)

SMETTELA  E VEGNI AVANTI

LEI ANSELMOI ENTRI IN QUELL’ UFFICIO …

(NERINA E ORESTE IN UNISONO )

NOI!

(SI AVVICINANO ALLO SPORTELLO CONTEMPORANEAMENTE)

ORTENSIA:

ECCO L’ESPRESSO!

ERASMO

(CALMO)

NO ME L’ESPRESSO A LO HO PIGIA’ PRIMA DELLA SIGNORINA. L’HO PRESO A CASA ALLE CINQUE PRIMA DEL CANTO DEL GALLO … E POI TROPPI CAFFÈ MI FANNO MALE. ME A SOFFRO DE PRESSIONE

ORTENSIA:

(RISOLUTA)

MA COSA AVE’ CAPI. ME A VOLEVO DIRE: LA POSTA … LA LETTERA. LA POSTA PRIORITARIA

ERASMO:

( MERAVIGLIATO)

CHELLA DEL PRETE?

NERINA:

(SCOCCIATA)

LA POSTA DEL PRETE LA PRENDERÀ LA PERPETUA … ME AN LA PIO PER RAGIONI DI PRINCIPIO

(SI SENTE SCOCCARE L’ORA)

ORTENSIA:

(CHIUDE LO SPORTELLO)

FINALMENTE … PAUSA PSICOFISICA

NERINA:

(ALTERATA)

MA COMA ! HA REVERTO MO

ORTENSIA:

(ALTERATA)

E ALLORA …

MA A GO IL DIRITTO DI ANDARE A FARE NA PISADA SI O NO!

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

IL NUMERO 2 E IL NUMERO 3 NELLA STANZA 1

ERASMO:

A SIAN NOI

NERINA:

(ECCITATA)

NOI …. NOI

CHISSÀ COSA I VORRANNO

(I DUE ESCONO DI SCENA)

ORTENSIA

(ABBASSA LO SPORTELLO E METTE IL CARTELLO CLOSE)

SCENA 5

GINO – TONIO

(PANCHINA AL PARCO: GINO TRASCINA TONIO)

GINO:

ANDEMO DAI !

TONIO:

MA AN GHE NE HO VOGLIA, ME A VOI ANDARA A VEDERE RAMBO

GINO:

MA CHE RAMBO! VIENI CHE A TE FACCIO RICO

TONIO:

RICO MA CHI È STO RICO, ME AN LO CONOSO

GINO:

MA QUELLO DELL’ANNUNCIO

TONIO:

(PERPLESSO)

VERRÀ QUESTO RICCO!

GINO:

(CONVINTO)

VERRÀ! VERRÀ!

HA RISPOSTO ALL’ANNUNCIO!

TONIO:

MA TEI SIGURO

GINO:

ORA A LO LEZO

(TIRA FUORI IL GIORNALE)

DISPONIBILE PER RAPINA UOMO PRESTANTE AUTOMUNITO CON LEGGERO MOVIMENTO DI CORPO

TONIO:

(ALTERATO)

SE LU I NE VEN …  A VO A RIVEDERMI RAMBO

GINO:

(CERCA DI PRENDERE TEMPO)

VIENE … VIENE, VEDRAI CHI VEN

(TONIO È SEDUTO SULLA PANCHINA MENTRE GINO GIRA NERVOSAMENTE PER IL PALCO, GINO SI POSIZIONA A LATO DELLA SCENA)

SCENA 6

ARSENIO – GINO – TONIO

(ENTRA ARSENIO)

ARSENIO:

(TRA SE E SE)

CHESTO I DEV’ESSER  È IL LUOGO DELL’APPUNTAMENTO

(GUARDA FISSO TONIO)

E GUARDA QUESTO CHI CHE FACCIA, CHE RAZZA DE DELINQUENTE CHE DEVA ESSER,  SEMBRA UN ERGASTOLANO. E POI CHE GHIGNA DEVO STARE ATTENTO AL PORTAFOGLIO

(PERPLESSO)

MA SE FOSSE PROPRIO LU … IL COMMITTENTE

( GLI FA L’OCCHIOLINO E AMMICCA CON LE LABBRA)

TONIO:

(SEMPRE SEDUTO SULLA PANCHINA LO GUARDA PERPLESSO, E TRA SE E SE)

CHE VUOLE CHESTO DA ME?

(ARSENIO CONTINUA AD AMMICCARE)

TONIO:

(SI ALZA E SE NE VÀ)

(LO FERMA GINO)

GINO:

(BLOCCA TONIO)

DOVE TE VE!

TONIO:

A MEN VAGO VIA! TE VISTO CHELO LÀ  I ME FA L’OCCHIOLINO E MI MANDA I BACINIME A NE SON  MICA  GAY IO! E ORA ME A MEN  VAGO A VEDERE RAMBO !

GINO:

ASPETTA E SE PER CASO CHESTO I È R’ NOSTRO UOMO!

TONIO:

NO, IL MIO NO! SE È IL TUO… NON SO E POI SONO FATTI TUO, NON MI INTERESSA SE TU ASPETTI UN UOMO  ADESSO VADO A VEDERE RAMBO

GINO:

TAMBURO FERMATE ! TORNA A SETARTE ! ORA A GHE PENSO ME.

(TONIO TORNA A SEDERSI)

(GINO SI AVVICINA AD ARSENIO)

ARSENIO:

(SCHIACCIA L’OCCHIO E MANDA I BACINI)

GINO:

(SCHIACCIA L’OCCHIO E A SUA VOLTA MANDA I BACINI)

GINO:

(CANTICCHIA)

TIRI TIRI TIRI TERA

ARSENIO:

(CANTICCHIA)

BRUTTA FACCIA DA GALERA

GINO E ARSENIO

(CANTICCHIANO)

IN GALERA CI VAI TU

ARSENIO E GINO:

(ALZANO LE MANI LE BATTONO )

ALZA LE BRACCIA  E BATTI LE MANI  SU E GIÙ …

TONIO:

A GHE VO ME IN GALERA, SE NON AUTRO A SE STA AR FRESCO  E SI VEDO TANTI FILM

ARSENIO E GINO

(SI ABBRACCIANO)

SEI TU!

ARSENIO:

(GUARDANDO TONIO)

E LU CHI È!

GINO:

LU I È R’ME SOCIO

ARSENIO:

(LO GUARDA)

IN ME SEMBRA TANTO A POSTO

GINO:

NON TI LASCIARE INGANNARE DALLE APPARENZE,LU I  È N’ OMO FIDA  E CON TANTA ESPERIENZA

(CIRCOSCRITTO PARLA NELLE ORECCHIE AD ARSENIO)

IE  N ‘ OMO SPIETA!

ARSENIO:

R’ SO ULTIMO FURTO

TONIO:

IL GALLO DEL PRETE

ARSENIO:

N’ FURTO DE PRESTIGIO!

GINO:

LA CARNE L’ ERA BUONA

ARSENIO:

(SI SFREGA LE MANI)

BENE … BENE …

ME A SON VEGNU PER L’ANNUNCIO

GINO:

VEDIAMO A GHE LA VE LA  PATENTE

ARSENIO:

(LA MOSTRA E LA PASSA A GINO CHE LA ESAMINA)

GINO:

LA FOTO L’È UN PO’ VECIA

ARSENIO:

A G’ AVEVO 18 ANNI

GINO:

(LO AMMONISCE)

SCADE TRA DOI  ANNI, RECORDATE  CHE TE DEVI FARE IL RINNOVO

ARSENIO:

L’AUTO È …

GINO:

CHE MODELLO!

TONIO:

ME A VOI SAVERE IL MODELO!

GINO:

UNA FIAT PANDA !

TONIO:

(ALTERATO)

UNA PANDA ! NO L’AN  SE PO FARE UNA RAPINA CON NA PANDA

GINO:

TE  SENTI ! CHE SOCIO SCEMO CA  GO

TONIO:

(ALTERATO E PIUTTOSTO INFANTILE)

SCEMO SARAI TE … ME A VI FARE LA RAPINA CON UNA JAGUAR

(AD ALTA VOCE)

COME DIABOLIK

GINO:

(CERCANDO DI CALMARLO)

NO TONIO! L’AN SE PO …

(RIVOLTO AD ARSENIO)

TONIO È SPECIALIZZATO IN FURTO DI DIABOLIK

ARSENIO:

(INTERESSATO)

RACCONTAME DI TOI PRESTIGIOSI COLPI

TONIO:

( BREVE PAUSA, SI GRATTA LA TESTA MOSTRANDO IMBARAZZO POI RACCONTA)

IL MIO ULTIMO COLPO I È STA UN’AZIONE STREPITOSA, QUATTO … QUATTO, A ME SON INTRODOTTO N’ TE NA CA, A SON ENTRA  NEL GIARDINO E SUBITO UN CANE CHE SEMBRAVA UN LEONE

MI SI È AVVICINATO

ARSENIO:

(INTERESSATO)

ALLORA TE LE NARCOTIZZA’ …

TONIO:

( SEMPRE MOSTRANDO IMBARAZZO)

NO … I MI HA DATO DOI MORSI E POI SE NE È ANDA … ALLORA A SON ENTRA IN CA E HO APERTO LA CASSAFORTE

ARSENIO:

( ECCITATO)

E DENTRO COSA C’ERA

UN MARE DI GIOIELLI

TONIO:

(ECCITATO)

PIEN, PIEN  A GHERANO COLLANE BRACCIALETTI, ORO E DIAMANTI

ARSENIO:

TE FATO N’ BER COLPO

TONIO:

NO!

ARSENIO:

(PERPLESSO)

PERCHÉ!

TONIO:

HO VISTO SEI DIABOLIK, ERANO I NUMERI CHI ME MANCHEVU E HO PRESO QUELLI, LASCIANDO LI I GIOIELLI

ARSENIO:

(PERPLESSO)

COMA ! A NE CAPISO

TONIO:

(PIENO DI SE)

ME A SONO N ‘VERO LADRO, N LADRO CHI SA RUBARA

(BREVE PAUSA)

(IN MODO INFANTILE)

 MA AN LA FAGO NA RAPINA CON LA FIAT PANDA

ARSENIO:

MA L’È NOVA E LA DEVO ANCORA FINIRE DI PAGARLA

TONIO:

(INFANTILE)

ME NON LA VOI LA PANDA PER LA RAPINA, SE POI I ME PIGIU CHE FIGURA A GHE FAGO IN GALERA

GINO:

(CHE ASCOLTAVA TUTTO IN SILENZIO)

VA BEN LA PANDA

ARSENIO:

(INTERESSATO)

MA IL CONTRATTO È FESSO O INTESTINALE

GINO:

(PRENDE UN NOTES DALLA TASCA)

LEI È INTESTINALE, SÌ O NO!

(PRENDE APPUNTI)

ARSENIO:

A GO UN PO’ DE COLITE … MA NON PIÙ DE TANTO

GINO:

MA LEI È FESSO!

ARSENIO:

UN POCHINO, MA ANCHE LEI È FESSO

GINO:

UN POCHINO

ARSENIO:

MA ANCHE TONIO È FESSO

TONIO:

SI A LO SON ANCHE ME

GINO :

ALLORA A  SEMO TRE FESSI E A POSSIAN COMINCIARA …

(CONFABULANO)

GINO:

(ZITTISCE TUTTI)

ARSENIO:

(PREOCCUPATO)

COSA A GHE!

GINO:

(CHIAMA TUTTI A SE FANNO UN CROCCHIO)

NEL PUBBLICO HO VISTO IL COMANDANTE DEI VIGILI, A  NE VORREI CHE …. A SEMO SORVEGLIA’ , A FEMO GLI INDIFFERENTI!

(GIRANO PER IL PALCO FISCHIANDO)

GINO:

(INDICANDOLO)

E’ LAGGIÙ …FA FINTA DE NIENTE

ARSENIO:

SI! A FEMO FINTA DE NIENTE!

TONIO:

(A VOCE ALTA)

CIAO MASSIMO COME LA VA!

(DAL PUBBLICO RISPONDE UNA VOCE)

BEN!

TONIO:

NOI OGGI A RAPINAMO LE POSTE, MA FACCIAM PRESTO, A SE  VEDIAMO AL BAR DELLA JOLE … ASPETTATEME PER L’APERITIVO

GINO:

(RIVOLTO A TONIO)

MA TE SE SEMO

ARSENIO:

(RIVOLTO A TONIO)

O SONA’ VA A VEDERE RAMBO CHE LÈ MEGIO

TONIO:

(ALTERATO)

SONA’ A SARE VOI … FIGURIAMOSE SE L’AN SE PÒ NEPPURE SALUTARE I AMIGHI …

GINO:

FE SILENZIO!  DISCREZION …

(RIVOLTO A TONIO)

NOI A FEMO I CONTI DOPO …

GINO:

( CHIAMA I COMPLICI)

VENITE QUA!

(SI AVVICINANO)

(CONFABULANO TRA LORO FORMANDO UN CROCCHIO)

HO STUDIA’  R’ PIANO N’TI  MINIMI PARTICOLARI!

TONIO PORTA LA PIANTA

( E TONIO PORTA UNA PIANTA ORNAMENTALE )

NON LA PIANTA MA LA PIANTINA

(TONIO PORTA LA PIANTA FUORI SCENA E TORNA CON UNA PIANTINA ORNAMENTALE)

TONIO:

QUESTA È L’ULTIMA CHE MI È RIMASTA IN NEGOZIO

ARSENIO:

TE LE SVALIGA’

TONIO:

NO!

ARSENIO:

PERCHÉ!

TONIO:

(ALTERATO)

NON SONO COSÌ SEMO DA ANDARE A RUBARE N’CA MEA

GINO:

(ALTERATO E A VOCE ALTA)

M A NE VOI LA PIANTINA!  ME A VOI LA MAPA!

TONIO:

(ALTERATO)

BASTA DIRLO, E SENZA URLARE … PER FAVORE

(TONIO PORTA LA MAPPA)

GINO:

(LA APRE LA STENDE PER TERRA E TUTTI FORMANO UN CROCCHIO)

ECCO ME E TONIO A ENTREMO DALLA PORTA E A DISEMO

CHESTA L’È NA RAPINA!

ARSENIO:

E LORO!

GINO:

E LORO VEDENDO DOI TIPI LOSCHI ENTRARE ARMATI I SE PIO PAGURA

ARSENIO:

(RIDE)

ME AN ME PIO PAGURA!

TONIO:

MA TE N’TE DEVI PIARTE PAGURA

GINO:

ALLORA A RIPIEMO R’ DISCORSO… ME A  ENTRO DENTRO E A DIGO!

ARSENIO:

COS TE DISI!

GINO:

O LA BORSA O LA VITA

ARSENIO

MA STA FRASE I LA DISEVA R’ PASSATORE

GINO

ALLORA COSA A DISO!

TONIO:

(MIMANDO)

RIEMPI  STA BORSA

ALTRIMENTI  A SPARO

(E TIRA FUORI DUE PISTOLE CHE SPARANO SILICONE)

ARSENIO:

(INTERESSATO)

A ME SERVIVA PROPRIO UN PO’ DI SILICONE A CASA PER N ‘VEDRO

GINO:

MA DOVE TE LE TROVA LE PISTOLE AL SILICONE

TONIO:

DA GALASSO… HO FATTO UN’ AFFARE IERO  IN OFFERTA 7 EURO CON IL SILICONE

GINO:

SI ME A RENTRO IN POSTA A FARE UNA RAPINA COR IL SILICONE

TONIO:

TE PO INCOLLARE LE MAN ALLE CASSIERE

ARSENIO:

MANDELO VIA  STO SEMELON , MANDELO A VEDER RAMBO

TONIO:

(SODDISFATTO)

ALLORA ME A VAGO … A VEDERE

(A VOCE ALTA)

RAMBO … E POI …I  ME ASPETTO  AR BAR …

GINO:

(LO FERMA)

DOVE TE VE! TE SE N ‘ OMO DETERMINANTE, RICORDATE DE PORTARE IL SACCO

TONIO:

NON PREOCCUPARTE! ADESSO A VAGO A  PRENDERE LE MASCHERE

ARSENIO:

E ME  ICHE COMPITO A GO!

GINO:

TU FA R’ PALO E TEN LA MACCHINA CON IL MOTORE ACCESO

ARSENIO:

ME A  NE TEGNO LA MACCHINA CON IL MOTORE ACCESO CONSUMO LA BENZINA E IN PIÙ INQUINA

GINO:

(TRA SE E SE)

CONSUMA LA BENZINA, IO QUESTO LO FACCIO RICCO E LUI I ME VIEN A DIRA CHE CONSUMA LA BENZINA

TONIO:

(SENTENDO)

MA STO RICCO VIENE O NO!

GINO:

TONIO FINISELA! MA LA MACCHINA

ARSENIO:

ME LA MACCHINA A LA TEGNO SPENTA

GINO:

FAI COME TE VO

TE DEVI FARA ANCHE R’ PALO!

ARSENIO:

IL PALO! SPIEGATE!

GINO:

TE DEVI RIMANERE FERMO, ZITTO ED IMMOBILE, E SE TE VEDI QUALCUNO CI DEVI AVVERTIRE, TE DEVI ESSERE N’ PALO.

ARSENIO:

MA NE A NE VOI FARE IL PALO!

GINO:

PERCHÉ!

ARSENIO:

PERCHÉ N’TI  PALI I GHE FANNO LA PIPÌ I CANI

GINO:

SE ARRIVA N CANE TE GHE DE N’CAUZO

ARSENIO:

(IRONICO)

MA COME I FA N ‘PALO A DARE I CAUZI

GINO:

VA BEN ALLORA GIRA INTORNO ALLA TO MACCHINA E SE VEDI I CARABINIERI TE GHE AVVERTI

ARSENIO:

QUANTI GIRI A DEVO FARA…

GINO:

(ALTERATO)

MA COSA NE SO! VEDI TU! BASTA CHE QUANDO TE VEDI I CARABINIERI TEGHE   FE N SEGNALE

ARSENIO:

(PERPLESSO)

E COSA A VIE DIGO

GINO:

QUALCHE COSA!

ARSENIO:

MA COSA!

GINO:

GRIDA , AVVERTICI, PROVA ……

ARSENIO:

AIUTO GINO E TONIO I SVALIGIO L’UFFICIO POSTALE

GINO:

(ALTERATO)

NO! TU NON TE DAVA AVVERTIRE I CARABINIERI MA NOI …

ARSENIO:

ALLORA COSÌ!

GINO , TONIO I ARRIVO I CARABINIERI

GINO:

NO … DOBBIAMO A SAVERLO SOLO NOI

ARSENIO:

HO TROVA’, SE VEDO I CARABINIERI METTO IN MOTO LA MACCHINA E A SCAPPO COME N’TRENO

GINO:

(RIMANE PERPLESSO ED AMMUTOLITO)

(ENTRA TONIO)

TONIO:

HO PORTA’  LE MASCHERE

(E TIRA FUORI LE MASCHERE E LE TROMBETTE DI CARNEVALE)

GINO:

(ALTERATO)

NO … DOVE TE PIA QUESTE MASCHERE …. NOI ABBIAMO BISOGNO DE CALZE DA DONNA, VA  A PRENDERE I COLLANT QUELLI CHE ABBIAMO COMPRATO DA …

TONIO:

NO A LI HO REGALA’ A ME SORELLA

GINO:

(FEROCE)

TONIOOO!

TONIO:

(CERCHIAMO DI NON ESSERE NERVOSI)

VA BENE A PASSO A COMPRARLE DE NUOVO!

(TONIO ESCE DI SCENA)

ARSENIO:

(RISOLUTO )

GINO SE TONIO IN SE  LUSTRA LE SCARPEI NE ENTRA N’T’LA ME MACCHINA. I ME ROVINA I TAPPETINI

GINO:

NON PREOCCUPARTE AVRÀ LE SCARPE PULITE

(ARRIVA TONIO DI CORSA )

TONIO:

ECCO LE CAUZE

(PORTA LE CALZE A GINO)

GINO:

(PASSA UN PAIO DI CALZE A TONIO )

ECCO! INDOSSALE

(TONIO E GINO SEDUTI SULLA PANCHINA CERCANO DI INDOSSARLE GINO IN TESTA E TONIO SOPRA LE SCARPE)

GINO:

(INFURIATO BLOCCA TONIO)

MA COSA TE FE !

TONIO:

COME COSA A FO! A INDOSSO LE CALZE …

GINO:

(INFURIATO)

I NE SE METU COSI LE CAUZE!

TONIO:

(ALTERATO)

A NE SON SEMO! A LO SAVRÒ COME A SE METTO LE CAUZE

GINO:

(FURIOSO)

GUARDA!  COME

( INTERROTTO DA ARSENIO)

ARSENIO:

A LE VOGLIO ANCHE ME  LE CAUZE

GINO:

NO! TU ARSENIO NO!

ARSENIO:

E PERCHÉ!

GINO:

PERCHÉ NO!

ARSENIO:

MA ME A LE VOI

 

GINO:

TU TE DEVI RIMANERE IN INCOGNITO

ARSENIO:

ME A LE VOIO LO STESSO, A ME LE PORTO DA CA!

GINO;

( ALTERATO)

FA COME A TE PARE …

(GINO RIVOLTO A TONIO)

AVANTI TONIO FA COME FACCIO ME …

(INDOSSA LA CALZA IN TESTA)

CHE SCHIFO!

MA SONO SPORCHE

TONIO:

HO PIGIA’ QUELLE CHE HO TROVA!

GINO:

E DOVE TE LE E’ TROVA

TONIO:

NEL CESTO  DEI DRAPI  SPORCHI

GINO:

(FURIOSO)

QUALCHE GIORNO A TE AMMAZZO!

(TRA SE E SE)

MANCA SOLO LA PISTOLA

MA QUELLA A LA TROVO ME

IN OGNI CASO SIAMO PRONTI E ADESSO VENI CHI, A SE VEDEMO TRA 10 MINUTI

SAPETE A MEMORIA IL PIANO….

TONIO E ARSENIO:

(IN UNISONO)

SIII

GINO:

(FILASTROCCA)

TIRI TIRI TIRI TERA

ARSENIO:

(FILASTROCCA)

BRUTTA FACCIA DA GALERA

GINO E ARSENIO:

(FILASTROCCA)

IN GALERA CI VAI TU

ARSENIO E GINO:

(FILASTROCCA)

ALZA LE BRACCIA  E BATTI LE MANI  SU

 

(ALZANO LE MANI LE BATTONO )

SCENA 7

ORESTINA – MARISA

(MARISA APRE )

MARISA:

(LEGGE NOVELLA 2000)

MA GUARDA QUA!

ROBA DA MATTI

STE DONNE HAN TUTTE IL CULO ARFATTO

E QUESTE LABBRA A VENTOSA

TUTTE GONFIE DI SILICONE

E POI …

(ENTRA ORESTE)

ORESTINA:

(EUFORICA SI GUARDA INTORNO E NON VEDE NESSUNO)

A SON SOLA!

A SON SOLA!

(VA DRITTO ALLO SPORTELLO)

IL DIRETTORE:

I RACCOMANDATI I SI METTO N’ FILA

ORESTINA:

(SI GUARDA ATTORNO)

MA L’AN GHE NISSUN

(SI AVVICINA AD MARISA)

ORESTINA:

(RIVOLTO A MARISA)

MI SCUSI

MI È ARRIVA’ N’ AVVISO

MARISA:

(NON RISPONDE)

ORESTINA:

(RIVOLTA A MARISA)

MI SCUSI LA M’ È ARRIVA STO PAPEO ZALLO

MARISA:

(NON RISPONDE AD ORESTINA MA PARLA TRA SE)

LE DOVREBBERO PROIBIRE TUTTE QUESTE COSE

ORESTINA:

LA M’ È ARRIVA STO PAPEO

MARISA:

(IN SILENZIO E COPERTA DALLA RIVISTA)

ORESTINA:

(TRA SE E SE E PARLANDO DI MARISA)

L’È UNA STATUA …L’A SEMBRA UN PUPAZZO…

FORSE L’A N’ È NEPPURE VIVA

E SA FUSSE MORTA

È MORTA!

OHH! MIO DIO LA SEMBRA MORTA

IL DIRETTORE

(DA FUORI SCENA)

LA LINEA GIALLA, LEI LA NE DEVA SUPERAR LA LINEA GIALLA

ORESTINA:

(HA UN SOBBALZO ALL’INDIETRO)

NO … A N VOLEVO MI PERDONI, MA

LEI CHI È

IL DIRETTORE
(IO SONO L’ALTISSIMO)

(SILENZIO)

ORESTINA:

MIO DIO L’ALTISSIMO!

MARISA:

(RIVOLTA A ORESTINA)

LA LINEA GIALLA, LEI LA DEVA RIMANERE DIETRO LA LINEA GIALLA

ORESTINA:

(MOSTRA L’AVVISO)

MI SCUSI, LA ME ARRIVA’ QUESTO PAPEO ZALLO

MARISA:

(NONCURANTE)

E ALLORA!

ORESTINA:

(MOSTRA L’AVVISO)

MA CHI LA GHE SCRITTO POSTE

MARISA:

E ALLORA!

ORESTINA:

(TITUBANTE)

ME A VORREI SAVERE

MARISA:

(ALTERATA)

COSA A VOLE’ SAVERE!

ORESTINA:

(TITUBANTE)

IL PERCHÉ!

MARISA:

A ME AN MEN’ INTERESSO I PERCHÉ D’LA ZENTIA

(PERFIDA)

R’ NUMERO …

ANSELMO:

(COMPIACIUTO)

ECCO IL NUMERO

(SI POSIZIONA DAVANTI ALLO SPORTELLO)

MARISA:

(LO RESPINGE)

DOVE LA  VOL ANDARA LEI

ORESTINA:

(ALTERATO)

ME A VORREI SAPERE IL PERCHÉ

D’ CHESTO AVVISO

MARISA:

(PRENDE IL NUMERO DI PRENOTAZIONE)

QUESTO NUMERO I NE VA BEN

ORESTINA:

(INDICA IL PUNTO DOVE HA PRESO IL NUMERO)

GUARDI ME R’ NUMERO A L’HO PIGIA’ LAZÙ

MARISA:

(CON PERFIDIA)

L’HA SBAGIA’ COLORE LEI LA DEVA PIGIAE IL NUMERO DI COLORE ROSSO

ORESTINA:

VAGO VAGO

(VA DI CORSA A PRENDERE IL NUMERO)

E TORNA

ME VORREI …

MARISA:

(FREDDA)

LA SE META IN CODA E ASPETA IL SUO TURNO

ORESTINA:

( SI VOLTA E NON VEDE NESSUNO)

POSSO!

MARISA:

(COPERTA DALLE PAGINE DELLA RIVISTA)

AVANTI IL PROSSIMO

12 …

ORESTINA:

(ESTERREFATTA E PUR NON VEDENDO NESSUNO MIMA)

ECCO SIGNORE … TOCCA A LIE

MARISA:

(COPERTA DALLE PAGINE DELLA RIVISTA)

13

ORESTINA:

SON ME!

MARISA:

(SMETTE DI LEGGERE LA RIVISTA, E GUARDANDO IL CLIENTE CON FARE MINACCIOSO)

(MOSTRA LA RIVISTA AL CLIENTE)

SECONDO LE …

ORESTINA:

SI

MARISA:

SECONDO LE!

ORESTINA:

SI!

MARISA:

QUESTO CULO, I È VERO O ARFATTO!

ORESTE:

PER ME!

MARISA:
BADE A COSA A DISE!  I È VERO O ARFATTO!

ORESTINA:

INSOMMA! ME …

MARISA:
AVANTI! DIMOSTRE DE AVERE  I COGLIONI!

ORESTINA:

MO … INSOMMA!

MARISA:

QUESTO CULO I È VERO O ARIFATTO

ARIII… ARRRIII

ORESTINA:

(A VOCE ALTA)

ARFATTO

NERINA:

NO I È VERO IL CULO DELLA CANALIS È VERO MENTRE QUELLO DELLA  MARINI È ARFATTO E ANCHE MALE, LA PARA NA SCROFA

13

MARISA:

(CONTROLLANDO LA CARTELLA DELLA TOMBOLA)

I E’ SORTI’  IL 12

ORTENSIA:

IL 12 … 12 ….

MARISA:

CINQUINA

ORTENSIA:

CHE SFIGA

MARISA:

HO VINTO  29 EURO

ORESTINA:

LA POSTA È GROSSA

IL DIRETTORE:

(ENTRA ED ESCE DI SCENA)

NO L’ È PICCOLA,  ME A PODEVO ASPIRARE DI PIÙ

MA L’ASSOLUTO … MI HA DETTO

NOVELLI VAI A FARE IL TIROCINIO A V’ZAN

SOLO SEI MESI … POI TE FARE’ STRADA

ORESTINA:

E ALLORA! …

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

I SEI MESI SON PASSA’

E SONO DIVENTATI

SEI ANNI … E NE HO FATTA DI STRADA

ORESTINA:

SONO CONTENTO

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

COSI FA I PIA ANCHE P’R IL CULO …

ORESTINA:

ME A NE VOLEVO

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

FORA DALLA LINEA GIALLA … FORA

ORESTINA:

ORA I È R’ ME TURNO,

E NESSUNO LA ME LO PÒ IMPEDIRE

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

SIGNORINA MARISA SPARO

PROVVEDA

MARISA:

(ALTERATA)

DIRETTORE, SEMPRE ME …L’ È TUTTA LA MATTINA CHE LAVORO,

AN GO AVU , N ATTIMO D’ PAUSA …

(RIVOLTO ALL’UTENTE)

DESIDERA …

ORESTINA:

ME  HO RICEVUTO CHESTO PAPEO ZALLO

MARISA:

TANTI PROBLEMI PER N’ PAPEO ZALLO

E PER UNA COSA COSÌ SEMA L’HA SCOMODA ANCHA O DIRETTORE

ORESTINA:

(DA LA CARTOLINA)

ECCO R’ PAPEO

MARISA:

(PRENDE LA CARTOLINA)

LA DEVA RITIRARE N’PACO!

ORESTINA:

SI!

MARISA:

I È IN GIACENZA DA IEI, MO A ME TOCA ANDARA NELL’ALTRO UFFICIO A PIGIALO

ORESTINA:

È DISTANTE!

MARISA:

NO MO A VAGO

(SI ALZA)

(LEGGE LA CARTOLINA)

MA A LO DEVA  RITIRALO DOMAN!

DIRETTORE, STA SEMELONA L’ È VENUTA CON N ‘GIORNO IN ANTICIPO, MA IL PACCO I  È N’ DEPOSITO

IL DIRETTORE

(ALTERATO)

E LE SACRANONA L’E’ VENU A RITIRARE IL PACCO  N ‘GIORNO PRIMA LA VADA VIA NON  FACCIAMO FAVORITISMI … VADA VIA ALTRIMENTI A PERDO LA PAZIENZA

( ORESTINA VA VIA DI CORSA)

(RIENTRANO NERINA ED ERASMO)

SCENA 8

TONIO – GINO – NERINA – ERASMO – MARISA – ORTENSIA – DIABOLIK

(ORTENSIA E MARISA SI TRUCCANO E SI DANNO LO SMALTO ALLE UNGHIE )

(ERASMO E NERINA ESCONO DALLA PORTA INTERNA E SI METTONO DI NUOVO IN CODA )

(QUANDO PARLANO GINO E TONIO GLI ALTRI ATTORI RIMANGONO IMMOBILI COME STATUE)

ERASMO:

(PARLANDO CON NERINA)

NOI A SEMO SEMPRE IN COA … SEMPRE IN COA

NERINA:

LA ME VITA L’È NA CODA

ERASMO:

ME A  VOI FARA NA PROTESTA PER ISCRITTO

NERINA:

E  ME A LA FIRMO

ORTENSIA:

(SENTE TUTTO)

SIGNORI PROTESTARE G’È N VOSTRO DIRITTO, ECCO IL MODULO FIRME’

(PASSA IL MODULO AD ERASMO, NERINA LO PRENDE E FIRMA SENZA LEGGERE)

ERASMO:

ME A VOI  LEZERE PRIMA DI FIRMARA

(LEGGE A VOCE ALTA)

IO SOTTOSCRITTO DICHIARO DI ESSERE SODDISFATTO PER LA GENTILEZZA E … LA LABORIOSITÀ DI QUESTO UFFICIO …

(ALTERATO)

COME …

E ME A NE FIRMO…

MARISA E ORTENSIA

(IN UNISONO)

FIRME !

NERINA:

(RIVOLTO AD ORESTE)

FIRME, E NE  FE POLEMICHE !

ERASMO:

(IMPERIOSO)

ME A NE FIRMO!

(ENTRANO GINO E TONIO MASCHERATI E MINACCIOSI, GINO CON LA PISTOLA E TONIO CON IL SACCO)

GINO:

(PUNTANDO  L’ARMA)

QUESTA L’È NA RAPINA

TONIO:

QUESTA L’È NA RAPINA

(NESSUNO LI CONSIDERA)

ERASMO:

(CON IL FOGLIO IN MANO)

E ME A  NE FIRMO …

MARISA:

(AMMICCANDO)

FIRMA SE TE  VO IL PACCHINO …

ERASMO:

MA QUESTO È UN RICATTO

ORTENSIA:

ALLORA METTA  NA FIRMETTA

ORESTE:

(SBOTTA MA FIRMA)

ERASMO:

(MINACCIOSA RIVOLTA AD ERASMO)

E ADESSO METTEVE N’ COA!

ERASMO:

MA ME HO FIRMA !

MARISA:

E ALLORA! NOI A NE FEMO FAVORITISMI

(ERASMO ALTERATO SI METTE IN CODA)

GINO:

(SEMPRE PUNTANDO LA PISTOLA SI AVVICINA A MARISA)

QUESTA L’È NA RAPINA

MARISA:

(CHIUDENDO LO SPORTELLO, RIAPRE LO SPORTELLO E MOSTRA IN CARTELLO A GINO )

COSA LA G ’È SCRITTO QUA

TONIO:

CLOSE

MARISA:

(ALTERATA)

CLOSE A VO  DIRE SERA ! CHIUSO!

I VADA N’ TEL’ALTRO SPORTELLO!

(CHIUDE LO SPORTELLO)

GINO:

ANDIAM TONIO

(TONIO E GINO VANNO ALL’ALTRO SPORTELLO)

ORTENSIA:

(SI TRUCCA )

GINO:

(PUNTANDO L’ARMA)

QUESTA L’È UNA RAPINA!

ORTENSIA:

(ALTERATA)

I SE LEVA D’ MEZZO A  NE  VEDE CHE SON IMPEGNATA

TONIO:

METTETE TUTTI I SOLDI N’ TEL SACCO!

(NESSUNO GLI DA ASCOLTO)

ERASMO:

NE HO ANCORA PER MOLTO!

ORTENSIA:

(ALTERATA)

UN ATTIMO!

ORTENSIA:

BISOGNA AVERE RISPETTO PER QUELLI CHI LAVORU!

GINO:

(PUNTANDO L’ARMA)

QUESTA L’È NA RAPINA!

TONIO:

(RIVOLTO A GINO)

FORSE TE STE SBAGIANDO FRASE

GINO:

E COSA DEVO DIRE!

TONIO:

PROVA A DIR : O LA BORSA O LA VITA!

GINO:

O LA BORSA O LA VITA!

ORTENSIA:

( AGITATA )

LA BORSA … SI LA BORSA

(E TIRA FUORI LA BORSA)

TONIO:

VISTO!

GINO:

BRAVO TONIO, A L’AVEMO SPAVENTA’

ORTENSIA:

( APRE LA BORSA E TIRA FUORI IL PORTAFOGLI)

GINO:

(BRANDENDO LA PISTOLA)

(FA  PER PRENDERE IL PORTAFOGLI DI ORTENSIA , MA LEI PRENDE UN AGENDA E LO RIMETTE DENTRO E SI METTE A TELEFONARE)

O LA BORSA O LA VITA!

ORTENSIA:

( ALTERATA)

BUFFONE LA  SMETTA!  MA CHI SE CREDA DE ESSERE IL PASSATORE …

(FEROCE)

SILENZIO …

IO DEVO TELEFONARE

GINO E TONIO:

(SCONSOLATI RIPETONO)

O LA BORSA O LA VITA!

(BRANDEGGIANO LA PISTOLA E SE LA PASSANO TRA LORO)

O LA BORSA O LA VITA

(LO RIPETONO IN CONTINUAZIONE)

(TUTTI IGNORANO E RIMANGONO IMMOBILI COME STATUE)

ERASMO:

(RIVOLTO A TONIO E GINO)

SIGNORI COSA A FE ?

GINO:

NOI VOLEVAMO FARE UNA RAPINA!

TONIO:

SI UNA BELLA RAPINA , AVEMO PORTA ANCHE R’ SACCO

NERINA:

FAME VEDERE LA PISTOLA

GINO:

(DA LA PISTOLA A NERINA)

(IN QUEL MOMENTO TUTTI ALZANO LE MANI)

NERINA:

COMI  FUNZIONA STO COSO

GINO:

(MOSTRA IL FUNZIONAMENTO)

BASTA PUNTARLA E TUTTI ALZANO LE MANI

ADESSO TI FACCIO VEDERE

(PUNTA LA PISTOLA, E TUTTI ABBASSANO LE MANI)

NON FUNZIONA

TONIO:

FA PROVARE A ME

(TONIO PRENDE LA PISTOLA)

QUESTA L’È UNA RAPINA

(E TUTTI LO GUARDANO E RIDONO)

GINO:

(RIPRENDE LA PISTOLA)

(TUTTI LO IGNORANO)

ERASMO:

FAMME VEDERE A ME!

(PRENDE L’ARMA, LA PUNTA E TUTTI ALZANO LE MANI)

FUNZIONA! FUNZIONA!

GINO :

(RIPRENDE L’ARMA E LA PUNTA)

(TUTTI RIMANGONO IMMOBILI)

TONIO:

(PRENDE L’ARMA E LA PUNTA )

TUTTI LO GUARDANO E RIDONO

(PRENDE L’ARMA ORTENSIA)

(LA PUNTA)

(E TUTTI ALZANO LE MANI SPAVENTATI)

ORTENSIA:

(SODDISFATTA)

FUNZIONA, SI FUNZIONA!

MARISA:

(ECCITATA)

FAMME PROVARE A ME!

(PRENDE L’ARMA )

(E TUTTI ALZANO LE MANI)

GINO:

( ALTERATO)

ARDEME L’ARMA A SON ME CHE A  DEVU FARE LA RAPINA

(RIPRENDE L’ARMA E TUTTI RIMANGONO IMMOBILI)

GINO:

(SCONSOLATO)

ANDEMO VIA OGGI LA N È GIORNA !

TONIO:

(SCONSOLATO)

A LO DISEVO! L’ ERA MEI CHE

(MUSICA)

(ENTRA DIABOLIK)

DIABOLIK:

(CON CALZAMAGLIA NERA)

ALZE BEN LE MAN CHESTA  L’È NA RAPINA

MARISA:

(RIVOLTA A DIABOLIK)

EHI TU! DAMME TREI NUMERI E UNA RUOTA PER GIOCARE AL LOTTO

DIABOLIK:

(BREVE PAUSA)

TERNO SECCO SU BARI 20 – 30- 48 

MARISA:

ASINO COTTO! IL 48 SU BARI I E SORTì LA SETTIMANA SCORSA , UN ALTRO NUMERO

DIABOLIK:

(BREVE PAUSA)

25

MARISA:

ALLORA A MARCO 25

ORTENSIA:

ALLORA APPENA ESCO A ZOGO

DIABOLIK:

MANI IN ALTO ME A  SON IL TERRIBILE DIABOLIK E A SON VEGNU PER RAPINARVE

MARISA:

(RIVOLTA AD ORTENSIA)

ME CAMBIEREI IL 20

ORTENSIA:

NO! IL 20 I RIMANA

DIABOLIK:

METTA IL 50

MARISA:

COSA LE INTERESSA A LU , NON SE INTROMETTA SEMELONE

DIABOLIK:

(MINACCIOSO)

MANI IN ALTO ME A SON IL TERRIBILE DIABOLIK E A SON VENU PER RAPINARVE

MARISA
(ALTERATA)

I SI METTA IL COA

ORTENSIA:

LA LINEA ZALLA E R’ NUMERO

IL DIRETTORE:

(DA FUORI CAMPO)

CERCATE DI COLLABORARE MA A NE AVE ANCORA CAPI CHE QUESTA L’È NA RAPINA

MARISA E ORTENSIA

(CONTEMPORANEAMENTE )

NA RAPINA!

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

SI UNA RAPINA FATTA DAL GRANDE DIABOLIK.

(EUFORICO)

 FINALMENTE UNA RAPINA FATTA DA UN GRANDE

QUANDO LO SAPRANNO I MIEI AMICI, I SE RODERAN R’ FEGATO

MARISA E ORTENSIA:

NA RAPINA !

AIUTO NA RAPINA!

DIABOLIK:

(CON VOCE FIOCA)

MANI IN ALTO ME A SON IL TERRIBILE DIABOLIK E A SON VENU PER RAPINARVE

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

ME A LE POSSO ASSICURARE TUTTA LA COLLABORAZION POSSIBILE, PERÒ A POSSO PERMETTERME  DE CHIEDERVE N’AUTOGRAFO. SA! PER ME FIGIO … IL SUO NOME È MANLIO.

(RIVOLTO A MARISA E ORTENSIA)

E VOI COSA STE A DORMIRA … COLLABORE PASSE UN FOGLIO E UNA PENNA A DIABOLIK

(ORTENSIA E MARISA FANNO GARA A CHI PORTA FOGLIO E PENNA)

DIABOLIK:

GRAZIE G..RAZIE …

(PRENDE UN FOGLIO E UNA PENNA E SCRIVE )

A MANLIO CON STIMA …. DIABOLIK

(E METTE IL FOGLIETTO SULLA SCRIVANIA)

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

GRAZIE INFINITE SIGNOR DIABOLIK … ADESSO METTE TUTTI I SODI NEL SACCO, ANCHE I CITI

DIABOLIK:

(RIPETE)

MANI IN ALTO ME A  SON R ‘TERRIBILE DIABOLIK E A SON VENU PER RAPINARVI

ERASMO:

CHE PALLE … SEMPRE R’ SOLITO DISCO

NERINA:

(FINO AD ORA SEMPRE IN SILENZIO)

SIGNOR DIABOLIK CHE FINE HA FATTO EVA KANT

DIABOLIK:

È DALL’ANTONELLA A FARSE I CAVEI (MIMA) SI VUOLE MESCIATE E FARE I CAPELLI CON I BOCCOLI CHE SCENDONO FINO N’ TER COLO.

NERINA:

(INNAMORATA)

DIABOLICONE, LASCIA EVA DALLA PARRUCCHIERA E SCAPPIAMO CON IL MALLOPPO IN UN’ISOLA TROPICALE

DIABOLIK:

(STUPEFATTO)

SCAPPARE IN UN’ISOLA TROPICALE

MA SCHERZIAMO…

ME A GO DA PAGARE IL MUTUO! DEVO FINIRE DI PAGARE LA JAGUAR!

ANZI … BISOGNA FARE PRESTO

… HO LA MACCHINA IN SECONDA FILA, NON VORREI PAGARE UNA MULTA. FEMO PRESTO!

ORTENSIA E MARISA:

(SI AVVICINANO A DIABOLIK)

PORTAGHE VIA UOMO NERO! RAPISCICI… NOI A VENIAN CON TE!

DIABOLIK:

(ALTERATO)

PORTARVE VIA, MA SCHERZEMO!  MO A VEGNO DAL SUPERMERCATO … HO LA MACCHINA PIENA E POCA BENZINA! CONSUMA LA JAGUAR: SE CONSUMA!

E POI A EVA AN GHE VA MAI BEN NIENTE, URLA COME UNA SIRENA.

TONIO:

(AMMIRATO)

IO SONO UN TUO FAN! HO TUTTI I TUOI FUMETTI … CONOSCO A MEMORIA TUTTE LE TO STORIE.

DIABOLIK:

ORMAI DI AVVENTURE, A NEN FAGO PU … A SON PIENO DE DOLORI.

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

DAI DAI … IMPIEGATE CONTRIBUE … DATE I VOSTRI RISPARMI AL SIGNOR DIABOLIK CHE HA FRETTA ED HA LA JAGUAR IN SECONDA FILA.  A NE VORRE PER CASO FARGHE PIGIAR UNA MULTA.

E TUTTI:

NOOOO!

(TUTTI VUOTANO LE PROPRIE TASCHE E METTONO I SOLDI NEL SACCO DI DIABOLIK )

TONIO:

PIGIE E I ME SALUTA EVA

DIABOLIK:

PRESENTERÒ! MA ADESSO

MANI IN ALTO ME A  SON IL TERRIBILE ED IMPRENDIBILE DIABOLIK E E A SON VENU PER RAPINARVE

(GUARDA DENTRO IL SACCO)

 GRAZIE DIRETTORE!

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

GRAZIE A LEI, A MARCOMANDO TORNA A TROVARSI, MA AVVISI PRIMA COSÌ LE FACCIO TROVARE PIÙ GENTE

DIABOLIK:

GRAZIE DIRETTO!

(DIABOLIK ESCE DI SCENA)

ERASMO:

DIRETTORE! A CIAMEMO L’ISPETTORE GINKO …. CIAMEMO GINKO!

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

MA VOI A SE MATO!

(ALTERATO)

CHE NESSUNO DI VOI I SI PERMETTA DI CIAMARA LE GUARDIE!

ALTRIMENTI DIABOLIK  I NE VEN PIÙ!

E ADESSO BASTA

POSTE CHIUSE … TUTTI A CASA … TUTTI FUORI…

ERASMO:

ME A GO UN PACO DA RITIRARE

NERINA:

ME A GO NA RACCOMANDATA

GINO:

E ME A DEVO FARA UNA RAPINA

TONIO:

(AMMIRATO)

CHE UOMO DIABOLIK!

IL DIRETTORE:

(VOCE FUORI CAMPO)

FUORI TUTTI … UFFICIO SERA’

MARISA E ORTENSIA:

FUORI … FUORI …

(ESCONO TUTTI MENO ORTENSIA E MARISA)

SCENA 9

MARISA – ORTENSIA

(ORTENSIA E MARISA PRENDONO I SOPRABITI E LE BORSE E SI PREPARANO AD USCIRE)

ORTENSIA:

CHE GIORNATA NOIOSA!

MARISA:

TUTTI I GIORNI LE SOLITE COSE

(E TUTTE DICONO )

CHE BARBA … CHE BARBA … A NE SUCCEDA MAI NIENTA

(ED ESCONO DI SCENA )

SCENA 10

GINO – TONIO

(SEDUTI SULLA PANCHINA)

GINO:

L’È ANDA MALA

TONIO:

L’È ANDA BEN

GINO:

MALA!

TONIO:

BEN

GINO:

MAL

TONIO:

BENE … ME HO CONOSCIU DIABOLIK

GINO:

MA AN GA VEMO PÙ UN CENTESIMO

E NON PODEMO  MANCO ANDARA A LAVORARE

TONIO:

PERCHÉ!

GINO:

PER LA NOSTRA DIGNITA’

TONIO:

E ALLORA

GINO:

PERCHÉ A NE PROVEMO CON LE VECETTE DELLA CROCE ROSSA

TONIO:

(EUFORICO)

SI!

GINO:
ANDIAMO A PREPARARE R’ COLPO

TONIO:

IO MI VESTO ALLA DIABOLIK

GINO:
SI! MA PER COMPRARE IL VESTITO DI DIABOLIK BISOGNA CERCARE DE FARE QUARCO’

TONIO:  SENTI N’PO GINO… A SE VESTIMO DA FRADI E ANDEMO A CHIDERE LE OFFERTE DAVANTI ALLE GHESE

TONIO:

VA BEN MA PER POGO

GINO:

SOLO P’R IL TEMPO DE COMPRASE R’ VESTIDO

(ESCONO DI SCENA)

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno