Reality show alla napoletana – 10 personaggi in cerca…

Stampa questo copione

Reality show alla napoletana 

di Vincenzo Rosario Perrella Esposito

                                                                                                                       (detto Ezio)

25/03/2012

Personaggi:   12

Gaetano Volgare

Anna Vasciaiola

Ciro Volgare fratello di Gaetano

Peppe Volgare padre Gaetano e Ciro

Camela Sputatterra madre Gaetano e Ciro

Michele Di Cognome conduttore reality

Bella Stupida conduttrice reality

Alfio Sboccato cugino di Anna

Rosa Fenestrara compagna di Alfio

Titti Di Strada soubrette e nipote di Gaetano

Salvo Scurrile amico Ciro

Davide Offensivo concorrente improvvisato

La famiglia Volgare, nello specifico di Gaetano e sua moglie Anna, col fratello di lui Ciro, vivono pacificamente nel quartiere Scampia di Secondigliano. Il primo è in cassa integrazione, la seconda non ha mai lavorato, il terzo è stato licenziato. Ma quest’ultimo riesce a cavarsela grazie anche a Salvo Scurrile, personaggio bieco, col quale va a rubare nella auto in sosta. La vita dei Volgare è sconvolta dall’arrivo di Michele e Bella, due conduttori televisivi. Essi si presentano proprio in quella casa in quanto la famiglia è stata sorteggiata per partecipare ad un Reality show prettamente familiare. Subito parte la ricerca affannosa dei personaggi che vi dovranno partecipare. L’entusiasmo c’è, ma deve fare i conti col regolamento rigido del reality che impone ai partecipanti di non uscire di casa per un mese, pena la squalifica. Per sua sfortuna, anche Salvo si troverà coinvolto nel reality e non potrà più uscire a rubare con Ciro. Tra gli altri partecipanti, anche i genitori di Gaetano ed altri personaggi di dubbie qualità personali e morali.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

 

            Secondigliano, quartiere Scampia, salone di casa Volgare. Alla casa si accede da un’entrata comune al centro. Una porta a destra conduce in cucina e camera da letto. Dalla parte opposta, una porta conduce ad una stanzetta ed alla stanza da bagno. Al centro del salone vi è una tavola contornata da quattro sedie; verso sinistra c’è un divanetto. Sulla parete di destra c’è una credenza con accanto una cappelliera ed un portaombrelli.

ATTO PRIMO

1. [Gaetano Volgare e Anna Vasciaiola. Poi Ciro Volgare. Infine Peppe Volgare]

                 Seduti al centro ci sono Gaetano ed Anna: sono a fine recita del Santo Rosario. 

I due:        “…Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi, e

                 mostraci dopo questo esilio il frutto del tuo seno, Gesù. O clemente, o pia, o

                 dolce Vergine Maria… (Si segnano) Padre, figlio e Spirito Santo. Amen”…

Gaetano: Anna, che se magna a pranzo?

Anna:      Aspetta, ci dobbiamo riposare cinque minuti.

Gaetano: Néh, ma ch’amme tirato, ‘a carretta? Nuje, ‘nu Rusario amme ditto!

Anna:      E vabbuò, mò vaco a cucenà.Aspettiamo che torna tuo fratello. Purtroppo!

Gaetano: Ma ch’è stato? Ah, aggio capito, ‘a solita storia: te da fastidio ‘a presenza ‘e Ciro.

Anna:      ‘A verità? Sì! Noi non abbiamo voluto figli, però ce amma tené a isso ‘int’’a casa.

Gaetano: E un poco di pazienza. Quello ha perso da poco il lavoro.  

Anna:      Ma mò addo’ è gghiuto? A cercà lavoro?

Gaetano: No, è asciuto cu’ ‘a ‘nnammurata.

Anna:      Ma quala ‘nnammurata? T’aggio ditto che nun l’he’ chiammà accussì. A me

                 chella me sta antipatica, pecché è scustumata!

Gaetano: Stattu zitta. Mò te vuo’ appiccecà cu’ isso? Menu male ca mò nun ce sta!

                 Dalla comune, silenzioso, entra Ciro. Va a sedersi al divanetto. I due lo notano.

Anna:      He’ visto? Ll’amme nnummenato e isso è turnato ccà.

Gaetano: Ma ch’è stato? ‘O veco tutto nervuso. Forse s’è appiccecato cu’ ‘a guagliona soja.

Anna:      T’aggio ditto che nun l’he’ chiammà “guagliona soja”.

Gaetano: Néh, ma comme l’aggia chiammà, a chesta?             

Anna:      Se chiamma Jacqueline. Tene pure ‘o nomme straniero, chella pagliaccia!

Gaetano:Facimme accussì: jamme addù isso, vedimme pecché s’è appiccecato cu’ ll’amica.

Anna:      T’aggio ditto nun ‘a chiammà amica!

Gaetano: (Stufo) Uff!... E allora jamme a vedé pecché s’è appiccecato cu’ ll’essere umano.

Anna:      Sì, “essere umano” va buono. Jamme addù isso.

                 I due si alzano in piedi e vanno da lui che non li ha notati e grida per chiamarli.

Ciro:        Gaitàààà…! Annaaaa…!

Gaetano: Néh, ma ch’allucche a ffa’?

Ciro:        Ah, ma vuje state ccà? Io stevo distratto e nun v’aggio visto.

Anna:      Va’, Gaità, domandece chella cosa.

Gaetano: Sì, sì. Ma ch’è succieso, Ciro? Te si’ appiccecato cu’ Ciaccarella?

Anna:      No, Jacqueline.

Gaetano: Appunto!

Ciro:       (Si alza in piedi, polemico) E nun site cuntente? Vuje nun ‘a suppurtate.

Anna:      No, ma nuje nun è che nun ‘a suppurtamme.  

Gaetano: Chella è bona, però è troppo scustumata. Invece, miettete cu’ ‘na bona- educata!

Anna:      Ma ha da essere afforza bona? Ciro, stamme a sentì: pigliatella brutta ma educata!

Ciro:        Ma Jacqueline nun è scustumata. Nun parle buono italiano, pecché è furastiera.

Anna:      (Acida) Gaità, hai sentito? E’ forestiera!

Gaetano: Aggio capito: vene d’’a foresta!

Ciro:        Ma che l’he’ pigliata, pe’ ‘na scigna? Quella è francese. E m’ha lassato pe’ colpa

                 vosta. E si capisce. Io bisogno di soldi per stare con lei.   

Gaetano: E te l’amma da’ nuje?

Ciro:        E se capisce. Io nun tengo ‘nu centesimo, pecché m’hanne licenziato.

Gaetano: E io stongo in cassintegrazione.

Anna:      E io nun aggio maje faticato!

Gaetano: Tu nun te n’accuorge, ma facimme schifo tutt’e tre!

Ciro:        Ma io sono sicuro che troverò lavoro. Sì, sono sicuro che fra vent’anni lo troverò!

Gaetano: (Sorpreso) Amma aspettà ancora vint’anne?

Anna:      Ciro, stamme a sentì a me: lascia per sempre Secondigliano. E pure chesta casa!

Ciro:        Vabbuò, cagnamme discorso. Ma quanno se magna? Tengo ‘na fetente ‘e famme!

Anna:      Stevo ‘npenziero! Sentite, a tutt’ edduje, v’avviso: ora vado in cucina e provo a 

                 cucinare. Però senza impegno! A chello che ne vene. So’ stata chiara?

                 Anna esce a destra (in cucina).

Ciro:        E che t’aggia dicere, Gaità? Accuntentammece.

Gaetano: Chesto passa ‘o cunvento!

Ciro:        E intanto, amma ringrazia a papà ch’ogni tanto ce porta ‘a rrobba d’’a terra soja.

                 Si fosse pe’ te e Anna, ‘esseme voglia ‘e ce murì ‘e famme!

Gaetano: (Finge di ammollargli uno schiaffo) Ma mò te vatto proprio!

Ciro:        Io vado in cucina!

                 Esce a destra, frettolosamente. Gaetano critica polemicamente Ciro.

Gaetano: Fratello scustumato e insensibile, senza affetto p’’a famiglia soja!

                 Da destra torna Anna. 

Anna:      Ecco qua, aggio miso ll’acqua ‘ncoppa ‘o fuoco. (Si siede sul divanetto) Siente,

                 Gaità, ma mò nun è che te ne può ascì ‘nu poco fora ‘o palazzo?

Gaetano: A ffa’ che cosa?

Anna:      A accommigliare la cacca del cane!

Gaetano: E l’aggia accummiglia’ io?

Anna:      Sì. Vai, fai del bene al prossimo!

Gaetano: (Sdegnato) Aggio capito. Vaco a piglià ‘a segatura areto ‘a porta d’’o bagno. (Si

                 avvia a sinistra, blaterando) Ma guarde tu che me so’ ridotto a ffa’!

                 Esce a sinistra, mentre Anna sbuffa.

Anna:      Mamma mia, ‘e che passaguaje ‘e marito! Ma m’era capità proprio a me?

                 Torna Gaetano con una busta di segatura.

Gaetano: Jammuncenne, io so’ pronto.

Anna:      Bravo, Gaità. Vai in missione!

Gaetano: (Ironico) Eh, aggia ì in Iraq! Io ‘nu poco ‘e segatura aggia mettere. Vaco e torno.

Anna:      Sì, però tuorne fra ‘na mez’ora, accussì ce miette cchiù segatura!

Gaetano: Tu ‘a tiene ‘ncapa, ‘a segatura! E’ meglio che me n’aésco, va’.

                 Esce via di casa sdegnato.

Anna:      Mamma mia, ‘e che passaguaje! Isso e ‘o frato, nun se ponno suppurtà proprio. 

                 Menu male ch’è asciuto. Mò stongo ‘nu poco ‘npace.

                 E si tranquillizza.

2. [Anna, Gaetano, Michele Di Cognome, Bella Stupida e poi Ciro]

                 Anna è seduta al divanetto. Entrano il conduttore TV Michele Di Cognome (in

                 abito scuro e ventiquattrore), Bella Stupida e l’esterrefatto Gaetano con la busta

                 di segatura in mano. Anna osserva i due estranei parlare tra loro freneticamente.

Michele:  Eccoci qua, Bella. (Le mostra l’ambiente) Allora, per prima cosa dobbiamo fare   

                 dei cambiamenti in questa stanza.

Bella:       Guarda il pavimento com’è rovinato. Ma pure le pareti. E il soffitto. E il

                 lampadario. E le porte.                

Michele:  E non abbiamo visto ancora il resto della casa. Chi sa cosa ci aspetta!

Bella:       Mamma mia, che disastro questa tavola con queste sedie!

Michele:  Va bene, ma tanto noi la spostiamo.

Bella:       Per me va bene. (Poi parla a Gaetano) E tu che hai da guardare?

Gaetano: No, veramente…

Michele:  Senti, vogliamo parlare con chi abita qua dentro. Corri a chiamarlo, per favore.

Gaetano: E che m’aggia ì a chiammà, io sulo?

Bella:       Non ci far perdere tempo. Di chi è questa casa?

Gaetano: E’ ‘a mia. Cioè, io stongo in affitto.

Michele:  Ah, hai capito, Bella? Qua dentro ci abita questo signore strano!

Bella:       Molto piacere di conoscerti.

Gaetano: Scusate se vi do la mano sporca di segatura!

Michele:  Ma a che ti serve questa roba?

Gaetano: No, niente, ho coperto una cacca di cane qua fuori al palazzo.

Michele:  Ma gettala via! (Gli prende la busta di mano e gliela getta in un angolo)

Bella:       A proposito, come ti chiami?

Gaetano: Gaetano.

Bella:       Solo Gaetano?

Gaetano: No, guardate, io sono Volgare.

Bella:       Per carità, io odio la gente volgare!

Michele:  Ma no, Bella, hai dimenticato che questa è la famiglia Volgare?

Bella:       Ah, già. Allora sei tu il signor Volgare? Ma non potevi chiamarti Esposito?

Gaetano: Chiedo perdono a nome del mio cognome!

Bella:       Va bene, lascia stare. Senti, ma non ce l’hai uno scorfano di moglie?

Gaetano: Uno scorfano di moglie? Sì, lo tengo. Sta seduta sul divanetto!... Anna, viene ccà!

Anna:      (Si alza e si avvicina ai tre timidamente) Ehm… buongiorno.

Michele:  E tu saresti la moglie di questo signore?

Anna:      Sì, sono Anna Vasciaiola.

Michele:  E no, cominciamo molto male: un Volgare che si è sposato con una Vasciaiola!

Bella:       Ma Anna, fatti guardare un poco. (La fa girare su sé stessa) Non c’è dubbio, sei

                 proprio brutta!

Michele:  E nemmeno la casa ci piace. Qui dentro, puzza di pasta e fagioli! L’avete notato?

Anna:      Scusate, ‘a putesseme dicere ‘na parola pure io e mio marito?

Michele:  Sì, vi concediamo il diritto di parlare. Dite pure.

Anna:      Benissimo, allora v’aggia fa’ ‘na domanda: néh, ma vuje chi cacchio site?

Gaetano: E soprattutto, che vvulite ‘a ccà ddinto?

Michele:  Ah, già, non ci siamo ancora presentati. Io mi chiamo Michele Di Cognome.

Gaetano: E di nome?

Michele:  Michele.

Gaetano: E nun po’ essere.

Michele:  E pecché?

Gaetano: E pecché tu te chiamme Michele di Cognome. Ma ‘o nomme qual è?

Michele:  Uh, Gesù, ma ti ho detto che mi chiamo Michele.

Gaetano: Ma allora te chiamme Michele Michele?

Michele:  No, solo di nome.

Gaetano: E ‘o cugnomme nun ‘o tiene?

Michele:  Sì, Di Cognome.

Gaetano: (Spazientito) Eh, e qual è ‘stu cugnomme?

Michele:  (Spazientito) Ma t’’o sto’ dicenno ‘a mez’ora: Di Cognome.

Gaetano: Ma allora tu ti chiami Di Cognome di cognome?

Michele:  Esatto!

Gaetano: Ua’, ‘e che fantasia!

Anna:      ‘Nu mumento, ma io voglio sapé pure ‘o nomme d’’a signurina.

Bella:       Bella Stupida.

Anna:      A me? Ma mò te piglio ‘’e capille e te caccio fora!

Bella:       E perché?

Anna:      E tu m’he’ chiammata “bella stupida”!

Bella:       Ma Bella Stupida sono io. E’ il mio nome d’arte. Io però mi chiamo Bella Puzza!

Michele:  Va bene, ora però accomodiamoci. Io e Bella dobbiamo farvi una proposta.

Bella:       Su, forza, svelti, svelti!

                 Bella e Michele siedono al tavolo, Anna e Gaetano (stupiti e muti) sul divanetto.

Gaetano: Allora, diteci che cosa ci volete vendere.

Bella:       (Si arrabbia) Eh, ma che dici? Noi non vi vogliamo vendere niente.

Michele:  Noi lavoriamo per una nuova piattaforma televisiva planetaria: Napoli World.

Anna:      ‘O vero? Io nun l’aggio maje visto, ‘stu canale.

Gaetano: Ma come, sul genitale terrestre!

Bella:       (Si arrabbia) Ma che genitale? Vuoi dire, digitale!

Gaetano: Esatto, brava. Embé, e che ci fate voi due in televisione?

Michele:  (Si arrabbia) Ma che domande sono queste?

Bella:       Noi siamo conduttori televisivi. Stiamo per cominciare un nuovo reality show per

                 cercare il miglior componente di ogni famiglia italiana.

Michele:  Appunto, il reality si chiamerà “Famiglia d’Italia”.

Gaetano: Bello, bello! Ma scusate, nuje che ce azzeccammo cu’ ‘su fatto?

Michele:  (Si arrabbia) Ma come? E che siamo scemi ad esser venuti qui da voi?

Gaetano: Anna, forse è meglio ca io nun parlo cchiù, o si no ‘sti duje me vattene proprio!

Anna:      E allora parlo io. Scusate la domanda, ma dobbiamo fare qualche provino?

Bella:       Nossignora. I provini veri li fanno solo gli artisti. E poi ci vogliono soldi e tempo.

Michele:  Noi abbiamo fatto un’estrazione a sorte tra 15.000.000 di famiglie italiane. E

                 così, vi comunico che avete vinto voi!

I due:      (Sorpresi) Nuje?

Anna:      Ma si nuje nun amme partecipato maje a niente! Comme amme fatto a vencere?

Bella:       Vi abbiamo estratti a vostra insaputa.

Gaetano: Scusate, ma se vencene ‘e sorde?  

Michele:  (Si arrabbia) No, non si vincono i soldi, ma si guadagnano.

Gaetano: Néh, ma pecché t’arraggie sempe cu’ me?

Anna:      Pecché tu faje sulo domande sceme!

Gaetano: E allora parle tu.

Anna:      E certo. Scusate, ma che s’ha da fa’? Amma faticà?

Michele:  No, dovete fare la vita di tutti i giorni. In quanti siete in famiglia?

Anna:      Dunque: io, lui e suo fratello Ciro.

Gaetano: Soltanto? Non avete altri parenti oppure persone che hanno un legame stretto con

                 la vostra famiglia? Se volete, potete anche selezionarli.

Anna:      E allora chiamo pure a mio cugino Alfio Sboccato e la moglie Rosa Fenestrara.

Gaetano: E io chiammo a mio padre e a mia madre: Peppe Volgare e Carmela Sputatterra.

Anna:      E chiamma pure a tua nipote, Titti Di Strada. Chella vo’ fa’ carriera ‘int’’o

                 spettacolo. Saje comme s’arricrea!

Michele:  Ora manca solo una valletta. A proposito, c’è una regola fondamentale del reality.

Bella:       Esatto. Dal momento che qualcuno entrerà in questa casa, non potrà più uscirvi.

I due:      (Sorpresi) Che?

Bella:       Avete capito bene. Il reality dura un mese. Se qualcuno cercherà di uscire entro    

                 questo termine, sarete squalificati tutti quanti.

Michele:  E dunque, se dovete fare la spesa, vi conviene comprare tutto in giornata. Poi,

                 dopo, non potrete più uscire. La produzione del reality vi rimborserà i soldi spesi.

Bella:       E tutti voi concorrenti dormirete in questa casa. Dove capita, capita!

Anna:      Pure?  

Bella:       Ogni venerdì vi collegherete in diretta TV e vi comunicheremo gli esiti del

                 televoto. E pure voi stessi vi voterete a vicenda per eliminarvi. In ogni puntata

                 saranno eliminati due concorrenti per volta. E alla fine, vincerà uno solo.

Gaetano: Sì, ma chi vincerà, che vincerà? (Nota che i due stanno per arrabbiarsi) Aggio

                 capito, Anna, fancella tu ‘sta domanda, o si no ‘sti duje me fanne ‘n’ata cazziata!

Anna:      E allora vi faccio la stessa domanda di mio marito: che si vince?

Michele:  Un contratto televisivo con la nostra emittente. E saranno soldi a palate!

I due:       Accettiamo! Quando si comincia?

Michele:  Domani mattina. Però prima ogni singolo partecipante deve firmare la liberatoria.

Anna:      E che rrobba è?

Gaetano: Anna, ma sì proprio ignorante. ‘A liberatoria è quanno uno va’ carcerato. Si uno

                 ‘e nuje vene arrestato, cu’ ‘sta liberatoria po’ ascì ‘a galera. He’ capito, mò?

Michele:  Ma no. La liberatoria è un contratto con cui ci autorizzate a mandare la vostra

                 immagine in TV.

Anna:      (A Gaetano) E io po’ fosse l’ignorante?!

Bella:       Bene, ora vorremmo vedere il resto della casa. Bisogna vedere dove mettere le

                 telecamere con cui sarete spiati giorno e notte.

I due:       Pure?

Michele:  Per prima cosa, ci interessa il bagno. Sarà l’unica stanza dove non metteremo

                 telecamere. Le metteremo fuori alla porta. Su, forza, tutti in piedi.

                 I quattro si alzano in piedi.

Bella:       Allora, dove sta questo bagno?

Gaetano: Amma ì a destra. (Indicando invece a sinistra)

Bella:       Ma di qua è sinistra.

Gaetano: ‘O vero? Ma si’ sicura?

Bella:       E certo.

Gaetano: He’ capito, Anna? Fin’e oggie so’ stato sempe convinto ch’’o bagno nuosto steva

                 a destra, e invece ‘o teneveme a sinistra! Cose ‘e pazze! Venite, andiamo.

                 I quattro escono a sinistra.

3. [Ciro e Salvo Scurrile. Poi Peppe e Carmela]

                 Suonano alla porta. Nessuno va ad aprire e la bussata si fa insistente. Da destra

                 arriva Ciro con un piattino di carta ed una forchetta in mano. Pare contrariato.

Ciro:        Stanne bussanno ‘a porta e nisciuno va’ a arapì. Praticamente, aggia avuta ascì io

                 ‘a dint’’a cucina. E gghiamme a arapì. Vengo, vengo!

                 Va ad aprire, poi torna seguito da Salvo, un tipo poco raccomandabile.

Salvo:      (Si guarda intorno) Ciro, nun ce sta nisciuno?

Ciro:        No, sulo Gaitano e Anna. Ma pecché? Ch’è stato?

Salvo:      Niente, niente. Siente, aiére e sera he’ fatto chillu lavoro?

Ciro:        Sì, però so’ riuscito a m’arrubbà sulo ‘na rota e ‘o spicchietto ‘e ‘na Mercedes.  

Salvo:      Io m’aggio arrubbato ‘na Mercedes senza ‘na rota e senza ‘nu spicchietto! (Ha un

                 dubbio) Aspiette ‘nu mumento, ma nun è ch’amme arrubbato ‘a stessa machina?

Ciro:        No, nun po’ essere proprio. Io so’ gghiuto a arrubbà ‘e pparte ‘e Via Roma.

Salvo:      E io ‘e pparte ‘e Via Toledo.

Ciro:        ‘O vi’? He’ visto? Tu stive tutta a ‘n’ata parte!

Salvo:      Cretino, Via Toledo e Via Roma songhe ‘o stesso posto.

Ciro:        ‘E che ciorte!

Salvo:      Sì, ma po’ aroppo aggio cagnato zona ‘e lavoro. Sono andato al Corso Umberto.

Ciro:        E io invece so’ gghiuto ‘o Rettifilo.

Salvo:      Che? Ignorante, ‘o Corso Umberto e ‘o Rettifilo so’ ‘a stessa parte.

Ciro:        Vabbuò, ma io m’aggio arrubbato ‘na Smart. Sulo ch’aggia avuta fa’ a mazzate

                 cu’ ‘o titolare d’’a machina. Però poi ho vinto io: l’ho accoltellato alla schiena!

Salvo:      (Comincia a toccarsi la schiena indolenzita) Imbecille, ma allora ire tu?

Ciro:       (Imbarazzato) Ehm… ma pecché, famme capì: chella Smart era d’’a toja?

Salvo:      No, io me l’ero arrubbata annanzo ‘a Federico II!

Ciro:        Uh, scuseme, Salvo. Io nun t’aggio visto, ‘int’’o scuro. T’aggio fatto male?

Salvo:       Nooo! M’hanne miso sulo sette punte ‘e sutura! Pe’ furtuna che m’ha soccorso

                 ‘na signora che purtava ‘na Renault*.                                            *(Detto come si scrive)

Ciro:        (Sconvolto) Mannaggia!

Salvo:      Che d’è? E’ succieso coccosa ‘a Smart?

Ciro:        (Imbarazzatissimo) Ehm… sì: aggio avuto ‘nu piccolo incidente cu ‘na Renault*.

Salvo:      (Sorpreso) Che? Allora si’ stato tu a ce tamponà?

Ciro:        Me pare ‘e sì.   

Salvo:       Vabbuò, aggio capito. Stasera jamme a faticà tutt’e dduje ‘nzieme. Amma fa’ ‘nu

                 lavoro difficile. M’aggio miso d’accordo cu ‘o guardiano ‘e ‘nu garage: ce dongo

                 cient’Euro e isso ce fa arrubbà ‘int’a tutt’’e mmachine. A mezzanotte e dieci.

Ciro:        Va bene. Siente, ma quann’è ch’accumminciamme a arrubbà negli appartamenti?

Salvo:      (Sognante) Tra non molto. Non vedo l’ora. Io sarò il regista e tu il primo attore!

Ciro:        Sì, sì, me piace.

Salvo:      (Nota il piattino in mano a Ciro) Ma che te staje magnanno?

Ciro:        Aiére è stato ‘o compleanno mio. Vuo’ ‘nu poco ‘e torta?

Salvo:      No, no, io aggia penzà a organizzà ‘o colpo ‘e stasera. Torno fra cinque minuti. 

Ciro:        Va’, va’, io t’aspetto.

                 Suonano alla porta. I due vanno nel panico. Specie Ciro.

                 Oddio! E chi sarrà mò, Salvo? Tu stive aspettanno a coccheduno?

Salvo:      Io? No. Fa’ ‘na cosa: va’ a arapì. E ricordati: chiunque è, noi non ci conosciamo!

Ciro:        E vabbuò. (Posa il piattino sul tavolo) Néh, ca io vaco.

                 Va ad aprire tutto indeciso. Cosicché Salvo rovista un po’ per la stanza.

Salvo:      Chi schifo ‘e casa! Comme stanne ‘nguajate, chiste. Nun ce sta niente a arrubbà.

                 Torna Ciro coi suoi genitori Peppe e Carmela (hanno entrambi la punta di un

                 piede alzato, poggiandosi sul tallone). Salvo fa finta di niente.

Ciro:        Mammà, papà, trasite, trasite. Ma ch’è stato? Pecché cammenate accussì?

Peppe:     ‘Na schifezza ‘e cane! Che peccato, ‘e scarpe nove. ‘E ttengo sulo ‘a sett’anne!

Carmela: Invece cheste songhe scarpe ‘e mia nonna! (Nota Salvo) Ciro, chi è ‘stu signore?

Ciro:        No, niente, isso è… isso è… Siente Salvo, allora io e te nun ce cunuscimme?

Salvo:      Ehm… e comme, ce cunuscimme. (Poi lo minaccia a gesti senza farsi notare)

Ciro:        Ah, benissimo. Papà, mammà, chisto è ‘n’amico mio: Salvo Scurrile.

Peppe:     Piacere, Peppe Volgare.

Carmela: Carmela Sputatterra.

Ciro:        Nun te prioccupà, Salvo, ‘sti duje nun songhe d’’a polizia.

Carmela: ‘A polizia? E che ce azzecca ‘a polizia?

Ciro:        E comme, chella si ce trova…

Salvo:      (Mette una toppa) Ci deve restituire dei documenti che ho perso. (Lo minaccia)

Ciro:        Ehm… e già.

Peppe:     Ho capito. E che mestiere fate, voi?

Salvo:      Ah, ehm…

Ciro:        Si occupa di macchine.

Carmela: Macchine che si guidano?

Salvo:      No, macchine da scrivere.

Ciro:        Però fra poco passiamo agli appartamenti.

Peppe:     Gli appartamenti?

Ciro:        E già. Salvo sarà il regista e io il primo attore.

Carmela: Ma pecché, v’ata mettere a recità?

Salvo:      (Mette una toppa) Ehm… sì, sì. Dobbiamo recitare.

Carmela: E allora che ci azzeccano gli appartamenti.

Ciro:        (Fiero) E nuje l’amma spuglià sane sane!

Peppe:     L’ata spuglià?

Salvo:      (Mette una toppa) No, nel senso che si tratta di nuda proprietà. (Poi lo minaccia)

Ciro:        Appunto. ‘A nuda proprietà è addo’ se fanne ‘e film vietati!

Carmela: Ma pecché, allora ata recità ‘int’’e film vietati?

Peppe:     Uh, pozzo venì pur’io?

Carmela: Addo’ vaje tu?

Salvo:      Ma no, noi faremo qualche film giallo. Anzi, no, pulp*.                     *(Si legge “palp”)

Peppe:     Pulp*?

Salvo:      Sì, pulp*.

Peppe:     E voglio palpeggià pur’io. A chi aggia palpeggià? A cocche femmena annùda? 

Salvo:      Bene, è meglio che me vado… pecché nun saccio comme m’aggia apparà cchiù!

                 No, cioè… Ciro, ti raccomando, appuntamento a mezzanotte e dieci.

Carmela: Uh, Giesù, e ch’avita fa’ a mezanotte e diece?

Salvo:      (Confuso) No, niente, amma girà ‘o film vietat… ehm, no, cioè, amma fa’ ‘a nuda

                 proprietà… no, cioè, amma vennere ‘e mmachine. Signò, che ve ne ‘mporta?

                 Tanto, vuje, a mezzanotte, v’jate a cuccà. Vabbuò? Arrivederci!

                 Salvo esce. I due coniugi lo osservano perplessi.

Peppe:     Ma è ‘nu poco esaurito, st’amico tuojo?

Ciro:        Sì, assaje.

Carmela: Siente, Ciro, ma ce putìmme cagnà ‘e scarpe io e tuo padre?

Ciro:        Mò te dongo ‘nu paro ‘e Anna, e a papà ce dongo ‘nu paro ‘e scarpe ‘e Gaitano.

Peppe:     A proposito, Ciro, t’aggia fa’ ‘na domanda?

Ciro:        Dimme, papà.

Peppe:     Me puo’ scrivere l’indirizzo ‘e addo’ jate a ffa’ ‘o film vietato?

Ci&Car: Uff!

                 Ciro porta sottobraccio Carmela (sempre col piede alzato) ed escono destra.

Peppe:     Eppure io aggia scuprì addo’ se fa ‘stu film: aggio deciso, ‘o faccio pur’io!

                 Esce pure lui a destra (sempre col piede alzato).

4. [Gaetano, Anna, Bella, Michele, Peppe e Carmela, Ciro, Alfio, Rosa e Salvo]

                 Da sinistra tornano  Gaetano, Anna, Michele e Bella.

Anna:      Sentite, voi due, la volete una fella di torta?

Michele:  Una “fella”? Si dice fetta.

Gaetano: Si ‘o ddicevo io, me facive ‘nu cazziatone maje visto!

Bella:       Comunque no, grazie, non mangiamo dolci.

Gaetano: Aggio capito: forse tenite ‘o profiterolo ‘int’’o sango!

Michele:  (Si arrabbia) Ma non “profitetolo”, colesterolo. E comunque, non ce l’abbiamo.

Gaetano: E allora v’è sagliuta ‘a glicerina ‘int’’o sango?

Bella:       (Si arrabbia) Ma quala “glicerina”? Se chiamma glicemia.

Gaetano: (Offeso) Mamma mia, nun voglio parlà cchiù cu’ vuje!

Anna:      Forse è meglio!

                 Suonano alla porta.

                 Va’ a arapì ‘a porta, va’!

Gaetano: Comme si’ scucciante!

                 Gaetano va ad aprire. Anna invece ha ancora qualcosa da spiegare ai due.

Anna:      Scusatelo, a mio marito. Non ci facete caso, quello è assai ignorante!

Michele:  Lui!

Anna:      Beh, sinceramente, pure un poco io.

Michele:  Grazie per la sincerità!

Bella:       Va bene, adesso andiamo a vedere il resto della casa.

Anna:      Sì, sì, certamente. Seguitemi.

                 Escono a destra. Dalla comune torna Gaetano seguito da Rosa e Alfio, tipi assai

                 volgari. Masticano chewing-gum e fanno rumore con la bocca.  

Alfio:       (Per atteggiamento, molleggia sulle gambe) Cià, Gaità. Comme staje?

Gaetano: Tutto a posto. E vuje comme state?

Alfio:       ‘Na bellezza. (E mastica rumorosamente)

Rosa:       E pur’io! (E mastica rumorosamente)

Gaetano: (Li osserva masticare) Ma ‘o ssapite che ffacite impressione? Masticate tutt’e

                 dduje contemporaneamente. Jate perfettamente a tiempo. Ma comme facite?

Rosa:       E’ l’ammore!

Alfio:       Dice buono, ammore mio! E dimme ‘na cosa, ‘o parente, si’ cuntento ‘e ce vedé?

Gaetano: E certamente. Nuje nun ce vedimme ‘a quanno so’ venuto ‘o matrimonio vuosto!

Rosa:       Ma nuje nun simme spusate.

Gaetano: Ah, no?

Alfio:       ‘O parente, ma tu a qualu matrimonio si’ gghiuto?

Gaetano: E chi s’arricorda? (Lo nota molleggiare e s’infastidisce) E stattu fermo ‘nu poco!

Alfio:       Nun ce riesco. Siente, e sòrema-cucina nun ce sta?

Gaetano: ‘A sora-cucina starrà ‘int’’a cucina. V’ha da parlà ‘e ‘na cosa televisiva.  

Alfio:       ‘O vero? E ‘e che se tratta?

Gaetano: ‘E ‘nu reality sciò!

Rosa:       (Felice) Uahm, Alfio, ma tu he’ ‘ntiso?

Alfio:       E già: amma fa’ ‘nu reality sciord!

Rosa:       E comme se chiamma ‘stu reality?

Gaetano: E chi ‘o ssape? Vabbuò, ma mò ve spiegamme tutto cose. Venite cu’ me e…

                 Suonano alla porta.

Gaetano: ‘A porta. Scusate ‘nu mumento, mò vaco a arapì io.

                 Ma da destra entra frettolosamente e disperatamente Ciro.

Ciro:        Fermi tutti! Vaco a arapì io ‘a porta!

Alfio:       Uhé, ‘o parente, comme staje?

Ciro:        Cià, Alfio. Cià, Rosa. Ma site vuje ch’ate bussato ‘a porta?

Rosa:       E pe’ forza. Mica simme trasute p’’a fenesta!

Ciro:        Ma quantu tiempo fa ate bussato?

Gaetano: Ma che ce avimma mettere a cronometrà ‘e bbussate ‘e porta?

Ciro:        Pe’ favore, vuje m’’ita risponnere. Avete bussato più, o meno, di 30 secondi fa?

Alfio:       Trentuno siconde fa!

Ciro:        Ah, menu male..

                 Suonano alla porta. Ciro va nel panico.

                 Uh, mamma mia, ‘a porta. Vaco io, io, io…!

                 Corre fuori la comune. Alfio e Rosa masticano forte nel silenzio. Gaetano li nota.  

Gaetano: Néh, ma nun putite masticà cchiù silenziosamente?

Alfio:       E nun ce truvamme. Io tengo ‘o “molare pneumatico”!

Gaetano: Vabbuò. Jamme addù Anna. Accussì parlamme d’’o reality sciò!

                 Escono a destra. Dalla comune tornano Ciro e Salvo (con uno zainetto in mano).

Salvo:      (Cammina tenendo il piede con la punta alzata) Ciro, nun ce sta nisciuno?

Ciro:        Sì. (Nota il piede di Salvo) Salvo, ma ch’è succieso? T’he’ fatto male?

Salvo:      No, aggio scamazzato ‘na brutta cosa! Ma si acchiappo ‘o cane…!  

Ciro:        (Nota lo zainetto) E che ce sta ‘int’a ‘stu zainetto? ‘A marenna?

Salvo:      Ma che m’he’ pigliato p’’o fravecatore? Sono attrezzi per stanotte: ‘o pede ‘e

                 puorco, chiavi passepartout, ‘o grimaldello, ‘na chiave inglese e quatte cannele.

Ciro:        Quatte cannele? Sérvene pe’ ffa’ luce?

Salvo:      No, l’amma appiccià annanzo a San Gennaro! Tié, pigliete ‘o zaino. (Glielo cede)

                 Io vaco ‘ncoppa ‘o posto ‘e fatica e t’aspetto lloco. Però nun fa’ tarde.

Ciro:        Nun te prioccupà.

Salvo:      Allora ce vedimme a mezanotte e diece. Cià, Ciro.

Ciro:        Cià, Salvo. Mò t’accumpagno fora ‘a porta.

                 Salvo esce via saltellando su un piede, con Ciro. Da destra tornano Anna, Peppe,

                 Gaetano, Carmela, Michele, Bella, Alfio e Rosa (che masticano rumorosamente).

Michele:  Dunque, ci sono sette partecipanti al reality. E chi manca più?

Gaetano: Solo mia nipote Titti. Viene domani.  

Bella:       A proposito, ma tra i concorrenti ce n’è almeno uno gay? E’ necessario.

Anna:      Ah! Ma ha da essere pe’ forza gay?

Bella:       Anche effeminato. Questi tipi qui fanno tendenza in televisione.

Gaetano: E addo’ ‘o jamme a truva’ a ‘nu gay?

                 Torna Ciro.

Ciro:        Ecco qua.

Michele:  (Lo nota) Ah, ma lui sarebbe perfetto.

Gaetano: (Gli viene un’idea) ‘O vi’ ccanno: amme truvato ‘o gay!

Ciro:        Io?

Gaetano: E nun fa’ ‘o scemo. Nuje amma partecipà a ‘nu reality sciò. E pure tu.

Ciro:        Ma io nun saccio fa’ niente!

Anna:      E pecché, nuje che sapimme fa’?

Michele:  Aspettate, ci parlo io. Permetti? Io sono Michele Di Cognome, conduttore del

                 primo reality nazionale organizzato a Napoli. E tu ci servi. Sei pure gay!

Ciro:        A chi?

Gaetano: Scusatemi un secondo. Me lo porto un momento in disparte. Con permesso.

                 I due si appartano un po’. Al che Gaetano spiega le cose come stanno a Ciro.

                 Ciro, cu’ ‘stu reality putìmme guaragnà ‘na barca ‘e sorde. Picciò, fa’ ‘o gay!

Ciro:        (Spalanca gli occhi) ‘E sorde? (Torna dagli altri e parla da effeminato) Néh, uhé,

                 quanno accummencia ‘stu reality? 

Peppe:     (Lo osserva sorpreso) Néh, ma che l’è succieso a chisto?

Gaetano: (Interviene) Ssst, papà, nun parlà, ch’è maleducazione.

Michele:  A proposito, Ciro, ti voglio presentare colei che condurrà il reality insieme a me.

Bella:       (Sexy) Ciao, sono Bella Stupida. Partecipa al reality. E’ la tua grande occasione!

Ciro:        (Eccitato) Gaità, chesta è bona e educata! (Poi “torna” gay) Che peccato che non

                 mi dici niente, Bella! Comunque, voglio partecipà! Addo’ aggia firmà?

Michele:  Ecco i contratti e le liberatorie che dovete firmare. (Estrae il tutto dalla propria

                 ventiquattrore) Ed ecco la penna.

Ciro:        Firmo prima io! (Così fa) Ecco qua.

Bella:       E che ci sta scritto?

Ciro:        ‘O nomme e ‘o cugnomme mio: Ciro Volgare.

Bella:       Ma io vedo tre ics e un cerchio.

Ciro:        E io accussì saccio scrivere. (Va a sedersi al divanetto) Vuje che vvulite?

Gaetano: (Preoccupato) Sentite, Michele, Bella, scusate un secondo. Io e il resto della

                 famiglia ci vogliamo appartare un momento.

Bella:       Ma prego, ci mancherebbe altro.

                 Bella e Michele parlano in disparte, gli altri (tranne Ciro) dalla parte opposta.    

Peppe:     Néh, Gaità, ma che l’è succieso a frateto?

Carmela: Che l’he’ fatto, disgraziato?!

Gaetano: Ssst, acalate ‘a voce. Sta facendo finta di essere gay e effeminato. Ma mò ce sta

                 ‘nu problema. Ciro m’ha fatto arricurdà ‘na cosa: io nun saccio scrivere. E vuje?

Anna:      Manch’io.

Peppe:     Io saccio fa’ sulo ‘a B, ‘a M, ‘a N e ‘a I. Però nun me servene a niente, pecché io

                 me chiammo Peppe!

Carmela: Io invece saccio scrivere sulo ‘na parola: mamma.

Alfio:       Io invece saccio scrivere sulo cu’ ‘o computer. E tu, Rosa?

Rosa:       Io saccio scrivere, sulo che tengo ‘na calligrafia orrenda. Nun se capisce niente!

Peppe:     A proposito, chi ‘e vuje sape leggere? (Non riceve risposta) Nisciuno? E mò nun

                 putìmme leggere ‘o cuntratto e facimme ‘na figura ‘e pupù cu’ chilli duje!

Alfio:       A ‘stu punto, io dicesse accussì: facimme apposta che sapimme leggere e che

                 sapimme firmà. Chille che ne sanne?

Gaetano: So’ d’accordo. 

Peppe:     E allora jamme, o si no chilli duje s’insospettiscene ‘e coccosa!

                 I sei si avvicinano al tavolo.  

Gaetano: Nuje stamme ccà. Siamo pronti a firmare. Va’, Rosa, firma primma tu.

                 Rosa firma per prima, poi lascia la penna a Gaetano che firma come se stesse

                 dipingendo, poi cede la penna ad Anna che fa uno scarabocchio bello e buono, 

                 poi tocca ad Alfio che prende prima la mira con la penna e poi firma, poi tocca a

                 Carmela che poggia appena la penna e quindi la cede a Peppe, il quale firma e

                 non smette più di scrivere. Gli altri lo guardano perplessi. Gaetano lo richiama.

Gaetano: Oh, e basta!

Peppe:     Aggio fernuto.

Anna:      Ecco qua, siamo pronti.

Michele:  Bene. Più tardi i nostri tecnici verranno a montare le telecamere. E dunque, dalla  

                 mezzanotte di oggi comincia il reality. Ogni mattina faremo collegamenti brevi in

                 diretta ed ogni venerdì sera ci sarà la puntata intera con le eliminazioni.               

Bella:       E ricordate: non potete uscire di casa per tutta la durata del reality, cioè un mese.

Gaetano: Uh, allora aggia ì a ffa’ subito ‘a spesa, primma che chiudene ‘e negozie.

Ciro:        (Dubbioso) Scusate, in che senso nun putimme cchiù ascì d’’a casa?

Bella:       Nel senso che rischiate tutti quanti l’eliminazione e il gioco finisce.

Ciro:        (Si alza in peidi e si avvicina ai due) Cioè, amme perzo?

Bella:       E certo.

Ciro:        E non si può uscire più di casa da mezzanotte in poi?

Bella:       E certo.

Ciro:        (Sconvolto) Oddio! E io comme faccio? Io tengo appuntamento cu’ Salvo.

Anna:      E che te ne ‘mporta?

Ciro:        Ma comme, chillo a mezanotte e diece m’aspetta.

Anna:      Ma pe’ ffa’ che?

Peppe:     (Fiero) E ‘o ssaccio io: Ciro e ll’amico suojo hanna fa’ ‘o film vietato!

Anna:      Che?  

Ciro:        Stattu zitto, papà. Nun ‘o da’ retta, Anna. Comunque io mò me ne scengo. Nun

                 voglio partecipà cchiù ‘o reality. Anze, stanotte nun torno proprio. Faccio tarde.

Gaetano: Disgraziato, ma addo’ vaje?

Ciro:        Ma io me ne vogl’ì!

Michele:  No, per carità. Una volta che esci, da mezzanotte in poi non puoi rientrare più.

Ciro:        No, no, io me ne vogl’ì…!

Gli altri:  No, no…

                 Ciro cerca di andarsene, ma viene bloccato dagli altri partecipanti.

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Volgare: é il mattino seguente.

ATTO SECONDO

1. [Gaetano ed Anna. Poi Michele]

                 Da destra, assonnati, in pigiama, entrano Gaetano e Anna.

Anna:      Gaità, so’ ‘e ddiece e mmeza. Stammatina ce simme aizate proprio tarde.

Gaetano: E già. Siente ‘na cosa. No, dico, nun è che vvulisse pruva’ a ffa’ ‘o ccafé?

Anna:      Ma tu ‘o ssaje ca io nun ‘o ssaccio fa’.

Gaetano: Infatte, era sulo pe’ domandà! A proposito, stanotte aggio fatto ‘nu suonno

                 strano: m’aggio sunnato a duje tizie che so’ venute ccà, aiére. Io e te érema fa’

                 ‘nu reality sciò! ‘E che scemenza!

                 Se la ridono. Ad un tratto si sente una voce dal nulla (è Michele) chiamare i due.

Michele:  Coniugi Volgare!

I due:       (Si spaventano) Oddio!

Michele:  Coniugi Volgare! Mi sentite?

Gaetano: (Si guarda intorno) Anna, he’ ‘ntiso pure tu?

Anna:      (Si guarda intorno) E comme, no? Io sto’ vicina a te! Ma ‘a do’ vene ‘sta voce?

Gaetano: Boh! Forse ‘a sotto ‘a tavola! (Dà un’occhiata) No, nun ce sta nisciuno.

Anna:      Allora forse sta ‘a porta d’ingresso aperta?

Gaetano: Aspiette, mò vaco a vedé.

Anna:      Nun me lassà a me sola!

                 I due vanno alla comune e Gaetano prende un ombrello dal portaombrelli. 

                 Gaità, e che te n’he’ ‘a fa’ ‘e ‘stu ‘mbrello? Mica fora ‘a porta chiove?

Gaetano: No, cretina, l’aggia da’ ‘ncapa ‘o padrone d’’a voce!

                 Escono dalla comune. Poi tornano e Gaetano posa l’ombrello nel portaombrelli.

Anna:      Ma ‘a porta sta chiusa a chiave. Io nun riesco a capì.

Michele:  (Si arrabbia e li spaventa) Coniugi Volgare, insomma, sto parlando con voi!

Gaetano: (Si guarda intorno) Spirito maligno, guarda che chiamo l’esorcista!

Michele:  Ma no. Sono io, Michele Di Cognome. Voi non mi potete vedere.        

Gaetano: In quanto a chesto, he’ proprio raggione!

Michele:  Ma io non sono in casa vostra. Solo io posso vedere voi, e questo grazie alle

                 telecamere presenti lì in casa vostra, collegate col nostro studio del reality show.

Anna:      ‘E ttelecamere? ‘O reality show? Gaità, he’ visto? Allora nun era ‘nu suonno.

Gaetano: E già. (Si siede al divanetto per rilassarsi)

Michele:  Che fai? Ti siedi?

Gaetano: (Salta in piedi) No, no, no, pe’ carità!

Michele:  Dove stanno gli altri concorrenti?

Anna:      Ah, già, ‘o riesto d’’a truppa. Gaità, addo’ l’he’ mise a durmì?

Gaetano: L’aggio sparpagliate‘int’’o bagno e dint’’a stanzetta ‘e Ciro. Stanne durmenno

                 ‘int’’a vasca ‘e bagno e ‘ncoppa ‘e sseggie!

Anna:      Miché, ma voi non ci dovevate mandare dei letti?

Michele:  Più tardi li avrete. E ricordate: voi sarete in diretta nazionale 24 ore su 24. Partirà

                 tutto tra 11 minuti esatti. L’ultima puntata è prevista a Pasqua. Chiaro?

I due:       Sì, sì.

Michele:  Ora però vi stacchiamo.

Gaetano: (Si guarda intorno) Néh, Miché, ma che ce vuo’ staccà, a nuje?

Michele:  (Ironico) Eh, l’acqua e ‘a luce!... Dobbiamo staccare il collegamento. Torneremo

                 a collegarci con voi dal nostro studio per presentare i concorrenti. Adesso però

                 vestitevi, svelti. Avete 10 minuti per uscire di casa e rientrare. Ma non oltre.

Anna:      Sì, ma come ci dobbiamo comportare tra di noi?

Michele:  Siate naturali e recitate allo stesso tempo. E litigate molto tra di voi. Fa audience.       

Gaetano: Ce amma appiccecà?

Michele:  Esatto. E ricordatevi di pubblicizzare gli sponsor che vi abbiamo indicato.

Anna:      Sì, sì, va bene. Però io nun m’’e ricordo. Gaità, m’’e vvuo’ dicere ‘nu mumento?

Michele:  (Si arrabbia e li spaventa) Andatevi subito a vestire! Marsch!

                 I due subito scappano subito a destra, senza aggiungere altro.

2. [Ciro e Salvo. Poi Peppe. Infine Titti Di Strada]

                 Suonano alla porta. Da sinistra entra Ciro (s’è già vestito). Pare preoccupato.

Ciro:        E chi sarrà, mò? Mannaggia, stanotte nun aggio pututo ì a ffa’ ‘o lavoro cu’

                 Salvo. Chi ‘o sente a chillo! Speramme che mò nun è proprio isso.

                 Va ad aprire e poi torna proprio con Salvo, che entra guardandosi intorno.

Salvo:      Ce sta nisciuno?

Ciro:        Ehm… sì, ce sta, ma nuje nun ‘o riuscimme a vedé. 

Salvo:      Ma nun dicere scimmità. Chiuttosto, deficiente, ma che fine he’ fatto stanotte? Io

                 t’aggio aspettato pe’ doje ore annanzo ‘o garage e tu nun si’ venuto.

Ciro:        E io vulevo venì, ma nun putevo ascì.

Salvo:      (Ironico) E pecché? T’hanne miso in punizione?

Ciro:        Mò t’’o cconto. (Si guarda intorno) Però nun ce facimme sentì.

Salvo:      (Si guarda intorno pure lui, sorpreso) Da chi?

Ciro:        Dagli italiani! (Si guarda intorno) He’ sapé che nuje stamme facenno ‘nu reality  

                 show: cioè amma sta’ chiuse ‘int’a ‘sta casa fin’e a Pasca. Però chi trase ccà

                 ddinto, nun po’ ascì cchiù, o si no ce squalifichene a tutte quante. E tutto ‘stu

                 burdello è accumminciato a mezanotte d’aiére e sera. He’ capito?

Salvo:      (Lo guarda per qualche attimo, interdetto) Ma tu t’he’ accumminciato a drogà?

Ciro:        No. Anze, io so’ pure gay e effeminato!

Salvo:      L’aggio sempe sospettato!

Ciro:        Ma no. Stongo facenno apposta.

Salvo:      Ciro, ma nuje amma ì a arrubbà!

Ciro:        Zitto, nun alluccà! Ma mò me vuo’ ‘nguajà? (Guardandosi intorno, parla a

                 qualcuno) Sentite, non lo date retta. Io non lo conosco. Non lo so che cosa dice.

Salvo:      (Si guarda intorno, poi…) Néh, ma cu’ chi staje parlanno?

Ciro:        Te ll’aggio ditto: con gli italiani. Ci stanno guardando con le telecamere. Tra

                 poco sentirai la voce di Michele Di Cognome e Bella Stupida, ch’è proprio bona!

Salvo:      Ciro, ma tu staje fora cu’ ‘a capa? Io nun te capisco cchiù: parle cu’ ‘e ggente che  

                 nun ce stanne, siente ‘e vvoce però nun parla nisciuno, vide ‘e ffemmene bone

                 però io nun ‘e vveco, si’ addivintato pure gay e effeminato! Ma mò me ne vaco!

Ciro:        Nooo! Ma si’ scemo? Addo’ vuo’ ì? Tu nun puo’ ascì cchiù!

Salvo:      Ma nun me fa’ perdere tiempo cu’ te. Io mò aésco e vaco a arrubbà coccosa.         

Ciro:        Aspiette, t’aggia dicere primma ‘na cosa.

             Da sinistra entra Peppe, dolorante alla schiena. Ha dormito vestito. Si ferma sulla

             comune e nota la scena. Ciro intanto insiste con Salvo in modo patetico. 

             Pe’ piacere, Salvo, tu nun me puo’ lassà accussì. Io comme faccio senza ‘e te?

Peppe: (Sconvolto, commenta senza farsi sentire) Uh, Marò! Ma allora è ‘o vero! E’ gay!

Salvo:  Ciro, stanotte m’he’ lassato a me sulo. Ti ho aspettato tanto. Ma tu nun si’ venuto.

Ciro:    E io nun t’abbandono maje cchiù. Però, pe’ piacere, rimane pure tu ‘int’a ‘sta casa!

Salvo:  Torno cchiù tarde!

Ciro:    No, no, pe’ piacere! Nun te ne ì!

             Salvo esce via, inseguito da Ciro. Peppe commenta sconvolto.

Peppe: He’ capito? Chillo è ‘o regista che ffa ‘e film vietati. Mò aggio capito che film

             facevene, tutt’e dduje! Giesù, comme me dispiace che mio figlio è… è…

             Si interrompe, scuote la testa e torna via a sinistra. Ritorna Ciro, sconvolto.

Ciro:    E mò chi ce ‘o ddice a Gaitano e a Anna? Salvo se n’è gghiuto e ce ha fatte

             squalificà a tutte quante! (Guardandosi intorno, parla a qualcuno) Sentite, per

             pietà, non ci squalificate. E parlate! Non vi sento! Mò aggia fa’ apposta che nun è

             succieso niente. (Si siede al tavolo) Mannaggia!

             Da sinistra torna Peppe che fa finta di niente. Anzi, Entra in stanzi canticchiando.

Peppe: “Ah, che bell’aria fresca / ch’addore ‘e malva rosa…”… Uhé, Ciro, buongiorno.

Ciro:    (Si alza in piedi) Uhé, papà, buongiorno. Mò te si’ scetato?

Peppe: No, io nun me so’ proprio addurmuto! E che vuo’ durmì, ‘ncoppa a ‘na seggia?!

Ciro:    E tu tiene raggione, ma stasera avessena arriva’ ‘e liette. E mammà?

Peppe: Sta ‘int’’o bagno a se mettere ‘e bigodini ‘e Anna.

Ciro:    (Amaro) Ah, già, mia cognata. E chi ‘a sente, mò?

Peppe: Pe’ che cosa?

Ciro:    ‘A squalifica… no, cioè, ‘e bigodini. E chi ‘o sente a Gaitano, po’?!

Peppe: P’’e bigodini?

Ciro:    Esatto, p’’e bigodini! S’’e mmette pur’isso ‘ncapa, ogni tanto!

Peppe: Pure? Tengo duje figli, uno cchiù bello ‘e ‘n’ato! Uhé, io me vaco a lava’ ‘e diente.

             Embé, ‘o voglio proprio vencere, ‘stu reality show. Me stongo appassionanno!

Ciro:    E nun è ‘o caso ‘e t’appassionà pe’ ‘sti scemenze! Anze, fatte eliminà, ch’è meglio!

Peppe: Ma fatte eliminà tu! Io e te adesso siamo concorrenti. (Canta) “All’alba vinceròòò”!

             Torna via a sinistra. Ciro fa una considerazione amara. 

Ciro:    Aggia fa’ coccosa pe’ ce fa’ leva’ ‘a squalifica! (Si guarda intorno) Ehi, mi senti?

             Conduttrice bona, voglio parlare con te. Squalificate solo a me. E non fare finta di

             non sentirmi. Se qualcuno mi sente, mandatemi un segnale dall’alto!

             Suonano alla porta.

             ‘A porta? Ma allora m’hanne sentuto! Grazie, conduttrice bona, grazie!

             Va ad aprire, ma torna seguita dalla avvenente cugina Titti Di Strada, con trolley.

Titti:    Zio Ciro, come stai?

Ciro:    Titti, ma tu che ce faje ccà?

Titti:    Ieri sera mi ha chiamata zia Anna e mi ha detto del reality. Questa è la mia grande

             opportunità di entrare nel mondo dello spettacolo! (Canta) “All’alba vinceròòò”!

Ciro:    Pure tu, mò? Titti, ma tu nun saje fa’ niente. 

Titti:    E che ffa? Io me votto! E poi… (Mostra il suo fisico sexy) Io merito!

Ciro:    (Amareggiato) Che peccato che siamo parenti. (Poi, eccitato) Ma io dicesse, che ce

             ne ‘mporta? L’amore non ha confini!

Titti:    Ma che staje dicenno? La sorella di tuo padre è mia nonna. Siamo parenti stretti.

               Piuttosto, accompagnami dove devo dormire io, così svuoto la mia valigia.

Ciro:      Ma che t’he’ purtata, ‘o corredo? Tu he’ fa’ sulo ‘nu reality show!

Titti:      (Poggia un dito sotto il mento di lui) E per me è come sposarmi!

Ciro:      A proposito, Titti, devo dirti una cosa: in questo reality show considerami gay!

Titti:      Gay? Tu?

Ciro:      Senti, andiamo di là e ti spiego tutto. (Indica sinistra)

               Titti si avvia verso sinistra, mentre Ciro la segue guardandole il sedere.  

 

3. [Michele, Bella, Gaetano, Anna, Peppe, Carmela e Davide. Poi Alfio e Rosa]

                 Da destra, entra un tipo misterioso, Davide, con zaino e maschera agli occhi.

Davide:   (Ha accento torrese) Menu male, nun ce sta nisciuno ‘int’a ‘sta casa. Mò pozzo

                 arrubbà ‘ngrazia ‘e Dio! E ppo’ me ne torno ‘a Torre ‘o Grieco!

                 All’improssivo,  parte un jingle, dopodiché si sentono le voci di Michele e Bella.

Bella:       Signore e signori, eccoci tornati in diretta!

Davide:   (Spaventato) Maronna ‘e ll’Arco! (E si guarda intorno)

Bella:       Notiamo un nuovo concorrente in casa Volgare! Accogliamolo con un appaluso!

                 Parte un applauso.

Davide:   Ma… chi è che sta parlanno?

Michele:  Coraggio, non vergognarti.

Davide:   (Spaventato, si inginocchia) Polizia, non sparate! Ancora devo rubare niente!

Michele:  Spiritoso! Dai, ora basta scherzi. Togliti quella maschera e dicci come ti chiami.

Davide:   (Toglie la maschera) Davide Offensivo.

Michele:  Allora, Davide, tu sei l’ottavo concorrente. Vogliamo fare una sorpresa agli altri?

Davide:   Ma io nun cunosco a nisciuno.

Michele:  Sei troppo divertente! Su, dai, nasconditi che noi all’improvviso ti chiamiamo. 

Davide:   (Rassegnato) E vabbuò. Ma che sta succedenno, ccà ddinto? Addo’ so’ capitato?

                 Esce a sinistra.

Michele:  Ma dove sono i nostri coniugi Volgare.

                 Da destra entrano Gaetano ed Anna, preparatisi e impettiti. Recitano!

Gaetano: Ehi, moglie, buongiorno!

Anna:      Buongiorno a te, marito! Cos’hai accattato di buono, ieri?

Gaetano: Ma è naturale: il dentifricio Perdent!

Anna:      E che rrobba è?

Gaetano: (Le fa segno) Anna, ‘o sponsor!

Anna:      Ah, già, marito, ma certo! E ti piace la mia camicetta nuova? Sai che marca è?

Gaetano: Nuova Colombia!

Anna:      No, chillo è ‘o ccafé! Invece la mia nuova camicetta è della Sollievo.

Gaetano: No, Sollievo è ‘a carta igienica!

Anna:      E allora che marca è?

Gaetano: E io che ne saccio? Forse nun è ‘e nisciuna marca!  

Bella:       (Irrompe) Un applauso ai coniugi Volgare!

                 Gaetano ed Anna si abbracciano dallo spavento. Parte poi un applauso.

Gaetano: Néh, ma io sento ‘n’applauso. Ma addo’ stanne, ‘e ggente?

Michele:  Allora, coniugi Volgare, come state oggi?

Anna:      Stiamo una bellezza. E voi?

Michele:  Anche io e Bella. Ma, carissimi coniugi Volgare, volete presentarvi agli italiani?

Gaetano: E addo’ stanne?

Michele:  Nelle loro case. Su, coraggio. Stasera c’è il televoto.

Gaetano: Ci presentiamo, ma prima possiamo sederci sul nostro divanetto “Porta Nolana”?

Michele: “Porta Nolana”? Ma non è un nostro sponsor.

Gaetano: Sì, però è ‘o divanetto nuosto! Io l’aggio accattato ‘int’’a Duchesca!

Michele:  Va bene, accomodatevi.

                 I due si siedono.  

Bella:       Ed ora vogliamo sentire una bella presentazione del signor Gaetano Volgare.

Gaetano: Va bene. Allora io mi chiamo Gaetano Volgare, nato a Secondigliano. L’età però

                 non si dice. Io lavoro all’Alfa, però sto in cassintegrazione. Va’, Anna, tocca a te.

Anna:      E io mi chiamo Anna Vasciaiola. L’età non si dice. Io faccio la casalinga.

Bella:       Molto bene. E qual è il vostro rapporto?

Anna:      Il nostro rapporto? Marito, rispondi tu a questa domanda.

Gaetano: (Vantandosi) Ehi, moglie, ti è piaciuto come abbiamo fatto l’amore stanotte?

Anna:      Ma chi?

Gaetano: Noi due.

Anna:      Gaità, nun cuntamme palle, pecché ‘a casa nosta ce stanne ‘e ttelecamere!  

Michele:  Sì, ma dove sono tutti gli altri concorrenti? Gaetano, vuoi introdurli?

Gaetano: Comme? Ch’aggia fa’?

Michele:  (Si arrabbia) Valli a chiamare!

Gaetano: (Si alza in piedi, lamentandosi) Mamma mia, sta sempe ‘ncazzato, chisto!

                 Va alla porta di sinistra, grida volgarmente, richiamando l’attenzione degli altri.

                 Uhé, ascite ‘a parte ‘e ccà! Stamme in diretta.

Anna:      (Si alza ed accorre verso di lui) Gaetano, devi parlare in italiano.

Gaetano: Ah, già. (Chiama ancora) Ehi, mappata di concorrenti, venite qua. Facéte presto!

Anna:      No, ma che stai dicendo, marito? Spostiamoci e lasciamo entrare i concorrenti.

                 I due si spostano e così entrano: Peppe, Carmela (coi bigodini in testa), Alfio e

                 Rosa (masticando chewing-gum), Ciro e Titti. Bella ne sottolinea l’ingresso.

Bella:       Ecco i concorrenti della prima edizione di “Famiglia d’Italia”.          

Michele:  Gaetano ora ce li presenterà, in qualità di padrone di casa.

Gaetano: No, ma io nun songo ‘o padrone ‘e casa. Stongo in affitto!

Michele:  (Si arrabbia) Ma è un modo di dire. Su, forza.

Gaetano: Va bene. Allora questo qui è mio padre. Si chiama Peppe Volgare.

Peppe:     Uhé, buongiorno a tutte quante!

Anna:      Suocero, ata parlà in italiano.

Peppe:     Sì, sì, subito. Buongiorgio a tutti! Io mi chiamo Peppe.

Bella:       E allora, Peppe, ti senti carico?

Peppe:     Beh, io non saccio che cosa devo dire, perché non saccio parlare bene.  

Bella:       E cosa faresti coi soldi che vinceresti?

Peppe:     Non lo saccio!

Bella:       E che lavoro fai?

Peppe:     ‘O contadino.

Bella:       Va bene, passiamo al prossimo concorrente.

Gaetano: Adesso vi presento a mia mamma: Carmela Sputatterra!

Michele:  No, no, per carità. Siamo in diretta TV. Non si può sputare a terra.

Gaetano: No, ma chillo è ‘o cugnomme. E’ ‘o vero, mammà?

Bella:       (Le nota i bigodini) Carmela, ma come, ti sei messa i bigodini in testa?

Carmela: Ma pecché, tu addo’ t’’e mmiette? Abbascio ‘e piede?

Michele:  Va bene, vai, parla. E ffa’ ambresso!

Carmela: Néh, ma quanta cunferenza? Ma che d’è ‘stu “tu”? Io songo anziana!

Michele:  Ma in un reality show si usa così. Va bene, ora passiamo al prossimo concorrente.

Gaetano: Questo qua è un nipote di mia moglie, Alfio. Lui è sposato con Rosa. (Li nota

                 masticare rumorosamente la gomma) E state sempe a masticà, tutt’e dduje?

Alfio:       ‘O parente, io me vevo pure ‘o llatte, cu’ ‘a gomma ‘nmocca!

Gaetano: Vabbuò, pienze a te presentà.

Alfio:       (Masticando e molleggiando sulle gambe) E che cosa devo dire?

Gaetano: (Comincia a molleggiare pure lui) Me staje facenno rimbalzà comm’a ‘nu

                 pallone! Dice chello che vvuo’ tu, abbasta ca te muove!

Alfio:       E niente, io mi chiamo Alfio Sboccato, nato a Forcella. E niente, io ho vivuto a

                 Marano fino a 15 anni di età. E niente, poi ho acconosciuto a Rosa. E niente, io e

                 Rosa non siamo sposati, conviviamo. E niente, si è capito quello che ho detto?

Gaetano: No, s’è capito sulo: “E niente… E niente… E niente…”! Vabbé, tocca a te, Rosa.

Rosa:       (Masticando rumorosamente) Salve, io sono un po’ emozionatissima assaissimo!  

Gaetano: E allora è meglio che te staje zitta! Ora passiamo a mio fratello Ciro. Vai Ciro,

                 parla. (Lo nota guardare il sedere di Titti e lo richiama) Oh, e te vuo’ arrepiglià?

Ciro:        (Non effeminato) Uh, scusate, avevo visto una formica per terra!

Gaetano: No, tu stive guardanno ‘n’ata cosa! Ma ricordati che tu non ami le donne!

Ciro:        (Effeminato) E già, è ‘o vero! Beh, io mi chiamo Ciro Volgare. Purtroppo sono

                 disoccupato. Però da grande vorrei fare l’attore.

Peppe:     Va’, va’, Ciro, dincello.

Ciro:        Ch’aggia dicere?

Peppe:     Che tu vuo’ fa’ ‘e film a luci rosse!

Ciro:        (Imbarazzato) Ma che staje dicenno? Mio padre sta pazziando!

Peppe:     Cretino, chille che hanne organizzato ‘o reality, t’’o fanne fa’ lloro, ‘o film!

Gaetano: Ehm… basta accussì! Ora passiamo a mia nipote Titti.

Bella:       Ah, bene. E’ molto carina!

Gaetano: Quella vuole fare lo spettacolo. Infatti tiene assai cose da dirci. E’ vero, Titti?

Titti:        Sì. (E poi non aggiunge altro, lasciando gli altri in imbarazzante attesa)

Gaetano: (Imbarazzato) Ho capito, sei stata molto chiara. Ma dicci qualche altra cosa. Per

                 esempio, tu cosa sai fare nello spettacolo? Sai ballare, sai cantare, sai recitare…?

Titti:        Sì. (E poi non aggiunge altro, lasciando gli altri in imbarazzante attesa)

Gaetano: (Imbarazzato) Michele, Bella, non ci fate caso: lei parla molto. Però adesso sta

                 triste perché ha litigato col fidanzato.

Titti:        No, ma…

Gaetano: E non ti mettere scorno! Il tuo ex fidanzato fa schifo. E’ rattuso!

Anna:      No, Gaetano, dillo in italiano.

Gaetano: E’ grattino!

Michele:  Va bene, questi sono i nostri otto fantastici concorrenti. Ma ora c’è una sorpresa:

                 il nono concorrente. Davide, puoi entrare! Un applauso!

                 Da sinistra, timidamente, entra Davide. Gli altri lo osservano incuriositi.

Gaetano: E chi è, chisto?

Michele:  Ma dai, Gaetano, non scherzare. Lui è certamente uno di famiglia. Davide, saluta!

Davide:   (Accento torrese) Buongiorno a tutte quante!

Titti:        Ma quello è il mio ex findanzato: Davide!

Davide:   E tu che ce faje ccà?

Titti:        No, tu che ce faje ccà? Si’ venuto a arrubbà?

Anna:      A arrubbà?

Titti:        Ehm… no, volevo dire che è entrato in questa casa per sbaglio.

Gaetano: E allora chisto mò se n’ha da ì.

Bella:       Mi dispiace, ma il regolamento è chiaro. Chi entra in casa tua, se ha un legame

                 con la tua famiglia, non può più uscire.

Davide:   (Accento torrese) E io ‘essa rimané ccà ddinto? Titti, jammuncenne.

Titti:        Ma no, io devo restare qui. Devo fare il reality show.

Davide:   (Accento torrese) Reality…?

Gaetano: Nun te l’ha saputo dicere buono. Stiamo partecipando ad un reality sciò… sciò…!

Davide:   (Accento torrese) Ma se vence coccosa?

Titti:        Contratti televisivi e soldi assai.

Davide:   (Accento torrese) E allora pur’io voglio rimané.

Anna:      E addo’ te mettimme?

Michele:  Per questo non c’è problema. Stasera manderemo un letto pure per lui.

Gaetano: E va buono. Ch’amma fa’. Se tratta ‘e ‘nu concorrente ‘e cchiù.

                 Suonano alla porta.

Anna:      E chi è, mò?

Gaetano: Ma che domande me faje? Va’ a arapì e vide.

Ciro:        No, aspié, vaco io. Forse già saccio chi è.

                 Esce per il centro.

Michele:  Gaetano, chi è? Un altro concorrente?

Gaetano: Ancora? No, no, basta accussì.

Michele:  Per regolamento, si può arrivare fino a 10 concorrenti. E voi per ora siete in 9.

Gaetano: Speramme almeno che chi trase mò è equilibrato!

                 Davanti a Ciro entra Salvo, guardando il proprio orologio, felice.

Salvo:      Ciro, m’aggio arrubbato ‘nu Rolex, e…

Ciro:        Nooo, stattu zitto, stattu zitto!

Salvo:      (Nota gli altri) Ciro, ma che sta succedenno ccà ddinto?

Ciro:        Ehm… è ‘o reality show che te stevo dicenno primma. E mò nun te ne puo’ gghi’

                 cchiù, o si no ce squalifichene. Picciò, he’ partecipà pure tu.

Salvo:      Giesù, ma allora primma he’ ditto ‘a verità.

Bella:       Gaetano, non ci presenti il nuovo entrato?

Gaetano: E me l’hanna presentà primma a me. Chi cacchio ‘o sape?

Michele:  Ma come, Gaetano, non ricordi chi è lui? Un tuo parente lontano. Non sono

                 accettati sconosciuti, nel reality.

Gaetano:Ah, già! (Finge) Ma certo, io lo conosco a questo tizio. Come stai, Pasquale?

Salvo:      (Perplesso) Ma io me chiammo Salvo!

Michele:  Hai sentito, Gaetano? Dice di chiamarsi Salvo, non Pasquale.

Gaetano: E Salvo è ‘o diminutivo ‘e Pascale!

Bella:       Va bene, allora, adesso i concorrenti sono 10. Ora cercate di conquistare il

                 pubblico ed evitare di entrare in nomination.

Peppe:     Addo’ trasimme?

Bella:       In nomination.

Peppe:     E addo’ sta, ‘stu posto?

Bella:       Va bene, noi andiamo in pubblicità per cinque minuti. Intanto qualcuno spieghi a

                 Peppe che cos’è una nomination. Pubblico da casa, non cambiate canale. A dopo.

                 Parte un jingle, dopodiché i concorrenti finalmente si rilassano. Ma non Peppe.

Peppe:     Néh, ma mò coccheduno me vulesse dicere che d’è ‘na nomination?

Gli altri:  Boh!

Gaetano: Papà, ma che ce ne ‘mporta? Sarrà ‘na cosa che succede quanno nuje durmimme!

Titti:        Zia Anna, io vado un momento in bagno. Mi devo riempire di profumo.

Anna:      E pecché?

Titti:        Stiamo in diretta TV.

Salvo:      Sì, ma ‘o pubblico nun ‘o sente, ‘o profumo tuojo!

Titti:        Ma chi è questo? Cosa vuole?

Anna:      Ehm… Titti, viene cu’ me. Jamme ‘int’’o bagno.

                 Le due escono a sinistra.

Salvo:      Ma ch’aggio ditto ‘e male?

Davide:   Nennì, he’ ditto ‘na battuta che nun ‘iva dicere. Mò nun staje qujeto cchiù.

Peppe:     Io me vaco a fummà ‘na sigaretta fora ‘o barcone.

Davide:   ‘O no’, vengo cu’ vuje.

Alfio:       E pur’io, però ‘a sigaretta m’’a offrite vuje, pecché nun ‘a tengo! Jammuncenne.

                 I tre escono a destra.

Rosa:       Chi ‘o vvo’ ‘o ccafé? Lo faccio io.

Carmela: E fallo per tutti. Finalmente, grazie a te, assaggiamme ‘nu poco ‘e cafè decente!

                 Le due escono a destra. Restano solo Ciro, Salvo e Gaetano che parla ai due.

Gaetano:E vabbuò, simme rimaste sulo nuje. Aspettamme che fernesce ‘a pubblicità.

Michele:  (Irrompe) Gaetano, ho avuto un’idea.

Gaetano: ‘E che se tratta, Miché?

Michele:  Perché non vai a recuperare Anna? Così, al rientro dalla pubblicità, tu e lei potete 

                 fare una bella scena romantica, seduti sul divanetto.

Gaetano: ‘Na scena romantica cu’ mia moglie? Ma nun me puo’ mannà ‘nu poco a Bella?

Michele:  No, vogliamo tua moglie.

Gaetano: (Rassegnato) E vabbuò. Si ‘o reality accummencia accussì, però nun me piace!

                 Esce via a sinistra.

Michele:  Ciro, Salvo, noi ci stacchiamo da voi per un paio di minuti.

Ciro:        Jate, jate!

4. [Ciro e Salvo. Poi Peppe, Davide e Carmela. Poi Michele e Bella. Poi Gaetano ed Anna]

                 Ciro e Salvo sono da soli.

Ciro:        Salvo, famme vedé ‘o Rolex.

Salvo:      ‘O vi’ ccanno. (Lo esibisce con fierezza) He’ visto?

Ciro:        Bello assaje! Allora fa’ accussì: fatte eliminà, accussì puorte ‘o rilorgio addù ‘nu         

                 ricettatore. T’arraccummanno, fatte pava’ buono!

Salvo:      M’aggia fa’ eliminà? E pecché? Io voglio vencere ‘o reality!

Ciro:        Pure tu? Siente, mettìmme in chiaro ‘na cosa: ‘o reality show l’aggia vencere io.

Salvo:      Ma che vvuo’ vencere, tu? Accattete ‘nu paro ‘e gratta e vinci e miettete a rattà!

Ciro:        (Si alza in piedi, con atteggiamento di sfida) E ppo’ vide.

Salvo:      (Si alza in piedi, con atteggiamento di sfida) No, po’ vide tu.  

Ciro:        Siente, jamme ‘int’’a stanza mia. Annascunnimme ‘o rilorgio sotto ‘o lietto mio.

Salvo:      OK. Quando poi ho vinto il reality show, me lo riprendo.

Ciro:        S’è fissato! Songh’io che vinco ‘o reality show.

Salvo:      (Ride per finta) Ma nun me fa’ ridere!

Ciro:       (Ride per finta) No, nun me fa’ ridere tu a me!

                 I due escono a sinistra, ridendo. Da destra tornano Davide e Peppe.

Davide:   (Accento torrese) Ate capito? Primma ‘e venì ccà, m’hanne arrubbato ‘nu Rolex.

Peppe:     Uh, e addo’ è succieso?

Davide:   ‘Ncoppa ‘o cientuttantatré*?                                                                            (*183)

Peppe:     E chillu pullmànn è sempe affollato. Ma almeno l’he’ visto ‘nfaccia, ‘o marjuolo?

Davide:   E certamente! Ma si ‘o ‘cchiappo, ce faccio sputà ‘o rilorgio mio.

Peppe:     Ah, ma ‘o Rolex è ‘nu rilorgio?

Davide:   E pecché, ch’avessa essere?

Peppe:     E che ne saccio? Io l’aggio sempe chiammato rilorgio.

Davide:   ‘O no’, ma vuje addo’ state ‘e casa? ‘Ncoppa ‘a Luna?

Peppe:     E io po’ songo ‘nu campagnuolo! Ma ‘stu rilorgio vale assaje?

Davide:   E certo. Po’ vvalé pure migliaia ‘e Euro. ‘O mio però nun valeva niente.

Peppe:     E pecché?

Davide:   V’aggia cunfessà ‘na cosa: ‘o Rolex mio… era fàvezo!

Peppe:     Ah, allora he’ fatto fesso ‘o marjuolo!

Davide:   No, veramente m’hanne fatto fesso primma a me, perché me l’ho rubato prima io!

Peppe:     ‘E che manicomio! A proposito, ma è fernuta ‘sta menopausa pubblicitaria?

                 Da destra torna Carmela.

Carmela: ‘O ccafé è quase pronto.

Davide:    Uh, e allora io vaco a chiammà a Titti.

Carmela: E te truove facenno, chiamma pure all’ate.

Davide:    A me ‘e ll’ate nun me ne ‘mporta niente. Me ne ‘mporta sulo ‘e Titti! E’ chiaro?

                 Ed esce via a sinistra.

Carmela: E vabbuò. Peppe, ce vulimme assettà duje minute? Me fanne male ‘e scarpe.

Peppe:     Sì, però nun t’’e lleva’.

                 I due si siedono sul divanetto. Si sente il jingle del reality.

Michele:  Eccoci tornati in diretta. Sul divanetto c’è una coppietta. Si tratta di Gaertano ed                       

                 Ann… ehm… no, no, scusate, c’è un errore. Ci stanno Peppe e Carmela. Dunque,

                 ascoltiamo in silenzio le cose romantiche che si stanno dicendo.

Peppe:     Carmé!

Carmela: Che vvuo’?

Peppe:     ‘A casa nosta he’ chiuso ‘o gas, ll’acqua e ‘a luce?

Carmela: Sì. E tu he’ dato a mangià ‘e ggalline, ‘e puorce e ‘e mmucche?

Peppe:     E certamente. A proposito, ‘o ssaje? ‘A mucca ha sgravato?

Bella:       Ehm… scusate se vi interrompiamo, Peppe e Carmela. Ma non potreste dirvi 

                 qualcosa di più romantico della mucca che ha partorito?

Peppe:     E cchiù romantica d’’a mucca? Anzi, un bacio alla mucca in diretta TV!

Bella:       Ma no, fatevi dei complimenti. Su!

Carmela: E già, Peppì. Caro marito, non mi fai nessun complimento?

Peppe:     E come: cara Carmela, oggi sei più splendida del solito!

Carmela: Oh, tu mi fai arrossare!

Peppe:     Eh, e miettete ‘o Fissan!

Carmela: Ma perché non mi dici la cosa più bella che ti viene in mente?

Peppe:     Ah, e comme! Adesso te la dico io la cosa più bella che mi viene in mente.

Carmela: Dimmi.

                 Da destra tornano Rosa (con un vassoio coi caffè) ed Alfio (col suo caffè), seguiti

                 da Gaetano ed Anna (coi rispettivi caffè).

Alfio:       Amò, ‘o ccafé fa proprio schifo!

Peppe:     (Ripete) Amò, ‘o ccafé fa proprio schifo!

Carmela: (Sorpresa) ‘O ccafé? Qualu ccafé?

Rosa:       Néh, ‘o ccafé è pronto.

Michele:  Va bene, allora si alzino dal divanetto Peppe e Carmela. Andate a bere il caffè.

Peppe:     E non dobbiamo fare più i romantichi?

Michele:  No, secondo me, andate più d’accordo quando litigate!  

Bella:       Ci fate cascare le braccia! Va bene, niente più momento romantico. Ma dove

                 stanno gli altri concorrenti? Gaetano, per favore, chiamali con gentilezza.

Gaetano: Con gentilezza? Non ti preoccupare, ci penso io. (S’avvicina alla porta di sinistra

                 e vi grida dentro) Uhé, trasite ‘a parte ‘e ccà! (Torna al centro) Ecco fatto!

                 Da sinistra tornano frettolosamente Ciro e Salvo.

Ciro:        (Effeminato) Néh, ch’è stato?

Salvo:      Sta arrivanno ‘a polizia?

Gaetano: No, amma fa’ ‘o reality sciò!

Anna:      A proposito, ma Titti e Davide?

Gaetano: Boh!

Salvo:      Ah, l’amme viste io e Ciro. Stanne ‘int’’o bagno. Secondo me, hanne fatte pace!

Gaetano: In che senso?

Ciro:        E nun s’è capito?

Gaetano: Uh, Marò, che stanne cumbinanno ‘int’’o bagno mio? Io vaco a vedé.

Anna:      Aspié, vengo pur’io!

                 I due corrono a sinistra. Subito Michele ne approfitta.

Michele:  Presto, vediamo subito le telecamere che stanno fuori al bagno.

Ciro:        Putimme ì a vedé pure io e Salvo?

Bella:       No, voi restate dove siete, se no vi squalifichiamo.

Cir&Sal: (Intimiditi) Va bene, va bene!

                 Ciro e Salvo, richiamati da Bella, si mettono i disparte.

               

5. [Ciro e Salvo. Poi Peppe, Davide, Titti e Carmela. Poi Michele, Bella, Gaetano ed Anna]

                 Da sinistra tornano Gaetano ed Anna che richiamano Davide e Titti.

Anna:      Uhé, a tutt’e dduje. Ma addo’ ve penzate ‘e sta’? ‘O parco ‘a rimembranza? Gaetano: Ccà stamme faticanno! E fino a doppo Pasca, ha da essere accussì. Chiaro?             

Davide:   E io aggia aspettà ch’arriva doppo Pasca?

Gaetano: Esatto! Po’, tu e ‘a ‘nnammurata toja, putite fa’ chello che ve pare e piace!

Davide:   Siente, tu me staje antipatico.

Gaetano: E invece io te schifo proprio!

Davide:   Ma mò te vatto proprio!

Titti:        (Spaventata) Oddio!

                 I due si afferrano per picchiarsi, ma tutti gli altri li separano. Davide e Gaetano

                 però si offendono e si minacciano a distanza.

Gaetano: Ringrazia a Dio che ce stanne spartenno, o si no te facesse fa’ ‘o reality sciò ‘int’a  

                 ‘nu spitale!

Davide:   ‘O vero? Allora aroppo facimme ‘e cunte.

Gaetano: E avvì a piglià ‘a calcolatrice!

Davide:   Embé, aggia vencere ‘stu reality ‘a faccia toja!  

Gaetano: Sempe ‘a faccia toja!

Anna:      Uhé, uhé, e mò basta! Fernitele ‘nu poco. Vuje nun v’ata appiccecà in napoletano,

                 ma in italiano, o si no ‘e ggente nun capiscene niente!

Michele:  Brava, Anna!

Anna:      (Guarda verso l’alto) Grazie, Miché!

Gaetano: Amma parlà in italiano? E vabbuò. (Parla in italiano, ma pare quasi effeminato)

                 Senti, guarda, se non la smetti, io ti tiro tutti i capelli dalla nuca!

Davide:   (Parla in italiano, ma pare quasi effeminato) E io invece ti scippo sano sano!

Peppe:     Ma comme ve state appiccecanno brutte, tutt’e dduje! Me parite duje trans che

                 s’appiccechene ‘int’a ‘nu vascio!

Gaetano: E che vvuo’ ‘a me? Io quanno m’appicceco in italiano, me sento a disagio.

Salvo:      (Entra nel discorso) E già, he’ raggione tu. Nun ce sta sfizio a dicere ‘e mmale

                 parole in italiano! Pur’io me sentesse ‘nu poco effeminato.

Ciro:        (Effeminato) E a chi ‘o ddice?

Peppe:     ‘E mmale parole napulitane so’ cchiù belle. A me me piace chella mala parola…

Carmela: No, no, nun ‘a dicere.

Gaetano: Infatte, levàmme ‘stu discorso ‘a miezo! (Si allontana un po’)

Davide:   Infatte. Ma chi m’’o ffa fa’, a me? (Si allontana pure lui e osserva Salvo) Compà,

                 ma io già t’aggio visto, a te?

Salvo:      Ehm… a me? No, ‘o paré, nun m’he’ visto a nisciuna parte.

Davide:   Eppure ‘a faccia toja nun m’è nova. Ma tu si’ ‘o figlio ‘e Giuanne ‘o mastrascio?

Salvo:      No, songo ‘o figlio ‘e Giggino ‘o cartunaro!

Davide:   Ma tu aiére stive ‘ncoppa ‘o cientuttantatré*?                                                  (*183)

Salvo:      Sì. 

Davide:   Allora tu si’ chillo che s’ha arrubbato ‘o Rolex mio!

Salvo:      Ma comme, tu cu’ chesta faccia, tiene ‘a forza ‘e t’accattà ‘nu Rolex?

Davide:   E tengo pure ‘a forza pe’ t’accidere!

                 Davide rincorre Salvo intorno al tavolo e lo riempie di scalpellotti, mentre gli

                 altri cercano di fermarlo e alla fine ci riescono. Davide allora protesta.

                 Lassàteme, lassàteme!

Peppe:     (Lo calma con un urlo) Ooooh! E basta, mò. Vedimme d’’a fernì ‘nu poco!

Davide:   Ma io aggio acchiappato a chillo che s’è arrubbato ‘o Rolex mio.

Peppe:     E che te ne ‘mporta? Tanto, me l’he’ ditto tu: chillu Rolex è fàvezo!

Salvo:      (Si arrabbia) Che cosa? E’ fàvezo?

Davide:   (Imbarazzato) Ehm… ma no… ma io…

Salvo:      E’ tu m’he’ fatto faticà inutilmente, pe’ ‘nu Rolex fàvezo? Ma io t’aggia scannà!

                Salvo rincorre Davide intorno al tavolo, mentre gli altri cercano di fermarlo.    

FINE ATTO SECONDO

            Casa Volgare, giorno di Pasqua, ultima puntata del reality. Anche Michele e Bella vi si sono trasferiti. C’è qualche festone nella stanza. Tutti i concorrenti sono ben vestiti.

ATTO TERZO

1. [Tutti i personaggi]

                  Il salone è vuoto. Da destra, quatto quatto, entra Davide con uno zaino in spalla.

Davide:    So’ stato eliminato d’’o reality show! E allora me ne pozz’ì! M’aggio arrubbato

                 cierti cullane! Speramme che nun so’ ‘e bigiotteria! E m’aggio arrubbato pure 

                 cierti posate d’argiento. Speramme che songhe overamente d’argiento!

                 Si avvia ad uscire al centro, ma parte il jingle e da lì escono Bella e Michele.

Michele:  Un applauso a Davide! (Gli punta il microfono sotto il naso)

Davide:    (Si spaventa) Mamma ‘e ll’Arco!

                 Dalla comune entrano pure gli altri concorrenti. Davide li affianca, silente. Più

                 avanti, al centro, si schierano Peppe, Titti, Salvo ed Alfio. Pure Michele e Bella.

Michele:  Rieccoci in diretta da casa Volgare per l’ultima puntata di “Famiglia d’Italia”, la

                 grande finale. Tra Peppe, Titti, Salvo ed Alfio, sortiranno i tre semifinalisti. E

                 così, dai risultati del televoto, il primo semifinalista è… Peppe Volgare!

Peppe:     (Esulta come un pazzo per la stanza) Aléééééé…. Alééééééé! 

Carmela: Oh, e te vuo’ calmà ‘nu poco?

Peppe:     Carmé, nun capisco cchiù niente!

Gaetano: Papà, ma tu nun he’ vinciuto ancora.

Peppe:     (Deluso) Ah, no? Ancora aggia vencere?

Bella:       No, Peppe. Per cui, ti prego, ora calmati e torna insieme a noi.

Peppe:     (Si calma) Sì, sì, sì.

Bella:       Bene, ed ora passiamo al nome del secondo o della seconda semifinalista che è…

Michele:  Titti Di Strada!

Titti:        (Esulta) Aléééé… Aléééé! (Abbraccia Peppe)

Bella:       Va bene, Titti, grazie, basta così.

Peppe:     (Compiaciuto di esserr abbracciato da Titti) No, e pecché? Lassat’’a festeggià

                 ‘n’ata mez’ora! Chella, ‘a povera guagliona, è cuntenta. E pur’io!

Michele:  No, no, basta così, Titti.

Titti:        (Si calma) Va bene.

Michele:  Ed ora, Bella, a te il nome del terzo ed ultimo semifinalista.

Bella:       Il terzo semifinalista, tra Salvo Scurrile e Alfio Sboccato è: Salvo Scurrile!

Salvo:      (Esulta) Aléééé… Aléééé! (Si volta verso Peppe)

Peppe:     Nun te permettere ‘e m’abbraccià, o si no te dongo ‘na capata ‘nfaccia!

Bella:       Mi dispiace tanto per Alfio. Che cosa pensi della tua eliminazione al televoto?

Alfio:       Aggia dicere coccosa? Nel senso, ch’aggia parlà?

Bella:       E si capisce. Però, per cortesia, sputa questa gomma nella ceneriera sul tavolo.

Alfio:       E vabbuò. (Sputa la gomma) Ecco qua. (Però continua a masticare lo stesso)

Michele:  Ma io vedo che tu mastichi ancora.

Alfio:       No, chillo è ‘nu tic nervuso.

Bella:       Va bene, dunque, puoi parlare.

Alfio:       (Molleggia sulle gambe) Io so’ pronto. Dunque…

Michele:  Ma la vuoi smettere di muoverti sempre? Ce staje facenno avutà ll’uocchie!

Alfio:       ‘O parente, ma tu si’ proprio ‘nu passaguaje: e m’he’ fatto sputà ‘a gomma, e me

                 vuo’ fa’ ‘sta fermo…! E famme parià ‘nu poco!

Bella:       Va bene, dai, muoviti. Però almeno parla.

Alfio:       E allora, ‘a parente, io voglio dicere sulo ‘na cosa: ‘stu televoto è ‘na granda

                 scemenza. Ma comme se fanne a cuntà ‘e ttelefonate? Ma, cioè, ce sta uno ‘int’’o

                 telefono che conta ‘e ggente?

Michele:  Esattamente. Il televoto è una macchina perfetta.

Alfio:       Ma famme ‘o piacere. Vuje avite fatto qualificà in semifinale a ‘stu Salvo

                 Scurrile… che tene pure ‘nu bruttu cugnomme!

Salvo:      Siente chi parla. Tu te chiamme Alfio Sboccato!

Alfio:       Ma ‘o ssaje pecché t’hanne fatto qualificà? Pecché tu nun daje fastidio in finale.

                 ‘O nonno Peppe, invece, l’hanne fatto passà in semifinale pecché è viecchio. ‘A

                 ‘n’atu paro d’anne more pure!

Peppe:     (Gli fa le corna) Tié!

Alfio:       Sicuramente facite vencere a Titti, pecché è bona e tene ‘e ccosce ‘a fora! Accussì

                 accuntentate ll’uocchie ‘e ll’uommene rattuse che se guardene ‘stu reality!

Titti:        Ma come ti permetti? Davide, metti a posto un poco a questo.

Davide:   (Va da Alfio, parla con accento torrese) Ma a te tutta ‘sta cunferenza chi t’’a dà?

Titti:        Va bene, lascialo a stare ad Alfio. Quello è antisportivo.

Alfio:       Stattu zitta, “coscia truccata”! ‘Sti ccosce te l’ha fatte ‘o chirurgo plastico!

Bella:       Va bene, adesso basta. Perché non ne parliamo civilmente?

Alfio:       Ma faje silenzio, che pure tu si’ tutta rifatta. Tiene ‘o musso abbuffato comm’a

                 ‘nu gommone cu’ ‘o mutore areto!

Bella:       Io?

Alfio:       Sì, tu. Rosa, jammece a priparà ‘a valiggia. Nun ce voglio sta’ cchiù ccà ddinto.

Rosa:       Va bene.

Alfio:       Aspiette ‘nu sicondo, aggia fa’ ‘na cosa. (Si scarta una gomma) Me voglio magnà

                 ‘sta gomma ‘a faccia vosta! (La mette in bocca e mastica rumorosamente)

                 Prende per mano Rosa e se la porta via a sinistra.

Michele:  (Imbarazzato, cerca di riprendere la situazione in mano) Bene, allora passiamo a

                 dare i numeri del televoto coi codici personali dei tre semifinalisti. Vai, Bella.

Bella:       Sì, dunque, ecco il numero da telefono fisso: (Legge) 123.419.283.471…

Gaetano: Eh, ma è troppo luongo!

Michele:  E che te ne ‘mporta? Pare che devi votare tu! Vai, continua, Bella.

Bella:       Al numero che vi ho detto prima, dovete aggiungere il codice 01 per votare Peppe

                 Volgare o lo 02 per Titti Di Strada o lo 03 per votare Salvo Scurrile. Invece, il  

                 numero di telefono mobile è: (Legge) 321.789.489, aggiungendo lo 01 per votare

                 Peppe Volgare, lo 02 per Titti Di Strada, lo 03 per Salvo Scurrile. Buon televoto!

Michele:  Ed ora andiamo in pubblicità. Ma non cambiate canale. Vi raccomando.

                 Si sente il jingle annunciare la pubblicità. Dopodiché tutti si rilassano.

Carmela: Sentite, Michele e Bella, ‘na domanda: ma io pozzo fa’ ‘o televoto pe’ mariteme?

Bella:       Ma scherzi? Assolutamente no.

Carmela: (Insiste) Ma io voglio fa’ ‘o televoto. Speriamo che mi ricordo tutti quei numeri.

Gaetano: A chi?Ammente te miette a diggità, fernesce tutto ‘o reality sciò e statte buono!

Michele:  Scusate, io e Bella avremmo bisogno di rinfrescarci un poco in bagno.

Anna:      Va bene, mò vi accompagno io. Venite, venite.

Bella:       Grazie.

                 Anna, Michele e Bella escono a sinistra. Invece Gaetano, Davide, Titti, Carmela

                 e Peppe confabulano tra di loro, mentre Ciro e Salvo si appartano verso destra.

2. [Tutti i personaggi]

                 Ciro e Salvo, appartatisi, parlano senza farsi ascoltare dagli altri.

Ciro:        Salvo, finalmente siamo all’ultima puntata.

Salvo:      E già. Sto’ tutto esaurito!

Ciro:        Io so’ stato eliminato pe’ primmo. E accussì aiére so’ stato in giro a vedé ‘nu

                 poco ‘a situazione. Che belli mmachine aggio visto. Stanne tutte quante astipate

                 ‘int’a ‘nu garage a Via Bracco. (Entusiasta) Stanotte amma fa’ ‘na strage!

Salvo:      ‘Na strage ‘e che cosa?

Ciro:        (Gli passa l’entusiasmo) Ma come, Salvo? Le macchine. Poi passeremo alle

                 case. Te si’ scurdato? Abbiamo detto che tu sei il regista e io il primo attore!

Salvo:      ‘O lavoro mio è vencere ‘stu reality. Tu, si vuo’ turnà a arrubbà, fa’ pure! Io, no!

Ciro:        (Sorpreso) Salvo… ma… tu staje pazzianno! Nun è ‘o vero?

Salvo:      No, nun sto’ pazzianno. Vedi, io ho scoperto che sono nato per fare la star in TV.

Ciro:        (Sconvolto) E gghiamme, ma ferniscele ‘e fa’ ‘o scemo!

Salvo:      Io sono il futuro vincitore di questo reality. Tu invece rimarrai… marjuolo a vita!

Ciro:        E tu vulisse vencere ‘o reality show?

Salvo:      (Si alza in piedi) Caccia carta e penna, accussì te faccio l’autografo!

Ciro:        (Sdegnato) Embé, alla fine del reality, tu ti pentirai di tutto questo.

Salvo:      Siente, io mò tengo che ffa’. Aggia vencere ‘nu sicondo cinquecientomila Euro!

Ciro:        (Si alza in piedi sdegnato) Tu verrai a pregarmi in ginocchio.

Salvo:      Io vengo a pregà a te? E chi si’, San Gennaro?! Fate largo al vincitore!  

                 Salvo si distanzia un po’ da Ciro che lo osserva perplesso. Il jingle del reality

                 annuncia la fine della pubblicità: torna la diretta. Titti, Ciro, Salvo, Gaetano,

                 Davide, Carmela e Peppe, rimasti soli, imbarazzati, non sanno cosa fare.

Titti:        Ma che è successo? Siamo tornati in diretta?

Carmela: Accussì me pare.

Titti:        E dove stanno Michele e Bella?

Davide:   Starranne ancora ‘int’’o bagno. Se vede che se tratta ‘e diarrea!

Peppe:     Ah, e mò che ffacimme?

Ciro:       (Va da Gaetano) Gaità, dice coccosa tu.

Gaetano: E ch’aggia dicere?

Carmela: E tu si’ ‘o capofamiglia.

Titti:        (Ansiosa) Vai, zio, che la diretta sta andando avanti. La gente sta aspettando.

Gaetano: Embé, e tu nun putisse fa’ ‘nu spogliarello ‘e duje minute?

Davide:   (Geloso) Ma qualu spogliarello? 

Gaetano: No, no, vabbuò, mò parlo io. Ehm… salve a tutti. Noi siamo qua e voi state là a

                 casa vostra!... E ppo’ ch’aggia dicere cchiù?

Peppe:     E’ meglio che te staje zitto. Mò te faccio avvedé io comme se coinvolge ‘a gente.

Carmela: Néh, ma che vvuo’ fa’?

Peppe:     E mò vide!

Carmela: No, dico, ma che vvuo’ fa’?

Peppe:     E ‘nu mumento. 

Carmela: Sì, ma dico, che vvuo’ fa’?

Peppe:     (Si arrabbia) E te staje zitta?! (Si fa avanti un po’) Ehm… adesso canterò per voi

                 una canzone classica napoletana!

Gli altri:  Noooo!

Peppe:     (Canta) “Catarì, Catarí / pecché me dice ‘sti pparole amare? /

Carmela: (Va da lui, ingelosita) Néh, uhé, e mò chi è ‘sta Catarina? Disgraziato!

Peppe:     Cretina, è ‘a canzona. E nun m’’a ‘nguajà, però!

Gaetano: (Interviene lui) Ma no, papà, ce vo’ ‘na canzona cchiù alléra. Mò t’’a faccio sentì

                 io! (Canta) “Tu, quinnice anne / ma sei già donna / anche se piccola d’età”…

Davide:   (Interviene) Ma no, mò ve faccio sentì io comme se canta! (Canta con accento

                 torrese) “’O sarracino, ‘o sarracino / che bellu guaglione / ‘o sarracino…”!

Ciro:        (Interviene) Ma nun site buone nisciuno ‘e tutte quante. Mò ve faccio sentì ‘na

                 canzona moderna! Sulo che nun m’arricordo ‘e pparole!  

Gli altri:  (Lo mandano a quel apese a gesti) Uuuuff!

Peppe:     He’ fatto ‘a figura d’’o fenucchio ammunnato!  

Carmela: E allora mò ‘a faccio io ‘n’interpretazione struggente. Canterò…

Salvo:      (Interviene) Ma lievete ‘a miezo. Mò v’’a faccio sentì io ‘na canzona! (Canta)

                 “’Nu latitante nun tene cchiu niente / luntano d’’o bbene annascuso d’’a gente /

                 l’urdimo amico addeventa importante / pe’ ffa’ nu regalo a chi aspetta a papà…”!

Gli altri:  (Lo mandano a quel apese a gesti) Ma famme ‘o piacere!

                 Da sinistra tornano Alfio e Rosa con le loro valige trolley.   

Alfio:       (Masticando rumorosamente) Néh, uhé, ‘e pariente! Ma che ce sta, ‘na festa?

Gaetano: Stattu zitto, che stamme in diretta!

Alfio:       E nun putimme cantà pur’io e Rosa?

Salvo:      E chi site, Albano e Romina?

Rosa:       (Stufa) Alfio, jammuncenne.

Carmela: Ma allora ve ne vulite proprio ì?

Rosa:       E tanto, amme perzo. Che ce stamme a ffa’ ancora ccà?

Titti:        E pure noi siamo stati eliminati, però restiamo fino alla fine.

Alfio:       ‘A parente, tu puo’ ffa’ chello che vvuo’ tu, nuje invece tenimme ‘e meglio ‘a fa’!

Rosa:       (Felice) Capisce a nuje!

Davide:   E doppo fernuto ‘o reality show, pur’io e ‘a femmena mia facimme ‘a stessa cosa!

Rosa:       (Dubbiosa) Tu e ‘a femmena toja?

Alfio:       ‘O parente, quann’è fernuto ‘o reality show, si ‘a femmena toja fa successo, nun

                 te cunosce proprio cchiù! Un saluto a tutti i presenti. Jamme, Rosa!

                 I due escono via. Davide e Titti invece si guardano.

Davide:   Titti, ma quanno fernesce ‘o reality, tu overamente me lasse?

Titti:        Ehm… no comment!

Carmela: Sentite, ma mò ve mettite a penzà sulo a vuje? Ccà amma continuà ‘o reality!

Gaetano: E comm’’o continuamme si nun venene Michele e Bella?

                 I presenti si guardano perplessi.

3. [Tutti i personaggi, tranne Alfio e Rosa]

                 Da sinistra tornano subito Michele e Bella, seguiti da Anna. I tre sono di corsa.

Bella        Eccoci rientrati in diretta da casa Volgare!  

Peppe:     E’ già mez’ora ch’è fernuta ‘a pubblicità. Io e ‘sti sei scunsulate amma avuta fa’

                 ‘o Festival ‘e Napule, pe’ ffa’ passà ‘o tiempo!

Michele:  Divertente, bravo! Ma ora è arrivato il momento di dire: stop al televoto! Intanto

                 lasciamo ai nostri tre semifinalisti la parola. Diteci come convincereste la gente a

                 votarvi per farvi vincere. Vada a sedersi sul divanetto la procace Titti Di Strada.

Davide:    (Geloso) Néh, oh, ma che vvo’ dicere procace?

Bella:       Non è una parolaccia. Vuol dire “piacente”.

Davide:    Ah, vo’ dicere “bona” comm’a te? OK, allora va’, Titti, te puo’ gghi’ a assettà!

Titti:        (Gli sbuffa in faccia) Uffà! (Si siede al divanetto) Voglio dire al pubblico da casa

                 che io devo vincere questo reality, perché… perché… (Sexy) Sono la meglio! Per

                 cui, votatemi. Non ve ne pentirete! (Fa l’occhiolino, poi si alza in piedi) Finito. Bella:       Bene, ora tocca a nonno Peppe Volgare.

Peppe:     Ohiné, non chiamarmi nonno! (Va a sedersi, poi…) Italiani e italiane, io coltivo la

                 terra da quando ero criaturo: faccio il terrestre! Tengo due terre: una a Cimitile e

                 una a Camposano. Venite a comprare la frutta da me, vi farò sparagnare! Ma ora

                 datemi solo il vostro voto. (Fa l’occhiolino, poi si alza in piedi) Ho finito.            

Bella:       Bene, prego Titti di prendere i risultati del televoto dal notaio che è in cucina e

                  non possiamo mostrarvi per ovvi motivi. Vai pure, Titti.  

                 Titti fa una specie di inchino, poi esce a destra.

Michele:  Adesso tocca al terzo semifinalista, Salvo Scurrile. Vuoi approfittarne per fare

                 anche gli auguri di Buona Pasqua a tutti?

Salvo:      OK! (Si siede) Signore e signori, auguri di Buona Pasqua… e felice anno nuovo!

Gaetano: E che ce azzecca? L’anno nuovo è già accumminciato ‘a quatte mise!

Peppe:     Oggi invece finiscono le feste pasqualizie!

Salvo:      No, quello è per fare la cosa più importante. 

Michele:  Va bene, vai avanti.

Salvo:      Dunque, signore e signori, non c’è bisogno che vi dico niente. Voi già sapete

                 quello che dovete fare. Per un’Italia migliore, votate a me!

Gaetano: Eh, sta facenno ll’elezione, chisto!

Salvo:      E infine, voglio fare un avviso a tutte le donne italiane e non: io sono single! (Fa

                 l’occhiolino, poi si alza in piedi) Ho finito.

Michele:  Bene, allora attendiamo che Titti abbia ricevuto la busta dal notaio.

                 Torna Titti che consegna a Bella con la busta chiusa con ceralacca in mano.

Bella:       Grazie, Titti. In questa busta ci sono i nomi dei due finalisti. Ora l’apro. (Esegue)            

Michele:  Che i tre semifinalisti si mettano uno accanto all’altro.

                 I tre così fanno, mentre gli altri concorrenti si mettono in disparte. Bella e

                 Michele leggono l’esito del televoto, poi lei si pronuncia.

Bella:       Il primo, o la prima, finalista di “Famiglia d’Italia”… è…

Salvo:      (Si porta avanti e finge commozione) Grazie, grazie, sono commosso!

Michele:  Ma dove vai?

Salvo:      No, no, non mi dite niente. Sono il primo finalista e sono felice.

Michele:  Ma si nuje ancora amma parlà! Torna indietro e resta insieme agli altri due.

Salvo:      (Ripreso, ubbidisce) E va bene.

Bella:       Dicevo: il primo, o la prima finalista di “Famiglia d’Italia” è… Titti Di Strada!

Titti:        (Esulta) E vaiiiii!

Davide:   (La alza in braccio, le parla con accento torrese) Ammore mio, si’ ‘na putenza!

Titti:        (Lancia baci) Grazie, grazie!

Michele:  Va bene, va bene, torna al posto tuo, tu.

Davide:    Subito! (Così fa)

Bella:       Ora passo a leggere il nome del secondo finalista di “Famiglia d’Italia”… che è…

Salvo:      (Si porta avanti e finge commozione) Grazie, grazie, sono commosso!

Michele:  ‘N’ata vota, mò? Torna al tuo posto.

Salvo:      (Ripreso, ubbidisce) E ffacite ambresso! Nun ce ‘a faccio cchiù!

Bella:       Il secondo finalista di “Famiglia d’Italia” è… Ve lo diremo dopo la pubblicità!

                 Il jingle del reality copre il “vaffa” (accompagnato dal gesto) dei partecipanti.

Salvo:      Ma justo mò ata fa’ ‘a pubblicità?

Bella:       Sono obblighi a cui noi non possiamo sottrarci.

Salvo:      Sì, ma mò, tutt’e dduje, nun ve ne jate a ffa’ ‘n’ata vota ‘o pipì! Chiaro?

Michele:  E che ffacimme, sempe ‘a pipì, io e Bella?!

Salvo:      E che ne saccio? Chella, chesta, tene pure ‘o nomme ‘e ‘nu cane!

Bella:       Io?

Michele:  No, va bene, lascia stare. Non te la prendere. Quello scherzava.

                 Il jingle del reality annuncia la fine della pubblicità: torna la diretta.

Bella:       Eccoci ritornati in diretta! Prima della pubblicità, abbiamo lasciato in sospeso il

                 nome del secondo finalista di “Famiglia d’Italia”… che è… nonno Peppe!

Peppe:     (Sorpreso) Che? Io?

Salvo:      (Ancora più sorpreso) Aspettate ‘nu mumento, ma c’è stato ‘nu sbaglio!

Michele:  No, non c’è nessuno sbaglio. Il secondo finalista è Peppe Volgare, e basta!

Salvo:      Voglio leggere.

Michele:  Non è possibile. Salvo, è stato il pubblico da casa a decidere così.

Bella:       E allora, vuoi dire qualcosa al pubblico che ti ha eliminato?

Salvo:      Sì, sì! (Guarda un punto fisso, come in telecamera) Tenite proprio ‘a cazzimma!

Bella:       Ma no, non puoi dire questo al pubblico.

Salvo:      Ah, sì? Ah, sì? E allora, italiani, vi voglio dire che questo reality è una fregatura!

Bella:       No, ma…

Salvo:      Io tra poco acchiappo ai conduttori e li struppeo!

Gaetano: Uhé, ma te vuo’ sta’ ‘nu poco qujeto?

Salvo:      Ma io so’ stato eliminato in semifinale. Nun è giusto. Io aggia vencere ‘o reality!

Bella:       Ma è giusto accettare sportivamente l’esito del televoto.

Salvo:      Sportivamente? Ma io me vulesse suicidà! Ce sta sulo ‘nu modo pe’ truva’ pace.

Bella:       E cioè?

Salvo:      Tu sei libera sabato sera?

Bella:       No!

Salvo:      E l’altro sabato?

Bella:       No!

Salvo:      E l’altro sabato ancora?

Bella:       Neanche! Sono già impegnata.

Salvo:      Ecco, so’ curnuto e mazziato! (Si siede sconsolato al tavolo) Curnuto e mazziato!

Michele:  Oh, sembra che si sia calmato. Ora prepariamoci per la finale.

Bella:       Rimangano solo i due finalisti: Peppe Volgare e Titti Di Strada.

                 Gli altri escono e rimangono solo i due appena citati.

4. [Tutti i personaggi, tranne Alfio e Rosa]

                 Il jingle del reality annuncia la finale del reality.        

Bella:       Signore e signori…!    

Michele:  Eccoci all’atto conclusivo della finale di “Famiglia d’Italia”. Io direi, Bella,

                 ricordiamo i numeri del televoto per i nostri finalisti Peppe e Titti.

Bella:       (Legge) Bisogna digitare da telefono fisso l’123.419.283.471.374.895.478…

Peppe:     Ma che d’è, è aumentato ‘o nummero?  

Bella:       A tale numero aggiungete il codice 01 per votare nonno Peppe Volgare o lo 02

                 per votare Titti Di Strada. Invece il numero di cellulare è: (Legge) 321.789. 489 a

                 cui dovete aggiungere il codice 01 per votare nonno Peppe Volgare, lo 02 per

                 votare Titti Di Strada. Via al televoto! E buona votazione a tutti!

Salvo:      (Entra, acido) Eh, ce vo’ ‘na semmana pe’ ffa’ ‘sti nummere ‘e telefono! (Esce)

Michele:  Ed ora, prima di ascoltare la viva voce dei nostri finalisti, vogliamo ringraziare

                 coloro che hanno ospitato in casa loro questa prima edizione del nostro splendido

                 reality show: i coniugi Volgare. Vengano avanti Gaetano ed Anna. Un applauso!

                 I due che si avvicinano ai conduttori (in sottofondo l’applauso del pubblico). 

                 E allora, vogliamo sentire le vostre impressioni su questa magnifica esperienza.

Anna:      Le nostre impressioni? E che vvo’ dicere?

Gaetano: Niente, vo’ sapé si a nuje ce ha fatto impressione a partecipà a ‘stu reality sciò!

Anna:      No, pe’ niente!

Gaetano: E manco a me!

Bella:       Ma no, le vostre sensazioni. Cioè, questo reality show che cosa vi ha inculcato?

Peppe:     (Interviene) Néh, ma che sso’ ‘sti pparole? Ma che d’è tutta ‘sta cunferenza?

Michele:  Ma no, Peppe, inculcare significa “insegnare”.

Gaetano: Ah, chest’è? Che ci ha insegnato? Niente! Io speravo che mia moglie imparava a

                 cucinare. Ma addo’? Chella nun sape manco mettere ‘a pentola ‘ncoppa ‘o fuoco.

                 Invece di posarla sui fornelli, ‘a mette ‘int’’o lavandino! Po’ fa vicino a me:

                 “Gaità, ma pecché st’acqua nun volle mai?”. E se capisce, cretina, si tu nun ‘a

                 miette ‘ncoppa ‘o ffuoco, comme fa a vòllere?

Michele:  Va bene. Allora, per finire, non dovete ringraziare nessuno?

Gaetano: E a chi amma ringrazià?

Bella:       Ma come? (Farfuglia) Lo sponsor!

I due:       Ah?

Bella:       (Farfuglia) Lo sponsor!

I due:       Comme?

Peppe:     Oh, ma site surde? Sta dicenno ‘o sponsor!

Gaetano: (Imbarazzato) Ah, già. Sì, è vero. Noi dobbiamo proprio ringraziare lo sponsor.

Anna:      (Imbarazzata) Sì, ringraziamolo. Gaità, e te vuo’ movere a ringrazia ‘o sponsor?

Gaetano: (Imbarazzato) Ehm… grazie, grazie! Ma qual è?

Anna:      Ma come? L’acqua minerale Splendor.

Gaetano: No, chella è ‘a candeggina! L’acqua minerale se chiamma Mucovic!

Titti:        (Interviene) No, chillo è ‘o spray nasale! L’acqua minerale se chiamma Bimbel.

Peppe:     (Interviene) Ma chille so’ ‘e pannuline p’’e ccriature! L’acqua minerale se

                 chiamma Super X!

Gaetano: Ma chille so’ ‘e preservative! L’acqua minerale se chiamma Sblock Water!

Anna:      (Si alza e interviene) Ma chillo serve pe’ spilà ‘o gabinetto appilato! L’acqua

                 minerale se chiamma Biancodent!

Titti:        (Interviene) Ma quello serve per pulire le dentiere! L’acqua minerale si chiama

                 Salus et Libertas!

Anna:      (Interviene) No, chillo serve p’’a prostata! L’acqua minerale se chiamma Etciù!

Gaetano: Ignorante, chillo serve p’’o catarro. L’acqua minerale se chiamma Gnack Gnack!

Peppe:     Ma chelle songhe ‘e ssupposte! L’acqua minerale invece se chiamma Uditiv!

Anna:      (Seccata) Alt! Néh, Miché, Bella, ma comme se chiamma st’acqua minerale?

Bella:       (Imbarazzata) L’acqua minerale?

Michele:  (Imbarazzato) Ma… non c’è nessuna acqua minerale tra i nostri sponsor. Noi ci

                 riferivamo all’automobile per tutti, la Spiritus!

Bella:       Guarda, che ti sbagli. Quello è disinfettante. Invece l’auto si chiama Raggi X!

Michele:  Va bene, facciamo così: chiunque sia lo sponsor, noi lo ringraziamo di cuore!

Bella:       Già, soprattutto per la pazienza. E ora è il momento dell’intervista ai due finalisti.   

Bella:       Gli faremo le domande più indiscrete. Prego, accomodatevi sul divanetto.

                 Peppe e Titti sul divanetto, Gaetano ed Anna dietro, Michele e Bella su due sedie.

Michele:  (Legge dalla cartellina) Dunque, Peppe, come vedi il tuo essere donna?

Bella:       Ma no, c’è un errore. Questa domanda è per Titti.

Michele:  Hai ragione. E allora lasciamo rispondere prima a Titti per cavalleria.

Titti:        Per cavalleria? Ma allora vulisseve dicere ca io tengo ‘a faccia ‘e ‘nu cavallo?

Michele:  No, questa cosa riguarda Peppe.

Peppe:     E allora vulisseve dicere ch’’a faccia ‘e cavallo ‘a tengo io?

Bella:       Ma cosa dici? Va bene, lasciamo stare. Prosegui, per favore, Michele.

Michele:  Dunque, Titti, come vedi il tuo essere donna?

Titti:        Beh, per me, essere donna… vuol dire essere femmina! Questo è!

                 Michele e Bella si osservano perplessi.

Michele:  Bene, ora passiamo ad una domanda per Peppe: come vedi il tuo essere gay?

Bella:       No, Michele, questa domanda avremmo dovuto farla a Ciro se fosse arrivato in

                 finale. Ma non è stato così. Dunque, cambia la domanda per Peppe.

Michele:  Peppe, leggo dalla tua scheda che tu sei nato il 15 settembre. Allora, sei vergine!

Peppe:     No, no.

Michele:  E invece sì, sei vergine.

Peppe:     No, no, ce sta ‘nu sbaglio.

Michele:  Lasciati pregare, perché tu sei del segno della vergine.

Peppe:     Ma ‘e che staje parlanno?

Gaetano: (Interviene) Ma comme, papà?! I segni zodiacali: l’ariete, ‘o toro, ‘o ciuccio…!

Michele:  No, ‘o ciuccio nun ce sta.

Peppe:     Ce sta!

Michele:  No, ‘o ciuccio nun è ‘nu segno zodiacale! Invece la vergine sì. E Peppe è del

                 segno della vergine.

Peppe:     Ancora? Ma io ‘o voglio cagnà, ‘stu segno zodiacale!

Bella:       Va bene, lascia stare. Ora tocca a Titti.

Peppe:     Aggia tuccà a Titti? Vabbuò!

Bella:       Ma no, stai fermo. Ora spetta a Titti rispondere. (Legge sulla cartellina) Titti, se

                 tu vincessi il reality show, entrando così nel mondo dello spettacolo, cosa faresti?

Titti:        Per prima cosa, voglio un calciatore!

                 Da destra entra Davide, ingelosito, e va da lei.

Davide:   Néh, uhé, qualu calciatore? E io, allora, che fine faccio?

Titti:        E mica tu faje ‘o calciatore?

Michele:  Per favore, Davide, torna al tuo posto.

Davide:   Pozzo dicere primma ‘na frasa dolce a Titti?

Michele:  Va bene, dille la frase dolce.

Davide:   (Dolce) Ammore mio, aroppo t’aggia scummà ‘e sango!

                 Le manda un bacio e poi esce via a destra, spinto via da Gaetano ed Anna.

Bella:       Bene, Titti, e poi cos’altro vorresti fare nello spettacolo?

Titti:        L’infermiera!

Bella:       Ma l’infermiera si fa sugli ospedali!

Titti:        Ah, e allora vorrei fare la maestra!

Bella:       Ma insomma, tu non sai cantare, ballare, recitare oppure presentare?

Titti:        No, però io imparerò.

Michele:  E tu vuoi entrare prima nel mondo dello spettacolo e poi imparare a far le cose?

Bella:       Lascia stare. Ora c’è l’ultimo appello. I due semifinalisti devono convincere il

                 pubblico a votarli. Comincia proprio Titti. Prego.

Titti:        Beh, pubblico, votatemi, perché se non mi fate vincere il reality, dovete fare tutti

                 una brutta fine, col telecomando in mano, stecchiti! Sono stata chiara? Grazie!

Michele:  Ora tocca a te, Peppe. Fai presto, il tempo scorre.

Peppe:     Il tempo scorre? E chiammate ‘o stagnaro!

Michele:  (Lo guarda male) Peppe, fai la tua dichiarazione.

Peppe:     A chi l’aggia fa’?

Michele:  Al pubblico da casa.

Peppe:     Ma è troppa gente!

Bella:       Insomma, Peppe, vuoi convincere il pubblico a votarti?

Peppe:     E va bene: pubblico, votatemi! Io non ho mai vinciuto niente nella vita. Solo una

                 volta ho vinciuto una casa di due piani, ma il giorno dopo ha fatto il terremoto e 

                 se n’è caduta! Che sfortuna! Poi un’altra volta ho vinciuto una mucca! Ma era

                 malata e perciò è morta dopo mezz’ora. Infine una volta ho vinciuto un trattore,

                 ma i ladri me l’hanno rubato!

Bella:       Va bene, adesso diciamo: stop al televoto. Ormai, quel che è fatto è fatto. Quel

                 che non è fatto, non è fatto. Possiamo alzarci in piedi.

                 Michele, Bella, Peppe e Titti si alzano in piedi. Lei seguita la presentazione.

                 Allora adesso tocca al pubblico presente in studio mostrare il suo gradimento per

                 uno dei due finalisti. Il tutto grazie ad un applauso che sentiremo qui a casa

                 Volgare, attraverso la diffusione degli altoparlanti.

Michele:  Chiediamo allora al pubblico di applaudire nonno Peppe Volgare.

                 Si sente l’applauso del pubblico.

Bella:       Ed ora che il pubblico applauda Titti Di Strada.

                 Si sente l’applauso del pubblico.

Michele:  Bella, allora direi che è il caso di andare a prendere i risultati del televoto.

Bella:       Sì, non vedo l’ora. Stavolta vado io a prenderli.

                 Esce a destra. 

Michele:  Ormai ci siamo. Non resta che aspettare Bella coi risultati del televoto che

                 sanciranno il vincitore della prima edizione di questo reality show.

                 Tutti restano in religioso silenzio.

Scena Ultima. [Tutti i personaggi, tranne Alfio e Rosa]

                 Da destra torna Bella con una busta sigillata. Va da Michele, Titti e Peppe.

Bella:       Ecco la busta col nome del vincitore, consegnatami dal nostro notaio. Prima di

                 aprirla, è doveroso ringraziare coloro che lavorano dietro le quinte per la riuscita

                 di questo programma, e cioè i sarti, i costumisti, trucco e parrucco, i tecnici e la

                 regia. E mi scusi qualcuno se l’ho dimenticato.

Michele:  Bene, è giunto il momento di leggere il nome del vincitore. La gente vuol sapere.

                 E’ rimasta fino a quest’ora con noi. Per cui, procedi pure all’apertura della busta.

Bella:       (Esegue) Certo. (Legge il nome e si meraviglia) Incredibile. Chi lo avrebbe mai

                 detto? E’ veramente una sorpresa. Ora so il nome del vincitore.

Peppe:     E ce ‘o vvulite fa’ sapé pure a nuje?

Bella:       Subito! Il vincitore della prima edizione di “Famiglia d’Italia”… è…

Pep&Tit: E’…?

Michele:  Facciamo entrare pure gli altri concorrenti e ve lo diciamo.

Pep&Tit: (Seccati) Uuuuffff!

                 Parte il jingle del reality, così gli altri concorrenti entrano.

Michele:  Bene, ora più nulla ci separerà dallo scoprire il nome del vincitore. Ma lascio

                 l’incombenza della lettura del nome a Bella. Prego, Bella!

Bella:       Grazie. E dunque, il vincitore della prima edizione di “Famiglia d’Italia”… è…

Gli altri:  E’…?

Michele:  Ve lo diciamo subito dopo il messaggio promozionale, fra trenta secondi!

Gli altri:  Ma va’…!

                 Parte il jingle del reality, così i concorrenti si liberano in ulteriori proteste.

Michele:  Signori, lo sapete già. Gli obblighi commerciali si chiamano così proprio perché

                 sono obblighi. Sono come i bisogni.

Salvo:      Diciamo che sono una specie di pipì!

Michele:  Ecco, bravo Salvo!

                 Il jingle del reality annuncia la fine della pubblicità. Michele placa gli altri.

                 Zitti, zitti, ci siamo.

Gaetano: Embé, si chiamme ‘n’ata vota ‘a pubblicità, te facimme ‘nu capputtone mai visto!

Michele:  Eccoci di nuovo in diretta. Bella, è arrivata l’ora di dire il nome del vincitore.

Bella:       D’accordo. E dunque, il vincitore della prima edizione di “Famiglia d’Italia” è…

Gli altri:  E’…?

Titti:        (Piange e lancia baci) Grazie, grazie, questo è il giorno più bello della mia vita! Michele:  Ma… che fai, Titti?

Titti:        No, sono commossa, perché sono contenta di questa vittoria.

Bella:       E vuoi aspettare almeno che io dica il nome di chi ha vinto?

Titti:        E va bene, dillo, dillo!

Bella:       E allora, bene, dunque, infine, chiudendo il discorso, nonostante tutto, a giochi

                 fatti, facendo i conti, tirando le somme…!

Gli altri: (Stufi) Oh, e gghià!

Bella:       Il vincitore della prima edizione di “Famiglia d’Italia”… è…

Gli altri:  E’…?

Bella:       Nonno Peppe Volgare!

                 Gli altri vanno ad abbracciarlo. Titti ci rimane male e resta immobile.

Peppe:     (Confuso) Grazie, grazie!

Michele:  Ma adesso sentiamo subito le prime reazioni a caldo. Concorrenti, calmatevi.

                 Ma gli altri non lo ascoltano e festeggiano ancora Peppe. Michele insiste.

                 Va bene, basta, basta così! 

                 Gli altri però lo ignorano. Michele allora si spazientisce.

                 Oh, e basta!

                 Subito c’è il silenzio e ognuno arretra un po’. Michele seguita, come nulla fosse.

                 E ora sentiamo le prime reazioni a caldo. Cominciamo dalla seconda classificata  

                 al reality show. Titti, che ricordo avrai di questa favolosa esperienza?  

Titti:        (Acida) Ma quala favolosa esperienza? Io aggio fatto tutta ‘sta mmuina pe’ duje

                 mise, gratis. Aggio magnato ‘nu schifo, pecché zia Anna nun sape cucenà. Aggio

                 durmuto ‘nu schifo, pecché ‘o lietto è piccerillo. Nun so’ mai stata capace ‘e ì  

                 ‘int’’o bagno, pecché era sempe occupato! E affinale nun aggio manco vinciuto.  

                 E tu m’’a chiamme favolosa esperienza? Ma murite, tutt’e dduje! (Si isola, triste) Bella:       Va bene, allora dopo questo civile e pacifico saluto della seconda classificata, io

                 direi di dedicarci al vincitore assoluto: Peppe Volgare.

Peppe:     Grazie, grazie. ‘A Maronna v’’o rende!

Bella:       Ma è tutto meritato. Ed è per questo che noi tutti vogliamo renderti omaggio.

Peppe:     Ah, grazie. Datammillo, datammillo!

Bella:       Che cosa ti dobbiamo dare?

Peppe:     L’omaggio!

Michele:  Ma quale omaggio? Noi vogliamo festeggiarti. E’ il tuo momento.

Bella:       Vuoi esprimere un ultimo desiderio?

Peppe:     Ma pecché, aggia murì? Proprio mò ch’aggio vinciuto?

Michele:  No, nel senso: vuoi esprimerci un tuo messaggio finale da vincitore del reality?

Peppe:     Sì, sì, subito. Come vi ho detto prima, nella mia vita non ho vinciuto mai niente!

Ciro:        Dìcene tutte quante accussì! 

Peppe:     Io fatico ‘a terra: faccio ‘o terrestre! E così non saprei sfruttare tutte le cose che  

                 mi darete, compresi i 500.000 Euro. E allora vuol dire che festeggerò la vittoria

                 con spumante italiano. Miché, tu poco fa mi hai chiesto un desiderio. Io ne tengo

                 uno, ma separato in tre parti.

Michele:  Ne hai diritto. Ti ascoltiamo tutti.

Peppe:     Guardate mio figlio Gaetano: sta in cassintegrazione, così fa la vita di un barbone,

                 si veste pure male e guardate che brutta faccia che tiene! Ma lo avete visto bene?

Gaetano: Vabbuò, papà, ma mò non esagerare con le belle parole e i complimenti!

Peppe:     No, io devo esagerare. Signori, voglio che mio figlio e tutti i cassintegrati amici

                 suoi, riprendono a lavorare. E se non bastano i soldi che ho vinto, chiedo l’aiuto  

                 degli sponsor del programma, perché loro tengono le possibilità. Non buttate più    

                 via i soldi, ma usateli per quelli che stanno inguaiati. Ho chiesto troppo?

Michele:  Sicuramente gli sponsor ti hanno ascoltato. C’è altro che devi chiedere?

Peppe:     Sì. La seconda parte del desiderio riguarda l’altro mio figlio, Ciro: è disoccupato,

                 e perciò è ‘nu sfasulato! Ma nun ‘o vedite che faccia ‘e scemo che tene?!

Ciro:        Grazie, papà, ti voglio bene!

Peppe:     Perciò, lo dovete mettere a lavorare. E se potete, esaudite il suo sogno: lui e il suo  

                 amico Salvo, che è un regista emergente, vogliono fare i film sporchi!

I due:       Oh, no! (Vergognati, si voltano altrove, facendo finta di niente)

Michele:  Va benissimo, manderemo Ciro nelle varie trasmissioni TV. E sarà pagato bene

                 anche come attrazione in tutti i locali di Napoli.

Bella:       Ma anche in qualche balera…!

Ciro:        No, ‘ngalera no!

Bella:       Ho detto balera, non galera!

Ciro:        (Felice e sognatore) Ua’, saje quanta femmene ce stanne! 

Bella:       E che te ne fai? Tu sei gay!

Ciro:        Ah, già! (Guarda male Gaetano) Gaità, t’hanna accidere. Ma comme t’è asciuto?

Gaetano: E tu che vvuo’ ‘a me?

Ciro:        (Agli altri) Sentite, io sono gay, però nella vita si può cambiare.

Salvo:      Scusate, ma pe’ me nun ce sta niente?

Michele:  E che c’entri tu?

Salvo:      Io sono il socio di Ciro. Potrei andare nei locali con lui. Faccio il suo interprete.

Michele:  L’interprete?

Salvo:      Ciro, e dincello tu!

Ciro:        Scusate un momento, tutti quanti. Io e lui ci appartiamo.

                 I due si mettono in disparte, mentre gli altri confabulano.     

Salvo:      Ciro, ma tuo padre ha penzato sulo pe’ te e pe’ me no.

Ciro:        E se capisce. Io le songo figlio carnale.

Salvo:      E io te songo amico carnale!

Ciro:        Néh, ma tu nun ire chillo che vuleva vencere ‘o reality show? E nun ire chillo che

                 diceva ca io aggia fa’ sulo ‘o marjuolo?

Salvo:      (Si umilia) Ciro, io songo ‘a schifezza ‘e ll’uommene!

Ciro:       (Sadico) Non mi basta!

Salvo:      Songo ‘a munnezza che s’accumula sotto ‘e ffogne e va a fernì ‘int’’a discarica!

Ciro:       Ancora non ci siamo!

Salvo:      Embé, Ciro, m’he’ credere: si vaje a cercà ‘int’’e libre ‘e storia, dall’uomo

                 primitivo fin’e oggie, nun è mai esistito uno che faceva cchiù schifo ‘e me!

Ciro:        Ci siamo quasi!

Salvo:      Dio, quanno m’ha criato a me, ha ditto: “Pe’ mezza ‘e chisto, aggio ‘nventato ‘o

                 prototipo d’’a zuzzimma ‘e ll’uommene”!

Ciro:        Ecco, ora ci siamo! Torniamo dagli altri.

                 I due tornano dagli altri e così Ciro fa una richiesta a Michele e Bella (va da lei).

                 E allora, ho deciso: Salvo viene con me.

Carmela: Scusate, ma io non ci guadagno niente?

Bella:       Ma certo, tu già ci hai guadagnato: tuo marito ha vinto 500.000 Euro.

Peppe:      Addo’? Chille so’ sulo ‘e mie! ‘O vincitore d’’o reality show songh’io.

Carmela: Mamma mia, comme si’ egoista!

Titti:         Scusate, anch’io avrei una richiesta: ma io non ci guadagno niente?

Michele:   E come: ti sei fatta pubblicità in questo reality. Puoi metterlo nel tuo curriculum.

Titti:         ‘E che fregatura!

Bella:        Invece, Gaetano ed Anna riceveranno dagli sponsor gioielli e posate d’argento.

Anna:       Ah, finalmente, Gaità. Noi teniamo tutti gioielli falsi e posate in finto argento!

Davide:    Che cosa? (Prende lo zaino e guarda dentro) Ma allora ‘sta rrobba è fàveza?

Gaetano: Quala rrobba?

Davide:    No, ehm…

Gaetano: Ma allora tu si’ trasuto ‘int’’a casa mia p’arrubbà? Disgraziato, t’aggia scannà!

                 Davide fugge via, inseguito da Gaetano che è inseguito dagli altri per fermarlo.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno