Remigio e Rosina

Stampa questo copione

REMIGIO E ROSINA

Di Velise Bonfante

Personaggi n. 4 : Remigio e Rosina (Marito e moglie) + (Amabile e Martina - due vicine di casa.)

Scena: Una stanza e un tavolo dove Remigio sta riparando qualche cosa. Rosina lavora seduta su di un divano, da dove si trova  lei non vede il marito e parla in continuazione. Remigio va e viene da un’altra stanza. Entra lavora un po’ ed esce senza che la moglie se ne accorga, lei continua a parlare anche quando lui  non c’è.

*****

Rosina) Che sie dré a dit Remigio? Ah sé, che l’è mia töt ór chèl che lüs, j-è sèmper parìcc zènt piena de sólcc con de ‘n möcc de posibilità, i spandàa e i spindìa, chèl  fiöl lé l’è stat la ruìna dei sò, lü el m’è mai piazìt, el paria el padrù del vapur.

Remigio) (Entra con un cacciavite e va avanti a riparare l’oggetto.)

Rosina) E a forza de spènder (girandosi verso il marito) ghét vist che fì che i g’ha fat Remigio?

Remigio) Te ghé rizù Rusìna...

Rosina) (Riprende il lavoro) E se i va avanti isé, chèl  fiöl lé, el ghe mangia föra apó le braghe ai du vèci. E lur poarècc, i g’ha sgobàt na vita per mèter en banda vargót. L’è mia giösta Remigio.

Remigio) Te ghé rizù Rusina (esce).

Rosina)  (Sempre lavorando) El la dis apó el proèrbe: “Na bèla buchina la maja sólcc, camp e cascina” cosa gh’è vignìt en mènt al Gioacchino de spuzà chèla slandrùna lé.I sò i l’ha lasàt fa e lé la n’ha profitàt. Me, a ‘n fiöl isé, garése piantàt na bèla pesadìna en del de dré, ma de chèle giöste! Però, se ghe ria en pütì, forse ghe pasa el bu tèmp a töcc du. A propòsit de püti, el set che a la fiöla de la Pasquina la setimana pasada  gh’è nasìt na femina. Na bèla pütina, i la ciamada  Su-èllen, come la moér del Géi-àr del Dallas. Lur i garés preferìt en mas-cì, se pöl capìi Remigio, dopo tre femine, ghe l’ho dit apó mé a la Pasquina, mas-c o femina g’ha mia emportanza, (girandosi verso il marito)  l’emportante l’è che i sàpe sani, el mia vera Remigio?

Remigio) (Rientra in tempo per sentire l’ultima battuta della moglie) Te ghé rizù Rusina.

Rosina) Bisognarà che ghe fóme en regàl a la fiöla de la Pasquina, en coprifàse o ‘n lenzulì.

Remigio) Te ghé rizù Rusina (esce studiando l’oggetto che ha in mano).

Rosina) Forse l’è mei töga na quertìna, le quertine le va mai de mal. Certo che ciamà na pütina Su-èllen ghe ‘n völ de fantasia, varda come che la televiziù la cundiziuna la zènt, però a pensaga bé l’è en bèl nòm moderno, pötòst che Ermenegilda come la niùda de l’Adele. El sét Remigio che gér g’ho vist tò sorela en piàza e la m’ha dit che el sò òm el g’ha en bris de féer, forse sarà l’influenza, con chèl tèmp ché se fa tanto a la svèlta a ciapala.

Amabile) (Bussa ed entra, asciugandosi le mani nel grembiule) El permesso? 

Rosina) (Senza alzarsi) Ciao  Mabile, vé che sèntet zó  en banda a me che te me fé en bris de compagnia e isé fóm apó na bèla ciciarada.

Amabile) El sarà per n’altra ólta Rusina, encö g’ho en pó presìa e sö vignida a véder se te pödet emprestàm en bris de söcher che sö restada senza, duma te ‘l turne .

Rosina) Sta mia preocupàt Mabile (si gira verso Remigio che nel frattempo è rientrato) Ghèl dét te Remigio per piazér el söcher a la Mabile? Varda che l’è lé en del mobil dedré a le tò spale.

Remigio) (Prende lo zucchero e lo passa all’Amabile) Tò Mabile, ciàpa (continua a lavorare per un po’, poi sempre senza che la moglie se ne accorga esce).

Amabile) (A Rosina) Grazie nè. Só dré a fa na turta, pènsa che g’ho za sbregàt i öf e pezàt la farina  e me só ‘ncurzida de èser restada senza söcher.

Rosina) Sta mia preocupàt  Mabile, per un chilo de söcher.

Amabile) Se mai vègne dòpo Rusina, isé quan che l’è còta la turta te ‘n fó tasta na fèta.

Rosina) Bràa, chèsta sé che l’è na buna idèa, mmmm, isé fóm merènda ensèma.. M’è za ignìt en bisigulì en del stòmech. T’el sét che me per i dolci... el mia vera Remigio?

Remigio) L’è vera Rusina (rientrato  giusto in tempo esce subito dopo).

(Amabile fa per uscire, Martina bussa ed entra.)

Martina) El permesso?

Amabile) Varda chi gh’è? Ciao  Martina.

Martina) (Ad Amabile) Ciao  Mabile? Che fét da chèle bande ché?

Amabile) Só vignìda en prèstit de söcher, só dré a fa na turta, g’ho za sbregàt j-öff e sö dre a ‘ndà vià (fa per uscire).

Martina) (Prendendo Amabile per un braccio la trascina in avanti) Férmet en momènt che g’ho na ròba de cöntà, ma na ròba.

Rosina) Del di bù? (Fa posto a Martina e la fa sedere, gira  sempre le spalle al marito) Dai vé denter sentèt zö ché Martina, en banda a me  e cöntèm. (Ad Amabile) Per en momènt sèntet zó apó te dai, la turta la pöl spetà (a Martina) sö cönta, cönta Martina, cosa gh’è de nöf?

Martina) G’ho saìt na ròba (guardandosi in giro, timorosa di orecchie indiscrete) ma na ròba! La Marièta (scandisce le parole, con fare complice) la s’è troàda n’amante, e giü pö zùen de lé  pèr de pö.

Rosina) Pö zùen? Ma nò!

Amabile) Ma de bu? Sét sicüra?

Martina) Se t’èl dìze, a me la me la cöntàt l’Angilina che a lé la ghe l’ha dit la Luisa.

Rosina) Ma (scandalizzata) la Marieta la g’ha  apó quàter fiöi.

Martina) E la sò bèla età. Se nó l’è söi sinquanta póch ghe manca.

Rosina) Ma lü, el sò bèlo, g’hal i sólcc? Mia che me ‘nterèse né, se dis isé per parlà?

Martina) Certo, se fa isé per parlà, noaltre sóm mia fómne curiuse.

Rosina) Mé de sicür só mia na fómna curiusa, el pöl dil apó el me Remigio.

Remigio) (Rientrato sente l’ultima battuta della moglie) Te ghé rizù Rusina.

Martina) Ruzina, l’è na ròba delicada: el tò òm...

Rosina) Te ghé rizù, j-òm a ólte j-è pès de le fómne, curiùs pès de le betòneghe (al marito) Remigio, scüza, ma prope ché te ghét de stà? Pòdet mia andà de là  a laurà? (Alle amiche) Se se pöl ciamal laurà, j-è töte piciótade. Ma vardì, el fa apó finta de gnènt (al marito) Te ghé  na bèla facia tòsta a sta che a scultà le nòse ròbe Remigio!

Remigio) Te ghé rizù Rusina... no, vulìe dì...

(Remigio tutto preso dal suo lavoro, esce studiando l’oggetto che ha in mano, le tre riprendono a confabulare ma lui ci ripensa e torna sui suoi passi e va avanti a fare il suo lavoro.)

Rosina) (Alzandosi in piedi) Sét ché amó Remigio, che figüra me fét fa di fronte a le me amiche, te volarée mia che le pènse che g’ho l’òm curiùs nè!

Remigio) (Continuando a lavorare) Ma Rusina, pòde mia spostàm pròpe adès che g’ho quasi finìt, só isé contènt che só riàt a risòlver el problema, g’hè amó töt smontàtt e ‘n qualch  tòch en giro ma el pö l’è fat. Porta pazienza amó ‘n bris. Parlì pör voaltre che a me le vòse bale le mé ‘nterèsa mia.

Rosina) Remigio te pödet mia sta ché.

Remigio) Rusina, (inalberandosi e alzando la voce) t’ho dit che fin che no g’ho finìt, de ché me möe mia.

Rosina) El set Remigio che...

Remigio) (Interrompendola) El set Ruzina che te me pròpe stöfàt!

Amabile) Fa niènt Rusina, nóm de là a casa me che isé parlóm tranquile e vó avanti a ‘mpastà la turta.

Rosina) (Nell’uscire alle amiche) Mé só mia i vòs òm, ma cól me j-è ròbe bröte: sé pöl pròpe mia parlaga ensema nè!

Martina) Sta mia parlà, va là Ruzina che el me l’è pès del tò

Amabile) Care le me fómne: j-òm j-è töcc precìss.

(Escono tutte e tre.)

Fine

REMIGIO E ROSINA 

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Personaggi: Remigio e Rosina - Marito e moglie + Amabile e Martina - le due vicine di casa.

Scena: Una stanza e un tavolo dove Remigio sta riparando qualche cosa. Rosina lavora seduta su di un divano, da dove si trova  lei non vede il marito e parla in continuazione. Remigio va e viene da un’altra stanza. Entra lavora un po’ ed esce senza che la moglie se n’accorga, lei continua a parlare anche quando lui  non c’è.

*****

Rosina) Che stavo dicendo Remigio? Ah sì, che non è tutto oro quello che luccica, sono sempre apparsi gente piena di soldi con un mucchio di possibilità, spendevano e spandevano; quel figlio lì è stato la rovina dei suoi, lui non mi è mai piaciuto, sembrava sempre il padrone del vapore.

Remigio) (Entra con un cacciavite e va avanti a riparare l’oggetto.)

Rosina) E a forza di spendere (girandosi verso il marito) hai visto che fine hanno fatto Remigio?

Remigio) Hai ragione Rosina...

Rosina) (Riprende il lavoro) E se vanno avanti così, quel figlio lì, gli mangia fuori anche le braghe ai due vecchi. E loro poveretti, hanno sgobbato tutta una vita per mettere da parte qualche cosa. Non è giusto Remigio.

Remigio) Hai ragione Rosina (esce).

Rosina)  (Sempre lavorando) Lo dice anche il proverbio. “Una bella bocchina mangia soldi, campi e cascina” cosa è venuto in mente al Gioacchino di sposare quella poco di buono. I suoi lo hanno lasciato fare e lei ne ha apro. Io, ad un figlio così, avrei piantato una pedata di quelle giuste nel sedere. Però, se arriva loro un bambino, forse passa il buon tempo a tutti e due. A proposito di bambini, lo sai che alla figlia della Pasquina la settimana scorsa è nata una femmina. Una bella bambina, l’hanno chiamata Su-èllen, come la moglie del Géi-àr di Dallas. Loro avrebbero preferito un maschietto, si possono capire, dopo tre femmine, l’ho detto anch’io alla Pasquina, maschio o femmina non ha importanza, (girandosi verso il marito)  l’importante è che siano sani, non è vero Remigio?

Remigio) (Rientra in tempo per sentire l’ultima battuta della moglie) Hai ragione Rosina.

Rosina) Bisognerà che facciamo un regalo alla figlia della Pasquina, un coprifasce o un lenzuolino.

Remigio) Hai ragione Rosina (esce studiando l’oggetto che ha in mano).

Rosina) Forse è meglio prenderle una copertina, le copertine non vanno mai a male. Certo che chiamare una bambina Su-èllen ce ne vuole di fantasia, guarda come la televisione condiziona la gente, però a pensarci bene è un bel nome moderno, piuttosto che Ermenegilda come la nipote dell’Adele. Lo sai Remigio che ieri ho visto tua sorella in piazza e mi ha detto che suo marito ha un poco di febbre, forse sarà l’influenza, con questo tempo si fa tanto alla svelta a prenderla.

Amabile) (Bussa ed entra, asciugandosi le mani nel grembiule) È permesso? 

Rosina) (Senza alzarsi) Ciao Amabile, vieni qui, siediti vicino a me che mi fai un poco di compagnia e così facciamo anche una bella chiacchierata.

Amabile) Sarà per un’altra volta Rosina, oggi ho un po’ di fretta e sono venuta a vedere se puoi prestarmi un poco di zucchero che sono rimasta senza, domani te lo ritorno.

Rosina) Non preoccuparti Amabile, (girandosi verso il marito che nel frattempo è rientrato) Gli e lo dai tu per favore Remigio lo zucchero all’Amabile? Guarda che è lì, nel mobile dietro alle tue spalle.

Remigio) (Prende lo zucchero e lo passa all’Amabile) Tieni Amabile, prendi (continua a lavorare per un po’, poi sempre senza che la moglie se n’accorga esce).

Amabile) (A Rosina) Grazie. Sto facendo una torta, pensa che ho già rotto le uova e pesato la farina e mi sono accorta di essere rimasta senza zucchero.

Rosina) Non preoccuparti Amabile, per un chilo di zucchero.

Amabile) Se mai vengo dopo Rosina, così quando la torta è cotta te ne faccio assaggiare una fetta.

Rosina) Brava, questa sì che è una buona idea, mmmm, così faremo merenda insieme, Mi sento già il solletico nello stomaco. Lo sai che io per i dolci... non è vero Remigio?

Remigio) È vero Rosina (rientrato giusto in tempo esce subito dopo).

(Amabile fa per uscire, Martina bussa ed entra.)

Martina) È permesso?

Amabile) Guarda chi c’è? Ciao  Martina.

Martina) (Ad Amabile) Ciao Amabile? Che fai da queste parti?

Amabile) Sono venuta in prestito di zucchero, sto facendo una torta, ho già rotto le uova e sto andando via (fa per uscire).

Martina) Fermati un momento che ho una cosa da raccontarti, ma una cosa.

Rosina) Davvero? (Fa posto a Martina e la fa sedere, gira  sempre le spalle al marito) Dai vieni dentro, siediti qui Martina, vicino a me e raccontami. (Ad Amabile) Per un momento siediti anche tu dai, la torta può aspettare (a Martina) su racconta Martina, cosa c’è di nuovo?

Martina) Ho saputo una cosa (guardandosi in giro, timorosa di orecchie indiscrete) ma una cosa! La Marietta (scandisce le parole, con fare complice) si è trovata un’amante, e uno più giovane di lei per di più.

Rosina) Più giovane? Ma no!

Amabile) Ma davvero? Sei sicura?

Martina) Se te lo dico, a me lo ha raccontato l’Angiolina che a lei gli e lo ha detto la Luisa.

Rosina) Ma (scandalizzata) la Marietta ha anche 4 figli.

Martina) E la sua bella età. Se non è sui 50 poco ci manca.

Rosina) Ma lui, il suo bello, ha i soldi? Non che mi interessi, si dice così per parlare.

Martina) Certo, sì fa così per parlare, noi non siamo donne curiose.

Rosina) Io di sicuro non sono una donna curiosa, lo può dire anche il mio Remigio.

Remigio) (Rientrato sente l’ultima battuta della moglie ) Hai ragione Rosina.

Martina) Rosina, è una cosa delicata: tuo marito....

Rosina) hai ragione, a volte gli uomini sono peggio delle donne, curiosi peggio delle Betoniche (al marito) Remigio, scusa, proprio qui devi stare? Non puoi andare di là a lavorare? (Alle amiche) Se si può chiamare lavoro, sono tutte sciocchezzuole. Ma guarda, fa anche finta di niente (al marito) Hai una bella faccia tosta a stare qui ad ascoltare le nostre cose Remigio!

Remigio) Hai ragione Rosina... no, volevo dire...

(Remigio tutto preso dal suo lavoro, esce studiando l’oggetto che ha in mano, le tre riprendono a confabulare ma lui ci ripensa e torna sui suoi passi e va avanti a fare il suo lavoro.)

Rosina) (Alzandosi in piedi) Sei ancora qui Remigio, che figura mi fai fare con le mie amche, non vorrai che loro pensino che io ho un marito curioso.

Remigio) (Continuando a lavorare) Rosina, non posso spostarmi proprio adesso che ho quasi finito, sono così contento che sono riuscito a risolvere il problema, c’è ancora tutto smontato e un qualche pezzo in giro ma il più è fatto. Porta pazienza ancora un pochino. Parlate pure voi che a me le vostre balle non interessano.

Rosina) Remigio non puoi stare qui.

Remigio) Rosina, (inalberandosi e alzando la voce) ti ho detto che fino a quando non ho finito, di qui non mi muovo.

Rosina) Lo sai Remigio che...

Remigio) (Interrompendola) Lo sai Rosina che mi hai proprio stufato!

Amabile) Fa niente Rosina, dai andiamo di là    a casa mia che così parliamo tranquille ed io vado avanti ad impastare la torta.

Rosina) (Nell’uscire alle amiche) Io non so i vostri mariti, ma col mio sono cose brutte: non si può mai parlare con lui.

Martina) Non dirmi niente, va là Rosina che il mio è peggio del tuo.

Amabile) Care le mie donne: gli uomini sono tutti uguali.

(Escono tutte e tre.)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno