Ride bene chi canta ultimo

Stampa questo copione

1

COMMEDIA BRILLANTE IN TRE ATTI

DI MASSIMO PANTANO


2

PERSONAGGI

MOGLIE di nome Marietta

MARITO di nome Iano

ROSETTA figlia

CAMERIERA di nome Melina

NICOLA fratello di Marietta

NONNA madre di Marietta

NONNO padre di Marietta

DOTTORESSA del manicomio

AVVOCATO divorzista

COMMERCIALISTA BIMBA 1 Figlia della DOTTORESSA BIMBA 2 figlia dell’AVVOCATO DUE INFERMIERI


3

I ATTO

(La scena si svolge all’interno di un’abitazione di una famiglia, con tenore di vita medio-alta, con corridoio centrale, dietro il quale si vede un giardino, sulla destra una porta che conduce nella camera dei nonni)

I SCENA

(CAMERIERA, NICOLA, MARITO E MOGLIE)

(E’ mattino, inizia la musica e si vede Nicola che rincorre la cameriera, la quale molto infastidita lo schiaffeggia di tanto in tanto e scappa gridando)

CAMERIERA: Aiutu! Aiutu! Finiscila!...disgraziatu!...t’agghia rittu finiscila! Pazzu! Tu si pazzu! Nun m’ha tuccari! Signura chi fa’ u teni a so frati…prima ca ci tiru na cosa ‘nta testa!

MARITO: (fuori scena) però ‘ncagghiulu precisu…allavoti ca guarisci na vota pi sempri!

CAMERIERA: (sempre seguita da Nicola) virissi ca dui su i cosi…o guarisci o l’ammazzu!

MARITO: (fuori scena) ju fussi chiù cuntentu pa secunna cosa! Ammazzulu!

CAMERIERA: chiffa’ u tiniti (entra nella camera dei nonni e si chiude a chiave, Nicola prova ad aprire la porta, naturalmente senza nessun risultato)

NICOLA: rapi! Rapi! (entra la moglie)

MOGLIE: Niculuzzu o frati, finiscila d’assicutari a carusedda!

NICOLA:  è bona…è troppu bona!

MOGLIE: si! U capisciu ca ti piaci!...però sti cosi nun si fannu!...(entra il marito) sti cosi i fannu i maniaci…i pazzi!

MARITO: siccomu iddu è sanu di menti!

MOGLIE: se ti piaci piddaveru, ha siri gentili cu idda…t’ha comportari beni…per esempiu…quantu idda s’assittari…ci pigghi a segghia…

MARITO: si! Ma ju a cammerera nun la paiu pi stari assittata! Eh!

MOGLIE: …se ha trasiri ‘nta na stanza ci rapi la porta!...se è o scuru c’addumi la luci!

MARITO: anveci ha lassari stutata…ca la bulletta la paiu ju!


4

MOGLIE: e zittiti na vota pi sempri…nun no fari cunfunniri o fratuzzu miu! Niculuzzu avanti vatinni ‘nta cucina ca sta matina t’agghia priparatu nu bellu filuni ca mortadella!

NICOLA: bella! Bella! A mortadella!...costa picca è sapi bella! Veru!?

MOGLIE: vatinni ca ora viegnu! Avanti fai u bravu…ju u sacciu ca tu m’ascuti! Vai, vai! (Nicola esce)

MARITO: ‘nta sta casa sa na ripetiri sempri li stissi cosi…sa na fari sempri uci…ca n’ha sentiri tuttu u palazzu! Sta casa mi pari ‘ncentru d’accoglienza pi pazzi e vecchi rimbambiti!

MOGLIE: nun parrari mali da mamma mia…ca se ti senti u sai comu ti finisci!

MARITO: ma ju ricu…era o manicomiu…pi fozza, tu e da to matri avieura puttari ca’! già nun abbastava idda e to patri!

MOGLIE: ancora!...chi m’ha fari siddiari!

MARITO: ju nun c’ha fazzu chiù!...sa truvari na soluzioni!

MOGLIE: ragghiuni hai! Macari ju nun c’ha fazzu chiù!...signuri m’ha pirdunari ca stagghiu diciennu sti cosi…ma se si continua d’accussì…a mia mi ci ciurunu o manicomiu!

MARITO: (tra sé) e speru a diu ca iettunu macari i chiavi!

MOGLIE: ma chi putiemu fari?!...quannu u sciemmu di dà, u refertu dicia…clinicamenti guaritu!

MARITO: pi mia è chiù pazzu di prima…a stura i duttura nun ci pottiru cummattiri chiù e s’ha ‘nvintanu ca era guarito…pi luarisillu de scatuli!...ju nun no suppuottu chiù…o si nu va iddu o mi nu vagghiu ju…sienti chi faciemu…vagghiu da banna’nta l’autru telefunu e telefunu a clinica…ma no a chidda di prima…accussì vienunu ci fanu na visita…e capaci ca lu truovunu chiù pazzu di prima e si lu puottunu finalmenti!

MOGLIE: si! Mi piaci sta pinsata!...ma dicci ca ci faciemu truvari la porta aperta accussì trasunu all’impruvvisu…picchì u sai com’è Niculuzzu…appena sapi ca ci su duttura in giru, fa chiddu buonu, nun fa stranizzi…almenu accussì u virunu pi chiddu ca è! Avanti…sbrigamuni…o telefonamuci! (escono)


5

II SCENA

(CAMERIERA, TERESA,NICOLA E DOTTORESSA)

CAMERIERA: (mentre pulisce) nun lu suppuottu chiù…nun puozzu fari nenti…agghia stari sempri cu l’occhi aperti…ca appena mi giru, mi truovu a Niculinu ca mi tocca dà…i rarrieri!...e comu tocca…a manu cina!...anzi, cu tutti dui li manu!...pazzu maniacu! Nun è ca mi dispiaci ca qualcunu mi tocca…ri quant’avi ca travagghiu ‘nta sta casa, l’omini mi scuddai macari comu su fatti!...è sulu ca Niculinu, nun sulu è pazzu, pi l’autri peni è macari ‘mpocu brutticieddu!...lassati stari, ca la prossima vota ca mi tocca…u ‘mazzu…u pigghiu a corpi di scupa, ha cariri ‘nterra, e ci ni rugnu tanti, ma tanti, finu a quannu nun si movi chiù!...vagghiu a fari i letta, ca si fici tardu!...prima ca mi dicunu ca nun fazzu nenti…ma quantu avissa durari na junnata!!

(Nicola accende la radio, trasmettono musica classica, si siede nel divano e si mette a leggere un giornale, nel frattempo entra la dottoressa e vedendo Nicola leggere ed ascoltare musica impegnativa pensa di parlare con il cognato)

DOTTORESSA: (titubando) mi scusi!...buongiorno! sono venuta nel più breve tempo possibile!...sono la dottoressa!

NICOLA: la dottoressa!?

DOTTORESSA: si!...non mi ha chiamato lei poco fa…vero?!...per suo cognato…

NICOLA: eh!...certo!

DOTTORESSA: in un primo momento mi era sembrato lei, la persona che cercavo…bene!...adesso (bisbigliando) dove si trova suo cognato?!...comunque, vedo un’atmosfera tranquilla, serena, la situazione non è poi così allarmante come mi diceva al telefono!

NICOLA: signora dottoressa è venuta al momento sbagliato…mio cogniato proprio in questo momento, l’abbiamo cuccato…a forza di peni…ma si è addummisciuto! Quindi se voli veniri chiù tadduliddu…quando si arrispiglia!

DOTTORESSA: vediamo! (guarda la sua agenda) sono piena di impegni…ero riuscita a trovare un buco tra tutti questi appuntamenti…credo mi verrà molto difficile…dovrei rinunciare al mio happy hours, al mio aperitivo, per venire qui…vedremo, farò di tutto per ritornare…allora la lascio, per il momento…casomai a dopo! arrivederci! La porta la troverò sempre aperta vero?! Ancora arrivederci! (esce)

NICOLA: e bravu me cugnatu!...si voli liberari di mia…mi manna i duttura a sorpresa…mi voli rispediri o manicomiu…chissa nun m’avissa mai aspittatu…ora, caru cugniatieddu miu,


6

a tia ci piensu ju!...e ora Niculuzzu u fa piddaveru u pazzu…anzi ci fazzu addivintari a iddu pazzu!! Ah! Ah! Ah!(esce)

III SCENA

(NONNO, NONNA, CAMERIERA E MOGLIE)

(Dalla porta sulla destra escono il nonno seguito dalla nonna)

NONNO: (va spedito) nun c’ha fazzu chiù!! Nun c’ha fazzu chiù! Mi scappau…mi scappau!

NONNA: sempri u solitu disgraziatu! Manitti! Ca ta facisti ‘ncoddu! Tantu ci si abbituatu!

Ca sbrighiti! Manitti!

NONNO: (non sa dove andare perché non ricorda dov’è il bagno) Unnè…unnè…ma chi ci canciastru puostu?!

NONNA:   ma   chi   stai    cumminannu…sai   fari   sulu   u   scimunitu!   Chi   fa   ti   manii!!

Rimbambitu!

NONNO: unnè…unnè u bagnu nun mo riuoddu!

NONNA: ta ricoddi sulu i cosi ca ti cunvienunu!...lurdu!...viri soccu a fari!...fozza!

(entra la cameriera)

NONNO: Aiutimi figghia mia!...puottimi o bagnu…pigghila ..pigghila…a truvasti? sbrighiti!

CAMERIERA: Ron Pippinu!...vinissi cà!..(il nonno la tocca) nun tuccassi però!...si manu ce fazzu carriri soccu vota! (escono di fretta)

NONNA- Dicalafici…chi nun sa po’ teniri cincu minuti…no!...quantu ci scappa nun talia ‘nta facci a nuddu…siemu privi di sciri…di jri a nudda banna…picchì unni siemu siemu è sempri a stissa sunata…pi l’autri peni sa fa macari ‘ncoddu…u cosa lurdu! U babbu fa!...chissu a niautri ni potta a tutti a fossa…a l’autri i tocca a tutti…sulu a mia nun voli tuccari u cosa lurdu!...

(entra la cameriera con il nonno)

CAMERIERA: Don Pippinu…s’assittassi vicinu a so mugghieri!

NONNA: Se prima nun si va a lava vicinu a mia nun si ci metti!

CAMERIERA: Ju sugnu da banna…se aviti bisognu mi chiamati (esce)

NONNA: nun t’azzardari a mittiriti cà!


7

NONNO: ma cu si ci voli assittari vicinu a tia!...(si va a sedere vicino la moglie) ah! Mancu se mi paiunu mi miettu vicinu a tia!

NONNA: Ma chi è stu fietu!...cu l’acqua ci si trarriatu! Piezzu di cosa lurdu!...O sgadditi ca pettra pumici.

NONNO: Chi è oggi?!...chi jonnu è?!

NONNA: Lunedi!...ma tu c’affari!!

NONNO: A tia nun ta ‘nteressa!

NONNA: U sai ca si na cosa fina!...mancu ‘nta vicchiania a canciatu…anzi…hai peggioratu!

NONNO: Chi jonnu è oggi!

NONNA: Attonna!...martedi è!...ma ca fari!?

NONNO: nun ta ‘nteressa!

NONNA: allura c’ho dumanni a nautra se nun mi vuoi diri ca fari!

NONNO: chi jonnu era!?

NONNA: c’ha finisci ora!...giovedi…

NONNO: giovedi è?! (entra la moglie)

MOGLIE: buongiorno! Ciau mammuzza mia! Avanti itivinni ‘nta cucina ca vagghia priparatu u latti…ca oggi è duminica…accussi di pomeriggiu ninniemu ‘ncampagna!

NONNO: chi è oggi?!

MOGLIE: papà duminica è! (mentre si diriggono verso la cucina)

NONNO: sta simana ha vulatu! Mah! (escono ed entra il marito seguito dalla moglie)

IV SCENA

(MARITO, MOGLIE E FIGLIA)

MARITO: Marietta, ma si po sapiri unni si n’ha ghiutu ta figghia, ca oggi nun l’agghia vistu propria?...a sciutu a matinati?!

MOGLIE: a picchì nun lu sai?!

MARITO: nun lu sacciu!...se sugnu sempri l’ultimu a sapiri li cosi ‘nta sta casa!

MOGLIE: è normali!...se ogni vota…pi chiddu ca faciemu e pi chiddu ca diciemu…nun si cuntentu mai!...ha ghiutu a fari nu provinu pi cantari ‘nta televisioni!


8

MARITO: unnè c’ha ghiutu!?...nooo…sti cosi senza u permessu miu nun si fanu!

MOGLIE: ha vistu!...e quannu mai erutu daccordu!

MARITO: a mia sti cosi nun mi piaciunu…ju vogghiu ca idda ha studiari…e sa fari avvocatessa…dottoressa…professoressa…basta ca finisci cu essa e no cu ana…comu...lassamu stari!...e poi se nun ha cantatu mai ‘nta so vita!...sa ca siri stunata!

MOGLIE: stunata!...ma se a figghia mia havi na vuci ca pari ‘cardiddu!

MARITO: fossi stai scanciannu u cardiddu …pi na caccarazza!

MOGLIE:  na caccarazza?!... a figghia mia!...ma se nun l’hai ‘ntisu mai cantari

MARITO: viri ca macari figghia mia è!

MOGLIE: na uci accussì bella ju nun l’agghia ‘ntisu mai!

MARITO: ca cettu ca nun l’hai ‘ntisu mai…abituata a sentiri a uci di to matri! Ca pari na papera! Qualsiasi scrusciu pi tia è musica!

MOGLIE: nun fari u spiritusu…picchì ta ciamu e poi su cavuli tuoi! (entra la figlia)

ROSETTA: (agitata, impaziente, felice) mamma…mamma!...se sapissutu…se sapissutu!

MOGLIE: gioia mia statti calma!...statti calma!...dimmi…

ROSETTA: ha successu na cosa troppu bella, nun si ci po crirriri…mi manca u ciatu di quantu sugnu emozionata…forsi nun c’ha riniesciu a dirivillu…

MARITO: allura pacienza!...nun no diri!...lassa peddiri!

MOGLIE: Ianu!...allura dimmi a mammuzza mia…cu calma nun mi fari agitari macari a mia…cu calma…dai…

ROSETTA: allura…u provinu ha ghiutu troppu buonu…

MOGLIE: (gridando) brava a mammuzza mia…brava!

MARITO: chissu s’avia caputu di quannu trasiu! Nun c’è bisognu ca ti spinni tutta!

ROSETTA: u produttori da casa discografica ha dittu ca agghiu na uci bellissima!

MOGLIE: u sapia ju!

MARITO: chissu robba ca finu a ieri accurdava campani!...a nun mi fati ridiri!

MOGLIE: allura…t’ha fattu firmari nu contrattu!...t’ha prumisu ca ti porta a Sanremu!


9

ROSETTA: chistu ancora no!...però ma dittu ca agghiu buoni possibilità…ma dittu ca pi prima cosa m’agghia truvari na canzuna mia originali…poi agghia curari il mio look!...e o riestu ci pensa iddu!

MARITO: quali restu!?...chi cosa c’ha resta di fari a iddu?...ma comu va ‘mmuccati tuttu chiddu ca vi dicunu!

MOGLIE: zittiti tu ca nun capisci nenti…figghia mia bedda sienti chi faciemu…pa canzuni ci pinsamu dopu…anveci ora pinsamu po look!

ROSETTA: cettu mamma u look è ‘mportantissimu!...mi ci puozzu presentari cu sti trizzi!

Giustu mamma! Accussi paru na picciridda!

MARITO: tu si ancora na picciridda!

MOGLIE: tu zittiti!...t’agghia rittu!...sienti…amuninni da banna e pinsamu all’acconciatura e a li vistita…u look è chiù ‘mpurtanti da canzuna!...amuninni…a figghia mia a Sanremu!...quant’è brava!...o riciemiccillu a nonna ca chidda s’arricria tutta…ca chidda è la tua prima fanza! ( Rosetta e la madre escono)

MARITO: ma ju dicu…su jonnu m’ampegnai d’accussi assai…ci misi tuttu lu sientimentu…pinsai…agghia fari na figghia, ca ha siri unica, speciali, intelligenti…ca nun ha pigghiari nenti ne da matri e soprattuttu di so nanna!...’nveci comu fici la stampa…a iddi nun l’avia pinsari propria!...Sicuramenti mentri era no miegghiu mi sugnu distrattu..eccu i risultati….ammenu li biddizzi l’ha pigghiatu di mia…’nta sta casa ogni jonnu ci n’è una

nova!...(sbadiglia) la duminica com’è ca nun po passari mai!...agghiu sempri suonnu!...viriemu se mi puozzu ripusari’mpizzuddu!...mi nu vagghiu da banna!...ah! da patti ci su chiddi ca sa na ‘nvintari u look!!...mi miettu cà! (si sdraia nel divano).


10

V SCENA

(MARITO, NICOLA E DOTTORESSA)

(Il marito si addormenta nel divano, Nicola si avvicina lentamente e gli mette le dita nell’orecchio, a Iano gli sembra una mosca e si rigira; poi gli tocca i capelli ma Iano capisce che è Nicola e fa finta di niente…appena Nicola gli bussa alle spalle per farlo girare e poi farlo spaventare, è Iano che lo sorprende facendolo spaventare…quindi un urlo fortissimo dei due, comincia la musica e i due si rincorreranno per tutta la scena, ad un certo punto Nicola prende il quadro “unico ricordo della madre defunta” e glielo rompe in testa).

MARITO:  lassa  stari  su  quattru….lassulu  stari….è  lunicu  ricordu  da  bonanima  di  me

matri…nun no tuccari…femmu!...(Nicola glielo rompe in testa)

NICOLA: chi na fari di stu cosa…ca facia macari schifu! Ah!ah!ah!ah! chi pari bidduzzu!

Ah!ah!ah!

MARITO: t’ammazzu!

(ricomincia la musica e i due si rincorreranno per tutta la scena; il marito con il quadro per collana fino a quando sfuma la musica ed escono per il corridoio)

DOTTORESSA: speriamo questa volta sia quella buona…ma a quanto vedo…un altro viaggio a vuoto…intanto preparo la scheda (entra il marito molto agitato, ma non si accorge della dottoressa)…sicuramente è lui…è la volta buona!...speronon si accorgasubito di me! (sempre con scheda in mano, fa la finta di scrivere)

MARITO: u ‘mmazzu! Oggi fazzu na carneficina!...ci pigghiu prima di tuttu li manu e ci fazzu accussì (mima il gesto) almenu a prossima vota, prima di tuccarimi ci pensa deci voti!

DOTTORESSA: (scrivendo) gli piace seviziare le vittime!

MARITO: poi ci pigghiu a lingua e c’ha tiru, finu a quantu si ci scippa…accussì nun po’ parrari chiù!

DOTTORESSA: (scrivendo) istinto feticista!

MARITO: poi pigghiu na scupa e c’ha rugnu ne iammi, finu a quantu si ci stuoccunu tutte dui…accussì nun pigghia chiù a cauci tutti i cosi miei!

DOTTORESSA: (scrivendo) spiccato istinto omicida!

MARITO: ah! Ah! Ah! Ah! Ma vo ‘mmagginati, mutu e che iammi e i manu stuccati?!...ah!

ah! Ah! Fussi a pirsuna chiù felici di stu munnu!

DOTTORESSA: (scrivendo) mancanza di personalità!


11

MARITO: (piangendo)nun c’ha fazzu chiù! Nu no suppuottu chiù!...o si nu va iddu, o mi nu vagghiu ju!...mi sientu mali!!

DOTTORESSA: (scrivendo) sbalzi d’umore repentini!...più grave di quanto pensassi!...comincio ad avere paura a stare qui da sola con lui!...adesso provo a fargli una domanda!...mi scusi!

MARITO: (si spaventa) aaaaah!...e lei cu è?!...mi fici scantari!

DOTTORESSA: io sono…

MARITO: zitta, zitta, zitta!...

DOTTORESSA: (scrivendo) non fa parlare!

MARITO: …agghia caputu!...ora ci spiegu…siccomu, pi motivi ca nun ci puozzu diri, ha ma lassari la porta aperta…d’altronti lei l’ha truvatu aperta e trasiu!...ma si sbagghiau!...la dentista è o terzu pianu!...cà siemu o quintu!...se voli c’accumpagnu ju…du rampi di scali su!!...anzi, pigghiamu l’ascensori…accussì ni putiemu canusciri megghiu! Chi ni pensa?!...ma u sapi ca lei è piddaveru simpatica!...lei oggi è un raggio di sole in questa giornata nuvolosa! (gli tocca il braccio)

DOTTORESSA: non c’è bisogno, vado da sola…allora mi scusi per l’equivoco!

MARITO: Mai!! signorinella insisto…tantu chi mi costa! U fazzu macari cu piaciri!

DOTTORESSA: (arrabbiata) le ho detto di no!

MARITO: e nun si siddiassi!

DOTTORESSA:    (scrivendo)  insistente  e   pervertito!...grave,  molto    grave!...arrivederci!

(viene accompagnata) grazie, so già dov’è l’uscita!

MARITO: acqua i ravanti e ventu i rarrieri!...ohu! ma na pirsuna gentili nun c’è ‘nta sta terra! Tutti agitati su…mah! (esce ed entrano il nonno con la nonna)


12

VI SCENA

(NONNA E NONNO)

NONNA: L’ha ‘ntisu a nostra figghia!...nostra niputi si viri ‘nta televisioni…addiventa fumusa…ma ci piensi!?

NONNO: cu è c’addiventa fumusa!

NONNA: to niputi Rosetta!

NONNO: ju nun la canusciu sta Rosetta!

NONNA: tu nun canusci a nuddu! Mancu tu stissu ti canusci!...piezzu di vicciazzu rimbambitu!...a vita mia ta stai mangiannu jonnu dopu jonnu!...ta stai mangiannu!

NONNO: agghiu fami!

NONNA: ma se ha ma finutu ora ora di mangiari!

NONNO: pigghimi soccu cosa ca agghiu fami!

NONNA: e per giunta cumanni e ti siddì!

NONNO: ma quannu agghiu mangiatu? Se l’uttima vota mangiai ieri a menzionnu!

NONNA: comu nun sa ricorda chiù nenti…si ‘npuzzu senza funnu!...ma nun lu viri quantu stai addivintannu…tutti cosi stritti ti stanu!

NONNO: tu pensa pi tia!

NONNA: mangia, mangia…appoi se t’aumenta u polistirolu…su affari tuoi!

NONNO: ju buonu sugnu!

NONNA: A tia nenti ti veni…tu i fai veniri a lautri i cosi…a fozza di cummattiri cu tia!...to

figghiu addivintau pazzu picchì stava sempri appriessu a tia!...

NONNO: allura a prossima si tu!...vabbè già pazza ci si!

NONNA: comu sugnu…pazza!...(gridando) tu si chiddu pazzu…tu!...chi dicisti c’avieutu fami!...te cà mangiti stu pumu ammenu ti ciuri sa uccazza lurda ca tieni!

NONNO: ma cu t’ha dittu c’avia fami!


13

NONNA: aaah! Ora ta mangi cu lu piaciri miu! (gli mette una mela in bocca, che portava nella tasca del grembiule) avanti…amuninni da rintra!...amuninni ti dissi!...orac’addivintasti macari suddu!...camina ti dissi! Rimbambitu!

NONNO: (facendo segnali ) !Uhmmmm….

NONNA: Chi successi? (Gli toglie la mela di bocca)

NONNO:Ca munnimilla almenu! (ed escono)

VII SCENA

(MARITO, CAMERIERA, MOGLIE, FIGLIA E NONNA)

MARITO: chista sta divintannu na casa di pazzi!...sta divintannu?!...già c’è! (entra la cameriera intenta a scopare il pavimento)

CAMERIERA: (con curiosità) mi scusassi!...ma chi è veru chiddu ca m’ha dittu so mugghieri... ca so figghia diventa cantanti…e ca canta a Sanremu?

MARITO: sienti…nun ti ci mettiri macari tu…ca già oggi n’agghia ‘ntisu abbastanza!...accussì dici…ma ju chiù nun cridu a nessunu…idda va a Sanremu comu ju vagghiu o manicomiu! Na cosa impossibili và!

CAMERIERA: (tra se) Possibili possibili.. ma mi dicissi a verità…lei nun ma ‘ntisu mai cantari…a chi c’ha fari so figghia!

MARITO: se canti comu ietti uci…si!...finiscila macari tu e pulizia…l’hai vistu ca cumminatu lu bestia di me cugnatu?!

CAMERIERA: c’ha fazzu sentiri na bella canzuna!...

MARITO: no, no!...ju avia vinutu cà pi rilassarimi…nun c’è bisognu… n’autra vota ma canti!

CAMERIERA: avanti a sintissi…(entra la moglie)

MOGLIE: Ianu ca’ si?! Si prontu! Chistu è u primu look ca ha ma pinsatu pi Rosetta!...aspetta!...aspetta ca chiamu a mo matri vidiemu chi dici idda! (va a chiamarla) mamma veni cà!...talè ch’è bidduzza to niputi!

NONNA: (entrando) zittiti ca a to patri finalmenti ci calau u suonnu!...ammenu ma ripuosu ‘mpocu u cirivieddu!...mi sta faciennu divintari scimunita!

MARITO: a picchì…nun ci si già?!

NONNA: pi vucca tu e to sogghiru siti i stissi…aviti a lingua bifurcuta …nun t’ancarricari ca quacchi jornu ci né macari pi tia!


14

MOGLIE: mamma miettiti vicinu a me maritu!

MARITO: cu tuttu u largu ca c’è ‘nta sta stanza propriu o cantu di mia s’ha mettiri….u sai

ca sugnu “allergicu”!!!

NONNA: o quantu di mia ha stari…nun ti pigghiari pena…accussì appena sbagghi a parrari…ta dugnu da ruessa!

MOGLIE: allura siti pronti…a ma sceltu macari na pocu di nomi…eccu a voi…Rosanotti!

Entra Rosetta ballando e cantando, vestita con cappello all’indietro, jeans larghissimi, maglietta altrettanto larga e scarpe da ginnastica…parte la base “io penso positivo” di Giovanotti

ROSETTA: (canta) io penso positivo perché son vivo, perché son vivo… io penso positivo perché son vivo, perché son vivo…niente nessuno al mondo potrà fermarmi da ragionare…niente nessuno al mondo potrà fermare, fermare,fermare, fermare…quest’onda che và…ohoh…quest’onda che viene che và…ohoh!

MARITO:No…l’onda ta fazzu virriri iù ..a mari t’abbiu .Tu piensi positivu!?...ju anveci viriennuti vistuta d’accussì piensu sulu negativo!...o canciti và!

ROSETTA: mamma faciemuci viriri u secunnu! (mamma e figlia escono)

MARITO: Iu vi fazzu virriri canali 5 e italia unu se nun ci la finiti!! nun agghiu chiù chi viriri! Na carusedda accussì bedda vistuta a masculazzu!!...ma picchì normali nun si ci po vestiri!?

NONNA: Viriennu chiddu ca cè na sta casa a carusa è “a tema”…ma chi parri ca nun capisci nenti…anveci era vistuta alla moda!...se ti taliassutu ‘npocu la televisioni…virissutu ca tutti accussì si viestunu i ragazzi di oggi!

MARITO: ma si po’ sapiri chi cosa arriniesci a viriri tu ‘nta televisioni…ca nun ci scropi mancu a metru!

NONNA: cosa?!...ca dittu!?...mancu a metru ci viru?!...(gli da uno schiaffo) mentri a facci tua a metru la visti!

CAMERIERA: allura chi fa…mi vuliti sentiri cantari a mia!? Ju sugnu chiù brava di Rosetta!

NONNA: u sai chi fai!...mentri ca pulizi la doccia ti fai na bella cantata!...ca tu sulu duocu puoi cantari!

CAMERIERA: (tra sé) a mia mi trattati d’accussì…nun vi preoccupati ca n’agghiu una ‘menti!...ca vi la ta riuddari ‘nsinu ca campati! (entra la moglie)


15

MOGLIE: eccu è pronta!...signore e signori…fazzu finta ca presentu!...ecco a voi Rosarisa!!

Parte la base di “sincerità” di Arisa…Rosetta uscirà vestitacon una parrucca a caschetto nera, un paio di occhialoni neri e un vestitino a campana ed inizia a cantare.

ROSETTA: sincerità…adesso è tutto così semplice…con te che sei l’unico complice…di questa storia magica…sincerità…un’elemento imprescindibile…per una relazione stabile…che punti all’eternità…

MOGLIE: d’accussì chi vi ni pari?!

MARITO: con sincerità…sincerità! Du cabbietti di pummaroru chiddu di pachinu, e l’ova scaruti nun vi li leva nuddu!! Peggiu di prima o canciti subitu! (mamma e figlia escono) (gridandogli dietro) vistuta d’accussì pari tutta to nanna e tiempi di Benitu…na deficenti!

NONNA: (da un altro schiaffo al genero) Misura stauttra!! Cosa lurdu!...e poi ta riuoddu ca quant’era carusa ju…tutti appressu mi vinieunu…eru a chiù bedda do paisi!

MARITO: (tra se) Si..i cani ti currieunu arrieri ca c’era chi mangiari!!

NONNA: beddu miu…addiri ca sugnu vistuta di rintra…picchì se m’azzizzassi ancora oggi mi facissi taliari!

MARITO: ti taliassunu?…avissunu essiri uorbi!!!

NONNA: (gli da un altro schiaffo) e siemu alla terza tumpulata…alla quarta ti fazzu cariri li rienti!

MARITO:(al pubblico) Fossi è mugghi ca mi staiu mutu, pirchì cà a forza di tumpulati rimbambisciu.(rivolto alla cameriera) Melina! Sienti chi fai!...avanti fannilla sentiri sa canzuna!

CAMERIERA: vabbeni…’ncuminciu!?

NONNA: tu ta stari zitta e a travagghiari…tu si paiata pi chissu!...no pi cantari!

CAMERIERA: (al pubblico) sugnu paiata pi chissu!...paiata!...ma se iavi ‘nmisi ca nun viru nu centesimu! Ah! Comu m’agghia divettiri! (entra la moglie)

MOGLIE: chistu va piaciri di sicuru!...ju fazzu a presentatrici…vabbeni!...vince… Sanremo 2012…Rosetta Bertè!

Parte la base ed entra Rosetta vestita da Loredana Bertè, con una parrucca nera riccia con dei fiocchi bianchi, la minigonna nera ed un giubino di pelle nera corto.

ROSETTA: (canta) non sono una signora…una con tutte stelle nella vita…non sono una signora…ma una per cui la guerra…non è mai finita oh no…


16

MOGLIE: brava a figghia mia!...c’ha statu brava!

MARITO: E chi ni mancaunu zanni…e cu chista a ma fattu l’amplen!...a canzuna dici giusta…non sono una signora!...ci criru hai diciassett’anni!...appuoi vistuta d’accussì appena finisci di cantari ti nu vai direttamenti o lungo mari a travagghiari! O canciti per direttissima…ancora ca ti mietti appressu a to matri…viautri, co tantu praticari a Nicola stati divintannu tutti comu a iddu…tutti comu a iddu stati addivintannu!...tutti!

MOGLIE: Amuninni figghia mia…u sai chi ti ricu…a stu puntu vistu ca nun ci ni piaci mancu unu…a sorpresa!...Melina veni da rintra cu niautri ca n’aiuti a sbarazzari stu manicomiu (escono moglie, figlia e cameriera)

NONNA: vistu ca si spertu sulu tu ‘nta sta famigghia…picchì nun c’ho ricieutu tu comu s’avia vestiri…Cettu se pigghiassunu di tia pi vestiri ca pari manciatu de succi!.. megghiu ca mi nu vagghiu…picchì se no parti la quinta tumpulata…chidda mortali! Vagghiu a viriri se me maritu sa susutu! (esce)

MARITO: oh!...finalmenti si ni ienu tutti! (suona il citofono e va a rispondere) chi è?...salga!...(alla moglie fuori campo) Marietta viri ca c’è nu paccu!...pigghiulu tu!...ca ju agghiu chi fari (esce ed entra la moglie)

VIII SCENA

(MOGLIE, MARITO, DOTTORESSA E INFERMIERI)

MOGLIE: (prende il pacco) grazi!...arrivederci!!...e chi è sta cosa?!...ma pi cu è?!...(legge) bih! Pi me maritu è!...e chi po siri…(lo apre) nu cd…ora mi lu sientu!

Accende la radio, si sente la voce di una signorina che dice “non ti fai vedere da una settimana, non ho più notizie di te…mi avevi promesso che dicevi tutto alla strega di tua moglie…non sono disposta più ad aspettare…ti do ancora due giorni di tempo…altrimenti è finita per sempre…sono arrabiata ma ti amo lo stesso!

MOGLIE: cosa schifosu!...ma mi lu putia ‘mmaginari!...ogni sira…ju stagghiu sciennu a vivirimi na birra cu l’amici o bar!...’nveci…! M’ha fattu curnuta!...a mia!...ora ni faciemu i cunti!...ah!...stagghiu scoppiannu…stagghiu scoppiannu! Ianuuu! Ianuuuu! Veni subitu cà!...subitu ti dissi! (entra il marito di fretta e spaventato)

MARITO: chi fu?...chi muriu to matri!?

MOGLIE: fai schifooo!

MARITO: Mentri maia lavatu…. ma dittu di tia è ‘ncomplimentu!

MOGLIE: (gridando) picchì….picchìì!?...nun erutu felici cu mia?!


17

MARITO: (non capisce) Marietta ma chi scisti pazza macari tu?!...Nicola puottiti sta to collega!!

MOGLIE: (gridando) tutti i siri o bar a viviriti a birra ti nu vai!...veru?....veru? apposta

agghiu ‘npisu continuu ‘nta testa!...

MARITO: Ma chi fa..iu ma vivu e a tia ti duna na testa? ohu!...ma chi stai diciennu!

MOGLIE: A mia i corna?...cu è chissa?!...vuogghiu sapiri cu è chissa do cd!

MARITO: ma chissa cui?! Nicola pi favuri arricuogghitilla immediatamenti…ju nun canusciu a nuddu e tantumenu agghia vistu a nuddu!

MOGLIE: vuogghiu u divorziu!...vabbeni!...vagghiu ‘nta l’avvocatu!...vabbeni! (esce)

MARITO: i siensi piddaveru ci scienu!...mah!...ha parratu di na videocassetta…viriemu, viriemu…eccula…ora bisogna puttalla ‘narrieri (accende la radio, parte la registrazione ma subito capisce tutto e la spegne) eccu! Qual è u fattu!...ma chista…no!...ma chista è l’amantidi Corrado l’amicu miu!...ma nun capisciu picchì è cà stu cd…(prende il pacco e legge) per Corrado Di Fuori…presso Sebastiano…via Carceri 90!...ah l’ha mannatu cà pi siri chiù riservatu…ora agghia caputu tutti cosi! (ridendo) da me mugghieri criria ca…ha dittu ca sta vota mi lassa…ca voli u divorziu! Ahahah!....ca mi lassa!...ca voli u divorziu!...(prende il

pacco per nasconderlo) forsi è la vota bona chista!...(fingendo di piangere chiama la moglie) Marietta!...veni cà!

MOGLIE: chi cosa vuoi!?...no, no…nun ti mettiri a chianciri…nun vuogghiu sentiri nenti!...tantu già u sacciu chiddu ca dici!...ca è n’equivoco, nu sbagghiu…ca nun sai cu è chissa!...forsi ti mietti macari in ginocchiu!...tutti i stissi siti l’uomini!

MARITO: (serio) io non nego niente!

MOGLIE: cosa?!

MARITO: è tutta cuppa mia! Hai perfettamenti ragghiuni!

MOGLIE: mi runi ragghiuni!?

MARITO: non son degno di te!

MOGLIE: non mi meriti più!

MARITO: (Ma nun fussi mugghi ca a Sanremu ci issimu niauttri?) no!

MOGLIE: e perciò?!

MARITO: se vuoi divorziari fai puri!

MOGLIE: (si arrabbia) ah! Si! (gli tira quello che ha in mano)


18

MARITO: tu scisti pazza! Nicola ..tranquillu comu cumpagna di stanza è perfetta(entrano la dottoressa con due infermieri, i quali tengono in mano una camicia di forza)

MOGLIE: tu si chiddu pazzu!!!

DOTTORESSA: (rivolta ai due infermieri) è lui!... prendetelo!

MARITO: (mettendo le braccia avanti) prima dici ca mi vuoi lassari!...divorziu!..(la imita) vabbeni! ( i due infermieri gli mettono la camicia di forza e se lo trascinano via) lassatimi!...chi vuliti di mia!...stati sbagghiannu pissuna…c’agghia fattu pi miritarimi tuttu chistu! (la dottoressa, i due infermieri e il marito escono; la moglie rimane a bocca aperta perché anche lei non si capacita di ciò che sta succedendo dall’angolo del corridoio spunta Nicola che sghignazza…si spengono le luci e parte la base musicale)

FINE PRIMO ATTO


19

II ATTO

(La scena sarà uguale a quella del primo atto)

I SCENA

(DOTTORESSA, MARITO E MOGLIE)

(Entrano il marito seguito dalla dottoressa)

DOTTORESSA: sono desolata!...mi dispiace tantissimo per quello che è accaduto!...come possiamo rimediare?!

MARITO: se c’agghia diri la verità…n’autru jonnu c’avissa statu ‘ndi viautri!...virissi ca cà

èpeggiu di stari ‘nta nu manicomiu!...dottoressa!...se vuliti fari na cosa bona, a stu cuoppu nun a ta sbagghiari e va ta puttari a Nicola!

DOTTORESSA: adesso ci verrà molto difficile!...ormai sa tutto!...non sarà semplice prenderlo alla sprovvista…l’unica soluzione è di notte…quando dorme…però!...

MARITO: però chi cosa!...lei di niautri nun sa preoccupari…ci la lassamu o stissu la porta aperta macari di notti…anzi ora ci fazzu viriri macari unni dormi…ma c’ha raccumannu di lassari li luci stutati…picchì chiddu se nun c’è scuru totali…nun s’addumisci ,dicalufici è comu e taddarichi!

DOTTORESSA: ma è proprio certo che lo troveremo che dorme?!...ho paura che trovandolo sveglio…ci possa aggredire!

MARITO-(tra se)( Canusciennulu comu fa ca cameriera chiddu è capaci ca a chista ci jetta u sautu)… nun si preoccupassi…ca a chiddu quannu ci cala u suonnu, nun senti mancu i cannunati!..l’importanti è ca ha siri tuttu o scuru!

DOTTORESSA: d’accordo!...per evitare qualsiasi inconveniente…verremo a notte fonda!

Allora mi mostri la sua camera!

MARITO: certu dottoressa! Chidda…chidda è! (stanno per uscire ma entra la moglie)

MOGLIE: eccula!...macari rintra mi la puotti!...vergogna!...vergogna!...signorinella ma ju dicu…una bedda sciaquatunazza comu a lei…ca putissi aviri nu beddu figghiu!...ma chi c’ha vistu ‘nta chistu!.ca nun s’orricampa mancu u camiun da spazzatura..Ma chi ni fa unu chiù anzianu di lei…ca ci stanu cariennu macari i capiddi!...e puoi in tutta sincerità(bisbigliando alludendo) “peddi macari cuoppi”...Certu!...chi c’entra!...ha il suo fascino! (schiaffeggia il marito) e poi havi li soddi…è veru!?...chi c’entra!


20

Chiddi spusati cu famigghia su megghiu…veru?!... …ha fattu benissimu!...ma c’ha statu gentili a vinirimi a truvari!...l’aspittava cu tuttu lu cori!...pi darici macari a lei na bella fraccata di lignati! (sta per prendere a botte la dottoressa ma viene bloccata dal marito)

DOTTORESSA: ma lei si sta sbagliando!

MARITO:Sa puttassi ..sa puttassi pi favuri, comu si dici “fa un viaggiu e du sirviza!...

Chista la dottoressa do manicomiu è!...ha vinutu p’accumpagnarimi…picchì mi scancianu pi to frati se ancora nun l’hai caputu!

MOGLIE: (mortificata) mi scusassi dottoressa(bisbigliando alla Dottoressa) Ma nun so putia teniri?! (al marito desolata) si!, l’agghiu caputu ca sbagghianu!...

MARITO: cerca di finilla! Nun ni strarriamu macari davanti a dottoressa!

DOTTORESSA: io tolgo il disturbo!, vado!, vi lascio alle vostre chiacchiere!...mi perdoni ancora per l’equivoco! Mi perdoni anche lei signora!

MARITO: dottoressa arristamu d’accussì! O scuru…vabbeni!!...nun addumassi a luci! (la dottoressa esce) ca a sti tiempi costa!...già ta fattu canusciri macari da dottoressa!

MOGLIE: nun m’anteressa!...vistu ca vuoi lu divorzio macari tu…comu mi ricisti ieri…t’accuntientu!...agghia ciamatu l’avvocatu e m’ha dittu ca veni oggi stissu!

MARITO: macari ju do manicomiu agghia ciamatu u miu di avvocatu! Macari iddu oggi mi dissi ca vinia!

MOGLIE: (gridando) vabbeni!

MARITO: (gridando) vabbeni!! (escono da uscite differenti)

II SCENA

(NONNO, NONNA E MOGLIE)

NONNO: pigghimi i robbi c’agghia sciri!

NONNA: ma si po sapiri unni a ghiri! Nun lu viri ca nun tieni mancu a ditta!...ca ci vuonu du puntidda pi stari additta?.basta ca vuoi sciri!...a fari ririri ‘npaisi!...buffuni e disgraziatu ca nun si autru!...unni vuoi iri, si po sapiri!

NONNO: a tia nun ta ‘nteressa!

NONNA: u sacciu, u sacciu ca nun m’anteressa! E quannu mai!...a tia e o beddu di to iennuru soccu jonnu vi finisci a sancaria…quant’è veru ca esisti diu!

NONNO: chi jonnu è oggi?!


21

NONNA: ricuminciamu! Unni ma sbattu sta testa, unni ma sbattu!...(grida) lunedi!

NONNO: chi jonnu è ti rissi!

NONNA: viri ca pigghiu u stupazzu  e te stuppu ju si uricci!...(grida) lunedi!

NONNO: (arrabbiato) u nummiru vogghiu sapiri…u nummiru!

NONNA: u primu do misi è!

NONNO: fozza…pigghimi i robbi ca m’agghia vestiri!...maniamini!

NONNA: Ma ai a testa chiù dura de balati di petra lavica ah!! nun t’agitari! Talè chi siemu beddi!...picchì macari ca ti agiti, ca ietti uci…nun te pigghiu o stissu!...ma si po sapiri unni riantini ti ni vulissutu iri! Ah!

NONNO: a posta!...a pigghiari a pinsioni!

NONNA: Ma se avanti c’arrivi a posta ta ma veniri a ricogghiri co cucciarinu … avi du anni ca chiù nun ci vai tu a pigghialla…oggi ti vinni u pitittu tuttu ‘nta na vota!

NONNO: pigghimi i robbi ti rissi!

NONNA: n’autra vota ma diri!...viri ca sa rintera ca tieni ta fazzu mangiari…denti pi denti!...(tra sé) ricitimi viautri comu c’avissa cummattiri…ma sta cuttra chi mi la puozzu susiri iu Signuruzzu?.....ora attacca cu l’autru stornellu…agghiu fami!...tutti i jonna la stissa

sunata!

NONNO: chi c’è i mangiari, agghiu fami!

NONNA: Ohu!!,puozzu fari a majara…chi v’avia dittu!...ora mangiamu…ancora è prestu!

NONNO: ti rissi agghiu fami!

NONNA: Spera Diu ca ti strancugghi…nun ti suppuottu chiù! (al pubblico) agghia teniri sempri na frutta ‘nto mantali…sempri fami iavi…(gli da la frutta al marito una banana) te cà!...mangia…pariemu o zoo che scimmi, antuppiti sa vucca..e zittiti, anzi vatinni ‘nta stanza i liettu e alluppitti, accussì mi lassi in paci!!

NONNO: Uhmmmm.(scena precedente) Appena finisciu di mangiari…mi pigghi i robbi! a caputu! (esce)

NONNA: se, se…appoi, appoi te pigghiu!...quacchi vota ce pigghiu piddaveru…u fazzu vestiri…u fazzu sciri…accussì si perdi…mancu se telefunu chiddi di “Chi l’ha vistu” ci arrispunnu Spiramu ca si stanca…ci pigghia ‘ncorpu siccu!...ammenu m’arrifriscu lu cirivieddu!...piccatu lu beni ca unu ci fa a s’armaru di campagna! (entra la moglie)


22

MOGLIE: ohu mammuzza mia,!...t’agghia cuntari na cosa…dopu vinticincanni di matrimoniu…nun m’avissa spittatu na cosa di chissa!

NONNA: …chi cosa ha cumminatu…dimmillu a figghia ca ci stuoccu u sagnaturi nda catina.!

MOGLIE: Ianu mi fa i corna!!...si viri cu n’autra!

NONNA: (gridando) chi cosa?!...! E cu è sa orba ca s’arricampassi a su bestia di me iennuru!!(si mette a piangere) ma chi ce chiantai tutti ju li chiova o signuruzzu!!...chissu nun mi l’avia fari…lassa co ‘ncagghiu!...ca lu fazzu nuovu! A su disgraziatu!

MOGLIE: mamma lassa stari…nun ci fa nenti,tantu chiù ha ma decisu ca divorziamo…u vuliemu tutti e dui…già sta viniennu l’avvocatu pi sbrigari i carti!...avissa siri già cà! (suona il citofono) (risponde) chi è? Salga avvocato! Mamma lassini suli ,vai oripuositi ‘npocu!

NONNA: nun ti pigghiari pena figghia mia…appena u ‘ncagghiu…u pistu comu la racina ,ci l’aiu fari quacchi dannu a su cosa lurdu!ha diri malirittu e quannu fu!! (esce)

III SCENA

(MOGLIE, AVVOCATO, MARITO E CAMERIERA)

MOGLIE: trasissi avvocatu! Si accomodisca!

AVVOCATO: la ringrazio…ho controllato…va tutto bene, possiamo fare assolutamente tutto quello che mi ha chiesto per telefono…sono io che mi chiedo una cosa però…

MOGLIE: chi cosa?!

AVVOCATO: lei conosce le conseguenze della sua decisione?!

MOGLIE: di quali conseguenzi sta parrannu!...avvocatu nun mi facissi stari scuieta…pi carità ca già u sapi quantu n’agghiu de miei!

AVVOCATO: si ricorda diversi anni fa, tutti i vostri beni mobili ed immobili, li abbiamo intestati a lei per motivi fiscali…

MOGLIE: ah! Comu no!...ca cettu ca mo riuoddu!...mo riuoddu benissimu!

AVVOCATO: eh! Allora se lei riuscirà ad ottenere il divorzio da suo marito, sappi che a lui non resterà assolutamente nulla!

MOGLIE: bih!...Che natichi di fora l’hai fari arristari…beni!!allura ha statu na furtuna ca a ma ‘ntestatu tutti cosi a mia!

AVVOCATO: vuol vedere suo marito in mutande?


23

MOGLIE: Ora ca ci piensu!...nuru lu vuogghiu viriri!

AVVOCATO: quindi è assolutamente decisa!

MOGLIE: cettu!...su cosa finu nun si merita nenti…nenti…assolutamenti nenti! Mancu i mutanni ci vuogghiu lassari!

AVVOCATO: allora quando lei mi dà il via partiamo immediatamente con le pratiche, deve sapere che passerà del tempo…quindi prima mi fa sapere e meglio è!

MOGLIE: sintissi avvocatu…se per casu avissa viriri a me maritu…chi sacciu…pi strata, o bar…nun ci ricissi nenti di stu fattu!

AVVOCATO: d’accordo!...non dirò nulla…segreto professionale, non mi permetterei mai! (si sente gridare la cameriera)

MOGLIE: mi scusassi avvocatu!... quantu vagghiu n‘attimu da banna!...quantu arrizziettu a me frati…stagghiu tunnannu…mi perdoni…(grida) Nicola! (esce ed entra il marito)

MARITO: avvocato!...ma lei ca è! U sapi la stava ciccannu…finalmenti me mugghieri sa decisu! Si rendi contu chi furtuna!

AVVOCATO: lo so già…senti, mentre tua moglie è di là…noi siamo amici di vecchia data…quindi devo dirtelo, non posso fare altrimenti…senti…se divorzi resti… al verde, al verde ecco!

MARITO: al verde!?

AVVOCATO: al verde!...senza un soldo…senza un bene…senza niente!...ti ricordi che avevamo intestato tutto a lei, quella volta per il fisco!...al verde insomma!

MARITO: ma porca miseria ladra!...ora comu fazzu!...propriu ora ca avia decisu di nun travagghiari chiù, di ripusarimi…

AVVOCATO: devi sapere che in questo caso ti toccherà andare alla mensa dei poveri…devi anche sperare che non ti butti via di casa ancor prima di trovarti un alloggio!

MARITO: mannaggia!...mannaggia!...’nsumma mi pari ca a stu puntu nun è propriu u casu di divorziari!

AVVOCATO: direi proprio di no!...no!

MARITO: mannaggia a miseria…e a mia ca parru troppu assai…e nun piensu prima!...vabbè! ti salutu…nesci. (esce ed entra la moglie)

MOGLIE: eccomi avvocato!...ma chi c’ha statu qualcunu…agghia ‘ntisu parrari!

AVVOCATO: no signora non c’è stato nessuno!


24

MOGLIE: vabbeni avvocatu…allura arristamu d’accussì…la ringrazio tanto ca ha vinutu lei cà!...ma puttroppu sapi la situazioni mia…nun puozzu lassari a casa!

AVVOCATO: arrivederla…aspetto sue notizie! (esce)

MOGLIE: arresta muortu di fami… a limosina addumannari..mi fa piaciri!... (entra la cameriera) e tu…quanti voti ti l’agghia dirica nu na ittari uci di sa manera!...mancu lavirivogna di l’avvocatu!... ‘ncuminciannu a marcari mali!...

CAMERIERA: signura a mia mi dici sti cosi!...ma ju chi ci puozzu fari se so frati è nu maniacu…sempri ca m’ha tuccari!...picchì nun si fa tuccari lei!...ju sugnu stanca di sta situazioni!...se so frati nun si nu và di cà…agghia finutu di travagghiari ‘nta sta casa (tra sé) pergiunta agghia siri rimproverata…n’agghiu una in menti….ah ah ah! Se ma rinesci!

MOGLIE: Melina hai ragghiuni!...nun si ci po’ cummattiri!...ma tu l’ha pigghiari o buonu!...ma nun ti preoccupari ca ‘nta sti jonna vienunu a pigghiarisillu chiddi do manicomiu!

CAMERIERA: (tra sè) Ni stu casu avissunu a fari viaggiu unicu, a picchì nun si maninu!...stagghiu marcannu mali! (esce ed entra il marito, nel frattempo la moglie si siede nel divano)

IV SCENA

(MOGLIE, MARITO)

MARITO: ah! Cà si!...sienti Marietta…perdonami!

MOGLIE: (sempre con sarcasmo) perdonami!

MARITO: si, si!...ju nun vuogghiu chiù divorziari!

MOGLIE: ah si!...e comu mai?!...ma se erutu accussì cuntentu di liberariti di mia…dicieutu a tutti in giru…e soprattuttu a chiddi do palazzu…evviva la libertà!

MARITO: agghia sbagghiatu!...nun divorziamu!...nun divorziamu!..ti promettu ca di oggi in poi sarò l’uomu perfettu!

MOGLIE: (Ma chi sbattiu a testa?)…e sintiemu!...chi cosa t’ha fattu canciari idea!

MARITO: eh!...beh!...i tanti anni passati ‘nsiemi…ohu! Vinticincanni su!...nun è ca su ‘njonnu! Eh!

MOGLIE: (25 anni di uredda fraciti)…e poi?!

MARITO: e poi!...i sentimenti ca provu pi tia!...


25

MOGLIE:  (Ma fattu perdiri i sentimenti!)...e poi?!

MARITO: poi?!...beh!...chi cosa fussi ju…cosa fussi senza di tia!

MOGLIE: (sicuramenti ma passassi megghiu)…

MARITO: e poi?!..eh!...siemu na coppia…sienti chi paruluna!...indissolubile, inossidabile!...comu l’acciaiu!

MOGLIE: (Ma se si tuttu arrugghiatu!!) certu!...e poi?!

MARITO: ancora?!

MOGLIE: E chi ti la vulieutu sciri cu picca?!...ancora!

MARITO: e poi…u divorziu nuostru ruvinassi n’intera famigghia!...e poi propriu ora ca nostra figghia diventa famosa…ci putiemu ruvinari stu mumentu ‘mportanti eh!

MOGLIE: (Pari scemu..ma ogni tantu iavi lampi di inteliggenza) certu!...hai ragghiuni!...hai ragghiuni…cu tuttu chiddu ca a ma costruitu ‘nta sti anni ‘nsiemi!

MARITO: eccu!...brava, brava!

MOGLIE: cu tutti i soddi…ca a ma misu i latu…tuttu fruttu de sacrifici nuostri… …

MARITO: paroli santi…paroli santi!

MOGLIE: è pi chistu ca nun vuoi divorziari!...(ridendo) picchì arristassutu cu na manu di davanti e una darrieri!

MARITO: ma figurati…nun è pi chissu!

MOGLIE: zittiti e nun parrari picchì finu a prova contraria chidda ca decidi sugnu ju!...e ju vuogghiu divorziari!....tranni se…

MARITO: tranni se!

MOGLIE: tranni se tu fai tri cosi…pi prima cosa a lassari a chissa duocu!

MARITO: ca cettu!...anzi t’agghia diri ca chidda nun (bisbiglia mentre la moglie parla)

MOGLIE: nun vuogghiu sapiri nenti di chissa…nun vuogghiu mancu sintilla nominari! (il marito cerca di dire la sua ma la moglie non lo fa parlare)

INSIEME: nun vuogghiu sintilla mancu nominari!...chiaru!

MOGLIE: secunna cosa…parri cu l’amicu tuou, chiddu scrittori…e ci fai scriviri na bella canzuna d’amori a to figghia!

MARITO: bih! Pi tantu picca!...u fazzu subitu, ora stissu ci vagghiu! (si alza per andarsene)


26

MOGLIE: fermu e assiettiti!...ci vai dopu!...e terza cosa a ma fari a festa de vinticincanni di matrimoniu ca tu nun ha vulutu fari! Eccu!...na festa bella, bella, bella, cu tanti ‘nvitati…comu se fussi ‘nsecunnu matrimoniu..a caputu?!

MARITO: (con sarcasmo) ‘nsecunnu matrimoniu (se sapia tutti sti cosi iu nun facia mancu u primu!)

MOGLIE: si, si!..faciemu nu bellu brindisi…cu nu bellu baciu!...

MARITO: (tra sé) che schifu!

MOGLIE:  e tu innammuratu comu na vota!

MARITO: ma chi sbattisti a testa?!...ma nun si ni parra…

MOGLIE: allura divorzia e…resta al verde!…anzi già di ora siemu separati in casa! Stasira ti cucchi ‘nta stanza di Nicola e Nicola si cucca cu mia! Caro! (esce)

MARITO: miegghiu ma passu! A festa!...u brindisi!...u baciu! Uah!...no, no, no…miegghiu senza ‘nsoddu…ma sulu!...niesciu a parrari cu st’amicu miu pa canzuna di me figghia!...ma nun lu fazzu pi idda!... u baciu!...uah! (esce ed entra la nonna con una scopa in mano)

V SCENA

(NONNA, NICOLA, MARITO E MOGLIE)

NONNA: lassati ca s’arricampa, sta scupa,ci l’aia fari a milli pizzuddi na catina!... i corna a figghia mia!...iù ci lu fazzu ‘ncornu a centru di battisimu!...ora m’assiettu cà e u spiettu finu ca veni ‘navi unni iri (si siede con la scopa in mano ma si addormenta all’istante, entra Nicola)

(entra il marito non accorgendosi della nonna, appena si rende conto che la suocera lo stava aspettando con la scopa in mano, si blocca al centro di scena, parte la base; guardandola con aria di sfida, dopo qualche secondo la nonna si alza e inizia a rincorrere il genero fino a quando escono di scena e sfuma la musica)

(rientra la nonna col manico di scopa rotto)

NONNA:Missioni compiuta!...ma nun ha finutu cà!...a ringraziari ca rinisciu a chiuririsi ‘nto bagnu…ma n’ha sciri di da rintra prima o poi…mah!

MOGLIE: A stura me mamma c’ha sunatu a me maritu! Beni ci sta!...ci pinsava prima a fari i cosi! ( si siede sul divano a sorseggiare un the che aveva già in mano, entra il marito toccandosi la schiena dal dolore)


27

MARITO: e va beni!

MOGLIE: e va beni chi cosa?!

MARITO: faciemu sta festa…!

MOGLIE: viri ca nun mi fai ‘npiaciri sai!...picchì tagghia diri na cosa…nun agghiu piaciri di falla mancu ju!

MARITO: comu sarebbi a diri ca nun hai piaciri di falla!?

MOGLIE:  si!...sugnu chiù cuntenta ca divorziamu…e basta!…tranni se!

MARITO: attonna!...tranni se chi cosa?!

MOGLIE: tranni se il tuo amuri è d’accussì ranni…ca tu arriniesci a cunvinciri a mia a fari la festa!

MARITO: ju…cunvinciri a tia?!...ma figurati!

MOGLIE: e allura ha sapiri caro…ca ‘nta stu mumentu a pinsari pi tia, picchì ju nun ti fazzu chiù u mangiari…nun ti lavu chiù i robbi…nun muovu chiù ‘njtu pi tia…a caputu!

MARITO: tantu n’aviemu a cammerera!

MOGLIE: a cameriera fa chiddu ca ci ricu ju!!...perciò…t’arrangi! (esce)

MARITO: e ora comu fazzu a cummincilla…comu se fussi na parola! (esce ed entra Rosetta seguita dalla madre)

VI SCENA

(ROSETTA, MOGLIE, CAMERIERA, MARITO E COMMERCIALISTA )

ROSETTA: se sapissutu…se sapissutu!...ma na telefonatu!...ora, ora!...maria mi sientu mali!...maria mi sientu mali!

MOGLIE: chi successi!...nun mi rari autri colliri figghia mia!

ROSETTA: nun ti preoccupari!...è na cosa troppu bella!...ma na pigghiatu pi cantari a Sanremu… è ufficiali!

MOGLIE: (gridandoe facendo avanti e indietro) matri che bellu! (gridando sempre più forte)Vaiu a Saremu….maria mi sientu mali..maria mi sientu mali…I virticini…i virticini.


(la cameriera sentendo le urla entra di corsa)


28

CAMERIERA: signura chi fu?!

MOGLIE: a stu cuoppu è sicuru!...a figghia mia va a cantari Sanremu!...diventa famosissima comu a………!

CAMERIERA: (tra se)(Ni sta casa a gnuranza ha statu sempri ranni chi furtuna ca ianu!...sa scugnizza va a cantari a sanremu…e ju no!...ancora u sceccu u sapi! )(rivolgendosi a loro) sugnu piddaveru cuntenta!...Rosetta e quannu c’ha jri?!...rimmi!

ROSETTA: fra ‘nmisi precisu!...’nmisi oggi ti rendi contu!...già mi sientu tutta emozionata!

CAMERIERA: (parlando ad alta voce) ah!...allura u tiempu c’è!

ROSETTA: di cosa Melina?!

CAMERIERA: ehmm! Ca nenti!...di siri tuttu in ordini…pulitu…splendenti…po grandi eventu!...(tra sé) (ammenu a cosa ma puozzu sturiari cu chiù calma!...ah! che bellu!...vi sistiemu ju!)

ROSETTA: mamma ma u papà a puttatu a canzuna…chiddi la vuonu sentiri u chiù prestu possibili…quannu l’agghia aviri u tiempu ri ‘mpararimilla! Eh!

MOGLIE: ju c’agghia rittu a to patri! Ora u spittamu e viriemu se a potta sta biniritta canzuna (suona il campanello) Melina rapi tu, viri cu è! (la cameriera esegue ed entra con un bel mazzo di fiori)

CAMERIERA: signura è pi lei…prego!

MOGLIE: viriemu cu me manna…(legge il biglietto) “Ti ho fatto il mazzo spero che mi perdonerai”….è me maritu!...ricci ca se potta attonna annarieri…puottili subitu fora di cà!

(la cameriera esegue)

ROSETTA: mamma picchì...erunu accussì belli!

MOGLIE: ehmmm! Nenti!...sugnu allergica…etciù! A vistu?!...(tra sé) chi mi voli accattari che ciuri…sbagghiu cè!!

(parte una base che fa capire il passare del tempo, si vedono mamma e figlia che parlano; la musica viene interrotta dal suono del campanello)

MOGLIE: Melina rapi pi favuri! (la cameriera esegue ed entra con una busta in mano) chi è sa cosa?!

CAMERIERA: ma na rittu ca su du biglietta pi l’apparecchiu, ca ci manna so maritu…è nu viaggiu all’Africa‘nta n’albergu esculivu cu l’odalischi niuri.!...

MOGLIE: via! Raccillu! (la cameriera sbalordita esegue)


29

ROSETTA: mamma! U papà ti riala nu viaggiu e tu lu rifiuti!...ma cettu ca si….

MOGLIE: Rosetta avieuma pattiri fra ‘nmisi…quannu tu cantautu a Sanremu

ROSETTA: allura a fattu buonu mammuzza mia!

(parte una base che fa capire il passare del tempo, si vedono mamma e figlia che parlano; la musica viene interrotta dal suono del campanello)

MOGLIE: Melina!

CAMERIERA: (tra sé) stassi assittata allavoti ca s’affatica e ci pigghia a sciatica!…a spittrari tirrina a mannassi! (esegue ed entra con un cofanetto) so maritu ci manna stu splendidu e preziosissimu bracciali che diamanti!(tra sé) Chi razza di futtuna!

MOGLIE: (lo prende, lo apre) oooh! Mamma mia!!...che bellu!(tra se) Ma chi svaliggiau a banca…ha statu sempri tirchiu ne riala…

CAMERIERA: avanti mo rassi ca ciò rituonnu!

MOGLIE: nooo! Chi si pazza! Che bellu…chistu mo tiegnu!

CAMERIERA: (tra sé) (U canusci u puorcu a’nmiezzu e jaddini ah!! ciamatila fissa!)

MOGLIE: (tra sé)Stavota ma cunvinciutu!!!

ROSETTA: mamma fammi viriri…che bellu!...ma cu ti lu manna u papà?!

MOGLIE: si…to patri!

ROSETTA: piddaveru!...e comu mai?!...ma se nun l’ha fattu mai na cosa di chista…ma chi si senti mali…chi avi a frevi iauta!...mamma a mia mi la diri se u papà avi qualcosa di gravi!

MOGLIE: (Iavi ca è gravi puhhh!!!)a quali!...è u rialu re vinticincanni di matrimoniu… (entra il marito con una pizza in mano)…ah! A pizza!...ma comu a fattu a sapiri ca sta siraavia pitittu di na bella pizza!...

MARITO: ma veramenti chista è pi m….

MOGLIE: A comu mi ligghisti no pinzieru…ah!!l’amuri!... e vabbeni…e vabbeni!...Ianu a vinciutu tu…faciemu sta festa ca hai desideratu tantu!...ora pienzu a tutti cosi ju!...all’invitati, a cena…comu ti viesti…poi faciemu u cooktel (gli mostra il braccialetto) …ah!chiù pi stasira Nicola si cucca cu mia…c’avia promessu!...appoi u sai c’ha resta mali!(si avvia lentamente, mostrando sempre il braccialetto, verso l’interno ed esce)


30

MARITO: A comu m’arruvinai all’orefici ci aiu firmatu un fasciu di cambiali p’accattari su braccialettu Comunqui di buonu cè ca pi na sira nun na sientu runfari!...tra l’auttru ci appizzai macari a pizza!

ROSETTA: papà, a puttasti a canzuni?!

MARITO: ca cettu!...te cà!...ah! m’ha dittu ca c’è macari u spartitu musicali…ca è na canzuna d’amuri ,ha dittu ca è originali e bellissima!

ROSETTA: grazi papà, tu si ca mi vuoi beni! (suona il campanello) e cu è a stura?

MARITO: m’avia scuddatu c’avia veniri u commercialista…comu si chiama ‘Impastato…ci rissi ca prima ca s’arritirava a casa passava di cà!

ROSETTA: ma cui chiddu tuttu di dda banna?!...

MARITO: chi cosa? (prende tutti i documenti)

CAMERIERA: chiddu ‘mpocu!...(fa dei gesti)

ROSETTA: papà, nun mi riri ca nun ti n’avieutu accurgiutu…ma se ti fa macari l’occhi aruci!

MARITO: ma quali occhi aruci!... (va ad aprire la porta)

COMMERCIALISTA: buona sera signor Sebastiano…(lo fissa) come va?!

MARITO: c’agghiu preparatu tutti i documenti ca m’avia rittu…ecculi cà! (gli da i documenti)

COMMERCIALISTA: Che belle mani Seby,lei è sempri…accussì precisu! (lo guarda e sospira) aaah!

MARITO: ehmmm! Fazzu chiddu ca puozzu!

COMMERCIALISTA: (guarda i fogli) ah,ah,ah, se mi puozzu pirmettiri c’agghia fari nu rimproveru…manca a ricevuta di du versamentu ro misi passatu…si riuodda!

MARITO: ah! Mi rispiaci! Ora ci voli tiempu pi ciccalla!...agghia fattu veniri sinu a cà e nun c’agghia ratu tutti i documenti!

COMMERCIALISTA: nun c’è problema!...viriri a lei pi mia è sempri nu piaciri! (lo guarda e sospira) aaaaah!Subbitu..accussi è na bona occasioni…(il commercialista lo fissa edentrambi sospirano aaaah!)…pa ‘ncuntrarini!

MARITO: c’ho fazzu aviri tramiti Melina a cameriera mia! Chidda sapi unni mettiri i manu…Arrivederci! Arrivederci!


31

COMMERCIALISTA:  Avissi  preferitu  lei….(lo  guarda  e  sospira)  aaaah!  Arrivederci!

(esce)

MARITO: ouh! Ma chistu è completamenti di dda patti…allaschiti pi carità!! Comu nun mi n’avia addunatu mai!...ma a fini chi m’antaressa basta ca lu travagghiu suou lu fa buonu…sienti Melina ora ti preparu sa ricevuta e ta miettu supra duocu…quantu hai ‘mpizzuddu di tiempu ci la puotti! A caputu?

CAMERIERA: vabbeni! Ju sugnu da patti a puliziari!

ROSETTA: ju mi nu vagghiu a ‘mpararimi a canzuni!

MARITO: quantu vagghiu a cieccu sa ricevuta sa unni a misu me mugghieri! (escono tutti)

VII SCENA

(NONNO, NONNA, MOGLIE, ROSETTA, MARITO E CAMERIERA)

NONNO: ju stagghiu sciennu! Pigghimi u cappuottu!

NONNA: ma unni a jri co piggiama!...basta ca mi ciecchi u cappuottu! Ouh!... a scupa l’agghiu a puttata di manu…ci aiu canciatu u manicu..e ta fazzu tastari

NONNO: chi ma fari tastari?!...ca agghiu fami!

NONNA: c’ha facissi mangiari piddaveru a scupa…tantu macari i petri digerisci…miatiddu iavi nu stommucu!...e u cirvieddu vacanti.. nenti ci fa dannu!

NONNO: (si siede, entra la moglie e sbadiglia) aaaah!

NONNA: mischinu u figgi…è stancu…iavi i rienti surati!

MOGLIE: mamma macari tu!...certi voti si chiù pisanti di iddu!..mancu sbadigliari po’ chiù!

NONNA: u figghiu!...mischinu è stancu!...di rommiri!

MOGLIE: mamma viri ca dumani assira agghia ‘nvitatu ‘mpocu di pissuni…pi festeggiari i vinticincanni di matrimoniu miei!

NONNA: ma comu?! Prima ti fà i corna e poi vuoi festeggiari cu su delinguenti e schifosu!

MOGLIE: mamma finiscila!...ha ma fattu a paci!

NONNA: comu a fattu a paci!...ma chi sbattisti a testa puri tu? Era la vota bona ca si sciugghia di sta casa, e na liberaumu!!


32

NONNO: agghiu fami!

NONNA: attaccau…ma chi iavi a lupa?!

MOGLIE: papà vatinni da rintra ca ora vi puottu u mangiari…forza susiti e vatinni ‘nta to stanza ca ora mangi!

NONNO: vabbeni!

NONNA: sulu a tia ascuta!...a mia mi fa mangiari i uredda co sali…quannu parru ju addiventa suddu…nun capisci nenti! (rivolta al nonno) amuninni da patti pi carità!

NONNO: ca rittu?!

NONNA: A prossima pinsioni taia accattari l’apparecchiu pi sentiri, ca macari quannu scorreggiu dda parti no bagno ma sentiri…lassamu peddiri và! (escono ed entra la figlia)

ROSETTA: mamma a canzuni è troppu bella!...ah!...se a sintissutu!..no, no!...ha siri na sorpresa pi tutti…ah! Ca c’è a copia ca c’ha ma spediri a casa discografica già c’è misu macari u francubullu!...a lassu cà per ora…nun mo fari scuddari però…t’arraccumannu…ah! A telefonatu a tutti pa festa di rumani assira?!

MOGLIE: si, si! Tutti cosi pronti su!...(mentre escono) a propositu rumani assira n’approfittamu pi diri a tutti ca vai a Sanremu! (escono ed entra il marito)

MARITO: finalmenti la truvai…a manu di me mugghieri i cosi ‘nta sta casa scumparunu!...ora c’ha lassu cà, accussì Melina c’ha potta!...sempri se nun so scodda! (esce ed entra la cameriera)

CAMERIERA: ah! Cà c’è a ricevuta!...bih!...su dui i busti e ora qual è! Controllu! (ne apre una)…vih!...a canzuna di Rosetta…ora ma lieggiu viriemu com’è! ( legge)

Finalmente ora sò

Che a te mi dedicherò

Ho capito il tuo amore e adesso sì

Che da te presto verrò

Dopo anni che tu mi corteggi

Sì…sempre più posso dire

Anch’io a te amore mio il cuor ti darò….

Ma fa propriu schifu sta canzuni!...matri chi pinsata ca mi vinni!...nun c’agghia jri a puttari la ricevuta ‘nto commercialista?!...ora ci puottu chista comu ricevuta! Ci canciu a busta!...accussì s’amparunu…chiddu, chidda appena leggi sta cosa sa fa di cursa a veniri


33

cà…già mo magginu li risati ca m’agghia fari!! Niesciu e c’ha puottu!...chista ci vulia comu o pani! (esce ed entra la moglie)

MOGLIE:ci vagghiu a ‘mbucu sa littra a me figghia prima ca mo scuoddu…mentri sugnu curiusa!...sa com’è a canzuni!...ju ma lieggiu!...no, no! Se afigghia mia ha dittu ca a siri na sorpresa, ha siri na sorpresa!...niesciu ca gia è tardissimu! (esce ed entra Nicola)

VIII SCENA

(NICOLA, NONNA, CAMERIERA E MOGLIE)

NICOLA: unnè Melina, unnè!...nun c’è a nessuna patti…unni sinniu!...che bellu stasira mi cuccu cu me suoru…!

(non appena entra la cameriera Nicola comincia a rincorrerla per toccarla) NICOLA: ah! Cà si finalmenti!

CAMERIERA: mancu u tiempu di trasiri mi runi!...attonna!...t’agghia rittu cientumilavoti ca c’ha finiri di tuccarimi…cu tutti i fimmini ca ci su ‘nta sta casa propriu a mia ha tuccari! Viri ca ti rugnu na pirata dda, ca ti fazzu iri a cantari cu l’angioletti!! t’agghia rittu basta!...(prendendolo con le buone maniere) sienti Nicola…talè chi faciemu…però assiettiti duocu e fai quattru stampi…ascutimi…se tu m’aiuti a fari na cosa…

NICOLA: mi fai tuccari unnè ghiarè?!!

CAMERIERA: no!...fammi finiri di parrari…se tu m’aiuti…putiemu ‘ncuminciari na conoscenza ca co tiempu po addivintari qualcosa di seriu!... senza tuccari…chissu appoi si viri!

NICOLA: ma ju già ti canusciu!

CAMERIERA: u pinsieri l’hai sempri dà…na conoscenza chiù profonda…capiri veramenti

comu si fattu!...

NICOLA: (allargando le braccia)Accumincia ora stissu a virillu!

CAMERIERA: ma rintra…com’è lu cori tuou!...

NICOLA: buonu è!...u dutturi ma dittu ca è na cannunata!...(alludendo) Nun perdi cuoppi!!

CAMERIERA: vabbè Nicola!...tu a scutari a mia e basta!...tu u sai comu fanu tutti i pissuni prima ca si fanu ziti?!...si frequentanu, parrunu, parrunu e poi se la cosa po jri, decidunu di stari assiemi…e poi puonu ‘ncuminciari a tuccari!


34

NICOLA: ma se niautri avi cincanni ca ni frequentamu…ora ha ruatu u mumentu di ..(tentando di abbracciarla)ittariti u sautu

CAMERIERA: Ma è un chiovu ca hai!!..parrari cu tia è inutili!...sienti ca ma fari…sta cosa nun ha sapiri nuddu!...sulu ju e tu…u sai teniri nu segretu?!

NICOLA: e tu ti ci allanzi cu mia,  ni faciemu ziti veru!?

CAMERIERA: Tu fai u bravu ca poi ni faciemu ziti!...(al pubblico) (tiriti su cuntu ca ta rinesci!)...sienti…fra ‘nmisi Rosetta to niputi va a cantari a Sanremu…siccomu ju sugnu chiù brava di idda e soprattuttu mi lu meritu chiù assai di idda!...prima ca idda patti pi dà…la pigghiamu e l’ammucciamu…accussì ci vagghiu ju o postu suou!...ci vagghiu ju a cantari a Sanremu!

NICOLA: E appuoi abbiamu u sautu?!?

CAMERIERA: Puoi viriemu!!..tu quantu ma tieni…o riestu ci piensu ju…nun ti preoccupari ca nun ci faciemu mali!

NICOLA: si!...ma se appoi tu ti nu vai…ju a cu ciò bbiu u sautu!?...no, no!...t’aiutu se mi puotti cu tia!

CAMERIERA:    vabbeni….vabbeni!  ti    puottu   cu   mia!    Allura   ha    caputu?!...nun    to

scuddari…però di oggi in poi fai u bravu!...a caputu?!...tu nun sai nenti…vistu ca stasira ta

cuccari cu to suoru…fatti truvari ‘nto liettu!... o cucchiti!...Nicola t’arraccumannu!...segretu! (Nicola esce) Maniacu mentri li cosi li capisci…nun è ca puoi è accussì pazzu comu fanu cririri!...anzi i cosi..certi cosi i capisci ..è comu!!E chista è fatta!...ora m’attocca pripararimi na canzuna…ciò fazzu viriri ju cu vinci Sanremu 2012 ah!ah!ah! (entra la moglie)

MOGLIE: Melina!...ca sì!...mo frati sa ghiutu a cuccari?! Ca è taddu!

CAMERIERA: si signura! C’agghia rittu di farisi truvari già cuccatu!

MOGLIE: a fattu buonu…c’ha rittu di irisinni a cuccari ‘nto liettu miu?!...ca u fazzu cuntentu pi na sira!...o cucchiti macari tu ca è tardu…bonanotti!...e stuta a luci!

CAMERIERA: Buonanotti! (spegne la luce ed esce)

SCENA IX

(DOTTORESSA-NICOLA)

(Ticchettio orologio, scena al buio entrano la dottoressa con i due infermieri con le torce)


35

DOTTORESSA: Bene ragazzi la stanza è quella giù in fondo, vi raccomando quando entrate spegnete le torce, e mettetegli il cappuccio in testa inbevuto di cloroformio. ….avete capito?

Fate molta attenzione e assoluto silenzio.

( i due infermieri vanno nella camera, e rientrano portandolo di peso con il marito).

Ottimo lavoro, fate attenzione a non fargli male …andiamo, presto!!(Escono ed entra Nicola accendendo la luce)

FINE SECONDO ATTO


36

TERZO ATTO

I SCENA

In scena ci saranno solo i Nonni. Man mano entrano gli invitati, che sorseggeranno il cocktail che la Cameriera darà loro.

NONNO: Ma si po’ sapiri picchì ma fattu assittari cà cu tia ,ca a sulu stariti vicinu m’acchiappa a dipressioni?

NONNA-Viri ca ora vienunu genti , nun fari o solitu tuou , e nun ti fari canusciri…e sopratuttu nun anzuttari a nuddu…o bagnu già cià statu..perciò…fai quattru stampi e…mutu!!

MOGLIE- Vih!!..chi mi sientu cuntenta cu tutta sta genti ca c’è a casa mia…

NONNO- Ma se siemu quattru iatti!!? Ju, tu e to matri!

NONNA- U ciuri su furnicu!!

MOGLIE- Ora arrivunu (suona il campanello)…a ta vistu!!

(Entrano la Dott.sa  con la figlia)

MOGLIE- Quali onori avilla cà cara Dottoressa….oggi nun è cà pi travagghiu, oggi è mia

ospite, a stu cuoppu nun cè pericolo ca sbagghia ah ah ah!.

DOTT.SA- Signora, io ho fatto come mi avete detto…non accendete la luce, in silenzio…come potevo fare a saperlo! Mi è dispiaciuto tantissimo per l’accaduto….potevate avvisarmi eh?

(Entra il Marito)

MARITO- Carissima Dottoressa … lei ci pigghiau u viersu na sta casa…oggi però nun si puttassi a nuddu!...anzi menza idea c’avissi…(guarda la suocera)

SUOCERA: A scippari cà d’avanti a tutti!

NONNO: Chi jonnu è?

NONNA: attaccammu! Lu…ne..ddi! zittiti!

DOTT.SA- Caro Sebastiano i miei complimenti per i vostri 25 anni di matrimonio…sa di questi tempi arrivare a tanto è già un traguardo..

MARITO-E si!!...(tra sè) Ma se nun m’avissi spusatu avissa statu ancora megghiu!....E cu

l’avia diri ca avissa passatu tuttu stu tiempu sempri cu la stissa pirsuna…pacieza…quannu si dici ca u destinu “crudeli”!...Ma facissi come fosse a casa mia..tantu macari o scuru lei sapi unni mettiri i manu!.


37

NONNO: Chi jonnu è oggi?!

NONNA: C’ha vuoi finiri…mercoledì! Mutu ti rissi!

(Suona il campanello entrano l’avvocato e la figlia)

MOGLIE- Avvocatu carissimu..arringrazio ca ha vinuto pure lei. ..ha visto… ni stavamo lassanno e inveci ..eccoci qua di nuovo a festeggiari il nostro idissolubbili amore..ah!!...du me maritu..e chi ci ne un altro?...a unni avissi agghiri a truvari..uhhh!!!...scansatini!! cosi di scrivillu! Ah ah ah ah! (l’avvocato trema)

AVVOCATO-(rivolto al marito) Bravu…ha fatto buonu….hai fatto la giusta scelta ..da

uomo saggio.

MARITO- (tra se ) E u sacciu iù unni mi “lori”…Prego faccia la conoscenza degli altri

invitati!...scrivere! ah ah ah ah! (l’avvocato comincia a tremare),( indicandogli la dottoressa e Carina) l’ha vistu ch’è bidduzza a dottoressa! (l’avvocato si avvicina alladottoressa)

(La moglie attira l’attenzione dei presenti)

MOGLIE-Scusatimi se interrompo la vostra conversazioni…ma aiu da fari un annunciu ,

(chiama Rosetta) Rosetta vieni cà!...(entra Rosetta)  ca ciù nun ci staiu ne robbi dalla prescia

di                      dicirivillu…ebbeni                    si…matri…chi                      sugnu                      emozionata!

MARITO- Ca sbrighiti …masinò a ghenti s’addumisci!!

MOGLIE- Mo figghia..mo figghia… MARITO- Scusatila ma cetti voti si scodda ca è puru ..me figghia

MOGLIE- Allura..me..nostra figghia….. chista cà! Sta bedda carusa cà! va a Sanremu… a

Sanremo…a Sanremo o Festivalli. ...e mentri ca siemu tutti cà n’approfittu pi rinnovari l’invitu…a sira ca Rosetta canta…tutti cà a casa mia…na taliamu ‘nsiemi!

TUTTI- (applausi di consenso)

AVVOCATO- ( solenne) Scusate allora se prendo parola in questo lieto evento, colgo l’occasione come credo da parte di tutti di fare un brindisi …primo per i 25 anni di matrimonio di Sebastiano e Marietta che dal frutto della loro unione hanno messo al mondo questa splendida creatura (l’abbraccia a se) che onorerà la nostra comunità con la sua dolce voce.E che sicuramente trionferà portando alto il nome di questo paese….che dire!! Mi

sento orgoglioso di fare come auspicio il brindisi a una carriera che sicuramente la porterà in giro per il mondo(alzando il calice) Salute !!

TUTTI-(rispondono all’invito del brindisi).


38

NONNO: chi jonnu era oggi!?

NONNA: venerdi…ancora!

(suona il campanello, la moglie va ad aprire, entra il commercialista)

COMMER.STA-Oh!...Seby…Seby…pirchì tuttu stu tiempu ti la tinutu strittu…il segretu. E ora davanti a tutta sta genti “sdivacalo” il tuo amore …come hai fatto nella lettera che mi hai scritto! (l’avvocato trema)

CAMERIERA: (al pubblico) vinni ‘nto mumentu precisu! Ah!ah!ah! MOGLIE- Beddu …viri ca fossi sbagghiasti potta.. COMM.STA- Zittitu tu, can nun ti lu meriti un omu comu a Seby…

NONNA-E no!!..iu finu a stura ma statu muta…avia dittu ca sta festa nun avia sensu (rivolta alla figlia) Si cuntenta!...chissu pirchì nun m’ascuti mai…e ora pigghitichissa.

NONNO-..chi jonnu è?!!

TUTTI: ruminica! Oh!

NONNO: e nun vi siddiati chi ci vulia a dillu!

COMM.STA-Sa littra ca mi scrivisti , mi ha sbalancato il cuore.Vieni ..lassa sta genti…tutta genti che sordi!...ca puzza sutta o nasu ca ci fanu li corna a li mugghieri e a li mariti…tutta genti insensibili , moralisti can un sannu cosè lu veru amuri. Eccu ca signuri miei chistu è lu veru vulirisi beni, senza fari distinzioni di sessu o auttru….abbiiti ‘nda li me vrazza Seby miu!

MARITO: abbiiti ‘nda li me vrazza?!...ju t’abbiu do barcuni!!!!.(tutti inseguono il commercialista ed escono, rimane la cameriera)

CAMERIERA: E a prima m’arrinisciu! Ah!ah!ah! (si spengono le luci e parte la base)

VOCE FUORI CAMPO- Un mese dopo


39

II SCENA

MOGLIE-CAMERIERA-NICOLA

(Entrano la Moglie seguita alla Cameriera)

MOGLIE- Melina sienti cosa a fari…Finalmenti arrivau stu jornu! A Rosetta all’aereoportu ci lì accumpagni tu, u sai ca Nicola e me pattri scutunu sulu a mia ju nun li puozzu lassari…me maritu arresta cà cu mia ca m’aiuta.

CAMERIERA-(Nun si preoccupassi ca ci l’accumpagnu jù!!....Sicuru!) Ca cettu ju

l’accumpagnu!

MOGLIE- Ma nun curriri pi strata…pattiti chiù pristuliddu accussì arruvati cu chiù calma…picchì a figghia mia propria oggi nun sa strissari…nun vulissi ca fai comu a ricivuta di me maritu ca n‘veci ci purtasti a canzuni… e puortila all’aereoportu e no a stazioni caputu?!!

CAMERIERA- Bihh!!...e chi ci puozzu fari se sbagghiai (a chissà sbagghiu!!!)

MOGLIE- Quantu ci aiutu a fari a valigia..a carusa nun na ma ffari strapazzari…Tu intantu pulizia ca sta sira ‘nta sta casa ci sarà un saccu di genti pi virriri a Rosetta mia (esce)

CAMERIERA- (Pi taliari a Rosetta mia!!...Casumai pi taliari …”a mia” ah ah ah) Iu sugnu pronta, agghiu tuttu a purtata di manu…spiramu ca ddu pazzu di Nicola nun arruvina tutti cosi (entra Nicola) Ohu!! Nicola cà si, siemu pronti?

NICOLA- A fari chi cosa?

CAMERIEA- Bonu iemu!!..già to scurdasti..e ju mi lu immaginava!! A comu mi pozzu fidari di un pazzu comu a tia?!!

NICOLA- ah ah…Stava schirzannu..comu mi putissi scurdari na cosa comu a chissa ( u sacciu iù chiddu ca ma aspetta cu tia) Già e tuttu prontu..a borsa che robbi ca m’agghia purtari è fatta.

CAMERIERA-       Bravu…u    sai    chi    fai??....Pigghila    e    puortila    cà…affaricuntu   si

parti…sbrichiti …e ..nun ti ni fari accorgiri (Nicola esce) Chistu è cunvintu ca ni faciemu ziti..a chi ci pari ca nun aiu vistu scecchi a fera?..Tantu dda u lassu (Nicola rientra con una valigia) Puortila cà, ca a mittiemu sutta o tavulinu cu chidda mia, accussì appena siemupronti…via!! Scappamu immediatamenti.

NICOLA- A prenotatu albergu pi niautri?..a camira chidda matrimoniali veru?...(Almenu accussì faciemu “un pocu di tirociniu)

CAMERIERA- Ovviu. ( l’abergu tuou assiri almenu na para di chilometri luntanu do miu) Vah..Vatinni na to stanza ca appuoi ti chiamu iù (Nicola esce) Bonu!!..mentri ca nun cè


40

nuddu passamu a parti chiù interessanti…telefonamu o manicomiu. (fa il numero) Prontu..chi è u manicomiu?..Piffavuri curriti curriti!!...comu aiu stari calma? Vinitivilli a pigghiari prima ca niesciu pazza puri iù…Scusatimi aviti raggiuni..sugnu Melina a cammiriera ca travagghia ca …si ..si in via carciri 90 a quintu pianu…ma comu calma

..calma!..ca su tutti ‘n pugnu di pazzi..Una è cunvinta ca la figghia è na cantanti…si figurassi ca dici ca stasira canta a Sanremu…u maritu è gravissimu…attaccatu a figghia manu e pieri a criatura…e disgrazia supra disgrazia a vecchia…pericolosissima!1…senza mutivu assicuta a tutti ca scupa n’te manu..Comu?..nun putiti veniri subbitu?..sulu stasira o tardu?..Nenti ci fa l’importanti ca viniti..va beni..va beni ..grazzi ..arrivederci!! ( e chista è fatta..appostu comu m’avia sturiatu!!) (esce)

III SCENA

MARITO-ROSETTA-MOGLIE-CAMERIERA-NICOLA

(Entrano marito ,Moglie e Figlia con una valigia)

MARITO- (verso la Moglie) Ca buonu chiù a lassi stari a carusedda? Sta divintannu comu a tia …sta rimbambiennu tutta..basta ca “nun la ma stressari”

ROSETTA-Tranquilla Mamma..iavi raggiunu u Papà…u sacciu chiddu c’agghia fari…se mi fanu parrari ..nun ti preoccupari ca i saluti te mannu…e puoi nun è sicuru ca vinciu, possibilmenti lautri su chiù bravi di mia…nenti ci fa se nun vinciu…l’importanti è partecipari.

MOGLIE- L’importanti è partecipari??...ma allura chi ti c’agghia mannatu a fari a Sanremu?..ti stautu cà e cantautu cà...Signuri miei…e ca si comu a to pattri..nun hai a mentalità vincenti..

MARITO- Figghia mia…nun ascutari a to mattri ca nun sapi chiddu ca sta diciennu…t’arraccumannu stamu attenti..comportamuni buoni…Cettu avissi preferitu c’avissutu sturiatu...però se si cuntenta tu lu sugnu puri ju (Si abbracciano ed entra la cameriera)

MOGLIE- Ma chi ci dici sti cosi a criatura?...Me figghia vinci ..chissu è sicuru..a divintari chiù famosa di Rosanna Fratello..puhh!! (Rosetta e il Padre mimano come chiedersi chi fosse rosanna Fratello)Ciau Gioia mia!!..appena arrivi chiama ca a mamma tua stan’pinzieri..(commossa) Nun ti scurdari di mia..Ciau…ciau…Nun ci la fazzu!!..Nun ci la fazzu!! Nun ti pouzzu virriri sciri di sa porta (voltandosi) Torna vincente!!

MARITO- (anche lui commosso)Ciau ciau…vaiu a consolari a to mattri ca n’avi di bisuognu.


41

ROSETTA- Cettu ca mi vuonu veramenti beni..pi mia facissunu qualsiasi cosa, ha vistu?

Melina tu si pronta?

CAMERIERA- Si…si ..u tiempu ca chiamu a Nicola ..nun no vuoi salutari a iddu?

ROSETTA- Cettu!!...N’tantu vaiu a salutari e Nonni..(va nella camera dei Nonni)

CAMERIERA- Nicola ..Nicola..vieni subbitu cà...saluta a Rosetta ca ni ni stamu jennu (entra Nicola) Si prontu?..Appena a saluti a tieni ..o riestu ci pienzu ju caputu? (entra Rosetta)

ROSETTA- Ziu Nicola m’arracumannu fai u bravu e stasira talimmi ‘nta televisioni!

NICOLA- In prima fila mi miettu…nun ti pigghiari pena..Ciau (l’abbbraccia ma non molla la presa)

ROSETTA- Va beni va beni…ma ora lassimi …agghia caputu ca mi vuoi beni…lassimi ..lassimi ..e buonu!

NICOLA- No..no nun ti lassu..cà a stari..ca arriesti.

Parte la base: La Cameriera gli da un colpo in testa con un oggetto,poi con del nastro comincia ad avvolgere Rosetta ma sbadatamente avvolge anche Nicola.Rendendosi conto di aver legato anche Nicola ripete l’operazione solo con Rosetta; una volta legata la nascondono sotto il tavolo, prendono le valige e vanno via.

Si spengono le luci voce fuori campo:Più tardi..no!…prima che comincia

Sanremo…cioè…come potrei dire…” A SIRA STISSA VAH!!

IV SCENA

TUTTI tranne Commercialista –Cameriera e Nicola

MOGLIE-Mamma tu miettiti cà…Papà tu vicinu a idda..u sacciu ca nun ci vuoi stari..ma pi stasira fallu stu sacrificiu

NONNO- Auttru ca sacrificiu..na cunnanna..ah! chi malu Sanremu ca magghia virriri

NONNA- U sai ca ti ricu a figghia?...Miettili tutti dui vicinu a mia..ca u sacciu ju chiddu cagghia fari appena sbagghiunu a parrari ..a scupa è a capizzu…Buum…a ’miezzu e rienti!!

MARITO- ju nun vogghiu mancu parrari.

NONNA- Buonu fai…e miegghiu ca ciuri sa vucca.


42

MOGLIE- No!!..me Maritu sta ca..e ju o centru( è megghiu ca stasira i spattu ma si nò nun mi fanu taliari nenti)

(suona il campanello, è l’avvocato con la figlia, la moglie va ad aprire)

MOGLIE: accomodativi!...vi stava aspittannu!...già siemu tutti in posizioni…manca picca c’ancumincia…ah! A centru ci sugnu ju, chissu è u postu miu!...in prima fila agghia siri…pi viautri agghia priparatu chiddi!...perciò vi putiti già accomodari…cà!...cà!...chiù cu manca?!...ah! a dottoressa! Ma quantu s’arricampa…se veni appena ‘ncumincia…mancu ci rapu!...nun mi n’agghia peddiri ‘nsecunnu!

AVVOCATO: comunque buonasera!...la vedo molto agitata e nervosa…non mi ha fatto neanche salutare! eh! La capisco!...in un momento del genere…certo! È una cosa che non capita a tutti e sempre nella vita!

MOGLIE: si! Avvocatu!...sugnu agitatissima! Nun si viri ma è accussì! Viautri assittativi e fati quattru spampi e se vuliti scriviri, scriviti (l’avvocato trema) basta ca nun mi disturbati! (fa avanti e indietro nella stanza senza sapere cosa fare)

MARITO: ti ringraziu ca ha vinutu…viri ju m’agghia misu cà e mancu ci parru!...picchì di com’è elettrica… se a tuoccu pigghiu a correnti …finisci ca ni strarriamu! E lei ni sapi qualcosa!

AVVOCATO: fai bene!...ma cerca di capilla! La mamma è sempre la mamma! In questo momento sarà in pensiero per Rosetta…(indica la Moglie) la vedi?!

MARITO: canusciennu a Rosetta, chidda è chiù tranquilla di tutti niautri misi assiemi!

(indicando la moglie) è idda ca è tutta particolari!

MOGLIE: chi ura su?! Quantu manca p’ancuminciari?!

MARITO: deci minuti mancunu!

MOGLIE: quantu sapissi unni s’arristau Melina…sinniu p’accumpagnari a Rosetta a l’aereoportu e ancora nun ha vinutu! (suona il campanello) idda è! (va ad aprire, è la dottoressa con la figlia) dottoressa trasissi, trasissi! Ca sta ‘ncuminciannu!

DOTTORESSA: buonasera a tutti…e scusatemi se arrivo all’ultimo momento ma ho avuto molto da fare in clinica! (alla figlia) amore! Vai a giocare con la tua amichetta!

MOGLIE: (i bambini giocano alzando un po’ la voce) picciriddi!...però quannu ‘ncumincia a trasmissioni a ta stari zitti! E nun va ta moviri! V’assittati duocu e pieri do divanu…’nterra è pulitu ca c’agghia puliziatu…e fati uottu stampi! Chiaro!

MARITO: ma finiscila! E falli iucari i picciriddi, ora ca siemu tutti, assiettiti e statti muta tu!


43

NONNO: agghiu fami!

MOGLIE: papà nun accuminciari!

NONNA: Ci piensu ju! (gli mette una frutta in bocca) pi ‘npiezzu è sicuru ca nun parra!

Però figghia mia miettila forti sa televisioni ca mancu si senti! (al genero) e tu stuta a luci!

MARITO: agli ordini comandante! E cu a parrari! (batte le mani e si spengono le luci)

MOGLIE: zitti!

( la moglie prende il telecomando e lo agita dal basso verso l’alto)

MARITO: nun c’è bisognu ca fai accussì p’aumintari u volumi…basta c’ammacchi!

MOGLIE: accuminciau! Silenziu!

MARITO: nuddu sta parrannu!

(inizia la base con la sigla “rai eurovisione” seguita dalla sigla di Sanremo “perché Sanremo è Sanremo” e tutti battono le mani e si muovono a passo di musica, appena finisce la sigla si sentirà un “applauso” registrato, di conseguenza tutti i presenti applaudiranno, si abbassa il volume…

BIMBA 1: ma Rosetta unnè?!

BIMBA 2: quannu canta Rosetta?!

MOGLIE: ‘mpocu di pacienza ora a fanu viriri!...vih! prima fanu cantari a chiddi famosi!...perciò si ni parra a menzannotti!

MARITO: a chi ura canta?! Allura chi c’era bisognu di ‘mpiantarini cà a stura?!

MOGLIE: zitti, zitti, ca stanu faciennu viriri tutti i giovani

si sente dalla tv una base, la moglie ci parla di sopra… TRACCIA 31

MOGLIE: idda….idda è…no, no! Chista!...chista!...mancu!...ma chista n’è Melina!

si abbassa la traccia…

MARITO: si! Melina! Ca c’è una ca c’assumigghia! Appuoi tu Melina!...se è pi chissu macari ju ‘nto pubblicu agghia vistu a unu ca pari tuttu Nicola!...ma se Nicola è da patti ca rommi! Ah!ah!ah! ca sarà na sosia!

MOGLIE: eccu cà!...pi taliari e sentiri a tia…mi persi a figghia mia!...qualcunu l’ha vista?!

TUTTI: (non insieme) no!


44

MOGLIE: a stura nun la ta ricanusciutu!...sa chi l’anu cumminata bedda!...ora zittitivi e taliamini Sanremu…nenti ci voli p’arruari a menzannotti!

MARITO: nenti!...sulu tri uri!

…si alza il volume della base, si sentono delle canzoni e parlate accelerate…ad un tratto tutti si addormentano, si sente un ticchettio, il nonno si sveglia, notando che tutti dormono, guarda l’oralogio, prende il telecomando si accerta che ancora tutti dormono…

NONNO: chistu è l’rariu precisu do programma preferitu miu…”Colpo Grosso”!

…cambia canale, si sente la sigla di Colpo Grosso “cin cin”, il nonno comincia a fare facce e gesti di approvazione, ma si sveglia la figlia…

MOGLIE: (gridando) cu è ca ha canciatu! (si svegliano tutti) e ha misu ‘nta stu programma sconciu…che schifu! Ianu si sempri u solitu!

MARITO: ma chi ni sacciu ju!...ma se ju nun sapia mancu ca a staunu rifaciennu sa trasmissioni…è chiù vecchia di mia!

NONNA: chissu è u cosa lurdu di me maritu…ogni sira o solitu orariu u ‘ncagghiu ca si talia sa cosa!...ma quacchi vota ce tagghiu…. si manu! Lurdu!

MARITO: (a bassa voce) ouh! Papà appuoi ma diri l’orariu precisu e u canali…vabbeni!?

NONNO: (sempre a bassa voce) si, si! Ahhhh!!...ti vinni u pitittu!! No taliamu ‘nsiemi!

MOGLIE: silenziu!...taliamini Sanremu!

…si alza il volume della base, si risentono delle canzoni e parlate accelerate…si risente il ticchettio, tutti si riaddormentano, questa volta a svegliarsi sono le bimbe, rubano il telecomando, si accertano che tutti dormono e cambiano canale, si sente la sigla dei “Puffi”…

BIMBA 1: che bellu!

BIMBA 2: i puffi!

…la moglie si sveglia nuovamente e rimprovera le bimbe svegliando tutti, si abbassa la base…

MOGLIE: (gridando) cu va dittu di canciari canali! E se ora Rosetta ha cantatu! Comu faciemu?! Ah!

MARITO: ma lassili stari e picciriddi…è normali ca vuonu viriri i cartoni animati!...stu Sanremu fa calari sulu u suonnu!


45

DOTTORESSA: signora mi perdoni…ma già è tardi!...domani la bimba deve andare a scuola…noi andiamo…(alla figlia) amore! Su, andiamo!...mi dispiace! In bocca al lupo! Arrivederci a tutti! (escono e gli altri salutano)

AVVOCATO: Anche noi purtroppo togliamo il disturbo, nostra figlia già a quest’ora avrebbe fatto tre ore di sonno! Siamo desolati!...noi continueremo a guardarlo a casa! Faremo il tifo per sua figlia! Tanti auguri!...arrivederci a tutti! (escono, tutti salutano)

SCENA FINALE

Si sente del rumore sotto il tavolo

NONNA- Ma chifu?...Beddamatri..u terremotu….u terremotu..(tutti mimano guardandosi

attorno, il Marito incuriosito sbircia sotto il tavolo e scopre la Figlia)

MARITO-E cu è chista!!?

ROSETTA-Mmmmm …

MARITO- Ca statti muta tu!! E chi ci fa chista sutta o tavulu nuostru?...

MOGLIE-Bestia can un si auttru…nostra figghia è…ma chi ci fai duocu sutta

ROSETTA- Mmmmm…

NONNO- Ca se ci luvati lu “sparatrappi” da ucca fossi v’arrispunni!!(il Marito toglie il nastro dalla bocca).

MOGLIE-NONNA- Ma chi successi cu ti ci potta cà..nun avietu essiri a Sanremu?

ROSETTA-(confusa)…ma viauttri cu siti..unni sugnu? Mattri mia chi duluri di testa!!

MOGLIE- Comu cu sugnu?..ma chi sbattisti a testa?...Iu sugnu to matri!

ROSETTA- No..nun po siri ..mo matri…mo matri..

NONNA- Idda è …idda è..ma chi rimbambisti tutta comu a to pattri!!

ROSETTA-Mo pattri…mo patri?...ma chi agghiu ‘n pattri!!?

MOGLIE- Cettu..chissu è macari veru!

MARITO- Ti stai muta…Rosetta gioia mia!

ROSETTA- Rosetta?..e cu è Rosetta!

NONNO- Boni iemu!!...o manicomiu su cini di saluti! (rivolto alla Nonna) E tu avissutu stari dda?


46

NONNA- Avia dittu e lu fazzu..(lo rincorre con la scopa, entrano gli Infermieri cominciano a legarli tutti,mentre vanno via)

MOGLIE- Ma comu tu Rosetta ..si cantanti…avieutu assiri a Sanremu…avieuta vinciri…

( Moglie ,Marito e Nonna protestano per ciò che accade,Rosetta si siede sul divano alza il volume della tv)

Voce che proviene dalla TV

“Vince questa edizione di Sanremo…Rosetta”…(applausi)Mi dica una sua prima

impressione su questo suo trionfo

(voce Cameriera) Questa vittoria la dedico a coloro che sanno..che hanno credutoin me, vorrei dirvi solo questo…

“ride bene chi canta ultimo!! Ah ah ah ah!”

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno