Roba da matti!

Stampa questo copione

ALDO LO CASTRO

ALDO LO CASTRO

ROBA DA MATTI!

Commedia giallo-rosa in due atti

 Personaggi (3U-4D) 

SANTO CAMPO

GIOVANNA, la moglie

MARGHERITA CAMPO, la figlia

LIBERO CAMPO, il figlio

TIZIANA, la cameriera

FELICE CAMPO, nipote di Santo

CARLINA, amica di Margherita

Lìazione si svolge ai giorni nostri, in una città siciliana, verosimilmente –  ma non necessariamente – Catania.

ATTO PRIMO

Soggiorno-salotto di appartamento borghese. Un tavolinetto, sedie, un divano,due poltrone, mobil, un televisore, un impianto stereo. Uscita comune in fondo a sinistra; altra uscita in fondo a destra.Porta in prima, a sinistra. Altra porta a destra. Sul fondo, al centro, porta-balcone attraverso cui, se aperta, si scorge – sullo sfondo del cielo – un piccolo terrazzino con relativa ringhiera

All’aprirsi del sipario, la scena è vuota. Si sente solo la musica assordante dello stereo.

VOCE DI SANTO – Libero! Spegni ‘stu schifiu di musica! Libero! Hai sentito o no? Giovanna!

VOCE DI GIOVANNA – Che c’è?

VOCE DI SANTO – Unn’è tò figghiu?

VOCE DI GIOVANNA – Non lo so!

SANTO – (entra alquanto contrariato e si dirige verso lo stereo) Ma… di unni s’astuta questo aggeggio infernale? Qualche volta mi fingiu pazzu e ci ‘u sfasciu ‘nta testa! (Finalmente spegne lo stereo) Ah! Arrifriscamu! Giovanna! Giovanna!

GIOVANNA – Che vuoi, Santo, che c’è? Chi hai ciatu superchiu di matina?

SANTO – O ci parri tu oppure ti giuro che finisce male!

GIOVANNA – Con chi devo parlare?

SANTO – Cù tò figghiu.

GIOVANNA – E che gli devo dire?

SANTO – Che gli devi dire… Gli devi dire che non è civile ascoltare la musica a tutto volume! Chi ci pari ca sta sulu  e‘mpizzu a’ muntagna?!

GIOVANNA – A proposito di montagna, mia sorella ha affittato per tutto agosto una bella villa in Sila…

SANTO – Auguri

GIOVANNA – Bella, sai? Due appartamenti, piscina, giardino…

SANTO – Ma se io ti sto parlando di tuo figlio, chi ci trasi…

(Entra Margherita)

MARGHERITA –Papà, dove sono le chiavi della macchina?

SANTO – Perché?

MARGHERITA – Perché mi serve la macchina, no?

SANTO – L’ho capito. Ma unni ha’ ghiri?

MARGHERITA – Papà, siamo in luglio, siamo in vacanza, oggi è sabato… Dove vuoi che vada?

SANTO – E chi ni sacciu?

MARGHERITA – A mare. Vado a mare. Dammi le chiavi.

SANTO – Sono sulla scrivania, nel mio studio.

MARGHERITA – Grazie. Ciao. Ciao, mamma.

SANTO – Ciao. Stai attenta.

MARGHERITA – A che cosa?

SANTO – A che cosa… Stai attenta e basta.

MARGHERITA – Va bene, sto attenta e basta. (Via)

GIOVANNA – Non fare tardi, Margherita!

SANTO – Ma si esce in questo modo: mezza nuda?

GIOVANNA – Non era mezza nuda. E poi, come vuoi che ci vada a mare, con lo scafandro?

SANTO – E con chi ci va a mare?

GIOVANNA – Con Carlina.

SANTO – E cu’ è Carlina?

GIOVANNA – La sua collega d’università. E’ venuta qui un sacco di volte, stunatu!

SANTO – Mah!

GIOVANNA – E allora, che ne pensi?

SANTO – E che ne so? Speriamo solo ca ‘sta Carlina non è, invece, qualche Carlino…!

GIOVANNA – Io sto parlando della villa.

SANTO – E torna cù ‘sta villa!

GIOVANNA – Mi vuoi sentire o no? Mia sorella, per tutto agosto…

SANTO – Ma perché mi dovrebbe interessare chiddu ca fa tò soru in agosto?

GIOVANNA – Allora… Siccome l’affitto le viene a costare 5000 euro, Rita dice: perché non venite pure voi e facciamo a metà?

SANTO – E io per fare risparmiare tua sorella…

GIOVANNA – Ma che c’entra? Scusa, la Sila ti è sempre piaciuta, ora abbiamo l’opportunità di starci un mese…

SANTO – Chi te l’ha detto che la Sila mi è sempre piaciuta?

GIOVANNA – Tu. Volevi andarci anche per il viaggio di nozze, t’u scurdasti?

SANTO – E ora non m’interessa più.

GIOVANNA –  E perché?

SANTO – Pirchì ci su’ i lupi.

GIOVANNA - Ma quantu si’ matelicu! E allura, chi fazzu, ci dico di no?

SANTO – Sì.

GIOVANNA – Ci dicu di sì?

SANTO – Ti sto dicendo, no. Per quest’anno non è il caso di muoversi.

GIOVANNA – Questa non l’ho capita.

SANTO -  Domani arriva un ospite.

GIOVANNA – Che stai dicendo?

SANTO – Mio nipote Felice.

GIOVANNA – ‘U pazzu?!

SANTO – Giovanna, non mi piace ca ‘u chiami ‘u pazzu.

GIOVANNA – Ma perché Felice che è normale?

SANTO – Normalissimo.

GIOVANNA – Ma si havi tri anni che è sotto cura in una clinica psichiatrica!

SANTO – Ma ora lo hanno dimesso. Segno che è guarito.

GIOVANNA – E quando lo hanno dimesso?

SANTO – Oggi.

GIOVANNA – E dumani veni ccà, a casa mia?

SANTO – Viene qua, sì, a casa “nostra”!

GIOVANNA – Non lo voglio.

SANTO – Si tratta di mio nipote!

GIOVANNA – Va bene, è tuo nipote ma me lo spieghi il motivo per cui chissu si deve sdivagari qua? Non n’havi casa?

SANTO – Mio fratello mi ha pregato di tenerlo con noi, per un un po’ di tempo…E ricordati che la famiglia Campo…

GIOVANNA – Santo…

SANTO - … fin da quando mio padre era vivo, la famiglia Campo…

GIOVANNA – Santo…

SANTO – …è sempre stata unita. Ci siamo sempre aiutati l’uno con l’altro.

GIOVANNA – Hai finito?

SANTO – Sì-

GIOVANNA – Ho capito che ce lo dobbiamo tenere qua ma… per quanto tempo?

SANTO – Che ne so… lassalu veniri e poi si ni parra.

GIOVANNA – Perciò dalla clinica sbarca direttamente qua!

SANTO – Lo sai ca cù so patri non è andato mai d’accordo, no? Con noi, invece, coi cugini, è stato sempre bene, ‘u carusu.

GIOVANNA – Si è trovato bene lui. Noialtri un po’ di meno! Comunque. me lo spieghi pirchì m’u sta’ dicennu sulu ora c’arriva ‘u pa… Felice?

SANTO – E io ora l’ho saputo. Mio fratello mi ha chiamato dieci minuti fa.

GIOVANNA – E ‘sti cosi si dicunu a morti subitania? Ti voglio appena lo vengono a sapere i to’ figghi…

SANTO – I miei figli ne saranno contenti.

GIOVANNA – E come no?

SANTO – Piuttosto, priparaci ‘a stanza.

GIOVANNA – Quale stanza, Santo? Che abbiamo la stanza degli ospiti, noi?

SANTO – Il signor Campo Libero per un po’ di tempo si sistema in salotto.

GIOVANNA – Il signor Libero, dalla sua stanza, non lo sposti mancu ch’e carabineri!

SANTO – Va bene e allora si sacrifica Margherita.

GIOVANNA – ‘Mpazzisti? E iù ci dava ‘a cammira di mè figghia?!

SANTO – Ma insomma, unni s’ha curcari ‘stu carusu, ‘nto garage?

GIOVANNA – Fussi bonu si si curcassi a so casa…

SANTO – Ancora!

GIOVANNA – Comunque… ora ci sistemu ‘u sgabuzzinu…

SANTO – ‘U sgabuzzinu?! E chiddu non si ni torna in clinica?

GIOVANNA – Macari Diu! Non ti preoccupare, si troverà benissimo. Ci mettu un letto, un comodino…

SANTO – Ma si non c’è mancu ‘na finestra!

GIOVANNA – Mi dispiace ma finestre con vista sul mare, al momento, non mi ni trovu!

SANTO – ‘Stu spiritu di unni, ora?

GIOVANNA – O lo sgabuzzino o nenti. Puntu e basta.

SANTO – Che bella figura ca ci facemu! E va bene. Ma almeno mettici il televisore… Ah, il computer che c’è nello studio daccillu a iddu accussì si passa ‘u tempu. Tanto io no’ sacciu mancu comu s’adduma.

GIOVANNA – Il signore sarà servito. Altri comandi?

SANTO – Finiscila cù ‘stu tonu chè non mi fai ridere completamente.

2 –

(Cuffia sulle orecchie, entra Libero che – mentre ascolta musica – è alle prese col telefonino per un sms)

SANTO – Ma chi sta facennu?

GIOVANNA – E’ inutile che ti meravigli, Santo, è giovane, non è un vecchio rimbambito.

SANTO – E’ un giovane rimbambito! Libero! Sì, e quannu mi senti cù dda cuffia! Aho, Libero!

LIBERO – (toglie la cuffia) Che c’è?

SANTO -  Ha’ fari assai?

LIBERO – In che senso?

SANTO – Nel senso che ti debbo parlare. Dunque, se per cortesia ‘a finisci cù ‘stu telefono e ti levi il collare musicale…

LIBERO – Aspetta.

SANTO – (alla moglie) Hai capito comu si stila? A suo padre ci dice di aspettare!

GIOVANNA – Va bene. Io sono di là.

SANTO – E certo, tu, invece di rimproverarlo, te ne vai di là.

GIOVANNA – Ho da fare. Devo preparare lo sgabuzzino p’o pazzu. (Via)

SANTO – Libero, mi concedi udienza o devo ancora aspettare?

LIBERO – No, no, ho finito… Ecco qua: inviato. Dimmi.

SANTO – Dunque… tanto per cominciare, ti prego caldamente di comportarti in maniera umana e civile.

LIBERO – Non ho capito… Che cosa…

SANTO – Tu sei selvaggio e incivile.

LIBERO – Sentiamo: che ho fatto?

SANTO – La musica va ascoltata con piacere. Non deve diventare una tortura.

LIBERO – Ma per me non è una tortura.

SANTO – Per te che sei selvaggio. Per me è una tortura. Onde per cui sei pregato di tenere il volume in modo – lo ribadisco – umano. E’ chiaro?

LIBERO – Va bene.

SANTO – Aspetta, non ho finito.

LIBERO – Avanti, continua.

SANTO – E non usare ‘stu tornu ca mi siddiu. Ti comunico che domani arriva tuo cugino Felice.

LIBERO – E’ uscito?

SANTO – “E’ uscito”. Pari ca s’ha fattu deci anni di galera!

LIBERO – E come mai viene qua?

SANTO – Il perchè non t’interessa. Ti invito solo a essere gentile… a farlo sentire a suo agio… a farlo sfantasiari… Insomma, mi raccomando. E non sbuffare! ‘Nta ‘sta casa tutti ca sbuffano!

LIBERO – Senti, papà, l’importante è che non mi rompa le scatole.

SANTO – Ehi!

LIBERO – Viene qui? Va benissimo ma non deve invadere la mia vita. Non deve mettere in discussione la mia libertà. Non deve sconvolgere i miei bioritmi.

SANTO – I tuoi che…?

LIBERO – Bioritmi. Comunque, d’accordo, sarò gentile, lo metterò a suo agio eccetera eccetera. A proposito, dove dorme?

SANTO – Stai tranquillo, tua madre ‘u chiusi già ‘nto sgabuzzinu ovvero in quattro metri quadrati. Ci manca sulu ca ‘u mittemu a pane e acqua.

LIBERO – Eh! Prima si stanca, prima se ne andrà.

SANTO – Certu ca dopu ca unu parra con voi altri si deve andare a fare un trapianto di fegato! Ma facitimi ‘u favuri, vah!

LIBERO – Ma che t’aspettavi, papà, che facessimo salti di gioia? Te lo sei scordato quello che ha combinato l’ultima volta che ha messo piede in questa casa?

SANTO – No, non mi ricordo. Che ha combinato?

LIBERO – Non fingere di non ricordare.

SANTO – Io non fingo. Non m’u riordu sul serio!

LIBERO – Una notte, ha aperto il gas e se n’è andato tranquillamente in terrazza! E se quella notte io non avessi avuto una diarrea micidiale…

SANTO – Santa diarrea!

LIBERO - … e non me ne fossi accorto in tempo, oggi non saremmo qui a raccontarla!

SANTO – E va bene. A quell’epoca ‘u carusu era un po’ esaurito… ma ora…

LIBERO – E che ne sai? Per me resta sempre un potenziale assassino.

SANTO – Esagerato! Un assassino, addirittura! Non ti preoccupare… ci penso io. In ogni caso, lo controlleremo, vigileremo… con discrezione, naturalmente…Insomma, Libero, è mio nipote, è tuo cugino e tanto basta.

LIBERO – Speriamo bene. Che vuoi che ti dica?

3 –

(Rientra Giovanna)

GIOVANNA – Lo sgabuzzino è quasi pronto. Per il computer e il televisore ci pensi tu, Santo. Ci ‘a dasti a tò figghiu la bella notizia?

LIBERO – Me l’ha data. Ma io lo dico a tutti e due: non mi assumo nessuna responsabilità. Se succede qualcosa, sono affari vostri.

GIOVANNA – Devi dirlo a tuo padre, non a me.

SANTO – Va bene, va bene, ora finitela. Secondo me, qui si sta esagerando e invece dovremmo…

(Suonano alla porta)

LIBERO – Non ditemi che è già qui…?!

SANTO – Suo padre m’ha detto che arriva domani…

GIOVANNA – No, deve essere Tiziana. (Va ad aprire. Rientra un momento dopo con Tiziana)

TIZIANA – Buon giorno, signor Campo, Ciao, Libero.

(Santo e Libero rispondo al saluto) E allora, che devo fare, signora?

GIOVANNA – Un bel po’ di cose, oggi. Intanto, vieni con me nello sgabuzzino, Tiziana… (Le due escono)

(Libero riaccende lo stereo e torna a mandare sms)

SANTO – Ma se poco fa ti ho pregato… Libero, lo abbassi il volume, per favore?

LIBERO – (senza distogliere lo sguardo dal telefonino) E’ già basso.

SANTO – Ha’ scusari. D’accordo, mi chiudo nello studio. E c’hamu a fari?

(Esce borbottando. Un momento dopo, entra Tiziana che si avvicina a Libero. Lo abbraccia e lo bacia sulla bocca)

TIZIANA – A chi mandi i messaggini?

LIBERO – Amici. E a chi, se no?

TIZIANA – Non lo so. Però so una cosa: se mi tradisci, t’ammazzo.

LIBERO – Ma chi ti vuole tradire, scema?!

(I due si scambiano effusioni)

TIZIANA – Oh, calmati! Se entrano i tuoi…

LIBERO – E chi se ne frega?

TIZIANA – Finiscila!

LIBERO – Ma perché non lo diciamo?

TIZIANA – Non dire scemenze. Mi butterebbero fuori e addio.

LIBERO – Sì, però, io, prima o poi…

TIZIANA – Fra un po’ di tempo, forse… Ora lasciami andare che…

(Suonano ancora alla porta)

VOCE DI GIOVANNA – Tiziana, vai tu, per cortesia!

TIZIANA – Sì, signora! (Via)

GIOVANNA – (entra) E’ andata ad aprire?

LIBERO – Mi pare di sì.

4 –

(Rientra Tiziana)

TIZIANA – Signora, di là c’è un giovanotto…

GIOVANNA –LIBERO – Felice?!

TIZIANA – Dice che è suo nipote…

GIOVANNA – LIBERO – Felice!

TIZIANA – Lo faccio entrare?

GIOVANNA – E… per forza. (A Libero) Curri a chiamare a tuo padre!

(Libero, via. Tiziana esce e rientra con Felice)

FELICE – Ciao, zia Giovanna.

GIOVANNA – Ciao, Felice. Come stai?

FELICE – Bene. Come devo stare?

GIOVANNA – Ah, beh, certo.

TIZIANA – Io torno di là, signora.

FELICE – (guarda Tiziana con ostentata ammirazione) E perché?

GIOVANNA – Come? Ah, no, ha da fare. Vai pure, grazie.

SANTO – (entra) Felice! Comu stai, o ziu?

FELICE – Bene, bene. Ma perché tutti mi dumannati come sto?

SANTO – No, parola che si dice. Quando le persone s’incontrano dopo tanto tempo, dicono sempre: che si dice? Come stai? Senza malizia… così… Comunque, dimmi ‘na cosa… Come stai? No, cioè, volevo dire, come mai sei arrivato oggi? Tuo padre m’hava dittu che saresti venuto domani…

FELICE – Ti ha chiamato mio padre?

SANTO – Sì, per dirmi che tu…

FELICE – Non ci parrari cchiù cù mè patri.

SANTO – E perché?

FELICE – Perché è pazzo.

SANTO – Ma che dici? Mio fratello sarebbe pazzo?

FELICE – Io sto parlando di mio padre. Chi c’entra tò frati?

SANTO – (ride) Sempri spiritusu, ah! Non è cambiato per niente, vero Giovanna?

GIOVANNA – Non è cambiato affatto.

SANTO – (ride) Ma scusa, tuo padre non è anche mio fratello?

FELICE – Boh? Può essere.

SANTO – Che significa… “può essere”?

FELICE – Comunque, io a casa non ci torno più. Ho chiuso. Ho chiuso con mio padre, con tuo fratello… Ho chiuso cù tutti.

GIOVANNA – Ma perché, che t’ha fatto?

FELICE – Cui?

GIOVANNA – Suo fratello… tuo padre…

FELICE – Che mi ha fatto? Lasciamo perdere che è meglio. Prima ca mi venunu i cinqu minuti!

SANTO – No, no, gioia, lasciamo perdere. Non è che dobbiamo parlarne per forza. Giovanna, non insistere.

GIOVANNA – Non insisto. Anzi me ne vado di là… Ci dugnu versu a Tiziana ca è sula… Se hai bisogno di qualche cosa, parra, Felice, va bene? Se ti vuoi sciacquare, se vuoi andare in bagno…

FELICE – Chi è Tiziana?

GIOVANNA – Tiziana? La ragazza che mi aiuta per le pulizie di casa…

FELICE – E la ragazza che ha aperto la porta, come si chiama?

GIOVANNA – Tiziana.

FELICE – Macari idda?

GIOVANNA – No “macari idda”… Si tratta della stessa persona.

FELICE – Comunque, A mmia mi piaciu assai chidda ca mi vinni a grapiri.

GIOVANNA – Ho capito. Scusami un momento, Felice… (Via)

5 –

SANTO – E allora, racconta… che hai fatto? Havi un bellu pezzu che non ci vediamo… Per l’esattezza…

FELICE – Tre anni.

SANTO – Sì? Porca miseria, come passa il tempo!

FELICE – E lo sai dove sono stato?

SANTO – No, dove sei stato?

FELICE – Scommetto ca appena t’u dicu, non ci cridi.

SANTO – E perché, scusa?

FELICE – In un albergo.

SANTO – Come… in un albergo…?

FELICE – Mio padre – che io rinnego come padre e anche come tuo fratello – ebbene mio padre è talmente pazzo che era convinto ca dd’albergu fosse una clinica.

SANTO – Nentidimenu! Iddu pinsava ca era ‘na clinica e invece…

FELICE – Un albergo, zio, era un albergo.

SANTO – E… come ti sei trovato in quest’albergo?

FELICE – A dirti la verità, all’inizio mi ni stava jennu…Il personale era un pocu curiusu e i clienti… I clienti parevanu tutti sciamuniti… genti strana, insomma. Si non era p’a piscina, mi n’avissi jutu.

SANTO – Ah, c’era ‘a piscina…

FELICE – Bellissima! Una piscina tutta circolare, enorme, non fineva mai…

SANTO – E tutta l’acqua di intra…

FELICE – Regolare. Cù tutta l’acqua di intra, certu.

SANTO – Un albergo a cinque stelle, propriu!

FELICE – Sei.

SANTO – Sei stelle?

FELICE – Sei. ‘I visti iù cù l’occhi mei.

SANTO – Chi è ca vidisti?

FELICE – I stiddi visti!

(Entra Libero)

LIBERO – Ciao, Felice!

FELICE – Cu’ è?

SANTO – Tuo cugino Libero!

FELICE – E ni canuscemu?

LIBERO – Ma… stai scherzando?!

FELICE – Aspetta, aspetta… Ma tu non ti chiami Franz?

SANTO – No, Franz è ‘u cani. Ti stai confondendo…

LIBERO – Io, invece, sono Libero.

FELICE – No, veramente pensavo ca ‘u cani era Libero…

SANTO – E iddu attaccatu…No, purtroppo è al contrario: iddu è Libero e ‘u cani, certe volte, ‘u tinemu attaccatu. Insomma, il cane si chiama Franz.

FELICE – Io avrei giurato ca ‘u cani si chiamava Franz.

LIBERO – E infatti si chiama Franz. Tu mi stai prendendo in giro, vero?

FELICE – Iù? Ma cu’ ti canusci?

LIBERO – Va bene, va bene. Allora, come stai?

FELICE – E ccà ci n’è ‘n’autru! Io sto benissimo! Mai stato meglio! “Come stai” si ci dumanna a chi è stato malato. Iù haiu statu malatu?

SANTO – No, quali malatu!

FELICE – E allora? Al prossimo che mi chiede come sto, ci dugnu ‘na cutiddata, parola d’onore!

(Attimi di silenzio imbarazzante)

SANTO – Felice mi stava raccontando dell’albergo…

LIBERO – Che albergo?

SANTO – Tuo cugino è stato in un bell’albergo… con piscina…

FELICE – Quali piscina?

SANTO – La piscina circolare, bella grande… con l’acqua…

FELICE – Zio, tu sta’ ‘ncuminciannu a stunari. Chi ha parlato di piscina?

LIBERO – Effettivamente una clinica con piscina, mi pare improbabile.

FELICE – Clinica?! Perché dici clinica? Parrò cù mè patri, veru? Io, prima o poi, lo ammazzo!

SANTO – Ammazzi a mè frati?!

FELICE – Cu’ si ni futti di tò frati? Iù ammazzu a mè patri. Ma ‘u sapiti chi va dicennu in giro? Va dicennu che io sono pazzo! Io, pazzo!

LIBERO – No?!

SANTO – Cose da pazzi!

FELICE – Finìu al contrario! ‘U pazzu è iddu e dici ca sugnu iù! Hai capito, caro Franz?

LIBERO – Libero.

FELICE – Ci posso tornare a casa? No.

SANTO – No. Però, Felice, o ziu, prima o poi devi fare pace con tuo padre…

FELICE – Ma se non ci posso discutere? Posso discutere con un pazzo?

SANTO – Ho capito… ma sempre tò patri è. Secondo me, quando torni a casa…

FELICE -  E chi sugnu pazzu ca tornu a casa?

SANTO – Ma no, ora… Poi, quando ci torni, devi parlare. Devi dialogare…

FELICE – Ti racconto l’ultima. Prima di decidermi e andare in albergo, io stavo con i miei, no? Un bel giorno, comu fu comu non fu, morsi ìu iattu.

SANTO – Mi dispiace.

FELICE – A cu’ ci’u dici? Iù mi pigghiai ‘na colira. Anche perché al gatto ci volevo bene.. Comunque, stu jattu venne trovato nella vasca da bagno, affogato. Lo sai cosa si è permesso d’insinuare?

LIBERO – Che il gatto l’avevi ammazzato tu.

FELICE – (a Santo) Ma cu’ è chissu ca s’intriga?

SANTO – Tuo cugino…

FELICE – Che il gatto l’avevo ammazzato io. Hai capito? Ha sospettato di me. Di suo figlio. Io, quel giorno, ti giuro, zio, ‘u jattu l’avevo solo preso per fargli il bagnetto. Poi ho ricevuto ‘na telefonata e ci dissi:: “Continua a lavariti sulu ca haiu chi fari” e mi ni ji. Dopo di che non ne so più niente.

SANTO – Capaci ca mentre pigghiava l’accappatoio, sciddicò, armaleddu, e ‘ntappò a testa…

LIBERO – Oppure un colpo di corrente l’ha folgorato mentre s’asciugava il pelo col phone.

FELICE – Ma chi è, mi stati sfuttennu?

SANTO – Chi c’entra…

FELICE – U jattu non n’aveva accappatoio e il phone no’ sapeva mancu usari!

6 –

(Entra Giovanna)

GIOVANNA – Tutto a posto. Felice, gioia, ‘u sgabuzzi… la tua stanza è pronta. Se vuoi, ti puoi sistemare la tua roba.

FELICE – Io non ci ho niente da sistemare.

GIOVANNA - La valigia te la porto in camera?

FELICE – (perentorio e sinistro) Lassa stari dda valigia! Ci penso io.

GIOVANNA – Va bene, va bene.

SANTO – Ma pirchì, ci su’ cosi di rumpiri ‘nta valigia?

FELICE – Ci sono cose mie e basta. (Prende la valigia) Vado di là.

GIOVANNA – T’accompagno io.

(I due escono)

SANTO – Ma chi schifiu ha in quella valigia?

LIBERO – Non mi meraviglierei se ci fossero pistole, coltelli…

SANTO – Mitra, bombe a orologeria…! Ma che è un terrorista?

LIBERO – Sì.

SANTO – Non diciamo scemenze, ora. Sarà magari un poco strano ma,,,

(Rientra Giovanna)

GIOVANNA – Vi pari ca mi fici trasiri? Si chiudiu ‘a porta d’o sgabuzzinu e mi lassò comu ‘na trunza. Ma tò niputi è curiusu forti, Santo. Altro che guarito! A mmia mi pari cchiù scemu di prima!

LIBERO – E anche più pericoloso di prima.

GIOVANNA – Infatti. E dda valigia? Perché, dico io, è così geloso di quella valigia? Mistero.

SANTO – Ma che può avere? Ca nenti. E’ ‘a so testa che…

(Si sente improvvisamente un urlo di Tiziana che poi appare molto agitata)

TIZIANA – Signora!

GIOVANNA – Chi fu?

TIZIANA – Matri, signora… staiu trimannu comu ‘na fogghia…!

LIBERO - Che è successo?

TIZIANA – Quel ragazzo… suo nipote…

SANTO – Ca parra!

TIZIANA – Io ero in cucina… e me lo sono visto spuntare mutu mutu dietro le spalle…!

LIBERO – E che ha fatto?

TIZIANA – Mi ha messo le mani sui fianchi… così (mima) e cù l’occhi di fora mi fa: “Piacere. Io sono Felice” Mamma mia, che impressione!

SANTO – E va bene ma non ti devi preoccupare, Tiziana… Sicuramente non ti voleva spaventare… Ti ha fatto uno scherzo. Chiddu è comu i picciriddi!

LIBERO – Papà, è pericoloso!

GIOVANNA – Santo, è pericoloso.

TIZIANA – Signor Campo, è pericoloso.

SANTO – Calma. Calma. Non ci facciamo suggestionare da queste fesserie!

LIBERO – Non sono fesserie!

TIZIANA . Io, di là, da sola, non ci torno, signora!

GIOVANNA – Stai tranquilla… Andiamo, vengo io…

(Le due donne non fanno in tempo ad uscire giacchè si scontrano quasi con Felice che entra).

7 –

FELICE – (a Tiziana) Ma che sei scema? M’hai fatto prendere uno spavento…! Perché ti mittisti a ghittari vuci?

TIZIANA – Io? Non lo so… scusi…

FELICE – Ma che scusi e scusi. Che si fa così, si fa?

TIZIANA – Io torno in cucina, signora.

GIOVANNA – Se vuoi, ti faccio compagnia…

TIZIANA – No, tutto a posto, grazie. (Via)

FELICE – Senti una cosa, zia… ‘sta carusa è normale?

GIOVANNA – Chi Tiziana?

FELICE – Eh!

GIOVANNA – Ma certo!

LIBERO . E tu, Felice, sei normale, tu?

(Silenzio agghiacciante per qualche nomento)

SANTO – Ma che domande fai? Che discorsi stiamo facendo?

FELICE – E tu sei normale, Franz?

LIBERO – Libero.

FELICE – Tu non sei né libero e mancu normale. Perché? Perché nessuno è libero in questo mondo. Nessuno è normale. Hai capito? Ognuno pensa di fare quello che vuole e di essiri co’ ciriveddu in ordine… e crede che i pazzi su’ sempri l’autri. E’ la vita. (Lunga pausa. Poi, scoppia a ridere) Vi piacìi? Vi ho impressionato, col mio discorso, ah!

LIBERO – Tu mi hai sempre impressionato.

(Rientra Tiziana).

TIZIANA – (sensibilmente agitata) Signora, mi pare che oggi non è giornata.

GIOVANNA – Che è successo ancora?

TIZIANA – Il cane è libero e io ho paura.

GIOVANNA – Nenti ti fa ‘u cani! (Via con Tiziana)

FELICE – (a Libero) Hai visto che il cane si chiama Libero?

LIBERO – Va bene! Si chiama come vuoi tu!

FELICE – Ma pirchì ti sta’ ‘ncazzannu?

LIBERO – Non mi sto incazzando.

SANTO – Tranquillo, non si sta incazzando.

LIBERO – Io vado in camera mia… scusate. (Via)

FELICE – La vuoi sapere una cosa? Franz mi piace.

SANTO – ‘U cani?

FELICE – Franz, tuo figlio.

SANTO – Ma perché continui a confonderlo col cane?

FELICE – E sai perché mi piace? Perché è comu a mmia:

SANTO – In effetti, anch’io noto qualche somiglianza.

FELICE – Ha le palle. Preciso comu a mmia. Ciao. (Via, a sinistra)

8 –

SANTO – Ma dicu, mè frati non n’aveva chi fari? Come dobbiamo sopportarlo a chistu?

(Rientra Felice rimanendo sulla porta)

FELICE – Ah, zio! Mi scurdai a ringraziarti.

SANTO – Di che cosa?

FELICE – Dell’alloggio.

SANTO – Ah, ti piace? Sono contento.

FELICE – No, fa schifo. (Sibillino) Ma per quello che devo fare, va benissimo. (Via)

SANTO – “Per quello che devo fare”… Ma chi voli diri? Chi havi ‘nta testa?

(Entra ancora Giovanna)

GIOVANNA – (si avvicina a Santo e gli parla a bassa voce) ‘U sai chi sta facennu chiddu?

SANTO – Non ho capito.

GIOVANNA – ‘U sai chi sta facennu chiddu?

SANTO – Che fa? Non lo so.

GIOVANNA – E mancu iù. Però sento rumori strani.

SANTO – (volge lo sguardo a destra e a manca) Iù nenti sentu.

GIOVANNA – Non qua! Nella sua camera.

SANTO – Che genere di rumori?

GIOVANNA – Se ti dico che non lo so!

SANTO – Giovanna, lassa perdiri… non mi fari veniri l’ansia!

 (Non vista dai due, entra Tiziana)

TIZIANA – Signora.

(I due sobbalzano)

GIOVANNA – Matri!

SANTO – Morti buttana!

TIZIANA – Prego?

SANTO – Niente, niente…

GIOVANNA – Che c’è?

TIZIANA – No, volevo chiederle se devo preparare la parmigiana.

GIOVANNA – Va bene la parmigiana, grazie.

TIZIANA – Allora le cotolette e la parmigiana. (Via)

GIOVANNA – Perché non ci vai tu e vidi chi sta cumminannu?

SANTO – Ma chi voi ca cummina, Giovanna?

GIOVANNA – Senti, io, con questo in casa, non mi sento tranquilla!

(Dalla porta fa capolino Felice)

FELICE – Zio!

(I due sobbalzano ancora)

SANTO – GIOVANNA – Ah?

FELICE – Mi serve un poco di fil di ferro. T’u trovi?

SANTO – Fil di ferro? Che devi fare?

FELICE – Ci n’hai o no?

SANTO – Forse sì. Ora lo prendo e te lo porto in camera tua.

FELICE – Non c’è bisogno che me lo porti. Aspetto qua.

SANTO – Come vuoi. (Via)

(Zia e nipote si osservano per un pò)

GIOVANNA – Stai facendo qualche… lavoretto? (Nessuna risposta) Perché non ti fai aiutare da tuo cugino? (Nessuna risposta) Oppure dallo zio Santo…

FELICE – Ma pirchì non ti fai i fatti to’?

GIOVANNA – Giustamente. Va beh, vado in cucina. (Via)

9 –

FELICE – (tra sé) Si m’arrinesci, verrà un capolavoro… una bomba! Sarà una bella sorpresa… Cascanu tutti a panza all’aria! Perché io sono un artista, un genio! Ci haiu a preparare tante di quelle sorpresine agli zii ca l’haiu a fari moriri!

VOCE DI MARGHERITA – Mamma, sono qui! Entra, Carlina.

(Entrano Margherita e Carlina)

MARGHERITA – Vieni, vieni… (S’accorge del cugino) Felice?!

FELICE – Tu chi sei, Margherita, per caso?

MARGHERITA – Ma perché, non mi riconosci più?

FELICE – No, è che non t’avevo mai vista così…

MARGHERITA – Così, come?

FELICE – No, niente…

MARGHERITA – Allora, come va? Racconta!

FELICE – Non mi chiedi come sto?

MARGHERITA – Non ce n’è bisogno: si vede che stai benissimo. Ah, scusa, Carlina, questo è mio cugino Felice.

CARLINA – (gli stringe la mano) Carlina.

FELICE – Piacere. Io sono Felice.

MARGHERITA – Scusatemi un attimo… Mamma! (Via)

(Felice scruta la ragazza in modo ostentato e indiscreto. Carlina è visibilmente imbarazzata… Silenzio per qualche istante).

FELICE – Piacere. Io sono Felice.

CARLINA – (inebetita) Piacere…

FELICE – Com’è che ti chiami, tu?

CARLINA – Carlina.

FELICE – Io sono Felice.

CARLINA – Sì…

FELICE – Tu mi piaci.

CARLINA – Cosa…?

FELICE – Veramente mi piace anche Margherita e mi piace anche Tiziana… Non quella che… L’altra Tiziana, quella che mi ha aperto la porta. Io ti piaccio?

CARLINA – Beh…

FELICE – E allora, fidanziamoci.

CARLINA – Non ho capito.

FELICE – Allora sei cretina.

CARLINA – Prego?

FELICE – Fidanziamoci. Sei contenta?

CARLINA – (sgomenta, chiede aiuto) Margherita!

(Entra Santo col fil di ferro)

SANTO – Finalmente ‘u truvai! (A Carlina) Lei chi è, scusi?

CARLINA – Buon giorno, signor Campo. Sono Carlina, l’amica di…

SANTO – Ah, Carlina… E Margherita dov’è?

CARLINA – Di là.

FELICE – Lei è Carlina, zio.

SANTO – Sì, l’ho capito.

FELICE – La mia fidanzata.

SANTO – La tua…?

FELICE – Fidanzata. Ti piace? A me sì. Assai!

SANTO – (a Carlina) Non ci faccia caso… Lui scherza…

FELICE – Cu’ è ca scherza?!

SANTO – Ccà c’è u fil di ferro, Felice… Perché non te ne vai in camera e…

FELICE – No!

(Rientra Margherita con Giovanna)

GIOVANNA – Ciao, Carlina.

CARLINA – Buon giorno, signora.

MARGHERITA – (a Carlina) Tutto sistemato. Dormi in camera mia.

GIOVANNA – Purtroppo, siamo un po’ strettini…

CARLINA – A dir la verità, non avrei voluto disturbare…

GIOVANNA – Ma che disturbare, gioia!

MARGHERITA – Non dire stupidaggini: disturbo. Sistemiamo una brandina accanto al mio letto e tutto è a posto.

FELICE – Perché non si corica con me? Tanto, ormai siamo fidanzati.

MARGHERITA – Ah, già fidanzati? Ride) Congratulazioni!

FELICE – Grazie.

MARGHERITA – (a Carlina) Dai, vieni con me, dammi una mano.

CARLINA – (a tutti) Scusate…

FELICE – Torna presto!

(Le due ragazze escono)

SANTO – Felice, c’ha’ fari cù ‘stu fil di ferro? Lo vuoi o no?

FELICE – E pirchì mpm m’u sta0 dannu? (Glielo strappa dalle mani) Havi du’ uri ca l’havi ‘nte manu! (Via)

SANTO – Boni ni cumminamu! La vedo molto ma molto nera.

GIOVANNA – (ironica) Che vuoi farci? E’ tuo nipote e devi ospitarlo per forza!

 SANTO – E’ inutile ca ci fai ‘a ripassata! Chi fazzu, ci dugnu ‘na pirata e ‘u mannu ‘nti so patri?

GIOVANNA – Sarebbe la decisione pù intelligente della tua vita.

SANTO – A proposito di ospiti… ma ‘sta carusa, Carlina, pirchì s’a purtò intra, tò figghia?

GIOVANNA – Perché è sola a casa… I suoi sono partiti.

SANTO – Ho capito. Ci mancava macari idda!

GIOVANNA – Ma che fastidio ti duna?

SANTO – Non mi duna nessun fastidio. Il problema è ca Felice, si vidi fimmini pari ca vidi russu! Non te ne sei accorta?

GIOVANNA – E tu ‘u pigghi e ‘u fai calmari!

SANTO – Cui, iù?  Tu, invece, a queste ragazze falli vestiri ca chiddu quannu i talìa ci havi l’occhi di fora!

GIOVANNA – E certo. Ora la colpa è delle ragazze, no?

SANTO – In un certo senso, sì. Falli vestiri e accussì livamu l’acqua!

GIOVANNA – Ca finiscila, Santo cù ‘sti bestialità!

10 –

LIBERO – (entra) Dov’è il pazzo furioso?

SANTO – Per cortesia, Libero…!

GIOVANNA – In camera sua. A far che cosa non si sa. (A Santo) Ma, secondo te, che deve fare cù ddu fil di ferro?

LIBERO – Ha voluto del fil di ferro?

SANTO – Dici ca gli giovava.

LIBERO – Prepariamoci al peggio.

SANTO – Ma chi vuoi ca fa cù ‘mpizzuddu di fil di ferro?

LIBERO – Tu o io niente. Lui, probabilmente, sarà capace di trasformarlo in una trappola mortale.

GIOVANNA – Finiscila cù ‘sti discursi ca m’impressiono!

(Rientrano Margherita e Carlina)

LIBERO – Ohè, Carlina, che ci fai qui?

CARLINA – Ciao, Libero. Tua sorella mi ha trascinata con la forza: sono vostra ospite per un paio di giorni. Dovrete sopportarmi.

MARGHERITA – Ma smettila, scema!

LIBERO – Mi sa che sarai tu a dover sopportare un altro ospite che ci è appena piombato in casa!

CARLINA – L’ho già conosciuto.

LIBERO – E dunque ti sarai resa conto…

MARGHERITA – Gli ho già dipinto il personaggo in questione.

SANTO – Sì, va bene ma non ti preoccupare. E’ un tipo particolare ma innocuo.

MARGHERITA – Beh, insomma…!

LIBERO – No comment!

MARGHERITA – Papà, non potremmo con una scusa, togliercelo dai piedi?

SANTO – Ma come, suo padre mi ha raccomandato…

LIBERO – Lo zio, invece, dovrebbe capire che ci mette in difficoltà!

CARLINA – Scusate… Sto pensando che se vado a casa, magari avete un impiccio in meno…

GIOVANNA – Non dirlo manco per scherzo!

LIBERO – Il problema non sei tu. L’hai capito o no?

CARLINA – Sì, ho capito ma…

MARGHERITA – Ora basta, Carlina, altrimenti m’incavolo.

(Entra improvvisamente Felice. Tiene in mano due pupi siciliani. Particolarmente eccitato, salta su una sedia, sotto lo sguardo smarrito dei presenti).

FELICE –Famiglia Campo, attenzione! Tutti muti! Perché ora Campo Felice entra in campo e fa scendere in campo due guerrieri antichi  e valorosi! Vi presento la tragica storia di Orlando e Rinaldo che scesero in campo l’uno contro l’altro! (Muove i pupi in modo decisamente nevrotico e scoordinato) Cummattevanu già di ‘na simana pirchì avevanu ‘na forza sovrumana! Acchiappati chissu, Rinaldu! E tu sciroppati ‘st’autru, Orlandu! Eccoti un colpu ‘nta dda testa di trunzu! Si t’abbasta l’armu, parami chissa, strunzu! Bestia arripuddutu! Cretinu e curnutu! Ni vuoi ancora, cretino e sciamunitu? Ti vinciu puri cù ‘nsulu itu! Ca levati, pidocchiu! O ti sputu nta n’occhiu!

(Entra Tiziana alquanto agitata)

TIZIANA – Signora, il cane…!

GIOVANNA – Che ti ha fatto?

TIZIANA – A me niente, signora. E’ lui che… Insomma, prima si è messo a guaire e poi si è accasciato… morto!

TUTTI – Come… morto?! – E come è possibile? – Che gli è successo? – Ma sei sicura? (Tutti corrono via)

FELICE – (continua imperterrito, con maggiore slancio e divertimento di prima) La famiglia Campo ha lasciato il campo… ma io me ne fotto! Orlando, dunque, pigghia la spada con ambedue le mani e ci dici: N’hai jammu? Finu a dopudimani! Mi siddiai, ora ti sbudellu! Ca mutu e non fari burdellu! E poi, stanchi morti, cascanu in terra comu du’ pira cotti!

SIPARIO

    

ATTO SECONDO

Stesso ambiente del 1° atto.

Ad eccezione di Felice, sono tutti in scena.

SANTO – Io non mi capacito: com’è potuto succedere? Che gli avete dato da mangiare?

GIOVANNA – Che ha mangiato? La solita roba ha mangiato.

TIZIANA – Il pesce coi croccantini, signor Campo. Questo aveva appena mangiato.

SANTO – E allora?

GIOVANNA – E allora, non lo so. Del resto anche il veterinario non ha saputo spiegarsi questa morte improvvisa.

SANTO – Lascia perdere il veterinario perché quello è cretino. Chiddu non sa distinguere ‘na bratta di ‘na zazzamita!

MARGHERITA – Certo è che questa faccenda non mi convince…

LIBERO – Figurati se convince me!

MARGHERITA – Senti, Tiziana, per caso, mio cugino Felice, ieri ha mai avvicinato il cane?

TIZIANA – Sì. Gliel’ha portata lui la ciotola coi croccantini.

LIBERO – Ah!

SANTO – E va beh, che significa? Che cosa prova?

MARGHERITA – Prova che questo stronzo ci ha avvelenato il cane!

GIOVANNA – Eppure il veterinario ha escluso l’avvelenamento.

SANTO – Se l’ha escluso iddu, comincio a pensare ca fu avvelenato pì daveru..   

CARLINA – Ma non è possibile che fosse cardiopatico? Al cane di mio zio è capitata la stessa cosa…

GIOVANNA – Ma se fosse stato cardiopatico, il veterinario non se ne sarebbe accorto?

SANTO – E torna cù ‘stu veterinario! Ti sto dicendo che è cretino! Ti vuoi convincere che è cretino?

2 –

(Entra Felice cha ha sentito le ultime parole)

FELICE – Io non sono cretino!

SANTO – E cu’ t’ha dittu ca si’ cretinu? Io mi riferivo…

FELICE – Come sta Libero?

LIBERO – Libero sta bene… almeno per il momento!

FELICE – Allora non è morto… meno male.

MARGHERITA – E’ morto! L’hai capito o no?

FELICE – E allora pirchì mi dissi ca sta bene?

GIOVANNA  - Il nostro cane è morto, Felice.

FELICE – Almenu è morto felice… C’è cu’ mori disperato!

MARGHERITA – (a Felice) Guardami negli occhi.

FELICE – E perché?

MARGHERITA – Perché devo farti una domanda e voglio capire se mi dici o no la verità.

SANTO – Ma Felice non ne dice bugie. Vero, Felice?

FELICE – A secunnu.

SANTO – (sconcertato) Ecco.

MARGHERITA – Hai dato tu i croccantini a Franz?

FELICE – No.

MARGHERITA – Bugiardo!

FELICE – Come “bugiardo”?! (A Libero) T’haiu purtatu mai i croccantini a ttia?

MARGHERITA – Ma che c’entra lui? Io parlo di Franz!

FELICE – Appunto.

SANTO – No, è che lui si confonde sempre…

MARGHERITA – Insomma, Felice, tu hai avvelenato il cane! E’ vero?

FELICE – (rimane impietrito. Piccola pausa) Ah, questo voi pensate! Mi credete un assassino. Mi credete capace di… (scoppia a piangere)

SANTO – No, o ziu… nessuno ti crede capace di…

FELICE – (smette improvvisamente di piangere e diventa aggressivo) E invece sì! Tutti con me ce l’hanno, tutti! Ma state attenti pirchì si m’incazzu bonu bonu…! Ci siamo capiti? Mezza parola. Puntu e basta. Vi salutu, io me ne vado.

GIOVANNA – (speranzosa) Te ne vai?

FELICE – Sì. Nella mia stanza. Anzi, nella mia cella d’isolamento, tantu pì chiamarla col suo vero nome. Ciao. (Via)

(Attimi di silenzio imbarazzato)

GIOVANNA – (a Santo) Gli vuoi chiamare a suo padre o no? Glielo vuoi dire ca s’u veni a pigghiari di cursa?

SANTO – Ma… Giovanna…

GIOVANNA – Oppure dobbiamo aspettare ca chissu ni fa fari ‘a stissa fini d’o cani?

SANTO – Ma non è che possiamo essere sicuri che…

GIOVANNA – Vieni con me.

SANTO – Unni?

GIOVANNA – A telefonare a tuo fratello.

SANTO – E chi ci dicu?

GIOVANNA – Te lo suggerisco io chiddu c’ha’ diri! (Se lo trascina fuori)

MARGHERITA – Se questo non se ne va coi suoi piedi… se ne andrà comunque!

LIBERO – Che vuoi dire?

MARGHERITA – Lo so io. (A Carlina) Vieni con me: ho avuto una bella idea. (Via con Carlina)

3 –

TIZIANA – Una bella idea? Che cosa vorrebbe fare tua sorella?

LIBERO – E che ne so? Conoscendola, posso solo immaginare che ha cattive intenzioni.

TIZIANA – Appunto.

LIBERO – Ma alla fin fine, chi se ne frega? Vieni qua.

TIZIANA – Smettila chè non è proprio il caso…

LIBERO – (afferra la ragazza e l’abbraccia) Quand’è che…

TIZIANA – Libero! Ma sei impazzito?

LIBERO – Sì, lo sai che sono pazzo, no?

(Entra improvvisamente Felice. I due non fanno in tempo a sciogliersi dall’abbraccio).

FELICE – E bravo a Franz!

LIBERO – Ma che hai capito? Stavo… Stavo consolando Tiziana che è dispiaciuta per… per la morte del cane.

TIZIANA – Infatti. Io vado di là. (Via)

FELICE – Ah, la stavi consolando per…

LIBERO – Lei era molto affezionata a Franz…

FELICE – “Era”? Da come ti stringeva, penso che ti è ancora affezionata!

LIBERO – Ma te lo vuoi mettere in testa che mi chiamo Libero? Libero!

FELICE – Ti pari ca sugnu scemu? Ti pari che non l’ho capito che tu e Tiziana fate le cose porche?

LIBERO – Le cose porche?

FELICE – Sissignore. A mmia ‘u ciriveddu mi camina!

LIBERO – Senti, Felice…

FELICE – Va bene, va bene. Stai tranquillo che non dico niente. Muto come una tomba.

LIBERO – Ecco, bravo. Magari penserebbero chissà che cosa, capito?

FELICE – Muto come una tomba etrusca. A proposito di tombe, lo vuoi sapere perchè è morto il cane? Perché era destino. Io lo so. Pirchì a mmia ‘u ciriveddu mi camina. Ciao, Franz. (Via)

4 –

LIBERO – Io non ho ancora capito se continua a chiamarmi Franz per sfottermi o perché è idiota. Bah! Speriamo solo che non si lasci sfuggire niente su me e Tiziana… Francamente preferirei che i miei lo venissero a sapere da me e non dall’idiota!

(Rientrano Margherita e Carlina)

CARLINA – E se qualcosa non funziona?

MARGHERITA – Funzionerà.

CARLINA – Ma metti che…

LIBERO – Di che parlate? Cos’è che dovrebbe funzionare?

MARGHERITA – L’eliminazione del demente.

LIBERO – Che cosa?!

MARGHERITA – Dimmi un po’: se sai che una catastrofe incombe sulla tua vita, tu che fai?

LIBERO – Che faccio?

MARGHERITA – Cerchi di evitarla, no?

LIBERO – Beh, certo…

MARGHERITA – Ed è esattamente quello che farò io.

LIBERO – E in che modo? Eliminando la causa della…“catastrofe”?

MARGHERITA – Naturalmente. La faccenda va risolta in modo definitivo.

LIBERO – Ma… stai scherzando?!

CARLINA – Il guaio è che non scherza.

LIBERO – Tu sei completamente scema. Se si dovessero ammazzare tutti quelli che ci stanno sulle scatole…

MARGHERITA – E chi ha parlato di ammazzare?

LIBERO – Tu, adesso.

MARGHERITA – Io ho detto “eliminare”.

LIBERO – Cioè?

MARGHERITA – Farlo sparire da questa casa. Cacciarlo via in modo energico e traumatico. Traumatico per lui, ovviamente.

LIBERO – Vuoi spiegarti…?

CARLINA – Lo avvelena.

MARGHERITA – Lo avveleno.

LIBERO – Lo avveleni. Ma non lo ammazzi.

MARGHERITA – Lo mando in ospedale. Là gli faranno una bella lavanda gastrica. Il padre correrà al suo capezzale e se lo riporterà a casa.

LIBERO – E metti che qualcosa vada storto, che la lavanda gastrica non venga fatta in tempo…

CARLINA – E’ quello che le sto a dire da un’ora.

MARGHERITA – Ribadisco: non c’è da preoccuparsi.

LIBERO – E hai pensato alle conseguenze? Margherita, si tratta di tentato omicidio! Qui si va a finire in galera!

MARGHERITA – A volte, ho il timore che tu non sia mio fratello.

LIBERO – Io, invece, spesso mi auguro che tu non sia mia sorella.

MARGHERITA – Stupido, dimentichi che studio medicina.

LIBERO – Anche il dottor Jakill era ferrato in materia.

MARGHERITA – Non fare lo spiritoso. Una piccola dose di arsenico non lascia la minima traccia a livello gastrointestinale. Una volta mandato giù, viene assorbito nel giro di pochi minuti. I medici potranno solo appurare che i sintomi sono da avvelenamento ma nient’altro. E il gioco è fatto.

LIBERO – Avresti dovuto studiare criminologia. Per la medicina sei sprecata.

MARGHERITA – Divertente! Dovrei ridere?

LIBERO – No, dovresti riflettere.

MARGHERITA – Ho riflettuto sufficientemente.

LIBERO – Non abbastanza!

MARGHERITA – Avresti qualche altra idea per sbarazzarci di questo stronzo?

LIBERO – No… non lo so. Il che non significa che…

(Rientrano Santo e Giovanna)

MARGHERITA – (piano a Libero) Non una parola, chiaro?

GIOVANNA – No, mi dispiace, io a tuo fratello non lo capisco. Non può tenere il figlio scemo parcheggiato dai parenti! Troppo comodo!

SANTO – Abbassa la voce che ti può sentire…

GIOVANNA – Non me ne frega niente!

LIBERO – E allora?

SANTO – E allora,  che cosa?

LIBERO – Hai parlato con lo zio?

SANTO – Gli ho parlato.

GIOVANNA – Ed è come se non gli avesse parlato. A tò ziu di ccà ci traseva e di ddà ci nisceva!

MARGHERITA – Io lo immaginavo.

SANTO – Comunque, mio fratello si è rivolto a suo fratello non per capriccio ma perché ha bisogno d’un aiuto dal fratello. Insomma, signori miei, quando un fratello chiede una cortesia a suo fratello, il fratello non può dire di no a suo fratello. Altrimenti che fratello è? Chiaro?

GIOVANNA – Ma c’ha’ dittu?

LIBERO – In poche parole, Felice resta a casa nostra.

MARGHERITA – Ma non per molto.

SANTO – Infatti. Suo padre mi ha assicurato che la settimana prossima o, al massimo, fra dieci giorni…

LIBERO – Sarà troppo tardi.

SANTO – In che senso?

LIBERO – Nel senso che… da qui a una settimana, chissà cosa avrà combinato.

SANTO – Niente. Non combinerà niente… si nuatri ci stamu attenti.

MARGHERITA – Sta’ tranquillo, papà, ci penso io.

SANTO – Grazie, gioia. Tu sì che sei assennata… Tua madre, invece, ‘u vulissi ammazzari!

GIOVANNA – Iù a ttia ammazzassi pì primu!

MARGHERITA – A proposito…

GIOVANNA – A proposito di che?

MARGHERITA – A proposito… di sete. Avete sete voi? Io sì. Carlina è bravissima: sa preparare un thè alla pesca che è la fine del mondo!

CARLINA – No, veramente… Margherita è molto più brava di me.

SANTO – Cu’ è cchiù brava non m’interessa, basta che mi portate un bel thè freddo perchè, sinceramente, dopo tutta dda discussione  con mio fratello, appilai!

MARGHERITA – Il signore sarà servito immediatamente. (A Carlina) Andiamo.

CARLINA – (poco convinta) Sì. (Esce insieme a Margherita)

5 –

SANTO – (a Giovanna) E non fari dda funcia! Vedrai che tutto andrà bene.

LIBERO – Speriamo.

SANTO – E chi è, macari tu ti metti a fari dda facci di funerale…?!

LIBERO – Papà, la situazione è seria. Molto seria. Forse tragica.

SANTO – Sì, va bene… Carusi, state esagerando. La verità è che questa situazione l’abbiamo affrontata male e ora siamo tutti un po’ nervosi. Quindi, per cortesia, ridimensioniamo il problema e stiamo calmi. 

(EntraFelice)

FELICE – Dov’è Carlina?

GIOVANNA – In cucina, con Margherita.

(Felice si avvia verso la cucina ma viene bloccato da Libero)

LIBERO – Cosa devi dire a Carlina?

FELICE – E a ttia chi t’interessa?

LIBERO – Niente ma se hai bisogno di qualcosa…

FELICE – E tu che c’entri? Io devo parlare con la mia fidanzata.

LIBERO – La tua…?

FELICE – Fidanzata! Perché, non posso avere una fidanzata? O pensi ca si’ l’unicu ca si può fari zitu?

LIBERO – No… e chi dice questo…?

FELICE – Tu teniti a Tiziana e non mi rumpiri i scatuli!

GIOVANNA – Tiziana?!

SANTO – Che c’entra Tiziana?

FELICE – C’entra, c’entra.

LIBERO – No, sta scherzando. Vero che scherzi, Felice?

FELICE – Va bene, vah, accuzzamila. Non posso parlare perché ho promesso di stare muto come una tomba egiziana.

GIOVANNA – (a Libero) Ma si può sapere che sta dicendo?

LIBERO – E che ne so?

FELICE – A proposito di tombe etrusche, lo volete sapere com’è morto il cane?

SANTO – Com’è morto?

FELICE – Di malatia. Morsi pirchì era malatu.

SANTO – E di che cosa era malato?

FELICE – Boh! Non è ca pozzu sapiri tutti cosi! Vado da Carlina.

SANTO – Lasciala stare a Carlina, per ora, chè sta preparando il the.

FELICE – Il the per me?

SANTO – Il the per te, il the per me, il the per tutti.

FELICE – Non mi piace il the.

LIBERO – Bella notizia!

(Rientrano Margherita e Carlina con un vassoio e sei bicchieri di the)

MARGHERITA – Oh, Felice! Stavo pensando giusto a te!

SANTO – Vedi com’è affezionata tua cugina?

LIBERO – Da morire!

FELICE – E perché?

MARGHERITA – Perché, cosa?

FELICE – Perché stavi pensando a me?

GIOVANNA – Perché ti vuole bene, no?

LIBERO – Da morire!

MARGHERITA – Io e Carlina abbiamo preparato un bel the!

FELICE – Un the per me?

MARGHERITA – Un the per te!

FELICE – Il the non mi piace.

MARGHERITA – Non fare storie! Il the l’hai sempre preso!

FELICE – Ma quannu mai!?

MARGHERITA – Ma come? L’abbiamo preparato con le nostre manine e tu…

FELICE – Com’è alla pesca?

MARGHERITA – Alla pesca!

FELICE – L’ha fatto Carlina?

MARGHERITA – Anche Carlina, certo.

FELICE – E allora… mi piace.

MARGHERITA – Carlina ne è lusingata, vero?

CARLINA – Vero, lusingatissima.

(Margherita poggia il vassoio coi bicchieri sul tavolo. Rapida, poi,s’impossessa di uno dei bicchieri e lo offre a Felice che lo prende in mano)

FELICE – (rapito, continua a osservare Carlinae, anziché bere, appoggia il suo bicchiere sul vassoio) Prima, però, devo parlare con la mia fidanzata.

(Il bicchiere di Felice s’è confuso con gli altri: Margherita – che si è distratta un momento e dunque non ha seguito la manovra del cugino – è disperata. Altrettanto preoccupati sono Carlina e Libero).

MARGHERITA – (agitata e alquanto contrariata) E adesso qual è il tuo bicchiere, Felice? Che nessuno beva!

SANTO - (che stava per mettere mano ad un bicchiere) E pirchì?

MARGHERITA – Se non beve Felice, non berrà nessuno!

SANTO – (senza capire) Ah, beh, certo.

FELICE – (ignora tutto quello che accade) Carlina, ci vuoi venire a ballare con me?

CARLINA – Non… non lo so… vedremo…

MARGHERITA – (esasperata a Felice) Vuoi bere questo cazzo di the, sì o no?

GIOVANNA – Margherita?!

SANTO – Margherita?!

FELICE – Non ne voglio the!

MARGHERITA – E perché?

FELICE – Perché Carlina non vuole venire a ballare con me.

MARGHERITA – Ma certo che viene a ballare con te. Vero che vai a ballare con Felice?

CARLINA – (balbetta) Certo…

MARGHERITA – Hai visto? Tutto a posto. Riprendi il tuo bicchiere. Qual è?

FELICE – Questo, questo è. Ma pirchì si mi ni pigghiu n’autru, chi succedi?

MARGHERITA – Succede che…Nel tuo c’è più succo di pesca. L’ha voluto aggiungere Carlina.

CARLINA – Anche se non ero molto d’accordo.

FELICE – (riprende il bicchiere ma non il suo) E allora sarà troppo buono.

MARGHERITA – Sei sicuro?

FELICE – E certo che è troppo buono!

MARGHERITA – No, dico, sei sicurfo che quello è proprio il tuo bicchiere!

FELICE – Sì, sì, ti dico, sicuro, come la morte. (Beve, imitato dagli altri)

(Tutti bevono il the nel silensio più assoluto).

SANTO – Ah, buonissimo, veramente! Freddo al punto giusto e con quella fragranza di pesca che…

CARLINA – Scusate… forse… non sto bene…

GIOVANNA – Che hai, gioia? Forse era troppo ghiacciato e…

MARGHERITA – Carlina, che ti senti?

(Carlina urla per le sofferenze ma soprattutto perché spaventata:

Entra Tiziana)

TIZIANA – Che è successo?

GIOVANNA – Si è sentita male improvvisamente, ‘a figghia…

FELICE – Che ha Carlina? Facitici biviri qualche cosa…

LIBERO – Sì, magari un po’ di the!

CARLINA – Oh, mamma… mi sento malissimo… Margherita!

MARGHERITA – Sta’ calma… Sta’ calma… Libero, portiamola in ospedale!

SANTO – In ospedale?! Non vi pare che state esagerando?

LIBERO – No.

FELICE – Perché in ospedale…? Non cridu ca sta murennu?

GIOVANNA – Non dire stupidaggini!

FELICE – (a Margherita) Ci voglio venire anch’io all’ospedale!

MARGHERITA – Felice… vaffanculo!

FELICE – (a Carlina mentre viene trasportata a braccia via) Come ti senti, Carlina?

CARLINA – (con un fil di voce) Vaffanculo!

SANTO – Margherita, che dici, veniamo anche noi?

MARGHERITA – Non vi preoccupate… non è niente! (Via con Libero e Carlina)

SANTO – Ma cose da pazzi! Mancu si c’era vilenu intra ddu the!

GIOVANNA – Mah!

TIZIANA – Magari stava male da prima oppure un calo di pressione… Succede in estate.

FELICE – E finii di jri a ballari, buttana d’a miseria! (A Tiziana) Ci veni tu a ballare con me?

TIZIANA – A ballare?!

FELICE – Ah già, tu non puoi ca si’ troppo affezionata a Franz!  (Esce)     

(Buio per qualche istante.

6 –

(Quando le luci si riaccendono, in scena Libero e Margherita).

MARGHERITA – (visibilmente stanca e provata come il fratello, del resto) Che bella nottata abbiamo passato!

LIBERO – Del resto, non potevamo certo lasciarla sola al pronto soccorso-

MARGHERITA – Certo che no. Comunque, ora è a casa sua, tranquilla e serena. E non credo rimetterà ancora piede qui … almeno fino a quando ci sarà il demente!

LIBERO – Dalle torto! (Sbadiglia) Io non mi reggo in piedi…

MARGHERITA – Che ore sono?

LIBERO – Le otto e dieci.

(Entra Tiziana)

TIZIANA – Ragazzi, vi preparo la colazione?

LIBERO – No, grazie, io vado a letto. Vorrei recuperare qualche ora di sonno.

MARGHERITA – Io prendo solo un caffè. Non ho nessuna voglia di dormire. Ho, invece, un tremendo desiderio d’ammazzarlo!

TIZIANA – Chi?

MARGHERITA – Devo togliermelo dalle palle!

LIBERO – Dopo tutto quello che è successo, ancora non demordi?

MARGHERITA – Assolutamente no. Va a letto. Buon riposo.

LIBERO – Ma perché non vai a letto anche tu? Non hai chiuso occhio per tutta la notte.

MARGHERITA – No. Voglio prendere un caffè, fumare una sigaretta e rilassarmi per qualche minuto.

LIBERO – Lo sai che papà s’incavola se ti vede fumare, no?

MARGHERITA – Non rompere. Va’ a dormire.

LIBERO – Infatti. Tiziana, svegliami all’ora di pranzo, per favore.

TIZIANA – D’accordo.

(Libero esce)

            Ti preparo subito il caffè. (Via)

MARGHERITA – (da sola) Giuro che entro stasera, il demente scompare da questa casa! (Accende senza convinxione la tv: è in corso un telegiornale)

VOCE DELLO SPEAKER TG – “… Pare che la moglie, nel riparare la tapparella della finestra, abbia assestato, per errore, una martellata sulla testa del marito. Scongiurato il trauma cranico, l’uomo ne avrà per dodici giorni. Roma: un autobus dell’azienda municipale trasporti…” (Margherita spegne la tv)

MARGHERITA – Questa è la dimostrazione che Dio esiste. Un segno divino mi ha illuminato. E’ assolutamente possibile dare una martellata…”per errore”, s’intende. Una bella martellata su quella testa di…

(Rientra Tiziana col caffè)

TIZIANA – Davvero vuoi solo il caffè? Avevo preparato…

MARGHERITA – No, grazie. Ho solo voglia di un caffè. (sorseggia il caffè) I miei sono ancora a letto?

TIZIANA – A letto?! Sono già via. Stamattina, quando sono arrivata, stavano appunto per uscire.

MARGHERITA – Per andare dove?

TIZIANA – Da alcuni parenti, credo. Ma tua madre m’ha detto che tu lo sapevi.

MARGHERITA – E’ vero, da zia Giulia, in campagna per questioni che non ricordo più. Stanotte, al telefono, quando mi ha chiesto notizie di Carlina, deve avermelo anche spiegato ma io ero così agitata …

TIZIANA – Comprensibile.

MARGHERITA – Di’ un po’, Tiziana, non c’è nulla da riparare in casa?

TIZIANA – Non ho capito… “Da riparare”?

MARGHERITA – Che so, l’anta di un armadio, la cerniera di una porta…

TIZIANA – Non lo so… non credo… Ma perché?

MARGHERITA – Perché ho bisogno d’impegnarmi in qualche lavoretto manuale. Sei proprio sicura che non ci sia nulla da riparare?

TIZIANA – Beh, sì… quella porta (indica la porta dello stanzino in cui dormne Felice): avrà qualche difetto perché alle volte fatico a chiuderla. Ma non mi pare proprio il caso che tu…

MARGHERITA – Benissimo. Una martellata e vedrai che aggiusto ogni cosa.

TIZIANA – Come vuoi. Io sono di là, se hai bisogno di me…

MARGHERITA – No, puoi andare, grazie.

(Tiziana esce)

7 –

MARGHERITA – Ed ora mi serve un piano. Dunque… Il caso vuole sia proprio quella porta ad aver bisogno della martellata: il che è un bel vantaggio. Mi basterà farlo uscire dalla tana con una scusa e… Coraggio, passiamo all’azione. (Si accosta alla porta e chiama a gran voce) Felice! Felice!

VOCE DI FELICE – Cu’ è?

MARGHERITA – Margherita!

VOCE DI FELICE – E chi voli Margherita?

MARGHERITA – Che fai di bello?

VOCE DI FELICE – Ma si può sapere chi è ca voi?

MARGHERITA – Fra cinque minuti arriva Carlina e so che vuole parlare con te.

VOCE DI FELICE – Carlina?!

MARGHERITA – Dunque, vestiti, fatti bello e poi vieni qui.

VOCE DI FELICE – Fra cinque minuti sugnu prontu!

MARGHERITA – Bravo. (Tra sé) Ora, devo procurarmi un buon martello! (Via)

FELICE – (esce fuori la testa dalla porta e bisbiglia) Margherita! Unn’è Carlina? Margherita!… Ma ccà nuddu c’è… Non sarà ancora arrivata. (Chiama a gran voce) Tiziana!

TIZIANA – (entra subito) Sì?

FELICE – Me lo porti un bel caffè strittu?

TIZIANA – Va bene.

FELICE – Ah, Tiziana! Portami macari du’ biscottini.

TIZIANA – D’accordo.

FELICE – Tiziana! Con un po’ di burro e marmellata.

TIZIANA – Burro e marmellata.

FELICE – Tiziana! E una mafaldina.

TIZIANA – Una mafaldina?!

FELICE – C’a murtadella.

TIZIANA – Sì.

FELICE – Tiziana! Il caffè portamelo subito chè mi serve per fare il mio bisognino mattutino.

TIZIANA – Il caffè è già pronto, lo posto subito.

(Felice richiude la porta e scompare. Tiziana esce e rientra un attimo dopo col caffè. Bussa alla porta di Felice).

VOCE DI FELICE – Cu’ è?

TIZIANA – Il caffè!

VOCE DI FELICE – Trasi.

(Tiziana rimane un po’ titubante)

VOCE DI FELICE – Comu finìu?

(Tiziana si decide, apre la porta e scompare. Rientra Margherita con in mano un grosso martello. La ragazza si apposta dietro la porta di Felice)

MARGHERITA – Felice!

VOCE DI FELICE – Arrivo!

(Un attimo dopo, dalla porta ricompare Tiziana. Margherita non ha il tempo di capire di chi si tratta e le assesta una martellata in testa. Tiziana lancia un grido e poi crolla giù a terra).

MARGHERITA – (impietrita) Oh, Dio!

LIBERO – Si catapulta in scena e vede la sorella col martello in mano e Tiziana svenuta a terra) Che è successo? Che cazzo hai combinato? (Margherita non risponde) Aiutami a metterla sul divano! Non startene impalata! Tiziana! Parla! Tiziana! Amore mio!

MARGHERITA – “Amore mio”?!

LIBERO – (agitatissimo) Ha perso i sensi, bisogna portarla al Pronto soccorso!

MARGHERITA – (balbetta) Credo proprio che sia necessario…

LIBERO – Tu sei pazza, Margherita! Pazza!

(I due portano fuori Tiziana).

VOCE DI FELICE – Tiziana! Chi fini fici ‘a mafaldina c’a murtadella?

(Brevissimo stacchetto musicale cheindica il passare di un certo lasso di tempo)

8 –

(Entra, elegantissimo come non mai, Felice)

FELICE – Tiziana! Lassila perdiri ‘sta mafaldina ca mi passò ‘u pitittu! Margherita! Io sono pronto! Margherita! Dov’è Carlina?

(Dalla porta d’ingresso, verosimilmente, sono entrati Santo e Giovanna)

VOCI DI SANTO E GIOVANNA – Tiziana! Margherita!

FELICE – Margherita!

(Entrano Santo e Giovanna)

SANTO – Unni su’ tutti? Unn’è Margherita?

GIOVANNA – E Libero?

FELICE – Unn’è Carlina?

GIOVANNA – E Tiziana?

FELICE – E Carlina?

SANTO – Insomma, si può sapere unni fineru tutti?

FELICE – Boh?

SANTO – E tu unni stai jennu accussì vistutu?

FELICE – A ballare.

SANTO – Alle undici di mattina?

FELICE – Con Carlina. Solo che Carlina non c’è.

GIOVANNA – (Che nel frattempo, è andata in cucina ed è rientrata) Tutti spariti! Mi sto cominciando a preoccupare, Santo… Che cosa sarà successo?

SANTO – Ca nenti… Che cosa poteva succedere?

GIOVANNA – E che ne so? (Prende il telefonino e digita un numero) Io provo a chiamare Margherita.

FELICE – Dumannici unn’è Carlina!

GIOVANNA – (parla al telefonino) Margherita! Dove sei? Noi siamo arrivati a casa  e …Che cosa? Tiziana?! O Madonna mia! E ora com’è? Menu mali, Signuruzzu, menu mali… Ma com’è successo ? Va bene, va bene…

SANTO – Chi fu?

FELICE – Chi fu?

GIOVANNA – Ma chi sacciu… Ccà ni sta succidennu una ‘o jornu! Prima dda carusa e ora Tiziana!

SANTO – Tiziana, che cosa?

FELICE – Tiziana, che cosa?

GIOVANNA – Tiziana è andata a finire in ospedale macari idda. Chi sacciu… Pari ca ‘ntappò ‘a testa…Non ho capito bene…

FELICE – Tiziana ‘ntappò a testa? Va bene, nenti ci fa, ora ci passa. Macari iù, quann’era nicu ‘ntappai ‘a testa un sacco di volte…

SANTO – Lo so, lo so.

FELICE – Eppure sugnu ancora ccà, no?

GIOVANNA – Appunto.

SANTO – Comunque, l’importante è che non sia successo niente di grave.

GIOVANNA – Pare di no.

FELICE – Ma Carlina quando viene, zio?

SANTO – E chi ni sacciu, gioia?

FELICE – Io aspetto. (Si siede)

SANTO – Bravo, aspetta. Io vado a fare una doccia, Giovanna…

GIOVANNA – Io, invece, telefono alla mamma di Tiziana…

SANTO – Ma pirchì l’ha’ fari preoccupari dda mischina?

GIOVANNA – Non la faccio preoccupare ma mi sembra giusto che sappia quello che è successo.

SANTO – Felice, ti putemu lassari sulu o ziu? Non è che…

FELICE – Chi schifiu m’interessa si mi lassati sulu? Tantu iù sugnu ccà c’aspettu.

SANTO – A Carlina.

FELICE – Come lo sai?

SANTO – Intuito.

(Giovanna e Santo escono)

9 –

FELICE – Chidda dissi “fra cinque minuti arriva Carlina”. Ma non passaru cinqu minuti? (Tenta di calcolare il tempo) Mi pari ca erano i novi… Ora su’ i dudici menu deci… Cinque minuti sono passati? Boh? Comunque, io aspetto. (Accende la tv per spegnerla un momento dopo. Poi si alza e, attratto dall’impianto stereo, comincia a studiarne i meccanismi: tocca fili, pulsanti fino a quando riesce ad accenderlo. Trionfante per esserci riuscito ed eccitato dalla musica, si lancia in un ballo frenetico.

Entra Margherita. Osserva attonita il cugino, senza riuscire a parlare)

FELICE – (s’accorge della presenza della ragazza) Margherita! Dov’è Carlina?

MARGHERITA – Chi?

FELICE – Carlina. Non mi dicisti ca stava arrivannu?

MARGHERITA – Ha… ha avuto un contrattempo…

FELICE – E che significa? Che viene più tardi?

MARGHERITA – Sì. Chi l’ha acceso lo stereo?

FELICE – Io! A mmia ‘u ciriveddu mi camina, chi ti pari?

MARGHERITA – E perché l’hai acceso?

FELICE – Pirchì iù nesciu pazzu c’a musica!

MARGHERITA – Anche senza. (Una nuova idea la illumina) E se io lo spegnessi, che faresti?

FELICE – Lo accendo un’altra volta! Ma tu, scusa, pirchì l’avissi astutari?

MARGHERITA – Per verificare se lo sai riaccendere.

FELICE – Ma chi ti pari ca sugnu cretinu?

MARGHERITA – Non lo so. Non sono più sicura di niente.

(Rientra Giovanna)

GIOVANNA – Margherita! Come sta Tiziana?

MARGHERITA – Tutto a posto, tutto a posto, mamma. Domani la fanno uscire.

GIOVANNA – Ma si può sapere comu fu?

MARGHERITA – Lascia perdere… mi sento troppo stanca e nervosa per… Niente, ha sbattuto la testa… Insomma, un incidente e basta.

GIOVANNA – Mistero. Un incidente e basta. E Libero dov’è?

MARGHERITA – In ospedale, con Tiziana.

GIOVANNA – Ho capito. Mah! Un incidente…! Felice, lo spegni ‘stu caddu di stereo, per cortesia?

FELICE – No.

GIOVANNA – Hai sentito? Ha detto no.

MARGHERITA – Ho sentito.

GIOVANNA – Roba da matti! Ma io non ce l’ho con lui, no! Iù ci dassi un colpu di lignu ‘nta testa a tò patri! (Esce)

MARGHERITA – E già: roba da matti. E se non risolvo subito la questione, finirò per ammattire anch’io!

(Felice, al suono dello stereo, continua a ballare)

            A quanto pare, ti piace proprio tanto questa musica, vero?

FELICE – Da morire!

MARGHERITA – (sinistra) Condivido.

FELICE – Perché non balli pure tu?

MARGHERITA – No, grazie… sono un po’ stanca.

FELICE – Ma Carlina quando arriva? Iù mi siddiai!

MARGHERITA – Carlina? (Ispirata, dà il via al nuovo piano) Non so se viene…

FELICE – (smette di ballare) E chi è scimunita?! Prima dici ca veni e poi non veni?!

MARGHERITA – Lo vuoi un consiglio?

FELICE – No’ sacciu. Comunque, tu dammillu, si mi servi, m’u pigghiu.

MARGHERITA – Io la conosco bene Carlina. E’ una ragazza romantica.

FELICE – Romantica?

MARGHERITA – Molto romantica. Se tu, per esempio, le scrivessi una bella lettera d’amore… beh, sono certa che ti cadrebbe ai piedi.

FELICE – Sì?

MARGHERITA – Tu scrivi delle cosucce d’amore. Dai la lattera a me. Io gliela porto, lei la legge, corre subito qui …

FELICE – E mi casca e’ peri!

MARGHERITA – Bravo. E allora?

FELICE – Allora, che cosa?

MARGHERITA – La lettera!

FELICE – Ma io non lo so se sono capace… M’aiuti tu?

MARGHERITA – No. Queste cose devono venire dal cuore. Tu ascolta il tuo cuore e vedrai che ti suggerirà quello che devi scrivere.

FELICE – E perciò che debbo fare?

MARGHERITA – Vai nella tua stanza e scrivi questo cazzo di lettera!

FELICE – Va bene. Quando finisco te lo dico. (Esce)

10 –

MARGHERITA – Lo stronzo deve essere eliminato! (Armeggia coi cavi dello stereo) E non me ne frega niente se va a finire in ospedale o al cimitero! Appena tocca quest’affare… (ride soddisfatta)

(Entra Santo)

SANTO – Oh, Margherita! Tiziana come… Che stai facendo?

MARGHERITA – Tiziana sta bene, sta bene.

SANTO – Non accendere ‘stu stereo ca mi siddiu, d’accordo?

MARGHERITA – E chi vuole accenderlo?

SANTO – Ma… allura chi sta’ cumminannu?

MARGHERITA – Niente… ho sistemato un filo… era scoperto… col pericolo che qualcuno poteva rimanerci secco…

SANTO – Ho capito. Se poi ‘stu cosu non funzionasse completamente, sarebbe più igienico per tutti.

MARGHERITA – Ecco fatto. Ho finito. Dicevi?

SANTO – Ti stavo chiedendo di Tiziana… Si può sapere chi successi?

MARGHERITA – L’ho già spiegato alla mamma.

SANTO – Non lo puoi spiegare anche a me?

MARGHERITA – Papà, un banalissimo incidente domestico… Ti prego, non parliamone più.

SANTO – Ma se non ne abbiamo parlato affatto…?! Va bene, basta. Non si può sapere.

(Rientra Felice)

FELICE – Ho finito!

MARGHERITA – Di già? Bravissimo.

SANTO – Che cosa… ha finito?

FELICE – La lettera d’amore per Carlina. (Consegna la lettera a Margherita) Teni, portaccilla.

MARGHERITA – Non occorre. Mi ha appena chiamato lei: sta arrivando. Gliela darai tu stesso, personalmente. (Gliela riconsegna)

FELICE – Daveru? Minchiuni, chi sugnu cuntentu! (Si avvicina allo stereo con l’intenzione di accenderlo)

SANTO – (lo ferma) Per cortesia, Felice, lassalu perdiri ‘stu stereo ca mi doli ‘a testa!

MARGHERITA – (al padre) Ma lascialo fare, che fastidio ti dà?

SANTO – Me lo dà il fastidio, me lo dà!

MARGHERITA – Accendi pure, Felice…

FELICE – Ma si ‘u ziu non voli…

MARGHERITA – Lo zio vuole.

SANTO – No! ‘U ziu non voli.

FELICE – Hai sentito?

MARGHERITA – E allora lo zio se ne va nel suo studio! (Al padre, sottovoce) Cerchiamo di assecondarlo se no chissà cosa cavolo combina.

SANTO – E va bene. Me ne vado nel mio studio a leggere. (A Felice) Fai quello che vuoi. (Via)

MARGHERITA – Accendi.

FELICE – No.

MARGHERITA – Perché?

FELICE – Pirchì ‘u ziu s’incazza.

MARGHERITA – Non è vero. Ti ha dato l’autorizzazione.

FELICE – Sì, va bene, però…

MARGHERITA – Accendi subito!

FELICE – No, mi passau ‘u pitittu… Aspettu a Carlina… accussì ballu cù idda.

(Entra Libero, visibilmente provato)

LIBERO – Mi sento uno straccio. (Si lascia cadere sul divano)

MARGHERITA – Tiziana? Hanno confermato che domani la dimettono?

LIBERO – Sì, sì. Per cautela, la tengono ancora sotto osservazione ma pare che non sia un affare serio, per fortuna. Spero che ora la smetterai con le tue idee geniali!

FELICE – (a Libero) Quando viene Carlina?

VOCE DI SANTO – Margherita! C’è Carlina al telefono!

MARGHERITA – Arrivo.

FELICE – Ci vado io, ci vado io!

MARGHERITA – Smettila, non rompere! Via)

FELICE – Io, certe volte, a tua sorella non la capisco!

(Libero resta in silenzio, sprofondato sul divano)

            Che hai, Franz?

LIBERO – (lo corregge stancamente) Libero.

FELICE – Sì, va bene ma chi hai? Ti senti male?

LIBERO – (ironico) No… e perché dovrei star male? Che ragione c’è?

FELICE – Appunto.

LIBERO – Appunto. Ho solamente voglia di rilassarmi: mi sento come una centrale elettrica. (Si alza, s’avvicina allo stereo e sta per accenderlo)

FELICE – No!

LIBERO – E perché, ti dà fastidio?

FELICE – A me no, a tò patri. Poco fa, lo volevo accendere io e si è un poco incazzato.

LIBERO – Lo so. Odia questo stereo.

(Libero accende l’apparecchio e nello stesso istante riceve chiaramente una scossa elettrica e rimane in convulsione attaccato al pulsante)

FELICE – (spaventato) Franz! Chi ti successi? Franz! Zio! Zia! Margherita!

(Tutti si catapultano in scena)

11 –

MARGHERITA – No! La corrente” Papà, stacca l’interruttore!

(Per qualche secondo, l’agitazione generale è massima. Poi, staccato l’interruttore generale, Libero smette le convulsioni ma resta muto e inebetito. Tutti sono attorno a lui, a scuoterlo, chiamarlo ma niente da fare: Libero appare del tutto assente).

SANTO – Ma chi stamu aspittannu? Portiamolo al prontosoccorso!

GIOVANNA – Oh, Madonna mia! Libero!

SANTO – Aiutami, Margherita!

FELICE – Ma chi ci pigghiò a Libero?

MARGHERITA – Ah, te lo sei ricordato, ora, il suo nome!

FELICE – Il nome di chi?

MARGHERITA – Vaffanculo!

(Si caricano Libero e lo portano via. Felice rimane da solo).

FELICE – Ma pirchì Margherita mi manna sempri a fari ‘nculu? Mah! (Improvvisamente si scuote e, accompagnandosi con la mimica, declama) Orlando pigghia la spada con ambedue le mani e ci dici: N’hai jammu? Finu a dopudimani! Mi siddiai, ora ti sbudellu! E finiu a burdellu!

(Buio. Brevissimo stacchetto musicale)

12 –

(Si riaccendono, un istante dopo, le luci. In scena,Felice, sbracato sul divano a guardare la tv e Margherita abbandonata su una poltrona: lo sguardo perso nel vuoto, esausta e chiaramente traumatizzata dagli ultimi eventi. Improvviamente si scuote, lancia uno sguardo di odio al cugino che imperturbabile continua a guardare la tv, quindi si alza ed esce. Rientra un momento dopo con una piccola scatola fra le mani. Torna a sedere sulla poltrona, apre delicatamente la scatola e tira fuori “qualcosa” che infila, di nascosto,  tra i cuscini del divano dove è seduto Felice).

FELICE – (sbadiglia) Mi siddiai a taliari ‘a televisione. Ma Carlina quann’è ca veni?

(Entrano, affranti, Santo e Giovanna)

MARGHERITA – E Libero… l’avete lasciato solo in ospedale?

GIOVANNA – Ci hanno letteralmente buttati fuori.

SANTO – Diciamo ca non ni ponnu cchiù suppurtari.  La famiglia Campo, bel giro di due giorni, ci ha ghiutu tri voti! Un record! Un infermiere mi dissi ca si arrivamu a quattru, ci fanno una puntura antitetatica gratis.

GIOVANNA – Santo, ma chi hai ‘u sbaddu? Ti rendi conto che se passavano altri due secondi, Libero ci ristava siccu ‘nta ‘stu schifiu di stereo?

SANTO – Chissa è ‘a vota bona ca ‘u jettu! (A Margherita, ironico) E menu mali ca tu t’accurgisti ca c’era un filo scoperto e l’hai sistemato… Ma chi sistimasti?!

(Suona il telefonino di Margherita)

MARGHERITA – Chi è? Ah, Carlina…

FELICE – Diglielo di venire!

SANTO - (A Felice che si alza dal divano dove, invece, siede assieme a Giovanna) Felice, fanni assittari o ziu, ca semu stanchi morti.

MARGHERITA – (agitatissima) Non vi sedete là! No, aspetta Carlina…

GIOVANNA – Che c’è, Margherita?

FELICE – (a Margherita che lo ignora) Diglielo a Carlina che la sto aspettando!

MARGHERITA – (sempre più agitata) Alzatevi da quel cazzo di divano!

SANTO – Ma chi è, scimuniu tò figghia?!

FELICE – (a Margherita, con insistenza) Ma pirchì non ci ‘u dici?! Diccillu!

SANTO – (infila casualmente la mano fra i cuscini) Ma chi c’è ccà? (Solleva con orrore la mano alla quale è attaccato un grosso ragno nero) Giovanna!

(Fra le urla generali, Santo scuote ila mano; il ragno cade addosso a Giovanna. Verosimilmente i due sono stati punti dall’insetto che, alla fine, viene catturato da Felice).

FELICE – Tutto a posto: ‘u ‘cchiappai! Muori, brutto animale peloso!

(Santo e Giovanna sono riversi sul divano)

GIOVANNA – Santo, mi sento male… Ma chi era dda cosa?

SANTO – Un ragno era… Mi sento svenire… Margherita!…

MARGHERITA – State calmi, vi porto di corsa in ospedale!

SANTO – Ma non cridu ca era… comu si chiama… la vedova… allegra…?

MARGHERITA – Non era la vedova nera, stai tranquillo ma dovete venire con me al prontosoccorso per una puntura…!

SANTO – Penso che stavota, al prontosoccorso, non ni fanu mancu trasiri!

MARGHERITA – Appoggiatevi a me…

(I tre si trascinano fuori).

FELICE – Vegnu macari iù? Ti dugnu ‘na manu…

MARGHERITA – Vaffanculo! (Via, coi genitori)

FELICE – Ho l’impressione ca Margherita ci l’havi cù mia. (si siede, sbuffa contrariato) Ma quannu minchia veni ‘sta Carlina? (Prende il telecomando della tv che è sempre rimasta accesa) Cangiamu canali.

(Per un po’ si sentirà la trasmissione televisiva. Poi – a indicare un passaggio temporale – un breve stacchetto musicale quindi ancora la tv. Nel frattempo, Felice si è assopito sul divano).

13 –

(Rientra, sempre più avvilicta, Margherita. Osserva con estremo odio  il cugino che dorme).

MARGHERITA – (sguardo allucinato) Tutti gli esseri umani pare che abbiano un angelo custode. Tu, invece, hai un diavolo che ti protegge e non ti lascia nemmeno per un minuto. Ma ora, brutto stronzone, siamo rmasti io e te. Vedremo chi la spunta, alla fine. Io ti ammazzo, stanne certo! Fosse l’ultima cosa che farò nella mia vita, t’ammazzo…! (Esce per un istante, rientra con una borsa di attrezzi. Tira fuori una sega elettrica) Sarebbe più semplice accopparti adesso, mentre dormi ma è necessario che sembri una disgrazia. Una grave disgrazia.

(Alza il volume della tv poi si dirihe verso il balcone e con la sega opera sullr dbsrre della ringhiera. Poi, tranquillamente, ripone l’attrezzo della borsa e chiama a gran voce Felice).

FELICE – Cu’ è? Carlina…?

MARGHERITA – No, non sono Carlina.

FELICE – Ah, Margherita… Come stanno lo zio e la zia?

MARGHERITA – Vivi, per fortuna. E tu, come stai tu?

FELICE – Io? Bene, perché?

MARGHERITA – Perché poco fa sembravi morto.

FELICE – Come… morto?!

MARGHERITA – Sì, dormivi ma sembravi morto.

FELICE – Ahu, vedi che io non sono morto!

MARGHERITA – Lo so, non ancora.

FELICE – Non ancora? Tu non lo sai ma io sono immortale.

MARGHERITA – Non lo sapevo ma qualche sospetto l’ho avuto.

FELICE – E… Carlina?

MARGHERITA – No, Carlina non credo sia immortale.

FELICE – Che bella scoperta! No, dicu, Carlina quannu caddu veni?

MARGHERITA . Carlina è giù, sul portone: aspetta un tuo cenno per salire.

FELICE – Un mio cenno?! Perché non può salire senza cenno?

MARGHERITA – Carlina è innamorata di te…

FELICE – Daveru?

MARGHERITA - … ma è molto timida ed ha bisogno che tu la incoraggi.

FELICE – E allora che debbo fare?

MARGHERITA – Te l’ho detto. Vai sul balcone e falle cenno di salire.

FELICE – Va bene. (Corre al balcone, guarda giù…) Ma iù a nuddu vidu!

MARGHERITA – Guarda meglio!

FELICE – Ti sto dicendo che non c’è nessuno!

MARGHERITA – Sporgiti dalla ringhiera…

FELICE – (si sporge) Carlina! Carlina! Ma unni schifiu è misa?

MARGHERITA – (osserva il cugino tra l’incredulo e l’angosciato) Non la vedi perché non ti sporgi abbastanza!

FELICE – (esegue) Carlina! (A Margherita) Ma che devo fare, m’haiu ghittari dda sutta?! Vidi ca semu al quarto piano!

MARGHERITA – (fuori di sé, sragiona) Non funziona… non funziona… non funziona…!! Perché non funziona?

FELICE – Che cos’è che non funziona?

MARGHERITA – Ma deve funzionare, cazzo! Deve funzionare!! Maledetta, maledettissima ringhiera! (Totalmente impazzita di rabbia, s’avventa sulla ringhiera e la scuote con forza. La ringhiera si spezza e cade giù trascinando nel vuoto anche Margherita che urla disperatamente)

FELICE – (assiste alla scena perplesso ma nella massima tranquillità) Margherita!

VOCE DI MARGHERITA – Vaffanculo!!

FELICE –(serafico) E ora a cu’ chiamo a ‘st’ura di notti…? Che faccio, sveglio le persone pì dirici che una ragazza è cascata dal quarto piano? Chiddi m’assicutanu… E poi a che servirebbe? Tanto, oramai…(guarda giù, in strada) Mah! Pazienza. Mi hanno lasciato solo. (Si guarda in giro con aria triste) Non c’è cchiù nuddu: Carlina, Tiziana, Zia Giovanna… Tutta la famiglia Campo scomparsa: Campo Libero, Campo Margherita, Campo Santo… Non c’è cchiù mancu ‘u cani… Sono rimasto solamente io: Campo Felice. E ho due possibilità: o mi metto a piangere oppure me ne fotto. Ho deciso_ me ne fotto. Tanto, non mi volevano bene. Nessuno mu vuole bene… (Riprende i pupi che erano rimasti appoggiati su una sedia) Cummattevanu già di ‘na simana pirchì avevanu ‘na forza sovrumana! Acchiappati chissu, Rinaldu! E tu sciroppati ‘st’autru, Orlandu! Eccoti un colpu ‘nta dda testa di trunzu! Si t’abbasta l’armu, parami chissa, strunzu! Bestia arripuddutu!…

(E mentre la musica copre le ultime parole,

SIPARIO

12  settembre 2005  

    

 

  

    

 

     

       

    

     

 

  

 

    

       

 

            

 

           

        

   

   

     

   

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 51 volte nell' arco di un'anno