Romea e Giulietto… e i sassi di Verona

Stampa questo copione

ROMEA E GIULIETTO

ROMEA E GIULIETTO……e i sassi di Verona.

Romea

Giulietto

Montecchi

Madonna Montecchi

Capuleti

Madonna Capuleti

Tibaldo nipote di Madonna Capuleti

Benvolio nipote di Montecchi

Servo senza nervo servo casa Montecchi

Servo con nervo servo casa Capuleti

Balia

Frate Foschia

Casa Montecchi 

( Montecchi cammina su e giù per la stanza del suo palazzo. Arredata con 4 sedie stile medievale, un tavolo e un grande arazzo sulla parete principale)

(Servo senza nervo ha un importante tic nervoso ma dal movimento molto lento)

Servo senza nervo              Padrone, vostro nipote Benvolio è arrivato.

Montecchi                             Fallo entrare.

Servo senza nervo              Come desiderate Signore

(esce ed entra Benvolio)

Benvolio                               Buongiorno zio, mi avete fatto chiamare e con premura

giungo a voi. Spero non ci siano nubi all’orizzonte, in tal caso

sapete che sarò al vostro fianco fedele fino alla morte!

La mia spada è ansiosa di servirvi e proteggervi!

Montecchi                             Caro nipote ti ringrazio per la premura ma, mettiti comodo,

                                               niente nubi.

Benvolio                               Ditemi dunque come posso servirvi, se di spada non avete

                                               bisogno?

Montecchi                             Caro nipote, lascia riposare la spada che mi serve la tua mente.

Benvolio                               Nobile zio con la spada so il fatto mio ma, con la mente ahimè

                                               spero di non deludervi. Comunque, a vostro servizio, ditemi!

Montecchi                             Suvvia Benvolio, mi auguro di non aver pagato invano i migliori

                                               maestri per te e Giulietto.

                                               Comunque, ti ho convocato perché voglio solo conoscere

                                               meglio mio figlio.

                                               Tu sei suo cugino,compagno di addestramento, di giochi, avete

                                               condiviso la balia….

Benvolio                               Ci siamo anche picchiati, rotolati giù per i fossati…

Montecchi                             Va bene, pur sempre di addestramento si tratta!

                                               Quello che voglio conoscere ora sono le pene del suo cuore.

Benvolio                               Fatemi riflettere….a mio parere Giulietto non è afflitto da pene.

Montecchi                             Intendi dire che Giulietto non ti ha mai confidato il desiderio di

                                               prender moglie?

                                               Non si strugge per qualche dama di Verona?

                                               Non si chiede chi sarà la madre dei suoi figli?

Benvolio                               Certo che no! Giulietto è così sereno e beato che mi sale la rabbia.

                                               Non si accorge con che occhi lo guardano le belle

                                               fanciulle di Verona. Ah, magari brillassero così per me!

Montecchi                             Ma non è interessato nemmeno per la bella Rosina?

Benvolio                               Caro zio me ne sarei accorto! La bella Rosina aspetta solo un

                                               suo cenno….ma sembra che il cuore di Giulietto non venga

                                               imbrigliato nella rete.

                                               Il mio cuore invece, nella rete c’è già, ma lei non se ne accorge.

( Benvolio si stende sulla sedia con fare sognante)

Benvolio                               Sarebbe stata la madre perfetta per i miei figli, io si che ci penso.  

                                               La mia bellissima moglie, che si affaccia al balcone del mio

                                               palazzo per ammirare il tramonto sui tetti di Verona.

                                               Che avrebbe arricchito il mio letto nuziale e, col fruscio del suo

                                               leggero passo avrebbe creato musica nei saloni.

Montecchi                             Su, Benvolio non ti ho fatto chiamare per farmi partecipe dei

                                               tuoi sogni.

                                               Mi serve sapere cosa passa per la mente di Giulietto.

                                               Ti fa delle confidenze a riguardo?

                                               Ha l’età per prender moglie. Come può essere che non trapeli

                                               ciò che custodisce nel suo cuore nemmeno agli occhi del suo

                                               migliore amico?

                                               Forse mi nascondi qualcosa?

Benvolio                               Zio, sapete che ho tanta stima nei vostri confronti.

                                               Mai penserei di tradire la vostra fiducia…mi tagliassero la

                                               lingua!

( entra Madonna Montecchi)

Benvolio                               ( fa un inchino)  Signora zia

Madonna Montecchi           Caro nipote a cosa dobbiamo la tua visita?

Montecchi                             Ho convocato Benvolio per poter capire la fonte di tanta

                                               spensieratezza di nostro figlio Giulietto.

                                               Un giovane, anzi un uomo che non ha tormenti mi inquieta.

                                               Alla sua età voi eravate già nei miei pensieri.

                                               I miei occhi si posavano sui contorni del vostro bel volto di

                                               giorno e soprattutto di notte. Quelle visioni mi avvolgevano

                                               come un’edera al tronco di un albero.

                                              

Madonna Montecchi           Avete ragione, è tempo che una fanciulla arricchisca la sua

                                               mano come si addice ad un buon cavaliere.

                                               Purtroppo non ha ancora incrociato lo sguardo della sua futura

                                               sposa, o forse non vuole far trapelare chi è la prescelta.

Benvolio                               Nobili zii, non so come darvi sollievo. Io e Giulietto siamo cresciuti

                                               insieme come due alberi fianco a fianco, con le fronde che,

                                               sfiorandosi, si danno sostegno l’un l’altro affrontando venti

                                               e tempeste. Io gli sono molto affezionato e prometto per il suo

                                               bene che se dovesse avere dei segreti ne avrò conoscenza e

                                               non potrà sottrarsi alle mie insistenze.

Montecchi                             Nipote, aspetterò le tue nuove.

Benvolio                               (congedandosi con un inchino)  Contate su di me.

Madonna Montecchi           Aspetta Benvolio, vengo con te. Un po’ di aria fresca mi farà bene.

                                              

Montecchi                             Nipote, se Giulietto nasconde a noi i suoi battiti di cuore, tu

                                               dovrai scoprirlo.

Benvolio                               Signora zia prego ( le prende la mano ed escono)

( Montecchi pensieroso rimane nel salone, entra Giulietto)

Giulietto                                Buongiorno padre, ( si abbandona sulla sedia) ho le braccia

                                               e le gambe così malconce che non riuscirei nemmeno a

                                               raccogliere un ramoscello d’ulivo abbandonato da una colomba.

Montecchi                             Come puoi essere così stanco, hai combattuto figlio mio?

Giulietto                                Combattere! Combattere! Certo! Guardate le mie ruvide mani,

                                               sembra abbiano scavato la fossa ad un Guelfo nella nuda creta

                                               di San Bonifacio.

Montecchi                             Figliolo, ma sei ferito? Racconta a tuo padre tale impresa.

                                               I Guelfi hanno cagione a temere noi Ghibellini perché forti sono

                                               le nostre braccia!

                                               Ora Giulietto se hai ancora fiato per rendermi partecipe racconta!

                                               No, aspetta! Il buon vino di Soave scioglierà la tua

                                               lingua e mi onorerai di tutti i dettagli!

( Montecchi versa a Giulietto un bicchiere di vino)

Giulietto                                Padre, siete sicuro che avrete la pazienza e il tempo per

                                               ascoltare la mia impresa?

Montecchi                             Ho compiti che possono aspettare…ora i miei orecchi sono

                                               dedicati a te e così attenti, da sembrare quelli di una lepre

                                               quando deve decidere di abbandonare la sua tana.

Giulietto                                Sento già il vino che scorre con il sangue nelle mie vene.

                                               Questa mattina, incerto se recarmi a palazzo Scaligero o in

                                               Piazza delle Erbe, imboccai il vicolo corto e mentre

                                               canticchiavo, le mie gambe, come seguissero un disegno, mi

                                               portarono verso l’Adige.

Montecchi                             Fu li che incontrasti i Guelfi? Figliolo, sono zone dove anche i

                                               cavalieri più esperti temono imboscate!

Giulietto                                Aspettate padre, più di un incontro feci.

                                               Prima di arrivare sull’Adige, attraversai il boschetto dei Tacca, il

                                               sole splendente filtrava fra quel groviglio di rami.

Montecchi                             Fu li che vedesti le ombre dei Guelfi?

Giulietto                                Altro incontro feci. Dicevo, il sole filtrava fra rami e fronde e,

                                               questa luce così vivida creava un arco di stelle. Mentre ero li a

                                               bearmi di tale incanto, quasi accecato da quei bagliori…

Montecchi                             Il Guelfo!

Giulietto                                Udii qualcosa, un colpo d’aria sul viso e con forza e insieme

                                               grazia, un falco virò davanti a me e proseguì verso il fiume.

                                               Iniziai a correre, giù, giù, verso le scoscese rive seguendo il suo

                                               volo….lui con il becco in giù, con le ali ferme e aperte, con gli

                                               artigli pronti, si fiondò su quelle acque cristalline e prese il

                                               pesce. Fu li, su quelle rive che vidi…

Montecchi                             Il Guelfo! E’ per questo che le tue braccia sono spossate?

                                               Ma la tua spada ci ha fatto onore!

                                               I Monticoli hanno braccia forti fra i giovani!

Giulietto                                Aspettate padre, vi devo raccontare bene le cose come sono

                                               andate, così capirete quanto valgono le mie braccia, che prima

                                               d’ora non immaginavo neppure io.

                                               Dicevo…Con le pupille ancora accecate dai bagliori dei raggi del

                                               sole fra i rami del bosco e il fiato corto per aver corso giù verso

                                               le ripide rive dell’Adige, questo falco catturò il mio sguardo verso

                                               quelle acque e fu lì, mentre il sole riflettendo i suoi potenti raggi

                                               creava una lamina d’argento luccicante, che abbassai lo sguardo.

Montecchi                             Il morto?! C’era un cadavere nel fiume?!

                                               Verrò io con te a Palazzo della Ragione.

                                               Cangrande pretende trasparenza ovunque ci sia sangue sulle sue

                                               terre, siano di Guelfi o di Ghibellini!

Giulietto                                Altro incontro feci. Suvvia padre abbiate pazienza…lasciate che

                                               vi racconti.

                                               Come dicevo or prima, abbassai gli occhi e un sasso affiorava dalle

                                               acque quel tanto da farmi capire che si celava una forma familiare.

                                               Mi chinai e lo raccolsi.

                                               Così lucido perché ancora bagnato e così liscio, vi identificai la

                                               curiosa forma di papera.

Montecchi                             Di papera? Ma che vai dicendo figliolo!?

Giulietto                                Non proprio di papera quella sgraziata e dondolante, ma sul

                                               genere di germano reale, poi…rapito dall’entusiasmo, guardai giù,

                                               il mio sguardo andava oltre la trasparenza delle acque e vi  identificai

                                               fra quei sassi svariate forme di animali, di fiori, ed ancora …oggetti!

                                               Per fortuna con me porto sempre un sacco, come voi caro padre mi

                                               avete insegnato, non sia mai che per della selvaggina possa servire,

                                               ed iniziai a riempirlo.

Montecchi                             Ma le tue gambe e braccia stanche a cosa sono dovute se da come

                                               pare non hai duellato?

Giulietto                                Così rapito da tanta bellezza non mi accorsi che riempivo, riempivo,

                                               e riempivo ancora. Come riempire un tino di grappoli d’uva!

                                               Mi accorsi tardi che dovevo risalire quelle ripide rive che poco prima

                                               avevo scese correndo. Issando quella soma, fu molto più faticoso

                                               di quanto pensassi e, la strada del ritorno che con passo tanto

                                               leggero avevo percorso, diventò così lunga da sfinirmi.

( Montecchi più vede il figlio entusiasta più è deluso e rabbuiato)

Montecchi                             Ora capisco figlio mio tanta stanchezza.

( Giulietto esce e ritorna trascinando un sacco pieno di pietre)

Giulietto                                Padre, guardate, ho ragione nel dire che hanno forme impensabili!?

                                               Guardate! La papera, l’uccellino, e questo! Guardate questo!

                                               Sembra un pezzo di pane!

Montecchi                             Vedo vedo figliolo, vedo anche ciò che tu non vedi…

Giulietto                                Padre col vostro permesso, vado a sistemare queste opere

                                               vicino al mio letto. La spada dovrò spostare ma, ci ragionerò in

                                               seguito. Le metterò così bene allineate che, quando le prime luci

                                               dell’alba mi sveglieranno io le possa vedere come prima cosa e il

                                               buon umore mi riempirà l’animo.

( Giulietto esce entusiasta trascinando il suo prezioso sacco)

Servo senza nervo              Padrone, padrone, i nemici, i nemici….è giunto a voi un servo dei

                                               Capuleti e chiede udienza.

Montecchi                             Servo senza nervo! Non puoi recarti a me in stato di emergenza

                                               parlando come una talpa che si sveglia dal letargo!

                                               Ho in casa mia nemici e tu tardi più di una tartaruga?

                                               Se ci fosse un incendio brucerebbe non solo il mio palazzo ma

                                               tutta Verona prima che tu ne prenda coscienza!

                                               Sbrigati chiama le guardie! Dove sono tutti quanti?

Servo senza nervo              Padrone sono mortificato chiedo perdono.

                                               Voi mi conoscete, sapete che sono senza nervo ma non per questo

                                               vengo meno ai miei doveri. Mi tagliassero un braccio piuttosto!

                                               Ci sono nemici in casa vostra ma, Servo con nervo della famiglia

                                               dei Capuleti non porta spada e giura che deve recare un messaggio

                                               personalmente a voi.

Montecchi                             Fallo entrare e bada che non porti  altro ferro con se.

Servo senza nervo              Signore hanno già controllato le guardie.

(Servo senza nervo fa entrare Servo con nervo che come dice il nome un grave tic nervoso

lo disturba “ scuote braccio, testa o gamba in modo veloce giusto l’opposto dell’altro servo)

Servo con nervo                  Nobile signore ( accenna un inchino)

Montecchi                             Impensabile che tu sia qui per futile motivo ma, bada bene che

                                               se vieni per spiare o per tesser trame i tuoi occhi faranno ben fatica

                                               a vedere la strada che hai percorso per giunger fin qui.

Servo con nervo                  Signore mi manda a voi il mio padrone Capuleti…

Montecchi                             Ah! Già il nome mi crea un prudere di mani e se non stai fermo

                                               soddisferò questa mia esigenza!

                                               I tuoi nobili padroni si dimenticano forse di insegnare alla servitù

                                               come comportarsi a palazzo?

Servo con nervo                  Nobile Montecchi, sono Servo con nervo e il mio nervo sta fermo

                                               solo se legato ma non potrei più adempiere ai miei doveri.

Montecchi                             Il tuo nervo non sta a comando ma vedo che la lingua la manovri

                                               bene e, se non vuoi vedere anche i miei di nervi, consegna

                                               ciò per cui sei venuto.

( Servo con nervo porge a Montecchi un rotolo di carta, Montecchi srotola e legge)

                                              

                                              

Montecchi                             Mi crea sospetto questo incontro. Un Capuleti che chiede

                                               permesso…mai prima d’ora accadde.

( Montecchi continua a leggere Servo con nervo sta impalato a guardarlo, tranne il tic nervoso)

Montecchi                             Altre cose devi dire?

Servo con nervo                  Altro da aggiungere non ho ma il mio padrone mi ordina di star

                                               qui fermo ad aspettare risposta.

Montecchi                             Ah! Ah! Ah! Dice a te di star fermo! Forse avrebbe dovuto servirsi

                                               di un altro servo!

                                               Comunque sia…( scrive su un rotolo una missiva e lo da al servo)

                                               ti congedo subito, il tuo nervo mi da i nervi e, troppi nervi

                                               innervosiscono.

( Servo con nervo fa un inchino)

Servo con nervo                  Nobile Montecchi

Montecchi                             Servo senza nervo!

( entra Servo senza nervo)

Servo senza nervo              Dite mio signore.

Montecchi                             Scorta il Servo con nervo e dopo ritorna subito da me o meglio,

                                               scorta il Servo, vai da Giulietto e dopo vieni da me e, affinché la

                                               notte non arrivi prima di te, muovi le gambe!

Servo senza nervo              Che servizio devo portare a Giulietto nobile signore?

Montecchi                             Ti ho forse detto che devi portare servizio? Tu vai da Giulietto e

                                               nulla aggiungo.

                                               E’ la mia testa che ragiona non quella dei servi! A voi spetta solo

                                               ubbidire! Questa pazienza imposta e l’esplosione dentro di me, mi

                                               fa tremare per tutto il corpo.

( I due servi con i rispettivi tic uno veloce e l’altro lento creano una situazione grottesca e

Montecchi è infastidito sia dai servi che dai pensieri per Giulietto)

Servo senza nervo              Perdonate signore, non è mia intenzione farvi adirare, vi

                                               soddisferòcon tutta la velocità che possiedo.

( Montecchi fa un gesto con la mano per incitarli ad uscire poi cammina per la sala pensieroso,

dopo un po entra Madonna Montecchi)

Madonna Montecchi           Ho visto un estraneo a palazzo.

Montecchi                             Era un servo dei Capuleti, propongono un incontro per una

                                               proposta.

Madonna Montecchi           Capuleti!? Ma voi vi fidate? Avete accettato?

                                               Ecco perché vi vedo così cupo. Siete più teso voi che le corde

                                               del salterio.

                                               Caro marito, confidatevi, sono vostra moglie. Tirate fuori il

                                               tormento che avete dentro. Sarò degna delle vostre confidenze.

                                               Credete, sono in pena per voi, mai ho visto così il vostro volto.

Montecchi                             Sto seppellendo un presentimento, ma a nulla serve la terra,

                                               riaffiora sempre con più insistenza.

Madonna Montecchi           Siamo forse in pericolo? I Guelfi stanno tramando conflitti?

                                               Se di questo si tratta, vi dico ciò che penso.

                                               Vorrei che queste tensioni si sciogliessero come neve al sole

                                               perché i veronesi sono stanchi. Ogni anima ha il diritto di bearsi

                                               in pace e serenità. Sono disposta a fare ciò che serve, chiudiamo

                                               le porte all’odio e lasciamo spazio alle buone intenzioni.

( entra Servo senza nervo)

Servo senza nervo              Padrone, ho fatto quello che voi avete ordinato, ossia, sono

                                               andato da Giulietto e senza nulla aver fatto torno a voi.

Montecchi                             Hai visto Giulietto dunque. Dov’era e cosa era intento a fare?

Servo senza nervo              Padrone, non ho tanti argomenti, era in camera e stava fra i sassi

                                               e pietre.

Montecchi                             Che faceva?

Servo senza nervo              Signore, io non so. Era steso sul pavimento, tirava fuori da un

                                               sacco delle pietre, le avvicinava alla luce della finestra  e poi le

                                               posava con cura per la camera.

                                               Mi avete ordinato di non far notte e spero che ciò che ho visto

                                               possa bastare. Altro non ho da aggiungere.

Montecchi                             Basta e avanza. Lasciaci soli.

( Servo senza nervo si congeda con un inchino)

Servo senza nervo              Mia signora, mio signore.

Madonna Montecchi           Gradirei capire, voi adombrato, il servo che sorveglia Giulietto,

                                               i Capuleti….santa pace! Se potete illuminatemi, vi prego fatemi

                                               partecipe affinché io possa aiutarvi nel trovar pace.

Montecchi                             I Capuleti propongono di sospendere i nostri contrasti.

                                               Assicurano vantaggi sia per loro che per noi.

                                               Si valuterà a dovere nel momento giusto ma, il mio tormento è

                                               un presentimento e non c’è spada che possa recar rimedio.          

Madonna Montecchi           Marito, datemi da capire meglio. Riguarda forse Giulietto?

                                               Vi state ancora tormentando perché non conoscete la sua sposa?

                                               Se fosse così date il tempo necessario al mio bel giovane

                                               gentiluomo cortese.

Montecchi                             Ecco, lo avete detto! Troppo cortese, troppo!

                                               Avete notato? Non c’è prepotenza in lui, non c’è la grinta che

                                               contraddistingue l’uomo!

Madonna Montecchi           Ciò che state dicendo mi inquieta. Oh mio Dio no….( si siede)

                                               Tremo al pensiero, come potete pensare che nostro figlio sia

                                               uomo a metà?!

Montecchi                             Moglie mia parlate piano. Non sia mai che ci siano orecchi fra

                                               queste mura.

                                               Sto osservando da tempo il giovane, mi danno sospetto le sue

                                               attività. Non vede alcuna fanciulla come madre dei suoi figli e

                                               si dedica a raccogliere pietre al fiume. Gira per i boschi estasiato

                                               dalle bellezze della natura, mi parla del sole e delle stelle.

                                               Troppo, troppo cortese credete!

Madonna Montecchi           Oh, Giulietto! Mio caro Giulietto!

                                               Sei il mio orgoglio, rappresenti la gentilezza, il rispetto, l’onestà!

                                               Giovane figlio mio dove ho sbagliato nell’educarti?

                                               Ma voi cosa pensate? Se parlassimo con lui? Forse c’è rimedio!

Montecchi                             Non servono parole, qui urge passare ai fatti.

                                               Sapete bene come la pensa Cangrande, la tolleranza dei secoli

                                                scorsi non c’è più.

                                               Se gli va bene gli spetta l’esilio altrimenti la morte.

Madonna Montecchi           Madre Santissima! Non pronunciate più questa parola.

                                               Che angoscia, le mie mani, guardate, tremano come foglie

                                               al vento.

                                               Non sia mai che il mio povero Giulietto debba pagare con la

                                               vita il fatto di non riuscire ad amare una donna!

Montecchi                             Parlate sottovoce vi ho detto.

Madonna Montecchi           Ma se voi vi sbagliaste? Magari questi turbamenti non hanno

                                               fondamento.

Montecchi                             Ho confrontato vari fatti e parlato con Benvolio.

                                               Purtroppo la vergogna si abbatterà su Giulietto e sui suoi parenti.

                                               A nulla serviranno le nostre ricchezze e temo per la vita di

                                               Giulietto e la vostra.

Madonna Montecchi           Non ho paura, facciano ciò che vogliono di me!

                                               Ma, sarebbe una pena insopportabile veder soffrire Giulietto.

                                               Il solo pensiero mi fa gelare il sangue nelle vene.

                                               Marito, vi prego, troviamo il modo per salvargli la vita.

Montecchi                             Ho saputo che Rosina ha occhi per Giulietto ma, potrebbe

                                               stancarsi se il suo sguardo non verrà corrisposto.

                                               E’ necessario adoperarci affinchè Giulietto prenda moglie al

                                               più presto. 

Madonna Montecchi           Ma non l’ama! Verso un triste destino andranno questi sposi.

Montecchi                             Non serve, l’amerà col tempo.

                                               Questo gli salverà la vita ed è ciò che importa.

Madonna Montecchi           Avete ragione, notte dopo notte, la bella Rosina saprà come

                                               entrare nelle grazie di Giulietto. E se faranno un figlio, nulla più

                                               si potrà dire sul suo conto.           

( entra Servo senza nervo)

Servo senza nervo              I signori Capuleti sono giunti a palazzo con il loro seguito.

Montecchi                             Falli entrare da soli.

Servo senza nervo              Come voi ordinate.

( entrano Madonna Capuleti e Capuleti, fanno un mezzo inchino le due donne)

Capuleti                                Nobili Montecchi.

Montecchi                             Nobili Capuleti….confesso che la vostra visita suscita in me

                                               curiosità e stupore.

                                               L’invito portatomi dal vostro servo non lasciava spazi a presagi.

                                               Dunque parlate e sviscerate la natura della vostra visita.

( Monrtecchi fa sedere gli ospiti di fronte a loro)

Capuleti                                Ciò che mi spinge a voi è l’aver meditato per giorni ed aver

                                               raggiunto la consapevolezza che i nostri antichi rancori,

                                               oggigiorno ci danneggiano reciprocamente.

                                               La famiglia Tacca beneficiando di questa ruggine, sta allargando

                                               le sue proprietà in modo preoccupante.

Montecchi                             Dunque, voi sostenete che è conveniente stringere un’alleanza

                                               per fermare quegli ingordi?

Capuleti                                Certamente! Sono assetati di potere!

                                               Mirano ad essere i padroni di Verona e fare i prezzi delle merci.

                                               Se noi Capuleti e voi Montecchi uniremo i nostri intenti, saremo

                                               di grande ostacolo per i loro disegni.

Madonna Capuleti              Noi abbiamo Romea in età da marito e voi avete Giulietto in

                                               età da moglie.

                                               Sistemando i due giovani, si placherebbero le acque che fin troppi

                                               dispiaceri hanno portato.

Capuleti                                E nel contempo bloccheremo le trame del prepotente.

                                               Avremo  già dalla nostra parte i Negrelli e i Montanari, stanno

                                               aspettando il nostro accordo.

Montecchi                             Al viscido Tacca non resterà che abbassare le orecchie!

Capuleti                                Del resto la sua arroganza non ci lascia altre strade.

                                               Deve essere bloccato per il bene della comunità di Verona.

Madonna Capuleti              Romea vi assicuro è una graziosa fanciulla, farà onore a

                                               vostro figlio.

( Montecchi e Madonna Montecchi si guardano, capiscono che questa è l’occasione per

sistemare Giulietto)

Montecchi                             Vi dirò che simpatie per la famiglia Tacca non ne ho mai avute,

                                               del resto nemmeno per la vostra ma, i loro complotti nei

                                               confronti degli altri nobili di Verona, mi hanno sempre disgustato.

                                               Ma, chi mi assicura sulle vostre buone intenzioni?

                                               Siete sinceri o celate altre mire?

Madonna Capuleti              Romea sarà la nostra garanzia. Come potremmo comportarci

                                               da tiranni coinvolgendo ciò che abbiamo di più caro?

Madonna Montecchi           Ebbene si, io sono madre come voi e mai metterei in acque

                                               torbide Giulietto.

                                               Se questo accadesse, che non ci sia pietà lassù, al di là delle

                                               nuvole a soccorrerci nella disperazione!

Montecchi                             Avete idea di come e quando affrontare gli argomenti con i due

                                               giovani sposi?

Capuleti                                Nostra figlia è stata educata all’obbedienza. E’ suo dovere

                                               accettare quello che per il suo bene è stabilito dai genitori.

Madonna Montecchi           Anche nostro figlio ha ricevuto la stessa educazione.

Montecchi                             Garantiamo per lui.

Capuleti                                Allora propongo che oggi stesso i due giovani vengano a

                                               conoscenza del fidanzamento.

Montecchi                             Propongo una stretta di mani e un brindisi.

                                               Che l’armonia entri nei nostri palazzi e che le voci dei nostri

                                               nipoti rallegrino i saloni.

Montecchi                             Servo senza nervo!

( entra il servo)

Servo senza nervo              Comandate signore.

Montecchi                             Accompagna i nobili Capuleti.

( scambio di inchini fra nobili)

Servo senza nervo              Nobili Capuleti prego.

                                  

                                   

                                                                                             

                                              

Casa Capuleti 

( stessa scena, quattro sedie medievali un tavolo cambia solo il grande arazzo sulla

parete principale per far capire che si è in casa Capuleti)

Madonna Capuleti              Suvvia Romea, cosa succede, perché questo cuore di pietra.

Romea                                  Carissima madre, voi mi conoscete. Vi ho mai disobbedito?

                                               Vi ho mai causato angosce? Le buone maniere e il senno non

                                               ho perduto ma, come posso accontentarvi?

Madonna Capuleti              Figlia mia, io e tuo padre non vogliamo recarti torto.

                                               Ragazze qui in Verona, più giovani di te, degne persone,sono

                                               già spose e madri.

                                               Io alla tua età ero già madre e tu sei ancora nubile.

Romea                                  Ma si tratta di un Montecchi!

Madonna Capuleti              Si tratta di Giulietto! Un uomo quello che figlia mia…

                                               l’estate di Verona non ha un più bel fiore!

Romea                                  Come posso decidere di amare?!

                                               E’ il mio cuore a comandare, nulla posso contro di lui.

Madonna Capuleti              Credimi è più facile di quello che pensi.

                                               L’amore arriva, basta dargli tempo.

                                               Non è sempre arrivata la pioggia dopo giorni di secco?

                                               E non è arrivato il sole dopo i giorni di pioggia?

                                               Tutto si aggiusta con il tempo. Pazienza e fiducia ci rende saggi,

                                               felici e, l’amore non tarderà.

Romea                                  Saggi si, ma felici dubito.

Madonna Capuleti              Sei giovane ed inesperta, dovresti fidarti!

                                               La felicità si conquista giorno dopo giorno, con l’ubbidienza

                                               e devozione al proprio marito.

Romea                                  Lo so, lo so madre. Scusate l’arroganza sono mortificata, non

                                               era mia intenzione mancarvi di rispetto.

                                               Sono addolorata per questa mia posizione ma del resto, perdonate,

                                               non mi sento ancora pronta per il matrimonio, ancora meno se

                                               lo sposo deve essere Giulietto Montecchi.

( voce fuori scena)

Balia                                      Romea, Romea, posso entrare?

Madonna Capuleti              Ti lascio con Balia, lei è riuscita ad educarti da gran dama,

                                               saprà come farti ragionare. Capirai che queste  angosce non

                                               hanno motivo d’essere. Entra pure Balia!

( esce Madonna Capuleti ed entra Balia)

Balia                                      Oh, Romea Romea, che succede? Raccontate tutto alla vostra Balia.

                                               Questa mattina, quando le stelle stavano lasciando il posto al sole,

                                               mi trovai a rigirarmi nel letto.

                                               Vi stavo pensando ma, non mi era chiaro se c’erano presentimenti

                                                buoni o cattivi.

                                               Lasciai il caldo letto alle prime luci e fu Tibaldo che mi parlò

                                               delle vostre nozze.

                                               Che sollievo al sentire questa bella notizia di primo mattino.

                                               Il fiorellino che con tanta cura ho allattato e cresciuto, ora è

                                               diventato una bella rosa tanto da far venir gola così presto ad

                                               un bel giovanotto!

                                               Non vedo l’ora di assistervi nei preparativi. Ma dite chi è il

                                               fortunato giovane?

Romea                                  Ti sembro forse una bella rosa?

Balia                                      Bambina mia che succede, perché questo tono e quest’aria

                                               truce? Non si addice ad una sposa.

Romea                                  Sposa, sposa che strana parola, l’avevo sempre associata a felicità.

                                               Quanta gioia ho visto nei volti delle spose, nei volti degli sposi, nei

                                               volti dei parenti. Dov’è la mia gioia? Dov’è la mia felicità?

Balia                                      Non parlate così per l’amor del cielo, non porta bene!

                                               La vostra gioia c’è, dategli tempo, ha bisogno di spazio!

                                               Sposarsi è il sogno di tutte le fanciulle e credete che non tutte

                                               sono belle come voi e vengono scelte. Gioite mia cara, purtroppo la

                                               vita ci riserva altre occasioni per perdere il sorriso!

Romea                                  Ma tu non sai chi è il mio sposo! Capiresti perché non sorrido.

Balia                                      Ve l’ho chiesto ma con i vostri indugi non avete ancora fatto il nome.

Romea                                  La mia famiglia vuole che sposi Giulietto.

Balia                                      Giulietto!? Giulietto proprio quello….!?

Romea                                  Si proprio quello, Giulietto dei Montecchi!

                                               Come possono i miei genitori volere questo da me?

                                               Si tratta di un castigo? Cosa ho fatto di male?

                                               Balia, è forse stata colpa tua? Non mi hai educata  con i rigori

                                               che si conviene ad una nobile dama?

                                               Perché mi vogliono dare ad un Montecchi?

Balia                                      I vostri genitori non sono tenuti a farvi partecipe della loro

                                               scelta ma sono certa, che hanno un valido motivo e che tengono

                                               a voi.

                                                Vi assicuro che siete stata allevata ed educata come si conviene

                                               ad una nobile di alto rango.

                                               Su, sorridete! Arricchirete la mano del fortunato sposo in modo

                                               tale che sarà orgoglioso di passeggiare per Verona con voi.

Romea                                  Se dedicassi il mio cuore a Dio? Cosa ne dici Balia?

                                               Magari se mi sforzassi riuscirei a sentire il richiamo del

                                               Signore, dovrei prima di tutto farmi portare in convento,

                                               respirare quell’aria mistica nelle cappelle con le suore.

                                               So già cantare, tu mi hai insegnato bene e, in quanto a pregare

                                               mi preoccupa solo il fatto che stanno ore in ginocchio.

                                               Ma sono sicura che nostro Signore saprà come aiutare una

                                               giovane fanciulla in difficoltà. Balia questa mi sembra la soluzione

                                               migliore.

Balia                                      No, no, meglio sposa.

Romea                                  No, no meglio suora.

Balia                                      Vi dico e ridico sposa.

Romea                                  O suora o morta, un Montecchi non sposo!

( Romea esce dalla stanza stizzita, la balia esita un po’ poi esce anche lei)

( entrano Capuleti e Madonna Capuleti)

Capuleti                                E’ escluso che nostra figlia rifiuti questo matrimonio!

                                               E’ dovere di una figlia sposare chi decide il padre.

                                               Da sempre si sono suggellate le alleanze con matrimoni e

                                               quindi, Giulietto sarà lo sposo che la farà felice.

                                               E’ di nobile famiglia, gentiluomo, ha tutto ciò che una donna

                                               potrebbe desiderare e poi, questo atteggiamento arrogante

                                               non si addice ad una nobildonna.

Madonna Capuleti              Romea è una fanciulla e sapete anche voi che nei giovani

                                               d’oggi fin troppi pensieri moderni passano per la testa.

Capuleti                                Per questo noi, colonne portanti della famiglia, abbiamo il dovere

                                               di portarla alla ragione.

                                               Che non si venga a sapere della sua riluttanza, sarebbe

                                               un’ onta per la famiglia Montecchi.

                                               Avrebbero ragione a sfidarmi a duello.

Madonna Capuleti              Romea ha parlato con Balia, chissà che si sia sfogata e che

                                               sia riuscita a farla ragionare.

                                               Quando si toglie il tappo dalla bottiglia di vino, la pressione è

                                               forte ma poi tutto si acquieta.

Capuleti                                Balia!

( entra Balia)

Balia                                      Comandate signore.

Capuleti                                Voglio venire a conoscenza delle confidenze di Romea riguardo

                                               le sue nozze.

Balia                                      Al momento Romea è riluttante. Non capisco, ho sempre vigilato

                                               sulla sua buona educazione ma, ha confidato che piuttosto di

                                               sposarsi si farà suora.

                                               Sono mortificata mio signore. Sfidare la famiglia non si addice

                                               ad una fanciulla del suo rango.

                                               Se mi date la possibilità, confido di riuscire a farla ragionare.

Madonna Capuleti              Misericordia, niente contro i religiosi ma, il suo destino è da

                                               tempo stabilito, lo ha sempre saputo.

                                               Forse …il problema sta nel fatto che non ha mai conosciuto

                                               il giovane Giulietto.

Capuleti                                Anche voi non mi avete conosciuto prima del matrimonio.

                                               L’amore ha trovato la strada comunque!

Madonna Capuleti              Dite bene marito, l’amore trova la strada ma, i giovani d’oggi

                                               hanno la presunzione che se non incontrano prima gli occhi

                                               dell’amato, saranno condannati all’infelicità. Il loro romanticismo

                                               a volte mi commuove.

Capuleti                                E sia come dite voi! In fondo basta poco.

                                               Romea non deve sapere che ho deciso di andarle incontro,

                                               non sarei un buon padre.

                                               Organizzeremo una festa in maschera e faremo in modo che

                                               Giulietto giunga a palazzo.

Madonna Capuleti              Benissimo, Romea non ne saprà niente e, quando i loro occhi

                                               si incontreranno tutto si risolverà.

Balia                                      Mi adopererò affinché Romea possa incontrare “ per caso” il

                                               suo sposo, capirà da sola quanto è fortunata.

Madonna Capuleti              Balia, avvisa tutti i domestici che inizino i preparativi per la

                                               Festa!

Balia                                      Come desiderate mio signore.

( fa un cenno di inchino ed esce, escono anche i Capuleti dalla parte opposta)

Casa Montecchi 

( cambia arazzo, ora siamo in casa Montecchi, entrano Montecchi e Benvolio).

Benvolio                               Allora zio, posso posare il mio sguardo su Rosina visto che

                                               Giulietto è il promesso sposo di un’altra fanciulla?

Montecchi                             Caro nipote per quello che mi riguarda puoi posare lo sguardo,

                                               le mani e tutto quello che ti pare sulla bella Rosina, rispettando

                                               però i modi cavallereschi che contraddistinguono i giovani del

                                               nostro casato, non voglio scandali in famiglia.

Benvolio                               Nel modo più assoluto recherei dispiaceri ai miei adorati zii ma,

                                               ditemi, se non sarà Rosina, la futura sposa di Giulietto chi sarà?

                                               E perché mi avete fatto chiamare con urgenza?

Montecchi                             E’ una graziosa fanciulla…dicono, con tutte le virtù che si addice

                                               ad una dama di nobile famiglia.

                                               Educata, ubbidiente, discreta, bel portamento…amante dei bimbi,

                                               gentile nei modi, onesta, ricamatrice…quella giovane ha tutto

                                               quello che uno sposo potrebbe desiderare e invece…

Benvolio                               E invece?

Montecchi                             Pare che Giulietto abbia altro a cui pensare, il matrimonio dice,

                                               non fa per lui.

Benvolio                               Che bestemmia! Ma mio cugino è uscito di senno?

                                               Rifiutare una fanciulla con queste doti? Su zio, ditemi chi è

                                               questa amorevole creatura.

Montecchi                             La prescelta è Romea Capuleti.

Benvolio                               Romea!? La Capuleti!? Ora capisco Giulietto!

Montecchi                             Nipote, non ho chiesto il tuo parere!

                                               Sappi che non ti devo spiegazioni su quello che decido e, se

                                               stringo alleanze è a beneficio di tutti i Montecchi, tu compreso!

Benvolio                               Zio, scusate la mia prepotenza. ( si inchina)

                                               So bene quanto voi vi adoperate per il benessere della

                                               nostra famiglia. Chiedo perdono.

Montecchi                             Su Benvolio, alzati. Ora mi serve il tuo aiuto.

                                               Se Giulietto continua a rifiutare la mano di Romea, andremo

                                               incontro ad una crisi diplomatica con i Capuleti.

                                               Un disonore questo che segnerà il destino della fanciulla e

                                               più nessuno la vorrà in moglie.

Gelide tempeste si abbatteranno su Verona.

Benvolio                               Giulietto ha mai visto Romea?

Montecchi                             Dice che non ha avuto l’occasione.

Benvolio                               A differenza di Giulietto, io le occasioni per incrociare gli sguardi

                                               delle fanciulle le trovo. La sposa in questione è deliziosa e penso

                                               che fargliela incontrare sia il miglior modo per sciogliere ogni

                                               riluttanza.

Montecchi                             Credo che tu abbia ragione nipote. Sta anche nei disegni dei

                                               Capuleti un incontro perché stranamente,  un loro servo mi

ha fatto arrivare la notizia che a casa loro c’è una festa in

maschera.

Benvolio                               Quindi, dovremo far sembrare che questo accada per caso…

                                               potrei….Servo senza nervo!

( entra il servo)

Servo senza nervo              Ai vostri comandi, ditemi.

Benvolio                               Avvisami Alfonso e Lorenzo. Devono aspettarmi al Portego

                                               Scuro con le maschere! Vai subito, non c’è tempo da perdere!

Servo senza nervo              Ma ditemi ora dove li posso trovare?

Benvolio                               Li trovi al Cantinon in Piazza delle Erbe….vai vai veloce!

(Servo senza nervo cerca di mettere l’acceleratore ed esce di scena)

Montecchi                             Sento i passi di Giulietto, nipote vado e lascio fare a te.

Benvolio                               Non dubitate zio, ho in testa una strategia!

( esce Montecchi ed entra Giulietto trascinando un altro sacco pesante pieno di sassi)

Giulietto                                Benvolio buongiorno, ho intravisto mio padre, stavi conversando

                                               con lui? Per caso ti ha parlato del progetto che si è messo in

                                               testa?

Benvolio                               Non so di cosa parli, tuo padre aveva fretta, oggi varie

                                               incombenze doveva sbrigare.

                                               Mi giunge voce che in una nobile          famiglia veronese si tiene

una festa in maschera e sono venuto a prenderti.

                                               La vita è troppo breve per farsi scappare qualche

                                               bicchiere di buon vino, bella musica e ballare con le donzelle

                                               di Verona!

Giulietto                                Cadi male mio caro cugino! Non ti farò compagnia, ho in

                                               testa dei progetti che non lasciano spazi a distrazioni.

( Giulietto ha in mano un sacco e tira fuori un sasso)

Giulietto                                Guarda la bellezza e l’armonia che traspare da questa forma.

                                               Non ti senti trasportare dall’emozione? Liberiamo le menti

                                               da tutto ciò che è futile

Benvolio                               Certo! L’emozione di potarti alla festa! Alfonso e Lorenzo ci

                                               stanno aspettando al Portego Scuro. Dai muoviamoci!

Giulietto                                Se avessi avuto sete di buon vino ci sarebbe stato il motivo.

                                               Se avessi avuto voglia di ballare ci sarebbe stato il motivo.

                                               Se avessi avuto voglia di conoscere fanciulle….

Benvolio                               Se avessi avuto un cugino meno testardo non sarei ancora

                                               qui a perder tempo. Metti questa maschera e vieni con noi!

( Benvolio mette una maschera a Giulietto)

Giulietto                                Ma con questa non vedo niente! Dov’è questa festa? Dove

                                               mi stai portando?!

                                               L’ignoto in questa circostanza mi inquieta. Sicuro che hai il

                                               cervello a posto?

Benvolio                                Giulietto, sono tuo cugino! Lasciati trasportare dalle emozioni!

                                               Vivi le sorprese e liberati dal futile! No, libera la mente con le

                                               sue regole o vivi l’armonia! …insomma, sei tu il poeta! Vieni

                                               con me e basta!

                                    

( escono di scena)

Casa Capuleti 

( Capuleti e Madonna Capuleti danno disposizioni per la festa a Servo con nervo e Balia)

Capuleti                                Io vò ( voglio) che la festa sia magnifica, cibo in abbondanza

pietanze raffinate. I musici sono arrivati a palazzo?

Balia                                      Si padrone stanno finendo di mangiare, fra poco inizierà lo

                                               spettacolo e le pietanze sono già disposte come da vostro gusto.

Capuleti                                E gli ospiti?

Servo con nervo                  Stanno arrivando mio signore, ora sono nelle stalle a

                                               consegnare i cavalli.

Madonna Capuleti              Balia, voglio che Romea sia un incanto, aiutala a prepararsi e

                                               bada di non lasciar trapelare il motivo della festa.

                                               L’incontro con Giulietto deve sembrare un fatto casuale…su…

                                               ora andate alle vostre mansioni!

Capuleti                                Ma siamo sicuri che Giulietto si presenti?

Servo con nervo                  Non dubitate padrone, io stesso ho consegnato la vostra missiva…

                                               e il nobile Montecchi vecchia volpe, sa interpretare questo

                                               invito.

Capuleti                                Or bene, conto su di voi. Che tutto vada per il meglio e che mia

                                               figlia incontri per caso questo giovane Montecchi.

Balia e Servo                       Certamente signore…si vedranno per puro caso.

( fanno un inchino e se ne vanno. Escono di scena da parti opposte. Uno va nel salone e l’altra va a preparare Romea)

Madonna Capuleti              Sono certa che quando Romea vedrà Giulietto, dimenticherà

                                               tutti i suoi turbamenti.

Capuleti                                Come ci si caverà dall’imbarazzo se ciò non accadesse?

                                               La mia parola ho dato ai Montecchi e non intendo sottrarmi.

                                               In tal caso dovrò punire la sua disobbedienza.

Madonna Capuleti              Caro marito, non fasciamoci la testa prima di averla rotta.

                                               Sono fiduciosa, aspettiamo l’incontro e che la luce brilli nei loro

                                               occhi al primo sguardo.

Capuleti                                Vorrei avere la vostra fiducia. Nostra figlia è giovane, bella,

                                               educata, diligente, rispettosa, premurosa ma,ci sono dei momenti

in cui farla ragionare è un’ impresa più difficile che domare un

cavallo.

Madonna Capuleti              Convengo, assomiglia tutta a voi!

Capuleti                                Mia adorata moglie, non intendo proseguire oltre potrei diventare

sgarbato. Ci sono degli ospiti da ricevere, ricordate?

Madonna Capuleti              Certo, aspettano noi non è educato ritardare.

( Capuleti prende la mano della moglie per accompagnarla al ricevimento)

Capuleti                                Su venite, spazio ai sorrisi e che tutto vada per il verso giusto.

( escono di scena ed entrano Balia e Romea)

Balia                                      Padroncina mia, lasciate che vi sistemi i capelli, avete in casa

                                               vostra i più bei giovani nobili di Verona e i loro occhi saranno

                                               tutti per voi.

Romea                                  Poco importa il mio aspetto, nel mio futuro di suora non c’è spazio

                                               per i cavalieri di Verona.

                                               Nel mio immaginario ci sono già veli, ceri, cappelle….

                                               silenzio e devozione.

Balia                                      Ma cosa dite! Godetevi questa bella festa invece e poi pensate

                                               piuttosto al vostro abito nuziale, al corteo, alle damigelle, al

                                               banchetto!

                                               Su Romea, via quest’aria cupa che segna il vostro volto.

                                               Altro che rughe, vi verranno dei solchi se continuate così.

( Romea accenna un sorriso)

Balia                                      Ora mettetevi questa maschera e aspettate qui, quando sarà il

                                               momento verrò a prendervi che gli ospiti dovranno aspettarvi

                                               con trepidazione. La bimba che ho allattato ora è diventata una

                                               rosa e la fretta rischia di sciupare i suoi petali!

Romea                                  Ma Balia che maschera è questa? Non vedo nulla!

Balia                                      Fidatevi di me, copritevi  come vi suggerisco!

( Balia esce di scena e Romea aspetta per qualche istante ubbidiente, si sentono le

musiche che arrivano dalle altre sale e delle voci festose)

Romea                                  Balia….Balia…Balia…su non fatemi aspettare qui tutta sola…

Balia…..

( Romea un po’ alla volta cerca di scostare quella stupida maschera, si alza e piano

piano cerca di avvicinarsi alla porta per scorgere quello che succede alla festa…piano

piano esce di scena)

( Entrano Benvolio, Servo con nervo e Giulietto. Servo con nervo indica a Benvolio una

sedia e fanno sedere Giulietto )

Giulietto                                Cugino, pretendo delle spiegazioni, perché mi porti in casa

                                               straniera con questa maschera assurda che mi acceca la vista

                                               e non riesco a togliere?

                                               Cugino temo che questa volta mi salirà il dispetto e la rabbia

                                               nei tuoi confronti. Cosa non dovrei vedere?

Benvolio                               Vedere! Vedere! Che parole grosse usi cugino!

Giukietto                               Vedere è una parola grossa? Ma sei fuori di senno? Non ti

                                               riconosco più! Sei ancora mio cugino?

( Benvolio fa cenni al servo perché non sa più cosa inventarsi per trattenerlo in

quella stanza per incontrare Romea)

                                                          

Benvolio                               Vedere! E’ una parola grossa, grossissima!

                                               Puoi non VEDERE l’ora,

                                               puoi non VEDERE  più dalla fame,….però, mi compiaccio,

                                               di solito sei tu il poeta….

                                               puoi VEDERE le stelle…..

Giulietto                                Le vedrai tu benissimo se la pazienza mi abbandona.

                                               Perché avete accecato solo me?

Benvolio                               Perché senza occhi a quest’ora saremo tutti in fondo all’Adige!

                                               Su caro Giulietto, la pazienza tienila stretta.

                                               Fidati, facciamo arrivare tutte le fanciulle con ai piedi le

                                               scarpette da ballo e, quando loro avranno adocchiato i

                                               giovanotti pretendenti e saranno pronte per le danze, arriveremo

                                               noi a scombinare le coppie!

Giulietto                                Noi chi? Mi par di perder la ragione!?

Benvolio                               Noi! Noi! Tu io  Alfonso e Lorenzo!

                                               Lasciami fare, intanto tu te ne stai qui fermo ad aspettare…

                                               ora vado a prendere le nostre maschere.

                                               Strategia, strategia cugino! Questa è la mia arte!

( lasciano solo Giulietto)

Giulietto                                Strategia, che sfacciato! Mi rapisce in casa mia, mi trascina

                                               in questa casa forestiera, mi acceca, e pazientemente dovrei

                                               sopportare la sua strategia….!?

                                               Forse l’ardore per le fanciulle crea in Benvolio confusione e

                                               spregiudicatezza…

                                               Sono io, che in qualità di cugino dovrei farmi carico della situazione

                                               e riportarlo alla ragione visto che non vado in cerca di

                                               malinconie.

( Mentre Giulietto fa questa riflessione, cerca di sbirciare dalla maschera, si alza e cerca

l’uscita dalla parte opposta da dove è uscita Romea)

( si sentono voci fra le musiche di fondo della festa, sono Balia e Benvolio)

Balia                                      Per l’amor del cielo, vi ho detto di aspettare nella sala, non è

                                               ora il momento, e rimettetevi la maschera!

( Romea rientra indietreggiando e sistemandosi la maschera si siede ubbidiente)

( voce fuori scena)

Benvolio                               Non è ora il momento di ragionare. Aspetta qui che ti

                                               porto le fanciulle e tieni su la maschera!

( rientra Giulietto sistemandosi la maschera dando le spalle a Romea si siede ubbidiente)

( aspergano seduti dandosi le spalle pensando di essere soli, come sottofondo si

sentono le musiche ed il vociare degli invitati. Romea batte o con il piede o con le

mani il tempo della musica, anche Giulietto batte dei colpi. Romea ripete e Giulietto

ripete gli stessi colpetti si alternano e capiscono di non essere da soli).

Romea                                  Chi …chi…c’è qui? Balia sei tu? Balia…

Giulietto                                Io sono un giovane veronese trascinato in questa casa da un

                                               folle cugino e voi chi siete?

Romea                                  Io sono una fanciulla veronese che si sta abituando

                                               all’oscurità.

Giulietto                                All’oscurità!? Oh, questa povera parola che colpa non ha,

                                               cela sempre un’aria malinconica forse perché ricorda l’aria

                                               bruna della sera, quando il mondo tace e la notte copre tutte

                                               le bellezze con il suo manto scuro.

Romea                                  Che belle parole! Proprio un manto scuro mi avvolgerà ma,

                                               ditemi….siete veggente o poeta? Mi date il permesso di vedervi?

( si odono voci concitate fuori scena, entrano Tibaldo ,  Servo con nervo e Balia)

Servo con nervo                  Fermatevi, fermatevi! Chiamate vostro zio!

Tibaldo                                  E’ occupato con gli ospiti di riguardo, agli impostori ci

                                               penso io!

( Tibaldo sguaina la spada ed entra Benvolio, anche lui sfodera la spada)

Balia                                      Padroncina mia presto, venite con me!

Romea                                  Balia! Che succede!?

Balia                                      Presto, presto.

( Balia porta via Romea e Giulietto finalmente riesce a togliere la maschera)

Giulietto                                Chi sono gli impostori!

Tibaldo                                  Come osate voi Ghibellini intrufolarvi in questa casa?!

                                               Nemmeno tutte le maschere di Venezia basterebbero a camuffare

                                               i vigliacchi!

Benvolio                               Noi vigliacchi? Vi farò assaggiare il ferro della mia spada!

Tibaldo                                  Vergogna! Come avete osato entrare in questa casa?

                                               Mi auguro che abbiate buone gambe perché la mia spada

                                               roteerà sopra le vostre teste senza darvi il tempo di alzar

                                               lo sguardo.

Benvolio                               Sei fortunato, non intendo duellare  in casa altrui e nel mezzo di

una festa.

                                               Altro che roteare, ti avrei fatto mangiare la mia spada in un’altra

                                               circostanza!

                                               Giulietto andiamocene!

(Benvolio tira per il braccio Giulietto e scappano)

( entra Capuleti)

Capuleti                                Nipote, cosa sta succedendo in casa mia?

Tibaldo                                  Ho bonificato il palazzo! Dei Ghibellini con la scusa delle

                                               maschere sono venuti a spiare!

                                               Vigliacchi! Nascosti dalle maschere sono entrati!

Capuleti                                Li hai riconosciuti?

Tibaldo                                  Montecchi! Erano i Montecchi!

Capuleti                                Si trattava di Giulietto con il suo seguito ed era stato invitato!

Tibaldo                                  Quando hanno visto il mio furore sono….Giulietto Montecchi

                                               e’ stato invitato? 

                                               Quei bastardi si sono fatti invitare?

Capuleti                                Frena quella lingua nipote! Giulietto si comporta da degno

                                               gentiluomo e Verona lo esalta come virtuoso giovane cortese.

                                               Sta buono perché questo è l’ordine che ti do io!

                                               Non voglio che riceva mortificazioni fra queste mura.

Tibaldo                                  Ma zio, è un Montecchi! Non li sopporto quei bastardi!

Capuleti                                Dio mi castighi, vorresti aver scatenato una rissa qui in

                                               mezzo agli invitati?

                                               Ragazzo prepotente, ritorna in te e fai giudizio!

( Capuleti se ne va e Tibaldo fa smorfie non capendoci più niente)

Casa Montecchi 

( Giulietto va su e giù per la sala nervoso e pensando alla festa finita male)

Giulietto                                 Servo senza nervo!

Servo senza nervo              Eccomi, come posso esservi utile padrone?

Giulietto                                Hai fatto chiamare il frate?

Servo senza nervo              Certamente padrone.

Giulietto                                E perché non è ancora arrivato?

Servo senza nervo              Perché l’ordine me lo avete comunicato solo 2 ore fa.

Giulietto                                Appunto!

Servo senza nervo              Padrone, voi mi conoscete, ho cercato di fare in fretta.

Giulietto                                Si, va bene, ho capito, è colpa del nervo!

                                               Ma quando arriva il frate, mi raccomando, fallo passare per le

                                               cucine e non fermarti a parlare con nessuno.

                                               E…se la sorte ti è avversa e incontri i miei genitori, tira dritto

                                               dicendo che voglio organizzare una messa di commemorazione.

Servo senza nervo              Signore sarà fatto come voi comandate.

Giulietto                                Ora va a vedere se arriva….ci vuol tempo prima che tu arrivi

                                               al portone, svelto!

Servo senza nervo              Subitissimo!

( esce il servo e Giulietto continua a camminare su e giù, si versa del vino, beve, si

siede e sfoglia un libro, si alza nervoso ecc…entra Servo senza nervo)

Servo senza nervo              E’ arrivato il frate.

Giulietto                                Fallo entrare.

( esce il servo e rientra con il frate)

Giulietto                                Buongiorno Frate Foschia.

Frate Foschia                       Oh, mio caro Giulietto! Buongiorno a voi.

( Giulietto si sposta e il Frate ha davanti il servo e parla a lui)

Frate Foschia                       E’ un piacere essere accolto in questo magnifico palazzo,

                                               sono un umile frate e sono abituato alle celle del convento.

( Frate Foschia non ci vede bene e sta parlando al servo credendo che sia Giulietto)

Giulietto                                Frate Foschia, spero di non aver interrotto le vostre incombenze.

( il frate sente che la voce di Giulietto arriva da un ‘altra parte e rigira verso di lui)

Frate Foschia                       Niente affatto! Prima di tutto le anime e poi le faccende!

( Giulietto va a prendere del vino per il frate e si sposta e il frate parla guardando il servo)

Frate Foschia                       Le anime hanno la precedenza assoluta perché quando Lui

vorrà,  saliranno lassù.

                                               Più leggere saranno e più velocemente arriveranno al

                                               Nostro Signore.

( Servo senza nervo cerca di spostarsi perché il frate parla a lui al posto di Giulietto)

Giulietto                                Servo senza nervo, lasciaci soli ora.

                                               Non ti allontanare troppo che quando sarà il momento dovrai

                                               accompagnare Frate Foschia.

( Servo senza nervo esce, non ne poteva più del frate cieco come una talpa)

Giulietto                                Fra Foschia, bevete con me un po’ di buon vino, ho bisogno

                                               di sciogliere la lingua per parlarvi meglio di ciò che

                                               mi angustia.

Frate Foschia                       Avete ucciso qualcuno? Volete confessarvi?

Giulietto                                Non ho mai ucciso e spero vivamente che non mi capiti, non

                                               e’ di spada il problema.

Frate Foschia                       Caro Giulietto, allora che sarà mai?

                                               Voi avete la giovinezza dalla vostra parte, siete un nobile

                                               gentiluomo, d’animo dolce e gentile, istruito, una famiglia

                                               deliziosa, credente, praticante….direi che nulla, nulla  vi

                                               manca….tranne che una bella moglie che condivida con voi le

                                               belle notti e vi riempia la casa di pargoletti ma, ai vostri piedi,

                                               so già, ci saranno le più belle fanciulle di Verona in fila.

                                               Non dubitate, tirate fuori l’animo gentile come sapete fare

                                               benissimo e vedrete che il Frate in questione non vi

                                               servirà più.

                                               Comunque sia, visto che sono qua, non temete per la vostra

                                               anima, sarà mia premura ricordarvi nelle preghiere serali così

                                               che Il vostro cuore non sia stretto da preoccupazioni.

Giulietto                                Sapevo che le parole sarebbero uscite con fatica.

                                               Nemmeno il vino mi aiuta.

( Giulietto si versa altro vino e il Frate allunga il suo bicchiere dalla parte opposta per

rifarselo riempire. Giulietto gli riempie il bicchiere)

Frate Foschia                       Il fatto di non aver duellato e mandato a morte nessuno è una

                                               grande cosa che, vi toglie il pensiero dell’esilio!

                                               Su, su, prima vi confidate e prima vi porterò conforto.

Giulietto                                Ebbene….non voglio prender moglie.

Frate Foschia                       No, no, vedo poco e male ma ci sento bene.

                                               Queste parole non possono uscire dalle vostre labbra.

                                               Dite, forse anche l’udito mi tira brutti scherzi?

                                               Voi VOLETE prender moglie, non è così mio caro giovane?

Giulietto                                No, voi avete capito bene, sento che il matrimonio non

                                               fa per me.

                                               Non voglio pargoli e non desidero condividere le notti e

                                               le mie filosofie con sciocche fanciulle.

Frate Foschia                       Parlate piano, vi prego, questo si che è un grosso problema.

( Frate Foschia parla sottovoce verso il pubblico, Giulietto beve)

                                               Non desiderare le fanciulle ma desiderare i…..gli costerà

                                               l’esilio, se non la pena di morte!

                                               Ultimamente Cangrande perseguita anche i familiari.

( Frate verso Giulietto)

Frate Foschia                       Per carità di Dio, non fate parola con nessuno.

( Frate Foschia si guarda in giro preoccupato)

Frate Foschia                       Ditemi figliolo, oltre a me , chi è a conoscenza di queste

                                               confidenze?

Giulietto                                I miei genitori sanno benissimo come la penso.

Frate Foschia                       Nessun altro? E’ molto importante figliolo che ciò che ho

                                               sentito non arrivi a certi orecchi, ne va della vostra vita.

Giulietto                                Non ho paura, non voglio sposare Romea, e lo sanno.

                                               In questa casa tutti stanno tramando alle mie spalle.

                                               Si sono create imbarazzanti situazioni che mi portano a

                                               credere che perseguiranno nei loro disegni incuranti dei

                                               miei sentimenti.

                                               Ditemi Frate Foschia, perché non posso essere io l’artefice

                                               del mio futuro? Dicono che sarà per il mio bene ma, chi meglio

                                               di me sa cosa si cela dentro questo corpo?

( Frate Foschia fa fatica a seguire con lo sguardo Giulietto che mentre parla si sposta, lui

ha molta foschia negli occhi)

Frate Foschia                       E no, voi vi sbagliate! Permettetemi di non condividere i vostri

                                               pensieri. I vostri genitori vogliono sicuramente il vostro bene che,

                                               scusate se insisto, si risolverebbe tutto con un bel matrimonio.

                                               Ascoltatemi, siete troppo giovane, ho visto purtroppo cosa

                                               succede a quelli come voi! Quando sarete sposato, nessuno

                                               oserà curiosare diciamo….sulla vostra vita coniugale.

( Il frate pensa che Giulietto sia frocio, in realtà Giulietto non vuole solo sposarsi)

Giulietto                                Sento l’arrivo di giorni funesti e nuvole grigie che non possono

                                               scaricare il loro carico di pioggia con un temporale.

                                               Tutto questo fardello devo portare appresso solo perché non

                                               mi sposo.

                                               E se mi sposassi? Forse il fardello sarebbe più leggero? Dubito.

                                               No, no, meglio l’esilio. Rinuncio a ciò che possiedo in nome

                                               della libertà!

                                               Oppure….oppure piuttosto che una grama vita infelice, la morte!

                                               Si! Si, la morte libera corpo e anima…viaggerò leggero senza

                                               fardelli!

                                               Salirò! Salirò così in alto che per vedere le stelle guarderò in giù.

                                               Voi Frate Foschia mi ricorderete nelle vostre preghiere?

Frate Foschia                       Vi parlo da religioso e da amico, per la morte e il vostro viaggio

                                               leggero, c’è tempo.

                                               Piuttosto visto che i fatti sono nebulosi, oserei darvi una

                                               temporanea soluzione.

Giulietto                                Vi ascolto, so che posso fidarmi di voi.

( Frate Foschia estrae da un borsello che ha in tasca  una bottiglietta con un liquido scuro, lo

appoggia sul tavolo)

Frate Foschia                       Vi regalo questo estratto d’erbe.

                                               Quando vi troverete in difficoltà, bevetene un sorso, badate bene,

                                               solo un sorso di questo estratto vi condurrà in un sonno così

                                               profondo da farlo sembrare MORTE.

Giulietto                                Incredibile!

Frate Foschia                       La morte certa…la potrete raggiungere…in modo meno

                                               cruento con quest’ altro infuso.

( Il frate tira fuori dalla parte opposta un altro borsello contenente una identica bottiglietta

della precedente con altro liquido scuro, appoggia anche questa nel tavolo)

Frate Foschia                       Vi addormenterete prima che il vostro cuore si fermi

definitivamente non patendo dolori ed evitando così torture ..

…e altri accanimenti che ben conosciamo.

( Giulietto si sposta nella stanza, non sta guardando il frate, prende in mano una delle

due bottigliette e guarda il liquido parlando. Poi la ripone vicino all’altra a caso)

Giulietto                                Frate Foschia, ho fiducia che, non andrò al rogo se non sposo

                                               Romea. Datemi quello che mi farà addormentare.

                                               Se mi troverò alle strette, capiranno che non sono disposto a

                                               compromessi.

( il frate si accorge che non sa riconoscere fra le due il siero mortale e, nell’imbarazzo fa una

veloce conta e ne da una a caso a Giulietto)

Giulietto                                Grazie Frate Foschia, non fate parola con nessuno.

                                               Affronterò l’ignoto portando con me questo prezioso infuso.

Frate Foschia                       Mi raccomando solo in caso di estrema necessità!

Giulietto                                Servo senza nervo!

Servo senza nervo              Eccomi a servizio.

Giulietto                                Frate Foschia ha fretta, accompagnalo.

( Frate foschia fa un inchino di saluto e Giulietto ricambia il saluto. Esce accompagnato

dal servo, Giulietto si intrattiene un momento e recupera un sacco vuoto  con l’intenzione di

andare a prendere sassi al fiume mentre sta per uscire arriva Montecchi)

Montecchi                             Figliolo, ho appena incontrato Benvolio al Cantinon, pare

                                               che in piazza ci siano dei tumulti. Sembra che i Conti San

                                               Bonifacio stiano mettendo alle strette i Monticoli.

                                               Spero proprio che i Monticoli rispondano in modo deciso e

                                               facciano vedere chi comanda…

( Giulietto è distrattola il sacco in mano)

Montecchi                             Giulietto! Ti sto parlando di Verona! La nostra città, la tua

                                               città, dove vivrai fino alla fine dei tuoi giorni!

                                               Questo sfacciato disinteresse non è pertinente ad un

                                               nobile del nostro rango!

Giulietto                                La politica or ora non è nei miei pensieri e, vivere a Verona

                                               fino alla fine dei miei giorni, è tutto da vedere.

                                               In quanto a nobile di rango, sono orientato a pensare che

                                               preferisco essere signore.

                                               Signore nei modi, signore negli intenti, nel ricordarmi di chi

                                               mi circonda, del popolo che necessita di guide più che di padroni.

                                               La felicità che è diritto di chiunque calpesti questa terra fino al

                                               momento della morte…..morte che continuiamo a temere ma,

                                               potrebbe diventare fonte di liberazione, di leggerezza, via tutti

                                               gli orpelli e libriamoci nell’infinito!

Montecchi                             Giulietto, sappi che queste tue filosofie mi disorientano….e

                                               posa quel sacco che mi sale la rabbia!

( entra Madonna Montecchi)

Giulietto                                Madre, avete fatto spostare i sassi che con tanta cura ho

                                               collocato in camera. Vorrei ritornassero al loro posto.

Madonna Montecchi           Ho solo trovato una soluzione per permetterti di avere la

                                               spada a portata di mano mentre dormi, per la tua sicurezza

                                               e della famiglia.

Giulietto                                Avete fatto male, sono posizionati seguendo un percorso 

artistico di giochi di luce e ombre.

Montecchi                             Questi massi sono proprio pietre indigeste!

Giulietto                                Non sono pietre, sono sassi padre, anzi, direi opere d’arte!

Montecchi                             Basta stupidaggini e parliamo delle nozze.

I Capuleti attendono risposte!

Giulietto                                Oh, Dio mio! Mi fulminassero tutti i Dei dell’Olimpo!

                                               Servo senza nervo! Dimenticavo, SERVO SENZA NERVO !!!

( Giulietto non ha nessuna voglia di parlare con i genitori delle nozze. Il servo sente il suo

nome ed entra)

Servo senza nervo              Ditemi!

Giulietto                                Dimenticavo di portarti soccorso! Il tuo nervo! Il tuo nervo bloccato!

Servo senza nervo              Il mio nervo? Ah si! Il mio nervo bloccato, non riesco nei movimenti!

                                               Si attorciglia come un serpente e diventa duro come il piombo!

( il servo fa finta di star male)

Montecchi                             Ti sblocco io!

Giulietto                                No padre! Volete azzopparlo per tutta la vita?

                                               Se lo toccate il nervo si innerva!

Montecchi                             Il nervo si innerva che vuole dire?

Giulietto                                Sta a dire che serve un medico!

                                               Con i nervi non si scherza!

                                               Su Servo senza nervo appoggiati a me che ti porto a far visitare!

Servo senza nervo              Grazie padrone, come siete buono, sono in debito.

                                               Serve una bella tirata da mani esperte!

( escono e rimangono i Montecchi da soli)

Montecchi                             Anche il nervo che si innerva ci voleva! La festa in maschera dai

                                               Capuleti è stata un fallimento!

                                               Giulietto in questi giorni è più viscido di un pesce.

                                               Schizza via ad ogni occasione! L’ho fatto seguire  e va sempre

                                               sulle rive dell’Adige!

Madonna Montecchi           Conosciamo il suo problema e questo matrimonio lo spaventa.

                                               Dategli un pò di tempo marito mio!

Montecchi                             No, non si può aspettare oltre. Le voci girano come i

                                               mulinelli nell’Adige!

                                               Saremo tutti in serio pericolo se si venisse a sapere sulle

                                               sue “tendenze”.

                                               Questo matrimonio si deve celebrare e al più presto possibile!

                                               Venite moglie, chiederò udienza ai Capuleti e decideremo la

                                               strategia migliore.  

( esconodi scena)

Casa Capuleti 

( Balia sta sistemando le trecce di Romea, Tibaldo è seduto a tavola e sorseggia del vino)

Romea                                  Tibaldo, sono delusa e mortificata!

                                               Desidero sapere quello che è avvenuto durante la festa!

( Balia fa segno a Tibaldo di star zitto)

Tibaldo                                  Cara cugina, non ne so niente.

Romea                                  Ti conosco e leggo nei tuoi occhi che non è così.

Balia                                      Padroncina mia, è vostro cugino, non può mentirvi.

Romea                                  Il detto “ parenti serpenti” non ti dice nulla? Aih! Mi stai

                                               staccando i capelli!

Balia                                      Scusate, farò più piano.

Tibaldo                                  Come osi offendermi in questo modo?!  C’erano degli intrusi e

                                               Io li ho minacciati con la spada sguainata. Ti basta?

Balia                                      Romea, sono cose da uomini! Sicuramente le guardie e vostro

                                               padre avranno preso provvedimenti adeguati. Non è elegante

                                               curiosare in queste faccende.

Romea                                  Non mi basta, aih! Ma la smetti di torturarmi? Che modi

                                               sono questi?           

Balia                                      Scusate nuovamente, sono mortificata.

Romea                                  Chiedo troppo se voglio sapere i nomi di questi personaggi

                                               che con la loro spavalderia rovinano le feste altrui?

                                               Sono o non sono la padrona di casa?  

Tibaldo                                  Il padrone di casa veramente è lo zio, tuo padre e, dal momento

                                               che prima di tutto rispondo a lui, non mi è concesso di aggiungere

                                               altro se non che si trattava di nobili Ghibellini.

Romea                                  Dei Ghibellini in casa nostra, mai accaduto fino ad ora….

                                               che sfacciati….ma come hanno fatto a passare se non

                                               avevano l’invito!?

                                               Capo delle guardie, siamo al sicuro in questo palazzo?

( Tibaldo sbatte il bicchiere sul tavolo)

Tibaldo                                  Mi sta montando la rabbia.

Balia                                      Romea, vi prego, sono cose che non vi riguardano!

                                               Siete in buone mani e ciò vi deve bastare!

                                                Ci sono le guardie, c’è vostro padre e c’è Tibaldo, loro si

                                               occupano egregiamente della sicurezza vostra e di vostra madre.

                                               Abbiate rispetto e fiducia nei loro confronti.

                                               Ricordate che siete una nobildonna che si sta per sposare.

                                               Dovete contenervi e non dimenticare le buone maniere che vi

                                               ho insegnato.

Tibaldo                                  Sante parole! Io non possiedo l’autorità per fornirti di altri

                                               dettagli!

                                               Cara cugina, tu pensa alle tue nozze che, alla guardia del

                                               palazzo ci penso io.

                                               La mia spada trafiggerà chiunque osi mettere in pericolo questa

                                               famiglia…non ho timore perché Dio protegge i cavalieri che

                                               sfidano la morte per proteggere i loro parenti. Sappi che ho

                                               sempre combattuto con onore!

( Tibaldo seccato vuole chiudere la conversazione, beve l’ultimo sorso e se ne va)

Romea                                  Che cugino insolente! E pensare che da piccoli era il mio

                                               migliore amico.

Balia                                      Lo è ancora vostro amico solo che lui ora è diventato uomo

                                               ed ha altre priorità.

                                               Ecco la vostra treccia è sistemata e questa deve essere la

                                               vostra priorità.

                                               Quando vostro marito la sera accarezzerà questi capelli di seta

                                               sarà invidiato da tutti i nobili di Verona.

                                               Aspettate mia cara un momento, vado a prendere la tiara e faremo

                                               una prova per l’acconciatura nuziale

.

( Balia esce)

Romea                                  Questi lunghi capelli di seta non avranno senso fra poco.

                                               Servo con nervo!

( entra il servo)

Servo con nervo                  Prego, dite mia signora.

Romea                                  Vai a chiamare Frate Foschia, ho bisogno di parlare con lui!

                                               Preferisco che tu lo faccia passare per l’orto, voglio evitare

                                               occhi curiosi…mi sono spiegata?

Servo con nervo                  Certamente, non dubitate. Conosco bene il palazzo.

( entra Capuleti con Madonna Capuleti)

Capuleti                                E’ giunto il momento Romea di fare la conoscenza con il

                                               tuo futuro sposo Giulietto, Servo con nervo, lasciaci soli.

( Romea si sente in trappola, da un calcio alla gamba di Servo con nervo)

Servo con nervo                  Oh!!

( il servo si contorce dal dolore)

Romea                                  Padre, Servo con nervo ha bisogno di aiuto!

                                               Cosa succede? Hai male alla gamba?

                                               Si tratta del tuo nervo?

( Servo con nervo capisce che Romea non vuole affrontare il padre)

Servo con nervo                  Si padrona, un dolore improvviso! Il nervo è partito! Oh che

                                               dolore!

Capuleti                                Cosa sta succedendo al nervo?

Servo con nervo                  Succede che il nervo si innerva e per calmarlo non bisogna

                                               essere nervosi.

Capuleti                                Il nervo che si innerva! Mai sentita questa, ma che fra poco

                                               scattino i miei di nervi questo si. 

Madonna Capuleti                          Un medico! Serve un medico!

Servo con nervo                  Mi basterebbe stendermi, poi lo calmo io, so farmi il massaggio.

Romea                                  Padre, che pena! Non voglio guardare. Per cortesia lo

                                               accompagnate voi?

Capuleti                                Su Servo, questa volta invertiamo i ruoli, appoggiati a me che ti

                                               porto nelle tue stanze a calmare i nervi.

Servo con nervo                  Troppo, troppo gentile. Sono in debito. Oh!! Fra poco passerà.

Capuleti                                Lo spero proprio! Troppi, troppi nervi in questa casa.

Madonna Capuleti                          Povero servo, mai visto in questo stato.

( Capuleti e il servo escono)

( Romea si trova sola con la madre e non avendo voglia di affrontare l’argomento nozze,

si mette a ricamare)

Romea                                  Madre, mi stavo chiedendo se questo filo è indicato per

                                               questo fazzoletto.

Madonna Capuleti                          Fammi vedere, io aggiungerei anche un sottilissimo filo dorato.

                                               L’oro da sempre quel tocco di eleganza che contraddistingue la

                                               nobiltà di chi lo indossa.

                                               Pensavo di far ricamare una cascata di fiori dorati sul tuo velo

                                               nuziale.

Romea                                  Ma non è troppo presto? Sono confusa, in questi giorni mi

                                               sembrava di sentire le voci.

Madonna Capuleti                          Da dove venivano? Erano voci umane?

Romea                                  No, non c’era niente di umano. Sentivo voci lontane, soavi che

                                               mi chiamavano con insistenza. Il loro richiamo era lusinghiero e

                                               non mi sentivo intimorita.

Madonna Capuleti                          Romea, hai sentito il richiamo di Dio?

                                               Ora non puoi! Tu sei promessa a Giulietto!

                                               Il tuo destino è stato deciso quando eri ancora in culla.

                                               Sarai moglie e madre con la raffinatezza e la grazia che abbiamo

                                               instillato in te giorno dopo giorno.          

Romea                                  Ma Dio mi chiama, chi sono io per oppormi alla sua volontà?         

                                               Nostro Signore conosce le nostre anime e chiama a se le più

                                               bisognose.

                                               Non è detto siano le più pure, possono essere quelle che hanno

                                               bisogno di liberarsi dalla vanità, dall’invidia, dai peccati mortali

                                               che ci portiamo appresso, nessuno escluso.

                                               Chi è in grado di scagliare la prima pietra? Non credo che al

                                               momento sia su questa terra.

                                               Se entrassi in convento, Giulietto dovrà farsene una ragione.

Madonna Capuleti                          Ora tu sei suggestionata dal precipitare dei fatti e per questo

                                               si fanno strada in te le voci.

                                               Prova ad immaginarti sposa, madre e moglie.

                                               Sono convinta che quando farai l’ingresso al Duomo con

                                               il tuo sontuoso abito nuziale, con il corteo di damigelle e

                                               tutta la nobiltà di Verona che ti farà da contorno, le voci

                                               saranno un ricordo lontano.

Romea                                  Ora sento i brividi….

Madonna Capuleti                          Mia cara aspetta, sei un po’ debole, ti faccio portare il mio scialle.

( Madonna Capuleti esce e Romea è nervosa, continua a ricamare ed arriva Servo con

nervo)

Servo con nervo                  Come avete ordinato, ho portato il frate.

Romea                                  Già arrivati! Vi aspettavo più tardi.

Servo con nervo                  Ricordate padrona che io sono Servo con nervo, arrivo sempre

                                               prima di subito.

Romea                                  E’ vero, sei il servo più efficiente di Verona!

                                               Su, su, fallo entrare che al momento non ci sono orecchi indiscreti.

Servo con nervo                  Venite Frate foschia.

( il servo fa entrare il frate, fa un inchino e se ne va)

Romea                                  Servo con nervo, rimani ad aspettare fuori. Dovesse arrivare mia

                                               madre, trova il modo di distrarla.                         

Frate Foschia                       Mia giovane fanciulla, vi dovete confessare?

( il frate quando parla non sempre si rivolge verso la persona, non ci vede bene, aggiusta il

tiro quando sente la voce)

Romea                                  Oh, Frate Foschia! Ho bisogno del vostro aiuto. La famiglia

                                               Capuleti, ossia tutti in questa casa, mi stanno costringendo al

                                               matrimonio.

                                               Non posso sottrarmi alla loro volontà, questa sarebbe una grave

                                               disobbedienza che i miei genitori non meritano e non potrebbero

                                               comunque tollerare però, sento che sposandomi, le mie giovani

                                               ali verranno tarpate irrimediabilmente.

                                               Come mi sento triste, scomparirà il sorriso dal mio volto

                                               per sempre.  

Frate Foschia                       Le gioie troppo violente hanno violenta fine, come la polvere e il

                                               fuoco che al loro primo bacio si consumano. Perciò si deve

                                               amare con moderazione, chè allora, si, l’amore dura.           

                                               Meglio dunque se il vostro amato non suscita interesse in voi.

                                               Questo è il presupposto giusto per un amore eterno.

Romea                                  Dunque, anche voi la pensate come i miei genitori?

Frate Foschia                       I genitori vogliono sempre il bene dei loro figli e, i figli

                                               dovrebbero fidarsi della loro saggezza. Il matrimonio è un

                                               accordo che porta benefici per tutti.

Romea                                  Quello che voi dite mi disorienta, voi siete saggio non ne dubito

                                               ma, allo stesso tempo penso che se devo essere come una

                                               pecora, usata per accordi, almeno che possa decidere io con chi.

Frate Foschia                       La vostra ansia, la vostra disperazione, penso sia dovuta dalla

                                               spavalderia che contraddistingue la gioventù di questi tempi.

                                               Siate più timorosi per il bene vostro e delle vostre famiglie.

Romea                                  Avete ragione, mi sento triste e desolata al pensiero di recare

                                               torto ai miei genitori ma al contempo avverto una forza ignota

                                               che mi impedisce l’accettare queste nozze.

                                               Vi prego, aiutatemi o sarò costretta alla fuga con tutti i pericoli

                                               che ne derivano!

Frate Foschia                       Posso fornirvi questa scappatoia nel momento in cui ci sia

                                               estrema necessità.

( il frate tira fuori dal solito sacchetto la bottiglietta con il liquido scuro)

Frate Foschia                       Questo infuso, vi trascinerà in un profondo sonno che apparirà

                                               a tutti come la morte.

                                               Quest’altro invece vi porterà via per sempre.

Romea                                  Potrebbero essere una soluzione, se i miei genitori si

                                               spaventassero forse vedrebbero il mio rifiuto con più

                                               indulgenza.

                                                                                                                                                                                                                                                                             

( il frate ha messo le bottigliette vicine, Romea ne prende una parla e poi la ripone nel tavolo,

anche in questo caso il frate non sa più distinguerle, fa il mimo di come le ha tirate fuori

ma non ne viene a capo. Non sa dove si trova l’infuso mortale)

Romea                                  Magari capirebbero che questi matrimoni sono anacronistici.

                                               Siamo nel quattordicesimo secolo e i tempi cambiano!

                                               Noi giovani abbiamo il compito di accompagnarli alla

                                               modernità, naturalmente con il rispetto che ci è stato insegnato.

                                               Oh, si Frate Foschia, datemi il sonnifero che al momento opportuno

                                               sfrutterò questo profondo sonno per far capire che l’alba appare

                                                ogni giorno sempre uguale ma, ogni giorno riserva situazioni

                                               diverse e solo in questo modo noi progrediamo.

                                               Nulla contro i matrimoni ma, meglio con l’amato del cuore.

( il frate è in crisi, non lo da a vedere a Romea ma, prende a caso una bottiglietta)

Frate Foschia                       Mia cara, mi raccomando, solo se non ci sono altre soluzioni

                                               e solo un sorso.

Romea                                  Vi ringrazio, ne farò tesoro. Servo con nervo!

Servo con nervo                  Eccomi!

Romea                                  Accompagna Frate Foschia, passa sempre dall’orto. Fate presto!

( Frate Foschia fa un cenno di saluto, si tira su il cappuccio e se ne va con il servo,

Romea mette in tasca la bottiglietta con il sonnifero, entra Madonna Capuleti con lo scialle)

Madonna Capuleti                          Ecco, ho tardato perché Balia lo aveva riposto nell’armadio

                                               sbagliato. Su copriti, che si fa presto a prendere i malanni ma,

                                               per guarire tocca interpellare tutti i medici di Verona!

Romea                                  Farò quello che mi dite, anche se i brividi non ci sono più.

                                               Vi ringrazio per la premura.

Madonna Capuleti                          Sta meglio Servo con nervo? Ho bussato alla sua porta ma,

                                               non ha risposto.

Romea                                  Mi risulta che il suo nervo sta meglio.

( entra Tibaldo)

Tibaldo                                  Se state parlando di Servo con nervo, vi dico io, sembra

                                               proprio che stia meglio.

                                               Stavo facendo la guardia verso ovest quando vedo due figure

                                               che corrono come lepri attraverso l’orto.

                                               Non ho fatto in tempo a raggiungerle ma ci giurerei che si

                                               trattava di Servo con nervo. Il suo nervo pare stia benone visto

                                               come correva. Farò due parole con lui perché, mi tagliassero la

                                               mano, stava regalando ortaggi a quello straccione!

                                               Se li avessi presi, avrei fatto annusare ad entrambi l’odore del

                                               ferro della mia spada!

( sguaina la spada da buon cavaliere di palazzo)

Romea                                  Se Servo con nervo sta meglio ci fa piacere e, se stava regalando

                                               del radicchio a quel poveraccio, non vedo perché rimproverarlo.

                                               Tu sai che questa famiglia ha sempre aiutato i bisognosi!

                                               Dico bene madre?

Madonna Capuleti                          Si Romea dici bene. Tibaldo, la famiglia Capuleti non morirà

                                               di fame se diamo del radicchio in regalo.

Tibaldo                                  Il servo si è preso troppa libertà. Cosa sto a fare la guardia se

                                               chiunque entra si serve del nostro orto? Le buone maniere non

                                                si insegnano più alla servitù!?

                                               Doveva chiedere il permesso e poi, con la vostra approvazione,

                                               andava a servirsi!

                                               State attenti che se darete alla servitù una mano, loro si

                                               prendono il braccio!           

Romea                                  Cugino, hai proprio ragione. Parlerò con il servo affinché non

                                               si ripeta questa leggerezza. Ora ti puoi calmare!?

( Tibaldo rimette a posto la spada)

                                              

Madonna Capuleti                          Bene, visto che tu Romea ti occuperai del servo, io andrei

                                               al mercato delle erbe. Tibaldo dovresti accompagnarmi tu,

                                               fai preparare una carrozza.

Tibaldo                                  Arrivo dalle stalle, c’è già una carrozza pronta.

Madonna Capuleti                          Benissimo.

( Tibaldo porge il braccio a Madonna Capuleti)

Tibaldo                                  Venite zia, possiamo partire subito. Romea ricordati del servo!

Romea                                  Sarà fatto cugino!

( escono tutti di scena, zia e nipote da una parte e Romea dall’altra)

( entra Capuleti, si serve del vino e si siede. Entra Servo con nervo)

Servo con nervo                  Il nobile Montecchi è arrivato padrone.

Capuleti                                Fallo accomodare.

( entrano Servo con nervo e Montecchi, Capuleti si alza va incontro all’ospite e gli porge

una sedia)

Capuleti                                Nobile Montecchi, prego accomodatevi.

Montecchi                             Vi ringrazio.

( Servo con nervo fa un inchino e se ne va)

Capuleti                                Stavo proprio sorseggiando un po di Trebbiano veronese.

                                               Ah, concordo con Cassiodoro, è soavissimo.

( Capuleti offre del vino a Montecchi)

Montecchi                             Cassiodoro nelle sue epistole raccomanda di non far mancare

                                               nelle mense reali questi vini veronesi.

                                               Soavissimi e corposi capaci di esprimere chiara purità gioviale.

                                               “ Candidezza e soavità” incredibile! Come dargli torto.

Capuleti                                Questo è oro! Oro bianco! Queste terre con l’uva garganega e

                                               trebbiano, ci rendono preziosi vini.

Montecchi                             Ringraziamo pure lo statuto Ezzeliniano che ci ha portato a

                                               questi risultati.

( Capuleti versa ancora del vino al suo ospite)

Montecchi                             Questo buon vino servirà per rallegrarci l’animo perché,

                                               credetemi, purtroppo non ho buone nuove da portarvi.

Capuleti                                Anche da parte mia qualcosa che non va per il suo verso c’è.

                                               Suvvia, facciamoci un altro bicchiere che le nostre lingue si

                                               scioglieranno. ( bevono )

                                               Or ditemi Montecchi ciò che vi turba.

Montecchi                             Sono in pensiero per mio figlio Giulietto. Non si vuole sposare..

                                               …sono mortificato.

                                               Vi assicuro che il problema non è dovuto alla vostra graziosa

                                               figliola. Vi prego di credermi, mai si vorrebbe creare offesa ne

                                               a voi ne alla vostra famiglia.

                                                Ho provato a farlo ragionare ma invano. Dice che è troppo

                                               giovane per prender moglie.

Capuleti                                Ho da dirvi che anche la mia adorata figlia ha delle reticenze

                                               che non capisco.

                                               Non ha mai fatto trasparire un temperamento così deciso, tanto

                                               che, quasi me ne vergogno. Vi assicuro che le buone maniere

                                               da nobildonna le conosce tutte e si è sempre comportata in modo

                                               ineccepibile.

Montecchi                             Sono venuto per estrema correttezza nei vostri confronti.

                                               Sta sempre nei miei propositi il farlo sposare con vostra figlia,

                                               propongo con il vostro aiuto di arrivare ad una soluzione.

Capuleti                                E vostra moglie che ne pensa? Forse è lei a creare delle

                                               confusioni al vostro figliolo?

Montecchi                             No, vi posso assicurare che lei è preoccupata quanto me e, ha

                                               nei vostri confronti sinceri sensi di colpa per non aver ancora

                                               mantenuto la parola data.

Capuleti                                Dal momento che per entrambi, le soluzioni diplomatiche non

                                               sortiscono alcun effetto, io propongo una risoluzione del caso

                                               in modo deciso e pratico.

                                               Li rinchiuderemo e porteremo un religioso che li dichiari

                                               MARITO e MOGLIE.

                                               Credetemi, protesteranno ma come ho visto più volte, l’amore

                                               arriverà tanto grande quanto la loro testardaggine!

Montecchi                             Ne siete sicuro?

Capuleti                                Più che sicuro! I giovani d’oggi vogliono fare di testa loro, poi

                                               si accorgono che gli anziani hanno vedute ben più lunghe.

Montecchi                             E arriveranno anche i ringraziamenti con tanto di paffuti pargoli.

Capuleti                                Potete starne certo!

Montecchi                             Mi affido dunque a voi, fatemi sapere quando e dove.

Capuleti                                Sia fatto!

( Montecchi si alza)

Montecchi                             Mi devo congedare.

Capuleti                                Servo con nervo!

( entra Servo con nervo)

Servo con nervo                  Prego padrone.

Capuleti                                Accompagna nobile Montecchi.

Montecchi                             Nobile Capuleti vi saluto, scopro con piacere che le nostre

                                               famiglie hanno molto in comune, ci capiamo negli intenti,

                                               sui figli e, anche sulla scelta dei servi riconosco qualche

                                               affinità. Abbiamo tutti a che fare con i nervi!

Capuleti                                Ah! Dite bene! Con i nervi in questa casa ultimamente non

                                               si scherza!

( i due nobili si scambiano un inchino di saluto)

Giardino casa Capuleti 

( cambio di scena, sparisce l’arazzo e le mura di casa diventano le mura del cortile dei

Capuleti. Ideale un balcone che si affaccia sul cortile, è notte)

Benvolio                               Avanti Giulietto muoviti!

Giulietto                                Non vedo perché io devo sempre adeguarmi alle tue insensate

                                               strategie. Cosa facciamo sul cortile di questo palazzo?

                                               Strano, ricorda il luogo della festa in maschera.

                                               Benvolio, vuoi che ci prendano per ladri e questa volta ci

                                               infilzino per davvero?

Benvolio                               Ma la finisci con queste lagne da timida fanciulla?

                                               Sto eseguendo gli ordini che mi vengono impartiti.

                                               Sssss….zitto, sento dei passi.

( sottovoce)

Giulietto                                Ti ricordo che stavi parlando tu.

                                               Vedi che le tue spavalderie ci cacciano in guai seri?

( Tibaldo sta facendo la ronda passa con la lanterna ma non illumina Benvolio e Giulietto

che nel frattempo si sono accovacciati sotto la scala)

Tibaldo                                  Chi va là! C’è qualcuno?

                                               Qualcuno vuole conoscere la lama della mia spada?

( Tibaldoè in ascolto e si ode un miagolare di gatto )

Tibaldo                                  Ah! Silvestro, ogni sera la stessa storia! Le tue micie vai a

                                               cercartele altrove che se mi scappa la spada ti accorcio la

                                               coda di un palmo!

( Tibaldo esce)

Giulietto                                Ma ti degni di spiegarmi cosa facciamo in casa altrui

                                               rischiando la testa?

Benvolio                               Parla piano e ascoltami, Sei qui per volere di tuo padre.

                                               Nessuno ti staccherà la testa, almeno lo spero.

                                               Il padrone di casa non ti torcerà un capello, la guardia non so,

                                               stalle lontano.

Giulietto                                Ma siamo in casa di Romea Capuleti!?

Benvolio                               Si e te ne starai qui buono buono ad aspettare che la tua bella

                                               si affacci al balcone. La devi vedere, è il volere di tuo padre.

Giulietto                                Grazie cugino! Sono commosso per le tue premure!

Benvolio                               Prego, mi ricambierai quando potrai cugino.

                                               Su dai, non fare tante storie, devi solo guardarla e, ti dirò che quasi

                                               quasi ti invidio. Ora devo andare.

Giulietto                                No, no, tu non te ne vai! Se ritorna la guardia? Tu ora mi tiri

                                               fuori da questo pasticcio o non ti permetterò più di cavalcare

                                               Fulmine Nero!

Benvolio                               Non metterci in mezzo il cavallo! Questi sono gli ordini che ho

                                               ricevuto, non so altro, conosci anche tu le regole, è mio

                                               dovere ubbidire.

Giulietto                                Benvolio!

Benvolio                               Ssss..guardala!

( Benvolio se ne va, rumore di cancello che si chiude a chiave)

Giulietto                                Villano di un cugino, lui esegue gli ordini! Quando vuole.

                                               E’ più forte il puzzo di inganno qui che il fetore nella fossa

                                               del pesce morto al porto.

                                               Il mio spirito è oppresso dal presentimento che la situazione

                                               prenda un amaro corso funesto.

                                               Qui non si aspettano solo che io possa vedere la fanciulla!

                                               L’ambiguità del momento mi porta a decidere che con un

                                               lungo sonno, stravolgo i disegni di tutti, Montecchi e Capuleti!

( Giulietto beve un sorso del sonnifero e se ne sta seduto per terra rannicchiato guardando

il balcone, si affaccia balia gli gira le spalle perché sta parlando con qualcuno all’interno)

Balia                                      Vi ho detto che vostra madre ha dato precisi ordini.

                                               Dovete aspettare qui sul cortile. Qualcuno verrà a farvi visita.

Romea                                  Chi?! Non ha aggiunto altro? E’ notte, ci potrebbe essere

                                               pericolo!

Balia                                      Vostro cugino Tibaldo ha tutto il palazzo sotto controllo!

                                               Suvvia, venite al balcone! Prendete la mia lanterna.

( Romea si affaccia timidamente e liscia la sua treccia per farsi coraggio, Balia se ne va)

Romea                                  Un brivido sottile di paura mi corre per le vene che quasi mi

                                               raggela. Lo spettro di ciò che non conosco mi rende così

                                               fragile che la tentazione di rifugiarmi in un sonno è inevitabile.

                                               Dormendo eviterò ciò a cui non sono preparata e l’ignoto non

                                               mi farà paura.

( Romea beve un sorso del liquido di Frate Foschia)

( Giulietto vede Romea e rimane incantato dalla sua bellezza, si avvicina lentamente al

balcone)

Giulietto                                Oh, notte santa. Quasi ho paura non sia tutto un sogno.

                                               Troppo dolce lusinga per essere vera.

Romea                                  Ma voi chi siete? Protetto dalla notte siete entrato nel mio

                                               cortile ma, se chiamo la guardia vi ucciderà!

                                               Perché siete qui?

Giulietto                                Non per mia volontà mi trovo sul vostro cortile.

                                               Che meravigliosa luce sul vostro balcone!

                                               Lì è l’Oriente. Romea è il sole!

                                               Levati, o sole bello, a cancellare la gelosa luna sbiancata e

                                               livida di rancore perché tu, vestale sua, sei bella, molto più

                                               bella di lei.

Romea                                  Voi…voi, conoscete il mio nome. Siete dunque Giulietto?

Giulietto                                Come dite bene il mio nome, mille, mille volte ancora vorrei

                                               sentirlo uscire dalle vostre labbra, questa è musica per i miei

                                               orecchi!

( Romea scende in cortile verso Giulietto, lei tiene la lanterna con la mano, sono illuminati

da questa luce creando una situazione romantica)

Romea                                  Queste dolci parole mi incantano ma, altrettanto dolce è il

                                               vostro animo?

Giulietto                                No, il mio animo non è così dolce ma, lo splendore che mi trovo

                                               dinanzi non lascia spazio a nulla che non sia sublime.

                                               La luce che avete portato non ha confronto con le stelle…

                                               Permettete che accarezzi la vostra treccia?

Romea                                  Mi fate arrossire dalla vergogna e forse più ritrosa dovrei

                                               mostrarmi ma, confesso che desidero sentire le vostre carezze.

Giulietto                                Oh, dolce Romea!

( Giulietto accarezza la treccia di Romea)

Romea                                  Oh, Giulietto! Giulietto perché sei Giulietto? Rinnega il tuo nome

                                               e legati a me, no….ora non serve più, le nostre famiglie hanno

                                               abbandonato i rancori.

Giulietto                                Mia cara Romea, dove sei stata finora? Sei la rosa più bella

                                               di tutta Verona!

Romea                                  E tu Giulietto perché hai tardato così tanto e non sei venuto

                                               a cogliere questa rosa?

                                               Oh, sono mortificata. Pensi che troppo presto ho ceduto?

                                               Forse volevi supplicarmi?

Giulietto                                No dolce Romea, forse anch’io potevo mostrarmi più ritroso ma,

                                               è l’amore che ci sta guidando, non ostacoliamo il sentimento

                                               che si sprigiona nell’animo nostro.

                                               Anche la luna e le stelle questa sera  testimoni del nostro

                                               incontro sono felici, guarda, mia adorata come brillano lassù!

Romea                                  Brillano! Ma perché un velo le avvolge? Forse le nubi in arrivo?

( Romea si strofina gli occhi)

Giulietto                                No, il cielo è uno specchio, alza il tuo incantevole sguardo.

Romea                                  Mi sento stanca, le gambe mi reggono a fatica, ho freddo.

Giulietto                                Anch’io mi sento debole, sta arrivando un capogiro e

                                               ho i brividi.

( Romea e Giulietto si siedono a terra sostenendosi a vicenda)

Giulietto                                Romea non ti dar preoccupazione, farò un lungo sonno ma,

                                               al mio risveglio la meravigliosa rosa porterò all’altare.

Romea                                  Giulietto, ho preso un sonnifero, perdonami. Farò anch’io un

                                               lungo sonno poi aspetterò impaziente che tu venga a cogliere

                                               la rosa.

( i due giovani sono stesi a terra, la luce della lampada lentamente si spegne)

( si ode rumore di serratura e di cancello che si apre, entrano nel cortile Capuleti, Montecchi,

il Frate Foschia e Benvolio tengono la lampada e cercano di illuminare la zona cercando

Romea e Giulietto, i due giovani sono stesi verso il fondo della scena e loro cercano davanti

non vedendoli)

Capuleti                                Frate Foschia, avete capito bene la dinamica? Appena i giovani

                                               vi appariranno formulate subito ciò che voi sapete e dichiarateli

                                               MARITO e MOGLIE.

                                               Al resto penseremo io e nobile Montecchi. E’ tutto limpido?

Frate Foschia                       Proprio limpido limpido, no, non vedo nulla.

Montecchi                             Giulietto! Sono tuo padre. E’ notte fonda e non è il momento di

                                               giocare a nascondino!

                                               Fatti trovare che il frate deve comunicare con te poi, un caldo

                                               giaciglio ci aspetta. 

Capuleti                                Romea, Romea,fatti vedere, dove sei?

Montecchi                             Fra poco l’alba dagli occhi grigi sorriderà alla notte!

                                               Benvolio, sei sicuro di aver accompagnato Giulietto in questo

                                               cortile? 

Tibaldo                                  Alto là, presentatevi! Chi siete! Siete forse ladri di galline o

                                               di radicchio? Furfanti! Venite avanti! 

Benvolio                               Sarai tu un ladro di galline! Arrogante e presuntuoso!

Capuleti                                Tibaldo, rimetti a posto la spada! Stiamo cercando Romea,

                                               aiutaci col chiarore della tua lanterna!

Tibaldo                                  Scusate zio, Romea non esce nelle tenebre e al freddo e pure voi

                                               siete esposto, chi sono questi forestieri? L’hanno rapita ?

Capuleti                                Affinché tu non vada in confusione ti fornirò di specifiche e

                                               dettagli, ma non ora.

Benvolio                               Laggiù, laggiù, vedo una scarpa!

( tutti si precipitano ad illuminare la zona, vedono Romea e Giulietto stesi a terra)

( appena il frate realizza che hanno bevuto il siero, si mette in un angolo e inizia a pregare,

lì vicino sulla scala Romea ha lasciato la sua bottiglietta con il veleno, il frate la recupera l’annusa, poi la nasconde in una tasca della tonaca)

Capuleti                                Figlia mia! Romea! Aiuto, serve un medico! Balia!

Montecchi                             Giulietto! Figliolo! Sei ferito? Chi è stato? Un Guelfo?

( i due genitori sono inginocchiati accanto ai figli, non capiscono, non hanno ferite ma

non danno segni di vita, provano a scuoterli ma invano)

Capuleti                                Tibaldo! Chi c’era in questo cortile? Sono stati aggrediti?

Tibaldo                                  Garantisco che l’interno di questo cortile da me presidiato

                                               non è stato calpestato da scarpe estranee a questa casa!

( Frate Foschia si inginocchia, prende le mani di Giulietto e nota la bottiglietta nel suo

borsello, lestamente la prende, l’annusa e la nasconde in tasca della tonaca e fa il

segno della croce. Gli altri nella concitazione non si accorgono di nulla)

( Balia si affaccia al balcone)

Balia                                      Per essere qui fuori nel pieno della notte al freddo vi sarete

                                               scolati una bottiglia di buon Soave a testa! Che dite di tornarvene

                                               al caldo dei vostri giacigli e lasciar dormire la gente?

                                               Oh, mio Dio! Romea! Romea!

( si precipita giù in soccorso a Romea)

Balia                                      Vi prego, tornate in voi, sono Balia! Romea guardatemi!

                                               Avete le mani gelide ora vi copro. Cosa è successo?

Frate Foschia                       Non vi sente, sta viaggiando per altre terre!

Balia                                      Voi sapete qualcosa? Parlate! Diteci che sono svenuti!

                                               I sali! Servono i sali! Misericordia, fate qualcosa!

Benvolio                               Cugino, cosa è successo?!

Montecchi                             Come stava Giulietto quando lo hai accompagnato?

Benvolio                               Come al solito, in ottima salute. Era solo contrariato su i

                                               nostri tramacci.

Frate Foschia                       Forse i loro cuori non hanno retto alla pressione delle nozze.

Capuleti                                Si può morire per questo?

Frate Foschia                       Questi due giovani rappresentano ciò che ha di più bello la

                                               nobiltà di Verona.

                                               Sono nobili, belli, educati, gentili ma altrettanto vero che sono

                                               fragili come cristalli. Preziosi e delicati.

                                               I loro cuori pulsavano e al contempo soffrivano le situazioni.

                                               Portateli al caldo, chissà che non sia cosa temporanea.

Montecchi                             Cosa intendete dire?

Frate Foschia                       Ho assistito a dei miracolosi risvegli.

                                               Viaggiano oltre la notte, oltre il giorno, si fanno beatamente

                                               trasportare dalla luce e poi ritornano.

Capuleti                                Voi dite che succederà anche a loro? Noi aspettiamo, si

                                               prendano tutto il tempo.

Frate Foschia                       Solo domani si saprà, nessuno è più tornato dopo un giorno.

                                               Pregherò per le loro giovani anime che possano trovare la

                                               via del ritorno.

( il frate fa il segno della croce, cala il buio mentre portano dentro i loro corpi)

( ricompare l’arazzo di casa Capuleti, sparisce la scala e il cortile diventa casa Capuleti)

Casa Capuleti 

( i due giovani sono stesi vicini sotto l’arazzo in centro della stanza con dei preziosi cuscini

sotto il capo, la famiglia Monteccchi “ padre, madre, servo e Benvolio” in fianco a Giulietto,

i Capuleti, padre, madre, Balia, Tibaldo e il servo” vicini Romea. Il frate in un angolo a pregare)

Capuleti                                A nulla sono servite le nostre lacrime, i nostri implori, le nostre

                                               preghiere…il mio cuore è stretto in una morsa che mi toglie

                                               il respiro.

Madonna Capuleti                          Forse non abbiamo pregato tanto intensamente da far vedere

                                               loro la via del ritorno, inginocchiamoci al cospetto di

                                               Nostro Signore, supplichiamo che li riporti alla vita terrena.

Capuleti                                E’ tutto invano, sono così da due giorni e Romea ha le

                                               labbra viola.

                                               Se riesci a sentirmi figlia mia ( non si rivolge al corpo ma

                                               guarda il cielo) sappi che eri per me il bene più prezioso.

                                               Sono sentitamente pentito di non aver ascoltato le tue

                                               rimostranze. E’ giusto che il mio dolore sia atroce, devo

                                               pagare per il male che ti ho causato ma, solo un desiderio,

                                               desidero con tutto il cuore che la tua anima sia leggera e

                                               felice lassù fra le stelle.

Balia                                      Padroncina mia, vi ho voluto tanto bene e sarete nelle mie

                                               preghiere per il resto della mia vita.

Montecchi                             Che tu possa trovare lassù la serenità figlio mio.

                                               Riposa in pace e che il tuo bel sorriso rallegri le anime

                                               del paradiso.

( Montecchi e Capuleti si avvicinano)

Capuleti                                I nostri figli nonostante la loro giovane età, ci hanno insegnato

                                               che il cuore, l’amore, i sentimenti, non sono sempre disposti a

                                               seguire disegni stabiliti da altri.

                                               Vorrei aver capito questo prima.

Montecchi                             Concordo con voi, loro hanno pagato con la vita la nostra

                                               stupidità. Propongo in nome dei nostri amati figli di rimanere

                                               vicini affinché non venga vanificato il loro insegnamento.

Capuleti                                Padre, procedete pure con la benedizione delle salme.

( si abbassano le luci, il frate si avvicina ai due giovani per le procedure religiose, il

sipario inizia a chiudersi, la storia è conclusa)

Madonna Montecchi           Si muove! Si muove!

( il sipario si riapre)

Montecchi                             Moglie, siete sfinita, sono due giorni che non dormite.

                                               Sono i nervi dei servi a muoversi. Non tormentatevi oltre,

                                               vi fate solo del male.

Servo senza nervo              Chiedo perdono padrone, forse il mio nervo non ha ubbidito.

Servo con nervo                  Sono mortificato, pensavo di esser fermo ma, il nervo non mi

                                               ascolta.

Montecchi                             Sempre! Sempre i vostri nervi si muovono!

                                               Non è ne il momento ne il luogo di pensare ai vostri nervi.

                                               Venite moglie vi accompagno.

Madonna Montecchi           Sono sicura, si è mosso il piede di Giulietto!

Benvolio                               Anche le dita, guardate! Giulietto ! Giulietto! Ci senti?

Montecchi                             Figlio mio, stai tornando? Sono tuo padre. Ti voglio bene.

( Giulietto si muove sempre di più, il  frate fa segni di gioia “ lui sa il perché”)

Giulietto                                Madre, padre, dove sono, cosa è successo?

Madonna Capuleti                          Le mani, le mani, guardate! Romea muove le mani!

Capuleti                                Figlia mia, sia ringraziato il cielo. Ritorna a noi , puoi sentirci?

( Frate Foschia esulta salvi tutti due)

Romea                                  Oh, dolce casa, ho vagato non so dove. Cosa mi è successo

                                               madre?

Capuleti                                Mia adorata, non sappiamo cosa è successo. So di sicuro cosa

                                               accadrà, sappi che non sposerai Giulietto.

                                               Ora non affaticarti, rimettiti in salute e speriamo tu possa

                                               perdonarci per averti fatto tante pressioni sulle nozze.

Montecchi                             Giulietto, mio adorato figlio, ti porterò a casa e prometto che

                                               non si parlerà più di matrimonio. Troppo preziosa è la tua vita.

                                               Riuscirai a perdonarmi per il male che ti ho fatto?

Capuleti                                Romea, tu non sposerai Giulietto, te lo prometto!

Montecchi                             Giulietto, tu non sposerai Romea, te lo prometto!

( Giulietto si gira e vede Romea)

Giulietto                                Oh, Romea, mia dolce Romea. Finalmente rivedo lo splendore

                                               dei tuoi occhi, oh, amore, che la musica della tua voce

                                               risvegli i miei orecchi che fin troppo ho dormito.

                                               Dimmi, dimmi che ti sono mancato!

Romea                                  Oh, Giulietto, Giulietto, sei tu che rincorrevo mentre vagavo nel

                                               sogno. Non riuscivo a raggiungerti e ora ti prego, non scappare,

                                               prendi le mie mani fra le tue, così che io possa sentire il

                                               tuo calore.

Giulietto                                Oh, Romea, mia adorata Romea io ti amo!

                                               Al mattino è il vostro volto che desidero vedere appena

                                               aprirò gli occhi e sia anche l’ultima cosa che vedrò prima di

                                               addormentarmi, basta solitudine.

                                               Via tutti i sassi, ci sarà solo il calore del tuo cuore.

Romea                                  Oh, Giulietto, adorato Giulietto!

                                               Non so di che sassi parli ma, desidero stare con te per

                                               tutti i giorni della mia vita. Sarò la tua sposa.

( tutti sono sbalorditi, non capiscono più niente, Romea e Giulietto si alzano e si

abbracciano)

Capuleti                                La gioia che provo è così grande che non capisco più niente.

                                               Sono ritornati a noi ed è sbocciato il fiore dell’amore!

Montecchi                             Penso che voi ed io potremmo far a meno di capire, importante

                                               che siano loro a capirsi e sembra che ci riescano.

                                               Dio ha congiunto il cuore di Giulietto a quello di Romea,

                                               suggelliamo questo amore che legherà le nostre famiglie

                                               per sempre.

Capuleti                                Avete ragione, brindiamo all’amore che trova sempre la strada.

                                               L’armonia regni per sempre fra le nostre famiglie e la

                                               felicità nei cuori di questi giovani sposi!

                                               Servi!

                                               Unite i vostri nervi per servirci chè brinderemo fino a notte

                                               fonda!

( Frate Foschia ringrazia Dio ed esulta in modo marcato)

E VISSERO FELICI E CONTENTI

                                                                      

                                                                                              Nadia Zanchetta

Sommario

Casa Montecchi                                                     pag.1

Casa Capuleti                                                        pag.14

Casa Montecchi                                                     pag.19

Casa Capuleti                                                        pag.22

Casa Montecchi                                                      pag.29

Casa Capuleti                                                         pag.37

Giardino Capuleti                                                  pag.48

Casa Capuleti                                                        pag.54

                                              

                                              

                                              

                                              

                                      

                                                                                                         

                                   

                                                                      

                                              

                                                          

                       

                                  

           

                                              

                                              

                       

                                                          

                                                          

                                              

                                              

                                              

                                              

                                                          

                                              

                                              

                                                

                                              

           

                        

                                                                      

                                              

                                              

                                              

                                              

                                                

                                              

                                                

                                              

                                              

                                                                      

                                     

                                                                                             

                                              

                       

                                                          

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno