Rosalì sposati qui

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

COMMEDIA IN DUE ATTI DI

EDUARDO BARRA


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

PEPPE SCONCICATO, padrone di casa                           _____________________

TITINA SCIACQUAPAPERA, sua moglie                       _____________________

RITA SCONCICATO, sorella di Peppe                           _____________________

ANNIBALE SCIACQUAPAPERA, padre di Titina           _____________________

CICCIO SCONCICATO, figli di Peppe e Titina                  _____________________

MIMMO SECCHIELLO, vicino di casa                                           _____________________

ADELE SECCHIELLO, moglie di Mimmo                          _____________________

ROSA SCONCICATO, figlia di Peppe e Titina                                   _____________________

ALÌ CUCCATH, fidanzato di Rosa                                  _____________________

SAMMOSH CUCCATH, padre di Ali                               _____________________

AZIZ STADDOIA, mamma di Alì                                          _____________________

SAIZ CUCCATH, zia / sorella di Alì                               _____________________

STACOSH CUCCATH, nonna di Alì                                 _____________________

In una famiglia di campagna torna dalla città Rosa, la figlia dei padroni di casa Peppe e Titina Sconcicato. Rosa, che si è laureata in lingue, torna a casa per presentare ai suoi genitori il fidanzato Alì, uomo proveniente dal piccolo regno asiatico SCAMORZ’, di cui è erede essendo figlio del re. Laureato in lingue europee, va al paese insieme a Rosa per aspettare l’arrivo dei genitori che vogliono conoscere la famiglia della fidanzata.


ATTO PRIMO

La scena si apre in casa Sconcicato in camera da pranzo.

In prima quinta a destra c’è la camera dei coniugi Sconcicato; sempre a destra, in seconda quinta, la camera del nonno Annibale. In prima quinta a sinistra la cucina; in seconda quinta a sinistra un ingresso che dà alle altre camere. La comune, al centro, presenta una vetrata che dà nel giardino che funge anche da ingresso.

L’arredamento prevede un tavolo con tre sedie, un divano o una poltrona ed un mobile; il tutto, possibilmente, deve esaltare l’ambiente di campagna.

Ad apertura sipario c’è una luce fioca in casa Sconcicato. È l’alba e si sente il canto di un gallo. Entra PEPPE con una lanternina o una candela ed un campanaccio in mano.

SCENA PRIMA

(PEPPE, poi TITINA, poi RITA, indi ANNIBALE e infine CICCIO)

Peppe              Bravo ‘o capo pullasto, m’è stato a ssentere. Ajere ‘nce ‘o dicette, Nunzio, Nunzio gallo, dimane matina scetame ‘nu poco primma pecché deve avvenire Rosa, mia figlia, che si è presa la laura nella granda città del nordo, ancora più sopre del nordo, propeto in alto, a Milano. Ora sceto al resto della famiglia. (Comincia a scuotere il campanaccio, urlando ed andando avanti e indietro) Scetateve, scetateve, che Rosetta sta per turnare, sta arrivanno… Scetateve, scetateve, sta turnanno con la laura!

Titina             (Entra in vestaglia) Ueh ueh, che ttiene ‘a scampanià ca è ancora notte? Che guajo hê passato?

Rita                (Entra, s’inginocchia e, prega) Gesù, Giuseppe e Maria, salvate ‘a vita mia! Sebastiano di Gulì nun me facite murì! San Salvatore proteggete l’innocente e perdonate il peccatore! Che d’è, ‘a fine d’‘o munno?

Titina             Nossignore, nun te mettere appaura, è fratete ch’ha pigliato ‘o posto d’‘o sacrestano, sona ‘e ccampane!

Annibale       (Entra in mutande, con la giacca e con una bacinella in testa; si posiziona dietro al divano) Allarme, siamo stati attaccati! Fucilieri, in trincea, armate i mortai, pronti in posizione di difesa, preparatevi per il contrattacco!

Titina             È trasuto pure ‘o frate piccirillo ‘e Napulione, ‘nce manca sulo chill’ato scellerato ‘e figliete!

Ciccio            (Entrando assonnato) Ma che ssonghe ‘sti rummure, m’avite fatto zumpà ‘a coppa ‘o lietto!


Titina             Ecco qua la famiglia Sconcicato al completo. Me medesima Concetta Sciacquapapera in Sconcicato, detta Titina, suo figlio Francesco Sconcicato che se sente male sulo ‘o penziero ‘e faticà, detto Ciccio, Annibale Sciacquapapera, mio padre, ca ancora sta facenno ‘a guerra, Rita Sconcicato, mia cognata, timorata del Signore e zetella in-callita e infine ‘o cchiù bello, Giuseppe Sconcicato, detto Peppe, ca è Sconcicato di nomme e di fatto. Adesso che ci hai scetate a tutte quante ci vuoi dire che hai passato?

Peppe              Ve site scurdate chi torna oggi dalla città?

Tutti              Rosa!

Titina             E allora?

Peppe              Tu ch’hê ditto ajeressera? Domani sceteme ‘nu poco primma ca vene ‘a figlia nosta!

Ciccio            Papà, ‘nu poco primma, no ‘o juorno primma!

Titina             Tene raggione ‘o nennillo, è ancora notte! ‘O nonno sta ancora a ffà ‘a guerra, soreta sta ancora in compagnia d’‘a madre superiora e nuje stamme chine ‘e suonno!

Peppe              Ueeh! Che ssonghe ‘sti ccose? Se je ve sceto, vuje v’avite ‘a scetà! In questa casa comando io o non comando io?

Titina             No! Perciò jammece a cuccà ‘n’ata vota e ne parlammo dimane matina, quando il sole è alto; nun te scurdà ca ogge è Dummeneca!

Rita                San Girolamo della piazza, ‘n’atu colpo ‘e chiste e je jesco pazza. Buonanotte.

Annibale       (A Titina) Colonnello, quali ordini?!

Titina             Maresciallo è tregua, sciogliete le righe!

Annibale       Attenti! Fianco dest… dest! Avanti… marsch: un-due, un-due!... (Marciando diritto rientra nella sua camera)

Ciccio          Mammà, allora je me vaco a mettere ‘n’atu ppoco dint’‘o lietto. Buonanotte!

Titina             Allora sacrestà, vuje che ffacite, venite a durmì?

Peppe              Oramaje me songhe scetato, aspetto all’erta!

Titina             Ecco, bravo, aspetta all’erta, accussì stongo cchiù larga dint’‘o lietto. Bonanotte!

Peppe              (Siede alla sedia accanto al tavolo) Gente fraceta, tenene sempe suonno! E fosse chillu scellerato ‘e mio figlio… Je songhe propeto ‘n’atu stampo, nun dormo maje, stonghe sempe scetato… (Così dicendo s’addormenta appoggiando la testa sul tavolo. Buio totale)

SCENA SECONDA

(TITINA e detto, poi RITA)

Titina             (Entra in scena con una buffa camicia da notte e con una particolare cuffietta da notte; vede il marito dormire al tavolo) Eccolo qua l’ommo ‘e conseguenza, chillo ca nun dorme maje. Nun dorme maje dint’‘o lietto, ma ‘ncoppa ‘o tavolo cu’ ‘a capa appujata. Sciù, p’‘a faccia toja! (Mentre parla il marito, ancora dormendo, farà qualche smorfia o comunque qualche cosa di curioso) Guardate comm’è curiuso, pure ‘o nomme tene azzeccato: Sconcicato! (Lo chiama alcune volte fino a gridare) Ueh ueh, Peppino… Peppì… scuncecà!

Peppe              (Sobbalzando) Ch’è stato?! (Vede la moglie e si spaventa) Mamma mia bella, chi sì? Fatte ‘a llà… Sciò, sciò!

Titina             Sciò, sciò, a chi? Songhe je, mugliereta!

Peppe              Ma che t’hê miso ‘ncuollo? Nun saccio che mme pare!

Titina             Tu nun capisce propeto niente. Chesta è ‘na cammisa ‘e notte all’urdema mota, e chesta è ‘na scuffia blasonata!

Peppe              ‘Na cammisa ‘e notte all’urdema mota doppo ‘a guerra e chella è ‘a scuffia ca re facette donna Teresa ‘a scavapatane.

Titina             Ma che vvuò capì tu? Statte ‘nu poco zitto! Tu cunusce sulo ‘a mota ‘e ll’animale comm’a tte: puorche, vacche e pullaste. Ah!

Rita                (Entra, s’inginocchia e si affida a un Santo o una Santa: questo lo farà ogni qualvolta entra in scena) Santa Lucia, accompagna questa giornata mia!

Titina             Parlanno d’animale è trasuta pure ‘a pecorella smarrita: soreta!

Rita                (Rivolta ai presenti) Che il Signore vi benedica!

I due               Ammen!

Peppe              È accummenciata ‘a messa!

Rita                Fratelli, la giornata di oggi sarà come sempre illuminata dalla luce celeste.

Titina             E noi la luce seguiremo, sorella, e mò lava ‘nterra ca je tenghe che ffà.

Rita                Sissignore, adesso laviamo per terra, dint’‘e late e pure ‘ncielo, comme vo ‘ossignurìa.

Titina             E così sia. Je vache ‘mmiezo ‘o paese pe’ ffà ‘nu poco ‘e spesa, ca stasera vene ‘a studentessa cu’ tutta ‘a famiglia d’‘o ‘nnammurato e avimme ‘a fà ‘na bella figura.

Peppe              E certamente, mica putimme asfigurare a confronto della famiglia dello jennero!

Titina             L’importante è ca tu nunn’arape ‘a vocca.

Peppe              E che vvuò dicere cu’ chesta ‘nzinuazione?!

Titina             Che solo accussì ce putimme salvà. Je me vaco a cagnà. (Via nelle camere)

Peppe              Ueh ueh, che vvuò dicere? Viene ‘a ccà!

Rita                Lascia stare fratello e prega san Catello. Vabbuò, vaco a ppiglià ‘a mazza e ‘a pezza per lavare qua terra, se no quando viene mugliereta chi la sente!? (Va in cucina per rientrare subito dopo con mazza e straccio per pavimenti)

Rita                San Liborio nato ‘Acerra, famme lavà ccà ‘nterra e dint’‘a stanza ‘a llà. (Via dalla comune a destra)

SCENA TERZA

(MIMMO e ADELE, poi ANNIBALE, indi TITINA)

Mimmo           (Entra dalla comune con Adele chiamando Peppe) Cumpare!... Cumpare Peppino!... Cumparièèè!

Adele             Shhh! Statte zitto, che allucchi a fare, vuò scetà a tutte quante?

Mimmo           Scetà? Ma pecché, stanno ancora durmenno? Songhe già ‘e sseje e meza! Rusinella, ‘a reginella d’‘o pullaro, ha fatto già ‘o primm’uovo!

Adele             Che ce azzecca?! La famiglia Sconcicato stanotte ha fatto tarde!

Mimmo           ‘Overo? E pecché?

Adele             Pecché don Peppe stanotte bello e bbuono s’è miso a scampanià pe’ tutt’‘a casa e diceva: “Scetateve, scetateve, sta arrivanno Rosa cu’ Laura!”

Mimmo           Laura? E mò chesta chi è?

Adele             Sarrà ‘na cumpagna milanesa, che ne saccio… E poi continuava a chiammà fin’a quanno s’è scetata tutt’‘a famiglia.

Mimmo           E tu comm’‘o ffaje a ssapè, hê passata ‘a nuttata cu’ ‘e rrecchie vicino ‘e mmure d’‘o cumpariello? Femmena ‘ntrechessa ca nun sì ato, nun se fa!

Adele             Ma che staje dicenno, je me mettevo a spià ‘e Scuncecate, e ppò dint’‘a nuttata? È stato per caso, me truvave a ffà ‘nu servizio ‘e panza dint’a lu fuosso ‘mmiezo ‘a terra e aggio sentuto.

Mimmo           A ffà ‘nu servizio ‘e panza dint’a lu fuosso, pecché dint’‘o cesso nun te truove? M’hê fatto spennere tutte chille sorde!...

Adele             E proprio pe’ cchesto nun ce vaco, me dispiace ca se sporca! Comunque, chello ca è stato è stato, fà zittu zittu e vedimmo si almeno ‘a cummara s’è scetata. (Mentre i due cominciano a muoversi lentamente, dalla camera in seconda quinta a destra fa capolino Annibale, col viso pittato di segni di guerra)

Annibale       (Acquisendo continue posizioni militaresche per non farsi scorgere, all’improvviso attacca i due) Maledetti! Vi faccio a pezzi! (Sobbalzo dei due con gag a soggetto)

Mimmo           Mamma mia s’è scetato pure Rambo! Guardate don Annì, noi siamo i coniugi Secchiello, non siamo nemici!

Annibale       (Inveendo contro i due con l’asta della scopa) Complimenti! Il vostro spionaggio vi ha riferito anche il io nome, ma io non ci casco, io sono un veterano della guerra!

Adele             Signor Annibale, guardatece bbuono, io songo Adelina e chisto è chillu chiochiero ‘e mariteme Mimmuccio. Siamo i Secchielli!

Annibale       E je songhe ‘na palettella! ‘Nfamune nemice, vulite approfittare perché sono solo, ma io non ho paura di niente e sono addestrato per ogni tipo di guerriglia o battaglia. Io ‘a guerra ‘a tengo dint’‘o sanghe!

Mimmo           Nossignore, vuje ‘a guerra ‘a tenite ‘ncapo!

Annibale       (Dopo un po’ d’inseguimento con gag a soggetto riesce a prenderli e li immobilizza) Non si sfugge al maresciallo Annibale Sciacquapapera!

Adele             Sentite, lassatece stà, ve sciacquamme nuje ‘e ppapere, è ‘overo Mimmo? Dincello pure to ‘o maresciallo.

Mimmo           Sì, sì, v’‘o ggiuro ‘ncoppa ‘a capa ‘e muglierema, ‘e ppapere ‘nce lavammo ‘e ppenne a una a una!

Annibale       Bravi, avete ancora il coraggio di fare gli spiritosi? Ma je ve sparo ‘ncapo! (Punta la mazza della scopa verso il capo di Mimmo; gag a soggetto; entra Titina)

Titina             Papà, papà, che staje facenno?!

Annibale       Papà? Chi è papà?

Titina             (Rendendosi conto che il padre è totalmente in preda ad una crisi di amnesia totale e di personalità) Maresciallo Sciacquapapera, cosa succede? Mi faccia immediatamente rapporto!

Annibale       (Mettendosi immediatamente sugli attenti) Sì, signor colonnello!

Adele             Mimmù, ‘a figlia è cchiù pazza d’‘o pate! Mamma mia bella, mò ce spara!

Mimmo           Ma comme ce spara, cu’ ‘a mazza ‘e scopa? Statte zitta e fà fà a Titina che conosce bene ‘o caso clinico d’‘o pate.

Titina             (Facendo cenni d’intesa con i due) Allora colonnello?

Annibale       Questi due stranieri volevano impossessarsi del fortino passando attraverso le campagne, ma io li ho messi fuori combattimento e fatti prigionieri.

Titina             Ottimo lavoro maresciallo, riposo.

Annibale       Proporrei la fucilazione immediata, signore.

Adele             Mò ce spara, mò ce spara, te l’aggio ditto io!

Mimmo           ‘N’ata vota mò? Ma te staje zitta?!

Titina             Non possiamo maresciallo, dobbiamo attenerci al patto di Ginevra: i prigionieri vanno trattati col massimo rispetto ed hanno diritto ad un processo.

Adele             Almeno cu’ ‘o processo, forse, ce fanno innocente e ce salvamme.

Mimmo           Ma che dici? ‘Gnurantona ca nun sì ato!

Titina             Maresciallo!

Annibale       Comandi, signor colonnello.

Titina             Lei si è guadagnata una settimana di ferie, complimenti. Rompete le righe, front-dest! Dest! Avanti, march! Un-duè, un-duè… (Esce Annibale ritornando in camera sua)


SCENA QUARTA

(TITINA, MIMMO e ADELE, poi RITA, indi ANNIBALE)

Titina             (Andando a sciogliere i due) Mi dovete scusare, ma ormai papà tende sempre a peggiorare.

Mimmo           Nun ve preoccupate cummà, però v’avisseve ‘a stà ‘nu poco cchiù accorte… ma p’‘o bbene sujo!

Adele             Pure p’‘o bbene ‘e ll’ate, me steve venenno ‘na confusione ‘e ccerevelle!

Mimmo           ‘Na confusione? ‘Na convulsione vuò dicere!

Adele             Comme se dice se dice, je me songhe cacata sotto d’‘a paura. Chillo ‘o vicchiariello ha fatto ‘na faccia troppo paurosa!

Titina             Cummà, e mò nun esaggeramme, chillo papà nun ha fatto maje male a nisciuno.

Adele             E vuleva accummencià cu’ nuje?

Mimmo           Vabbuò, basta Adelì, chello ca è stato è stato. Piuttosto cummà, nuje avimme saputo ca vene ‘a figlia vosta ‘a fore cu’ ‘a famiglia d’‘o ‘nnammurato…

Titina             È ‘overo, stanno già p’‘a via. E allora?

Adele             Niente, vuleveme sapè si ve serve quaccheccosa, sapite, vene tanta gente e nuje simme amice cumpare ‘a tant’anne…

Titina             Ho capito e vi ringrazio, se avessi bisogno di qualche cosa posso stare col pensiero tranquillo, vuje m’aiutate.

Mimmo           Cu’ tutto ‘o core, cummà!

Adele             Mò nuje ‘nce ne jamme, si ve serve quaccheccosa me chiammate, senza cumplimentazzione, abbasta ca ‘nchiudite ‘o maresciallo ‘e fierro dint’‘a caserma. Bona jurnata, Titì. (Via i due)

Rita                (Rientrando in scena) Ecco qua, tutte le stanze abbiamo lavato, san Gennaro sia lodato!

Titina             Brava chella cugnatina d’‘a mia, beato l’uomo che ti sposerà: avrà sempre la casa profumata e ‘na preghiera assicurata.

Rita                Sfutte tu, sfutte… Io sono timorata del Signore, che ci vuoi fare? Cerco di salvarmi l’ anima.

Titina             Ma chissà come mai questa passione per la fede… Ma t’è vvenuta all’improvviso?

Rita                Che ce azzecca, mica ci sta una data? Quella viene la bussata…

Titina             E arape ‘a porta.

Rita                Nossignore, e rispondi a…

Titina             Al telefono.

Rita                Titì, ma ogge tiene ‘a capa fresca?

Titina             È pe’ ce fà ‘na resata, o pure chesto è peccato?

Rita                No, è che…

Titina             È che cosa, Ritù?

Rita                Siente Titì, è ‘overo ca je e te nun tanto ce putimme vedè…

Titina             Dicimme ‘e ccose comme stanne… Ce schifamme!

Rita                Esattamente. Però je cu’ quaccheduno aggio ‘a parlà… è ‘nu segreto ca porto ‘ncuorpo ‘a troppe anne.

Titina             Ma ‘e che segreto staje parlanne?

Rita                Io te lo dico, visto ca sì ll’unica femmena ‘e chesta casa, però m’hê giurà ‘ncoppa ‘a cosa ca tiene cchiù cara ‘o munno ca nun parle.

Titina             T’‘o giuro ‘ncoppa ‘e figlie mieje ca songhe cchiù ‘mportante d’‘a vita mia!

(Annibale, non visto, entra e segue il discorso delle due partecipando ai vari movimenti che seguiranno)

Rita                (Sedendosi) Qualche tempo fa mi trovavo a Napoli per delle commissioni con mio padre, (Inginocchiandosi) pace all’anima sua. (Si rialza)

Titina             (Inginocchiandosi anche lei e abbozzando un segno di croce) Requie e pace.

Rita                Trovatici a Napoli, andammo a trovare nostra zia monaca, suor Giocondina, che da lontano ci benediceva ogni mattina, (Inginocchiandosi di nuovo) pace all’anima sua.

Titina             (C.s.) Ora pro nobis.

Rita                Ci ricevette con gioia, passammo qualche ora insieme e parlammo tanto di mia madre scomparsa da poco.

Insieme          Pace all’anima sua!

Titina             Ammen! Siente, m’‘o vulisse fernì ‘e cuntà ‘o cimitero ‘stu fatto? Ce stamme facenne tutt’‘e muorte!

Rita                Hai ragione, ma il ricordo è forte. Comunque, andati via dalla zia monaca, ci rendemmo conto che si fece tardi e così decidemmo di passare la notte in albergo, esattamente al Continental Hotel, addò se fermene tutte ‘e straniere.

Titina             Azzò, complimenti, ve trattaste comm’a dduje signure!

Rita                E sì. Dicette papà: “‘Na vota tanto ca stammo dinto alla città, vedimmoncenne bbene.” E pigliaje ddoje cammere, una per me e ‘n’ata pe’ isso.

Titina             E allora?

Rita                E allora… je ‘o pigliaje ‘e parola…

Annibale       (D’improvviso urla spaventando le due) Signor colonnello!

Titina             ‘N’ata paura ‘e cheste e te faccio fucilà!

Rita                Mamma mia, e che paura! Lassa stà, t’‘o fernisco ‘e cuntà quacche ata vota!

Titina             Ma quando maje? Nuje simme arrivate ‘ncoppa ‘o cchiù bello!... Continua…

Rita                Ma ce sta ‘o surdato ‘mpazzuto!

Titina             Stai tranquilla, ci penso io. (Rivolgendosi al padre) Maresciallo…

Annibale       (Sugli attenti) Sì, signor colonnello!

Titina             Montate di guardia all’ingresso del fortino, non fate avvicinare nessuno!

Annibale       Sarà fatto, signore!

Titina             Mi raccomando, una guardia serrata. Ripeto, nessuno si deve avvicinare!

Annibale       (Impugnando la mazza della scopa come una bajonetta puntata) Stia tranquillo signore, dovranno passare sul mio cadavere! (Totale controscena durante il discorso che seguirà)

Titina             Stammo a posto, mò può pparlà tranquillamente.

Rita                (Tranquillizzata dalla situazione) Addò ero rimasta?

Titina             A ‘o fatto ca ‘o pigliaste ‘e parola, ma che vulive dicere?

Rita                Comme dicette papà?

Titina             Comme dicette?...

Rita                “‘Na vota tanto ca stamme dinto alla grande città, vedimmoncenne bene”.

Titina             E tu te ne vediste bbene, ma in che modo ancora nun riesco a ccapì.

Rita                (Avvicinandosi in maniera complice) Nello stesso albergo, comme t’aggio ditto primma, ‘nce stevene tanti straniere, e cu’ uno di questi, ‘n’orientale, ce ‘ncuntrajeme dinto all’ascensore e…

Titina             Dinto all’ascensore e…? Nun me fa suffrì, pare ca ‘o staje parturenno ‘stu fatto!

(Rita muove la mano come per dire “Quasi quasi…”)

Titina             Che vvò dicere accussì? (Ripete lo stesso movimento con la mano)

Rita                All’improvviso mancaje ‘a currente, l’ascensore se fermaje ‘e botto e je fernette ‘mbraccio all’orientale straniero… teneva ‘n’addore d’annesella ‘ncuollo… aaah!

Titina             ‘N’addore ‘e che?

Rita                D’annese… di anice… a me l’addore ‘e annese me fa saglì ‘a pressione e…

Titina             E…? Nun te fermà ‘mbraccio all’orientale cu’ l’addore ‘e annese, continua!

Rita                E io chello facette, continuaje… l’abbracciaje e m’‘o vasaje!

Titina             E isso?

Rita                Cuntraccambiaje ‘o vaso, anzi, facette assaje ‘e cchiù! Dint’‘o giro ‘e poche siconde ‘nce truvajeme annude tutt’e dduje ca steveme facenno ammore.

Titina             (Tra sé) Hê capito ‘a timorata ‘e Ddio?! (A Rita) E po’?

Rita                Turnata ‘a luce, ‘nce guardajeme dinto all’uocchie e ‘nce vasajeme ‘n’ata vota fino a quando l’ascensore nun se fermaje ‘o sesto piano addò steva ‘a cammera mia e je ascenno dicette: “Trentatre”.

Titina             Che faceva, ‘o miedeco? Te steva sentenno ‘e spalle?

Rita                Nun pazzià pe’ piacere, era ‘o nummero d’‘a cammera mia.

Titina             E ‘o straniero che dicette?

Rita                “Signora, è stato un piacere, ma sono sposato”.

Titina             ‘Ndranghete!

Rita                Je chiena ‘e scuorno pe’ chello ca era succieso, pecché nunn’‘o cunuscevo, e pecché era ‘n’ommo spusato…

Titina             E vabbuò, troppi ppecché, alla fine tu nun sapive tutte ‘sti ccose, è stata ‘n’avventura ‘e nu mumento cu’ ‘nu straniero!

Rita                Si ferneva llà…

Annibale       (Tra sé) Ancora?!

Titina             Che vvuò dicere?

Rita                Dint’‘a nuttata sento bussare alla porta: toc, toc. “Chi è?”

Titina             (Come un’eco) Chi è?

Annibale       (Urlando) Chi è?

Rita                (Impaurita) Chi è? Chi è? Mamma mia bella, me ne vaco… me ne fujo!

Titina             Stai calma, nunn’è nisciuno, continua… è ‘o maresciallo!

Rita                ‘N’atu colpo ‘e chiste e m’arrestano ‘o core!

Titina             (Tra sé) Seh, ‘o portano ‘ngalera…

Rita                Dov’eravamo rimasti?

Titina             Toc, toc… “Chi è?”

Rita                “Io, l’uomo dell’ascensore”.

Annibale       (Tra sé) ‘Nce era piaciuta ‘a campagnola…

Rita                Io, combattuta tra arapo e nun arapo, è spusato, nun arapì, nun saje bbuono chi è, mentre penzavo a tutte ‘sti ccose, me truvaje vicino ‘a maniglia d’‘a porta e…

Titina             E…? Avesseme ‘a parturì ‘n’ata vota, eh?

Rita                E arapette ‘a porta. Passajeme ‘na nuttata esagerata. Aaah! (Si accascia sulla poltrona)

Titina             ‘A faccia d’‘o sisco, e tu tenive ‘stu ppoco ‘ncuorpo? Mò capisco pecché staje sempe a chiedere perdono!

Rita                È ‘overo, però mò me sento meglio. Nun te scurdà che hai giurato sui tuoi figli! (Fa per andare) Ma simme sicure ca ‘o maresciallo nun parla?

Titina             Magari parlasse! Vulesse dicere ca sta bbuono, e invece… (Annibale fa una strana risata)

Rita                (Guardando la reazione di Annibale) Effettivamente…

Titina             E mò addò vaje?

Rita                Me vaco a ffà ‘n’atto ‘e pentimento. San Lorenzo Scorticato, salvami da ogni peccato! (Via dalla scena)

SCENA QUINTA

(TITINA ed ANNIBALE, poi CICCIO, indi PEPPE, poi RITA, infine MIMMO)

Titina             Sta bene ‘a muciasorda, se l’ha fatto zitta zitta… (Rivolgendosi al padre) Tu m’‘o ddicive sempe: “Figlia mia, statte attenta all’acqua cheta, che fa pantano e fete”.

Annibale       Ben detto colonnello!

Titina             (Guarda il padre, gli va vicino e lo bacia su una guancia, commossa) Riposo marescuallo, riposo, lei è libero.

Annibale       (Accennando un sorriso e carezzandosi per un attimo il viso) Grazie comandante, agli ordini colonnello! (Via in camera)

Ciccio            (Entrando) Mammà, buongiorno.

Titina             Buongiorno… ‘N’atu ppoco ‘nce jamme a cuccà ‘n’ata vota, buongiorno…

Ciccio            Mammà, tu ‘o ssaje, quanno me sceto dint’‘a nuttata poi pe’ ppiglià suonno ‘n’ata vota ‘nce vò tiempo.

Titina             L’hê recuperato ‘stu tiempo, staje durmenno ‘a diece ore!

Ciccio            Meglio che dormo, perché se sono sveglio mangio. A proposito ‘e mangià, me pozzo fà ‘nu poco ‘e latte cu’ ‘e biscotte?

Titina             ‘O llatte cu’ ‘e biscotte a chest’ora? ‘N’atu ppoco vene chill’ato campione ‘e patete ca vò magnà e tu vaje truvanne ‘o llatte?

Ciccio            Almeno ‘na fettuccella ‘e pane cu’ ‘nu poco ‘e marmellata, tanto io poi adoppo magno ‘o stesso!

Titina             Chesto è sicuro. Comunque, io vado un attimo addò ‘a signora Secchiello a vedè comme sta.

Ciccio            Pecché, che ttene, nun se fida?

Titina             Hanno fatto ‘nu brutt’incontro stammatina e me vaco a sincerà se è tutto a posto. Poi stesso ‘a llà vaco a ffà ‘nu poco ‘e spesa. Tu aspiette a patete e nun fa guaje.

Ciccio            Staje tranquilla mammà, je nun me movo ‘a ccà, al massimo vaco llà. (Indicando la cucina)

Titina             Tu proprio llà nun hê ‘a trasì, ‘nce simme spiegate?! (Via dalla comune)

Ciccio            Nun aggio ‘a trasì… chella è ‘a meglia stanza, nun aggio ‘a trasì! (Entra Peppe e resta in ascolto) Fettuccelle di pane, sto arrivando… buattella di marmellata, preparati che a-desso ti arapo e mi votto cu’ ‘a capa dinto… (Fa per andare)

Peppe              Fermate lloco! Comme faje ‘nu passo te faccio cuccà dint’‘o pullaro stanotte.

Ciccio            (Bloccatosi) Almeno ‘mmiezo ‘e pullaste si mangia.

Peppe              Pe ll’ora ca te scite tu è già fernuto tutte cose dint’‘o pullaro. Sfaticato screanzato ca nun sì ato. Piglia esempio ‘a soreta ca mò torna a casa con la laura.

Ciccio            (Ironizzando) Speriamo che è bona…

Peppe              Ma chi?

Ciccio            ‘Sta Laura!

Peppe              (Non capendo l’ironia del figlio) ‘Gnurantone ca nun sì ato, la laura nunn’è ‘na perzona femmina, ma ‘nu piezzo ‘e carta ‘e chesta manera che ti danno dopo che hai studiato per tanti anni.

Ciccio            ‘Overamente? (Continuando ad ironizzare) Uno studia tant’anne p’havê ‘nu piezzo ‘e carta? E nun te cunviene…

Peppe              Ma allora ‘overo nun capisce niente? Chillu piezzo ‘e carta sta a significà… (Guardando il figlio che ride, capisce) Ma tu me stisse cuffiando?

Ciccio            Io cuffejo a tte, Peppe Sconcicato, l’ommo cu’ tanta sapienza? Nun me permettesse maje!

Peppe              Ah sì? (Cominciando ad armarsi con qualunque cosa trovi a portata di mano) Viene ‘a ccà che te faccio vedè io ‘a sapienza mia addò arriva… (Parte un inseguimento con gag a soggetto) Disgraziatone, delinquente, fetentone!

Ciccio            Papà, lassa stà, io steve pazzianno! (Entra Annibale) ‘O nò, salvame, me vò accidere!

Annibale       All’attacco, salviamo gli alleati! (Armato della solita scopa inveisce contro Peppe, si inverte il giro)

Peppe              Papà, papà, scetate d’‘o suonno, songh’je, Peppe, ‘o marito ‘e figlieta Titina! (A Ciccio) Disgraziato, dincello pure tu… Ah, ma mò ca te tengo dint’‘e mmane…

Annibale       (A Ciccio) Soldato, dall’altra parte, circondiamo il nemico!

Ciccio            (Capendo che è l’unico modo per sfuggire al padre, sta al gioco) Sì signor maresciallo. (Gira dalla parte opposta; intanto entra Rita, mentre Annibale sta per colpire Peppe)

Rita                San Pasquale Baylonne, è asciuto pazzo ‘o nonno! (Ponendosi tra Peppe e Annibale) Don Annì, fermateve! ‘A guerra è fernuta, siamo tutti alleati.

Annibale       (Fermandosi) Chiedo scusa, non avevo ricevuto questa notizia.

Peppe              (Con affanno e ancora spaventato) Nun face niente, chella ‘a posta, ‘mmiezo a la campagna arriva sempre in ritardo.

Annibale       Chiedo il permesso di ritirarmi in branda in attesa di nuovi ordini.

Rita                Permesso accordato. (Via Annibale)

Peppe              Ma comme t’è vvenuto a mmente?

Rita                Guardanno a mugliereta me songh’imparata pur’io.

Ciccio            Chiedo anche io di essere congedato, comandante.

Rita                Ma che dici Cicciù, a zia?

Peppe              (Ponendosi davanti all’ingresso delle camere) ‘O ssaccio io, ‘o ssaccio. Permesso non accurdato, surdato. Vuje site cunzignato, ma primma avite havê ‘na paliata! (Ritenta di prendere il figlio)

Mimmo           (Entra con un dolce in mano) Cumpariè…

Ciccio            (Approfittando della situazione scappa) Papà, vaco a ffà chillu servizio… (Via dalla comune)

SCENA SESTA

(PEPPE, MIMMO e RITA)

Peppe              (Tra sé) Ah disgraziato! Ma l’aggio acchiappà… (A Mimmo) Cumpà trasite, a che dobbiamo questo onoro?

Mimmo           Visto che vene la vostra figliola dalla granda città, chella scurtecata ‘e muglierema ha penzato bbuono ‘e ve fà ‘nu dolcetto.

Peppe              (Prende il dolce e lo annusa) Che ball’addore! (Alla sorella) Siento comme addora, Ritù. (Glielo mette sotto al naso)

Mimmo           È annese.

Rita                Annese? (Stringe voluttuosa il braccio di Mimmo) Aaah!... Scusate, nun me fido… (Via in camera sua)

Mimmo           Ma ch’ha passato, cumpà?

Peppe              Nunn’‘o ssazzio, sarranno cose ‘e femmene zetelle…

Mimmo           Ha fatto ‘na faccia strana… Ma fosse allergeca all’annese?

Peppe              Nunn’‘o ssaccio, d’altra parte oggi chi è ca nunn’è allergico… Je songhe allergiche ‘o ssapone pe’ llavà ‘e piatte, muglierema è allergeca ‘a scorza d’‘a perzeca, figliemo è allergeco ‘a fatica…

Mimmo           (Ridendo) Site sempe stato ‘nu pazziariello, cumpriè. Comunque io mò i lascio il saluto speranto di averve fatto cosa gradita.

Peppe              Graditissima, Mimmù. Grazie e purtate ‘e salute e ringraziamiente ‘a mugliera vosta.

Mimmo           Siete servito, arrivederci. (Via dalla comune)

SCENA SETTIMA

(PEPPE, poi TITINA, indi ANNIBALE)

Peppe              ‘Overo tene ‘nu bell’addore. (La riannusa) Quasi quasi me faccio ‘na fettuccella…

Titina             (Entra con le borse della spesa e si ferma a guardare il marito)

Peppe              (Toglie la carta dal dolce) Tene pure ‘na bella faccia… (Si guarda intorno, la moglie si nasconde, gag a soggetto) Vai Peppì, vottate! (Fa per tagliare)

Titina             Te votto je si ‘o tuocche, ma a mare!

Peppe              No, ma ch’hê capito? Je stevo ammiranno quant’è belle e comme addora, e…

Titina             E puosele ‘ncoppa ‘o tavolo chianu chianu, senza rompere, si no te rompo ‘a capa.

Peppe              (Posa lentamente il dolce sul tavolo, gag a soggetto) Ecco fatto signor colonnello, potete chiammare gli esperti delle bombe.

Annibale       (Come sempre esce all’improvviso urlando e spaventando tutti) Una bomba! Tutti a terra!

Peppe              Mariscià, vuje avite ‘a passà ‘nu guajo gruosso!

Annibale       (Verso Titina come per difenderla) Stia tranquillo colonnello, sono pronto a morire per lei!

Peppe              Chesta è ‘na bella penzata, accussì se leva ‘a ‘nanze e nuje ‘a fernimme ‘e fà ‘a guerra finalmente!

Titina             Ma lass’‘o stà, voglio vedè a te tra trent’anni comme sarraje.

Peppe              Muorto ‘e paura, ‘e chistu passo.

Annibale       (Alla figlia) Titì ma ch’è succieso? Me fa male ‘a capa…

Titina             Uh che bellezza, comme so cuntenta! Papà, m’hê riconosciuta!

Annibale       Certamente! Vuò vedè ca nun cunosco a figliema, ‘o core mio? Ma pecché me l’ad-dimanne?

Titina             No, accussì…

Peppe              (Ad Annibale) Papà, invece io chi sò?

Annibale       Chillo ca s’è spusato a figliema, Peppino Sconcicato, di professione contadino e come passione campagnuolo, ma ‘nu buon ommo.

Peppe              Bravo! Mò jateve a rrepusà ‘nu poco, che ‘n’atu ppoco vene ‘a nennella ‘a Milano.

Annibale       Rusinella, ‘a creatura nosta? Allora aggio ‘a jì ‘o paese a ‘nce accattà ‘a bella cosa, chella ce mette ‘o penziero…

Titina             Papà, ‘a creatura nosta tene quase trent’anne, oramaje.

Annibale       Ma tu che staje dicenno, trent’anne? Ah, comme me fa male ‘a capa! (Si avvicinano Titina e Peppe che lo sorreggono. All’improvviso si pone davanti a Titina rivolgendosi a Peppe) Chi sei? Vai indietro! Colonnello, si ripari dietro di me.

Peppe              ‘A pace è durata solo cinque minuti, è accummenciata ‘n’ata vota ‘a guerra.

Titina             Stia tranquillo maresciallo, sono alleati. Riposo.

Annibale       Bene colonnello.

Titina             Si può ritirare maresciallo, vada pure.

Annibale       Grazie signore. (Via in camera sua)

Peppe              Sta proprio peggioranno, ‘e chistu passo l’avimmo ‘nchiudere.

Titina             Hê ‘a passà ‘ncoppa ‘o cadavere mio! (Via nelle camere)

Peppe              (Andandole dietro) Ma siente, aspetta…


SCENA OTTAVA

(CICCIO, poi ROSA, indi TITINA e PEPPE, poi RITA e infine ANNIBALE)

Ciccio            (Entra con circospezione) Nun ce sta nisciuno, menomale, si m’acchiappava papà erene cavolesciure amare. (Vede il dolce sul tavolo) Mamma mia bella, e che addore, che bella faccia… e comme faje a ffà finta ‘e niente?! Dolce, dolciotto, vieni da Cicciotto, te taglio chianu chianu, poi te metto dint’‘a carta cu’ ‘e sciure ‘e mammà e poi aumma, unu muorzo!

Rosa               (Che aveva assistito al discorso del fratello con il dolce, imitando la mamma) Unu muorzo ‘ncapa haje si tuocche chillu dolce!

Ciccio            (Senza girarsi, convinto che sia la mamma) Mammà, nun me fa male, je ‘o steve sulo guardanno…

Rosa               E je avesse ‘a credere a ‘sti bbuscie? Viene ccà, ca t’aggio ‘a struppià!

Ciccio            No, aspiette ‘nu mumento. (Si gira per scappare e vede la sorella) Ueh, Rosè, sì ttu?

Rosa               Maccarone, hê fatto ‘a paura, ma manco ‘a fernesce ‘e magnà!

Ciccio            (Abbracciando la sorella) E pecché avesse ‘a fernì? Chella è ‘a cosa cchiù bella d’‘o munno… Però è meglio ca mò ‘o levo ‘a miezo, si no me faccio fà e ‘o zompo ‘ncuollo. (Posa il dolce in cucina)

Rosa               (Ride insieme al fratello) E allora come stai? In casa Sconcicato che si dice?

Ciccio            Io sto bene. Qua è sempre la stessa vita: mammà allucca a papà, papà va a faticà din-to ‘a campagna, ‘o nonno è peggiorato cu’‘a capa, oramaje sta sempre in guerra, ‘a zia passa ‘a jurnata addenocchiata e io…

Rosa               E tu nun truove ‘na sistemazione, ma manco ‘a cirche però, sfaticato!

Ciccio            E vabbuò, primma o doppo arriva.

Rosa               Speriamo cchiù doppo ca primma, è ‘overo? (Di nuovo ridono insieme; entrano Titina e Peppe)

Titina             Ueh, Rusè, bella ‘e mammà, tu sì arrivata?! (Abbraccia la figlia) Pecché nun hê telefonato? Te facevo venì a ppiglià ‘a patete ‘a stazione.

Peppe              Bella figlia mia, comme stace? ‘Na vota tanto have raggione mammeta.

Titina             Je aggio sempe raggione!

Peppe              È ‘overo, tanto ‘a raggione è d’‘e fesse.

Titina             Mò accummenciamme ‘n’ata vota? (Entra Rita)

Rita                Grazie santa Benedetta, è tornata mia nipote Rosetta. (Saluta la nipote) Bella di zia, tutto bene?

Rosa               Ciao zia, tutto bene, vedo che sei sempre giovane.

Rita                beh, mi difendo, cu’ ll’aiuto ‘e santa Francesca cerco ‘e rimmanè sempe fresca.

Annibale       (Entrando come sempre urlando) All’attacco, ci stanno sparando!

Rita                Nonno!

Annibale       (All’improvviso) Rosa, ‘a creaturella mia, comme staje? Viene a ddà ‘nu bacio ‘o nonno. (Rosa esegue)

Peppe              ‘Nce vuleva ‘a nepote pe’ ffà ‘na tregua!

Annibale       Pecché nunn’hê chiammato? ‘O nonno te veneva a ppiglià cu’ ‘o trerrote!

Titina             Papà, ‘o trerrote l’avimme jettato quacche tiempo fa.

Annibale       E chi t’ha autorizzato?

Ciccio            Tu, ‘o nò, ‘o ddiciste! Diciste esattamente: “‘Stu trerrote ha fatto ‘a guerra assieme a mme, è ora ca ‘o jettammo”. E accussì l’avimmo jettato.

Annibale       Nun m’arricordo, starraggio perdenno ‘a memoria?

Tutti              (Ironici) Noo…

Rosa               (Al fratello) Ciccio, avevi ragione, nunn’è cagnato niente, e proprio chesto è ‘o bello. Grazie a tutti quanti, ma nun ce steve bisogno ca veniveve alla stazione, perché sono arrivata in auto con Alì.

Titina             (Al marito) Ch’ha ditto?

Peppe              È venuta cu’ ‘a machina da lì.

Titina             E pecché?

Peppe              Forse da lì se fa cchiù ampressa ca si vene ‘a llà, è ‘overo a papà?

Rosa               No, che avete capito? Alì è un uomo.

Peppe              (Alla moglie) Ah, hê capito? Da lì è venuta con un uomo!

Titina             (Al marito) Può essere che da lì se vene cu’ ll’uommene e ‘a chell’ata parte se vene cu’ ‘e ffemmene… Sarà ‘n’usanza ‘e Milano.

Annibale       Ma ch’avite capito? Alì è il nome dell’uomo!

Rosa               Bravo nonno, sei l’unico che ha capito! Alì è il mio fidanzato.

Ciccio            Alì, e che nomme è?

Peppe              Sarrà ‘o diminutivo di Alissandro.

Titina             Alissandro? Ma nun se dice Alessandro, comme a chillo ca magna sempe, Alessandro che magna?

Rosa               Mammà, chillo era Alessandro Magno!

Titina             E je ch’aggio ditto? Alessandro che magna!

Ciccio            Terza persona del verbo magnare: io magno, tu magni, isso magna, ecc. ecc.

Annibale       Alì è un nome arabo.

Peppe              Papà, e vuje che ne sapite?

Annibale       Te sì scurdato ca je aggio fatto ‘a guerra? E lì ‘nce steva chi se chiammava Alì, Abdul, Toscifù… (Come se ricordasse) Toscifù… Toscifù… (Barcollando) Chiedo il permesso di ritirarmi in stanza.

Titina             Permesso accordato. (Annibale fa per avviarsi)

Rosa               Nonno… nonno!

Annibale       (Guarda la nipote, le manda un bacio e va via)

Rosa               Mamma, certo che èpeggiorato assai!

Titina             E che vvuò fà a mammà, l’importante è che ‘o tenimme ancora cu’ nnuje…

Rita                Fino a quando il Signore nun se ‘o chiamma a llà, nuje ringraziamme a san Pascà!

Rosa               (Al fratello, indicando la zia) Anche da questo lato non è cambiato niente…

Ciccio            Te l’aggio ditto…

Titina             Ma tu hê ditto che sì vvenuta da lì cu’ ‘o ‘nnammurato tujo, addò sta?

Rosa               L’ho mandato un attimo in paese con la scusa di comprare dei dolci.

Peppe              E c’era bisogno di questi dolcetti? Ci sta quello che ha mandato la signora Secchiello, è al sapore di anice!

Rita                Anice… anice… annesellaaa! (Via nelle camere)

Rosa               Ch’è succieso?

Peppe              È strano, pure chell’ata vota è succieso. Titì, ma tu saje quaccheccosa?

Titina             Che ne saccio? Saje ca soreta parla cu’ mme? Comunque nun songhe fatte d’‘e nuoste. Allora, chistu cristiano se fosse perzo? Cicciù, và ‘o paese e vide chisto addò sta.

Ciccio            E che ne saccio chi è, comme ‘o ricunosco?

Peppe              L’unica perzona ca nun cunusce è isso, ‘nce vaje vicino e… (Alla moglie) e…?

Titina             E te prisiente, doppo ‘o puorte ccà.

Rosa               Non ce n’è bisogno, Alì ha il navigatore.

Peppe              Allora hê ‘ajì ‘o puorto.

Tutti              ‘O puorto?

Peppe              Si è vvenuto cu’ ‘o navigatore è vvenuto pe’ mmare.

Titina             Hai ragione, nun ce avevo penzato.

Ciccio            Je accummencio a gghì, po’ me facite sapè.

Rosa               Ma non siamo venuti per mare… (Facce sbigottite dei tre) Il navigatore è un computer dove imposti l’indirizzo e… (Guarda gli altri che da sbigottiti sono diventati smarriti) E vabbuò, nun fa niente, comunque ‘a strada ce l’ho spiegata e ha capito, perciò viene da solo.

Ciccio            Allora io approfitto e me vaco a ffà ‘na cammenata, si ‘o trovo ‘o manno ccà.

Rosa               E nu l’aspiette?

Ciccio            ‘A so, capisceme…

Titina             Soreta nun tene niente ‘a capì, scellerato! Và, e stasera nun fà tardi ca tenimme l’os-pito d’onoro. (Via Ciccio)

Peppe              Quacche vvota ‘e cheste… (Con la mano fa il gesto come a dire “Lo picchierò”)

Titina             Allora, figlia mia, comm’è ‘stu Allah?

Rosa               Alì, mammà!

Titina             O ‘a llì o ‘a llà, sempe ‘a quacche pparte vene.

Peppe              A proposito ‘e venì, ma donde arriva ‘stu giuvinotte ca s’è arrubbato ‘o core d’‘a pic-cerella mia?

Rosa               Da un piccolo paese asiatico che si trova su una piccola isola del Pacifico. E udite udite… (Entrambi i genitori alzano il dito) Ma cosa fate con queste dita alzate?

Peppe              Bella ‘e papà, tu hê ditto: “‘O dito, ‘o dito”, e nuje…

Titina             Sìssempe ‘o ssoleto, forse avimme sbagliato dito. Qual è bella ‘e mammà? Dimme a mme.

Rosa               Ma nossignore… “Udite udite”, cioè ascoltate, sentite…

Pep. + Tit.       Aaaah

Rosa               Dunque dicevo, viene da una piccola isola del Pacifico ed è un principe, è il figlio del re.

Titina             Figlia mia bella, s’ha pigliato ‘nu principe pacifico, quando sì bella a mammà!

Peppe              ‘O fatto ca è pacifico già è buono, llù ‘nce stanno sempe ‘e gguerre.

Rosa               Papà, il Pacifico è un oceano… un oceano è un mare più grande.

Titina             Quanta cose te sì ‘mparate figlia mia! Brava, e scusaci se nun capimme, ma comme saje simme ‘gnurante, specialmente patete.

Peppe              Pecché tu sì ‘struita?

Titina             Sicuramente cchiù ‘e te, visto ca songo figlia di militare.

Peppe              Pecché, ‘e militare studiane ‘a geografia, ‘a matematica, ‘o ‘ttaliano…? Chille studiano sulo ‘a guerra, e po’ jescene ‘mpazzute, vide a patete.

Titina             Nun te permettere ‘e…

Rosa               Basta tutt’e dduje, fernitela! Aggio sentuto ‘o rummore d’‘a machina, secondo me è arrivato. (Va fuori per rientrare tra poco con Alì)

Titina             Ueh ueh, comme stongo? Ccà sta pulito? È tutto a posto? Chillo sempe ‘nu principo è!

Peppe              Nun t’aggità ca me faje aggità pure a mme. Basta ca nun facimme brutti ffigure.

Titina             Si te staje zitto sicuramente ‘nce ‘e sparagnamme.

SCENA NONA

(ROSA, ALÌ e detti, poi CICCIO, indi RITA, poi MIMMO e ADELE, infine ANNIBALE)

(Entra Rosa con Alì che saluta con un inchino Peppe, gag a soggetto, poi saluta Titina con il baciamano, ovviamente con un’altra gag a soggetto)

Peppe              (Alla moglie) Ma che fa, te vasa ‘a mano? Ma t’ha pigliata pe’ ‘nu prevete?

Titina             ‘O solito campagnuolo ca nun capisce niente: questa è finezzità di ommo ‘struito e educato, no comme a tte che faje ‘a scopa cu’ Michelino ‘o pullasto.

Rosa               Mamma, papà, questo è Alì, il mio fidanzato.

Titina             (Porge di nuovo la mano per farsela baciare) Tantissimo piacere Allì.

Rosa               Alì, mamma, con una elle.

Peppe              ‘O ssaje, chella mammeta è de core, ‘nce cirche uno e te dà sempe dduje. (Ad Alì) Io songhe il patre di Rusetta, piacerissimo assaje di acconoscerti.

Titina             (Al marito) E t’aggio ditto che era meglio si te stive zitto. Puveriello, nun ha capito niente, è vero Allì?

Rosa               Di nuovo, mammà?

Alì                  Non importa tesoro, piacere mio signora.

Titina             Che ssonghe ‘sti ccose? Chiammame mammà

Peppe              Invece a mme chiammame…

Titina             A isso nunn’‘o chiammà propeto.

Alì                  Va bene, come desiderate, voi sarete mammà e voi papà.

Peppe              Bravo, figliu mio, e ora se permettete, io ci debbo fare un discorso da ommo di casa, da papà della guagliuncella…

Rosa               (Capendo le intenzioni di Peppe fa segno alla mamma come per dire “Più tardi”) Mammà…

Titina             Aspetta, primma che parli con questo giuvinotto, prisentammece tutta la famiglia, accussì s’appacia ‘na vota e ppe’ ssempe e capisce dint’a quale manicomio è trasuto.

Alì                  (A Rosa) Non ho capito proprio tutto…

Rosa               (Tentando di ammorbidire la frase della mamma) Ha detto che in questa casa siamo circondati da gente strana, un po’ pazzerella. (Mentre spiega entra Ciccio)

Ciccio            Rosè, je songhe juto a vvedè si… ah, ma già sta ccà? (Si avvicina ad Alì, gli porge la mano e si presenta in maniera goffa) Piacere io songo Ciccio, il frato di Rosetta, songo l’esatto opposto: essa è femmena, bella e tene genio ‘e studià, io invece songo mascolo, bruttulillo e nun tengo genio ‘e fa niente, però sorema Rosetta è ‘a vita mia e si tu ‘a faje suffrì io…

Rosa               Ciccio!

Ciccio            Insomma hê capito? È stato ‘nu piacere.

Rosa               (Ad Alì) Hai capito?

Alì                  Ho capito che questo è primo pazzerello.

Titina             È pepsi… pecis… (Vuole dire “perspicace”, guarda il marito in cerca di aiuto ma quest’ultimo fa peggio)

Peppe              Pursc… piscet,,,

Rosa               Insomma capisce subito.

I genitori      Brava!

Titina             Andiamo avanti. (Chiama Rita alzando troppo la voce)

Rita                (Entra spaventata e s’inginocchia) Gesù, Giuseppe e Sant’Anna a Palazzo, requie e ppace all’anema d’‘e pazze! Santa Maria benedetta non farmi morire troppo in fretta! Sant’ Arcangelo del saluto, offrimi qualche aiuto!

Rosa               Zia… zia Ritù!

Rita                Bella d’‘a zia, vieni a pregare insieme a me, hai sentito quest’urlo?

Rosa               Nessuno ha urlato, ti abbiamo chiamata perché volevo presentarti Alì, il mio fidanzato…

Alì                  (Si avvicina galante come prima e le bacia la mano) Onorato madame.

Rita                L’onore è tutto mio, voi siete un uomo orientale?

Alì                  Sì, vengo dall’Oriente, ed esattamente da un piccolo paese che si chiama Scamorz, così piccolo che sulle carte non è menzionato.

Peppe              ‘Nce avimmo mannà ‘o nonno dint’a chistu paese.

Titina             A papà? E che ci azzecca?

Peppe              Accussì sta assieme ‘e coetanei suoje, ‘e pensionate, e se fanno ‘na partita cu’‘e ccarte.

Alì                  (A Rosa) Questa proprio non l’ho capita!

Rosa               Stai tranquillo, è lui che non ha capito. Papà, Alì intendeva dire che il paese in cui vi-ve è così piccolo che non viene menzionato, non pensionato, sulle carte geografiche e non su quelle da gioco. Non viene riportato, non si trova perché non è stato scritto!

Titina             Hê capito? Mò tiene a freno ‘a lengua si no per presentare tutta ‘a famiglia facimmo notte.

Alì                  Questa l’ho capita.

Ciccio            Sta bene! L’orientale se sta gà ‘mparanno ‘o nnapulitano! (Entrano i coniugi Secchiello)

Mimmo           Ci sta il permesso?

Adele             Potimmo trasire?

Peppe              ‘Nce steveme scurdanno ‘e cumparielle Secchiello. Accomodateve, trasite…

Adele             Ueh Rusè, quanto te sì fatta bella, damme ‘nu vasillo, piccerella mia. (L’abbraccia)

Mimmo           Te trovo assaje crisciuta e pure cu’ ‘na faccella cchiù intelligente. Sarà stato tutto ‘o stunamiento ca hê fatto nella granda città. (Le porge un dono a scelta del regista)

Rosa               Grazie, grazie a tutti e due. Alì, loro sono i nostri vicini, Mimmo e Adele Secchiello, ma è come se fossero dei miei zii; non avendo avuto figli, io e mio fratello siamo stati un poco anche i loro.

Adele             È una virità santissima, bellu giovine, chesta quann’era ‘na creatura spesso veneva a casa nosta.

Mimmo           Veramente ancora mò Ciccio ‘nce vene, specialmente quanno ‘o  pate ‘o vò palià…

Peppe              (Al figlio) Mò saccio addò t’aggio ‘a venì a ppiglià quanno te ne fuje ‘a sotto ‘e mmaz-zate!

Alì                  Bella famiglia, anche simpatica, è finita?

Peppe              Non ancora, mò ‘nce sta ‘o mmeglio. È ‘overo Titì?

Titina             (Guardando la famiglia) Speriamo che sta attraversanno ‘nu periodo ‘e pace, si no ccà facimme scuppià ‘a guerra mondiale tra occidente e oriente.

Rita                San Cataldo con l’aiuto di San Camillo fa’ che il nonno stia tranquillo.

Tutti              (Tranne Alì che guarda sbigottito) Amen!

Rosa               Lo chiamo io. (Assenso di tutti) Nonno… nonnino…

Annibale       (Esce ben vestito dalla sua camera meravigliando tutti) Eccomi nipotina, mi hai chiamato?

Rosa               (Mostrando felicità e condividendola con il resto della famiglia) Nonno, volevo presentarti il mio fidanzato, Alì.o alle regole e modifichiamo il testamento?

Annibale       L’uomo che viene dall’Est. (Stendendo la mano) Molto piacere figliolo, benvenuto nella nostra famiglia.

Alì                  Molto piacere signore, sono onorato di fare la sua conoscenza, sua nipote parla spesso di lei come un uomo valoroso.

Annibale       Mia nipote è troppo buona.

Titina             (Tirando un sospiro di sollievo) Ecche qua, questa è tutta la nostra famiglia. Ora Rosè, a mammà, fanci vedere la sua stanza, ‘nce aggio priparata chella ‘ncoppa ‘a mansarda.

Peppe              Esattamente, accussì dorme isso sulo ‘mmiezo ‘e ccose soje, hê capito a papà?

Rosa               Papà, staje tranquillo che songo ancora comme m’ha fatta mammà.

Alì                  Non ho capito tanto…

Titina             Nun te preoccupà, chillo steve pazzianno, jate, jate… (Via i due fidanzati. Al marito) Ma fusse scemo, che vaje dicenno? ‘A figlia nosta è ancora illibata. ‘Nce hê sempe ‘ntussecà, avimmo avuto pure ‘a ciorta ca ‘o nonno sta buono… (Ad Annibale) È ‘overo, papà?

Annibale       Non c’è più bisogno di fare la commedia, l’orientale si è allontanato, signor colonnello.

Tutti              (Tranne Annibale che scatta sull’attenti, si accasciano un po’ ovunque) Noo!

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto.

All’apertura del sipario, saranno in scena TITINA e PEPPE; Titina sta sbrigando le faccende domestiche mentre Peppe sta leggendo. Entra CICCIO.

SCENA PRIMA

(TITINA e PEPPE, poi CICCIO, indi RITA, poi ADELE, MIMMO ed ANNIBALE, indi ROSA ed infine ALÌ)

Ciccio            Mammà, hê visto ‘o nonno?

Titina             L’urdema vota ca l’aggio visto steve partenno pe’ ‘na missione in Africa.

Peppe              Steve jenno a caccia ‘e babbuine, s’è scurdato ca ne tenimme già uno in casa. (Indicando la moglie senza che lei se ne accorga, o almeno questo è ciò che crede)

Ciccio            Sicura ca nun saje addò sta?... E tu, papà?

Peppe              Nunn’‘o ssaccio, ma pecché?

Titina             ‘Overo Cicciù, a mammà, ma pecché te veco tutto preoccupato? Ma forse nun se fidava?

Ciccio            No, nunn’è chesto, è che ha ditto ca se metteva ‘e vedetta per sorprendere il nemico che sta arrivando.

Titina             Il nemico che sta arrivando?

Peppe              (Alzandosi con agitazione) Sta arrivanno ‘nu nemiche a casa mia e je nun saccio niente?! Chi è mò ‘stu nemiche? Ciccio vammi a chiammare immediatamente il nonno, je aggio ‘a sapè chi enne custui nemiche!

Titina             Avimme fatto ‘n’atu maresciallo ‘e ll’esercito d’‘e scieme, po’ me chiamma babbuino a mme. Tu sì ‘nu struzzo senza scelle!

Ciccio            (Ridendo) Mammà sì grande… ‘nu struzzo senza scelle nun l’aggio maje sentuto!

Peppe              Ueh, nun te piglià cunfedenzia tu, hê capito? Pecché si je songhe ‘nu struzzo, tu comme figlio sì ‘nu struzzillo! Mò turnamme a nuje, je aggio ‘a sapè chi è ‘stu nemiche.

Ciccio            Papà chi vuò che sarrà? ‘A famiglia di Alì. E si stevo preoccupato era solo per evitare che ‘o nonno ‘e spaventasse cu’ ‘sta fissazione d’‘a guerra.

Titina             A chesto ce penz’je, tu vallo a cercare e puortelo cu’ ‘na scusa, poi ‘nce penz’je a lo mannà in congedo.

Peppe              Sì, ma in congedo permanente.

Titina             Tu statte zitto e cosete ‘o becco. (A Ciccio) Vai, a mammà, vai. (Via Ciccio)

Peppe              Che significa ‘o fatto d’‘o becco mò?

Titina             ‘Nu struzzo po’ maje tenè ‘a vocca? Tene ‘o becco…

Rita                (Entrando) San Pasquale Baylonne, proteggi a tutti noi e soprattutto ‘o nonno!

Titina             Avimme regnuto ‘o zoo, è arrivata pure ‘a paparella. Buongiorno sorella, come stai stamattina?

Rita                Preoccupata. Ho visto il nonno che si avviava verso la casa dei Secchiello dando ordini a una squadra di soldati immaginari.

Peppe              Vuò vedè che ‘e nemice nun songhe ll’orientale, comme diceva figliete, ma i Secchiello?

Titina             E magari ha deciso di fare un attacco a sorpresa?

Rita                Mio caro san Catello, proteggi la famiglia Secchiello! Bisogna avvisarli subito! (Via di corsa)

Peppe              Addò è gghiuta mò?

(Si sentono delle urla provenire dall’esterno)

Adele             (Entra in scena correndo, seguita dal marito che a sua volta è inseguito da Annibale) Ci spara… ‘nce vò accidere!

Mimmo           Commara Titina, fermate ‘o mariscialle!

Annibale       Arrendetevi, ormai non avete più via di scampo!

Titina             Fermo maresciallo, non dimenticare che sono alleati.

Annibale       Hanno invaso il nostro territorio!

Mimmo           Nunn’è ‘overo, simme innucentissime!

Adele             Nun avimme tuccato niente!

Annibale       (Esplode in una risata pazzoide seguito da un silenzio improvviso, poi fa certi segni verso i Secchiello e va via ridendo di nuovo. Ha il classico atteggiamento da pazzo o altro, a discrezione del regista, l’importante è che dia l’impressione di aver inseguito i due a seguito di un loro comportamento)

Titina             Che vuleva significà papà cu’ chilli gesti?

Adele             Nun aggio propeto idea ‘e che vulesse significà

Titina             E vuje, Mimmo, manco avite capito?

Mimmo           E se io capevo ‘sti ccose facevo lu psichi… possicu… (Guarda la moglie in cerca di aiuto per dire “psicologo”)

Adele             Psichè? (Gag a soggetto con mimica)

Peppe              ‘O miedeco d’‘e pazze!

Mimmo           (Affermando) Eh.

Peppe              Pe’ chello tene l’esclusiva la mia signora.

Titina             No, io tengo l’esclusiva p’‘e scieme. (Indicando il marito) Comunque lassamme stà e scusatece ‘n’ata vota cumpà… pare ca papà ha pigliato la passione pe’ vvuje.

Adele             Ma ‘na brutta passione però. Arrivederci cummà. (Via dalla comune)

Mimmo           Dateme ‘o permesso, cumpà. (Segue la moglie)

Titina             A me ‘stu fatto nun me convince.

Peppe              (Mentre entra Rosa, non vista) ‘Nu poco ‘e sospetto m’è venuto pure a mme.

Rosa               Che sospetto, papà?

Peppe              Ueh Rusè, buongiorno. Niente, si parlava ‘e ‘nu sospetto dint’‘e Sicchielle.

Titina             Seh, dint’‘o vacile, ma che dici, comme parle? Un sospetto sopra al Secchiello.

Peppe              ‘Ncoppa ‘o sicchio può cadè.

Titina             Vabbuò, lassamme perdere. Hê durmuto buono a mammà, dint’‘o lettuccio tujo?

Rosa               Sì, mi sono fatta una dormita bellissima, come non facevo da tempo.

Peppe              Mica Michelino è stato scurtese? S’è miso a cantà a primma matina. Je ajere ‘nce ‘o ddicette: “Michelì, dimane matina canta cchiù tarde, che la mia figliarella deve addormire”.

Rosa               Ma chi è Michelino?

Titina             È ‘o nuovo cumpagno ‘e patete, ‘o vallo nuovo ca tene dint’a lu pullaro.

Rosa               Papà, e tu parli col gallo e lui ti sta pure a sentire?

Peppe              Certamente, figlia mia bella. Je c’‘o capo pullaro ‘nce parlo e ‘nce joco pure a carte.

Titina             Mò ‘o facimme fà pure ‘o cumpare ‘e fazzuletto appena te spuse. A proposito ‘e spusa, ma Addò sta Allì, ‘a llà?

Rosa               È andato a fare footing

Peppe              (Alterandosi all’improvviso) Tu che staje dicenno? Mò piglio ‘a scuppetta e ‘o sparo ‘nfronte!

Rosa               Papà, ma…

Peppe              Chisto è venuto a ffà ‘o zuzzuso a casa mia?... Fa ‘o futting cu’ figliema presente?... Ma je…

Titina             Statte ‘nu poco zitto, ma te vuò ammodernizzà? Oggi è accussì.

Rosa               Ma che avete…

Peppe              Ah, sì? Ognuno fa futting cu’ cchi vò? Allora pure io pozzo…

Titina             Tu ‘o ppuò ffà sulo cu quacche gallenella ca te lassa ‘o cumpagno tujo Michelino.

Rosa               Ma la smettete? Possibile che capite sempre fischi per fiaschi?

Peppe              Chi ha siscate e chi songhe ‘sti fiasche?

Titina             ‘O vvì ca sì scemo e t’‘a può ffà sulo dint’‘o pullaro? ‘A nennella vò dicere ca avim-me pigliate ‘o fatto apposta p’‘a banca ‘e ll’acqua!

Peppe              Che d’è ‘stu fatto apposta mò?

Titina             Uffà!... Chllu fatto apposta muscio ca t’abballa addò nun vatte ‘o sole!

Peppe              Ma tu… Ma je…

Rosa               E basta, state sempe a v’appiccecà! Il footing è una corsa che di solito si fa la mattina presto o in tardo pomeriggio, quando non c’è il sole alto.

Titina             Aggio capito, e tu hê capito mò? Il futtingo è una corza! Siente a mammà, quanno venene ‘o ‘gnoro e ‘a ‘gnora?

Rosa               Dovrebbero arrivare in giornata. (Entra Alì)

Alì                  Buongiorno mammà e papà.

Tit. + Pep.       Buongiorno Allì.

Rosa               Possibile che ci mettete sempre quella elle in più?! Alì, Alì!

Alì                  Non fa niente, lo ha detto prima papà, loro songo boni di core.

Peppe              (Ridendo insieme agli altri) È bello quanno parla napulitane. Siente Alì, mamma toja e patete quanno arrivene?

Alì                  Arrivano oggi e io vi volevo parlare di questo.

Titina             E parla!

Alì                  Non arrivano da soli, ma con tutta la famiglia.

Rosa               Che significa tutta la famiglia?

Alì                  Verranno anche mia zia e mia nonna e poi non so.

Titina             Salute! E ccà ‘nce vonno ‘nu tummulo ‘e liette!

Alì                  Difatti, volevo sapere dove potevano alloggiare.

Titina             E ‘nce arrangiamme.

Alì                  Non è un problema, possono anche andare tutti in albergo.

Peppe              Nun esiste propeto, ha ditto bbuono muglierema, ‘nce arrangiamme. (Alla moglie) Ma comme?

Titina             ‘A mamma e ‘o pate ‘nce damme ‘a cammera ‘e lietto nosta. ‘A zia ‘a mettimme cu’ chell’ata zia e se fanne cumpagnia, ‘a nonna ‘nce damme ‘a stanza ‘e Cicciuzzo.

Peppe              E nuje?

Titina             Je dormo cu’ Rosetta e Ciccio ‘o mannamme addò ‘e Secchiello.

Rosa               E papà?

Peppe              E io?

Titina             Quale migliore occasione pe’ stà ‘nu poco cu’ ‘o cumpagno tujo?

Peppe              Che vvuò dicere?

Titina             Duorme cu’ Michelino, dint’‘o pullaro.


SCENA SECONDA

(PEPPE. TITINA, ALÌ e ROSA, poi CICCIO, indi RITA)

Peppe              Ma comme, io dormo dint’‘o pullaro? Io! Che songo lu patrone de casa?!

Titina             Accummenciamme a ddicere ca ‘o patrone ‘e casa è papà. E poi si avimme ‘a fà ‘nu sacrificio pe’ ‘sti guagliune, nun ce avimme ‘a lamentà.

Alì                  Mi dispiace, non è il caso che papà dorma insieme ai polli.

Peppe              Nonsignore, chesta vota have raggione la signora Sconcicato mia moglie; la tua famiglia viene ospite pe’ ce cunosceree nuje ‘nce avimme ‘a dà tutta la ‘spitalità possibbile. Je m’addorme cu’ Michelino, vuol dire che me faccio ‘na partita ‘e cchiù.

Rosa               Siete due genitori formidabili.

Ciccio            (Entrando di corsa) Songhe arrivate, songhe arrivate!...

Peppe              Chi sonche arrivate?

Ciccio            ‘O rre e ‘a riggina… ‘a famiglia di Alì!

Titina             I contrognori!... Peppino, valli a ricevere fuori al portone!

Alì                  Vado io, state tranquilli. Rosa, tu vieni con me, devi essere la prima che devono conoscere. (Via i due)

Peppe              Ciccio, chiamma ‘a zia e dince d’avvenire qui che vengono i genitori di Allì, e miette ‘nu mobbile annanze ‘a cammera d’‘o nonno accussì nun jesce.

Ciccio            Va bene papà. (Gira il divano o la poltrona davanti alla porta della camera del nonno e va di corsa nelle camere per chiamare Rita)

Titina             Stonghe tutta emozzionata. (Agitandosi) Comme stongo? ‘E capille stanno bbuone? (Gag a soggetto con Peppe che tenta di parlare e Titina che parla prima di lui) ‘Stu vestito è ju-sto pe’ ‘nu rre e ‘na riggina? Forse m’avevo ‘a mettere ‘nu poco ‘e russetto, ma je nun m’‘o ssaccio mettere!

Peppe              Ma nun è…

Titina             E te staje zitto e te calme ‘nu poco? M’hê fatta ‘na capa tanta!

Rita                (Entra con Ciccio) Eccoci qua.

Titina             Ritù, e comm’è, sì trasuta senza ‘na preghiera? Proprio mò ca ce servene?

Rita                E che t’aggio ‘a dicere? L’emozione m’ha fatto bloccà ‘o rusario ‘ncapa.

SCENA TERZA

(ALÌ, ROSA, AZIZ, STACOSH, SAMMOSH, SAIZ e detti, poi ANNIBALE)

Alì                  (Entra seguito da Rosa e dai componenti la sua famiglia) Eccoci qui, il fatidico momento è arrivato.

Titina             (A Peppe) Ch’ha ditto?

Peppe              Ca hanno fatto ‘na fatica p’arrivà.

Titina             E ce credo! Chille venene accussì ‘a luntano, saje quant’ore ‘e pulmanno hanno fatto p’arrivà fino a ccà?!

Alì                  Coniugi Sconcicato, permettetemi di presentarvi la mia famiglia: mia zia, sorella del re, la marchesa Cuccath Saiz.

Titina             Comme?

Peppe              Se cocca sazzia.

Alì                  No, ho detto Cuccath Saiz

Titina             Peppì, nun hê capito niente! Ha ditto che doppo cuccata s’aiza.

Peppe              Embè, comme a nuje.

Titina             E cierto, mica songhe extraterriere…

Alì                  Mia nonna, madre del re, la duchessa Cuccath Stacosh.

Peppe              Stavota aggio capito, se cocca a una coscia.

Titina             E pecché?

Peppe              Forse chell’ata ce fa male, è vicchiarella…

Alì                  Mia madre, regina di Scamorz e moglie del re, Staddoia Aziz.

Titina             Chesta l’aggio capita pur’io: ‘a riggina tene ddoje zizze ca parene ddoje scamorze.

Peppe              Nun se dice, sempe ‘a mamma è…

Alì                  E mio padre e re di Scamorz, Cuccath Sammosh primo.

Titina             Aggio capito solo che è ‘o rre, tu ‘nce hê capito quaccheccosa?

Peppe              Nientemeno?! Primma s’ammoscia e po’ se cocca.

Titina             E si se cocca ammusciato che se cocca a ffà?

Peppe              Che ci azzecca? Je nun me cocche ammusciato.

Titina             No, tu staje sempe ammusciato!

Peppe              È meglio ca nun te risponno. Preche sua altitudine, trasite. Scusate se parlo un poco una chiavica, ma non songhe andate a scola, aggio sempe zappato ‘a terra… Ma preche, accomodateve dove vulite…

Sammosh       (Al figlio, senza che gli Sconcicati sentano) Ma che lingua è?

Aziz                Maestà, credo sia un loro dialetto alquanto incomprensibile.

Saiz                Credo tu comprenda, fratello, dove siamo. Alì, ma come hai potuto… (Alì tenta di rispondere ad ogni osservazione dei suoi parenti, ma viene interrotto continuatamente)

Sammosh       Per il momento lasciamo stare, poi ne parliamo. (Cambiando tono, da ottimo falso) Bene figliolo, (Ad Alì), allora ora che hai presentato noi perché non ci presenti anche loro?

Alì                  (Imbarazzato) Ecco, maestà, lei è Rosa, la ragazza di cui mi sono innamorato.

Rosa               Onorata maestà. (S’inchina poi, rivolgendosi alle altre) Signore, molto piacere di fare la vostra conoscenza, scusate l’emozione, ma per me è un giorno molto importante, voi capirete…

Stacosh         (Prendendola sotto braccio) Stai tranquilla signorina, su, presentaci la tua famiglia.

Rosa               Grazie duchessa,

Stacosh         Chiamami nonna, se ti fa piacere.

Rosa               Va bene, nonna, grazie. Lei è mia madre, la regina della casa, Concetta Sciacquapapera, detta Titina…

Saiz                Secondo me lo fa di mestiere.

Aziz                Cosa?

Saiz                Sciacquare le papere,

Titina             Onoratissima, signori della nobilezza orientale…

Sammosh      (Tra sé) Ma dove sono capitato?!

Rosa               Mio fratello Francesco, detto Ciccio…

Ciccio            Sieto propeto un re origginale!

Sammosh       Questa proprio non l’ho capita. Alì?

Alì                  Questa non l’ho capita nemmeno io.

Rosa               Mio fratello è così entusiasta di vedere un vero re da vicino che non gli sembra vero.

I nobili           Aaah!

Saiz                Anche a noi non sembra vero di stare qua. (Con espressione dispregiativa e guardandosi intorno)

Stacosh         Cioè?

Saiz                Cioè… che… finalmente…

Aziz                Che finalmente conosciamo la fidanzata di Alì e la sua famiglia.

Rosa               Siete molto cortesi, grazie. Poi c’è il mio papà, che ha lavorato fin da bambino pur di non farci mancare nulla e per mantenere me agli studi: Giuseppe Sconcicato, detto Peppe.

Peppe              Vostra realtà, tutto quello che vedeto attuorno a vuje facite cunto che è pure vuosto, oramaje simme affammigliate.

Rosa               (Accorgendosi che gli ospiti non hanno capito) Dice mio padre che tutto ciò che è nostro ora è anche suo e della sua famiglia, visto che ora siamo in qualche modo imparentati.

Sammosh       Grazie, buon uomo. (Stesso tono e stessi sguardi intorno come la sorella poco prima)

Rosa               Infine c’è mia zia Rita, sorella di mio padre.

Rita                (Tentando goffamente di imitare le movenze nobili) Tantissimo piacerissimo, je songhe la zia zitella della racazza e… ho un debbolo per gli uomini orientali. (Lancia uno sguardo tra il goffo ed il languido al re, avvicinandosi con passo felpato)

(Gran fracasso con gag a soggetto: è Annibale che è riuscito a superare l’ostacolo ed entra in scena in amniera irruenta)

Saiz                Un attentato al re!

Sammosh       Saiz, Stacosh, Aziz…

Aziz                Sammosh…

Titina             Ch’è succieso?

Peppe              Che ne saccio, je nun stonghe capenno niente, aggio sulo ‘ntiso che hanno tentato cu’ ‘o rre, ma si s’aiza ‘a coscia s’ammoscia ‘a zizza…

Titina             E pecché?

Ciccio            E chille tutte ll’organe songhe collegate.

Aziz                Nasconditi, ti vogliono uccidere!

Peppe              Mamma d’‘o Carmene, vonno accidere ‘o rre dint’‘a casa mia. Fuje Titì!

Rita                (Buttandosi sull’orientale) San Nicola protettore del camoscio nun fa accidere al re Sam-moscia. Orientà, orientà… (Tra sé) Ma chisto… l’addore… l’addore de… de… (Via di corsa)

Rosa               Calmatevi! È solo mio nonno che è inciampato in una poltrona!

Peppe              (A Titina) Chillo, patete, aveva ‘a murì ‘e latte!

Titina             E si mureva ‘e latte po’ je nun nasceve e nun te puteve spusà!

Peppe              Quanto cchiù m’aiute a ddicere…

Annibale       (Si guarda intorno osservando tutti; mentre la famiglia di Alì si ricompone, la famiglia Sconcicato si guarda con il timore che Annibale possa fare qualcosa di strano) Onoratissima maestò, io sono il nonno di Rosa, Annibale Sciacquapapera, maresciallo dell’esercito italiano, ovviamente in pensione, vista l’età.

Sammosh       (Ad Alì) Finalmente una persona normale in questa casa. Piacere, maresciallo.

Annibale       Mi scuso per il malinteso di poco fa, ma c’era una poltrona fuori posto e voi c’eravate seduto proprio sopra.

Sammosh       Cose che succedono.

Annibale       Mi auguro che vi abbiano messo a loro comodo. (A Titina) Come sono andato colonnello?

Titina             Ah, ma allora… Continuate accussì, ottimo lavoro.

Stacosh         Veramente stavamo finendo le presentazioni, eravamo giunti alla zia Rita, ma a proposito, si è spaventata a tal punto che è scappata!

Peppe              È ‘overo, è ‘nu periodo ca se ne fuje troppo spisso, ma Titì saje pecché?

Titina             Non lo so, d’altra parte soreta mica parla cu’ mmico! Dunque, sua Santità…

Rosa               Mamma, Santità si dice al papa, non al re,

Titina             E vabbuò, nun fa niente, è ‘a stessa cosa, è ‘overo re?

Sammosh       Beh, non proprio…

Aziz                Non stiamo a sottolineare, d’altra parte anche il papa è il re di uno stato.

Titina             ‘O vvì? Lo vedi a mammà, che tra ‘gnore ci accomminciamo a capiro? Semtite, addove stanno le bbalice?

Saiz                Cosa?

Ciccio            Le bbalice… i bacaglio…

Saiz                Le valigie! Sono all’Hotel del Monte.

Titina             Ma comme Allì, nun ce l’hê ditto che songhe ospite nuoste?

Alì                  Io veramente…

Peppe              Nun esisto propeto, mia moglie ha già assistemato pure le cammere.

Aziz                Io non credo che sia…

Titina             Insistisco!

Annibale       Colonnello, probabilmente lì sono più larghi…

Sammosh       Colonnello? Anche lei nell’esercito signora?

Peppe              Muglierema fa ‘o surdato? E quann’è succieso?

Aziz                Cosa?

Rosa               Scherzano spesso sul fatto che mamma è figlia di un soldato, sono vezzi.

Peppe              Che tenimme, neh Titì?

Titina             ‘E vizzie.

Peppe              Je tenghe ‘e vizzie?

Ciccio            Isso tene ‘e vizzie e po’ s’‘o ppiglia cu’ mme.

Peppe              Tu statte zitto ca staje aparato!

Rosa               Per piacere, smettetela!

Annibale       Ordine! ‘O vvì? Vi faccio rinchiudere in cella di sicurezza!

(Gli orientali, credendo che stia continuando il gioco, ridono di gusto)

Saiz                (Alla famiglia) È di gran lunga la cosa migliore che fino ad ora ho visto.

Stacosh         Smettila, stupida snob!

Alì                  Come vedete padre, sono delle persone molto affabili e simpatiche.

Sammosh       È vero. Dove possiamo rinfrescarci?

Rosa               (Mentre tutti si guardano basiti) Certo, da questa parte c’è un bagno e qui un altro. Venite, vi accompagno.

Annibale       Io ti accompagno, non mi fido di questi stranieri.

Sammosh       Troppo simpatico tuo nonno, siete delle persone ilari. (Ridendo si avviano nelle camere)

Ciccio            E mà chi è chest’ata?,

Peppe              Chest’ata chi?

Ciccio            Ilaria.

Peppe              Nun ‘o ssaccio, forse vene cchiù ttarde.

Titina             Menu male che hanno pigliato l’hotel allora, si no a chesta Ilaria addò ‘a facevo cuccà, assieme a tte dint’‘o pullaro?

Peppe              Si ‘nce astregneveme ‘nu poco ‘a fecavo cuccà ‘mmiezo a mme e a Michelino. (Tentando uno sfortunato doppio senso)

Ciccio            E te cunviene? Cu’ Michelino sfigurabe comme masculo!

Peppe              Disgraziato, viene ‘a ccà che… (Ciccio, ridendo, scappa in giardino) Quacche vvota ‘e cheste a figliete ‘o struppejo bbuono!

Titina             Lass’‘o stà, chillo è pazziariello, ‘o ssaje. Piuttosto, comme te parene ‘sti nobbele? Secondo te avimme fatta ‘na bella figura?

Peppe              Je nun aggio capito propeto niente!

Titina             E te pareva? ‘O solito ‘nzallanuto!

SCENA QUARTA

(MIMMO, ADELE e detti)

Mimmo           (Comparendo insieme ad Adele sulla soglia della comune) ‘Nce sta lu permesso?

Titina             Trasite, trasite.

Adele             Buongiorno cummà, Peppino…

Peppe              Salute!

Mimmo           Tutto a posto?

Adele             Nun ce avite ‘a dicere niente?

Titina             Che v’avimme ‘a dicere?

Adela             Che ne saccio?... Quaccheccosa…

Mimmo           Peppì, quaccheccosa ‘e bello…

Adele             Quaccheccosa ‘e doce… (Con ovvia allusione all’arrivo dei regali suoceri di Rosa)

Peppe              Zucchero.

Ade. + Mim.   Zucchero?

Peppe              Guardate ca cchiù ddoce d’‘o zucchero ‘nce sta sulo ‘o mmiele.

Adele             Nossignore, nuje vuleveme intennere…

Titina             Insomma, che vvulite sapè, neh cummà?... ‘E che ve vulite ‘ntricà?

Adele             Nun ve ‘nquartate, ereme accuriosite si erene arrivate ‘o rre e ‘a riggina.

Titina             Sissignore, songhe arrivate, pecché, nun ‘avite viste?

Mimmo           Veramente nun avimme visto ‘e arrivà nisciuna carrozza.

Peppe              ‘A carrozza ‘e chiste tiempe? Mimmù, nuje simme arretrate, ma vuje nun ce vedite propeto! Oramaje venene cu’ ‘a machina, cu’ ‘a nave pe’ mare, cu’ l’apparecchio ca vola.

Adele             Cu’ tutta ‘sta rrobba venene? Ma quante ne songhe, ‘n’esercito?

Mimmo           La tua ‘gnurantezza è esagerata! Songhe degli esempie di como pozzono cammenare senza piedi, ma in quaccheccosa.

Titina             Scarte fruscio e piglie primmera… (A Peppe) Me dà fastidio ‘e t’‘o ddicere, ma hai ragione, songhe peggio ‘e te. Comunque songhe arrivate, se stanno frizziando e pulenno ca stevene stanche del viaggio.

Adele             ‘Overo? E comme sò, comme sò?... ‘A riggina è bella?... ‘O rre è ffascinato?..

Mimmo           ‘A vuò fernì ‘e te ‘ntricà o no?! Nun songhe fatte d’‘e nuoste!

Adele             Si nun songhe fatte d’‘e nuoste, allora pecché staje ccà? Pe’ ssapè o pe’ nun sapè?

Titina             Have raggione ‘a cummarella. Mimmù, si ‘o fatto nun ve ‘nteressava nun veniveve ccà a dimandà!

Peppe              Cumpà, me sa mme sa ca ne hê accucchiata ‘n’ata…

Mimmo           Ma ch’aggio accucchiato?

Peppe              ‘Na figura ‘e mmerda!

Adele             Vabbuò, una ‘e cchiù, una mancante… Allora diciteme, comme sò? Comme se chiammene?

Titina             ‘E nomme onestamente né io né mariteme avimme capito tantu bbuono, ‘O carattere se vede ca sò rrignante, è ‘overo Peppì?

Peppe              Specialmente isso e essa, poi ‘nce sta ‘a sora d’‘o rre ca tene ‘a classica puzza sotto ‘o naso e ‘a vicchiarella ca me pare ‘a cchiù normale.

Adele             E parlane comm’a nnuje?

Titina             Noo! P’ammore ‘e chella bella Madunnella, parlane tutte streveze… altolocate.

Mimmo           E comme camminano?

Peppe              Cu’ ‘e mmane ‘nterra e cu’ ‘e piede aizate!

Ade- + Mim.   ‘Overamente?! E comme fanno?

Peppe              Tenene ‘e mmane comme ‘e piede.

Adele             Uh Gesù, vuje che state dicenno?, neh cumpà?! E po’ quanno mangiano comme fanno, mangiano cu’ ‘e piede?

Titina             Cummà, Peppino sta pazzianno, comme hanno ‘a cammenà? Cu’ ‘e piede ‘nterra, comm’a nnuje! Certo, pure quanno camminene songhe aligante: vanno annanze ‘e chesto, poi tornano addereto ‘e chello, poi se fanne ‘nu giro ‘a ccà, ‘n’ato ‘a llà… (Il tutto, ovviamente, mimandolo con gag a soggetto)

Peppe              Praticamente quanno camminano abballano. Titì, e mò nun esaggerà, quanno camminano tenene una certa elegantezza propeta della nobbilezza.

Adele             Certo che sarete emuzziunate assaje cu’ tutta ‘sta nobbilezza ca ve gira pe’ dint’‘a casa…

Peppe              Emuzziunate ma pure onoratissime. E poi ‘a nennella nosta deve essere fiera dei suoi genitori, perciò ci dobbiamo stare accorte a comme parlamme e a chello ca facimme perché, dicimmece ‘a verità, nuje oltre ca ignorantissime simme pure ‘nu poche assaje campagnuole…

Mimmo           Però onestissime e faticatore!

Titina             Vabbè, mò cari Secchielli, ci doveto scusare, ma comme putite capì tenimme ‘nu poco che ffà. Tu Peppì, per piacere vaje addu’ ‘o cumpagno tujo capo pullasto e fatti dire che gallina avimme accidere per la cena.

Adele             Ma pecché, magnene ccà?

Titina             Nun ponno durmì, almeno ‘e ffacimme magnà. Allora vai  Peppì, je vache dint’ ‘a cucina a ppriparà ‘nu poco ‘e pasta cu’ ‘e ssasicce. Che ddicite cummà, simme nove, faccio ‘a caudara ‘e cinche chile, ce l’avessemo ‘a fà o è ppoco?

Adele             Secondo me abbasta, chille songhe straniere, magnene poco. Allora nuje jamme, permesso e augurissimi ‘a nennella.

Mimmo           Bbona serata Titì… cumpà vuje avuite ascì? Venite cu’ mme?

Peppe              Sì cumpariè, faciteme cumpagnia. Je vache Titì, accorta ‘o mariscialle ‘e fierro! (Via tutti e tre, resta solo Titina in scena)

Titina             Fammenne jì ‘a llà, si no se fa tarde e vonno0 mangià. (Via in cucina)

SCENA QUINTA

(SAIZ, SAMMOSH, AZIZ e STACOSH, poi ALÌ, indi ANNIBALE)

(Entrano in scena Saiz, Sammosh, Aziz e Stacosh)

Saiz                Fratello, spero vi rendiate conto che è inaudito che questo matrimonio possa avvenire.

Sammosh       Assolutamente! Questo matrimonio, come diceva proprio un autore italiano, non s’ha da fare.

Aziz                Condivido anche io. Mi dispiace per nostro figlio, ma non si può imparentare con dei tali zotici di gran lunga inferiori a noi.

Stacosh         Ma avete pensato a cosa ne pensa Alì?

Sammosh       il suo parere non può cambiare la decisione del re e non solo, anche condivisa dalle massime figure regali del nostro regno.

Stacosh         Dimentichi che io sono l’anziana di corte e appoggerò la scelta del ragazzo, sappiatelo! (Va via stizzita)

Saiz                È sempre contro di noi questa vecchia!

Sammosh       Saiz, ti ricordo che stai parlando dell’anziana di corte. Lo sappiamo fin dai tempi di papà che lei predicava cose assurde come regno democratico, uguaglianza, stessi diritti anche se di caste diverse…

Aziz                Assurdo! Dove andremo a finire se queste idee prendessero piede anche nel nostro regno?

Saiz                Tu sei il re e devi far rispettare il tuo e il nostro volere, anche se ti devi mettere contro l’anziana di corte. (Entra Alì)

Alì                  Salve padre, zia, madre. State facendo una riunione di stato?

Sammosh       È il caso che tu sappia le nostre impressioni.

Alì                  Certo, per me sono fondamentali. Avete visto che brave persone? Molto rozze ed ignoranti, ma con un cuore immenso. Avreste dovuto vederle quando si organizzavano per darvi ospitalità.

Saiz                Ospitalità in questo porcile?

Alì                  Vedete zia, loro questo hanno, il porcile, ed erano disposti a dividerlo con persone che neanche sanno chi sono. Invece noi abbiamo tanto, una reggia, e non dividiamo nulla neanche con il nostro popolo.

Aziz                Che cosa sono questi discorsi da rivoluzionario? Mica ti abbiamo mandato in Italia a studiare come opporti alle leggi del tuo paese, leggi che a morte di tuo padre dovrai far rispettare come da tradizione?

Sammosh       Te lo dissi che stavamo sbagliando tutto quando partì. Comunque tu ti atterrai alle nostre decisioni oppure mi vedrò costretto a decisioni non piacevoli. Signore vi prego, lasciatemi solo col principe ereditario Scamorz Alì Cuccath. (Le donne fanno un inchino e vanno via nelle stanze; dall’altra parte si affaccia Annibale che ascolterà senza farsi vedere)

Alì                  Bene, Sua Maestà, cosa volete dirmi?

Sammosh       In questo momento mi sto rivolgendo a mio figlio, il principe Alì, e mi appello al suo senso del dovere nei confronti del suo paese e della sua famiglia.

Alì                  Ascolterò in silenzio come un buon suddito e un buon figlio, poi esprimerò il mo parere, se mi sarà consentito.


Sammosh       Bene. In qualità di padre non posso permettere che la casta reale dei Cuccath s’impa-sti con quella di zotici campagnoli italiani, pertanto l’approvazione a questo matrimonio non ci sarà mai. Come regnante dello stato di Scamorz mi appello al tuo buon senso: se vuoi veramente bene al tuo paese e vuoi portare innovazioni ai tuoi cittadini e non buttare al vento gli anni di studio fatti in Italia, rinuncia o io ti diserederò

Alì                  Signore, non mi avete lasciata molta scelta: mi state chiedendo di rinunciare all’amo-re, cosa che non avete menzionato oppure non fa parte del vostro vocabolario.

Sammosh       Stai attento a come parli o sarò costretto ad accusarti per insubordinazione al re e sai qual è la pena.

Alì                  Bene, a quanto pare non c’è più nulla da dire, vi chiedo il permesso di ritirarmi per riflettere sul da farsi.

Sammosh       (Con tono più pacato) Alì non prendere decisioni avventate di cui potresti pentirti, ascoltami…

Alì                  (Interrompendolo) Vi chiedo scusa Maestà, sto attendendo il permesso di congedarmi.

Sammosh       (Tornando duro) Concesso. (Alì va via

SCENA SESTA

(ANNIBALE e detto, poi ROSA e ALÌ, indi PEPPE e TITINA, infine AZIZ e SAIZ)

Sammosh       (Parlando da solo) Se non cambierà idea mi vedrò costretto a prendere seri provvedimenti.

Annibale       (Entrando in silenzio e ponendosi alle spalle del re senza che lui se ne accorga) Perché?

Sammosh       Maresciallo, mi ha spaventato!

Annibale       Perché?

Sammosh       Stavo parlando da solo ed ero distratto.

Annibale       Perché?

Sammosh       Pensavo a mio figlio che sta facendo un errore.

Insieme          Perché?

Sammosh       Lei dice solo questo? Non sta bene? Io ho rispetto per i militari ma si ricordi chi ha davanti!

Annibale       Chi?

Sammosh       Il re di…

Annibale       (Comincia a ridere, poi si blocca all’improvviso) Al suo paese; qui è un ospite, non lo dimentichi.

Sammosh       È vero, mi scusi, ma sa, mio figlio…

Annibale       Sbagliato! Fa un errore, si pentirà… (Va via verso il giardino ma prima di uscire) Sbagliato! (Via di scena)

Sammosh       Questo è pazzo. Bah… (Via nelle camere)

(Entrano Rosa e Alì)

Rosa               Capisco perfettamente ciò che dici, ma io ti amo.

Alì                  Anche io ti amo, ma ho una responsabilità verso il mio popolo.

Rosa               Hai ragione. Cosa speravo, che tu rinunciassi al regno per me? Non sarebbe giusto.

Alì                  Vedi, se mio padre fosse stato un democratico, potevo anche rinunciare sapendo che il popolo era in buone mani, ma mio padre è un despota ed io, una volta re, ho intenzione di modificare e migliorare la vita dei miei concittadini.

Rosa               Ciò che dici è molto nobile, ma se tuo padre fosse stato democratico non si sarebbe opposto alla nostra felicità. Addio! (Piangendo va via fuori di casa)

Alì                  (Seguendola) Rosa… Rosa…

(Entra Peppino, va verso la sua camera, quesi in contemporanea entra Titina dalla cucina senza accorgersi del marito; Titina chiama Alì verso l’esterno, avendolo sentito poco prima chiamare Rosa)

Titina             Allì… Allì… (Peppino, credendo che si stia rivolgendo a lui, comincia a muoversi in base a ciò che dirà la moglie, ovviamente con gag a soggetto) Se chiamma accussì? Nun sò capace ‘e m’‘o ‘mparà! Allà… Allà… Nun è Allà, Allì. Allì… Uffà, ‘a llà e ‘a llì!

Peppe              None, uffà ‘o ddich’io! Decidite, addò vaco, ‘a llì o ‘a llà?

Titina             Tu sì cchiù scemo ‘e ll’acqua cavera.

Peppe              Ma pecché, l’acqua caveraè scema e chella fredda è intelligente?

Titina             Che ne saccio? Accussì se dice!

Peppe              None, tu me cunusce, mò avimmo ‘a capì si ll’acqua cavera è…

Titina             E ‘o vvuò capì mò, ccà, dint’‘a stanza assieme a mme? Ma si tutt’e dduje nun apparammo a ‘nu ‘gnurante cu’ ‘a cronaca!

Peppe              Chesto è ‘overo, ma allora spiegame almeno pecché me facive jì annanze e addereto!

Titina             Ma je nun ce l’aveve cu’ ttico! Steve chiammanne ‘o ‘nnammurato ‘e Rosetta! ‘O ssaje, ancora nun me songhe ‘mparata comme se chiamma!

Peppe              Alì, ma è accussì difficile? L’unica cosa facile ca tene è ‘o nomme! Tre llettere: A, l, ì cu’ ll’apostroco.

Titina             Nun è l’apostroco, ma è l’accento, chesta è l’unica cosa ch’aggio capito. (Entrano Aziz e Saiz) Signore noibilesse, tutto bene? Avete bisogno di quaccheccosa? Peppino vedi, la riggina e la marchesa forse vogliono quacche ccosa…

Peppe              Dito pure, signore nobilesse, che pozzo fare pe’ vvuje?

Aziz                Nulla, buon uomo, grazia, è tutto a posto.

Peppe              Vi preche, senza cumplimentazione, ora,aje simme pariente…

Saiz                Non ho capito una parola, mi scusi…

Aziz                Ha detto che siamo quasi parenti, vero?

Titina             Bravissima! La riggina si sta già ‘mparanno la nostra linguezza!

Aziz                Non sono molto pratica, ma che parenti saremmo?

Peppe              Consuocheri.

Saiz                (Ad Aziz, ironizzando) Tu che stai imparando la loro linguezza, cosa ha detto il buon uo-mo?

Aziz                Questa non l’ho proprio capita. Scusi, può ripetere e farci capire?

Titina             Consuocheri, cioè che siamo i genitori di due racazzi che si sposano.

Saiz                Ho capito io, consuoceri, ma non è ancora detto…

Titina             (Con tono poco amichevole) Che significa?

Aziz                (Capendo della gaffe della cognata interviene immediatamente) Significa… Come dite voi… L’unica cosa sicura è la morte, poi stiamo sotto al cielo!

Titina             Ma a casa nostra è sicura ‘a morte, ma anco la felicità d’‘e figlie nuoste! È giusto, ‘a reggì?

Aziz                (Un tantino impaurita) Mi sembra chiaro. Andiamo, Saiz.

Saiz                Sì, andiamo. Col vostro permesso noi ci ritiriamo.

Peppe              (Inchino ovviamente goffo poi, alla moglie) Comme songhe strane però ‘sti ddoje! È normale ca si s’aiza se ne vanne, si no comme se ne va, cu’ ‘a seggia azzeccata addereto ‘o culo? (Accorgendosi che la moglie non lo ascolta) Ueh, hê ‘ntiso chello ch’aggio ditto?

Titina             (Pensando a ciò che ha detto Saiz comincia a parlare da sola) Nun me piace…

Peppe              (Credendo che stia parlando con lui gli risponde a tono) Manco a me me piace si cammina cu’ ‘a seggia sott’‘o culo, però nun l’ha fatto.

Titina             Ha ditto accussì, pecché?

Peppe              Comme pecché? Se cammina cu’ ‘a seggia sotto ‘o culo scippa tutto ‘o pavimento, e po’ comme ‘e ssaglie ‘e scale? Nun è ccosa. Hê capito mò?

Titina             (A Peppe) Hê capito?

Peppe              Io sì, te l’aggio spiegato. Ma tu hê capito?

Titina             Ma ch’aggio ‘a capì?

Peppe              ‘O fatto d’‘a seggia.

Titina             Ma quale seggia e seggia? Ma tu ‘e che stive parlanne?

Peppe              ‘O fatto ca si s’aiza…

Titina             Ma hê ‘ntiso chello ca ha ditto ‘a marchesa? “Non è ancora detto”! Po’ primma Allì fujeva ‘a ccà chiammanne a Rosetta ca steve jenne ‘a llà.

Peppe              Nun sto capenno niente, ma ch’hê ditto?

Titina             ‘O fatto me puzza, me puzza… (Via in camera sua seguita da Peppino)

Peppe              Titì, aspetta, mò chi è che puzza? Titì, io no, me songhe lavato ‘a semmana passata! Titina…

SCENA SETTIMA

(STACOSH e SAMMOSH, poi RITA, indi ANNIBALE, infine TITINA e PEPPE)

(Entra Sammosh seguito dalla madre Stacosh)

Stacosh         Ti ricordo che come regina madre e anziana di corte ho ancora voce in capitolo e il popolo è dalla mia parte.

Sammosh       La mia decisione è inderogabile.

Stacosh         Il solito cocciuto, uguale a tuo padre! Ma come regina ti dico che stai commettendo un errore enorme col futuro erede al trono.Come padre non stai rispettando la possibilità di rendere felice tuo figlio.

Sammosh       Come re posso ancora diseredare Alì. Come padre responsabile non posso permettere che mio figlio si rovini la vita.

Stacosh         Si rovina la vita? È esattamente il contrario: se la rovina se ti opponi alle sue scelte!

Sammosh       Basta discutere! Con tutto il rispetto madre, ti ricordo che sono il re e come tale le mie decisioni, secondo le regole del mio e anche del tuo paese, non sono discutibili da nessuno.

Stacosh         Bene! Quando è così, hai fatto la tua scelta, ma ricordati che io sarò contraria fino in punto di morte. Maestà, se non ha più bisogno di me, Le chiedo il permesso di ritirarmi, devo preparare le valigie.

Sammosh       Le valigie?

Stacosh         Esattamente. Non ho alcuna intenzione di assistere all’infelicità di mio nipote. (Via di scena verso le camere)

Sammosh       Ci voleva anche questa! Ora capisco mio figlio da chi ha preso…

Rita                (Affacciandosi timidamente) È permesso? Scusate maestà,vi addisturbo?

Sammosh       No, affatto, d’altra parte lei è in casa sua.

Rita                Veramente è del nonno, non è ancora sua, però a morte del maresciallo sarà di Titina.

Sammosh       Questo che c’entra col fatto che lei è… ah, ho capito: io intendevo dire che anche voi state nella casa dove abitate. (Tra sé) Che campagnola! (A Rita) Volevate parlare con me, signora?

Rita                Se non donghe troppo fastidio… Se non aveto che fare…

Sammosh       Veramente avrei da fare, ma se è veloce dite pure.

Rita                Velocissima! (Si avvicina al re e nel frattempo entra Annibale, non visto dai due) Voi sieto già state a Napoli nel passato… (Facendo un gridolino di piacere) Aaah, che brivido chest’ad-dore d’annesella!

Sammosh       Signora, non si sente bene? Non ho afferrato bene ciò che ha detto.

Rita                Io invece ho afferrate e ‘o vulesse ancora afferrà. (Si avvicina ancora ed emette un altro gridolino) Aaah! Sì rimasto ‘ntrigante e fascinoso comme a tanno, orientà! (Mugolii vari)

Sammosh       Ascolti signora, non riesco ancora a capire, parli meglio o almeno più piano.

Rita                (Ormai vicinissima al re) Più piano, più piano, però tanno facetteme forte forte, aaah… mmhhh… Annesella mia! (Gli si avvinghia)

Sammosh       (Respingendola) Signora, sono sposato!

Rita                Pure tanno ire spusate, ma veniste a bussare alla mia cammera d’albergo!

Sammosh       Camera d’albergo? Quale camera? Quale albergo?

Rita                22 anni fa, all’Hotel Continental, cammera 33… che nuttata, aaah! T’arrecuorde mò?

Sammosh       (Ricordando, comincia a balbettare) Io… ecco… ma…

Rita                Staje attranquille, je songhe femmena seria e nun faccio scandalo e nun voglio niente, m’abbasta ‘o ricordo, però ‘n’atu vasillo m’‘o putisse dà… (Avanza di nuovo verso il re)

Sammosh       (Indietreggiando) Ma io… qui è pericoloso

Rita                (Avvinghiandolo di nuovo) Uno solo, comme ricordo! Tanno nun facive ‘o sustenuto, vie-ne ccà! (D’improvviso il nonno, per evitare di essere scoperto, spegne la luce, gag a soggetto come preferirà il regista)

(Titina e Peppe, sentendo il fracasso causato dai due alla mancanza della luce, accorrono)

Titina             Che sta succedenno?

Peppe              ‘E mariuole! Vaco a piglià ‘a scuppetta!

Annibale       (Afferrando il re per un braccio) L’ho preso, colonnello, ecco l’intruso!

Sammosh       (Tra l’imbarazzato e lo spaventato) Mi lasci, mi lasci!

Titina             Papà… Mariscià, chisto è ‘o rre, ‘o pate ‘e

Annibale       (Non mollando la presa) Mi scusi maestà, è la vecchiaia, ogni tanto ho un po’ di confusione.

Sammosh       Cose che succedono, però ora mi lasci, per cortesia. (Annibale, facendo un inchino come per chiedere scusa, lo lascia, ma senza abbassare lo sguardo dai suoi occhi)

Peppe              Ritù, e tu che ffaje ccà?

Rita                (Incrociando lo sguardo del re) Aggio visto la luce stutata, aggio sentute ll’allucche e son-ghe curruta, comm’hê fatto tu.

Titina             Ma pe’ ddò sì asciuta?

Sammosh       Era in cucina, non essendo pratico della casa, le avevo chiesto dell’acqua che la signorina gentilmente mi stava prendendo.

Titina             Vabbè, è cosa ‘e niente, l’importante è che nun ve site fatto male. Però comme s’è stutata ‘a luce? È ‘nu mistero.

Peppe              Che mistero?! Tu nun capisce niente di elettrico, perché sei femmina di casa. Deve essere stato un corto circuito… Vabbè, io vache a dare da mangiare all’animale, permetteto… (Via dalla comune)

Titina             Je vache a ppriparà lu mangiare si no se fa tardio, tu viene cu’ mme, Ritù? (Via in cucina)

Rita                Sì, venche subbeto… (Avvicinandosi al re) Maestosità, datemi il permesso… Mmmh… Aaah… (Via in cucina)

SCENA OTTAVA

(SAMMOSH, poi ANNIBALE, indi ALÌ e ROSA)

Sammosh       L’ho scampata bella! Sai che scandalo? Io, re di Scamorz, uomo sposato e con prole che ho avuto una storia con una campagnola italiana. Speriamo che la campagnola non parla… Ma ora pensiamo a mio figlio: devo fermare questo matrimonio. (Entra Annibale, ascolta ciò che dice il re, gli va incontro ponendosi davanti e ridendo, causando timore nel-l’altro) Mi scusi, maresciallo, dovrei passare… dovrei andare.

Annibale       Tu non vai da nessuna parte, o meglio, dove vuoi andare e quello che devi fare non può essere fatto, è chiaro? (Il tutto con tono minaccioso)

Sammosh       Senta maresciallo, gliel’ho detto, ho rispetto per gli ex combattenti, ma si ricordi che sono un’autorità, sono un re e lei non può ostacolare il mio cammino.

Annibale       Maestà, anche prima gliel’ho detto, al suo paese è re, qui è un ospite, il suocero di mia nipote, la cosa più cara che ho al mondo, e guai a chi le fa del male.

Sammosh       Non capisco questo tono minaccioso, io…

Annibale       Tu che?... ‘O re, faje ‘o bravo e faje spusà ‘e duje guagliune ca se vonno assaje bene!

Sammosh       (Capendo, ma fingendo di non comprendere) Dovrebbe parlare italiano maresciallo, lei lo sa fare, altrimenti non capisco.

Annibale       Non capisci, è vero? Allora parliamo italiano, così ci facciamo capire, va bene?

Sammosh       Velocemente, che vado di fretta.

Annibale       (Intimidatorio) Tu non vai di fretta, è vero?

Sammosh       (Impaurito) È vero.

Annibale       Rosa e Alì si sposeranno, e si sposeranno qui perché, secondo tradizione, e voi come noi ci tenete alle tradizioni e le rispettate, ci si sposa al paese della donna.

Sammosh       (Riprendendo la posizione da re) Io non permetterò che mio figlio sposi una campagnola rovinando la nostra casta, e se deciderà il contrario della mia volontà, ossia della volontà del suo re, io lo DI-SE-RE-DO!

Annibale       (Pernacchia e risata)

Sammosh       Ma come si permette? Basta, ora devo andare! (Fa per andare)

Annibale       (Fermando il re) Basta lo dico io, perché a quanto pare padre e figlio tenite ‘e stessi guste, ve piacene ‘e ccampagnole, è ‘overo Maestà?

Sammosh       Cosa vuole insinuare?

Annibale       Ho sentito tutto, il Continental, la camera 33, l’ascensore, eccetera eccetera…

Sammosh       Ma è stato tanti anni fa, e poi è stata un’avventura.

Annibale       Un’avventura di un uomo già sposato, con prole ed erede al trono, o mi sbaglio?

Sammosh       Io… ecco…

Annibale       Invece tuo figlio, essendo migliore di te, non ha cercato l’avventura con la campagnola, ma la vuole sposare… la campagnola. Così finalmente, dopo anni di matrimoni finti o di convenienza, al tuo paese ci potrebbe essere un matrimonio vero.

Sammosh       Lei non ha nessun diritto di…

Annibale       Nessun diritto?! Allora quando è così vediamo un poco… Vostra moglie, vostra sorella e, dulcis in fundo, vostra madre cosa ne pensano dell’avventura dell’allora principe Sammosh che a Napoli, ato ca ammoscia, se ‘ntosta, è vero?

Sammosh       Questa veramente non l’ho capita…

Annibale       M’aggio capito io. Allora re, questi due ragazzi si sposano o vogliamo fare una riunione di stato e vedere l’opinione delle altre? (Il re, vistosi con le spalle al muro, si siede affranto, mentre entrano Alì e Rosa)

Alì                  Sire, chiedo il permesso di parlare contemporaneamente al re e a mio padre.

Sammosh       Concesso.

Alì                  Sire, papà, io amo troppo Rosa e sono pronto a rinunciare al trono e pagarne le conseguenze. Ho deciso, la sposo, e se ce ne sarà la possibilità chiederò asilo politico all’Italia e ospitalità alla famiglia Sconcicato in attesa di trovare lavoro.

Sammosh       (Guarda Annibale, poi si alza) Non vedo perché dovresti rinunciare al trono, forse Rosa, dopo sposati, non vuole venire ad abitare nel nostro paese e guidarlo al tuo fianco?

Alì                  (Interdetto) Mi scusi Maestà, io non capisco, ma… se…

Sammosh       Troppi ma e troppi se. Allora, dimentichiamo per un attimo il rango… (Allargando le braccia) e vieni ad abbracciare tuo padre. (I due si abbracciano)

Alì                  Padre, mi hai reso l’uomo più felice della terra, ma…

Sammosh       Basta ma! Anche un reale è un uomo con le sue debolezze ed i suoi errori, renderti felice è la cosa più importante.

Rosa               Grazie signore, e mi perdoni se ho pensato male di lei.

Sammosh       Beh, ne avevi tutto il diritto.

Annibale       È un vero uomo ed un grande capo chi si ravvede in tempo dei propri errori, e sia tu Alì che il tuo paese siete fortunati ad avere un re come tuo padre.

Rosa               (Si commuove ed abbraccia il nonno) Nonno, sono emozionata!

SCENA NONA

(TITINA, PEPPE e detti, poi CICCIO e RITA, indi MIMMO e ADELE, infine STACOSH, SAIZ e AZIZ)

(Entra Titina seguita dal marito)

Titina             A me ‘stu fatto me puzza!

Peppe              Secondo me te sì sbagliata, chillo ‘o rre nunn’‘o ppermettesse maje.

Titina             Ma l’ha dda dicere ‘nfaccia che me sbaglio! (Vedendo gli altri) ‘O vvì lloco, ‘o vvì…

Peppe              Titì, haje raggione, chella ‘a creatura p’‘a nutizia sta chiagnenne!

Titina             (Alla figlia) Nun te ne ‘ncarrecà, mò ce penza mammeta, ‘nce parl’je cu’ chisti quatte nobbele orientale.

Rosa               Mamma, non capisco…

Alì                  Mamma ma…

Peppe              Cu’ tte po’ ‘nce parl’je!

Titina             Tu invece te staje zitto!

Sammosh       (Capendo) Se permettete parlo prima io. (Anticipando la risposta dei due) Vi cercavo per decidere insieme la data del matrimonio dei ragazzi.

Titina             (Mentre, trattenuta dal marito, tentava di scagliarsi contro il re) Peppì, aggio ‘ntiso bbuono chello ch’ha ditto sua eccellenza?

Peppe              Certamente ca hê capito bbuono! Je che te dicevo? Nun puteva essere che una tale realità comme il nobbele qui prisento faceve una tala schifezza di opporsi allo ‘nzu-ramento del figlio colla qui prisenta Rosa Sconcicato, nostra figliuola prediletta!

(Entrano Ciccio dal giardinjo e Rosa dalle camere)

Ciccio            Che d’è ‘sta baraonda, neh mammà?

Peppe              Soreta Rosetta cu’ llu principo Alì devono annunziare ‘nzieme alle famiglie la data delle nozze.

Rita                Mio amatissimo sant’Antonio, fai sereno questo matrimonio! (E va a posizionarsi vicino al re tentando di sopprimere il classico mugolio) Mmmh!

(Entrano i coniugi Secchiello)

Mimmo           ‘Nce sta lu permesso?

Adele             (Vedendo tutta la famiglia insieme) Uh scosate, forze avimme sbagliate lu mumente, stiveve festeggianne quaccheccosa?

Mimmo           Sì ‘a soleta ‘ntrechessa, nun sò ccose noste! Scusate mia moglia ai presenti, ma oramaje ‘a cunuscite…

Ciccio            E cunuscimme pure a vvuje, ‘on Mimì. Trasite, tanto site d’‘a famiglia. Se steve festeggianne l’annunciazione dellu matrimonio d’‘e guagliune.

Adele             Che commozione!

Annibale       (Alla nipote) Ha pigliato ‘na botta ‘ncapa ca ha avuto ‘na commozione?

Rosa               (Soffocando una risata) Veramente ancora non abbiamo deciso quando e dove.

Sammosh       Se i signori Sconcicato sono d’accordo… (Guardando Annibale) Come vuole la tradizione, il matrimonio si fa presso la residenza della sposa, per cui io proporrei alla chiesa del paese.

(Entrano le altre nobili con la nonna davanti con le valige e le altre due a seguire)

Stacosh         Io ero venuta a salutarvi, dato che…

Rosa               Nonna, ma dove andate? Proprio ora che dobbiamo decidere la data del matrimonio?

Sammosh       È vero madre, e tu come regina madre e anziana di corte non puoi mancare al matrimonio di tuo nipote, il principe Alì, erede al trono di Scamorz.

Saiz                Cosa? Ho capito bene?

Aziz                Abbiamo capito bene?

Titina             Nobbilesse, avete capito troppo bene anzi, noi che adesso siamo sicuramente consuocere, dobbiamo penzare al preanzo dei ragazzi, che dite?

Aziz                (Guardando il marito, poi Stacosh) Sono d’accordo con lei.

Titina             Cu’ lei chi?

Aziz                Lei nel senso…

Titina             Ho capito, steve pazzianne. Je songhe ‘gnurantella ma poi piano piano me ‘mparo. Allora, siete contenta?

Aziz                (Guarda il figlio) Moltissimo.

Titina             Allora andiamo? Tu Ritù, viene cu’ nnuje?

Rita                Certamente! (Alla nipote) Brava nipote mia, dove non sono riuscita io ci sei riuscita tu, hai sposato un orientale! (Posa lo sguardo sul re)

Titina             Jammuncenne ca è meglio. Rosa, Allì, venite pure vuje, decidimme assieme… (Via con gli altri tirandosi via anche Rita ancora incantata a guardare Sammosh)

Aziz                (Seguendo gli altri) Che cosa voleva dire tua cognata? Titina…

Mimmo           (A Peppe) Songhe veramente cuntente.

Adele             Ma mò se deve penzare pure alle partecipazzioni…

Peppe              È sicuro, ma che ‘nce putesse scrivere ‘ncoppa?

Stacosh         Sicuramente il luogo e la data con i nomi dei ragazzi.

Peppe              Allora ci debbo fare scrivere RosaAlì sposati qui. Venite cu’ mme, cumpà. Cummà, pure vuje, jamme da lu cerimuniere e ‘nu cunziglio ‘e ‘na femmena… (La guarda, breve pausa) è ssempe bbuono.

Mimmo           Cu’ vero piacere di esserve utilissimo. Jamme Adelì, cammina…

Adele             Jamme, jamme, permettete… (Via i tre)

Stacosh         Sono fiera di te, figliolo. Maestà, col suo permesso ripongo le valige e… (Guardando Saiz con disprezzo) mi preparo a godere di questi giorni di festa. (Via nelle camere)

Saiz                Fratello, ti rendi conto di ciò che stai permettendo? Mischiare nella nostra famiglia una campagnola italiana!

Sammosh       La decisione è presa e non ho intenzione di cambiarla, e comunque era ora di smetterla con questa mentalità retrograda.

Saiz                Noi retrogradi? Ma forse i tuoi nuovi parenti lo saranno! Tu non ti stai rendendo conto di quello che stai facendo, ed io come sorella e parte integrante del consiglio reale ho il dovere…

Annibale       (Entrato poco prima insieme a Rosa ed Alì sentendo tutti e tre ciò che si sono detti fratello e sorella) Di stare zitta!

Saiz                Cosa dice?... Come si permette?!

Annibale       (Assumendo nuovamente l’atteggiamento da pazzo) Mi permetto, mi permetto… Lei, cara la mia marchesina starà zitta, oppure io la dovrò fare prigioniera in attesa del processo hahahaha (Risata stizzita, poi silenzio)

Saiz                Non capisco… (Al re) Maestà, la prego, faccia qualcosa…

Sammosh       (Alla sorella) Saiz, assecondalo, ha di nuovo un raptus di pazzia!

Saiz                Pazzia?

Rosa               Ora è convinto di essere in guerra e lei è il nemico, lo assecondi.

Annibale       Allora, si arrende all’evidenza dei fatti o pone ancora ostacoli? Parli, mi faccia sapere, parli! (Il tutto con tono minaccioso e alzando il volume della voce)

Saiz                Non mi opporrò a nulla, concorderò in pieno con le decisioni prese! (Va a nascondersi dietro al re)

Sammosh       Maresciallo, lasciamola libera: la rebellione è stata repressa…

Rosa               (Facendo segno di complicità al re e ad Alì) Sì maresciallo, congediamola e diamole libertà.

Annibale       Ai suoi comandi tenente, e lei si ricordi che la tengo d’occhio! Vada pure… (Saiz via frettolosamente seguita da Sammosh)

Alì                  (A Rosa, credendo che il nonno non sente) Ma allora è veramente pazzo?

Annibale       Forse sì, forse no, ma chi non lo è? Tu sei un futuro re e ti sposi una campagnola della provincia di Napoli rischiando di perdere un trono e ricchezze varie, Rosa è pronta a lasciare tutto ed andare lontano migliaia di chilometri da tutto ciò che conosce, Peppe parla con i polli, Rita prima di aprire la bocca prega un santo, tuo padre fa chilometri per dirti no e poi sì e così via dicendo per tutti gli altri, ma la differenza è che gli altri si dichiarano sani e non possono sempre dire ciò che pensano, e questo spesso ti fa impazzire, io come pazzo riconosciuto dico ciò che voglio e tutti mi assecondano, e questo spesso ti gratifica. Adesso dite voi ragazzi, chi è più pazzo, io o loro?

Rosa               Nonno, ma allora tu… sei… tu… sei…

Annibale       Io sono tutto quello che vuole, tenente! (Scatta sugli attenti, i due lo guardano interdetti, poi Annibale comincia a ridere e i due fidanzati lo abbracciano ridendo insieme a lui)

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 12 volte nell' ultimo mese
  • 71 volte nell' arco di un'anno