Rugantino

Stampa questo copione

RUGANTINO

RUGANTINO

Commedia Brillante

 di

Giuliano Angeletti

SCHEDA:

Titolo

RUGANTINO

Autore

Giuliano Angeletti  -  poetangeletti@gmail.com

Data pubblicazione

03.11.2008

Anno di stesura

2008

Genere

Commedia  Brillante

Atti

1

Durata (min)

80

Lingua

italiano

Personaggi maschili

12

Personaggi femminili

3

Minimo attori maschili

-

Minimo attrici femminili

Depositato SIAE

-

si

Personaggi:

RUGANTINO

RUBASTRACCI

ROSETTA

MASTRO TITTA

EUSEBIA

GNECCO

CESARINA  

BOJETTO

Il MARCHESE  PEDALINO

VEGLIANTE

CAPORALE

FRANCESE

SPINAPULCI

DUE MEMBRI DELLA CONFRATERNITA

SCENA PRIMA. Anno 1830, primo del pontificato di Pio VIII. la scena. una piazzetta o  un’ osteria trasteverina: un tavolone intorno al quale seduti  Spinapulci e Vegliante giocano a morra, mastro Titta l’oste riempie i boccali di vino, un divanetto in un angolo. Due piccole botti: una gogna e una grata che simula un carcere. Più in la una ghigliottina che verrà portata in scena in un secondo tempo.

SCENA 1

RUBASTRACCI - RUGANTINO

Rubastracci e Rugantino arrivano dalla parte opposta in mezzo al pubblico tutti e due sono  euforici

RUBASTRACCI

tira fuori i papini Rugantino

( Rugantino tira fuori i soldi )

RUGANTINO

Ecco uno a te … e uno a me

Ecco uno a me … e uno a me

RUBASTRACCI

No così … non va bene, o Rugantino … non mi giocare scherzi da prete!

RUGANTINO

Rugantino è un uomo d’onore, gli abbiamo portato via il borsello

RUBASTRACCI

Io gli ho portato via il borsello

RUGANTINO
 ma tutti guardavano me

RUBASTRACCI

Dammi il papino che mi spetta

RUGANTINO
guardiamo di chi è il borsello, è pieno!

RUBASTRACCI

Dammi il papino e andiamo avanto

RUGANTINO

Il borsello era di  ….

RUBASTRACCI

Non me ne frega di chi era il borsello

RUGANTINO
neppure se era del Cardinale Orsini

RUBASTRACCI

Ma io non l’ho rubato a Orsini

RUGANTINO
il borsello era di Poldo il nipote di Orsini … dividiamo

RUBASTRACCI

Dai Rugantino! Sbrigati… se ci prendono gli svizzeri

RUGANTINO
allora visto che lo hai rubato tu … qua ci sono due pacchetti

Uno grande e uno piccolo, tu quale vuoi

RUBASTRACCI
quello grande

RUGANTINO

Va bene … però io mi prendo anche il borsello

RUBASTRACCI

Dai … alla svelta

RUGANTINO

( passa il malloppo a Rubastracci e lui si tiene il borsello con il resto)

RUBASTRACCI

( apre il pacchetto)

Ma sono santini !

RUGANTINO

Sei tu che hai voluto scegliere! A me i soldini e a te i santini

(Rugantino si prende la borsa e i soldi e lascia i santini nelle mani di Rubastracci … Rugantino scappa correndo in tondo Rubastracci lo insegue – sembra visivamente che Rugantino rincorre Rubastracci)

RUBASTRACCI

(fermo e con il fiatone)

Fermati Rugantino … tanto lo sai che prima o poi ti prendo

RUGANTINO

Tanto lo sai che prima o poi ti prendo, è inutile che scappi Stracciarolo

RUBASTRACCI

Sono io che devo prendere te! Ma che cavolo dici!

RUGANTINO

No! Sei tu che scappi ed io ti rincorro!

RUBASTRACCI

( sempre fermo e con il fiatone )

No! Tu mi hai fregato … ed io voglio menarti perciò sei tu che devi scappare

RUGANTINO

Fregarti …. Ma cosa vuoi che siano 50 papini al cospetto di 500 santini

RUBASTRACCI

(furioso)

Io ti ammazzo

( e riprende l’inseguimento)

RUGANTINO

( in fuga )

Ma basta che vai al vespro a San Giovanni sai quanti soldi fai ( e ride )

(Escono di scena correndo )

(Da fuori scena )

RUGANTINO

Dai che ormai mi prendi!

RUBASTRACCI

Io ti mando alla berlina ladro!

RUGANTINO

Sei tu che hai rubato! Io ho solo il borsello del cardinale Orsini con le sue iniziali ricamate …

( musica )

( l’osteria è vuota - buio si accendono le luci )

SCENA 2

RUBASTRACCI – RUGANTINO

(Carceri papaline – osteria)

(Rugantino è dietro le sbarre delle carceri papaline)

RUBASTRACCI

Ti hanno messo dentro, Rugantino …

RUGANTINO

Brutto figlio di mignotta, mi hai denunciato

RUBASTRACCI

Non ti ho denunciato … non ho fatto il tuo nome …. Ho solo detto che …. Insomma non si può andare all’osteria e pagare da bere a tutti con un borsello rosso porpora con su il ricamo … le iniziali e lo stemma nobiliare de cardinale Orsini.

RUGANTINO

E tu saresti un amico …Levati di torno Giuda … a pensare che ti ho lasciato anche i santini

RUBASTRACCI

Con i santini che ho venduto a San Giovanni ho guadagnato 60 papini

RUGANTINO

Allora …. Facciamo a mezzo

RUBASTRACCI

( fa un gestaccio)

Di questo facciamo a mezzo

RUGANTINO

Sei proprio permaloso, dammi almeno da bere

RUBASTRACCI

Va bene vino te ne posso dare

RUGANTINO

(beve avidamente)

Ma è caldo

RUBASTRACCI

Si è caldo, ma almeno tu sei al fresco

RUGANTINO

Ma vai a morire ammazzato

SCENA 3

RUBASTRACCI – RUGANTINO – GNECCO - ROSETTA

(passa Rosetta con un panierino di vimini)

RUBASTRACCI

Ahh … bona …

( e tutti gli altri dell’osteria entrano in scena e riescono dicendo Ahh … bona )

(Rosetta esce di scena )

RUGANTINO

(non si accorge del passaggio di Rosetta)

Che cosa mi sono perso?

RUBASTRACCI

È passata la più bella di Roma

RUGANTINO

Rosetta …. La moglie

RUBASTRACCI

Di Gnecco  …. Come me la farei!

( ripassa Rosetta e con il fazzoletto asciuga il volto di Rugantino)

RUGANTINO

Grazie Rosetta!

ROSETTA

Di niente

RUGANTINO

Ma perché lo fai

ROSETTA

Perché sono un’anima buona

RUGANTINO

Sei proprio buona!

ROSETTA

Attento! Se ti sente Gnecco

(ed esce di scena)

RUBASTRACCI

(rimasto fino a quel momento in silenzio)

Rosetta è la più bella ci Campo Vaccino

( Entra in scena Gnecco punta un coltello alla gola di Rubastracci, Rugantino non vede )

RUBASTRACCI

Rosetta non è poi tanto bella, Maria si che è bella

RUGANTINO

Maria è una caprona e pure burina, cosa dici

RUBASTRACCI

Rosetta ha i fianchi larghi, e i polpacci da pastora e poi …

RUGANTINO

E poi …

RUBASTRACCI

Puzza … di mondezza

(in quel momento Gnecco toglie il coltello dalla gola di Rubastracci)

RUGANTINO

Ma Rubastracci prima dicevi che era bona, che ha il culo più bello di Roma ed ora

GNECCO

( solleva da terra prendendolo per il bavero il povero Rubasacchi)

E allora Rubastracci

RUBASTRACCI

No! no!

RUGANTINO

Come no! Si lo hai gridato anche nell’osteria di Mastro Titta

RUBASTRACCI

No! No!

GNECCO

( minaccioso riporta Rubastracci a terra)

Rubastracci, se ti rivedo solo guardare mia moglie ti pianto questa lama nello stomaco

RUGANTINO

Cosa succede!  Rubastracci cosa succede!

GNECCO

Con te Rugantino facciamo i conti quando esci!

RUGANTINO

Gnecco, tamburo qui dentro sono al sicuro

GNECCO

Esci … esci … prima o poi esci

(Gnecco esce di scena )

RUGANTINO

Rubastracci, quando esco

RUBASTRACCI

Domani esci Rugantino … domani

RUGANTINO

Porca miseria!

(si spengono le luci, si riaccendono)

RUGANTINO

Mi hai aspettato

RUBASTRACCI

Che amico sarei

 (Rubastracci e Rugantino escono di scena)

SCENA 4

RUGANTINO – VEGLIANTE – MASTRO TITTA - SPINAPULCI

SCENA: osteria

( Stornelli breve accenno )

MASTRO TITTA

O Rugantino stai attento che Gnecco te ha promesse

VEGLIANTE

gli vai ad insidiare la moglie

SPINAPULCI

Ti vai a cercare rogne

RUGANTINO

Le rogne! Io non ho fatto niente

MASTRO TITTA

Sapessi quante teste ho tagliato di gente che diceva che non aveva fatto niente

RUGANTINO

È stata lei che è venuta da me

VEGLIANTE

Se era lei a venire da te: domani mattina ti trovavano i barcaioli con la testa dentro il biondo

SPINAPULCI

Lasciala perdere Rugantino, Gnecco è bravo di coltello ed in più è una spia degli svizzeri

RUGANTINO

È stata lei a cercarmi! Ditelo a Rubastracci

MASTRO TITTA

A Rubastracci!

VEGLIANTE

Rubastracci il ballista

SPINAPULCI

Rubastracci il matto del Testaccio

MASTRO TITTA

Quel coatto potevi trovare un altro

RUGANTINO

Vi dico che Rosetta è innamorata di me

VEGLIANTE

Sei peggio che Rubastracci

SPINAPULCI

Spari più te che i cannoni di Castel Gangolfo

RUGANTINO

Vi dico che è innamorata di me

VEGLIANTE

Che balla

RUGANTINO

Ci scommettiamo che la faccio innamorare

MASTRO TITTA
ti voglio bene come un figlio Rugantino! Lascia perdere

RUGANTINO

Ci scommettiamo che prima della festa dei ceri io la faccio innamorare

VEGLIANE

Questa poi …. Noi ti paghiamo da bere e da mangiare

SPINAPULCI

E tu paino

RUGANTINO

Io vi prometto che se perdo mi faccio tre chilometri di corsa dentro il sacco nella festa dei lanternoni

SPINAPULCI

(stringe con Vegliante la mano a Rugantino)

Va bene, adesso Mastro taglia

(Mastro Titta con la mano taglia la scommessa)

MASTRO TITTA

Adesso beviamo tutti, offre Mastro Titta

(stornelli )

SCENA 5

RUGANTINO – VEGLIANTE – MASTRO TITTA - SPINAPULCI - CESARINA

( continuano a cantare entra Cesarina)

CESARINA

Rugantino ti devo parlare

RUGANTINO

Parla pure! Siamo tra amici

CESARINA

In privato

RUGANTINO

Andate via

(vanno tutti via meno Spinapulci)

RUGANTINO

Spinapulci … vale anche per te!

SPINAPULCI

Ma cosa avrà di tanto importante da dire questa paciotta

RUGANTINO

Vai …  Spinapulci vai ….

CESARINA

Spinapulci via …

(Spinapulci si allontana e si ricongiunge con gli altri e con loro esce di scena)

SCENA 6

RUGANTINO –  CESARINA

RUGANTINO

Cosa è successo Cesarina

CESARINA

Come mi trovi Rugantino

RUGANTINO

Bella… sei bella Cesarina

CESARINA

Mi sono acconciata i capelli

RUGANTINO

Ho visto

CESARINA

Ti piacciono

RUGANTINO

Si

CESARINA

Ma non mi dici niente

RUGANTINO

Sei una bella paciotta Cesarina

CESARINA

Io un pensiero per uscire con te ce lo farei

RUGANTINO

Non sei malaccio Cesarina

CESARINA

Ti piacciono le mie tettarelle

RUGANTINO

Sono da strizzare e da succhiare

CESARINA

E il mio culo ti piace

RUGANTINO

(da una pacca al sedere di Cesarina )

Che bona che sei!

CESARINA

Certo che sono meglio io di Rosetta

RUGANTINO

Che ne sai tu di Rosetta

CESARINA

Ma se lo sa tutto Campo Vaccino

RUGANTINO

Ma se ne ho parlato un ora fa

CESARINA

Le voci corrono

RUGANTINO

Ma lo sanno proprio tutti

CESARINA

Tutti, tutti … no!

RUGANTINO

E chi non lo sa!

CESARINA

Gnecco

RUGANTINO

Meno male!

CESARINA

Ma è solo questione di tempo

RUGANTINO

Speriamo come i mariti cornuti, non lo sappia mai

CESARINA

Rugantino … ci mettiamo insieme, io ti posso dare una casa, dei figli e un lavoro

RUGANTINO

Dei figli e un lavoro!

CESARINA

Si farai r’pesciarolo , con mio padre e i miei fratelli …

RUGANTINO

Io r’pesciarolo

CESARINA

non vorrai continuare a vivere di ozi sperperando i soldi del Marchese

RUGANTINO

I soldi del Marchese! Quali soldi!

CESARINA

Ma quelli che il Marchese ti lascerà in eredità! Il curato gli ha già dato il viatico

RUGANTINO

Il viatico! Sono ricco, grazie paciotta (e la bacia)

Mastro Titta ! Mastro Titta

(da fuori scena)

MASTRO TITTA

Si!

RUGANTINO

Offri da bere a tutti e marca tutto a Rugantino

MASTRO TITTA

Prima voglio vedere  i soldi

RUGANTINO

Marca … marca : poi ti spiegherò

(Rugantino e Cesarina escono di scena)

(si chiude il sipario)

(si riapre il sipario)

SCENA 7

 RUGANTINO – EUSEBIA – IL MARCHESE – DUE INCAPPUCCIATI DELLA CONFRATERNITA

(Rugantino si avvicina al letto del prossimo defunto, Eusebia prega i due incappucciati dicono le orazioni)

RUGANTINO

(rivolgendosi agli incappucciati)

Come siete brutti, fate persino senso

Per forza con voi vicino la gente . Fuori !

(e grida)

Fuori beccamorti lasciateci soli con il marchese

( la confraternita lascia la scena )

EUSEBIA

Abbassa la voce il poveretto si è appena riconciliato con il signore

RUGANTINO

Allora riconciliati anche con gli uomini

Hai fatto testamento

IL MARCHESE

Si

RUGANTINO

Cosa mi hai lasciato marchese?

IL MARCHESE

Ho lasciato…..

RUGANTINO

Dimmi cosa mi hai lasciato e cosa hai lasciato a tua moglie Eusebia che è anche mia sorella

IL MARCHESE

Io ho lasciato …. Sollevatemi

(lo sollevano)

RUGANTINO

Hai lasciato

IL MARCHESE

(tossisce)

Sono arrivato alla fine dei miei giorni

(piange)

La mia ora è arrivata …

RUGANTINO

L’ora arriva per tutti

IL MARCHESE

Mi sono riconciliato con dio

Ho chiesto perdono per tutti i miei peccati

E ho avuto l’indulgenza

IL MARCHESE

E a me cosa hai lasciato!

IL MARCHESE

Tutti i miei averi terreni li ho lasciati

RUGANTINO

A chi li hai lasciati!

IL MARCHESE

Li ho lasciati agli orfanelli di Santa Rita

RUGANTINO

Tutti gli averi! Come tutti gli averi!

IL MARCHESE

Tutti …. Tutti….

RUGANTINO

E a me cosa hai lasciato

IL MARCHESE

A te! Ho lasciato

RUGANTINO

Cosa!

IL MARCHESE

(ad alta voce e ringalluzzito)

Queste due paia di palle ti ho lasciato (scoprendosi)

brutto coatto , mangiapane a tradimento

ipocrita

RUGANTINO

Brutto sfottuto, anch’io ho da dirti qualcosa

Quella donna che hai sposato non è mia sorella ma la mia amante, ed io venivo tutti i giorni a casa tua dove oltre a mangiare e bere del tuo vino mi sbattevo con Eusebia …. E tutto alla faccia tua …

EUSEBIA

Cosa dici … non è vero … cosa dici Rugantino … Marchese non ci credere

IL MARCHESE

(come guarito si alza dal letto)

Questo io l’ho sempre saputo e per questo ti ho denunciato per truffa

Ti voglio vedere alla berlina … Rugantino … alla berlina

EUSEBIA

E io cosa faccio

IL MARCHESE

Via tutti e due da casa mia

RUGANTINO

Neppure all’inferno ti vogliono

IL MARCHESE

(toccandosi e facendo il gesto delle corna)

Iettatore, vai via Iettatore

All’inferno ci vai prima tu che me

(Eusebia e Rugantino e il  marchese escono di scena)

(si chiude il sipario)

(si riapre il sipario)

SCENA 8

RUGANTINO – IL CAPORALE – MASTRO TITTA – BOJETTO

(il caporale mette Rugantino alla berlina)

IL CAPORALE (legge il comunicato )

Popolo di Roma

Il tribunale papalino

Ha condannato  Rugantino

Reo di aver truffato il Marchese Pedalino

Pena da scontarsi alla berlina

Per un giorno

Una notte ed una mattina

Tutti i romani possono farci di tutto

Schernirlo, divertirsi n’pochetto

Però è proibito

Fargli come hanno fatto ad Antonio Dell’Arturo

Che con le tenaglie qualcuno gli ha

strappato i peli del culo

IL CAPORALE

O Rugantino … ormai hai la berlina personale

RUGANTINO

Sai caporale in fin dei conti non si sta qui poi tanto male, si mangia si beve, ti fa un po’ male il collo, ma basta abituarsi.

IL CAPORALE

Arriva Mastro Titta, mi sembra un pò triste

RUGANTINO

E con chi è!

IL CAPORALE

Con suo figlio Bojetto

RUGANTINO

Cosa fanno!

IL CAPORALE

Parlano tra loro, no vengono

(arrivano Mastro Titta e suo figlio Bojetto)

MASTRO TITTA

Buon giorno Caporale

CAPORALE

Buon giorno Titta

Buon giorno bojetto

BOJETTO

Ma ci tagliate la testa a Rugantino

CAPORALE

No

BOJETTO

Beccato, mi piaceva vederla dentro il panierino

RUGANTINO

(che fino a quel momento era in silenzio)

Te possimo …

BOJETTO

(toccando il collo a Rugantino)

Però ha un bel collo … n’a botta e via ….

MASTRO TITTA

(dando uno scappellotto al figlio)

Rugantino lo devi lasciare stare … è un amico …

RUGANTINO

Grazie Mastro Titta … levami sto mostro di torno

MASTRO TITTA

Come và Rugantino!

RUGANTINO

Ho un po’ di dolori ma per il resto bene

MASTRO TITTA

A me le cose vanno male

RUGANTINO

Titta, non puoi dire che le cose ti vanno male! Il lavoro non ti manca l’osteria è piena ed in più hai tagliato una testa anche ieri, a quel giacobino

MASTRO TITTA

Altre cose

( Bojetto tocca il collo a Rugantino)

Andiamo … e tu Bojetto smettila …

BOJETTO

Voglio fare il boja anch’io ! anch’io!

RUGANTINO

Ma proprio con me vuoi cominciare

MASTRO TITTA

Andiamo Bojetto

Ci vediamo Rugantino … quando vieni hai un bicchiere di vino pagato e di quello dei castelli.

RUGANTINO

Vengo … vengo Accipicchia …bojetto  mi ha fatto venire il mal di collo

SCENA 9

 RUGANTINO – IL CAPORALE – RUBASTRACCI – GNECCO – ROSETTA

IL CAPORALE

Calmati! Domani sarai libero: guarda chi arriva, ci mancava solo lui

RUGANTINO

Chi arriva!

IL CAPORALE

Rubastracci

RUGANTINO

Meno male

RUBASTRACCI

Rugantino! Ti ho portato del vino

IL CAPORALE

Anche per me

RUBASTRACCI

Certo caporale

(Rubastracci versa il vino ai due amici)

RUGANTINO

Ma sembra aceto

RUBASTRACCI

Per i soldi che ho in tasca è anche troppo buono

IL CAPORALE

Si può bere, dammene un altro gocetto

RUGANTINO

Cosa è successo di nuovo

RUBASTRACCI

C’è un francese vestito come un damerino che va in giro per Campo de Fiori

RUGANTINO

Tutto qui, dammi un po’ di vino

RUBASTRACCI

N’vedi che bona

RUGANTINO

Cosa c’è

IL CAPORALE

Arriva Rosetta

(passa Rosetta e con il fazzoletto asciuga il sudore a Rugantino)

RUGANTINO

Rosetta perché lo stai facendo?

ROSETTA

Io sono un’anima buona

IL CAPORALE

E che buona

RUBASTRACCI

Proprio buona

RUGANTINO

Buona… buona

( Rosetta esce di scena)

(entra in scena Gnecco)

GNECCO

Chi è buona!

(Rubastracci scappa di corsa)

Rubastracci, scappa dove vuoi Roma è piccola, e quanto a te Rugantino

RUGANTINO

Io non ho detto niente

GNECCO

L’hai pensato e questo mi basta

RUGANTINO

Io non ho pensato niente, non so pensare io vero caporale

IL CAPORALE

Gnecco stai buono. Rugantino non ha detto niente

GNECCO

Io e Rugantino abbiamo conti vecchi da regolare, e in quanto a te stai zitto altrimenti ne apro uno anche con te

IL CAPORALE

Non metto lingua, fatti vostri

(Gnecco esce di scena)

SCENA 10

 RUGANTINO – IL CAPORALE – CESARINA

(entra Cesarina )

CESARINA

Rugantino ti ho portato un po’ d’acqua fresca

RUGANTINO

Grazie Cesarina

CESARINA

Bevi anche tu caporale

ILCAPORALE

Ci voleva proprio Cesarina

CESARINA

Rugantino, lo sai che ti voglio bene

RUGANTINO

Si

CESARINA

Come ti sembro

RUGANTINO

Bellissima

CESARINA

Certo che io ho: due belle tette, un bel culo, una bella bocca e anche due belle gambe me lo hai detto tu

RUGANTINO

È vero!

CESARINA

Abbiamo fatto anche l’amore

RUGANTINO

Si e sei bravissima a farlo

CESARINA

Anche tu! infatti pensavo che tu mi volessi sposare

RUGANTINO

Ma io ti voglio bene come a una sorella

CESARINA

E io come un fratello. Rugantino vorrei dirti una cosa

RUGANTINO

Dimmi!

CESARINA

Mi sono innamorata

RUGANTINO

E di chi!

CESARINA

Sai che c’è un francese così gentile che circola sempre tra Campo Vaccino e Campo de Fiori

RUGANTINO

Ne ho sentito parlare

CESARINA

Mi sono innamorato di lui e lui di me, ci vediamo tutte le sere nell’angolo di Campo Vaccino vicino alla fontana dello scarparo, e lui arriva sempre prima di me e mi aspetta

RUGANTINO

Ma lì ci abita Gnecco, Cesarina cambia posto … cambia posto

CESARINA

Ma scherziamo ! il posto va bene lì

RUGANTINO

Gnecco è gelosissimo, vedetevi da un’altra parte

CESARINA

Gnecco! Cosa centra Gnecco! Non è che sei geloso tu Rugantino

RUGANTINO

Va bene , allora sai cosa ti dico! Fai quello che vuoi

CESARINA

Ciao Rugantino … ciao caporale

IL CAPORALE

Ciao Cesarina

( Cesarina e uscita di scena )

SCENA 9

 RUGANTINO – IL CAPORALE – EUSEBIA - VEGLIANTE

RUGANTINO

 Certo che Mastro Titta l’ho visto proprio male

IL CAPORALE

Come non sai che gli è scappata la moglie

RUGANTINO

Gli ha resistito anche troppo con quelle due lagne

IL CAPORALE

E adesso sta cercando moglie

RUGANTINO

Non ne trova !

(entra Eusebia )

EUSEBIA

Rugantino cosa mi hai combinato il marchese mi ha sbattuto fuori di casa … e ora cosa faccio

RUGANTINO

Caporale girati di là che devo parlare ad Eusebia

(il caporale si volta )

Eusebia ti faccio passare per mia sorella e ti faccio sposare con Mastro Titta

EUSEBIA

Che lavoro fa!

RUGANTINO

Ha un’osteria e in più fa qualche lavoretto per il comune

EUSEBIA

Che cosa!

RUGANTINO

Si occupa di teste

EUSEBIA

(sorridente)

Fa il barbiere: fa barba e capelli agli svizzeri. Grazie Rugantino …

( e lo bacia )

(Eusebia esce di scena)

(notte si abbassano le luci)

IL VEGLIANTE

Romani! sono le 2  e tutto va bene, e voi  gente di Campo de fiori allungate la manina e controllate se nel letto  c’è ancora la mogliettina

(VOCE FUORI CAMPO)

Vai piuttosto a controllare la tua …Vegliante

IL VEGLIANTE

O burino io sono zitello !

IL CAPORALE

Ti slego Rugantino, ti condono 4 ore, ma mi raccomando …

RUGANTINO

Grazie Caporale, ci vediamo all’osteria

(ed escono di scena )

SCENA 10

ROSETTA – GNECCO

GNECCO

Vieni  Rosetta

ROSETTA

(prendendo il coltello)

Non mi stare a toccare

GNECCO

Non fare tanto la preziosa, tanto lo sai che tu sei solo mia

ROSETTA

Ma che soddisfazione ci provi a stare con una donna che da te non si fa ne amare ne toccare

GNECCO

E tu prova a fare la smorfiosa con qualcuno e ti assicuro che io ammazzo prima lui e poi te

ROSETTA

Puoi cominciare ad ammazzare me!

GNECCO

Lo decido io chi ammazzare

ROSETTA

Ma fammi il piacere

GNECCO

Chi è quel francese che sono due notti che si posiziona fuori dalla tua finestra?

ROSETTA

Non lo conosco! E poi saranno fatti suoi!

GNECCO

Se è qui per te sono fatti miei!

ROSETTA

(fingendo di conoscerlo)

Si è qui per me!

Lui è un gran signore non un paino come te

GNECCO

(da uno schiaffo a Rosetta)

Zozza!

(escono di scena, Rosetta piangendo e dopo Gnecco)

SCENA 11

RUGANTINO – MASTRO TITTA - BOJETTO - EUSEBIA

(osteria)

MASTRO TITTA

Hanno accoltellato il francese

BOJETTO

Allora papà c’è lavoro per noi

MASTRO TITTA

Fai silenzio Bojetto

RUGANTINO

Che francese

MASTRO TITTA

Quel francese che circolava per Campo Vaccino

BOJETTO

Quello che stava dietro a Rosetta

EUSEBIA

Quella donna porta Jella, lasciala stare Rugantino, lasciala stare ascolta le persone che ti vogliono bene

MASTRO TITTA

Ma per una volta! Ascolta tua sorella!

RUGANTINO

No il francese non corteggiava Rosetta ma Cesarina

MASTRO TITTA

Figuriamoci se Gnecco uccideva un francese che corteggiava Cesarina

RUGANTINO

E Gnecco ora dov’è

EUSEBIA

È scappato fuori Roma

RUGANTINO

E Rosetta è sola

EUSEBIA

Si!

RUGANTINO

Allora io vado!

BOJETTO

(Rivolto a Mastro Titta )

A Rugantino la testa gli e la voglio tagliare io

MASTRO TITTA

(dando uno scappellotto al figlio)

Buono Bojetto … smettila piuttosto sparecchia che si è fatto tardi

EUSEBIA
Ma in che famiglia sono capitata!

(Rugantino esce di corsa dalla scena )

( tutti escono di scena)

(si chiude il sipario)

(si riapre il sipario)

SCENA 12

 RUGANTINO – ROSETTA

(Rosetta è in casa , Rugantino si presenta con la chitarra e canta)

(Rosetta si affaccia)

ROSETTA

Rugantino cosa fai

RUGANTINO

Ti ho cantato una serenata

ROSETTA

Rugantino sei pazzo se ritorna Gnecco ti fa fare la fine del francese

RUGANTINO

Non m’importa di morire … io ti voglio bene scendi

ROSETTA

Anch’io ti voglio bene ed è per questo che non scendo

RUGANTINO

Di cosa ti lamenti se ritorna Gnecco uccide me non te

ROSETTA

Io ti voglio vedere sano Rugantino

RUGANTINO

Ma io ti amo Rosetta

ROSETTA

Amore che parola grossa

RUGANTINO

Scendi giù che cantiamo

ROSETTA

Scendo ma dammi il tempo

(si specchia e si pettina)

RUGANTINO

Sei pronta Rosetta

(Rosetta scende e i due cantano abbracciati, infine si baciano)

(per mano escono di scena)

RUGANTINO

Nessuno a Roma saprà del nostro Amore

ROSETTA

Io ti voglio bene, ma l’amore vero lo voglio dare ad un uomo non a un bamboccio

(si chiude il sipario)

(si riapre il sipario)

SCENA 13

RUGANTINO

 RUGANTINO (in un corridoio tra il pubblico fa la corsa in un sacco) i suoi amici da sopra il palco lo deridono )

SCENA 14

RUGANTINO – CESARINA – ROSETTA – VEGLIANTE - CAPORALE

( luci soffuse )

ROSETTA

(baciando Rugantino)
ti amo Rugantino

RUGANTINO

Sei la mia vita Rosetta

(si mandano baci)

(Rosetta esce di scena, Rugantino esce di scena ma da un’altra porta)

Da fuori scena si sente un grido

ROSETTA

(da fuori scena)

Cosa è successo!

RUGANTINO

( rientra in scena)

Cesarina ! Cosa hai fatto! E perché sei vestita da uomo

CESARINA

(piangendo e con il coltello in mano)

Ho ucciso Gnecco

RUGANTINO

Cesarina, ma sei matta !

CESARINA
Gnecco ha ucciso il mio uomo

RUGANTINO

Ma davvero tu e quel francese

CESARINA

Chiama le guardie Rugantino

RUGANTINO

Vai via Cesarina, vai via vai a casa! Passa dal vicolo, non farti vedere ci penso io! Lasciami il coltello

(Cesarina fugge lasciando il coltello a Rugantino)

(Rugantino con il coltello in mano)

ROSETTA

(voce fuori campo)

Rugantino che cosa è successo! Chi ha gridato!

RUGANTINO

Rosetta, non sono un bamboccione, ma un uomo veo

ROSETTA

Cosa hai fatto!

RUGANTINO

Ho ucciso Gnecco e l’ho fatto per te!

ROSETTA

Sei matto … amore sei matto!

(entra in scena il caporale)

IL CAPORALE

Ma cosa hai fatto Rugantino!

RUGANTINO

Ho ucciso Gnecco

IL CAPORALE

Guarda Rugantino che io ero lontano ma anche se siamo di notte io ho la vista buona, a menare il ferro è stato un altro uomo

RUGANTINO

Ti sbagli! Sono stato io!Rugantino ad ammazzare questo vigliacco

IL CAPORALE

Non stare a scherzare Rugantino, guarda che io ti porto dentro

IL VEGLIANTE

(arriva di corsa)

Cosa è successo

RUGANTINO

(grida)

Ho ucciso Gnecco, tutta Roma deve sapere, Rugantino no è un bamboccione… Rugantino è un uomo vero!

IL VEGLIANTE

Rugantino non ha ammazzato nessuno, quando io ho visto Gnecco cadere c’era un altro uomo con lui e non Rugantino

(entra in scena Rosetta)

ROSETTA

Rugantino non ha fatto niente! Rugantino era nel mio letto … Rugantino io lo amo ….

VEGLIANTE

Io testimonio che non era Rugantino!

ROSETTA
grazie Vegliante!

VEGLIANTE

Non c’è nessun grazie…. È la verità

IL CAPORALE

Anche per me non lo hai ucciso tu, però devo portarti via!

(si chiude il sipario)

(si riapre il sipario)

SCENA 15

RUGANTINO – MASTRO TITTA – BOJETTO - ROSETTA

( Carceri )

( Rugantino è in  carcere – lontano si vede una ghigliottina )

MASTRO TITTA

Rugantino cosa aspetti a dire la verità

RUGANTINO

Ma io ti ho detto la verità

BOJETTO

La testa … la testa

MASTRO TITTA

Bojetto stai zitto

(e gli da uno scappellotto)

MASTRO TITTA
non sei stato tu, lo sanno tutti ! nessuno ha visto ma hanno visto tutti

RUGANTINO

E cosa hanno visto?

MASTRO TITTA

Ammettilo, non sei stato tu!

RUGANTINO

Non sono stato io ! ma cosa hanno visto!

MASTRO TITTA

Vedi che non sei stato tu

RUGANTINO

Chi hanno visto?

MASTRO TITTA

Hanno visto, un poco di buono un giacobino che correva dentro il vicolo

RUGANTINO

Era uomo o donna

MASTRO TITTA

Uomo! Gli svizzeri lo stanno già cercando

RUGANTINO

Non sono stato io

MASTRO TITTA

Va bene … allora ti sei scampata la testa

(voce fuori campo)

ROSETTA

Rugantino tu hai fatto questo per me

RUGANTINO

Si!

ROSETTA

L’hai fatto perché mi ami

RUGANTINO

Si!

ROSETTA

Io ti amerò per tutta la vita

(Rosetta smette di parlare)

RUGANTINO

Sono stato io ad uccidere Gnecco! Sono stato io… io

MASTRO TITTA

Rugantino, se fai così io non ti posso salvare

RUGANTINO

Sono stato Io! Io ti amo Rosetta … sono stato io

ROSETTA

(fuori scena)

Ti amo Rugantino … ti amo

RUGANTINO

Muoio per te amore mio

MASTRO TITTA

Io non ci posso più fare niente Rugantino

BOJETTO

Tagliamo, tagliamo

MASTRO TITTA

(dando uno scappellotto al figlio)

Smettila e vai a casa Bojetto

BOJETTO

No papà! No! Mi mandi via nel più bello

MASTRO TITTA

Via … a casa ho detto

(Bojetto esce di scena … piangendo ) 

SCENA 16

RUGANTINO – MASTRO TITTA – IL CAPORALE – CESARINA – RUBASTRACCI- VEGLIANTE - BOJETTO

(rullo dei tamburi )

Il CAPORALE

(piange)

Vieni Rugantino, ti devo portate al patibolo

MASTRO TITTA

(piange)

Vedrai una botta e via

(entra in scena Cesarina)

CESARINA

Lasciate stare Rugantino e prendete me! Io ho ucciso Gnecco, io mi sono vestito da uomo e l’ho aspettato in piazzetta e l’ho accoltellato

RUGANTINO

No Cesarina cosa fai! Lei è innocente sono stato io!

(entra in scena Rubastracci)

RUBASTRACCI

Lasciate stare Rugantino, sono stato io ad uccidere Gnecco

RUGANTINO

Rubastracci amico mio non fare pazzie ! Rubastracci non ha fatto niente! Rubastracci è innocente

(entra in scena Il Vegliante)

IL VEGLIANTE

Sono stato io ad uccidere Gnecco, mi ha spaccato la lampada ed io con il coltello da pastore gli ho tagliato la gola

MASTRO TITTA

Adesso basta devo procedere, uscite tutti

(escono di scena piangendo  il Vegliante, Rubastracci e Cesarina)

IL CAPORALE

(commosso)

Io non ci capisco più niente

( Bojetto di corsa entra si ferma e esce di corsa )

BOJETTO

Caporale  tagliamo la testa a tutti

SCENA 17

RUGANTINO – MASTRO TITTA – IL CAPORALE – ROSETTA

(entra in scena Rosetta)

ROSETTA

Lasciate stare Rugantino, non ha fatto niente! La colpa è mia perchè ho lasciato che mio marito mi picchiasse: la colpa è mia perche non mi sono mai ribellata alle sue angherie, alle sue violenze. La colpa è mia perchè mi sono fatta annichilire e la paura mi prendeva ogni volta che il mio sguardo si posava su un qualcosa o qualcuno che non volesse lui. La colpa è mia per avere conosciuto Rugantino l’uomo che mi ha ridato una speranza. Tagliate le testa a me e non a lui

(piange)

RUGANTINO

Non piangere Rosetta ti si rovinano gli occhi e poi:

Morto un Rugantino, ne nasce un altro e poi un altro…

e poi un altro ancora,

perché noi romani siamo gente di cuore

Noi romani siamo tutti rugantini …  

(voce fuori campo, tutti gli attori singolarmente )

NOI ROMANI SIAMO TUTTI RUGANTINI

MASTRO TITTA

(piangendo)

Io non me la sento

IL CAPORALE

(rivolto al pubblico)

Ma insomma ….

voi …. volete che tagliamo la testa a Rugantino!

(E il pubblico e da dietro le quinte )

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!

Lo voglio sentire più forte gridatelo!

(E il pubblico e da dietro le quinte )

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!

Rugantino!

 ( tutti gli attori entrano in scena abbracciano Rugantino lo sollevano e portandolo sulle spalle lo portano nel pubblico)

SIPARIO

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 37 volte nell' arco di un'anno