Rui sunu miegghiu ri una

Stampa questo copione

PERSONAGGI

PERSONAGGI

DON NANE’  CASCIANO

 

EMANUELE

NIPOTE MAGGIORE DI DON NANE’

PAOLO

NIPOTE MINORE DI DON NANE’

AURORA

AVVOCATO MARANGIO

AMICO DI DON NANE’

GASPARE

AMICO DI EMANUELE E PAOLO

CATERINA

FIDANZATA DI GASPARE

DON TANO

AMICO DI DON NANE’

LORENA

NIPOTE DI DON TANO

ANGELO

PADRE DI EMANUELE E PAOLO

RUI SUNU MIEGGHIU RI UNA

 COMMEDIA IN 3 ATTI DI GIOVANNI GULINO

NUM. POSIZIONE S.I.A.E. 82627

PERSONAGGI N. 10:  7 MASCHI E 3 FEMMINE

TEL. 331 5603090

DESCRIZIONE PERSONAGGI

DON NANE’: Età 75 anni. Persona simpatica, arzilla e vulcanica. Ha un

                         temperamento aperto e socievole.

EMANUELE: Età 25 anni. Bravo ragazzo, però simpaticamente spaccone

                          e frivolo. Dietro la sua aria da latin lover nasconde una

                          certa insicurezza.

PAOLO:          Età 23 anni. Ragazzo sensibile e pacato. Nonostante sia

                         più piccolo di suo fratello, mostra più maturità.

AURORA:       Età 20 anni. Bellissima ragazza, già molto matura ma

                          allegra e vivace.

AVVOCATO: Età 45 anni. Persona simpatica e allegra, di temperamento

                          gioviale e scherzoso.

GASPARE:      Età 25 anni. Caratteristiche simili a quelle di Emanuele.

CATERINA:    Età 20 anni. Graziosa ragazza, allegra ma un po’ timida.

DON TANO:    Età 75 anni. Vecchietto simpatico e socievole.

LORENA:        Età 20 anni. Ragazza graziosa e spigliata. Temperamento

                          passionale e franco.

ANGELO:        Età 50 anni. Carattere impulsivo ma onesto e simpatico.

BREVE TRAMA

Don Nanè accoglie in casa una bellissima ragazza e, dopo aver ascoltato la sua storia, decide di ospitarla; ma per proteggerla dagli eventuali assalti dei suoi due nipoti, propone a questa di trasformarsi in una racchia inguardabile.

Dopo una iniziale ritrosia di Aurora, si decide di mettere in pratica tale proposito e così in casa Casciano iniziano gli sfottò nei riguardi di questa, con l’avvocato Marangio in testa e gli altri amici a fare il resto.

Nonostante le nuove fattezze di Aurora non siano molto invitanti, Paolo incomincia a nutrire verso questa un tenero sentimento, suscitando ironie nei rimanenti personaggi.

Per un fatto casuale, l’avvocato Marangio scopre che Aurora è sua figlia e ciò lo getta nello sconforto ma incomincia a pretendere che tutti rispettino Aurora e la smettano di deriderla. A causa di questo cambiamento da parte dell’avvocato, gli altri pensano che questi è innamorato di Aurora e l’avvocato non riesce a dissuaderli da questa convinzione.

Aurora, per movimentare di più la messa in scena decide di presentarsi, fingendo di essere la sorellastra di Aurora, nelle sue vere vesti e ciò scatena una lotta e un serrato corteggiamento da parte di Emanuele e Gaspare, il quale provoca indignazione in Caterina che tronca il fidanzamento. La vera Aurora provoca Paolo, ma questi le confida di essere innamorato della sorella e quindi si tira fuori dal corteggiamento.

Questo amore di Paolo nei riguardi di Aurora, scatena la furia di suo padre che fa di tutto dal dissuaderlo da tale proposito e lo invita, se proprio aspira a qualcuna, a interessarsi di sua sorella che è ben diversa di Aurora e ciò infastidisce l’avvocato che spera di aver trovato il coraggioso interessato a sua figlia.

Intanto l’avvocato, incalzato dalle circostanze, svela la sua paternità nei confronti di Aurora e tutti prendono atto, con gioia, di tale fatto.

Dopo una serie di vicende dei personaggi con la vera o la finta Aurora, questa alla fine svela la sua identità e confessa i motivi che l’hanno spinta, con la complicità di don Nanè, a questa burla.

Naturalmente ciò provoca un comico trambusto in tutti i personaggi, ma alla fine Paolo corona il suo sogno con le “due” donne della sua vita, Emanuele scopre di avere ancora un vero sentimento verso Caterina e Gaspare è costretto ad “accontentarsi” di Lorena.

1°ATTO

Salotto soggiorno abbastanza scialbo e disadorno di don Nanè Casciano. Questi è solo in scena e passeggia.

Don Nanè

Chi brutta iurnata! Iavi ri stanotte ca ciovi. Mi vulìa fare na passiata, ma cu stu tiempu unni a ghiri? (va alla finestra e guarda fuori) Ciovi buonu!...Ma chi fa da picciotta cu npicciridu mprazza sutta o barcuni? Accussì si vagniunu...(apre la finestra) Signura! Signura!…Cà sugnu, affacciatu a finestra…Lei e u picciridu vi stati vagnannu, trasiti intra e riparativi; aspittassi ca scinnu e rapu a porta. (si avvia) Cu ntiempu i chistu sutta nu barcuni. Poviri figghi! (Esce. Dopo un po’ rientra seguito da una bella ragazza con in braccio un bambino e in mano un borsone) Trasi figghiula! Anzi nun si tanta vagnata. Che bedu stu picciridu, e comu rorme!

Aurora

E’ na femminuccia, iavi tri misi e si ciama Cristina.

Don Nanè

Cristina! Bellu nome. Rammi u borsone: è pisante, vero? (prende il borsone) Vieni! Vieni! Da rintra c’è nu liettu, cucca a piccirida accussì rorme tranquilla. Sta stanza è vacante ri tantu tiempu, nun ci rorme nudu. (escono. Dopo un pò ritornano nel soggiorno) Ora è ghiustu ca ni presentamu: iu sugnu Emanuele Casciano, pi tutti don Nanè. (porge la mano)

Aurora

Piacere. Iu mi ciamu Aurora.

Don Nanè

Assittiti figghiula. Fici u cafè, a siri ancora cauru. Ora ti ni puortu na tazza. ( esce )

Aurora

Grazie. (si scrolla di dosso qualche goccia d’acqua) Oh Signuri! Macari stu tiempu ci vulìa! A piccirida nun si vagnau, però speriamo ca nun ci veni nenti u stesso.

Don Nanè

(rientra con il caffè)Tieni Aurora, è ancora cauru… Figghiula, no pi sapiri i fatti tuoi, ma chi facieutu fora cu stu tiempu e cu na piccirida accussì nica?

Aurora

Beh!...E’na storia lonca e preferisciu nun ni parrare.

Don Nanè

Ti misi in imbarazzo. Scusa a ma curiosità.

Aurora

No, ci mancassi! E’ca….Ma si, picchì nun cià cuntare? Lei è tanto gentile e iu nun aiu nenti ri chi vergognarimi.

Don Nanè

Aurora se nun ta sienti lassa perdire.

Aurora

No, forse è mieggiu parrarini, sarà na liberazione…Pi  capire miegghiu a ma storia ci cuntu i cose ri principio. U destino cu mia e ma matri fu quasi u stesso…Ma matri, quannu avìa riciott’anni, canusciu nu studente universitario e s’innamorarru. Fu un amore intenso ma breve, picchì a famigghia ri stu picciuottu si trasferiu e nun si vittunu ciù. Passarru i iorna e ma matri si n’addunau ri essire incinta. Macari ca in famiglia nun a pigghiarru bona, purtau avanti a gravidanza e nascì iu. Duoppu quarchi misi ma matri - ca era na bella ragazza - canusciu nu giovane ca nonostante a sa situazione sa spusau. Ri stu matrimonio nascierru nautri ru figghi. Finu a quannu ci fu ma matri i rapporti co mo patrigno e i mo fratellastri fuorru sopportabili, ma quannu tri anni fa ma matri, ca era malata i cori, murìu, a ma presenza iniziau a dare fastidio. U mo patrigno, in particolare, addivintau insopportabile e ncuminciau pure a facirimi proposte ca mi umiliavano e offendevano…Lei mi capisce, vero signor Casciano?

Don Nanè

Cosa lurda!!

Aurora

L’annu scursu canuscì npicciuottu e ni piaciemmu subito. Idu era accussì innamorato! Mi parrava sempre ri matrimonio e iu, puri ri nescire ra ma casa, l’avissi seguito ovunque. Purtroppo chidu ca capitau a ma matri si ripitiu cu mia: arristai incinta e quannu ciò rissi o mo zitu, o pi paura o picchì costretto ra sa famigghia, nun ni vosi sapire ri mia e scumparìu ra circolazione.

Don Nanè

N’autru cosa lurda! I cciappi tutti tu.

Aurora

Pacienzia. I pirsune nun si puonu costringere a essiri responsabili. Ci lassu immaginare chi succiriu a casa quannu u sappunu: ci ricu sulu c’a ma gravidanza è stata un inferno. Sempre a insultarimi, specialmente u mo patrigno: “Tale matri, tale figghia!” “Avissi nasciutu nfigghiu i nudu!” E via di seguito. Quannu nascìu Cristina – a ciamai comu a mo matri -  a rabbia verso ri mia a riversarru nta piccirida, ci ni riceunu ri tutti i culura. A fine ieri nun ni potti ciù: incì u borsone che cose ciù necessarie, pigghiai i sordi c’avìa ri lato, i a stazione, accianai nto primu treno e partì. A notte a passai nti na pensione, puoi stamatina pigghiai l’autobus ca porta o centro pi circare nconvento unni truvare ospitalità. Sordi nun aiu assai e nta pensione nun putìa stare; finu a quannu nun mi sistemo cu ntravagghiu qualsiasi a circari ri nun spennire assai sordi. Era ferma sutta o barcuni picchì avìa nfurzatu l’acqua, quannu mi vitti lei e gentilmente mi fici trasire. Ecco signor Casciano, in poche parole chista è a ma storia.                           

Don Nanè

Na vistu pene! Ma nun ti cunfunnire, a tutto c’è rimedio.

Aurora

U sacciu, ciercu ri resistere e ora ca iaiu Cristina a truvari a forza ri iri avanti…Signor Casciano mi rispiace disturballo, appena scampa mi ni vaiu.

Don Nanè

Nun c’è prescia e mancu disturbo…Ehm anzi…ti vulìa rire. Iu staiu pinzannu na cosa: siccome nun è tanto facile truvare n’alloggio – i cunventi u sai quanti pirsune ospitano? – picchì nun ti fiermi cà?... Aspetta! Aspetta! Fammi finire. Cà stapissivu a meraviglia. Comu viristi c’è na stanza libera ca nun serve a nudu e tu e a piccirida fussivu a puostu.

Aurora

Signor Casciano iu u ringrazio veramente, ma lei nun avissi pace. Na piccirida cianci ri iuornu, ri notte e lei si ritruvassi intra ru pirsune ca ci rassunu sulu pinzera.

Don Nanè

Aurora, chi stai riciennu?! A mia i picciridi mi piaciunu, anzi nti sta casa ci fussi ciù vivacità. No, no, tu  nun mi canusci, a vita movimentata mi fa sentiri miegghiu.

Aurora

Però signor Casciano i problemi ci creamo u stesso. Possibilmente lei sta ripusannu e iu trasu o niesciu, fazzu scrusciu a notte p’accudire Cristina…

Don Nanè

Puoi fare tuttu u scrusciu ca vuoi. Iu iaiu u suonnu pisanti e riguardo u trasire e nescire nun ci sunu problemi. Ra ta stanza c’è n’autra uscita: ra porta a sinistra, scinniennu quattru scaluna niesci nta vanedda ri sutta perciò, se vuoi, ri cà nun ci passi mai. Nenti Aurora nun circari scuse, cu mia nun a vinci. E puoi penza a Cristina: ti pari ghiustu purtalla ancora ca banna e da banna in cerca ri na sistemazione ca o sa quannu a truovi? Se a truovi! Picchì nun è facile, t’ossicuru.

Aurora

E’ vero. Però iu nun aiu modo pi disobbligarimi pa sa bontà; nun mi piace stare cà e approfittare ra…

Don Nanè

Chi disobbligare!? Chi approfittare!? A sti cose nun cià pinzare e puoi quarchi benificio ra ta presenza u truovu …Aurora, sai cucinare?

Aurora

Certo! A casa facìa tuttu iu, specialmente l’ultimi anni quannu ma matri si sintìa affaticata e stapìa cuccata.

Don Nanè

U viri?! U viri ca pure iu ci guadagnu?! Finu a st’ura accumitatu e ora finalmente puozzu manciare quarchi piatto sicuramente ciù gustoso. (vede Aurora esitante) Avanti figghia mia, penzici e viri ca iaiu ragghiuni iu. Vi ospito con grande gioia, chistu è bene ca u sai.

Aurora

Se a lei veramente ci fa piaciri…..

Don Nanè

Piaciri?!! Piaciruni!!! Brava, si na picciotta ghiurizziusa; sugnu sicuru ca tu e Cristina vi troverete benissimo.

Aurora

Però mi vuogghiu rendire utile, almeno nun mi sientu npisu: cucino, pulizziu…nzumma quarchi cosa a fare.

Don Nanè

Va bene, se Cristina ti lassa u tiempu fai chidu ca vuoi …(impacciato) Ora cara Aurora, a ma risolvere u primo problema. Ecco, c’è n’ostacolo  ca…

Aurora

Signor Casciano u viri ca ncuminciarru i difficoltà?

Don Nanè

E allura? To rissi: i cose mprugghiuse m’addumunu u cirviedu e chistu fa bene a salute…Dunque, ti ricu comu stanu i cose, accussì ni organizzamu miegghiu. A vita sa movimentare però pene nun na ma virri.

Aurora

Nun capisciu chi vole dire.

Don Nanè

(le si avvicina con aria complice) A sapire ca iu nun abitu sulu. Cà ci abitano pure ru picciuotti: i mo niputi Manuele e Paolo.

Aurora

Allura è miegghiu ca mi ni vaiu. Iu pinzava ca era sulu, ma cu tanti pirsune intra ramu fastidio pi davero.

Don Nanè

Aspetta! Aspetta! Subitu ti scuragghi! Fastidio nun ni rati. I mo niputi ianu i so stanze da banna e stanu cu mia picchì u ranni è laureato e ora sta faciennu u tirocinio e Paolo è all’urtimo anno ri università. I so genitori nun abitano cà; u patri u trasferierru pi lavoro e a matri - ca è a ma figghia - è ciù tranquilla se stanu cu mia. E ru lavativi ci fa comodo pure picchì nun paiunu affitto, iu ci sbrigu quarchi sirvizzulu e spesso ci fazzu truvare u manciare pronto. Intra ci stanu picca e perciò chi mpacciu putiti fare? U problema nun è chistu è ca… Nzumma Aurora, tu sai ca si na bella ragazza.

Aurora

(sorridendo) Chi ci puozzu fare? Nun è curpa mia.

Don Nanè

No, miegghiu accussì! Però…Aurora intendiamoci, i mo niputi sunu ru bravi picciuotti: u ranni, Manuele è ciù strafuttenti, ciù mulacciuni. U nicu, Paolo, è ciù pusatu, ciù sensibile, però…ecco, tu si na tentazione e idi sunu giovani e ri palato fine. Ti stapissinu sempre mpiccicati ncuodu – ranniti macari fastidio – e chistu a ma evitare.

Aurora

Se, però oltre a iramminni nun viru iautri soluzioni.

Don Nanè

Ti pari a tia! Tu nun canusci don Nanè Casciano. Niautri a ma fare in modo ca nun ta na taliare.

Aurora

I vole bendare?

Don Nanè

Chi c’entra!? A tia nun cià na pinzare, non li devi interessare. Ancora nun capisci? Sienti cà: una brutta po fare chidu ca vole ma beda nun ci diventa mai; una beda, se vole, po fare in modo r’addivintare laita. Nzumma Aurora, ta blindare pi l’attacchi esterni e cririmi: nun c’è miegghiu difesa ca essire brutta.

Aurora

E c’avissi a fare?

Don Nanè

Ta cumminare in modo ca pinzera nta testa e mo niputi nun ci ni vienunu. E’ macari po to bene, accussì ti lassunu mpace. Ti virissunu accussì invece!

Aurora

Ma ci pare facile fare ncambiamento ri chistu?

Don Nanè

E chi ci vole? Iu ghià iaiu a scena ravanti l’uocci. Quantu mi piaciunu sti cose!…Aurora vieni cà. Da rintra, nta l’armadio, ci sunu ancora robbi ra ma figghia; sunu anticulidi ma pi l’occasione su buoni. Viri ri mittiriti quarchi vistinazza lonca, attunnietti i scianchi. Ci sunu macari na puocu ri scarpe viecci. Nzumma viri chi puoi fare, viautri fimmini ri abbigliamento ni capiti.

Aurora

Signor Casciano in pratica a divintare na befana?

Don Nanè

Peggio figghiula! Peggio! Fallu ca n’addivirtiemu, sarà il nostro segreto. I iurna ni passunu senza addunaranninni. Cià fare nu scriezzu e mo niputi e all’amici!

Aurora

Nun sacciu se sugnu all’altezza.

Don Nanè

Certo ca ci si: sarai na racchiuna ri prima qualità. Viautri fimmini ni sapiti tante e puoi se nasci quarchi difficoltà ci sugnu iu ca t’aiutu.

Aurora

Però nun mi pare na cosa ghiusta.

Don Nanè

E’ giustissima: po to bene a ma tennire i muscuna luntani ro meli. Curagghiu Aurora, vai…Ah aspetta. (rovista in un cassetto) Mettiti sti occhiali; erinu ra buonarmuzza i ma muggheri. Nun sunu all’ultima moda ma pi chidu ca ma fare niautri su precisi…Ahhh!!! E ora il colpo di grazia! (esce)

Aurora

Nta chi mpruogghiu mi staiu mittiennu! O sa comu finisci! (torna don Nanè con una parrucca in mano)

Don Nanè

Chista ci vole comu o pane. Meno male ca nun a ittai.

Aurora

Chi ci serve na parrucca a lei?

Don Nanè

Ma misi pi Carnevale, quannu o circulu ficimu a recita… Arrirri??!! Ti pare stranu?

Aurora

Chi parte recitau cu sta parrucca?

Don Nanè

Ficimu a favola npoco riveduta ri Cenerentola. Iu facìa a matrigna: un successone!! Fici na matrigna accussì fitusuna ca i soci ro circolo nun mi salutarru pi na sumana. I mpressionai!...Avanti Aurora, nun pirdiemu tiempu, al lavoro! (la spinge verso la stanza di Aurora)

Aurora

E’ sicuru ca moralmente ni stamu comportannu buoni?

Don Nanè

Benissimo! (Aurora esce) Aurora sbrighiti, picchì puonu rientrare i mo niputi. (passeggia soddisfatto) Ah, ghià m’ammagino a scena! Manuele e Paolo na lezione sa meritano, specialmente Manuele ca cerca na fimmina comu e modelle ra televisione. Invece s’assuppa chista! Puoi intra fanu picca e nenti, fanu fare tuttu a mia…Se, na lezione ci vole. Quanto meno sa brava picciotta nun è costretta a parare l’assalti ri rui assatanati. O sà comu si ci mpiccicassinu ncuodu! Nun a lassassunu npace, picchì a picciotta merita. Eh si! Si fa taliare…Mi vuogghiu fare quattru risate e spadi i tutti: sarà c’arristai npicciridu, sarà ca staiu scimuniennu, ma sti cose mi piaciunu… Spero ca sta sceneggiata appassiona pure Aurora, accussì stapi cà senza pinzare ri irasinni. Mi piace l’idea ca s’arresta. Sula, cu na piccirida, unni caspita a ghiri? E puoi stare in compagnia è bello…A fare in modo ri falli arristare…Pericolo nun ci n’è, nun è una ca iavi mali intenzioni, si viri subito ca è na picciotta educata e onesta: è sulu sfortunata. Na passatu assieme a sa figghiula e ora si meritano npoco ri tranquillità…Cu sapi se chista è a casa ghiusta?...Certo, se n’arrinesci stu mpruogghiu, siemu ru artisti. (entra Aurora e don Nanè girandosi si spaventa) Aiuto! Cu è!? (si rifugia dietro una poltrona. E’ costernato.) Aurora…chi si tu?

Aurora

Cu avissi a siri? Ci siemu sulu niautri.

Don Nanè

Porca miseria!! Nterremoto fa ciù picca dannu!

Aurora

Signor Casciano, chi ci ni pare?

Don Nanè

(felice) Complimenti Aurora!  Fai veramente  schifo!!!

Aurora

Grazie. Spero ca nun è n’offesa ma ncomplimento.

Don Nanè

Un cambiamento perfetto. Brava Aurora, u sapìa c’avissitu fattu ncapolavoro.

Aurora

Sugnu irriconoscibile, vero?

Don Nanè

Chi si parra! Mi facisti pigghiare nu scantu!

Aurora

Accussì sugnu o sicuru? Fastidio nun mi ni rununu?

Don Nanè

Ni puoi stare certa, ci vulissi ncuragghiu!

Aurora

(ridendo) Speranza nun mi ni runa?

Don Nanè

Mancu na parrare! U to fascino po colpire sulu cu razia i Diu nun a vistu mai. Ma comu facisti?

Aurora

Pi parri ciù tunna m’anfilai tri magghiuna, ne scianchi m’antucciniai na puocu i pezzi…Certo l’occhiali e a parrucca fanu u so dannu.

Don Nanè

Puh!! Na catastrofe! Figghia mia, nun ti si po taliare!...  Aurora, a vuliemu completare l’opera?

Aurora

Ci na ma mettire ancora?

Don Nanè

Na cusuzza legghia legghia…Riciemu ntic…chi sacciu …muovi i spadi o a testa ri scatto…ecco…accussì…

Aurora

Signor Casciano e so niputi a tennire luntanu o cià fare vennire l’incubi?

Don Nanè

A mpressionare Aurora! A mpressionare! Quannu ti talienu cià quagghiare u sancu. Se, ntic leggero ci stapi.

Aurora

Se u rici lei!...Fazzu accussì…(muove la testa di scatto diverse volte) Va bene?

Don Nanè

Perfetto. Misimu a ciliegina nta torta. Figghiula, puoi fare a pubblicità ra disgrazia!

Aurora

Spero ca nun mi scappa a risu.

Don Nanè

Nsia mai Signuri! No, no, te la caverai benissimo. (guarda fuori dalla finestra) Ca sunu, si stanu arricugghiennu. (trafelato) Vattinni nta ta stanza ca iu priparu u tirrinu. Tu ratti l’ultima sistemata.

Aurora

Speriamo ri nun fare dannu. U Signuri na mannare bona! (esce)

Don Nanè

Sempre sia lodato! Forse nun si rispunni accussì…boh!! Picciuotti, ora vi fazzu virri cu è u vuostru nannu. (Si siede con un giornale in mano. Batte i piedi contento) Mi vuogghiu addivertire! Mi vuogghiu addivertire! (Entrano Emanuele e Paolo)

Paolo

L’acqua re cannalate finìu tutta nte mo pieri. Ciao nonno.   

Don Nanè

Buongiorno niputiedi miei. Se vi vagnastru canciativi, ma sa no vi cunsumati.

Paolo

Sulu i pieri, a ma caminatu sutta e barcuna.

Emanuele

Nonno chi c’è? Iai na facci!!

Don Nanè

Ri settantacinc’anni avutu sempre chista e nudu sa lamintatu. Ora tu  truvasti chi dire.

Paolo

No è ca…chi sacciu!? Iai n’espressione strana.

Emanuele

U nonno stapi assai intra e sempre sulu. Si pigghiau ri malinconia.

Don Nanè

Intanto intra ci staiu ciù picca ri viautri. Secunnu: se staiu intra raramente sugnu sulu. O veni u mo amicu Tano o l’avvocato Marangio. Terzo: certi vote intra si fanu conoscenze ca chidi ca su fora se puonu sunnari.

Emanuele

See!! Stapiennu intra si fanu certe conoscenze!

Don Nanè

Si fanu! Si fanu! (Si sente rumore dall’altra stanza)

Emanuele

Chi è stu scrusciu da rintra? U sintistru?

Don Nanè

U scrusciu re conoscenze ca si fanu. Ti pare ca parru a vanvera? Levatillu ra testa, nun sugnu ribbambito.

Paolo

Nonno, cu c’è da rintra?

Don Nanè

Na pirsuna. Anzi rui. Nun faciti si facci, ora in due parole vi spiego tutto. Da rintra c’è na picciotta ca sa piccirida e sarà nostra ospite pi ncertu tiempu. Mi pare ca nun c’è nenti ri male: largu n’aviemu e u puostu c’è. Sta picciotta, pi curpa ri pirsune indegne, ora si ritrova sula, cu na piccirida ri campare e senza npuostu unni stare.

Paolo

Na ragazza madre mi pare ri capire.

Don Nanè

Esatto. Stamatina i vitti sutta o barcuni nfacci, ciuvìa forte e i fici trasire. Siccome è na picciotta per bene, ci offrì ospitalità e ida accittau.

Emanuele

Ma famigghia nun avi?

Don Nanè

L’avi. Ma u so patrignu a fici tantu risfizziare ca preferiu pigghiare a piccirida, irasinni unni capita prima e nun si fare virri ciù.

Paolo

Se tu rici ca è na brava picciotta e nun avi cattive intenzioni, è ghiustu ospitalla.

Don Nanè

Garantisco io…Picciuotti ora però va raccumannari na cosa: comportatevi cu educazione e rispetto. Picchì è fimmina nun circati ri approfittare ra situazione e nun vi pigghiati certe libertà; è na picciotta onesta e seria e nun vuogghiu c’a stuzziniati, invece collaborati cu ida e mittitila a suo agio.

Emanuele

Nonno tu u sai ca nun siemu malarucati…Però macari ca …vah…ci faciemu qualche complimento, ci riciemu qualche frase galante, chi c’è ri male?

Don Nanè

Sempre intra certi limiti. Quannu viriti c’a cosa nun ci piace, lassati perdire. (Entra Aurora)

Aurora

Buongiorno.

Don Nanè

Ah ecco Aurora. Trasisti o momento ghiustu. (I due ragazzi sono sbigottiti. Mentre Aurora si avvicina, loro indietreggiano timorosi) Aurora ti presento i mo niputi Paolo e Manuele. Picciuotti chista è Aurora, la nostra cara ospite. Visto c’aviti più o meno a stessa età, rativi ro tu accussì evitamu tante formalità.

Aurora

Vuostru nonno è gentile a offririmi ospitalità; spero ca pure viautri siti d’accordo e nun mi truvati ri mpacciu.

Paolo

No, ci mancassi. Nessun fastidio.

Aurora

Spero c’approfondiemu a conoscenza e diventamu amici. (Aurora ha continuato ad avanzare e i ragazzi ad indietreggiare, ora Aurora si è portata a ridosso di loro e muove la testa di scatto. I ragazzi, spaventati, restano inchiodati con le spalle al muro ed Emanuele si nasconde dietro a Paolo) Signor Casciano, se lei permette iu vulìssi priparare u pranzo.

Don Nanè

Ancora mancu a ruvatu e ghià ti metti a travagghiare?

Aurora

Pi ncuminciari a familiarizzare cu l’ambiente. Se in cucina mi fa virri unni su sistemate i cose, nun pierdu tiempu a rapire e ciurri sportelli.

Don Nanè

Visto ca iai tutta sta volontà vieni cu mia. (Esce seguito da Aurora. I ragazzi si guardano attoniti)

Emanuele

Porca miseria!! Paolo a viristi?

Paolo

Certo… nun è una re finaliste ri miss Italia.

Emanuele

A viristi comu s’avvicinava? Tu rici ca muzzica?

Paolo

Dai Manuele, nun fare u scimunitu.

Emanuele

I disgrazie se cugghìu tutti, nun ni lassau mancu una. E comu fa ca testa! Pi picca nun ci scoppiava a rirrire nta facci.

Paolo

Veramente pi picca nun ta facieutu ncuodu. O sa picchì t’ammucciasti rarrieri i mia. Comunque mpoco ri mpressione a fici puri a mia…Manuele però lassamila npace, ricordati chi rissi u nonno.

Emanuele

Certo ca lassu npace: ru vote nun si po taliare. U nonno ni raccumannau ri nun a stuzzianiari. Stuzzinialla!! Avissi a siri risfizziatu ra vita!

Paolo

Nun a sfuttiemu…almeno senza esagerare, ma sa no ci resta male. Acciù è cà e a ma suppurtare.

Emanuele

U nonno arricugghiu na falasima e ora siemu queti. E iavi pure na piccirida! Chissu appi aviri ncuragghiu! Ci criru ca puoi nun ni vosi sapire e scumpariu. (Bussano alla porta)

Paolo

Ora stai esagerannu. Quantu rapu vah! (Va ad aprire)

Emanuele

Tu invece si friscu! (Entra  l’avvocato Marangio)

Avvocato

Ciao Manuele.

Emanuele

Buongiorno avvocato. Come va?

Avvocato

Nun mi puozzu lamintare all’incirca. Niscì ro tribunale ora ora e decidì ri fare na visita al caro don Nanè.

Paolo

Lei è sempre u benvenuto. U nonno è impegnato da rintra. (Entra Aurora)

Aurora

Ragazzi scusate, chi vi piace…(vede l’avvocato) Ah! Buongiorno.

Paolo

Aurora ti presento l’avvocato Marangio, avvocato questa è Aurora, nostra ospite. (l’avvocato è interdetto)

Aurora

Piacere…Scusate se vi ho interrotto, vulìa sapire sulu se vi piace u risotto con funghi e prosciutto.

Emanuele

Certo!! Nta quale ristorante u fanu?

Aurora

Veramente iaiu intenzione ri priparallu iu.

Paolo

Buonissimo!! Aurora si brava in cucina?

Aurora

Abbastanza.

Paolo

Avvocato, allura pure lei a assaggiare u risotto ri Aurora. Sa firmare a manciare cà.

Avvocato

No picciuotti, nun è u caso ri disturbare….

Emanuele

Quali disturbo!? Se nun accetta u nonno ci resta male.

Aurora

Allura avvocato, a manzuonnu mancia cu niautri? (assenso dell’avvocato) A posto.

Avvocato

Mi scusi signora, lei nun è ri cà vero?

Aurora

No. U mo paisi è Vizzini, alle pendici ri monte Lauro.

Avvocato

Su puostu u canusciu buonu, da giovane ci abbitai all’incirca pi cinc’anni. M’arristarru ricordi bellissimi. Iavi assai ca è nta nostra città?

Aurora

Sugnu cà ri ieri; vinni co treno…Scusate, va lassare picchì iaiu chi fare. Avvocato ancora molto lieta e, se pi lei è u stesso, mi ciamassi Aurora e mi rassi ro tu. (esce)

Avvocato

Certo, come vuoi tu…Aurora (trasecolato) Spavientu ri lu munnu! Ma unni a statu misa?

Emanuele

A vitti avvocato? A vitti? E Paolo penza ca esagero.

Avvocato

Nessuna esagerazione! Iu ancora ma ripigghiare; quannu a vitti apprisintare mi vinni l’istinto ri scappare…Vinni co treno!! Ri com’è riddutta, invece ri pigghiallu u treno s’ommattìu. (imita il tic di Aurora) Infatti ca testa ancora…Ma come si ritrova a vostra casa? (bussano)

Paolo

O rapi tu sta vota, a mia mi siddìa.

Emanuele

Quannu tuornu ci cuntu u riestu. (esce)

Paolo

Avvocato, pure lei s’addiverti cu da povira disgraziata? Ghià n’avi tanti re suoi.

Avvocato

All’incirca na babbiata ogni tanto ci vole. (entrano Gaspare e Caterina)

Gaspare

Buongiorno avvocato. Ciao Paolo.

Caterina

Buongiorno.

Avvocato

Buongiorno picciuotti. Puoi ni spiamu ra salute, prima faciemu cuntare nfattu a Manuele ma sa no perde u filu. Picciuotti, sintiti pure viautri: scene di panico e di terrore! Cunta! Cunta Manuele.

Emanuele

Avvocato, pure iu ni sacciu picca…In pratica stamatina u mo nonno vitti na picciotta e a sa piccirida sutta o barcuni e pi nun i fare vagnare i fici trasire intra. Sta picciotta è na ragazza madre, picchì arristau incinta e u zitu a lassau…

Avvocato

Quannu a viriti capiti picchì.

Emanuele

Ieri ca piccirida abbannunau a sa casa e a famigghia, pigghiau u treno…

Avvocato

Precisu a centro: scontro frontale!

Emanuele

…arrivau nto nuostru paisi e u mo nonno ci sta dannu ospitalità pi na puocu ri iorna.

Caterina

E allura? Nta tuttu chistu nun ci viru nenti ri strano.

Avvocato

Stranu è u personaggio. Picciuotti, mittitivi l’occhiali da sole, picchì all’incirca quannu a viriti c’è u rischio di rimanere abbagliati dalla sua sfolgorante bellezza.

Gaspare

E ora unn’è?

Paolo

In cucina. Co nonno sta priparannu u risotto che funci e prosciutto.

Caterina

Uhmm!! Se è saputu fare è gustosissimo.

Paolo

A ma caputu, macari viautri manciati cà. Quantu ciò ricu da rintra, accussì priparunu pi n’autri rui. (esce)

Gaspare

Avvocato, allura com’è sta picciotta?

Avvocato

Chi ta dire? All’incirca riciemu ca se avissi addifennire i sa biddizzi in tribunale, fussi na causa persa in partenza e iu, modestamente, come avvocato ci sacciu fare. Ma i miracoli però…Ah eccola! (entrano don Nanè e Aurora.)

Aurora

(a don Nanè) U condimento abbasta…Ah, idi su i nuovi invitati?

Don Nanè

Buongiorno avvocato. Ciao Gaspare. Caterina beda!

Avvocato

Don Nanè, speriamo ri nun arrecare disturbo.

Don Nanè

Quale disturbo! Anzi faciemu na bella tavolata…A proposito: lei avvocato ghià a canusci. Gaspare…  Caterina vi presento Aurora, che ci onorerà della sua presenza nti sta casa. (si effettuano le presentazioni)

Aurora

Scusate, iu vaiu nminutu da rientra, quantu viru a piccirida. Sicuramente rorme ancora. (esce)

Avvocato

Don Nanè, ri quale necropoli a sburricastru? E’ reato appropriarisi ri reperti archeologici.

Don Nanè

Avvocato a sa età ancora ci spercia ri babbiari.

Emanuele

L’avvocato iavi ragghiuni, idu a ligghi a canusci. Nonno, avissitu a finire ncalera!

Don Nanè

Zittiti imbecille.

Gaspare

E come mazzìa a testa!! Don Nanè, a ma dire i cose comu stanu: tanticcia ri mpressione a fa.

Don Nanè

(contento) A fa vero?! Iu u sapìa…(si riprende) Ehm… Gaspare nun capisciu, iu a truovu na pirsuna comu tanti iautri. Caterina, tu si fimmina e puoi rare nu giudizio ciù preciso: nti Aurora ci truovi quarcosa ri strano?...Nun rispunnire, ghià ra facci u capì. Va bene, ammetto ca nun è na bellezza, però…vah…in giro c’è ri peggio.

Avvocato

Impossibile!

Emanuele

Ma quannu mai! (rientra Aurora)

Aurora

Cristina rormi ancora. A figghia era stanca.

Don Nanè

Aurora, i qui presenti apprezzarru a to originalità.

Aurora

Vi ringrazio. I vuostri complimenti mi lusingano.

Gaspare

(all’avvocato) Ri quali complimenti sta parrannu?

Aurora

Nta l’ultimi tiempi a circatu ri migliorare l’aspetto.

Avvocato

Aurora, pienzi ca ci riniscisti?

Aurora

Certo!! Lei m’avìa virri prima: nun era granchè.

Gaspare

Ora invece!!...Ma com’era cumminata prima!?

Avvocato

E’ puri cuntenta!

Don Nanè

Picciuotti! Picciuotti! Ascidu…

Aurora

Purtroppo i scianchi m’arristarru tunnulidi. Avissi a fare npoco ri dieta e facirimi seguire ri nu specialista.

Avvocato

Puoi iri nta fabbrica fora o paisi, vicino a muntagneda.

Aurora

C’è ncentro estetico?

Avvocato

No, ianu a pressa. (si ride)

Don Nanè

Aurora e picciuotti ci piace babbiare. U fanu cu tutti.

Aurora

U scriezzu ci vole ogni tanto. A mia mi piace scrizzare.

Avvocato

Pure a natura ci piace. Fa certi screzza!!

Caterina

Aurora che bella pettinatura! U to parrucchiere cu è?

Aurora

Veramente nta l’ultimi tiempi ma fattu iu. Ogghi mi vinninu ciu gonfi picchì c’è umidità. Che capidi gonfi paru miegghiu, vero?

Gaspare

Pure u vistitu nun è male: chi è ri Valentino?

Aurora

No, però stu modello mi slancia e i scarpe sunu intonate. Adoro l’abbigliamento giovanile e sbarazzino. (entra Paolo)

Paolo

Aurora ti rispiace vennire in cucina? I funci i fici comu ricisti tu e mi parunu buoni.

Aurora

Scusate va lassare. Piccatu!!! A riscussione mi piacìa ma il dovere è dovere. (esce insieme a Paolo)

Avvocato

Don Nanè, all’incirca nun è ca oltre a tutte i sfortune a picciotta è macari stubbitulida? Possibile ca nun capisce ca è ridicola? Nun si rende conto ca veni sfuttuta?

Don Nanè

No, nun è stubbita, è na ragazza semplice, senza malizia. (bussano. Emanuele va ad aprire) Paolo…Aurora… Munizzati ancora funci e prosciutto, mi sa c’a famigghia criscìu. (entrano don Tano e Lorena)

Don Tano

Buongiorno a tutti. Ciao Nanè.

Don Nanè

Sintistru u sciauru?

Lorena

Buongiorno. Quantu siemu! U sciauru ri chi, don Nanè?

Don Nanè

Nun ci pinzare, assittativi. E’ quasi ura ri manciare e viautri siti invitati assieme a sti cari amici qui presenti.

Don Tano

Grazie Nanè…Che profumino!!! Chi stai cucinannu?

Emanuele

Cose speciali!

Don Tano

Quannu mai a cucinato cosi buoni? Nanè, i porcherie ca manciatu nti sta casa mancu quannu erumu in guerra i tastai.

Don Nanè

Eh Tano, a m’avutu migliorie!

Caterina

Don Nanè iavi a cuoca personale.

Don Tano

Lorena amuninni, iu a lavanda gastrica a pruvatu e nun è na cosa piacevole. Tutta sta…nun mi piace.

Don Nanè

Ammoviti minciuni ca ti fazzu alliccare i ita.

Lorena

Don Nanè, unn’è Paolo?

Don Nanè

E’ ntrafichiatu nta cucina.

Lorena

Sta cucinannu idu? Allura ci fazzu  cumpagnia.

Emanuele

L’avi a compagnia e tu si spranzata picchì o cantu iavi…

Lorena

(allarmata) Picchì, cu c’è? Quantu viru. (va in cucina)

Gaspare

Forse Lorena è npoco interessata a Paolo.

Avvocato

Ssst, silenzio. Se sintiemu scrusciu è Lorena ca co scantu s’accupau e carìu nterra.

Don Tano

Chi sta succiriennu ancora nun a caputu.

Don Nanè

Nun ci pinzari, u sai ca su npugnu i muli fausi. (entra Paolo)

Paolo

Forza a tavola ca è pronto. Vinni nu risotto numero uno. (escono tutti. L’avvocato trattiene Emanuele)

Avvocato

(scherzoso) Manuele, all’incirca nun è ca Paolo da rintra cu Aurora, ci pruvau?

Emanuele

Mo frati nun è accussì bestia. Invece lei, ca iavi na certa età, picchì nun ci fa npensierino? Accussì…pi sbanire.

Avvocato

Caro Manuele, malgrado la non più giovane età, punti ni fazzu ancora e pi sbanire all’incirca nun aiu bisuognu ri arrivare nta si paraggi.

Emanuele

In mancanza ri iautru è ghiustu accuntintarisi.

Avvocato

Nun è u mo caso. Ri npoco i tiempu frequento na bella donna e ti confesso ca tra niautri c’è anche na certa intimità.

Emanuele

E…cu sa signura a avutu rapporti…vah, mi capiu?

Avvocato

All’incirca.

Emanuele

Comu all’incirca!??

Avvocato

Nto senso ca…ri ncuminciare ncuminciai…avìa partutu buonu, puoi strata faciennu mi persi.

Emanuele

Nzumma, fici cilecca?

Avvocato

Ecco, all’incirca si po dire accussì.

Emanuele

Va bene, o manciamini u risotto prima c’ arrufrida.

Avvocato

Però manciamu ca testa calata, picchì se taliamu Aurora n’arresta pi catapasima nta ucca i l’arma.

Emanuele

Se: ni fa nmatruni. (escono)

                                                                 

FINE  1° ATTO


2° ATTO

Stesso ambiente del 1° atto, però  abbellito e ingentilito con piante, fiori, suppellettili, ecc. In scena è presente don Nanè. Dopo un pò entra Aurora.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

Aurora

Cristina s’addummisciu. Ciancìa picchì avìa fame.

Don Nanè

E’ ntesoro sta piccirida. E quantu è sagghia!

Aurora

In effetti si senti picca: mancia, rorme e ogni tanto ci piace ca ni faciemu na iucateda.

Don Nanè

Acciù mi canusci e quannu mi viri si metti a rirrire. Ci piace quannu imito a papira…Sai Aurora, sugnu cuntenti ca tu e Cristina siti cà. Tanticcia ri vivacità ci vulìa e puoi tu si na picciotta speciale, supra ri tia nun sbagghiai, appena ti vitti mi piacisti subito. E quantu ta ratu da fare nta sti sumani! A casa a trasformasti: è ciù ordinata, ciù pulita e a ma manciatu comu mai. I nuostri amici cu na scusa e n’autra vienunu sempre cà e n’approfittano pi nu bellu pranzetto. A mia fa piaciri, picchì virri tanti pirsune mi mette allegria.

Aurora

Signor Casciano, grazie re complimenti. E’ u minimo ca puozzu fare e u fazzu volentieri.

Don Nanè

E tu comu ta truvatu?

Aurora

Nun putìa sperare na sistemazione migliore sia pi mia ca pi Cristina. L’affetto nun a mancatu.

Don Nanè

Beh veramente nun ta na fattu mancare mancu i battutazzi. A na fattu a gara a cu ni rici ciù sai.

Aurora

Ma iu ma difinnutu bona e puoi chistu m’ospittava. Quannu priparammu stu scriezzu sapìa c’avissi succirutu.

Don Nanè

Nun ta sintutu offesa? A voti a na statu pisantulidi.

Aurora

Beh, a na fimmina certi gesti o frasi nun ci piaciunu. Pi idi sugnu nu spassu, s’addiviertunu anche se ogni tanto esagerano.

Don Nanè

Mulacciuna! Npugnu ri mulacciuna! E l’avvocato si misi in testa. Idu accussì serio, specialmente quann’è o tribunale, avissitu a virri! Invece arriva cà e si scatina… N’autru ca nun capisciu è Paolo, è l’unico ca nun partecipa a tutta sta caciara.

Aurora

E’ vero, anzi ma statu vicino, forse p’addolcire i sarcasmi ri l’autri.

Don Nanè

Paolo è npicciuottu sensibile….Però stu travestimento ci vulìa: tra i noie c’avissitu avutu vista all’originale e i battutazzi re pudditruna ca ti virunu accussì, forse è miegghiu a secunna soluzione.

Aurora

Chistu è vero, anche se certi vote ma sfurzatu pi nun mi mettire a rirrire!

Don Nanè

Puri iu. Sapissitu!! Specialmente quannu ti veni u tic. Quannu sugnu sulu ci pienzu e m’ammazzu re risate.

Aurora

E iu allura? Ogni sira quannu pettino a parrucca e pulizzìu l’occhiali  arrirru che lacrime all’uocci.

Don Nanè

C’è sulu na differenza: idi t’arrirrinu nta facci pinzannu ca fanu spirtizzi, niautri ci arrirriemu i rarrieri viriennu quantu sunu cretini.

Aurora

U sapi ca mi piace a sta recita? Anzi signor Casciano, iu a vulissi movimentare ciù sai.

Don Nanè

Ciù sai!? Chi vuoi fare?

Aurora

Ci staiu sturiannu, a priparare miegghiu.

Don Nanè

Figghia mia, piano che sorprese! Nun mi pigghiare a sprovvista, ma sa no ni scoprunu.

Aurora

Invece sugnu sicura ca sa sapi sprugghiare, lei iavi na prontezza ri spirito eccezionale. (entra Paolo)

Paolo

Buongiorno. Aurora, nta buca truvai na littra pi tia. Tieni.

Aurora

Na littra pi mia? Cu mi scrivi se nun canusciu a nudu?

Paolo

Boh! Aurora cà ti ci ciami sulu tu. (porge la lettera) Nonno, iu sugnu nta ma stanza a sturiare.

Don Nanè

Iu invece a ccianare nta suffitta quantu mettu npoco ri ordine. Iavi c’a fare! Nun ti preoccupare, scrusciu nun ni fazzu. (escono Paolo e don Nanè)

Aurora

Chista è a calligrafia ro mo patrigno. Comu fici a truvarimi? (apre la busta. Leggendo la lettera, soffre e la butta sul tavolo. Bussano e va ad aprire. Entra l’avvocato) Si accomodi. Aspittassi ca ciamu o signor Casciano.

Avvocato

No, passai sulu pi lassarici stu uogghiu. All’incirca se ci piace ci ni puortu n’autri quattru buttigghi…Aurora, sempre più elegante! Iai nu guardaroba ri prima qualità.

Aurora

Grazie. Mi piace aviri picca cose ma buone.

Avvocato

Chi iai Aurora? Ogghi nun si serena comu o solito. Qualche problema?

Aurora

Nun è ghiurnata. Ricivì na littra ro mo patrigno ca mi rintracciau ma nu riniscì a ligghilla tutta picchì mi umiliau e offeso comu o solito.

Avvocato

Aurora, nun t’abbattere! Se nun truovi indiscreta a ma proposta, all’incirca ta liegghiu iu. Va bene?

Aurora

A legghissi pure, pi chidu ca m’interessa!

Avvocato

(prende la lettera) I fimmini siti tutti i stesse: quattro parole vi sconvolgono. Viriemu chi scrive stu bellimbusto …”Aurora e non certo cara figliastra” – buonu partìu! – “nonostante sei fuggita come una ladra, ti ho rintracciata. Per una fatale coincidenza, ho incontrato un amico che abita nella tua nuova città e parlando del più e del meno, mi ha raccontato che a casa di un suo vicino, un certo Emanuele Casciano, risiede una ragazza madre, chiamata Aurora, insieme alla sua figlioletta di pochi mesi. A questo punto non è stato difficile scoprire che eri tu e quindi  conoscere il tuo nuovo indirizzo. Grazie alla tua bellezza…(l’avvocato guarda Aurora perplesso) sarà stato facile trovare una buona sistemazione e qualche pollo che vi mantiene. Ti  scrivo per dirti – per l’ultima volta perché non voglio più aver da fare con voi – quello che penso di te. Come state tu e la tua degna figlia, anche lei frutto di immorali relazioni? Non ti è bastato l’esempio di tua madre? Spero che tu non debba essere mai orgogliosa di tua madre come un giorno tua figlia non lo sarà di te” – Puh!! Stu babbu a pigghiau male! – “Ho sposato tua madre per amore, ma non ho mai accettato che tu eri il frutto di un amore illecito e a Cristina non ho mai perdonato il non aver dimenticato questo suo amore…” – ta matri si ciamava Cristina?

Aurora

Se. Cristina Guarneri.

Avvocato

Come!? Cristina Guarneri!?...(è sconvolto e agitato) “Spesso rievocava il suo studentino e anche in punto di morte ha sussurrato il nome del suo “Peppuccio”, nome che mi ha ossessionato tutta la vita…(si accascia al suolo)

Aurora

(spaventata) Avvocato! Avvocato! (corre a rianimarlo) Meno male ca nun si fa impressionare re parole!… Avvocato!...Appi aviri n’abbassamento ri pressione… Avvocato, rapissi l’uocci…accussì…bravo! S’assittassi nta poltrona…Piano! Ora ci puortu nu bicchiere ri iacqua co zuccuru, puoi mettu ncazzaluoru e ci fazzu nu tè. Si mittissi comitu, nun si muvissi ca staiu turnannu. (esce)

Avvocato

Oh Signuri!...Cristina! Cristina!...Aurora è a ma figghia! All’incirca sti notizie puonu lassare sicchi. Ma tu viri: unu tantu quetu nesci ra casa cu na buttigghia ri uogghiu e all’unnici menu nquartu ri cuorpu si ritrova a essire patri e nonno…Cristina! Quantu ta pinzatu! Nun sapìa in che condizioni t’avìa lassatu. Ti circai e sappi ca erutu spusata e matri i na figghia. Mi rassegnai, ma u to ricordo nun a cancillatu mai. (entra Aurora)

Aurora

Avvocato, si vivissi stu bicchiere ri iacqua co zuccuru. Meno male, tanticcia ri culuri ci vinni.

Avvocato

Grazie Aurora, è un malessere passeggero.

Aurora

Troppo lavoro, avvocato. Ora ci fazzu na tazza ri tè…

Avvocato

No Aurora, nun è u caso. Anzi stuta u fornello, all’incirca mi sientu miegghiu.

Aurora

Mah! Come vole lei. (esce)

Avvocato

Brava picciotta, ma com’è ca vinni accussì? Sa matri era bellissima, iu modestamente nun sugnu ri ittare...Certo è trascurateda, però cu qualche ritocco…(deluso) A cà sa partire re fondamenta! A cosa ciù grave è sa mazziata ri testa…Nun m’interessa, all’incirca è a ma figghia e ri oggi in poi ci staiu o cantu e a ricompenso ri chidu ca nun a avutu…E puoi: mi puozzu scurdare a niputeda? Che beda! Se, Aurora è na picciotta in gamba, cunta sulu chissu. Però comu ciò ricu ca sugnu so patri? Nun è facile, a truvare i parole e l’occasione ghiusti ma sa no ntrauma ci veni, quarchi iautru tic ci spunta. No, pi fauri, abbasta chidu ca iavi. (rientra Aurora) Aurora iu vaiu a casa, tanticcia mi stiru nto liettu e all’incirca m’arripuosu.

Aurora

Vole ghiri a casa nta sti condizioni? E se ci veni quarchi cosa pi strata? No! Pi carità! Taliassi, se vole ripusare si sdraiassi nto liettu da rientra, c’è cuccata Cristina, però è ranni e u puostu c’è.

Avvocato

Vicino a Cristina!? Bello!!! Ah chi amore ri piccirida! Aurora, avisti na bella idea. Tranquilla, all’incirca nun a risvigghiu. (si avvia con Aurora a braccetto) Sarà bello ripusare cu Cristina o cantu!!

Aurora

Na scena romantica: a ta parri u nonno e a nipotina ca riposunu assieme. (all’avvocato mancano le gambe e Aurora lo regge forte) Avvocato! Chi attonna? Forza, l’ultimu sfuorzu e ghè nto liettu. (escono. Entra Paolo)

Paolo

Meno male ca scrusciu nun n’avìa fare! Nun potti sturiare e a sumana ca veni iaiu n’esame. (entra Aurora)

Aurora

U nonno nun ti fici sturiare, vero?

Paolo

Pi nenti. Chi iavi r’arruminare nta suffitta!?

Aurora

Comu a passare u tiempu? Stamatina fici a spisa, s’arricugghiu cu reci sacchetti e ora nun avi nenti i fare.

Paolo

Picchì tanta spisa?

Aurora

Invitau i nuostri amici a pranzo.

Paolo

Allura tu a siri cuntintuna!

Aurora

Se, mi piace cucinare.

Paolo

Nun parru i chistu. Ora ncuminciunu che battutazzi. Va bene ca tu ti sai difennire, però….

Aurora

Ti runa fastidio ca fanu accussì? Come mai?

Paolo

Nun to meriti. Si na brava picciotta, ti runi da fare, si generosa e vieni ripagata accussì. Nun è ghiustu.

Aurora

Pacienzia, falli addivertire. Però ti sono grata ca tu nun partecipi, tu m’accetti comu sugnu.

Paolo

Appi modo ri apprezzariti e capiri quanto vali…A proposito ri divertimento, tu n’avissitu diritto, stai sempre intra. Va bene ca Cristina t’impegna, però se na sira a lassi o nonno e na ghià manciamu na pizza, pienzi ca è na brutta idea?

Aurora

No anzi! Però picchì inviti a mia? Iu a notato ca Lorena ti vole bene. Nun è miegghiu ida pi na pizza?

Paolo

Chi c’entra Lorena? Mi piacissi manciarammilla cu tia.

Aurora

Paolo, nun ta sentire obbligato nei miei confronti. A ta sensibilità mi commuove e apprezzo il tuo gesto.

Paolo

Pienzi ca u fazzu pi na forma ri pietà?

Aurora

Beh, nun sugnu cieca. Iu vicina a Lorena sfiguro, ti pare ca nun o viru?

Paolo

Chista è a ta opinione. Lorena è na graziosa picciotta, però, guarda caso, ca tu mi piaci ciù sai.

Aurora

E’ difficile criririci…Paolo pensici buonu, nun creariti illusioni e nun ni creare a iautri: i sentimenti sunu na cosa seria. Iu na vota mi fidai e niscì scottata, nun vuogghiu ripetere a stessa esperienza.

Paolo

I pirsune nun sunu tutti i stessi. Aurora, iu nun ti vuogghiu forzare, ti staiu sulu prospettanno l’ipotesi ca oltre c’amici putiemu essere qualcosa ri…oltre. Pensaci. Ti prego ri fare chistu: pensaci. (entra don Nanè)

Don Nanè

Sugnu tuttu mpruvulazzatu. C’era nu sciunneriu!! Ogni tanto n’arrizzittata ci vole.

Paolo

Però co scrusciu ca facisti nun potti sturiare.

Don Nanè

Chi vuoi, co spostare i cose si fa scrusciu. Aurora, nun è ca risvigghiai Cristina?

Aurora

No, ma sa no l’avvocato Marangio m’avissi ciamatu.

Don Nanè

Chi pienzi ca u ciantu avissi sintutu ro tribunale?

Aurora

No, è da rintra sdraiato nto liettu. Vinni a purtarici na buttigghia ri uogghiu e mentre era cà iappi malessere.

Don Nanè

Sarà na cosa ri nenti, a fari cuntu ca s’arripigghia.

Aurora

U pienzu pure iu…Mah, vaiu in cucina a preparare con calma; i cose fatti cu prescia nun arriniesciunu buoni.

Don Nanè

Vai Aurora, organizzati comu ti pare…(Aurora esce) Ehm! Paolo ta parrare…Iu sugnu u to nonno, abbiti a ma casa e quindi mi sientu responsabile re mo niputi.

Paolo

Picchì nonno, ca fattu?

Don Nanè

Ecco Paolo: iu a notato ca si gentile, premuroso e macari riciemu…affettuoso cu Aurora. Intendiamoci, pi chistu ti ammiro. Pure ora vi vitti impegnati nti na riscussione seria. Paolo, iu vulissi sapire chi intenzioni iai cu Aurora. Sbagghiu o a stai corteggianno?

Paolo

Se. Chi c’è ri male?

Don Nanè

Nenti, anzi! Ma a cosa a stai pigghiannu seriamente?

Paolo

Picchì, c’a pigghiare pi scriezzu?

Don Nanè

Figghiu miu, si sicuru ca ti piace? In giro c’è ri miegghiu.

Paolo

Chi c’entra? L’aspetto esteriore è importante ma i qualità cuntunu macari: e come!!

Don Nanè

Certo ca cuntunu, ma a vistu bona? Iu capisciu ca ti fa compassione, però pienzu….

Paolo

Pure tu pienzi ca mi fa pena? Nun c’entra nenti, nonno.

Don Nanè

Cià pinzatu ca iavi na piccirida?

Paolo

Certo. Però se si trova nta sta condizione nun è curpa so e tanto meno ra piccirida. Iu Cristina a vuogghiu bene e, a suo tempo, se Aurora vole, Cristina avrà iautri fratellini; figghi miei sta vota.

Don Nanè

Ma nun fussi miegghiu Lorena? E’ na beda figghia, è pazza ri tia, è ri ottima famigghia, nzumma: chi ci manca?

Paolo

Nenti, però i sentimenti sunu inspiegabili. Lorena a vuogghiu bene, è na cara amica ma Aurora è n’autra cosa.

Don Nanè

U sai Paolo, si ciù spertu ri quanto a crirutu sempre. (entra l’avvocato)

Paolo

Stasira telefono o papà e ciù ricu, a casa è ghiustu ca u sanu.

Don Nanè

Avvocato, ghià si susìu? Si senti buonu ora?

Avvocato

Se, sulu npiccolo malore. Disturbai a vostra riscussione?

Don Nanè

No, si parrava ri problemi sentimentali. Avvocato, ci po parri strano, ma Paolo è innamorato ri Aurora.

Paolo

Avvocato forza, ncuminciassi a rirrire.

Avvocato

Picchì? Nsia mai na cosa i chista! Paolo fai bene, all’incirca è un sentimento che ti fa onore. Chi si ci po dire a picciotta? E’ magnifica!!

Paolo

Avvocato, è sicuru ca si senti buonu? Vicina c’è a guardia medica, se vole…

Avvocato

Mi sento benissimo e ti ricu ca pruovu na grande gioia.

Don Nanè

Ma proprio lei ad Aurora ci na dittu ciù sai ri tutti.

Avvocato

Cose passate. All’incirca, dopo una lunga e profonda meditazione, sono arrivato alla conclusione che il mio comportamento nei riguardi di Aurora era disdicevole e macchiava la mia onorabilità di galantuomo. In virtù di queste considerazioni prometto so-len-ne-men-te che da oggi il mio atteggiamento nei suoi confronti sarà appropriato alle circostanze che lo richiedono e il mio linguaggio non sarà diverso da quello che deve avere un gentiluomo davanti a una dolce ragazza, madre di una adorabile bambina. (bussano, Paolo va ad aprire)

Don Nanè

Avvocato, bastava ca ricìa: “Fici na minciata” e nun facìa tuttu stu giro…Ah, ghià cà siti? (entrano don Tano, Emanuele, Caterina, Lorena e Gaspare. Saluti)

Don Tano

Forse vinnumu prestu, ma ancuntrammu Manuele e insistiu p’accianare.

Don Nanè

Fici buonu, accussì stamu ncumpagnia.

Lorena

Paolo, ta fattu virri picca. Chi a sturiatu?

Don Nanè

Oltre a chissu a statu pigghiatu ri storie sentimentali.

Lorena

Come po essire se a statu sempre intra? (entra Aurora. Saluti e, al solito, espressioni eloquenti)

Caterina

Aurora, sbagghiu o si ciù magrolina?

Aurora

No, cià misu setti chila. Ma fattu certi manciate!… Quantu viru Cristina e puoi niesciu pi cumprari i condimenti ca mi siervunu. (esce)

Gaspare

Don Nane, ricissi a verità: Manuele e Paolo sutta sutta cu Aurora…ah!!...cià na pruvatu.

Emanuele

Chi vuoi? U richiamo ra carne è forte. Cu na fimmina intra è difficile resistere e tentazioni.

Gaspare

U sacciu! U sacciu! Don Nanè, a controllare ciù sai e so niputi. Sporcaccioni ca siti! Ghià m’ommagginu: o scuru piano piano s’avvicina Paolo…se, se, tu Paolo, ca pari chidu ca nun ci curpi. Piezzu ri libidinoso!!...(Gaspare si curva e simula la scena) Metti l’uocciu nto pirtusu ra serratura e…che spettacolo!…Ahh chi viru! Si sta livannu a camicetta…(fischia). Che linea!!...Ora a gonna…(i presenti assumono varie espressioni) A temperatura acciana. (mentre Gaspare è curvato, l’avvocato di slancio gli affibbia un calcione nel sedere. Gaspare ruzzola a terra, gli altri sono sorpresi) Avvocato, chi ci pigghiau?

Don Tano

Vulìa taliare idu ra serratura.

Avvocato

Ora basta picciuotti. Non tollero più sti atteggiamenti verso na povira picciotta indifesa. Cà si sta esagerannu. Aurora nun merita ri essiri trattata accussì.

Don Nanè

Esatto. Ca picciutteda a ta statu disumani.

Avvocato

Ri stu momento in poi all’incirca non è ammissibile un comportamento del genere; ni fazzu na questione d’onore e pretendo pi Aurora il massimo rispetto.

Emanuele

Avvocato, nun è ca pi caso!?...Se, accussì è!... Ora capì!

Don Tano

Manuele, chi capisti?

Emanuele

Ma viri u destino! L’avvocato pigghiau na cotta pi Aurora.

Lorena

Cu avìa dire? L’amore non ha confini.

Avvocato

Chi stai riciennu? Nun ancuminciare a nescire storie ca…

Don Tano

Avvocato, no putia riri? Picchi a tinutu ammucciatu?

Avvocato

All’incirca siti fora strata.

Gaspare

Se u sapìa nun m’avissi permesso. Ci pare bruttu pi l’età? Ma lei è nel pieno ra virilità e a roba tennira ancora….

Emanuele

Avvocato, l’addio al celibato a festeggiare. Ci tiniemu.

Avvocato

Ohu!! Chi vi passa na testa? Comu putiti pinzare ca sugnu innamorato ri Aurora? Iu ca putissi essire!...putissi essire! ...putissi essire!...

Don Tano

So patri.

Avvocato

Esatto: so patri!! All’incirca aviti qualcosa in contrario? Se fussi so patri, c’avissivu i riri?

Emanuele

C’a putìa fare ciù bidduzza. (bussano. Paolo va ad aprire)

Don Nanè

Basta, prima ca finisce a sciarra. Vuliti rovinare u pranzo? (entra la “vera”Aurora.)

Aurora

Buongiorno. Scusate il disturbo. Spero ca nun sbagghiai casa: abita cà u signor Casciano?

Don Nanè

Sugnu iu signorina. (piano) Nte mpruogghi ni misimu!

Aurora

Allura cà ci avissi abitare Aurora. Iu mi ciamu Luigina e sugnu sa suoru…Sorellastra per l’esattezza. (stupore di tutti)

Emanuele

Tu si a suoru ri Aurora?!! (dopo le presentazioni, Gaspare ed Emanuele mostrano molto interesse per Luigina)

Avvocato

(piano) Ma com’è ca una è accussì beda e l’autra… All’incirca su figghi ra stessa matri. Ad Aurora tutti i difetta ci resi iu?

Luigina

Vinni senza preavviso e forse nun fu educata, ma vulìa virri Aurora e a ma nipotina e appena sappi l’indirizzo nun resistì e vinni.

Emanuele

Nun putieutu aviri idea ciù felice. Tiempu cià piersu!

Luigina

A casa nei riguardi ri Aurora ni comportammo male, però iu capì quantu sbagghiai e vuogghiu rimediare. Aurora mi manca e vinni pi chiedirici scusa e facirimi perdonare.

Don Nanè

Effettivamente cu Aurora fustru tinti, ma visto ca si pintuta e vinisti apposta pi ida, sei la benvenuta e sugnu sicuru c’Aurora sarà felice r’abbrazzariti.

Gaspare

Luigina complimenti, si diversa ri Aurora. Si na bella e avvenente picciotta.

Luigina

Grazie, sei molto galante.

Caterina

(a Gaspare) Nun fare u scipitu; ancora mancu a canusci e ghià ti ci abbiasti ncuodu.

Luigina

Signor Casciano, unn’è Aurora?

Don Nanè

Sciu pi fare a spisa e nun sacciu chi tiempu perde.

Luigina

Oh chi sfortuna! E a ma nipotina Cristina è cu ida?

Emanuele

No, sta rurmiennu nta l’autra stanza.

Luigina

Quantu mi piacissi virilla! Chi puozzu?

Don Nanè

Certo Luigina, vieni ca ta fazzu virri. Faciemu piano, ma sa no s’arrusbigghia. (esce con Aurora)

Gaspare

Ohu, chista si ca è na fimmina!

Caterina

Gaspare vuoi na tumpulata?

Emanuele

Avvocato, ci n’è differenza tra i ru suoru.

Avvocato

In effetti quarchi cosa ri diverso c’è. Nun è tanto però.

Don Tano

Come nun è tanto!? Su a notte co iuornu.

Avvocato

All’incirca sa na virri i cose ri tutte l’angolazioni.

Emanuele

A mia m’abbasta l’angolazione ri unni a vitti iu.

Gaspare

Pure ro mo angolo nun era male.

Caterina

Gaspare ora cià finire, capisti? Se vuoi fare u latin lover cu sa Luigina rimmillu e iu nun mi fazzu virri ciù.

Avvocato

All’incirca Caterina iavi ragghiuni, ti stai comportannu comu nfarfalluni. (rientrano don Nanè e Luigina)

Luigina

Che beda! Rormi come n’angioletto.

Don Tano

Luigina, ancora mancu a ruvatu e ghià tra Gaspare e Manuele si scatinau a guerra…malgrado Caterina.

Caterina

Pi mia po fare chidu ca vole: u finì ri canuscire.

Luigina

Nun capisciu, ri quale guerra sta parrannu?

Avvocato

Manuele e Gaspare arristarru attratti dalle tue grazie e, da giovani focosi, si stanu rannu da fare.

Don Tano

Mi stupisciu ca Paolo nun a trasutu in competizione.

Paolo

Miegghiu evitare, ma sa no faciemu confusione. Ghià ru iadi nta mpollaio su assai, pinzati tri.

Lorena

Paolo penza a quarcun’autra…(civettuola) Vero Paolo? Nto mo pollaio iadi ancora nun ci n’è. Se ti fa comodo!...

Don Tano

Lorena, tanticcia ri dignità! Pi fauri!

Luigina

Aurora nun s’arricugghiutu e purtroppo iu mi na ghiri; a casa nun sanu ca sugnu cà perciò a turnare prima ca si n’addununu.

Emanuele

Ti ni vai accussì presto?

Luigina

Vi prometto ca tuornu. Pi Aurora chissu e iautru.

Gaspare

Piccatu! Putieutu manciare cu niautri a manzuonnu.

Don Nanè

Tu i pirsune a invitare a ta casa, no a casa i l’autri… Luigina se a partire è miegghiu ca ti ni vai. Ogghi nun fu destino ncuntrari Aurora.

Luigina

A prossima vota mi fiermu ciù sai. Salutatimi Aurora e grazie per l’accoglienza. (esce salutata da tutti e in particolare da Emanuele e Gaspare)

Gaspare

U Signuri fu sfrazzusu cu Luigina, resi tutti cose a ida e a sa suoru nenti. Caterina, nun mi taliare accussì, chi nun è vero?

Caterina

Nun mi riguarda, iu cu tia ciurì. Mi hai deluso.

Lorena

L’uommini siti volubili.

Don Nanè

Picciuotti calma. Invece iu nun mi stupissi se macari Aurora facissi strage ri uommini.

Avvocato

Iu nun mi stupissi pi nenti. Vo rissi: Aurora è tutta da scoprire. E’ na picciotta perbene e na brava fimmina ri casa; all’incirca iavi modi garbati e gentili e vi dirò, senza paura di essere smentito e contraddetto, c’Aurora farà a felicità ri du picciuottu c’avrà, a fortuna, u piaciri, a soddisfazione e l’onore ri purtalla all’altare. Na ma vergognare ri comu a ma trattato (a Emanuele e Gaspare) e viautri vergognativi po comportamento ri ora. All’incirca abbastau u sorriso ri na smurfiusa, ca nun è puoi granchè, e vi ci abbiastru e pieri e tu, Gaspare, ca ta zita presente. Alla fine chi avi sta Luigina ri supierciu? Mittiennu o cantu Aurora e Luigina, iu tutta sta differenza nun a viru.

Don Nanè

Nzumma avvocato, scinniennu nte particolari quarchi differenza si nota; però è vero, (a Emanuele e Gaspare con tono arrabbiato) vi comportastru veramente male. Chi modi su chisti? Ora niautri amuninni a spizziliare quarchi uliveda in cucina e viautri rui arristati cà. Saziativi che biddizzi i Luigina! Amuninni da rintra. (escono tutti tranne Emanuele e Gaspare)

Emanuele

U viri pi curpa to chi succiriu?

Gaspare

Pi curpa mia!? U primu ca s’abbiau ncuodu a Luigina fusti tu.

Emanuele

Iu n’aiu u diritto. U puozzu fare picchì nun aiu impegni sentimentali, tu si. Nminimo ri correttezza ci vole, Caterina nun so merita e puoi a essere cavaliere. Ti ricuordi quannu canusciemmu Caterina? A mia mi piacìa, e come! Però tu smaniautu pi ida e ri amico ti lassai campo libero anche se a malincuore. Ora tu a fare altrettanto pi mia.

Gaspare

Scordatillu. Appena vitti Luigina persi a testa.

Emanuele

Sienti Gaspare, lassa perdire Luigina ma sa no finisci male. (entra don Nanè)

Don Nanè

Ancora va ragghiunati? Gaspare vattinni in cucina accussì cià finiti.

Gaspare

Forse è miegghiu, prima ca finisci a cuorpi. (esce)

Don Nanè

A cosa a pigghistru seria, pariti ru iadduzzi.

Emanuele

Nonno, Luigina mi fici sbandare. Sta picciotta nun ma fazzu scappare.

Don Nanè

Esagerato! Va bene, è na beda figghia ma nun a canusci. Invece c’è Aurora ca sai quantu vale, prova cu ida.

Emanuele

Mancu ca pistola puntata.Ghià nun m’interessava prima, penza ora ca canuscì sa suoru. Nun c’è paragone.

Don Nanè

Chistu picchì si trascura, ma stapissi a tia falla canciari. Na fimmina, cu n’uommunu ca ci sa fare, si trasforma: è un germoglio ca piano piano fiorisce e sboccia.

Emanuele

Su bocciolo attrunzau!! Iautru c’Aurora: avieunu a ciamare menzannotte, picchì si po taliare sulu o scuru… Puoi Paolo è ciù interessato, picchì nun cunvinci a idu?

Don Nanè

Beh tu si u niputi ranni, mi piacissi se t’accasassitu prima. Manuele, tu nun sai quale sorprese riservano i fimmini, quante virtù nascondono.

Emanuele

Aurora sti virtù i mmucciau accussì buoni, ca mancu ida sapi unni su misi. Nonno, nun canciu idea. Luigina!!! I mo attenzioni: sulu pi Luigina! U pinzieri: sulu pi Luigina!! Nto cori: sulu Luigina!! (rientrano gli altri sbocconcellando ancora)

Don Nanè

(ironico) Piccatu i scole c’a fattu!

Don Tano

Sti ulivede sunu sfizziuse, senza addunaramminni mi calai menza cuddura. (mentre gli altri confabulano, Lorena e don Tano si avvicinano a don Nanè)

Lorena

Don Nanè, picchi Paolo nun mostra interesse pi mia?

Don Nanè

Chi sacciu? Se fussi iu l’interesse u musciassi.

Lorena

Forse è timido. Cià mittissi na bona parola, ci rassi n’ammuttuniedu.

Don Tano

Lorena lassa perdire, u picciuottu iavi iautri programmi.

Lorena

Se, chidu ca rici tu! U mo nonno penza ca Paolo smanìa pi Aurora. Don Nanè, mi promette ca ci parra cu Paolo?

Don Nanè

Ci puozzu parrare, ma u to nonno iavi ragghiuni. Nun ti sacciu spiegare picchì, ma Paolo è attratto ri Aurora. Tu si graziusa e piacente però, cara Lorena, se a idu ci piace Aurora iu nun ci puozzu fare nenti. Ma tu nun ti demoralizzare, può darsi c’Aurora nun è interessata.

Lorena

Addirittura! E chi va circannu? Paolo nun ci abbasta?

Don Tano

Forse è attratta ri l’uommini ciù maturi. Cu sapi Lorena, putissi essire iu u so uomo ideale.

Don Nanè

Tano, iu e tia aviemu a stessa età, però u mo cirviedu sti cose nun mi fa pinzari.

Don Tano

A certi fimmini ci piaciunu l’uommini maturi.

Don nanè

Maturi si, ammuffati no. (rientra Aurora)

Aurora

Ma ta scusare, o supermercato c’era confusione e persi tiempu. Ora priparu u pranzo, ritardamu na mezzoretta.

Avvocato

Stai tranquilla Aurora, niautri nun a ma annoiato. Se sapissitu cu ti vinni a truvare!

Emanuele

Abbiamo avuto il piacere ri canuscire ta suoru Luigina. Aurora, iai na suoru fantastica.

Aurora

Luigina!? Nun ci puozzu crirri.

Don Nanè

Ti vinni a truvare picchì è pintuta ri come fusti trattata e vole rimediare a questi torti.

Aurora

Luigina a statu sempre affettuosa. Unn’è ora?

Gaspare

Purtroppo si n’appi a ghire, ma tornerà.

Aurora

Quantu mi rispiace ca nun ni pottimu ncuntrare! Se sapìa nu scìa, ci fici appizzare u viagghiu.

Gaspare

U viagghiu nun o ppizzau, ma sa no nun a canuscieumu.             

Don Nanè

Aurora, cà battaglia cià statu. Gaspare e Manuele quannu vittinu Luigina persinu a testa. Talielli: stanu uddiennu.

Aurora

Luigina è avvenente e l’uommini nun restano indifferenti.

Avvocato

Aurora, tu si na ragazza di sostanza e ti assicuro ca pure tu  ncerto fascino ci l’hai.

Aurora

Grazie avvocato.

Don Tano

Nun capisciu picchì Paolo si tinni luntanu. Forse iavi n’autra strategia ri conquista.

Caterina

Paolo penza a quarcun’autra e si comporta ri pirsuna seria.

Emanuele

Esatto. E puoi quantu avissimu a siri? Finissi a rutulacciu.

Aurora

Chi c’entra, macari Paolo iavi u diritto ri corteggiare Luigina. Paolo, nun ti fare scappare l’occasione.

Paolo

Aurora a cosa nun m’interessa.

Aurora

Ma picchì Paolo? Ntentativo a fare.

Emanuele

Aurora, iu pi Luigina pruovu ghià un profondo affetto. Mi colpìu e cà, ravanti a tutti, dichiaro ca divintare to cugnatu fussi a mo felicità. Aurora, ti piaciu comu  cugnatu?

Aurora

Tantu bedu! Macari Diu succirissi!

Don Nanè

Se u Signuri ti fa a razia, divienti pi daveru cugnatu ri Aurora. E iu cu na niputeda comu Luigina issi d’accordo.

Emanuele

Nonno, stai facieutu u tifo pi mia? Chista è na sorpresa.

Don Nanè

Nun sarà l’unica sorpresa, stanni certo.

Aurora

A riscussione mi piace, però purtroppo a ghiri in cucina ma sa no nun manciamu ciù.

Paolo

T’aiutu iu, accussì ni sbrigamu prima.

Aurora

Con piacere. U fai pi na raccumannazione mia cu Luigina? Va bene u fazzu, ma suoru mi scuita sempre.

Paolo

Se pienzi chistu m’arriestu cà e ncucina ta sprugghi sula.

Aurora

Amuninni babbuni! Acciù nun si po scrizzare. Come si suscettibile! (prende Paolo sotto braccio ed escono)

Avvocato

Chi su amirusi! E Paolo è npicciuottu veramente serio.

Caterina

Però chi ci vitti nti Aurora nun o capisciu.

Don Nanè

Paolo è npicciuottu strano, ci piaciunu i cose difficili. E’ ciù attratto re tesori nascosti ca re bellezze naturali.

Lorena

L’archeologo dei sentimenti!

Gaspare

Duocu iavi vogghia ri scavare, nun trova nenti.

Emanuele

Avvocato, nun è ghilusu se Paolo fa u filo a Aurora?

Avvocato

Ancora insisti? Ta cummincire ca u mo affetto pi Aurora è all’incirca più paterno che di altra natura…Chi sta cucinannu Aurora? Se permettete iu fazzu nsopralluogo.

Gaspare

I so sopralluoghi su pericolosi, lei quannu ncumincia a manciare è na ruspa. Ci fazzu cumpagnia, avvocato.

Emanuele

Pure iu. Vi canusciu tutti rui e unu nun va lassari suli. Caterina, vieni pure tu accussì t’ampari quarchi ricetta.

Lorena

Pure io. Ri Paolo mi fazzu nzignare qualche segreto.

Gaspare

E ti fai rare a mappa re tesori nascosti. (escono tutti tranne don Tano e don Nanè)

Don Tano

Iu Aurora nun a truovu male e se l’età nun è ri ntralcio… Nanè tu l’avutu intra, chi nun cià fattu npensierino?

Don Nanè

Iu certi cose mancu mi suonnu. Mi maravigghiu ri tia, finu a ru anni fa avieutu a buonarmuzza ri ta muggheri.

Don Tano

Nanè, quannu taliava ma muggheri mi carieunu i urazza.

Don Nanè

Invece ida quannu taliava a tia era cuntintuna!

Don Tano

Nanè, cà siemu tra niautri…U sienti ogni tanto u risveglio …a primavera…a natura abbogghia e i sciuri…

Don Nanè

Tano, sugnu nto funnu u miernu!

Don Tano

Macari tu!? Va bene Nanè, stu pinzieri mo lievu ra testa.

Don Nanè

Bravo. Amuninni in cucina e saziamu l’unico appetito ca n’arristau.

Don Tano

Gastrite permettiennu. (escono e si chiude il sipario)

F I N E  2° A T T O


3° ATTO

Stesso ambiente degli atti precedenti. In scena entrano Angelo, l’avvocato e don Nanè. Angelo è infuriato.

Don Nanè

Iancilu calmati, a cosa si po ragghiunare serenamente.

Angelo

Na parola! L’avvocato ancora insiste e nun sacciu picchì.

Avvocato

Io giudico pacatamente e obbiettivamente la situazione.

Angelo

Io invece pacato nun ci sugnu. Vulissi virri lei: a sumana passata arriva a telefonata ri Paolo e mi rici ca ci sunu grosse novità. Appena puozzu arrivu cà e truovu Paolo invaghito ri una…Avvocato, l’uocci a chi siervunu?

Avvocato

Pi taliare.

Angelo

E a taliatu bona?

Avvocato

Se. E tranne qualche piccolo…difettuccio, nell’insieme nun è male.

Angelo

Nun è male!? Ma picchì nun sa carrica lei allura?

Avvocato

Macari putissi! All’incirca nun mi degna ri nu sguardo.

Angelo

Lei è fortunato. A mia cu n’occhiata ca mi resi, mi paralizzau.

Don Nanè

Iancilu, ti ni stai pigghiannu truoppu. Va bene ca Paolo è u to figghiu, ma a fine a decidere idu.

Avvocato

Se ci piace chi mali c’è? E puoi lei i taliau buoni: all’incirca nun fanu na bella coppia?

Angelo

Ahhh, meravigliosa!!! Iu nun capisciu picchì lei vole rovinare mpicciuottu. Invece mi facissi nfauri: lei ca è avvocato, truvassi l’argomenti ghiusti pi cummincire Paolo a lassare perdire.

Avvocato

Comu fazzu? E’ difficile: al cuor non si comanda!

Angelo

Si comanda! Si comanda! Se nun sa leva ra testa, ci stuoccu i iammi…Ma puoi s’invaghiu ra suoru laita. Da rintra c’è l’autra – comu si ciama? – ida si ca ni vale a pena.

Don Nanè

Luigina è a terza vota ca veni e Manuele e Gaspare nun na lassunu nminutu, ci fanu mancare l’aria.

Angelo

Ciamili fissa! Idi a roba bona a canusciunu, no Paolo c’arruncia nzocca e gherè.

Avvocato

Caro amico, ci fazzu notare ca u so linguaggio nei riguardi ri Aurora non è delicato. Mi maravigghiu ri lei ca è npatri ri famigghia.

Angelo

Appunto: iu u figghiu ri ittare nun l’aiu. Avvocato, se lei avissi nfigghiu nun facissi tuttu po so bene?

Avvocato

(piano) All’incirca è chidu ca staiu faciennu. (entrano Emanuele, Luigina e Gaspare)

Emanuele

Luigina, purtroppo si sfortunata: tri vote a vinutu e tri vote nun a truvatu Aurora.

Luigina

Ma viri chi fatalità! (entra Paolo)

Paolo

Buongiorno. Ciao Luigina, come stai? Iavi assai ca si cà?

Luigina

Ciao Paolo. Un’oretta circa.

Paolo

Oh finalmente viristi Aurora! A trovasti ciù serena, vero?

Don Nanè

Ca quali, ancora nun sa na pututu ncuntrare.

Paolo

Picchì, unn’è Aurora?

Don Nanè

A chiesa a cunfissarisi e puoi avìa fari a spisa pi stasira.

Paolo

Allura o sa com’è carricata! Ora ci fazzu u ncuontru, ma sa no arriva ca lingua ri fora. (si avvia,  Luigina lo ferma)

Luigina

Aspetta Paolo, nun sai nta quale supermercato si n’iu.

Don Nanè

Paolo, Aurora possibilmente è ancora a chiesa. Invece amuninni da rintra, chistu è l’orario ri nu bellu cafè.

Avvocato

Bellissima idea.

Emanuele

Se, ci vole.

Paolo

Iu mo pigghiai fora. (gli altri si avviano in cucina)

Luigina

A mia fa acidità, miegghiu ri no. (escono tutti. In scena rimangono Paolo e Luigina. Trascorrono alcuni secondi  guardandosi imbarazzati) Paolo, nun hai argomenti pi scanciare ru parole?

Paolo

No, staiu pinzannu ca è incredibile: tutti i vote c’a vinutu nun a truvatu Aurora. E dire ca nun nesci quasi mai.

Luigina

Com’è possibile? Cu tanti picciuotti ca ci siti, nun a invitate a passare n’oretta nta quarchi locale?

Paolo

Veramente qualche invito l’avutu ma Aurora, na vota picchì iavi chi fare, n’autra vota picchì Cristina ciò impedisce, nun  accetta mai.

Luigina

Ci scummiettu c’a invitato Gaspare: è accussì premuroso!

Paolo

Beh, veramente a statu iu, però…chi sacciu…è riservata. Mi scappa sempre.

Luigina

A invitatu tu!? Veramente si accussì galante? Cu mia si distaccato, fridu. Per caso ti sugnu antipatica?

Paolo

No Luigina, chistu nun a pinzare. Ti considero una ragazza fantastica.

Luigina

Però Gaspare e Manuele sunu ciù affabili, ciù disponibili, pieni di attenzioni. Tu invece, tranne qualche parola gentile, nun a fattu iautru.

Paolo

Luigina, è miegghiu evitare equivoci. Tu si na ragazza ca può fare a felicità ri chiunque però, è ghiustu ca u sai, iu sugnu innamorato ri Aurora e perciò, anche per rispetto di tua sorella, nun ho motivo ri essire particolarmente affettuoso cu tia.

Luigina

Ci mancassi iautru! Sei di una chiarezza disarmante… Scusa Paolo, no pi essire maligna: a viri com’è ma suoru? Ti fa ciù effetto ri mia?

Paolo

Luigina, tu si na bellissima ragazza e fussi ipocrita se  ricissi ca nun provochi nessuna attrazione. Si pure garbata e gentile, però sugnu innamorato ri Aurora. Nun sarà granchè fisicamente, però pi mia iavi tutte le virtù della donna ideale.

Luigina

Nun t’affascina pi iautri motivi?

Paolo

Ancora ca storia ra compassione! Pure ida iavi stu dubbio, ma nun è accussì. Certo, se avissi macari a ta bellezza fussi perfetta, però nta vita nun si po aviri tutto.

Luigina

Cu sapi Paolo!? Cu sapi!?

Paolo

Beh, nun pienzu ca Aurora po fare grandi miglioramenti, ma non importa. Luigina, però mi piacissi ca iu e tia ristassimu grandi amici.

Luigina

Nun puozzu cuntare nta quarchi cosa ciù profonda ri l’amicizia? Nun sacciu chi è però tu, cosa ca nun fanu l’autri, mi turbi. Paolo, rammi qualche speranza.

Paolo

Luigina, iu ti sugnu affezionato e nun sulu pi chidu ca stai faciennu pi Aurora. Se nun avissi conosciuto Aurora forse pi tia facissi follie, ma nun puozzu. U capìu Lorena, spero ca u capisci pure tu.

Luigina

Sarà difficile. Iu pinzava c’a bellezza rapìa tutti i porte.

Paolo

Non sempre. E’ strana a vita: due belle ragazze s’interessano a mia e iu sugnu innamorato ri una ca iavi difficoltà a vulirimi bene. Forse si scanta (vistu chidu ca ci capitau), forse pi nu stupido complesso, forse pi insicurezza. Cu sapi? O forse nun mi vole bene pi nenti e sulu per educazione nun mo rici nta facci.

Luigina

O forse ti ama accussì assai ca si scanta ri pirdiriti.  Aurora iavi bisuognu ri certezze. Vuoi ca ci parru iu?

Paolo

No Luigina, ti ringrazio ma è miegghiu nun forzare i sentimenti. Aurora è confusa, iavi bisuognu ri tiempu. Mi tocca aspittare.

Luigina

Forse ciù picca ri quantu tu pienzi. (entrano tutti)

Avvocato

Stu cafè ci vulìa proprio. Unu si senti n’autru.

Angelo

Invece ri comu siemu nirvusi, forse nun ci vulìa.

Emanuele

Luigina, ta vuoi fari na passiata? Ti fazzu visitare qualche  puostu ra nostra città.

Luigina

Ti ringrazio, ma tiempu n’aiu picca e puoi…(maliziosa) rissi ri no a Paolo, nun fussi corretto nescire cu tia.

Gaspare

Paolo ti invitau a nescire? E’ stranu.

Luigina

Avissi fattu sulu chissu!! Mi fici certe proposte vietate ai minori ri diciotto anni.

Paolo

(sbalordito) Chi stai riciennu? Nun è vero.

Luigina

E i pene c’a vistu pi fallu stare fermo che manu!

Paolo

Luigina, pi fauri…

Gaspare

(irato) Ma si nporco! Pi daveru unu sa scantare ri chidu ca pare ca nun ci curpa.

Emanuele

Si metti i sciancu quetu quetu e appena trova l’occasione si lassa ire. Cu Aurora fa u timido e invece…

Angelo

Picciuotti c’avìti in contrario? Viautri putiti corteggiare na picciotta e Paolo no?…Paolo tu però nun esagarare: i manu tienili o so puostu.

Paolo

Papà, chi stai ricennu?...Luigina, chisti stanu pinzannu pi daveru ca iu…

Luigina

Paolo ti perdono, u controllo u po perdire chiunque, però se in due minuti mi strapazzasti accussì, o sa ca cumminatu cu Aurora. Povera sorellina!!

Paolo

Iu cu Aurora nun ma permesso mai e tanto meno cu tia…

Avvocato

Paolo, nun mi costringere a canciare opinione supra ri tia. Tu si impegnato cu Aurora. Chi fai u sautafuossu?

Angelo

Assarì Paolo, sauta tutti i fossa ca vuoi, nun ci pinzare.

Paolo

Cà nun c’è nenti i sautare.

Don Nanè

No ghià i nerva sautarru: u cafè fici effetto. Calmi! Calmi!

Emanuele

Calmi!!!? Arriva chistu e si lassa iri. Pigghiau r’accurzu.

Gaspare

Amico caro, niautri chi ci siemu a fare? Se si interessato, mettiti in fila e aspetta u to turno.

Luigina

Chi sugnu n’ufficio postale? (i presenti trattengono i ragazzi che rischiano la zuffa)

Paolo

Cicaluni a fila falla tu, a mia nun m’interessa.

Gaspare

Manuele, to frati è spirtuni: niautri ciantamu i macci e idu arricogghi a frutta.

Paolo

Luigina, u viri chi cumminasti cu sta…

Luigina

Gaspare calmati, ancora i robbi nun m’avìa luvatu.

Paolo

Quali robbi!?!

Emanuele

Bestia! A vulieutu puri spugghiare. Animale ri caverna!

Avvocato

Paolo, fatti na doccia cu l’acqua frida: è un ottimo rimedio.

Paolo

Iu ma fici stamatina cu l’acqua caura e m’abbastau.

Luigina

Basta! Pi fari turnare a calma è miegghiu ca mi ni vaiu.

Emanuele

Mancu cià pinzare. Capisciu ca si sconvolta picchì ncosa lurda approfitta…( Paolo cerca di inveire ma è trattenuto)

Luigina

No, mi na ghire in ogni caso, si fici tardi.

Gaspare

Ti ni vai attonna senza virri Aurora?

Luigina

Qualcosa mi rici ca sta vota a ncuontru.

Don Nanè

Luigina, to ricu iu unni puoi truvare Aurora: quannu arrivi a piazza Municipio, a sinistra c’è a chiesa ri san Paolo. Aurora va sempre duocu.

Emanuele

E se nun a trova? Ci fazzu compagnia iu.

Luigina

Manuele ti ringrazio, ma ci vaiu sula. Quannu a ncuontru, duoppu tantu tiempu ca nun ni viriemu, se nun c’è nudu è ciù facile parrarini. Aviemu tanti cosi i ricirini.

Avvocato

E’ vero, nta sti occasioni parrarisi facci a facci è a soluzione ideale.

Luigina

Allura vi saluto e spero ri viririvi quantu prima. (scherzosa) A tia Paolo ti salutu ri luntanu, ma sa no mi sauti attonna ncuodu. (esce)

Paolo

Ma se mancu ma tuculiatu.

Emanuele

Paolo fai cagghiare a facci. Si cuntenti?

Paolo

Ri chi ucca aperta? Luigina vi fici nu scriezzu e viautri ci caristru.

Gaspare

Iu ma comportato cu rucazione e rispiettu. Ti pare ca nun a firava a purpialla?…Nun putisti arregghire!

Paolo

Sienti imbecille, se ora nun ti stai mutu…

Avvocato

Fermi, nun vi sciarriati. All’incirca nu raptus ri libidine po vennire a chiunque.

Paolo

Quali raptus avvocato!? Se i so clienti i difenni accussì, o ciù onesto ci rununu vint’anni i carcire. (bussano)

Don Nanè

O sa cu è ora? (Emanuele va ad aprire)

Angelo

A siri Luigina. Si n’addunau ca ci manca u reggiseno e u vo siri restituito.

Paolo

Papà, macari tu?!…Siti nacaluna: se unu vi fa nu scriezzu ci cariti subitu. (entrano Don Tano, Lorena e Caterina)

Don Tano

Buongiorno amici…Chi succiriu? Aviti certi facci!

Don Nanè

A m’avutu na piccola discussione. Quattru brizzi, normali scambi di vedute.

Emanuele

Picchì nun ci cunti tutti cose?...Cà cià statu Luigina e mentre iu e Gaspare ni comportammu con grande rispetto, Paolo invece, appena appi l’occasione, si comportau in modo indegno. 

Caterina

Cui Paolo? No, nun ci criru.

Paolo

Finalmente na pirsuna sperta!

Don Tano

Secunnu mia a ncucciau a muru. Paolo è npicciuottu fucusu e quannu unu parti parti.

Paolo

Cà ci n’è n’autru!

Lorena

Paolo, ma t’ammancaunu modi pi sfucariti? Iu a statu intra senza fare nenti e bastava na telefonata pi sistemare tutti i cosi.

Don Tano

Lorena, ma tu u sai chi è u pudore?

Lorena

U sacciu ca rissi na cosa…Però se Paolo nun po arregghiri ciù qualcosa sa fare, nun si po lassari accussì.

Don Tano

Lorena, ri stu momento in poi prima ri parrare a riflettere, ma sa no m’arrabbìu.

Lorena

Nonno, iu sugnu bisognosa ri affetto.

Don Tano

Tu iai bisuognu ri tumpulate. Ma ri cu pigghiasti?

Avvocato

Per cortesia canciamu riscursu, sta riscussione all’incirca sta divintannu imbarazzante (entra Aurora con tanti sacchetti)…Aurora, t’arricugghisti? Posa i sacchetti. Luigina t’aspittau nsaccu i tiempu e mancu sta vota ti potti virri.

Aurora

No, n’ancuntrammu pi strata. Chi scena romantica!! N’abbrazzammu, ni vasammu, ficimu commuovere tutti. Pure niutri ciancieumu. Na scena indimenticabile!! Ora iu e ma suoru addivintammu na sula cosa. Luigina mi pare  ri essire intra ri mia.

Don Nanè

Ri rui ni facistru una.

Aurora

Mi rissi c’avìa statu cà, ci siti simpatici e vi considera bravi pirsuni. Però a unu nu rimprovero ciò fici…Paolo, chi cumminasti? Ri tia nu m’aspittava na cosa ri chista.

Paolo

Nenti fici, ma crirri. Chi ti cuntau Luigina?

Aurora

Beh, cuntallu ravanti a tutti mi vergogno.

Paolo

Luigina ni fici nu scriezzu. Aurora nun crirri a nenti.

Aurora

Iu criru a chidu ca viru. Quannu ncuntrai Luigina ancora s’agghiustava a gonna.

Paolo

Aurora, veramente mi credi capace ri gesti del genere? Nun m’importa chi penzunu l’autri, ma a ta opinione ci tiegnu.

Aurora

A prima vista nun ci parissitu, però a volte frenare gli istinti è difficile…A cosa ca mi fa ciù rabbia è ca cu mia nun a fattu mai, anzi a statu fin troppo educato. Certo, iu nun sugnu Luigina, però qualche tentativo avissitu pututu fare. Macari pi tastare u tirrinu.

Paolo

Aurora, iu nun a fattu picchì versu i tia….

Angelo

Aurora tuortu a Paolo nun ci na dare. I gusti l’avutu sempre buoni.

Avvocato

Egregio signore, chi vole rire? All’incirca prometto ca ri stu momento in poi, ogni mancanza di rispetto verso Aurora a considero n’offesa e come tale piglierò i dovuti provvedimenti personali, legali e sociali.

Don Nanè

Avvocato, nun a pigghiassi accussì seria. E tu Iancilu controlla u linguaggio.

Paolo

Papà è inutile ca insulti Aurora, iu sugnu deciso e vaiu finu nfunnu. Se a casa nun siti d’accordo, vaiu ad abitare nta n’autra casa e nghiuornu spero cu Aurora.

Don Nanè

Bravo Paolo, accussì si parra.

Avvocato

Nun c’è bisuognu ri circare n’autra casa. Io sarò lieto di ospitarvi a ma casa.

Aurora

Avvocato lei mi fa preoccupare, nun capisciu picchì addivintau accussì gentile e affettuoso. Quasi quasi era miegghiu quannu mi pigghiava in giro, almeno sapìa u motivo. Ora stu cambiamento mi mette ansia e agitazione.

Avvocato

Cara Aurora, vuogghiu riparare o male ca fici tanti anni fa anche se involontarialmente. All’incirca è ura ca sai i fatti e puoi sta a tia pigghiare na decisione.

Don Tano

Nta l’aria sientu ca sta scoppianno na bumma.

Lorena

Avvocato, nun parrassi accussì: mi fa mpressionare.

Avvocato

Se amici, è nmomento fatidico e ri grande importanza. (si avvicina ad Aurora e le prende la mano) Aurora, nta littra ca mi facisti legghiri, si parrava ri nu studente ca duoppu na breve storia d’amore cu ta matri a lassau incinta. Ebbene figghiula mia, su “Peppuccio” sugnu iu: Giuseppe Marangio, ma la mia adorata Cristina mi ciamava Peppuccio. Aurora, iu sugnu to patri. (stupore di tutti)

Don Nanè

Ri quali littra sta parrannu? Avvocato, si senti buonu?

Don Tano

Sta casa è n’uovo i Pasqua: sorprese una appriessu all’autra.

Paolo

Avvocato, che screzza cià ma finire: prima Luigina ca storia ro maniaco sessuale, ora lei cu n’autra bestialità. Scrizzare è bello, però cu sti cose è miegghiu evitare.

Avvocato

Nun è nu scriezzu Paolo, è na cosa seria, a ciù seria ra ma vita…Aurora, all’incirca capisciu chi ti sta passannu nta testa e nto cori. Se ti giri e mi rici ca nun mi vuoi virri nun ti rugnu tuortu; del resto npatri ca si presenta duoppu vint’anni, chi patri si po considerare? T’ammancai nta l’età ciù bella e nell’anni ciù difficili, quannu a presenza ro patri è fondamentale e invece tu e a mamma v’appivu arrangiare quasi suli. Nun sacciu se è tardi, però ora sugnu cà; se vuoi ti sarò sempre vicino e avrò sempre cura ri tia e ra ma nipotina.

Emanuele

Chistu sta parrannu seriamente.

Aurora

Ora capisciu picchì quannu ligghìu a littra si ntisi male… (abbracciandolo) Papà!...Sapissitu chi piaciri mi fa scoprire cu è mo patri! Tu curpa nun hai, nun sapieutu nenti e perciò nun ta sentire in colpa. Ti canuscì tardi, però ancora aviemu u tiempu ri rimediare e recuperare.

Avvocato

Ci puoi cuntare Aurora mia. Ci puoi cuntare.

Don Nanè

(va ad abbracciarli) Auguri a tutti rui…Avvocato, sugnu cuntenti pi lei…Aurora, sta casa ti purtau fortuna. U viri? Truvasti to patri! Sugnu commosso.

Aurora

Pure iu. Sta fortuna nun capita tutti i iorna.

Paolo

Aurora sugnu felice…Avvocato, auguri! (anche gli altri partecipano al fortunato evento)

Gaspare

Avvocato si facissi abbrazzare. Ora capisciu picchì quannu sfuttieumu Aurora s’ancazzava: avìa ragghiuni.

Don Nanè

Aurora beda, binirittu u iuornu ca ti fici trasire a ma casa. Ti ricuordi? Tuttu partìu ri na iurnata i iacqua e tu sutta o barcuni. Na na succirutu ri tannu! E ancora na ma virri!!... Ma chi littra ci facisti legghire?

Aurora

Signor Casciano, era na littra ro mo patrigno accussì brutta c’a misi ri lato e nun ci vosi pinzare ciù. Su iuornu l’avvocato…ehm, mo patri si ntisi male – si ricorda? – e iappimu iautru ri pinzare.

Angelo

Avvocato, a scusare pure a mia se cu Aurora cià iutu pisantulidu.

Avvocato

Quantu ci na ta rittu a sta povira figghiula! Ma nun ti preoccupare Aurora, quarchi cosa a ghiustamu. A cosa ca mi preoccupa ciù sai è sa tuculiata ri testa. Forse appuntiddannici ru cosi e lati rinisciemu a firmalla.

Paolo

Avvocato, macari in un momento accussì commovente iavi chi dire supra Aurora?

Avvocato

Ci mancassi! Pi mia all’incirca va bene accussì. E’ pi evitare ca i pirsune continuano a fare battutazzi stubbiti.

Paolo

I lassassi parrare! E puoi, cià dumannatu ad Aurora se vole canciare? Può darsi ca ida si piaci accussì.

Avvocato

E’ vero. Se sta bene ad Aurora, sta bene pure a mia.

Aurora

Papà - chi mi pare strano ciamariti accussì - u mo scopo nun è ri piacire a tutti. Se piaciu a na pirsuna u riestu nun m’interessa.

Angelo

Tu e Paolo faciti pi davero. Visto ca siti accussì decisi, npatri nun pò desiderare ri miegghiu po so figghiu.

Aurora

U ringrazio, mi fa piaciri ca m’accetta comu sugnu.

Angelo

Beh, iu sugnu sempre ro parere ca qualche interventino ci vulissi. Nun a siri na cosa profonda: u muturi è buonu, è a carrozzeria ca iavi bisuognu ri na sistemata.

Paolo

Chi è ntratturi? Papà, fai certi paragoni!

Don Nanè

Iancilu ciuri l’officina, a ma festeggiare l’incontro ri npatri ca figghia duoppu vint’anni...Bravo avvocato, a tinissi stritta e nun a pirdissi ri vista, ma sa no ci vuonu n’autri vint’anni pi truvalla.

Avvocato

Non succederà più. Anzi Aurora, ri rumani tu e Cristina veniti a stare cu mia. Ora aviti na casa: a vostra casa.

Don Nanè

Avvocato, se porta pi davero? Lei nun sapi quantu ci sugnu affezionato, acciù Aurora e Cristina i considero ra famigghia. Nti sta casa mai sa statu accussì bene! Ora mi veni u scunfuortu.

Avvocato

Don Nanè, lei po vennire tutti i iorna…Viautri pure. I pranzetti invece ri falli cà i faciemu a ma casa.

Don Tano

Quann’è accussì iu sugnu d’accordo.

Aurora

Signor Casciano, lei nun immagina quantu u vuogghiu bene. Nto momento ri maggiore difficoltà, lei fu l’unico ca m’aiutau e mi trattau con grande affetto. Sta casa a statu un fantastico rifugio e, come se nun bastassi, nun a mancatu u divirtimientu. Vero signor Casciano? Nta stu caso comu mi capisci lei nun mi capisci nudu. Lei nun mo scuordu mai, pi mia è n’autru patri.

Don Nanè

E quantu prima macari nonno, a tia piaciennu. Ora, pi festeggiare iu ricissi…         

Aurora

Pi festeggiare nun c’è miegghiu ri npranzo speciale. U priparu iu e mi impegnerò al massimo.

Avvocato

Forza Aurora, facci virri cu si.

Aurora

I festeggiamenti puoi fussunu completi se n’autri ru pirsune si decidissinu a fare npassetto avanti. Se l’intuito nun m’inganna, c’è un amore che cova sotto la cenere.

Angelo

Ci sunu iautri notizie? Aurora, nun ni tennire nte spine.

Aurora

Nta sti iorna a vistu ca Manuele e Caterina mostrano un reciproco interesse. Re sguardi e ri certi atteggiamenti… nzumma qualcosa c’è.

Lorena

Aurora, si sicura? Certo, Manuele ha avutu sempre un debole pi Caterina e ora Caterina è libera.

Caterina

Aurora forse nun sbagghi, però c’è l’ombra ri Luigina ca gira attorno a Manuele. A concorrenza è forte e perciò speranza ci n’è picca.

Gaspare

Pi l’ombra ri Luigina eventualmente ci fussi iu.

Don Nanè

Tu zittiti, farfalluni.

Aurora

Scusate, a canciari u pannolino a Cristina. (esce)

Avvocato

Sienti! Sienti! Perciò tra Manuele e Caterina c’è del tenero. Quanti idilli stanu sboccianno nti sta casa! Manuele, Luigina all’incirca è na beda figghia, però pure Caterina nun screzza.

Emanuele

Chistu u sacciu. Caterina nun ma lassatu mai indifferente, puoi na serie ri circostanze – vero Gaspare? - ni ficiunu alluntanare. Ora i cosi attonna…Certo, sugnu cunfusu.

Avvocato

Ah sta Luigina! Ni misi nte mpruogghi.

Don Tano

Lorena, arristau sulu chissu. (indica Gaspare) Ratti da fare, ma sa no sprisci macari idu.

Lorena

Nonno, ti pare ca iaiu tutta sta smania?

Gaspare

Un pò ri poesia ci vole. L’amore senza poesia nun è nenti.

Lorena

O mo nonno ci pare ca i giovani nun siemu sentimentali. Rumani o cinima fanu nfilm d’amore unni si cianci pi ru uri. Nun viru l’ura ri virillu.

Gaspare

Iu cià ghire macari: è na bella storia.

Lorena

Allura passa a pigghiarimi e ci iemu assieme.

Gaspare

E’ na buona idea.

Don Tano

Puoi rici ca smania nun n’avi! Ro film nenti virunu... Nanè, i picciuotti si stanu rannu da fare, sulu niautri siemu ancora….Tu si sempre convinto ca spranza nun n’aviemu?

Don Nanè

Tano, a passione falla sfucare e giovani. Niautri ca ma sfucare?

Don Tano

Vero, sulu co pinzieri. M’accuntintare ri n’amore botanico.

Angelo

Vi vuliti spusari cu nmazzu i cavuli?

Don Tano

No…comu si rici?...Amore bolonico.

Paolo

Platonico!! Si ciama amore platonico.

Don Tano

Chissu! Chissu! (entra Aurora. In mano ha gli occhiali e la parrucca)

Aurora

Tieni Manuele, cà c’è l’ombra ri Luigina. Spero ca chistu fa chiarezza e to idee.

Emanuele

Chi significa??!!

Avvocato

Luigina, ri unni spunti? Quanti pirsune ci su da rintra?

Angelo

Ma chissa è na parrucca! Sunu i capidi ri Aurora!

Don Nanè

Signori, chista nun v’aspittauvu, vero? Brava Aurora, scopristi i carte o momento ghiustu. (abbraccia Aurora)

Avvocato

Chi carte scopriu!? Pi fauri, spiegatimi chi succiriu. Unn’è Aurora? Iu mi staiu sintiennu male.

Don Nanè

Cerca Aurora! Avvocato, cu tutta a sa laurea ancora a capire? A taliassi bona a sa figghia.

Avvocato

A taliare?! Ma è ida?!...E l’autra? Quanti figghi iaiu?…  (sviene. Aurora lo soccorre)

Emanuele

Ma allura Luigina nun…era chista. Prima…duoppu… forse….!! Oh Signuri! (sviene. Caterina lo soccorre)

Angelo

Maria comu mi furrìa a testa! Se è comu pienzu iu…  (sviene. Tutti corrono in aiuto)

Caterina

Sparpagliamini, accussì ramu aurienzia a tutti.

Don Tano

Lorena curri, o pigghia quarchi bicchiere ri iacqua. (Lorena esce di corsa)

Don Nanè

Porta nsicciu, accussì nta ncuorpu arrufriscamu a tutti.

Don Tano

Nanè iu nun m’accupatu, però macari iu nun mi sientu buonu. Se u priezzu pi manciare cà su tutti sti scanti, preferisciu na nzalata i pumarori a ma casa.

Don Nanè

Zittiti! A Iancilu tienici i iammi iauti ca si sta ripigghiannu. (entra Lorena con un secchio d’acqua)

Lorena

Don Nanè, ri unni ncuminciu che cavittuna?

Don Nanè

Queta, forse nun c’è bisuognu.

Lorena

Acciù c’a purtai sciardamila.

Don Tano

Lorena, ti pare ca stamu iucannu? Cà ci su tri moribondi.

Don Nanè

Tano, a tia ti manca u sensu ra misura…Tri moribondi!!!

Angelo

Maria! Maria! Mi putìa ammovire a casa! Miatida ma muggheri ca nun vinni!...Papà, ma allura a racchia nun esiste? (diniego di don Nanè) Mi staiu accupannu attonna!

Lorena

Don Nanè, ci abbìu?

Don Nanè

Ferma! Talè, o porta su sicciu da rintra, ma sa no fai u pischìu…Iancilu, comu ti sienti? Assittiti cà, quantu  aiutamu l’autri. Tano, Manuele sta abbugghiannu, runa na mano a Caterina, iu e Gaspare ramu viersu all’avvocato …Paolo ammincialìu, supra ri idu mancu a cuntarici.

Emanuele

Chi successi? Picchì sugnu nterra?...Ah se…Nonno, u viri comu na pigghiatu pi fissa?

Don Nanè

A tia forse. Iu progettai tutti cose! Ni na ma fattu risate e spadi vuostri!

Emanuele

Luigina l’avutu o cantu tuttu stu tiempu e iu…

Don Nanè

…e tu maccarruni cià statu a larga. A tia però ta resi a mmuccare. Ti ricuordi u riscursu ca ti fici? Ma tu: sulu Luigina! Nta testa! Nto cori! Nte corna ca iai, baccalà.

Aurora

Papà forza…ecco, accussì…Papà, comu ti sienti?

Avvocato

Comu ma sentire?...Sienti Aurora, u primo collasso u  pigghiai all’incirca quannu sappi ca eritu a ma figghia, l’autru quannu scoprì cu è veramente a ma figghia. Giurami ca nun ci sunu iautri sorprese, ma sa no ri nterra nun mi susu; ogni vota ca caru pigghiu certi ammaccuna.

Aurora

Papà ti puoi susiri, sorprese nun ci n’è ciù.

Avvocato

A piccirida è a regola? Nun è ca pure duocu?...

Aurora

A regola papà, a regolissima. Dai, susiti…ecco, accussì…

Avvocato

Aspetta! Quantu ti talìu bona…Ma si na beda figghia, assumigghi precisa a ta matri!…Mancu a testa tuculì. Sapissitu a pena c’avutu, a notte nun cià rurmutu.

Aurora

Papà nun ci pinzare, a ma testa è tanta beda. (si avvicina a Paolo che tutto il tempo è rimasto di stucco) Paolo, arristasti deluso?

Gaspare

Paolo, se si pintutu ci sugnu sempre iu disponibile.

Lorena

Gaspare! Gaspare!

Gaspare

Ah, m’avìa scurdatu! Rumani a ma ghire o cinima.

Don Nanè

Paolo, arripigghiti. U picciuottu ancora nun si capacita.

Paolo

Ti pare facile? Perciò tuttu stu tiempu co nonno a fattu…

Aurora

Fu na necessità pi evitare situazioni imbarazzanti, puoi ncuminciammu a pruvarici gusto.

Don Nanè

U viri ri chi sugnu capace? Quannu mi ci mettu sugnu pericoloso. Certo, nun prevedì ca nonostante Aurora si ridducìu na fitinzia, tu ti innamorautu u stesso.

Paolo

Finalmente capisciu tutta l’ambiguità, i doppi sensi…

Aurora

Chi tenerezza ma fattu!

Paolo

Ora però ma fare capire: l’autra Aurora ma tinutu nte spine, a statu sfuggente. Luigina invece era intraprendente e mi fici passare macari pi maniaco p’addivirtirisi a facci ri sti citruluna…Aurora, sta storia comu finisce?

Aurora

(abbracciandolo) Comu vuoi c’a finire?...I miei sentimenti a na statu ciari fin dall’inizio, ma sta vota vulìa essire certa; n’autru sbagghiu nun era permesso. M’innamorai subitu ri tia e iappi a fare tanto p’ammucciare chidu ca pruvava. Tu m’accittasti com’era e, quannu tutti s’addivirtieunu e mo spadi, iu ti virìa soffrire pi chistu. Ogni ghiuornu notava quantu m’amautu ma pi essire ciù sicura ti misi spesso alla prova. Ora dubbi nun aiu ciù, sacciu quantu mi vuoi bene e quantu si affezionato a Cristina; sicuramente sarai npatri esemplare e Cristina non ne soffrirà.

Paolo

Ci puoi contare…Ma viri chi cumminau sta metti nfiernu, ora m’abituare all’idea ca Aurora si tu….

Aurora

Fici tutti cose u to nonno, iu cià iutu sulu appriessu, però a piaciutu pure a mia. E riguardo u scriezzu r’antura, to fici pi mittiriti in imbarazzo. Quantu si adorabile quannu si imbarazzato!

Don Nanè

Ci na ma fattu a stu niputiedu, pi chissu si merita ogni felicità. Aurora, macari iu u misi a prova e circai i cummincillu a lassare perdire; t’abbiai nterra, ma idu nun ni vosi sapire: deciso fino in fondo. Aurora, su Paolo ci puoi cuntare.

Aurora

U sacciu, sugnu fortunata...Paolo ti viru dubbioso. Picchì?

Paolo

No, è ca m’avìa affezionato macari all’autra Aurora. Ti ricu a verità: tanticcia m’ammanca.

Aurora

Vuol dire ca ogni tanto mi trasformo nta l’autra Aurora. Si cuntenti?

Paolo

Se. Tu e l’autra vi completate, faciti na fimmina perfetta.

Angelo

Bellu cuorpu fici Paolo. A fine rui sunu miegghiu ri una.

Don Nanè

Manuele u piaciri r’addivintare cugnatu ri Aurora l’avisti.

Emanuele

Addivintare cugnatu ri Aurora nun mi rispiace.

Caterina

Anche se nun era chistu u modo ca sperautu pi divintallu. Comunque cercherò ri attenuare a ta delusione…co to permesso.

Emanuele

Permesso accordato. Anzi Caterina, ti ringrazio pa ta stima e firucia.

Avvocato

Ora se nun aviti nenti in contrario, vuliemu iri in cucina?

Gaspare

Se amuninni, c’a fame si fa sentire. (si avviano)

Don Tano

Ehm scusate…Però nun pinzati ca è na fissazione. (va a prendere gli occhiali e la parrucca) Sai Aurora, acciù ni fidamu ra cucina ri l’autra e proprio ora, vista l’importanza ro momento, nun vuogghiu ca rovini a cena. Nun ti siddiare, mettatilli. 

Angelo

Don Tano, chi pinzate ca se si mette l’occhiali e a parrucca i cose canciunu?

Don Tano

No, però mi sientu ciù tranquillo…Aurora pi fauri, i purtasti tantu tiempu, acciù chi po siri?

Avvocato

(prende la parrucca e gli occhiali) Taliati don Tano, all’incirca faciemu accussì: i tiegnu iu e ci staiu o cantu, appena ncuminciu a sentire fietu r’accarpatu subitu ci fazzu mettire. Abbasta ca nun mazzìa a testa, nun c’è bisuognu…Aurora, ogni vota ca u fai, m’arrizza u pilu e mi veni a palpitazione…Cuntentu don Tano?

Don Tano

Se, l’idea mi piace.

Emanuele

Speriamo ca nun siervunu, picchì cugnateda mia nun sai quantu si laita cu si cose ncuodu.

Don Nanè

Chi ncuminciasti? Se a cosa nun ti piace vai nta putiara, t’accatti npanino ca murtatella e to manci a piazza.

Avvocato

Don Nanè iavi ragghiuni. E’ vero ca è laita, però iavi classe…E’ un tipino vah!

Caterina

Vuliti virri c’ a stamu rimpiangiennu tutti?

Don Tano

Chissu no, però nta sa bruttizza…Nzumma, parrannu cu viautri, iu stapìa ncarmannu. (gesti eloquenti di tutti) Nanè, rimmi chidu ca vuoi, iu platonico nun ci sugnu. (tutti vanno in cucina. Paolo trattiene Aurora)

Aurora

Attento Paolo, a vistu chi rubacuori sugnu sia nta modo ca nta n’autru?

Paolo

Se, iu ni sacciu quarchi cosa…Perciò, com’è stu fattu ca iu che manu fermi nun ci staiu? A prima ca mi capita ci sautu ncuodu? E’ vero, sta tentazione l’avutu e ora, visto ca mi facisti perdire a reputazione, stai certa ca nun ti lassu n’attimo in pace. (si abbracciano) Povera Aurora, comu pirdisti a serenità!!

Don Nanè

(si affaccia e osserva l’idillio, poi rivolto a quelli in cucina) I picciuotti stanu decidiennu u menù…A na fare nsugo al bacio…e chi bacio!!...Aurora sta spieganno a Paolo ca u sugu sa fari cocire strittu…(imita l’abbraccio) Pi secunnu involtini…Aurora, po contorno da rintra (indica la cucina) citrola, cucuzzi, bruocchili e lassini cugghiuti all’ugna ci n’è quantu ni vuoi! (mentre Aurora e Paolo ascoltano divertiti, don Nanè unisce le mani in un gesto di compatimento verso le persone in cucina e va ad abbracciare Aurora e Paolo mentre si chiuse il sipario.

        

F  I  N  E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno