Stampa questo copione

Ultimo aggiornamento 2000

Ultimo aggiornamento 2000.08.27

RUZANTE

DA

O' PARLAMIENTO

Traduzione in dieletti del sud pontino

di

Alberto Ticconi

Introduzione dell’autore

Il sottoscritto è stato ospite diverse volte a Padova, tra la prime in occasione del IV Convegno sul Ruzante organizzato da Giovanni Calendoli e Filippo Crispo.

In tale occasione il nostro spettacolo ha riscosso l’incondizionato plauso dei congressisti in quanto la traduzione rispettava pienamente filologicamente e "spiritualmente" la realtà ruzantiana.

L’esperienza padovana ha lasciato sensazioni indimenticabili.

Benché fosse morto in relativa giovane età, il Ruzante erà già famoso anche fuori Padova, e specialmente a Venezia. Egli scrisse soprattutto in "pavano", ma ai suoi personaggi dette piena coloritura linguistica a secondo dello strato sociale a cui essi appartenevano.

Su Ruzante vi è una esaustiva bibliografia ma, per essa, bisogna avere la pazienza di cercarla.

Ruzante è una miniera di valori etici ed stetici da riscoprire, ad ogni costo, così io mi auguro che almeno alcuni docenti, registi ed editori illuminati lo facciano, non solo per se, ma soprattutto ma anche per i propri "figli".

Personaggi:

Ruzante

Menato

Gnua

Bravaccio.

SCENA PRIMA

Ruzante Solo

RUZANTE - (Sbuca ansimando dal fondo e avanza fin quasi al proscenio. E' lacero e sporco, coperto di polvere. Si guarda intorno, asciugandosi il sudore che gli cola di sotto l'elmetto.)Ce songo puri arrivatu a stù paese, Salernu! C'aggio tenutu chiù d'arrivà i' ca' che mangu nu’ cavagliu siccu e 'mbalsamatu darrivà all'erva. E m'aggia rifà de tuttu; m'aggia godé puri della femmena mia, che ca’ è venuta a sta’.

(Sbuffa) Però, che se pozzeno screffonà gli campi, la guerra, gli soldati, e n'ata ota gli soldati e la guerra 'nzema! 'Na cosa saccio: ca' non me ci'acchiappono chiù a fa’ la guerra. N'gni senteraggio chiù chigli rumuri de tamburi, come gli sentéo. Nì le trombe, nì gli sderrai: "Allarme! E nè che mo' te ve n'ata ota la paura?! No, Che quanno sentéo strillà: "Allarmi!" paréo nu’ turdu ch'avesse abbuscatu na’ frecciata. E spari, e cannonate. (Risatina) Mo’ lo saccio bbono che no’ me ci'acchiappono chiù. (Ride) Ma a chistu puntu quali frecce, quali corse? M'aggia fa’ certi sònne, certe magnate, che m'hanna fa’ puri bbono; (Meditativo) che a vòti non me fermào mancu a cacà pe’ la paura che me fosse iuta de traverso.

Eh, sangu d'accussì! Mo' stongo finalmente allo sicuru. E com'aggio fattu lestu a venì cà! Da Sessa ci'aggio missu tre iorne. Penso c'aggio fattu chiù de sessanta miglia agliu iorno. Non ce stà chiù tutta chella strati che diceono. M'hanno fattu crete che da Sessa a Carinola ce stéono quaranta miglia. Ma n'è vero! Nu’ susciu! Pe’ me 'n'ce ne stanno mancu diciotto. Da Carinola a Afragola dicono che ce ne stéono trenta. Ma quanno mai: mancu la metà. Da Afragola a Salernu quante ce ne ponno stà?! Ci'aggio missu na’ iornata. E' vero(u) ca tutta la notti non me so’ fermatu nu’ momentu. Ma è puri veru ca nu’ sparevero n'ha mai vulatu accussì com'aggio camminatu i'. Tanto che mo' me fanno male ste' cossi che è na’ bellezza. Ahi, come me fanno male ste' cossi mèi. E come me fanno male. Ma ca i' mò me doesse sintì stancu, chesso no!!

(Sti stiracchia) Caspita! La paura me spegneva e gliu desideriu me tirava. Gliu desideriu me tirava e la paura me spegnea. La paura me spegnea e gliu desideriu me tirava.

Chi c'è iutu pe’ lo sotto so’ stati gli cioci. E mo' vedemo subbitu. (Si siede a terra e si osserva, uno alla volta, i calzarii) Che ve diceo? Che me pozza scortecà da sulu! chesto è chello che ci'aggio guadagnatu dento a tutta stà storia! E che me pozza scortecà n'ata vota, tèh! I' che guadagno ci’aggio fattu! (Siguarda intorno) Ma i', mò, l'arrobbo a caccherunu da cà vicinu, com'aggio già fattu co' cheste, che l'aggio fregate a nu’ villanu agliu campu. Mo’ ama dice la verità, pe’ gliu fattu dello fregà la' se sta’ na’ bellezza. Si non fosse pe' certe paure che ce se pigliono.

Ma se pozza screffonnà la robba e chi ce tene. Stongo ca'? Me so' salvatu? E che voglio de cchiù? E basta che non me stesse a sonnà?! Saria na’ porcaria! No! So’ sicuro che n'è vero! Me ricordo bbono che sò sagliutu 'ncoppa la barca, agliu Gariglianu, vicino agliu paese meo, a Traetto. So’ statu a levà gliu voto all'Annunziata.

A meno che i' non fosse già morto e gli'ombrepaianu meo, ma si, gliu fantasma! me stesse a fa’ tuttu chesto!?M'allora i' chi sò? (Cava in fretta dalla bisaccia un tozzo di pane e lo addenta) No, cazzarola! Gli mazzapaoleglie, sempe gli fantasmi, n'hanno mai magnatu. (A bocca piena) Songo propritu i'. E tengo na’ fami! Mo’ volesse sulu sapé addostà la femmena mia, e gliu compare meo Menato, che saccio bbono che puri issu se mena pe’ ste parti. E essa terrà puri paura mo' de me. E ce l'aggia fa’ propitu vede ca so’ addiventato nu’ disgraziatu de prima qualità. Che pò i' ce so’ addiventatu addavero, co' tutti chigli cani appresso. Si gliu compare méo m'addimanda della guerra, i' ce ne racconto quatto de chelle grosse. (Pausa - Guarda verso il fondo) Uéh! Me pare che sia issu! E' propitu issu!! (avvicinandosi a Menato) Cumpà!? Ehi, cumpa'? Ma no' m’accunusci? So’ Ruzante, gliu compare teo! Ma.. Te si cecatu?

SCENA SECONDA

Menato e Ruzante

MENATO – Gliu compare Ruzante!? Ma sete propitu vui? E chi v'avesse potutu accanosce. State accussì scolatu ca’ nu’ scorfa(o)no frittu fosse chiu’ bbegliu de vui. Mai v'avesse potutu accanosce, compa'. Ma so’ contento dee vé vedé.

RUZANTE - Sciupatu, è vero e compa'!? Ma si ci fussi statu tu addò sò statu i', mo’ non dicissi chesso.

MENATO – Mo’ mo’ tornate dagliu campu? O sete statu malatu, o 'ngalera? E no, no, compà, tenete na’ bbrutta facci! Me parete uno de chigli tradituri. Perdonate, compà, n'aggio vistu ‘mpiccati a cento a cento, a mille a mille, ma nisciunu de issi tenéa na’ facci brutta com’alla vosta. Non stongo a dice ca’ tenete la facci brutta come cristianu, compà, capisceteme; ma che state scortecatu, sbiancatu, 'nfracetato, affumicatu. Cazzarola, compà, avit'avuto na’ strenta de cane.

RUZANTE – So’ le coppole de ferro che fanno sti' culuri. Tantu quantu pesano accussì te iettono 'n'terra. (Si toglie l'elmetto e lo posa a terra) Pe’ non parlà de chello che ce semo magnatu e bevutu! Si ce fussi statu tu "agliu postu meo medesmo"!(Sospira)

MENATO – Pe’ gliu curipizzu,! "Gliu postu meo medesmo!?" Parlate complicatu. Avete cagnatu lengua, pe’ casu? Parlate alla francosa com'a' chigli disgraziati de caetani.

RUZANTE - (Vissutoi) Eh, compare meo, chi va’ pe' gliu munnu ci'arriva a chesto. Aggiognemoce puri che so’ stato co’ certi soldati de Gaeta che parlaono tutti accussì. E si po' i’ me mettesse a parlà francusu tu nun capiscissi na’ mazza, come già te capita pe’ lo paesanu. Me 'mparai tuttu chesto dendo a na’ nottata, pe’ la paura. Cazzarola, se gli sintissi, a chigli disgraziati, co’ che superbia vanno dicenno: "Villan, cochin, pagiar! Per le San Diù, te mangerò la golà!"

MENATO – "Mangerò la golà!? Mangerò la golà?? Che se gli rosecassero a issi, gli canniliri, o' canazzarola, tèh! Scusateme: Capiscio bbono, compà, chigliu "Mangerò la golà!"; Ma non capiscio chell'ati parole. Spiegatemelle, pe’ favore, compà! Volete?

RUZANTE – Co’ piacere! "Villan" significa "villanu", hai capitu? "Cochin" significa "curnutu"...

MENATO - A chi!? A issi?

RUZANTE - A issi! "Villanu curnutu."

MENATO – A chi!? N’ata vota a issi!?

RUZANTE - Sempe a issi! "Pagiar", casa de stoccia, "de paglia". Pecché nui ce stamo dendo alle case de paglia. "Villanu curnutu che stai dendo a na’ casa de stoccia." Hai capitu mo'? "Per le San Diù", "pe’ l'Amore degliu Signore."

MENATO – Bu(s)giardi fin’a’ dendo l’ossa. Ca’ nui le pagamo paricchiu care chella schifezza de cas(e)i.

RUZANTE - (Torvo) Ma se la dovessero piglià co' gli patruni, se la dovessero piglià!!

MENATO - Uéh, compà! Tenete na’ sciammerica chiù longa de stu’ giubbottu de cuoio(u).

RUZANTE - Mah! Gli'aggio pigliatu a nu’ contadino de chelle parti. E che animali so’ chigli villani. Pe' mezo sordu te lassassero muri' de fame e de friddu. Pe’ mezo sordu!

MENATO - Uéh, compà, non facemo mò ca pecché sete sordatu ve pensate de esse diventatu villanu. Ca sempe la terra nosta v’ata scorre.

RUZANTE - E allora n'hai capite niente. I' voglio dice, e cerca de capisce bbono chello che dico, ca' a' issi mancano gli modi bbone, gentili, civili, che tenemo nui. Insomma so’ villani de nome... Ma che stai a'addorà? So’ villani de nome e de fattu, mica pecché so’ contadini.

MENATO - (Annusando l'aria intorno a Ruzante) Pe’ gliu curipizzu degliu ciucciu; compà: Addorate. Addore, mo’; puzzate da fareme itta gli’occhie pe’ terra! N'addore, dicemo accussì, assai stranu. Non lo saccio de ché...

RUZANTE - E che addore è? Mica è nu’ bruttu addore?! Aggio durmito pe' misi 'n'mezo allo feno... sarà addore de feno! E meno male che ce stea lo feno.

MENATO - Fermete compare meo! I’ cretarìa che chistu è nu’ cardigliozzo senza scelle. (Gli prende con brutale rapidità qualcosa sulla giuba con due dita)

RUZANTE - Gli pirucchi?! E che ne parlamo a fa’? La muglica de pane appena te cateva 'ncoglio subbito metteva gli pere e se faceva pirucchiu. E lo vino? Dopo nu’ poco che te l'eri bevuto se faceva rogna, scabbia e croste, 'ncopp'a' tutta la pelle.

MENATO - Va bbuono, compà, ca se vete che ne state chinu. (con un malvagio sorrisetto da un lato della bocca) Creca, compà, ca n’avete pututu ittà le 'mani a malevaragnu come pensavate. Affà gliu bbuttinu bbuono, voglio dice. E' accussì, si o no? (Ruzante sta per rispondere…) Si o no? (la scena si ripete ancora)

RUZANTE – Compà e famme parlà, cazzarola! Che t'aggia dice? I' n'aggio nì guadagnatu e nì arrobbatu. Me so’ dovutu pure magnà l'armi mei.

MENATO - Come, come, come!? Compare méo, state a dice che sete addiventatu accussì ‘ngrifatu e abbestialitu ca a stu’ puntu ve potete magna’ puri lo ferro?

RUZANTE - Compà, se ci fussi statu tu te lo fussi magnatu addavero. L'aggio dovute venne all'osterie, pe’ me pagà chello che me magnào. Pecché i' stéo sempe senza nu’ sordu.

MENATO - Ma non v'abbuscavate niente quanno pigliavate cacche priggioniero, tra chigli nimici, voglio dice.

RUZANTE - Ehi si, cumpà! I' 'n' aggio mai tiratu a fa’ male a nisciunu. Pecché lo dovéo fa'? Aggio tiratu a cacche cavagliu, a cacche vacca. A cacche ciucciu e puri a cacche pecora. Ma so’ stato sfortunatu puri co’ le pecore.

MENATO – All’anima della sartania, compà, tenete propitu na’ brutta cera. (Dopo una pausa) Non tenete mancu la calima degliu soldatu valurusu. Quasi quasi, nisciunu cretarìa che sete statu alla guerra. I’ me pensào ca tornavate co' meza facci tagliata, o struppiatu a na’ cossa o co’ n’occhie avvacantatu. Basta! V'è iuta paricchiu bbona; troppu bbona. (Beffardo) Ma non tenete propitu niente, no, mancu nu’ susciu, degli’ome mangnacatene ‘mposetatu.

RUZANTE - Ma che stai a dice mò? Ca pe’ esse coraggiusu ci'hanna volé a’fforza nu’ sfreggiu? Ma ce vo’ atu. O tu te criti ca i' tenesse paura de uno o de quatto co' nu’ sfreggiatu? I' gli rompesse le cosse agliu momenti, e n'ce pensasse di’ voti, tantu st’aggenti me facessero 'ncazza'!

MENATO - (Ammiccando) Compà, non pe’ mancanza de rispettu, ma a me me pare ca vui non ce pensate mancu pe’ nu’ piru de tornà agliu campu de battaglia, è lo vero? Aggio annasatu bbono?

RUZANTE - Che te pozzo dice? Si me pagassero, e si pe’ passà nu’ mese 'n'ce volessero cento iorne, i' ce tornasse sì.

MENATO - All'anima degliu pecoro! Sete partutu co’ tantu coraggiu che parevate nu’ leone e mo’ sete tornatu tale e quale a na’ pecora?

RUZANTE - (Con pena) E i' te ripeto che se ci fussi statu tu addò so’ statu i', mo’ non parlassi accussì.

MENATO - Avete acchiappatu cacche strenta paricchiu dolorosa, è lo vero?

RUZANTE - No! I' voglio dice sulu na’ cosa. Ch'è bruttu assai n'avé niente pé iavozà!

MENATO – Aspettate! Aspettate nu’ poco! Che vo’ dice mo’ sto’ "iavozà", eh, compà? Mo’ me parlate addirittura tedesco!?

RUZANTE - Accussì se parla da chelle parti. "Iavozà" significa "magnà", "sguazza" significa "trionfà".

MENATO – Pe’ la sartania de ziema Francesca! E mo' avesse capitu! "Iavoza", pe’ chello che sapéo, quanno ca’ unu che sta’ ‘n’terra, pe’ se iaozà, gli se passa na’ funi, na’ mani, e "sguazzà" quanno a pere s’attraversa l'acqua senza ponte. Ma viti si i' potéa mai accapisce tutta sta’ robba strèoza. Ma, giustu pe’ nu’ bbono trascursu, ve sete mai, dico mai, trovatu ‘n’mezo a cacche appiccicu? Dicete, dicete, dicete compà!

RUZANTE - E magari non me ce fosse trovatu! Mica pecché tenéo paura, capisceme bbono, ma pecché gli noste se facèttero accoperchià; chigli che stéono 'nanzi se ne scappèro, e i', che venéo arreto, ma pecché ero caporale, aggio dovutu fa’ la stessa cosa. Sempe come caporale, capiscemoce! Come se doveva fa’? Chigli erano paricchi, che manco gli contavi, e i' ero unu sulu. Che stéo a fa’? Na’ corsa! Aggio iutu a ittà puri chella bella spati storta, che mo’ chissà che facesse pe’ la riavé!

MENATO - Ma pecché l’ata ittata?

RUZANTE - Ma tu si propriu tosto assai!? T'aggio già dittu paricchi voti ca si tu stivi agliu postu méo certe domande mo' né facissi. Senza chigliu pisu se corréa de chiù, primo; ma assai de chiù pecché i' corréa, corréa, ma addò corréo? Mica da cacche ata parti, ma 'n'mezo agli nemici corréo; e chigli disgraziati tenéano ati spati, fatte de ati modi de chella mia. Me sariano arricunusciutu subbitu. Eppuri pecché unu disarmatu fa’ puri nu’ poco pena, e nisciunu gli da’ de mani. Hai capitu mo?

MENATO – Ecco… Ma, co’ la croce come ve sete regolatu, e’ compà?

RUZANTE - Compà, chella, la croce, da na’ parte è bianca e dall'ata è rossa. E i' 'n’ce mettéa niente a cagnà. Mica ama esse scemi. E d’allora, tutte le voti che steàmo a curtu de 'ncingà la guerra, i’ stéa sempe accussì; com'a' n'aoceglio pronto pe’ vulà. (Si pone come un uccellino che sta per spiccare il volo, sollevato su un piede solo)

MENATO - (Sghignazza) Ehh!! Ehh!! E si, mo’ aggio capitu bbono. Pensavate doce doce a che scorcaitora abbiaere pe’ scappà!

RUZANTE - Compà, tu dici che capisci, che capisci... Ma tu non capisci propitu niente. Mica pe’ scappà, manc'agli cani! Ma pe’ salvà la pelle, ch'è dovere nosto; Chigli erano sempe assai, che mancu gli contavi, e i’ ero sempe sulu.

MENATO – Va bo’, va bo’! E quanno steàte 'n’mezo a cacche appiccicu, diceteme, parlate de core, pensavate mai: "Ah, stess'alla casa mia!" Accussì, pe’ cuntu vosto, compà, dico, chiano chiano? Parlate pure, pecché, co’ me, cumpà, vui potete approfiddià ogni sfogu senza piri ‘ncopp'alla lengua.

RUZANTE - Ah! compare! Sempe se ci fussi statu tu agliu posto méo, ma mica quatto de voti, ma na’ ventina, ne fussi fatti. Ma tu che ti criti che è chigliu postu? La’ tu non ci’accunuscissi a nisciunu, e non sai d'e'ì. E viti tanta genti che va dicenno: Acciti! Acciti!! Dagli de mani! Rumpigli l'ossa!! E cannonate, scoppettate, mazzate. Frecce che te fischiono 'nanzi agliu nasu. E viti nu’ compagnu téo morto e n'atu che ti gli'accitono 'nanzi agli'occhie. E tu che scappi, scappi, e criti d'esse salvu, e te ritruvi n'ata vota 'n'mezo agli nemici. E caccherunu che era scappatu com'a' te s'acchiappa na’ scoppettata deret’alla schiena. Te lo giuro compa, è chi scappa che tène coraggiu la’ ‘n’mezo. Tu non pu’ pensà a quante voti aggio fattu gliu morto e gli cavagli m'hanno passatu 'ncoglio. E i' gli lassào passà, ca non me sarìa spostatu mancu si a passà era na’ montagna sana. A parere méo chi sà scampà dalla morte, chistu si, ch'è n'ome che vale!

MENATO - Ma che cazzarola…! E n’acchiappavate mai nu’ chiuppo o na’ cerqua, pe’ ve salva’ gliu curipizzu sagliennoce ‘mponta? o cacche sèpe, puri pe’ n’abbisogno, capisceteme bbono?

RUZANTE - No, compà. Non era na’ cosa sicura! L'unica cosa bbona era scappà. E si eri tu agliu posto méo te fussi auguratu, no na’ vota, ma cento voti, d'avè le scelle. Nu’ iorno me perdette nu’ ciociu, ma mica me so’ fermatu. 'Ncopp 'a chelle preti me sceva lo sangu dagliu pere, ma i' continuavo a scappà. Ma se 'nvece della scarpa era 'n'occhie allora… era la stessa cosa. E sì ‘ntromento scappavi te venéa la cacarella, tu facivi tutt'e' dui., come paricchi voti c’è capitatu. E si puri tu vitìi ca' gli’ati se stéono a' anneà 'n'mezo agliu fiume tu, pe’ scappà, te ce ittavi uguale. I' te dico e te ripeto che l'unica cosa bbona è scappà finacchè ce stà gliu fiatu. Te dico che non conta esse coraggiusu, là sotto, e te lo dice uno che non te paura de niente. Ma quanno la guerra è persa è persa.

MENATO – (con toni tragici) Non ve tongo torto. A chesto non ve tongo torto. (improvvisamente beffardo) Ma ricordateve quanno sete partutu pe’ gliu campu, come dicevate "ca-cà - ca-llà"; Ca ve facevate signore. Ca ve enchievate de sordi e de bbeni. Ma i' che ve dicéo?

RUZANTE - (Avvilito) So’ stato sfurtunatu. Però na’ cosa de bbono l'aggio fatta; Aggio acconosciutu gliu munnu.

MENATO – ‘Nsomma, compà, sete statu accussi lontanu!? E diceteme n’ata cosa: parlateme de chigli posti.

RUZANTE - (Rianimandosi) Lontano? Non me ne parlà, compare meo! Pe quantu so’ statu lontanu, songo arrivato fino agliu Tevere. A chigliu postu edd'è morta tutta chella genti nosta. Gli'ocche mee vedeono sulu celo e ossa de morto. Ossa de morto e celo!

MENATO - Cazzarola, site stato propitu lontano assai?! E come parlano a chigliu paese? E se capisciono? Sò ommene comme a nui? Voglio dice: so’ fatti de carne, capisceteme, come semo fatti nui? Quant’occhie tenno: tre, quatto…

RUZANTE – Dui! Che te pozzo dice, mo'?! So’ ommene com'a nui! Però peggiu. Com'a' sti zingheri che vanno vennenno la robba pe’ le strati nosti. So’ battezzati e fanno lo pane, com'a' nui. Magnono... com'a' te. E se s(sc)posono, e fanno gli figli, tale e quale a nui. S'annammorono puri... ma senza sentimènto, pecché, oramai, sta’ guerra ci gli'ha fattu scolà d'arreto.

MENATO – Bbono! E che terra ce sta’ là? E' terra bbona?

RUZANTE - E come hanna esse? E' com'a' ca'. Salici, cerqui, chiuppi, viti e tante piante de frutta.

MENATO - E diceteme, diceteme n’atu fattu ancora: ce stanno terri a bbon’mercatu a chigliu postu? Dico pe’ chi com’a nui ce vulesse i' a faticà. Capisceteme!

RUZANTE - (Deciso) Fermete loco! Senza ca’ continui, che t'aggio capisciutu bbono. Llà tu non ce stissi agliu postu téo. Stai cento voti megliu ca', da retta a me. E mo' parlamo d'atu. Ma, compà, è nu’ begliu poco che te volea ‘gnurià de chesto, e tu m'hai sempe fattu parlà d'atu.Te voglio ‘gnurià della gnua. Che ne è statu della femmena mia, che è puri commare a te?

MENATO – Sta’ bbene. Ma è diventata superba, compà! Da quanno sete partutu s’è allargata… de carattere. S’è messa prima co’ certi varzuni de stalla degliu cardinale de Afragola, e quanno so’ partuti è venuta co’ me cà a Salerno, e mo’ sta’ co’ certi ati arruvinati e delinquenti, e s’è finita de s’allargà… sempe de carattere. S’è montata de coccia, ‘nsomma. Che atu volete sape’? talmente se crete na’ femmena arrivata ca mancu chiu’ a me m'ha volutu chiù arriconosce, pecché, sapete, ine, pe’ devozionale rispettu vosto, e me la ripassào pure i’; de bbono e meglio me la ripassào. Ma sempe pe’ carnale considerazione vosta, capisceteme bbono. Parola mia, creto ca a vui, però, non v’arriconoscerà, pe' come ve sete arruinatu.

RUZANTE - N'è vero! Quanno me vede, ne sò sicuru, me farà tente de chelle festi... E po' vidi.

MENATO - Volesse gliu celo. Ma ine non ce creto.

RUZANTE - Sai come sta? Anzi, sai che è!? Jamola a trovà. (Fa per avviarsi)

MENATO - Ma compà, ca’ s'hanna vedé bbono come "iamola a trovà"! Chigli so’ ‘ngrifati. Chigli so’ disgraziati finu a dendo l’ossa.

RUZANTE - (Superiore) Pòh! E chi po esse peggiu de me? Se chigli so’ disgraziati i' lo so’ peggio de issi. (Scrolla minacciosamente la lancia, che non ha mai abbandonata da quando è entrato in scena) S'i'ncumincio a usà chesta te faccio vedé ca se capisce subbitu ca so’ statu alla guerra! Gli pisto bbone bbone e, se n'gn'abbasta, gl'infilo puri, e po' gli pisto n'ata ota! Tu n'ce pu' mai crete, ma so addiventatu accussì disgraziatu che non guardo 'nfacci a nisciunu. Mancu a te! Tanto sarìa capace de 'ngazzareme da darete de mani accussì bruttu, che quantu ci'abbuscassero gli'ati ci'abbuscassi puri tu. Tale e quale. Statt'attento compà.

MENATO – Pe’ gliu curipizzu degliu diavuru! Si arrivassimo allo bruttu non sarìa bbono a stareve a portata de mani.

RUZANTE - Finalmente hai capitu ca'ccosa. Ma mo’ n'te preoccupà, e 'ncominciamo a i'.

MENATO - Ve dico, compà, che è nu’ proggettu sbagliatu. Poca bbotta accite n'ome.

RUZANTE - E si propitu paurusu. Tu agliu posto meo te fussi accisu da sulu. Fino a quanno stai co' me, e i' tengo sta lancia 'n'mani, tu n't'hai mai preoccupà!

MENATO - Uéh, compà! Vetete! Sta’ a vinì. E' essa, de sicuru.

RUZANTE - E certo che è essa! Mo’ te faccio vedé se no'mme zompa 'n'coglio pe’ la gioia.

SCENA TERZA

Ruzante, Gnua, Menato

RUZANTE - (Grida) Ehi! Ehi!! Stongo cà! So’ propitu i'! Ma nu'mme viti? Se fosse cecata puri chesta mo?! Songo Ruzante. E so' tornatu apposta pe’ te. Tu che dicivi che non tornào cchiù.

GNUA - Ruzante!? Si propriu tu? E si ancora vivo!!? Cazzarola! Però, come stai arruvinatu, e che brutta facci. E sicuramente n'hai guadagnatu na’ lira, n’è vero(u)?

RUZANTE - Ma n'è guadagnu chesto, e pur'assai, che t'aggio portatu a mme, sanu sanu?

GNUA - Me fa’ piacere pe’ te ca stai sanu sanu. Ma a me che m'hai portatu? Na’ vesta; nu’ mantusinu, n'ammaccaturu; nu’ fazzoletta. E i' non vedo propitu niente.

RUZANTE - Ma n'è meglio che so' tornatu sanu? Che non me manca niente? Che tengo tutti gli fatti agliu postu séo?

GNUA - Gli fatti agliu postu séo?

RUZANTE - Eh!

GNUA - Ah!

RUZANTE - Eh!!

GNUA - Ah!!

RUZANTE - MENATO - Eh!!!

GNUA - Ah!!!

RUZANTE - MENATO - E!!!!

GNUA - Uehhh!!! Pe’ me tu gli pu’ tené puri da cacce ata parte ca non me ve 'n'sacca niente. Mo’ tengo da fa', e me stanno pur'aspettà!

RUZANTE - Cazzarola! Te stà propitu a prore gliu curipizzu!? Addò te n'e' ì? Aspetta nu’ poco!

GNUA - Ma c'aggia rimané, a perde tempo co' tte ca'? Lasseme perdo, no!?

RUZANTE - E' tantu lo bbene che te voglio che so' venutu apposta pe’ te, e tu te ne 'u'i' accussì? Aggio fattu tutta sta’ fatica sulu pe’ te vede'!

GNUA - M'bèh!? Mo m'hai vistu. Si aggia èsse sincéra, (sottovoce) tengo caccerunu che me campa.

RUZANTE – Come?

GNUA – (leggermente più forte) Tengo caccerunu che me campa.

RUZANTE – Ch’è dittu?

GNUA – (forte) Tengo caccerunu che me mantene. E ce mancasse sulu ca pe’ colpa tia me trovasse n'ata ota 'n'mezo a na’ strati; n'è mica na’ cosa facile trovà chi ce fa’ lo bbono, oggi!

RUZANTE - Te fa’ lo bbono!? (Senza scomporsi) Te l'aggio fattu puri i' lo bono: n't'aggio mai fattu male! Chissu, non te vossà mai bbene com'a' me.

GNUA - Ruzante méo, lo sai tu chi ce vo’ bbene? Chi 'n'ce fa’ mancà mai niente.

RUZANTE - E i', t'aggio fattu mai mancà caccosa?

GNUA - Ma quanno? Tempo fa!? E mò? Tu lo sai che 'ncoppa a sta’ terra se magna ogni iorno. Se i' magnasse na’ vota agli'annu, tu ci'avissi puri raggione; ma viti nu’ poco la sfortuna! i' magno ogni iorno, e non ne’ pozzo fa’ a meno.

RUZANTE - Però ce sta’ puri ome e ome. Gli'ome bbono e chigliu malamente. Tu creca non te lo ricurdi, ma i' so’ statu sempe nu’ bbono cristianu.

GNUA - I' me ricordo chesto e atu! Ma ce sta puri chi more de fame e chi sta’ saziu. Sinteme bbono, Ruzante méo, si i' sapesse che tu me putissi mantené - tantu a me... che me costa?! - te volesse n’ata ota bbene. Non saccio se m'hai capitu. Ma quanno penso ca tu si nu poveru arruvinatu, i' n'te pozzo vedé. Ma no a te, ma all’arruvina tia! Co’ tuttu gliu core te volesse vedé bbegliu, riccu, potente, a modu che stessemo bbono 'nsema.

RUZANTE - Saraggio puri poveru, ma so' de core.

GNUA - E i', che me ne faccio degli core téo? Si puri mi gliu potesse magnà sarìa pe’ na’ vota sola, e pò? Passamo agli pirucchi?!

RUZANTE - Tu lo sai che se i' tenesse caccosa saria tutta pe’ te, come già aggio fattu. O tu vulissi che i' esse a’arrubbà? A famm'accite?! Chesso vulissi?!

GNUA - E tu? Che i' me moresse de fame appress’a’ te?!

RUZANTE - Cazzarola, ma i' te voglio bbene! Sto’ a murì pe’ te, e tu 'n'ti mancu nu’ poco de core.

GNUA - Siii... !! Ma è chiù forte la paura de murì de fame! e chesto non te passa mancu pe’ la capu. Secondo me tu si senza nu’ poco de coscenzea. Ma non'è chiù gliu tempo de campà vennenno agliu mercatu menesta e scarola!

RUZANTE - Ma i' non pozzo chiù campà senza de te. Mancu n'atu iorno ce resisto lontanu dagliu core téo e da tuttu chello sapuritu che ti 'ncoglio.

GNUA - E gliu core méo, da quanno ha saputu che tu n'hai mantenutu niente de chello che avivi dittu, se ne iutu a fa' na’ bbella passiata.

RUZANTE - Certu ca tu 'n'ti nì fiducia e nì coraggiu. Ma te faccio vedé ca ccà n'ce mancherà niente... ienno a rubbà.

GNUA – Co’ la vocca po’ dice chello che te pare, però è la coratella che te manca, e po'… (lo guarda con disprezzo) già se vede!

RUZANTE - Damme tempo! (Lamentoso) Songo appena arrivatu!

GNUA - I' saccio che so’ quatto misi che si’ partutu.

RUZANTE - E dendo a sti misi, però, 'n'taggio datu mai nu’ poco de fastidiu.

GNUA - E me lo stai a da’ tuttu 'nsema mo': a vederete tutt'accussì arruvinatu. Che po' i', stu fastidiu, gli'aggi'autu da sempe, pecché i' lo sapéo bbono che ieva a finisce a sta' manera, che fussi tornatu morto de fame peggiu de prima.

RUZANTE - Ma è stata na’ sfurtuna!

GNUA - E ne vulissi fa’ pagà le conseguenze a me? Certu ca si senza core e senza coscenzea addavero.

RUZANTE - Ma i' n'tengo nisciuna colpa!

GNUA - Ma mancu nisciunu meritu. Eppò, che vulissi dice, che è colpa mia? Chi non risica non rosica. E a me pare che tu n'hai rischiatu mancu pe’ nu’ poco vistu che, da chello che se vede, tu 'n'ti mancu nu’ sgraffiu: Pe approfiddià...

MENATO – C’ate dittu?

GNUA – Pe’ continuà bbono gliu trascursu, unu, guardantote megliu, potesse puri dice, senza esse contraddittu da nisciunu, ca alla guerra n'ce si statu mancu pe'nniente. O che ti si statu già a curà bbono, vistu c'hai missu piri la facci da vorepe vecchiarina.

RUZANTE - Da che?

GNUA - Da furbu.

MENATO – Lo vedete compà, si è come dicéo i? Pò vui ve vantate de non tene’ la faccia sfreggiata. E non saria cento oti megliu pe’ vui? Accussì essa se potesse crete ca sete statu soldatu o eroe.

GNUA - (A Menato) Compà, non pe' cattiveria, ma specie pe' issu, i' velesse ca fosse tornatu co’ caccosa de meno: nu’ vracciu, na’ cossa, n'occhie, e puri cacc'ata cosa. Accussì unu poteva dice: "Gliu povereglio s'è sacrificatu, l'ha fattu pe' guadagnà! L'ha fattu pe'll'ammore méo." I' però me voglio fa’ capisce bbono: s'aggio 'ncingatu stu’ trascursu...

MENATO - Eh??

GNUA - Si aggio anniziatu stu’ raggionamèntu è pe’ issu, che n'ha pensatu affatt'a' me. N'è partutu dicenno che ieva pe’ se fa’ onore e pe’ tornà riccu? Addoll'è, gliu disgraziatu è tornatu chiu pirucchiusu de prima! I' mo’ non lo dico pe’ lo male séo, ma guardandugliu 'nfacci…

GNUA-MENATO – …chi cazzu ce crete ch'è iutu a combatte?

MENATO – E ve capiscio, comma’, sangu de Baccu! Ci’avete raggione, e mica poco! E 'nce l'aggio ditto puri io!? Ma puri i’ ce l’aggio dittu. Vui, giustamente, vulesseve veté nu’ signu de tuttu chello che nu’ sordatu ha fatti ‘n prima linea, nu’ soldatu ome che è statu a piglià le scoppettate pe' vui; le peroccolate pe’ vui. Che saccio: na’ scoppettata, nu’ sfreggiu, n'ammaccatura... E che è n'ammaccatura?

GNUA - Si!! Che potesse dice e fa’ vedé: "Tèh!' aggio pigliatu sta’ strefolata pe' gli'ammore téo. E sta’ squarciatura dento a stu’ fiancu l'aggio abbuscata pecchè stéo distrattu a pens'à'te!"

RUZANTE - (Scoppiando) Se pozza screffonnà la robba e chi ce tene!!

GNUA - Se pozzeno screffonnà gli meze ommene e gli bug(sc)iardi.

RUZANTE - Te l'aggio già dittu: So’ statu sfurtunatu!

GNUA - Ma de sicuru che lo si! Sfurtunatu e coccia tosta. E i', che mo' sfurtunata no'lo so’ chiù, non saccio pecchè lo dovesse esse n'ata vota pe’ colpa tia. Tu fa’ gli fatti tée e i' faccio gli mée. (Vede il suo protettore) Mama mia!! Chigliu è gli'ome méo! E mmò? Sinti, mo’ m'è lassà sta'!

RUZANTE - I' me ne’ frego de st'ome téo! E po'. chigliu, uno è e so i'! (L'afferra per il braccio e fa per trascinarla)

GNUA - (Grida) M'è lassà perde, pirucchiusu, ome fracitu, figliu de puttana.

RUZANTE - I' te stongo a dice c'hai venì co’ me. E no' me fa’ perde tempo, ca i' non so’ chiu chigliu de na’ ota. Si 'm'encazzo so’ duluri!

MENATO - Commà, iatevenne, ca’ non ve schiatta!

GNUA - (La gnua, che è riuscita a svincolarsi, corre verso il bravo che sopraggiunge, gridando)Che se esse a schiattà gli pirucchi che te 'n'capu e 'n'culu!!

SCENA QUARTA

Ruzante e il bravo

Il bravo si fa avanti, affronta Ruzante, il quale si getta a terra coprendosi il volto, e gli

somministra una scarica di bastonate. Ruzante non tenta la minima difesa.

Menato si scosta e rimane a guardare. Il bravo infierisce ancora sul caduto po,i agguanta la

gnua, che ha assistito impassibile alla scena, si allontana. Lunga pausa.

SCENA QUINTA

Ruzante e Menato

RUZANTE - (Leva appena il capo e, accortosi che il bravo e la Gnua se ne sono andati, chiede, con un filo di voce...) Compare méo... ma se ne so' iuti? O ce ne sta’ ancora caccherunu? Truminti bbono.

MENATO – No, compà, se ne so’ iuti; issu e essa. N'ce stanno chiù.

RUZANTE - Si... ma chigli'ati che fine hanno fattu?

MENATO - Qual'ate? De che state a parlà mo’? I' n’aggio vistu che chigli sulu!

RUZANTE - Ma allora tu si cecatu addavero! Erano chiù de cento, e le peroccolate che ci'aggi'abbuscatu.

MENATO – Pe’ la fressora, no, compà.

RUZANTE - Ma sine compà. E mo’ lo vu’ sapé meglio de me? (Aiutato da Menato, si rimette in piedi) Però mo' tu è dice si 'n'ce potéa esse 'nfamità peggiore: cento contro uno. Pe’ lo meno ce fosse statu nu’ cane che m'avesse aiutatu. E compà?!

MENATO - Ma pecché cazzarola mo’ volete ca i' me fosse missu n’mezo quanno poco fa’ ieate sbaneènno ca’ sete addiventatu accussì ‘ngrifatu de carni e de cer(e)vella ca si ve si gira la coccia, e me ce trovo a tiru, co’ tutto ca semo compari, le peroccolate l’assaggiasse peggiu degli’ati? pecché a chigliu puntu n’acconoscete nì parénte e nì amici?

RUZANTE - I' te l'aggio dittu certamente, ma quanno issi so' arrivati a cento ce putivi mette na’ mani puri tu.

MENATO - Parola mia, compà, era unu solu. E ine me cretèa che vui ve faceate pistà sulu pe’ gliu fa’ stancà bbono bbono, ca po’ ce pensaàte vui a schiattaregliu de perroccolate. O, che saccio, ca na’ ota accussì stancu non ce la facéa cchiù a portarese la Gnua. O pe’ cacche atu misteru degliu osto. O che saccio ancora!? Insomma, me l’avisseate doutu dicere.

RUZANTE - No, compà, i' 'n'ce pensào propitu a chesso. Aggio fattu gliu morto come quanno stéo alla guerra: accussì chigli disgraziati se levàono da 'ncoglio. "Tantu è morto!" Accussì se fa’ quanno ne so’ paricchi.

MENATO - Parola mia, compà, era unu sulu. (Lo ripete con il pubblico altre quattro volte)

RUZANTE - Ueh!!! "Era unu solu, era unu sulu!?" Ma si chesto che stai a dice fosse vero, allora ca' ce sta' cacche fattura grossa assai. E non po’ esse atu! Essa è na’ strega e le sa’ fa’ ste’ porcarie. Vit'a me, che songo sempe chiù convintu che è la chiù bbella degli munnu, quanno lo sapemo bbono che n'è vero. Tale e quale è successo mo': nu’ voscu d'aglimali 'nferociti, accussì 'nfocati a menareme che a nu’ certu puntu aggio pensatu: "Chesta è la vota bbona che ce rimano 'nchiummatu!"

MENATO - Ch'è dittu, mo’?

RUZANTE - "'Nchiummatu", compà! E si n'è na’ strega è peggiu. E se dovesse fa’ iarde lestu lestu, pe’ lo bbene degliu munnu! Era unu sulu, e' cumpà? Era unu sulu? E tu? ... E tu, disgraziatu, me lo dici sulu mo’?! Ma pecché non me l'hai dittu subbitu subbitu; agliu momèntu.

MENATO - Ma, sangu dello méo! me paréa chiaru chello che vedeàte. Ve stéo puri vicinu.

RUZANTE - Che te puzzi cecà, ma nun lu viti che i' ne contào cento? Ma mo'... mo' m'hai dice la verità. Che ne pinsi?

MENATO – De che?

RUZANTE - Voglio dice, che te ne pare?

MENATO – Ma de che?

RUZANTE - Chi l'avesse potutu sopportà tutte chelle mazzate, eh? Sulu la metà schiattaa unu gliu doppio de te.

MENATO – Pe’ gliu curipizzu degliu diàuru! compà, mazzate, state a dice? Saria schiattatu nu’ ciucciu, co’ tutte chelle peroccolate; ma vui no!? Ine non vedéo che celo e mazzate. Anzi chiu’ mazzati che celo. Ma, chiuttostu, non ve fanno male? Come fate a esse ancora vivu?

RUZANTE - E che t'aggia dice compà?! Oramai ce so' abbituatu. Ci'aggio fattu gliu cagliu. I' non sento chiù niente, Mancu m'avessero chinu de carezze. Anzi si' erano femmene mo’ me'll'arricordasse bbono. Na’ cosa, però, me fa’ male addavero e paricchiu: è che nisciunu figliu de bbona femmena m'ha dittu che ne era unu sulu. Che si cacche figliu de zoccola me l'avesse dittu, che ne era unu sulu, a chest'ora gli'avesse giocatu nu’ tiru, ma nu’ tiru, ma nu’ tiru.... che si'gli'arricordassero pe’ tutta la vita: a issu e a essa. Gli'avesse attaccati bbone bbone, e po'... Hai capitu, compà? (Ride) Sai le risate?! (ora è serio) Ma i' quasi quasi lo facesse a te, E si, compà, ... Tu me lo dici sulu mo'. Prima me lo duii dice. (ride di nuovo) Le risate che ce fossemo fatti tutti e dui! Ma i', mo', non voglio approfiddià che avesse menatu a issu; nooo. Pe’ non fa’ dispiacere a essa non l'avesse fattu mancu nu’ poco; pecchè i' gli voglio troppu bbene a essa. Ma le risate se sariano sprecate. (Ridendo forzato, va a sedersi sopra uno scalino)

MENATO – Pe’ la fressora! Mo’ ve la ritete puri, oi compà?! E pare che sia stato tutta na’ pazzaria, o che sia statu com’a’ nu’ tiatru. O che addirittura sete statu a nu’ banchetta de nozze.

RUZANTE - (Ride in tono sempre più alto e forzato) E che te pozzo dice, cumpà!? Che me ne 'mporta a me! Se gli avesse potuti attaccà ce fossemo fatti nu’ sacco de risate, ma vistu che, pe’ colpa tia, chesto n'è pututu esse, le risate me le faccio sulu i', che saccio bbono come saria pututu esse.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno