San Giuvanni Decullatu

Stampa questo copione

San Giuvanni Decullatu

San Giuvanni Decullatu

Scene giocose in tre Atti

di

NINO MARTOGLIO

Adattamento al dialetto Messinese di Nino Prisa & Umberto Costa

PERSONAGGI

Mastro Agostino, calzolaio

La Gna Lona, sua moglie

Serafina, sua figlia

}

 
Don Ciccino, studente

suoi nonni

 
Massaru Caloriu  

Massara Prudenzia

Orazio Funcidda, lampionaio

}

 
La Za Petra, faccendiera

Mara

donne del vicinato

 
Concetta

Zenna

Aita

Il Sindaco

Il Segretario Comunale

Peppi l’obbu

Maruzza

Mastro Orazio, calzolaio

Prazzitu, capo banda

ATTO PRIMO

Un pubblico cortile di forma quadrata, senza uscita, al quale si accede da un vicolo sulla destra, in fondo. In fondo, pianterreno, con portoncino in centro, più la porta di casa povera, a sinistra, e un balconcino con soggetta, praticabile, a destra, elevato poco meno di un metro dal suolo. Tra la porta della casa povera ed il balconcino, fanale a braccio. Fra il balconcino ed il portoncino, all’altezza di più di due metri dal suolo, un’icona di San Giovanni Decollato, a oleografia, ornata di rami di cipresso, ramoscelli di olivo e di palma, fiori di carta ed ostie colorate. A sinistra della porta una gabbia, con un merlo, e per terra, sotto il fanale, deschetto da calzolaio, coi relativi ferri e oggetti del mestiere, uno scanno e una vecchia sedia, ingombra di forme e di scarpe vecchie, nonché di un’unghia di bove con colla d’amido. A destra della scena, pianterreno con case povere e tra le porte di queste una cordicella con panni stesi. Fra il pianterreno ed il fondale, il vicolo di accesso al cortile. A sinistra della scena, altro pianterreno con due case povere, e tra le porte di queste una fontana. Tanto sul portoncino, che sulle porte, numeri civici.

La scena si svolge in una grande città siciliana, epoca 1900/1910. estate all’imbrunire.

SCENA PRIMA

Mastro Agostino:      (Su una scala a pioli, accanto all’icona e all’altezza di essa, dopo avere aggiustato i fiori, prende dalla nicchia un bicchiere per metà colmo d’acqua, sulla quale galleggia un lumicino, e l’osserva da tutti i lati mormorando) Vigliacchi! (Poscia chiama)  Lona!...

Serafina:                    (Affacciandosi dalla porta di fondo) Chi vuliti, papà? (Getta uno sguardo sul balconcino, dal quale si affaccia, come per incanto, Don Ciccino, e si scambiano un sorriso)

Mastro Agostino:      (Che non si accorge di Don Ciccino) Comu ti chiami tu?

Serafina:                    Picchì?

Mastro Agostino:      Tonnu e repricu, comu ti chiami tu?

Serafina:                    Serafina… ma picchì no sapiti vui?

Mastro Agostino:      Oh!... ti chiami Serafina, iò inveci haiu interrogato Lona, dunque, è chiaru e manifestu chi non vogghiu a ttia, ma voglio a tua matri!...

Serafina:                    (Scambiando un altro sorrisetto con Don Ciccino) U sapiti chi è… non po’ veniri, a mamma, e mannau a mia…

Mastro Agostino:      E si dici ridennu?... Sintemu, picchì non po veniri to matri?...

Serafina:                    Avi cuffari, vi dissi!...

Mastro Agostino:      Chi sunnu affari di alta banca? Ci devi diri a to matri, che il suo consorti e patroni l’aspetta, e quannu il suo patroni la chiama ava lassari macari piccioli a cantari, e si presenta, ma s’annunca ci scippu menzu tuppu! Avanti mash!

Serafina:                    (Gettando un’ultima occhiatina dolce a Don Ciccino) Comu vuliti vui. (Rientra)

SCENA SECONDA

Don Ciccino:             (Quando Mastro Agostino, volgendosi da quel lato, lo scorge) Bona sira mastru Austinu, chi si dici?

Mastro Agostino:      Bona sira a lei, caru signori… chi s’ava a diri?... Cummattemu cu sti donni cretini, che non comprendono una sibbala!... Biniditti ddi paisi du continenti: in Piamonti, mittemu, in Bustu Arsizio, in Minezia, dovi capiscino puru a musca chi vola!... Ah si potrebbe tunnari vint’anni arretu, mi restirebbi suddatu, basta di non scummattiri cu questa categoria d’animali sebbaggi, botta di vilenu!...

Don Ciccino:             Eh, caro mastru Austinu, tuttu u munnu è paisi! Macari ddà ci sunnu i cretini!...

Mastro Agostino:      Cettu, cettu, ma no di sta speci, munnu nfamiu, chisti non capisciunu un’occipite!...

Lona:                         Chi fu, chi ti pigghiaru?... Ccà sugnu! E smuoviti, chi staiu facennu a minestra e non pozzu peddiri tempu…

Mastro Agostino:      (Ancora a Don Ciccino) Vidi!... u stati vidennu, comu si votunu, st’animali i gebbia, col marito? Sunnu peggio di scecchi  pantellereschi. (A Lona) Dicitimi na cosa, signora: ci lo aviti misu, stamatinu, l’ogghiu, nta sta lampa?...

Lona:                         Cettu chi ciù misi!... ci nni misi tri soddi… cchiù i menzu quattu…

Mastro Agostino:      E a c’ura ddumastu?

Lona:                         Taddu… putiunu essiri i deci.

Mastro Agostino:      (Riguardando il bicchiere con la sola acqua e il lumicino) Vaddati ccà, sciuttu comu l’ossu!... Iò ha dari quacchi esempi unta stu cuttigghiu, ccà si l’hannu ricuddari ppi omnia secula seculorum!

Serafina:                    (Uscendo di nuovo) Chi succidiu, papà?

Mastro Agostino:      Nenti!...ntrasi intra, tu!...

Serafina:                    (Con gli occhi su Don Ciccino) Ma piccì mi mannati? Chi mali fazzu, ccà?

Mastro Agostino:      (Imperioso) Senza rubrica!... Intra!

Lona:                         Cammina, figghia, chi a to patri ci pigghiaru... (Mastro Agostino guardandola minaccioso, Lona e Serafina rientrano)

Don Ciccino:             Vi salutu, mastru Austinu, iò ha studiari… (Non ottenendo risposta rientra e chiude le imposte del balcone)

SCENA TERZA

Mastro Agostino:      Iò ora vurria cunusciri stu mascazzoni!... (Senza scendere dalla scaletta, sempre più forte, per farsi udire da tutti) Ma iò u dissi e u fazzu! Devo dari l’esempiu, nta stu cottili, chi si l’hannu a ricuddari finu a chi campanu!... Farabutti!... Genti senza cuscenza e senza religioni!... Masculi e fimmini!... Ogni ionnu, signori mei! Ogni ionnu, nto filu i menzionni, mentri che un professionista si fa una pennichella, pi ripusassi l’ossa dei membri stanchi, veni un devotu, o quacchi devota, con fassu ngannu, si asciuga l’ogghiu da lampa!... Mascazzoni!... O santu, signori mei, a un santu miraculusu, chi non ci nne unu stissu nta tutta a Sicilia!...  Si robba a un santu!... U ionnu da so vigilia!... Farabutti!... E figuramuni chi ci ponnu farri all’omini?!... M iò, però, ci vogghiu diri a sti vicineddi cari, ci staiu cunzannu un peddu piatti i pisci!... e comu dici u provebbiu: «Parrimi soggira ntennimi nora»… (Rincarando la dose, gridando sempre più) Parru in generali!... Parru cu tutti chiddi chi hannu ricchi pi sentiri… e fannu u sceccu nto linzolu!...

SCENA QUARTA

Mastro Agostino:      (Quattro donne si affacciano simultaneamente, dalle quattro porte, e si fermano ad ascoltare, sulle soglie) Bona sira a questo nobili vicinatu!

Concetta:                   Chi succidiu, mastru Austinu, cu cu l’aviti?

Zenna:                       Chi vi pigghiaru?

Mara:                         A cu è chi ci faciti sti bbuci?

Aita:                           Chi vi ficiru?

Mastro Agostino:      Nenti, cari e carissimi e nobili signore!... Stavu parranno, fra me e me! E parrava in generali!... E dicia chi na vota, signori, c’era un tuccu, di chiddi ca facci nira, chi ci piacia u pani cu l’ogghiu, e siccome era scassu di pacunio, chi facia? C’era na cona da Madonna, cu na bedda lampa sempri china, il tucco si zittiva dda davanti, e facennu finta i primari, tagghiava u pani a feddi, e bagnannulu nta l’ogghiu da lampa dicia: «Bagnari pani, Madonna, aum, aum! Bagnari pani, Madonna, aum, aum!»… e bagnannu, bagnannu si sculava tuttu l’ogghiu!... Sissignori!... E stu fattu succidia tutti i ionna!... Na matina, però, il proprietariu da cona, cu pemmessu da Madonna, intra all’ogghiu da lampa ci misi il pipespezze macinatu; vinni u tuccu: «Bagna pani, Madonna, bagna pani, Madonna!»… u mussu ci divintau comu o culu da scimmia da villa Mazzini! (Fa il gesto relativo) Ora, nta stu cuttigghiu, è cettu chi c’è quacchi tuccu o quacchi tucca chi ci leva l’ogghiu a San Giuvanni Decullatu, e iò, col consenso di lui, ci metto il pipespezze, e dumani (con intenzione) quacchi tuccu o quacchi tucca brisci col musso comu na funcia cappidina, o comu una fico bifera!...

Concetta:                   No, mastr’Austinu, vi sbagghiati!...Ccà, pi sapillu, tucchi non ci n’è, semu tutti battiati!...

Mastro Agostino:      (Posando il bicchiere) Brava!... Escusazio non pipita a cù saziu manifestu! Visti e consideratu chi va stati sintennu, voli diri chi aviti a cuda i pagghia, ossia cabbuni bagnatu.

Concetta:                   A pipita nta vostra lingua, chi parrati quantu na pittegula (Gli si avvicina minacciosa)

Aita:                           E a cuda l’avi vui, chi siti n’animali i boscu! (S’avvicina minacciosa)

Mastro Agostino:      (Scendendo due scalini) Si non fustu vui dui, voli diri chi furunu idda, e idda, (Indicando le altre due) di ccà non si scappa.

Zenna:                        Ou, cu cu stati parranno? (Gli si avvicina con un ferro da stiro in mano) Lofriu e trageddiaturi, scaiqquatibbi a bucca quannu parrati i mia!...

Mastro Agostino:      (Scendendo altri due scalini) A mmia traggediaturi?

Mara:                         (Avvicinandoglisi minacciosa anch’essa) A vui si, a vui, e vi dissi puru picca!... Ch’è beddu, ni cuntava u fattu du tuccu!... Viditi mi buscati na gran manciati i bastonati!...

Mastro Agostino:      (Scendendo del tutto e afferrando la scala, la fa girare in aria, minacciando di colpire con essa) Ou!... Fimmini du diavulu!... Non v’avvicinati, chi mali finisci oggi!... (Le quattro donne, vociando e imprecando – a soggetto – rientrano nelle proprie case, mentre vengono fuori Lona e Serafina e Don Ciccino si riaffaccia al balcone)

SCENA QUINTA

Lona:                         Chi fu? Chi sunnu sti bbuci?... Ma sempri questioni cu tutti a fari? Ma lassiri peddiri a genti!...

Mastro Agostino:      Ou, beddu spicchiu d’agghiu, ntrasitinni ma s’annunca cu ttia sfogu!... (La minaccia con una forma)

Serafina:                    (Frapponendosi) Ah!... Papà, chi stati facennu?

Mastro Agostino:      Passa intra, pittegula nica!

Don Ciccino:             Mastr’Austinu, a finitila, ora!... Cammatibbi!... Sempri fimmini sunnu!...

Mastro Agostino:      Si, ma hannu a lingua longa, … e iò c’ha tagghiu… a tutti di dui!... (Le quattro donne del cortile richiudono violentemente le porte delle loro case, lasciando ciascuna dietro di esse, appoggiate allo stipite, una scopa vecchia)

Don Ciccino:             (Vedendo ciò, ride apertamente) Ah, ah, ah!...

Mastro Agostino:      (Livido dalla bile, notando l’insulto di quella collettività, a don Ciccino) Ah!, lei, cu na cosa di chisti ci trova i ridiri?... Mi fannu un simile ottraggiu e lei a pigghia a ridiri, ah?... Ma u sapi chi chistu è cosa di omicidi, e si cuminciu a sparari cu repobbiri, pistola e scupetta, pi menz’ura, a fini nesciu in libbettà provvisoria! (Facendosi avanti nel bel mezzo del cortile, nasconde una forma dietro, guarda, minaccioso, ora l’una ora l’altra porta con la scopa a sentinella) Con questi utensili chi spineti fora, pulizziatibbi le vostri sporchezzi individuali! Genti vili e miserabbili!...

Lona:                         Ma non ti n’accoggi di quantu si ridiculu, ah?... Divintasti a favula e u spassu di tuttu u quatteri!... Ma no vidi chi divintasti un puddicinedda, un pillanchellu… (Corre dentro perché minacciata)

Mastro Agostino:      (Lanciandole la forma, che non la colpisce) Eh, ciaula malefica, e disonesta!... A manu mei voi finiri, è veru?...

Serafina:                    (Frapponendosi) Papà!... Ma picchì siti così?...

Mastro Agostino:      (Minaccioso) Tu passa intra, tonnu e reprico, intra!... (Ed alza la mano come per picchiarla, Serafina si copre il viso, mentre Lona rientra e si pone sull’uscio)

Don Ciccino:             No! No mastr’Austini, no!... Chi c’entra?...

Mastro Agostino:      È mia figlia, caro signore, e ci devo inziganri il rispetto e la ducazzioni!...

Don Ciccino:             Si, ma no a coppa!... Vui siti n’omu civili!...

Lona:                         Civili? Civili comu e scecchi…

Mastro Agostino:      (Raccogliendo la forma vorrebbe rilanciarla, ma Lona è già rientrata. Ripone la forma e torcendosi le mani) Si pessuadi, caru don Ciccinu?... Si sta capacitannu lei?... e poi dici chi un lavoratori onestu, un professionista, non ava peddiri a libbettà!... Ah, San Giuvanni Decullatu! (Guarda l’icona)

Don Ciccino:             (Dopo aver fatto segno a Serafina che si ritira e averla salutata con una strizzatine d’occhio) E bbonu, mastr’Austinu, cu avi a codda cchiù longa ntacca u poccu… cammatibbi! Iò mi nni trasu, bona sira. (Rientra)

Mastro Agostino:      (Con tono irritato sempre più) Iò cammu sugnu!... Cammu sugnu!... Sugnu cammissimu, egregio signori!... Bona sira. (Alla figlia) Pigghia a stagnata cu l’ogghiu, fozza prestu, spicciti, moviti!... 

Serafina:                    (Rientra) Subbutu!...

SCENA SESTA

Mastro Agostino:      (Rimonta sulla scaletta e, parlando all’immagine) Si siti un santu pi daveru, e non stati ddocu pi compassa, San Giuvannuzzu beddu, ddu miraculu mi l’aviti a fari!...

Orazio:                       (Venendo dal vicolo, con l’asta col moccolo acceso) Bona sira, mast’Austinu. Comu stati?

Mastro Agostino:      Oh… caru mastru Raziu!... Beh, non c’è mali, e vui?

Orazio:                       Na biddizza!...  Chi dici u santu? Ni fici cchiù miraculi?

Mastro Agostino:      Ma, chi faciti, ci schizzati?... Tantu pi sapillu, stu mossiceddu di cosa ccà chi pari chi non sebbi, fa miraculi chi mancu i megghiu santi chi ci sunnu intra a San Petru di Roma!... V’aviti a figurari chi venunu genti, mi si raccumannunu a chistu di dda du strittu!...

Orazio:                       (Accendendo il fanale) Comu no, ci cridu! …Anzi mi pari chi n’haiu sintutu parrai…

Mastro Agostino:      Ah!... Su cosi i non cridiri!… A ddocu, u viditi?... Un sulu miraculu ancora non mi vosi fari, è chiddu mi ci fa cadiri a lingua a me mugghieri!...  Ma iò u preiu sempri, tempu passa, ma prima o poi mu fa stu miraculu.

Orazio:                       (Indugiandosi e guardando alla porta e nell’interno della casa di Mastro Agostino) Ma… chi ci fu sciarpa?... E bonu faciti paci ora!... A chiamu iò, a cummari Lona?

Mastro Agostino:      Eh, eh, eh!... No bella gioia!... U sapiti chi dici u provebbiu anticu? Tra moglie e marito non ci mettiri mancu u iritu mignulu. Facitibbi l’affari vostri!

Orazio:                       (Tutto giulivo, vedendo uscire Serafina) Aviti raggiuni, scusati!... Bona sira, donna Serafinedda, comu stati?

Serafina:                    (Indifferente, porgendo una latta con l’olio al padre) Bona, grazzi. Tiniti ccà, papà.

Mastro Agostino:      (Versa l’olio nella lampada e l’accende, segnandosi. A Serafina e Orazio) Diciticci n’avi maria e un patri nostru, così vi pruteggi.

Serafina e Orazio:    (Si segnano anch’essi e recitano, a fior di labbra, le preci suddette)

Mastro Agostino:      (Scende, riconsegna alla figlia la latta e le dà pure la scaletta) Te ccà, pottili intra.

Serafina:                    (Andando, ad Orazio) Bona sira.

Orazio:                       Bona notti.

Mastro Agostino:      (Prima che la figlia scompaia, mettendosi a sedere) Ah!... E ora chi vinni l’illuminazioni, ni mittemu a travagghiari!...

Serafina:                    (Fermandosi sulla soglia) E quannu manciati?

Mastro Agostino:      (Secco) Non mancia!

Serafina:                    E picchì?

Mastro Agostino:      A lingua!... (La guarda bieco) E senza reprica!...

Orazio:                       Ma picchì a trattati così, a vostra figghia, nuccecnti?... Idda tantu primurusa!...

Mastro Agostino:      Amico… allura chistu è viziu c’aviti!... Vi dicu n’autru provebbiu, e ricuddativillu: tra patri e figghia, non ci mettiri manigghia!...

Orazio:                       Scusati!... Mi nni vaiu… bona sira.

Mastro Agostino:      Bona sira. (Serafina, che è tornata con un piccolo lume a petrolio,  con paralume di carta verde, e lo mette sul deschetto) Cala stu miccia, chi fa fumu, e poi macciamu pi ghintra!

Orazio:                       Di novu, bona sira, donna Serafinedda.

Serafina:                    (Abbassa la fiamma del lume e non risponde)

Orazio:                       Di novu, tanta saluti…

Mastro Agostino:      Bona sira, bona sira, mastru Raziu… U dicistu setti voti.

Orazio:                       (Va via)

SCENA SETTIMA

Mastro Agostino:      (Rimasto solo, si alza, va presso la gabbia, desta, col fischio il merlo -  che era appollaiato e che si mette a fischiare anch’esso – poi torna a sedere e lavorando canta, prima a mezza voce, poi man mano, a voce alta)

La Donna è nobili – comi piuma nto ventu

U mutuu d’agrigentu – Stava in pensier…

È sempri u misiru – chi spaddi o muru,

Iddu s’incazzau – e li caddò!

Don Ciccino:             (Affacciandosi alla loggetta) Mastr’Austinu!...

Mastro Agostino:      (Volgendosi verso di lui) Comandate!...

Don Ciccino:             Mu faciti un fauri?

Mastro Agostino:      Se è cosa in mia facottà…

Don Ciccino:             È in vostra facottà…

Mastro Agostino:      Allura parrassi…

Don Ciccino:             Non sia pi cumannu, ma mu faciti u piaceri di non cantari?

Mastro Agostino:      Picchì, stonu fossi?

Don Ciccino:             No, cantati comu un caddiddu, e mi staria ccà mi vi sentu finu a dumani, ma iò sfuttunatamenti a studiari, assai…

Mastro Agostino:      Ah!... Menza parola!... Lei sarà sevvito…

Don Ciccino:             Favorito, grazie. (Rientra)

Zenna:                        (Dalla sua porta a sinistra, stirando canta)

Ciuri ciuri – ciuri di tuttu l’annu

L’amuri ca -  mi dasti ti lu tornu

Don Ciccino:              (Riaffacciandosi) Trenta e unu trent’unu! N’autra attista di cantu c’è ccà!... (Forte) Donna Zenna! Oh Donna Zenna!

Zenna:                       (Affacciandosi alla porta con ferro da stiro in mano) Cu è chi mi chiama?

Don Ciccino:             Ma’viti a scusari si vi distubbu, ma… mu faciti u favori i non cantari? Picchì, siccome staiu studiannu, sintennuvi cantari mi distraiu!... Vi ringrazziu tantu tantu!

Zenna:                        Sapiti chiddu chi è? Siccome staiu stirannu, pu troppu cauddu mi mettu a cantari…

Don Ciccino:             E bbonu, donna Zenna, vi mannu na balla di ghiacciu, basta chi non cantati…

Zenna:                        E chi c’entra! Non c’è bisognu, cu mia basta menza parola! U ghiacciu mannaticcillu a chiddi chi ci nchianunu i baschi… (Accenno a Mastro Agostino) …a chiddi chi hannu u cauddu intra… a chiddi chi parunu l’etna, chi da un momentu all’autru parunu chi scoppiunu… non v’innincaricati, non catu cchiù. Cuntentu?

Don Ciccino:             Vi ringraziu assai assai… (Mentre sta per ritirarsi, il merlo fischia un’arietta) Bbonu và! Puru u merru! Sulu iddu ci mancava, così completami l’opera!... Mastr’Austini, ma chi è puru i notti canta?

Mastro Agostino:      (Ridendo) Sapiti chi è?... Vidi lustru e ci pari chi è ionnu. Ora u fazzu stari mutu. (S’avvia verso la gabbia) Beh, lisciandrinu!... Stattiti mutu, chi notti è! U senti o papà?... Fozza cucchiti! Capisti?... Ah!?... (Il Merlo fischia la ritirata. Mastro Agostino rifacendolo) Ecco. (A don Ciccino) Sunau a ritirata, segnu chi capiu. Lei stassi tranquillu chi non frisca cchiù, è andato a letto!

Don Ciccino:             Speriamo! Tanti grazzi! (Rientra)

Mastro Agostino:      I nenti, i nenti.

SCENA OTTAVA

 

Za Petra:                   (Venendo dal vicolo) Salutami mast’Austinu, comu stati?

Mastro Agostino:      Oha carissima Za Petra!... Non c’è mali… a vui non c’è bisognu mu vu dumannu… sittatibbi!

Za Petra:                    (Sedendo accanto al deschetto) Chi beddu friscu chi c’è ccà!... Unni mia si mori i cauddu!...

Mastro Agostino:      Eh, cara mia!... Iò haiu u ventilatori, di sta vinedda, ntrasi un venticeddu così finu e gentili, chi mi ricriu tutto. Ma comu dici u provebbiu «oggi m’asciala, dumani mi mmazza» eh, si prima chi finisci st’estati, non mi pigghiu na pummuniti, pozzu ringraziari u signuruzzu!...  Allura, Za Petra chi c’è? M’aviti a diri quacchi cosa?

Za Petra:                   Senza fari tanti cerimoni, mastr’Austino… vi puttai un beddu pattitu.

Mastro Agostino:      Di destra o di sinistra?

Za Petra:                   Si vabbeni!... Pattitu i matrimoniu.

Mastro Agostino:      E chi è? No sapiti chi sugnu maritatu? Faciti moriri a me mugghieri e ni parramu.

Za Petra:                   Vaddati stu vecchiu smoffiusu!... E vu puttava a vui stu matrimoniu?

Mastro Agostino:      E allura pi cui?

Za Petra:                   Pi vostra figghia Serafina!...

Mastro Agostino:      Ah, pi me figghia? E cu è stu pacciu?

Za Petra:                   Pacciu?... È un figghiolu d’oru, e vui u cunusciti… Oraziu u lampiunaru.

Mastro Agostino:      Ah!... Ora ora ccà era…

Za Petra:                   Sissignori, mu dissi.

Mastro Agostino:      E dicu, picchì non si spiegava iddu stissu?

Za Petra:                    Picchì si veggogna! Si sapiti quant’è delicatu… na palumma!... Un gigghiu!... Vaddati non putiti truvari di megghiu. Busca du liri e menzu, o ionnu, comu lampiunaru; a matina travagghia comu scappiddinu, e busca n’autri du liri e menzu, così nta na innata potta a casa cincu liri… onestu è, affezzionatu puru, rispittusu sempri, un beddu figghiu macari…

Mastro Agostino:      Sissignori … fatta è…

Za Petra:                   Accunsintiti?

Mastro Agostino:      Acconsento… Ma… tantu mi nni capemu… u figghiolu u sapi chi me figghia non avi doti?

Za Petra:                   U sapi, u sapi, ma non ci nni frega nenti!

Mastro Agostino:      Capemuni bboni, non avi nenti, completamenti, vah, e no pi modu di diri!

Za Petra:                   Tonnu e repricu, non ci nni frega nenti!

Mastro Agostino:      Allura si è così, è fatta!

Za Petra:                   Benissimo! Sintemu ora chi dici a matri. (Si alza)

Mastro Agostino:      Dovi va lei?

Za Petra:                   Unni vostra mugghieri!

Mastro Agostino:      Picchì?... Pi quali cagioni?

Za Petra:                   Pi sentiri chi dici idda! (S’avvia)

Mastro Agostino:      Alto là, fimmatibbi!... Cu è il capo della casa Miciacio? Parrati!

Za Petra:                   Siti vui!

Mastro Agostino:      Iò, cui?

Za Petra:                   Mastro Agostino Miciacio.

Mastro Agostino:      Oh, benissimo! E chi cosa vi ha risposto, questo signore mastro Agostino Miciacio?

Za Petra:                   Chi è cuntentu, e chi è fatta.

Mastro Agostino:      Allura?... non c’è bisognu di autri consensi. Il provebbiu anticu dici: «Dissi u puddicinu nta nassa, unni maggiori c’è, minuri cessa»

Za Petra:                    Allura mi stati dicennu chi pozzu annari tranquilla unni u figghiolu e dirici chi è tutto a postu?

Mastro Agostino:      Ma cettamenti, si capisci.

Za Petra:                   Allura vaiu, chi ddu criaturi, mi sta spittannu comu un cani chi spetta l’ossu.

Mastro Agostino:      Ci putiti diri chi si po prensentari, picchì è già fidanzatu. Cc’u na cosa, però, chi si spiccia prestu prestu!...

Za Petra:                    Pi quantu riguadda chistu, avi cchiù premura iddu chi vui. U tempu chi facemu i pubblicazioni e sunnu maritu e mugghieri. Vi salutu mast’Austinu. (S’avvia)

Mastro Agostino:      Sintiti na cosa, zaPetra… vistu e consideratu chi u figghiolu è tantu entusiasmatu, viditi si u putiti cunvinciri mi si potta macari a me mugghieri, quantu ma leu da menzu i pedi!... Si ci rinisciti, vi regalu un paru i stivaletti di peddi di cani chi v’hanna durari.

Za Petra:                    U viditi?... Sbagghiastu, mastr’Austinu!... Ma picchì, iò chi sugnu fimmina chi fazzu i cosi p’interessi?...

Mastro Agostino:      Oh! Iò non parrava per offendere la vostra in suscettibilità!... Dicidicillu, za Petra, dicidicillu, così rifriscati n’anima di puggatoriu!...

Za Petra:                    Sempri schizzusu, mastr’Austinu, sempri! (Ridendo) Lassati fari a mia, chi è facili chi si cummina! (Via)

Mastro Agostino:      M’u signori vi na renni.

SCENA NONA

Mastro Agostino:      (Si frega le mani per la soddisfazione, poscia, riprendendo il lavoro, dimentico della promessa fatta a don Ciccino, canta)

Cresce e matura il grano

Cresce la gioventù

Ecc… Ecc…

Don Ciccino:             (Riapre il balcone e si riaffaccia alla soggetta) Mastr’Austinu!

Mastro Agostino:      Cumannati?

Don Ciccino:             E comu finiu?... Chi è vu scuddastu?

Mastro Agostino:      Ah!... Veru!... Sicuru!... Non ha cantari!... Scusassi, mi l’avia sdimenticatu. Lei si antroducessi per donna nou, chi non cantu.

Don Ciccino:             Sapiti chi è? Mi staiu priparannu pi l’esami i laurea, e sintennu cantari , peddu a testa…

Mastro Agostino:      Capia, signori, tonnu reprico, lei si antroducessi chi non cantu cchiù.

Don Ciccino:             Grazzi tantu. (Rientra)

Mastro Agostino:      Non c’è di che, ci chiedo scuse per la mia sdimentichezza.

SCENA DECIMA

Lona:                         (Con lo scialle in testa, andando verso il vicolo) Quannu vuliti mangiari, cc’è vostra figghia chi vi sebbi.

Serafina:                    Taddati assai, mamma?

Lona:                         No sacciu. Si non mi ricogghiu, non ti pigghiari i pena e non stari in pinzeru, sugnu unni me frati!

Serafina:                    Comu? Non vi rigugghiti? Chi voli diri sta cosa?...

Lona:                         Voli diri, chi cu sta testa gluriusa e strampalata i to patri non ci pozzu scummattiri cchiù!...

Mastro Agostino:      Ou!... Misurami i temmini!...

Serafina:                    Cu vui mi nni vegnu!...

Mastro Agostino:      Femmiti ddocu, tu; lassila iri, così svaria na picca! (A Lona) Andate pure, acqua davanti e ventu d’arretu e sapuni sutta di pedi!

Lona:                         Raggiuni hai!... non mu putia rumpuri i catinazzi du coddu ddu ionnu chi ncuntrai a ttia?

Mastro Agostino:      Bonu, non ti bagnari tutta, chi picca n’hai!... N’autri chinnici ionna e si cu to iennuru, così mi lassi in paci!... (Ironico)

Lona:                         Chi dicisti?... Quali iennuru? (Irata)

Mastro Agostino:      Ma cettu! Nostra figlia è compromessa.

Serafina:                    Ma chi siti pacciu?

Mastro Agostino:      Ou, comu ti pemmetti di diri pacciu a to patri? Pettecula.

Lona:                         E cu è ca cumprumittiu? E cu cu è cumprumittuta?

Mastro Agostino:      U fici iò e basta! Antura desi a me palora a Orazio Scavunettu dittu Funcidda u lampiunaru, e tempu chinnici ionna ogni cosa è fatta…

Lona:                         Cui? Chi? Quannu? Cu è cu dissi?... Prima hav’a parrari cu mmia, stu cristianu!...

Mastro Agostino:      Ha parlato con meco e basta, sono il babbo!...

Lona:                         E iò sugnu a babba… e senza u me cunsensu…

Serafina:                    (Piangendo) Già!... Sciarriatibbi ccu cu hav’a parrai!... Comu si iò fussi na pupa i pezza! Mi pigghiava u lampiunaru, ora si!...

Mastro Agostino:      Muta cuttigghiara!... ma chi vulivi, un presidenti di Gran Cotti, un segretariu comunali, na guaddia daziaria?... Malidittu ddu ionnu chi ti mannai a scola, ti incheru a testa di chiacchiri!...

Lona:                         Si a me figghia non ci piaci, non avi l’obbligu mi su pigghia!...

Mastro Agostino:      (Afferrando una forma e minacciando la moglie) Ou, vidi chi ti fazzu ricuddari a vigilia di San Giuvanni, u sai!... Ommai desi a me parola, e iò non pozzu mancari a me parola!

Serafina:                    (Piangendo) No, non mu pigghiu mancu si m’ammazzunu!... Pigghiatibbillu vui a ddu cannaluvari!...

Mastro Agostino:      Chi dicisti?... Chi sinteru i me ricchi?... Mu pigghiu iò?... A to patri ci rispunti così?... (Minacciandola) Ou! Passa pi intra, caiorda nica!... Ma s’annunca ti massaggiu a schina cu sta fumma i scappa, u capisti?

Lona:                         Lassila stari a picciridda!...

Mastro Agostino:      (Sarcastico, guardando Serafina) A picciridda!... Damucci a bambula, quantu gioca!... Intra ti dissi!... Marsh!

Lona:                          (A Serafina) Bbonu, ntrasitinni e non cianciai, chi dumani ni parramu…

Serafina:                    (Rientrando) Mi voli fari moriri!... Mancu si non saria sangu soi!... Beddu patri chi haiu!... Mi dugna u lampiunaru!... Megghiu chiusa nto cunventu, chi vidimi a chiddu, no!

Mastro Agostino:      Ou, picciridda!... Stai attenta, sai?!...

Lona:                         Qunatu si indegnu, malanova chi mmi hai… (Vedendosi minacciata scappa pel vicolo, gridandogli) Boia! Boia!...

Mastro Agostino:      (Lanciandole la forma) Ah! Mavara e strega! Si ti firrava!...

SCENA UNDICESIMA

Mastro Agostino:      Vi ndrizzu iò i iammi, si l’aviti stotti!... Vigliacca, disonesta! (Raccoglie la forma, va a sedere, ricominciando il lavoro, dimentico, al solito, della promessa, riprende a cantare)

Si avissi na menza sciabbula,

Oppure na carabina,

Farebbi na ruvina,

Farebbi un non sol què!

Si avissi, na menza sciaaaaabbula, ecc… ecc…

Don Ciccino:             (Riaprendo e riaffacciandosi, come prima) N’autra vota?... Ma comu vi l’haiu a diri?

Mastro Agostino:      Ah! Mi ascusassi, signori, mi zittisciu subbutu! Ci chiedo scusi donna nou, stavolta non cantu cchiù! Garantitu!...

Don Ciccino:             Speriamo chi non vu scudati!... (Rientra)

SCENA DODICESIMA

Orazio:                       (Dal vicolo) C’è pemmessu?...

Mastro Agostino:      Cu è?... Pi ntrasiri nt’o cuttigghiu dumannati pemmessu? Il cortiglio è pubblico, avanti!...

Orazio:                       (Timidamente) Mastr’Austinu… (Si avvicina)

Mastro Agostino:      Ah, si tu, caro Orazio?... Settiti, caro geniro.

Orazio:                       (Giulivo) Mah… allura è veru chiddu chi mi dissi a za Petra? Ma dati a Serafinedda?

Mastro Agostino:      E quantu voti?... Mastro Agostino Miciacio avi na sula palora. Ho detto chi è toi, e basta!... E poi, non  ti n’accuggisti chi ti chiamu cu tu?... Questo assignifica chi già ti considero della famigghia… Caro geniro, assettiti! (Gli porge la destra a baciare e Orazio la bacia)

Orazio:                       Grazzi, patri… pemmittiti chi vi chiamu così?

Mastro Agostino:      Oh!... Anzi u pritennu!... Settiti, ti dissi!...

Orazio:                       (Guardando la porta di casa) No… vurria vidimi a matri, prima…

Mastro Agostino:      Ah!... non c’è, è nisciuta. Ma è u stissu.

Orazio:                       Cu sapi si è contenta macari idda?...

Mastro Agostino:      Cuntentu iò, contenti tutti.

Orazio:                       E Serafina?

Mastro Agostino:      Ti rispunnu colla stissa preposizione.

Orazio:                       (Impaziente di vedere la ragazza) Ma idda, mancu c’è?...

Mastro Agostino:      C’è, ma è na picca indisposta. (Vedendolo dubbioso) Ti dissi chi è toi!... Senza doti, si… chistu tu dissi a za Petra, è veru?

Orazio:                       Sissignori, e iò doti non ni ceccu. Basta chi ma dati, puru senza camicia.

Mastro Agostino:      No, a camicia l’avi… chi c’entra, a legittima non c’ha pozzu negari!... A propositu, a to soggira ta pigghi cu ttia?

Orazio:                       Si… voli veniri, tantu onori e piaceri.

Mastro Agostino:      E allura non c’è nudda difficotta. Serafina è cosa toi, palora di galantuomo d’onori.

Orazio:                       Ma iò… a pozzu avvidiri?

Mastro Agostino:      No, pi sta sira è impossibili! Dumani veni e nutrasi intra…

Orazio:                       E picchì? Fossi c’è scantu chi po nasciti quacchi complicazioni, quacchi intoppu?

Mastro Agostino:      Ma quali ntoppu e ntoppu!...

Orazio:                       No, sapiti picchì? Picchì iò canusciu u me caratteri. Iò sugnu bbonu e caru, ma no sempri. Si mi diciti no ora, non c’è offesa, dicu giustu? Ma si mi diciti si, iò mu mentu nto cori, dommu cu ddu pinzeri, mancia cu ddu pinzeri, bivu cu ddu pinzeri, e poi nasci quacchi difficcottà e mi vuliti licenziari (Prendendolo per le braccia e scuotendolo) diventu n’animali, e po finiri mali! Pecciò, iò, prima mi vogghiu assicurari, capiti?...

Mastro Agostino:      (Sconcertato, lo guarda un po’ tra il timoroso e l’irritato, poi, riavendosi) Allura, amicu mei, si cchiù bestia di nu sceccu, non capisci nenti! Quannu Mastr’Austinu Miciaciu si cumprumetti di na cosa, a so parola e parola di re, mi capisti, lloccu?...

Orazio:                       Scusati…patri.

Mastro Agostino:      Non c’è di che. Corresponsabili iò. Poi annari mi ti cucchi cu ottu cuscini! (Gli porge la mano)

Orazio:                       Tanti grazzi!... mi nni vaiu allura!... Vistu e considiratu chi a zzita stasera non si po vidiri!...

Mastro Agostino:      Dumani a vidi. Di matina è megghiu, anzi, si c’è difettu sutta u suli si vidi megghiu.

Orazio:                       Ossia sa benedica… e scusatimi.

Mastro Agostino:      Nenti. Si ncontri a to soggira, non ci diri nenti, capisti?... Ma picchì ti fai bruttu di novu? Responsabili, tonnu e repricu, sugnu iò. Di ogni cosa chi po’ succediti pigghittilla cu mmia, mancu?... Vah, ti salutu, santu e riccu! (Gli porge la mano)

Orazio:                       (Andando) Haiu a vostra parola, staiu tranquillu! (Via)

Mastro Agostino:      Parola di re!...

SCENA TREDICESIMA

Mastro Agostino:      (Davanti la porta di casa) U sintisti, u discussu, figghia?

Serafina:                    (Di dentro, singhiozzando) U sintia!...

Mastro Agostino:      Allura, ni capemmu!... E non chianciri, triulu i casa!... (Torna al deschetto e, ripigliando il lavoro, accenna)

                                              

                                                           Quell’Uom dal fiero aspett…

           

(Riprendendosi da se) Ah, ah!... mi l’avia scuddatu!... Non si canta!... (Rinforzando la voce ad ogni frase) Nta stu cuttigghiu, non si canta!... C’è sta nova speculazioni!... Pipa in bocca, muti, silenziu!... Una pessona, ammittemu, è siddiatu pi stu picciu chi senti (Si ode il singhiozzo di Serafina), e vurria sfugari cantannu?... Nossignori, non è pimmissu!... Riclusioni muta!... (Incalzando) A un deviduo chi è siddiatu e non avia autru sollievu chi cantari?... Nossignori, è proibitu!... Ccà non ci canta!... Non si ca…a…nta!... (Durante questo soliloquio, tra una frase e l’altra, batte violentemente il martello sulla suola di una scarpa informata, ricavandone un rumore irritante e continuo)

Don Ciccino:             (Riaprendo e riaffacciandosi) Mastr’Austinu, facitimi u favuri: Cantati!...

Mastro Agostino:      Ma, allura, lei mi pigghiau p’un burattinu?...

Don Ciccino:             No, vi pigghiai pi maleducatu!

Mastro Agostino:      Maleducatu dicistu?

Don Ciccino:             Cettu, maleducatu!

Mastro Agostino:      Pi daveru, o pi schezzu?

Don Ciccino:             Pi daveru, pi daveru!... Dopu chi unu vi prega chi boni maneri, a prima, a secunna, a tezza vota, mi mi lassati studiari in paci, e vui na vuliti sentiri, voli diri chi siti maleducatu!...

Mastro Agostino:      (Si alza e, mettendosi la mano sul fianco sinistro) Scusati… (Additando il fanale) Chistu è lampiuni?

Don Ciccino:             Eh?... Lampiuni è…

Mastro Agostino:      (Additando il numero civico sulla porta) E chistu è nummuru?...

Don Ciccino:             Nummuru è… e cu chistu?...

Mastro Agostino:      Allura, c’è u fanali, c’è u nummuru, u cuttigghiu è pubblicu, e iò cantu. (Siede e martellando, c.s., canta)

                                                           Quell’uomo dal fiero aspetto

                                                           Guardati in sul camiiino

Don Ciccino:             (Rientrando) Facchino! (Gli sbatacchia violentemente le vetrate in faccia)

Mastro Agostino:      (Sullo stesso tono, cantando)

                                                           Ci sarà lei facchino,

                                                           Ci sarà lei facchino!...

                                                           Trimaaate… ecc. ecc.

SCENA QUATTORDICESIMA

Serafina:                    (Affacciandosi alla finestra con gli occhi rossi) Vuliti manciari, patri?

Mastro Agostino:      Ora chi no c’è cchiu dda mavara i to matri, si. Chi c’è i manciari?

Serafina:                    Faciola chi brocculi ffuati…

Mastro Agostino:      (Saltando in aria) Chi dicisti?... Ah, dda disgrazziata i me mugghieri! U sapi chi sugnu di stomucu delicatu, e mi fa truvari faciola chi brocculi ffuati, così mi pigghia na botta i colica fumminanti! Non ni vogghiu.

Serafina:                    (Sempre afflitta) E chi ristati a daiuni?

Mastro Agostino:      A daiuni?... E pi quali santu? Manciasti tu?...

Serafina:                    Manciai…

Mastro Agostino:      E così si dici?... Ti dissi mi non ietti stu picciu!... Vadda chi fai,  potta intra sti mmarazzi, chi iò mi fazzu fari du ova fritti, na lattuga cunzata e du mossa i piscistoccu a ghiotta, ccà unni donna Tina a putiara.

Serafina:                    (Comincia a trasportare dentro il lume, il deschetto ecc.)

Mastro Agostino:      (Si ferma sotto l’icona e vi accende quattro candele o quante ve ne siano) San Giuvannuzzu, vui chi siti un santu miraculusu, mi l’aviti a fari stu miraculu, sintistu?... Sanza ma faciti moriri!...  Quantu ci ssicca sulu a lingua!...  Chi poi vi fazzu na nuvena chi vi l’aviti a ricuddari sinu chi campati.

SCENA QUINDICESIMA

Serafina:                    (Dopo aver riposto anche la gabbia col merlo, riesce fuori con un bastoncino, va a scrutare fino in fondo al vicolo e poi, pian pianino, mettendosi sotto il balcone di Don Ciccino, batte ripetuti colpetti sui vetri di esso)

Don Ciccino:             (Aprendo) Poccu demoniu, cu è?... (Vedendo Serafina) Ah, tu si, Serafinedda? E to patri unn’è?

Serafina:                    Annau nta putia a manciari! Sugnu sula!...

Don Ciccino:             Chi hai, chi cianci?

Serafina:                    Mi voli maritari pi fozza!...

Don Ciccino:             Chi dicisti?... Quantu sentu, quantu sentu, aspetta chi scinnu nto putticatu. (Rientra e si riaffaccia tosto dal portoncino, che lascia socchiuso) Allura, parra?...

Serafina:                    Me patri mi voli maritari pi fozza, cu Oraziu Scavuneddu, dittu Funcidda, u lapiunaru, entru chinnici ionna!

Don Ciccino:             E picchistu chianci? U to cunsenzu c’è? No, e allura?...

Serafina:                    Già… pi tia su cosi i nenti! Tu no sai com’è me patri!... Ci desi a so parola e ava finiri comu dici iddu!... (Buttandogli le braccia al collo) E iò, senza i tia, moru!...

Don Ciccino:             (Baciandola) E bonu, babba, non ci sugnu ccà iò?...

Serafina:                    E chi fai tu?... Si ci dirivi: Vogghiu a vostra figghia, allura, fossi, si decidiria pi ttia!...

Don Ciccino:             Chista a vogghiu avvidiri!... Ma u sai chi non po’ essiri, anima mia! I me nonni s’opporriunu sicuramenti…

Serafina:                    (Singhiozzando) Pecciò, finiu pi mia!... (Disperata)  M’avvilenu!... Mi pigghiu deci goccia i stricnina…

Don Ciccino:             Non fari così, ciatu mei! (Commosso) Mi ti pari chi iò non soffru cchiu sai i tia, nta stu mumentu?...

Serafina:                    E chi cosa a fari si non c’è cchiu spiranza?...

Don Ciccino:             (Dopo un po’ di riflessione) Si tu voi, na soluzioni ci saria, na spiranza!...

Serafina:                    (Raggiante) Qual è?

Don Ciccino:             Ti nni veni cu mia…

Serafina:                    (Disillusa) E comu?... Senza matrimoniu?...

Don Ciccino:             Gioia du me cori, prima senza matrimoniu, poi penza Diu…

Serafina:                    Cettu… e si poi ti stanchi i mia e mi lassi?

Don Ciccino:             (Stringendola al petto) Cui, iò?... (Girandosi come se fosse offeso) Chistu no vidi? Non l’ha diri mancu pi schezzu e mancu l’ha pinzari!...

Serafina:                    (Girandolo affettuosamente) E a genti chi po’ diri?

Don Ciccino:             Chi ponnu diri i genti! Chi è a prima vota chi du ziti si nni fuiunu e poi si maritunu?... Dimmi si, e mi fai l’omu cchiu felici du munnu! (La tempesta di baci)

Serafina:                    (Quasi vinta) Chi ni sacciu!... Non mi ngannari, Ciccinu, fallu pi l’animuzzi di to patri e di to matri!...

Don Ciccino:             Non diri sti cosi, Serafina!... No vidi quantu ti vogghiu beni? (La divora con gli occhi)

Serafina:                    E… quannu aviria succediri sta cosa?

Don Ciccino:             Quannu voi tu, ciatu!... Macari ora stissu… Anzi… non c’è megghiu occasioni d’ora, chi si sula e non ti vidi nuddu?...

Serafina:                    (Tremante) Ora?... E si me patri ni vidi passari?

Don Ciccino:             (Sorridendo) Di unni? Basta chi ntrasi cu mia, e è fatta!

Serafina:                    Ccà?

Don Ciccino:             Cettu, ccà stissu! Tuttu ponnu mmaginari tranni chi vicinu a to casa, anzi middata a to casa. Veni, anima mei, trasi! (La Trae a se verso il portoncino)

Serafina:                    (Ha un’ultima riluttanza e un ultimo dubbio) E si poi i to nonni, non accunsentunu?...

Don Ciccino:             No, sunnu genti i cori, timurati i Diu… E poi, eventualmenti ni spusamu quannu morunu… sunnu vicchiareddi!... (Le fa dolce violenza per deciderla)

Serafina:                    (Lasciandosi trascinare) No, mi scantu, Ciccinu…

Don Ciccino:             (Lasciandogli la mano) Allura, è meghiu chi ti maritu cu lampiunaru e ni spattemu pi sempri…

Serafina:                    (Avvinghiandosi) No, Ciccinu, no!...

Don Ciccino:             E allura… veni!...

Serafina:                    Vegnu!... Aspetta… e me matri?...

Don Ciccino:             Veru è, raggiuni hai!... Ci lassi du paroli scritti, aspetta… (Prende di tasca un taccuino e una matita e glieli porge) Teni ccà. Scrivicci così: «Cara madre».

Serafina:                    (Eseguendo) Mi trema a manu!...

Don Ciccino:             Non ci fa nenti… annamu…

Serafina:                    Si veni me patri e ni trova ccà?

Don Ciccino:             Mi pari chi peddi tempu a posta!... Fozza: «Cara madre, me ne vado lontano con colui che amo…»

Serafina:                    Assai, assai.

Don Ciccino:             (Ridendo) «Assai, assai… tanto che non potrei mai sposare un altro. Perdonatemi e fatemi perdonare dal padre. Vi scriverò dalla prima stazione di fermata».  Chistu è un truccu pi sviari ogni traccia «Vi abbraccio e mi dico sempre vostra figlia devota Serafina»… Finisti?

Serafina:                    Si… Chi mi stai facennu farui, Ciccinu?...

Don Ciccino:             Dammi ccà! (Strappa dal taccuino il foglio scritto e glielo porge) Teni, lassala intra, nt’un postu a vista e facili, capisti?... e tonna subbutu!...

Serafina:                    (Esegue, vacillante, e torna con un involto sotto il braccio)

Don Ciccino:             Chi cc’è ddocu?

Serafina:                    Na picca i biancheria pulita.

Don Ciccino:             (Prendendole l’involto e lanciandolo dentro la casa di Mastro Agostino) Scusa, Serafina… non è pi disprezzu, ma da robba i Mastru Austinu non hai di bisognu, picchì d’ora in poi ci penza to maritu. (Allacciandola alla vita la ribacia follemente) Ntrasi!

Serafina:                    Aspetta. Prima di ntrasiri nta ro casa, giurimi davanti a San Giovannuzzu Decullatu, chi ni sta vaddannu di cca supra unn’è misi, chi tu mi sposi!...

Don Ciccino:             Tu giuru supra l’animuzza di me patri, chi pi mia è un giuramentu cchiu sacru. Veni Serafinedda!

Serafina:                    (Si lascia trascinare e scompare, con lui, per il portoncino, che si richiude dietro di loro. Da li a poco si chiudono pure le imposte del balconcino).

SCENA SEDICESIMA

Peppi:                         (A tentoni, aiutandosi col bastone, viene dal vicolo, si ferma sotto l’icona e, dopo breve introduzione di violino, canta, accompagnandosi col medesimo):

U Battista quannu apprisi

La terribili sintenza,

Li so brazza ncelu stisi

E Prigò l’Onnipotenza

(Mentre Peppi Canta, sopraggiunge Mastro Agostino, mezzo brillo, e va difilato in casa)

Mastro Agostino:      (Dall’interno) Serafina!... Serafina!... Serafina!... Unni si? (Esce, da li a poco, tenendo in una mano l’involto con la biancheria e nell’altra il pezzetto di carta scritta) E chi voli diri?... Chi c’è scrittu, ccà? … Di  tutti sti gnuranti e cretini di stu cuttigghiu non c’è nuddu chi sapi leggiri?... Bestii, scecchi!... (Battendosi la fronte) Si nni fuiu!... Cettu!... E unni si nni fuiu? Cu cu si nni scappau?... E comu,  nto vidiri e svidiri?... E cu a senti a dda cuttigghiara i so matri? (In preda alla più grande costernazione) E u zitu?... Sugnu pessu, u zitu?... Ci desi a me parola, parola di re!... E cu ciu dici a Oraziu, ora?... (All’indirizzo dell’icona) E vui, San Giuvanni vi facistu pigghiari pi fissa? Ma chi santu siti, va faciti fari sutta l’occhi?... Prima vi faciti rubbari l’ogghiu, poi i cristiani!... Ma comu siti cumminatu, ah? (Rientra frettolosamnete in casa)

Peppi:                         (Dopo il solito ritornello col violino, canta c.s.)

U Signuri, unn’era misu,

Cci manno pi lu so fini,

Du santu Paradisu,

Du angileddi serafini.

Mastro Agostino :     (Tornando con la scaletta, che appoggia al muro accanto all’icona, afferra Peppi per una spalla e, scuotendolo) A cu è chi stati cantannu, ah?

Peppi:                         (Smettendo, meravigliato) A San Giuvanni Decullatu. Oggi n’avemu vintitri, è viggilia…

Mastro Agostino:      Quali viggilia, quali festa, quali santu e quali madonni? Ma vatinni!...

Peppi:                         Picchì?... Sbagghiai, fossi?... Non è ccà, a cona i San Giuvanni Decullatu, di Mastru Austinu u scapparu?... Non siti vui, Mastru Austinu?

Mastro Agostino:      (Montando sulla scaletta) Nenti, non c’è cchiu litania, non c’è cchiu cona e non c’è cchiu santu! Chistu è un cosu qualunqui, chi inveci di fari miraculi a ritta i fa a ruvessa! (Strappa i fiori e i ramoscelli, e libutta via, poi, saltando, soffia violentemente sui ceri e sulla lampada, spegnendoli)

FINE PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Stanzone di un’agiata casa di campagna. Due usci in fondo e due laterali. Un cassettone o canterano, una scrivania larghissima, una chiffonnière o stipetto, una console, o grande mensola con piedi, sulla quale arde una lampada votiva davanti al quadro d’una Madonna, un usciuolo che dà in un ripostiglio, tra i due usci di fondo, un tavolo tondo, capace, in mezzo, due seggioloni a bracciuoli e varie sedie, due vecchi divani e quattro poltrone. Sulle pareti qualche ritratto e varie effigi di santi, nonché ramoscelli d’olivo e di palme inchiodati. È sera. La scena si svolge in un piccolo borgo dell’interno di Sicilia.

SCENA PRIMA

Massara Prudenzia: (Seduta su uno dei seggioloni a braccioli, accanto al tavolo di centro, a Massaru Caloriu, che viene dall’uscio destro di fondo) A chiudisti a cucina?

Massaru Caloriu:     Cettu!

Massara Prudenzia: U puddaru e a stadda puru?

Massaru Caloriu:     Cettamenti!

Massara Prudenzia: U strugghisti u cani?

Massaru Caloriu:     U strugghia!

Massara Prudenzia: Va bbonu, ora settiti, oggi sunnu tutti i Santi, ni dicemu cincu posti di rusariu, e poi ni cuccamu.

Massaru Caloriu:      Ca grazia i Diu! (Siede sull’altro seggiolone)

Massara Prudenzia: In nomi du Patri… (A Massaru Caloriu) Cuminciu iò o cuminci tu?

Massaru Caloriu:      (Staccando il rosario legato al bracciolo) Cumincia tu!

Massara Prudenzia: (Alzando il rosario suo e segnandosi) In nomi du Patri, du Figghiu e du Spiritu Santu.

Massaru Caloriu:      Così fu, così è, e così saravi, pi tutta la Santissima Etennità.

Massara Prudenzia: Gesù nta l’ottu si disponi.

Massaru Caloriu:      Pi fari l’orazioni.

Massara Prudenzia: E pinzannu o peccatu… (A Massaru Caloriu) Fatti cchiù pi ccà.

Massaru Caloriu:      (Accostando il seggiolone) Sangu veru avia ittatu… (A Massara Prudenzia) Bbonu staiu ccà, ddocu c’è troppu cauddu.

Massara Prudenzia: Patri nostru, chi si nto cielu… (A Massaru Caloriu) U sinti stu ventu?

Massaru Caloriu:      Sia santificatu u to nomi… (A Massara Prudenzia) U sentu!

Massara Prudenzia: Venga u to regnu… (A Massaru Caloriu) Cu sapi di unni veni?

Massaru Caloriu:      Sia fatto a to volontà… (A Massara Prudenzia) Fossi trasi da finestra da cucina…

Massara Prudenzia: Così nto cielu comu nta terra… (A Massaru Caloriu) E ca lassasti apetta?

Massaru Caloriu:      Dacci oggi u nostru pani quotidianu… (A Massara Prudenzia) Vutata è, appoi c’è a grata.

Massara Prudenzia: Rimetti a nui i nostri debbiti… (A Massaru Caloriu) Matri chi fu stu scrusciu?

Massaru Caloriu:      Comu nui i rimittemu e nostri debbitori… (A Massara Prudenzia) Non ti scantari, chistu è u iattu chi trasiu da finestra.

Massara Prudenzia: Non ni mettiri tentazioni… (A Massaru Caloriu) Veru è, ddu iattazzu masculu, ava ghiessiri!

Massaru Caloriu:      Ma libbirini du mali… (A Massara Prudenzia) Stu iattu u disgraziateddu è!... A trova unni era chi scialava, e si ricugghiu così taddu.

Massara Prudenzia: E così sia!

Massaru Caloriu:      Diu vi savvi, o Maria china di grazia, u Signuri è cu tia, tu si a binidditta fra tutti i donni, binidittu u fruttu du to senu Gesù… (A Massara Prudenzia) Usai c’ura sunnu?

Massara Prudenzia: Santa Maria, matri di Diu, prega pi nui peccaturi, ora e nell’ura da nostra motti e così sia… (A Massaru Caloriu) Sarannu l’ottu. Megghiu chi nni dicemu dui suli posti di rosariu ma s’annunca ccà ni brisci… (Riprendendo) Diu vi savvi, o Maria china di grazia, u Signuri è cu tia, tu si a binidditta fra tutti i donni, binidittu u fruttu du to senu Gesù…

Massaru Caloriu:      Santa Maria, matri di Diu, prega pi nui peccaturi, ora e nell’ura da nostra motti e così sia… (A Massara Prudenzia) U Signuruzzu u sapi chi semu vicchiareddi, e ni cumpatisci…

Massara Prudenzia: Savvi o Reggina… (A Massaru Caloriu) Matri chi fetu!...

Massaru Caloriu:      Matri di Misericoddia… (A Massara Prudenzia) Milla veru è!...

Massara Prudenzia: Vita, ducizza, e spiranza nostra… (A Massaru Caloriu) Cu sapi di unni veni?

Massaru Caloriu:      Mi nni sabbamu… (A Massara Prudenzia) Però a mia mi pari fetu i bruciatu!...

Massara Prudenzia: A vui ricurremu, figghi di Eva… (A Massaru Caloriu) E di unni?... Chi c’è focu ddumatu?...

Massaru Caloriu:      Ciancennu e lagrimannu, nta sta valli di lagrimi… (A Massara Prudenzia) Non è chi pi casu hai nziccatu u braceri i sutta?

Massara Prudenzia: (Saltando all’impiedi) Matri du Cammunu, veru è, o malu pi mia!...

Massaru Caloriu:      Vui allura, avvucata nostra… (A Massara Prudenzia) Controlla, vadda si si tu chi bruci.

Massara Prudenzia: (Sollevando le vesti) Girati i vostri occhi misericuddiusi vessu di nui… (A Massaru Caloriu) Santu cielu, vadda ccà,  stava mbampannu! (Spegne le sottane che bruciacchiano da un lembo, mette via lo scaldino e, segnandosi, torna a sedere) Menu mali, Signuri. Viditi chi focu ranni ni stava ammattennu!... (A Massaru Caloriu) Unni erumu arruvati?

Massaru Caloriu:      Nta sta valli di lacrimi.

Massara Prudenzia: Ah, si… L’occhi vostri misericuddiusi… E pidda veru, Madunnuzza, non m’abbandunati!...

Massaru Caloriu:      Gesù binidittu… (A Massara Prudenzia) Appoi tu, Santu Diu, senpri cu stu braceri i sutta, chi poi ti fa nchianari i baschi e a notti smanii, e non mi fai dommiri!...

Massar Prudenzia:   Dopu di st’esiliu, o clementi, o pia, o duci, o… Motti subbitania, mi scasau u cosi! (Si sente bussare forte dall’interno a destra) Ma cu po essiri a st’ura?...

Massaru Caloriu:      (Si alza e va) Cu è?

Voce di dentro:         Iò sugnu, Ciccinu!... Apri, nonnu!

Massara Prudenzia: (Alzandosi anch’ella) Comu?... Ciccineddu nostu è!... Apricci!... E comu mai, arrivau a st’ura?

SCENA SECONDA

Don Ciccino:             (Entrando) Nonnu! (Abbraccia Massaru Caloriu che, commosso, lo stringe al seno) Nonnuzza bedda!... (Corre ad abbracciare Massara Prudenzia, che è fuori di se dalla gioia)

Massaru Caloriu:      E comu mai, a st’ura?

Massara Prudenzia: E chi succidiu? Comu mai vinisti senza diri nenti, senza avvisu? E a sta ura i notti?...

Massaru Caloriu:      Senza fari mancu un telegramma…

Don Ciccino:             Ora, ora vi cuntu tutti i cosi. Ma lassatibbi vaddari, così mi ricriu u cori!... Ah, sti nonniceddi mei!... chi bidduni, chi siti!...

Massaru Caloriu:      Eh, ringrazziannu a Diu…

Massara Prudenzia: Ma chi ni sai tu, chi n’autra picca non mi truvavi cchiù… a sta vicchiaredda!...

Don Ciccino:             (Allarmato) Ma picchì, chi vi succidiu, chi vi ammattiu?

Massara Prudenzia: Nenti, ora ora, mentri ni staumu dicennu du posti i rusariu, stava fecennu na bampa! (Sollevando la veste gli mostra la sottana bruciacchiata) Vadda ccà, a nonnicedda, a Madunnuzza mi sabbau!

Massaru Caloriu:      Ma quannu mai, chi ci cunti?... Si brucia na picca di suttana cu braceri. Tuttu ddocu è.

Don Ciccino:             Povira nonnicedda! (La riabbraccia) Vui aviti a stari na picca cchiu attenta, cu focu non si schezza, sintistu?

Massara Prudenzia: C’è a Madunnuzza chi mi vadda, non ti scantari!... (Rimirandolo con compiacenza) Ma lassiti vaddari bbonu!... Cchiu rossu ti facisti, disgrazziateddu!

Massaru Caloriu:      (Guardandolo anch’egli estatico) Vadda chi pezzu di cristianuni!.... Tu ricoddi Prudenzia quanni puttava i pantaloni cutti chi paria na asca i pisci?... Santu Diu, comu criscisti!... (Lo riabbraccia) Dimmi na cosa, cchiuttostu, hai famuzza? Ma cettu chi l’hai, dopu tuttu stu viaggiu!...

Massara Prudenzia: E cettu! Cchiuttostu chi ci damu, a sta ura? Na frittata di ova e patati a nonna!... C’è salami, c’è alivi niri!... (Mirandolo c.s.) U to lettinu è sempri prontu! Non s’ava scunzatu mai, oh!...

Don Ciccino:             Si, nonna, grazzi, ma pi camora non parrati manciari e dommiri…

Massaru Caloriu:      Picchì? Non voi manciari?

Massara Prudenzia: E chi è non ti cucchi?

Don Ciccino:             (Sorridendo) Ma cettu, chi manciu e mi cuccu, ma siccomu non sugnu sulu… sapiti com’è?...

Massaru Caloriu:      Non si sulu? E cu cu vinisti?

Massara Prudenzia: Ah!... Videmu si u ndovinu?... Vinisti cu Vituzzu, to cucinu!... Nduvina?

Don Ciccino:             No, non vi lammicati u ciriveddu, nonna, chi no putiti nduvinari… Cchiuttostu… e chi è? Non mi dumannati nenti?

Massaru Caloriu:      Chi è chi cosa?... Chi ti putemu dumannari?...

Massara Prudenzia: Ma chi voi diri, ciatu? Si non ti spieghi!

Don Ciccino:             (Mettendosi i pollici sotto le ascelle, nel panciotto, e pavoneggiandosi per posa) Non vu mmagginati?...

Massara Prudenzia: (Pazza di gioia) Ah!... Dutturi?

Don Ciccino:             (Assente col capo)

Massaru Caloriu:      (A cui brillano gli occhi) Ma no? Me niputi è dutturi?...

Don Ciccino:             (Enfatico) Dutturi in medicina e chirurgia, col massimo dei vori, e la lode!

Massara Prudenzia: (C.s.) Ma pidda veru stai dicennu, Ciccineddu?

Don Ciccino:             (Mostrando un grosso anello che porta al dito) Allura, e non pi schezzu! Vaddati. Chistu è l’anellu di laurea, chi mi regalari l’amici!...

Massaru Caloriu:      (Commosso) Binidittu tuttu figghiu! (Lo abbraccia) Ora chi sti vicchiareddi di to nonni hannu u dutturi in casa, ponnu moriri cuntenti!...

Massara Prudenzia: (Abbracciandolo a sua volta) Figghiu mei, figghiu d’oru, si a ricchizza di sta casa!... (Lo bacia) Quantu vidu st’aneddu!... Oh! Chi bidduni chi è!... Chi galanteria… ma vadda quantu è rossu Caloriu!...

Massaru Caloriu:      (Osservando) Miscula! Pari na nespula!...

Massara Prudenzia: E chistu chi è?, chi è st’autru aneddu chi pari fedi i matrimoniu?...

Don Ciccino:             Eccu… u viditi nonniceddi mei… è chiddu chi vi vulia diri. (Si inginocchia davanti a loro) Piddunatimi e benedicitimi!

Massaru Caloriu:      (Preoccupato) Chi cosa t’avemu piddunari, ciatu? Suggiti, chi facisti?

Massara Prudenzia: (Costernata, pende dalle labbra di lui)

Don Ciccino:             No, non mi suggiu, si prima non vi cunfessu tuttu.

Massara Prudenzia: E parra fozza, chi ni stai facennu pigghiari i pena!

Don Ciccino:             M’aviti piddunari, picchì fici un passu gravi, senza mi vi dumannu u cunsensu…

Massaru Caloriu:      (Sulle spine) Ma chi facisti?

Massara Prudenzia: (Sulle spine) Parra, pi carità!...

Don Ciccino:             Mi… mi maritai!...

Massara Prudenzia: Ti maritasti?... E comu!... Senza mi nni dici nenti a nui?

Don Ciccino:             Piddunatimi!... (Quasi piangendo)

Massaru Caloriu:      (Imbronciato) Ma, i to nonni chi erunu genti chi ti proibbiunu mi ti mariti?... Anzi ni putiumu aviri piaciri, pi diri a verità nui ci pinzaumu sempri!... Mi non ni dici nen ti a trova a cu ti pigghiasti!...

Don Ciccino:             (Afferrandogli una mano) No, nonnu, non faciti mali pinzeri! A figghiola è un’ancilu di bontà e di vittù!... M’aviti a cridiri, pi l’animuzza i me patri, chi fu vostru figghiu.

Massaru Caloriu:      (Asciugandosi una lacrima) Ma… allura picchì ti maritasti amucciuni?

Massara Prudenzia: (Volendosi mostrare anch’essa imbronciata) Sta patti e to nonni non ci l’avivi a fari! Picchì a mucciuni?

Don Ciccino:             (Prendendo una mano anche alla nonna e baciandogliela) Picchì… picchì a sposa era puviredda e iò, ancora, non m’avia leureatu.

Massaru Caloriu:      Fozza suggiti!... E chi ci facia, si era puviredda?... Basta chi è na bbona figghiola!... Ma e to nonni ci l’avivi a diri u stissu! Nui non ti diciumu di no, picchì tu, grazzi a Diu, a to robba l’hai, e ca to professioni, ni poi manteniri tri mugghieri, senza bisognu i doti!...

Massara Prudenzia: Giustu dici to nonnu!... Suggiti!...

Don Ciccino:             (Supplichevole) Mi piddunati?...

Massaru Caloriu:      (Dopo un istante, in cui lo guarda in cagnesco, facendogli un sorriso e dandogli un buffetto) Ma cettu chi ti piddunu, disgrazziateddu!...

Don Ciccino:             E vui nonna?

Massara Prudenzia: (Con le lacrime agli occhi) E puru a mmia mu dumanni, birbanti?... Iò avi menz’ura chi ti piddunai! (Lo fa alzare e lo abbraccia) Dimmi na cosa, comu si chiama?

Don Ciccino:             Serafina!

Massara Prudenzia: Chi beddu nomi!

Don Ciccino:             E si a viditi, pari un anciulu Serafinu pidda veru.

Massaru Caloriu:      Di chi famigghia è?

Don Ciccino:             Di famigghia bbona… decaduta… ma persone distinte! Si viditi comu leggi e comu scrivi!

Massaru Caloriu:      Ma dimmi na cosa, mbrugghiuneddu, comu po essiri chiddu chi stai dicennu? Unu mi si marita i banni non l’ava pubblicari macari ccà?... Com’è chi nto paisi non si seppi nenti?...

Don Ciccino:             Picchì ni maritammu sulu nta chiesa, u statu civili ancora l’avemu a fari.

Massara Prudenzia: A chiesa è tuttu, hai raggiuni… e… unni u faciti u stau civili?

Don Ciccino:             Ma comu a unni? Ccà cu vui e chi so parenti. Pi chistu vi dissi chi non sugnu sulu!

Massaru Caloriu:      Cu iddi vinisti?

Don Ciccino:             Ma cettu.

Massara Prudenzia: E unni sunnu pusati, ccà non c’è abbeggu?

Don Ciccino:             Ma quali pusari!... sunnu unni me cumpari Nicola, chi aspettunu.

Massara Prudenzia: E curri, chiamili!... Di signuruni, a sta ura a trova chi stannu pinzannu!...

Don Ciccino:             (Giulivo) Giustu dici. I chiamu, nonnu?

Massaru Caloriu:      E mu dumanni spatti? Vai e chiamali e ci dumanni scusa da patti nostra…

Don Ciccino:             (Corre verso l’ingresso, ivi giunto, però, torna indietro e abbraccia con effusione i due vecchietti) Nonniceddi mei, quantu siti bboni, e quantu vi vogghiu bbeni!... (Via di corsa)

SCENA TERZA

Massaru Caloriu:      (Guardando il nipote che va) Vatinni, delinquenteddu!...

Massara Prudenzia: Chi fozza chi avi, salaratu! E quantu è beddu!... Tuttu a bon’anima i so patri!

Massaru Caloriu:      Chiuttostu damuni i vessu. Ciccinu cu so mugghieri, s’arraciunu nto littinu i iddu, pi sta notti. Pi quantu riguadda i soggiri, ci damu u nostru lettu, e nui ni cuccamu nto littinu da stanza di l’ospiti. Chi nni dici Prudenzia?... Dumani, appoi, ni sistimamu megghiu, a menti ripusata.

Massar Prudenzia:   Dici, giustu. Ma pi manciari chi ci damu? Iddu dici chi sunnu pissoni distinti… Ci putemu dari salami e alivi niri?

Massaru Caloriu:      E bbonu, non ci sunnu l’ova? Pi sta sira hanna viri na picca i pacenza. Dumani scannamu un beddu ciareddu, du beddi puddastri e na para i cunigghia. Cchiuttostu conza sta tavula…

Massara Prudenzia: (Apparecchiando la tavola nel tondo di centro) Caloriu… Serafinedda si chiama… oh!

Massaru Caloriu:      Si è bbona e vittuosa, comu dici iddu, tutta santa e biniditta!

Massara Prudenzia: A fini a fini, tuttu st’obbligu mu nu dici non l’avia! Vinticinc’anni l’avi, a so robba puru, meducu addutturatu è…

Massaru Caloriu:      Bbonu, ora chi c’entra? Sempri i so nonni semu, u criscemmu cu l’occhi e u ddivammu comu un baruneddu, n’avia diri tuttu!... Sunnu figghioli e hannu a testa nta l’aria comu aceddi…

Massara Prudenzia: Ma cettu… Du restu, appoi, u poviru figghiu, ni dummannau piddunu in ginocchiu!... U vinu u pigghiu di chiddu bbonu è veru?

Massaru Caloriu:      Cettamenti!... I biccheri di cristallu mi raccumannu! E i pusati d’aggentu…

Massara Prudenzia: Cettu!... Fazzu quattru posti, tu non manci è veru?

Massaru Caloriu:      Ma quali manciari a st’uta!... Tutt’al più mi pozzu biviri quacchi biccheri i vinu e spizzuliari quacchi gocciu d’alivu, tantu mi ci fazzu cumpagnia!...

Massara Prudenzia: E magari iò! Ci vognu fari onori a sposa… (Si sente vociare) Ddocu sunnu Caloriu!... Apricci!...

Massaru Caloriu:      (Muovandosi verso l’ingresso) Facemucci, bbona facci a tutti, u senti, Prudenzia?

SCENA QUARTA

Mastro Agostino:      (Entrando, primo fra tutti, con una valigia e la stagnata nella destra e la gabbia del merlo nella sinistra, vestito di soprabitino (cajella) nero, dalle ali lunghissime, con cappello tosto, a mezzo cilindro, posa sul pavimento valigia, stagnata e gabbia e, tenendo il cappello in mano, con sussiego, stringe la mano prima Massaru Caloriu, poi a Massara Prudenzia) Carissimo cumpari!... Carissima cummari!... Tanto piacere della sua riconoscenza. (A Serafina) Fatti avanti, figlia! (Ai due vecchietti) Ci arrapprisento a mia figlia Serafina, al prisente vostra nipote (Additando la moglie, in cappello, con velo) a soggira di vostru niputi Ciccinu.

Massaru Caloriu:      Tanto piacere!

Massara Prudenzia: Tanto piacere!

Serafina:                    (Baciando prima la mano di Massara Prudenzia, poi quella di Massaru Caloriu) Benedicitimi nonna… Benedicitimi nonnu…

Massara Prudenzia: (Baciandola in fronte) Tutta santa e biniditta!

Massaru Caloriu:      (Idem) Santa, ricca e china di vittù figghia!

Massara Prudenzia: (A Lona) Cummari senza crimoni. Facissi cuntu di essiri a so casa!... si si voli livari u cappeddu, si voli mettiri in libbittà… Vinissi cu mia ca pottu nta so stanza. (Via entrambe per l’uscio a sinistra, di fondo)

Mastro Agostino:      (Frattanto ha cavato dal fianco un martello da calzolaio, riposto in un fodero di rivoltella, dal taschino del panciotto dei chiodi, che va attaccato alle pareti e agli stipiti, e vi appenderà il merlo, la stagnata e il cappello. Dopo aver riposto la valigia in un angolo si avvicina a Don Ciccino, e, mettendogli, familiarmente, una mano sulla spalla) E bravu me iennuru!... (A Massaru Caloriu) A potta a chiudiu lei?...

Massaru Caloriu:      Cettamenti, picchì?... Ci sebbi quacchi cosa, cumpari?

Mastro Agostino:      No, nenti grazzi!... Mi ascusassi, si ci fazzo una preghiera; si, per ipotisi, sia di ionnu chi di notti, Addovesse venire una pissona chiamata Orazio Scavunettu, detto Funcidda, lampionario, e cercabbi di me, lei , pi qesta pissona non ci sogno mai. Ha compriso?

Massaru Caloriu:      Picchì? Chi è malu cristianu?

Mastro Agostino:      No… un siccatori, di quelli chi rompono le scatoli dei corbelli!...

Don Ciccino:             (Non garbandogli il discorso gli tira una falda del soprabito, poi sottovoce) Non cuminciati a diri cretinati. (Forte) Ma papà cosa va dicendo? Cosa gli racconta?

Mastro Agostino:      (Forte) E picchì, caru iennuru? Non c’è niente di mali. (A Massaru Caloriu) Deve sapire, lei, caru cumpari, che questo mascarzone di stu tali Orazio Scavunettu, detto Funcidda, lampionario, voliva a mia figlia per mogliera, mia figla pinzò beni di fuirisinni (Coreggendosi) di coniugarsi con suo nipoti, al presente mio geniro, e questo cretino nonché che se la prende con mia figlia, oppure con suo marito! Nossignori! Pi fozza ni voli cuntu e raggiuni di mia chi non c’entru e mi perseguita per tutta la vita!... Ci ponno essiri genti cchiu sebbaggia di questa pessona?... E mannunnu nte spitali di pacci a genti raggionevoli!... Scusassi, ma mi bivu un pocu di vinu, picchì pinzannu a dd’animali i gebbia mi stracanciu!... (Versa e beve)

Massaru Caloriu:      A so casa è, si sivvissi. Ma… quantu sentu… cu è stu signuri? Chi profissioni fa? U sapi lei.

Don Ciccino:             (Prevenedo Mastro Agostino) Nenti, nonnu, non fa nenti è pacciu… (A Mastro Agostino) Ma lei stissu, cu ci l’ava puttari ccà?

Mastro Agostino:      (Forbendosi la bocca) A tia ti pari!... Prima di tuttu, prima di veniri ccà, ca carrozza, mi avia passu di vidullu nta na carrozza accantu, proprio coi miei stessi occhi oculari, ni vinia d’appressu, e poi, trattannusi d’un pacciu, comu dici u provebbiu anticu, cu si vaddau si sabbau…

Serafina:                    (Tirandogli una manica) E bbonu papà, non ci pinzati a sti cosi!…

Massara Prudenzia: (Tornando con Lona) Cosi di paisi, cara cummari! Ccà sti cosi non l’avemu, i comodità c’aviti in città…

Lona:                         Chi c’entra! Chi va dicennu, lei, cummari!...

Massara Prudenzia: Tu Serafina… mi pemmetti chi ti chiamu i tu, a nonna?

Serafina:                    (Prendendole la mano) Oh!... E allura comu?

Massara Prudenzia: Allura, tu cu Ciccinu, pi stanotti, vi cuccati nto so littinu. Dumani si provvedi… Iò e u vecchiareddu i to nonnu, ni cuccamu nto littinu da stanza di l’ospiti, pi stasira.

Mastro Agostino:      No, chi c’entra cummari?... Nto littinu mi cuccu iò!...

Massaru Caloriu:      Nossignori! Lei, ca cummari, vi cuccati nto lettu ranni. I linzola sunnu puliti, i canciammu stamatina, mancu su sapiumu.

Lona:                         Pari un lettu di ziti, pidda veru!...

Mastro Agostino:      Ma dicu iò, nta stu paisi non ci nni sunnu abbegghi, lucanni, bettuli?

Massaru Caloriu:      Ma quali abbegghi, e cu ci potta?... Appoi chi discussi sunnu chisti? Lei ava fari cuntu di essiri a so casa. Chi è sta lucanna? Cchiuttostu lei s’accomodassi e si manciassi un muzzucuneddu.

Massara Prudenzia: S’accomodassi puru lei cummari. Anzi n’aviti scusari si stasira non truvati cosi pu vostru meritu… Na para i ova frischi, na frittatina di ova e patati, du alivi niri, na picca i salami, un mossu i fummaggiu, na picca i pani i casa…

Massaru Caloriu:      …du noci, du mennuli nfunnati, du fica sicchi, na poca i frutta, menza cassata e du cannola insomma na cosa a rangiari!... Chi vuliti… senza sapiri nenti, senza essiri avvisati!... Settiti, Serafinedda…

Massara Prudenzia: Ncuminciati a manciari, chi iò priparu l’ova a occhi i boi… Penzici tu Ciccinu.

Don Ciccino:             Vabbeni, nonna, faciti!...

Massara Prudenzia: (Via per la destra di fondo)

Massaru Caloriu:      (In disparte a Don Ciccino) Dimmi na cosa, Ciccineddu, to soggiru chi prufissiuni fa, pi non sbagghiari?

Don Ciccino:             Ah!... Prufissuri… Prufissuri in ritiru.

Massaru Caloriu:      Caspita!... Allura bbonu è u cristianu!...

Don Ciccino:             (Facendosi presso la tavola dove Mastro Agostino e Donna Lona hanno cominciato a litigare) Papà!...

Mastro Agostino:      Figlio!...

Don Ciccino:             Lei ccà, nto menzu i mia e i Serafina, e lei mamma, di st’autru latu, vicinu a mia. (Siedono tutti) Nonnu, vui non vi sittati?

Massaru Caloriu:      No, figghiu, u sai chi a st’ura iò non manciu!

Mastro Agostino:      (Riempiendosi il piatto di salame, olive e formaggio quant’altro c’è in tavola) Già… voialtri contadini (Serafina lo tira per la giacca)… voialtri signori di paisi, intendo dire, manciati prestu picchì vi cuccati prestu.

Massaru Caloriu:      Cettu!... A st’ura, di solitu semu sempri nto lettu.

Mastro Agostino:      (Con la bocca piena) A uso della polleria…

Serafina:                    (C.s. a voce bassa) Papà, ma chi stai dicennu?

Massaru Caloriu:      Comu dicistu?

Mastro Agostino:      Dico, a uso dei gallini, delle polle, vah!...

Massaru Caloriu:      E chi vuliti, prufissuri beddu?... Ccà unni nui non ci sunnu teatri, non ci sunnu caffè, non c’è trattenimentu, pecciò ni cuccamu prestu.

Mastro Agostino:      Noaltri, invece, facciamo digionè a mezzogiorno o all’una e poi, la sira, como liviamo mano dal travaglio (Serafina, al solito, gli tira una falda del soprabito) … intendo dire, come uno smonta dall’officio, si fa il solito passeggio, si prende un vermutto, e verso le otto, o al massimo alle sei e mezza, fa pranzo compito…

Massaru Caloriu:      Ma… allura vossia non si ritirau?

Mastro Agostino:      Si a st’ura, di solitu, si, m’haiu ritiratu!...

Massaru Caloriu:      No, vogghiu diri dill’impiegu, di prufissuri, vah!... Me niputi mi dissi chi lei è prufissuri in ritiru…

Mastro Agostino:      (Guarda Don Ciccino quasi per interrogarlo) Già. (Si confonde)

Don Ciccino:             Ma cettu, u papà è un pocu stunatu. È prufissuri in pensioni.

Mastro Agostino:      Veru è, veda, sugnu un pocu in apprensioni, comu dici giustu iddu, pi cuppa di questo Orazio Scavunettu…

Don Ciccino:             (A bassa voce) Ma chi vi scappa, di sta bucca?... Prufissuri in (Scandisce) pensione, in ritiru!...

Mastro Agostino:      Ah… e chi ci voliti fari! Sono un profissore in ritiro, e si caro cumpari, in pressioni…

Don Ciccino:             Mamma, lei non bivi?

Lona:                         Grazi, figghiu, ma non bivu picchì mi mbriacu subbutu… E poi, haiu a testa pisanti, sugnu oltraggiata dal viaggio.

Don Ciccino:             E bbonu, appena finemu di manciari, ni cuccamu tutti, senza fari cerimoni. È veru, Serafina?

Serafina:                    Comu voi tu.

Mastro Agostino:      Ccà c’è na bedda arietta di campagna, chi fa veniri un bellissimo appetito! (Mangia a quattro ganascie) Pi na manu, ogni tantu, un pocu di villeggiatura ci voli, per il cittadino.

Massaru Caloriu:      Eh… si desidera sempri chiddu chi non si avi, caru cumpari prufissuri: nuautri desidaramu a città, vuautri disidirati a campagna.

Massara Prudenzia: (Riapparendo con una padellata di uova fresche) Ognunu si sivvissi a piaciri soi… Cuminciu da cummari…

Lona:                         (Servendosi) Grazie all’estinto…

Massara Prudenzia: Poi vaiu unni a me niputedda… (Serafina ne prende un pezzetto) … Avaia, n’autra picca!... N’autru mossiceddu sulu, fozza a nonnicedda!... Non c’è autru, sai?...

Serafina:                    E cu cià fa cchiù?

Mastro Agostino:      Non la forzi, non la forzi. Favorisca qua. Qua può abbusare!... (Servendosi) Grazzi!... Anzi, scusassi, cummari, me ne pigghio un altro pe non distubballa in seguito. (Facendo colare il burro nel piatto) Un poco di bagno, ci pemmette?

Massara Prudenzia: Ma cu tuttu u cori cumpari!... (A Don Ciccino) T’abbastunu a ttia sti dui, o ti fazzu l’autri?...

Don Ciccino:             Avogghia!... Fozza, a nonnuzza, pusati sta padedda e viniti a biri un bicchireddu cu nui.

Massara Prudenzia: Cu tuttu u cori! (Riporta la padella in cucina)

Mastro Agostino:      (Mangiando sempre con soverchio appetito) Viditi, ora a mia sti manciati improvvisi, a usu di campagna, mi piaciunu cchiù assai di chiddi di cunseguenza…

Don Ciccino:             (Ride) Serafina, bivi.

Mastro Agostino:      Me iennuru ci ridi!... Ma picchì non è veru, fossi?... Macari u provebbiu anticu u dici: La cosa improvvisa è sempre a cchiù gradita. Poi c’è stu viniceddu chi cala sulu sulu!

Don Ciccino:             (Piano) Si, ma annaticci a leggiu, Mastru Austini, chi chistu ietta cauci!...

Lona:                         (Rompe il pane sulle ginocchia)

Mastro Agostino:      (Levandoglielo dalle mani) Fatti canusciri, baraccota! Non ci n’è cutedda?

Lona:                         Stai attentu comu parri!... c’è c’è, ma non tagghiunu!

Mastro Agostino:      Si mmolunu, si non tagghiunu. (Prende due coltelli e li affila l’uno sull’altro, con colpetti veloci, alla stessa guisa del trincetto sull’affilatore)

Lona:                         (Tirandogli il cappello sugli occhi) Fatti avvidiri chi mastru scapparu!... (Stanno per menar le mani, ma Serafina e Ciccino li trattengono, scongiurandoli e additando loro Massaru Caloriu che torna)

Massaru Caloriu:      (Tenendo in mano un’enorme pera matura) A verità prufissuri!... Prufissuri…

Don Ciccino:             (C.s.) Vidi chi cu vui sta parrannu!

Mastro Agostino:      Ah!... Egregio e stimabilissimo cumpari!

Massaru Caloriu:      Dicia, a verità!... In città si vidunu di pira di sta manera?

Mastro Agostino:      Pidda veru na galanteria!... (Stende la mano per prenderla)

Massaru Caloriu:      Ah! Ah! No chista è pa cummari e pa niputedda. È na cosa fina, na cosa delicata… nzomma cosa di fimmini! Appoi si ci nni vonnu dari iddi, su patruni!

Mastro Agostino:      (Saettando con lo sguardo la moglie) Damminni menza!... Sintisti?... Di sta pira ni vogghiu metà… Metà!... Medietà!!... (Non ottenendo risposta, intona con la nota musica)

Di quella pira

Ni vogghiu menza…

                                   

Lona:                         (Divide la pera a metà, dandone mezza alla figlia, poi divide ancora la sua mezza e ne porge un quarto a Don Ciccino) A me iennuru.

Don Ciccino:             Grazzi!

Serafina:                    (Facendo altrettanto) A me patri.

Mastro Agostino:      (Si alza e la bacia) Tutta santa e biniditta figghia.

Massara Prudenzia: (Tornando con una bottiglia polverosa e sturata, in mano) Fozza preparamu i biccheri…

Massaru Caloriu:      Macari iò, macari iò! (Allungando il bicchiere con le bave alla bocca)

Massara Prudenzia: Quannu c’è vinu tu non capisci nenti è veru Caloriu? Ma oggi è festa e allura macari tu. Chistu è vinu du boscu ranni, cchiù vecchiu di me niputi Ciccinu!... U mbuttigghiau l’animuzza santa di so patri, vintinov’anni arretu. (Ha un nodo alla gola s’interrompe e piange)

Mastro Agostino:      E chi fu cummari? Abbasso il piccio!... Non ittamu trivulu nta casa, prego!

Massara Prudenzia: (Si ricompone, versa in tutti i bicchieri, compreso il suo, poscia, rimettendo la bottiglia e alzando il bicchiere) A la saluti di me niputi e di tutta la compagnia! (Beve)

Tutti:                          (Alzando il bicchiere) Alla saluti! (Bevono)

Mastro Agostino:      Prego, cummari, lei mi ni dessi n’autru biccheri, picchì fazzu un brindisi!

Massara Prudenzia: (Va a prendere la bottiglia ma non la trova, vede che c’è la Massaru Caloriu che di nascosto tracannava direttamente dalla bottiglia) Caloriu!... Ma chi fai? Non pozzu girari l’occhi chi subbutu t’allippi? Dammi ccà. (Toglie la bottiglia dalle mani. Quindi versando) Bravu, prufissuri, sintemu?...

Mastro Agostino:      (Ispirato)

Questo vino è bianco e fino

Ci fazzu un sbrindisi a Don Ciccinu

E cchiù ni bivu cchiù mi sentu tenniru

Pi fari nu sbrindisi a me iennuru!

Massaru Caloriu:      Miscula, comi i sapi truvari, ohu!

Mastro Agostino:      (Sollecitato)

E di ora a dumani matina,

A la saluti di Serafina.

Chista è festa e non mortoriu

A saluti di Massaru Caloriu.

E siccomu haiu un saccu i pacenzia

Alla saluti di cummari Prudenzia!...

                                    (Siede)

Massara Prudenzia: Bravu, bravu, un pueta è, pidda veru!

Massaru Caloriu:      Epprositi! Epprositi!... Ma… a cummari, nenti?

Mastro Agostino:      Chi c’entra, tra marito e mogli non si usa!...

Massara Prudenzia: Fozza, avaia, ora chistu ci voli!...

Don Ciccino:             (A bassa voce) Faciticcillu, non facemu scannali.

Mastro Agostino:      (Arrendendosi, contro volontà si alza e dopo aver pensato un po’)

E finisciu cu Donna Lona

Chi si manciau e bippi na cona!

Lona:                         (Piano) A facci toi, boia!

Don Ciccino:             (Ridendo) Bravo, bravo!...

Massari Caloriu e Prudenzia:         Epprositi! Epprositi!

Don Ciccino:             (Alzandosi) E ora, senza fari complimenti, n’annamu a cuccari… Mamma, leichi si senti stanca…

Lona:                         (Alzandosi a sua volta) Si, figghiu, non fazzu cerimoni… Bona notti a tutti! (Via per la sinistra in fondo)

Tutti:                          Buona notti!

Serafina:                    (Baciando la mano ai due vecchietti) Bona notti, nonnu. Bona notti nonna.

Massaru Caloriu:      Bona notti e bon riposu figghia.

Massar Prudenzia:   Bona notti, Serafinedda. Pi sta notti arranciti, figghia, dumani poi pruvvidemu.

Don Ciccino:             Binidicitimi tutti di dui, nonniceddi…

Massari Caloriu e Prudenzia:         Tuttu santu e binidittu!

Don Ciccino:             Passa, Serafina. (Via entrambi per l’uscio laterale di sinistra)

Mastro Agostino:      (Andati via tutti da tavola, trae vicino a se tutti gli avanzi, si toglie il tovagliuolo dal gilet e se lo lega al collo e, come se cominciasse allora, si mette a mangiare con più formidabile appetito e a bere a tutto andare, beatamente)

Massara Prudenzia: (A Mastro Agostino, che nota, con meraviglia, ancora a tavola) Non si cucca, cumpari?

Mastro Agostino:      Si, n’autru mossu…

Massara Prudenzia: Voli quacchi n’autra cosa?

Mastro Agostino:      Indifferenti!

Massaru Caloriu:      Chi usa u lumi, di notti, o dommi o scuru?

Mastro Agostino:      Indifferenti…

Massaru Caloriu:      No, picchì sa usa, vidissi chi si trova supra du cantaranu…S’adduma…

Mastro Agostino:      Vabbeni, grazzi. (I due vecchietti restano per un a guardarlo stupefatti e sconceratati perché cascano dal sonno. Gesti e lazzi a soggetto. Poi, risolutamente, tolgono, pian piano, dalla tavola le stoviglie, le posate e tutto. Nel frattempo, Mastro Agostino, cerca di difendere qualche piatto la bottiglia piena, accostandoli a se, guarda con diffidenza ora Massaru Caloriu ora Massara Prudenzia. Ed in questa alternanza di sguardi ora l’una ora l’altro portano via ciò che era rimasto. Mastro Agostino persuasosi che deve alzarsi, si leva, contro voglia) Abbiamo finito.

Massaru Caloriu:      (Tira un sospirone, poi, vedendo che l’ospite sta per infilare l’uscio della camera degli sposi) No, no unni va cumpari?... A so stanza è dda… unni trasiu a cummari…

Mastro Agostino:      (Fa una smorfia di dispetto) Ma semu sicuri chi nta stu paisi non c’è n’abbeggu?

Massara Prudenzia: Ma quali abbeggu, ma chi dici vossia!... Bona notti…

Mastro Agostino:      Bona notti. (Non sa decidersi a entrare in camera con la moglie)

Massaru Caloriu:      Ci mancunu prospiri, fossi?

Mastro Agostino:      No, grazzi, ne ho le scatole piene! (Entra in camera)

Massari Caloriu e Prudenzia:         Bon riposu!...

Massaru Caloriu:      Fozza, Prudenzia damuni i vessu, chi ni brisciu!

Massara Prudenzia: (Dando un’ultima rassetta ai mobili dello stanzone) Finia. Qunatu ci dicu n’ave Maria a Madunnuzza. (Si avvicina all’immagine della console, riattiva il lucignolo della lampada, e recita l’ave a fior di labbra)

Massaru Caloriu:      (La imita, poi prende il candeliere) Annamuninni, chi sugnu stancu.

Massara Prudenzia: Stancu? Mbriacu voi diri, parivi un trummitteri cu dda buttighia. Comunqui sugnu stanca macari iò. Quannu fu l’uttima vota chi ficimu taddu i sta manera? Ah!... quannu ni maritammu, tu ricoddi?

Massaru Caloriu:      Comu no!... Du ionna fa, fu!... (Via entrambi per l’uscio a destra, in fondo)

SCENA QUINTA

Mastro Agostino:      (Dopo pochi secondi di scena vuota, riapre l’uscio onde è scomparso e riappare con un materasso, un cuscino, una coltre e un lenzuolo raggomitolati sulla testa, li depone nel pavimento e s’apparecchia il letto per terra; poi si toglie il soprabito e il panciotto, apparendo col martello nel fodero da rivoltella appeso allacintura; piega soprabitino e panciotto e li mette sotto il cuscino; poi va a prendere la valigia, l’apre e ne toglie un berretto da notte, lo calza e depone il cappello sulla gabbia del merlo, indi torna alla valigia e ne toglie l’immagine di San Giovanni Decollato, quella stessa che abbiam visto dentro la nicchia, nel primo atto, e scuotendola tutta, portandola su e giù, le fa il seguente discorso) Allura, carissumu e stimabilissimu San Giuvanni, capemuni! Ma chi siti ancora sciarriatu? L’aviti cu mia? È veru? Vi dumannai scusa e piddunu pi l’uffisa chi vi fici tannu, e basta acqua passata!... Va ddumu na bedda cannila?... Vi fazzu l’orazioni? Vi fazzu cantari i litanii? Mi pari chi iò u me duviri u fazzu finu a fini!... Ma vui, carissumu San Giuvanni mi pariti na picca lentu!... C’avemu a fari, dicitimmillu vui?... Vui u sapi chi sugnu divutu, ma un pattu; chi na manu lava l’autra!... Vulennu quantu voi eppi l’occasioni di canciari facci?... Ma iò no fici!... C’è Sant’Agostino, per esempiu, u me santu, chi fa miraculi a bagghiola… Putiti nigallu?... Eppuru iò sempri cu vui!... Non pi rinfacciari, ma, a Madonna du Cammunu, vi pari pocu miraculusa? Ma iò chi fimmini, chi sacciu, non mi trou, non vogghiu aviri nenti chi spattiri… Mi basta chidda chi haiu!... A mia mi va tuttu bbeni, anzi benissimu, ma vi pari giustu fammi stirari u coddu i sta manera?... Caru San Giuvannuzzu, parramuni chiaru, a quattr’occhi da omu a omu… Mi ittai laggu è veru?... Giustu da omu a santu… dicia, o vui mi faciti, ddu miraculi chi vi dumannai, o altrimenti, bellu bellu, comu quattru e quattru fannu ottu, mi rivolgo ad altri. (Scendendo) Si, mi rivolgo ad altri, ecco!... (Resta per un po’ fisso a guardare l’effige) Basta, basta, capia! Un solo cenno!... Basta la mossa!... Ristamu così!... Non ni parramu cchiù!... (Si Scopre e si ricopre, va a deporre il quadro accanto alla Madonna, sul comò, e mette la lampada tra di essi, poi, non contento, copre con quello di San Giovanni l’altro della Madonna, si toglie le scarpe e, con tutti i calzoni, la camicia e i guanti, si stende sul letto e si tira su le coperte. Siccome il martello gli fa male al fianco, si rivolta, se lo toglie dal fodero e lo depone per terra, a portata di mano)

Lona:                         (Riappare anch’essa, in sottana e camicia di tela, e lo apostrofa, a bassa voce) C’avema a fari stanotti, a notti i Natali, ah?... Staiu murannu du friddu! Vidi chi na pommoniti mi pigghia!...

Mastro Agostino:      Di chidda maligna, t’ava veniri, così mori!...

Lona:                         Ma chi voi fari, disonestu?

Mastro Agostino:      (Minaccioso) Via!... Andate nei vostri appartamenti!...

Lona:                         Ma comu dommu, chi scidducu, cu menzu lettu?

Mastro Agostino:      Vi ttaccati ca codda!...

Lona:                         Non haiu linzola!... E senza cupetta!...

Mastro Agostino:      Calunnia, e nient’altro! Vi ho lasciato dui materazzi, un linzola, du cuscina e na cutra… Metà e metà, beddi tagghiati cu cuteddu!...

Lona:                         E si chiddi s’affacciunu e ni vidunu spattuti, chi dicunu, ah? Ridiculu è pupu chi non si autru!

Mastro Agostino:      Auh, senza oltriggiare, u senti? Senza offenniri, ma sannunca fazzu curriri sangu, stasira!... (All’immagine di San Giovanni) San Giuvanni, pronti!...

Lona:                         (Mordendosi le dita) Ah, nfamiu e sdisonestu!...

Mastro Agostino:      Marcianu, repricu!... (C.s) San Giuvanni, fozza chi non c’è megghiu occasioni!...

Lona:                         (Sulla soglia) Sbirru!... Omu di galera!...

Mastro Agostino:      (Afferrando il martello e minacciandola) Introduciti… introduciti subbutu, ma sannunca ti ciaccu!... (C.s) San Giuvannuzzu!... (Battendo il martello sul pavimento, come per richiamare l’attenzione del Santo) San Giuvannuzzu beddu, ma a cu stati aspittannu?... Fozza, chi non c’è megghiu occasioni, fozza damini i vessu!... (A Lona, c.s.) Passa intra, mavara!... (La minaccia c.s.)

Lona:                         (C.s. inviperita) Malanova i tia sulu!... Omu di galera!... Spera a Diu chi t’hanna sparari pi sbagghiu!... Viddanu!... Sbirru!... Sdisonestu!... Animali i gebbia!... Ridiculu!... Puddicinedda!...

Mastro Agostino:      (Si alza, afferra una sedia e la scaraventa sulla moglie)

Lona:                         (Para il colpo con un’altra sedia, poi scappa via)

Mastro Agostino:      (Tornando verso il Santo, al medesimo, facendo il gesto consueto con le mani) Siti un pupu, sull’oniri!... (Mentre si rimette sotto le coltri, dicendo) A facci di me mugghieri!...

FINE DEL SECONDO ATTO

                                                            


ATTO TERZO

La stessa scena del secondo atto. Sulla console, sul canterano, dappertutto, mazzi di fiori freschi in vaso. Sul tavolo di centro, altresì, guantiere con bottiglie, altre con bicchieri ed altre ancora con confetti e paste secche in abbondanza.

SCENA PRIMA

Mastro Agostino:      (Vestito a nuovo, con un cravattino rosso svolazzante e i guanti color sangue di bue, è intento a disporre con simmetria i mobili dello stanzone, mentre canticchia)

Beviamo, beviamo, nei lieti calici

Che la bellezza infioora!...

Serafina:                    (Uscendo dalla sua camera, si avvicina al ripostiglio di fondo e cerca di aprirlo ma inutilmente)

Mastro Agostino:      Chi cecchi?

Serafina:                    Papà, l’ava vistu a chiavi di stu ripostigliu?

Mastro Agostino:      L’haiu iò, picchì?

Serafina:                    Picchì a pigghiari u sapunettu!

Mastro Agostino:      Ah!... Vidi chi sunnu nto cantaranu nzemi e to cosi, ci misi iò!

Serafina:                    (Osservando sui mobili) Matri!... Comu mai i luvastu i dda intra tutti sti liquori e sti dolci?

Mastro Agostino:      Pi na cosa chi sacciu sulu iò… poi capisci.

Serafina:                    Chi cosa a capiri?... I cosi vostri?... Si vabbeni!

Mastro Agostino:      Ecco!... A tia ti ristau i viziu i to matri, non si mai cuntenta! Senza sapiri i picchì e u piccomu a parrari assai!... Quannu poi saprai la raggioni pi la quali, dicirai: Bravu a me patri!...

Serafina:                    Videmu!... (Rientra)

SC ENA SECONDA

Mastro Agostino:      (Presso l’uscio destro di fondo, chiama) Stimatissimu cumpari!... Cumpari Caloriu!...

Massaru Caloriu:      (Uscendo, in abito da festa) Chi voli, prufissuri?...

Mastro Agostino:      Quantu ci voli, ancora?

Massaru Caloriu:      E chi nni sacciu? Iò, da patti mei, comu viditi, sugnu prontu. I fimmini ancora s’hanna spicciari!...

Mastro Agostino:      O solitu!... Oggi, caru cumpari, lei vedrà una cumpassa, chi sa ricoddiravi finu a chi campa!

Massaru Caloriu:      Pidda veru?... E chi cosa è?... Di chi si tratta?...

Mastro Agostino:      Eccu… eccu u solitu curiusu!... Non pozzu diri nenti… Sorpresa!... Sorpresa pi tutti!... Ma… quannu dopu vidiravi restiravi ca bucca apetta!...

Massaru Caloriu:      (Notando i vassoi coi dolci e i liquori su per i mobili) Ma poccu demoniu, chi nisciu sti guanteri?

Mastro Agostino:      Iò, caru cumpari, lei non si biliassi!...

Massaru Caloriu:      Ma comu!... Prima du tempu?... Sa’viunu nesciri dopu a funzioni, all’ura du trattenimentu!... (Fa per prendere un vassoio per riporlo)

Mastro Agostino:      Chi sta facennu, lei?

Massaru Caloriu:      Staiu sabbannu tutti i cosi.

Mastro Agostino:      Non ni capemmu!... Lassati stari tutti i cosi… Non si usa… Si lassassi sebbiri i mia. Ora si usa così, quantu arrivunu e si trovunu tutti i cosi belli e pronti, senza mi sebbi nuddu, uno Buffonet, nzomma si sebbunu suli… così, vaddassi: uno trasi, Bongionnu, bongionnu, tanti auguri. (Prende una pasta e la mangia) Comu sta, sta beni? (Ne prende un’altra c.s.) La sposa? (Prende un cioccolatino) Lo sposo?... (Idem un frutto candito) Tanto piacere, tanto piacere. (Prende dei confetti e se li mette in tasca)

Massaru Caloriu:      (Stupefatto) Ah, in città si usa così?

Mastro Agostino:      Ultima moda di Parì e London… Lei si lassassi sebbiri. Facemu i cosi cu decenza, capiu?

Massaru Caloriu:      (Più confuso che persuaso, scrolla le spalle)

Maruzza:                   (Dall’uscio dell’ingresso a destra) Massaru Caloriu, c’è Mastru Oraziu.

Mastro Agostino:      (Vorrebbe nascondersi, ma si ferma per paura di parer ridicolo)

Massaru Caloriu:      Fallu trasiri!...

Mastro Agsotino:      (Spaventato) No, no!... A cui?... Quali trasiri d’Egittu!... Chistu è pacciu, è chiddu chi pesseguita a tutti i patti!...

Massaru Caloriu:      (Ridendo) Nossignori, prufissuri, non è chiddu chi dici vossia. Chistu è u scapparu. (A Maruzza) Fallu trasiri.

Maruzza:                   Trasiti, Mastru Oraziu.

Mastro Agostino:      (Rasserenato) Ah!... Mi pareva, a mia, chi era chiddu di me figghia!... Non pi quacchi cosa, sapi… ma pi non fari dannu, nto ghionnu comu a chistu…

SCENA TERZA

Mastro Orazio:          (Entrando con involto) Baciamu i mani, Massaru Caloriu… (A Mastro Agostino) Voscenza sabbenedica, signuri. (Mastro Agostino saluta col capo)

Massaru Caloriu:      Chi puttastu, i scappi di me mugghieri?... Sempri all’uttumu minutu, vui!…

Mastro Orazio:          (Spiegando l’involto) Si ma sta vota ci fici na cosa i lussu. (Mostra le scarpe) Un paru u scappi i chisti mancu unni u megghiu calzolificiu i trova. Mi vadda bbona.

Massaru Caloriu:      Ma iò non mi n’intennu. (Osservandole) Quantu v’haiu a dari?

Mastro Orazio:          Eccu; i scappi, pi giusta liggi, valissuru vinti liri, ma siccomu si tratta i vossia, mi dessi diciadottu ca prumissa chi non ciu dici a nuddu, mi raccumannu.

Massaru Caloriu:      A facci!... Così iautu vi ittastu?

Mastro Agostino:      (Che ha assistito impaziente al dialogo, osservando) Un momentu, caru cumpari, lei mi faccia osservare. (Prende le scarpe e, dopo breve esame, facendo una sonora risata in faccia a Mastro Orazio) Vui, caru signuri, siti pacciu i catina!...

Mastro Orazio:          Comu sugnu pacciu? E picchì scusati?

Mastro Agostino:      Picchì? Picchì chisti su robba di fiera, digni di setti liri.

Mastro Orazio:          E chi nni sapiti, vui, si chisti su robba i fiera?

Mastro Agostino:      Chi nni sacciu?... Chi ni sacciu, dicistu? Vengo e mi spiegu. (Posa le scarpe, si leva i guanti e, riprendendo una scarpa sola) In primis, una scappa fina, per donna, si fa di peddi i caprettu, o tuttu al più di vitillinu da latti…

Mastro Orazio:          E chista chi peddi è? Non è di viteddu?...

Mastro Agostino:      (Guardandolo sinistramente) Chista?... Chista è da mamma, du viteddu!... Sta tomaia… si vabbeni vi parru i tomaia comu si vui sapriu capiri!... Tomaia a trova chi vi pari!... Quacchi cosa chi si mancia non è veru?... Allura, parramu in gergu scapparesco sicilianu, chi è megghiu. Sta mpigna, carissumu e degnissimu signor calciolaio, è peddi di iencu vecchiu di chinnici anni ammenu; ed è tinciuta cu vitriolu, senza mi avi u culuri niri naturali, tantu è veru chi maniannula, vaddati (Gli mostra la mano), u niru resta nte itira. E è unu! In secundis, sta sola, è lucida comu u pavimentu chinu d’ogghiu, a fozza di cira di Spagna, non è martellata, e dopu du ionna chi si cammina, nesci a lingua chi pari un fummicularu!...

Mastro Orazio:          (Lo guarda con tanto di occhi)

Mastro Agostino:      In terzis, st’elastici su usati e di tezza categoria, ossia di tezza qualità, e sti mascherine sunnu moddi comu di na fica spatta.

Massaru Caloriu:      Minzica, sinint’enni vossia?

Mastro Agostino:      (Cattedratico) Un momentu!... Inoltri, pianti su vecchi e sti punti du tramezzu su dati cu zappuni e no ca lesina, senza margini di cucitura e cu spagu fracitu! Sti suletti sunnu di cattuni e no dipeddi, comu avissuru essiri…

Don Ciccino:             (Sulla soglia dell’uscio di camera sua) Papà!...

Mastro Agostino:      (Infervorato) Figlio!...

Don Ciccino:             (Irritato) Sintissi na cosa!

Mastro Agostino:      (C.s.) Vegnu! (Continuando con Mastro Orazio) Annannu avanti: sti supra tacchi su di sola modda, sti muntanti su di cuoio lentu, sti ghetti sunnu tagghiati d’unni u cuoiu e taccatu nto chiovu, pi custari cchiù picca…

Don Ciccino:             (Quasi fuori di se) Papà ci staiu dicennu di veniri ccà, i primura u vogghiu!...

Mastro Agostino:      Subbutu! (Andando, a Mastro Orazio) Pecciò, caru mastru calciolaio, chisti su scappi di setti liri, al massimo!... Scappi di fiera di paisi!... E quannu lei non sapi fari il calciolaio, si n’annassi a fari u fammacista, e non vinissi a cuntari tanti chiacchiri!... (Entra, tirato violentemente per la giacca, da Don Ciccino)

SCENA QUARTA

Mastro Orazio:          (A Massaru Caloriu) Ma stu signuri, chi è scapparu?

Massaru Caloriu:      Ma cui?...Ma chi vi scappa da bucca?... Chiddu è un prufissuruni, unu rossu, vaia!

Mastro Orazio:          No sacciu!... U modu di comu parra!...

Massaru Caloriu:      Chiddu sapi unu di tuttu, ma chi vi paria a vui!... è rossu, rossu assai!...

Mastro Orazio:          Vabbeni, ma troppu mi ittau nterra i scappi!...

Massaru Caloriu:      Vabbeni, vabbeni, annativvinni, dopu a lezioni du prufissuri non vi dugnu na lira cchiù assai. Vi dissi tuttu, anzi, pi essiri bbonu!...

Mastro Orazio:          Comu voli vossia, chi ci pozzu diri? Sabbenedica!... e… mu salutassi assai, u prufissuri!... (Via)

Massaru Caloriu:      (Torna in camera)

SCENA QUINTA

Don Ciccino:             (Uscendo dalla sua camera, con Mastro Agostino) No, stati niscennu pacciu mi vi faciti canusciri, eccu!...

Mastro Agostino:      Eh, caro mio, dal momentu che mi toccano nel debbole!... A mia tutti i cosi mi ponnu diri, in tutti i maneri mi ponnu offenniri, ma no nella scuscettibilità professionale!...

Don Ciccino:             (Passando in camera dei nonni) Bravu!... Facemuni quacchi n’autra ora chi venunu u sinnucu e l’ivitati, mi raccumannu!... (Via)

Maruzza:                   (In segreto a Mastro Agostino) Sintissi… Prazzutu u bannista, voli sapiri si po veniri…

Mastro Agostino:      Si, si, bravu!... Vai e dicci mi veni subbutu! E poi… senza parrai cu nuddu, u sintisti?

Maruzza:                   Non dubbitati!... (Fa per correre)

Mastro Agostino:      Veni ccà, (Prende una manciata di confetti e glieli dà) teni ccà… Aspetta, mpara u fantali. (Prende una mezza dozzina di paste e gliele mette in grambo) Chisti ti potti a cas… Vatinni.

Don Ciccino:             (Mentre Maruzza scompare, riesce dalla camera dei nonni e rientra nella sua) A mamma è pronta?... Vidissi chi me nonna è pronta e Serafina puru…

Mastro Agostino:      Penzu chi si sta mittennu na picca i stuccu nta facci… Ora ci fazzu primura iò, anzi ci dugnu na maniculata, vatinni. (Don Ciccino rientra e richiude)

SCENA SESTA

Mastro Agostino:      (Facendosi presso la comune) Egregio professori, avanti, avanti! Fozza parramu, chi cumminastu?...

Prazzutu:                   Tuttu fattu. Procurai, na connetta, un bombardinu, un trummuni e nu tamburu…

Mastro Agostino:      Ma sunnu ntunati?

Prazzutu:                   Vaia! Specialmenti u tamburu…

Mastro Agostino:      Menza parola. Allura, dopu chi ntrasi u sinnucu, cu tutti i testimoni, i bannisti s’anna mettiri davanti a potta, pronti alla carica!

Prazzutu:                   Magnificamente!

Mastro Agostino:      Vui vi mitti davanti a sta potta, così putiti avvidiri sia a mia chi a iddi. Quannu iò vi fazzu u signali, e vi dicu:«Pronti alla battaglia», vui ci faciti signali a iddi, e attaccamu!...

Prazzutu:                   Divinamenti!

Mastro Agostino:      Prima maccia riali e poi innu di Garibbaddi.

Prazzutu:                   Perfettamenti!

Mastro Agostino:      I sannu a memoria?

Prazzutu:                   Non si scantassi, hannu i catti!

Mastro Agostino:      Mi raccumannu, mi non si fannu avvidiri i nuddu prima, ouh!... Av iessiri na gran sopprisa pi tutti.

Prazzutu:                   Cettamenti. Vaddasi chiddu chi fazzu, pi camora i fazzu mettiri mucciati c’arretu all’angulu, cu tutti i strumenti, dopo chi traseru tutti, i fazzu veniri nta stanza di ccà, e i mettu allineati davanti a sta potta!...

Mastro Agostino:      Benissimu!... Oh, n’autra cosa, comu fazzu a sapiri chi siti tutti intra?

Prazzutu:                   Mi dessi na parola d’oddini e iò a dicu fotti.

Mastro Agostino:      Bravu! (Lo bacia) Aviti na testa! Eccu; gridati così: prufissuri, u contrabbannu è sabbu!

Prazzutu:                   Vabbeni!

Mastro Agostino:      Vabbeni, ma ora annatibbinni!

Prazzutu:                   Ma dicu… non ma fa vidiri vossia?

Mastro Agostino:      Chi?

Prazzutu:                   A cappella?

Mastro Agostino:      Nenti, nenti, non c’è tempu i peddiri.

Prazzutu:                   A vaia, un momentu sulu!...

Mastro Agostino:      In linea propriu eccezzionali!... Siti l’unicu chi si po vantari di vidilla prima du tempu!... Ma… prima aspittati chi chiudu tutti i potti, prima chi trasi quacchi d’unu. (Cautamente va a chiudere l’uscio di camera dei vecchietti e quello di camera dei figli, con doppio giro di chiave, poi fa segno a Prazzutu di mettersi lontano) Cchiù arretu, cchiù arretu!... Mittitibbi i tagghiu… così… femmu ddocu!... (Prende di tasca la chiave dell’usciolo di centro, in fondo, l’apre con solennità. Facendo apparire, in fondo al ripostiglio, un piccolo altare con l’immagine di San Giovanni Decollato, contornato di festoni di fiori, di ostie e di candele accese) Eh?... chi vi nni pari?

Prazzutu:                   Ah!... Sbrenditu!... Chi galanteria!... Chi meravigghia c’ava essiri pi tutti!... Ma ora, scappu chi non c’è tempu i peddiri.

Mastro Agostino:      Un Momentu. (Gli colma le tasche di dolciumi, poi gli versa da bere del rosolio in un bicchiere da vino) Biviti… a me saluti e di San Giuvanni Decullatu.

Prazzutu:                   Di so figghia e di so mugghieri!...

Mastro Agostino:      No, nenti, non occorri!... Annatibbinni, e occhiu vivu! (Lascia l’usciolo dell’improvvisata cappella socchiuso e accompagna Prazzutu fin sulla porta, ripetendogli) Allura, ricuddatibbi i tuttu, occhiu vivu e bacchetta pronta… Al comando: «Pronti alla battaglia»,  attaccati ca maccia riali… (La voce si perde dentro l’ingresso. Pochi secondi di scena vuota)

SCENA SETTIMA

(Dietro la porta d’ingresso si ode un po’ mormorare concitatamente, poi Mastro Agostino, facendo sforzi erculei, rientra all’indietro, vincendo la resistenza di Orazio il quale, afferrandolo per il bavero del soprabito, vorrebbe tirarlo fuori e invece è trascinato dentro)

Mastro Agostino:      (Sulla porta) Ma scusati, raggiunamu!... Non faciti u solitu esaltatu!...

Orazio:                       (Sulla porta) Vui mi dicistu; responsabbili iò… e iò ni vogghiu soddisfazioni…

Mastro Agostino:      E chi voi diri?... Femmu chi mani, oh. (Entrando completamente in scena, seguito da Orazio, minaccioso, con la destra in tasca) Non nisciti nenti, u sintiti?... (Intanto indietreggia velocemente e si accosta all’uscio di fondo a sinistra)

Orazio:                       No, iò v’haiu a sfriggiari, ma sannunca non sugnu cuntentu. (Cava di tasca un temperino) Avi cincu misi chi vi vaiu ciccannu!... (Apre il temperino)

Mastro Agostino:      (Sgomento) Non t’arrisicari, ouh!... Non facemu ottraggi!... (Apre disperatamente l’uscio serrato a chiave e precipitandosi in camera) Pigghimi a pistola, Lona!... Sparu, sparu!... (Continua per tutta la scena, a dire) Sparu!... Sparu!...

Orazio:                       (Si ferma sulla soglia, titubante, poi indietreggia, si sente, intanto, bussare violentemente agli usci di fondo a destra e di sinistra laterale, e delle voci che imprecano)

Massaru Caloriu:      Chi fu?... Chi succedi, poccu diavuluni?!...

Don Ciccino:             Iapriti, santu Diu, iapriti!...

Orazio:                       (Pentito, scappa verso l’ingresso, ma giunto sulla soglia di esso sente una voce, quella di)

Prazzutu:                   (Che grida) U cuntrabbannu è sabbu, prufissuri!

Orazio:                       (Torna indietro, sgomento, credendosi in trappola e cerca scampo. Non trovando una via d’uscita, apre l’usciolo della cappella e vi si nasconde dentro, richiudendo) Scusa, San Giuvannuzzu!...

SCENA OTTAVA

Mastro Agostino:      (Appare sulla soglia di camera sua, con un manico di ombrello in mano) Sparu, parola d’onori, sparu!... (Guarda attorno e, non vedendo nessuno, corre, rassicurato, ad aprire l’uscio di destra in fondo; e quello di sinistra laterale, dentro i quali, bussando rispettivamente ancora, imprecano Massaru Caloriu e Don Ciccino)

Massaru Caloriu:      Benedettu Diu, chi succidiu?... Cu è chi chiudiu?

Don Ciccino:             Chi diavulu avi papà?... A cu ci vulia sparari?

Mastro Agostino:      Chi nni sapiti caru cumpari!... Chi nni sai caru iennuru!... Vinni ad inzultarmi finua intre!...

Don Ciccino:             Cui?

Mastro Agostino:      Quel mascalzone di Orazio Scavunettu, detto Funcidda!... Ti l’avia dittu iò, chi stu pacciu era capaci di veniri finu a ccà!... Mi minacciau c’un licca sapuni, mi dissi chi mi vulia sfriggiari… e si iò, non pigghiava u rebobbiri!...

Massaru Caloriu:      Fici bbonu, cumpari!...

Don Ciccino:             (Che vedendo in mano a Mastro Agostino un manico d’ombrello, non può frenare una risata) Ma cuè chi ni chiudiu intra a nui?...

Mastro Agostino:      (Che non vuol confessare, per non palesare il suo gran segreto) E chi nni sacciu iò… (Ricordandosi dell’uscio del ripostiglio lascaito socchiuso, corre a serrarlo e rimette la chiave in tasca) Ma, iddu, si non si nni scappava, stava friscu!... (Va a chiudere l’uscio che da all’ingresso)

Massaru Caloriu:      Chista a po lassari apetta, c’è chiusa chidda i fora!...

Mastro Agostino:      Megghiu chiusa, sintiti a mia!...

Massaru Caloriu:      (Avviandosi) Menu mali chi i fimmini non sinteru nenti, di tuttu stu trafucu, masinnò, avvidiri chiddu chi succidia!...

Mastro Agostino:      (A Don Ciccino) To soggira sintiu tuttu, ma non si muviu!...

Massaru Caloriu:      E chi putia fari dda poviredda?... (Rientrando) Quantu vidu chi dici Prudenzia.

SCENA NONA

Lona:                         (Esce, da lì a poco, con tanto di cappello piumato in testa e un fitto velo bianco sulla faccia) Finisti di sparari?... Sai si è pronta Serafina?

Mastro Agostino:      (Secco) Ci dumanni! (Esaminando bene, irritatissimo) Chi cosa voli significari stu cummogghiu, sta muschittera chi hai nta testa?...

Lona:                         Non cuminciari a sparrari u senti?...

Mastro Agostino:      Vi sto pregando: che cosa significano, parlati!...

Lona:                         Chi voli diri, chi significanu? È u cappeddu e u vilu chi ci vonnu!...

Mastro Agostino:      Ma vatinni, lofria, leviti stu cosu!...

Lona:                         Chi dicisti?... Iò c’ha fari onuri a me figghia!...

Mastro Agostino:      Unni, strolica?... U matrimoniu si fa in casa e tu ti presenti cu stu baullu nta testa?... Ma levittillu!...

Lona:                         No, l’haiu e mu mettu!...

Mastro Agostino:      Levittillu, ti staiu dicennu, cretina! Non fari ridiri a genti!...

Lona:                         Si pacciu!!!... Tu sulu u poi puttari u cappeddu, è veru?... Iò chi sugnu, na pupa i pezza?...

Mastro Agostino:      Chi c’entru iò?... Levittillu, ti dissi, viddanazza, baraccota, chi na bambula i lettu!...

Lona:                         Ma picchì non ti vaddi tu, chi si beddu!... Pari un quatru i Venezia!...

Mastro Agostino:      Ouh, gna Lona!

Lona:                         Ouh, Mastr’Austinu!

Mastro Agostino:      Miserabbili lavannara!

Lona:                         Tintu mastru scapparu!

Mastro Agostino:      Ah, si?... (Si precipita su di lei e le strappa cappello e velo, buttandoli via) Eccu!... si cuntenta ora?

Lona:                         Assassinu!... Sdisonestu!... Facci i cuppinu!...

SCENA DECIMA

Don Ciccino:             (Uscendo di camera sua) Santu e santissumu Diu, pi fozza v’aviti fari canusciri?... Ouh, ma chi criditi vuiautri, chi siccomu vogghiu beni a vostra figghia, m’ha supputtari stu nfennu e buddellu?... Ci manca picca chi vi mannu addu paisi!... Menu mali chi va supputtari pi tuttu oggi!... E chi poccaria!...

Lona:                         Iddu è, st’animali i gebbia! Non mi dugna un minutu i paci!... (Piange)

Don Ciccino:             Finitila, chi vi ponnu sentiri, e non vogghiu fari sti pettegulezzi a genti!

Mastro Agostino:      Le pettegolezze, caru geniro, i fa idda! Senti si non haiu raggiuni; e mai possibbili, chi pi ristari intre, si mittiva ddu cappeddu nta testa, chi paria un cioscu di limonata, e un metru e menzu di vilu davanti a facci?

Don Ciccino:             (Non potendo frenare una risata) Veru è?

Mastro Agsotino:      Comu no! Diccillu, tu, diccillu tu, facci i sculapasta ruggiatu!...

Lona:                         (Piangendo) Iò ci vulia fari onuri a me figghia e a me iennuru!...

Don Ciccino:             (C.s.) E bbonu, mamma, non si usa, intra… raggiuni avi Mastr’Austinu.

Mastro Agostino:      Dicu giustu?... Chi nni po sapiri, idda, di cetti usanzi sociali?

Lona:                         (C.s.) E così mi l’avivi a diri, chi mi stavi scippannu l’occhi?

Don Ciccino:             (Raccogliendo il velo e il cappello e porgendolo a Lona) Bonu, mamma, s’asciugassi l’occhi, s’aggiustazzi i capiddi e tonna cuntenta. U facissi p’amuri mei!

Lona:                         (Rientrando in camera) U signuri si n’arricogghi, genti valenti, ma stu sciccazu fausi i me maritu i teni ancora ccà!...

Mastro Agostino:      Ti pessuadi, caru iennuru, comu mi ietta i malanovi? (All’indirizzo di Lona) Malanova i tia sula, cuttigghira i primu livellu!...

Don Ciccino:             Bonu, Mast’Austinu! Finemula ora!

Lona:                         Assassinu, boia!... Boia!... Boia!... (Rientra in camera)

Don Ciccino:             Bonu, e bonu, finemula ora!... Uffa!

SCENA UNDICESIMA

Massara Prudenzia: (In abito da festa) Nui semu pronti.

Serafina:                    E nui macari.

Maruzza:                   (Tornando di corsa) A puntu giustu. Ccà ci sunnu sinnucu e l’invitati.

Don Ciccino:             Oh, bravu!... (S’avvia alla porta, gli altri, parte lo seguono, parte si dispongono presso la scrivania, dove si svolgerà la funzione del matrimonio civile)

SCENA DODICESIMA

Don Ciccino:             (Nell’ingresso) Avanti, Sinnacu… Segretariu, avanti… Nonnu, sbarattati dda scrivania, pi registri.

Sindaco:                     (In redingote, con sussiego) Signori, buon giorno, a tutti.

Tutti:                          Bongiorno.

Massaru Caloriu:      (All’usciere, che ha con se due grandi registri) Ccà, mittitili ccà.

Don Ciccino:             Presento l’egregio signor Sindaco… Mia moglie, Serafina.

Sindaco e Serafina:   (Stringendosi la mano) Tanto piacere.

Don Ciccino:             L’egregio signor Vittorio Calamai, Sergretario Comunale… Mia moglie.

Segretario e Serafina:          (C.s.) Fortunatissimo, tanto piacere.

Don Ciccino:             Papà, il signor Sindaco e il signor Segretario Comunale… mio suocero, signor Agostino Miciacio, professore in ritiro… Mia suocera, signora Lona… Tutti gli altri si conoscono, mi pare…

Mastro Agostino:      (Abbraccia e bacia prima il Sindaco) Tante congratulazioni. (Poi il Segretario Comunale) Viceversa.

Segretario:                 (Mentre tutti fanno i convenevoli, stringendosi la mano, e il Sindaco si intrattiene un po’ con tutti, abborda Mastro Agostino, che è tutto in sollucchero, ha ricalzati i guanti e si pavoneggia) Ah,  lei è in ritiro, già così giovane?

Mastro Agostino:      Già… sono in ritiro…

Segretario:                 Ha cominciato presto, la carriera!...

Mastro Agostino:      Ppuh!... Prestissimo! Putia aviri ottu anni…

Segretario:                 Corbezzoli!... Mi congratulo!... E… che cattedra occupava, se è lecito?

Mastro Agostino:      (Che non comprende) Comu?

Segretario:                 Dico; quale facoltà copriva? Che materia insegnava?

Mastro Agostino:      (Imbarazzato) Ah!... A secunnu, vede…

Don Ciccino:             (Intervenendo in tempo) Insegnava lingue.

Segretario:                 Ah!... Lingue!...

Mastro Agostino:      Già, sissignore!... Lingue, mintemu… nasi… mussa… aorecchie…

Segretario:                 Vive o morte?

Mastro Agostino:      (Sulle spine) Eh… a secunnu le stagioni… Vivi, motti, convalescenti….

Don Ciccino:             (C.s.) No, in ultimo insegnava lingue vive; tedesco, inglese…

Mastro Agostino:      (Rincuorato) Già… Inglese, danimalchese, sveziano, polonese, russiano…

Don Ciccino:             (Tirandogli la falda del soprabito) Fozza, papà, chi u Sinnucu è prontu!... Vuole favorire, signor Segretario?

Segretario:                 Ai suoi ordini. (Va a prender posto accanto al Sindaco, che cinge la sciarpa e si mette dietro la scrivania)

Sindaco:                     Avanti gli sposi!

Don Ciccino e Serafina:       Pronti! (Si mettono, l’una alla destra dell’altro, dal lato opposto della scrivania, di fronte al Sindaco. Tutti i presenti fanno crocchio attorno a loro)

Sindaco:                     (Togliendo dalla tasca di dietro dello Stiffelius un piccolo codice) Dunque, signori, attenti! (Apre, sfoglia e legge ad alta voce, con chiarezza) Articolo 130: Il matrimonio impone ai coniugi l’obbligazione reciproca della coabitazione, della fedeltà e dell’assistenza.

Mastro Agostino:      (Piano alla moglie) Stu libbriceddu fu chi mi ruvinau a me vita! U vidi?

Lona:                         Malidittu quannu u nvintrau pidda veru!

Sindaco:                     Articolo 131: Il marito è capo della famiglia, la moglie segue la condizione civile di lui.

Mastro Agostino:      Civili, capisci?... Comu a mia!...

Sindaco:                     Ne assume il cognome, ed è pbbligata d’accompagnarlo ovunque egli crede opportuno di fissare la sua residenza.

Lona:                         Obbligata, stai sintennu?

Mastro Agostino:      Si vabbeni, ma iò ti dispenzu… (Gli da un calcio)

Lona:                         A moriri mmazzatu!... Ahi!... Sdisonestu!...

Sindaco:                     Articolo 132: Il marito ha il dovere di proteggere la moglie, di tenerla presso di se e di somministrarle tutto ciò che è necessario ai bisogni della vita, in proporzione delle sue sostanze.

Lona:                         Sustanza, u senti? … E no faciola!

Sindaco:                     La moglie deve contribuire al mantenimento del marito, se questo non ha i mezzi sufficienti.

Mastro Agostino:      (C.s.) Ti pessuadi, caiorda? Pi stritta liggi, c’aviria pinzari tu pi mia.

Lona:                         Ma vatinni sviggugnatu!...Ti meritirivi na risposta!... Ma siccomu sugnu na fimmina onesta!

Mastro Agostino:      (La pizzica da farle tramortire)

Don Ciccino:             (Lo guarda accigliato)

Serafina:                    (Lo supplica, con gli occhi, di non fare scandali)

Lona:                         (Forte) Ahi, ahi, ahi!...

Massaru Caloriu:      Chi fu cummari?

Tutti:                          Chi vai signora?

Mastro Agostino:      Nenti… non ci faciti casu, l’emulsione… è emulsionata!...

Tutti:                          (Compreso il Sindaco, ridono)

Sindaco:                     (Ricomponendosi) Voi Francesco Maria Santopaola, siete contrento di prender per legittima spisa Serafina Eugenia Miciacio?

Don Ciccino:             Si!

Sindaco:                     E voi, Serafina Eugenia Miciacio, siete contenta di prendere per legittimo sposo Francesco Maria Santopaola?

Mastro Agostino:      Si futura!... Si nni scapparu!...

Tutti:                          (Ridono)

Sindaco:                     Risponda la sposa.

Serafina:                    (Con un fil di voce, per la commozione) Si!

Mastro Agostino:      Dillu bellu fotti! Si!... L’ava scusari signò sinnico, la ragazza ancora non è pratica!...

Serafina:                    Si! (Forte)

Sindaco:                     In nome della legge, siete marito e moglie.

Tutti:                          Viva!...

Segretario:                 Ecco, signori, prima gli sposi e poi i testimoni, abbiano la bontà di mettere una firma qui, (Indica il posto nei registri) e una qui. (Mastro Agostino si squaglia, gli sposi e i testimoni firmano)

Serafina:                    (Dopo aver firmato, va ad abbracciare la nonna, la madre, il nonno e il padre)

Don Ciccino:             (Fa lo stesso, cominciando dal suocero)

Massaru Caloriu:      Santi e ricchi, niputeddi mei, e chini di saluti! U signuri mi v’aiuta nta tutti i cosi… (Si asciuga una lacrima di tenerezza) E quantu prima, a sti vecchiareddi di vostri nonni, ci aviti regalari un niputeddu, così divintamu nonnavi.

Tutti:                          Bravu!... Viva!

Massara Prudenzia: (Piangendo anch’essa di tenerezza) Ciccineddu, figghiu mei, abbrazzimi n’autra vota, a nonnicedda toi!...

Don Ciccino:             (Abbraciandola) Ma picchì cianciti nonna?

Massara Prudenzia: Cianciu… picchì pensu a gioia c’aviossi avutu, la sant’anima di to patri e a bon’anima di to matri, si sariunu presenti!... Veni ccà Serafinedda, figghia…

Serafina:                    (Le si appressa e la bacia teneramente)

Massara Prudenzia: (Riunendo gli sposini in un unico abbraccio) Così, figghi mei, uniti pi n’autri cent’anni, du animi nto corpu, comu fummu sempri iò cu vostru nonnu, chi avi quarantott’anni, chi semu nzemi, senza mai na questioni, mai na parola, mai un malintisu!...

Mastro Agostino:      (Affettato) Viniti, ccà figghi! (Li Abbraccia anch’egli come la nonna) Santi e ricchi, e non vi raccumannu autru, ubbidienza e non vi sciarriati mai…

Lona:                         (Ironica) Già… comu iò cu me maritu, chi è na pella i cristianu!...

Mastro Agostino:      Allura… finiu, mi rumpiu u filu!... Divittitibbi! (A Lona) Quannu ristamu sulu ni facemu i cunti!...

Tutti:                          (Ridono)

Mastro Agostino:      Ti fazzu divintari nira comu i mulinciani!...

Massara Prudenzia: (Trascinando per mano Don Ciccino e Serafina) Ora, viniti ccà, ringraziati a Veggini Maria, chi vi prutiggiu e vi proteggiravi sempri, comu avi fattu cu nui pi tant’anni.

Mastro Agostino:      (Sbarrando il passo) Alto là!... Scusati, cara cummari, ma prima, u duviri di sti signuri è n’autru. Fermmi! (Spingendo gli astanti indietro per sgomberare lo spazio davanti l’usciolo di fondo) Scusati, pi favuri, facitimi na picca i laggu. Così, femmi tutti!...

Massaru Caloriu:      Chi cosa vuliti fari, prufissuri?...

Mastro Agostino:      Ora, lei, u capisci. (Prende Don Ciccino e Serafina per mano) Inginucchiatibbi!...

Don Ciccino:             (Riluttante) Ma chi significa?

Mastro Agostino:      (Con autorità) Ubbidisci, figlio!

Massaru Caloriu:      Ubbidisci a to patri, Ciccineddu!...

Don Ciccino:             (Suo malgrado, si inginocchia davanti a Mastro Agostino)

Serafina:                    (Fa lo stesso accanto a Don Ciccino, con l’usciolo di fronte)

Tutti:                          (Guardano e attendono con gran curiosità)

Mastro Agostino:      (Solenne) Tu, cara figlia, quanno hai prenduto la fuca col prisente tuo consorte, a cui ti sei raccumannata, per non essiri abbandonata in balia di te stessa?

Serafina:                    A San Giuvanni Decullatu.

Mastro Agostino:      Benissimu. E tu, caro Ciccino, al prisente mio genero, davanti a cui ci hai giuratu, quannu ti nni foiste colla prisente tua consorti, che ti la sposavi mitematicamenti?

Don Ciccino:             (Sorridendo) Davanti a San Giuvanni Decullatu.

Mastro Agostino:      Ti preco di non ritere! (Grave) Ebbeni, San Giovannuzzu Decollatu vi fici u miraculu e lo doveti ringraziari. (A Prazzitu, che è sulla soglia dell’ingresso) Profissori, promti alla battaglia!

Prazzitu:                    (A quelli di fuori, con gli strumenti) Annamu, figghioli! Una, due e tri! (Si sente, di fuori, un centone di strumenti scordati, che vorrebbe essere una marcia reale, ma che riesce soltanto a potar via le orecchie agli astanti)

SCENA TREDICESIMA

Mastro Agostino:      (Mette la chiave nella serratura dell’armadio e lo apre, spalancandone le imposte)

Orazio:                       (Precipitandosi fuori del ripostiglio, con il temperino in mano, aperto) Laggu!... Laggu!

Tutti:                          (Indietreggiano, le donne emettendo grida di spavento, gli uomini cercando, istintivamente, una sedia, un oggetto qualunque per farsene un’arma di difesa)

Mastro Agostino:      (Correndo, spaventato, verso la sua camera) Sparu!... Sparu! (La musica cessa come per incanto)

Orazio:                       (Guadagna l’ingresso, e si squaglia)

Gli Uomini:                (Si precipitano verso l’ingresso, ma Orazio è già scomparso)

Le Donne:                  (Sono pallidissime per la paura. Solo la signora Lona si mostra impassibile, quasi soddisfatta)

SCENA QUATTORDICESIMA

Massaru Caloriu:      (Che è caduto tra le donne, si rialza, tenendosi i lombi indolenziti)

Sindaco:                     Era un delinguenti, facitulu taccari!...

Mastro Agostino:      (Uscendo di camera, col il solito manico d’ombrello) Laggu, chi sparu, laggu!...

Sindaco:                     Ma chi sparari, prufissuri, a cu ci sparati?... Scappau! Venga qui. Cu era?... Lei u canusci?

Massaru Caloriu:      Cu era chistu?... Si po sapiri?

Mastro Agostino:      Cu era?... Era quel mascalzoni di Orazio Scavunettu, detto Funcidda, lampionario. Lo facesse arrestare, signò Sinnico!...

Don Ciccino:             Ma che arrestare, lassatulu iri a ddu povuru pacciu!

Mastro Agostino:      Pacciu, pericolosu però!... Mi voleva suicidare!...

Segretario:                 Ma come avrà fatto a nascondersi li dentro?

Mastro Agostino:      Ah, ma lei non sapi la storia intecidenti? Eccu, ce la dico io…

Don Ciccino:             (Mettendoglisi davanti) Nenti, papà, m’ha fari un piaciri, non ni parrari cchiù… Aiutassi, chiuttostu, a sevviri sti signuri, chi sunnu scantati.

Massara Prudenzia: Si, si manciamuni i cunfetti, alla saluti di sposi!... A vossia cummari. (Prende una manciata di confetti e li da a Lona, che li mangia avidamente, ridendo e motteggiando il marito)

Tutti:                          (Si scambiano dolci, liquori, auguri ed evviva)

Massara Prudenzia: (Avvicinandosi al marito) Ti struppiasti, Caloriu?

Massaru Caloriu:      Un pocu!... Ma non ci fari casu, cosa i nenti! (A Mastro Agostino) A propositu, prufissuri, belli miraculi chi fa, u so San Giuvanni!...

Mastro Agostino:      Ha raggioni, caru cumpari! Si lei mi cridi, ni sugnu mortificatissumu! Anzi, vaddassi, mi ci dugnu soddisfazioni, in presenza di tutt, lo ponisco! (Va presso l’altare improvvisato, ne spegne le candele e ne toglie il quadro, con il quale torna tra i convenuti)

Lona:                         Ahi!... Ahi!... Ahi!...

Massara Prudenzia: Chi c’è cummari?

Mastro Agostino:      (Smette e si ferma ad ascolatare)

Lona:                         (Non può parlare, e fa segni con le mani, mostrando la bocca sanguinante)

Massara Prudenzia: Matri bedda, cummari, menza lingua ci stava sautannu!... Ma comu fu?

Maruzza:                   Mentri si manciava na cunfetta! (Tutti attorno a donna Lona, la fanno sedere e cercano di curarla)

Mastro Agostino:      (A Maruzza) ma chi succidiu?

Maruzza:                   A donna Lona, so mugghieri, mentri si manciava na cunfetta, si tagghiau menza lingua!

Mastro Agostino:      Ci cadiu, fossi? (La cerca per terra)

Maruzza:                   No, ma non po’ parrari cchiù!...

Mastro Agostino:      (Inginocchiandosi davanti l’immagine di San Giovanni  che depone su una sedia) San Giuvanni Decullatu!... Santu miraculusu!... E iò chi vi vulia offenniri!...

Massaru Caloriu:      Chi c’è, prufissuri? Vidissi chi so mugghieri si tagghiau menza lingua, non po’ parrari cchiù!...

Mastro Agostino:      (Senza badargli) Miraculu spittaculusu!... Signori mei, spittaculu.

Tutti:                          Chi fu?... Chi succidiu?

Mastro Agostino:      (C.s.) Prufissuri, prufissuri Prazzutu!

Prazzutu:                   (Sulla soglia dell’ingresso) Chi voli?

Mastro Agostino:      Musica! L’inno di Garibbaddi! (A tutti che lo guardano meravigliati) Inginucchiatibbi tutti, chi semu davanti a un Santu miraculusu, putenti, straputenti!... Viva San Giuvanni!... Viva San Giuvanni!

Prazzutu:                   Forza, figghioli, damucci sutta donna nou! (Si sente la musica deliziosa di prima. Mastro Agostino, inginocchiato davanti l’armadio, si batte il petto, tutti lo guardano meravigliati, donna Lona gli fa cenno, come per dire; hai raggiuni, boia!...)

FINE DELLA COMMEDIA

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno