S’an s’avdè piò, buon Natale

Stampa questo copione

"Opera tutelata e depositata su www.patamu.com con numero licenza n.17127

S’AN S’AVDE’ PIO’, BUON NATALE

(10 personaggi)

di

Valerio Benvenuto

Personaggi:

Giacinto Briganti

Luisa, moglie di Giacinto

Anna, sorella di Luisa

Giorgio, padre di Luisa

Mirella, madre di Luisa

Teresa, figlia di Giacinto

Giacomo, commerciante

Giacomo, fidanzato di Anna

Maresciallo Olghi (donna)

Ugo, amico di Giacinto

Scena: salotto di casa Briganti. Un paio di poltroncine, un piccolo tavolino, tavolo, sedie e un piccolo mobile. Una porta che si apre sulla cucina, una che si apre sulla sala da pranzo, un accesso senza porta per il reparto notte e la porta d’ingresso. L’albero di Natale ben in vista. 

PRIMO ATTO

Entrando in scena dalla cucina

LUISA – Ecco qua! L’impast a l’avé fatt.

ANNA – Quell un n’è un impast, l’è una muntagna.

LUISA – Me par Nadel al robi schersi an li voi fé.

ANNA – Un sarà tropp prest par fé i caplett? U Ja manca incora una stmana a Nadel.

LUISA – No, c’un n’è tropp prest. A tl’ho pu dett. Ai mitté in te cungelador. Piottost et libaré e scumpartiment ad sora?

ANNA – Sé, sé. Però al set che t’e rason. S’ai fasé adess as cavè e pinsir e sotta Nadel a se lebri. Quant a n’avegna da fé?

LUISA – Donca, famm pinsé, a sé me, te, Giacinto, e ba’, la mamma, la mi’ Teresa. Quindi quant a segna?

ANNA – Conta con le dita tutti quelli nominati in precedenza – A Sé in sì.

LUISA – E e tu muros un ven, allora?

ANNA – No. Giacomo par Nadel e magna neca lo cun la su fameja. E vnirà a la sera.

LUISA – Natale con i tuoi…La jè giosta icé. Però e sarà neca ora ta se feza cnossar. El pussebil che inciò ad nuitar u’l’epa incora vest? E pè t’epa un agente segreto par muros. E pu lo’ za us ciama Giacomo, in ingles um pé che sia James, s’el James Bond?

ANNA – Eh, e vuitar a si la “Spectre”. Va là, no femm ridar.  L’è sol che stal robi al va fatti quant c’l’è ora.

LUISA – Ah, par quest t’e rason. Stal robi bsogna feli sol quant cu s’è sicur d’avé fatt la scelta giosta, se no l’inveja un via vai ad zenta chi entra in ca’ coma chi foss d’la fameja e pu, quant che i bambozz i s’è rott, i sparess da la circulaziò e ai familier uj pé d’avé spreché tott l’affett. - Piccola pausa - Coma c’l’è success quant c’irta fidanzeda cun Francesco. Te a sit sicura stavolta d’avé fatt la scelta giosta?

ANNA – Me sé.

LUISA – A me però un pé t’foss cunventa neca l’etra volta…

ANNA – Però a’m sbajeva. Stavolta la jè diversa. Stavolta a so’ propi sicura! 

LUISA – T’e sol da speré ch’e dega e stess quel lo in ca’ su.

ANNA – An n’ho bsogn ad speré, perché me in ca su’ aj so’ za steda…

LUISA – Ah sé? Beh, mej icè… pausa - Allora quant an fasegna at sti caplett?

ANNA – U i’n vra centzinquanta…

LUISA – Cun quì cu’s magna Giacinto e e’ ba’ ui’n vra neca dusent…

ANNA – Allora e sarà mej fen tarzent, parchè a la sera i j’magna incora…

LUISA – Fasegna pu’ quatarzent, allora. Icé qui ch’jarmaza i j’magnarà e dè dop…

ANNA – E s’an fasesum zeczent? Icé as arsparmiè ad fé da magné par totta una stmana.

LUISA – Ciò, te sa si vut fé scappé dagl’urecc i caplett?

ANNA – E tu Giacinto si j’scapa dagl’urecc u si magna d’arnov.

LUISA – E sarà pr’e nervos.

ANNA – Pr’e nervos ad chè?

LUISA – Mo t’al sé pu che quant che vè al festi ad Nadel e dventa cattiv com’ e geval.

ANNA – Al so, al so. Sol che a lo’ e nervos inveci ad ciudi e stomac ui fa vni fam. Me pu an la j’ho mai capida sta facenda de nervos sotta Nadel.

LUISA – Lo un gn’i pis i righel e totta la publicité in t’la televisio…

ANNA – Un supporta al festi, allora.

LUISA – Al festi longhi propi no.

ANNA – Ah a sen a post, quella ad Nadel la jè la piò longa!

LUISA – Par lo al festi ad Nadel agl’ian fness mai.

ANNA - Mo veda un po’, quand c’l’arriva Nadel tott e mond l’è cuntent fura che Giacinto.

LUISA – Vit, lo se putess andes a nascondar in ste period, ul farebb vluntira, ai scumett. Lo un po’ suffrì e fatt che tott jà da essar piò bon, e dis c’agl’jè totti patachedi. Mo u jè un quell che propri un supporta..

ANNA – Ah, a cred ad savel bèn. A scumett cl’è la faccenda di auguri!

LUISA – Propi icé. Lo e dis che jè la piò granda falsité c’l’ai possa essar.

ANNA – Ah, a m’arcord bè l’ann passé. Par furtona che la tu fiola l’an’ha imparé da lò…

LUISA – Magari la javess imparé da lò, icé a s’arsparmiegna ad fé tott sti righel. No, no la mi Teresa la sta d’asté e Nadel za da Ferragost. I que s’ui foss du Nadel al’ann, a forza ad righel  andaresum a fallì.

ANNA – E sarà mej ad no, valà, se no is porta vi tott al statuin de presepe e al pali dl’elbar. A proposit ind’el andé e nervos?

LUISA – Chi, Giacinto?

ANNA – Parchè s’agn’el un etar di Mister Hyde?

LUISA – No, no, u je sol lo, par furtona. L’e andé in piazza a tu’ e caffè, mo e turnarà prest. Adess l’è neca in ferie e quindi la bunté de Nadel uj tocca tula so totta. 

Si apre la porta d’ingresso ed entra Giacinto

LUISA – A sit tè Giacinto?

GIACINTO – A so mè, a so mè – entra borbottando e facendo segno di no col capo, mentre si toglie il cappotto e lo appende. – Va là, va là, va là…

LUISA – S’a jel c’un va?

GIACINTO – Sta bona va là. In te bar, aj’ho incuntré Ugo, quel c’laveva..

LUISA – La merceri…

GIACINTO – Ac merceri?

ANNA – No un n’era una merceri, e vindeva dal cunfezion da donna.

LUISA – Sé, e vindeva neca dal cunfezion, mo la buttega la jera una merceri.

ANNA – Infatti, in prinzipi l’aveva invié cun la merceri ma pu…..

GIACINTO – Ciò, a l’ajaviv da fé longa cun sta merceri, me a staseva scurend ad Ugo, quel c’l’aveva l’edecula drì a la cisa, e la merceri un la j’ha mai avuda. Anzi, par dilla totta, incu uj mancheva nec’un pton in te capott.

LUISA – Va bè, alora l’è un etar Ugo e me a ne cnoss. E s’al fatt st’Ugo chi qué?

GIACINTO – divaga - Adess c’un ven in tla ment, al set che Ugo l’era bon ad fé l’ipnutizzador. A m’arcord che dal volti e faseva armanzé tenc tott qui chi j’andeva ad davanti.

LUISA – Alora us ved ch’u t’ha ipnutizzé neca te incù, parché t’an ci bo’ d’andé avanti cun e scors. A t’ho cmandé: s’al fatt st’Ugo chi qué.

GIACINTO – As sé farmé a ciacaré du minud, e pu quant ca’s s’è saluté al set quel cu m’a dett?

LUISA – Sa t’al dett?

GIACINTO – U m’a dett: “S’an s’avdè piò, Buon Natale”.

LUISA – Mbeh e allora? L’è un mod ad di’.

GIACINTO – S’an s’avdè piò, Buon Natale. E se inveci as’avdè incora, sa dvental Bona Pasqua?

LUISA – Mo me an capess quel cui sia ad stran. U t’ha sol vlu di’ che se par chesi an v’avdì piò prema che sia Nadel, lo ut fa j auguri adess, icé l’è piò sicur.

ANNA – L’è icé, Giacinto. L’è una gentilezza.

GIACINTO – L’è una patacheda, inveci. Me al cnoss da una vita mo a so cunvent che a lò un gni’n frega propi ignita ad me. L’è una falsité at deg, come tott j augur ad Nadel. Jè fels coma di pezz ad latta invarnisé cun e culor dl’or.

LUISA – Par tè l’è tott fels e tott i s’in frega ad chìtar. Se foss coma dì te, e mond e sarebb za fni da un pezz. E pu sa cavessum totti al robi che te t’an support, ugn’armanzareb piò gnita da dì. J’auguri jè una forma ad rispett, un mod ad dimustré d’l’afett…

GIACINTO – Jè dal falsité, at deg. E me a li cnoss bèn tott al robi chi pensa dad’bon qui chi fa j auguri.

ANNA – Sa sit dvinté un strolg…

GIACINTO – Me a voj smascheré sta falsité, av voj…fé avdé l’etra fazza dl’amdaja. Avanti cminzì a dì totti al fresi dj auguri ca dgi neca vuietri, o ca scrivì in chi bigliet tott pì ad sasité, avanti, forza…

LUISA – Beh, quella piò semplicia la jè: Buon Natale!

GIACINTO – Va in te casè!

LUISA – Huei Giacinto, tsarè neca nervos, mo t’an t’la je mica da ciapé cun me…

GIACINTO – Mo me an deg cun tè. “Va in te casè” l’è quell che pensa o’ che dis Buon Natale.

ANNA – Mo va là, Giacinto, famm e piasé…

GIACINTO – Dai, andì avanti. Anna, di’n ona te adess, forza.

ANNA – Buon Natale e Buon Anno

GIACINTO – Va in te casè te e trentasì di tu parent!

LUISA – Sinceri auguri di Buon Natale

GIACINTO – Un azident c’ut specca!

ANNA – I più fervidi auguri di Buone feste

GIACINTO – C’ut vegna un colp a te e a chi’t te sò!

LUISA – Mo te tci fissé e mi Giacinto.

GIACINTO – No no, me a deg sol la verité che tott i fa fenta ad no savé. Totti al rubazi ch’i pensa qui chi fa j auguri, mascheredi cun cal patachedi felsi. E a tott e va bè icé. E pu u jè neca qui ch’it dis “che purta j auguri neca a tott i su familier” e i s’aracmanda e i te dis cun una cunvinzion – felsa – che se o’ uj da menta e quant c’l’etra in ca’ par chesi us scorda at purté sti auguri a la moj, us sent un delinquent.

LUISA – L’è sol un pinsir gentil par la fameja…

GIACINTO – Mo ac pinsir! Qui chi’t dis ad purté j auguri neca a tott i familier, un gni’n frega propi ignita d’la tu fameja. Anzi al set quell chi pensa mentra ch’il dis?

LUISA – Huei dimal, ormai t’aglié detti totti. Dì neca questa.

GIACINTO – “Un m’in frega gnit ad tè c’at cnoss, figurat quel cu m’in po’ farghé di tu parent, ca ni cnoss ignaca”. E tott e mond l’è sott a sta cuerta ad falsité. Andì pu avanti icé, sa sì cuntent. Me no. Me agni stagg.

ANNA – Mo Giacinto, sa cavé j auguri a dvè cavé neca i salud, Buon giorno, Buona sera, par chesi, et truvé nech’ilè un significhet nascost?

GIACINTO – U’s capess: drì a tott i salud u jè ste pinsir: “Va pu par la tu stré che mè a vegg par la mì”.

LUISA – Moh e mi Signor, coma ca’s s’è ardott. Te Giacinto, st’ve avanti icé, t’andaré a fni in te manicomi…

GIACINTO – Almanc in te manicomi on e dis quell che pensa. Vuitar a dgì dal falsité e a passì inveci par parsoni sani e educhedi. Coma ca’v si ardott!

LUISA – Nuitar…

ANNA – rivolta a Luisa - Cambiegna scors, adess…

LUISA – Eh, e sarà mej, se no in te manicomi i j va a fnì qui chi t’sta a sintì, che pu a so me.

GIACINTO – Fra una stmana l’è Nadel, t’ajandré cun’l’an nuov…

LUISA – Sé, par la Befana…

ANNA – Un n’era mai capité ca fossum tott in ferie in ste period. E la tu Teresa la jè a ca’ da l’Université.

LUISA – E a staré inse’ fen a dop Nadel. Pu la Teresa la va in muntagna par l’utum d’l’ann.

ANNA – St’ann a passé propi un bel Nadel. As faré tott j auguri sott a l’elbar.

LUISA – J auguri? Mo va la, sgonda e mi marid sa vlé essar sincir as mandaré di azident tott e dé.

GIACINTO – Scherza pu, te, mo e mond e va coma ca deg me…

ANNA – Par furtona che i nostar vecc j’ha cumpré un appartament icé grand, se no par Nadel a se scurdegna ad ste tott insè.

GIACINTO – rivolto a Luisa – A proposit, e tu ba’ ind’el andé?

LUISA – T’al sé pu che dop chi ha magné lò e la mi mamma i va sempar a fé una passigeda drì a e parco urbano. D’al volti i sta vi’ neca un’ora e mezz.

GIACINTO – Allora, vest cu jè incora de temp, a vegg a cumpré la lampadena da mettar in tla lus de cumudè dla Teresa, che quella cla jè adess la s’è fulmineda.

LUISA – T’an la putivta cumpré prema, che c’irta za fura?

GIACINTO – Am so’ scurdé. I m’a distratt cun j auguri, fervidi. A s’avdè fra un po’ – Sta per uscire

LUISA – Ah Giacinto!

GIACINTO – un po’ infastidito – Sa j’el? El mai pussebil che ta m’epa sempar da ciamé quant ca stagg par scapé d’in ca’ …

LUISA – Duvress essar cuntent. E vra dì ch’um’indispis t’vega vi.

GIACINTO – Me inveci a cred che ta m’epa da cmandé ad cumpré chicosa, etar che e dispiasé.

LUISA – Ueih, ci propri un strolg.

GIACINTO – Avé a che fé cun te l’è facil fé e strolg. Dai, dì pu.

LUISA – E mi ba’, prema d’andé a fé la passigeda, u m’ha cmandé s’ai cumpré e bicarbuné all’eucaliptolo, cu l’ha fnì.

GIACINTO – A possi dì, cun totta la bunté ad Nadel, cu se putrebb cumpré neca da par lo?

LUISA – Int’e percors chi fa luitar un’in’è di negozi, se no uj pinseva lò.

GIACINTO – Va bè, va bè. In do’al vendi ste bicarbuné all’eucaliptolo?

LUISA - T’e d’andé in c’la parafarmaci c’la jé drì a e Bar Centrel. A so’ sicura che ilè il’ha sfus e ad bona qualité. Al’ho cumpré un etra volta. Ta n’e da tù una bosta. Te da dì una bosta media. E pu il sa za luitar quell chi t’a da dé.

GIACINTO – E sa sn’al da fé ad sta roba. An cred che e bicarbuné all’eucaliptolo us possa druvé par digerì.

LUISA – Mocché digerì, e fa agl’inalazion.

GIACINTO – Mo agl’inalazion da fé ché, s’un n’a mai una fardason gnanca par sbali.

LUISA – Lò e dis che la fardason la’gni vè propi parché i j’va in te nes sti vapur. E pu e rispira mej e la notta un rossa.

GACINTO – Alora sa vegg a cumpré sta roba la sarà cuntenta la tu mamma, icé a la notta la dorma.

LUISA – Lì la dorma. Me inveci um tocca sintì e cuncert…

GIACINTO – L’at pis pu a te la musica..

LUISA – Sé, sé, a me la musica l’am pis, mo no suneda da un falignam…

GIACINTO – E vra di’ che stanotta ajandrò a durmì cun un viulèn.

LUISA – Se mo st’al son tè, ad notta us asarmeja ad piò a un contrabass. Parché t’an ne tu neca tè e bicarbuné all’eucaliptolo.

GIACINTO –  ironico - Pr’una rasona particulera e una massa profonda, che par te forsi la jè un po’ difecila da capì…

LUISA – E qual’ela sta rason?

GIACINTO – Um fa schiv... E adess am’la coj.

LUISA – Eh cojtla va la, ch’l’è mej.

Esce Giacinto - Entra in salotto Teresa.

ANNA – Ciao Teresa

TERESA – Ciao Anna

LUISA – Huei Teresina, adgeva ta’t’sirta andeda a lett. An’t’vegg piò da do or.

TERESA – Uffa con sto dialetto, mamma. E poi guarda che di Teresina c’è solo il poker.

LUISA – E te coma fet a savel, t’an zugaré miga a poker?

TERESA – Ma mamma, lo sanno tutti che esiste il Poker Teresina!|

LUISA – Allora at ciamarò Teresona. In d’atcirta messa?

TERESA – Ero nella mia camera al computer.

LUISA – A scumett c’irta in Facebook.

TERESA – No, mamma. Per Facebook uso lo smartphone.

LUISA – Me a ne so quel che sia e “smart” mo me e “fon” al drov pr’asughem i cavell.

TERESA – Mamma, siccome non sono poi tanto sicura che tu abbia scherzato, ti informo che quello per i capelli è il fon, che è il nome di un vento caldo, quello dello smartphone invece è il phone, cioè il telefono. E poi comunque che cos’hai da dire su Facebook?

LUISA – Me a j’ho da dì sol un quell: mo coma fasiv a no strachev ad sté sempar ilé ataché e a scrivar tott cal dismité.

ANNA – Mo Luisa un n’é sol da dismité. L’è un mod ad comuniché, us po’ mandé dal fotografi, dla musica, di pinsir.

TERESA – Lascia perdere Anna, tanto la mamma rimarrà sempre della sua opinione, fino a quando…

ANNA – Fino a quando?

LUISA – Dai, va avanti…

TERESA – rivolta a Luisa - Fino a quando entrerai anche tu in Facebook e allora nessuno riuscirà più a staccarti da lì e non ti ricorderai neppure più di quanto rompevi.

LUISA – Me?

TERESA – Tu, Tu. E lo sai quando succederà questo? Quando cambierai il cellulare. Che sarebbe anche ora, visto che quello che hai lo usavano nel Risorgimento.

LUISA – Infatti Garibaldi quant c’lè partì par la spedizion di mell l’a avisé Cavour cun ste telefun ch’ iqué.

TERESA – No, mamma. Garibaldi aveva già un modello nuovo, altrimenti Cavour non l’avrebbe mai saputo della spedizione dei Mille.

LUISA – Sé, sé, te t’e voja ad scarzé.

ANNA - Par me la tu Teresa l’a ja rason. E pu vit, neca me a cardeva d’essar cuntreria e inveci a j’ho capì che un s’po’ armanzé tajé fura dal nuvité e dal cumudité. E adess a’m’trov benessum. Se tott e mond l’è in Facebook t’a je da sté neca te.

LUISA – A sé? Se no sa succedal?

ANNA – Un succed ignita, mo te t’an pu’ essar in cuntatt cun tott chitar e un t’ariva inciona infurmazion. E pu’ cun ste quel chi que – le mostra lo smartphone – us po’ neca mande’ e ricevar agli e-mail. A e dé d’incù com’as fal senza e-mail

LUISA – I mel a jò magari neca me. A jò un’artrosi cervichela ca fazz fadiga a zirem.

TERESA – Moh mamma, cosa c’entra, le e-mail sono la posta elettronica, sono dei messaggi.

LUISA – Oh, i massaggi aj voj fé neca me, in tla schena però, no in te telefun.

TERESA – con ironia - Ah ah ah ah - Dopo questa conversazione di di così alto livello culturale, mi sento più matura per affrontare il mondo, quindi ho deciso che esco. Anche perché con questo dialetto mi avete proprio scocciato. Possibile che non si possa fare un dialogo in italiano?

ANNA – rivolta a Luisa -  Zert che tè quant vu fé fenta ad no capì ci speciela.

LUISA – Va be’, va be’, adess advè pinsé a Nadel e ai caplett. Pu a pinsarè neca a Facebook. – rivolta a Teresa – Teresa, a te degg in italian, icé t’ci piò cuntenta: cerca di non fare troppo tardi, perché vogliamo cenare sempre tutti insieme fino a Natale.

TERESA – Lo so, mamma, lo so, ma devo per forza uscire perché i miei amici stasera partono e se non li vedo adesso per quest’anno non li vedo più.

Mentre Teresa sta per uscire, si apre la porta d’ingresso: sono i nonni che rientrano dalla passeggiata.

MIRELLA – Ecco i du spurtiv chi artorna a ca’.

TERESA – Ciao nonna, ciao nonno, io esco.

GIORGIO – Ciao Teresa.

MIRELLA – Ciao Teresa, at’sit cuperta bèn, cl‘è fredd fura?

TERESA – Sì, nonna, ciao

MIRELLA – A me un pé d’no. - Teresa esce –

LUISA – T’pu neca fé ad manc ad dijal, intant la fa ad testa su, e pu a la notta us sent c’la tusses.  

ANNA – Mamma, mo quant aviv camminé incu?

GIORGIO – Cinquanta minud.

ANNA – Mo sa si sté vi quesi do or…

MIRELLA – Andend in là, as sè farmé a fé dal ciacar cun la tu profesoressa ad matematica, la Gimelli, l’a jè sempar precisa. A t’la jarcurdat?

ANNA – Osta sa m’la jarcord. L’a m’ha fatt dvinté matta par zenqu’en.

MIRELLA – Neca li la s’arcorda bèn ad te. L’at saluta e l’at fa j auguri di Buon Natale.

LUISA – guardandosi attorno in modo teatrale, poi rivolta alla madre – Huei mamma, prema ad purté di auguri guerda bèn c’ugn’i sia Giacinto in zir, se no a sé tott frett.

MIRELLA – Al so, al so, sta tranquella. Adess a voj avdé quand ca sarè alla Vigilia, coma che farà a sgaudì j’auguri…

GIORGIO – Parchè inveci ad numiné la parola “auguri” an dgi un’etra parola, icé lo un capess e e’ sta tranquell. A dvi’ scorrar in codice.

ANNA – Sè, a’intrè tott int’la CIA!

LUISA – Mè advintarò Mata Hari. Lassì perdar, valà. Sa scurrè in codice lo un capess, mo an capè gnita gnaca nuitar. E pu’ uja mancarep ch’a fossum no’ a cambié agli abitudini. E sarà lo’ che duvrà cambié e dvinté nurmel.

GIORGIO – Beh, adess andè a fé la dozza, senò a ciapè fredd. Luisa, a ch’ora aje’t d’andé a tu i zistè dj auguri?

LUISA – Ah, aj andrò prema chi ciuda. Però, adess c’aja pens, l’è mej c’aj vega un po’ prema, parché in ste period dop una zert’ora i va tott in ti negozi.

GIORGIO – A jò fed t’epa rason.

MIRELLA – Luisa a vut ca’t dega una man par fé l’impast?

LUISA – No, no ajavè fatt tott me e l’Anna. L’impast l’è za pront ad là in cusena.

MIRELLA – Moh coma ca si stedi brevi. E vra di’ che me a prepararò i caplett.

Giorgio e Mirella escono nel reparto notte per andare a fare la doccia. - Si apre la porta d’ingresso. E’ Giacinto, con atteggiamento perplesso. Ha in mano una scatolina con la nuova lampadina.

GIACINTO – Va là, va là, va là, va là…. E suced dal robi…

LUISA – S’el sté neca. S’et incuntré un etar cu t’ha dett “s’an s’avdè piò, Buon Natale “

GIACINTO – Mocché. Sent questa. A sera scappé da la buttega dl’elettricestar in do c’ajaveva appena cumprè sta lampadena. E a un bell mument um ven incontra un sugett tott elegant ch’e rid e u m’abrazza.

ANNA – che si è avvicinata per ascoltare  - U t’abrazza?

GIACINTO – Sé. U m’abrazza e um dis: Oh Gustavo, moh quant temp l’è ch’an s’avdè?

LUISA: Gustavo? Quant temp l’è?…E pu’?

GIACINTO – E pu’ um’abrazza incora e um strenz, c’um’a fatt neca mel..

ANNA – Ma chi eral?

GIACINTO – Sa vut ca sepa me…

LUISA – Va beh, e allora…?

GIACINTO – Alora, lo um dis: “T’an tci cambiè par gnita, t’al sé?” e mè a jò dett “s’a jò da essar sincer, me a n’um arcord propi ad vo’”

ANNA – E lo’?

GIACINTO – E lò alora um dis: a so’ Giacomo, t’an t’arcurd ad me?

LUISA – E alora tè sa jet dett?

GIACINTO – A j’ho ripetù che me a ne cnunseva propi.

ANNA – E lò sa t’al dett?

GIACINTO – Lò un bel mument um guerda e e’dis…

ANNA E LUISA – interrompendolo - E e’dis?

GIACINTO – …Al donn agl’jè totti curiosi!

ANNA – U t’ha dett icé? Mbeh e cum’ella?

LUISA – Mo t’an vi ch’us sta ciapend pr’e cul?

GIACINTO – Uhei, an’um fasì scorrar..

LUISA – seccata - Va beh, allora sa t’al dett…

GIACINTO - Um’ha dett: “Um’ha da scusé, mo a l’ho scambié par un mi amig ch’an vegg da una massa ad temp” E allora me aj’ho arspost: “Gnit ad mel, i sbali aj fasè tott”

ANNA – E pu?

GIACINTO – E pù l’ha guardé d’un cant e u m’ha det “C’um scusa incora e… Buon Natale”. E us‘è sluntané da me com’una saetta – con altro tono - Che a me pu um’andeva bèn icé, c’am so neca arsparmié ad di’ Buon Natale, ch’an n’aveva propri voja…

LUISA – Oh, mo ved’un po’ ad nuvité…Dai, e allora?

GIACINTO – Allora….appena cu s’è sluntané da me jè arrivé du puliziott ch’i la farmé…

LUISA – I puliziott?

ANNA - Il a farmé?

GIACINTO – Sè, i l’ha farmé e i l’ha perquisì da la testa ai pi’.

ANNA – E te sa fasivta?

GIACINTO – Me a guardeva un po’ da luntan. Quant ch’j’ha fnì ad perquisil, i l’ha lassé andé. Allora me am’la so’ colta. E pu a so’ andé a cumpré cla roba par e tu ba’ e am so’ vnu’ a ca’.

Pausa

LUISA – perplessa – Zert ch’l’è un fatt stran.

ANNA – E parché i l‘ara perquisì?

GIACINTO – Sa vutt ca sepa me. E sarà un delinquent…

LUISA – E forsi j aveva paura che foss armé…

Calano le luci velocemente di fianco al proscenio viene illuminato solo un nuovo personaggio, mentre gli altri rimangono immobili. E’ una scena da considerare estrapolata dal contesto casalingo

SPACCIATORE – A so’ un commerciant ad cocaina, un spacciador, insomma. E neca un sniffador. A deg in zir ad ciamem Giacomo, mo un n’è e mi ver nom, quel an ve deg, parchè l’è tropp periculos. Incù adveva cunsgné a un client tri etto ad cocaina, mo a un zert mument aj’ho vest di puliziott ch’i’m pedineva e an puteva rischié ad femm sequestré la droga. Icè, prema ch’is’avsiness tropp, ajò cambié stré e a so’ andé incontra a un suggett che scappeva da un elettricestar. Aj’ho fatt fenta ad cnossal, a l’ho abbrazzé e aj’ho infilé la cocaina in t’la sacca de capott e pu a’m la so’ colta. Jè arrivé sobit i puliziott e i m’ha perquisì, mo mè an’n’aveva piò gnita e icé im’ha lassé andé. Pu a so’ sté drì a che suggett par savé in do che sta ad ca’ e adess al so. Agn’i poss andé sobit parché aj’ho d’andé a’rtiré dl’etra droga. Piò terd a’m farò viv par femm dé indrì la mi roba. - Lo spacciatore esce di scena e ritorna la luce velocemente sulla scena familiare

GIACINTO – Va bè, adess a so a ca’ – Infila la mano in tasca e prende la busta col bicarbonato all’eucaliptolo – Iquè u jè la roba pr’e tu ba’. I m’ha dett ad cunservel in t’un post ch’un gni sia d’l’umidité e ch’ugn’i vega dl’aqua. - Posa la scatola della lampadina sul tavolo o su altro mobile

LUISA – Ah, grazie. – In quel momento rientrano anche Giorgio e Mirella dal reparto notte -

LUISA – Ah babbo, Giacinto u t’ha cumpré e bicarbuné all’eucaliptolo. A te vegg a mettar in te tu cassett. - Esce e rientra subito -

GIORGIO – Ah bene. Grazie, Giacinto. Stavolta agl’inalazion la li vò fé neca la Mirella. Ind’ela la babina?

GIACINTO – La babina? – rivolto a Luisa che sta rientrando – Luisa Ajavè una babina in ca’? Ad chi ela sta babina?

LUISA – Mo la jè la Teresa, no. – rivolta a Mirella – l’a jè andeda fura par saludé tott i su amig chi partess par la muntagna.

MIRELLA – La magna fura?

LUISA – No, no, l’al sa bèn neca li che iqué ajavè una tradizion da rispetté, quella ad magné sempar tott insè almanc fena a Nadel.

MIRELLA – E l’è bell s’an cambiè. 

GIACINTO - A proposit ad cambié, um vèn int’la ment la storia de mi amig Attilio. An v’la jò mai racunteda?

LUISA – Propi no. An ne saveva ignaca ta javess un amig cun che nom. - nel tempo tutti si siedono -

GIACINTO – Donca, stasì a sintì. Attilio, che una volta e faseva e mazler, l’andep in crisi cun sé stess parché l’aveva capì d’essar cattiv e eguéstar…

LUISA – interrompendolo – Te inveci t’an l’è incora capì…

GIACINTO – Mo al manc lò un n’aveva una piattla par moj… Ecco, al saveva me che li l’ajavleva dì sobit la su’…

Gli altri ridono di questo intermezzo

LUISA – Dai, dai va avanti che me ant’interromp piò.

GIACINTO  - Eh, alora a j’ho paura che vegna zo’ la ca’!

LUISA – Dai, cuntenua, donca…

MIRELLA – Dai, Giacinto, forza..

GIACINTO - Donca, a dgeva che Attilio l’aveva capì d’essar cattiv e eguéstar e sta cunvinzion, cl’a jera matureda pianì pianì, la ne faseva piò durmì a la notta e lò e sinteva che da par sè un puteva feglia a libares da ste pes. L’era coma su’s purtes int’la schena un sacc d’un quintel e un puteva piò vivar.

ANNA – E basteva che cambiess un po’, no?

GIACINTO – Lo e vleva cambié, infatti, mo e sinteva coma una forza interiora, una forza negativa ch’l’aj bluccheva tott al bon intenzion. Mo un’aveva e curagg ad cmandé l’aiut d’un quicadon che putess cumprendar la situaziòn e aiutel a cambié e su mod ad vivar.

GIORGIO– E dveva andé da un amig sincer.

LUISA – Giacinto l’ha dett c’l’era lò e su amig, us ved c’un e tneva in cunsiderazion…

GIACINTO – Dai pu’, te….

MIRELLA – L’era mej cl’andess da un prit…

GIACINTO – E infatti dop avé pinsé un sacc ad temp senza savé quell che dveva fé, un dè e vèn a savé par ches che in tla Parocia ad Santa Caterina l’era arrivé un prit cl’era sté un su amig quand chi era di babì e la notta stessa, in te no durmì, us decid finalment d’andé a cunfsé al su robi a sté prit.

GIORGIO – E ujandepal pu?

GIACINTO – La mattena de dé dop e monta in bicicletta e cun totta la forza ad vulunté cl’aveva maturé ad dentra, us’aveja vers la Parocia ad Santa Caterina pr’andé da sté prit. E man man che pedela e sent cl’è cuntent d’avé decis e e’ pensa c’us sarepp libaré da tott i su pis. E pedela, e pedela…

ANNA – E alora pu?

GIACINTO – Allora e pedela, e pedela, e pedela…

LUISA – Mo s’al da fé la Milano-Sanremo?

GIACINTO – Ecco, avdiv? Quella cl’an’dveva piò interrompar…

LUISA – Uehi, ta la fè longa…

Atteggiamenti di delusione di tutti per l’interruzione.

MIRELLA – rivolta a Luisa - Lassal scorar, se no an’arrivè in chev – rivolta a Giacinto – Giacinto, c’irta armast che Attilio e pedaleva.

LUISA – Eh, e pedaleva…

GIACINTO – con tono più alto per coprire la voce della moglie – e pedela, e pedela, e pedela e e’ sent za un pentiment in te cor, finché a un zert mument…

MIRELLA – A un zert mument?

GIACINTO – A un zert mument, quant che ormai l’è arrivé dri a la cisa, e ved da luntan un cartell zall attaché in t’un elbar. E zall l’attira la su attenzion. Us’avsena sempr’ad piò a sté cartel finché u si atrova ad davanti.

LUISA – E sa jeral in sté cartel?

GIACINTO – Attilio u si atrova ad davanti e e’lezz… – pausa –

LUISA – Us ved c’un n’è bon ad lezzar parché un scorr piò…

GIACINTO – E e’lez  - altra pausa – “Sa vli vivar cuntent no’v spusì mai”

MIRELLA – U jera scrett icé?

LUISA – Mo no mamma, l’era un pinsir par me.

Risate di tutti

ANNA – Dai, Giacinto, va’ avanti.

GIACINTO – A ripet, Allora Attilio us a trova ad davanti a ste cartell e e’lez: - pausa - “Dio ti ama così come sei”

GIORGIO – E allora?

GIACINTO – Alora us ferma, e scala zo da la bicicletta, e e’ lez un etra volta e e’ ved che u jè propi scrett icé: “Dio ti ama così come sei”. U ja pensa un po’ e pu e rmonta in bicicletta e tott cuntent e rtorna a cà su.

LUISA – Va là Giacinto, t’vu di’ ch’la rinuncé a scorrar cun che prit?

GIACINTO – Zert cu ja rinuncé. L’ha pinsé: parchè a j’hò da cambié, se “Dio mi ama così come sono”? An gni poss miga fé un spett a e’ Signor…

ANNA – E quindi l’è armast cattiv e eguéstar.

GIACINTO – Ad piò, dal volti e zarcheva d’essar incora pezz ad prema parché icé e’ Signor uj’avleva incora piò bèn.

LUISA – Va là Giacinto…

GIACINTO – L’è dvinté incora piò cattiv, mo l’ha artruvé la felicité e la cunvinzion d’andé in Paradis.

GIORGIO – Mo guerda un po’, a sè sté a sintil par dis minut cardend che duvess racunté una parabola, inveci l’era una barzaletta.

GIACINTO – Etar che barzeleta. Attilio l’esest dad’bon e j esest dad’bon neca i cartell ad Santa Caterina.

MIRELLA – Beh, cambiegna scors adess. Anna, e tu muros aj arivegna a vdel prema dla fen dl’ann?

LUISA – con ironia - Sé, sé, l’ajà dett che ven la sera ad Nadel, mo l’an n’ha precisé l’ann e me a cred che sia e Nadel de domelaetrenta...

ANNA – Mo sa dit, Luisa…

LUISA – proseguendo - Un ne cnoss incion, parchè l’è un agente segreto e us ciama Giacomo. Me infatti al ciam James Bond.

MIRELLA – prendendola sul serio - Un agente segreto? 

ANNA – Mo mamma, la Luisa la j’ha voja ad scarzé. Al’avdirì prest, inveci.

LUISA – Allora e ven a magnè la sera ad Nadel, l’è icé?

ANNA – Sé – poi rivolta a Luisa – e Nadel ad st’ann chi què. Però u m’ha mandé um messagg prema e u m’ha dett che incù e’vrepp fé un selt iqué prema ad zena. Però un magna a ca’ nostra.

GIORGIO – Oh, sta bon. Almanc al putré avdé in tla fazza sté muros misterios.

GIACINTO – Us po’ sempar fé un identikit, se l’Anna la’s fa la descrizion…

ANNA – Ormai u n’i n’è piò bsogn, parché a l’avdirì propi incù.

GIACINTO – alzandosi – Valà, a vegg a mettar la lampadena nuova in te cumudè dla Teresa.- Prende la scatola che aveva precedentemente appoggiato, ma fatti due passi gli cade e la lampadina si rompe.

GIACINTO – controllando i filamenti contro luce - Ecco, al saveva. La s’è za rotta. Adess e mi istent um suggerirep ad di’ quicosa, mo e sarà mej ch’an la dega, se no um tocca andé a zarché un prit neca me, coma e mi amig Attilio. Comunque iqué u jn vo’ ona nova.

LUISA – Mo e sarà neca l’istess, Giacinto. Ta la cumpraré dman. E pu l’an la drova gnanca mai la lus de cumudè…

GIACINTO – Un s’nin scor ignaca. L’è da stamattena ca ja pens. Adess a vegg fura e an compar un’etra.

ANNA – A vegn fura cun te, a j’ho d’artiré du righel ch’a jò za urdiné e an n’ho voja d’andej dman, ch’l’è e sabat e uj sarà un sacc ad zenta. - Rivolta agli altri presenti – As avdè piò terd.

GIACINTO – con tono epico – Arturnarò cun la lampadena!

LUISA – ironica - A l’ho sempar dett che Giacinto l’è un eroe!

I presenti, compreso Giacinto, ridono. Poi Giacinto e Anna escono - Restano in scena Luisa, Giorgio e Mirella. Giorgio prende il giornale e inizia a leggere. Mirella apre un cassetto e prende lana e ferri - Buio veloce sulla scena. Riappare di lato al proscenio (dalla parte dove è la porta d’ingresso) lo spacciatore

SPACCIATORE – Adess a so’ pront par femm dé indrì la mi cocaina, cun al boni o se no – cambiando tono – s’un dvess basté, cun d’itar sistemi. Iquè u jè du campanell: Rossi e Briganti. Me a prov cun Briganti, c’um pé piò avsè a e mi lavor...

Suona al citofono.

LUISA – A vut avdé c’l’è e muros dl’Anna…

Giorgio interrompe la lettura del giornale per vedere chi entrerà

MIRELLA – Propi adess che lì l’agn’è…

Luisa va a rispondere.

LUISA – Chi è? - Poi rivolta a Mirella e Giorgio – L’ha dett d’essar Giacomo. Avl’aveva dett ch’l’era e muros dl’Anna. - apre la porta in attesa che salga l’ospite. Si presenta Giacomo, nome falso dello spacciatore, elegante e dall’aspetto apparentemente rassicurante.

LUISA – Buona sera, Sgnor Giacomo.

SPACCIATORE – Buona sera Sgnora, a j’ho da scorrar d’un quel impurtant.

LUISA – credendolo il moroso di Anna, si apre in un sorriso accogliente – Al so, al savè tott. E ugn’è gnit ad piò impurtant neca par no.

SPACCIATORE – Allora a’l savì za coma ch’al sta al robi?

LUISA – Us sa. E pu in sta fameja un in’è di segreti. Cu s’acomda. An n’avdegna l’ora ad cnossal, al stasegna dgend propi adess.

Lo spacciatore entra senza sedersi e saluta Giorgio e Mirella

SPACCIATORE – E quindi a m’ la dasì senza fé di problemi?

MIRELLA – Beh, par no ugni sarà propi inciò problema, se par lo la jè icé impurtanta…

SPACCIATORE – Impurtantesma. In d’ela adess?

MIRELLA – Adess la jè fura, mo la sarà in ca’ prest.    

SPACCIATORE – con tono un po’ meravigliato -  E chi è sté cu la j’hà purteda fura?

GIORGIO – Giacinto, e mi zenar. L’è scappé d’in ca’ pr’andé a cumpré una lampadena, anzi, a dilla totta, l’è za la sgonda parché la prema la s’è rotta.

SPACCIATORE – Ah, allora e bsogna ca scorra cun lò.

LUISA – Lo e vo scorrar cun e mi marid? Forsi l’è mej che scorra cun no, prema, cun e mi ba e la mi mamma, Giorgio e Mirella, jè luitar chi s’è occupé ad lì par tott ste temp. E tott nuitar a savè c’la jè bona, forta e pura. An vrepp essar esagereda, mo ad stì temp che que, in zir, icé, uni n’è una massa….

SPACCIATORE – Ah sè, raffineda e puresma. Li l’an n’esagera propi.  Neca me a so’ cunvent che in Italia l’agni’n’sia un etra cun stal qualité. Par me la j’ha una massa ad valor.

MIRELLA – E no an la vressum lassé andé fura ad sta ca’ gnanca par tott l’or de mond, però al capém bèn e fatt che lo u la vo’ totta par sé e a sem neca cuntent cui sia totta sta passion.

SPACCIATORE – Ah, sgnora, l’è propi icé: me a rvultarep e mond par avela. Me a’ n’in poss piò fé ad manc. A so’ cuntent ch’a n’um fasiva di problemi. Mo dsim un quel, st’al robi agl’jè armasti segreti, ela vera? A voj dì al’i cnunsem sol me e vo’?

LUISA – Segretesmi! Neca tropp, forsi, parché stal robi al capita in tott al famej e me an vegg propi quel cui sia ad mel a scoran in zir.

SPACCIATORE – No’l fasì mai e mond! La su purezza la putrebb attiré tropp l’attenziòn….

GIORGIO – Sgnor Giacomo…, anzi, a possi ciamela sol Giacomo, icé in cunfidenza?

SPACCIATORE – Sé sé, ch’um cema pu Giacomo, parché me a’m ciam propi icé.

GIORGIO – A staseva dgend, Giacomo, e sarà lo a decidar quand che sarà ora ad comuniché la nutizia -  ironico  - In fond l’è lo cl’ha decis d’intré… in st’affer che qué…

SPACCIATORE – …ad grand valor…

MIRELLA – prosegue l’ironia del marito  - Beh, allora dgema icé: no a sem cuntent d’avé cuntribuì a e valor a’d st’affer.

SPACCIATORE – Ah, neca e Sgnor Giacinto l’ha cuntribuì…

LUISA – Ah sè, sè. Però forsi lo ugn’ha badé una massa...

SPACCIATORE – Ah, sgond a mè, lo un’sn’è gnanca dé... Bsogna che me a scorra cun lò, vest ch’u l’aja purteda fura. Icé s’arrivé a incuntres a putrò fé ad manc d’avnì incora iqué in ca’.

MIRELLA - Mo no a sé cuntent se lo e ven tott al volti che vo’, Giacomo. Però se sta d’asté un etar po’, j’intrarà tutt du: e mi Giacinto e la su… raffineda Anna.

SPACCIATORE – mostrando meraviglia - Anna? Moh chi ha decis ad ciamela icé?

LUISA – Ah, jè sté i mì. Anna l’è e nom ch’i ja avlù dé quant chi la j’ha vesta par la prema volta.

SPACCIATORE – si illumina in volto – A’l saviv ch’la jè steda un bona idea? L’è un nom propi indviné… Elegant e un da’ in’tl’occ. Um pis una massa e a cred che da adess in avanti ala ciamarò icé neca me…

MIRELLA – Mo parché lò, fena a incù, com al’ala ciameda?

SPACCIATORE – Coca.

MIRELLA – Ah “cocca”, ah, l’è propi affettuos. Mo guerda un po’, jè turné ad moda i nom d’una volta, - sorridendo – cocca di mamma!

SPACCIATORE – pensa sia un gioco di parole – Eh eh, coca di mamma. – rivolto a Luisa – Sgnora, a’m pola dé e nomar ad telefun de Sgnor Giacinto, icé al ciam par dacidar quant ca s’avé da vdé?

LUISA – S’uj fa piasé, ecco e su nomar. L’è scrett iqué. – dà allo spacciatore un foglietto che contiene il numero di Giacinto.

SPACCIATORE – A so’ cuntent ca segna d’accord par totti al robi. A sper d’avdé prest la mi…Anna – mentre lo dice sembra alludere – L’è sté propi un piasé avev cnunsù.

GIORGIO – Ah, e piasé l’è tott e nostar, Giacomo. A sper ca l’avdegna prest e spess.

SPACCIATORE – Ah a’l sper neca me. U’s capess sobit ca la cnunsì ben …l’Anna.

GIORGIO – Ah, a cred propi che me e la mi moj l’Anna a la cnunsegna propi a fond. E pu, sa vol, l’è da tant enn ch’ajavè a che fé…

MIRELLA – Quant ch’ajavè invié nuitar, lo un’era incora ned….

SPACCIATORE – Quest l’è vera. Però aj tegn a dì ca la cnoss ben neca me, neca s’un n’è una massa ad temp ca j’ho a che fé.

MIRELLA – Ah, a so propi cunventa. Se vo avnì piò terd e truvarà la su Anna, se no e putra avni cun lì su la trova fura prema.

SPACCIATORE – Sa si interessé a avela sobit iqué in ca’ a’m putè neca scorrar. A so’ cunvent ca’s putegna mettar d’accord senza problemi…

GIORGIO – Beh, nuitar a sé sempar cuntent d’avela in ca’, mo che decida pu lò quant cu’s la javrà purté…

SPACCIATORE – Ah, bon a savel. A farò icé. Mbeh, adess a vegg.  A s’avdè e grazie.

MIRELLA – A s’avdè,  Giacomo

LUISA – A prest.

GIORGIO – A s’avdé, Giacomo

Lo SPACCIATORE esce. 

MIRELLA – A me um pé un zuvnott un po’ particuler…

GIORGIO – Par te jè tott particuler. Me inveci a l’ho truvé a post. E pu l’è icé elegant.

LUISA – Se l’Anna la pensa ch’e sia l’oman giost par lì, a l’avè da pinsé neca nuitar. L’è un ragazz eduché e pu um pé che sia una massa innamuré ad li. Avì sintì al robi cl’ha dett?...”la jà una massa ad valor” “la jè impurtantesma par la su vida” “Un po’ piò sté senza ad lì” “In Italia un’in’è un etra icé”…

GIORGIO – L’ha neca arcnunsu c’la jè forta e raffineda.

MIRELLA – Forse ajavì raso vuitar. L’è neca un bell’oman s’lè par quel.

LUISA – L’è mej che me adess a vega a tù chi zistè di righel, icé uj è manca zenta.

MIRELLA – Ah sé sé, vai pu adess.

LUISA – prende il cappotto e apre la porta d’ingresso - Ah mamma, s’la duvess turné l’Anna, faj savé ch’l’era passé James Bond.

MIRELLA – ridendo – Ah. Sé Sé. A je dirò in codice. Ciao.

LUISA - Ciao – Esce

SIPARIO

SECONDO ATTO

Stessa scena precedente – Mirella e Giorgio sono rimasti soli. Leggono e conversano.

MIRELLA – A staseva pinsend che adess l’onica ch’l’han n’a incora vest e muros dl’Anna la jè la Teresa.

GIORGIO – No, guerda che Giacinto un’era miga in ca’ prema. Quindi un ne cnoss incora gnanca lò.

MIRELLA – T’e rason.

Giorgio si alza e va a visionare i CD vicino allo stereo

GIORGIO – Al set quell ca fasè? A mittè so un po’ ad musica. Sa dit te?

MIRELLA – Aj staseva propi pinsend neca me.

GIORGIO – continua a guardare i CD – Quest an l’ho mai vest. S’ajel scret iquè?  Sweelinck, Il ballo del Granduca. Mo at chi el?

MIRELLA – Moh! E sarà dl’Anna. La jè pu lì c’l’ai pis la musica antiga. Dai famm sintì. Chissà c’un s’pisa neca a no.

Giorgio mette il CD nello stereo e parte la musica (Il Ballo del Granduca di Sweelinck) - Dopo qualche secondo suona il telefono. Prima di rispondere Giorgio abbassa il volume senza spegnere.

GIORGIO– Pronto – Come?...  Mo s’et fatt?... Mo sè ch’a t’ascolt. Sè, a la sent bè la tu vosa. - E’ Giacinto e parla in modo concitato. Mirella lo guarda molto incuriosita e Giorgio inserisce il “viva voce” per fare ascoltare anche lei – Adess sta chelum e spiegam bè al robi.

GIACINTO – in viva voce – No, no an’un poss calmé. Stamm ben a sintì, un minud fa u m’a telefuné propi che suggett cu m’ha abbrazzé ad davanti a e negozi d’eletricestar.

GIORGIO – Chi t’a abbrazé? Ach negozi?

GIACINTO – Ah l’è vera, vuitar an s’ivia incora in ca’ quant che me ajò racunté e fatt. L’è mej t’am feza scorar cun la Luisa, che li l’al sa.

GIORGIO – Guerda che iqué ai sem sol me e la Mirella. La Luisa la jè andeda a rtiré i zistè pr’i righel e a ne so a ch’ora cl’a turnarà. E la Teresa la jè incora fura.

GIACINTO – concitato - Beh insomma adess at spieg gnaquel. Il racconto viene sostituito dal brano “Il Ballo del Granduca” con volume rialzato per circa 10-15 secondi, poi il volume si riabbassa -

GIORGIO – E allora? E pu parchè on cu’t scambia par un su amig l’ha da essar un delinquent?

 GIACINTO – Ah, a te deg sobit. Che sugget um’ha telefuné zenq minud fa – che pu an so gnaca coma che feza a savé e mi nomar – e um’ha dett che mentra c’um abrazzeva um’ha infilé tri etto ad cocaina in tla sacca de capott par no fesla truvé indoss da i puliziott.

Mirella ascolta mostrando preoccupazione

GIORGIO – E cla bosta ta la jé incora in tla sacca?

GIACINTO – Sé ca la j’ho!

GIORGIO – E lo u la javrà indrì, a m’immagin.

GIACINTO – Us sa!

GIORGIO – E te daglia indrì!

GIACINTO – Agni pens propi, Giorgio! Se quel l’è surveglié da la pulizi e i’m ved c’hai dag la cocaina, i’m mett ad dentra par spacc ad droga. E pu chi è c’um cardarà? A faz fadiga a credi me!

GIORGIO – E allora sa fet adess?

GIACINTO – Ajò za fatt! A jò dett che me la bosta aglia javrep  ardeda in drì a ca’ e aj’ho dé appuntament ilé fra un quert d’ora.

GIORGIO – Ique? A ca? Ah, andé ben. Se la pulizi l’aj sta drì, questa la dvintarà la ca’ dla droga.

GIACINTO – A l’ho dvu fé par guadagné de temp. E pu sta tranquell, aj’ho za telefuné me a la Pulizi, spieghend tott quell ch’l’è success e i m’ha assicuré che un maresciall e sarà ilé sobit par lighel apena ch’us presenterà.

GIORGIO – Ma te in da sit adess? Perché t’ant vè a ca’ neca te?

GIACINTO – L’è par quest ca t’ho telefuné. Cun totta la zenta cl’a jè avnuda in te zentar, u jè un ingorg c’un fnes piò. Me prema ad mezz’ora a ca’ agni so no ad sicur.

Mirella è sempre più preoccupata

GIORGIO – Oh Signor. Ma te guerda se questa la jè la tranquillitè de Nadel. E se che delinquent de spacciador l’arriva prema dla Pulizi?

GIACINTO – Giorgio, bsogna che te t’toja in tal man la situazion. E basta che t’feza intré e maresciall e pu e farà gnaquell lo. T’avdiré c’l’arriva prema lò. I’m’ha dett che partiva sobit. Sta tranquell.

GIORGIO – Va bè, va bè, mo mè an so preoccupé par me. - Parla a voce molto bassa – Iquè u jè neca la Mirella e me an vrep ch’la spavintes.

MIRELLA – Guerda che ajò sintì gnaquel. A so preoccupeda, sé, mo a farè tott quell cu jè da fé.

GIORGIO – E va bè, te zerca d’essar a ca’ e prema pussebil.

GIACINTO – Al sper neca me. Famm savé quel che succed, a m’aracmand. Tal’è e mi nomar, ela vera?

GIORGIO – Sé ch’al’ho. Ciao. – Ah Giacinto, un n’è e ches ad fel savé a la Luisa e all’Anna?

GIACINTO – No, no, no li fasema preocupé.  Ai spiegherè tott al robi quant sta storia la sarà fnida.

GIORGIO – Va beh. A faren icé.

GIACINTO – Ah, Giorgio. Un quel stran. E spacciador quant che scor dl’eroina, u la ciama “Anna”. E dis che a lò uj pis ciamela icé, par no dé in tl’occ - di nuovo – Ah, Giorgio, lo e dis ad ciames Giacomo, mo par me l’è un nom fels.

GIORGIO– Sè, ui mancheva neca l’Anna adess.  - Ritrovando un po’ di ironia – Chissà coma cla sarep cuntenta ad savé che e su nom il drova par scorar dla cocaina…Beh adess a zarcaré ad fe al robi fatti par bé.  Ciao Giacinto.

GIACINTO – Ciao. As sintè. –

GIORGIO -  posa il ricevitore e si muove nervosamente per il salotto – Rivolto a Mirella – No’t preoccupé che al robi al’s’mittarà a post.

MIRELLA – A me un pé che quel piò preoccupé t’sia te…

GIORGIO - Mentre sta facendo l’ultima “vasca”, suona il citofono  alle sue spalle. Ha un sussulto e poi va a rispondere. -  Sì, chi è’. ……Ah sì, La stavamo aspettando. Salga. – rivolto a Mirella – L’è e maresciall! Sta bon ch’l’è propi avnu sobit. Però um pé che l’epa una vosa da donna… - apre nel frattempo la porta d’ingresso. -Si presenta il maresciallo. E in effetti è una donna.

MARESCIALLO OLGHI -Buona sera, maresciallo Olghi.

GIORGIO – non riesce a nascondere la sua perplessità -  Buona sera. Ch’la jentra pu. A la stasegna d’asté e a segna un po’ preoccupé.

MARESCIALLO OLGHI – Scusi lei è un familiare di Giacinto Briganti?

GIORGIO – Am ciam Giorgio, a so e su suocero e questa la jè la mi moj Mirella. –

MIRELLA – annuisce e saluta a sua volta – Buona sera

MARESCIALLO OLGHI – Buona sera a lei. Vedo che siete sorpresi di vedere una donna…

MIRELLA – Beh, an poss di c’un sia vera…

MARESCIALLO OLGHI – Ormai ci ho fatto l’abitudine… Ma state tranquilli, sono all’antidroga da dieci anni ed ho affrontato delinquenti di ogni genere. Sono armata e poi conosco karate, judo e kung fu.

IORGIO – No inveci qui chi ch’laja dett li a ni cnunsè… S’avegna da fé?

MARESCAILLO OLGHI - Sediamoci un momento e vi dirò che cosa dovrete fare. – pausa:  tutti si siedono - Quando si presenterà lo spacciatore, se si presenterà, voi dovrete farlo entrare, essere gentili, offrirgli magari qualcosa da bere e dovrete chiudere a chiave la porta d’ingresso, senza farvi vedere da lui.

MARESCIALLO OLGHI – Chi di voi due andrà ad aprire?

GIORGIO – A jandrò mè.

MARESCIALLO OLGHI – Signora, preferisce andare di là e aspettare che tutto sia finito?  Forse è meglio.

MIRELLA – No, no. A voj sté iquè insèn a mi marid.

GIORGIO – Coma t’vu tè, Mirella.

MARESCIALLO OLGHI – Io mi apposterò in una stanza vicina e farò irruzione non appena avrò la certezza che si tratti del nostro uomo.

GIACINTO – D’accord.

MARESCIALLO OLGHI – Mi trasferirò di là. - Indicando la stanza accanto - C’è il reparto notte?

MIRELLA – No, d’la u jè la cambra da pranz.

MARESCIALLO OLGHI – Bene. Ricordatevi ciò che vi ho detto e cercate di parlare a voce alta. – rivolto a Mirella - Stia tranquilla signora.

GIORGIO – Mentre il maresciallo va verso la porta -  Ah, a’m staseva scurdend un quel... - il maresciallo si gira – E mi zenar um’a dett che e spacciador e dis ad ciames Giacomo e quant che scor dla cocaina u la ciama “Anna”.

MARESCIALLO OLGHI – Sì, lo sapevo già. Ci ha detto tutto al telefono il Signor Giacinto. Gli spacciatori usano di frequente stratagemmi del genere, per non essere scoperti durante le intercettazioni. E il nome che ha dato sarà sicuramente falso. Ora vado.

GIORGIO – rivolto a Mirella – Adess an putè fé étar che sté d’asté.

Il maresciallo esce di scena nascondendosi nella sala (l’ingresso dovrebbe essere alle spalle del divano o delle poltrone) – Giorgio si siede vicino a Mirella -  Passano alcuni istanti di silenzio (breve brano), finché suona il citofono – Giorgio va a rispondere

GIORGIO – Sì, chi è? - poi con tono concitato e alto per farsi sentire anche dal maresciallo Olghi – l’ha dett d’essar Giacomo, propi e nom ch’l’ha dé a Giacinto! – nel frattempo apre la porta d’ingresso e si trova di fronte un giovane elegante di bell’aspetto (in realtà è Giacomo, il moroso di Anna, ma lui non lo conosce e non può saperlo).

GIACOMO – Buona sera, me a so’ Giacomo.

GIORGIO – Buona sera, Giacomo, al da scorrar cun un quicadon dla fameja?

GIACOMO – Mbeh, mè a sarep avnù par l’Anna...

GIORGIO – Ah, - ripete con tono alto per avvisare il maresciallo nascosto – lo l’è avnu par… l’Anna. A capess. Cu s’acomda pu.

Giacomo entra e mentre va verso la poltrona o la sedia, Giorgio  chiude di nascosto il catenaccio. Giacomo si siede, è un po’ impacciato, come tutti gli innamorati che entrano per la prima volta in casa della fidanzata.

GIACOMO – Sedendosi – Buona sera, Sgnora.

MIRELLA – Buona sera, Sgnor Giacomo - poi con falsa calma – Aj putegna uffrì chicosa?

GIORGIO – si siede a sua volta e subito si rialza, poi con falso atteggiamento di ospitalità – Mo sé, valà, tulegna tott un bel Martini. Sa disal lo, Giacomo? Icé a fasè un brindisi… all’Anna… –  si alza per andare verso il mobile bar  

GIACOMO – A’l tulep vluntira, mo me an beg mai i liquor. A’v ringrezi li stess.

GIORGIO – rivolto al pubblico – T’e capì? Un bé i liquor. L’è un sant’oman. Sé, e spaccia la droga e e’ sneffa la cocaina, mo sa vliv che sia…

MIRELLA – alzando a sua volta il tono della voce - Donca, lo l’ha dett ch’l’è avnù par l’Anna…

GIACOMO – Sì.  A possi avdela?

MIRELLA – Ah, um’indispis, mo l’an n’è iqué.

GIACOMO – Mo guerda un po’, a sera propi cunvent ch’la foss za in ca’… Prema d’avnì iqué a’m sera mess d’accord a e telefun…

GIORGIO – a voce alta per farsi sentire dal maresciallo – Ah, lo u s’è mess d’accord pr’un incontar iquè in ca’…

GIACOMO – Sé sé, l’è propi icè, a’s s’è sintì a e telefun vent minud fa.

A quel punto, senza aver più dubbi, il maresciallo irrompe nel salotto con la pistola in pugno e ammanetta Giacomo. Giorgio e Mirella si alzano

GIACOMO – Moh sa stala fasend? Me an n’ho fatt gnit ad mel!

MARESCIALLO OLGHI – Sì certo, non hai fatto nulla. E perché sei qui allora?

GIACOMO – A so iqué par l’anna. Cavì’m stal manett!

MARESCIALLO OLGHI – Ti piace… l’Anna, vero, delinquente?

GIACOMO – Sicur ch’l’am pis l’Anna. Me an so’ un delinquent. Me a voj l’Anna!

MARESCIALLO OLGHI – Adesso te la do io l’Anna! Ti ho beccato finalmente. - Rivolto a Giorgio e Mirella - Questo bell’elegantone riforniva di cocaina tutto il quartiere! - Intanto lo spinge verso la porta d’ingresso.

Giorgio si affretta ad aprire il catenaccio per farli uscire

GIACOMO – Un’n’è vera! Me an so’ un spacciador! – rivolto a Giorgio e Mirella – Dgil neca vuitar che me a so avnù iqué par l’Anna.

MARESCIALLO OLGHI – E’ proprio per questo che ti arresto, delinquente. E ora stai zitto! - Sarcastico - Con l’ Anna hai chiuso!

GIACOMO – Sa vol dì cius. Cavi’m stal manett! Me an poss piò fé ad manc ad l’Anna!

MARESCIALLO OLGHI – Tossico, falla finita! - E lo spinge fuori  mentre Giacomo continua a protestare la sua innocenza, poi si ferma sulla porta d’ingresso - Grazie per la collaborazione, siete stati molto bravi.

GIORGIO – A sem no’ ca la ringraziè par essar arriveda in temp!

MARESCIALLO OLGHI – Aspetto in Questura il Signor Giacinto. Lui ha ancora in tasca il corpo del reato.

GIORGIO – Giacinto l’è incora in te mezz de traffic, mo a pens che prema o dop u’glia farà a turné a ca’..

MARESCIALLO OLGHI – Appena arriva, gli dica che passi subito dalla Questura per riconsegnare la cocaina. Buona sera e Buon Natale

GIORGIO E MIRELLA  – Buon Natale…Buona sera.

Il Maresciallo Olghi esce mentre più lontane si sentono ancora le proteste di Giacomo. - Giorgio e Mirella si risiedono lasciandosi cadere esausti sulle poltrone

MIRELLA – Par furtona ch’la jè fnida sta storia. Ajaveva una paura che foss armé…

GIORGIO – E me no? Ant’l’ho dett par no’t’ impressiuné.

MIRELLA – Però, pinsendi bè, u n’um’pé un delinquent furb una massa. U s’è fatt biché com un poll.

GIORGIO – A jò fed che t’epa rason. Però a dì al busì l’è sté propi brev. Quant che rugeva ch’un n’ha mai fatt gnit ad mel, a me un pareva quesi che dgess la verité.

MIRELLA – Adess e sarà mej telefuné a Giacinto par tranquillizel.

GIORGIO – L’è vera. Cun tott ste casé a m’ sera scurdé da fatt. – Prende il cellulare e compone il numero di Giacinto e dopo qualche istante – Giacinto, l’è tott a post, par furtona….. Sé, l’è arrivé prema e maresciall…Una donna… No, la s’è nascosta in tla cambra da pranz…E prem quel cl’ha dett e spacciador l’è sté: “Sono qui per l’Anna”…Zert ch’l’è um mod un po’ stran ad ciamé la cocaina…Pu l’ha neca cunfermé cu s’era mess d’acord par telefun d’avnì ique…Sè, sè, a che pont l’è scapé fura e maresciall e u’ja mess al manett…No, a sé incora da par nuitar. Un n’è turné inciò…… Te ach’ora a saret a ca’?....Ah, adess la fila ad machin la’s mov, mej icé… un po’ a la volta. Beh adess t’an te piò da preoccupé. Sta facenda la jè fnida…Sé, sta tranquell, quant ch’agl’iartorna la Luisa e l’Anna aj spiegarè gnaquel… Sé, Sé. Ciao. – Si risiede

Dopo qualche istante si apre la porta d’ingresso.  E’ Anna che torna a casa con alcuni pacchi.

ANNA – rivolta a Giorgio e Mirella – Ciao. A si sté sempr’in ca’?

GIORGIO E MIRELLA - All’unisono, visibilmente prostrati – Sè!

GIORGIO – ironico - Moh ajavè truvé e mod ad divartis...

ANNA – Ah mej par vuitar. Ela ad là la Luisa?

MIRELLA – No. L’a jè fura pr’andé a tu i zisté pr’i righel.

ANNA – E Giacinto un n’è incora turné?

MIRELLA – No, l’è in t’la stré in te mezz a un ingorg.

ANNA – Ah, neca me aj’ho mess una massa ad temp par turné a ca’. La m’ha dé un passagg una mi amiga ch’aj’ho incuntré in te zentar. Mej icé parchè cun tott sti pecc da purté… Jè tott in zir in macchina a tott agli ori de dè… Me a cred chi sia sempr’i stess chi zira in tond.

GIORGIO – con enfasi – Beh, adess a’t’raccont e film ch’ajavè interpreté prema che’t’turness te.

ANNA – sta pensando ad altro e lo interrompe – L’ha da vnì Giacomo, e mi muros. As sé sintì prema a e telefun. A pinseva che foss za iqué…

MIRELLA – No, un n’è vnù. In cumpens, sta a sintì, quel ch’lè success…

ANNA – interrompe nuovamente - Mbeh, mej icé.  Al cnunsarì e dop un sarà piò un agente segreto.

GIORGIO – Mo guerda che nuitar a l’avè za cnunsù, parchè l’è avnù neca in te prem dopmezdè, quant cu jera neca la Luisa. Us’ha fatt una bela impression. Moh adess sta a sintì, ca’t raccont e film…

ANNA – Interrompendolo nuovamente – L’è propi stran che sia avnù iquè in te prem dopmezdè senza femal savé.  Va beh, l’avrà vu fem una surpresa, sol che un saveva che me an sera in ca’.

GIORGIO – Anna, adess a’t’raccont quel ch’l’è succes incù...

Nel frattempo rientra Luisa e Giorgio è costretto a interrompersi ancora

LUISA – Me a nin poss piò ad stal sfacchinedi. La jè turneda la Teresa?

ANNA – Me a so turneda da tri minud. Mo par me l’an n’è incora in ca’.

MIRELLA – No, l’han n’è incora turneda.

GIORGIO – Sintì quel ch’l’è sucess….

ANNA – interrompe ancora Giorgio - E i zistè?

LUISA – A javè lassé ad sotta int’la lavanderi. L’è inotil ca fasegna dla fadiga, dman a’javè da purté vi’.

GIORGIO – con tono estremamente deciso e spazientito – Oh! Adess stasì zetti una bona volta e stasim ben a sintì! - Luisa e Anna rimangono sorprese dal tono di Giorgio e finalmente gli danno retta – Giorgio prosegue: – Donca, a v’arcuvdiv che fatt stran ch’l’è sucess a Giacinto ad davanti e negozi d’eletricestar, e c’uv a racunté prema ca turnesum me e la Mirella?..........il racconto a parole è sostituito da un brano musicale ad hoc mentre gli attori recitano con il solo atteggiamento – Luisa e Anna dimostrano meraviglia e anche spavento per quanto accaduto. Mirella annuisce a conferma di quanto sta raccontando Giorgio. Il tutto deve durare all’incirca massimo 15 secondi. Al termine del racconto.

ANNA – Mo eh mi Signor! Un spacciador arresté in ca’ nostra!

LUISA – Mo chi l’avrepp mai cardù un fatt icé! Mo avrì pu avù una paura che mai…

MIRELLA – Mo me a n’um so impressiuneda una gran massa. E pu u jera e marescisall…

ANNA – E quel c’un fa piò ridar l’è e fatt che adess la cocaina la’s’ciama “Anna”.

GIORGIO – Mo Giacinto quant cuj mett a turné. E pu, sa jò capì ben, l’ha in tla sacca una bosta pina ad Anna… cioè avleva di’, ad cocaina.

ANNA – Beh adess a port int’la mi cambra sti righel e pu am faz una dozza. Av salut tott quent. Scompare ma ritorna dicendo – Ah tra un po’ l’avnirà Giacomo. S’an n’avess incora fnì ajavì da dì che me arriv sobit.

MIRELLA – Eh, va ben.

Anna esce.

LUISA – Moh, ad fatti robi che succed, us fa fadiga a credi – Si siede esausta.

MIRELLA – Ah, dill cun me, ca sera iqué quant ch’l’è intré e spacciador.

LUISA – Chissà quanti volti ch’ul racuntarà ste fatt Giacinto in te bar…

Suona il citofono d’ingresso.

GIORGIO – Quest l’ha da essar e muros dl’Anna –

MIRELLA – An l’avé mai vest par un sacc ad temp e incù l’è za la sgonda volta che vè.

GIORGIO – Al citofono – Chi è? – Ascolta la risposta e la riferisce ai presenti – L’è Giacomo, l’ha dett ch’l’è vnu incora par… cla roba impurtanta...

LUISA – Zert però cl’è un po’ sfortuné. Prema l’è avnù e l’Anna la jera fura, adess e’rtorna e lì la jè sotta a la dozza…

Giorgio apre intanto la porta d’ingresso. Entra Giacomo (lo spacciatore) e saluta i presenti.

SPACCIATORE – A’v salud tott!

Tutti rispondono al saluto sovrapponendo le voci

LUISA – A sem propi tott cuntent d’avdel, Giacomo, cu s’acomda.

SPACCIATORE – Grazie. E’l pu arturné e Sgnor Giacinto?

GIORGIO – Incora no. Mo ormai us duvrepp ardusar a ca’ neca lo. A l’ho sintì prema a e telefun.

SPACCIATORE – Neca me a l’ho sintì a e telefun – rivolto a Luisa – A s’lajarcorda? L’am l’ha de lì e su nomar. A’s s’è mess d’accord d’avdess iqué par la mi… Anna.

LUISA – Beh, zert che in t’un’occasion c’me questa l’è giost cui sia neca e mi marid…

SPACCIATORE – Beh me a deg ch’ l’è giost e necesseri…

LUISA – Ah sé sé, l’è mej chi j sia tott qui dla fameja.

MIRELLA – A stasegna dgend prema che lo, Giacomo, l’è un po’ sfortuné…

SPACCIATORE – Sfortuné? E parché pu?

MIRELLA – Uehi, quand ch’l’è vnu incù la prema volta la su’ Anna la jera fura e adess la jè in te bagn.

SPACCIATORE – sbalordito – In te bagn? Coma in te bagn? E Sgnor Giacinto u ‘n’ha dett a e telefun ch’la jè in tla su macchina…

 LUISA – Sé, la jera cun lo quant ch’l’è scapé d’in cà, però dop l’Anna la ja ciapé un etra stré e la jè turneda da par sé.

SPACCIATORE – preoccupato e meravigliato – Da par sè?

GIORGIO – Beh, propi da par sé no. U la ja purteda un’amiga.

SPACCIATORE – Mbeh e vo a’v fidì a lassela icè cun e prem che capita?

LUISA – Beh, me a cred che se st’amiga la s’è ufferta ad purtela a ca’, un s’putess dì ad no…

MIRELLA – Neca s’ajò savù che e’ viazz l’è sté un po’ lent, cun e traffic cu jè in sti dé… - mimando un po’ con la mano

SPACCIATORE – mimando di più con la mano - Ah sl’è par quest e “traffic” u jè sempar par tott l’ann… Mbeh, pinsendi ben pu mej icé. La jè za in ca’ e ugn’è piò inciò problema.

MIRELLA – Valà Luisa, va a vdé, che iqué u jè Giacomo cu la sta d’asté.

LUISA – A vegg sobit. - Dopo qualche istante ritorna insieme con Anna che è ancora in accappatoio e con un asciugamano in testa

ANNA – E in d’el Giacomo?

LUISA – Mo t’an ne vi? L’è ilé in sdé… L’è tott incù cu’t’sta d’asté!

ANNA – Mo quell un n’è Giacomo e me ste sgnor a ne cnoss propi!

MIRELLA – Mo sa dit che ta ne cnoss! Incu l’è za avnù do volti par te!

SPACCIATORE – Indicando Anna – Me a so avnù par li? Mo sa dgiv al mi sgnori!

LUISA – Sa sdgegna? Mo se lo un fa etar che scorrar dl’Anna: l’ha dett c’la jè impurtanta, ad grand valor, bona, pura e raffineda. Ecco l’Anna la jè iquè ad davanti! E adess a nun v’cunsì piò?

ANNA – sempre più seccata – Mo chi l’ha mai cnunsù!

SPACCIATORE – Ehi dasij un taj adess! Andì a ciapé pr’e cul un quicadon etar. Me a so vnu par la mi coca!

MIRELLA – Mo sé, la cocca, la cocca di mamma; l’è propi icé che lo l’ha dett cu la ciameva la nostra Anna…

SPACCIATORE – Ormai fuori di sè – si alza di scatto – Uhei, stasim ben a sintim tott! Me a so avnù iqué par pr’arciapé la mi bosta ad cocaina. Quella sé ch’la jè pura e raffineda! In d’ela la mi cocaina? Fasila avnì fura sobit parché se no um tocca druvé di sistemi ch’an vrepp fé ad manc!

GIORGIO – Mo allora lo l’è un spacciador!

SPACCIATORE – Moh guerda un po’ ad scuperta! E te sa pinsivta ca foss?

LUISA – E muros dl’ Anna. Lo e scorr sempar ad l’Anna! Mo lo un s’ciama Giacomo?

SPACCIATORE – Giacomo l’è un nom fels. E a’m l’avì dett vuitar incù in te prem dopmezdé ca ciamì Anna la cocaina. Me a cardeva che foss un sistema par no fev incastré cun agl’intercettazion. Um’è piasù icé tant che adess a drov neca me sté nom par scorrar dla cocaina. A m’avì parfena fatt credar ca putivia essar interessé a cumprela la mi droga!

GIORGIO – Mo sa disal iqué lò! No an savè gnanca coma ch’la sia fatta la droga. E quant ch’a scuregna dl’Anna a pinsegna a la nostra fiola e no a la su droga maledetta!

MIRELLA – A me um pé ad sugné. Un etar spacciador in ca’!

SPACCIATORE – con atteggiamento indagatore - Sa vol dì un etar spacciador! L’an m’avrà miga dì ch’l’è avnù un etar a zarché la cocaina? Se par ches a l’ajavì deda a lo’ a’v fazz fura tott! – Estrae una pistola provocando reazioni impaurite da parte di tutte le donne presenti. Punta la pistola contro Luisa – Adess ta m’è da di coma ch’al sta al robi, se no iqué a fazz una strage! A voj savé chi el stetar spacciador e a voj savé in do c’la jè la mi cocaina! Forza, dimmal!

LUISA – Tremante – La su cocaina u la ja e mi marid in tla sacca de cappott.

GIORGIO – interviene a sostegno di Luisa – e cl’etar spacciador i l’ha arresté dis minud fa. A segna present me e la mi moj quant cu l’ha purté vi e maresciall.

SPACCIATORE – Marescial? Iquè in ca’? E chi l’ha ciamé? – pausa - Nessuno risponde – Ah, adess a cmenz a capì. E Sgnor Giacinto um’avleva farghé. A scummett ch’ l’è sté lo’ a ciamé la pulizi. Adess a capess parché um’ha dé un appuntament iqué in ca’. La pulizi la dveva arresté me e inveci l’ajà arresté on che in sta faccenda un gnetra gnita!

GIORGIO – Moh che suggett chi ha arresté e scureva sempar ad Anna, che Giacinto u s’ha dett che vo’ di cocaina e vo’ la cocaina a l’ajavì ciameda propi icé scurend a e telefun cun Giacinto.

SPACCIATORE – Moh me a la ciam icé parché vuitar tri a m’avì dé l’idea – indicando Giorgio, Mirella e Luisa – A m’avì fatt credar ad ciamé icé la cocaina. Me a’m cardeva che vo a fossuv in te zir d’la droga…

MIRELLA – impaurita ma impavida – Eh, a sé in te zir d’Italia, nuitar…

ANNA – incomincia a realizzare – si rivolge a Giorgio e Mirella con tono apparentemente calmo – Scusì un mument… e spacciador ch’l’è avnù prema ad quest e zarcheva ad me, ajavì dett…  El’icé?…

GIORGIO – tutto di filato – Sè, e zarcheva ad l’Anna, mo Anna pr’e spacciador e vo di cocaina, a’tl’ho pu dett. E pu l’ha neca cunfermé ch’u s’era mess d’accord a e telefun par incuntres iqué in ca’. E quant che e maresciall l’ha sintì neca ste scors u l’ha arresté sobit.

SPACCIATORE – con tono perentorio – Me u n’un mi frega gnita ad stal robi. A voj la mi cocaina!

ANNA – indomita e incavolata – Un gni’nfregarà gnita a lo’, mo a mè inveci um’in frega una massa – lo spacciatore appare per un attimo quasi intimidito da tanta decisione – a Giorgio e Mirella con calma apparente - Cum’eral avstì cl’etar spacciador?

MIRELLA – S’amarcord bè, l’aveva un sti’ gris scur, la camisa celesta e una cravatta... - si ferma per fare mente locale

ANNA – Una cravatta?

MIRELLA – Adess a m’arcord, una Regimental rossa cun al righi grisi e celesti.

Anna si siede prostrata

LUISA – S’el sté, Anna, t’ al cnoss cletar spacciador?

ANNA – S’al cnoss? L’è Giacomo, e mi muros. Cla cravatta agl’iajò rigaleda me un mes fa. Lo u v’ha dett c’us’era mess d’accord a e telefun, l’è vera, mo l’ha scors cun me, no cun Giacinto. Ajavì fatt arresté e mi Giacomo! Aviv capì, adess? Ajavì fatt arresté e mi Giacomo! – si gira di lato piangendo.

GIORGIO – Ma cuma putegna fé nuitar a savé che foss lo!

MIRELLA – Moh e mi Signor. Mo i qué uj è da dvinté mett. Anna no’t preoccupé che al robi al sistema adess.

Mirella, Luisa si alzano istintivamente per andare a consolare Anna

SPACCIATORE – minacciandole con la pistola – Armittiv totti in sdé. Adess a so’ ca nun poss fidé d’inciò ad vuitar. L’è dagli or ch’am stasì ciapend pr’e cul. Mo un quel l’ha da essar ver e vuitar a dvì speré ch’e sia propi icé: la mi cocaina la jè in t’la sacca de capott de vostar Giacinto e lo’ e sta turnend a ca’ tott tranquell e cunvent che me a sia za sté arresté.

GIORGIO – Moh e mi Signor. E maresciall inveci l’ha arresté Giacomo e muros dl’Anna. Rivolto ad Anna – Anna, a te ripet, no an putegna savé che foss e tu muros, parch’an l’avegna mai vest e pu Giacinto u s’aveva dett che sarepp arrivé a ca’ e spacciador, - indicando il vero spacciatore – che inveci l’è lò.

ANNA – Al so, al so. Adess ajò capì gnaquel.

SPACCIATORE – Adess stasì tott zett! Al vostri faccendi familieri al m’ha propi scuccé. Stasema pu d’asté ch’l’artorna a ca’ Giacinto e spion, che l’è sicur d’avé sistemé al robi. A je fazz avdé me! E vuitar no fasì dal mossi sbajedi, no dgì gnanca una parola, se no av’sper in bocca a tott.

Tutti stanno immobili - Dopo qualche istante si apre la porta d’ingresso. Lo spacciatore, pensando si tratti di Giacinto, si mette dietro la porta, per essere pronto a impedire l’eventuale fuga. E’ Teresa, invece.

TERESA – Ciao – rivolta a tutti i familiari seduti, che non rispondono. - Alle sue spalle lo spacciatore

SPACCIATORE – E questa chi ela?

TERESA - Si trova di fronte lo spacciatore con la pistola e grida istintivamente - E lei chi è? Mamma! Nonni! Che cosa sta succedendo qui? Cos’è una rapina?

SPACCIATORE – Sta chelma, mett’in sdé e sta zetta coma tott chitar. Sa fasì quel ca’v’deg me, incion uv farà de mel. Se inveci uj dvess essar un quicadon che vo’ fé l’eroe, e sarà neca l’utma volta ch’ul farà in tla su vida. Aviv capì ben tott? – Nessuno fa cenno di sì – allora con tono duro ripete la domanda – Aviv capì ben tott? Fasim un segn ad sé cun la testa. -Tutti fanno cenno di sì, muovendo il capo lentamente. –

Passano altri secondi di silenzio (breve brano di attesa), poi si apre la porta d’ingresso. Stavolta è Giacinto. Lo spacciatore si mette dietro la porta, poi una volta che è entrato rimane alle se spalle, senza essere visto.

GIACINTO – entrando vede tutti i suoi familiari seduti come impietriti, ma subito non ci fa molto caso – Deve apparire  contrastante l’atteggiamento allegro di Giacinto con quello impaurito dei familiari. – Uhei, ai si tott, av salut tott quent. Luisa, ecco qua la lampadena nuova – mostra la scatola – Stavolta par no savé ne lezzar e ne scrivar a so andé a cumprela in t’un etar post, se no e’ fness che incù am rimpess al sacchi ad droga. A la saviv tott adess la storia cumpleta dla cocaina, ela vera? Giorgio u v’a raccunté gnaquel? - Tutti dicono di sì annuendo col capo molto lentamente - Mo saviv fatt ch’a si tott un po’ zò ad pression. Luisa s’el sté? – riprende il tono allegro - I qué fra la cocaina e j augur ad Nadel a n’ho za avù a basta. – Però, adess che la fazenda dla droga la s’è risolta e jà arresté e spacciador, u jarmanza e pericul di auguri. A quel però ugn’è rimedi. Al saviv quanti volti cu m’è tucché sintì incù “s’an s’avdè piò, Buon Natale”?

SPACCIATORE – si presenta parlando alle spalle di Giacinto – Quanti volti a l’et sintì? - Giacinto per la sorpresa dà un violento scossone all’indietro col capo e gli manca il fiato per la paura. Gli cade anche la scatola con la lampadina che si rompe di nuovo. -  Me al so quel t’sté pinsend: “mo i’nl’aveva arresté e spacciador?”

GIACINTO – Lò ugn’i cardarà, mo mè a stagg pinsend c’la se rotta la lampadena e incù la jè za la sgonda…

SPACCIATORE – con tono ironico – Oh coma cu m’indispis… - con tono duro, alludendo alla pistola - Sa ditt ad questa?

GIACINTO – seguendo il suo ragionamento - No, a me um pé che quella l’an vega bèn par la lus dla Teresa…

SPACCIATORE – con tono duro - Infatti, questa la fa lus sol quant ch’la spera… 

GIORGIO – Ciò, Giacinto, daj un taj cun sta lus de cumudè, t’an vì ch’an sem spiané bèn…

SPACCIATORE – Ah, a sarì spiané incora pezz se e spion un’ha in tla sacca la mi cocaina…Me a scummett che ché simpatic ad Giorgio – rivolto a Giorgio – lo us ciama icé, ela vera?

GIORGIO – Sé.

SPACCIATORE – prosegue rivolto a Giacinto – …Giorgio u’t’aveva avvisé ch l’era tott a post, che la pulizi la m’aveva arresté… E inveci j’ha arresté e muros dl’Anna.  – con tono molto duro - E adess, e mi Giacinto spion, scuregna ad robi seri…S’t’an vù ch’a t’feza magné la lampadena rotta, tira fura la mi cocaina!

GIACINTO – con voce un po’ tremante – la su Anna…

ANNA – esasperata - Ciò, fnila tott quent cun sta storia dl’Anna, Basta!

SPACCIATORE – E me a so’ d’accord. Sta faccenda la m’ha propi scuccé neca me! Fura la cocaina! – e appoggia la canna della pistola sulla guancia di Giacinto

GIACINTO – infila la mano nella tasca del cappotto ed estrae la busta con la cocaina – Ecco la tu cocaina. A si’t cuntent o no? Lassas vivar in pes, adess!

SPACCIATORE – gli strappa la busta dalla mano – Adess sta zett e mett’in sdé. Tirì sobit fura i vostar celluler e mittii sora e tavlé! Stasì tott firum in sdé almanc par mezz’ora... – intanto stacca i fili del telefono fisso. Tutti posano il cellulare sul tavolino - … e no tintì ad ciamé la pulizi se no e sarà pezz par vuitar– raccoglie tutti i cellulari – Quist chi qué aj toj so’ me. U nun m’interessa rubé sti quell da quatar suld. Um basta purtei luntan da vuitar. Sa si svegg aj putrì artruvé. A’v salut tott quent e a sper ad no avdev piò. - ed esce.

Tutti rimangono interdetti per qualche istante, poi Teresa per prima parla

TERESA – si alza - E adesso che facciamo? A parte che io non ci ho ancora capito niente e non so nemmeno se voglio capirci. Ma mi spiegate che cosa abbiamo noi a che fare con la cocaina. Qualcuno di noi usa la cocaina, per caso?

LUISA – si alza - No Teresa, l’è sté che spacciador cl’ha infilé la cocaina int’la sacca de capott de tu ba’, e pu l’è success che inveci d’arresté e ver spacciador jà arresté e muros dla tu zi..

ANNA – si alza - E adess bsogna ca fasegna tott e pussebil par fel avnì fura. Sobit! Bsogna ca telefunegna a la Pulizi par fei savé chi a sbajé parsona.

TERESA – Ah, tutto veramente molto chiaro. Ho deciso che per oggi ci rinuncio. - Rivolta a Luisa – Mamma, non so se ti ricordi che oggi facevi la scandalizzata quando ho nominato il Poker Teresina. Altro che poker, qui gira la cocaina a tutto spiano!

LUISA – Ma no an savegna gnanca coma c’la foss fatta sta cocaina. Ad colpa an’al e tu ba’ s’iglia ja messa in tla sacca.

Tutti si alzano uno dopo l’altro

GIACINTO – Bsogna ca’s procuregna un telefun par fé savé a la Pulizi coma c’al sta al robi. - Rivolto ad Anna – par fé libaré e tu Giacomo, mo neca parché me a j’ho da dì che e spacciador u s’è arciapé la cocaina, che me aj adveva cunsigné come corpo del reato.

GIORGIO – E telefun ad ca’ l’è inservebil. Bsogna andé a zarché i nostar celluler. E spacciador l’ha dett c’un’i vleva purté vi’. Me a pens cu jepa nascost da una quica perta.

GIACINTO -  Adess a vegg a vdé ad sotta, in tl’andrò.

MIRELLA – E po’ essar periculos. E s’l’è incora ilé neca lò’?

GIACINTO – Mo va là, lò l’è scappé ad corsa e e’ sta currend incora. Piò che va luntan e piò ch’l’è sicur ad no fess ciapé da la pulizi. Esce per andare a cercare i telefoni. Mentre Giacinto è di sotto, i presenti commentano

GIORGIO – Me a cred che ste Nadel as l’arcudarè par un pezz…

MIRELLA – No, me inveci ajò fed ca me voja scurdé.

GIORGIO – con enfasi - Natale e cocaina! Um pé e nom d’un film

LUISA – E nom? Quest l’è un film tott intir e no a sé j attur.

GIORGIO – Ah, t’e rason, sol che la pistola la spareva dad bon…

TERESA – Mi sembrate tutti matti!

Rientra Giacinto con tutti i cellulari

GIACINTO – U’javeva nascost dri al scopi in te sgabuzzé dla purtinerì. Um pé chi sia tott a post.

 ANNA – Giacinto, mo te cla maledetta lampadena ta la duvivta cumpré propi in che post chi lé.

GIACINTO – Huei, stetra volta a la jandrò a cumpré in cla merceri ca tirì sempar fura! E pu’ ta n’e vest che neca se la sgonda a l’ajò cumpreda in t’un etar post e spacciador l’è dé fura li stess? - Prende il suo cellulare, clicca la rubrica e il numero della Polizia – Adess a scorr cun la Pulizi…  Pronto, avrep scorrar cun e Brigadir Catozzi…A so’ Giacinto Briganti… Grazie, a stagg d’asté – rivolto agli altri che lo stanno ascoltando – Adess jà dett ch’i me passa. - Pausa – Buona sera Brigadiere, a so’ Giacinto Briganti, sé, quel dl’Anna – la vera Anna si adira – …cioè a vleva dì, quell dla cocaina in tla sacca de capott. C’um stega ben a sintì. Ajavì arresté l’oman sbajé… A ve deg me… Quel c’l’era in ca’ mi un’era e spacciador, l’era e muros dla mi cugneda... Sa so sicur? Zert ca so sicur. L’ha la cravatta… – rivolto ad Anna – cum’as ciamla cla cravatta za, “de regiment”?                                                           

ANNA - precisa: regimental.                                         

GIACINTO – prosegue – l’ha la cravatta regimental rossa cu j’hà rigalé la mi cugneda… La’s ciama Anna… No l’an’è la cocaina, la jè propi la mi cugneda. Ah neca a lo uj pareva che foss u brev ragazz?  - Ripete per i presenti ciò che gli sta dicendo il Brigadiere – Un’era armé e un saveva propi gnita ad droga. C’um stega a sintì, Brigadir, e ver spacciador prema l’è avnù iqué in ca’ nostra e u’s’ha minaccé tott cun na pistola e me ajò dvu dé indrì la cocaina. Aj raccuntarò tott i particuler. Che stega tranquell ch’avnirò in Questura. Sé, sé, avnirem. A la salud, Brigadir! – Poi rivolto ad Anna – L’ha dett ca duvè andé tott a firmé al depusizion, mo prema l’ha bsogn ad scorrar cun me e cun te, parché l’ha da scrivar e rapport e un n’ha ancora capì gninta.

ANNA – Moh Giacomo, al lassi andé o no?

GIACINTO – Us sa ch’il lassa andé. J aveva za fatt dal ricerchi e j’ha avù al cunfermi che Giacomo l’è a post. E brigadir um’ha dett che duvrepp scappé da la Questura in t’una mezz’ora.

MIRELLA – Huei sta bo’, adess al savè neca nuitar che Giacomo l’è a post.

ANNA – Un po’ seccata - Un basteva al mi referenzi? 

LUISA – No t’la ciapé valà, adess pinsema a risolvar sta facenda.

TERESA – Certo che vi ho lasciati soli per due ore e avete combinato dei disastri. E poi dite che dei ragazzi giovani non c’è da fidarsi. Sapete cosa vi dico, che io non vi affiderei neanche il  gatto.

GIORGIO – Al saviv che me sté film u ‘m’ha stressé? Aj’ho bsogn ad rilassem un po’ e a’m vegg a preparé una bella inalazion, c’un gn’è gnit ad mej. Rivolto alla moglie – Mirella, t’avivta dett che ta la vlivta fé neca tè?

MIRELLA – Sé, sé a la fazz neca me. Chissà c’un um pessa sta tremarela in tal gamb. Adess intant a vegg a fé bullì dl’aqua.

Giorgio va nel reparto notte e Mirella va in cucina – nel frattempo suona il citofono

LUISA – Moh e mi Signor, e chi saràl adess?

ANNA – E mi Giacomo un po’ essar perché ad sicur l’è incora in Questura.

TERESA – Certo che se state tutti a pensare e nessuno va ad aprire, non lo saprete mai chi è!

GIACINTO – T’è rason neca te, fiola. - Va a rispondere – Sì, chi è? – rivolto a Luisa – Al set qui cl’è?

LUISA – E sarà un boss ad Cosa Nostra!

GIACINTO – Moh ac boss, l’è Ugo.

LUISA – Chi quel cl’aveva la mercerì?

GIACINTO – Incora cun sta mercerì! L’è quell ca cnoss c’l’aveva l’edecula dri a la cisa. Quanti volti a l’oja da dì!

LUISA – Ah quel cu t’ipnutezza.

GIACINTO – Eh, propi lò. A ne so quel che possa avlé. - apre la porta ed entra Ugo con una bellissima stella di Natale.

UGO – At salut Giacinto. Bona sera a tott.

GIACINTO – Ven avanti Ugo, at present la mi moj Luisa.

LUISA – Piacere

UGO – E piasè l’è e mi, Sgnora. Aj’ho purté sta stella ad Nadel. A sper ch’lai pisa. L’è un quell semplic….

LUISA – La jè blessma, Sgnor Ugo. L’è sté propi gentil. Cu’s metta in sdé. A vuol un caffè o e preferess una grappa, o un whisky?

UGO – Una grappa la va benessum.

GIACINTO – mentre Luisa serve la grappa, prosegue con le presentazioni - Anna, la mi coca…ehm cugneda, e Teresa, la mi’ fjola, c’la’s mett a post tott quent...

Tutti dicono piacere e/o molto piacere

Esce Mirella dalla cucina con la pentola dell’acqua bollente.

GIACINTO – Questa la jè la Mirella, la mamma d’la Luisa, la mi suocera, insomma – rivolto a Mirella - Mirella at present Ugo, l’è un mì amig e as’cnunsè da una massa ad temp.

MIRELLA – Buona sera Sgnor Ugo, c’um scusa mo adess an poss dej la man ch’ajò da purté st’acqua chelda in te bagn.

UGO – Ch’l’an ‘s precoccupa Sgnora, ch’la feza pu al su’ faccendi. – Mirella esce di scena

GIACINTO – Ugo, ad’là u jè neca Giorgio, e mì suocero. Apena ch’i avrà fni’ agl’inalazion at’i fazz cnossar coma cus dev.  

I presenti si siedono

GIACINTO – rivolto a Ugo – Ugo mo sa t’el avnù in tla ment ad purté un righel. T’an m’avivta za dett incù “S’an s’avdé piò, Buon Natale”

UGO – Sè, mo l’è da tant temp ca’s’cnunsè e aj’ho sintì la voja ad dimustret la mi amicizia in t’un mod piò cuncret, piò dirett, però semplic. Sa vut mai, una Stella ad Nadel…

Suona ancora il citofono

LUISA – Incù ugn‘è tregua…

TERESA – Ora sento io – va a rispondere – Sì? Un pacco?. Va bene salga pure – apre la porta e la lascia socchiusa, senza guardare chi sta salendo.

LUISA – Un sarà miga una bomba…

GIACINTO – Mo ac bomba. E sarà un righel.

Fa irruzione lo spacciatore con la pistola in pugno e tutti sobbalzano

SPACCIATORE – mostrando la pistola – E pacc l’è quell ch’ajavì tinté ad fé vuitar a me! – poi rivolto a Giacinto – spion maledett, t’vu fé e furb cun me? T’e sbajé i cont, parché me adess a’t fazz fura!

Le donne urlano dalla paura, Ugo è sorpreso ma non impaurito

GIACINTO – Mo sa vuol incora da me? Ajò pu de indrì la su droga! Basta! Cu’s lessa in pes adess!

SPACCIATORE – Ta m’e dé indrì la mi droga? - Tira fuori la busta dalla tasca e ne fa annusare il contenuto a Giacinto – Infila enesiqué, spion, udora! Udora!– Giacinto si avvicina e annusa il contenuto – Allora s’am dit, eh?

GIACINTO – annusa - A me um pé……

SPACCIATORE – Dai avanti dill, donca!

GIACINTO – annusa ancora – A me um pé… eucaliptolo!

SPACCIATORE – L’è propi icé, eucaliptolo! – punta la pistola vicinissima alla faccia di Giacinto – e adess e mi amig Giacinto a sem arrivé in chev: damm la mi cocaina o questa la sarà l’utma volta che t’è sintì l’udor dl’eucaliptolo!

GIACINTO – pur nel grave pericolo realizza l’accaduto – Un mument... - Rivolto a Luisa - Mo se in sta bosta u jè l’eucaliptolo, par essar piò precis e bicarbuné all’eucaliptolo, Giorgio e la Mirella sta stai druvend par fé agl’inalaziò, un sarà miga… - In quel momento dal reparto notte si sentono Mirella e Giorgio cantare

MIRELLA – a voce altissima - Non sono una signora, una per cui la guerra non è mai finita, oh nooooooooo…

GIACINTO – termina la frase –…la cocaina. Jà fatt agl’inalazion cun la cocaina.

LUISA, ANNA E TERESA – Cun la cocaina?

UGO – che non ci sta capendo nulla, rivolto a Giacinto – Mo Giacinto, sa succedal iqué in ca’ tu’?

GIACINTO – rivolto a Ugo – Ugo, at spiegarò gnaquel…

GIORGIO – a voce altissima – Nel blu dipinto di blu, felice di stare quassù…

GIORGIO e MIRELLA – continuano in coro …E volavo, volavo, volavo, volavo più in alto ed ancora più su…

LUISA – Moh, e mi Signor!

GIORGIO – inizia immediatamente un altro brano - Vado al massimo…

GIORGIO e MIRELLA – continuano in coro - … Vado al massimo, vado al massimo, vado a gonfie vele!!!!

GIORGIO – parla a voce alta con Mirella – Alora, s’at’avevi dett? stagli inalaziò agl’jè fenumeneli!  - Cantando – Sté bicarbuné all’eucaliptolo l’è la fen de mond…

MIRELLA – cantando – La fen de mond!

GIORGIO E MIRELLA - Urlando – Etar che la drogaaaaa!

MIRELLA – E pinsé che e mond l’è pin ad zenta c’la spend un mocc ad baiocc par cumpré la cocaina!…

I due proseguono negli sproloqui attenuando il tono

LUISA – Incù inveci ad quella cun e bicarbuné t’a m’e dé la bosta cun la cocaina cu t’aveva infilé in tla sacca ste sgnor chi qué. A sper sol ch’in n’epa rispiré una massa.

SPACCIATORE – A fasì propi ben a speré che sia icé, parché se no a’v fazz fura tott e pu a’v port vi tott quell ch’ajavì in ca’!

In quel momento entrano in scena come due saette Giorgio e Mirella. Lui sta inseguendo lei, che ride all’impazzata.

GIORGIO – Ven a qué ca fasè du gemell! Ven a qué, no scappé.

MIRELLA – Du gemell? Sol? Me an voj fé almanc sì di gemell! Ah ah ah

GIORGIO – At ciapp. Adess at ciapp e at faz avdé coma c’us fa a fé i gemell!

MIRELLA – Dai famm avdé donca! Prema però ta m’è da ciapé, ah ah ah ah

GIORGIO – passa vicino allo spacciatore che tiene la pistola in pugno e si ferma di colpo – Mo sa fet cun ste gingell in tal man?  Fatt un’inalazion neca te ch’l’è mej!… - Continuano ad inseguirsi correndo intorno ai presenti ed escono di nuovo nel reparto notte – Poi le loro voci si odono più in lontananza.

SPACCIATORE – rivolto a Giacinto – Oh, adess basta d’ad’bon! Va a d’là a tu la coca e vuitar spirì tott ch’laj sia incora!

UGO – si alza con calma dalla poltrona e si avvicina allo spacciatore - Un momento, voglio chiederle una cosa, prima che lei ci ammazzi tutti.

SPACCIATORE – Dai, di pù la tu sasité – rivolto a Giacinto – E te sa fet incora iqué? Va a tu la mi cocaina. Guerda ch’l’è l’utma volta ca te deg! - Ugo è arrivato davanti allo spacciatore ed inizia a guardarlo negli occhi intensamente. - S’ajel da guardé, invurnì! - Sembra man mano perdere lucidità – Che…vat…di…pì…

UGO – Guardami, non pensare ad altro, guardami, guardami. Lasciati andare. Starai bene, starai molto bene. Rilassato. Così. Continua a guardarmi. Bravo. Calmo, rilassato. Ora cadrai in un sonno profondo. Un sonno liberatorio. Conterò fino a tre e poi tu cadrai in un sonno profondo e dormirai a lungo e ti risveglierai solo quando lo dirò io. Guardami. Uno, due, tre. - Lo spacciatore si è addormentato e Ugo lo sorregge

GIACINTO – Brev Ugo, ta l’è indurminté. Ci dvinté incora piò brev a ipnutizzé.

UGO – rivolto a Giorgio e Giacinto – Forza, dasim una man a stuglel in te divan.

I tre lo portano sul divano e Giacinto prende la pistola e se la mette in tasca, mentre dal reparto notte continuano ad arrivare gli schiamazzi di Giorgio e Mirella

GIORGIO e MIRELLA – fuori scena – Vado al massimo, vado al massimo, anzi andiamo al massimo, andiamo a gonfie vele….

GIACINTO – E sarà mej lighel.

UGO – Un’ i n’è bsogn. Lo è durmirà almanc par quattr’ori. Prema al putrepp svigé sol me.

GIACINTO – rivolto a Ugo – Ugo, um’indispis ad tott sté casé. Nuitar as’i s’è truvé in te mezz senza gnanca capì quel c’us staseva capitend. At racuntarò gnaquel, mo adess an so’ propi in tla cundizion ad fel, a so tropp scoss; e uj vo’ una massa ad temp par cunté tott al robi, ta me da credar.

UGO – No’t preoccupé, Giacinto, at capess. A so’ curios, mo ta me diré quant vu te. Par la Befana, magari, parché in sti dé me e la moj andé a Milan a cà de fiol.

LUISA – Giacinto, te ciama la Pulizi intant.

ANNA – E spiregna che sta storia la fnessa dad bon.

LUISA – Sé, parchè l’as sta fasend un po’ troppa longa.

Giacinto prende il cellulare e compone il numero della Questura

GIACINTO – A so’ Giacinto Briganti e a vrep scorrar cun… Sé, propi e Brigadir Catozzi…, mo lo’ coma faseval a savel?...Ah l’ha rcnunsù la mi vosa… – rivolto ai presenti – ormai i’m’cnoss da la vosa. A so dvinté un client impurtant... – al telefono – Brigadiere Catozzi è’l lò? Stavolta u s’è propi risolt gnaquel. Ajavè catturé e spacciador...No, ugn’è bsogn ad tnel ferum... Parché? Parché e dorma… Una botta in tla testa? No, no. L’è sté ipnutizzé da un mi amig… Bsogna c’avniva sobit. La cocaina?.... No, la bosta l’an’è intatta, un po’ la jè steda consumeda... Sniffeda, nuitar? No, no un’ha sniffé gnint incion. In’ha druvé un po’ i mi suoceri par fé agl’inalazion... Un vizi? No, i cardeva che foss de bicarbuné all’eucaliptolo. Che stega tranquell, aj spiegarò tott a vosa…. Ah Brigadiere, a l’aviv pu lassé andé Giacomo, e muros dla mi cugneda? Sè? - Rivolto ad Anna- E tu muros i l’ha za libaré e i j’ha spieghé la quiscion de scambi ad parsona. - al telefono - Grazie Brigadiere e Buon Natale. –  Luisa e tutti gli altri lo guardano stupiti perché per la prima volta ha fatto gli auguri.

LUISA – Moh e mi Signor, adess aj’ho paura che vegna zo e mond, Giacinto l’ha dett Buon Natale. 

GIACINTO  - rivolto a Luisa – Adess che finalment e pé che sia tott a post…

ANNA - interrompendolo – Par essar tott a post l’ha da turné e mi muros e finché a ne vegg, an stagg tranquella.

GIACINTO – Sta tranquella, Anna. I’m’l’ha assicuré, ormai l’è sol quiscion ad zenc minud…. – poi ancora rivolto a Luisa - Piottost a staseva dsend, adess c’l’è tott a post…

TERESA – interrompendolo - …Veramente, babbo, dire che è tutto a posto con questo signore steso sul divano mi sembra un po’ azzardato..

GIACINTO – Sta tranquella neca tè, Teresa, la pulizi la sta arrivend. Donca, adess…

LUISA – interrompendolo nuovamente - Ciò Giacinto, i que j’ha da arivé tott, mo j’onic chi entra in sta ca’ jè di spaciadur.

GIACINTO – Ciò a’m fasiv fnì e scors? - ancora rivolto a Luisa – A voj di’ che adess c’l’è tott a post – si ferma ironicamente per verificare che nessuno debba interromperlo ancora – Me a vrepp andé a cumpré la lampadena par e cumudè dla Teresa...

TUTTI – Mo basta cun sta lampadena!

LUISA – Uehi Giacinto daj un taj! Tott al volt tci scapé d’in ca’ par sta lampadena, l’è success di disestar!

TERESA – Sai cosa ti dico, babbo, che io non la voglio proprio la luce sul comodino, anzi togliamo anche l’abatjour.

ANNA –  No, al vut savé quel ca fasé? A cavè e cumudè e tott, icè,  un t’avnirà piò la tentazion ad cumpré un’etra lampadena.

GIACINTO – E po’ des che stavolta ajaviva rason vuitar.

LUISA – Oh! Quest l’è e prem quel giost t’e dett incù, e mi Giacinto. Chissà c’un sia la svolta d’la giurneda.

TERESA - E se poi in questa casa incominciaste tutti a parlare la lingua italiana, sarebbe una liberazione completa… - Suona il citofono. Teresa va a rispondere. - Sì, chi è?  - rivolta ad Anna - E’ Giacomo. Zia, stavolta speriamo che sia proprio il tuo fidanzato.

LUISA – Me adess quant ca sent suné um vè fastidi…

GIACINTO – Iquè bo’ e cattiv i dis tott ad ciames Giacomo! L’è un po’ coma zughé a testa o cros… 

ANNA – ironica – Spiregna che cun totta sta cocaina in zir un sia propi dvinté un spacciador neca lo.

GIACINTO – rilassato e ironico - Eh za, avé a che fé cun… l’Anna l’è inevitabil. -  La vera Anna stavolta ride –

Entra finalmente Giacomo e abbraccia lungamente Anna – breve brano musicale che sottolinea la scena

LUISA – rivolta a Giacinto – Sa t’avevi dett, l’è basté non scorar piò ad cumpré la lampadena, che u’s’è arvulté la bessa…

GIACOMO – Bona sera a tott, a so’ propi cuntent d’essar iqué, basta che ad là ugni sia e Maresciall, però… dopo aver salutato tutti, guarda con meraviglia il falso Giacomo che sta dormendo nel divano – E quest chi è’l?

TUTTI – Giacomo!

GIACOMO – Ah, a cred d’avé capì... Mo cum’ela ch’l’è iqué che dorma in te vostar divan?

GIORGIO – A te spiegarè fra un minud. Giacomo, at cmand scusa, mo…

GIACOMO – An v’avì da scusé ad gnita. La Pulizi la m’ha spieghé e scambi ad parsona.

MIRELLA – No an ne putegna savé che prema t’foss te.

GIACOMO – Al so, al so. Adess l’è fni gnaquell…

ANNA – Me, sa t’ho da dì la verité, a’m sera immagineda un dè piò tranquell par fett avni in ca’ a cnossar i mi’…

LUISA – E vra di’ che e su prem dè in sta ca’ un se scurdarà piò…

GIACOMO – Ah propi no, se non etar parché incù l’è sté neca e mi prem dè in galera…

Si siedono tutti un po’ distrutti, ma finalmente tranquilli, proprio mentre lo spacciatore fa un movimento, come se stesse per svegliarsi, allora tutti si allarmano e Giacinto estrae la pistola dalla tasca.

GIACINTO – Puntando la pistola – Huei, Giacomo finto, stavolta a la j’ho me la pistola!... - Ma lo spacciatore si gira soltanto mettendosi di schiena al pubblico e continua a dormire. (Tutti si rilassano nuovamente) -  rimettendosi in tasca la pistola – Eh, e sarà mej, va là. 

LUISA – perplessa - Mè a sera cunventa che la sola fadiga d’incù e foss quella ad fé l’impast di caplett..

ANNA – A proposit ad caplett, bsogna c’aj fasegna nuitar, parchè sa stasè da sté c’uj prepera la mamma, um sa ca fasegna in temp a arrivé a Pasqua.

LUISA - E pu’ uj sarepp neca ches che stavolta la fasess di caplett da sniffé…

TERESA – Mamma, piuttosto, il nonno e la nonna non cantano più da un pezzo. Non sarà meglio andare a controllare?

LUISA – Is sarà indurminté, cun tott cal corsi chi ha fatt. Fra un po’ andarò a vdé, icé a vegg neca a tù la bosta cun la cocaina da dé ai puliziott…e sperema ch’in la jepa druveda totta.

GIACINTO – Par me i sta fasend i du gemell…E sarà mei t’stega ad qua.

LUISA – Eh, se incù e succed neca quest, sta storia la dvintarà una cumegia in dialett par qui ad San Tomè (Compagine di San Tomè,gruppo dialettale di Forlì)…

TERESA – con dialetto un po’ stentato – Un pé neca a me…

Tutti la guardano stupiti e divertiti

GIORGIO – Ajavè un’attrice nuova par la cumegia in dialett!

LUISA – Teresa, cun un etra stmana ad lezion, t’scuraré neca te coma nuitar e’t’putré capì coma ch’l’è bell e dialett…

TERESA – impegnandosi con fatica - Eh, a farò in temp a imparè propi par e dè ad Nadel... Ma non ci contate troppo. – Noj cuntì tropp…

UGO – Beh, Giacinto, me adess at salut parché i m’aspetta a ca’.

LUISA – Che stega a zena cun no, Ugo!

GIACINTO – Armanza cun no. T’as fé piasé. Icé at raccont totta la faccenda.

UGO – No, av ringrezi ma a jò d’andé a cà. Un’etra volta vluntira. Giacinto però a so’ curios ad savé totta la storia. 

GIACINTO – A sem no c’at ringrazié. Se t’agni sirta te cun che delinquent, a ne so coma c’ajavressum fatt. At prumett che at raccuntarò tott par fil e par segn.

UGO – rivolto a Giacinto – E sarà e tu’ righel par la Befana - poi rivolto a tutti gli altri – Arrivederci e Buon Natale a tutti. –   accompagnato da Giacinto verso la porta d’ingresso, poi esce -

TUTTI - mescolando le voci – Buona sera – arrivederci – Grazie -Buon Natale

GIACINTO – dopo una breve esitazione – con tono molto alto - Ugo!

UGO – con voce un po’ lontana dalla scala – Dimm, Giacinto

GIACINTO – Ugo, s’an s’avdé piò, Buon Natale!

Tutti i familiari rimangono esterrefatti e guardano con meraviglia Giacinto

UGO – Anche a te, Giacinto.

Brevissima pausa

GIACINTO – urlando – Ugo!

UGO – in lontananza – Dimm, Giacinto

GIACINTO – Porta i mi auguri a totta la tu fameja!

UGO – in lontananza – Grazie, Giacinto

GIACINTO – Ugo, a ma racmand, no’t’scurdé eh, parché ai tegn una massa.

UGO - sempre più lontano – Sta tranquell, a n’um’scurdarò.

La meraviglia dei presenti aumenta e Giacinto è “accerchiato” dagli sguardi.

GIACINTO – Beh, s’aviv da guardé? Ugo l’è un brev oman e l’è un grand amig, e s’an s’avdè piò prema ad Nadel, me a voj essar sicur ad fej j’auguri, a lò e a la su fameja. Us fa icé no fra al parsoni par ben?

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno