S’an s’avdè piò, Buon Natale

Stampa questo copione

S’AN S’AVDE’ PIO’, BUON NATALE

di

Valerio Benvenuto

Personaggi:

Giacinto Briganti

Luisa, moglie di Giacinto

Anna, sorella di Luisa

Franco, fratello di Luisa

Virginia, moglie di Franco

Giorgio, padre di Luisa

Mirella, madre di Luisa

Teresa, figlia di Giacinto

Spacciatore

Giacomo, fidanzato di Anna

Primo poliziotto

Secondo poliziotto

Ugo, amico di Giacinto

Scena: salotto di casa Briganti. Un paio di poltroncine, un piccolo tavolino, tavolo, sedie e un piccolo mobile. Una finestra, una porta che si apre sulla cucina, una che si apre sulla sala da pranzo, un accesso senza porta per il reparto notte e la porta d’ingresso. L’albero di Natale ben in vista, ove lo spazio lo consentisse, anche un piccolo presepe. 

PRIMO ATTO

Entrando in scena dalla cucina

LUISA – Ecco qua! L’impast a l’avé fat.

ANNA – Quela la jè una muntagna, no un impast.

LUISA – Me par Nadel al robi schersi an li voi fé.

ANNA – Un sarà trop prest a fé i caplet? Ui a maca incora una stmana a Nadel

LUISA – No c’un n’è trop prest. At l’ho pu det. Ai mité in te cungelador. Piotost et libaré e scumpartiment ad sora?

ANNA – Se, se. Però al set che t’e raso’. S’ai fasé ades as cavè e pinsir e sota Nadel a se lebri. Quat a n’avegna da fé?

LUISA – Doca, fam pinsé, a sé me, te, Giacinto, e ba’, la mama, la mi’ Teresa

ANNA – E pu u’jè Franco e la su’ moj Virginia.

LUISA – Quindi quant a segna?

ANNA – Conta con le dita tutti quelli nominati in precedenza – A Sé in ott.

LUISA – E e tu muros un vé alora?

ANNA – No. Giacomo par Nadel e magna neca lo cun i su. E vnirà ala sera.

LUISA – Natale con i tuoi….La jè giosta icé. Però e sarà neca ora ta se feza cnosar. El pusebil che inciò ad nuitar u’l’epa incora vest? E pè t’epa un agente segreto par muros. E pu lo’ za us ciama Giacomo, in ingles um pé che sia James, s’el James Bond?

ANNA – Eh, e vuitar a si la “Spectre”. Va là, no fem ridar.  L’è sol che stal robi al va fati quant c’l’è ora.

LUISA – Sè, sè. Par quest t’e rason. Stal robi bsogna feli sol quant cu s’è sicur d’avé fat la scelta giosta, se no l’inveja un via vai ad zenta chi entra in ca’ cuma chi foss d’la fameja e pu quant che i bambozz i s’è rott i sparess da la circulaziò e ai familier chi j’aveva cnunsù uj pé d’avé spreché tot l’affett. - Piccola pausa - Cuma c’l’è success quant c’irta fidanzeda cun Francesco. Te a sit sicura stavolta d’avé fat la scelta giosta?

ANNA – Me sé.

LUISA – A me però un pé t’foss cunventa neca l’etra volta…

ANNA – Però a’m sbajeva. Stavolta la jè diversa. Stavolta a so’ propi sicura d’avé fat la scelta giosta! 

LUISA – T’e sol da speré ch’e dega e stess quel lo in ca’ su.

ANNA – A’n no bsogn ad speré, perché me in ca su’ aj so za steda…

LUISA – Ah sé? Beh, mej ice… pausa - Alora quant an fasegna at sti caplet?

ANNA - Uin vra dusent…

LUISA – Cun qui q’us magna Giacinto e e’ ba’ uin vra neca dusenzinquanta…

ANNA – Alora e sarà mej fen tarzent, parchè a la sera i i’magna incora…

LUISA – Fasegna pu’ tarzent. Ice qui ch’jarmaza ij magnarà e de dop…

ANNA – Alora parchè an nin fasè zeczent? Icé as arsparmiè ad fé da magné par tota una stmana.

LUISA – Ciò, te sa si vut fé scapé dagl’urec i caplet?

ANNA – E tu Giacinto si j’scapa dagl’urec u si magna d’arnov.

LUISA – E sarà pr’e nervos.

ANNA – Pr’e nervos ad chè?

LUISA – Mo t’al sé pu che quat che vè al festi ad Nadel e dveta cativ com’ e geval.

ANNA – Al so, al so. Alora l’è propi vera che a lo’ e nervos inveci ad ciudi e stomac ui fa vni fam. Me pu an la jo mai capida sta facenda de nervos sota Nadel.

LUISA – Lo un gni pis i righel, tota la publicité in t’la televisio…

ANNA – Un suporta al festi, alora.

LUISA – Al festi longhi propi no.

ANNA – Ah a sen a post, quela ad Nadel la jè la piò longa!

LUISA – Par lo al festi ad Nadel agli’an fnes mai.

ANNA - Mo veda un po’, quand c’l’ariva Nadel tot e mond l’è cuntent fura che Giacinto.

LUISA – Vit, lo se putes andes a nascondar in ste period, ul fareb vluntira, ai scumet. Lo un po sufrì e fat che tot ja da esar piò bo’, e dis c’agliè toti patachedi. Mo u je un quel che propri un suporta..

ANNA – Ah, a cred ad savel bè. A scumet cl’è la faccenda di auguri!

LUISA – Propi icé. Lo e dis che jè la piò granda falsité c’lai posa esar.

ANNA – Ah, a m’arcord bè l’ann passé. Par furtona che la tu fjola l’ann’a imparé da lo…

LUISA – Magari la javes imparé da lo, icé a s’arsparmiegna ad fé tot sti righel. No, no la mi Teresa la sta da sté e Nadel za da Ferragost. I que s’ui fos du Nadel al’an, a forza ad righel  andaresum a falì

ANNA – Uhei, s’andè a falì is purtarà vi al statuin de presepe e al pali d’l’elbar. A proposit ind’el andé e nervos?

LUISA – Chi, Giacinto?

ANNA – Parchè s’agn’el un etar di Mister Hyde?

LUISA – No, no, u je sol lo, par furtona. L’e andé in piaza a tu’ e cafè, mo e turnarà prest. Ades l’è neca in ferie e quindi la bunté de Nadel uj toca tula so tota.  - Pausa – Meinveci an veg l’ora da vdé la Virginia in cinta. Chi sa coma c’la se fata. La sarà dvinteda incora piò bela.

ANNA – Ah t’e propri raso. Aj’ave una bela cugneda. Franco l’ha sempar avu dal bel murosi, mo quela cu s’è spusé l’a jè la mei ad toti.

LUISA – La jè bela, simpatica e la ja neca di baioc.

ANNA – La su fameja l’a ja i baioc. Se no Franco u’ se sugneva d’andé a ste int’una ca a Bulogna, cun quel c’al gosta.

LUISA – Huei, i glia ja messa a dispusiziò i su suoceri e lo…

ANNA - …l’ha fat ste sacrifizi…

Si sente il rumore della chiave che apre la porta d’ingresso

LUISA – A sit tè Giacinto?

GIACINTO – A so me, a so me – entra borbottando e facendo segno di no col capo, mentre si toglie il cappotto e lo appende. – Va la, va la, va la…

LUISA – S’a jel c’un va?

GIACINTO – Sta bona va la. In te bar, aj’o incuntré Ugo, quel c’laveva..

LUISA – La merceri…

GIACINTO – Ac merceri?

ANNA – No un n’era una merceri, e vindeva dal cunfeziò da donna.

LUISA – Sé, e vindeva eca dal cunfeziò, mo la butega la jera una merceri.

ANNA – Infati, in prinzipi l’aveva invié cun la merceri ma pu…..

GIACINTO – Ciò, a l’ajaviv da fé longa cun sta merceri, me a staseva scurend ad Ugo, quel c’l’aveva partecipé agli eleziò da sendic, e la merceri un la ja mai avuda. Anzi, par dila totta, incu uj mancheva nec’un pto’ in te capot.

LUISA – Va bè, alora l’è un etar Ugo e me a ne cnos. E s’al fat st’Ugo chi qué?

GIACINTO – divaga - Ades c’un ven in tla ment, al set che Ugo l’era bò ad fe l’ipnutizzador. A m’arcord che dal volti e faseva armanzé tenc tot qui chi j’andeva ad davanti.

LUISA – Alora us ved ch’u t’ha ipnutizzé neca te incu, parché tan ci bo d’andé avanti cun e scors. A t’ho cmandé: s’al fat st’Ugo chi qué.

GIACINTO – As sé farmé a ciacaré du minud, e pu quat c’as sè saluté al set quel cu m’a det?

LUISA – Sa t’al det

GIACINTO – Um’a det: S’an s’avdè piò, Buon Natale

LUISA – Mbeh e alora? L’è un mod ad di’.

GIACINTO – S’an s’avdè piò, Buon Natale. E se inveci a s’avdè incora, sa dvetal Bona Pasqua?

LUISA – Mo me an capes quel cui sia ad stran. U t’a sol vlu di’ che se par chesi an v’avdì piò prema che sia Nadel, lo ut fa j auguri ades, icé l’è piò sicur.

ANNA – L’è icé, Giacinto. L’è una gentileza.

GIACINTO – L’è una patacheda, inveci. Me al cnos da una vita mo a so cunvent che a lo un gnin frega propi ignita ad me. L’è una falsité at deg, come tot j augur ad Nadel. Jè fels coma di pez ad latta invarnisé cun e culor dl’or.

LUISA – Par tè l’è tot fels e tot i s’in frega ad chìtar. Se foss coma di te, e mond e sarebb za fni da un pez. E pu sa cavessum toti al robi che te t’an suport, ugn’armanzareb piò gnita da dì. J’auguri jè una forma ad rispet, un mod ad dimustré d’l’afet…

GIACINTO – Jè dal falsité, at deg. E me a li cnos tot al robi chi pensa dad bo qui chi fa j auguri.

ANNA – Sa sit dvinté un strolg…

GIACINTO – Me a voj smascheré sta falsité, av voj…fe vde l’etra faza dl’amdaja. Avanti cminzi a di toti al fresi dj auguri ca dgi neca vuietri, o ca scrivì in chi bigliet tot pi’ ad patachedi, avanti, forza…

LUISA – Beh, quela piò seplicia l’a je: Buon Natale!

GIACINTO – Va in te casè!

LUISA – Huei Giacinto, tsarè neca nervos, mo t’an t’la je mica da ciapé cun me…

GIACINTO – Mo me an deg cun tè. “Va in te casè” l’è quel che pensa o’ che dis Buon Natale

ANNA – Mo va là, Giacinto, fam e piasé…

GIACINTO – Dai, andì avanti. Anna, din ona te ades, forza.

ANNA – Buon Natale e Buon Anno

GIACINTO – Va in te casè te e trentasì di tu parent!

LUISA – Sinceri auguri di Buon Natale

GIACINTO – Un azident c’ut speca

ANNA – I più fervidi auguri di Buone feste

GIACINTO – C’ut vegna un colp a te e a chi’t te so’.

LUISA – Mo te tci fisé e mi Giacinto.

GIACINTO – No no, me a deg sol la verité che tot i fa fenta ad no savé. Toti al rubazi ch’i pensa qui chi fa j auguri, mascheredi cun cal patachedi felsi. E a tot e va bè icé. E pu u jè neca qui ch’it dis “auguri anche a tutti i suoi familiari” e i s’aracmanda e i te dis cun una cunvinziò – felsa – che se o’ ui da menta, quant c’l’etra in ca’ e par chesi us scorda at purté j auguri at’ché pataca a la moj, us sent un delinquent.

LUISA – L’è sol un pinsir gentil par la fameja

GIACINTO – Mo ac pinsir! Qui chi’t dis “auguri anche a tutti i suoi familiari”un gnin frega propi ignita d’la tu fameja. Azi al set quel chi pesa mentra ch’il dis?

LUISA – Huei dimal, ormai t’aglié deti toti. Di neca questa.

GIACINTO – “Un m’in frega gnit ad tè c’at cnos, figurat quel cu m’in po’ farghé di tu parent, ca ni cnos ignaca”. E tot e mond l’è sot a sta cuerta ad falsité. Andì pu avati icé, sa si cuntent. Me no. Me agni stag.

ANNA – Mo Giacinto, sa cavé j auguri a dvè cavé neca i salud, Buon giorno, Buona sera, et truvé nech’ilè un significhet nascost?

GIACINTO – Un significhet nascost no. Mo dri a tot i salud u jè ste pinsir: Va pu par la tu stre che mè a veg par la mi.

LUISA – Moh e mi Signor, cuma cas s’è ardot. Te, Giacinto t’andaré a fni in te manicomi, st’ve avanti icé.

GIACINTO – Almac in te manicomi on e po’ di quel che pensa. Che pu l’è propri questa la barzeleta. Se o’ e dis “Sinceri auguri di Buon Natale” - c’l’è una busi - e passa par una parsona gentila, educheda, una breva parsona insoma; se inveci o e dis “un azident cut speca” - c’l’è la verité - i dis tot che c’l’è un maleduché, un delinquent. Cuma c’av si ardot.

LUISA – Nuitar…

ANNA – rivolta a Luisa - Cambiegna scors, ades…

LUISA – Eh, e sarà mej, se no in te manicomi i j va a fni qui chi t’sta a sintì, che pu a so me.

GIACINTO – Fra una stmana l’è Nadel, t’ajandré cun’l’an nuov…

LUISA – Sé, par la Befana…

GIACINTO -  Ac’ora aj d’arivé Franco e la Virginia?

LUISA – Javeva det ae telefun ch’i sarep arivé in tal tre.

GIACINTO – Ah, quindi in n’a da magné iqué.

LUISA – Mocché, j’a magné a Bulogna. E stasera a magné tot inse’.

ANNA – Un n’era mai capité ca fossum tot in ferie in ste period. E la tu Teresa la jè a ca’ da l’Université.

LUISA – E a staré inse’ fen a dop Nadel. Pu Franco e la Virginia ja da turné a Bulogna e la Teresa la va in muntagna par l’utum d’l’an.

ANNA – St’an a passé propi un bel Nadel. As faré tot j auguri sot a l’elbar.

LUISA – J auguri? Mo va la, sgonda e mi marid sa vlé esar sincir as mandaré dj azident tot e dé.

GIACINTO – Scherza pu te. A Franco e la Virginia t’ajé preparé la cambra dri a la nostra, vera?

LUISA – Us sa. Quela la sarà sempar la su cambra, par quant e vo’ vnis a truvé.

ANNA – Par furtona che i nostar vecc’ j’a cumpré un appartament ice grand, se no a se scurdegna ad ste tot insè e ad fé avnì neca e nostar fradel.

GIACINTO – rivolto a Luisa – A proposit, e tu ba ind’el andé?

LUISA – T’al sé pu che dop magné lo e la mi mama i va sempar a fé una passigeda dri a e parco urbano. D’al volt i sta vi’ neca un’ora e mez. Però t’avdiré che incu i torna prema perché i sa ch’ja da vni Franco e la Virginia.

GIACINTO – Alora, vest cu jè incora de temp, a veg a cumpré la lampadena da metar in t’l’abajur de su cumudé, che quela cla jè ades la s’è fulmineda.

LUISA – T’an la putivta cumpré prema, che c’irta za fura?

GIACINTO – Am so scurdé. I m’a distrat cun j auguri, fervidi. As avdè fra un po’ – Sta per uscire

LUISA – Ah Giacinto!

GIACINTO – un po’ infastidito – Sa j’el? El mai pussebil che ta m’epa da ciamé tot al volti ca stag par scapè d’in ca’ …

LUISA – Dvres essar cuntent. E vra di che um’indispis t’vega vi.

GIACINTO – Me inveci a cred che ta mepa da cmandè ad cumpré chicosa, etar che e dispiasé.

LUISA – Ueih, ci propri un strolg.

GIACINTO – Avé a che fé cun te l’è facil fé e strolg. Dai, di pu.

LUISA – E mi’ ba prema d’andé a fé la passigeda um’a cmandé s’ai cumpré e bicarbuné all’eucaliptolo, cu l’ha fni.

GIACINTO – A posi dì cun tota la bunté ad Nadel che u’se putreb cumpré neca da par lo?

LUISA – Int’e percors chi fa luitar un in’è di negozi, se no uj pinseva lo.

GIACINTO – Va bè, va bè. In doc’al vendi ste bicarbuné all’eucaliptolo?

LUISA - T’e d’andé in c’la parafarmaci c’la jé dri a e Bar Centrel. A so’ sicura che ilè il’ha sfus e ad bona qualité. Al’ho cumpré un etra volta. Ta n’e da tu una bosta. Te da dì una bosta media. E pu il sa za luitar quel chi t’a da dé.

GIACINTO – E sa sn’al da fé ad sta roba. An cred che e bicarbuné all’eucaliptolo us posa druvé par digerì.

LUISA – Mocché digerì, lo e rispira i vapur. E fa agl’inalazion.

GIACINTO – Mo agl’inalazion da fé ché, s’un n’a una fardason gnaca par sbali.

LUISA – Lo e dis che la fardason la’gni vè propri perché i j va in te nes sti vapur. E pu e rispira mej e a la nota un rossa.

GACINTO – Alora sa veg a cumpré sta roba la sarà cuntenta la tu mama, icé a la nota la dorma.

LUISA – Li la dorma. Me inveci um toca sintì e cuncert…

GIACINTO – L’at pis pu a te la musica..

LUISA – Sé, sé, a me la musica l’am pis, mo no suneda da un falignam…

GIACINTO – E vra di’ che stanotta ajandrò a durmì cun un viulè.

LUISA – Se mo st’al son te ad notta us asarmeja ad piò a un contrabass. Parché t’an ne tu neca tè e bicarbuné all’eucaliptolo.

GIACINTO –  ironico - Pr’una rasona molt particulera e una masa profonda, che par te forsi la jè un po’ difecila da capì…

LUISA – E qual’ela sta rasò?

GIACINTO – Um fa schiv. E ades am’la coj.

LUISA – Eh coitla va la, ch’l’è mej.

Esce Giacinto

Entra in salotto Teresa.

ANNA – Ciao Teresa

TERESA – Ciao Anna

LUISA – Huei Teresina, adgeva tat s’irta andeda a let. Ant veg piò da do or.

TERESA – Mamma, guarda che di Teresina c’è solo il poker.

LUISA – E te cuma fet a savel, t’an zugaré miga a poker?

TERESA – Ma mamma, lo sanno tutti che esiste il Poker Teresina!|

LUISA – Alora at ciamarò Teresona. In dat cirta mesa?

TERESA – Ero nella mia camera al computer

LUISA – A scumet c’irta in Facebook.

TERESA – No, mamma. Per Facebook uso lo smartphone

LUISA – Me a ne so quel che sia e “smart” mo me e “fon” al drov par asughem i cavel.

TERESA – Mamma, siccome non sono poi tanto sicura che tu abbia scherzato, ti informo che quello per i capelli è il fon, che è il nome di un vento caldo, quello dello smartphone invece è il phone, cioè il telefono. E poi comunque che cos’hai da dire su Facebook?

LUISA – Me a jo da dì sol un quel: mo cuma fasiv a no strachev ad ste sempar ilè ataché e a scrivar tot cal dismité.

ANNA – Mo Luisa un’né sol da dismité. L’è un mod ad comuniché, us po’ mandé dal fotografi, dla musica, di pinsir.

TERESA – Lascia perdere Anna, tanto la mamma rimarrà sempre della sua opinione, fino a quando…

ANNA – Fino a quando?

LUISA – Fino a quando?

TERESA – Fino a quando entrerà anche lei in Facebook e allora nessuno riuscirà più a staccarla da lì e lei non si ricorderà neppure più di quanto rompeva con questi discorsi da preistoria.

LUISA – Da preistoria?...

TERESA – Sì mamma. Da preistoria. E poi, se vuoi saperla tutta, il mondo di Facebook si divide in due categorie, quelli che ne fanno parte e quelli che ancora non ne fanno parte e lo criticano. E lo sai chi sono i più fanatici?

LUISA – E chi sono?

TERESA – Sono quelli che lo criticano e poi, chissà perché, un bel giorno cominciano ad usarlo e non si fermano più. Proprio come come farai tu…

LUISA – Me?

TERESA – Tu, Tu. E lo sai quando succederà questo? Quando cambierai il cellulare. Che sarebbe anche ora, visto che quello che hai lo usavano nel Risorgimento.

LUISA – Infatti Garibaldi quat c’lè parti par la spedizio’ di mell l’a avisé Cavour cun ste telefun ch’ ique.

TERESA – No, mamma. Garibaldi aveva già un modello nuovo, altrimenti Cavour non l’avrebbe mai saputo della spedizione dei Mille.

LUISA – Se, se, te t’e voja ad scarzé.

ANNA - Par me la tu Teresa l’a ja rason. E pu vit, neca me a cardeva d’esar cuntreria e inveci a jo capì che un s’po’ armanzé tajé fura dal nuvité e dal cumudité. E ades am trov benessum. Se tot e mond l’è in Facebook t’a je da ste neca te.

LUISA – A se? Se no sa sucedal?

ANNA – Un suced ignita, mo te t’an pu’ esar in cuntat cun tot chitar e un t’ariva inciona infurmazio’. E pu’ cun ste quel chi que – le mostra lo smartphone – us po’ neca mande’ e ricevar agli e-mail. A e dé d’incù com’as fal senza e-mail

LUISA – I mel a jò magari me. A jo un’artrosi cervichela ca faz fadiga a zirem.

TERESA – Moh mamma, cosa c’entra, le e-mail sono la posta elettronica, sono dei messaggi.

LUISA – Oh, i massaggi aj voj fé neca me, in tla schena però, no in te telefun.

TERESA – con ironia - Ah ah ah ah - Dopo questa conversazione di di così alto livello culturale, mi sento più matura per affrontare il mondo, quindi ho deciso che esco.

ANNA – rivolta a Luisa - Tè quant vu fe fenta ad no capì ci speciela.

LUISA – Va be’, va be’, ades advè pinsé a Nadel e ai caplet. Pu a pinsarè neca a Facebook. – rivolta a Teresa – Teresa ricordati che fra non molto arrivano Franco e Virginia, cerca di non fare troppo tardi.

TERESA – Lo so, mamma, lo so, ma devo per forza uscire perché i miei amici stasera partono e se non li vedo adesso per quest’anno non li vedo più.

Mentre Teresa si avvia alla porta d’ingresso si sente la chiave che apre dall’esterno. Sono i “nonni” che rientrano dalla passeggiata.

MIRELLA – Ecco gli atleti di ritorno

TERESA – Ciao nonna, ciao nonno, io esco.

GIORGIO – Ciao Teresa

MIRELLA – Ciao Teresa, a sit cuperta bè cl‘è fred fura?

TERESA – Sì, nonna, ciao

MIRELLA – A me un pé d’no. - Teresa esce –

LUISA – T’pu neca fe ad manc ad dijal intant la fa ad testa su, e pu a la nota us sent c’la tusses.  

ANNA – Mamma, quante ore avete camminato oggi?

GIORGIO – Mocché ore, avrè caminé cinquanta minud.

ANNA – Mo sa si ste vi quesi do or…

MIRELLA – Andend in là, as sè farmé a fé dal ciacar cun la tu profesoressa ad matematica, la Gimelli, l’a je sempar precisa. A t’la jarcurdat?

ANNA – Osta sa m’la jarcord. L’a ma fat dvinté mata par zenqu’ en.

MIRELLA – Neca li la s’arcorda bè ad te. L’at saluta e l’at fa gli auguri di Buon Natale.

LUISA – guardandosi attorno in modo teatrale, poi rivolta alla madre – Huei mama, prema ad purté di auguri guerda bè c’ugni sia Giacinto in zir, se no a sé tot fret.

MIRELLA – Al so, al so, sta tranquela. Ades a voj avdé quand ca sarè alla Vigilia, coma che farà a non sintì j’auguri

GIORGIO – Parchè inveci ad numiné la parola “auguri” an dgi un’etra parola, icé lo un capes e e’ sta tranquel. A dvi’ scorar in codice.

ANNA – Sè, a’intrè tot int’la CIA!

LUISA – Mè advintarò Mata Hari. Lasì perdar, valà. Sa scurè in codice lo un capes, mo an capè gnita gnaca nuitar. E pu’ uja mancarep che a fossum no’ a cambié agli abitudini. E sarà lo’ che duvrà cambié e dvinté nurmel.

GIORGIO – Beh, ades andè a fé la doza, senò a ciapè fred. Luisa, a ch’ora aj avegna d’andé a tu tot i zistè dj auguri?

LUISA – Ah, aj andré prema chi ciuda. Però, adess c’ajapens, l’è mej c’ajandegna un po’ prema, parché in ste period dop una zert’ora i va tott in ti negozi.

GIORGIO – Va be’, va bè, ta se diré te.

MIRELLA – Luisa a vut cat dega una man par fé l’impast?

LUISA – No, no aj avè fat tot me e l’Anna. L’impast l’è za pront ad là in cusena.

MIRELLA – Moh cuma sa si stedi brevi. E vra di’ che me a prepararò i caplet.

Giorgio e Mirella escono nel reparto notte per andare a fare la doccia.

Si sente la chiave dall’esterno. E’ Giacinto, con atteggiamento perplesso. Ha in mano una scatolina con la nuova lampadina.

GIACINTO – Va là, va là, va là, va là…. E suced dal robi…

LUISA – S’el sté neca. S’et incuntré un etar cu t’ha det “se non ci vediamo più Buon Natale “

GIACINTO – Mocché. Set questa. A sera scapé da la butega dl’elettricestar in do c’ajaveva appena cumprè sta lampadena. E a un bel mument um ven incontra un suget tot elegant ch’e rid e um’abraza.

ANNA – che si è avvicinata per ascoltare  - U t’abraza?

GIACINTO – Sé. U m’abraza e um dis: Oh Gustavo, quanto tempo è che non ci vediamo?

LUISA: Gustavo? Quanto tempo è che non ci vediamo?...E pu’

GIACINTO – E pu’ um’abraza incora e um strenz, c’un’a fat neca mel..

ANNA – Ma chi eral?

GIACINTO – Sa vut ca sepa me…

LUISA – Va beh, e alora…?

GIACINTO – Alora, lo um dis: “Non sei cambiato per niente, lo sai?” e mè a jo det “ma veramente io non ricordo proprio”

ANNA – E lo’?

GIACINTO – E lò alora um dis: sono Giacomo, non ti ricordi di me?

LUISA – E alora tè sa jet det?

GIACINTO – A jo ripetù che me a ne cnunseva propi.

ANNA – E lò sa tal det?

GIACINTO – Lo’ un bel mument um guerda e e’dis:

ANNA E LUISA – interrompendolo - E e’dis?

GIACINTO – Ch’al don agl’jè totti curiosi!

ANNA – U t’ha det icé?

LUISA – Mo t’an vi che us sta ciapend pr’e cul?

GIACINTO – Uhei, a’ nun fasì scorar..

LUISA – seccata - Va beh, alora sa t’al det…

GIACINTO - Um’a det: “mi scusi sa, ma l’ho scambiata per un mio vecchio amico che non vedevo da tempo” E alora me aj’o det: “Niente, non fa niente, tutti facciamo degli errori”

ANNA – E pu?

GIACINTO – E pù l’ha guardé d’un cant e um’a det “Scusi ancora e Buon Natale”. E us‘è sluntané da me com’una saetta – con altro tono - Che a me pu um andeva bè icé, c’am so neca arsparmié ad di’ Buon Natale ch’an n’aveva propri voja…

LUISA – Oh, mo ved’un po’ ad nuvité…Dai, e alora?

GIACINTO – Alora….apena cu s’è sluntané da me je arrivé du puliziott ch’i la farmé…

LUISA – I puliziott?

ANNA - Il a farmé?

GIACINTO – Se, i l’ha farmé e i l’ha perquisì da la testa ai pi’.

ANNA – E te sa fasivta?

GIACINTO – Me a guardeva un po’ da luntà. Quant ch’ja fnì ad perquisil, i l’ha lasé andé. Alora me am’la so colta. E pu a so andé a cumpré cla roba par e tu ba’ e a’m so vnu’ a ca’.

Pausa

LUISA – perplessa – Zert ch’l’è un fat stran.

ANNA – E parché i l‘ara perquisì?

GIACINTO – Sa vut ca sepa me. E sarà un delinquent…

LUISA – E forsi j aveva paura che foss armé…

Calano le luci velocemente, di fianco al proscenio viene illuminato solo un nuovo personaggio, mentre gli altri rimangono immobili. E’ una scena da considerare estrapolata dal contesto casalingo

SPACCIATORE – Sono un commerciante di cocaina, uno spacciatore insomma. E anche un consumatore. Dico di chiamarmi Giacomo, ma non è il mio vero nome. Quello non ve lo dico. Troppo pericoloso. Oggi dovevo consegnare una busta di cocaina, diciamo tre etti, ma la polizia evidentemente era stata informata del traffico, perché me li sono visti alle spalle, ancora un po’ lontani, ma ho capito che stavano seguendo me. Allora sapendo che mi avrebbero perquisito – non è la prima volta che succede – prima che i poliziotti mi fossero troppo vicini ho cambiato strada e sono corso incontro a un tizio che stava uscendo da un negozio di articoli elettrici; ho finto di conoscerlo e l’ho salutato molto calorosamente, l’ho abbracciato e gli ho infilato di nascosto la busta con la cocaina in una tasca del cappotto, poi mi sono allontanato subito e mi sono fatto raggiungere dai poliziotti. Mi hanno perquisito ma non hanno trovato nulla e mi hanno lasciato andare. Ho notato che quel tizio si era fermato a guardare da lontano la scena della mia perquisizione. Poi l’ho seguito per sapere dove abita. Ora lo so. Non posso andarci subito, perché prima devo andare a ritirare un altro quantitativo di coca. Poi, più tardi, mi farò vivo per riavere la mia roba.

Lo spacciatore esce di scena e ritorna la luce velocemente sulla scena familiare

GIACINTO – Va bè, adess a so a ca’ – Infila la mano in tasca e prende la busta col bicarbonato all’eucaliptolo – Ecco e bicarbuné pr’e tu ba’. I m’ha det ad metal in t’un post ch’un gni sia d’l’umidité e ugn’i vega dl’aqua. - Posa la scatola della lampadina sul tavolo o su altro mobile

LUISA – Ah grazie. - Luisa prende la busta ed esce di scena per portarla nella stanza da letto di Giacomo.

Nel frattempo suona il citofono d’ingresso

ANNA – scherzando – E sarà i puliziott ch’it zerca…

GIACINTO – ironico - Sé, parchè i m’ha vest mentra ca rubeva sta lampadena..

Anna va a rispondere al citofono. Sono Franco e Virginia

ANNA – Franco! Virginia! Salite! – poi rivolta a Luisa e Giacinto – Sono arrivati! – Anna apre la porta d’ingresso

Tutti si spostano vicini alla porta per accoglierli. Franco e Virginia entrano con due valigie. – Tutti si abbracciano a turno.

FRANCO – Ciao Anna, ciao Giacinto? State tutti bene? -

VIRGINIA – Ciao Anna, ciao Giacinto, dove sono gli altri?

ANNA - Anna nel rispondere guarda il ventre di Virginia per cercare di individuare i segni della gravidanza – Virginia istintivamente si tocca la pancia sorridendo – I vecchi sono a fare la doccia, Teresa è uscita e Luisa è di là. Si vede un po, sai? Come sei bella..

GIACINTO – Cresciamo di numero presto… Bene. Te sa dit Franco?

FRANCO – Sono contento. A so’ cuntent. Lo volevamo tanto un bambino. A’l vlegna icé tant un babì.

GIACINTO – Sa fet, la traduziò simultanea?

FRANCO – ridendo – No, lo dico in italiano perché Virginia non lo capisce tanto il dialetto romagnolo, lo sai.

GIACINTO – Allora parli in italiano e pu’ t’fe la traduziò in dialet par no. Guerda ch’a sé in gred ad capil neca nuitar l’italian.

ANNA – Beh allora lasciamo da parte il dialetto per un po’.

VIRGINIA – Ma no, parlate pure in dialetto, non c’è bisogno che cambiate le vostre abitudini per me. Mi dispiacerebbe.

GIACINTO – Nessun problema Virginia, saremo felici di parlare in italiano, anzi credo che una novità farà bene a tutti – poi va verso l’ingresso del reparto notte e chiama Luisa – Luisa! Luisa!

LUISA - rispondendo da fuori scena – A so qué. Chi aveva suné? –

GIACINTO – scherzando, traduce in italiano – Sono qui. Chi aveva suonato?

Luisa comparendo in scena, vede Franco e Virginia. Si ripetono i saluti

LUISA – Franco! Virginia! – si abbracciano – Virginia, dimmi come stai, anzi… come state – sottolineato, per evidenziare che sta rivolgendosi anche al bambino.

VIRGINIA – Stiamo bene, Luisa. Per fortuna sta andando tutto bene. Ho sempre una fame, che mangerei anche il piatto.

ANNA – Beh è normale. Ora, devi mangiare per due.

VIRGINIA – Il bello è che anche Franco ha sempre fame…Io mangio per due e lui mangia per tre.

LUISA – rivolta a Franco – Us ved che lò l’è in cinta ad du gemel, ela vera Franco?

GIACINTO – Guarda Luisa che abbiamo deciso di parlare in italiano, così Virginia è in grado di capire tutte quello che diciamo.

LUISA – con enfasi – Molto bene, allora mi adeguo.

VIRGINIA – Sentite, - ironica – vi ordino di parlare in dialetto, un po’ già lo capisco e poi mi piace ascoltarvi. Quindi, per favore, non preoccupatevi per me e parlate pure in dialetto.

GIACINTO – Allora, se la Virginia la jè cuntenta, a scurè in dialet. E comunque in italian o in dialett, la Virginia la magna par du, mo l’è nurmel parché jè propi in du, te, inveci, Franco, t’megn par tre, sol che tci da par te: an m’arcurdeva tfoss icé un magnador…

FRANCO – rivolto a Virginia -  Allora parlo anch’io in dialetto, così mi faccio una rimpatriata.

VIRGINIA – Ma certo.

FRANCO – Me a magn par sulidarieté. E pu’ li l’an fa propi avni fa. La magna cun un gost!

In quel momento entrano anche i genitori, Giorgio e Mirella. Nuovi saluti, ancora più affettuosi di prima. Mirella si commuove

GIORGIO – Franco, Virginia, finalmente siete arrivati. Adesso ci siamo proprio tutti. – abbracci -

FRANCO - Ciao babbo, ciao mamma

VIRGINIA – Giorgio, Mirella, che piacere vedervi, come va?

MIRELLA – commossa,  abbraccia entrambi, senza riuscire a parlare

FRANCO – Ciao mamma, come stai?

GIORGIO – Hai visto, Franco, la tua mamma ha perso la lingua…

FRANCO – A proposito di lingua, babbo, mamma, Virginia vuole che parliamo in dialetto. La vuo’ ca scuregna in dialet.

MIRELLA - riprendendosi e asciugandosi un po’ con un fazzoletto - A so’ icé cuntenta che e’ cor un pé c’um sciopa… Mitiv in sde tot. Virginia siediti, non devi stare molto in piedi.

VIRGINIA – Mirella sono stata seduta in auto fino ad ora. Sta tranquilla. Non vedevo l’ora di essere in piedi.

Si siedono tutti

LUISA – mentre si diede, rivolta al babbo Giorgio - Ah babbo, Giacinto ut’a cumpré e bicarbuné all’eucaliptolo. At’l’ho mes in’te cassett de tu cumudé.

GIORGIO – Ah bene. Stavolta agl’inalazion la li vò fé neca la Mirella.

FRANCO – E’ manca sol la Teresa, ades. Che poi è l’unica nipote di questa casa.

ANNA – Guardando Virginia – Ancora per poco.

LUISA – Virginia, sapete già se è un maschio o una femmina? Ironica – cioè, scusa: al saviv za s’l’è um masc’ o una femna?

VIRGINIA – No, e sai che mi piacerebbe tanto scoprirlo solo nel momento in cui nasce, ma temo che non sarà possibile.

FRANCO – Cun tot j esem chi fa adess, bsugnarebb propi paghé par no savel.

MIRELLA – Quant chi è ned la Luisa, l’Anna e Franco di esem us’in faseva menc, mo us saveva l’istess.

GIACINTO – Mo l’è mej icé. Se no cum’as fal a decidar i righel pre babì o la babina…

MIRELLA – I culur di stidì, dal tutini.

LUISA – Ah Franco, Virginia, stasera a magnè tot insè. Virginia, c’è qualcosa che preferisci?

FRANCO – ironico, precedendo la risposta di Virginia – Luisa, la dmanda la jè inotila parché l’ arsposta la jè: gnaquel!

VIRGINIA – con finto risentimento - Così penseranno che sia un lupo affamato!

GIORGIO – In sta ca’ i lup i j’è par tradizion.

MIRELLA – Quant chi avdirà i caplet tat megn e de’ ad Nadel, i capirà quich’lè e capostipite ad sta tradizion.

LUISA – Giacinto inveci e vè da un’etra fameja, mo u s’ingoza ad caplet pez de ba’.

ANNA – Alora e sarà l’eria ad sta’ ca’.

GIACINTO – con enfasi – Me a magn i caplet e a rispett al vostri tradizion.

LUISA – Te, se al tradizion agl’iavess e ripieno tat magnaress neca queli.

GIACINTO – E par me l’è un grand unor. E ann’ o inciona intenzion ad cambié. - Pausa -  A proposit ad cambié, um vè int’la ment la storia de mi amig Attilio. An v’la jo mai racunteda?

LUISA – Propi no. An ne saveva ignaca ta javess un amig cun che nom.

GIACINTO – rivolto in particolare a Virginia - Però ve la devo raccontare in dialetto, altrimenti non è bella, e pu in italian an l’ha jò mai racunteda.

VIRGINIA – Ma certo. Scommetto che il giorno di Natale sarò in grado anch’io di parlare in dialetto romagnolo.

GIACINTO – Doca, stasì a sintì. Attilio, che una volta e faseva e mazler, l’andep in crisi cun sé stes parché l’aveva capì d’esar cativ e eguéstar…

LUISA – interrompendolo – Te inveci t’an l’è incora capì…

GIACINTO – Mo al manc lò un n’aveva una piatla par moj… Ecco, al saveva me che li l’ajavleva dì sobit la su’…

Glia altri ridono di questo intermezzo

LUISA – Dai, dai va avanti che me ant’interromp piò.

GIACINTO  - Eh, alora a jo paura che se t’manten la prumessa e vegna zo’ la ca!

LUISA – Dai, cuntenua, donca…

MIRELLA – Dai, Giacinto, forza..

GIACINTO - Donca, a dgeva che Attilio l’aveva capì d’esar cativ e eguéstar e sta cunvinziò, cl’a jera matureda pianì pianì, un ne faseva piò durmì a la notta e lo e sinteva che da par sè un puteva feglia a libares da ste pes. L’era coma sus purtes int’la schena un sac d’un quintel e un puteva piò vivar.

ANNA – E basteva che cambiess un po’, no?

GIACINTO – Lo e vleva cambié, infatti, mo e sinteva coma una forza interiora, una forza negativa che l’aj blucheva tot al bon intenziò. Mo un n’aveva e curag d’andé a cmandé l’aiut d’un quicadon che putes cumprendar la situaziò e aiutel a cambié e su mod ad vivar.

FRANCO – E dveva andé da un amig sincer.

LUISA – Giacinto l’ha det c’l’era lò e su amig, us ved c’un e tneva in cunsideraziò…

GIACINTO – Dai pu’, te….

MIRELLA – L’era mej cl’andes da un prit…

GIACINTO – E infatti dop avé pinsé un sac ad temp senza savé quel che dveva fé, un dè e vè a savé par ches che in tla Parocia ad Santa Caterina l’era arivé un prit cl’era sté un su amig quand chi era di babì e la nota stessa, in te no durmì, us decid finalment d’andé a cunfsé al su robi a sté prit.

VIRGINIA – dimostrando di aver capito – E ci andò?

GIACINTO – La matena de dé dop e monta in bicicleta e cun tota la forza ad vulunté cl’aveva maturé ad dentra, us’aveja vers la Parocia ad Santa Caterina pr’andé da sté prit. E man ma che pedela e sent cl’è cuntent d’avé decis e e’ pensa c’us sarep libaré da tot i su pis. E pedela, e pedela…

ANNA – E alora pu?

GIACINTO – Allora e pedela, e pedela, e pedela…

LUISA – Mo s’al da fé dusent chilometri cun cla bicicletta?

GIACINTO – Ecco, avdiv? Quela c’la’n dveva piò interrompar…

LUISA – Uehi, ta la fè longa…

Atteggiamenti di delusione di tutti per l’interruzione.

MIRELLA – rivolta a Luisa - Lassal scorar, se no an’arivè in chev – rivolta a Giacinto – Giacinto, c’irta armast che Attilio e pedaleva.

LUISA – Eh, e pedaleva…

GIACINTO – con tono più alto per coprire la voce della moglie – e pedela, e pedela, e pedela e e’ sent za un pentiment in te cor, finché a un zert mument…

MIRELLA – A un zert mument?

GIACINTO – A un zert mument, quant che ormai l’è arrivé dri a la cisa, e ved da luntà un cartel zal ataché in t’un elbar. E zal l’attira la su attenziò. Us’avsena sempr’ad piò a sté cartel finché u si atrova ad davanti.

LUISA – E sa jeral in sté cartel?

GIACINTO – Attilio u si atrova ad davanti e e’lez… – pausa –

LUISA – Us ved c’un n’è bò ad lezar parché un scor piò…

GIACINTO – E e’lez  - altra pausa – “Sa vli vivar cuntent nov spusì mai”

MIRELLA – U jera scret icé?

LUISA – Mo no mama, l’era un pinsir dediché a me.

Risate di tutti

ANNA – Dai, Giacinto, va’ avanti.

GIACINTO – A ripet, Allora Attilio us a trova ad davanti a ste cartel e e’lez: - pausa - “Dio ti ama così come sei”

GIORGIO – E alora?

GIACINTO – Alora us ferma, e scala zo da la bicicleta, e e’ lez un etra volta e e ved che u jè propi scret icé: “Dio ti ama così come sei”. U ja pensa un po’ e pu e rmonta in bicicletta e tot cuntent e rtorna a cà su.

LUISA – Va là Giacinto, t’vu di’ ch’la rinuncé a scorar cun che prit?

GIACINTO – Zert cu ja rinuncé. L’ha pinsé: parchè a jò da cambié, se “Dio mi ama così come sono”? An gni pos miga fé un spet a e’ Signor…

ANNA – E quindi l’è armast cativ e eguéstar.

GIACINTO – Ad piò, dal volti e zarcheva d’esar incora piò eguéstar ad prema perché e sinteva che icé e’ Signor uj avleva incora piò bè.

LUISA – Va là Giacinto…

GIACINTO – L’è dvinté incora piò cativ, mo l’ha artruvé la felicité e la cunvinziò d’andé in Paradis.

GIORGIO – Mo guerda un po’, a sè sté a sintil par dis minut cardend che duves racunté una parabola, inveci l’era una barzaletta.

GIACINTO – Etar che barzeleta. Attilio l’esest dad bo’ e neca i cartell zel dla Parocia j esest dad bo’.

MIRELLA – Beh, cambiè scors adess.             

VIRGINIA – Anna, ho saputo che hai il moroso. E’ vero?

LUISA – E’ vero, è vero. Si chiama Giacomo. Sol cl’è un agente segreto e u’ne cnos inciò. Me infatti al ciam James Bond.

MIRELLA – prendendola sul serio - Un agente segreto? 

ANNA – Ma mamma, Luisa sta scherzando. Pausa - Presto lo vedrete.

LUISA – E vè a magnè la sera ad Nadel, un n’è icé?

ANNA – Propi icè. Però um’a mandé um messagg prema e um a dett che incù e’vrepp fe un selt iqué prema ad zena. Però un magna a ca’ nostra.

GIORGIO – Oh, sta bo’. Almac al putré avdé in tla faza sté muros misterios.

FRANCO – Us po’ sempar fé un identikit, se l’Anna la’s fa la descrizion…

ANNA – Ormai un in è piò bsogn. A l’avdirì propri incù.

GIACINTO – alzandosi - Franco, prema c’andiva in tla vostra cambra, a veg a cambié la lampadena de cumudé, parché quela cla jè la s’è fulmineda.- Prende la scatola che aveva precedentemente appoggiato, ma fatti due passi gli cade e la lampadina si rompe.

GIACINTO – controllando i filamenti contro luce - Ecco, al saveva. La s’è za rotta - Poi scherzando, rivolto a Virginia – Ecco, Virginia, vit, stavolta a perta e dialett, e mi istent um suggerirep ad di’ quicosetar, mo e sarà mej ch’an ne dega. Comunque iqué u jn vo ona nova.

VIRGINIA – Ma non preoccuparti Giacinto, non succede niente se stasera non c’è la luce nel comodino.

GIACINTO – Un si scor ignaca. L’è da stamatena ca ja pens. Adess a veg fura e an compar un’etra nova.

ANNA – A vegn fura cun te, a jo d’artiré du righel ch’a jo za urdiné e an n’o voja d’andej dma, ch’l’è e sabat e uj sarà un sac ad zenta – poi rivolta a Franco e Virginia – intanto voi sistemate le vostre cose. Ci vediamo più tardi. Ciao Franco, ciao Virginia.

FRANCO – Ciao Anna

VIRGINIA – Ciao Anna

GIACINTO – con tono epico – Arturnarò cun la lampadena!

LUISA – ironica - A l’ho sempar dett che Giacinto l’è un eroe!

I presenti, compreso Giacinto, ridono. Poi Giacinto e Anna escono

MIRELLA – Virginia, se vuoi riposarti un po’ stenditi sul letto. Di là è tutto pronto.

LUISA – Mi raccomando dimmi se le coperte sono sufficienti

VIRGINIA – Si, grazie. Ma non sono stanca, veramente. Vado a sistemare un po’ le mie cose.

FRANCO – Anch’io. Prima lo faccio e meglio è. Ho sempre la tentazione di lasciare tutto in valigia. E una volta lo farò.

Franco e Virginia escono nel reparto notte

Restano in scena Luisa, Giorgio e Mirella. Giorgio prende il giornale e inizia a leggere. Mirella apre un cassetto e prende lana e ferri

MIRELLA – rivolta a Luisa – A jo cminzé a fé dal rubini ad lana par e babì.

LUISA – O par la babina.

MIRELLA – Beh, ades che incora an ne savé a stag cun di culur chi po’ andé bè par tut du.

Buio veloce sulla scena. Riappare di lato al proscenio (dalla parte dove è la porta d’ingresso) lo spacciatore

SPACCIATORE – Sono pronto per recuperare la mia cocaina. Ora non mi resta che entrare in casa e farmi restituire la mia roba, con le buone e, se non dovesse bastare, – cambiando tono – con altri sistemi. Ora suono il campanello.

Suonano al citofono.

LUISA – A vut avdé c’l’è e muros dl’Anna

Giorgio interrompe la lettura del giornale per vedere chi entrerà

MIRELLA – Propi ades che lì l’agn’è…

Luisa va a rispondere.

LUISA – Chi è? - Poi rivolta a Mirella e Giorgio – L’ha det d’essar Giacomo. Avl’aveva dett ch’l’era e muros dl’Anna.

Luisa apre la porta in attesa che salga l’ospite.Alla porta si presenta lo Giacomo, nome falso dello spacciatore, elegante e dall’aspetto apparentemente rassicurante.

LUISA – Buona sera, Signor Giacomo

SPACCIATORE – Buona sera Signora, devo parlarvi di una cosa importante.

LUISA – credendolo il moroso di Anna, si apre in un sorriso accogliente – Lo so. E non c’è niente di più importante, neanche per noi.

SPACCIATORE – Allora siete al corrente di tutto?

LUISA – Ma certo, sa in questa famiglia non ci sono segreti. Si accomodi, prego. Eravamo tutti desiderosi di conoscerla. Ne parlavamo anche prima.

Lo SPACCIATORE entra senza sedersi e saluta Giorgio e Mirella

SPACCIATORE – E quindi potrò averla senza problemi?

MIRELLA – Beh, non saremo certo noi a creare problemi, se è così importante per la sua vita.

SPACCIATORE – Importantissima. Dove si trova ora?

MIRELLA – Ora è fuori, ma sarà di nuovo qui a casa tra non molto.    

SPACCIATORE – E chi l’ha portata fuori?

GIORGIO – Mio genero Giacinto. Sa lui è uscito di nuovo per ricomprare una lampadina perché quella che aveva comprato prima si è rotta.

SPACCIATORE – Ah, capisco. E’ necessario che parli con lui, allora.

LUISA – Vuol parlare con mio marito della sua… cosa importante? Ma lui non se ne occupa più di tanto. Forse è meglio che ne parli con noi prima, con i miei genitori Giorgio e Mirella, sa, sono loro che l’hanno seguita e se ne sono occupati. E noi tutti sappiamo che è buona, forte ma anche raffinata e soprattutto pura. Non vorrei apparire esagerata ma…di questi tempi in giro non ce ne sono tante così.

SPACCIATORE – Ah sì, raffinata e purissima. Non esagera.  Neanche per me in Italia ce ne sono altre con queste qualità, ve lo assicuro. Per me, e non solo per me, ha un grandissimo valore.

MIRELLA – E non ce ne priveremmo per tutto l’oro del mondo, se lei non desiderasse averla tutta per sé.

SPACCIATORE – Ah, signora, è proprio così, farei qualsiasi cosa per averla. Io non posso più farne a meno. Sono molto contento che non mi poniate ostacoli. Ma, ditemi, la cosa è rimasta segreta, intendo, insomma, la conosciamo solo voi ed io..

LUISA – Assolutamente segreta, fin troppo. Queste cose avvengono in tutte le famiglie e non vedo poi cosa ci sia di male a parlarne in giro.

SPACCIATORE – Per carità, non fatelo. La sua purezza attirerebbe troppo l’attenzione.

GIORGIO – Mio caro Giacomo… posso chiamarla Giacomo, così confidenzialmente?

SPACCIATORE – Sì, sì mi chiami pure Giacomo, infatti è il mio nome.

MIRELLA – Guardi, fino a cinque minuti fa era l’unica cosa che sapevamo di lei..

SPACCIATORE – Ah…Mah…

GIORGIO – Dicevo, mio caro Giacomo, sarà lei a decidere quando diffondere la notizia. In fondo – ironico – è lei che …è entrato in questo affare…

SPACCIATORE – …di gran valore…

MIRELLA – prosegue l’ironia del marito  - Beh, siamo lieti di aver contribuito al valore di questo affare.

SPACCIATORE – Anche il Signor Giacinto ha contribuito.

LUISA – Certo. Forse in modo più inconsapevole.

SPACCIATORE – Già. Lui non se ne era neanche accorto. E’ necessario però che io parli con lui, visto che l’ha portata fuori. Così magari possiamo vederci e non sarò costretto a disturbarvi nuovamente in casa.

LUISA – Ma lei non disturba affatto. Ci mancherebbe. Se aspetta un altro po’ rientreranno entrambi, mio marito Giacinto e la sua…raffinata  Anna

SPACCIATORE – mostrando meraviglia - Anna? Chi ha deciso di chiamarla così?

LUISA – I miei genitori. E’ il nome che le hanno dato quando l’hanno vista.

SPACCIATORE – si illumina in volto - Devo dirvi che è stata una bella idea. E’ un nome molto indovinato, sapete? Elegante e soprattutto…discreto. Mi piace molto. Credo che da adesso in avanti anch’io la chiamerò così.

MIRELLA – Perché scusi come la chiamava lei sino ad oggi?

SPACCIATORE – Coca

MIRELLA – Ah “cocca” – , un soprannome affettuoso. Mo guarda son tornati di moda i soprannomi di una volta. – sorride - Cocca di mamma…-

SPACCIATORE – pensa sia un gioco di parole – Già, coca di mamma. – rivolto a Luisa - Può darmi il numero di cellulare del Signor Giacinto, così potrò contattarlo per decidere quanto rivederci?

LUISA – Se le fa piacere, eccole il numero. E scritto qui – dà allo SPACCIATORE un foglietto che contiene il numero di Giacinto.

SPACCIATORE – Sono felice che siamo d’accordo su tutto. Spero di rivedere presto la mia…Anna – mentre lo dice sembra alludere – Mi fa molto piacere aver fatto la vostra conoscenza

GIORGIO – Il piacere è nostro, caro Giacomo. Spero che ci vedremo spesso.

SPACCIATORE – Lo spero anch’io, si capisce subito che la conoscete bene.

GIORGIO – Modestamente io e mia moglie crediamo proprio di conoscerla a fondo. Cosa vuole, è da tanti anni che ci abbiamo a che fare…

MIRELLA – Probilmente quando abbiamo iniziato lei non era ancora nato..

SPACCIATORE – Capisco. Però tengo a dirvi che anch’io la conosco bene, anche se non è da molto che ci ho a che fare.

MIRELLA – Ah, ne sono convinta. Se vuole può venire più tardi e potrà trovare la sua Anna, oppure potrà venire con lei se la trova prima fuori.

SPACCIATORE – Siete interessati ad averla qui in casa? Se volete possiamo parlarne…Troveremo sicuramente un accordo

GIORGIO – Beh, a noi fa sempre piacere averla in casa, ma decida pure lei quando portarla.

SPACCIATORE – D’accordo. Lo farò senz’altro. Beh, ora tolgo il disturbo. Arrivederci a tutti.

MIRELLA – Arrivederci, caro Giacomo

LUISA – Arrivederci.

GIORGIO – A presto, Giacomo

Lo SPACCIATORE esce. 

MIRELLA – A me um pé un zuvnot un po’ stran.

GIORGIO – Par te jè tot strè. Me inveci a l’ho truvé a post. E pu icé elegant.

LUISA – Se l’Anna la pensa che sia e l’oman giost, a l’avè da pinsé neca nuitar. Un pé un ragaz eduché e pu um pé una masa innamuré ad li. Avì sintì al robi cl’ha det?... Una cosa importante per la sua vita…Non può più fare a meno di lei…Non ce ne sono in giro altre così buone e pure…ha un grandissimo valore…

GIORGIO – L’ha neca arcnunsu c’la jè forta e raffineda.

MIRELLA – Forse ajavì raso vuitar. L’è neca un bel’oman s’lè par quel.

Rientrano in scena Franco e Virginia, che hanno finito di sistemare i bagagli

FRANCO – A’jo sintì suné e campanel prema, chi eral?

LUISA – A javè avù una visita impurtanta.

FRANCO – Chi?   

LUISA  –  Giacomo, e’ muros dl’Anna. Ajavè scors un po’ e ajavé det che l’Anna l’a jè andeda fura cun Giacinto e alora lo l’ha preferì andé a incuntrej e, prema ad tot, a incuntré li, a m’immagin.

VIRGINIA – Che tipo è?

MIRELLA – A me un pé un zovan a mod. Us ved e us sent cl’è una masa innamuré ad lì.

LUISA – L’ha dett che li la ja un gran valor e che lo po’ piò sté senza.  

GIORGIO – L’ha dett che in Italia uni n’è inciona a e’su livel, icé pura, l’ha vlu dì. Par me i’sposa prest.

FRANCO – E sarà mej che prema ad spuses i vega a vivar insé par un po’ ad temp, icé, tant par avé la cunferma ch’jè propi cuntent ad sté insè par tota la vida.    

VIRGINIA – Beh, questo lascialo decidere a loro.

LUISA – rivolta a Giorgio e Mirella – Babbo, mamma, arcurdiv c’ajavè d’andé a tu i zistè pr’i righel e l’è mej ca partegna ades, icé uj è manca zenta.

MIRELLA – Ah sé sé, andé pu ades.

GIORGIO – Andé, andé.

MIRELLA – rivolta a Franco e Virginia – Siete i padroni di casa.

Prendono i cappotti e li indossano. Luisa apre la porta d’ingresso

LUISA – Ah Virginia, se dovesse tornare Anna,  - con ironia – dille che era passato James Bond

VIRGINIA – James Bond?

LUISA – Sì, Giacomo, l’agente segreto, come chiamavo io il suo moroso, prima che lo conoscessimo.

VIRGINIA – ridendo – Ah. Certo. Glielo dirò. Ciao

LUISA, MIRELLA e GIORGIO - Ciao – Escono

SIPARIO

SECONDO ATTO

Stessa scena precedente - Franco e Virginia sono rimasti soli. Leggono e conversano.

VIRGINIA – Ormai siamo gli unici a non sapere ancora com’è fatto il moroso di Anna.

FRANCO – No, non lo sa neanche Giacinto, se è per quello. Mica era in casa prima.

VIRGINIA – Hai ragione. E non lo sa neppure Teresa.

Franco si alza e va a visionare i CD vicino allo stereo

FRANCO – Ti va di ascoltare un po’ di musica?

VIRGINIA – Stavo per dirti lo stesso.

FRANCO – imitando Verdone nel film “Bianco Rosso e Verdone” – E allora lo vedi che è una cosa reciproca?  

FRANCO – continua a guardare i CD - Ehi, questo non lo ricordavo, c’è un CD con musiche di Sweelinck, chissà chi l’avrà comprato. Ti ricordi il Ballo del Granduca?

VIRGINIA – Certo. Mettilo.

Franco mette il CD nello stereo e parte la musica (Il Ballo del Granduca di Sweelinck)

Dopo qualche secondo suona il telefono. Prima di rispondere Franco abbassa il volume senza spegnere.

FRANCO – Pronto – Come?...  Mo s’et fat?... Mo sè ch’at ascolt. Sè, a la sent bè la tu vosa. - E’ Giacinto e parla in modo concitato. Virginia lo guarda molto incuriosita e Franco inserisce il “viva voce” per fare ascoltare anche Virginia – Adess sta chelum e spiegam bè al robi.

GIACINTO – in viva voce – No, no an’un pos calmé. Stamm ben a sintì, un minud fa um’a telefuné on, propi quel ch’a jo incuntré ad davanti a e negozi d’eletricestar.

FRANCO – Chi et incuntré? Ach negozi?

GIACINTO – Ah l’è vera, vuitar an s’ivia incora arivé in ca’ quant che me ajò racunté e fat. L’è mej t’am feza scorar cun la Luisa, che li l’al sa.

FRANCO – Guerda che iqué ai sem sol me e la Virginia. La Luisa, e bà e la mama jè andé a rtiré i zistè pr’i righel e me a ne so a ch’ora i turnarà. E la Teresa l’ajè incora fura.

GIACINTO – concitato - Beh insoma ades at spieg.

FRANCO – Sta da sté che prema a mort e stereo – Va a spegnere lo stereo – dai di pu ades.

GIACINTO -Incu in te metra ca scapeva d’in che negozi ad eletricestar in do ch’ajaveva apena cumpré la lampadena che pu la s’è rota, un oman zovan molt elegant um’è vnù incotra e um’a abrazé coma se me a foss un su grand amig ch’un n’avdeva da un pez, um’ha neca ciamé Gustavo, a m’arcord neca e nom. Pu dop ste delinquent um ‘a det che us’era sbajé e l’è scapé ad freta.

FRANCO – E allora? E pu parchè l’ha da essar un delinquent?

GIACINTO – Adess a te deg. E pu jè arivé du puliziott chi l’ha perquisì e il’a lassé andé.

FRANCO – Se va bè ma te sa jentar in sta facenda chi qué?

GIACINTO – A jentar, a jentar

FRANCO – E in che mod?

GIACINTO – Che delinquent um ha telefuné zenq minud fa – che pu an so gnaca coma che feza a savé e mi nomar – e u’m’ha dett che mentra ch’um abrazeva um ha infilé una bosta pina ad cocaina in tla saca de capot par no fesla truvé indos da i puliziott.

Virginia ascolta mostrando preoccupazione

FRANCO – E cla bosta ta la jé incora in tla saca?

GIACINTO – Sé ca la jo!

FRANCO – E lo u la javrà indrì, a m’immagin.

GIACINTO – Us sa!

FRANCO – E te daglia indrì!

GIACINTO – Mo te ci matt, Franco! Se quel l’è surveglié da la pulizi e im ved c’hai dag una bosta ad cocaina, im met ad dentra per spaccio di droga. E pu chi è c’um cardarà? A faz fadiga a credi me, a sta storia!

FRANCO – E alora sa fet adess?

GIACINTO – Ajò za fat! A jo dett che me la bosta aglia javrep  ardeda in drì a ca’ e ajo dé appuntament ilé fra un quert d’ora.

FRANCO – Ique? A ca?

GIACINTO – Sé, a l’ho dvu fé neca par guadagné de temp. E pu ajò sobit telefuné a la Pulizi, spieghend tot quel ch’l’è succes e luitar i m’ha assicuré che du puliziott i sarà ilé sobit par lighel apena ch’us presenterà.

FRANCO – Ma te in da sit adess? Perché t’ant vè a ca’ neca te?

GIACINTO – L’è par quest ca t’ho telefuné. Cun tota la zenta cl’a jè avnuda in te zetar, u jè un ingorg c’un fnes piò. Me prema ad mezz’ora a ca agni so no ad sicur.

Virginia è sempre più preoccupata

FRANCO – Oh Signor. Ma te guerda se questa la jè la tranquillitè de Nadel. E se che delinquent de spaciador l’arriva prema di puliziott?

GIACINTO – Franco, bsogna che te ttoja in tal man la situazion. E basta che te t’feza intré i puliziott e pu i farà tott luitar. T’avdiré ch’jariva prema luitar. I’m’a dett chi partiva sobit. Sta tranquell.

FRANCO – Va bè, va bè, mo mè an so preocupé par me. - Parla a voce molto bassa – Iquè u jè neca la Virginia e me an vrep ch’la spavintes.

VIRGINIA – Guarda che ho sentito tutto. Sono preoccupata, sì, ma faremo quello che bisogna fare.

FRANCO – Ok, te zerca d’essar a ca’ e prema pussebil.

GIACINTO – Al sper neca me. Fam savé quel che suced, a m’aracmand. Tal’è e mi nomar, ela vera?

FRANCO – Sé ch’al’ho. Ciao. – Ah Giacinto, un n’è e ches ad fel savé a e’ba’, la mama e la Luisa?

GIACINTO – No, no, Noj fasema preocupé. I’n putreb capì bè la situaziò. Ai spiegherè tot al robi quant sta storia la sarà fnida.

FRANCO – Va beh.

GIACINTO – Ah, Franco. Un quel stran. E spaciador quant che scor dl’eroina, u la ciama “Anna”. E dis che a lo adess uj pis ciamela icé, par no dé in tl’occ - di nuovo – Ah, Franco. Lo e dis ad ciames Giacomo, mo par me l’è un nom fels.

FRANCO – Sè, ui mancheva neca l’Anna adess. La vera Anna la jè incora fura. - Ritrovando un po’ di ironia – Chissà coma cla sarep cuntenta ad savé che e su nom il drova par scorar dla cocaina…Beh adess a zarcaré ad fe al robi fati par bé.  Ciao Giacinto.

GIACINTO – Ciao. As sintè.

Franco posa il ricevitore e si muove nervosamente per il salotto

VIRGINIA – Ma chi il più preoccupato di noi due?

Mentre Franco sta facendo l’ultima “vasca”, suona il citofono prendendolo alle spalle. Franco ha un sussulto e poi va a rispondere.

FRANCO – Sì, chi è’. ……Ah sì, vi stavamo aspettando. Salite. – rivolto a Virginia – Sono i poliziotti, grazie al cielo - apre nel frattempo la porta d’ingresso.

Si presentano i due poliziotti

PRIMO POLIZIOTTO – Buona sera

SECONDO POLIZIOTTO – Buona sera  

FRANCO – Buona sera. Prego. So tutto. Entrate pure.

PRIMO POLIZIOTTO – Scusi lei è un familiare di Giacinto Briganti?

FRANCO – Sono Franco, suo cognato e questa è mia moglie Virginia. –

VIRGINIA – annuisce e saluta a sua volta – Buona sera

PRIMO e SECONDO POLIZIOTTO – Buona sera, Signora

PRIMO POLIZIOTTO – Ora ci organizzeremo velocemente. Sediamoci un momento e vi diremo che cosa dovrete fare.

Tutti si siedono, i poliziotti avvicinano le sedie per essere tutti uno di fronte all’altro

SECONDO POLIZIOTTO – Quando si presenterà lo spacciatore, se si presenterà, voi dovrete farlo entrare, mostrando una grande tranquillità e dovrete chiudere a chiave la porta d’ingresso, senza farvi vedere da lui.

PRIMO POLIZIOTTO – Chi di voi due andrà ad aprire?

FRANCO – Andrò io. Figuratevi mia moglie, Virginia, è in stato interessante…

PRIMO POLIZIOTTO – Signora, preferisce andare di là e aspettare che tutto sia finito?

SECONDO POLIZIOTTO – Forse è meglio.

VIRGINIA – No. Voglio stare qui, accanto a mio marito.

FRANCO – Come vuoi, Virginia.

PRIMO POLIZIOTTO – Noi ci apposteremo in una stanza vicina e faremo irruzione non appena avremo la certezza che si tratti del nostro uomo.

SECONDO POLIZIOTTO – Ci trasferiremo di là. - Indicando la stanza accanto - C’è il reparto notte?

VIRGINIA – No c’è la sala da pranzo.

PRIMO POLIZIOTTO – Bene. Ricordatevi ciò che vi ha detto il mio collega.

SECONDO POLIZIOTTO – In bocca al lupo a tutt’e due. – rivolto a Virginia - Stia tranquilla signora.

FRANCO – In bocca al lupo anche a voi.

I due poliziotti vanno verso la porta

VIRGINIA – rivolta a Franco – il suo nome e la faccenda dell’Anna..

FRANCO – ai poliziotti – Ah dimenticavo… - i due poliziotti si fermano e si girano - Mio cognato mi ha detto che lo spacciatore dice di chiamarsi Giacomo e parla della cocaina chiamandola Anna.

PRIMO POLIZIOTTO – Sì, lo sapevamo già. Ci ha detto tutto al telefono suo cognato Giacinto. Usano di frequente stratagemmi del genere, per non essere scoperti durante le intercettazioni telefoniche o ambientali. E il nome che ha dato sarà sicuramente falso. Bene – rivolto al collega – andiamo.

FRANCO – rivolto a Virginia - Ora non resta che aspettare

I due poliziotti escono di scena nascondendosi nella sala (l’ingresso dovrebbe essere alle spalle del divano o delle poltrone) – Franco si siede vicino a Virginia -  Passano alcuni istanti di silenzio, finché suona il citofono – Franco va a rispondere

FRANCO – Sì, chi è?....... poi con tono concitato e alto per farsi sentire anche dai poliziotti – ha detto di essere Giacomo, proprio il nome che ha dato a Giacinto! – nel frattempo apre la porta d’ingresso

Si trova di fronte un giovane elegante di bell’aspetto (in realtà è Giacomo, il moroso di Anna, ma lui non lo conosce e non può saperlo. D’altra parte non ha nemmeno visto lo spacciatore quando è entrato la prima volta).

GIACOMO – Buona sera, sono Giacomo.

FRANCO – Buona sera, Giacomo, deve parlare con qualcuno della famiglia?

GIACOMO – Beh veramente sarei venuto per l’Anna.

FRANCO – Ah, - ripete con tono alto per avvisare i poliziotti – lei è venuto per… l’Anna. Capisco. Entri, prego. Si accomodi.

Giacomo entra e mentre va verso la poltrona o la sedia, Franco con gesto nascosto e stando di spalle alla porta, chiude il catenaccio. Giacomo si siede, è un po’ impacciato, come tutti gli innamorati che entrano per la prima volta in casa della fidanzata.

GIACOMO – Sedendosi – Buona sera Signora.

VIRGINIA – Buona sera, Signor Giacomo - poi con falsa calma - Le va un Martini?

FRANCO – si siede a sua volta e subito si rialza, poi con falso atteggiamento di ospitalità – Già, un Martini. Sì prendiamo tutti un bel Martini. Che ne dice, Giacomo? Facciamo un brindisi –  si alza e va verso il mobile bar

GIACOMO –Volentieri, anche se in genere non bevo alcolici.

FRANCO – rivolto al pubblico – T’e capì? Un bé i liquor. L’è un sant’oman. Sé, e spacia la droga e e’ sneffa la cocaina, mo sa vliv che sia…

Franco versa il Martini nei bicchieri e li porge a Giacomo e Virginia.

VIRGINIA – Dunque ci diceva che lei – alzando a sua volta il tono della voce - è venuto per l’Anna.

GIACOMO - Sì

FRANCO – Allora facciamo un brindisi per lei Giacomo e per la sua co…volevo dire Anna.

Tutti e tre sorseggiano il Martini

GIACOMO – Posso vederla?

VIRGINIA – Mi dispiace, ma non è qui.

GIACOMO – Strano, prima di venire qui mi sono accordato al telefono…Ero proprio convinto di trovarla in casa… Non pensavo proprio che sarei arrivato prima io.

FRANCO – a voce alta per farsi sentire dai poliziotti – Ah, si è accordato per un incontro qui in casa…

GIACOMO – Sì, glie l’ho detto. Ci siamo sentiti al telefono poco fa.

A quel punto, certi di trovarsi al cospetto dello spacciatore, i poliziotti irrompono nel salotto con le pistole in pugno e ammanettano Giacomo. Franco e Virginia si alzano

GIACOMO – Ma che state facendo? Io non ho fatto nulla di male! Ma perché mi arrestate?

PRIMO POLIZIOTTO – Sì certo, non hai fatto nulla. E perché sei qui allora?

GIACOMO – L’ho detto, per l’Anna. Lasciatemi!

SECONDO POLIZIOTTO – Ti piace… l’Anna, vero, delinquente?

GIACOMO – Certo che mi piace l’Anna. Ma delinquente a chi? Lasciatemi. Voglio l’Anna!

PRIMO POLIZIOTTO – Adesso te la diamo noi l’Anna, signor spacciatore. Ti abbiamo beccato finalmente. - Rivolto al collega- ecco chi riforniva di cocaina il quartiere, questo bell’elegantone!

Intanto lo spingono verso la porta d’ingresso e Franco si affretta ad aprire il catenaccio per farli uscire

GIACOMO – Lasciatemi! Io non rifornisco nessun quartiere. Non sono uno spacciatore. – rivolto a Franco e Virginia – Diteglielo anche voi che sono venuto qui per l’Anna.

SECONDO POLIZIOTTO – E’ proprio per questo che ti arrestiamo, delinquente. E ora stai zitto! Sarcastico - Con l’ Anna – detto in modo sarcastico - hai chiuso!

GIACOMO – Ma come chiuso! Lasciatemi! Io di lei non posso più fare a meno!

SECONDO POLIZIOTTO – Tossico, falla finita! - E lo spinge fuori dalla porta, mentre Giacomo continua a protestare la sua innocenza.

Il primo poliziotto si ferma qualche secondo sulla porta d’ingresso

PRIMO POLIZIOTTO – Dovrete venire fra qualche giorno in Questura per la testimonianza. Ve lo faremo sapere noi. Grazie per la collaborazione.

FRANCO – Grazie a voi per essere venuti in tempo!

PRIMO POLIZIOTTO – Aspettiamo anche il Signor Giacinto. Lui ha ancora in tasca il corpo del reato. Ditegli che dovrà portarcelo il più presto possibile.

FRANCO – E’ ancora in mezzo al traffico, ma riuscirà a tornare prima o poi.

PRIMO POLIZIOTTO – Appena arriva, gli dica per favore che passi subito dalla Questura. Buona sera e….Buon Natale

FRANCO e VIRGINIA – Buon Natale…Buona sera.

Anche il primo poliziotto esce mentre più lontane si sentono ancora le proteste di Giacomo.

Franco e Virginia si risiedono lasciandosi cadere esausti sulle poltrone

VIRGINIA – Per fortuna è finita. Avevo una gran paura che fosse armato.

FRANCO – E io no? Non te l’ho detto per non impressionarti.

VIRGINIA – A dire la verità mi è sembrato un tipo un po’ ingenuo, farsi beccare così.

FRANCO - E quando gridava che non aveva fatto nulla di male sembrava quasi sincero. Mentiva benissimo. Se non altro in questo ha dimostrato una grande abilità.

VIRGINIA – Sarà meglio che tu telefoni a Giacinto per tranquillizzarlo.

FRANCO – E’ vero, con tutta questa baraonda me ne stavo quasi dimenticando. – Prende il cellulare e compone il numero di Giacinto e dopo qualche istante – Giacinto, l’è tota a post, par furtona….. Sé, Jè arrivé par prem i puliziott e alora ajavé urganizzé tota l’accuglienza…..No, luitar i s’e nascost in tla cambra da pranz e i jè salté addos apena ch’ja avu la certeza che foss propi e spaciador………E prem quel cl’ha det l’è sté: “Sono qui per l’Anna”…….Zert ch’l’è um mod un po’ stran ad ciamé la cocaina…..Pu l’ha neca cunfermé ch’ us era mes d’acord par telefun d’avnì ique…..Sè, sè, a che pont jè scapé fura i puliziott e ija mess al manett……No, no, Virginia la jè steda bravesma – guarda Virginia – La ja vlu sté cun me….. No, a sé incora da par nuitar. Un n’è turné inciò…… Te ach’ora a saret a ca’?......Ah, adess la fila ad machin la’s mov, mej icé…. un po’ a la volta. Beh adess t’an te piò da preoccupé. La facenda la jè fnida……..Sé, sta tranquell, quant ch’irtorna e’ ba’ e la mama aj spiegarè gniaquel…. Sé, Sé. Ciao. – Si risiede

Dopo qualche istante si sente la chiave che apre la porta d’ingresso. E’ Anna che torna a casa con alcuni pacchi.

ANNA – rivolta a Franco e Virginia - Oh ciao, siete stati sempre in casa?

FRANCO E VIRGINIA – All’unisono, visibilmente prostrati – Sì!

FRANCO – Ma non abbiamo avuto modo di annoiarci.

ANNA – Meglio per voi. Luisa, il babbo e la mamma sono di là?

VIRGINIA – No. Sono usciti per i cestini regalo.

ANNA – E Giacinto non è ancora rientrato?

VIRGINIA – No, ha trovato un ingorgo.

ANNA – Anch’io ci ho messo più del previsto a tornare. In compenso però mi ha dato un passaggio un’amica che ho incontrato in centro. Per le feste sembra che non lavori più nessuno. Sono tutti in giro in macchina a qualsiasi ora del giorno. Io credo che siano sempre gli stessi che sono pagati per farlo….

FRANCO – con enfasi – Beh, ora ti raccontiamo il film di cui siamo stati attori…

ANNA – sta pensando ad altro e lo interrompe – …Sapete deve venire Giacomo, il mio moroso. Ci siamo telefonati prima. Pensavo mi avesse preceduta… ma vedo che non è ancora arrivato, meglio così. Finalmente lo conoscerete.

FRANCO – Veramente deve essere venuto anche nel pomeriggio, quando c’erano il babbo, la mamma e Luisa. Anzi me ne hanno parlato così bene. Ma voglio raccontarti il film….

ANNA – Interrompendolo nuovamente – Strano che sia venuto qui nel pomeriggio senza dirmi niente. Neanche prima al telefono me ne ha parlato. Oddio eravamo già d’accordo che sarebbe venuto, ma non gli avevo detto l’ora fino a venti minuti fa, per telefono. Va beh, avrà voluto farmi una sorpresa. Solo che non sapeva che io fossi uscita.

FRANCO – Anna, adesso ascolta cosa devo raccontarti….

Si sente nuovamente la chiave nella porta. Sono Giorgio, Mirella e Luisa che ritornano.

MIRELLA – Ciao Franco, ciao Anna. Virginia siete stati bene?

VIRGINIA – Beh più o meno…

LUISA – Me a nin poss piò ad stal sfacchinedi. La jè turneda la Teresa?

ANNA – Me a so turneda da tri minud. Mo par me l’an n’è incora in ca’.

VIRGINIA – No, non è ancora tornata

FRANCO – Sintì quel ch’l’è sucess….

ANNA – interrompe ancora Franco, rivolta a Giorgio e Mirella -  E i cestini?

GIORGIO – A javè lasé ad sota int’la lavanderi. L’è inotil ca fasegna dla fadiga, dmam a’javè da purté vi’.

FRANCO – con tono estremamente deciso e spazientito – Oh! Adess stasì tot zett e stasim ben a sintì!

Luisa, Giorgio, Mirella e Anna rimangono sorpresi dal tono di Franco e finalmente gli danno retta.

FRANCO – Donca, a v’arcuvdiv che fat stra’ ch’l’è sucess a Giacinto ad davanti e negozi d’eletricestar, e c’uv a racunté prema ch’arrivesum me e la Virginia?..........il racconto a parole è sostituito da un brano musicale ad hoc mentre gli attori recitano con il solo atteggiamento – Luisa, Giorgio, Mirella e Anna dimostrano meraviglia e anche spavento per quanto accaduto. Virginia annuisce a conferma di quanto sta raccontando Franco. Il tutto deve durare all’incirca massimo 15 secondi. Al termine del racconto

ANNA – Mo eh mi Signor! Un spaciador catturé in ca’ nostra!

LUISA – Mo chi l’avrep mai cardù un fat icé!

MIRELLA – molto preoccupata – Virginia, ti sei spaventata? Come stai?

VIRGINIA – Non preoccuparti Mirella, tutto sommato non mi sono impressionata tanto, e poi c’erano i poliziotti.

ANNA – E quel c’un fa piò ridar l’è e fatt che adess la cocaina la’s ciama “Anna”.

GIORGIO – Mo Giacinto quant cuj met a turné. E pu, sa jo capì ben, l’ha in tla saca una bosta pina ad Anna… cioè avleva di’, ad cocaina.

ANNA – Beh adess a port int’la mi cambra sti righel e pu am faz una doza. Av salut tot quent. Scompare ma ritorna dicendo – Ah babbo, mamma, e anche voi Franco e Virginia, tra un po’ dovrebbe venire Giacomo. Se non avessi ancora finito di fare la doccia ditegli che ci metto poco. Ciao.

Tutti rispondono al saluto.

LUISA – Moh ad fati robi che suced, a me un pé ad sugné – rivolta a Virginia – A so icé agiteda ch’ um scapa ad scorar in Italian - Si siede esausta.

VIRGINIA – Dillo a me, che ero qui quando è entrato lo spacciatore e ho visto tutta la scena dell’arresto…

MIRELLA – Quest l’è un fat ca sl’arcurdarè pr’una massa ad temp.

LUISA – Chissà quanti volti ul racuntarà Giacinto in te bar…

Suona il citofono d’ingresso.

GIORGIO – Quest l’ha da esar e muros dl’Anna –

MIRELLA – An l’avé mai vest par un sac ad temp e incù l’è za la sgonda volta che vè.

GIORGIO – Al citofono – Chi è? – Ascolta la risposta e la riferisce ai presenti – L’è Giacomo, l’ha det ch’l’è vnu incora par cla roba impurtanta...

LUISA – Zert però cl’è un po’ sfortuné. Prema l’è avnù e l’Anna la jera fura, ades e’rtorna e li la jè sotta a la doza…

Giorgio apre intanto la porta d’ingresso. Entra Giacomo (lo spacciatore) e saluta i presenti.

SPACCIATORE – Buona sera a tutti

Tutti rispondono al saluto sovrapponendo le voci

LUISA – Si accomodi, Giacomo. Intanto le presento mio fratello Franco e sua moglie Virginia. Quando lei è entrato nel pomeriggio loro stavano disfacendo i bagagli.

SPACCIATORE – Ah, piacere.

FRANCO – Il piacere è tutto nostro.

VIRGINIA – Ciao Giacomo, posso darti del tu, vero?

SPACCIATORE – Ci mancherebbe. E’ già rientrato il Signor Giacinto?

FRANCO – Ancora no, ma ormai dovrebbe essere qui. L’ho sentito al telefono prima.

SPACCIATORE – Anch’io lo sentito al telefono – rivolto a Luisa – Ricorda? Mi ha dato lei il suo numero. Ci siamo messi d’accordo di vederci qui per la questione della mia…Anna.

LUISA – Beh, certo in un’occasione come questa è giusto che ci sia anche mio marito.

SPACCIATORE – Beh direi giusto e anche necessario…

LUISA – Certo, sì, è meglio che ci siano tutti i familiari.

MIRELLA – Dicevamo prima che lei è un po’ sfortunato, Giacomo. Quando è venuto prima la sua Anna era fuori e adesso è in bagno..

SPACCIATORE – sbalordito – Come in bagno? Ma scusi il Signor Giacinto mi ha detto al telefono che è con lui…

LUISA – Sì, sì era con lui quando sono usciti, ma poi l’Anna ha preso un’altra strada ed è tornata da sola.

SPACCIATORE – preoccupato - Da sola? E in che modo?

FRANCO – Beh, proprio da sola no. L’ha portata un’amica.

SPACCIATORE – Ma voi vi fidate a lasciarla così, con il primo che capita?

LUISA – Beh se l’amica si è offerta di riportarla a casa, mica si poteva dire di no.

VIRGINIA – Anche se ho saputo che il viaggio è stato un po’ lento, sa col traffico che c’è in questi giorni…

SPACCIATORE – Ah se è per questo il “traffico” c’è sempre tutto l’anno…. Beh, in ogni caso meglio così. E’ già qui e così tutti i problemi sono risolti.

MIRELLA – Virginia, ti dispiace andare di là a vedere se è ancora in bagno? Qui c’è Giacomo che l’aspetta e la vuole vedere.

VIRGINIA – Vado subito.

Dopo qualche istante ritorna Virginia insieme con Anna che è ancora in accappatoio e con un asciugamano in testa

ANNA – E dov’è Giacomo?

LUISA – Ma non lo vedi? E’ lì seduto e ti sta aspettando da oggi pomeriggio!

ANNA – Ma dico, siete diventati matti? Lui non è Giacomo e poi questo signore io non lo conosco!

MIRELLA – Mo come non lo conosci! Ma se è venuto già due volte per te, oggi!

SPACCIATORE – Indicando Anna - Io sono venuto per lei? Ma che diavolo state dicendo?

LUISA – Cosa stiamo dicendo?! Ma se lei non fa altro che parlare di Anna, una cosa importante, di grandissimo valore, buona, pura e raffinata. Eccola qui Anna. Volete dirmi che non vi conoscete?

ANNA – sempre più seccata - Certo che no!

SPACCIATORE – Ehi dico, ma chi volete prendere in giro? Io sono venuto per la coca.

MIRELLA – Ma sì, per la cocca, la cocca di mamma, è così che lei ha detto di averla chiamata fino ad oggi la nostra Anna

SPACCIATORE – Ormai fuori di sè – si alza di scatto – Signori e signore, statemi bene a sentire! Io sono venuto qui a riprendere la mia busta di cocaina. La mia cocaina, quella sì che è pura e raffinata. Dov’è la mia cocaina? Tiratela fuori prima che usi dei metodi che non vorrei usare!

FRANCO – Ma allora lei è uno spacciatore!

SPACCIATORE – Certo che sono uno spacciatore! E che cosa pensavate che fossi?

LUISA – Il fidanzato di mia sorella Anna. Ma lei non è Giacomo?

SPACCIATORE – Giacomo è un falso nome. E non eravate forse voi a chiamare la cocaina col nome Anna? Me l’avete detto voi prima, nel pomeriggio. Credevo fosse un vostro sistema per non correre rischi di intercettazioni. Maledizione, mi è piaciuto talmente che ora uso anch’io questo nome! Mi avete persino fatto credere che potevate essere interessati a comprarla la mia cocaina!

GIORGIO – Ma che cosa sta dicendo! Noi non facciamo uso di cocaina, non sappiamo neppure come sia fatta la cocaina! E quando parlavamo di Anna pensavamo a nostra figlia e non alla sua maledetta droga!

VIRGINIA – Un altro spacciatore in casa!

SPACCIATORE – Cosa significa, un altro spacciatore? Vuol dire che è venuto a cercare la cocaina un'altra persona? Dico non l’avrete data a quell’altro? Perché io vi faccio fuori tutti. – Estrae una pistola provocando reazioni impaurite da parte di tutte le donne presenti. Punta la pistola contro Luisa – Adesso mi devi dire tutta la verità altrimenti qui faccio una strage! Voglio sapere chi è quest’altro spacciatore e dove si trova la cocaina! Forza! Dimmelo!

LUISA – Tremante – La sua cocaina ce l’ha mio marito in tasca…

FRANCO – interviene a sostegno di Luisa – e l’altro spacciatore è stato arrestato. Dieci minuti fa. Eravamo presenti io e mia moglie quando l’hanno ammanettato i poliziotti.

SPACCIATORE – Poliziotti? Qui? E chi li ha chiamati? - Nessuno risponde – Ora comincio a capire. Il caro Signor Giacinto voleva farmi fesso. Di sicuro è stato lui a chiamare la polizia. Ecco perché mi ha dato appuntamento in casa. La polizia doveva arrestare me e invece ha probabilmente arrestato uno che non c’entra nulla in questa faccenda.

VIRGINIA – Ma quel tipo di prima parlava di… Anna, cioè di cocaina ed è stato lei a chiamare così la cocaina al telefono con Giacinto.

SPACCIATORE – Ma io la chiamo così perché questi tre – indicando Giorgio, Mirella e Luisa – mi hanno fatto credere di chiamar loro così la cocaina.

ANNA – incomincia a realizzare – si rivolge a Franco e Virginia con tono apparentemente calmo - Scusate quel tipo di prima cercava di Anna, avete detto.  E’ così? Attendo una risposta…

FRANCO – tutto di filato - Certo, cercava l’Anna, ma l’Anna significa cocaina, così mi ha detto Giacinto al telefono prima che quel tipo arrivasse. E poi, sempre quel tipo, ha anche detto che era venuto qui perché si era accordato per telefono, e infatti Giacinto ci aveva detto che si era messo d’accordo per telefono con lo spacciatore per incontrarsi in casa. E quando i poliziotti hanno sentito anche questo particolare lo hanno subito arrestato.

SPACCIATORE – con tono perentorio - Non me ne frega nulla di queste cose. Io voglio la mia cocaina…

ANNA – indomita e incavolata – Non fregherà nulla a lei, ma a me  invece frega molto – lo spacciatore appare per un attimo quasi intimidito da tanta decisione – Anna torna a rivolgersi a Franco e Virginia con lo stesso modo apparentemente calmo – E,scusate, come era vestito quell’ altro…spacciatore?

VIRGINIA – Se non ricordo male aveva un abito grigio scuro, una camicia azzurra e una cravatta….si ferma per fare mente locale

ANNA – Una cravatta?

VIRGINIA – Ci sono, una Regimental rossa con righe grigie e azzurre.

Anna si siede prostrata

LUISA – Che c’è Anna, lo conosci?

ANNA – Se lo conosco? E’ Giacomo, il mio moroso. La regimental rossa gliel’ho regalata io un mese fa. Lui vi ha detto che si era accordato per telefono ed è vero, ma naturalmente non ha parlato con Giacinto, ha parlato con me!  Avete fatto arrestare Giacomo! Capite? Avete fatto arrestare Giacomo! – si gira di lato piangendo.

FRANCO – Ma come potevamo sapere che fosse lui!

MIRELLA – Moh e mi Signor. Mo i qué uj è da dvinté met. Anna not preoccupé che al robi al sistema adess.

Mirella, Luisa e Virginia si alzano istintivamente per andare a consolare Anna

SPACCIATORE – minacciandole con la pistola – Tornate tutte a sedere. Bene ora so che non posso più fidarmi di nessuno di voi. Sono ore che mi state prendendo per il culo. Ma una verità è certa e voi per primi dovete sperare che lo sia per davvero: la mia cocaina è nella tasca del cappotto del vostro Giacinto, e Giacinto sta venendo a casa tutto tranquillo, pensando che io sia già stato arrestato.

FRANCO – Già. E invece è stato arrestato il vero Giacomo, il moroso di Anna. Rivolto ad Anna – Anna, te lo ripeto, noi non potevamo saperlo che era il tuo Giacomo, non l’avevamo mai visto e Giacinto ci ha detto che sarebbe arrivato a casa lo spacciatore, che invece è lui – indicando il vero spacciatore -.

ANNA – Lo so, lo so. Ho capito tutto.

SPACCIATORE – Adesso piantatela tutti di parlare. Le vostre beghe familiari mi hanno scocciato. State zitti e aprite bocca solo quando ve lo dirò io. Aspettiamo il ritorno del vostro Giacinto, lo spione, che crede di aver risolto tutto. Glielo faccio vedere io. E tutti quanti voi non fate un movimento sbagliato, non fiatate, vi ho detto, altrimenti sarò costretto a sparare.

Tutti stanno immobili rendendosi conto della situazione delicata.

Dopo qualche istante si sente la chiave girare nella serratura. Tutti pensano che sia Giacinto. Lo spacciatore si mette dietro la porta, per essere pronto a impedire l’eventuale fuga. Si apre la porta. E’ Teresa, invece.

TERESA – Ciao – rivolta a tutti i familiari seduti, che non rispondono.

Alle sue spalle lo spacciatore

SPACCIATORE – E questa chi è?

TERESA - Si trova di fronte lo spacciatore con la pistola e grida istintivamente - E lei chi è? Mamma! Nonni! Che cosa sta succedendo qui? Cos’è una rapina?

SPACCIATORE – Calmati, siediti e stai zitta come tutti loro. Nessuno vi farà del male se farete quello che vi dirò io. Se qualcuno invece deciderà di fare l’eroe, sarà anche l’ultima cosa che farà nella sua vita. Avete capito tutti? – Nessuno fa cenno di sì – allora con tono duro ripete la domanda - Avete capito tutti? Fatemi un cenno col capo.

Tutti fanno cenno di sì, muovendo il capo lentamente.

Passano altri secondi di silenzio, poi si sente nuovamente la chiave nella porta. Stavolta non può essere che Giacinto. Lo spacciatore si mette dietro la porta aspettando l’ingresso di Giacinto, poi una volta che è entrato rimane dietro di lui.

GIACINTO – entrando vede tutti i suoi familiari seduti come impietriti, ma non ci fa molto caso – Appare contrastante l’atteggiamento allegro di Giacinto con quello impaurito dei familiari. – Uhei, ai si tot, av salut tot quent. Franco, ecco qua la lampadena nuova – mostra la scatola – Stavolta par no savé ne lezar e ne scrivar a so andé a cumprela in tun etar post, se no e fnes che incu am rimpes al sachi ad droga. A la saviv tott adess la vera storia dla cocaina, ela vera? Franco u v’a raccunté gnaquel? - Tutti dicono di sì annuendo col capo molto lentamente - Mo saviv fat ch’a si tott un po’ zo ad pressiò. Luisa sel sté? I que fra la cocaina e j augur ad Nadel an’ho za avù a basta. – Però, adess che la fazenda dla droga la s’è risolta e ja arresté e spaciador, ujarmanza e pericul dj auguri. A quel però ugn’è rimedi. Al saviv quanti volti u m’è tuché sintì incù “se non ci vediamo più Buon Natale”?

SPACCIATORE – si presenta parlando alle spalle di Giacinto – Quante volte l’hai sentito?

Giacinto per la sorpresa dà un violento scossone all’indietro col capo e gli manca il fiato per la paura. Gli cade anche la scatola con la lampadina che si rompe di nuovo.

SPACCIATORE – So cosa stai pensando: “ma come, non l’avevano arrestato lo spacciatore?”

GIACINTO – Al so c’ugni cardarà, mo mè a stag pinsend c’la se rota la lampadena e incu la j’è za la sgonda…

SPACCIATORE  - Scommetto che il caro Franco – rivolto a Franco – si chiama così lei, vero?

FRANCO – Sì

SPACCIATORE – prosegue – …il caro Franco l’aveva avvisata che tutto era finito, che la polizia mi aveva catturato. E invece è stato arrestato il moroso di Anna. E adesso parliamo di cose serie. Se non vuoi che ti faccia mangiare la lampadina rotta, vedi di tirar fuori la mia cocaina!

GIACINTO – con voce un po’ tremante – la sua Anna…

ANNA – esasperata - Ciò, fnila tott cun sta storia dl’Anna, Basta!

SPACCIATORE – Giusto, basta con questa storia. Fuori la cocaina – e appoggia la canna della pistola sulla guancia di Giacinto

GIACINTO – infila la mano nella tasca del cappotto ed estrae la busta con la cocaina – Ecco la tua cocaina. Ora sarai contento, no? Lasciaci tranquilli adesso.

SPACCIATORE – gli strappa la busta dalla mano - Ora stai zitto e siediti anche tu. Restate immobili e zitti almeno per mezz’ora. Tirate fuori i cellulari e posateli sul tavolino – intanto stacca i fili del telefono fisso. Tutti posano il cellulare sul tavolino. – Non vi azzardate a rivolgervi alla polizia o sarà peggio per voi– raccoglie tutti i cellulari – Questi ora li prendo io. Ricordate bene che se uno di voi tenta di contattare la Polizia farà una brutta fine. Non è mia intenzione rubare dei cellulari da quattro soldi. Non mi abbasso a tanto. Mi basta portarli lontani da voi per un po’ di tempo. Potrete ritrovarli se siete svegli. Signore e signori, a mai più – ed esce.

Tutti rimangono interdetti per qualche istante, poi Teresa per prima parla

TERESA – si alza - E adesso che facciamo? A parte che io non ci ho ancora capito niente e non so nemmeno se voglio capirci. Ma mi spiegate che cosa abbiamo noi a che fare con la cocaina. Qualcuno di noi usa la cocaina, forse?

LUISA – si alza - No Teresa, l’è sté che spaciador cl’ha infilé una bosta ad cocaina int’la saca de capot de tu ba, e icé us è libaré de pericul e i puliziott i l’ha perquisì mo in n’ha truvé gnita e i la lassé andé. E pu l’è succes che inveci d’arresté e ver spaciador ja arresté e muros dla tu zi..

ANNA – si alza - E adess bsogna ca fasegna tot e pusebil par fel avni fura. Sobit! Bsogna ca telefunegna a la Pulizi par fei savé chi a sbajé parsona.

TERESA – Ah, tutto veramente molto chiaro. Ho deciso che per oggi ci rinuncio. - Rivolta a Luisa – Mamma, non so se ti ricordi che oggi facevi la scandalizzata quando ho nominato il Poker Teresina. Altro che poker, qui gira la cocaina a tutto spiano!

LUISA – Ma no an savegna gnaca coma c’la foss fata sta cocaina. Ad colpa an al e tu ba’ s’iglia ja mesa in tla saca.

Tutti si alzano uno dopo l’altro

GIACINTO – Bsogna avé un telefun par fe savé a la Pulizi coma c’al sta al robi. Rivolto ad Anna – par fé libaré e tu Giacomo, mo neca parché me a jo da di’ che e spaciador us’è arciapé la bosta pina ad cocaina, che me aj adveva cunsigné come corpo del reato.

FRANCO – E telefun ad ca’ l’è inservebil. Bsogna andé a zarché i nostar celluler. Lo l’ha det c’uni vleva purté vi’. Me a pens cu jepa nascost da una quica perta. Adess a veg a vdé ad sotta, in tl’andrò.

VIRGINIA – Può essere pericoloso. E se è ancora lì anche lui?

FRANCO – Scherzi? Lui se ne è andato a gambe levate e starà ancora correndo. Non ha alcun interesse a rimanere nei dintorni. – Esce per andare a cercare i telefoni. Mentre Franco è di sotto, i presenti commentano

GIORGIO – Me a cred che ste Nadel as l’arcudarè par un pez

MIRELLA – No, me inveci a me voj scurdé prest.

GIACINTO – con enfasi - Natale e cocaina! Um pé e tetul d’un film

LUISA – E tetul? Quest l’è tot un film e no a sé j attur.

GIORGIO – Sé, j attur, sol che la pistola la jera vera, etra che film.

ANNA – Giacinto, mo te cla maledetta lampadena ta la duvivta cumpré propi in che post chi lé.

GIACINTO – Huei, stetra volta a la jandrò a cumpré in cla merceri ca tirì sempar fura! E pu’ t’an ne vest che neca se la sgonda a l’ajò cumpreda in t’un etar post l’è de fura e spaciador li stess?

Rientra Franco con tutti i cellulari

FRANCO – A jo mess un po’ ad temp parchè u’javeva nascost dri al scopi in te sgabuzé dla purtineri’. Um pé chi sia tot a post.

VIRGILIO – Damm e mi’ ca telefun sobit a la Pulizi - Prende il suo cellulare, clicca la rubrica e il numero della Polizia – Pronto, vorrei parlare con il Brigadiere Catozzi…. Sono Giacinto Briganti… Grazie aspetto. – rivolto agli altri che lo stanno ascoltando – Adess j’a dett ch’i me pasa. - Pausa – Buona sera Brigadiere, sono Giacinto Briganti, sì quello dell’Anna – la vera Anna si adira – …cioè volevo dire quello della cocaina nella tasca del cappotto. Mi ascolti bene, ora le racconto cosa è successo. Avete arrestato l’uomo sbagliato, quello è il moroso di mia cognata. Se ne sono sicuro? Certo che ne sono sicuro, ha la cravatta – rivolto ad Anna – cum’as ciamla cla cravatta za, “de regiment”?                                                           

ANNA - precisa: regimental.                                         

VIRGILIO – prosegue – ha la cravatta regimental rossa che gli ha regalato mia cognata ieri.. Come si chiama mia cognata? Anna….No non è la cocaina è proprio mia cognata…. Ah sembrava anche a lei che quello che avete arrestato fosse una persona a posto?  - Ripete per i presenti ciò che gli sta dicendo il Brigadiere - Non era armato e non sapeva proprio nulla di droghe. Mi ascolti Brigadiere il vero spacciatore è venuto qui in casa e ci ha minacciati tutti con una pistola e io ho dovuto ridargli la busta con la cocaina. Ma sì ora le racconto – di qui in avanti un brano sostituisce la voce di Giacinto per circa 15 secondi. Poi Giacinto conclude la telefonata – Ma certo che verremo, a presto Brigadiere. – Poi rivolto ad Anna – Ha detto che dobbiamo tutti andare a deporre, ma prima deve parlare con me e con te.

ANNA – Moh Giacomo, al lasi andé o no?

GIACINTO – Us sa ch’il lasa andé. J aveva za fat dal ricerchi e i sa be che Giacomo l’è a post. E brigadir um’a det che duvrep scapé da la Questura int’ una mezz’ora.

MIRELLA – Huei sta bo’, adess al savè neca nuitar che Giacomo l’è a post.

ANNA – Un po’ seccata - Un basteva al mi referenzi? 

LUISA – No t’la ciapé valà, adess pinsema a risolvar sta facenda.

TERESA – Certo che vi ho lasciati soli per due ore e avete combinato dei disastri. E poi dite che dei ragazzi giovani non c’è da fidarsi. Sapete cosa vi dico, che io non vi affiderei neanche il  gatto.

GIORGIO – Al saviv che me am so stressé cun tot stal facend ad droga e stal pauri? A jo bsogn ad rilassem un po’ e am veg a preparé una bela inalaziò ad vapur, c’un gn’è gnit ad mej. Rivolto alla moglie – Mirella, t’avivta det che ta la vlivta fé neca tè?

MIRELLA – Sé, sé a la faz neca me. Chissà cun um pessa sta tremarela in tal gamb. Adess intant a veg a fé bulì dl’aqua.

Giorgio va nel reparto notte e Mirella va in cucina

Suona il citofono

VIRGINIA – Oh mio Dio, ma oggi non c’è tregua!

LUISA – Moh e mi Signor, e chi saràl ades’

ANNA – Giacomo un po’ esar perché ad sicur l’è incora in Questura.

TERESA – Certo che se state tutti a pensare e nessuno va ad aprire, non lo saprete mai chi è!

GIACINTO – T’è rasò neca te, fiola. - Va a rispondere – Sì, chi è? – rivolto a Luisa – Al set qui cl’è?

LUISA – E sarà un mafios, o un boss dla cocaina, stavolta!

GIACINTO – Moh ad boss, l’è Ugo.

LUISA – Chi quel cl’aveva la mercerì?

GIACINTO – Incora cun sta mercerì! L’è quell ca cnos cu s’era candidé a sendic.

LUISA – Ah quel cu t’ipnutezza.

GIACINTO – Eh, propi lò. A ne so quel che posa avlé.

Giacinto apre la porta. Entra Ugo con una bellissima stella di Natale.

UGO – At salut Giacinto. Buona sera a tutti.

GIACINTO – Ven avanti Ugo, at present la mi moj Luisa.

LUISA – Piacere

UGO – Molto piacere. Signora le ho portato questa stella di Natale. Spero che le piaccia. E un regalo semplice….

LUISA – Ma è bellissima. Grazie Signor Ugo. Lei è stato veramente gentile. C’us acomda. C’us metta in sdé. A vuol un caffè o e preferes una grappa, o un whisky?

UGO – Una grappa la va benessum.

Luisa serve la grappa

GIACINTO – prosegue con le presentazioni - Poi c’è Anna, la mia coca….ehm cognata, Franco, il mio cognato e Virginia, sua moglie e Teresa, la mi’ fjola, c’la’s met a post tot quent...

Tutti dicono piacere e/o molto piacere

Esce Mirella dalla cucina con la pentola dell’acqua bollente.

GIACINTO – Questa è Mirella, la mama d’la Luisa – rivolto a Mirella- Mirella at present e Sgnor Ugo, l’è un mi amig e as cnunsè da una massa ad temp.

MIRELLA – Buona sera Signor Ugo, mi scusi ma adesso non posso darle la mano, devo andare a portare questa pentola di acqua bollente di là in bagno per le inalazioni.

UGO – Ci mancherebbe Signora, faccia pure le sue faccende senza preoccuparsi per me.

GIACINTO – Ugo, ad’là ujè neca Giorgio, e mi’ ba’. Apena ch’i avrà fni’ agl’inalazion ati faz cnosar par ben.  

Mirella esce per andare nel bagno nel reparto notte

I presenti si siedono

GIACINTO – rivolto a Ugo – Ugo mo sa t’el avnù in tla ment ad purté un righel. T’an m’avivta za det incù “S’an s’avdé piò, Buon Natale”

UGO – Sè, mo l’è da tant temp c’as cnunsè e ajo sintì la voja ad dimustret la mi amicizia in t’un mod piò cuncret, piò diret, però semplic. Sa vut mai, una Stela ad Nadel…

Suona ancora il citofono

VIRGINIA – Oggi va così.

TERESA – Ora sento io – va a rispondere – Sì? Un pacco?. Va bene salga pure – apre la porta e la lascia socchiusa, senza guardare chi sta salendo.

LUISA – Un sarà miga una bomba…

GIACINTO – Mo ac bomba. Ch’an fasegna de terror. E sarà un righel.

Fa irruzione lo spacciatore con la pistola in pugno e tutti sobbalzano

SPACCIATORE – mostrando la pistola - Il pacco è quello che voi state tentando di fare a me! – poi rivolto a Giacinto – maledetto spione, vuoi fare il furbo con me? Hai sbagliato a fare i conti, caro il mio spione, perché io adesso ti faccio fuori!

Le donne urlano dalla paura, Ugo è sorpreso ma non impaurito

GIACINTO – Cosa vuole ancora da me, non ha riavuto la sua droga, ci lasci in pace ora!

LUISA – Ci lasci in pace!

SPACCIATORE – Se ho riavuto la mia droga? - Tira fuori la busta dalla tasca e ne fa annusare il contenuto a Giacinto- Senti qui maledetto, senti! Infilaci il naso!– Giacinto si avvicina e annusa il contenuto – Allora che ti sembra eh? Parla, altrimenti ti faccio un buco in fronte!

GIACINTO – annusa - A me sembra……

SPACCIATORE – Avanti, dillo!

GIACINTO – annusa ancora - Mo quest l’è…. eucaliptolo!

SPACCIATORE – Eucaliptolo, esatto – punta la pistola vicinissima alla faccia di Giacinto – ed ora, amico, e tutti voi, siamo arrivati alla resa dei conti, dammi la mia cocaina o questa sarà stata l’ultima volta che avrai sentito l’odore dell’ eucaliptolo!

GIACINTO – pur nel grave pericolo realizza l’accaduto – Un mument... - Rivolto a Luisa - Mo se in sta bosta u jè l’eucaliptolo, par essar piò precis e bicarbuné all’eucaliptolo, Giorgio e la Mirella sta stai druvend par fé agl’inalaziò, un sarà miga….

In quel momento dal reparto notte si sentono Mirella e Giorgio cantare

MIRELLA – a voce altissima - Non sono una signora, una per cui la guerra non è mai finita, oh nooooooooo

GIACINTO – termina la frase –…cocaina. J’a fat l’inalazio cun la cocaina.

LUISA, FRANCO, VIRGINIA E TERESA – Cun la cocaina?

GIACINTO – rivolto a Ugo che non capisce la situazione – Ugo, at spiegarò gnaquel…

GIORGIO – a voce altissima – Nel blu dipinto di blu, felice di stare quassù…

GIORGIO e MIRELLA – continuano in coro …E volavo, volavo, volavo, volavo più in alto ed ancora più su, mentre il mondo pian piano spariva lontano laggiùuuuuuu

GIORGIO – inizia immediatamente un altro brano - Vado al massimo…

GIORGIO e MIRELLA – continuano in coro - … Vado al massimo, vado al massimo, vado a gonfie vele!!!!

GIORGIO – parla a voce alta con Mirella – Alora, s’at’avevi det? stagli inalaziò agl’è fenumeneli.  - Cantando – Sté bicarbuné all’eucaliptolo l’è la fen de mond

MIRELLA – cantando – La fen de mond!

GIORGIO E MIRELLA - Urlando – Etar che la drogaaaaa!

MIRELLA – E pinsé che e mond l’è pin ad zeta cla spend un moc’ ad baioc par cumpré la cocaina!…

I due proseguono negli sproloqui attenuando il tono

LUISA – Incù inveci ad quela cun e bicarbuné t’a m’e dé la bosta cun la cocaina cu t’aveva infilé in tla saca ste sgnor chi que. Moh, la mi Madona! Spiregna ch’in nepa rispiré una masa.

SPACCIATORE – Lo spero per voi tutti, perché altrimenti prima vi faccio fuori tutti e poi porto via tutto quello che avete in casa!

In quel momento entrano in scena come due saette Giorgio e Mirella. Lui sta inseguendo lei, che ride all’impazzata.

GIORGIO – Ven a qué ca fasè du gemell! Ven a qué, no scapé.

MIRELLA – Du gemell? Sol? Me an voj fe almanc sì di gemell!  Ah ah ah

GIORGIO – At ciap. Adess at ciap e at faz avdé coma c’us fa a fe i gemell!

MIRELLA – Dai fam avdé donca! Prema però ta m’è da ciapé, ah ah ah ah

GIORGIO – passa vicino allo spacciatore che tiene la pistola in pugno – Mo sa faret cun ste gingell in tal man. Fat un’ inalazio neca te ch’l’è mej!….

Continuano ad inseguirsi correndo intorno a tutti i presenti e poi escono di nuovo nel reparto notte – Le loro voci concitate continuano ad essere udite più in lontananza.

SPACCIATORE – rivolto a Giacinto – Ora basta davvero! Vai di là a prendere la coca e prega che ci sia ancora perché se me l’avete fottuta vi ammazzo tutti!

UGO – si alza con calma dalla poltrona e si avvicina coraggiosamente allo spacciatore – Un momento, prego, voglio chiederle una cosa, prima che lei ci ammazzi tutti.

SPACCIATORE – Avanti, dì la tua stronzata – rivolto a Giacinto – e tu che fai? Sei ancora qui? Vai a prendermi la coca. E’ l’ultima volta che te lo chiedo!

Ugo è arrivato davanti allo spacciatore ed inizia a guardarlo negli occhi intensamente.

SPACCIATORE – E piantala di guardarmi, idiota. - Sembra man mano perdere lucidità – Le..va..ti…..di…….tor….no

UGO – Guardami, non pensare ad altro, guardami, guardami. Lasciati andare. Starai bene, starai molto bene. Rilassato. Così. Continua a guardarmi. Bravo. Calmo, rilassato. Ora cadrai in un sonno profondo. Un sonno liberatorio. Conterò fino a tre e poi tu cadrai in un sonno profondo e dormirai a lungo e ti risveglierai solo quando lo dirò io. Guardami. Uno, due, tre.

Lo spacciatore si è addormentato e Ugo lo sorregge

GIACINTO – Brev Ugo, ta l’è indurminté. Ci dvinté incora piò brev a ipnutizzé.

UGO – rivolto a Franco e Giacinto – Forza, dasim una man a stuglel in te divan.

I tre lo portano sul divano e Giacinto prende la pistola e se la mette in tasca, mentre dal reparto notte continuano ad arrivare gli schiamazzi di Giorgio e Mirella

GIORGIO e MIRELLA – fuori scena – Vado al massimo, vado al massimo, anzi andiamo al massimo, andiamo a gonfie vele….

GIACINTO – E sarà mej lighel.

UGO – Un’ i n’è bsogn. Lo è durmirà almac par quatr’ori. Prema al putreb svigé sol me.

GIACINTO – rivolto a Ugo – Ugo, um’indispis ad tot sté casé. Nuitar asi s’è truvé in te mez senza gnaca capì quel c’us staseva capitend. At racuntarò gnaquel, mo adess an so propi in tla cundizion ad fel, a so trop scoss; e uj vo una massa ad temp par cunté tot al robi, ta me da credar.

UGO – No’t preoccupé, Giacinto, at capes. A so’ curios, mo ta me diré quant vu te. Par la Befana, magari, parché in sti dé me e la moj andé a Milan a cà de fjol.

FRANCO – Giacinto, te ciama la Pulizi intant.

VIRGINIA – E speriamo che stavolta la storia si chiuda veramente.

LUISA – Sé, parchè sta storia l’as sta fasend tropa longa.

Giacinto prende il cellulare e compone il numero della Questura

GIACINTO – Sono Giacinto Briganti e vorrei il Brigadiere…..Catozzi?, sì, Catozzi, come faceva a saperlo?...Ah ha riconosciuto la mia voce… – rivolto ai presenti – ormai im cnos da la vosa. A so dvinté un client affeziuné. – al telefono – Brigadiere Catozzi è lei? Stavolta abbiamo risolto tutto. Abbiamo preso lo spacciatore….Tenerlo fermo? No, no non ce n’è bisogno… Perché?….perché dorme……Una botta in testa? No, no. È stato ipnotizzato da un mio amico. Venite subito…. La cocaina?.... No la busta non è intatta, un po’ è stata consumata….. Sniffata, noi? No, no nessuno l’ha sniffata. Ne hanno usata un po’ i miei suoceri per fare le inalazioni…. Abitudine? No, credevano fosse bicarbonato all’eucaliptolo. E’ successo che prima quando sono tornato a casa io non sapevo di avere in tasca anche la busta di cocaina e senza volerlo l’ho scambiata per quella di bicarbonato…. Ah Brigadiere, l’avete rilasciato Giacomo il moroso di mia cognata? Sì? - Rivolto ad Anna- L’hanno rilasciato il tuo Giacomo e gli hanno spiegato tutto, sta venendo qui. - al telefono - Grazie Brigadiere, Buon Natale anche a lei – si rimette in tasca il cellulare mentre Luisa e tutti gli altri lo guardano stupiti perché ha fatto gli auguri

LUISA – Moh e mi Signor, adess ajo paura che vegna zo e mond, Giacinto l’ha det Buon Natale. 

GIACINTO  - rivolto a Luisa – Adess che finalment e pé che sia tot a post…

ANNA - interrompendolo – Par essar tot a post l’ha da turné e mi muros e finché me a ne veg, an stag tranquela.

GIACINTO – Sta tranquela, Anna. I’m la assicuré, ormai l’è sol quisciò ad zenc minud…. – poi ancora rivolto a Luisa - Piotost a staseva dsend, adess c’l’è tot a post…

TERESA – interrompendolo - …Veramente, babbo, dire che è tutto a posto con questo signore steso sul divano mi sembra un po’ azzardato..

GIACINTO – Sta tranquela neca tè, Teresa, la pulizi la sta arrivend.

FRANCO – Ciò Giacinto, i que ja da arivé tot, mo j’onic chi etra in ca’ jè di spaciadur.

GIACINTO – Ciò am fasiv fnì e scors? - ancora rivolto a Luisa – A voj di’ che adess c’l’è tot a post – si ferma ironicamente per verificare che nessuno debba interromperlo ancora – Me a vrep andé a cumpré la lampadena par e cumudè ad Franco..

LUISA – Uehi Giacinto, basta cun sta lampadena! Daj un taj! Tot al volt tci scapé d’in ca’ par andé a cumpré la lampadena, l’è succes di  disestar!

VIRGINIA – Sai cosa ti dico, Giacinto, che io non la voglio proprio la luce sul comodino, anzi togliamo anche l’abatjour.

FRANCO –  No, a vut savé quel ca fasé? A cavè e cumudè e tot, icè, Giacinto, un t’avnirà gnaca piò la tentazion ad cumpré un’etra lampadena.

GIACINTO – Al saviv, e po’ des che stavolta ajaviva rason vuitar.

LUISA – Oh, quest l’è e prem quel giost t’e dett incù, e mi’ Giacinto. Chissà c’un sia la svolta d’la giurneda. 

Suona il citofono. Teresa va a rispondere.

TERESA – Sì, chi è?  - rivolta ad Anna - E’ Giacomo. Zia, stavolta speriamo che sia proprio il tuo fidanzato.

LUISA – Me adess quant ca sent suné um vè fastidi…

VIRGINIA – E’ come giocare a testa e croce, qui buoni o cattivi dicono tutti di chiamarsi Giacomo!

ANNA – ironica – Speregna che cun tota sta cocaina in zir un sia dvinté un spaciador neca lo.

GIACINTO – rilassato e ironico - Eh za, avé a che fé cun…. l’Anna l’è inevitabil. La vera Anna stavolta ride –

Entra finalmente Giacomo e abbraccia e bacia lungamente Anna

LUISA – rivolta a Giacinto – Sa t’avevi det, l’è basté non scorar piò ad cumpré la lampadena, che u’s’è arvulté e bissò…

Giacomo poi saluta tutti gli altri, compreso Franco e Virginia che avevano partecipato alla sua cattura.

FRANCO – Giacomo, ti chiedo scusa, ma….

GIACOMO – Non devi dirmi nulla, sono al corrente di tutto.

VIRGINIA – Noi non sapevamo che fossi tu.

GIACOMO – Lo so, lo so. Non dovete scusarvi. Ora è tutto finito.

ANNA – Veramente mi ero immaginata una giornata più tranquilla per presentarti ai miei…

LUISA – Vorrà dire che il suo primo giorno in questa casa non se lo dimenticherà più…

GIACOMO – Ah sicuramente no. Anche perché coincide col mio primo giorno in galera…

Si siedono tutti un po’ distrutti, ma finalmente tranquilli, proprio mentre lo spacciatore fa un movimento, come se stesse per svegliarsi, allora tutti si allarmano e Giacinto estrae la pistola dalla tasca.

GIACINTO – Puntando la pistola – Huei, Giacomo finto, stavolta a la jo me la pistola!...

Ma lo spacciatore si gira soltanto mettendosi di schiena al pubblico e continua a dormire. Tutti si rilassano nuovamente.

GIACINTO – rimettendosi in tasca la pistola – Eh, e sarà mei, va là. 

LUISA – perplessa - Mè a sera cunventa che la sola fadiga d’incù e foss quela ad fé l’impast di caplet..

ANNA – A proposit ad caplet, bsogna c’aj fasegna nuitar, parchè sa stasè da sté c’uj prepera la mama, um sa ca fasegna in temp a arrivé a  Pasqua.

LUISA - E pu’ uj sarep neca ches che stavolta i foss di caplet da sniffé…

TERESA – Mamma, piuttosto, il nonno e la nonna non cantano più da un pezzo. Non sarà meglio andare a controllare?

LUISA – Is sarà indurminté. Fra un po’ andarò a vdé, icé a veg neca a tu la bosta cun la cocaina da dé ai puliziott…e sperema ch’in la jepa druveda tota.

GIACINTO – Par me i sta fasend i du gemell…E sarà mei t’stega a que….

LUISA – Uja mancarep neca questa. Dop a saresum sicur che mai inciò e putreb credar a la storia c’us è capité incù. Me a cred ch’la sia steda mej d’una cumegia in dialet.

VIRGINIA – con dialetto un po’ stentato – Un pé neca a me…

Tutti la guardano stupiti e divertiti

FRANCO – Ajavè un’attrice nuova par la cumegia in dialett!

LUISA – Bravissima Virginia. Con un’altra settimana di lezione parlerai benissimo il dialetto.

VIRGINIA – Giusto per il giorno di Natale, come vi avevo detto.

UGO – Beh, Giacinto, me adess at salut parché i m’aspetta a cà.

LUISA – Che stega a zena cun no, Ugo!

GIACINTO – Armanza cun no. T’as fé piasé. Icé at raccont totta la vicenda.

UGO – No, av ringrezi ma a jo d’andé a cà. Un’etra volta vluntira. Giacinto però a so’ curios ad savé tota la storia. 

GIACINTO – A sem no c’at ringrazié. Se t’agni sirta te cun che delinquent, a ne so coma c’ ajavressum fat. At prumet che at raccuntarò tot par fil e par segn.

UGO – rivolto a Giacinto – E’ sarà fadiga ca s’incuntregna in sti dé.E sarà e tu’ righel par la Befana - poi rivolto a tutti gli altri – Arrivederci e Buon Natale a tutti.

TUTTI - mescolando le voci – Buona sera – arrivederci – Grazie -Buon Natale

Ugo va verso la porta accompagnato da Giacinto. Ugo esce

GIACINTO – dopo una breve esitazione – con tono molto alto - Ugo!

UGO – con voce un po’ lontana dalla scala – Dim, Giacinto

GIACINTO – Ugo, s’an s’avdé piò, Buon Natale!

Tutti i familiari rimangono esterrefatti e guardano con meraviglia Giacinto

UGO – Anche a te, Giacinto.

Brevissima pausa

GIACINTO – urlando – Ugo!

UGO – in lontananza – Dim, Giacinto

GIACINTO – Porta i mi auguri a tota la tu fameja!

UGO – in lontananza – Grazie, Giacinto

GIACINTO – Ugo, a ma racmand, not scurdé eh, parché ai tegn una massa.

UGO - sempre più lontano – Sta tranquell, a nu’m scurdarò.

La meraviglia dei presenti aumenta e Giacinto è “accerchiato” dagli sguardi.

GIACINTO – Beh, s’aviv da guardé? Ugo l’è un brev oman, l’è un grand amig, incù u l’ha dimustré in tot i mud e me a voj esar sicur ad fej j’auguri, s’an s’avdè piò prema ad Nadel, a lò e a la su fameja. Us fa icé no fra al parsoni par bè?

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno