Sarà chiammato ‘o Re…

Stampa questo copione

Sarà chiamato Re

Sarà chiammato ‘o Re…

SACRA RAPPRESENTAZIONE

Il Vangelo di Luca in versi nella lingua d’ ‘e puverielli

dieci scene

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 882253A

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

PERSONAGGI

Frate Gerardo                   Cercaelemosine

La Mendicante                  Cieca

Giuseppe                           Cepollaro

Giovanni                            Casadduoglio

Maria                                  Pastajola

Peppe                                Parulano

Gennaro                            Pignataro

Sebastiano                        Cusitore

Anna                                  Setajola

Gerardo                             Maruzzaro

Francesco                         Tavernaro

Rosaria                              Spicajola

Giulia                                 Bambina

Ferdinando IV                   ‘o Re

Caracciolo                                    Dignitario

La Corte di Ferdinando IV di Borbone

La Guardia d’Onore del Re

Musici, cantanti, danzatori


Sarà chiammato ‘o Re

di

Salvatore Macri

Lungo il perimetro della piazza sono disposti i banchi del mercato, allestiti dai venditori in costume popolare che vengono dalla campagna e magnificano la propria mercanzia. Il banco serve anche come palchetto; ogni attore, normalmente seduto dietro al banco su di uno sgabello, quando recita il suo ruolo, sale sul banco utilizzando lo sgabello stesso come scala  [il pubblico, in piedi, si può muovere liberamente].

Entrano circa 20 figuranti in costumi serici: sono i Nobili della Corte del Borbone, in coppie o in piccoli gruppi che si muovono con distratta attenzione tra i banchi, ignorando totalmente il pubblico di oggi.

Tra essi si aggira il Matto, commentando mimicamente e grottescamente le varie situazioni e un Dignitario che lo segue con apprensione.

Una flautista in costume esegue melodie di sottofondo.

In questa atmosfera entra in piazza Frà’ Gerardo, frate elemosiniere con bisacce in spalla, che precede due garzoni che portano a spalla una statua del Cristo benedicente in legno grezzo o in gesso bianco.

FRA’ GERARDO:  (con le spalle rivolte ai banchi, che non vede; risponde riconoscendo le voci)

                      Permesso! Facitece passa’! Lièvete ‘a nanzi ‘a lloco!... Permesso!

GERARDO:          Ce stanno ‘e pannocchie p’ ‘o cunvento! Dateme ‘u sacco vuosto, ca c’ è metto!

FRA’ GERARDO:  (sempre di spalle) V’arringrazio!...’O viernerì ce vo’ proprio ‘o pesce…!

PEPPE:             ‘E patane… ‘e vvulite ‘e patane? M’ ‘anno purtate mo’ da Casolla!

FRA’ GERARDO:  Permesso!...’E patane pesano, ma so bbone… ‘o cunvento ‘e facimmo scaurate!

FRANCESCO       Fra’ Gera’… venite, ca ve dongo ‘na damigianella ‘e vino rosso! V’ ‘o vevite alla salute nosta…

FRA’ GERARDO:   ‘A damigianella pesa! Purtatammella ‘ncopp’ ‘o ciuccio!

ROSARIA:           E chello pesa,… e chell’atu pesa…. frà Gera’, oggi tenite ‘a debulezza!

FRA’ GERARDO:  Permesso!Rosa’, i frati faticano… ‘o paraviso costa sudore!...

GIOVANNI:        Fra’ Gera’… mò ve veco, addò jate, cu ‘sta statua janca?...

FRA’ GERARDO:  Vaco addò ‘u prevete, ca m’adda dicere ‘e culori.

                      Chillo è curiuso assaje, ma ce pava bbuono!

SEBASTIANO:    Ma ‘e colori ‘e Gesù ‘e sapimmo!... ‘o bbianco ‘e ll’anema pura… ll’azzuro d’ ‘o Cielo d’ ‘o Pateterno… ‘o russo d’ ‘o sangue ‘e chilli poveri martiri!

ANNA:              (sale sul proprio banco) Ogne vota ca veco a Gesù m’arricordo d’ ‘a nonna mia ca ce cuntava d’ ‘e piccerille atturno a Isso, e comme lle parlavano!

GENNARO:         (sale anche lui sul banco) E chillo fetentone ‘e Pilato? Ca ne puteva sape’, ‘nu rumano, d’ ‘o Figlio ‘e Dio?

FRA’ GERARDO    (ferma i garzoni al centro della piazza e sale sul suo palchetto da dove guiderà lo svolgimento dello spettacolo) …Aggio capito! Ma ‘a vulite cunta’ overamente, ‘a storia ‘e Gesù…? ‘E dulure sufferte pe’ tutte nuje… vulite cunta’ ‘a storia d’ ‘o Re… d’ ‘o Re d’ ‘e puverielli?...

PEPPE, SEBASTIANO, FRANCESCO:

                       Si…, si! Cuntammo ‘a storia ‘e Cristo… cuntammola mo’! Accuminciate, fra’ Gera’, ‘ncumminciate vuje!

FRA’ GERARDO:  Nu juorno Dio decise finalmente

di sistema’ ‘na vecchia situazione,

isso, ca cu ‘nu dito sulamente

puteva cancella’ la malazione,

vulette invece fa’ n’atto d’ammore:

ce mannaje Cristo, ch’era la sua voce;

comm’ armatura lle facette ‘o core,

e pe’ bannera po’, ‘lle dette a croce!

A Nazareth, da quanno c’era nato,

s’era ‘mparato a fatica’ c’ ‘accetta,

senza pariente, nun era ‘nzurato,

campava senza lussi, mastu Peppe.

Faceva segge, tavule e carrette;

casa e puteca, sempe a fatica’;

‘a sera, ‘o muorz’ ‘e pane, e dint’ ‘o lietto!

Cercava ‘a zita justa da ‘nzura’.

‘Nu juorno je dicettero na cosa:

”Vai a Gerusalemme, da Giacchino,

ce sta ‘a figliola ca po’ fa’ la sposa!”

E Peppe se facette stù cammino.

Camminava, pensanne a chella rosa…

“Ancora cchiù pulita di uno specchio,

‘na zita bella, brava e virtuosa…

e io, ca ce vaco a ffà, ca so ‘nu viecchio? “

Arriva ‘a casa…, e quanta ggente bella!

I pretendenti, cchiù de ‘na ventina,

venuti pe’ spusa’ ‘sta palummella,

r’ ‘a tutti li paesi… e che ammuina!

Troppi guagliuni e ‘na mugliera sola!

Pe’ nun fa’ ‘mbruoglie e pe’ ‘na scelta netta

pigliaje ognuno ‘nu ramo int’ ‘a n’ajola,

e ‘ncopp’ ‘altare mettettero ‘e bacchette.

Ma mastu Peppe nun se pigliaje niente!

Da Dio guidato, e senza esitazione,

‘mmiez’ ‘e risate e sische ‘e tutt’ ‘a ggente,

mettette ‘ncopp’ ‘a tutto ‘nu bastone!

E chillo tuocco, comme fosse niente,

spaccaje la scorza e ce sguigliaje ‘na fronna!

“Miraculo! Chisto è voler di Dio!” dicette ‘a ggente!

E San Giuseppe se spusaje ‘a Maronna!

                      Anna, ce ‘a vulite dicere l’Annunciazione…? V’ ‘arricurdate…?

“’Nu juorno steva sola a fa’ ‘a matassa,…”

ANNA:                Si, bell’ ‘o frato! Zitto, ca ‘a saccio tutta quanta!

‘Nu juorno, steva sola a fa’ ‘a matassa,

Maria verette n’angelo ‘a fenesta,

guardava e rimirava proprio a essa,

veste e riccioli d’oro, ch’aria ‘e festa!

Senteva voci doci tutt’attuorno,

cantavano: “Maria, comme si’ bella,

e quanti grazie ch’ ‘e ‘vuto chisto juorno!

Si cchiù vicina a Dio ‘e tutt’ ‘e stelle!

L’arcangelo Gabriele te saluta,

tu si’, ‘mmiez’ ‘alle donne, benedetta!”

La povera Maria fu stupiduta

e lle cadette ‘a mano ‘a cauzetta.

Fui forte ll’emozione; se fermaje

e rimanette lla’, comm’ ‘a na muta,

cu’ la matassa ca s’arravugliaje;

essa, pe’ poco, nun era svenuta.

Ma comm’è ‘o fatto? Io voglio capi’ meglio…

Ma ll’angelo dicette: “Sta’ sicura,

Dio te protegge, e vo’ ca fai ‘nu figlio!

Ti ha benedetto! Nun ave’ paura!”

“’Nu figlio? E comme, si so’ sempe pura?”

 Maria dicette. E ll’angelo ricciuto:

“Signore Iddio ha fatto la natura!

Si sulo ‘o ppenza, ecco ca è compiuto!

Per opera e virtù d’ ‘o Santo Spirito,

ch’è la palomma dell’amor divino,

si dici “si”, te truovi ‘ncinta subito,

e ‘o tiempo suojo, partorirai un bambino.

E tutto sarrà fatto da lassù,

senza ‘mmuina, puo’ resta’ sicura;

chisto guaglione ‘o chiamarraje Gesù,

e tte cunserverai pe’ sempe pura.

Tu sarai mamma  ‘o figlio d’ ‘o Signore;

sarà chiammato ‘o Re, d’ ‘e puverielli

e sarrà justo e umile int’ ‘o core,

‘e ‘stu paese pascerà l’ ainielli.

E tiene bbuono a mente ca il Signore

fa quel che vo’; tu guarda a Elisabetta!

Prima era triste e mmo’ tiene l’onore,

manco tre misi, e solo ‘u parto aspetta!”

‘Nu fil’ ‘e voce, cacciaje accussì Maria:

“Eccomi, songo ‘a schiava d’ ‘o Signore;

sia fatto comme vo’, e accussi’ sia!”,

e diventaje ‘a mamma dell’Ammore.

GENNARO:         Cca’ terminaje la santa Annunciazione;

restaje sul’ essa, chiena ‘e tant’ ammore

a custodi’ la Santa Incarnazione,

chillo popo’ ‘e segreto, ‘rint’ ’o core.

MENDICANTE:    (preceduta dal suono di una tammorra, guidata da una bambina, entra tra il pubblico la cieca appoggiandosi a un lungo bastone)

“Canta, l’anima mia penzann’ ‘a Te,

grande e sapiente Iddio, nostro Signore;

esulta ‘o core mio si sta cu’ Te,

Tu si’ overamente ‘o Salvatore!

Pe’ ssempe tutt’ ‘a ggente ‘e tutt’ ‘e  piazze

me chiammarrà «la Vergine Beata»

pecchè Dio ha fatto cos’ ‘e pazze,

cu chesta puverella ca so’ stata!

Sul’isso è santo, e chino di bontà,

tene sapienza e ‘na mano putente;

ha dimostrato che è capace ‘e fa’,

senza fatica e senza ‘o riesto ‘e niente!

‘A appiso comm’ ‘a tanti pruvuloni,

chilli ca vanno belli e acchittati,

ha ‘izato ‘a terra ‘e poveri stracciuni,

e ‘e ricche ‘a ‘copp’ ‘e troni l’ ‘a jettati!

E ‘a dato ‘a mano ‘a ggente d’Israele,

ce ‘a miso tutto ‘o bbene ca teneva,

misericordia pura comm’ ‘o mele,

facenne tutto chello ca puteva

pe’ mantene’ ‘a sua parola data

‘e sacri padri, Abramo ‘o genitore,

‘e figli suoi e po’ a tutt’ ‘a casata,

pecchè ‘u nostro Dio vive d’onore.”

FRANCESCO:      Intanto a Roma ‘o capo dell’Impero,

Cesare Augusto, pe’ questione ‘e tasse

e pe’ se fa’ quaccosa ‘e sorde overo,

decise ‘o censimento delle masse.

“A Israele, ‘a conta s’ ‘adda fa’

in tutte le tribù di appartenenza!

Ognuno vada a farse registra’

presso la sua città di pertinenza!”

Peppe a Bethlem eva fa’ ‘a scrittura,

e pure da Maria accumpagnato!

Povera figlia! C’ ‘o peso d’ ‘o criaturo,

ca d’ ‘o guaglione nun s’era sgravata!

Chiurette ampressa ‘a casa e ‘a putechella,

c’ ‘a fune ‘ncanne, senza riciata’,

‘nziem’ ’a Maronna, ‘ncuollo ‘a mappatella,

chianillo, ’ncuminciajeno a cammena’.

A ppieri, ‘mmiez’ ‘o friddo, notte e juorno,

‘a povera Maronna ca tremmava,

e nun fiatava, ca se metteva scuorno!

Oltre che santa, era figliola brava,

nun se metteva a tormenta’ a Giuseppe!

Isso pregava e penzava pe ’tramente:

“Addò ‘o trovo ‘o cammino cu ‘nu ceppo?”

E si che ‘o juorno, ‘o sole era cucente!

Doppo tre juorni ‘e pena, Betelemme!

Dimmanna a chisto e a chillo, “Nun c’è posto!”.

Doppo tutta ‘sta strada, ‘e cosce ‘e chiummo,

nun se pute’ cuccà è proprio tuosto!

Ma ‘o pecuraro, ca steva int’ ‘o serraglio,

c’ ‘a pelle ‘e pecuriello ‘ncopp’ ‘a spalla,

dicette allero ca pe’ riparà meglio

ce steva posto ‘int’ ‘a  ‘na bella stalla!

“M’ ’o chiamma bello, ‘stu casone ‘e niente!

Ce stanno pur’ ‘o bue e n’ asinella!

Ummido e friddo, senza porte, ‘o viento!

Mari’, tesoro, aggje pacienza, bella!

Nun se po’ fa’ cchiù niente, pe’ stasera!”

Pigliaje ‘a paglia e ‘o ffieno ‘a mangiatoia

e cumminciaje a fa’ ‘nu lietto ‘nterra,

pe’ se cuccà, essa e isso, ‘ncopp’ ‘a stuoia.

Maria era stanca, e presto se cuccaje,

ma se sentiva strana overamente…

e l’ora della nascita arrivaje;

Gesù nascette…, senza ‘nu lamiento.

Giuseppe ca durmeva fui scetato;

‘a Vergine… teneva ‘mbraccio ‘o figlio!

Ce rimanette comm’ ‘a stralunato

‘n sapenne chi guarda’, si ‘a Mamma o ‘o Figlio!

musica

FRA’ GERARDO:  Giuseppe, e tu ca vaj sempe cammenanne,

                          comme t’ ‘e immagini ‘e Magi, eh?

GIUSEPPE:          Eh, fra’ Gera’, se ne ‘ncontrano, ‘e gente sott’ ‘o sole!...

Intanto cierti Magi e ll’Orîente,

ch’avevano pe’ misi cammenato,

senza requie, pe’ sotto ‘o sole ardente,

‘a ‘na grande cometa illuminati,

pè vede’ ‘o grande re della Giudea,

‘o sciore nuovo, da Israele asciuto,

int’ ‘a Gerusalemme, bella idea,

addimandavano a tutti: “Dov’è nato?”

Erode ‘o Re, n’omme proprio ‘e niente

l’arriva ‘a recchia chesta filastrocca.

“E chisto me minaccia, ‘stu fetente!”

‘O trono era d’ ‘o suojo! “E nun se tocca!”

Vulette senti’ meglio ‘e prufezzie:

‘e viecchi cunfermarono ogni cosa!

“Nun ce stanno nè errori nè furbizzie;

da Bethelem ‘adda spunta’ la rosa!”

“Ah, chist’ è ‘u fatto? Mo’ subbito t’acconcio!

Appena ca te ‘ncoccio, io te sbudello!”

Pensava Erode, annascunnenne ‘o broncio;

pure ’e Magi ‘e pigliaje p’ ‘e fondelli:

“Truvateme ‘stu rre di cui si parla,

accussì ‘u mio rispetto ‘o manifesto!

Quale opportunità! Perchè lasciarla?

Stevemo tutte quanti a aspetta’ chesto!”

E i Magi se turnarono ‘e cammelli,

sempe appriesso all’astro benedetto

ca li guidava, ‘ncopp’ ‘a monti e colli,

cu Dio c’assecondava ‘stu progetto,

finchè s’arriva ‘a stalla, finalmente!

Maria c’ ‘o Bambeniello tra le braccia,

ricevettero ‘e Magi degnamente,

e ognuno s’ ‘o putette guarda’ ‘nfaccia!

“I doni nuosti: ll’oro, ‘o ‘ncienzo e ‘a mirra,

pe’ chi sarà ‘o cchiù grande ‘mperatore

p’ ‘a vita e ‘a morte, oltre a chesta terra!

Pe’ tutt’ ‘e puverielli, ‘o Salvatore!”

‘Nu bacio, ‘na carezza e n’ata vota

‘ncopp’ ‘e cammelli, pronti a riturna’.

“Pe’ n’ata strada, nun girate ‘a rota

Gierusalemme nun ’avita tucca’!”,

N’angelo ce dicette ‘stu messaggio.

“Che fa, ca è luongo cchiu’ ‘e ‘nu mese?”

Cagnarono la rotta per il viaggio,

e mannarono a Erode a quel paese!

Passano ‘e juorne, Erode il Grande aspetta

ma i Magi non se vereno, che danno!

E allora sceglie ‘a strategia perfetta:

“Mò acciro ’e guagliune sotto all’anno!”

Dio Padre provvedette immantinente

p’ ‘a sicurezza d’ ‘a Santa Famiglia!

A San Giuseppe trasette dint’ ‘a mente,

mentre durmeva, ‘stu santo cunsiglio:

“Scappa in Egitto, presto, senza niente,

‘a Mamma e ‘o Figlio sono ricercati!

Ca se li trova Erode, siente, siente,

accire ‘o Figlio, pe’ ‘mmano d’ ‘e surdati!”

GENNARO:         E San Giuseppe se facette, zitto,

n’atu trasloco, n’atu quatt’ ‘e maggio.

Mappate ‘ncuollo e via, verso ll’Egitto,

facett’ ‘e corza tutt’ ‘o santo viaggio!

‘A Madonna e Gesù, sull’asinella,

guardava arreto pe’ la gran paura.

Comm’emigranti, senza manco ‘a sella:

“Basta ca scampa, chistu criaturo!”

Giunti in Egitto, Giuseppe respiraje.

S’arripusaje ‘a Mamma e pure ‘o Figlio.

A fatica’ ch’ ‘e llene ripigliaje,

casa e puteca c’ ‘o suppigno ‘e paglia!

E Erode dette l’ordine fatale:

”’E guagliuncielli sotto l’ann’ ‘e età

siano scannati, comm’all’animale!

Non sia permesso a alcuno de’ scampa’!”

Mo’ si’ cuntento, piezz’ ‘e baccalà?

‘E fatto, e ‘e perzo, ‘a guerra cu’ Dio eterno!

E cosa ce si ‘gghiuto a guaragna’?

Ll’anima nera, e nun ‘e fatt’ ‘o terno!

E Dio tranquillo, senza fretta, pensa

comme cagna’ le cose a suo vantaggio.

Erode, cu ‘e viermi dint’ ‘a panza,

‘ncap’ ‘a otto mise se facette ‘o viaggio!

FRA’ GERARDO: E bravo a Gennaro! Mo’ sentite a mme!

Allora l’angiulillo ritornaje,

parlaje a Giuseppe, ca durmeva ancora:

“Pe’ vuje so’ fernuti tutt’ ‘e guaje,

putite turna’ ‘a casa! Alla bon’ ora!”

E San Giuseppe, c’ ‘a pacienza ‘e santo,

mettette tutto ‘ncopp’ ‘a carrettella.

Isso e Maria felice, ‘o figlio accanto,

se ne turnajne alleri ‘a casarella.

Che bella vita, che faceano lla’!

Gesù crisceva, in grazia ed istruzione.

Don Peppe – vicchiariello! – a fatica’,

nun le mancava mai l’inno o ‘a canzone!

‘Na casarella allera ‘e ggente brava,

tutti operosi, e tutti Dio a prega’.

‘A sera, ‘o piezz’ ‘e pane profumava!

“Cuntienti comm’ ‘a nui, nun se pò stà!”.

Giovanni intanto, ‘e Gesù staffetta,

faceva penitenza int’ ‘o deserto.

Magnava sulo ‘o mele e ‘e cavallette

c’ ’a veste ‘e ‘nu capretto, nera e storta.

Diceva: “Sta p’ ‘arriva’ l’eterno Regno

cu lla felicità e ‘o fuoco ardente!

Pentitevi, e campate in modo degno!

Tu, fatte battezza’, piezz’ ‘e fetente!”

‘Ncopp’ ‘o Giordano, ‘a pupulazione

ce jeva tutta a farse battezzare.

Sentiva ca parlava cu’ raggione,

a svergogna’ li ladri e le cummare!

“Offrite tutto chello ca tenite!

Nun ve facite ‘a cresta ‘ncopp’ ‘e tasse!

Si avite duje mantielli, dividite

cu chillo ca nun tene niente addosso!”

E prediceva: “’Nu juorno non lontano

arriverà ‘o vero Salvatore,

e finirà ‘o battesimo ‘o Giordano!

Isso ve donerà fuoco d’ammore

e pure ‘o Santo Spirito darà!

Sarà l’Agnello, ‘nti secoli predetto;

io nun so’ degno manco d’ ‘o tucca’!

Cu isso, ognun’ ‘e nuje sarà perfetto!”

                          E mo’ è ‘u mumento d’ ‘a predicazione! Ue’, belli pisce, aro’ staje? Cuntace ‘o fatto!

GERARDO:         Gesù incumminciaje a predica’,

parlava in sinagoga a tutt’ o popolo.

A Nazaret jette a cummenta’,

na’ matinata ‘e sabato, ‘nu rotolo.

Isaia scriveva: « Sopra di me, ‘o Signore,

ca m’ ‘a consacrato coll’unzione,

‘e lazzarune sentiranno amore,

avranno tutti ‘a liberazione.

Chilli cecati dopo ci vedranno,

chi è oppresso, se sentirà buono,

e sarà chino ‘e grazia tutto ll’anno!»

“Avite ‘ntiso chesta predizione?

Oggi ‘stu rotolo, ‘o putite jetta’!

‘Sta grande e luminosa profezia

oggi s’adempie in me, ca stongo cca’!”

Comm’ ‘a pigliajne male, ‘sta nutizia!

“Ma tu chi si’, e ca te pienzi ‘e fa’?”

“Guardate, ‘o masterascio è asciuto pazzo!”

“Guaglio’, c’ ‘a Bibbia nun se po’ pazzia’!”

“Jesce ‘a ‘sta sinagoga! Va’ ‘nto spiazzo!”

GIUSEPPE:          ‘A folla ‘o cacciaje fore  r’ ‘a città

pe’ l’ammazza’, comme persona abbietta,

pecchè “profeta in patria” nun se fa,

ma isso, comm’ ‘a n’ombra, se ne jette.

Storpi, cecati, muti, pure chilli

ca tenevano ‘ncuollo ‘o munaciello,

tutti a cerca’ ‘e ritornare arzilli,

tutti a implora’ rimedi dall’Agnello.

Gesù sanava tutti cu bonta’,

pure ‘e riavuli ‘e mannava ‘a ruìna!

E ‘i faceva ‘sta zitti, p’ ‘evita’

‘o nome “Cristo”; puteva fa’ ammuina!

‘Nu juorno ch’era assaje ‘a pupulazione,

‘ncopp’ ‘a na barca dovette ‘i ‘a parla’

e chell’ era la barca di Simone,

turnato senza niente da pesca’!

GENNARO:         Gesù era buono, comprensivo e doce.

Quanne fernette vulette compensa’

chille ca ne capeano sul’ ‘e pesce

e ‘a rezza lle dicette de tira’!

“Ma comme, ‘o saccio ca si ‘nu prufeta,

ma ognuno adda fa’ chell’arte soja,

c’ ‘o pesce nun c’ ‘e mai fatto muneta!

Mah!… Men’ ‘a rezza, p’ ‘a parola toja!”

E ‘a barca soja nun ce ‘a putette fare!

“Venite a dà na mano, forza, cca’!”

Doje barche ‘e pesce, tirarono d’ ‘o mare.

”Vi ch’abbondanza! È pure ‘e qualità!”

Simone subito se jette a addinucchia’

dicenne doje parole ‘e vero core:

“Vavattenne Gesù, nun te spurca’!

Tu si’ Dio vero, e io so’ peccatore!”

FRA’ GERARDO:  Bravissimo, ma mo’ ve dico io… Sentite buono ca chesto è impurtante!

Pè ‘mmiez’ ‘a tutti quanti ‘e suoj discepoli,

Gesù facette ‘a primma selezione.

Scigliette ‘e meglio, e li chiammò apostoli,

ca s’ evena ‘mpara’ ‘a predicazione,

pe’ essere inviati ‘mmiez’ ‘e piazze.

Vulette po’ chiamma’ “Pietro”, a Simone,

gruosso comm’ ‘a ‘na preta ‘e ‘na mulazza!

Pensava forse ‘e cchiave d’ ‘o Purtone?

E po’ Gesù sagliette ‘ncopp’ ‘o monte

pe’ ’nu discorso che accussì è chiammato.

‘Na folla, comm’ ‘o solito, ‘e gente,

pecchè Gesù era desiderato!

Guariva tutti, ‘e buone ‘e malamente,

e tutti ca ‘o vulevano tucca’!

Isso guariva bene ogne turmiento

cù modi ca faceano strabilia’!

(scende dal palchetto e si mescola al pubblico)

“Beato chi d’ave’ sorde nun brame,

pecchè ‘nto Regno ‘e Dio sarà accettato.

Beato è, chi mo’ se more ‘e famme,

pecchè da Dio Signor sara’ saziato.

Beato chi mo chiagne p’  ‘o dulore,

pecchè int’ ‘o nuovo Regno, ridera’!

Beato chi pe’ me soffre squallore,

pecchè ‘nto cielo ‘o nomme scrivera’!

Ma guaje ‘o ricco ca nun vò fa ‘o bene,

pecchè tutt’ ‘e ricchezze perdera’!

Ma guaje a chi mo tene ‘a panza chiena,

pecchè nisciuno ‘o cunsulera’!

Ma guaje a chi mo ride d’ ‘o Signore,

pecchè ntà ll’atu munno, chiagnera’!

Ma guaje a chi mo gode ‘e falso onore,

pecchè ‘o sordo fauzo s’adda jetta’!

Nun condannate e perdonate sempe,

pe’ pote’ avè ‘o stesso di ricambio.

Se ammisurate buone ciò ca date,

Dio vi favorirà assaje in cambio.

A duje cecati nun serve ‘o lanternino,

nisciuno vere ‘u vico rischiarato!

Nun pulezzare l’uocchio ‘o tuojo vicino,

si ‘o tuojo cu ‘nu trave s’ è ‘ngombrato!

Chi ascolta e fa chello ca dich’ ‘i,

se sta facenn’ ‘a casa ‘ncopp’ ‘a roccia!

Chi mett’ ‘e prete senza me senti’,

sicuro, quanne chiove, se fa ‘a doccia!”

FRA’ GERARDO:  A Gesù lle piacevano ‘e parabole, accussì ‘a gente capeva subito… comme quanne jette addò ‘u Fariseo… Mari’ cuntate vuje!

MARIA:               ‘Nu fariseo vulette Gesù a pranzo;

‘nu sacco ‘e piatti, e ‘o vino era abbuccato.

‘O Cristo se sedette justo ‘mmiezo,

sapenne ca da tutti era guardato.

Pure ‘na bella femmena ce jette,

pe’ farse perdona’ tutt’ ‘e peccate,

Chi sa maje ca faceva, o ca facette,

teneva ‘na cuscienza… adulterata!

Nun s’assettaje a tavula a magna’,

ma jette ‘a reta ‘all’Agnello d’ ‘o Regno,

e ‘ncumiciaje chiagnenne, a lacrima’

bagnanne ‘e pieri suje, senza ritegno! 

‘E massaggiava d’uoglio profumato,

e ce ‘scugaje c’ ‘e suje capille sciolti.

Tutti c’ ‘a vocca aperta, senza sciato.

Nun parlava, Gesù. Loro? Scunvolti!

‘O fariseo pensava: “’Nu prufeta

nun se faria tucca’ ‘a chesti mmani!

Chesta femmena se venne pe’ muneta,

f’ ammore cu ll’ebrei e ch’ ‘e rumani!”.

Gesù liggette subito int’ ‘a mente:

“Simo’, ‘na cosa!” e isso: “Maestro, dici!”

“Uno teneva ‘e crediti c’ ‘a gente;

a chi seicento, e a chi sorde dieci.

Nisciuno avea muneta pe’ paga’!

E quanne ‘o creditore ne fuje certo:

«Ma chisti cunti io ch’ ‘e tengo ‘a fa’?

Meglio ca levo ‘a miezo tutt’ ‘e ccarte!».

‘E chisti duje, chi meglio lo amera’?”

“Chillo c’ aveva ‘o debito cchiu’ gruosso!”

“E allora siente, e cerca e te ‘mpara’!

Io mo’ te dico cca’ cosa è succiesso!

I’ so’ trasuto c’ ‘a povere d’ ‘a strada;

e nun me dato l’acqua pe’ lava’;

chesta guagliona ‘e pieri m’ ‘a lavati,

caccianne lacrime, senza pazzia’

e co ‘e capilli me ll’ ‘a tutte asciugati;

e fosse niente, poi me ll’ ‘a baciati,

e tu ‘nu bacio, a me, nun me l’ ‘e dato!

Tu nun m’ ‘e dato l’uoglio profumato

chello che s’ ‘usa pe’ rispetto ‘a gente,

essa però ‘a ausato uoglio speziato!

Perciò si ancora n’ ‘e capito niente,

tu ‘e poc’ ammore, poco sarrai graziato!

Lei, ‘e tanto ammore, tutto perdonato!”

“Ma comme, d’ ‘e peccati dispensata?”,

murmuriavano tutti ll’invitati. E Cristo:

”Figlia di fede, va’, te si’ salvata”

FRA’ GERARDO:  Mari’, site stata veramente brava!... Ma si’ Gesù era ‘nu Re, teneva pure ‘e generali, ll’apostoli! Oje Franci’, tu ca dai da magna’ a ‘nu sacco ‘e gente, comme facevano allora?

FRANCESCO:      (va tra la gente)

                          Gesù mannaje ll’apostoli in missione,

c’ ‘o potere ‘e cura’ ‘o corpo e ‘o spirito.

“Nun pigliate bisacce, nè bastuni,

nè sorde, manco ‘o ppane, specie a credito!

In ogne casa rimmanete ospiti,

e si ve cacciano, scutuliate ‘a povere!

Arò jate jate, parlate ‘ncopp’ e pulpiti;

parlate ‘e me, e specie a chilli poveri!”

Lll’apostoli, raggianti se turnanono:

“Mo’ pure a nuje, ‘e riavoli obbediscono!”

‘O paese ‘e Betsaida si riunirono,

“Sotto ‘o nomme tujo, tutti s’uniscono!” 

Ce steva ‘a folla solita, ‘a ascolta’,

e ‘o sole ‘ncumminciava a tramonta’.

“Maestro, siente, ferniscila ‘e parla’!

Gesù, chiste ‘anno bisogno d’ ‘o mmangia’!”

Gesù sapeva a isso, e sospirò:

“Ma dategli ‘o mmangia’, mettili ‘n fila!”

“Ma, Figlio ‘e Dio, tu sai cunta’, o no?

Sulo ll’ omme, so’ almeno cinchemila!

Tra pani e pesci, tenimmo sette piezzi,

cu chesto, proprio niente se po’ fa’!

Secondo me, tu si’ asciuto pazzo,

si vuo’ sazia’ tutta sta gente, cca’!”

“Facite comme dico: dei gruppetti

‘e cinquanta famiglie arradunate!”

GENNARO:         Pigliaje ‘o ppane, ‘o benedicette,

e ‘ncuminciaje a jenchere le cate!

Vai e vieni d’ ‘e ceste, e tutt’ ‘e gente

mangiarono, e furono saziate!

Alla fine, d’avanzi sulamente,

durici ceste furono cuntate!

ROSARIA:         Gesù chiese ‘na vota ‘e suoj discepoli

che cosa se diceva ‘ncopp’ a isso.

“Dint’ ‘o ‘o mercato, aro’ stann’ ‘e tavoli,

e ‘a gente tene sempe tanta pressa,

si fa ‘o nome ‘e Giovanni, o d’ Elia,

o d’ ‘e n’ ato prufeta ch’ ‘è risorto!”

“Va bbuo’, ma vuje, chi dite che io sia?”

E tutti zitti, fermi, ‘a faccia assorta.

Solo Pietro parlaje, doppo ‘u mumento:

“Tu si’ ‘o Messia, ‘o Figlio ‘e Dio predetto!”

“Pe’ ‘sti pparole nun essere cuntiento,

ca nun so’ nate ‘a sole dint’ ‘o pietto!

‘O Santo Spirito ‘a fatto st’intervento,

e ‘sti parole so’ parole ‘e Dio!

Mo’ nun fiatate, nun dicite niente!

Ne parlerete, dopp’ ‘o ‘a passione mia!

Chi vo’ veni’ cu mme, s’adda cagna’!

S’adda spuglia’ d’o munno, e piglia’ ‘a croce,

Si pe’ me more, poi si salvera’,

s’invece campa, va ‘a ferni’ int’ ‘a brace!

Si ‘o munno sano riesce a guaragna’,

a che lle serve, si sarrà dannato?

E chi ‘e me, mo’ se vergognerà

sarà davanti a tutti sbrevugnato!”

FRA’ GERARDO:   Erano pover’omme, ‘e suoje discepoli,

‘mmiezo ‘e miraculi s’erano ‘mbriacati,

vulevano capi’ chi era ‘o piccolo

e chi era invece ‘o cchiu’ purtato.

Gesù dicette: “Vedimmo si capite!”

Pigliaje ‘nu bambiniello llà vicino,

“Chisto è ‘nu piccirillo, vuje vedite?

Si a isso date, pe’ niente, ‘nu bacino,

è bacio dato a mme, vostro Signore.

E chi ama me, ama Dio onnipotente!

É chest’ è ‘a vera scala d’ ‘o valore:

‘o piccirillo, è cchiu’ gruosso ‘e tutte quante!

E si a ‘nu piccerillo tu faje male

puo’ ‘sta sicuro, senza esitazione,

saraje marchiato ‘e ‘na manera tale

ca nun ci passerai, ‘nto mio purtone!”

                          Uno r’ ‘i gran sapienti della Legge,

chiedette: “Me dici ‘a strada pe’ ll’eternità?”

Giuseppe… ma tu ‘a saje ‘a risposta?

GIUSEPPE:          (va tra la gente)

                          “La Legge è scritta! Tu cosa ci leggi?”

“C’ ‘o core, anima e forza devi ama’

‘o Signore tuo, e ‘o prossimo che aje!”

Gesù dicette: “E chesto po’ basta’!“

E ca, ‘o duttore, ‘a trappula ‘ncrocchiaje:

“E qual’è ‘o prossimo, chillo c’aggia ama’?”

“’Nu pover’omme in viaggio fuje spugliato

da duje briganti e mazziato, pure.

‘Nu sacerdote passaje, e cagnaje lato;

nun ‘o tuccaje pe’ nun essere impuro!

‘Nu levita ‘o vedette, e ‘n’ze fermaje;

nun era cosa soja, chillu maciello!

‘Nu samaritano ‘a fine, a lla’ passaje;

vedette l’omme, e pusaje ‘a mappatella!

Nun sapeva chi era, ma ‘nfa niente!

’o  pulezaje, cu l’uoglio e ‘o vino fino;

S’ ‘o caricaje ‘ncopp’ ‘a soja giumenta

e ‘o purtaje ‘a locanda cchiù vicina,

pagaje duje sorde all’albergatore

p’ ave’ ‘nu lietto, e un po’ ‘e bone garze;

dette pure ‘e denari ‘o canteniere

p’ ‘o fa mangià, e ripiglia' ‘e fforze.

E nun bastaje: -Si spienni cocche cosa,

quanno ripasso, ti rifonnerò!-

E mo' tu dimmi, grande religioso,

qual’ è chillo r’ ‘i tre, ca ‘e cchiu’ amò?”

“’O samaritano, è overo, ‘a cumpatito!

Tra tutti è stato chillo senza biasimo!”

“Bene, è chillo ‘u prossimo, ‘u ferito!

Perciò pure tu, va’ a fa’ ‘o medesimo!”

Frate Gerardo, mo’ cuntinuate vuje!

FRA’ GERARDO:   Nu bello juorno Gesù steva a prega’.

Dicette ‘a fine, uno r’ ‘i discepoli:

“Gesù, a pregare, tu ce ll’e insegna’!”

“’Nzignate ‘sta preghiera a tutt’ ‘e popoli:

                          (va tra la gente)

«Padre dei cieli, santifica il Tuo nome,

Fà che il tuo Regno venga presto a noi,

Non ci lasciare senza il nostro pane,

ogni giorno, ricordati di noi!

Perdonaci peccati e imperfezioni

come noi perdoniamo chi ci offende.

Non ci lasciare nella tentazione,

confondi chi le trappole ci tende!»

Queste parole vuje duvite ausa’,

non ‘e dicite sulo cu’ lla vocca!

Vivetele, e dicitele c’ ‘o core,

solo accussì, ‘o core ‘e Dio se tocca!

E poi tenite a ‘mmente chisto fatto:

Si tenite n’amico, ‘e chilli buoni,

‘o putite ‘i a scuccia’, pure ‘e notte,

tiranne petruzzelle int’ ‘e balcuni,

p’ ‘o fa’ sceta’, e farve da’ d’ ‘o  ppane

pecchè ve serve pe’ magna’, a chell’ora.

E chillo risponne, comme a cane:

-’A porta ‘e chiusa! Vatténe ‘a malora!-

E vui ‘nzistite, sempe a fa’ accussì,

chillo ‘o pane v’ ‘o da’, no’ p‘amicizia,

ma pecchè sè scucciato e ve senti’!

Voi dovete prega’ senza pigrizia!

Chiedete e avrete! Bussate: si aprirà!

Ce ‘sta ‘nu pate, e ‘o figlio che gli chiede:

invece ‘e pane, ‘a preta ‘lle darà?

Accussì ‘o Padre, ‘o Spirito concede!”

SEBASTIANO:     A chi chiedeva ‘o segno d’ ‘o Signore,

Gesù rette ‘a risposta cchiù vullente:

“Chesta generazione nun ha onore,

è fatta solo d’uomme de niente!

Non avrà segni, sulo chillo ‘e Giona,

che a Ninive converti’ tutt’ ‘a città!

I risorti ‘e Ninive, a raggione,

diranno: -Semp’ ‘e stesse, ‘e puo’ jetta’!-

Pure ‘a Regina ‘e Saba sorgerà,

chella ca pe’ ascolta’ Re Salomone,

pur’ ‘o deserto dovette valica’,

e ‘e vuje, non dirà niente ‘e buono!

Davanti a vuje, ci sta ‘a mia persona,

che è cchiù ‘e Giona e d’ ‘o re Salomone!

Ma l’incredulità vosta ve condanna!

Sarà perza, ‘sta generazione!”

Gesù jeva lla’, a Gerusalemme,

‘nsignanne ‘o Vangelo addo’ passava.

Ce steva ‘e gente ‘o solito bailamme,

e Isso all’uno e all’ato rispunneva:

ROSARIA:           “’N Cielo se trase pe’ lla porta stretta,

chella larga, nun ‘a pigliate maje!

Verrà ‘o juorno d’ ‘a chiave e d’ ‘o caletto

e si staje fore, fore rimarraje!

Pure si dici: -Signore, simm’amici!-

Avraje ‘na risposta che te ghiaccia!

–Non te cunosco, nun saccio tu ca dici!-

-Ma comme, n’ t’arricuorde, la mia faccia?

Ammo magnato ‘nzieme, all’osteria,

pure ‘a dottrina ‘e Dio tu m’ è ‘nsignato!-

–Tòrnate arrete, pe’ ‘a toja brutta via!

Ciò c’aggio ditto, tu te l’ ’e scurdato!-

’A fore a chella porta ce vedite

‘a sala appriparata cu ll’addobbe!

È colpa vosta si nun ce trasite;

là sarà Abramo, Isacco e poi Giacobbe,

e tutte ll’ati che hanno Dio pe’ legge.

‘E primme poste, chi manco ca s’ ‘o sonna!

Qualche grand’omme all’uldime segge,

e vuje, jettate vivi int’ ‘e ranogne!”

FRA’ GERARDO:  Peppe, ve dico sulamente ddoje parole… “Ce steva tanta gente….

PEPPE:                (va tra la gente)

                          Ce steva tanta gente a secuta’

pe’ stare ‘nzieme a Cristo. Isso dicette:

“Chi vo’ veni’ cu me, s’adda scurda’

parienti, figlie, sposa, frati e affetti;

Cchiù assaje d’ ‘a vita, isso m‘adda ama’

e a croce, juorne e notte, ‘adda purta’!

Chi vo’ ‘na grossa torre costrui’

veresse primma ‘e sorde rint’a sacca!

Si ancummincia e po’ nun po’ ferni’

fa ‘a fine d’ ‘a rena int’ ‘a risacca!

‘Nu Re, primma ‘e ‘na guerra adda capi’

si tene ‘e surdate pe’ ll’attacco,

si no è meglio ca se sta accussi’

ch’ ‘e terre soje, e se guverna ‘e vacche!

Si ‘ncuminciate, vuje n‘ata falli’

e cca’ cu’ me, nun se diventa ricche!

Si site ricche, vuje state in errore,

‘e sorde sono cose da schifare!

‘O sale è buono, fa senti’ ‘o sapore;

si perde forza, tu ch’ ‘o mitte a fare?

‘O sale ‘nsipido, chiunque ‘o po’ jetta’

‘na cosa ca nun serve proprio a niente!

Nun ce stanno ‘ati cose da spiega’!

Chi ten’ ‘e ‘recchie e capa bona, intenda!”

musica

FRA’ GERARDO:  “’Nu brav’ommo teneva duje figlioli;

‘o cchiù giovane dicette: - Mio papà,

mo’ so’ gruosso, e aggia fa’ ‘i sulo!

Dammi ‘a parte mia ‘e ll’eredità!-

‘O pate ‘o vulette accontentà

e, chello ch’eva dà, lloro sparti’.

‘O figlio piccirillo ‘e lassaje llà,

facette ‘a mappatella e poi parti’. 

Facette sulo ‘a vita ‘e Michelasso,

spennette tutto cu na capa ‘e vacca,

fernette ‘o tiempo d’ ‘e vaccine grasse,

fernette pure ‘e sorde dint’ ‘a sacca!

C’ ‘a famma ‘ncuollo jette a fatica’.

Truvaje sulo ‘nu posto da purcaro,

‘e i puorci s’arrubbava da magna’,

sentennese ridotto ‘nu somaro!

- Ma comme, cca’ io me moro ‘e famme,

e ‘a casa di mio padre ca se sguazza!

Tornerò ‘a casa, ‘o saccio ca so’ ‘nfame,

me pigl’ ‘e botte, fosse pure ‘e mazza,

ma aggja ave’ ‘o perdono, e poi cerca’

si comm’ ‘a servo, ‘a casa soja me piazza,

nun so’ degno ‘o nomme sujo ‘e porta’,

vaco a fa ‘o servo, cu scopa e cu ramazza!-

FRA’ GERARDO:  (cercando)  Ma Peppe addò s’ è ‘nnascosto?

PEPPE:             (da dove si trovava) Sto ccà, stò ca! Mò ce penzo io!

Partette camminando ampressa ampressa;

‘o pate s’accurgette de luntano,

e quanta gioia e quanta cuntentezza!

S’ ‘o magnava d’ ‘e baci, faccia e mane!

Diceva ‘o figlio: -Pate, voglio dirvi…,-

ma ‘a lengua ‘ntruppecava mmiez’ ‘e mmole;

e ‘o pate, parlanne verso ‘e servi,

nun vulette senti’ manco parole!

– Guagliù vuttàte ‘e mmani, ‘nu vestito,

‘o meglio che ce sta, mettitancillo!

Po’ ce vonno ‘e calzari, ’aniello ‘o dito,

tu, piglia ‘u vitiello grasso e piccirillo,

ammazzalo, e cucinalo cò cura;

amma fa’ festa, invita ‘o vicinato,

ca m’ ‘era morta, chesta criatura;

mo’ campa; s’era perzo, e mo’ è turnato! -

‘O figlio gruosso steva int’ ‘a campagna,

turnaje ‘a casa ‘a fine d’ ‘a jurnata.

Musica e balli, ‘nu sacco ‘e gente magna;

chiamma ‘nu servo: -Che d’è chesta cacciata?- 

–È ‘a festa p’ o ritorno ‘e tuo fratello!

Pure ‘o vitello grasso ‘ammo ammazzato!-

‘O figlio lle venette ‘o farfariello!

- Cca’ nun ce traso, e dimane, l’avvocato! -

- Figlio mio bello,- lle dicette ‘o pate,

-‘a festa è bella, sulo tu ci manchi!  -

– Ma comme! - rispunnette – Da tant’ anni

te servo, faccio chello ca cumanni,

nun me ringrazi e pe’ ‘nu buon ritorno,

nun m’ hai maje dato manco ‘nu capretto,

da fa’, con allegria, arint’ ‘o forno,

pe’ mangia’ co ll’amici dirimpetto!

Po’ tòrna ‘u sfaticato, n’ arrossisce

a raccunta’ chello c’ ‘a cumbinato,

e tu ‘u vitello grasso l’arrostisce?-

- Figlio, nuje avimmo ‘nzieme camminato,

senza guarda’ ‘sti ccose, ma capisce,

‘a festa ce vuleva, p’ o ritorno;

pe’ chella cap’ ‘e chiuovo, se gioisce;

muorto, ma invece vivo chisto juorno! -“

FRA’ GERARDO: (va tra la gente)

                          I Farisei chiedettero a Gesù:

“Quanne arriva ‘u Regno, e addo’ è situato?”

“’O Regno ‘e Dio nun c’ è, cca’ giù,

comme, ‘o solito vuosto, ve penzate!

Isso se ‘nzinua chiano ‘mmiez’ a vuje,

arint’ ‘a chilli, ca Dio ’u bene vole,

si ‘o vuo’ cinta’, nun sai chello che faje,

puo’ mettere maje ‘a Voce int’a cajola?”

Disse ‘e discepoli: “’O saccio che vorreste;

guarda’ a mme, ‘o juorno ‘e gloria mia.

Currite acca’, alla’, voi sbagliereste!

nun putite sape’ d’ ‘o lampo ‘a via!

Chesta sarrà ‘a manifestazione

d’ a gloria mia, e ancora cchiu’ putente.

Ma primma è necessaria ‘a Passione,

ca mme farà ripudia’ d’ ‘a gente!

‘Nto juorno justo, ca Iddio stabilirà,

nun fermateve p’ ‘e sordi, o p’ ‘o bucato;

‘e doje femmene, sul’una piglierà,

di duje cafune, uno sarà lassato!

Chi cercherà ‘a salvezza, ‘a perderà;

chi invece ‘a perza, sarà poi salvato!

Vulite sape’ l’incontro addò sarrà?

Addò sta ’o Core, la ce sarrà ‘o creato!”.

 ‘E mamme ca credevano a Gesù

lle purtavano ‘e figli a benedire;

e i soliti discepoli: “Guagliu’,

jate, mo’ basta a tanto disturbare!”

“Lasciate ‘e veni’ cca’, pecche so’ lloro

‘e padruni veri d’ ‘o mio Regno;

chi nun se fa comm’uno ‘e lloro,

‘e trasi’ ‘n paraviso nun è degno!”

(indica a braccio teso) Vai, Giuseppe!

GIUSEPPE:        ‘Lle domandaje ‘nu giovane riccone:

“Qual’ è ‘a strada, e che devo fa’

p’ ‘a vita eterna, o Maestro buono?”

“E che me chiamme buono affa’?

‘o bbuono è Dio, e uno è chill’overo.

Tu sai che dice ‘a tavola ‘e Mosè:

nun accidere o rubare, e dice ‘o vero,

onora parienti e moglie; fa’ accussì!”

“Ma io me tengo già a chisto livello!”

“Allora, se vuoje essere perfetto,

piglia i tuoj beni, e dalli ‘e puverielli,

t’ ‘o puorte tutto ‘n cielo, ‘o gruzzoletto;

po’ lassa ‘a tutti, e viene appriesso a me!”

Isso sentette, e se cagnaje d’aspetto,

uocchie acalate, triste comm’ ‘a che,

nun fuje capace ‘e fa’ ‘nu taglio netto.

“È cchiu’ facile ca ‘nu cammello sano

passa ‘nto buco ‘e ll’ago ‘e cusitore

ca, pe’ chi tene ‘e sorde ‘a ‘rint’ ‘a mano,

a trasi’ dint’ ‘o Regno d’  ‘o Signore!”

Chi ‘o sentette, se n’ ‘appauraje:

”E chi si salva, ‘e nuje peccatori?”

“Tutt’ ‘è possibile, a Chillo che creaje;

si nun putite, ci penzerà ‘o Creatore!”

FRA’ GERARDO:  Gesù così profetizzò all’apostoli:

“Gerusalemme vedrà ‘o compimento

d’ ‘e sacri scritti; ‘e perzone ostili

‘o Figlio ‘e ll’omme, aizeranno ‘o mento;

sarà oltraggiato, flagellato, acciso;

ma ‘o terzo juorno Lui risorgerà!”

Chilli, nun se ne dettero pe’ ntiso:

‘u primmo schiaffo ch’ etta suppurta’!

Giuseppe, dicitece l’ingresso a Gerusalemme!

GIUSEPPE:        A Gerusalemme erano ormaje vicini;

Gesù dicette chesto, a duje discepoli:

“Trasite int’ ‘o paese cca’ vicino

cercate, e troverete arreto a n’angolo

n’asinella attaccata, e m’ a purtate;

e rispunnite a chi ve l’addimanda:

-Gesù tene bisogno-, ricurdate!

-Poi quanne ‘a fernuto, v’ ‘a rimanna!-“

Cu doje cuperte mise ‘ncopp’o basto;

Gesù sagliette, e s’avviaje cu’ classe;

era ‘na brutta strada, tutta guasta,

e ‘a gente ‘a jettà ‘e prete dint’ ‘e fosse;

quann’arrivaje ‘o monte dell’ Ulivi,

c’ ‘a strada bona, ‘a gente abbiaje a canta’;

cuperte n’terra e frasche ‘e legno vivo,

‘nu mare ‘e folla, sempe Dio a loda’!

“È benedetto, chillo che cca’ vene,

pecchè ‘o Signore l’ ‘a mannato a nuje!

Pace e gloria ‘n cielo, e ‘nterra bene!”.

“Fa’ subito sta’ zitta ‘a gente toja!”,

dicettero tra ‘a gente, cierte farisei.

Gesù rispose: “Mo’ pure sciemi site?

Si dico a chisti ‘e fa’ tace’ ‘o corteo,

liggìte ‘a Bibbia, canteranno ‘e prete!”.

ROSARIA:         Trasette poi ‘a rinto ‘o sacro Tempio,

verette ‘e venditori: e che gazzarra!

Era ‘o peggio mercato, vi’ che scempio!

Pigliaje ‘na frusta, e ‘ncuminciaje ‘a guerra!

GENNARO:         (va tra la gente)

“Chesta è la santa casa di mio Padre!

Vuje, ‘e ‘na casa di preghiera sacra,

n’ ‘avite fatta ‘na spelonca ‘e ladre!”

                          E cacciò buoje, palummelle e capre!

E tutt’ ‘e juorne jeva ‘a ‘parla’ ‘o Tempio;

‘a gente, ca ‘o senteva a vocca aperta,

capeva buone, pure co’ ll’esempi,

ll’amore ‘e Dio; era ‘na riscuperta!

‘E sacerdoti e ‘e scribi c’ ‘o sentevano,

pruvavano invidia e gelosia;

‘aret’ a tutte, ‘e mmani se magnavano:

“Mo’ ‘o facimmo muri’, e accussì sia!”

ROSARIA:         P’ ‘o scredita’, pruvarono ‘na cosa,

‘e sacerdoti, ‘e scribbi e cu’ ll’anziani:

“Chi è che te cuncede ‘e fa’ ‘sti cose,

quale potere tiene dint’ ‘e mmani?”.

“Ditemi primma, Giovanni battezzava

c’ ‘o potere d’ ‘o Cielo o della terra?

‘Sto potere, aro’ lle proveniva?”.

E chilli nun putevano fa’ ‘nzarra!

Dicenne “Cielo”, stevano ‘n difetto:

“Pecchè allora nun l’avite fatto?”.

Dicenne “Terra”, vi’ che brutto effetto,

s’arraggiava ‘o popolo di scatto,

pigliava ‘e prete, e buonanotte ‘o sacco!

Dicette ‘o portavoce: “Nun ‘o saccio!”.

“E allora nun v’ ‘o dico, gente sciocca,

cu’ qual autorità ‘sti ccose faccio!”.

FRANCESCO:       Nun ve rico, ‘e scribi e i sacerdoti,

se strignevano cu rraggia tutt’ ‘e diente!

Cu’ chella loro faccia di devoti,

s’appauravano d’ ‘e prete della gente;

cosi’, tranelli ‘nsisti, pe’ farlo cade’,

pe’ provoca’, mannarono spioni

pe’ darlo comm’ a reo, all’autorità,

p’ ‘e falli suoje e le contraddizioni.

E accussì ‘ncumminciaje ll’assedio:

“Se sape ca tu dici ‘a verità,

ca parle buono e segui ‘a Legge ‘e Dio;

‘e tasse ‘e Roma, ll’avimma paga’?”.

‘A dumanda nun era niente scema;

‘o “no” era parola ’e ribellione,

e ‘o “si” era comm’ ‘a n’anatema,

‘o tradimento d’ ‘a popolazione!

Gesù nun ‘a facette, ‘a figuraccia:

“Pigliate la moneta del tributo;

che ce sta scritto? E di chi è ‘a faccia?”

“È Cesare, è isso che ‘a vuluto!”

“Allora è Cesare, a Cesare va dato!

E a Dio, quel ch’ è di Dio, lle riturnate!”

E chilli rimmanettero scurnati,

c’ ‘o popolo ca mureva d’ ‘e rrisate!

GERARDO:          (va tra la gente)

                          “Guagliu’, capite bbuono che ve dico:

pe’ segno che ll’estate s’avvicina,

guardate tutte ‘e piante, comm’ ‘o fico:

mettono ‘a foglia nova, ogne ‘matina;

quanne verite ‘e chisti segni ‘e ffoglie,

stateve all’erta: ‘o Regno v’ è vicino!

Tutt’ ‘e cose sarranno comme paglia;

ma ‘sti parole mie so’ ‘e fierro chino!

State sempe scetati dint’ ‘o core,

nun ve menate int’ ‘o tira’ a campa’,

nun ve facite ‘mbriaca’ ‘e denari;

peggio ‘e accussì, nun ‘o putite fa’!

Vicino ‘e foglie, po’ ce nasce ‘o sciore,

e ‘o frutto ampressa s’ammaturerà;

nun ve stancate de prega’ ll’Ammore,

ma no ‘u mumento che cumparirà!

Comm’ ‘a ‘nu colpo ‘e frusta, all’intrasatta

nu juorno, ‘ncuollo ve capiterà;

Preganne, avrete dentro ‘a forza santa,

chella ca ll’anima pò ve salverà;

chillu juorno pe’ vuje sarrà ‘na festa,

davanti a Dio duvete compari’,

ll’anime chiare d’ ‘e persone oneste

saranno ‘n fila, n’ Cielo pe’ sagli’!”

FRA’ GERARDO:  (va tra la gente)

                      Stev’arrivanno ‘a ricorrenza ‘e ll’Azzimi,

‘a festa d’ ‘a Pasqua ‘mmiez’ ‘o mare;

pe’ tradizione, magnavano cose ottime:

pizza spugliata c’ ‘a cicoria amara!

Int’ ‘o Sinedrio, scribbi e sacerdoti

tenevano già ‘a vocca fatta a fele:

vulevano a Gesù neutralizzato,

ma senza ave’ ll’i prete d’ ‘e fedeli!

GENNARO:          ‘O riavulo, allora, jette a aiuta’.

                      Giuda Iscariota, uno degli Apostoli,

faceva tanti ccose, a verità:

teneva ‘a cassa pe’ tutti i discepoli,

‘e sorde gruossi isso s’ ‘e teneva,

e che vuo’ fa’, po’ uno s’addimentica!

‘A tattica ‘e Gesù nun le piaceva,

chillo nun era affatto ‘nu politico!

Tant’occasioni perze di guadagno,

pe’ chella coccia tosta d’ ‘o Maestro;

contro ‘o Sinedrio poi, vi’ che vergogna!

“E facimmece almeno ‘nu canistro!”

E s’accurdaje cu guardie e sacerdoti,

pe’ consigna’ chillo sobillatore;

“Quann’ è ‘o mumento, senza ‘e suoje devoti,

ve lo darò, parola mia d’onore!”

E accussì arrivammo all’Ultima Cena! Franci’, cuntatacella vuje!

FRANCESCO:      Quanne fu ll’ora, ll’apostoli e Gesù

se mettettero a tavola, ‘o Cenacolo.

“Chesta è ‘a cosa ca me piace ‘e cchiu’;

aspettavo ‘sta cena da ‘nu secolo;

chesta è l’ultima cena, d’ ‘a Passione,

e chesta sera vi faccio ‘nu regalo;

isso sarà ‘a mia rivoluzione;

‘a prossima, nuje c’ ‘a facimmo ‘n Cielo!”

E pigliaje ‘u ppane, ll’uocchie verso ‘o Cielo;

santo ‘o facette, c’ ‘a preghiera soja,

po’ ‘o dividette e ‘o spensaje filo filo:

“Questo songh’ io, ‘o corpo mio, pe’ vuje!”

Po’ pigliaje ‘o vino, ‘o benedicette,

dicenne: “Bevite, chisto è sangue mio,

‘o segno ca suggella ‘o nuovo patto,

pe’ vuje versato, a vulontà di Dio!

‘Nu juorno vuje nun mi vedrete cchiu’;

chello che mo’ aggio fatto, ripetete

pe’ nu’ scurdarvi chi ce sta lassù;

inzieme cu’ ‘mme, vuje vi salverete!”  

FRA’ GERARDO:  Gesù, vi’ quanto bene ca ce vuoje!

Abbasta ‘o poco ‘e pane e ‘o ppoco ‘e vino,

‘na scarda ‘e fede, e tuorne ‘mmiez’a nuje!

Nun ce lassa’, stacce sempe vicino!

Ma a chella cena, ce steva pure ‘o riavulo;

Gesù, a ‘nu certo punto, se sfugaje:

“Chi me tradisce, mangia a chisto tavulo;

passarrà, chillo, ‘o cchiù niro d’ ‘e guaje,

ma chesto è scritto, e s’adda realizza’!”

E ‘ncuminciaje ‘na bella gara tra ll’Apostoli:

“Songh’io?”,“Si’ tu?”,“Che dici? Ma va’ a fa’…”

“So’ meglio ‘e te, e statte zitto, vruoccolo!”  

Era annuttato, e Gesù ascette,

sagliette ‘ncopp’ ‘o monte dell’ Ulivi,

areto chella banda ‘e gente scelta,

‘nu poco sciemi, ma no lavativi!

‘Mmiez’ ‘e fronne arrivaje, e lle dicette:

“Pregate, pe’ nun ave’ tentazioni!”

A denocchie, ‘a n’ ‘ata parte, se mettette,

e ‘ncuminciaje al Padre ll’orazione.

Più di preghiera, era n’atto d’ammore,

puro e lucente, ll’urdemo olocausto.

Ll’anima ‘mmano, ‘o corpo ‘nu tremore,

tanta ll’angoscia, era proprio esausto,,

‘e gocce ‘e sangue carevano ‘a sudore!

Scennette n‘angelo, se sentette meglio,

si rimettette, cu’ n’alito d’ammore.

D’ ‘e suoi discepoli, nisciuno ch’era sveglio,

tra terra e Cielo ‘n c’era paragone!

Gesù, ch’ ‘eva iniziato ‘a Passione,

cercava de sceta’ ’e durmigliuni:

“Pregate, p’ evita’ la tentazione!”.

SEBASTIANO:    (va tra la gente)

L’arrestarono, comm’ ‘a ladrunciello,

e ‘o purtarono ‘o sommo sacerdote;

Pietro lle jeva arreto a zumparielli,

s’annascunneva, pe’ passa’ da ignoto.

Faceva ancora friddo; ‘a rinto ‘a corte,

fuoco appicciato, e tutti a se scarfa’;

Pietro trasette, se squadrava ‘e pporte;

qual’ era meglio via pe’ scappà ‘a lla’?

Mentre ca penza, se scarfa pure ‘u ppoco,

e nun s’accorge ca ‘na serva ‘o fissa:

ROSARIA:           “Oj gente, n’atu piecuro ‘sta lloco!”

“Nun ‘o cunosco, ‘ncapo ca t’ ‘è miso?”

Po’ n’ato: “Pure tu stivi cu’ Isso!”

“E dalli! Nun è overo ciò ca dici!”

Ancora n’atu ppoco, n’ato appriesso:

“Si’ Galileo; tu stivi lla’, tra ll’ amici!”

“Bell’ ‘ò, io nun saccio tu ‘e ca parli!”

SEBASTIANO:    Ma mentre Pietro accussì rispunnette,

Gesù’o guardaje, e cantaje ‘nu gallo.

Pietro c’ ‘a vocca aperta rimmanette,

s’arricurdaje ‘e pparole d’ ‘o Maestro:

“tre vote… ‘o gallo… ‘o tradimento…!”

‘E llacreme scennevano a canistro;

se ne fujette, pe’ chiagne amaramente!

Quanne fuje juorno, ‘o portarono ‘o Sinedrio,

e si riunì ‘o Consiglio co’ ‘ll’ anziani,

i scribbi e ‘e sacerdoti; ‘nu mortorio!

“Ti dice Cristo; è vero, o so’ ‘nvenzioni?”

“Nun putimmo parla’, ca nun credite;

si v’addimanno, rispunnite niente;

perciò ve dico: suo Figlio, che vedite

da mo’, sta affianco a Dio onnipotente!”

Si nun murette ‘e subbito, ‘o Sinedrio,

fuje pe’ virtù e gloria d’ ‘o Spirito Santo!

“Ma comme, Dio, da sempe è detto l’Unico,

e viene a dicere c’ ‘a Isso si’ congiunto?”

“Ma comme, Dio, intoccabile, santissimo,

e tu che fai? T’assiette lla’ de scianco?”

“Ma comme, Dio ch’ è spirito purissimo,

mo’ tene ‘o figlio… o ce ne ‘sta ‘na vranca?”

“Allora si’ suo pari; n’ato, e ‘o stesso;

ma te penzassi ‘e Dio d‘essere ‘o Figlio?”

“So’ proprio io, ll’avite detto adesso!”

‘A gente jastemmava; ‘nu scumpiglio!

“Nui ‘ammo ‘ntiso, sultanto tu l’ ‘e detto!”

“Bestemmia, è pazzo, è n’avvinazzato!”

“N’ ‘ammo bisogno ‘e testi, p’ ‘o verdetto:

ingiurie a Dio, va subbeto ammazzato!”

GIUSEPPE:        ‘O Sinedrio parlaje, e s’ ‘eva fa’ accussì.

“Addu Pilato, nun ce spurcammo ‘e mmani!”

E tutti che s’aizarono, nisciuno ca arrossì,

‘u Consiglio spustarono ‘a casa d’ ‘e rumani.

“’Stu sobillatore nun fa paga’ ‘e tasse,

e, comme fosse poco, se fa chiammare Re!”

L’essimo acciso, se ce cumpetesse;

pè ‘na cundanna justa, ’ammo purtato a te!”

GIOVANNI:         Pilato jeva chiano, cu’ chella strana gente;

‘a religione, poi! Ma isso era rumano,

e sulo ‘na parola, trasette dint’ ‘a mente:

lla’ se parlava ‘e “Re”! ‘O riesto? See, dimani….

E le chiedette subito: "Tu si’ Re d’ ‘e Giudei?"

Gesù rispose a tono: "Si’ tu che ‘o dici a me.".

“Ma ca jate truvanno, ne’ facce ‘e mausolei?

Io nun ce veco colpa, che ‘ato aggia vede’?”

MARIA:             Ma tutti ‘o chiuovo a vàttere, ca lla’ ‘eva trasì;

“Chisto scuieta ‘e popoli, Giudei e Galilei!”

“Ah, tu si’ Galileo? E mo’ faccio accussì’!

Te giudica Re Erode, uno ‘e ll’amici miei!”

PEPPE:             Sentenne chesta cosa, Erode fuje cuntiento;

                          se ne parlava tanto, pe’ dint’ ’o palazzo;

puteva, da vicino, vede’ chillu purtiento:

“Vedimmo ‘nu miracolo, o guarigione ‘e pazzo!”.

GENNARO:         (va tra la gente)

                          Gesù lle fuje purtato, ce steva tanta gente,

Erode dimannava, Gesù nun rispunneva,

guardava sulo ‘nterra, nun diceva niente;

intanto Erode attuorno, girava e nun capeva!

‘E dotti sacerdoti, ‘e scribbi, e po’ ll’anziani

insieme cchiù o meno, ma tutti all’accusa’,

Erode cu’ Gesù faceva ‘o ruffiano,

e s’ ‘a rideva ‘o popolo, ‘o ‘bbiava a cuffia’!

Gesù rispetto a Erode pareva ‘nu signore,

chiuso ‘int’ a se stesso, cu superiorità;

Erode se sperdeva; pe’ nun perdere onore,

vutaje chella frittata ‘ncopp’ all ’ilarità.

SEBASTIANO:    Vestuto comm’ ‘a Re, cu ‘na mantella rossa,

trattato comme scemo, ‘o riturnaje a Pilato;

fernette ch’e risate, chisto real processo:

Gesù tutto vincette, Erode fuje scurnato!

E n’ata vota ‘a via, ch’ ‘e catene ‘e ‘mane,

‘e prete vive pe’ sotto ‘e pieri annuri,

n’ata vota jette Gesù annanz’ ‘o romano,

cu tutt’ ‘o Cunsiglio ‘e cape ‘e segatura!

ANNA:              Pilato accumminciaje: “Ebrei, vuje ate ditto

ca s’adda cundanna’ ’stu Galileo!

‘I n’ ‘aggio visto niente fatto contro diritto,

e pure Erode Re nun ‘a truvato reo.

Gesù nun è colpevole, nun ‘a viulato niente;

nun è possibile ch’ ‘o faccio cundanna’,

nun insistite ancora, vuje e ‘a vosta gente,

‘o punirò pe’ bene, po’ se libererà!”.

GERARDO          “Ma no, che staj dicenne? Chisto ‘adda muri’!”,

strillava tutt’ ‘a gente, senza remissione;

“Prima lo punirò, e poi fuori di qui!”,

rispunnette Pilato, ch’ ‘aveva cumpassione.

“A morte! Nuje vulimmo Barabba libberato!”

                          E’ Isso ‘o vero eroe, nun è n’agitatore!”.

                          Pe’ chesta loro scelta, Gesù fuje massacrato,

vulettero scagna’ ‘a morte cu ll’ammore!

FRANCESCO       Pilato ‘a terza vota ancora ce pruvaje:

“’Stu Galileo cca’, ‘a già penato ‘e frusta;

Nun s’ ‘a pigliato niente, nun’ acciso maje,

‘a pena ca vulite è overamente ingiusta!

‘E miej bravi surdati già ll’anno castigato,

dicite, nun v’abbasta, chesta punizione?

Ebrei, penzate buono a chello ca vui fate;

chisto ce rappresenta overo ll’espiazione!”

GIUSEPPE:        Allora tutt’ ‘a gente, cu’ na sola voce:

“Adda muri’ acciso, annuro ‘ncopp’ ‘a croce!”,

Pilato fuje costretto a da’ ll’ordine atroce,

scansanne ‘a ribellione d’ ‘o popolo feroce.

Gesù perciò ‘e surdati venette cunsignato,

cu ll’ordine ‘e Pilato ‘e fa’ ll’esecuzione,

e ‘o brigante Barabba, felice e liberato,

se ne turnaje allero ‘a soja abitazione.

MENDICANTE:(preceduta dal suono di una tammorra, guidata da una bambina, entra tra il pubblico la cieca appoggiandosi a un lungo bastone)

Gesù sfiancato, e pure sanguinante,

comme s’ausava, ‘a croce ‘etta purta’,

‘nu trave chino ‘e scarde e assaje pesante,

ca n’omme sulo n’ ‘o pputeva fa’.

Surdate ca strillavano p’ ‘a reta,

Gesù ‘a croce soja s‘etta abbraccia’,

‘a via saglieva, ‘nterra chino ‘e prete,

‘u ppoco ‘a vota, ll’abbiaje a trascena’.

Ce steva gente, ‘e lati d’ ‘a via stretta;

‘a brava gente, ch’ ‘e denocchie ‘nterra,

chiagneva chiano, dint’ ‘o fazzuletto;

ce steva chi strillava morte e guerra,

ce steva ‘o Cunsiglio d’ o Sinedrio,

e uno ca s’arricurdava ‘na scadenza,

e nun perdeva ‘e vista chillu Figlio;

era Satana, ‘na vecchia canuscenza!

Gesù carette ‘a sulo, sott’ ‘a croce,

nisciuno ca lle jeva a da’ na mano,

quanne ‘e s’aiza’ nun fuje capace,

‘a surdataglia jette a chiamma’ Simone,

‘nu Cireneo venuto d’ ‘a campagna,

ch’aiutasse Gesù, senza fa’ lagne.

“Gesù, comme si’ capitato ‘int’a ‘sta rogna?

‘A brava gente pe’ te sbatte e chiagne!”.

Gesù dicette ‘e donne ca chiagnevano:

“Nun è per me ca vuje ‘ata pena’;

lamentatevi p’ ‘e figlie ca ve veneno,

pe’ vuje, parienti e pe’ chi nascerà;

saranno oppresse ‘e persone oneste,

‘a morte stessa sarrà liberazione,

perché se fanno chesto a chilli justi,

che lle faranno invece ‘e mascalzune?”

ROSARIA:         ‘A fine ‘ncopp’ ‘o Golgota arrivarono,

inzieme ch’ ‘e ladruni cundannati,

pigliarono a Gesù e ‘o ‘nchiuvarono;

‘e mmani e ‘e pieri furono straziati,

FRANCESCO:       ascette ll’atu sangue, ‘ncopp’ ‘a croce,

                          e ‘mmiez’e ladri ‘a essa fuje aizata.

                          Gesù se ripigliaje, e ascette ‘a voce:

                          è ‘na preghiera che tutto ‘a perdunato:

GERARDO:         (va tra la gente)

                      “Padre, perdona tutta chesta gente,

perché chello che fanno nun ‘o sanno!”

Lla’ ‘ncoppa, annuro, cu ‘na vocca ardente,

c’ ‘a sciorte ‘a sotto ca sparteva ‘e panni,

ANNA:              vedeva abbascio ‘e femmene innocenti,

                          chi ll’eva osannato a ogne passo,

                          ‘e sacerdoti, e ‘o viecchio cunuscente:

                          steva ‘nu poco a parte, Satanasso!

SEBASTIANO:    ‘E viecchi ‘o cuffiavano ridenne:

“Comm’ ‘a salvato ll’ati, scenna sulo;

Si’ Figlio a Dio? E allora vienatenne,

facce vede’, si è overo, o si’ cetrulo!”

GENNARO:          Pure ‘e surdati, ‘o stesso ritornello;

                          pure ch’ ‘e moribondi, inferocite;

                          pe’ ridere, lle devano ‘o vinello,

                          ma era o’ vino che sapeva ‘acite!

GIOVANNI:        N’ato oltraggio ‘ncopp’ ‘a capa soja:

‘nu scritto che diceva “Chisto è ‘o Re!”;

pure ‘o ladrone, pigliaje ‘a scorciatoja:

“Jamme, scennimmacenne tutt’ ‘e tre!”

MARIA:             Ll’atu brigante, invece, se ‘nquartaje:

“Si stammo cca’, nuje l’ammo ammeritato!

Gesù, a nisciuno ‘a fatto male, maje!

Cu’ Dio tiene crianza, si no riesti dannato!”

PEPPE:             Parlanne cu’ Gesù pò sussurraje:

“Maestro, tu me vidi, io nun so’ degno,

ma penza pure a me, quanne sarraje

int’ ‘a gloria infinita d’ ‘o tuo Regno!”

GIUSEPPE:        E Gesù, aizanne ‘a capa, lle dicette

chelli parole che ognuno vo’ senti:

“’N Cielo cu mme, oggi, tu t’assiette;

supporta, prega, nun te spazienti’!”

MARIA: (va tra la gente – Musica: “Lanterna magica”)

                      A miezjuorno ‘o sole s’oscuraje,

e jette, fin’ ‘e tre, annanze accussì’.

Gesù ‘eva fernuto ‘a pena soja,

restava ormai sultanto de muri’.

‘Nu grande strillo, ll’ultima orazione,

primma ‘e turna’ ‘mbraccio ‘o Padre suojo:

“Padre, è finita chesta mia Passione;

mo’ pozzo riturna’ ‘nte mani toje!”

Dicette ‘sti pparole, poi spirò.

Pareva muorto, ma steva ‘ncopp’ ‘o trono!

‘U velo d’ ‘o tempio si squarciò;

Dio era curzo annanze ‘o figlio suojo.

‘O cielo niro niro, ‘o terremoto,

‘nu viento forte, nuvole ch’  ‘e lampi,

‘a gente ‘nterra se sbatteva ‘m pietto,

e ‘o riavulo fujeva dint’ ‘e campi!

Pure ‘e rumani, adoraturi ‘e dei,

uommene ‘e guerra, persero ‘e colore;

‘na cosa ‘e chesta nun s’era vista maje:

“Chist’era proprio Figlio d’ ‘o Signore!”

‘A ggente se ne jeva, chiano chiano,

ma Gesù nun rimmanette sulo;

‘a mamma sott’ ‘a croce, aizanne ‘e mmani,

s’accarezzava ‘e piedi ‘o figlio sujo.

FRA’ GERARDO:  ‘O juorno doppo ‘o sabato, ‘a matina,

jettero ‘a tomba, ch’ ‘e mmummere ‘e ll’unguento:

MARIA:               “Chi sarrà stato, ‘stu figlio ‘e ‘na mappina,

a leva’ ‘a preta?                   

ROSARIA:                            Jammo a vede’ ‘a rento!”

FRA’ GERARDO:  Ma chillo corpo, nun ce steva cchiu’;

chi l’eva muosso, e pecchè ll’eva fatto?

Guardanne attuorno pe’ truva’ a Gesù,

verettero doje ombre all’intrasatta:

duje angeli, vestute ‘e luce janca;

se mettettero tutte a faccia ‘nterra!

SEBASTIANO:    “Tra ‘e muorti, nun ce sta uno ca manca,

Gesù è vivo, ‘a vinto ‘a grande guerra,

nun ‘sta cchiu’ cca’, pecch’ è risuscitato!

V’aveva ditto, ch’ eva suffri’ forte,

miso ‘n croce d’ ‘a gente, arricordate,

e ‘u terzo juorno, resuscita’ d’ ‘a morte!”

GENNARO:         E finalmente ‘e femmene capettero;

e cchiu’ cuntente che risullevate,

jettate tutt’ ‘e mmummere, currettero

addo’ ll’apostoli, arrivanne surate!

Ll’Apostoli furono a ‘na botta circondati

‘a ‘na chiorma ‘e femmene alluccanti:

ANNA:              “Uommene, Gesù è resuscitato!”

ROSARIA:         “Tomba vacante!”,

ANNA:                “Duje angeli lucenti!”

GIULIA (bambina):                                  (vicino a mamma Rosaria, ripete a gran voce)

                      “Uommene, Gesù è resuscitato!

                      Tomba vacante!

                          Duje angeli lucenti!”

FRA’ GERARDO:  Comme se fa a credere ‘e parole,

si tiene ‘o dispiacere rint’ ‘o pietto,

si, p’ ‘o Maestro perzo, chiagne ‘o core?

P’ ‘e femmene, tenevano ll’affetto,

ma crerere, era tutta n’ata cosa!

A ogni buon conto, Pietro jette a vede’;

truvaje sulo ‘e bende, ‘nterra mise,

s’arricurdaje ‘e fatti, e abbiaje a crede’!

DIGNITARIO:     E mò basta! Ma che facite?... e ‘nu poco ‘e rispetto! Tutta ‘sta gente ‘sta a raccunta’ ‘a vita ‘e Cristo e vuje, ‘a quanne site trasuto int’ ‘o votta-votta, nun ve site fermato ‘nu mumento! … E aggiate pacienza (si inchina) Maestà!

IL MATTO:         (sale sulla pedana di Frà Gerardo, che gli cede il posto; si toglie la maschera: è Ferdinando IV)

                      Assa fa’…! E finalmente v’ ‘è asciuta ‘sta prioccupazione ‘e me ferma’!... Caracciolo, io songo ‘o Re, e a me nisciuno me pò ferma’!

TUTTI:                (applaudono) Viva ‘o Re!... Bravo, Ferdina’! Tutt’ ‘e suddite so’ cu vuje!

FERDINANDO:    (chiama a gran voce) Colonnello comandante La Baronia! Trasite!

(con un rullo di tamburi: entra la Guardia d’Onore di Re Ferdinando. I soldati si dispongono ciascuno davanti ad un banco del mercato appoggiandosi al fucile)

                      (al Dignitario)Sentite?!... Vox Popoli!... E nun se ne po’ cchiù!... “Vuje site ‘o Re… ammascheratevi… si ‘o popolo ve vede nun se diverte ‘o mercato”… Ma chi l’ha ditto!?... A me ‘o Vangelo int’ ‘o mercato me piace assaje! (al pubblico) e si me piace a me… ‘ce piace pur’ ‘e sudditi!... E’ overo, si o no…!? 

TUTTI:             (applaudono) E’ overo!... Ferdinà, è overo…!

FERDINANDO:    E accussì, caro Ministro e cari sudditi, ‘o Vangelo ‘o vulimmo dicere pure noi… da mo’ fino alla fine!

TUTTI:                ‘O Vangelo a sua Maestà!... Cuntate… cuntate!... Silenzio, mo’ trase ‘o Re!

FERDINANDO:    ‘Nu mumento, ‘nu mumento!... ‘I so’ Re int’ ‘a ‘sta terra nosta, e chest’ ‘o ssapite tutte quanti… ma ISSO è ‘o Re de tutt’ ‘o munno, ‘ncielo e ‘nterra, e io ‘o prego tutt’ ‘e juorne, comme fammo ‘e miei fedeli sudditi, nobili e non… Frate Gerardo, addove evimo arrivate?

FRA’ GERARDO:  Overamente, Maestà, vuje site ‘o Re, e putite dicere pure tutto quanto ‘o Vangelo… comunque mo’ ce sta a dicere l’incontro d’Emmaus, e quanne Giesù beneritto sagliette ‘n Cielo!”…

FERDINANDO:    Aggio capito! Mo’ ‘n ce penzo io! Sudditi, stateve accuorti:

                      ‘Na sera, duje discepoli pe’ strada,

verso Emmaus, paesuccio nun luntano,

parlavano ‘e chella morte brutta e crura,

turnanne ‘a casa, c’ ‘a mappatella ‘mmano.

                      Cammina che cammina, ‘nu viandante,

se chiammava Gesù, s’avvicinò.

Nun dicette chi era, pe’ tramente:

“Bell’uo’, ‘e che parlate?”, dumandò.

                      “Ma tu ne vieni r’ ‘a Gerusalemme,

nun sai, n’ ‘e visto, che ‘anno fatto llà?

‘Anno acciso ‘o Maestro, Gesù, insomma!

‘O cchiù grande prufeta, tre juorne fa!

                      E penza, cocche femmena c’ ‘a mirra,

è juta ‘a tomba pe’ sistema’ ‘o muorto,

l’ ‘a truvata vacante, ‘e fferze ‘nterra,

e ‘na visione, diceva ca è risorto;

                      pure nuje simme jute a controlla’:

‘a tomba vacante, lenzola pe’ ‘nterra,

e mo’ ca nun sapimmo cchiù che fa’,

turnammo ‘a casa, pe’ zappa’ la terra!”

                      Gesù rispunnette: “Mo’ sentite:

v’ate scurdate ‘e profeti della storia?

‘O Cristo ‘e Dio, vuje nun ‘o credite,

ch’eva suffri’, p’ ‘entra’ nella sua gloria?”

E chianu chiano, dai tempi di Mosè,

spiegaje le profezie della Scrittura.

Ce vulette ‘a pacienza di Gesù:

sulo c’ ‘a paglia, ‘a nespula ammatura!

                      I duje discepoli erano arrivati,

Gesù ‘e salutaje e tiraje ‘nnanze,

ma lloro ormai s’erano accaniti:

“Statte a cena cu nuje; e dimani a pranzo!

Quanne Gesù fuje cu lloro a tavola,

pigliaje ‘o ppane e ‘o benedicette,

lo spezzò, e lo dette ‘e discepoli,

e solo allora ‘a gente ‘o cunuscette!

                      S’aizarono ‘n paranza dalle seggiole,

ma Gesù all’improvviso scumparette!

“‘E corza a Gerusalemme dall’Apostoli!

Ca ce ne ‘mporta, ca viaggiammo ‘e notte?”

                      ‘A tristezza ‘e ll’andata era scumparsa,

currevano alleri, ridenno comm’ ‘e pazzi,

“Gesù è vivo, vicino ci è cumparso!”

alluccavano, passanne pe’ vie e piazze!

Quanne alla fine furono arrivati,

dicettero all’Apostoli ‘sta storia;

issi ne rimmanettero stupiti,

c’ ‘o core c’abbiava a cantà ‘o “Gloria”!

E mentre ca parlavano tra lloro,

Gesù apparette, c’ ‘o saluto ‘e pace.

“Levateve ‘e dubbi arint’ ‘o core;

so’ proprio io, faciteve capace!

Nun so’ fantasma, nè state in errore,

so’ vivo, ecco ‘e segni della croce!” 

Ma issi ‘a guarda’, cu cche timore,

‘a vocca aperta, senza ‘u filo ‘e voce!

“Guagliu’, scetateve, ‘amma fatica’…

e dateme ‘na cosa da mangiare!”

‘Nu poco ‘e pesce s‘abbiaje a magna’,

mentre che lle spiegava le Scritture:

“Sta scritto che ‘u Cristo patira’

e ‘u terzo juorno ‘adda turna’ d’ ‘e muorti!

C’ ‘o nomme suojo si perdonera’,

primma int’ ‘a casa e po’ pe’ ll’ati corti!

Poi ‘e purtaje fore, ‘e benedicette,

e mentre che ‘o ffaceva, scumpari’!

‘E lassaje overo? No, Isso dicette:

”State sicuri, cu vuje, ce sto pur’ ‘i!

Nun me verite? Guardate buono ‘a ggente:

poveri, viecchi, addulurati e tristi;

e chi è felice, e chi ‘a gloria canta,

songh’io ogne vota, l’immagine di Cristo!”

                          Gesù risorto se n’era juto ‘n Cielo,

ma le teneva sempe cumpagnia,

mentre dint’ ‘o Cenacolo, cu zelo,

pregavano, ll’Apostoli e Maria.

                          Dint’ ‘a Gerusalemme tutt’ ‘a gente,

vedeva ‘stu gruppetto di fedeli

prega’, spezzanno ‘o pane, pe’ tramente

ca ll’ati le spiegavano ‘o Vangelo.

                          ‘A gente, cu ‘na famme ‘e verità,

truvava finalmente ‘o ppane justo;

ce steva sempe ‘a fila a battezza’,

e quanne se pregava era ‘na festa!

                          E n’ ‘arrivavano, proteste r’ ‘e dottori!

“Vui chesto nun putite predica’!”

Guaj e dispietti, ‘e tutt’ ‘e culori,

ma niente ‘e putette cchiù ferma’!

(tutti gli artigiani dei banchi salgono sul proprio banco man mano che il Re avanza per andare a raggiungere la pedana orchestra)

                          Comme fa ‘a pasta, c’ ‘o lievito ammiscato,

ca chiano se sulleva, doce doce,

accussì ‘a gente vene conquistata,

sentenne ‘e cose, ca ce ‘a detto ‘a Voce.

                          E chelli pover’anime acciaccate,

c’ ‘o core friddo comm’ ‘a ‘nu macigno,

arapeno ‘a fenesta sull’estate,

scarfannese cu’ Dio, sole d’ ‘o Regno!

                          ‘Nu bravo piscatore Pietro è stato,

‘na varchetella int’ ‘o mare vasto,

‘a saputo purta’, nun ‘a sbagliato,

senza durmi’, scanzanne onde e tempeste,

                          ‘e scogli, e ll’eresie: nun è affunnata,

grazie pure all’aiuto d’ ‘o Signore;

‘o seme d’ ‘o Vangelo è germogliato:

“Gesù, ma quant’ è bello chisto sciore!”

(il Re ha raggiounto la pedana orchestra)

Frà Gerardo, aggio fernuto ‘e fatica’! E mò ca ‘stu Vangelo è fernuto, ‘n ce vo’ ‘a morale p’ ‘e sudditi miei! Cuntate, cuntate vuje!... Ate capito, o no?

FRA’ GERARDO:   Io? Ah, aggio capito, Maestà!...

                          Si ‘stu Libro fin’ ‘oggi c’è arrivato,

cu’ ‘nu messaggio ca nun more maje,

nun ‘o tenimmo chiuso o trascurato,

e si ‘arapimmo, nun scanzammo guaje;

ch’ ‘e brutte carte ‘amma fa’ buon viso,

senza campa’ cercanne gloria e onore,

‘a meglio cosa è arriva’ ‘n paraviso,

vivenne ‘a Parola d’ ‘o Signore!

FINE

Sarà chiammato ‘o Re… - Glossario

Napoletano

Italiano

abbuccato

dolce e saporito

acchittato

Addobbato

accucchiare

mettere insieme

aggjo

Ho

ainiello

Agnello

all’intrasatta

all'improvviso

alluccare

Urlare

ammuina

Chiasso

astipare

Conservare

aunare

Raccogliere

bagattelle

Sciocchezze

bannera

Bandiera

basilocco

Beota

bavattelle

Sciocchezze

buffo

Schiaffo

cajola

Gabbia

caletto

Chiavistello

cato

Tino

cauzetta

Calza

chinchi

Tegole

chiummo

Piombo

ciorta

Sorte

crianza

Rispetto

cuccare

Coricare

cummara

Amante

denocchio

Ginoccho

durice

Dodici

evera

Erba

farfariello

Demonio

farsi ‘o viaggio

Morire

faveze

False

fele

Fiele

figlio ‘e ‘na mappina

figlio di buona mamma

filo filo

Dettagliatamente

fronna

Foglia

intrigare

spartire, avere a che fare

jammariello

Gamberetto

lene

Legni

macchiaviello

Furbastro

magnà ‘e mmani

Disperarsi

mappatella

involto, fagotto

marpione

Approfittatore

Michelasso

Perdigiorno, ozioso

monsù

Cuoco

muccusiellio

Mocciosetto

mummera

giara di terracotta a due manici

munaciello

Demonio

munnare

Pulire

‘ncanne

in gola

‘ncopp’

al di sopra

‘ncrocchiare

Agganciare

‘nsisti

in gamba

‘ntruppecare

Incespicare, incagliare

nun tenere ‘a pezza (a colore)

nun potere far nulla

‘nzarra

Litigio

‘nzurato

Ammogliato

oillanne

Eccolo

palummella

Colomba

pe’ tramente

nel frattempo

petaccia

Straccio

pilo pilo

in modo molto ordinato

prena

Incinta

priezza

Allegria

puteca

Bottega

quatt’ ‘e maggio

giorno dedicato ai traslochi

rezza

rete da pesca

ricetto

Pausa

raggia

Rabbia

sbrevugnato

Svergognato

scarda

Scheggia

scetato

Svegliato

schiuvato

buono a nulla

sciato

Fiato

seccia

Malaugurio

secutare

seguire con accanimento

segge

Sedie

semmana

Settimana

sguigliare

Germogliare

sische

Fischi

spia

Messaggio

stramana

Secondaria

streuzo

Cretino

suppigno

tetto, solaio

tenere ‘o pere ‘a llà

Agonizzare

trasire

Entrare

tuocco

pezzo di tronco

vallina

Gallina

vranca

Pugno

vummecare

Vomitare

vuttare ‘e mmani

Sbrigarsi

zeffunno

con abbondanza

zita

ragazza nubile

zucare

Succhiare

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno