Scenette

Stampa questo copione

SCENETTE

di Alfio Bonanno
IL MAGO NUTELMA

(Il mago Nutelma è vestito da mago, Il tavolino ha un buco al centro e sotto c’è l’aiutante che lo fa camminare)

NUTELMA - (entra con arie da mago orientale, si ferma al centro della scena e lancia un saluto magico alla platea ) Buonasera e buona fortuna a tutti i telespettatori, questa sera: il solo ,l’unico, il divino, il magico, l’impareggiabile Mago Nutelma! Lo so’, lo so’ che siete impazienti di sapere come vanno le vostre cose, si capisce lo so’ meglio io che voi , io di voi so più cose di quante ne potete sapere voi, perchè voi della vostra vita non ne sapete niente! Passiamo subito a risolvere i vostri problemi, che voi nemmeno sapete di avere, e a rispondere alle vostre domande che voi nemmeno sapete di volermi fare! Prendo posizione al mio tavolino ... e unni si ni iu? Ma è possibili mai? un ghiornu o n’autru ci stoccu na iamma m’ata a cridiri! Tavolino vieni qui! Arricogghiti subbitu se no ti sbambu!

TAVOLINO - (arriva di corsa, quando è vicino al mago e si vede minacciato fa per tornare indietro)

NUTELMA - Non ti moviri di ddocu ca se no’ ti scavigghiu, ti mannu na scarica di energia esoterica ca t’arridduciu un munzeddu di pruvulazzu!

TAVOLINO - (si mette a tremare)

NUTELMA - E chi ci tremi ? Cca veni, cca, nenti ti fazzu, non ti preoccupari! E circamu di smittilla di iri furriannu a matula ca cca hama a travagghiari, u capisti?

TAVOLINO - (fa segno di si)

NUTELMA - Forza Posizionati ca c’è già un populu ca aspetta i miei responsi, mettiti fermu a centru ca pigghiu a seggia e m’assettu. (il tavolino esegue, Nutelma si siede e comincia a d assumere pose da mago divinatore, poi ad un tratto si stupisce)  E unni iu a finiri a sfera magica? E chi tutti i ferri d’o misteri a spassu haiu oggi? Sfera! Oh sfera si po’ sapiri unni si, aricogghiti all’istanti ca se no ti sfrantumu! (compie gesti magici verso i vari angoli e ad un tratto la sfera arriva volando, lanciata da dietro le quinte e lui l’afferra al volo, [se ce la fa ...] ) Oh finalmenti t’arrichugghisti! Si po’ sapiri unni a statu ah? (se l’appoggia all’orecchio e poi) E brava, brava, “un gireto in giardino” (seccato, rimporoverando)  E si ti scangiunu ppi un comunissimu brocculu/[palluni] (a secondo di cosa si usa per sfera)  a poi chi facemu, m’u sa’ diri? (se l’appoggia nuovamente all’orecchio) Ah! A pasta ch’i brocculi / [na partita o palluni] ... non ti scafazzu a mirudda picchì mi servi ma dopu a trasmissioni ni parramu a sulu! Dunque (posiziona la sfera a centro del tavolino) azionaiamo il mio telefono ectoplasmatico e andiamo con la prima telefonata ... c’è qualcuno in linea? ... c’è qualcuno in linea? ... ‘nsumma c’è qualche telefonata?

TELEFONO - (voce di donna) Si iu ci sugnu o telefunu ...

NUTELMA - e allura picchì non m’arrispunni si dicu c’è qualcuno in linea?

TELEFONO - Ca picchì pisu centuquaranta chila non è ca sugnu tantu in linea ...

NUTELMA - Va beni gioia ho capito dimmi chi sei.

TELEFONO - Sono Giuliana, peso cento quaranta chili, ho diciassette anni, capelli biondi, occhi azzurri, sono fidanzata con Giorgio che pesa cento cinquanta chili, e ci siamo lasciati ieri quando mi portava di dietro sul motorino e gli sono scoppiate tutte e due le ruote ...

NUTELMA - Basta, (leggendo sulla sfera con le mani stese sopra) non mi dire più niente che giùà ho capito tutto: tu ti chiami Giuliana, vero?

TELEFONO - Si! Ma come ha fatto ad indovinare?

NUTELMA - E ancora c’ha vistu, gioia? Tu pesi centoquaranta chili, vero?

TELEFONO - Si!

NUTELMA - Hai ... (legge nella sfera)  diciassette anni!

TELEFONO - Si! Ma è incredibile!

NUTELMA - U megghiu ancora ha veniri! (continua a leggere) vedo, vedo che hai gli occhi azzurri e i capelli biondi, esatto?

TELEFONO - (emozionata)  Esatto!

NUTELMA - Il tuo fidanzato si chiama Giorgio che pesa cento cinquanta chili e vi siete lasciati ieri, giusto?

TELEFONO - Giustissimo, ma adesso, divino Nutelma, m’u sapi diri chi hai a a fari? Secunnu me mi lassau p’o fattu de roti scuppiati ...

NUTELMA - In un certo senso hai ragione (leggendo sulla sfera)  ma non ci vedo ancora chiaro, dimmi sorellina quante volte è successo che gli hai scoppiato tutte e due le gomme?

TELEFONO - A essere sincera na vota o iornu ...

NUTELMA - Ah! E allora ci vedo chiaro ...

TELEFONO - Mi lassau picchì spinneva ttroppu sordi?

NUTELMA - No, chi dici? Ti lassau picchì si fici zitu c’a soru d’o gummista, stava chiossai a so casa ca ccu tia ...

TELEFONO - Ma allora cosa devo fare? Sono disperata!

NUTELMA - Dimmi na cosa, quantu pisa a soru d’o gummista?

TELEFONO - Beh, più o meno centu uttanta chila ...

NUTELMA - E allura ci dici a to frati ca si rapi n’officina di carruzzeri ... ti salutu gioia, Passiamo a un altra telefonata ... C’è qualcuno in linea?

TELEFONO2 - (altra voce femminile) Si.

NUTELMA - E allura?

TELEFONO2 - E allura chi?

NUTELMA - E allura chi voi? Picchì telefonasti?

TELEFONO2 - Sono ...

NUTELMA - Muta (il tavolino da dei sussulti improvvisi) Sento che sei una donna di circa cinquant’anni ...

TELEFONO2 - Senti ...

NUTELMA - Sento che sei una persona molto aggressiva e che hai problemi con tuo marito perchè lui si spaventa tanto di te che a casa cerca di non esserci mai ...

TELEFONO2 - Senti ...

NUTELMA - Sento che cerchi di metterti in contatto con lui ma lui ti sfugge continuamente ...

TELEFONO2 - Senti ...

NUTELMA - Sento ...

TELEFONO2 - (sopraffacendolo) Senti beddu, cerca di non fari u scemu, e finiscila cu ssi buffunati u sai benissimu ca sugnu to mugghieri, e cerca di arricugghiriti a casa ca mi lassassti ‘nta un mari di trafichi, i sordi quannu i porti ca ni staccaru luci talefunu e acqua, e u putiaru mancu mi voi fari chù cridenza ca havi ca no pavamu ocche quatru misi?

NUTELMA - Ma senti Aitina, tu propriu cca o travagghiu m’ha chiamari, non ti l’ha dittu milli voti ca m’ha lassari in paci quannu sugnu cca?

TELEFONO2 - Ma si dopu ca a casa non ci si mai? Almenu accussì t’i pozzu diri quattru, ‘nsumma sti sordi quannu i porti?

NUTELMA - Prestu ...

TELEFONO2 - Prestu quannu?

NUTELMA - Ca prestu, appena pozzu ...

TELEFONO2 - No! Troppu tardu è, subbitu mi l’ha purtari

NUTELMA - Comu finisci a trasmissioni mancu?

TELEFONO2 - Va beni ma si sgarri di un minutu ti vegnu a pigghiu direttamenti di intra a televisioni, u capisti?

NUTELMA - Va beni, va beni, ora u stacchi stu talefunu ca non mi facisti travagghiari chiù? Oh! (si morde le mani, assesta uno schiaffo allla sfera e la lanci afuori dalle quinte) Sta me mugghirazza è na rovina! Porca di ll’opira! Allura ... Torniamo a noi ... mizzica a sfera ...(fa qualche tentativo magico di farla ritornare senza però riuscirci )  Ora chidda sarà affinnuta e sa quannu torna ... Pazienza ... Evochiamo lo spirito ectoplasmatico di Path Hatì e continuimao a lavorare ... Spirito di Path Hatì, spirito di Path Hatì vieni subito ... ca a iurnati ni squagghiau (continua a fare gesti magici e dal buco centrale del tavolino emerge la testa dello spirito = la persona che è stata sotto il tavolino per farlo muovere)  Auh cu to commudu ah?

TAVOLINO - Con calma e per favore! E parramu arucati se no ti ni va cerchi n’autru!

NUTELMA - (lo prende per un’orecchia, gliela stira e gli parla sottovoce) Senza fari u spertu ccu mia ca se no daveru t’abbruciu! (lascia l’orecchia, gli riassesta i capelli e continua rivolto al pubblico) Dunque passiamo a un altra telefonata, c’è qualcuno in linea? Prego la regia di filtrare le telefonate e si su me’ parenti cci diciti ca non ci sugnu,  C’è qualcuno in linea?

TELEFONO 3 - (voce maschile, di anziano ) Iu ci sugnu ... chi sugnu furtunatu?

NUTELMA - E chi ni sacciu si si Furtunatu o Girolamu? Mancu u to nomu sai?

TELEFONO3 - No , dicu iu chi sugnu furtunatu?

NUTELMA - Senti o nannu, non ni stamu capennu iu ‘nzettu zoccu ti capita ma non è ca pozzu sapiri comu ti chiami ..

TELEFONO - Iu sugnu Crispinu di Partanna, vogghiu sapri si sugnu furtunatu ...

NUTELMA - No, non si furtunatu, si Crispinu ...

TELEFONO3 - Ma picchi mi dici cretinu?

NUTELMA - Ma quali cretinu, dissi Crispinu, Crispinu ...

TELEFONO3 - Ah, u capii, m’hava scusari, parrassi chiù forti ca sugnu un pocu surdu ...

NUTELMA - Bonu vah! Ci mancava macari u surdu ...

TELEFONO3 - Non è veru!

NUTELMA -Comu non è veru m’u dicisti tu ca si surdu

TELEFONO3 - Nossignori non sugnu lurdu, iu ogni duminica m’a lavu a facci!

NUTELMA - Bedda matri! E comu mi finiu sta sirata

TELEFONO3 - Ma chi m’intaressa a me si ci vugghiu a pignata? Iu vogghiu sapiri si sugnu furtunatu.

NUTELMA - Certu ca è furtunatu, m’hava cridiri

TELEFONO3 - U cerchiu spunnatu l’haia vidiri? Ma chi voli diri?

NUTELMA - (alzando la voce) Dissi ca lei è furtunatu ppi veru

TELEFONO3 - Visturu ca è ammattunatu e si ni eru? ... ma cui?

NUTELMA - Lei...

TELEFONO3 - Sei?

NUTELMA - Lei, dissi lei è furtunatu

TELEFONO3 - Iu sugnu accutturatu?

NUTELMA - (gridando come un ossesso) Furtunatu ... furtunatu ... furtunatu ...

TELEFONO3 - E va beni u capii: furtunatu, ma non capisciu picchi fa tutti ssi vuci, comunqui, grazii, arrivederci.

NUTELMA - (riprende fiato, con un poco di calma in più) Lei è veramenti furtunatu ... (gridando di nuovo) ca non l’hai acca davanti ca se nno vivu mu mangiassi, vecchiu scimunitu ... (rabbonendosi)  scusate cari telespettatori ma il nostro mestiere purteroppo è pieno di incognite ...

TAVOLINO - Comu incogniti? Si u magu e ci hai l’incogniti? A postu semu

NUTELMA - Ma tu chi voi, iammi di lignu?

TAVOLINO - E chi haiu a vuliri? Mi chiamasti, havi n’ura ca sugnu cca, m’ha stunatu ‘aricchi a vuciati e mancu m’ha fattu fari nenti.

NUTELMA - E aspetta ca na cosa t’a fazzu fari, (comincia a frugare con le dita fra i capelli dello spirito)

TAVOLINO - Ma chi mi sta circannu i pulici?

NUTELMA - Muto stai, testa di legno, indovina ... indovina cosa farò tra qualche minuto ... (fruga tra i capelli, tirla le orecchie, da i pizzicotti sulle guance, squote la testa ecc.)

TAVOLINO - Vedo ... vedo ... che ... Mizzica!!!! (ritira la testa e scappa precipitosamente fuori)

NUTELMA - (il tavolino che si sposta lascia vedere Nutelma che dietro ha impugnato un’enorme ascia, rivolge al pubblico uno sguardo “cattivo” e prende ad inseguire il tavolino con l’ascia alzata)

FINE

IL SUPER ENALOTTO

(la scena si svolge davanti al banco dell’ENALOTTO)

GIOCATORE 1 - Mah! Viremu si sta vota pozzu arricogghiri ‘mpocu di sordi cu stu superenalotto ...

GIOCATORE 2 - Picchì macari lei ioca?

GIOCATORE 1 - Si  ... chi voli unu ci prova ma non è ca sempri si vinci ... anzi ...

GIOCATORE 2 - (estrae la calcolatrice e comincia a fare conti e ad appuntare per conto suo) Ci prova .... 70 ... non vinci ... 41 ...

GIOCATORE 1 - Ma chi fa? Si ioca i paroli ca dicu?

GIOCATORE 2 - Iucari ... 21 ... certu iu sacciu smurfiari la qualsiasi ... paroli ... 32 ...

GIOCATORE 1 - Ma allura prima ca iocu ci haiu a dumannari ‘ncunsigghiu ...

GIOCATORE 2 - ‘Ncunsigghiu ... 87 ... si mi dica.

GIOCATORE 1 - Iu all’autra notti mi ‘nsunnai a me nanna ...

GIOCATORE 2 - Nanna ... 89 ...

GIOCATORE 1 - No me nanna mossi di 83 anni ...

GIOCATORE 2 - Uttantatri e uttantanovi centusittantadui ... 17 e 2 ...

GIOCATORE 1 - Ma aspittassi ca ci u cuntu e poi smurfia ...

GIOCATORE 2 - Aspittari e cuntari 34 e 75 smurfiari 12 ...

GIOCATORE 1 - Sintissa ma cu lei non si ci po’ parrari ...

GIOCATORE 2 - Sentiri 28 e parrari 29 ...

GIOCATORE 1 - Vabbè si ... e iu ca ci dugnu ancora cuntu

GIOCATORE 2 - Cuntu 81 ...

GIOCATORE 1 - Bonu va megghiu ca m’u smurfiu sulu stu sonnu seno’ mancu all’estrazioni do dumila e unu ci arrivamu ... ( alla cassiera) Mi scusi mi po’ aiutari lei a smurfiari stu sonnu?

CASSIERA - Avanti m’u cuntassi ca ci pensu iu.

GIOCATORE 1 - Allura: mi ‘nsunnai a me nanna ...

CASSIERA - E quant’anni aveva?

GIOCATORE 1 - Iu o me nanna?

CASSIERA - A nanna.

GIOCATORE 1 - Uttantatri, allura stava dicennu: iu mi ‘nsunnai a me nanna ...

CASSIERA - Chi vistitu aveva?

GIOCATORE 1 - E ora chi m’arrivordu ...? Ni pari un vestitu niuru di chiddu ca usunu i vecchi, sa’ a uttantarianni ..

CASSIERA - Matri chi schifu ... perciò una s’arricogghi di l’aldilà e si metti un vistitu niuru di vecchia?

GIOCATORE 1 - Ma chi ni sacciu iu? Vol diri ca ddabbanna negozii non ci n’è. Allura ci stava dicennu iu mi ‘nsunnai a me nanna ...

CASSIERA - E i capiddi, i capiddi comu l’aveva?

GIOCATORE 1 - E chi sacciu ora? Ianchi, c’u tuppu darreri ..

CASSIERA - Mamma mia però! Dicu un viaggiu di chissu di dda a cca una si putissi cumminari chiù megghiu no?

GIOCATORE 1 - Ma chi ni sacciu iu di sti discursi! ‘Nsumma iu mi ‘nsunnai a me nanna ...

CASSIERA - Ma almernu na bursetta decenti l’aveva?

GIOCATORE 1 - (seccato) Si!

CASSIERA - E chi c’era d’intra?

GIOCATORE 1 - A morti subbitania ca non ti pigghia a tia! Ma è possibili ca non si po’ mancu parrari?

CASSIERA - A non sulu ca una u voli aiutari? Allura s’u smurfiassi sulu stu sonnu e mi lassassi travagghiari in paci!

GIOCATORE 1 - E certu ca m’u smurfiu sulu. (si mette da parte in silenzio con aria accigliata a comporre la sua schedina)

GIOCATRICE - (entra flessuosa facendo notare la sua avvenenza)

GIOCATORE 2 - (si accorge della nuova presenza e si riassetta pronto ad attaccare bottone)

GIOCATRICE - (si mette al bancone) Una schedina del superenalotto per favore!

CASSIERA - (la serve)

GIOCATRICE - (si mette a scrivere)

GIOCATORE 2 - (rivolto alla cassiera) Quanto fa’: Labbra carnose?

CASSIERA - (resta interdetta)

GIOCATORE 2 - E capelli fluenti, quantu fa’?

CASSIERA - Mah...?!

GIOCATRICE - (si comincia a scocciare)

GIOCATORE 2 - Occhi assassini quanto fa’?

CASSIERA - (c.s.)

GIOCATORE 2 - Quanto fa’: sorriso scioccante?

CASSIERA - (non sa che pesci pigliare)

GIOCATRICE - (alla cassiera) Dassi retta a mia: quantu fa’ carnaluvari c’o giummu, bestia c’a cura e armali di gebbia?

(tutti ridono e GIOCATORE 2 se ne va con la coda tra le gambe)

GIOCATORE 1 - Mi permetta signorina bonu fici era veru scemu chissu ddocu!

GIOCATRICE - Lassamu perdiri, mi iucassa sta schedina ca mi pari ca fra un pocu ci sunu l’estrazioni, sta simana si vinciunu sissanta miliardi, non facemu ca ppi curpa di ssu scimunitu non haia a vinciri..

CASSIERA - Ragiuni havi mi dasi ddocu (prende la schedina e la gioca)

GIOCATORE 1 - Sintissa mi iucassa macari a me, cca ... (gliela porge) 1 - 6 - 7 -34 - 14 e 79 chissi mi vinnuru e chissi mi iocu speriamu ca i facissi iu ssi sissanta miliardi ca u sapissi  bonu chi farici ...

GIOCATRICE - Ah si è pi chissu macari iu u sapissi chi farici: a prima cosa mi ni issi a Roma a pigghiarimi i sordi, poi appena i pigghiassi lassassi a machina a qualche puvureddu e pigghiassi l’aereu, no u viaggu c’u l’aereu m’accattassi l’aereu direttamenti ... poi mi pigghiassi l’albergu ... tuttu, un palazzu ogni paisi m’accattassi, accussi mi passaasi u tempu afurriari munnu munnu alla facci di tutti ...

GIOCATORE 1 - Nenti iu si pighiassi si sissanta miliardi a prima cosa lassassi casa e putia ch’i porti aperti e mi ni issi, cu s’i voli pigghiari s’i pigghia mi issi a riscuotiri ssi sordi poi ppi prima cosa m’accattassi u paisi di me soggira e u bruciassi sanu sanu, mori Sansuni cu tutti i Filicisdei, appoi siccomu mi piaci u palluni m’accattassi a squatra d’o Milan, ... e Berlusconi s’hava stari mutu ca u llinchiu di sordi e chiddu quannu vidi sordi annorba, m’accattasi u stadiu d’a Favorita e mi facissi un campionatu ppi cuntu me, nenti tifosi, iu sulu assittatu in tribuna e mi scialassi daveru... speriamu a furtuna  1 - 6 - 7 -34 - 14 e 79 ...

CASSIERA - Appena in tempu fici a ghiucari ... già stanu trasmittennu i risultati a radiu, muti ca n’i ‘scutamu ...

GIOCATRICE - 5 - 24 - 35 - 46 - 57 - 68 (segni di scongiuri e preghiere)

GIOCATORE 1 -  1 - 6 - 7 - 34 - 14 e 79 (segni di scongiuri e preghiere)

RADIO - Uno ... Sei ...

GIOCATORE 1 - Matruzza mi staiu sintennu mali ...

RADIO - Sette ...

GIOCATORE 1 - Staiu svinennu (esegue ...)

RADIO - Trentaquattro ...

GIOCATRICE - (alla cassiera mentre sorregge GIOCATORE 1 - ) Prestu issa a chiamari o’ dutturi ca chistu sviniu e mi cascau ‘ncoddu comu un saccu di patati ...

CASSIERA - (scappa fuori di corsa)

RADIO - Quattordici ...

GIOCATRICE - Ma varda chi furtuna tutti ci nisceru a stu basbbu misu additta (cerca di farlo rinvenire)

RADIO - Settantanove ...

GIOCATRICE - ... e tombola! Veru tutti i fici ... sveglia

CASSIERA - (rinvenendo si scuote e poi comincia a saltare di gioia)  Riccu! Riccu! Sugnu riccu!

GIOCATRICE - Complimenti daveru! Avanti si calmassi ca sintemu a radiu si dici  qualcosa  ancora ...

RADIO - Ripetiamo 1- 6 - 7 - 34 - 14 - 79 ... telefonate a questo numero verde se volete aiutare la crociata a favore del lucertolone del Sudan: non mancate! Il lucertolone del Sudan conta su di voi !

..................................................

FINE

IL CATECHISMO

SUORA - U parrucu mi dissi ca haia a priparari unu p’a cresima, viremu quannu arriva ca accussì cuminciamu c’u catechismu ...

RUDIS - Ossè benedica, sorella, chi è cca ca faciti u cataclismu?

SUORA - Chi è ca voli lei? u cataclisma?

RUDIS - Vah, vogghiu diri a scola ppi farimi a grèsina ...

SUORA - Ah! Forsi u capii, lei è chiddu ca sa’hava a fari u catechismo p’a cresima.

RUDIS - Appuntu e iu chi dissi? U sapi ca mi sta parennu ‘mpocu ‘ntrunata vossia? Forsi sarà stu cosu ca teni ‘ntesta, ma picchì non s’u leva?

SUORA - Senta signor lei, ho l’impressione che incominciamo proprio male, punto primo io non mi levo niente dalla testa, punto secondo non sono per niente intronata e punto terzo ... (gli si avvicina ) impari a parlarmi con educazione: questa è la prima lezione (gli assesta un tremendo schiaffone)

RUDIS - (per un po’ gira in tondo fino a fermarsi) Mizzica! E si chista è a prima lezioni a fini d’o catechismu chi fa, m’acchiana i ‘ncoddu c’a machina?

SUORA - (con aria minacciosa) Vedremo!

RUDIS - Forsi mi ni staiu pintennu di stu fattu d’o catechismu ...

SUORA - Lei non ha di che penstirsi: ancora non ha visto niente.

RUDIS - Appuntu!

SUORA - Poche chiacchiere e cominciamo: prima lezione

RUDIS - (scansandosi spaventato) No! A prima lezioni no, già m’abbastau! Passamu a secunna.

SUORA - Ma che ha capito? Prima lezione di catechismo, quella era una lezione di buona educazione... Prima lezione di catechismo i dieci comandamenti, li conosce?

RUDIS - A cui?

SUORA - ‘E deci comandamenti

RUDIS - Ma chi su tutti frati? Mizzica chi famigghia numerosa

SUORA - Si vede che non li conosce! Eppure tutti conoscono i dieci comandamenti!

RUDIS - Ma chi voli: iu sugnu tuttu casa e lavoro non è ca nesciu assai, si viri ca frequantunu n’autru bar ...

SUORA - (un po’ indispettita) i dieci comandamenti sono le dieci regole che Dio ci ha lasciati per vivere bene la vita cristiana, non sunu deci ‘mbriacuni comu a lei ca va’ furriannu bar bar, capito?

RUDIS - Si, si, ma picchì s’artaria? U capii, deci reguli, comu c’è u codici d’a strada ppi non si rumpiri u coddu c’a machina ci sunu i reguli ppi campari bonu, daccordu, e quali sunu?

SUORA - (imperativa) Primo! Non avrai altro dio fuor che me!

RUDIS - (un po’ interdetto) Comu dissi? ... altro dio fuora ca lei?

SUORA - Ma no iu scimunitu! Dio ci dice che non dobbiamo avere nessun altro dio al di fuori di lui! Capito?

RUDIS - Ah, va beni, u capii, iemu avanti.

SUORA - Non nominare il nome di Dio invano!

RUDIS - Ah certu iu quannu u nominu sempri c’è un motivu, o picchì sugnu siddiatu, op picchì mi scacciai un gnitu c’o marteddu ...

SUORA - No! No! No! Non si deve bestemmiare!

RUDIS - Vabbèni, vabbeni, u capii, apressu?

SUORA - Terzo: ricordati di santificare le feste

RUDIS - E chi voli diri?

SUORA -Voli diri ca ‘ntantu non si travagghia ...

RUDIS - ... ah, vabbè, si è ppi chissu ... iu non travagghiu mancu l’autri iorna perciò sugnu a postu!

SUORA - E poi nel giorno di domenica si smette di fare tutte le cose ordinarie per vivere bene il giorno del Signore

RUDIS - E iu sempri u fazzu, a duminica m’a passu di gran signori, mi susu a manziornu, vaiu o bar, o biliardu, mi ni vaiu a partitia e certi voti macari o cinima!

SUORA - No! No! No! vuol dire che la domenica si va a Messa!

RUDIS Macari!

SUORA - Si capisci! Tu ci stassi un annu senza vidiri mai a to mugghieri?

RUDIS - Certu ca no!

SUORA - E allura comu ci voi stari un annu senza viriri o to  Signuri, ateo e miscredenti!

RUDIS - Ragiuni havi, iemu avanti.

SUORA - Quarto onora il padre e la madre

RUDIS - Chissu mi veni ‘mpocu difficili ...

SUORA - E ti sforzi!

RUDIS - Si ma prima avissa a sapiri cu sunu, iu sugnu figghiu di N.N.!

SUORA - Quinto: non uccidere!

RUDIS - E iu mai a nuddu haiu ammazzatu!

SUORA - Bravo!

RUDIS - Al massimu qualche passata di lignati bona ppi bona ...

SUORA - Non si fa!

RUDIS - (quasi contrattando) Du’ cauci e ‘mpugnu ...

SUORA - No!

RUDIS - (c.s.) Sulu u pugnu ...

SUORA - No!

RUDIS - (c.s.) Na tumbulatedda ...

SUORA - No!

RUDIS - Na sputazzata ‘nta n’occhiu ...

SUORA - Ti dissi: No!

RUDIS - E pacenzia! Iemu avanti.

SUORA - Sesto non commettere atti impuri.

RUDIS - Chissu mai!

SUORA - Bravo!

RUDIS - Si, picchì iu ci l’hava dittu quann’era ‘nta banna: vogghiu sunari i ttamburi, ma iddi: nenti o soni i piatti o nenti, e accussì n’haia avutu mai u piaciri di sunati i ttamburi!

SUORA - Gnuranti! Atti impuri voli diri: cosi vastasi!

RUDIS - (arrossendo un poco) Vabbè ... ddocu  ... certu ... (con una leggera spallata un po’ complice) u sapi lei comu sunu ssi cosi no?

SUORA - (imperativa) No! Iu di ssi cosi non ni capisciu!

RUDIS - E, ma ni capisciu iu, ascutassi a mia: quannu ci voli ci voli!

SUORA - Ah! Quannu ci voli ci voli? Ppi tutti?

RUDIS - Si capisci!

SUORA - Allura, mittemu casu ca a unu ci piaci a to soru ...

RUDIS - Me soru non si tocca!

SUORA - E allura non si toccunu mancu i soru di l’autri! Capito? Vastasi! (gli assesta un secondo schiaffone)

RUDIS - E su dui! Boni iemu. Ma dicu e allura?

SUORA - Aspetti ca ti mariti!

RUDIS - Ma nel frattempu non è ca unu si putissi allenari ... chi sacciu ...

SUORA - (alzando la mano pronta al terzo ...) Ti dissi no!

RUDIS - (prontamente allontanandosi) Va beni, va beni u capii, asciuttu completu,  avanti viremu unni hama a ‘rrivari

SUORA - Settimo: non rubare!

RUDIS - Ca quali arrubbari ...

SUORA - Bravo, non ti è mai venuto in testa di rubare!

RUDIS - Ora si! E’ ca m’hana ‘ncagghiatu sempri prima, finu all’autra notti fici nuttata persa e figghiu babbu...

SUORA - Ben ti stà. I cosi di l’autri non si toccunu! Accussì ti ‘mpari! e ricordati ca rubbari voli diri macari quannu unu ‘mbrogghia, quannu non paga i tassi, quannu non fa nenti o travagghiu ....

RUDIS - Bonu bonu bonu, u capii, iemu avanti viremu si ci n’è qualcunu chiù facili ...

SUORA - Ottavo: non dire falsa testimonianza.

RUDIS - E chi hama a fari un processu?

SUORA - Sceccu cca cura, voli diri ca non si diciunu munsignarii

RUDIS - E allura si ....

SUORA - Chi vulissi diri?

RUDIS - Nenti, iu qualcheduna a vaiu dicennu però mi cunottu ca c’è cu è chiù peggiu di mia ...

SUORA - E cioè?

RUDIS - E cioè ca all’autra sira mi visti na para di politici a televisioni ... e chi ci nisceva d’a vucca ... ma mi dicissi na cosa, ppi iddi non vali macari sta liggi?

SUORA - E si capisci! Tutti o ‘nfernu si ni vanu! E tu macari si non cangi testa!

RUDIS - Ora ca mu sta dicennu: autru ca cangiu!

SUORA - L’inferno ti fa paura vero?

RUDIS - A dirici a verità non è tantu ppu ‘nfernu ... ma lei s’u ‘mmaggina tutta l’eternità cu certi personaggi?  No no no da oggi in poi vita nova ...

SUORA - Nono: non desiderare la roba d’altri ...

RUDIS - E ddocu ci semu ...

SUORA - Bravo e come fai ?

RUDIS - Comu fazzu? Ca prima ancora ca a desidiru, già mi l’haia pigghiatu!

SUORA - Ateo e miscredente! E allora col decimo non ne parliamo ...

RUDIS - Picchì, chi senti a diri u decimu?

SUORA - Decimo: non desiderare la donna d’altri!

RUDIS - E ddocu veramenti, sugnu a postu! Chissu è ‘ncomandamentu ca mi veni facili.

SUORA - Sono contenta. e come mai?

RUDIS - E si vidi ca lei ‘n’a canuscia mugghieri di l’amicu miu: brutta, ma brutta ca, m’ha cridiri, lei a confrontu di idda è miss Italia; autru ca ddisidirari, a mia u scuncertu mi veni ...

SUORA - Ateo ... ateo e scomunicato, pure me offendi ora?

RUDIS - Mi scusi e andura chi dissimu? Ca si dici sempri a virità, no? E allura pichì si siddia?

SUORA - Picchì? Ora t’u spiegu. Seconda lezione: (si leva la scarpa e comincia a dargliela in testa mentre escono fuori correndo)

FINE

IL CANTANTE

Impresario.- Ma è possibili ca propiu a sira d’o spettaculu ddu sceccu di cantanti s’hava fari veniri u duluri di cannarozza? E ora comu fazzu?

Passante.- (passa casualmente, canticchiando una canzone)

I.- Varda varda, ca forsi u truvai a unu p’arrisolviri a situazioni... Senta, mi scusi, lei chi fa canta?

P.- (colto di sorpresa) Certu ca staiu cantannu, picchì non si po’?

I.-No, anzi lei è la mia salvezza, si non fussi ppi lei oggi era arruvinatu...

P.- Ma chi è ca voli diri? Iu stava passannu di cca ppe fatti mia e basta, arrivederci!

I.- No! Non s’arrisicassi! Si si ni va sugnu persu, non dissi ca canta?

P.- Stava cantannu ppe fatti me, ma lei chi voli di mia?

I. - M’ascutassi: stasira hava a fari u spettaculu ma u cantanti s’arrifriddau, malanova di iddu, e non po’ assolutamenti cantari, ora si lei è capaci di cantari, dicu, la qualsiasi cosa non m’intaressa, mi canta lei o postu so, accussì lei addiventa famosu e iu non ci appizzu a sirata, chi ci ni pari?

P.- Famosu? (si pavoneggia)

I.- Si capisci.

P.- (speranzoso) Ch’i luci, u fumu, i genti ca si scippunu i capiddi ppi mia?

I.- Certu!

P.- Appoi mi fermunu ppa strata e m’addumannunu l’autografu?

I.- Certamenti!

P.- (improvvisamente serio) E poi a postu d’o bilgiettu mi ci ‘nficcunu ocche cambialim iu ci a firmu senza ca mi n’addunu e m’arruvinu pi tutta a vita? No nenti non si ni parra!

I.- Ppi favuri non mi lassassi ‘nte trafichi, facemu ca l’autrografi non ci ni firma

P.- E nenti fumu ca mi fa accupari...

I.- Nenti fumu certamenti

P.- Però i capiddi ppi mia si l’hana scippari!

I.- Si capisci, tutti tignusi arrestunu...

P.- Mi piaci! Affari fattu. Quannu accuminciamu?

I.- Subbitu, ca fra deci minuti accumincia u spittaculu!

P.- E allura mittemu manu, chi ci cantu?

I.- Ca zzoccu voli cantari canta, aspetta ca ci pigghiu u microfunu, lei si priparassi na canzuna per giovani, una di chiddi ca smovunu macari i bbalati di ‘nterra (va a prendere il microfono e lo piazza)

P.- Na canzuna pp’i giovani? (riflette) Ah u sacciu, ni sacciu una ca è na meravigghia...

I.- (sistemato il microfono) Allura prontu è? Sutta cu ssa canzuna...

P.- Per giovani...

I.- Per giovani, si capisci...

P.- (canta)  Giovinezza, giovinezza, primavera di bellezza...

I.- Ma chi è scimuniu? Chi mi canta i canzuni di Mussolini? cca ci voli na cosa per giovani, u rock, u rap, u funky...

P.- Ma ci sunu cosi ca si mangiunu?

I.- E’ la musica dei giovani!

P.- E iu non ni capisciu nenti...

I.- Ma è facili, basta ca ci duni ‘mpocu di ritmu, t’annachi anticchia (gli mostra come fare)  e macari na canzuna vecchia ddiventa rock, avaia, provici, mancu una ni sai canzuna a memoria?

P.- Vabbè, una a sacciu

I.- E forza, avanti.

P.- (canta)  Vitti na crozza supra nu cannuni...

I.- Ma chissu chi è rock? Lassamu perdiri a canzuna, ma ti dissi ca ci voli ritmu, t’annacari tuttu, allura e genti non ci pari bella a canzuna...

P.- (esegue, più male che può le indicazioni dell’impresario, sempre cantando Vitti  na crozza)

I.- Mutu, mutu ppi favuri ca si continui n’autra anticchi a si sdurrubba u palcu, nenti pruvamu cc’u rap, u sai zoccu è u rap?

P.- No mai l’ha ‘ntisu diri

I.- U rap avaia, scrittu R.A.P, rap (pronuncia all’italiana)

P.- A si u capii, ma ancora non è ura...

I.- Comu non è ura?

P.- I rappi, i rappi d’a racina. Ca ancora ppi farisi i rappi di racina ci ni voli tempu...

I.- Ma quali rappi di racini, u rap è na manera di cantari. ca ‘nveci di cantari giustu comu si devi canti tutti cosi di seguitu, ‘nmpurugghiati, ca chiù picca si ci ni capisci e megghiu è. U capisti? Per esempiu ‘nveci di diri “lasciatemi cantare, con la chitarra in mano(cantato correttamente)”  si dici “Lasciatemi cantare, con la chitarra in mano (con stile rap) “ u capisti?

P.- Ah si u capii, ora ci provu. (ricomincia a cantare vitti na crozza con andamento rap, al peggio che può)

I.- Mutu mutu ppi carità ca si ti sentunu cantari d’accussì ni dununu chinnic’ianni allunu per associazione a delinquere, nenti non si cosa completamentidi cantari ... ‘ntantu u tempu passa e chiddi da fora aspettunu u cantanti ... comu facemu? ... matruzza bedda... Ah, ah a truvai, u sacciu iu comu facemu (esce di corsa)

P.- Bih e chi ci pigghiau? Pareva bonu finu a ‘nminutu fa,..

I.- (rientra di corsa con un giradischi)  Chistu è la nostra salvezza! U sai chi è? Un giradischi, ora facemu accussì, ca tempu di perdiri non ci n’è chiù, iu mnettu a motu u giradischi e tu fai a finta di cantari, U capisti? Senza ca ti ‘mpurugghi ca si si capaci a fari i mossi cca vucca arrisulvemu a sirata...

P.- Ma sintissa ssu cosu non è ‘mpocu vecchiu? Non cridu ca ni fa ocche scherzu?

I.- Si certu è vicchiareddu ma ha funziunatu sempri, chi propriu ora s’hava spasciari? Avanti mettiti prontu ca ti presentu. (si avvicina al proscenio e annuncia alla platea l’imminente esibizione)  Signori e signore ecco a voi il famoso cantante Ricchy Stambo che vi canterà...

P.- (lo interrompe)  Senti ma non dicisti ca hava cantari iu, cu chissu ca hava cantari ora?

I.- (dissimulando) Mutu cruzzuni, ca tutti cosi m’arruvini, tu ha cantari, non ti preoccupari... (al pubblico)  Ecco a voi come vi dicevo il famosissimo Ricchy Stambo che vi canterà la sua famosa canzone Fanchi Gallo,un applauso ... (va al giradischi mette in moto, fa segnale al cantante di partire, il cantante parte ma il giradischi no)

P.- (si volta verso l’impressario) Comu finiuu? Chi fici ci ‘mpinciu?

I.- Zittiti cretinu n’o viri ca si spasciau u giradisci? Avanti intrattieni il pubblico e viremu comu putemu rimediari...(assesta alcuni pugni sul giriadischi)

P.- (rivolgendosi al pubblico) Signori e signore scusatelo, non è curpa so’, è ca u giradischi non funziona, bonu, iu ci l’hava dittu p’a virità...iddu non mi vosi ascutari...

I.- (interrompendolo e cercando di dissimulare) Mutu ‘mbecilli, chi mi voi arruvinari ppi daveru? Scusate il guasto tecnico, signori e signore, riprenderemo al più presto l’esibizione, scusate, scusate...

(va al giradischi mette in moto e parte la canzone)

(il giradischi funziona per un po’ correttamente e il cantante va dietro alla canzone, compresi i versi di animali all’inizio, ad un tratto comincia a saltare di canzone in canzone, a rallentare e ad accelerare e il povero cantante ceca di andarci dietro, l’impresario cerca a pugni e a morsi di far funzionare meglio che può il giradische non riuscendoci, alla fine disperato butta il giradischi addosso al cantante, il cantante lo raccoglie e comincia a darglielo in testa inseguendolo fino a fuori la scena)

FINE

TARZAN

(si sente l’urlo di Tarzan da fuori subito dopo Tarzan entra in scena come se stesse cadendo da una liana, quindi saltando da una sedia o simile, attraversa il palco in precario equilibrio, barcolla un poco e poi si posiziona, ha in mano un pezzo di “liana” rotta)

L’hana ‘ammazzari a sti liani fraciti, mi stava rumpennu u coddu ... chi ci ridi tu? Chi ti pari ca è facili caminari ‘nta giungla appinnutu a sti malanova ca si vanu rumpennu? Certu tu t’assetti ‘nta machina e va furriannu tranquillu ... iu non m’u pozzu permettiri! Picchì non ci provi a fariti na furriata ‘nta giungla cca to machina? Arvuli a destra, serpenti a sinistra scimmii ca ttraversunu a strata senza taliari, Liafanti parcheggiati ca non si smovunu mancu a corpi di petra ... e a mia non mi resta ca caminari appinnutu ‘nte liani all’usu d’e scimmi.  Ca appoi chi ti pari facili stu fattu d’e liani? Mizzica! Ha stari attentu a chidda troppu tennira ca si rumpi, a chidda sciddicusa picchì atummi ‘nterra, a chidda ‘mpiccicusa picchì arresti appinnutu ‘nta l’aria ... vuatri v’arrichriati quannu sintiti l’urlo di Tarzan ... ma chi ni sapiti picchi gridu? Chi dici? Ppi fari scappari l’animali? Si a iddi staiu pinsannu ... picchì non ci pruvati a cchiappari a volu na liana china di spini? Ah? A tia ti pareva ca era un segno di potere? U sai chi potere ca c’hai quannu si a trenta metri ‘ntall’aria e ‘ncapiti na liana fracita ... mentri caschi a testa sutta chi ti vinissi di fari a tia, di cantari? Iu sta vita ammenzu a giungla chi ti pari ca mi piaci assai? Ma d’altra parti iu sulu stu misteri sacciu fari: u Tarzan. E poi si ... mi ni issi ‘nto to paisi ... almenu cca a barracca ppi dormiri ci l’haiu gratis ni tia a vuliti macari pavata ... no, non è ca a vita ‘nta giungla è propriu brutta, hai qualche comodità superchiu ... tu ppi na tazza di latti trasi o bar e iu ‘nveci haia ghiri assicutannu a bufala giungla giungla ... iu a matina m’arrusbigghiu e allatu ci haiu a Cita ca dormi, e tu ‘nveci hai a to mugghieri ... e ddocu forsi n’assumigghiamu ... però tu si o sabbutu voi nesciri cu na carusa scinni a chiazza e ni trovi quantu voi, mentri cca non passa nuddu ... Chi dici? Iu ci haiu a Jane? Si ca ora ... aveva a Jane ... pi na para di simani ... e chi ti pari ca dda cosa fina si arrizzittava a campari ‘nta giungla? N’e primi tempi tuttu a postu: io Tarzan tu Jane, ci ammazzai qualche coccodrillu ppi farimi spertu, due cuori e una capanna, u vistitu di peddi, mangiaumu zoccu truvaumu, ‘nsumma na vita normali ... adoppu quarche simana accuminciaru i storii: (imitando Jane) Questa vita è monotona, idda ca stava tuttu u iornu ‘nta capanna, no iu ca era sempri a sbattiri giungla giungla, e non mi uccidi più neppure nenche un coccodrillo, a usu ca ‘mmazzari un coccodrillu era comu scippari un mazzu di ciuri, no? Questa casa non mi piace più e iu ci u dissi fattinni n’autra ... nossignori ci l’hava fari iu ma u re da giungla si po’ mettiri a fari u muraturi? Ora fa freddo e voglio una pelliccia di leopardo, il divano di pelle di rinoceronte è troppo duro, a doccia cca funcia dell’elefante mi fa schifo,  auh quannu arrivamu ca ddivintau gilusa puru di Cita ... ddocu ‘mpocu mi preoccupi e ci dissi: ma chi ti vulissi paragonari a Cita? Idda capiu tutta n’autra cosa e m’accuminciau a fari: ti riferisci forse ai miei peli superflui? E se qui non c’e nemmeno un estetista!  E iu circai di cunsularla e ci dissi: no cara haia durmutu ppi trent’anni ccu Cita ... picchì m’avissa preoccupari di tia ca pila n’hai chiù picca assai? E idda ddocu aumintau a dosi  Allora è vero mi tradivi con cita e io non ne sapevo niente! Ma quali, ci dissi iu, picchì t’avissi a tradiri ccu Cita ni mancavunu scimmi ‘nta giungla ...  Ah ora anche scimmia mi dici? Perchè non ti guardi tu che sembri un gorilla, gorilla, gorilla e gorilla, tu e quella gorilla di tua madre... ora è veru ca iu fui addivatu di na gorilla ma comu u dissi idda era troppu offensivu e arrivati a ddocu non ci visti chiù di l’occhi, idda si n’approfittau e quannu ci visti di novu non c’era chiù...

E poi a propositi di stari ‘nta giungla, dicemu a virità: stu fattu di iri vistutu ccu custumi di peddi non ti pari ca è tantu commudu ... i zanzari ti mangiunu vivu, ti fai u bagnu ‘nto ciumi e i sagnetti t’asciugunu a corpu, t’assetti a quarche banna e i spini t’arraccamunu tuttu, non parramu poi di stu fattu ca ‘nta giungla non si usunu i scarpi ... provici tu a caminari ‘nta giungla senza scarpi ... spini, scursuna, serpi, coccodrilli, firoi carnivori ... sai chi spassu ... mah ... quantu mi ni vaiu ... o si viriti a dda cosa fina di Jane ci riciti ca torna, no, non ppi sempri almenu ca si veni a pigghiari tutti i truchi e i stucci ca si fricava ‘nta facci, ca cca c’è cita ca è arriddutta na maschira, non fa autru ca ‘nchiapparisi ddi purcarii ‘nta facci ... arrivederci (fa qualche passo si punge un piede e va via saltellando e lanciando di nuovo l’urlo di Tarzan)

FINE

EVA

(Eva entra mostrandosi infreddolita, ha le classiche foglie di fico, di cartone, parrucca bionda)

Matruzza bedda lu friddu ca staiu acchiappannu ... “non ti preoccupari ‘a mugghieri è un veru paradisu appoi vidi...”  e bravu a me maritu Adamu, iddu havi a scorcia dura e friddu non ni senti iu cu sti fogghi di ficu u friddu ca ‘nsaccu non è cosa giusta... “è il ciclo delle stagioni ...” e daccordu: facisti u ciclu d’e staciuni? E allura fammi macari un cappottu di pelliccia no? E chi si fa accussì ca una povira cristiana sula o munnu hava agghiacciari ‘nto menzu di sta campagna? No! Nenti cappottu, nenti pilliccia, nenti bancarelli di robbi, e di boutique mancu a parrarini ... almenu si putissi scannari qualche visoni, qualche ermellinu ... ca tra l’autru su frischi frischi fatti e hana essiri tenniri tenniri: nenti! “l’animali non si toccunu picchì semu in paci cu tuttu u munnu” e allura dicci ca faceva sempri a stati no daccussì ca staiu addivintannu ‘mpezzu di ghiacciu ... ma si mi veni na prummunia ‘nsiccu e m’a quagghiu u vogghiu vidiri a ddu spertu di me maritu comu fa ... o trovila n’autra comu a mia ... na parola! Gia è impossibili truvarini n’autra comu è ghiè ... ca ‘nta tuttu u munnu ci semu nuatri e dui suli ... ma di un latu mi piacissi accussì si ‘mpara. Oh, certu ca iddu u nomu bbonu ci u circau: Adamu ... u sapiti chi voli diri? Fatto di terra: in altre parole pezzu di fangu! Ma ancora non haia caputu chi lu fici a fari o signor Adamu ... Vol diri: a casa non c’è mai “Adamu unni vai?”  “A farimi na passiata nto nostru giardinu” e bravu u signor Adamu ma n’o sai ca u nostru giardinu è granni quantu tuttu u munnu? Aora ca torna! Ma poi chi ci vuleva, dicu, ‘nvintasti tuttu u munnu ca ‘nventimi macari u telefunu no? C aquali e quanno chiddu si ni va a furriari munnu munnu iu chi hciu a fari? Allura ‘nventimi a televisioni almenu... nenti. iu sula comu na babba ‘nto menzu d’u munnu ... ca a propositu ... vuatri, si vuatri ... gente del duemila ca ogni dui e tri mi friscunu ‘aricchi ... Porca eva di cca porca eva di dda ... ueh! E chi vi pasrsi? Viriti ca iu fimmina di casa sugnu, ... anche perchè ... macari quannu ciavissa vulutu ‘mpiccicari , non dicu assi, un curnittu tantittu a me marictu ... cu cu ci l’hava a fari m’u sapiti diri ca ‘nta tuttu u munnu semu nuatri e dui suli? E nautra vota abbadamu a comu parrati , chi stava dicennu? ah, me maritu ...E poi chi misteri bestia ca fa! Guardiano del creato ..  e chi era na lenza di terra? Quantu iunci e s’u taliau tuttu u creatu ... “Adamu unni vai aoggi?”  “Nenti a mugghieri non ti preoccupari, haiu un semplici incaricu, u completu e poi tornu” u sapiti chi è ca hava a fari? Darici u nomu a tutti ‘animali d’o munnu! Ora si! Quantu iunci e si passau tutti l’amnimali d’o munnu. Ca appoi dicu iu, non ni putevi fari chiù picca? No sempri all’esagerazioni! Ci n’è tanti ca mancu si ponu cuntari ... e vuatri ora ‘nto dumila ca circati di capiri com’è ca di na semplici cellula nisceru tutti st’animali ... ca quali chi ni sapiti ? ... Vol diri ni sfurnau ‘nta un ghiornu tanti e tanti ca sulu iddu sa fira a cuntalli. E du babbu di me maritu ca ci voli dari u nomu a tutti. Vi dicu a verità si è ca l’hava a fari iu ni faceva massimu na dicina di speci, chi sacciu chiddi ca ponu serviri veramenti: a iaddina u maiali a crapa ... a pecura no: picchì sti doppioni? a vacca, però chiù nicaredda e poi basta no ca ci n’è tanti ca sicuramenti vuatri ‘nto dumila ca vi sintiti i patruni ancora mancu l’ata canuscitu tutti... Dicu fanni qualcunu di menu, no? Picchì ci ni sunu certuni ca iu ancora non haia caputu a chi servunu, ma pensu macari vuatri ... e vi ni dicu una ppi tutti: a chi servunu i zanzari? U viri ca non mi sapiti arrispunniri? Servunu a nenti dici tu? E a diri a verità non sacciu arrispunniri mancu iu, sulu dicu: i vo’ fari i zanzari? E va beni, falli, u patruni non si tu? Però almenu mentri fai i zanzari fammi macari u DDT no? E chi vi pari giustu ca i zanzari arrivaru subbitu i primi iorna e u DDT ancora hana a passari mila e mila anni prima ca u nventunu? E poi dda speci d’armaluni: i dinosauri: ma dicu iu chi è modu chissu? Sorta di bestii longhi vinti metri ca una s’hava scantari macari a nesciri di intra ... ddu babbu di me maritu u sapiti chi fici? “Cara oggi andiamo in campeggio in collina” e iu “Caro ma chi è ssu campeggiu?” e iddu “ Una cosa che ho inventato stamattina: ce ne andiamo in colina e andiamo a vivere in una capanna ...” e bravu u sceccu ... picchì tutti l’autri iorna unni è ca stamu? Picchì, dicu iu non m’invintavi na casa inveci di invintari u campeggiu? nenti ... partemu mi porta supra un muntarozzu e accumincia a chiantari i pali ‘nterra ... lu spaventu ca mi pigghiai! A terra cumincia a trimari, si isa, nuatri arruzzulamu ‘nterra iu lu scantu “ u terremotu u terremotu!” e ‘nveci chi era? Ca ddu turduluni di me maritu hava iutu a chiantari u palu supra a carina di un dinosauru!

Talè cu st’animali non si ni po’ chiù ... non parramu appoi di ddautru diavulu di serpenti! Na cosa schifosa, allautra vota iu era pe’ fatti me e iddu ca mi stunzuniava  (con voce acida e sussurrata) “ emangiti stu pumu ... e mangiti stu pumu ...”  iu ci pinsai ca d’arvulu era riservatu? No! e m’u mangiu ... e chi successi? L’ira di diu! Pinsati aca a me maritu, picchi puru iddu u tastau, ci arristau cca (indica il pomo d’adamo) ca ci fa’ sutta e supra e ancora non ci voli scinniri ... comunqui a diri a virità ci haiu macari u preiu d’a famigghia già avemu du’ masculiddi ... e chi stanu criscennu beddi ... certu iddu dici “riempite tutta la terra” ... alleggiu oh e chi ti para ca sugnu na fabbrica, alleggiu alleggiu viremu unni putemu arrivari ... Ma tutti e dui chi su’ bidditti ... u nicu è biondu, finu dilicatu ... si havuna ‘nvintatu i vistiti quann’era ranni ci puteva fari fari u modellu, beddu si n’ha veniri ... ma u ranni però mancu scherza ... forti, spertu beddu figghiu beddu figghiu daveru ... certu è ‘mpocu tostu a diri a virità ognio tantu si sciarria ccu so frati u nicu ... ma chi ci vuliti fari ... picciridi su’ ... (da fuori si odono grida di bambini che bisticciano, Eva si gira verso le quinte ...) E smettila, lassulu stari a to’ frati ... si un Cainu! lassulu stari ... e chi ci duni corpi di petra ‘ntesta? ... (fa per scappare fuori si ferma rivolta al pubblico)  chissu ... si continua accussi ocche ghiornu a so frati u ‘mmazza! (esce rimproverando il figlio...)

FINE

I PROMESSI SPOSI

1) Renzo e Lucia amoreggiano: Mimo

(Quel ramo del lago di Como volgeva sempre a ponente, l’anno milleseicento e qualcosa correva e correva anche Renzo Tramaglino appresso a  Lucia Mondello fin quando non la raggiunse e  si trovarono a un passo dal coronare i loro sogni di promessi sposi ...)

(A passettini di danza mimano il corteggiamento e il comportamento da innamorati, stile Charlotte)

2) Lucia: Chi sugnu bedda

Ma chi sugnu bedda

Bedda e furtunata

M’haia a maritari

a lu me Lorenzu

ca chiamunu Renzu

Iddu m’ammanteni

Non travagghiu chiù

Iddu porta i sordi

e iu mi li spennu

ma chi bella sorti

C’u peri a cavaddu

ora pozzu stari

ma chi bella sorti

ca mi capitò

3) Renzo: mi l’haia maritari

Nah nah nah ........ (4v.)

Matri quant’è bedda

Matri quant’è bedda

Matri quant’è bedda

Iu mi l’haia, iu mi l’haia marità

Iu mi l’haia marità (3v.)........

nah nah ..................

Iu mi l’haia ma marità

(Renzo esce con aria sognante)

4) Don Rodrigo: mi l’haia maritari

(Ma il sogno era troppo bello per essere vero e il malvagio don Rodrigo ci mise lo zampino)

(entra don Rodrigo)

Nah nah nah ........ (4v.)

A cu ti mariti?

C’era prima iu

Matri quant’è bedda

Iu mi l’haia, iu mi l’haia marità

Iu mi l’ha marità (3v.)........

nah nah ..................

Iu mi l’haia ma marità

5) Don rodrigo e Lucia:

(entra Lucia)

(Rodrigo)

Si tu ti mariti a me, oh Lucì oh Lucì

T’arricchisci e t’arrizzè... t’arrizzetti tti.

Si non ti mariti a me, oh Lucì oh Lucì

Sugnu tintu e sai com’è? Peggiu è ppi ttì!

(Lucia)

Vecchiu porcu chi vo’ tu? chi vo’ tu chi vo’ tu?

Si tu non t’arrassi ‘i cà, chi ti fazzu ‘u sa’?

Cu du’ corpa di stuvà, di stuvà di stuvali

Ti fazzu a plastica facciali cu du’ corpa ccà!

(esce prima Lucia indignata e don rodrigo le va dietro importunandola)

6) I Bravi: chi semu tinti

(Ma i guai non vendono mai da soli e don Rodrigo, che già da solo faceva schifo, si serve dei suoi scagnozzi, i terribili Bravo e Brava gente davanti ai quali lui è più inoffensivo di un bambino)

(entrano i bravi, almeno due o più )

Oh .............................

Chiù tintu nuddu c’è

Cuteddi e pistoli purtamu picchì

‘ncristianu chiù tintu di nui non c’è

Si passa na vecchia ca additta non sta

na boffa si pigghierà

Semu tinti, tinti sì

Chiù tinti non ci n’è

E’ megghiu ca nuddu ni noci picchì

U nostru patruni è don Rodrì-

si unu ni stona u sputamu ‘ntan’occhiu

senza nudda pietà

Oh .............................

Chiù tintu nuddu c’è

(i bravi si nascondono dietro l’angolo...)

7) Don Abbondio:

(entra don Abbondio)

Sugnu ccà, sugnu un parrinu scantulinu

donn’Abbondiu mi chiamaru sa’ picchì?

‘Nta paci iu vogghiu stari

e nuddu m’hava stunari

non nociu a nuddu e nuddu mi noci a me

Dicu a missa, e nenti chiù m’intaressa

iu mi fazzu sulamenti i fatti me

Ma si tu propriu ci ‘nsisti

 Viri ca mali ci arresti

Qualunqui cosa tu ci hai su’ fatti to!

8) (Musica Don Abbondio che cammina e i bravi che si avvicinano, lui cerca di evitarli fino a che loro lo bloccano)

9) I Bravi e Don Abbondio:

(Bravi)

Si ci teni a la piddazza

stu matrimoniu non s’hava a fari

Tu va’ sarva a suppiddizza

e a Lucia non l’ha maritari

Resterete più che serviti

vi ni putiti turnari di dda

non sacciu fari chiù matrimoni

iu non ni sacciu chiù fà

Si ni ‘mbrogghi non hai chiù scampu

Chi ti facemo non lu sai tu

‘Nveci i l’acqua ti damu u shampu

e i palluncini appoi tu po’ fà

pom pom pom .....

10) Solo musica arriva Azzeccagarbugli

(Renzo non si da’ per vinto e cerca di risolvere i suoi problemi per vie legali)

11) Renzo dall’Azzeccagarbugli:

(parlato)

Leggi speciali, corti di appello

Liber Librisi Rosa Rosae qui que quod

Sunt Legibus, articus et subitus

arboris tuncola utrum eumque

perciò:

(Cantato)

Renzu miu, non c’è chi fa’

tu manu ci ha livà

(parlato)

levici manu, levici manu!

lassa stari

Sumus Utrisque, stanticarum

fabbricarum, petrolanum

Eamus pois in dibattimentum magnum

complicazio inestricata

oportet tuum portafolium esse

magnum, ma magnum magnum

‘Nsumma: lassimi i sordi ca mi toccunu a mia e levici manu di cursa

U capisti? Di cursa, non è cosa, non è cosa! Lassa stari!

12)  La notte degli imbrogli

(Capendo che la situazione si faceva grave Renzo e Lucia consigliati dalla madre di lei tentarono la carta del matrimonio a sorpresa, ma vuoi la fretta vuoi, la perpetua, vuoi don Abbondio che non collaborava e don Rodrigo che tramava mandarono tutto all’aria)

(Nell’ordine si mima prima il matrionio a solpresa che fallisce, poi Donna Prassede e Don Abbondio: Don Abbondio cerca di scusarsi e Perpetua lo rimprovera in malo modo, inseguimenti, schiaffoni, don abbondio in ginocchio, Perpetua colle mani ai fianchi ecc. ecc.)

13) I bravi: Puttamunnilla

(Anche don Rodrigo aveva tramato e allora ricorse ai metodi estremi, e decise di fare rapire Lucia...)

(Entroano i bravi per rapire Lucia che sta passeggiando sconsolata per la scena)

(una riga vuota)

Tu statti calma ca

Ora t’hama sequestrari

(una riga vuota)

Semu i Bravi ma facemu

schifu all’umanità ta ta ta

(Mimano una lotta con alterne vicende alla fine della musica Lucia riesce a scappare)

14) Fra Cristoforo: Guai a cu m’attruzza

(Caro Renzo, una persona sola ti può aiutare l’unico che è in grado di contrastare lo strapotere di don Rodrigo l’ex  terribile spadaccino, ora convertito, ma ‘ntantu prima si ni puliziau na’ pocu ..., fra’ Cristoforo ...)

Sugnu Fra Cristofuru

arrassiti ‘i ccà

Su mi gira l’elica

ti pozzu spunnari

Chi è ca voi di me?

Chi ni sacciu iu,

...........................

di comu, t’ha maritari

 ...........................

Ah, fu ddu gran cantaru

di mastru Rodrigu

Allura i cosi cangiunu

na cosa ti lu dicu

iddu è fitusu assai

un gran dililinquenti

.........................

fatti a truscia e parti ‘i cca

.........................

ppi lu beni to’

15) Lucia se ne va: solo musica

(E fu così che la cattiveria di don Rodrigo per il momento ebbe la meglio: Renzo emigra e Lucia è costretta ad abbandonare il suo paese e le sue cime ineguali)

16) La monaca di Monza

(Lucia sta momentaneamente ospite della famosa monaca di Monza, compagnia non del tutto raccomandabile)

(la monaca di Monza)

Sugnu la monica di Monza

ma non mi piaci  stari ccà

cercu maritu e non ci n’è

ma a qualchedunu l’haia ‘ncagghià

Portu u pirsinghi, e i capiddi blu

tacchi a spillu e cosetti cu la riti ma

d’aricchini n’haiu qualche vintitri

e mancu ‘ngrammu ‘i siliconi

picchì costa ottu miliuni...

17) Renzo e la rivolta del pane:

(Come fu e come non fu Renzo si trovo’ coinvolto nella fmosa rivolta del pane a Milano ...)

            (popolo)

Non c’è chiù pani

muremu da’ fami

comu s’hava a fa?

nn’avemu chiù

mancu na patata

mancu na patata

aih chi fami ca c’è

mangiassimu puru

‘nfasciu d’erba

(Guardia)

Cu è ca fa

tuttu stu macellu

dicitammillu

ca l’ha ‘ttaccà

(popolo)

 puttativi a iddu...

......................................

(Guardia)

dicitammillu

ca l’haia arrestari

(popolo)

Chi ni sapemu

iddu attaccò

puttativi a iddu

puttativi a iddu

puttativi a iddu...

18) Renzo cerca Lucia tra la peste:

(Miracolosamente sfuggito all’arresto Renzo continua a cercare Lucia in una Milano che è devastata dalla peste ...)

Unn’è? ... Lucia ... Unn’è? ... Lucia...

Unn’è? ... Lucia ... Unn’è? ... Lucia...

M’hanna dittu ca si la purtau cca

cca la genti quagghia ch’è ‘mpiaciri

Mancu unu additta chiu ci n’arristò

C’è la pesti e non si po chiù stari

................................

Forsi è megghiu ca scappottu puru iu di cca

19) L’innominato:

(Lucia viene portata prigioniera nel castello del terribile Innominato...)

(Lucia viene buttata dentro la scena dove si trova già l’Innominato dai bravi che subito vanno via)

 

(l’Innominato)

Cara Lucia, mettiti ddocu

ppi te non c’è chiù chi fà

tu di cca intra non ci nesci chiù

arruvinata si tu

Si poi vo’ fattu qualche giochettu

haiu na specialità

chiusa ch’i surgi e chi bratti tu sta’

e sparti senza mangià.

L’Innominato cca

L’Innominatu dda

tutti volunu

qualche rapina, delittu

o qualche infamità

Non mi fa cauru e mancu friddu

si tu mi dici: “pietà”

Quannu tu soffri piaciri mi fà

Tra la la la la la la

L’Innominato cca

L’Innominatu dda

tutti volunu

qualche rapina, delittu

o qualche infamità

Sentimi a mia, non c’è chi fari

ti po’ sulu dispirà

O gridi o cianci a mia nenti mi fà

ppi me po puru cripà

20) Lucia:

Chi mala sorti mi capitau

21) La notte dell’innominato:

(Nella notte , vuoi la provvidenza divina, vuoi le lacrime di Lucia compiono il miracolo ...

(L’Innominato)

T’u dicu e promettu

...................................

ca u tostu no’ fazzu chiù

.........................................

ti trattu bona e po’ non ti nociu chiù

..................................

megghiu ca ti ni vai

.............................

Ca c’è Renzu ca cerca a te

..........................................

di oggi in poi non ni fazzu veru chiù

rapini e omicidii, basta chiù

fazzu u bravu si ... si si si

22) Renzo cerca Don Rodrigo:

(Fu così che Renzo si butto prima di tutto alla caccia di don Rodrigo)

Appena lu ‘ncagghiu a sulu

‘nta n’occhiu ci sputerò

poi ci scippu l’aricchi

a stu cosa anutili

E siccomu è don Rodrigu

ci tiru quattru ficu

........................................

Lassa c’o pigghiu, lassa c’o pigghiu....

appena u pigghiu comu ‘ncunigghiu

l’haia squartari

comu na sarda a testa poi

senza pietà ci scipperò

tu non mi sfuggi a fini d’o suggi

ti fazzu far

23) Don Rodrigo: M’attrantunu i palitti

(Ma attento Renzo, prima che arrivi tu sta già per arrivare la giustizia divina...)

(don Rodrigo)

Caru Renzu ormai è inutili ca t’abbilii

ppi ‘nsemplici cadduzzu o spitali fui

ma la pesti mi la mmiscaru a razzu

Ora è inutili ca fai pruvulazzu

Haiu la testa ca mi gira

fetu peggiu di ‘nsaccu i munnizza

mi manciunu i ita de’ peri e in più

tutti i capiddi su’ ritti ritti

e li peri haia a stirari ... a stirari

Caru Renzu ormai è inutili ca t’abbilii

iu ppi ‘nsemplici cadduzzu o spitali fui

ma la pesti mi la mmiscaru a razzu

Ora è inutili ca fai pruvulazzu

24) La madre di Lucia racconta tutto a renzo:

(Renzo, Lucia e la madre di Lucia sono insieme ma non sembraon niente contenti...)

(Quando tutto sembrava risolto ecco che un nuovo intoppo si frappone al matrimonio dei due promessi sposi, auh ma ci aviti na scarogna ...!)

(la mamma di Lucia)

Sai chi fici sta babba ‘i me figghia

quann’ era arrubbata o castellu?

Pinsannu ca non si salvava

ppi votu chi ci prumittiu?

Ca non s’avissa maritatu

mancu chiù cu te

E ora vulissi sapiri

com’è ca l’avissimu aggiustà

‘Ntantu chiamamu o parrinu

si ni capisci ocche cosa

picchì sennò cu stu votu

nenti si po’ fà

E addiu a stu matrimoniu

e v’hata ammazzatu ppi nenti

e iu cu sta figghia ccu votu

bizzocca m’hava arristari

Si non si sciogghi u ruppu

semu persi e nenti chiù

E ‘nsumma sintemu o parrino

alluoti qualcosa sapi fà

25) Lucia sciolta dal voto:

(Potenza della provvidenza, anche don Abbondio sembra essere migliorato, e, a quanto pare ha ricominciato a fare il prete sul serio, si vabbè, tantu don Rodrigu

muriu... )

(entra Fra Cristoforo ...)

(Fra Cristoforo)

Picchì vi stati addannannu

ca motivu non ci n’è?

motivo non ci n’è

ci pensu iu

chissu è lu me misteri

vui lassati fari sulu a mia

a mia, a mia, a mia, a mia, a mia

Mi basta menza parola ...

ca stu votu non c’è chiù

stu votu non c’è chiù

stu votu non c’è chiù

Basta menza parola ...

ca stu votu non c’è chiù

tuttu si risolverà

26) Lucia e Renzo: Ni putemu maritari

(sulla musica calma: mimo

sulla musica allegra:canto)

E allura Renzu u capisti ca stavota

veru tuttu s’aggiustò

tuttu a postu si ni ìu

E finalmenti ni putemu maritari

alla facci di Rodrigu e dill’umanità

Facemu prestu stu matrimoniu

c’avemu tanti cosi di fari

Tu porti i sordi e iu mi li spennu

alla facci to’

e iu comu un  pascià

mi l’haia passà

tara taran tan tà

27) Conclusione: mimo o balletto

ALTA CHIRURGIA

Personaggi:

Giovanni

Totò

Infermiere

Primo paziente

Secondo paziente

Scena: Una sala operatoria. Tavolo operatorio al centro

Fabbisogno: Due seghe a mano. Un coltello da macellaio. Un martello grosso e finto. Un telefono (non cellulare). Intestini e frattaglie varie. Matita, squadra e riga. Tre camici bianchi da infermiere. Vestito con gilet e giacca.

(A sipario calato, Giovanni e Totò escono, Giovanni giornale in mano)

GIOVANNI – Totò. Totò, a cavaddu semu! A sta vota il problema del mezzogiorno è risolto!

TOTO’ – Si mangia? Oh finalmenti! fussi veru! Unn’è? Iu prontu sugnu.

GIOVANNI – A fari chi?

TOTO’ – A mangiari, no?

GIOVANNI – Ehh si ora i portunu... ‘nca prima ni’ l’hama travagghiari...

TOTO’ – (un po’ deluso) Si ma ppi forza ppi forza ava essiri? Non ci nn’è autri stradi?

GIOVANNI – Vabbè, travagghiu si fa per dire... Leggi cca’, leggi cca’ (porge il giornale)

TOTO’ – No, no, leggilu tu; ca iu cca fami ca haiu non ci vidu di’ l’occhi...

GIOVANNI – Senti cca’: Primario ospedale cerca medico chirurgo,con assistente: per subbito!

TOTO’ – (con aria interrogativa non comprendendo) Eh?

GIOVANNI – (con aria di chi ha capito e invita a gioire) Eh! Eh!

TOTO’ – E chi?

GIOVANNI – E chi no’ capisti? Veni veni ca t’u spiegu. (si allontanano dietro il sipario)

(Entrano da un lato, si apre il sipario sulla scena e da una porta entrano Totò e Giovanni in grembiule bianco)

GIOVANNI – Ecco fatto! E ora, caru Totò: al lavoro!

TOTO’ – Ma unni mi purtasti? Cca ‘o finemu ‘ncarciri ritti ritti.

GIOVANNI – Ma chi ti preoccupi? tranquillu. Roba di nenti è. Tantu ppi cuminciari tu si l’assistenti.

TOTO’ – E chi senti a diri?

GIOVANNI – Senti a diri ca mentri iu fazzu i visiti tu talii e si fazzu qualche operazioni tu m’aiuti.

TOTO’ – Ma iu ‘nta matematica non haia caputu mai nenti...

GIOVANNI – Ma si tunnu daveru! Operazioni supra i cristiani

TOTO’ – Senza calcolatrici? Senza quadernu a quatretti?

GIOVANNI – Oh lu beccu ca si! Operazioni di operari i cristiani tipo: aiaih mi doli u pedi. Non si preoccupi signore: operiamo subito all’addome! U capisti?

TOTO’ – Matruzza! Ti vo’ mettiri a tagghiari i cristiani comu fussuru ficudinia?

GIOVANNI – Ma chi centra. Dicu si capita, non è ca è sicuru. Anzi è raru; a maggior parti venunu n’to dutturi ppi fissarii tu ci duni ocche pinnula, na gnizioni, du muffittuni e i nimanni a casa. U capisti?

TOTO’ – Ah, vabbè si è accussi...

INFERMIERE – Scusi dottore. C’è un paziente

GIOVANNI – U facissi trasiri

(Esce l’infermiere ed entra il primo paziente)

PAZIENTE 1 – Dutturi dutturi sugnu persu: avi di stamatina ca non mi pozzu mettiri rittu

GIOVANNI – Avanti si stinnissi tisu tisu ‘nto littinu e viremu

PAZIENTE 1 – E chi fa, pigghia pi fissa? Ci dissi ca non mi pozzu stirari...

TOTO’ – Ci pruvau ccu ferru?

PAZIENTE1 – E torna! Cca ci nn’è n’autru: non mi pozzu stirari. Non mi pozzu mettiri additta. Avi di stamatina!

GIOVANNI – Ma prima di stamatina era bonu?

TOTO’ – In confidenza a Giovanni) Chissu bonu non ci ha statu mai, tu dicu iu

PAZIENTE 1 – Bonu, bonu, era stamatina mi susii beddu pulitu, mi vistii e tuttu a un trattu non mi potti susiri chiù

GIOVANNI – Si stinnissi ddocu

PAZIENTE 1 – Ancora?

TOTO’ – Si mittissi ddocu ‘nterra

(Il paziente 1 si mette a terra rimanendo piegato mentre i dottori lo fanno altalenare cercando di esaminarlo)

TOTO’ – E cca non si capisci nenti, non ci doli nenti, dici ca era bonu e ‘ntantu pari un manicu di mola.

GIOVANNI – Si spogli

TOTO’            - E si pigghia friddu

GIOVANNI – E tu chiudi a finestra

PAZIENTE 1 – Allura mi spogghiu?

GIOVANNI – Avanti, forza.

PAZIENTE 1 – (Toltosi il giubbotto appare che ha abbottonato la camicia o il panciotto al bottone dei pantaloni) Talè talè talè...

GIOVANNI – Bella testa ca havi, ppi daveru! Avanti Toto’ Riscuoti i picciuli e u nnimanni

PAZIENTE 1 – Ma si non mi facistuvu nenti?

TOTO’  - Avanti, pavamu; ca si non era ppi nuatri era ancora ‘ncircatu ccu u mussu ‘nterra

(Mentre il paziente 1 a malinquore paga, Totò lo “accompagna” fuori)

GIOVANNI – A vistu? Chi ti dissi? Iddi cci venunu ppi fissarii e nuatri ‘ncassamu.

TOTO’ – Bellu lavorettu pulitu pulitu. Si u sapeva prima ca era accussì facili fari u dutturi, avi di ora ca ci avissa misu manu!

INFERMIERE – Presto presto un caso urgentissimo!

GIOVANNI – Prestu! Iu u pigghiu d’e pedi

TOTO’ – E iu u pigghiu d’a testa!

(Afferrano l’infermiere, che si divincola, e cercano di stenderlo sul lettino)

INFERMIERE -  Ma chi siti scimuniti tutti e dui? N’o viditi ca sugnu u ‘nfirmeri?

GIOVANNI – Totò Ma n’o vidi ca è u ‘nfirmeri?

TOTO’ – U ‘nfirmeri? E tu non ti n’accurgisiti? Oh lu babbu

INFERMIERE – Chi coppia di scuppiati! U malatu è dda ffora ca sta facennu comu ‘nvermu malignu

GIOVANNI – E lei sta cca a perdiri tempu? U facissi passari ca a fallu trapassari ci pinsamu nuatri

(Il paziente 2 viene accompagnato dentro mentre si contorce dal dolore)

GIOVANNI – Mittitulu supra u tavulinu. Totò ti dissi chiudi dda finestra.

TOTO’ – Ora, ora, Cu chissu chi facemu?

GIOVANNI – Viremu cchi avi. Senta signor malatu chi è ca si senti?

PAZIENTE 2 – App...

TOTO’ – Appuntapanni?

PAZIENTE 2 – App...

GIOVANNI – Appuntamentu?

PAZIENTE 2 – App...

TOTO’ – Appoi n’u dici?

PAZIENTE 2 – App.. pen.. diciti

GIOVANNI – E cca stavota ci voli l’operazioni!

(parlando velocemente)

TOTO’ – A sottrazioni?

GIOVANNI – Bestia!

TOTO’ – A divisioni?

GIOVANNI – Cretinu!

TOTO’ – A moltipilicazioni

GIOVANNI – Stubbitu!

TOTO’ – L’addizioni

GIOVANNI – Non ni sacciu chiù!

TOTO’ – (calmandosi) Menu mali, sa chi nisceva sta vota. Ma ‘nsumma chi hama a fari?

GIOVANNI – Per prima cosa l’hama addummisciri

TOTO’ – E comu?

GIOVANNI – Metodo numero uno: vai!

TOTO’ – (si avvicina al malato e gli canta la ninna nanna come a un bambino) Nenti da fari. Cca ci voli il metodo numero due: ora va pigghiu u marteddu (esegue)

GIOVANNI – Auh senza fari fissarii: u disinfettasti?

TOTO’ – Mizzica m’u stava scurdannu, teni tu u marteddu. (prende il disinfettante ed esegue la disinfezione)

GIOVANNI – Allura: tatto e signorilità. (rivolto al paziente) Bella iurnata, averu? chi fa cia damu o non cia damu na bella martiddata ‘ntesta? Ah? Cia damu? O non cia damu? (improvvisamente) Cia damu! (e colpisce)

PAZIENTE 2 – (Il paziente urla ma non sviene) Che dolore! Staiu murennu

GIOVANNI – E chi è? Ancora hama a ccuminciari...

TOTO’ – Mizzica chi l’havi dura a cucuzza, dammi stu marteddu! (E colpisce ripetutamente finchè il paziente sviene smettendo improvvisamente di urlare) Ecco: tratto e signorilità ci vuole!

GIOVANNI – Ecco fatto. Cu u sapi si s’addummisciu bonu?

TOTO’ – Ha pinsari: cu u sapi si s’arrusbigghia...

GIOVANNI – Comunqui: attaccamu a tagghiari. Totò: i ferri!

TOTO’ – Pronto! (va a prendere una sega) Chi voi chidda circolari o chidda a manu?

GIOVANNI – Chidda a manu ca è chiù maneggevoli. Senti, chiuttostu, ssa ppendiciti unna s’attrova?

TOTO’ – (indicando il piede) Sacunnu mia di sti parti...

GIOVANNI – No, no, cca bisogna essiri precisi. aspetta ca ci talefunu a me mogghi, ca n’amica so si operau di appendiciti. (compone il numero) pronto gioia? Senti, senti, Ma dd’amica to, eh eh idda, di chi parti s’a fici l’operazioni di appendiciti? ... comu d’e parti di Palermu? no, no, vogghiu diri di chi parti ... va’ nta panza ‘nto pedi, ‘nta carina? Eh, eh si, ‘nta panza e poi? Parti vasciulina ma non troppu si... si.. ma a destrao a sinistra? No sai? E vabbè voli diri ca ci damu n’arriminata quannu semu ‘nte vicinanzi, si vabbè ciau, ciau, si ci a po’ calari a pasta, no subitu, ca ora haiu a riminari ‘mpocu di vuredda... chi? No, non quali stigghiola.. e chi mi pozzu pourtari a casa ti pari? No, no lassa perdiri stasira ti spiegu, ciau, ciau... apoi ni parramu... ciau. (rivolto a Totò) A postu.

TOTO’ – A truvasti?

GIOVANNI – Comu si dici? cu avi lingua arriva a Roma...

TOTO’ – E si unu voli arristari a casa?

GIOVANNI – Ca si sta mutu... comu avissa a fari tu! Sentu diri ca m’u dissi: si trova a centru di panza , ‘npocu ‘nto vasciuliddu...

TOTO’ – A destra o a sinistra?

GIOVANNI – Ca ammeri ddocu, ‘ntantu ci iemu e quannu semu dda vicinu ci addumannamu, forza va’ ca si fici taddu, non vulissi ca chissu s’arrusbigghia... a chiudisti a finestra?

TOTO’ – Ora, ora a chiudu, tagghiamu?

GIOVANNI – Aspetta, sempri ‘nfrasciamatu si! Pigghia a matita ca signamu u postu precisu

TOTO’ – (prendendo matita e squadra) E chista ti servi?

GIOVANNI – (armeggia un po’, poi segna) Ci avissimu a essiri, pigghia ssa serra di ddoc’abbanna. (cominciano a segare, si sente il rumore della sega sul legno)

TOTO’ – Fermiti, fermiti ca appumu a pigghiari ‘nchiovu!

GIOVANNI – Ma certu ca hai un ciriveddu! Ca quali chiovu, tagghia, ddocu, tagghia

TOTO’ – (dopo ulteriori strani rumori) ti dicu firmamuni ca cca macari u tavulinu stamu tagghiannu!

GIOVANNI – E chi t’ava dittu iu? Avanti... ma a chiudisti a finestra?

TOTO’ – Ora, ora a chiudu (guardando dentro al pancia del paziente) Putenza di lu munnu! E quanta robba c’è cca intra? Peggiu d’o vancuni d’o carnazzeri!

GIOVANNI – Ma chi ti veni ‘nta testa? Controllici chiuttostu l’anestesia...

TOTO’ – Subito! (schiaffeggia il paziente) Signor lei... signore lei...Boh cca non duna segnu

GIOVANNI – A postu allura cuminciamu a tagghiari: bisturi!

TOTO’ – Chi è ca dici?

GIOVANNI – U cuteddu!

TOTO’ – E parra potabili! Cca è avanti (nel frattempo lo affila sulla cintura del paziente, al modo dei barbieri)

GIOVANNI – Dammi ddocu, (taglia) Chista aviss a essiri..

TOTO’ – No no. Non mi pari: si ava a essiri appendiciti, avissa a essiri a forma di croccu... se no chi ci appenni?

GIOVANNI – Ma certu ca si veru gnuranti! Appendiciti chi voli diri ca ci ha appenniri cosi? Appendiciti voli diri ... vah... ‘nsumma ppi mia è chista.

TOTO’ – E ppi mia è st’autra!

GIOVANNI – ti dicu ca è chista! Scummittemu?

TOTO’ – Vili cu si ni penti! Milli liri

GIOVANNI – Milli liri (battono il cinque a conferma)

TOTO’ – E a ccu ci ddumannamu?

GIOVANNI – Ca a iddu stissu! Non è da so’, megghiudi iddu cu l’ha sapiri?

TOTO’ – Giustu (schiaffeggiando il paziente) Senta, senta, s’arrusbigghiassi, e chi è mortu? Senta, signor lei e chi fa? Ah eccu eccu sta dannu signali...

PAZIENTE 2 – (si sveglia lamentandosi) Aih aih

GIOVANNI – Scusi signor morib.. malato paziente, avissi a aviri la pazienza di dirimi la ppendiciti quali è...

PAZIENTE 2 – Cu è San Petru? Allura non sugnu o ‘nfernu... ddi disgraziati di dutturi m’ammazzaru...

GIOVANNI – No, no, ancora no, u dutturi iu sugnu ... sentu a diri u capisci lei quali è l’appendiciti

PAZIENTE 2 – A vivu sugnu? Menu mali! A ppendiciti dici? e chi sacciu l’avissi a vidiri... mi susu?

TOTO’ – No! Chi si susi? Non facissi sforzi, chi voli moriri? ci pinsamu nuatri...

PAZIENTE 2 – A farimi moriri?

GIOVANNI – No a farici vidiri i vuredda. (Tira fuori dalla pancia del paziente un finto budello con vari pendagli e lo mostra al paziente) Allura quali è, chista o st’autra?

PAZIENTE 2 – Aih ... Chista è chista, si...aih...

(trilla il telefono)

GIOVANNI – E chi è? Propriu ora?

TOTO’ – Aspetta ca ci arrispunnu iu. (risponde al telefono) Ppi tia è, to’ mugghieri...

GIOVANNI – (imbarazzato con un pezzo di intestino in mano, per non lasciarlo se lo porta appresso e lo lega a qualcosa) Accussì non tocca ‘nterra... non vulissi ca si pigghia un infezioni... Dimmi gioia si... si... no... cca sugnu ccu unu ... pazienti, si assai... Ma staiu finennu, si va beni, si iu tonnu chiu tardu...

PAZIENTE 2 – (con un filo di voce) Dutturi, dutturi...

GIOVANNI – (al telefono) Scusami gioia... chi è ca voli?

PAZIENTE 2 - ... mi salutassi a so mugghieri...

GIOVANNI – ti saluta macari a tia, si, si, daccordu, ciau. (scavalca il pezzo di intestino teso in aria) Totò ti dissi chiudi ssa finestra!

TOTO’ – Un minutu, abbessu i ferri e a chiudu...

GIOVANNI – (al paziente) Allura comu va’? A postu?

PAZIENTE 2 – (con voce flebile) ... ma ‘nsumma... veramenti... va’...

GIOVANNI – Non facemu ca non si senti bonu? Totò, totò talia cca...

TOTO’ – Chi c’è qualche cosa ca non va? (al paziente) Tuttu a postu? Si senti bonu?

PAZIENTE 2 – Ma vera... me...nti... mi....  pari... ca...aih aih... ah! (e improvvisamente si spezza il respiro e ricade)

TOTO’ – Signor lei... signor lei... (lo schiaffeggia) Giuvanni! Giuvanni!

GIOVANNI – Chi fu?

TOTO’ – A me mi pari ca u pazienti... ni salutau...

GIOVANNI – Muriu?

TOTO’ – Eh!

GIOVANNI – A vistu? Ti l’hava dittu iù di chiudiri a finestra! Un corpu d’aria ci pigghiau!

FINE

Catozzo guardia del colpo di Agnello

Derelitta - Veni ca a tavula è pronta

Vito - (finendo di allacciardi i pantaloni sotto la panza, si dirige verso i tavolo della cucina attraversando la stanza passa accanto ad Addolorata che telefona) Chi fa chista sempri attaccata o telefunu  ca a natra anticchia ci veni l’aricchia a forma di cornetta (strappa il ricevitore dalle mani della ragazza) pi cu mi pigghiasti? per Paperon de Paperopoli ah? Cu cu sta parrannu?

Addolorata - (risponde)

Vito - (alla moglie) Chi sta dicennu chissa?

Derelitta - Dissi chi si sta prenotannu pa trasmissioni di “Fatti vostri”

Vito - (urla) E tu mi vo diri ca a li setti e menza di lunedi matina ti sta prenotannu pa trasmissioni du venerdi a sira? Ora tu fazzu je u quiz ( alza la mano aperta una chiusa a pugno e solleva un piede) Avanti scegli na busta chi voi u tumbuluni, u pugnu o un cavuciu? Ma talia tu si je aia aviri tri figghi accussì una sta sempri o telefunu..(si gira verso l’altra che balla) chista abballa sempri, senti musica e abballa, ma soccu abballi ca trema tuttu u palazzu? pari ca c’è u terremotu. La prima ballerina di la Scala Mercalli si tu. Sempri cu sti cuffi dintra l’aricchi (Vito toglie le cuffie alla figlia e li indossa) Fammi sentitìri anticchia a mia chi musica c’è ca ddintra (Strabuzza gli occhi fa il segno della croce come davanti al diavolo, si strappa le cuffie e si rivolge alla moglie) Ci criu ca chista è scimunita, cu sta musica ‘nt’aricchi ca macari ca ci venu un pinseri mancu u senti, e tantu pi ristari in tema di volumi (indica la terza figlia che legge) Chi fa chista sempri ddocu a leggiri, ca a forza di leggiri già ha cunsumatu tri para di occhiali, ma chi leggi? (prende il libro e controlla la copertina e legge sillabando il titolo) Le Trojadi (Vito si indigna e ruggisce) Chista è na casa anurata  ca sti cosi vastasi un’hannu a passari mancu di davanti a porta, chi su sti trojadi?

Immacolata - (emette un borbottio, lui si gira verso la moglie)

Vito - Chi dissi?

Derelitta- Chi sunnu li figghi di Priamu.

Vito- E cu è su Priamu?

Immacolata - (Risponde)

Vito - Chi è ca dissi?

Derelitta - Dissi ca era un re

Vito - Ah bella erucazioni ca ci resi a li figghi! E iddu ‘mmeci d’assittarisi a lu tronu unni s’assittava alla cassa? (si mette il libro sotto braccio e guarda negli occhi la figlia) Chistu lu sequestru je e si vo leggeri cocchi cosa d’ora nn’avanti ‘nsigniati a leggiri a manu. Moana! (si mette a tavola) Eranu tantu beddi li tri scimmietti nun viru, nun sentu e nun parru! A mia ‘nveci mi capitaru tri gorilla: vidu vastasati, sentu terremotu e parru sempri o telefunu.  E Oronzu chi fa ancora dormi?

Oronzo - (entrando) No sono sveglio, con tutto il trambusto che fate, come si fa a dormire?

Vito - (si gira verso di lui ) Taliatilu a me figghiu. Chi masculu ! Veni cca o figghiu ca ni facemu na bella colazioni comu l’omini!

Oronzo - (si avvicina al tavolo ancheggiando) C’è uno yogurt?

Vito - Ma chi yogurt! Salami, cascavaddu, pipi, stigghiola, cozzi, prummuni, rugnuni, peri i porcu... chistu ci voli a matina p’accuminciari bona a jurnata

Oronzo - Ma papà nello yogurt ci sono i fermenti lattici.

Vito - Ma chi t’intaressa di frammenti elastici,

Derelitta – (Mette a tavola una pentola con coperchio)

Vito - Talia ccà (scoperchia la pentola e guarda stupito Derelitta) Vongole! Chi mi facisti i vongoli pi culazioni? Je mi sduvigghiu a matina presto e prima di iri a travagghiari m’haia mangiari i vongoli? Ma tantu ni sta casa je ‘un cuntu nenti (si alza si aggiusta i vestiti e si dirige verso la porta rimane sull’ingresso a guardare moglie e figlie) nenti cuntu na sta casa! Eppuri l’haiu dittu milli voti ca a matina mi piaciunu i cozzi!

Derelitta - (alle figlie) Je staiu niscennu  pi  fari a spisa stativi carmi ca staiu turnannu (esce)

Le figlie - (appena la madre esce ritornano freneticamente alle loro attività consuete)

Vito - (Entra furtivo e senza dire una parola va in camera da letto, mentre le figlie continuano a soggetto ognuna nella propria attività)

Derelitta - Picciò chi faciti? u sapiti ca a natra anticchia arriva vostru patri e s’arrabbia siddu v’attrova accussì!

Le figlie - (Rispondono)

Derelitta - Già dintra è ? (guarda l’orologio) E chi ci fa già dintra a st’ura

Vito – (Esce dalla camera da letto abiti borghesi, cappellaccio calcato, e occhiali naso e baffi da carnevale)

Derelitta - Bedda matri addulurata ma comu ti cumminasti Vitu?

Vito - Sshhh  donna, il capo mi ha mandato in missione

Derelitta -  E tu cu sta facci ci vai?

Vito - E cu quali, cu chidda to? (estrae un foglietto e lo sventola davanti a Derelitta disgustato) Talia ccà la missioni importantissima: due etti di prosciutto cotto, un etto di bresciaola...

Derelitta - Vitu ma ti mannau a fari a spisa?

Vito - Certu e dopu c’ha lavari puru a machina! Pi na missioni di chista chi vuliatu ca mi mittia a faccia di Scio Conneru quannu fici Gens Bont? E speriamu cu nn’avissi a sapiri nuddu ma si nno perdu puri a me di facci. (estrae la patente e comincia a sputarci sopra)

Derelitta - Vitu ma chi fa’

Vito - Vistu ca un rinesciu sputarimi na facci sputu ammenu na fotografia da patenti? Je Vito Catozzo la più veloce delle colt addivintavu la più veloce delle colf. Puh!

Derrelitta - Ma picchì non ci dicisti di no?

Vito - Pi centunovantacincu motivi, tri sunnu ccà (indica le figlie) l’autri centonovasntadui sunnu li rati di la machina chi ancora ha pagari.

Derelitta - A propositu di machini arrivau na litrra di la FIAT (derelitta porge a vito una busta)

Vitu - Da FIAT? E chi è n’avvisu di pignoramentu? non po essiri sugnu nnarreri sulu di tri rati, fammi viriri (mette la patente in mano ala moglie) Teni cca sputa anticchia tu

Derelitta - (Comincia diligentemente a sputare)

Vito - (Apre la busta e legge man mano si trasforma) Derelitta semu a cavaddu come il calcio sui maccheroni, ma chi fai sputi? (blocca la moglie)

Derelitta - Ma Vitu mu dicisti tu...!

Vito - E ora ti sta dicennu basta, fimmina, Matri mia mi sentu u cori chi caucia, u sangu chi mi ugghi, mi sta vinennu un corpu o popletticu

Derelitta - Matri mia Vitu chi hai, chi ti senti mali?

Vito - Megghiu d’accussì nun c’ha statu mai a mugghieri! T’arricordi quannu ci mannau u curriculus da vita cu i dettagli frattagli e conquagli p’addivintari guardia di colpo di Gianni Agnello?

Derelitta - E allura?

Vito - (pausa a effetto) E allora mi hanno assunto!

Derelitta - No!

Vito - Si!

Derelitta - No!

Vito - Si!

Derelitta - No!

Vito - Senti tu chi vo ca mi pigghiaru o no?

Derelitta - Certu

Vito – E allura finiscila di diri no e cumincia a diri si! Porco il mondo che c’ho sotto i piedi (Cammina per la stanza come un leone in gabbia poi di colpo si gira verso le donne ) Sintiti ora sta niscennu, s’arriva u capu facitilu aspittari!

Derelitta - E tu unni vai?

Vito - Mentri aspettu di mannari a iddu unni ricu je, vaiu je unni mi mannau iddu ... a fari a spisa. (esce con espressione diabolica)

Derelitta - (Suona il campanello, va ad aprire) Buonasera dottor Boranga trasissi, me maritu nisciu pa so cummissioni, a mumentu torna .

Boranga - (Si guarda intorno disgustato) Speriamo, ca haiu na certa prescia

Vito -  (Si apre la porta ed entra insieme con i tre amici)

Boranga - Ah bene Cat.. (rimane senza parole per l’abbigliamento)

Vito - Ah cca è u dutturi Boranga

Boranga - Catozzo, ma comu ti cumminasti? Ma unni ti senti o ciramu?

Vito - (si gira con sufficienza verso gli amici poi con aria di superiorità volge lo sguardo al Boranga, con voce melliflua) Certu anzi si nun vi dispiaci fazzu trasiri i spettatori ca ora accumincia u film

Gli amici - (Entrano e si mettono seduti attenti come a teatro)

Boranga - Ma chi dici Catozzo, quali film?

Vito - (agli amici) Quali film Quali film dici iddu...(cresce l’ira di Vito) “La rivolta degli schiavi” chistu è u film!

Boranga - Catozzo basta un saccio soccu ti succeri ma...

Vito - Ah un u capisci soccu succedi? Succede che la qui presente capanna dello zio Tom e Jerri si è rotta le scatole di raccogliere il cotone cantando il blues, a mia u blues tra l’autru mi fa schifu, a mia mi piaci u lisciu (si gira compiaciuto verso gli amici che approvano)

Boranga - Senti Catozzo i cunti pi stu ciramu ni facemu dopo, ora runami a spisa ca haiu prescia.

Vito - Ah la spisa? La spisa vo? E damuccilla sta spisa o caru dutturi! (tira fuori il contenuto dei sacchettie comincia a lanciarlo addosso a Boranga in particolare un pacco di patatine in testa, un barattolo di nutella spalmato in faccia il tutto commentato a soggetto) E a cioccolatta senza a panna non po esseri non è veru amici mei?

Gli amici - E comu no!

Vito - E allura mittemuccilla sta biniditta panna! (Con una bomboletta di panna sprai guarnisce Boranga finendo con un ciuffo in cima alla testa, fa un passo indietro e ammira la sua opera d’arte) Ecco fatto è accussi beddu ca veni di fari comu a Michilangilu  Boniroti dittu u scarafaggiu: ora ti rugnu na martiddata in testa e poi t’addumannu picchì non parri

Boranga - Catozzo ma chi niscisti pazzu?

Vito - No sono diventato la nuova guardia di colpo di sua santità Gianni Agnello

Boranga - (Scoppia ridere) Tu guardia del corpo di Gianni Agnelli? Ma fammi u piaciri!

Vito - (Estrae la lettera e la sventola davanti a Boranga) Teni ccà leggi tu si un mi cridi

Boranga - (inizia a leggere) “Gentile Signor Catozzo

Vito - U capisti? Gentile Signor Catozzo non comu tia  “Catozzu ri cca Catozzu ri dda, va fammi a spisa, lavami a machina, portami a spassu u cani... ma je ti lu ‘nchiaccu ravanti l’uocchi ssa manata di puci, emu avanti!

Boranga-  (continua) “Abbiamo preso atto con molto piacere, della sua domanda di assunzione ma visto il suo curriculum la vorremmo pregare di volerci esonerare della sua presenza

Vitu - I capisti a chissi non sulu onorare ma addirittura ESONORARE della sua presenza e je a stari cca a farimi trattari comu na pezza da un pezzu di fangu comu a tia. Ta pozzu diri na cosa cu tuttu u cori? Ma va jeccati ‘nta un puzzu e  fatti mangiari de cani.

Gli amici - (applaudono e gridano festanti)

Boranga - Catozzo... Forse non nu capisti bonu ESONERARE non esonorare ed “esonerare della sua presenza” vuole dire “fare a meno”, mancu fariti vidiri, aria, smamma, scioh

Vito - (distrutto e atterrito) allura vol diri chi scanciai luccioli ppi lambretti, vol diri ca travagghiu non mi ni runanu

Boranga - ... esattamente

Vito -  (dopo un breve istante di pausa guarda la moglie e le figlie, si getta ai piedi di Boranga e gli bacia le mani) Capo, Eccellenza,Sua santità nun mi cunsumari è stato un tragico equinozio Pinsassi ca haiu na famighia ‘ncapu i spaddi, ha vistu quantu pisanu chisti: quattru fimmini setti quintali. Non mi licinziassi pi carità, cil lavu la machina, ci portu a spassu ddu beddu cagnuleddu cu ddu beddu pilu e di puci accussì duci, ci duggnu arrè di lei anzi ci ricu di vossia, anzi u pozzu chiamari eccellenza?

Boranga - (Aiuta Vito a rialzarsi) Sta tranquillu Catozzo ca non ti licenziu e sai picchì

Vito - Picchì lei è bonu è un patri, è un pezzu di pani

Boranga - No, picchì ti vogghiu viriri soffriri jornu pi ghiornu, minutu pi minutu, lentamenti, scientificamenti ...benvenuto all’inferno, uomo! (con una risata beffarda esce, e continua a ridere a lungo)

Vito - (Cerca di recuperare la faccia...) Ma si, vattinni. chi mi ni frega di tia e di chiddi comu a t...

Boranga - (si riapre la porta di scatto e rientra) Dicisti quarche cosa?

Vito - Nenti di nenti, mutu comu un pisci aiu statu!

Boranga - Benissimo t’aspettu dumani matina a li setti

Vito - (Scatta sull’attenti e batte i tacchi) Posso veniri e sei di matina?

Boranga - (Senza rispondere chiude la porta)

Gli amici - (lentamente senza dire una parola se ne vanno)

Derelitta e le ragazze - (Spariscono con le facce serie e in fila indiana)

Vito - Ma si itivinni tutti, chi mi ‘ntaressa di vuatri! ma iti a fari tutti ‘nsacchetta, iu ma passu benissimu macari sulu, nun haiu bisognu di nuddu, u sapiti chi fazzu , scrivu a Berlusconi, eccu chi fazzu! Ci scrivu o Cavaleri e mi nni vaiu intra a televisioni ! ... ‘Ntantu però mi va curcu ca dumani m’haia susiri prestu, (mentre si allontana) c’haia puttari u cani a spassu,c’haia lavari amachina, c’haia fari a spisa, c’haia puliziari a casa... e chi vi pari ca sugnu sfacinnatu ju.

FINE

MI E’ SEMBRATO DI VEDERE UN GATTO

(Libero adattamento da Giorgio Faletti “Porco il mondo checiò sotto i piedi)

La scena si svolge in una clinica veterinaria, in sala d’aspetto

PERSONAGGI

 Vito Catozzo

Derelitta Catozzo

Addolorata Rosita Catozzo

Derelitta – Addulurata, comu sta u iattareddu?

Addolorata – (Guardando dentro il cesto dove porta la gatta, emette un suono incompresnibile che solo la madre capisce)

Derelitta – U sacciu ca è ‘ncinta, dicu po stari n’autra anticchia o già ci semu?

Addolorata – asdgggkjòlhjk

Derelitta – A, va beni, speriamu ca resisti qualche minutu ancora ca già avissa a essiri u nostru turnu

Addolorata - asdkfjghfjghò

Derelitta – Chi dici? Picchì non a faceumu fighari a casa? E comu faceumu cu to’ patri ca è allergicu e iatti? chiddu sulu ca vidi un cartoni animatu di gatto Silvestro si metti a stranutari ca pari un cumprissuri...

Voce da dentro – Signora Derelitta Catozzo, prego si accomodi...

Derelitta – Mi raccumannu aspetta cca, po darsi ca mi veni a circari qualcunu ci dici ca aspetta...

Addolorata – aasdkgfhljhò

Derelitta – Comu cu ci u dici ca semu cca? N’o sai ca a puttunara è talmenti ‘nfacciddera ca sapi i ffatti di tutti ‘nto nostru palazzu e macari ‘nta chiddi vicini? Capaci ca si veni u papà ci u dici ca semu cca

Addolorata – aasdjghfkjlò

Derelitta – Va beni va beni, ora lassimi iri se no è troppu tardu (prende in mano il cestino ed entra nella sala operatoria)

Addolorata - (si siede, si attacca le cuffie e canta, a suo modo la canzone che sta sentendo) asdfkòlà asdgjk adgjklò asdjgkòl  ...

Vito – (entra sparato e si aggira per la stanza cercando dovunque prima di scorgere la figlia, quando la vede ha un susulto di ribrezzo e poi, quando si è riavuto gli rivolge la parola) Addolorata chi è cca to matri?

Addolorata - (a causa delle cuffie non sente e continua a cantare)

Vito – Addolorata! Ti ordino di ascoltarmi (visto che non ha risposta, accortosi delle cuffie gliele tira via e ripete la domanda) Leviti ssa fabbrica di scrusciu ca diventi chiù tontira di quantu si’ ... ti dissi chi è cca to matri?

Addolorata – asdfhgjkl

Vito - (si morde le mani) Ma di cu pigghiasti ca quannu parri assumigghi a un richiamu di baleni zoppi? Chi è ca dici?

Addolorata – asdfghlkjhò

Vito – Va beni si ...Ascuta: andura passai d’a casa e non truvai a nuddu, allura scinnii ‘nta dda ‘nfacciddera d’a purtunara, ca tantu chidda sapi i fatti di tutti, e mi dissi sti testuali paroli: “Derelitta non è a casa” iù allura subitu ci dissi: “ e unn’è?” e iddu: “si ni ìu a clinica di urgenza” a mia u pumu d’adamu m’acuminciau a chianari e scinniri a ducentu all’ura, peggiu d’u palluni di pallacanestru a manu di magic Jonson, e ci fazzu: “comu a clinica? E chi si ‘ntisi mali?”  e diiu mi fa: “Chi sacciu, quannu nisciui c’era me mugghieri, comunqui si signau u nomu e l’indirizzu d’a clinica” e m’u desi. Iù subitu acchianai supra a me Super car...

Addolorata - (con aria interrogativa) asdgjhlfkgga?

Vito - ... a centuvintisei, va’, subitu partii a razzu, ‘nta primura mi ‘ncucciai a baracchedda d’e muluna e ci a sduvacai ‘nterra, e unu ca si stava manciannu un muluni mu strascinai finu a cca, iddu gridava ma a me mi pareva a sirena, taliama arreri e non vireva nenti tantu ca dissi “cca mi stanu vinennu i lucidazioni comu a Ulissi ca sinteva ‘e sireni e ‘nveci era so’ mogghi chi passava a cira ...ma tantu cca è spitali ora u riezzunu... ‘unsumma si po’ spiri chi successi a to matri? E picchì a purtasti propriu cca? Appena trasii si sintevunu i malati ca gridavunu comu i cani e i iatti, sa’ comu i trattunu mali ... Ma to’ matri unni è? chi ci succiriu si po’ sapiri?

Addolorata - (come ripetendo una cosa già deta e che il padre non vuole capire) asdfaldkjhgkj alsdghkjhgl!

Vito – Si ciau! E cu a capisci a chista? (si guarda intorno e chominciaa chiamare) Nuddu c’è? Nuddu c’è ‘nta stu schifiu di postu? (gridando come un ossesso) Vogghiu sapiri unn’è me mugghieri!!!!!

Dottore(o Dottoressa) – Chi ssu sti vuci?

Vito – Dott. finalmenti! Comu sta a malata?

Dott. – Bene! Sta per partorire. Si sono già rotte le acque, Tutto regolare. (e ritorna dentro)

Vito – Sta per partorire? e unni è ca havi a ghiri? Accussi partorisci per un viavvio senza dirimi nenti a mia?

Addolorata  - (si avvicina a lui e con il suo linguaggio e con i gesti cerca di fargli capire il significato dela parola partorire)

Vito - (dopo aver stentato un po’ finalmente capisce, si blocca un attimo e poi) Partorire nel senso ca si avvisunu parenti e amici ca sta arrivannu un angioletto nella mia casa? (a questo punto comincia a starnutire) Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata - (investita dallo spostamento d’aria vola indietro e va a ruzzolare lontano ma Vito non se ne accorge)

Vito – Oh Derelitta, picchì non mi dicisti nenti? Picchì mi hai nascosto il tuo dolce segreto? Va beni ca a me mi piaciunu i sorpresi ma m’avissi accuntintatu macari di na sciarpa... Porco il mondo chi ciò sotto i piedi! Mi stanu vinennu i dogghi macaria a mia. Ciò le fritte nella panza (si accascia su una poltroncina e stira le gambe) Derelitta mugghieri mia bedda, ora suffremu assemi, berremo questo amaro calice fino alla freccia...

Dott. – E’ nato! E’ maschio, tutto bianco (il dottore scompare mentre Vito cerca di raggiungerlo)

Vito – E certu ca è iancu, chi m’hava nasciri africanu? (verso il dott.) E chi ci pari ca i figghi mi nasciunu scozzesi, tutti a quatretti comu a gonna di Highlander? (si gira verso la figlia che si sta rialzando) Cuntenta ca rriva u fratellinu? (ricomincia a sentire prurito al naso)

Addolorata - (all’avvicinarsi dello starnuto si rifugia dietro le sedie)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata - (ruzzola nuovamente per terra)

Dott. – Ne è nato un altro: femmina (scompare di nuovo)

Vito – Miii! Misentu comu l’Enterprise colpito di uno sciame di meteoriti! Un autru! Parto bigello? Un masculu e ‘na fimmina, fiocco rosa e fiocco azzurru. Ho fatto l’amples comu o Casinò. Modestamente non sugnu n’omu: sugnu un superalcolico delle nascite, fazzu vidiri tuttu duppiu (ricomincia a pruderlgi il naso)

Addolorata - (scappa fuori dalla sala)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò! (distruzione totale)

Dott. - (rientrando) Ne è nato un altro: tutto rosso

Vito – Comu russu? Chi è arruggiatu?

Dott. – No, di pelo rosso. (rientra)

Vito – Di pilu russu? ... e certu u cugnatu di me’ patri era russu comu un semafuru, na’ vota a chiazza si livau a coppule e tutti i machini si firmaru ... Mamma mia! Tri gemelli, comu o lottu: terno secco sulla ruota di Catozzo! E ora hama pinsari a tri nomi...

Dott. – Ne sono nati altri due, ma ce n’è un altro...(esce)

Vito - (si accascia sulla sedia) Sei gemelli! E cca non è ca arrivau a cicogna, arrivau u condor, u Stenodattilo, l’aceddu preistoriato di l’omini primitivi. Porco il mondo chi ciò sotto i piedi! Sono entrato nel bisnes dei primati, cca mi fanu u serviziu a Tele Camporeale

Dott. – (Stavolta esce e comincia a togliersi i guanti e mettersi a suo agio)

Vito – Dutt. a matri comu sta?

Dott. - Benissimo, le devo fare i complimenti. E’ molto ben tenuta, senza pulci ...

Vito – I pulici? Ma chi sta dicennu? Chidda non ha avutu mai  mancu a forfora...E i nicareddi comu sunu?

Dott. – Ah, una meraviglia, poppano che è un amore, tutti attaccati.

Vito – Tutti attaccati? E chi sunu siamesi?

Dott. - Solo due...

Vito – Porco il modo chi ciò sotto i piedi! E ora chi fazzu?

Dott. – Beh, se non le piacciono appena svezzati li può dare via...

Vito – Comu dare via?

Dott. – Basta sapere che vadano a stare bene, Se vuole uno glielo prendo io, così mia figlia ci gioca.

Vito – Dott. ma ppi ccu mi pigghiau, ppi unu ca i va dannu accussì...?

Dott. – Pensi che c’è gente che li annega...

Vito - (si porta le mani alla testa disperato) Mondocano, chi cosi ca s’hana sentiri... Ashibaba...

Dott. – Prego?

Vito – Prego ... chi?

Dott. – Ha detto qualcosa ... ashibaba ... mi pare

Vito – Iù dissi ashibaba? E chi sugnu Sardocan ca dicu ashibaba? ... Abaraship....

Dott. - (inidcandogli la bocca con il dito) Vede? Adesso ha detto Abaraship..

Addolorata - (entra, vede la scena del padre che sta per starnutire, cerca di mettere in salvo il dottore...)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata . Dott. - (sono trascinate dalla forza dello starnuto e ruzzolano via)

Vito – A sapi na cosa Dutt. ? si non sapissi ca non po’ essiri diccissi ca cca c’è un jattu!

Dott. – Ma lei è allergico

Vito – Un pocu...

Dott. – Un poco assai... Venga che le do’ qualcosa e nel frattempo credo che debbo spiegarle qualcosa a proposito dei gattini che lei non ha capito...

Vito – Gattini quali gattini?

Dott. – Venga, venga che le spiego...(entrano nella sala operatoria)

Derelitta - (uscendo con il paniere con gatta e gattini li porge a Addolorata) Teni Addolorata ca u/a dutt. ci sta dannu i pinnuli o papà pi l’allergia.

Addolorata - (nell’attesa gioca coi gattini nella cesta) asdagkjlò asdòglkj

Derelitta - (uscendo di nuovo e parlado verso l’interno) Daccordu dutt. deci o iornu, di sti ormoni di pollu ... ma non ci parunu assai? No? Va beni non è ca ci vogghiu ‘nsignari u misteri ma tutti sti ormoni di pollu maprunu assai a mia ... dacordu, daccordu arrivederci

Vito - (esce anche lui un po’ scombussolato) Perciò erunu iatti, non picciriddi e iù ca crideva ... e ora comu facemu cu st’allergia ca haiu?

Derelitta – E si pinnuli ca ti desi t’avissuru a guariri, dici ca l’ormoni di pollu sunu indicatissimi ... a propositu comu ti senti?

Vito - (mentre tutti e tre escono di scena) Bonu, comu m’haia a sentiri chi chi ... chicchiri chi ... co co .. co coccodè ...(esce col verso e le movenze da gallina)

FINE

Servizio a domicilio

(La stanza è vuota tutti sono fuori, dalla porta entra Vito )

Vito - (passa in rassegna il mobilio della sua casa, poi si dirige verso la tavola e scoperchia il tegame pronto per la cena) Cipuddi, trippa e sangeli, e vabbeni voli diri ca pi stasira mangiamu leggeru, ogni tantu ci voli un pocu di dieta... (assaggia, prende una birra dal frigo e la scola di un fiato poi si mette a sedere pregustando la cena, appena seduto spara il campanello, va ad aprire e gli si presenta una bella ragazza, una venditrice porta a porta)

Ragazza - Buongiorno permette due parole?

Vito - Certo si accomoda!

Ragazza - Lei non mi conosce...

Vito - Come no? l’ho già vista una volta in un libro, però nel disegno aveva le ali...

Ragazza - (Incassa e sorride comunque a Vito) Lei non mi conosce, dicevo, però io so che lei ha bisogno dei miei prodotti, i prodotti “Over the Top”

Vito - (Risentito) No, vadda signurina, chista sarà ca è na casa modesta ma topi propriu non ci ni sunu, c’era quarche scaravagghiu l’annu arreri ma poi ci desimu u Flit...

Ragazza - Ma no, che cosa ha capito? I nostri sono cosmetici, creme, magici profumi Over the Top. Lei conosce la fragranza del dopobarba Alien?

Vito - Beh vadda, iu l’agghiu ciu mittissi a tutti i gnuni, macari ‘nto cappuccinu, però a mittiraccillu ‘nto doppiobarba mancu iu ci ava pinsatu mai!

Ragazza - Forse le potrebbe interessare una crema per sua moglie? Che so una crema idratante ... o ...

Vito - Pi faureddu, mai mai...di dda vota ca ficimu u barbacus a casa e vinniru i pumperi, a me mugghieri ci vinni un scioccu ca comu vidi un idranti ci venunu i lissi

Ragazza - (Cerca un diversivo) Senta potrei almeno chiederle una cosa?

Vito - Macari dui!

Ragazza - Sotto, prima di salire, una macchina è passata in una pozzanghera e mi ha schizzata tutta, mi darebbe gentilmente la possibilità di cambiarmi?

Vito - Ma certu signurina, vinissi dabbanna cu mme

Ragazza - Ma certo la ringrazio (vannno)

Vito - Pi favuri però s’ha mettiri i pattìni se no me mugghieri addiventa na vipira

Ragazza - Certo, non si preoccupi, le chiedo ancora scusa del disturbo, farò in un attimo.

Vito - Non si preoccupi, facci come se era a casa sua (vito chiude la porta sul sorriso della ragazza e si precipita a prendere il Marsala all’uovo e due bicchierini) Mamma mia e cu è chista? E’ na pinappa, na trop motel ... sugnu tuttu sguazzariatu  (mentre continua i preparativi Vito viene sorpreso dallo sparo del campanello, apre ed è Derelitta)

Derelitta - Vitu, lassasti di novu i chiavi na frimmatura e non potti rapiri (Vito rimane a bocca aperta, Derelitta vede i due bicchierini) E chi fai vivi?

Vito - (Indifferente) Cui iu? (e guarda con aria interrogativa bottiglia e bicchieri che ha in mano mentre Derelitta posa le buste della spesa) Ah si mi stava assittannu a vidiri a televisioni e dissi “mah ora mi vivu quarche cosa” cu stu malutempu ca c’è...

Derelitta - Cu du’ bicchieri?

Vito - E certu Un bicchieri u mettu chinu e unu leggiu, sai comu sugnu iu, cetti voti mi veni a siti e cetti voti no..., ma tu chiuttostu non eri o mercatu a fari a spisa?

Derelitta - E cu st’acqua ca cala unni ieva? Ca mi ni ii ‘nte putii ca vicinu

Vito - Ma chisti chi su putii? Chisti su caverni de quaranta latruni, u fruttasiolu havi prezzi ca avissa affacciari a bannera pirata!

Derelitta - A propositu u sai chi mi dissi a mugghieri do fruttaiolu?

Vito - Cui dda sparrittera?

Derelitta - Ma tu no sintisti chi ci capitau all’elettrautu?

Vito - Cui Angilu? E chi fici?

Derelitta - Chi fici?, u porcu fici. Iddu pinsava ca so mugghieri era fora, idda turnau all’impruvisa e u ttruvau cu l’amanti!

Vito - (Vito è visibilmente turbato) E chi successi?

Derelitta - Chi successi? A mugghieri pigghiau a pistola e si stutau a tutti e dui! Pummiti Pummiti!

Vito - (Senza farsi vedere da Derelitta, estrae la pistola e comincia cautamente a scaricarla)

Derelitta - (Mentre scarica le buste della spesa) Pasta, ogghiu, cipuddi...

Vito - (Ripone la pistola scarica) Ecco u vidisti, si sempri tu ca ti scordi i cosi! Ti scurdasti i cimi di rapa. Ora pigghia e ha nesciri di novu!

Derelitta - (Stupita estrae un pacco) No cca sunu i cimi di rapa ...

Vito - E i chiappiri? Comu i fai i cimi di rapa senza i chiappiri?

Derelitta - Ma quannu mai ci ama misu i chiappiri ‘nte cimi di rapa?

Vito - Ha vistu? E ‘nveci ci l’ha mettiri, picchissu nna l’ultimi tempi non sapeunu di nenti! Ora ha nesciri e ha ghiri a pigghiari i chiappiri, avanti bedda lesta va!

Derelitta - Ma no, ca macari i chiappiri ti pigghiai.

Vito - Auh, ma ci fussi na vota ca ti scordi qualche cosa! E chi si precisa, pari na machinetta, e chi si a donna biotica?

Derelitta - Vitu, ma chi sta dicennu, chi c’hai a stasira, e iu macari ca ti dugnu cuntu! Fammi iri a canciari ca sugnu tutta vagnata, passau na machina e m’anniau tutta.

Vito - Macari tu!

Derelitta - Comu “macari tu”?

Vito - (tra se) E comu si ci metti sta marcia nnarreri? (alla moglie) No ... vuleva diri: Macaru tu...vidi ca c’è a pozzanghera e ti ci metti davanti?

Derelitta - (dirigendosi verso la camera da letto) Va bbeni ma ora fammi canciari...

Vito - (con un balzo a braccai allargate davanti alla porta) No!!! Derelitta non ti ci po’ iri a canciari cca!

Derelitta - E picchì?

Vito - Pcchì ... rapii a finestra eccu picchì. Dda intra fa friddu e tu chi ti vo’ canciari o friddu? E si ti veni na bronchiti asmanica, o ‘ncatarru ntestuali?

Derelitta - Ma cu stu mautempu tu mi o grapi a finestra, Vitu?

Vito - U sai chi fu, ca siccomu mi ci fumai na para di sigaretti, e ci vosi dari ‘npocu d’aria a stanza...

Derelitta - Vitu, ma tu mai ha fumatu ...

Vito - (Con l’espressione di un bambino scoperto con le mani nella marmellata) E va beni Derelitta, mi scupristi! Ju fumu ammucciuni! Ma ora va canciati na stanza di Oronzu. (Vito spinge di peso Derelitta nella camera del figlio)

Derelitta - Ma Vitu i vistiti ju ci lìhaiu dda banna!

Vito - E mettiti a vestaglia di Oronzu! (chiude dentro la moglie nello stesso istante in cui dalla camera da letto esce la ragazza che indossa un abito diverso e lo stesso sorriso)

Ragazza - La ringrazio veramente di cuore e ...

Vito - (Precipitoso) Figurarsi è stato un piacere averla qui arrivederci.

Ragazza - Senta visto che lei è così buono , mi fa andare un attimo al bagno?

Vito - Macari!

Ragazza - La prego faccio prestissimo.Pam Pam...

Vito - (Guardando la stanza dove è la moglie) E si non si spiccia u vidi chi Pam Pam ca c’è. Un attimu e poi si nna iri. (si chiude la porta del bagno e si apre quella della camera di Oronzo esce Derelitta e si avvia verso il bagno) Unni sta iennu?

Derelitta - O bagnu

Vito - Non si po’

 Derelitta - E picchì?

Vito - (pensa un attimo) E’ ‘ntasatu, pi cuppa di tutta st’acqua scuppiaru i tubi, pareva quannu scoprunu u pitroliu; s’allagau, c’è un sgricciu di acqua comu a cascata di Marmotti, traseru macari ‘mpugnu di mirruzzi, tenchi, e ‘mpisci spadu s’affacciau ca pi cacciallu ci vosi ocche menz’ura.

Derelitta - Ma allura chiama o stagninu

Vito - Ma chi stagninu, ci pensu iu, tu vai nta vicina e ti fa pristari u sturalavapiatti ca tu sistemu iu nta n’attimu.

Derelitta - E chi ci vaiu vistuta accussì?

Vito - E chi ti vo mentiri u vistitu da sposa, l’abitu da sera oppuri ti vo ccattu na pelliccia di visoni? (vito così dicendo spinge fuori la moglie mentre si apre la porta del bagno ed esce la ragazza)

Ragazza - Ecco fatto!

Vito - Io immagino che lei ci avesse un sacco di cose da fare, non la vorrebbe trattenere...(nel frattempo si sente aprire la porta... Vito spinge la ragazza all’attaccapanni e la copre con l’impermeabile mentre entrano le figlie e si dispongono alle consuete abitudini Addolorata al telefono, Immacolata verso un libro e Deborah prende il walk-man) Chi stati facennu? Oggi non si leggi e non s’abballa e sopratuttu non si telèfrica! Oggi tutti avanti a televisioni! (  e le spinge davanti al video)

Figlie - (Protestano nella loro lingua...)

Vito - Solenzio! Oggi non si parra mancu u geroclificu, c’è un programma bellu, ‘mparatu e istruttivu! (Accende col telecomando) Ddocu u viditi: l’intervallu, ppi ‘mpararivi a geografia, azziccativi ssa testa nta televisioni ca appoi vi ‘nterrugu! E si vi girati a testa vi sauta libira! (mentre sta per far uscire la ragazza si sente Derelitta, Vito pronto si ficca un fazzoletto in bocca)

Derelitta - (da fuori) Vitu apri ca c’haiu i manu ammarazzati

Vito - (Vito apre appena la porta)

Derelitta - Cca c’è u sturalavapiatti... Ma Vitu chi ti successi si unchiu comu na buffa!

Vito - U denti, u denti c’iaiu ‘nduluri ca staiu murennu, mi pigghiau di punto in colpo, mi vinni una fritta al nervo tricefalo, ci haiu i duluri lacero confusi! Si vunchiau macari a fotografia da carta d’identità. Vai subitu ‘nta farmacia e pigghimi ‘ncalmanti!

Derelitta - E comu vistuta accussì?

Vito - E ci torna cu ssu vistitu! Ju staiu murennu e tu pensi o vistitu? E quannu moru chi fazzu ci dicu “aspittati tutti ca non pozzu moriri, me mugghieri ancora s’ha ccattari u vistitu ppo’ funerali”! (a malincuore Derelitta ece nuovamente; Vito chiude la porta si toglie il fazzoletto dalla bocca e si appoggia alla porta stremato) Matruzza bedda mi sentu quarant’anni superchiu supra i spaddi ( Scopre la ragazza) ... bbi mi passaru tutti ‘nta na vota!

Immacolata - (Sta per girarsi e bofonchia qualcosa)

Vito - Non t’arriminari ti dissi! Fai cuntu ca sugnu Giuca Scasetta: t’ha girari solo quando lo dico io, solo quando lo dico io...

Ragazza - Mi dispiace di averle arrecato tutto questo disturbo.

Vito - Ma chi disturbu, anzi speriamo di arrivederci quarche votta

Ragazza - (ammicca, da un bacio a Vito) Chissà? (ed esce)

Vito - Matruzza. matruzza! Mi sentu tuttu cassariatu, mi stanu vinennu i sintòmi, staiu addivintannu nautru tantu, macari i capiddi biondi mi stanu addivintannu... (e sviene)

Derelitta - (Tenta di aprire la porta ma non ci riesce perchè c’è Vito svenuto dietro, infila solo la testa e osserva le ragazze davanti al televisore, vede il marito a terra) Matruzza bedda e chi ci successi? (entra spingendo Vito, si abbassa vicino a lui e gli sfiora il viso) Vitu chi c’è ti senti mali?

Vito - (Rinvenendo) A sei tonnato angilo maliardario?

Derelitta - E certu ca tunnai, a farmacia è ccarreri!

Vito - Ma quali farmacia?

Derelitta - Ca pu duluri di denti... ma chi fu ti passau tuttu nta na vota?

Vito - (sognante) E’ passato quando mi ha baciato...

Derelitta - Ma chi c’hai parri italianu, talii ‘ntall’aria, e poi cu fu ca ti baciau?

Vito - (ripetendosi la domanda) e poi cu fu ca mi baciau? ... A furtuna, eccu, la dea bendata, fimmina volubili e capricciusa, si isau dda pezza di nta l’occhi e mi guariu...

Derelitta - A propositu di fimmini, mi dissa a purtunara ca c’è in giru na fimmina ca fa finta di vinniri profumi e ‘nveci è na latra di prufissioni, ca va furriannu a rubbari nta l’appartamenti (rivolta alle ragazze) U sintistuvu, quannu siti suli non grapiti a nuddu m’arraccumannu!

Vito - (si sente mancare, balza in piedi e va a frugare nell’impermeabile,si accorge che li manca lo tipendio, rimane esterefatto) U stip... u stip... u stipendiu...

Derelitta - Vitu ma chi dici chi centra u stipendiu?

Vito - Dicu ca oggi pigghiai u stipendiu...

Derelitta - E allura? No pigghi tutti i misi?

Vito - Si ma comu stu misi non l’haia pigghiatu mai!

Derelitta - (Si avvicina confidenzialmente al marito) E poi, sai no vosi diri davanti e carusi ca si ponu scannaliari, menu sanu de cosi brutti da vita e megghiu è... (controlla che non possano sentire) E poi addirittura pari ca a latra non è na latra ma è un latru ca si travesti di latra ppi trasiri megghiu ne casi di cristiani!

Vito - (sgrana gli occhi, fa la faccia schifata, comincia a gesticolare, corre in un angolo a sputare)

Derelitta - Vitu ma chi hai, picchì sputi?

Vito - (Solleva la faccia sconvolta) Picchì sputu? picchì semu ‘nta ‘nmunnu ca è un biduni da munnizza! Unu ‘ncontra na carusa, pari ca ci arrubbau u cori e ‘nveci ci arrubbau u pattafogghiu, e spatti a carusa non è na carusa ma è n’omu, alla facci du doppiobarba all’agghiu, Pphuhh (a grandi passi se ne va nella camera da letto)

Derelitta - Vitu ma chi hai stasira chiù emu avanti e menu ti capisciu (esce anche lei)

Le figlie - (Parlano tra loro in tono interrogativo)

Vito - (da fuori) Derelitta ma cchi stanu dicennu chissi?

Derelitta - Dissiru “ Ma ora chi fà ni putemu vutari?

FINE

I DUE CACCIATORI

( si incontrano sulla scena, scene di saluto )

NINO - ( è vistosamente infasciato e medicato )  Pippu, c’ha fattu tuttu stu tempu?

PIPPO - C’ha fattu? Ca si tu cuntu non ci criri, haia statu all’Africa.

NINO - All’Africa e a fari chi?

PIPPO - Ma pi risparmiari un pocu di picciuli...

NINO - Perciò ... pi risparmairi i picciuli ti ni vai all’Africa? E picchì non ti facevi na passiata a villa, chidda è gratis, non risparmiavi chiu assai?

PIPPO - Chi centra? Iu mi ni ii all’Africa ppi risparmiari i sordi d’e scarpi.

NINO - ‘Nca picchì? Forsi picchì dda si camina a peri scausi e accussì non si spardunu i scarpi, averu?

PIPPO - Ma u viri ca non ha caputu nenti? Mi ni ii all’Africa ppi risparmiari i sordi d’e scarpi, picchì cca custavunu troppu assai.

NINO - Bellu scinziatu! Pozzu capiri ca dda i scarpi costunu chiù picca, ma i sordi d’o viaggiu non foru chiò assai?

PIPPO - Ma u sai ca ccu tia non si po’ parrari? Pigghi sempri avanti! Fatti spiegari tutti cosi e poi  u capisci.

NINO - Avanti, cunta!

PIPPO - Una, dui, tri quattru...

NINO - Ma chi fai?

PIPPO - Cuntu! non m’u dicisti tu?

NINO - No, dicu cunta, nel sensu di: cuntimi ssa storia...

PIPPO - ( perplesso )  C’era na vota un re, ca aveva na figghia ianca comu a nivi, e cc’u mussu russu comu u sangu, e si chiamava Biancanevi... ma daveru a vo’ cuntata tutta?

NINO - Bonu, va’... dicu cuntimi ssa storia d’e scarpi...

PIPPO - Ah, veru... i scarpi, allura, ascuta: Mi truvava a Via ......... ppi ccattarimi un paru di scarpi, giustu? Taliu ‘nta na vitrina e chi viru?

NINO - Boh?

PIPPO - Chi viru?

NINO - Ma chi sacciu, non è ca era dda ccu ttia, chi è ca viristi?

PIPPO - No’ sai? E allura t’u dicu iu: un bellu paru di scarpi di coccodrillu!

NINO - Tanti auguri e allura?

PIPPO - E allura? E allura erunu u paru di scarpi chiù belli ca haia vistu, belli, belli daveru!

NINO - E allura trasisti e t’i ccattasti.

PIPPO - Si ora! trasii e ci addumannai u prezzu, picchi fora non c’era scrittu

NINO - E chi ti dissuru?

PIPPO - U prezzu.

NINO - U capii, dicu: quantu ti dissuru ca custavunu?

PIPPO - Picchì ti vo’ ccattari macari tu?

NINO - Ma chi centra? Si mi sta parrannu di prezzu, dimmi quantu ti custaru, no?

PIPPO - Non mi custaru nenti.

NINO - T’i rrialaru?

PIPPO - Si ora, non mi custaru nenti picchì non m’i cattai.

NINO - E picchì?

PIPPO - Picchì custavunu troppu assai. Pensa ca ppi ‘nparu di scappi di coccodrillu vulevunu du miliuni!

NINO - E chi su’ pazzi?

PIPPO - A stissa cosa pinsai iu: chi su’ pazzi? E ci addumannai, macari: Chi siti pazzi?

NINO - E iddi chi ti dissuru? Dimmillu

PIPPO - No!

NINO - Non m’u vo’ diri?

PIPPO - No dicu mi dissuru: non semu pazzi. U fattu è ca i scappi di coccodrillu sunu merci rara e costunu accussì assai.

NINO - Vih chi cosi, u sai ca no’ sapeva

PIPPO - U sacciu ca no’ sapevi, mancu iu u sapeva, e chi ti pari ca si u sapeva ci’u ddumannava?

NINO - E allura?

PIPPO - E allura dissi: du miliuna costunu i scappi, un miliuni costa u bigliettu ppi l’Africa... dui e dui fanu tri...

NINO - No, dui e dui fanu quattru...

PIPPO - Si, ma iu n’arrisparmiava unu ... ‘nsumma dissi: mi ni vaiu all’Africa cu un miliuni, i scappi di coccodrillu mi pigghiu iu stissu, un viaggiu mi fazzu, i scappi ci l’haiu e sparti arrisparmiu un miliuni. pinsai giustu?

NINO - Giustissimu.

PIPPO - Allura arrivu dda, e subbitu mi circai u postu unni erunu i coccodrilli, appena visti a na’ para di fricani ci dissi: ho venuto per le scarpe di coccodrillo

NINO - ...sono venuto...

PIPPO - ...ho venuto per le scarpe di coccodrillo

NINO - ... sono venuto...

PIPPO - Senti Ninu, non m’arrisurta ca c’eri macari tu...

NINO - Dico si dici: sono venuto, no:ho venuto...

PIPPO - Vabbè o sono venuto o ho venuto sempri u stissu i fricani mi caperu m’u dissuru: goggodrilli stare a fiume. E iu partii subbitu p’u ciumi.

NINO - E arrivatu dda?

PIPPO - Arrivatu dda, subitu mi misi in agguatu: u cuteddu ammenzu i denti, mi calai a moddu all’acqua e aspittai u coccodrillu, dopu ocche menz’ura viru na cosa ‘nta l’acqua ca galleggiava, ca pareva un truncu d’arvulu, iu subbitu m’appustai davanti e dissi comu arriva u cchiappu...

NINO - E comu u cchiappasti?

PIPPO - ...’nto mussu era veru un truncu d’arvulu... Passata ocche autra menz’ura arrivau u coccodrillu: e ddocu non ti dicu. ti l’ha vistu i film di Tarzan?

NINO - Si, quannu discurri cca scimmia?

PIPPO - No, chi centra quannu ammazza i coccodrilli...

NINO - Si si l’ha vistu: quannu si ci metti a cavaddu, poi i cchiappa do coddu, si ci metti di sutta e ci’azzicca u cuteddu...

PIPPO - Perfettu: a stissa cosa fici iu, film di Tarzan mi n’ha vistu tanti ca para ca hava fattu sempri stu misterii... ‘nsumma ammazzu stu coccodrilu, u portu a riva u votu a panza all’aria: ... nenti

NINO - Comu nenti?

PIPPO - Ca nenti! Allura mi mettu di novu a moddu, n’arriva n’autru, u mmazzu, u portu a riva u votu a panza all’aria: ... nenti

NINO - Nenti?

PIPPO - Nenti! Allura mi mettu di novu a moddu, n’arriva n’autru, u mmazzu, u portu a riva u votu a panza all’aria: ... nenti

NINO - Nenti?

PIPPO - Nenti! Allura mi mettu di novu a moddu, n’arriva n’autru, u mmazzu, u portu a riva u votu a panza all’aria: ... nenti...’nsumma dopu na iurnata n’hava ammazzatu almenu na trentina...

NINO - Mizzica... na stragi, e i scappi?

PIPPO - I scappi? e chissa fu a tragedia: oddiu ca di trenta coccodrilli ni potti ‘ncagghiari unu ca purtava i scappi!

NINO - Ma tu macari! Chi ci vulevi truvari i scppi di coccodrilu misi e peri?

PIPPO - E picchì chi l’havunu a purtari ‘nt’aricchi?

NINO - Veru spertu si perciò un paru di scarpi di coccodrillu ca costunu du miliuni pensi ca u coccodrillu è accussì besti aca si metti quannu è a moddu l’acqua, accussì ci ‘nfracitisciunu tutti?...

PIPPO - A diriti a virità non c’iarriflittii, ma comunqui ora semu cca e scappi di coccodrillu non ni potti aviri. Ma dimmi na cosa chiuttostu, tu ca si tuttu ‘nfasciatu, chi è ca ti succidiu?

NINO - Chi mi succidiu? Ca macari iu a fattu u caciaturi di sti tempi...

PIPPO - E comu fu ca t’arridducisti daccussì?

NINO - Ca chi t’haia diri... Era o bar e discurreumu di sordi e non sordi di misteri e non misteri, quannu arriva unu e fa: iu u veru misteri ppi fari sordi  u ttruvai. E tutti ddocu: e chi fai, e chi è...

PIPPO - E chi è?

NINO - Il cacciatore di orsi!

PIPPO - Mizzica un misteri piriculusu però...

NINO - Chiddu ca ci dissimu tutti, iddu inveci ni spiegau: no non è ne difficili ne piriculusu

PIPPO - E comu po’ essiri?

NINO - Iddu fa: pi cacciari l’orsu non ci voli autru ca un vastuni: si va davanti a ‘caverna unni dormi l’orsu, si ci tira na petra iddu nesci ‘nfuriatu ca testa vascia, tu ci carichi un corpu di vastuni ‘ntesta, ci levi a peddi e t’a vo’ vinni...

PIPPO - Tuttu cca?

NINO - Tuttu ccà! Allura iu dissi: prima ca ci provu vogghiu viriri comu si fa, e ci dissi: ci pozzu veniri ccu lei a viriri comu si fa?

PIPPO - E iddu?

NINO - E iddu, gentilissimu, vinissi ccu mia e ci’u fazzu viriri.

PIPPO - E tu ci isti?

NINO - Certu ca ci ii, etuttu funziunava precisu comu dissi iddu: si misi davanti a caverna, ci tirau na petram, l’orsu nisciu, iddu ci cafuddau un corpu ‘ntesta, ci livau a peddi e s’a ivu a vinniri, tempu un quartu d’ura aveva u pattafogghiu chinu.

PIPPO - Ma si è accussì favcili com’è ca ti cumminsati daccussì?

NINO - Aspetta... iu, subbitu m’attrezzai di vastuni, di petra e mi ni ii ‘ncampagna, sparti pinsai: si trovu un orsu chiu rossu varagnu chiossai, no?

PIPPO - Giustu!

NINO - Allura mi circai na caverna bella rossa, picchi pinsai: chiù grossa è a caverna, chiù grossu è l’orsu, giustu?

PIPPO - Giustu.

NINO - Mi piazzu davanti, u vastuni prontu, tiru a petra... e chi nisciu?

PIPPO - E chi nisciu?

NINO - .... u trenu...era a galleria d’u trenu....

                                                                                                         

F I N E

SAN GENNARO

La scena si svolge afl'interno di una chiesa.  La statua di san Gennaro, patrono della città di Napoli, campeggía accanto a quella di san Ciro, e poco discosta, nefl'ombra, è visibile anche la statua della Madonna.  Massimo Troisi entra con atteggiamento riverente, togliendosi il cappello e facendosi il segno della croce. Indossa una giacca un po' striminzita, e una sciarpa di lana nera al collo.  Il suo abbigliamento denota l'indigenza del personaggio, un devoto di san Gennaro, che - come tanti altri disgraziati - vive di stenti nefl'eterna attesa di una grazia.

MASSIMO San Genna', io sto qua, tu già mi conosci a me, no?... ie so' sempre chille ca... si me putisse fa' )a grazia, ca... ie nun avisse parla' proprio, eh, san Genna', tu già 'o ssaie... ie so' cliente ccà... cheta me vuleva 'a chiesa affianco, ie aggio ditto: « ma pecché ? le me truovo buono ccà... San Genna' nun me fa' manca' niente e vaco là»... San Genna', si putesse anticipa' nu poco 'e ppratiche 'e cheta grazia, ca... ie n'aggio bisogno, he' capito, san Genna'... (Si accorge di Lello Arena che è entrato in chiesa e capisce subito, a giudicare dall'aspetto logoro e misero del cappello e dell'impermeabile che indossa, che può trattarsi di un peticoloso concorrente) Ammo fernuto 'e fa', 'o 'i'...

LELLO (togliendosi il cappello) San Genna' buongiorno!

MASSIMO Sta parlando c' 'o frate, chiste.

LELLO San Genna'...

MASSIMO San Genna', ci siamo spiegati? le 'o faccio parla'... però tu già saie chello che hè 'a fa'... ie so' cliente e voglio 'o trattamento.

LELLO San Genna', tu 'o ssaie...

MASSIMO San Genna'...

LELLO E vide se me fa parla'.

MASSIMO le 'o faccio parla', però tu già saie cheiio che hè fa'... cercammo e nun fa succedere 'a disturbata 'int' 'a chiesa, eh? ca tu già 'o ssaie, ie so' cliente e aggio bisogno, ca...

LELLO San Genna'...

MASSIMO (a Lello) Ma tu che vuo' 'a san Genna'?...che vuo'?

LELLO le voglio solamente...

MASSIMO (di nuovo rivolto a san Gennaro) Vuole chiedere di morire!

LELLO No! ... No! ...

MASSIMO Cioè, giustamente lui vuole morire... dice:

            «ie me levo 'a miezo... sta valle di lacrime... nun ce a faccio cchiú»... e vuole morire... fancella 'a grazia. (A Lello) Quello te la fa.

LELLO Ma nossignore... no, san Genna'...

MASSIMO Quello te la fa... puoi pregare pure a casa, chille te sente... (A san Gennaro) Fallo muri'... pecché poi isso, he' capito che fa, dice: «ie vaco in Paradiso»... (A Lello) Tu sì povero?

LELLO Embè, allora?

MASSIMO E vai in Paradiso... perché tutti i poveri vanno in Paradiso... dice: « ie me levo 'a miezo 'a sti guaie»... (A san Gennaro) Fancella 'a grazia, san Genna'.

LELLO Neh,mapecchédevomorire?Mapecchénun muore tu?

MASSIMO Io?No,chelloerape'te,scusa

LELLO Ma vide nu poco.

MASSIMO Un piacere che io ti volevo fare

LELLO No, no, nun te preoccupa'... (Rivolto a san Gennaro) San Genna'... san Genna' tu lo sai, io non posso lavorare... ma te pare ca se io potessi non andrei a lavorare?

MASSIMO (cominciando un gioco scenico alle spalle di Lello, contraddice a gesti e parole ogni sua affermazione) Nun ce iesse, io 'o saccio, nun ce nun tene proprio genio, he' capi'?... nun ce va

LELLO San Genna', tu lo sai, io ho bisogno di quei soldi... San Genna'...

MASSIMO Beve, beve, san Genna'... nun 'o fa' piglia' i soldi, ca beve chiste, eh?...

LELLO San Genna', e tu, tu poi a me me pò aiuta'... ie songo nu brav'ommo... si nun m'aiuta a me, a chi vuo' aiuta'?

MASSIMO Vatte 'a mugliera, san Genna'... nun te mettere cu chisto, guarda come t' 'o dico bello...

LELLO San Genna'... san Genna', eppoi a te che ti costa...

MASSIMO Tu dice ca sí... dice sí, tanto a te chi ti controlla... tu sì santo

LELLO San Genna' eppoi a te che ti costa.  A me me basta n'ambo, na settimana sí e na settimana no, quindici e cinquantotto... una sí e una no.

MASSIMO San Genna', tu l'avisse fa' piglia' tutte 'e settimane a chiste ?

LELLO No, no, no...

MASSIMO No, una sí e...

LELLO e MASSIMO (insieme) una no! ...

MASSIMO Chi sa s'è distratto... (Ribadisce) Una sí e una no... certo, chille pure è nu fastidio a ghi' a ritira' i soldi tutt' 'e settimane...

LELLO E si capisce!

MASSIMO Una sí e una no... chille, he' capito... chille 'int' 'a settimana 'e libertà c' 'o daie se fa quacc'ate fatto do suoio...

LELLO San Genna'... san Genna', m'arraccumanno, insieme 'a mano d' 'a creatura mettece pure 'a mano toia, he' capito?

MASSIMO Stammo 'o Ministero d' 'a Finanza...

LELLO San Genna', san Genna' mi raccomando... (Pausa.  Rivolgendosi alla statua di san Ciro) San Ci', me raccomando pure a te.

MASSIMO San Ciro?... Avete detto «san Ciro » ?

LELLO Eh, agg' 'itto san Ciro, pecché?

MASSIMO San Genna' ha confessato, l'ha 'itto, «san Ciro»...

LELLO Neh, ma pecché, san Ciro ve facesse schifo?

MASSIMO No, che c'entra?

LELLO E allora?

MASSIMO Mo me vulite mettere contro a san Ciro, a me? (A san Ciro, comeperscusarsi) No, san Ci', maie pe' te, che c'entra ?... (Di nuovo a Lello) Ma vuie venite ccà, pregate a san Gennaro, a san Ciro... (Indicando la statua della Madonna) Là sta 'a Maronna, vulite chiedere quaccosa pure 'a Maronna?

LELLO Eh, voglio chiedere quaccosa pure 'a Madonna.

MASSIMO Forsenunl'atevista'int"oscuro,he'capi'...

LELLO Aggio da' cunto a isso, aggio da' cunto...

MASSIMO Vuie venite 'int' 'a chiesa, uno avite prega': san Gennaro o san Ciro?

LELLO No, san...

MASSIMO San Ciro o san Gennaro?

LELLO (cercando di spiegare) No, ma san Ci...

MASSIMO SanGenna'o san Ci'?

LELLO San...

MASSIMO San Ciro?  Vulite prega' a san Ciro?  E pregate a san Ciro...

LELLO Ma ie n'aggio ditto manco meza parola... MASSIMO (a san Gennaro) le me n'aggio accorto subito: chille è devoto a san Ciro.

LELLO No, no...

MASSIMO Se fa tutt' 'e processione 'e san Ciro.

LELLO No...

MASSIMO Mom"oricordo chi era,'o'i'... l'aggio visto appriesso a tutt' 'e processione...

LELLO San Genna'... san Genna', io ho detto san Ciro...

MASSIMO Pecché è devoto.

LELLO No,pecchém'èscappato,he'capito?... Eppoi l'aggio visto là, isso sulo, povero santo, nisciuno 'o va mai a cerca' na grazia... agg'itto: «chillo san Gennaro è accussí importante, tene tanti grazie 'a fa' primme 'e me, figurammoce MO»...

MASSIMO Mofacimme'egraziecu'eprenotazione... stamm'all'Enpàs, stamme... (Pausa.  Di nuovo tivolto a san Gennaro) San Genna', tu già 'o ssaie, ie nun avesse parla' proprio, sa'... (Pausa.  Con tono confidenziale) Genna'...

LELLO Se va bbuo'...

MASSIMO Cheè?Stongoinbuonirapporti... (Pausa), Gennari'... Gennari', tu già sai chello c'he' fa'... (Improvvisamente minaccioso) Cercamtne 'e fa' 'e ccose per bene, ca ie te votto 'nterra 'a Iloco 'ncoppa, sa'?... Tu 'o ssaie comme so'... (Pausa).  Cinche e vinticinche...

LELLO He' capito stu piezze 'e...

MASSIMO Segna, 'o'i'... « mala parola», san Genna'...

LELLO Vene a cerca' 'e nummere 'int' 'a chiesa...

MASSIMO «Mala parola»...

LELLO San Genna'... san Genna', allora quando è pe' chesto, te l'aggio cercato primm'ie: quindici e cinquantotto.

MASSIMO Cinche e vinticinche... nun voglio sape' proprio niente...

LELLO San Genna', quindici e cinquantotto... quattro candele ogni lunedí...

MASSIMO (sempre @volto a san Gennaro) Ie t' 'e spengo tutte quante...

LELLO San Genna', quindici e...

Richiamato dalla confusione, entra Enzo Decaro, vestito da sacerdote.

ENZO (urlando, rivolto a Lello e Massimo) Uhè!  San Gennaro ca nun v'appiccia a tutte quante, 'int' 'a sta chiesa! ... M'avite arrevutata na chiesa...

LELLO (amassimo) He'fattoveni"oprevete,he'fatto veni'...

MASSIMO Io aggio fatto veni' 'o prevete (A Enzo) Padre, ie so' cliente, ccà...

ENZO Oggi è mezza giornata... è meza iurnata e debbo chiudere... (Spinge verso l'uscita Massimo e Lello, che si rivolgono ancora a san Gennaro, continuando a tipetere i rispettivi numeri) 'E nummere 'int ' 'a chiesa, mettiteve scuorno... 'E nummere... (Rimasto da solo, si rivolge a san Gennaro) Eh, san Genna'... san Genna'... San Genna' m'arracumando: sei e ventuno!

TIFO IN SALA PARTO

UNO - Ma chi è, macari so’ mugghieri e in sal partu?

DUE - Si!

UNO - Chi è u primu fighhiu?

DUE - Ma picchì, macari lei ...?

UNO - Qua la mano, collega.

DUE - Mi fa tantu piaciri daveru!

UNO - Chi ghiurnata ranni, ah? Piccatu ca è duminica ...

DUE - Eh già!

UNO - E ppi ghiunta o stadiu oggi c’è a partita chiù mportanti di l’anno: Palermu-Catania

DUE - Ragiuni havi vossia, non sapi chi sofferenza ca non ci potti iri, ma ‘ntantu chi faceva, capaci ca me mugghieri s’affinneva ...

UNO - Ppi carità, non mi ni parrassi, i fimmini sti cosi non i ponu capiri, non s’immedesimanu mai. Chi tifa po’ Palermu puru lei?

2 - No! Iu po’ Catania tifu.

1 - Ah.

(i due si guardano con meno simpatia, la conversazione langue; imporvvisamente si apre la porta ed entra l’infermiera.)

3 - Il signor  Panella?

1 - Iu sugnu.

3 - Lei è diventato padre proprio adesso!

1 - (lanciando in aria il cappello)  Alè! Catanisi: acchiappiti chissu: unu a zeru! (si mette a sventolare una bandierina che ha tirato fuori dlla tasca interna della giacca) alè oh oh ...

2 - Ora videmu. Ancora semu e primi minuti do’ partu, caru lei!

1 - Ma ‘ntantu iu fici un figghiu e lei no!

2 - ‘Nfirmera ma me mugghieri chi fa, dormi?

3 - Vado a vedere signore. (esce)

1 - (in preda alla solita euforia) Forza pupo, forza pupo, è finito il tempo cupo. (al catanese) Devi morire...

2 - Ma stassi mutu, non si vagnassi prima di chioviri ...

3 - (tornando, a 2) Signor Pappalardo, anche lei è padre!

2 - Pigghia, ‘ncarta e porta a casa: Pareggio. (intona la marcia trionfale dell’Aida)

1 - ‘Nfirmera, ma sicura è? Non è ca l’ostreticu ci visti mali?

3 - Ma che cosa dice signore? (se ne va offesa)

2 - unu a unu! u sapeva, u sapeva iu ca mugghieri subbitu avissa signatu!

1 - Si ca ora! Sicuramenti s’aiutau cu l’anestesia, mi iocu a testa ca è “dopata” ...

2 - Ma chi vulissi diri ca u me neonatu non è regolamentari?

1 - E chi ni sacciu iu si è regolamentari? non è ca c’era quannu so mugghieri u fici...

2 - Dillu nautra vota si hai curaggiu!

3 - (arrivando trafelata) Signor Panella ...

1 - Chi è ca c’è? Non facemu ca m’annullaru u neonatu?

3 - Un altro! Le è nato un altro figlio!

1 - (con un grido inumano)  Goal! Dui a unu! Catanisi e ora chi c’appoggi?

2 - ‘Nfirmera, ma sicura è?

3 - Sicurissima, ero lì!

1 - (in preda a una smodata allegria) Forza pupi, forza pupi, so’ finiti i tempi cupi! (intona na na na na na ...)

2 - (gridando verso la sala parto) Ma chi sta facennu st’ostreticu? Forza a mugghieri, forza a mugghieri, venilu a ghiunciri, venilu a ghiunciri!

1 - Ma cca ghiri iuncennu? Ma si stassi mutu!

2 - Stassi mutu lei, ca so’ mugghieri ficio nautru figghiu ppi puru casu!

3 - (rientrando allucinata) Ma è incredibile: un’altra nascita ... stavolta per lei signor Pappalardo ... (esce sconvolta)

2 - Ppi mia? Pareggiooooo! Dui a dui! (intona “alza la mano, Palermo alza la mano” sulle note di Guantanamera)

1 - Ma non è possibili!

2 - Auh, Palirmitanu e ora chi canti?

1 - Tempu scadutu, tempu scadutu era, non vali, ostreticu: orologio!

2 - U me sacunnu figghiu è validissimu, e lei s’hava vriugnari!

1 - Iu non mi vriognu di nenti, u cpaisti?

3 - (arrivando ormai decisamente in trance) E’ troppo! Signore, un altro.

1 - Du’ miu?

3 - Si!

1 - Urraaah! Tri a dui, tri a dui. Catanisi, si finutu, stinnicchiatu, arruvinatu. Chi non salta è catanisi ueh ueh ....(innalza un gran pavese di bandierine)

2 - Ancora non è ditta l’ultima parola ...

3 - L’ostretico ha fischiato ora il fine parto!

1 - Viottoria! i me figghi hana a divintari campiuni. Tutti e tri iucaturi di palluni hana a essiri!

2 - Macari i mia!

1 - I me, sunu i futuri speranzi do’ Palermu

2 - E i me do’ Catania

1 - Forza Paliemmu!

2 - Forza Catania!

3 - Signori ho dimenticato di dirvi che sono cinque femminucce ...

1 - 2 - (si guardano in faccia e, prima di svenire, un solo grido) Ostreticu curnutu!

FINE

LA NATIVITA

(Annunciazione!  Annunciazione!)

Casa di pescatore, con reti e nasse alle pareti.

Massimo Troisi entra in scena, vestito di una lunga e ampia tunica azzurra e un foulard bianco portato sciolto sulla testa, a mo' di velo.  Si siede su una sedia di legno.

MASSIMO Certo, come vedete chesta è na povera casa e pescatore... chesta è na povera casa 'e pescatore... e 'a casa è umile, ma onesta... non per dire, guardate, gente onesta... ce sta mio marito... mio marito isso, un lavoratore... un lavoratore e fa sta vita sbattuta 'mmiezo 'o mare... cioè, sí, pecché mmiezo 'o mare 'a vita è pericolosa... 'mmiezo 'o mare... 'mmiezo 'o mare ce stanno l'onde che vanno e che veneno uno che sta là, c'adda turna' 'a mmiezo 'o mare e allora nuie che stammo 'a casa, ch'apettammo 'e marite nuoste ca tornano 9 a mmiezo 'o mare, stammo sempe sempe preoccupate, e dícimmo: «Tornerà?... non tornerà! »... e si, basta nu lampo, nu tuono e allora dicimmo nuie:            «Ecco, quaccosa è successo» pure perché se sen-

            teno tanti ccose... l'altra volta l'altra volta pe' terevisione... «e la barca tornò sola e la barca tornò sola»... uno sape sti fatti, cioè dice: «Vuo' vede' ch'era 'a barca 'e mio marito ? »... e stamme sempe...

Lello Arena, nella parte dell'arcangelo Gabriele, entra suonando una trombetta giocattolo e sbattendo i piedi a terra.  Indossa una lunga camicia da notte femminile, una parrucchetta di panno lenci giallo con tanto di frangetta e un paio di occhiali da sole.  Con l'altra mano regge una spada di plastica.  Nel collo della camicia ha infilato un retino da pesca che funge da aureola.

LELLO Annunciazione!  Annunciazione! ... Tu Mari', Mari', fai il figlio di Salvatore, Gabriele ti ha dato la buona notizia... Annunciazione! ... Annun...

MASSIMO Gabrie', aggia... a parte il fatto che ie non so' Maria, guarda... (A Lello, cl)e, con evidenti problemi di vista, si aiuta con la spada per orientarsi e, accostatosi a Massimo, lo tocca per riconoscerlo al tatto) Cioè, he' fatto 'o riconoscimento?

LELLO (suona di nuovo la trombetta, sbattendo i piedi a terra) Annunciazione!  Annunciazione! ... Tu Mari', Mari', fai il figlio di Sal...

MASSIMO Nun so'Maria, io...

LELLO (e. s.) Annunciazione!  Annunciazione! ... Tu Mari', Mari'...

MASSIMO Nun so' Maria...

LELLO Fai il figlio Salvatore, Gabriele ti ha dato la buona notizia.

MASSIMO Ma io nun so' Ma...

LELLO Annunciazione!  Annunciazione! ... (Esce suonando la trombetta e sbattendo i piedi).

MASSIMO Gabrie', tu sì scemo! ... Cose 'e pazze, uno sta 'int' 'a casa sua...

Entra Enzo Decaro, nel ruolo del cherubino, con una tunica rosa, una ghirlanda di roselline sulla testa, un flauto in mano, e anch'egli un retino da pesca come aureola.  Fa il suo ingresso salutando il pubblico, come una star prima di un concerto.

MASSIMO Allora stevo dicenno 'o fatto...

Enzo suona poche note col flauto e s'inchina ringraziando il pubblico, come dopo una lunga esecuzione.

MASSIMO E che bbuo'?

ENZO Sono il cherubino, mi ha mandato Gabriele, debbo creare l'atmosfera celestiale.

MASSIMO Cherubi'... (Glifa ilgesto con la mano di andare via).

ENZO Ma debbo creare l'atmosfera celestiale.

MASSIMO No, cherubi' tu te n'he' 'a 'i'... ca si vene mio marito io c' 'o dico: «Chisto è'o cherubino»?... lamm' 'a asci', ia'.

Enzo esce.

MASSIMO Cioè,stevoraccontando'ofatto'emiomarito, no?... cioè, allora, cioè... certo 'a casa è umile, ma onesta, no?... allor'isso ha 'itto: « Nun te preoccupa', ie trovo un altro lavoro, trovo un altro lavoro»... e è andato... è andato in un posto, dicenzo «Io ho bisogno di lavorare, ho bisogno di lavorare»... chiste ha 'itto: «Guardate noi ci abbiamo un lavoro, ma si tratta di lavoro minorile»... Allora, mo, mio marito che tene na certa età, no?... ha 'itto: «Guardate, ie 'e tengo 'e figlie, sí ce l'ho, ma so' tutt'e due fuori età lavorativa, sí pecché teneno uno diciott'anni e uno vint'anni, a Napoli se fatica fino a dodici anni», dicenzo: «Mi dispiace, nun pozzo fa' niente, 'e tengo già a tutt'e due in pensione, nun ponno fatica'»... e allora...

Entra Enzo, nel ruolo di Ponzio Pilato, con elmetto militare in testa, maglietta bianca a maniche corte, un asciugamano sulla spalla e una saponetta in mano.

ENZO Signora, signo'... io me ne lavo le mani.

MASSIMO Va bene... e allora...

ENZO Per correttezza, io me ne lavo le mani.

MASSIMO Sissignore.

ENZO Per precisione, io me ne lavo le mani... io me ne lavo le mani... io me ne lavo le mani.

MASSIMO (urlando a Enzo, che esce) Fatte pure 'a doccia, Pila'... tu 'e vede' a me quanto me ne importa! ... mo state esagerando, mo... (Pausa).  '0 fatto 'e mio marito... allor'isso, nun s'arrenne, no?... nun s'arrenne e è gghiuto in a un altro posto, dice: «Ho bisogno di lavorare, ho bisogno di lavorare»... e chiste ha 'itto: «Guardate tenimmo lavoro, ma se tratta 'e lavoro nero, per vostra moglie»... Allora, cioè, mo, non per dire, no?... isso a me me vo' nu bene 'e pazze... me vo' nu bene 'e pazze, nun me fa' spusta' nemmeno na seggia 'a ccà a llà... allora ha 'itto: «No, si adda 'i' a lavora' mia moglie, preferisco a tene' 'a casa umile, ma onesta»... allora ha 'itto: «Niente, niente da fare»... però non si è arreso... non si è arreso, è andato in un altro posto, e chisto ha 'itto: «Guardate, tenimmo lavoro, sí, ma si tratta di lavoro a cottimo»... allora isso è rimasto nu poco, a sto punto ccà... ha 'itto: «Scusate, ma, possibile che a Napoli solo lavoro nun se ne trova?  Sempe cu n'ata parola vicino, adda sta?»... t n'esagerazione... pure pe... (S'interrompe per l'entrata in scena di Enzo, vestito da cberubino, che va a suonare ilflauto dietro le spalle di Massimo) Proprio indietro a me devi venire a suonare, tu?

ENZO    Sto creando l'atmosfera celestiale, sto creando.

MASSIMO E nun 'a può crea' cchiú a llà?... (Enzo si' sposta) Allora, ha 'itto isso, ha 'itto...

Entra Lello, suonando la trombetta e sbattendo i piedi a terra.  Enzo, che aveva appena riaccostato il flauto alla bocca per riprendere a suonare, crede per un attimo che il suono della tromba provenga dal suo strumento e se lo rigira tra le mani meravigliato.

LELLO Annunciazione!  Annunciazione! ... (A Enzo) Tu Mari', Mari', fai il figlio di Salvatore... Gabriele...

ENZO No, no, aspetta, aspetta... (Spostando Lello accanto a Massimo) Qua, qua... Stai peggiorando, eh, Gabrie'?

LELLO (sbattendo i piedi a terra e riprendendo a suonare la trombetta nelle orecchie di Massimo, che ripeterà sottovoceinstemealellolaformuladisaluto) Annunciazione!  Annunciazione! ... Tu Mari', Mari', fai il figlio di Salvatore, Gabriele ti ha dato la buona notizia... Annunciazione!  Annunciazione... Salve, Regina!

MASSIMO Buongiorno.

LELLO Buongiorno. (Riprende a suonare e a sbattere i piedi).

MASSIMO Gabrie', Gabrie', guarda comme... tu sì scemo, eh, Gabrie'... e ccà s'adda ferni' nu poco stu fatto... e poi n'ata cosa, stu fatto d' 'o cherubino deve finire... chille ha 'itto che lo mandi tu, qua.  Pozzo tene' a chisto 'int' 'a casa cu chillu coso 'int' 'e recchie?  Vide nu poco che può ffa'...

LELLO (pausa.  Riprende a suonare e a sbattere i piedi per terra, uscendo) Annunciazione!  Annunciazione! ... Tu Mari', Mari', fai il figlio di Salvatore...

MASSIMO E’ scemo, proprio... cioè, 'a casa è umile, ma onesta... 'o fatto 'e mio marito... e allora isso nun s'arrenne, nun s'arrenne... è andato in un altro posto, e chisto ha 'itto: «Guardate, noi ci abbiamo una cosa che fa per voi. proprio per lavorare»... dice: «Veramente ci abbiamo un lavoretto » (fa un gesto con la mano per indicare quakosa di nascosto)... allora mio marito ha 'itto: «Va bene»... ha 'itto: «Si se tratta di lavorare di meno, tanto di guadagnato, che»... allora chiste ha 'itto: «No, forse non ci siamo capiti, ho detto che tengo per voi un lavoretto» (ripete ilgesto della mano)... mio marito ha 'itto: «Lavoretto, scusate, 'o dice stesso 'a parola, lavoretto, se lavora e meno»... e allora isso ha 'itto: «No, non ci siamo capiti... tengo pe' vuie un lavoretto (c. s.)... nun guardate a me, guardate 'a mano... un lavoretto»... cioè, come mio marito ha afferrato sta cosa d' 'a mano, ha 'itto: «No! »... allora... allora direte voi, direte: «Ma si facessero tutti quanti accussí, a Napoli nun faticasse nisciuno ? », e invece io vi rispondo: « Sí, nun faticasse nisciuno»... e pure pe' chesto...

Entra Enzo, nel ruolo di Ponzio Pilato, come nella scena precedente.

ENZO Signo', signo' io me ne lavo... no, no io me ne lavo le mani... perché ccà 'o paese è piccolo, 'a gente parla: « Pilato di qua », « Pilato di là »... poi quando è il momento mi mandate a chiamare, vengo con spa e e bastoni...

MASSIMO No, no, puorte pure,coppe e denare...

ENZO (uscendo) lo me ne lavo le mani...

MASSIMO Tanto ccà è diventata na cantina, ccà dinto.

Entra Lello, nella parte del re magio.  Veste una cotta da prete rivoltata al contrario dal lato rosso e una coroncina di plastica microscopica in testa, portando tra le mani un piccolo scrigno, di quelli che contengono le caramelle.

LELLO Permesso, signora... Nel libro del destino...

MASSIMO No, no, no, scusate, aggiate pacienza ccà libri non ce ne servono... chesta è na povera casa 'e pescatore, enciclopedia, cose, nun ce serve niente...

LELLO Signora, ma io sono un re.

MASSIMO Un re?

LELLO Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...

MASSIMO L'oro?

LELLO No... sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...

MASSIMO L'incenso?

LELLO No... sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...

MASSIMO 'A mirra...

LELLO La mirra!

MASSIMO Io 'o ssapevo...come si può fare, dich'io, chille tre so' 'e re magi... quale mi capita a me, chillo c' 'a mirra... no, ca po' che d'è sta mirra?  Nun aggio mai capito che d'è sta mirra...

LELLO La mirra è un'erba medica che si dà agli ammalati...

MASSIMO Mamma mia d' 'o Carmine! ...

LELLO Ai moribondi...

MASSIMO Pe' piacere, miette loco, nuie già stamme accussí belle cumbinate ccà... nuie già stamme accussí che...

LELLO (dopo aver posato lo scrigno a terra. declamando con toni infantili efastidiosi) Hai visto la stella?

MASSIMO Nuie... nuie...

LELLO Che bella!  Che bella!

MASSIMO Cioè...

LELLO Lo disse il Profeta, che era la cometa!

MASSIMO Magio, Magio, pe' piacere... e sto parlando...

LELLO L'haivistalastella?... Che bella, che be...

MASSIMO L'abbiamo vista la stella...

Lello esce, imbarazzato.  Entra Enzo, vestito da cherubino, guardandosi attorno.

MASSIMO Cioè, troppo nu fastidio state danno... 'A casa umile ma onesta... (A Enzo) Che è, senza atmosfera celestiale, stasera?

ENZO Gabriele non ci sta?

MASSIMO No, non ci sta.

ENZO Ma è venuto?

MASSIMO Ma pecché mo ve date l'appuntamento proprio, ccà?

ENZO Ha lasciato detto qualche cosa?

MASSIMO Nun ha lasciato... tu 'o ssaie comme fa', vene ccà, sbatte 'e piede pe' terra, sona 'a trumbetta e se ne va... (Pausa.  Riprendendo il suo racconto) Allora ha 'itto...

ENZO Ma torna?

MASSIMO Nun ha lasciato ditto niente! (Dopo aver sentito il suono della trombetta e dei passi proveniente dafuoti) '0 'i' Iloco, 'o 'i'...

LELLO (entrando) Annunciazione!  Annunciazione! ...

ENZO Aspetta, aspetta...

LELLO Mari', Mari'...

ENZO Aspetta! (Gli dice qualcosa all'orecchio).

LELLO (pausa.  Suona la trombetta) Annunciazione!  Annunciazione! ... Avimme sbagliato casa! ...

Squilli di telefono.

MASSIMO Comme avite sbagliato casa? lo v' 'o sto dicenno 'a tre ore... Scusate, un momento o telefono... (Si alza per andare a rispondere) Pronto?... sissigno... (Inginoccbiandosi) Sí Signore, sí... sí... sí Signo...

Enzo e Lello, capita la gravità della situazione, escono di soppiatto.

MASSIMO Sí, sí so' venuti tutti quanti, Signo'... sí, no, non mancava nisciuno, Signo'... sí, tutti quanti... eh... troppo nu fastidio, Signo' hanno no, nun lo dico pe' v' 'o rinfaccia', figuratevi... eh ah, hanno sbagliato... hanno sbagliato tutto, eh, sí lo... lo so... si, sí... è scemo Gabriele, Signo', guardate.. no, no, io lo dico per voi, Signo', guarda... eh... vi iate a mettere 'mmano a certa gente, ca... chille nun ce vede... eh... lo so, lo so, Signo'... è scemo, proprio... eh... Signo'... sí, Signo', va benissimo Signo' mio marito fa 'o pescatore e... ho capito ho capito... va bene, Signo', va bene e lo so hanno sbagliato... e che vulite fa', Signo'          vedete che si aggiusta tutto, Signo'... si aggiusta      eh, lo so... lo so, avevate organizzato tutto per il ventiquattro e mo invece... ho capi... ho capito, Signo'... e lo, lo so, e che vulite fa', Signo', quando chille è sce... eh... sí, Signo'... sí, è chifle c' 'a dato cchiú fastidio, ca... vene ccà, sbatte chille piede pe'... ho capi... ho capito, è necessario che sbatte i piedi per terra... pe' da' 'a cosa cchiú importan            ho capito... va bene, Signo', nun ve preoccu... eh Signo' mio marito fa 'o pe... ho capito, ho capito e lo so... lo so mo state nu poco altera... eh... no, nun facite accussí, mo Signo', state calmo... eh... no, nun facite accu... no, no... sempre sia lodato, Signore!  E che so' sti ccose in bocca a voi, per piacere! ma non sta  bene,che... e lo so... lo so, lo so Signo' sí... mio mari... ho capito, Signo'... ho capito, eh per i pescato... ho capito, Signo'... va bene, Signo', arrivederci... buone cose, Signo', arrivederci... (Riaggancia il telefono) Mamma mia, cumme steva arraggiato, chiste... d'altronde ave ragione... pur'io quando aspettavo 'o primmo figlio stevo... (Fa un cenno come per dire «molto nervosa» ed esce di scena).

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 40 volte nell' arco di un'anno