Scuola guida Passato

Stampa questo copione

SCUOLA GUIDA PASSATO

di Nunzio Cocivera

COMMEDIA COMICA IN TRE ATTI

PERSONAGGI:

1. Istruttore Posacenere Filippo.

2. Sua Moglie Nicoletta

3. Eleonora Leone

4. Mirka Sementi

5. Giammaria Lemmo (tutti i 3 atti)

6. Selena Folti (scena fissa)

7. Lucio Lutti (scuola guida)

8. Enza Fei

9. Accalappia cani comunale

10. Il pazzo del paese

CLIENTI (comparse): non indispensabili alla commedia,

volendo si possono ignorare.

11. Galdino Verde

12. Pier Luigi Sepolcro

13. Lucchese Aperto

14. Cira o Riro Traschetta

I° ATTO

All'apertura del sipario: una donna sui 30 anni che pulisce i banchi, i manifesti sui muri di auto e segnali stradali; donna malvestita poco attraente e spettinata; entrano due clienti e dopo una ragazza sportiva diciottenne, tipo paninara, alla moda, che si rivolge alla signora.

GALDINO: Salve, questa è una scuola guida?

NICOLETTA: Certo, lei chi voli? Chista è a scuola guida Passato.

GALDINO: Fate pratiche di rinnovo patente?

NICOLETTA: Pi pratiche me marito ci voli, lei cu è?

GALDINO: Io sono Galdino Verde, piacere (le dà la mano).

NICOLETTA: Come giardinu virdi?

GALDINO: Galdino verde.

NICOLETTA: Chi catinu o critinu virdi.

GALDINO: Ma come si permette zotica e maleducata, cose da pazzi! Addio. (esce)

NICOLETTA: Cuminciamu boni si i clienti su tutti così; na paramu a casa!

PIERLUIGI: Salve signora lei è il capo guida? NICOLETTA: No, io non guidu, mi scantu; chi voli, cu è?

PIERLUIGI: Pier Luigi Sepolcro, piaciri.

NICOLETTA: Comeni sippillutu pieru e luigi quannu i muraru e cu su?

PIERLUIGI: Scusi lei cu è?

NICOLETTA: A mughieri di l'istruttori!

PIERLUIGI: Capì.. poi vegnu, è meghiu.. povirazzu stu istruttori (esce) Nicoletta fa una smorfia di sdegno. ENTRA MIRKA

MIRKA: Si può? Buongiorno.

NICOLETTA: Buongiorno, mi dicissi!

MIRKA: (dà la mano) Piacere Mirka Sementi, vorrei iscrivermi per conseguire la patente.

NICOLETTA: Chi avi a seguire lei?

MIRKA: Vorrei patentarmi se ci riesco!

NICOLETTA: E comu dissi prima?

MIRKA: Vorrei conseguire la patente!

NICOLETTA: Lei si voli pighiari a patenti.

MIRKA: Certamente, lei chi è?

NICOLETTA: Io sugnu a mughieri di l'istruttori; piaciri, me maritu undè veni, mi dessi u nomi ca scrivu. (prende l'agenda).

MIRKA: Mirka Sementi!

NICOLETTA: Comu dissi? Mica nenti?

MIRKA: Ho detto: Mirka Sementi!

NICOLETTA: Mu dicissi meghiu, si chiama Mica… comu?

MIRKA: Il mio nome è Mirka, no Mica.

NICOLETTA: Comu dissi, Mi… Misca?

MIRKA: (alzando la voce) Mirka! M I R K A !

NICOLETTA: Mi… Miscula chi nomi! (lo scrive) e u cognomi?

MIRKA: Sementi!

NICOLETTA: Simenza?

MIRKA: Sementi!

NICOLETTA: E io chi dissi! Simenza in sicilianu!

MIRKA: Il mio cognome è sementi!

NICOLETTA: Ah! Capì, Se..menti. Brughiuna!

MIRKA: Ma cosa sta dicendo? (arrabbiata).

NICOLETTA: Ma lei avi su nomi e su cognomi curiusi! U scrivissi lei!

MIRKA: Mi dia! (lo scrive ripetendolo) Sementi. Suo marito quando viene?

NICOLETTA: Fra pocu è cà!

MIRKA: Sperando che non sia come lei!

NICOLETTA: Comu dissi?

MIRKA: Ho detto speriamo che faccia presto!

NICOLETTA: Scusassi! Io puliziu!

MIRKA: Spero che quello lo sappia fare!

NICOLETTA: Non capì, chi dissi?

MIRKA: Si dia da fare, io aspetto (pulisce, Mirka si guarda in giro).

ENTRA UN GIOVANE SUI 20 ANNI, ELEGANTE E SI RIVOLGE A MIRKA CHE È VICINO ALL'INGRESSO.

GIAMMARIA: Buongiorno è a lei che ci si deve rivolgere?

MIRKA: No! Alla signora! (indicando Nicoletta).

GIAMMARIA: Grazie (a Mirka). Salve signora, vorrei iscrivermi per la patente!

NICOLETTA: Buongiornu, mi dicissi u nomi!

GIAMMARIA: Giammaria Lemmo.

NICOLETTA: (scrive parlando) Dunqui Giuvanni e Maria Legno; so soru quannu veni signor Legno?

GIAMMARIA: Io mi chiamo Lemmo! Non legno e non vedo che c'entrerebbe mia sorella anche se l'avessi!

NICOLETTA: Picchi nonnavi soru?

GIAMMARIA: No! Ho solo un fratello!

NICOLETTA: E allura maria non è so soru?

GIAMMARIA: No, naturalmente!

NICOLETTA: So cucina allura?

GIAMMARIA: Neanche mia cugina.

NICOLETTA: Nà mica so allura?

GIAMMARIA: Ma insomma di quale maria parla lei?

NICOLETTA: Io parru da maria chi dissi lei! Lei dissi: Giuvanni e maria Legnu, giuvanni è lei e Maria cu è?

GIAMMARIA: (sbuffa) giammaria è il mio nome… Giammaria Lemmo!

NICOLETTA: Mi! Chi nomi strampalatu! Piffauri su scrivissi lei.

GIAMMARIA: Va bene. (lo scrive).

NICOLETTA: Io nesciu un'attimu; spittati me maritu unnè veni (esce). 

(Si rivolge a Mirka che, dopo aver riso del battibecco dei due, si è seduta e ancora sorride).

GIAMMARIA: Ciao, io sono Giammaria (dà la mano).

MIRKA: Credo che adesso lo ha sentito tutto il paese, anche il mio. Sono Mirka, piacere.

GIAMMARIA: Ma quella signora è dura di comprendonio.

MIRKA: Credo che forse è poco istruita.

GIAMMARIA: A me è sembrata scema (rientra Nicoletta).

NICOLETTA: Cu fussi scema?

GIAMMARIA: Non parlavamo di lei, vero Mirka, si faccia i fatti suoi.

MIRKA: Vero, verissimo; ma quando viene suo marito?

NICOLETTA: (guarda l'orologio) Avia essiri già cà, du strammatu, non si sbriga mai, quannu va a cacchi banna!

GIAMMARIA: Forse è meglio se andiamo via Mirka?

NICOLETTA: No! Spittati, unnè veni; ora vaddu.

(Appena esce entra una ragazza diciottenne, mal vestita, senza trucco e tutta impacciata).

ENZA: Permessu? (appare una ragazza carina, ma timida). Ca si pigghia a patenti?

GIAMMARIA: Qua si prende se si è all'altezza!

ENZA: Picchì io sugnu cutta? (l'attrice deve essere alta 160 cm massimo). Quantu sava essiri longhi?

GIAMMARIA: All'altezza nel senso di capire le cose, non di statura.

ENZA: Capì, speriamu di essiri all'altezza! A cu è chi me rivolgiri?

GIAMMARIA: Ora viene l'istruttore, o meglio sua moglie.

NICOLETTA: (rientra parlando) Non si vidi, ma non può dimurari ancora assai.

ENZA: Signura nicoletta! (stupita).

NICOLETTA: (sorpresa) Vicenza e tu cà? (si baciano).

ENZA: Mi vogghiu pigghiari a patenti!

NICOLETTA: E brava e tu già ia diciottanni. (rivolta agli altri) Io mi ricoddo tutta lagnusa, cianceva sempri e a tri anni, ancora non camminava e nun vulia pusari u ciucciu!

ENZA: Picca avi cu pusai!

NICOLETTA: Fatti vaddari: ti facisti na signurina!

ENZA: Chi mavia fari un signurinu?

NICOLETTA: Insomma non chiù a carusa che mi ricordu io; iavi na para d'anni che non ni videumu chiù e tu si bedda ranni.

ENZA: Chi diciti io a casa ancora caminu cu girellu.

NICOLETTA: Non schizzari, si na bedda carusa e magari si zita?

ENZA: No! Ancora no!

NICOLETTA: Fa bonu, si carusa ancora. Allura ti vo pigghiari a petenti?

ENZA: Cettu, mi giuva puru a mia di sti tempi, è nicissaria! Cu è lei l'istruttori?

NICOLETTA: No! Io mi scantu, non capisciu nenti di machini di patenti.

ENZA: cu maritu chi avi a scola guida picchì non sa pigghia puru lei?

NICOLETTA: A scola guida è a me; ma non minni pigghiu patenti: mi scantu. Mi tremunu i iammi, mi pari chi tutti si iettinu in coddu, mi terrorizzo, mi veni u trimulizzu e u pilurizzu comu quannu fa friddu.

GIAMMARIA: Io dico che farebbe più paura agli altri!

NICOLETTA: Chi voli diri?

GIAMMARIA: Quando una persona ha paura, è meglio che non la prende la patente, non sarà mai tranquilla al volante, e sarà un pericolo per sé e per gli altri.

NICOLETTA: Avi ragiuni, io non putissi guidari, stassi supra e spini.

ENZA: Veramenti puru io mi scantu na picca.

GIAMMARIA: Allora è meglio che declini dal tuo intento.

ENZA: Chi è che fari? Chi dicisti?

GIAMMARIA: Declini dal suo intento.

ENZA: Che fari nto cunventu?

GIAMMARIA: Quale convento?

NICOLETTA e ENZA (insieme): Chiddu chi dissi lei!

GIAMMARIA: Ma quale… volevo dire.. ci ripensi!

ENZA: Picchì no dicia prim, inveci di parrari complicatu! Io però non ci ripensu, ma vogghiu pigghiari e ma pigghiu!

GIAMMARIA: Ancora non è detto.

ENZA: U dissi ora ora chi ma pigghiu!

NICOLETTA: Ma si Enza u dissi ora!

ENZA: E u ripetu, io ma pigghiu!

GIAMMARIA: E lo ripeto anche io: fra il dire e il fare c'è di mezzo il mare.

NICOLETTA: Chi voli diri cu sa storiella?

GIAMMARIA: Vuol dire sempre che ancora non è detto!

ENZA: Io u dissi e basta si tu non senti o si surdu laviti i ricchi.

GIAMMARIA: Ho capito che non hai capito nulla!

ENZA: Io non sugnu babba, capisciu! Ma si dopu chi io u dissi tu mi di ancora non è dittu!

GIAMMARIA: Ancora non è detto non vuol dire che tu non l'hai detto, ma che non basta dirlo, bisogna studiare, imparare, per prenderla non basta dirlo.

ENZA: E io ti fazzu vidiri chi ma pigghiu meghiu di tia.

GIAMMARIA: Vedremo.

MIRKA: Io farò l'arbitro: vedremo chi sarà più bravo.

ENZA: Io, puru si non pari, sugnu intelligenti e capisciu tuttu.

NICOLETTA: Io mi ricoddu quannu era a scola Enza era a chiù brava di tutta a scola elementari. (continua a puliri)

MIRKA: E uno che ha preso la licenza elementare può essere più bravo di un diplomato, (rivolta a Giammaria) tu che scuola hai fatto?

GIAMMARIA: Magistrale!

MIRKA: Allora non ci dovrebbero essere dubbi: Giammaria teoricamente dovrebbe essere più bravo, essendo più istruito, dovrebbe avere più punti a suo favore.

ENZA: Giammaria fussi tu? E chi ha i punti nta testa? Ta spaccasti?

GIAMMARIA: Sì, fussi io! E non ho nulla di rotto!

ENZA: Chi nomi! Unni u pigghiasti?

GIAMMARIA: Me l'hanno dato i miei genitori!

ENZA: Chi nomi curiusu!

MIRKA: Ma se è bellissimo!

ENZA: A mia non mi piaci.

MIRKA: Non deve piacere a te… e poi tu non hai certo un bel nome: Vicenza!

ENZA: E tu comu ti chiami!

MIRKA: Mirka!

ENZA: Comu dicisti?

GIAMMARIA: Mirka ed è bellissimo!

ENZA: Mikka… megghiu macca fummaggiu!

MIRKA: Tu che sei un budino.

GIAMMARIA: Smettetela, dal mio nome siete arrivate ad offendervi.

ENZA: Ma si idda mi chiama brodino, a mia!

GIAMMARIA: Basta! Datevi la mano e finitela, nemmeno ci conosciamo e litighiamo.

ENZA: Pi mia io sugnu pronta… (allunga la mano a Mirka).

MIRKA: E va bene (dà la mano) scusami.

ENZA: No, sugnu io chi me scusari.

MIRKA: Ma dai, non è il caso.

GIAMMARIA: Ora speriamo che viene l'istruttore, e vedremo chi sarà più bravo di tutti. (Entra un uomo sui 35 anni, abbastanza piacente).

FILIPPO: Buongiorno a tutti e scusate, il primo giorno di apertura non si dovrebbe tardare, ma c'è sempre qualche intoppo.

NICOLETTA: Rivasti finalmenti, io minni vaiu a casa, arrivederci a tutti. (Esce. Filippo va alla scrivania).

FILIPPO: Bene, benvenuti alla scuola guida Passato (prende un'agenda). Dunque, vediamo chi siete: Mirka Sementi!

MIRKA: Sono io, piacere.

FILIPPO: Giammaria Lemmo.

GIAMMARIA: Piacere!

FILIPPO: Enza fei!

ENZA: Piaciri, sugnu io!

FILIPPO: Bene io sono il vostro istruttore, Posacenere Filippo.

ENZA: Portaciniri? Chi cugnomi! (la guardano male). Mi scappò, scusati, ma cu si nomi chi iaiu sintutu stamattina!

FILIPPO: (prende dei fogli) Per cominciare eccovi una lista con le tariffe che faccio, e dei documenti da portare. Se avete voglia di prendere la patente siete al posto giusto: la scuola guida Passato cancella il passato. Farò di voi dei piloti. (mentre Filippo dà i fogli entra un uomo di qualsiasi età, più di 65 anni, vestito come vuole, con cappello).

LUCIO: Si poti trasiri, permessu?

FILIPPO: Venga, si accomodi, cosa desidera?

LUCIO: (dà la mano) Piaciri mi chiamu Lucio Lutti, mi vulissi pigghiari a patenti.

ENZA: Non ci pinzò taddu?

LUCIO: Io aiu 68 anni, chi sugnu vecchiu pa patenti?

FILIPPO: No! Se fisicamente è apposto: udito, vista, ecc.

LUCIO: Vidu benissimu. (guarda Enza o Mirka o entrambe) Na bedda carusa bona a vidu puru megghiu; in quantu a sentiri quannu mi conveni sentu e strasentu… quannu non mi cunveni, no!

FILIPPO: Comunque un buon certificato medico e siamo a posto.

LUCIO: Va beni, vaiu unni u dutturi e u fazzu (fa per andare).

FILIPPO: Aspetti, do anche a lei un foglio con i documenti da portare, e le cifre da pagare (lo porge).

LUCIO: Mizzica! Mancu trasu da potta chi già cecca soddi. Arrivedecci a dumani (esce).

FILIPPO: Dunque penso che per oggi potete andare anche voi, ci vediamo domani: arrivederci (tutti salutano ed escono). (Rimasto in scena fa qualcosa canticchiando una canzone a piacere. Entra una donna di circa 26 anni, molto bella con una vertiginosa minigonna; proprio in quell'attimo Filippo fa un acuto più forte.)

SELENA: Buongiorno, mi ero quasi spaventata, sentendo un lamento.

FILIPPO: Salve, è che non sono molto intonato.

SELENA: L'avevo capito, e poi il tono c'entra poco secondo me, lei sembra che si lamenti quando canta.

FILIPPO: Lo ha mai sentito quel proverbio "canta che ti passa" ?

SELENA: E a lei cos'è che deve passare?

FILIPPO: Tutto! Comunque mi dica, vuole prendere la patente?

SELENA: Già ho la B, vorrei prendere la C, mi serve per lavoro.

FILIPPO: Vuol fare il camionista?

SELENA: Non esageriamo! Io mi occupo di fiori e piante e affini, il lavoro rende ed il furgone non mi basta più, devo prendere un camioncino.

FILIPPO: Capisco. Il suo nome?

SELENA: Selena Folti, piacere. Mi può chiamare Selena.

FILIPPO: Bellissimo nome, e anche il resto... mi può chiamare Filippo.

SELENA: Bene Filippo: io la teoria la farò per conto mio, non ho tempo di venire, verrò a fare qualche guida.

FILIPPO: Va bene Selena, anche se avrei preferito averti qui ogni giorno, so già che mi mancherai.

SELENA: Ma se mi hai visto adesso, come sai che ti mancherò?

FILIPPO: Perché una come te mi manca da sempre. Eccoti un foglio con quello che devi portare, torna presto, aspetterò con ansia.

SELENA: Ma certo che sei forte.. (sorride e scuote la testa uscendo).

FILIPPO: Ciao… (la guarda uscire facendo dei segni, come dire "bella") (Selena uscendo incrocia un uomo dai 18 ai 50 anni che, anche lui, la guarda con interesse).

NCHIACCACANI: Sugnu u nchiaccacani comunali, nchiaccà u canittu ca fora assira, pinsava chi era u so. Non è u so? Eni marroni e cu pilu rasu.

FILIPPO: No! Io l'unicu cani chi putissi aviri è me megghieri, ma purtroppu non si peddi!

NCHIACCACANI: Muzzica?

FILIPPO: Abbaia parecchio e mostra i denti.

NCHIACCACANI: Beni mi ni vaiu scusati, arrivedecci… ah! Facitici a gnizioni pa raggia!

FILIPPO: Non esageriamu!

NCHIACCACANI: Si scherza, io na cunusciu a signura, vostra mugghieri, ma comu si dici avissa essiri megghiu di lei.

FILIPPO: Dipende dai punti di vista.. andiamo vi accompagno, oggi ho finito.

NCHIACCACANI: Chi era sua moglie? Quella…

FILIPPO: Magari fussi così me mugghieri!

NCHIACCACANI: Certo che era appetitosa. Cià facissi passari a fami a un patri i famighia.

FILIPPO: O cià facissi veniri!

NCHIACCACANI: U signuri fici i fimmini e cettuni ci rinisceru meravigliusi, tipu chidda…

FILIPPO: Io ma canciassi cu me mugghieri e subitu.

NCHIACCACANI: Ma lei è giovani so mugghiri ava essiri carusa!

FILIPPO: Me mugghieri è carusa ma è puru fitusa.

NCHIACCACANI: Ma allura picchì va pigghiastu?

FILIPPO: E' una lunga storia, ve la racconterò.

LUCCHESE A.: Permessu? Buongiorno e complimenti ci vulia na scola guida nta stu paisi. Cu è capurais Lei? (all'accalappiacani).

NCHIACCACANI: No io sugnu u nchiaccacani du cumuni.

LUCCHESE A.: Ciava fari pighiari a patenti o cani?

NCHIACCACANI: No o iattu di to soru!

LUCCHESE A.: Io non haiu né soru né iattu.

NCHIACCACANI: Peggiu pi lei!

FILIPPO: Sono io il responsabile Filippo Posacenere, mi dica.

LUCCHESE A.: Piacere Lucchese Aperto. Io avissi…

NCHIACCACANI: Comu? Lucchettu apertu… chi nomi aviti, CATINAZZU!

FILIPPO: Senta, lei pensi ai cani… suoi ! (a Filippo) Senta le ripeto, io sono Aperto Lucchese e dovrei…

NCHIACCACANI: Lei chi è di Lucca!

LUCCHESE A.: Tu secunnu mia si loccu a nchicchiti du cani nchiaccacani.

NCHIACCACANI: Arrivederci signor Filippo, addio signor Lucchetto!

FILIPPO: Cosa desidera Lei, signor Lucchese?

LUCCHESE A.: Avissi a rivisionari u motocarru.

FILIPPO: Bene, lo porti a fare una messa a punto, gomme nuove, luci a posto e lo porti Martedì 10; il tutto le costerà 50 Euro.

LUCCHESE A.: Va bene signor.. portaciniri, ni videmu ionnu 10 (entra un uomo vestito male e strano, che guarda in giro silenzioso).

LUCCHESE A.: Cu è chistu?

FILIPPO: U pazzu du paisi!

PAZZO: (dice cose senza senso anche inventate.)

LUCCHESE A.: Voli chi restu, non si sa mai.

PAZZO: (Guarda in giro curioso con lo sguardo perso in silenzio.)

FILIPPO: No, vada pure, non è pericoloso: parla un po' solo di cose antiche, in modo strano (dà il foglio), ma è innocuo.

LUCCHESE A.: Lei sumigghia a Cicco, siti parenti? (al pazzo).

PAZZO: Certu, so nonnu e me nonnu erunu du nonni.

FILIPPO: Bene, ho capito. Ora dovrei chiudere.

LUCCHESE A.: Eppuru ci sumigghia comu una goccia d'acqua.

PAZZO: Lei quannu parra mi pari chi discurri: io no canusciu a Ciccio.

LUCCHESE A.: Arrivederci (esce).

FILIPPO: Esca per favore, devo chiudere.

PAZZO: I tri Frati: na storia chi cuntava me nonnu, no sacciu cu cia dissi ne sa nvintò iddu. Tri frati patteru pi caccia, dui orbi e unu non videva, cu tri fucili, dui senza riddi e unu senza canni, batteru un pezzu i mari e mazzaru tri cunigghia, dei quali unu no vistiru e l'autri sinnieru; poi batteru a casa senza porta e senza cuverta, ci rispunniu cu non c'era e ci dissi: - "chi vuliti?" - "Ni sevvi na pignata pi ni manciari i cunigghia chi non vistimu." Cu non c'era ci dissi: - "dà cinne dui una spunnata e l'autra senza funnu, quali vuliti vi pigghiati!"U frati chiù ranni dissi:- "chinnama a fari cu chidda a spunnata, pigghiamuni chidda senza funnu." Si incheru un cufinu di vinu e un panaru di acqua, si misiru o friscu sutta un pedi di pitrusinu, pigghiaru un mazzu di rami nto boscu di menta e si rusteru cu focu chi non c'era i cunigghia chi non vistunu. Manciaru e bippinu senza mi ni vistunu, poi patteru pa casa; mentre passavanu supra na saia cu l'acqua, u frati chiù picciulu, chi non era u chiù ranni, si nfucoi na iamma fino o ginocchiu; curreru camminannu unni u dutturi e no truvaru; ciccaru o medicu era ncampagna, ieru da e truvaru u medicu chi zappava e u ditturu chi rimunnava e ci dissiru:- "Nostru frati si nfucoi na iamma fino o ginocchiu"U medicu u vaddò e u dutturu u visitò: - "Non è gravi", ci dissi, "ciata mettiri sonu di campani e rumuri di carrozza, pistati assemi nto murtaru di vitru, si campa non mori, si non mori campa."- "Grazi dutturi"- "Prego", ci dissi u medicu. - "Vinni putiti iri, mittitivi i coppuli", ci dissi u medicu- "Coppulu nonnavemu!"- "Quannu vi cattati vi mittiti!", ci dissi u dutturi.

FILIPPO: (Lo spinge fuori) Esca, devo chiudere.

FINE I° ATTO

II° ATTO

(Giorno dopo, stessa scena: all'apertura del sipario, in scena Filippo; quasi subito entra la moglie e Ciro o Cira).

ENTRA CIRO.

C. FRASCHETTA: Salve, auguri pa scola guida, io sarei un cliente (dà la mano).

NICOLETTA: Piaciri Nicoletta a mugghieri di l'istruttori.

C. FRASCHETTA: (dà la mano a Filippo) Ciro Fraschetta, piaciri.

NICOLETTA: Comu si chiama FASCETTA.

CIRO: Fraschetta Ciro.

NICOLETTA: Chi nomi curiusu mi pari a cira di cannili e poi frasca.

CIRO: (a Filippo) Ma è normali?

FILIPPO: Si è sempri così!

NICOLETTA: Chi ciaviti da diri? (minacciosa)

CIRO: Io non metto lingua, parli con suo marito! Tra moglie e marito non si mette un dito.

NICOLETTA: Chi voli diri cu stu stornello.

CIRO: Nulla, nulla, nenti parrava cu mia!

FILIPPO: Chi voli signor Ciro?

CIRO: Rinnovare la patente.

FILIPPO: Bene (prende un foglio) porti quanto richiesto qui e la patente scaduta…

GALDINO: Si può? Permesso?

NICOLETTA: Filippu c'è chiddu du catu virdi, avia vinutu già nautra vota; si chiama catu virdi o cacchi cosa cusì non mu ricordu!

GALDINO: Agli ignoranti e ai cani non allungar le mani.

NICOLETTA: Chi voli diri cu sa storia.

GALDINO: Era solo un modo di dire come quello che dice che l'ignoranza è peggio della delinquenza.

CIRO: E cinnè nautru chi dici chi l'ignoranza porta a mala crianza!

NICOLETTA: Chi l'aviti cu mia per caso?

GALDINO: No io dico che chi comprende non si offende!

CIRO: Io vado, buongiorno.

FILIPPO: Dica.

GALDINO: Galdino Verde, dovrei rinnovare la patente.

FILIPPO: Bene! (prende un foglio) Porti queste cose elencate qui e la patente.

GALDINO: Va bene, tornerò presto, buongiorno.

NICOLETTA: Filippu mi raccumannu, un occhiu di riguardu pi vincinzina, e poi dicci e to allievi di non luddari, o ammenu mi stannu attenti a luddari picca, io sugnu chi puliziu.

FILIPPO: Si a solita scunchiuduta; ora io ci dicu non luddati… si loddunu pulizzii! Chi vò?

NICOLETTA: Oh! Io a iaprì a scuola guida e cussi a pozzu tonna chiudiri! E tu tinni tonni a fari u cammiunista.

FILIPPO: Prima io stava bonu unnera! Tu mi iapristi a scola guida, picchi mi vulevi vicinu pi mi controllari: chi si gilusa comu na scimmia pilusa.

NICOLETTA: Picchì i scimmi su gilusi?

FILIPPO: No sacciu ma tu si gilusa peggiu di na scimmia.

NICOLETTA: Ah, io fussi na scimmia? (minacciosa)

FILIPPO: No! Non vulissi chi i scimmii soffenninu: tu si peggiu!

NICOLETTA: Io ti… (entra Lucio e non fa finire Nicoletta)

LUCIO: Posso, permesso, disturbu?

FILIPPO: Venga, s'accomodi, non si preoccupi, soliti battibecchi familiari.

NICOLETTA: Io vaiu a casa… stasira parramu.

LUCIO: Non si preoccupi: io sugnu uomo di mondo, sti cosi i capisciu, normali amministrazioni, io abitu cu me nora e ni sciarriamu sempri comu cani e iatti.

NICOLETTA: Cavoli suoi (esce).

FILIPPO: La scusi, a volte è impossibile.

LUCIO: Mi pare che con una moglie così sono proprio cavoli suoi!

FILIPPO: Errori di gioventù!

LUCIO: Ca c'è u certificatu medicu e l'autri documenti, si ci voli autru basta cu diciti.

FILIPPO: Certamenti.

ENTRA IL PAZZO (un po' muto, si guarda in giro e parla da solo)

PAZZO: Parti da casa cu pizza e cu paola, pizza mazzò a Paola e Paola mazzò a sette, di setti ristai u chiù bellu. Visti un mortu chi purtava tri vivi. Visti u bonu nto bunissimu. Visti u moddu chi rumpia u duru. Bivii ne celu ne terra. Durmiri ne intra ne fora. Sparai a cu visti e mazzai a cu non visti. Manciai carni nata e senza nata, cotta cu chiacchiri e paroli.

LUCIO: Chi voli diri tutta sa storia?

PAZZO: E' nu ndovinello antico chi mi cuntava me nonno, nu ndovinello in una storia antica.

FILIPPO: Vada via per favore.

LUCIO: Mi faccia spiegare cosa vuol dire.

FILIPPO: Esca fuori.. non ci dati cuntu vui (lo spinge fuori).

(ENTRA SELENA con minigonna)

SELENA: Buonasera. Ciao Filippo.

LUCIO: Bonasira… e chi bona..sira!

(SELENA attraversa la fila dei banchi, va alla scrivania e si appoggia, Lucio si siede da un lato).

FILIPPO: Ciao, sono felice di vederti.

SELENA: Anch'io, volevo sapere quando devo venire per la prima guida!

FILIPPO: (guarda l'orologio) Fra un'ora circa.

FILIPPO: (nel frattempo Lucio guarda le gambe a Selena; butta una penna a terra, la prende e la ributta). Ha perso qualcosa?

LUCIO: Sì. La penna (si ricompone seduto).

SELENA: Allora io vado, ci vediamo più tardi (dà la mano ed entra Nicoletta).

FILIPPO: Ciao Selena fra un'ora sarò tutto tuo.

NICOLETTA: Bella scenetta, minni compiaciu! Tu, di cu e chi sì? (al marito) E lei (a selena) chi voli di me maritu? Chi avi nta testa? Alla lagga u lassassi stari che èu me! Smamma, smamma, fora, fora!

FILIPPO: Ni..Nicoletta… è na clienti!

SELENA: Insomma signora, che ha capito? Suo marito è solo il mio istruttore.. e poi lei come si permette? Punto primo, se volessi suo marito lo prenderei senza che lei possa impedirmelo.

NICOLETTA: Huè, huè signurina chi…

SELENA: Stia zitta e mi lasci finire! Ma non lo voglio! Può farselo a spezzatino. (a Filippo) In quanto a te, ti do un consiglio: divorzia. E un'altra cosa, la patente la prenderò altrove! (esce)

FILIPPO: Hai visto, ho perso un cliente!

NICOLETTA: Chidda era na clienti? E vulia a tia no a patenti, io sti cosi i capisciu: chidda si stricava, ci piacivi.

FILIPPO: Tu l'ha finiri! Cu sta gilusia si a me ruvina, l'ha finiri sennò ti lassu piddavveru, divorziu.

LUCIO: (a Nicoletta) Scusati si mi ntricu, ma io vi cunsighiu di turnari a casa: a menti serena si ragiuna megghiu, cammora ci su i nervi e non si pisunu i paroli, si pò sbagghiari.

NICOLETTA: Aviti ragiuni grazii, a casa parramu Filippo, con calma. Arrivedecci e grazii (a Lucio, esce)

FILIPPO: E' na camurria me mugghieri, na reggiu chiù.

LUCIO: I mugghieri, sannu sapiri scegliri, sanna iapriri l'occhi, cettu oggi cu divorziu c'è cacchi possibilità in chiù, ma e me tempi tinni pigghiavi una e ta ciancivi pi sempri (entra Mirka).

MIRKA: Buonasera a tutti! (entra contemporaneamente Giammaria)

GIAMMARIA: Buonasera a tutti! Futuri piloti di formula zero!

MIRKA: Di formula zero sarai tu! (entra Enza)

ENZA: Bonasira.

GIAMMARIA: Ecco qua la pilota di formula uno!

ENZA: Chi si spiritusu…!

FILIPPO: Bene benvenuti a tutti: ora cominciamo, seriamente. Vi comincerò a fare qualche domanda sul motore per vedere la vostra cultura nel settore: dunque, a cosa servono le candele?

ENZA: A fari lustru quannu non c'è luci!

LUCIO: Pi si dumari e santi nta chiesa.

FILIPPO: Insomma ho parlato del motore: servono ad incendiare la miscela. Vediamo… sapete cos'è la dinamo?

GIAMMARIA: E' una squadra di calcio, che le ha prese sempre dalle squadre italiane.

FILIPPO: La dinamo serve a generare corrente per caricare la batteria, qualcuno di voi sa cos'è la batteria?

ENZA: Chidda di l'immicu, me mamma ma cattò l'haiu nta doti.

MIRKA: No è quella che facciamo a casa mia! Scherzavo, scusate.

FILIPPO: La batteria è un accumulatore di corrente. Mi sapete dire cos'è lo starter?

GIAMMARIA: Il dopo barba che uso io!

FILIPPO: Lo starter serve per arricchire di miscela e far partire la macchina alle basse temperature. Dunque, sapete cos'è la frizione?

ENZA: Me mamma cia fa sempri e capiddi, i fa divintari morbidi.

FILIPPO: (fa qualche smorfia) Proviamo altro: sapete cosa sono le frecce?

LUCIO: Chiddi chi usavanu l'indiani.

FILIPPO: Prima, ora si cattaru i fucili! Possibili chi siti così scarsi?

MIRKA: Io lo so, servono per segnalare se si deve svoltare.

FILIPPO: Bene! Finalmente qualcuno sa qualcosa (entra nchiaccacani).

NCHIACCACANI: Permessu… scusati cacchi dunu di vuiautri piddiu un cani bassottu, chi ricchi longhi e u pilu rasu?

FILIPPO: Gliel'ho detto che non era mio, mi lasci lavorare!

NCHIACCACANI: Ma lei è senza cori? Mi facissi dumannari e so allievi su pidderu du poviru canittu, cu suppotta, cianci sempri!

MIRKA: Io non l'ho perso!

ENZA: Mancu io!

LUCIO: Si era un pasturi tedescu mu pigghiava io, cussì si manciava a me nora chi na suppottu chiù.

GIAMMARIA: Un mio amico ha perso un persiano.

NCHIACCACANI: Finammenti! Ci semu! Unni staci stu so amicu?

GIAMMARIA: Quale amico?

NCHIACCACANI: Chiddu chi dissi lei, Janu.

GIAMMARIA: Janu, e chi è?

NCHIACCACANI: L'amicu so: lei dissi u persi Janu, l'amicu so!

GIAMMARIA: Io ho detto che il mio amico ha perso un gatto.

NCHIACCACANI: Ah, piddiu u iattu l'amicu so Janu; purtroppo io fazzu u nchiappacani, no nchiappaiatti.

GIAMMARIA: (sbuffa)

ENZA: Poi i iatti rattunu e non si fannu pigghiari comu e cani.

NCHIACCACANI: Si, ma i cani ziccunu: na vota un dobermanni mi ziccò nto pedi e ancora e canci di tempu mi doli.

FILIPPO: Ma lei no putia fari nautru misteri?

NCHIACCACANI: Io avi trianni e menzu chi fazzu chistu; prima facia l'albitru.

MIRKA: Era un buon lavoro, come mai lo ha lasciato? E' più pulito, nello sport c'è vita, gioia.

FILIPPO: Na vota, ormai allo sport s'è aggregata la violenza, purtroppo sempre più spesso.

NCHIACCACANI: Chistu è veru, u sport u rovinaru ca violenza degli ultimi anni. Io mi ritirà picchì non supputtava chi mavianu a banniari, albitru cunnutu, albitru beccu.

MIRKA: Purtroppo è soltanto un modo, purtroppo, sempre più in uso in tutti i campi, ma non vuole essere nulla di personale.

LUCIO: Cettu ormai ciù diciunu a tutti l'albitri, nta tutti i partiti.

FILIPPO: Certo, e questo non vuol certo dire che sua moglie lo tradiva.

NCHIACCACANI: Ma non è apposta chi no fici chiù.

GIAMMARIA: Allora se non era perché pensava che sua moglie lo tradisse perché ha cambiato?

NCHIACCACANI: A mia mi dava fastidiu chi mi aviunu a diri albitru cunnutu; da parola cunnutu mi dava fastidiu, un fastidiu!

ENZA: Insomma, dicemu a virità, lei pinsava e corna di so mugghieri!

NCHIACCACANI: Insomma! Si io dicu chi me mugghieri non c'entra, non c'entra, non c'entra idda, i corna non mi puteva fari in ogni casu.

MIRKA: Perché è così sicuru che sua moglie non poteva in nessun caso?

NCHIACCACANI: Picchì io semplicementi non sugnu maritatu!

FILIPPO: Bene, ora chi ni cuntò a storia da so vita, sinni issi, avemu chiffari. Grazie e arrivederci.

NCHIACCACANI: Si scusatimi arrivedecci, ciau a tutti. (esce, tutti più o meno salutano)

FILIPPO: Torniamo in tema con la patente. Allora, mi sapete dire cos'è un cilindro?

LUCIO: Chiddu chi usunu i maghi?

GIAMMARIA: Lei parlava dei cilindri del motore.

FILIPPO: Bene, ogni tanto ne azzeccate una. Mi sapete dire cos'è lo spinterogeno?

MIRKA: Spint…erogeno… deve essere eccitante a giudicare dal nome!

FILIPPO: A quanto pare, dovete fare tanta strada a piedi prima della patente. (entra una donna, dai 30/40 anni)

ELEONORA: Permessu (rivolta a Lucio). Ah, cà si! Nesciu pazza mi ti cercu, chi fa cà? (gli altri guardano la scena, o fanno i quiz, o guardano i segnali)

LUCIO: Mi pigghiu a patenti!

ELEONORA: Ah tu ti pigghi a patenti? Caffari ca patenti?

LUCIO: Caminu ca machina.

ELEONORA: Quali machina?

LUCIO: Cu chidda di me figghiu o ca to.

ELEONORA: Tu non ci cammini ca me macchina, e si me maritu ti duna a so u fazzu cuccari sulu pi sei misi!

LUCIO: Com'è chi si dici? Megghiu sulu chi mali ncuppagnati, e su tanti cosi è proprio azziccato il proverbio, ci sta a pennello soprattutto per lei. Vattini a casa.

ELEONORA: Chi vulissi diri chi pi to figghiu sugnu na mala cunpagnia?

LUCIO: Tu l'hai detto!

ELEONORA: Iddu si ricchiu cu mia!

LUCIO: Cettu si pigghiò a tia e si ricchiu, di guai!

ELEONORA: Insomma pigghia pa casa, tu non si cosa di patenti.

LUCIO: Insomma u dicu io! Io mi pigghiu a patenti e mi cattu puru na macchina sportiva, datu chi non mi vo' pristari u to carruzzuni.

ELEONORA: Oh, quantu na vidiri cu tia, prima ti pigghi a terza media, poi ti fa u cursu di compiuteri, ora a patenti. Chista è a vota chi fa trabuccari u vasu comu si dici

LUCIO: Non dicemu fissarii, u vasu, su facisti buccari, fusti tu cu du viziu che ha di scupari sutta o lettu! Ci dasti cacchi coppu di scupa.

ELEONORA: Secundu tia io non avissi scupari sutta o lettu?

LUCIO: No! Ogni vota sdirrupi u rinali chi me bisogni.

ELEONORA: Insomma com'è fari cu tia: si peggiu di carusi!

LUCIO: Per chi non l'avissi caputu chista è me nora! Comu vi dicia na camurria!

FILIPPO: Signora, ora che si è sfogata, per favore vada, qui dobbiamo lavorare.

ELEONORA: Lei chi s'intrica? Si facisi i fatti so!

LUCIO: Ve la presento: Eleonora Leoni: un leone raggiatu! Signora io sono l'istruttore, nonché proprietario della scuola guida che sta disturbando, e come vede faccio i fatti miei!

ELEONORA: Ah, lei è l'istruttore, beni, mannassi a me sogiru pa casa, non è cosa di patente.

LUCIO: Insomma vatinni pa casa a fatti a quasetta!

ELEONORA: A lei chiddu ci pari cosa di patenti? (a Filippo) Si, e sono sicuro che sarà un bravissimo pilota.

ELEONORA: Pilota! Cava a pilotari? A bicichetta già (assai pi iddu).

FILIPPO: Insisto nel dire che è idoneo.

ELEONORA: Certu, lei ci campa ca scola guida: si vinissi un elefanti chi pagasi lei su pighiassi.

ENZA: Scusati, ma l'elefanti comu a pottunu a machina?

LUCIO: Supra i spaddi.

ELEONORA: A dissi una di so'.

FILIPPO: Adesso gentilmente se ne vuole andare?

ELEONORA: Minni vaiu, scusati (a Lucio). Cu tia facemu i cunti a casa

CANTARANU. Mi mancava u soggiru cantanti, quannu è a casa non si reggi cu di canzuni antichi: canta e pari chi si lamenta e pedi pedi mi camina, ma u iomu stu CANTARANU. (esce)

LUCIO: Vi prego di scusarla.

FILIPPO: Bene adesso ricominciamo.

MIRKA: Scusate un attimo, signor Lutti io non capisco bene il siciliano, cosa significa quella parola che vi ha detto vostra nuora?

LUCIO: Anzitutto chiamami Lucio; la parola che mi ha detto, "cantaranu", è il nome di un vecchio mobile ma lei mi chiama così perché cantu sempri: da giovane facia u cantastori.

MIRKA: Grazie Lucio.

LUCIO: Prego, dovere.

GIAMMARIA: Ormai che siamo fuori tema voglio dire la mia. Io anche se per esigenze scolastiche e anche perché a casa mia si è sempre parlato l'italiano, io sono un siciliano puro sangue e sto cercando da anni di documentarmi su usi e costumi della mia Sicilia. A proposito del cantarano, sapete perché si chiama così? (tutti dicono di no o fanno scena muta)

LUCIO: Picchì si tinneva u canturu da intra!

GIAMMARIA: Come ha detto Lucio dentro si metteva il cantaro! Per chi non lo sapesse il cantaro era un accessore che si usava molti anni fa per "l'atto grande" come si usava dire ai tempi in cui si usava l'orinale per gli "atti piccoli".

LUCIO: L'originale si usa anche adesso, io lo uso.

MIRKA: Usi anche il cantaro Lucio?

LUCIO: No! U cantaru no, se fari l'attu ranni vaiu o bagnu!

MIRKA: Ma allora perché non ci vai pure per quello piccolo?

LUCIO: Picchì è nesciri fora pi iri o bagnu, chi è nta tirrazza e non vali a pena pigghiari friddu pi l'attu picculu.

FILIPPO: Scusati, dopo sta pocu di cultura siciliana, non fussi megghiu fari un po' di segnaletica?

ENZA: Datu chi Luciu è un cantastori ni cantassi na canzuna.

LUCIO: Dumani va cantu. (entra Selena)

SELENA: Ciao a tutti. (tutti dicono ciao)

FILIPPO: Ciao Selena, come mai sei qui?

SELENA: Sono venuta per la guida, l'hai dimenticato?

FILIPPO: Bene signori, dato che oggi abbiamo più o meno divagato in vari argomenti, rimandiamo il tutto a domani, io mi faccio questa guida.

FILIPPO: Andiamo Selena a fare guida. (stanno per uscire)

ENZA: A signaletica quannu a facemu?

FILIPPO: Domani, domani.

ENZA: Allura oggi non facemu nenti. Io lassà i piatti per veniri cà.

SELENA: Valli a lavare! Buongiorno. (escono)

FILIPPO: Bene cara possiamo uscire.

PIERLUIGI: Non ancora ci sugnu io! Lei bella signora è chidda da scola guida.

SELENA: No lui! Io aspetto nel camion. (esce)

PIERLUIGI: Piccatu, lei era megghiu: pi lei m'avissi ripigghiatu a patenti.

FILIPPO: Cosa vuole?

PIERLUIGI: Vogghiu fari a rivisioni a lapa, lei i fa?

FILIPPO: Certamente, però torni un'altra volta: adesso devo fare una guida.

PIERLUIGI: Cu chidda puru io i facissi na para di guidi!

FILIPPO: Senta, torni lunedì e porti la lapa, la devo vedere.

PIERLUIGI: E' ca fora a pò vaddari ora.

FILIPPO: Ora non posso guardarla!

PIERLUIGI: Cettu ava a vaddari a chidda!

FILIPPO: Non faccia lo spiritoso. Ci vediamo lunedì.

PIERLUIGI: Cu chidda u facissi u spiritusu e comu!

FILIPPO: La smetta e vada via!

PIERLUIGI: Va beni, va beni, eh... chi è gilusu! Ni videmu lunedì. (esce)

FILIPPO: Videmu si cacchi nautru ci rumpi.

PAZZO: Ci rumpu io l'ova nto panaru. (dice varie cose a piacere) Don Prispiri prospiri susitivi inta su ripusatoio lassati stari la vostra cara mannula, pigghiativi li zippuli e li zappuli e stati attenti pi li mali incontri. La sauta ngranci sinniivu nta lu coci crudu e di nta lu coci crudu sinniivu nta lu vostri popolo si non ghiti vui cu la vostra bunnanzia si brucia la vostra stanza. Scaccia pitruddi e mortu di li ridi e a cantari chiù non ci la faci.

LUCIO: Chi diciti?

FILIPPO: (lo spinge fuori) Esca! Devo andare!

FINE II° ATTO

III° ATTO

(La sera dopo il secondo: all'apertura del sipario Filippo che scrive; entra Selena).

SELENA: Ciao Filippo!

FILIPPO: Ciao cara, come stai? Hai dormito bene?

SELENA: Benone, e tu?

FILIPPO: Malissimo, anzi peggio: mia moglie mi ha fatto una scenata, voleva picchiarmi perché ci ha visti insieme durante la guida.

SELENA: Ma perché non la lasci? Hai fatto un errore, ma a tutto c'è rimedio, divorzia!

FILIPPO: La sai l'ultima? Quando ti ho telefonato per dirtelo, faceva finta di dormire; appena ho finito ha ricominciato.

SELENA: Ti propongo una soluzione: divorzia, vieni con me. Io ho tanto lavoro, non prenderò la patente, il camion lo guidi tu e poi ci amiamo, questo è sicuro.

FILIPPO: Invitante come proposta, ma che faccio con la scuola guida?

SELENA: Molla tutto: gli altri sono all'inizio, andranno altrove. (entra Nicoletta)

NICOLETTA: Ah, beni! Disgraziatu, tradituri e fitentuni! E tu! Fiorivendula di mircatu, fimmina di strata, latra di mariti, zoccula… fora di cà, nesci inta me casa, spascia famigghi!

SELENA: Ma stai zitta, ti manca la scopa per essere una strega, che sei? Mi sembri insipida e scialba come un'insalata male condita.

FILIPPO: Finitela tutte due per favore. (tiene la moglie)

NICOLETTA: Io na finisciu: mi dissi insipida, zalata mali cunnuta.. a mia! Sa vipira, sa rosa spinusa e spinnacchiata.

SELENA: Vado via se no non rispondo delle mie azioni.

NICOLETTA: Tu non rispunni di tia? Io ti spinnu comu na papira.

SELENA: A me papera? Ma si tu si un'oca che più oca non si può. Lassimi ca fucu, ci tiru u coddu. (Selena va via) Ora basta, finiscila! Si tu chi l'ha finiri no io! (se lo scrolla di dosso)

FILIPPO: Insomma, io con la scuola guida devo avere per forza contatti con donne.. o devo fare una scuola guida per uomo?

NICOLETTA: Tutti i scusi su boni: io sacciu chi a scola guida si fa ognunu o so posto, mentri tu a chidda l'avii supra e ginocchia. Eru nbrazzati fitti, fitti e tu a scrincevi chi chiavi misu a cintura di sicurezza e magari u frenu a manu e marcia.

FILIPPO: Non ci rivava unni u sterzu e io a iutava.

NICOLETTA: Ti iutu io a tia, a iri o spidali 

(entra Mirka con mini abito scollato corto; Nicoletta si ferma e la guarda)

MIRKA: Buongiorno, disturbo?

FILIPPO: Buonasera, venga si accomodi.

MIRKA: Vero, buonasera.

NICOLETTA: (la guarda) Lei cussi veni a scola guida, unni semu a mari?

MIRKA: Cos'ho che non va?

NICOLETTA: Sembra chi sta iennu a mari in custumi.

MIRKA: Ma lei è rimasta all'era della pietra: io a mare vado in topless.

NICOLETTA: E chi fussi su toplecchisi?

FILIPPO: Nicoletta smettila, ti rendi ridicola!

NICOLETTA: Io? Chidda veni ca indecenti, si vergogni! Cà ci su tanti masculi, si vistissi chiù seria.

MIRKA: Embè, a lei che gliene frega?

NICOLETTA: Minni frega, me maritu veni tintatu, non l'ava vidiri così! Stuppiti l'occhi tu, na vaddari.

MIRKA: Glielo ha proibito il dottore, o è malato di cuore?

NICOLETTA: Glielo proibisco io, tu non vaddari.

FILIPPO: E va beni, na vaddu, mi votu di dà.

NICOLETTA: Comu fa mi na vaddi si è tutta provocanti? 

MIRKA: Ma signora non sia ridicola.

FILIPPO: Senti, vattini a casa e fammi travagghiari.

NICOLETTA: Io non minni vaiu, si chidda no mi dici chi voli diri toplecchisi o ridicula eni idda.

FILIPPO: Tu dicu io, voli diri che va a mari senza u du pezzi, cun pezzu sulu, chidda i sutta.

NICOLETTA: Chi minni i fora? Svigognata, tappinara, lorda.

FILIPPO: Sì in topless. Si dici così e non la offendere, contegno.

NICOLETTA: E tu come u sa?

FILIPPO: Mu dissi idda; e ora vai a casa.

NICOLETTA: Io non ti lassu cà cu chidda in toplecchisi.

FILIPPO: Adesso è vestita.

NICOLETTA: Vistuta spughiata e poi succedunu i violenzi, certu i masculi su troppu provocati di sti mali occasioni.

FILIPPO: Fissarii na dittu abbastanza pi oggi vatinni a casa.

NICOLETTA: Io no minni vaiu (entra Lucio) Anzi minni vaiu, però m'accumpagnari.

LUCIO: Bonasira. (ha un dito fasciato vistosamente)

FILIPPO: Bonasira, scusatimi portu a me mugghieri a casa e tornu. (escono)

MIRKA: Buonasera Lucio, ti sembro indecente?

LUCIO: No, sei carina, stai bene, anzi benissimo.

GIAMMARIA: (entra Giammaria) Salve come va? (rivolto a Mirka). Sei uno schianto oggi, fai venire voglia di saltarti addosso.

MIRKA: Allora aveva ragione quella! La moglie dell'istruttore mi ha detto che sono indecente, e che le violenze accadono più o meno perché le donne ci vestiamo provocanti.

GIAMMARIA: Può essere valido il discorso per quei soggetti instabili e frustrati, ma non per le persone normali: io ho detto in quel modo per dire una battuta, ma non ti salterei addosso. E tu Lucio?

LUCIO: Io sì! Staiu facennu un sforzu enormi mi mi trattegnu: sugnu instabili e frustatu.

GIAMMARIA: scherzi vero?

LUCIO: Non mi vidi chi aiu l'occhi i fora?

MIRKA: Lucio ha portato la canzone da cantare?

LUCIO: Certu l'haiu scritta a mimoria non mi iuta chiù chidda di du cummari e megghiu cavia.

GIAMMARIA: Certo sentiamola.

MIRKA: Io non vedo l'ora.

LUCIO: (guarda l'orologio e dice l'ora del momento) I 18.00

MIRKA: Lucio, "non vedo l'ora" non in quel senso.

LUCIO: Capì nta l'autru sensu.

GIAMMARIA: Avanti la canzone, sono curioso come una donna.

MIRKA: Curioso come un uomo, semmai: sei una donna tu?

GIAMMARIA: E' un modo di dire

LUCIO: Però sbagliato: l'avissima finiri di diri curiusi comu i fimmini. L'omini su curiusi pi cuntu so e chiossà di fimmini: io per esempio sugnu curiusu comu na fimmina.

GIAMMARIA: Dai cantaci la canzone. (entra nchiaccacani). Se no a cantu io!

NCHIACCACANI: Bonasira a tutti.

TUTTI: U cani non è u nostru. (in coro)

MIRKA: ormai dovrebbe saperlo che non è nostro.

NCHIACCACANI: U sacciu, infatti u truvai u so patruni. Chi eruni cuntenti tutti dui: u sapiti di cu era?

LUCIO: No sapemu.

NCHIACCACANI: Eru du Giomitri Cullotti: chiddu u siccu siccu, cu ticchiu chi scaccia l'occhiu e si torci nto latu.

LUCIO: Ah! U ticchiu avi! Io veramente avia pinzatu mali, quannu u vidia ci scacciava l'occhiu a me nora. (fa la mima)

NCHIACCACANI: Veramente puru io!

MIRKA: Lei comu mai?

NCHIACCACANI: Io aiu na soru: purtroppu mischina è brutta e poviredda savia illusu chi Cullotti l'amava; mi dicia: Albertu, Albertu mi ama, Albertu sugnu io; mi scaccia l'occhiu ti dicu chi mi ama.

LUCIO: E quannu seppi chi avia u ticchiu?

NCHIACCACANI: Ci ristoi mali cianciu pu misi, e non picchi seppi chi avia u ticchiu, picchì pinsò ca pigghiava in giru. Mi dissi: Albertu, chiddu è un disgraziatu ciu scaccia a tutti l'occhiu, puru e masculi.

MIRKA: E non si è ancora sposata?

NCHIACCACANI: Me soru?

MIRKA: Certamente sua sorella, non la mia.

NCHIACCACANI: Ma lei chi voli? Si facissi i fatti so chi ci interessa di me soru?

MIRKA: Ma io veramente…

NCHIACCACANI: Ma facitivi i fatti vostri: chi v'interessa di me soru?

GIAMMARIA: (alzando il tono) Senta è lei che ha voluto parlarcene noi non volevamo sapere nulla.

LUCIO: Questo è veru, a niautri non n'interessa né di lei né di so soru, capiu?

NCHIACCACANI: Capì, capì chi sugnu scemu: facitivi i fatti vostri furbiciari e intricanti. (esce)

MIRKA: Cose da pazzi, se lo raccontassimo non ci crederebbero.

GIAMMARIA: Veramenti se io non ero qui non ci avrei creduto.

MIRKA: Lasciamo perdere, Lucio ci canti la canzone. (entra Enza)

ENZA: Ciao a tutti. Unnè u maestru?

GIAMMARIA: Il maestro è a scuola.

ENZA: Tu si sempri chiù spiritusu.

MIRKA: Ciao, ora viene l'istruttore.

LUCIO: Ciao Enza, ti pirdisti u nchiaccacani, si vinii prima ti facivi du risati.

GIAMMARIA: O ti mettevi a piangere, c'era da scegliere.

ENZA: Picchì chi cumminò?

MIRKA: Ni cuntò na storia fra u cani, u patruni du cani e so soru.

LUCIO: U cani era di so soru?

GIAMMARIA: Sì, di sua cugina.

ENZA: Ah, di so cucina?

MIRKA: Di sua nonna!

ENZA: Insomma, chi mi pighiati in giru? Di cu era all'uttimu su cani? Di so soru, di so cucina o di so nonna? Facitimi capiri: chi cavulu vuliti diri, non è chi mi sfuttiti?

LUCIO: Poi ti cuntu io Enza, ora cantu a canzuna di du cummari. (prende un foglio e canta) I du cummari (se si dispone dei mezzi, la si suoni e canti come da spartito o Giammaria che dice la canto io). Na duminica matinaCumari FrancischinaCi dissi a cummari VincinzinaCummari Vincinzina Ma fari un favuri Prestimi a to maritu Solu na para d'uri.Ti dicu e ti prumettu Chi non mu spruppu tuttu Tu tornu lisciatu e profumatu Chi mancu t'innaccorgiu Chiddu è statu usatu Cummari cummaruzza Mi la fari stu favuriIo in crisi di astinenza Non pozzu chiù campari Mischinu me maritu Avi du misi e na simana Si trasferiu solu sutta e supra Chiù nun chiana si tu mi dì Di no non mi controllo più Tu robbu duminica matinu Cummari non ti dicu Com'è chi tu cumminu Ma si tu me lo presti Cummari ti prumettu Tu tornu ripusatu Dubbatu e profumatu Tu mancu t'innaccorgiu Chi iddu è statu usatu Cummari francischina Non ni puteva chiù Ci dissi cummaruzza Come diciti vui Ciu dicu a me maritu E poi a risubbemu. Cumpari NICULINU Nun era certu cretinu Ci dissi falla veniri Duminica matina Tu tinni và a missa Cussi nun vidi nenti E semu tutti pari Felici e cuntenti (da ripetere per tre volte)

TUTTI: (applaudono) Bravo, bravo.. (rientra il pazzo)

PAZZO: Canto anch'io, canta, ecc.,ecc.

ENZA: A sapiti chidda di chiana e scinni, chiana e scinni, scinni e chiana?

MIRKA: Tu la sai Lucio?

LUCIO: Ah, sì, ma non ma ricoddu bona.

ENZA: E cantatici chidda chi vi ricuddati, è bella, a cantava sempri me nonnu, dicitiillu puru vuiautri (agli altri)

MIRKA: Dai Lucio cantacela.

GIAMMARIA: Dai tanto dobbiamo aspettare l'istruttore.

PAZZO: La canto io, videmu si ma ricoddu… facennu scinni e china, si visti la suttana, fannu chiana e scinni si vistiru i mudanni du mischinu di Giuvanni, vidennu ni argomenti, non capiu chiù nenti: si cunfunniu la menti… (entra Eleonora che assale il suocero)

PAZZO: Io vado via, poveri pazzi.

ELEONORA: Bravu, bravu puru ca ora fa u cantaranu? Bonasira a tutti!

LUCIO: Insomma chi vo, mi lassi stari? Mi segui, mi pidini, si peggiu di un carabbineri.

ELEONORA: Io mi preoccupo per te, cosa hai?

LUCIO: Io non haiu nenti, chi mi vidi carcosa di fora?

ELEONORA: Non essere volgari.

LUCIO: Scusa ma lassimi in paci.

ELEONORA: Io mi preoccupu pi tia: vuleva sapiri chi avevi, truvà i linzola fatti i sangu, chi ti succidiu?

LUCIO: Minzunnà a tia e cadì du lettu.

ELEONORA: U viditi? Io mi preoccupu pi iddu e mi fa sti sparati.

LUCIO: (mostra il dito) Mi struppià un ditu.

ELEONORA: E comu facisti nto lettu?

LUCIO: mi inzonnai che na bedda signurina mi offria un torroncinu e ci desi un muzzicuni.

ELEONORA: O ditu enveci du turruni.

LUCIO: O ditu inveci du turruni.

ELEONORA: E staci cu iditu nta bucca quannu dommi?

LUCIO: Cettu sennò non pozzu dommiri.

ELEONORA: Avi bisognu u ciuccettu u picciriddu!

LUCIO: Non pozzu dommiri se no! Tinni va pa casa?

ELEONORA: Tinnè diri nautra prima.

LUCIO: Chi c'è ancora.

ELEONORA: Ora ti svirgognu! U sapiti chi ci truvà sutta u matarazzu?

ENZA: I quasetti loddi!

ELEONORA: No molto peggio!

ENZA: I mutanni loddi!

LUCIO: Ma picchì Enza io avissi aviri si cosi loddi sutto o lettu?

ENZA: Io u dicu picchì me nonnu fa così.

LUCIO: Io no.

ELEONORA: Iddu fa di peggiu: ci truvà i giurnali chi fimmini anudi!

LUCIO: Oh! Io aiu già na certa età, e vaddari certi cosi piaciunu, l'occhiu voli a so parti.

ELEONORA: Tu l'occhi ti l'ha stuppari. (entra Filippo)

FILIPPO: Bonasira a tutti, scusati u ritardu.

ELEONORA: Bonasira, tu ti fa i cunti cu to figghiu sta sira ciu dicu.

FILIPPO: Arrivederci signora (lei esce) e voi scusatemi ancora.

GIAMMARIA: Non fa niente, non ci siamo annoiati un attimo.

FILIPPO: Bene ora facciamo un po' di segnaletica stradale (mostra il segnale, lavori in corso) Chi mi sa dire cosa vuol dire?

LUCIO: Vietatu travagghiari!

GIAMMARIA: Lavori in corso: segnale che si mette sulla strada prima di dove viene svolto un lavoro.

FILIPPO: Bene, e questo? (mostra il segnale di animali in libertà)

ENZA: Attenti e vacchi!

MIRKA: Pericolo di animali liberi sulla strada.

FILIPPO: Bene, e questo cosa segnala? (mostra un segnale di strada sdrucciolevole)

LUCIO: Segnala attenti e brichi supra e machini sbandanu.

FILIPPO: Vedo ancora non sapete molto, continuate a fare dei quiz.

MIRKA: Io ne ho fatti un po' (mostra il foglio)

FILIPPO: (prende il foglio) Ora li controllo (entra sua moglie)

NICOLETTA: Io comu è fari cu tia e cu chidda? Vi sparu, fazzu udelittu d'onuri!

FILIPPO: Ma chi si scema? Fammi lavorare in pace e poi che è sa storia du delittu d'onuri nto 2000.

NICOLETTA: Vuleva vidiri si ti facia i corna su sapii chi era.

FILIPPO: Finiscila, io non ti sto facendo le corna! E se le facessi tu a me divorzierei, quali dilittu d'onuri, lascimi stari.

NICOLETTA: E chidda chi fa ca fora supra o furgoni, a cu spetta?

FILIPPO: Quali chidda? Cu cu l'ha? Chi c'è qui fuori?

NICOLETTA: Tu caschi di nuvuli veru?

FILIPPO: Chinni sacciu io cu c'è fora?

NICOLETTA: Menu mali chi i conna non criscinu se no io non putia trasiri mancu da porta.

LUCIO: Signora mi permetto di dirle che lei eni troppu ossissiva, non è accussi chi si tegni un maritu, così lei lo fa scappare.

NICOLETTA: Lei si facissi i fatti so! Pinzassi e so corna e me ci pensu io!Di chi s'impiccia lei? Fora c'è a Sirena e spetta a iddu.

FILIPPO: Un momento di attenzione, prego signori: ora, in questo momento, la scuola guida Passato è già passato, chiude. Ognuno di voi si cerchi un'altra scuola guida per la patente, sarete rimborsati, scusatemi.

NICOLETTA: ma chi sta dicennu? Chi si scemunito o briacu?

LUCIO: Signora se ho capito bene, suo marito sta dicendo che lascia lei e la sua scuola guida. (dà la mano) Auguri signor Filippo. (esce)

MIRKA: Vado via anche io, in bocca al lupo, signor Filippo, muoia il lupo (dà la mano) libero, libero, vada libero!

GIAMMARIA: Aspettami vengo con te: addio pazzi furiosi. (esce con Mirka)

NICOLETTA: Ma chi succedi? Chi voli diri?

ENZA: Io naiu caputu nenti, chi c'è? (a Filippo)

FILIPPO: Succedi chi non ni pozzu chiù e lassu a me mugghieri e a so scola guida. Divorzio, divorzio!

NICOLETTA: Ma chi lassi… chi di.. non schizzari.. tesoro io senza di tia moru, non vivu chiù! Non schizzari, veni cà…

FILIPPO: vado via, libero, libero, libero! Ti mando l'avvocato!

NICOLETTA: No! Non pò essiri Filippuzzu! L'avvocato no vogghiu!

FILIPPO: Mai statu chiù seriu: ti lassu.

NICOLETTA: No, ti pregu…

FILIPPO: Peggiu pi tia, chi non mi sapisti teniri.

NICOLETTA: Ma tu non mi lassari…

FILIPPO: Zitta, non fiatari, ti va solo beni chi ti lassu, tavissi fucari di quantu naiu passatu cu tia.

ENZA: Vi lassa… picchi?

NICOLETTA: Pi na malafimmina chi venni i ciuri nto mircatu.

FILIPPO: Lei è una donna: un fiore di donna, tu invece si un ciuri di carduni, addiu! (esce)

NICOLETTA: (barcolla e si siede)

ENZA: Signora si senti bona?

NICOLETTA: Mi sentu mancari, mi sentu mancari. Vadda chi fannu. (Enza guarda dalla porta o dalla finestra)

ENZA: Signora si baciunu, si mbrazzunu, si strinciunu.

NICOLETTA: Si ba…bacianuuuuu! Nta strada?

ENZA: Si! Ristaru mpicciati, non si scoddunu chiù!

NICOLETTA: Comu, comu mpicciati….? 

NZA: Sì… laggaru… si tonna baciunu.

NICOLETTA: nautra vota no….!

ENZA: Sì!

NICOLETTA: No!

ENZA: Sì!

NICOLETTA: Mi sentu mancari! Mi sentu mancari!

ENZA: Sinni vannu, pattinu.

NICOLETTA: (sviene, soccorsa da Enza)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno