Scuola serale

Stampa questo copione

SCUOLA SERALE

SCUOLA SERALE


COMMEDIA COMICA IN TRE ATTI

di 

Nunzio Cocivera






PERSONAGGI:

1. La maestra Lucia 26/29 anni semplice, modesta ma carina.
2. Lampo Vittorio 32 anni, ben vestito ma semplice.
3. Lampo Elio 30 anni, piuttosto grossolano e rude.
4. Lella 25 anni, ragazza modesta e mal vestita.
5. Felice 35 anni, elegante e fine.
6. Patrizia 28/30 anni, prosperosa e piacente, provocante.



La scena si svolge nell’aula di una scuola, negli anni ’90.



I° ATTO

All’apertura del sipario entrano in scena Vittorio ed Elio Lampo.
Entrambe, entrando: “Permesso? C’è nessuno, maestro, maestra…”

VITTORIO: Ma si sicuru chi era cà? (entrano nella scena vuota).
ELIO: Cettu, via Vittoriu Manueli, 4. Chista è via Manueli, finu a 4 ci rivu, perciò semu cà.
VITTORIO: Io sugnu sicuru chi sbaghiammu: cà non c’è nuddu.
ELIO: Dì a virità, tu ti cuntenti, tantu non vulivi mi ni scriviumu pi ni pigghiari a licenza da 3° media; sta scola pi lavoratori è l’unica chi ni po’ fari pighiari a licenza media.
VITTORIO: Io m’infruntu, a st’età veniri a scola sirali?
LELLA: Permessu, bonasira, è cà chi si scrivi a scola sirali?
VITTORIO: Ca ava essiri, arrivamu ora puru niautri ma non truvammu a nuddu (breve pausa). Io sugnu Vittoriu, piaciri (dà la mano), chiddu (indicando Elio) è me frati Eliu (Elio dà la mano).
ELIO: Onorato.
LELLA: Piacere Lella, puru viautri vata pighiari a licenza media. Lei comu si chiama, onorato?
ELIO: Na idea di me frati è: dici chi a licenza ci voli, non si sa mai. Io mi chiamu Eliu, piaceri. Onorato voli diri tantu piaciri, u visti a televisioni.
VITTORIO: Oggi si non ia a terza media mancu u spazzinu po fari. Così pinsai chi era u casu di ci pruvari.
LELLA: Avi ragiuni purtroppu a scola ci voli: a mia me patri quann’era carusa, dopu da quinta, non mi mannò chiù a scola, ci pareva chi mi manciaunu e ora chi aiu 25 anni, u sa chi mi dissi “..pighitilla a licenza, me fighia, cusà non ti mariti ti giuva pi cacchi travaghiu.”Ma ti pari chi dopu chi ma pighiu iddu mi manna a travaghiari: mancu pi sognu, avi natesta peggiu du mulu calabrisi!
VITTORIO: Comu fammi capiri: ti fa pighiari a licenza e poi non ti fa travaghiari u stissu
LELLA: Me matri ci dissi mannamula cussì si quannu si pigghia a licenza media trova un travaghiu a mnnamu a travaghiari.
ELIO: Meglio tardi che mai.
LELLA: Non capisti ancora tutto dopu chi me matri ci dissi addamanera iddu ci dissi: “No ora, camora chi pozzu a campu io, quannu moru io sinni parra, sa pigghia pi dopo.
VITTORIO: Mii chi testa!
LELLA: Me mamma ci fici notari chi iddu po’ capitari chi campa nautri 30 anni e io si ci sugnu ancora ne avrò 55; unni u trovu allora il lavoro?
ELIO: E iddu chi ci dissi?
LELLA: Faccilla pighiari, intanto poi videmu si non si marita nto frattempu. Ma mi pari chi non videmu nenti.
VITTORIO: Mentalità un po’ troppo arretrata senza offesa.
LELLA: Ma quali offesa, se veru è veru: su arretrati!
ELIO: Le persone di una certa età, alcune, non tutte, erano convinte che il ruolo della donna era quello di fare solo ed esclusivamente la casalinga, soprattutto al sud.
VITTORIO: Ma quali sud, in tutta Italia era accussì: i fimmini aviano a fari fighi e pitighi (figli e cibo).
LELLA: Certu erumu un mezzu mi fari fighi, tutti doveri e nenti diritti, e me patri eni unu di chiddi patri-patruni.
ELIO: Ma i tempi canciunu pi futtuna: ora i fimmini sunnu emancipati.
VITTORIO: Picchì prima mureunu di fami.
ELIO: Si vidi chi si gnoranti: emancipati voli diri rimodennati.
LELLA: Ancora assai cinnè chi su cunvinti chi i fimmini anna stari suttamisi.
VITTORIO: Io no, pi mia non anna stari di sutta misi, va beni puru di supra.
ELIO: Parramu di cosi serii, Vittorio non ti sbuttunari troppu.
LELLA: Quello chi va mali è chi ancora oggi chi semu nto dumila, cinnè assai chi ci consideranu un oggettu, e menu intelligenti di l’omini.
ELIO: Chiddi ottusi chi non capisciunu.
VITTORIO: Quali chiddi in te pittusi, inta quali pittusi?
ELIO: Ottusi, no pittusi.
LELLA: Chi voli diri sta parola, io avia caputu chiddi in te caverni, nte pittusi!
ELIO: Ottusi voli diri ignoranti. Bestia, scemu, tritrola.
LELLA: Io ciu dissi a me patri: i fimmini annu i stissi diritti di l’omini di studiari e di si fari na cultura.
VITTORIO: Iddu chi ti dissi?
LELLA: “Pi lavari i piatti non cinnivoli cultura, l’unica cultura chi ci servi a na fimmina è chidda nta campagna, pi iutari o maritu si avi campagna di coltivari, avoghia mi si occupa da coltura.”
ELIO: Non csapi mancu a differenza ta coltura e cultura.
VITTORIO: Mancu io a sacciu.
ELIO: Coltura è tuttu chiddu chi si coltiva, esempio coltura di cipuddi, patati, vigneti, alivi, eccedera; cultura è studiari.
VITTORIO: Ora capii: niautri studiamu a cultura.
LELLA: Perfettu, u sapiti chi dici me patri?
ELIO: Chi dici?
LELLA: Chi si un omu poco istruitu si metti intra na fimmina studiata si metti nte guai, nte sciarri.
VITTORIO: E picchì è cunvintu così?
LELLA: No sacciu. Iddu dici sempri ciu dissi so patrozzu chi avia na mugghieri studiata: si mette in casa una donna pettegola, intrattabile, litigiosa, chi invece di stare soggetta, suggittata, cerca di suttamettiri o maritu.
ELIO: Sti patri cu l’idei all’antica ruvinunu i figghi.
VITTORIO: Sunnu zignati addamanera di anni e anni, levicillu da testa.
LELLA: E vuiautri, picchì quanneru carusi non va pigghiastu a licenza?
ELIO: Io picchì pinzava chi era megghiu mi mi zignava cacchi misteri: zigna l’arti e mettila di parti: un masculu senza misteri è schiavu di tutti.
LELLA: E tu puru?
VITTORIO: No, io non ma pighià picchì era sceccu e nonnavia testa o studiu.
ENTRA LA MAESTRA.
MAESTRA: 
ELIO: 
VITTORIO: 
MAESTRA: 
VITTORIO: 
ELIO: 
LELLA: 
MAESTRA: 
MENTRE TUTTI FIRMANO ENTRA UN UOMO SUI QUARANT’ANNI, ELEGANTE.
FELICE: Bonasira a tutti ranni e piccitti.
MAESTRA: Buonasera, lei è un altro allievo? Un po’ cresciutello, però.
FELICE: Aiu vintanni anchi si ni dimostru chiossà.
VITTORIO: Supra na spadda e supra l’autra?
ELIO: Ammenu nautri vinti e autri.
FELICE: L’autri nenti 20 e 20 fannu 40 e naiu propriu 40 e sugnu Felice.
LELLA: Devo dire che li porti bene io pensavo che ne avevi di meno, ne hai 40 e sei felice.
FELICE: Felice mi chiamo di nomi.
VITTORIO: Ma quantu semu i studenti di sta scola?
MAESTRA: Fino a questo momento voi e la signora Patrizia. La conoscerete quando cominceremo, ora non verrà.
FELICE: Ma chi ni faciti studiari: cinnè comu a mia chi a quinta a ficiunu trent’anni fa e non ricordano nulla o quasi di scuola e affinità scolastiche?
VITTORIO: Veru è, io da scola ricordu sulu a me maestra: era bedda comu a lei.
MAESTRA: Grazie del complimento, ma non sarà un problema, vedrete che basterà impegnarsi un po’ di buona volontà.
LELLA: Io a vuluntà l’aiu, bisogna vidiri si mi riva a testa.
ELIO: A mia mi manca puru a vuluntà, videmu unni rivamu.
VITTORIO: Chi dummanni ni faciti, di chi tipu, chi studiamu insomma?
MAESTRA: Piano piano capirete, siete come uccelli senz’ali, ma come diceva Plauto: non è facile volare senza ali. Voi piano piano volerete verso la cultura.
ELIO: Cu era stu flauto senza ali.
MAESTRA: Plauto era un maestro del passato.
LELLA: Se passatu, lassamulu stari, parramu du presenti chi cosa ni dummannati pi sapiri a chi puntu semu.
VITTORIO: E chiddi chi avemu pocu comprendonio comu ni studiati signorina maestra.
MAESTRA: Vi farò domande semplici, di storia, scienze, geografia, cultura generale insomma.
VITTORIO: Chi c’entra a coltura du generali.
LELLA: Chi cultura generali l’ufficiali, a maestra dissi cultura generali, voli diri dumandi di tanti cosi, di tuttu in generali.
ELIO: Chiddu me frati è ignoranti, ma no picca, assai!
VITTORIO: Io apposta vinni ca pi mi istruisciu.
FELICE: Semu ca apposta tutti, no?
ENTRA LA SIGNORA PATRIZIA.
PATRIZIA: Permessu… Lucia, vinni pi… bonasira a tutti.
MAESTRA: Questa è la signora Patrizia, Patrizia i tuoi compagni di scuola.
PATRIZIA: Piaciri a tutti.
GLI ALTRI: Piaciri, ciau, bonasira, salve.
MAESTRA: Finalmente siamo tutti insieme: allievi e maestra.
FELICE: Che bello.
ELIO: Iddu è felici di nomi e di fattu.
FELICE: A vita vaci sempri mali o pi na cosa o pi nautra: bisogna pighiarla con filosofia, con allegria, si si voli campari, non dicu felici ma ammenu cuntenti.
MAESTRA: Se tutti avessero il tuo ottimismo la vita sarebbe migliore (pausa), ma ci siamo persi in chiacchere, Patrizia, come mai sei venuta?
PATRIZIA: Lucia io vinni pi ti diri chi Lunedì non vegnu a scola iaiu da fari.
FELICE: Ancora ama cuminciari e cuminciunu l’assenzi e chi assenzi, signura si manca lei u primu ionnu di scola sarà tristi.
PATRIZIA: Non ni pozzu fari ammenu: è puttari a me nonna unni u dentista, si sdirupoi da scala e si ghiuttiu mezza dintera.
MAESTRA: Come, metà dentiera s’è inghiottita? Poveretta!
PATRIZIA: Si scuzzulò e na pidcca di denti si ghiuttiu.
MAESTRA: Va bene Patrizia, quando puoi venire vieni, sistema prima tua nonna.
PATRIZIA: Minnivaiu, ciau a tutti.
FELICE: Spittati vi cumpagnu, ciau a tutti.
PATRIZIA: Non non è u casu, grazii u stissu.
FELICE: No mancu lata diri, inzistu, zistiscu a volti di na scintilla nasci u focu, un incendio emotivo.
PATRIZIA: Va beni si propriu ci tiniti.
FELICE: Ci tegnu, ci tegnu, arrivederci a tutti i colleghi ricurdativi a fortuna iuta gli audaci.
PATRIZIA: Ma chi modu ha di parrari.
FELICE: Io cetti voti dicu tanti cosi cu picca paroli.
PATRIZIA: Cu ti capisci è bravu.
VITTORIO: I cati vacanti fannu un saccu di rumuri.
FELICE: Caru collega, unu ricogli quello che simina. Ciao a tutti (escono).
ELIO: Ama purtari libri, quaderni a prossima vota.
MAESTRA: Certo un quaderno e penna: dobbiamo scrivere, perché ciò che è detto se ne vola via, ciò che è scritto rimane.
VITTORIO: Si vidi chi è struita di comu parra.
ELIO: Allura picchì è maestra.
LELLA: Avemu na brava maestra pensu chi si avemu vuluntà putemu imparari cacchi cosa di bono.
MAESTRA: Con un po’ di volontà e impegno potrete istruirvi a prendere la licenza media.
VITTORIO: Almeno ci proviamo, vediamo se ci arriviamo a diplomarci.
ELIO: Ma quali diploma, un cìu di licenza media non c’entra nenti cu diploma.
VITTORIO: Signorina maestra, lei è signorina, veru? Visti chi non avi fede al dito.
MAESTRA: (mostra le mani) Certo, non si vede?
VITTORIO: Non vulia essiri indiscretu: è sulu chi mi paria stranu chi na bella maestra comu a lei è ancora schetta.
MAESTRA: Che c’è di strano, non ho ancora trovato la persona giusta.
LELLA: Mancu io ancora l’haiu truvatu.
ELIO: Non l’ha circatu?
VITTORIO: I fimmini non cercunu, vannu circati.
MAESTRA: Vittorio i tempi cambiano, ora ci sono anche le donne che cercano (pausa) anche se secondo me le donne dovrebbero farsi cercare, il che è già un’altra cosa.
ELIO: A maestra è all’antica.
MAESTRA: In questo caso non è che sono all’antica, ma perché una donna che fa capire ad un uomo che gli piace, rischia.
LELLA: Sugnu d’accordu cu lei, l’omini ni consideranu un passatempu.
VITTORIO: Non tutti, non facemu di tutta l’erba un fasciu.
ELIO: Me frati avi ragiuni ‘nta stu casu.
MAESTRA: Certo, noi donne siamo il passatempo degli uomini ma solo se noi lo vogliamo. Lasciamo perdere, andiamo avanti, questo discorso è troppo lungo, lo continueremo un’altra volta.
ELIO: Però puru cacchi fimmina c’è chi considera l’omini un passatempu.
VITTORIO: Avi ragiuni me frati puru niautri omini suffremu pi amuri.
LELLA: Na fimmina chi fa stu fattu è chiù rara però.
MAESTRA: E’ più raro certo che una donna lo faccia ma ci sono anche donne così.
VITTORIO: Amuninni va ni misimu a parrari di cosi chi non centrunu ca scola.
LELLA: Puru si non centrunu ca scola servono.
MAESTRA: Questo è vero, parlare di cose così serve per capirsi, per conoscersi: adesso che abbiamo un po’ famigliarizzato e preso confidenza sarà più facile studiare insieme.
VITTORIO: Avi ragiuni c’è menu soggezioni.
ELIO: Io mi scantava un poco, ora invece mi pigghià di curaggiu.
LELLA: Si capitavamu cacchi vecchia maestra rugnosa e antipatica.
ELIO: Io ca vinia, mancu pi idea ci dava ragiuni a me frati e canciava idea puru io.
VITTORIO: Io sugnu cuntentu chi me frati mi cunvinciu, pensu chi sarà interessanti veniri a scola.
LELLA: Ora è ura mi ni iemu a casa: pi oggi l’iscrizioni a ficiumu.
MAESTRA: Va bene, andiamo, ci vediamo Lunedì.
VITTORIO: Non vedu l’ura chi veni Lunedì pi veniri a scola.
ELIO: E chi ti vinni nta na vota a vuluntà, amuninni, va.
VITTORIO: Si eni emu puru niautri Eliu.
LELLA: Va beni amuninni, a Lunedì. Ciau a tutti.
ELIO: Ti cumpagnu si permetti.
LELLA: Permetto, permetto, grazie.
VITTORIO: Ca finiu ti cumpagnu, ti cumpagnu (pausa) signorina maestra, permetti l’accompagnu.
MAESTRA: Veramente, non è il caso.
VITTORIO: Io ne sarei felice.
MAESTRA: Felice è già uscito.
VITTORIO: Lui è felice di nome, se lei accetta io sarò felice d’animo.
MAESTRA: Il fatto di non accompagnarmi ti renderebbe triste?
VITTORIO: Tristissimo, addirittura angosciato.
MAESTRA: Esagerato.
VITTORIO: Signorina maestra lei mi ha confuso, colpito.
MAESTRA: Vittorio, sia serio, per favore.
VITTORIO: Sono serissimo, se lei non mi farà l’onore di farsi accompagnare io non ci vegnu a scola.
MAESTRA: Allora mi arrendo: sarò felice di essere accompagnata.
VITTORIO: (dà il braccio, ed escono)

FINE I° ATTO

II° ATTO

All’apertura di scena la maestra prepara dei libri e quaderni, poi guarda l’orologio ed esce.

Entra Vittorio, cantando.

VITTORIO: Dolce Lucia, io pensu a tia, dolce Lucia sei la mia nostalgia, dolce Lucia ti amo alla follia, senza di te la mia vita è buia.
ENTRANO LELLA e FELICE.
FELICE: Stamatina eni chiù felici di mia Vittoriu, iaiu mi pari un cantaranu.
LELLA: Picchì è u primu ionnu faci u cantaranu, dopo videmu chi faci… a proposito e Eliu?
VITTORIO: Ciau cariso, Eliu ciavia tirari u coddu a sveglia unnè chi veni, mi dissi “sistemu a sveglia e arrivu”. (Eliu entra quasi subito)
ELIO: Ciau ccumpagni di scola, cà sugnu. Ciao Lella (le dà la mano).
FELICE: A idda a saluti particolari.
ELIO: Chi vò tu, na baciata?
FELICE: Oussa via, cussa facciazza brutta.
LELLA: Chi è stu fattu da sveghia, ci tirasti u coddu?
ELIO: Sì, me mamma vulia fari a sveghia bughiuta, ma idda non è cosa mi ammazza.
GLI ALTRI GUARDANO STUPITI.
VITTORIO: Iddu inveci eni propriu adattu, i pighia puru a scupittati i sveghi.
FELICE: (superato lo stupore iniziale) fammi capire: tu ci sparasti a sveghia?
ELIO: Sì, a duminica cuminciò a sunari e 4.30 e sunava ogni 30 secondi e non si zittìa. Io a duminica voghiu dormiri, pighià e ci sparà.
LELLA: Ma na putevi staccari chi mani?
VITTORIO: Era fora supra u caliaturi, ci viniva luntanu chi mani, si facciò a finestra e ci sparò e poi si tonna cuccò; svighiò a tutti picchì sintemmi sparari, facciammu tutti parenti vicini tutti in suttana, pigiama, tutti facennu dumanni “Cu sparò? A chi ci sparò? Cu fu? A cu mazzaru? Tu vidisti nenti?” 
LELLA: Ma chi stati dicennu?
ELIO: Addirittura Don saru un nostru vicinu di casa cominciò a gridari “aiutu chiamati la forza pubblica, i mafiusi sparunu, mi spararu, aiutu!”
VITTORIO: Inveci u mortu era a sveghia supra u caliaturi, cadiu nterra siccu.
ELIO: Ora a matina non sona chiù sicuru.
FELICE: Supra u caliaturi? Fora? Ma i cristiani generalmenti a tenunu supra i comodini a sveghia.
LELLA: (a Elio) Ma cettu chi si curiusu, a sveghia na teni supra u comodinu?
VITTORIO: I nostri su i sveghi chiù antichi chi ci su, non si ponnu teniri supra u comodinu.
LELLA: Ma cosi i pazzi! Siti sicuri chi siti normali vuiatri?
FELICE: Aspetta! Ora capì cacchi cosa: so mamma a vulia fari bughiuta.. Eliu ci tirò u coddu.. vò vidiri chi si ‘du scemi chiamunu u iaddu a sveghia?
LELLA: Piddaveru? U iaddu chiamati sveghia Eliu?
ELIO: Picchì mi vaddi accussì? Pensici: no è a sveghia chiù antica chi c’è u iaddu, il gallo?
VITTORIO: A vera sveghia è iddu, l’autri su imitazioni.
FELICE: Pinsandoci bonu aviti ragiuni, chi dì Lella?
LELLA: Veramenti mi ricordu chi me nonnu dicìa chi si iazzava quannu cantava u iaddu.
ELIO: U vidi chi iaiu ragiuni chi u chiamu sveghia.
ENTRA LA MAESTRA CON DEI LIBRI E DEI QUADERNI.
MAESTRA: Buongiorno a tutti.
VITTORIO: Buongiorno.
MAESTRA: Mi fa piacere che il primo giorno di scuola siate tutti qui in anticipo.
LELLA: Non putiumu mancari cu na maestra accussì.
MAESTRA: Bene, oggi vi farò delle domande per vedere la vostra cultura (pausa) Lella chi ha scoperto l’America?
LELLA: Cristoforo Colombo.
MAESTRA: Vittorio sai dirmi chi era Muzio Scevola?
VITTORIO: Era un romano che tentò di ammazzare un barbaro, non ci riuscì e si bruciò la mano pi ci fari capiri chi non si scantava.
MAESTRA: Bene, più o meno ci siamo. Dimmi, Elio, in Italia vennero per secoli dei barbari, i Celti; sai dirmi da dove venivano e come erano chiamati?
ELIO: Pensu chi viniunu di supra.. da Svizzira, da Germania, da Scandinavia.. no da Francia.
MAESTRA: Quasi ci siamo, e come li chiamavano gli italiani?
ELIO: A unu chi veni cà pi rubari, io pensu, chi ci diciunu quattru, disgraziati, malanova maviti… curnuti, lazzaruni, latri, cosa fitusa, chi mi vi veni un bloccu renali.
FELICE: I longobardi, forse.
LELLA: No anna essiri chiddi chi erinu vistuti di peddi di nimali avevunu di cappeddi strani curiusi chi corna.
VITTORIO: Allura erunu piddaveru curnuti.
FELICE: Ah! Erunu i Barbari.
ELIO: I Borboni vò diri.
FELICE: Ma quali Borboni, erunu Barbari, gli Unni, i Visigoti.
LELLA: Pi mia è turcu chi stannu dicennu, signurina maestra, comu si chiamavano chissi chi corna supra a testa?
VITTORIO: i curnuti cuntenti si si purtavano puru in giru supra a testa.
MAESTRA: No erano chiamati Galli.
FELICE: I sveghi, carusi (ridono).
MAESTRA: Chi è stu fattu di sveghi?
FELICE: Vittoriu e Eliu iannu u iaddu pi sveghia, si svighiunu quannu canta u iaddu e u chiamunu sveghia.
MAESTRA: Bene, torniamo allo studio. Felice, sai dirmi da dove sono stati importati in Italia i fichi d’India?
FELICE: Dalla Sicilia.
MAESTRA: No Felice.
FELICE: Dalla calabria.
MAESTRA: No.
FELICE: Dalla Sardegna.
LELLA: Non su chiddi i comici di Hara hara!
MAESTRA: Io ti ho chiesto da dove sono stati importati in Italia, per Italia intendo tutta, compresa Sicilia, Sardegna, Calabria.
LELLA: Si chiamano fichi d’India, quindi vengono dall’India.
MAESTRA: No, sono stati importati dalle Americhe (pausa) e mi sapete dire da dove è stato importao il pesco?
LELLA: Chistu io u sacciu: l’hanno importato i romani dalla Persia ai tempi dell’Impero Romano.
MAESTRA: Tutto esatto! Però dovete sapere che l’origine di questo frutto è stato in Cina.
FELICE: Ah, u coltivaru i cinesi e ciu purtaunu all’autri.
MAESTRA: Non è che l’hanno portato: a quei tempi gli esploratori, i conquistatori e i tanti popoli che facevano invasioni in altri stati portavano con loro le loro culture, le loro piante e diffondevano i loro usi e i loro costumi e allo stesso tempo assimilavano gli usi e i costumi dei popoli conquistati.
FELICE: Si cacchi cosa ci piaciva sa purtavunu o so paisi.
MAESTRA: Esatto. Lella mi sai dire qualcosa sui Fenici?
LELLA: Ma mancià a duminica, era na meravighia: un pocu ‘rassa, ma bona; ma purò me cugnatu, chiddu quannu parti pi caccia porta sempri cacchi cosa.
MAESTRA: Chi ti manciasti duminica?
LELLA: Na bella pernici.
MAESTRA: Ma quali pernici?
LELLA: Chidda chi mi puttò me cugnatu.
MAESTRA: Io ho detto i Fenici, no pernici! Qualcuno di voi sa chi erano?
SCENA MUTA GURDANDOSI IN FACCIA.
MAESTRA: Vedo che nessuno lo sa.
LELLA: Allura non erunu aceddi di me cugnatu.
ELIO: Aceddi di to cugnatu non c’entrunu.
VITTORIO: Idda u dissi prima i mia puri io stava dicennu che i fenici erano una specie di uccello Gallinaccio.
FELICE: E ti spiegai in italiano, non erano aceddi a quantu pari.
LELLA: Non erano i pernici di me cugnatu sparati.
FELICE: To cugnatu è un bracconieri.
LELLA: Chi voli diri Cansuneri.
FELICE: I pirnici non su protettti? Io sapia chi non si sparaunu in questo periodo.
LELLA: Un cacciaturi comu fa mi non ci spara, è cussì bona.
FELICE: Un bracconeri, si po’ chiamari, no cacciaturi.
VITTORIO: Esattu, chiddi comu a iddu non su cacciaturi, ruvinunu e cacciaturi, i bracconieri.
LELLA: Oh! A me cugnatu no canusciti, picchì l’aviti offenniri, picchì u chiamati cansuneri?
VITTORIO: Ma chi cansuneri: pighiasti na cantunata. Comu si usa diri braccuneri eni cu l’azioni chi faci.
MAESTRA: Questo è vero, non lo conosciamo, ma sappiamo le sue azioni. Si devono rispettare le regole, se si vuol essere cacciatori corretti; è brutto uccidere animali protetti, se c’è il pericolo che animali rari rischiano l’estinzione.
LELLA: Chi è u periculu di infizioni?
FELICE: I pernici su infetti, fannu veniri i malatii.
LELLA: Mamma mii, chi chi ma.. malatia veni?
FELICE: La pirnicis infettas piriculusas.
VITTORIO: Puru a ficatus rummicatus bucatus.
LELLA: Ma.. ma.. mamma mia e.. e.. è gravi?
FELICE: Certu! Tu quantu pirnici ti manciasti?
LELLA: Ci.. cincu… sta si.. simana.
VITTORIO: Allura ha cincu ionna d’agonia, ti comincia a doliri prima u fighitu, poi u pirmuni.. Tu comu ti senti?
LELLA: Pe.. per ora bo.. bona..
VITTORIO: Non ti senti un duluri penetranti o fighitu?
FELICE: Vomitu, diarrea, a vista annebbiata, i iammi ciunchi, nenti del giniri ti senti?
LELLA: Verament..i.. mi tr.. tre.. tremunu i.. iammi…
ELIO: Ci semu: fra pocu ti scappa u vomitu e a diarrea; cumincitinni a iri vicinu o bagnu.
LELLA: No…. Non cia fa.. fazzu mi… mi.. iazzu… datimi na manu.
ELIO: Ti ncumpagnu io (si alza e va là) veni, ti iutu.
MAESTRA: Basta! Ora finitela di fare gli spiritosi: l’avete terrorizzata. Lella non aver paura, scherzavano non hai nulla.
LELLA: Io… sto… male davvero…
MAESTRA: Ti hanno suggestionata: non hai nulla.
LELLA: Malanova maviti disgraziati, mi facistu moriri.
MAESTRA: Dunque, riprendiamo lo studio. Però, Lella, dì a tuo cognato di rispettare le regole quando va a caccia.
LELLA: Non manciu chiù pirnici fina chi campu.
MAESTRA: Allora chi di voi sa chi erano i Fenici?
ELIO: Chi non erunu aceddi di tò cugnatu infettas vilinusas comu dissi iddu.
FELICE: La pernicis infettas…
MAESTRA: Basta siamo seri.
LELLA: I scusassi i scusassi su ‘gnuranti.
VITTORIO: A signurina istruita.
LELLA: Schirzava, calma, schirzava.
MAESTRA: Basta, per favore chi di voi sa chi erano i Fenici?
FELICE: I Fenici.. i Fenici a mia mi veni in menti a canzuna “mamma son tanto felici, picchì ritorno da te…”
LELLA: Chiddu è sempri felici.
VITTORIO: Il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi.
FELICE: U sciocco si tu io sugnu sulu Felici di nome e di fatto.
MAESTRA: Smettetela! Avete esagerato troppo vi ho chiesto chi sono i Fenici se qualcuno ha un’idea precisa parli.
SCENA MUTA, GUARDANDOSI IN FACCIA.
MAESTRA: I Fenici erano un popolo di navigatori e di commercianti che giravano esportando le loro merci a tutti gli stati bagnati dal Mediterraneo nell’antichità.
PATRIZIA: Permesso.
MAESTRA: Avanti Patrizia.
PATRIZIA: Ciao a tutti, come va?
FELICE: A sistimasti a tò nonna?
PATRIZIA: Sistimata e pi oggi è bona.
MAESTRA: Beni ti faccio qualche domanda pure a te. Dimmi, sai cos’è il Reno?
PATRIZIA: Certu i rini l’avemu tutti; me zia però, povirazza, navi unu, l’autru ci l’appiru a livari, l’avia malatu.
MAESTRA: No, io parlavo del Reno, non dei reni.
PATRIZIA: Reno quannè unu, rini quannu su dui.
MAESTRA: Il Reno è uno dei più grandi fiumi che ci sono in Europa, una volta era pulito e ricco di pesci, quali salmone e trote, ma con le discariche di mezza Europa, di fabbriche, navigazione ed altri è ormai ridotto una sporcizia e i pesci stanno morendo.
PATRIZIA: Comu tutti l’autri cosi, ormai non si capiu chiù nenti.
FELICE: Il prezzo della civiltà si deve pagare.
ELIO: Ma quali prezzu di pagari, si cosi si facissuru comu sanna fari sti cosi non ci fussiru inveci si va avanti a broghi.
MAESTRA: Ormai siamo arrivati ai limiti: ci stiamo avvelenando da soli con tutti i ritrovati chimici che ormai si usano in agricoltura.
VITTORIO: Sunnu i genti chi non hannu malutu mai, magariu cacchi contadinu chi usa cuncimi di animali o chi teni du vacchi sava luntanari picchì faci puzza.
ELIO: Chistu è veru, i vaccari, i picurari ora i vaddamu come extraterrestri, i ‘nimali non su igenici, c’è puzza e nuddu chiù i teni.
PATRIZIA: Cettu, eni veru, poi pighiamu da carni chi portunu nte macellerii e scappa ta padedda, sustanza nonnavi, cettu a fannu a via di mancimi e broghi varii.
LELLA: E picchì l’ortaggi fatti ca cuncimi chimica su beddi, lucidi, ma sapuri nonnannu.
PATRIZIA: Puru l’ortaggi i fannu a forza di broghi vari.
VITTORIO: Signura Patrizia chi su i borghi vari, un novu tipu di mancimi?
MAESTRA: Bene, anche un po’ di chiacchiere su un argomento come l’inquinamento sono utili.. Ancora qualche altra domanda.
ELIO: Rispunnu io a sa dumanda.
MAESTRA: Bene, sai dirmi cosa sono Salina, Corfù, Creta?
ELIO: Salina ava essiri unni fannu u sali, cufù no sacciu e crita ava essiri chidda chi fannu i pignati chi rasti i caruseddi, i bambuli i quartari, i bunbula.
PATRIZIA: U furnu pu pani fattu di crita faci u pani bonu.
LELLA: Ca crita fannu i maduni i canali.
ELIO: Ormai ca crita fannu un saccu di cosi: scaluna passamanu, na vota facevunu sulu i pignati i crita.
VITTORIO: Comu veni bona a pasta e faciola cucinata supra o focu a ligna nta pignata di crita non veni nenti.
LELLA: Chistu è veru, me mamma ancora a usa pi fari u sugu: fici u sugu di carni di maiali a duminica chi ni fici liccari puru i piatti.
ELIO: Nte festi si vidunu puru di pupi fatti di crita e su belli puru senza culurati al naturali, culuri da crita cotta.
MAESTRA: Silenzio, basta! Siete usciti dal seminato.
ELIO: Ma quali seminato, parraumu da crita chi ormai è usata pi tutti i casi.
PATRIZIA: Idda, a maestra, vuleva diri chi ficiumu discursi chi non c’entravunu propria ca crita.
ELIO: Io cu fu curfù no sapia, a crita forsi sì.
MAESTRA: Elio, salina, Corfù (non cufù), e Creta, sono isole.
FELICE: Veramenti crita io pinzava chi era chidda chi faciunu i matuna.
MAESTRA: Sono isole famose.
ELIO: E Crita unni si trova, fannu a crita da i canali i pignati di crita.
MAESTRA: No, Elio, Creta è una delle più belle isole greche, saprai almeno cos’è la Grecia.
ELIO: Chissu u sacciu.
MAESTRA: Bene, parliamo d’altro.
LELLA: E Salina unni si trova?
MAESTRA: Salina è una delle isole Eolie.
LELLA: Io sapia chi erunu Lipari e Vulcano l’isoli Eolie.
MAESTRA: Anche Salina fa parte di quelle isole.
LELLA: E poi…
MAESTRA: Basta. Passiamo ad altre domande: di agrumi.Chi di voi mi sa dire di dove sono originari gli agrumi?
ELIO: Io u sacciu: Sicilia e calabria.
LELLA: Chistu u sapeva puru io.
MAESTRA: Nessun altro vuole dire la sua?
FELICE: Ormai u dissiru iddi.
MAESTRA: Ma loro hanno sbagliato: anche gli agrumi sono stati importati in Italia.
VITTORIO: Cu i purtò, e di unni, e quannu?
MAESTRA: Sono stati importati dagli arabi intorno al 1200/1300. Le origini degli agrumi sono intorno al sud dell’Himalaya e Birmania, tranne il mandarino che era cinese e che in Italia arrivò nel 1805.
PATRIZIA: Unni, da Germania? Ma dà non fa friddu pi l’agrumi?
ELIO: Dissi chi all’origini ci davuno e maiali nta Germania.
VITTORIO: Sì, chi capisti puru tu, nenti.
MAESTRA: Calma, silenzio, poi parleremo anche dell’Himalaya, della Birmania, che sono delle localitàgeografiche. Torniamo agli agrumi che ormai sono coltivati in tutte le aree a clima caldo temperato. Forza, parlatemi di loro.
LELLA: A mia mi piaciunu i climintini e i mannarini. Naiu du pedi chi fannu tanti (fa il gesto).
PATRIZIA: A mia mi piaciunu aranci chi su belli sanguinelli, biondi, tarocchi, tutti va, basta chi su aranci mi buffu di quantu ni manciu.
VITTORIO: Io che diri, i muntuaru tutti tranni i limuni: si fannu i limunati, si spremi supra a carni, supra u pisci, eccedera…
MAESTRA: Ancora ne mancano agrumi, ditemi quali.
FELICE: U limuni u dissiru, climintini, aranci, mannarini, manca u… pompelmu, veru?
MAESTRA: Bene, uno l’hai indovinato, anch’esso viene importato dall’estero, dalle Indie e coltivato nelle Americhe, in Sudafrica e in Israele.
LELLA: Picchì, ci né ancora?
MAESTRA: Certo, il cedro…
ELIO: Vero è, u citru, chiddu tuttu pruppa.
MAESTRA: E ancora il Bergamotto.
VITTORIO: Cacchi agrumi nordista di bergamo.
ELIO: Apposta si chiama Bergamotto, chissu veni di Bergamo.
LELLA: E chissu di bergamo chi si fa si mancia? Com’è?
MAESTRA: Anzitutto il Bergamotto non viene da Bergamo ed è un frutto per la profumeria, non è commestibile; dal suo olio si fa l’acqua di colonia.Allora, come primo giorno siamo andati male.Adesso vi do un foglio con delle domande, così fate qualche ricerca e domani mi portate la risposta. DIVIDE I FOGLI AGLI ALUNNI

FELICE: Bene, a domani, bonasira a tutti. Signora patrizia l’accompagnu.
PATRIZIA: Con piacere, arrivederci a tutti.
ELIO: Lella aspetta ti accompagno io, arrivederci.
VITTORIO: Ed io… accompagno la maestra.
MAESTRA: Sei molto gentile, grazie, ma possiamo evitare.
VITTORIO: Non si può evitare ciò che si desidera fare con tutto il cuore.
MAESTRA: Vittorio non è necessario che mi accompagni, grazie lo stesso.
VITTORIO: Non si può evitare l’inevitabile, io devo accompagnarti, devo!
MAESTRA: Te l’ha ordinato il medico?
VITTORIO: Certo e un rifiuto può essermi fatale, soffro di cuore.
MAESTRA: (sorride) Bene, andiamo, non ti voglio sulla coscienza.ESCONO.

FINE II° ATTO

III° ATTO

Il giorno dopo. Entrano in scena Patrizia e Felice.

FELICE: Semu i primi.
PATRIZIA: Sempri meghiu di luttimi.
FELICE: Controllamu i domandi, chi ci scrivisti? (prende il foglio).
PATRIZIA: Allora, le domande erano: cos’è lo Sciabecco, cosa sono i Pirenei? Io ci scrissi: lo sciambeccu pensu eni a fimmina du stambeccu, i Pirenei su i muntagni du Perù, apposta si chiamunu Pirenei, e tu?
FELICE: Io ci scrissi: i Pirenei sunnu un populu di omini nani di l’Australia, mentri u sciabbeccu ava essiri na navi chi usaunu i spagnoli ta intichità tanti seculi fa, chistu u sacciu sicuru.
PATRIZIA: Picchì chissu da navi u sa sicuru?
FELICE: navota partecipà a caccia a to soru, cioè vulia diri a caccia al tesoru, e c’era sa dumanda.
PATRIZIA: Allura io sbaghià. Erinu così strani si dumanni, a maestra ni voli fari smiduddari, ni faci dumanni strani, curiusi; io non capisciu a scola è pisanti.
FELICE: Ma quali pisanti, non pisa nenti.
PATRIZIA: Tu scherzi, ma sarà dura pighiari a licenza media.
FELICE: Io inveci da licenza media mi pighiu a tia, tesoru.
PATRIZIA: Frena, fermiti, manteniamo le distanze, non curriri: io ancora te diri sì e poi di sti discussi nta scola nenti.
FELICE: Ma io sugnu felici e voghiu gridarlo. Sono felice e amo Patrizia (grida).
PATRIZIA: Mutu! Chi niscisti di sennu? Chiudi sta bucca prima chi ti senti cacchi dunu (gli tappa la bocca).
FELICE: Ma io voghiu dirlo al mondo.
PATRIZIA: Il mondo po’ spittari, non c’è fretta.(Entra la maestra)
MAESTRA: Buongiorno, siete i primi?
LELLA: (entra) E io sugnu a secunna.
ELIO: (entrando con Vittorio) Io sugnu u terzu.
VITTORIO: U terzu sugnu io, tu si u quartu.
ELIO: Prima u terzu u dissi io.
VITTORIO: E va beni, voli vinciri sempri iddu di quannera carusu.
FELICE: E tu cià datu sempri ragiuni.
VITTORIO: Certu a ragiuni è a so.
FELICE: Si dici chi “a ragiuni eni di… fissa!”
ELIO: Di cuè a ragiuni? (aggressivo)
FELICE: Di cu l’avi.
ELIO: Allura è a me.
VITTORIO: E cu ta tocca.
MAESTRA: Bene, siamo tutti qua, cominciamo. Elio, per favore, prendi i fogli con le risposte.
ELIO PRENDE I FOGLI E LI CONSEGNA.
ELIO: Io e me fratiu i ficiumu assemi.
MAESTRA: Bene, cominciamo da voi. Così, secondo voi, lo sciabecco è il maschio della capra, di chi dei due è l’idea?
VITTORIO: Mia, modestamente, sti cosi i sacciu.
MAESTRA: Ah sì, e chi te l’ha detto?
VITTORIO: Io quannera caruso ci iutava a me ziu chi aveva i crapi e iddu mi diceva “Vittoriu caccia u beccu” e io pinzà sciabeccu in italianu, giustu?
MAESTRA: Sbaghiatu, in italiano caprone!
ELIO: E chi era allura su sciabecco?
MAESTRA: Prima vediamo le risposte degli altri, poi ve lo dico (prende un altro foglio).Dunque, Lella ha scritto: “lo sciabecco è un animale caprino che vive nei parchi nazionali, perché ormai raro.”
LELLA: E’ giusto, no?
MAESTRA: Sbaghiatu: quello che volevi dire tu era lo stambecco (pausa).Vediamo, Patrizia ha scritto: “lo sciabecco è la femmina dello stambecco.”
PATRIZIA: Giusto, no?
MAESTRA: No, sbagliato.
PATRIZIA: E comu si chiama, stambecca, allura?
MAESTRA: No, sempre stambecco: alcuni animali non hanno il nome femminile; ad esempio: coccodrillo non c’è la coccodrilla, eccetera..
ELIO: Giraffa, non c’è giraffo.
LELLA: Tartaruga, non c’è tartarugo masculu.
FELICE: C’è u masculu, ma si chiama tartaruga puru iddu, no tartarugu.
VITTORIO: Allura zebra si dici Zebru o masculu.
ELIO: Al massimu si po diri zebra o puru Juventus: i zebri su juventini.
MAESTRA: Elio smettila di fare lo spiritoso; adesso fatemi qualche accoppiata, questa
PATRIZIA: Cane-cagna,, leone-leonessa.
MAESTRA: Brava adesso tu Lella.
LELLA: Cunighiu-cunighia, lepre-lepro, sciabecco-sciabecca.
MAESTRA: Sbagliato.
VITTORIO: Insomma chie era stu beccu?
MAESTRA: Non essere ineducato, ora vediamo la risposta di felice (prende il foglio).“Lo sciabecco è una nave che usavano gli spagnoli tanti secoli fa.”
FELICE: Giusto, vero?
ELIO: Sbaghiatu.
MAESTRA: Bravo! Posso dire che è giusto, invece. Anche se, per essere più precisi, devo dire che gli spagnoli furono gli ultimi a farne uso.
FELICE: E cu usò prima?
MAESTRA: Lo sciabecco era una nave usata dai pirati nel diciottesimo secolo: essendo agile e veloce, i pirati colpivano e fuggivano veloci, facendo impazzire le marine francesi e spagnole.
ELIO: Allura era un veliero anticu chi usavanu i pirati.
MAESTRA: Sì, originariamente; poi, vista la sua utilità, prima la marina francese e poi quella spagnola, ne fecero delle flotte: all’inizio per combattere i pirati, poi per i loro commerci.
PATRIZIA: E ora sapemu chi era u sciabeccu.
MAESTRA: Passiamo all’altra domanda. Che cosa sono i Pirenei. Patrizia ha scritto.. Anzi, no! Vediamo cosa ha scritto felice, visto che ha indovinato la prima (legge).
FELICE: Puru chissa ‘zittà
MAESTRA: Hai sbagliato invece. Tu hai scritto che i Pirenei erano degli uomini nani, quelli erano i pigmei.
ELIO: Niautri fossi scrissimu giustu.
MAESTRA: Vediamo.. voi avete scritto “i Pirenei sono i pira, cioè le pere, mentre i nei sono segni particolari”. Ah, l’avete staccato, e come mai?
VITTORIO: Io liggii pirenei tutt’assiemi e non vulia diri nenti e pinzà “forsi sbaghiò” e i staccà, poi ci dumandai a Eliu “..che su, secundu tia, i pire, chi su?”
ELIO: E io ci dissi “i pira”.
VITTORIO: Io ci dissi “chi c’entra: i pira su pira.”
ELIO: Io ci dissi pira in sicilianu, in italianu si chiamunu pire, non sugnu bravu?
MAESTRA: Sceccu, vo diri.
ELIO: Picchì? Sbaghiammu?
VITTORIO: Sbaghiasti, sbaghiò, veru?
MAESTRA: Certo. In italiano i pira si chiamano le pere (pausa); e poi chi su sti segni particolari?
VITTORIO: Quannu fannu a descrizioni di qualcunu e ci scrivunu segni particolari: neo sul naso, neo sul mento… giusto?
LELLA: Chiddi su i porri: venunu nte mani e a tutti i banni.
FELICE: Conusciu a unu io chi avi un porru nto nasu rossu comu na patata.
ELIO: Io naiu unu supra o ditu du pedi e mi porta duluri: non pozzu caminari propria.
VITTORIO: Eliu, ma si vidi chi si bestia: chiddi nto pedi su i caddi, i cipuddi i rosuli, comu a chiddi chi avi a nonna peppa.
ELIO: Veru e mi cunfunnii tra nei, porri, caddi..
VITTORIO: I nei su i segni particolari, u dissi io giustu, veru maestra?
MAESTRA: Sbaghiatu: primo i segni particolari possono essere vari e non solo nei, e poi i nei si possono trovare in qualsiasi parte del corpo.
VITTORIO: E lei navi?
MAESTRA: Vittorio!!!
VITTORIO: Scusassi, no fazzu chiù: era curiusu.
MAESTRA: Vediamo cosa ha scritto: “sono montagne del Perù, apposta si chiamano Pirenei”
PATRIZIA: Zittà, veru?
MAESTRA: Non proprio, sono montagne, ma non del Perù.
LELLA: Io u scrissi giustu allura.
MAESTRA: Vediamo, tu hai scritto “i Pirenei sono montagne” e basta, è esatto.
PATRIZIA: A mia mi fregò u Perù (pausa). Posso andare in bagno?
MAESTRA: Vai pure, quello è un bisogno fisico irrevocabile (Patrizia esce).Bene, devo dire che avete ancora tanto, tantissimo da imparare.
FELICE: Scusi signorina maestra.
MAESTRA: Dimmi Felice.
FELICE: Posso andare a fumare una sigaretta?
MAESTRA: A quello si potrebbe fare a meno, comunque vai (esce anche Felice).Allora, dicevo?
ELIO: Scusi tanto, dovrei uscire.
MAESTRA: Cosa devi fare? Andare in bagno?
ELIO: Certo è un bisogno anche per me.
MAESTRA: Va bene, vai (esce anche Elio). Di voi due, se qualcuno deve uscire, esca ora, così riprenderemo tutti assieme.
LELLA: Allora esco anch’io a prendere un po’ d’aria.
MAESTRA: Va bene, vai (esce anche Lella). E siamo rimasti in due, io e te soli.
VITTORIO: Io vorrei stare sempre solo con te Lucia.
MAESTRA: Vittorio, ti prego… non è il caso.
VITTORIO: E perché no? Abbiamo scoperto di trovarci bene insieme, perché negarlo?
MAESTRA: Io non nego niente, però siamo in classe ed io sono la tua maestra.
VITTORIO: Usciamo anche noi: cussì fora saremo un omo e una femmina che si vogliono, si desiderano, si pensano, si sognano. Io stanotte ti ‘nsognà tutta vestuta di bianco, in chiesa cu mia.
MAESTRA: Vittorio, ti prego: siamo in classe, potrebbero tornare.
VITTORIO: Non fa nulla, io ciu dicu a tutti.
MAESTRA: Non ti permettere.
VITTORIO: Ciu dicu.
MAESTRA: No Vittorio.
VITTORIO: Ciu dicu.
MAESTRA: Vittorio basta, siamo in classe, zitto e siediti!
VITTORIO: Niscemu fora e niemu?
MAESTRA: Ma che usciamo, dove vorresti andare?
VITTORIO: Cu tia puru o infernu.
MAESTRA: Bel posto per stare caldi.
VITTORIO: Ti quaddiu io!
MAESTRA: Vittorio!
VITTORIO: (si alza) Io ti voglio con me in paradiso!
MAESTRA: Resta seduto! E come mi volevi portare all’inferno!
VITTORIO: Unni vò tu puru nto polo nord.
MAESTRA: Là farà freddino.
VITTORIO: Ti quaddiu io!
MAESTRA: Allora sei fissato!
VITTORIO: Sì, sono fissatu, scuddatu, innamuratu, non vivu chiù senza di tia, sposami, ti pregu.
MAESTRA: Sono l atua maestra!
VITTORIO: Sarai maestra, moglie, amanti, amica, ma fuggi cu mia.
MAESTRA: Chi pighiasti un corpu di suli?
VITTORIO: Un corpu o cori, è l’amuri!
MAESTRA: Insomma fai il serio.
VITTORIO: Sono serio, serissimo, ti voglio.
MAESTRA: Smettila, potrebbero tornare.
VITTORIO: Che tornino pure, io ti amo, lo griderò (grida): “io amo la maestra”
MAESTRA: Zitto! Che sei pazzo!
VITTORIO: Sì, sono pazzo d’amore per te Lucia, vita mia, vista mia, non vivu senza i tia.
MAESTRA: Ora basta, stai esagerando.
VITTORIO: Ma picchì non mi confessi il tuo amore, lo so che mi ami!
MAESTRA: Dobbiamo mantenere le distanze, siamo in classe e io sono qui per insegnarti qualcosa.
VITTORIO: Mi hai insegnato l’amore: mi insegnasti ad amarti!
MAESTRA: Smettila, per favore.
VITTORIO: Allora mi vuoi dire che ti sono indifferente, chi u cori non batti forti comu a mia, chi i idita di pedi non ti furmiculiunu comu a mia: mi veni u pilu rizzu.
MAESTRA: Vittorio smettila!
VITTORIO: U cori mi fa chiana e scinni, mi tremunu i iammi, mi sento tutto una frenesia, un furmiculio generali chi mi firria tuttu.
MAESTRA: Smetti di fare lo scemo.
VITTORIO: A mia mi bughi tutto di intra, sono un vulcano che sta fermentando un’eruzione d’amore.
MAESTRA: Fatti na doccia fridda.
VITTORIO: L’acqua evaporerebbe come vapore di quanto brucio.
MAESTRA: Buttati a mare, là è di più l’acqua.
VITTORIO: Ma quali mari, niscissiru i pisci bughiuti; io ti amo, ti desidero!
MAESTRA: Vittorio, ti prego… cerchiamo di evitare, ammetto che mi piaci, ma non può funzionare.
VITTORIO: Perché? Io ti amo e anche tu. O non mi vuoi perché io sono ignorante e tu una maestra? Tuttu vince l’amore, u liggì nto libru l’autra sira.
MAESTRA: Non dire fesserie, sai che non è per quello.
VITTORIO: Allora perché?
MAESTRA: Quanto vedo perché ritardano (esce).
RIENTRA QUASI SUBITO CON UNA FACCIA DA FUNERALE CON UN FOGLIO IN MANO.
VITTORIO: Che c’è Lucia?(Senza rispondere Lucia gli dà il foglio).“Noi ci amiamo, addio a tutti. Patrizia e felice” (pausa)“La paglia vicino al fuoco brucia. Arrivederci, Lella e Elio” (pausa)Sinnifuieru.
MAESTRA: Era meghiu si inveci da scola aprìa na agenzia matrimoniali, chiossà buscava!
VITTORIO: E fa sta faccia? Questo è il destino che ci aiuta, lasciati andare, fuiemuninni puri niautri.
MAESTRA: (dopo qualche attimo) Chi dicisti?
VITTORIO: Fuiemuninni puru niautri.
MAESTRA: Ma sì! Fuiemuninni!!
SI PRENDONO PER MANO ED ESCONO.


FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno