Se Amleto fosse napoletano

Stampa questo copione

“SE AMLETO FOSSE NAPOLETANO”

                          COMMEDIA IN TRE ATTI

                  Liberamente Ispirata All’ “Amleto”

di

W. Shakespeare

                                                                                             

Rivoluzionata - Stravolta - Riscritta in napoletano

                                                                           da 

  ANGELA LONARDO

Citare codice iscrizione SIAE n. 239310

                                              

PERSONAGGI

  1) CLAUDIO - Guappo del rione Sanità di Napoli, zio di Amleto

  2) GILTRUTA - Madre di Amleto, vedova di Aitano ‘o Bersagliere, defunto guappo della Sanità

  3) AMLETO - Figlio di Aitano ‘o Bersagliere e nipote di Claudio

  4) ORAZIO - Amico carissimo e confidente di Amleto

  5) PAOLONE - Adulatore di Claudio

  6) LAERTE - Figlio di Paolone

  7) AMELIA - Figlia di Paolone e fidanzata di Amleto

  8) ROSICANN’ - Conoscente di Amleto

  9) GUIDARIELLO - Conoscente di Amleto

10) O’ STREGONE - Negromante gay

11) DON GENNARINO - Un sacerdote

12) MARCELLINO - Amico di Amleto

13) BERNARDINO - Amico di Amleto

14) FRANCISCHIELLO - Amico di Amleto

15) PUPARO

16) MARMISTA

17) SPETTRO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE - Padre di Amleto

18) BRACC’ ‘E FIERRO - Malvivente che aspira a diventare guappo della Sanità

19) JESSICA - Sorella di Giltruta

20) UN AGUZZINO

21) UN SECONDO AGUZZINO

                                              

PRIMO ATTO

La scena si svolge a Napoli, in un vicolo del rione Sanità. Le luci illuminano a giorno la scena.

Sono passati meno di due mesi dalla morte di Aitano ‘o Bersagliere, un importante guappo. Giltruta, sua vedova, e Claudio, fratello del defunto, flirtano allegramente. Intanto, sopraggiunge Bracc’ ‘e Fierro, noto delinquente, il quale avrebbe voluto succedere ad Aitano ‘o Bersagliere per il controllo del quartiere.

CLAUDIO(È un uomo di mezza età, di bell’aspetto. Piuttosto affascinante, anche se veste in maniera rozza) Ragazzi, venite qua ché devo dirvi una cosa importante: mia cognata Giltruta, vedova di mio fratello Aitano ‘o Bersagliere, è diventata mia moglie e Amleto adesso è come un figlio per me e, ‘a qua a cient’anni che moro pur’ io, diventerà il mio successore come guappo del rione Sanità.

(Si sente un vociare di acclamazione)

CLAUDIO   Se da un lato la morte di mio fratello mi fa intorcinare dal dolore, dall’altro ho pensato che ‘sto quartiere aveva bisogno di un altro boss per governare. Il fatto che è toccato a me mi rende felice. Insomma, con un occhio piango per la morte di mio fratello e con l’altro rido perché mo’ so’ diventato io ‘o guappo ‘e ‘sto rione, sposandomi ‘sta bella femmina.

(Abbraccia con foga Giltruta, una donna matura ma ancora molto bella. Si sentono degli applausi)

BRACC’ ‘E FIERRO(È il classico bullo, tatuato, con i capelli lunghi e l’aspetto indisponente. È visibilmente incollerito) E così m’hai impapocchiato! Ero io che dovevo succedere a Aitano ‘o Bersagliere. Toccava a me ‘e piglia’ in mano ‘sta zona. Amleto non tiene ‘a cazzimma pe’ comanda’, mentre io so’ fatto apposta per farmi rispettare. E mo’ è uscito don Claudio fresco fresco, e s’è piazzato a governa’! (Va via contrariato)

ORAZIO    (È un giovane simpatico, attraente e ha l’espressione del bravo ragazzo) E meno male! Non sia mai, Bracc’ ‘e Fierro che comandava ‘sto rione! Guagliu’, ma vi ricordate il padre di questo delinquente? Ha revotato tutto ‘o quartiere.

FRANCISCHIELLO (È un giovane grassottello, non molto bello)Quando ha fatto isso ‘o padrone, ha combinato ‘no macello: droga, prostituzione, contrabbando, non si capiva più niente. ‘E guagliuni onesti come a nuje non potevano più uscire mmiezz’ ‘o vico. Era ‘na guerra ogni juorno. Sparatorie, muort’accisi, prostitute che si vendevano a ogni angolo ‘e via!

MARCELLINO (È un bravo ragazzo, simpatico)Si smerciava quella farina schifosa che non dà pane, quella farina che ti distrugge, poco a poco, e ti fa dormi’ per sempre. Tanti belli guagliuni che diventavano maschere ‘e morte, co’ quelle facce losche, brutte comm’ ‘o male.

ORAZIO   Facce ‘e farinielli, facce e chi non si sazia mai e non tiene ‘o coraggio di cambia’ via. Tenevano femmine, macchine di lusso, ma ‘e femmine stavano con loro solo pe’ quilli soldi ‘e merda.

JESSICA (È una bella quarantenne. Ha l’aspetto di una donna sobria e rispettabile. Veste abiti semplici) Io non mi metterei con uno di loro manco se fosse ‘o chiù ricco d’ ‘a Terra. Io vorrei un uomo veramente innamorato, pure se è poveriello!

AMLETO   (È vestito di nero, è un bel giovane con i capelli biondi e il fisico snello) ‘Sti cammorristielli non sanno che ‘na femmina vera non si metterebbe mai co’ uno che vende morte. Io mi mettesse scuorno se sapessi che Amelia, ‘a ‘nnamorata mia, sta con me solo perché so’ diventato ricco vendenno quella munnezza!

ORAZIO   E poi, rintanati comm’ ‘e zoccole dinto ‘e fogne, sempre nascosti, senza mai vede’ ‘no raggio ‘e sole. Uscivano la notte, come ‘e ciucciuvettole, e non si facevano mai ‘na risata. Ma si po’ vivere accussì?

JESSICA     Amle’, meno male che tuo padre riuscì a piglia’ in mano ‘a situazione. Mi ricordo quando fece chiagnere tutta quella guaglionera solo co’ doje parole: “Guagliu’, scetatevi! Il mondo non è fatto come credete voi. Il mondo può essere assai bello se cambiate via e cominciate a pulire tutto, attuorno attuorno”…

FRANCISCHIELLO   … “Chi v’ha fatto diventa’ camorristi vi vuole vede’ morti. Chi vi vuole bene veramente vi fa’ capi’ quanto è bello guadagna’ onestamente pe’ porta’ ‘a casa quello che vi serve. E, vi assicuro, vi serve veramente poco per farvi spunta’, finalmente, ‘na risata ‘nfaccia.” ...

BERNARDINO (È un giovane molto magro e alto, il volto scavato e un po’ malinconico) … “ ‘O sole, ‘o mare, ‘na femmina veramente innamorata, ‘na macchina piccirella pe’ vi trasporta’, ‘na casarella e un poco di mangiare buono, questo vi serve veramente”… 

MARCELLINO     ... “Che ne dovete fa’ di quelle ville sfarzose se poi le dovete nascondere addereto a ‘no muro brutto come a quello ‘e ‘na galera, che ne dovete fa’ di ‘sti macchinoni, se ci sparite dentro? Non dovete desiderare ‘na macchina più grande di voi. Dovete desidera’ di essere voi chiu’ gruossi d’ ‘a macchina! Sennò siete solo quattro fessi!” ...

AMLETO       ... “E po’, bruttezza e morte non fanno pe’ vuje. Facitavella ‘na risata, pensate a campa’. Non state a sentire chi vi vuole fa’ diventa’ criminali solo perché v’ha promesso denaro facile.” Mi ricordo ogni parola, e se mi ricordo! Così, mio padre era riuscito a trasforma’ ‘sta zona int’ a ‘no Paradiso. (Amleto si guarda intorno con orgoglio e amore) ‘Sto vico, addò nascette Totò, dove andava a scuola Eduardo, (con enfasi) ‘mano a isso, è tornato a esse’ ‘no gioiello! Io non credo che mio zio sarà all’altezza di papà.

ORAZIO       Secondo me, è sempre meglio tuo zio Claudio che Bracc’ ‘e Fierro.

JESSICA     Che peccato che tuo padre, Amle’, è muorto accussì. Isso sì che era ‘no vero guappo! Io ‘o volevo troppo bene, perché si sapeva fa’ rispetta’! Quante chiagnute che m’aggio fatto pe’ mezz’ ‘e ‘sta morte atroce! E quella scema di mia sorella, s’è sposata a Claudio dint’ a manco due mesi. Vuol dire che non capisce niente. Ha scagnato l’uocchi pe’ ‘a coda. Io non ci posso pensa’!

AMLETO     ‘A zi’, tieni ragione ma mo’ è troppo tardi per torna’ indietro. Stamm’ a senti’, aspettiamo per giudicare.

(I ragazzi vanno via insieme ad Amleto. Da un angolo nascosto arriva Laerte, con suo padre Paolone. Devono parlare a Claudio)

LAERTE   (È un giovane dai lineamenti decisi, tipici della persona che sa ciò che vuole)  Don Cla’, vi devo dire una cosa: io me ne vorrei tornare a Roma, col vostro permesso. Qua, a Napoli, che aggia fa’?

CLAUDIO   (Sorpreso)    Laerte, ma che mi dici, vuoi tornare a Roma? E tuo padre, Paolone, che dice di questa pensata?

PAOLONE (È una persona anziana, dall’aspetto servile di chi è sempre disposto a chinare il capo di fronte ai potenti) Io ‘o permesso ce l’aggio dato. M’ha fatto ‘na capa tanta e, alla fine, ho detto sì. Mo’, però, ci serve la vostra benedizione, ‘on Cla’.

CLAUDIO(Rivolto a Laerte) Lae’, sei giovane, tieni ‘e qualità. Fanne buon uso. Va’, va’… e che ‘a Maronna t’accompagna!

LAERTE       Don Cla’, voi, per caso, siete parente del cardinale?

CLAUDIO(Tra sé)   ‘O cardinale? Quale cardinale?  (non capisce l’allusione)

Laerte e il padre escono. Entra Amleto.

GILTRUTA    Amle’, stai qua, a mammà?

CLAUDIO      Ué, Amle’, stavo cercando giusto a te. T’aggia dicere ‘na cosa: dato che m’aggio sposato a mamma tua, mo’ puoi stare tranquillo, perché, per me, sei poco meno che ‘no figlio ma assai più che ‘no nipote. Decidi tu quello che preferisci.

AMLETO(Ironico) E già!Pare che stiamo al ristorante! Preferisci mangia’ a base di pesce o a base di carne? ‘E sasicce calde d’ ‘o consuolo ‘e mio padre, ce l’avimmo mangiate fredde pe’ ‘o sposalizio e mammà, tanto, quelle si so’ mantenute belle cricche, dinto ‘o frigorifero, mica le potevamo iettare! (Riflette) ... Assai più che un nipote, poco meno che un figlio… e mammà, che era come ‘a ‘na sora per te, mo’ è poco meno che ‘na mogliera o poco più che ‘na sora?

GILTRUTA     E ja’, non fa’ ‘o spontuto con tuo zio! Fa’ ‘o bravo, a mammà!

CLAUDIO        Mamma mia, si’ così pesante, tagliente, ombroso. E pure ‘sti panni che tieni ‘ncuollo, ti fanno pare’ ‘no schiattamuorto! E schiarisciti un poco, sia nell’anima che nel corpo!

AMLETO     E sì, mo’ mi votto dint’ ‘a varichina! Ma che dici? Io sono già chiaro, anzi, … per essere più precisi, “mi è tutto chiaro”.

CLAUDIO     Amle’, capisco e ammiro il fatto che provi ancora dolore per la morte di tuo padre ma la natura è fatta così: quasi sempre, sono i figli che vedono morire i genitori. È un fatto che succede in questo mondo. Se tu continui a chiagnere, ti mettimmo ‘no cuorno ‘ncanna… perché porti pure jella. E che caspita! (Fa gli scongiuri in maniera plateale)

GILTRUTA        Amle’, lievete ‘sti panni ‘a cuollo, mettiti una camicia chiara e, soprattutto, cerca ‘e porta’ rispetto a zio Claudio. È semp’ isso ‘o nuovo guappo d’ ‘o quartiere: lo devi esequiare!   (Claudio, sbuffando, fa di nuovo gli scongiuri)

AMLETO(Ironico, tra sé)   Come no! Mo’ ‘o porto a ‘o camposanto!  

GILTRUTA   E poi, non guarda’ sempre ‘nterra, come se cercassi a tuo padre mmiezz’ ‘e prete ‘e ‘sta via. È normale che chi vive deve morire. È legge di natura.

AMLETO      Mo’ parli pure tu come a ‘sto bell’uomo ‘e zio Claudio? E che palle! Mi so’ vestito di nero perché, per me, papà era papà. Io mi vesto a lutto perché sto a lutto veramente. A papà, ‘o volevo ‘no bene carnale. Perciò non m’ammoscia’! Anzi, sai che ti dico? Voglio tornare dai miei amici a Firenze per studiare Karate, così mi distraggo un poco.

CLAUDIO        Ma tu si’ caduto co ‘a capa ‘nterra? E chi ti paga la casa a Firenze con quello che costano gli affitti? Noò! Non se ne parla proprio. Mi pare un’idea da deficiente lascia’ ‘sto quartiere, addò puoi fa’ ‘o guappo, per jì a fa’ ‘o scemo in Toscana, tra ‘no votta votta ‘e gente che manco conosci.

GILTRUTA        E jà, non te ne anda’ a Firenze. Resta con mammà e comincia a considerare zio Claudio come un amico. E poi, non ti scorda’ che qua, a Napoli, ci sta Ameliuccia tua, ‘a figlia ‘e Paolone, ‘a sora ‘e Laerte, ‘a nipote ‘e Sofia…

AMLETO(Ironico, accompagna le parole con gesti della mano che indicano la lunga sequenza di parentele)  …‘a pronipote ‘e Mosè, imparentata con Matusalemme fino ‘a settima generazione… (Seccato)  E va buono, mammà, rimango qua e mi sposo pure Amelia, si’ contenta?

GILTRUTA      Talmente contenta che t’acciresse ‘e vasi. (Abbraccia Amleto e va via)

AMLETO(Rimasto da solo, fa le sue considerazioni)   Come si fa a scordarsi, dint’ a manco due mesi, un marito che t’ha voluto così bene? Me ne volesse jì a Firenze per non vedere più quei due ma, quella, mammà mi trattiene qua. Come aggia fa? Mi venesse voglia d’ ‘a fa’ finita ma poi penso: e chi me lo fa fare? È così difficile e, se non riesco, resto pure struppiato. Però, mi gira pe’ dint’ ‘a capa ‘no pensiero: a che serve campa’ se, po’, ti guardi tuorno tuorno e vedi solo munnezza?

(Solleva un sacchetto dell’immondizia e lo scaglia lontano. Bernardino, che si trova a passare, fa il suo commento)

BERNARDINO     Hai ragione, Amle’! ‘Sta munnezza fete comm’ a che! Che schifo!

AMLETO     No, non provo schifo pe’ ‘a munnezza, provo schifo perché non so’ manco due mesi che mio padre è schiattato e guarda che è succieso! Mia madre sposata co’ ‘o frate ‘e papà, che non è buono a fa’ ‘o guappo perché, al massimo, si potesse arrangia’ a fa’ l’amministratore ‘e condominio. E quella scema ‘e mia madre… manco due mesi, ci pensi, e s’è innamorata ‘e quillo ‘nzivuso. Fracitità, il tuo nome è donna!

BERNARDINO       È proprio vero, ‘e femmine so’ fracete!

AMLETO     Hai ragione! Tieni presente la fuga dei cervelli? Tutt’ ‘e persone istruite e intelligenti se ne so’ scappate da questo Paese.

BERNARDINO       E questo che c’entra?

AMLETO   (Laconico)  C’entra, c’entra! Tante persone co’ ‘e cervelle ‘ncapo se ne so’ scappate. A mammà, invece, se n’è scappato solo ‘o cerviello. Squagliato, come ‘a neve ‘o sole e, dint’ ‘a cocozza, non c’è rimasta manco ‘no poco ‘e segatura. Mia madre non se n’è juta fore… sta proprio fore co’ ‘a capa.

BERNARDINO     Mah! Le femmine, valle a capire!

AMLETO      Certo che, se dietro a tutto questo ci sta un’infamità, quella esce fuori sicuro. Hai voglia ‘e nasconnere! Pure se ci jetti ‘ncoppa tutta ‘a terra d’ ‘o munno, ‘o primo raggio ‘e sole scoperchia ogni crimine.

(Amleto e Bernardino vanno via. La luce sul palco diventa un po’ più fioca come se fosse tardo pomeriggio. Laerte è in procinto di partire. Trascina un trolley)

LAERTEAmeliù, prima ‘e parti’, ti voglio fare due raccomandazioni: statt’accorta ‘e Amleto. Secondo me, quello si vole solo divertire con te. Devi pensare che il suo ruolo di guappo non gli permette libere scelte. Tu si’ ‘na brava guagliona, affianco a isso ci deve sta’ ‘na femmina che sape mania’ ‘o curtiello. Quando vi siti lasciati, chi vuoi che ti sposa più? Ti giochi la reputazione. Ti conviene? Piensace!

AMELIA (È una ragazza poco più che ventenne, capelli lunghi, viso delicato, abbigliamento molto femminile)  Tu pensi che non è veramente innamorato?

LAERTE    Non voglio dire questo. Mo’ può essere pure innamorato, ma po’? Se sieti costretti a vi lassa’, tu che fine farai?

(Il dialogo viene interrotto dal sopraggiungere di Paolone)

PAOLONE     E che caspita, Lae’, stai ancora qua? Vedi che ‘o treno sta partenno. Intanto che saluti a tutti quanti, ti voglio dicere doje parole, stamm’ a sentere buono: “Non te fa’ asci’ niente ‘e quello che piensi, e non fa’ ‘o scemo, mi raccomando.

LAERTE    Va buono!

PAOLONE   Devi essere amico ‘e tutti quanti ma non devi diventare volgare, che io ti conosco abbastanza. Prima ‘e fa’ amicizia, prova ‘a fedeltà de’ ‘e persone. Non ti fida’ mai abbastanza ma, se truovi qualche bravo cristiano, afferrattello e tienattello con te pe’ sempe.

LAERTE    Sì, sì!

PAOLONE    Non ti votta’ a fa’ casino ma, se t’avesse capita’, fa’ in modo che l’avversario capisce con chi tiene a che fare. Sient’ a tutti quanti ma po’ tieniti ‘ncuorpo ‘o parere tuo.

LAERTE    Certo… certo!

PAOLONE     Vestiti sempe buono, secondo quello che tieni dint’ ‘a sacca. Devi essere sobrio e non pacchiano perché, ‘a come ti vesti, così sarai giudicato.

LAERTE    Come vuoi tu, papà!

PAOLONE     Po’, mi raccomando: non ti fa’ mai presta’ niente e non presta’ tu niente a nisciuno, perché pierd’ ‘e sordi e pure l’amico. Pulecenella diceva ca, se ‘o presta’ fosse buono, si putesse presta’ pure ‘a mogliera.

LAERTE    Ho capito!

PAOLONE   ‘A cosa più importante, però, è la coerenza: ti devi sempre comportare in maniera lineare e sincera ma devi conserva’ ‘a cazzimma! Questo, ricordattello, è ‘o principio più importante. ‘A gente s’adda fida’ ‘e te ma, allo stesso tempo, non devi passare per fesso.

LAERTE(Tra sé e sé)  Maronn’, e che palle! Quisto s’è ‘mparato ‘sto catechismo a memoria e mo’ vole fa’ ‘o saputiello con me! Ameliù, vieni qua, ricordati quello che t’aggio spiegato.

AMELIA    E come faccio a m’ ‘o scorda’?

PAOLONE    Lae’, tieni, t’ho messo ‘no poco ‘e frittata sponzata dint’ ‘o pane cafone, che a te ti piace assai, accussì ti mangi qualcosa durante ‘o viaggio. Va’ e che ‘a Maronna t’accompagna!

LAERTE      Papà, allora pure tu si’ parente d’ ‘o cardinale!?

(Laerte va via lasciando Paolone perplesso)

PAOLONE   (Tra sé)  Ma ‘e quale cardinale sta parlanno?   (Rivolto alla figlia) Amelia, che ti ha detto tuo fratello?

AMELIA          Niente! È un fatto che riguarda a quillo ‘mbambaluto ‘e Amleto.

PAOLONE     Buono, buono! M’hanno detto che vi vedete spesso.

AMELIA      È vero, papà. Secondo me, mi vole un bene pazzo. Me lo dimostra in tanti modi e mi dice tante belle parole.

PAOLONE   Sei proprio sicura? Guaglionce’, mi sa che t’ aggia ‘mparà ‘no sacco ‘e cose. Apri l’uocchi, non fa’ ‘a cretina e fila a casa che, se no, t’acciro ‘e mazzate. Tu Amleto te lo devi scorda’, hai capito?

AMELIA      E va buono, ti stongo a sentere! Però, papà, ti posso di’ ‘na cosa? Co’ ‘ste parole, m’hai ucciso. Ti assecondo, ma devi sapere che Amleto io non me lo scordo facilmente. Mi costerà assai d’ ‘o lassa’, perché Amleto è tutta ‘a vita mia! (Va via contrariata)

(Cambia la luce nel vicolo. È sera ed è buio, la strada è illuminata da un fioco lampione. Amleto è piegato in due dal dolore. Si appoggia con una mano al fanale mentre, con l’altra, regge lo stomaco in subbuglio. Si intrattiene con Orazio, Francischiello, Bernardino e Marcellino)

AMLETO           Maronn’, e che male ‘e panza! Mi so’ mangiato ‘no piatto chino chino ‘e puparuoli ‘mbettonati e mo’... vedo tutte l’anime de’ muorti. Anzi, per dire la verità, ho visto una sola anima, quella di mio padre che mi diceva: “Amle’, ma non vedi quella fetosa ‘e mammata che ha combinato? Manco due mesi che m’avit’ atterrato e quella, senza manco e ce pensa’, s’è sposata a mio fratello Claudio.”

FRANCISCHIELLO(Meditabondo)    Io puparuoli non me ne so’ mangiati, però l’anima di tuo padre l’ho vista pure io. Stava incazzato assai. Pareva che diceva: “Quella malafemmina ‘e mia moglie, che adesso è la mia vedova, già s’è risposata e, poi, con chi? Con mio fratello. Solo che si struscia ‘ncuollo a isso. Non mi ha fatto nemmeno raffreddare. E che Madonna!”. Solo che io non sentivo la voce, guardavo solo come muoveva ‘o musso… Insomma, leggevo il “grembiale”.(Gira un dito intorno alla bocca)

MARCELLINO     Amle’ è ‘o vero, Francischiello tiene ragione, aggio visto pur’ io ‘a buonanima di tuo padre e veramente stava incazzato. Mamma mia! M’ha fatto mettere ‘na paura! Quando era vivo, è stato un grande uomo, ‘no guappo che teneva ‘o core ‘mpietto.

AMLETO       Era ommo, ommo vero. Nisciuno sarà mai comm’ a isso.

Quello, mio zio si crede che ‘o po’ sostitui’… e mia madre è tutta contenta, ma io non ce la faccio a vede’ tutte ‘e smancerie che si fanno.

(Amleto mantiene di nuovo la pancia per il dolore. Intanto, compare lo spettro di Aitano ‘o Bersagliere. In un angolo, si scorgono Claudio e Giltruta mentre si scambiano effusioni. Non possono sentire quello che avviene poco distante, per questo sono del tutto sereni)

AMLETO     Madonna! ‘Sti puparuoli m’hanno acciso. Ecco! Papà, ti vedo.

ORAZIO    ‘O vedo pur’io.

MARCELLINO    E pur’io. Mamma mia!

FRANCISCHIELLO e BERNARDINO     Pure nuje, pure nuje ‘o vedimmo.

AMLETO       Ora sento anche la sua voce…

ORAZIO - MARCELLINO - FRANCISCHIELLO e BERNARDINO (Contemporaneamente)  Nuje non sentimmo niente!

SPIRITODIAITANO ‘O BERSAGLIERE(È un uomo anziano, ha barba e capelli brizzolati, un viso dall’aspetto autorevole, l’abbigliamento è elegante: giacca, cravatta, cappello a tesa larga. Ha il viso cereo e un’espressione amareggiata. Può sentirlo solo Amleto) Quel

grand’uomo di mio fratello Claudio non vale niente. È ‘no guappo ‘e cartone. Quando sente ‘no rumore, sbanda e se ne foje!

AMLETO       Papà, hai ragione!

SPIRITODIAITANO ‘O BERSAGLIERE   Guardalo quanto è ridicolo co’ quella fetosa ‘e mammata! Tua madre mi diceva sempre che, se io morivo, non sarebbe mai stata di nessun’ altro e invece… E che schifezza! Mi fa arrevota’ ‘o stomaco. E poi, vogliamo parlare del mio funerale? ‘No carr’ ‘e muorto laccato nero e chino d’oro, sei cavalli tutti ‘mpernacchiati, ‘a banda musicale che sonava «‘O sole mio», tutte quelle prefìche che si lamentavano e chiagnevano co’ ‘no fazzoletto in mano…

AMLETO      Papà, ma addò le hai viste ‘ste fiche? Io non aggio visto nisciuna fica a ‘o funerale tuo.

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE       Ma quale fiche, le prefìche, le donne piangenti.

AMLETO     Ah, le prèfiche. E tu dici ‘e prefìche! Io m’ero pensato che ti riferivi alle fiche che maturano prima ‘e l’autunno.

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE       Ecco qua, sei sempre il solito baccalà! Comunque, ti dicevo: e va buono ‘o carro, ‘e cavall’, ‘e lamienti de’ prefìche, ma l’elicottero co’ e petali e’rose v’ ‘o potevate pure sparagna’. Co’ quilli soldi, ti andavi a fa’ ‘no viaggio, ti andavi a fare una mangiata di pesce da Ciro a Mergellina, t’accattavi ‘no vestito buono per andare a ballare…

AMLETO     Papà, ma io…

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE   Io ero ‘no guappo, mica ‘no camorrista! Non tenevo bisogno ‘e tutto quillo sfarzo. Pe’mezzo ‘e ‘sti stronzate, ‘sto popolo, che è ‘o meglio d’ ‘o munno, porta ‘a nommenata che è malamente, che ‘e chino ‘e camorristi, ‘e malandrini e nisciuno si ricorda che ‘sto popolo, ‘sta gente, tiene ‘no core gruosso, gruosso assai.

AMLETO     Hai ragione. Pe’ colpa ‘e pochi fetienti, hanno macchiato ‘o nome ‘e ‘na città accussì bella. Succede comm’ a quando certi uomini, solo perché so’ ‘no poco bruttarielli, hanna porta’ ‘a nominata che so’ disgraziati, mentre, invece, so’ buoni ‘e core?

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE   ‘Sta città, ‘a vedi? Pe’ ‘no poco ‘e munnezza che ci sta miezza ‘a via, e pe’ quatto cap’ ‘e merda, adda passa’ p’ ‘a città d’ ‘a fetenzia.

AMLETO     Quello che dici, papà, è vero, però l’idea e l’esequie non è stata mia. È stato zio Claudio che ha pensato a tutto. Per fare tutta quell’apparata, ha chiamato le “bombe” funebri di Casoria.

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE       All’anima d’ ‘o strunzo! Prima m’accide, m’avvelena co’ ‘no chilo ‘e cozze avariate e po’ mi fa fa’ ‘o funerale stile “padrino”! E che chiavicone!

AMLETO    Ma allora è stato isso che t’ha acciso? Papà, mo’ voglio sape’ tutta ‘a verità.

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE      Ma perché, non l’hai capito. Tuo zio Claudio mi ha fatto preparare un chilo di cozze da “Giuseppone a mare” e po’ me l’ha intossicate mischiandole co’ quelle fracete che vende Nicola ‘o pesciauolo. Lo sapeva che io andavo pazzo pe’ ‘a ‘mpapata ‘e cozze. È ‘no criminale, e se mi vuoi veramente bene, mi devi vendicare. So’ muorto avvelenato da quillo piezz’ ‘e fetent’.

AMLETO     Ma non mi dire che mia madre sapeva ed era complice!

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE        No, no, tua madre sono sicuro che non sapeva niente. Era troppo innamorata di me. Anzi, sembrava innamorata, visto che, subito dopo la mia morte, si è buttata nelle braccia di tuo zio. Ma mo’, lassa sta’ a mammeta, vendica la mia morte co’ quillo fetente ‘e Claudio. Non ti scorda’ tutto quello che t’ho detto.

(Lo spettro di Aitano ‘o Bersagliere tace e Amleto osserva le smancerie che la madre e lo zio si scambiano in un angolo)

AMLETO(Parla tra sé in maniera da non far sentire a nessuno) E come mi posso scorda’?

Che schifo! Guarda là, mia madre e quell’uomo da quatto soldi! Quillo vigliaccone, guardalo come ride. Mi fa vomitare. Ma come può ridere uno che ha appena ucciso suo fratello e s’ è sposato la vedova? Papà, t’ho giuro, a Claudio l’ammazzo io, con queste mani!

MARCELLINO    Amle’, ma che t’ha detto tuo padre?

AMLETO     Non ve lo posso dire, perché tenit’ ‘a vocca aperta. E mo’, mi raccomando, statevi zitti e manco ‘na parola ‘e quello che è successo adda esci’!

ORAZIO - MARCELLINO - FRANCISCHIELLO e BERNARDINO(Contemporaneamente) Non diremo una parola.

SPIRITO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE    Giurate, tutt’ e tre. Avanti, se no vi vengo ‘nsuonno e vi faccio mori’ ‘e paura. Giurate!

ORAZIO   Azz’! Mo’si sente pure ‘a voce!

ORAZIO - MARCELLINO - FRANCISCHIELLO e BERARDINO (Tutti insieme, stringendosi tra loro impauriti)   Lo giuriamo, lo giuriamo, p’ammore ‘e Dio!

AMLETO   (Saluta il padre)     Papà, requie, esequie e scatta in pace.   (Si rivolge a Orazio)

Ora’, succedono più cose strane dint’ a ‘sto munno e quante tu e tutti ‘sti amici si possono immagina’!

ORAZIO   Che vuoi dire?

AMLETO   Guagliu’, non vi spaventate se da questo momento in poi comincio a fa’ ‘o pazzo. Non vi preoccupate, non sono pazzo, devo fingere e non vi posso spiegare il perché ma voi, tutti quanti, venite qua e giurate ‘ncoppa all’anima ‘e tutti ‘e muorti. Mettete ‘a mano ‘ncoppa ‘a ‘sto curtiello!

FRANCISCHIELLO      Ma è ‘no curtiello ‘e plastica.

AMLETO     Quella, mia madre non ha voluto caccia’ ‘a posateria buona manco pe’ ‘o sposalizio. Figuratevi! A casa ci arrangiamo con queste. Comunque, non me lo fate ripetere ancora, giurate e statevi zitti.

ORAZIO - MARCELLINO - FRANCISCHIELLO e BERARDINO (Contemporaneamente) Giuriamo! Giuriamo!

FRANCISCHIELLO      E chi parla?!

MARCELLINO  (Si mantiene la pancia e stringe le gambe)    Me la sto facendo sotto d’a paura. Vado un attimo alla toilette.

BERNARDINO   E si sapeva che i puparuoli fanno veni’ ‘a diarrea!

ORAZIO      Ma statti ‘no poco zitto! Marcellino non s’è mangiato niente. Con questi chiari ‘e luna, quisto pensa ‘e puparuoli! Ma è proprio ‘no babbà!

(Vanno via tutti, quando Amleto richiama sommessamente Orazio e lo fa tornare indietro)

AMLETO     Orazio, vieni ché ti devo dire una cosa.

ORAZIO      Che mi devi dire, Amle’?

AMLETO      Con te mi posso confidare, tu non si’ vocc’ apierto come a quill’ati tre amici nostri e po’ si’ ‘o meglio amico mio, non posso tene’ segreti con te. Ora’, quello papà è stato ucciso.

ORAZIO      Ma tu che mi dici?!

AMLETO     ‘O fantasma ‘e mio padre m’ha detto che è stato quillo chiavico ‘e zio Claudio che l’ha avvelenato co’ ‘e cozze ‘e Nicola ‘o pesciauolo. Pe’ mo’ accontentati di quello che t’ho detto e non fiata’ co’ nisciuno. Statte buono!

ORAZIO      Statte buono, Amle’. Ci vediamo! (Abbraccia Amleto con riconoscenza per l’amicizia che gli dimostra e per confortarlo e rassicurarlo poi, tra sé) Queste so’ cose ‘e pazzi!

(È di nuovo giorno. Le luci sono forti. Amelia, passeggiando nel vicolo, canticchia mentre Amleto si presenta come uno straccione, assume atteggiamenti strani e rimane in silenzio. Amelia si spaventa. Amleto tenta di avvicinarsi ad Amelia, poi la respinge. Amelia è turbata ma non capisce. Paolone, che ha osservato tutto di nascosto, corre ad avvisare Claudio e Giltruta)

PAOLONE     Don Claudio, io v’aggia parla’. Amleto si comporta come a ‘no scombinato. È impazzito.

GILTRUTA(spaventata)   Che stai dicendo?

PAOLONE   Mo’ cerco di spiegarvi io ‘o motivo che, secondo me, l’ha portato a si scombussola’ co’ ‘a capa. A casa ho trovato ‘no biglietto ‘e Amleto dove dice che è innamorato pazzo di Amelia. Solo che io ho dato ordine a mia figlia di non frequentarlo, ecco perché è impazzito e mo’ dà i numeri.

GILTRUTA(incredula)   Impossibile!

PAOLONE   Se non ci credete, faccio venire qua mia figlia, quando Amleto si va a fare due passi. Noi ci nascondiamo e, così, vedrete co’ l’uocchi vostri quello che succede.

GILTRUTA(Rivolta a Claudio)   Secondo me, invece, Amleto è asciuto pazzo pe ‘a morte d’ ‘o padre e per il fatto che ci simmo sposati tropp’ampressa.

(Le luci si abbassano. È l’imbrunire. Amleto va avanti e indietro come un forsennato mentre ha tra le mani un fumetto)

PAOLONE(Rivolto a Claudio e Giltruta) ‘On Cla’, voi permettete che me la vedo io? Vado a fare due chiacchiere con Amleto mentre voi e vostra moglie rimanete nascosti addereto ‘o vico.

CLAUDIO    E va’, va’, accussì cercammo ‘e capi’ che sta succedendo.

PAOLONE(Rivolto ad Amleto) Amle’, tu lo sai chi sono io?

AMLETO    Certo che ‘o saccio. Si’ Pasquale ‘o pisciajuolo!

PAOLONE    Ti sbagli. No! Non sono Pasquale.

AMLETOAlmeno, fossi onesto comm’ a isso!

PAOLONE     Onesto?

AMLETO     Ma tu si’ come a Nicola, che venne ‘o pesce fraceto.L’onestà è una dote assai rara in questa schifezza di mondo, addò ‘e cani muorti fanno ‘e viermi… e pure ‘e persone, buone o cattive, fanno tutte quante ‘e viermi… dopo morte. Tu, se non sbaglio, tieni una figlia.

PAOLONE     Sì. È vero, tengo ‘na figlia.

AMLETO     E allora ti do un consiglio: non ‘a fa sta’ troppo sotto ‘o sole, ché, se no, fa ‘e viermi pur’essa. E poi, se qualche cane la mette incinta… sarebbe un vero problema.

PAOLONE(Tra sé)   Chist’ è fissato con mia figlia. (Rivolto ad Amleto) Amle’, che ti stai leggendo?

AMLETO     Leggendo? No, io guardo solo le figure.

PAOLONE     Ma di che parla ‘sto giornaletto?

AMLETO      Ma ‘o giornaletto mica parla. Diciamo… che i disegni… fanno vede’… ‘no viecchio tutto arrepecchiato, co’ ‘a barba grigia e che non tiene cervello ‘ncapo. Non solo, ma tiene pure ‘e cosce sciancate. Tutto quello che penso io dei viecchi ‘ntronati e ‘nsallanuti, tali e quali a quello che tengo mo’ annanz’ all’uocchi.

PAOLONE(Tra sé)   Ma questo fa ‘o pazzo o è pazzo veramente? (Rivolto ad Amleto) Beh, adesso me ne devo proprio andare. Statte buono!

AMLETO     Ah, che soddisfazione! Non ci sta niente ‘e più bello che a ti vede’ spari’ da dentro a ‘sto vico… a parte ‘o fatto che so’ ancora vivo.

(Giltruta prende in disparte Amelia per parlarle)

GILTRUTA    Ameliù, magari fossi tu quella che ha fatto esci’ ‘e capa Amleto! Se tu l’avessi fatto impazzire, allora ‘o puo’ pure tira’ fore da ‘a stessa pazzaria sua. Fosse buono per tutti quanti.

AMELIA    Magari!

(Paolone trascina via Amelia e prende precisi accordi con lei, mentre convince Claudio e Giltruta ad osservare, di nascosto, tutto quello che avviene)

PAOLONE     Ame’, tu passeggia annanzi e addereto e attira l’attenzione ‘e Amleto. Noi, intanto, ci nascondiamo dint’ all’oscurità d’ ‘o vico. (Arriva Amleto) ‘O vi’ loco, sta arrivando. Nascondiamoci!

(Amelia va avanti e indietro fingendo di leggere un libricino)

AMLETO    Bella guaglio’, se stai preganno, fa’ qualche preghiera pure per me che aggio bisogno. Tengo tant’ ‘e quilli peccati che ‘o diavolo in persona si fa ‘a croce quando mi incontra.

AMELIA     Come stai, Amle’, ti vedo ‘no poco strano.

AMLETO    Stongo buono, stongo buono, non ti preoccupa’.

AMELIATengo qua tutti i regali che m’hai fatto. Te l’aveva dà addereto già parecchio tiempo fa.

AMLETO    Tu non stai bona co’ ‘a capa! Io non t’aggio mai regalato niente!

AMELIA     Non fa’ ‘o fesso, Amle’, ché ti ricordi troppo bene quando e dove me li hai dati. Ti si’ scordato pure tutte ‘e parole che mi dicevi ogni volta che mi facevi uno ‘e ‘sti regali? Mo’ non tengono più valore, visto che, se tu fai ‘o gnorri, io non me li posso tenere, perché so’ troppo onesta per conservare cose che non mi appartengono. Tie’, pigliatelli addereto tutti ‘sti brillocchi.

AMLETO     Tu sei onesta? E si’ pure ‘na bella femmina? Ma ‘o sai che tutte e due le cose non possono stare insieme. Non devi rimanere sola co’ ‘a bellezza tua.

AMELIA   Perché, secondo te, ‘a bellezza non si può accompagnare con l’onestà?

AMLETO   Secondo me, no!... Ame’, io t’aggio amata, e tanto.

AMELIA    Certo, e io m’ ‘o credevo.

AMLETO     E allora si’ ‘na cretina, ché ti si’ pensata che ero pazzo per te. T’aggio fatto fessa. Non t’aggio mai amato. Addò sta quillo fetente ‘e tuo padre?

AMELIA      Sta a casa.

AMLETO      Chiudill’ ‘a dinto, accussì po’ fa’ ‘o buffone solo a casa sua. E, se tu ti volissi sposa’, ti mando ‘na jastemma: se pure tu fossi ‘a femmina più onesta ‘ncoppa ‘a faccia d’ ‘a Terra, non ti può salva’ da tutte ‘e calunnie. E se devi scegliere ‘no marito, pigliattello fesso, che così non vene mai a sape’ quanti ‘mbruogli sapiti fa vuje femmine.

AMELIA      Che vuoi dire, adesso?

AMLETOVoi femmine siete false, teniti ‘na faccia e ne mostrate n’ata. Ci’arravogliate, a noi poveri scemi, perciò io so’ asciuto pazzo. Ricordati, però: sarai sempre condannata, questo è ‘o malaugurio che ti votto. Tie’! Io decido che, dint’ a ‘sto quartiere, non s’adda sposa’ più nessuno. Tutti quelli già sposati, meno uno, camperanno, tutti gli altri rimarranno come stanno.

PAOLONE    Amleto è impazzito, dev’essere guardato a vista. Non l’amma lascia’ solo.

CLAUDIO      Tengo già un’idea: ‘o mandammo a Milano co’ ‘a scusa che adda jì a porta’ ‘no regalo a certi amici miei. Po’ essere che, cagnanno aria, rinsavisce. ‘A pazzaria ‘e ‘no guappo è assai più pericolosa ‘e quella d’ ‘a gente normale.

*****

(Si abbassano tutte le luci. Un faro illumina Amleto che, rimasto solo, parla tra sé facendo delle considerazioni)

AMLETO    Campa’ o non campa’, tutto qua sta ‘o problema.

Se è meglio a sopporta’, senza sbattere l’uocchi,

‘e mazzate e ‘e frecciate ‘e ‘na ciorte ‘e merda,

o piglia’ noi ‘no cortiello pe’ affronta’ ‘sto mare ‘e guai

e, lottanno, atterra’ tutto ‘o male facendola finita.

Mori’, dormi’. Nient’ato.

E, dint’ a ‘sto suonno, mettere fine

a ‘sto dolore d’ ‘o core e a ‘e mille mazzate

che ci arravogliano dint’ ‘a natura ‘e ‘sta carne.

Perché non arrivare a questa conclusione?

Perché?! Ma perché, secondo me, è meglio farsi ‘na bella mangiata!

Ma che me ne ‘mporta a me!

Stasera, mi vado a fare una pizza con gli amici, qualche birretta

e po’, quello che succede succede!

(È giorno, le luci sono alte. Claudio fa convocareRosicann’ e Guidariello, amici d’infanzia di Amleto, per chiedere loro di tenere d’occhio il nipote)

CLAUDIO        Guagliù, voi siete amici ‘e Amleto, solo a voi posso cerca’ ‘sto favore. Dovete spiarlo per capire che gli passa p’ ‘a capa, perché fa ‘o squilibrato. Cercate ‘e capi’ che intenzioni tiene, se fa ‘o pazzo o è pazzo overo.

ROSICANN’(È un ragazzo servile. Ha lo sguardo torvo)   ‘On Cla’, a voi non possiamo dire di no! Ce la vediamo noi!

GUIDARIELLO(È un ragazzo dall’aspetto poco affidabile. Ha lo sguardo rivolto sempre a terra. Si comporta in maniera piuttosto viscida)     On Cla’, sempre a disposizione!  Mo’ jammo e vi facimmo sape’.

(Rosicann’ e Guidariello vanno a cercare Amleto scortati da Orazio e Marcellino)

ROSICANN’Ué, Amle’, ciao, come stai?

GUIDARIELLO   Amle’, ‘a quanto tiempo non ci vedimmo! Che dici di bello?

AMLETO     Guagliù, e che sorpresa! Non sapete quanto mi fa piacere ‘e vi vede’. Che ci facit’ dint’ ‘a ‘sta galera?

GUIDARIELLO     Ma quale galera, m’ ‘a chiami galera questa?

AMLETO      ‘Sto quartiere è diventato ‘na galera.

GUIDARIELLO       A nuje non ci pare proprio.

AMLETO         Forse per voi no, ma per me sì. ‘A stessa cosa può essere diversa, a seconda ‘e chi ‘a pensa. Per me, ‘sto quartiere è ‘na galera.

ROSICANN’      Allora, dinto a ogni paese d’ ‘o munno ce ne sta una, non ti pare?

AMLETO      ‘O sai che tieni ragione? Però questa è ‘a peggio ‘e tutte quante.

ROSICANN’     Forse perché t’aspetti chi sa che cosa, forse perché tu piensi che ti meritassi ‘e essere più importante, visto che tien’ ‘e qualità. Forse ‘sto quartiere è troppo piccirillo pe’ te.

(Orazio e Marcellino osservano e ascoltano scambiandosi sguardi eloquenti che attestano il sospetto che Rosicann’ e Guidariello non siano proprio amici di Amleto)

AMLETO    Ma quando mai! Co’ ‘a fantasia che tengo, potesse sta’ chiuso dinto a ‘na scorza ‘e noce e mi sentesse ‘o re dell’universo… se non fosse che mi faccio brutti sogni.

GUIDARIELLO    Io credo che ‘e brutti sogni t’ ‘e fai perché si’ smanioso. Per te, che cos’è l’ambizione? Secondo me è solamente l’ombra ‘e ‘no suonno.

AMLETO      Ammucenne, guagliù, ché tanto io so’ impazzito, non ragiono più… e volesse sape’ ‘o vero motivo che v’ha fatto veni’ dint’ ‘o quartiere mio.

ROSICANN’      Pe’ te veni’ a trova’.

AMLETO      Uh mamma mia! Allora, v’aggia pure ringrazia’! O, per caso, ma proprio per caso, v’hanno mandato? Vuje tenit’ ‘a faccia d’ ‘a bucia. ‘O teniti scritto ‘nfronte che mi state dicenno ‘no sacco ‘e stronzate. Quillo grand’ommo ‘e zio Claudio e la sua degna moglie v’hanno spedito qua pe’ mi controlla’, come se io fosse ‘o pazzariello d’ ‘a festa. Dicit’ ‘a verità. Parlate, prima che mi saglie ‘o sango ‘n capo.

GUIDARIELLO     Sì, è ‘o vero, c’hanno mandato.

(Orazio e Marcellino fanno dei cenni di intesa per dire: “Te l’avevo detto io che c’era qualcosa che non quadrava!”)

AMLETO    Era ora che vi decidavate! Guidarie’, Rosica’, siete due chiochieri. Ma vi pensate che so’ fesso? Forse so’ pazzo, ma fesso no. Comunque, mo’ vi levo io ‘a curiosità ‘e sape’ quello che è succieso, accussì non ponno dicere che aviti parlato vuje. Non vi faccio fa’ ‘a figura de’ spergiuri. Parlo sul’io.

GUIDARIELLO     E parla, parla. Mamma mia e come so’ curioso!

AMLETO   È ‘no poco ‘e tiempo che mi sento in depressione. Volesse jì da ‘no pissicologo ma non teng’ ‘e sordi. Tutto quello che prima mi faceva felice (Amelia, ‘o Karate, ‘no bello piatto ‘e lasagne ‘mbettonate, ‘o cielo, ‘o mare, ‘e canzon’ ‘e ‘sta città, …) non mi fa più effetto. Mi pare che è caduto tutto dint’ ‘a mmunnezza.

ROSICANN’      Non capisco perché fai così. Ripigliati!

AMLETO    Rosica’, l’uomo’ è un essere perfetto, questo è sicuro: è ‘no capolavoro.  Tiene l’intelligenza, sape fa’ tante cose, ‘o fisico è bello e ‘o cerviello è quasi come a quillo d’ ‘o Padreterno. Sta miezzo all’universo, è ‘o meglio ‘e tutti l’animali ma, alla fine, è tutto ‘no piezz’… ‘e fango.No, l’uomo non m’attira proprio!  (Guidariello ride) Che mi ridi? Che hai capito? Manco ‘a femmina m’attira, pure se tu volissi sfotte’ co’ quella risata scema.

ROSICANN’     Non stavo pensanno a niente ‘e male.

AMLETO    E allora perché ti si’ messo a ridere? T’ ‘o ripeto: l’uomo non mi attira.

ROSICANN’     E allora non te ne ‘a ‘mporta’ manco d’ ‘o puparo che sta arrivando.

AMLETO(Ride rivolgendosi al burattinaio)   Buona giornata, mi fa piacere che siete venuto in questo quartiere. Dio ‘o sape se è necessario farci doje risate. Venite, venite.

(Claudio, Giltruta e Paolone accorrono per capire chi sta arrivando e scoppiano in una risata quando vedono il puparo che arriva, insieme ad Amleto, con una carretta in cui vi sono le tavole che servono per costruire il teatrino dentro il quale far muovere le sue marionette. È una persona magra, di una certa età, leggermente trasandata che, però, trasuda allegria)

PUPARO     Ringrazio Amleto, che è ‘o capo ‘e ‘sto quartiere e che m’ha invitato. Buona giornata a tutti quanti!

AMLETO(Rivolto a Paolone)  Trattammello buono a ‘sto signore perché, t’assicuro, è meglio vedere scritta ‘na brutta condanna ‘ncoppa a lapide quando si’ muorto, che essere sbeffeggiati da uno di questi personaggi quando sei ancora vivo.

PAOLONE     Puo’ sta’ sicuro che ‘o tratto come si merita.

AMLETO     No, tu lo devi trattare ancora meglio. Come se fosse un parente. Se tutti fossero trattati come si meritano, parecchi (Guarda verso lo zio Claudio e la madre) finirebbero co’ ‘no pugnale dint’ ‘a panza! Fallo entrare, ché più tardi ci divertiamo a vede’ lo spettacolo. (Rivolto a Guidariello e Rosicann’)  Avete fatto buono a veni’, pure se Claudio e mammà si sbagliano: è vero che so’ pazzo ma solo da sud a sud est. Infatti, quando tira ‘o viento ‘a nord, saccio fa’ ‘a distinzione tra ‘no falco e ‘na colomba.

(Guidariello e Rosicann’ si allontanano sbigottiti e vanno verso Claudio, Amleto si apparta e riflette tra sé)

AMLETO     Sono un vigliaccone. Se fossi ‘no guappo buono, tutt’ ‘e zoccole che stanno dint’ ‘e fogne ‘e ‘sta città si sarebbero già ‘ngrassate co’ ‘e stentine ‘e quillo fetente ‘e zio Claudio, perché l’avrei squartato co’ ‘no cortiello a quillo prepotente assassino.  (Grida improperi contro lo zio, anche sapendo che nessuno lo ascolta)

Cornuto, letamaro, ‘nzivuso, paposciaro, recchia ‘e cantero scassato, straccione, figlio ‘e zoccola... Vendetta! (Si acquieta e ragiona più pacatamente) Ma quanto so’ fesso: invece ‘e sta’ a senti’ a mio padre, mi so solo sgrava’ la coscienza con le maleparole. Ma so’ proprio ‘no ciuccio! (Si prende a schiaffi) Mi metto a allucca’ come a ‘na vasciajola, come a ‘na sciacquetta ‘e taverna. M’aggia mettere solo scuorno!

(Da un angolo del vicolo arriva la voce del puparo che deve montare il suo teatrino. Ad Amleto viene un’idea)

PUPARO    Signori cari, signore amabilissime, sto preparando ‘no spettacolo che dovete rimane’ co’ ‘a bocca aperta. Stasera vi faccio arricria’.

AMLETO(Riflette tra sé)  Un momento! Io so che ‘no delinquente, sentendo recita’ buono, s’è accussì sbandato e impaurito, da confessa’ tutte ‘e malefatte. Quasi quasi, scrivo ‘a storia di come zio Claudio ha ucciso a papà e ‘a faccio recita’ dalle marionette. Solo così posso capire se è stato veramente quillo chiavico a uccidere papà. Non mi fido di un fantasma che può essere qualsiasi cosa e mi può inganna’. Se vedo che zio sbanda, allora saccio io che aggia fa’. Solo co’ ‘sto spettacolo posso riuscire a capire quello che tiene ‘ncoppa ‘a coscienza zio Claudio ‘o guappo.

                           

SECONDO ATTO

(Siamo all’imbrunire. Il teatrino delle marionette è pronto e Amleto dà le ultime istruzioni al puparo, poi chiama l’amico fidato Orazio.

AMLETO (Rivolto ad Orazio)   Ora’, tu guarda ‘n faccia a Claudio mentre ‘o puparo dice tutto quello che io l’aggio suggerito. Se non sbanda quando arriva ‘a parte e l’omicidio, allora vuole di’ che m’aggio sognato tutte cose e che ‘o fantasma era solo ‘na follia della mente.

PAOLONE(Presentando il puparo)   Questo è ‘o meglio puparo ‘e Napoli. Mo’ ci divertimmo a senti’ tutto quello che fa di’ alle marionette. Tanto può essere ‘na cosa tragica, tanto può essere ‘na cosa comica, o tragicomica, o storica, o comico-drammatica. Boh! Stamm’ a senti’… e che ne viene viene.

AMLETO   Paolo’, secondo me tu vieni dal Sancarlino.

PAOLONE     Infatti! Hai indovinato. Io facevo l’attore proprio là e, se lo vuoi sapere, ero pure bravo! Ho fatto ‘a parte ‘e Giulio Cesare. M’hanno acciso dint’ ‘o Campidoglio, Bruto con tutti l’ati congiurati.

AMLETO(Tra sé)   E solo Bruto poteva schiaffa’ ‘na coltellata dint’ ‘a panza ‘e ‘sto piecoro!

CLAUDIO     Amletu’, a zio, come stai?

AMLETO     Uh! ‘Na meraviglia! Aggio fatto ‘a dieta d’ ‘o camaleonte: mangio aria fritta condita co’ ‘e promesse.

GILTRUTA     Amletu’, vieni qua, a mammà, siediti vicino a me.

AMLETO     E che so’ fatto ‘no criaturo? Io tengo a ‘sta femmina accussì bella.  (Si dirige verso Amelia) Permetti che mi metto ‘ncoppa ‘e coscie sue? (Si rivolge ad Amelia) Ameliu’, te lo posso mettere ‘nzina?..

AMELIA   Ma che dici?

AMLETO    …’sto capocchione biondo che tengo. Ma perché, tu che avevi capito? (Si inginocchia poggiando la testa sulle gambe di Amelia) Ja’, fammelo mettere ‘nzina a te.

AMELIA( È imbarazzata)  Come vuo’ tu, Amle’.

AMLETO     Che ti eri pensata, dici la verità. Forse, hai pensato che volevo fa’ ‘o spuorco?

AMELIA    No, no! Non ho pensato proprio niente.

AMLETO    Coricarsi sulle gambe ‘e ‘na bella guagliona non è che mi dispiacerebbe.

AMELIA     Stai in vena ‘e di’scemenze? Vuol dire che stai buono e questo mi fa piacere.

AMLETO   Guarda, piuttosto, come ride mia madre e ‘o marito è muorto appena due ore fa.

AMELIA   Guarda che sono almeno due mesi.

AMLETO(ironico)   Già è passato tutto ‘sto tiempo? E io m’ ‘o ricordo ancora? Allora ci sta ‘a speranza che ‘a memoria ‘e ‘no grand’ommo resiste almeno sei mesi.  (Mentre sta per cominciare lo spettacolo, si rivolge di nuovo ad Amelia)Perché non ti vai a chiudere ‘miezz’ ‘e monache? Vattenne dint’ a ‘no convento, accussì non ti metti a procrea’ come a ‘na coniglia. Io rassomiglio a ‘no bravo guaglione ma tengo più peccati io ‘e tutt’ ‘e mariuoli che stanno dint’ a ‘sta città. So’ buono solo a fa’ casino, so’ superbo, stizzoso, vendicativo. Quelli comm’ a me fanno ‘na cosa sola: striscia’ come a ‘no verme. Non devi credere mai a nisciuno! (Amelia è sconcertata ma non replica)

PUPARO     Signori e signore, inizia la rappresentazione. Buona serata a tutti! (Sparisce dietro il teatrino)

AMLETO    E quest’ è tutto? Già è finito ‘o spettacolo?

GILTRUTA(Divertita e ironica)  Infatti, è stato breve.

AMLETO    E sì! Come l’amore ‘e ‘na femmina!

(Si apre il siparietto del teatrino e appaiono un pupazzo vestito come Aitano ‘o Bersagliere e un altro vestito come Giltruta. Si sente la voce del puparo che recita tutte le parti cambiando solo la tonalità della voce).

Pupazzo Aitano ‘o bersagliere     Sono più di trent’anni che t’ho sposato e ti voglio ancora bene.  

Pupazzo GILTRUTASperiamo che durerà il più possibile.

PUPAZZO AITANO ‘O BERSAGLIERE    Teso’, mi sa che t’aggia abbandona’ prima d’ ‘o tiempo. Mi sento un poco strano. Saranno state ‘e cozze che mi so’ mangiato, ma mi sento ‘a panza ‘nturcinata e le forze mi stanno lasciando. Tanto, tu ti trovi subito n’ato marito più bello e giovane di me.

PUPAZZO GILTRUTA     Ma che stai dicendo? Sarebbe ‘no tradimento ‘e ‘na femmina vigliacca.

Maledetta quella donna che si maritò ‘n’ ata vota. Chi prende un secondo marito, vuole dire che accirivo ‘o primo.

AMLETO(Osservando intensamente lo zio Claudio che appare a disagio)   Coscienza, spertosaci ‘o cerviello come a ‘no tarlo.

PUPAZZO AITANO ‘O BERSAGLIERE      Mo’ dici così ma, lascia che me ne moro, e poi m’ ‘o sai a di’. Intanto famme stendere ‘no pocarillo.

PUPAZZOGILTRUTA     ‘O Cielo m’adda fulmina’ se mi sposo n’ata vota!

AMLETO      Mammà, che te ne pare ‘e sta rappresentazione?

GILTRUTA      Secondo me, quella donna fa troppe promesse.

AMLETO       Però essa ‘e mantiene ‘ste promesse!

CLAUDIO      Ma perché, sai già come va a fini’ ‘sto spettacolo? Secondo me, rivela’ ‘o finale è un’offesa per chi deveguarda’ tutto ‘o spettacolo.

AMLETO        Ma quale offesa! Quello dice così per scherzare. Fa solo finta.

CLAUDIOE ‘o titolo di quest’opera qual è?

AMLETO“ ‘A trappola pe’ ‘e surici”. Si tratta ‘e n’omicidio ma a noi che ce ne ‘mporta? Noi… tenimmo ‘a coscienza pulita.

PUPAZZOCLAUDIO(Tiene in una mano un piatto di cozze)   Con queste ti ho avvelenato e mo’ mi sposo pure a mogliereta. Tie’!

(Claudio comincia ad agitarsi visibilmente)

GILTRUTA   Claudiu’, ma che tieni, ‘a tarantola?

(Claudio si alza di scatto cominciando a barcollare mentre cerca di far apparire che è tutto a posto. Accenna una risata che, però, gli muore in gola)

CLAUDIO     Maronna mia! Io non vedo più niente. Aprite le luci, mi sento male.

PAOLONE   Fermate ‘sto teatrino, per carità, don Claudio non si sente bene.

AMLETO(Rivolto a Claudio)  Com’è? Ti sei messo paura? Ha’ visto ‘o mammone? Guardami ‘n faccia: mo’ puoi capire che mi sento come ‘no cervo ferito.

(Claudio scappa via in preda al panico mentre Amleto corre ad abbracciare il puparo e a fare festa con lui e poi afferra Orazio per un braccio)

AMLETO     Hai visto pure tu? Mo’ siamo sicuri che ‘o fantasma diceva ‘a verità, sei d’accordo con me?

ORAZIO    Per la miseria! Certo che ho visto: tuo zio Claudio teneva ‘na faccia sbandata quando ha visto ‘e compari’ ‘a marionetta co’ quillo piatto ‘e cozze in mano.

AMLETO(Corre verso Amelia)  Non credere a nessun uomo, siamo tutti infami. Vattenne co’ ‘e monache, scappa, vattenne dint’ a qualche convento, (Amleto bacia Amelia) statti buono!

(Amelia rimane sconvolta e piange)  

GUIDARIELLO    Fammi dire ‘na parola.

AMLETO    ‘Na parola? Per me, puo’ recita’ ‘no romanzo sano sano.

GUIDARIELLO     Claudio ‘sta tutto stralunato.

AMLETOé colpa d’ ‘o vino?

GUIDARIELLO     No, non è stato ‘o vino. è colpa della collera.

AMLETO      E allora, perché non parli co ‘no medico?

ROSICANN’      Ma perché non fai ‘no poco ‘a persona seria? Rispondi!

AMLETO    Io non ve la do, manco se viene ‘a missione!

ROSICANN’    Ma che cosa?

AMLETO    ‘Na risposta certa e basata: mi manca ‘o cerviello ‘ncapo pe v’ ‘a da’.

GUIDARIELLO   Amle’, mamma tua ci ha mandato da te.

AMLETO        E che v’aggia dicere: benvenuti!

ROSICANN’       Mammata è chiena ‘e meraviglia per come ti comporti.

AMLETO    Che figlio strabiliante che fa’ stupi’ ‘a mamma! 

ROSICANN’      Amle’, ma per quale motivo si’ così amareggiato? Tu chiudi ‘a porta alla serenità tua se non parli con gli amici. Mammata ti vuole parla’. Ha detto che t’aspetta dentro al gabinetto.

AMLETO     Sta dint’ ‘o gabinetto e mi vuole parla’? Che tiene, ‘e torcimienti ‘e panza? Dalle ‘na purga e po’ discutimmo.

GUIDARIELLO   Non dire fesserie. Fa ‘o serio! Mammata sta dint’ ‘o studio suo.

AMLETO     ‘O studio? Ma quale studio che quella a stient’ ha fatto ‘a quinta elementare!

ROSICANN’      Amle’, tua madre ti aspetta dentro ‘o stanzino addò tiene ‘o tavolino per cuci’.

AMLETO     E tu ‘o chiami gabinetto, ‘o chiami studio… io che ne saccio. (Prende un flauto di legno che è rimasto a terra quando è andato via il puparo) Guidarie’, vuo’ sona’ ‘sto piffero?

GUIDARIELLO     Io non saccio sona’.

AMLETO      Che ci vuole? è facile, come è facile fare ‘no spergiuro.

GUIDARIELLO      Ma io non so’ capace.

(Amleto si scaglia furioso contro Guidariello)

AMLETO     Tu, allora, non tieni proprio considerazione di me. Tu volissi sape’ tutte ‘e cose mie, tutti ‘e misteri che tengo chiusi dinto ‘o core, mi voliss’ sona’ come se suonassi ‘sto piffero.

GUIDARIELLO      Non dire così!

AMLETO     Ma tu piensi che è più facile a suona’ a me che ‘sto flauto? Io potrei essere qualunque strumento ma tu non mi puo’ mai sona’.

E mo’, lassatimmenne jì addò mammà. Vado nel gabinetto.

GUIDARIELLO      Amleto, io non ti capisco proprio.

AMLETO(Parla tra sé) Questa è l’ora che i camposanti sciosciano tutti i fiati dell’inferno. Però, devo mantenere la calma, aggia jì addò mammà e non voglio essere cattivo con lei, non mela sento, perché ‘o core mio non è crudele. L’aggia solo spaventa’ ma non la devo mai pugnalare alle spalle.

(Amleto si dirige nel basso che si intravede in fondo al vicolo, dove lo attende la madre. Il locale è illuminato da una lampada dalla luce calda. Il prospetto è tutto aperto verso la scena. Su un lato della stanza, si nota una tenda fatta con tessuto piuttosto pesante. C’è una sedia, su cui siede Giltruta, e un piccolo tavolo da lavoro)

PAOLONE(Parla con Claudio)   Amleto sta jenno addò ‘a mamma. Io mi nascondo addereto ‘a tenda per sentire tutto quello che dicono e po’ ve lo porto a dire.

CLAUDIO     Va buono Paolo’, sei sempre un amico.

PAOLONE     A disposizione, don Cla’. Vuje ‘o sapit’ che vi porto rispetto!

(In un altro locale, di lato alla stanza in cui Giltruta aspetta il figlio, c’è una mensola con un crocifisso e uno sgabello basso con cuscino)

CLAUDIO(Parla tra sé, inginocchiato sullo sgabello davanti al crocifisso)  ‘O delitto che aggio fatto è ‘o più infame che si può pensare. Aggio acciso a mio fratello, nessuna punizione sarà mai quella giusta. L’anima mia è nera come ‘o petrolio e sarà dannata per sempre. Madonna mia, e che aggio fatto! Come posso torna’ addereto o espia’ ‘sta ignobile colpa?

AMLETO(Nascosto dietro la parete della stanza ascolta il pentimento dello zio e riflette)    Mo’ lo devo uccidere... con questo pugnale. Mo’ è l’occasione buona per vendica’ ‘a morte e papà. Però… ‘no momento. Se l’uccido mentre sta preganno, ‘o faccio sali’ in Paradiso e così gli faccio pure ‘no piacere invece d’ ‘o fa’ danna’ dinto ‘o fuoco mmiezz’ ‘e diavoli come a isso. Se mai l’aggia fa’ fore, deve succedere mentre sta commettendo qualche peccato grave, allora lo devo pugnalare. Mo’ faccio ‘na cosa, vado prima addò mammà.

(Paolone si nasconde dietro la tenda della stanza dove Giltruta aspetta Amleto)

AMLETO    Mammà, sto qua, che mi vuoi dire?

GILTRUTA(Arrabbiata)  Amle’, poco fa, hai offeso zio Claudio.

AMLETO    Pure tu hai offeso mio padre.

GILTRUTA    Cerca ‘e capi’, e che diavolo!

AMLETO(Calmo)  Pure tu, mammà, devi cerca’ di capire a me!

GILTRUTA    Ma che vai trovanno?

AMLETO   Che vai trovanno tu, piuttosto!

GILTRUTA    Ma ti si’ scordato chi sono io?

AMLETO     Per niente. Tu sì ‘a guappa ‘e ‘sto quartiere, moglie d’ ‘o fratello‘e tuo marito e, per disgrazia mia, mi si’ mamma. Una schifezza di mamma! 

(uno schiaffo di Giltruta colpisce il viso di Amleto)

GILTRUTA      Lo trovo io qualcuno che ti può parla’ come si deve. (Si avvia per uscire)

AMLETO(Urlando)  Statti ferma là, non ti muovere, p’ ‘a miseria! Tu non te ne vai da qua fino a quando non ti sarai specchiata e avrai visto quanto fai schifo.

 (Afferra la madre per le braccia e la strattona)

GILTRUTA       Mi voliss’ uccidere mo’?  Che ti vene pe’ capo? (Gridando) Mamma mia, aiutatemi!

PAOLONE(Dal suo nascondiglio)  No!  Fermo! Aiuto!

AMLETO       Ci sta qualche zoccola addereto ‘a tenda? Mo’ provvedo io.   (Sferra una pugnalata senza guardare dove coglie. Si sente un urlo selvaggio mentre scorre del sangue sul pavimento) Ecco qua, abbiamo fatto ‘sto zoccolicidio. Mo’ possiamo parlare con calma.

GILTRUTA      Ma che hai combinato! Tutto quillo sango, chi ‘o leva mo’. Avevo appena finito ‘e passa’ a cera e mo’ devo comincia’ daccapo. E non tengo manco ‘no poco ‘e candeggina per smacchia’.

AMLETO(come se niente fosse)  Io? Che aggio combinato? Niente. Perché, ti preoccupi che poteva essere Claudiuccio tuo? Vediamo chi ci sta là addereto.

(Paolone rotola sul pavimento con il sangue che cola in abbondanza)

GILTRUTA     Che omicidio! Ma che pazzaria è questa?

AMLETO       È ‘a stessa pazzaria di chi ha ucciso ‘no marito pe’ si sposa’ ‘o fratello.

GILTRUTA     Uccidere ‘no marito? Ma che stai dicendo?

AMLETO      Esattamente quello che ho detto!   (Guardando Paolone)Povero scemo! Che grande ‘mpiccione! T’avevo scagnato pe’ uno più importante di te ma va buono accussì: ‘no spione di meno ‘ncoppa ‘a faccia d’ ‘a Terra! Mi dispiace, t’è andata male. Pe’ ‘mpizza’ ‘o naso dint’ ‘e cose che non ti riguardano, hai acchiappato tu quello che era destinato a mio zio.

GILTRUTA     Poveri noi, questo è pazzo!

AMLETO    Poveriello! Mi fai quasi pena!

(Rivolto alla madre)E mo’ vieni qua, che ti devo spiegare parecchie cose che t’anna fa’ arrevota’ ‘e stentine pe’ cuorpo e t’anna frantuma’ ‘o core, sempre se non è diventato tuosto come a ‘na preta.

GILTRUTA     Ma che ho fatto di male pe ti fa arrevota’ contro a me ‘e questa maniera?

AMLETO     Hai fatto una cosa che manco la più lurida delle puttane avrebbe potuto mai fa’. Hai tradito ‘e giuramenti che avevi fatto a papà ‘ncopp’ altare. Si’ ‘na spergiura!

GILTRUTA     Continuo a non capire.

AMLETO   (Prende due foto del padre e dello zio e le mostra alla madre) Guarda ‘e foto ‘e ‘sti due fratelli. Guarda quella ‘e papà, guarda com’era bello e onesto. Faceva ‘o guappo pe’ difendere ‘a povera gente, si levava ‘e soldi dalle tasche pe’ ‘e da’ a chi teneva bisogno. Ha levato, ‘a miezz’ a ‘sto rione, tutta ‘a delinquenza. Teneva ‘o core ‘e ‘no re!

GILTRUTA   Ti voleva bene e t’ha cresciuto co’ tutto l’amore e l’onestà.

AMLETO   Infatti. ‘O Pataterno gli aveva dato tutte ‘e qualità ‘e ‘no vero ommo. E guarda, invece, mo’ a chi ti sei sposato, guarda che ‘nzivuso, che cacaturo, che latrina! Da coppa a ‘no trono si’ caduta, longa longa, dint’ a ‘na chiavica.  (Urlando)Come hai potuto fa’ l’amore co’ n’ommo accussì lurido, quando tenivi annanzi a quillo signore?

GILTRUTA    Non mi dire più niente! Basta! Si’ riuscito a mi fa senti’ ‘na munnezza!

(Entra lo spettro di Aitano ‘o Bersagliere. Amleto lo vede ed è turbato. Si fa il segno della croce)

AMLETO      Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria! ‘O che vuo’ ‘a me? Si’ venuto a mi rimprovera’ perché ci metto troppo tiempo a ti fa’ giustizia?

SPETTRO DI AITANO ‘O BERSAGLIERE      Non ti scorda’ quello che m’hai promesso. Guarda tua madre, falla ragiona’. Mo’ è ‘o momento ‘e parla’!

AMLETO    Mammà, come ti senti?

GILTRUTA    E tu come stai? Pare che stai vedendo qualcosa che io non vedo. Parli tu solo, che ti sta succedenno? Fammi capi’ pure a me: che stai vedendo?

AMLETO     Ma perché, tu non vedi? Non hai sentito niente?

GILTRUTA     No, non veco e non sento niente, a fore a te che sfrenesii.

AMLETO       Guarda, guarda là, se ne sta jenno! È papà co’ ‘e vestiti ‘e quando era vivo.

GILTRUTA      Ma che ti sei fumato? O, forse ti sei bevuto qualche cosa? Tu stai sbarianno come se t’avissi ‘mbriacato.

AMLETO   No! Tu mi devi credere. Non sto ‘mbriaco. È tutto vero, io vedo e sento a papà.

Non ti puo’ scarica’ ‘a coscienza pensanno che io so’ pazzo e non che si’ tu che hai fatto n’azione infame.  Confessa tutt’ ‘e peccati, pentiti ‘e tutto ‘o male che hai fatto e, soprattutto, non continua’ a jetta’ letame ‘ncoppa all’ortiche, ché quelle diventano ancora più puzzolenti.

GILTRUTA     Amle’, m’ ha’ spaccato ‘o core, figlio mio!

AMLETO     E allora non peggiora’ ‘a situazione. Cerca ‘e recupera’ ‘no poco ‘e dignità! Statte bona! Fatti ‘no bello suonno e, quando ti vai a fa’ benedi’, allora puoi benedire pure a me!

Per quello che riguarda ‘sto pover’ommo, me ne pento che l’aggio acciso. è stato ‘o Padreterno che ha usato a me pe ‘o puni’ e a isso pe’ puni’a me.

M’ ‘o porto con me e, se aggia esse condannato, non ci stanno problemi. Sto qua! Buona notte! Devo essere crudele per pietà, così ‘o male comincia e ‘o peggio deve ancora veni’.

GILTRUTA      E mo’ io che aggia fa’?

AMLETO     Non devi fa’ proprio niente. Anzi, non ti fa’ piglia’ in giro da quillo ‘nzivuso, con quelle quattro moine che te fa. Non rivela’ che io non sono pazzo, che faccio ‘o pazzo solo per finzione. Non ti fa scappa’ niente.

GILTRUTA   Ne puoi sta’ certo! Se ‘e parole so’ fatte ‘e fiato, e ‘o fiato è fatto di vita, io non tengo vita pe’ da’ voce a quello che hai detto. 

AMLETO    Mammà, mo’ ti dico veramente “santa nottata”! Statte bona. (Amleto trascina il corpo di Paolone. Si rivolge al corpo esanime) Mo’ sì che ‘sto consigliere si po’ fa’ ‘e fatti suoi. E quanto pesa! È strano ‘sto fatto: quando era vivo sfrenesiava co’ leggerezza e mo’ pesa e questa maniera!

(Amleto va via ed arriva Claudio che, dalla sua stanza, attraverso una porta, entra in quella dov’è Giltruta)

CLAUDIO   Giltru’, addò sta Amleto?

GILTRUTA     Madonna mia, e che è succieso! Amleto è impazzito, è impazzito overo! Non ragiona più. Sapissi che ha combinato! Dint’ a ‘no momento ‘e pazzaria ha ucciso a Paolone che s’era nascosto adderet’ ‘a tenda.

CLAUDIO     Mannaggia ‘a marina, potevo acchiappa’ io a’ ‘o posto suo!

(Corre fuori a cercare qualcuno che fermi Amleto)   Corriti, corriti, Amleto è impazzito: ha ‘cciso a Paolone. S’adda trova’, e pure ‘e pressa.

ROSICANN’     Amle’, addò ti si’ nascosto?

GUIDARIELLO    Amleto, iesci, facci capi’ addò stai.

(Rosicann’ e Guidariello corrono a cercarlo)

CLAUDIO     Non si trova né isso, né ‘o cadavere ‘e Paolone. Addò s’è nascosto? Guagliu’, Amleto adda esse’ punito ma senza esagera’, perché dobbiamo dare conto a chi ‘o vo’ ancora bene. Ci stanno tanti scemi che ‘o stimano ancora. (Rivolto a Guidariello e Rosicann’ che sopraggiungono)E mo’ ‘o che è succieso?

GUIDARIELLO    Hammo trovat’ Amleto, però non vuole rivela’ addò ha nascosto ‘o cadavere ‘e Paolone.

CLAUDIO       Ma isso addò sta?

(Amleto arriva buttando all’aria tutto ciò che trova sulla sua strada. È completamente fuori di testa)

CLAUDIO       Amle’, addò sta Paolone?

AMLETO       A cena!

CLAUDIO    A cena? Ma dove?

AMLETO      Non dove mangia, ma addò viene mangiato. Migliaia ‘e viermi si so’ dati convegno ‘ncuollo a isso… e con tanto gusto! Si stanno consolanno! Per loro ‘no guappo chiatto o ‘no pezzente secco so’ solo due spaselle ‘e mangia’ ma fanno parte d’ ‘o stesso pranzo.

CLAUDIO     Mamma mia e che hanna sentere ‘ste recchie!

AMLETO      Un solo uomo po’ pesca’ con un unico verme che s’è mangiato ‘o guappo e, po’, arrostire ‘o pesce che s’è mangiato quillo verme.

CLAUDIO      O che vuo’ dicere con questo?

AMLETO      Niente! Solo che ‘no guappo ricco e ‘nzivuso po’ fa’ ‘no viaggio dint’ ‘a panza ‘e ‘no pezzente. (Ride)

CLAUDIO(Cerca di mantenere la calma. Scandisce le parole) Addò sta Paolone?

AMLETO     Sta ‘ncielo. Manda i tuoi amici a trovarlo là. Se ‘e spioni tuoi non ‘o riescono a trova’, allora va’ tu stesso a t’ ‘o cerca’, però dint’ all’inferno. Se dint’ a ‘no mese nisciuno ‘o riesce a trova’, né ‘ncielo né all’inferno, puoi sempre segui’ ‘a puzza che si sprigiona ‘a coppa ‘e scale che stanno addereto ‘o vico.

CLAUDIO     Jat’ a vede’ addò dice isso. Forse Paolone sta veramente ‘ncoppa ‘e scale d’ ‘o vico.

AMLETO      Fate con calma, tanto quello non si può muovere.

CLAUDIO     Sientimi, Amle’, pe’ ‘na questione di sicurezza, tua e nostra, t’aggia manna’ a fa’ ‘no viaggio a Milano.

AMLETO   A Milano?

CLAUDIO      Sine! Ti vai ‘a fa ‘no viaggetto a Milano. Ti faccio accompagna’ da Guidariello e Rosicann’ che ti fanno compagnia, così vi divertite ‘no pocarillo.

AMLETO      Buono! Basta che non so’ costretto a vede’ a Silviuccio Recchialonga, che non m’ ‘o fido ‘e senti’.

CLAUDIO      Va buono solo se tu capisci ‘e motivazioni che m’ hanno fatto convincere a mandarti là.

AMLETO      Sto vedendo l’angiolillo che vede ‘ste motivazioni. Mammà, statte bona!

CLAUDIO      Io ti so’ padre.

AMLETO      No, tu mi si’ mamma. Padre e madre so’ ‘na sola cosa? Marito e mogliera so’ ‘na carne sola? Perciò tu mi si’ mamma. Jammo a Milano.

CLAUDIO(Rivolto a Guidariello e Rosicann’)  Adda parti’ stasera stessa. Voi ‘o consegnate a Silviuccio Recchialonga co’ ‘na lettera ‘e raccomandazioni. Sape isso come l’adda fa’ fore. Se Silviuccio ci tiene all’amicizia mia, non deve mettere ostacoli a quello che l’aggio scritto dint’ ‘a lettera. L’adda accidere con ‘na conferenza ‘e almeno cinque ore. Con l’ultimo comizio, ha fatto fore parecchie persone: so’ morte schiattate ‘ncuorpo p’ ‘o sfastirio.  Amleto non ‘o po’ soffri’: dopo cinque minuti è steso ‘nterra, stramuorto.

AMLETO      Mammà, il tuo caro marito m’ha preparato ‘na brutta sorpresa! ‘O sai che mi manda a Milano, addò quillo fetente ‘e Silviuccio ‘a recchia. Gli ha scritto ‘na lettera dove dice che mi deve uccidere con ‘no discorso ‘e minimo cinque ore.

GILTRUTA     ‘O saccio, Amle’, ‘o saccio! Tu, statt’ accuorto. Mettiti i tappi pe’ ‘e recchie.

AMLETO     Mammà, questo è ‘no complotto.Io, però, ci faccio ‘no regalo che se l’hanna ricorda’ pe’ tutto ‘o riesto d’ ‘a vita loro, anche se ‘a vita loro, t’ ‘o giuro, durerà ancora per poco. Quei due amici che mi ha messo appriesso tuo marito so’ peggio d’ ‘e serpe velenose ma avranno ‘no bello omaggio!  Anna scoppia’ co ‘e stessi trichhi tracchi che avevano riservato a me. M’aggia diverti’! Mammà, stai serena!

GILTRUTA    Amle’, io ‘sta frase l’ho già sentita da qualche parte e non mi tranquillizza pe’ niente! Non fa’ fessarie, pe’ piacere. (Amleto parte scortato da Rosicann’ e Guidariello)

(Amelia appare in scena trasandata, i capelli scomposti, scalza e con gli occhi spiritati. Ha l’aspetto di una pazza. Si avvicina a Marcellino che si trova a passare per strada. è presente anche Orazio)

AMELIA       Da come mi guardi, aggio capito che volissi sta con me. Certo, quello che puo’ ave’ da me, quale altra femmina t’ ‘o po’ da’? (Comincia ad accarezzare in maniera spudorata il ragazzo, avvinghiandosi a lui come se volesse fare l’amore. Marcellino è imbarazzato, non sa reagire ma cerca di mantenere il sangue freddo)

AMELIA      ‘E maschi comm’a te, appena possono approfittà ‘e ‘na femmina, fanno l’amore e le femmine quello vanno trovanno. Tu m’hai promesso ‘e mi sposa’, ‘e mi rispetta’ quando fossi diventata tua moglie. Mi dicesti: io t’avrei rispettata se non fossi trasuta dint’ ‘o lietto co’me.

CLAUDIO     Vieni con me, Amelia. Ja’, non fare così.

GILTRUTA(Rivolgendosi a Orazio)  Oramai, co’ quello che tengo dint’ a st’ anima malata chiena ‘e peccati, ogni scemenza mi pare che si porta appriesso ‘na sciagura. Tutte ‘e colpe, solo pe ‘a paura di essere appurate, escono fuori da sole e si fanno scopri’.

AMELIA(Urlando e correndo)     Addò sta Giltruta, quella guappa? Addò sta quella bella femmina che comanda ‘sto quartiere?

GILTRUTA       Che vuoi, ne Ame’?

AMELIA     A papà l’hanno ‘nfossato sotto a ‘na preta, senza esequie, senza ‘no canto, senza manco ‘na Messa, senza versà ‘na lacrima, senza manco ‘no fiore. Così, come a ‘na mappina zozzosa. Chi ‘o sape se va a fini’ ‘mparaviso ‘o all’inferno. ‘Na cosa è certa, che c’ha lassato e non tornerà.  

(Amelia inizia a giocare con il vestito di Giltruta e la guarda con l’espressione sconvolta della sua ormai evidente follia. Giltruta piange, sgomenta, e corre tra le braccia di Claudio)

CLAUDIO       ‘A quanto tiempo sta combinata così? (Giltruta fa cenno con la testa per dire che non sa esattamente da quanto sia accaduto)

AMELIA(Pronuncia frasi sconnesse) ‘O pere ‘e ‘nzalata non ha fatto ‘e viermi perché m’aggio  magnato io. ‘O zucchero non è buono pe’ ‘a ‘nzalata, ci mettimmo ‘no poco ‘e formaggio. Guarda com’è bella ‘a minestra fatta con ‘e perucchi che tieni ‘ncapo! Mangia, mangia!

CLAUDIO     Come ti senti, Ameliù?

AMELIA     Bona, bona, mi sento bona. ‘A civetta era figlia ‘e ‘no panettiere. Non sape chi è e non sape chi potesse essere. Se volimmo che tutto va buono, avimm’ ave’ pacienzia. (Scoppia in un pianto disperato)   Come si fa a non chiagnere pensanno che papà sta tumulato dint’ a quella terra fredda. (Ride)  Quando mio fratello ‘o vene a sape’...! Vedrete, vedrete… (Rivolgendosi a Giltruta) Grazie assai per tutti i buoni consigli. (Rivolgendosi a Orazio) Vammi a piglia’ ‘no motorino che aggia parti’. Spicciati, ché è tardi. Jammucenne.

CLAUDIO    Pover’Amelia!  Tiene ‘a capa che non le funziona chiù.

AMELIA     Bona notte, bona notte, bona notte a tutti ‘sti signuri.

CLAUDIO     Orazio, vall’appriesso e non ‘a perdere ‘e vista.

AMELIA     M’avevi promesso ‘e mi sposa’, ‘e mi rispetta’. Tu m’hai detto che ‘o rispetto me l’avresti dato solo se non fossi trasuta dint’ ‘o lietto co’ te.

CLAUDIO     Mannaggia, ‘e sciagure non arrivano mai sole.

ORAZIO    Amelia, non fa’ accussì, datti ‘na regolata. (Amelia scappa, rincorsa da Orazio)

(Arriva Laerte, tornato da Roma)

LAERTE     Addò sta quillo guappo ‘e Claudio, addò sta? Mo’ li faccio vede’ io che li combino!

CLAUDIO    Statti quieto, non fare così.

LAERTE    Fatemi sape’ addò sta mio padre Paolone. Addò sta?

CLAUDIO(Titubante)    È muorto!

LAERTE      Don Cla’, non me ne ‘mporta niente che voi siete ‘o capo ‘e ‘sto quartiere, io aggia vendica’ a mio padre, quello che succede succede!

CLAUDIO    Mi pare giusto che tu vuoi vendica’ Paolone, però non puoi fa’ tutt’erba un fascio. Non puoi condanna’ sia l’amici che ‘e nemici. È così o no?

LAERTE    Io mi voglio vendica’ solo dei nemici!

CLAUDIO     Mo’ sì che parli buono. Lae’, si’ n’ommo ‘e conseguenza! Io, non solo so’ innocente ma mi faccio meraviglia ‘e come è successo tutta ‘sta tragedia. Perciò, sarò franco con te!

LAERTE    E chi è mo’ ‘sto Franco?

CLAUDIO    Voglio dire che sarò sincero e ti dico tutta ‘a verità ‘ncoppa ‘a morte ‘e tuo padre.

(Il colloquio si interrompe perché si sente piangere Amelia che continua a manifestare segni di squilibrio mentale)

AMELIA(Si rivolge a Laerte porgendogli delle pietre)   Tie’! Pigliate ‘sto rosmarino, ti serve pe ‘a memoria… e qua ci stanno ‘e panse’, pe’ non ti scorda’ l’amore mio. Me ne piglio qualcuna pure io, così non mi scordo di te che m’hai amato.   (Si avvicina a Giltruta) A te ti do ‘no garofano e ‘no giglio bianco. (Si rivolge a Claudio) A te, po’, ti dol’erba cipollina pe’ ti fa’ chiagnere. Ce ne sta ‘no poco pure per me. Si porta dint’ ‘a chiesa la domenica pe si fa’ perdona’ i peccati. Tieni pure ‘sta bella margherita. Ti darei pure ‘no mazzo ‘e viole ma si so’ ammosciate quando è muorto papà... Dicono che ha fatto ‘na bella morte.

LAERTE    San Gennaro mio, com’è possibile che ‘sta femmina è uscita pazza da ‘no giorno a n’ato?

(Amelia fugge di nuovo inseguita da Orazio. Laerte rimane per terminare il discorso che aveva iniziato con Claudio. Dopo un po’, Orazio ritorna correndo ed è sconvolto)   

ORAZIO      Amelia s’è uccisa, s’è buttat’ a mare. Che disgrazia che è successa!

‘A natura è stata invidiosa d’ ‘a bellezza sua e l’ha convinta a si votta’ dint’ all’acqua co’ tutt’ ‘e fiori che aveva raccolto. Com’era bella, mentre cantava l’ultima canzone fino a quando ‘e vestiti non si so’ sponzati co’ l’acqua e l’hanno tirata abbascio, mmiezzo all’onde. Poverella!

LAERTE      E accussì, Amelia è affogata?

GILTRUTA      Che disgrazia!

   TERZO ATTO

(Un pannello con l’immagine di Milano dove, sullo sfondo, si staglia la sagoma del Duomo copre le scene del rione di Napoli. Amleto, mentre i suoi compagni dormono accovacciati in un angolo, sostituisce la lettera che lo condanna, con un’altra identica che condanna Rosicann’ e Guidariello. Le luci sono basse perché è notte fonda)

AMLETO(Legge, cercando di non fare troppo rumore, la lettera che ha scritto lo zio Claudio,) Meno male, so’ riuscito a piglia’ ‘o borsello ‘e Rosicann’ co’ ‘a lettera che ha scritto zio Claudio. Fammela leggere n’ata vota prima che ‘a sostituisco. (Inizia la lettura sotto voce mentre Rosicann’ e Guidariello dormono)

“CarissimoSilviuccioRecchialonga,ricordandotiivotichet’aggioprocuratodaimieicompaesani,mo’song’iochet’aggiachiedere‘nofavore: attaccaAmletuccio,mionipote,‘ncoppa‘a‘naseggiaecominciaaparla’peralmenocinqueore,tantoate‘ofiatonontimanca. Quillo,tu‘osai,nontisopportaproprio,perciòiosperocheschiatta‘ncuorpoecosìpossofinalmentesta’quieto‘navotaepersempre. Tisalutoetipromettochealleprossimeelezioni,tifacciousci’n’atavota. Stattibuono,eattiento‘egugliate‘ncapochel’ultimavoltacistaviappizzanno‘edienti! CiaodaltuocaroamicoClaudiodiNapoli.

Ps: Salutami‘aDudù.”

(Parla tra sé mentre frega le mani con soddisfazione) Mo’ sostituisco ‘sta lettera con quest’ata, tanto, aggio imitato tale e quale ‘a scrittura ‘e zio Claudio.  Quillo, Silviuccio non se n’accorge.

Fammi legge’ ‘n’ata vota quello che aggio scritto, è meglio controllare.

“Carissimo Silviuccio Recchialonga, arricuordati quanti voti t’aggio fatto piglia’ dinto Napoli che manco ti sapevano. Mo’, mi devi fare tu un piacere a me: questi due amici che vengono addò te insieme a Amletuccio, che ti vo’ bene assaje, so’ due spie ‘e Matteuccio, quell’amico tuo ‘e Firenze che parla a schiovere e ti fa fa’ solo figure ‘e merda. Attaccalli ‘ncoppa a ‘na seggia, belli azzeccati azzeccati, e comincia a parla’. Quelli sono sempre andati dicendo che non ti sopportano. Attacca ‘no bello discorso ‘e dieci ore. Ti saluto e ti prometto che per le prossime elezioni ti faccio ave’ ‘e voti pure a Caserta, non ti da’ pensiero. Quanto si’ bello, Silviuccio mio! Se io fossi ‘na femmina, ti zompasse ‘ncuollo. Ciao da Napoli e, se non ti dispiace, regala qualche cosa ‘e sordi a mio nipote Amleto che così si consola per la morte d’ ‘o padre. Co’ tutti i miliardi che tieni, centomila euro pe’ Amleto non ti costano niente. Ci sentimmo e ci vedimmo. L’amico tuo Claudio.”

(Si spengono le luci per dare l’impressione del passare del tempo. Quando si riaccendono, arrivano due aguzzini che prendono Rosicann’ e Guidariello e li legano a due sedie con le mani dietro la schiena e le gambe avvolte dallo spago. I due ragazzi non capiscono cosa stia succedendo quando, a un tratto, si sente una voce)

VOCE DI SILVIO RECCHIALONGA     Adesso, cari amici, vi faccio ascoltare tutto il repertorio dei miei comizi elettorali da venticinque anni ad oggi. State pure comodi e porgete orecchio alle mie parole. Ora, come allora, ho da dirvi molte cose.

(Quasi subito Rosicann’ e Guidariello stramazzano sfiniti, rimanendo abbandonati sulle sedie. Sembrano morti)

                                            *********

(Sparisce il pannello con le immagini di Milano. Siamo di nuovo a Napoli nel rione Sanità. È giorno pieno)

AMLETO  (Torna, di nascosto, nel rione. È in compagnia di Orazio. C’è un anziano marmista che sta preparando l’affissione di una lapide. Ha tutto l’occorrente e la lastra di marmo che è girata al rovescio)Scusate, ma di chi ‘è ‘sta lapide?

MARMISTA  (Si ferma)È mia, perché?

AMLETO      Volevo dire, per quale uomo ‘a stai ‘nchiuvanno ‘mpietto ‘o muro?

MARMISTA       Non è per un uomo.

AMLETO      Allora, è pe’ ‘na femmina?

MARMISTA       None. Per nessuna femmina.

AMLETO      ‘A capa tua non è bona! Io voglio sape’ a chi viene intitolata.

MARMISTA     A una che era ‘na femmina ma mo’ non ce sta chiù. È morta.

AMLETO      Com’ è sofisticato ‘sto fetente. ‘A quanto tiempo fai ‘o marmista?

MARMISTA      Da ‘o juorno stesso che è nato Amleto ‘o pazzo, che mo’ è partito pe’ Milano.

AMLETO      E perché è partito per Milano?

MARMISTA     Perché era pazzo. Dice che là po’ guari’ d’ ‘a pazzaria. Se poi non guarisce, non importa perché là non ci sta troppa differenza.

AMLETO     E perché non ci sta differenza?

MARMISTA     Là non se n’accorge nisciuno, perché so’ tutti quanti pazzi.

AMLETO      E quest’ata lapide a chi appartiene?

MARMISTA    A uno che sta sotto terra da almeno venticinque anni. Ogni tanto babbiava. ‘Na vota mi buttò ‘ncapo ‘no fiasco ‘e vino. Quando mi ritirai a casa, mia moglie mi mazziavo perché si pensava che m’ero ‘mbriacato. Si chiamava Giarrico Russo, faceva ‘o comico jenno a casa d’ ‘a gente per pochi spiccioli.

AMLETO      Ma allora a quisto io ‘o conoscevo! Era assai spassoso. Quando ero criaturo, mi faceva pazzia’ co’ isso portandomi a cavalluccio e mo’, guarda qua, è solo ‘na lapide ‘mpietto a ‘no muro. Tutti quei baci che m’ha dato con quella bocca che po’ ti beffeggiava e ti faceva mille smorfie pe’ ti fa ridere.Mo’, ‘o vi’, volesse jì addò quella femmina che tu sai, Ora’, e le volesse di’: “Hai voglia e ti mettere ‘n faccia tutto quello fondotinta, ‘o rossetto, ‘e ciglia finte. Tu farai lo stesso ‘a fine che ha fatto Giarrico, che è solo ‘no cadavere puzzolente sott’ a ‘no palmo ‘e terra.” Se è capace ‘e ridere per questo!

(Passa un prete con la stola nera e la faccia mesta. Porta un aspersorio e scuote la testa, ancora incredulo per aver dovuto benedire una ragazza suicida)

AMLETO(Ferma il prete)  Scusate, ‘on Gennari’, ma da dove venite con quella faccia mesta?

DON GENNARINO  (Non riconosce Amleto)   Sapessi, bello guaglio’. Ho dovuto benedire ‘na scomunicata che s’è uccisa. Se non fosse che ho avuto ordini da ‘no superiore ‘e Roma, io non mi sarei scomodato per porta’ l’acquasanta e quella sarebbe stata sotterrata dinto a ‘na fossa sconsacrata. Invece, hanno fatto sona’ pure ‘e campane! Che mi tocca ‘e vede’! Però so’ riuscito a non dire la Messa, perché non le voglio assicura’ ‘o stesso riposo eterno che tocca all’anime benedette che so’ morte in pace. Quillo fetente d’ ‘o frate Laerte mi stava pure mandando a quel paese e solo per poco non m’ha messo ‘e mani ‘ncuollo!

AMLETO   (Tra sé, scioccato)  Ma allora si tratta ‘e Amelia?

(Arrivano Giltruta e Laerte reduci dal funerale di Amelia)

GILTRUTA   Mamma mia che dolore! E pensa’ che io ‘a volevo fa sposa’ co’ Amleto. Le volevo fa’ n’apparata ‘e fiori dinto ‘a chiesa pe ‘o sposalizio, e mo’ m’è toccato ‘e fa’ ‘na corona pe’ l’esequie.

LAERTE    Aggia manna’ ‘na jastemma a chi ha fatto escì ‘e capo Amelia. Quillo scornacchiato adda fa’ ‘e perucchi, adda paga’ chiù debiti d’ ‘o Stato italiano e quello greco missi insieme, l’anna votta’ ‘nfaccia miezzo chilo ‘e chiarfo, s’adda spezza’ ‘a chiave dint’ ‘a serratura, quando s’arritira ‘a casa con ‘a cacarella e po’… adda morì co’ ‘na fune ‘ncanna! ... e non l’abboffo ‘e male parole pecché songo ‘no signore.

(Amleto fa gli scongiuri nascosto dietro un angolo, poi riflette tra sé, desolato)

AMLETO      Mamma mia e che aggio combinato! Pover’a me!

LAERTE      Povera sora mia, era così bella. Io ‘a volevo accussì bene che nisciuno ‘a poteva ama’ più di me.

AMLETO (Esce dall’ombra, mentre tutti restano sorpresi nel rivederlo, pensando che si trovasse a Milano)  Guarda che solo io ‘a volevo bene. Quarantamila fratelli messi insieme non potessero appara’ manco ‘a metà dell’amore che aggio voluto a Amelia. È stata l’unica femmina per me e rimmarra’ pure l’ultima. Mo’ moro pur’io appriesso a essa. (Incassa le spalle depresso)

LAERTE (Urlando)    Mo’ ti spacco ‘a capooo! (Si scaglia contro Amleto)

AMLETO(Infuriato)   Lievem’ ‘e man’ ‘a cuollo, ché sto più incazzato di te e non saccio quanto posso essere pericoloso. Se si’ furbo, mi devi lascia’ sta’.  (Si calma ma è turbato) Pure se ti dico che t’aggio voluto bene coma a ‘no frate, mo’ è tutto inutile. Ti sei fissato che mi devi odia’ e io non ci posso fa’ più niente!  (Amleto lancia un urlo e sembra avventarsi su Laerte)

CLAUDIO     Levatancell’ ‘a nanzi se no quillo l’accide. (Amleto fugge via)

GILTRUTA  (Rivolta a Orazio)   Oraziu’, va appriesso a’ Amleto, ti voglio bene, prima che combina quacche guaio gruosso.

CLAUDIO(Rivolto a Laerte)   Sienteme buono, io ti voglio consiglia’, se ti fid’ ‘e me.

LAERTE        Ditemi tutto, fuorchè ‘e fa pace.

CLAUDIO       Laerte, tu ti stai chiedendo perché non aggio punito Amleto come si meritava. E mo’ te lo dico: primo, per mezz’ ‘e mia moglie Giltruta, che vive solo pe’ isso e io, vuo’ per destino, vuo’ per maledizione, non respiro senza ‘e ‘sta femmina. Po’, perché ‘a gente ‘o vo’ bene e io non posso deludere ‘e persone ‘e ‘sto quartiere. Mi devi dire ‘na cosa, però: tu provi veramente dolore pe ‘a morte ‘e tuo padre o è tutta ‘na finzione?

LAERTE     Come vi vene pe’ capo e mi chiedere ‘sta cosa?

CLAUDIO     È solo per capi’ che saresti capace ‘e fa’ per dimostrare che ‘o vuo’ bene, non solo a chiacchiere ma co’ i fatti.

LAERTE     Scannasse Amleto pure dint’ a ‘na chiesa.

CLAUDIO      Perché ti devi confina’ dinto a ‘na chiesa? ‘A vendetta non adda tene’ confini. Se vuo’ uccidere Amleto, ti dico io quello che devi fa’. L’aggio preparato ‘na trappola che non po’ fa a meno e ci cade’. Se isso more, noi non tenimmo nisciuna colpa e manco ‘a mamma può ave’ sospetti. Tutti quanti si penseranno che è stato un incidente.

(Manda una persona di sua fiducia a comunicare di aver fatto una scommessa sulla eventuale vittoria di Amleto nel caso avesse duellato con Laerte)

‘O STREGONE (È un negromante. Non si fa scrupolo di offrire i suoi servigi al miglior offerente. Veste in maniera piuttosto eccentrica e porta amuleti appesi al collo e alle braccia.Ha un atteggiamento sdolcinato)Caro Amletuccio mio, mi fa tanto piacere che si’ tornato a Napoli.

AMLETO        E grazie!

‘O STREGONE     Sientimi, Amletu’, so’ venuto perché m’ha mandato ‘on Claudio per ti di’ ‘na cosa.

AMLETO        E dimmi, dimmi!

‘O STREGONE       Don Claudio ha fatto ‘na scommessa che tu, se fai ‘na sfida co’ Laerte, vinci in meno di un minuto. Tu, a Laerte, ‘o conosci bene?

AMLETO     Pe’ pote’ dicere che si conosce a qualcuno, ci dobbiamo conoscere prima noi stessi.

‘O STREGONE      Don Claudio ha fatto ‘a scommessa che, se vi sfidate co’ ‘o curtiello, tu lo uccidi sicuro, senza che quello può replica’! Vuole che vi sfidate subito, perché ha scommesso ‘a barca che tiene a Mergellina. Se perdi tu, l’adda regala’ a me e io non vedo l’ora che pierdi… perché ‘o saccio che pierdi sicuramente.

(Amleto fa, tra sé, le sue riflessioni, cambiando, decisamente, il corso del finale rispetto all’originale shakespeariano. Si rivolge al pubblico)

AMLETO    A questo punto, dovrei cadere nella trappola di zio Claudio che prevede che io, per orgoglio, faccia una lotta con Laerte, lui prepari un bicchiere di vino avvelenato che io dovrei bere durante il duello.

ORAZIO(rivolto ad Amleto, lo aiuta a raccontare)  Invece, il vino verrebbe bevuto da tua madre Giltruta. Laerte ti dovrebbe ferire con un coltello la cui punta è avvelenata, ma confonde il suo coltello con il tuo e, dunque, saresti tu a ferirlo mortalmente dopo che pure lui ti ha ferito con la lama avvelenata.

AMLETO   Mia madre dovrebbe morire, Laerte smascherare i piani di zio Claudio che, accoltellato da me, morirebbe. Arriverebbe Bracc’ ‘e fierro per autoproclamarsi nuovo guappo della Sanità dopo aver onorato la mia salma, perché, intanto, dovrei morire pur’ io. (Fa gli scongiuri) Uh mamma mia e che arravuoglio!

ORAZIO   E tu, poi, dovresti uccidere ancora, far scorrere altro sangue, lavare l’onta per la morte di tuo padre con altre morti?

AMLETO   Ora’, io già non sopporto l’idea ch’aggio acciso a Paolone, figurammoci! No! Io sono napoletano! Mi basta una bella mangiata per far sparire ogni malumore. Ma chi me lo fa fare. Per vendicare un solo defunto, io dovrei diventare un assassino e uccidere tante persone diventando peggio di chi mi ha fatto torto?

ORAZIO   Così morireste tutti quanti facenno ‘no bello piacere a Bracc’ ‘e fierro che si piglierebbe, bello bello, ‘o comando ‘e ‘sto rione.

AMLETO   Tié! (Fa il gesto dell’ombrello) Ma che me ne ‘mporta! (Passa un rosticciere ambulante) Oggi mi voglio mangiare una bella frittura di pesce. Mi faccio ‘na bella panzata e passa tutte cose. (Prende un cono di carta pieno di frittura, il classico “cuoppo”) Guardate qua, ‘sta frittura fa risvegliare pure i morti. Sentite che profumo!

(Pian piano, senza che nessuno ancora li veda, si presentano Aitano ‘o Bersagliere, Amelia e Paolone che, sbucando da un angolo un po’ imbambolati, annusano l’aria con un evidente desiderio di quel cibo. Intanto, Orazio si avvicina e dà la mano ad Amleto mettendogli l’altra sulla spalla in segno di apprezzamento. Claudio, sebbene guardingo, si avvicina anch’egli, Giltruta sorride e fa una carezza ad Amleto, poi ha un sussulto pieno di sorpresa e di spavento quando vede il suo defunto marito, Amelia e Paolone avvicinarsi)

GILTRUTA       Madonna mia! Tengo l’allucinazioni! Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria, io vedo a maritem’ che è muorto, Amelia che s’è accisa, Paolone che è stato acciso. Stanno qua, li vedo come se fossero ancora vivi. Mamma mia, mi sento male!   (Sviene)

AMLETO         Papà, Amelia, amore mio, Paolo’, pure tu! Ma allora siete vivi tutt’ e tre!

Aitano ‘o Bersagliere,  Amelia  e  paolone  (Contemporaneamente)     Simmo vivi… e tenimmo ‘na languidezza ’e stommaco.

AMLETO        Ma allora era tutta ‘na finzione! Non siti muorti overo.

AITANO ‘O BERSAGLIERE        None, a papà, non era ‘na finzione. Eravamo muort’ overo. È stato ‘o Stregone che ha fatto ‘no sortilegio e ci ha fatto torna’ ‘ncoppa a ‘sto munno. In cambio, l’aggio promesso ‘na barca che tengo a Capri, tanto non mi serve: ne tengo altre tre. Comunque, aggio approfittato ‘e ‘sti momenti ‘e mortarìa pe’ mettere alla prova a mammata, che diceva che mi voleva tanto bene! Invece… meno male che aggio capito con chi avevo a che fa’. Aveva ragione tua zia Jessica, che diceva che tua madre sela ‘ntenneva con zio Claudio, quillo ‘nfamone.

GILTRUTA  (Nel frattempo si è riavuta)  Non è vero, è ‘na calunnia!

AITANO ‘O BERSAGLIERE      Ma se t’aggio vist’ io che te ‘nturcinavi dint’ ‘o lietto co’ quill’omm’ ‘e quatto soldi mente io facevo ‘o fantasma! Tu non mi vedevi, ma io sì e sentivo pure quello che dicevi, che l’amavi già prima che io morivo. Sai ‘na cosa, statte con quillo fetente, tanto io aggio capito che è assai meglio soreta Jessica. È più giovane, più bella, tiene ‘o cuore buono, è fedele… o, almeno, spero e, soprattutto, sape cucina’ ‘o pesce (manda un bacio dalla punta delle dita) al bacio.

(Abbraccia Jessica, sopraggiunta in quel momento, mentre Amleto fa altrettanto con Amelia)

JESSICA        Aita’, quanto so’ contenta che si’ tornato, tu non ‘o puo’ capi’. Ma fatti guarda’, stai no poco palliduccio.

AITANO ‘O BERSAGLIERE        Non ti preoccupa’, mo’ mi ripiglio. Mi faccio ‘na bella mangiata, ché accussì mi passa ‘sto colore ‘e mortarìa.

(Fanno la loro comparsa anche Rosicann’ e Guidariello. Hanno il viso cereo. Sembrano dei morti viventi)

AMLETO          Cari amici! (tra sé)  ‘Sti duje piezz’ ‘e fetienti! (Si rivolge con sarcasmo a Rosicann’ e Guidariello) Siete risuscitati pure voi?

ROSICANN’         No, perché noi non simmo mai muorti.

GUIDARIELLO    Eh! Ma c’è mancato poco accussì. Tenimmo solo ‘no poco ‘e recchie abboffate.

ROSICANN’         ‘E recchie? Fosse solo pe’ recchie!

AMLETO      E che vuo’ fa! Avete avuto solo un assaggio di quello che volevate per me. Comunque, vi perdono perché so’ troppo contento che è tornato papà, ch’aggio rivisto Amelia. (Rivolto ad Amelia, che abbraccia con trasporto)  Amelia mia, mo’ che t’aggio ritrovato, non ti lascio più. Ci sposammo subito.Aggio pensato che, pe’ ‘o sposalizio, facimmo fa’ ‘o “cataringo” all’ospedale Santobono.

AMELIA          E perché, mo’ gli ospedali fanno pure ‘e ricevimenti?

AMLETO     Certo!  Ci sta “Ciro l’avvelenatore” che gestisce la mensa. Distribuisce i pasti ai parienti dei malati. ‘O mangia’ è buono.

ORAZIO (scherzosamente beffardo)    “Ciro l’avvelenatore”: un nome, una garanzia! Così se c’avesse venì ‘na dissenteria stammo già là! Ma che stai dicenno ne Amle’, ma allora non era ‘na finzione, tu si’ pazzo overo!

AMLETO      Ma perché, non è buono ‘o mangia’ ‘e “l’avvelenatore”?

JESSICA      Amle’, ma piuttosto ti preparo io ‘no bello pranzo. Cominciamo co’ ‘na bella ‘mpepata ‘e cozze…

AITANO ‘O BERSAGLIERE       Non me la nominate proprio. Mi sento male solo a ci pensa’! Manco muorto mi mangiasse n’ata ‘mpepata.

AMLETO   Aggio capito, allora vi porto a mangia’ a tutti quanti ‘ncoppa Posillipo. Va buono?

TUTTI IN CORO        Sììììì!

AMLETO      Però a zio Claudio…

CLAUDIO      Bada a quello che dici!

AMLETO      … a zio Claudio ci faccio prepara’…

CLAUDIO    Che mi vuo’ fa’ prepara’?   (Tra sé, preoccupato)  Mo’ quisto m’avvelena!

AMLETO      … ’na bella insalata ‘e mare… però… co’ ‘o pesce fraceto accattato addò Nicola ‘o pisciauolo. Ah! Così si ‘mpara!

CLAUDIO    Amle’, ‘a capa toja non è bona!

ORAZIO   E mo’, guagliu’, jammo tutti quanti ‘a prova’ ‘o pranzo pe’ ‘o sposalizio, forza, jammo bell’ ja’!

AMLETO    Ah, mi sento felice! Oggi è proprio ‘na bella jurnata: papà è tornato, Amelia è tornata e mi pare più innamorata di prima, Paolone… (Mette un secondo la mano sulla bocca, per impedirsi di dire improperi)… Paolone, è tornato pur’ isso… e basta che si fa i ca**i suoi. Oggi ci sta ‘o sole, ci jamm’ a fa ‘na mangiata guardanno ‘o mare chiù bello d’ ‘o munno, qualche cosarella ‘e soldi m’ha data Recchialonga… e che vuoi più? (Fa una lunga pausa) Meno male che simmo ‘e Napoli, addò ‘nce piace ‘e ci fa’ ‘na risata, ‘e campa’ buono, e addò ‘a morte... (Fa una nuova pausa guardando verso gli amici, verso Amelia, la madre e gli altri, poi allarga lo sguardo verso il pubblico se volesse includere tutti) … pò pure aspetta’!

                                                          

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 13 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno