Se ngrifato o’ munaciello

Stampa questo copione

O’ munaciello

Commedia

“Se’ n’grifato o’ munaciello”

Di :

Nicola auletta


Personaggi14…

Perpetua

D. Angelo

Clemente

Nannina

Pino

Barone di Montecchio

Sisinella

Graziuccia

Nicola

Pasquale

Nzerra nzè

Palle e puorco

Filo e spago

Arcangelo Gabriele


Se’ ngrifato o’ munaciello

1° atto

Scena 1

Perpetua, nzerra nzè

All’apertura di sipario puntamento luce sull’attore al centro in preghiera davanti alla statua della madonna musica con la canzone Fat-Mah degli Almamegretta solo nella parte introduttiva

Voce fuori campo: “Giuseppe Sposito sei libero”. Buio ed inizio spettacolo.

(La scena si svolge in una sacrestia di una Chiesa con un tavolo, delle sedie, un presepio, un crocefisso a grandezza naturale, una cappella piccola e quattro uscite)

Nzerra nzè: Assuntina vi ho portato i piselli freschi appena colti, mio marito mi ha detto di portarveli e che voi già l’avite pagati.

Perpetua: Guè Nzerrà nzè, trase, te pozze offrì quaccheccosa?

Nzerra nzè: No grazie, mo pure vuje me chiammate accussì? quello il mio nome è bellissimo pe colpa e Giovannina a storta mo tutte quante me chiammene accussi, aggio passato o’guaio.

Perpetua: Vabbè ma è un nomignolo affettuoso, anche se a dire il vero nun o’ saccie pecchè te chiammane accussi, mo li ammonno pure, quelli i piselli sono freschi.

Nzerra nzè: E ve dongo na mana je…

Perpetua: Guè grazie Nzerra nzè tu si propria na bona guagliona.

Nzerra nzè: Ah comunque vi volevo dire che più tardi vi porto un po’ di frutta pe D.Angelo, ma vuje vulite sapè pecchè me chiammano accussì?

Perpetua: Dice nzerra nzè, ma è un qualcosa che se po raccuntà?

Nzerra nzè: Comme no, aggio dicere a verità è bello il nome mio ma Elisabetta Maria Pia e nu poche luongo e po mi stroppeano ogni volta il nome in bettenella, Bettina, nun ce sta niente a fa noi napoletani su ogni cosa dobbiamo sempre fare il diminutivo del diminutivo e non sta bene sta cosa, allora mo vi spiego: tutto è avvenuto pe via che una volta mi spaventai perché sentii degli spari che venivano da dietro al vicolo abbascio Monteluce, alluccai nzerra, nzè sta porta, ma io mi presi uno spavento esagerato sentii urla, lamenti, gente che curreva. Mi feci quasi addosso dalla paura e mo Giovannina pe me sfottere e per ridere di questa cosa me chiamma accussì, Assuntì sinceramente e parlanno cu rispette “je a verità facette na sverminata esagerata” e purtroppo tutte quante se pigliano a pizzicata, però devo ammettere che nu poche mi piace, ormai tutti mi conoscono cosi.

Perpetua: Quanne si bellella, però ti capisco a me m’hanno sempe chiammata a bambulella perché era sempre tutta priparata, poi venne il Barone e ma fatto nu malo guaio.

Nzerra nzè: Assuntì vi capisco, anzi, più che un guaio quello è un ciclone, comme ve vene o’ genio e ve priparà?

Perpetua: Nzerra nzè, (Rafforzativo) nzerra nzè, e che ne saje? chillo che me fa passà…

Nzerra nzè: Assuntì vi capisco…Guè Assuntì nun me dicite niente, però je mo me ne vaco altrimenti chi o’ sente a mio marito chille già dice ca je me mette sempre a perdere tiempo a n’ciucià.

Perpetua: (Ironica) Ma chi tu? E quando mai.

Nzerra nzè: E sfuttite vuje, ma io o’ vere faccio a me vengono solo a riportare cose.

Perpetua: Nzerra nzè

Nzerra nzè: Dicite

Perpetua: Mo che jesce nzerra a porta va, va.

Nzerra nzè: E vabbè, Assunti ve lasso na bona jurnata ce vedimme più tardi e salutatemi D.Angelo

Perpetua: Staje servita, Ha ditto ca nun è nciucessa, cheste pa fa fermà a parlà nce vo nu pacchero… certo ca je nun so proprio felice. Ma comme aggia fa, e che vite aggia passate, ogni juorne è sempe a stessa canzone o’ aggia ammunnà pesielle, rafanielle, cucuzzielle, patane, verze pummarole, insomma na verdummare, o’ maggia mettere a fa e’ servizie, sono diventata tutta lacrime e piselli (indicando il recipiente), pesielle e lacrime… ah, pecchè nun me riesche a rassignà… e comme o’ pozze fa, chille me  ha lassate chillu ricordo indelebile, m’ha macchiato la mia gioventù, ma lassate chillu  guaio chelle ava ragiona, ah ma ie spere ca n’cuolle a isso nu juorne o nate, se  abbattesse na tempeste, io so tutta lacrime e pesielle… e isso addà chiagnere lacrime amare, amare cumme e o’ fele, se definiva nu nobile della sacra curona uhm….e spine chelle ca ce hanno mettere n’capo po fa suffrì… o’ frate sceme e Casanova, gue, chille una cosa ha fatto, e la fatte pure chine e devozione una…ma lasciato a Clemente, eh mi ricordo quante ie ere prene, quanta n’ciuce, ie aggiu ringrazià a chistu sant’omme do prevete, si nun ere pe isso ca m’accuglieve dinto a sta casa di Dio, ie nun sapeve proprieto comme aveve fà, miezze a na via povera e scunsulata, ehm mo sono diventata una perpetua eccezionale, almeno così dice Angioletto mio e po… in questo clima natalizio na cosa ma sente e lo dicere (Si alza)… e malelengue, anna schiattà (Entra Clemente da sinistra, la perpetua si siede disperata)

Scena 2

Clemente e Perpetua

Clemente: E malelengue sciò anna schiattà, gue, gue, mammà me haje chiammate?

Perpetua: O vi lloco o vì, comme ve aggio ditto Gesù mio? chino e devozione, chelle ca je aggia avute verso a mammarella vostra, la nostra mamma, e’ verso a madonne e’ ll’arco pe me fa fa nu miracolo, ma niente, niente nun me so state a sentì (piange)

Clemente: Mammà nun chiagnere ja…mammà aspette nu mumunte eh eh io bimbo buono

(Va via a sinistra)

Perpetua: Ma comme so sfortunata, Gesu Criste je so troppe sfortunate famme na grazia, (le cadono i piselli sotto la statua si inchina per raccoglierli) eh meno male ca una grazie t’avevo chieste ih che matinata che schiarate jà…

(Entra D. Angelo dalla destra)

Scena 3

D. Angelo, Perpetua

D. Angelo: Ma Assuntina cosa fai?

Perpetua: Uh D. Angelo, scusate, nun v’aggio ntiso è che stavo cercando il pisello smarrito

D. Angelo: Ma Assuntina che dici? Su non essere blasfema, siamo sempre in un luogo sacro eh

Perpetua: Ma che avete capito madò, oggi so’ proprie infelice pure quanne parle, quello il pisello mi è caduto insieme agli altri piselli sotto la statua, ed io mi sono inchinata per raccoglierlo, avete capito adesso?

D. Angelo: Ah scusa Assuntina, avevo frainteso, tu stavi in quella posizione, poi quelle parole...

Perpetua: Guè D. Angelo stammatine e na mala jurnata è… mo me aggio mettere a cucinà, facitemenne je dinto, oh, e gia sonco tutta lacrime e’ pesielle mo se mette pure isso….

D. Angelo: Scusa Assuntina, ma per te ormai da tempo tutte e matine è sempe a stessa cosa, ti avrò ripetuto centinaia di volte che la vita è fatta di altro, di passeggiate, del dolce gusto della vita, di sofferenze, di lacrime, di dolce candore, del cinguettare….  (recitato)

(Assuntina Piange forte)

D. Angelo: Ho detto cinguettare, no schiamazzare, su dai non piangere, scusa e che sono stato infelice nel dirti questo, scusami

Perpetua: No, è che a quello l’avevo chiamato Casanova

D. Angelo: Embè sarà stato pur vero, anche se non c’è giustificazione per quello che ha fatto è pur sempre un’uomo eh

Perpetua: No D. Angelo sapito che pensave, ca si chillo ere Casanova, je pense ca vuje site Casavecchia, ma lo capite o no che le donne oggi si sono emarginate? Ma in che mondo vivete? La guardate la televisione, i cinema? Mo se pense a gonne, o tacche, o trucco belle, chelle vo assumiglià a Pamela Anderson, chell’ata a Nina Moric, a chella scagnata ca  farfalla a Belen, chell’ate a Sederona comme se chiama Jennifer Lopez, e’ a nuje femmene vissute chi n’ce piglie chiù? nuje ca simmo casareccie, fatte e carne e ossa, no carne e plastica chi ce piglie chiù? je è o vere che ormai me sonco rassegnata, amo sempre solo lui o’ barone, passasse nu guajo a notte e Natale… ma le donne, sono diventate tutte puttanelle (lo dice bisbigliando)

D. Angelo: Come?

Perpetua: Dicevo Puttanelle, scusate padre, quante n’ce vo ce vò, nun saccio si me spieghe

D. Angelo: Eh l’odio che c’è in te, lo devi redimere, e poi nun è o’ vere, e nun dicere e male parole eh

Perpetua: Pecchè guaio e na mala parole, guaio D. angelo, e na cosa che adda succedere (via a destra)

D. Angelo: Ehm…povera donna, ne ha passate cosi tante da non riconoscerla più, eh ormai è stanca ed anche molto arrabbiata, però non mi sento di darle torto… io ti assolvo in nomine patre et filli et spiritus santi dal peccato, d'altronde se lo merita, però… devo stare attento, altrimenti quella invece della pasta e piselli, me fa paste e veleno eh… Assuntina… (via sulla destra in cucina)

Scena 4

D. Angelo, Clemente

(Entra Clemente dalla sinistra con una stella di natale che usa come microfono)

Clemente: Pazzo d’amore, innamorato di chi, mo nun me sento e nun me vo chiù sentì… eh,eh e mammà addo è juta, oh maggia annasconnere a stella e natale, chelle è a mje, e l’aggia mettere sule je n’coppo all’albero vicino al buio e l’asinello,(Cerca un posto per nascondere la stella) si si ca sta bbona mo e…last christamans a give you my heart but the very  next day you gave it away this years to save me from tears i’ll give it to someone special  D. Angelo, patro (lo chiama due volte) (entra D. Angelo da destra)

D. Angelo: Ma che c’è Clemente, che cos’hai perché urli, quante volte ti avrò ripetuto che non si urla in sacrestia eh ciuccio, quando impari?

Clemente: Eh eh vulite vedè addo aggiu miso a stella e natale? Uno, due, tre… stella (Lo ripete 2 volte)

D. Angelo: Clemente non iniziare con questi scherzetti dai su fai il bravo, poi ho tanto da fare, devo preparare gli addobbi per il santo natale, ti sei messo in testa che ti dovevo preparare il presepio e lo sto facendo

Clemente: Eh eh no ja, nu poche poche ja, patro patro mo facito nu poche e pane cu a ciucculata?

D. Angelo: Va bene su, dopo ti do la merenda, dimmi dove hai messa la stella? dove l’hai messa? Presto, presto che ho da fare eh

Clemente: Acqua, acqua, acq… acqua azzurra, acqua chiara con le mani posso finalmente bere…

D. Angelo: Clemente su, dimmi dove sta e finiscila di cantare…

Clemente: E ja va bene non canto più, e però mo faje o’ pane cu a ciucculate?

D. Angelo: Si non ti preoccupare

Clemente: Allora… fuoco, fuoco, fuocherello (gli lancia un gavettone) acqua, colpito e affondato eh eh

D. Angelo: Ma sempre tu, e questi scherzi, Clemente non si fa eh hai ragione che ho fatto il voto, e sai come si chiama il mio voto clemenza eh, proprio come il nome che porti tu, se solo smettessi per una volta quei panni da bambino cattivo che ti ritrovi eh…

Clemente: Ma a me piace giocare, io sono bimbo buono… vado a scuola, pulisco il salottino, faccio le palline e poi io ho solo un gioco che mi piace assaje, quello dell’indiano, haug, io preso freccie, non volere fare male grande capo indiano (fa l’indiano)

D. Angelo: Eh mo accumincie cu e freccie nata vota, Clementino dai su finiscila fai il bravo, e per una volta accontentami…

Clemente: Eh eh va buò aggio capito, je o dico a mammà ca tu nun vuò pazzià cu mme, tu cattivo, però io te perdone si tu me faje o’ pane cu a ciucculata eh eh, e ja patro

D. Angelo: Dai su Clemente, ti prometto che ti faccio fare una parte rilevante nel bel presepio che sto preparando solo se tu farai il bravo bimbo, premetto, se continui cosi non so…

Clemente: Eh eh allora la posso fare la stella cometa?

D. Angelo: Si va bene, fa quello che vuoi, però adesso fammi lavorare è, che ne dici? tra poco è natale, ed io con i preparativi sto ancora a zero, guarda, mi mancano i personaggi…

Clemente: E se io non ti faccio arrabbiare no…tu mo faje o pane cu a’ ciucculate? Gue, ma tu adesso stai pace con me, o’ male m’piccico?

D. Angelo: Ma certo, guarda per fare la pace ce ne scambiamo il segno, dammi la mano…

Clemente: E ja facimmo pace ja (gli fa segno di dargli la mano) icchione eh eh (sfugge a D. Angelo)

D. Angelo: Ma tu guarda questo figlio… di buone sorelline, me fa sempe perdere a pazienza, quacche juorno e chisto…. eh

Clemente: Oh, oh, je ce o dico a mammà è…

D. Angelo: Clemente, Clemente non si fa il cattivello, e poi la devi smettere di fare arrabbiare tua mamma ed anche a me, tu sei grande lo vuoi capire o no, non si fa, non si fa...ohhh

Clemente: (Fa per piangere) Si si papà, ma io no, io piccolo io mangio solo o’ pane cu a ciucculata

D. Angelo: Dai su non piangere

Clemente: Eh io non piangio, e dopo mo daje o’ pane cu a ciucculata?

D. Angelo: (Spazientito) Si, ti ho detto che dopo, più tardi, finisco il presepio e te lo vado a preparare

Clemente: Eh eh (gli fa segno di dargli la mano)

D. Angelo: Va bene facciamo la pace, mi raccomando eh

Clemente: Icchione eh eh

D. Angelo: Mo si nun te ne vaje è…

Clemente: Pop corn e patatine pe ce arricurdà, chelle ca si state e chelle ca nun vuò turnà…eh eh (via a sinistra)

D. Angelo: Mamma mia che disastro questo ragazzo un po’ guascone, un po’ birichino, alle volte mi fa perdere la testa, sono passati tanti anni, ormai l’ho visto crescere, niente, non è cambiato di una virgola, poi questa televisione che rovina… povera mamma sua… (suona il telefono e va a rispondere sulla sinistra), oh cielo il telefono chi sarà mai? e poi a quest’ora del mattino mah… si pronto… sia lodato ora e sempre… oh mi dica sua eminenza…e certo che l’ho riconosciuta, lei è sua eminenza il vescovo, no, no, non disturba si figuri…dica… ah ho capito oggi o domani arriva un nuovo padre cappuccino, si… solo che… mi scusi ma non si sente bene…è solo che…solo che è sordo? A no? È cionco? ah è muto… chissà poi perché ho sentito così beh…, lei mi suggerisce una visita otorinolaringoiatria (mette le mani davanti alla cornetta) Azz a me… certo sua eminenza la farò… comunque non si preoccupi, sarà sotto la mia tutela, provvederò personalmente alla guida di questo padre (Entra Nannina dalla comune e origlia) non lo farò essere smarrito sarà una delle mie tante pecorelle…grazie anche a lei ora e per sempre sia lodato... e come si fa… Assuntina (via sulla destra pensieroso)

Scena 5

Nannina, Clemente

Nannina: (Entra dalla comune) Guè D.Angelo ce sta pensanne e…chissa poi chi sarrà sta pecorella, eh ormai le pecore smarrite e poi arripigliate ne songhe assaje… gue gue se sta muvenne è piccolo, vuoi uscire? e nun te preoccupà mammà al più presto te fa ascì (ride) e non farmi il solletico, chisto tene arteteca, spero proprio che nun è pigliate niente e pateto, chille è sule n’avanzo di galera, haje viste quanta mazziate ce simme pigliate? mo è asciuto, spero ca chistu prevete me vo dà na mano, ma addò sarrà… mo busso a porta… (bussa la porta sulla sinistra ed esce Clemente)

Clemente: Baste na bussate e porte, pe te fa n’zumpà dinto o’ lietto, e nun te fa chiù durmì… Parapappapparapappapapappa…

Nannina: (Salta dalla paura) Mamma mia, me fatte tremmà, Clemente non si fanno queste cose e ja dolce della zia, vuoi chiamare a D.Angelo?

Clemente: Eh, eh tu me daje 10 euri, e mi fai toccare il pancino, e mi fai zucare… il lattuccio?

Nannina: Azzo dicene che è scemo, (Infastidita) gue fa impresse ja, e’ nun me fa perdere tiempo

Clemente: (Piange ed impugna un coltello) Perché tu cosa faresti a Clemente

Nannina: E ja facimme pace ja, Clemente vedi zia nun po piglià e paure sono incinta, si Clemente, calmati stavo scherzando…

Clemente: (Alza il coltello) E me lo faresti… o’ pane con la cioccolata (Nannina sospira) D. Angelo nun mo vuò fà?

Nannina: Ah tu con il coltello… si si quanto pane vuoi, pure doje fette, e ja, te stregne pure a mane come vuoi…

Clemente: Eh eh brutta, bruttacciola Eh eh

Nannina: Ma tu guarde a stu figlie…

Scena 6

Perpetua, Nannina

(Entra la perpetua da destra)

Perpetua: Ma che sta facenne sta n’ciucessa? neh lengua longa che haje ditto, si tiene o’ curaggie l’he ripetere annanzo a Dio e annannzo a me.

Nannina: (Intercalare arrabbiato) E stave dicenne stu figlie…è meglio ca nun parlo, tu tiene nu figlie pazzo, chillo ma minacciato cu nu curtiello, (Clemente piange tra le braccia della perpetua) e po’ aggia sentute primme a D. Angelo pe’ telefono ca parlave e na pecorella chi è…(ride)

Perpetua: Chi è (Facendogli il verso) e che ne saccie je? E po D. Angelo è buono, se vede, ha aiutate a parecchie e lloro…

Nannina: Lo sappiamo, lo sappiamo e come se lo sappiamo

Perpetua: Pecchè, tu nun staje ccà pe chesto?

Nannina: E, ma tu fatte e fatte tuio e capito?

Perpetua: Marunnella mia, damme a forze pe nun ma fa uno muorze e tu Clemente non piangere, fa l’ommo, si tale e quale a pateto… Nannina te a saje piglià sule cu na povera anema innocente, pecchè staje ccà, nun perdimmo tiempo ampresse, ampresse ja…

Nannina: Sono venuta a parlare cu D. Angelo, mi devo confessare

Perpetua: E brave, brave è meglie ca si venute mo, chille ne so assaje, tu è cumincià mo per finire nell’anno che verrà e mo fammenne je, oggi so paste e piselli. Scommetto ca è nu piatte ca saje cucinà bbuone....

Nannina: Gue tu haje ragione ca stamme dinto a na sacrestie…e po nun fa a gelosa, che te cride ca nun o ssaccio? Tu ce l’haje cu mme pa storia e tuo marito, chille isso me venuto appriesso, isso ha perze a capa pe mme, ie nun teneve che fa…

Perpetua: Gue parle de vive, no de muorte sa, e pò dinto o’ fore a sta sacrestie, ie te schife sempe, comme aggiu fa cu te, tu me faje perdere la mia cristianità, Clemente andiamo dentro a mamma… Cia, cià scuppetta… (via sulla destra in cucina)

Scena 7

Nannina, D. Angelo, Clemente

Nannina: Ah si, D. angelo (lo chiama due volte)

D. Angelo: (Entra in scena D. Angelo dalla sua camera sulla destra) Che è successo, ma stamattina per caso avete a che fare con una banda di sordi? Ah Nannina salve, tu stai qua, che è successo? come mai hai posato il tuo piede nella casa del signore?

Nannina: Gesù, per confessarmi, sinno pecchè… vi devo fare una confidenza.

D. Angelo: A confidenza? Innanzitutto si dice confessione, io non sono un pettegolo del vicolo ma un prete, e te lo voglio ricordare eh…

Nannina: Ma Clemente e la vostra perpetua…

D. Angelo: Eh redimi un po’ e poi lascialo stare a Clemente tu lo sai che problema ha no?

Nannina: E già, e voi difendetelo sempre chille fa nu sacco e mosse, tanto o’ ssanno tutte quante prete, confidenza per confidenza, ca chisto… è o figlie vuosto

D. Angelo: Ma come puoi fare un’illazione del genere, come ti permetti, sacrilega e senza timor di Dio

Nannina: Cià padre aggio capito, ie mo e meglie ca me ne vaco altrimenti mi redimete, come si dice la verità fa male… (gli manda un bacio) comunque io sarò la vostra pecorella smarrita, e po, si me vulite arripiglià, … eh…

Clemente: (Entra dalla destra, dalla porta della cucina) Brutta, lo vedi che tu sei brutta, si cumme na vecchia racchia

D. Angelo: Apocalisse, Nannina sembra proprio invasa dal diavolo nun ce pozze credere, mo e meglio che lavoro il presepio va, sarà sicuramente un’opera d’arte…, e poi tu Clemente, la vuoi smettere, ma comme aggia fa cu te…

Clemente: Eh eh. Io via… ma la posso fare la stella cometa? eh eh

D. Angelo: Te lo prometto, e ma poi tu mi devi far capire come fai a farla…

Clemente: Aspetto nu mumente… (va via sulla sinistra)

D. Angelo: (Lavora il presepio) Mamma cara, quanto chiasso, quanto rumore alle volta si fa per nulla, tra poco sarà natale ed io devo preparare questa sacrestia e tutta la chiesa per la messa di domani sera, ci sarà la nascita del signore, e spero possa infondere in ogni cuore pace, serenità, amore le solite parole che poi nessuno rispetta.

Clemente: (Entra dalla sinistra con un cappello che luccica) Tu scendi dalle stelle o re del cieeeelo…

D. Angelo: Ah, e quando scenderà il bambino dalle stelle

Clemente: E vieni in una grotta al freddo ed al gelo

D. Angelo: (S’interrompe nel pensiero) E accussì ce murimme tutte e fridde eh, (ride) ma Clemente che ti sei messo in testa, sei sempre il solito

Clemente: Patro, vado bene a fare la stella cometa?

D. Angelo: Come sei buffo, va bene, poi vedremo è

Clemente: Io già mangiato, finisco io il presepio?

D. Angelo: No, nun sia maje, Clemente, dimmi cosa hai mangiato ja, cosa hai mangiato?

Clemente: Eh eh, o pane cu a ciucculata mmm buono… Patre la mamma dice che anche il vostro pranzo è pronto… è bello o mangià poropopopo è bello o mangià, poropopopo, favurite ca ve faccie cunsulà (Clemente esce di scena sulla sinistra)

D. Angelo: (Ride) Andiamo adesso, vieni anche tu a tavola su fai il bravo (sospira) sarà comunque un bellissimo Natale (via sulla destra insieme in cucina)

Scena 8

Pino, Clemente, Perpetua

(Entra Pino dalla comune con una pistola in mano)

Pino: Ah ma qui non c’è nessuno, mugliera mia mo so sicure ca non mi scappi, tutte quante da questo prevete venite eh ma je accide, chelle se pense e fa nascere o’ criaturo senza me dicere e chi è? ah povera essa, nun sape che l’aspetta.

Clemente: (Entra con una fetta di pane e cioccolato) Pane al cioccolato dolce un po salato tu, pane al cioccolato… uh uh uh

Pino: Guè ma tu chi si, e nun alluccà (gli punta la pistola in faccia)

Clemente: Cle, cle, cle mmm eee nnte (balbettando)

Pino: Ah si, e mo stamme a sentì, te a sta zitte e capite?

Clemente: No, nun no, nun no pi pi pi sto sto lala

Pino: Eh cheste ta faccie magnà, e viste a muglireme

Clemente: (Singhiozza)

Perpetua: (Da dietro) Clemente… (in scena entra dalla destra) Clemente…

Pino: (Fa segno a Clemente di fare silenzio e nasconde la pistola)

Perpetua: Uh e voi già state qua? Ma comme state senza come si dice il mais addosso? Eh nun dicite niente, o’ ssaccio ca vuje site surde, (Gridando) siete sordo no? (Pino gli fa segno di no), (gridando gli fa segno di guardargli le labbra) Siete muto allora? va bè ho capito mo venite ccà, (gridando) venito appresso a me… sicuramente sarete stanco, vi volete riposare? chille il vescovo vi ha tanto raccomandato… D. Angelo sarà felice.... D. Angelo è arrivato o’ prevetariello muto è pure bellillo.

Clemente: (Clemente continua a singhiozzare e si alza con aria impaurita e va via di scena a sinistra) mammà, mammà.

Scena 9

Barone di Monticchio, Perpetua

(Entra il barone Montecchio dalla comune)

Barone di Montecchio: Buongiorno, foste voi passati per i cantici delle meraviglie sperdute? ma che re, ccà nun ce sta nisciuno? Tutta arte sprecata, ed io che avevo odato.

Perpetua: (Da dietro) Tu sei la mia vita altro io non ho,

Barone di Montecchio: Oh cielo, questa è una foce familiare, ma si, questa è Sisina, mi devo nascondere (la vede) troppo tardi (si mette il cappuccio in testa e si mette sull’uscio di porta con le spalle al pubblico)

Perpetua: (In scena entra dalla destra con un cesto di panni) tu sei la mia strada la mia verità, non avrò paura sai se tu sei con me… Buongiorno, ma chi siete, come siete curioso, perché state di spalle e tenite stu cappuccio n’capo? ma non state sull’uscio, entrate…

Barone di Montecchio: (Cambiando tono di voce) No signora, ie stavo propriete antante via.

Perpetua: Ma chesta voce me sona familiare, neh, ma pecchè nun ve girate nu poche?

Barone di Montecchio: E nun posse, ie sonco propriete brutte, ve putissene piglià nu spavente… me ne deve antare.

Perpetua: Va bene… se proprio lo preferite, ah scusate, ma pecchè siete venuto qui? e chi siete se non è chiedervi troppo, quello poi D. Angelo mi richiama se non gli è lo dico.

Barone di Montecchio: Io sono…, io sono, io sono…e mo che l’aggia dicere a chesta? Ah io sono o’munaciello, si parlate, ve po succedere quacchè cosa… non rivelate a nessuno che io vi sono accumparuto, mi raccomando… ie ve posso (non sapendo cosa dire) saglì n’suonno n’coppe a panza… stateve accorte mi raccomando… silenzio, sciii (via di scena dalla comune)

Perpetua: Madonna e che paura, che sta succedenne dinto a chesti mure, sorelline del sacro cuore, infondete e dateci un po d’amore, madre Teresa di Calcutta, aggiu visto a morte e quante e brutta… zitte zitte è venute, chianu chiano se ne ghiuto… D. Angelo!              (Esce via correndo sulla destra)

Scena 10

Graziuccia, Sisinella

(Entrano Graziuccia e Sisinella dalla comune cantando “canto per Cristo che poi ritornerà quando verrà nella gloria, canto per Cristo che in noi risorgerà alleluia, alleluia, alleluia, alleluia, alleluia”)

Sisinella: (Insiste cantando alleluia, Graziuccia gli fa segno di smettere)

Graziuccia: Patre nostro, liberaci a noi da tutti i peccati

Sisinella: Amen

Graziuccia: Ti lascio la pace ti do la mia pace, non guardare la stima dei nostri peccati

Sisinella: Ma a quante ce ne so stati,

Graziuccia: E salva tutte e puverielle, e a tutta chella gente pittata e bella, ca crede e se salvà,

Sisinella: Ma Gesù sia fatta la tua volontà…

Graziuccia: Come in cielo cosi in terra,

Sisinella: Anna furnì e malelengue sottoterra

Graziuccia: A faccia mia sotto il piero vostro

Sisinella: Si a sorema Sisinella ce facite piglià nu posto, Amen

Graziuccia: In prioncipio come alla fine dei secoli secoli

Sisinella: Amen, perdonaci o’ Cristo

Graziuccia: Per tutti i nostri peccati, e per le parole che adesso stiamo spremendo.

Sisinella: Amen

Graziuccia: Il signore sia con te

Sisinella: Amen

Graziuccia: La pace sia con te

Sisinella: Amen

Graziuccia: Anna schiattà e mmeriuse

Sisinella: Amen

Graziuccia: Anna murì e prepotente

Sisinella: Amen

Graziuccia: Anna arrubbà dinte e case de mariuli

Sisinella: Amen

Graziuccia: Speriamo ce aumentassero e penzione

Sisinella: Amen

Graziuccia: Aggia fernute l’orazione

Sisinella: Amen

Graziuccia: Sai sule sta parola

Sisinella: Amen

Graziuccia: A vuò fernì

Sisinella: Amen

Scena 11

D. Angelo, Graziuccia, Sisinella

D. Angelo: (Entra di corsa dalla comune) Apocalisse

Graziuccia: No D. Angelo è la verità, tutto quello che abbiamo detto lo sottoscriviamo.

Sisinella: Amen

D. Angelo: Perché l’avete visto anche voi?

Graziuccia: A chi, nun o’ verite ca sonco na femmina illibata, je non parlo, non vedo, e non sento nessuno.

D. Angelo: E’ le tre scimmiotte, non c’è niente da fare c’è sempre più omertà, e poi Assuntina ha detto che stava qui tutto incappucciato…

Graziuccia: Eh veramente (scandalizzata)… ma chi

Sisinella: O’ mammone… ma nun capiscie niente?

Graziuccia: E quella è la gioventù moderna, mo se pensa sule a chelle… capitemi…

D. Angelo: Ma ha detto che si è definito o’ munaciello

Graziuccia: Ora pronipote e amore bis

Sisinella: Graziù Comme? ce o dice isso?

D. Angelo: Ma che state dicenne che cosa?

Graziuccia: Ca o’ munne è cagnate manco e prievete vonne fa chiù e prievete, comunque ho fatto la donazione alle Sorelline della vergine Immacolata io e mia sorella Sisina, a me, hanna stutà o fuoco e quante sto tutta n’fucata, a Sisina ce hanna fa passà o’ diabete anche se è un caso perso… a verite? Gue, Sisinella, Sisinè (Urlando) nun t’addurmì scetate

Sisinella: O’ fegato che ce azzecca o fegato?

Graziuccia: Je aggio ditto scetate, mamma mì chella nun ce sente chiù

Sisinella: Gue ma tu che vuò a me io stavo schiacciando a pisellino D. Angelo: Ma che state dicendo per cortesia già c’è abbastanza confusione eh, non vi mettete pure voi.

Sisinella: Scusate nun o’ faccie chiù.

D. Angelo: E poi io adesso ho ben altro da fare devo trovare questo impostore, e vuje me dicite chesti assurdità, jamme abbiate pazienza eh

Graziuccia: Padre io tengo nu segreto, e devo confessarmi, putite sentì n’attime? possiamo andare nel confessionale?

D. Angelo: Va bene però presto, presto eh

Sisinella: Ie rimango ccà, piglie nu poche suonno, grande fratello gia me l’aggiu viste (dorme poggiando la testa sul tavolo)

D. Angelo: Ma come…

Graziuccia: Avete visto? quello è il diabete, ma volete vedere quante è che è sempre reattiva, sveglia? guardate…Per Cristo nostro signore…

Sisinella: Amen

Graziuccia: Avete visto come vi dicevo? Chella è devota o’ fatt’e chesta.

D. Angelo: Ah va a comando, mo aggiu capite, e va bene, jamme a fa sta confessione su

Graziuccia: Allora io Graziuccia paracuollo, vedova paramano

D. Angelo: Che state a fa nu testamento, questa è una confessione si inizia con il segno della croce… in nomine patris et filli e spiritus santi

Sisinella: Amen

Graziuccia: Avete visto? Comme fa bella, comunque amen, dicevo, aggiu cunusciuto o’ padrone di monticchio un uomo proprieto bello cu na cultura eccezziunale (Innamorata) eh

D. Angelo: Su non tergiversare, embè

Graziuccia: Quello una sera tutto spiritato se presentato a me e m’ ha ditto: “sono il padrone di monticchio venite, che vi faccio vedere la gru in una trave, no no aspettate la bruna di una vacca no no il filo nell’ago dentro il pagliaio ci sta un cammello dei ricchi insomma sembrava una parabola.

D. Angelo: Ma forse ti ha detto è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei cieli?  Graziuccia: Eh bravo che acculturazione che tiene, proprio accussi ricetto e je veramente cedette alla tentazione e me facette m’paglià, ma chille subito se ne è fujute e sonco rimaste sola…

D. Angelo: E allora? dove sta il peccato?

Graziuccia: Cà io ho pensato tante cose sporche, e nun è succiesse niente, comme so sfurtunata (piangendo)

D. Angelo: Sia fatta la volontà del signore

Sisinella: Amen

D. Angelo: Amen, è sempe essa che risponde è… va bene allora fai cosi, dirai (Pensandoci un attimo) cento padre nostro, e duecento ave Maria io ti absolvo dai tuoi peccati in nomine padre figlio e spirito santo.

Sisinella: Amen

D. Angelo: Ma pecchè me ha scorde sempe… ah dici pure un atto di dolore, e mò fammene andare perché ho tanto da fare eh

Graziuccia: Ma come cosi assaje? non si può avere uno sconto della pena?

D. Angelo: Eh, e che stiamo in carcere su vai, vai

Graziuccia: Va bene padre, ma se dovessi rivredere il barone che gli deve dire

D. Angelo: Niente, tu stai zitta, e poi il signore comanda vai eh

Graziuccia: Va bene, faccje comme dicite vuje è, ah e nun ve scurdate che domani passo per i canti di Natale mi raccomando

D. Angelo: Veramente l’avesse dicere je

Graziuccia: Sisinella, Sisinè scetete

D. Angelo: Manco e cannonate, chille o’ diabete sarrà alto ma quanti zuccheri prende al giorno

Graziuccia: Noo qua zuccheri, chelle se mangiate sule dieci roccocò na fella di pastiera o’ panettone senza zucchero però e na guantiera e cassatine, chille mo se mangiano in questo periodo no? E comunque chelle se fatte l’insulina, mo ve faccie vedè, (Dice la battuta come se stesse facendo un’orazione cosi continuando) nei secoli dei secoli…

Sisinella: Amen

Graziuccia: Sisinella jammuncenne…

Sisinella: Amen

Graziuccia: Susete fa ampresso

Sisinella: Amen

D. Angelo: (Di riflesso a Graziuccia)  Nun ve scurdate a giacca

Sisinella: Amen

Graziuccia: Buona giornata e sia lodato Gesù Cristo

Sisinella: Amen (via Graziuccia e Sisinella dalla comune)

D. Angelo: Ah, questo è un morire e che giornata e domani sarà peggio ancora, oggi ci mancava solo questo munaciello, ma io devo dimostrare che la superstizione non esiste (via dalla comune)

Scena 12

Pino, Perpetua, Clemente

(Entra Pino dalla destra con un piretto di vino in mano)

Pino: Mannaggia all’arma… ah e che casine c’aggiu combinate addirittura aggiu priparà a messa, e mo comme faccje, nun sole m’aveva succedere chella disgrazia cu muglierema, mo chisti ccà me credene pure surde e mute, ah ma si l’acchiappe l’aggia accidere, madonna me cadute a lentina, addo è juta, addò è juta…

Perpetua: Povero criaturo, uh sacre fontanelle chille comme preie belle, che peccato certe che è nu belle prevetariello

(Pino fa finta di pregare e si batte le mani al petto poi si alza per comunicare con Assuntina)

Perpetua: Madò e’ vvote nun o’ capisco… e che volete, è successo qualcosa? Ah ho capito, avete fatto qualcosa e non volete che c’ho dico a D. Angelo, e nun ve preoccupate, ce parle ie, ah no? Ah mo ho capito, ce sta quacche scarafone sotto la statua di Gesù… e’ mo vado a prendere l’uccide insetti e come si chiama… ah tengo o’ frustine pe mosche aspettate (via sulla destra)

Pino: Ajccanne a vì, madonna mia nun c’ha faccje chjù, no, no je me ne devo scappare…

Perpetua: Ecco qua, jamme addò sta… ah ho capito se ne sta andando via, e nun me guardate accussi je sonco nu poche schifiltosa e pe cheste ca m’aggiu mise tutte cheste n’cuollo, nun ve preoccupate cerca di uscire fuori? mo veche je… scarafone nero, mo la perpetua bianca ti scaccia via, apettate qui ai nastri di combattimento ca je vado, l’ammazzo, e torno…

Pino: Madonna, madonna mia che guajo…

Clemente: O’ scarafone, o’ scarafone, ogni scarafone è belle a mamma soja, ho scoperto che Pasquale, forse è nato a Cefalù, era un bravo elettricista fuma poco e ascolta i pooh. Bleh bleh

Pino: Guè tu mo viene ccà o bi

Clemente: Che c’è, io bravo

Pino: Bravo e mo stamme a sentì tu me ne haje fa fuje e capite?

Clemente: Si si, io so il nascondiglio segreto dove andare per scappare si trova dove batman si trasforma, ah ah tu vuoi essere Robin che bello…

Pino: Guè, ma tu nun me fa perdere a pazienza sa, ie me n’aggia fuje t’aggio ditto

Clemente: Si io so dove sta la batmobile, funziona senza la bat...teria basta che fai un bat mani e subito…

Pino: Ti bat…tezzo a vuò furni e fa o’ sceme, ma allore t’aggiu cresimà…

Clemente: Eh eh hai fatto la bat...tuta. Aspetta un momento adesso subito arrivo… (va a prendere la pistola nella stanza sulla destra)

Pino: E mo che sta penzanne e fa? Gesù mio ie nun t’aggiu maje priate fa si che me ne pozze levà da dinto a chesta situaziona (pensa tra se e se) Aggiu truvate, mo le dico che me turnate a voce accussì chille se credene che è successo o’ miracolo, e me manneno addo vescovo, si accussì aggia fa… e ma comme posso attirare la loro attenzione? Clemente, chille pe forza me da na mano o’ si no o’ scommo e’ sango, le faccie piglià na paura ca nun se a scorde chiù pe tutte a vita soja (Entra dalla destra Clemente con la pistola in pugno)

Clemente: Ciao Pino, tu cattivo con me? eh io ti faccio vedere come si usa la pistola Paparapapapappapaaprapa (con il motivo di per un pugno di dollari)

Pino: Maronna, Clemente io scherzavo, ma faccio qualsiasi cosa per te, dimmi tu che posso fare ja, vogliamo giocare a Bat man e Robin?

Clemente: Troppo tardi, ricordati che tu devi morire

Pino: O’ signore, vogliamo giocare a guardia e ladri è…

Clemente: (Con espressione gioiosa e poi di colpo seria) Si, si io faccio il cara… no, ricordati che tu devi morire

Pino: Ma nun me saccje fa e fatte mie, ah ho trovato, al gatto e la volpe eh che ne dici?

Clemente: No essere o non essere questo è il problema, ma tu ricordati che devi morire e mo muore

(Inciampa vicino al tavolo cade la pistola e parte il colpo)

Pino: (Fa le smorfie con il viso)

Perpetua: Gue ma che è succiesse? chisti scarrafune hanna essere gruosse si avita pigliata a pistola, ma tu vide nu poche, je nun sole a n’incosciente aveva tenè n’coppe a strada mia, addirittura a duje, gue e che c’è, ve veco cu na faccie, avita fatte a faccie da paure secca secca e tu (A Clemente) jesce subbito dinto fa ampresso, faje sule guaje e nun te permettere e piglià chiù a pistola pecche ta dompo a capa.

Clemente: (Clemente cerca di spiegarsi a gesti perché non gli esce la parola)

Perpetua: Meglie è accussì a prossima vota t’ampare andiamo dentro ja… e vuje aspettate ca stu scarafone, sempe ie l’aggia cercà ma senza fare vittime sul campo… (via sulla destra insieme a Clemente)

Pino: (Non riesce a parlare e gli viene un tic dal nervosismo)

Scena 13

Pasquale, Nicola, Pino, Perpetua

(Entrano Pasquale Bellavista, e Nicola Coscia dalla comune e restano sull’uscio)

Pasquale: Buongiorno ma c’è qualcuno in stanza?

Nicola: Si c’è un’uomo ad ore 12

Pasquale: (Si gira di spalle al pubblico) guè, che ce faje areto a me? io nun to permette, io sono un’uomo di sani principi nun te può approfitta e nu povere ceco

Nicola: Pasquale ma ore dodici è davanti a te

Pasquale: Ma allora vuoi proprio che io mi arrabbi, leggi il cartello ed alza la voce

Nicola: Su alza la voce

Pino: (Fa segno che non può leggere)

Nicola: Pascà, penze c’avimmo n’cruciate natu colleghe e, buongiorno, lei che cosa è oltre che muto, ceco, sordo, o’ zuoppo comme e me? no pecchè ie tengo l’invalidità cento per cento, tengo na coscia più corte, però tengo l’accompagnamento cu Pasquale perché onestamente nuje sapimmo campà, e poi lo sappiamo che a Napoli

Pasquale: I disoccupati so organizzati

Nicola: Pascà ma che dice?

Pino: (Pino si arrabbia)

Pasquale: Nicò ma chiste che dice ce care? cede alla pietà?

Nicola: Guè statte zitte sta tutte nzamato, chillo è un padre sfortunato, nun po manco parlà sicuramente ci capirà, t’aggiu ditto è nu collega

Pasquale: Speriamo buone, ma ie sente n’addore e vine ma ca addo stamme?

Nicola: Gue Pascà te diche sule cheste, ce sta na bella mangiatoia

Pasquale: E po che ce sta?

Nicola: O Buio e l’asinello…

Pasquale: Uh e nun se mette paure?

Nicola: Ma chi?

Pasquale: L’asinello dinto o’ buio

Nicola: Ma statte zitte famme o piacere, signor padre scusate il mio amico, quello è un po ceco

Pasquale: No, tutto ceco e po a me chisto agriturismo già me piace, ce sta na bella addora

Nicola: Marunnelle, ie nun ce a faccie chiù… torniamo a noi padre, sicuramente voi farete una bella orazione… ops pardon volevo dire benedizione, nun è ca ce a putissene fà, sapite comme è noi siamo stati sempre sfortunati o vedite chillo cartello?

Pino: (Gli fa segno che non gli interessa)

Pasquale: Nicò, Nicò allora che sta facenne, e chiste o’ pate e chi è

Nicola: E nisciune

Pasquale: Comme, nun dicere fesserie…

Nicola: Statte zitte pascà, mo sto faticanno

Pasquale: E parle, non tenermi all’oscuro

Nicola: Allora (si avvicina a Pino) venite qua… io sono una vittima del nucleare di Hiroscima le radiazioni mi hanno rovinato la vista me putissene da nu centeeuresimo della vostra piccola mano? È’ un’offertuccia, a vuje che ve costa?

Pino: Uh uh uh

Pasquale: Nicò, ma che ce sta na scigna ccà dinte

Nicola: Addo stà, a me me fa m’ pressione

Pasquale: Fujmme fujmmo, nun ce veco chiù da paura

Nicola: Ma guardate guardate, chillo fa pure o’ spiritoso

Pasquale: Gue Nicò l’aggiu visto pe primmo je perciò la scigna è la mia siamo intesi? tu lo sai questa è una mania che tengo da piccolo

Nicola: Ah le viste prime tu, e i che colore è?

Pasquale: Nera

Nicola: E poi?

Pasquale: Tene o’ cule grigie, e mo nun me po dicere chiù niente la prova è incomfutabile…

Nicola: Ma dico io, ma a vuò fernì o no? ti ho detto che è un padre…

Pasquale: Gue scusa, e nun aveve capite ca ere o’ pate da scigne che ne puteve sapè ie oh (Pasquale si fa strada con il bastone si siede al tavolo ed inizia a bere il vino portato poco prima da Pino)

Nicola: Allora, vi potete convincere o’ no? Pascà ma che faje? te pare chiste o mumente e vevere o vino?

Pasquale: Gue chille è buone assaje

Nicola: Ma tu vide nu poche

Pasquale: Beate a te che o’ può fa, je già sono sfortunato mo che me capitato quest’incontro ravvicinato del terzo tipo, tu me vuò staccà

Nicola: Lascia chella butteglia

Pasquale: No, il nettare ha intriso la mia bocca e mo chisto fiasche è addivintate o mje t’he l’aggiu ditto è una mia mania

Nicola: Pascale pascà, ma te pare chist’ o mumente e pazzià?

Pino: (Esce sulla destra in cucina togliendo il vino dalla bocca di Pasquale)

Pasquale: Guè, ma che cazzimmata è cheste

Nicola: Addò vaje viè ccà ca nun aggià furnute, pascà cerco di convincerlo

Pasquale: E nemmene ie aggio furnute, Nicò curre fa ampresse vammelle arripiglià chillo è bbuono sicuramente è stagionato sarà di una buona annata

Nicola: (A fernisce cu chistu bastone?) Ma che allucche a fa, ie sto ccà aspiette ca mo subbito vengo guè nun te movere a ccà l’aggia convincere a ce dà e sorde…

Pasquale: Fa ampresso e non lasciarmi solo in questa osteria, ccà e m’briacune m’accideno… marò stu vine me sta facenne vedè e palummelle annanzo all’uocchie.

Perpetua: E chisto chi è, buongiorno

Pasquale: Buongiorno è molto accogliente questa mangiatoia, ma si mangia bene?

Perpetua: Ma volete qualcosa, a qualcuno?

Pasquale: No, non vi preoccupate, mo Nicola coscia o’ compagne mio sta già provvedendo, è andato a recuperare il vino santo, signorina, però vi devo fare un richiamo, chesta osteria me pare na sacrestia, sta troppo silenzio nun è ca me putissene mettere nu poche e musica?

Perpetua: Si’ mo ve mette nu belle twist?

Pasquale: Magari, ma purtroppo la vista nun mo cunsente, al massimo potrei fare la mosca cieca, leggete il cartello, leggete, io nun vo pozze leggere per ovvi motivi

Perpetua: Venite qua, io sono una vittima del nucleare di Hiroscima le radiazioni mi hanno rovinato la vista me putissene da nu centeuresimo della vostra piccola mano? È’ un’offertuccia a vuje che ve coste? azzo cento euro, e vvinne care chisti uocchie sentite, io ho capito, però voi avete sbagliato il periodo quello il pulmann per Lurdes già l’hanno fatto, già è partito poco fa…

Pasquale: Ma veramente? O povero me, me povero, aggiu perze o cumpagne mie, ma comme, chillo è partito senza m’avvisà chille è state sempe na carogna, se vuleve magnà sule e denare mie e l’accompagnamento putissene aspettà? accussì veco si vene o cumpagne mie, Nicò (Urlando disperato)

Perpetua: E ja nun facite accussì, vi accompagno je, guardate che pietà ca me fa jammo assettateve, allora o’ vulite nu belle bicchiere d’acqua?

Pasquale: No je veramente vulesse nu poche e chellu vine buono… prima ne ho appena assaggiato un sorsettino, certe ca teneve na bbona annata

Perpetua: Ma quale? Mamma mia puveriello me fa na pena, mo nce o’ faccje credere, ah il vino Brunello? Quello buono?

Pasquale: Si proprio quello, guè quella la botteglia è mia ce l’ha quel signore che me l’ha tolta dalle mani, io l’ho detto è una mia mania è la mia perchè me la sono baciata io per la prima volta

Perpetua: è stato amore a prima vista, uh scusate

Pasquale: Non fa niente, e mo donna andate via, non capite proprio niente di sentimenti

Perpetua: Seh (Perpetua via a sinistra)

Nicola: Pascà

Pasquale: Nicò

Nicola: Pascà

Pasquale: Nicò

Nicola: Pascà

Pasquale: Pronto Nicò addò staje? ma pecchè m’he abbandonato? te ne si ghiuto a Lurdes senza me dicere niente faje schifo.

Nicola: (Tocca Pasquale) Neh ma che staje dicenno?

Pasquale: (Salta dalla paura) E passa nu guaio Nicò to giuro n’coppe a viste e l’uocchie me fatte tremmà

Nicola: Guè mo’ statte zitte che ho scoperto qualcosa che ci fa diventare ricchi e famosi.

Pasquale: Hai scoperto addò sta annascuso il boccale d’oro di questa osteria?

Nicola: Ma quale osteria?

Pasquale: Questa

Nicola: Uocchie e Santa Lucia, ma nun ce o putisse fa nu miracolo?

Pasquale: Guè lascia stare il mio santo patrono è…

Nicola: Ma tu e capite ca stamme dinto a na sacrestia o no?

Pasquale: Ah mo aggio capito… ma allora quello era il vino della messa?

Nicola: Si finalmente l’hai capito

Pasquale: E fa na cosa, vammillo a piglià accussì mi purifico un po dai peccati, me putesse fa nu miracolo.

Nicola: Ma te pare chiste o’ mumento e penza o’ vino? aggio truvate e sorde pe campà dignitosamente e saccio pure il modo

Pasquale: Ah si, e comme se fa? gue ie to ddico è, a primma cosa ie voglie so’ l’uocchie azzurri che a me me piacieno assaje.

Nicola: Zitto e ascoltami bene, qua ci sono parecchi oggetti d’oro, mo io spengo la luce e tu nel buio…

Pasquale: (Risentito) E già tanto per me fa lo stesso, o’ vide ca si na carogna?

Nicola: Ma a ferniscje o no? Dicevo, tu nel buio inizierai a prendere le cose, anzi no, prendi il sacco che hai in spalla, te lo metti in mano ed io ci metto tutte le cose d’oro che ci sono in questa sacrestia e capito?

Pasquale: Ma nun aggio capito buone chisto sacco ca tengo addereto l’aggio tene mmano? E po quanno fujmmo ie comme faccie ca nun ce veco?

Nicola: Tu non ti preoccupare ci penso io, fa solo come ti dico adesso vado a staccare la corrente, nun te movere e capito?

Pasquale: No no, però fa ampresso ca me mette a paura do scuro…

Nicola: Allora haje priparato o sacco si?

Pasquale: Si Nicò però me sente spuorco...

Nicola: Pecchè?

Pasquale: Ie nun me fide e’ vede e sante ca me guardane…

Nicola: Ma satte zitte.

(Si spegne la luce buio in scena )

(Si sente un tumulto e le urla di Pasquale e Nicola dopo solo i lamenti)

Perpetua: (Entra dalla sinistra) Madonna e che rumore c’aggio n’tiso e che so chisti lamenti qualche gatto in calore sicuramente, santa Trofimena pienzece tu, santa Elettra protettrice da corrente famme strade e famme je attaccà a corrente chillo nun ha visto ca chisto generatore se fatte vecchio, je ce o dico sempe a D. Angelo niente, nun me sta a sentì… ecco fatto

(Ritorna la luce in scena)

Perpetua: Guè e vuje che ce facite ccà n’terre? che è succiesso?

Nicola: Che dolore, manna fatte nu mazziatone numero uno, je nun aggio capite niente mana a ccà, a llà, mane pe tutte parte, e che dulore ah e che dolore, me fanne male tutte l’osse…

Perpetua: E cu chesta rrobba che facite, vulivene arrubbà?

Pasquale: Ma quante maje, je che ne saccje, je me me l’aggio truvate mmano, ie ccà pe mmazzate c’aggio avute pe me arripiglià ce vo na semmane e ricovere o c.t.o…

Nicola: Ah si, e che dolore

Perpetua: Ma nun avite viste chi è state?

Pasquale: Ie nun aggio viste niente…

Nicola: Gue chille fa o spiritoso doppe na mazziate ca neanche un tram può fare, e che dolore signora noi volevamo solo confessarci

Perpetua: Mo è tutto chiaro vuje vulivene fa e mariuole, poi ci ha pensato l’anima benigna del munaciello che con il suo intervento va scummate e sango per farvi capire che non si ruba, allora è vere Gesù perdonami, ma ie ce crede…

Nicola: All’arma e chille…Pascà je o ssaje che te diche, cheste ma fatte cacà sotte… fujmmancenno

Pasquale: Nicò aspiette nu mumente… signò dicitancello o’munaciello ca nun appena o’ veco l’aggia fa na mazziate a cecata

Nicola: jesce iammuncenne buffò fuje, fuje

Perpetua: (Ride) E chi se l’aspettave ca dinte a na sacrestie succedene certi ccose, però aggio fatto nu guajo ho rivelato del munaciello, eh ma chillo che po fa, non appena torna D. Angelo ce aggia dicere tutte chello che è succiesso, madò che fridde n’cuollo mo vaco appiccià o’ riscaldamento e me vaco a priparà pa notte

(Via sulla destra)

Filo e spago: Palle e può trase nun ce sta nisciuno mo è o’ mumento

Palle e puorco: filo e spago nun ce stanno problemi però l’amma furni e ce fa e canna je veco e santi ca se moveno dinto a chiesa

Filo e spago: Ma come ti permetti io non mi faccio di canna io uso lo zucchero normale

Palle e puorco: Bello a te, te piace e ghire a piscà, a chi vuò piglià pe fesso?

Filo e spago: Ma statte zitto a te te chiammano zuccherino a palle e puorco, ca te cride ca nun o’saccio che ti piace a biancaneve?

Palle e puorco: Io da piccolo me so fatto na cultura con i sette nani

Filo e spago: E chi te la leggeva la favoletta? O spacciatore?

Palle e puorco: E mo nun to pozze spiegà… ma ccà nun se trova niente?

Filo e spago: Hai ragione ma comme amma fa? A nuje n’ce serveno e sorde

Palle e puorco: Zitto zitto sta venenno qualcheduno

Filo e spago: A me sembra D. Angelo o’ preveto

Palle e puorco: Silenzio mo veco ie tu nun dicere niente, nun sta mpenziero.

Filo e spago: E chi se preoccupa

D. Angelo: Ah mamma mia, guè ragazzi voi che fate qua?

Palle e puorco: Padre veramente noi siamo venuti per chiedervi un aiuto.

Filo e spago: Si si

Palle e puorco: Ecco noi vorremmo entrare nella comunità

Filo e spago: Nel senso che quello che vostro è nostro e quello che è mio è nostro

D. Angelo: Ragazzi avete sempre voglia di scherzare ma certe cose bisogna volerle veramente, voi siete disposti a redimervi ed a lasciare veramente il peccato, il vizio?

Palle e puorco: E certo padre io nemmeno più o’ zucchero sui panettoni metto per non cadere in tentazione

Filo e spago: Ma che staje dicenno ma si a te te chiammano zuccherino.

Palle e puorco: Statte zitto, e nun sta mpenziero

D. Angelo: Va bene voglio credervi e darvi una possibilità, parlerò io stesso con la comunita per il vostro recupero adesso vi do il nome del responsabile ed il suo numero e voi lo chiamate, aspettate un momento lo vado a prendere di là.

Palle e puorco: Grazie padre, filo e spà jammuncenne te l’aggio ditto nun sta mpenziero…

Filo e spago: Però fosse belle si putessemo furnì e fa sta vita nun putimmo sempe arrubbà pe ce accattà a rrobba

Palle e puorco: Ah si? Proprio mo’ vuò fa l’onesto? E po tu nun vuò turnà a nascere? Io si

Filo e spago: Ma comme cu na serenga o’ cu na sniffata? Je aggio date sule dispiacere a famiglia mia

Palle e puorco: Oh nun fa o’ debole la droga te da na forza ca nun te dà nisciuno, nun sta mpenziero.

Filo e spago: Ma che staje dicenno je a vulesse veramente na vita felice e senza chiù chesta schifezza, nun sta mpenziero, nun sta mpenziero? E po vulimmo arrubbà dinto a na chiesa? Tu nun sta mpenziero, anzi stamme a sentì buono, nun sta mpenziero frà ca si nu suonno se fa senza vulà cu a fantasia è pecchè uno ce crede, ma si chella fantasia esce da capa toja e addiventa aria, capisci ca a vita è nu suspiro ca nun se po’ fermà.

Palle e puorco: Mua e comme e parlate bello, o’ fridde nguollo frà

Filo e spago: Vabbè, ma comunque haje ragione tu, jammuncenno, pure si o’ vulesseme fa, ie mo a forza nun a tengo.

Palle e puorco: Bravo oi, mo staje parlanno chiù bello ancora jammuncenno primmo ca vene D. Angelo è meglio can un ce trove ccà e pure mò avimmo fatto nu buco dinto all’acqua.

Scena 14

 D.Angelo, Clemente, Perpetua, Nannina

(D. Angelo entra dalla comune)

D. Angelo: Ragazzi questo è il numero (non vede in scena i due) ma dove sono andati? sono spariti?  Non è possibile io a questi due devo recuperarli assolutamente. Ah Quanti grattacapi non sono stato in grado di trovare nemmeno quest’ impostore che si spaccia per il munaciello, adesso solo questa diceria ci mancava a far sì che lo scetticismo potesse pervadere il cuore dei fedeli (sente un rumore) non esiste la paura, è un qualcosa che suscitiamo noi con il nostro subconscio (sente un altro rumore) nooo, la paura è una condizione che ci creiamo noi esseri umani  o’ munaciello non è altro che frutto della fantasia dei nostri padri, non può esistere (sente ancora un rumore) Assuntina addo staje… (via di scena sulla sinistra)

Clemente: (Clemente entra da destra) Eh eh come è bello questo telefonino fa un sacco di suoni, mo vedo se fa la suoneria di natale…

Perpetua: (Entra da destra con una candela ed un piatto con del cibo) Stanotte lui verrà, io lo sento (parlando ad alta voce) vi ho fatto del cibo, (A Clemente) accussì nun se ne va riuno…

Clemente: Mammà quanto sei brutta, io paura gno gno

Perpetua: Zitto zitto che lo spirito spiritato va via, munaciello munaciello vattenne tu ca si bello, uocchie maluocchie statte zitte o sinò niente accucchie, farfalle, pipistrelle, spirite, spiritate guardanneve dinto a ll’uocchie so troppe fortunate, o’ prevete nun ce crede, a ggente nun ce crede, ma ie so sicure ca tu ce staje, vattenno da dinto a sta sacrestie (entra D. Angelo da sinistra) e porta con te la tua opera pia, sant’antonio cu a pecorelle, San Tummaso cu l’uocchie che vede pinto e belle, Santa Caterina, Rosalia, Giuseppina, assistete questa mia manina, a cannela scioglie o vute,  o’ munaciello di sicuro se ne ghiuto…

D. Angelo: Ammen eh, ma Assuntì, ma che faje? si addivintata pazza?

Perpetua: No, ie ce credo, poco fa ha lasciato un segno, infatti duje barboni sono entrati, volevano rubare e hanno avuto un mazziatone, chillo ce sta, e ce sente…

D. Angelo: Ma non si può in una chiesa credere a certe cose su… (Suonano le campane) ie o’ ddico che l’aggia fa cagnà o’ suono e sti campane, me fanne sempe tremmà.

Perpetua: Però ve mettite a paura pecchè? La verita è che voi nella vostra cerevelluccia, nun vulite accettà che certe cose esistono, nun ce sta niente a fa, è come la natura, cioè questa è la realtà dei fatti…

Clemente: Io paura paura…

D. Angelo: O’ vide staje facenne mettere a paure o’ nennillo (Entra Nannina dalla comune che si nasconde per assistere alla scena) e poi non dimenticarti Assuntina che io credo in Dio, e per una diceria, una banale diceria non posso mettere a repentaglio la mia fede, il mio sacerdozio

Perpetua: Chille è figlie a mmè, e addà capì che significhino certi ccose

D. Angelo: Allora non capisci, non lo si può dire in giro, succederebbe uno scandalo, ma che donna sei?

Clemente: Una bomba di sesso nel letto, con me tu non cambi mai Gigi D’Alessio io sono il suo fanno eh eh

Perpetua: E tu statte zitto

D. Angelo: Si sempo tu Clemente eh…

(Clemente va via sulla destra)

Nannina: Ma posso fare io da avvocato difensore, mah un litigio tra marito e moglie è normale no? succede in tutte le famiglie normali?

D. Angelo: Nannina, questo non è il momento e poi tu, sei la meno auspicabile per far sapere certe cose (via sulla sinistra)

Perpetua: Ma tu tiene sempe a parola superchia? E ciuncatelle na vota sta lengue fraciete ca tiene, e po proprie tu parle e famiglie tu nun saje manco che vuò dicere sta parola, je vulesse ca a te, te facessene nu mazziatone per se, e per i suoi ah, ma tu sei esperta…

Nannina: Si si, ma je aggio sentito tutte cose, vuje avito ragione ca songo incinta, e ca chillu mamozio e maritemo nun se trove quindi tengo e fatte mje ca me abballeno pe capa o’ si no, mettesse in pubblico quello che ho sentito stasera, altro che giornali

Perpetua: Neh ma a te mariteto te vatteve? Pe cunte mie faceve bbuono, je so femmena e nun l’avessa dicere ma esistene femmena comme a te ca so o’ scuorne e femmena comme a me, tu nun haje maje capite niente, ah che pacienza quanta muorze n’coppe a lengua, sciù all’ossa toja.

Nannina: Ma ie t’aggio fa vedè e che so capace… (entra Pino da destra) Madonna (Nannina sviene)

Perpetua: Guè l’he venuto un calo di pressione, a pigliato o’ prevetariello pa madonna, presto aiutatemi, (Pino cambia d’umore a soggetto) questa è incita… (A Pino) guardatelo, chillo cumme fa brutto, ha pigliato pure isso nu malo schianto…D. Angelo

(Si chiude il sipario).

Fine 1° atto

2° Atto

Scena 15

D. Angelo, Perpetua, Clemente

(Si apre la scena con la perpetua che canta la canzone Erba di casa mia di Massimo Ranieri, entra per primo il figlio dalla sinistra che balla con la perpetua mentre fa le pulizie, a loro si accoda il prete che dapprima balla dopodichè spegne la radio adirato.)

D. Angelo: Ma Assuntina eh, nun è possibile stamme dinto a na sacrestia.

Perpetua: Gue, tutte e femmene normale qua a Napoli fanne e servizie ca voce do sterie aizzate, e po Massimo, è massimo guardate.

D. Angelo: E’ San Massimo Ranieri, e che ce fatte pure a cappelluccia…

Perpetua: Io lo amo, ccà ie so prive e fa quello che voglio… oggi è ventiquattro, allegria.

D. Angelo: E me pare Mike Buongiorno, allegria… ti ricordo che qui sei in una chiesa, te lo voglio solo ricordare eh, poi lo so oggi che cosa è, proprio per questo sto nervoso, il presepio ancora non è finito, e tra poco arriva Graziuccia con le sue amiche, ed io, gli devo far ascoltare i canti liturgici di stasera, insomma… sto a zero

Perpetua: E si, mo nun facito o’ schifiltoso, che poi ie a vuje nun v’aggiu viste che ballavene a ritmo di liscio, eh nun ce sta niente a fa, s’adda canta, e s’adda purtà a croce.

D. Angelo: E si, mo è diventato di dominio pubblico, sono un ballerino rinomato, eh Assuntina, cosa dici, mi sono solo lasciato un pochino inebriare dal suono della musica… tu nun me fa perdere a pazienza qua le cose già si mettono male, anzi fa una cosa, va in ospedale e va a controllare a Nannina, vedi come sta… se ha partorito.

Perpetua: Per conto mio chelle a’ vammana l’avesse attaccà e trombe, accussì a fernescje e alluccà (fa il suono della sirena) arrivano i pompieri, l’acqua n’coppe o’ ffuoco e ne m’pastave une (fa il suono della sirena) arrivano i finanzieri, o’ timbro n’coppo o’ scuntrine e ne m’pastave n’ato (fa il suono della sirena)

Clemente: Arrivano i carabinieri, e chille che arrivene a fa, tante ce fanne e barzellette eh eh

Perpetua: No chelle ce conte esse, accussi co’ tortene chine e n’zogne ne ha fatti sette, sette povere aneme do priatorio che nun hanne fatte male a nisciuno, o’ marito nun se conosce pecchè è stato tutto casa e galera, si si o’ fatte e cheste… figuratevi ca nun se sape nemmeno o nomme di lui, si ha un’immagine sbiadita brunettiello, alto, nu poche secculillo, dicene ca l’accireve e mazzate così manco n’ora d’aria ca subbito llà fernescje e ie, vulesse sapè sti figlie a chi so figlie… gue d’Angelo lo so è peccato, ma ie si  a putesse accidere l’acceresse quella mi ha tolto il mio unico amore, il barone di Montecchio chillatu’ che l’hanne accidere…

D. Angelo: Hai finito? Lo vuoi capire che sono peccati l’invidia, l’accidia?

Perpetua: Nooo padre, l’accidio ie cu e mmane mie, nun ce o’ pozze perdunà a esse e chillu cornute do marite ah…

D. Angelo: Dai su fa presto, va subito in ospedale Assuntina mi raccomando contando fino a dieci ed anche oltre se serve capito? adesso va che devo ancora finire di preparare il presepio su eh

Nzerra nzè: E’ permesso?

Perpetua: Gesù Cristo mie damme a forza… guè nzerra nze trase, je vaco nu mumento a llà

(La perpetua va a prendere il soprabito sulla destra)

Nzerra nzè: Padre vi ho portato un pochino di frutta quello mio marito ci tiene tanto a voi ed alle vostre benedizioni

D. Angelo: Grazie di vero cuore, siete persone stupende, e lavoratrici.

Nzerra nzè: Eh padre che possiamo fare questo ci fa stare bene e poi voi lo date alle famiglie bisognose.

D. Angelo: Purtroppo ci sta e c’è chi approfitta pure di questo

Clemente: Padre, padre volete vedere cosa ho imparato?

D. Angelo: No Clemente nun è o’ mumente dopo…

Clemente: E volete vedere chi ha ucciso l’uomo ragno?

D. Angelo: Ti ho detto che ho da fare e poi non vedi che c’è gente?

Clemente: Ma chi? Nzerra nze’?

Nzerra nzè: Guè Clemente non fare arrabbiare a D. Angelo

Clemente: Nooo io non lo faccio arrabbiare ma tu la vuoi sentire la canzone che ho inventato su di te?

Nzerra nzè: E jamme però fa presto che devo andare, sta mio marito fuori che mi aspetta

Clemente: Tiene la laparella scassata? (fa come volesse mettere in moto un motorino e gira intorno a D’Angelo) e però senti, patro sentite (sul motivo di jeshael) Nzerrà nze paraparapara, nzerra nzè.

D. Angelo: Ma la vuoi finire (A Nzerra nze) scusa ha sempre voglia di scherzare

Nzerra nzè: Eh lo so però è troppo divertente, va bene padre io vado.

Clemente: Nzerra nzè se ti serve un uomo? io sono qui… nzerra nze, tè tè

D. Angelo: E ci vediamo vai figliola vai, Clemente la vuoi smettere? ma come devo fare con te

Clemente: E la volete sentire la canzone che a me mi piace tanto?

D. Angelo: (Spazientito) Ancora? E va bene, basta che me faje fa stu presepio stamme a 24, stanotte e Natale, e nun l’aggia ancore terminato… mi mancano i personaggi minori

Clemente: Ma io ci sto sempre come stella cometa?

D. Angelo: Si, si

Clemente: Ah si? E come sono contento aspettate è… (Mette una canzone di G. D’Alessio nella radio e balla)

D. Angelo: Ma sei impazzito pure tu? Assuntina, portati pure a Clemente presto, o altrimenti o’ manicomio nun me o’ leve nisciuno

Perpetua: E jammo a mammà andiamo, facimmo a m’presso, può essere ca nun facimmo a tiempo a vedè come vene squartate a’ purcelluccia

D. Angelo: Assuntina…

Perpetua: A dopo padre, sempre sia lodato…

Clemente: Nella vecchia fattoria ia ia o… c’è il maiale grunc grunc eh eh

Perpetua: Fa ampresso (vanno via dalla comune con la perpetua che tira Clemente per la mano)

D. Angelo: Cose e pazze ie nun c’ha faccie chiù… e quante o’ fernesco stu presepio…

Scena 16

Barone di Monticchio, D. Angelo

(Entra il Barone Monticchio dalla comune)

Barone di Montecchio: Ei tu, siccome immobile

D. Angelo: (Tra sé) Mamma mia e chiste mo chi è…

Barone di Montecchio: Dato il mortal sospiro

D. Angelo: (Impaurito) Sarrà nu pazzo…meglio assecondarlo

Barone di Montecchio: Stette la spoglia immemore, orba di tanto spiro, cinque maggio Alessandro Manzoni elogiava le imprese di un grande uomo…

D. Angelo: Napoleone Bonaparte.

Barone di Montecchio: Perché lo sapete pure voi?

D. Angelo: Veramente si studia a scuola, ma posso sapere lei chi è? Se non è chiedervi troppo

Barone di Montecchio: Ve lo dirò, quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno tra due catene non interrotti di monti, tutto a seni e tutto a golfi… nascetti io

D. Angelo: (Disperato) Aggiu capite, chiste è nu pazze che le piace Alessandro Manzoni… tutte a me.

Barone di Montecchio: Da un matrimonio difficile arrivò il padre di mia madre che disse a mio padre, bondio il mio nome è Giacomo bondio questo matrimonio nun s’addà fare… ah o capisti ah, ta tagliare a gola pentito, nun parlari altrimenti la lupara ci fu pe tia

D. Angelo: Senta, io non ho tempo da perdere e poi qui siamo in una sacrestia per favore.

Barone di Montecchio: Cosi percossa e attonita la terra al nunzio sta, muta, ascoltando, ascolti che le sto dicendo le mie generalità.

D. Angelo: E si mo faccio il check in ma insomma…

Barone di Montecchio: Osate voi sfidare me messere? in guardia, tutti per uno e uno per tutti.

D. Angelo: Che m’aveva capità… chi sa scorde chiù sta vigilia di Natale, ma insomma la volete finire? mi dite chi siete?

Barone di Montecchio: (Risata sarcastica) Ah ah ah chi sono? Sono il nobile barone Montecchio… Alfredo Bondio di Montecchio di nobile stirpe  

D. Angelo: Ah si vi conosco

Barone di Montecchio: (Impressionato) Veramente?

D. Angelo: Ora ho capito chi siete…

Barone di Montecchio: No ma state calmo, vi posso spiegare

D. Angelo: E no, non potete, no…

Barone di Montecchio: Ma veramente avete capito…madonna mia pienzece tu e mo comme faccio?

D. Angelo: Ah ah (Monito) non bestemmiate, adesso ho smascherato la sua identità

Barone di Montecchio: Guardate me ne vado, tolgo il fastido, torno un’altra volta, io volevo solo spiegare chi ero, e poi volevo solo confessarmi stop. Chiesa stop. Parlare poco stop. Se a lei sta bene stop. Non parlo più stop

D. Angelo: Si si non vi è dubbio, voi siete… quello dell’acqua monticchio è vi ho riconosciuto, vi dovrei fare un richiamo eh eh l’acqua vostra l’altra volta era sfiatata…

Barone di Montecchio: Ah ho capito vi riferivate… guardate c’è un qui, quo, qua...

D. Angelo: Ma quali quelli Disney, ah ho capito… avete fatto le confezioni dell’acqua con la loro immagine, geniale…

Barone di Montecchio: (Dubbioso) èh… ma che avete capito?

D. Angelo: A cartoni animati, o a fumetti?

Barone di Montecchio: Ma che cosa?

D. Angelo: Qui, Quo, Qua

Barone di Montecchio: Eh, e state facenne n’capo e fumette sentite a me, ma che dite, quello significa che c’è stato uno scambio di persona, un errore insomma…

D. Angelo: Ah allora volevate dire qui pro quo, latino… ah il suo ego

Barone di Montecchio: Dove sta?

D. Angelo: In lei

Barone di Montecchio: Veramente, c’è l’avevo e nun me ne so maje accorto, cose e pazze

D. Angelo: Ah mo pazze esche je, ma si può sapere perché lei è qui?

Barone di Montecchio: Gesù, per confessarmi

D. Angelo: Non nomini il nome di Gesù invano.

Barone di Montecchio: Dio mio e come devo fare, io sempre cosi mi sono espresso.

D. Angelo: Ma allora lei vuole bestemmiare

Barone di Montecchio: Ma vide nu poche chella marunnella, non lo farei mai, poi soprattutto in chiesa

D. Angelo: Lei non ha moralità e non voglio confessarla…

Barone di Montecchio: Ma chi io? (Piange) no padre (bacia le mani al prete) io mi debbo confessare, aggia fatte tanta peccati tanti, se è per questo ho raccontato anche delle parabole

D. Angelo: E va bè su questo non c’è niente di male, spero a qualche bambino?

Barone di Montecchio: No veramente a qualche fanciulla per conquistarla.

D. Angelo: Ah vedete questo è un altro peccato.

Barone di Montecchio: Ma che ci posso fare se ho il vizietto?

D. Angelo: Un momento, adesso ho capito chi siete.

Barone di Montecchio: Nata vota mo?

D. Angelo: Lei è barone?

Barone di Montecchio: Si

D. Angelo: Di una nobile stirpe?

Barone di Montecchio: Si

D. Angelo: Quante amanti ha avuto?

Barone di Montecchio: Mi lasci pensare

D. Angelo: Parla

Barone di Montecchio: Ma che cosa è un interrogatorio?

D. Angelo: Il tempo ragionevole per scalzarti e… fai presto

Barone di Montecchio: Non mi portate fretta…

D. Angelo: Voglio subito la risposta

Barone di Montecchio: Quanti secondi tengo?

D. Angelo: Vi ho detto parlate per dindirindina…

Barone di Montecchio: Veramente non la conosco a dindirindina ma si vulite ve lo dico subito 1 per 3, un per tre, ho avuto 23 ragazze di cui 10 sposate 10 bezzoche e 3… over 90 ma sule pe sorde!

D. Angelo: Allora voi siete uno di quei mascalzoni della peggior specie… uh mammamia, ma che sto facendo? io non posso giudicare, vi chiedo scusa, facciamo cosi, io dirò 10 Ave Maria, voi altri 10 poi dirò 10 Padre nostro

Barone di Montecchio: Io altri 10

D. Angelo: No voi altri 20 e poi 20 ancora fino all’eternità perché se ho capito bene e correggetemi se sbaglio, siete pergiunta l’ex marito di Assuntina la mia perpetua, padre di Clemente che avete abbandonato appena nacque, la persona che ha sedotto Graziuccia, donna di sani principi ma bizzoca, ed infine avete corteggiato Nannina che vox populi non sta con suo marito è vero? Rispondete

Barone di Montecchio: Elementare Watson e che detective…meno male ca nun aveva giudicà, padre aiutatemi ad espiare, però padre una cosa… o’ figlie e Nannina

D. Angelo: Che fa?

Barone di Montecchio: Je nun saccje niente, sapito è solo una diceria, io con lei non sono mai stato, vi prego fatemi espiare…

D. Angelo: Bene, allora se volete espiare le colpe, dovrete mostrarvi a tutti prima della messa di Natale di domani mattina, verrete qui in chiesa e racconterete tutta la verità

Barone di Montecchio: Ma non si può fare un’altra volta?

D. Angelo: Volete il perdono?

Barone di Montecchio: No

D. Angelo: Ah

Barone di Montecchio: Cioè si, va bene (riprende a piangere) farò come dice lei, però domani è natale quello papi mi uccide se non sto a casa in tempo per pranzo e ih che fermezze e proposito avete tenuto con me… comunque spero solo che lei non sia tutto chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo, e mi aiuti la prego, cosi delizierò la platea con la mia dolce voce suadente….

D. Angelo: Eh adda fà o’ cumizio…adesso vai a raccoglierti in preghiere ti serviranno eh, fai come ti dico mi raccomando…

Barone di Montecchio: Speriamo bene Padre… Ammen (via)

D. Angelo: Aspetta prima di andare, sei ricco no?

Barone di Montecchio: Ah chi? ... cioè si posseggo qualcosa…

D. Angelo: Allora lascia qualcosa come pegno, un oggetto d’oro

Barone di Montecchio: Ma…

D. Angelo: Per la Madonna si spiega, sarà un tuo ex voto, insomma un giuramento, devi rinunciare a qualcosa a cui tieni.

Barone di Montecchio: Va bene, papi perdonami, ecco il medaglione della mia stirpe… A tout e l’hour, matina, miezzo juorno e sera, ormai sono morto, me ne vache.

D. Angelo: Bravo stai iniziando a ragionare… (Con Stanchezza) ah tutte queste cose in una volta sola me hanna fatte venì o male e capa, adesso vado a riposare un pò, tanto tra quale ora è Natale ed i personaggi minori stasera nun e verene c’aggia fa, eh (via sulla destra)

Scena 17

Scena muta con giochi di luci e musica

(Si abbassano le luci buio parte la musica di natale)

(Entra Pino con una luce bianca su di lui, Pino ruba il medaglione riposto sulla credenza e va via a sinistra, sfuma la musica buio suonano le campane)

(Punto luce sul crocifisso. Da dietro si sente D. Angelo che esclama: è Natale, ed è nato il nostro redentore, pace in tutte le famiglie…e non pensate solo a mangiare a mezzogiorno, date supporto a chi ne ha bisogno, apritevi alla carità, aiutate la povera gente. La messa è finita andate in pace)

Scena 18

Graziuccia, Sisinella, D. Angelo, Pino, Perpetua

(Entrano Graziuccia e Sisinella dalla comune)

Graziuccia: Gue D. Angelo che bella messa ha ditto

Sisinella: Uh e chillo mo d’Angelo addò sta? Graziuccia chillo nun ce stà, je nun o veco

Graziuccia: Ma comme nun ce sta, chillo sta venendo da chiesa no, ciuccia, e po gli diamo la notizia in anteprima

Sisinella: E’, mo facimmo o’ notiziario

Graziuccia: Statte zitta tiene sempe a capa fresca

Sisinella: (Urlando in maniera scomposta) D’Angelo

Graziuccia: Ma che allucca a fa?

D. Angelo: Ma che c’è, ah Graziuccia e Sisinella

Graziuccia: Guè statte zitta o’ vide? Me faje fa sempe brutte figure scusate D. Angelo (Nel frattempo Sisinella si siede e poggia la testa sul tavolo)

D. Angelo: Non preoccuparti Graziuccia, sapeste quanto mi dispiace che la mia perpetua non c’è stata a questa bellissima funzione che abbiamo celebrato (a Pino che entra in scena) ah eccoti, scommetto che sono le tue prime messe di Natale, sono state belle no? e avranno colpito il tuo cuore, oggi è nato Gesù, viva Gesù.

Sisinella: Amen

Graziuccia: Si, ma mo volete dirci questo ex-voto che dobbiamo portare agli orfanelli addò sta?

Sisinella: (Stupita) Uh ma pecchè? mò D’Angelo se miso a fa a politica?

Graziuccia: Nzallanuta, statte zitta e duorme llòco.

Sisinella: Guè, chillo ha ditto e voti che ne saccje je? (Sisinella si riaddormenta sul tavolo)

Graziuccia: Zitta e duorme ca faje sule guai

D. Angelo: Ieri me l’hanno portato e l’ho lasciato qui sul…ma comme, è sparito? ma qui ci sta qualche ladro che si sta divertendo secondo me.

Graziuccia: Uh, allora Assuntina aveva ragione, ccà dinto ce sta o’munaciello.

D. Angelo: Uhm, non bestemmiate, ma come si può credere a tanto poi non esiste e mo stamme a Natale, in nomine padre et fili

Sisinella: Ammen

D. Angelo: Mmmh, ma scordo sempre

Sisinella: Ma che è succiesso?

Graziuccia: D’angelo dice ca o’ munaciello nun esiste

Sisinella: Comme chillo esiste, chillo na vota mentre steve durmenno me sagliette n’coppa a panza e…

Graziuccia: Guè chella è a janara, chelle le a tirà e capille e po è na vecchia.

Sisinella: Te dico ca pure isso fa o stesso…

D. Angelo: Ma guardate, guardate, stolte siamo nell’epoca dell’informatica, di internet e nel futuro ormai e credete ancora a queste cose? Io invece inizio a credere che c’è qualcuno che si diverte tra noi, ed io scoprirò chi è (via sulla destra)

Graziuccia: O mammà mia si è arrabbiato D. Angelo, e mo comme facimmo?

Sisinella: Comme facettene antiche, tu o’ ssaje cumme se dice? chi nun po vattere ‘o ciuccio, vatte a sella camma fa?

Graziuccia: Gue, quante maje

(Entra la perpetua dalla comune)

Perpetua: Eccomi rientrata…. è nato

Sisinella: Gesù, lo sappiamo già, noi siamo religiose che te cride?

Perpetua: No il figlio di quella uhm uhm…. Nun me facito parlà ca è peccato (Pino fa segno che è felice) è lo so, siete tutti felici, chillo o’ criaturo è bello assaje pe amore e die… è nato tre chili e seicento, na faccia scura scura, neh si nun cunuscesse a mamma dicesse ca e do pate però, ce sempre un però, neh, ie doppo che l’aggia aspettate tantu tiempo chelle che ha fatte, se ne fujute cu o’nennillo m’braccie… e n’fermiere ca a chiammavene e le currevene appriesso, ie ca le vuleve fa nu strascine, marò ma pecche le fatte nascere?

Graziuccia: Gue nun se dice è peccate

Perpetua: No chelle esse è nu peccate… intero però

Pino: Guèèèèèè (va via dalla comune spaventando le tre in scena)

Perpetua: Ma aveto sentito pure vuje, chillo me pare che ha parlato

Graziuccia: Uh si, ma nun avevene ditte ca ere muto?

Sisinella: Uh no no, me so mpressionata, me tremmeno e coscie (e fa come se avesse avuto un finto sfinimento)

Perpetua: Chillo da quante ce sta o’ munaciello dinto a chesta sacrestie nun se capisce chiù niente, è tutta colpa mia, ie nun l’aveva dicere a nisciuno, quello adesso si vendica (si mette a pregare)

Graziuccia: Si, sì jammuncenne Sisinè

Sisinella: Graziù ie aggia fa o bisognino, me sto facenno sotto da paura me starrà saglienne o’ diabete jamme jammo (Vanno via dalla comune)

D. Angelo: Assunti… E Graziuccia, Sisinella dove sono andate?

Perpetua: Veramente se ne so fujute

D. Angelo: Scommetto che la colpa è tua, con le tue superstizioni

Perpetua: Ma che D. Angelo, quale superstizioni, vuje nun o’ sapito? Chille ce stanne duje tipe e munaciello chillo benevolo, e chillo cattivo, e o detto dice o’ te appezzentisce, o’ te arricchisce chiste è sicuramente chille che ce appezzentisce… ha vattuto a chilli duje l’altro giorno, guardate non ci sono i soldi nelle offerte, so scomparsi due candelabri e 2 maniglie d’oro, poi il vostro calice quello che vi ha regalato il vescovo…

D. Angelo: No

Perpetua: Eh si, mi dispiace ma pure quello si è preso, insomma ce state na fuga repentina dell’oro in questa chiesa, mo ce credite o no? D.Angelo io lo so è tutta colpa mia, ie nun l’aveva dicere che isso era stato ccà.

D. Angelo: Ehm… no ma che dici, devo chiamare la polizia… nun è possibile.

Perpetua: A ma vuje si o’ vulite fa facito pure, je ho deciso me ne vaco, aggio rimaste a Clemente adda cummara l’aggio ghire a piglià, sino chille sapite quanta guaje cumbine… se fatto troppe tardi, vengo dopo

D. Angelo: Assuntina? e l’altro ragazzo dove sta?

Perpetua: Ah è, mo me scurdave… io no, quante che Nannina ha partorito…

D. Angelo: Ah ma allora ha partorito?

Perpetua: Si, stavo dicendo quello il bambino di qua, il bambino di la, e o’ prevetariello miracolosamente le è venute a parola? Se ne fujuto dicenno guee (imita il verso di Pino esagerandolo) e cumme ha fatte brutto…

D. Angelo: Ah si? ma tu che dici? ma hai bevuto? o’ munaciello le ghiuto n’capo nun se po credere a cierti cose

Perpetua: Je ce credo Eh si, po’ me so m’briacato, ma di acqua minerale n’coppo o’ spitalo, ma che dite è tutto vero

D. Angelo: Vabbè, poi constatiamo eh… e Nannina come sta?

Perpetua: Bene, se ne fujuto cu o nennillo suio m’braccio da coppe o’ spitalo.

D. Angelo: (Preoccupato) Ma che dici, e facciamo presto andiamola a cercare…un momento, ma dove?

Perpetua: Io o’ saccje chille e surece addo vanne? Dinte e buche… ma è normale no, sarà andata a casa sua, jammuncenne ca ve donco na mano, ma sule pecchè ce state vuje però è…

D. Angelo: Si? e grazie, e poi credo che il ragazzo per un rimorso di coscienza sarà andato a cercarla, per questo gridava disperato, chillo poi è giovane, gli avrà fatto tenerezza

Perpetua: Sciosciammocca obbi, chelle l’ha fatto un altro effetto lasciammo perdere va e po’ ve diche cà chillo nun ha alluccato, chillo ha fatto gueee e se ne ghjuto

D. Angelo: Ma smettila, chillo mo parlava. Andiamo su (vanno via dalla comune)

Scena 19

Nannina, Pino

(Entra Nannina con un bambino nel fasciatolodalla comune)

Nannina: Se ne so ghiute? Meno male, piccolo della mamma qui sarai al sicuro, e noo, sicuramente me staranno cercanno, chille avrà fatto o’pazzo… come sta bene questa culletta, pare fatte apposta pe te, sei nato come Gesù ed io spero ca Gesù mi possa perdonare tutti i peccati che ho fatto, so state na femmena e niente… mamma toia nun è bbona, nun aggio fatte altro ca fa e figlie e ghirle a vennere cumma na pezzenta, cumme po sti figli fossero state cani, che saccje je, mappate e pezze, ma cu te nun o’ pozze fa, tu si figlio a isso, chillo pure che ma fatte suffrì tu ce a da a speranze e campà buono,  da ommo…cierti cose nun l’avevamo fa, ie sonco na povera cagna ca ce hanna levate tutte e figlie pe evità ca se putessene affezzionà a me, m’hanno ditto si na mamma snaturata, accusì se giudica na povera femmena ca ha fatte scelte sbagliate? (Pino origlia dalla comune)assistente sociale e famma so comma chilli miserabili ca leveno e cane e mmamme lloro pe farli cummattere, pe farli allenà a s’accidere l’uno cu llate pecchè so bastardi, senza guida, e mettennelo mmano agli estranei pe ce da quatte sorde e tu pe me nun può essere nu bastardiello, e figli so sulo de mie e no da miseria che me l’ha fatte vennere, Gesù tu si vuò, può fa accuncià sta vita mia, tu si vuò me può perdunà… e figli so o’ core mie, je sto male pe tutte chelle c’aggio fatto pecchè nun o’ vuleve fà, tutta colpa e Pinuccio nun ha maje capito niente e mò niente chiù pozze fa… 

Pino: Nannì

Nannina: Gue Pinù, t’aggiu purtate a tuo figlio, ie o ssaccje pecchè faie chesto, pecchè te si vestuto… vulive sapè a verita da Dio, e chiste è figlio a te.

Pino: Chisto è natu povere innocente ca tu dice ca me figlio?

Nannina: Si e si tiene o’ curaggio vinnatillo cumme è fatte cu l’ate n’zieme a me, nun te po lavà a cuscienza piglianne e vote, diventanne preveto.

Pino: Ie preveto? ma tu che staje dicenno, tu nun e capito niente.

Nannina: E pecchè staje vestuto accussì? tu me fatte male, me levate e figlie e me vattuto ogni vota e je te steve vicino sule pe ammore. Je si aggio sbagliate è stata pure pe colpa toja.  

Pino: Pe colpa mia? Che t’aggio miso na pistola ncapa? E pò si te so venuto a cercà ccà pecchè tutte quanti da stu preveto venite, e chiste mo me credene nu prevete muto che o’ Vescovo aveva mannà, D. Angelo non mi conosceva me so fatte venti anni e galera pe via toja pecchè nun si stata bbona a coprì chello c’aggio fatto e che avimmo fatto nzieme… ie me so divertito un po’ cu chilli sordi ma me faccio schifo, e si me so tenuto a posta ccà dinto è stato pecchè te vuleve acchiappà, tengo troppa rraggia Nannì, tu me fatte murì e gelusia hai ragiona tu, forse o’ cane e razza nun ce sta dinte a sta famiglia nosta, ma pozze dicere che aggiu fatte tanta sbagli cu o’ pensiero ca sta vite me putesse fa ridere nu poche, me putesse da quacchecosa, ma pe mme, nu surecio dinta a na fogna, addo se sputa sule melma, e se arrapeno sule sbarre, addo sta melma passa senza se fermà chiù, nun ce sta niente a fa, vulesse fa di tutto pe cagnà, ma chi ce crede a uno ca nun tene spina dorsale e chelli sbarre e passe senza nemmeno li sfiorà, ie nun te vulesse vattere, criremo, ogni mana n’cuollo ca te metto pe te fa capace me se stregne dinto o’core, ma ormai tengo nu solo sfizio, chelle e m’arriparà sfugannete n’cuollo, ca ie songo nu miserabile ca nun riesce a tene unite na famiglia, e nun sapo campà. (Fa per picchiarla)

Scena 20

Pasquale, Nicola, Pino, Nannina

(Entrano Pasquale e Nicola dalla comune)

Nicola: Ah ah, e mmane n’cuollo a na femmene nun se metteno

Non si toccano nemmeno con un fiore, nemmeno con il pensiero

Pasquale: Ma statte zitte, e mmane n’cuollo a na femmene nun se mettene e che se fa se guardeno? Nicò addo sta, sento odore di donna

Nicola: Zitte, ca sta pure o collega.

Pasquale: Ah, buongiorno collega.

Nicola: Buongiorno.

Nannina: Buongiorno, buongiorno.

Nicola: Signora lasci che mi presento, io sono Nicola Coscia

Pasquale: O’ vide o no, faje sempo o’ scemo, la farina piccola

Nicola: E che de?

Pasquale: Trasformato in napoletano… o’ farenello

Nannina: Ie so stanca, e me ne vaco a casa aggia pensà

Pino: No, tu nun vaje a nisciuna parte

Pasquale: Ma sta voce e chi è?

Nicola: Ma o collega ha parlato…Pascà chisto è o miracule e Natale

Pasquale: Santa Lucia, ma pecchè a me o’ miraculo nun mo faje maje?

Pino: E po se fatte notte…e vuje stateve zitte, anzi jatevenne pecchè…

Pasquale: Tu haje ragione ca nun te veco…

Nicola: E che je nun te pozze piglià a cavece… (manca la corrente buio in scena) maronna è mancata a currenta

Pasquale: Nicò o’scuro me fa paura

(Rumori e grida di dolore)

(Pino nel frattempo va a cercare Nannina uscendo dalla comune e lascia il bambino nella culla)

(Torna la corrente luci in scena)

Pasquale: No no, je ccà nun vengo chiù e visto o no? Tutta colpa tua te vulive arrubbà l’incasso delle offerte di Natale e chillo o’ munaciello ce ha castigato nata vota o’ se miso n’coppo a panza, io avevo appena finito di mangiare ma fatte alleggerire, è proprie vere quante nun te po vedè….

Nicola: Haje ragione mannaggia me e quante me venette n’capo e to dicere, chesta Chiesa è spiritata, o’ collega ca sapeva se ne fujuto, pe carità munaciello stavo scherzando, questa è una bellissima Chiesa… se avesse offendere no, no.

Pasquale: Ormai chillo e mmane se le scarfate, ma tu fuje fuje

Nicola: Munaciello qualora avissano cagnà idea, venitemo a truvà a casa, può darsi ca ve sonco simpatico…

Pasquale: No lascia perdere, chillo si te cunoscje buone te fa nu mazziatone chju forte e chisto… (vanno via dalla comune)

Scena 21

Barone di Montecchio, Clemente, Perpetua

(Entra dalla comune correndo)

Barone di Montecchio: Uh mannaggia a pesta e a carestia, ho fatto tardi, dovevo essere qui prima della messa di Natale adesso D. Angelo nun m’ha fa bbona, povero me e mo comme faccio, devo pure recuperare il fregio di famiglia, quello altrimenti papi mi uccide

(Entra Clemente dalla comune alle spalle del barone con un’aureola in testa, una fiaccola in mano, ed una fascia lungo il corpo)

Clemente: Auguri, auguri, buon Natale pace bene, pace e bene

(dà il bacio al barone)

Barone di Montecchio: Pace e bene, pace e bene (Rifacendosi ai versi di Clemente)

Clemente: Ciao, vi piace come sto vestito? Indovinate che personaggio sono?

Barone di Montecchio: Ciao come sei bello… e chi puoi essere Giulio Cesare?

Clemente: Eh eh, e tu come sei brutto, eh eh, no hai sbagliato ritenta e sarai più fortunato (gli sputa in faccia)

Barone di Montecchio: Io so brutto? e poi che modi sono questi?

Clemente: Tu mi fai arrabbiare a me, ed io ti appiccio…

Barone di Montecchio: Come sei bellino, marò chiste e pazzo… va bene ci riprovo, e visto che ti piace il fuoco, sei Nerone!

Clemente: No hai sbagliato ritenta e sarai più fortunato (gli sputa in faccia) lo giochi il jolli?

Barone di Montecchio: No, cioè si

Clemente: Allora ti do un’aiuto (gli sputa in faccia)

Barone di Montecchio: Ma chi me l’aveva da sta croce a me? Ma nun è ca stisse facente quell’animale come si chiama? Il Lama?

Clemente: Ah, hai perso il Jolli però ti aiuto lo stesso

Barone di Montecchio: E grazie…

Clemente: Prego, allora, io sono uno che ama la libertà

Barone di Montecchio: Ah ci sono, tu sei la statua della libertà

Clemente: Bravo che ho vinto? Nu poche e pane cu a ciucculata?

Barone di Montecchio: Ma non dovevo vincere io?

Clemente: Ah è già aspetta siediti qua (Lo fa accomodare sulla sedia gli sputa in testa e con una mano lo pulisce e cambia voce) guagliò vai vai, aggia pulezzate o’ lampione (si mette la mani davanti alla faccia) madonna (Prende un panno e gli copre la testa)

Barone di Montecchio: Aiuto che spavento, non respiro

Clemente: Cucù te te

Barone di Montecchio: Uh che te pozzino, ma tu chi si? Me fatte piglià nu spavente e morte

Clemente: Io sono Clemente il figlio di Assunta

Barone di Montecchio: Perché Assunta tiene un figlio? (Pensa tra se) ma allora mi ha tradito tempo fa… senti vai e chiama la signora Assunta, la tua brava mamma che le devo parlare, la devo odare

Clemente: Che cosa?

Barone di Montecchio: Cosa che cosa?

Clemente: Quella cosa che avete detto eh eh

Barone di Montecchio: Io ho detto odare

Clemente: No, mammà nun se piglie niente de sconosciuti

Barone di Montecchio: Non è possibile, odare significa farle delle odi

Clemente: Ah ho capito…e ma se io vado, tu mo faje nu poche e pane cu a ciucculata?

Barone di Montecchio: Io ti do uno scappellotto sai, già mi hai fatto sverminare dalla paura, e mo non farmi perdere tempo oh

Clemente: (Clemente piange)

(Entra la Perpetua che dalla comune chiama Clemente 2 volte)

Barone di Montecchio: (Tirando un sospiro di sollievo) Aviccanne, finalmente

Perpetua: (Entrando in scena) Clemente pecchè staje chiagnenne? Ah ah e che ce faje tu ccà? O’ nun si cagnato pe niente sempe o’ stesso

Barone di Montecchio: Mi hai riconosciuto subbito…

Perpetua: E chelle e faccie do cactus nun se scordene maje e po pecchè o staje facendo chiagnere a chistu povere criaturo indifeso… ie nun ce pozze credere, te si fatte vivo?

Barone di Montecchio: Indifeso? Ma chisto è peggio e nu piragna, e poi Assuntina, amore della mia vita sono tornato per te.

Perpetua: Gue, gue, gue mo senza che te ne vieni Assuntina mia e tua, finalmente posso provare l’ebbrezza e te vuttà na cosa n’faccia, ah adesso non mi scappi più

Barone di Montecchio: Mo aggiu capito chistu guaglione e chi ha pigliato, e nu vizie e famiglia, ma aspetta un momento, io voglio spiegarti

Perpetua: Non puoi, tu sei morto

Barone di Montecchio: Ecco appunto, è di questo che volevo parlarti

Perpetua: No nun t’avvicinà

Barone di Montecchio: Ma ragiona, io so chi è il munaciello, ti interessa no?

Perpetua: (Si calma) Ah tu lo sapresti, e dimmelo ca chillo ce sta levanno a salute, e sta spuglianne l’oro da coppo e sante

Barone di Montecchio: Tieniti forte, il munaciello

Perpetua: Si

Barone di Montecchio: Il munaciello

Perpetua: E dici e che nce vo’

Barone di Montecchio: il munaciello sono …sono io

Perpetua: Tu?

Barone di Montecchio: Si io ti ho fatto uno scherzo, però non te lo volevo fare, insomma volevo nasconderti la mia identità e quindi l’ho fatto senza volerlo…

Perpetua: Si nun fosse pe stu criaturo mio ca sta ccà, saje che te cumbinasse?

Clemente: Uh beby la bambola che gioca Cristina la nipotina di zia Caterina, come è bella, uh ma sembra vera, si muove, mamma guarda…

Perpetua: Dopo a mammà

Barone di Montecchio: Perché? è davvero tuo figlio allora?

Clemente: Uh uh ma è una bambola viva, eh che schifo fa anche la pipi eh eh va nella culla

Perpetua: E nun o’ vide chillo è tale e quale a te

Clemente: Mamma corri fa presto, ce sta na bambola che fa la pipi nella culletta del presepio

Perpetua: Ma che staje dicenno, gue tu mo te ghire a cuccà nun accumincià nata vota oh, a cummara me ha ditto che le fatte tutti martiri (sente il pianto del bambino) Uh madonna, uh madonna, madonna mia, e chistu creature ccà che ce fa

Clemente: Mamma io lo so, eh eh

Perpetua: Si, e chi l’ha purtato? L’hai visto?

Barone di Montecchio: Io nun ne saccje niente è…

Clemente: La cicogna

Perpetua: Chelle a te t’aveva purtà, no stu sfrantummato e quatte sordi

Clemente: Ma pecchè non mi ha portato lei?

Perpetua: No te ha purtate isso, Clemente dopo diciotto anni tuo padre è qui…  è lui tuo padre

Barone di Montecchio: A chi?

Clemente: Eh eh… Carramba che sorpresa…dall’oltretomba papà è qui… (corre ad abbracciare il Barone)

Perpetua: Avete finito, marò me fatte vutà o stomaco, e tu zitto e vatte a cuccà mo pecchè aggia fa nu scontro frontale (Clemente via)

Barone di Montecchio: Assuntina calmati, sono appena diventato papà

Perpetua: Ie m’aggia calma? Ma l’he visto? è vissuto senza pato eppure te venuto abbraccia comme si tu ce fusse state sempo dinto a vita soja, e po stu figlio dinto a culla che haje miso, e chi è?

Barone di Montecchio: Ma

Perpetua: Zitto

Barone di Montecchio: Ma io

Perpetua: (abbaia) Aswidanchen

Barone di Montecchio: E’ mo se mette a fa o pastore tedesco, io non ho l’osso, ossen non aferen…

Perpetua: Ah faje pure o’ spiritoso?

Barone di Montecchio: Ma insomma a vulimmo fernì, mo te ne jesce cu o’criaturo, je nun saccje niente non l’ho partorito io.

Perpetua: Gue tu te ne ha ghire da ccà, vattenno va, si n’omme senza core, sfruttatore, e ricuttaro.

Barone di Montecchio: Si mo tengo nu bellu caseificio faccie certi ricotte… ma tu che dici, perché mi tratti male, me ne vaco… ma ie a figliamo ora che ho scoperto di avere un mio erede nun l’abbandono chiù, ci farò da padre

Perpetua: Bigamo, ce aviva pensà primmo, mo si nu scartino, si voglio io, tu lo vedi…(piangendo) vattenno

Barone di Montecchio: Assunta io ti riconquisterò… ma a figliamo o’ posse salutà?

Perpetua: (abbaia e dice di nuovo Aswidanchen)

Barone di Montecchio: Uh si è sciolto o’pastore tedesco, cuccia llà e meglie ca me ne vado o cheste me mozzeca… (via)

Clemente: Mamma se ne è andato papà? … ja nun chiagnere però è bello eh eh mammà senti una cosa io ho trovato parecchie cose d’oro, posso fare un bel regalo a te e a papà?

Perpetua: (A Clemente) che haje ditto?

Clemente: Ho trovato un tesoro nella stanza di Pino

Perpetua: E chi è Pino

Clemente: Quel prete che ha la voce, ma non parla perché non può parlare?

Perpetua: Ma tu che staje dicenne? Famme capì buono… ie nun sto capenne niente

Scena 22

D. Angelo, Clemente, Perpetua

(Entra D. Angelo dalla comune)

D. Angelo: Assuntina niente, ho visto dappertutto questa pecorella smarrita chissà dove sta… ah ma le devo fare un richiamo, come si può andare in giro con un bambino appena nato… uh, o cielo mio ma questo bimbo di chi è

Clemente: Mamma, io vado via…

Perpetua: Uh mo ho capito tutto, questo sarà sicuramente il figlio di Nannina l’ha lassato ccà e chelle addo sarrà ghiuto? Uh è chiaro chillo o’ barone perciò è venuto ccà, allora stu figlio…. Clemente ma tu sei sicuro che non hai visto a nessuno?

Clemente: No e ja posso andare a dormire? Io oggi ho fatto la stella cometa, e a casa mia è atterrato Gesu bambino.

D. Angelo: Meno male ca nun haje fatto o Re maggio, tu sai quanta piecure facive veni eh?

Perpetua: Guè ata fatte scetà o’criaturo, sembrate cane e gatto, però adesso tutto è chiaro, questo è un altro figlio illegittimo di mio marito.

D. Angelo: Assuntina che stai dicendo?

Perpetua: Lo so io che dico, quello è stato qua poco fa, e mi ha detto che mi amava e voleva riconquistarmi, invece chillo è venuto pecchè stu figlio sarrà sujo avite capito mo?

D. Angelo: Ahio… che male e’ capa

Perpetua: O Barone e l’acqua sfiatata… sciù

D. Angelo: Ah già il barone in questo marasma generale me ne ero dimenticato

Perpetua: Ma perché voi lo aspettavate?

D. Angelo: Il barone? Si pecchè?

Perpetua: Ma mo ve mettito pure vuje? E po’ quale barone e barone, chillo e nu pezzente arresagliuto.

D. Angelo: Io volevo solo fargli mettere le cose in chiaro, però adesso urge ritrovare Nannina

Perpetua: Gue, mo truvamme a Nannina pecchè l’aggia fa nu concertine e male parole…cumme saccje je…

D. Angelo: Oh (fa il segno della croce e di cucirsi la bocca)

Perpetua: (Mima la stessa cosa)

Pino: Addò sta è turnata? Ah (va via)

Perpetua: Uh madonna mia

D. Angelo: L’he turnata a vocia miraculo

Perpetua: Avito visto? chillo pure prime ha fatto… gue… allora nun m’ero impressionata… mamma mia me sente cumme e Santa Brigida

D. Angelo: Pecchè?

Perpetua: Tengo e piere, e mmane, e coscie rigide o’ vedite…

D. Angelo: Ma la voce te ne sei accorta gli è tornata sembra non averla persa mai (Corre a telefonare) e devo avvisare il Vescovo…

Perpetua: Ie me vaco a fa nu poche d’acqua e zucchero chisto munaciello mi ha catalizzata, aggio pigliate troppi schianti oggi, e po faccje addurmi a Clemente permetteto

D. Angelo: Anche se non volesse sentirmi lo deve fare e poi sarà sicuramente felice, (Alla Perpetua che sta dentro) fai presto che ti faccio sapere come è andata… pronto sua eminenza il vescovo per favore… grazie, no no, gli dica che è importante sono D. Angelo si…si pronto sempre sia lodato sua eminenza…scusi la premura ma ho una notizia importante quel prete che lei mi ha mandato? …come? …non si sente bene…si le volevo dire che gli è tornata la voce, io voglio che questo miracolo sia pubblicato e pubblicizzato anche su radio Maria, come? Ma che cosa sta dicendo scusi? il prete che lei mi ha mandato? …ah capisco, no, no, mi scusi, io non lo sapevo ah, una tormenta di neve non l’ha fatto partire, ah va bene mi perdoni, no, non le nascondo niente per carità è che le volevo fare uno scherzo, sono di buon umore capisce? Non si direbbe? …va bene, grazie, e scusi ancora il disturbo (Chiude il telefono ed esclama a voce alta): Assuntina

Perpetua: Gue, e che è succiesso? stavo provando e far addormentare Clemente, mi sa ca ce vonne duciento valium, tale e quale o’ pato pure in questo ne vulisseve una pure voi ve veco nu poco agitato.

D. Angelo: Sai, ho capito che non sono indefesso

Perpetua: Noo, vuje nun l’avito maje fatte…

D. Angelo: Cosa?

Perpetua: Vuttarve dinte e fesse come avete detto voi, chelle è gente senza core ca nun vo faticà… noo quante maje voi siete un faticatore

D. Angelo: Ma che haje capito… voglio dire infaticabile, assiduo come ero prima me ne sto rendendo sempre più conto.

Perpetua: Eh eh, ma ogni scarpa addiventa scarpone… cumme se dice?

D. Angelo: Hai ragione sono stanco…allora ascolta bene Assuntina, sai quel prete che in realtà non è un prete… cioè il prete che è venuto a fare pradicandato?

Perpetua: Scusate, o’ putissero ripetere cu chiu calma, ie nun aggiu capito niente.

D. Angelo: Assunta, quell’uomo che aveva gli abiti da prete non era lui…

Perpetua: E ja, mo nun esagerate, vedite? Po’ dice ca ie veco munacielli pe tutte parte, vuje tenite l’allucinazione jateve a cuccà.

D. Angelo: Mamma mia, dicevo, si è spogliato della sua identità e ci ha ingannato.

Perpetua: Me state facenne paura, allora l’avito visto finalmente?

D. Angelo: Un altro passo e ci avrebbe rapito con l’affascinante verità che egli nasconde in sè, ma adesso è tutto chiaro…ho capito cosa devo fare.

Perpetua: A chi, je ormaie me so fatte vecchia, me po venì n’ictus e poi io l’ho scoperto già, il barone mi ha detto che o’ munaciello era isso.

D. Angelo: Assuntina, tu m’he fatte murì

Perpetua: D’Angelo abbiate bontà, je subbito m’impressiono pe carità nun dicito cierti cose

D. Angelo: Tu, tu m’he fatte murì do scuorno cu Vescovo, chillo o’ preveto nun ce ha mannato chiù hai capito si o no?

Perpetua: Ma quante maje, chille sta ccà e ce succiesso o’ miraculo ha parlato, ie penso ca mio marito o’ barone stesse pazzianno per attirare la mia attenzione, è stato o’ munaciello so sicura

D. Angelo: Ma come sei ingenua, ie t’avesse accidere pe chelle ca me fatte fa, che ci voleva a capirlo?

Perpetua: E pecchè nun o’ puntivene fa vuje? Je so gnurantella

D. Angelo: Ma Assuntina adesso è tutto chiaro il barone ha fatto la messinscena do Munaciello, e o’ prevetariello in realtà è qualche imbroglione che si è approfittato di noi cercando di derubarci. Ma chi sarrà adesso dobbiamo scoprirlo assolutamente

Perpetua: E’ vero chillo Clemente…

D. Angelo: Clemente che fa?

Perpetua: Ha ditto che ha trovato il tesoro di Pino che sarrà o nomme reale do prevetariello, ma chi è stu Pino?

D. Angelo: Ah si? ma adesso dobbiamo sbrogliare tutto… seguimi, ho un piano in mente… raduna tutti perché credo di aver capito tutto, adesso mi è tutto chiaro e credimi gli faccio fare una cosa che si ricorderanno per tutta la vita…

Perpetua: Si subito eseguo chillo stanno ancora tutte quanti fora a chiesa, aspettate.

Scena 23

Pino, Nannina D. Angelo, Perpetua

(Entra Pino dalla comune insieme a Nannina D. Angelo assiste di nascosto)

Pino: (Tiene Nannina per un braccio) Trase fa ampresso piglie o’ nennillo ce l’avimma purtà, e po chistu ccà ce o’ venimmo e basta tu nun è capito niente, tengo na famiglia ca me pave bbone…

Nannina: Ma nun o’ vide ca è figlie e Dio, me pare Gesù bambino, cu qua core to vinno? chisto è chillo ca può salvà a te?

Pino: E tu chi fusse Maria… je mo sto rischianno gruosse assaje, piglie o’ criaturo e jammuncenno…

D. Angelo: E no, vuje nun jate a nisciuna parte… imbroglioni sacrileghi e senza timor di nostro signore…

Nannina: Ah si e chi ce lo impedirebbe D. Angelo? (Ride sarcasticamente) Pinù jammuncenno

Pino: Ie so state pullecenella pe tante anne, ma mo voglie essere cape allerta e po faciteve e fatte vuoste a vuje che ve ne mporta? me l’aggiu spassà pure je no?

Perpetua: E bravo (applaude) facenne o’ cummercio de criature, quante può piglià ciente, treciente jastemme… e doppe si o’ solito pezzente e primmo… te vuò fa cape allerta accussì, n’coppe a capa e nu criaturo? tu si solo na capa e mmmmh meglio ca nun parlo

D. Angelo:Assuntina ma…

Perpetua: E nun te piglie scuorne, anzi nun ve pigliate scuorne? jucà cu a vita e nu criaturo, e nun pensate ca putesse essere cumme e a vosta… e tu principessa pisciscì, me faje schifo, ah e che soddisfaziona, aggio sfugato

D. Angelo: Assuntina ma non sono modi questi in una Chiesa…

Perpetua: Scusate ma quante n’ce vo ce vò, facitemo sfugà, se fatte nu male nuozzolo n’ganno, Nannì dimme na cosa, lieveme na curiosità, ma chisto a chì è figlio?

Nannina: O’ vuò sapè? Do’ pato

Scena 24

Barone di Monticchio, Perpetua, Nannina, Pino, D. Angelo

(Entra Il barone dalla comune)

Barone di Montecchio: A me a me (Guarda la perpetua) … a me no… dicevo, a me mi avete chiamato?

Perpetua: Ciuncheto ccà pure tu mo obbì, ma sule pecchè l’ha voluto D. Angelo sia chiaro (ringhia come un cane)

Barone di Montecchio: Scusa, mamma mia me pare n’icrocio tra nu pit bull e nu chiwuawa, amore, mi sono dimenticato il guinzaglio a casa (ride) bocciuolo, le rose quando ti vedono appassiscono

Perpetua: Farenelle o’ viente quante te vede nun soscje chiù  e già me so scurdata ma chillo pe te quante maje ha sciusciato?       

Nannina: Gue, ma tu pienze o’ vere ca je puteve sta cu nu viecchio cumme a chisto, ie nun l’aggiu maje tuccate, me fa schifo.

Pino: Allora veramente stu figlie e o’mio? Nannì.

Nannina: Pinù si sule tu a vita mia o’ vuò capì o’ no? (i due si abbracciano)

Barone di Montecchio: Va truvanne o’ viecchjo, moderiamo i termini

Perpetua: Allora nun è vere niente?

Nannina: Nun teneve che fa, io amo solo a Pino, (A Pino) primmo e fatte nu discorso ca ma tuccato o’ core, e tutti chilli schiaffe mo me parene carezze, ie aggiu sbagliate, tu è sbagliate ma chi nun o ffà dinto a vita? Poi quando ti hanno messo ai domiciliari per buona condotta so asciuta incinta sule ca ce stata a denuncia e chilli nfame ca ce hanno arrubbate e figli, padre nuje nun ce simmo vennute, ci hanno costretto a farlo, perchè ce murimme e famma, io nun ce puteve da nu futuro a chelli creature, ci hanno ricattato, ce hanno data na miseeria mmano pecchè simmo pezziente e pecchè nun l’avevame dicere in giro, cosi hanno fatto arrestare a Pino ma quale giudice ce avesse dato ragione? Ma nuje a chi nce o’ dicimmo? Pinù a genta adda sapè, basta me so stancata, je mo aggie aspettate nove mise pecchè te vuleva fa na sorpresa e pò nun me facevene venì a te truvà pecchè t’avevena ditto a fesseria che era stata io a te denuncià ma nun è o’vero, mò saje tutte cose, m’avevano detto ca t’accerevene in carcere si parlava, si te facevo sape quacchecosa, ma mò nun pozze sta zitte chiù. Me perduone Pinù?

Pino: Si Nannì mò aggie capite che femmena ca tengo vicino e si e fatte cheste pe mme comme o’ posso nun fa? Spero solo ca chistu natale e cà Gesù, San Giuseppe e Maria ce ponne da nu bello surriso, avimmo perze tutte cose e’ mo nce rimane stu criaturo. Nannì, perduoneme tu si nun aggio fatto niente pe reagì (Si inginocchia ai suoi piedi)

Barone di Montecchio: Allora, perdoni pure a me? …

Perpetua: Nun o’ ssaccio po vedimmo…tu me ne fatte tante…

D. Angelo: Va bene ho capito tutto, questa volta sarò io a non stare in silenzio andrò a fondo a questa triste ed amara storia. Vi aiuterò e cercherò con tutte le mie forze di risolvere e farvi riavere i vostri figli stavate dicendo Maria, Gesù, Giuseppe… un’idea ce l’avrei, ah fate silenzio, dicevo, io vi dovrei denunciare comunque per furto, è scumparso l’oro dinto a chiesa, per calunnia figlio nun figlio le allusioni etc., ma lascio tutto nelle mani di nostro signore, sarà lui giudice di noi, d'altronde la vita ha un senso solo quando siamo noi a volergliene dare, oggi sarò buono… è natale, come padre ne esco indenne, ma come uomo, ho capito tante cose, ma pregherò per voi, per togliere l’insoddisfazione madre di tanti guai, per la felicità, e l’amore, che non va sporcato ma curato giorno per giorno, ora per ora, come una fiammella che arde senza alimentarla con bugie e falsità… Hai ragione Nannina, lo sbaglio lo commette chiunque, chiunque tranne chi ci giudica che non deve essere un uomo, ma la provvidenza, perché se è un’uomo a giudicare prima o poi commette l’errore di sentirsi troppo onnipotente, solo la fede ci può salvare, e po’ o’ munaciello non esiste a volte si vuole credere di vedere ciò che non c’è perché siamo fatti cosi… è vero barone?

Barone di Montecchio: Certamente mi sono finto io munaciello, scusate tutti e scusami tu Assuntina mia.

D. Angelo: Adesso sapete cosa voglio fare? vorrei riunirvi in questa giornata cosi significativa nell’unico modo che contraddistingue questo natale… c’ho messo tanto per realizzarlo, ma penso che le cose che non si pensano, e che non si provano, riescono sempre meglio, Assuntina, va a chiamare a Clemente, ah portati con te il barone cosi vi chiarirete meglio ancora, però premetto il suo è stato un gioco e che un gioco non diventi verità altrimenti finiamo per confondere la bugia con la verità, assuntì hai capito? E mi raccomando, che me fatte passà cu stu munaciello…

Perpetua: Scusate padre.

D. Angelo: Dai fa presto e fa venire gli altri

Perpetua: Si D. angelo, grazie pe tutte sti ccose che avete detto, quella fiammella, siete stato sempre voi che con la vostra fede avito date nei cuori di chi veramente ne ha avuto bisogno, un po’ di luce… (via a destra)

D. Angelo: Ah, finalmente sono riuscito a convincere pure ad Assuntina e meno male.

Scena Finale

Tutti in scena

D. Angelo: Grazie Assuntina… allora su posizionatevi, ci ho messo cosi tanto a lavorarlo adesso mi dovete dare soddisfazione su su, il signore sia con voi (Tutti rispondono: e con il tuo spirito) Clemente vai…(parte la musica delle zampogne)

(Si va formando il presepio con Nannina nella parte di Maria, Pino nella parte di Giuseppe, Nicola e Pasquale rispettivamente nel bue e l’asinello, perpetua nella parte della donatrice D. angelo porta il calice Graziuccia porta il vino, Sisinella porta il pane, Il barone di Monticchio entra con delle corna sulla testa e fa il capro, Entrano filo e spago e palla e puorco in battuta esclamando:

Palle e puorco: A stu presepio nce manca quacchecosa file e spà o’ ssaje che nce vo?

Filo e spago: Fratè o’ ssaccje, ce vo nu poche e neve…

D. Angelo: Ah ah, fate i bravi almeno oggi chè è natale

Palle e puorco: Padre ma questa è la neve buona

Filo e spago: Originale, noi abbiamo deciso, nun ce facimme chiù (buttano la neve in aria e fanno come se volessero respirarla)

Clemente entra con un cappello che luccica e fa la stella cometa

Clemente: Neve, che bello neve (inizia a barcollare) mi sento come la stella cadente, neve

(Finisce lo schieramento si chiude il sipario con gli attori fermi in posizione plastica).

Fine.

 

Racconti Napoletani

Chiedete ad un vecchio, ad una fanciulla, ad una madre, ad un uomo, ad un bambino se veramente questo munaciello esiste e scorazza per le case, e vi faranno un brutto volto, come lo farebbero a chi offende la fede. Se volete sentirne delle storie, ne sentirete; se volete averne dei documenti autentici, ne avrete. Di tutto è capace il munaciello!

Matilde Serao

 

 

 

 

Auletta Nicola Pos. S.I.A.E. 145443

Cell.: 3928200631

 

 

 

 

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno