Se steva meglio quanno se steva peggio

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

Si stava meglio quando si stava peggio

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

08/10/2003

                                                                              

Personaggi:   11

Salvatore Percaso

Maria

Don Pio

l’avvocato Fabrizio Calimero

Paola Morta

Ugo Ferito

Angela

Giuseppe Cocozza

Raffaele Percaso

Maurizio Agricolo

il Commissario Tedesco

Salvatore Percaso è un uomo di umili origini, che vive con suo fratello Raffaele. Lo stesso Salvatore è venditore di taralli. Tiene il suo chioschetto in una zona popolata di turisti e i guadagni non sono male. Tuttavia, un giorno si presentano in casa due politici ambiziosi: Paola ed Ugo. I due osservano ogni giorno Salvatore e lo ritengono meritevole di essere candidato alle prossime elezioni politiche. In un primo momento Salvatore vorrebbe non accettare. Ma è a rischio la storia con la propria fidanzata Maria che ormai dura da un ventennio, a causa dell’opposizione dei genitori di lei che non lo ritengono un marito ideale per la loro figlia. Allora Salvatore decide di dare loro uno schiaffo morale. Come spesso capita nella vita, la fortuna aiuta nel momento giusto ma forse nel modo sbagliato. Salvatore vince le elezioni e diventa sindaco del comune dove vive. La sua vita cambia alla grande, ma improvvisamente riceve un avviso di garanzia per qualcosa di cui non sa nemmeno l’esistenza. Evidentemente, Paola ed Ugo avevano qualcosa di pregresso che non hanno mai raccontato a Salvatore. E lui rischia di accollarsi dei reati che lui in realtà non ha commesso. Ne uscirà appena in tempo, grazie anche all’intervento dell’amico Maurizio e di Tedesco, commissario buffo ma efficace nei modi.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

 

            Un comune vicino Napoli. Sala da pranzo di casa Percaso. Alla stanza si accede da un’entrata comune (al centro) con due porte d’ingresso (una alla destra e una alla sinistra di chi entra). Nella stanza: a destra c’è una porta che dà in cucina e camera da letto. A sinistra, c’è il bagno e un’altra stanza. Al centro vi è un tavolo con quattro sedie. Decentrato a destra c’è un divanetto con tavolino davanti. A sinistra, una credenza.

ATTO PRIMO

1. [Salvatore Percaso e Maria. Poi Raffaele Percaso e l’avvocato Fabrizio Calimero]

                   Da destra entrano Salvatore e Maria. Stanno discutendo. Lei si siede al tavolo.

Salvatore: Marì, io nun ne pozzo cchiù ‘e fa’ ‘sta vita appriesso a te. Ccà s’ha da piglià ‘na

                   decisione ‘na vota e pe’ sempe. Perciò, nuje ce amma spusà.

Maria:       E nun te prioccupà, nun ghi’ ‘e pressa.

Salvatore: Nun ghi’ ‘e pressa?! Marì, nuje simme fidanzate ‘a vint’anne!

Maria:       E tu he’ raggione, però l’he’ capì a mammà e a papà. E spicialmente a mammà!

Salvatore: T’ha cunvinta mammeta? E io lo sapevo. Ma se po’ ffa’ chesto? Io devo venire a  

                   casa tua ancora di nascosto. E aggia scavalcà palazze, feneste, barcune…! Aiére,

                   però, me so’ sbagliato, so’ gghiuto ‘int’’o barcone d’’a vicchiarella a fianco! E

                   chella, d’’a paura, ha fatto arrevutà ‘o palazzo: (La imita) “Aiuto, un maniaco”!

Maria:       E tu che he’ fatto?

Salvatore: Io, cchiù appaurato ‘e essa, p’’a fa’ sta’ zitta, l’aggio dato ‘nu cavicio ‘nmocca!

Maria:       E tu che viene a ffa’ ‘e nascosto? Tanto, mammà e papà, già sanne tutto cose!

Salvatore: (Sorpreso) ‘O ssanne? E tu me faje fa’ Indiana Jones inutilmente?

Maria:       Salvatò, il fatto è che ai miei genitori non gli piace il tuo lavoro. Tu vinne ‘e

                   taralle ‘nmiezo ‘a via. Invece mammà vorrebbe che tu tenessi la laurea.

Salvatore: E si ‘o ssapevo, me pigliavo ‘a laurea in “taralleria”!

Maria:       Sì, ma lei, la laurea, la vuole solo da te. O si no m’avesse vuluto fa’ spusà o cu’

                   ‘nu chianchiere, o cu’ ‘nu salumiere. Però sono stata io che mi sono rifiutata.      

Salvatore: Ah, he’ capì che tene ‘ncapa mammeta?! E brava!

Maria:       E vabbuò, ma tu nun è che t’’a putisse piglià ‘nu mumento, ‘na laurea?

Salvatore: E sì, mò m’’a piglio ‘e spiccie, ‘e spiccie! Marì, io tengo ‘a quinta elementare!

Maria:       Salvatò, ma dimme ‘a verità: nun è che tu ce ll’aje a morte cu’ mammà?

Salvatore: (Ironico) No, pe’ carità! Io nun ce ll’aggio cu’ essa. Nun ‘a pozzo vedé proprio!

Maria:       (Si alza in piedi) E no, caro mio. Si tu nun puo’ vedé a essa, è comme si nun

                   putisse vedé a me!

                   Così Maria e se ne va a destra, in cucina.

Salvatore: (Interdetto) Ma si sarà offesa? Ehm... Maria, io scherzavo! Io nun è che nun ‘a

                   pozzo vedé, a mammeta... ‘a schifo direttamente! Maria...

                   Va da lei. Dal centro (parte destra della comune) entra Raffaele, vestito casual.

Raffaele:   Ua’, so’ sempe ‘o solito sfurtunato! (Si siede sul divanetto) Succede tutto cose a

                   me! Per esempio, ieri mi sono fatto un panino con la salsiccia col sugo. Sono

                   uscito fuori al balcone per mangiarmelo. Ma accomme aggio dato ‘o muorzo

                   ‘ncoppa ‘o panino, se n’è asciuta ‘a sasiccia pe’ sotto, è gghiuta abbascio, justo         

                   ‘ncapa ‘o viecchio d’’o piano ‘e sotto. E isso alluccava cu’ ‘na mana ‘ncapa:

                   “Aiuto, ‘sta rrobba rossa è sango!”. Ma no, chillo è ‘o sugo! “No, è sango!”, E

                 così mi ha querelato. E allora, ho dovuto chiamare l’avvocato Fabrizio Calimero.

                 Già il nome dice tutto! A proposito, ma quanno vene, chisto? Già ‘eva sta’ ccà. 

                 Giunge l’avvocato Fabrizio Calimero (ha una ventiquattrore).

Fabrizio: E’ permesso? (E gli si avvicina) Si può?

Raffaele: Ah, eccolo qua. Avvocà, alla buon’ora! Io me penzavo che nun veniveve cchiù!

Fabrizio: E dai, per qualche minuto di ritardo!

Raffaele: Qualche minuto? Avvocà, ma vuje ‘o ssapite chi ore so’? ‘E sseje e ‘nu quarto.

Fabrizio: Embé?

Raffaele: E vuje ìreva venì ‘e ddoje!

Fabrizio: Vabbé, sciocchezze. Del resto, come dice il proverbio: “Meglio tardi che mai!”...

Raffaele: Vabbuò, avvocà, mò penzamme a me. Venite, accomodatevi.

Fabrizio: Grazie. (Posa la ventiquattrore sul tavolo)

                 I due accostano due sedie e si siedono. Fabrizio di sua iniziativa dice a Raffaele:

                 A proposito, il caffè non lo voglio!

Raffaele: Ma chi v’’o vvo’ da’?   

Fabrizio: E allora, se volete, andiamo al dunque.

Raffaele: (Non ha capito) Addò amma ì?

Fabrizio: Al dunque.

Raffaele: No, stammece ccà, ja’!

Fabrizio: Sì, stiamoci qua, però andiamo al dunque.

Raffaele: Scusate, ma si stamme ccà, nun putimme ì addò dicite vuje!

Fabrizio: (Insiste) E invece sì!

Raffaele: (Spazientito) Uhé, ma io nun tengo ‘o dono d’’a bilocazione!

Fabrizio: Ma io dicevo andiamo al dunque, cioè, parliamo dell’accaduto. Ch’è succieso?

Raffaele: Ah, ecco. Avvocà, un fatto drammatico: come vi ho detto per telefono, ieri ho

                 ciaccato il signore che abita sotto da me con una salsiccia. Quello gridava come

                 un carnacottaro! E così mi ha minacciato: ha detto che mi vuole “colorare”!

Fabrizio: Cioè?

Raffaele: Mi ha fatto l’acquerello!

Fabrizio: Eh, ‘o pastello! (Lo corregge) Vi ha fatto la querela.

Raffaele: Appunto. Io stongo ‘int’a ‘nu burdello mai visto!

Fabrizio: E come dice il proverbio: “Chi la fa... meglio una mela oggi... che una gallina

                 domani”... Vabbuò, chillu fatto llà!

Raffaele: E che ce azzecca?

Fabrizio: Boh! Comunque, caro Raffaele, io sono il “principe del Foro”!

Raffaele: Il “principe del Foro”? Facite pure ‘stu mestiere lloco? E guadagnate molto?

Fabrizio: Caspita!

Raffaele: E non pe’ sape’ ‘e fatte vuoste: ma quanto vi pigliate al buco... cioè, al Foro?!

Fabrizio: Dipende dal caso... e dal cliente. Ed ora ascoltate bene: dovete comprare un foglio

                 di carta con bollo. Scriveteci tutta la storia, così come l’avete raccontata a me. La

                 leggerete in tribunale. Se volete vincere la causa, dovete soddisfare il giudice!

Raffaele: (Inorridito) Io aggia soddisfà ‘o giudice? A chi? Io nun ‘e ffaccio ‘sti ccose ccà!

Fabrizio: Fate come volete, però così non la vincerete mai, la causa.

Raffaele: E già, avete ragione. Va bene, mi sacrificherò per la causa!

Fabrizio: Bravo! Intanto vi saluto. Vado a casa mia e mi studio il caso.                  

                 Fabrizio si alza e si avvicina alla comune seguito da Raffaele. Poi si fermano.

                 E ricordate come dice il proverbio: “Occhio per occhio... nella botte piccola ci

                   sta... il formaggio si fa le pere…”! Vabbuò, stateve buono! 

                   Esce via.

Raffaele:   Stateve buono. Mamma mia, m’ha stunato, chisto. Aspe’, che ha detto? Ah, già,

                   devo comprare la “carta col pollo”. Ma a che serve? Boh! Famme scennere, va’! 

                   Esce anche lui di casa (dalla porta sinistra della comune).

2. [Angela e Giuseppe. Poi Raffaele. Infine Salvatore e Maria]

                  Dalla parte destra della comune, entrano i genitori di Maria: Angela e

                  Giuseppe. Sono rozzi, ma lei crede di aver classe, lui invece è più umile.

Angela:     Giusé, questa è la casa di quel Salvatore. A me nun me piace. A te?

Giuseppe: Ma si tu mò si’ trasuta! Nun l’he’ manco vista tutta quanta.

Angela:     E già so che non mi piace. E senti un pò, ma tu, a questo Salvatore, lo preferisci?

Giuseppe: Ma che d’è, ‘nu gelato?

Angela:     Quanto sei insipido! Ma come ho fatto a sposarmi con te? Io sono una donna

                  piena di charme*! (Leggi *sciarm) Come si dice: sono tutta charmata*! (Leggi *sciarmata)                                            

Giuseppe: Angela, ma ‘a vuo’ fernì ‘e parlà comm’a ‘na scema? Io tengo ‘a primma media

                  e tu ‘a terza elementare serale. Ma parlamme comme sapimme parlà nuje!

Angela:     Parla per te. Io mi sono dotta!

Giuseppe: Eh, e pur’io me so’ dutto!

Angela:     Ma come sei pinòlo!

Giuseppe: Néh, ma addò sta Maria? Ccà nun ce sta nisciuno. Però ‘a porta steva aperta.

                  Dalla comune, porta destra, riecco Raffaele, con busta di rosticceria in mano.

Raffaele:  Ecco qua!

                  I tre si notano. Raffaele li osserva sospettoso.

Angela:     E chi è chisto, Giusé?

Giuseppe: E che ne saccio, io?

Raffaele:   Chi songh’io? Ma chi site vuje?! Sentite, se siete testimoni di Geova, lasciate il

                   Torre di Guardia sopra al tavolo e andatevene!

Giuseppe: Ma qua’ Torre di Guardia? Nuje venìmme ‘a Torre Annunziata!

Raffaele:   Embé, e che site venute a ffa’ ccà? Che vvulite?

Angela:     Uhé, nun simme venute pe’ te. Nuje stamme ccà pe’ Maria. ‘A saje? Si ‘a saje,

                   dicce addò sta. Si nun ‘a saje, nun ce fa’ perdere tiempo.

Raffaele:   E comme, nun ‘a saccio? Quella è la fidanzata di mio fratello.

Giuseppe: La fidanzata di tuo fratello? Angela, ma Maria nun era fidanzata cu’ Salvatore?

Angela:     Cretino, Salvatore è ‘o frato ‘e chisto!

Giuseppe: Ah, ma allora tu si’ Rafele? He’ capì, Angela? Chisto è Rafele.

Angela:     Giusé, ma che me ne ‘mporta a me? Io voglio sape’ sulo addò sta mia figlia.

Raffaele:   Ah, ma allora voi siete i genitori di Maria?

Giuseppe: Ma pecché, nun s’era capito? Siente, fance parlà cu’ Maria e vide ‘e te movere.

Raffaele:   E ‘a vulite ‘a me? Io mò sto’ venenno ‘a vascio! La vedete questa busta? E’ la

                   “carta col pollo”! Devo darla al giudice per vincere la causa.  

Angela:     (Spazientita) Néh, ma a nuje che ce ne ‘mporta?

Raffaele:   Signò, ma vuje che vvulite? Io devo nascondere la carta col pollo, o si no

                  Salvatore ‘a trova e se magna ‘o pullasto che sta dinto!

Giuseppe: Allora, arrivederci!

Angela:     Uh, guardate! Ma ch’’o salute a ffa’, a chisto?  

Raffaele:    Ma chi ve vo’ salutà a vuje? Cose ‘e pazze! 

                   Esce via a sinistra.

Angela:      Giusé, vuo’ sape’ ‘na cosa? Assettàmmece duje minute.

Giuseppe:  E sì, tanto, chella Maria ha da passà afforza accà!

                   Da destra torna Salvatore, soddisfatto. Non li nota.

Salvatore: Bene, aggio fatto pace cu’ Maria. ‘A faccia d’’a mamma e d’’o pato ‘e Maria!

Angela:      (Si alza in piedi e gli si avvicina) Salvatò! 

Salvatore: (Si spaventa) Chi è? (Si volta e li nota) Mamma d’’o Carmene, so’ lloro!

Giuseppe:  (Si alza in piedi, si avvicina) Cià, Salvatò.

Salvatore: (Fa finta di niente) Ehm… signora Angela, signor Giuseppe, come state?

Giuseppe:  Io sto’ buono. E l’importante è che sto’ buono io!

Angela:      A proposito, Salvatò, ma che stive dicenno poco fa?

Giuseppe:  Infatte, tu stive dicenno: “‘A faccia d’’a mamma e d’’o pato ‘e Maria”!    

Salvatore: (Imbarazzato) Aggio ditto proprio accussì? Ma no, io stavo dicendo: “In questo

                   momento, mi piacerebbe vedere la faccia della madre e del padre di Maria!”.  

Giuseppe:  E pe’ cumbinazione, nuje stéveme ccà. He’ visto, Angela?

Angela:      Giusé, ma tu ‘o staje pure a sentì? Siente, Salvatò, ma nun ce sta Maria?

Salvatore: Sta dentro, in cucina. (Speranzoso) Volete parlare del nostro matrimonio?

Giuseppe:  Matrimonio? Salvatò, resta celibe per sempre! Nun fa’ ‘o stesso sbaglio mio!

                   Angela guarda male Giuseppe. Salvatore resta deluso da quel consiglio. 

Salvatore: Non c’è niente da fare con voi. E vabbé. Signora Angela, vulìt’ì addù Maria?

Angela:      E certo, io songo ‘a mamma. Ma no ‘a mamma putativa, ‘a mamma naturale!

                   Nel senso che l’aggio parturita io! Con permesso.

                   Ed esce a destra. Salvatore è perplesso.

Salvatore: Nun l’aggio capita ‘sta precisazione. ‘O ssaccio ca essa è ‘a mamma naturale.

Giuseppe:  Salvatò, nun ce fa’ caso. Quella, mia moglie sta sta in poca pausa!

Salvatore: In menopausa.

Giuseppe:  Appunto. A proposito, Salvatò, pe’ caso tenìsse quatte chile ‘e muzzarella?

Salvatore: E che ve n’ata fa’?

Giuseppe:  Ce ll’amma magnà. Ja’, priestammélla, po’, chella che rimane, t’’a restituisco.

Salvatore: E chi ‘e ttene, quatte chile ‘e muzzarella? Facite ‘a spesa e ‘o ‘ccattate!

Giuseppe:  Uh, nun c’’eva penzato! Siente, me vuo’ accumpagnà ‘o supermercato ccà

                   ffora? Hai detto di sì? Grazie! Andiamo!

Salvatore: No, ma io, veramente...

Giuseppe:  Jamme, facìmme ambresso...!

                   Lo prende per il braccio e se lo tira via fuori casa (parte destra della comune).                     

                   Da destra, tornano Maria (con un giornale di offerte di lavoro) ed Angela.     

Maria:       Che si dice, mammà? Tutto bene?

Angela:      Ma che tutto bene? Io stongo nervosa pecché ‘o tarallaro te vo’ spusà afforza!

Maria:       Mammà, si chiama Salvatore ed è un bravuomo. E il suo lavoro è onorevole!

Angela:      E’ onorevole? Fosse ‘o Dio e stesse ‘int’’a politica, io t’’o facesse spusà subito!

Maria:       Vediamo se gli trovo un lavoro su questo giornale. (Si siede al tavolo e legge)

                   Ma che? Siente ccà: “Cercasi laureato... Cercasi laureato...”. Chiste vonno sulo

                   laureati! Però che sfurtuna, pe’ poco: chillo Salvatore tene ‘a quinta elementare!

Angela:      (Si siede anche lei al tavolo) Marì, a mammà, vuo’ cunoscere a ‘nu laureato? Io

                   aggio cunusciuto a ‘n’avvocato… scapolo! T’’o pozzo presentà?

Maria:       (La richiama) Mammà, nun accummincià, mò. Tu ‘o ssaje comm’’a penzo.

Angela:      Ho capito, tu vuoi fare la brutta fine che ho fatto io con tuo padre. A proposito,

                    chi sa si mò è sciso? ‘Eva accattà quatte chile ‘e muzzarella. Tu nun ‘e ttiene?

Maria:       (Sorpresa) Io? No.

Angela:      Pazienza! E allora tuo padre sarà sceso a fare la spesa e si è portato a Salvatore.

Maria:       Speriamo che non gli fa portare tutte le buste a Salvatore!

Angela:      Ma che staje dicenno? Allora tu pienze che pateto vo’ sfruttà a Salvatore? 

                   Dalla comune (porta destra) entra Giuseppe. Le due si alzano in piedi.

Giuseppe:  Un saluto a tutti i presenti! Uhé, cià Marì, a papà!

Maria:       Eccolo qua. Ciao papà. Ma Salvatore nun sta cu’ te?

Giuseppe:  Sì, certo. Simme jute a ffa’ ‘a spesa ‘nzieme. Mò ‘o chiammo. (Va alla porta e

                   grida) Salvatò, trase! Via libera! (Poi torna dalle due) Sta venenno!

                   E entra Salvatore, barcollando, con tre buste pesantissime: una nella mano  

                   destra, una nella mano sinistra, e con la bocca sostiene il manico della terza.

Angela:     (Fredda) Ah, eccolo qua.

Giuseppe:  Avete visto? Salvatore ha deciso spontaneamente di aiutarmi. Grazie dell’aiuto,

                   Salvatò! Damme ‘a mana!

                   Cerca di stringergli la mano, ma lui, è ovvio, non può. Così si impressiona.

                   Ma che d’è, Marì? Salvatore nun da ‘a mana?

Maria:       E si capisce, quello le tiene impegnate.

Salvatore: (Spazientito, posa le buste a terra) Uhé, e ve vulite movere? ‘Sti bborze pésene!

Maria:       Ha ragione. Sentite, andiamo in cucina, così vi faccio il caffè.

Angela:      Ottima idea.

Giuseppe:  Viene, Salvatò. Puorte ‘e bbuste dinto!

                   Così Maria, Mario e Flavia escono a destra.

Salvatore: (Rassegnato) E vabbuò, jammuncenne...

                   Riprende le buste (una per mano e la terza sempre in bocca) e pure lui esce via.

3. [Raffaele e Maurizio Agricolo]

                   Dalla comune (porta destra), entra Maurizio, sacrestano. E’ tutto affannato.  

Maurizio:  Marò, ‘e che corza aggio fatto! Chi sa si ce sta Rafele? Ehi di casa! Ehi di casa!

                   Da sinistra, torna Raffaele.

Raffaele:    Chi è? (Lo nota) Uhé, Maurizio, trase, trase.

Maurizio:  E io già so’ trasuto!

Raffaele:    E allora assiettete.

Maurizio:  Addò? ‘Ncoppa ‘a seggia?

Raffaele:    Pe’ caso te vulisse assettà pe’ terra?

Maurizio:  No, mò quase quase, m’assetto ‘ncoppa ‘a seggia. (Si siede al tavolo)

Raffaele:    (Si siede anche lui) Allora, Maurizio, pecché staje ccà?

Maurizio:  Rafé, t’aggia dicere ‘na nutizia bona e una malamente.

Raffaele:    ‘Na nutizia bona? Famme sentì.

Maurizio:  Rafé, mi sto per comprare la motocicletta nuova.

Raffaele:    Tu? E che marca è?

Maurizio:  E’ una Motopuzzi!

Raffaele:    Ma stattu zitto. Nun esiste ‘a Motopuzzi. Caso mai, esiste ‘a Moto Guzzi!

Maurizio:  Ah, ecco è proprio essa!

Raffaele:    Ma pe’ favore. Scé, nun si’ capace manco ‘e dicere ‘na palla!  

Maurizio:  (Imbarazzato) E vabbuò, Rafé, tu m’he’ capì. Io nun tenevo niente ‘e buono ‘a

                    dicere... e aggio ditto ‘sta scimmità.

Raffaele:    E pure ‘a nutizia malamente è ‘na scimmità?

Maurizio:  No, chella è ‘o vera.

Raffaele:    E quanno mai! ‘E nnutizie brutte so’ sempe ‘o vere! E fammella sentì.

Maurizio:  Rafé, t’’a ricuorde a Carmela Coscialonga?

Raffaele:    (Scontento) Marò, ‘a sora ‘e Godzilla?!

Maurizio:  Esatto! Ua’, quant’è brutta! Chella è àveta ‘nu metro ‘e miezo, con tutti i tacchi! 

Raffaele:    Embé, e che vvo’?            

Maurizio:  Rafé, s’è ‘nnammurata ‘e me, e mò me sta cercanno.

Raffaele:    Ah, e allora tanti auguri!

Maurizio:  Aspié, nun aggio fernuto. Ha ditto che s’è ‘nnammurata pure ‘e te, e che ce vo’

                   spusà a tutt’e dduje! Vuole diventare bigama!

Raffaele:    (Preoccupato) Ah, ‘e che guajo. E comme se fa, mò? 

Maurizio:   Rafé, barrichiamoci in casa e non usciamo più!

Raffaele:    No, io invece tengo ‘n’ata idea: accedimmele e nun ne parlamme cchiù!

Maurizio:   Rafé, ma tu fusse scemo?... (Ci ripensa) Rafé, però ‘o ssaje che he’ raggione?

Raffaele:    No, aspié, io già tengo ati guaje pe’ colpa ‘e ‘na sasiccia!... Poi ti spiego.

Maurizio:   Sì, ma mò comme facimme cu’ Carmela Coscialonga?

Raffaele:    (Si alza in piedi) Ho trovato: mò ce vaco a dicere che se piglia sulo a te. Maurì,

                    ce sta ‘nu proverbio latino che dice: “Mors tua, vita mea”!

Maurizio:   (Si alza) ‘E ch’amico che ssi’! E invece mò ce dico io che s’ha da piglia a te.

Raffaele:    No, s’ha da piglià a te...

Maurizio:   No, a te...

                    Escono di casa, ostacolandosi a vicenda, spingendosi a spallate.

4. [Angela, Giuseppe, Maria e Salvatore. Infine Raffaele]

                   Da destra tornano Maria e Salvatore (un po’ stanco) con Angela e Giuseppe.

Angela:      Ah, che bellu café he’ fatto, Marì. Finalmente te si’ ‘mparata comme se fa.

Maria:       Meglio tardi che mai!

Salvatore: Va bene, allora adesso ve ne state andando? Arrivederci!

Angela:      Néh, ma ce ne stisse caccianno?

Salvatore: No, l’avete detto voi che ve ne andate.

Angela:      Ah, l’amme ditto nuje? E allora, si l’amme ditto nuje, è ‘n’ata cosa!

Salvatore: Sentite, ma chelli buste ‘e spesa, le lasciate nella mia cucina? Nun v’’e purtate?

Giuseppe:  No, cchiù tarde m’’e ppuorte tu ‘a casa. Però t’arraccummànno: nun fa’ tarde!

Salvatore: (Ironico) Sì, mò me priparo ‘a sveglia!

Angela:      Allora noi ce ne andiamo. Cià, Marì. (Poi fredda) Cià, Salvatò!

Salvatore: Aspettate, ma voi non eravate venuti qua per parlare del nostro matrimonio?

Giuseppe:  ‘O vero? Te spuse? E cu’ chi?

Salvatore: Ma come? Con Maria.

Ang-Giu:   (Ridono) Ma che?

Angela:      (Lo irride) Ma chisto sta ‘mbriaco!

Giuseppe:  Ma fance ‘o piacere!

                   I due escono di casa ridendo. Salvatore e Maria si guardano perplessi.

Salvatore: Dimme ‘na cosa, Marì, ma quanno stive sola cu’ mammeta, che t’ha ditto?

Maria:       Le stesse cose che penso io: Salvatò, io e te ci possiamo pure sposare. Ma poi

                   che vita facciamo con pochi soldi. Tu non guadagni molto.

Salvatore: Marì, cu’ ‘o lavoro mio campamme io e Rafele ch’è disoccupato, e in più riesco

                   a mantené pure ‘sta casa. Inzomma, nun me moro ‘e famme.

Maria:       Sì, ma poi ci sarò pure io e poi pure i figli. Come ci mantieni vendendo taralli?

Salvatore: Marì, ma io chesto saccio fa’. Si me levo chesto, che faccio, po’?

Maria:       Sul tavolo c’è il giornale con gli annunci di lavoro. Leggitelo un pò. 

Salvatore: Aggio capito, chesta è ‘n’ata iniziativa ‘e mammeta. E allora dincello ca io me

                   metto a ffa’ pure ‘o sapunaro, ma te sposo.  

Maria:       T’aggio ditto lassa perdere a mia mamma. Il sacrificio di cambiare lavoro devi

                   farlo per me. O si no, si aggia campà desirianno tutto cose... no. Lassammece e  

                   nun ne parlamme cchiù. Pienzece e ppo’ famme sape’. Io stongo ‘int’’a cucina.

                   Va via a destra. Salvatore parla da solo, come se stesse parlando con lei.

Salvatore: E no, cara mia, a chi lo racconti? Chella, mammeta, t’ha fatto ‘o lavaggio del

                   cervello! E allora, a ‘stu punto, ce sta una sola cosa ‘a fa’: chiamare Padre Pio.

                   Quello è un prete magico! Sulo che mò tene che ffa’. E comme faccio?

                   Dalla porta destra della comune, torna Maurizio, tutto affannato, di corsa.   

Maurizio:  Mamma bella... so’ arrivato...

Salvatore: Uhé, Maurì, tu staje ccà? E comme va’?

Maurizio:  (Avvicinandosi, preoccupato) Salvatò, aiutami, sono inseguito.

Salvatore: D’’a polizia?

Maurizio:  No, no... da Carmela Coscialonga.

Salvatore: Io me penzavo chi era!

Maurizio:  Salvatò, io me so’ salvato, però Rafele no.

Salvatore: Fràteme? E pecché, che c’ha fatto Carmela Coscialonga?

Maurizio:  Niente, io e lui la stavamo cercando. Ma comme c’è pruruto?! Bell’e buono,

                   essa è asciuta ‘a sotto a ‘nu camion parchiggiato! Chella è talmente corta, che

                   steva lloco sotto allerta. Accussì ce ha curruto appriesso! E che corza che tene!

Salvatore: Embé, e tu comme he’ fatto?

Maurizio:  E io sono stato furbo: aggio miso ‘o sgambetto a Rafele! Accussì isso è caduto e

                   Carmela l’ha acchiappato! E mò me ne so’ fujuto ccà. Salvatò, pe’ piacere, nun

                   me ne caccià. Aspetto le prime luci dell’alba di domani e poi vado via!

Salvatore: Ma che? Mò ce vaco a parlà io, cu’ chesta. Tu però devi cercarmi a Padre Pio.

Maurizio:  E chillo è muorto ‘a tant’anne! Anze, mò l’hanne fatto pure santo!

Salvatore: Maurì, no chillu Padre Pio lloco. Io dicevo Padre Pio, il parroco della chiesa qua

                   sotto. Chillo che tu vide tutt’’e juorne! Tu sei il suo sacrestano.

Maurizio:  Uh, comme so’ stunato! Sì, va bene, fai conto come se già sta qua.

Salvatore: E allora scennimme.

                   Escono di casa. Da destra torna Maria.

Maria:      (Chiama) Salvatore... Ah, è asciuto. Volevo dirgli che mi sono decisa. Ma sì, che

                  me ne ‘mporta a me, ce spusamme ‘o stesso. Me metto a faticà pur’io, accussì ‘e

                  ffacimme tutt’e dduje, ‘e sacrificie. Il matrimonio questo è. Allora basta, mammà

                  e papà s’hanna fa’ capace. E intanto mò ce vulesse Padre Pio. Ma addò ‘o trovo?

                  Dalla comune, torna Raffaele. E’ ferito in faccia e tutto trasandato.

Raffaele:  Mamma ‘e Sant’Eustacchio...!  

Maria:      Uhé, Rafé! Ma che t’è succieso? Pare che si’ gghiuto sotto a ‘nu camion!

Raffaele:  (Avvicinandosi) Ma ammagàre! Invece aggio ‘ncuntrato a Carmela Coscialonga.

Maria:      Ah, che ragazza affettuosa!

Raffaele:  Affettuosa? Chella, pe’ me da’ duje vase, m’ha fatte ‘na paliata!

Maria:      E tu che vuoi? Sei stato tu che l’hai voluta conoscere.

Raffaele:  Sì, ma tu me diciste che se chiammava Carmela Coscialonga. E io, sentenno ‘o

                  cugnomme Coscialonga, me penzavo che chella era ‘na femmenona cu’ tanto

                  ‘nu metro e miezo ‘e cosce! Marì, chella tutta ‘nzieme è ‘nu metro e miezo!

Maria:      Però, a parte lo scherzo, lo sai che voi due state bene insieme?

Raffaele:  A chi? E comme ‘a suppurtasse? Chella sta sotto ‘o pacchero!

Maria:      Nel senso che l’hai sottomessa?

Raffaele:  No, nel senso ch’è talmente corta, che nun ce ‘a faccio a le da’ ‘nu pacchero! E

                  per questo, dà i colpi bassi!

Maria:      Perché, è scorretta?

Raffaele:  No, pecché arriva justo justo “sul mio basso ventre”, e me dà cierti ccapate!

Maria:      Vabbé, facciamo così: le parlo io e le dico di dimenticarti. Però tu devi aiutarmi.

                  Dovresti andarmi a cercare Padre Pio e convincerlo a venire un momento qua. Raffaele:  Ma pecché, nun può gghi’ tu addù isso?

Maria:      E chi lo sa dov’è? E poi, io devo liberarti di Carmela Coscialonga!

Raffaele:  (Si convince subito) E allora vado, lo prendo e te lo porto impacchettato!

Maria:      Allora scendiamo insieme, così io vado da Carmela e tu corri da Padre Pio.

Raffaele:  Affare fatto. Muoviamoci...

                  Raffaele e Maria escono di casa (dalla parte destra della comune).

5. [Giuseppe, Paola Morta e Ugo Ferito. Infine Salvatore]

                   Dalla parte sinistra della comune entra Giuseppe. Pensa ci sia qualcuno.

Giuseppe: (Chiama) Salvatò! Forse sta ‘int’’a cucina. Ma come, in questa casa lasciano la

                   porta aperta e se ne escono? Va’ a capì? E intanto me so’ scurdato ‘e cercà a

                   Salvatore doje butteglie ‘e vino. Ma sì, mò m’’e vvaco a piglià io sulo!

                  Va a destra. Dalla porta destra della comune entrano due figuri misteriosi:

                  Paola e Ugo. Lui ha una valigetta. Entrambi sono vestiti di nero e sono pallidi.

Ugo:          Paola, ma qui non c’è nessuno. E’ un mortorio!

Paola:       E no, Ugo, ricordati che noi siamo i capi di un nuovo grande partito politico. E

                  allora non ci dobbiamo fermare davanti a niente. Fra poco dobbiamo affrontare

                  una campagna elettorale non facile. E così dobbiamo vincere tutte le avversità.

Ugo:          Hai ragione. Dobbiamo trovare questo tizio: Salvatore Percaso.

Paola:       Speriamo di non aver sbagliato casa. Fuori alla porta non c’era scritto niente.

Ugo:          Chiamiamo qualcuno. (Così fa) E’ permesso?

                  Torna Giuseppe con due bottiglie di vino. Si ferma a leggere le etichette.

Paola:       (Nota Giuseppe) Ora chiedo a quel signore con le bottiglie in mano. Mi scusi!

Giuseppe: (Spaventato) Uh, Marò... Signor commissario, non ho rubato niente.

Paola:       (Gli si avvicina con fare amichevole) No, ma quale commissario?

Giuseppe: Ah, non siete un commissario? E che volete, allora?

Paola:        Volevo sapere: per caso è casa Percaso?

Giuseppe: (Non capisce e fa una faccia sorpresa) Scusate, avete detto?

Paola:        Per caso è casa Percaso?

Giuseppe: (Si arrabbia) Ma che ve mettite a ffa’, ‘e ggioche ‘e parola?

Ugo:          (Gli va vicino anche lui) Sentite, questa è la casa del signor Salvatore Percaso?

Giuseppe:  Ah, sì, sì, è qua.

Paola:        Oh, e allora permettete che vi stringiamo la mano.

Giuseppe:  Pe’ carità! Tutt’e dduje, accussì vestute a lutto, me facite ‘na certa impressione!

Paola:        Ma insomma, c’è o non c’è questo Salvatore?

Giuseppe:  Non lo so. Non sta neanche in cucina.

Paola:        E voi che ci fate qua?

Giuseppe:  (Soddisfatto) Eh, quando il gatto non c’è, i topi ballano!

                   Esce di casa saltellando (parte sinistra della comune). I due l’osservano stupiti.  

Paola:        Hai capito, Ugo? Questo Salvatore Percaso è un tipo democratico.

Ugo:           Già. Fa venire gli amici a casa sua e gli lascia prendere tutto ciò che vogliono.

Paola:        Dobbiamo assolutamente trovarlo. Aspettiamolo in cucina, penso sia di qua.

                   Si avviano a destra, si fermano sulla soglia della porta, guardano dentro. Dalla

                   comune (porta destra) torna Salvatore: si asciuga macchie di rossetto sul viso.

Salvatore: Marò, che ce tene chella Carmela Coscialonga! Guarde ccà, m’ha rigniuto ‘e

                   vase! Chi schifo! (Nota i due) E chi so’ chilli duje? (Vi si avvicina e grida) Uhé!

                   I due saltano dallo spavento e si voltano. Salvatore li guarda bene.

                   (Mamma mia, e chi so’ chiste, duje schiattamuorte?!). Sentite, ma vuje chi site?

Paola:        Scusate, per caso è casa Percas...

Ugo:           Paola, mò accummience ‘n’ata vota? E nun ‘a fernimme cchiù! (Poi a

                   Salvatore) Scusate, voi siete il signor Salvatore Percaso?

Salvatore: Sì, sono io. Però avìte sbagliato casa! ‘O muorto sta ‘o palazzo di fronte!

Ugo:           No, ma ch’avìte capito? Questo è il nostro abituale abbigliamento. Hai visto,

                   Paola? Salvatore è pure spiritoso! Non c’è dubbio, è l’uomo giusto per noi.

Paola:        E allora, caro Salvatore, diamoci del tu! Ma prego, accomodiamoci.

                   I tre fanno accomodare Salvatore (stupito) sul divanetto e siedono ai suoi lati.

Ugo:           Salvatore, ma tu ti sei chiesto noi che cosa vogliamo da te?

Salvatore: E’ mez’ora ch’’o vvoglio sape’!

Ugo:           Perfetto! E allora ricordati una cosa: “solo alla morte non c’è rimedio...”!

Salvatore: (Aéh, siente a chisto!).

Paola:        (Continua ciò che diceva Ugo) “... Ma a questa Italia così inguaiata, invece sì!”.

Ugo:           Questo è il nostro morto... Uh, scusa, volevo dire, il nostro motto!

Paola:        Permetti? Io sono Morta.

Salvatore: Uh, comme me dispiace! Sei la morta che parla?

Paola:        Sì, ma per gli amici sono Paola.

Salvatore: (A Ugo) E pure tu sei morto?

Ugo:           No, io sono Ferito!

Salvatore: Ah, menu male, almeno uno s’è salvato!

Ugo:           Ma per gli amici sono Ugo.

Paola:        Noi siamo i fondatori di un movimento. Tu conosci i movimenti?

Salvatore: Sì.

Paola:        E quali?

Salvatore: ‘E muvimiénte ‘e panza!

Paola:        Ma no, Salvatore. Noi parliamo di un nuovo partito politico. E dobbiamo

                   affrontare le prossime elezioni.

Salvatore: Ah, aggio capito, vulite ‘o voto mio!

Ugo:           No. Noi ti portiamo col nostro partito come aspirante sindaco del nostro paese.

Salvatore: (Sorpreso e anche un po’ imbarazzato) Che? Ma chi? Io?

Ugo:           Sì. Tu sei l’uomo giusto.

Salvatore: Ma siete sicuri?

I due:         Come la morte!

Salvatore: (‘E ch’allerìa!). Sentite, ma fatemi capire una cosa: insomma, perché proprio io?

Ugo:           Te lo spieghiamo subito: Salvatore, tu che lavoro fai? Sei un mercante di rustici.

Salvatore: Veramente, io vendo i taralli!

Paola:        Sì, vabbuò è ‘o stesso! Come vedi, noi non abbiamo scelto un imprenditore...

Ugo:           Oppure un medico, che tengono soldi di qua, soldi di là... Hai capito, Salvatore?

Salvatore: Veramente, siccome parlate ‘na vota uno ‘a ccà e ‘na vota uno ‘a llà, me stongo

                   scemulenno, nun sto’ capenno niente!

Paola:        Praticamente, noi abbiamo scelto un uomo del popolo, piuttosto che il solito  

                   professionista benestante. I problemi seri, li capisce solo la gente vera, come te.

Salvatore: Mò capisco. Sentite, ma voi che ne sapete che io sono la persona giusta?

Paola:        E noi abbiamo fatto indagini. E abbiamo scavato, scavato, scavato... E così...

Salvatore: E’ asciuto ‘o petrolio!

Paola:        Meglio, sei uscito tu! Tu sei la democrazia fatta persona.

Ugo:           E già, è incredibile: tu lasci che i tuoi amici entrino in casa tua, quando non ci

                   sei, e si prendano due bottiglie di vino. Il tuo altruismo ci stupisce.

Salvatore: (Stupìto) E pur’io so’ stupito! (Aggia accuncià ‘nu poco ‘a porta d’ingresso!).

Paola:        Salvatore, il tuo spirito di amicizia ci ha commossi… come ad un funerale!

Salvatore: (Eh, ‘ngasa ‘a mana!). Sentite, scusate, ma il vostro che partito è?

Paola:        Ugo, prendi il cartoncino bristol.

Ugo:           (Lo prende dalla valigetta lo apre) Ecco qua: votate per... “Il Tarallo”!

                   Sul cartoncino è disegnato un grosso tarallo al centro sulla scritta “Il Tarallo”.

Salvatore: Ah, guarda caso, il simbolo è il tarallo, e io vendo proprio i taralli.

Paola:        Ma non è un caso. Noi abbiamo pensato a questo simbolo ispirandoci a te.

Ugo:           (Ripone il cartoncino) Sono mesi che ci stiamo lavorando. Anzi, in verità, noi, il

                   partito volevamo chiamarlo con un altro nome: o “Il Lumino”, o “Il Cipresso”! 

Salvatore: (Tié, tié...!).

Ugo:           E a te ti volevamo portare come il “Teschio di Napoli”!

Salvatore: (He’ ‘a passa ‘nu guajo!).

Paola:        Però alla fine ci siamo detti: “Ma che c’entra tutto questo con Salvatore?”. 

Salvatore: E ci voleva tanto? Scusate, che ci azzecco io con i lumini, i cipressi e il teschio?!

Ugo:           Appunto, tu c’entri solo con i taralli!

Salvatore: E’ quello che dico pure io. Sentite, ma questo partito è di destra o di sinistra?

Paola:        Non è né di destra, né di sinistra! Questo è un partito di dietro!

Ugo:           Nel senso che mentre le due opposte fazioni litigano tra di loro, noi arriviamo da

                   dietro... e vincimme ll’elezione! Questo è.

Paola:        Adesso basta. Domani mattina vieni al partito e ti spieghiamo il resto, compresi

                   i nostri programmi. Va bene alle dieci in punto? 

                   I tre si alzano in piedi.

Salvatore: Sì, ma dove state?

Paola:        Di fronte al tuo chioschetto dei taralli.

Ugo:           Salvatore, di te ci ha colpito la tua grazia, i tuoi movimenti felini mentre incarti i

                   taralli nel sacchetto... e lo dai al cliente! Tu non sei rozzo. Hai classe!

Salvatore: ‘O vero? Non me ne sono mai accorto!

Paola:        Allora ti aspettiamo. Vieni, se no io e Ugo restiamo... con la morte dentro!

                   I due gli stringono la mano, poi se ne vanno come seguendo un corteo funebre.

Salvatore: (Gli fa le corna dietro) Tié! (Felice) Ma tu he’ capito? Io entro in politica. Ce

                   ll’aggia dicere a Maria. (Chiama) Mariaaa...! Addò staje?

                   Corre in cucina a destra, sempre chiamandola, pensando di trovarla.

6. [Maurizio e don Pio. Poi Salvatore]

                   Dalla parte destra della comune entra Maurizio che si trascina il parroco don

                   Pio (con uno spazzolino in bocca: si sta lavando i denti!), in abiti borghesi.

Maurizio:  Padre Pio, fate presto!

Pio:            (Lo ferma. Si toglie lo spazzolino da bocca) E ‘nu mumento! Ma che miseria!

                   Nun m’he’ dato manco ‘o tiempo ‘e me lava’ ‘e diente! Io mò stevo celebranno

                   ‘nu battesimo, e pe’ mezza toia, aggio battezzato ‘o criaturo cu’ ‘o spazzulino!

Maurizio:  Padre Pio, ma è questione di vita o di morte. Il fatto riguarda Salvatore.

Pio:            (Dispiaciuto) E’ muorto Salvatore? Uh, Marò, comme me dispiace!

Maurizio:  No, ma nun è muorto.

Pio:            Allora sta murenno? Uh, Marò, comme me dispiace!

Maurizio:  No, ma nun sta murenno.

Pio:            Allora sta in coma? Uh, Marò, comme me dispiace!

Maurizio:  No, ma nun sta in coma.

Pio:            Néh, ma se po’ ssape’ che caspito ha passato ‘stu Salvatore?!

Maurizio:  Niente, ve vo’ parlà ‘nu mumento.

Pio:            Ma vaffa…! Che me stive facenno dicere! Chiamme a Salvatore, fallo venì ccà.

Maurizio:  Subito. (Con buone maniere) Salvatore... (Poi volgare) Salvatòòò...!

                   Dalla cucina (a destra) entra Salvatore.

Salvatore: Ch’è stato?

Maurizio:  Salvatò, ti ho portato a Padre Pio.

Salvatore: Ah, Padre Pio, grazie di essere venuto.

                   Gli stringe la mano e Pio gli lascia lo spazzolino in mano.

                   Che d’è ‘stu coso?

Pio:            Uh, è il mio spazzolino. Miette ccà!  (Lo riprende, lo posa in tasca in camicia)

Salvatore: Padre Pio, Padre Pio, sentite...

Pio:            Prima di tutto, non chiamarmi Padre Pio, ma don Pio. Padre è solo Dio!

Salvatore: Sì, vabbé, Padre Pio o Don Pio. Per piacere, accomodiamoci un momento.

Pio:            E va bene. Però vì ‘e te movere!                  

                   I due si accomodano.

Salvatore: Maurizio, se vuoi andare, tanto, Carmela Coscialonga se n’è andata.

Maurizio:  Veramente? (Alza le braccia al cielo in segno d’esultanza) Ah, libertà!

                   E esce di casa felice e contento. Nell’uscire, inciampa e quasi cade. Poi va via.

Pio:            (Parla di Maurizio) ‘E che ‘mbranato! E allora, Salvatò, accummience a parlà.

Salvatore: Padre Pio, voi dovete fare un miracolo.

Pio:            E che songo overamente Padre Pio?

Salvatore: No, nel senso che dovete aiutarmi. Il fatto è questo: come voi ben sapete, io e

                   Maria siamo fidanzati da qualche anno!

Pio:            Da qualche anno? Si jamme annanzo ‘e ‘stu passo, faccio cchiù ambresso a

                   celebrà ‘o funerale vuosto ch’’o matrimonio!

Salvatore: Padre Pio, nun pazziate. Io e Maria ci vogliamo bene. Però m’aggio sfastriato! Io

                   me voglio spusà cu’ Maria, però la mamma non vuole. Ma vuje ce penzate? Io e

                   Maria ce amma vedé ancora ‘e nascosto. Però i genitori lo sanno. 

Pio:            Embé, e si ‘o ssanne, che ve vedite a ffa’ ‘e nascosto?

Salvatore: Perché io lo so che loro lo sanno, ma non lo sanno che io lo so che loro lo sanno!

Pio:            Che ‘mbruoglio! Però ora ti racconto una cosa che ti farà piacere: mezz’ora fa,

                   in chiesa, mentre la perpetua passava la cera, ho sentito una voce gridare: “Padre

                   Pio!”. Così sono andato a vedere chi era, e aggio pigliato ‘na fetente ‘e sciuliata!

Salvatore: Nun aggio capito. E ‘stu fatto m’’essa fa’ piacere?

Pio:            Aspié, non ho finito. Indovina chi era il titolare di quella voce che mi chiamava:

                   il tuo “quasi” suocero! Teneva gli occhi pieni di lacrime, ma assai lacrime! E io

                   gli ho detto: “Sentite, chiagnite, però nun ‘nfunnite ‘nterra ‘a chiesa!”. Ma isso

                   chiagneva sempe... e m’ha rigniuto l’acquasantiera fino ‘e ‘ncoppa! Così gli ho

                   chiesto che era successo e lui mi ha spiegato tutto il fatto. Vedi, Maria è figlia

                   “ultima”, e lui vorrebbe vederla sistemata. Ma pure cu’ te. Tanto, o tu o ‘n’ato...                    

Salvatore: Uno se l’ha da piglià!

Pio:            Esatto! E così mi ha detto che lui è favorevole a farvi sposare, però c’è la moglie

                   che non è convinta. Quella dice che il tuo lavoro è una schifezza!

Salvatore: Uh, chella zuccu...

Pio:            (Lo interrompe richiamandolo) Salvatò...!

Salvatore: Scusate, volevo dire: quella topaccia malefica!

Pio:            E così gli ho detto: “Alzati e cammina”! E siamo andati a parlare con la moglie.

                   Embé, l’aggio dato ‘nu paro ‘e llucche ‘ncapa e essa s’è fatta tantella! E allora si

                   è decisa. Salvatò, domani vengono qua a parlare del matrimonio tuo e di Maria.

Salvatore: (Sorpreso piacevolmente) No, ma voi che dite?

Pio:            Salvatò, he’ visto? He’ fatto ‘o bravo, e mò he’ avuto ‘a bella cosa!

Salvatore: Padre Pio, io, pe’ ll’emozione, chiagnesse ‘ncuollo a vuje!

Pio:            No, e mò basta ‘e chiagnere ‘ncuollo a me! Ma ate pigliato tutte quante ‘o vizio?

Salvatore: Avete ragione, avete ragione. Ma io sono tanto contento. Anzi, adesso vi devo

                   dare un’altra notizia fantastica: Padre Pio, io sto per passare a miglior vita!

Pio:            Ma se po’ ssape’? Staje murenno o no?

Salvatore: No, nel senso che sto per entrare in politica: mi portano come aspirante sindaco.

Pio:            Bravo, Salvatò! Però stai attento, le distrazioni fanno male. Per esempio ieri  

                   dovevo celebrare un matrimonio e un funerale. Embé, chillu ‘nzallanuto ‘e

                   Maurizio, ‘o sacrestano, ha signato tutt’’o ccuntrario! Accussì, accomme è

                   accumminciata ‘a cerimonia, io aggio ditto: “Fratelli e sorelle, eccoci giunti in  

                   questo fausto giorno! Ed io voglio vedere la felicità sui vostri volti!”… Po’

                   aggio guardato annanzo a a me, però nun ce stevene ‘o sposo e ‘a sposa, ma ‘a

                   bara cu’ ‘o muorto a dinto! Salvatò, me cride? Vulevo murì! He’ capito?

Salvatore: Non vi preoccupate, non mi distraggo.

Pio:            (Si alza) E ora ti saluto, perché ho lasciato un battesimo in corso. Cià, Salvatò.

Salvatore: (Si alza pure lui) Arrivederci.

                   Pio scappa via a gambe levate. Salvatore appare felice.

                   Mamma mia, mi sposo e entro in politica... Io nun ce stò capenno cchiù niente!

                   (Frenetico) Ma addò sta Maria? (Chiama) Mariaaa... Marì!

                   E corre via a sinistra.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

1. [Salvatore, Maria e poi Raffaele]

                    Salvatore e Maria sono seduti al divanetto.

Salvatore: (Soddisfatto) Marì, finalmente è arrivato il momento che aspettavamo.

Maria:       He’ visto? Che ti ho detto? Dovevamo solo avere pazienza. Fra poco arrivano

                   papà e mammà per parlare del nostro matrimonio. E questo grazie a Padre Pio.

Salvatore: E sì. Ogni parola di quell’uomo è legge! Marì, e mò dammi un bacio, dai.

Maria:       No, Salvatò, il bacio me lo dai dopo che ci siamo sposati!

Salvatore: Azz, p’avé ‘nu vaso, aggia aspettà che ce spusamme?

Maria:       No, non è questo. Salvatò, tra poco arrivano mammà e papà. E tu li devi ricevere

                   bene. Non fargli nessuna faccia storta e soprattutto parla sempre di matrimonio.

Salvatore: Marì, ma io m’aggia spusà a te, no a loro!

Maria:       E che c’entra? Quella è una cosa per fare scena.

Salvatore: No, caso mai, è ‘na cosa p’’e ffa’ scieme!

Maria:       Siente, mò nun ‘nguajà tutto cose. Che ti costa?

Salvatore: E vabbuò, Marì. Però ‘o ffaccio sulo pe’ te.

Maria:       Grazie, tesò. E allora adesso vado a finire di pulire casa tua. Ci vediamo dopo.

Salvatore: Cià, cià...

                   Maria si alza e va via a sinistra. Salvatore appare seccato.

                   Embé, comm’è brutto quann’uno ha da fa’ apposta ‘e essere cuntento ‘e vedé a

                   ‘na perzona antipatica! E in questo caso, poi, sono addirittura due!

                   Dalla parte destra della comune, entra Raffaele sconvolto.

Raffaele:   Uh, mamma mia, ma addò m’aggia ì a nasconnere, ‘ncoppa ‘a luna?

Salvatore: Uhé, Rafé, ch’è stato?

Raffaele:   (Avvicinandosi) Salvatò, mi sta inseguendo. (E gli siede accanto)

Salvatore: Chi? ‘Nu cane?

Raffaele:   No, Carmela Coscialonga!

Salvatore: Ancora cu’ ‘sta Carmela Coscialonga? Ua’, ma pecché nun t’’a spuse?  

Raffaele:   E comme si’ bello: tu te spuse a Maria e io m’’esa spusà a chillu purpo?! 

Salvatore: Ma famme capì, mò che l’he’ ‘ncuntrata, nun te ne putìve fujì?

Raffaele:   Ma chella m’ha minacciato cu’ ‘na pistola! E poi mi ha voluto far assaggiare per

                   forza un cocktail che ha fatto lei.

Salvatore: Ah, lo ha fatto con le sue mani?

Raffaele:   No, cu’ ‘e piede! (Sofferente alla pancia) Salvatò, quello era purgante! E infatte,

                   tengo ‘nu malo ‘e panza che nun se po’ suppurtà!

Salvatore: E va’ ‘int’’o bagno.

Raffaele:   E ‘o ddice pure? Io nun c’’a faccio cchiù! Cià, Salvatò, ce vedimme aroppo.

                   Si alza, va verso il bagno (a sinistra), ma proprio da lì esce Maria che lo ferma.  

Maria:       Addò vaje tu?

Raffaele:   ‘Int’’o bagno.

Maria:       E nun ce puo’ gghi’. Io mò aggio pulezzato. E tu mò vulisse spurcà ‘n’ata vota?

Raffaele:   E allora m’aggia fa’ sotto?

Maria:       E che me ne ‘mporta? Mò hanna venì mammà e papà e ll’hanna truva’ pulito!

Salvatore: Vabbuò, ja’, Rafé, scinne ccà bbascio, ce sta ‘o Bar.

Raffaele:   E vabbuò. Ma vedite ‘nu poco, uno tene ‘nu bagno e nun ce po’ gghi’! Pazzesco!

                   Si avvia a uscire di casa dalla parte destra della comune, nervoso, si lamenta.

                   Io aggia ì ‘int’’o bagno, e invece no...! (Ed esce)

Salvatore: E allora, Marì, he’ fernuto ‘e pulezzà?

Maria:       (Avvicinandosi) No, nun aggio fernuto. Anze, viene cu’ me e damme ‘na mana.

                   Dobbiamo andare in cucina e tu devi spostare il frigorifero.

Salvatore: E pecché?

Maria:       E si mammà e papà, pe’ caso, vanne a vedé lloco de reto?

Salvatore: Ma secondo te, mammeta e pateto vanne a vedé areto ‘o frigorifero mio?

Maria:       No, nun voglio sape’ niente. Viene cu’ me.

Salvatore: (Rassegnato, si alza) E vabbuò. ‘O veco proprio bello, ‘stu matrimonio!

                   E escono via a destra.

2. [Don Pio e Maurizio. Infine Salvatore e Maria]

                   Dalla comune (porta di destra) entrano Padre Pio e Maurizio.

Pio:            Maurì, nun va’ buono, nun va’ buono e nun va’ buono! Tu, se vuoi fare la

                   carriera di sagrestano, la devi fare bene.

Maurizio:  E pecché, nun ‘a stongo facenno buono?

Pio:            No, perché quando metti il vino nelle ampolle, te ne bevi un poco pure tu!

Maurizio:  No, ma io lo assaggio.

Pio:            E chi si’, ‘o sommelier?! Quello è il vino che serve per la messa.

Maurizio:  E va bene, scusate, allora non lo assaggio più.

Pio:            E poi mi devi fare il piacere, mi devi segnare bene gli appuntamenti nell’agenda.

Maurizio:  No, Padre Pio, questo non me lo potete rimproverare, pecché io so’ preciso.

Pio:            ‘O vero? Sì preciso? Tu ‘na vota te si’ sbagliato a signà: invece ‘e ‘nu battesimo

                   ‘e duje gemelli, m’he’ scritto che se trattava ‘e ‘nu matrimonio.  

Maurizio:  E vabbuò, ch’aggio fatto ‘e male?!

Pio:            ‘O vvuo’ sape’? All’inizio d’’a cerimonia, aggio ditto: “Fratelli, oggi finalmente

                   vi sposate!”. Però ho visto bene e mi sono trovato davanti a due esseri minuscoli

                   in braccio ai genitori. E così gli ho detto: “Ma che d’è, se so’ ristrette ‘e spuse?”.

Maurizio:  E vabbé, scusate, starò più attento.

Pio:            Speriamo! E mò famme chiammà ‘e “Promesi Sposi”!( Chiama) Marì, Salvatò!

                   Da destra tornano Maria e Salvatore.

Maria:       Chi è?

Salvatore: Ah, è Padre Pio.

Maria:       Padre Pio, buonasera.

Pio:            Buonasera, buonasera. Come stanno i futuri sposini?

Salvatore: Veramente, i genitori di Maria ancora devono venire. Quindi, più che i futuri

                   sposini, per adesso siamo i presunti sposini!

Maria:       Salvatore, sei sempre il solito pessimista. Padre Pio, ma vedo che non siete solo.

Pio:            Eh, cara figlia, io ho sempre Dio che mi accompagna!

Salvatore: No, chella vuleva dicere che ce sta pure Maurizio.

Pio:            Ah, già. Maurì, saluta a Salvatore e a Maria.

Maurizio:  Cià, guagliù, che se dice? Ve state esercitanno a ve spusà? E jamme bello, ja’!

Maria:       Ehm... ma prego, accomodatevi, che ci fate in piedi?

Pio:            Grazie, grazie. Maurì, assiettete!

                   Salvatore, Maria e Pio si siedono su tre sedie e Maurizio sul divanetto.

Maria:       Padre Pio, posso fare un po’ di caffè per voi?

Pio:            No, lasse sta’, Marì. Io sono venuto a felicitarmi con voi. E allora è tutto deciso,

                   vi sposate nella mia chiesa.

Salvatore: Padre Pio, e si capisce. Non vi preoccupate. Mò, però, penzamme a ce spusà.

Pio:            E ora, amici, voglio darvi alcuni consigli utili per voi: innanzitutto ricordate che

                   il matrimonio non è uno scherzo. Se uno sta male, l’altro deve stargli vicino. Si

                   uno sta ittanno ‘o sango, l’altro ha da ittà ‘o sango pur’isso, eccetera, eccetera…

                   Il matrimonio non si sottovaluta, perciò se non vi firate di stare a queste regole,

                   non vi sposate proprio. Anzi, lasciatevi definitivamente, stesso adesso!

Maurizio:  Padre Pio, e si vuje parlate accussì, ‘sti duje nun se spòsene cchiù!

Pio:            Scusate, mi sono lasciato trasportare. Sentite, e quando avete deciso di sposarvi?

Salvatore: Padre Pio, e chi ‘o ssape? Nuje amma vedé primma si Hitler e Maria Antonietta

                   ce danne ‘o permesso!

Maria:       E non esagerare, adesso. Padre Pio, io penso che ci sposiamo entro un mese.

Pio:            E chi sa, dopo, quanti bei bambini che arriveranno!

Maurizio:  E poi li vedrete crescere, fidanzarsi, sposarsi ed avere anche loro tanti bambini.

Pio:            E così diventerete nonni, e vedrete crescere pure i vostri nipoti.

Salvatore: Eh, e ppo’ murimme proprio, e accussì è fernuta ‘a vita!

Maria:       Salvatò, ma loro due dicevano così per buon augurio.

Pio:            E va bene, quasi quasi resterei ad aspettare che vengono i genitori di Maria. Però

                   purtroppo devo andare, perché ho da fare: l’altro giorno dovevo celebrare un

                   battesimo e poi un funerale, e per la fretta, li ho celebrati insieme. E così

                   bisogna rifare tutto da capo. Allora adesso io e Maurizio ce ne andiamo.

                   Salvatò, la prossima volta che vengo qua, voglio trovarti sposato e sindaco!  

Salvatore: Padre Pio, v’arraccummanno, nun ve scurdate ‘e me vutà!

Pio:            No, chi s’’o scorda?! E allora, Maurizio, muoviamoci. Ragazzi, arrivederci.

                   I quattro si salutano. Don Pio e Maurizio escono (parte destra della comune).

Salvatore: ‘E che personaggio!

Maria:       Salvatò, mò fernimme ‘e fa’ ‘e servizie. Fra poco vengono mamma e papà.

Salvatore: Ancora hanna venì, e già m’hanne fatto venì ‘o schifo d’’e ‘ncuntrà!

                   Escono via a destra.

3. [Raffaele e l’avvocato Fabrizio Calimero. Poi Maurizio e Salvatore]

                   Dalla parte sinistra della comune, entrano Raffaele e Fabrizio. Lei si arrabbia

                   col primo (che intanto è sofferente perché non è riuscito ad andare in bagno).

Fabrizio:   No, signor Raffaele, mò avimma parlà ‘e ‘stu fatto assolutamente.

Raffaele:   E nun putimme parlà aroppo? A me me fa male ‘a panza! Io me faccio sotto!  

Fabrizio:   No, amma parlà mò. Come dice il proverbio: “La mano destra non deve sapere...

                   quanto è buono il formaggio con le pere...”! Vabbuò, assettammece, è meglio!

Raffaele:   (Rassegnato) E assettàmmece!

                   Si siedono al tavolo. Raffaele, sofferente, si siede tutto storto. Fabrizio lo nota.

Fabrizio:   E mò pecché v’ate assettato accussì?

Raffaele:   (Soffre) No, niente, pe’ sfizio! E allora, che m’ata dicere? E’ succieso coccosa?

Fabrizio:   E me lo domandate? Vuje, stammatina, in tribunale, ate fatto ‘na mmuina ‘e

                   pazze! Io vi dissi di scrivere la vostra deposizione su un foglio di carta con

                   bollo. E voi invece l’avete scritta sulla carta del pollo!

Raffaele:   E sapìsseve comm’è difficile a scrivere lloco ‘ncopa! Chella è tutta ‘nzevata!

Fabrizio:   E vuje ‘a purtate ‘nmana ‘o giudice? E po’ cu’ tutto ‘o pullasto ‘a dinto? Chillo

                   se puteva penzà che vuje ‘o vuliveve corrompere! E invece, no. Amme vinciuto

                   ‘a causa! E se capisce: ‘o giudice, l’è piaciuto ‘o pullasto! Che umiliazione!

Raffaele:   Sentite, ma comm’’a facite difficile, mò. Avimme vinciuto ‘a causa? E chesto è

                   l’importante. Non cerchiamo il pelo nell’uovo.

Fabrizio:   Il pelo nell’uovo? Ma voi sapete come dice il proverbio? “La gatta, per andare di

                   fretta, fece un coccodrillo cecato, che piangeva per essersi mangiato i figli...”!

Raffaele:   E che ce azzecca?

Fabrizio:   Boh! Comunque, quanno ‘o giudice v’ha chiammato a deporre, stiveve pe’

                   cumbinà ‘nu bellu pasticcio. Io vi avevo detto che voi lo dovevate soddisfare.

Raffaele:   E io ce aggio pruvato, però ‘o giudice nun ha vuluto fa’ carte!

Fabrizio:   Ma voi non dovevate soddisfarlo in senso sessuale. Dovevate convincerlo di

                   esser innocente. Vuje nun ate capito  niente! E intanto m’’ite menato a me pe’  

                   sotto. Chillo ‘o giudice m’ha pigliato overamente p’’a “principe del buco”!

Raffaele:   E vabbé, in ogni caso, quel che è stato, è stato. E’ andato tutto bene. Però mò

                   jatevenne, ch’aggia scennere. Aggia ì ‘int’’o bagno.

Fabrizio:   Ma pecché, vuje ‘o bagno nun ‘o tenite?

Raffaele:   Ehm... in questo momento è in ristrutturazione.

Fabrizio:   E vi accompagno io. Scendiamo.

                   I due si alzano in piedi.

Raffaele:   Grazie, avvocà, siete un amico.

Fabrizio:   In che senso?

Raffaele:   Come dice il proverbio: “Gli amici si vedono nel momento del bisogno!”...

                   E escono via di casa. Da destra torna Salvatore, dolorante alla schiena.

Salvatore: Menu male, so’ riuscito a m’’a squaglià! Me scoccio d’’o spustà, ‘o frigorifero.

                   Chillo pesa! Pe’ furtuna che Maria nun se n’è accorta che me ne so’ gghiuto!

                   Ma dalla cucina si sente Maria che chiama Salvatore.

Maria:       Salvatò, ma te ne si’ gghiuto? Tuorne ccà!

Salvatore: Come non detto! (A lei) Vengo, vengo! E comme me sfastidio!  

                   Squilla il telefono. Salvatore risponde: è Maurizio.

                   Pronto!

Maurizio:  Uhé, Salvatò!

Salvatore: Uhé, Maurì, è ‘o battesimo?

Maurizio:  Se fa cchiù tarde. Mò Padre Pio sta rifacenno ‘o funerale d’aiére. Me cride? E’

                   talmente ammusciante!

Salvatore: E se capisce. Mica ce puo’ mettere ‘o cabaret oppure ‘e ballerine brasiliane?!  

Maurizio:  A proposito ‘e brasiliana: he’ visto ‘a vicina ‘e casa toja? E’ brasiliana.

Salvatore: No, nun ‘a guardà proprio, a chella. Il marito finanziere è un mio caro amico.

Maurizio:  Lo conosco pure io. Ci sta aspettando a casa sua.

Salvatore: Pe’ ffa’ che?

Maurizio:  Ci andiamo a prendere il caffè. E così tu gli parli pure. 

Salvatore: ‘E che?

Maurizio:  Salvatò, quello è finanziere, gli devi chiedere di raccomandarmi al concorso.

Salvatore: Ma non occorre. Se vinco le elezioni, ti raccomando io!

Maurizio:  Salvatò, e io ‘essa aspettà che tu vince ll’elezione? Me vuo’ fa’ fa’ viecchio?

Salvatore: Grazie per la fiducia! E vabbé, andiamo dai vicini di casa. Però tu dopo mi devi

                   aiutare a spostare i mobili di casa mia.

Maurizio: Nun te prioccupà.

Salvatore: E ti raccomando, votami alle elezioni!

Maurizio: Salvatò, l’unico voto che prenderai alle elezioni, sarà il mio. Te lo prometto!

Salvatore:E grazie tante. Vabbuò, io me faccio truva’ add’’o vicino ‘e casa. Però viene

                   ambresso. Cià, cà. (Riaggancia) ‘E che pacienza che ce vo’!

                   Così esce di casa.    

4. [Maria, Angela, Giuseppe e poi Salvatore e Maurizio]

                   Da destra torna Maria dubbiosa.

Maria:       Ma Salvatore se n’è gghiuto e m’ha lassata a me sola? Quanno ce sta ‘a faticà,  

                   trova sempe ‘na scusa pe’ se ne ì. E allora mò m’’o vveco io sola. Uffa’!

                  Torna a destra. Dalla porta destra della comune entrano Angela e Giuseppe.

Giuseppe: Ma ‘a vuo’ fernì ‘e parlà sempe? M’he’ fatto ‘na capa tanta!

Angela:     Ma comme si’ inutile! A me me piacene ‘e ggente che parlene assaje. Io vulesse  

                  che tu ogni tanto me dicisse ‘na parola!

Giuseppe: E io sapisse quanta parole te vulesse dicere!

Angela:     E sapisse quante te ne vulesse dicere io a te!

Giuseppe: Angela, mò penzamme ‘o matrimonio ‘e Maria e Salvatore.

Angela:     Ma io nun ‘a voglio fa’ spusà a chillu “tarallaro”. Preferivo di più un salumiere.

                  Oppure, se col salumiere non era cosa, avrei preferito un macellaio. Invece,

                  Maria va truvanno ‘e taralle!

Giuseppe: E pecché, che tiene ‘a dicere d’’e taralle? A me me piacene!

Angela:     E a me invece no. Quanno m’’e mmagno, m’affogo sempe!

Giuseppe: Siente chi parle! Quanno io te cunuscette, tu vennive ‘e nnucelle ‘nmiezo ‘a via!

Angela:     E che c’entra? Poi, dopo, sono diventata imprenditrice!

Giuseppe: No, veramente, l’imprenditore songh’io.

Angela:     Ma vi’ che ssi’ ignorante? Quando una donna si sposa, acquisisce il cognome del

                  marito e anche il titolo. Se tu eri maresciallo di Marina, io ero una marescialla!

                  Se tu eri un conte, io ero una conta!

Giuseppe: E allora, si ero ‘nu marchese, tu ire ‘na marchetta?!

Angela:     No, una marchesa!

Giuseppe: Siente, aspiette a Maria e pierde ‘a lengua pe’ vinte minute!

                  Maria ha sentito tutto quel discutere e accorre da destra.

Maria:      Ma chi è che se sta appiccecanno ccà ffora? (Nota i due) Ah, siete voi? Come al  

                  solito! Siete pure in ritardo di dieci minuti. Voi dovevate venire alle 6 in punto.

Giuseppe: Ma pecché, amma timbrà ‘o cartellino?!

Maria:      Sì, faje sempe ‘o spiritoso, tu. Ja’, facìteme sentì, pecché ve state appiccecanno?

Angela:     Perché tuo padre è il solito rozzo. Io invece sono una donna di una certa “elica”!

Giuseppe: Ignorante, si dice “epica”!

Maria:      Veramente avite sbagliato tutt’e dduje, pecché se dice “etica”! Ma lasciate stare

                   queste scemenze. Uhé, vi avverto, non mi fate fare brutte figure con Salvatore.

Angela:     Ma speramme che nun ‘e ffa’ isso cu’ nuje!

Giuseppe: La vedo nera! A proposito, ma questo Salvatore dove sta?

Angela:     Infatti, ‘o vi’, accumminciamme buono. Nuje venimme e isso nun ce sta!

Maria:      Ehm... sarà sceso un momento a comprare le sigarette.

Angela:      Ah, ma fuma? E no, questo non va bene.

Giuseppe:  Angela, ma che pparle a ffa’, che fumme pure tu?!

Maria:       Mammà, tu devi sempre cercare un difetto a Salvatore per criticarlo.

Angela:      No, no, non ne parlo più. Aspettiamo a Salvatore e speriamo che non viene!

Maria:       E invece viene. Perciò, sedetevi, che fra poco arriva.

Angela:      E vabbuò, a mammà. Giusé, assettammece duje minute.

                   I tre si accomodano su tre sedie, in posizione decentrata nella stanza (a destra).

Maria:       (Ma addò sarrà juto chisto?).

                   Dalla parte sinistra della comune, riecco Salvatore e Maurizio, stanchi. Il

                   secondo tiene in mano un sacchetto per rustici. Il primo invece lo rimprovera.

Salvatore: E chisto fosse ‘o ccafé che c’’évema piglià add’’o vicino ‘e casa? Chillo ce ha

                   fatto spustà tutt’’e mobbile d’’a casa soja! (Dolorante alla schiena) Mamma

                   mia, ma che tene, ‘e mobbile d’acciaio, chillo?

Maurizio:  No, Salvatò, ‘o fatto è che nuje l’amme spustate cu’ tutta ‘a rrobba ‘a ‘into!

Salvatore: Ah, ecco, vulevo dicere io!

Maurizio:  Però, perlomeno, amme avuto ‘a ricompensa! (Esibisce il sacchetto per rustici)

Salvatore: (Prende il sacchetto e vi guarda dentro) E chesta fosse ‘a ricompensa? ‘Na busta

                   ‘e taralle? A me che faccio tarallaro?

                   Maurizio nota la presenza dei tre, poi li indica a Salvatore e lui si ricompone.                       

                   (Imbarazzato) Ah, ehm... buonasera!

Maria:       Ehm... papà, mammà, avete visto? E’ venuto.

Giuseppe:  Amme visto, amme visto!

                   Salvatore lascia il sacchetto di taralli sul tavolo e va a stringere la mano ai due.

Salvatore: Come va? Tutto bene? Che mi dite, tutto a posto, don Giuseppe?

Giuseppe:  Sì, non c’è male. A parte la prostata, le emorroidi, il mal di schiena, la carie,

                   l’osteoporosi, i calcoli e l’aritmia... (Pausa) …tutto il resto va bene!

Salvatore: Siete un uomo di ferro! E voi, invece, signora Angela? Come state?

Angela:      (Acida) Assettata!

Salvatore: (Finge di ridere) Buona questa! Aspettate, che mi “assetto” pure io!

                   Prende una sedia e si siede accanto a loro. Ma nessuno comincia a parlare.

Maria:       (Rompe gli indugi) Ehm... beh, allora siamo qui!

Salvatore: E già...

Angela:      E infatti...

Giuseppe:  E’ così...

Maria:       Io vado a fare il caffè.

Salvatore: Addò vaje? E tu me vuo’ lassà sulo cu’ ‘sti duje... no, cioè, volevo dire, non

                   andare tu. Il caffè lo va a fare Maurizio.

Maurizio:  (Sorpreso) Io?

Salvatore: Certo, così noi cominciamo a parlare.

Maurizio:  Ma io, veramente...

Salvatore: E vide ‘e te movere!

Maria:       Maurì, però nun fa’ guaje!

Maurizio:  E vabbuò, speramme buono!

                   Si fa il segno della Croce e poi esce a sinistra.

Angela:     Ma pecché s’ha fatto ‘o segno d’’a Croce?

Maria:       Ehm... perché è molto religioso! Lui è il sacrestano della parrocchia di don Pio.

Salvatore: Vabbé, ora parliamo di noi. Io vi ringrazio che finalmente siete venuti qua a casa

                    mia. Speriamo che l’odio che avete verso di me è finito... pure si ce so’ vulute

                    vint’anne! Ma, tanto, io e Maria ci vogliamo sempre bene. E poi... e poi...

                    aspettate... (Prende un foglietto dalla tasca della camicia e legge) Ah, ho finito!

Angela:      (Ah, ma se l’ha scritta e se l’è ‘mparata a memoria, ‘a poesia?!).

Giuseppe:  (Dicev’io, che bellu discorso sta facenno!).

Angela:      Ehm... Giuseppe, adesso tocca a te, fai un bel discorso.

Giuseppe:  Bene: caro Salvatore...

Angela:      Va’, va’, nun te fermà!

Giuseppe:  Noi siamo qui…

Angela:      Va’, va’, nun te fermà!

Giuseppe:  E siamo venuti in casa tua…

Angela:      E va’, nun te fermà!

Giuseppe:  E aspiette! Si ‘o ssapevo, m’’o scrivevo pur’io! Dunque, Salvatore, noi siamo

                   qui per incontrarti e per parlarti, dopo che abbiamo fatto una grande riunione.

Salvatore: Ah, ci stava tutta la vostra famiglia riunita?

Giuseppe:  No, solo io e mia moglie! Aggio ditto “una grande riunione”, pecché è durata

                   sette ore e meza!

Maria:       E sì, quelli poi parlano molto.

Giuseppe:  E come ultimissima cosa, per concludere questo mio lunghissimo discorso...

Salvatore: (Ma si chillo mò ha accumminciato!).

Giuseppe:  Ti dirò che Padre Pio ci aiutato a riflettere. E’ venuto l’altro giorno a casa nostra

                    e ci ha fatto una chiavica...!

Angela:      (Lo richiama) Giuseppe, un po’ più elegante!

Giuseppe:  Ci ha fatto una munnezza!

Maria:       Papà, un po’ più elegante.

Giuseppe:  Ci ha fatto una schifezza!

Salvatore: Don Giusé, un po’ più elegante!

Giuseppe:  Insomma, ci ha lavato il cervello. E dopo, quando è finito il lavaggio...

Salvatore: Eh, è accumminciata ‘a centrifuga!

Giuseppe:  (Ripete) E’ accumminciata ‘a centrif… No! Alla fine, Padre Pio ci ha convinti.

Angela:      Beh, Salvatore, ti dirò che io preferivo un genero salumiere oppure macellaio! 

Salvatore: Ah, voi volevate un “genero alimentare”?

Angela:      Già. Ma pazienza, vorrà dire che mi accontenterò dei taralli!

Salvatore: (Fiero) E voi invece non lo sapete ancora, ma ultimamente c’è una novità: altro

                   che taralli, io sono entrato nella politica. Sono candidato come sindaco.

Angela:     (Felice, cambia considerazione di Salvatore) ‘O vero? ‘O ì, Giusé, tu a Maria ce

                   vulive fa’ spusà afforza ‘o salumiere oppure ‘o chianchiere! Nuje invece

                   tenimme a ‘n’aspirante sindaco! Bravo Salvatore! Viva il sindaco!

Giuseppe:  Angela, ma si fino a tre siconde fa ‘o schifave!

Angela:      E che c’entra? Nella vita, le cose cambiano!

                   Torna Maurizio: ha un vassoio con quattro tazze di caffè. Cammina e barcolla.

Maurizio:  Signori, ecco i caffè. Ci ho messo pure lo zucchero.

Maria:       Ah, bravo Maurizio. Hé visto, Salvatò, ha fatto ‘o ccafé senza fa’ danne.

Salvatore: ‘O vveco e nun ce credo!

Maurizio: Uhé, pigliatavéllo che nun c’’a faccio cchiù!

Maria:       E allora vai, Maurizio, distribuisci i caffè.

Maurizio: Agli ordini! (Li distribuisce come capita) Tié... acchiappa... acchiappa...

Giuseppe:  Ha un bell’aspetto questo caffè. Tiene pure la schiuma!

                   Lo assaggia solo lui, e dopo, visto che ha un saporaccio, lo sputa verso Angela.

Angela:      Néh, ma che ffaje?

Giuseppe:  Ma che ce sta dint’a ‘stu ccafé?

Maurizio:  Lo zucchero.

Salvatore: Maurì, ma ‘a do’ l’he’ pigliato ‘stu zucchero?

Maurizio:  Stava sotto al lavandino. Fuori allo scatolo c’era scritto “A mano e in lavatrice”!

Maria:       Ma chillo è ‘o detersivo!

Giuseppe: (Si sente male) Aiuto, me sento ‘e murì!

                   Angela, Maria e Salvatore saltano in piedi preoccupati. E lo soccorrono.

Angela:     (Disperata) Marò, hanne avvelenato ‘o marito mio!

Giuseppe: (Sofferente) Mamma mia bella! Anema ‘e mia moglie, aiuteme tu!

Angela:     Uhé, ma io so’ ancora viva!

Maria:       Presto, mammà, portiamolo in bagno.

                  Maria posa i bicchieri sul tavolo e poi, insieme a Angela, lo aiuta ad alzarsi.

Angela:     Nun te prioccupà, Giusé... nun è niente! Però famme ‘o piacere: nun murì!

Giuseppe: Ma va’ muore tu!

                   E i tre escono a sinistra. Salvatore se la prende con Maurizio.

Salvatore: Disgraziatone! Vattenne dinto, cammina. E puortete ‘sti café. 

                   Maurizio raccoglie i bicchieri sul vassoio e torna a sinistra. Salvatore impreca.

                   Nun sape fa’ manco ‘nu café! E mò famm’ì a vedé a chisto che ha passato. Vi’

                   che mò pe’ mezza ‘e Maurizio nun se fa cchiù ‘o matrimonio!

                   Va anche lui a sinistra a sincerarsi delle condizioni di Giuseppe.

5. [Paola e Ugo. Poi Salvatore e Raffaele]

                   Dalla porta di destra della comune, arrivano Paola e Ugo.

Paola:        Speriamo che Salvatore ci sta. Dobbiamo muoverci, che é tardi. 

Ugo:           Eppure mi chiedo se abbiamo fatto bene a coinvolgere una persona che non sa

                   nulla di politica. Non vorrei che nella campagna elettorale succedesse il “lutto”!

Paola:        Sei sempre il solito pessimista. Io invece credo che questo Salvatore sia la nostra

                   arma vincente. Se non ci fosse lui, dovremmo suonare il “De profundis”!

Ugo:           Paola, ma tu ti ricordi quanto abbiamo speso? Venticinquemila Euro.

Paola:        Appunto. Vedrai, saranno un bell’investimento. E adesso cerchiamo Salvatore.

Ugo:           E allora andiamo in cucina. Se ricordo bene, sta di là. (Indica a destra) Presto!

                   Escono a destra. Dalla comune (parte destra) entra Raffaele: cammina a stento.

Raffaele:   Mamma mia... nun ce ‘a faccio cchiù... aggia ì ‘int’’o bagno! ‘Int’a ‘stu schifo ‘e

                   paese nun se ne trova uno! Ma che d’è, l’hanne chiuse tutte quante?!

                   E mentre cerca di andare a sinistra, si trova Salvatore di faccia che lo ferma.

Salvatore: Addò vaje tu?

Raffaele:   Salvatò, nun ce ‘a faccio cchiù. Pe’ pietà, famme passà!

Salvatore: Ma tu nun si’ gghiuto ‘int’’o bagno d’’o Bar?

Raffaele:   No, Salvatò, io m’eva scurdato ch’oggie é dummeneca. Stanno tutti chiusi!

Salvatore: Ah, già. Ma mò ‘int’’o bagno ce sta ‘o pato ‘e Maria che nun se sente buono!

Raffaele:   E comme facc’io?

                   Da destra tornano Paola e Ugo.

Paola:       (Entusiasta) Salvatore...

                   E corrono da lui, al che Raffaele li nota e si spaventa.

Raffaele:   Aiuto, Salvatò, ‘e schiattamuorte! Ma allora ‘o pato ‘e Maria è muorto!

Salvatore: No, ma che staje dicenno? Non ti permettere di offendere i miei amici.

Raffaele:   I tuoi amici? Salvatò, ma mò fatiche ‘int’’e Pompe Funebri?

Salvatore: No, ma loro non sono “schiattamorti”! Sono i capi del partito che mi porta come

                   candidato a sindaco. Lui è Ugo e lei è Paola.

Raffaele:   (Costernato) Uh, scusate, io non lo sapevo. Piacere, io sono Raffaele.

Paola:        Paola Morta.

Ugo:           Ugo Ferito.

Raffaele:   (Aéh, comme so’ belle ‘sti duje! Pare che se n’hanne fujute ‘a ‘int’’o cimitero!).

Paola:        Scusate, ma voi chi siete? Un parente di Salvatore?

Raffaele:   No, io non sono un parente. Sono il fratello.            

Ugo:          E bravo! (Gli dà una bella pacca dietro le spalle)

                   E Raffaele, sofferente, comincia a dondolarsi, alzando alternatamene un piede e

                   poi l’altro, perché il colpo subìto gli aumenta lo stimolo del mal di pancia.

Raffaele:   (Soffre) (Justo areto ‘e rine m’’eva acchiappà chisto!).

Paola:        Ma che c’è, qualcosa non va?

Raffaele:   No, io quando sono contento, faccio sempre così! Sentite, ma mò Salvatore parla

                   pure lui ai comizi come i veri politici?

Salvatore: E certo. Speriamo solo che gli altri politici mi lasciano parlare pure a me.

Paola:        Salvatò, ma è normale che te fanne parlà pure a te. La legge te lo permette.

Salvatore: Ah, c’è una legge? E qual è?

Raffaele:   E la so io: è la legge sul Pane e cacio!

Ugo:          Ma qualu pane e cacio?! Si dice “Par condicio”!

Salvatore: Ah, me piace ‘sta legge! A proposito, Paola, Ugo, dovevate dirmi qualcosa?

Ugo:          Ah, già. Vogliamo farti vedere il materiale elettorale. Vuoi venire al partito?

Salvatore: Ehm... veramente mò non posso. Sì, perché... devo mettere delle cose a posto.

Ugo:          Va bene, allora noi ci avviamo e tu ci raggiungi più tardi. Nel frattempo, intanto,  

                   ci servirebbe qualcuno che attacchi i manifesti per strada. Ma dove la troviamo?

Salvatore: Eccolo qua: mio fratello Raffaele.

Raffaele:   (Sorpreso) Ma chi? Io? No, ma io mò nun pozzo. Aggia ì ‘int’’o bagno!

Salvatore: E vai nel partito.

Raffaele:   Ma pecché, ‘int’’o partito ce sta ‘o bagno?!

Salvatore: E certamente! Secondo te, facevene ‘nu partito senza ‘o bagno?!

Paola:       (Inventa una scusa) Ehm... no, no, non è possibile, perché il bagno è rotto.

Salvatore: E nun fa niente, Rafé. Mò che scinne, faje ‘nmiezo ‘a via!

Ugo:          Va bene, va bene, adesso però andiamo. Ciao, Salvatore. A dopo.

                   I due prendono Raffaele sottobraccio, lo tirano via (porta destra) e lui protesta.

Raffaele:   No, ma io aggia ì ‘int’’o bagno. Faciteme ì ‘int’’o bagno.... Voglio ‘o bagno...!

                   E vanno via. Salvatore, rimasto solo, sembra abbastanza preoccupato.

Salvatore: E mò famm’ì a vedé a chisto comme se sente. Speramme buono!

                   E esce via a sinistra.

6. [Maurizio, Salvatore, Maria, Angela e Giuseppe]

 

                  Da sinistra tornano Salvatore, Maria, Angela, Giuseppe e Maurizio.

Maria:      Papà, adesso ti senti meglio?

Giuseppe:  Sì, sì, io sono un uomo di ferro. Un tempo, quando stavo nell’esercito...

Angela:      No, pe’ piacere, nun accummincià cu’ ll’esercito, mò!

Salvatore: E vabbé, in fondo, tutto è bene quel che finisce bene. Maurì, mannaggia a te!

Maurizio:  (Si avvicina) Scusatemi, signor padre di Maria, ma io non l’ho fatto apposta.

Salvatore: E va bene. Allora, don Giusé, abbiamo rimasto un discorso in sospeso.

Giuseppe:  Ah, già. Salvatore, tagliamo la testa al toro: tu t’’a vuo’ spusà a Maria?

Salvatore: Scusate, ma cheste so’ domande ‘a fa’?!

Giuseppe:  E allora spusatella.

Maria:       E tu, mammà? Che dici?

Angela:      Ma sì, un genero in politica fa sempre comodo. Così al circolo, con le mie

                   amiche, “mi atteggio” un po’! Marì, t’’o vuo’ spusà a chisto? E spusatillo!          

Maurizio:  (Ad alta voce, battendo come un forsennato le mani) Viva gli sposi!

                   E continua ad applaudire da solo, mentre gli altri lo guardano. Poi si ferma.

                   Ehm... no, quello era l’incitamento!

Giuseppe:  E allora, ‘stu matrimonio quanno se fa?

Salvatore: Ma pe’ me va buono pure fra ‘nu mese.

Angela:     Benissimo. Bravo, una volta tanto hai avuto una buona idea! Io, così, c’ho pure

                  il tempo di farmi... (detto come si scrive) il “maquillage”!

Giuseppe: Aspié, nun penzà sulo pe’ te. E ‘sti duje nun ‘o fanne ‘o corso prematrimoniale?

Maria:       Papà, sò tre anne che ll’avimme fatto. Mò c’amma sulamente spusà e basta!

Giuseppe: Perfetto! E allora, Angela, jammuncenne, che m’aggia piglià ‘o sceruppo,

                  m’aggia mettere ‘a supposta e m’aggia fà ‘a serrenga!

Maurizio: (Aéh, niente cchiù? Me sa che chisto nun c’arriva ‘o juorno d’’o matrimonio!).

Angela:     Va bene, cià, Marì, a mammà. E ffa’ ‘a brava!

Giuseppe: Cià, Salvatò. He’ visto? Accussì ‘a fernisce ‘e scavalcà ‘o barcone d’’a casa mia!

Salvatore: Va bene, arrivederci. Maurizio, accompagnali a casa con la macchina!

                    Angela e Giuseppe fanno una facciaccia. Maurizio fa altrettanto.

Maurizio:  (Sorpreso) E chi ‘a sape purtà ‘a machina?!

Giuseppe:  (Preoccupato) No, Salvatò, ma nun è ‘o caso.  

Angela:      Ma tu vuo’ fà rimané orfana a mia figlia?

Salvatore: Ma non vi preoccupate. Maurizio, le chiavi stanno già vicino al quadro.

Angela:      (Rassegnata) E vabbuò...

Giuseppe:  (Rassegnato) Facimmece da’ ‘stu passaggio!

Maria:       Maurì, però t’arraccummano, va’ chiano!

Giuseppe:  Vabbuò, basta. Ascimme.

Angela:      Di nuovo, arrivederci! (Speramme che nun è ‘n’addio!).

Maurizio:  Salvatò, si succede coccosa, io nun voglio sape’ siente!

                   Escono tutti e tre.

Salvatore: Ecco qua, se n’hanne jute. (Sente puzza di bruciato) Ma che d’è? Se sente ‘na

                   puzza ‘e bruciato. (Preoccupato) Marì, sta jenno a fuoco ‘a cucina!

Maria:       Uh, mamma mia...

                   Corrono via a destra come forsennati.

7. [Don Pio, poi Salvatore e Maria. Infine Raffaele]

                  Dalla parte sinistra della comune, entrano Padre Pio e l’avvocato Calimero.

Pio:           Eccomi qua per congratularmi con Salvatore e Maria. Allora adesso chiamo i

                   futuri sposini. (Chiama) Salvatò! Marì! Ci siete?

                   Da destra torna Salvatore con un dito dolorante.

Salvatore: Ah, mamma mia, m’aggio sfasciato ‘nu dito!... Uhé, Padre Pio, siete voi?

Pio:            Salvatò, ma che ti è successo?

Salvatore: Stava andando a fuoco la cucina, ma era solo un tappeto che si stava bruciando,

                   così è venuta Maria alluccanno: “Ci penso io!”, e s’è mmisa a sbattere ‘e piede

                   ‘a coppa. ‘O ffuoco nun l’ha stutato, però m’ha scamazzato ‘o dito!

                   Da destra accorre Maria.

Maria:       Salvatore, ma che fine hai fatt...? (Nota Padre Pio) Uh, c’è Padre Pio.

Pio:            Ciao, Maria. Come vanno le cose? Allora, questo matrimonio s’ha da fare?

Maria:       Ma... Salvatore, non gliel’hai detto?

Salvatore: E chi ha avuto ‘o tiempo?

Maria:       Comunque, la risposta è sì!

Pio:            Assa fa’…! A proposito, ma i testimoni già ci sono?

Salvatore: Comme no. Chille vénene tutt’’e mmatine!

Maria:       Ma chi, Salvatò?

Salvatore: ‘E testimonie ‘e Geova!

Maria:       Ma no, lui parlava dei testimoni di matrimonio. Non ce li abbiamo ancora. Va 

                   bene, Salvatò, preparati, tra poco devi continuare ad aiutarmi.

Salvatore: Ancora? Mi credete, Padre Pio? Sto spustanno mobbile ‘a stammatina.

Pio:            Uh, a tale proposito, Salvatò, tu m’avìssa spustà tutt’’e mobbile d’’a chiesa mia!

Salvatore: (Spazientito) No, e mò basta! Io già m’aggio fatto ‘nu coso tanto! Caso mai, vi

                   mando mio fratello Raffaele ad aiutarvi.

Pio:            Buona idea. Ma mò addò sta?

Salvatore: E chi ‘o ssape? Starrà cercanno ancora ‘o bagno!

Pio:            ‘O bagno?

                   Dalla parte destra della comune, torna Raffaele pallido, cammina a passi brevi.

Raffaele:   (Con un filo di voce) Aiuto!... Aiuto!... Voglio il bagno...

Salvatore: Ah, eccolo qua. (Gli si avvicina) Uhé, Rafé, siente ‘nu mumento...

                   Gli tocca il braccio e lui si scansa.

Raffaele:   No, nun me tuccà... nun me tuccà...!

Salvatore: Ma pecché, ch’è stato?

Raffaele:   Salvatò, nun aggio truvato ‘nu bagno ‘int’a tutto ‘o paese! Non ne posso più!

Salvatore: E vabbuò, mò ce può gghì. ‘O nuosto è libero.

Raffaele:   (Con soddisfazione) E’ libero? Menu male, va’. Mò ce vaco cu’ tutto ‘o core!

                   Va per andare verso sinistra... però inciampa e cade, restando inginocchiato.

                   Mamma ‘e Giotto!

Salvatore: (Va per soccorrerlo) Te si’ fatto male?

Raffaele:   No, nun me tuccate... nun me tuccate...!

Pio:            (Va anche lui) Vabbé, non si è fatto niente!

                   E gli dà una pacca sulla spalla... e Raffaele si dispera, perché...

Raffaele:   Puozz’ittà ‘o sango, m’ha fatto fa’ sotto!... (Breve pausa, poi…) Salvatò...

Salvatore: Che d’è, Rafé?

Raffaele:   (Disperato) Priesteme ‘na mutanda!

FINE ATTO SECONDO

            C’è festa in casa Percaso. Salvatore e Maria si sono sposati e lui ha vinto le elezioni a sindaco del paese. Il salone è addobbato con festoni. Uno striscione dice: “W il sindaco”.

ATTO TERZO

1. [Salvatore, Maria, Raffaele, Maurizio, Angela e Giuseppe]

                    Salvatore è in abito scuro e cravatta. Maria (che però è in cucina) è in abito da   

                    sera scuro. Raffaele è in giacca, cravatta... e scarpe da calcio! Giuseppe, 

                    Angela e Maurizio, sono ben vestiti ma sono ingessati!

Salvatore: (Costernato) Don Giuseppe, donna Angela, mi dovete credere. Sono mortificato.

                   Che cosa vi posso dire? E’ colpa di quest’incapace di Maurizio.

Maurizio: (Dispiaciuto) Salvatò, però io te ll’’eva ditto che nun ‘e vvulevo accumpagnà ‘a

                   casa cu’ ‘a machina!

Salvatore: Fai silenzio, tu!

Giuseppe:  Maurì, si’ ‘na calamità umana! Primma me stive avvelenanno cu’ ‘o detersivo

                   ‘int’’o ccafé, e mò ce stive accedenno pe’ ffa’ ciente metre cu’ ‘a machina!

Salvatore: E m’ha ‘nguajato pure a me.

Maurizio:  Ma pecché, Salvatò, te serveva ‘o canciello?

Salvatore: E se capisce che me serveva. Ma tu siente a chisto!

Raffaele:    Salvatò, e te lamiente tu? Chella, ‘a machina, era ‘a mia! Mò, si ‘a vide, me pare

                   ‘na buatta ‘e pelati: s’è fatta tantella!

Angela:      Ma che ce ne ‘mporta d’’a machina! ‘E che figura! So’ gghiuta ‘o matrimonio

                    ‘e mia figlia tutta ‘ngessata! E stongo pure ‘ncoppa a tutte ‘e ffotografie! Embé,

                    m’’ita credere, pe’ colpa ‘e ‘stu fatto, facesse fa’ tutto ‘o matrimonio d’’o capo!

Giuseppe:  A chi? E io avessa pava’ ‘n’ata vota tutte chilli sorde? E ppo’, Angela, si è pe’

                   chesto, pur’io stevo ‘ngessato comm’a te.

Maurizio:  E vabbé, don Giusé, che fa? Tenevate il “gessato”!

Giuseppe:  Stattu zitto, tu! He’ capì? Non mi rivolgere la parola.

                   Da sinistra arriva Maria con un vassoio con dei bicchieri di spumante.

Maria:       Ecco lo spumante. Dimentichiamo il passato, tanto ormai non serve a niente.

                   Si avvicina a tutti lasciando che prendano ognuno il suo bicchiere.

                   Papà, dici qualcosa di bello. (Posa il vassoio sul tavolo, prende il suo bicchiere)

Giuseppe:  Sì, ora dico qualche frase tanto per gradire. (Ci pensa un secondo) Dunque...

Maurizio:  (Interrompe) Bravo!

Giuseppe:  E me faje parlà, o no? Dunque: “Come persona più anziana qui presente, brindo

                   alla felicità di Salvatore e Maria”!

                   E così tutti brindano e poi bevono.

Maria:       E adesso tocca a Salvatore fare un bel discorso.

Gli altri:    Discorso... discorso... discorso...

Salvatore: Scusatemi, sono emozionato e commosso. Vedete, ho le lacrime agli occhi!

Raffaele:   Salvatò, ma chillo sarrà ‘o spumante!

Salvatore: He’ ‘nguajà sempe tutto cose, tu! Dunque: in questo lieto giorno, voglio

                   festeggiare degli avvenimenti che hanno cambiato la mia vita: per primo...

Raffaele:   ‘E maccarune cu’ ‘a sarza!

Salvatore: (Ripete) ‘E maccarune cu’ ‘a sa... E stattu zitto, Rafé!

Maria:       Salvatò, nun ‘o da’ retta, va’ annanzo.

Salvatore: Dicevo: per primo, il mio matrimonio con Maria.

                   Gli altri posano i bicchieri sul tavolo e applaudono.                 

                   E per secondo...

Raffaele:    ‘O merluzzo scaurato!

Salvatore: (Ripete) ‘O merluzzo scaura... Rafé!

Maria:       Salvatò, t’aggio ditto nun ‘o da’ retta, va’ annanzo.

Salvatore: Dicevo: per secondo, sono diventato il nuovo sindaco di questo paese.

                   Gli altri applaudono.

                   Grazie, grazie. E per terzo...

Raffaele:    ‘A frutta e ‘o ccafé!

Salvatore: T’’e mmenasse appriesso!

Maria:       Salvatò, e va’ annanzo.

Salvatore: E per terzo, la nostra famigliola si ingrandisce sempre di più. E questo è.

Angela:      (Acida) Vabbuò, Salvatò, chest’ultima cosa t’’a putive sparagnà!

Raffaele:    Salvatò, ave raggione tua suocera!

Salvatore: (Nota le scarpe di Raffaele) Rafé, ma t’he’ miso ‘e scarpe d’’o pallone?

Raffaele:    (Le mette in mostra) E se capisce, io sono un tipo sportivo!

Salvatore: Ma nun vi’ che si’ ridicolo?

Raffaele:    E che ssaje tu? Io me l’aggio mise pure ‘o matrimonio tuojo!

Angela:      E ‘int’’a fotografia s’è mmiso pure vicino a me! Io già stevo tutta ‘ngessata! ‘E

                   chi schifo ‘e fotografie amme fatto!

Raffaele:    E vabbuò, mò me vaco a cagnà. Ua’, e comme state! Signori, con permesso.

                   E va via a sinistra.

Maria:       Salvatore, che dici, vogliamo andare io e te in cucina a brindare da soli?

Salvatore: Buona idea. Ehm... scusate, noi ci assentiamo.

Giuseppe:  Fate con comodo.

Angela:      Marì, noi andiamo a trovare il vicino di casa vostro, il finanziere. Quello è il

                   figlio di mia cugina Assunta. 

Maria:       Va bene, andate, andate.

Giuseppe:  Allora, a dopo.

                   E Giuseppe e Angela escono via dalla comune (porta di sinistra).

Maria:       Oh, Salvatò, finalmente siamo rimasti soli.

Salvatore: Aspié, ce sta ancora Maurizio.

Maria:       Maurì, scinnetenne e vatte a accattà ‘nu gelato.

Salvatore: Anze, accattatinne duje, accussì ce miette cchiù tiempo!

Maurizio:  Buona idea. Guagliù, ce vedìmme aroppo. Cià!

                   E esce di casa (dalla parte destra della comune).

Maria:       Ah, finalmente. Salvatore, allora vogliamo andare?

Salvatore: Marì, sono a tua completa disposizione!

                   E escono via a destra, mano nella mano.

2. [Il commissario Tedesco e Raffaele]

                   Dalla comune (lato destro) entra un figuro in impermeabile e con una lente

                   d’ingrandimento in mano: è il commissario Tedesco.

Tedesco:    Bene, bene! Vedo, vedo! Al commissario Tedesco non sfugge nulla! (E sbircia

                 dappertutto con la lente) No, no, e qui le impronte parlano chiaro: in questa casa

                 ci sono delle persone! Adesso però bisogna vedere che persone sono!

                 Sente dei rumori da destra (la stanza di Raffaele).

                 Ah, bene! Dei rumori da quella stanza. (Estrae la pistola) E mò ce penz’io!

                 Si nasconde fuori la comune. Da destra esce Raffaele che ha cambiato le scarpe.

Raffaele: Jamme bello: scarpe a prova di figura di niente! E adesso me ne esco un po’...

                 Si avvia verso la comune, da dove sbuca Tedesco con la pistola rivolta verso lui.

Tedesco:  Fermo là!

Raffaele: (Si spaventa e si dispera) Uh, Marò, ‘na rapina! Siente, vuo’ ‘o portafoglio? E io

                 t’’o dongo, però lasseme almeno ‘e sorde!

Tedesco:  E che me n’aggia fa’ d’’o portafoglio?

Raffaele: E chi schifo ‘e marjuolo si’?

Tedesco:  Ma qualu marjuolo? Io sono il commissario Tedesco.

Raffaele: Marò, è trasuto ‘o commissario Rex!

Tedesco:  Non cambiare discorso. (Frenetico) Chi sei, che stavi facendo, quando sei nato,

                 che cosa hai mangiato...?

Raffaele: (Spazientito) Oh, ‘na domanda ‘a vota! Commissà, e vuje accussì me scemulite!

Tedesco:  Tanto per cominciare, chi sei?

Raffaele: Io vivo in questa casa. Sono il proprietario. Mi chiamo Raffaele Percaso.

Tedesco:  (Costernato, mette via la pistola) Uh, mi dovete scusare, io non pensavo che...

Raffaele: E manch’io me penzavo che m’era vestere, e ppò m’’eva fa’ sotto d’’a paura!

Tedesco:  Va bene, ora acoltatemi: per caso conoscete il neo sindaco Salvatore Percaso?           

Raffaele: E se capisce, io songo ‘o frato! Ma pecché?

Tedesco:  Sto facendo delle indagini, ma questa cosa non ve la posso dire. E ho scoperto    

                 delle cose, ma non ve le posso dire. E così devo agire in un modo, ma non ve lo

                 posso dire!

Raffaele: Néh, ma m’’o vvulite dicere o nun m’’o vvulite dicere?

Tedesco:  Sentite, ora non posso parlare. Però sto indagando su vostro fratello, il sindaco.

Raffaele: (Sorpreso) Frateme Salvatore?

Tedesco:  Sì, proprio lui. (Ed entra in una stanza a destra)

Raffaele: Ma ‘e che se tratta? (Avvicinandosi alla porta di destra dov’è uscito Tedesco)

Tedesco:  (Esce dalla porta di sinistra) Di una bomba! (E vi rientra)

Raffaele: (Va alla porta sinistra) Mio fratello va’ piazzanno ‘e bbombe?! Nun ‘o ssapevo.

Tedesco:  (Esce dal centro) No, non è questo. Si tratta di riciclaggio di denaro sporco.

Raffaele: Aggio capito: mio fratello s’è mmiso a lava’ ‘e sorde spuorche e l’ha ‘nguajate!

Tedesco:  Ma no, nun avite capito. Riciclaggio di denaro sporco, vuol dire… vuol dire…             

                 vuol dire che non è una cosa pulita. Si rischiano pure vent’anni di carcere.

Raffaele: (Spaventato) Uh, Marò! Chillo nun ha manco accumminciato a ffa’ ‘o sinneche, e

                 già sta jenno ‘ngalera?! Embé, mò ce vaco a ffa’ ‘na cazziata!

Tedesco:  No, lui non lo deve sapere che voi lo sapete. Anzi, voi mi dovete aiutare. E vi

                 dirò un’altra cosa: può darsi pure che lui non c’entri niente. (Esce a destra)

Raffaele: In che percentuale?

Tedesco:  (Esce da dietro il divanetto) L’1%!

Raffaele: Ma non è possibile. Lui non tiene proprio l’intelligenza per fare queste cose!

Tedesco:  Farò il possibile per aiutarlo, però voi dovete stare con l’acqua in bocca. Intesi?

Raffaele: E pecché aggia sta’ cu’ ll’acqua ‘nmocca?

Tedesco:  V’aggio ditto ch’ata fa’ accussì, e basta! E se scoprite qualcosa, fatemelo sapere.

                   Però non mi cercate, mi faccio vivo io. Capito? Arrivederci. E vi raccomando,

                   acqua in bocca, acqua in bocca!

                   Tedesco esce di casa quatto quatto, mentre Raffaele sembra non capacitarsi.

Raffaele:   No, nun po’ essere. Salvatore sta ‘nmiezo a ‘sti ccose sporche! Ma allora è vero,

                   il potere fa perdere la testa a tutti. Aggia fa’ comme ha ditto ‘o pastore  

                   tedesco… cioè, Rex: aggia stà cu’ ll’acqua ‘nmocca. Allora devo bere!

                   Ed esce via a sinistra.

3. [Salvatore, Maria e Raffaele. Poi Angela e Giuseppe]

 

                   Dalla cucina (a destra) riecco Salvatore e Maria.

Salvatore: Che pace, Marì! Ma ci pensi? Ce so’ vulute vint’anne p’arriva’ a ‘stu mumento.

Maria:       E vabbuò, Salvatò, nun ce penzà cchiù! Abbiamo ancora tanto tempo davanti.

Salvatore: E già. Almeno ora sono contento che ti ho sposato. E poi mi sto gustando questi

                   miei primi giorni da sindaco. Però c’è una cosa strana. Mi sento come se io...

                   E da sinistra torna Raffaele (con l’acqua in bocca!) e ascolta tutto.

                   ...sto rubando!

                   Raffaele ha sentito e fa una facciaccia. Salvatore lo nota.

                   Uhé, Rafé... viene ccà.

                   Raffaele gli si avvicina insospettito.

                   Ma che staje facenno? Che tiene ‘nmocca?

                   Gli stringe le guance e Raffaele sputa tutta l’acqua.

Raffaele:   Cretino, ma che he’ fatto? Io dovevo stare con l’acqua in bocca!

Maria:       Guarde che he’ cumbinato, he’ ittato tutta ll’acqua pe’ terra.

Salvatore: Rafé, ma ‘a vuo’ fernì ‘e fa’ ‘o scemo?

Raffaele:    Ah, l’aggia fernì io? Io mi pensavo che tu eri una persona onesta. E invece...

Maria:       Néh, Salvatò, ma che he’ fatto?

Salvatore: Marì, ma che ne saccio? Rafé, ma inzomma, che staje dicenno? 

Raffaele:    No, io non posso parlare. Devo stare con l’acqua in bocca! E allora vado a bere!

                   E va via a destra in cucina.       

Maria:       Salvatò, ma frateto fosse ‘nu poco esaurito?

Salvatore: ‘Nu poco? Chillo s’ha da ricoverà proprio!  

Maria:       Salvatò, guardeme buono. Ma me staje annascunnenno coccosa?

Salvatore: Pure tu, mò? Vabbuò, aspiette ‘nu mumento. Io vado a interrogare mio fratello!

                   E esce via a destra.

Maria:       (Interdetta) Mah, va’ a capì. Ccà, ogni tanto, ce sta ‘na nuvità!

                   E si ferma a sbirciare dalla porta della cucina (a destra). Dalla comune entrano

                   Giuseppe (con un pennello in mano) e Angela trasandati. Stanno litigando.

Giuseppe: Mannaggia ‘a capa toja!

Angela:      Tu si’ ‘a ruvina mia!

Maria:       (Si spaventa) Chi è? (Li nota) Ah, siete voi? (Li osserva) Ma che vi è successo?

                   Maria va verso il centro della stanza e i due le si avvicinano.

Giuseppe:  Niente, ‘o vicino ‘e casa tuojo. Io nun ce vulevo ì.

Maria:       Ma pecché, che v’ha fatto?

Angela:      Ce ha fatto spustà tutt’’e mobbile e ce ha fatto pittà ‘a ringhiera d’’o barcone!

Maria:       (Stupita) Che cosa? Ma nun è possibile.

Giuseppe:  Nun ce cride? E guarde ccà… (Mostra il pennello) Chisto è ‘o penniello!

Maria:       E comme, te l’he’ purtato appriesso?

Giuseppe:  No, nun è che me l’aggio purtato appriesso. Chillo s’è azzeccato ‘nmana!

                   Giuseppe si stacca il pennello dalla mano. Da destra torna Salvatore.  

Salvatore: Néh, ma ch’è stato? (Nota i quattro) Oh, salve a tutti!

                   Giuseppe e Angela non lo salutano. Salvatore lo fa notare ironicamente.

                   Grazie di avermi salutato!

Maria:       (Gli si avvicina) Salvatò, hai saputo qualcosa da Raffaele?

Salvatore: No, nun so’ stato capace ‘e capì ‘na virgola.

Maria:       E vabbuò, nun sarrà succieso niente.

                   Così Giuseppe e Angela si avvicinano a Salvatore.

Giuseppe:  E allora, Salvatò… anzi, signor sindaco, adesso sei diventato un uomo potente.

Salvatore: No, ma qua’ potente? (Poi li osserva perplesso)

Giuseppe:  E invece mò t’amma sfruttà ‘nu poco! Io e te ormai siamo parenti acquisiti.

Angela:      Aspié, allora visto accussì, mò me votto annanzo pur’io. Salvatò, io sono la tua

                   suocera preferita! E nun voglio pava’ cchiù ‘o ticket d’’e mmedicine! Va bene?

Maria:       Aspettate, si è pe’ chesto, io songo ‘a mugliera. Salvatò, io aggia piglià ‘o posto

                   comme maestra elementare. Tu mi devi fare una maxi raccomandazione!

Giuseppe:  ‘Nu mumento, e allora ‘a pensione mia addò ‘a mettimme?

Angela:      Uhé, ma ce ll’aggio ditto primm’io! E io songo ‘a suocera!

Giuseppe:  E che me ne ‘mporta? A me Salvatore me vo’ bene cchiù assai ‘e vuje!

Maria:       No, a me...                

Angela:      No, a me...

                   Ma a interrompere quella discussione, ci pensa il telefono che suona in cucina.

Salvatore: (Chiama suo fratello) Rafé, rispunne ‘o telefono.

Raffaele:   (Dalla cucina) ‘Nu mumento, mò rispongo io.

Salvatore: Signori, signori, per piacere, nun v’appiccecate pe’ ‘sti scimmità. Nun è ‘o caso.

Raffaele:   (Dalla cucina) Salvatò, è pe’ te.

Salvatore: Chi è?

Raffaele:   (Dalla cucina) Un avviso!

Salvatore: Un avviso di chiamata?

Raffaele:   (Dalla cucina) No, ‘n’avviso ‘e garanzia!

Salvatore: (Spaventato) Uh, Marò...

                   Corre subito a destra, sotto gli occhi di Maria e degli altri.

Angela:      Ma ch’è stato, Marì?

Maria:       (Non sa dare una risposta precisa) Ma niente, mammà... Stai tranquilla.

Giuseppe:  Sarrà coccheduno ato che va’ truvanno ‘na raccomandazione!

Angela:      E allora mò ve faccio vedé che Salvatore torna ccà cu’ ‘o sorriso sulle labbra!

                   E invece lui torna con un viso pessimo e senza parlare.

Maria:       Ah, ‘o vi’ ccanno. E allora, Salvatò, ce vuo’ dicere ch’è succieso?

Salvatore: Ah, no, niente, ‘nu fatto. E allora che stavamo dicendo?

Angela:      Salvatò, tu m’he’ ‘a fa’ cuntenta.

Giuseppe:  Addò vaje? Chillo m’ha da accuntentà a me.

Maria:       Ma nun dicere scimmità!

Angela:      No, tu nun dicere scimmità!

Salvatore: (Si spazientisce) Uhééé...! E mò basta! Nun voglio fa’ niente a nisciuno.                

Angela:      Ma che dici? Tu devi ascoltare i problemi della gente, perché sei il sindaco. E

                    poi noi ormai siamo tuoi familiari.

Giuseppe:  E il proverbio dice: “I panni sporchi si lavano in famiglia”!

Salvatore: Invece no, basta, è fernuto ‘o ssapone! Scusate suoceri, vi prego, lasciateci soli.

Maria:       Ma... Salvatore...

Salvatore: Marì, lasseme sta’. Signori, vi chiedo questo piacere...

Angela:      (Interdetta) E vabbuò. Cià, Marì, a mammà. Te telefono cchiù tarde.

                   Giuseppe e Angela escono di casa, stupiti, confabulando tra loro.

Maria:       Embé, Salvatò, e mò pozzo sape’ ‘a raggione ‘e ‘sta sparata?

Salvatore: (Si siede sul divanetto) Marì, aggio avuto ‘n’avviso ‘e garanzia.

Maria:       (Sorpresa,  gli si avvicina) Uh, Marò, tu che staje dicenno? (Poi ci pensa)

                   Aspié, Salvatò, e che rrobba è ‘st’avviso ‘e garanzia?

Salvatore: Significa che devo comparire davanti al giudice. Sto’ rrischianno ‘e ì ‘ngalera!

Maria:       E pecché?

Salvatore: Mi accusano di concussione e riciclaggio di denaro zozzo!

Maria:       (Sconvolta) Uh, ma tu che staje dicenno?

Salvatore: ‘A verità. Ma io non ho mai fatto queste cose. Marì, mi devi credere.

Maria:       Sì, io ti credo... cioè, lo so... Però perché ti accusano di queste cose?  

Salvatore: Nun ‘o ssaccio. Marì, nun me sento buono. Me vuo’ accumpagnà a piglià ‘nu

                   poco d’acqua e zucchero? (Si alza in piedi)

Maria:       Sì, sì jamme. Però statte tranquillo, nun è succieso niente.

                   I due vanno in bagno a destra.     

5. [Raffaele e il Commissario Tedesco]

                  Dalla cucina (a destra) entra Raffaele dubbioso.

Raffaele:  Giesù, ma allora è ‘o vero. Ho un fratello che sta per andare in carcere. Adesso

                  ho chiamato sul cellulare il commissario Rex… lloco... cioè, ‘o commissario

                  Tedesco. Ha ditto che mò vene. Mannaggia a Salvatore, va’!

                  Dalla parte destra della comune entra e si ferma il commissario Tedesco.

Tedesco:   (Cerca di richiamare l’attenzione di Raffaele) Pss... Pss...

Raffaele:  Chi è? (Si guarda intorno)

Tedesco:   Pss... Pss... (Gli si avvicina continuando col suo verso)

Raffaele:  (Si volta e lo nota) Ah, site vuje, commissà? E invece ‘e fa’ ‘stu “Pss... Pss...”,

                  nun me putite chiammà pe’ nomme?

Tedesco:   No, non possiamo fare nomi, è pericoloso!

Raffaele:  Scusate, ma si io v’aggio telefonato tre minute fa, comm’ate fatto a sta’ già ccà?

Tedesco:   Stavo per le scale! Insomma, non mi dovevate chiamare voi. Dovevo venire io.

Raffaele:  Commissà, ma qua sono successe cose grosse.

Tedesco:   (Incuriosito) Ah, sì? E raccontate, raccontate!

Raffaele:  Poco fa, qua dentro ci stava della gente che diceva a Salvatore: “Io voglio questo,

                  io voglio quello, no prima io, no io sono più bello...”!

Tedesco:   Ah, adesso ho capito tutto: voto di scambio.

Raffaele:  ‘O vero? C’è stato ‘nu scambio? Ma allora mio fratello è innocente?

Tedesco:   No, nun ate capito. Il voto di scambio è ‘n’ata cosa. Cioè, vostro fratello, in

                  cambio dei voti ricevuti, promette piaceri alla gente. E questo fatto è illegale.

Raffaele:  Pure? A proposito, prima è arrivata una telefonata strana: diceva che mio fratello

                  ha avuto la garanzia! Ma che d’è, ‘nu frigorifero?!

Tedesco:   No, l’avviso di garanzia è l’ordine di comparire davanti al giudice.

Raffaele:  (Preoccupato) Uh, Marò! Ma che sta cumbinanno chillu scemo ‘e frateme?

Tedesco:   E chesto nun è niente. Si sapisseve chello ch’aggio scuperto io, po’! Purtroppo,

                  oltre al riciclaggio, c’è di mezzo pure la concussione.

Raffaele:  Ah, e mò va’ a ssape’ che d’è chist’atu fatto!

Tedesco:   Una specie di corruzione. Ma se vostro fratello è colpevole, non è detto che

                  riceverà per forza una grossa condanna. A patto che patteggi la pena!

Raffaele:  Sentite, io a vuje nun ve capisco proprio!

Tedesco:   E me capisco io. A proposito, ma vostro fratello tiene la fedina penale pulita?

Raffaele:  E se capisce, chella è nova nova, chillo mò s’è spusato!

Tedesco:   E che c’entra? Va bene, facciamo così: raccogliete testimonianze di gente che lo

                  conosce come persona onesta. Così, in tribunale, deponete tutto al giudice!  

Raffaele:  Pure? Azz’oh, secondo me, ‘stu giudice me fa arrestà per atti osceni!

Tedesco:   Sentite, per dovere, io devo andare fino in fondo. Fra poco torno qua col

                  mandato di cattura... e devo arrestare vostro fratello.

Raffaele:  Ah, e nun se po’ evità ‘stu fatto?

Tedesco:   No, purtroppo, no...

Raffaele:  (Rimane per un attimo interdetto, poi risolve...) Beh, fate quello che dovete.

Tedesco:   Mi dispiace, ma è il mio lavoro. Fatevi coraggio. Arrivederci.

Raffaele:  (Rassegnato) Arrivederci.

                  Tedesco esce di casa dalla comune (parte destra).

                  Salvatò, ma nun putìve rimané a vennere ‘e taralle? No, ‘iva fa’ ‘a politica. Ma

                  tu tiene ‘a quinta elementare! E meglio che me ne scengo, va’! Deficiente!

                  Esce di casa blaterando nervosamente (dalla comune, parte destra).

 

6. [Maurizio. Poi Salvatore, Ugo e Paola]

                   Dalla comune, porta sinistra, entra di corsa Maurizio.

Maurizio:  Nun ce sta nisciuno! Mamma mia, ‘sta Carmela Coscialonga è proprio ‘na

                   passaguaje! Famme annasconnere areto ‘a porta d’’o bagno!

                   E va a sinistra. Intanto, dalla comune, (porta destra) entrano Paola e Ugo.

Paola:        Vieni, Ugo, fai presto.

Ugo:           Eccomi.

Paola:        Senti, dobbiamo stare calmi. Ora sicuramente troveremo Salvatore sconvolto.

Ugo:           E già. Parliamo con lui e tranquillizziamolo. Anche se non sarà facile.

                   Da destra torna Salvatore bevendo un bicchiere d’acqua. I due lo notano.

Paola:        Ah, ciao, Salvatore! 

                   A Salvatore va l’acqua di traverso e comincia tossire.

Ugo:           Uh, vieni, Paola, aiutiamolo.

                   I due si avvicinano e Paola batte sulla schiena si Salvatore, e a lui gli passa.

                   E allora, Salvatore, ti senti meglio?

Salvatore: Puzzate passà ‘nu guajo tutt’e dduje, me stiveve facenno affugà.  

Paola:        Ehm... Salvatore, noi due comprendiamo quello che stai provando in questo

                   momento. Del resto, quando ti arriva un avviso di garanzia fino a casa...

Paola:        Però, qualunque cosa succeda, tu devi stare calmo.

Salvatore: Io rischio ‘e ì ‘ngalera e aggia sta’ pure calmo? Dice ‘o proverbio: “Si stava

                   meglio quando si stava peggio”! Quanno facevo ‘o tarallaro, ero cuntento ‘e

                   trasì in politica. Mò, invece, vulésse turnà areto.

Paola:        Salvatò, purtroppo devi capire che si stanno pagando i problemi di un nuovo

                   partito. E solo Dio sa quanto costa un partito.

Salvatore: E io che ce azzecco? ‘Sti conseguenze l’aggia pavà io? No, sapite che ve dico?

                   Io me dimetto. Veditavelle vuje e ‘o partito vuosto. Io songo innocente.

                   E torna via a destra.

Paola:        Che guaio, Ugo! E questo non può dimettersi proprio adesso. E’ il nostro alibi.

Ugo:           Dobbiamo fare in modo che le colpe se le prenda lui. Solo così possiamo salvare

                   noi e il partito. Noi lo abbiamo scelto soltanto per crearci uno scudo con la

                   giustizia. Hai visto? Ha ricevuto l’avviso di garanzia.

Paola:        E si capisce. La soffiata alla polizia e al giudice l’abbiamo fatta noi. Per fortuna,

                   la sua parola non conta. Non ha testimoni a suo favore. Chi può saperlo che il

                   riciclaggio di denaro e la concussione li abbiamo fatti noi? Tutti i documenti

                   sono ben nascosti sotto il gabinetto della sede del partito. E sulla porta, ci ho

                   messo pure il cartello “Guasto”. He’ visto, Ugo? E’ tutto tranquillo.

Ugo:           Comunque, quando si saranno calmate le acque, dobbiamo far sparire tutte le

                   prove che i veri colpevoli siamo noi.

Paola:        Già, ma prima sarà sparito lui!

                   Paola e Ugo escono via (porta destra). Maurizio vien fuori dal nascondiglio.

Maurizio:  Uh, aggio ‘ntiso tutto cose. Ma allora Salvatore è innocente. E io devo salvarlo.

                   Aspe’, quei due hanno detto che i documenti stanno sotto al gabinetto della sede

                   del partito. E allora aggia arriva’ primma ‘e lloro. Caricaaa!

                   Ed esce di casa (parte sinistra della comune) di corsa.

7. [Salvatore e Maria. Poi don Pio. Infine Raffaele e l’avv. Fabrizio Calimero]

                   Da destra tornano Salvatore e Maria: lui gira attorno al tavolo e lei lo segue.  

Salvatore: Marì, qua la terra mi scotta sotto i piedi. Io nun ce ‘a faccio cchiù. He’ capito?

Maria:       Salvatò, ma te vuo’ fermà? Amma fa’ ‘o girotondo attuorno ‘o tavule?

Salvatore: No, nun me pozzo fermà, pecché sto’ troppo nervuso!

Maria:       E gghià, Salvatò... 

                   Dalla comune (parte destra) entra don Pio sconvolto. Ferma Salvatore.

Pio:            Salvatò, fermati! Aggio saputo tutto cose. Me l’ha ditto Rafele.

Salvatore: Padre Pio, io aggio sbagliato. M’aggio menato ‘int’’a politica. Ma chi ‘a sape

                   fa’? E ppo’ vuje dicìteme qualu politico nun s’è truvato int’a ‘nu guajo ‘e chisto.

Pio:            “Errare umano est”! Ma scappare da un problema, non aiuta a risolverlo.

Maria:       Bravo, Padre Pio, gliel’ho detto pure io. Diteglielo pure voi. Forza!

Pio:            E ce ll’aggio ditto! Nun m’he’ ‘ntiso?

Salvatore: Sentite, Padre Pio, parlàmmece ‘a ommo a préveto…

Pio:            E pecché, io nun songh’ommo?

Salvatore: Vabbuò, io dicevo accussì, pe’ ddicere!

Pio:            E parle, famme sentì.

Salvatore: Secondo vuje ‘o giudice me sta a sentì a me? Io tengo tutte ‘e pprove contro.  

Pio:            E allora parlàmmece ‘a ommo intelligente comm’a me a ommo comm’a te! 

Salvatore: E pecché, io nun songo intelligente?

Pio:            No, io dicevo accussì, pe’ ddicere! Salvatò, t’è piaciuto ‘e fa’ ‘a politica? E ora

                   assumiti le tue responsabilità.

Maria:       E gliel’ho detto pure io.

Pio:            Brava.

Salvatore: Ma io ho cercato di migliorare la mia vita. E invece l’aggio sulo peggiorata!

Pio:            Bravo, hai capito il tuo sbaglio. Ricordati che il potere cambia le persone.

Maria:       He’ visto, Salvatò? ‘Sta cosa te ll’aggio ditta pur’io.

Pio:            Pure chesto ce he’ ditto? Oh, ma allora che me faje parlà a ffa’?!

Salvatore: E avete ragione. Ho sbagliato. Però volevo essere qualcuno pure io.

Pio:            E ti è andata male. Salvatò, hai fatto ciliegia!

Salvatore: (Sorpreso) Ch’aggio fatto?

Maria:       Vuole dire cilecca.

Pio:            Appunto! Io te l’avevo detto: non ti distrarre. Nella vita serve umiltà e duje

                   uocchie tante! Ieri, per esempio, ho sistemato nella chiesa: un affare che non mi

                   spetta, perché per queste cose c’è il sacrestano. E invece ho messo il vino nel

                   calice e l’acqua nell’acquasantiera. Così, alla messa, durante la comunione, ho

                   bevuto dal calice e ho capito una cosa: Salvatò, aggio miso ll’acqua ‘int’’o

                   calice e ‘o vino dinto all’acquasantiera! Le persone se lo sono bevuto tutto e

                   s’hanne pure ‘mbriacate! ‘Na vicchiarella s’è mmisa a cantà annanzo a me:

                   (Canta e accenna passi di Twist) “Nessuno mi può giudicare nemmeno tu”!

Salvatore: E che volete dire con questo?

Pio:            Salvatò, tu facive ‘o tarallaro? E ‘iva continuà a ffa’ ‘o tarallaro! Chesto è.

Maria:       Oppure t’’iva cercà ‘nu lavoro normale, senza rischi. Quante volte te l’ho detto?

Pio:            Pure chesto ce he’ ditto? E che sso’ venuto a ffa’? Tu già he’ ditto tutto cose!

Maria:       E intanto isso nun m’è stato maje a sentì. Padre Pio, per piacere, aiutatelo voi.

Pio:            E che potere ho? Posso solo dire una parola buona. E posso solo pregare. Fallo

                   pure tu, Salvatò. Abbi fede. Amici, nun ve pigliate collera! Tutto si sistema.

                   Stringe la mano ai due. poi esce via di casa (dalla porta destra della comune).

Maria:       He’ ‘ntiso, Salvatò? Devi avere fede.

Salvatore: Ma che staje dicenno? Ma ‘a vulimme fernì? Io sono un uomo, e quando un

                   uomo ha paura, deve scappare. E picciò, lasseme fuì. Cià, Marì.

                   Ed esce via a sinistra.

Maria:       Salvatò, addò vaje? Nun fa’ scimmità, stà a sentì…

                   Lo segue a sinistra. Dalla comune (parte destra), entrano Raffaele e Fabrizio.

Raffaele:   Avvocà, pe’ piacere, nun me facite domande, che stongo nervuso.

Fabrizio:   E si io nun v’’e ffaccio, ‘e ddomande, comme faccio a ssape’ ch’è succieso?

Raffaele:   E vabbuò, faciteme ‘e ddomande, però nun m’addimannate niente!

Fabrizio:   E nun è ‘a stessa cosa?

Raffaele:   Inzomma, faciteme parlà a me. Mio fratello Salvatore rischia di andare in galera.

                   Ha avuto quel fatto della garanzia… Avvocà, è inutile che me guardate accussì,

                   io nun v’’o ssaccio spiegà. So solamente che Salvatore non può aver biciclettato

                   i soldi! (Riflette, poi…) E non può aver nemmeno fatto la costruzione! No,

                   aspié, chillu fatto ‘e ll’ostruzione, che se piglia ‘o calcio ‘e punizione…!

Fabrizio:   Vabbuò, aggio capito. Non c’è bisogno che mi spiegate, ho sentito tutto alla

                   televisione: si tratta di riciclaggio e concussione. Vostro fratello rischia tosto.

Raffaele:   Avvocà, o rischia tosto, o rischia muollo, saccio sulo ‘na cosa: è innocente.

Fabrizio:   E già, ma come dice il proverbio? “Lasciati comprare da chi… la fa l’aspetti…

                   che chi beve birra campa cent’anni!”… Vabbuò, me so’ spiegato! Comunque, ‘o

                   fatto ch’è innocente, ‘o ssapimme io e vvuje. Ma ‘o giudice vo’ vedé ‘e fatte.

Raffaele:   E nuje jamme add’’o giudice ‘e ll’ata vota: chillo d’’a causa d’’a sasiccia! Io ce

                   porto ‘n’atu pullasto, e accussì vincimme ‘a causa!

Fabrizio:   Ma non occorre. Sentite, ora ho bisogno di sedermi! Devo scrivere la

                   dichiarazione che poi leggerò al giudice.

Raffaele:   Ata fa’ ‘a dichiarazione ‘o giudice?

Fabrizio:   Ma che state dicenno? Io devo fare in modo che il giudice sia clemente. Se

                   siamo fortunati, vostro fratello ha una condanna minima. Con la condizionale.

Raffaele:   E va bene. Però ccà passa ggente, e io nun voglio fa’ sape’ ‘e fatte nuoste.

                   Venite, jamme ‘int’’a cucina.

                   E escono via a destra. 

Scena Ultima. [Salvatore, Maria, Ugo, Paola, Tedesco, Raffaele, Fabrizio. Infine Maurizio]

                   Da sinistra torna Salvatore con una valigia trolley, seguito da Maria.                

Maria:       E vabbuò, te ne vuo’ ì? Me vuo’ lassà a me sola? E vattenne. Là ce sta ‘a porta.

Salvatore: (Posa la valigia a terra) Marì, vienetenne tu cu’ me. La moglie segue il marito.

Maria:       Embé, Salvatò, si proprio he’ ì ‘ngalera, ce vengo pur’io.

Salvatore: Grazie, Marì…

                   Ma dalla parte destra della comune, entrano Ugo e Paola che li applaudono.

Paola:        Bella scena commovente!

Ugo:          (Grida) Bravi!

Paola:        Ugo, ma che staje ‘o tiatro?

Maria:       Sentite, a voi due, mio marito è innocente.

Paola:        E figuriamoci. Quale moglie non lo direbbe del marito?

Ugo:           Noi pensavamo che Salvatore era una persona onesta. Perbene.

Paola:        Potevamo mai sapere chi era veramente?

Salvatore: (Sorpreso) Che? Ma che state dicenno?

Maria:       Ma come, invece di difenderlo, lo accusate di più?

Paola:        Difenderlo non cambia le cose. Chi sbaglia, paga. Commissario, potete entrare.

                   Entra Tedesco, si ferma alla comune e avverte i due poliziotti che stanno fuori.

Tedesco:    Aspettatemi là fuori, voi due. (Poi viene avanti esibendo il mandato di cattura)               

                   Signori, ecco il mandato di cattura. Sono qui per arrestare il sindaco. 

Maria:       Commissario, mio marito è innocente.

Tedesco:    Sì, e come no! Però venite a raccontarlo in questura.

Salvatore: (Minaccia Paola e Ugo) Embé, m’’ita credere, v’accedésse cu’ ‘e mmane mie.

Ugo:           Commissario, ci sta minacciando.

Paola:        Ci difenda, per piacere.

Maria:       Eh, me parite ‘e ccriature ‘a scola!… Ma facite proprio pena!

Tedesco:    Ora basta! Signor sindaco, che facciamo? Venite voi o faccio entrare le guardie?

                   Da destra tornano Raffaele e Fabrizio e si avvicinano a Salvatore.

Raffaele:   Un momento, un momento, addò jate?

Fabrizio:   Commissà, con quali prove arrestate il sindaco? Come dice il proverbio…?

Raffaele:   Avvocà, lassate sta’ ‘e proverbie, che mò nun è proprio cosa! Commissà, sentite,

                   ma chi si permette di accusare mio fratello?

Pa.&Ugo:  Noi!

Raffaele:   (Spaventato) Uh, Marò, chilli duje che pàrene ‘e schiattamuorte!

Salvatore: Embé, ma mò ‘e sparo a tutt’e dduje!

Raffaele:   No, Salvatò, e tu nun ‘a tiene ‘a pistola!

Salvatore: Ah, già. E allora vaco a piglià ‘nu curtiello ‘int’’a cucina!

Raffaele:   No, Salvatò, io l’aggio lavate tutte quante. Nun m’’e spurcà ‘e sango, pe’ favore!

Salvatore: E allora ‘e sputo ‘nfaccia!

Raffaele:   No, e si po’ tu sbaglie ‘a mira? Io aggio passato ‘a cera ‘ncoppa ‘o pavimento!

Salvatore: (Ai due accusatori) Ate visto? Nun ve pozzo fa’ niente. Ringraziate a fràteme!

Maria:       (Ai due accusatori) E bravi. Lo accusate proprio voi che lo avete tanto

                   decantato. Chi sa quale piano avete architettato? E con quali prove, poi?

Ugo:          (Dalla tasca della giacca, estrae una busta gialla grande per lettere con dei

                   documenti) E queste che cosa sono? Cartoline? Volevate le prove? Eccole!

Fabrizio:   E voi credete che una busta gialla con quattro parole sia una prova? Ma voi lo

                   sapete come dice il  proverbio?…

Raffaele:   Avvocà, ce ate dutto ‘e scatole! Io nun v’aggio pavato pe’ ddicere ‘e proverbie!

Tedesco:   (Si spazientisce) Vabbé, e allora, signor sindaco, devo aspettare ancora?  

Maria:      Commissà, chisto nun se move ‘a ccà!

Tedesco:   (Con calma) Signora, guardate che questa è resistenza a pubblico ufficiale.

Salvatore: E sia. Commissario, vengo subito. Ma se questa storia finisce come penso io, è

                   meglio che chilli duje nun se fanne truva’ cchiù. O si no, ‘sta vota, ‘ngalera ce

                   vaco overamente… ma per omicidio! Commissà… (Porge i polsi) Le manette.

                   Ma, dalla comune (parte destra), entra Maurizio di corsa e va vicino a Tedesco.

Maurizio:  Fermi tutti! Commissà, state prendendo un ragno!

Maria:       (Lo richiama) Maurizio!

Maurizio:  Famme parlà, Marì. Io so tutta la verità. L’ho sentita da quei due signori vestiti

                   “a lutto”! Io mi sono nascosto là dietro per sfuggire a Carmela Coscialonga!

Tedesco:    Carmela Coscialonga? E chi è? ‘Na delinquente?

Maurizio:  No, è una che me vo’ spusà afforza, ma io nun ‘a voglio!

Tedesco:    Vabbuò, ma che me ne ‘mporta a me? Va’ annanzo, che stive dicenno?

Maurizio:  Quei due hanno fatto un complotto contro Salvatore per farlo andare in galera al  

                   posto loro. Sono stati loro che vi hanno fatto la sciosciata!

Paola:        Ma che sta dicendo questo? Da dove salta fuori?

Maurizio:  Vuoi sapere da dove salto fuori? E mò te faccio vedé. (Dal giubbotto estrae

                   una busta gialla con dei documenti) Pe’ piglià chiste, aggia avuta mettere ‘e

                   mmane ‘int’’o gabinetto vuosto! E’ il gabinetto della sede del partito.   

                   Quella busta puzza, così gli altri si spostano di lato isolando Maurizio al centro.

Salvatore: Mamma bella, ‘e che fieto!

Raffaele:   Ma allora ‘o bagno d’’o partito nun era guasto!

Maurizio:  Commissà, date un’occhiata a questi documenti. (Gli cede la busta)                 

Tedesco:    (La prende, tutto schifato) ‘E comme puzza ‘sta busta! (Apre la busta e legge)

Maurizio:  Quella è roba che scotta.

Raffaele:   (Nauseato) No, chella è rrobba che fete! Mamma ‘e ll’Arco, arapite ‘e ffeneste!

Ugo:           Ma andiamo, che cos’è questa pagliacciata?

Paola:        Commissario, insomma, lo volete arrestare il sindaco, sì o no?

Tedesco:   (Chiude i documenti) Signori, vi chiedo scusa.

Paola:        (Soddisfatta) Ah, avete visto? Ci ha dato ragione e ci ha chiesto pure scusa.

Tedesco:    No, ma io non ho chiesto scusa a voi. Ho chiesto scusa ai signori Percaso.

Paola:        Che cosa?

Tedesco:   Allora adesso la domanda la faccio a voi: venite da soli o chiamo le mie guardie?

Ugo:          Ma… ma…

Tedesco:    Tutto quello che direte d’ora in poi, sarà usato contro di voi in tribunale.

Ugo:           Commissario, ma state facendo un errore.

Tedesco:    Nun voglio sape’ niente. Andiamo, forza! I poliziotti vi stanno aspettando.

Paola:        Mannaggia, non dovevamo parlare. Li dovevamo bruciare, quei documenti.

Tedesco:    (Si spazientisce e alza la voce) Oh, e mò basta! Fuori!

                   Così i due non parlano più e escono a testa bassa (parte destra della comune).

                   Signor sindaco, arrivederci. E scusatemi per l’equivoco.

                   Esce pure lui. Così Fabrizio, Raffaele, Salvatore e Maria festeggiano Maurizio.

Salvatore: Bravo Maurizio!

Maria:       Sei grande!

                   Tutti gli fanno un applauso e lui si imbarazza.

Maurizio:  No, vabbuò, nun è proprio ‘o caso! Aggia ringrazià a Carmela Coscialonga! Si

                   nun me curreva appriesso, io e non smascheravo il fattaccio!

Salvatore: (Va al centro) E intanto, per questo episodio fortunato, sono ancora qua, libero.

                   E così mi dimetto dalla carica di sindaco. No, non insistete, ormai ho deciso!

                   Nota che però non parla nessuno. Salvatore rimane perplesso.

                   E comm’è, nisciuno dice niente?

Raffaele:   Salvatò, stamme a sentì a me: tuorne a vennere ‘e taralle, ch’è meglio!

Salvatore: E già. E adesso che non sono più sindaco, voglio essere sempre e soltanto,

                   semplicemente… Salvatore Percaso. Accettatemi per come sono.

Fabrizio:   E come dice il proverbio…?

Gli altri:   (Stufi dei suoi proverbi, lo zittiscono e la mandano a quel paese a gesti) Nooo!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno