Sei per otto

Stampa questo copione

ITALO CONTI

SEI PER OTTO

COMMEDIA BRILLANTE IN DUE ATTI

ITALO CONTI

POSIZIONE SIAE 135763 TEL 393-92.71.150 OPPURE 328-41.71.523 E’ GRADITA COMUNICAZIONE IN CASO DI RAPPRESENTAZIONE


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

SEI PER OTTO

Commedia brillante in due atti di Italo Conti

Personaggi:

BERARDO BRACCICAVENTU

TARQUINIO BRACCICAVENTO FRATELLO MAGGIORE DI BERARDO BRUNIRDE SCORNAVACCA MOGLIE

BASILIO SCORNAVACCA FRATELLO DI BRUNILDE BEATRICE SCORNAVACCA MOGLIE DI BASILIO BELINDO SCORNAVACCA IL GRANDE VECCHIO BERENICE SCORNAVACCA MOGLIE DI BELINDO

CIPRIANU BRACCICAVENTU DETTU BENIAMINO FIGLIO DI BERARDO BARBARA FIDANZATA DI CIPRIANO

DOTT. ADRIANO ZECCA FUNZIONARIO MONOPOLI DI STATO Scenografia:

La scena si svolge nella casa della famiglia Scorvanacca. E’ una casa dove vivono in 8. E’ abbastanza lussuosa per via che gli Scornavacca con a capo il vecchio Belindo sono proprietari di un botteghino lotto e superenalotto nel quale lavora Basilio. Guardando il palco vediamo: Un’ uscita centrale che a sinistra da nelle altre stanze non visibili della casa e a destra all’uscita. L’arredamento è lasciato allo scenografo su consiglio del regista perché il tutto si svolge in una stanza arredata secondo l’interpretazione che la regia da all’opulenza della famiglia. In vista sulla parete centrale un ritratto raffigurante Tarquinio il Superbo 7° re di Roma. E’ dichiaratamente l’autoritratto del fratello di Berardo, Tarquinio. L’azione si svolge ai giorni nostri. Tutti i personaggi, ad esclusione dei Berardo, saranno vestiti con il vestito della festa sia nel primo che nel secondo tempo. Addirittura nel secondo tempo si cambieranno ed i vestiti utilizzati saranno ancora più ricchi di quelli del primo tempo. Solo Berardo e Tarquinio non cambieranno mai abito. Un vestito semplice e anche leggermente logoro: Berardo da usciere comunale e Tarquinio come vuole il regista purchè non appariscente. Berardo padre di Cipriano detto Beniamino e marito di Brunilde si trova a vivere una situazione dove tutti in assoluto gli sono contro, pertanto ogni personaggio dovrà ricordare che di fatto con Berardo non andrà d’accordo.

PRIMO ATTO

Parte il brano iniziale e alla fine e si apre il sipario… in scena ci sono Berardo e Brunirde… lui sta leggendo il giornale e lei sta preparando un uovo sbattuto attenta a non sporcarsi perché ha l’abito della festa.


2


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

1° QUADRO BERARDO LEGGE IL GIORNALE – BRUNILDE FA L’UOVO SBATTUTO

BERARDO    Ma sendi tu si che notizie se devono riportà su un giornale….!

BRUNIRDE   No je lu spagginassi… lo sai che papà no lo sopporta…

BERARDO    Una guardata volante… e po’ e quillu de jeri…

BRUNIRDE   De jeri o de oggi se no l’ha lettu e listessu.

BERARDO    (Sfogliando) E che sarà mai?

BRUNIRDE   Doppo’ quanno s’arza commattice tu!…

BERARDO    Ma je l’armetto piegatu bbene… mancu se n’accorge… tutti li giorni la solita sorfa…

BRUNIRDE   (Precisando) Ma dico io: Lu giornale è lu sia? lu paga issu? ce potrà fa quello che ji

pare?

BERARDO    (Ironico) Ma pure se lu sfojio in punta de dita je lu sciupo?

BRUNIRDE    Oh… Pare che te ce piji gustu a fallu ‘ncazza!

BERARDO    Insomma drento sta casa tuttu se moe in raggione de tu padre…

2° QUADRO BRUNILDE PARLA DEI SOLDI CHE BERARDO NON GUADAGNA

BRUNIRDE    Caro miu… se fusse statu pe’ te io a quest’ora steo sotto i ponti…

BERARDO    Invece…

BRUNIRDE    Invece la differenza è evidente…

BERARDO    E’ evidente sci… invece de sotto un ponte tu, sto sotto a un camion io!

BRUNIRDE    Non me pare propiù…

BERNARDO Non ci starò fisicamente… ma non se move foja che tu padre non voja….!

BRUNIRDE    Chi li riporta i sordi a casa?…

BERARDO    Ah perchè quello che ago laoratu io non conta?

BRUNIRDE    Hai sudatu parecchiu tu…

BERNARDO Ho fattu lu laoru mia!

BRUNIRDE    (Minimizzando) Uscere communale… (Gesticolando) capitu…!!!


3


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Me deve esse sfuggitu chiccosa…

BRUNIRDE    Che t’è sfuggitu?

BERARDO    Non me so mai accortu che tu padre era lu principe Carlo d’Inghirterra?

BRUNIRDE    Spiritusu… fattu sta che campamo tutti su le spalle sia…

3° 19 ANNI 6 MESI 1 GIORNO E GLI INVESTIMENTI DI BERARDO

BERARDO    (Continuando a sfogliare) è solu ‘na situazione momentanea…

BRUNIRDE   Un po’ lungetta… ma tu ciai avutu ‘lla bella idea!

BERARDO    De che parli?

BRUNIRDE   19 anni 6 misi e un giorno !

BERARDO    Eccola… ce rifai co’ lu solitu discursu…

BRUNIRDE   19 anni 6 misi un giorno… (gestualizzando) e via in pinzione…

BERARDO    Ho volutu fa lu sardu…

BRUNIRDE   E defatti semo belli che zompati; com’era? : “co la liquidazione me metto in propiu”

BERARDO    E non m’è jita bene che ciò da fa?…

BRUNIRDE   (Infierendo)  E’ un  affare  dicisti…  è lu futuru… da la monnezza se  fanno i

firtilizzanti…

BERARDO    Beh è la virità…

BRUNIRDE   Tuttu investitu su l’allevamentu de lombrichi!

BERARDO    Cio’ da fa io se doppo 4 misi honno impiantatu l’inceneritore?

BRUNIRDE    No infatti… non ciai da fa tu… ciò da fa io che t’ho spusatu…

BERARDO    Sempre a rinfaccià… solu a rinfaccià… però mo la pinzione fa comodo…

BRUNIRDE    (Ridendo) La jama pinzione!

BERARDO    Come la deo chiama’…?

BRUNIRDE    Obolo!… Sussidiu!…Carita!…

BERARDO    Ciò da fa io se dopo 4 misi le minime l’honno ridotte a ¼ ?


4


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

4° IL FIGLIO CIPRIANO E LA TRADIZIONE DI FAMIGLIA INTERROTTA

BRUNIRDE   E tu si sfurtunatu… tu si natu sfurtunatu… e cuntunui a esse sfurtunatu… la sfortuna

quanno te incontra pe strada… se gratta.

BERARDO    (sfogliando il giornale) Ma perché m’hai spusatu allora?

BRUNIRDE    So armasta in cinta de Beniaminu…

BERARDO    Ciprianu…

BRUNIRDE    Pe’ me se jama Beniaminu… (pausa) pure testa hai cumbinatu…

BERARDO    Certu… mo anche lu nome de fijimu doveva sceje tu padre!

BRUNIRDE   Erimo armasti daccordu… avrebbe continuatu la tradizione de famija…

BERARDO    Pensa si che tradizzione … tutti li nomi co la B…

BRUNIRDE    Lu poru nonnu ha iniziatu la strada…

BERARDO    Si che intuitu… E io l’aco asfardata….!

BRUNIRDE   (Facendo il segno del dito sotto il palmo della mano tesa) E ma te l’ha dittu papà…

qui sotto devi arcascà…

BERARDO    Non me l’ha perdonata eh…

BRUNIRDE   Pe gnende!

BERARDO    (ironico) Ce lo sapeo che era un omo de spiritu… (pausa) a la fine m’avrai sposatu

solo perché me jamo Berardo?

BRUNIRDE    (Agitando la mano come per mimare…) Quasci…!

BERARDO    Ammazza si che dimostrazione de affettu!

BRUNIRDE   “Te sposi un Braccicaventu… che te poli arcoje se non un pugnu de mosche”

BERARDO    Cucì disse tu padre è vero? …

BRUNIRDE    E sci… propriamente ccuci!

BERARDO    Invece io sposanno una Scornavacca me doveo aspettà cene de gala tutte le sere.

(pausa)

BRUNIRDE   Intanto scornavacca è un cognome conosciutu…

BERARDO    Sci… jo li mattatuji…


5


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   Come sia sia: se non era per Beniaminu

BERARDO    Cipriano

BRUNIRDE   Se non era per isssu ei pijatu la porta de casa…

5° QUADRO BERARDO TORNA A LEGGERE IL GIORNALE E DA 2 NOTIZIE

BERARDO    Ma famme legge lu giornale in pace che è meju.

BRUNIRDE    Leggi Leggi… che doppo co papà ce commatti tu…

BERARDO    Leggo sci.. me informo… mi elevo… e poi commatto … (interessato) senti senti se

che notizie…( enfatizzando) “Da recenti studi s’è appreso che se spendono più soldi per le ricerche su lu Viagra che su l©Alzaimer!” (Pausa)

BRUNIRDE    Beh!

BERARDO    (Ironico) No dico… che nutizia !

BRUNIRDE    E’ una notizia come tante… te ‘nteressa?

BERARDO    E me ‘nteressa sci!

BRUNIRDE    All’età tia po’…!

BERBARDU Ma che hai capitu? Mica pe’ me… Pe’ la generazziune de Ciprianu !

BRUNIRDE    Che je succede a Beniaminu e company?

BERNARDU Se continuano a spenne più pe’ le ricerce su lu viagra che sull’Arzaimer, fra 30 anni saronno tutti ingrifati come ricci… ma non se ricorderemo più n’do mettelu!

BRUNIRDE    Ma statte zittu va… io che te cce sto pure a sindi!

BERARDO    Un euru buttatu via…

BRUNIRDE    Che?

BERARDO    Lu ggiornale… è un euru buttatu via…

BRUNIRDE    L’euru è lu sia e lu butta ‘ndo ji pare.

BERARDO    senti quest’andra…

Entro duecent’anni potrebbero… dice potrebbero, usa lu condizionale perché non è

mancu sicuru… sparì li capilli rusci: corpa de li matrimoni misti e dell©aumento delle

migrazziuni.

BRUNIRDE    Beh allora?


6


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Ce dovressimo preoccupà ? Tra ducent’anni andru che li capilli so spariti… mancu

l’ossa s’artroano più!

BRUNIRDE    Ma che ciai stamattina… spunti d’acetu!

BERARDO    Eccola… basta che me dai su la bocca si tutta contenta… la nemica mia…

BRUNIRDE   Sci sci vabbeh!

6° QUADRO BRUNILDE E BERARDO PARLANO DI CIPRIANO: NON SI E’ ALZATO

BERARDO    La nemica sci… la nemica mia… (pausa) tu fiju non s’arza oggi?

BRUNIRDE    Chi Beniaminu?

BERARDO    Aridaje…  se  jama  Ciprianu…  mettitelu  dentro  quella  capoccia…  Ciprianu…

Ciprianu (sillabando) Bra cci ca ven tu!

BRUNIRDE   Magari me faccio taja la lingua, ma quillu nome no lu pronuncio… e po’ quanno

parli de issu chiamannulu “tu fiju” sicuru ce sta chiccosa che non va…

BERARDO    Me cunusci bbene vedo... (ripiegando il giornale e buttandolo distrattamente sul

tavolo) comunque ecco qui lu ggiornale de tu patre… intunzu!

BRUNIRDE    Che ha rifattu fijimu sindimo!

BERARDO    Chiedevo solu se s’arza o no!

BRUNIRDE    E s’arzerà s’arzerà… ier sera ha fattu tardi sara straccu!

BERARDO    E’ jitu a zappà?

BRUNIRDE    Ma che zappa©e zappa©ha fattu tardi in discoteca... è rientratu che era unu stracciu

BERARDO    E beh se sa! E’ ‘na faticaccia pulilla tutta.

BRUNIRDE   Ma insomma che dovrebbe da fa stu poro bardasciu? Cià da fa issu se doppo lu

diploma non ha troatu laoru?

BERARDO    (Pausa) Bruni?

BRUNIRDE    Che voli?

BERARDO    Cipriano s©è dipromatu a 19 anni... mo ce n©ha 34...

BRUNIRDE    E allora?

BERARDO    Allora niente… facevo solu notà che sò passati 15 anni!


7


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

7° QUADRO BRUNIRDE ACCENNA ALLA RAZZA BRACCICAVENTO

BRUNIRDE    (Sprezzante) Che voli che siano 15 anni pe la famija Braccicaventu…?

BERARDO    (Pausa) Ce sta quaccosandru che me sfugge?

BRUNIRDE   Te laminti tantu de tu fiju… ma sete de razza ccucì…

BERARDO    Sete chi?

BRUNIRDE   Tu!… e non me facissi parlà ortre!

BERARDO    No  no  parla…  spiegate…  spiegate  bbene  perché  “Sete”  è  plurale…  “Tu”  è

singolare… e a casa mia “sete tu” non se dice…

BRUNIRDE   Vidi… Sete pure pignoli!

BERARDO    Ma sete chi?

BRUNIRDE   Tu… e la razza tia!

BERARDO    Oh!… Mo emo mijioratu … e ne la razza mia ce l’hai contatu fijitu?

BRUNIRDE   None… issu cià solu lu cognome ma pe’ furtuna ha arpijatu da nui Scornavacca!

BERARDO    Che culu è? Allora io e la razza mia… chi sarebbero…?

BRUNIRDE   Non me facissi parlà che è mejio…

BERARDO    Prima tiri lu sassu e po’ gniscunni la mano?

BRUNIRDE   Io non nasconno niente… anche se sarebbe mejo gniscunne!

8° QUADRO BERARDO PARLA DELL’ASINO DI BURIDANO

BERARDO    Si come l’asinu de Buridanu

BRUNIRDE   Asinu ce sarai tu e quilli come te…

BERARDO    Ignorante… lo vidi… senza un minimu de cultura filosofica!

BRUNIRDE   E chi sarebbe stu filosofu Burinu?

BERARDO    Burinu… sarai Burinu… Buridanu… Giovanni Buridanu

BRUNIRDE   E c’ea un somaru?


8


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Ma c’ho da fa io che ce parlo co te…

BRUNIRDE   Ce l’ea o non ce l’ea un somaru?

BERARDO    None non ce l’ea!

BRUNIRDE   E allora che centra lu somaru co me?

BERARDO    L’asinu de Buridanu è un presempiu! E’ un somaru che morì de fame perché stanno a

la stessa distanza a du campi pieni d’erba non se decise mai su quale campu annà a magnà!

BRUNIRDE   E che centra co’ me?

BERARDO    (Rifacendole il verso) Io no gnisconno niente… anche se sarebbe mejo gniscunne!

L’asinu de Buridanu… decidite!

8° QUADRO BRUNILDE PARLA DEL FRATELLO DI BERARDO: TARQUINIO

BRUNIRDE   Guarda che se me decido… quello che dico non te piace !

BERARDO    Ma testa non è una nuvità… chi sarebbe la razza mia?

BRUNIRDE   Tu e fratitu… (Ironica) l’artista!

BERARDO    Ecco lu tormentone!… che ciavristi da ridì su Tarquiniu?

BRUNIRDE   (Tirando fuori da un cassetto l’invito e sventolandolo vicino a Berardo)

Ha mannatu l’invitu…(ironica) l’artista!

BERARDO    Quanno è arriatu?

BRUNIRDE    Stamatina… tassa a caricu de lu destinatariu… (ironica) l’artista!

BERARDO    (Leggendo l’invito) Fa ‘n po’ vede…? (guardando l’invito) Fa la personale!

BRUNIRDE    Tutti l’anni la fa… (ironica) l’artista!

BERARDO    Corgo un vago senzu de presa per culu o sbajo?

BRUNIRDE    (Ironica) Nooooooo… un artista è un artista…. anche come fantacia…. Chi lu batte?

BERARDO    Perché ?

BRUNIRDE    Hai lettu come se intitola la personale?

BERARDO    (Leggendo) Tarquinu Braccicaventu… 35 anni de pittura e 30 de silenziu!

BRUNIRDE    L’invitu dell’annu scorzu te lu ricordi ?


9


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    No

BRUNIRDE   34 anni de pittura e 29 de silenziu… e ccucì 10 anni fa 25 de pittura e 20 de silenziu

e vint’anni fa lo stesso 15 de pittura e 10 de silenziu…!

9° QUADRO LA SCELTA DI ZIO TARQUINIO E IL TORMENTONE DI BRUNILDE

Entra Cipriano vestito da cerimonia…

CIPRIANO    (Rivolto alla madre) Ma!... è pronta la colazzione?

BRUNIRDE   Assettate bellu de mamma te l’aco preparata... (poi avvicinandosi e aggiustandogli la

camicia) Hai durmitu bbene? Te dole più la capoccia? T’emo svejatu nui co lo chiacchierà? Come te sendi? T’è passata la stracchezza?…

CIPRIANO    (Trascinandosi stancamente) Macchè…: ciò ancora tutto che me gira

BERARDO    (Guardandolo incredulo) Che voli fa fiju mia…! Nell©universo ci sta ccucì tanta

energia cinetica… che ‘gni tanto me girano pure a me...

CIPRIANO    (Rivolto alla madre) Me l’hai fattu l’ou sbattutu?... Stamatina non carburo

BRUNIRDE   (Accompagnandolo premurosa alla sedia e dandogli lo zabaione) Ecculu… è bellu e

prontu…assettate e maglia tranquillu. Ete pijatu la macchina? ‘ndo sete jiti? In quanti eravate?

BERARDO    Ma come ve sete vistiti stamattina… jete a un party?

BRUNIRDE    Che te frega? … dovemo ji sempre cinciusi come te?

BERARDO    Io so cinciusu…?

BRUNIRDE    Bhe guardate… simbri un poracciu… proprio come fratitu…

CIPRIANO    Zi Tarquiniu… lu mutu?

BERARDO    Tu ziu Tarquiniu non è mutu… non parla… è diverzu

BRUNIRDE    Sci giustu diverzu….

BERARDO    A 28 anni ha fatto una scerda…

CIPRIANO    Capitu si che bello risurdatu…

BERARDO    (Rivolto a Cipriano) Risurdatu o non risurdatu issu una l’ha fatta… tu quanno la fai?

BRUNIRDE    Che scerda sarebbe quella de non parla?


10


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Quella che dovristi fa anchi tu che vorda! Mica te farebbe male…!

CIPRIANO    (Incredulo) Zi Tarquiniu non parla per scerda mo !?

BERARDO    Pe’ scerda sci… a 28 anni disse che siccome lu monnu non c’ea recchie… issu potea

pure risparmià la voce!

BRUNIRDE    Capitu si che manica de scienziatu?

CIPRIANO    (Sempre alla madre) Ce l’hai missu un guccittu de marzala sull’ou?

BRUNIRDE   E beh che te faccio l’ou senza marzala? Magna su! A che ora si artornatu? Ci stea

casinu pe strada? Piovea? Sete jiti forte?

CIPRIANO    (Mangiando) None! (e incrocia lo sguardo del padre in silenzio)

BRUNIRDE    Famme sta tranquilla è… me raccomando… !

10° QUADRO BERARDO CHIEDE A BRUNILDE A QUALE DOMANDA HA RISPOSTO

BERARDO    (guardando il figlio e rispondendo alla moglie) A manica de scienziata…!

BRUNIRDE   Che te dole?

BERARDO    Mo che t’ha risputu “none” stai più tranquilla è vero?

BRUNIRDE    E beh se sa!…

BERARDO    (Verso il figlio) Mo vengo pure a te…! (poi alla moglie) me sapristi di… sora

mitraja… a quale domanda t’ha rispustu?

BRUNIRDE   Perché?

BERARDO    Perché je n’hai fatte 30 affilate… issu ha rispustu “none” e tu te si tranquillizzata…

io chiamerebbe lu simme!

BRUNIRDE    (Stupita) Porteresti tu fjiu a lu simme?

BERARDO    A lu simme ce porterebbe a te no Ciprianu… Ciprianu finchè l’arbergo non cambia

gestione… se troa bbene… sirvitu, riviritu… (Rivolto al figlio) è sor principe… Bongiorno non se usa drento sta casa?

CIPRIANO    (Sempre mangiando) E che so©sdrollicu io?

BERARDO    Come sarebbe?

CIPRIANO    (Continuando a mangiare) Come faccio a sapè prima… se sarà un giornu bonu o no?

BERARDO    (Mimando uno schiaffo) Quanno me deciderò a dattelu sarà sempre troppu tardi...


11


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

11° QUADRO BRUNILDE PROTETTIVA CON CIPRIANO

CIPRIANO    (Chidendo aiuto) A ma...!!!

BRUNIRDE    Sempre co©le minaccie vai avanti... te pare normale?

BERARDO    E no certu! Invece è normale che lu lorde entra... ordina... s©assetta e mancu saluta!

BRUNIRDE   (Coccolando il figlio rivolto al marito) Tu non mettissi bocca su quello che non te

compete... (poi di nuovo al figlio) E tu magna su.. non t’aggitassi

BERARDO    Per carità… Je dovesse ji pe’ traverzu…

BRUNIRDE   Ho dittu fatte l’affari tia…

BERARDO    E io me li faccio l’affari mia… ma se ciappizzo… !!!

BRUNIRDE   (Ironica) Se ciappizzi che fai?

BERARDO    Se ciappizzo me faccio l’affari mia…! (poi rivolto al figlio) e tu dimme un po’ ma

quann’è che scappi da sta casa e te troi un laoru come li cristiani?

BRUNIRDE    Sendi da che purpitu… magna bellu de mamma… a laurà ce penzerai…!

BERARDO    E sci c’è tempu… se aspetti andri 20 anni piji direttamente la pinzione!

BRUNIRDE    E farà come jai inzegnatu tu no? magna e non je dessi retta!

CIPRIANO    Potrebbe fa l’artista come Zi Tarquiniu…

BERARDO    Ma tu già si un artista fiju mia…

CIPRIANO    In che senzu…

BERARDO     Si un equilibrista…

CIPRIANO    Ma de che stai a parlà?

BERARDO    So 34 anni che stai su le spalle mie… più equilibrista de ccucì… finchè te regge sta

pacchia!

BRUNIRDE    Penza a fa regge la tua de pacchia… a fijimu ce penzo io.

11° QUADRO CIPRIANO PARLA DEL LAVORO CHE NON HA TROVATO

CIPRIANO    (rivolto al padre) Ma perché scusa… te pare a te che io lauru non l’aco cercatu?


12


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Ah ecco… (aiutandosi con le mani indicando un tempo passato) l’hai cercatu… e

dimme l’hai troatu?

CIPRIANO    None

BERARDO    Mo sto più tranquillu … (Ironico) andru sarebbe stato se non l’essi cercatu… invece

tu l’hai cercatu….   mapperò non l’hai troatu (pausa) e te si mai chiestu perché?

CIPRIANO    Veramente…

BERARDO    Non t’affaticassi a pensà… no la vidi tu madre già sta pronta a sciuttatte lu sudore…

te lo dico io se perché.

CIPRIANO    Perché sindimo?

BERARDO    Lu laoru che hai cercatu, non l’hai troatu… perché s’è gniscustu bbene!

BRUNIRDE   Non ji dessi retta a testu bell’esempiu… tu padre cià voja de scherzà!

BERARDO    La nemica mia… tu… si la nemica mia… ma se ciappizzo una vorda….

BRUNIRDE    Campa cavallo che l’erba cresce…

BERARDO    Ma non ce deo appizza…

BRUNIRDE    Sogna sogna… sogna e spera…

BERARDO    (Sillabando) Ma non ce deo a pi zzà!

BRUNIRDE   Tu non ce facissi casu se tu padre te pija in giru

BERARDO    Io lu piju in giro? Non so mai statu più seriu de ccuci… Quillu, lu lauru… quanno ha

vistu che Ciprianu lu cercaa… (con un gesto della mano) se gniscustu andru che no!

12° QUADRO BERENICE PARLA DI TARQUINIO: PITTORE REALISTA

BRUNIRDE   Invece a te e fratitu lu laoru ve sse’ magnati…

BERARDO    Lascialu perde Tarquiniu... ciai che cosà da sparticce?

Entra nonna BERENICE anche lei vestita a festa

BERENICE    … E ce mancherebbe pure avecce un mutu per casa!

BERARDO    (Rimirandola) A parte che Tarquinio non è mutu, ma che te lo dico a fa già ce lo

sai…

BERENICE    (Ironica) Ce lo so… hai voja se ce lo so… ha fattu ddu scerte tu fratellu una più

azzeccata dell’andra: smette de parlà… e diventà pittore realista…!


13


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    No.. issu se definisce pittore… realista lo dici tu

BERENICE    E beh come lu jami unu che fa un quadru tuttu niru… e lu ‘ntitula “Notte”! (Pausa)

Po’ ne fa unu tuttu giallu e lu ‘ntola “Sole”…

BRUNIRDE   Veramente ‘na fattu anche unu tuttu marrone ma lu titulu me sfugge…

BERENICE    Ecco evitamo de scenne in particolari… come jami unu ccucì?

BERARDO    Come lu jami?

BERENICE    Se no lu jami realista lu devi jama paciù…

13° QUADRO L’AUTORITRATTO DI TARQUINIO DEVE ESSERE TOLTO

BERARDO    Vui non capite… quillu so’ 35 anni che dipinge… Neru Giallu e Marrone so i periodi

evolutivi dell’artista… (indicando il quadro attaccato al muro che raffigura Tarquinio

il Superbo 7° re di Roma) Vidi li dipinti prima maniera…? l’auturitrattu…? pitturà sa

pitturà!…

BERENICE    (rivolta a Brunilde) A propositu de stu auturitrattu…. Me steo quasci a dimenticà…

BRUNIRDE   Che ma?

BERENICE    (Indicando il quadro di Tarquinio) Leva ‘lla crosta da li che non ce dice niente… tu

padre ce vole attaccà l’arberu genealoggicu…

BERARDO    Come sarebbe? So anni che sta lli l’auturitrattu!

BERENICE    Autoritrattu?

BRUNIRDE   Guarda che pure se l’ha fattu tu fratellu Tarquinu… lu quadru non raffigura issu, ma

lu 7° Re de Roma

BERARDO    Tarquiniu il superbo…

BERENICE    Ecco apposta… allora lu sbolognamo….!

BERARDO    Ma l’artista ha fatto una trasposizione… s’è immedesimatu…

BRUNIRDE   e s’è immedesimatu bbene… propiù una bella superbia ce vole pe’ paragonasse a un

re…!

BERARDO    Ma quanno me vene a trovà e non vede lu quadru ciarmane male…

BRUNIRDE   (Perentoria) Deve ji via…!


14


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Pe fa postu all’arberu genealoggicu?

BERENICE    (Acida) Esattamente! E se è per questo… anche prima pussibbile!

14° QUADRO BERENICE PARLA DEL MARITO BELINDO CHE RONFA E CERCA

BERARDO    (Inginocchiandosi e segnandosi con il segno della croce due o tre volte) Sarà fatto…

anche prima pussibbile sarà fatto…

BERENICE    (A Berardo) Che sarebbe sta pantomima de lu segnu de la croce?

BERARDO    Co’ tutti sti brillocchi pari la madonna de Pompei… do jite oggi in processione?

BERENICE    So brillocchi tia? (poi rivolta alla figlia)… Andru che processione… io co tu padre

non ce commatto più…

BRUNIRDE   (Alla madre) Che t’è successo ma?

BERENICE    Ronfa come un trenu fino al tre de matina… doppo finisce lu sonnu e s’argira, se

smoe, fiotta, chiacchera…e po’ comincia: Berenì… Berenì… Berenì…. E finchè

no je rispunni mica stacca filu…

BERARDO    (Alludendo alla moglie) Conosco quarcunandru co stu vizziu drento sta casa!

BRUNIRDE   (Scotendo le spalle) Ce lo sai che papà rispira male!

BERENICE    Sci ma me sveja e me fa: Che stavi a durmi?

BERARDO    E beh quillu se preoccupa!

BERENICE    Unu a le quattro de matina de solitu che fa… è un martellu pneumaticu quanno se

fissa …

BERARDO    (Indicando la moglie) E sci… è un vizziu de famija.

BRUNIRDE   (Snobbandolo) Papà è fattu ccucì !

BERENICE    E po… all’età sia… ancora va cercanno… me da un fastidiu…!

BERARDO    (interrompendola ridendo) Quella è corpa de la pulitica come dice lu ggiornale…

spennono più pe lu viagra che pe’ l’arzaimer… ecco l’effetti! BERENICE Li gemelli va cercanno… pe li purzini… no quillu che pinzi tu… BRUNIRDE A le 4 de matina? Se volea preparà pe’ tempu… BERARDU Anche issu…? perché che succede oggi? BRUNIRDE So purzini che non te riguardano…


15


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Non capita è… ma se ciappizzo no jete cercanno i purzini da me!

15° CIPRIANO DEVE USCIRE PER ANDARE A PRENDERE BARBARA

CIPRIANO    (Rivolto alla madre) Ma… ecco la tazza ago finitu…!

BERENICE    Bellu de nonna… come stai? Hai durmitu bbene? Te dole più la capoccia? T’emo

svejatu nui co lo chiacchierà? Come te sendi? T’è passata la stracchezza?…

BERARDO    Ma che la sera ve passate le fotocopie de le domanne?

CIPRIANO    Bene bene tuttu a postu… Scappo che ciago un prugittinu da portà a termine!

BERARDO    (Verso il figlio) Oh Archite’ vidi ‘npo se fosse la vorda bbona…

CIPRIANO    (Rivolto al padre camminando verso la madre) Un prugittino in comune co Barbara!

(Arrivato dalla madre) Ma…Ciavristi 50 euri pe…

BERARDO    Le marche da bollu!

CIPRIANO    Che marche da bollu?

BERARDO    Quelle pe’ consegnà lu proggittinu in cumune no?

BRUNIRDE   (Mettendo mano al portafogli ed ironica verso Berardo) Ecco 50 euri! Te li pozzo da

solu perché tu nonnu oggi pija l’incassi!

BERARDO    Come sarebbe a di? Dentro sta casa chi porta li sordi è solu nonnu?

CIPRIANO    Praticamenente

BERARDO    Tu non c’ei lu cantiere opertu… vai.. fila…

CIPRIANO    Un cantiere?

BERARDO    Come la voli chiamà Barbara… ?

CIPRIANO    Beh un cantiere?

BERARDO    Un progettu indeterminatu… un cambiamento in corsu d’opera…

CIPRIANO    A ma… papà offende pure…

16° QUADRO BERARDO CERCA DI STIMOLARE CIPRIANO

BERARDO    Ma sentilu… a 34 anni e vai cercanno ancora la sottana de tu madre?


16


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   No lu considerassi patritu!

BERENICE    Sci sci bellu de nonna… essi superiore…

CIPRIANO    (Verso il padre) Ma sci… meju esse superiori e non consideralle certe cose…

BERARDO    Da retta a ste ddue pinzoche che te troverai bbene… l’hai scerda la regazza co la

B?… le porte le mutanne Bianche? Tra pocu piscerai pure drento lu Bicchiere perché lu Cessu cumincia per C…

CIPRIANO    Ma lu sentite?

BERARDO    Reagisci… fa l’omo…

CIPRIANO    (Stancamente incamminandosi verso l’uscita) Meju esse superiori… Vado a pija

Barbara e non commento.

BERARDO    (Mimando e sfottendo) Fiju miu… pe jissene basta mette un passittu avanti l’andru

vidi…? non è difficile… armanè è cumpricatu…!

CIPRIANO    E perché…?

BERARDO    Perché pe’ armanè ce vole equilibbriu!

BERENICE    Sendi Nando Orfei?… Fa l’espertu…

BRUNIRDE   … e parla pure difficile

CIPRIANO    (uscendo e snobbandolo) Io artorno tra pocu…

17° QUADRO BERARDO BRUNILDE E BERENICE DISCUTONO SU CIO’ CHE SI APPORTA ECONOMICAMENTE IN CASA

BERARDO    (Vicino alla quinta con un inchino) Non cessimo dubbi… aspettamo anziusi sua

eccellenza e lu cantiere! (Pausa poi rivolto a la moglie e alla suocera) Questa bella

riuscita è opera vostra…

BERENICE    Nostra…?

BERARDO    (Alla suocera) Sci! Tua, de fijota, fijitu, tu maritu, tu nora e tutta la razzaccia vostra!

Ma se s’appizzo ‘na vorda…

BRUNIRDE   Perché che avrebbe dittu de sbajatu tu fiju?

BERENICE    L’unicu che cià chiccosa qui è mi maritu… La casa è la sia, la pinzione e la sia… e

tra pocu ce campamo in otto.

BERARDO    E allora perché te laminti se te sveja? …


17


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   Non rispondessi ccucì a mamma!

BERARDO    Me scusi tantu Riggina Madre!

BERENICE    (A la figlia) Sendi si come me tratta?

BRUNIRDE   (irata) Non rispondessi ccucì a mamma… ha capitu…?

BERARDO    Bruni… se voli te pozzo esse dipromaticu…

BRUNIRDE   Cioè…

BERARDO    Cioè mannavve a fanculu in modo tale che non vedete l©ora de cumincià lù viaggio.

BERENICE    In casa mia… stu linguaggio da scaricatore de portu!

BERARDO    Non ei dettu che casa era de tu maritu… mo è diventata tua? Io non ho portatu

gnenete qui drento? io non contribuisco a le spese?

BRUNIRDE   Certu che contribuisci… pe spenne si l’assu de coppe !

BERARDO    Intantu arporto 250 euri a lu mese…

BERENICE    E sciala pippinu miu t’ho cottu un’ou…!

BRUNIRDE   250 Euri lurdi… 30 a settimana te li giochi fissi… se dovressimo magnà co’ quello

che ciarmane?

BERENICE    Dici tantu a llu poro Beniaminu…

BERARDO    Te cce mittu pure tu…? Se jama Ciprianu

BERENICE    Je dai tantu su la bocca… e po’ pure tu lu lauru l’hai scanzatu per bene…

BERARDO    Io so jitu in pinzione è diverzu… e po’ ciò pure l’invalidità me pare…!

BERENICE    Andri 150 euri.

BERARDO    Sputece!

BRUNIRDE   (Ironica) E non me ne ricordavo… ecco perché honno telefonato quilli de capital…

BERARDO    Chi ha telefonatu?

BRUNIRDE   Capital la rivista…. Dice che grazzie a quilli 150 euri si statu nominato l’omo più

riccu dell’annu…

BERARDO    Io so riccu dentro…

BRUNIRDE   Ddu fenomeni tu e tu fratellu: unu riccu e unu mutu… potete mette su un circu…


18


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

18° QUADRO L’INVALIDITA’

BRUNIRDE   Ce vole ‘na bella facca pe’ parlà de invalidità.

BERARDO    Ma perché non ce l’ho?

BRUNIRDE   Allora chiarimolu stu fatto una vorda pe’ sempre…

BERARDO    E chiarimulu…!

BRUNIRDE   Anche da invalidu piji la minima… (pausa) perché?

BERARDO    Perché…?

Entra BELINDO tutto in ghingeri

BELINDO       Quarcunu qua drento cià la memoria curta!

BERARDO    (Al suocero) In grande uniforme… (poi indicando Berenice) che se festeggia lu

bicentenariu de la nascita de la Riggina?

BERENICE    E che ciò ducent’anni io?

BERARDO    Me sa de sci…! Li capilli rusci so spariti… l’ossa poche ce ne stonno più…!!!

BERENICE    Stu screanzatu che non si andru…

BELINDO       Berenì… !

BERENICE    Dimme…!

BELINDO       Basiliu n’ndo sta?

BERENICE    Se sta a cambia… sta matina prestu è scappatu… ha opertu bottega… ha fattu li cunti

de le giocate de jeri… e po è artornatu…

BELINDO       Bruni’ allaccieme li gemelli!

BRUNIRDE   Da qua ce penzo io!

BELINDO       (Orgoglioso) E propiu unu Scornavacca… (rivolto alla figlia Brunilde) Beatrice sci

che è stata furtunata… peccatu che a te non t’è jita andrettantu bbene… BERARDO Li potei fa sposà tra fratelli no… chiudevate lu cerchiu! BELINDO La memoria è curta, ma in quantu a lingua… BERARDO Perché ciavrebbe la memoria curta?


19


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BELINDO       Non te ricordi che pe fatte pija lli quattro sordi essimo fatto li zumpi mortali…a la

fine la diagnosi fu: stracchezza cronica co perdita de memoria e difficoltà de

concentrazione…

BERARDO    Se vede che ce l’eo!

BELINDO       Se vede che jessimo allungatu 3.000 euri sottobancu…

BERARDO    Io so’ sfurtunatu eccola la virità…

BELINDO       ( Mettendo a sedere e cercando il suo giornale)

Sfurtunatu no… direbbe più scoordinatu BERARDO Come sarebbe scoordinatu?

BELINDO       (cercando il giornale) Quando la fortuna bussa alla porta.... tu stai puntuarmente sotto

la doccia!

19° QUADRO LA SCENA DELL’APPIZZO

BERARDO      E ma…non me deve da tocca una vorda… una vorda come dico io… che se

ciappizzo…. Se ciappizzooooooooooo ve le faccio gnuttì tutte le mardicenze!

BRUNIRDE   Mo ce sta la sceneggiada dell’appizzu… tra pocu parte!

BERARDO    Non ciappizzo perché non succede… ma se succede….

BERENICE    Le uniche spese che fai: Martedì Giuedì e Sabbatu lu bollettinu…

BELINDO       (cercando il giornale) Mercoledì, Venerdì e Dimenica lu Giornale.

BERARDO    Sci… ma se ciappizzo!

BERENICE    Oggi che giurnu è?

BRUNIRDE   Venerdì

BELINDO       (Trovando il giornale) Allora tocca a lu giornale… ecco ce lo sapeo io… l’hai

rispagginatu no?

BERARDO    (Ironico) Pe forza so scoordinatu anche quanno leggo…!

BELINDO       Lu giornale lu compro perché lu vjio sfoja io!

BERARDO    Penzao lu comprassi pe leggelu…ma se sa… senza figure che ce capisci?

BRUNIRDE   (Inveendo verso il marito) Come te permetti… zoticu che non si andru…

BERARDO    Lascialu perde… mancu vale la pena …


20


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERENICE    Vai vai… compra lu giornale e spera…

BRUNIRDE   Se issi missu da parte le giocate che hai fattu erimo ricchi sfonnati…

BERARDO    Io gioco da più de 30 anni li 6 numeri mia vabbè…

BELINDO       E se vede lu risurtatu

BERARDO    (vicino alla quinta) e ma non ce deo appizzà ‘na vorda… che se ciappizzo (Ed esce)

Entrano Basilio e Beatrice incrociando sulla porta Berardo anche loro sono vestiti per la festa e all’unisono verso Berardo:

BASILIO E BEATRICE         Bongiorno!

L’azione deve essere lenta e plateale in modo da strappare un applauso all’uscita.

Berardo li fissa, li squadra, li misura… fa un gesto unendo pollice ed indice delle due mani

E distanziandoli come per dire : “ Che perfezione!” … poi sempre in silenzio indica lentamente i presenti come a contarli … terminata la conta ruota il dito in senso circolare come ad indicare ”Voi tutti” unisce i due indici come per dire “state in combutta” e poi saluta col dorso della mano rivolto verso tutti come per dire “ce vedemo!” e quando esce esclama:

BERARDO    … ma se ciappizzo! (Attendere l’applauso)

20° QUADRO SI COMMENTA L’INUTILITA’ DEI NUMERI GIOCATI DA BERARDO

BASILIO          Bon giorno a tutti

BERENICE    Bon giorno basi’

BRUNIRDE   Bon giorno

BEATRICE    Bon giorno sor Beli’

BELINDO       Bon giorno Beatrice…

BASILIO         Che ha fattu Berardo….? Non stea in giornata…!

BEATRICE    Era rusciu come ‘na stufa…!

BASILIO         Che je successu?

BERENICE    (Scocciata) E’ entratu in anzia da prestazione no l’hai vistu com’era concentratu?

BEATRICE    (Fraintendendo) Anzia da prestazione?

BERENICE    Spera de appizzacce armeno ‘na vorda….!


21


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BASILIO         (Fraintendendo anche lui) Vabbeh… le intimità vostre vedetevele pe’ vui…

BERENICE    Ma che hai capitu… sta in anzia pe’ li numeri che so scappati… è jiutu qui sotto a

comprà lu giornale…

BASILIO         E ce trasfigura ccucì?…

BELINDO       Se concentra… dice che porta bbene!

BERENICE    Gioca sempre li stessi …

BRUNIRDE   E cià sempre lu stessu risurdatu

BEATRICE    Zero carbonella… pe forza…

BASILIO         come fanno a scappa li numeri che gioca?

BRUNIRDE   1 – 2 – 3 – 4 – 5 e 6

BASILIO         Quilli non so numeri so ‘na fissazione…

BELINDO Ha sembre dittu che la raggione sta ne la medaja al valor militare de lu padre BERENICE Sci la sapemo… ma issu propiù non cià arpijatu gnente!

BASILIO         Ne issu ne lu fratellu

BRUNIRDE   Lu fratello po’… tocca lasciallu propiu perde

BERENICE    Lu grande artista… a proposito je lete dettu de spiccà lu quadru?

BELINDO       Je lo dico io doppo… non c’è problema

BEATRICE    Ma perché lu padre cià ‘na mediaja al valore?

BASILIO         No la sai la storia?

BEATRICE    No…

BELINDO       Se è vera lu certificatu non è farzu, Lu 12 Marzo del 45 avrebbe affrontatu lu focu

nemico co 6 bombe a mano riuscendo a creà un varcu e mettese in sarvu assieme ad andri 7 omini.

BEATRICE    E i numeri che centrano?

BASILIO          E pure tu Beatrì… 12 è 1 e 2, marzo è 3, l’anno 45 fa 4 e 5 e 6 le bomme a mano

BERENICE    E ecco giocati li numeri…

BRUNIRDE    1-2-3-4-5 e 6


22


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BEATRICE    E da quanto li gioca?

BRUNIRDE   Dunque Beniaminu cià 34 anni, 2 anni di fidanzamentu… da quanno lui conosco io

36 anni

BEATRICE    36 Anni che gioca sempre li stessi numeri…?

BRUNIRDE   No… 36 anni che sperpera sempre sordi diverzi…

21° QUADRO TUTTI CRITICANO BERARDO NOTANDO CHE NON E’ COME LORO

Entrano Cipriano e Barbara… anche lei è vestita da cerimonia

CIPRIANO    Bon giorno a tutti

BARBARA    buon giorno sor Belì

BELINDO       Ciao barbarè…

CIPRIANO    Emo salutatu papà! jea drittu come un fusu… non ha mancu rispostu…

BARBARA    E’diventatu intratabbile … io non so se che jo fattu!

BRUNIRDE   Non jemo fattu gnente gnicunu

BASILIO         E’ issu che se fissatu che no lo potemo vedè

BEATRICE    Più passa lu tempu e più ce sse chiacchiera male

BERENICE    E penzà che noi qui.. jemo d’amore e daccordu

BELINDO       E beh ma semo de ‘nardra pasta… voli mette

BARBARA    Ah testo e vero..

CIPRIANO    Perché la pensamo tutti a lu stesso modu

BRUNIRDE   Io non sacco de che me so ‘nnamorata!

BASILIO         Come fai sapello…? L©amore è un colpo di fulmine... !

BELINDO       Defatti, doppo lu fuoco armangono le macerie.

BERENICE    E propiu un poracciu…

BELINDO       Un poracciu senza arte ne parte

CIPRIANO    Po’ dice a me…


23


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BARBARA    Non te la pijassi li genituri so tutti uguali…

BRUNIRDE   Io no… fijimu lo sa…

CIPRIANO    E pure tu ma… certe vorde ciai le fisime tue…

BELINDO       Co quill’omo vicinu… pe’ forza che je vengono le fisime!

BASILIO         Guarda a me… tutte le matine puntuale sto a lu botteghinu

BEATRICE    E’ vero… E’ vero

BASILIO         Ne la vita ce vole metodo…

BELINDO       Se sa…! E’ la ripetizione sistematica de le cose che evita l’erruri

BASILIO         Tutte le matine… puntuale!

BRUNIRDE   (A figlio) Patritu tutte le matine puntuale…

BELINDO       Sfoja lu ggiornale miu…

BERENICE    E tutte le matine puntuale…

BELINDO       Io m’encazzo!

BRUNIRDE   E po’ la sfiga se la tira… Se s’assetta su una panchina pe’ ripusasse, li picciuni lu

guardano e po’ je tirano le briciole de pane!

BASILIO         No no… non è de li nostri…

22° QUADRO LA TRADIZIONE DEGLI SCORNAVACCA E IL CAMBIO DI NOME

BERENICE    Nui semo andra ggente ce te nemo a le tradizziuni!

BELINDO       So generazziuni che lu nome de li Scornavacca comincia per B

BRUNIRDE   Lu poru nonnu Bonaventura… !

BASILIO         Perchè lu fratellu Bonfante e la sorella Bice ?

BELINDO       S’e permessu de facce pure stu sgarru… Issu che ne la vita non ha mai cumbinatu

gnente!

BARBARA    Mo sentirai quanno saprà che io e Beniaminu ce spusamo…

CIPRIANO    Me pare de sindillu: Ciprianu se jama… Ciprianu Ab brac ci ca ven tu!

BRUNIRDE   Come se lu nome non se potesse cambià…


24


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BARBARA    S’arrabbierà come una stufa…

BERENICE    S’arrabbiasse quantu je pare….!

BASILIO         A propositu… chi ha organizzatu co lu messu comunale?

BEATRICE    Ciaco pensatu io… fa cambio de nome e matrimoniu tuttu assieme!

BERENICE    Allora jemo che l’ora…

BELINDO       Annamo co du machine?

CIPRIANO    Sci sci tu nonna e manna jete co zio Basilio e Zia Beatrice

BARBARA    Io e Beniaminu jemo assieme

BRUNIRDE   Le fedi chi le porta?

BASILIO         Io… ciò tuttu io…

BEATRICE    Allora forza su… papà preparate…

CIPRIANO    Nui jemo a pijà a la machina parcheggiata…

BARBARA    V’aspettamo in comune è… jemo Beniamì…

Uscendo e sfottendo…

CIPRIANO    Ciprianu ne jamo… Ciprianu Ab brac ci ca ven tu!

23° QUADRO LA PROCESSIONE DEI PARENTI IN USCITA E IL COMMENTO DI BELINDO

Rientra BERARDO incrociandoli con il giornale in mano sulla porta e pensando che Cipriano Abbia affermato con fierezza il suo nome:

BERARDO    Ecco… dijelo forte… Ciprianu Abbraccicaventu…

CIPRIANO    Sci sci papà… mo facce ji via…

BERARDO    Essi fieru de stu nome… hai capitu?

Uscendo e sfilando

BRUNIRDE   E ci sta tantu de jicce fieri…

BERENICE    L’urdimu dell’urdimi su la faccia de la terra…


25


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Beati l’urdimi… saronno li primi…

BEATRICE    Non funziona sempre ccucì!

BASILIO         All’uffico postale presembio…

BELINDO       (Con due colpetti sulla spalla e una alzata di spalle)

BERARDO    E che volemo fa… sor Belì…

Belindo solo a gesti mima il senso… “e’ tutto fatto… tutti deciso”… e Berardo traduce simultaneamente:

BERARDO E’ tutto fatto… (pausa) … Tuttu decisu… (pausa) Lu distinu ha scerdu… (pausa) BELINDO Leggi i gesti? Frequentà tu fratellu mutu t’ha fattu bene vedo…

BERARDO    Tarquiniu… non è mutu…. Come ve lo devo da di drento sta casa… cantanno…

BELINDO       Tranquillu ce lo sapemo tutti che ha scerdu de non parlà… ma se la gente lu jama lu

mutu… pe’ la ggente è mutu!

BERARDO    E la ggente se sbaja!

BELINDO       E sai quantu je ne frega a la ggente de sbajasse o no?

BERARDO    Se è per questo stonno pari… anche a issu no’ je frega de quello che dice la gente…

issu fa lu pittore…

BELINDO       L’imbianchinu sci… (indicando il quadro) piuttosto… già che armani qui… te

l’hanno dettu de spicca jo l’autoritrattu e allocalu da quarc’andra parte che lu postu me serve!

BERARDO    Propriu quillu de postu serve…!

BELINDO       Esattamente….!

BERARDO Ne un po’ più qua… ne un po’ più la… quillu! BELINDO Quillu. Fammelu troà leatu pe’ quanno artorno…

BERARDO    Sarà fattu sor padrone! Hai vistu mai che la genealuggia dovesse suffrì….

BELINDO       Ecco brau… non famu suffrì l’unici parenti che contano… o hanno contato chiccosa

su stu monnu…

BERARDO    Non se preoccupì… se vole jardò ‘na mano de vernice su lu muru… sa… co lu

tembu esse fattu la macchia…

BELINDO       Non c’è bisogno… tu limitate a staccà lu quadru da lì e fa pocu lu spiritusu! E mo

famme ji via che vago de prescia!


26


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Eh… se finirà lu monnu?

BELINDO       (Sulla porta) Caro miu… Lu tembu de le decisioni irrevocabili è arriatu!

BERARDO    (Mimado Mussolini) Sci… e la dichiarazione de guerra è stata già consegnata…

BELINDO       (ridacchiando gesticolando ed uscendo) Quaci… Quaci…! (Pausa)

24°                QUADRO BERARDO PARLA DEL FRAQTELLO E POI CONTROLLA IL BIGLIETTO

(Attendere l’applauso)

BERARDO    Quaci… quasci… stu pallone gonfiatu… Tuttu come dice issu… come penza issu…

come dicide issu…!

Me ce vene su un acidu che se ji sputo lu sciojo…. Mo presembiu so’ jiti via tutti…

tu va a capì che ciavronno avutu da fa oggi tutti acchittati… ma che scopri niente drento sta casa… non te fonno scoprì gnente!

Si siede… e poi

BERARDO    Ma sai che te dico? che me frega a me…! cià propiù raggione fratimu… lu monnu

non cià recchie… convene non sprecalle le parole!

(Tirando fuori il biglietto dal portafoglio)

Certu è ‘na scerda coraggiosa non chiacchierà pe’ 30 anni. In compensu scrie e

dipingne… perché dice che se lu monnu non cià recchie, ancora cìa l’occhi… per

pocu è… ma ancora… un po’ d’occhi ce l’ha e… sempre a detta sia, ognunu de nui

dovrebbe da vede bene come vanno certe cose!

(Liscia il biglietto e assesta il giornale)

BERARDO    Capiscile un po’ a quali cose se riferisce…! Cioè… non so come spiegamme…

quanno gesticola pe’ capì lu capisco… ma… comprendelu… è n’andra cosa!… Tarquiniu è ccucì! … (Pausa) Mo però controllo lu bijettu… e ne ne strafrego de tuttu e tutti… (lo prende lo liscia e lo ristende bene sul tavolo)… ecculu quine… 1 – 2 – 3 – 4 –5 e 6…

Si lascia al regista o all’attore l’invenzione a soggetto che dia il pathos alla preparazione del controllo con l’inserimento di un breve monologo. Apre il giornale per cercare i risultati dell’estrazione e intanto legge qualche titolo di testa finchè…


27


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

25° QUADRO BERARDO HA FATTO 6

BERARDO    Eccole… estrazioni del lotto …. Qui sotto … superenalotto… i numeri usciti vai: 5 –

2 –3 – 6 – 4 – 1 Numero Jolly 8 (Non realizza subbito…Lanciando il biglietto sul tavolo ed alzandosi dalla sedia)

Che cavulu de sfiga… si che nummeri devono scappà… so anni che gioco… anni… me jesse mai bbene una vorda… non ci sta loggica! Come fa unu ad apizzacce se ji scappano …. (gli trema un po’ la voce) tutti numeri picculi a fila… (raschia la gola)

(Comincia a confondersi si riavvicina al tavolo e riprende il biglietto) 5 – 2 – 3 – 6 – 4 – 1 … numero jolly 8… (Pausa iniziano i tic in crescendo)

8 jolly co 13 carte… chiusura in mano a 100 punti se scappa… rientro a 8… che scarto tra 5 – 2 – 3 – 6 – 4 e 1? Tutti gli altri ne han 31 tranne agostu che è lu jolly… (confermando) 8… Agusto! Moje mia non te conosco… (Poi fatale ed aulico recita un brano dall’apocalisse) “Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce entrerò da lui: Apocalisse 3-14…”

(Poi continuando nella confusione) 3 e 14 per raggiu fa metà circonferenza… levo la renza armane lu circu… (canticchiando la canzone da circo Ratta tara taratatta tara…) (Fatale ed aulico)

“Venite Venite signuri e signore Femmine e jiunotti… bardasci e munillitti… ammirate la pecora che non restrigne quanno pioe” (Ratta tara taratatta tara…) e per la lana di vetro… pecore de Murano! 5 – 2 – 3 – 6 – 4 – 1 (Si allarga il colletto… si sbottona la camicia… e continua la sequenza)

Oh cavallina… cavallina storna… testa è la vorda che lu cuntu artorna… (poi rivolto al quadro autoritratto del fratello) E tu auturitrattu appesu li… voli scommette che non te movi da qui? (Cantando l’aria con voce tenorile…) “Di quella pira l’orrendo foco tutte le fibre m’arse, avvampò!...”

(Gli manca la voce porta le mani alla gola) 5 – 2 – 3 – 6 – 4 – 1 ; 5 – 2 – 3 – 6 – 4 – 1 in un crescendo fino a non avere più voce… (pausa lunga dove lui cerca il respiro che non arriva)… silenzio… poi di colpo la lucidità… fine dei tic e con fredda determinazione recita il finale della poesia “alla sera” del Foscolo con mani protese al pubblico in posizione e tono classico e sguardo lontano:

Vagar mi fai co©miei pensier su l©orme

che vanno al nulla eterno; e intanto fugge

questo reo tempo, e van con lui le torme

delle cure onde meco egli si strugge;

e mentre io guardo la tua pace, dorme

quello spirto guerrier ch©entro mi rugge.

BERARDO    Ago fattu 6… (Pausa) Me sendo Male

Sviene platealmente lasciandosi cadere sul palco a pelle di leopardo.

FINE PRIMO ATTO


28


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

SECONDO ATTO

Parte il brano iniziale secondo atto e alla fine e si apre il sipario… c’è un salto temporale di 8 mesi circa evidenziato dal fatto che in scena Barbara sarà incinta con un bel pancione. Siamo ai primi di Dicembre e quando si apre il sipario nella casa c’è fervore… si sta infatti aspettando l’arrivo del funzionario del monopolio di stato per la fase finale della burocrazia che riguarda l’assegnazione del denaro vinto. Nell’aria c’è quel vago sapore di falsità che tende a sembrare più accondiscendenti. Sono tutti ben vestiti, hanno cambiato l’abito ad eccezione di Berardo e Tarquinio che sono vestiti come il primo tempo. Il cambio di vestito vuole anche interpretare il cambio di umore dei protagonisti… che per timore di non avere una fetta di vincita tendono a smorzare ogni tensione… Accanto al quadro raffigurante Tarquinio il superbo ci sono anche altri tre quadri: uno tutto nero, uno tutto giallo, uno tutto marrone.

Le donne di casa hanno stanno mettendo a posto un tavolino attendendo l’arrivo del Funzionario dei monopoli di stato. In scena ci sono Brunilde, Beatrice e Berenice. Ordineranno oggetti e cose mentre parlano a discrezione del regista.

1° QUADRO BRUNILDE E BEATRICE PARLANO DELLA FESTA

BRUNIRDE   Beatri’ damme una mano a mette al centro stu tavulu… guarda come honno lasciatu

(Alzando il tavolo sotto che dell’immondizia visibile)

BEATRICE    (Accorgendosene) Ah… Vidi un po’! Su stu pavimento ce sta de tutto ! Guarda …

BERENICE    Aspetta che ce do’ ‘na scopata io… (Esce a prendere la scopa)

BRUNIRDE   (Portando il tavolo a posto insieme a Beatrice) Ogni vorda la solita storia… Io dico,

non pretenno che non armanga mancu una briciola pe’ terra… ma guarda si che schifo, guarda ! Mica va via!


29


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BEATRICE    Ma chi te cià pulitu…?

BRUNIRDE   La ditta stamattina…

BEATRICE    E chi ja opertu…? stessimo tutti a durmì…!

BRUNIRDE   Basiliu…: ce lo sai quant’è puntuale… pure se va dormi’ a le 6 de matina a le 9.00

sta la lu boteghinu…

BEATRICE    Ce lo so sci… allora?

BRUNIRDE   Allora jeri matina… sapenno che avressimo fatto la festicciola… ha contattatu la

ditta e ja datu le chiavi de casa pe falli vini’ stamatina a le 7.00…

BEATRICE      Ecco perchè s’è arzatu mezz’ora prima… m’ha ditto solu sta tranquilla dormi…

BRUNIRDE   Lu risurdatu lascia a disiderà…. la ggente la paghi… ma lu lauru mica te lu fanno

come se deve…

BEATRICE    Però sempre che qualcuno dovevamo chiamà…

BRUNIRDE   Ah sci per carità… chi je la facea a mette a pustu doppo li bagurdi…!

BEATRICE    Hai   vistu   Berardo?  Sembraa   quaci   assente…io  no   lo   capisco   tu   maritu…

organizzamo la festa pe’ issu… la ricorrenza dell’ 8° mese da la vincita… cantamo… magniamo… Ballamo…

BRUNIRDE   … e no… pure Barbara co lla panza … hai vistu come sgammettava…

BEATRICE    A llu poru monellu je sarà vinutu lu capustornu…. e Berardo assente come non fusse

interessatu…!

2° QUADRO BERARDO E’ INFLUENZATO DAL FRATELLO TARQUINIO

BRUNIRDE   Ma issu è ccucì… è pocu espanzivu…a certe cose non ce tene e po’…

BEATRICE    Che…

BRUNIRDE   Ma non lo so… è un po’ de tempo che fa discursi strani…

BEATRICE    Quella è l’infruenza de lu fratellu!…

BRUNIRDE   Chiamala infruenza… io direbbe una vera e propia epidemia!

BEATRICE    Mo anche stu fattu che ha vuluto che Tarquiniu venisse a abbità qui co’ nui…

BRUNIRDE   Infatti, ce mancava giustu issu

BEATRICE    Che centra casa è grossa…. De stanze ce ne stonno in quantità...


30


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   Ma non è pe lu postu… è che co’ quillu modu che cià issu…  chissà quante je ne

mette su pe la capoccia…

BEATRICE    Non li vidi… parlano ore e ore…

BRUNIRDE   (Precisando)   Parlano…   oddio…   unu   parla   e   unu   geticola…   come   farà    a

rcapezzaccese!

BEATRICE    Solu Issu lo sa… però oh… abbrucialu… pe’ capillu è un assu!

BRUNIRDE   L’assu de coppe… ma doppo io lu vedo… se trasforma… diventa penzierusu… se

apparta… pare un andru!

BEATRICE    Ma ci sta che periculu pe’ li sordi?

BRUNIRDE   Pericolo no… li sordi arrivano e vedrai che quanno so arrivati l’allocamo come se

deve…

BEATRICE    in che senzu

BRUNIRDE   Nel senzo che lo so io come famme da retta da Berardo… e come sbolognà

Tarquiniu…

BEATRICE    Lu mannate via?

BRUNIRDE   E che vole fa lu parassita a vita… casa sia ce l’ha… continua a pitturà…

BEATRICE    Stemoce attenti

BRUNIRDE   Beh l’emo sopportatu 8 misi potemo tirà avanti ancora qualche giorno no?

BEATRICE    Solo qualche giorno?

3° QUADRO SI PARLA DEL NOME DEL NASCITURO FIGLIO DI BARBARA E BENIAMINO

Entra Berenice con la scopa e il secchio e Barbara con il pancione e la paletta raccoglitrice.

BERENICE    Ecco la scopa… ‘ndo sta la mondezza…

BRUNIRDE   (Indicando) Li ma…! quillu mucchittu… speramo che non abbia macchiatu per

terra…

BERENICE    Vene via vene via… non è appiccicatu gnente… vene via co la scopa…

BARBARA    (Piegandosi a fatica per via del pancione) Ecco la paletta pe riccoje…

BRUNIRDE    Ferma Ba’… ‘ndo vai co’ lla panza… raccojio io…

BARBARA    Stamatina non je la faccio a piegamme… pare che me sse moe tuttu…


31


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BEATRICE    Sarà l’inquilinu che ancora sballotta da jer sera…

BERENICE    Hai esaggeratu co lo ballà è? … Assettate ce peniamo io e Brunirde

BRUNIRDE   Sci che tantu è un attimo… damme qua la paletta (e si mette a raccogliere e a

svuotare nel secchio)

BARBARA    E’ l’inquilinu sci… non je la faccio più…

BEATRICE    Ete dicisu come chiamallu stu monellu…

BARBARA    None… ce circolano su la capoccia un po’ de numi… ma a Beniaminu no je

sfaciolano…

BEATRICE    Che numi…

BARBARA    Prima pensazzino Bruno… po’ emo giratu su Biagiu… e mo Benedettu… ma pare

che non attonnano la recchia co’ lu cognome…

BEATRICE    Cioè?

BARBARA    Unu è troppu cortu… unu è troppu lungu… non se sa…

BERENICE    (Riprendendo scopa, secchio e paletta) Ci sta tempu… vedrai che quanno nasce lu

nome se lu porta da solu…

BEATRICE    Che nome?

BRUNIRDE   Finisci lu tempo lu 15 de Gennaru… San Botonto…

BARBARA    Per carità… giustu Botonto je metto nome… ma che ve sete impasciti?

BERENICE    Ma se finisci lu 15 sicuru prima de lu 19 no lu fai…

BARBARA    E lu 19 che santu è…

BERENICE    Bassianu…

BARBARA    Meju che ji de notte…!

BRUNIRDE   Ma un nome lu troate stete tranquilli…

4° QUADRO SI ACCENNA ALL’ARRIVO DEL DOTT. ZECCA E ALLA VINCITA

BERENICE    (Avviandosi verso l’uscita) Brunì… io vado a buttà sta robba e a vedè se tu padre è

pruntu… se stea a visti… ma ce lo sai seccomè no? Je vado a da una mano ccucì quanno arria lu dottore semo prunti… (ed esce)

BARBARA    Se sende male quarcunu?

BEATRICE    Perché ha dittu lo dottore?


32


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BARBARA    E sci…

BRUNIRDE    Intenneva lu dottore Zecca Adrianu.

BARBARA    E chi è…?

BRUNIRDE    Quillu scrittu su lu foju che cià mannatu lu monopoliu de statu…

BARBARA    Adrianu Zecca?

BEATRICE    Sci… vene a ratificà l’attu de la consegna de li sordi… dico… so 70 miluni de euro

è…! tuttu lu jack pot ja portatu via…!

BARBARA    Madonna  si  che  botta…  ce  semo  aggiustati  a  vita…  capirai…  17  miliuni  a

capoccia… c’e’ voluto tempo pe’ riscoteli!

BRUNIRDE   Veramente bastavano 60 giorni ma Berardo ha chiestu non so quali modifiche che

hanno allungatu un po’ li tempi!

BEATRICE    A propositu de Berardo… me stei a di che da un po’ de tempu fa discursi strani…

BRUNIRDE   E sci… è pocu espanzivu…a certe cose non ce tene e po’ da un po’ de tempu fa

discursi strani…

BARBARA    Che discursi strani fa?

BRUNIRDE   Ma gnende… dice che li sordi… ccucì come so vinuti se ‘narvanno… che mo che cià

appizzatu ha capitu che la filicità è ‘nandra cosa…

BEATRICE    Toccasse fallu vedè subbitu da unu brau è… non sarà mica ccucì paciu da scinicà sta

furtuna mo che c’e’ capitata tra capu e collu…

BRUNIRDE   Issu non la jama furtuna…

BARBARA    E come la chiama…?

BRUNIRDE   Proa…

BEATRICE    Come proa?

BRUNIRDE   Eh… vallu un po’ a capi tu?… La jama Proa!

BARBARA    La chiamasse pure ccucì 70 miliuni de euru so propiu una gran bella proa…

(Entra Cipriano – Beniamino con Berardo sotto braccio e subito dietro Basilio

accompagna Tarquinio… sono tutti vestiti bene ed eccitati in attesa del funzionario.

Berardo è vestito come nel primo tempo. Ricordiamoci che Tarquinio non parla…

mima solo a gesti e l’unico a capirlo è Berardo. Tarquino a piacimento può mimare

anche quando non è la sua parte, ossia mimare anche ciò che dicono gli altri. Non

deve farlo sempre ma può farlo nei momenti in cui il regista vuole maggiore supporto


33


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

al significato del dialogo. Tarquinio infatti sarà seduto in un posto dove il pubblico può vederlo benissimo. Capo tavola in fondo al tavolo. Tarquinio ha un giornale in una tasca e una mela nell’altra.)

5° QUADRO IL DISCORSO VINCITA SI FA INCALZANTE: PARAGONE TZUNAMI.

BENIAMINO (Eccitato) Allora papà oggi e lu grande giornu…

BASILIO         (Super eccitato) Grande Grandissimo giornu…

TARQUINIO (Toccandosi l’orologio e Mimando ciò che Berardo tradurrà)

BENIAMINO Come dici zi? A che ora vene?

TARQUINIO (Fa di no con la testa)

BERARDO    Tu zio chiede che ciavrebbe in più dell’andri sta giornata… sempre 24 ore so!

TARQUINIO (annuisce)

BRUNIRDE   (Avvicinandosi dolce a Tarquinio) Ma come… oggi viene il dott. Zecca… il funzionario… e’ un eventu straordinariu…

TARQUINIO (Mima l’apertura di una porta e benedice e poi mima lo tzunami)

BASILIO         Zecca è un prete?

TARQUINIO (Ripete il mimo e poi trova posto a sedere)

BARBARA    Dovemo pregà?

BERNARDO (Sedendosi) None… sta dicennoche dentro casa entra un cristianu … no lu Tzunami!

BENIAMINO Ma papà 70 mijuni de euru… so’ più de lu Tzunami!

BERARDO    Beniamì… testu dipende da li punti de vista… pe’ me… presembiu… più de lu

Tzunami è statu quanno hai cambiatu nome…!

BASILIO         (Sdrammatizzando falsamente) Ma via che andiamo rivangando cose che sono

successe ormai 8 mesi fa….

BERARDO    Pure la vincita è successa 8 mesi fa… Bene: allora non ne parlamo più!

BRUNIRDE   (Allarmata) No No parlamone…. la vincita sta ancora tuttu in piedi… ma lu nome

oramai è bella è fatta… e po’ che voli che sia un nome daje… tu fiju è sembre tu fiju che se jami Astorfo o Beniaminiu…

BERARDO    E già… mi fiju…! e tu fiju?


34


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   (rivolta a Tarquinio) Che vorrebbe di?

TARQUINIO (Mima il gesto di parlare e poi quello di mettersi la cipria in volto)

BRUNIRDE   Ciò da fa io che lo chiedo a te penzanno che me rispunni…

BERARDO    T’ha rispostu infatti.. issu ha capitu… non l’hai vistu lu gestu (e ripete il mimo di

incipriarsi)

TARQUINIO (Batte le mani a Berardo e gli sorride platealmente senza emettere rumori)

BRUNIRDE   Che avrebbe dettu?

BERARDO    Che tu fiju non era sembre tu fiju anche se se jamava (ripetendo il mimo) Ciprianu?

BASILIO         (Sempre sdrammatizzando) Ma su via… non state più a fa caso a ste cose… oggi

deve esse una giornata da ricordasse.

6° QUADRO L’ERRORE IN BUONAFEDE

BARBARA    E’ stato fatto un errore… è vero…

TARQUINIO (Pesta un piede per terra e fa un atteggiamento come dire mannaggia un errore)

BEATRICE    Un errore in bonafede…

TARQUINIO (Sbatte le due mani e solleva le spalle in atteggiamento come dire mannaggia in buona fede)

BENIAMINO Sci papa’… un errore… daje lascia perde…

TARQUINIO (Fa segno a Berardo di lasciare correre)

BERARDO    (rivolto al fratello) sci sci io lascio corre tuttu… (poi rivolto al figlio) Beniamì… lo vidi come te jamo? Beniaminu Braccicaventu… figurate se per questo non t’arconosco come fiju…!

TARQUINIO (si alza dalla sedia felice e va ad esprimere il suo lieto consenso al fratello abbracciandolo e complimentandosi e poi tornando a sedere)

BERARDO    E ce mancerebbe che non l’arconoscessi come fiju…

BRUNIRDE   Allora che c’è…

BERARDO    C’è che però non me dovete vini a parlà de bonafede… perché curnutu sci… ma pure

bastonatu me dispiace non ce sto… ete organizzatu tuttu… m’ete lasciatu a lu scuru de tuttu… e parlate de errore in bonafede…


35


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BASILIO         Va beh… su… mo volemo fa la guerra pe’ testo…

BERARDO Per carita… che guerra… ce mancherebbe… Entra Berenice e Belindo che porta in mano un foglio di carta.

7° QUADRO BELINDO IL PAVONE ER L’ATTESA DEL DOTT. ZECCA

BELINDO       (pavoneggiandosi) Eccome qua gente… come sto?

BEATRICE    Si bellu si bellu…

BRUNIRDE   Cavuli papà… te si messu in ghingheri e piattini !

BASILIO         Stai bene davero… pari ringioanitu…

BENIAMINO (Rivolto a la nonna) Anche nonna però sta da favola… è nonnetta mia…

BERENICE    (Sentendosi adulata) Bellu de nonna… quantu si gintile!

BELINDO       (Pavoneggiandosi) Allora… allora… dove sta il grande festeggiato di jeri sera…

BERARDO    (Alzando una mano) Presente!

BELINDO       (Rivolto a Tarquinio) E ciabbiamo anche il nostro artista preferito!

TARQUINIO (che capisce e odia le falsità mima un vaffanculo bello e buono che viene scambiato per …)

BELINDO Beh si… di strada ce n’hai ancora ma l’arte c’è mio caro Tarquinio… BERARDO (Che ha capito il gesto del fratello) Sci Giusto la strada…! BELINDO (Avvicinandosi) Allora Berardo… generu predilettu…

TARQUINIO (attirando l’attenzione battendo le mani mima i muscoli delle braccia e poi il numero col pollice)

BENIAMINO (Rivolto allo zio) Sci zi è tuttu ok… ciai du belli muscoli ancora!

BERARDO    (rivolto al figlio) Veramente ha dittu: Pe’ forza … unu ce n’hai de generu….!

BELINDO       (Battendo la spalla a Tarquinio) Dettagli… Inutili dettagli mio caro…. (poi rivolto a

Berardo) Dimmi… è tutto pruntu?

BERARDO    Tutto prunto pe’ fa che?

BELINDO       Per accogliere il funzionario del monopolio…


36


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BASILIO         Tuttu prontu… come no?

BEATRICE    Emo preparato lu caffè…

BERENICE    Li pasticcini casu mai cesse voja de dorge

BARBARA    Emo armissu in ordine anche casa…

BENIAMINO Un’ accojienza perfetta!

BELINDO       (Con due colpetti sulla spalla di Berardo) Allora me pare che potemo procede… che

ne dici?

TARQUINIO (attirando l’attenzione fa il segno di aspettare e poi mima l’accensione ed il fumare una sigaretta ma sempre senza alcun tipo di rumore)

BELINDO       Non ha fumatu mai in vita sua… mo vole una sigaretta

BASILIO         Je le vado a comprà?

BERARDO    Non serve… non cià voja de fuma… (Con due colpetti sulla spalla di Belindo) Dice

che pe’ procede tocca aspettà che arriva lu monopoliu de statu non te pare?

BELINDO       (Ridendo e sventolando il foglio di carta bianco) Ah ma certo.. certo… intendevo di:

potemo procede intantu noi e accordacce su quello che dovemo fa…ccucì doppo tutto se risorve co pucu!

Se non hanno ancora preso posto, tutti prendono un posto al tavolo… l’unico che si alza Berardo… Si Versa un drink prima di mettersi su una sedia o una poltrona separato dal gruppo mentre

gli altri si fanno sotto e seguono il conteggio che sta iniziando Belindo aiutato da Basilio che ha tirato fuori una calcolatrice tascabile. Brunilde si accorge che Berardo si sta allontanando:

8° QUADRO TARQUINIO MIMA LA FRASE: “IL DOTTORE ME L’HA PROIBITO”.

BRUNIRDE   ‘Ndo vai Berà… ?

BERARDO    Perché…

BEATRICE    Se manchi tu come li facemo li cunti….

BERARDO    E che servimo in otto pe’ fa li cunti? Basta unu … e po’ honno cominciato… non te

perdessi lu meju…

BENIAMINO (Senza staccare gli occhi dal foglio del nonno gesticolando per richiamare il padre) Papà… e daje su… veni qui co nui…

BERARDO Non c’è problema Beniamì… curali tu l’affari de famija… BRUNIRDE Insomma si sempre lu solitu separatista…


37


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Ma potrò bee un goccittu oppure è vietatu da li trattati internazziunali?

BEATRICE    Ah ma allora… non te ne vai?!

BERARDO    Ma che me ne vado? Me ne vado…! non so scappatu prima… ‘ndo voli che vado!

(poi rivolto a Tarquinio) Tu lu voli un guccittu?

TARQUINIO (mima il no)

BERARDO    Come mai? Un guccittu non t’ha mai fatto male…

TARQUINIO (Mima alcune cosa ma Berardo non capisce)

BERARDO

Non te capisco

TARQUINIO (Mima il 4)

BERARDO

4 parole?

TARQUINIO (Mima il si)

BERARDO

Ok vai…

TARQUINIO (Mima il n°1)

BERADO

1° Parola

TARQUINIO (Tira fuori il giornale e indica un articolo e

mima una firma)

BERARDO    (Sbagliando) Scritta… scrittura… righe… tante righe… tante ma non troppe… righe

giuste… contate… righe firmate… un articolo…

TARQUINIO (Mima l’ok)

BERARDO    Un articolo… il…        TARQUINIO (Mima l’ok e poi il numero 2)

BERARDO    Prima parola Il… seconda parola.

TARQUINIO (Mima con la mano l’altezza di un nano, poi fingerà di picconare. e poi il numero 7 il tutto con la sequenza di berardo)

BERARDO    (Sbagliando) Basso… più basso… bassotto… un cane bassotto… no… una miniatura… cammina col cane in spalla… no… cammina poi si ferma… sona i tamburi?… no… ah usa il piccone… (si) scava col piccone… ok… un piccone piccolo… perché… perché un piccone piccolo… anche lui è piccolo… un nano… no un nano… 7? Ah… i 7 nani… si… chi erano i 7 nani?… e chi se li ricorda? Tarquì…

TARQUINIO (Mima l’ok ci penso io poi comincia i mimi)

BERARDO    Pisolo… testu era facile… Brontolo anche testu era facile… (Tarquino gli soffia il faccia) Me suffi… e daje Tarquì… me da fastidiu… che è… lu soffiu… lu ventu… ahhhhhhhh Eolo… ho capitu… strigni Tacqui…

TARQUINIO (Mima Dotto)

BERARDO    Antipaticu… sta su le sue… cià l’occhiali… se mette l’occhiali e legge… legge e… ricorda? (no)… ripete… (no) … impara.. (sci)… impara… impara quindi… studia… si accultura… dotto… beh…


38


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

TARQUINIO (Mima 1)

BERARDO    Prima parola Il              TARQUINIO (Mima 2)

BERARDO    Seconda parola Dotto… Il dotto… Il dotto… Il dottore…

TARQUINIO (Tira fuori la mela e indicandola con l’altra mano tenendo pollice ed indice come una pistola ruota il polso velocemente come per dire niente da fare)

BERARDO (Capisce al volo e ride) Che te pozzino Tarquì quantu si ganzu è… sulu tu… (poi svelando l’arcano): Il dottore (indicando il frutto) me l’ha (e facendo anche lui il gesto con la mano) proibito… il dottore me l’ha proibito…

(se fatto bene attendere l’applauso)

BERARDO    Io un goccio me lo faccio

TARQUINIO (Mima che vuole leggere il giornale)

BERARDO    E tu leggite lu giornale… va tranquillu tanto i contabbili cionno da fa!

9° QUADRO BELINDO MANDA VIA LE DONNE E INIZA IL CONTEGGIO DELLA SPARTIZIONE DELLA VINCITA.

(Si versa da bere si mette separato e commenterà con espressioni e gesti quel che diranno gli altri secondo l’interpretazione del regista Tarquinio sarà presente ma leggerà il giornale)

BELINDO       Allora femmine… tantu qui dividemo pe nucleu famijare…

BERENICE    E quindi…

BELINDO       non servite…

BARBARA    (Alzandosi di scatto offesa) Ammazza si che considerazione!

BENIAMINO Ma no… non capissi male nonnu volea sottintende che magari se dovete preparà chiccosa dellà potete fallu…

BRUNIRDE   (Alzandosi e dirigendosi all’uscita) E’ tuttu prontu… ma un caffè me lo pijerebbe

volentieri

BARBARA    (Avvicinandosi a Brunilde) Pe’ testo pure io… tu veni Beatrì…?

BEATRICE    (Avvicinandosi) Ma sci… un caffeucciu callu è quellu che ce vole!

BERENICE    (Invitando all’azione ed uscendo) Allora annamo…! Via…! Lasciamuli suli che

fonno meju i cunti… (ed escono tutte e quattro)

Qui inizia il conteggio della spartizione della vincita


39


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BELINDO       Dunque… quant’è la vincità esattamente…

BASILIO         Ecco lu bollettinu: 70.000.000 tunni tunni… se l’esse giocati a lu botteghinu nostru

avessimo pijatu pure la percentuale…

BELINDO       E lo so che voli fa…

BENIAMINO Allora quantu ce tocca a capoccia?

BELINDO       Levamo lu 12,5% de ritenuta … restano 61.000.000 euri

BENIAMINO Ammazza oh… 9 mijuni se pija lu statu?

BASILIO         perché Lu 6% su la cassa de li lavoratori a li botteghini?…

BELINDO       Diventano 57.000.000

BENIAMINO E andri 4 miliuni so volati via… ma è legale tuttu questo?

BELINDO       In Italia de legale ce sta solo l©ora… (pausa) e anche quella, no per tuttu l©anno.

BASILIO         Le spese de lu notaru?

BENIAMINO Pure?

BASILIO         Ah no? T’allisciano! Il 9% da chi vai vai! Armangono 52.000.000 euri

BENIAMINO Che diviso 5 fonno

BASILIO         Sci diviso 80…

BELINDO       Semo in tre…

BENIAMINO Come tre… Zi Tarquiniu?

TARQUINIO (Senza staccare gli occhi dal giornale mima una tirata di sirena come nei camion e fa di no col dito)

BENIAMINO (Al padre) Che dice Ziu…

BERARDO    Dice che te poli attacca e tirà forte… issu li sordi no li vole

BENIAMINO Allora i nuclei armangono 4

BELINDO       E ce rifai… so tre…

BASILIO         (Contando) E sci… io.. tu… papà… (pausa lunga) Ah sci Berardo

BENIAMINO Eh apposta…


40


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BASILIO         E mo non ce penzao… scusa è Berà…!

Berardo fa sol un gesto come per dire “niente niente”

BELINDO       Insomma a cunti fatti fanno più de 13.000.000 de euru puliti a nucleu famijare!

BENIAMINO 13.000.000 de euri… quaci 26 miliardi….

BASILIO         E sci… emo svordatu…. Tutti…

BELINDO       Che ne pinzi Bera’… non è una bella somma?

BERARDO    Pozzo di la mia?

BELINDO       Sicuru…!

BERARDO    Libberamente?

BELINDO       Ce mancherebbe… sindimo…

BERARDO    (Si alza) Allora…

10° QUADRO SUONANO ALLA PORTA E ACCORRONO LE DONNE

Sul termine allora… suona la prima volta il campanello di casa e succede il caos… tranne Berardo Che rimmarrà fermo tutte le donne entrando correndo e dicendo la loro battuta. Troveranno posto Intorno al tavolo vicino al proprio marito… Il tutto deve svolgersi con una rapidità assurda nel tempo che intercorre tra il primo suono di campanello ed il secondo… Sul tavolo resteranno liberi due posti: uno a capotavola dove siederà il dott. Zecca e uno vicino dove si siederà Berardo all’altro

capotavola siede Tarquinio.

Entrano in ordine

BERENICE    Honno sonatu lu campanellu ce semo madonna mia ce semo… è arriatu lu momentu!

BEATRICE    E’ issu è issu… porta una borsetta nera e la giacca sotto le scelle… anzi no… una

giacca nera e la borsetta sotto le scelle…

BRUNIRDE   L’emo vistu da la finestra è calatu da la macchina co l’autista…

Ultima a sopraggiungere di corsa reggendosi la pancia correndo allargando le gambe e dondolando le spalle in modo comicissimo è Barbara…

BARBARA    Aspettateme che me lu perdo!

Seduti al tavolo silenzio assoluto tutti fermi come statue. (Pausa) Attendere qualche secondo se arriva l’applauso poi secondo squillo di campanello.

11° QUADRO BERARDO VA AD APRIRE E PRESENTA IL DOTT. ZECCA


41


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   (Rivolta a Berardo) Qualcuno va a oprì…?

BERARDO    (Ironico) Quarcunu già in piedi dici… e sci ce vado io…

BERENICE    Vacce tu… a me me trema tuttu…

BARBARA    (Intendendo la pancia dopo la corsa) Dillo a me dillo!

Terzo squillo di campanello intanto Berardo si stava avviando per aprire…

BEATRICE    Berà… un po’ più veloce…

BASILIO          Pensasse che non ci sta gniciuno e senannasse…

BELINDO       Mo apre mo apre…

BENIAMINO Vai papà che semo tutti in anzia…

BERARDO    Lo vedo Beniamì… ma non te preoccupassi… che anche lui non scappa via! (Ed esce

per andare ad aprire la porta)

Silenzio assoluto… tutti sono fermi… emozionati… attenti… qualche secondo bel calcolato e rientra Berardo.

BERARDO    (Sulla porta aulico) Signori!… Il dottor Adriano Zecca.

12° QUADRO BERARDO E ZECCA BALLANO IL MINUETTO E SI METTONO SEDUTI

(Parte il 4° brano musicale “presentazione Zecca” . E’ un minuetto e sotto gli occhi e le espressioni stupite di tutti Berardo accompagna il funzionario al posto ballandolo con lui… La scena assume un forte valore simbolico, infatti lo stesso funzionario reciterà con aria asettica, distaccata quanto basta enfatizzando il suo intervento. Il balletto si conclude con il sedersi simultaneo dei due e con il silenzio totale in attesa dell’applauso. Parlerà solo il funzionario. Tutti gli altri staranno in silenzio assoluto sempre. Si noti come, per dare enfasi si sia scelto un testo in rima baciata molto incalzante.

Al termine della musica tutti restano stupiti tranne Tarquinio che sorride platealmente senza emettere rumori e fa il segno ok con il dito. Attendere l’applauso)

13° QUADRO ZECCA SI PRESENTA E LEGGE L’ATTO

ZECCA             (Aprendo la sua 24 ore Aulico rivolgendosi ai prensenti) Buon giorno…

ZECCA             (A memoria)


42


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

Io son qui per consegnare l’atto

testè redatto…

poiché alla firma non s’è sottratto

il qui presente signor gaudente…

che assai più precisamente

direi anzi lodevolmente

ha ben pensato a posteriori

d’ invitar tutti i lor signori

a far di questo conto i revisori

affinché il suo voler non lo si ignori.

Così, perché si calmino i bollori,

posso certo premettere a priori

che in questo atto non ci sono errori

e leggerollo a voi senz’indugi ulteriori.

(Tutto questo può essere scritto sul foglio di carta)

Addi 21 del mese di dicembre

davanti a me cosi amichevolmente

sono riuniti assai regolarmente

come voluto molto fortemente

dal signor Berardo qui presente

I membri tutti della sua famiglia.

Per evitar qualsiasi parapiglia

il funzionario , che son io, consiglia

di apporrer firma dell’interessato

affinché il malloppo sia incassato

prima che il tempo venga oltrepassato

perché da sempre è stato constatato

e con atto di legge poi fissato

che il gruzzolo da vittoria generato

e dalle debite tasse scorporato

oltre quel tempo poi viene alienato…

Pertanto in modo disinteressato

quivi dichiaro essere fissato

tutto quanto appena dichiarato

e se ben sono stato interpretato

Lei firmi qui… che questo è decretato!

(Mette il foglio sotto gli occhi di Berardo il quale firma e lo riconsegna al Funzionario. Il funzionario lo guarda da vicino… lo annusa… lo rimette nella valigetta e la chiude il tutto in silenzio. Poi riprende la tiritera a memoria)

14° QUADRO ZECCA SALUTA E SE NE VA


43


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

ZECCA             (A memoria)

Cari signori di codesto palazzo

di questa casa e del suo bello sfarzo,

prima ch’io venga scambiato per un pazzo

perchè comprendo che col mio dir io spiazzo

senza indugio alcuno senza ulterior schiamazzo

seppur con voi ho avuto il mio sollazzo

depongo il tutto e altrove io svolazzo.

Scusandomi con voi per lo strapazzo

io l’occasione acchiappo con il lazzo

per annunciarvi con non poco imbarazzo

che il sor Berardo non v’ha lasciato un….

15° QUADRO TARQUINIO E ZECCA BALLANO IL MINUETTO MENTRE LE DONNE ESCONO IN FILA A TESTA BASSA

(Sull’articolo un, riparte tempestivamente la musica di prima e ballando il minuetto fa alzare le donne che lo seguiranno fino all’uscita in fila indiana a testa bassa. Stavolta a condividere il ballo sarà Tarquinio che si scompiscerà dalle risate… (sempre senza emettere suoni). Fa anche un inchino al pubblico e ai presenti al tavolo e si avvia all’uscita insieme a Tarquinio e alle donne. Al tavolo restano i 4 uomini seduti due di fronte ad altri due con uno spazio di intermezzo)

Silenzio e pausa

16° QUADRO BELINDO SI SENTE MALE E BASILIO SE NE INFISCHIA

BELINDO       (Deglutisce forte tanto che il teatro deve sentirlo perfettamente e dopo un pausa con

voce tremante) Non ago capitu l’urdima parola….!

BASILIO          Io ciaco la gola secca

BENIAMINO La saliva… ho azzeratu la saliva

BELINDO       In pratica che sarebbe successu?

BASILIO          (Piagnucolando) In pratica … non è successu niente papà…

BELINDO       Come niente…

BENIAMINO Niente nonnu… niente de niente!

BELINDO       Io non ago capitu

BASILIO          Io ago capitu pocu… ma quillu pocu m’è bastatu

BELINDO       Berà… ce riepiloghi lu busillissu?


44


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO E’ bello che riepilogatu… non se spartisce niente! BELINDO (fingendo un attacco di cuore) Ah… (Continuerà ad agitarsi ma gli altri lo snobberanno)

BASILIO          Ma come niente? E nui?

BENIAMINO Come famo nui?

BERARDO    (Rivolto a Basilio) No lo vidi tu padre se sende male?

BASILIO         (Da due colpi sulle spalle a Belindo senza neanche guardarlo) Se ripija se ripija… ma

dico nui… ?

BELINDO       (Con un filo de voce tenendosi il colletto) Non respiro…

BERARDO    Fate chiccosa senno ce stira le zampe mica no!

BASILIO          (Altri due colpi sulle spalle a Belindo senza neanche guardarlo) Risponni a me…

praticamente te teni tuttu tu… (disperandosi) E nui?

BENIAMINO (Alzandosi per aiutare il nonno) Forza no… voi un guccittu d’acqua?

BERARDO    Vajela a pijà un po’ d’acqua senno davero ciarmane…(beniamino esce)

BASILIO         (Indispettitu) Ma che te frega de patrimu… vojio una risposta… te teni tuttu?

BERARDO    (sempre soccorrendo Belindo) Sor Belì… respira su… respira…

BELINDO       (Con un filo di voce) Non ardò lu fiatu….

BASILIO          (Sempre più indispettito) Allora…?

BERARDO    (Verso Basilio) Non me pare lu momentu più adattu pe’ parlanne…

BASILIO          (alzando la voce) Allora……..?

BENIAMINO (Rientra con l’acqua) Ecco l’acqua no… bei bei un guccittu… (rivolto al padre e allo

zio) Dellà è un lazzarettu…

BERARDO     In che senzu?

BENIAMINO Mamma sta a fa la spola tra nonna e zia sdraiate su lu lettu…

BASILIO          (Rivolto a Berardo) Testa è un’andra de le tue… vidi se che hai cumbinatu…

BERARDO    Che ago cumbinatu?

BASILIO          Non te ne si accortu… un andru po’ ce fai schiattà tutti…


45


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Io non ago dittu una parola… me pare che ete fattu tuttu da suli…

17° QUADRO BELINDO SI RIPRENDE E RACCONTA A BENIAMINO QUEL CHE HA PROVATO

BELINDO beve e BASILIO è fremente che batte il piede nervosamente.

BENIAMINO Se ripija se ripija… ecculu va già meju…

BELINDO       Basta… basta ccucì… non me fate bee più…

BERARDO    Je ss’e rimpostu lu respiru…è passatu…?

BELINDO       Pare de sci…

BERARDO    Allora riporto lu bicchiere dellà… (ed esce)

(Basilio sta sempre nervosissimo)

BENIAMINO Come va no?

BELINDO       Meju… va meju…

BENIAMINO Ma che t’è successu?

BELINDO       No lo saccio…

BENIAMINO A parole tue…

BELINDO       A parole mie… ago sintitu la stessa cosa che sendi quanno attraversi la strada…

BENIAMINO Lu rumore de le machine?

BELINDO       None… quanno attraversi la strada e guardi a destra…

BENIAMINO Che ci sta a destra?

BELINDO       Niente!

BENIAMINO Allora non hai sinditu niente…

BELINDO       Ah… chiamalu niente tu…!

BENIAMINO Io non te capisco no!

BELINDO       Quanno attraversi la strada tu che fai?

BENIAMINO Che faccio… che ne so’… attraverso su le strisce…


46


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BELINDO       Ecco… pure io

BENIAMINO Sci ma che centra…

BELINDO       Te sto dicenno lasciame fini… anche io fa conto che attraverso su le strisce…

BENIAMINO Beh

BELINDO       E ago sinditu la stessa cosa de quanno unu attraversa guardanno a destra…

BENIAMINO Sci…?

BELINDO       E lu tir arriva tuttu da sinistra….

BENIAMINO Ah ecco…

BELINDO       Si che straccia de lecca Beniamì… se m’essero sparatu da un cannone avrebbe

sinditu meno rumore…

18° QUADRO BELINDO E BASILIO INVEISCONO SU BERARDO: IL FIGLIO LO PROTEGGE

Rientra Berardo

BERARDO    Dellà se stonno a ripijà … qui come va?

BASILIO          (Arrogante) Come deve annà… va come l’hai mannata tu!

BERARDO    E ridaje… io non ago fattu niente de niente…

BASILIO          No… tu non ciai datu gnente de gnente!

BENIAMINO E sci papà… te si tenutu tuttu…

BELINDO       (Arrogante) Nui pensassimo che era giustu spartì…Una vincita ccucì grossa… che se

ne fa tuttu unu…

BASILIO         E’ quello che dico io… l’ingordizia più totale… ma te dovranno je pe travezu li

sordi… e allora rido… allora sci che rido…. (Istericamente) AH AH AH AH

BELINDO       Te stai a ripija lo pane su la pelle nostra è?

BASILIO         (inveendo come una vipera) Stu disgraziatu…! pozzi esse maledettu… pozzi campà

de malatie e disgrazie tuttu lu restu de la vita tia…        morì tra li duluri più atroci

agonizzanno anche l’aria, e sindì li vermi che te sse magnanu drento quanno ancora

si vivu cucci che tu pozza solu ricordà incubi e privazziuni pe tuttu quello che ce stai facendo passa… (inveendo fisicamente e prendendolo per il collo) ma io t’ammazzo… t’ammazzooooooooo!


47


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

Beniamino che evidentemente comprende che la reazione dello zio è spropositata e vedendo la calma del padre… non può che prenderne le difese…

BENIAMINO (Sbottando e separandoli) …E mo basta… mo!

BELINDO       Cià raggione tu zziu

BENIAMINO (Alzando la voce e smanacciando sullo zio) Basta!

BASILIO          Ma come te permetti…

BENIAMINO (Urlando) Bastaaaaaaaaaaaaaaa! (Pausa) BENIAMINO Oh… ma qui davero emo perzu lu senzu e la misura…

BASILIO          Nui emo perzu la misura?

BENIAMINO (Invettivo) Ago dittu basta… ! non vojio sindì volà una mosca… (silenzio, poi rivolto a Berardo)

Testu è parimu… non ce lo scordamo…!

Quarziazi cosa se pole mette in dubbiu,

discute… obbiettà, contestà… polemizza’…

su quarziasi argomento ce potemo scannà, azzuffà e scurtuicà… anche su li sordi ce potemo accapijà…

potemo rubbacce lo magnà su lu piattu unu co’ l’andru… sputà senza vergogna lu veleno che ciavemo… dacce le corpe de tutti li mali de lu monnu

e girà senza vergogna senza per testo esse meno rispettati, potessimo arrià anche a rinnegà… ,

(poi tenerissimo)

ma ammazzà no! Testu è mi padre…

19° QUADRO RIENTRANO LE DONNE

BASILIO          (Sempre viperetto) Va beh… forze ho esaggeratu… ma issu pure se l’è vuluta

BELINDO       (Rivolto a Berardo) Ma campi o non campi drento una famija…?

BASILIO          Che fai… capita una furtuna ccucì grossa…

BELINDO       E te la teni tutta per te?

Entrano le donne che andranno a prendere posto a sedere in ordine Brunirde che sorregge Berenice

BRUNIRDE    Forza ma… fatte forza…

BERENICE    E che me faccio forza fija mia… me sendo tutta sdivilita…

BRUNIRDE    Su che lu peggio è passatu…


48


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

Entrano Beatrice che sorregge Barbara

BEATRICE    Non sia più guardate… non sia più una cosa del genere…

BARBARA    Penzao de partorì a vulu!

BEATRICE    Emo passatu un bruttu quartu d’ora dellà…

BELINDO       Nui qui invece ce stessimo a divertì… vero basì?

BASILIO          … Eh… scine propiu tantu…

BEATRICE    (Indicando Barbara ma parlando con Berardo)

Sta pora Bardascia pocu ce manca che abburtisce…

BRUNIRDE    Mo carmamoce tutti però…

BERENICE    Sci carmamoce…

BRUNIRDE    E carmate pure tu Berà… hai capitu?

BERARDO    Io?

BRUNIRDE    Sci tu…!

BERARDO    Ma io veramente non ago propiu chiacchieratu…

20° QUADRO BRUNILDE CHIEDE SPIEGAZIONI E BERARDO AMMETTE L’ERRORE

BRUNIRDE    E allora chiacchiera… di quarcosa… non ce lasciassi ccucì come li bammocci!

BERARDO    Chiacchiero?… Ce n’avrebbe de cose da di…

BRUNIRDE    E dille… ccucì armeno una vorda pe’ tutte chiarimo!

BERARDO    (Sospirando) E vah bene … chiarimo… (Pausa) L’errore è statu lu miu!

BASILIO          Ohhhhhh meno male che l’arcunusci…

BELINDO       L’hai capita che dovevi spartì li sordi…

BERARDO    No… l’errore mio non è stato quillu… ma unu più grossu…!

BERENICE    Più grosso de quistu…?


49


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BERARDO    Ehhhhh… enormemente più grossu…

BENIAMINO Quale sarebbe statu?

21° QUADRO BERARDO SPIEGA IL SUO ERRORE

BERARDO    Quellu de sopportà… zittu in silenziu per anni, aspettanno un riscattu che venisse da

fori… invece che da dentro de me…. Diceo: “Se ciappizzo vedrai come ce li piego” e

devo di che all’iniziu me parea giustu… me sindivo cunsideratu… ma po’ ago capitu

che non era considerazione… tutti sete diventati rispettusi ma perché? Perché me ero

riscattatu?

None… perché ago vintu un saccu de sordi… tanti che pure a spartilli tra tutti so

tanti… Solo pe’ mi fratellu Tarquiniu so armastu quillu de prima, ma pe vojandri no.

BRUNIRDE    Ma pe’ forza Bera’… hai fattu 6… un sei che ce pole fa sta bbene a tutti…

BERARDO    E’ vero… Ago fattu un sei… per otto.

Ma lu riscatto ndo sta? Io spartisco la vincita e cambia la cunsiderazzione! Ciò

penzatu sapete?…  pe mesi è statu un incubo… un chiudu fissu,  forze quarcunu se

sarà anche accortu che ero assente… avrà penzatu… “mo ce la farà pagà… ce le farà

scontà tutte… se lu ripija lo pane….(pausa)

io scommetto che testa fosse stata una commedia recitata in teatru anche lu pubblico

avrebbe penzatu “mo je la farà pagà… je le farà scontà tutte… se lu ripija lo

pane….” sbajanno come sbajavo io… perché testa è la natura umana… ognunu de

nui cerca un riscattu che, se vene da fori… è meno faticusu! (pausa)

E allora ago capitu che la vincita era una proa! Io dovevo provà a riscattamme… e lu

riscattu veru… credeteme sta nell’esse diverzi!

Ecco perché ago deciso de non lascià niente a gniciunu dei presenti!

22° QUADRO BERARDO AFFERMA DI LASCIARE TUTTO ALL’UNICO ASSENTE

BELINDO       Tuttu stu bellu discursu pe’ dicce che a la fine te teni tuttu tu?

BERARDO    Vidi che non capite…! Non capite perché è vero… lu monno non cià recchie pè

sindì… non lascio niente a gniciunu dei presenti… (pausa)… mancu a me!

(Un ohhhhhhhhhhhhh di stupore simultaneo tra gli altri 7 ad alta voce)

BERARDO    Stupiti?

BELINDO       Non te teni niente?

BERARDO    Mancu un euru!

BRUNIRDE    Che hai cumbinatu Berà… hai bruciatu una furtuna?

BERARDO    None… ago semplicemente lasciatu tuttu all’unicu assente!


50


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BEATRICE    Come l’unicu assente?

BARBARA    Chi sarebbe l’unicu assente?

BASILIO         Chi sarebbe…? quillu che non ce sta!

BERENICE    Bella scoperta… sennò che assente è?

BENIAMINO Sci vah beh… ma chi è quillu che non ce sta…?

Entra Tarquinio

(Tutti insieme) Tarquiniu!

BRUNIRDE   (Al marito) Bruttu assassinu… hai lasciatu tuttu a fratitu?

TARQUINIO (Mima chiarissimamente la frase: A me? Noooooooooooo!)

BRUNIRDE   A te no è… non t’ha lassatu niente a te?

TARQUINIO (Mima chiarissimamente la frase: A me? Noooooooooooo!)

BASILIO         Ma non è vero… stonno daccordu no li vidi?

BELINDO       L’urdimo attu de una vendetta bene orchestrata!

BERENICE    Se spartiscono tra loro e magari se ne vanno pure!

BERARDO    Anche Tarquinu è armastu in bolletta.

BEATRICE    Allora io non ciaco capitu gnenete.

BARBARA    Io meno de te!

BENIAMINO Me pare un rebusse… chi è quillu che non ce sta…?

23° QUADRO BERARDO DICHIARA CHE L’UNICO ASSENTE E’ CIPRIANO

BERARDO    Si tu fiju miu…!

BENIAMINO Io…? Io ce sto… eccome!

BERARDO    No…no… tu non ci stai…

BENIAMINO Non capisco…!

BERARDO    (Tirando fuori la ricevuta del modulo firmato al dott. Zecca) Carta parla…

BELINDO       E che dice?


51


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

BRUNIRDE   Non ce tesnissi su le spine… che dice Bera’…

BERARDO    Attesta il lascito di 52 milioni di euro all’unico assente…

BENIAMINO Dice lu nome!

BERARDO    (Fiero) Ciprianu Abbraccicaventu

24° QUADRO STUPORE E INCREDULITA’ : IL MONDO NON HA ORECCHIE

(Un ohhhhhhhhhhhhh di stupore simultaneo tra gli altri 7 ad alta voce)

BRUNIRDE   (Strappandogli la ricevuta di mano) Tu si mattu Berà… non pole esse… fa legge…

BERARDO    Non pole esse.. leggi leggi…

(Gli altri gli si fanno attorno vociando poi il silenzio)

BERARDO    Leggete leggete

BRUNIRDE   Che hai fattu Berà? … hai buttatu via una furtuna…

BERARDO    Perché?

BASILIO         Ma come perché… Per legge non poli armettete un nome che te si cambiatu…

BERARDO    E allora?

BERENICE    Allora hai dilapitatu un regnu…

TARQUINIO (Mima chiarissimamente il mondo è senza orecchie)

BERARDO    E’ vero Tarqui’… ciai raggione… lu nommu è senza recchie… ma non ze pole fa

come fai tu… siccome lu monnu è senza recchie io pozzo fa a meno de chiacchierà…

TARQUINIO (Mima chiarissimamente il: No?)

BERARDO    E no… no… sennò continuamo a sbajia e non se finisce mai… mai! (Pausa) Se lu

monnu è senza recchie cemo tutti l’obbrigu de strillà 10 volte più forte… e io 10 vorde più forte strillo che non ago dilapidatu niente e che me so riscattatu!

25° QUADRO BELINDO COMPRENDE IL RISCATTO DI BERARDO

BRUNIRDE E c’è costatu gnende stu riscattu! BERARDO Gnente esattu… c’è costatu gnente…


52


SEI PER OTTO

commedia in due atti di Italo Conti

Belindo intuisce cosa voglia dire Berardo e si alza dalla sedia puntando un dito alla testa come se stesse pensando e si incammina per raggiungere il posto dove siede Barbara mentre gli altri continuano:

BRUNIRDE   Dici bbene tu…

BASILIO         Una pacìa… una pacìa bella e bbona

BERENICE    Non ce riarzeremo mai più da ‘na botta ccucì

BEATRICE    Semo belli che zompati per aria…

BENIAMINO Se sapeo non lu cambiao lu nome…

BELINDO (Raggiungendo barbara) Io ago capitu… ago capitu de che riscattu parla… (avvicinadosi a barbara) Tra un mese… Tra un mese…

BARBARA    Che succede tra un mese?

BERARDO    Tra un mese lu monnu artroa le recchie!

BELINDO       (Inginocchiandosi sconfitto e afferrando il piancone) Tra un mese… nasce un

braccicaventu…

BERARDO (fiero allargando le braccia tese al cielo) Esattu… (pausa e poi scandendo bene) Ciprianu Braccicaventu!

Tutti si fermano nelle loro posizioni parte la musica finale si chiude il sipario

FINE


53

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno