Servizio a domicilio

Stampa questo copione

Venditrice porta a porta

Servizio a domicilio

(La stanza è vuota tutti sono fuori, dalla porta entra Vito )

Vito - (passa in rassegna il mobilio della sua casa, poi si dirige verso la tavola e scoperchia il tegame pronto per la cena) Cipuddi, trippa e sangeli, e vabbeni voli diri ca pi stasira mangiamu leggeru, ogni tantu ci voli un pocu di dieta... (assaggia, prende una birra dal frigo e la scola di un fiato poi si mette a sedere pregustando la cena, appena seduto spara il campanello, va ad aprire e gli si presenta una bella ragazza, una venditrice porta a porta)

Ragazza - Buongiorno permette due parole?

Vito - Certo si accomoda!

Ragazza - Lei non mi conosce...

Vito - Come no? l’ho già vista una volta in un libro, però nel disegno aveva le ali...

Ragazza - (Incassa e sorride comunque a Vito) Lei non mi conosce, dicevo, però io so che lei ha bisogno dei miei prodotti, i prodotti “Over the Top”

Vito - (Risentito) No, vadda signurina, chista sarà ca è na casa modesta ma topi propriu non ci ni sunu, c’era quarche scaravagghiu l’annu arreri ma poi ci desimu u Flit...

Ragazza - Ma no, che cosa ha capito? I nostri sono cosmetici, creme, magici profumi Over the Top. Lei conosce la fragranza del dopobarba Alien?

Vito - Beh vadda, iu l’agghiu ciu mittissi a tutti i gnuni, macari ‘nto cappuccinu, però a mittiraccillu ‘nto doppiobarba mancu iu ci ava pinsatu mai!

Ragazza - Forse le potrebbe interessare una crema per sua moglie? Che so una crema idratante ... o ...

Vito - Pi faureddu, mai mai...di dda vota ca ficimu u barbacus a casa e vinniru i pumperi, a me mugghieri ci vinni un scioccu ca comu vidi un idranti ci venunu i lissi

Ragazza - (Cerca un diversivo) Senta potrei almeno chiederle una cosa?

Vito - Macari dui!

Ragazza - Sotto, prima di salire, una macchina è passata in una pozzanghera e mi ha schizzata tutta, mi darebbe gentilmente la possibilità di cambiarmi?

Vito - Ma certu signurina, vinissi dabbanna cu mme

Ragazza - Ma certo la ringrazio (vannno)

Vito - Pi favuri però s’ha mettiri i pattìni se no me mugghieri addiventa na vipira

Ragazza - Certo, non si preoccupi, le chiedo ancora scusa del disturbo, farò in un attimo.

Vito - Non si preoccupi, facci come se era a casa sua (vito chiude la porta sul sorriso della ragazza e si precipita a prendere il Marsala all’uovo e due bicchierini) Mamma mia e cu è chista? E’ na pinappa, na trop motel ... sugnu tuttu sguazzariatu  (mentre continua i preparativi Vito viene sorpreso dallo sparo del campanello, apre ed è Derelitta)

Derelitta - Vitu, lassasti di novu i chiavi na frimmatura e non potti rapiri (Vito rimane a bocca aperta, Derelitta vede i due bicchierini) E chi fai vivi?

Vito - (Indifferente) Cui iu? (e guarda con aria interrogativa bottiglia e bicchieri che ha in mano mentre Derelitta posa le buste della spesa) Ah si mi stava assittannu a vidiri a televisioni e dissi “mah ora mi vivu quarche cosa” cu stu malutempu ca c’è...

Derelitta - Cu du’ bicchieri?

Vito - E certu Un bicchieri u mettu chinu e unu leggiu, sai comu sugnu iu, cetti voti mi veni a siti e cetti voti no..., ma tu chiuttostu non eri o mercatu a fari a spisa?

Derelitta - E cu st’acqua ca cala unni ieva? Ca mi ni ii ‘nte putii ca vicinu

Vito - Ma chisti chi su putii? Chisti su caverni de quaranta latruni, u fruttasiolu havi prezzi ca avissa affacciari a bannera pirata!

Derelitta - A propositu u sai chi mi dissi a mugghieri do fruttaiolu?

Vito - Cui dda sparrittera?

Derelitta - Ma tu no sintisti chi ci capitau all’elettrautu?

Vito - Cui Angilu? E chi fici?

Derelitta - Chi fici?, u porcu fici. Iddu pinsava ca so mugghieri era fora, idda turnau all’impruvisa e u ttruvau cu l’amanti!

Vito - (Vito è visibilmente turbato) E chi successi?

Derelitta - Chi successi? A mugghieri pigghiau a pistola e si stutau a tutti e dui! Pummiti Pummiti!

Vito - (Senza farsi vedere da Derelitta, estrae la pistola e comincia cautamente a scaricarla)

Derelitta - (Mentre scarica le buste della spesa) Pasta, ogghiu, cipuddi...

Vito - (Ripone la pistola scarica) Ecco u vidisti, si sempri tu ca ti scordi i cosi! Ti scurdasti i cimi di rapa. Ora pigghia e ha nesciri di novu!

Derelitta - (Stupita estrae un pacco) No cca sunu i cimi di rapa ...

Vito - E i chiappiri? Comu i fai i cimi di rapa senza i chiappiri?

Derelitta - Ma quannu mai ci ama misu i chiappiri ‘nte cimi di rapa?

Vito - Ha vistu? E ‘nveci ci l’ha mettiri, picchissu nna l’ultimi tempi non sapeunu di nenti! Ora ha nesciri e ha ghiri a pigghiari i chiappiri, avanti bedda lesta va!

Derelitta - Ma no, ca macari i chiappiri ti pigghiai.

Vito - Auh, ma ci fussi na vota ca ti scordi qualche cosa! E chi si precisa, pari na machinetta, e chi si a donna biotica?

Derelitta - Vitu, ma chi sta dicennu, chi c’hai a stasira, e iu macari ca ti dugnu cuntu! Fammi iri a canciari ca sugnu tutta vagnata, passau na machina e m’anniau tutta.

Vito - Macari tu!

Derelitta - Comu “macari tu”?

Vito - (tra se) E comu si ci metti sta marcia nnarreri? (alla moglie) No ... vuleva diri: Macaru tu...vidi ca c’è a pozzanghera e ti ci metti davanti?

Derelitta - (dirigendosi verso la camera da letto) Va bbeni ma ora fammi canciari...

Vito - (con un balzo a braccai allargate davanti alla porta) No!!! Derelitta non ti ci po’ iri a canciari cca!

Derelitta - E picchì?

Vito - Pcchì ... rapii a finestra eccu picchì. Dda intra fa friddu e tu chi ti vo’ canciari o friddu? E si ti veni na bronchiti asmanica, o ‘ncatarru ntestuali?

Derelitta - Ma cu stu mautempu tu mi o grapi a finestra, Vitu?

Vito - U sai chi fu, ca siccomu mi ci fumai na para di sigaretti, e ci vosi dari ‘npocu d’aria a stanza...

Derelitta - Vitu, ma tu mai ha fumatu ...

Vito - (Con l’espressione di un bambino scoperto con le mani nella marmellata) E va beni Derelitta, mi scupristi! Ju fumu ammucciuni! Ma ora va canciati na stanza di Oronzu. (Vito spinge di peso Derelitta nella camera del figlio)

Derelitta - Ma Vitu i vistiti ju ci lìhaiu dda banna!

Vito - E mettiti a vestaglia di Oronzu! (chiude dentro la moglie nello stesso istante in cui dalla camera da letto esce la ragazza che indossa un abito diverso e lo stesso sorriso)

Ragazza - La ringrazio veramente di cuore e ...

Vito - (Precipitoso) Figurarsi è stato un piacere averla qui arrivederci.

Ragazza - Senta visto che lei è così buono , mi fa andare un attimo al bagno?

Vito - Macari!

Ragazza - La prego faccio prestissimo.Pam Pam...

Vito - (Guardando la stanza dove è la moglie) E si non si spiccia u vidi chi Pam Pam ca c’è. Un attimu e poi si nna iri. (si chiude la porta del bagno e si apre quella della camera di Oronzo esce Derelitta e si avvia verso il bagno) Unni sta iennu?

Derelitta - O bagnu

Vito - Non si po’

 Derelitta - E picchì?

Vito - (pensa un attimo) E’ ‘ntasatu, pi cuppa di tutta st’acqua scuppiaru i tubi, pareva quannu scoprunu u pitroliu; s’allagau, c’è un sgricciu di acqua comu a cascata di Marmotti, traseru macari ‘mpugnu di mirruzzi, tenchi, e ‘mpisci spadu s’affacciau ca pi cacciallu ci vosi ocche menz’ura.

Derelitta - Ma allura chiama o stagninu

Vito - Ma chi stagninu, ci pensu iu, tu vai nta vicina e ti fa pristari u sturalavapiatti ca tu sistemu iu nta n’attimu.

Derelitta - E chi ci vaiu vistuta accussì?

Vito - E chi ti vo mentiri u vistitu da sposa, l’abitu da sera oppuri ti vo ccattu na pelliccia di visoni? (vito così dicendo spinge fuori la moglie mentre si apre la porta del bagno ed esce la ragazza)

Ragazza - Ecco fatto!

Vito - Io immagino che lei ci avesse un sacco di cose da fare, non la vorrebbe trattenere...(nel frattempo si sente aprire la porta... Vito spinge la ragazza all’attaccapanni e la copre con l’impermeabile mentre entrano le figlie e si dispongono alle consuete abitudini Addolorata al telefono, Immacolata verso un libro e Deborah prende il walk-man) Chi stati facennu? Oggi non si leggi e non s’abballa e sopratuttu non si telèfrica! Oggi tutti avanti a televisioni! (  e le spinge davanti al video)

Figlie - (Protestano nella loro lingua...)

Vito - Solenzio! Oggi non si parra mancu u geroclificu, c’è un programma bellu, ‘mparatu e istruttivu! (Accende col telecomando) Ddocu u viditi: l’intervallu, ppi ‘mpararivi a geografia, azziccativi ssa testa nta televisioni ca appoi vi ‘nterrugu! E si vi girati a testa vi sauta libira! (mentre sta per far uscire la ragazza si sente Derelitta, Vito pronto si ficca un fazzoletto in bocca)

Derelitta - (da fuori) Vitu apri ca c’haiu i manu ammarazzati

Vito - (Vito apre appena la porta)

Derelitta - Cca c’è u sturalavapiatti... Ma Vitu chi ti successi si unchiu comu na buffa!

Vito - U denti, u denti c’iaiu ‘nduluri ca staiu murennu, mi pigghiau di punto in colpo, mi vinni una fritta al nervo tricefalo, ci haiu i duluri lacero confusi! Si vunchiau macari a fotografia da carta d’identità. Vai subitu ‘nta farmacia e pigghimi ‘ncalmanti!

Derelitta - E comu vistuta accussì?

Vito - E ci torna cu ssu vistitu! Ju staiu murennu e tu pensi o vistitu? E quannu moru chi fazzu ci dicu “aspittati tutti ca non pozzu moriri, me mugghieri ancora s’ha ccattari u vistitu ppo’ funerali”! (a malincuore Derelitta ece nuovamente; Vito chiude la porta si toglie il fazzoletto dalla bocca e si appoggia alla porta stremato) Matruzza bedda mi sentu quarant’anni superchiu supra i spaddi ( Scopre la ragazza) ... bbi mi passaru tutti ‘nta na vota!

Immacolata - (Sta per girarsi e bofonchia qualcosa)

Vito - Non t’arriminari ti dissi! Fai cuntu ca sugnu Giuca Scasetta: t’ha girari solo quando lo dico io, solo quando lo dico io...

Ragazza - Mi dispiace di averle arrecato tutto questo disturbo.

Vito - Ma chi disturbu, anzi speriamo di arrivederci quarche votta

Ragazza - (ammicca, da un bacio a Vito) Chissà? (ed esce)

Vito - Matruzza. matruzza! Mi sentu tuttu cassariatu, mi stanu vinennu i sintòmi, staiu addivintannu nautru tantu, macari i capiddi biondi mi stanu addivintannu... (e sviene)

Derelitta - (Tenta di aprire la porta ma non ci riesce perchè c’è Vito svenuto dietro, infila solo la testa e osserva le ragazze davanti al televisore, vede il marito a terra) Matruzza bedda e chi ci successi? (entra spingendo Vito, si abbassa vicino a lui e gli sfiora il viso) Vitu chi c’è ti senti mali?

Vito - (Rinvenendo) A sei tonnato angilo maliardario?

Derelitta - E certu ca tunnai, a farmacia è ccarreri!

Vito - Ma quali farmacia?

Derelitta - Ca pu duluri di denti... ma chi fu ti passau tuttu nta na vota?

Vito - (sognante) E’ passato quando mi ha baciato...

Derelitta - Ma chi c’hai parri italianu, talii ‘ntall’aria, e poi cu fu ca ti baciau?

Vito - (ripetendosi la domanda) e poi cu fu ca mi baciau? ... A furtuna, eccu, la dea bendata, fimmina volubili e capricciusa, si isau dda pezza di nta l’occhi e mi guariu...

Derelitta - A propositu di fimmini, mi dissa a purtunara ca c’è in giru na fimmina ca fa finta di vinniri profumi e ‘nveci è na latra di prufissioni, ca va furriannu a rubbari nta l’appartamenti (rivolta alle ragazze) U sintistuvu, quannu siti suli non grapiti a nuddu m’arraccumannu!

Vito - (si sente mancare, balza in piedi e va a frugare nell’impermeabile,si accorge che li manca lo tipendio, rimane esterefatto) U stip... u stip... u stipendiu...

Derelitta - Vitu ma chi dici chi centra u stipendiu?

Vito - Dicu ca oggi pigghiai u stipendiu...

Derelitta - E allura? No pigghi tutti i misi?

Vito - Si ma comu stu misi non l’haia pigghiatu mai!

Derelitta - (Si avvicina confidenzialmente al marito) E poi, sai no vosi diri davanti e carusi ca si ponu scannaliari, menu sanu de cosi brutti da vita e megghiu è... (controlla che non possano sentire) E poi addirittura pari ca a latra non è na latra ma è un latru ca si travesti di latra ppi trasiri megghiu ne casi di cristiani!

Vito - (sgrana gli occhi, fa la faccia schifata, comincia a gesticolare, corre in un angolo a sputare)

Derelitta - Vitu ma chi hai, picchì sputi?

Vito - (Solleva la faccia sconvolta) Picchì sputu? picchì semu ‘nta ‘nmunnu ca è un biduni da munnizza! Unu ‘ncontra na carusa, pari ca ci arrubbau u cori e ‘nveci ci arrubbau u pattafogghiu, e spatti a carusa non è na carusa ma è n’omu, alla facci du doppiobarba all’agghiu, Pphuhh (a grandi passi se ne va nella camera da letto)

Derelitta - Vitu ma chi hai stasira chiù emu avanti e menu ti capisciu (esce anche lei)

Le figlie - (Parlano tra loro in tono interrogativo)

Vito - (da fuori) Derelitta ma cchi stanu dicennu chissi?

Derelitta - Dissiru “ Ma ora chi fà ni putemu vutari?

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno