Si ti voi maritari a travagghiari

Stampa questo copione

S I TI VOI MARITARI A TRAVAGGHIARI…

    S I  TI  VOI  MARITARI

                 A  TRAVAGGHIARI

COMMEDIA BRILLANTE IN DUE ATTI

(di  Calogero Maurici)

Personaggi

Carlo                   (il fidanzato)

Loredana             (la fidanzata)

Salvatore             (il padre di Loredana)

Maria                            (la madre di Loredana)

Paolo                    (il padre di Carlo)

Agata                            (la madre di Carlo)

Vicinzinu             (il fratello di Loredana)

Giovannino                   (l’amico di Carlo)

                                                                                                                                                               

(elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)

La scena si svolge in casa di Paolo ed Agata, genitori di Carlo, fidanzato con Loredana.

I genitori della fidanzata che spingono i cosidetti compari ad accelerare il matrimonio; i genitori del fidanzato che vorrebbero il figlio sistemato con un lavoro.

La fidanzata che capisc, ma non vede l’ora di coronare il suo sogno; il fidanzato che l’ama ma si sente troppo giovane per il grande passo pensando anche che dovendo lavorare e sacrificarsi fin dalla giovinezza rimane in un mare di confusione.

Il fratello dlla fidanzata, un mafiosetto che si sente grande perché entra ed esce dal carcere “ UCCIARDONE” che cerca con i suoi sguardi, i suoi gesti e con il suo coltello a scatto di spaventare tutti.

L’amico del fidanzato il quale cerca di inculcargli la mentalità del coraggio, rivelandosi poi egli stesso più fifone dell’amico.

Due atti che coinvolgono lo spettatore di qualsiasi età.

La scena rappresenta un tavolo, sedie, quadri, e tutto quello che la compagnia ritiene opportuno….

                   (elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici e dallo stesso autore)

Per ogni rappresentazione di questa commedia: è necessaria l’autorizzazione dell’autore e dell’elaboratore.           (tel. Autore: 090/638009)

Si ti voi maritari a travagghiari

(commedia brillante i due atti)

di Calogero Maurici

A  T T  O  I°

S C E N A  I°

(Paolo, la moglie Agata, il figlio Carlo)

Pao.   (esce dalla stanza  aggiustandosi giacca e pantaloni) Agata…Agata (non

            risponde nessuno) sta mugghieri o è surda o lu fa apposta. Si non la chiamo

            almeno tri voti non rispunni, non si ricogli. (riprova) Agata…Agata (pausa)

           provu cu tri voti…Agata…Aagata…Agata (esce Agata)

Aga.   Chiccè, picchi fai sti vuci, sempri vucinaru si…

Pao.   Ma picchi nesci sempre a terza vota chi ti chiamo, ma du voti non ti basta?

Aga.   Iu ‘nna vota sintivu chiamari.

Pao.   Ta passari ‘nna visitina all’oricchiu, anzi passatilla a tutti e dui.

Aga.   A unni stai ennu accussi allicchittatu, mi pari ‘na persona importanti!

Pao.   (aggiustandosi la cravatta) Ma picchi le persone importanti da cosa si

             riconoscono.

Aga.   Di tanti cosi, proprio chiddi chi ni mancanu a nautri.

Pao.    Ma picchi, ma picchi ti lamenti, non ti pozzu sentiri quannu dici sti cosi, forse

ti manca il mangiare? Forse ti manca il bere? Forse ti manca la casa? Forse ti manca il marito?… Eccolo qua, fresco fresco e hai puru un figliu di vintanni.

Aga.  Pi lu mangiari, vai a fari un pocu di spisa ca oggi non avemu nenti; per il bere,

portati i buttigli e va dinchili picchi l’acqua finiu; pi quantu riguarda a casa  non è nostra ma affittata; lu figliu di vintanni c’è ma…

Pao.  Ma…parla…

Aga.  Ma è senza travagghiu.

Pao.  Menumali, mi paria ca stavi dicennu ca non era figliu meu! (sospira)

Aga.    Pi quantu riguarda il marito fresco fresco è veru, però si fresco comu un  mazzu di lattuca.

Pao.   Quantu difetti c’avemu!..

Aga.   Carlo, ‘u figghiuzzu meu, ancora è senza travagghiu…zitu è puru.

Pao.    Attia ti pari ca ‘u travagghiu è dietro ‘na cantunera, a lu mercatu, quello viene  piano piano, dopu anni di sacrifici, mi staiu stannu appressu all’assessuri pi stu motivu…(esce Carlo)

Car.     Ciao papà, ciao mamma…Papà ti sintia diri ca stai appressu all’assessuri, avi quattr’anni, a chiddu c’interessanu sulu i voti, stai perdennu tempu mi pari, quattr’anni chi ci tiri a giacca.

Pao.    (adirato) Ma chi dici, sparti chissu è u ringraziamento, prima di tutto avi du anni, proprio di quannu ti facisti zitu, poi io giacca non ni tiru a nuddu, l’assessuri porta sempre ‘u cappottu…ti vulisti fari zitu accussi nicareddu…

           Pi maritariti ci voli ‘u travagghiu!  

Aga.    (abbracciando il figlio) A mamma si ti voi maritari a travagghiari.

Pao.    Lu dissi io ora ora…

Aga.    E io c’ hu  ripitivu…

Pao.  Era megliu ca diciatu nautra cosa!

Aga.  Io ci vosi diri chissu!

Car.   Basta papà, mamma, aviti chiù primura vautri ca mi maritu ca io.

Aga.   Veramenti a primura l’hannu i to soggiri, prima non vidianu l’ura ca vi faciavu ziti, ora ca siti ziti non vidunu l’ura ca siti maritati…vannu a trasiri a trasiri e vennu spissu ccà a rumpici a testa.

Pao.   Trasennu trasennu mi sà ca restanu fora!…

Car.    Papà Loredana è  ‘nna bedda picciotta, io a vogliu beni, però mi sento troppu giovane ancora pi…speriamo ca stu travagghiu u trovu fra sette ottu anni.

Aga.   Matri assai sunnu a mamma.

Pao.   Scala Carlo…scala.

Car.    Fra cincu o sei anni…

Pao.   Scala figliu di bona matri.

Aga.   Chi c’entru io per ora.

Pao.   Bona matri dissi io…

Aga.   (accarezzando e baciando il figlio) Scala a mamma, avi ragiuni ‘u papà.

Pao.   Prima trovi u travagghiu megghiu è, anche picchi poi accuchiari i soldi, non ti preoccupari ca ‘u tempu passa, i to soggiri hannu voglia d’aspittari…

Aga.   Però troppu granni non è bonu, non senti chi dicinu a televisione?

Pao.   Chi dicinu.

Aga.   Ca cui si marita troppu granni, figli non ‘nni ponnu aviri.

Pao.   Ignorante, parlano delle donne non degli uomini, tranne ca non sunnu ominicchi…grazie a Gesù…

Aga.   A Madonna…

Pao.   Grazie a Gesù…

Aga.   A Madonna…

Pao.   (adirato) A Madonna a Gesù sempre matri e figliu sunnu, dicemu a S. Giuseppe accussi non s’affenni nuddu…guarda che figlio che ho…che abbiamo…(Agata abbraccia Carlo dicendogli:) si tutto to matri beddu meu!

Car.    Comunque papà, tu non ci mettiri troppu impegni.

Pao.   Per che cosa.

Car.    Pi truvari subitu ‘u travagghiu.

Pao.   Hai ‘na testa dura, ma di cu pigliasti.

Aga.   Picchissu pigliau tuttu di tia!

Pao.   Facitiminni iri ora ca si fici tardu.

Car.    Papà dammi un passaggio…

Aga.   Iu chiù tardu vaiu ‘ni me soru, avi ca non veni…ma comu po’ veniri da mischina cu sta cruci ormai, cu stu figliu di ddà manera…’u vidi a mamma chi significa quannu si fannu i figli in età avanzata? Nascinu babbi comu a to cuscinu.

Car.    Non ti preoccupari mamma, amuni papà..(escono)

S C E N A  II°

(Agata, Salvatore, Maria, Loredana, Carlo)

  

Aga.   (sistema qualcosa) Me soru avi sta pena nò cori cu stu figliu chi ci nasciu accussi, e chiù chi và peggiu è…Madunnuzza pensaci tu pi tutti li famiglie, fai chi nascinu sempre figli beddi, ca testa bona, scaltri e cu la facci bedda tunna tunna e chi nuddu si marita troppu granni asinò li figli nascinu babbi. (bussano e và ad aprire, entrano Salvatore e Maria suoceri del figlio) Pregu cummari, cumpari accomodativi.

Mar.   Avi un pocu di jorna chi non ‘nni vidiamu cummari.

Aga.   Si, veru è!

Mar.   Ma siti sempre sula!..

Aga.   Veru è!

Mar.   Carlo unnè.

Aga.   Nisciu pocu fa cu so patri, avianu a ghiri a tirari a giacca…’u cappottu.

Mar.   Quali giacca e cappottu.

Aga.   No sartu, pi farisilli aggiustari…sta vinennu l’inverno.

Mar.   Iddi sunnu friddulini.

Aga.   Veru è…

Mar.   (impacciata) Avia un pocu chi non ‘nni vidiamu…

Aga.   (anch’essa impacciata) Veru è…

Mar.   Chi si dici cummari… (Salvatore con aria sospettosa comincia a seccarsi)

Aga.   Tuttu vecchiu…cummari mi pariti chiù sicca.

Mar.   Veru è.

Aga.   Loredana unnè.

Mar.   Stava facennu a lista d’invitati, megghiu pinsaricci prima.

Aga.   Veru è…

Mar.   I cosi sanna fari precisi e boni!

Aga.   Veru è!

Sal.    (si alza seccato) Cummari, mugghieri, finitila di ripetiri sempre veru è, veru è!

          Mugghieri o parli tu o ti stai muta (ogni tanto fa un tic con il collo e la testa)

Mar.   Parla tu.

Sal.    Parlu io ca parlu megliu.

Mar.   Veru è!

Sal.    (la guarda male) Ti dissi di non ripetiri veru è…

Aga.   Veru è, cummari l’avia dittu ‘u cumpari di non ripetiri veru è…

Sal.    (innervosito) Cummari a unnè Paulu, quannu vinemu nautri iddu non si fa vidiri mai ccà dintra.

Mar.   Veru è cummari…

Sal.    (sempre nervoso aumenta il tic) Mugghiera, parla tu allura picchi muta non sai stari, e non ripetiri stu veru è…

Aga.   Ma iddu dici sempre ca vautri viniti sempre quannu iddu non c’è.

Mar.   Chissu non è veru, picchi nautri vinemu spissu e iddu non c’è mai,

aga.    Cummari non lu fa apposta, anzi non vidi l’ura ca Carlo trova un travagghiu pi fallu maritari…cumpari Salvatore, picchi non parlati chiù!

Sal.    Cummari oggi haiu troppa pena no cori pi sciarriarimi…me figliu Vicinzinu pi telefono mi dissi ca è innocenti, avi tri misi ca è ‘ngalera innocenti…innocenti

          innocenti…(piange e fa il tic)

Aga.   Cummari tri misi avi…mi paria quattru misi.

Sal.    (alzandosi) Tri misi…(e si siede)

Mar.   (alzandosi) Tri misi cummari, tri misi…i cristiani palanu assai, certuni dicinu c’avi sei misi.

Aga.   Pazienza, cosi chi capitanu ai megghiu picciutteddi! Cummari ma veru è ca si trova a lu carceri l’occiardone assieme ai mafiusi?

Mar.   (tristemente) Veru è!

Sal.    (agitato) Si ma me figliu non avi nenti a spartiri cu i mafiusi.

Aga.   Calmativi cumpari, veru è…tutti cosi s’aggiustanu…calmativi.

Sal.    Cummari, haiu troppi pinseri e non pozzu aviri puru ‘u pinseri di me figlia Loredana c’avi dui anni che zita.

Mar.   Veru è…

Sal.    Appena nesci me figliu di  ‘ngalera…

Mar.   E dici carceri ca è chiù pulitu.

Sal.    ‘U stessu è…

Aga.   Cummari o carceri o galera sempre chiusu è…

Sal.    Vi stava dicennu cummari ca appena nesci me figliu a ma pinsari pi stu matrimonio.

Aga.   Cumpari io non vidu l’ura ca si maritanu, anchi picchi ‘u sapiti comu vennu i figli quannu dui si maritanu granni…    ma chi ci pozzu fari si travagghiu non ‘nni trova.

Sal.    I tempi sunnu tristi ‘u sapemu tutti, ma iddu un pocu di volontà ci l’avi a mettiri…o postu di nesciri sempre cu ddu scansafatichi di l’amico soi Giovanninu, putissi ogni tanto circari qualchi travagghiu…

Mar.   Veru è…stu Giuvanninu è un pocu muntateddu.

Aga.   Chissu è veru..

Sal.    (s’innervosisce) E finitila cu stu veru é..veru è…(aumenta il tic)

Aga.   Cumpari, cummari: però avi dui anni chi viniti, prima ogni  misi; dopu l’annu, ogni quindici jorna; dopu l’annu e mezzu ogni simana, dicitimi ora ogni quantu viniti accussi avvisu a me maritu  e parlati puru cu iddu.

Sal.    Cummari mi dispiaci ca va pigliati accussi, o postu di truvari ‘nna soluzione vi mittiti a fari battuti…

Mar.   Cummari livamu occasioni e circamu di essiri beddi uniti.

Aga.   Ma io dissi sulu chiddi chi mi passau pa’ testa.

Mar.   Salvatore…

Sal.    Dimmi…

Mar.   Si non parlamu puru cu cumpari è inutili chi ti la pigli..

 Sal.   Mi la pigliu, si mi la pigliu, avi du anni ca mi la pigliu no se…

Aga.   Bonu cumpari ca tutti cosi aggiustamu…

Sal.    Cummari vi ripetu ca haiu troppu pena no cori  e non mi veni di parlari assai.

Mar.   Cummari Loredana chiangi pi so frati picchi si trova mezzu sti mafiusi, ‘nni stu carceri all’uciddazzu.

Sal.    All’ucciardoni  quali ucciddazzu.

Mar.   Loredana non vidi l’ura ca si sistema, non si voli maritari granni picchi puru idda mi dissi ca ponnu nasciri figli babbi…(piange)

Aga.   Allura veru è…puru idda ‘u sapi…(bussano, entra Loredana)

Mar.   Bedda mea chiccè.

Aga.   Si scanta si ti nascinu figli babbi…

Lor.    Non ti preoccupari, ancora diciottoanni haiu.

Sal.    Continuannu di stu passu po fari anchi trentanni.

Lor.    (alla suocera) Mamma dicci a Carlo che più tardi vengo, devo andare a fare un po’ di lezione di storia o figliu da signora panzachina…(sta per uscire) ah! papà, mamma, telefonau Vicinzinu.

Mar.   (si alza di scatto assieme al marito) Chi dissi, chi dissi…

Sal.    Chi dissi me figliceddu.

Lor.    (contenta) Dissi ca fra un pocu di jorna u fannu veniri pi tri jorna, l’avvocatu gli ha ottenuto questo permesso speciale per buona condotta.

Mar.   Cummari picchi non viniti a me casa e vi fazzu vidiri quantu cosi chi stamu accattanu pi Loredana, pi quannu si marita.

Aga.   Si, amuninni…chi bellu matrimono chi sarà quannu si mariterà.

Sal.    Cummari aspittati un pocu…ricurdatici a vostru maritu ca pi maritarisi ci voli puru a volontà…

Lor.    (alla suocera) Mamma non vedo l’ora di poter coronare questo sogno. Io e Carlo da soli in una casa tutta nostra, io in cucina che gli preparo il pranzo, la cena quando ritorna dal lavoro…

Aga.   Si travagghia!

Lor.    (sempre in modo romantico) Io che gli preparo l’accappatoio, il fono, la spazzola…

Aga.   Bedda, io a me marito puri i mutanni ci priparu e si Carlo non travagghia mancu a vasca di bagnu aviti comu già ‘u fonu e l’avvoltoio comu schifiu si chiama..

Lor.    Riusciremo in tutto, picchi ‘nni vulemu troppu beni, e poi nella stanza da letto con i mobili che fanno odore ancora di nuovo, abbracciati stretti…stretti e poi…e poi…e poi…

Aga.   (interrompendola) E poi pinsaticci subitu asinò vi vennu i figli babbi.

Mar.   Amuninni cummari.

Sal.    Cummari Agata, non vi scurdati ca fra pochi jorna semu nautra vota ccà pi parlari di stu matrimonio  (lo ripete anche Agata)

Aga.   ‘U sacciu , ‘u sacciu…(stanno per uscire ed entra Carlo)

Car.    Loredana passavu da to casa e non c’eri.

Aga.   Era ccà, ti stava priparannu ‘u fonu, u pigiama, e i mutandini!..

Sal.    Al più presto cummari ci priparirà.

Car.    Ciao mamma, ciao papà (ai suoceri)

Mar.   Chi beddu jenniru chi capitamu, beddu…beddu…piccatu caci manca ‘u travagghiu!...

Sal.    Nenti dicisti..(ogni tanto fa il tic)

Car.    (stringendo Loredana) Io staiu facennu di tuttu, poi ancora menumali ca semu giovanissimi…

Mar.   Megliu maritarisi giovani.

Aga.   A mamma sugnu d’accordu…Carlo statti dintra ca to patri chiavi non si ni purtau, io vaiu cu i to soggiri.

Sal.    (prima di uscire) Loredana non perditi assai tempo e veni presto.

Lor.    Subitu fazzu papà…(i fidanzati rimangono soli)

Car.    Loredana…

Lor.    Carlo…

Car.    Loredana… (lo ripetono per qualche altra volta)

Lor.    E spicciati a darimi qualchi vasata c’avemu picca tempu…(dopo il bacio)

          Me patri dici ca travagghiu non  ‘nni mangi…

Car.    Veru è, pari ca ‘u travagghiu si mangia? Serve pi fari mangiari…

Lor.    Tu babbii…

Car.    To patri parla assai…

Lor.    Io non cridu a nenti, cridu sulu attia ca mi voi beni e che domani questo sogno possa avverarsi…(romantica)

Car.    Domani? Ma io non sacciu si passa ancora nautru annu  e tu dici dumani!

Lor.    Domani pi modu di diri…me frati fra un pocu nesci, mi dumanna sempre di tia, mi dici sempre ca si per caso mi lassassitu ti tagliassi a testa.

Car.    (si spaventa) Dicci a to frati di stari tanquillo, iddu po’ stari ‘ngalera quantu voli anchi pi tutta a vita, io sarò per sempre tuo, mio piccolo fiorellino, micetta mia…

Lor.    Micetto mio…

Car.    Micetta mia..

Sal.    (venuto a chiamare la figlia) quannu ci sunnu i gatti ponnu nasciri gattini… ancora ccà si, camina ca to matri avi bisognu di tia…

Lor.    Vegnu subito papà (mentre il padre esce) Ti prego datti da fare, fatti vedere che hai buona volontà…

Car.    Lo sai che faccio di tutto Amore mio…

Lor.    Ciao, sposiamoci al più presto…

Car.    Ma ‘u sai ca pi maritarisi…(entra Salvatore)

Sal.    A travagghiari…a travagghiari…amuninni Loredana..(escono)

S C E N A  III°

(Carlo, Paolo, Giovannino)

Car.    Mamma mia, cu sta manu mi vogliu maritari subitu…cu chissa manu ‘nveci mi veni difficili a travagghiari, mi sentu troppu giovani ancora e cu sulu pinseri ca  a cuminciari a sudari fin d’ora mi sentu stancu (si siede) ma poi pi cui: pi figli de mammi, certo Loredana mi piaci a vogliu, però ‘u proverbiu anticu dici giustu: si ti voi maritari a travagghiari…poi si ci metti ddu malandrinu di so frati, dici ca mi taglia a testa, cu sulu pinseri mi fa cacariari…mi misi di ‘nna bella situazione…(entra il padre)

Pao.   Chi fai sulu.

Car.    Nenti, riflettevo…

Pao.   Riflettevi, pi riflettiri si rifletti ca testa e attia a testa pari ca t’ascipparu.

Car.    Papà pi favuri non nominari a testa e pi giunta scippata.

Pao.   Si, ti la nominu, ma quannu mai tu hai riflettuto, ‘nna vota sula ‘u facisti e cumminasti dannu, ti facisti zitu nicareddu e senza travagghiu…

Car.    Papà, non mi diri ca chiddi chi sunnu ziti travagghianu tutti.(bussano, entra Giovannino amico di Carlo molto fanatico)

Gio.    Buongiorno sig. Paolo, Carlo amico mio (gli dà una botta sulla spalla) chi si dici, che mi racconti..

Car.    Veramente tu che mi racconti, sei andato a Parigi…

Gio.    (con classe) A Parigi, costa azzurra, che meravigliosa anzi meravigliosissima, stupenda, la cotè Azur, Nice, Monaco, Monte Carlo, là c’è vita e chi è giu lo fa tirare su…

Pao.   Ti divertisti assai allura…

Gio.    Divertito, (ride) divertito è poco…quante conoscenze, spiagge, monumenti e…e… fimmini, Carlo amico mio (botta sulle spalle) chi fimmini, in deci jorna mi fici zitu tri voti, una lassa, una piglia, una lassa, una piglia…

Pao.   Me figliu non lassa, ma si fa pigliari!..

Gio.    Sig. Paolo, ‘u dannu di Carlo, l’amico mio (botta sulle spalle) fu chiddu ca si fici zitu troppu prestu.

Pao.   Ma finu a chi unu è zitu magari po’ giostrari, ccà si parla di maritari…

Car.    papà non esagerari…iu ancora…

Gio.    (lo interrompe) Carlo amico mio (botta sulle spalle) ma ‘u sai chi significa maritari? Che subito a travagghiari, to mugghieri a mezzogiorno deve preparare e tu a travagghiari, a sira devi cenare ma prima  a ghiri a travagghiari, poi vennu i figli e tu chiassai a travagghiari..

Pao.   (esce un fazzoletto) Bonu Giovannino, a furia di travagghiari a me figliu u stai facennu sudari senza mancu cuminciari (gli asciuga la fronte al figlio)

Car.    Chi siti spiritusi!

Gio.    Carlo, ma prendi esempio su di me, io mi godo la vita, conoscenze, spiagge, gite, monumenti, fimmini e chi fimmini…Cotè Azur, sig. Paolo è meravigliosa, meravigliosissima…

Pao.   (al figlio) Disgraziato, senti senti all’amico toi (imitandolo) spiagge, sabbia, rina, costi azzurri, costi di tringa…meravigliosa…

Gio. Pao. (assieme) Meravigliosissima…

Pao.   E tu mancu vintanni…

Car.    Papà Loredana mi piaci, a vogliu, ma i patti eranu di stari almenu quattru anni ziti.

Pao.   Cu idda i facisi sti patti, ma cu i to soggiri e ddu malandrinu di tò cugnatu Vicinzinu…

Car.    Iddu dici ca appena nesci a sistema iddu sta faccenda…

Gio.    Si, ti trova subitu ‘u travagghiu, specialmente ora ca si trova assieme a qualchi mafiusu chi cunta..

Pao.   Senti , io vaiu a dari ‘nna occhiata ‘ncampagna picchi avi assai chi non ci vaiu, (al pubblico) megliu parlari cu i pecori ca cu sta pecora…(mentre esce) vidi ca l’assessuri mi dissi ca farà il possibile per aiutarti…

S C E N A  IV°

(Giovannino, Carlo)

Gio.    Eh! Carlo…Carlo, ma chi mi combini, tutti cosi mi putia aspittari ma no ca già si parla di maritari…le donne, le suocere, sono tutti cosi, prima non vedono l’ora di fidanzarsi ufficialmente, poi non vedono l’ora di sposarsi, vanno a trasiri a trasiri…

Car.    Giovannino, ma io non mi vogliu maritari subitu, non mi sentu prontu…a Loredana a vogghiu beni però non mi sentu prontu di maritarimi subitu…di cuminciari a travagghiari e arrivari stancu ogni jornu…

Gio.    E sudari, sudari assai ca certi jurnati non tisenti mancu di faricci qualchi carezza a tò mugghieri, picchi Carlo lo sai quante calorie si perdono dopo aver consumato un atto sessuale?

Car.    Assai u sacciu!

Gio.    Ma chi sai, chi sai tu…io lu pozzu sapiri picchi sono preparatissimo in materia, picchi tu u sai, io…spiaggie…

Car.    Monumenti, fimmini…

Gio.    (botta sulle spalle) Lo vedi che l’hai capito! Ti capisco, si ogni tanto avissi ascutatu ammia per ora non ti truvavi ‘nni sta situazioni, per ora eri con me a la Cotè Azur…

Car.    Hai ragiuni.

Gio.    Carlo amico mio…

Car.    Dimmi.

Gio.    Quannu ti mariti, vai a costa azzurra, picchi è meravigliosa, meravigliosissima.

Car.    E finiscila di parlari di maritari.

Gio.    Prima o poi lo devi fare.

Car.    Ora appena nesci me cugnatu da galera non sacciu chi pisci pigliari, chiddu fa scantari cu ddu parlari, cu dda facci di malandrinu, di comu si movi, cu ddu cappeddu di latu, metti suggezioni…

Gio.    Non devi aver mai paura…prendi esempio su di me, io non ho p a u r a di nessuno, secondo te da dove scaturisce il mio coraggio, da dove…da dove!…

Car.    Chissacciu io…

Gio.    ‘U voi sapiri!

Car.    Ormai dimmillu…

Gio.    Dalla mente…

Car.    Dalla mente?

Gio.    Si, dalla mente (si atteggia) tu devi far capire che non hai mai paura, mai e poi mai Carlo; piccghi quanu l’autru ca si trova di fronte attia capisci ca ti scanti si fa chiù curaggiu pi fariti scantari chiassai.

Car.    Ma comu si fà, cu certi individui è difficili.

 

Gio.    Con chiunque Carlo, con chiunque…ti voglio raccontare un episodio chi mi succidiu in caserma il primo giorno di militare…Un buffone, sentimi bonu, un buffone chi si stava congedannu, al primo giorno chi arrivai mi dissi: recluta, spina, fammi ‘u lettu, picchi asinò stasira tu non dormi… mi taliava e io ‘u taliava; iddu non parlava e io non parlava; mi taliava fissu fissu negli occhi e iu ‘u taliava fissu fissu negli occhi; poi mi fici un sorrisinu e io ci fici un sorrisinu chiù forti; poi mi misi a manu ‘ncapu a spadda e nisciu un cuteddu (Carlo si spaventa) e mi dissi: cerca di fari ‘u lettu e non fari ‘u duru picchi asinò stu cuteddu fa dannu e ti po’ satari qualchi ditu…

Gio.    Io ci misi a me manu ‘ncapu a spadda e ci rispunnivu: io cuteddu non ‘nni portu, ma fammi satari qualchi ditu, un occhiu o chiddu chi voi, ma ti assicuru ca prima ca fai qualchi mossa ti ritroverai ca testa scippata…Carlo amico mio (botta sulle spalle) mi livau a manu ‘ncapu a spadda,  chiudiu ‘u cuteddu e mi dissi: ti ho messo alla prova!

Car.    (stupito) Giovannino, ma unni ‘u pigli stu curaggiu…

Gio.    Dalla mente, dalla mente…in quel momento devi pensare: NON MI SCANTU… NON MI SCANTU…Carlo anche cu un cuteddu misu o coddu io non mi scantassi mai e di nuddu.

Car.    Sta faccenda la sistimare, appena vidu a Loredana ci parlo chiaro e appena vidu a me cugnatu lo affronto senza scanto (deciso)

Gio.    Cominci a piacermi. Ora mi ‘nni vaiu picchi a fari un saccu di cosi (mentre esce) ah! Carlo, mi raccumannu quannu ti mariti…fra deci vintanni, scegli tu per il viaggio di nozze, non fari vinciri e fimmini, e ti suggerisco Costa Azzurra, Carlo…fimmini, scappatelle, anche si si maritatu qualchi scappatella ci nesci sempre, è meravigliosa la Costa Azurra, Meravigliosissima  (esce) 

S C E N A  V°

(Carlo, Agata, Paolo, Vicinzinu, Loredana)

         

Car.    Beato iddu, avi ragiuni però, troppu presto m’inguaiavu e poi tuttu stu curaggiu di unni ‘u piglia…ah! dalla mente…(entra la madre) ciao Mamma.

Aga.   Vitti a Giovannino.

Car.    Ccà era, vinni da Costa Azzurra…

Aga.   Mi dissi ca era meravigliosa!.. (subito dopo assieme:) Meravigliosissima…

Aga.   Tu dissi puru attia.

Car.    A voglia!…

Aga.   Ma avi un curaggiu stu picciottu…ma di unni u piglia.

Car.    Dalla mente…dalla mente mamma.

Aga.   Senti a mamma, vidi ca oggi nesci tò cugnatu Vicinzinu do carceri e poi voli veniri a parlari ccà cu nautri.

Car.    Forse cu vautri!

Aga.   Veramente voli parlari cu ttia chiassai…

Car.    E chi voli di mia, mancu nesci do carceri e subitu pensa ammia?!..

Aga.   Non vidi l’ura ca so soru si marita.

Car.    E chi l’avi ‘ncapu a pansa!

Aga.   Menti mi truvava ‘nni tò soggira, telefonau e ci parlavu puru io e mi dissi: donna Agata ( preferibilmente alla palermitana) l’accentu c’avia prima di malandrinu su perfezionau, parla precisu precisu comu un mafiusu…

Car.    Certu stannu ‘nmezzu a tutti ddi maf…

Aga.   Non li diri …non lu diri a mamma, picchi ammia mi dissi ca ti voli beni e chi t’aiuterà.

Car.    Mi aiuterà? Comu e pi chi cosa!

Aga.   A maritatiriti presto.

Car.    E chi marita puru cristiani ora…mamma mia mancu curaggiu di parlaricci haiu, mamma quannu veni, non mi lassati sulu cu iddu, ristati puru vautri cu mmia…

Aga.   Non ti preoccupari, ci facemu parlari a tò patri ca iddu non si scanta…(in quel momento entra e sente tutto)

 

Pao.   E chi c’entru io! (alla moglie) e tu chiffà t’ammucci? E chi mugghieri si…(poi al figlio) e tu…tu, non hai preso niente di tuo padre e di l’amico toi Giovanninu (pausa) ddu picciottu è troppu curaggiusu…a proposito Agata, quannu Carlo si marita ci dobbiamo prendere qualche settimana di vavanza, ti porterò alla Costa Azzurra, mi dissiru ca è meravigliosa, anzi…

Aga. Pao.  (assieme) Meravigliosissima…

Pao.   Puru tu ‘u sai…

Car.    Papà finitila di babbiari…(spaventato)

Pao.   Talia, talia che scantulinu, quantu dannu chi facisti cu sta zitata prestu, certi voti ti dassi ‘nna mangiata di bastunati, e poi to matri t’avissi a dari ‘u restu…

Aga.   Io non lu toccu a me figliu , picchi cu li forti timbuluna poi i figli ponnu nasciri babbiceddi.

Car.    Papà a mumenti arriva me cugnatu e io non sacciu chiddu cheffari!

Pao.   E ‘u voi sapiri di mia chiddu cheffari?

Aga.   Io sugnu confusa…non c’è nenti di preparato…       

Car.    Io sugnu preoccupato…       

Pao.    Io sugnu cacato…

Aga.    Ma dici ca non ti scanti di nuddu…

Car.   S’avissi a metà di curaggiu di Giovannino…chiddu i talia nell’occhi  poi

           ca menti piglia curaggio…

Pao.  Iddu…tu con la mente pigli la via del salvataggio…(fa il gesto)

Aga.  Non ci diri accussi ca è peggiu.

Pao.  Non ti preoccupari, di Palermo  pi arrivari ccà ci vonnu almenu tri uri, nautri

           nel frattempo parlamu, ‘nni organizzamu, picchi ai tò soggiri ci dugnu mastu,

           ci sacciu cummattiri abbastanza bonu, ma a tò cugnatu, al tuo futuro cognato

           mi veni difficili… Ora assittamuni e prima ca iddu arriva studiamu tuttu

           chiddu ca a ma rispunniri nei minimi particolari (si siedono) allura Carlo se pi

           caso…(si sente bussare)

Aga.  Chi è!...  (Vicinzinu risponde da fuori)

Vic.   Sugnu Vicinzinu (in siciliano marcato, preferibilmente palermitano)

Aga.  E chi vinni cu l’aeriu? (tutti spaventati)

Car.   (tenendolo per il braccio) Papà…papà, devo cercare di esseri forti.

Pao.    Si, certo ca a essiri forti…(cambia tono) si forte, puru io..

Aga.  (tenendolo per l’altro braccio) Chi ci dicemu ‘u maritu chi ci dicemu…

Pao.  Ora videmu, (lo tirano entrambi)

Car.   Papà…papà devo cercare di esseri forti…                          

Pao.  (adirato) ’U capivu, e lassatimi sti brazza…

Vic.   Cumpareddi , non ci siti.

Pao.  Ci semu…ci semu…( dopo aver fatto un po’ di scena a chi apre…)

          Apremu tutti e tri assieme,  ci mittemu un ditu… (aprono)

Vic.   (vestito tipicamente da malandrino, ha un sigaro…chi vuole può all’entrata di  Vicinzinu, mettere la colonna sonora del Padrino) Bongiornu a tutti, ma comu

           mai apristivu in ritardu?

Aga.  Eramu in bagnu.

Vic.   Ah! a faciti tutti e tri assieme…

Pao.  Facemu a gara pi vidiri cu a fa prima…poi unu piglia a carta igenica, unu

           ghetta l’acqua, l’autru nel frattempo s’asciuga…

Vic.   A prossima vota vegnu io pi stuiarivi!…

Aga.  Ma chi vinisti cu l’aeriu?

Vic.   Picchi cu l’aeriu donna Agata.

Aga.  Picchi deci minuti fa eri a Palermo.

Vic.   Deci minuti fa eru a dui chilometri di distanza, telefonavu da un bar, io caro don Paolu, i miei movimenti non li faccio sapere mai a nessunu, mentre io mi trovo qua tanti sanno che mi trovo in un altro posto e quelli che sanno che mi trovo in un altro posto sanno che mi trovo in un altro posto ancora.

Aga.  Mi staiu cunfunnennu, ma ora unni ti trovi…

Pao.  L’importante ca si ccà!

Vic.   Vautri suli ‘u sapiti…Carlo, (Carlo salta per lo spavento) ma non mi saluti, non l’abbracci a tò cugnatu (si abbracciano)

Pao.  Non ci fari casu Vicinzinu, Carlo era impegnato con la mente…

Vic.   Pinsavi a me soru ah!…invece donna Agata a voi vi saluto io, perché sono più piccolo…

Aga.  Ma quantu è educatu!

Vic.   Non si sposti donna Agata, vengo io da lei…(si salutano, poi guarda fisso Paolo)

Pao.  Non mi sposto non ti preoccupari…

Vic.   Invece voi don Paolu, un passu l’aviti a fari.

Pao.  Un passu…su…sulu unu…ma picchi me mugghieri non ‘ni fici mancu unu…avemu a stessa età…

Vic.   L’uomo è diverso, sti cosi le ho imparate da certi uomini d’onore o l’ucciardone…

Aga.  ‘Ngalera veru…

Pao.  (sottovoce) Usa a parola chiù pulita…

Aga.  ‘Ncarcere veru…

Vic.   Me patri e me matri mi dissiru ca i faciti veniri spissu ccà dintra!

Pao.  Si ormai sunnu cumpari e cummari, puvureddi chi fannu suli, Loredana spissu è a chiesa, tu spissu si…

Vic.   Unni sugnu io…

Pao.  A…a…a Palermo!

Vic.   Stava dicennu ‘ngalera veru…

Pao.  No.

Car.   Papà dicci a verità.

Vic.   Stava dicennu ‘ngalera veru.

Pao.  No…

Vic.   (adirato) E allura chi stava dicennu.

Pao.  Stava dicennu carcere…

Vic.   Non ci fazzu casu picchi c’è  ‘u parentatu, asinò a stura i facci vi li truvavavu di un altro colore…chini di sangu…

Pao.  Vicinzinu parlamu seriamente.

Car.   Papà io vaiu ‘nni Giovannino, dopu vegnu.

Vic.   Aspetta!

Pao.  Aspetta.

Aga.  Aspetta a mamma.

Vic.   Ora ti devo parlare comu dui fratuzzi (bussano, entra Loredana)

Lor.   Vicinzinu telefonau un amico ti di Palermo, dici ca ti vulia parlari.

Vic.   Chi ci dicisti ca eru ccà?

Lor.   ‘U papà ci dissi ca eri a chiesa.

Vic.    Dicci o papà chi và subito ‘no parrinu e ci dici ca si mi cercanu , rispunni ca

          sugnu fora paisi. (poi ai compari) e a vautri cu vi dumanna dumanna io a stu orariu ccà dintra non ci stetti…io i miei movimenti non li faccio sapere mai a nessuno..io sugnu sempre in tri quattru posti nello stesso momento…

Lor.    Sono contenta Carlo (tenendolo per mano) oggi me matri fici l’arancini e mi dissi ca siti invitati…

Aga.   Chi gioia, Vicinzinu ci si puru tu o si in qualchi autru postu!

Vic.    Ci sugnu…ci sugnu! Però prima fazzu qualchi telefonata pi diri ca sugnu in qulachi autru postu, nessuno deve sapere che mi trovo in casa a mangiari arancini…

Pao.   E’ megliu che sanno che sei in un altro posto a mangiari pizzette!

Vic.    Don Paolo, voi scherzate ma io devo trovarmi in tre quattro posti diversi nello stesso momento…

Aga.   Ma quannu ti mariti, mentre ti trovi cu tò mugghieri, si cu idda o ti trovi a nautru postu!

Lor.    Carlo, oggi semu tutti assieme, c’è puru me frati…

Pao.   (verso il pubblico) Chi gioia!

Lor.    Sugnu cuntenta picchi me frati ‘nni stu mumentu si trova ccà a parlari cu vautri ‘nni sta casa!

Pao.   Veramente po’ essiri a chiesa, ‘ncampagna o ni qualchi bar… 

Vic.    Don Paolu non scherzassi.

Pao.   No…no…

Lor.    Mamma, Papà, andiamo che gli arancini a momenti sono pronti.

Car.    Si, si andiamo!

Lor.    No Carlo, tu e mio fratello venite dopo.

Car.    Dopo? E picchi!?

Vic.    Ti devo parlare a solo a solo.

Car.    Pozzu telefonare a Giovannino pi cumpagnia, sai è ‘u megghiu amico meu.

Vic.    A solo…a solo.

Aga.   A solu a solu a mamma.

Car.    Va beni, mancu me patri…

Pao.   Io a mangiari arancini sugnu, stu donu di truvarisi in tanti posti diversi no stessu mumentu sulu Vicinzinu l’avi.

Lor.    Ti aspetto amore, fate presto.

Car.    Prestissimo!..

Vic.    ‘U tempu chi ci voli…

Pao.   L’arancini vi sarvamu (mentre escono)

S C E N A  VI°

(Carlo, Vicinzinu)

Vic.   (con aria da malandrino, accende un sigaro) Carlo, sentimi bonu ‘u cugnateddu,

iu haiu tutti li boni intenzioni di aiutarti, picchi sacciu ca a me soru la voi e non   vidi l’ura di maritariti…veru ca non vidi l’ura di maritariti? Dillu…dillu!

Car.   (spaventato) Si…si, non vidu l’ura…

Vic.   Io ca…pisciu ca non travagghi…iu ca…pisciu… al Lucciardone di Palermo canuscivu cristiani chi cuntanu…quindi il mio dovere è quello di aiutarti, picchi sacciu ca a me soru la voi e non vidi l’ura ca ti mariti, veru ca non vedi l’ura ca ti mariti? Dillu…dillu..

Car.   (sempre spaventato) Si…si non vidu l’ura.

Vic.   Io ca…pisciu  che tu sei giovane e ti senti immaturo, pensi a tante cose, ma ti assicuro che io non ti lascerò mai…

Car.   (al pubblico) E chi ma maritari cu iddu?

Vic.   Ti aiuterò sempre!

Car.   Senti Vicinzinu…

Vic.   (interrompendolo) Aspetta, non è ura ca parli tu, fai finiri ammia prima. Io ca…pisciu ca tu pensi ca ci vonnu un saccu di soldi pi maritarivi, io ca…pisciu

        

Car.   Comu si comprensivu!

Vic.   Ti dissi fai parlari ammia prima, poi quannu finisciu parli tu… Levatillu da testa, picchi anche cu picca soldi vi putiti maritari. Io ti aiuterò picchi sacciu ca  a me soru la voi e non vidi l’ura ca ti la mariti, veru ca non vidi l’ura? Dillu…dillu…

Car.   Si…si…si…

Vic.   Io ca…pisciu  ca qualchi amico ti metti strani idee pa’ testa, levatilli picchi asinò (esce un coltello a scatto) ci sucu tuttu ‘u sangu a chissu, chiunque sia…Io trasu e nesciu di ‘ngalera, ricordati ca anchi quannu non ci sugnu fazzu trimari a cu si senti  ‘u megliu, figurati quannu ci sugnu. Io ca…pisciu…

Car.   (spaventatissimo) Ca… pisciu…ca… pisciu, io devo pisciare vero (parte di corsa per il bagno)

Vic.   (nel frattempo gli continua a parlare) Carluzzu, cugnateddu, io ti comprendo, ti ammiro, ti voglio bene, ti consiglio, ti rispetto, io ti ca…pisciu…a proposito ancora pisci? (subito dopo Carlo esce)

Car.   Ho finito…po…pozzu parlari ora?

Vic.   Aspetta (gli mette la mano sulla spalla) Carlo, io sugnu tò cugnatu e tu si me cugnato, tu voi a me soru e me soru voli attia, dimmi: in questi anni di fidanzamento hai sbagliato cu me soru? Ora puoi rispondere!

Car.   Bedda matri, lo giuro…lo giuro, non ho mai sbagliato, sempre cu idda haiu statu.

Vic.   Bravo, bravo e dimmi: i tuccateddi finu a chi puntu hannu arrivatu.

Car.   Po…pozzu parlari? (Vic. Annuisce)

Car.   Cosi norrmali, di ziti…

Vic.   Cosi normali, spiegati megliu.

Car.   Qualche va…sa…te…dda.

Vic.   Qualchi vasatedda, unni dimmi a verità.

Car.   Nella bo…cca.

Vic.   Hum…e poi cu li mani, unni unnu hai arrivatu…

Car.   Cu li ma…nu…c’haiu accarizzatu li…

Vic.   Li…li…

Car.   Li capiddi e li guanci…

Vic.   Insomma me soru è ancora un fiore.

Car.   Una margherita…una rosa!

Vic.   Zittuti…non vidu l’ura ca vi maritati e ricordati: ccà supra sta manu non ci balla nuddu, ricordatillu…Se non eri fidanzato con mia sorella, per ora t’avissi dittu che sei un rincoglionito, imbecillito, e rencretinito…

Car.   Picchi.

Vic.   Ma certo, stare cu ‘nna fimmina e non tuccalla pi comu si deve…ma si comu è me soru ti devo dire solo bravo…bravo…

Car.   Vicinzinu…

Vic.   Dimmi.

Car.   Ninniemu ora, picchi asinò l’arancini si li mangianu tutti e ammia m’apriu ‘na fami di lupo.

Vic.   Abbrazzami e promettimi ca non vidi l’ura…

Car.   (interrompendolo) Non vidu l’ura ca travagghiu, non vidu l’ura ca mi maritu, e non mi fazzu mettiri strani idee in testa di nuddu…

Vic.   Sei degno di essere mio cognato…ora amuninni a mangiari l’arancini…

Car.   Speriamo ca non mi fanno acidu…(mentre escono scatta la musica del Padrino)

Fine primo atto

A  T  T  O   I I°

S C E N A  VII°

(Paolo, Agata, Carlo, Giovannino)

(dopo circa due mesi)

Aga.  (mentre guarda il figlio che si sistema la cravatta) A unni a ghiri cu sta  precisione.

Car.   Mamma sono invitato…a nesciri cu Giovannino.

Aga.  ‘U sintisti ca tò cugnato è nautra vota ‘ngalera?

Car.   ‘U sacciu, picchi staiu niscennu ti pari, cerco di approfittare! (entra Paolo)

Pao.  Approfitta approfitta, intanto i to soggiri forzano, to cugnato forza, tu travagghiu non ‘nni mangi.

Car.   Papà, Vicinzinu mi dissi ca m’aiuta iddu a truvari un travagghiu.

Pao.  Chi ti fa fari a guardia carceraria…avissi cu aiutari a iddu!

Car.   Piano piano mi misi ‘ntesta ca ma sistimari.

Pao.  Ma vero…e quannu?

Aga.  Bravo beddu meu, cchiù giovani si, megghiu è, pi tanti motivi. (bussano, entra Giovannino)

Gio.   Buon giorno a tutti, Vicinzinu è nautra vota ‘ngalera…

Tutti. ‘U sapemu!..

Gio.   Gia, si non lu sapiti vautri ca siti di famigghia…Carlo, stasera farai faville.

Aga.  Non mangiate assai fave a mamma.

Pao.  Giovannino, unni siti diretti.

Gio.   Non si preoccupi, di certo non lo porto alla Costa Azzurra.

Pao.  U sai ca ieri a ficidiru vidiri a televisione? Hai ragione, è meravigliosa!

Gio.   Meravigliosa? Sig. Paolo, meravigliosissima, e li spiaggi e li monumenti i ficiru vidiri?

Pao.  Non ficidiru vidiri i fimmini.

Gio.   E chi fimmini!

Aga.  Giovannino, non vi ritirate troppu tardi, picchi Loredana…

Car.   Mamma non ci diri ca sugnu cu Giovannino invitato.

Gio.   Ma picchi ti scanti d’ora già? E allura appena ti mariti si perso.

Aga.  Speriamo ca si marita presto.

Gio.   Carlo tu si troppu scantulinu, ma cosa ti ho insegnato niente?

Pao.  Ma iddu non si scanta di Loredana, si scanta di so frati.

Gio.   Vi scantati tutti di chissu, ma cu mmia non truzza picchi si truzza, tocca duru.

Aga.  Ma è un bravo picciottu.

Gio.   Carlo si qualche vota avissitu aviri bisogno, chiamami, ca ti fazzu vidiri io comu si affrontano chissi chi si sentunu mafiusi!

Car.   Avi un cuteddu a scattu (fa il gesto)

Gio.   Io li cuteddi ci fazzu mangiari…tu cuntai quannu era militari…

Car.   Si…si, amuninni ora.

Gio.   Sig. Paolo (in disparte) è troppu scantatu…

Pao.  Puru io… Giovannino fallu svagari…

Aga.  Giovannino non u fari svagare assai picchi è zitu e pari malu pa’ picciuttedda

Car.   Mamma non ti preoccupari ca mi maritu.

Gio.   Si ti voi maritari a travagghiari!..

Pao.  Quannu si parla di travagghiu stanca subitu. Nisciti asinò ca forte stanchizza si si va curca.

Car.   Ciao mamma.

Aga.  Carlo, tu ‘u sai a mamma…sulu du ‘nna cosa m’affari cuntenta (pausa) di non aviri figli troppu tardu.

Gio.   Giustu dici to mamma, sentu diri ca ponnu nasciri babbi!

Aga.  ‘U vidi puru iddu ‘u sapi (poi al marito) e tu ca mi pigli in giru…Ma Giovannino tu comu ‘u sai, a cui ‘ u sintisti diri, assettati cuntamillu…

Car.   Poi…poi tu cunta…Giuvannì fai sempre danno, amuninni niscemu.

Aga.  (mentre escono) Non fari tardu.

S C E N A  VIII°

(Agata,Paolo, Salvatore, Maria, Loredana)

Pao.  Semu cuminati beddi…fra mafiusi e malandrini menumali ca ogni tanti ‘nni mangiamu l’arancini…fra maritari e travagghiari me figliu si cumencia a scantari!

Aga.  Dio di noi pietà abbi…speriamo ca a me figliu non ci nascinu figli babbi. Ma l’assessori chi ti dici, avi ‘nna vita ca ci vai appresso, chi ci tiri a giacca ‘u cappottu.

Pao.  Ma chi ti pari ca ‘u travagghiu è dietro a porta? Ci voli tempo…

Aga.  (pensando sempre alla nascita) Speriamo ca nasci cu sintimenti!

Pao.  Ma prima falli maritari, poi pi niputi si ‘nni parla.

Aga.  Allura non capisci! Ma quannu poi…poi…poi…chiuttostu non nesciri picchi haiu l’impressione ca oggi verranno u cumpari e a cummari, almeno ‘nna vota ogni tanto fatti vidiri ca poi dicinu sempre ca non ci si mai.

Pao.  E facemu sta vita, vannu e vennu!

Aga.  Non ci diri tanti cosi picchi sunnu siddiati…so figliu Vicinzinu è nautra vota ‘ngalera.

Pao.  Iddi trasinu e nescinu di ccà dintra e so figliu trasi e nesci di ‘ngalera…

Pao.  (bussano) Silenzio, iddi saranno…(Agata và ad aprire) Non putia nesciri ‘nna para di minuti prima! (entrano i compari)

Sal.   Salutamu cummari. (si ferma fissando un attimo Paolo) Non cridu a li me occhi… ‘u cumpari è dintra!

Mar.  Mancu io ci cridu.

Pao.  (al pubblico) Puru a mugghieri pizzica!

Sal.   Non ci pozzu cridiri…no…e no…

Pao.  Ma si non ci criditi tantu vali ca nesciu.

Sal.   Cumpari menumali ca siti dintra, non ci cridu ma vi staiu vidennu in carne e ossa.

Aga.  Chiassai carne ca ossa.

Mar.  Mangiati bonu per ora veru cumpari.

Pao.  (toccandosi la pancia) Mangiu bonu, però voglio evitare fritturi per un pocu di tempo.

Mar.  A quannu a quannu appena niscia me figliu vulia fari l’arancini!

Pao.  Cummari, vui ogni nisciuta da galera di vostru figliu faciti l’arancini, accussi va a finisci ca mangiamu troppu spissu arancini e troppa frittura fa mali!

Sal.   Cumpari ‘u me cori è troppu nicareddu per ora pi rispunnivi, siccomu però avemu ‘nna cosa in comune non vogliu fari spiritu di patate, ma vinni pi parlari, pi capiri, pi definiri a situazione di Loredana.

Mar.  Ca sarebbe nostra figlia!

Sal.   E anche pi Carlo.

Mar.  Ca sarebbe vostru figliu!

Aga.  (Alzando le braccia co gioia) Beddi, chi sunnu beddi, non vidu l’ura ca corognano   il loro sogno d’amore…           

Pao.  Cretina! Coronano  non corognano…

Aga.  I cumpari mi caperu…

Mar.  Capemu, capemu…ma per ora unnè me jenniru.

Aga.  Nisciu un pocu cu l’amico soi, pi svagarisi a testa.

Sal.   Non mi piaci tantu stu amico, è un pocu spavaldu.

Mar.  Cummari non è chi lu purta a malastrata e poi me figlia mi resta supra…

Pao.  Allura non viditi l’ura chi va livati, accussi…

Sal.   (arrabbiato) Accussi…accussi…cumpari stavavu dicennu, accussi va tiniti vui supra a panza!

Mar.  Non fari storie Salvatore ca a mumenti veni Loredana.

Aga.  Non fari storie Paolo ca a mumenti veni Carlo.

Pao.  (arrabbiato) Io mi ‘nni frego cu veni veni (fa un po’ di baldoria) mi ‘nni frego cu veni veni!… (bussano, Agata và ad aprire)

Lor.   Ciao a tutti, telefonau Vicinzinu. Oggi veni.

Pao.  (si calma e cambia tutto) Chi sugnu cuntentu, io mi ‘nni frego di tutti i cristiani, cummari, cumpari non vidu l’ura ca sti picciutteddi si maritano.

Aga.  E io non vidu l’ura di nautra cosa puru… Cummari mi sentu rizzari i carni pinsannu a quannu ni chiamanu nonna…nonna…nonna, matri u friddu mi piglia…cummari provaci puru tu a diri nonna!

Mar.  Nonna…nonna…nonna, matri staiu agghiacciannu!

Pao.  (alla nuora) Bedda pigliacci ‘nna coperta a tutti e dui!

Sal.   Loredana chi dissi to frati.

Lor.   Ca è innoccente!

Sal.   E quannu mai iddu fu colpevole!

Mar.  Cummari festeggiamo…festeggiamo l’arrivu di me figlio.

Pao.  Basta ca non facemu arancini.

Mar.  Adesso si espremono due desideri: uno io e uno a cummari.

Pao.  Espremono!…spremuta d’arance!

Lor.   Io nel frattempo vado a preparare qualcosa per stuzzicare. (esce)

Mar.  Allura cummari, io al desiderio già ci pinsavu…

Sal.   Parla a mugghieri.

Mar.  Facemu i pidoni al forno.

Pao.  Gira e firria sempre a solita camurria…

Aga.  Paolo al forno sunu.

Sal.   Cummari ora tocca a vui.

Aga.  (comincia a ridere) Prima u vogliu dire a me cummari aricchi.

Pao.  Stanno facennu ‘u gioco dell’oca!

Aga.  (si avvicina alla comare e gli e lo dice)

Mar.  (si mette a ridere) Bellu desiderio…

Aga.  E’ un desiderio ca aviti a partecipare tutti e dui (ai mariti)

Pao.  Sintemu! (le comari continuano a ridere)

Aga.  Allura, tutte e dui aviti a diri a sensazione chi provate ripetennu: Nonni…nonni taliannuvi ‘nna facci!

Pao.  Di tutti i desideri, chissu è chiù cretinu chi putiavu pinsari, non lu fazzu no e no…

Sal.   Cumpari si non lu facemu porta mali, i niputeddi ponnu nasciri…

Aga.  Babbi…babbi e poi tu l’hai supra a cuscenza…         

Sal.   Cumpari, forza, facemulu, mancu ammia mi piaci tantu assai, però pazienza.

         (si mettono uno dirimpetto all’altro)

Mar.  Appena cuntu finu a tri cuminciati a ripetiri: uno…dui…tri (Pao. Sal. Ripetono assieme) Nonni…nonni…nonni…nonni!

Mar.  Salvatore chi pruvasti…

Sal.   (emozionato risponde) Un pocu di friddu…

Aga.  E tu Paolu chi pruvasti!

Pao.  Mi si muviu ‘u pilu di stu brazzu!

Aga.  Matri a pelli oca chissa è!

Pao.  Tutti i tipi di pelli ponnu essiri, ma proprio chissa no.

Mar.  E picchi.

Pao.  Picchi l’ochi sunnu cretini, mai ‘u senti diri: chidda è un’oca.

Aga.  Sempre ‘u solito si…(bussano, Agata và ad aprire)

Lor.   Nautra vota io sugnu.

Sal.   Telefonau nautra vota Vicinzinu?

Lor.   Telefonau ora ora, dissi ca arriva oggi e mi dissi ca è innocente ( i genitori esprimono gioia)

Sal.   Speriamo ca fussi pi sempre ora.

Lor.   Carlo il mio micetto ancora unna vinutu!

Pao.  Po esseri ca ‘u micetto ‘ncuntrau qualchi surci e persi tempo!

Aga.  A mumenti verrà, gioia mia (stringendola) che bedda sta nora.

Mar.  (appoggiandosi sulla spalla della comare) ‘Nnucentti, ‘nnucenti è me figliu, ‘nnucintuzzu da mamma.

Sal.   E quannu mai fu colpevole (assieme a Paolo)

Mar.  Cumpari oggi spagnamu tutti a me casa e mangiamu, indovinati chi facemu?

Pao.  (ironico) Arancini…

Mar.  E comu ‘u sapiti!

Sal.   Cumpari sugnu cuntentu, scurdamuni i cosi passati e cuminciamu a ricurdarini i cosi do futuru, abbrazzamuni forti forti…(dopo qualche attimo)

Pao.  Salvatore, quali sunnu sti cosi chi ‘na ma ricordare do futuru.

Sal.   Comu non lu sai? Chiddi di maritari a sti picciutteddi (ride)

Pao.  Praticamente i cosi c’aviti ricurdatu e e sempre stunatu…

Lor.   Mamma io già qualchi cosa apriparavu.

Mar.  Amuninni dai.

Pao.  Pi forza arancini a m’affari? Non fussiru megliu i pituna a forno? Cu li troppi fritturi prima o poi si ricurri a li curi…

Aga.  Chi putemu fari…

Lor.   Facemu i pituna a forno ca fannu menu mali…(bussano, entrano Giov.e Carlo)

S C E N A   IX°

(Loredana, Giovannino, Carlo, Maria, Salvatore, Paolo, Agata)

Gio.   Che ura di mangiari? Sento odore di qualcosa al forno.       

 

Lor.   Cioa amore mio (abbraccia Carlo)

           

Gio.   Come siete teneri!

Pao.  Comu un mazzu di carduna!

Gio.   Loredana , se vuoi quando sarà vi farò da testimone.

Sal.   Nautri ti ringraziamo beddu, ma tu fai capire quando sarà…pari ca a va passari ‘nna vita, stu verbu trapassato futuru non mi piaciu.

Aga.  Chi sunnu beddi tutti e dui, non vidu l’ura ca si maritanu!

Pao.  Cumpari haiu appuntamentu cu l’assessuri, si vuliti veniri sintiti puru vui.

Mar.  (dandogli delle gomitate) Vacci…vacci

Sal.   Vi fazzu cumpagnia si proprio insistiti.

Gio.   Sig. Salvatore vostro figlio che dice!

Mar.  Sta bene, oggi arriva.

Car.   (spaventato) Nesci?

Lor.   Ti saluta tanto, mi dissi ca oggi ti voli vidiri.

Car.   Ammia? Papà ci voi parlari tu?

Pao.  Si cerca attia chi c’entro io.

Lor.   Ma chiffà non voi!?

Car.   Ma chi dici, io non vidu l’ura di abbrazzarlu! (spaventato)

Gio.   Loredana in viaggio di nozze dove pensate di andare.

Lor.   Ancora non lo sappiamo, siamo insicuri.

Pao.  Ci sunnu tanti insicurezze ancora!

Sal.   Insicurezze che devono scumpariri presto cumpari!

Mar.  Ma picchi stu giovanottu ci fa sti dumanni.

Gio.   Signora, mi dia pure del tu, chiedevo solo per dare qualche connsiglio se posso…

Sal.   Sintemu.

Gio.   Se vi sposate d’estate, per il viaggio di nozze vi consiglio la costa azzurra, credimi Loredana è meravigliosa anzi meravigliosissima, spiagge, monumenti, fe…fe… (Carlo lo spinge) fe…feste.

Lor.   Tu che dici Carlo…

Car.   Va bene…va bene…

Pao.  Allura cumpari mi faciti cumpagnia.

Mar.  Vacci, vacci ti dissi.

Aga.  Vautri mentre faciti i vostri cosi, io ci dugnu ‘nna mano d’aiuto a me cummari pi fari i calzoni…

Pao.  Chiamali pitoni…pitoni…(poi al pubblico) pi fari acchianari sempre a pressioni! Chiccè meglio d’arancini e pitoni?

Aga.  Niscemu tutti assieme e appena sunnu pronti i pitoni ni truvamu tutti ddà.

Lor.   Tu chiffai Carlo.

Car.   Ora vegnu, ci dicu ‘nna cosa a Giovanninu.

Lor.   Giovannino sei invitato.

Gio.   Grazie…grazie.

Aga.  Un attimo, niscemu tutti assieme…

Pao.  Ma sempre cosi babbi dici. (mentre escono)

Lor.   Papà…(si giranu entrambi) Purtati boni notizie (poi si stringe a Carlo)

         Cosi possiamo coronare il nostro sogno d’amore.

Aga.  Matri cummari mi rizzanu i carni…

Mar.  Puru ammia.

Mar. Aga.         Nonna…nonna (mentre escono passando davanti ai mariti)

Pao.  (stupito)

Sal.   (passando davanti a Paolo) Nonno..nonno…cumpari puru vui…

Pao.  Nautra vota?! Nonno…nonno  (escono lasciando la porta aperta)

Lor.   Ciao a dopo, non ci faciti caso.(esce)

S C E N A  X°

(Carlo, Giovannino, Vicinzinu)

        

Gio.   (stupito) Carlo amico mio, falli ricoverari, stanno divintannu patologici, non vidunu l’ua ca si maritatu e cu figli.

Car.   Prima si tu ca ci rumpi a testa…Costa Azzurra, meravigliosa, spiagge…e menumali ca ti ripigliasti quannu stavi dicennu fe…fe…femmini.

Gio.   Mi vidisti chi riflessi, chi prontezza, chi scatto…fe..fe…feste, feste, ma tu mi capisti ca vulia diri femmine…birbantello, puru to patri capiu e forse puru to soggiru.

Car.   Basta ca non capisci me cugnatu Vicinzinu

Gio.   Nautra vota! Ma tu si troppu scantatu, ti ho detto che devi affrontare e poi picchi ti scanti, a so soru a voi beni, pi maritariti per ora non poi picchi travagghiu nonnai…Carlo si ti voi maritari a travagghiari!

Car.   Ma iddu dici ca ci voli a volontà.

Gio.   E poi mangiate pani e volontà!

Car.   Mi dissi ca m’aiutava e si pi caso ci fussi qualchi cosa sutta cu lu piaciri si facissi trent’anni di galera.

Gio.   Pi iddu ormai è di casa, trasi e nesci…nesci e trasi!..

Car.   Dici ca canusci un sacco di cristiani importanti ed è capaci di truvarimi un travagghiu.

Gio.   Ti vulisti fari zitu in casa troppu prestu.

Car.   Ma io vulia durari chiassai possibile, a Loredana ci voglio bene, però cuminciari a travagghiari fin d’ora! Io non sapia ca so frati sutta sutta era malandrinu.

Gio.   Picchi truvau attia, ti facisti capiri scantulinu e ormai ti tiene in pugno. Sin dal primo momento dovevi fagli capire che non avevi paura di niente e di nessuno dovevi fare la voce grossa, dovevi gridare forte: io non mi scantu mancu di fronte a un cuteddu (fa il gesto) granni accussi…(in quel momento entra Vicinzinu, pian piano andando dietro Giovannino e facendo gesti a Carlo di non far capire niente, nonostante Carlo si sforza, rimane freddo per lo spavento e comincia a balbettare)  Carlo proprio nni stu mumentu al solo nominare a to cugnato e cuteddu ti divintau ‘nna facci peggiu di un mortu…Carlo io di to cugnatu mancu cu un mitra mi scantassi figuramuni cu un scannazzu granni.

Car.   (balbettando) Giovanino basta.

Gio.   Talia…talia chi si beddu, e fai l’omu ogni tantu…mancu parlari bonu poi cu lu forti scantu.

Vic.   (che aveva uscito il coltello a scatto, gli e lo mette al collo) Ammia i scaltri comu attia non mi piacinu!

Gio.   (impaurito al massimo) Mamma mia, Santissimo Crocifisso, Padre Pio aiutami…Pi favuri io non c’entro, diccillu Carlo.

Vic.   Io ti scannu sanu sanu  e ti sfreggiu tutta a facci!

Gio.   Pi carità, Carlo aiutami.

Car.   Ti prego Vicinzinu lassalu stari.

Vic.   Lassamulu stari picchi è un’animella!

Gio.   (scappa e si mette lontano sempre impaurito) Io parlo tanto pi parlari (balbetta)

Vic.   Carlo telefona ospitali e dicci ca mannanu l’ambulanza picchi ccà dintra videmu sangu…troppu sangu (gridando) sangu…

Gio.   (si nasconde dietro Carlo) Madonna bedda, non dicu nenti cchiù, Carlo dicci ca scherzavamu, Carlo dicci ca ti mariti, diccillu diccillu diccillu...

Vic.   Iddu non dici nenti (gridando)

Gio.   Non diri nenti…

Vic.   Non c’è bisogno ca mu dici tu ca si marita, picchi o si marita o lu fazzu martari!

Car.   (spaventato) Ma io mi voglio maritari.

Vic.   E tu saresti chiddu curaggiusu (girano attorno al tavolo lentamente) fermati, fermati (ma Giovannino continua a girare attorno al tavolo, poi Vicinzinu gridando forte col coltello alzato) fermati fimminaru di strapazzu, oggi ti fazzu iri cu tutti i costi rutti a costa azzurra, vogliu vidiri sangu…

Gio.   Pietà…pietà…

Vic.   Inginocchiati chiedi scusa e dicci a me cugnatu ca è troppu bellu essere maritati…

Gio.   Scu…scu..(fa scena per la paura non riesce a parlare) Scusa è tro..tro…ppu bellu essere maritati…

Vic.   Ora baciami a manu e dimmi vossia benedica voscenza!

Gio.   (ripete la scena di prima, mentre scatta il sottofondo del padrino )           

Vic.   E ora nesci subitu di ccà dintra qua qua ra qua..

Gio.   (si alza scosso ripetendo:) Bellu essiri maritati…è bellu essiri maritati (mentre

 esce continua a ripeterlo)

S C E N A  XI°

(Carlo, Vicinzinu, Loredana, Govannino ed i quattro genitori)

Vic.   Ma chi razza di amici hai!

Car.   Perdonalu cugnatu.

Vic.   Sunnu tutti a me casa…

Car.   Si, nisceru andura, voi ca l’avvisamu ca si ccà?

Vic.   No…tanti sannu ca sugnu a tagliarimi i capiddi..o barberi ci dissi ca cu dumanna dumanna ci dici ca niscivu allura allura e partivu pi Palermu. Senti ‘nna cosa, pi ttia unni sugnu si qualcunu ti dumanna.

Car.   (preso di contropiede non riflette) Tu…tu…si ccà!

Vic.   Pezzu di cretinu, tu mi facissitu pigliari subitu… devi rispondere o ca non ma vistu a ca niscivu ora ora e partivu pi palermo, nessuno deve sapere unni sugnu, picchi io sugnu…in quantu posti diversi sugnu, sintemu dillu tu.

Car.   In du…dui…tri posti…

Vic.   Megliu in quattru !

Car.   (spaventato) Si, si megliu in quattru, magari cinqu…

Vic.   Assettati ca a ma parlari…(girandogli per due volte attorno) Allura di quantavi chi ficimu l’ultima discussioni mi pari ca cu Loredana era tutto a postu veru?

Car.   Veru…(squilla il telefono) Ciao Loredana unni si…scusa ‘u sacciu ca si dintra…io, io inveci sugnu o gabinetto…’u telefonu o gabinettu? Ah! si, hai ragiuni, prima ero o bagnu..sugnu sulu, si, sulu sugnu cu Vi…cu Giovanninu, cioè eru cu Giovannino…Vicinzinu!? Ma forse sarà no barberi. (Vicinzinu si arrabbia) No forse è no farmacista…(Vic.continua ad arrabbiarsi) no, forse è a Palermo…mannaia mi staiu cunfunnennu…va beni ciao.

Vic.   Chi ti dissi.

Car.   Mi dissi che ha capito tutto.

Vic.   Assettati pi favuri…(bussano, Vic. si nasconde)

Lor.   Unnè me frati.

Car.   To frati?

Lor.   Menumali ca telefonavu io, picchi si era qualcunu stranu a chi stura!(esceVic.)

Vic.   A chi stura sospettavo e scappavo…(si abbracciano)

Lor.   Mentre vinia ccà mi dumannau a signora Tina, ci dissi ca si ancora a Palermo.

Vic.   Comi si vidi ca pigliasti di tò frati..nenti di menu io putia essiri in tri quattru posti diversi e tu capisti ca mi truvava ccà…buon sangue non mente, si troppu scaltra a soru…

Lor.   Si troppu scaltru u frati…(entrambi si girano verso Carlo)

Car.   (impacciato) ‘U sacciu, sugnu troppu babbu!

Vic.   Praticannu cummia e cu me soru ti farai scaltro assai…assai!

Lor.   Chi facemu, ci sunnu tutti cosi pronti, amuninni a mangiari.

Vic.   Ormai megghiu ca mangiamu ccà, tu va chiama a tutti ca io nel frattempo parlu cu Carlo.

Car.   Ancora  a ma parlari?

Lor.   (bacia Carlo e mentre sta per uscire…)

Vic.   Loredana, ricordati ca io ccà dintra non ci sugnu, cu telefona , cu dumanna dumanna sugnu a Palermo  chi fra mezzura partu pi Agrigentu e poi vaiu a Castelvetrano.

Lor.   Non ti preoccupari, mancu a mamma ci dicu nenti. (esce)

Vic.   Ricordatillu caro cognato, anche quannu vi maritati io sugnu…

Car.   In sette posti diversi.

Vic.   Non esagerare ca poi ponnu capiri ca gatta ci cova…basta in tri quattru posti…Allura riturnamu o nostru discursu: ha succidutu nenti cu me soru?

Semu fermi a li baci e alli tuccateddi o…

Car.   (interrompendolo) A li baci e alli tuccateddi senza autri cosi.

Vic.   Bravo…(toccandogli la spalla) Tu l’ami tanto.

Car.   tantissimo…

Vic.   Bravo. (stessa scena di prima) Non l’hai mai tradita vero!

Car.   Mai e poi mai…

Vic.   Bravo…(stessa scena della spalla) Ti voi maritari presto o tardu?…

Car.   (pausa per un attimo a rispondere perché imbarazzato)

Vic.   (apre il coltello a scatto)

Car.   (preso dalla paura si mette a piangere)

Vic.   E chi vidisti un liuni? (posa il coltello) Non chiangiri, picchi i masculi chi

          chianginu non mi piacinu, ma forse ti voi maritari tardu?

Car.   Non è chissu, io presto mi voglio maritari (in quel momento entrano Agata con il marito, Loredana e i genitori)

Aga.  Bravo a mamma accussi i niputeddi vennu boni…

Mar.  Vicinzinu beddu meu, tu si ccà…(lo abbraccia)

Vic.   Sugnu ccà e non sugnu ccà…

Sal.   Beddu meu, e fammillu abbrazzari un pocu ammia…(alcuni attimi)

Mar.  Bonu, un pocu ammia…chi sugnu cuntenta ca si ccà.

Sal.   Botta di sangu, non è ccà…fammillu abbrazzari un pocu ammia…

Mar.  Ma si non è ccà, a unnè?

Sal.   A Palermo… a Palermo…(Maria toglie al marito le braccia dal figlio)

Mar.  (lo abbraccia) Vicinzinu beddu meu…(poi al marito) tu vai e l’abbrazzi a Palermo.

Lor.   (a Carlo) Telefonau l’assessuri amore mio e ci sunnu boni notizie, ma picchi si tristi.

Vic.   E’ troppu emozionato, mi stava dicennu ca si voli maritari subito.

Pao.  Comunque io e Salvatore stamu ennu ‘nni l’assessuri, ad ogni modo, Vicinzinu sugnu cuntentu ca si ccà..

Aga.  (gli dà una spallata) A Palermo…

Pao.  Si, a Palermo…nautri niscemu. (escono)

Car.   Lori si tuto è a posto ‘nni maritamu allura.

Vic.   (mano sulla spalla) Ti mariti…ti mariti anche si tuto non è a posto ti marito io...

Aga.  (che stava apparecchiando) Dai , dai ca ‘nni mangiamu sti pituni cu tantu amuri…

Vic.   Ci facistivu puru a rima!

Mar.  Puru io sacciu fari a rima.

Vic.   Sintemu!

Mar.  Sugnu cuntenta di me jenniru picchi non è un sauta fossa, appena ti mariti facci subitu a pansa bella grossa…

Tutti. Brava…

Vic.   Ora a fazzu io ‘nna rima…Caro cognato, ti poi trovare in montagna, al mare, nel deserto, in una valle, fino a che ci sono io nessuno ti romprà le palle…

Lor.   Menumali ca piano piano amu pinsatu a li priparativi pi maritarimi cu tutti l’attributivi.

Tutti. Brava…brava!…

Vic.   Carlo fai ‘nna rima tu.

Lor.   Dai…dai (baciadolo)

Aga.  Dai a mamma.

Car.   Non li sacciu fari io…(pausa), mentre viene incitato ancora da tutti) Speriamo ca appena semu maritati, i figli non vennu handicappati!

Tutti. Bravo!

Aga.  A pansa grossa a mamma facci subitu.

Mar.  Non vidu l’ura ca stu niputeddu mi camina casa casa…

Aga.  Puru ammia cummari, chiddu chi voli rumpiri rumpi…matri m’arrizzanu i  carni.

Lor.   Matri mi sentu tutta io…

Aga.  Matri mi sentu già nonna…

Mar.  Matri mi sentu tutta ringiovanita…

Vic.   Mi sentu già tuttu ziu…

Lor.   E tu Carlo comu ti senti…

Aga.  Comu ti senti a mamma…

Mar.  Emozionato…

Vic.   Chi perdisti a lingua!

Lor.   Dai dicci comu ti senti…

Car.   Matri mi sentu tuttu rincretinito!…

Lor.   Chissa l’emozione è!

Vic.   Meglio rincretinito ca rincoglionito! (in quel momento entrano i papà)

Pao.  Evviva è fatta!

Sal.   Complimenti cummari, ‘u cumpari ci rinisciu.

Pao.  (al figlio) Fra tri misi poi fari ‘u ragioniere ‘nna fabbrica laterizi!..

Aga. Mar.   (esplodono di gioia, Loredana accenna al pianto) amore mio è fatta  finalmente coroniamo il nostro sogno…

Mar.  Cumpari ma fannu latti friscu ‘nni sta fabbrica latterizi?

Pao.  Si, ‘u latti di terracotta.

Aga.  E com’è stu latti tuttu scremato?

Sal.   Tutta cretina si…a fabbrica laterizi, unni fannu i forati i mattonelli ect…ect…

Aga.  Ah! Unnni fannu sti cosi!

Pao.  Cumpari non ci facemu casu…Hai visto cara moglie, tirannu giacche e cappotti ci la ficimu.

Sal.   Cumpari complimenti…

Pao.  Grazie cumpari, già mi facistivu tri voti fora e tri voti ccà.

Aga.  Quantu ci dunanu a lu beddu meu pi fari ‘u ragioniere di sti ect…ect…

Pao.  Per ora un milione al mese.

Vic.   Boni sunnu.

Mar.  Per ora beddi accuntintativi di chissi, poi si vidi!

Pao.  L’assessuri è ‘nna degna persona, non mi pigliau in giru!

Sal.   Complimenti cumpari!

Aga.  Cummari, ci pozzu fari ‘nna telefonata a me soru pi daricci a bella notizia?

Mar.  Cummari faciti, telefonati…(prende il telefono)

Pao.  E’ onesto stu assessuri.

Sal.   Complimenti cumpari!

Aga.  Pronto, io sugnu a soru…Ti devo dare ‘nna bella notizia, i piocciotti si sistimau, Carlo truvau travagghiu…unni? ‘Nna fabbrica latterizi, unni fannu eccetera eccetera , si tutti sti cosi, ora ti saluto ciao (chiude)

Vic.   Carlo dilla qualchi cosa.

Car.   Ah! si, certo ca dicu…matri chi sugnu cuntentu..cuntentu!

Pao.  Ci facemu ‘nna bella torta a sti ziti, magari ‘u dicemu a Giovannino dato ca i so zii hanno a pasticceria…ora ci telefonu…(va al telefono) Signora sono il padre di Carlo, Giovannino…(breve pausa) Avi a frevi? Trema tuttu? E comu mai, di unni ci veni sta frevi…

Vic.   Forse pigliau qualchi scantu.

Pao.  Ci dicissi ca si alza e chi veni ccà ca ci passanu tutti cosi…ci dicissi ca a ma sbagnari…Carlo ha trovato lavoro, mu passassi ca ci parlu io.

Cvar. Papà si non si senti non insistiri, io lo comprendo ca si senti mali!

Sal.   (si avvicina a Paolo esce un fazzoletto e piangendo gli dice:) complimenti cumpari…

Pao.  Giovannino ciao, comu stai…cerca di veniri picchi a me festeggiare, ‘u megliu amico toi truvau travagghiu…cuccè ccà, nuddu, semu in famiglia (Vicinzinu gli fa segnale che egli non c’è) Vicinzinu non c’è, avia chiffari, cerca di veniri ca Carlo ci teni…senti porta ‘nna bella torta, passa de to zii, sulu a torta ca avemu autri cosi di mangiari, semu in famiglia, nuddu c’è…ciao. Mah! Era tuttu scantatu, balbettava puru, ma a frevi fa puru sti scherzi?

Aga.  Quantu invitati a m’anvitari.

Vic.   Chiù picca sunnu megliu è!

Aga.  Picchi.

Mar.  Cummari ci vonnu tanti soldi.

Sal.   Megliu ca si sarvanu i picciotti i soldi.

Pao.  Ognuno invita i soi e paga chiddi chi invita.

Mar.  (guarda il marito che è sempre più emozionato) Salvatore finiscila ora, appena si marita chiffai t’ammazzi allura.

Sal.   (sempre col fazzoletto pronto per aciugarsi le lacrime, si avvicina a Paolo e prima che egli pronuncia la solita frase, Paolo lo anticipa)

Pao.  Complimenti cumpari..asittativi picchi ora mi li stati facennu girari!… 

 

Lor.   Dobbiamo scegliere una bella sala.

Vic.   La sala chiù picca cristiani sannu unnè, megliu è…anzi spargemu a vuci dicennu quattru, cinqu sali, picchi io non mi voglio esporre assai, iu sugnu ddà, sugnu ccà, sugnu a sta banna, sugnu a ddà banna, io non ci sugnu!

Pao.  Ma unni si!

Vic.   Non si po’ diri…

Sal.   Non pinsava c’avia finiri di trasiri e nesciri di sta casa pi spingiri a me cumpari di maritari sti picciotti, dove me cumpari è rinisciuto io non potti rinesciri!

Vic.   Se permettete, io dovrei andare in bagno.

Mar.  Si emozionato puru tu a mamma…(Vicinzinu và)

Lor.   Ora putemu finiri a lista di l’invitati, Carlo parla, dici qualcosa…

Car.   Amore, amore mio…(si abbracciano)

Mar.  Cumpari a stu assessuri ‘u beddu regalu c’hu facemu veru?

Sal.   Certo, su lu merita.

Mar.  Magari mittemu tantu l’unu…

Sal.   No! Non è giustu, dopu tuttu chiddu chi fici ‘u cumpari non su merita ca mittemu tantu l’unu…è giustu ca c’hu fa iddu sulu, quantu spenni spenni…

         (bussano, entra Giovannino con la torta.)

Pao.  Giovannino, ma chi hai, pari ca si diverso…Costa azzurra…

Gio.   (atteggiamento diverso) No, è meglio ca per ora non anninduvamu sti cosi.

Aga.  Ma chi hai, pari scantatu…

Gio.   E’ a frevi…(poi impaurito a Carlo) Non c’è!…

Car.   Non ti preoccupari.

Pao.  Io dicissi ca prima de pituna tagliamo a torta.

Aga.  Chi facemu arriversa.

Sal.   E nenti ci fa.

Mar.  Oggi decido io: prima tagliamo a torta, cu la taglia? (rispondono tutti tranne Giovannino)

Pao.  L’unico chi non rispunniu fu Giovannino, quindi a lui l’onore.

Gio.   Non è il caso…(tutti lo invitano)

Pao.  Ora ti damu ‘u scannazzu (fa il gesto)

Gio.   (spaventato) Quali scannazzu, megliu con un cucchiaino.

Sal.   Ma quali cucchiainu…(tutti lo portano davanti, vicino al tavolo dove è stata appoggiata la torta)

Pao.  (gli da un coltello) Dai Giovannino, taglia, e taglia taglia…(Giovannino perde tempo, ma tutti ripetono taglia)

Gio.   Ma proprio io! ( nel frattempo esce Vicinzinu dal bagno)

Vic.   Se permettete la vorrei tagliare io. (Giov. si gira spaventatissimo)

Gio.   Si, si…si è giusto, megliu ca taglia iddu, iddu sapi tagliare megliu.

Pao.  Tagliatela tutti e dui.

Tutti. Tutti e dui dai…(Vic. e Gio. si mettono vicini)

Pao.  Aspetta Vicinzinu ca ti dugnu un cuteddu.

Vic.   Non c’è bisogno (esce un coltello a scatto e Giov. si spaventa cominciando a tremare, dopo un po’ lo fanno sedere)

Pao.  (si avvicina al figlio) Ma a frevi fa sti scherzi?

Aga.  Giovannino comu ti senti, dai ca t’aspittamu pi tagliari.

Gio.   A facissi tagliari sulu a…a…a…(tutti rispondono a…)

Gio.   (guarda Vicinzinu e poi risponde:) a taglia sulu Voscenza, picchi io sugnu deboluccio.

Vic.   Va beni a tagliu sulu io, e mentre tagliu diciti: Auguri…

Gio.   Battiti puru i mani…

Vic.   Bravo Giovannino, bravo hai imparato.

Pao.  Ma oggi mi staiu sintennu ‘nmezzu i turchi.

Vic.   Caro cognato Auguri! (mentre le donne distribuiscino la torta)

Car.   Loredana…

Lor.   Carlo finalmente…

Car.   Loredana…

Lor.   Carlo, amore…

Pao.  Carlo allestiti, spicciati ca sta commedia a va finiri…

Sal.   Quali commedia cumpari.

Pao.  Cosi pi modu di diri…Carlo dai dunacci ‘u bacettu e finemu!

Car.   Loredana ormai stamu facennu stu passu, chiddu chi nasci nasci!

Aga.Mar.    Auguri e figli…

Car.Lor.     Maschi…

Aga.Mar.    No…Auguri e figli subitu!

Car.   Si unu è zitu prima o poi sa va maritari, auguri!…(poi si rivolge a qualcunu del

          pubblico magari a qualche coppia di fidanzati) Ma tu, tu picchi ridi…si attia dicu, proprio attia ca si vicinu a to zita, prima o poi ta maritari: e si ti voi maritari a travagghiari!…

                                                              (a tutti coloro che facendo teatro rafforzano l’amicizia)                                                                                                                                                                                  (tel. Autore: 090/638009

              

(per ogni rappresentazione è necessaria l’autorizzazione dell’autore e dell’elaboratore)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno