Sia fatta la volontà di Dio

Stampa questo copione

SIA FATTA LA VOLONTA’ DI DIO

Parodia musicale e libera traduzione della fatica di G. Macri’, “Fiat voluntas Dei” , che taluni “professionisti” chiamano “A…….F.I.A.T.”

a cura di

Luzzu Maugeri


PRIMO ATTO

(A sipario chiuso l’orchestra introduce l’Ave Maria di Gounod mentre i piccoli cantori si schierano ai lati del palcoscenico, in sala, cantando l’inno sacro. Alla fine Ciccio il sagrista li fa’ rientrare dietro le quinte. Assolo di orchestra con un pout-

pourri delle canzoni contenute nella commedia……………Si alza il sipario)

Paolino: (E’ con il capo appoggiato sulle gambe della madre e continua un discorso

iniziato  precedentemente)  …….Solo  coai’,  cara  mamma,  potro’  essere

felice: sposando Anna. Papa’ e’ contrario a questo matrimonio perche’ e’ figlia di macellaio. Ma io ora che ti ho raccontato tutto sono

tranquillo….Mammuzza tu sula si’ ca mi capisci e qu   esti segreti d’amore

prima si cuntunu a’ mamma, pirchi’ ‘a mamma e’ ………’    a mamma e’, ‘a

mamma e’……..

Barbara:Paulinu chi ti ‘mpinciu ‘u discu? Si po’ sapiri chi ’ e’ ‘a mamma?

Paolino: ….Vogghiu diri ca ‘a mamma e’ la tenutaria dei pen           sieri dei figghi, e’

l’angelo del focolare, e’ colei ca non ti puo’ trad ire……

(“Mamma” di Bixio-Cherubini)

Mamma son tanto felice

e lo racconto qui’ a te,

la mia canzone ti dice

ch’e’ il piu’ bel sogno per me.

Mamma son tanto felice

lontan da Anna perche’?

Mamma, solo per Anna la canzone vola

mamma, la sposero’ ma non ti lascio sola.

Quanto le voglio bene

queste parole d’amore

che qui’ sospira il mio cuore

forse non s’usano piu’.

Mamma,

ma la canzone mia piu’ bella sei tu;

Anna e’ la vita

e per la vita non la lascio mai piu’.

Barbara:                                  Sento la mano stanca

cercar i tuoi riccioli d’or

canto e la voce mi manca,

la ninna nanna d’allor.

Oggi la testa mia bianca

ti vuole stringere al cuor.

Paolino:                                                 Mamma – Paolo

anche per te la mia canzone vola.

Mamma – Paolo

starai con noi non sarai piu’ sola.

Quanto ti voglio bene

queste parole d’amore

che ti sospira il mio cuore


2


le voglio usare di piu’.

Mamma,

ma la canzone mia piu’ bella sei tu

Anna e’ la vita

oltre la vita mamma mia sei tu!

Barbara: Figghiu miu binirittu; sugnu cunvinta di chiddu ca tu dici, ma se c’e lavolonta’ di Dio tuttu s’aggiustera’ e to’ patri cal a dda’ testa di brunzu ca havi. Ora vo’ vestiti prima ca ti viri iddu e fa’ i soliti scenati, pirchi’ mi pari ca si sta’ priparannu ppi’ jirasinni.

Paolino: Si mammuzza, ma vossia ci n’ha parrari macari a patri Attanasiu ca sta’sira ha veniri a jucari e carti ccu’ papa’.

Barbara: Va’ beni, va’ beni, ora vattinni da’ banna ca haj u a fari na cosa ‘mpurtanti.(Paolo esce e Barbara cerca di estrarre i soldi da un salvadanaio adoperando un coltello)………… tutti pezzi di ‘na lira su’; ‘u picciriddu, si

sarva i soldi nto’ caruseddu e ju’ cci’ pigghiu. Id du ci vinci a patri Attanasiu e poi si ‘mmuccia.

Vincenz.:(Entando precipitosamente)S’abbenarica zia, e’ prontu Gaetanu?

Barbara: No, figghiu, sta’ vinennu…..assettiti.

Vincenz.: No, non m’assettu!(soggetto e controscena)……..Ma chi fa’ vossia ccu’

stu’ caruseddu?

Barbara: Mutu statti! E’ di to’ ziu, iddu si ‘mmuccia e ju ’ ci robu. A l’eta’ so’ comunon si vergogna di ‘mpurtusarisilli…….

Vincenz.: natura e’, chi si ci po’ fari, ma vossia non c’a llarga a vucca, pirchi’ ‘ucaruseddu e’ caruseddu finu a quannu havi a vucca stritta; allura si, ca si puo’ essiri sicuri ca nuddu l’ha tuccatu, ma ‘na vo ta allargatu ‘u purtusu quali garanzia ci puo’ dari cchiu’? Cu arriva ci fi cca du’ ita d’intra senza

lassari traccia e finiu lu cuntrollu…….Tranni ca ‘u   patruni non truvassi ‘u

latru supra ‘u fattu, allura si!

Barbara:  (meravigliata)  Vincinzinu,  tutta  ss’  filosofia  ppi’  ‘ncaruseddu  n on  la

capisciu, chi fu’, chi c’e’?

Vincenz.: La capisciu ju’.

Barbara:  Ah,  ora  accumenciu  a  sapiri  sentiri…….  Chi  facisti      chiacchiri  cu  to

muggheri? Ccu’ Mara?

Vincenz.: (ironico)Ccu’ Mara? E quannu mai nuatri? Ccu’ na’ muggheri esemplaricomu a idda……

Barbara: Bonu, nuvula di passaggiu su…………

Vincenz.: Tranni ca fussuru nuvula di malu tempu e di timpesta(sospiro e pausa)

…… E paulu? Paulu? ……..havi ‘nsaccu di tempu ca no         viru……. Haju

l’impressioni ca stu’ carusu quannu m’incontra mi s fui. Chi c’haju fattu? Barbara: Ca daveru figghiu oggi non ragiuni. Paulu ti sfui…. . A tia ca ti voli tantu

beni?

Vincenz.: A mia? E’ sicura vossia ca voli beni a mia e non a qualcun autru?

Barbara: Ma certu figghiu. Tu non si ‘u maritu di Mara? Mara non e’ so’ cucina? Epercio’ vulennu beni a Mara voli beni a tia ca si’ so’ maritu…..


3


Vincenz.: E vossia ci la ‘mpiattau! Sara’, ma qualchi jornu d i chissu si ‘u ‘ncontru cil’haju a fari na’ bella ramanzina. Chi c’entra (parlando fra se’) certi cosi nta’ parintela non si fannu!

Barbara: Si figghiu, faccilla na’ bella prerica e dicci di non mintirisi a tu per tu ccu’so’ patri……

Vincenz.: Sugnu malatu, zia; sugnu gilusu, haju un verme cca’ intra ca mi percia ‘uciriveddu.

Barbara: Figghiu curiti e fatti livari stu’ vermu.

Vincenz.: (“M’aggia’  cura’ ” di Pisano e Cioppi)

M’aggia’ cura’, m’aggia’ cura’

d’inta sta’ capa na cosa leggera spuntare mi sento; mi tocco qua’, mi tocco la’

e due cosine appuntite ci sono che svettano al vento.

So’ corna si, so’ corna si,

so’ ‘e corna do’ sinadaco don Vincenzi’?

Sto’ peso ca porto, ‘o porto sol’i’

a capa cu ‘e corna a tengo pur’i’.

Mi tradisce la donna piu’ cara

chesta croce pe me’ e’ solo Mara;

mugliera mendace

a voglio ferni’.

Ah, comme me pesa sta’ capa neh!

Ah, comme me pesa sta’ capa neh!

Barbara:                   Aizza ched’e’, aizza ched’e’

a capa te pesa ueh! (Vincenzino si abbatte sulle spalle della zia) Vincenz.: Zia, zia, non ni pozzu cchiu’. Ma s’acchiappu in fr agrante cci’ levu l’ossu

di siccia.

Barbara:                                                                                                                                                                                 E cchi’ ni’

Vincenz.: A pasta ccu’ niuru!!

Barbara:                        (“Maruzzella” di Carosone-Bonagura)

Ohe’

me siente

pensa ca si nipote a me.

Ohe’

Vincenzo

zio Gaetano sta’ a veni’.

Pe tutta sta’ matinata

cchiu’ non t’avvelena’

sta’ quieto e nun pensa’

mugliereta che fa’

che te fa’, che te fa’, che te fa’.

Maruzzella, maruzze’

t’ha miso d’inta ‘a lluocchie ‘o mare

e tu siente ‘mpietto a te

nu’ dispiacere.

Stu’ core t’ho fa’ sbattere

cchiu’ forte ‘e ll’onne e quanno ‘o cielo e’ scuro,


4


prima te dice si

poi doce doce te fa’ muti’.

Maruzzella, Maruzze’.

Vattinni figghiu, ca chistu tuttu amuri e’. Va’ va ttinni ca to’ ziu sta’ scinnennu.

Vincenz.: Zia, dda’ sutta sugnu ca l’aspettu, ci dici ca pass ai avanti, avemu a jiri amunicipiu pirchi’ c’e’ un casu gravi da discutiri.

Barbara: Va’ beni, va’ beni  (Vincenzino esce)….. e si junceru: idda pazza, iddu

scimunitu   e    gilusu……..    O          Santu          Diu                        cchi    matrimoniu                           sbagghiatu!

Spiriamu ca ‘u Signuri cci’ rapissi l’inetllettu a     tutti dui e c’illuminassi i

simtimenti.

Gaetano:(entrando)Unn’e’ Vincinzinu, m’aveva parsu di sentiri a so’  vuci.

Barbara: Si, passau avanti; e’ ‘o municipiu. Ma chi c’aviti  a jiri a fari?

Gaetano: Cosi di uomini sunu, non t’intricari.

Barbara:Ma  com’e’  ca  non  pozzu  sapiri  mai  nenti.  Appoi  qua nnu  ti  prisenti

all’elezioni voi ‘u votu….. te’               (facendo il gesto)!

Gaetano:                                       (“Maria Giliberta” di Chiri-cariga)

Penso sempre notte e di’

chi nel voto mi tradi’

o magnifica scoperta

o Barbarina, o Barbaretta.

Per le prossime elezion

il controllo ti faro’

ora devo stare all’erta

oBarbaretta o barbarin.

Per te sono rimasto consigliere e il sindaco invece e’ Vincenzin. Penso sempre notte e di’

chi nel voto mi tradi’. Ho gia’ fatto la scoperta o barbarina

o barbaretta!

Barbara:                        (“Fiorin fiorello” di Mascheroni-Mendes)

O Gaetano ho dato un voto soltanto a te

piu’ non pensare, mi fai tremare

chissa perche’.

Io ti voglio bene, cos’e’ mai la vita

se non c’e’ fiducia che nella lista entrar ti fa’.

Fior di verbena, se qualche pena

alla fine avrai;

fa’ come il vento che in un momento

scompare e va’;

se son in cabina per te,

io votero’ altri tre

ma son cosciente

che il voto solo l’ho dato a te!


5


Gaetano: ‘U viri quantu si’ bestia! Ancora nonhai caputu c omu si vota. E ogni annual conteggio ca fazzu mi manca sempri ‘u to’ votu! Va’ beni, lassamu stari sti’ cosi, appoi si nni’ parra; chiuttostu dicci a to’ figghiu ca stasira non si nesci.

Barbara: Ma ci si pazzu? No sai ca Paulinu havi 25 anni, e’ ragiuneri lauriatu e s’hatruvari na’ bedda zita?

Gaetano: No, ju’ non vogghiu ca abbrattia ca figghia di don Girolumu ‘u chiancheri,quel volgare scannaciareddi che si mette contru l’amministrazioni comunali evadendo il fisco.

Barbara: Ahora!?! Ti fa’ ‘u friscu?

Gaetano: Si, mi porta ‘a sirinata! Che cosa ci puo’ dare q uesto ‘ndividuo a sua figliaAnna per dote? Dieci, venti, e macari ca fussuru trenta mila lire? Che cosa sono per tuo figlio specialmenti ora che le cose stanno rincarando e un chilo di carni s’accatta sette lire e cinquata? Gli spicci, le sigarette, una pinnola.

Barbara: Una pentola?

Gaetano: Si na’ pignata….. Tuo figlio e’ figlio unico e quan               do mori tu………

Barbara: Pirchi’ tu non mori, arresti ppi’ simenza?

Gaetano: Va’ beni, a morti nostra e’ eredi universali e ci t occunu tutti i nostri beniche superano le centomila lire e il quartino di seimila lire ca accattai ultimamenti.

Barbara: Ah, paolino allura e’ l’eretico!?!

Gaetano: Si, ‘u fanu arrustutu comu ‘ncarnaluvari. Scema, si dice “erete”.

Barbara: Mi ‘mpinciu a lingua nto’ ballatoiu.

Gaetano: Si nto balcuni! Ad ogni modu digli che non si esce e quando mi ritiro lovoglio trovare nella sua stanza. (esce paolo che si allaccia i polsini – soggetto).

Paolino: Papa’, pirchi’ non continuati? Che hai timuri dell a mia presenza? Tutto hosentito, sai? Tu non ti vuoi convincere che alla mia eta’ io posso fare chiddu ca mi pari e piaci.

Gaetano: Senti puoi aviri cent’anni ma finu a quannu si’ nta ’ sta’ casa cumannu ju’,s’annunca ti spaccu stu’ vastuni nta’ testa!

Paolino:                                  (“ ‘E figlie”)

Papa’.

‘e figlie ‘o sai che so’?

So’ piezze ‘e core

e tu l’adda’ abbraccia’.

Anna e’ na’ figliola da stimare

e nu pezziente solo a po’ lassa’.

Facitemi accapi’ ca j’ so’ ‘gnurante

songo l’erede e che vulite a me?

Parlate chiaro ‘nnanze a tutte quante

ca pure a mamma siente e vuo’ sape’.

J’ songo Paolillo, ‘o figlio tuo

e tu pateme mio che dici tu

a legge dice ca dinanze ‘o pate

‘o figlio deve surtanto obbedi’.

Papa’


6


Anna e’ na’ bona figlia

e’ na’ signora

nun ha puozzo lassa’

chesto ‘o consigli tu: non tiene core

ma ‘o figlio tojo se l’ha da’ spusa!

Gaetano: ‘U senti comu parra? Megghiu mi nni’ vaju, si no’  finisci a farsa!

Barbara: Portiti l’umbrellu chiuttostu ca si nni’ sta’ vin ennu ‘ntimpurali di chiddi

mai visti.

Gaetano: Non mi nni’ portu.

Barbara: E su’ chiovi comu t’arripari(soggetto poi Gaetano esce, pausa)…….E tu,

figghiu non ti cci’ ha mettiri a tu per tu ccu’ to’ patri, pirchi’ in fondo in fondo ti voli beni.

Paolino: Bellu beni ca mi voli!

Barbara: Non e’ veru pirchi’ t’ha fattu passari tutti i ca pricci. Tu ricordi quannu cirumpisti a lastra cu na’ pitrata a don Filiricu ‘u pusteri? Ebbeni iddu c’ha pavau!..... Poi vulisti ‘u marranzanu e tu ‘ccattau ! …..’A chitarra e macari,

vulevi ‘u cani e t’accattau a signa…. ‘nzumma ti l’    ha datu tutti vinti…….

Se hai pacienza vedrai che si convincera’ e tu ti puoi pigghiari ad Anna (Suonano alla porta) … Chissu sara’ to’ patri ca si vinni a pigghiari l’umbrellu (va’ a d aprire; da dentro) …Oh, mara, e cu ti cci’ porta cu stu’ malu tempu! (Paolino si ritira) ………. Trasi, trasi, quant’havi ca non ti fai vidiri, pirchi’?

Mara:      (entrando) Vossia ci lu dumanna a ddu’ pazzu di so’ niputi Vi ncinzinu.

Barbara: Pirchi’ chi e’ iddu ca non ti fa’ nesciri?

Mara:      Iddu, propriu iddu. Vossia s’immaggina che e’ arri vato anche al punto di minacciarimi di bastonate……

Barbara: (facendo il segno)Corpa?

Mara:      Prorpio corpa.

Barbara: Bih, e chi cci’ pigghiau a ssu’ santu cristianu.

Mara:      Ma ju’ stasira comu si nni’ jivu, pigghiai e nisci ; avevo tanta voglia di vidirla zia.

Barbara: Grazie a ziuzza,ma si ti trova cca’?

Mara:      Ca mi trova.

Paolino: (entrando in scena pronto per uscire fuori)Oh, Mara!

Mara:       Oh, Paolo!

Barbara:E chi fai nesci figghiu? Varda cchi’ timpazzu ca c’e’. Statti cca’, statti intra, varda chi fai, posa l’umbrellu, ti pigghi a chitarra, tu soni, Mara canta e ju’……

Mara:      E vossia arricogghi co piattinu…..!

Barbara: Chi dici a zia, chi siti tutti muzzicati de lapuni a stasira? Vuleva dire e ju’fazzu ‘u cafe’.

Mara:      Non era ppi’ mancarici di rispettu zia, ma non viri vossia ca sta’ niscennu? Chi gli voli impediri di fari ‘i so’ comodi a ‘mpic ciottu comu a iddu? Vuol dire che ha qualche appuntamento importante.

Barbara: Me figghiu non e’ appuntatu………….

Paolino:(fra i denti)………….sugnu brigaderi!


7


Barbara: (che non ha compreso l’ironia dei due giovani)Carusi non mi pigghiati ingiru, vah, con pirmissu, vaju a fari ‘u cafe’ (si ritira).

Mara:                                    (“Passione” di Bovio-Tagliaferri-Valenti)

Cchiu’ luntanu me staje

cchiu’vicino te sento…..

Chi sa’ a chisto mumento

tu a chi pienze…. che ffaje.

Tu me miso int’e’ vene

nu’ veleno ch’e’ doce

nun me pesa sta’ croce

ca trascino pe te’.

Te voglio…. te penzo…….te chiamo….

te veco…. te sento…..te sonno.

E’ n’anno, ‘nce pienze ca e’ n’anno

ca st’uocchie nun ponno

cchiu’ pace truva’.

Dimmelo a chi pensi, dimmelo che hai in mente sempre quella smorfiosa,

quella santarellina. Io ti amo Paolo e non ti cedero’ a nessuno a costo che lo

venga a sapere mio marito e succeda lo scandalo.

Paolino:                               (“Serenatella” di Cherubini)

Mara lasseme sta’, io te saluto

vojo che senta tutto er vicinato.

Dice un proverbio antico e conosciuto

e’ meglio sol che male accompagnato.

Sona chitarra, chitarra sona

la bocca tua di baci e’ na’ fontana

che ha dissetato piu’ de na’ persona

chitarra sona.

Pe quante spine tu m’hai messo in core

te ne potrei da’ de pene amare

ma ognuno me direbbe traditore

e a te la madonnella sull’altare.

La gente ride, ride la gente

si te perdono dice e’ un commediante

si te punisco dice: e’ un delinquente

cusi’ e’ la gente!

(finalino)

Mara:                                                Cielo d’incanto

casca na’ goccia d’acqua a tradimento

nun ce bada’…. e’ na lagrima de pianto

io rido……e canto!

(soggetto tarantell,a entra Barbara col caffe’)

Barbara: Bravi carusi, accussi’ mi piaciti, bravi i cucineddi. Pigghiativi ‘u cafe’

(bussano alla porta, Barbara va’ ad aprire e ritorna con padre Attanasio)

Vossia trasi, tuttu vagnatu e’, vossia mi duna a mia sti’ cosi ca ci ‘nfurnu!

P.Attan.: Oh, carusiddi, salutamu! E cu mu fici fari a nesciri cu sta’ jurnata;  ‘ntantu

intra mi siddiava e dissi: “nesciu, non nesciu, nes ciu, non nesciu”, quannu


8


visti ca ‘u tempu non nisceva. Niscii ju’. Sembra u n gioco di paroli vero? Sempri accussi’ l’hanu fattu l’autri! Ju’ pirchi’ h aju a essiri di menu? Ammenzu a strata c’era na zotta d’acqua, jettu ‘nsa utu……parapunfiti!!!!

‘Mperi a moddu e l’autru all’acqua e m’anniai comu ‘mpuddicinu: Fiat voluntas Dei!

Barbara: Patri Attanasio ‘u cafe ci ‘u pozzu dari(soggetto caffe e uova)…vah,conpermesso.

Mara:      Ju’ vegnu cu vossia zia (escono)

P.Attan.:(si guarda in giro, Paolo lo guarda di sottecchi e dopo un po’ di mimicapadre Attanasio canta “Marta Marta”)

Anna la figliola di Gilormo il macellaio

fa’ l’amor con te incosciente

mi ha pregato tanto di darti un biglietino

ed io per questo sono qua’.

Purtroppo questa sera tua cugina in casa sta’

e non so’ che puo’ pensar

quella e’ un gran demonio

e questo matrimonio

a monte forse fara’ andar.

Paolo ecco, tiro fuori sto’ biglietto

se risposta tu non dai sono guai, sono guai.

Per piacere non e’il momento di arrossire

con tuo padre parlero’, sono costretto a fare cio’.

(oppure continuando la strofa ad organo)

Pur di pacificare questa sconcia soluzion

vorrei dirti ancora un po’

ti prego Paolino, Vincenzo e’ tuo cugino

la mara lascia e tutto cessera’.

Mara:      (che aveva ascoltato, esce col caffe’) E se padre Attanasio ti ha portato ilbiglietto puoi essere sicuro della sua collaborazione, non e’ vero padre Ruffianasio?

P.Attan.: Sia fatta la volonta’ di Dio. Ca figghia, ‘o Sig nuri ci nni dissiru tanti, si tumi nni’ dici na’ pocu a mia nenti ci fa’.

Mara:      Perche’ se patri Attanasio arrivo’ al punto di por tarti il biglietto della pollastrella, domani potrebbe anche combinare un incontro in casa sua, non e’ vero padre parroco?

Paolino:(uscendo di corsa)Mi nni’ vaju, n’ha pozzu sentiri cchiu’(Mara lo afferraper le spalle, ma lui si scrolla e via)

Mara:      Paolo, Paolo, non mi lasciare per l’amor di Dio!

P.Attan.: Non nominare il nome di Dio invano, scomunicata: Fiat voluntas Dei. Maranon fari accussi’, rimettiti pirchi’ su veni to’ zi a puo’ fari cattivi pensieri.

Mara:      (sciogliendosi in una crisi di pianto e buttandoglisi sopra) Padre Attanasio,padre Attanasio (controscena) vossia sulu mi puo’ salvare, vossia sulu havi a chiavi per risolvere questa faccenda. Vossia sapi tutti gli sforzi che ho fatto per separarmi da lui e ritornare moglie fedele, ma non posso, non posso mi creda. Vossia ci l’ha diri a Paolo ca stu’ matrimoniu non si deve


9


fare e che preferisco vederlo morto che felice con Anna. Sugnu pazza, sugnu pazza!

P.Attan.:‘U sacciu!! ‘U sacciu!!

Mara:                                  (“Dicitencello vuie” di Fusco e Falvo)

Dicitencello a frateme cugino

ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia

ch’o penzo sempe

ch’e’ tutta ‘a vita mia

j’ nce’ ‘o vulesse dicere

ma nun nce’ ‘o saccio di’.

‘O voglio bene

‘o voglio bene assaie

dicitencello vuie

ca nun m’o scordo maie.

E’ na’ passione

cchiu’ forte ‘e na’ catena

ca me turmenta l’anema

e nun me fa’ campa’.       (piange sulle spalle del prete)

P.Attan.:(confortandola)Na’ lacrema lucente t’e’ caruta

lassa ‘e penziere ‘e femmena perduta

fra poco arriva ‘o zio e Vincenzino

e te vere chiagnere

‘ndovina a verita’.

Ve voglio bene

e stimo sta’ famiglia

spezza chesta catena

ca nun se spezza maie.

Si tu ce ‘nsiste

succere ‘o parapiglia.    (suono di campanello)

Maritete e’ arrivato

mo che succedera’!

Mara:      (preoccupata) Padre Attanasio, unni m’ammucciu. Si mi ‘ncontra c ca’m’ammazza!

P.Attan.: Unni m’ammucciu ju’!(Mara si nasconde alle spalle del prete mentreentra Barbara che va’ ad aprire)

Barbara:(alla vista del marito)Hai visto, ti vagnasti comu ‘mpuddicinu……

Gaetano: Tu dissi di darimi l’ombrellu…… Patri Attanasiu,         quantu mi tramutu e

sugnu di vossia (esce seguito dalla moglie)

P.Attan.: Ju’ sugnu gia’ tramutatu!  (entra Vincenzino)……..Uh, don Vincenzino

bello, qual buon tempo vi porta?

Vincenz.: Non lu viri vossia comu chiovi, autru ca bon tempu!(si accorge dellamoglie) …Oh! Mara!......

P.Attan.: Si Maridda c’e’? E unn’era ammucciata?

Vincenz.:  Chiddu  ca  diceva  ju’.  Mi  pari  ca  prima  di  uscire     ti  avevo  dato  una

preghiera: quella di non ti allontanare di casa! Pirchi vinisti?

Mara:      (imbarazzata nel cercare una scusa) Visti ‘u malu tempu e ti vinni a purtaril’umbrellu.


10


P.Attan.: Avete visto che pensiero delicato? Amara a ccu’ non havi a nuddu!

Vincenz.: Mu fa’ ‘u schifiu di piaciri di luvarisi do’ men zu? Ju’parru conmia moglie.

P.Attan.: Basta, non v’arrabbiati.

Vincenz.: Susiti ora ora e vattinni a casa.

Mara:      E su non mi nni’ vogghiu jiri?

Vincenz.:(facendo l’atto di afferrare una sedia)A casa passa, a casa passa!(allegrida accorrono gli zii che si intromettono fra i due per separarli; tutti si calmano e cala il silenzio)

Mara:      (mentre esce) Mi nni’ vaju, si, mi nni vaju ppi rispettu de ma’ zii e di patriAttanasiu; varda, ma tu dicu cca’ davanti a iddi: mi vogghiu spartiri pirchi’ ccu’ stu’ pazza non ci vogghiu cchiu’ cummattiri!!! ! (via)

Vincenz.:(afferra una sedia e la lancia all’indirizzo di Mara)Pazza ci si’ tu!(fa’per seguirla ma viene fermato dagli zii)

(“Vivere” di Bixio)

Spesso la commedia dell’amore

la tua donna recitar ti fa’

tu diventi allora il primo attore

e ripeti quello che vorra’.

Sul prim’atto scende gia’ la tela

finalmente torna la realta’,

ella m’ha giurato quando e’ andata

che non sarebbe ritornata mai piu’.

Vivere, senza malinconia,

vivere, senza piu’ gelosia;

senza rimpianti

senza mai piu’ conoscere cos’e’ l’amore

ripudio il mio dolore, godo la vita e fo’ tacere il cuore.

Ridere sempre cosi’ giocondo,

ridere delle follie del mondo,

vivere finche’ c’e’ gioventu’

perche’ la vita e’ bella

e la voglio vivere sempre piu’!

FINE PRIMO ATTO


11


SECONDO ATTO

La scena rappresenta la canonica: Cosimo il sagrista fa’ le pulizie.

Cosimo: Patri Attanasio havi a testa cchiu’ dura du’ ‘nta gghiu. Ieri sira quantu votici dissi: “vossia non nesci, vossia non nesci”; non mi vosi dari ascutu e ora havi a chitarra nto’ pettu e una bronco pommonite acuta con gialinumi sparso in tutto il corpo. Si vagnau, si sculau; all’ultimu pirchi’? Bah! S’ha viri iddu. Ppi’ mia mi nni lavu li manu comu a Ponziu appilatu…..e m’ha

fattu appilari ppi’daveru. Ora ora ci dissi: “vossi a s’ha pigghia na’ pinnula”. No! Non ni volio. Volio il vino cotto. E percio’ c’ haju a fari ‘u vinu cottu. Accussi’ s’imbriaca dimatina e nta’ missa cusa’ chi cci’ scappa do ciancu. Voli accattati macari ddu’ ova: e non su’ persi? Da un momento all’altro puo’ attirantari li palitti e si cogghi i pupi…….

P.Attan.:(affacciandosi)Cocimu c’ha voi finiri? Havi ddu’ uri ca mi canti‘u “requiem aeternum”. Mi facisti moriri ppi’ daveru. Fai zoccu ti dissi e non jittari stu’ picciu ca ju’ nenti haju: e’ sulu ‘npo cu di ‘nfluenza.

Cosimo: No, chistu e’ catarru ‘ntestuali e tussi ccu’ Mis sina.

P.Attan.: Abbisati semu: sentinziau il primario del Vittorio Emanuele!

Cosimu: Comu s’ha senti a preula?

P.Attan.: Bona e’ ……ha ‘nzitai…!!

Cosimo: Vossia scherza…….ju’ parru ppu’ so’ beni pirchi’ci sugnu affizziunatu. ‘U

pitturali ci doli?

P.Attan.: ‘U pitturali?.....Chi haju a jiri a S. Alfiu?

Cosimo: Avaja Patri Attanasiu: di ddocu accumencia la fini, dal toracico. Appoi cci’veni il dolore alla meusa, alle piramidi e finisci nte’ pateddi….

P.Attan.: Si, nte’ rizzi……

Cosimo:(risentito)Patri Attanasio i pateddi sunu chiddi di’ ginuccheri……

P.Attan.: Quelle si chiamano rotule o rotelle…..

Cosimo: Sissignura……havi ragiuni. A vossia ci vunchianu i  rotelli?

P.Attan.: No, mi stai facennu vunchiari tu.

Cosimo: Ju’? Chi c’entru. Ci staju facennu la diagnisi. J u’ ni sacciu cchiu’ assai diddu’ bestia di medicu du’ paisi! N’haju vistu morir i cristiani, puh…..!!!

P.Attan.: E ju’ non moru!

Cosimo: Na’ parola e’; con la volonta’ di Dio non c’e’ ne nti chi fari.

P.Attan.: E p’accomora non moru pirchi’ haju ancora una mi ssione da compiere e ‘uSignuruzzu non ci permetti,

Cosimo: Ah, haju caputu, i soliti raccumannati. Vossia e’ da’ famigghia, e’ un Santue ntra’ vuatri vi sapiti sentiri.

P.Attan.: Sia fatta la volonta’ di Dio! Non dire eresie.

Cosimo: Patri Attanasio vossia si vo’ jietta…..

P.Attan.: Unni?

Cosimo: Si vo’ jietta nto’ lettu e s’arriposa l’ussuariu  ca ju’ cuntinuo a darici na’

bissatedda a casa….. cusa’ mori. A genti venunu e p    oi diciunu: Accussi’

‘ngrasciatu era mortu e bbonu?

P.Attan.: Per l’amor di Dio Cosimo! Finiscila….vado di la’  , si veni qualcunu ci dici

ca non pozzu arriciviri…….


12


Cosimo: …….Pirchi’ sta’ scrivennu l’ultimi vulunta’!

P.Attan.:(si segna e si ritira rivolgendo gli occhi al cielo).

Cosimo:(rimasto solo rivolgendosi alla porta di P. Attanasio)Vossia viri ca si hamoriri a jessiri di jornu pirchi’ di notti mi scantu….. Requiem eterna

sdomini et lucchisi perpetua dona ei all’animaccia… … P.Attan.:(da dentro)All’animaccia to’…Cosimo!

Cosimo: Bih! E’ cchi peri a fossa e ancora reagisci. Megghiu cantu accussi’ ‘u fazzu

moriri allegru: (“Viva la pappa” di Rota – Wertmuller)

Viva la pa-pa pap-pa

col po-po-po-po- pomodoro

viva la pa-pa-pap-pa

che e’ un copo-po-po-po-polavoro

viva la pa-pa-pappa

col po-po-pomodor.

La storia del passato

ormai ce l’ha insegnato

che un popolo affamato

fa’ la rivoluzion;

ragion per cui affamati

abbiamo combattuto,

percio’ buon appetito

facciamo colazion. (ritornello)

(Suona il campanello e Cosimo va’ ad aprire e ritorna con Geltrude la servotta “continentale” di Anna) .

Cosimo: Oh, Geltrudina di me’ pinseri, cu ti cci’ porta c ca’?

Geltrud.:(dopo lunghissima pausa fatta di occhiate e mimica)Mi mende la mie

pedroncina e mi ha detto che al piu’ terdi, messimo fra poche istante deve venire a portere la toveglia per l’eltere della Medonna.

Cosimo: Figghia quannu parri cci’ voli ‘u ‘ntreppiti. Com e ho potuto innammorarmidi te!

Geltrud.:Cheperche’ sono continentale e un po’ di teliene in femiglie da’ l’educhezione giuste!

Cosimo: Ma di unni si’, figghia? Quantu abbeniricu a cita’ ca ti fici, quantu prejupirchi’ addiventa la capitali d’Italia.

Geltrud.:Songhe di Esero, provincie di Messefre che appartiene alla circoscrizionedi la pruvincie di Beri.

Cosimo:(meravigliato)Ah, non si’ di Firenzi?

Geltrud.:Ma quele Firenze e Firenze! Esero e’ nu’ paese mer avigliose cu tremila

cristiane e pesse…..e lu me’ pedrone, il pepe’ di E                nne…..

Cosimo: Non ci haju caputu nenti, comu mi potti ‘nnammurari di na’ francisa.

Geltrud.:(cercando di spiegarsi)Il pepe’ ……di Enne….. la mia padroncina……

Cosimo: Ho capito: ‘u papa’ di Anna……

Geltrud.:E io cose ho dette: il pepe’ di Enne……percio’ dic     eve che don Giroleme

mente che acchetteve le cherne a Esero, mi ha visto e mi ha ditto: “tu serei

le deme di compagnie di mie figlie…..E si’ perche’   io non sono la servotte

ma la deme di compagnie di Enne.


13


Cosimo: Va’ beni, vah, lassamu stari a Enna e parramu di  Caltanisetta………bih,

sbagghiai, vuleva diri di nuatri.

Geltrud.:Parleme.

Cosimo: Parleme. Quannu ni maritamu ah? Geltrud.:‘Nghe quando vuole la Vergine Merie! Cosimo: E quannu ha jiessiri ah?

Geltrud.:‘Nghe quando vuole Dio, S. Giuseppe, S. Duneto, lu Bembino , SenteCheterine, la Madonna del Chermine e Santo Eustecchio.

Cosimo: Assai semu. Ju’ ca ci sugnu ‘nficcatu di intra e i canusciu, avanti ca simettunu d’accordu tutti chissi cci’ voli l’aiutu du ’ papa…..

Geltrud.:Do’ pepe?

Cosimo: No, du’ Sali! Dicevo vah, che ppi’ mia abbasta su lu la vulunta’ di SantuEustecchio comu dicisti tu perche’ e’ il protettore degli sposi.

Geltrud.:Ma io l’ho gia’ scritto a mia memme che c’era nu’bellu giuvine che mi voleve ppe’ ‘nsurrasse cu me!

Cosimo: E chi cci’ scrivisti?

Geltrud.:(“Mamma’” di Nisa)

Memme, memme l’altro giorno

il gherzone del forneio

ha lesciato pene e forno

per perlarmi del suo emor.

M’he becieto sulle feccie

quel simpatiche forneio

m’he doneto une focheccie

fatte espresse pel mio cuor.

Oh memme’

me voglio meriter,

oh memme’

mi portere’ all’altar;

certo avre’

qualche specialite’

memme lo voglio subito

io non ne posso piu’.

Memme, memme in mezzo a tente

io non so’ che debbo fere.

C’e un dolciere, nu’ bidelle

sol da scegliere io avro’.

C’e’ il segriste delle Chiese

pure la mie meno chiese

cosi’ almeno il metrimonio

anche gretis sere’. (ritornello)

Cosimo: Brava, i pensi tutti, macari ‘u matrimoniu gratis. ‘U sai chi ti dicu? Caquannu ni maritamu ti nni’ veni a stari cca’ e ti ‘ mpieghi ccu’ mia: ju’ fazzu ‘u sarristanu e tu a perpetua accussi’…..

P.Attan.:(entrando)Accussi’ dichiaramu fallita a chiesa!

I due:        E pirchi’ Patri Attanasiu?


14


P.Attan.: Ca figghi. Si ora ppi’ ora non ni pozzu manteniri unu, pinsati dui. Ni jiemua curcari tutti tri diuni a sira. No figghi mei. Si v’aviti a maritari idda si sta’ nti’ Annuzza e almenu mangia. Nuatri continuamu ad accumudari comu

avemu fattu fino ad ora…..

Geltrud.:E li fegghi cumme li fecimo?

Cosimo: Ragiuni havi: comu i facemu i figghi?

P.Attan.: Con la volonta’ di Dio!(I due restano interdetti)

Geltrud.:(dopo  pausa)  Pedre  Tenesio…..  E  nu  poche  di  vulunte’  nostre  nun    ci

gueste…..

P.Attan.:(capita la gaffe)Beh…..si….va’ bene….vul dire che una volta la sett   imana

viconcedo il riposo e ve ne andate nta’ dda’ casuz za ca c’e’ nta’ chiusa di massaru Senziu!

Cosimo: ‘U viri quant’e’ bonu patri Attanasiu?

Geltrud.: ‘Nca si tante brevu! Nci cuncedi lu riposu per fere lu strepezzo………

P.Attan.:Ahu, figghia, non ci stunari a testa; pirchi’ vinisti?Avanti spicciti.

Geltrud.:  Petre  Etenesio  nun  si  secche!  A  tutti  li  vagneddi  che  nascerenno  li

chiameremo tutti Etenesio alla feccie sue.

P.Attan.:A facci vostra! Avanti parra pirchi’ vinisti, chi voi?

Geltrud.: Enne vuol venire ppe subete a portere la tovaglie delle Medonne.

P.Attan.: Va’ beni, dicci di spicciarisi pirchi’ mi staju je nnu a curcari ca mi sentumali. Cosimo, t’arraccumannu a ttia. (esce)

Cosimo: ‘U sintisti a patri Attanasiu? Forza fa’ veniri ad Anna.

Geltrud.: (avviandosi)Subete, subete: vedo e torne. A piu’ tardi vagneddo del mio

cuoro……..  (esce)

Cosimo: Bedda, ciatu miu, minicucca del mio cuore, frastonaca della mia mente,latti cundinsatu in polvere, cosa ruci…….

P.Attan.:(da dentro)C’ha voi finiri? Ricordati che sei in un luogo sacro. Tu ‘ufacisti addivintari na’ pasticceria…….

Cosimo: Ragiuni havi patri Attanasiu, mi nni’ staju jennu a pigghiari chiddu ca mi

dissi vossia……. Ci lassu a porta aperta…….cusa’ mor    i!?

P.Attan.:(entrando)Sia fatta la volonta’ di Dio. Vattinni e chidila ca ju’ m’assettuddocu. (Uscito il sagnrista entra Simeotta, una ragazzina curiosa e tutto pepe)

Simeotta:C’e’ prumisso patri Attanasio?(Entra e comincia ad osservare tutto)

P.Attan.:C’e’pirmissu, c’e’ pirmissu e ‘nfunnacasti!!??!! C hi c’e’, avanti spurugghiti ca m’haju a jiri a curcari ca non mi sentu bonu.

Simeotta:Ah, non si senti bonu? Chi havi qualchi cosa ca non ci frinzunia?

P.Attan.: Tutti cosi mi funziuniunu. Spurugghiamuni.

Simeotta:Mi manna me oma’ e me opa’. Mi dissiru ca sugnu min ella e malarucata emi stramannanu di intra ppi jiri a cuntariccilla a Tofulu.

P.Attan.:(Facendosi attento)E cu’ e’ stu’ Tofulu?

Simeotta:Ca vossia!

P.Attan.: Ju’? Propriu ju’?

Simeotta:Sissignura, accussi’ mi dissiru. Vai ni Patri Attanasiu e ci a vai a cunti aTofulu.

P.Attan.: Abbissati semu sta’ matina! E chi m’ha cuntari?

Simeotta:Mi dissiru ca m’haju a cunfissari ccu’ vossia ca po i vossia mi duna ‘i sorvi.


15


P.Attan.:Chi’ ti dugnu, i sorvi? Semmai ti assolvo.

Simeotta:Sissignura, accussi’ mi dissiru. Ma siccomu i me piccati su assai allocu dosorvu mi duna i sorvi.

P.Attan.: Simeotta, Simeotta!!! Sintemu.... cchi’ facisti ai tuoi genitori?

Simeotta:(Ridendo)Nenti, propriu nenti! Ju’ vaju a scola e percio’ a maestra midissi ca ‘u opa’ si chiama babbu a a oma’ si chiama mammella. E allura l’autru jornu ca mi lassanu sula intra ppi’ fari a spisa ju’ dissi: “varda ddu’ babbu di me’ opa’ ca si porta dda’ mammella di me’ oma’ peri peri........ e

ddocu ..... m’ammazzanu a vastunati e mi dissiru di cuntariccilla a Tofulu.

P.Attan.: Figghia, tu non ti sei saputa spiegari beni. Non dovevi aggiungere le poroledialettali a quella italiane....eh?

Simeotta:Giustudici vossia, ma sta’ matina, ju’ mi vosi cur reggiri e mentri niscevunu n’autra vota ci dissi: “viva ‘u babbu da’ mamma ca stanu sdirignannu nta’ na matina”........ e ddocu l’autri vastunati a leva pilu. Ahi,

haju tutti l’ossa rutti.

P.Attan.: Ca certu figghia, tu ti spieghi in un certo modo! Avanti chi c’e’ d’autru?

Simeotta:C’e’ ca me’ oma’ mi dissi: “figghia vattinni nto’ parrinu e ti fai cirmari i vermi ca si’ troppu ‘mpilla, accussi’ ti calmi ‘n m umentu e addiventi na’ picciridda saggia e ubbidienti.

P.Attan.: E ju’ chi c’entru nta’ stu’ traficu? Questo e’ com pito della tua maestra nondel prete............

Simeotta: Ma a maestra mi dissi ca ‘u parrinu e’ patri spiri tuali. Veru e’? Chi havispiritu vossia?

P.Attan.: Haju cuttuni sciusu! Figghia vattinni ora, ca aspettu visiti a mi sentustancu.

Simeotta:E ‘i sorvi?

P.Attan.:Ego te absolvo in nomine patris et filis et spiritus Sancti amen.

Simeotta:Ora pozzu accuminciari d’accapu?

P.Attan.:Senti Scimiotta ppi l’amuri di Diu, vattinni e torna duminica in chiesa.(Sisente bandizzare il gelataio “Gelati che so’ belle! I cassatelle du zu Fulippo! Tira, tira che prendi un gelato di na\ lira!” Attacca la musica:Charleston. Simeotta comincia a ballare e Padre Attanasio dopo un po’, stanco, la mette alla porta) Vah cuntaccilla a ddu’ babbu ca mammella! (Mentre Simeotta fa’ per uscire entra spingendola il sindaco)

Vincenz.: S’abbenarica Patri Attanasiu.

P.Attan.:Briscola! Don Vincenzino cu vi cci’ porta accussi’ prestu a me casa? Vidovete confessare per la messa delle undici?

Vincenz.: Nonsignura, vegnu per altri argomenti. Anzitutto c’haju a diri che ieri seracon i Sigg. Gonsiglieri comunali abbiamo deliberato che oggi con procedura d’urgenza verranno in tutte le case i disinfettatori per la profilassi e disinfezione delle case; sembra che vi siano casi sospetti di meningite e colera anche perche’ le vie fognarie sono otturate e l’unico spazzino ha scioperato. E allora il medico condotto ha voluto abbreviare i termini ed impiegare il nuovo prodotto arrivato una settimana fa’ da Milano.

P.Attan.:Granni Diu! E nenti cci’ vusca?

Vincenz.: Come?


16


P.Attan.: No, nenti,parlavo fra me e me: pensavo ad alta voce. Oggi all’annuspirimintau ‘u tifu, due anni fa’ ‘a pesti…..ora da quello che ho capito si

pripara ‘u culera….Semu abbissati! Menu mali c’avem u ad iddu che riesce

a  prevenire  con  i  prodotti  del  nord  tutti  sti’  malattie  buttani……Fiat

voluntas  Dei…….Mi  scusi  Signor  Sindaco………E  allora  d   evo  la  sua

presenza solo per questo?

Vincenz.:(titubante)………..si’ anche per questo.

P.Attan.:Come “anche”? C’e autru?

Vincenz.: Patri Attanasiu……

P.Attan.: Ah!

Vincenz.: Patri Attanasiu……

P.Attan.:Ah!

Vincenz.: Patri Attanasiu, ju’ vulissi ca vossia in confidenza mi dicissi i piccati ca sicunfessa Mara, me’ muggheri!

P.Attan.:(segnandosi)Ma cosa vi lassati scappari da quella bocca sacrilega. Haju a‘mprissioni ca stamatina vi susisturu du’ latu sbag ghiatu: la confessione e’ sacra ed inviolabile e non potrei mai e poi mai riferirlo a chicchessia. Chi siti pazzu?

Vincenz.:(sbottando a piangere)Si, sugnu pazzu, Patri Attanasiu e diventu cchiu’pazzu se vossia non mi leva sta’ spina ca haju nto’ cori. Mara e Paolo, certo come la morte, se l’intendono e se vossia me ne da’  conferma cci’ sparu

Chissu  cci’’u  lassu  ppi’  ricordupatri  Attanasiu……  cci’sparu!!  Mi  nni’

staju jiennu nto’ giardinu a fari ‘u tiru a bersagl iu. Comu a du’ picciuni ‘i stinnicchiu!

P.Attan.: Unni, quannu, chi’ ‘ncucchiati? Paulu e’ ‘nnammu ratu di Anna a figghia didon Gilormu ‘u chiancheri e sta’ facennu comu a chi ’ ppi’ fariccillu trasiri nta’ testa a vostru ziu Gaetanu.

Vincenz.: E me ziu?

P.Attan.:Nenti, non ni voli sentiri.

Vincenz.:(dopo aver lungamente pensato, gesticolando conle mani con controscena

di padre Attanasio) Padre Attanasio, questo matrimonio si ha da’ fare,s’annunca non sacciu comu ma pensu. Chistu sulu mi po’ dari la paci e la serenita’.

P.Attan.:(intervenendo timidamente)Si, figghiu……ma…….

Vincenz.: …………..senza se e senza ma! Si deve fare e basta.    Io sono il Sindaco ed

inpaese comando io! …..Ci cridi vossia a Dio?

P.Attan.:E comu, sugnu da’ famigghia!........

Vincenz.: Ebbene, per quanto e’ vero Iddio se vossia non ci si metti in mezzo, iofaro’ qualche sproposito………..

P.Attan.:(facendo timidamente segno di tirare il grilletto)……..’u tiru a bersagliu?

Vincenz.: Peggio! Il paese avra’ un’amministrazione democr atica cristiana!

P.Attan.: No, ppi’ carita’. Stamu jennu tantu beni d’accus si’!

Vincenz.: E allora: a buon intenditor poche parole(gli lancia il fucile che spara dasolo) Chissu cci’ ‘u lassu ppi’ ricordu, cu sa’ avissi a fari mali ‘ncontri.S’abbenarica (esce).

P.Attan.:(abbattuto su una sedia si sta’ asciugando il sudore – entra Anna)  Cu e’?

(istintivamente punta il fucile: Anna si spaventa ed arretra) Oh!


17


Anna:       Ju’ sugnu, patri Attanasiuo

P.Attan.:Ah, tu si’ Annuzza? Scusami ero soprappensiero(va’ a mettere in unangolo il fucile) Chi’ voi figghia?

Anna:       Comu chi vogghiu? Ci mannai l’ambasciata cca’ cunt inintali…… chi fa’

non su’ ricorda?

P.Attan.: Ah, si, …..a cuntinintali.

Anna:       E percio’ purtai a tuvagghia ppi’ l’artaru di la M adonna. C’ha voli pruvari?

P.Attan.: No, p’accomora a sarvu nto’ casciolu.

Anna:       Ah, si la Madonna mi facissi ‘u miraculu, cci’ pur tassi na’ torcia longa quantu a mia.

P.Attan.: Firi cci’ voli; c’ha poi purtari(bussano)Cu e’?

Paolo:      (da dentro) Ju’ sugnu patri Attanasiu. Comu ristamu arsira quannu mi desi‘u biglittinu?

P.Attan.:Si, vanniici accussi’ mi dununu a patenti di ruffianu di III gradu. Non po’essiri ca sugnu in compagnia.

Paolo:      E non s’affrunta vossia?

P.Attan.:Ahu, pezzu di mascalzoni, non pinsari ‘o mali. Vah, quantu ci rapu annuncachissu fa’ romanzu (aprendo) Trasi, beddu, na’ cosa caura e cco’ jornu.

Paolo:      (entrando) Oh!

Anna:       Ah!

P.Attan.: A calla’!

Paolo:      Anna!

P.Attan.: Paparascianna! Chi’ e’ no sapevi ca c’era Anna?

Paolo:      Bedda matri santissima!

P.Attan.: Non giurari, pezzu di vastasunazzu ca ti nni’ vai ‘o ‘nfernu ccu’ tutti ‘iscarpi. Basta spurugghiativi chiddu ca v’aviti a diri e niscemuninni di sta’ figghianna!

Paolo:      (sospirando) Anna!......

Anna:       (come sopra) Paolino……  (si ripete)

P.Attan.: Vi vuliti spurugghiari?(si ripete)

Paolo:      Ci cridi ca mi scurdai chi t’aveva a diri.

P.Attan.: Cca’ cci’ voli bona mimoria.

Anna:       Chi acqua ca cascau arsira……

P.Attan.: ‘U sapemu tutti ca m’anniai comu ‘n puddicinu, mac ari ‘i giurnali niparranu.

Paolo:      (“Anna” di marf. – Mascheroni)

Anna, l’ultimo sogno sei tu,

Anna, l’ultimo sogno e poi piu’.

Credi, nonposso amare che te,

credi, tu sei la vita per me.

T’amo, tu m’hai rubato il cuor

t’amo, del piu’ infinito amor.

Anna, l’ultimo sogno sei tu,

Anna, l’ultimo sogno e poi piu’.

Anna:       (“Amami di piu’ “ di Marf. – Mascheroni)

Amami di piu’

stringimi di piu


18


dimmi che il mio amore sei tu.

Non aver timor

resta sul mio cuor

questo e’ il piu’ bel sogno d’amor.

Mi guardi e taci cosi’, senza dirmi perche’

vuoi forse farmi soffrir, spasimare per te.

Amami dipiu’, stringimi di piu’

Paolo il mio amore sei tu.

Mara:      (entrando)       (“Non dimenticar le mie parole” di D’Anzi e Bracchi )

Non dimenticar le mie parole

Paolo t’amo tanto da morir

e’ una cosa bella piu’ del sole

piu’ del sole da’ calor.

Scende lentamente nelle vene

e pian piano giunge fino al cuor,

nascono cosi’ le prime pene

con i primi sogni d’or.

Anna, sono innamorata  (Anna: “a cu’ c’ha cunti!”)

e mi tormento sempre piu’ (Anna: “e semu dui!”)

tu che ancor non hai amato  (Anna: “a tia ti pari!”)

forse nonmi sai capire tu…..

Non dimenticar le mie parole

Paolo t’amo tanto da morir

e’ una cosa bella piu’ del sole

non mi fare piu’ soffrir.

Paolo:      (“Addio signora” di Simi – Neri)

No la commedia e’ inutile

ti leggo in fondo al cuor

quello che vuoi nascondermi

sta’ scritto in fronte a te.

Non so’ mentire a dirtelo

che spento e’ il nostro amore

tanto che vale illudersi

tutto finisce ahime’!

Addio mia bella signora

lasciamoci cosi’ senza rancor

al destino che vien

rassegnarsi convien:

sospirar, piangere perche’?

Tu sei passata incognita

un di’ sul mio cammino

io, senza nulla chiederti

t’accolsi in braccio a me;

in questo nostro palpito

scordasti Vincenzino

davanti ad Attanasio

dico: non t’amo piu’!


19


Addio mia bella signora

lasciamoci cosi’ senza rancor

al destino che vien

rassegnarsi convien

sospirare, piangere, perche’?

P.Attan.: Figghia per l’amor di Dio, vattinni ca antura ci fu’ cca’ to’ maritu ed erauna belva. Accura Mara, accura (si sente bussare) ……Ah, chistu e’

iddu…. E si ficiru ‘i ficu.

Mara:      Beddamatri Santissima, unni m’ammucciu patri Attanasiu?

P.Attan.: Unni m’ammucciu ju’? Vai scappa, vattinni di dda’  (Mara esegue).

Paolo:      (va’ ad aprire ed entra Geltrude)

Geltrud.: Petre Tenesio, songhe vinute per prendere Enne che le devo riportere allachese.

P.Attan.: Ma figlia, qui’ siamo gia’ in chiesa.

Geltrud.: No, che c’entre la Chiese,io dico la chese per dire la chese sue.

P.Attan.: Ah, ho capito, si vattinni figghia, vah! A proposito Geltrude, da parecchio

tempo non vieni a confessarti……perche’? Vuoi o non          vuoi fare il tuo

dovere di cristiana.

Geltrud.: ‘Nghe’ petre, mi sono tirete lu conte e agghio d itte che pecchete ‘nce n’hoancora poche, quando ne raccolgo na settentine nghe le venghe a reccuntare tutte quente in una volta.

P.Attan.: Si, mi veni a sduvacari ‘u saccu! Jitavinni vah, addio Annuzza e miraccumannu non dire niente a casa di quanto e’ successo, va’ bene?

Anna:       Tranquillo, padre Attanasio: e’ anche mio interesse. S’abbenarica, addio Paolo. (Escono ed entra il disinfettatore)

Disinf.:    Salaratu Gesu’ Cristu!

P.Attan.: Ora e sempre ! Chi c’e’ don Giuvanni?

Disinf.:    Ca comu su’ scurdau? ‘U signor sindaco mi mannau p pi’ sbruffariccilla di intra e di fora.

P.Attan.: Un’altra volta, un’altra volta. ‘Ncuminciati ccu ’ qualchi autru pirchi’ nta’stu’ mumentu sugnu ‘mpocu frastornato.

Disinf.:    Chi’ voli frastunachi? Non ni purtai, haju sulu il sdisinfetto ppe’ sgricciariccillo.

P.Attan.:(sbuffando)Cca’ c’e’ ne’ un altro!!! Avanti ….fate il vostro d    overe senza

piu’ oltre tergiversare!

Disinf.:    (lo guarda meravigliato) ……… Nga’ si……

P.Attan.: ……..si’ che cosa?

Disinf.:    (gli fa’ cenno con la testa riferendosi alla precedente frase di Padre Attanasio)

P.Attan.: Ah! Ho capito.

Disinf.:    “Senza ca l’autru nte’ sergi fissari”

P.Attan.: No, figghiu ppi’ l’amuri di Diu! Ho detto: senza piu’ oltre tergiversare,…..

vah, comu si dici: spurugghiamuni!

Disinf.:    Va’   beni,   senza  nta’  lutru   cchiu’  i   sergi   fissari.     (inizia  l’operazione

cantando: “Ho un sassolino nella scarpa” di Valci)

Ho un sassolino nella scarpa – ahi!


20


che mi fa’ tanto mali o caddu – ahi!

ju’ cci’ sbruffu cca’, c’ha sbruffu dda’

giro mi rigiro e ci lu dicu a to oma’!

Conto li stille a una una – ahi!

fazzu na’ risatedda all’una – ahi!

provo a frisculiar e a cantar

ma dda’ pitruzza mi fa’ sempri mal.

Piano, alleggio devo camminar

na’ sghicciata e mi devo firmar,

sugnu propriu ‘n disgraziatu si’

tutta colpa del pietrino sassolino che sta’ qui’.

Ho un cuticchiuni nella scarpa – ahi!

che mi struppia tanto tanto – ahi!

ce la sbruffo qua’, la sghiccio la’

giro mi furrio come fa’ ‘u papa’!!!!

P.Attan.: Finalmenti finisturu di cantari. A me casa ppi’ cchi’ a pigghiasturu ppi’ ‘ntiatru?

Disinf.:    Patri Altanasio quannu travagghiu haju a cantari ppi’ forza d’accussi’ mi sbreio prima.

P.Attan.: Jitavinni ora ca aviti ‘n saccu di cchi’ fari anco ra.

Disinf.:    Ci permetti che ci faccio il discurso ai paesani?

P.Attan.: Abbasta ca vi spurugghiati.

Disinf.:    (affacciandosi al balconcino) “Concittadini e paisani di Roccapippina, iosono il sdisinfettature della Comene che mi ha mandato il Sindaco don Vincenzino Filasco qualamente corremo il piriculo di una malattia gravi che sta’ arrivando senza ca l’autru nte’ surgi fiss ari ……..” e m’ha sparai!!

P.Attan.: Sparativi vui ca e’ megghiu!

Disinf.:    “E pircio’, como dice lu mericu cunnuttu do’ paise , ci dobbiamo profilassari in tutti li gnuni di li nostri menbre organiche.” (rivolgendosi a P. Attanasio) Vossia non n’havi bisognu pirchi’ l’orgunu l’hav i a postu!

….“Giustu ppi’ qualamenti dicu e mi firmo vostro s disinfettatore comunale…..” Ah? Comu cci’ vaju?

P.Attan.: Appostu! Putissiru fari ‘u deputatu naziunali; cci’ ne’ cchiu’ tinti di vui casi prisentunu e arrinesciunu……

Disinf.:    Ca a mia a secunna mi sbuccianu ppi’ na’ cci: hava scriviri pazzu e scrissi n’autra cosa……….

P.Attan.: Jitavinni vah, ca ‘u mericu a stura vi cerca.(uscita a soggetto tra i due)Oh, cchi’ jurnata ca si prisenta oggi: fiat voluntas Dei! Quantu abbersu qualche cosa se no ddu’ stunatu di sacristanu mi lassa ‘i cosi ‘ntridici ……

(bussano) … e chissu diceva ju’ …. Troppu facili pareva …. A          casa do’

jurici …  (si avvia ad aprire)  Oh, signor Sindaco…. Gia’ di ritorno? Quanto

onore! Abbiamo anche don Gaetano Maravigna … Uh! ….  E don Girolamo

‘u chiancheri ….avanti ….avanti…..

Vincenz.: (si piazza al centro mentre i due stanno imbronciati e discosti)Caro padreAttanasio, il ferro si batte finche’ e’ caldo e all ora mi sono detto, giusto quanto vossignoria mi aveva suggerito sulla testa dura di me ziu e il


21


cocuzzone di don Girolamo, che io in qualita’ di primo cittadino devo spezzare questa lancia e mettere d’accordo i contendenti. A mio zio la parola…….

P.Attan.:Ma la mia casa l’avete presa per Pretura unificata? Ju’ vogghiu essirilassatu ‘m paci e queste sono cose che vi dovrete sbrigare voialtri laici…..

Girol.:     Mih! A mia laicu? Non cuminciamu a ‘ffenniri patri Altanasiu.

Vincenz.: Zitto don Girolamo! Io sono l’elemento equilibratore di questa vertenza,sono il moderatore.

Girol.:     Mih! (ad ogni “Mih!” Padre Attanasio salta su’)

Gaetano: Ho capito che devo iniziare io perche’ se si lascia la parola agli ignorantinon ni spurugghiamu cchiu’.

Girol.:     Mih!

P.Attan.:(suadente)Don Girolamo, ogni tantu c’e’ anche il sol il fa’:  cangiatila.

Gaetano: E bravo Patri Attanasio; non mi credevo proprio ca ccu’ l’amicizia capassava m’aveva a fari sta’ bella parti. Quannu a m e casa si muntuava ‘u so’ nomu pari ca si diceva: Santo Attanasio” e me m uggheri si faceva a cruci!

P.Attan.:(sottovoce)E chi era mortu?

Gaetano: Bella razza di Santo! Un Santo portapollastre!

P.Attan.:Sintiti don Gaetanu, diciti tuttu chiddu ca aviti ‘n corpu ma spurugghiamunipirchi’ sugnu stancu, ‘nfruenzatu e m’haju a jiri a curcari.

Cosimo:(entra guarda gli astanti, poi)Chi fa’ non ha murutu ancora? PatriAttanasio st’ova ci sbattu?

P.Attan.: Sbattitilli unni sai! Avvicina chiuttostu quantu ti dicu na’ cosa.

Cosimo: L’ultima volonta’ …..    (P.Attanasio gli parla all’orecchio e Cosimo dopo

aver guardato i presenti corre a fare l’ambasciata).

Girol.:     Patri Eutanasio……

P.Attan.: Accuminciasturu a parrari l’italianu?

Girol.:     Mih! Vossia l’havi ccu’ mia ppi’ ddu’ pezzu di car ni ca cci’ desi l’autra

vota. Ci assicuro che era una sitola.

P.Attan.:

‘Nfatti!  Accussi’  arrisultau:  allocu  di  sita  fu’

di  setola.  Peggiu  di

‘ncupirtuni d’automobili. Ma vi assicuro ca mancu c i pensu cchiu’. Sono

cose meschine…..

Girol.:

Mih!  Mischinu  mi  dissi:  vossia  s’arritira  sta’  par ola  annunca  fazzu  ‘n

macellu!

P.Attan.: Tantu e’ ‘u vostru misteri.

Vincenz.: Signori, per cortesia, vi ho riuniti nella casa del Signore……

Girol.:   Mih! Non e’ a so’?....

Vincenz.: …..nella casa del Signore, dicevo, perche’ possiat

e col mio ausilio e con

l’altra presenza di padre Attanasio, mettervi d’acc ordo, vossia zio Gaetano

e voi don Girolamo, dando fine cosi’ a questa lite che si perpetua da mesi e

consentendo a Paolo e ad Anna di potersi sposare.

Girol.:

Mih!, di chissu si tratta? Ahu! Signor Sindaco, vossignoria mi ha portato

cca’ cu raggiro!

Gaetano: No, caro Vincenzino, o ziu, mi permetto di disubbidire al sindaco ma ioimparentarmi con un tizio che non puo’ dare nessuna dote alla figlia, non lo


22


faro’ mai (entrano Paolo con la madre ed Anna con Geltrude, prendendo posto distanti fra loro).

Girol.:     Cu vi cci’ porta a vuatri cca’?

Gaetano: Cu vi cci’ porta a vuatri cca’?

P.Attan.: Mi sono permesso io dato ca l’interessati erano assenti; non si parra maiarreri ‘e spaddi degli aventi causa. Percio’ don Ga etano ora potete parlare: dicitimi chi doti dati a vostru figghiu.

Gaetano: (facendo la ruota come il pavone)Io caro padre Attanasio sono un uomodi poche circonlocuzioni e perifrasi inintelleggibili e allusive, quindi e quinci vengo subito al sodo esponendo il perche’ della mia refrattarieta’ a queste nozze e quindi del veto che piu’ veto di questo non si puo’ reperire sulla piazza.

P.Attan.: A chi’ stati vinnennu balli di cutunu? Unn’e’ st u’ sodo?

Gaetano: Arrivo. Se mio figlio si sposa col mio consenso avra’ 80.000 lire incontanti, la mia macchina fotografica e l’orologio di nichel marca Roskoff che ho comprato da un ferroviere morto. In seguito, quando mia moglie defungera’ avra’ il resto.

Girol.:     Mih! Assai su’! Giustamenti me figghia non puo’ pr etenniri a vostru figghiu!

Gaetano:Avete visto che non sembrate ma siete una persona ragionevole rendendovi conto della situazione?

Girol.:     Ca certu…. Me figghia cca’doti ca pusseri non e’ c       a si po’ pigghiari ‘n

mortu di fami comu a vostru figghiu? (movimento di sorpresa e mormorio generale)

P.Attan.:(cauto, cercando di esplorare le intenzioni di don Girolamo)… ma pirchi’scusati, quannu Annuzza si marita cosa porta in dote al suo promesso?

Girol.:      Senza priambuli, comu dici don Gaetano e con quattro parole sbrici, sbrici ni nni’ niscemu di questa figlianna: se Annuzza si marita col mio consenzio ju’ dugnu 500.000 liri contanti, tri cambiali priviliggiati di ‘n usura ca cci’ fici ‘o baruni Bonica di Torolifo per l’importo di 300.000 lire a godi-godi, un viaggio gratis a Jaci ccu’ trammi, na’ giardinie ra, una balilla tre marci cabriule’ ultimo tipo e una macchina da cocire marca “Singera”, non considerando cullani, aricchini, pendentiffe, brioches, perle, curalli, braccialetti turciniati, e poi tuttu l’alluminiu, ‘ u ferru, ‘u stagnu, ‘u chiummu…..

P.Attan.: …e ‘a cacazza: Minghisi!(Tutti restano sbalorditi) Quannu cci’ voli cci’voli! E allora don Girolamo questa mano di vostra figlia per il giovane Paolino ve la posso chiedere io direttamente? (tutti pendono…)

Girol.:     (vittorioso ed esultante) Che se la manicola di mia figlia me la domannassedon Gaetano io ci direbbi NO!

P.Attan.: A sintassi accuminciau!

Girol.:     Ma trattannisi ca c’e’ la so’ bedda facci in mezzo io cci’ dico: si puo’ portare a mia figlia (in un sospiro di sollievo tutti: “Minghisi”; poi s i danno a fare le congratulazioni a vicenda tralasciando in un angolo il prete)


23


Girol.:     Anzi in chista uccasioni vi ammito a casa mia per domani pe stilari i capitoli matrimoniali: domani e’ il 25 del mese e mia figlia Annozza compie l’olocausto…

Tutti: Chi?

Girol.: ….nsomma volevo dire che ricorre l’anniversario       della fondazione di mia

figlia; scannu du capretti, i bbiamu nto’ furnu e tutti a giro ni’ pistiamu.

Vossignoria signor Sindaco porta la sua gentile sconsorte e fistiggiamu.

Gaetano:Senza preamboli, circonlocuzioni e perifrasi.................

Girol.:     Cumpari, cchi’ voli? Accurzamula.........

Gaetano: Intendevo dire: cu’ semu in questo simposio luculliano?

Gilor.:      Ca ‘a so’ famigghia con mio genero, la mia e que lla del signor Vincenzino. Chiuttostu amuninni intanto a casa mia ca haju una buttigghia di vischio, ‘a suppamu, ci mintemu ‘a soda e ni pigghiamu l’apirit ivu.

P.Attan.:  (sottovoce)..........

a  tutti  ‘i

‘vvilena  sta’

jurnata!!  (tutti  escono  senza

salutare) Oh, li gran vastasunazzi! Tutti i

colliri a mia e i scialacori e i

divertimenti ppi cuntu d’iddi. Ca sia fatta la volonta’ di Dio! Hannu a veniri

ppi’ maritarisi........

ne’ maritu, fazzu veniri l’ autru parrinu da’ frazioni di

Rapafiorita.......

‘i marita iddu........

Chissa e’ suddisfazioni ca mi passu.

SI SPENGONO LE LUCI, CALA IL SIPARIETTO, I CANTORI SI DISPONGONO AI MARGINI DEL PALCOSCENICO INTONANDO GLI INNI SACRI.

(all’alzarsi del sipario Padre Attanasio che officia):

“E tu Paolo maravigna, sei contento di prendere per legittima sposa la qui’ presente Anna Maria Concetta Consoli, secondo il rito di Santa romana Chiesa? (Si) ....E allora da questo momento vi dichiaro marito e moglie!

INTRODUZIONE DEL FINALE MUSICALE

FINE DELLA COMMEDIA

Finito di scrivere il 3 Agosto 1979


24

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno