Sia fatta la vulunta de Dio

Stampa questo copione

TORRISI PAOLO

“ SIA  FATTA  LA  VOLUNTA’  DE  DIO! ”

tre atti

adattamento ed elaborazione

in vernacolo anconetano

FIAT VOLUNTAS DEI

di MACRI'-MUSCO

commedia in tre atti

                 I personaggi che ruotano attorno a Padre Attanasio, creano vicende e situazioni, sempre per l’insolito volere della sorte, ora tragico-comiche, ora esilaranti…

               Gaetano amerebbe che il figlio, Paolo, prendesse in sposa una ragazza con una dote consistente. Per la madre, Barbara, invece è importante che sia una ragazza timorata di Dio e che voglia bene al figlio. Come sempre i genitori progettano su cose che relativamente appartengono a loro, senza sapere che non sempre i figli la pensano allo stesso modo. Difatti Paolo è innamorato di Anna, ma questo amore viene contrastato dal padre, e dalla cugina Maria, con cui ha avuto una relazione d’amore.

I due innamorati chiedono aiuto a Padre Attanasio, che sapendo però come la pensano in riguardo i genitori di loro, sembra avere un comportamento alla “Don Abbondio”…Finchè stanco di ricevere rimproveri ingiustificati, prende coraggio e con fermezza riesce a far capire quale è la… “Voluntas Dei!”

PERSONAGGI    U 8       D 4

Commedia registrata SIAE n°814003/A; codice 53955;

Torrisi Paolo

via, Abruzzo -3

60025LORETO (AN)

tel.071/978063;  cell 349-7824237

torrisipaolo@virgilio.it

Per facilitare la lettura in calce vi è un glossario.

“ SIA FATTA LA VOLUNTA’  DE DIO ! ”

PERSONAGGI:

PADRE ATTANASIO                           parroco

GAETA’ MARAVIGLIA                        sensale

BARBARA                                             sua moglie

PAOLO                                                  suo figlio

VINCE’                                                  Sindaco

MARIA                                                  sua moglie

GIROLAMO                                          macellaio

ANNA                                                   sua figlia

CAMILLA                                             perpetua

MICHE’                                                  guardia

GNAGNO’                                              operaio

MURATORE                                          voce fuori campo

P RI M O  A T T O

                      L’azione si svolge nel soggiorno della casa di Gaetano: La Comune in fondo a sinistra.- una porta laterale a destra, che da nelle camere.- di fronte a questa, a sinistra, una finestra, che da sulla strada.- un credenza in fondo a destra.- un tavolo al centro scena con quattro sedie impagliate.- tra la Comune e la credenza un attaccapanni di legno, a muro, dove si trova la giacca di Gaetà ed un ombrello.- A terra, vicino alla finestra una chitarra.-( salvadanaio in terracotta- carte da gioco- vassoio e tazze da caffé…)

                   E’ una sera di luglio e dei lampi seguiti da tuoni preannunciano il classico acquazzone d’estate. 

                  

                   All’alzarsi del sipario in scena si trova Barbara, che con un coltello sta cercando di tirare fuori dal buco del salvadanaio qualche soldo…

                 Scena 1^:- Barbara poi Vincé.-

BARBA- Possi murì ‘mazzarellatu!…Ce credo che nun polene scappa’…ènne tutti pezzi de ‘na lira!…Pe’ mettèceli ‘gna furza’. Figurte se scappane!…Cul marito mia è peggio d’un fijolo!…Pe’ i quadrì dària l’anema al diavulo!…

VINCE- (entra. E’ scuro in volto.) Bona, zì! E’ pronto zio?

BARBA- Se sta a feni’ de vesti’!…(riprende ad armeggiare col salvadanaio) Mèttete a sede che ‘riva!…

VINCE- (non riesce a star fermo) Cusa state a ffa’ a cul salvadanaro?

BARBA- L’ho truvato sotta l’armadio…è de zito! All’età sua se duvria vergugna’ a mette’ i soldi ‘ntel salvadanaro!

VINCE- E’ ‘ntel carattere sua! Ce lu sapemo che zì è un po’ ‘taccato ai quadrì!  (Vedendo che la zia continua a torturare il salvadanaio)  Però se j slabbrate la bocca nun è più un salvadanaro…Lu pudete butta’ via! La bocca deve esse’ stretta, pe’ esse’ sciguri che nun se li fregane! Se ‘nvece, al posto de la bocca ce fanne un bugo: tutti ce polene mette’ le ma’ e nun se riesce a cuntrulla’ gnente!…A meno che nun se ‘chiappa el ladro ‘ntel fatto!

BARBA- (che ha notato il suo nervosismo, mentre va a posare nella credenza il salvadanaio)…Vince’, se pole sape’ cu’ c’hai?

VINCE- Cu’ c’ho d’ave’? (siede)

BARBA- Che so? Parli ‘nte un modo strano…Hai fatto tutta ‘ssa filosufia pe’ ‘n salvadenaro!…Miga te capiscio!…

VINCE- Me capiscio dapermé!…Ma zì ‘riva o no?

BARBA- Ormai avrà fatto!…Ma, cu’ c’hai? ‘Nte cula sedia, te stai a rigira’ cume un vermino!…Dimme la verità: tra te e Maria c’è stata qualche parola de più?! Ete fatto cagnara?…

VINCE- Se emo fatto questiò? Nooooo!!!!…(ironico) Cagnara cu’ ‘na moje che me vole tanto bene? (si alza)

BARBA- Ho capito!…Queste so’ nuvolette de passaggio!…

VINCE- Speriamo che nun ènne nuvolette de tempesta!  (Allarga le braccia a mo’ di rassegnazione)  Sarà!… (cambia discorso)  E, Paolo? E’ da tanto che nun lu vedo!…Nun lu so, ma  pare che me vole sfugge!…L’altru giorno stacevo ‘nte la piazza e ‘pena m’ha visto: ha gambiato strada.

BARBA- Ha gambiato strada?…Paolo?…Ma cu’ dighi?… Te vole be’ e se vanta cu’ tutti d’esse’ el cugino del Sindico!

VINCE- Me vole be’!…Sete scigura, zì, che me vole bene?

BARBA- Essà! Tu sai el marito de su cugina Marietta, ch’è stata tirata su insieme a lu’ e quindi se Paolo vole bene a lia: vole bene pure a te, che sei el marito!

VINCE- Sarà!…(va verso la finestra) Però, j vuria parla’…J vuria di’che  ‘nte la parentela certe cose nun se fanne! (guarda fuori) Se sta a prepara’ un tempaccio! (vede la guardia e la chiama) Michè!…Michè!…’Spetta che te devo parla’!…(alla zia) Zì’,  c’ho de nda’! Dì a zio che l’aspetto de sotta! (andando)…Ciao,zì!

BARBA- Certo che se so’ accoppiati be’: lu’ è pazzo e Marietta più de lu’! Jezu, che matrimoniu sballatu!…Speramo che lu Spirtu Santo je possa ‘lumina’ la testa a tutt’e do’!

Scena  2^:- Barbara -  Gaetà’-

GAETA- (entra finendo di abbottonare il gilè ed andando a prendere la giacca) ‘Ndo sta Vincè?…Me pare d’ave’ ‘nteso la voce sua!...

BARBA- Te ‘spetta de sotta. E’ ‘ndato a parla’ cu’ Michè, la guardia municipale!

GAETA- (che intanto ha messo la giacca) Allora vago via!

BARBA- Ma ‘ndo ‘ndate cu’ ‘na serata simile?

GAETA- C’emo da ffa’!…Se viene padre Attanasio: fallo ‘spetta’! J dighi che nun tardamo.,. Cuscì’ ce famo la solita partitella a carte!

BARBA- Te pare che cu’ sto tempacciu, padre Attanasio, se move da la canonica?

GAETA- Quellu viene pure se piovene i “ciocci”!…Capirai, specie che ieri je l’emo date a “ cala giò”!

BARBA- Me pare che a stu puretto je la fate paga’ ogni sera!

GAETA- Nun se la vole capì che el tresette nun fa per lu’!…Ieri ha perzo ‘na lira…L’altru ieri 34 soldi…

BARBA- Eh! Ve vie’ a purta’ i soldi de le messe che ha ditto la mattina!…Che gentaglia! Prufittasse de ‘n poro prete!

GAETA- Nisciù lu obbliga a giuga’!…Famme ‘nda’ via (si avvia, ma torna su i suoi passi) Scoltame: dì a tu fijo che stasera nun deve scappa’…Che lu vojo truva’ a casa quanno ‘rtorno!

BARBA- Ma te la vuoi capi’ o no che Paolo nun è più un munelletto? C’ha 24 anni!

GAETA- Pe’ me pole ave’ pure cent’anni! Finché campo chì drento cumanno io! Se j fij nun c’hanne giudizio: ce so’ i padri che ce l’hanne per lora!

BARBA- Cus’è adé cumenciamo? Duemo di’ sempre le stesse cose?…E’ mejo che nun ne parlamo!…Tantu se c’è la vuluntà de Dio: no’ nun je pudemo ffa’ gnente!

GAETA- Lassa sta a Dio che c’ha da pensa’ a tante altre cose!…Sta storia la deve feni’, sennò je rompo la testa!

BARBA- Uhè, uhè!…Sta calmì, signor spacca-e-lassa!…Se pole sape’ perché nun voj che sposa a cula pora fijola? Me voj di’ el perché?…Perché el padre è macellaro? No’ cusa semo: principi, baroni…? Adè, perché emo fatto sti quattro soldi: hai meso superbia!…Me sai di’ cus’eri tu quanno hai preso a me?

GAETA- Io ero un sensale stimato! Vojo che mi fijo faga un matrimonio degno de lu’ e no’ che sposa la fija de (con disprezzo) Girolamo el macellaro!

BARBA- Cusa  poj di’ de Girolamo? Nun è forse un galant’uomo?

GAETA- Ma nun ce pensi che Paolo è fijo unico e che cu’ le centomilalire che je damo, oltre a la roba che je ‘rmane a morte nostra, pole ffa’ un matrimonio de lusso?…Cusa je pole da’ Girolamo a su fija Anna?…Venti…Trenta mila lire! Cusa so’ trenta milalire pe’ tu fijo?

BARBA- Ma è smatitu de Anna e pudria ffa’ qualche pazzia se l’ostaculamo!…E, se si spara?

GAETA- Si spara?! (ride) Si spara!…Capirai, all’età sua j amori vanne e vienene cume i raffreddori!…(sente il fischio di chiamata di vincè e va alla finestra) ‘Rivo!

BARBA- Me so’ necorta che ‘ntel petto c’hai ‘na pietra al posto del core! Te ‘rcordo che stai a parla’ de tu fijo!…Del sangue tua!…Nun lu voj pe’ gnente be’!

GAETA- Lu voj bene tu, che lu voj ‘mpastrucchia’ cu’ quella! So’ cuntrario appunto perché lu vojo bene!…M’hanne ditto che la fija del farmacista de dote c’ha centumilalire in contanti!

BARBA- Tu daristi pe’ moje, a tu fijo, ‘na giuvetta de cula purtata?…Nun l’hai saputo cusa ha fatto cul tenente Scalise?…e dopo cul fijo dell’esattore?

GAETA- L’ho ditto cuscì…Tantu pe’ dittene una!… Ce saria la fija del banchiere… De cussia cu’ poj di’?

BARBA- Ennà! M’hai meso davante ‘n antro bellu scampulo!…Ma ‘ndo campi sulla luna?…Cusa sai deventato sordo e  cego? Sta gente manco la vojo senti’ a numina’ drento casa mia! Paolo deve spusa’ e purta’ chì drento gente cume a no’! Io, ‘nco’ se cumencio a esse’ avante ‘ntej anni, el pa’ e le lasagne me piace falle a me: cu’ ste ma’! Io de ste signurine muderne, cu’ la faccia tutta ‘mpastrucchiata, che se vestene cume le bambule, che te fanne vede onnico’: nun le vojo pe’ mi fijo!…Ai tempi mia nun c’erane tutte ste purcarie!…Cus’è m’hai visto calcò quann’erimi fidanzati?

GAETA- (fa cenno di “no”)

BARBA- Allora che <Marianna> voj?

GAETA- Vojo che sti quadrì che me so’ sudato nun se li deve gode la fija de ‘n macellaru! Nò, nò e poi nò!

BARBA-    Ma pussibile che nun te ne ‘corgi che stai a ffa’ male a tu fijo?

GAETA- (vede entrare il figlio: a mezza voce) Zitta che è qua!

Scena terza:- Detti  e Paolo

PAOLO- (che ha sentito il padre) Perché nun duvete parla’?…Cus’è nun ve la sentite de parla’ davante a me? Vulete che vago via?…E’ de più de un mese che sento sempre j stessi discorsi! Oggi, ancora nun v’evo sentito e me pareva  strano!

GAETA- Scì, è vero! Ne parlo finu a quanno la testa nun te se libera e cumencia a pensa’ cusa è mejo pe’ un bardasciu de le condizziò tua.

BARBA- Va be’, va be’…adé fenimola!…

PAOLO- No, mamma, lassalo parla’! Ormai c’ho fatto el callo!…Lu so a memoria quellu che c’ha da dimme: ridiculo, pulcinella, ciambotto…

GAETA- E’ mejo che vago via, sennò fenisce male!

PAOLO- Poj ffa’ quellu che te pare!…Vo’ nun ve vulete cunvince’…Ve sembra cose da fijoli…e ‘nvece no!… C’ho 24 anni e so quellu che digo e quellu che fago. Io vojo a Anna e nun me la levate da la testa mancu se me fate a pezzi!

GAETA- E, io pijo ‘n basto’ e la testa te la rompo, cuscì vedemo chi ce l’ha venta! (si avvia verso l’uscita)

BARBA- (seguendolo) Feniscetela da di’ certe cose…e portate l’umbrella!…’Spetta che te lu dago!

GAETA- Nun ne vojo umbrella. Nun piove!

BARBA- Adé nò, ma tra pogo casca giò el diluvio! (glielo metteal braccio) Pittelo!

GAETA- (glielo dà) Nun lu  vojo!

BARBA- (stesso gioco) Pittelo, che poi me stai ‘na settimana ‘ntel letto!

GAETA- (che lo ha preso) T’ho ditto che nun lu vojo! (lo sbatte a terra e via)

PAOLO- (è andato a sedere)

BARBA- (posa l’ombrello, poi guarda Paolo e scuote la testa tristemente- prende il cesto da lavoro va alla finestra: guarda il cielo e poi ritornando al tavolo) Se sta a prepara’ ‘na serataccia!…(un lampo seguito da un forte tuono la spaventa) Jezu, Madonna!…De sciguro, quessu  è cascato qua de oltra? Ogni anno, a Lujo tira fora ‘n acquazzò…Pare che è d’obbligo! (gli si avvicina e con tenerezza) Pallì, scolta a mameta: cu’ babbo nun te ce devi ‘tacca’…Ce lu sai ch’è testardo…Però è bonu e te vole bene!

PAOLO- Seh! Tuttu sto bene che me vole!…

BARBA- Lu’,  vuria che tu spusassi ‘na principessa…

PAOLO- Te ce metti pure tu, mamma?…Je dài raggiò? Sete tutti contro de me!

BARBA- Perché dighi cuscì? Fin’adé ho cercato de cunvincello in tutti i modi. A Anna la cunoscio…L’ho vista nasce e cresce e nun me dispiaceria…Anche se pure a me , cume a babbo, me piaceria che tu spusassi a una mejo de no’…Ma lassamo ffa’ a Dio. Tutto è destino!

PAOLO- (si alza e va in camera con lunghi passi) Lu so io qual è el destino mia!

BARBA- (vuole seguirlo e dirle qualche altra cosa, ma un LAMPO seguito dal TUONO le mettono paura) Te pijasse la sbocca del Musciò!…E manco l’8 settembre se so’ sentiti cuscì forte! Famme chiude!…(va alla finestra) E cul benedett’omo de mi maritu è scappato senz’umbrella!..(dopo va a sedere e comincia a lavorare o a maglia o cucito- Dopo breve pausa si sente BUSSARE ALLA PORTA)

Scena 4^: Barbara – Maria.-

BARBA- (va ad aprire e fa entrare con convenevoli a soggetto)…Cus’è adè bussi pe’ bucca’ a casa de zita?…C’è volsuto sto tempacciu pe’ vede quantu si’ bella!?…Cum’è che è da do’ settimane che nun te fai vede?

MARIA- Dumannatejelo a mi marito! E’ lu’ che nun me fa scappa’.

BARBA- Cume saria?

MARIA- J ha preso el “matto” e la testa lu fa ragiuna’ cuscì! Da quindici giorni me sembra de sta’ all’inferno!…M’ha minacciato pure de bastunate. Stasera, ‘pena l’ho visto ‘nda’ via cu’ zio, de corsa so’ venuta qua.

BARBA- Adé capiscio perché faceva cuj discorsi senza senso!…Se te trova qua?

MARIA- Eh! Me trova qua.

BARBA- Miga pe’ gnente, sa, ma nun vuria che facesse qualche scenata! (tra sé) Chissà perché ragiona ‘nte ‘ssu modo?…(forte a Barbara) De fora piove?

MARIA- ‘Ncora nò, ma el tempo è pronto, nun l’ete sentiti i troni?

BARBA- E cul benedett’omu de zito è scappato senza umbrella!…Che po’ vuria sape’ ‘ndo’ so’ ‘ndati cu’ ‘na serata de queste?

MARIA- In Municipio!

BARBA- In Municipio a st’ora? Cu’ ce vanne a ffa’ a st’ora chì?

MARIA- Perché nun ce lu sapete zì, che ce so’ parecchi casi de ‘nfluenza? El medico cundotto pensa che se tratta de “Spagnola”!…El fattore Petino ce sta pe’ muri’. Puretto, lassa ‘na famija numerosa!

BARBA- L’hanne purtato al Municipio?

MARIA- Ma, no!…Vincè, cume Sindico, deve pensa’ a la salute pubblica, perciò deve prepara’ j ordini pe’ la disinfestazziò de le case. Pe’ da’ el bon’esempio cumenceranne da vo’ o dal Parruco.

BARBA- Essà! Ce manca solo de sbrodulamme casa!…Io, miga ce credo a ste “spagnole”…Tutte cose che se ‘nventane pe’ ffa’ quadrì!

MARIA- Zì, dicene che chi la pija: casca giò cume ‘na pera cotta!

BARBA- Ai tempi mia c’erane: el tifo, la prulmunite, j sbocchi de sangue…Adè nun se sente altru che a parla’ de ‘prendiciti, acidu unico, driabete e tanti altri malanni che manco li so’ numina’…Più el nome è strainu e più ènne de moda! ( T U O N O ) …Santa Barbara! (si segna) M’ha meso paura!…( la P I O G G I A comincia a cadere sui vetri della finestra) Ecchila!…Senti cume piove adè?…E cul benedett’omo de mi maritu è scappato senz’umbrella!

Scena 5^:- Detti più Paolo.-

PAOLO- (entra, vede Maria e per un attimo si ferma, ma poi salutando va a prendere l’ombrello) Ciao, Marì!…

MARIA- Ciao!…Cus’è, esci cu’ sto tempo?

BARBA- Digo: te sai smattito?…(va da paolo) Posa cul’umbrella!…’Ndo voj ‘nda’ a st’ora ch’è tardi?…Senti cume vie’ giò l’acqua?

PAOLO- E’ roba passeggera…adè smette!

BARBA- Cu’ cj hai de cuscì ‘mpurtante che devi scappa’ pe’ forza?

MARIA- Ognuno sa j affari sua!…(allusiva) Avrà appuntamento cu’ qualche “amico” !

PAOLO- (che ha capito) E’ inutile che me tiri la corda, sa’! Nun c’ho nisciùn appuntamento.

BARBA- Su, posa’ st’umbrella, fijo mia! Queste ènne serate che cunvie’ sta’ a casa…(accompagnandolo alla sedia laterale al tavolo) Guarda cu’ famo: te fumi ‘na sigaretta…soni ‘n po’ la chitarra, cuscì ce fai ‘n pogo de cumpagnia! (gli dà la chitarra) ’Ntel mentre io vago a ffa’ el caffè. La cuccuma è già pronta. (uscendo) Permetteme Marì!…

MARIA- Prego, zì!…(vi è una pausa con sguardi furtivi tra i due) Ma la voj bene cuscì tanto che manco t’emporta dei pericoli?

PAOLO- (posa a chitarra e va sedere) Ma cu’ dighi? Voj bene a chi? De chi stai a parla’?

MARIA- De chi? Nun me capisci, è vé? Nun sai de chi sto a parla’?

PAOLO- Nun so gnente!

MARIA- (si alza) Poru cocco, nun sa gnente! (viene fuori col discorso) A me nun me sta be’ Paolo! Nun me sta be’, hai capito?…Manco te l’immagini de co’ so’ capace io!…El signurino nun sa gnente! Allora cum’è che nun fai altru che passa’ e ripassa’ sotta la fenestra del macellaro? Pe’ la bella faccia de don Girolamo o pe’ cula giuvetta che sta sempre a la fenestra e che te butta giò le letterine?…Nun ne sai gnente, è vé?

PAOLO- Oh, ma se pole sape’ (si alza rimanendo lateralmente al tavolo) cu’ te frega se io vojo bene a lia?

MARIA- C’hai pure la faccia tosta de dimmelo?!

PAOLO- Scì, oh! Scì, oh! La vojo bene più de la vita mia e nun devo da’ conto a te!

MARIA- C’hai ragiò! Chi so’ io? Perché devi rende’ contu a me? Hai ragiò: “acqua passata, non macina mulino”!

PAOLO- Tu…del resto…sai spusata!

MARIA- Già!…So’ spusata. Però quanno me dicevi cule parole pine d’amore e me tenevi stretta stretta tra le braccia, fino a famme manca’ el respiro…Cus’è nun eru spusata? Te ‘corgi adé che esiste pure cul por’omo, che ho ingannato pe’ te? Perché, adé nun me dighi che el rimorso te rode el core?

PAOLO- Proprio cuscì! E’ il rimorso de quello ch’emo fatto che me tiene luntano da te!…Tu nun me crederai, ma nun riescio più a guarda’ Vincè ‘nte la faccia; me fissa ‘nt’un modo…  pare de sape’ ogni cosa de no’! Marì, tu maritu sospetta qualche cosa e sta pronto cume el cacciatore che aspetta l’uscita de la lepre!

MARIA- Vijacco! Hai paura?! Vincè suspetta, scì! E’ da più de 15 giorni che famo cagnara…me maltratta…nun me fa scappa’ de casa!…Cume vedi, io nun c’ho paura e so’ venuta! So’ venuta pe’ ditte che nun è giusto che me lassi pe’ una che nun te vole bene quanto te ne vojo io! Lu sai che Vincè è geloso e che rischio la vita per amore tua!? Quale prova t’ha dato lia?…Parla! Parla, dimme che nun me voj più bene, che te sai stufato de me!… Ma io le carte te le butto tutte a quarant’otto, a costo de ffa’ scandalo! Né io, né lia!

PAOLO- Guarda che nun m’hai meso paura, sa’! Io, a Anna la vojo bene e sarà mi moje. Pure tu dicevi de vulemme bene e po’ te sai spusata cu’ Vincé…E per co? Pej quadrì! Nisciù me la leva né da chì (segna la testa), né da chì! (segna il cuore, poi prende la chitarra, siede e comincia ad accordarla)

MARIA- Benissimo! Nun pudevi esse’ più chiaro de cuscì! Nun ne parlamo più! (siede)

Scena 6^:- Detti- Barbara.-

BARBA- (entra) Qua c’è el caffè!…Pallì, lassa perde’ ‘ssa chitarra, sempre ‘nte le ma’ ce l’hai?…So’ scigura che t’ha fattu ‘na testa cuscì: trun-trun..trun-trun!(nel mentre ha versato il caffè nelle tazze) Bevetelo callo!…’Na tazza a te…una a te…e una a me! El zuccaro ce l’ho meso… Io nun lu pijo mai, ma quanno ce so’ serate cume queste sento el bisogno de mette’ ‘nte lu stomigo qualcò de callo!…Senti cume vie’ giò l’acqua! Pare che la buttane cu’ i mastelli? E cul benedett’omo de mi maritu è scappato senza umbrella! (beve)…Aaahhh!…Fa propro be’ a lu stomigo! (nota il silenzio) Oh, digo: ete perzo la parola?

PAOLO- (s’era alzato e dopo aver posato la chitarra, rimane vicino alla finestra) Cu’ voj che digo, ma’? Me piace scolta’ el rumore che fa la pioggia quanno sbatte ‘ntej vetri.

BARBA- Pure a me piace!…

B U S S A N O

PAOLO- Ma’: hanne bussato!

Scena 7^:- Detti- Attanasio-

BARBA- Sarà babbo! Sarà tutto bagnato! (va ad aprire) Padre Attanasio? Venite oltra…buccate!…Mamma mia, cume sete zuppo!…

ATTAN- Bona, gente! Chi se l’immaginava che stasera duveva piove ‘nte stu modo!?… E’ ‘na cosa esagerata! (come parlasse al cielo) Cus’è l’evi lassata tutta pe’ stasera? Sia fatta la vuluntà de Dio!

BARBA- Dateme la mantella e metteteve a sede!… Gaetà e Vincé so’ ‘ndati al Municipio, fra pogo ‘rtornane, cuscì ve fate la solita partitella a carte!

ATTAN- L’ho ‘ncuntrati. Sanne che c’è cul ciambotto de padre Attanasio che je vie’ a purta’ i quadrì sino drento casa: te pare che tardene’!

BARBA- L’ete visto che giocane mejo de vo’, perché ce giucate?

ATTAN- Mejo? Quale mejo? E’ che de carte ne pijane tante. Se se spartiscene ‘n pughettu li fago stride cume le pantegane!

BARBA- Guardate cu’ ve fago vede!…(va a prendere il salvadenaio) Ecco! Chì drento ce stanne tutti i soldi che v’hanne vento!

ATTAN- Ah, se li mette pure da parte!…Però, cume se dice: “Nun sempre ride la moje del ladro!” Je lu vojo ffa’ rompe’!…Capirai, e chi lu vole sentì se perde ‘na lira!?

BARBA- Ma metteteve a sede, (rimette le tazze da caffè nel vassoio) che ve preparo ‘na bella tazza de caffè!…No’ l’emo preso proprio adé!…Senti cume piove!?

ATTAN- Lassate piove! Ogni goccia  d’acqua, pe’ la campagna è “oro”!

BARBA- Dateme ‘ssa mantella…è tutta molla!…Datemela, che la metto vicino al fogo!

ATTAN- Ce l’ete ‘ceso?

BARBA- (allusiva) Jèh!Da ‘n po’ de tempo, ‘nte sta casa, el fogo è sempre ‘ceso! (gli toglie la mantella dalle mani) Date qua!

MARIA- (a sua volta la toglie a Barbara) Ve la porto io de là! Vo’ pijate le tazzine!…’Ndamo. Zì! (escono)

ATTAN- (mentre le donne si allontanano) Nun vuria abusare!…(a Paolo e a se stesso)…Che tempo!…’Na serata da lupi! Chi m’ha fatto scappa’? A casa m’annoiavo e allora ho guardato el tempo: era tuttu neri e je ho ditto: “Scappi o nun scappi?…Scappi o nun scappi?”…Quanno ho visto che nun scappava lu’: so’ scappato io! A metà strada se so’ scatenati tutti i diavuli dell’acqua!…Me so’ meso a cure, certo, cume pole cure uno dell’età mia…’Nte un punto c’era ‘na pescola e allora me so’ deciso a zumpalla… pijo la rincorsa e puffete! Era ‘na buga. Ce so’ cascato drento fino a le ginocchia! Sia fatta la vuluntà de Dio!… (notando il silenzio di Paolo) Paolo, cu’ c’hai?…Nun hai ditto ‘na parola: sai più nero del tempo!

PAOLO- So’ nero? Nun c’ho gnente. M’annoio!

ATTAN- Lu capiscio! J amici te ‘spettane. Penso che nun è el caso cu’ ‘na serata simile. Semo a Luglio e duma’ sarà ‘na giurnata pina de sole!

PAOLO- Intanto stasera so’ ‘rmaso cume ‘n salame!

ATTAN- Ce vole pazienza, fijo caro! Penso che a st’ora chì nun duvristi ave’ affari importanti!?

PAOLO- Altro se erane importanti!

ATTAN- Dàje! Nun fa gnente se pe’ ‘na sera  nun te vede!…

PAOLO- Chi?

ATTAN- Chi?…Cu’ fai l’omo grande cu’ me?

PAOLO- Bòh!?…De co’ parlate?

ATTAN- De che parlo? Io nun parlo de gnente…Chi ne parla è tutto el paese. Del resto nun c’è gnente de male se voj bene a cula fijola!…E’ proprio ‘na brava ragazza.

PAOLO- (raggiante, si alza) C’ete ragiò! Padre Attanasio: è un angelo!

ATTAN- Hai beccato cume ‘n rusciolo! …“De chi?…Nun capiscio!…” Cum’è che babeto nun ne vole sape’? Perché è cuntrario a sto matrimonio?

PAOLO- Perché è fija de ‘n macellaro! Dice che nun è giusto a ‘mparentasse cu’ una de condizioni più basse de le nostre…che nun ha nisciuna posizziò!

ATTAN- Nun c’ha pusizzio’, perché è macellaro? Tuttu sbajato. Io digo che nun è facile truva’ un macellaru puretto!…Culù, quanno c’ha el cultello ‘nte le ma’: è cume se c’esse ‘na fabbrica de bijetti de cento lire! Sèh!… “Ragioniere, a lei ce penso io.” Paffete! ‘N colpo de curtello e giò: grasso, pelle, ossa…De otto lire, je n’ha rubate dieci!

PAOLO- A me nun m’emporta dei quadrì. Io vojo a lia!…I soldi senza amore nun contane gnente!

ATTAN- No, fijo! L’amore senza quadrì nun vale gnente!…L’oro, fijo mia, ha ‘na forza incredibile. Defatti, perché ‘ntei parafulmini  ce mettene ‘na punta d’oro? Perché è cuscì forte che se pija’ el lampo e  se lu ciuccia! (mimica)

PAOLO- Parlatece vo’ cu’ babbo!

ATTAN- Sèh! Cu’ la testa dura che se ‘rtrova!

PAOLO- Porca…

ATTAN- Auh! Che fai biastimi?

PAOLO- Perdunateme!

ATTAN- Nun disperare che se Dio ha deciso che Anna ha da esse’ tu moje: lo sarà!

PAOLO- Cume se nun bastasse, se c’è mesa pure mi cugina Maria a smove el fogo!

ATTAN- E già!…A quella la cosa nun je sona be’!

PAOLO- Cusa ne sapete vo’?

ATTAN- Gnente!…Gnente,  ma so quellu che digo! Disgraziatamente, però nun è che so’ solo io a saperlo…E dubito che cumencia a suspettallo pure chi nun lu duvria mai sape’!

PAOLO- Dite davé?

ATTAN- Un giorno de questi pudria succede pure quello che nun duvria… Dio ci salvi! V’ho visto cresce’ giorno per giorno  e me dispiace ‘n bel po’ sape’ a te e Maria drento al peccato! Che po’, a Maria nun  je ne se pole manco parla’: è troppu suscettibile!

PAOLO- Se saria pe’ me! Ma è inutile!…Vuria vede a vo’ ‘ntei pagni mia.

ATTAN- A me? Io so’ vecchio e perdeppiù: prete.

PAOLO- So’ tutti contro de me!…Ma vedrete che un giorno de questi me sparo ‘n colpo ‘nte le recchie e cuscì la fago fenita!

ATTAN- Ma cu’ te scappa da la bocca? Ste parole nun se dicene manco pe’ scherzo!

PAOLO- Allora cercate de parla’ cu’ don Girolamo, el padre de Anna!

ATTAN- Cosa?…Guarda che Girolamo c’ha la testa più dura de tu padre! Po’, nun so perché, ma pare che sto santu cristia’ ce l’ha cu’ me. Appena bocco ‘nte la buttega sua, lassa da servi’ j altri e subito: “Sgansate, che a padre parruco lu servo io!” Pija el cultello, me guarda ‘ntej occhi e (mimica) Scin-fon!…Scin-fon!…Scin-fon!… Quanno crede che el curtello è pronto…Oh, è cuscì tajente che quanno me taja la fettina, pare che ha tajato l’acqua… “Ecco la fettina, padre parruco!”…Me la ‘ncarta e… “Bon’appetito!” ‘Rivo a casa cu’ la bava a la bocca…Nun vedo l’ora de magnalla…Macché! Nun c’è ‘na vo’ che riescio a fenilla: né io, né il ca’!…Dura cume la sola de le scarpe!…A parte questo, nun me pare bello, pe’ un parruco fare quello che me chiedi!

PAOLO- Ma cu’ c’è de male? Quanno un favore se pole ffa’…

ATTAN- E io de sti favori nun ne fago! Cusa voj che me metto a ffa’ el portapulastri…el ruffia’, pe’ esse’ chiari?…Sia fatta la vuluntà de Dio! A 70 anni sto mestiere nun l’ho mai fatto e voj che cumencio adé? Ma digo: ragioni cu’ i piedi?…Dammi ‘na lettera , che cuscì fago l’ambasciate!…Sia fatta la vuluntà de Dio!…Guarda, tantu pe’ fatte cuntento: te prumettu che parlo cu babeto e cu’ le bone maniere cercherò de faje abbassa cula testa de legno!

Scena 8^:- Detti– Maria.-

MARIA- (è entrata a “…fatte cuntento…) Se el parruco te dice che s’interessa c'hai da crede, perché lu' lu fa cu’ tutto el core!…Digo be’, padre Attanasio?

ATTAN- El diavulo dietru l’altare!

MARIA- …Ste cose, padre Attanasio, le sa ffa’! …Se vede che ha sbajato carriera!

ATTAN- Eh, fija mia, ognuno nasce cu’ la propia inclinazione: tu, per esempio, sai nata pe’ ffa’ la donna…

MARIA- Scì?…

ATTAN-…de casa! De casa.

MARIA- Cusa vulete intende’?

ATTAN- Io?  Gnente!…Rafforzavo el discorso tua.

PAOLO- Marì, feniscetela cu’ sta farsa e porta rispetto a quelli più granni de te!

MARIA- Ch’è, te sai scuttato pure tu?…Padre Attanasio, ‘nvece de ‘mpicciasse dei fatti de la gente, pudria pensa’ ai fatti sua!

ATTAN- Fija mia, te cumpatiscio e spero che anche nostro Signore abbia pietà de te! Sia fatta la vuluntà de Dio!

MARIA- Deve ave’ pietà de me?  E, de co’?

PAOLO- Oh, insomma, te la voj fenì scì o nò?…Hai perzo veramente la bussola!?

MARIA- Aj altri je la fago perde’!…Io la cuscenza ce l’ho a postu!

ATTAN- Allora se c'hai la cuscenza a postu: sta tranquilla!…Ma sta sempre attenta.

MARIA- Me minaccia? Perché nun je lu dite a mi maritu? Vo’ sete capace de ffa’ questu e altro!…Mejo che stago zitta, che cu’ sti nervi che me ‘rtrovo ve pudria manca’ de rispetto!

ATTAN- Più de quante me n’hai ditte!…

PAOLO- Padre Attanasio, vago via pe’ nun sentilla!(va a prendere l’ombrello)

MARIA- (gli corre dietro) Nò…nun  nda’ via!…(gli prende un braccio) Ndo’ vai?…

PAOLO- Ndo’ me pare!…Vago via, pe’ nun sentitte più!(libera il braccio e esce)

MARIA- (con la porta semiaperta) Paolo…Paolo…Paolo!

ATTAN- (corre a chiudere la porta e riportando al centro scena Maria) Zitta,oh!…Lu voj ffa’ sapere a tutto el vicinato?…

MARIA- (sempre a voce alta e piangendo) Che disgrazia!…Che disgrazia!…

ATTAN- Sta zitta, che se ‘riva qualchidù, chissà cu' pole pensa’! (le è vicino)

MARIA- (mani sulle spalle di Attanasio e molto vicina a lui col corpo) Nun me frega dej altri!…Non me frega gne’ de nisciù!

ATTAN- Calma!…(cerca di allontanarla da sé, ma Maria gli si attacca ancora di più) Ce vole tanta calma, fija mia! El peccatu è grande e grande ha da esse’ la penitenza!…

MARIA- Vo’ solo me pudete juta’!…Vo’ sapete tutto!…Ce lu sapete j sforzi terribili che ho fatto…

ATTAN- Nun me ffa’ sfurza’ pure a me!…Stamme luntana!…Staccate! C'ho settantanni e all’età mia me pole ffa’ male.

MARIA- (si allontana) Ho fatto tutto el possibile pe’ levammelo da la testa, ma nun posso…nun ce riescio, è più forte de me!…(gli si incolla di nuovo) Ditejelo vo’ a Paolo, che nun je la fago a rinuncià a l’amore sua…Ditejelo!

ATTAN- (che da quando Maria si era staccata non ha fatto altro che asciugarsi il sudore. la riallontana) Ma te sai smattita?…Io? Un sacerdote? El confessore tua: complice del vostro peccato?…Sia fatta la volontà de Dio!

MARIA- Sto matrimonio tra Paolo e Anna nun se deve ffa’!…So’ disposta a ffa’ qualsiasi cosa!…Lu vulete capì che so’ pazza?…Stasera vago via de casa e se mi marito…

B U S S A N O

ATTAN- (in apprensione) Zitta!…Hanne bussatu!…

MARIA- (preoccupata) Padre…

ATTAN- Scccchhh!!!…’Giustate!…(chiama a stento con un fil di voce) Signora, Barbara?…

Scena 9^:-Tutti, tranne Paolo.-

BARBA- (entrando)…Ho ‘nteso! (avviandosi) Sarà mi maritu e Vincé!…

ATTAN- A Maria a mezza voce) Sciuccati j occhi, che c’è tu maritu!…e me raccumanno: prudenza e calma!…Io stago a trema’ cume ‘na canna foja!

BARBA- Ve sete mullati?

GAETA- ‘N pughetto!…Adè pare che smette!…Bona, padre Attanasio!

ATTAN- Bona…bona!

GAETA- Me metto in libertà e vieno subito!…Permettete!…(entra in camera)

BARBA- (segue Gaetà)…Con permesso, padre!…

VINCE- (che non ha mai smesso di guardare torvamente la moglie: scende sulla linea tra Maria e il parroco)

ATTAN- (andandogli incontro appositamente per frapporsi) Caro Vincè, ndo’ sete stati? E’ guasi ‘na mezzuretta che ve ‘spetto!…

VINCE- (scansandolo) Permettete, padre?…

ATTAN- (fa un passo dietr, ma  appena Vincè  ne fa uno avanti: gli si para di nuovo davanti)…Cu’ ffa’: piove ancora?

VINCE- V’ho pregato…

ATTAN- (fa un passo come prima, ma al successivo movimento di Vincè: ritorna davanti)…

VINCE- (ancora più deciso) Ho detto: permettete? (fa un passo laterale a dx e si trova Attanasio..a sx e se lo ritrova davanti; questo si ripete per due o tre volte)…Cus’è me vulete ffa’ balla’? Nun c’è bisogno che degià ballo dapermè! (lo allontana deciso quasi in malomodo) Ho ditto: sgansateve!

ATTAN- (si allontana con un passo indietro e laterale, tanto da rimanere tra i due)

VINCE-(a Maria) Me pare che t’evo ditto che nun duvevi scappa’ de casa!

MARIA- (senza timore) Ho visto che s’è meso a piovere e t’ho purtato l’umbrella! (prende la sedia vicino e la porta all’estremo laterale e siede)

VINCE- (vuole avvicinarsi a Maria,ma…)

ATTAN- (fa passo avanti) Cusa vole di' avecce chi ce pensa, ah?

VINCE- (sospingendolo nella posizione precedente) Me duvete ffa’ el piacere da mettervi daparte! Sto a parla’ cu’ mi moje….Allora?

MARIA- Allora, t’ho ditto che ho visto che piuveva e t’ho purtato l’umbrella!

VINCE- (sardonico) Quanto sai delicata!

ATTAN- (c.s.) Ah, questo se sa: Marietta è pina de premure!…

VINCE- (moto arrabbiato.) Ma ce vulete sta’ zitto, cume diavulo ve l’ho da di'?…

ATTAN- (c.s.) …Nun c’è bisogno che t’encauli!…

VINCE- Su! Alzate e fila a casa!…T’ho ditto: alzate e camina!

ATTAN- Nun esse’ presuntuoso!…Te ‘rcordo che uno solo ha ditto: “Alzati e cammina!”

VINCE- (occhiataccia) Padre?… (a Maria) Pe’ l’ultima vo’: alzate e a casa!

MARIA- (si alza e fa dei passi verso il marito, trovando su i passi Attanasio, e con aria di sfida a Vincè) E se nun ce vago?

VINCE- Allora io…(va verso Maria minaccioso, ma trova a fermarlo Attanasio)

ATTAN- Cu’ voj ffa’ Vincè?…Scherza!…Nun vedi che scherza?…(lascia Vincè e va da Maria) E’ vero che vai via?

MARIA- Nò! Nun vago via!

ATTAN- (ritorna da Vincè) Ha ditto de scì!…(e gli mette le mani sul petto, come per lisciarlo, e poter essere pronto a trattenere le ire di Vincè)

VINCE- Nun me trattenete!…Lassateme, che sennò ve manco de rispetto!…T’ho ditto: va a casa!…Nun famo scenate 'n casa d’altri!

MARIA- Nun ce vago manco se me ‘mazzi!

ATTAN- Oh, c'ha ‘na testa!…

               (Da adesso in poi il litigio passa a via di fatto: Vincè cercherà di prendere la moglie, ma invece è Attanasio a prendere delle “manate”, per fare scudo a Maria, e verrà sballottolato di qua e di là in malo modo. Naturalmente i tre parleranno a soggetto…Finché…)

BARBA- (entra, seguita da Gaetà) Cusa c’è?…

GAETA- Cusa so’ ste urla?

ATTAN- Gnente! Nun ve preoccupate!…Piccole cose tra marito e moje!…

GAETA- Cu’ c'hai, Vincé?(andandogli vicino)

VINCE- Dumannatejelo a Vostra nipote!

MARIA- Io nun c'ho gnente…è lu' ch’è ndato via de testa! Vole che vago via!

VINCE- Va a casa, sennò te rompo ‘na sedia ‘nte la schina!

GAETA- Sta bono, che adé va via!…(a Maria) Va a casa, fallo pe’ zio!

BARBA- (ad Attanasio) Ma cusa j ha preso?

GAETA- ( a Maria, cercando di sospingerla verso la comune) Scoltame: va via!…Nun famo ride' la gente!…

MARIA- (si lascia sospingere, opponendo sempre resistenza) Me vojo separa’! Scì, me vojo separa’!…Nun ce vojo sta’ più cu’ stu mattu! (via, accompagnata da Gaetà che rimane momentaneamente fuori)

VINCE-  (sulla soglia della comune) Tu sei la matta e no’ io!…Te la fago passa’ io la pazzia!…

ATTAN- Signora, fate el favore, pijateme la mantella che s’è sciuccata!

BARBA- Ma vo’ padre…

ATTAN-  So’ sciuccu pure io!

BARBA- Ma…

ATTAN- Senza “ma”, signora! Purtateme la mantella che oramai s’è fatto tardi.

BARBA- Va be’…cume vulete! (via)

VINCE- (cerca di controllarsi e con calma voluta) Metteteve a sede!

ATTAN- No, grazie! Vago via…n'apprufitto visto che la serata s’è calmata!…

VINCE- (lo fissa)

ATTAN-Vulevo di'…che ha smeso de piove’!

VINCE- Metteteve a sede!

ATTAN- Vago via…duma’ c'ho ‘na giurnata…

VINCE- Metteteve a sede!

ATTAN- Veramente...ce avria da prepara’ la prediga…

VINCE- (forte ed imperioso) Metteteve a sede!

ATTAN- (spaventato) Scì,scì!…Stacevo a di', appunto, che la predica la preparo duma’ mattina…(sedendo) Magari m’alzerò ‘na mezzuretta prima!

BARBA- (rientra con la mantella in mano e dopo aver guardato Attanasio) Cus’è, c’ete ripensato?…

ATTAN- Eh!

BARBA- (andando a mettere nell’attaccapanni la mantella) Se nun ve fate la partitella nun sete suddisfatto, è vé?

ATTAN- Essà!…C’ete ‘chiappato!

GAETA- (rientra) E’ ‘ndata via!…(a Vincè) Cu’ le donne bisogna avecce pazienza!

VINCE- (che non riuscirà a mandar via dalla mente la “lite” ) Quant’è vero Iddio…

              (i nervi gli fanno tremare la gamba ed avere dei tic)

GAETA- Adè zitto e bono!…Mettete a sede! Barbara, le carte!…Adé ce famo ‘n bel terziglio! (siede al centro –Attanasio da un lato e Vincè dall’altro) (prende le carte che Barbara ha messo sul tavolo) Padre Attanasio, l’ete purtati i quadrì? (mischia le carte) Portace pure ‘n bicchierettu de roscio Conero che ci scalla!…

ATTAN- Nun saria mejo ‘na capumilla?

GAETA- Cuscì ve ‘ndurmite e nun vedete l’accuso!…Vincè, cu’ stai a pensa’? Taja ‘sse carte!

VINCE- La faccia je tajeria! (alza le carte)

GAETA- (distribuendo le carte) Bono!…Basta che le carte nun te vienene a sfondò! C'hai ‘na fortuna!…

BARBA- (ha messo un bicchiere di vino davanti ai tre e poi esce dalla scena)

VINCE- Essà! Io so’ fortunato!…Chi è fortunato al gioco, nun  è fortunato in amore!

ATTAN- Gaetà, nun te ce mette’ pure tu!

GAETA- (finito di dare le carte) Ecco!…(beve e poi)…Chiami tu, Vincé?…

VINCE- (anche lui ha sorseggiato e vedendo le carte…) No!

GAETA- Chiamate vo’ padre?… A chi chiamate, padre?

ATTAN- (che con le carte si sventolava) A tutti i Santi del Paradiso!

GAETA- Allora, chiamate o no?

ATTAN- (guarda le carte) Ma a chi vulete che chiamo, se nun ‘rivo manco al punto?

GAETA- E va be’, chiamo io!…Favoriteme el tre de coppe!..El tre de coppe!

VINCE- (sbattendo pugno e carta sul tavolo) Ecco el tre de coppe!

ATTAN- (dalla paura gli cadono le carte dalle mani) Sant’Anto’!…Ma che modi so’ questi?…Sia fatta la vuluntà de Dio!…

GAETA- Vincè, sta calmo!…Ormai è tutto passato e nun ce devi pensa’ più!…(comincia a giocare le carte e gli altri rispondono)…E sto gioco l’emo fenito!…Bevemo!…(Gaetà e Vincè bevono)… E vo’ padre nun bevete? E mullateve el becco, sù!…

ATTAN- (quando comincia a bere: Vincè dà un pugno sul tavolo e dalla paura il vino gli va di traverso. Viene aiutato a riprendersi da Gaetano e Vincè)

GAETA- (aiuta a soggetto) State mejo adé?

ATTAN- Cu’ te devo di'?…(toccandosi la pancia) Ahi,ahi,ahi!…

GAETA- (ricomincia il gioco delle carte) Dateme la mejo!…(gli altri giocano una carta) Ancora la mejo!…(i due giocano, ma si accorge che uno di loro non risponde e quindi “la meglio” che chiedeva non è caduta sul tavolo e allora conta…) Nun è cascata!?…Cume pole esse’? (conta le carte che sono passate…rivedendo nel mucchio) “Tre” stanne qua!…”Do’” ecchele sul tavolo e so’ “cinque”…: ‘n’antre “quattru” ce l’ho io?!… Chi nun c'ha currisposto?…Chi è che nun m’ha dato  l‘asse? Vojo l’asse!

VINCE- (come prima) Ecchete l’asse!

ATTAN- (stavolta la paura lo fa cadere dalla sedia. Si alza e lentamente si avvia all’attaccapanni e prende la mantella )

GAETA- (ridendo) Cus’è v’eri ‘ndurmito?…E se ve davo la capumilla?…(vedendo che sta per andare via, serio) Cusa fate?

ATTAN- Vago via!

GAETA- E la partita…nun la fenite?

ATTAN- E’ mejo che la feniscio a casa, sennò la feniscio ‘nte la sedia! (esce)

S I P A R I O

SECONDO  ATTO

                  L’azione si svolge nella canonica di padre Attanasio.  La scena è la stessa: la Comune e gli oggetti la contraddistinguono da quella del primo atto. 1°: ferro di cavallo e spighe di grano alla porta.- 2°: crocefisso e campanella che dà all’interno della scena.

Al posto della credenza: una nicchia che fa da altarino con la Madonna ed un inginocchiatoio (questi erano coperti dalla credenza).- Il tavolo adesso è vicino alla finestra, con sopra libroni, libri e varie…Crocefisso con piedistallo, set da scrittoio con penna ad inchiostro.- In fondo tra Comune e nicchia: un divano.- Tre sedie: una dietro il tavolo, una di fianco ed una vicino alla porta laterale, che ha una tenda al posto della porta.- Qualche quadro di Santi alla parete….

                All’alzarsi del sipario, in scena vi è padre Attanasio che sonnecchia sul divano…

Scena 1^:-Attanasio- V.F.C.- Vincé.-

V.F.C.- (canta)                      T’amai come un angelo del cielo

E ora non t’amo più:

per colpa tua…

per colpa tua!…

             (recitato)…La calce me la voj purta’, scì o no’? Cus’è te sai ‘ndurmitu?

             (canta)                            …e ora non t’amo più:

per colpa tua…

per colpa tua!…

ATTAN- Gnente!…Nun se riesce a ffa’ ‘na pennichella! (si alza e va verso la finestra)…Sia fatta la vuluntà de Dio!

V.F.C. – (canta)                              per colpa tua…per colpa tua!…

ATTAN- 8con la testa aldilà della finestra) Mastro Peppe?…Cus’è solo quessa sapete de canzò?

V.F.C. – Bona, padre Attanasio! Cusa vulete, se nun me divago cantanno, stu sole che spacca le pietre, me se ferma ‘nte la testa e dopo me fa smateria’!

ATTAN- C’ete ragiò pure vo’!…Certo che sta’ a mezzogiorno sotta el sole: c’è da murì!…Ve vulevo dì de gambialla ogni tantu ‘ssa canzo’, almeno…Me vulevu ffa’ ‘na pennichella, ma visto che suffrite se nun cantate: cantate pure, però gambiatela ogni tanto…Bona!…

V.F.C. – Me duvete scusà. Adé la gambio!

ATTAN- Sempre se pole esse’!…Grazie, mastro Peppe! (ritorna al divano,ma quando gli è vicino…)

V.F.C. – (canta) …T’amai come un angelo del cielo….

ATTAN- (va alla finestra a passo svelto) Mastro Peppe?!

V. F. C. – Scusate! M’ero scurdato!

ATTAN- A quale Santo me devu raccumanna’ pe’ pude’ durmì ‘n pughetto? (cerca la posizione più comoda)…Sia fatta la vuluntà de Dio! (si addormenta)

S C A M P A N E L L A T A

ATTAN-  Eh?…Ah?…Adé chi sarà?…Nun c’è pace!…Chi è?

VINCE- (da fuori) So’ io: Vincè!

ATTAN- Vincè? El Sindico? Cusa vurrà, a st’ora, da me?…Vieno!…(va ad aprire) Bocca!…E’ successo qualco’?

VINCE- ( è vestito da cacciatore ed ha un fucile in mano) So’ venuto pe’ farvi una preghiera!

ATTAN- Parla!…(con premura va a prendere una sedia) Mettete comodo!

VINCE- Nun me siedo.

ATTAN- (insiste con frasi a soggetto per altre 4 volte e per 4 volte Vincè gli ripeterà “Non mi siedo”) Allora, mettete cume te pare!…Io me posso mette' a sede?

VINCE- Me fa piacere se ve ce mettete!…Donca, ve vuria ffa’ una preghiera!

ATTAN- Te scolto!

VINCE- Intanto ve chiedo scusa pe’ iersera.

ATTAN- Che scusa?…Io manco ce penso più!

VINCE- No,no…ci penso io però!…Ieri sera ho mancato…Evo perzo el lume dell’intelletto…C’evo el sangue aj occhi e fortuna che nun c’evo pe’ le ma’ sto fucile: l’avria ‘mazzata! (durante la battute rivolge la canna verso il petto di Attanasio, che ogni volta allontanerà. N.b. “C.P.” questa sta per “canna al petto”)…Nun sbajo ‘n colpo! (C. P.)…Cu’ ce posso ffa’ se c’ho un carattere cuscì focoso?…Nun me riescio a frena’! (C. P.)…De sti tempi nun  ragiono: so’ pazzo! (C. S.) Vago pe’ pija’ ‘na cosa (e sigira verso il lato opposto ad Attanasio per  poi  ritornare con la canna verso di lui a:…) e ne pijo ‘n’antra! (c. s.) So’ uscito pe’ ‘nda’ ‘n campagna…e so’ venuto da vo’! (si allontana) Padre Attanasio, so’ pazzo…so’ pazzo!

ATTAN- Calmate, su! Miga sai un bardascetto! Via! So’ cose de poca importanza!

VINCE- De poca importanza?…De poca importanza?…(avvicinandosi di nuovo) Eh, caro parruco, el matrimonio  mia è stato ‘n sbajo grossu ‘n bel po’ e adé ne piagno le conseguenze!…Me tireria ‘n colpo al core! (punta fucile al petto di Attanasio)

ATTAN- (allontanandola) Ma no…

VINCE- Scì, invece!

ATTAN- Ma no…

VINCE- V’ho ditto de scì!

ATTAN- D’accordo!…Ma nun me la mettere troppo vicino sta canna, che c’ho ‘na paura santa!…E cum’è?…Ste cose che hai ditto nun le devi manco pensare! Nun devi pensa’ a muri’, ma a campa’!

VINCE-  (si allontana) Allora pe’ tutta la vita me devo piagne sta penitenza?

ATTAN- (si alza) Maria te vole be’ e te rispetta!

VINCE- Me vole be’? Me rispetta? Nun è vero gnente!

ATTAN- Ma te sai fissato, fijo mia!

VINCE- Scì, è deventato ‘n chiodu fisso! Ecco perché stago qua. Solo vo’ me pudete juta’!

ATTAN- Io? E cume?

VINCE- Vo’ solo me pudete guarì da sta malattia!…De sto vermino che me camina da qua (mima con mano, partendo dal cuore e come facendo un percorso la ferma alla testa)…fino a qua!…Cume ‘na spina che me punge e me svuota el cervello! Vo’ solo pudete evita’ ‘na catastrofe irreparabile!…Se continua cuscì pe’ ‘n antro po’ de tempo: je strappo el core e me lu magno cume el pa’!

ATTAN- (preoccupato) Ma cu’ voj da me?

VINCE- Ecco!…(cerca di ritornare calmo) Vo’ sete el confessore de Maria…

ATTAN- Voj che je fago ‘na bella predica?

VINCE- Niente prediche!…Vojo sape’ quali so’ i peccati di Maria!

ATTAN- Cu’ hai ditto?…Sia fatta la vuluntà de Dio!…El segreto de la confessione è sacro e inviolabile!

VINCE- Pe’ sta vo’ farete ‘n’eccezione!

ATTAN- Non se pole!…Cunvincete:  nun se pole.

VINCE- Nun pudete? (ricomincia ad andare in escandescenze) E allora, io, c’ho sta’ sempre cu’ sto dubbio che me rosica l’anema?…Allora nun posso ave’ più pace?…Ma lu vulete capi’ che succede ‘na tragedia? (deciso e freddo) Iol’ammazzo!…(cinico) So’ stato cento volte sul punto de sparaje!

ATTAN- (tra sé) Chi ce l’ha purtato chì?…(forte) Ma fijo mia, calmate, rifletti!…

VINCE- Nun posso! (girandosi dalla parte opposta a Attanasio fa il rumore dell’acqua che bolle in pentola) Bluuu…bluuu..bluuu…! (girandosi) L’ete ‘nteso?

ATTAN- Me pare d’avello ‘nteso…Sarà buccato qualche picciò!…

VINCE- Che picciò?  E’ el sangue mia che bolle!…Guardate cume me tremane le ma’!…Tuccateme: c’ho la febbre!…Padre Attanasio, levateme sta spina dal core!

ATTAN- Caro Vincè…nun posso!

VINCE- Nun pudete?…Dite che “nun vulete”! (lo prende per il petto) Se avristi avuto meno anni v’avria preso pel collo e v’avria fatto sputa’ tutto!…Ma vo’ sete ‘n poru vecchio e…(lo lascia e si morde una mano portando l’altra verso il cielo, emettendo un grido soffocato. Si ferma ad ascoltare la canzone)

V.F.C. – (comincia a cantare appena Vincè lascia Attanasio, che non riesce a riprendersi dalla paura…)

CUME TE PIAGNU FIJU MIA…

ERI ‘N OMU PIENU D’ALLEGRIA

E ‘SSA DONNA PIA

 T’HA PURTATU ALLA PAZZIA!…

VINCE- Ete ‘nteso la canzo’? Sante parole!

ATTAN- Oh, cul birbante, l’ha gambiata proprio adé che nun la duveva gambia’!

VINCE- Nun dite gnente? Segno che sapete e che nun vulete parla’!

ATTAN- Ma no, t’assicuro…

VINCE- Scoltateme bene! Io adé j fago la posta e se li trovo qua a tutt’e do’: li scanno cume do’ capretti…e pure a vo’ fago la festa!…’N’antra cosa: sto colloquio che c’emo avuto, nun ce lu deve sape’ nisciù! Rispunnete: ce credete in Dio?

ATTAN- Cume no? Fago parte de la famija!

VINCE- Ebbene, quant’è vero ch’esiste Iddio, io nun risponno de me stesso! Padre Attanasio (gli si avvicina) Io je sparo!…(si allontana all’uscita a lunghi passi e fermandosi sulla soglia si gira) Je sparo! (esce)

ATTAN- (è rimasto stordito ed impaurito e lentamente va all’altare e si inginocchia a pregare, mentre è assorto…)

VINCE- (rientra e sempre furioso…) Padre Attanasio?!…

ATTAN- (il balzo di paura lo fa cadere dall’inginocchiatoio)…Scìiiii?….

VINCE- Pregate pe’ l’anema mia! (via)

ATTAN- (alzandosi e andando a chiudere il chiavistello della porta) Pe’ l’anema tua? Me sa che me cunviè pregà pe’ l’anema mia!…

S C A M P A N E L L A T A

               Adé chi sarà?…Chi è?…

Scena 2^:- Attanasio e Anna.-

ANNA – (da fuori) So’ io!

ATTAN- Tu, chi?

ANNA – Anna, la fija de Girolamo el macellaro!

ATTAN- Aspetta che te opro!…Ce mancava solo che lia…Bocca!…Che voj?

ANNA – So’ venuta a purta’ la tuvaja ricamata, pe’ l’altare de la Madonna! (Va al centro dx)

ATTAN- (prende la tovaglia, che posa sul tavolo) Brava! Tu scì che sai ‘na fija timurata de Dio!…La Madonnina l’accetta e te ricompenserà esaudendo quello che il tuo cuore desidera!

ANNA – Speramo che nun se lu scorda!

ATTAN- Cu’ dighi? Quella c’ha ‘na memoria de ferro!

ANNA – Io la prego sempre e me raccumanno con fede…Del resto miga je dumanno l’impossibile!

ATTAN- Lu so, lu so!

ANNA – E…cusa sapete?

ATTAN- Gnente! Vulevo di’, che lu so che nun je dumanni cose difficili. Tanto, Lia, se vole, pole ffa’ deventa’ facili pure quelle difficili!

ANNA – (sognante) Magari!… Se la Madonna me juta, je porto ‘na candela longa pe’ quantu so’ io!

ATTAN- Je la poj purta’! Se c’hai fede: je la poj purta’!

ANNA – Le parole vostre me danne tanta speranza!…

ATTAN- Basta che cul core de pietra de Gaetà se ‘mmurbidisce!

ANNA – Gaetà? Chi è stu Gaetà?

ATTAN- Ah, già, tu nun lu cunosci…Scummeto che nun cunosci manco a Paulo!

ANNA – Paolo?…Quellu che sta ‘nte la piazza?

ATTAN- Lu’, propiu lu’! Lu cunosci?

ANNA – Scì…cuscì…de vista…

ATTAN- (contraffacendola) “Chi è Gaetà?…Paulo?…’Nte la piazza?…Scì, cuscì, de vista!”…Oh! cu’ te pare che vieno giò da le muntagne?…Io so ogni co’!…E’ inutile che voj ffa’ la santarella!

ANNA- (si mortifica e abbassa la testa)

ATTAN- Adé nun c’è bisogno che te murtifichi e che t’accori!…Vedrai che se c’ete pazienza: tutto ‘ndarà pel verso sua!…

ANNA – Vi ringrazio pe’ le parole che m’ete ditto!…Io, a Paulo, j vojo bene e so’ scigura che senza de lu’ nun riescio a campa’! Io so’ paziente e ‘spetto! Vuria sape’ però, perché don Gaetà è cuscì cuntrario?! In fin dei conti nun sono ‘na truvatella e lu’ nun è un principe!…(maliziosa) Io lu so chi è che mette su a don Gaetà!

ATTAN- Ah… ah, zitta!…Nun vojo che parli male de nisciù! SCAMPANELLATA Maria santissima, el pazzo!…Chi è?

Scena 3^:- Detti e Paolo.-

 

PAOLO- (da fuori) So’ io… Oprite!

ANNA- 8trepidante) E’ Paolo!  Opriteje!

ATTAN- Sai matta?…(a Paolo) Cusa voj?

PAOLO- Se me oprite ve lu digo!

ANNA- E opriteje…Cus’è lu vulete lassa’ de fora?

ATTAN- Ecchete ‘n antru ‘mbrojo!…Dimme ‘na cosa: ve sete dati appuntamento chì?…(prende la tovaglia) Ecchete la tuvaja e va’ via!

ANNA – No!… L’ho purtata pe’ la Madonna.

PAOLO- Me vulete oprì?…C’ho da parlavve de urgenza!

ATTAN- (rassegnato) ‘Spetta, tu!…Me l’ete cumbinata è vé?…Da ‘na ragazza cume a te nun me lu saria mai creso!

ANNA – De co’ c’ete paura? Ce sete presente pure vo’!?

ATTAN- E’ che ‘spetto a don Gaetà, el padre de Paolo, e nun vojo che ve trova chì! (andando)…Guarda che me tocca a ffa’, sia fatta la vuluntà de Dio!…

PAOLO- (arrabbiato) Se pole sape’ perché nun me oprite?

ATTAN- Aòh, ce se ‘ncaula pure!

ANNA – Cinque minuti…E’ la prima vo’ che je parlo da vicino!…Fatelo pe’ cul Crocifisso!

ATTAN- Lassalo sta che degià je pesa la croce!

ANNA – Pe’ i vostri morti!

ATTAN- Quelli riposane in pace, nun pensane a no’!

ANNA – Allora…pe’ i vostri fiji!

ATTAN- Uéh,uéh!…Io so’ un sacerdote!

ANNA – Se lu fate bucca’ ve porto ‘n dindulo!

ATTAN- Nò…è troppo!

ANNA – ‘Na gallina grossa: cuscì! (mima una grandezza un po’ esagerata)

ATTAN- (che ha visto) Nòoooo….!

ANNA – (restringe) Cuscì?…

ATTAN- Nòoooo….

ANNA – (restringe adesso esageratamente) Cuscì?

ATTAN- Imbé, adé…(le si avvicina e le mette le mani nella grandezza , per lui, adeguata)…Famo cuscì!

ANNA – Va bene! (va estrema dx)

ATTAN- Adé je opro, ma me raccumanno: nun me mettete in mezzo aj ‘mbroji!...(va ad aprire e scendendo al centro scena) Viè oltra, e chiudi!

PAOLO- (entra e mentre chiude) Ce vuleva cuscì tantu a oprì?…Ah, c’è lia!…(scendendo a sx) Scusateme, se l’avria saputo…

ATTAN- “Ah, c’è lia?…Se l’avria saputo…” Cus’è te metti a ffa’ l’imbecille, adé? Nun lu sapevi, è vé, che c’era Anna!?

PAOLO- Ve lu giuro su…

ATTAN- Nun giura’!

PAOLO- V’assicuro…

ATTAN- Lassa perde’…M’ete preso pe’ ‘n ciambotto? Ardarte che faccia che c’ha? Sia fatta la vuluntà de Dio!…Oh, sbrigateve cu’ quellu che duvete ffa’ e che ve duvete di’!…Signore mia, fate che nun me succede gnente pe’ colpa de sti bardasci senza giudizio! (si allontana verso il fondo rimanendo tra i due)

                (Paolo e Anna:  abbassano la testa e senza parlare– gioco di sguardi-)

ATTAN- Cus’è, ete perzo la parola?…Essà: el tempo c’è, la giurnata è bella!…E’ ‘ndamo, nò!

PAOLO- Anna?!…

ANNA – Paolo?!

ATTAN- Pronto, chi parla?…Ete fatto? Cuscì l’ete fenita?…Ma ve lu devo di’ io cume duvete ffa’? Sia fatta la vuluntà de Dio!

PAOLO- Anna?!…

ANNA – Paolo?!…

PAOLO- Anna?!…

ANNA – Paolo?!…

ATTAN- (va da loro ne prende prima uno poi l’altro e li avvicina, lasciando tra loro sempre una certa distanza) Oh! Menu male che hanne fatto el primo passo! Sbrigatevi, che degià so’ passati tre minuti! (e risale la scena)

PAOLO-Vo’ nun ce crederete, ma me vergogno!

ATTAN- Chi tu? Tu cu’ cula faccia lì, che ce se polene accende i fulminanti de legno?

ANNA – Padre Attanasio, se vo’ sentite caldo ve cunvie ‘ffacciavve a la fenestra!

PAOLO- Ha ditto be’, Anna! …Perchè nun ve pijate ‘n bucco’ d’aria? Miga vulete suffrì pe’ causa nostra?

ATTAN- Quanto sete boni!…Dite pure che so’ de troppo…Guarda ‘ndo semo ‘rrivati? Sia fatta la vuluntà de Dio!

PAOLO- Nun è che sete de troppo, ma se me vedo guardato: nun so’ parla’!

ANNA – Pure io!

ATTAN- Va be’! Vago a pijà ‘n bucco’ de sole…altru che aria!…Sbrigatevi che è passato un quartu d’ora…altru che cinque minuti!(si mette alla finestra, ma l’orecchio è sempre attento ai ragazzi)

PAOLO- Anna?!…

ANNA – Paolo?!…

ATTAN- ‘N’antra vo’? L’ete già ditto centu volte: Anna…Paulo…Anna…Paulo!

PAOLO- Sai…t’ho visto entrà qui…Stacevo dal barbiere!

ATTAN- Ce lu sapevo ch’era tutto cumbinato!

ANNA – L’ho visto che t’eri necorto de me e ho tardato a bussa’, pe’ famme vede da te!…Ero scigura che saristi venuto chì!

ATTAN- Senti la santarella!…

PAOLO- Ce credi che me so’ scurdato tuttu quello che c’evo da ditte?

ATTAN- Ce vole bona memoria pe’ ffa’ ste cose, fijo mia!

PAOLO- Evo pensato da ditte tante cose e ‘nvece adé me sento la testa tutta confusa!

ANNA – Pure io!…Ho pensato tanto sto mumento e me sembrava tanto facile parla’ e ‘nvece me vie’ da piagne!

ATTAN- Scì! So’ do bravi ragazzi!…Cus’è s’è ‘nterrotta la trasmissione? Parla che el tempo passa!

PAOLO- Che acqua ch’è cascata giò iersera, è vé?

ATTAN- Ce lu sapemo! Pure i giurnali l’hanne purtato…Senti che discorsi che je va a ffa’!

ANNA – Io t’ho ‘spettato dietro ai vetri de la fenestra, ma ce lu sapevo che cu’ cul tempaccio nun saristi passato e so’ ‘ndata in camera mia, anche perché cuj lampi me mettevene tanta paura!…Allora ho fatto cume quanno ho voja da vedette: chiudo j occhi…e te vedo!…Io stago ferma ferma, perché se me movo me sparisci cume un fantasma!

PAOLO- (col sorriso sulle labbra, perché più sicuro) Pure a me succede cume a te. Io te riescio a vede non solo allo scuro, ma pure cul sole e quanno me scumpari: davante aj occhi me ‘rmane ‘na striscia de luce…cume ‘na stella filante!

ATTAN- Lassa sta’ le stelle e sbrigate, che se babeto ‘riva: te le ffa’ vede lu’ le stelle!

PAOLO- E, ‘spettate ‘n antro mumento!…

ATTAN- Vo’ c’ete ragiò, ma io qua nun ce stago be’!…El sole me sta a ‘mbrustuli’ i semi che c’ho ‘nte la zocca!

ANNA- Paolo, tu padre è sempre cuntrario?

PAOLO- Sempre! Se c’è mesa pure mi cugina Maria a mettecce l’asse de briscola!

ATTAN- Sta zitto! Cu’ je vai a di’ a cula criatura?

ANNA – Perché tu cugina vole cumanna’ sopra de te?

ATTAN- Ragazzi v’ho ditto de lassa’ perde sti discorsi!

ANNA – ‘Ndo vole ‘riva’? Cusa spera ancora?

ATTAN- Senti cume je s’è sciolta la lengua!?

ANNA – Nun je basta quellu che dice la gente e quello che stamo a suffrì pe’ causa sua?

ATTAN- Chi me l’ha fatto ffa’ a falli bucca’?

PAOLO- Tu nun devi crede a quellu che dice la gente.

ANNA- Io nun ce vuria crede, ma lu so, che prima de spusa’ a Vincè je vulevi be’!…

ATTAN- Zitta!…Cum’è che non je cade la lengua?

PAOLO- Scì… je vulevo be’…Cose da fijoli!

ANNA – Spero che adé nun je ne voj più!…Del resto, lia è pe’ casa sua e tu nun sai un omo da ffa’ ‘na cattiva parte a Vincè!

PAOLO- Ah, io nun la penso più!

ANNA – Sai sciguro che nun t’abbia seguito fin’a chì?

ATTAN- Ce mancheria solu quessu!…Sa culia: c’è da sta freschi!

PAOLO- De solito me segue passo,passo…però penso che nun m’ha visto bucca’ chì!

ATTAN- 8avanzando fra loro) Oh, gente, me pare che ve sete ditte tante cose.

ANNA – Co’?…’Ncora duemi cumencia’!

ATTAN- Ah!…Duvete cumincia’!?…Digo: perché nun ve mettete a sede…(porge due sedie…lascia che i due si siedono e dopo…) Ve posso offrì un rinfresco?…Che so: un vermuttino con do pastarelle?…

PAOLO- Scì, padre! Un vermuttino: lo gradiscio!…Mettetece ‘n po’ d’acqua, sennò me ‘rmane forte!

ATTAN- Cume lu preferisci: bianco o roscio?

PAOLO- Bianco e…,sempre se ce l’ete, cu’ do’ olive bianche!

ATTAN- E tu?

ANNA – Io nun bevo manco el vì, figurateve el vermute!…(con sgaurdo dolce verso Paolo) Me ‘mbriacheria più de quanto so’!…Magari, assaggerò do’ pastarelle!

ATTAN- Ve ce truvate be’ qua?

PAOLO- Tanto!…Anzi, se ce pudria esse’ ‘n’antra occasione cume a questa…?

ANNA – (rafforza) Se, qualche altra volta, ce pudemi truva’ qua…?

ATTAN- Perché nò? Lu pudemo stabili’ da adé…Famo ogni giorno: dalle do’, alle quattro del pomeriggio! Cu’ ne dite?

ANNA – A me staria bene!

PAOLO- A me invece no!…Saria mejo al mattino!

ATTAN- Alle undici, va be’?

PAOLO- Saria mejo alle nove.

ATTAN- Imbé, alle nove ce avria da di’ Messa… Sai cu’ fago? La Messa de le nove la sposto alle undici!

PAOLO- Grazie tante, padre Attanasio! Sete tantu bono!…

ATTAN- (arrabbiato) Bono un corno!..(fa alzare i due in malo modo: tirandogli le sedie da sotto il sedere)…Tiratevi su, sfacciati che nun sete altro!…(mette a posto le sedie)…Vuleva l’uliva!…Te dago ‘na sardella, che te la fago ‘rcurda’ finché campi!…C’evo da spusta’ pure la messa, pe’ daje el comido!…(a Anna) E tu sai già ‘mbriaga, senza beve!…’Mbriaga de che’: de latte!

ANNA- Nun ve ‘ncavulate!…Sete stato cuscì bono fin’adé!…

ATTAN- Arridaje cu’ stu: bono!… Nun c’è bisogno che me lisciate!

PAOLO- Nun je di’ più gnente…Nun lu vedi che pure lu’ è cume j altri?

ATTAN- E’ mejo che stai zitto!…Anna vamme via…Nun vuria che ‘rivasse qualchidù e te truvasse chì! (sale in fondo scena e così si viene a ripropore la scena precedente: lui al centro e i ragazzi lateralmente)

ANNA – Scì, c’ete ragiò, padre Attanasio!…Paolo?!…

PAOLO- Anna?!…

ANNA – Paolo?!…

PAOLO- Anna?!…

ATTAN- (capisce che i due stano per partire…) Uéh, uéh, uéh!…

ANNA – Paolo?!…

PAOLO- Anna?!… ( i due partono per abbracciarsi, ma…)

ATTAN- (si frappone: ricevendo un bacio dai due)

ANNA – (abbassa la testa) Scusate!

PAOLO- Scusate…nun c’ho preso!

ATTAN- Meno male!…Sia fatta la vuluntà de Dio! (prende le mani dei due, che gli sono rimasti vicino e facendo con un passo indietro: gliele unisce) Fate presto e senza abusare!

                 ( I DUE sono rimasti uno di fronte all’altro: a braccia tese)

PAOLO- (attira a sé, piano piano Anna e quando le loro bocche sono quasi vicine…)

V. F. C. – Uéh!…Ve sto a guarda’!

                (TUTTI credono d’essere stati visti e cercano di nascondersi: abbassandosi al di sotto della finestra)

                La vulete fenì: scì o nò?

ATTAN- Lu sapevo che feniva a bastunate!

PAOLO- (che ha capito, è il primo ad alzarsi) Gnente paura…nun è pe’ no’! Quellu parlava ai manuali!…Anna, giurame che nun t’arrendi!…Che nun te scuraggi!…

ANNA – Paolo, io de curaggio ce n’ho tanto e tu nun devi dubita’ mai de me.

ATTAN- Cus’è ‘rcumenciate la nuvena?

PAOLO- Arrivederci, Anna!

S C A M P A N E L L A T A preoccupazione generale

ATTAN- Ha da esse’ tu padre!…

PAOLO- Babbo… babbo!?…

ANNA – Cume famo, Paolo?

ATTAN- Ete visto ‘ndo m’ha purtato la mia condiscendenza, ah?…Cume fago?…Sia fatta la vuluntà de Dio!…Chi è?

                Scena 4^:- Detti – Maria.-

MARIA- (da fuori) So’ io, Maria! Oprite!

ATTAN- Maria?…Che bella giurnatella che me se sta a mette’ davante!…Sudo giaccio!

PAOLO- Nun ve state a preoccupa’!…J opro io.

ATTAN- Scolta, va via e nun je di’ gnente! Se lia te parla: tu fa fenta d’esse’ sordo, perché quella è capace de tutto!

PAOLO- State tranquillo!…Nun je digo manco ‘na parola! (va ad aprire)

MARIA- (compare sulla porta e si para davanti a Paolo come ad ostacolarne l’uscita)

PAOLO- (scansandola decisamente) E lassame passa’ che c’ho prescia! (via)

MARIA- E va, va!…Chi te ferma?!..(scendendo…Anna  al suo estremo e Attanasio al centro) E, bravo a padre Attanasio!…Allora, iersera nun me so’ sbajata!? Evo ditto be’ che sto mestiere lu sapevate ffa’ bene?!…Però: “l’omo più sa e più vale!”… Cu’ tutti sti mestieri che sapete ffa’, Vo’, nun murirete mai de fame!…Adé bisogna, però, che lu sappia tutto el paese, in modo che tutti se polene congratula’ cu’ vo’!

ATTAN- Maria, va via, pe’ quantu voj bene a la Madonna!…Tu marito è stato chì…dieci minuti fa…Era fora de sé…Sparlava…Quello è pazzo! Sta ‘ttenta!

MARIA- State tranquillo, che vago via!…(a Anna) Nun sapevo che pure tu sapevi ffa’ ste cose!

ATTAN- Nun pensa’ male!…Anna m’ha purtato la tuvaja ricamata pe’ l’altare de la Madonna…(andando al tavolo) la voj vede’?

MARIA- Nun ve scumudate!…La vedrò ‘n’antra vo’…adé c’ho da ffa’!

ATTAN- Allora, vai via? (sospingendola verso la comune) Ciao e salutame a Vincé. Dije che stasera ce famo la solita partita!

MARIA- (si divincola) Vago via, ma prima je vojo di’ do’ parole a sta ragazza!

ANNA – A me?

ATTAN- Famo ‘n’antra vo’!…’N’antra vo’!…(c.s.)

MARIA- (c.s.) No! Je la vojo di’ adé!…

ANNA – Nun so cu’ c’hai da dimme, visto che no’ do’ nun c’emo gnente da sparti’!

MARIA- Nun c’emo gnente da sparti’?…Perché, segondo te, nun c’emo gnente in comune?…Eppure, digo che calcò ce l’emo.

ATTAN- Nun je da’ retta, Anna, che Marì scherza…(a Maria) E’ vero che scherzi?

MARIA- Nun c’è gnente da scherza’, padre Attanasio!

ATTAN- (si morde le mani)

ANNA –Io fago fenta de nun capi’. Perché se quello che me voj di’: è quello che penso, allora sta a significa’ che c’hai ‘na bella faccia tosta!

ATTAN- Pure questa a lengua nun sta male!

MARIA- Te la daria ‘na risposta, ma me vojo mantiene calma!…Io so’ la cugina de Paolo e c’ho el duvere de impedije de ffa’ qualche sbajo!…Lu sai pure tu, immagino, che mi zio è cuntrario a sto matrimonio e quindi lassa ogni speranza!…Se lu voj bene cume dighi: lassalo in santa pace!…Ma tu nun lu voj bene…a te te ‘nteressane i quadrì!

ATTAN- (a Anna) Nun je da’ retta!

ANNA – Aòh!…Cu’ me voj misura’ cul palmo tua? Tu te sai spusata pe’ i quadrì! Dicevi da vule’ bene a Paolo e invece te sai spusato a Vincé perché c’eva i terreni!

ATTAN- Ha cumenciato a tira’ fora l’ogne!…Senti, Anna…

ANNA – Lassateme sfuga’!…Cusa credi che nun ce lu so quellu che vali? Te presenti cu’ la scusa d’esse’ la cugina….E dillo che sai gelosa e che la testa nun te ce sta più! Dillo!…

MARIA- Scì, è vero! …Nun ce stago più cu’ la testa!

ATTAN- Perché dighi cuscì, fija mia? Nun è vero!

MARIA- ‘Nvece è cuscì! Padre Attanasio de vo’ nun me vergogno…Famo cume se saristimi ‘ntel confessionale: io nun trovo più pace!…Ho perzo pure la vita…Nun m’emporta più de gnente!…Pogo fa ho fatto cagnara cu’ mi marito!… Se so’ viva è perché so’ fuggita de casa…Se me trova qua: me ‘mazza!

ATTAN- Che bella nutizia che me dàj!…

ANNA – Ma se pole sape’ cu’ voj da me?…Se pole sape’?

MARIA- Vojo a Paolo! Vojo che lassi a mi cugino! Lu so che nun è onesto quellu che fago, ma nun me lu posso leva’ né da la testa, né dal core!…Tu te ne poj truva’ quanti te ne pare: io no!

ATTAN- E chi me l’ha fatto ffa’ a falle bucca’?

ANNA – No, no e poi nò! Paolo è mio! Io lu vojo bene e lu ne vole a me.

MARIA- Visto che nun la voj capì cu’ le bone: te la fago capì cu’ le cattive!

                ( Le DUE vengono alle mani, ma chi le prende è padre Attanasio che sta in mezzo. Viene salvato momentaneamente da: SCAMPANELLATA i TRE si fermano interdetti)

ANNA – Chi sarà?

MARIA- Chi pudrà esse’?

ATTAN- (componendosi) Io ce lu so: tu marito!

MARIA- Madonna, so’ bella che morta!

ANNA – E’ proprio pazza!

MARIA- ‘Ndo vago?…

ATTAN- Che dulori! Me s’è sciolto lu stomigo!…

MARIA- (lo scuote per un braccio) ‘Ndo’ me nascondo?

ATTAN- Nun me smove tanto che la fago qui!…

MARIA- ‘Ndo me nascondo?…Se me ‘cchiappa: me ‘mazza!

ATTAN- Va in camera mia!…No ‘ntel bagno, che pole servì! Ahhiaii!…

MARIA- (corre in camera)

              

                  Scena 5^:-Detti- Guardia e Disinfettatore-

ATTAN- Chi è?

GUARD- (da fuori) Sono el guardio monecipale!

ATTAN- Meno male che nun è Vincè!…Vieno!…(va ad aprire e lascia passare)

GUARD- (entra seguito da un disifettatore) Bona, patre apparroco!

ATTAN- Cusa voj, Michè?

GUARD- Come cossa volio? Voi ce lo dovressivo sapere. Income sarestivo ‘rmaso iersera col Sindico?

ATTAN- E, chi se ‘rcorda? N’è successe cuscì tante iersera, che fai prima tu a dimmelo!

ANNA – Padre..?

ATTAN- Sì, Anna!..Va pure che pe’ te s’è fatto tardi…Grazie pe’ la tuvaja...

ANNA – (va e bacia la mano)…Beneditemi, padre!

ATTAN- Tutta benedetta, fija mia…e nun te scurda’ la gallina!

ANNA – Sia lodato Gesù Cristo! (esce)

ATTAN- (accompagna e chiude) Ora e sempre sia lodato!…Va…va!…(ridiscende) Cusa me dicevi?…Ah, scì! El Sindaco…

GUARD- Scine!…El Sindaco mi ha ditto ch’era ‘rmaso con voi stesso medesimo, che el disinfettamento doveva accommensare da la vostra demora!

ATTAN- La mia…co’?

GUARD- De-mo-ra!

ATTAN- E cus’è ‘ssa demora?

GUARD- Cossa parlo arabesco che non mi capiscete? Mi imbalordite! Proprio voi che de scole alte n’ete fatte tante! Demora: la “casa”.

ATTAN- Dimora e non “demora”! Parla cume magni, fijo mia!

GUARD- None! Non si pole, perché bisogna fare vede che ancora el guardio monecipale è istrovito!

ATTAN- Va be’, lassamo perde’!…Ho capito che sai chì pe’ la disinfestaziò, ma perché deve cumencia’ proprio da casa mia?

GUARd- Per donare el bono esemprio!

ATTAN- Je dighi che qua ce vieni duma’ matina, che adè c’ho da ffa’.

GUARD- Me dispiacque tanto, ma non si pole: el disinfettamento ha da essere istantaneo!

ATTAN- Ma nun lu vedi ch’è tutto sottosopra?…Torna più tardi, magari quanno el sacresta’ ha fenito da mette’ a posto!

GUARD- None! Io non mi assommo nessuna risponsabilità! ( al ragazzo) Vai dal Sindico, più de prescia che di fuga in modo sorbitaneo, e rinfacciagli el discorso che hai audito tra me medesimo e patre apparroco!

ATTAN- (al ragazzo che stava per uscire) Fermate! Vie’ qua!…’Ndo vai?…Lassa sta in pace el Sindaco…Ce mancava solo che questo!

GUARD- Allora?

ATTAN- Se nun poj ffa’ a meno!…

GUARD- Inte un minuto, inte uno istante, inte una balena famo tutto!…Commensa presciosamente che patre apparroco non è perditempo! (il disinf.- comincia a pompare… Michè gli da degli ordini) Vai intej spigoli che ènne lì che si ammucchiane le bestie microbotiche!…Anche quàne…un po’ làne…

ATTAN- (quando vede che il disinf.- vuole entrare in camera…) Lì nò!…’Nte la cambura, no!…E chi pudria chiude occhio sta notte cu’ ‘sta puzza?

GUARD- Va bene!…Non ti intromettere in quella cambora! Vai puro de fora e aspettami! (il ragazzo esce) Vi saluto, patre apparroco, e non dovete dire che sono un guardio incivile, perché io sono: civilizzato, istrovito e comprensibole! Ora tocca a voi paesani, el guardio monecipale arriva! ( fa dietro-front e a lunghi passi si avvia alla comune e prima d’uscire si gira) Bona! (esce)

                Scena ultima:- Attanasio – Vince’-

ATTAN- (fa dei commenti tenedosi il fazzoletto al naso per non sentire la puzza e dopo breve pausa entra…)

VINCE- (entra senza bussare) Ndo’ sta?

ATTAN- (che non l’aveva sentito si mette paura) (tra sé) Te pudesse pija’ j spinarelli!…Ecchilo!…M’hai meso paura, sa’?

VINCE- Ndo’ sta?

ATTAN- Ndo sta chi?…A chi cerchi?

VINCE- A Maria! Duv’è?…Parlate!

ATTAN- Cusa ne so ndo’ sta Maria?…Qua ce so’ stati quelli che disinfettane…la puzza la duvristi sentì!…Puàhhh, mamma mia!

VINCE- M’hanne ditto che l’hanne vista bucca’ in canonica!…So’ stato in chiesa: nun c’era!

ATTAN- Se saranne sbajati cu’ la fija de don Girolamo el macellaro. E’ venuta a purtamme la tuvaja ricamata pe’ la Madonna. Maria, sarà a casa!

VINCE- Vo’ permettete che vago a vede de là?

ATTAN- Cus’è nun me credi?

VINCE- Solo un’occhiata…(si avvia)

ATTAN- (lo ferma) No! Lì nun poj bucca’!…Famme le favore, che cj ho ancora tutto sottosopra…

VINCE- Nun me vulete fa’ bucca’? Allora è lì! (scansa Attanasio ed entra) Allora è qui!…

ATTAN- Adé l’ammazza!…Adé je spara!…Adé sentimo la botta!…

VINCE- (rientra)…Nun c’è!

ATTAN- De sciguro ha zumpato da la fenestra!

VINCE- Cume devo ffa’?…Io sto a deventa’ pazzo!…Ma se la pijo…!

ATTAN- Calmate!…La tua è ‘na fissazziò!

VINCE- Nun so’ fissato! Maria e Paolo se la intendene!

ATTAN- Paolo? Ma che stai a di’? Ma se Paolo è innamuratu de la fija de Girolamo el macellaro?…Pe’ via de questu, a casa, c’ha pure da discore!?

VINCE- Paolo è innamurato de Anna?…Sete sciguro?

ATTAN- Cume la morte! ‘Rmane inter nos: pogo fa, tutt’e do’ so’ stati chì, e se so’ giurati eterno amore!…Parevane do picciò! (lazzi mentre Vincè pensa)

VINCE- …Se volene bene…Zio cu’ dice?

ATTAN- Nun vole!

VINCE- (ritorna a pensare e come se parlasse a se stesso…allontanadosi) Adé che ce penso be’: è vero! Zì, iersera era ‘ncaulato cul fijo…(continua con dei lazzi…)

ATTAN- (che lo vede gesticolare) Me sa che la malatia je se sta a grava’!

VINCE- (va verso Attan) Padre Attanasio, sto matrimonio se deve ffa’ pe’ forza! Pe’ sistema’ la cosa: ve ce duvete mette’ vo’ de mezzo! Questo è l’unico modo pe’ famme guarì da la pazzia!

ATTAN- Cusa c’entro io? Io nun possu ffa’ gnente che…

VINCE- (ritorna e essere minaccioso) Nun cumenciamo! Sto matrimonio se deve ffa’ a qualunque costo! E’ necessario! E’ necessario!…

ATTAN- Je s’è rivultata la fissazziò!…Sia fatta la vuluntà de Dio!

VINCE- Poghe parole! Ce duvete pensa’ vo’! La mia tranquillità sta ‘nte le ma’ vostre! E po’ ‘rcurdateve che ha da esse’ ‘na cosa fatta a scotta deti!

ATTAN- Certo!

VINCE- Cuscì io nun ce posso sta più!

ATTAN- Manco io!…Stamme a senti…scoltame…ragiunamo…

VINCE- Nun sento ragioni! Ha da esse’ presto! (va alla comune e prima d’uscire si gira e …) Presto o…(leva il fucile dalla spalla e minaccia, poi esce)

ATTAN- (rivolto all'altarrino) Possibile che la croce dej altri ce l’ho da purta’ io? (andando ad inginocchiarsi) Gesù mio, sia fatta la tua voluntà! (prega)

VINCE-  (breve pausa - entra e con impeto) Padre Attanasio!

ATTAN- (dalla paura scivola dall'inginocchiatoio) Che c'è ancora?

VINCE – Pregate pe' l'anema mia! (esce)

ATTAN- (andando a chiudere) Me sa che c'ho da prega' pe' l'anema mia, altro che pe' la tua! (andando in camera) A mumenti me pijava 'n colpo!...

V.F. C. -    (canta)               LA COLPA E’ TUA…LA COLPA E’ TUA!…

ATTAN- C’ete ragiò mastro Peppe: la colpa è mia!… (si schiaffeggia) E’ mia!…La colpa è mia!... (esce)

S I P A R I O

TERZO  ATTO

                 La stessa scena del secondo atto.

                      Scena 1^:-Attanasio – Cosimo.-

ATTAN- (è seduto: legge il breviario, con un fazzoletto in mano, per coprire la persistente tosse)

COSIM- (entra con uno straccetto in mano, col quale pulirà la sedia vuota, i vari suppellettili che sono sul quadro, le cornici ecc…; guarda Attanasio e dopo aver scosso la testa, come per dire “non va bene”…)

               Cume ve sentite?Stacete mejo?…

ATTAN – (colpi di tosse)

COSIM- Quessa ènne tutta l’umidità ch’ete preso l’altra sera! Vo’ nun m’ete volsuto scolta’!…Ve l’evo ditto: “Nun scappate…State a casa che tra pogo vie' giò el diluvio ‘niversale!…Ma vo’, capocciò, sete scappato, e nun ete pijato manco l’umbrella!…Fortuna che l’acqua ch’ete preso ve s’è fermata ‘nte la testa; se ve scendeva ‘nte le spalle era de sciguro ‘na prulmunite doppia!…Ete visto cume j è fenita al fattore de la Santa Casa?…(si segna) Requie materna: pace a lu' e salute a no’!…El Sindico e cul sumaracciu del medico dicene ch’è morto de “spagnola”!… Se murite pure vo’: dicene l'istesso!

ATTAN- Famme tucca’ ferro…nun se sa mai!

COSIM- (continuando il suo pensiero) Puretto!…Nun ha polsuto stirà le zampe cuntento!…

ATTAN- Perché, quanno uno sta pe' muri': è cuntento?

COSIM- Vojo di'…che lassava  la famija ‘n mezzo a ‘na strada: moje, sette fiji e do' soceri! Vo’, presempiu, nun c’ete a nisciù e pudete murì tranquillo!

ATTAN- S’è fissato che devo muri'!? (tossisce,cercando di non farsi sentire)

COSIM- (lo guarda, scuote la testa e gli si avvicina) Le rutelle de le ginocchia frinzionane?

ATTAN- …Me dolene!

COSIM- Jèh!…Quanno le rutelle de le ginocchia frinzionene pogo, la cosa se mette male! (si allontana a pulire)

ATTAN- Chi je lu leva da la testa?

COSIM- Spagnola!…Me fanne ride!…El bello è che vienene drento casa e te la ‘mpuzzane tutta cu’ cul’acqua fetente!…Pe’ me, ènne el Guverno che se ‘nventa tutte ‘sse malattie!…(mentre gli si avvicina) Ve lu digo io cume stanne le cose: l’anno scorso hanne fatto la conta de quanti semo ‘ntel paese: hanne visto che semo troppi e ne volene sbarazza’ ‘n bel po’! (lo fissa)

ATTAN- (che si sente fissato) Cusa c’è?

COSIM- Me sa che vo’ sete uno de quelli che deve parti'! ( Segno di morte)

ATTAN- Ariecchilo!…

COSIM- (allontanandosi mestamente) Poro padre Attanasio! Chi ce lu dueva di'?

ATTAN- Oh, ha ditto che devo muri' e tanto fa: finché me fa muri' davé!

COSIM- (risentito, con rabbia) Adé io j diria al medico, al Sindicu e al Guverno infame: “Cusa v’ha fatto cul poro prete che lu vulete purta' a la fossa?

ATTAN- Aoh, feniscetela!…Cus’è, davé, davé me voj ffa’ crepa'? Io, nun c'ho gnente!…Quala spagnola, turca e marucchina?…E’ mezz’ora che me stai a canta' el miserere!…Fra pogo me fai puzza’ cume ‘n sumaro!…E che maniera!…Sia fatta la vuluntà de Dio!

COSIM- Cume? Io ve sto a difende’ e vo’ ‘nvece ve ‘ncaulate cu’ me?…Fate del bene!

ATTAN- Io de sto “bene” non so che farmene!

COSIM- Nun opro più bocca! ( continua a pulire e ogni tanto lo guarda, finché…) Ma le rutelle de le ginocchia ve frinzionane?

ATTAN- T’ho ditto che me dolene! Nun je la fago a sta’ in piedi! Sarà la debulezza!Fa 'na cosa! Vamme a cumpra’ ‘na coppia d’ovi!

COSIM- Scì, bisogna che magnate! Nun duete favve truva’ ‘mpreparato!…I quadrì ‘ndo stanne?

ATTAN- ‘Ntel cassetto del taulì!…Pijali tu, nun me ffa' alza’, che nun me ne va!…Pija 5 lire e dopo me dighi quanto hai speso!

COSIM- Allora li pijo io dal cassetto?

ATTAN- Scì, oh!

COSIM- (che ha eseguito) L’ho presi!…Adé vago a cumpra’ la coppia d’ovi!

ATTAN- Freschi!

COSIM- Freschi! (fa due passi verso la comune e poi verso Attanasio) Padre Attanasio, io vago!…

ATTAN- A chi ‘spetti?

COSIM- ‘Rvieno subito!

ATTAN- Bravo!

COSIM- (va alla porta, poi si gira e ritornando avanti) La porta la lasso operta o la chiudo?

ATTAN- Chiudila…lassala operta…fa cume te pare!

COSIM- (risale alla porta, poi si gira e riscendendo) Padre Attanasio, le rutelle…?

ATTAN- (deciso) Me girane! Scì, me girane! Ce voj ‘nda’ via?

COSIM- (di corsa) Vago…Vago!….(esce)

ATTAN-Quanno se ce mette fa scappa’ la pazienza pure a un morto! Te pareva? Alla fine me c'ha fatto parla’ pure a me del “morto”!

Scena 2^:- Attanasio – Paolo- Cosimo.-

PAOLO- (entra) Bona, padre Attanasio!

ATTAN- Tu cu’ voj? Guarda che se c'hai l’intenziò de famme passa’ ‘na giurnata cume quella de ieri: te sai sbajato! Cumencio a sgaggia’ e fago cure a tutto el vicinato!

PAOLO- State tranquillo, vago via subito! So’ venuto pe’ divve ‘na parola sola!…

ATTAN- Allora sbrigate!

PAOLO- Ve vulevo di'…(lo fissa) Cusa c’ete? Sete bianco cume la sogna!..Nun credo che l’ete presa?

ATTAN- Ecchene ‘n antro!…So’ bianco pe’ causa vostra!…Stanotte nun ho chiuso occhio…Me s’è sciolto lu stomigo e ho fatto i viaggi dal letto, al bagno e viceversa!…Magari c'essi avuto la “spagnola”! Almanco avria avuto el cunforto d’avevve cuntagiato e spedito all’altro mondo! (tossisce)

PAOLO- ‘Ssa tosse nun me piace pe’ gnente!

ATTAN- E’ mejo che stago zitto!

PAOLO- (fa qualche passo indietro)

ATTAN- Cus’è vai via senza manco dimme cula parola?

PAOLO- Nun è che vago via, ma sapete cum’è: “ chi se pole salva’: se salva!” Vo’, ormai la vita vostra l’ete fatta, ma io so’ ancora giovane…

ATTAN- Visto che c'hai paura: poj nda’ via!

PAOLO- (titubante) …Ma sete sciguro che nun se tratta de spagnola?

ATTAN- Quala spagnola!?…So’ stati i dispiaceri e j spaventi che m’ete dato 'nte sti giorni tu e Maria!…Ecco perchè te sembro mezzo  moribondo!

PAOLO- So venuto pe’ divve quello che m’ha cumbinato mi cugina!

ATTAN- Cu’ t’ha cumbinato?

PAOLO- ‘Na cosa da gne'!…E’ ‘ndata da babbo e j ha ditto onnicò! J ha ditto pure che vo’ ete permesso, a me e a Anna, de truvacce chì: in canonica!

ATTAN- E, tu padre?

PAOLO- Ve lu pudete immagina’! E’ deventato un diavulo! State sciguro che tra pogo ‘riva!

ATTAN- (tra sé) Nun te l’ho ditto io? (a Paolo) Ve sete mesi ‘n testa de famme veni' ‘n sbocco de sangue e ce riuscite sciguro!

PAOLO- Ennà, cume è ‘ncaulato! Vuleva veni' iersera stessa, ma Maria j ha cunsijato de veni' oggi, a st’ora chì, ‘che v’avria truvato solo!

ATTAN- Madonna, cusa ho fatto mai?…

PAOLO- Questo che v’ho ditto è gnente!

ATTAN- Ah scì? Butta giò el resto…Svota el sacco!

PAOLO- Maria, è ‘ndata pure dal padre de Anna e j ha raccuntato pane al pa’ e vino al vì!

ATTAN- Da don Girolamo?

PAOLO- Da don Girolamo! Sa’ cume se sarà fatto brutto ‘nte la faccia quanno l’ha saputo? Io pe’ cula strada manco ce passo più! Quello nun è un omo: è ‘na bestia!…Specie quanno ‘nte le ma’c'ha el curtello!

ATTAN- Naturalmente, pure lu' viene qua!

PAOLO- Essà!

ATTAN- Fa ‘na cosa: va da don Nicò, el falegname, e j dighi da preparamme ‘na cassa! Tra pogo me ‘ncammino pe’ l’aldilà!

PAOLO- Nun ve scuraggiate!..

ATTAN- Dopo ste  liete nutizie che m’hai dato:  voj che me metto a balla’?

PAOLO- (sorride)

ATTAN-(vedendolo) Certo che c'hai ‘na faccia!?...  Ridi? Sai cuntento?

PAOLO- Certo!… Sapete perché so’ cuntento? Perché st’affare: “ se nun se sfascia nun s’aggiusta!” E’ l’unico modo pe’ ‘ncuntrasse: mi padre cul padre di Anna!

ATTAN- Tu pensi pe’ te e pe’ sto poro vecchio nun c’è nisciù che ce pensa!…Chi pole ammansi' do bestie de cula purtata?…Nun c'ho ‘na goccia de sangue ‘nte le vene!…

PAOLO- (dal forte ridere si tiene i fianchi andando estrema sx)

COSIM- (entra) Ecco qua ji ovi!…(posa sul tavolo e vede Paolo che si tocca le spalle, gli si avvicina e) Vo’ cume state?…

PAOLO- Cuscì, cuscì!

COSIM- Ve fanne male le spalle?

PAOLO- Nun me fa male gnente: stago be'!

COSIM- Me pareva! (confidenzialmente e a mezzavoce credendo che Attanasio- non lo senta) Padre Attanasio: è ruvinato! Stamattina è entrato in delirio e adé je se stanne a gunfia’…

ATTAN- (che ha sentito)…le rutelle! Scì, oh! Me se stanne a gunfia'!…Me le deve ffa’ gunfia' pe' forza!

COSIM- (dopo averlo fissato un po') Cus’è ve lu chiamo el medico?

PAOLO- (a Cosimo) Ndate da don Nicò, el falegname, pe’ la cassa mortuaria!

COSIM- Scì, scì, ce vago subito-subito!…Anzi sape’ cu’ fago? Prima vago dal falegname e ordino la cassa e po’ vago dal medico pe’ faje custata’ el decesso!…(si avvia, fa due passi, ma si ferma e ) Cus’è, ve li sbatto j ovi?

ATTAN- Nun le vojo: ho magnato!

COSIM- Ha magnato!…Qualu magnato, se m’ete mannato a cumpra’ j ovi? L’ete ‘nteso cume sparla: ènne in delirio!…Cu’ ne dite padre Attanasio, se ve fago ave’ ‘na cassa d’occasiò? Quella de la moje del cancelliere, che duveva muri' e c'ha ‘rpensato? Almanco sparagnate ‘ntel prezzo! S’ete ‘n omo fortunato!(andando) …Sete nato cu’ la camigia!…(via)

ATTAN-C'ho ‘na fortuna de sti tempi!?…Pure la cassa de segonda mano!

PAOLO- La paura vostra è che babbo e don Girolamo ve ‘mazzane e ‘nvece duvete sta tranquillo! Al massimo ve polene rempì de maleparole! Che po’, vo’, quanno nun ce la fate più a sentilli: ve alzate, pijate a tutt’e do' pel petto e li mettete a posto!

ATTAN- E, se capisce! Io da solo a cule do' bestie...

PAOLO- Ma po’, scusate, nun ce stago pure io?

ATTAN- E no!? C’è lu'!. Orlando ‘nte la valle di Roncisvalle!…Ma se te metti paura  a guardallo ‘nte la faccia, a babbo?

PAOLO- Ve sembra! Oggi so’ deciso a fenilla in qualsiasi modo. Anche se dovrò manca’ de rispetto a chi m’ha dato la vita! Oh, è passato el tempo in cui “Betta filava”! (va da Attanasio) Credete che io posso campa’ ‘nte sto modo?

ATTAN- E io?

PAOLO- Posso campa’ cu’ sto chiodo che me trafigge el core? No! Oggi se deve decide tutto (andando all'estrema sinistra) “chi campa, campa e chi more, more!”

ATTAN- Essà! “Chi more, more!” E, siccome el mortu so’ io…

PAOLO- Cusa dite? Vo’ nun c’entrate!

ATTAN- Pure io me lu so’ ditto, ma me c’ete fatto bucca’ pe’ forza!

Scena 3^:-Detti-  Gaeta'.-

GAETA- (entra e dalla soglia) Ecchete qua!…(scendendo) Sai venuto pe’ 'visallo! E vo’, ‘nte la vecchiaia, ve sete ridotto a ffa’ sto mestiere?…Non me saria mai creso che cu’ l’amicizia che c’è tra no’, m’avristi fatto ‘na partaccia simile!

PAOLO- Babbo?!

GAETA- Sta zitto! Sennò pijo ‘na sedia e te la roppo ‘nte la schina!

PAOLO- (si è allontanato pauroso)

ATTAN- Orlando s’è ritirato!

GAETA- (a Attan) E’ questo tutto l’affetto e tutta la stima che la casa mia v’ha dato? (con enfasi) “Padre Attanasio”!… Quanno se pronunciava sto nome, era cume dì: “Sant'Attanasio”!…Séh! Bella razza de Santo! Un Santo portambasciate!

ATTAN- (alzandosi) In apparenze c'hai ragiò, ma prima d’insulta’ ‘n poro sacerdote, in casa sua, bisogna che t’enformi de cume se so’ svolti i fatti. ‘Na persona civile, quale credi da esse’, nun dice tutti sti vituperi a ‘n poro prete!

GAETA- Perché, pudete nega' che ieri sto ciambotto de mi fijo se truvava ‘nte sta casa cu’ cula giuvetta?

ATTAN- No, non lu nego! E’ vero. Ma non ce l’ho chiamati io pe’ pudesse vede' e parla’ chì drento. Lu pole testimonia’ tu fijo stesso!

PAOLO- Babbo, ha ditto la santa e pura verità! Io nun sapevo che chì c’era Anna.

ATTAN- Pel dispiacere, me ce so’ pure ammalato!

GAETA- Vo’ avevate el duvere de metterli a la porta!…Perché nun l’ete fatto?

ATTAN- Perché…perché avria voluto vede a vo’ ‘nte le cundizziò mia!…Cume avria poduto sbatte fora do’ ragazzi che se volene be’ e che ve lu dumannane cu’ le lacrime aj occhi?…Miga tutti hanne el core e la testa dura cume a vo’!

GAETA- Guasi, guasi vulete ragiò!…Vulete che ve dumanno scusa?…

ATTAN- A poghi discorsi: io nun vojo spreca’ fiato cu’ uno che ragiona cul “portafojo”. Io nun c’entro ‘nte sti discorsi e quindi lassateme perde’!Lassateme murì tranquillo. 'Ndate via!(si rimette a sedere)

GAETA- (si avvia poi si gira) Sicché me cacciate via?! Bene! Vago via, e tu vieni cu’ me. Certi discorsi è bene farli a casa. Cusci posso vede se sto curaggio che c'hai qua, ce l’avrai pure a casa.

PAOLO- Se credi che le minacce tua me mettene paura: te sbaj! A casa nun ce vieno né ora, né mai! Nun ce sto a casa cu’ uno che non me vole bene. Tu voj bene solo ai quadrì!….Io perderò a Anna, ma tu perderai a tu fijo.

GAETA- (torna al centro perplesso) Ma cu’ stai a di'? Sai deventato pazzo? Padre Attanasio… vo’ nun je dite gnente? (pausa) Perché nun parlate?…Parlate!

ATTAN- (sostenuto) Manco se me fanne papa!

GAETA- E’ questa la riconoscenza pe’ tutti i sacrifici che ho fatto pe’ te?…Io a mamma nun je lu digo! Tu devi ave’ el curaggio de dijelo!.. Voj nda’ via? Va! Te saluto e non vojo sape’ ndo vai. Pe’ me sai morto! (pausa) Non me risponni?

ATTAN- Cume pole risponne s’è morto?

GAETA- (siede affranto) Si tira su i fiji…si fanne tanti sacrifici, pe’ sentisse dì: vago via e nun ‘rtorno più!…Questa è la ricompensa!…

PAOLO- (toccato, si avvicina) Babbo?…

GAETA- (lo ferma con un gesto della mano) Nun cj ho più fiji!… Ce n’evo uno e è morto!…So’ rmaso solo cu cula pora vecchia de tu madre!

ATTAN- (alzandosi) Certo che c'hai ‘na testa dura!…

Scena 4^:-Detti- Girolamo- Anna.-

GIROL- ( entra di fianco esortando la figlia ) Bocca, nun te vergugna’!

ATTAN- Supportate pure a quessu adé!?

GIROL- …Bocca, che a sto pretaccio lu vojo svergugna’ davante a te!

ANNA-  (Anna entra e rimane in fondo)

GIROL-  (guarda e poi avanzando verso il centro) Bene! Vedo che sete tutti riuniti qua! Cunsijo de famija. Mejo! Almanco cu’ ‘na fava pijo tutti i picciò!

ATTAN- …E ‘na palumbella!

GIROL- Donca…Padre Attanasio?

ATTAN- Ve chiedo solo un favore: ‘rgumitate tutto quello che c’ete da di' e po’ ndate via, che nun me sento tanto be'!

GIROL- Donca…donca…

ATTAN- Aridonca…

GIROL- Donca, vuria sape’, da vo’, che significato c'ha tutto sto muvimento! A me piacene le poghe parole! Donca…

ATTAN- “Tre taule ‘na conca”!

ANNA- (quasi dietro le spalle del padre) Babbo?…

GIROL- Zitta e lassa parla’ a chi j ‘spetta!

GAETA- (che si era alzato e messo dietro alla sedia in cui stava seduto) Cusa vulete sape’ dal parruco? Nun me pare questo el modo e la maniera de presentasse a un vecchio sacerdote!

ATTAN- Lu' scì che s’è saputo presenta'!…

GIROL- Intanto, vo’, metteteve da parte. Dopo ce n’è pure pe’ vo’! (al parroco) Donca…me so’ spiegato?

ATTAN- De che muvimento state a parla’?

GIROL- Donca…Me spiego mejo! Donca, ieri è venuta da me ‘na certa persona e m’ha raccuntato un sacco de chiacchere:…de ‘n appuntamento che s’è data mi fija cu’ ‘na certa persona, chì 'n casa sua! Donca…ne sapete qualco’?

ANNA- (mettendosi tra il padre e Gaetà) Ma cusa ne pole sape’ cul poro vecchio? Queste so’ tutte bugie che s’è ‘nventata Maria. Io so’ venuta a purta’ la tuvaja e pe’ caso s’è data la cumbinazziò de truva’, qua, al signor Paolo.

ATTAN- Questa è la verità!

GIROL- Donca, è stata ‘na cosa senza malizia. E va bene!…Famo fenta, adé, che qua c’è el signor Paolo, perché se saria stato presente qua, j avria ditto de nun passa’ più pe’ la strada de casa mia, perché sennò un giorno de questi, cu’ tutto el rispetto che porto a su’ padre, je roppu j ossi de le gambe!

ANNA – Babbo?…

GAETA- Uéh, “don-come-ve- chiamate”! State 'tente a cume parlate! Vo’ le gambe a mi fijo nun je le tuccate!

GIROL- Se ci passa: je le rompo. A mi fija se la deve scurda’. Nun è pa’ pe’ i denti sua! Nun ce l’ha tutta ‘ssa premura de spusasse ! Casandomai qualcuno la vole in sposa: sa indove abita. Donca, viene a parla’ cu’ me, cu’ tutto el rispetto e l’educazziò!

GAETA- Questo è vero!…Riconoscio che mi fijo in questo ha mancato.

PAOLO- Scì, è vero, ma è stata colpa de la testardaggine de babbo. Se io avria avuto el cunsenso sua: el dovere mia l’avria fatto sin dal primo giorno.

ANNA – E’ da tanto che Paolo me lu dice questo!

GIROL- Ah, donca, è da tanto tempo!?…Allora è da ‘n po’ che dura sta storia!? D'adé in avante fili dritta cume ‘n fuso! Se te vedo ‘facciata a la fenestra: poj scavatte la fossa cu’ le ma’ tua!

GAETA- Penso che non ce ne sarà bisogno. Mi fijo da lì nun ce passa più… Per carità, no’ pe’ la ragazza, ne tanto meno pe’ vo’, che sete ‘na famija de tutto rispetto, ma perché Paolo merita de più e no’ ‘na ragazza senza dote!

PAOLO- Ma che discorsi fai?…Io a Anna la vojo pure senza camigia!

ATTAN- (scandalizzato) Senza camigia? Oh, nun di' certe cose in presenza mia! Cusa so’ ste vergogne?

PAOLO- E’ un modo de di'…Cume di': “Senza dote”! Io a Anna la vojo troppo bene e sarà mia volenti o nolenti!

ATTAN- A me me sa : “dolenti”!

ANNA- Io ve digo che me pudete ‘mazza’ cento volte, ma finché avrò fiato chiamerò sempre: Paolo, Paolo, Paolo!…

ATTAN- Me pare che più chiari de cuscì nun pudevane esse’!

GIROL- Vo’ in queste cose nun c’entrate!

ATTAN- Cosa?  Nun c'entro? So’ a casa mia e  c’entro e ce bocco benissimo! Se nun c’entro io: vole di' che scappate fora vo’ e lassate in pace la gente che sta quieta a casa sua!…Cusa pensate che so’ fatto de stoppa?…Sti bardasci se volene bene e vo’ pe’ sti quattro schifosi quadrì li vulete rende’ infelici! Ma cusa c’ete ’ntel petto le <cotiche>? Credete che la felicità se  pole cumpra’ cu’ i quadrì?

PAOLO- Bravo! Bravo, padre Attanasio!

ATTAN- Zitto e lassame sfuga’, che nun je la fago più a tenella ‘nte lu stomigo!

ANNA- Sù, padre Attanasio, parlate!

ATTAN- ( a Gaetano) Vostru fijo è ricco? Mejo! Cuscì nun c'avrà bisogno de la dote. Anna è ‘na ragazza degna d’un principe e se non c'ha denari, la dote ce l’ha ‘ntel core e ‘nte le ma’!

GAETA- Io nun ho disprezzato la ragazza.

ATTAN- Allora cu' diavulo ‘ndate cercanno? Fate felici sti ragazzi (a Girolamo che sorride) Digo pure a vo’ signor risatella!

GIROL- Nun rido pe’ vo’, ma pe’ don Gaetà che sta a ffa’ le pentule a modo sua! Pare che su fijo s’è innamorato de ‘na pezzente!?…

PAOLO- Non ndate avante, don Girolamo, perché io a Anna me la pijo pure…

ATTAN- Ce lu sapemo: senza camigia!

ANNA – Don Gaetà i soldi ve li pudete tiene: io vojo a Paolo!

PAOLO- La fadiga nun me mette paura.

ANNA – Pure io so’ bona a fadiga’!

ATTAN- (vedendo che i due padri rimangono impassibili) Guardateli …le budella me se stanne a ‘nturcula’!

GIROL- Donca…

ATTAN- Zitti, famo parla’ al signor donca!

GIROL- Donca, quanto…(mimica dei soldi) j daristi a vostro fijo?

GAETA- Se sposa cul cunsenso mia: centomilalire e a morte mia tutto quello che c’emo…E’ fijo unico!

GIROL- Quann’è cuscì: vostro fijo nun è pe’ Anna!

GAETA- Vedete che adé me date ragiò!

GIROL- Io nun posso ffa’ spusa’ a mi fija a ‘n pezzente cume a vostro fijo!…Perché io a mi fija in dote je dago: settecentomilalire, tutti in biglietti da mille! Un corredo da docentomilalire. Oro, argento…e a morte mia quellu che ‘rmane, perché pure lia è fija unica! Cul mestiere mia i quadrì se fanne facilmente e padre Attanasio ne sa qualcò!

ATTAN- Ve lu garantiscio!

PAOLO- Don Girolamo, ve prumetto che nun passerò più pe’ la vostra strada.

ANNA- Cu’ dighi? (abbassa triste la testa)

ATTAN- (a Gaetà) Cu’ ne dighi del discorso ch’ha fatto el macellaro?

GAETA- Che c’ete ragiò: vostra fija pole spusa’ un principe!

GIROL- Quello che ho ditto ho ditto! Se don Gaetà viene a chiede’ la mano de mi fija a nome del fijo: je digo de nò!

ANNA – Babbo?

GIROL- Ma se me la viene a chiede Paolo in persona, io je digo: qua c’è mi fija e (indica la tasca del petto della giacca) qua ce so’ i quadrì!

ANNA – (abbraccia il padre) Babbo!…

PAOLO- Cusa vulete che digo: io so’ cuntento e ‘ntel mentre confuso…!

ATTAN- Tu nun sai: né cuntento, né confuso, ma 'n ciambotto! Don Girolamo ho l’onore di domandarvi la mano di Anna, da parte di Paolo Maraviglia! Qua c’è la fija…(avvicina Anna a Paolo) e qua ce stanne i quadrì! L’ha ditto lu'!

PAOLO e ANNA- (per mano vanno in fondo scena)

GIROL- Se me permettete la risposta ve la dago duma’…sape’, è  Sant'Anna e se posso ricevere l’onore: ve vuria ave' a pranzo a casa mia. Ho ‘mazzato do’ capretti e saranne cuginati a dovere!

GAETA- L’onore sarà tutto nostro…Saremo presenti!

                    Scena ultima:- Detti – Vincé.-

VINCE- (entra e dopo aver guardato) C’è qualche novena fora stagione?

GIROL- Oh, signor Sindico!…Cume mai da ste parti?

VINCE- So’ venuto a senti' da padre Attanasio se…

ATTAN- (cerca di rimediare) …se venerdì je posso di' ‘na messa pe’ nonesa…Se l’è ‘nsugnata e je ha ditto pure: “ Vincè, ormai sai granno e c'hai da mette’ giudizzio”!

GAETA- Quessi so’ mumeri!…Vincè te le devi giuga’!

ATTAN- Lu sapete, don Girolamo, che il Sindaco è parente a Paolo?…Signor Sindaco te presento la fidanzata de Paolo!

VINCE- Ha ce sai pure tu! Congratulazione…te la sai saputa sceje’! Spusateve al più presto, cuscì ve sposo io.

GIROL- Presto? Donca…io penso che do' annetti ce vurranne!

VINCE- Do' anni? So’ tanti! Troppi.

GAETA- Troppi? Cu’ dighi, Vincè?…Lu' ha ditto do' anni, io diria tre, quattru…

VINCE- Zì, nun pole esse’! Io nun possu resiste’ né do', né tre, né quattro anni!  Nun posso ‘spetta’.

GAETA- Ma perché te la devi spusa’ tu a Anna, che nun poj ‘spetta’?

GIROL- Sor Sindico, fateme capi' perché do' anni ve parene troppi?!

VINCE- Perché…perché…

ATTAN- (rimedia)…perché  fra un anno ce saranne le nove elezziò e lu' pudria nun esse’ più Sindaco e quindi nun sarià più lu' a spusalli!

GAETA- Quessu nun se pole sape'! Chi lu pole di'?

GIROL- Perché, nun pole esse’ rieletto?

ATTAN- No! No: perché nun se presenterà!

VINCE- A vo’ chi ve l’ha ditto che nun me presenterò?

ATTAN- Tu!…Nun te ‘rcordi? Me l’hai ditto in cunfidenza. Lu so che nun l’avria dovuto di', ma semo in famija e… M'ha ditto:  “Padre Attanasio, io sta vita nun la posso più ffa’!…Mj moje se sente trascurata ed è giusto che io sia più presente ai doveri coniugali”!

GAETA- Vincè, fai bene. E' mejo tenesse ‘na moje, che ‘na pultrona!…Giusto che de sti tempi, a mi nipote Maria, nun la vedo tanto bene…!

VINCE- C’ete tutti ragiò, ma do' anni so’ troppi!

GAETA- Ma, je voj da’ el tempo de cunoscesse?

VINCE- Pe’ cunoscesse: do' mesi bastane e ‘vanzene!…Digo be’, ragazzi?

PAOLO- Pe’ me pure duma’!

ANNA – Pure pe’ me! (abbraccia Paolo)

GIROL- (la prende e la porta avanti a sx e rimprovera) Cu' fai lì tutta ‘nvuricchiata?

GAETA- (fa come Girolamo portandolo a dx) Vie’ qua!…Cus’è la voj cumpromette’?

ATTAN- Adé perché nun li chiudite a chiave?…Gente retrograda!

PAOLO- Padre Attanasio scì che è ‘n omo de mondo!

ATTAN- Statte zitto!…

ANNA – Nisciù sa da’ fiducia e curaggio cume a padre Attanasio!

ATTAN- Pipitula!..

GIROL- Donca?…Cusa saria ‘ssa roba del curaggio e de la fiducia?

ATTAN- Gnente…

PAOLO- Saria: che crede nell’amore che do'  giovani se volene!

GAETA- Continuo a nun capì! (a Girolamo) …E vo’?

GIROL- A dì la verità…Donca…Manco io!

ANNA- Vulemo di', che quanno io e Paolo ce semo truvati chì, lu' cj ha dato fiducia, s’ è alluntanato!

ATTAN- (si morde le mani)

PAOLO-Quanno ha visto che erimi ‘mpacciati: ci ha avvicinati e ci ha meso le ma’ nte le ma’!

ATTAN- ‘Nte la faccia je l'avria dovuto mette’!

GAETA- E bravo a padre Attanasio!…

ATTAN- (a mezzavoce) Donca…

GIROL- Donca!?…Ete fatto in modo che se truvassero cu’ le ma’ ‘nte le ma’!... Non è che mji fija è degià…? Donca!…Vojo di': passato qualche mese se ‘rtruvasse in cumpagnia…(mimica non esagerata della gravidanza)

ATTAN- Quello ch’ete ditto non lu duvete manco pensa’!…Sia fatta la vuluntà de Dio!

GIROL- Lu penso: visto che ve sete alluntanato?

VINCE- Ecco perché digo de ffa’ sto matrimonio al più presto!

ATTAN- Tu statte zitto!… Ce metti l’asse di briscola?…Me so’ allontanato fino a la fenestra e lora erane qui! V’assicuro che non è successo gnente (andando a prenderli per mano e li porta…) e nun succederà gnente se si mettene a sede vicino all’altarino: cu’ le ma’ ‘nte le ma’!…(ritornando) State tranquilli. C’è la Madonna che li guarda… e quella è più severa de me!

GIROL- Donca?…

ATTAN- Donca, Vincè c'ha ragiò, se devene spusa’ al più presto! Al massimo… sei mesi!

VINCE- C'ho ragiò?

ATTAN- Scì, basta che te stai zitto e fai parla’ a me! Spiego tutto io!… Mettete a sede!

VINCE- (mettendosi a sedere. In scena saranno disposti in questo modo: Paolo e Anna: seduti vicino all’altare- Vincè: vicino alla porta laterale- Attanasio: al centro- Gaetà e Girolamo: lateralmente a sinistra) Scì, pensatece vo’!

ATTAN- (guarda i padri e poi...) Posso parla’?

I DUE  - Scì!

ATTAN- Ohoooo…!…

I DUE  - “ Sia fatta la vuluntà de Dio!”

ATTAN- (Attanasio si sente preso in giro per il “verso” al suo intercalare e guarda prima l’uno che abbassa la testa e poi l’altro, che abbassa la testa)…Come s’è detto, Vincè li vole spusa’ lu' in Municipio. Ho ditto be’?

VINCE- Sci!

GAETA- Segondo me: no!

VINCE- Cus’è, zì, nun vulete che li sposo io?

GAETA- E’ mezz’ora che sto a cerca’ de di' che: nun se polene spusa’,  finché Paolo nun trova lavoro.

ATTAN- El lavoro ce l’ha!

GAETA- Cume, ce l’ha?…E, ndo’ fadiga?…Io so’ el padre e nun ne so gnente? Ma cu’ dite mai?

ATTAN- El mese entrante, el Sindaco lu chiamerà a lavorare in Comune, e, precisamente: all’anagrafe!

GAETA- Dighi davé Vincè?

VINCE- (preoccupato si alza) Veramente io…

ATTAN- (veloce gli va incontro e lo rimete a sedere) Pensa a Maria e Paolo!…Diceva…che ve vuleva ffa’ ‘na surpresa!

GAETA- Hai ‘nteso Paolo?…Vincè te fa fadiga' in Comune: all’anagrafe!?

PAOLO- Grazie, Vincè! Te sarò riconoscente pe’ tutta la vita! Posso ffa’ qualcò pe’ te?

ATTAN- Hai già fatto troppo pe’ lu'!…Mettete a sede!

GAETA- Don Girolamo, se sete d’accordo, visto che le cose se stanne a mette bene: sto matrimonio lu pudemo pure anticipa’, cu’ ne dite?…Sempre se la ragazza è pronta.

GIROL- Don Gaetà, avete dubbi in riguardo?

ATTAN- No!…La ragazza è prontissima!

GIROL- De dote ce n’ha che pole ffa’ ‘na spasa da qui a Citanova!

ATTAN- Sa cugina’?

GIROL- Ha preso da nonesa: capirai c’eva la tratturia, saprà cugina’?!

ATTAN- Sa stira’?

GIROL- Sa ffa’ uno de tutto: sa cugina’, sa stira’, sa lava’, sa scupa’,…

ATTAN- Basta, nun 'ndate oltra! La ragazza è pronta!

GAETA- Però duvemo parla’ mejo dei dettagli!

GIROL- Duma’, a pranzo, lu famo cu’ calma. Adé c'ho da ‘rturna’ in bottega, ho lassato el garzo’ daperlù! Duma’ è l’onomastico de mi fija e deve esse’ festa doppia! Ve ‘rcordo che sete invitati tutti a pranzo, a casa mia!

GAETA- Pe’ me e pe’ mi moje sarà un onore!

GIROL- Donca…Signor Sindico, posso avere l’onorificenza di ave’ a pranzo anche la sua persona,  e quella della sua degnissima signora?

VINCE- Grazie, tante!… (a mezza voce) …Spero de truvalla!

GIROL- Cume ete ditto?

ATTAN- Se la trova disposta, perché pe’ adé, la moje, è indisposta! (a parte a Vincè) Cus’è ‘ndata via de casa?

VINCE- (fa cenno di “si”, a testa bassa)

ATTAN-Ce penso io a ‘rtruvalla!…Sia fatta la vuluntà de Dio! (forte) Comunque la persona del Sindaco ci sarà senz’altro!

GIROL- Grazie!…Adé scappo!…

GAETA- E no! In bottega ce ‘ndate dopo che ce semo fatti ‘na bicchierata! (esce, seguito dagli altri che man mano salutano) ‘Ndamo ragazzi!

GIROL- Ve saluto padre! (esce)

PAOLO- Padre Attanasio, sete un Santo! (baciamano e poi va ad aspettare Anna sulla soglia)

ANNA-Grazie!…E grazie anche a nome de mamma, che de lassù ve sta a guarda’! (baciamano e va, ma…)

ATTAN- (la ferma) Oh?…

ANNA- (si gira)

ATTAN- …La gallina!….Cuscì…!…

ANNA – (sorridendo) Scì, scì! (e va via)

ATTAN- …Sia fatta la vuluntà de Dio!…Tutto è ‘ndato al posto sua!….Tutti  cuntenti!….So' ‘ndati a ffa’ un brindisi!…(andando a sedere sulla sedia a dx) Duma’ stanne insieme a pranzo pe' l’onomastico!…Pure io so' cuntento...anche se 'ncora adé sto a mastica' el fiele, che m’hanne dato ‘nte sti giorni!

GIROL- (dalla soglia)  Oh? Cu’ fate?…Stamo a ‘spetta’ a vo’! Ce venite o nò a ffa’ sta bevuta?

ATTAN- Nun m’ete ditto gnente?!…

GIROL- Evo ditto: “Tutti”!  Pure duma’ ve vojo a pranzo, a casa mia!…’Ndamo, nun ce fate ‘spetta’ de più!…(via)

ATTAN- Vieno!… Vieno! Stavo' me sa che la bistecca me la feniscio! …(corre a prendere il cappello, si avvia alla porta e poi ritornando al centro scena…) Sia fatta la vuluntà de Dio!

S I P A R I O

Loreto,11-09-1991.-                                                                   PAOLO  TORRISI


GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Guzzo- Fine- Appuntito-

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                             

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella- Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno