Signori, biglietti

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

                                        ATTO PRIMO                                      1

Salotto in casa di Don Ignazio Provolone, una porta in I^ quinta a sx. ed una a dx. Una porta in II^ quinta a sx. Sul fondo al centro la comune ed in I^ quinta a dx. verso il proscenio  un balcone che affaccia in platea. Al levarsi della tela sono in scena Carmelina e Carolina intente rispettivamente a spazzare e a togliere la polvere. Si sente suonare il campanello della porta d’ingresso, Carmelina poggia la scopa sulla soglia della comune e va ad aprire mentre Carolina continua a sfaccendare canticchiando. Carmelina rientra introducendo Pasqualino, un giovanissimo garzone di fruttivendolo con cesto di frutta e verdura.

SCENA PRIMA

(Carolina – Carmelina e poi Pasqualino)

PASQUALINO – (entrando)Buongiorno Signurì’!(ironico)Bella vucella!

CAROLINA – (divertita) Gueh  Pascali’?!  E  chi  t’’o  ffa  fa’?  Nun   te

                piglia’ ‘o pusilleco….

PASQUALINO – Signuri’  non  mi  permetterei  mai.   ‘A   verità   vuie

                veramente tenite ‘na vucella alla Sergio Bruni.

CAROLINA – E tu addiviente sempe cchiù birbante…e cchiù bellillo…

                (Pasqualino si schernisce scornoso)

CARMELINA – Allora?... (guardando  nella  cesta)  hai  portato tutta la

                robba che abbiamo ordinato?

PASQUALINO – Sissignore! (ed  indicandoli  nella  cesta  elenca):  “ccà

‘nce stanno ‘e vruoccule, ‘a ‘nzalata, ‘e carcioffole, ‘e purtualle, e

mmele annurche e le banane (le prende e le mostra alle ragazze) Tenite mente cca?..So’ belle è ove’? Ma sta malato quaccheduno?

CARMELINA – No, perché?

PASQUALINO – No  pecchè  ‘o medico quanno sta malato quaccuno a

casa mia dice sempe: “allora datoci questa mmericina, questa pinnola, e po’ facitece mangiare una banana”

CARMELINA – Eeeeeh  Pasqualino! Una  volta! Oggigiorno le banane

                si mangiano sempre…

PASQUALINO – E va buo’ signuri’, ma sempe frutti isotici so’!

CAROLINA – (ridacchiando)Pascali’, e fratete Rafele comme sta?

PASQUALINO – Chi?  Frateme  Papele? Sta facendo il marinaro, mo’

torna pe’ licenzia a Natale e vene pure frateme Gennarino ca sta faticanno a Girmania ‘int’’a Fosfachen e finalmente ci auniamo tutta la  famiglia.  Mah!  Facitemenn’i’  ca  tengo  ‘nu  cuofene  ‘e

2

                cunzegne ‘a fa’. (via x la comune con Carmelina)

IGNAZIO – (da dentro) Allora hai portato tutto?

PASQUALINO – (da  dentro  mentre  Carolina  continua   a   sfaccendare

canticchiando) Don Igna’ ho portato frutta e verdura, ‘o riesto d’’a rrobba ‘o patrone ha ditto ca v’’a manna cchiù tarde.

IGNAZIO – (d.d.) M’arraccumanno   Pascali’?!   Dincello   can   un   se

                scurdasse ‘e mozzarelle.   

PASQUALINO – (d.d.)Cavalie’ state a pensiero quieto! Stateve buono!

IGNAZIO – (d.d.) Statte bbuono guaglio’!

CARMELINA – (fa  per  rientrare  in  scena  ma  quando  è  sulla comune

risuona il campanello della porta d’ingresso, ritorna sui suoi passi e va ad aprire  e da dentro una voce): “Buongiorno, ce sta ‘a signora?” Accomodatevi, da questa parte… (poi rientrando in scena) Mamma mia, e che movimento stamattina in questa casa...

CAROLINA – E’ naturale, oggi  arriva  la  signorina Elvira dal viaggio

                di nozze. Aaaaaaah!!! Che felicità!!!

CARMILINA – (che  era  intenta  a  spazzare  si  ferma,  la  guarda,  le  si

avvicina e) Ma tu che sospiri a fare!? Ma che ti sei sposata tu? Ma guardatela tutta sognante… Senti, io debbo andare a cucinare… (porgendole la scopa) Pigliati la scopa, fatti una bella scopata, così ti scite do’ suonno… (via II^ a sx. con cesta)

CAROLINA – (rimasta  sola  si  abbraccia  la  scopa  e  sospirando, quasi

sognando)  Aaaaaah! Che bella cosa ch’adda essere ‘o matrimonio!!! (spazzando si avvicina al balcone e dopo aver guardato furtivamente per accertasi di non essere vista, spazza di sotto quanto aveva raccolto con la scopa, poi si avvede della presenza di una dirimpettaia ed  inizia a chiacchierare con un’ipotetica interlocutrice) Buongiorno donna Ro’…Comme?...Si, si. Arrivano oggi…Hanno mandato il telegramma. Li stiamo aspettando… E comme no! Stammo priparanno ‘nu pranzo. Penzate donna Ro’ ca Don Ignazio ha mannato a piglia’ pure ‘e mozzarelle ‘e Mundragone.

CONCETTA – (da dentro) Carolina… Carolina…

CAROLINA – (rientrando di qualche passo verso la II^ porta a sx.)Vengo

signo’, vengo. (rientrando al balcone alla dirimpettaia) Scusate donna Ro’, mi sta chiamando la signora (fa segno alla dirimpettaia che continueranno poi  e rientra andando verso la II^sx)

3

SCENA SECONDA

(Carolina e Concetta)

CONCETTA – (venendo dalla  II^  a  sx. tutta  imbronciata) Ahhh! Giesù

mmio!!!... Ma comme cu tanta cose ca ‘nce stanno ‘a fa’, tu ti miette a parla’ fore ‘o balcone?

CAROLINA – No, era donna Rosa  ‘e  rimpetto.  M’ha  addimmannato

                si era overo ch’’a signorina Elvira arrivava oggi.

CONCETTA – ‘A  signorina? Ma  comme  chella s’è sposata, torna dal

                viaggio di nozze   e tu ‘a chiame ancora ‘a signorina?

CAROLINA – E che vulite ‘a me signo’, scusate: non ci ho fatto ancora

                l’abitudine. Me scappa sempe ‘a signorina.

CONCETTA – E vire ‘e nun t’’a  fa’  scappa’  cchiù.  Signora, signora

                Elvira. (quasi sospirando) Finalmente mia figlia è signora.

CAROLINA – Aaaaaah!  Viata  a   essa!   (con  enfasi)   Finalmente   ha

                conosciuto la vera gioia!!!

CONCETTA – Guè, e che modo ‘e parla’ è chisto?Tu che su spire a fa?

CAROLINA – (mortificata) Ma pecchè signo’, che ho detto di male?

CONCETTA – Jammo cammina… và  dinto  a  pripara’  ‘a camera de’

                spuse.

CAROLINA – Signo’, ma io l’ho già preparata.

CONCETTA – Nossignore. He   a  luva’  chella  coperta rosa ‘a copp’’o

letto e devi mettere quella celeste. ‘O rrosa da l’idea ch’anna fa’ ‘na femmina.

CAROLINA – (con meraviglia gioiosa) Ma pecchè signo’, già aspetta un

                bambino?

CONCETTA – Eeeeeh, ‘sta  cretina.  Chilli  so’  pochi  giorni  spusate :

aspetta ‘o bambino!?… Io dico… come cosa di buon augurio… di suggestione. Io pecchè avette ‘a femmina?...

CAROLINA – Pecchè signo?

CONCETTA – Pecchè  me  facettene  truva’  ‘a  coperta rosa ‘ncopp’’o

lietto. Và, và, pripara tantu bello. Chilli può darsi che doppo pranzo se ne vanno a fa’ ‘nu riposino. (si muove verso sx.)

CAROLINA – (maliziosa) Se vanno a cuccà’?

CONCETTA – (si gira verso Carolina) Eh! Se vanno a cucca’.

CAROLINA – Aaaaaaah!!!!

CONCETTA – E mo’ suspire ‘n’ata vota?

CAROLINA – (fa  per  viare  dalla  porta  a  dx, ma  si  ferma sentendo un

4

                campanello interno suonare)Signo’ mi sta chiamando Don Ignazio.

CONCETTA – Nun ‘o da’ retta a Don Ignazio, chillo  mo’  se mette co’

                campaniello mmano e ogni tanto fa asci’ ‘a messa.

CAROLINA – Ma chillo po’ s’’a piglia cu mmè.

CONCETTA – Nun te preoccupa’, ce  lo  dico  io a Don Ignazio. Và, va.

(poi chiamandola) Aspetta… Spruzza pure del profumo, chillo leggero ca nun dà ‘ncapo. Và, và. (richiamandola) Aspetta… (prendendo da un mobile un vaso con dei fiori) Metti questi fiori sul comodino… (mentre Carolina va, cambia idea) No no, nun da’ retta… E fiori in camera da letto nun ce stanno buone. Và, và. (si ode di nuovo il campanello) Aspetta!!!

CAROLINA – Signo’ e sto aspettando.

CONCETTA – No no, nun dico a te. Dico a mio marito che scampaneja

‘a llà dinto. (Carolina prosegue) Aspetta… (Carolina c.s.) Aspetta ‘nu mumento… guè, io dico a te aspetta…

CAROLINA – Ah, dicite a me?  Io me credeve a Don Ignazio…

CONCETTA – Ah,  mo’  nun  saccio  cchiù che te vulevo dicere. Me so’

scurdata… Io so’ sola a penza’ tutte ‘sti cose. Và và, quanno m’allicordo t’’o ddico. (Carolina via per porta a dx.)

SCENA TERZA

(Ignazio e Concetta)

IGNAZIO – (venendo  dalla I^ a sx.) Ma insomma dico io, co tengo a fa’

‘stu campaniello? E io dimane me faccio veni’ ‘o sacrestano d’a chiesa ‘o Carmene cu ‘na campana appresso: ndi/ndò, ndi/ndò accussì quaccheduno me sente.

CONCETTA – Guè, guè, nunn’allucca’, ca ccà nisciuno è surdo.

IGNAZIO – E ce pare.

CONCETTA – Noi  lo  abbiamo sentito il campanello. Ma Carolina era

impegnata e nun puteva veni’. Chesta nunn’è jurnata  ca te può mettere a fa’ l’imperatore ‘ncopp’’o trono. Ccà tenimmo che ffà’.

IGNAZIO – Ma io vulevo ‘na tazza ‘e cafè…

CONCETTA – E  nun ce sta. S’adda fa’ ‘n’ata vota e mo non possiamo

                perdere tempo.

IGNAZIO – Ma comme, vuje  facite ‘o cafè, ve ‘mbriacate, invece ‘e ce

mettere ‘o zucchero, ‘nce mettite ‘o ssale e nunn’’o facite ‘n’ata vota? Io ‘a matina senza cafè me pare ca nun me fosse scetato ancora.

5

CONCETTA – Ma te pare che noi con questa agitazione, ce metteveme

a fa’ ‘o cafè ‘n’ata vota? Ma ti rendi conto ca sta per tornare tua figlia dal viaggio di nozze? Ma dico, non sei emozionato? Nun te siente niente? (in un crescendo)

IGNAZIO – (dispettoso) Sì…  Me  sento  ‘na   languidezza   ‘e   stomaco          pecchè nunn’haggi’avuto ‘o cafè.

CONCETTA – (indispettita)  E  aspetta  aspetta,  che quella mo’ te lo fa          un’altra volta.

IGNAZIO – Va buo’ Cunce’, nun da retta. Sa che vulimmo fa’? Io    mo’ scengo e m’’o ppiglio ‘inta nu cafè.

CONCETTA – Nunn’haggio capito bbuono?

IGNAZIO – Io mo’ scengo…

CONCETTA – (assalendolo) Scinne?

IGNAZIO – (ritraendosi) Ch’è stato? Aggio acciso a quaccheduno?

CONCETTA – Ma  allora  si’  asciuto  pazzo?  Ma  allora  ccà   nun   se

ragiona? Chille ‘a nu mumento a’ ‘n’ato ponno veni’, e tu te ne  scinne?

IGNAZIO – No, ma io dicevo ‘nu minuto soltanto…

CONCETTA – (forte) Ma  nun ce penza’ proprio. Scuordatello. ‘O cafè

mo’ tt’’o faccio fa’. (prendendogli di mano il campanello, quasi strappandoglielo) Damme ‘nu poco ‘stu campaniello (suona ripetutamente per chiamare la cameriera)

IGNAZIO – Eeeeeh, staie  fresca, haje  voglia ‘e scampanja’!!! (nel dire

                va verso il fondo a dx.)

CONCETTA – (chiamando ad alta voce) Carolina!!! Carolina!!!

SCENA QUARTA

(Carolina e detti)

CAROLINA – (fuori  da    dx.  senza  notare  Ignazio)  Scusate  signo’, ho

tricato pecchè me credevo ca era Don Ignazio ca me chiammava.

IGNAZIO – Neh, imbecille!

CAROLINA – (notando Ignazio con imbarazzo) Uuuuh!!!

IGNAZIO – Ma pecchè Don Ignazio è fatto ‘o cretino della casa?

CAROLINA – No! E che so’ io? Quello l’ha detto la signora.

IGNAZIO – Ha detto che io sono il cretino della casa?

CONCETTA – Nossignore. Le ho detto io  di  non  venire.  (a  Carolina)

Fa ampressa, va dint’’a cucina e miette a ffa ‘o cafè.

6

CAROLINA – Subito. (via x la II^ a sx.)

CONCETTA – (che vede Ignazio dare segni di gran nervosismo esagitato)

Una cosa nun esagerà’ mo’. Si tratta di un momento occasionale. Tu ‘o ssaie ‘int’’a ‘sta casa come ti rispetto e come ti faccio rispettare…

IGNAZIO – (umile) Ma guarda…

CONCETTA – (autoritaria) Statte zitto e famme firni’ ‘e parla’.  E  mo’  

chesto ce vulesse, che dopo che ti serviamo  come il prete all’altare, avesseme  ‘o riesto appresso. Ccà quando parle tu ci mettiamo tutti sugli attenti e ti sentiamo…

IGNAZIO – (c.s.) Si va bene, ma…

CONCETTA – Zitto  nun   m’interrompere.   E   fammella   dicere    na 

parola: “Io voglio essere la serva, la schiava tua, ma ogni tanto ‘nu sfogo me l’he ‘a fa’ fa’, si no io schiatto ‘ncuorpo.

IGNAZIO – No! Io  schiatto  ‘ncuorpo stammatina!!! (campanello della          porta d’ingresso, Ignazio siede)

CONCETTA – ‘A porta! Fossero già lloro?

SCENA QUINTA

(Carolina e detti, poi Carlino)

CONCETTA – (agitata, mentre  Carolina  attraversa la scena x andare ad

aprire) Ecco! Mo’ per perdere tiempo a parla’ cu te, nunn’aggio pensato a fa’ tutto chello ch’avev’a fa’.  

CAROLINA – (rientrando) Signo’ fore ce stà Don Carlino.

CONCETTA – (infastidita per la visita inopportuna) Uuh no! Chisto nun

ce vuleva proprio. Mo faccio dicere ca nun ce sentiamo buone. (guarda Ignazio x capire cosa ne pensa * ad un cenno di assenso di Ignazio) No! No! Fa brutto, chillo capisce, Che dici ‘o facimmo trasì’?

IGNAZIO – Cunce’, ma che ne sacc’io? A me che m’addimande?

CONCETTA - Guè, tu si’ ‘o capo ‘e casa. Certe cose le devi  decidere               tu. Ti  devi assumere le responsabilità. Ah, tu te scutulie sempe  e

panne ‘a cuollo? Che dice?

IGNAZIO – Beh, a me nun me pare opportuno ca trase.E che facimmo          Elvira torna dal viaggio di nozze e trova l’ex spasimante in casa.

CONCETTA – (che  alle  parole  di Ignazio assentiva) Haie ragione, haie

 ragione.

IGNAZIO – (incoraggiato    alza   leggermente   il   tono   della   voce)  E’

7

imbarazzante! E po pure p’’a ggente che vede ponno dicere: fanno trasì l’ex spasimante mo’ ch’adda veni’ ‘a figlia dal viaggio

di nozze.

CONCETTA – (c.s.) Si si, haie ragione, haie ragione. Dice proprio   bbuono. (a Carolina) Fallo trasi’. (Carolina via x la comune)

IGNAZIO – Che  piacere,  che  soddisfazione!  Ma   vedite   che   figure          ch’aggia fa’ annanze ‘a cammarera.

CONCETTA – E aspetta. Mo’  trovammo ‘na  scusa e n’’o facimmo ji’.          E che l’avev’’a fa’ sbattere ‘a porta ‘nfaccia? (siede al tavolo)

 CARLINO – (entrando dalla comune con un fascio di fiori in mano) Don        Ignazio. Signora rispettabile.

CONCETTA – Caro Don Carlino!

IGNAZIO – ‘O mazzo nun v’’o scurdate maie?

CARLINO – (sospiroso e malinconico) Eh!!  Prima  lo  portavo  per  lei.

Mo ‘o porto pe’ compagnia e pe’ ricordo tutti i venerdì. (va a deporre i fiori in un vaso posto su di un mobile sul fondo a dx. della comune, lancia un bacio con la mano, fa un piccolo inchino e si allontana indietreggiando)

IGNAZIO – (tra sé e sé) ”Chisto pare ca venesse ‘o campusanto!”

CARLINO – (forte  verso  Concetta  in  soprappensiero) Permettete?  Me

                pozzo assetta’?

CONCETTA – (salta e tra sé) “Puzzate passa’ ‘nu guaio.” (ad Ignazio) Se po assetta’?

IGNAZIO – Prego!

CONCETTA – (pronta) Nuie veramente steveme jenno a mangia’.

CARLINO – Ah? Quanto mi dispiace. Io non voglio essere di fastidio.

CONCETTA – (tendendogli la mano) Ecco bravo, ci dovete scusare.

CARLINO – E  scusare  di  che?  Andate,  andate.  Io  m’assetto  ccà   e

aspetto. Io nun vaco ‘e pressa. ‘O vvedite, io m’assetto ccà ‘e rimpetto e fiori, zittu zittu e mi raccolgo.

IGNAZIO – (tra sé) “Se mette a dicere ‘o rosario”

CONCETTA – Ma voi avete mangiato già?

CARLINO – Io? E pecchè io mangio pure?

IGNAZIO – Fate la cura dimagrante?

CARLINO – Chi  sta  mangianno  cchiù!! Chi  sta bevendo cchiù!!  Chi

sta durmenno cchiù! Da quando Elvira si è sposata l’unico conforto che mi resta è questa visita che faccio a voi ogni venerdì.

8

Spero che me lo consentirete sempre.

CONCETTA – E che c’entra. Voi siete amico di famiglia da tanti  anni,

ci fa piacere ca ce venite a truva’, sulo nun ve vulesseme vedè’ cu chesta  faccia.

CARLINO – Eh, signora  mia, purtroppo  di  Carlo  Pisanelli non resta

altro che questo. (si alza) Guardateme! (Concetta si gira-smorfia di disgusto di Ignazio) Una larva d’uomo che vive di ombre e di ricordi. “ECCE HOMO” (siede)

IGNAZIO – Don Ca’, voi avete ragione. Tutto quello che avete  detto  è

giusto, ma però state esagerando. Mia figlia non vi ha voluto, questo è vero, ma non è la fine del mondo…

CONCETTA – E  poi, perché  non  vi  ha  voluto?  Proprio  per  questo

calattele troppo pesante ca tenite. Elvira ha pigliato ‘e me, le piacene ‘a ggente allera, friccicarella. Credetemi, mia figlia per il calattele è tale e quale a me. (si alza e va verso un mobile)

IGNAZIO – Don Carli’, consideratevi fortunato. (reazione di Concetta)

CARLINO – Comme, comme?

IGNAZIO – Dico, consideratevi fortunato siete un bel giovine…

CARLINO – So’ bello?

IGNAZIO – Beh… insomma simpatico.

CARLINO – So’ simpatico?

IGNAZIO – Attraente và…

CARLINO – So’ attraente?

IGNAZIO – Don Ca’, che vi devo dire che fate schifo?

CARLINO – Non me lo dite…

IGNAZIO – Già  lo  sapete?  Siete  un  giovine  serio,  con   una   buona

posizione, sapite quante femmine truvate!? Solo effettivamente v’avisseva luva’ ‘stu vizio di essere ‘nu poco affittivo.

CARLINO – So’ affittivo?

IGNAZIO – Sì  Don Ca’ sì, siete  affittivo. Voi avete mai letto “L’uomo          che ride” di Victor Hugo?

CARLINO – Certamente.

IGNAZIO – Embè  credetemi, se  conosceva  voi scriveva “L’uomo che

                piange”

CARLINO – Eh  lo  so.  Ma  che  ci  volete  fare?  Io sto appiccicato co’

destino da che sono nato.

9

IGNAZIO – E vedite ‘e ce fa pace cu ‘stu destino!! Vedite ‘e ce fa pace.

CARLINO – Ce  vulesse  ‘na  cosa  sola Don Igna’. Una sola. ‘Nu colpo

                ccà e (a voce alta) buonanotte.

CONCETTA – (distratta si avvicina  porgendogli la mano) Buonanotte           buonanotte! Ve ne jate?

CARLINO – Signo’ e dicevo buonanotte con il sole in cielo?

CONCETTA – Scusate! Sapete stavo distratta e sentenne buonanotte…

CARLINO – Capisco,  capisco.  Ma  io  parlavo  di  un  altro  modo   di          andare via. Andare via per sempre.

CONCETTA – (sollevata) Aaah partite? Ve ne andate all’estero?

CARLINO – Faccio un viaggio lunghissimo.

CONCETTA – Bravo, bravo! Fate bene! Divertitevi e mandateci sempe         qualche bella cartolina.

IGNAZIO – Eh, con la veduta di San Pietro sopra una nuvola.

CONCETTA – Che  faie a fa’ ‘o spiritoso? Io dico, fateci avere sempre          vostre notizie.

CARLINO – Sì, in sogno signora mia, in sogno.

CONCETTA – In sogno? Ma pecchè addo jate?(Carlino agita le braccia

come ali come a dire volo all’aldilà) Prendete l’aereo? Volate? (a  Ignazio) Neh, ma chisto addo va?

IGNAZIO – Cuncè, dice partire per sempre, per il paradiso.

CONCETTA – Aaah, e me facite perdere pure ‘o tiempo a ve senti’? Io          me credeve ca era ‘na cosa seria. (va verso un mobile sul fondo)

CARLINO – ‘A signora nun me piglia sul serio! E che ne sapete  voi  di

certi stati d’animo? Don Igna’, credetemi, si diventa bambini. Io non mi vergogno di confessarlo, ma ho scritto perfino poesie.

IGNAZIO – Veramente?

CARLINO – Non mi credete? Aspettate, ve ne voglio fa’ senti’ una…

IGNAZIO – No no, lasciate sta’, sono cose intime……

CARLINO – No,  no!  Io  mi   spoglio   davanti   a   voi   senza   pudore.

(interferenza di Ignazio)Abbiate pazienza, concedetemi questo sfogo. E’ breve, è piccirella, è corta, è……

IGNAZIO – E va buo’ don Carli’ abbiamo capito. E’ corta. Declamate.

CARLINO – Però vi dovete sedere.

CONCETTA – Però facite ampressa ampressa, jammo.

CARLINO – E’ breve  ma fa veni’ ‘o freddo ‘ncuollo…

IGNAZIO – Cunce’ va’ a piglia’ e cappotte.

10

CARLINO – State a sentire.(declama) :”Foglie di settembre che fate:              “sciusciù, sciusciù, sciusciù”…

IGNAZIO – (a Concetta con finta ammirazione) Bella, eh?

CARLINO – Al sospiro del vento che fa. “Iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiih”

CONCETTA – (impaurita) Ch’è stato?

CARLINO – (guardandola con ) Niente, è la voce del vento. L’ululato.

CONCETTA – Puzzate   passà  ‘nu  guaio! Io  me  credevo  ca  ve  steve          venendo ‘na cosa. 

IGNAZIO – Cuncè, te  voglio  bene, non interrompere. Jate avanti don

Ca’.

CARLINO – Aaaaah!

IGNAZIO – (sussultando) Ch’è stato?

CARLINO – Niente, dico aaaah! È un’esclamazione.

IGNAZIO – E voi lo fate a tradimento. Uno si commuove. Dite, dite.

CARLINO – Aaah come stringe il  cor | di  chi  non  vive  più | questo              vostro rumor: sciusciù – sciusciù – sciusciù.

IGNAZIO – (piano a Conc.) Ma forse a Elvira le piacevano e sciusciù?

CONCETTA – (dandogli di gomito)Statte zitto.

CARLINO – Io sono come voi foglie ingiallite | Voi lentamente al sole           vi seccate |Io da un incendio sono incenerito | Iiiiiiiiiiiiiiiiiiiih.

CONCETTA – (a Ignazio)  Overo  è  bella  eh?  Ce  sta  l’incendio  e po’          arrivano pure i pompieri.

CARLINO – (guardandola con  disprezzo) Ma no signo’, quali pompieri.

E’ un’altra volta la voce del vento. (a Ignazio) Dite la verità, fa veni’ ‘o friddo ‘ncuollo?

IGNAZIO – Pe’ forza, cu tutto ‘stu viento ca ce avite miso dinto.

CARLINO – (riprendendo) Iiiiiiiiiiiiiiih Fa la voce terribile del vento | Che

vi strappa dai rami a cento  a cento | E voi fogliette mie cadendo giù | Fate sentire il solito……

IGNAZIO – (si alza) Sciusciù – sciusciù – sciusciù. (siede)

CARLINO – Bravo,  proprio così! Come avete fatto a indovinare?

IGNAZIO – ‘A poesia è troppo bella, è orecchiabile.

CARLINO – Un lampo, un tuono e viene giù la pioggia……

IGNAZIO – Avite acchiappato proprio ‘na jurnata maledetta!

CARLINO – E solo solo  ahimè fuori la loggia | A  guardare  la luna me

                ne sto | E sento il canto triste di un uccello……

CONCETTA – ‘Na ciucciuvettela…… pecche è sera…

11

CARLINO – (guardandola   torvo batte un piede forte a terra calpestando

                quello di Ignazio ripete)Il canto triste di un uccello che dice a me...

IGNAZIO – (dolorante) Arape almeno ‘o ‘mbrello!

CARLINO – ‘O ‘mbrello?

IGNAZIO – E chiove, vuie state fore ‘a loggia.

CARLINO – (nervoso) Ma no! Che c’entra? Non scherzate vi prego!

CONCETTA – Igna’ nun ‘o  da’ retta, fallo ‘nfonnere.

CARLINO – Che dice a me | Che importa se ti bagni? | Se pensi  a lei  e          resti fuori qui | Ti sembran che son gli angioli che fanno la pipì.

CONCETTA – Ma c’ha ditto?

IGNAZIO – Niente, niente. E’ un verso ermetico. (a Carlino) E’ finita?

CARLINO – No!

IGNAZIO – E ma vuie scrivite a chilometri figlio mio. (campanello p.)

CONCETTA – ‘A porta…

IGNAZIO – La salvezza! (Carolina attraversa la scena  e via x comune)

CONCETTA – E si so’ lloro?

IGNAZIO – E ch’aggia fa’, se ‘ncontrano.

CARLINO – Neh, badate che se  viene  qualcuno  io  non  declamo  più.

Io mi sono aperto con voi ma con gli estranei mi metto scuorno di far vedere che mi abbandono a queste debolezze.

IGNAZIO – Sì  sì,  mettiteve  scuorno,   non   dovete   declamare,  avete

ragione.(piano)Fate una cosa, venite  una volta che sta mia moglie sola e ce le dite tutte . Chelle a essa le piacene assaie ‘e poesie.

 

SCENA SESTA

(Carolina e detti, poi Saverio e Filomena)

CAROLINA – (annunciando) Signo’ è Don Saverio c’’a mugliera. (via)

IGNAZIO – (andando incontro a Saverio e Filumena che entrano dalla

                Comune) Oh, cari compari!!! (saluto molto gioviale)

FILUMENA – So’ arrivate, addo stanno ‘e spuse?

CONCETTA – Aspettate cumma, aspettate un momento.

FILUMENA – Nun so’ arrivate ancora?

SAVERIO – Meglio così. In qualità di compari di fazzoletto e vulimmo

                vede’ insiene a voi quando fanno l’entrata trionfale.

CARLINO – (a Ignazio)E’ Elvira? E’ essa che torna col marito?

IGNAZIO – Sì Don Carlì’,  noi  perciò  avevamo  un  certo  imbarazzo.          Ma visto che l’avete capito, forse è meglio……

CARLINO – Ca me ne vaco.

12

IGNAZIO – Bravo, avete capito.

CARLINO – Ma pecchè se resto faccio quacche cosa ‘e male? ‘A voglio         vede’. Mangio pure io con voi…

IGNAZIO – Ma voi non avete detto che non mangiate più.

CARLINO – Si dice così per dire. (a  Concetta)  Signo’  faciteme  resta’.

Io nun faccio niente, nun dico niente. Sono un amico come gli altri. Anzi, vi metto in allegria. (pausa) Signo’ nun dicite ca no, pecchè io nun me ne vaco manco si me ne cacciate.

CONCETTA – E che v’aggia dicere? (a Ignazio) Ch’avimm’’a fa’?

IGNAZIO – Pe’ me nun sta bene.

CONCETTA – (assentisce poi) Va buo’, restate.

IGNAZIO – Mia moglie tremma quanno dico ‘na cosa io!!

CONCETTA – (a bassa voce)Ma  che vuo’ ‘a me? Quanno chillo nun se          ne vo’ ji?!! (Campanello porta)

FILUMENA – E vvi’ lloco, saranno lloro.

CARLINO – Don Igna’… mantenetemi… può darsi che vengo meno.

IGNAZIO – Ma  figlio  mio,  si  vi  fa  chist’effetto,  che  restate  a   fa’?          Jatevenne!

SCENA SETTIMA

(Carmilina e detti)

CARMILINA – (venendo  dalla  cucina  con  vassoio  tazze  e  caffettiera)

                Signo’, quà sta il caffè. Vado ad aprire la porta. (via x comune)

FILOMENA – Giusto, giusto ‘o  vi’. Mo’ ce  pigliammo ‘na  bella tazza

                ‘e cafè con gli sposi!

CONCETTA – (scherzosa) Qua cafè cumpa’? Chillo po’ sposo ce vonno

                e zampagliuni.

CARLINO – (mordendosi una mano) Aaaaaaah!

IGNAZIO – Ch’è stato?

CARLINO – Niente, m’è juto ‘nu zampaglione ‘e traverso.

FILUMENA – (a Concetta)   Cummà,  me  sbaglio  o  ‘e  spuse  tornano

cchiù ambressa dal viaggio di nozze. Io saccio ch’avevano turna’ ogge a otto.

CONCETTA – E  si  vede  che  hanno  cagnato  programma. Chillo po’

Eduardo tene preoccupazione d’o cummercio c’ha lassato mmane ‘e giuvene.

FILUMENA – Ah,  chesto  è  overo.   Comme   si   dice,   l’uocchie   do’

                patrone ‘ngrassano ‘o cavallo.

13

CANCETTA – E’  overo  cumma’. De’  giuvene  ‘e  mo’  nun  se  po’  fa

                proprio affidamento.

SCENA OTTAVA

(Carmilina e detti poi Baldassarre)

CARMELINA – Don Igna’ fore ce sta nu signore ca vo’ parla’ cu vuje.

IGNAZIO – E chi è? Comme si chiama?

CARMELINA – Non lo so. Io ce l’ho pure domandato ma non  me  l’ha

                voluto dire. Ha detto solamente che è una cosa di premura.

IGNAZIO – Sarà qualche rappresentante che me vo’ vennere quacche

                cosa.

CONCETTA – E   fanno   ji’   ampressa   ampressa.   Dincello   ca   nun

vulimmo niente. Io vaco nu poco c’’a cummara dint’’a cucina a da’ nu sguardo, e vuie cumpa’ accomodatevi dint’’o ciardino cu’ Don Carlino, ve mettite sotto ‘e fronne e sentite comme fanno: “sciusciù – sciusciù – sciusciù.”

CARLINO – (viando)  Andiamo  Don  Save’,  mi voglio spogliare anche

                davanti a voi.

SAVERIO – Oh che? Io so’ delicato ‘e stomaco.

IGNAZIO – (a Carolina) Fai entrare.

SCENA NONA

(Ignazio, Carmilina e Baldassarre)

BALDASSARRE – (entrando   dalla   comune)   Non   c’è   bisogno  sono

                entrato già.

IGNAZIO – (ironico)Bravo, siete sbrigativo sbrigativo, facite ambressa

                ambressa. (a Carolina) Tu te ne può ji’. (carolina via x II^ sx.)

BALDASSARRE – Io non tengo tempo da perdere.

IGNAZIO – Figuratevi io.

BALDASSARRE – (lo  guarda)  Voi  siete  il signor Provolone? (Ignazio

                assentisce) Proprio voi?

IGNAZIO – Prpoprio io. Accomodatevi.

BALDASSARRE – Vi ho pregato che non ho tempo. Siete sposato?

IGNAZIO – Sì.

BALDASSARRE – E vostra moglie vive con voi?

IGNAZIO – E’ naturale.

BALDASSARRE – (imperativo) Chiamatela.

IGNAZIO – E pecchè?

14

BALDASSARRE – (c.s.)  Vi   ho   pregato,   chiamatela…  Ho  capito…

                (prende il campanello posto sul tavolo e suona energicamente)

IGNAZIO – (tra sé) ”Chisto è pazzo” Ma almeno ditemi prima……

BALDASSARRE – (forte) Vi ho detto che non tengo tempo.

SCENA DECIMA

(Carolina e detti poi Concetta)

CAROLINA – (a Ignazio)  Avete suonato?

IGNAZIO – Si sunavo io  tu mo’ venive!?

BALDASSARRE – Sono stato io. Chiama la tua padrona. E subito. (Carolina via)

BALDASSARRE – (passeggiando nervosamente) E ora  vediamo se  non

                ci riesco!!! E ora vediamo se non ci riesco!!!

IGNAZIO – (sempre più sconcertato quasi impaurito) Ma a fa’ che?

BALDASSARRE – (forte) Sono fatti miei.

CONCETTA – Chi mme vo’ neh?

BALDASSARRE – Signora!!   (ad  Ignazio)  Questa  è   vostra   moglie?

                (assentisce con il capo rassegnato) E non ne avete un’altra?

IGNAZIO – (tra sé) “Chisto è scemo”(a Baldassarre)Ma che so’ poligono?

BALDASSARRE – Grazie signora, ve ne potete andare.

CONCETTA – Ma comme sarebbe? Scusate ma ‘e che se tratta?
BALDASSARRE –
(tra sé) “E’ una parola” Si tratta di un romanzo.

CONCETTA – Ah  no  no,   (a  Ignazio)  Te  vo’ vennere ‘nu romanzo a

dispensa, nunn’o da retta, nun perdere tempo. Nuje già tenimmo a chillo ca dice ‘e poesie. (a Baldassarre) Scusate, abbiate pazienza, nuje tenimmo che fa’. (via x II sx.)

BALDASSARRE – La   signora   non   ha   capito.   Crede   che    vendo          romanzi. Arrivederci. (fa per viare)

IGNAZIO – Neh, ma sentite!

BALDASSARRE – Che c’è.

IGNAZIO – Ve ne jate comme si fusseve trasuto dint’a nu cafè. Questa           è casa mia e tengo il diritto di sapere voi chi siete e che volete.

BALDASSARRE – Giusto,    giusto.   Avete    ragione,    è    un    vostro

sacrosanto diritto. (austero) Io sono Baldassarre Mitraglia di Salerno, ex capitano di cavalleria d’assalto… (nel dire si è avvicinato al tavolo e si è versato del caffè in una tazza e beve)

IGNAZIO – (ironico) Vulite che v’’o ffaccio scarfa’?

BALDASSARRE – Grazie,  è  buono  così. (poggia  la tazza nel vassoio e

                15

passeggiando  si   avvia   verso  il  mobile  dei  liquori  seguito  dallo

sguardo   incuriosito   e  preoccupato, di  Ignazio)Dunque sappiate che io vivevo con mia moglie felice ed in santa pace, e per quasi due anni  ho goduto le gioie del matrimonio. Ma tre mesi fa, una mattina, mi sveglio e mi trovo io solo dentro al letto.

IGNAZIO – E vostra moglie?

BALDASSARRE – Scappata!

IGNAZIO – Veramente?

BALDASSARRE – Sì!!  Se  ne  era scappata. Dopo ho saputo che il suo

amante, questo (dispregiativo) tale che ha preferito a me si chiama  Provolone… (si versa del liquore in un bicchierino)

IGNAZIO – (atteggiamento ulteriormente preoccupato) Comm’a mme?

BALDASSARRE – Comme a vuje. (beve - smorfia  di  disgusto, lo sputa)  

IGNAZIO – Ch’e? Il rosolio non è di vostro gradimento?

BALDASSARRE – E’ una vera schifezza! Ma chi lo ha fatto?

IGNAZIO – Mia moglie. Sapete, quella di poco fa.

BALDASSARRE – Ecco spiegato tutto. (ribeve)

 IGNAZIO – Azz, fa schifo però s’’o ‘nchierchia!

BALDASSARRE - Qualche   altro   avrebbe   fatto   uno   scandalo,  un

fracasso, una tragedia; ma io no… (ribeve e lascia il bicchierino) Niente di tutto questo. Io nun me l’aggio fatto passa’ manco p’’a capa. Mi sono venduto tutte le proprietà che tenevo  a Salerno e  me ne sono andato a Roma a godermi la vita.

IGNAZIO – Bravo, così si fa! Voi siete un essere superiore.

BALDASSARRE – Eh, lo  so, lo  so! Ed  avrei  continuato  ancora chisà

per quanto tempo se non avessi incontrato un angelo di donna che mi ha fatto perdere la testa.

IGNAZIO – Ma scusate, allora tanto meglio.

BALDASSARRE – E  no!  Non  è  così!  Perché   Ella,   saputa   la   mia

posizione, ha detto che allora sarà mia quando mi dividerò legalmente da mia moglie. Ma io per potermi dividere ch’aggia fa? Ch’aggia fa?

IGNAZIO – E io che ne saccio? Che ne saccio?

BALDASSARRE – Io forse lo so! La devo far sorprendere in flagranza

con il suo amante. Io se ci riesco potrò dire: “Vedete?  Io sono cornuto! Ci sono le prove precise, inconfutabili” Capite?

IGNAZIO – Certo ca se ci riuscite  è  proprio  ‘na  bella  soddisfazione!

16

                (nel dire tira fuori dalla tasca portasigarette e cerini)

BALDASSARRE – Lo so! Lo so! Sarebbe una gran bella soddisfazione!

Altroché se lo sarebbe. (toglie dalle mani di Ignazio portasigarette e cerini) Ho girato mezza Napoli per fare le ricerche …(accende una sigaretta e fuma) Sono andato da tutti quelli che fanno Provolone ma il Provolone vero non l’ho ancora trovato.

IGNAZIO – (tra sé)  “Hadda vede’ addu Auricchio”

BALDASSARRE – (agitando  le  mani  in modo da impedire ad Ignazio di

rientrare in possesso del suo portasigarette)Dico io, tu ti volevi trovare un altro? E va bene trovatelo! Ma trovatelo con un cognome che subito si trova.

IGNAZIO – E già, già.

BALDASSARRE – Ed  ora  che  vi  ho  detto  tutto  me  ne vado. Cerco

scusa per il disturbo ed ecco la mia carta da visita per qualunque occasione. Arrivederci. (nel dire fa x viare intascando portasigarette e cerini)

IGNAZIO – ‘Nu mumento.

BALDASSARRE – Che c’è?

IGNAZIO – Beh, io  non  sarò  il  Provolone  vero  ma  nemmeno ‘nu              salame appiso. ‘O portasigarette m’’o vulite da’?

BALDASSARRE – Oh,   si   scusatemi.   E’  stata   una   imperdonabile

distrazione… (apre il portasigarette ne prende 4/5 le mette nel taschino della giacca e restituendolo) Scusate tanto! Sapete io non le compro perché il medico mi ha proibito di fumare e di bere caffè e liquori, ed io sono liggio alle prescrizioni mediche. (via)

IGNAZIO – (tra sé) “E  me  ne sono reso conto. Ma guardate ‘nu poco che tipo

scostumato. Ha bevuto, ha fumato, s’arrubbato 4/5 sigarette e se n’è juto. Ma chi cancaro sarrà?!

SCENA UNDICESIMA

(Saverio e detto)

SAVERIO – (venendo  dal  fondo  con  la testa tra le mani) Ah, Madonna

mia!! Ma addò me n’aggia fuj? (guardandosi indietro come temendo di essere inseguito)

IGNAZIO – Cumpa’ ma ch’è stato?

SAVERIO – (sempre guardandosi indietro) Cumpare  mio  ce  sta  chillo

                ca dice ‘e poesie ca m’ha fatto ‘na capa chiena ‘e sciusciù.

IGNAZIO – E che ce vulite fa’? Ccà stammo ‘mmiezo ‘e  pazze.  A  me

17

                me n’è capiatato uno ca m’ha fatto mettere ‘na caspita ‘e paura.

SAVERIO – A vuje? Ma paura ‘e che?

IGNAZIO – Chillo  m’ha  detto  improvvisamente:  “Tenete solo questa

                mogliera  o ne tenete un’altra?”

SAVERIO – E che ve ne ‘mporta? Aria netta nun ave paura ‘e tronole!

IGNAZIO – Cumpà’, io so’ aria sporca.

SAVERIO – Sporca?

IGNAZIO – Sono proprio il fumo nero delle ciminiere delle fabbriche.

SAVERIO – Tenete    qualche    amante?    Voi?    Ignazio   Provolone?          L’amante! Ma cheste so’ cose ‘e pazze!!

IGNAZIO – Cumpa’  lo  so  che  è  una pazzia, ma voi siete un uomo di

mondo e con voi mi posso aprire: Sissignore io tengo un’amante che mi ha fatto perdere ‘a capa. E’ un mese che l’ho conosciuta. ‘A vedette ‘a primma vota ad una mostra d’arte……

SAVERIO – Ad una mostra d’arte?!

IGNAZIO – E sì, perché tra le tante virtù ha pure quella di essere una            brava pittrice.

SAVERIO – Ah, è pittrice.

IGNAZIO – Chella  perciò  si  è innamorata di me. Dice che io somiglio

ad un celebre pittore, un certo Velasquez. Tanto che essa così mi chiama Velasquez.

SAVERIO – Cumpa’, cumpa’, stateve attiento a chesti femmine. Chisà           quanto vi costano.

IGNAZIO – No!! Ma  voi  avite  capito  ‘na  cosa  per  un’altra. Che  vi           credete ca è ‘na cocottina?...

SAVERIO – Ah, no?

IGNAZIO – Pe’   carità.  Quella   è   una  brava  ragazza,  affettuosa,  è          caduta solo con me. Per amore. Denari non ne chiede mai…

SAVERIO – Buono! Questa è una cosa positiva.

IGNAZIO – Solo ogni tanto me vende qualche quadro suo per ricordo.          ‘Na cosa accussì, (minimizzando) quattro cinquemila lire.

SAVERIO – Alla faccia del sisco, e che so’ opere d’arte.

SCENA DODICESIMA

(Carolina e detti poi Concetta, Filomena, Carmilina, Elvira ed Eduardo)

CAROLINA – (dalla  comune di corsa) Signo’, signo’, stanno  venendo

                ‘e spuse. L’aggio viste do’ balcone e aggio aperto pure ‘a porta.

18

IGNAZIO – (chiamando ad alta voce) Concetta! Concetta!!

CONCETTA – (venendo dalla II^ a sx. con Filomena) Ch’è stato?

IGNAZIO – So’ arrivate.

FILUMENA – (gridando con gioia) Stanno venendo ‘e spuse!

CONCETTA – (correndo al balcone) Figlia mia!!

CAROLINA – No!! Che vedite? Stanno già p’’e scale.

FILUMENA – (mentre    Concetta    piange    commossa)   Cumma’  nun

                chiagnite. Vuje avita sta’ allera.

IGNAZIO – No  Cunce’.  Una cosa nun accumminciammo a chiagnere.

A me gli arrivi e le partenze cu ‘e fazzulette mmano me songo antipatici.

SAVERIO – ‘E  fiori, ‘e  fiore  ‘ncopp’’a porta. (prende rapidamente dal

vaso i fiori di Carlino e li sparge sulla soglia della comune) Un tappeto di fiori per la sposa più bella. (entra Carmilina)

IGNAZIO – (tra  sé  con  la  testa  tra  le  mani)  Madonna!!  Ha  sfrunnato ‘a                 ghirlanda ‘e chillo!!!

SAVERIO – (andando  incontro  ad  Elvira  che   entra   dalla   comune  e        baciandole la mano) Bella signora, ben tornata!!

FILUMENA – (c.s. abbracciandola) Elvira bella, comme staje?

ELVIRA – (andando a baciare Concetta  e Ignazio) Mammà, papà.

CONCETTA – Figlia mia fatti vedere, te si’ fatta cchiù bella!

IGNAZIO – E tuo marito?

ELVIRA – Sta saglienno.

EDUARDO – (d.d.)  Carolina…  Carmilina…  (entrando  con  valigie   e

scatoli,  vede le due cameriere) Ve ne state lloco e me facite trasì’ carico comm’’a ‘nu ciuccio. Levateme ‘sti valigie e ‘sti scatoli ‘a mano.

CAROLINA/CARMILINA – Subito.(eseguono poggiando tutto a  ridosso

                della comune)

EDUARDO – Mio   caro   suocero!  Donna   Concetta!  Compari   belli! 

                Stiveve aspettanno tutti quante a nnuje?

CONCETTA – E comme te pare?

IGNAZIO – V’avimmo  priparata  ‘na  cena!:  “Pollo rifreddo, custate,

mozzarella. Nu cuofeno ‘e bbene ‘e Ddio. (ammiccando) Super nutrizione assoluta. E’ overo cumpà’?   

SAVERIO – E te pare! E’ chello ca ce vo’! (tutti ridono rumorosamente)

CONCETTA -  Guè,  nunn’accumminciammo  a  fa’   cierti   pazzie   ca

19

chella Elvira tene suggezzione. (ad Elvira) No, pecchè chille se mettene a pazzia’ cu Eduardo , fanno e spiritosi, e nun capiscono che una donna se mette scuorno. (alle cameriere) Facite ambressa, pigliate tutta ‘sta robba e portatela dint’’a camera lloro.

CAROLINA – (mentre esegue con Carmilina) Subito, subito. (ad Elvira)

                Signo’, v’avimmo priparata ‘na camera… (sospira viando) Aaah!

CONCETTA – Mo’  accummencia   a  suspira’  ‘n’ata  vota. (ad Elvira)

Ma tu staie all’impiedi? (porgendole una sedia come pure Ignazio ed all’unisono)Assettate. Stai bbona?

IGNAZIO – Comme ti siente?

ELVIRA – Sì, sì, sto bbona, me sento bbona. Tale  e  quale  a  come  so’          partita.  

EDUARDO – (distoglie)  Ma chella sta stanca. Lasciatela stare.

CONCETTA – Guè,  guè,  nun  accummincia’  a  fa’ ‘o  marito tiranno.

Nun fa’ comm’acchisto ‘o i’. (indicando Ignazio) La moglie sai pecchè si chiama la metà? Pecchè ‘n’ata mmità  resta sempre di proprietà dei genitori. (sedendo accanto ad Elvira) Iammo, iammo, contace quacche cosa.

EDUARDO – (imbarazzato)  Ma  che  v’hadda  cunta’,  ma  ve  pare   il           momento? Sta bbona nunn’a vedite?

CONCETTA – Sì,  sì,  ‘a  veco.  Veramente  sta  bella. (ammiccando con

intenzione scherzosa) Piuttosto tu, tiene ‘nu poco ‘a faccia sciupata. E ggià, io poi vado facendo certe osservazioni! (ridendo)

IGNAZIO – ‘O vvi’ comme si’ tu ca pazzie?

FILUMENA – Sentite , io  sono  una  donna  sposata  e  cierti   cose   ‘e

capisco. E’ logico ca mamma e figlia vonno resta’ ‘nu poco sole per parlare del più e del meno.

EDUARDO –  Va bene, ma possono parlare dopo del più e del meno.

FILUMENA – Ma  ci  sta   quell’ansietà   che,   capite,   uno   non   può            aspettare. Cierti cose s’hanna capi’……

SAVERIO – Cumpa’, jammuncenne ‘nu poco  dint’’o ciardino…

IGNAZIO – Dite  bene cumpa’ jammuncenne. Viene Edua’, iammece a

                fuma’ ‘na sigaretta.  (alla resistenza di Eduado lo trascina via)

FILUMENA – (facendo l’occhiolino a Concetta) Cumma’  mo’  vaco  nu       poco pur’io dint’’o ciardino a piglia’ nu poco d’aria fresca.

CONCETTA – Jate, jate Cumma’, Aaaah,  finalmente  se  ne  so’  jute!  

20          

Famme senti’ a mamma che m’è ‘a dicere.

ELVIRA – (imbarazzata) E che vi debbo dire! Niente!

CONCETTA – Ma comme niente. Dico il viaggio, il viaggio di nozze è           andato tutto bene!?

ELVIRA – Sì, sì  mammà. Tutto bene.

CONCETTA – E’ stato bello?

ELVIRA -  Sì, sì, è  stato  bello.  Siamo  partiti, siamo stati due giorni              a  Roma, c’era il Tevere, ‘o Colosseo…

CONCETTA – Si, sì, ‘o Tevere ‘o saccio. Ma dico…e poi?...

ELVIRA – E  poi!  Poi  siamo  andati  a  Firenze….... Ho  visto  visto  il          campanile di Giotto…

CONCETTA – Ah, il campanile di Giotto?

ELVIRA – L’Arno.

CONCETTA – E tutte fiume me ne staie cuntanno? E poi?

ELVIRA – Venezia… la laguna…

CONCETTA – Sì, sì, il ponte dei sospiri, le gondole… ‘o ssaccio… Elvi’

io voglio parlare del più e del meno comme ha ditto ‘a cummara. Parlame chiaro a mammà. E’ stato il più o il meno? (Elvira china il viso tra le mani piangendo) E’ stato il meno!

ELVIRA – Mammà (continuando a piangere) E’ stato zero.

CONCETTA – (alzandosi in piedi di scatto) Tu che cacchiarola dici?

ELVIRA – (alzandosi in piedi sempre piangendo) Mammà io comme  so’       partita accussì so’ turnata. (via di corsa piangendo in camera sua)

CONCETTA – (agitata) Uh, Madonna mia!! Cheste  so’  cose  ‘e  pazze           (chiamando a voce alta) Carolina, Carolina.

SCENA TREDICESIMA

(Carolina e detta)

CAROLINA – Dite signo’, dite.

CONCETTA – (sempre  più  agitata)  Fa  ambressa,  fa  ambressa. Va…

Chiammame a mio marito e a Don Eduardo. Stanno int’o  ciardino.

CAROLINA – Sì, sì,  subbito  vaco.  (si avvia poi tornando sui suoi passi)

Signo’, comme s’è fatta bella ‘a signorina… Uh! Scusate  ‘a signora.

CONCETTA – (a denti stretti) Già, ‘a signora.

CAROLINA – Che bella cosa ca è ‘o matrimonio. (sospirando) Aaaaah!

21

CONCETTA – (minacciosa) Siente, ‘a chistu mumento, si me faie senti’

‘n’atu suspiro  te piglio c’’a mazza ‘e scopa. Và, chiama ‘o signore, và.

CAROLINA – (viando di corsa intimorita) Sto andando, sto andando!!!

CONCETTA – (va  verso  la  porta  della  camera  della  figlia  e  cerca di

aprirla) Eh, s’è chiusa ‘a dinto!! Elvira a mammà, Elviru’, (da dentro si ode il pianto di Elvira) Elviru’ nun chiagnere, non ti preoccupare che mammà aggiusta tutte cose. (rioccupando la centralità e preoccupata) Ma io comme l’aggiusto a chillo  si nun è bbuono?!

SCENA QUATTORDICESIMA

(Ignazio, Eduardo, Saverio, Filumena e detta)

IGNAZIO – (venendo con gli altri) Ch’è stato?

CONCETTA – (molto agitata) Venite qua vi devo parlare.

IGNAZIO – E’  successo  quacche  cosa?  (Concetta  fa  lazzi  allusivi  al

comportamento maritale di Eduardo – ed Ignazio interrogandola con gli occhi e non capendo) Eh?

CONCETTA – (fra i denti) Niente… Chisto… Niente…

IGNAZIO – (non comprendendo ancora) Niente? Ma niente ‘e che cosa?

CONCETTA – (esasperata) Ehh! Capisci dimane!!

SAVERIO – Ma forse noi ……

FILUMENA – E’ meglio ca ce ne jammo…

CONCETTA – No, no  voi siete e cumpari, voi  siete  della famiglia e              potete restare. Anzi, voi mi servite da testimoni.

IGNAZIO – Ma ch’avimmo ‘a fa’ ‘na causa?

CONCETTA – Mo siente! Mo siente! Eduardo.

EDUARDO – (intimorito)  Dite.

CONCETTA – Io   aggio  vuluto   pe’   mia   figlia  ‘n’ommo  non  tanto

giovane proprio pechhè egli avesse  una certa esperienza; e poi saccio che gli uomini quanno hanno corso la cavallina prima del matrimonio sono i migliori mariti, a si no’ chello can un hanno fatto primma  lo fanno dopo. V’allicurdate che cosa vi dicette quanno partisteve? M’arraccumanno, vuie site un uomo vissuto, mia figlia è una ragazza crisciuta in casa, senza nisciuna esperienza, io l’affido a voi, trattatela bene.” Ve ne allicurdate?

EDUARDO – E comme no!

22

IGNAZIO – Ma pecchè c’ha fatto? Quacche brutalità?

CONCETTA – Ma  quala  brutalità!!  Quello  è stato delicato… troppo

delicato: Igna’ il matrimonio  non è stato consumato. Tu devi intervenire. Tu he ‘a fa’ l’ommo!!

IGNAZIO – Ma io che ce traso? Chillo è isso c’hadda fa’ l’ommo!

CONCETTA – Entra  nel  pieno della tua funzione di padre. Viestete ‘e

                carattere. Parla!...

IGNAZIO – Eduardo……

CONCETTA – (sospingendolo da parte) Lievete  ‘a  lloco  e  statte  zitto.

Eduardo, vuie avit’’a parla’ cu’ lealtà. Voi ci dovete spiegare questo vostro strano cumpartamento. Si avit’’a cunfessa’ quacche cosa confessatela.

EDUARDO – Ma c’haggia cunfessa’? Donna Conce’, io modestamente          sono un uomo con tutti gli attributi e le facoltà fisiche e morali.

CONCETTA – (ad Ignazio) Hai sentito la sua affermazione?

IGNAZIO – Ho sentito.

CONCETTA – (sospingendolo) Chiedigli le prove.

IGNAZIO – (alquanto innervosito) E come me lo prova neh Cunce’

EDURADO – Aspettate, ora  vi  parlerò  con  lealtà e vi spiegherò tutte

cose. Quando io vi chiesi la mano di vostra figlia le volevo bene come gliene voglio anche adesso. Vuie me disteve sei mesi di tempo...

CONCETTA – Giusto per farve conoscere i calatteri.

EDUARDO – Cosa  che  non potemmo fare  perché  io  ddoie  vote  alla

settimana venivo e teneve sempe a vuie presente comm’’a ‘nu carabiniere. Così potete capire come ho passato i sei mesi di fidanzamento. Finalmente arriviamo al matrimonio. Viaggio di nozze. Arrivaime alla stazione e pigliammo posto in uno scompartimento addò nun ce steve nisciuno, solo noi. Sul principio eravamo due statue di sale. Sapete, soli per la prima volta, teneveme ‘nu poco ‘e suggezzione l’uno dell’altro.

IGNAZIO – E va be’, questo  capita  a  tutte  quante. (a Concetta) Pure

                noi la prima volta… (Concetta lo guarda con aria disgustata)

EDUARDO – Ma  poi  vedendo  mia  moglie  così  bella, così  attraente,

                così…

IGNAZIO – Va buo’ Edua’, avimmo capito.

ESUARDO – Insomma nun potette fare a meno di darle un bacio.

23

IGNAZIO – E questo pure è  naturale, succede a tutte quante, pure noi

                e Cunce’…… (Concetta c.s.)

 EDUARDO – Dettemo fuoco a’ miccia. La testa cominciò a riscaldarsi

e ce dettemo ‘n’atu vaso. Lei mi corrispose  e accussì ‘n’atu, ‘n’atu e ‘n’atu. Qualche abbraccio, qualche stringimento… che vulite fa’, ce scurdaieme che steveme dint’’o treno. Tutto andava a gonfie vele quando improvvisamente si spalanca  ‘a porta e sento ‘na voce ca dice: “Signori Biglietti”

IGNAZIO – (con naturalezza) Era ‘o cuntrullore.

ESUARDO – Appunto. Ma io nun me l’aspettavo a chillu mumento. Ci

chiese i biglietti, ce facette e buche e se ne andò. Fu una specie di shook, un fatto nervoso, un trauma.(piange sulla spalla di Ignazio)

IGNAZIO – (tra sé)  Guardate un poco la natura: “Signori Biglietti” e ploff.

EDUARDO – Signori miei quando restammo soli un’altra volta, io nun

ero cchiù io. Bloccato. Bloccato completamente. Un pezzo di ghiaccio. (a Ignazio) Può succedere a chiunque, è vero?

IGNAZIO – No! No! No! Chesto a me nun me succedette.

SAVERIO – (tra sé) E a me invece sì! (Filumena annuisce)

EDUARDO – Credetemi mi sentivo  un  freddo  gelido  dentro  le  ossa. 

Tremavo tutto quanto. Me pareve mill’anne c’arrivaveme a Roma. E finalmente arrivaieme.

IGNAZIO – E a Roma?

EDUARDO – Tale  e  quale  comme  a  dint’’o treno. Dentro la camera

dell’albergo arrivati al momento culminante, voi mi capite, me pareve ‘e sentì’ sempe ‘a voce d’’o cuntrullore: “Signori Biglietti, Signori Biglietti” Sono stati dieci giorni d’inferno. Appena mi accostavo a mia moglie diventavo freddo e tremavo dalla testa ai piedi. Così a Firenze, così a Venezia. Addò jevo cchiù? E accussì stamattina abbiamo fatto le valigie ed eccoci qua. Ditemelo voi addò aveva ji’ cchiù?

CONCETTA – A  Montecassino.  Trasiveve  dint’’a  nu  convento  e  ve

                faciveve monaco.

IGNAZIO – Va bè Cuncè’, non lo mortificare.

CONCETTA – Gueeeh, ccà se tratta ‘e mia figlia, se tratta ‘e mia figlia         (gridando) E’ capito.

IGNAZIO – Ma vedrai che tutto si aggiusta. Mo stanno ccà, dint’’a ccà

                in casa  nosta. Quà non  può  venire  nessun controllore. (battendo

24

scherzosamente ed affettuosamente una mano sulla spalla di Eduardo) Ve facimmo viaggia’ senza biglietto, a gratis.

CONCETTA – E  va bene! (Ignazio è contento di aver convinto Concetta)

Però Eduardo, (Ignazio si ricrede) riflettete bene a chello ca vi dico. Io vi do tre giorni di tempo. Se entro tre giorni nun v’è passata ‘a tremarella che dite voi, io passo a vie di fatto. Annullamento del matrimonio. La legge per questi casi prevede la divisione legale. (ad Ignazio) Sei d’accordo?

IGNAZIO – (è perplesso titubante) Ma veramente…

CONCETTA – Ecco, è d’accordo. Eduà’, tre giorni. (lazzi)

EDUARDO – Tre giorni soltanto?

CONCETTA – Tre giorni e manco ‘nu minuto ‘e cchiù. Oggi è venerdì,

                c’è tempo fino alla mezzanotte di domenica.

EDUARDO – (esasperato) Contate pure oggi?

CONCETTA – E  se  capisce. Edua’,  se  in questi tre giorni ve scurdate

‘o biglietto, Elvira sarà vostra, se no c’è subito un altro che la farà felice.

EDUARDO – ‘N’ato?

CONCETTA – Sicuro. Don  Carlino.  Un  bravo giovane ca mio marito         ha avuto ‘o tuorto di non fargliela spusare.

IGNAZIO – (cade dalle nuvole) Io?

CONCETTA – E  chi  se  nò? Qua  solo  la  volontà  tua se fa. E se no io

facevo suddere cierti cose? Don Carlino è ‘nu bravo giovine, a posto, serio e positivo… po-si-ti-vo… E po’ scrive pure ‘e poesie.

EDUARDO – Ah, ma è chillu deficiente  che steve dint’’o ciardino?

CONCETTA – Deficiente di che? Edua’ a chillo nun le manca niente.

EDUARDO – E  nemmeno a me, mannaggia la miseria! E sapete che vi

dico, per ora vostra figlia è mia legittima sposa e sono io che comando. E po’ vedremo se vincete voi o io. Addò stà Elvira? (bussa alla porta a dx.) Elvira, Elvira.

SAVERIO – (seguendolo) Don Edua’, Don Edua’ sentite…

EDUARDO – Aspettate ‘nu mumento, Don Save’…

SAVERIO – Ma vi devo parlare.

SCENA QUINDICESIMA

(Elvira e detti)

ELVIRA – (da dentro) Che c’è?

25

EDUARDO – Sei vestita?

ELVIRA – (da dentro) Sì!

EDUARDO – Trasite Don Save’,  trasite.  (a  Elvira)  Mi  deve  parlare.          (via nella camera a dx. preceduto da Elvira e seguito da Saverio)

FILUMENA – Save’ , nel  frattempo  ca tu parle co’ cumpare io vaco a

truva’ nu mumento a Donna Rosa can un veco a tantu tempo.  Cumma’, permettete! (via per il fondo)

CONCETTA –Jate cumma’, jate. (rimasta  sola  con  Ignazio amplifica il

suo stato di agitazione, non riesce a capacitarsi che il marito della figlia “s’è bloccato”)Ma vuie vedite nu poco! Cose ‘e pazze!

IGNAZIO – Calma, calma. Tu  si  faie accussì ‘o scuragge cchiù assaie.         lo intimidisci.

CONCETTA – Igna’, certi problemi ‘e ponno capi’ sulo ‘e femmene. Si

                femmina tu?

IGNAZIO – No Cunce’. Ma  ci  stanno altri problemi ca ‘e ponno capi’           sulo l’uommene. Si ommo tu?

SCENA SEDICESIMA

(Carlino e detti)

IGNAZIO – (mentre  Carlino entra piangente asciugandosi le lacrime con       un fazzoletto) Eeeh, ccà ce sta pure ‘a funtana ambulante

CARLINO – Signo’, io me ne vaco. Io non resisto più. Non ce la faccio.

CONCETTA – Uuh, nuie c’eramo proprio scurdate ‘e vuie llà dinto.

CARLINO – No,  sono  io  che  mi  sono  tenuto  un  poco in disparte…            Nascosto… Isolato… Aggio parlato fino a mo con tutti gli alberi.

IGNAZIO – Cu cchì?

CARLINO – Con  gli  alberi  del  giardino. Ho  confidato a loro tutte              le mie pene. Ho scritto un’altra poesia.

IGNAZIO – (pronto) Stateve buono On Carli’, andate, non vi vogliamo          trattenere.

 CARLINO – Ve pozzo da’ nu bacio?

IGNAZIO – A me?

CARLINO – Sì,  a  voi  in  faccia e alla signora sulla mano. E’ un saluto        speciale perché ho deciso che domani me ne parto.

IGNAZIO – On Carli’, che state dicendo? Ma nun facite sciocchezze!

CARLINO – No,  parto  veramente. Col  treno, non con  le  ali.  Me  ne            vado  a  Palemo  da  un  mio  zio. Ccà  nun  ce pozzo sta’ cchiù. Io

26

                me piglio ‘na tubercolosi.(tossisce forte con la bocca verso Ignazio)

IGNAZIO – (facendosi vento con la mano) Eeeh! Virite addo ‘o vuttate!

CONCETTA – Don  Carli’,  vuie  avita   resta’.  Semmai  partirete   fra          tre giorni.

CARLINO – Ma pecchè è successo quacche cosa?

CONCETTA – Pe’ mo’ nunn’è successo niente ancora. Si fra tre giorni          nunn’è successo ancora niente, Elvira potrebbe diventare vostra.

CARLINO – Signo’, ma  vuie  che state dicenno? Voi mi aprite le porte

del paradiso… e la botola dell’inferno. Io o saglio ‘ncielo o sprufonno sotto terra… o vaco ‘o manicomio.

IGNAZIO – La terza ipostesi è la più verosimile.

CONCETTA – Statte zitto  tu. Io  saccio  quello  che  dico.  Don  Carli’,

                Eduardo  non è un marito come credevamo noi. Ci ha delusi.

CARLINO – Veramente?

CONCETTA – Basta  dirvi  che  mentre  sta  tentando  di  baciare  mia

figlia se sente una voce che dice “Signori Biglietti” s’arrefredda e tremma sano sano.

CARLINO – Che mascalzone! Aveva il dovere di dirlo prima ca teneva

‘stu difetto. Io nò. Io manco si sentesse “Si salvi chi può” Me succedesse ‘nu fatto ‘e chisto.

CONCETTA – (a Ignazio) Chisto è ommo ‘o i’?

IGNAZIO – Va  be, ma   llà   si   tratta   di   una   sciocchezza,   di   una

                impressione… Una cosa che passa…

CONCETTA – Ma     tu     che    dice?     Don    Carli’,    stavano    nello

scompartimento del treno e si baciavano, all’intrasatte è trasuto ‘o cuntrullore e ha detto “Signori Biglietti”  e da quel momento Eduardo è stato marito soltanto per finzione.

CARLINO – (ride improvvisamente di una risata sciocca)

IGNAZIO – (lo guarda  e poi tra sè) “Comme ride bruttu chisto”

CONCETTA – Diciteme vuie don Carli’, se ne po scennere?

CARLINO – Noooooh!!!

IGNAZIO – Ma sono cose che possono succedere.

CONCETTA – Ma  che  me  vaie  cuntanno? Chelle  so’  cose  ‘a  se  fa’          battezza’ ‘n’ata vota!!

CARLINO – Ma,  allora,  se  non  ho  capito  male,  questo non ha     consumato ancora?

CONCETTA – Don Carli’, avete capito bene. Non ha consumato.

27

CARLINO – (ride c.s.)

IGNAZIO – (nervoso tra sè) “Embè, chisto quanno ride m’indispone.”

CONCETTA – Insomma Don Carli’, io sono una  madre  che  difende  la

felicità di una figlia: Gli ho dato tre giorni di tempo. Se entro tre giorni non consuma è finita. Separazione legale. Annullamento del matrimonio. Elvira potrà essere vostra.

CARLINO – (piange commosso) V’aggia bacia’ ‘a mano ‘n’ata vota.

IGNAZIO – Mo’ chiagne!! 

CONCETTA – Jate  Don Carli’, jate. Ci vediamo fra tre giorni. Eh, tre

                juorne ‘e tempo ce l’avimm’’a da’. E’ stabilito.

CARLINO – Tre  giorni?  E  va  bene,  io  aspetto.  Sto nelle mani della

                provvidenza. (via per la comune)

IGNAZIO – Ma tu secondo me sarraie pazza.

CONCETTA – E  come  si  deve  recolare  una  madre  in  questi   casi?

Ch’adda fa? Cheste so’ tutte cose che dovresti decidere tu. Responsabilità ca t’aviss’’a piglia’ tu. Ma tu vuo’ fa’ solo l’imperatore che comanda assettato ‘ncopp’’o trono.

IGNAZIO – Ma si nun pozzo arrivà’ a dicere ‘na vrenzela ‘e parola!

SCENA DICIASSETTESIMA

(Eduardo, Saverio e detti)

SAVERIO – (venendo  dalla  dx.  con  Eduardo)  Cumpa’  scusate,  io  vi

tolgo il fastidio, s’è fatto tarde. Mo passo a piglia’ a Filumena  addu donna Rosa e ce ne jammo.

CONCETTA – Scusate   vuie   cumpa’,  capirete,  cu  tutto  chello  ca  è

succiesso che vulite pensa’ cchiù a cena’. Me s’è chiuso ‘o stommaco.

SAVERIO – Ma si, capisco capisco. Cu tutto ‘stu ttuosseco.

CONCETTA – Anzi, mo ce jammo proprio a  cucca’. (a  Ignazio) Vieni,          andiamo a salutare nostra figlia e andiamo a dormire.

IGNAZIO – (sottovoce a Concetta) ) Ma  io  veramente  tengo famme!            Vulesse mangia’!

CONCETTA – (ad  alta voce) Eh, mangia’, mangia’. Cu chesta tragedia         chillo vo’ mangia’.

IGNAZIO – Ma quanno maie ce simme cuccate accussi ampressa?

CONCETTA – Statte  zitto. Questi  tre  giorni  dobbiamo  allungare  la          notte  e accorciare il giorno.

28

IGNAZIO – Ma che simmo fatte ‘e stagione?

CONCETTA – No  capisce. E’ pe’ lle’ da’ cchiù tempo per  fare  quello

                che deve fare. Igna’ so’ tre juorne ‘e sacrifici.

IGNAZIO – Ah, Madonna mia! Vott’’a passa’ ambressa ‘sti tre juorne

                (così dicendo via a dx. con Concetta nella camera della figlia)

SAVERIO – ‘On  Edua’, io  poi  vi  volevo  parlare ma davanti a vostra

moglie me pareva brutto. Vi volevo dire che voi state nervoso, apprensivo… però quello che è capitato a voi sono cose che possono succedere. ‘Onn’Edua’, io stesso che vi parlo sono stato personalmente vittima ‘e ‘nu fatto ‘e chisto.

EDUARDO – Voi?

SAVERIO – Sì  io! Filomena, mia  moglie, ha  conosciuto  le  carezze,  i         piaceri matrimoniali solo dopo due mesi sposati.

EDUARDO – Pure a voi per il controllore delle ferrovie?

SAVERIO – No,  no.  Pe’  nu  scherzo  ca  me  facetteno  gli  amici.  Me

mettetteno dint’’a stanza ‘e lietto annascosto addrete ‘e portiere d’’o balcone ‘nu ciucciariello sardagnuolo.

EDUARDO – ‘Nu ciuccio dint’’a stanza?

SAVERIO – Chilli  so’ piccirille. Guè, manco si chella bestia fosse stata

ammaestrata! Proprio mentre stavo abbracciando a Filumena, voi mi capite? (imitando il verso dell’asino) IO! IO! IO!  Si mettette a rraglia’ ‘e ‘na brutta manera.

EDUARDO – Proprio al momento  che  a  me  venette  il  controllore  e          alluccaie: “Signori Biglietti”

SAVERIO – Tale e quale. Immaginatevi  ‘a  sorpresa mia e la paura di

Filomena, ‘Onn’Edua’, io nunn’ero cchiù io. Bloccato, bloccato completamente…… Tale e quale a vuje. 

EDUARDO – E poi dopo comme facisteve?

SAVERIO -  Mi salvò un medico. Sapete che mi consigliò? Mi dicette:            “Save’, vai da qualche cocotte”…

EDUARDO – Cochè?

SAVERIO –“ Qualche  donnina  allegra.  Queste  malattie  sulo  lloro  ‘e

sanno guari’” ‘Onn’Edua’ chillo aveva ragione, io truvaie ‘na donnina allegra ca me facette ‘a terapia e me luvaie ‘o blocco.

EDUARDO – E già, potrebbe essere un’idea.

SAVERIO – E io perciò ve l’ho detto.

EDUARDO – Ma chella m’ha dato solo tre giorni di tempo.

29

SAVERIO – ‘Onn’Edua’, fate  come  vi  ho  detto  io  e  vedrete  che mi

nominate. Anzi vi voglio dare io stesso un indirizzo. (va verso il tavolo e scrive su un bigliettino)

EDUARDO – (mentre   Saverio   scrive - preoccupato)  Ma  ce  ’a   faccio         dint’’a tre juorne?

SAVERIO – Eh,  cumpa’!  E   ch’avit’’a   fa’  ‘nu    palazzo    ‘e    casa?

(gli consegna il bigliettino e incoraggiandolo con una pacca sulla spalla) Stateve buono cumpa’. Vedrete che andrà tutto bene. Auguri e figli maschi. (via)

EDUARDO – Cumpa’ pure si so’ femmene! Grazie tante.

SCENA DICIOTTESIMA

(Concetta, Ignazio e detto)

CONCETTA – (uscendo  dalla sx. con Ignazio e parlando verso l’interno)       Buona notte! Dormi bene!

IGNAZIO – (c.s.) Buona notte!

CONCETTA – (a Eduardo) Noi andiamo a letto.

EDUARDO – (seduto con le mani nei  capelli  in  atteggiamento di grossa

                preoccupazione) Buona notte.

CONCETTA – Vostra moglie stà  llà. (alzata  di  spalle  di  Eduardo)  Vi         sta aspettando.

EDUARDO – (in grosso imbarazzo) Va bene.

IGNAZIO – (quasi   sottovoce)  Cuncè’,  ma    tu    accussì    fai   peggio.  

Renditi conto che se la caurara nun jesce a vvollere, ‘e maccarune nun se ponno vuttà, se no se fanno malamente. Jammo cammina, jammoce a cuccà’. (a Eduardo) Buona notte. (via con Concetta che nel viare spegne la luce)

EDUARDO – (rimasto solo non sa cosa fare. Va verso la stanza a dx. ma

comincia subito a tremare tutto) No… no… Nunn’è possibile. (imbronciato siede sul divano)

SCENA DICIANNOVESIMA

(Elvira e detto)

ELVIRA – (in camicia da notte e vestaglia) Uduardo che fai qua fuori?

(si avvicina ad Eduardo seduto sul divano e curva verso di Lui gli parla in modo suadente ed affettuoso)

EDUARDO – Io?...... Niente…… Sto pensando……

ELVIRA – Pensando a chi?

30

EDUARDO – Che  domanda! Stavo  pensando a te. A te così bella, così

                simpatica, così aggraziata.

ELVIRA – Ma io ti vedo moscio moscio!.

EDUARDO – E stò moscio moscio!

ELVIRA – Forse mammà ti ha fatto prendere collera?

EDUARDO – Nooooooooh! Quando mai!

ELVIRA – Tu dici così per non farmi dispiacere.

EDUARDO – (si  guarda  le mani che tremano ancora) La tremarella, ‘a         vi’ ‘a tremarella.

ELVIRA – (prendendolo   per   le   mani   affettuosamente   lo   fa   alzare)       Andiamo, vieni a letto.

EDUARDO – Si… no… Aspetta   ‘n’atu   ppoco.   Stammece   ccà  fore

                 Mi sento così felice di tenerti vicino. Tutta mia, solo mia.

ELVIRA – Ma pure dentro al treno stavamo noi soli.

EDUARDO – Sicuro. E’ stato llà che ti ho dato il primo bacio…

ELVIRA – Io pure…

EDUARDO – Po’ ‘n’ato…

ELVIRA – E io un altro ancora……

EDUARDO – E po’ è trasuto ‘o cuntrullore. (cade a sedere sul divano)

ELVIRA – (gli siede accanto) Ma ora siamo qua in casa nostra, non  c’è

                paura di niente.

EDUARDO – Già, già. Stiamo a casa nostra, questo è vero.

ELVIRA – (Prendendolo di nuovo per mano suadente) Andiamo…

EDUARDO – Sì, sì, andiamo… (fa   per  alzarsi  poi  risiede)Nò, aspetta          ‘n’atu ppoco. ‘O vvi’ io sto tremmanno ancora.

ELVIRA – (carezzandolo) Su su, non aver paura. Io ti voglio bene.

EDUARDO – E  pecchè  io  non  te  ne  voglio?  Elvi’  io  moro  pe’   tè.

Sapessi come ho sognato, come ho desiderato  il momento di stare solo con te. ‘O vvi’… ‘O vvi’… E’ passata ‘a tremarella. (al massimo dell’euforia) Elvi’ andiamo. Elvi’ io mi sento un lione. (prende Elvira tra le braccia e via a sx.)

SCENA VENTESIMA

(Carmelina e Carlino)

CARMELINA – (entrando  circospetta   dal   fondo   seguita  da  Carlino)

                Signo’ ma vuie site pazzo? Vuie me ne facite caccia’!

CARLINO – Statte zitta! T’’è pigliata ‘a ciento lire? E mo’ vattenne!

31

CARMELINA – Don Carli’, io nun saccio niente. (via per la comune)

CARLINO – (ha  in  mano  una  torcia  a  pile  ed  in  testa  un berretto da

controllore) Eh no, caro Pennacchio. Io nun me faccio fregà accussì  facilmente. (va verso la porta a dx. e grida):”Signori Biglietti” (da dentro rumore di cose che cadono, mentre Carlino corre a nascondersi fuori dalla comune)

SCENA VENTUNESIMA

(Eduardo ed Elvira poi Carlino)

EDUARDO – (da dentro) Lasciame! Lasciame!

ELVIRA – (da dentro) No, aspetta.

EDUARDO – (viene  in  scena  con  in  mano  un  revolver  mentre  Elvira

cerca di trattenerlo) Lasciame, lasciame voglio fa’ ‘nu guaio. Addo sta? Addo sta?

ELVIRA – No, no, calmati. Se mi vuoi bene calmati. Ti sei impressiona

to, non c’è nessuno. Questa è una suggestione. Vieni qua, siediti. (lo fa sedere sul divano)

EDUARDO – (sedendosi)  Allora   io  sto  ascenno  pazzo?  Elvi’,  io  ho          sentito : “Signori Biglietti”

ELVIRA – (carezzandolo)    No,    no    è    un’impressione,    tutta    una

                impressione. Vedi… siamo soli, soli io e te.

EDUARDO – Ah, Elvira mia! (l’abbraccia)

ELVIRA – E’ niente, è niente, calmati.

EDUARDO – Sì  sì, mi calmo. Io non tremo più. Io devo vincere questo

complesso. Restiamo qua. Qua mi pare di stare sui sedili del treno. Baciamoci come allora. Io non ho paura dei controllori. Io me ne frego di tutti i controllori! Io ti bacio, ti bacio, ti bacio…….

CARLINO – (furtivamente dalla comune  proietta  il  fascio  di  luce  della

                torcia verso Eduardo e grida) “Signori Biglietti” (e sparisce)

EDUARDO – (saltando  in  piedi) ‘O  cuntrullore!!! L’aggio visto Elvi’!

                Steve  llà. L’aggio visto…

Cala la tela

Fine del Primo Atto

32

ATTO SECONDO

La casa di Zezè. Sul fondale al centro la comune oltre la quale si intravede un corridoio attraverso il quale si va indifferentemente alla porta di uscita  e negli interni dell’apparatmento. In I^ quinta  a dx. una finestra  ed a sx. una porta. In II^ quinta   due porte, una a dx. ed una a sx. Al levarsi della tela Zezè sta dando qualche pennellata ad un quadro sul cavalletto.

SCENA PRIMA

(Zezè poi Marietta poi Ignazio)

ZEZE’ – (canticchiando  mentre  dipinge)  “Vissi  d’arte,  Vissi  d’amore:

                non feci mai male ad anima viva”(chiamando) Marietta! Marietta!

MARIETTA – (dal fondo) Signorì, m’avete chiamata?

ZEZE’ – Dì un po’, ma questo Nerone è pronto si o no?

MARIETTA – Sì, sì, è pronto, mo viene.

ZEZE’ – E che ci vuole?

MARIETTA – (guardando  verso  l’interno  della comune) Eccolo, eccolo

                qua, arriva.

IGNAZIO – (dalla  comune  vestito  da imperatore romano con un serto di

                ulivo al capo)Eccomi a te bellezza mia.

ZEZE’ – (squadrandolo  con  ammirazione)  Gnà-gnà, quanto  sei  bello!         (a Marietta) E’ vero?

MARIETTA – (lazzi) Me pare ‘o papa.

IGNAZIO – Sì, ma dico io, non  mi  potevi  ritrarre  in  un   vestito  più           moderno? Ccà pe’ m’arravuglia’ ‘stu lenzuolo ‘ncuollo!!

ZEZE’ – (risentita)  Gnà-gnà  te   lo   ripeto,   questo   è   un   cartellone

pubblicitario. Sotto ci viene scritto… (con enfasi quasi declamando) “Chiamami Nerone sarò la tua cromatina”

IGNAZIO – (col sorriso) E ce vulesse ‘na scupetta ‘mmano.

ZEZE’ – (c.s.) Senti  Gnà-gnà,  se  ti  secchi  di  farmi da modello me lo          puoi anche dire!

IGNAZIO – No, no, che c’entra!!  Lo sai che io per te faccio qualunque

cosa. Io mi vesto pure da Giuseppe Verdi e faccio il cartellone per i piselli  in  scatola: “Chiamatemi Verdi, sarò il vostro pisello”

ZEZE’ – (a Marietta che curiosa guarda Ignazio) Ma che guardi tu?

MARIETTA – Ma di quei tempi si portavano pure i pantaloni? Io vedo

                che gli escono da sotto al sottanino.

33

IGNAZIO – Ma vedite quanta cose ca va guardanno chesta!

ZEZE’ – E poi che c’entra? Io quello di sotto glielo taglio?

MARIETTA – (spaventata) Ho tagliate ‘a parte ‘e sotto?

IGNAZIO  – (preoccupato) Ma che state dicenno? Tagliammo ‘a sotto            tagliammo ‘a coppe. Ccà nun se taglia niente!

ZEZE’ – Ma cosa hai capito? Voglio  dire  che  ti  dipingo solo il busto.

                (a Marietta) Non ti impicciare Mariè’, pensa a te! 

MARIETTA – (alzando  le  mani) Va  bene! Va  bene! Io dicevo così per

collaborare, pecchè ll’ata vota facisteve a Giuda Iscariota cu ‘a cravatta. (via per il fondo)

ZEZE’ – Stupida!  Quella   era   appunto   la   reclame   delle  cravatte.

                diceva: “Se mi impiccavo con questo nodo morivo elegante”

IGNAZIO – (ridacchiando) Eh, eh, me ne ricordo. Doppo nu poco jette           in fallimento ‘o cravattificio pecchè ‘a ggente vedeva chella    brutta faccia e nisciuno s’accattave ‘e cravatte.

ZEZE’ – Che  vuoi?  Queste   sono   tutte   trovate   che   faccio   io  per

sbarcare il lunario. Che faccio  quadri d’arte. Si, farei la fame. L’arte si apprezza solo dopo che l’autore è decesso.

IGNAZIO – Dech’è?

ZEZE’ – Morto Gnà-gnà, morto.

IGNAZIO – Ma  io  non  capisco  perché  devi  fare  questo   lavoraccio

                quando  io  potrei… mantenerti. 

ZEZE’ – Ah, no! Soldi da te mai! E che sono una prostituta?   Gnà-gnà

io sono separata da mio marito ma sono una donna onesta. Ho ceduto solo con te. Gnà-gnà io voglio dare non avere…

IGNAZIO – (che si schernisce timido e scornoso) Stregheta.

ZEZE’ – A proposito dopo ti dò il quadro che  ho  fatto  per  te. Chi  sa

                quanto vale. Ma te lo do per sole cinquemila lire.

IGNAZIO – (tra sé) “A faccia do’… e io accussi vaco a’ miseria”

ZEZE’ – Sei pronto? Vogliamo cominciare?

IGNAZIO – Sì, sì, aspetta che mi metto in posa.

ZEZE’- E ricordati sempre che  se  bussano  alla  porta  devi  scappare          per di quà. (indica la I^ porta a sx.)

IGNAZIO – Per tuo marito?

ZEZE’ – (con  tono  alquanto  preoccupato) Quello  mi  sta cercando per

tutta Napoli. Spera di trovarmi in flagrante con un amante per ottenere  la  separazione  legale  e poi, magari il divorzio. Ma non 

34

lo avrà…

IGNAZIO – (cercando di tranquillizzarla) Ma te pare a te  che  Napoli  è         così grande  e chillo  proprio qua viene a sbattere le corna?!

ZEZE’ – (preoccupata)Mi  cerca. Tu  stesso  me  lo  hai fatto capire col         racconto di quella strana visita.

IGNAZIO – Si ‘o ssapevo nun t’’o cuntavo…E poi scusa, sei sicura che           si tratta di tuo marito?

ZEZE’ – E come no? Ha detto il capitano Mitraglia? (assenso di  Igna.)         Gnà-gnà, se lui è Mitraglia io sono……

IGNAZIO – (spiritoso) ‘A mitragliatrice.

ZEZE’ – (torva) Sua moglie Gnà-gnà, sua moglie.

IGNAZIO – (divertito) E  dire  che  quel   pover’uomo   sta  cercando  il          provolone vero e a me me pigliaie…

ZEZE’ – (spiritosa – lazzi) Per caciocavallo.

IGNAZIO – No, per un altro Provolone.

ZEZE’ – Orsù,   non   perdiamo   altro   tempo.   Mettiti   in   posa.  Mi

raccomando: “austero, imponente” . Ricordati  che sei un imperatore romano.

IGNAZIO – (assumendo una posa statuaria) Sto buono accussì?

ZEZE’ – (lo  guarda)  Ma  no  Gnà-gnà! Il volto più cattivo. Nerone era         malvagio.

IGNAZIO –  Ho capito! Ho capito! Adesso faccio il  volto  malvagio. (si         curva quasi a spezzarsi con l’espressione del viso sotto sforzo)

ZEZE’ – (c.s.) Ma nò Gnà-gnà!! E tu così mi sembri uno che ha mal  di           pancia. Più dritto, più minaccioso. Con un sorriso da tigre.

IGNAZIO – (spazientito) Zeze’, ma tu me pare ch’aviss’’a  fa’ ‘n’opera

d’arte! Tu pe’ vennere ‘na scatola ‘e crummatina quanta cose me vuo’ fa’ fa’?

ZEZE’ – Gnà-gnà  sono un’artista, questo è il guaio. L’arte ce l’ho  nel

sangue. Anche queste cose così… commerciali, senza un po’ di soddisfazione, non le so fare. Comunque Gnà-gnà, se ti secca di farmi da modello me lo puoi anche dire……

IGNAZIO – Ma no. Ti  ho  gia  detto  che con te non mi secca niente. Io

                quando vengo qua mi sento un altro uomo.

ZEZE’ – Mettiti in posa.

IGNAZIO – (rimettendosi in posa)  Questa per me è un’evasione. A casa         mia e comme si stesse carcerato.

35

ZEZE’ – E sei scapolo! Figuriamoci se ti sposavi!

IGNAZIO – (scuotendo la testa in modo rassegnato) Sì, sono scapolo, ma

vivo con una zia. Pe’ carità, è una buona donna, ma tiene un carattere troppo autoritario. Nun me fa cuntà’ niente, nun me fa movere, nun me fa parla’ maie. Ccà invece, ‘o vvi’? Faccio l’imperatore. Ah, che piacere, che soddisfazione. Ccà pozzo fa’ chello ca vogl’io.

ZEZE’ – (dipingendo) Sì, ma non ti muovere.

IGNAZIO – Posso dire quello che voglio io.

ZEZE’ – Sì, ma non parlare.

IGNAZIO – Mi sento felice, padrone, libero!! (campanello)

ZEZE’ – (agitata) Scappa scappa, hanno bussato.

IGNAZIO -  (resistendo) Aspetta……

ZEZE’ – (sospingendolo verso la I^ a sx.) Scappa, fai presto, corri    potrebbe essere lui.

IGNAZIO – E’  venuta  la  rivolta  dei  pretoriani!  L’imperatore  se ne          scappa. (via I^ a sx.)

SCENA SECONDA

(Marietta e detta)

MARIETTA – (dalla  comune) Signurì, fuori  c’è  un signore che non ha

voluto dire il nome. Dice che è la persona che vi ha parlato Don Saverio Scognamiglio e che voi sapete già perché viene.

ZEZE’ – (contrariata)  Ah,  proprio   in   questo   momento  mi  doveva

                capitare! Io tengo Nerone là dentro. E come si fa?

MARIETTA – (mentre Zezè si dirige allo specchio aggiustandosi capelli e

forme) Signò, statevi attenta a chi fate entrare in casa. Io sto leggendo il giornale e mi si azzilliscono le carni. La polizia va cercando ancora a quello ca strafucaje ‘a signora al piano di sopra. Io me lo sogno pure la notte.

ZEZE’ – (infastidita) Ma non dire sciocchezze. Vai fallo entrare.

MARIETTA – (imbronciata) Eh,  vado,  vado.  Ccà  nun se po’ di’ cchiù

                ‘na parola! (via per la comune)

SCENA TERZA

(Eduardo e detta)

EDUARDO – (timidamente facendo capolino dalla comune) Permesso?

ZEZE’ – Ma  prego,  si  accomodi.   Coraggio   cos’è   quest’aria   tutta

36

                impaurita?

EDUARDO – No,  è  che  la  cameriera  fuori  alla  porta   m’ha   detto:          “Signore il Biglietto” Questo non si fa?

ZEZE’ – E perché? Che cosa c’è di strano? Voleva il suo biglietto da             visita per portarlo a me.

EDUARDO – Sì, sì, lo  so.  Ma  capirete… Uno  appena  entra  si  sente

dire: “Signore il Biglietto”

ZEZE’ – Non si preoccupi. La cameriera è una sciocca. Io invece    capisco benissimo il suo desiderio di serbare l’incognito…

EDUARDO – Ecco sì, appunto. Io voglio serbare l’incognito.

ZEZE’ – Venga, si accomodi. (indicando il divano) Bisogna  fare  presto

presto.

EDUARDO – (retrocedendo impaurito) No, e  che  d’è  presto presto? Io

comme faccio?

ZEZE’ – Ma cosa  ha capito? Io dico le presentazioni, un po’ di        conoscenza. Poi ci si saluta e ci si vede un’altra volta.

EDUARDO – Un’altra volta?

ZEZE’ – Ma io non l’aspettavo  a quast’ora.

EDUARDO – Don Saverio mi ha detto alle dieci.

ZEZE’ – Ma alle dieci della sera.

EDUARDO – Allora doveva dire alle ventidue.

ZEZE’ – Comunque non si preoccupi. Don Saverio mi ha parlato    molto del suo esaurimento nervoso. (lazzi)

EDUARDO – Eh, lo so. Quello è stato pure lui vittima di una cosa del             genere. Non so se vi ha raccontato il fatto del ciucciariello        sardagnuolo. (lazzi)

ZEZE’ – E come no. E sa chi fu a guarirlo?

EDUARDO – No!

ZEZE’ – Mia madre.

EDUARDO – Ah, ma allora è proprio un fatto ereditario? Siete di   famiglia?

ZEZE’ – E vedrà che anche io la saprò liberare dal suo complesso. Stia

                sicuro! (maliziosa e provocante) Ci so fare io!

EDUARDO – Eh! Figlia d’arte!!

ZEZE’ – Io mi chiamo Zezè.

EDUARDO – Ooooh!! Che bel nome.

ZEZE’ – E tu? (notando  l’imbarazzo  di Eduardo)  No no no! Non me lo

37

dire, non importa. (squadrandolo da capo a piedi) Io ti chiamerò… ti chiamerò… Scozzese, ecco!!

EDUARDO – (perplesso) Scozzese?

ZEZE’ – Sì, perché è  da scozzese che ti farò il ritratto. La mia fantasia        ti ha visto così.

EDUARDO – Ma quale ritratto? Io sto qua per…… il blocco.

ZEZE’ – Ma come non lo sai? Io sono pittrice. Ma che mi hai preso                per una donna di facili costumi? Io ho solo pochi amici e gli amici     

                degli amici.

EDUARDO – Ho capito. E tutta un’amicizia.

ZEZE’ – La prima volta che ricevo un amico gli faccio sempre il    ritratto. Sa’, è un fatto artistico, spirituale.

EDUARDO – (fra sé) Ma chisto addò m’ha mannato?

ZEZE’ – Naturalmente, in quella atmosfera poetica che si crea,       qualche volta può nascere una simpatia, un’attrazione reciproca.

EDUARDO – Ho capito. Ma io …..volevo dire

ZEZE’ – Per l’amor di Dio, non bestemmiare. Niente soldi!

EDUARDO – Ma io volevo dire…. Che sono venuto qua per il blocco (lazzi)

ZEZE’ – Non  insistere, non  fare  il  cafone. Che  mi hai preso per una

donnaccia? La moralità innanzitutto. Io dipingo solo uomini scapoli. Sai, non voglio scandali, non voglio mogli gelose che non capiscono  l’arte. Tu sei scapolo?

EDUARDO – Sì, sì, scapolissimo.

ZEZE’- E già, col tuo complesso come ti sposavi?! Ma non ti             preoccupare, a meno che tu non sia inguaribile io ti salverò.

EDUARDO – Sì, ma tu parli sempre al futuro, io… devo risolvere subito

ZEZE’ -  Un’altra volta parli di soldi?...

EDUARDO – Ma io non sto parlando di soldi. Ho capito,  tu  soldi  non

vuoi. E stai tranquilla che io non te ne darò mai. Ma volevo dire...

ZEZE’ – Naturalmente, dopo ti venderò il ritratto che ti avrò fatto e tu         lo terrai per ricordo.

EDUARDO – Ah, il ritratto?

ZEZE’ – Ma mica per il valore vero, se no dovresti venire con un    barca di soldi. Lo comprerai per sole cinquemila lire.

EDUARDO – (fra sé) “All’anema d’’a carocchia”

ZEZE’ – Mi fa piacere che sei d’accordo. E ricordati  che  ti  chiamerò

                sempre  con  il  nome  del  ritratto  che  ti  farò. Tu  per  me  sarai

38

“Scozzese”, il signor “Scozzese”. Ora va, ti aspetto domani alle cinque della sera, e vedrai (maliziosamente sensuale) che la Scozia ti piacerà.

EDUARDO – Alle  cinque  della  sera?  Domani?   Ma   io   non   posso

aspettare. E’  questo che sto cercando di dire da due ore. Sesà, Sasà, Sozà, Se… Comme diavolo te chiame…

ZEZE’ – (intervenendo) Ze-ze’… Mi chiamo Zezè…

EDUARDO – Ecco!  Zezè  io  devo  andare  in  Scozia  e devo tornare a         Napoli pe’ tutta ‘sta jurnata. A mezzanotte mi scadono i termini.

ZEZE’ – I termini di che cosa?

EDUARDO – Niente, niente, è un fatto mio. Zezè, io ‘a Scozia ci devo             andare subito.

ZEZE’ – Ma ora non si può io sono impegnata.

EDUARDO -  Ma domani  che  ce  vaco a fa’ cchiù. E’ meglio ca me ne

vaco ‘o Polo nord. Zezè, non perdiamo tempo. Io compro due, tre, quattro pure cinque quadri; ma io devo guarire oggi, subito. Domani è troppo tardi.

ZEZE ’-  E come si fa? Io tengo Nerone llà dentro!

EDUARDO – (impaurito) Chi è Nerone?

ZEZE’ – Niente, niente: E’ il mio cane. Sai ogni tanto abbaia e può dare fastidio.

EDUARDO – Avessemo ‘a fa’ ca invece d’’o ciucciariello sardagnuolo          (lazzi) Me succedesse ‘o fatto d’’o cane? (lazzi)(preoccupato)

ZEZE’ – Ma no, che cane! Non ti preoccupare. Ora vedo se posso    mandarlo via. Orsù via, un bacino di incoraggiamento  perché   ti

                sei fatto bianco bianco. (lo bacia) Va bene così?

EDUARDO – (eccitato) Bis!

ZEZE’ – Come?

EDUARDO – (c.s.) Zezè fa il bis voglio vedere una cosa.

ZEZE’ – (lo bacia di nuovo) Va bene?

EDUARDO – (su di giri) Zezè, Zezè va benissimo. Io mi sento già     guarito. Andiamo, andiamo in Scozia, il ritratto lo facciamo dopo

Zezè partiamo, partiamo subito. Vieni, vieni qua (l’abbraccia in modo irruento e passionale mentre Ella si divincola)’a Scozia è bella. Zezè, io sono già sul direttissimo.

ZEZE’ – (forte divincolandosi) Controllo!!

EDUARDO – (sussulta  impaurito, lascia   la  presa  e  si  guarda  intorno

39

                impaurito) Chi è? ‘O controllore? Addò sta?

ZEZE’ – Ma cosa cerchi? Io dico: controllo, calma non ti riscaldare.

EDUARDO – Iiiiih! E che maniere so’ cheste! M’hai fatto venire il controllore del treno davanti agli occhi.

ZEZE’ – Calma “Scozzese” mio! Calma! Altro che complessato. Tu sei         un aggressivo! Aspetta, ora vedo cosa posso fare  per  te  (chiama)

                Marietta.

SCENA TERZA

(Marietta e detti)

MARIETTA – (dal fondo) Dite!

ZEZE’ – Accompagna il signore in sartoria e dagli la valigia numero           tre. Vai “Scozzese”, vai con lei: Vestiti!

MARIETTA – Signorìna, ma devo andare sola con lui? Ma voi lo   conoscete bene?

ZEZE’ – Ma vai cretina, di che hai paura?

MARIETTA – Signuri’, io da quando hanno strangolato la signora al            piano di sopra me metto paura ‘e tutte quante.

EDUARDO – Hanno strangolato una donna in questo palazzo?

ZEZE’ – (minimizzando) Sì,  una  vecchia  al  piano  di   sopra. Quindici

giorni fa. Figurati che la polizia va e viene. Cercano l’assassino.  (a Marietta) Vai, vai, il signore è una mia conoscenza. Si chiama “Scozzese”

EDUARDO – (viando dal fondo con Marietta) Vai avanti tu che sei   donna. Si te vonno strafucà’, tu grida ca io me ne scappo (lazzi  di

                Marietta si corregge) Intervengo e ti salvo.

ZEZE’ – (socchiudendo l’uscio della I^ a sx. sottovoce ) Nerone…     Neroncino…

SCENA QUARTA

(Ignazio e detta)

IGNAZIO – (entrando in scena circospetto) Zezè, e io putevo aspetta’              pure la caduta dell’Impero d’Occidente llà dinto.

ZEZE’ – Uuuuh! Ma che vuoi? Guarda, io tremo tutta  quanta!  Uuuh,

mamma mia e che paura!

IGNAZIO – Ma ch’è stato?

ZEZE’ – (agitata) E’ venuta una persona, un mio informatore  a  dirmi

                che  mio  marito  sta  girando  da  queste  parti. Devi  andare  via.

40

                Devi andare via subito. Vai, vai, ci vediamo domani.

IGNAZIO – Domani a che ora?

ZEZE’ – Quando vuoi tu, in qualunque momento. Tu lo sai che qua sei          il padrone.

IGNAZIO – (sorridendo soddisfatto) Il padrone!  Ah,  che  bella  parola!

Come mi piace di sentir dire così. Ah! Pozzo fa’ chello ca vogl’io, sono libero. Sono felice. (campanello)

ZEZE’ – (molto agitata) Scappa, scappa! (sospingendolo verso la I^ a sx)

                Scappa, fai presto, nasconditi.

IGNAZIO – Mannaggia ‘a miseria! Stasera ci sta l’invasione dei      barbari. Mo’ vado di là, mi vesto e me ne vado.

ZEZE’ – (mentre Ignazio fa per viare verso la comune) No! No! In      sartoria non andare.

IGNAZIO – E che me ne scendo vestito da imperatore? Faccio fa’ ‘e               nummere?

ZEZE’ – Ti possono vedere.  Aspetta, aspetta qua dentro. Non ti       muovere. Io ti mando i vestiti per Marietta ti svesti qua dentro e                 appena puoi te ne vai.

IGNAZIO – Perciò è bello a essere padrone, uno se ne può uscire per              dove vuole lui,(x viare poi si ferma)Pure p’’a porta da cucina.(via)

SCENA QUINTA

(Marietta e detta poi Carlino)

MARIETTA – (dal fondo) Signurì’, è venuto Giulio Cesare.

ZEZE’ – Pure lui? Ma che, si son dato appuntamento tutti gli antichi              romani?

MARIETTA – Dice che vi deve vedere urgentemente e         necessariamente.

ZEZE’ – E va bene, fallo entrare e trattieni lo Scozzese di là.

MARIETTA – Va bene. (via)

CARLINO – (entrando) Zezè!

ZEZE’ – Ah, tu stai qua? Che cosa vuoi? Tu manchi da tanto tempo e            mi capiti proprio ora?

CARLINO – Zezè, in  nome  della  nostra  vecchia  amicizia  e  di tutti i

quadri che mi hai venduto, ho bisogno di te. Ricordati che mi hai fatto fare Giulio Cesare, San Francesco d’Assisi e il brigante Schiavone. Ora non ti puoi rifiutare.

41

ZEZE’ – Ma che cosa vuoi?

CARLINO – Poco fa è venuto un signore… (descrizione fisica di       Eduardo) stralunato, vestito… (descrizione del vestito di Eduardo)

ZEZE’ – Sì, sì, e allora?

CARLINO – Per… per  una  cosa  che  ora  non  ti  posso  spiegare devi

farlo restare qua in casa tua fino a mezzanotte. A mezzanotte ed un minuto può anche uscire.

ZEZE’ – Fino  a  mezzanotte? Ma  perché? E  poi come faccio? No, no,

no! Non è possibile.

CARLINO – (lazzi) Cinquemila?

ZEZE’ – No, no! (guardandolo di sottecchi)

CARLINO – (c.s.) Diecimila?

ZEZE’ – No! (c.s.)

CARLINO – (c.s.) Quindicimila?

ZEZE’ – Basta! Hai detto la parola magica. Accetto.

CARLINO – Grazie. Mi raccomando. Sto nelle tue mani. (via)

ZEZE’ – (chiama) Marietta?

SCENA SESTA

(Marietta e detta)

MARIETTA – (dal fondo) Eccomi.

ZEZE’ – Marietta, fai venire lo Scozzese. (Marietta fa per viare)       Aspetta… Stammi a sentire: “mentre  lo  Scozzese  starà  qua con

                me, tu prendi tutti i suoi vestiti e nascondili.

MARIETTA – Devo nascondere i vestiti?

ZEZE’ – Sissignore. Fà come ti ho detto e non fare domande. Vai.   (Marietta perplessa via per il fondo)

SCENA SETTIMA

(Ignazio e detta)

IGNAZIO – (facendo capolino con circospezione) Zezè?!

ZEZE’ – (avvicinandosi alla porta con ansia) Per carità, non uscire, c’è         mio marito!

IGNAZIO – E manneme ‘e vestite!

ZEZE’ – Ah, già! Me ne ero dimedicata. Vai, vai che ora te li mando.

IGNAZIO – E dire che ero venuto ccà per avere un poco di                distensione. (via)

42

SCENA OTTAVA

(Eduardo, Marietta e detta)

MARIETTA – (introducendo Eduardo) Lo Scozzese sta qua.

ZEZE’ – Oh, benissimo!

EDUARDO – (vestito da scozzese con gonnellino ecc.) Ma quale        benissimo! Ma pecchè aggia sta’ vestito accussì nunn’’o saccio.

ZEZE’  – Perché così sei più seducente.

EDUARDO – Seducente? Io me pare ‘nu travestito.

ZEZE’ – Aspetta   Scozzese,  aspetta  un  momento.  Mariè’  vieni  qua.

(le parla sottovoce in disparte) Fai presto, piglia i vestiti di Nerone  e  portaglieli, ed  entra  per  quell’altra  porta. Vai.  (Marietta via)

EDUARDO – Senti Zezè, te lo devo dire. Io vestito  così mi sento       peggio ‘e primma. Mi pare di essere ‘na femmina.

ZEZE’ – Ma che femmina! Ma lo sai che gli uomini scozzesi sono i più          virili del mondo?

EDUARDO – Sarrà, ma pe’ mme il gonnellino è deprimente. (si sente             picchiare leggermente alla porta di sx in II^)

ZEZE’ – Ah Nerone, stai fermo! E’ il cane che raspa alla porta.

EDUARDO – (chiamando) Zezè.

ZEZE’ – (senza badargli) Aspetta. (origlia alla porta)

EDUARDO – (impaziente tra sè) “Ccà se fa tarde”  Zezè… Zezè…

IGNAZIO – (uscendo dalla stanza) Zezè… Zezè…

“Eduardo e Ignazio si incontrano faccia a faccia. Entrambi cercano, in modo buffo,  di nascondersi l’un l’altro, e quasi come a voler esorcizzare il loro imbarazzo, canticchiano scherzosamente: Zeze-Zezè-Zeze-Zezè e sempre voltandosi le spalle viano: Eduardo per il fondo ed Ignazio per la I^ a sx.”

ZEZE’ – (che ha colto l’imbarazzo dei due senza peraltro capirne il motivo) Oh, Dio! E adesso cosa succede? (chiamando e  viando per

                La I^ a sx) Nerone, Neroncino mio.

SCENA NONA

(Marietta sola poi Eduardo)

MARIETTA – (dal fondo) Chillo va truvanno ‘o cazone ‘a me! Io che le         dico?

EDUARDO – (entrando dal fondo) ‘O cazone, ‘o cazone mio che n’avite

                fatto? (a Marietta) Damme ‘o cazone ca si no  te  strafoco  comme

                ha fatto chillo c’’a vecchia! (fa per inveire)

43

MARIETTA – Madonna!! (campanello porta) ‘A porta, ‘a porta! (via)

EDUARDO – E  mo’ chi  sarrà?  E  comme  se  trova  mio  suocero ccà          ‘ncoppa?

 

SCENA DECIMA

(Carlino, Cocetta e detto)

CARLINO – (da dentro) Venite, venite.

CONCETTA – (d.d.) Don Carli’, ma vuie addò m’avite purtato?

EDUARDO -  (spaventato) Mia suocera! (via di corsa nella I^ a dx.)

CARLINO – (entrando   dalla   comune   con   Concetta)   Addò   v’aggio

purtato?  (declamando) “Per qua si va nella città dolente | Per qua si va nell’eterno dolore” (scoccando un bacio alla memoria sulla punta delle dita) Dante Alighieri!

CONCETTA – ‘On Carli’, mo’ mettite mano ‘a poesia ‘n’ata vota?

CARLINO – Calma, calma ora vedrete. Vi ho portato in casa di una               cocotte pe’ farve ‘ncuccia’ a vostro genero che sta qua.

CONCETTA – Ma siete sicuro?

CARLINO - Ma se ve l’ha detto pure la cameriera che quel                delinquente ‘a vuleva strafuca’! Era lui certamente.

CONCETTA – Ma io nun veco a nisciuno.

CARLINO – E quelli stanno nella stanza del peccato. Donna Cuncè’, io

conosco le abitudini di questa casa. (indicando la I^ porta a sx. e declamando)“Per qua si va tra la perduta gente ”Entrate e vedrete.

CONCETTA – E mo’ traso!  (apre la porta ed entra) E’ permesso?......

CARLINO – (declamando) “Ora incomincian le dolenti note”             (fregandosi le mani e tra sè) “Dalle ca me consolo!!”

SCENA UNDICESIMA

(Concetta e detto)

CONCETTA – (viene fuori indietreggiando con piccoli inchini) Scusate,         scusate Eminenza!

CARLINO – Eminenza?

CONCETTA – ‘On  Carli’, llà  ce sta ‘na signora ca sta parlanno cu nu

Cardinale. Io so’ trasuta all’intrasatte e chillu pover’ommo è caduto ‘a copp’’a seggia tante d’’a paura.

CARLINO . ‘Nu cardinale? Cu Zezè? Che tempi! Mamma mia, che                 tempi orrendi!!

CONCETTA – Mo dicite ‘n’ata poesia?

44

CARLINO – No,  che  c’entra? Sto  dicendo:  “Che  brutti  tiempe! ’O              cardinale cu’ Zezè!?!”

CONCETTA – Eh, ma che state dicenno? Chillo  steve tutto accussi…             Ch’’e mmane ‘nfaccia. Se vedeva ca steve preganno.

CARLINO – (tra sé) “Vuo’ vede’ ca Zezè se vo’ redimere?”

SCENA DODICESIMA

(Marietta e detti)

MARIETTA – (dal fondo con i vestiti di Eduardo) Addò sta? Addò sta             ‘o pazzo? Se  pigliasse  ‘e  vestiti suoi e se ne jesse, se no chiammo

‘e guardie. (a Carlino) Vuie no, nun ve ne jate, nun me lassate sola. Vuje tenete ‘a faccia bbuona, m’ispirate fiducia.

CARLINO – Ma chiste so’ ‘e vestite d’Eduardo!(a Concetta)Lo vedete?

CONCETTA – ‘E vestite? Ma allora chisto sta annuro?

CARLINO – E pe’ forza.

CONCETTA – Uuuuuh! Chillu spuorco. Ca’ mugliere nun teneve ‘o                biglietto e ccà viaggia ‘e contrabbando.

CARLINO – (a Concetta) Aggio fatto ‘na bella pensata. (a Marietta)                Senti…… bellina…?

MARIETTA – Dice a me?

CARLINO – (dice si con un cenno della testa) Damme ‘sti vestiti, ce li             porto io.

MARIETTA – (è titubante) Vuie?

CARLINO – Sissignore non ti preoccupare, quello è amico mio.. Io per          non farti spaventare l’ho cacciato fuori  la porta. Mi sta                 aspettando abbasso al palazzo che gli porto i vestiti.

MARIETTA – (ancor più perplessa stringe a se i vestiti) Ma………

CARLINO – (inveisce) Fa ampressa, miette ‘e vestiti ccà, se no te      strafoco!!! (fa per aggredire)

MARIETTA – (terrorizzata butta a terra i vestiti e scappa via per la  comune gridando) Aiuto! Aiuto!

CONCETTA – (mentre Carlino raccoglie i vestiti) Bravo, bravo. Chesta         è ‘na bella idea. Accussì nun se ne po’ scappa’.

CARLINO – E poi serviranno pure per prova.

CONCETTA – Sulo ca si chisto sta annuro, io comm’’o vatto?  Va buo’

io chido ll’uocchie e mengo mazzate a cecate. (rotea le braccia in alto)  Neh,  ma  ‘a  cammarera  avess’’a  chiamma’   ‘e   guardie?

45

Chella s’è mmisa  appura.

CARLINO – (tra sé) “Ah, che bell’idea!! Si ‘o putesse fa piglia’ pe’ chillo ca strafuacaje ‘a vecchia. Mo vaco a telefona’ ‘e carabinieri”

CONCETTA – Don Carli’, che state pensanno? State facendo quacche            auto ‘nciucio?

CARLINO – Donna Cuncè’, nun ve muvite ‘a ccà.

CONCETTA – A chi ‘o ddicite? Adda veni’ sulo ‘o tarramoto!!

CARLINO – Brava! Restate di sentinella: Io vaco a fa’ ‘n’atu bellu  servizio.

CONCETTA – Addo jate?

CARLINO – Lasciateme fa’ donna Cunce’, lasciateme fa’. (guardando           l’orologio) “Mario Cavaradossi, avete un’ora di tempo” (scoccando           il solito bacio) La Tosca. (via per la comune cantando un’aria della                 tosca) “Svanì per sempre il sogno mio d’amore!!! Tosca è fuggita……”

CONCETTA – (che ha seguito Carlino, scuotendo il capo sconsolata)              Povera figlia mia, scanza ‘o delinquente e piglia ‘o scemo!!!

SCENA TREDICESIMA

(Zezè, Marietta e detta)

ZEZE’ – (da dentro parlando a Marietta)Aspetta, aspetta, parliamo poi        dello  strangolatore. Sei sicura  che lo Scozzese sia andato via?

MARIETTA – Sì. (nel mentre entra preceduta da Concetta)

ZEZE’ – (avanzando verso Concetta con  fare  flessuoso  ed  evidenziando      le sue procaci forme) Signora, ma lei cosa cerca costì? Prima ha              spaventato Sua Eminenza, adesso la mia cameriera……

CONCETTA – (imitando nei movimenti Zezè) Voi sieto Zezè costi?

ZEZE’ – Sì, e lei?

CONCETTA – Io songo Zzà-zzà!! (favendo segno con la mano come a             dire che è una che picchia)

ZEZE’ – Mi minaccia? Ma cos’è che cerca? (Italiano esasperato)

CONCETTA – (imitando Zezè) Signora io cerche un uomo!

ZEZE’  - E lo cerca qua? Ce ne son tanti per la via.

CONCETTA – Si, lo so! Ma non voglio luvare una possibilità a voi per          quando uscirete sul marciapiedi a mezzanotte.

ZEZE’ – E quando mi ha vista sul marciapiedi a mezzanotte? Quando          lei passeggiava?

CONCETTA – Sì, io passeggiave e tu stive ferme sott’’o lampione.

ZEZE’ – (infastidita) Ma insomma!!!

46

CONCETTA – Insomma fato  uscire  il  vostro  amante  pecchè  io  nun

pozzo perdere tiempo. Io non faccio niente, ve lo prometto. Quando lo vedo gli lavo il viso e me ne vaco.

ZEZE’ – Gli lava il viso? Non capisco!

CONCETTA – Mi capisco io. Jammo chiammate il vostro amante.  Niente scandali, ve l’ho detto. Voglio solo una prova sicura, e poi                 lo lascio tutto a voi.

ZEZE’ – Il mio amante? E ammesso che io lo abbia, mi vuol dire    perché lo cerca? E’ forse suo marito? Suo fratello? Il suo ganzo?

CONCETTA – Guè, parla bene con la bocca ca io te rompo ‘a faccia!

ZEZE’ – (a Marietta) E’ pure ignorante, non capisce l’italiano.  (a   Concetta) Comunque le ricordo che sta in casa mia!!

CONCETTA – E va bene, mi debbo tenere la posta!!

ZEZE’ – La posta di chi? Le hanno forse scritto qualche lettera       minatoria?

CONCETTA – Analfabeta!!! Non conosce il napoletano. Mi debbo  tenere la posta pecchè sto in casa vostra. Ma io vi posso aspettare                 pure abbascio al palazzo.

ZEZE’ – Sto aspettando ancora che mi dica a chi cerca.

CONCETTA – E va bene: “Non è mio marito, non è mio fratello e non           è mi “canzo”. Ma m’interessa lo stesso di trovarlo qui. Ve l’ho        detto, voglio solo una prova.

ZEZE’ – (sottovoce a Marietta) Ci sono! Questa è l’amante di mio    marito! Non posso crederci!

MARIETTA – (distratta) Ah, è una parente?

ZEZE’ – Ma che parente? Vuole sorprendermi per fargli avere la separazione legale.

CONCETTA – Che state murmulianno?

ZEZE’ – Un momento. (sottovoce a Marietta) Torna di là e di a Nerone          di non uscire dal bagno per nessuna ragione. (Marietta via fondo)

CONCETTA – Ah, finalmente l’avete mandato a chiamare?

ZEZE’ – Signora, togliamoci la maschera.

CONCETTA – Ecco, brava.

ZEZE’ – Io ho capito il suo gioco. Lei è venuta per sorprendermi in               flagrante.

CONCETTA – Proprio così. ‘Ncopp’’o fatto.

ZEZE – Per ottenere la separazione legale.

48

CONCETTA – Nu poco ‘e tempo ce avite miso, ma po’ avite capito.  In           fondo la separazione conviene a tutti quanti. 

ZEZE’ – (non capisce) A tutti quanti?

CONCETTA – E se capisce! Pecchè lo dobbiamo sacrificare? Dal    momento che lui nelle braccia di altre donne riesce a  fare  quello

che non ha saputo fare con la moglie.

ZEZE’ – Ma quale sacrificio? Signora, modestamente, le assicuro che           lui con sua moglie ha sempre saputo fare tutto. Dico tutto.

CONCETTA – E io invece vi assicuro che non ha fatto niente. Dico  niente.

ZEZE’ – Se dice così è un bugiardo.

CONCETTA – Signo’, ma lo volete sapere meglio di mè? Io sono  certa

che con le altre donne fa quello che non ha fatto con la moglie. Ne tengo le prove!

ZEZE’ – (scattando) Ma perché, che diavolo avrà mai fatto con lei?

CONCETTA – Cu’ mmè? Uh, ‘sta piezz’’e disgraziata!!

ZEZE’ – No, disgraziato è lui, e sappia che la moglie non si farà mai             sorprendere e ha fatto bene a cornificarlo. 

CONCETTA – La moglie? Ah, no! A mia figlia l’he ‘a lassa’ sta’!     Pecchè io t’aspetto abbascio ‘o palazzo e te spenno comme  a’ ‘na                 gallina.

ZEZE’ – Cosa c’entra sua figlia? Ha forse avuto una bambina da lui?

CONCETTA – Mia figlia ha avuto una bambina?  E comme si chillo              nun tene ‘o biglietto!?

ZEZE’ – Ma no, dico lei, lei… insomma tu hai una bambina con lui?

CONCETTA – Io? (tra sé) ”Ma chesta è pazza”

ZEZE’ – Oh, Dio! Io non capisco più niente. Signora, io non so a cosa             lei miri. Ma le dico chiaro e tondo che non concederò il divorzio.              Lei mio marito non lo sposerà mai.

CONCETTA – Uh, dateme ‘n’ata capa!! E io me spusavo a tuo marito?

                Ma chi ‘o sape!! Chi l’ha mai visto!!!

ZEZE’ – Ma di che cosa parla allora?

CONCETTA – Io parlo di un maledetto che si è preso quel fiore di mia          figlia e me l’ha distrutta.

ZEZE’ – Chi è? Uno che ha sedotto sua figlia e non la vuole sposare?

CONCETTA – No! Uno che ha sposato mia figlia e non la vuole        sedurre.

48

ZEZE’ – (stringendosi la testa tra le mani) Oh, Dio!!!

CONCETTA – (piagnucolando) Mia figlia era un bocciuolo, un        boccciuolo!!!

ZEZE’ – E ora?

CONCETTA – (c.s.)  E’ rimasto un bocciuolo, questo è il guaio.

ZEZE’ – Ed io, in tutto questo, cosa c’entro?

CONCETTA – Mi hanno detto che mio genero sta qua, da voi.

ZEZE’ – Signora, qua c’è un equivoco terribile. Io le chiedo scusa per           le cose che le ho detto prima. Ma le assicuro che suo genero da             me non ci sta. Venga con me, si sinceri, guardi per tutta la casa…    Venga la prego. (viano per il fondo)

SCENA QUATTORDICESIMA

(Eduardo solo poi Baldassarre)

EDUARDO – (entrando dalla I^ porta a dx. tra sé)“E comme  faccio!?!           Comme me ne vaco senza cazone!?! (affacciandosi alla finestra e              rivolgendosi ad un ipotetico interlocutore)Pss. Pss. Signore… Sì, sì   a voi… fatelo per carità, salite un momento. Sfondate la porta              con una spallata ed entrate. Sono solo e mi sta venendo una               paralisi… Primo  piano, porta  a sinistra, correte. (levandosi dalla

finestra tra sè) Mo’ ci vuole un mezzo di convinzione. Con la gentilezza non è possibile, cu ‘e solde nun credo, e cu ‘a forza aggio ‘na paliata. Comm’aggia fa’? (cercando nei mobili trova un astuccio) ‘Na pistola?! No, è ‘na pippa.

BALDASSARRE – (entrando di corsa dalla comune) Eccomi.

EDUARDO – (gli va dietro e gli punta la pipa alla schiena) Fermo dove         state mani in alto! Senza fa’ tanta chiacchiere, svelto svelto,    luvateve ‘o cazone e datammillo.

BALDASSARRE – (rimane esterrefatto) Ma siete pazzo!? E’ per dirmi           questo che mi avete fatto salire?

EDUARDO – Proprio!  (minaccioso) Signore o il calzone o la vita.

BALDASSARRE – Ma è assurdo!!

EDUARDO – (all’esitazione  più minaccioso) Giù il calzone o sparo!

BALDASSARRE – (esegue) Oh, Dio!! Questa me la ricorderò per tutta           la vita.

EDUARDO – Io pure. Dateme ‘o cazone e facite  ambressa ambressa             o sparo.

49

BALDASSARRE – Calma, calma! Nun sparate! Datemi il tempo. Che            vi credete ch’è facile a se luva’ ‘o cazone ch’’e scarpe ‘o pere’!? EDUARDO –  (prende  il  pantalone che gli porge Baldassarre) Non vi              muovete e tenite ‘e mane aizate. (indossa il pantalone) Non mi            scambiate per un ladro.

BALDASSARRE – Quando mai! Voi siete una persona per bene!

EDUARDO – Addò ve l’aggia manna?

BALDASSARRE – All’albergo “stella d’oro”

EDUARDO – Come vi chiamate?

BALDASSARRE – Baldassarre Mitraglia.

SCENA QUINDICESIMA

(Ignazio e detti)

IGNAZIO – (da dentro chiamando sottovoce) Zezè… Zezè…

EDUARDO – Mio suocero!!! (lascia la  pipa sul tavolo e via di corsa                nella stanza a dx.)

BALDASSARRE – (cercando di aprire la porta) Signore, signore!! Si è           chiuso dentro!! (si è chiuso dentro)

IGNAZIO – (dalla comune vede Baldassarre) ‘O marito!! (fa per viare)

BALDASSARRE – (lo vede)Provolone!......... E che fate vestito così?

IGNAZIO – E voi che fate spogliato così?

BALDASSARRE – Non ho tempo per spiegarvi.

IGNAZIO – E nemmeno io.

BALDASSARRE – Provolone, venite qua! (tenta di sollevargli la tunica)

IGNAZIO – Guè, guè, ma che fate?

BALDASSARRE – State fermo!

IGNAZIO – Ma che volete?

BALDASSARRE – Vedo che avete i pantaloni.

IGNAZIO – Embè?

BALDASSARRE – Provolo’, giù il calzone!

IGNAZIO – Ma vuie che me vulite fa’? (proteggendosi il  didietro con le        mani)

BALDASSARRE – (prende la pipa lasciata sul tavolo da Eduardo e la            punta sulla schiena di Ignazio) Provolo’, o il calzone o la vita.

IGNAZIO – (implorante, in ginocchio e a mani giunte) No! No! Pe’    carità! Nun me facite ‘o malamente!

BALDASSARRE – (imperioso) Alzatevi e giù il calzone!!!

50

IGNAZIO – Ma, guardate, voi avete ragione, ma questa è una vendetta          ignobile!!

BALDASSARRE – L’hanno fatto a me ed io lo faccio a voi.

IGNAZIO – L’hanno fatto a voi ma io che c’entro?

BALDASSARRE -  Provolo’, mi serve il vostro pantalone, perché devo          andar via e certamente non posso farlo in queste condizioni.

IGNAZIO – (contento) Aaah! Ma a vuje ve serve ‘o cazone? (pensa) Ma         po’ io comme me ne vaco senza ‘o pantalone?

BALDASSARRE – Allora sparo?

IGNAZIO – (spaventato) No, no, pe’ carità, nun sparate. (nel mentre si             toglie il pantalone) E chesto ce vulesse mo’, a muri’ pe nu cazone,

                nun vogl’i’ cammenanno co’ culo ‘a fore!? Tenete. (lo porge)

BALDASSARRE – (infila velocemente il pantalone poi) Domani ve lo             farò recapitare a casa vostra.

SCENA SEDICESIMA

(Zezè, Concetta, Marietta e detti)

ZEZE’ – (da dentro) Ha visto? Ha visto che non c’è nessuno?

CONCETTA –  (da dentro) Sì, è overo, nun c’è nessuno.

IGNAZIO – (sente la voce della moglie – è terrorizzato) Madonna!! Mia          moglie!! (via per la I^ a sx.)

ZEZE’ – (entrando dalla comune con le altre donne) Come le dicevo non       c’è nessuno.

BALDASSARRE – (vede Zezè sua moglie - sorpreso) Zezè!!!

ZEZE’ – Tu qua? E chi ti ha fatto entrare?

BALDASSARRE – (rivolgendo sguardo e braccia al cielo) Signore ti               ringrazio! La cercavo da tanto tempo e l’ho trovata per puro       caso. Ora non potrai più negare di  avere  un  amante. (mostrando

il pantalone)  Lo vedi? Lo vedi, tengo la prova!

CONCETTA – Tene ‘a prova ‘int’’o cazone?!

BALDASSARRE – (andando sulla porta della stanza dove si  è  rinchiuso

Eduardo) Signore, vi ringrazio. Potete uscire, il pantalone non  mi serve più, ve lo regalo perché mi avete fatto un grande favore. Addio e mille grazie. (a Zezè uscendo) Con te ci rivedremo in tribunale… baldracca… (via per la comune tra l’ imbarazzo di Zezè che si è vista scoperta e l’ enorme sconcerto di Concetta che poco ha capito di quanto è appena successo)

51

SCENA DICIASETTESIMA

(Eduardo e dette)

EDUARDO – (dalla I^ a dx. vestito da scozzese con il pantalone di     Baldassarre tra le mani) Ma è troppo largo e curto, comme m’’o                 metto!  (nota la presenza di Concetta) Uuuuuh!

CONCETTA – (al colmo dello stupore) Uuuuuh! Grandissimu spuorco!

EDUARDO – (l’accompagna) ……uorco!

CONCETTA – Lurito verme!

EDUARDO – (c.s.)…… erme!

CONCETTA – Mo’ capisco tutto. Pirciò cu’ mia figlia nunn’è succiesso         niente. Tu te vieste ‘a femmina!!!

ZEZE’ – Signora, ma io…

CONCETTA – Zoza zò. Tu, nun fa’ ‘a baracca comme ha ditto chillo             ca se n’è juto, statte zitta e nun parla’ proprio cchiù. Avevi detto          che mio genero qua sopra non c’èra. E chisto chi è?

EDUARDO – (timidamente e poco convincente) Signora, io sto qua   sopra per farmi un ritratto.

CONCETTA – (squadrandolo) Con la gonna? E già, si vo’ fa’ pure ‘o             ritratto, don Limuncino!! Guardate!! Guardatelo quanto è bello.  Quand’uno è fatto accussì nun se sposa. 

ZEZE’ – Signora, le giuro che veramente si è vestito così per il ritratto.

Glielo giuro sul mio onore.

CONCETTA – Uuuuuh, lo giuro sul mio onore!!! Vedite che               giuramienti che va facenno chesta.

ZEZE’ – Signore le assicuro che quest’uomo è sano e virile.

EDUARDO – (sottovoce a Zezè) Stette zitta nun me fa’ cchiù guaie.

ZEZE’ – (a Eduardo sottovoce) “Aspetta che adesso ti salvo io”  Signora,

quest’uomo non è il mio amante. Ne volete una prova sicura? Ebbene sappia che io un amante  ce l’ho e sta in questa casa. Le pare che io lo avrei tradito mentre lui era qua? (atteggiamento scettico di Concetta) Non mi crede? (Concetta c.s.) Ebbene, io per salvare la pace di una famiglia glielo faccio vedere. Ora le presento il mio amante vero. L’unico!! Il solo!! (va verso la porta sulla I^ a sx. e battendo con le nocche sulla stessa) Nerone, Neroncino mio puoi uscire…… orsù  vien fuori tesoruccio, il pericolo è passato.

52

SCENA DICIOTTESIMA

(Ignazio e detti)

IGNAZIO – Zezè, Zezè… (dalla I^ a sx. nota la presenza di Concetta e             imbarazzatissimo) Zezè zezè zezezeze. Banda finale, musica.                 Siamo al completo.

CONCETTA – (guarda Ignazio ed Eduardo al colmo dello stupore) Ma           allora è carnevale!!! Ma comme tu pure vestito ‘a femmina?

ZEZE’ – (a Ignazio) Ma chi è tua zia?

CONCETTA – No, songo ‘a nonna!!

IGNAZIO – Cuncè’, innanzitutto questo non è un vestito da donna. E’             un vestito da imperatore romano.

CONCETTA – E io l’ho sempre detto ca tu vuo’ fa’ l’imperatore.     (indicando Eduardo) E chisto chi è ? ‘O principe ereditario?

IGNAZIO – Chisto?… (scatta nella sua mente l’idea di giustificare la sua

presenza in casa di Zezè, scaricando  su Eduardo le colpe) Questo è un delinquente mascalzone, ed io perciò stò qua sopra. Per lui.

EDUARDO – Pe’ mme?

IGNAZIO – Sì, pe’ tte! Ti ho pedinato per sorvegliarti, grandissimo delinquente che inganni mia figlia. Io stavo llà, annascosto,                 aspettando il momento opportuno per intervenire e dirti in faccia

quanto sei un porco, e poi ti aggredivo e ti facevo una faccia di schiaffi così. 

EDUARDO – (è sconcertato) Ma io……

IGNAZIO – (dandogli uno scappelloto evita di farlo parlare) Stai zitto            mascalzone delinquente!! Cunce’, chisto è mascalzone overo!   Questo è un delinquente!

CONCETTA –  (con dolcezza) Ignazio……

IGNAZIO – Dimmi amore mio!!

CONCETTA – (forte) Vuie site dduje fetiente tutt’’e dduje!!!

IGNAZIO – Ma che dici? Aspetta……

CONCETTA – (dura) Zitto!!

IGNAZIO – Ma guarda……

CONCETTA – (c.s.) Zitto!!

IGNAZIO – Figurate. Chella nun me fa parla’ ‘ntiempo ‘e pace, me fa           parla’ ‘ntiempo ‘e guerra!!

CONCETTA – Ma che vuoi parlare? Ma che vuoi dire? Uh, Madonna!

                Io me sento male! Io ‘e gguardo a tutt’e  dduje  vestute  accussì  e

53

                me vene ‘a chiagnere!!!

EDUARDO – (vuol cogliere il momento di emozione) Donna Concetta…

CONCETTA – Tu nun parla’ proprio. Era meglio si te trovavo annuro         ca vestito accussì. Quale annullamento di matrimonio! Qua ci   vuole l’annullamento della vita! Io t’aggia accidere!!

IGNAZIO – Sì, sì! Questo deve essere punito!

CONCETTA – E a te che te faccio? Che  te  faccio?  Io  quanno  t’aggio

vattuto nunn’aggio fatto niente. Si t’accido vaco ‘ngalera. Si te ne caccio d’’a casa te ne viene addu Messalina a fa’ l’imperatore d’’e scieme! Che te faccio? Che te faccio? Io povera donna sola, fragile, debole, indifesa!!! (piange)

EDUARDO –  (fra sé) ”mo’ ‘a piglio cu ‘o bbuono” (avvicinandosi a Concetta)

Avete ragione povera femmina, avete ragione! Non piangete così!

CONCETTA – (di scatto le molla un violento manrovescio) Statte zitto!

EDUARDO – (massaggiandosi la guancia) All’anema della fragilità!!            Tene chesti mmane pesante!!!

CONCETTA – (continuando il tono piagnucoloso)Io, puverella, senza un

appoggio, senza un aiuto… (ad Ignazio) Che te faccio? Che te faccio?

IGNAZIO – Cuncè’, mò basta! Mo’ me so’ stancato!!

ZEZE’ – No, in casa mia no! In casa mia tu non la picchi, eh!!!!!

IGNAZIO – Ma che vuo’ picchia’, tu nunn’’a cunusce! Cuncè’……

CONCETTA – Zitto!

IGNAZIO – Cunce’……

CONCETTA – Nun te voglio sentì. Basta. ‘O vvi’, m’appilo ‘e rrecchie!

Nun te sento! Nun te sento!

IGNAZIO – Ma famme di’ ‘na parola!!

CONCETTA – No!

IGNAZIO – (esasperato le mette le mani alla gola) Mo’ t’affoco!!

SCENA DICIANNOVESIMA

(Carabinieri e detti)

MARESCIALLO CC. – (di corsa dalla comune seguito dai  carabinieri)          Femmi tutti! In nome della legge io ti dichiaro in arresto.

CARABINIERE NORD – Se lui lo strangolatore folle?

CONCETTA – Sì, sì è lui prendetelo. Mi stava strangolando l’avete visto?! (raschiandosi la gola) Aaah, non posso parlare. E’ lui, è lui

54

                prendetelo.

CARABINIERE SUD – Finalmente ti abbiamo preso lurida carogna.

CONCETTA – Arrestatelo. Ma statevi attenti. Si è fissato che è Nerone

e vuole bruciare la città… E prendete pure a quello (indicando Eduardo) Si è fissato che è Poppea, è complice, vanno insieme a strangolare le belle donne. (reazione dei due)

MARIETTA – (indicando Eduardo) Sì, è vero. E’ vero! Questo mi stava         strangolando pure a me! 

CARABINIERE SUD  – Delinquenti!!! Assassini!!!

CARABINIERE NORD – Cattivi!! Bricconcelli!!!

CONCETTA – Portateli dentro, nunn’’e facite asci’ cchiù!! Sono      pericolosi. Volevano uccidere me, povera donna sola, fragile,                 debole e indifesa.

MARESCIALLO CC. – (rivolgendosi ai Carabinieri) Ammanettateli!              (rivolgendosi a Ignazio e Eduardo) Avete finito di strangolare  le    belle donne, sole, fragili, deboli e indifese. (guarda in viso per la       prima   volta   Concetta   e  rigirandosi  velocemente)  Jamuninne!!!

Jamuninne!!!  (via di corsa per la comune seguito dai carabinieri che trascinano via Ignazio e Eduardo)

Cala la tela

Fine del Secondo Atto

55

ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto. Al levarsi del sipario sono in scena: Elvira, Carlino e Carolina. Elvira è seduta sul divano, Carlino su una sedia a rispettosa distanza da Elvira con un libro tra le mani. Carolina è in piedi vicino ad Elvira.

SCENA PRIMA

(Carlino, Carolina e Elvira)

CARLINO – (leggendo) “Fanny era già coricata quando il leone entrò            nella camera da letto. Soli, finalmente soli egli gridò  avvicinandosi      a lei. L’abbracciò ed il grande mistero si compì. Fanny finalmente    conobbe l’amore.”

CAROLINA – (sospirando) Aaaaaaaah!!

CARLINO – Eh, questi sono romanzi che appassionano.

ELVIRA – (seccata) Scusate don Carli’, ma ora non sto di genio, me  lo

                leggete un’altra volta il romanzo.

CARLINO – Aspettate, aspettate, ve voglio fa’ senti’ solo questo:      (leggendo) “lui la teneva stretta tra le braccia, lei disse: Ti amo!                Ti            amo! Ti amo! (leggendo sempre più con enfasi) E allora  lui con        grande impeto……

ELVIRA – (alzandosi di scatto) Basta!! (piange sommessamente)

CAROLINA – (presa dalla storia a Carlino) Che facette? Che facette?

CARLINO – (chiudendo il libro sul tavolo) Donna Elvira nun vo’ sentì.

CAROLINA – Che peccato! Proprio sul più bello! Aaaaah!!

SCENA SECONDA

(Carmelina e detti)

CARMELINA – (entra con vassoio e caffè) Signuri’, pigliateve ‘na bella        tazza ‘e cafè e nun chiagnite, se fate così me fate dispiacere.

CARLINO – Donna Elvira, ma come piangete? (si alza e le si avvicina)

ELVIRA – Io  piango  perché mi fa male la testa ecco! E poi non so che

pensare: mio marito è uscito e non è tornato più. Papà è uscito e non è tornato più. Mammà è uscita e non è tornata più. Neh, io che devo pensare?

CARLINO – Pensate a me.

CARMELINA – Ecco brava, accussì ve facite quattro resate.

CARLINO – (risentito) E che so’ fatto pulecenella?

56

CARMELINA – (mortificata) No, che c’entra; vulevo dicere … perché            voi siete spassoso ecco. (bussata energica di campanello)

CAROLINA – Mamma mia, e comme sta nervosa donna Cuncetta!!

CARLINO – E che ne saie che è donna Concetta?

CAROLINA – Dalla bussata. Quando è accussì arraggiosa è sempre lei.

                (altra bussata energica via per la comune x aprire la porta)

CARMELINA – Mamma mia!! Donna Cuncetta sta peggio  d’’o  solito.

                (via per la I^ a sx. con vassoio e caffettiera)

CARLINO – (fregandosi le mani tra sè) Eh, mo siente!!

SCENA TERZA

(Concetta e detti)

CONCETTA – (entrando dalla comune seguita da Carolina. a Carlino)           Ah, vuie state ccà?

CARLINO – Vi ho preceduta. Stavo aspettando voi.

ELVIRA – (apprensiva)  Mammà, ma dove siete stata tutto questo    tempo?

CONCETTA – A caccìa’!

ELVIRA – A caccia’?

CONCETTA – Sì, ho preso dduje picciuni con una fava. ‘O palummo e          ‘o palummiello.

ELVIRA – Ma fatemi capire, io sto sulle spine.

CONCETTA – Elvi’, tuo marito è un sozzo e tuo padre un sozzone!!

ELVIRA – Papà?

CARLINO – Ma che c’entra don Ignazio?

CONCETTA – Che c’entra? Stevene addu Zoza zoza tutt’e dduje.

ELVIRA – Ma chi è questa?

CONCETTA – E’ ‘na pu…… E’ una cocotte.

ELVIRA – (si copre il viso con le mani e piange) Oh, Dio! Mammà, ma           che marito mi avete dato? Uno che va con le cocotte.

CONCETTA – Figlia mia io nun l’aggio saputo vede’ pe’ mè. Ci va                 pure mio marito con le cocotte.

CARLINO – (tra sé) ”Aggio fatto chistu guaio! Ce steve pure ‘o Pruvulone”

ELVIRA – (piangendo) Mammà e adesso come mi devo comportare?

CONCETTA – Da signora! Ricordati che in questi casi la donna deve             avere classe. Niente parolacce, niente strilli e niente scenate.

CAROLINA – Donn’Ignazio…… Sta saglienno cu vuie

CONCETTA – (afferrando violentemente una sedia) Addò sta?

57

CAROLINA – No, io dicevo: “Don Ignazio sta venendo appresso a vuie?

CONCETTA – M’hè fatto sagli’ ‘o sanghe ‘ncapo! Io appena vene    me mangio ‘o naso! (a Elvira mentre Carolina via x I^ a dx.) Hè capito a mammà? Tu devi essere calma, tranquilla. Ricordati  che il maggior disprezzo è la non curanza. (a Carlino) E’ vero don Carli’?

CARLINO – ”Non ti curar di lor ma guarda e passa” (lazzo c.s.) Dante            Alighieri!

CONCETTA – Ecco brava! Fa comme a Alighiero “Non ti curar di lor           ma sputa e passa”

CARLINO – Ma don Ignazio quando viene?

CONCETTA – E chi ‘o ssape quanno vene don Ignazio

CARLINO – Ma pecchè è succiesso quacche cosa?

CONCETTA – Don Carli’, io l’aggio fatte arresta’ a tutt’’e dduje.

ELVIRA – (preoccupata e spaventata) Arrestare?

CONCETTA – Sissignore! La Madonna di Pompei ha fatto venire i                carabinieri che cercavano ‘nu pazzo c’ha strafucato  ‘na  vecchia,

e Santa Rita mi ha ispirata di dire: “E’ lui, è lui e questo è il suo complice!”

ELVIRA – (c.c.)Mio marito?

CONCETTA – Se lo vedevi come stava vestito, lo mandavi pure       all’ergastolo.

ELVIRA – (c.s.) E come stava vestito?

CONCETTA - Da donna.

ELVIRA – (c.s.) Da donna? (scoppia in un pianto dirotto e via di corsa            nella propria stanza)

CONCETTA – Guardate! Guardate come mi ha ridotto  una figlia! Ah,

io devo portare un voto alla Madonna di Pompei pecchè ha mannato i Carabinieri.

CARLINO – (circospetto  - sottovoce) Donna Concè’, non lo dite a     nessuno… La Madonna di Pompei…… sono io.

CONCETTA – (guardandolo stupita) Voi siete la Madonna di Pompei?

CARLINO – Eh, so’ San Francisco!

CONCETTA – Ma che state dicenno? Ma ve sentite buono?

CARLINO – Voglio dire che sono stato io  a  far  venire  i  Carabinieri.

(orgoglioso – fiero di sé) Aggio telefonato io ‘ncopp’’a caserma per dire che lo strangolatore folle steve llà.

58

CONCETTA – Voi?

CARLINO – (tutto compiaciuto, fregandosi le mani) Io!

CONCETTA – Ah! Vuie parite muscio muscio, ma site proprio ‘nu  bellu disgraziato!

CARLINO – Ma io vuleve fa’ piglia’ a don Eduardo. Nun me penzavo           ca pigliavene pure a don Ignazio.

CONCETTA – Ma che dicite? A me me dispiace sulo ca chille mo’ ‘e              rilasciano.

CARLINO – E menu male ca ‘e rilasciano! (fra sé) “Famme vede’ si                pozzo arrepara’ ‘o guaio ch’aggio fatto a don  Ignazio” (ribadendo)

E menu male ca ‘e rilasciano donna Concetta mia. Quello Don Ignazio è innocente.

CONCETTA – Sì, diciteme comme ha ditto isso; ca steve llà ‘ncoppa               pur’isso pe’ sorprendere a Eduardo. Io po’ me l’ammocco. (lazzi)

CARLINO – Ma è proprio così. E’ una cosa concertata, io lo sapevo.              Chillu pover’ommo è andato llà sopra per sorvegliare lo                 sciagurato.

CONCETTA – Ma si chella proprio Zeza Zeza ha detto: “Ecco il mio             vero amante” ed indicava mio mariro vestito da Nerone.

CARLINO – Ma è chiaro. Chella pe’ salva’ a Eduardo ha menato ‘a               culata ‘ncuollo a don Ignazio. Addò ‘e sapite a chelli femmene.             Hanno  una prontezza di riflessi, una presenza di spirito e una          faccia tosta ca nun se po’ immaggina’.

CONCETTA – Don Carli’, ma secondo voi io mo’ ve credo?

CARLINO – Ma mi dovete credere. Qua c’è un solo colpevole ed è il               marito di vostra figlia. E io…… caso mai Elvira nun se vulesse convincere, ho portato  la prova sicura del suo tradimento.

CONCETTA – E cher’è?

CARLINO – (aprendo  la  sua  borsa  mette  fuori i pantaloni di Eduardo)  

                ‘O cazone ca s’è levato in casa di quella cocotte. (dispregiativo)

CONCETTA – Bravo, io nun ci’avevo pensato. Don Carli, voi siete un grande uomo. (Carlino gongola e poggia il pantalone su sedia)

CARLINO – Vedete io a donna Elvira non ho detto ancora niente. Ho aspettato voi… Vedete che compiutezza… Vedete che precisione…  Vedete  che delicatezza…  Vedete…… che finezza

CONCETTA – Eh, va buo’ on Carli’! Aggio visto!

CARLINO – Donna Conce’, noi la causa di separazione la vinciamo.

59

CONCETTA – ‘A vinciamo?

CARLINO – Lasciate  fare  a  me  donna  Concè’.  Io  vedo  tutto  rosa:                

“Il mondo è bello e santo è l’avvenir”  (soliti lazzi) Giosuè Carducci. (campanello)

SCENA QUARTA

(Carolina poi Saverio e detti)

CAROLINA -  (uscendo dalla sx. e viando x il fondo) ‘O vi’ lloco a don            Ignazio.  ‘A bussata moscia moscia.

CONCETTA – (come raccomandando a se stessa) Calma, calma. Don              Carli’ io aggia sta’ calma.

CARLINO – E si capisce! Ricordatevi che l’ira è una pazzia              momentanea.

CONCETTA – (infastidita) Don  Carli’, però ‘sta cantata de’ pasture ca

ogni tanto me facite appriesso, a cierti mumenti nun ce vulesse proprio. Io non  voglio trascendere, io voglio sta’ calma, (appena Carolina appare sulla soglia afferra di scatto una ceneriera) ‘O voglio mena’ sulo ‘na cosa ‘faccia!

CAROLINA – (proteggendosi con le mani grida) E’ don Saverio!

CONCETTA – E pecchè hè ditto ca è don Ignazio? Mo’ me facive    ciacca’ ‘o cumpare!

CAROLINA – Signò’, chillo ha fatto ‘a stessa bussata tremolante ‘e                 quando il signore se mette appaura. (via a sx. compare Saverio)

SAVERIO – Buongiorno cumma’, ‘o cumpare sta dinto?

CONCETTA – (sarcastica) Sta dinto! Sta dinto! E vuie ve presentate               allero allero? ‘O cumpare sta ‘ncopp’’a de carabinieri.

SAVERIO – ‘Ncopp’’a de carabinieri? E c’ha fatto?

CONCETTA – Cumpa’ l’aggio fatte arresta’ io. Perché l’ho sorpreso             in casa della sua amante, una certa Zezè.

SAVERIO – Vuie che dicite? Avite  fatto  chistu  guaio? Chillo steve llà         ‘ncoppa pe’ sorvegliare  a Eduardo.

CONCETTA – Vestuto ‘a Nerone?

SAVERIO – E si capisce cummara mia! Perché quello è andato con la           scusa e se fa’ ‘nu ritratto, perché quella è pittrice. Povero                  cumpare, vuie vedite int’’a che guaio s’è truvato pe’ causa mia!

CONCETTA – Pe causa vosta?

SAVERIO –  E sì, pecchè io ce l’aggio mannato, ce l’ho consigliato io.

60

CONCETTA – Ma allora è overo?

SAVERIO – E comme no? Io sapevo tutte cose. Ve lo posso assicurare.

CONCETTA – Uuuuh, mamma mia! Allora io aggiu fatto tutta chella            scenata ingiustamente? Chillo ‘o diceva ‘o puveriello. Io nun         l’aggio creduto. On Carli’, ma vuie che guaio m’avite fatto fa’?

CARLINO – Io? Ma io ve l’ho detto!

CONCETTA – Me putiveve avverti’ primma. E mo’ chi ‘o sente?     Chillo ave ragione si afferra e me vatte. (lazzi)

SAVERIO -  Cummà’  nun  ve preoccupate, mo’ ce mettimmo nuie pe’            ‘mmiezo e ve facimmo perduna’.

CONCETTA – Ah, Madonna ‘e Pompei! Ma comme proprio in quel                momento aviv’’a manna’ e carabinieri? Scusate, scusate un           momento io mo’ nun ragiono cchiù. (via a sx.)

SAVERIO – (con aria circospetta chiamando dalla  soglia  della  comune)

Cumpa’, venite. (poi rientra)

SCENA QUINTA

(Ignazio e detti)

IGNAZIO – (fa capolino dalla comune con aria impaurita e circospetta)

SAVERIO – (rivà alla comune e a Ignazio) Cumpà’, e trasite!

IGNAZIO – (c.s.) Addò sta?

SAVERIO – Sta dint’’a chella camera llà. (gliela indica – Ignazio entra)

                (poi a Carlino) Site stato vuie c’havite purtato  ‘a mugliera llà

                ‘ncoppa?

CARLINO – Ma che ne sapevo? Io vulevo fa’ ‘ncuccia’ a don Eduardo.

IGNAZIO – Don Ca’, facite proprio cierti servizi da quel don Carlo                che siete.

CARLINO – Don Igna’ : “Ai posteri l’ardua sentenza” (solito lazzo) Alessandro Manzoni.

IGNAZIO – Ma quali posteri e posteri? Vuie m’avite miso in             condizione d’abbusca’ ‘a muglierema!

SAVERIO – Cumpa’, non vi preoccupate. Abbiamo aggiustato tutto.              Ce avimmo parlato nuie. (indica Carlino)

CARLINO – Pure io ho fatto falsa testimonianza  per voi!

IGNAZIO – E s’è convinta?

SAVERIO – Io ho recitato da grande attore. Figuratevi che quasi quasi

                si aspetta che voi  la  perdonate.  Jammo  cumpa’, jammo  dint’’a

61

                adda cummara, v’accumpagnammo nuie.

IGNAZIO – Ecco, bravo, venite pure vuie, non mi lasciate solo. Chella,

nun se po mai sape’,  è imprevedibile.  ‘On Carli’ vuie annanze. Ecco tradimmo accussì: (e nel dire li ordina in fila) Vuie annanze, po’ ‘o cumpare e io in terza posizione. (a Saverio che fa per dire qualche cosa) No, pecchè cumpa’ tengo il vostro vestito addosso, chella po’ mena’ qualche cosa e se sporca. (viano a sx. nell’ordine)

SCENA SESTA

(Eduardo e Carmilina)

EDUARDO – (entra   dalla   comune  con il pantalone di Baldassarre               seguito da Carmelina che lo guarda e ride) Che vuo’, steve ‘a porta

                aperta, che bussavo a fa? E nun ridere  perché  m’indisponi! Che

ce sta ‘a ridere? Questi sono pantaloni all’ultima moda. Si chiamano pantaloni a zampa di gallina. Và, và, vattenne ‘a parte ‘e dinto, e nun dicere ca m’hè visto accussì.

CARMELINA – (sempre ridendo)  Sì,  sì, ‘onn’Edua’! Avite ragione,                scusate. Sapete, io rido pecchè so’ nu poco scema. Aggiate                 pazienza. (via ridendo per il fondo)  

EDUARDO – Ah, si putesse truva’ ‘o cazone mio? Sant’Antonio di   Padova, tu che sei il protettore degli oggetti smarriti, famme                 truva’ ‘o cazone mio. (nel dire poggia distrattamente la mano            proprio sulla spalliera della sedia  dove  è  poggiato il suo pantalone

lasciato da Carlino. Lo guarda lo riconosce e gioioso) Uuuuh, ma chisto è ‘o cazone mio!!! Grazie!! Grazie Sant’Anto’!! (campanello) E mo’ chi sarrà?  E’ meglio ca me vaco a cagna’ dint’’o ciardino. 

SCENA SETTIMA

(Baldassarre e Carolina)

CAROLINA – (entra dalla comune preceduta da Baldassarre che porta           sul braccio i  pantaloni di Ignazio e cerca di trattenerlo) Ma         aspettate, io  vi devo annunciare, nun ve pozzo fa trasi’ e zitto.

BALDASSARRE – Non serve. Io non devo  incontrare  il  tuo  padrone.

Questi sono i suoi pantaloni, daglieli. (fra sé) ”L’avvocato ha detto che non basta a dimostrare che sono cornuto. Ma io la causa di separazione la faccio lo stesso…”

CAROLINA – (che lo ha seguito con sguardo interrogativo) Scusate,  ma

                62

che state dicenno?

BALDASSARRE – Non farci caso, è un fatto mio. Tu… a chi vuoi bene         al padrone o alla padrona?.

CAROLINA – A nisciuno e a tutti e duje.

BALDASSARRE – Ma sei donna. Sarai solidale con la tua padrona?              (lazzi di Carolina) Sei solidale? (lazzi di Carolina) Insomma se il     tuo padrone tradisce la moglie, tu con chi vai?

CAROLINA – Con la moglie, con la moglie.

BALDASSARRE – Brava! Benissimo! Allora dì alla tua padrona che             in questi pantaloni c’è una lettera diretta al marito che la                  interessa. (quindi fra sé) ”Così  scoppia  lo scandalo e scatta la trappola”

                Arrivederci… bellina. (via per la comune)

SCENA OTTAVA

(Ignazio, Concetta, Carlino, Saverio e detta)

CONCETTA – (venendo da sx. con gli altri) Io po’ che ne putevo sape’?          T’aggio visto llà ‘ncoppa e nunn’aggio capito niente cchiù.

IGNAZIO – Allora tu m’accidive e po’ doppe cercave scuse ‘o           cadavere mio?

CAROLINA – (a Concetta) Signo’, v’avessa fa’ ‘na ‘mmasciata.

CONCETTA – Aspetta, aspetta, doppo.

IGNAZIO – Primma ‘e fa’ tanta ammuina, se ragiona, si riflette, si discute.  

CAROLINA – (alzando un dito) Signòò……

IGNAZIO – (con tono di rimprovero) Aspetta non interrompere quanno          uno parla.

SAVERIO – Va buo’ cumpa’, oramai s’è chiarito tutte cose. E’ meglio           ca nun ne parlammo cchiù.

IGNAZIO – Eh, cumpare mio, vuie parlate  bello. Ma io sono un      pover’uomo che lavora dalla mattina  alla sera pe’ tira’ annanze                 ‘a casa, e po’ m’aggia senti’ e dicere cierti cose……

CONCETTA – E va buo’, t’aggio cercato scusa:

CARLINO – Il vostro è un fatto chiuso: “Passata è la tempesta odo augelli  far  festa” (solito lazzo) Giacomo Leopardi.

IGNAZIO – Eh, don Carli’, ma voi non sapete il calvario di un uomo              ca   tira  ‘a  carretta  isso  sulo: “Che  brutta  cosa  ca  è  a  tira’  ‘a

carretta, quanno nisciuna mano votte ‘a rota!” (bacio come Carlin)

63

Totonno ‘e Quagliarella.

CARLINO – Sì, sì, io lo capisco tutto questo, ma dico, adesso pensiamo          ad Elviruccia che sta llà dentro sola e piangente.

CONCETTA – Don Carlino ave ragione. Chiammammo a Elvira.

CAROLINA – Signòooo……

IGNAZIO – Cu ‘stu dito aizato me pare ‘e guagliune d’’a scola          elementare che vonn’ji’ a fare pipì. Aspetta.   Va  a                 chiamare la         signora Elvira. 

CAROLINA – (alla porta  a dx .bussa e  chiama) Signora? Signora   Elvira?

SCENA NONA

(Elvira e detti)

ELVIRA – (dalla dx. piangente)  Mi avete chiamata?

CONCETTA – Eh, sedotta e abbandonata! Ma  tu  chiagne  ancora? Io

al pensiero dei tradimenti dei mariti me vene nu sdegno ca ‘e facesse ‘na paliata e chella invece chiagne. Nun te preoccupa’ a mammà. Io te faccio ottenere l’annullamento del matrimonio, il divorzio e te faccio spusa’ a don Carlino. (Elvira piange più forte)

IGNAZIO – L’hè fatta chiagnere peggio! Elvirù a papà, tu nunn’è ca              te l’hè ‘a spusà per forza. Tu sei libera… Anzi sai che te dico…Te

                può pure monaca. (Elvira piange ancora più forte)

CONCETTA – (aspra) Statte zitto!

IGNAZIO – (triste rassegnazione) So’ turnato a’ essere ‘o capo ‘e casa.

CONCETTA – (a Elvira) Ma insomma la vuoi capire che  tuo  marito  è

un porco che non si merita niente? Guarda, qua c’è la prova sicura  del suo tradimento. ‘O cazone che si era luvato ‘ncopp’’a du chella svergognata e che don Carlino ha sequestrato. (mentre Carlino gongola) Guarda! (e le porge i  pantaloni)

ELVIRA -  (piangendo prende i pantaloni)  Traditore…… assassino……

(guarda bene i pantaloni e poi riporgendoglieli) Mammà, ma questo non è di Eduardo.

CARLINO – (sobbalza) Non può essere. L’ho preso io!

SAVERIO – Guardate dint’’e sacche.

CAROLINA – Signòoo!......

CONCETTA – Aspetta! (cava dalla tasca di dietro dei pantaloni un portafogli    e    ne    prende   un  bigliettino   da     visita)  Leggiamo

64

                ‘o bigliettino.

IGNAZIO – Vediamo, vediamo.

CONCETTA – (leggendo) ”Ignazio… Ignazio Provolone” (Ignazio è              Carlino  sono sorpresi  e, quindi rivolgendosi a Carlino) Ma allora            chisto è ‘o cazone ‘e maritemo?

CARLINO – E io mo’ nun capisco niente cchiù.

IGNAZIO – Don Ca’, vi siete sbagliato di pantalone! (a Concetta) E’               chiaro, io quando sono andato llà sopra per fare il mio dovere di              padre, me l’aggio luvate per vestirmi da imperatore. Perché             fingevo ca me vulevo fa’ ‘o ritratto.

CONCETTA – (continuando a scavare nelle tasche dei pantaloni) Ah,             già, m’ero scurdata ‘o fatto ‘e Nerone.

CARLINO – ‘O vvedite? Tutto si chiarisce!

SAVERIO – (a Concetta) Vuie pare ca subito zumpate.

CONCETTA – E pecchè io sto nervosa, capite? (trova una lettera in una        delle tasche) E  cher’è  ‘sta  lettera?  (guarda  il  destinatario  poi  a

Ignazio) Tiè’, tiè, è rrobba toia, io non voglio entrare.

IGNAZIO – (tranquillo) Ma no leggi, leggi pure. Aria netta nunn’ave              paura ‘e tronole. Sarrà qualche lettera di affari ca me so’                 scurdato ‘int’’a sacca. 

CAROLINA – Signòooo!

CONCETTA – (che sta aprendo la lettera) Aspetta! (sbianca in viso)

IGNAZIO – (preoccupato) Ma cher’è Cuncè’?

CONCETTA – (leggendo la lettera sbarra gli occhi dalla sorpresa e dalla      rabbia) “Caro Ignazio, mio provolone dolce e piccante,                 (sguardo feroce e pieno di odio verso Ignazio che va  a nasconderi     dietro il compare)quella disgraziata di tua moglie che non muore    mai, (indietreggia)  non  deve  impedire  la  nostra  felicità. Tu  devi

separarti  legalmente e vivere con me. Ti aspetto domani a casa mia per          mangiare pane, amore e provolone  (c.s.)alla faccia di quella strega di  tua  moglie. (c.s.) Non mancare. Tua Zezè.” (inferocita guarda   a  occhi sbarrati verso Ignazio) 

IGNAZIO – (terrorizzato) Zezè? Zezè? Zezè?

CONCETTA – Guè, nun te mettere a canta’ ‘n’ata vota  zezè zezè ca te           mengo ‘na cosa ‘nfaccia. (afferra una ceneriera e fa il gesto di                 lanciarla. Tutti si riparano)

IGNAZIO – (facendo  capolino  da  dietro  il  divano)  A chi ha cugliuto?

65

                Chisto è tradimento, è calunnia. ‘On Carli’, ma vuie ch’avite             cumbinato?

CONCETTA -  E ch’adda cumbina’? Vuie avite fatto ‘n’associazione a          delinquere tutt’’e tre.

SAVERIO – Pur’io?

CONCETTA – Pure vuie cumpa’, pure vuie! Ma statevi calmi. Io nun             faccio niente ‘o vverite? (a Elvira) ‘Mparete a mammà, ‘o vvì,         ‘mparete comme se fa’ Niente ammuina, niente strilli, io sto              calma.

IGNAZIO – (respira) Menu male.

CONCETTA – (ad Ignazio nervosissima scorciandosi le maniche) Tiene          ‘nu quarto d’ora ‘e tiempo, esprimi le tue ultime volontà. Fatte ‘e valige e vattenne d’’a casa. Si nò ‘o vvide comme sto calma?  Fra    ‘nu quarto d’ora scoppio. (fa per viare a sx.)

IGNAZIO – Ma cher’è ‘na bomba a orologeria?

CONCETTA – (si ferma improvvisamente sull’uscio della stanza a sx.)              Chi ha parlato?

IGNAZIO – (pronto, mentendo spudoratamente) Don Carlino.

CARLINO – Io?

CONCETTA – Ah, tu faie pure ‘o scemo? Allora aggi’’a scuppia’     primma d’’o tempo? Io nunn’’o pozzo fa’, io devo dare l’esempio

a mia figlia, ca si no a chest’ora già nun tenisse ‘o naso. Ma te l’aggio ditto. ‘Nu quarto d’ora, ‘nu quarto d’ora e po’ BBUM!!

(via a sx.)

IGNAZIO – ‘O cannone ‘e mizjuorno.

SAVERIO – Ma aspettate cummà, nun facite accussì. (a Ignazio)      Venite cunpà, trasimmo dinto. Vedimmo d’appara’ ‘o fatto.

CAROLINA – (a Ignazio) Signò, io chello ve vulevo dicere, ca dint’’o              cazone nce steve ‘na lettera. L’ha purtata ‘n’ommo…(descrizione    fisica del personaggio Baldassarre)

IGNAZIO – (facendo l’atto di gonfiarle la faccia di schiaffi) Ah, e     quanno m’’o dicive? Tiene dieci minute ‘e tiempo.Fatte ‘a valigia

                e vattenne. Tu jesce annanze e io addrete.

CARLINO – Babbo  non vi preoccupate vi salvo io.

IGNAZIO – Ma  qua babbo e babbo!? Tu nun tiene manco ‘nu minuto

‘e tempo. Pigliate ‘a ghirlanda e vattenne mo’ proprio si no te rusciuleio   p’’e   tutt’’e  scale.  Jammo  cumpà’,  trasimmo:  vuie

66

annanze, mia figlia addrete, po’ ‘sta scignitella (indicando Carolina) ed io in quarta posizione. (viano a sx. nell’ordine detto)

SCENA DECIMA

(Eduardo e detto)

EDUARDO – (entrando dal fondo) Ah, tu staie lloco?

CARLINO – Signore, i romani usavano il tu anche per  gli  imperatori.

Ma oggi fortunatamente esiste il lei. La prego di usarlo nei miei confronti.

EDUARDO – Sentite, io nun ve faccio nu pernacchio pecchè sto        troppo arraggiato.

CARLINO – Tu faie un pernacchio a me?

EDUARDO – Mo’ s’ha scurdato ‘o lei.

CARLINO – Lei fate un pernacchio a me?

EDUARDO – Io ne faccio pure dieci.

CARLINO – Voglio vedè.

EDUARDO -  (fa una pernacchia) Ecco fatto.

CARLINO – Va bene, ci rivedremo quanto prima. (via per la comune,             mentre da dentro si sente la voce di Concetta)

CONCETTA – (da dentro) La separazione, voglio la separazione legale!       (rumore di vetri infranti)

EDUARDO – Va truvanno ‘o divorzio. Ma io pecchè aggia perdere                mia moglie!

SCENA UNDICESIMA

(Saverio e detto)

SAVERIO – (dal  sx. comprimendosi una mano su un occhio) Mannaggia        ‘a primma posizione! Chesta è ‘na furia!

EDUARDO – Ma che vò’?

CONCETTA – (da dentro) Voglio la separazione!

SAVERIO – E nunn’’a sentite? ‘A separazione legale.

EDUARDO – E si divide un marito dalla moglie così… Iddio disse: “crescete e moltiplicate”. E ccà invece della moltiplicazione vonno    fa’ pe’ forza ‘a divisione.

SAVERIO – Eh, cumpà’, ma chella ‘na cosa pure ‘a dice! Dice: Comme          sta ‘o fatto mo’, nun se po’ appara’. Pe mo’ se ne jesse ‘nu poco       luntano e se si porta la prova ca nunn’è chello ca penz’io se po’         pure appara’ ‘o fatto.”    

67

EDUARDO – (tra sé) “Chesto se vo’ ‘a me? Sapite mia moglie addò sta?

SAVERIO – Sta llà dinto c’’a mamma.

EDUARDO – E  va  bene.  Mo’  me  vaco  a  fa’  ‘e  valige.  Permettete.

                (fa per viare a dx.)  

SAVERIO – E vuie nun me dicite niente?

EDUARDO – E ch’aggia dicere io? Sì, è vero che mi è venuto il blocco.

Però quando a uno gli capita ‘na mugliera educata comma a’ ‘na monaca, sempe tutta scurnosa, tutta accullata, ‘nu marito nun se sente incoraggiato. Sì, l’onestà è ‘na bella cosa cumpare mio, ma un po’ di civetteria, un poco di grazia in una mugliera nun guasta, e uno che s’ha pigliato ‘n’orfanella ‘e Pompei?  (via a dx.)

SCENA DODICESIMA

(Elvira e detto)

ELVIRA – (dalla sx. in tempo per vedere Eduardo viare ed al compare)            Mio marito che ha detto?

SAVERIO – E che v’aggia dicere cummarella mia? Forse tutti i torti             nun se ponno da’. Dice che voi… (è imbarazzato) Comme v’aggia dicere… Siete troppo monaca ecco, troppo accollata.

ELVIRA – E già, quello a lui piacciono le cocotte.

SAVERIO – No, non dice proprio cocotte. Ma certo un poco si          civetteria, voi mi capite, un poco di scollatezza in una moglie                 non guasta. Al marito gli viene più facilmente quella fantasia,          quel prurimiento che fa succede il fatto che deve succedere.

ELVIRA – Ah, ha  detto  così? Scuse, tutte scuse. Pensasse piuttosto lui

a fare l’uomo. Invece no, è un debole, un bambino. Se no non si faceva imporre nemmeno da mammà la prova dei tre giorni. E ch’è fatto un esame? Diceva. “No, comando io che sono il marito” E se pure io ero d’accordo  con mammà, mi dava uno schiaffo e diceva: “Tala via passa!”

SAVERIO – (perplesso) V’avev’’a vattere?

ELVIRA – Certo compare! L’uomo deve essere uomo. Sì, doveva    gridare, rompere qualche cosa!  Ma fatemi il favore! Certe volte                 uno schiaffo è la più bella carezza d’amore.

SCENA TREDICESIMA

(Concetta e detti poi Ignazio)

CONCETTA – (dalla sx. e tra sé) ”Se n’hadda ji’! Se n’hadda ji’!  Io nun pozzo

                68

sta’ cchiù in questa casa cu isso”  Elvì’, vieni cu mme. T’aggia parla’. (fa per viare a sx. nel momento stesso che sta per uscire Ignazio)

IGNAZIO – (educatamente vuole darle strada) Prego.

CONCETTA – Prego.

IGNAZIO – Prego.

CONCETTA – (prendendolo per un braccio e strattonandolo via dalla            porta) E levete ‘a nanze! (via  a  sx. con  Elvira)

IGNAZIO – Cumpà, vi ho sentito parlare. Che si dice sull’altro fronte?

SAVERIO – Cumpà, quella a modo suo pure si spiega. Dice: “Io       m’aggio truvato vicino n’ommo debole. Nun m’ha saputo dominà’”

IGNAZIO – (perplesso) Cumpà’ accussì ha ditto?

SAVERIO – Sì, dice: “Questa è una specie di noncuranza. Si ogni tanto           me deva ‘nu buffettone, me dimostrava più amore”

IGNAZIO – (c.s.)‘Nu buffettone? Cumpà’,ma vuie avite capito buono?

SAVERIO – E comme no. Ha detto: “L’ommo hadda essere ommo,   hadda strilla’, adda cummanna’, adda scassa’ quacche cosa.”

IGNAZIO – (tra sé) “Ah, allora mia moglie chesto va truvanno ‘a me?”

SAVERIO – Ha detto: “Cumpa’, certe volte nu pacchero è la più bella             carezza d’amore.

IGNAZIO – (tra sé) “Mannaggia ‘a miseria  e io nun l’avevo mai capito”

SAVERIO – Comme dicite?

IGNAZIO – Niente, niente. Sto pensanno a ‘na cosa da mia!  “E io dinte         a tant’anne ‘a facevo ‘a faccia quanto a’ nu pallone” 

  

SCENA QUATTORDICESIMA

(Concetta, Carolina e detti)

CONCETTA – (da sx. seguita da Carolina con una valigia) Signor    Provolone, io ho deciso. Restate pure in questa casa. Me ne vado                 io. Aspetto che mia figlia fernesce e se vestì’ e me ne vado. Pecché   mia figlia vene cu mmè. (lazzi di Ignazio come a dire: “aspetta che        adesso ti faccio vedere io”) Il vostro degno compare dove sta?

SAVERIO – Cummà’, sto qua!

CONCETTA – No, no, non dico voi, dico il mascalzone come lui, il semimarito di mia figlia dove sta?

SAVERIO – Me pare ca sta llà dinto. (indica la porta a dx.)

CONCETTA – (a Carolina) Chiamalo! (Carolina via a dx poi a Ignazio.)        Devo dire due parole a tutti e dduie e poi me ne vado. (lazzi di                 Ignazio come sopra)

69

CONCETTA – (guardando verso la porta a dx.) E quanno vene chisto?!

CAROLINA – (da dentro gridando a squarciagola) Aiuto!!! Aiuto!!!

CONCETTA – Che sta succedendo!?

CAROLINA – (viene fuori tutta scarmigliata e discinta) Aiutateme,   aiutateme. (impaurita và a nascondersi dietro a Concetta)

SCENA QUINDICESIMA

(Eduardo e detti)

EDUARDO – (dalla sx. in atteggiamento aggressivo, quasi scimmiesco)            Dove stà? Dove sta la mia preda? Io sono il gorilla, il mandrillo,           il violentatore delle donne. (tenta di afferrare Carolina)

CONCETTA – (guardandolo sconcertata) Ma site asciuto pazzo?

CAROLINA – (indicandolo) Signò, signò, appena sono entrata, quello            mi è saltato addosso.  (sospirando) Aaaaaah!!

CONCETTA – Chella suspire pure ‘st’imbecille! (a Eduardo) E voi in             casa mia vi permettete di fare questo?

EDUARDO – E voi non volevate questo? La prova della mia virilità?           E io ve la do. Ma non fra un mese, subito, ora. Portate dieci,      cento, mille donne. Volete che faccio venire tutte le mie ex amanti? Lulù, Cocò, Mimì, Nanà, Frufrù, Zazà, Zezè… No,  Zezè                  no! Zezè ce la do a Nerone.

CONCETTA – E voi vi permettete   dint’’a chesta casa di nominare solamente queste donne da strada? Io vi ho dato un fiore di figlia,

una ragazza ca nunn’ha cacciato  maie tanto ‘e vraccio ‘a fore. Una rosa! Un giglio! (chiamando) Elvira, Elvira!!

SCENA SEDICESIMA

(Elvira e detti)

ELVIRA – (da  sx. in abiti e con atteggiamento cocottesco) Sì, mammà!?

CONCETTA – (mentre tutti rimangono sconvolti dalla sorpresa) Ma                m’’o stò sunnanno tutto chesto?!

EDUARDO – (con gli occhi sbarrati finalmente riesce a parlare) E che            faie tu combinata accussì? (a Concetta) Io vi denuncio, vuie        m’avite cagnato ‘a mugliera. 

CONCETTA – Io?

EDUARDO – Sì, sì, Vuie teniveve qualche figlia gemella annascosta in 

                qualche parte.

ELVIRA – Ma perché, non è così che mi vuoi? Non è vestita da cocotte

                70

che ti piaccio?

EDUARDO – E che so’ candidato al priorato di San Martino? (lazzi)

CONCETTA – Basta. Elvira dint’’a ‘sta casa nun putimmo resta’     cchiù, jammuncenne. (fa per viare x la comune)

IGNAZIO – (sbarrandole la strada) Addò vaie?

CONCETTA – Addò me pare e piace. Levate ‘a nanza

IGNAZIO – Ma chi se leva ‘a nanze? Ma vuo’ vede’ ca t’abboffo ‘a                 faccia quanto ‘a ‘nu pallone?

SAVERIO – (fra sé) “Mamma de Grazie”!!!

CONCETTA – (non crede alle proprie orecchie) Comm’hè ditto?  Tu               abbuffe ‘a faccia a mè?

IGNAZIO – Sì Cuncè’, io abboffo ‘a faccia a te!!!

CONCETTA – Dateme ‘nu bastone!

IGNAZIO – Ma che bastone e bastone. Io songo ‘o capo ‘e casa!

CONCETTA – E nunn’allucca’!

IGNAZIO – Voglio allucca’, zitta!

CONCETTA – No!

IGNAZIO – Zitta!

CONCETTA – No! (Ignazio le da uno schiaffo - Tutti restano esterrefatti)

EDUARDO – Mamma mia, e mo’ che succede!?

CONCETTA – (con la mano sulla guancia, guardandolo tra stupita ed            ammirata) Ignà! Ignà! Ma tu m’hè dato nu schiaffo?

IGNAZIO – Sì,  pecché io so’  l’ommo.  E  l’ommo  dint’’a  casa  hadda

cummannà’, hadd’alluccà’… aspè’ ch’ ato adda fa cchiù? … Ah, (buttando a terra un vaso preso da un mobile) adda scassà’ quacche cosa. Il marito è marito. (spingendo Elvira tra le braccia di Eduardo) ‘O marito si’ tu pere ‘e vruoccolo. Jate, jatevenne dint’’a camera vosta. Auguri e figli maschi.

EDUARDO – (prende Elvira per mano) Rispondo con una sola parola:            “obbedisco”  (bacio) Giuseppe Garibaldi. (via con Elvira a dx.)

CONCETTA -  Ignà’? Ignà’ ma allora tu si ‘n’ommo overo? Ma tu ‘o             ssaie ca quase quase ‘a quanno m’hè dato chillu pacchero io te        voglio cchiù bene?  

IGNAZIO – E mo’ te ne dongo ‘n’ato accussì mi adori addirittura!  (scherzosamente fa per darle uno schiaffo  e invece l’abbraccia)

CONCETTA – (quasi commossa) Ignà’, questo è quello che vuole una              donna come me, debole fragile e indifesa.

71

SCENA DICIASETTESIMA

(Carlino e detti)

CARLINO – (dalla comune con due grossi spadoni) Addò sta don      Eduardo? Ci dobbiamo battere.

IGNAZIO – Ma che vulite battere don Carli’. Quello sta in camera sua          con la moglie. Vagone letto, sono partiti per il paradiso.

CARLINO – (lasciandosi cadere le spade di mano) Llà dinto? No, no,              che pozzo fa’? (come colpito da un’idea) Aggio capito! (va verso la porta a dx. e bussa forte gridando) SIGNORI BIGLIETTI!!!!

SCENA DICIOTTESIMA

(Eduardo e detti)

EDUARDO – (esce fuori dalla I^ a dx. senza pantaloni ed in deshabillè)           Mettitece ‘a multa controllo’, siamo gia arrivati a destinazione        senza biglietto.  (tutti ridono mentre Carlino siede affranto su una     sedia.)

Cala la tela

Fine della Commedia

    Questo copione è stato visto
  • 4 volte nelle ultime 48 ore
  • 21 volte nell' ultima settimana
  • 68 volte nell' ultimo mese
  • 615 volte nell' arco di un'anno