Simmaco di Capua

Stampa questo copione

San Simmaco di Capua Vescovo

Simmaco di capua

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 902393A

mail: macrisa@libero.it - anno 2012

Storia romanzata del Primo Vescovo di Santa Maria Capua Vetere

in un atto di

Salvatore Macri

Personaggi:

     Simmaco, Vescovo                                          U

     Raffaella, Sebiba Kahina, e sua sorella                       D      

     Roberto, diacono                                    U

     Giosuè, mercante di frutta                     U

     Agata, maga e mercante di profumi                          D      

     Silvana, mercante di preziosi                                    D      

     Velia, giovane figlia di Silvana                                   D      

     Valerio, patrizio                                      U

     Viola, moglie di Nereo                                      D      

     Nereo, ex gladiatore                                        U

     Egisto, sacerdote di Mitra                       U

     Silvia, prima Sacerdotessa                               D      

     Rosa, seconda Sacerdotessa                            D      

     Letizia, popolana                                             D      

Musici         2                         

Comparse: 2 portatori di turibolo / 2 schiavi                  U

                   2 tamburi                                U

                   2 portatori di quadro                          U

                   4 portatori del baldacchino                U                

                   2 figuranti generici                            U      

                   4 figuranti generiche                                  D

Scena: spazio aperto con sfondo della Basilica di S. Maria C.V. con dei sedili sagomati come rocce. Una porta della basilica dovrà essere praticabile.


 

Scena Prima

Nereo                  (entra da destra, spingendo un carrettino con delle ceste, pezze di tessuto e materiali vari; si guarda intorno) Ah, chesta pare ‘na basilica… ce fermammo, che dici, Viola…

Viola                   (entra, smarrita; sarà truccata come se fosse incinta) Ma io chesta nun m’arricordo… pare nova… pigliame ‘a seggia, pe’ piacere.

Nereo                  (prende uno sgabello dal carretto e lo sistema sul palco) Ecco… mò te dongo ‘nu poco d’acqua… (le dà una borraccia) stai bona?

Viola                   (si siede e beve) Grazie, sì… nun me sento stanca, ‘a strada era poca…

Giosuè                (entra da sinistra portando una sacca, uno sgabello e assi con cavalletti, porta vestiti logori) Nun ve canosco! Chi site? Aro’ venite? Facite spazio!

Nereo                  (affrontandolo) E manco io saccio a te! Vavattene in pace… si nun vuo’ che te faccio canoscere ‘a spada mia!

Giosuè                Te ne approfitti pecché so’ vecchio, pe’ Mitra! Io nun ce ‘a faccio a te vattere… e tu te si’ pigliato ‘o posto mio!

Viola                   Si’ ‘nu mercante?

Nereo                  Allora è chesta ‘a piazza d’ ‘o mercato?

Giosuè                No, ‘o mercato è nun è assai luntano, ma oggi ce sta ‘nu rito cristiano cca’, ce starà assai gente… perciò so’ venuto!

Nereo                  Viola, allora ce fermammo proprio ccà. Aspettammo pure nuie int’ ‘a chesta piazza!

Giosuè                Ma io… chisto è ‘o posto mio…

Nereo                  Basta, viecchio! Mettiti a fianco a nuie e ferniscela ‘e te lamenta’!

Viola                   Aspetta, Nereo! Ma tu che vinni, viecchio?

Giosuè                Io vengo ‘e noci e ‘e mele. E tengo pure cocche sorice… e tu che vinni?

Viola                   Allora puo’ sta’ pure tu! Nuie vennimmo stoffa… ma tu sai che rito ‘anna fa’?

Giosuè                (brontolando dispone le sue cose, prendendo il maggiore spazio possibile) Cristiani… loro e ‘e prucessioni… che scemità… ‘o dio Mitra nun vo’ prucessioni… (continua a borbottare)

Roberto               (entrando da sinistra) Ecco, vipere, scorpioni ca site! Chi v’ ‘a ritto ca cca’ se po’ fa’ mercato? Abbasta che guaragnate cocche cosa, nun ve ne ‘mporta ‘e profana’ ‘nu posto sacro! Jatevenne, cca’ adda passa’ ‘a prucessione, via, jatevenne!

Nereo                  (affrontandolo) Bell’ ‘o, ce sta ‘nu sacco ‘e spazio, e ce cape ‘a processione toia e ‘o banco mio, ’e capito, scemo ca si’? Io nun me movo ‘e ‘nu vraccio! E po’, tu chi si’, pe’ dicere chesti cose?

Roberto               Io songo ‘o diacono d’ ‘a Basilica! E te dico che nun puo’ rimmane’ cca’!

Nereo                  Ma io nun me ne vaco… che vuo’ fa’? Vulissi lotta’ cu’ me? E provaci, chierico d’ ‘a mala ora! (assume posizione di combattimento)

Giosuè                Ohe’, tu, statte fermo… ‘a gente s’appaura e se ne va… e nuie nun vennimmo niente! E tu, ca pari ‘nu sacerdote… che ce stai facenne cca’, invece ‘e partecipa’ ‘o rito?

Roberto               Songo ‘o diacono, aggio ritto! E stongo cca’ pe’ tene’ aperta ‘a Basilica pe’ quanne vene ‘a prucessione c’ ‘o Vescovo… senza ca nisciuno arrobba niente! E vui nun putite sta’ cca’! Jatevenne!

Viola                   Nereo… lascia sta’ chisto religioso… sposta ‘nu poco ‘a carretta, pe’ fa’ spazio… mittela arreto ‘o cantone…

Nereo                  Chierico, ringrazia ‘a sposa mia! (a Viola) Faccio comme vuo’ tu… mò monto ‘o bancariello… (esce con il carretto; ritornerà ad intervalli in scena con assi, cavalletti e mercanzia per montare un banco di mercante, poi si siederà a fianco di Viola)

(entrano Raffaella, Silvana con Velia ed Agata)

Raffaella              (con tappeto sotto braccio, un nastrino al collo e alcuni musici al seguito) Insomma, Giosuè, te vulissi spustà ‘nu poco? (sistema il tappeto a terra) ‘O viri che nun ce sta posto p’ ‘e musicanti?

Agata                  E chillo fa sempe chesto!

Silvana               Ma che te pienzi? Ca ‘o mercato è ‘o tuojo?

Velia                   Brutto viecchio! Sciò, sciò! (si siede, prende una bambola dalla sua borsa e la mette su un sasso, sistemandola) Ecco cca’, pure Mariella mo’ fa’ ‘o mercato!

Raffaella              Overamente, Giosuè! Vavattenne all’ata porta!

Giosuè                Te piacesse! Ma io resto ccà pecchè ‘anna chi vene ‘adda vede’ primma ‘a robba mia… ce vonno ciento sesterzi p’accatta’ chesta squisitezza! ‘O dio Mitra m’adda aiuta’ a vennere tutte cose…! E po’ venessero pure addo’ te… si teneno ancora ‘e denari…

Raffaella              Hi! E ca te pienzi che so’, pe’ chi tene ‘e sorde?

Agata                  E’ quasi ‘o tiempo d’ ‘e Misteri, pure io tengo assai profumi… e cocche ‘ata cusarella ‘a vennere…

Roberto               ‘A sapimmo, ‘a robba ca vinni tu!

Viola                   Ma ‘a piazza d’ ‘o mercato nun ce sta nisciuno?

Nereo                  Che dici, Viola, vulessemo ghi’ all’ata piazza?

Silvana               (sedendosi) No, no… nun ve muvite, la’ è troppo apierto, ce stanno troppi mariuoli…

Giosuè                Quanne aggio vennuto tutte cose, m’accatto ‘nu bello profumo addò te!O invece d’ ‘e sorde vulisse ‘na jurnata ‘e fatica…?


Scena Seconda

Roberto               (si rivolge a Viola) Eppure ‘a faccia toia io già l’aggio vista! Si’ ‘na nova fedele? Si’ stata battezzata cca’?

Viola                   No, so’ tornata justo oggi… venimmo ‘a Roma… stevemo ‘nzieme ‘a mamma mia… è morta ‘a poco tiempo…

Roberto               Allora tieni parienti?

Viola                   No, nisciuno… ce ne simmo dovuti fui’ pe’ sta’ in pace… no pe’ me, ma pe’ Nereo… (fa un cenno verso Nereo)

Roberto               Forse aggio capito. Maritete pare ‘nu gladiatore che ce ‘a fatta a affrancarsi… e addo’ ve site spusati?

Nereo                  A Roma nun ce putevamo sta’ proprio cchiù… nun è facile affrancarsi e ‘o padrone mio me vuleva n’ata vota…

Viola                   C’è mancato ‘o tiempo pe’… simmo cristiani ma nun è ancora mariteme… (distoglie lo sguardo)

Roberto               Peccatori! Tu vai all’Inferno si nun ripari… si nun riparate subbito…!  Comme fai a dicere che si’ cristiana… zitta! Stanno arrivanne!

Giosuè                (gridando verso le quinte) Venite cca’ bella ge’! Vengo ‘e noci e mele belle e tengo pure ‘e surici!

(suono crescente di tamburi, con coro salmodiante indistinto, che poi diviene comprensibile: entrano da destra i portatori di turibolo, poi due tamburi, due portatori di un quadro della Vergine, ed infine il baldacchino portato da quattro penitenti in cappa e cappuccio con Simmaco vestito da Vescovo. La processione attraverserà il palco salmodiando, e si fermerà con i turiboli agli estremi; al centro l’immagine della Madonna e il baldacchino, sul fondo i figuranti; Roberto si inginocchia al centro del palco rivolto al quadro; il ritmo della recita ricalca la metrica del “Dies Irae”)

Penitenti             Santa Madre beneritta,

“Gratia Plena” tu si’ ditta,

d’ ‘o Signore sposa eletta!

Simmaco            Madre Santa d’ ‘o Creatore,

figlia e madre d’ ‘o Signore,

sempe a te sia gloria e onore!

Sovrumana creatura,

santa Madre sempe pura,

tu cunfondi chi t’oscura!

Di Nestorio ‘o gruosso errore

tu redimi, pe’ favore,

grande grazia d’ ‘o tuo core!

Penitenti             Santa Madre beneritta,

“Gratia Plena” tu si’ ditta,

d’ ‘o Signore sposa eletta!

Simmaco            Chiedi grazia ‘o divin Figlio,

ca ce scampi d’ ‘o periglio,

d’ ‘o dimonio tristo artiglio!

‘O Creator fatto perzona,

vero Iddio e nun icona,

chesta è ‘a toia regal corona!

Tu che si’ d’ ‘o Ciel regina

‘o tuo Figlio ci avvicina,

regal stella d’ ‘a matina!

Penitenti             Santa Madre beneritta,

“Gratia Plena” tu si’ ditta,

d’ ‘o Signore sposa eletta!

Simmaco            (imponendo silenzio) Exultate, popolo! Fratelli ‘e Cristo, laudate et benericite Iddio p’ ‘a luce d’ ‘o Santo Spirito che Isso ha vuluto manna’ ‘ncopp’ ‘e padri d’ ‘o Concilio! ‘A santa assise ca si è giuntata a Efeso int’ ‘all’anno domini quattuciento vintotto, ha cundannato l’errore ‘e l’eretico Nestorio, ca era già patriarca ‘e Costantinopoli! Laudate l’Imperatore d’Oriente Teodosio ‘o Sicondo e ‘o sommo padre Cirillo, pariarca ‘e Alessandria, che hanno vuluto chesta santa assise! Ammo avuto ‘a Bolla Imperiale addo’ è stata cunfermata ‘a divina maternità d’ ‘a Vergine Maria, che ‘a avuto n’ata vota ‘o il titolo ‘e “Theotokos”, d’ ‘o quale nisciuno fedele d’ ‘a santa madre Chiesa ‘a mai dubitato! Nestorio è stato scomunicato, comme i seguaci d’ ‘a dottrina soia, favuza e diabolica, ca afferma ca Maria è sulo Madre di Cristo-uomo e non ‘e Cristo-Dio! Anatema ‘ncopp’ ‘a Nestorio e scumunica totale et perenne a chi nun va appriesso ‘a dottrina ‘e santa madre Chiesa! Exultate, popolo! Stateve in letizia p’ ‘a ristabilita verità! Chist’ anno sia n’anno ‘e grazia particulare pe tutti quanti vuie, sotto ‘a protezione d’ ‘a Vergine, ‘a luce d’ ‘o Santo Spirito ‘e Dio e l’ammore ‘e Cristo! Exultate, popolo!

(tutti applaudono; riprendono i tamburi; Roberto va vicino a Simmaco mentre la processione si riavvia per uscire a sinistra)

Roberto               Padre Simmaco, grandissimo Vescovo! Cca’ ce sta ‘na coppia in peccato! ‘Nu peccato gravissimo! S’anna cunfessa’ ampressa!

Simmaco            Bravo a Roberto, hai ragione… ma ‘o rito nun se po’ ferma’! Simmo quasi arrivati, mettimmo ‘o quadro a posto, facimmo ‘a Messa solenne, benerico ‘o popolo e po’ verimmo… forza, damme ‘stu braccio, ca mo’ me serve aiuto p’ ‘e scalini!

(riprende il salmodiare dei penitenti, escono Simmaco, Roberto ed alcuni figuranti; gli altri rimangono sulla scena, assieme ai mercanti)

Giosuè                Che cosa scucciante! M’aspettavo ‘na cosa cchiù ‘mpurtante… quanno se fanno ‘e Misteri ‘e Mitra è n’ata cosa! E po’ chillo parla difficile, nun aggio capito niente… no, chesta religione nun fa pe’ me! E nun se po’ fa’ chesto e nun se po’ fa’ chello…! Meglio Mitra!

Raffaella              Statte zitto Giosuè, famme ancumincia’, ce sta gente!

(Raffaella recitando danza con gesti lenti, su una musica di sottofondo; la danza non dovrà avere valenza maggiore della recitazione, ma comunque evocare il più possibile un’offerta che va oltre la semplice esibizione. Per evidenziare la situazione, Raffaella si toglie il soprabito, affidandolo a Velia, rimanendo con una tunica bianca.)

                         

                          Venite popolo, venite amici miei,

                          sulo ‘nu ballo, senza timidezza,

                          vicino a me ve faccio senti’ dei,

io ve ‘mbriaco co’ la mia bellezza!

                          Cca’ nun ce sta nisciuno ca m’ è pari,

                          guardate com’è janca chesta pelle,

                          io songo figlia ‘o re d’ ‘e sette mari,

mò faccio ‘a schiava, ma songo sempre bella!

                          Sentite che profumo ‘sti capilli,

                          ma nun guardate troppo st’uocchi niri!

                          Si, dico a te, te chiuri int’ ‘o mastrillo,

e si te ‘ncoccia mugliereta, t’accire!

                          N’aggio sentuto ‘e viento, int’ ‘o deserto;

                          pur’isso m’ ‘a vuluto accarezzare,

                          ma quann’ ‘a fernuto, state certi,

‘o regaluccio m’ ‘a duvuto fare!

                          ‘A Madre Terra e Diana Tifatina

                          me fanno fatica’ ogni mumento;

                          Forza, venite, Sebiba ‘a ballerina

ve da’ sultanto gioie senza turmienti!

Te vuo’ accatta’ ‘sta musica, ‘stu canto,

e chisto ballo d’accumpagnamento?   

Te faccio ‘o ballo, annanze a te sultanto,

si tiene pressa, pure ‘nu mumento!

E chesta brutta veste ca tu viri

nun è chella che uso dint’ ‘a casa;

tengo coccosa ‘e meglio pe’ vestire,

si t’ ‘o faccio vede’…, te prore ‘o naso!

Jammo, fa’ ampressa, ‘a casa è cca’ vicina,

jammo e venimmo, ca nisciuno vede!

Te faccio vevere ‘nu bicchiere ‘e vino

accussì doce ca nun ce se crede!

                          Venite popolo, venite amici miei,

                          venite annanzi, che aspettate ancora?

                          Sto’ cca’ pe’ tutti, nobili e plebei,

e chi nun vene, vaca alla mal’ora!

(Raffaella conclude rimanendo in piedi, a braccia levate; Velia le rende il soprabito e la bacia)

Velia                   Ma comme sì brava! Sebiba, ‘o sai… pur’io me so’ ‘mparata ‘sta canzone… ‘a saccio tutta quanta! Ancora ‘nu poco e po’… ‘a canto pur’io!


Scena terza

Valerio                (staccandosi dai figuranti) Ohe’, ballerina! Quanto vuo’ pe’ canta’ ‘a casa mia?

Raffaella              Cca’ costa duimila sesterzi, si po’ vuo’ che ballo sola cu’ te…ce ne vonno diecimila!

(i mercanti commentano tra di loro la spropositata entità della richiesta)

Valerio                Io invece te ne dongo vintimila! Voglio vede’ che sai fa’!

Giosuè                (avvicinandosi) Padrone bello, accattate coccosa! Guarda che bella mela… chesta è ‘na rarità… tanto zuccarosa ca nun ce vo’ ‘o mele!

Silvana               (avvicinandosi) Zitto, tu! Forze chisto bello signore vulesse riala’ n’aniello o duoje sciaquaglielle ‘a ballerina? Tengo l’oro e l’argiento! Guarda comm’ è bella ‘a cullana che porta figliema!

Agata                  (avvicinandosi) Padrone mio, io te pozzo vennere ‘e filtri magici… levano ‘o maluocchio e ‘a ‘mmiria!

Valerio                Jatevenne! Basta, ‘ate capito? Tu… comme te chiammi… mò  jammo ‘a casa mia e tu ‘e canta pe’ muglierema… chella puverella sta sempe malata! Cantale… coccosa ‘e sacro, ‘e capito? So’ sicuro che le fa piacere… Tu ce criri a Giove? Chi è ‘o dio tuoio?

Raffaella              Mò te dico… chesto nun me l’addimanna mai nisciuno… (fa un cenno ai musici)

                          Figlio dell’uomo, e quanto bene ‘e fatto!

                          Sulo ‘nu Dio d’ammore po’ fa’ chesto:

                          insieme ‘o Pate, ci ‘e riscritto ‘o Patto,

                          ‘e apierto ‘o Paraviso ‘a gente onesta!

Anema e corpo all’intrasatta, sani,

pe’ chi mureva niro d’ ‘e peccati;

pe’ sta’ cu’ nui, tu scinni dint’ ‘o pane

e pure ‘o vino l’ ‘e santificato!

Invece ‘e ammore, ‘a ‘mmiria e ‘a gelusia:

primma t’anno vennuto pe’ denaro,

chi t’era contro, ‘a sceuto ‘a peggia via:

farte muri’ cu’ morte ‘nfame e amara!

Ma chillo calice tu t’ ‘o bevisti sano.

Invece ‘e fa’ vede’ comme si’ Dio,

t’abbracciasti ‘na croce cu’ doie mani:

”Mò faccio tutto nuovo, Padre mio!”

Tu potevi ferma’ chillo maciello,

primma che te sturdessero ‘e frustate,

e doppo ‘e fatto ‘a parte ‘e ll’ainiello,

‘ncopp’ ‘a ‘na croce, tutto sfracellato!

Chi te vuleva muorto cu’ disprezzo

venette annanze ‘a croce a festeggiare:

“Tu, scinne ‘a lloco, avrai gloria e salvezza!

Si si’ Dio vero, te putrai sarvare!”

Fuie volontà d’ ‘ Pate e pure toia

si nun scennisti, ‘a copp’ ‘a croce, ‘n terra.

Troppo gruosso, ‘o peccato, troppa ‘a foia,

sultanto Dio puteva fa’ sta guerra!

Dicette n’ato appiso, ‘nu brigante:

“Ricordati di me, d’ ‘a faccia mia!”

“Tu oggi stesso stai vicino ‘e santi.”,

dicette chella carne, ch’era Dio.

‘E chilli ca sciglisti, sulo uno

scegliette ‘e sta’ cu’ te, vicino ‘a croce.

Quanne se rire, nun manca mai nisciuno,

Si stai chiagnenne, hai voglia d’aiza’ ‘a voce!

‘A mamma toia patette ‘nzieme a te;

‘A quanne avisti ‘a primma d’ ‘e frustate

e po’ pe’ tutt’ ‘a via, sempe a vede’;

‘a rinto se senteva ‘e curtellate!

Lacrime, ormai, nun ne teneva cchiù,

ce steva chi ‘a purtava sott’ ‘o vraccio,

pregava a Dio e ‘o figlio suoio, Gesù:

“Dio mio, famme muri’ ca nun ce ‘a faccio.”.

Quanne muristi, ‘o munno se cagno’;

‘o terremoto, ‘e lampi dint’ ‘o cielo,

‘o viento forte e ‘o Sole s’oscuro’;

d’ ‘o santo tempio fuie stracciato ‘o velo.

Chi se vatteva ‘m pietto e chi fuieva,

dicette ‘nu Tribuno: “Chisto è Dio!”

Int’ ‘o silenzio ‘e morte se senteva

‘nu debole lamento: “Figlio mio…!”

(Raffaella conclude appoggiandosi su entrambe le ginocchia; i mercanti esprimono meraviglia)

Viola                   Comm’ è bella…

Nereo                  (annuendo) Eppure nun ce pareva!

Giosuè                Ma tu sì pazza overamente! Che stai dicenne?

Agata                  Ma comme, vai contro ‘o dio Mitra? Guarda che i cristiani fanno tutti quanti ‘na brutta fine!

Silvana               Diana d’ ‘o monte Tifata, perdonale chisto grande sacrilegio! Minerva, miettele n’ata vota ‘e cerevelle ‘ncapo! Falla turna’ a te! E quanno ‘e perzo ‘a capa accussì?

Velia                   Sebiba, ‘sta canzone nun me piace! Va contro ‘e dei!

Raffaella              Io nun songo contro a nisciuno. Io stongo cu’ Isso, l’ati nun ne voglio sape’ niente… ve piaceno? Tenitavilli vuie!

Giosuè                Rinnegata! Mannaggia a te e ‘a gente toia!

Silvana               Chesta setta nova… chisti fanatici… stanne cancellanne chilli belli dei nuosti… ce s’è miso pure Custantino!

Agata                  Te malerico, mannaggia a te! (si alza in piedi, braccia levate, recita salmodiando in tono minaccioso)

                          Te venga ‘ncuollo ‘na sorte nera,

                          Malo chiavello te trase ‘n core,

                          ponta o curtiello primma de sera,

                          chi nega a Mitra ca oggi more!

                          (sputa in direzione di Raffaella e si risiede)

Nereo                  Ma lassatela sta’ a ‘sta guagliona…

Viola                   (si accosta a Valerio) Padro’, nun sta’ a sentere ‘a gente… chesta canzone è chello che ce vo’ pe’ mugliereta… doppo viri che se sente meglio!      

Valerio                Tu che dici? Chella tene cinche cerusici attuorno e nun ce ponno… salassi e cataplasmi ogni doje e tre… mah, pruvammo pure chesta! (a Raffaella) Vieni cu’ me, jammo addò muglierema! (escono Valerio, Raffaella ed i musici)

Giosuè                I’ vaco a chiamma’ ‘e Pretoriani e pò vaco a’ piazza d’ ‘o mercato! Mitra aiutace, chesta è pericuolosa! Guardateme ‘a robba! (si carica addosso una sua sacca ed esce)

Silvana               Agata, jammuncenne ‘a ccà pure nuje… si mò veneno chilli, ‘ncumenciano a dimanna’, a vule’ robba… e po’ nun pavano, chilli fetienti!

Velia                   Sì, sì, pure Mariella s’ è scucciata ‘e sta cca’! Nun ce vene nisciuno! (agita la bambola)

Agata                  I’ sento cocche cosa che nun va… cierti vote sento l’addore d’ ‘e spiriti… mò ce sta ‘na cosa strana cca’… ‘nu malefizio! Jammucenne ampressa, primma ca jesceno guai… jammo a fa’ ‘o mercato all’ata porta… (Silvana, Velia ed Agata escono con i loro sacchi; i figuranti si ritirano tutti gradatamente)


Scena quarta

Raffaella              (rientra con i musici) E ‘ammo ‘ncuminciato ‘a jurnata!

Nereo                  Tutto a posto, bella figlio’?

Raffaella              Povera femmena! Sapisseve comme sta cumbinata… sanguette e cicatrici pe’ tutte parti, pure ‘n faccia!

Viola                   Puverella! L’ è piaciuta ‘a canzone toja?

Raffaella              Sì, sì… manco l’ ‘a sentuta, appena aggio ‘ncuminciato s’è calmata ‘nu poco e s’è addurmuta! L’aggio vista assai debole…

Viola                   Ma sienti… comm’è che te si’ fatta cristiana?

Raffaella              Mah… nun ‘o saccio manco io… so’ stata chiammata… (fa un cenno ai musici, che avviano il sottofondo; recita in piedi, senza ballare)

                          Canto l’ammore ‘o Dio che m’ ‘a scegliuto,

                          l’aggio truvato senza mai guardare.

                          ‘A meglia cosa che io aggia mai avuto,

                          e nun ce stanno mezzi a ricambiare.

                          Nascietti int’ ‘a ‘na reggia ‘ncopp’ ‘o mare.

                          Ascette ‘a guerra e addiventai ‘na schiava;

                          ‘a gente l’aggio vista trucidare;

                          ‘o juorno e ‘a notte ‘a morte camminava.

Senza cchiù niente, famiglia e l’innocenza.

Mò me ne scappo? E dove me ne vaco?

Pruvavo sulamente indifferenza,

senza speranza, campanne comme ‘mbriaca.

Cchiù de ‘na vota, vennuta e po’ marchiata.

Nisciuno me trattava cu’ rispetto,

ma ‘a capa mia nisciuno l’ha fermata;

cierti nuttate, penzavo dint’ ‘o letto:

                          “Ma quale dio me po’ mai da’ n’aiuto,

io songo “cosa”, pozzo mai prega’?

Nun songo degna manco ‘e ‘nu rifiuto,

nisciuno dio cu’ me ce vo’ parla’!

Diana solare, Madre Tifatina,

o Venere e Minerva, me sentite?

I’ stongo cca’, so’ ‘a schiava ballerina,

                          stongo chiagnenne e vui nun ve muvite!”

                          ‘Nu juorno fui vennuta n’ata vota

                          e fui purtata int’ ‘a ‘na casa strana.

                          Chill’omme a ‘nu dio nuovo era devoto:

                          chisto padrone mio era cristiano.

                          La’ dento se parlava ‘e carità

e d’ ‘o significato d’ ‘o dulore.

All’intrasatta avietti ‘a libertà

e tanta santa pace dint’ ‘o core!

Essere schiava e serva ‘e chesta gente

ormai nun era cchiù l’assillo mio.

Isso scigliette, io nun facietti niente.

Me battezzai, e so’ figlia di Dio.

Chi songo io, eletta ‘a chist’Ammore,

che pe’ me pure, ha dato ‘a vita soia?

Pe me ‘a sufferto tutto, ogni dulore,

p’ammore nuosto è ghiuto annanze ‘o boia!

E Isso nun vo’ schiavi pe’ cumpagni;

Isso ce chiamma amici e ce cunsola;

che ponno fa’, chist’idoli grifagni?

Cu’ Isso io nun me sento mai cchiù sola!

‘Sto canto mio è chino ‘e lode e ammore

sulo pe’ Isso, Ammore sopra tutto!

L’anima mia magnifica ‘o Signore,

pure si ‘o corpo mio l’hanno distrutto!

(Raffaella conclude appoggiandosi sulle ginocchia)

Viola                   Comm’ è bella… e comme sì brava!

Nereo                  (la va ad aiutare) Aizate, bella figlio’… ce crero che chella signora s’è acquietata…

Giosuè                (entra con Silvana e Velia) Tu che vinni ‘a stoffa… ‘e fatto ‘na fesseria a nun veni’ cu’ nuje! ‘O dio Mitra ce ‘a mannato l’abbondanza, se so’ accattete tutt’ ‘e mele! E si me purtavo ‘e noci, vennevo pure chelle! E’ overo, Silva’?

Silvana               Sì, io aggio vennuto tutte cose, e me so’ accattata cierti piezzi belli pe’ niente!

Velia                   E pure io ce so’ ghiuta bona! M’anno rialato ‘nu soricillo p’ ‘a bambula mia! (mostra un sacchetto di tela)

Viola                   Nereo, che dici? Vulessemo fa’ ‘na prova pure nuje?

Nereo                  Jammuncenne! Ma tu nun puorti niente, va buono? (prende una cesta con dei tessuti ed esce con Viola)

Agata                  Io sento ancora chella presenza… si’ tu, schiava rinnegata che ‘a puorti cu’ te? Si’ maledetta fino all’ossa?

Silvana               Io cu’ chesta nun ce voglio ave’ a che fa’! (sputa nella sua direzione e poi si siede)

Vittorio                (entra, di premura) Addo’ sta… ah! Comme te chiammi… va’ subbeto ‘a casa mia… muglierema s’è scetata e te va truvanne!

Raffaella              Padro’, io ‘a casa tuja ce vaco… ma me pavi n’ata vota!

Vittorio                Io nun te voglio perdere… te accatto! Chi è ‘o padrone tuojo?

Raffaella              Io me chiammo Sebiba Kahina, songo d’ ‘o senatore Levorino…

Vittorio                Allora è fatta! Canosco a Levorino, l’aggio fatto cierti piaceri e nun me po’ dicere che no! Fa’ comme si muglierema fosse ‘a padrona toja…

Raffaella              Ma io aggio bisogno pure d’ ‘a musica…

Vittorio                Nun stongo a guarda’ ‘e sordi! M’accatto pure ‘e musicanti, ma tu ‘e cura’ a muglierema! Vai, spicciati… e cantale tutto chello che sai!

Agata                  (avvicinandosi a Valerio) Padro’… chesta è maleritta! Porta cu’ essa ‘e spiriti ‘e l’Averno… tu ‘issi fa’ ‘nu rito ‘e purificazione… caccia’ chisti spiriti… sacrifica’ ‘o dio ca nun se dice… io te pozzo vennere ‘e profumi e ll’incensi… e pozzo pure fa’ ‘a magia pe’ te…

Valerio                E che ‘essa sacrifica’ ‘o dio Ade?

Agata                  (sgomenta) Zitto! Nun dicere chillo nomme! ‘O dio ‘e ll’Inferi se ‘nquarta sulo si ‘o nuommene! (con complicità) ‘E fa’ ‘nu sacrificio ca le piace… ‘nu bello lupo!

Raffaella              Padro’… nun ‘a senti’ a chesta… si coccosa che aggio fatto nun te va buono, cerco ‘e cagna’… ma nun te fa convincere a fa’ sacrifici a statue favuze!

Velia                   Ma ‘e statue nun so’ favuze… so’ ‘overe!

Silvana               (compiangendola) Povera femmena pazza!

Agata                  Minerva te desse ‘a luce soia, rinnegata… (si avvicina a Raffaella e le gira intorno) si… ‘e sento… si’ tu che puorti ‘e spiriti cu’ te… padro’, cca’ s’adda fa’ subbeto, primma che ‘sti spiriti traseno dint’ ‘e case noste… e pure dint’ ‘a toia!

Velia                   (segue Agata nel giro, con la bambola tra le braccia)

Valerio                (incerto) E che s’essa fa’?

Agata                  (complice) Nun accatta’ chesta schiava, padro’… fossero sordi jettati! ‘O sacrificio ‘e ‘nu lupo nun abbasta… s’adda sacrifica’ pure essa!

Valerio                Pe’ Giove, Marte e Nettuno, e basta mò! (cambiando tono) Vavattenne, strega! A n’ato poco me fai cari’ ‘a casa ‘ncuollo p’ ‘e spiriti ca sienti sulo tu! Chesta schiava ‘a sanato a muglierema c’ ‘o canto, i cerusici nun so’ stati capaci, manco ch’ ‘e salassi, e io l’essa fa’ accirere?

Agata                  (ritraedosi) Me stai confermanne che chesta tene cchiù potere d’ ‘e cerusici … padrone mio, penza buono a chello ca fai… io te stongo sempe vicina e quanne vuoi, facimmo ‘o sacrificio…

Valerio                (a Raffaella) ‘E sentuto? Che aspietti? Vai, ‘a via ‘a canusci! Anzi… vengo pure io, voglio vere’ a muglierema ‘na vota tanto senza cerusici pe’ tuorno! (mentre esce. Raffaella raccoglie il tappeto, fa un cenno ai musici ed esce con loro)

Agata                  (urlandogli dietro) Nooo! Nun ‘o fa’, padro’… nun ‘a manna’… chella ‘a fatto ‘a malìa a mugliereta! (cambiando tono) Chesta schiava è periculosa… sta streganne pure ‘o padrone suoio, chella jatta morta! Silva’, io l’aggia fa’ ferni’!

Silvana               Ce penza Diana Tifatina a mannarle ‘nu guaio… e po’ tu l’ è gia maleritta!


Scena quinta

(entra un gruppo di figuranti che percorreranno adagio il fondo scena, entrando ed uscendo; Velia va da loro con la bambola in braccio, mostrando la collana)

Agata                  Vieni cca’, Giosuè… me serve pure n’omme! Voglio fa’ ‘nu rito ‘o dio Mitra pe’ castiga’ chella rinnegata… e pure tu, Silvana, me serve ‘na mano!

Silvana               E che te serve?

Giosuè                Ce stongo pure io, si chesto ‘a fa sta’ zitta ‘na vota bona! Ma p’ ‘o rito ce vo’ ‘nu sacrificio…

Agata                  Sì, ce vo proprio… (guarda Velia)

Silvana               Che stai guardanne…? (inorridita) Figliema? Pecché guardi a essa?

Agata                  Nun tenimmo niente… me serve proprio essa…

Silvana               Si’ pazza! Vulisse sacrifica’ mia figlia?

Agata                  Calmate, nun l’acciro… (a voce bassa) me serve comme ara virginale, sarrà essa a mantene’ ‘a vittima che ce manna Mitra… facimmo ampressa! Chiammala e falla assetta’ cca’, e vuie mettiteve vicino a me… e dicite chesto quanne ve faccio ‘nu segno… (parla all’orecchio dei due, poi prende un bruciaprofumi a candela dalla sua sacca e lo dà a Giosuè; terrà in una mano un sacchetto di incenso) Tieni, appiccia chesta cannela e miettila cca’ annanze!

Giosuè                (accende la candela del bruciaprofumi con un accendino –girandosi in modo da non essere visto dal pubblico–, simulando difficoltà, e la sistema nel bruciaprofumi che poi poserà sul palco) Chest’esca è ‘nu poco umida… ecco… no… si! S’ è appicciata!

Silvana               (va a prendere Velia e la fa sedere accanto al fuoco sacro, lei e Giosuè si siedono alle sue spalle, lasciando spazio tra loro) Ecco, assettate cca’ e ‘mparate…! Chesto nun succere tutt’ ‘e juorne!

Agata                  (mette dell’incenso sul fuoco e poi si mette al fianco di Velia) Allora, sentite buono! Velia, acala l’uocchie, ca vene ‘o dio e ce sente… ancuminciammo!

(faro [basso] su Agata, luci ridotte sul palco; i figuranti si fermano)

Agata                  (a braccia levate, periodicamente aggiungerà incenso [colorato] sul fuoco sacro)

                          Grande dio Mitra, siente chesta voce!

Agata toia te fa’ chest’ammasciata:

te chiedo morte, per chi v’appriesso ‘a croce,

nisciuno ca l’aiuti o sia sarvata!

‘Sta figlia toia nascette doppo ‘o mare,

e te rinnega, è chesto che l’accusa!

Servenne a te, ca se ‘mparai a ballare,

mò nun te vo’ cchù bene e te ricusa!

‘A rinnegato tutto d’ ‘o passato,

e tutt’ ‘e riti fatti annanze a te;

mò parla ‘e ‘na duttrina stralunata

‘e n’omme-dio ca nun se fa vede’!

‘Adda muri’! Ce vo’ n’esempio chiaro,

s’adda capi’! Chi nun tene creanza,

adda muri’, e pure ‘e morte amara,

nun l’adda cunsula’ manco Speranza!

(fa un cenno verso Giosuè e Silvana ed aggiunge incenso)

Giosuè e Silvana (insieme)

                          Mitra putente te s’avvicina,

                          cu’ ‘nu curtiello te da’ la morte,

                          scinni ‘n galera addo’ Proserpina,

                          schiava dannata, chesta è la ciorta!

Silvana               (a Velia)  Velia’, dici pure tu!

Agata                  Zitti! Si no se spezza ‘o rito, Mitra nun accetta ‘o sacrificio e nun manna ‘o segno suoio… Velia, acala ‘a capa, Mitra te sta guardanne! (fruga nella sua borsa ed estrae un vistoso coltello sacrificale, nascondendolo alla vista di Giosuè e Silvana, ma non del pubblico, e lo infila sotto la tunica)

Grande dio Mitra, sienti ‘sta preghiera:

fa’ scennere a Sebiba dint’Averno,

ca se purtasse ‘a fede menzognera,

pur’essa tummulata pe’ l’eterno!

Ritorna ‘a pace ‘ncopp’ ‘a chesta terra,

si more chesta schiava e ‘a magia soia;

‘o sangue suoio fermasse chesta guerra,

se stesse zitta chi tene tanta foia!

E si nun vuo’ che more pe’ curtiello,

Falla muri’ abbruciata dint’ ‘o fuoco,

cugliuta ‘e freccie comme a ‘nu criviello,

attussecata o corda che l’affoca!

Essa vo’ ‘a croce? E croce lle sia data!

sturduta ‘e schiaffi, ‘nchiuvata ‘a travicella,

‘miezo a ‘sta chiazza adda resta’ spugliata,

‘nu juorno almeno e doppo, pigliatella!

(fa un cenno verso Giosuè e Silvana ed aggiunge incenso)

Giosuè, Silvana e Viola (insieme)

                          Mitra putente te s’avvicina,

                          cu’ ‘nu curtiello te da’ la morte,

                          scinni ‘n galera addo’ Proserpina,

                          schiava dannata, chesta è la ciorta!

Agata                  (a Velia) Avanti, acàlate, miette ‘e mmani pe’ terra, e pure vui! (i due si inginocchiano)

Velia                   (eseguendo ed assumendo la posizione di un tavolinetto) E ‘a bambulella mia…?

Agata                  Dammella a me… ‘a metto cca’… ‘ncopp’ ‘e rini… (esegue)

Grande dio Mitra, sienti che addimanno,

chello ca voglio tu fammello avere!

I’ songo serva toia, cca’ tutt’ ‘o sanno,

e mò falle vede’ che d‘ è ‘o putere!

Mò vieni ‘miez’ ‘a nui comm’a lione,

spezza int’ ‘o sanghe ‘o filo ‘e chesta ciorta,

scinnele dint’ ‘o core a sta zuzzona,

menale ‘ncuollo ‘a rezza della morte!

Ca scenne ‘a notte ‘ncopp’ ‘a ‘st’impunita,

e ca protegga chisto rito sacro!

(si abbassano le luci)

I’ t’offro ‘o sacrificio ‘e chesta vita,

comme t’acciro chisto simulacro!

O grande Mitra, chesto m’ ‘e mannato

e faccio chisto rito pe’ tuo onore!

‘Stu sacrificio sarrà perfeziunato:

si oggi è pezza, dimane pigli ‘o core!

(luce solo su Agata che estrae il coltello e pugnala la bambola, bucando una bustina di succo di pomodoro prima sistemata nella stessa; leva in alto la bambola ed il coltello, ormai sporchi di rosso, mentre Giosuè, Silvana e Viola recitano i versi successivi)

Giosuè, Silvana e Velia (insieme)

                          Mitra putente te s’avvicina,

                          cu’ ‘nu curtiello te da’ la morte,

                          scinni ‘n galera addo’ Proserpina,

                          schiava dannata, chesta è la ciorta!

(la luce ritorna sulla scena)

Giosuè                (ancora chino) Agata, chisto è ‘nu miraculo! Mitra ‘a cacciato ‘o Sole… s’ è eclissato a mità jurnata!

Silvana               (anche lei ancora chinata) Agata… è fernuto? Chillo era ‘o segno che ha mannato Mitra?

Agata                  (pulisce il coltello sulla bambola e lo rimette nella veste) E che ‘ato vai truvanne? Nun t’ è abbastato? E’ fatta… Sebiba n’ato poco e po’ sarrà comme a chesta pupatella! (ride, levandola in alto)

Velia                   (rialzatasi) Ahhh! Mariella… è morta! (la prende e cerca di pulirla)

Agata                  Nun è morta, scema! ‘A bambula toia nun è mai stata viva!

Giosuè                E allora… chisto sangue?

Agata                  Segno d’ ‘a potenza ‘e Mitra e d’ ‘a magia d’ ‘o sacrificio… ‘e mai visto ‘nu dio ca ne caccia ‘o Sole?

Silvana               Si, ma chello sanghe… aro’ vene?

Agata                  E’ ‘o sangue ‘e chella rinnegata! ‘A putenza ‘e Mitra l’ ha mannato cca’, accussì ‘o sacrificio è stato cumpleto!

Giosuè                Allora Sebiba è morta? Ma ‘o corpo, aro’ sta?

Silvana               Io nun ce credo si nun ‘o veco!

Agata                  Tu statte accorta, che a Mitra cierti cose nun le piaceno… jammo ‘a casa d’ ‘o padrone nuovo… sulo lla’ po’ sta! (esce con Giosuè e Silvana; Velia rimane da sola)


Scena sesta

Velia                   (seduta, sguardo fisso nel vuoto, recita a bassa voce, cullando la bambola)

Venite popolo, venite amici miei,

sulo ‘nu ballo, senza timidezza,

vicino a me ve faccio senti’ dei,

io ve ‘mbriaco co’ la mia bellezza!

Cca’ nun ce sta nisciuno ca m’ è pari,

guardate com’è janca chesta pelle,

io songo figlia ‘o re d’ ‘e sette mari,

mò faccio ‘a schiava, ma songo sempre bella!

Sentite… sentite…  me so’ scurdata ‘o riesto! (si china e nasconde la testa fra le braccia)

Silvana               (entra alle sue spalle, recita a bassa voce)

… Sentite che profumo ‘sti capilli,

ma nun guardate troppo st’uocchi niri!

Si, dico a te, te chiuri int’ ‘o mastrillo,

e si te ‘ncoccia mugliereta, t’accire!

(va vicino a Velia, che gradatamente si riprende) Tu t’iri scurdata ‘a canzone… e io m’ero scurdata ‘e te, pe’ ‘nu mumento… ma ‘e visto comme so’ turnata ampressa? Sienti, figlia mia, Capua nun fa cchiù pe’ nuie… ce ne vulessemo i’ a Roma?

Velia                   Chella strega m’ ha acciso Mariella…

Silvana               Nun sapevo che vuleva fa’… aggi pacienza… ma famme vede’ ‘sta bambulella… (esamina la bambola) hmmm… s’ ‘a purtato ‘o curtiello… nun ce putimmo mettere l’unguento armario… ma ’ a ferita nun è grave! ‘O viri ca nun esce cchiù sangue…! Nun ce sta niente… è pulita!

Velia                   Allora putesse guari’?

Silvana               Ma sì! Vieni, jammucenne ‘a casa; basta vennere, pe’ oggi! Le lavammo ‘a ferita c’ ‘o vino, po’ ce mettimmo ‘a ragnatela, ‘a cenere janca… e po’ tu le cusi ‘a ferita! Guarda ca te dongo l’ago nuovo e ‘o filo ‘e cuttone!

Velia                   (si alza e trascina via Silvana) Allora jammo, che aspietti? Curri! Facimmola guari’ subbeto subbeto!

Silvana               Si, vengo… jammucenne, Mariella! (escono insieme)


Scena settima

(rientrano Viola e Nereo; quest’ultimo con la cesta vuota)

Viola                   Certo che chilli nun pazziavano…

Nereo                  Ma che strana gente! Veneno, accattano e po’ s’annasconnono, comme sì se mettessero appaura ‘e coccosa… eppure me pare tutto a posto…

Viola                   Nun è comme a Roma… e me sape che tenimmo ‘e prezzi troppo vasci!

rientrano silenziosi Agata e Giosuè; ognuno si porta alla sua postazione, come distratti)

Simmaco            (esce con una semplice tunica, rivolgendosi a Agata; con lui escono dei figuranti e si portano sul fondo scena) Si’ tu ‘a femmena che ‘a fatto peccato? Te vuo’ cunfessare ‘o Vescovo tuoio?

Agata                  Io… si, Vescovo… tengo ‘nu peccato gruosso ‘ncopp’ ‘a cuscienza… io… nun aggio acciso, ma aggio aiutato…

Giosuè                Io t’acciro! (gira intorno al banco e corre verso Agata con le mani levate)  

Nereo                  (scatta anche lui e immobilizza Giosuè) Aho’, bello! E fèrmate! Vulissi fa’ male a ‘na femmena vecchia?

Viola                   Nereo, statte accuorto…!

(i figuranti mostrano timore ed escono)

Giosuè                Pe’ Mitra, lassame!

Simmaco            Fratelli, calmatevi! (a Giosuè) Tu che strilli, nun peggiora’ ‘e peccati tuoi! Vieni vicino a me… io nun songo ‘nu tribuno, nun te minaccio… guaglio’, lassalo…

Nereo                  (esegue) Guarda ca io te guardo ‘a luntano… nun ce metto niente… (ritorna da Viola e la tranquillizza)

Agata                  Giosuè… chisto è ‘o mumento ‘e ce leva’ ‘a preta ‘a copp’ ‘o core!

Giosuè                Io nun sento niente! E chello che aggio fatto, ‘o  facesse n’ata vota!

Simmaco            Donna, allora ‘e fatto male a coccheduno?

Roberto               (entra e raggiunge Simmaco)  

Agata                  (indica Giosuè) Chillo ‘a acciso ‘na schiava pecché nun vuleva rinnega’ a Cristo… e io l’aggio aiutato! E nun riesco a levarmela ‘a capa!

Roberto               (sgomento) Gesù aiutaci! V’ata penti’ ‘e chello che ‘ate fatto e fa’ ‘na grossa penitenza!

Simmaco            Povera gente… Roberto, chisti se portano ‘a penitenza ‘ncuollo… venite cu’ me, jammo a prega’ ‘nzieme, ve faccio vede’ comme ve sentite meglio…

Giosuè                (ritorna borbottando al suo banco)

Agata                  Vescovo, è stato ‘nu peccato gruosso… i’ sento comme a ‘nu muro tra me e Dio… io aggio fatto tanti peccati… a Dio ‘o sento sempre cchiù lontano…

Roberto               Vescovo, pure chella mercante e… ‘o cumpagno suoio so’ peccatori! Nun songo spusati e essa è…

Simmaco            Sulo chi è senza peccati po’ mena’ ‘a primma preta, Roberto! Nun maltratta’ ‘a gente, ca po’ sarrai maltrattato ‘a Dio! Forza, vui che vulite fa’ pace c’ ‘o Signore… venite cu’ me int’ ‘a basilica…

Viola                   I’ vengo subito, Vescovo! (a Nereo, allegra) Vieni pure tu… ce facimmo spusa’!

Nereo                  E ‘o bancariello nuosto?

Letizia                 (uscendo dal gruppo dei figuranti) V’ ‘o guardo io! A me, me piace chesta robba!

Nereo                  (minaccioso) Aho, sienti, cosa… coccheduno ce ‘a pruvato a arrubba’… ma nisciuno ‘a scampata… e ‘a pavato tutte cose, cu’ l’interessi!

Letizia                 Puo’ sta’ sicuro, io nun arrobbo… però doppo, pe’ Diana, me regali chisto piezzo ‘e tela!

Agata                  Vescovo, vengo pure io… nun pozzo sta’ cu’ chisto peso… nun ce ‘a faccio cchiù…

Simmaco            Venite da me, vui ca site stanchi e affamati, e io ve ristorerò, dice ‘o Signore… Roberto accumpagname, me serve ‘na mano p’ ‘o matrimonio… (esce con Roberto)

(li seguono Agata e poi Viola e Nereo, abbracciati; alla fine li seguono i figuranti)


Scena ottava

Giosuè                Ma pecché ‘sta gente nun esce ancora?

Letizia                 Bellommo… è overo chello che ‘e ditto? L’hai accisa veramente a chella? Ma… te piace chesta ferza? Me ce faccio ‘nu bello mantesino, che dici? ‘O culore va buono pe’ una ‘e l’età mia? Po’ ce metto ‘na cinta janca, cu’ doie maruzze…o forze… no, ‘e sciuri vanno meglio… m’ ‘e metto pure ‘n capo…

Giosuè                Pe’ Mitra, statte zitta! I’ nun me so’ spusato pe’ nun ave’ femmene int’ ‘e recchie!  Cca’ ‘o fatto è serio! Nisciuno ca vene a accatta’, e ‘e surici miei stanno murenne ‘e famme! Stongo penzanne pure che Agata nun me po’ accusa’… ma ‘o Vescovo sì!

Letizia                 Hai ragione! Si chillo parla ch’ ‘e Tribuni, a isso ‘o sentono, e putesse testimonia’ contro a te!

Giosuè                E’ chesto che stongo penzanne… chillo Vescovo s’adda sta’ zitto… pe’ sempe!

Letizia                 E comme putissi fa’… ‘o vuo’ accidere, forze?

Giosuè                No… l’essa fa’ subbeto, primma ca parla … ma ce sta gente lla’ dinto… nun se po’ fa’!

Letizia                 Allora l’ ‘e scredita’, annanze a tutti quanti!

Giosuè                Si… e saccio chi ‘o po’ fa’! Canosco a uno impurtante… ce vaco a parla’ ‘nu poco… tu guardame ‘e noci, po’ te faccio ‘nu bello regalo… ‘e capito ca vengo subbeto?

Letizia                 Sì, tanto stongo guardanne pure ‘e pezze ‘e tela…

Giosuè                Statte accorta ca sì ‘mbruogli fai ‘na brutta fine… ma tanto cca’ nun vene nisciuno… (esce)

(entra un gruppo di comparse, che inneggiano a Viola e Nereo sposi)

Viola                   (entra al braccio di Nereo) Grazie, grazie… nun tengo ‘o vestito ‘e sposa, ma me sento ‘o stesso comme a ‘na rigina…!

Nereo                  Grazie, gente… l’auguri ce fanno piacere… ma ‘o pranzo ‘e nozze nun l’ammo priparato!

Simmaco            (entra al fianco di Roberto) Cari fratelli, facite buono a da’ l’auguri ‘e sposi, ma fossero meglio l’auguri pe’ essere turnati int’ ‘a chiesa, ricunciliati cu’ Dio! Chisti duie l’anno apprumiso ca nun ‘o lassano cchiù, e pure vui nun v’alluntanate ‘a Cristo, che è sempe l’amico vuostro, pe’ quanti guai e disgrazie ve ponno veni’! Dicitelo pure ‘e figli vuosti… pruvate quanto è bello si tutt’ ‘a famiglia sta ‘n grazia ‘e Dio! E’ overamente ‘o Paraviso ‘n terra, nun guardate a chilli falsi idoli ca ve promettono ricchezza e successo! ‘A pace dint’ ‘o core è l’unica cosa che conta, e chi ‘a prova, ‘o sape buono!

Agata                  (entra) Grazie, Vescovo! I’ me sento comme si fossi nata n’ata vota! Aggio passato ‘e pene ‘e ll’inferno… e ne songo asciuta! Poveri a chilli ca ce capitano doppo muorti… pure si chelli pene nun fossero toste, l’eternità sarria insupportabile!

Roberto               Bella femmena, l’inferno è fuoco vivo, comme ha ditto ‘o Signore Gesù Cristo… ‘e duluri so’ tuosti, e comme!

Nereo                  (andando al suo banco) Allora, paisana! E’ venuto coccheduno?

Letizia                 Nisciuno! Guarda, pure chillo ca venne ‘e noci se n’ è ghiuto a fa’ ‘nu servizio… ma io t’aggio guardato ‘a robba, e tu m’ ‘e da’ ‘nu spiezzo ‘e tela!

Viola                   (andando al suo banco) Fammi vede’ qual’ è ca te piace… (parlano tra loro)

Agata                  (andando al banco di Viola) Aspetta, sposa… comme te chiammi? (parlano tra loro)   

Simmaco            Cari fratelli, pure int’ ‘a vita comune, quanne accattate e vennite, nun ve scurdate ‘e offri’ ogni azione ‘o Signore! Ogni respiro, ogni mumento, penzate che Isso sta a fianco a vuie, e regalatele ‘e gioie e ‘e sufferenze ca ve veneno! Isso ve manna tutte cose, vita, duluri e gioie, pe’ rinfurza’ ‘a fede vosta e pe’ fa’ arripusa’ ogni tanto!


Scena nona

(suoni di tamburello in crescendo; entra da destra Egisto, con due sacerdotesse al fianco in sontuose tuniche con strascico (stesso modello, ma in diverse tonalità di colore), due schiavi che portano ciascuno un catino basso, due musici ed altri figuranti. Le sacerdotesse portano un’anfora ciascuna; nella seconda ci sarà dell’acqua)

Giosuè                (entra dietro il corteo di Egisto e ritorna al suo posto)

Egisto                 (fronteggiando Simmaco) E’ finalmente venuto ‘o mumento ca te dico chello che penzo ‘e te, profeta ‘e chisto nuovo dio inutile e busciardo! Tu nun pierdi occasione pe’ suttomettere  ‘a gente, sulo pe’ arraffa’ denari! Ma oggi ‘e esagerato, cu’ ‘sto rito pe’ tutta Capua! Io te fermerò pe’ sempe!

Simmaco            Tu me puo’ sulo accidere pe’ fermarmi, ma non fermerai Dio!

Roberto               Ma tu chi sì, che te permitti ‘e parla’ accussì ‘o Vescovo?

Egisto                 Fedeli ‘e Mitra, chisto fa finta ca nun sape chi songo io! Te voglio leva’ chesta scusa, sienti: io songo Egisto, oracolo e sommo sacerdote d’ ‘o dio Mitra! ‘A forza soia ‘a sanno tutti quanti, è invincibile, sempe presente e i Misteri suoi songo straordinari! E’ talmente putente che io aggio bisogno ‘e cinche o sei sacerdotesse pe’ soddisfa’ ‘e desideri suoi, quanne trase dint’ ‘a me pe’ parla’ ch’ ‘e fedeli!

Simmaco            Frati miei, penzate che chisto dio è favuzo e crudele! Sulo in Cristo, che ha sufferto senza limiti p’ ‘a salvezza vosta, truvate ‘a speranza d’ ‘a vita eterna, e chi non crere a Isso è cundannato!

Egisto                 E tu, sulo parlanne ‘e speranza futura, lassi chesta gente a campa’ ‘na vita ‘e miserabili, senza nisciuna felicità, senza oracoli, senza nisciuno ca ‘e cura, sempe mortificanno e scamazzanne tutti quanti! Ma io ve faccio vede’ comm’ è ipocrita! Dici, chi ‘a fravecato chesta basilica p’ ‘o dio tuoio e addo’ ‘e pigliato ‘e denari?

Simmaco            L’ordine l’aggio dato io, e ‘e sorde ce l’anno miso tutti i fedeli, p’ ‘a gloria ‘e Sancta Maria Madre di Dio! Chesto ‘o sanno tutti quanti, in città e campagna, e pure ‘nu sacco d’artisti ‘a faticato pe’ senza niente, pure chi ‘a fatto ‘o mosaico int’ ‘a volta!

Egisto                 Tu si’ n’illuso! L’ ‘e fatti fatica’ pe’ niente! Venite cca’, tutti quanti… io ve dongo ‘o sangue d’ ‘o toro justo mo’ sacrificato a Mitra, e ve faccio veni’ forza, salute e ricchezza! Forza, popolo, vieni addo’ me… e tu, sacerdote inutile, guarda chi sceglieranno, tra me e te! Sacerdotesse!

(le sacerdotesse si portano al proscenio, con movenze allusive; i figuranti faranno tutti ala alle due, ed anche Giosuè si porterà vicino a loro)

Simmaco            Fedeli ‘e l’unico Dio, cheste so’ ‘o demonio! Nun ‘e state a senti’!

Egisto                 Statte zitto! Cca’ ce stevamo primma nuie! Pecchè si’ venuto a scucciarci? (a un cenno di Egisto, si avvia la musica) Ancumminciammo ‘o rito!

Silvia                  I’ porto ‘o sanghe ‘e ‘nu vitiello niro

ch’ è stato, poco fa, sacrificato;

‘o tengo cavuro c’ ‘a pelle e c’ ‘o respiro;

si se fa friddo, resterrà quagliato!

Song’ io che sceglio e curo l’animale

‘a quanne nasce, fino a che è maturo;

subito scarto chi se facesse male,

s’adda sacrifica’ sulo chi è puro!

E po’ addimanno ‘a dea Selene ‘n cielo

qual’animale a Mitra è cchiù gradito;

i’ metto ‘ncanne a tutti ‘o poco ‘e velo,

chi resta senza primma, è ‘o preferito!

Chill’animale è ‘o meglio overamente,

e tene ‘o sangue ricco e prufumato!

Vene purtato annanze ‘o dio putente

e dint’ ‘o tempio, subbito scannato!

Rosa                   Io so’ ‘a sacerdotessa d’ ‘a rugiada;

ogni matina ‘a piglio ‘a copp’ ‘e rose;

‘a manna Diana, e ‘a copp’ ‘o cielo care,

quanne Selene sta tutt’annascosa!

‘St’acqua lustrale è pura comme ‘a gemma

e fa fa’ puro ‘o sacrificio ‘o dio.

E’ comm’all’oro pulezzato ‘a fiamma,

proprio accussì ‘o pulezza, l’acqua mia!

E pure vuie, nun v’accustate ‘o rito

si nun tenete pura la perzona!

Primma pigliate l’acqua della vita,

e doppo ‘o sangue, ‘nzieme all’ati doni!

Perciò, venite primma a chesta fonte,

pigliatene ‘nu poco ‘n copp’ ‘a faccia,

e quanne site tutti quanti pronti,

capa acalata e aizate tutti ‘e braccia!

Egisto                 (si porta tra le due sacerdotesse, braccia tese in fuori, come un saluto romano; le sacerdotesse pongono davanti a sè i vasi e lo imitano)

                          Ecco ‘o dio Mitra ca s’ incarna in me!

Stateve zitti e datemi obbedienza!

‘Sto corpo mio, mò tene ‘a rinto ‘o Re

ca da’ ricchezza, forza e la putenza!

Ausanne ‘a voce mia ve parla Mitra:

“Facite o’ rito comme ve cumanno,

comme aggio ditto a chisto mio ministro;

ve faccio fa’ ‘nu masculillo ogni anno!

Po’ ve scurdate ‘a peste e ‘a carestia,

ve dongo dieci vote ‘o semmenato,

nisciuna bestia piglia ‘a malatia,

e quanne vene ‘a guerra, ne scampate!

Annanze a me mettiteve ‘nginocchio!

Si coccheduno ‘e me ne parla male,

e me ricusa o me vo fa’ ‘o maluocchio,

scannatammillo, comm’ ‘a n’animale!”

(le due si pongono su un ginocchio; i due schiavi le raggiungono e si pongono in ginocchio accanto a loro, protendendo i loro contenitori; anche Giosuè si fa avanti e si china, come qualche figurante)

Egisto                 Venite tutti quanti a chisto rito,

vui che ‘sto dio temite e rispettate;

pigliatevi chest’acqua della vita,

venite a me, ca ve purificate!

Rosa                   Chest’acqua addora ‘e rose cunsacrate,

vi farrà degni d’accostarvi ‘o dio,

venite annanze, forza! Che aspettate?

Doppo ve vaccio ‘o poco ‘e cumpagnia!

(la seconda sacerdotessa versa dell’acqua nel vaso dello schiavo vicino che poi egli protende ad Egisto; quest’ultimo, servendosi di un rametto che è già nel vaso, asperge chi gli è vicino; alla fine lo schiavo riprende la sua posizione)

Egisto                 ‘Na goccia ‘e sangue te darrà putenza,

ricchezza e cuntentezza dint’ ‘o core;

‘o dio d’ ‘e cose bone a te ce penza,

e vieni dint’ ‘o tempio, che fai fore?

Silvia                  Venite allora, ‘o dio sarrà contiento,

mo’ site tutti pulezzati e puri;

quanti cchiù simmo, è meglio ‘o godimento,

‘o rito, dint’ ‘o tempio, se fa annuri!

Roberto               Egisto, e tu dici che ‘o Vescovo è lussurioso? Ma ‘e viri a chesti doie… sacerdotesse? Addo’ se so’ ‘mparate a fa’ chesti cose?

Simmaco            Signore Dio, ferma chesta pazzìa, nun permettere che tanta gente vene tentata ‘a satana… Signore, p’ ‘e meriti d’ ‘o Figlio tuoio, accogli ‘sta preghiera! Tu, che ci ‘e salvati dall’avversari, ‘e confuso ‘e nemici nuosti, aiutaci, ‘e forze nostre nun abbastano!

(la prima sacerdotessa sorridendo in modo provocante inclina la sua anfora per versare il sangue nel vaso dello schiavo vicino, e dimostra prima sorpresa, poi paura, nel vedere che non esce nulla)

Silvia                  Putente sacerdote, ‘o sangue è sparito! 

Giosuè                ‘O sangue è scumparzo! ‘O dio Mitra nun è cu’ nuie!

(meraviglia e sgomento generale)

Egisto                 (padroneggiando la situazione) Zitti! Parla l’oracolo d’ ‘o dio Mitra! Isso m’ ‘a subbito spiegato chisto segno meraviglioso! Ce vo’ tutti ‘o tempio suoio, jammo a fa’ ‘nu grande sacrificio nuovo, e ‘o sangue d’ ‘a vittima ‘o pigliate la’! Jammucenne!

(il corteo di Egisto si ricompone ed esce, alcuni figuranti lo seguono; altri figuranti rimangono in scena)

Roberto               Vescovo! ‘O sangue d’ ‘e sacrifici è scumparzo! Chisto è’ ‘nu miraculo! E’ tutto merito vuosto!

Tutti                   (raggiungono Simmaco, gridando al miracolo; Giosuè e Letizia si tengono da parte)

Simmaco            Robe’, che dici? (impone il silenzio) Fedeli del Dio vero, nun state a senti’ a Roberto… io nun aggio fatto niente… è stata ‘a vuluntà ‘e Dio, si chella cerimonia barbara è fernuta malamente! Comme l’aggio pregato pecchè intervenisse, accussì mò ‘o jammo a prega’ int’ ‘a basilica pe’ chelle povere anime… forse Iddio nun aspetta che ‘a preghiera nosta pe’ illuminarle… (esce accompagnato da Roberto e da alcuni figuranti; i mercanti ritornano ai loro posti)


Scena decima

Viola                   Nereo, che jurnata… me so’ stancata proprio… vulessemo truva’ ‘na locanda?

Agata                  Povera spusina! Venite ‘a casa mia… è cca’ annanze, mettite ‘a carretta dint’ ‘o purtone, ‘o spazio ce sta, e ‘o bancariello v’ ‘o guardate d’ ‘a fenesta… io stongo sola… troppo sola cierti vote… me fa’ piacere si venite…

Viola                   Grazie, Agata… Nereo, che dici, a me me piacesse…

Nereo                  Comme vuo’ tu, spusina bella… (a Letizia) tu, femmena… aiutami a carica’ ‘e pezze ‘ncopp’ ‘a carretta, chelle ce l’amma purta’, ‘o bancariello sta buono…

Viola                   Sì… accussì dimane è già muntato… (porge i tessuti a Letizia, che li passa a Nereo, il quale li porta fuori scena, fingendo di caricare il carro)

(mentre si svolge la scena, Giosuè si avvicina a Agata)

Giosuè                Allora, si’ cuntenta? Mò ‘o Vescovo sape tutte cose!

Agata                  Ma io nun ne putevo cchiù… e sulo c’ ‘a cunfessione d’ ‘e peccati uno po’ fa’ pace cu’ Dio… mò stongo in pace c’ ‘a cuscienza mia… me sento comme si fosse liggera, vacante…

Giosuè                E io pe’ causa toia aggio perduto ‘o sacrifico nuovo a Mitra! Forze ‘anno pigliato duje tori… che cosa grande… e io nun ce pozzo i’!

Agata                  Ma va’, chi te tene?

Giosuè                Io canosco ll’arte toia… tu ‘e fa’ ‘nu sortilegio… mò mò!

Agata                  I’ mò aggio fatto pace cu’ Dio! Tu si’ pazzo! Vavattenne!

Giosuè                O fai chello ca te dico o io… acciro ‘a guagliona incinta!

Agata                  Nun puo’ fa’ chesto! E po’, nun te mitte paura d’ ‘o marito?

Giosuè                Hi! Pur’isso è ‘e carne… primma isso, a tradimento… e po’ a essa ‘a scanno, pe’ Mitra… comme aggio fatto poco fa… doppio sacrificio… anzi… so’ tre!

Agata                  Tu si’ ‘nu pazzo! Nun te mietti appaura d’ ‘o giudizio ‘e Dio?

Giosuè                ‘O dio mio se chiamma Mitra, a isso le piace ‘o profumo d’ ‘o sangue… mi farrà turna’ ricco n’ata vota! Allora?

Agata                  Lascia sta’ ‘a sposa… che te serve?

Giosuè                Mi serve che chillo Vescovo nun parla c’ ‘o Pretore…

Agata                  Statte zitto, ‘anno fernuto! Lassa ca c’avviammo, e po’… ce verimmo… e che Dio me perdoni!

Viola                   Allora, Agata… pe’ ‘do se va?

Agata                  Ecco, venite cu’ me… (a Nereo) tu che si’ forte, puorte ‘a carretta… (esce con Viola e Nereo)

Letizia                 (con un pezzo di tessuto in mano) Ehi, v’aspetto dimani… e grazie! (a Giosuè) ‘E visto? Me so’ guaragnata ‘a tela!

Giosuè                Tu putissi guaragna’ ancora, si vulissi…

Letizia                 Vai int’ ‘a chillo vico… ‘o viri? Ce sta ‘a locanda chiena ‘e femmene comme vuo’ tu!

Giosuè                Ma no, che ‘e capito? Chella è Agata che le serve ‘na femmena… vo’ fa’ ‘nu rito ‘e ringraziamento a ‘nu dio suojo… ‘a invitato pure a me… (prendendola per un braccio) jammo, doppo te faccio ‘nu bello regalo…

Letizia                 Io nun saccio canta’! (si divincola ed esce)

Giosuè                Che femmena furtunata! Te si’ sarvata uno piezzo! (esce)

Scena undicesima

Roberto               (entra da sinistra con Simmaco) Vescovo, nun ce stanno cchiù… so’ rimasti sulo ‘e banchi!

Simmaco            Hai ragione, Roberto, ma chi ‘a lassato ‘o banco, nun è luntano!

Giosuè                (entra da destra) Aho’, jatevenne! V’aggio sentuti! Me vulevate arrubba’ ‘e noci, eh?

Simmaco            No, frato mio, nun ce serve niente, tenimmo tutte cose.

Giosuè                Tu si’ ‘o Vescovo, overo? Che sai ‘e me?

Simmaco            Frato mio, io saccio sulo che si’ ‘nu peccatore comme a me, avimmo bisogno tutti e duie d’ ‘a misericordia ‘e Dio!

Roberto               Vescovo, chisto è chillo che ‘a…

Simmaco            (interrompendo) E’ ‘nu povero peccatore, comme a me e a te… Nun serve sape’ ‘ati cose. Si decide ‘e ricorrere ‘o perdono ‘e Dio, sarrà meglio ‘e me. Isso almeno se po’ cunfessa’ subbito… io aggia i’ addo’ Paolino a Nola, e nun è tanto facile!

Giosuè                Allora tu nun sai niente?

Simmaco            Te l’aggio ditto già, frato mio. A me ‘e fatti d’ ‘a terra nun me ‘mportano, a me m’interessano l’anime. E si te cunfiessi ‘e peccati, chello che dici, pe’ me resta segreto, e m’ ‘e porto sotto terra cu’ me.

Giosuè                Nun ce credo!

Roberto               Ma tu creri a Dio?

Giosuè                Io crero a Mitra! Quann’ero giovane m’ ‘a fatto ricco, po’ s’ è scurdato ‘e me…

Simmaco            ‘O dio tuoio nun esiste. Tu stesso ‘e visto e t’ ‘o sienti che nun ce sta…

Agata                  (entra da sinistra) Giosuè! Oh… Vescovo, scusate… stevo aspettanne a chisto…

Giosuè                Ah! E essa che ‘a fatto, neh Vescovo?

Simmaco            E’ ‘na peccatrice comme a me e a te… sulo che l’anima soia mò è pulita, e chello che m’ ‘a ditto io nun ‘o pozzo dicere a nisciuno… fa’ cunto ca me l’aggio scurdato!

Giosuè                Allora si io facessi comme a essa… chello ca dico io nun ‘o puo’ dicere a nisciuno? Manco ‘o Prefetto o ‘o Console?

Roberto               Ma manco si ‘o pigliano ch’ ‘e tenaglie ‘o po’ dicere!

Simmaco            Proprio accussì. Allora, te vuo’ cunfessa’ e fa’ pace cu’ Dio?

Giosuè                E che me da’ ‘a ‘reta chisto Dio?

Simmaco            Te regala l’ammore, ‘a pace dint’ ‘o core e ‘a vita eterna!

Agata                  E’ accussì! Proprio comme te dicevo io!

Giosuè                Ma nun me farrà ricco?

Simmaco            Nuie cristiani simmo chiammati busciardi, eppure dicimmo ‘a verità; scanusciuti, eppure ce sanno tutti quanti; malati, e invece campammo; castigati, ma nun murimmo; afflitti, ma sempe cuntienti; poverielli, ma faciamo ricchi a ‘nu sacco ‘e gente; gente che nun tene niente e invece tenimmo tutte cose!

Giosuè                Io nun saccio che aggia fa’… Mitra ‘o capisco… ormai saccio tutte cose… cca’ ‘essa ‘ncumincia’ ‘a capo, comme si fussi guagliunciello…

Roberto               Vescovo, famme dicere ‘na cosa… Giosuè, pare che tu stai facenne ‘nu piacere a Dio, ma guarda che ‘o piacere t’ ‘o sta facenne Isso! T’ ‘a scevuto, te dà ‘nu poco ‘e luce p’ ‘o vede’… ma comme quann’iri piccirillo e nun capivi niente ‘e che vuleva patete, mò che vuo’ capi? Puo’ sulo da’ ‘na risposta… tieni doie pussibilità…

Simmaco            O dici “sì” e allora se farà festa ‘n Cielo… o te stai comme a mò… e Isso cuntinuerà, c’ ‘a pacienza ca tene sul’isso, a tuzzuliea’ ‘a porta toia, fino a quanne campi… vieni cu’ me, te pozzo spiega’ cocche cosa, e po’ scigli tu… (prende Giosuè al braccio ed escono insieme)

Agata                  Ringraziammo a Dio! Diacono… dimme ‘na cosa… ma fa’ ‘na fattura è peccato, overo?

Roberto               E che m’addimanni a fa’? Tutto chello che nun puo’ dicere ‘a luce d’ ‘o sole, tutto chello che fai annascuso, è peccato! Ma nun te scurda’ che Isso te vere sempe!

Agata                  Ecco… ma si una è custretta… p’evita’, che saccio… che more coccheduno… pure è peccato?

Roberto               E tu chi sì, pe’ dicere che more coccheduno? Si Dio nun vo’, ‘e frecce se sviano, ‘o curtiello se perde, ‘a fune se spezza… nun se po’ fa’ ‘o male penzanne ‘e fa’ bene!

Agata                  Sì, ma… si teneno ‘o curtiello già vicino ‘o cuollo…

Roberto               Comunque ‘o male nun s’adda fa’. T’accireno? E che te levano? Tanto ‘amma muri’, nun sapimmo quanne… e sì fosse chillo ‘o mumento che ‘a vuluto Dio? Nisciuno ‘e nuie è mai sazio ‘e campa’, verimmo sempe ‘nu futuro annanze… ma ‘nu juorno ‘o futuro camminerà pure senza nuie! E tu, nun sapenne niente, vulissi fa’ ‘o giudice?

Agata                  Ma n’ato putesse fa’ male, accirere…

Roberto               So’ fatti suoi. Tu nun fa’ mai ‘o male. Chi ‘essa accirere po’ s’ ‘a vede cu’ Dio. E chi fosse acciso, sarrà ‘nu martire… e va cchiù ampressa ‘n Paraviso. Io pure so’ peccatore, ma campo ogni juorno comme si fosse l’uldimo d’ ‘a vita mia… putesse pure muri’ ‘a n’ato poco, che ne saccio?

Agata                  E’ overo. Grazie… vaco a cucena’ coccosa pe’ chilli dui sposi… comm’ è bello sta’  ‘n pace! (esce)


Scena dodicesima

Rosa                   (entra con un mantello che la copre completamente) Tu, sacerdote…

Roberto               I’ me chiammo Roberto e nun so’ ancora sacerdote… e tu chi si’? Te serve coccosa?

Rosa                   Io t’aggio visto poco fa, quanne ce steva ‘o Vescovo e Egisto… e pure tu ‘e visto a me!

Roberto               Po’ essere… ma si nun te lievi ‘sta cosa ‘a faccia…

Rosa                   Nun m’ ‘a pozzo leva’. Si vene coccheduno… io so’ venuta cca’ sulo pe’ te… nun l’adda sape’ nisciuno!

Roberto               A me nun me piaceno ‘e cose annascoste… ma che vuo’?

Rosa                   I’ aggio bisogno d’aiuto… so’ sola, senza marito e manco figli… dormo dint’ ‘a ‘nu tempio… e tengo sempe famme… e nun faccio niente annascuso… sulo che me metto scuorno!

Roberto               Puverella! Te faccio ave’ ‘nu sacco ‘e grano, va buono?

Rosa                   E che me ne faccio? Nun tengo addo’ stiparlo, nun tengo addo’ cucina’… me l’essa vennere… ma tu ‘o sai ca si’ ‘na femmena se mette a vennere essa sola…

Roberto               Vai ‘o mercato vicino a coccheduno che te po’ aiuta’…

Rosa                   E pecchè ‘o mercato nun ce vieni tu? (si avvicina a Roberto) Dice che ‘e cristiani ‘anna essere bravi c’ ‘a gente… i’ po’… si’ m’aiuti… nun m’ ‘o tengo! Tu dammi ‘o grano… e po’ te faccio vede’… (si scopre la testa e scuote i capelli)  ‘o grano addo’ ‘o tieni?

Roberto               E nun fa’ accussì… mò nun te miette cchiù scuorno?

Rosa                   E nun ce sta nisciuno!

Roberto               ‘O grano sta dint’ ‘a cucina d’ ‘a sagrestia… ma tu ce ‘a fai a purtà ‘nu sacco chino?

Rosa                   Facimmo mità perono! Si no che me porto cu’ chesti braccia? (si scopre le braccia) Guarda… pozzo mai aiza’ ‘nu sacco chino? Si po’ tenissi ‘na carrettella, ‘o mettimmo ‘ncoppa, ‘o jammo a vennere… e turnammo subbeto! ‘O sai addo jammo? Vicino ‘o tempio ‘e Mitra ce stanno chilli che accattano sulo ‘o grano e ‘a frutta…

Roberto               Nun ‘o saccio… ‘essa addimanna’ ‘o Vescovo… chillo ave bisogno ‘e me ogni tanto…

Rosa                   Facimmo subbeto! Chillo mo’ sta dint’ ‘a basilica, è overo? Mentre che ‘o vai truvanne pe’ l’addimanna’, simmo già turnati… io nun pozzo purta’ ‘nu sacco… ma tengo ‘e cosce bone, pozzo correre… (scopre una caviglia e la gamba, con studiata lentezza) che dici… so’ bona a correre?

Roberto               (riprendendo, perplesso) Però facimmo ampressa…

Rosa                   Nun te preoccupa’… i’ saccio a me! Facimmo ampressa ampressa… (prende Roberto per un braccio ed escono a sinistra)


Scena tredicesima

Silvia                  (entrando con soprabito analogo a quello di Rosa) E chillo è fatto! Mitra, damme ‘na mano che a me è capitato ‘o cchiù tuosto!

Giosuè                (entrando di fretta da sinistra) ‘E noci mie! ‘E poveri surici miei… famme vede’… (controlla i sacchetti sul banco) so’ muorti!

Silvia                  Sienti, scusa… sai addo’ sta ‘o Vescovo?

Giosuè                Int’ ‘a basilica… povere bestiulelle mie! Ancumminciammo buono!

Simmaco            (esce rimanendo vicino alle quinte) Frato mio, allora, comme stanno ‘sti suricilli tuoi?

Giosuè                So’ muorti! Povere bestiulelle mie… a dieci sesterzi l’uno… so’ arruvinato! Bello regalo, aggio avuto! E nun aggio vennuto manco ‘e noci…

Simmaco            E mò vulisse dicere che fosse colpa ‘e Dio?

Silvia                  Va’ vicino ‘o Tempio ‘e Mitra… io ne vengo da la’ e aggio visto che stanno accattanne assai…

Giosuè                Overamente? Allora ce vaco… (raccoglie in fretta tutti i suoi materiali ed esce)

Simmaco            Sora mia… comme mai stai accussì ‘ntabarrata? Tieni ‘a lebbra?

Silvia                  No… nun me pozzo fa’ vede… aggia parla’ c’ ‘o Vescovo…

Simmaco            Songo io ‘o Vescovo… dici…

Silvia                  Vescovo… io songo sola, senza marito e manco figli… dormo dint’ ‘a ‘nu tempio… quanne se fanno ‘e sacrifici, ll’ati se vottano, s’ammuinano… io nun ce veco niente, nun me sento niente… aggio sentuto ‘e parla’ ‘e te… e vulevo sape’ si me spiegavi… però io songo femmena… si me vereno cca’…

Simmaco            E allora?

Silvia                  Pecchè nun ce ne jammo ‘a cocche parte cchiù tranquilla… e tu me spieghi tutte cose…

Simmaco            Putimmo i’ dint’ ‘a basilica!

Silvia                  No, e si vene coccheduno ca me cunosce?

Simmaco            Significa che pure tu cunusci a isso… e allora? V’incuntrate dint’ ‘a casa ‘e Dio… ‘a luce d’ ‘ sole, nisciuno te po’ critica’!

Silvia                  Ah… però fa cavuro… è overo? (si scopre la testa e scuote i capelli)  

Simmaco            Che belli capilli! Ah, quanto è grande Dio, che bellezze che ‘a saputo cria’!

Silvia                  Ah, te piaceno ‘e capilli miei?

Simmaco            Me piaceno, comme me piace tutto chello che ‘a criato ‘o Signore… n’aucielluzzo, ‘na spiga ‘e grano, ‘na risatella ‘e ‘nu guaglione…

Silvia                  …’na bella guagliona ca abballa…

Simmaco            Fino a ‘nu certo punto… io ‘e guardo sempe comme si fossero figlie mie… ma io nun voglio parla’ ‘e chesto. Tu m’ ‘e addimannato, e io voglio parla’ ‘e Dio… e d’ ‘o Figlio suoio Gesù.

Silvia                  Ah! Nun teneva figlie femmene? A isso le piacevano… ‘e guagliuni? E tu comm’ ‘a pienzi?

Simmaco            Tu nun sai niente, puverella… e nun sai che ‘o stai jastemmanne… ma Isso te perdunerà… si addimanne scusa.

Silvia                  Uh, io nun voglio ca ‘nu dio s’offende… sienti, sienti… (gli si fa vicino) vulessemo fa’ ‘na bella cosa… ‘nzieme? (si allarga il soprabito, scoprendo il collo)

Simmaco            Bella figliola…

Silvia                  (provocante, allargando ancora di più il soprabito e scoprendo le braccia) Vieni cu’ me, allora…

Simmaco            Bella figliola, dicevo… stai perdenne tiempo, cu’ me! Io songo ‘nnammurato ‘e Dio, l’ammore mio è sulo pe’ Isso e nisciuno me po’ cunvincere a fa’ peccato… (allontanandosi) vavattenne, satana! (esce)

Silvia                  E mò che le dico a Egisto? Chisto nun ne vo’ sape’ proprio… nun le piace niente…

Rosa                   (entra da destra) Ohe’, comm’ è ghiuto?

Silvia                  Niente…! Me pare ‘na preta! E tu?

Rosa                   (sghignazzando) Tutto a posto, ma nun so’ pututa stata fino ‘a fine…! Era paricchio che nun se faceva ‘nu sacrificio accussì speciale! Mitra sarrà stato cuntiento assai!

Silvia                  Cca’ ce vo’ coccosa ‘e cchiù meglio… forze ‘na fattura a morte ‘e ‘na strega ‘e chelli bone… o ‘na bella freccia… quanno esce cca’ fore, e se po’ fa’ pure dint’ ‘a basilica, quanne sta assettato!

Rosa                   Hai ragione… e si tu nun c’ è fatto… è inutile ca provo pure io…

Silvia                  L’amma cogliere ‘e surpresa… cunsigliammoce cu’ Egisto…


Scena quattordicesima

Agata                  (entra e si ferma sul limitare della scena, incerta) Ah! E che ce facite, cca’?

Silvia                  Ohe’, Agata!

Rosa                   E’ Mitra che te manna! Ce serve ll’arte toia!

Agata                  Chell’arte nun ‘a faccio cchiù! Aggio fatto pace cu’ Dio, ‘e Mitra nun ne voglio cchiù senti’ parla’!

Silvia                  (minacciosa) Tu sai che succere a chi rinnega a Mitra… (le alza il mento con un dito) t’ ‘o ricuordi o no?

Rosa                   Fermate Silvia… Agata sta pazzianne… (le abbassa la mano) Agata… stai pazzianne… o ce mettimmo a pazzia’ nuie? T’arricuordi quanto tiempo ce mettimmo, quanne ce vulimmo diverti’?

Agata                  (si sottrae alle due) Mo’ ‘o curtiello nun ‘o tenite! E po’ m’ ‘ata primma acchiappa’… ‘o saccio che site a doie… ma io nun songo cchiù sola… tengo a Dio cu’ me, ca me sta aspettanne dint’ ‘a basilica… (indietreggia, verso sinistra) Salutateme a Mitra!

Egisto                 (entra alle sue spalle, anche lui con un mantello che lo copre completamente, e le cinge il collo con un braccio) Agata… comme stai? E’ ‘nu poco ‘e tiempo che nun te fai vede’ ‘o tempio… che è succieso? Te fussi stancata ‘e Mitra… pure tu?

Silvia                  Fermati, sommo sacerdote… chesta ce serve viva!

Egisto                 Che è succieso… (le leva il braccio dal collo di Agata, ma la mantiene per un braccio; poi si rivolge alle due con tono inquisitorio) …si ce serve chesta strega è pecchè quaccheduno ‘a sbagliato… Silvia!

Silvia                  (si inginocchia davanti a Egisto) Nun è colpa mia! Chillo è peggio ‘e ‘na preta, nun tene niente arò se po’ acchiappa’… te sguiscia a dint’ ‘e mani…

Egisto                 Tu ‘e sbagliato. Sai buono mò che succere…

Silvia                  Damme n’opportunità… pe’ chello che aggio sempe fatto pe’ Mitra!

Egisto                 Nisciuna opportunità! Può sulo fa’ chello che nun ‘e fatto!

Silvia                  Va buono… (si alza; Egisto lascia Agata) Agata!

Agata                  (al centro dei tre, guarda smarrita intorno e non risponde)

Silvia                  Me serve l’arte toia, t’aggio ditto!

Agata                  (smarrita) Che… vuo’?

Silvia                  Voglio’o Vescovo… muorto… mò!

Agata                  E che v’ ‘a fatto?

Rosa                   Nui stevemo tanto buoni… stammo perdenne ‘a gente!

Egisto                 E’ colpa soia! E’ isso che è venuto cca’…

Silvia                  E tu si’ una! A te, te tene fiducia… piglia chisto! (estrae dalla veste un vistoso coltello e glielo porge) E vai!

Agata                  Ma chisto è comme ‘o mio… è chillo che aggio jettato…!

Egisto                 E nun s’è perzo…

Rosa                   Tu ‘o sai ausa’ buono… ‘o Vescovo te tene fiducia, ce vai vicino…

Agata                  E si nun ‘o vulesse fa’?

Egisto                 Allora ‘o faccio ausa’ io a Silvia… ce simmo capiti?

Agata                  (assentisce tristemente) Damme cca’! (prende il coltello ed esce a sinistra)

Egisto                 I’ voglio vede’ Agata che fa. Rosa, vieni appriesso a me, Silvia, fa’ ‘a guardia, avvisace si vene gente…

Silvia                  Va buono… (tra sé) I’ vulevo farle fa’ ‘na fattura, ma accussì facimmo primma…

(Egisto e Rosa escono mostrando cautela nel seguire Agata)


Scena quindicesima

Giosuè                (entra da destra e si dirige a sinistra; ha una piccola incertezza nel vedere Silvia)  

Silvia                  Ohe’, addo’ vai?

Giosuè                Vaco a ringrazia’… Dio! Aggio vennuto tutte cose, pare che so’ turnati ‘e viecchi tiempi…

Silvia                  Ma tu, ‘na vota, nun ghivi addo’ Mitra?

Giosuè                (mentre fa per rispondere, Egisto e Rosa incappucciati entrano ed escono a destra con passo spedito, ignorando Silvia) Valli a capi’…!

Silvia                  (si allontana fin quasi ad uscire)

Simmaco            (entra, con voce flebile) Aiuto, aiutateme…

Giosuè                (accore vicino) Vescovo Simmaco, ce stongo io… ‘o verdummaro! Che è succieso? Ve sentite buono?

Simmaco            (gli prende un braccio) Frato mio… vieni… è succieso coccosa int’ ‘a basilica…! Io stevo a prega’… è trasuta ‘na femmena, s’ è assettata arreta a me… aggio sentuto ca se lamentava ‘nu poco… e po’ è caduta! S’ è tirata ‘na curtellata… quanto sangue!

Giosuè                Currimmo…! (esce con Simmaco a sinistra)

Silvia                  Agata… ‘e sempe tenuto ‘a capa tosta…! Nun ‘e mai vuluto fa’ chello che te dicevo… sempe a capa toia!

Giosuè                (entra da sinistra) Silvia… tu si’ femmena… ce serve aiuto pe’ spuglia’ ‘na puverella… ‘o Vescovo ‘a sta cunfessanne, ma si l’ammerecammo è meglio!

Silvia                  Che tene… chesta femmena?

Giosuè                E’ Agata… forze’a sai pure tu, s’è data ‘na curtellata ‘m pietto… essa sola!

Silvia                  Quanto è trasuto… ‘o curtiello?

Giosuè                Nun ‘o saccio, pare assai… nun ce l’aggio levato, si no more subbeto! Jammo… e movete!

Silvia                  Te pare facile? Io si traso lla’ dento… so’ morta!

Giosuè                Siente… i’ so’ sulo ‘nu verdummaro… nun voglio ‘nzigna’ niente a nisciuno, ma saccio ca ce stanno cierti mumenti che nun s’adda penza’ si cunviene o no… e mò chella ‘ave  bisogno! Là dento nun t’accire nisciuno…! Ce sta sulo essa e ‘o Vescovo, che male te po’ fa, chillo? Vai!

Silvia                  (inizia a muoversi, prima piano, poi a passo normale) Aggio capito che  ‘aggia fa’… mò ce penzo io… (esce)

Giosuè                Chisto Vescovo m’ ‘a ‘nfanfarito a me! I’ stevo tanto buono… mah! ‘E surici so’ muorti… ma ‘e noci l’aggio vennute a buon prezzo… e chella bella femmena s’ ‘è accattato pure ‘o bancariello! Forze chisto Dio nun va truvanne che se vennono l’animali… ma nun ce capisco niente…

Letizia                 (entra, frettolosa) Ohe’, bellommo! Justo a te jevo truvanne… me serve ‘nu panaro ‘e noci!

Giosuè                Justo mò? L’aggio vennute tutte quante poco fa… ‘a casa tengo ‘e cucozze… vulissi chelle?

Letizia                 Ma tu fussi scemo? I’ aggia fa’ ‘o tuortano ch’ ‘e noci…

Giosuè                …e fai pane e cucozze! E’ buono, a me me piace assai…

Letizia                 Ma inzomma, che aggia fa’ p’ ‘ave’ doie noci?

Giosuè                Bella femmena, pe’ mò nun se ne parla… ce sta ‘na femmena che sta murenne dint’ ‘a basilica… s’ è data ‘na curtellata ‘m pietto… va’ a vede’ si pozzo trasì!

Letizia                 E io ‘essa trasì int’ ‘a ‘na basilica… cristiana? E che me dice Magna Mater?

Giosuè                Nun te dice niente… comme nun m’ ‘a ditto niente Mitra a me… anzi, ce aggio pure guaragnato!

Letizia                 Vaco a vede’, ma sulo ‘nu mumento! (uscendo a sinistra)


Scena sedicesima

Giosuè                Hmmm… ce vuleva che parlavo cu’ chesta, pe’ capi’… ce aggio proprio guaragnato… e Mitra nun m’ ‘a mannato a nisciuno pe’ m’accirere… ma allora… fosse overo, ‘o fatto? Fosse che chillo Egisto vuleva sulo ‘e sorde? Cca’ nun m’ ‘anno addimannato niente…

Letizia                 (affacciandosi da sinistra) Ohe’, verdummaro! Vieni cca’, da’ ‘na mano a chisto… Vescovo!

Giosuè                Comme sta ‘a femmena?

Letizia                 ‘E femmene accurtellate so’ doie! E ce sta ‘nu curtiello sulo! (esce)

Simmaco            (entra, con la tunica sporca di rosso) Ohe’, verdummaro… damme ‘na mano, famme appuggia’… aggio bisogno ‘e ‘nu poco d’aria… me gira ‘a capa… quanto sangue!

Giosuè                Vieni cca’… (lo guida al centro) Ma che è succieso?

Simmaco            E’ trasuta ‘na femmena, è caruta vicino a me, sentevo addore ‘e sangue… aggio guardato, e teneva ‘nu curtiello ‘m pietto… aggio chiammato aiuto… è trasuta chell’ata… ‘a luvato ‘o curtiello… io stevo cunfessanne ‘a primma, nun l’aggio data assai retta, aggio sentuto sulo che parlava ‘e Mitra… e po’ ‘a dato ‘nu strillo…! Aggio fernuto c’ ‘a primma e aggio abbiato c’ ‘a siconda che chiagneva… pur’essa c’ ‘o curtiello… l’aggio cunfessata pure a essa… e l’aggio fatto l’estrema unzione…, puverelle, quanto sangue…!

Giosuè                E mò?

Simmaco            E mò stanno ’int’ ‘e mani d’ ‘o Signore. Aggio ditto a chella femmena che sta là d’ ‘e fascia’ strente… vedimmo si ce ‘a fanno… e mò damme ‘na mano…

Giosuè                Che te serve?

Simmaco            Prega cu’ me pe’ l’anima loro, e pe’ tutti quanti… pe’ te e pe’ me! Ce raccumannammo ‘a divina Misericordia!

Giosuè                Ma io nun saccio che aggia fa’, che aggia dicere… pe’ me è tutto nuovo…

Simmaco            Giesù Cristo, quanne s’ è fatto accirere pe’ nuie, ci ‘a regalato tutto isso stesso, comme si fosse stato n’olocausto! ‘E capito? Perciò mò nun fa’ dumande… m’addimanne doppo!

Giosuè                Aggio capito… è comme fosse ‘e nun spezza’ ‘o rito… si no nun avimmo ‘o segno!

Simmaco            Ma che te pienzi ‘e essere? Sicondo te, abbasta ‘na preghiera e Dio se fa vivo… pe’ te, pe’ nuie, comme si ammeritassemo ‘na risposta? Nuie simmo sulo pòvere! Servi inutili! Jammucenne, fa’ cunto che Dio è patete. Comme facivi, quanne vulivi coccosa ‘a isso? Avanti fatte ‘o segno d’ ‘a croce cu’ me… (si segna; Giosuè lo imita goffamente) sienti e ‘mparate! E almeno dici “amen” quanne fernisco!

                          Sia sempe gloria ‘o Pate Onnipotente,

‘o Figlio Salvatore che ci ‘a dato,

‘o Spirito d’ammore, pure Santo,

tre dint’ ‘a uno, eterno e mai criato!

Primma di tutt’ ‘e tiempi era accussì,

nun è cagnato mai, manco ‘nu juorno;

pe’ tutt’ ‘e tiempi resterà accussì,

e accussì sia, pe’ vulontà ‘e l’Eterno!

Giosuè                Nun aggio capito buono… ah, già… “amen!” Cioè ‘e parole l’aggio capite, ma uno… tre… comme po’ essere?

Simmaco            Nun si’ ‘o sulo…, nisciuno ‘a capito chisto mistero, e chi dice che ‘a capito, è busciardo! Nuie simmo sulo pòvere, che ‘amma capi’? Ma tu dillo cu’ sincerità, ca sulo chesto conta…

Ave Maria, donna perfetta,

tu che si’ ‘a grazia fatta perzona,

senza ‘o peccato che Eva facette,

d’ ‘a sposa ‘e Dio è avuto ‘a curona!

Figlia d’ ‘o Pate, mamma d’ ‘o Figlio

e pure sposa d’ ‘o Spirito Santo!

Rispetto a te, nisciuno sta’ meglio,

pe’ ‘na parola ‘o Cielo è cuntiento!

Pe’ tutti quanti si’ beneritta

e beneritto Dio nuosto, Giesù!

‘A che nascette int’ ‘a chella grotta,

Isso t’ ‘e figlio e nun-te lassa cchiù!

Isso te sente pecchè tu si’ ‘a Mamma,

ca perdunasse de juorno e de notte!

Nun simmo buoni, però ce pruvammo;

aiutace pure ‘o mumento d’ ‘a morte!

Giosuè                (incerto) Amen… e mò chelli doie… sò sanate?

Simmaco            Ma allora nun ‘e capito niente! Te pienzi ca Dio è comme a ‘nu cane, ca le basta ‘nu sisco, e vene?


Scena diciassettesima

Letizia                 (entra, mestamente) Comme te chiammi… Vescovo…

Simmaco            (senza girarsi) Comme stanno?

Letizia                 Dincello ‘o Dio tuoio ca l’aiuta, si tene genio… o coccheduno d’ ‘a famiglia jesse a fa’ ‘nu sacrificio a Esculapio… inzomma stanno ‘nguaiate! ‘O sangue l’aggio lavato… ma s’adda abbrucia’ ‘nu poco ‘e zucchero, si no l’addore ‘a copp’ ‘e scannetielli nun se leva!

Simmaco            Grazie, brava femmena… chi sa Roberto che fine ‘a fatto… mò me servesse proprio ‘na mano…

Giosuè                Vescovo… i’ nun saccio niente… ma ‘na mano ‘a pozzo da’… (prende Simmaco sotto braccio ed escono)

Letizia                 Magna Mater aiutace! Io vulevo fa’ ‘o tortano… m’ è passato ‘o genio… povere femmene!

Nereo                  (entra con decisione da destra)  Manco cca’ sta’! (a Letizia) Ohe’… tu si’ chella d’ ‘o piezzo ‘e tela… ‘essi visto chella femmena ca steva cca’… Agata?

Letizia                 Sì che l’aggio vista… sta dint’ ‘a basilica… ma mò è comme si nun ce stesse!

Nereo                  Che dici? Ce sta cocche rito, stanno preganne…?

Letizia                 No… sta murenne… ‘na curtellata!

Nereo                  (chiama verso destra) Viola! L’aggio truvata! (tono normale)  Ma comm’ è succieso? Chi le ‘a dato ‘a curtellata?

Viola                   (entrando) Curtellata? Che è?

Letizia                 (tristemente) Ohe’ sposa… chella femmena… dint’ ‘a basilica… s’ è data ‘na curtellata ‘mpietto…

Viola                   Maronna, aiutala! Nereo, jammo a vede’! (esce a sinistra, seguita da Nereo)

Letizia                 Fèrmate…! Niente…, nun m’ ‘a sentuto… sperammo che ‘o guaglione nun le succere niente… chella basta ‘na ‘mpressione…!

Nereo                  (entra) Io nun ce pozzo sta’… chella è meza spugliata!

Letizia                 Ma ce stanno ‘o Vescovo e ‘o verdummaro…

Nereo                  Sì, ma loro so’ cchiù viecchi e pò stanne preganne luntano… io nun saccio prega’…

Letizia                 Tu che ‘a canusci, ce vulissi i’ tu, ‘o tempio ‘e Esculapio?

Nereo                  Ohe’, i’ sò cristiano, nun ce voglio ave’ a che fa’ cu’ chisto!

Letizia                 Dici che si’ cristiano, e nun sai prega’ ‘o Dio tuoio?

Nereo                  Io nun aggio mai tenuto tiempo… me so’ battezzato pe’ sta’ appriesso a Viola… chella ce tene assai! Ma nun putevo ghi’ ‘e funzioni a Roma… facevo ‘o gladiatore… e me ne so’ scappato!

Letizia                 Ah, mò capisco tutte cose… si t’acchiappavano, te facevano nuovo nuovo!


Scena diciottesima

Raffaella                  (entra da sinistra, con un soprabito lungo e malridotto con un cappuccio che le copre anche la testa; porta un nastrino al collo) Facite ‘a carità…

Letizia                      Uh, e tu che vuo’? Nun tengo manco n’asse, vavattenne!

Nereo                      Tu… si’ cristiana, overo?

Raffaella                  Sì, padro’… famme ‘a carità… tengo famme… me so’ vennuta pure duie rienti… damme dui assi… pe’ ‘na fella ‘e pane…

Nereo                      ‘A zi’, cca’ nun tengo denari… ma si’ tieni famme overamente, veco si’ muglierema te da’ coccosa…

Raffaella                  Arrifrischi l’anime d’ ‘o priatorio…

Viola                        (entra da destra) Nereo! Agata… chella puverella… sta cumbinata male overamente… ‘a ritto che… si more, ce putimmo piglia’ ‘a casa soia!

Nereo                      Allora parla? E’ buono, significa che sta meglio…

Viola                        Pure mammà facette accussì… è ‘a migliorìa d’ ‘a morte… è bianca comm’ ‘o latte… sta fredda comme a che… lla’ dento ce fa pure friddo…

Letizia                      E pecchè nun ‘a purtammo fore? E chell’ata?

Viola                        Si ‘a muvimmo, s’arape ‘a ferita… e chell’ata manco parla… se lamenta sulo ogni tanto…

Raffaella                  Facite ‘a carità… bella signo’…

Nereo                      Ah, Viola, ‘sta puverella dice ca tene famme… tenimmo coccosa?

Viola                        Sì! Pane e furmaggio ‘e pecora! Nereo, vaccilli a piglia’!

Nereo                      E nui, che ce magnammo?

Raffaella                  Sulo ‘nu poco, padro’… sulo ‘nu poco… pe’ ll’anime ca tenite int’ ‘o priatorio…

Nereo                      Vabbuo’! Io vaco! (esce a destra)

Viola                        Puverella… ma tieni ‘a lebbra, ca vai cuperta accussì?

Raffaella                  No, no… sulo ca tengo assai friddo… mò mò me so’ vennuta duie rienti… e chillo se n’ è fiuto senza pava’… ogni tanto me jesce ‘nu poco ‘e sangue… e nun ‘o voglio ca se vede… me metto scuorno!

Letizia                      Puorco, fetente… (si fruga in borsa e prende una moneta)  Tiè… faccio cunto che aggio pavato duie spiezzi ‘e tela!

Nereo                      (rientra, con un sacchetto e lo da’ a Raffaella) Tieni, aggio fatto quatto parti, una a te, una a me… e doie pe’… (fa segno a Viola) e ce stanno pure dieci sesterzi…

Viola                        (sorride a Nereo)

Raffaella                  Grazie padro’, grazie, signo’… stanotte pozzo durmi’… mò vaco dint’ ‘a basilica! So’ sicura che ‘o Vescovo nun me mena fore… l’ata notte pure m’ ‘a fatto sta’… Dio ve benerice, pe’ chello che ‘ate fatto!

Nereo                      Neh… sapisse cocche preghiera… corta, facile da ‘mpara’?

Raffaella                  Padro’… nun fa niente si nun sai ‘e preghiere… chelle t’ ‘e ‘mpari c’ ‘o tiempo… trasi dint’ ‘a basilica, c’ ‘o core ‘mano… e parli cu’ Isso… nun sta’ a penza’ ‘e difetti che tieni, Isso t’ ‘a fatto, e te sape buono!

Nereo                      Ma tu, che dici, quanne vai lla’?

Raffaella                  Io dico: “Signore Giesù Cristo, aggi pietà ‘e me!” Ce sta tutte cose ‘a rinto: ‘o ricunusci comme Dio, te chiammi peccatore, nun stai a tratta’ e te pigli chello che te manna, sulo addimanni pietà p’ ‘ave’ ‘a forza ‘e tira’ annanze e p’ ave’ ‘o perdono suoio.

Letizia                      E chesto abbasta?

Raffaella                  Comme preghiera po’ abbasta’… ma po’ nun v’ata scurda’ ‘e fa’ ‘o bene all’ati… comme avite fatto vuie cu’ me; Isso guarda sulo a chesto, e vo’ bene a chi vo’ bene! Mò… sentite… vulite magna’ cocche cosa cu’ me?

Tutti                        Ma no, ma no, che dici, puverella, magna… addo’ te vuo’ mettere?


Scena Diciannovesima

Simmaco                 (entra) Chelli doie puverelle… so’ morte! Mò finalmente s’arreposano, stanno dint’ ‘e braccia ‘e Cristo!

Nereo                      Io vulesse dicere ‘na preghiera… ma nun me l’aggio mai ‘mparate… nun saccio che putesse fa’, pe’ loro!

Simmaco                 Ormai sulo chesto se po’ fa’. (a Viola) Tu, t’arricuordi cocche cosa?

Viola                        Vescovo, no… io… tengo ‘na ‘mpressione ‘n cuollo… nun m’arricordo niente!

Simmaco                 Me dispiace… ce sta ‘na preghiera che pare fatta apposta… ma si ‘a dico ‘a sulo nun è ‘a stessa cosa…

Raffaella                  Forze pozzo da’ ‘na mano io…

Simmaco                 Tu? E chi si’? Si’ cristiana?

Raffaella                  Io so’ ‘na serva inutile d’ ‘o Signore… (si segna)

(durante la recita della preghiera [ispirata al Salmo n. 129], gli attori ed i figuranti faranno gradatamente corona intorno a Raffella e Simmaco)

                               ‘Sta voce ca ne vene ‘a dint’ ‘a fossa,

voce di chi è cupierto d’ ‘e peccati,

te chiamma forte, santo Crocefisso,

Signore che pe’ me t’anno ammazzato!

Simmaco                 Chesta è ‘a pruvvidenza divina! Signore, grazie! (si segna anche lui)

O Dio putente, sienti chesta voce,

io manco saccio buono che ‘aggia di’;

sultanto tu, pe’ me, si’ muorto ‘n croce,

sultanto tu puo’ sentere e capi’!

Te voglio di’: me pento d’ ‘o passato,

‘e quanne t’aggio dato ‘e schiaffi ‘n faccia!

Me metto scuorno, quanto aggio abusato,

nun me mena’ ‘nt’ ‘o fuoco che m’appiccia!

Raffaella                  L’anima mia confida int’ ‘o Signore

      e spera cu’ fiducia ‘a grazia soia.

So’ asciute ‘e cose vane ‘a dint’ ‘o core

trase ‘o perdono ‘e Dio e, appriesso, ‘a gioia!

Simmaco                 Si tu vulissi giudica’ d’ ‘e fatti,

pe’ tutt’e vote che nun t’aggio amato,

Signore Iddio, e io comme t’appatto?

Penzanne ‘a vita mia, stongo ‘nguaiato!

Ma saccio che ‘o perdono nun sparagni,

ca ce vuo’ bene e che ce vuo’ salva’.

Nisciuno ‘e nuie po’ dicere che è degno,

facce ‘sta grazia, nun ce ne caccia’!

Raffaella                  L’anima mia confida int’ ‘o Signore

      e spera cu’ fiducia ‘a grazia soia.

So’ asciute ‘e cose vane ‘a dint’ ‘o core

trase ‘a misericordia e, appriesso, ‘a gioia!

Simmaco                 L’anima mia t’aspetta int’ ‘a nuttata,

caro e m’aìzo, e porto ‘a croce mia;

po’ arriva ‘o sole e schiara ‘sta jurnata,

nun me lassa’ senza ‘o perdono, Dio!

Nui di peccati ne facimmo tanti,

ma ‘a toia misericordia è assai cchiù grossa;

falla scenne ‘n cuollo a tutti quanti,

perdona pure a chi mò va’ ‘int’ ‘a fossa!

Raffaella                  L’anima mia confida int’ ‘o Signore

      e spera cu’ fiducia ‘a grazia soia.

So’ asciute ‘e cose vane ‘a dint’ ‘o core

ce trase ‘a pace eterna e, appriesso, ‘a gioia!

Simmaco                 (si segna, insieme a Raffaella; gli altri rimangono smarriti) Ohi bella femmena, ma tu aro’ vieni?

Raffaella                  Io ne vango ‘a ‘nu posto luntano, ma nun è ‘a primma vota che ce ‘ncuntrammo. Pure aiere m’ ‘e fatto durmi’ dint’ ‘a basilica, te si’ scurdato?

Simmaco                 Ah, ma io ‘a tengo aperta proprio pe’ chesto… ‘e nuttate songo fredde, cca’! Ce stanno paricchi che veneno a durmi’… e cu’ ‘sto cappuccio ‘n capo, chi t’accunosce!

Viola                        Sì, sì cca’ fa friddo, io auso sempe ‘a cupertella!

Letizia                      Allora se po’ sape’ chi si’?

Raffaella                  Io songo sulo ‘na puverella, che ve penzate… (si scopre la testa) oggi ce stongo e dimane…

Viola                        Ma tu assumigli… tu si’ Sebiba! Nereo, guarda! Chesta è Sebiba!

Raffaella                  (scuote la testa, negativamente) Io nun songo Sebiba. Me fa piacere ca l’avite canusciuta… io songo ‘a sora soja, e ‘a jevo truvanne…

Viola                        Me dispiace, ma… penzo ca nun ‘a truovi cchiù…

Letizia                      Uh, allora è morta, overo?

Simmaco                 E’ viva ‘n Cielo! ‘A semmenta ‘adda muri’ pe’ purta’ frutto… ma chi porta tanto frutto è figlia ‘e Dio e Isso nun s’ ‘e scorda, ‘e figli suoi, e s’ ‘e chiamma ‘n Paraviso!

Raffaella                  Io penzavo ca campava ancora comme schiava, invece è morta… povera sora mia… finalmente libera! Vescovo, tu dici che sta ‘n Paraviso? ‘O core me diceva ca nun ‘a truvavo… però meglio accussì che schiava…

Simmaco                 Io songo sicuro. Si criri a Gesù Cristo, che è venuto pe’ salvarci, nun può dicere che ‘o Paraviso nun ce sta. Po’, sta scritto pure dint’ ‘o Vangelo, quanne Giesù dice: “Chi parla male d’ ‘o Figlio ‘e l’ommo, sarà perdunato; ma chi jastemma ‘o Spirito Santo nun sarrà perdunato, ne’ mò né mai!”([Mt 12:32]) Chesto significa che ce sta ‘nu giudizio e ‘nu perdono… o ‘na cundanna… e allora ce stanno duie posti… e ‘o posto buono ce va chi è stato perdunato! Soreta ‘a fatto tanto bene…

Raffaella                  Allora, Vescovo, dammi ‘a benerizione… po’ me ne vaco… pure si nun saccio cchiù che via aggia piglia’…

Viola                        Sienti… nui ce simmo truvati cu’ ‘na casa grossa proprio cca’… si te vuo’ arrepusa’ primma… cocche juorno… accussì parlammo ‘nu poco ‘e soreta… ‘o ssai, m’arricordo ‘na cosa che cantava essa… forze te facesse piacere d’ ‘a senti’, e po’… me servesse ‘nu poco ‘e aiuto… chisto adda nascere…(si sfiora la pancia finta)

Raffaella                  Si… me stongo ‘nu poco cu’ te… ‘sto posto me piace… pure c’ ‘a basilica vicina… parlammo ‘nu poco ‘e sorema… tanto… aggio fernuto ‘e cammena’… e po’ ‘e guagliuncielli me piaceno…

Viola                        (contenta) Allora è fatta! Te stai cu’ nuie… quanto vuo’… accussì t’arripuosi, stai ‘nu poco sciupatella… te faccio vede’ ca te rimitti… cucino io!

Raffaella                  E allora… meglio accussì, me dispiace che nun ‘a veco… ‘a vulevo cunsula’ ‘nu poco, chi sa quanti duluri ‘a duvuto suppurta’…

Simmaco                 E chi ‘e nuie nun ne tene? Chi è che se po’ dicere cuntiento, ‘n terra? ‘Amma purta’ tutti quanti a croce… però, quanne ‘a pusammo… facimmo festa! Mò a chella puverella ‘e soreta ‘a sta cunzulanne Giesù… e ‘a Maronna! E sta’ sicura, che ‘o fanno meglio ‘e comme putisse fa’ tu… e si’ tu te putisse stanca’, loro nun se fermano mai! Cunsulata e cuntenta pe’ l’eternità! Ringraziammo ‘o Signore pe’ chi è vivo e pe’ chi è muorto…

Giosuè                     (mentre si svolge l’azione seguente, entra con il coltello sacrificale in mano e si ferma sul limitare della scena a guardare alternativamente, incredulo, Raffaella ed il coltello; i figuranti si scosteranno, lasciandolo isolato; nasconderà il coltello sotto un braccio e si avvicinerà a Raffaela per scrutare anche il suo collo).

Letizia                      (si accosta a Giosuè, fingendo indifferenza)

Nereo                      ‘O ringraziamento ‘o Signore… ‘o faccio io!

Viola                        (lo prende sotto braccio, sorridendo) Che ‘e ‘a fa’ tu? A chesto nun si’ buono!

Nereo                      Ma ‘o Signore ‘o pozzo ringrazia’ ‘a manera mia?

Simmaco                 Pure ‘a sincerità è ammore! Quanne se prega tutti ‘nzieme ‘e preghiere s’anna sape’ pe’ forza, ma si stai sulo, può dicere chello che vuo’!

Nereo                      Ah, allora pozzo parla’ pure io! (assume un atteggiamento da orante)

Ringrazio a Dio pecchè tengo la forza,

pecchè so’ sano e bravo int’ ‘e battaglie;

i’ vinco a tutti quanti dint’ ‘a corza,

saccio ausa’ ‘a spada e tengo ‘a cotta ‘e maglia!

‘A morte m’ ‘a sfiurato sulamente,

e Dio ‘a vuluto ca ‘ncuntrassi a Viola;

mò che ’aggio spusata, finalmente,

ringrazio a Dio p’ ‘a bella famigliola!

Viola                        Invece io dico grazie ‘o mio Signore

pecchè me vonno bene tutti quanti;

tengo cocche difetto, sissignore,

me vaco appiccecanne ch’ ‘e mercanti!

Ma mò che chisto figlio sta arrivanne,

n’ata benerizione che aggio avuto,

me piglio tutt’ ‘e croci ca me manna,

pecchè mò tengo pure chi m’aiuta!

Sarraggio cchiù gentile c’ ‘o marito,

c’ ‘a gente nun me metto a quistiona’,

e a chisto ninno bello e sapurito,

appena nasce, ‘o porto a battezza’!

Simmaco                 Brava… bravi a tutt’ ‘e duie! Accussì se parla c’ ‘o Signore! Si facite ‘na preghiera ‘e cheste ‘o juorno, levate ‘a miezo ‘o riavulo tentatore! Mò venite cu’ me dint’ ‘a basilica… aggia abbenericere ‘sta figliola annanze ‘o quadro d’ ‘a Madonna… (esce con Viola, Nereo e Raffaella)


Scena ventesima

Giosuè                     Ma tu ‘e vista a chella? Sicondo te, era ‘nu spirito?

Letizia                      Ma qua’ spirito… se, see… chella ‘a ditto ca s’ è vennuta duie dienti… e teneva famme!

Giosuè                     Mò aggio capito tutte cose, finalmente! Mitra ce l’ave cu’ me pecchè nun aggio fatto buono ‘o servizio! Non saccio comme ‘a fatto… ma chello che aggio ‘ncuminciato ‘o pozzo sempe ferni’…

Letizia                      Ma tu che stai dicenne? ‘E chi parli? Ah! A proposito ‘e famme… tu m’ ‘e dicere ‘na cosa… dice ca te piace pane e cucozza…

Giosuè                     (distratto) Pane e cucozze… si, ma mò tengo che fa… (sbirciando verso le quinte)

Letizia                      Si, ma tu m’ ‘e ditto ca nun si’ spusato! E allora chi t’ ‘o cucina? ‘O fai tu? E ‘o furno ‘o tieni ‘a casa toia? E t’ ‘o magni tu sulo? E quanto tiempo…

Giosuè                     Ohe’, basta! Tu te vuo’ ‘ntrica’ d’ ‘e fatti miei? Io nun t’aggio addimannato niente, perciò…

Letizia                      Male facisti, cumpare mio! Io, ‘e me, te pozzo dicere tutte cose! Songo pulita comm’ ‘all’acqua d’ ‘a surgente e nun tengo niente ‘a annasconnere! Addimanna, che vuo’ sape’? (enumerando) Nun songo spusata, tengo ‘o poco ‘e terra ‘o sole, ‘na casarella ca me lassaie mammema bon’anema, che chella, quanne rimmanette vedova ‘a primma vota, se spusaie cu’ Capa ‘e Pecora ‘o masterascio…

Giosuè                     Mò si nun te stai zitta… t’acciro!

Letizia                      (per nulla intimidita, lo affronta a pugni sui fianchi) Ma tu te pienzi che me mettesse paura ‘e te? Tu vai dicenne che ‘e acciso a chesta, a chella… tu nun sai accirere manco ‘na vallina!

(entrano Nereo, Viola e Raffaella, queste ultime parlando tra loro con voce non udibile)

Giosuè                     (le mostra il coltello) ‘O viri chisto? Pe’ Mitra, t’ ‘o ficco ‘n canne si nun te stai zitta!

Nereo                      (scatta in avanti e immobilizza Giosuè, togliendogli il coltello) E bravo ‘o vicchiariello! Te vulivi ammunna’ ‘e cucozze?

(i figuranti escono, impauriti)

Giosuè                     Pe’ Mitra, damme chisto… io aggio accirere a chella miscredente… te ne approfitti pecchè si’ cchiù giovane, eh?

Simmaco                 (entra) Ma che sta succerenne?

Nereo                      (lascia Giosuè)  Mò chisto m’ ‘o piglio io… me piace! Ma chi vulive accirere?

Giosuè                     (indica Raffaella) Chella schiava… Sebiba… Mitra me s’è arrevutato contro pecchè io nun… l’avevo fatto buono…

Simmaco                 Frato mio… chella Sebiba è morta… chesta è ‘a sora… e vulive accidere a ‘na femmena pe’ ‘nu dio fauzo? E pe’ ave’ doje noci ‘e cchiù? Te si’ scurdato ca ce sta chi è muorto pe’ te, pe’ darti tutt’ ‘o Paraviso?

Raffaella                  Allora tu si’ uno ‘e chilli che ‘a fatto pati’ a sorema?

Viola                        Puverella! (consola Raffaella)

Giosuè                     Sòreta… rinnegava sempe a Mitra pe’… Giesù… l’aggio… l’aggio tagliato ‘o cuollo, sissignore! L’aggio lassata pe’ morta, ma m’ ‘a trovo sempe pe’ ‘nanzi, peggio ‘e primma… è addiventata comme a ‘nu spirito ca me perseguita!

Letizia                      ‘O vi’ ca nun si’ buono a accirere nisciuno…? Tu stai sulo ‘a troppo tiempo… comme a me… a te, te serve ‘nu bastone pe’ t’appuia’, e pure a me, ca so’ anziana… appuoiate ‘n cuollo a me… io po’ te cucino pane e cucozze… te faccio rimettere ‘nu poco…

Simmaco                 E io te pozzo aiuta’ a truva’ ‘a pace che vuo’… a tutt’ ‘e duie…

Letizia                      Sì… ne stongo sentenne troppi, ‘e fatti ca nun me spiego ‘n copp’ ‘a ‘sto Giesù!

Raffaella                  (con voce commossa) Che ‘a ditto sorema quanne ‘a stivi… accerenne?

Giosuè                     (avvicinandosi a Raffaella, alla fine si inginocchia davanti a lei) Nun parlava cu’ me… diceva sulo “Giesù.”. Nun se ribellava manco… purtava ‘a fascia vicino ‘o cuollo comme a te… ce l’aggio levata e… era cuntenta! Teneva l’uocchie apierti e lucenti… brillavano comme l’acqua d’ ‘a notte quanne jesce ‘o sole… sempe a dicere chella parola, senza ‘nu lamiento… po’… s’ è stata zitta… s’ è lassata pe’ terra… ‘na femmena ca steva cu’ me l’ ‘a chiuse chill’uocchie… ancora lucenti… pe’ me era morta… perdoname!

Viola                        (si stringe a Raffaella) Sòreta è ‘na santa martire!

(i figuranti rientrano gradatamente)

Raffaella                  Nun songo io che t’aggia perduna’. Io nun songo nisciuno… Vescovo Simmaco… mò so’ cunvinta ca sorema sta ‘n Paraviso!

Letizia                      (fa rialzare Giosuè) Jammo bello… e tu chesto tenivi ‘n cuorpo? E comm’  ‘e fatto, pe’ tanto tiempo… senza parla’ cu’ nisciuno, senza sfugarte ‘nu poco? (lo porta in disparte)


Scena Ventunesima

(i figuranti e gli altri attori fanno corona a Simmaco e Raffaella)

Simmaco                 Frati miei, oggi ‘a Maronna ce ‘a fatto tanti ‘e chelli grazie, senza che manco l’ammo addimannate! Doie femmene se so’ salvate ‘n punto ‘e morte, ‘na famiglia è trasuta dint’ ‘a grazia ‘e Dio, ‘na povera pellegrina ‘a truvato ‘a pace, doie anime perdute stanno turnanne ‘a casa d’ ‘o Padre… e chi sa quanto ‘ato bene ‘a fatto, e nuie manco ‘o sapimmo! Comme ‘ammo ringraziato a Dio, mò nun ce putimmo scurda’ ‘e Essa…

Nereo                      Zitti! Vescovo… aspetta… ‘o sentite chisto lamento?

Tutti                        Ma che dici, no, no, ma quanne mai…

Nereo                      Io facenne accussì, aggio scampato ‘a morte! (esce con circospezione)

Raffaella                  Vescovo, io ringrazio ‘a Madonna pecchè so’ una d’ ‘e cchiù cuntente…

Maronna benedetta e Madre ‘e Dio,

      Che grande cosa ‘a pace ritruvata!

Mò sta’ cchiù ‘n grazia ‘e Dio l’anema mia,

sora Sebiba, ‘n Cielo aggio truvata!

L’aggio cercata pe’ tanti paisi,

e quanto aggio duvuto cammena’;

mò chesta croce, ca Dio ‘n cuollo m’ ‘a miso,

l’aggio pusata, e pozzo respira’!

Vulevo farle sulo ‘na carezza,

vulevo dicere ‘e stare cchiù serena,

comme a ‘na mamma, vulevo farle ‘a trezza,

vasarla ‘n fronte e di’: “Te voglio bene!”.

Invece mò te prego comme a santa,

e aspetto ‘o juorno justo pe’ veni’;

pe’ te chist’uocchie nun farranno ‘o chianto,

sulo chi crede a Dio me po’ capi’!

Nereo                      (rientra da destra portando Roberto supino sul carretto, con una vistosa ma artigianale fasciatura al collo, macchiata di rosso) Nisciuno ca senteva niente, eh? Vescovo, chisto sta ‘nguaiato!

Simmaco                 Roberto! Ma che t’ è succieso…? (si china su di lui)

Giosuè                     (scostando leggermente la fasciatura) E’ capitato int’ ‘e mani ‘e cocche sacerdote ‘e Mitra…

Nereo                      Ma ‘a tagliato troppo abbascio… o vuleva farlo muri’ lentamente… chilli fetienti… trattato peggio ‘e ‘na bestia!

Simmaco                 Stateve zitti… chisto è ancora vivo, ma nun risponne, nun ‘o pozzo manco cunfessa’…

Viola                        Comme sta janco!

Simmaco                 Zitti… (in ginocchio, al centro del palco)

Maronna mia, ‘sto juorno assai speciale

‘sto puveriello ‘a avuto ‘a mala ciorta,

l’anno scannato comme a n’animale,

già s’ è partita e sta arrivanne ‘a morte!

Maronna mia, ‘sto povero guaglione,

‘nu servo della vigna comme a me,

‘a sempe dimustrato ‘a divuzione,

chello che ‘a fatto, ‘a dedicato a te!

Maronna mia, tu che sai tutte cose,

sai pure ca nun saccio dumanda’,

ce rimettimmo a te, divina rosa,

a Dio piacenne, Roberto po’ campa’!

Maronna mia, tu sai che cosa è meglio;

‘o bene suoio, se sape, è ‘o Paraviso,

pe’ isso tu ‘e sufferto, inzieme ‘o Figlio

ce ‘a aperto ‘a porta Giesù Cristo appiso!

Maronna mia, nun fa’ che chesti pene

non servono p’ ‘o povero Roberto!

Cristo Signore, ca ce vo’ tanto bene,

dincelle che ‘o pigliasse a braccia aperte!

Maronna mia, si po’ nun ‘a fernuto,

ma tene ancora ‘a vigna da cura’,

fancillo arriturnare cu’ salute,

chillo le piace overo ‘e fatica’!

Maronna mia, te dammo gloria e onore,

tu che si ‘a rigina dell’Apostoli,

dincello tu a Cristo Salvatore

ca p’e Roberto facesse ‘nu…

(Roberto si mette a sedere da solo)

Viola                        (indicando Roberto) Miracolo! Miracolo… guardate…!

Letizia                      No, io me faccio cristiana… ‘na cose ‘e cheste nun s’ è mai vista! Giosuè… ‘e visto?

Giosuè                     (trasognato) ‘A stessa cosa adda essere succieso a chella guagliona…, Sebiba!

Nereo                      Ma comme, cu’ ‘na ferita ‘e cheste… ‘o sangue che ‘e lassato p’ ‘a via… e tu te susi? Vescovo…, è ‘nu miraculo!

Tutti                        Miracolo, miracolo! N’ato miracolo! Vescovo Santo! Sì, santo!

Simmaco                 Ma che dicite? Io songo sulo ‘nu povero servo  ‘e Dio… jammo a ringrazia’ ‘a Isso e ‘a Maronna…! Robe’… mò ce aiutammo ‘nzieme a cammena’… (lo prende sottobraccio)

Roberto                    (annuisce; tenendosi la fasciatura) Sì, si… oggi sogno nato n’ata vota!

Giosuè                     Aspettate, Vescovo… chello che ‘ate fatto a chisti duie poco fa… (indica Viola e Nereo e abbraccia Silvana) se putesse fa’ pure pe’ nuie?

Letizia                      (a Giosuè) Ma tu dici overo? Te vuo’ spusa’… a me…? (lo abbraccia)

Simmaco                 Ve vulita spusa’ annanze a Dio? Ma che bella nutizia ca me date… frati miei, oggi è festa, grossa festa ‘n cielo!

Giosuè                     Eh, ce sta poco ‘a fa’! Chisto Dio tuoio è capace pure ‘e svia’ ‘e curtellate…

Simmaco                 Po’ viri che è capace ‘e fa’… te fa senti’ sempe cuntiento, abbasta che le sì amico e ‘o vuo’ bene…

Giosuè                     Po’ essere pure ca… cunvince ‘sta femmena a starse zitta?

Simmaco                 Nun te prioccupa’, quanne vuo’ pace e silenzio, vieni dint’ ‘a basilica… e te ‘nzegno a prega’… anzi, jammo tutti quanti a ringrazia’ Dio e ‘a Maronna, che oggi è ancora ‘a festa soia…

                               (esce salmodiando al braccio di Roberto, seguito da tutti; ad ogni sua invocazione risponderà Roberto con “Prega per noi”, e mano a mano si uniranno nella risposta anche tutti gli altri)

Santa Madre di Dio,

Santa Vergine delle vergini,

Madre di Cristo,

Madre della Chiesa,

Madre della divina grazia,

Madre purissima,

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno