Sior Felice… che cucagna!

Stampa questo copione


Commedia in tre atti

di UMBERTO MORUCCHIO

PERSONAGGI

FELICE TAVAZZA

CAROLINA, sua moglie

                                                 GINA

                      loro figli

                                          ALFREDO     

MATILDE, sorella di Felice

Avv. SBROGLIA IL VECCHIO

ARPALICE, vicina di casa

MICEL

Oggi


ATTO I°

Scena 1^:

CAROLINA - GINA- ALFREDO – MICEL

Carolina starà guardando alla televisione un film commovente = lacrimevole; si sentirà la recitazione; passerà con una pezzuola, lentamente un paio di scarpe con tacchi molto alti: ogni tanto prenderà in mano un fazzoletto con cui di tanto in tanto si asciuga le lacrime; dopo qualche battuta…

Gina (dal di dentro):  Mama, xe pronte le scarpe

Carolina:  Gò quasi finio, amore… (lentamente si accinge a raccogliere le scarpe avendo cura di di non perdere le battute del film)

Alfredo:  Mama, portime i panini

Carolina: Un atimo, tesoro. (Appoggia le scarpe sulla tavola. Va presso una credenza da dove prenderà un pane e un vaso di marmellata che appoggerà pura sulla tavola. Prenderà pure un coltello:  Sempre avendo cura di seguire con estremo interesse la TV.)

Gina:  Mama, ste scarpe… (entrando e infastidita va a spegnere la TV) Uffa... 

Carolina:  No. Sul più belo.

Gina:  Mama. No gò miga tempo da perder. Ale sie gò el provin...  (guardando la scarpa) Ma quale ti me gà preparà... quele col taco da oto centimetri... ma ghe vol quele da dodese...  Xe quele che slancia la figura... (annusando) stà atenta a no patinarmele co la marmellata.     Tuti che me boicota? Dai, dai, portime de là st'altre che vado a finir la borsa (laciando le scarpe sul divano ed esce)... E sta atenta a no far stupidae...

Alfredo:  Mama, che longa, se no magno me vien el slanguor de stomego e stassera gò el turno più longo a scuola e devo esser ben rifornito.

Carolina:  Sì tesoro:  Finivo co' la Gina e po' te preparavo subito un per de panini...

Alfredo:  Dame mi. Fasso mi. Mai che se possa aver un agiuto in sta casa.

Carolina:  Bastava che ti spetassi un pochetin (e va ad una scarpiera ove cercherà le scarpe di Gina) Tanto no ti gà da essere a scuola ale oto...

Alfredo: El mio turno comincia ale oto, ma devo esser là prima per far el passaggio dele consegne. Controlar se tuti gà rispetà i incarichi...  se ghe xe stà tentativi de forzar el pichetagio...  ghe xe tanti de quei crumiri.

Carolina: Ma quando xe che scominssiarè a studiar... 

Alfredo: Prima gà da esser ciari i programmi de studio che gà da esser finallizzai a farne trovar un posto de lavoro dopo la scuola...  e questo dipende dal Ministro... E per costringerlo a dar disposission ciare, noialtri scioperemo.

Micel: Xè permesso.

Carolina. Avanti Micel.

Micel: Sò che la Gina gà un apuntamento importante, che la ghe tien e volevo acompagnarla...

Carolina: Adesso la xe drio finir de prepararse e po' la gà da star concentrata.

Micel: Mi volevo esserghe viçin col mio apogio.

Carolina: Ma no ti dovaressi esser drio a lavorar, Micel.

Micel: Sì signora. A proposito me sò permesso de portarghe un picolo omagio. (consegna una bottiglia di digetivo)

Carolina: Che gentile, un digestivo. In sta casa lo bevemo sempre volentieri.

Micel: Mio zio, el paron dela distilleria, dove che lavoro, el me lassà molta discression: Basta che sia agiornà coi conti e puntual nele scadenze e lu el me dà la massima libertà e ancuo volevo essere viçin ala Gina.

Carolina: Sò che ti gà una simpatia, ma xe megio che sta volta ti la lassi perder; la xe molto nevrastenica.

Micel: Volevo solo augurarle: in boca al lupo.

Carolina: Lassemo far ala providenza: se sono rose fioriranno. Va a lavorar, intanto.

Micel: (con riluttanza) La me la saluda. (Esce)

Scena II^:

CAROLINA - ALFREDO - FELICE - MATILDE

Entra Felice contrariato con un pallone leggero in mano. Sarà con Matilde

Felice:  Bondì Micel. Vusto che te lo diga, Tilde ...  Se trovo quelo che m'ha messonome Felice... lo copo...

Matilde: Ma dai; Xe robe che pol suceder...

Felice: Ti te inarcorsarà co' mia muger

Carolina:  Xe qua el menagramo.

Felice: Gò avuo un incidente.

Carolina: Ti xe el solito, mona.

Felice: (a Matilde con gesto di conferma) Questo xe el saludo. I me gà dà la multa.

Carolina:  E anca per ancuo gavemo ciapà la giornada.

Felice:  Ma lassa che te spiega...

Carolina:  Ma cossa vustu spiegar:  Deficiente, ti xe

Felice:  Gero drio arivar a casa. Fasso per attraversar el campo e sento sigar verso de mi:  palla... palla...  me giro e vedo dei fioi che xe drio sogar al balon e li gaveva butà el balon dala mia parte:  Mi, al momento, vedendo sta bala, fasso cussì, come se fa de solito do tre palleggi per rilanciarla ai fioi, ma sti nati de cani, co' la cola de l'ocio li vede in lontananza avicinarse un vigile e via che i scampa come fulmini:  mi che gero impegnà nei me esercizi per no far cascar el balon no lo vedo. Quelo se me aviçina el me dixe:  Lei, che fa? Niente, facevo due "tocchi" per restituire la palla ai bambini. Quali bambini? Questi che me vardo intorno, no ghe gera nissun... sparii... me so trovà solo col balon in man. Non sà che per salvaguardare l'incolumità dei passanti, é proibito giocare al pallone nei campi.  Due tiretti innocui. Paga subito o inoltro la pratica al Comando...  No, no, pago subito che dopo no ghe sia complicassion... 10 euro. No i xe gnanca tanti ma per esser sinceri al momento no li gò, ma s'el me speta vado fin casa, abito a do passi, e gheli porto ...  No, facciamo così. Mi dia il suo indirizzo...   e ghelo gò dà...  finisco il mio giro di ispezione e passo io per casa sua. Bene capo, facciamo così e lo go saludà. E adesso speto ch'el ariva.

Carolina:  E xe robe che ghe pol capitar soltanto a un insemenio come ti. E po' no ti gavevi in scarsela gnanca 10 euro.

Felice. (ironico) Ti sa. No xe prudente viagiar col contante:  Mi pago in assegni.

Alfredo:  (uscendo verso la sua camera) Pezo dei barboni.

Matilde: Me despiase perchè se arivavo prima podevo anticiparteli mi

Felice: Ma xe robe semplici. Adesso el vien, ghe demo i dieze euro e tutto xe finio.

Carolina: Xe tuto semplice par lu. Perché ghe n'avemo tanti, butemo via cussì i schei. Ma possibile che no ti sii bon de far altro che dani. Cressi un fiantin. E questo saria el compagno dela to vita. A posto semo.

Scena III^:

FELICE e MATILDE

Felice: Sempre cussì. La spua velen. No digo de aver ragion ma la ciapa tuto co' astio.

Matilde: Cossa vusto. Co' se vive tanti ani assieme a una persona se xe portai a considerarlo una consuetudine e no se ghe dà l'importanza ch'el se merita. Mi me consolo d'aver vissuo intensamente co' mio mario perchè el xè morto cussì giovaneche no gavevco fato tempo a abituarme.

Felice: Ma quà xe pezo. No xe question de importanza. Xe che la xe ofensiva e no la me considera. Co' i fioi la xe docile...  servissievole... mi, la me vede solo per criticarme.

Matilde: E ti ti sta zito.

Felice: Co' provo a parlar la me sotera e po' a và in leto.

Matilde: Quelo xe sempre un posto complice... se ti la sa ciapar... qualcossa de positivo nasse...

Felice: (sconsolato con ampi gesti di rassegnazione) Ma se i vol farme Presidente de l'Associassion "Marii in bianco"

Matilde: Esagerato!

Felice: Ma no, che la xe cussì. Fra mi e ela no ghe xe più nessun contato: nè verbale, nè fisico... quelo sessual po' xe fermo ala nascita dei fioi.

Matilde: Mi capisso che fra mario e muger no' dovaria intervenir ma me despiase vederte cussì triste, sfiducià.

Felice: E tuto xè a causa dei schei. La pension xe quelo che la xè e sinceramente la xè pocheta...  trovar altro lavoro xè difiçile data la me età anca perchè i va in çerca de giovani.

Matilde: Conta su de mi. Mi, nela vita, no gò altro scopo che voialtri. Se xè necessario, non aver pudor. Anca se, i fioi, per esempio; xe giusto che i studia, ma in certi periodi i dovaria darse da far e pensar lori a sodisfar i so picoli bisogni... quà, a Venezia ghe xe tante possibilità de lavori saltuari

Felice: Eh sì, lori gà altre ambission e inveçe de ciaparghene i ghe ne spende. Anca la Gina la xe una spesa continua... sta atenta. Varda quà (cerca in contenitore di indumenti da stirare) quà ghe xè la roba da stirar...  daghe un'ociada (estrae un perizoma) questo xè el so futuro...

Matilde: Ah! Perchè cossa vorla far da granda...?

Felice: La velina! La fa tute le selession de veline, letterine, ocarine. Bisogna entrar nel mondo del spetacolo dove ghe xè schei tanti e subito. Adesso la frequenta una suola de danza...  E zo schei a rota de colo: ancuo el perizoma: sto indumento el se ciama cussì, doman el scarpe col taco altissimo, le piture, rosseti... 

Matilde: Faghe capir ch' el xè un mondo postisso, dove bisogna aver i apogi… giusti e anca se la va ben, la xe una gloria che dura poco perchè ghe sarà sempre del fie più giovani, più bele, più ambissiose.

Felice: E te par che no ghe b diga. Ma taca so mare a serarme subito la boca. El voria sacrificar sò fia e lu ala television cossa vardilo, stò sporcacion de vecio, le ciape dele altre.

Matilde: E ti gira canal.

Felice: Ma se i xe tuti precisi.

Matilde: Certo no xe un bel esempio che i genitori sia in disacordo.

Felice: Me sento solo. Me sò fato una famegia per condivider cò la muger e i fioi progeti, aspetative e, inveçe, me ritrovo estraneo a casa mia; in mezo a zente che dovaria esser el mio vero mondo e che se inveçe sparisse i diria:  un intrigo de manco!

Matilde: Felice, no sa', ti me fa fà venir el late ai calcagni. Sasto cossa che te digo: che la colpa xè tua!

Felice: Mia?

Matilde: Certo! Perchè ti xe tropo rassegnà. Intanto ti devi dirghe a to muger de non esser ofensiva: deficente, insemenio, xè espressioni poco riguardose verso le proprio compagno, specialmente in presenza dei fioi. El tacuin tienlo ti; metighe qualche veto ale so pretese: se la situassion xè critica, la deve essere per tuti. E po' costruissite una vita più tua, personalissada, quasi segreta:  dove valo? Cossa falo? Stimola la so curiosità.

Felice: Ma no gò temperamento...

Matilde: Co' chi zelo? Perchè tute le sere, a una çerta ora, belo o bruto tempo, el va via; ch'el gabia qualche interesse afetivo?

Felice: Ma ti te imagini se la Carolina pol essere gelosa de mi.

Matilde: Se ti ghe mostri che ti xè determinà, qualche sospeto lo pol aver: ti devi far intender che ti fa, non façendo niente.

Felice: Un' astussia riabilitativa.

Matilde: Alta la cresta! Fora i bargigli! Questo deve esser el to moto! Peto in fora e no star rançignà che ti par el canton dele disgrassie.

Felice: Ma ormai xè tardi...

Matilde: Diventa galo, tira fora i to atributi; se no ti vol che i te trata da capon, bon solo par far el brodo.

Felice: Proveremo.

Matilde: Adesso vado a far un gireto per dele commission. Dopo torno perchè vogio dirghe do parolete anca a Carolina. E me racomando, ricordite deli atributi del galo: in alto la cresta... 

Felice: Fora i bargigli.

Matilde: Bravo. (ed esce)

Scena IV^:

FELICE - CAROLINA - GINA – ALFREDO

Felice: (tra sé  imitando le posizionature del gallo) Mi devo esser el galo. E tenir in soggession la galina e i pulisini.

Carolina: (entrando dopo Gina e vedendo Felice che parla) Come i mati: el parla da solo.

Gina: (Alterata) Vado: E no ste meterme premura: co gò finio torno subito a casa.

Carolina: Sì, tesoro.

Gina: (c.s.) E no ste a ciamarme col cellulare, ch'el xe serà.

Felice: Fane saver…

Gina:  con sfogo) Ma no sta a romperme...   (Esce)

Felice: Go dito do parole: fane saver... no credo de aver offeso nissuni.

Carolina: No ti gà un minimo de sensibilità.

Alfredo: (entrando) Vado a far la note. Gò le ciave.

Felice: Ti te gà dà al volontariato.

Alfredo: parcossa xe ch'el parla.

Felice: Perché, in casa mia, dovaria domandar el permesso.

Alfredo: (stizzito) Mamaaa… (esce)

Felice: Ma xe un insulto domandarghe ai me fioi cossa che che i fa.

Carolina: No ti sà che i studenti gà ocupà la scuola e i mantien deli turni de vigilanza 24 ore su 24 e a Alfredo ancuo ghe toca de note.

Felice: Se no me lo dixè. Mi credo ch'el studia.

Carolina: Ma xe prprio per migliorar la qualità delo studio che i fà ste dimostrassion.

Felice: E intanto no li studia.

Carolina: Sentirte parlar ti xe come esser tornai al medioevo. (esce)

Scena V^:

FELICE - ARPALICE - CAROLINA

Felice: El primo contatto col pollaio, nol xè stà dei più entusiasmanti. Alta la cresta, fora i bargigli. Bisogna che comincia a becar anca mi.

Arpalice: (timidamente) Buona sera, signor Gavazza.

Felice (prendendo una posizione naturale) Signora… Buona sera. (Chiude la porta) Stavo sgranghendomi perché ero rimasto seduto in una posizione... un po’... ransignata.

Arpalice: Scusi l'invadenza. Ho visto la porta aperta e mi son fatta coraggio.

Felice: E la ga fato ben, signora. Sa come dice il detto: la mia casa é aperta al sole, agli ospiti e...  (allusivo) agli amici.

Arpalice: Troppo gentile.

Felice: Posso esserle utile in qualcosa.

Arpalice: Sì, infatti, é per questo che mi sono permessa. Avrei bisogno di un favore.

Felice: Lo consideri già fatto.

Arpalice: Dovrei recuperare della documentazione che mio marito conservava nei colti alti della libreria. Dopo tanti anni vorrei vedere cosa contengono. Io ho provato una volta.Ma salita sul primo gradino... cosi, in posizione precaria, non ce l'ho fatta a salire di più. Purtroppo soffro di vertigini.

Felice: Quando vuole faccio un salto di sù.

Arpalice: Dieci minuti e non di più.

Felice: Gavemo fato anca la rima.

Arpalice: Era appunto questo che le chiedevo.

Felice: Prego, signora. A proposito, fà lo stesso se parlo in dialeto. Sò stà sempre abituà a usarlo, fin da putelo.

Arpalice: Anzi. Me fa piasser anca a mi.

Felice: Me par de esser più spontaneo.

Arpalice: Infatti, il dialetto dà più calore al discorso. (vigorosamente e appassionatamente stringe le mani di Felice)

Felice: (Intenzionale) Già. Crea l'atmosfera.

Arpalice: (schernendosi) Xe stà a causa de mio mario, che essendo foresto, nol capiva el venessian, per cui me sò abituà a parlar in lingua. Ma ogni tanto una parola in dialetto ghe la sgnaccavo anca a lu. E lu se divertiva. (dicendo questo si commuove)

Felice:  Gera tanto tempo che volevo avicinarla, essendo coinquilini...  dopo la morte de so' mario; ma avevo…            (Entra Carolina) ...   gavevimo un qualche riguardo  ne pareva de importunarla... la gera cussì raccolta nel so dolor... la xè stada una tragedia...  (la vedova piange) Quanto tempo sarà? ... un ano, do ani?... 

Arpalice:  Cinque ani.

Felice:  (meravigliato) Caspita...  Cinque ani...? Come che passa el tempo... 

Arpalice:  Apena cinque ani.

Felice: Apena ...  roba recente...  par de aver ancora el morto in casa... E si che nol gaveva dà mai segni de soferenza... Me par de vederlo ancora quando ogni matina l'afrontava la giornada co' spavalderia scendendo co' passo sicuro le scale...  Bongiorno (con sicurezza) el me diseva... co' quela sicuressa che pareva ch'el vinçesse tute le dificoltà dela zornada

Arpalice: E adesso sento intorno a mi el gelo… (brivido)

Carolina: Come che la capisso…

Arpalice:... un vodo incolmabile… (brivido)

Carolina:  Perché la gaveva vissin un omo vero. Intraprendente. Co' un negossio che par un Centro Comercial.   

Arpalice: La mia vita xè restada priva de sentimenti.   (brivido)

Carolina: El mio xe tuto risorse amorose... 

Arpalice. Un omo unico...  (brivido)

Carolina El mio, signora, xè la nullità in persona…

Arpalice: ... insostituibile... (brivido)

Carolina: El mio, ch'el ghe sia o che no'l ghe sia, xé la stessa roba.

Arpalice: No la sia cussì severa. L'omo xè sempre un sostegno... una sicuressa. (brivido)

Carolina:  Ma la vol meter la diferenza. El suo, poareto, anca da morto, el ghe gà lassà una bela casa, un'attività commercial coi fiochi, ma el mio? ... che da vivo, nol me procura gnanca i schei per magnar...

Arpalice:  Che perdita, che gò avuo. (si dimena come a seguito di brividi)

Felice:  Signora, cossa gala? La me impressiona...

Carolina:  Cossa vusto che la gabia? Un brivido de fredo.

Arpalice: No:  Xè el spasmo.

Felice: Anca quelo la gà.

Arpalice: Xè colpa dei nervi. Un fremito interno che me scuote tuta. El pensier ricorrente de mio mario me provoca dele scariche eletriche nervose che me và su e zo per la schiena...

Felice:  Vedo che la se alza... la se senta... 

Arpalice: Anca adesso, el ricordo prolungato de mio mario...  me gà provocà el spasmo.    Xè incontrollabile.

Felice:  Podemo far qualcossa...

Carolina:  No sta far el casoto… adesso ghe passerà.

Arpalice: Gò bisogno...  solo...   de calor...   In ste ocasion mio mario me spalmava un unguento analgesico su le spale el me massagiava la schiena a longo...  pian pianin...   co' delicatessa...   l'unguento se assorbiva e el dolor spariva... 

Carolina:  Ma qua, anca volendola agiutar, no gavemo l'unguento...

Vedova:  Vado a casa… e provarò, come el solito, ad avvolgendome in una sciarpa de lana.

Carolina: Agiuta la signora. Acompagnila a casa.

Felice: Acompagnila ti, cussì ti podaressi farghe una fregagion sula schiena.

Carolina: No, mi no posso, gò da spetar mia fia che xe al provin. Agiutila ti. Faghe ti la fregagion.

Arpalice: Ma, signora, no posso permeter sta confidenza e po' no la gelosa.

Carolina: De mio mario? Ma no la me fassa rider. Ma se el xè el prototipo dei invertebrati. La se lo porta pur via, ghe lo lasso tuto.

Felice: L'acompagno mi, cussì ghe darò un'ociada a quel lavoreto dela biblioteca.

(escono Felice e Arpalice)

Scena VI^:

CAROLINA – SBROGLIA

Suona il campanello esterno. Carolina apre la porta e chiede:

Carolina: Chi xè?

Sbroglia (da fuori) Signora, una notifica

Carolina:  Oh, madona. Questo xè el vigile per la multa del balon.

Sbroglia:  Permesso

Carolina:  Avanti. Avanti. Lu xè vegnuo per la multa.

Sbroglia:  Quale multa?

Carolina:  Per la marachella di mio mario ch'el zogava in campo.

Sbroglia:  Quale campo?

Carolina:  Lu, nol xè del Municipio?

Sbroglia:  Quale Municipio?

Carolina:  El me scusa. Lu, chi xelo?

Sbroglia:  Avvocato Carmelo Sbroglia.

Carolina:  Un avocato. Un altra disgrazia.

Sbroglia:  Non precipitiamo...

Carolina:  E alora cossa vorlo?

Sbroglia:  Vorrei parlare personalmente col signor Felice Tavazza...

Carolina:  Adesso el xè fora. Ma s'el vol parlar co' mi. Io sono sua moglie.

Sbroglia:  Sono cose strettamente personali.

Carolina:  E mi so la so metà...

Sbroglia:  Io devo parlare con… l'intero.

Carolina:  Oh, Dio,. Qualcossa de mal

Sbroglia:  Dipende dalla decisione del signor Tavazza.

Carolina:  Ghe lo vado a ciamar. El se comoda, avocato. (Sbroglia si siede e sfascia la sedia) La carega più bona che gavevimo.

Sbroglia: Signora, mi aiuti ad alzarmi.

Carolina: (Tenterà, senza successo, di alzarlo prendendolo sotto le ascelle) Aspetti un momento. (Tornerà con una scopa che userà per far leva sotto il sedere di Sbroglia)

Sbroglia: Signora, non spinga troppo con quel manico per dietro.

Carolina: Xè inutile.

Sbroglia: Non perdiamo altro tempo: Il tempo è denaro. Aspettiamo il ritorno di suo marito. Intanto, si accomodi vicino a me che vorrei farle alcune domande...  .propedeutiche.

Carolina:  Basta che no le sia robe sporche.

Sbroglia:  Lei, signora è la moglie di Felice Tavazza.

Carolina:  Da vintiçinque ani. Gavemo fato anca le nosse d'argento.

Sbroglia:  Figli?

Carolina:  Due. Maschio e femmina. La femena la gavemo avuo quasi subito. El maschio...  ehm, ghe gavemo pensà sora. Ma so molto contenta.

Sbroglia:  Lo so. Allevare oggi i figli comporta tanti sacrifici.

Carolina:  El ghe lo diga a mio mario, che nol ga visto la megio ora per andar in pension.

Sbroglia:  Perché suo marito è pensionato?

Carolina:  Purtoppo. Co' una pension da fame. Co'l lavorava el ciapava ben. El gaveva le percentuali sule vendite. Ma dopo la fabrica se gà butà su la confezion dei abiti confezionati e cussì no i gà avuo più bisogno de lu.

Sbroglia:  Ma quale professione esercitava, il signor Tavazza?

Carolina:  Era rappresentante in stoffe. Forniva vari negozi di abigliamento e anche privatamente tanti clienti, specialmente done, che gli ordinavano le novità dell'ano.

Sbroglia:  Sempre qui a Venezia?

Carolina:  No. In tutto el Veneto e anca oltre. Era rappresentante di una famosa ditta tessile del Vicentino. E oltre ai negozi el seguiva alcune signore, gente facoltosa, piena de schei, che se fidava dei so consigli. "Siamo nelle sue mani" le diseva...  e per nualtri tutto fasseva brodo.

Sbroglia:  Ma lei non era gelosa?

Carolina:  Ah,ah. Avocato, se vede che nol conosse mio mario. El ritrato della nullità.

Senza megola, dessavio.

Sbroglia:  Ma quelle signore, si fidavano.

Carolina:  Perché no le doveva viverghe assieme.

Sbroglia:  Insomma, era spesso fuori sede.

Carolina:  Mi credo che fusse più el tempo che'el stava in giro che quelo ch'el stava a

casa.

Sbroglia:  Capisco

Carolina:  Eco quà, mio mario. Sto signor gà bisogno de parlarte.

Scena VII^:

SBROGLIA - FELICE

Felice:  Buongiorno.

(Carolina si trattiene ma dopo uno sguardo con l'avvocato che le ricorda di andarsene, se ne esce sussiegosa - Sbroglia sarà rimasto seduto)

Sbroglia:  Lei è il signor Gavazza.

Felice:  Da 58 anni.

Sbroglia:  Felice?

Felice:  Compatibilmente co' i tempi che core...

Sbroglia:  Nato a Venezia...

Felice:  Sissignor... ed ivi residente.

Sbroglia:  Melo Sbroglia.

Felice:  Cossa?

Sbroglia:  Melo Sbroglia.

Felice:  Gò capio. Ma se no'l me dise cossa che gò da sbrogliar.

Sbroglia (risentito-sottolinendo a mo' di spiegazione) Io sono l'avocato Car... melo Sbroglia.

Felice:  El me scusa gavevo frainteso. I avocati me mete un fià de patema... 

Sbroglia:  Veniamo al busillis.

Felice:  Xe un'altra parola col dopio senso.

Sbroglia:  Veniamo al dunque.

Felice:  Xe megio.

Sbroglia:  Lei capirà le ragioni della mia riservatezza se le dico che sono il legale della signora (pausa) Natalina Smor... ga:  (Dopo un attimo per controllare la reazione di Felice) Dirò anzi della (sottolineando) povera signora Nataliana Smor... ga. In quanto cinque giorni fa, a Verona, la signora si rese improvvisamente... de cuius.

Felice:  (che non ha capito il termine) No se gà mai oci abastanza.

Sbroglia:  Tre giorni fa abbiamo celebrato i funerali e l'annuncio a parenti e conoscenti l'abbiamo fatto, per espressa volontà della defunta, oggi... post mortem.

Felice:  Avocato me despiase tanto per la signora, ma più de un requiem eterna no posso dirghe.

Sbroglia:  (con allusione) Natalina Smor... ga.

Felice:  (ripete il Smorga con lo stesso suono)

Sbroglia:  E' passato molto tempo ma devo ravvisare che la sua memoria non si dimostra particolarmente... ehm, ehm, felice, se nel momento in cui le annuncio il decesso della sunnominata signora, lei non mostra il minimo turbamento.

Felice:  Capisso che se trata de un trapasso, ma chi xela sta signora?

Sbroglia:  (meravigliato) E lo chiede a me?

Felice:  E a chi vorlo che ghelo chieda, visto che sta signora mi no la gò mai vista né conossua.

Sbroglia:  Eppure, dalla documentazione in atti, lei, la signora l'ha conosciuta, molto... (con intenzione) ma molto... bene.

Felice:  Mi?!?!

Sbroglia:  Dove, non so ; per molto o poco tempo, non so ; se in pubblico o in incognito, non so ; con un nome vero o falso, non so ; quello che so è che lei l'ha conosciuta molto, ma molto ... intimamente.

Felice:  La Smor... ga.

Sbroglia:  Sì. Posso anche precisarle che il fatto risale al 1982.

Felice:  L'anno che gavemo vinto i mondiali.

Sbroglia:  Precisamente Agosto del 1982.

Felice:  Gerimo tuti contenti per la vitoria e cussì gavemo dito:  perché no festeggemo e alora:  via cola Smorga. Avocato ma questa xe pura fantasia.

Sbroglia:  Capisco la sua reticenza.Il pudore del capo famiglia Ma...  homo sum...  lei rappresentante di stoffe... lontano da casa per tanto tempo...  oggi qui, domani là... un albergo oggi, domani un altro...  avventure fugaci e indolori... 

Felice:  Avocato, dopo una giornada de lavoro, no vedevo l'ora de destirar le gambe.

Sbroglia:  D'altra parte anche la signora era sola, carattere indipendente e libero, oggi si direbbe "single", aveva la passione di viaggiare in treno, un giorno le linee ferroviarie si incrociano, si uniscono due momentanee solitudini e nasce l'avventura...  

Felice:  Avocato. Xe come ch'el parlasse de un'altra persona.

Sbroglia:  E' lei, signor Tavazza. E' lei. Capisco che ormai sono passati vent'anni. Qualche particolare possa sfuggire. Che forse altre prede saranno cadute nella sua trappola, ma dimenticare una donna che si è donata con passione e generosità, mi sembra un po' esagerato.

Felice:  Avocato, no capisso più gnente. Ma in sostanza... ammesso che ghe sia stà... e no so come...   qualcossa ai so tempi, che rapporto gogio ancuo co' la signora Smor... ga?

Sbroglia:  Il fatto è che se tanta gente dimentica, a volte troppo facilmente, una intimità affettuosa, ce ne sono altri che la ricordano per tutta la vita. Non che alla signora Smor... ga le occasioni mancassero:  (con partecipazione evidente) era bella, prestante, uno sguardo magnetico, le labbra procaci...  

Felice:  Avocato el se calma, che oramai la xe morta...

Sbroglia: (ricomponendosi) Ma era strana. .carattere originale, cappriccioso con comportamenti eccessivi. E solo considerando queste caratteristiche, si può spiegare il passo che ha potuto fare. Felice:  La se gà copà Sbroglia:  No.

Felice:  E alora:  Venimo al sodo.

Sbroglia:  Ha lasciato lei, signor Felice Tavazza, erede universale.

Felice:  (rantola) Ahhhh

Sbroglia:  Erede universale.

Felice:  (rantolando) ... Universale...   avocato, per favor, no scherzemo.

Sbroglia:  Non scherzo. E' la verità. Come d'altronde può constatare lei stesso. (Estrae dalla busta il testamento e glielo legge. Felice segue sillabando le parole) "L'anno ecc. ecc. io, Natalina Smor... ga, sana, di corpo e di mente, priva di successori diretti o indiretti, nomino erede universale dei miei beni, con facoltà di disporne come meglio crede, il signor Felice Tavazza di Venezia in ricordo indelebile e riconoscente di quello che egli è stato nella mia vita, nell'indimenticabile agosto del 1982.

Felice:  (stordito) Erede universale… Xe proprio scritto Felice Tavazza... Nol gavarà miga leto mal.

Sbroglia:  Felice Tavazza... con due zeta. (Ripone il foglio) e poiché dalle mie ricerche anagrafiche, svolte di persona da me medesimo presso l'Ufficio Anagrafe del Comune, risulta che a Venezia non c'è che un Tavazza - lei - resta confermato il fatto che l'erede unico e inequivocabile è lei. (Con tono allusivo) Si ricorda, adesso?

Felice:  Pensando ben… me par de riveder la so figura... slanciata.

Sbroglia:  Non superava il metro e sessanta.

Felice (imbarazzato) Giusta per mi:  Difati go dito slanciata, perché la gera esile, ben proporzionada...  ma no alta, no... no... perché la me rivava qua. Anzi me ricordo che quando se andava a far do passi, la ciapavo confidenzialmente col brasso sula spale ... cussì.

Sbroglia:  Vedrà che se ci pensa bene, rimettendo al loro posto tutti i tasselli, si ricorderà anche di momenti molto più...  interessanti.

Felice:  E cussì mi erediterò tutto.

Sbroglia:  Prima però bisogna fare l'accertamento.

Felice:  De cossa. Sul testamento sò definio erede universale.

Sbroglia:  Ma ora bisogna definire la consistenza effettiva dei beni. Il testamento è perfetto. Bizzarro ma perfetto. Scritto e sottoscritto, sei anni fa, nella villa di S. Remo.

Felice:  Che fa parte del testamento.

Sbroglia:  Faceva. Fu venduta per sanare un'immensa perdita al Casinò, a seguito della quale, non sopportando le pettegole insinuazioni della popolazione, la signora si ritirò nella casa di Desenzano.

Felice:  Quella, invece, c'é.

Sbroglia:  C'era. Stravagante com'era. Forse per espiare la precedente colpa, ne fece donazione gratuita alle suore della Carità Perpetua che la destinarono ad un ricovero di anziani bisognosi.

Felice:  Anima generosa. Ma la gavarà avuo do muri dove dormir.

Sbroglia:  Si.Una mansarda a Verona, dove in questi giorni è spirata.

Felice:  E quela gera sua.

Sbroglia:  Certamente.

Felice: Manco mal.

Sbroglia: Ma gravata di ipoteche per il suo valore totale. Ed è giusto che che io l'avverta che la sostanza della signora Smor... ga era un tempo piuttosto considerevole; ma poi per la cattiva amministrazione del mio predecessore, ovviamente, e un po' per le stravaganti bizzarie della signora si è via via ridotta...  assottigliata       rarefatta, e non vorrei che al momento dell'accertamento della consistenza patrimoniale, l'eredità si fosse volatilizzata.

Felice:  Avocato, lu podaria far el necroforo; el dà le notizie dele disgrazie con un certo tatto, con una certa grazia...

Sbroglia:  Comunque tutto dipende dall'accertamento, che si farà tra una settimana e sarò ben lieto se il risultato sarà per lei soddisfacente.

Felice:  Vedelo come ch'el parla ben. Ma nol podeva dirmelo a risultato acquisito.

Sbroglia:  Come esecutore testamentario il mio dovere era di avvertirla subito. Ad ogni modo, in caso di accertamento sfavorevole, lei ha sempre il diritto il diritto di rinunciare.

Felice:  Possibile che la signora Smor... ga se gabia ricordà de tuti fora che de mi.

Sbroglia:  Lei fa bene a sperare... Spes, ultima dea...  ma viste le premesse... Conto di darle notizie al più presto. Per quanto riguarda la sua signora si regoli come crede. La saluto.

Felice:  Avocato, sono nelle sue mani.

L'avvocato esce.

Scena VIII^:

FELICE – CAROLINA

Felice:  Che situazion. Dirghe tuto a Carolina co' delicatessa, in maniera che no la confonda. "Ti vedi, Carolina, tanti ani fa, cò fasevo el rapresentante, un giorno gò incontrà una signora. Adesso la xe morta e la me gà lassà erede." Una robeta suta , suta ; do parole e basta:  la xè morta e la me ga lassà erede...  E se po' no ghe xe gnanca un scheo? La me dixe sempre che no fasso altro che dani. No, no, mi no ghe digo gnente.

Carolina:  (entra avendo ascoltato il discorso) Porçeo.

Felice:  (imbarazzato) Carolina, bisogna che te spiega.

Carolina:  (in crescendo nevrotico) Chi xela sta Smorga...

Felice:  Una signora...

Carolina:  Cossa ti gà fato co' la Smorga.

Felice:  Ma se no lo so che la sia...

Carolina:  Poareto. Che matada ti gà fato in quel indimenticabile agosto, che la se lo ricorda dopo vinti ani...

Felice:  Ma cossa xela:  una scenata de gelosia.

Carolina:  Gelosa? Ma no farme rider. Co quel muso da ebete. Ti gavarà volesto far el bulo. Aver l'aventura... Chissa quanti bezzi che la te gà magnà. E nualtri a patir spetando i schei che no rivava... Irresponsabile.

Felice:  Carolina...

Carolina:  Ma no ti sà che el mondo xe pien de ste signore...  signore:  che le vede el pampe e co' do tre mignognole i lo fa cascar, e...  i lo nomina erede in modo che, colpio nell'amor proprio, el ghe paga i debiti per no farse maledir dai creditori.

Felice:  La xe pura fantasia...

Carolina:  Zito sa ! No parlar ! Pensa a l'ofesa che ti gà portà a la mia reputazion de muger. Ti xe indegno de praticarme. Da ancuo xe come che no ti ghe fussi.

Felice:  Perché fin adesso ti me gà considerà una presenza importante…

Carolina:  Tasi ! !Blasfemo. E no me tocar.

Felice:  (fa cenni dimostrando di non fare alcuna azione)

Carolina: E da subito camere separae. No te mando fora de casa per no alimentar le ciacole de la zente. El to leto sarà quel divano. Per lavarte e stirarte va da chi che ti vol. Va da to sorela. (Verso Matilde che sarà entrata). Per el magnar rangite. Ma su de mi ti pol meter una croze. Morta ! Come la to amiga Smorga. (esce)

Felice:  Robe da mati ! E questo xe el primo atto del testamento.

Scena IX^:

FELICE e MATILDE

Matilde: Solita musica.

Felice: No, no, ghe xè una novità: Gò eredità.

Matilde: E da chi?

Felice: Una signora che gnanca no conosso.

Matilde: E per questo, Carolina te mete in castigo...

Felice: Sì. Perché par che co' mi sta signora gabià avuo dele aventure amorose.

Matilde: Par? Ma ti dove ti geri?

Felice: Ma te assicuro che no la conosso. Xè vegnuo adesso un avocato a notificarme l'eredità: El me gà dito el nome, Natalina Smorga; el m'ha dito che el fato risale al 1982, ma se ti me domandi se la gera alta o bassa, mora o bruna, grassa o magra, mi no so dirtelo, perchè mi no la gò mai vista.

Matilde: Fiol d'un chin de Felice. Chissà quante che ti ghe ne gavevi, per desmentegarte la Smorga.

Felice: Matilde, te prego, no scherzar. Mi gò avuo raporti solo co' me muger. In questo so' un mario modelo. Matilde: Ma sta eredità xela sostansiosa?

Felice: E chi lo sà? L'avocato dixe che ghe pol esser tanto come gnente: Bisogna ch'el verifica. L'unico fato certo xè che mia muger, me gà messo in quarantena. Matilde: Ti vedarà che el xè un ategiamento emotivo; una novità che la gà sorpresa; passà qualche giorno ghe passarà tuto.

Felice: No, ti no ti la conossi. Anca questo ghe servirà per aumentar el so dispresso verso de mi. E mi sò che no gò fato gnente.

Matilde: E se ti ciapassi la bala al balzo e aprofitar de sta situassion per el to riscatto... 

Felice: No capisso.

Matilde: El discorso che fassevimo prima. Ti non smentir le aparenze. Mantien un
silensio prudente del tipo: mi no digo gnente, ma pol esser. Ela ghe pensa: El gà
preferio un'altra dona a mi. E sta roba ghe brusa. La te farà qualche scenata. E ti
austero e silensioso. Ti vedarà che la cominciarà a pensarghe e...   recuperar, un fiantin
ala volta ,qualche considerassion de ti come omo.

Felice: Cossa che me piasaria aver conossuo sta Smorga.

Matilde: Ma ti ti la gà conossua. Ricordite del galo: In alto la cresta… e fora i bargigli.

Felice: I famosi atributi del galo. Speremo cha la Natalina me gabia lassà qualcossa, se no mia muger el galo prima lo spena e pò' lo mete al forno... co' tuti i so atributi.

FINE DEL 1° ATTO


ATTO II°

Scena I^:

FELICE - GINA – ALFREDO

Felice dorme sul divano, sarà coperto interamente da un plaid e coperta. Entra Gina con abbigliamento succinto e inserirà un CD su un lettore e comincerà a ballare con mosse adeguate. Il volume sarà immediatamente alto e al rumore Felice si sveglierà con un sussulto.

Felice: Oh Dio. Chi xe. (Vedendo Gina) Ti ti xe. Sbassa sto volume. (Gina non gli bada). Ti me fà venir el mal de testa. Sbassa sto volume. (c.s.) (Felice si alza, sarà in boxer e corpetto, e va a chiudere l'apparecchio) Aahhhh…

Gina: Ti me lassi lavorar.

Felice: No ti vedi che dormivo.

Gina: E alora? Devo badar ai to comodi. (riaccende)

Felice: No ti podevi star in camera tua?

Gina: Ghe xè la mama che la fà el leto. No la xe miga una scansafadighe come ti.

Felice: Vedo che ti, ti te fa in quatro per darghe una man.

Gina: Proprio adesso che sò stada fata idonea al corso de danza. Anzi, devo darghe soto. (Riprende a ballare con più forza). E po' xè le oto; ora de alzarze.

Felice: (spegnendo il lettore) Senti, signorina. Gò dito basta. Questa stanza xe deventada el mio regno visto che sò stà esilià dal talamo coniugale (raccoglie il disco dal lettore) e sicome devo far dele cosete mie personali, ciapa el to disco e va a sonartelo dove che ti vol.

Gina: Questa ti me la pagarà.

Felice: Senti giovanota, porta rispeto a to pare. Sò sta bon fin adesso perchè pensavo che cressendo gavaressi maturà; ma sicome vedo che ti insisti nela to aroganza, la prossima volta che ti parli in quela maniera te dago un stramuson cussì forte che te fasso ingiotir tute le parole.

Gina: Provite.

Felice: (la gira ele dà un sculaccione) E questo xe l'assagio.

Gina: El me ga messo le man adosso...

Felice: Tanto per incominciar…

Gina: Mi te denuncio.

Felice: Fa quelo che ti vol, ma te averto che se no ti cambi musica verso to pare, te ne dago cussì tanti de sculassoni, da farte el da drio incandescente.

Gina: Ti usi la forza bruta, ma no cederò. Mamaaaa… (esce)

Felice: (massaggiandosi il polso) Ostrega che mal. Vol dir che ghe lo godà belo fisso. E po' so zo de alenamento. Qualche sculason ogni tanto fa ben anca ala circolazione articolare.

Entra Alfredo che senza salutare va verso la sua camera.

Felice: Bonzorno.

Alfredo: Cossa ti vol.

Felice: Intanto saludarte e domandarte come che la xe andada.

Alfredo: Afari mii.

Felice: E anca mii, visto che ti xe sul mio libro paga.

Alfredo: Ti gà volesto meterme al mondo, e adesso mantieme.

Felice: Conosso el mio dover, ma questo no xè un albergo dove se và, se vien senza nessuna regola; tuto xe pronto, parecià, senza fadiga.

Alfredo: Alora dovaria esser al mama a lamentarse.

Felice: E mi sò so mario e parlo per ela.

Alfredo: Ma no sta farme rider...

Felice: ...  e po' so el capo famegia e go dirito de saver come va le cosse a casa mia.

Alfredo: Papà basta...  Ti gà dormio mal stanote.

Felice: Sò abastanza svegio per capir che el to primo dover xè studiar e no de far i scioperi per studiar el manco possibile.

Alfredo: Discorsi da vecio insemenio.

Felice: A ti no posso darte sculassoni ma se noti te meti in linea, ciamo i carabinieri.

Alfredo: Anca ti. Ma xe un vizio.

Felice: Perchè? chi xe che i gà ciamai.

Alfredo: El Preside. Vedendo che el sciopero andava per le longhe el gà ciamà i carabinieri. Aprofitando che de note semo pochi i xe capitai in tanti: i ne gà intima qualche reato: invasione arbitraria di ufficio, interruzione di pubblico servizio, adunata sediziosa, ocupazione abusiva; i ne gà ciapa a peso morto e perchè gavemo fato un fià de resistenza i ne gà intimà resistenza a pubblico ufficiale e i ne gà condoto fora de la porta; i gà serà i canceli e i xe drio presidiar la scuola.

Felice: Purtropo, a volte che vol le maniere forte per portar l'ordine.

Alfredo: Ma se i crede che la sia finia. Cominçiemo da subito a riorganizzar le forze.

Felice: Ancuo e doman ti starà a casa e ti recuperarà qualche materia.

Alfredo: Gnanca se ti me tien co' le calene.

Felice: Quà ti sta. Ti xe minorene e ti fa quelo che digo mi.

Alfredo: Sennò?

Felice: Ciamo i carabinieri.

Alfredo: Basta.

(Alfredo esce sbuffando)

Scena II^:

FELICE – MATILDE

Felice: Tregua dopo la bataglia: Adesso penso un fià a mi: La barba me la fasso dal barbier. El xe mio amigo e par un fià el me fà credito. Pensemo ale braghe. (Tira fuori un asse, un ferro, prende i pataloni e finchè il ferro si scalda suona il campanello e poi entra Matilde)

Felice: Chi xè?

Matilde: Sò mi. Ma la xe maniera de ricever la gente: Va ben che sò to sorela. Ma se entrasse un estraneo?

Felice: El se coverzirà i oci.

Matilde: Te gò portà dele camise stirae.

Felice: No so come ringraziarte. Se no te gavesse ti.

Matilde: E te gò portà anca un regalo.

Felice: Che lussi. No xe miga la me nascita.

Matilde: No. Ma xe el momento de la to ressuressione! Varda. Sto quadro gera nel studio de Carlo, mio mario: un galo maestoso. I ghe lo gà regalà i so dipendenti come simbolo dela so capacità de comandar. El deve deventar la to imagine. Soto quela cresta fiera e co' queli bargigli sostansiosi, ti devi vederte ti. Nei momenti de scoramento, vardilo. E ciapa la forza per esser sempre el capo dela situassion.

Felice: Te ringrassio per la fiducia, ma intanto metemolo quà e vedarò de esporlo co' la dovuta prudenza.

Matilde: Le xe ancora inrabiada da l'altro giorno.

Felice: La m'ha mandà fora dala camera, perchè el talamo xè stà profanà. No la vol gnanca che se incontremo. E cussì me toca a rangiarme come che posso.

Matilde: E tuto per quela dona.

Felice: Gavesse almanco fato qualcossa che me consolaria col ricordo, ma no so gnanca che muso che la gabia

Matilde: Chiunque la sia, poareta, la gà agio a fin de ben

Felice: Me par proprio de no, visto che quel testamento xe una dichiarassion de adulterio bela e bona,

Matilde: E l'avocato te gà dà più notissie?

Felice: Macchè. Ma mi so bon anca de no spetarle. Quasi, quasi, fasso la mia bela rinuncia e bona note. Adesso me vesto e vado dal tabacher a tor una carta bolata.

Matilde: Ma prima de sentir i acertamenti de l'avocato...

Felice: L'avocato xè sta ciaro. L'altra sera el me gà parlà co' sincerità: una villa venduta, un'altra regalada, un terza ipotecada... le sostanze...   volatilizzate: Ghe xè poco da star alegri. (Vedendo i pataloni che bruciano) Oh Dio, un'altra de bona: Gò el cervelo in acqua.

Matilde: Metite un altro per...

Felice: Ma se ghe negò do peri in tuto e l'altro per gà un buso cussì sul fondelo che la gà da meterme un tacon.

Matilde: Varda, ti xè anca fortunà. La brusada xè nela parte alta dele braghe. Ti lassi fora la camisa e no se vede gnente.

Felice: Co' se dise fortuna. Magari camino col peto in fora, la camisa coverze de più el da drio e assumo un'aria più importante.

Matilde: Felice, stà calmo. Ti vedarà che tuto se sistemarà.

Felice: Mi rinuncio e so solevà da qualsiasi preocupassion.

Matilde: Ma saria più prudente aspetar. Ghe xè sempre tempo de tirarse indio.

Felice: (che nel frattempo si sarà vestito e riporrà lo stirabiancheria) Intanto vado afarme la barba e dopo passo per el tabacher.

Matilde: Vusto che prova a dirghe do parolete a Carolina per farghe capir de no esser cussì tragica.

Felice: Se ti gà el coragio.

Matilde: Ti no starte rassegnar. Lassa che passa sto momento. Pol esser che intervegna qualcossa de imprevisto a far cambiar la situassion: Ma ti ti devi reagir con dignità. In alto la cresta…

Felice: Cossa ti vol che tira fora… i bargigli che, anca prima, che gò afrontà tuti do i me fioi, çercando de farghe capir le mie ragion, gò dovesto questionar.

Matilde: Bon segno: Se gavè questionà, vol dir che ti no ti te gà ritirà. Insisti, che la costanza dà sempre boni fruti.

Felice: Speremo. (Felice batte i piedi)

Matilde: Cossa ti fà?

Felice: Xè un acordo: Ghe fasso capir co' la segnaletica pedestre che l'aversario se alontana.

Matilde: manco mal che la vogia de sogar vo xe restada.

Felice. No, no xe ina roba seria. Se la vien de quà e la me trova, la me tira drio tuto quelo che la gà in man. Mi vado. In boca al lupo  

(Felice esce)

Scena III^:

MATILDE - CAROLINA

Carolina: (entrando e facendo un gesto di ritrarsi) Ah, ti ti xè, gavevo paura che quel fetente me gavesse ingannà.

Matilde. No, poarin, el xè stà coreto. El gà fato el segnal e dopo el xè andà via.

Carolina: Difendilo, anca, dopo che el gà sprofondà la so casa nella più vergognosa sporcizia morale.

Matilde: Ma se el me gà ripetuo ghe quela dona no la conosse gnanca.

Carolina: No sta miga a difenderlo sa. Verzimo, piutosto, le finestre che vada fora el tanfo e entra aria sana.

Matilde: Cerca de ragionar Carolina...

Carolina: Tilde, se ti vol che andemo d'acordo, metemoghe un piera sora a quel'omo. Convivemo, a forza, nela stessa casa per no infangar ancora de più la famegia, ma lu... defunto, come ch'el fusse già sototera.

Matilde: Mama mia Carolina. E te par ch'el sia un bel viver. Considerarlo morto co lu che te gira par casa.

Carolina: Questa xè la croxe ch'el me gà procurà.

Matilde: Lassime parlar çinque minuti. No stà agredirme. Cerchemo de trovar el bandolo giusto dela matassa.

Carolina: Per mi la situassion xè bela ciara e neta.

Matilde: Scoltime. Mi credo che i vostri raporti soffra de stanchessa. Xe quel logorio natural a cui xe sotoposto tante volte el matrimonio. Mam man che passa i ani, se xè abituai a veder quela persona come una roba scontada, quasi insignificante. Solo quando che la manca, se se rende conto del vodo che la lassa. E mi ghe ne so qualcossa.

Carolina: Xè proprio vero: el matrimonio xè la tomba dell'amore.

Matilde: Dipende dala volontà dei coniugi. Nel caso vostro po': co' lu che per tanti ani el gà avuo un lavoro che lo gà portà fora de casa, ve se abituai a far senza l'un de l'altra. Gavevi manco possibilità de curar quei momenti particolari de afeto che contribuisse a tenir viva un'union. E da quando ch'el xè in pension, inveçe de recuperar el tempo perso, ve sé  ostinai a ignorarve, insistendo sui difeti: Adesso no so de chi che sia colpa; se dela debolessa de Felice che el xè tropo remissivo, che el dovaria sostener co' più forza le so idee, anca in contrasto coi altri, a esser più presente, insoma; o tue che, conossendo el so carattere, inveçe de smover la so intraprendenza, a interessarlo de più, anca nei to confronti, ti lo ignori ancora de più, avendo oci solo per i fioi, estromettendolo de fato dala vostra quotidianità.

Carolina: E la presenza de quela sciagurata.

Matilde: Amesso che la ghe sia.

Carolina: La ghe xé, la ghe xé. (fremendo) Agosto 1982.

Matilde: No xé dito. Ghe importanza gà adesso la presenza de una dona de cui lu no se ricordava l'esistenza. Pol esser stada la scapatella de un omo solo, giovane, impossibilitato, per ragioni di lavoro, di assaporare l'affetto coniugale, co' una dona particolarmente caritatevole. E po', andemo, se no fusse venua fora la questione del testamento, a sta ora no ghe ne parlaressimo gnanca.

Carolina: Ma visto che la xe vegnua fora, me sento offesa; no gò stomego de farme tocar da un omo come lu.

Matilde: Xe umano che ti gabi el giusto risentimento de dignità. Ma çerca, almanco, de rispetarlo; gò sentio geri dele parole che ti ghe gà dito che me gà fato dispiasser. Ricordite che lu te vol ben. El te gà pur scelto come so compagna. Impissa el fogo che xe dentro de lu. Xè nualtre done che gavemo in man el cerin; basta inpissarlo che la benzina che lu ga, ciapa fogo.

Carolina: Ma fra noialtri no ghe xe nessuna intesa; el xe un assente. Cossa vusto ch'el gabia benzina; al massimo, el gà do steccheti de pagia, che se consuma in do secondi.

Matilde: Pol darse che se ti ti cambi registro; se el vede una dona diversa, più atenta ai so bisogni, el se ricorda de esser masc-io.

Carolina: Ma se el xe zero assoluto. La mia preoccupassion xe de darghe tuto el mio afetto ai fioi. Anca la Gina xe in un momento importante dela so cariera: la xe stada amessa ala scuola de danza de Evelyn…

Matilde: Giusto. Ma tien presente che co' i deventarà grandi e i andarà ognuno per la so strada, resterè voialtri do, soli, ritornarè sposeti come co' gavé comincià e saria bruto viver el resto dela vita in eterna barufa.

Carolina; Ti parli ben, ti, ma per agiustar sto raporto, credo ghe voria un miracolo.

(suona il campanello)

Matilde. Sento che vien gente. Te lasso. Me racomando: dovemo giustar sto matrimonio.

Carolina: Sì. Co'l vinavil.    

(Matilde esce)

Scena IV^:

CAROLINA- SBROGLIA

Sbroglia: Permesso.

Carolina: Avanti, avocato.

Sbroglia: Lei, mi conosce.

Carolina: Eh, dal buso dela... ser… (indicando la porta - riprendendosi) Mio mario m’ha riferito che sarebbe tornato un avocato.

Sbroglia: Il signor Tavazza?

Carolina: Mio marito é fuori; ma può dire a me: mio marito mi ha informato.

Sbroglia: Suo marito...   l'ha informata?

Carolina: Pelo per pelo.

Sbroglia: Bene: Allora lei s'immagina perché sono qui.

Carolina: Certamente. Lei ci ha portato le dolenti note delle passività.

Sbroglia: Naturalmente. Da buon liquidatore ho portato anche quella.

Carolina: Bravo. Ma el pol far anca de manco de dirmele perchè quà no se paga: primo perchè soldi no ghe ne xè e secondo perchè, anca se ghe ne fusse, sia lu che quela baldracca, da viva, de quela signora i pol andar a domandargheli a qualche altro fesso che no sia mio mario. So stada ciara?

Sbroglia: Chiarissima, signora. Mi scusi, ma il suo impeto così esuberante é solo distruttivo perchè quì non c'é niente da pagare; anzi le dirò che, diversamente dai primi accertamenti che documentavano continue alienazioni, abbiamo potuto accertare l'esistenza, esclusi i quadri di notevole valore e gli oggetti personali, di una disponibilità monetaria di 7 o 8   milioni.

Carolina: Oh, Dio. Ben. No i ne risolverà la vita ma piutosto che un pugno su un ocio... boni anca queli...

Sbroglia: …di euro, signora

Carolina: (inebetita) Di euro... Eh, già perchè oggi dovemo ragionar in euro.

Sbroglia: Appunto, signora.

Carolina: Avocato, el vol ripeterme la notissia...  magari in lire che gò più confidenza.

Sbroglia: L'eredità della signora Natalina Smorga risulta stabilita in euro 7 o 8 milioni pari a circa 15-16 miliardi di vecchie lire italiane, cui va aggiunto il valore dei gioielli personali della signora, i quadri e qualsiasi altra proprietà che verrà inventariata.

Carolina: Avocato, el se comoda. El se meta comodo.

Sbroglia: La ringrazio, signora. Ne avevo proprio bisogno.

Carolina: Ma come mai sto rebalton in megio?

Sbroglia: Mentre il mio studio era intento a determinare le passività derivanti dalla situazione immobiliare, improvvisamente, quale benefica sorpresa, giungono le comunicazioni di tre banche cittadine presso le quali la signora Smorga custodiva titoli e libretti di cui ignoravamo l'esistenza.

Carolina: Che cuor generoso.

Sbroglia: Oggi l'abbiamo saputo. Con i direttori delle banche abbiamo aperto e verificato il contenuto e mi é sembrato naturale portare la bella notizia.

Carolina: El ga fato benissimo avocato, anca se adesso me sento un po' missiata...

Sbroglia: Mi dispiace non poter attendere il signor Tavazza, ma la prego di avvertirlo di passare domani nel mio studio per l'illustrazione di tutto e per accordarci sulla liquidazione.

Carolina: Grazie avocato e mi scuso se poco fa ho detto a lei e alla signora defunta delle parolo grosse.

Sbroglia: Non tema signora. Noi combattenti del foro siamo abituati alla tenzone giuridica. Mi saluti, intanto, il signor Tavazza, che oggi, a buon diritto, può ritenersi doppiamente ... Felice. Ossequi.   (esce)

Scena V^:

CAROLINA - FELICE poi GINA e ALFREDO

Carolina: La saludo, avocato. No gò capio dove che el gà combattuo. So tuta confusionada. Varda, in poco tempo, come che cambia le situassion. De punto in bianco semo deventai richi e tuto grassie ala generosità de quela signora. Che dona a modo. Resta sempre el fato che quela dona a modo la gà aprofità de mio mario, e qundi la me ga ofeso. Mi me sento ofesa. Oh dio.Va ben che sto po' po' de testamento, podaria esser una giusta forma de risarcimento. Ma esser risarcia co' schei, podaria aparir un'ofesa ancora più grossa. E po' anca Felice gà da far la so parte. Ecolo qua.

(Felice entra - Vede Carolina e fa per uscire e lei lo chiama)

Felice!!!!

(Felice avanza titubante)

Carolina: Gò da parlarte. (Felice sarà sospettoso e titubante) Felice, cussì no podemo andar avanti...  quà bisogna venir a una spiegassion... l'altra serà, quando ti me gà fato conosser (accennando la porta) la novità...  mi sò stada sorpresa, sconcertada...  e no sò chi che m'abia tenuo da no sgrafarte i oci... ma po', in sti giorni gò pensà sora gò rifletuo e adesso... dopo el colloquio persuasivo che gò avuo poco fa co' to sorela...  riconosso che se ti, ti gà sbaglià, mi so stada eccessiva.

Felice: (tra sé) E no gò gnanca tirà fora i bargigli.

Carolina: In fondo la vita che ti fasssevi, sempre in viaggio, sempre lontan dala famegia.

Felice fa dei gesti di sorpresa condividendo tutte le parole. Le tentassion, purtropo le xe tante...   e forse gò pensà...  el xe stà el falo de un (indagando) ...  mese.

Felice: (annuisce facendo capire meno)

Carolina: ... de qualche giorno…

Felice: (é più approssimativo)

Carolina: ... de qualche ora…

Felice: (non definisce)

Carolina: (conclusiva) Basta. No ghe ne parlemo più.

Felice: Giusto. No ghe ne parlemo più. Perchè qualunque cossa sia stada quela dona nel mio passà, adesso la xe cancellada. Per cui gò comprà la mia carta bolata e fasso rinuncia del testamento cussì se cavemo dai pie anca sto intrigo.

Carolina: Ma percossa, Felice.

Felice: Per ti Carolina: Perchè conosso el mio dover...

Carolina: Ma se te go perdonà...

Felice: Perché ti xe generosa... ma no voria che el nostro benesser ogni tanto te ricordasse la provenienza de quesi soldi e te amaregiasse la vita.

Carolina: Ma xe l'ultima volontà dela defunta. No rispettarla pararia sacrilego.

Felice: No, Carolina. No proseguir sto strassio: vedo che ti fà violenza ala to natura; scrivo la rinuncia subito e la spedisso per raccomandata.

Carolina: Fermite, Felice.

Felice: Percossa?

Carolina: Perché xe apena andà via l'avocato.

Felice: El gà portà el rendiconto?

Carolina: Xe restà qualcosa…

Felice: Qualcossa... 

Carolina: Dei quadri... 

Felice: El se li tegna.

Carolina: Oggetti personali.

Felice: El se li tegna.

Carolina: 7-8 milioni

Felice: (dopo un attimo di perplessità) El se li tegna.

Carolina: ... de euro.

Felice: (vacilla e ripiega la carta bollata) 7-8 milioni de euro.

Carolina: No voleva dirtelo subito, anca perchè no paresse che el perdono fusse condizionà...

Feli.ce: Ma ti scherzi... ti interessada ... ma chi gà dito sta infamia… Ti ti me gà perdonà perchè ti xe bona, ti xe l'imagine dela comprension... e no ti xe bona a portar rancor... piutosto de far question co' qualchidun... specialmente co' mi… ti sofeghi dentro tuto quelo che ti gà, ti comprimi, soffri ma taci. (cambiando tono) E alora fasso apelo ala to bontà, perché... vogio...  una riparassion. So' sta bon per tanti ani, anca tropo e in sti ultimi giorni pò el mio prestigio xe andà a rodoloni. Adesso esigo una pubblica riabilitazione.

Carolina: Vedemo de inventar un stratagemma.

Felice: Devo risorgere dalle mie ceneri

Carolina: Se pol dir che tanti anni ti ti gà salvà la vita a quela signora e che ela sul punto de morte, non avendo oltretutto altri eredi, per riconoscenza, la se gà ricordà de ti. Ciara no?

Felice: Tanto ciara che la par quasi vera. Ciama i fioi.

Carolina: Alfredo... Gina...   Però ti ghe parli ti.

Felice: Vedaremo. Xe ben che femo un concertato.

Carolina: Gina… Alfredo…

Gina: Semo quà

Alfredo: Cossa voleu.

Carolina: Vostro pare v'ha da parlar.

Felice: Mi dopo. Prima ti.

Carolina: Sentì, fioi. Certo no ve sarà sfugio che in sti giorni... in casa nostra... sucedeva qualcossa de insolito

Gina: Xe sucesso tante volte

Carolina: Ma cussì mai. E, ancuo, posso dirve che la nuvola xe passada e che la paxe xe tornada in famegia.

Alfredo: (fa il gesto di andarsene) E ti ner ciami per questo.

Felice: Fermo là. Bisogna anca dir perchè questo xè successo. Dove sta la colpa.

Carolina: (titubante) Eco...

Felice: (incalzante) De chi xela la colpa?

Carolina: In effeti... lo confesso...  la colpa xè mia

Felice: (ringalluzzito) Quelo che xè giusto, xè giusto!

Carolina: La xè stada mia...  perchè...

Felice: (con tono superiore) Coragio Carolina... perché anca se ti gà sbaglià... xè un riconoscimento che te fa onor.

Carolina: ... perchè, per la prima volta, in vinti ani de onesto matrimonio, gò dubità de vostro pare.

Alfredo: E cossa ghe entremo noialtri?

Gina: Questi eventualmente xè afari dela mama.

Carolina: I xè afari de tuti. Tuti dovemo esser grati a sto omo che soto el so aspeto modesto, quasi insignificante (controscena di Felice) ... apparentemente insignificante... tene va in segreto un grande gesto di generosità.

Alfredo: (incredulo) El papà?

Carolina: Sissignori el papà che gavemo tratà sempre come una pessa da pie. Sto omo, vinti ani fa, gà salvà la vita a una signora che... morindo in sti giorni... co' senso de riconoscenza... lo gà lassà erede.

Alfredo-Gina: El papà...

Carolina: El papà!

Gina: No'l xe un scherzo.

Alfredo: No xe gnanca el primo de april.

Carolina: Vero, vero, sacrosanto.

Alfredo: Un'eredità?

Gina: Grossa?

Carolina. Quelo che basta per cambiar la vita da cussì a cussì.

Alfredo: Papà, lassa che te abbraccia.

Gina: Anca mi. E te perdono anca el sculasson.

Carolina: El te gà dà un sculasson?

Gina: Sì, ma pian. E po' chi xè quel papà che no pol dar una sculassona a so fia.

Scena VI^:

FELICE - CAROLINA - GINA - ALFREDO –MICEL

(Entra Micel con la solita bottiglia)

Felice: Caro Micel, vien avanti. Come mai, qua.

Carolina: Ma no ti lavori mai.

Micel: Gò fato una commission nela banca quà vissin e i pie me gà portà qua.

Carolina: Per combinassion: Mi me sà che sta casa gabia el su caro.

Gina: A proposito de sucaro, ti sà la bona notissia.

Micel: No...

Gina: El papà gà eredità: e par ... ben.

Micel: (ci sta male) Ah!…

Gina: Pararia che la notissia te despiasa

Micel: Anzi, sò contento per voialtri

Gina: No se diria

Micel: Sò cussì contento che no trovo le parole per dirlo

Carolina: Poarin, se capisse. La notissia lo gà scombussola anca lu.

Felice: Però, per far quela comission...   pareva ch'el se la sentisse...  el se gà mosso co' qualcossa de allegro soto el brasso.

Micel: El solito presente.

Felice: E alora fora i goti.

Gina: Ecoli, papà.

Scena VII^:

FELICE - CAROLINA - GINA - ALFREDO - MICEL - ARPALICE

(Entra Arpalice)

Arpalice: Permesso.

Felice: Signora Arpalice, la se comoda.

Arpalice: Go sentio del tranbusto sule scale. Gò spionà. Gò visto che xe entrà Micel. Me sò incuriosio ma vedo che ghe xè tanta alegria.

Carolina: Ancuo xe una giornada particolare, magica.

Arpalice: Adiritura.

Carolina: Felice gà eredità.

Arpalice: Complimenti, sior Felice...

Felice: Un goto anca per siora Arpalice.

Arpalice: Ma come xè successo.

Carolina: Tanti ani fa, Felice gà salvà la vita a una signora, la quale, adesso, morendo, lo gà lassà erede universale.

Arpalice. De tuto?

Carolina: No la gà nissun. Tute le so sostanze a Felice.

Arpalice: Sior Felice, che cuccagna.

Carolina: E noialtri no se saveva gnente.

Arpalice: ... del testamento?

Carolina: No… el testamento xè recente… de sti giorni...  del salvataggio, che el xe avenuo vinti ani fà...

Arpalice: E no'l ga dito gnente ala so famegia...  va ben che se trata de una dona... el gera distante la gà salvada... la riconossenza...  bisogna capirlo: i xe argomenti delicati per una muger.

Carolina: Ma no… xè lu che xe fato cussì: un omo de poche parole e de tanti fati.

Felice: Cossa vorla? Piccole cose... solidarietà umana... oggi a te, domani a lui... una man lava l'altra... E po' ghe gera de mezo la famegia... perchè turbare l'armonia familiare... E sì perchè Carolina podeva domandarse: Ma come? mi stago tranquila; te mando a far el rapresentante de stofe e ti ti perdi el to tempo coi salvatagi?

Arpalice: Ma adesso el gavarà dito tuto.

Carolina: Ma ghe ne gà volesto, sala; cavarghe le parole col tirabosson.

Arpalice: E alora, visto che el segreto no xe più segreto, el conta la so aventura anca a noialtri

Felice: Lassemo star.

Arpalice: Nol fassa el prezioso...

Felice: Me par de specular su un dovere sociale.

Arpalice: Ma el gà salva una vita.

Felice: Par che uno vogia vantarse...  N.B. Alta la cresta, fora i bargigli.

Arpalice: El ne conta.

Felice: (atteggiamento rievocativo, solenne, enfasi) Vinti ani fa. Me trovavo a Desenzano.

Arpalice: Perchè la signora gera de Desenzano.

Felice: La gaveva, là, una casa che più tardi la gà regalà ale Suore dela Carità Perpetua. Ma ela gera ambulante. Qua…là. La girovagava. Ma un bel giorno c'incontrammo, per fatal combinassion sul lago di Garda e se no me fusse butà in aqua per salvarla dai gorghi adesso la saria morta.

Alfredo: Ma adesso no la xe morta veramente.

Felice: Ma la saria morta alora... senza conosserme ...  e adesso no saria più erede.

Gina: Ma papà, ti te gà butà in aqua... senza saver nuar…

Felice: Questo xe el difissile: buttarse in aqua senza saver nuar...

Arpalice: Questo xe coragio.

Alfredo: Ma papà co' ti ne acompagnavi al Lido ti te fermavi su l'aqua bassa, perché apena che la cresseva ti andavi a fondo.

Felice: Perchè quela xè aqua de mar.

Alfredo: E no xè l'istesso.

Felice: Assolutamente no. L'aqua del mar la xe salada.

Alfredo: El gà fato la scoperta.

Felice: Ma quel salà co' l me va dentro in boca...  no sò...  sarà una cossa mental, psicologica... el me cava el respiro, el me paralizza le forze e vado a fondo. L'aqua del lago la xe dolçe, potabile...  la va zò che xè un piasser...  co' la va in boca la te ritempra... anzi i consiglia; una brassada e un sorso, un'altra brassada e un altro sorso... e cussì ti va de viola nuando come un pesse.

Arpalice: Sior Felice, el ne conta.

Felice: Cossa gò da contar. Xe finio.

Arpalice: I particolari. I dettagli più particolareggiati.

Gina: Si, papà.

Carolina: (con intenzione) Felice, sforzite.

Felice: Penso anca mi che gò da far un sforzo...  mnemonico... xe passai tanti ani.

Arpalice: Ma le xe robe che no se desmentega.

Felice: Speremo. Gera un giorno d'agosto. Calura. De sera. Calura serale. L'orologio paesano scoccava le sette, forse le otto... diciamo sette e mezza abondanti. Gavevo apena finio el me giro de visite. Me digo: vado a casa? Ma la xe un forno: Ga batuo el sol tuto el giorno e sò senza aria condizionata. Vado a sentarme su una bancheta lungo el lago dove ghe xe sempre una bavesela ristoratrice. Cussì fasso anca do passi perchè gavevo poco apetito, a causa del caldo, cussì el moto attiva la circolazione, i visceri si destano, si attivano i succhi gastrici, si forma l'acquolina in bocca e la sera co' ti và a tola xe un piasser vederte magnar. Alora mi dirigo verso el lago, con andatura lemme lemme, con la camoma. Lo sguardo riposa stendendosi sulla spianata di verde, sulla costa delle montagne circostanti le casupole arrampicate accendono le prime luci. La superfice del lago gera un tapeo levigato e ivi le luci si rifletevano. Gera un beneficio per lo spirito che godevo in assoluta solitudine. No ghe gera un can. L'unica presenza gero mi.

Arpalice: El xe afascinante.

Felice: Benon. Assorto in questa atmosfera bucolica, scantonando nel viale che immette alla sponda del lago, vedo una figura femminile assisa sul muretto di protezione con le gambe a picolon sull'acqua.

Arpalice: Un tentativo di suicidio.

Felice: No. La pescava.

Alfredo: A quel'ora?

Felice: La gavarà savuto che ghe xe dei pessi che se move verso le oto de sera. Mi no ghe fasso caso. Gnanca no se saludemo e proseguo il mio camino.

Gina: Ma no ti geri andà per sentante.

Felice: Difati. In quel momento ragiungo la mia bancheta ordinaria. Fasso per sentarme. D'improvviso un grido squarcia l'aria.

Arpalice: Oh Dio, ghe semo...

Felice: Un urlo disperato. Me giro istintivamente e çerco coi oci quela dona. Sparita. Me sporgo dal mureto, vardo in zo, e vedo... 

Gina: Ma no gera scuro.

Felice: Ghe gera l'ora legale e nonostante l'incombente buio, vedo che qualcossa se moveva... e scorgo un corpo inerme apparire e scomparire tra i marosi fluttuanti.

Alfredo: Ma l'aqua no gera calma?

Felice: Ma non in quel posto; là ghe gera un bovolo determinà dall'incontro dele correnti del lago. El sangue me va in rebalton, sento soltanto la voxe dela coscienza che come una mola me spinge all'aiuto. Me tufo in aqua... dolçe... in do brassae raggiungo la disgraziata. .ela me sente e la se avvinghia su de mi e la se agita piena de paura, mi ghe digo: si lasci andare se no sprofondiamo... ela no sente... e la me tira zo... çerco de svincolarme... gnente... alora... ghe molo un crognolo, quà sul çervelo, ela svien... e riemegiamo... ma ela se risvegia e la comincia a remenarse ancora e torneo soto... mi, un'altro crognolo e riemegiamo...  semo andai avanti 5 minuti tra immersioni e crognoli, una lota...   finchè la signora, estenuata per la dura lotta contro la forza degli elementi ...  e per i crognoli che ghe gavevo dà, la se abandona stremata tra le mie braccia e tirandola dolcemente, sò riussio a portarla fora dall'infido elemento.

(stremato)

Arpalice: (applaudendo) Bravo...!!! Chissà che fadiga.

Felice: La se imagina: gero tuto suà.

Gina: Suà, papà. Bagnà ti vorrà dir.

Felice: Bagnà...  suà... no capivo più niente. Façevo acqua da tute le parti...

Arpalice: Che momento che gà da esser stà, vero sior Felice

Felice: Indimenticabile. Pien de sodisfassione. El calor dela gente, po'...

Gina: Ma se ti gà dito che no ghe gera un can.

Felice: Prima... ma dal momento dell'urlo, cussì...  a gruppi... a frotte... e dopo i me ga stretto per complimentarse, per saver...  gò dà tante de quele spiegassioni che quando che sò arivà all'albergo, gero ormai suto.

Arpalice: E quela signora, no la gà più vista.

Felice: Saltuariamente, co' capitavo in zona... anca perchè me imbarassava a so riconossenza. Più tempo passava e più la so riconoscenza cresseva.

Arpalice: Caspita, se gà visto. La ghe gà lassà una fortuna.

Alfredo: Ma anca le fortune, bisogna saverle festegiar, per cui ancuo andemo a disnar fora.

Felice: Prudenza...

Gina: Papà, no esser calia. Se no festegemo in sto giorno.

Carolina: I gà rason, allegria.

Felice: Se la mama xè contenta, parrecemose che andemo al ristorante.(via Alfredo e Gina) Siora Arpalice, naturalmente xè dei nostri.

Arpalice: Cossa ditela, siora Carolina?

Carolina: Se no la gà impegni...

Arpalice: No, veramente.

Felice: Alora, la xe fata. A Micel no ghe digo gnente, ma el sà le convenienze.

Carolina: Non par noialtri, ma la gente, che co' vede çerti movimenti che no xe uficializai, i pol far insinuassion petegole che dà fastidio.

Micel: No la se preoccupa, siora Carolina, gò capio benissimo. D'altra parte no gavaria podesto açetar istesso, perchè gò un impegno: Per cui i saludo e ghe auguro bon divertimento. Arivederse. (via Micel)

Felice: Ciao Micel... e grassie del gentile pensiero.

Carolina: E alora, visto che la xè pronta, vado a meterme in ordine anca mi.

Arpalice: La fassa co comodo, siora Carolina.

Scena VIII^:

FELICE – ARPALICE

Arpalice: Sior Felice. Che emossion ch'el me ga fato provar.

Felice: Nela vita, manco che ti te la speti, bisogna esser pronti a tuto.

Arpalice: Me sò imedesimada nei panni de quela poareta: disperada per una so situassion irrisolvibile la vol farla finia; ma el cuor generoso de un omo e do brassi vigorosi la porta in salvo. Eroico.

Felice: Non stemo a esagerar. Chiunque, in quela situassion, gavaria fato el possibile de salvarla. Se tratava de una vita.

Arpalice: No chiunque. Soltanto chi xe animà da una passion. Ghe xe omeni che vardandoli i pararia che i spacasse el mondo e inveçe no i val una cica e ghe ne xe altri che soto un'aparenza tranquila, modesta, i nasconde magari un temperamento tuto foco, elettrico, irresistibile.

Felice: La conosse ben i omeni.

Arpalice: Sensibilità. L'omo xe come el pesse. Bisogna vardarghe l'ocio. Co' l'ocio xe vivo , vol dir che el pesse no xe straco.

Felice: E mi che ocio gogio, signora.

Arpalice: L'ocio de uno che no essendo de primo pelo, el lavora de mestier.

Felice: Quando lavoravo i me clienti me ciamava il Napoleone dei rapprentanti: fulmineo nelle mosse e irresitibile negli attacchi.

Arpalice: Omeni cussì xè...   proprio le risorse de un'azienda.

Felice: Eh, purtroppo! Semo restai in pochi. Però, miga per contracambiar el complimento ma anca ela i so amori i gà savesto manipolar discretamente...

Arpalice: Mio mario xe sta el grande amor dela me vita… Adesso so una povera dona sola...

Felice: Colpa sua, perchè no la più volesto maridarse.

Arpalice: Me par quasi una bestemia verso la so memoria... E po' gò una gran paura... perchè i omeni de ancuo i aviçina una dona o per soddisfare i so desideri concupiscenti o per le palanche Felice: Ma che xe le so eccession...

Arpalice: … rare. Trovar l'ocio de un omo all'antica saria una fortuna. Perchè l'omo, disemolo ciaro, ghe xe gnente da far, el gà qualcossa che la dona no gà.

Felice: Fin dai tempi de Adamo.

Arpalice: E salo nela azienda cossa che vol dir? Tuto. Anca mi, sò sicura che se ghe fusse la man de un omo, come che digo mi, saria tut'altra roba: Tanto xe vero che da qualche tempo           ghe stava pensandoghe…

Felice: Ah sì...

Arpalice: E gavaria fato anca la mia scelta. Salo su chi?

Felice: No.

Arpalice. Su lu, sior Felice: Co' la so pratica, la so esperienza... Certo che adesso co l'eredità ch'el gà avuo, el gavarà da pensar ai so interessi.

Felice: Certo che el momento xè delicato.

Arpalice: Per quanto che bastaria dar un'ociada...

Felice: ... e quela se la dà sempre volentieri...

Arpalice:... ale forniture, controlar i afari, el lavoro e, soratutto, venir ogni tanto, qualche oreta da mi per agiutarme a tenir i registri

Felice: Eh ciò i registri va tenui.

Arpalice: Naturalmente più che un impegno. saria un piasser ch'el me fa.

Felice: E a un piasser, no se pol dir de no.

Arpalice: Però, un piasser retribuito regolarmente.

Felice: Se proprio a insiste.

Arpalice: E alora siiii…

Felice: La lassa che ghe pensa. Perchè co' l'impegno xe ciapà, el deventa un vincolo.

Arpalice: Mi spero ch'el decida de vincolarse.

Felice: Che bel soriso che la gà.

Arpalice: Ohh...

Felice: Che bei denti... sfavillanti...  tante piccole perle risplendenti...   un invito a raccoglierle... quanto più attratente xe un viso sorridente... la gavemo vista in sti ani sempre trista...  chiusa in se stessa...  quasi respingente inveçe ela co' la ride la xe el ritratto de l'acoglienza.

Arpalice: Me gero isolada dal mondo, perchè co' la perdita de mio mario me pareva de esser morta...

Felice: Invece ela xe fata per vivar.

Arpalice: E me sento ancora capace d'amar. Aahhaah...  (fremito)

Felice: La xe stada troppo tempo in aspettativa.

Arpalice: Chissà che bela storia d'amor che el ga vissuo sul lago. (fremito di più)

Felice: Robe passae. Ela bisogna che la recupera el tempo perduto

Arpalice: Tentatore… (fremito ancora più crescente) Aahhahh!

Felice: Ghe ciapa el spasmo?

Arpalice: Purtroppo.

Felice: Ma no gavemo parlà de so mario.

Arpalice. Ma xe l'istesso. Quando un'emossion me smove i ormoni, me sento dei brividi partir da tuto el corpo, innervarse in tute le diramassion, concentrarse sula schiena e sciopar in mile sgrissoli frementi...

Felice: Siora Arpalice, la me par un trattato de medicina neurologica.

Arpalice: Aahhaahh!

Felice: Posso far qualcossa. L'accompagno a casa

Arpalice: Noo. Ormai go dà parola a so muger de venir a disnar... El me massaggia la schiena.

Felice: Siiii. (Felice provvede a massaggiarla con un certo distacco e con una mano sola)

Arpalice: Ghe vol più energia... co' tute do le man.

Felice: (esegue)

Arpalice: Ma no lo sento gnanca sora el vestito…  el vada dentro.

Felice: (in imbarazzo) Ma no xe semplice... la ga el colo serà... 

Arpalice: El verza la lampo... galo le man calde...

Felice: La senta.

Arpalice: Sì ... le xe proprio giuste. Avanti... 

Felice: ...  la lampo… (esegue)

Arpalice: (sonoro Aahhaahh) El vada...

Felice: So qua...  so qua…

Arpalice: Si, cussì...

Felice: La sente el caldo.

Arpalice: Dapertutto.

Felice: (staccandosi) Ben, gò caro.

Arpalice: Ma cossa falo, el me mola. L'insista che le xe robe longhe.

Felice: Insisto

Scena IX^:

FELICE-ARPALICE-CAROLINA -ALFREDO-GINA

(Entrano Carolina, Alfredo e Gina)

Carolina: Cossa ti fa?

Felice: Ghe gà ciapà un spasmo alla signora. La me gà invità a farghe un massaggio.

Arpalice: El gà dele man veramente miracolose.

Carolina: E bisognava spogiarse.

Felice: Carolina, no te riconosso più. Cossa saressila una scenata de gelosia.

Carolina: No, ma…

Felice: No star a pensar. Per quante done che gabia conossuo, l'unica dona mia ti xe ti. Andemo.

(escono Alfredo, Gina e Arpalice)

Carolina: A proposito, prima de andar a disnar, passemo per la ciesa e ghe impissemo un bela candela grossa in suffragio dela signora.

Felice: Bisogna proprio dirlo: certi slanci delicati, no i pol venirghe in mente che a una dona.

FINE DEL II° ATTO

ATTO III°

Scena I^:

MATILDE - GINA - ALFREDO

(I tre entrano)

Matilde: Xe sta proprio una bela cerimonia: semplicissima, ma sentita. Alfredo: Pecà che mancasse el morto.

Gina: Un ricordo la signora Smorga se lo meritava.

Matilde: Scolteme, putei. Zà che la mama e el papà i xe andai a portarghe l'oferta al piovan, voria dirve do parole.

Gina: Basta che no la sia una paternal del tipo "matusa".

Matilde: Diseme pur che fasso discorsi da veci ma ve li fasso perchè ve vogio ben.

Gina: Avanti, taca.

Matilde: Portè rispeto a vostro pare. Dele volte gavè dei comportamenti e dele parole che xè pesanti. Vostro papà xe bon, quasi sempre tre volte bon e nol riesse a far valer el so ruolo de genitor, che xe anca quelo de imporse, co' serve; e lu ghe ne soffre nel vedarse escluso dala famegia. Dovè darghe una man anca voialtri, mostrave più comprensivi e afettuosi. Ghe lo go dito anca ala mama ghe certi raporti va recuperai. Dovè puntar suli valori che ve unisse e no ingrandir i difeti sennò la xe guera continua.

Alfredo: Ma se el xe presente come un fantasma.

Matilde: Gò sentio che ultimamente el s'ha fato sentir.

Gina: El me ga dà perfin un sculasson.

Matilde: Qualche volta xe utili anca queli.

Alfredo: Co'l parla, el critica tuto quelo che femo.

Matilde: Xe che lu, che nol xe più putelo, varda avanti; el voria indirissarve.

Alfredo: Ma el ne cava la nostra libertà.

Matilde: Par, perchè el voria vederve impegnai a costruirve un futuro. A ti, per esempio, el te domanda solo de studiar, de aprofondir la to conossenza: E, inveçe, el te vede poco sui libri. Te piase contestar ma, come studente, i risultati lassa desiderar.

Gina: Ma semo abastanza grandi per assumerse la responsabilità de quelo che femo.

Matilde: Co' ti sarà pienamente autonoma, alora ti sarà veramente libera, ma finchè ti vivi in sta casa, ti devi farte carico dell'interesse general e non pretender solo.

Gina: Beh, adesso semo richi.

Matilde: Questa eredità pol esser de agiuto. Ma ti xestu sicura de aver fato una scelta giusta.

Gina: El mondo del spettacolo xe el mio mondo.

Matilde: o xè la sugestion del momento.

Gina: Anca la signora Evelyn, la direttrice del nostro corso de danza la dixe che, per i prossimi 15 anni, el mondo delo spetacolo nol farà che domandar ragazze belle e preparate che le sapia balar, sorider, moverse...

Matilde: La signora Evelyn, ma chi xela, da dove vienla fora, che atestati gala; adesso de sti corsi ghe ne xe a decine, i nasse come i funghi... basta che i sapia mo verse un fiantin megio dele altre e i se fa ciamar professor...  e i verze un corso.

Gina: La xe stada una dele prime veline dela television...  la domanda 150 euro al mese per poder partecipar al so corso. Se fa anca el provin de selession.

Matilde: Caspita! Co'quel presso la ga da aver la cola fora dela porta: In quante sé?

Gina: Veramente, semo in do...

Matilde: Man dela Madona... ma no ti capissi che lo fà per la fabbrica del l'apetito: el provin la gà fato. Svegite, Gina, diventa realista: Trovite qualche ocupassion più certa, magari meno spettacolare ma più concreta.

Gina: Magari da impiegata, vero? Dopo, magari, sposar un bon ragionier. Far dei fioi e viver nel grigiore e nela malinconia el resto dei giorni dela mia vita.

Matilde: Capisso che ti te senti ancora adosso i proiettori dela ribalta, ma in campo de afeti no trallasaria quell'interesse che Micel gà per ti. Vedo che l'insiste nonostante che ti no ti lo consideri: vol dir ch'el xè animà da un afeto tenace.

Gina: Zia, el xe un petalisso: Nol me lassaria gnanca respirar.

Matilde: Me par de aver capio ch'el te vol del ben.

Gina: Tanto ben che da quando ch'el ga savuo de l'eredità ne'l se ga più fato veder.

Matilde: Varda co' più atenssion quelo che se move atorno de ti. Me par che i sia qua. Quelo che volevo dirve, come persona de famegia, ve lo gò dito, adesso fè voialtri.

Scena II^:

MATILDE - ALFREDO - GINA - FELICE- CAROLINA

Carolina: Semo qua.

Felice: Poareto, el se gà contentà anca de poco. La tarife xè de 10 euro... mi ghe ne gò dai 50. Gò fato una figura. No'l façeva altro che dirme: grazie, grazie.

Carolina: Sentite, Felice, che ti sarà stanco...

Felice: Ti gà rason, Carolina; no gò fato gnente, eppur, me sento stanco... forse xè la tension interna.

Carolina: Stà cussì quieto. Mi vado de là a torte una bela squela de tè, che te dà un fià de calor.  (via Carolina)

Gina: E mi, papà, vado a torte le savate. (sollecitato da Matilde)

Felice: Ma ghe ne gogio?

Gina: Caspita. Quele che i te gà regalà co' ti te gà maridà. (via Gina)

Felice: Me pareva mi, sarà ani che no me le meto.

Alfredo: E mi vado a torte el giornal. (su invito di Matilde)

Felice: De ancuo?

Alfredo: E qualo vusto, quelo de doman?

Felice: De solito, el xè quelo de ieri. Prima ch' el fassa la resa, ghe domando a Toni deli giornali ch'el me fassa lezer le notissie del giorno prima.

Alfredo: Ma adesso semo miliardari.

Felice: Ma de bezi gò ancora da veder l'ombra. (via Alfredo)

Carolina: Eco el tè. Bevi pian ch'el xè sbrovente. Te gò porta anca do biscotti.

Felice: Da quando in quà in sta casa ghe xè i biscotti.

Carolina: I ghe xe sempre stai... solo che risparmiavamo.

Felice: Mi no li gò mai visti.

Gina: Eco le savate.

(Felice sta per togliersi le scarpe)

Gina: No,no, papà lassa far ami.

Felice: Quanta premura. Efetivamente le xe un fià mal ridote.

Gina: Alora vol dir che per i to ani te regalo un per de savate nove.

Felice: Che lussi. Visto che compio i ani in dicembre, tolme de quele col pelo che me tien i piei caldi.

Gina: Per el mio papi, questo xe el minimo. (via - in camera)

Matilde: Me par che el tempo sia drio cambiar ...  verso el belo. Creature ve saludo. (A siora Arpalice che sta entrando) Bonzorno, siora Arpalice.

Arpalice: Bonzorno siora Matilde; siora Carolina, bonzorno, ghe xe sior Felice?

Carolina: La se comoda. El xe là ch'el sorbe el tè.

Arpalice: Bonzorno sior Felice.

Felice: Cara signora.

Arpalice: Gero vegnua a veder s'el gaveva qualche novità su quel afar che ghe avevo proposto.

Carolina: (con un certo sussiego) Beh, se se trata de afari vostri, mi vado.

Arpalice: No la staga fraintender, siora Carolina: I xe afari professionali in cui me premaria aver l'aiuto de sior Felice.

Carolina: No la me staga dir niente, (dura) el me dirà dopo, tuto, lu...  (Felice la guarda con rimprovero) ...  se ti vorà. (via)

Scena III^:

FELICE - ARPALICE – CAROLINA

Felice: Siora Arpalice, la me consenta de finir sto tè. Xe stà un'atension alimentare de mia muger.

Arpalice: El xe afeto. La se prodiga ch'el so stato fisico sia sempre interessante.

Felice: Oh, dio l'interesse del me stato xe de queli boni... ma xe el capital ch'el se riduce.

Arpalice: A vederlo non pararia.

Felice: Ci difendiamo ma non siamo pivelli.

Arpalice: E cossa vol dir. Per un omo la sua xe l'età giusta.

Felice: ... insoma...

Arpalice: Prima, el capirà, no ghe xè l'esperienza.

Felice: Ma ghe xe qualcossa altro... 

Arpalice: Come se vede che lu no'l xe una dona. Per una dona, specialmente matura, quelo che piase in un omo xe quel çerto no so che...  el fascino de l'esperienza.

Felice: L'argomento me afascina, ma no la gera venua per un altro motivo.

Arpalice: Gero vegnua a veder se la proposta de impiego presso la mia dita ghe soddisfa.

Felice: Bisogna veder se la se sodisfa ela.

Arpalice: Ghe gò dito che per mi saria un piasser. Anzi, se lu gavesse tempo, mi ghe afidaria la diression de l'azienda.

Felice: Dovrei ponderare.

Arpalice: Perchè sior Felice se , come penso, lu de ventarà una colona del l'azienda, mi podaria pensar de farlo socio, se lu xe contento, e sicome mi no gò fioi ne parenti prossimi o lontani, a so tempo podaria pensar de meter nero su bianco.

Felice: Ma cossa pensela: Ela gà una salute de fero.

Arpalice: Però mia mama xe morta a quarantaçinque ani, improvisamente, per un colpo de cuor.

Felice: Poareta.

Arpalice: Xe vero che mi ghe somegio a mio papà, che xe morto a novantasette ani destirà da una machina; el gà afronta, co' passo spedito, un passagio pedonal quando dala parte sua ghe gera el rosso... e cussì pum... 

Felice: E no ghe gò dito che la ne sotera tuti.

Carolina: (entrando) Felice. Ti gà pensà a l'avocato: Bisogna darghe qualcossa.

Felice: E ti te preocupi. Gavemo i rifornimenti de Micel. Podemo darghe l'aperitivo, el digestivo, el dissestante... quelo ch'el vol...  xe solo la quantità de acqua che cambia.

Arpalice: Li lasso ai so preparativi. Ma gera venua anca per questo: se più tardi el pol far sù, un salto da mi par dar un'ociada insieme ala contabilità.

Felice: La gà sentio. Spetemo l'avocato. Per noialtri el momento xe emossionante. Bisogna che l'aspetemo, ma apena ch'el xe andà via fasso un salto da ela.

Arpalice: La ringrassio. Arivederse e… a dopo... sior Felice... 

Felice: A dopo, signora.

Carolina: La gà un comportamento a douple-face: la dixe cosse semplici ma la ghe dà una calada...  equivoca...

Felice: Xe la maniera sua de parlar. Una volta gnanca no ti le vedevi çerte cosse.

Adesso par che ogni cotola me staga drio. Che metamorfosi...  però ti xe deventada più bela... el bruco xe deventà farfalla.

Scena IV^:

FELICE - CAROLINA - ALFREDO – GINA

Alfredo: (entra con un giornale aperto) Tenive duri...  ghe xè una notissia micidiale " Chiuso il laboratorio di danza "Fascio di luce". La gerente signorina Evelyn Nachavets, resasi morosa nel pagamento delle quote d'affitto, più volte intimata al pagamento si è resa irreperibile e la sede del laboratorio chiusa e sigillata". Ma no xe el laboratorio dove la Gina fasseva el corso de balo. Carolina: Sì, el xe quelo.

Felice: Lo gò sempre dito: xe gente che vive de espedienti.

Alfredo: Vado a ciamar la Gina.

Carolina: No dirghe gnente. Dighe, solo, che la vegna de qua.

(Alfredo via)

Felice: Ma la colpa ne xe miga de quele imbrogione. Noo, lore fà el so mestier. Quelo de fregar el prossimo. Adesso la và in un'altra città e le vende enciclopedie. La trova do, tre ingenui che ghe le compra e dopo la sparisse. Se voialtre che ghe caschè come sempiolde.

Gina: (entrando assieme ad Alfredo) Volevi parlar co' mi.

Felice: Sì, ghe xe...

Carolina: ... una notissia...

Felice: ... spiacevole, ma che bisogna frontegiar. Sentite e lesi sul giornal l'articolo: “Chiuso un laboratorio di danza".

Gina: (impressionata e balbettando) Chiuso...  un laboratorio...  di danza? (legge per un attimo poi scoppia in lacrime nervose)

Felice: Capisso che per ti sia un colpo; ma questo dovaria insegnarte che bisogna difidar dei sconosciuti, specialmente quando ghe xe de mezo i schei:  quanti soldi la domanda?

Carolina: 150 euro...

Felice: Per un corso no i xe tanti, ma xe sempre un costo.

Carolina: Non per tuto el corso... ma al mese...

Felice: Orpo, 150 euro al mese… e va ben, metemoghe una piera sora e che la sia finiamanco mal che i se gà inacorto adesso de l'imbrogio, cussì no ghe spendemo più.     

Carolina: No, Felice... gò pagà el corso completo... tuto.

Felice: Fin quando?

Carolina: Fin giugno.

Felice: Ma semo in otobre, gavemo pagà oto mesi a vodo

Carolina: La me gà domandà se ghe li podevo anticipar

Felice: E ti, subito, pronta… 150 euro...  moltiplicà oto mesi fa…

Alfredo: ...1.200 euro.

Felice: ...quasi do milioni e mezzo de vecchie lire... butai via...  ma dove ti i gà trovai.

Carolina: I gò domandai in prestito ala cassa pelota.

Felice: Oh, signor… anca a estranei...  E quei bisogna restituirgheli, anca per salvar la facia... No, no, quà xe megio che ciapà mi la gestion economica dela casa, sennò abituai come che sé , in do e do quatro me sughè tuta l'eredità.

Carolina: Ma quei i voglio recuperar.

Felice: E da chi: Speta che i la ciapa.

Carolina: Coro subito in Questura; segnalo el furto... in tacuin gò anca la ricevuta. Gina, Alfredo,vegnì co' mi. Felice, me racomando l'avocato.

Felice: Và tranquila. Stè calme che a l'avocato ghe penso mi.

(Escono Carolina, Gina e Alfredo)

Scena V^:

FELICE - IL VECCHIO

Felice: Ancuo xè proprio una giornada elettrica, piena de emossion: la messa de sufragio, l'imprevista chiusura dela palestra con relativa sotrazion de 1.200 euro... speremo che per la lege del "no c'è due senza tre", che no vegna quà l'avocato a dir che i debiti gà superà le entrate. (suonano il campanello) El xe lu, avocato?

Vecchio: (dal citofono) Sì.

Felice: Ghe verzo. (Dopo qualche tempo apre la porta)

(Il vecchio sarà sui 70 anni - ha la voce tremula come i movimenti)

Vecchio: Pace e bene

Felice: E col spirito tuo.

Vecchio: Felice Gavazza.

Felice: El se comoda. Sò mi.

Vecchio: Grazie.

Felice: Ma lu no xè l'avocato.

Vecchio: No: Ma vengo per suo conto.

Felice: S'el vol sentarse, ragionemo megio.

Vecchio: Grazie, ma stago megio in pie... gò un indurimento sciatico-lombare.

Felice: Come ch'el vol.

Felice: A dir la verità mi aspetavo l'avocato fra un'oreta verso le 11 e mezza.

Vecchio: Per la liquidazione, lo so... ma proprio stamatina ghe xè capità un altro impegno, in Tribunal ale 10 e alora el me gà incaricà mi.

Felice: Perchè lu saria el cosidetto "giovine de studio".

Vecchio: Nè giovane, purtroppo, nè di studio. Ma gò istesso una cosa molto inportante da dirghe.

Felice: Per conto dell'avocato.

Vecchio: Anca.

Felice: Sò quà tuto recie.

Vecchio: Lu gà conossuo la signora Natalina Smorga.

Felice: Ma la xe una notissia che ga fato el giro del mondo.

Vecchio: E dove? se xe lecito.

Felice: Beh, queste sono cose delicate, personali...

Vecchio: Capisso. Ma gavaria bisogno de saverlo.

Felice: E pol darse che mi no gabia piasser de dirghelo. Anca perchè semo quà che se parlemo, ma mi no gò el piasser de saver chi ch'el sia.

Vecchio: El gà rason..

Felice: Specialmente quando se fà del domande indiscrete, curiose.

Vecchio: Felice Gavazza.

Felice: Ghe lo gò apena dito, mi sò Felice Tavazza. El diga pur quelo che el ga da dirme...

Vecchio: Gò dito.

Felice: El scusa. Ma no'l gà dito gnente.

Vecchio: Come no. Felice Tavazza. Più ciaro de cussì.

Felice: D'acordo. Mi so Felice Tavazza e lu chi xelo?

Vecchio: Felice Tavazza so mi.

Felice: Eh, no. Felice Tavazza, so mi.

Vecchio: No, no, so mi.

Felice: Ma vorlo che no lo sapia.

Vecchio: E vorlo che no lo sapia mi?

Felice: Oh, el senta, se no'l xe persuaso: eco la mia carta de identità.

Vecchio: e mi ghe mostro la mia.

Felice: Varda, varda. Anca lu se ciama Felice Tavazza.

Vecchio: Ma mi sò quelo vero: Quelo del testamento.

Felice: Ma el me fassa el piasser.

Vecchio: Se ghe lo digo.

Felice: Ma el voria farme creder che lu xe el protagonista maschile dell'indimenticabile agosto del 1982.

Vecchio: E perchè no?

Felice: perchè, no per ofenderlo,salo, ma par che no'l gabia avuo gli ingredienti fisici per render indimenticabile un incontro co'una signora.

Vecchio: Che ne sà lei? D'altra parte lu xe completamente fora strada. Lu gà dà ala parola "indimenticabile" un significato prettamente fisico, materiale. El gà ciapà el classico "granchio".

Felice: Saria cascà in un equivoco.

Vecchio: Sì, signor Tavazza, un equivoco, tutto suo, e non attribuibile all'avvocato Sbroglia. In effetti la vita della signora Smorga non xe sempre stada irreprensibile, virtuosa. Ghe lo gavarà dito anca l'avocato. la conduzeva una vita disordinata, inquieta, mai sodisfata, fin a quel agosto 1982.

Felice: E cossa xe successo.

Vecchio. Una svolta, come a S.Paolo sulla strada di Damasco: una folgorazione!

Felice: E nela folgorazione lu cossa xe sta: el fulmine?

Vecchio: Quasi. Mi no conossevo la signora. La gò incontrada, per la prima volta, in quela data là… a Lourdes.

Felice: A Lourdes.

Vecchio: Proprio a Lourdes. Mi gò dedicà tuta la mia vita a favor del prossimo e poder acompagnar quele povere persone, debilitae nel fisico e a volte nel moral, ala grota benedeta, me pareva el scopo più nobile da darghe ala mia vita.

Felice: Un sentimento altruistico.

Vecchio: El pensa che quando lavoravo, programavo le me ferie secondo le partenze dei viagi. E in sta maniera le consumavo tute.

Felice: Ma la signora, da quanto se sà, de solito la gaveva altre mete, molto più mondane.

Vecchio: Difati. E quà arivemo al punto. Quale motivo condusse la signora a Lourdes: perchè malata? Noo; manco ancora..

Felice: E percossa, alora?

Vecchio: per un esperimento

Felice: La façeva dele prove.

Vecchio: Infati. Visti fallii tuti i tentativi finora praticai per meter ordine nela so vita la gà volesto tentar l'aprocio mistico. E in quela data, la Providenza ne gà fato incontrar. Gerimo ospitai nel stesso albergo e una sera, in attesa dela cena, passeggiavo in giardin gustando el fresco lezendo alcuni brani de un libro molto impegnativo: "Io credo in colui che ha creato il mondo".

Felice: Un titolo rivelatore.

Vecchio: che parla dell'esistenza de Dio. Mi passeggiavo in su e in zo tenindo el libro cussì            e gero molto assorto. La signora gera sentada su una bancheta là vissin e vedendo el mio intenso interesse, la çercava ad ogni mio passaggio de lezer el titolo completo del libro.

Felice: Le done xe de una curiosità.

Vecchio: Movendo la testa ora de qua… ora de là, secondo i me passi. Per favore, el me agiuta a ricostruir l'ambientazion sugestiva.

Felice: Cossa devo far?

Vecchio: Simuli il comportamento della signora. Quando vado de quà...  ela me segue co' la  testa de qua, quando vado de là,  ela me segue co' la testa di là...  de qua...  de là…             de qua... de là…      

Felice: Manco mal che el giardin gera picoleto.

Vecchio: Anzi, era spaziosissimo. Faccio così per abbreviare il discorso. Tuto in un momento la signora se alza, (solleva Felice e se lo porta davanti) la se piaza davanti de mi, la me varda intensamente nei oci e la me dixe: mi sveli il mistero.

Felice: Quale mistero?

Vecchio: Quelo de l'esistenza de Dio! (Si siederanno) E da quela volta se gavemo incontrà ogni sera, per tuta la durata del soggiorno, sempre in quel giardin presso un statuetta dela Madonna de Lourdes che gera posta in un cantonsin isolà.

Felice: E lu xelo riussio a spiegarghe el mistero.

Vecchio: Ga fato tuto la Providenza. Mi me sò limità a intrattenir la signora in colloqui dello spririto. A porghe dele domane esistenziali che provocava in ela deli sussulti, deli scombussolamenti interiori.

Felice: Una fadiga immane.

Vecchio: Ma vedevo che, a poco a poco. la meteva ordine nela so testa e nel so spirito, finchè una sera recandome al nostro solito apuntamento, vedo la signora in zenocio davanti ala Madona. (invita Felice a inginocchiarsi)

Felice: La gavarà avuo una vision.

Vecchio: Con le mani protese… (Felice solleva un po' le braccia) Alte (Felice si estende al massimo) verso il cielo... ringraziando la Madonna per l'acquistata pace dell'animo e dichiarando l'avvenuta conversione religiosa.

(Cambiando tono: commosso) La me gà sempre considerà uno strumento dela Providenza perchè la gavevo orientada, verso una fede che, soto soto la gaveva, e che ni gò fato emerger.

Felice: El me scusa eminenza, pardon... posso emerger anca mi... per via deli zenoci.

Vecchio: La ringrazio anzi per la so disponibilità de aver ricostruio con mi dei momenti veramenti indimenticabili.

Felice: Efetivamente el ne gà fato un bel quadreto, ma queste xe cosse ch'el dixe lu.

Vecchio: Ma che posso documentar...   roba che no ghe saria possibile a lu. Conservo, infati, molte letere dela signora. ma ghe ne xè una... che molto drasticamente... tagia la testa al toro... e che a lu ghe pol interessar in modo particolar... Eco quà: la xè datada 8 agosto 1982: Eco:… testamento con cui, ricordando le indimenticabili giornate dell'agosto 1982, lascio lei, caro Tavazza, erede un'universale di ogni mia consistenza patrimoniale, perchè ne disponga come meglio crede. Mi gero alora, come adesso d'altronde, Presidente de diverse Opere Pie. El leza, el leza.

Felice: Cossa vorlo che leza... Certo che se resta perplessi. El testamento parla de un Felice Tavazza di Venezia e l'avocato me ga asicurà che de Felice Tavazza no ghe so che mi.

Vecchio: Pol darse. Perchè da qualche ano, gò trasferio la me risidenza a Roma. Per poder seguir con tempestività le pratiche dele Opere Pie, me sò trasferio viçin al Vaticano.

Felice: Ma la signora, no lo saveva?

Vecchio: Sì. Ma, forse, el testamento gera fato, o forse la se gà desmen tegà de coregerlo o, forse, no la pensava de morir cussì presto, prima de modificarlo: Cussì l'avocato co' gà fato la ricerca a l'anagrafe, el gà trovà un unico Tavazza, lu. Senza pensar che podesse tratar de un equivoco.

Felice: Sempiae… un equivoco da 14 o 15 miliardi…

Vecchio: Quelo se mai, che gavaria do vesto dubitar, caro Tavazza, xe lu. Perchè lu saveva che la signora Smorga no la gaveva mai conossua. Fortunatamente sò arivà in tempo per coreger el sbaglio. Rendiamo grazie a Dio.

Felice: No voria passar per blasfemo, ma no sò de cossa che lo podaria ringrassiar.

Vecchio: Le xe robe che capita, sucede.

Felice: Le stesse parole che dixe un me amigo professor: sucede. Ma xe da incoscienti: Robe da infarto. Prima se ghe sventola soto el naso a un omo 7-8 milioni de euro e se ghe dixe: i xe tui, i xe tui... e dopo se ghe dixe: scusi, ho sbagliato. Xe un atentato ala salute.

Vecchio: Ma questa xe la realtà.

Felice: Ma che voria un indennizo. Magari uno fà i so conti, afronta dele spese, magari non pagae perchè in atesa de riscuoter.

Vecchio: Questo eventualmente el ghe lo dixe a l'avocato.

Felice: Eh, no me la sparagno de çerto: Anca perchè sta notissia doveva venir lu a comunicarnela. No fusse altro per dirghelo ala mia signora che apena lo savarà ghe ciaparà un ataco de nervi.

Vecchio Pasienza, caro Tavazza, la se farà un rason anca ela. El vedarà che anca da sta delusion, el Signor savarà ricompensarli in qualche modo.

Felice: A proposito de ricompensa, stamatina gavemo fato celebrar un uficio funebre per la bonanima ma visto che el titolar de l'eredità xè lu, se el volesse subentrar.

Vecchio: El me diga. Quanto galo speso?

Felice: Una semplice offerta.

Vecchio: No'l gabia paura, qualsiasi prezo.

Felice: Qualsiasi…Visto che l'eredità gera sostansioza, gavemo dà 150 euro.

Vecchio: Tuto quà.. ?

Felice: Per far una roba sugestiva, gavemo pensà che la musica podeva crear un'atomosfera, un organo... 

Vecchio: Certo.

Felice: ... un violin, un oboe, una picola orchestrina struggente.

Vecchio: E i professori co' quanto i se gà soddisfà.

Felice: I se gà contentà de poco: 1.200 euro.

Vecchio: Eco...

Felice: El paroco ne gà fato presente che ghe xe tante Opere Pie che se sostien solo co la generosità dei fedeli.

Vecchio: Le Opere Pie gà tuto el mio apogio. Quanto gavemo dà?

Felice: 2.500 euro.

Vecchio: Me par che sia una cossa giusta. Ghe par che ghe sia qualcossa altro in sospeso

Felice: Me par de averghe dito tuto.

Vecchio: Alora, in tuto fa 3.850 euro

Felice: Me despiase che de ste spese no gò ricevute.

Vecchio: Ma gnanca per sogno. Le xe tute spese, che la signora Smorga avaria aprovà. E co' questo, caro Tavazza, no gavemo più gnente da dirse. Un abracio. Qui le nostre strade si dividono: un Felice de quà, un Felice de là.

Felice: Uno solo de nome, st'altro anca de fato.

Vecchio: Pace e bene. (via)

Scena VI^:

FELICE - CAROLINA - ALFREDO - GINA

Felice: Infati, a mi... la pace, el ben... tuto a lu. 3.850 euro, a ocio el zero virgola zero çinque per çento: liquidazione fallimentare; comunque piutosto che gnente.

Carolina: Felice.

Felice: Sé  qua.

Gina: Vado in camara, so tuta missiada.

Alfredo: La acompagno se la gavesse bisogno de qualcosa.

Carolina: Felice, maltratime pur, ma preferisso dirtelo subito: in questura i me gà dito che no ghe xe gnente da far: i schei xe persi.

Felice: Cossa vustu: mile più, mile manco.

Carolina: Xe venuo l'avocato?

Felice: No, el gà mandà un altro.

Carolina: Quel signor che gò incontrà sule scale.

Felice: Sì.

Carolina: E ti ghe gà dà l'aperitivo?

Felice: (dimesso) No. El me gà dà lu un digestivo.

Carolina: (preoccupata) Felice...  cossa xe successo?

Felice: Carolina...

Carolina: Felice, te suplico... 

Felice: Carolina. Una disgrassia... 

Carolina: Parla... 

Felice: No posso...

Carolina: Ghe xe qualche ostacolo.

Felice: Pezo...

Carolina: Le passività xe cressue...

Felice: Pezo...

Carolina: L'eredità... 

Felice: Pffffffffffffff…

Carolina: Come saria a dir?

Felice: Pfffffffff...   Carolina: Ti scherzi?

Felice: No.

Carolina: Xestu sicuro?

Felice: Pfffffffffffffff…

Carolina: Oh, Dio...  Signor… Ma come xe stà.

Felice: No gera mi.

Carolina: Felice Tavazza...

Felice: Sì...

Carolina: ... de Venessia?...

Felice: Sì

Carolina: E no ti xe ti?

Felice: No, gera un altro.

Carolina: Un altro.

Felice: Sì, quel vecio che ti gà incontrà…

Carolina: Quelo? Ma xestu sicuro che no'l te gabia inganà?

Felice: El m'ha mostrà i documenti.

Carolina: Madona, che disgrassia, che disgrassia. Al so confronto la perdita dele rate dela danza le fà da rider.

Felice: Comunque, nela disgrassia, ti gà una sodisfassion...

Carolina: Quala?

Felice: Quela de saver che no te gavevo tradia.

Carolina: Bela roba.

Felice: Epur me pareva che quela scoperta te gaveva fato dispiasser...

Carolina: Certo ch'el me gà fato dispiasser... ma ormai el dispiasser lo gavevo già avuo.

Felice: Mentre i bezzi, ti disi, no ti i gà più.

Carolina: ... Ma tuti quei soldi svolai per aria...

Felice: Ma, a proposito de soldi, senti questa: la siora Arpalice me gà proposto de seguir l’amministrassion del so negossio: la dise che l'ocio de un omo esperto come de mi. fa andar ben i afari e la me gà prospetà adirituta de deventar so socio e inoltre...  de ricordarse nel so testamento-

Carolina: Fra cinquant'ani. Quela xe furba: la se mete un omo viç in cola scusa della contabilità e in caso de bisogno la se dà la russada. Ma no ti credi che no me gabia acorto che el spasmo xe una scusa per farse tocar...  e ti co' quel muso da no me n'impasso, soto soto ti vol far el galeto. Ma mi noi so miga quela de prima.

Felice: Comunque dovemo dir che nonostante la volatilizzazione dell'eredità, gò trovà una sistemassion vantaggiosa.

Carolina: Speremo; ma mi te tegno soto osservassion perchè no voria che el galero gavesse qualche tentassion. (via)

Felice: Potenza dela Smorga. Riabilitato anche sul fronte sessuale.

Scena VII^:

FELICE - MATILDE poi CAROLINA

Matilde: Gavevo vogia de scambiar do parole co' ti, perchè me gà parso prima de vederte al centro de tante atension.

Felice: Quasi trope.

Matilde: E no ti xè contento.

Felice: Tantissimo, se no ghe fusse de mezo el testamento.

Matilde: Ti gà dele novità.

Felice: Una. El xe spario.

Matilde: Come saria.

Felice: L'erede xe un altro.

Matilde: Un altro.

Felice: Un duplicato. Stesso nome e cognome. Coli documenti, però, de esser quelo vero.

Matilde: E adesso?

Felice: Adesso semo queli de prima. Pensa anca ala figura che se fa cola gente

Matilde Eh sì perchè tuti ghe ne parla: el testamento, l'aventura che te xe successa...

Felice: ... e el salvatagio: cossà posso dir che xe stada una distrassion; che credevo de averla salvada mi e inveçe gera sta un altro.

Matilde: Opur no se ghe dixe gnente: Se ghe dixe che le passività gera tante, che le tasse de succession cussì forti che xe stà preferibile far la rinunzia.

Felice: Ma natural, questa xe la megio perchè cussì el prestigio resta salvo. Anche senza bessi, io rimango el salvatore. Per il mondo io sono un eroe e se ghe agiungemo l'aumentato presigio famigliare, la vittoria xe completa; su tuta la linea.

Carolina (entrando): Pensavo adesso, fra le altre robe, l'offerta per la messa de sufragio de stamatina, la gavemo ciapada in berta anca quela...

Felice: Ti vedi quanto pessimista che ti xè: No ti sà che le bone intension dà sempre boni fruti. Quanto gavemo dà al piovan?

Carolina: 50 euro.

Felice: E quà ghe ne xè 3.850! ! !

Carolina: Ti xè andà a robar.

Matilde: Megio de un prestigiator...

Carolina: Ma i xe veri. Fameli sentir. Come ti gà fato?

Felice: Gò racolto i fruti dele bone azion.

Scena VIII^:

FELICE - CAROLINA - MATILDE – MICEL

Micel: Sior Felice, siora Carolina...  un saludin de premura perchè devo andar ala Mira...

Felice: Co' tuta sta furia?

Micel:  Ma lu no sà?

Felice: Cossa?

Micel: Mio zio...  stanote, all'improvviso...

Carolina: Morto!

Matilde: Poareto...

Felice: Ma ancuo xè la giornada dele disgrassie.

Micel: No, no, sior Felice...

Felice: Come no, no'l xe morto?

Micel: Mortissimo. El gera tanto vecio. El me gà lassà...  erede universal.

Felice: Anca lu? El staga atento!

Micel:  Sì sior Felice: Erede de tuto. Par che ghe dispiacesse.

Felice: Assolutamente no. No voria però ch'el se fasesse delle illusion.

Micel: No capisso.

Felice: Xelo sicuro che so zio fusse veramente so zio?

Micel: Caspita. El fradelo de me mama.

Felice: E xelo sicuro che no'l gavese altri nevodi co'l so stesso nome?

Micel: Sicurissimo. Come lu xe sicuro de esser Felice Gavazza.

Felice: No basta.

Micel: Come, no basta.

Felice: No basta. Perchè xe sicuro che mi sò Felice Tavazza, Ma che pol esser qualche altro Tavazza che xe più felice de mi.

Micel: Ma mi no me sbaglio perchè mio zio gà mi come erede unico.

Carolina: Vado a ciamar la Gina.

Felice: Alora ghe fasso i me più sentiti complimenti. Condoglianze per la disgrassia e complimenti per la fortuna.

Carolina: (entrando con Gina e Alfredo) Anca noialtri volevimo esser partecipi dela grave perdita            Ma anca congratularse dela fortuna che ghe xè capità... un baso...  chissà che bel patrimonio.

Micel: De preciso ancora no se sà, ma i dixe che proprio no ghe xe mal…

Carolina: (spingendo Gina verso Micel) Gina, faghe le congratulassion a Micel... daghe un baso...

Micel: Xe par questo che gò volesto passar de quà... per dirghe che, visto che le me condission xè cambiae...  in megio... se la Gina acconsente...  me piasaria che la deventasse mia muger..

Carolina: Acordato.

Gina: Mamà. Visto che se trata de mi, posso dir la mia…

Carolina: Ma çerto, tesoro mio.

Gina: Grassie... (a Micel) Provemo...  certo la so proposta me lusinga, gò visto per el passà dele atension nei me confronti a cui no gò savesto dar el giusto valor ...  anca se ultimamente gò visto un certo rafredamento...

Micel: No volevo insister… perchè no se pensasse che lo fasevo per interesse. Ti capirà: adesso voialtri sé  richi.

Felice: E quindi adesso sé  gavemo riequilibrà. Apartenimo tuti do alla stessa categoria: i baciati dal testamento

Micel: Mi ghelo digo co' molta sincerità, sior Felice. Mi voria che la Gina no la gavesse gnente. Per dimostraghe che el mio sentimento xè vero e che la sposo perché ghe vogio ben.

Felice: Questi xè tosi.

Carolina: Se lo mola, la copo.

Gina: Alora, come che disevo, provemo...  Anzi come prima azion significativa... lo acompagno ala Mira, cussì i vedarà che viçin de lu ghe xe una nova presenza.

Micel: Bela idea. Tachite a mi e no stame più molar. Arivederse a tuti.

Scena IX^:

FELICE - CAROLINA - MATILDE - ALFREDO poi ARPALICE

Felice: Quelo xe un giovane che se anca ti giri tuta Venessia, no ti ghe ne trovi uno compagno.

Matilde: Eh sì, ti xe un omo nato co' la camisa. Perchè anca se ti gà avuo la disgrasia che ti gà avuo, se se combina sto matrimonio, se mete a posto tuta la famegia.

Felice: Adesso, no esageremo: Micel xe un bon toso, una pasta de marzapan ma co'l el me amor proprio... l'idea de farme mantenir da me zenero... no la soportaria, specialmente adesso che gò trovà la mia ancora de salvataggio.

Arpalice: (da fuori) Sior Felice, sior Felice... 

Felice: Sentila, question de telepatia.

Arpalice: (vedendo anche le due donne) oh, le me scusa...  lo aspetavo per quela ociadina... gò tuta la contabilità verta.

Felice: Adesso ghe demo una bela serada.

Carolina: La vada pur, siora Arpalice. Mio mario la ragiungerà fra qualche minuto perchè dovemo sistemar alcune cose personali.

Arpalice: Più che giusto. Mi, intanto, fasso una altra volta le some: A più tardi.

Carolina: La gà una vogia de sistemar i so conti.

Felice: Poareta, la ga tanto lavoro arretrato.

Carolina: ... e quindi la gavarà bisogno de qualche ano dele to prestassion.

Felice: E no te gò dito che nonostante la mancata eredità, gò trovà la mia boa de galegiamento.

Carolina: Ma anca mi gò bisogno de aver qualche atenssion da ti. Anca adesso che no ghe xe nissun podemo torse diese minuti e ragionar tranquillamente del nostro futuro ala luce dele novità che ne xe capità ancuo.

Matilde: Creature, megio che ve lassa soli.

Carolina: Vado de là un momento e torno subito.

Matilde: Felice, se penso a l'aria che se respirava quà solo qualche giorno fà, me par un miracolo. Par che la situassion se sia riequilibrada. Ti vedi, nela vita no bisogna mai scoragiarse. Ma ti no molar. No sentarte sule sicuresse, specialmente se le xe brute. E, co' serve, alta la testa e fora i bargigli: Te vogio ben. (gli dà un bacio)

Scena X^:

FELICE – CAROLINA

SOTTOFONDO MUSICALE

Felice: (con profonda aria di soddisfazione, completamente rilassato, Felice gira il suo sguardo per l'ambiente molto compiaciuto per poi commentare): Me par de sognar: ma chi xe più Felice de mi.

(Entra Carolina in vestaglia corta che avrà movenze e parlare sensuale)

Felice: (la guarderà allibito) Carolina, ti xe ti?

Carolina: (liberando i capelli) Sìììì... come una volta.

Felice: Ma no te gò mai visto in sti stati!!!

Carolina: (dopo essersi liberata dalla vestaglia, che farà scivolare lungo il corpo) E adesso           spogite.

Felice: Ehh, esagerata!

Carolina: (con maniere sensuali ma decisa) ... Spogite!!!

Felice: Ma...  davanti a tutti.

Carolina: No, per mi… adesso stuo luce…

Felice: Forse xe megio…

Carolina: Cavite la camisa.

Felice: Noooo.

Carolina: Simi…

Felice: Ti me ciapi ala sprovvista… Sò fora esercissio… No sò preparà…

Carolina: Cavatela!

(Felice se la toglie)

Felice: (con rassegnazione) Ecote acontentada.

Carolina: Anca la mageta.

Felice: Me ciapo una malora. Ti sà che sò pien de reumatismi.

Carolina: (aiuta Felice a togliersi la maglietta e lui apparirà con panciera, tutore sulla spalla, tutore del gomito, polsino) Ti me par tutto taconà.

Felice: No gò più vinti ani. Gò anca mi qualche magagna: Ma no ti savevi che gero cussì.

Carolina: Gera tanto che no te vardavo in intimità. Ma anca in restauro, soto soto, ti xe el mio omo.

Felice: No ghe confidaria tanto.

Carolina: No far el finto modesto. Ti no ti xe un pulisin bagnà, ma un galo che ogni tanto dà qualche becada.

Felice: (assumendo le connotazione del gallo) Chichirichì!

Carolina: E mi vogio esser l'unica galina da becar.

Felice: Chichirichì!

Registrato:

Carolina: Dai, beca…

Felice: Chichiri...  (in aumento)

Carolina: ... beca...

Felice: (ancora più su)

Carolina:... beca... 

Felice: ...  Chi...   (estinguendosi)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno