Sogno di una notte di mezza sbornia

Stampa questo copione

Sogno di una notte di mezza sbornia

Sogno di una notte di mezza sbornia

di Eduardo De Filippo

                                                 

Personaggi

Interpreti

Filomena Grifone

Gina sua figlia

Carolina

Rosina sua figlia

Arturo figlio di Filomena

Pasquale Grifone marito di Filomena

Sciuscella garzone

Giovanni cameriere

Assunta cameriera

Jack giovane inglese

Medico


Una stanza d'ingresso che serve da modestissimo salotto. In fondo, la porta che dà sulla strada. Sopra un tavolino il busto in gesso di Dante Alighieri.

Filomena stira il bucato. Carolina rammenda un lenzuolo. Gina e Rosina, loro rispettive figlie, ricamano sedute accanto alla soglia del basso. E’ pomeriggio presto

Filomena

(a Carolina) Pure questo è rotto?

Carolina

Eh, Comme no…. è tutto stracciato!

Filomena

Carulì, mitteteci una pezza…. Arrangia…..

Carolina

Ma come l’avete ridotto così? La tela non è sciupata è buona.

Filomena

Quello è mio marito, che la notte tiene ‘e smanie! Io, invece, come mi corico così mi trovo la mattina.

Carolina

Troppo vino, tuo marito beve troppo vino

Filomena

Quacche vota! E quanno beve accumenciano ‘e smanie e si fa i cattivi sogni

Carolina

E che d’è, tutte le notti si fa i cattivi sogni?

Filomena

Lasciami stare! Il guaio sai quale è? Da qualche tiempo, ‘e suonne s’’e ffa pure stanno scetàto! Stamattina, appena ha aperto gli occhi, s’è miso a parlà e a ragiunà con un amico suo …

Carolina

E cu chi parlava, allora?

Filomena

Chi lo sa… Appena s’è scetato, ci siamo fatti naturalmente a solita appiccecata, po’ l’aggio domandato si vuleva ‘o cafè. Chillo, invece, s’è miso a parlà con un certo Dante, ma cu tanta serietà che m’ha fatto girà tuorno tuorno…. Neh? Non ci stava nessuno.

Carolina

E Pasquale invece ‘o vedeva?

Filomena

‘O vedeva, ce parlava….  Ragiunava!

Carolina

Ma tu sei sicura che non ci stava nessuno?

Filomena

E se capisce, che so’ fatta cecata?

Carolina

E che lle diceva a su Dante?

Filomena

Che saccio… Primma l’ha fatto nu sacco ‘e cerimonie, poi all’improvviso s’è nfuriato, l’ha ditto nu sacco ‘e male parole e l’ha trattato come un cane! Per me, Carulì: marìtemo è pazzo!

Carolina

A me non me pare…..

Filomena

‘A capa non l’aiuta!

Carolina

Ma no. vuò nu consiglio? Stanotte appena parte ca smania’ dàlle nu cauce vedi come si sistema subito!

Filomena

Cara mia, se i calci fossero carte ‘e mille lire, mio marito sarebbe già milionario!!

Carolina (a sua figlia)

(a sua figlia) Rusì, dammi un filo di cotone

Rosina

(porgendole il filo) Te’ mamma’

Carolina

Sta cammìsa ll’he fernuta?

Rosina

No, ancora

Carolina

Stai ricamando sempre la stessa margherita? E tu se vai di  questo si rimandà il matrimonio figlia mia

Rosina

Ma quando mai! Vedrai che per il giorno fissato sarà tutto pronto

Filomena

Me raccomando, Rosì,  pecchè Arturo non ne pote’ più!

Carolina

E have ragione, so’ cinc’anne che fanno ‘ammore!

Gina

(dalla soglia guardando fuori) Eccolo qua, Arturo

Arturo entra e va a sedersi presso il tavolo

Filomena

Artu’, a quest’ora? E’ successo qualche cosa?

Le ragazze si avvicinano interessate

Arturo

Eh sì, qualche cosa è successo…..

Filomena

Ma tu tiene na faccia! Di’ ‘a verità, qualche disgrazia?

Arturo

Speriamo di no

Filomena

Come sarebbe a dire? Parla!

Arturo

Na cosa strana…. Io stavo alla bottega stavo ferrando il  cavallo e Quaglietella. Tutto ad un tratto vedo arrivare papà, di corsa e affannato

Filomena

Ma non doveva andare a Pozzuoli: ’a fa un carico di vino al deposito Bellotti

Arturo

E po’ avrà cagnato idea

Filomena

Ma che t’ha ditto?

Arturo

E’ entrato in bottega con una faccia stralunata, po’ m’e’ venuto vicino e m’ha detto: “lassa sti fierre, che non ti servono più!” io, naturalmente me credevo che pazziava, non gli ho dato retta. Neh, quello me li ha tolti di forza dalle mani e l’ha buttati per terra ... Po’, m’ha preso per un braccio e a spinta ma buttato fuori…. ‘ il padrone s’e’ visto pigliato d’e’ turche…. C’è’ corso dietro e diceva: “ On Pasca’, lasciate stà ‘o figlio vuosto, deve lavorare!” “Se mio figlio lavora o non lavora, sono affari che non vi riguardano. Penzate a vostra moglie, che tutti sanno ca è l’amante del farmacista”. Figurateve ch’ è succiesso!

Filomena

E don Lorenzo……..

Arturo

M’ha licenziato sott’ ‘o colpo!

Filomena

Bravo! Mo stammo, meglio ‘e primma! quello è sempre stato  ‘a ruvina d’’a casa!

Arturo

Ma questo non è ancora niente adesso viene il bello! Appena    rimasti soli, m’ha detto: “ Artù, noi simmo addiventati signur…. (breve pausa) Da cinque minuti tuo padre è entrato in possesso di tre milioni!”.

Filomena

Uh! Madonna!

Carolina

E lasciatelo parlà.

Arturo

Io aggio ditto: “ papà, invece di raccontare sciocchezze, non è meglio ca vaie a caricà o vino?” M’ha guardato e m’ha ditto: “ Artù, tu sei più scemo di quello che me credevo!”, m’ha dato na scoppola e se n’è fujuto. Che ne dite?

Filomena

Maritemo è pazzo!

Carolina

Nun esagerammo….

Filomena

Carulì è pazzo! Che disgrazia, che disgrazia!

Carolina

Va be’, alla fine dei conti, quali sono ste stranezze? A don Lorenzo l’ha ditto ‘a verità: il fatto d’o’ farmacista lo sanno tutti? A isso (indica Arturo) l’ha dato una scoppola… neh, che ce sta ‘e straordinario? 

Rosina

Dice buono mammà.

Arturo

Ma perché v’allarmate? Io a papà l’ho osservato bene: ‘a capa ‘a tene a posto

Filomena

E  i tre milioni?

Arturo

Chesto non l’aggio capito. Forse li ha trovati a terra?

Carolina

Sicuro! Artù, non dicere sciocchezze!

Arturo

Però v’assicuro ca pazzo nun è

Filomena

Si nun è pazzo sta mbriaco

Carolina

Filume’, basta che non sia una finzione per non lavorare! ‘A buonanima ‘e mio marito, quanno nun teneva genio ‘e fa niente, parlava con i quadri vicino ‘o muro: diceva  che si sentiva uscire pazzo! Io allora nun ero tanto esperta, m’’o ccredevo overamente, tanto è vero che avevo deciso di portarlo da uno specialista… invece faceva finta che stava malato per non lavorare!

Filomena

Ah! E tu come te ne sei accorta?

Carolina

Pecchè quanno faceva o pazzo, s’arrubava ‘e sorde e se ne andava a bere ‘o vino

Filomena

(a gina) Và a vedere se nel comò ci sta ancora quella cinquanta lire

Gina

Subito, mammà (esce a sinistra)

Filomena

(gridandole dietro) sta sotto le camice! (poi agli altri) Eh già, dice buono Carolina. Quello è capace di fare il pazzo per non lavorare!

Carolina

Se è sparita ‘a cinquanta lire è segno ca nun è pazzo

Filomena

….E ‘o vedimmo ‘e turna mbriaco!

Gina

(tornando) mamma’, a cinquanta lire nun ce sta!

Carolina

Avite visto? Marìtemo l’ha mparato ‘o trucco primma e murì

Filomena

Dàmme ‘o scialle

Gina

Addò vaie mamma’?

Filomena

Ce faccio passa io, ‘a  pazzaria

Gina

(dando lo scialle alla madre) t’accompagno

Rosina

(che era andata alla porta sulla strada) eccolo!

Filomena

Chi?

Rosina

‘O marito Vuosto!

Gina e Arturo corrono alla porta a guardare

Filomena

Meglio così (si toglie lo scialle)

Arturo

Ma quant’è certo Dio, quello non sta mbriaco

Gina

Arturo ha ragione! Quando mai…

Rosina

Si stesse mbriaco non avesse cammina deritto deritto!

Entra Pasquale, tutti l’osservano in silenzio, i tre ragazzi si scostano dalla porta

Pasquale

Buongiorno (nessuno risponde e i tre si scostano ancora un po’; lui li guarda stupito e accenna ad avvicinarsi di nuovo per vedere come reagiranno; i tre si scostano di nuovo; pasquale ripete, fino a che seccato, dice) Buongiorno

Carolina

Buongiorno don Pasca’

Pasquale

Come stai Caruli’?

Carolina

Non c’è male…e voi?

Pasquale

(guarda i ragazzi poi alle donne) male, male mi sento le gambe che non mi tengono su… me sembra di cadere per terra da un momento all’altro!

Carolina

(come sopra) Ahhhhhhhhhhhh!

Filomena

Siente, sièèèèèèèèè

Arturo Gina Rosina

…comme se sente…

Pasquale

(stupito poi scatta) neh, che è stu lamento? (nessuno risponde) Mi sento male. Speriamo che passa, e se non passa io tengo il rimedio. Miezo litro ‘e vino e ti saluto

Filomena

N’ato

Pasquale

Aggio capito. (ad Arturo) gli hai detto tutto…

Carolina

Beh, noi ce ne andiamo, va’

Pasquale

Ma più tardi tornate?

Carolina

Chi lo sa’, vedimmo

Pasquale

Fate il possibile di tornare, che non ve ne pentirete

Carolina

Allora turnammo. E sperammo ca ve sarrà passato

Pasquale

Che cosa?

Carolina

‘A malattia ncapa… (esce)

Arturo

Statte bbona, Rusi’

Rosina

Ci vediamo più tardi (esce seguendo la madre)

Pasquale

(a Filomena che lo fulmina con lo sguardo) Arturo ti ha fatto sapere le ultime notizie?

Filomena

So tutto

Pasquale

Che l’ho fatto licenziare…

Filomena

Si, si lo so..

Pasquale

Che so’ milionario…

Filomena

Si, si, bravo, bravo…

Pasquale

So’ milionario.. (lei tace). E non ti viene n’accidente?

Filomena

Damme ‘a cinquanta lire

Pasquale

Ah, ‘a cinquanta lire… (mutando tono) Zitta, zitta! che sento correre… (guarda l’orologio) No, è presto. sto tremando come una foglia…

Gina

Papà, ma non ti senti bene?

Pasquale

No, è l’emozione. Capirai, tre milioni non sono tre soldi. (a Filomena) Tu è inutile ca faie sta faccia, tengo tre milioni hai capito? Tuo marito possiede tre milioni. Domandalo a Dante Alighieri

Filomena

Ah, questo l’amico ‘e stamattina?

Pasquale

Proprio così. L’amico vero, è quello che vive lì attaccato, e come tutti quelli che stanno in Paradiso non sono falsi e ipocriti come noi. Diceno sempre a verità. Sempè, he capito? Sempè Sempè verità…. (si dispera, poi rivolto al busto di Dante, con gesti minacciosi) io te facesse na faccia ‘e schiaffi accussì!

Gina

(quando pasquale si è un po’ calmato) ma pecchè te pigli collera, papà?

Pasquale

Pecchè, Pecchè ‘e volte gli amici so’ troppo sinceri… so io quello che dico… (al busto di Dante) abbi pazienza! scusa se m’arrabbio, ma non ne posso fare a meno. Guarda in che condizione mi hai messo: io nun pozzo né ridere né chiagnere! Si rido, mi viene da piangere e se piango mi viene da ridere! Sei stato spietato! (piange e si dispera)

Arturo

(dopo che pasquale s’è un po’ calmato) papà!

Pasquale

Ch’e stato?

Arturo

Lo voglio sapere da te!


Pasquale

Niente, niente state allegri… questa è una fortuna, che, non capita tutti i giorni! (a Gina) a te portame nu bicchiere ‘e vino

Gina

Subito papà (e si avvia verso destra)

Filomena

(alla figlia) dove  vai tu? Non vedi  che sta mbriaco?

Pasquale

Ah! (breve pausa) portame ‘o vino

Gina

Ma la mamma….

Pasquale

Quando il sottoscritto, che fino a prova contraria è il capo di casa ti dice di fare una cosa, non c’è “ma” che tenga. Va’

Gina

Va bene (esce a destra)

Filomena

Pasca’ …

Pasquale

Statte zitta

Filomena

Io parlo quanto mi pare e piace

Pasquale

(dando un pugno sulla tavola) tu parli quando te lo dico io. Qua comando io solo!

Filomena

Overo… comme si stessemo in caserma!

Pasquale

Proprio, e il comandante d’’a caserma songh’io. E mi dovete  ubbedì a bacchetta, si no schiaffe, cauce e pugne. Assortite!

Filomena

(al figlio che le è vicino, mentre Pasquale è andato verso la porta) ma chisto fosse asciuto pazzo overamente?

Pasquale

(scattando) pazzo? Chi ha ditto ca so pazzo?

Filomena

(impaurita) e’ stato, Arturo!

Arturo

(confuso) Stevo parlanno d’o’ tiempo!

Pasquale

(alla moglie) non è vero! L’hai detto tu!

Filomena

Io!

Pasquale

Ti ho sentito. Disgraziatamente la tua voce ‘a tengo stampata qua (indica la testa)  Filome’, per regola tua io non sono pazzo, né sto mbriaco. (breve pausa) sono, questo è vero, un poco sconvolto, per la fortuna che abbiamo avuto, ma pazzo no. Filome’, ricordati bene: se dici ancora una volta che io so’ pazzo, te chiavo nu pugno ncapa! Pecchè nemmeno per scherzo se chiamma pazzo a uno. E’ una cosa che non si pensa nemmeno!

Filomena

Ma chi ‘a penza…

Pasquale fa una finta come se si volesse avvicinare a Filomena che si scosta impaurita

Pasquale

E perchè hai paura?

Filomena

No…


Pasquale

(come prima, e Filomena si scosta gridando) vedi, vedi ca te miette paura? Se tu non pensassi ca io so’ pazzo, mi chiederesti che n’aggio fatto dei soldi ca t’aggio arrubato (segno con la mano)

Filomena

Ah, t’’o rricuorde? Ma allora nun si pazzo?

Pasquale

Madonna mia manteneme ‘e mmane!

Arturo

Papà nun ‘a risponnere

Filomena

No, tu rispondi, si no ‘a pazza a faccio io. Che ne hai fatto della cinquanta lire?

Pasquale

L’aggio spisa

Filomena

Tutta quanta?

Pasquale

Tutta quanta. E si invece ‘e cinquanta ne trovavo cinquemila ‘e spennevo tutte e cinquemila

Filomena

Mariuolo!

Breve pausa

Pasquale

E se invece ‘e cinquemila ne trovavo diecimila ‘e spennevo tutte e diecimila. E mo chiamami mariuolo n’ata vota!

Filomena

Mariuolo!

Pasquale l’afferra per i capelli, lei grida, Arturo interviene e a stento riesce a separarli

Arturo

‘a vulite fernì, si o no? (e si ritira a destra con la madre)

Pasquale intanto va in strada

Filomena

Figlio mio, hai visto? Si non ci stavi tu, chillo me strafucava, overamente

Arturo

Aggio visto! Io credo che hai ragione tu: quello è… (fa il gesto come dire è pazzo)

Filomena

Zitto, pe carità. Addo’ sta mo?

Arturo

(dopo aver guardato) sta là fuori

Pasquale

(rientrando) e dire che quella femmina deve campare felice con i soldi che lascio io. Ma non è detta l’ultima parola. L’ultima parola la dirò fra otto mesi, se Dante Alighieri ha detto la verità. Pecchè po’ essere pure ca Dante Alighieri ha voluto fa nu scherzo…sah sti poeti…Tra poco sapremo ‘a verità! Si ‘e tre milioni sfumano,Dante ha pazziato, se invece…allora (imita un’anima che vola al cielo, poi si commuove sulla sua sorte e scoppia in pianto dirotto,allontanandosi)

Gina

(tornando dalla destra con il vino) povera mamma’

Filomena

(a Gina) hai capito… mo dov’è andato?

Gina

Fuori

Arturo

(piano) statti attenta a mamma’: ti sta guardando

Filomena

S’è fissato cu me…

Gina

(portando il bicchiere al padre) teh, papà

Pasquale

Grazie (beve) queste sono le ultime volte che tu servi a tuo padre

Gina

Si, papà

Pasquale

Fra qualche giorno avremo cammerieri….

Gina

(con il tono che si usa con i bambini) si, papà, si, si…

Pasquale

(ad Arturo)  per te…vestiti…cappelli…

Arturo

(come Gina col tono come sopra) si, si grazie…

Pasquale

Feste festicciole, regali: potete comprare quello che volete

Gina

(sempre in tono come sopra) si, si grazie , papà grazie assaie

Pasquale

La villeggiatura..

Arturo

(in tono come sopra) sicuro……

Pasquale

Vi faccio fare i bagni di mare…

Gina

(come sopra) si, si, certo…

Pasquale

Basta.. non so’ pazzo! (breve silenzio) sarete tutti felici

Gina

E pure tu papà!

Pasquale

Io? Io non sarò mai felice…. Io… (e rifà il gesto di volare e poi si fa la croce)

Filomena

Mo comincia un’altra volta…

Pasquale

(a Filomena) che staie dicenno, tu?

Filomena

No… parlavo cu arturo ‘e chille cinquanta lire… Gli volevo comprare i fazzoletti e i calzini..

Pasquale

Io, invece, ho comprato qualcosa più di sostanza!

Filomena

(con il tono dei ragazzi di poco prima) e si capisce… Tu sei tanto giudizioso… che ha comprato… che hai comprato?

Pasquale

Tre milioni

Filomena

Ah, hai fatto proprio un buon affare… e dove l’hai comprati?

Pasquale

Dal governo

Filomena

(scherzosa come con un bambino) Ah? il Governo s’è miso a vennere milioni?

Pasquale

Me le sono giocate al Banco Lotto: cinquanta lire sopra a quattro numeri

Filomena

(seria e stizzita) ma lo vedete qua se gli diamo retta ascimmo pazze nuje?

Pasquale

Uh, Gesù! Io ti restituisco tre milioni

Filomena

Eh già, pecchè ncapa a te, vince!

Pasquale

E se capisce. Io stanotte mi sono sunnato ca stavo ncielo…..

Filomena

Almeno nce fusse rimasto!

Pasquale

Passeggiavo tra le nuvole, quando mi’è venuto incontro nu signore sicco e luongo con un mantello russo sulle spalle

Gina

E chi era?

Filomena

Vedete che domanda! Era Dante Alighieri, l’amico suo!

Pasquale

Subito non l’avevo canusciuto stava nu poco sciupato. M’ha detto: “bravo Pasquale” … “era tanto tempo che desideravo vederti volevo dimostrarti la mia ricanuscenza. Giorni fa sono venuto a casa tua e ho visto la mia effige” tu mi hai saputo apprezzare, e io ti voglio ricompensare Guarda laggiu! E c'he vedo? I fuochi artificiali: granate rosse, gialle, verde, blu… Poi tanti bengala che facevano una pioggia d’oro… che cadendo, sul muro, ha scritto il mio nome PASQUALE GRIFONE, e quattro numeri. Allora isso ha ditto: “Pasquale, guarda il destino che ha scritto sotto al tuo nome! Giocati quei quattro numeri e sarai ricco! “eh, aggio ditto io, gioco? E comme gioco? Io nun tengo denare….” Vai dentro al comò di tua moglie e prenditi la cinquanta lire che sta sotto ‘e cammìse”…

Filomena

Gesù, e che fa’, o spione dint’’a casa mia’

Pasquale

Ma sei sicuro che escono sti numeri? Si no doppo, a mia moglie la devo mandare a farti compagnia! ho ringraziato e ho chiesto che vogliono dire questi numeri, m’ha pigliato a mano, e ha detto: rassegnati! m’ha lasciato e correva… e io appriesso… “ fermati, fermati,  dimmi perché il destino ha scritto quei quattro numeri sotto al nome mio? Isso……..

Carolina

(che, entrata un momento prima con Rosina, era restata in osservazione) neh, guè! (tutti sobbalzano spaventati) Vuie parìte mbalsamate… ch’è succieso?

Filomena

E’ successo che questo bel mobile s’ha giocato cinquanta lire ncopp ‘a quatto nemmere!

Carolina

Cinquanta lire? ‘A sotto! Avite fatto ambo terno e quaterna?

Pasquale

Quaterna secca!

Carolina

Ah, so’ questi i tre milione che diceva Arturo?

Filomena

C’’e da il Governo!

Pasquale

Artu’, nun da retta a tua madre. Miettete vicino ‘a porta e appena vide ‘e veni Sciuscella, chiamami  pecchè l’aggio ditto di portarmi l’estrazione

Arturo

Va buono papà

Carolina

Ma che nummere avite giocato?

Pasquale

8 13 52 e 90

Carolina

Eh, nun ce so’ male. Chi ve l’ha dati?

Filomena

Ce l’ha dati l’amico suo, Dante Alighieri

Carolina

Po’ essere pure ca vincite

Pasquale

A me Dante Alighieri m’ha ditto sempe’ a verità! Diversi anni fa, sempre in sogno, me dicette avrai una grande gioia, infatti, (breve pausa) dopo tre giorni è morto ‘o prevete ca m’aveva sposato a mia moglie!

Arturo

(che dalla porta osserva la strada) papà, sta venenno Sciuscella

Pasquale

Sta allegro?

Arturo

Non vedo bene

Pasquale

Io dico: corre o va chiano’

Arturo

Corre, papà, corre comm’o viento!

Filomena e Gina    sono andate all’uscio e guardano fuori

Pasquale

(rivolto a Carolina) aggio vinciuto, aggio vinciuto, Caruli’! dateme una sedia…

Arturo

S’è fermato!

Pasquale

(a Carolina che gli porge la sedia) leva ‘a sedia!

Carolina segue e corre alla porta

Gina

Sta parlando col fruttaiolo!

Arturo

Le sta facenno vedè nu piezzo ‘e carta!

Pasquale

Bianca..?

Arturo

Si

Pasquale

E’ quella che gli ho dato io per fargli segna’ ‘e nemmere estratte… sta sempre fermato?

Arturo

Si

Pasquale

E che fa?

Arturo

Fa nu sacco e mosse, me pare nu pazzo!

Pasquale

Ho vinto, ho vinto..

Arturo

Mo parla co’ ‘o speziale

Gina

Gli sta facendo vedere ‘o solito piezz’ ‘e carta

Arturo

(chiama) Sciuscèèèèèèèèèè

Sciuscella

(di dentro) ha vinciuto! Ha vinciuto!

Arturo

Sono usciti i numeri!

Filomena

Uh, mamma mia! (corre dentro, seguita da Carolina e da Gina)

Arturo

Papà he vinciuto.. viene, papà viene! (e corre dentro seguendo le donne)

Pasquale, frattanto, è andato a sedersi al tavolo ed è svenuto. Entra Sciuscella. Tutti lo seguono saltando e gridando dalla gioia.

Sciuscella

Tutt’ ‘e quatto, tutt’ ‘e quatto

Gina

Overamente?

Sciuscella

(mostra il foglio) eccoli qua!

Filomena

Io mo moro…….

Gina

(leggendo) 8 13 52 e 90

Arturo

Tre milioni

Tutti si abbracciano

Filomena

Sciuscè, tu avisse sbagliato?

Sciuscella

Vuie pazziate? Me lha scritte proprio don Luigi d’ ‘o  botteghino

Gina

(corre accanto al padre) Uh! Papà è svenuto!

Tutti circondano Pasquale e cercano di farlo rinvenire

Sciuscella

E’ stata la contentezza

Filomena

Artu’, va a prendere nu poco d’aceto

Arturo esegue

Gina

Papà, papà… (agli altri) io mi metto paura…..

Sciuscella

E’ cosa ‘e niente, E’ cosa ‘e niente!

Arturo

(tornando) ccà sta l’aceto

Carolina

Mettìtancello buono sott’ ‘o naso

Gina

Papà, papà mio bello!

Arturo

Sta arapenno ll’uocchie!

Filomena

Pascali’, pascalì…

Pasquale

Dunque, tutt’ ‘e quatto?

Sciuscella

tutt’ ‘e quatto! Site cintento?

Pasquale

Io? Io mo t’accido! (afferra Sciuscella per la gola e lo vorrebbe strozzare)

Tutti cercano di dividerli; Arturo conduce sciuscella verso il fondo, mentre Pasquale si siede

Filomena

Pasqualino mio bello!

Pasquale

Tu lèvate ‘a nnanze, si no te ceco n’uocchio. Io non posso essere contento. Voi la fine del sogno non la sapete….sapete che m’ha risposto Dante Alighieri quando gli ho chiesto che volevano dire quei quattro numeri scritte sotto ‘o nome mio?

Gina

Na cosa brutta?

Pasquale

Na cosa tremenda! M’ha risposto: Pasquale, quei numeri sono la data della tua morte!

Filomena

E comme po’ essere? 8 13 52 e 90

Pasquale

Ha detto: tu morirai fra otto mesi, alle ore tredici, all’età di cinquantadue anni, novanta giorni dopo il tuo compleanno! Dopo ‘o compleanno tieni tre mise ‘e vita, ma se durante sti tre mise ‘a famiglia toja te fa mangia o pesce, muore ‘e subbeto, immediatamente! Se volete farmi campà n’atu ppoco, niente pesce! E rassegnateve: fra otto mesi farete il mio funerale!

Filomena

E va buuono, e cos’’e niente!


2 atto

Salotto elegante nella nuova casa di Pasquale Grifone a Napoli. Davanti al busto di Dante, su una consolle, è acceso un lumino.

Assunta e Giovanni cameriera e cameriere di casa, mettono in ordine la stanza

Giovanni

Eh cara mia, Signori si nasce. E i padroni nostri non ci sono proprio nati.

Assunta

Si? E tu mo l’hai capito? Però tengono il cuore buono

Giovanni

Questo è vero, ma che so… io ero abituato alle case signorili, invece ccà!

Assunta

Ti vuoi licenziare?

Giovanni

Seh, mi licenzio! E dove vado? E’ difficile trovà nu posto buono! Io qua pure finirei con l’abituarmi… ma ce sta ‘o padrone….

Assunta

Scusa, ma la colpa è tua. Che ti dissi quando entrasti in questa casa? “ bada, con la padrona bisogna parlare in punta di forchetta, ma col padrone alla buona”. Tu invece, con lui usi termini scelti e quello ti tratta male.

Giovanni

Io così so parlare, perché nelle grandi case dove ho sempre servito accussì m’hanno imparato.

Assunta

Tu sei troppo difficile, però ricordati che ieri il padrone ha detto che tenere due servitori è esagerato

Giovanni

Veramente? Vedete che dolore! Se mi licenziano mi fanno un piacere! (e si mette a spolverare il busto di Dante)

Assunta

Intanto stai attento che se si spegne il lumino la signora te ne caccia immediatamente

Giovanni

E si capisce, questo è l’angelo tutelare, come dice la signora. Il lumino deve stare sempre acceso. Hanno ragione loro.

Filomena

(entrando) E’ rientrato il padrone?

Giovanni

Non ancora signora

Filomena

(ad Assunta) E la signorina?

Assunta

E’ uscita, credo sia andata al tennis

Filomena

A piedi, o con la nostra automobile Alfa Romeo?

Assunta

A piedi

Filomena

Sola o accompagnata da un signorino straniero?

Assunta

Sola

Filomena

Va bene, potete ritirarvi. (i due fanno per andare)  un momento, tenete pronto il thè non si sape mai…

Giovanni

Va bene, signora (fanno per andare, ma vedono venire Pasquale e si fermano; Giovanni si inchina profondamente) Signore…..

Pasquale

(entrando) hai perso qualche cosa?

Giovanni

No signore esprimevo il mio il mio profondo rispetto

Pasquale

Non lo fare profondo, il rispetto fallo come sei nato, comme t’ha fatto mammete. Tu faje ‘o spiritoso.. e a me me girano e cervelle. (breve pausa) Ogge fa un caldo ca se more! Non si respira nemmeno in automobile

Giovanni

Permettete, signor padrone?

Pasquale

Che vuoi?

Giovanni

Il cappello

Pasquale

Ma tu sei un bel tipo sa’? io ieri ma l’aggio acattato, t’o’ dongo a te!

Giovanni

Signore non avete capito

Pasquale

E se capisce: a te te piace ‘e parlà difficile. Che vuoi

Giovanni

Siccome entrando avete detto che avete caldo, orbene toglietevi il cappello

Pasquale

(toglie il cappello e glielo dà) Or-be-ne ….me faie un piacere?

Giovanni

Dite signor padrone!

Pasquale

Quando ragioni con me, non mettere ‘a lingua in lavanderia

Filomena

(in tono di rimprovero) Pasquale…..

Pasquale

Ah, tu stive lloco! Buonasera. (poi a Giovanni) He capito?

Giovanni

Nelle case dove ho servito, prima d’avere l’onore di entrare qui, si parlava Italiano

Pasquale

Pecche’ io, secondo te so’ Turco?

Giovanni

Non dico questo…..

Pasquale

Per regola tua, io sono più taliano di tutti i taliani d’Italia, perché l’Italia comincia da Napoli, e dove finisce? Nell’Alta Italia! La gente del popolo ca parlano difficile comm’a te e come la mia nobila consorte songo pidocchi sagliute, he capito?

Filomena

(come sopra) Pasquale……

Pasquale

(ad Assunta) Aggio ditto male? Maruzze rispondi tu

Filomena

Ti proibisco di chiamare la mia cameriera con quel nome volgare!

Pasquale

(ad Assunta) Ma pecchè, al paese tuo comme te chiammavano?

Assunta

Maruzzella… perché da piccola ero poco svelta

Pasquale

E ti dispiace se ti chiamo con questo nomme volgare?


Assunta

Anzi! Mi sembra di essere a casa mia. Chiamatemi sempre così mi fate piacere.

Pasquale

Ah!!! Ti regalo dieci lire: teh!!

Assunta

(prendendo il denaro) grazie, don Pasquale.

Filomena

(ai domestici) ritiratevi subito. (a Giovanni) abbiate pazienza, Giovanni

Giovanni

Oh, signora immaginatevi.. (s’inchina e tutto computo fa per andare, con aria sussiegosa)

Pasquale gli fa lo sgambetto e lo fa cadere; poi i due domestici escono

Filomena

Insomma, hai deciso di farmi diventare lo zimbello di tutti! Ma non farti illusioni, pecchè si ridono sulle mie spalle ridono pure sulle tue! Anzi, sulle tue ridono di più!

Pasquale

Io, di coloro, me ne frocoleo

Filomena

Sentite, sentite che paroli volgari….

Pasquale

Filume’, mo te fa impressione “mene frocoleo” Io, in un recentissimo passato, ti sfilavo quel rosario!

Filomena

Ma perché non vuoi capire che non siamo più quelli di una volta?

Pasquale

Allora siamo diventati quelli di un’altra volta!

Filomena

Perché cerchi di evitare e respingere tutto quello che ti potrebbe far diventare un gentiluomo puro sangue?

Pasquale

Ma tu lo sai che parle ‘e na manera che sarebbe proprio il caso di mettere un premio, per chi te fa’ o pernacchio cchiù forte?

Filomena

Io parlo come si conviene a una gentildonna della mia condizione e della mia casta

Pasquale

Filume’, miettatèlo ncapa: io non sono un buffone

Filomena

E pecchè, secondo te io songo na buffona?

Pasquale

No

Filomena

Ah, mbè

Pasquale

No Tu non sei una buffona, tu sei la caricatura della buffona!

Filomena

Ah, neh? E tu si nu lazzaro, ignorante e senza cuore.

Pasquale

Perché, voi siete gente di cuore? Vi siete sistemati tutti quanti: tu tieni la cameriera personale e il cameriere che ti fa le riverenze; mia figlia si sposa all’americano e si sistema; Arturo si sposa a Rosina e si sistema pure lui… tu, mia nobila consorte, non ti ricordi una cosa importantissima!

Filomena

Che csa?

Pasquale

Sono agli sgoccioli

Filomena

Ma non capisco

Pasquale

Ah! Non capisci? un mese fa abbiamo festeggiato ‘o compleanno?

Filomena

Embè?

Pasquale

E Dante, che dicette? Che sarei morto novanta giorni dopo il compleanno. Dunque fra sessanta giorni me portate al camposanto e mi sistemate pure a me!

Filomena

Ma chesta è na fissazione!

Pasquale

E’ na fissazione? E quando ti ho detto che saremmo diventati ricchi, pure era na fissazione? Ah!!! già tu allora diciste addirittura ca io ero pazzo!

Filomena

Santo Dio, ma se tieni un aspetto magnifico, mangi di buon appetito, nun te siente niente….

Pasquale

Oggi non mi sento niente, ma domani chi lo sa?

Filomena

Pasca’, tu campe cient’anne. Tu vide muorte a tutte quante!

Pasquale

Ah, se fosse per me, non avrei niente in contrario, ma intanto  uno che l’anno passato, vincette nu terno dopo tre mesi e  morto, proprio come aveva detto ‘a mamma in sogno!

Filomena

Ma forse quello già stava malato

Pasquale

No, no, quello stava bene!

Filomena

E allora comme mureva?

Pasquale

Ca morte! Questa è un’altra sciocchezza che si dice sempre (breve pausa) tre sono le domande che si  fanno quando muore una persona: “Di che è morto” “Che malattia teneva”, e “Quanti anni teneva”….  Ma queste domande non si fanno per amore verso la persona morta. Per carità! Si domanda per informazione personale, come per dire: “ di che è morto? ‘A tenesse pur’io sta malattia?” “ Quant’anne teneva? Fosse della mia classe, tiene gli anni miei? Che malattia… a tenesse pur’io…  La vera malattia è la morte. Quella chi te la guarisce, ti viene n’accidente, comme succedera’ a me; e te saluto. Cioè, te saluto prima e po’ me vene l’accidente… Me lo sono sognato pure stanotte

Filomena

Che cosa?

Pasquale

Ch’ero morto

Filomena

Benissimo

Pasquale

E se capisce, non vedi l’ora ca io vaco è …te faccio scumparì. Io non parlo pulito! Ma non ti credere che me ne vaco accussì, zitto zitto. Te ne accorgerai tra sessanta giorni

Filomena

Ma io aggio ditto: “benissimo” vulenno dicere: “un altro sogno, e mo chi te leva cchiù stu pensiero a capa? Benissimo


Pasquale

Hai trovato una buona pezza a culore… Però, mia nobila sposa, le cose che ho deciso non cambiano

Filomena

Io mi ritiro.. (fa per uscire)

Pasquale

Aspetta! Mi ritiro… te voglio raccontare il sogno di stanotte

Filomena

Sentimmo stu suonno!

Pasquale

ero morto. “benissimo” eh!! stavo steso sopra al letto tutto vestito di nero. Attorno a me ci stavano tutte candele accese. A sinistra, dalla parte del cuore, ci stavano ‘i figli; a destra dalla parte del portafoglio, tu. Ai piedi, il servitorame. Figli e camerieri piangevano dirottamente

Filomena

E io?

Pasquale

Tu non piangevi

Filomena

E che facevo?

Pasquale

Ridevi

Filomena

(con un risolino) in sogno?

Pasquale

No, comme staie ridenno mo. Però stavi vestita di nero

Filomena

Embè, nelle nostre condizioni, o’ lutto s’ha da mettere subito, se no si fa na brutta figura!

Pasquale

Certo: immediatamente in divisa! All’improvviso s’è aperta ‘a porta ed è entrato il notaio per leggervi il testamento. Il notaio t’ha visto ‘e ridere e s’è fermato, non sapeva se t’aveva fa le condoglianze o i complimenti. Poi ha detto a tutti quanti di sedervi attuorno ‘o tavolo da pranzo. Tu, sempre ridendo, sei stata la prima a prendere posto. liggiuto ‘o testamiento. Saie che è successo? Figli  e servitori si so’ messi a ridere e tu finalmente, te si misa a chiagnere! Hai capito, nobila consorte?

Filomena

Io non ti rispondo, mi ritiro sdegnata nelle mie stanze

Pasquale

Non ti lascio un soldo! Haie voglia ‘e murì ‘e subbeto!

Filomena

(avviandosi a destra) salute alla fibbia, disse Don Fabio!

Pasquale

(spalancando l’uscio di destra) prego nobila consorte…. (Filomena esce… pasquale le tira un leggero calcio) Buffona! Non è giusto lei contenta e io no! Ha da suffrì pur’essa! (volgendosi al busto di Dante) E pure tu, caro angelo tutelare! Non te fa illusioni, ‘o lumino to stuto! (pausa) Però sarebbe bello prima la donna dopo io! Noo! Meglio di no si no a trovo ca ma aspetta! Meglio primma io, accussì me la levo da torno! (a Dante) ma tu resti all’oscuro, tu! (esce) 

Gina

(seguita da Jack e Giovanni) Giovanni, avverti la mamma che sono tornata

Giovanni

Bene, signorina (fa per andare)

Jack

(con accento inglese) Un momento, Giovanni avverti la signora più tardi. Capito?

Giovanni

Ma la signorina…..

Gina

Va bene, avvertila fra qualche minuto

Giovanni si inchina e va via

Jack

Io volere…

Gina

(correggendolo) Io voglio

Jack

Io voglio?

Gina

Si

Jack

Grazie. Io voglio restare ancora un po’ con te

Gina

Si, ma è più di un’ora che stiamo insieme……

Jack

Un’ora! Poco… E poi, fuori con tanta affollazione, di gente, le vie di Napoli essere molto belle, ma troppa gente. E poi, quando siamo rimasti soli, visto tuo papà con macchina

Gina

E tu hai fatto ‘a faccia bianca comm’ ‘a carta!

Jack

Bianca come carta?

Gina

Ti sei messo paura

Jack

No, no, io non paura per me, io paura per te. Io sapere che papà italiani essere molto severi con suoi guagliune…

Gina

Ma papà mio è buono, e poi non ci ha visti

Jack

Si, yes.. sua macchina correva come lepro

Gina

Lepre

Jack

Come lepre. Se tuo papà buono come tua mamma, io sarà l’uomo più felice di terramoto

Gina

Terremoto….?

Jack

Yes, terramento..

Gina

Ah…. della terra!

Filomena

(entrando dalla destra) Oh, signor Jecche… Buongiorno, buongiorno!

Jack

(alzandosi) oh, signora

Filomena e Jack

(stringendosi la mano) come va?

Ridono tutti e tre

Filomena

Io bene…

Jack

Io bene (le porge la mano)

Filomena la stringe

Filomena e Jack

come va?

Jack

Fare silenzio, tu: come vado io?

Filomena

E io che ne so? Lo dovete sapere voi come andate!

Jack

No, no, no.. io domandare voi: come va?

Filomena

Tengo un poco di emicrania in testa, ma passerà. Accomodatevi

Jack

(sedendo) grazie

Filomena

Come vanno signor Jecche le lezioni?

Jack

Molto bene. Io sparare…

Gina

Spero

Jack

Io spero presto parlare corrottamente vostra lingua

Filomena

Volete accettare una tazza di the?

Jack

Yes, molte grazie

Filomena

Gina fai una suonata al cameriere

Gina

Subito mamma. (esegue) il babbo dov’è?

Filomena

E’ nel suo studio

Jack

Noi avere visto marito fuori, ma lui non ha visto noi: sua macchina correva come lepre…

Filomena

Lepra….

Jack

Lepre, lepre

Filomena

Quando ne sono due: lepre, ma quando è una sola si dice lepra!

Gina

(Giovanni che entra) il the…

Giovanni s’inchina e via

Filomena

Mio marito è molto coraggioso… più coraggioso di Orlando

Jack

Chi essere Orlando?

Filomena

Ma come, non lo conoscete?

Jack

Nessuno me presentato a lui

Filomena

Ma quello è tanto tempo che è morto!

Jack

Povero Orlando

Gina

Ma è un personaggio dell’Ariosto!

Jack

Morto arrosto?

Gina

Ma no! (entra Giovanni con il vassoio del the; Gina lo serve) Jack col limone?

Jack

Grazie

Filomena

Signor Jecche, vi trattenerete molto a Napoli?

Jack

Lascerò il vostro paese dopo avvenimento molto importante

Filomena

Un avvenimento? Non capisco… (e sorride)

Jack

Non posso dire adesso mio segreto (e ride guardando Gina)

A sua volta Gina sorride

Pasquale

(entra e vede i tre che ridono; s’avvicina alla moglie e le dà un colpetto sulla testa) ridete, ridete.. ve lo do io il castigo! Fra sessanta giorni parliamo

Gina

Papà, ti presento il signor Jack Hilton

Jack

Molto felice di fare sua conoscenza

Pasquale

A me nun me passa manco p’ ‘a capa… assettatè..

Jack

Come?

Pasquale

Assettatè

Jack

Assè… non capire

Pasquale

Mettete questo (e mostra il sedere) sopra a questa (e mostra la sedia; vedendo che nemmeno ora Jack capisce, gli dà una spinta e lo costringe a sedere)

Jack

(ride) Ah, capito, capito! Assèttate!

Pasquale

Statte comodo, non badate a me, tanto io sono di passaggio!

Jack

Passaggio?

Pasquale

Si fra due mesi parto

Jack

E addò jate?

Pasquale

Fra due mesi parto

Jack

E addò jate?

Pasquale

(a Gina) Ma chisto è inglese?

Gina

Si, ma io gli ho insegnato pure qualche parola di napoletano

Pasquale

(a Jack) Vado lontano, molto lontano

Jack

America?

Pasquale

Volesse o’ cielo! Io parto per conto mio (fa gesti di volare) Avete capito?

Jack

No

Pasquale

(avviandosi all’uscita) Allora statte buono

Filomena

Pasquale, dove vai?

Pasquale

Addò me pare e piace

Filomena

Resta un poco in compagnia nostra.. degusta almeno una tazza di the…

Pasquale

Io ‘a camumilla m’’a piglio quanno me fa male ‘a panza!

Gina

(piano) Papà, ma non puoi trattarlo ‘e chesta manèra … pare brutto assaje! (poi ad alta voce) mamma, dai una tazza di the al babbo…

Filomena esegue e fa per porgerla al marito


Pasquale

Non ti avvicinare mamma, perché se no babbo te lo sbabba in testa e ti fa fare una bella doccia di the

Filomena

(tornando al suo posto) quanto sei antipatico!

Pasquale

Vattènne, torna al posto tuo!

Gina

Poco fa ti abbiamo visto in via Carraciolo. Ti volevamo fermare ma correvi come il vento..

Pasquale

E chillo è stato chillu figli’ ‘e cane d’’o chauffeur…

Gina

Mamma il signor Jack se ne va

Filomena

Già se ne va…

Jack

Ma tornerò presto. Buonasera. (a Pasquale) signore…

Pasquale

(molto sguaiatamente) stateve buono!

Jack ridendo esce, seguito da Gina

Filomena

Insomma, sta musica dura assai?

Pasquale

Sessanta giorni

Filomena

Ah, neh? E io te lasso e me ne vaco

Gina (tornando)

Papà, ma io non capisco! Ma pecchè l’he trattato in quella maniera? Duie parole gentile ce le potevi pure dire, che diavolo!

Pasquale

Non è mai successo che un condannato a morte passa le sue ultime ore a fare i complimenti alla gente! Lo volete capì o no io sono un condannato a morte? Anzi peggio, perchè o cundannato a morte dopo ventiquattr’ore le fanno a pella; io, invece, moro dopo otto mesi dalla sentenza! (furioso) io nun saccio chi me mantene! (fa l’atto di spegnere il lumino a Dante)

Filomena

(urlando) Pasqua’, nun tuccà chillu lumino, sah!

Pasquale

E va bene… hai ragione tu! (via dal fondo)

Carolina

(dalla comune seguita da Rosina) Sentite.. noi non siamo aristocratiche come voi, e va bene, ma ci potevate mandare l'automobile alla stazione! 

Filomena

Guè Carulì! Quanto me dispiace ca nun so’ venuta ‘a stazione… Ma che vuoi fare, nui tenevamo visite qua. Siedi, siedi. Comme stai? E tu pure, Rusì comme staie?

Rosina

Bene. Grazie. E Arturo?

Filomena

Eh, Arturo sta alla sua azienda

Carolina

Comme, sapeva ca ogge arrivava ‘a fidanzata!

Rosina

basta ca non ci sia quacche altra femmena


Carolina

(a Rosina) sei gelosa? Ma non farmi ridere, quello ti vuole bene! (a Filomena) Ma diciteme na cosa, mo ca site addeventate ricche, vuje forse avete cambiato idea?

Filomena

No, noi siamo felicissimi che Arturo, nostro figlio, impalmi la tua cara Rosina.

Carolina

Impalmi?

Filomena

Eh, ca se sposa a Rosina

Carolina

Tu parle ‘e nata manera?

Filomena

Che vuoi fare, Carulì… Viviamo in mezzo a gente cosi fina….

Carolina

Ginarè e tu come stai?

Gina

Bene, grazie

Carolina

Dimme nu poco,’o nnammurato l’he truvato o no?

Gina

No

Carolina

No? E sti napulitane so’ tutte cecate!

Filomena

I Napoletani si, ma qualche straniero, no! (a Gina) Guardate comme s’è fatta rossa!

Carolina

E chi è?

Filomena

Carulì, noi andiamo sempre in su! Sempre più su.. E chissà dove arrivammo

Carolina

Ncielo!

Filomena

Quanno più tarde po’ essere! Neh, se si devono comprare i mobili per la casa degli sposini, s’ha da chiammà Arturo. Ginarè, falle un colpo di telefonata

Gina

Subito mammà (esce con Rosina)

Carolina

E mariteto comme sta?

Filomena

Per carità, nun ne parlammo! Cu chella fissazione c’ha da murì, me  sta avvelenando l’esistenza.. E’ addiventato perfino cattivo!

Gina

(tornando con Rosina) Arturo mo viene

Carolina

(vedendo entrare Pasquale) don pasqua’, buona sera

Pasquale

‘a bellezza!

Carolina

Comme jammo?

Pasquale

Male

Carolina

Eh, ma vuje nun ce avita penzà, voi avita sta allegro! L’allegria fa buon sangue, fa campa’ assaie!

Pasquale

E allora voi campate quanto a na pappavalla!

Carolina

E pure voi! Io non mi sbaglio mai, io le cose l’anduvino sempre. Io so’ comme a Dante,

Pasquale

Va’ a murì ‘e subbeto tu e Dante

Arturo

(entra dalla comune e va ad abbracciare Rosina) Rosina mia bella come stai?

Carolina

Neh! Guaglio’ chiano, chiano!

Arturo

(abbracciando Carolina) suocera mia bella come va?

Carolina

Eh tu mi vuoi fare passare per fessa sana sana! (a Pasquale) ‘O vedite comme sta allegro pur’isso!

Pasquale

E se capisce… Ih, che schifezza ‘e famiglia!

Arturo

Mammà, aggio fatto n’affare e primm’ordine. ‘A fornitura c’aggio cumbinato oggi, ci farà guadagnare denari a palate!

Filomena

Io l’aggio ditto sempe, tu tiene ‘a capa ncapo! Tu si intelligente!

Arturo

Papà, e tu nun dice niente? Fra dieci mesi alla fine dell’anno, quando se chiude ‘o bilancio, tu nun t’he mettere ‘e mmane int’ ‘ e capille!

Pasquale

Lo so, lo so! alla fine dell’anno le mani non me le metto da  nessuna parte!

Arturo

Ma ch’è stato?

Filomena

Dice che alla fine dell’anno le mani non se le può mettere da nessuna parte perché sarà già morto!

Arturo

Papà, quanto si’ scemo!

Pasquale, intanto, senza dare retta agli altri si toglie la cravatta e, serio, serio, comincia a prendere le misure di se stesso per un ipotetica cassa da morto. Finita la “cassa” si china per raccoglierla da terra e se la poggia sulle spalle per vedere se passa per la porta: sì ci passa, ma giusto, giusto, e per farla scivolare tra i battenti, lui è costretto piegarsi sulle ginocchia… finito il gioco mimico, torna nella stanza. Intanto…

Filomena

(a Gina) Neh, vatti a vestire! (a Rosina) e tu aiutala, se no facimmo tarde

Arturo

(mentre le ragazze si avviano e tornano poi sui loro passi per ascoltare Arturo) Papà, dimme na cosa: l’he levato tu mezzo milione ‘a copp ‘o cunto corrente?

Pasquale

Si

Arturo

non m’he ditto niente… hai pagato qualche tratta? Scusa, sa, ma se io nun segno tutte cose, io po’ nun me trovo cu ‘e cunte… He capito?

Pasquale

Le ho preso per spese personali

Filomena

Mezzo milione per spese personali?

Pasquale

Cheste so’ cose che a te non ti riguardano

Filomena

Non mi riguardano…! Lo dici tu….

Pasquale

(a Gina) Tu ti devi andare a vestire? E vattè a vestì! (a Filomena, Arturo, Carolina, e Rosina) Voi dovete uscire? E andate.. andate

Carolina

Aggio capito, va’… oggi nun s’accatta proprio niente

Filomena

Vuo’ risponnere o no? Che n’he fatto d’’o mezzo milione?

Pasquale

L’aggio regalato

Filomena

A chi?

Pasquale

A chi ne aveva bisogno. ho fatto opere  di carità

Carolina

Embè, n’ha fatto opere ‘e carità! Andiamo ca se fa tarde….

Filomena

Opere ‘e carità… io po’, scema, scema, m’’o credo!

Arturo

Mamma’!

Filomena

Non si esce più

Carolina

E io ‘o ssapevo!

Pasquale

No, non li ho spesi come pensi tu… ho aiutato diverse famiglie bisognose, malate, che avevano bisogno di medicine… sto facendo elemosine, sto facendo la carità: questo è il mio delitto!

Filomena

E tu, p’aiutà agli altri levi mezzo milione ai figli tuoi? Questo è enorme!

Pasquale

No, questo non è enorme. Sarà enorme quello che regalerò. Eh cara mia, prima d’intraprendere il mio viaggio devi vedere quante opere di bene devo ancora fare!

Filomena

Signori! Ma ditemi voi se di fronte a un mentecatto simile si può restare calmi!

Arturo

Ma mamma’ have ragione!

Pasquale

Ma che ragione? Voi non sapete niente! Io quindici notte fa, ho fatto un sogno

Arturo

N’atu suonno…

Pasquale

Si un altro sogno! Me so sunnato a don Ciccio ‘o pellettiere.. che sta da tanti anni in paradiso, è pratico… e me dicette:”Pasquale, ho saputo che sarai dei nostri” so asciti già i manifesti” prossimamente Pasquale Grifone”! dico: “ si sarò dei vostri vengo in Paradiso” se girato e ha detto: vieni in Paradiso? E te credi che è facile? Si deve vedere se sei degno, se hai fatto gravi peccati… devi fare l’esame! Io gli ho raccontato quacche peccatuccio fatto in gioventù…

Filomena

Ah, i peccati.. mo ti metti paura, mo ti viene il pentimento! Perciò me lassave sempre sola…….

Pasquale

Che c’entra? So peccati ‘e primma d’ ‘o matrimonio, dunque, dicette don Ciccio: “Pasca’ tu staie nguaiato! In questi altri pochi giorni che tieni di tempo, cerca di salvarti l’anima, si non vaie da belzebù!” a me rimangono  due mesi di tempo per preparà l’esame, con la speranza di entrare in paradiso magari con una scoppola! Quindi, non transigo: spendo qualunque somma pe’ me salvà ll’anema!

Filomena

Avite ntiso…! Chisto ce manna a’ rovina!

Arturo

Mamma’, calmati


Filomena

So’ calma, so calma. Nun te mettere appaura. Saccio io chello c’aggia fa…. Mo piglio io ‘a risoluzione!

Pasquale

E che risoluzione?

Filomena

Quella di una buona madre di famiglia che vuole tutelare l’interesse dei figli: te faccio interdì!

Pasquale

Ma tu staie pazzianno?

Filomena

Mo stesso vaco addu l’avvocato

Carolina

Chella ‘o ddice, ma nun ‘o ffa

Filomena

‘O ffaccio, ‘o ffaccio, ce vaco mo stesso! Si no chella capa pazza, se mangia tutt’o patrimonio!

Pasquale

Avete capito? Questa è la ricompensa per averla fatta addeventà signora! Mi proibisce pure di salvarmi l’anema! Me vo’ fa’ murì dannato! Ma io vi distruggo! Va’ dall’avvocato, ma primma ca succede questo, io brucio tutt’ ‘a casa! Tu vuoi la guerra? E guerra sia! Ritorniamo al tempo dei Guefi e dei Ghibellini, dei bianchi e dei Neri, e vediamo chi vince! E tanto per cominciare: fra mezz’ora vuie murite..

Filomena

(beffarda) Pure chisto te l’ha ditto Dante alighieri?

Pasquale

No, questo lo dico io! (estrae una rivoltella; tutti sono terrorizzati e si raggruppano a destra; Pasquale fa delle finte con la pistola, come se volesse colpirli, e man mano che si sentono minacciati, gli altri gridano) Ah, se mettono paura ‘e murì

Jack

(dal fondo, seguito da Giovanni con una spasella di pesce tra le mani; vede la scena, e resta un momento in osservazione poi esclama) Permesso! (venendo avanti) prego accettare piccolo regalo pesce fresco………..

Pasquale

(vede il cestino di pesce, ne prova un terrore indicibile e corre verso destra) nun ‘o voglio vedè, nun ‘o voglio vedè!


3 atto

La stessa scena del secondo atto, due mesi dopo. Quando si alza il sipario la scena è vuota. Il lumino davanti al busto di Dante è acceso. Squillo di campanello.

Gina

(dalla destra, ad Assunta che dal fondo attraversa la scena per andare ad aprire) hanno suonato

Assunta

Ho sentito, signorina (via per la comune)

Gina

(ad Arturo che esce dalla destra) che hai fatto, l’hai lasciato solo’

Arturo

Vuole assolutamente che vado dal commendatore Sperani

Gina

E chi è?

Arturo

Quando torno t’’o ddico. Adesso va’ dinto, non lasciarlo  solo. Esaltato comme sta, po’ essere pure che fa qualche sproposito. (via dalla comune)

Assunta

(rientrando) signorina c’è il suo fidanzato

Gina

Tu vattene dentro subito

Assunta

Va bene (Via dalla destra)

Jack

(dalla comune) dottore non essere in casa

Gina

Dovevi chiamare un altro dottore! Ce vuleva tanto a capì? Si’ proprio nu pachiochio!

Jack

Pachiochio…? Calma, calma

Gina

Agge pacienza, ma io me metto na paura tremenda… tu che dici? Credi che papà…

Jack

Sono sicuro che papà venire in chiesa per nostro matrimonio

Squilla il campanello

Gina

Deve essere il dottore

Carolina

(entrando dalla comune seguita da Rosina) neh, ma ch’è successo?

Gina

Papà sta male assai

Carolina

Male, e ‘a quanto tiempo?

Jack

All’una precisa deve morire

Carolina

Ah, mo aggio capito! E tu per questa sciucchezza me manne quel telegramma? Io stavo stirando, è venuto il fattorino e m’ha cunzignato ‘o telegramma Venite immediatamente da noi. Gina” nun aggio perzo nu minuto me so miso ‘o cappiello, so’ curruta ‘a stazione. E alla fine dei conti che ti vengo a sapere? Che era per il fatto del sogno!

Jack

Povera Gina, lei avere tanta paura suo daddy morire una precisa!

Carolina

Beh, capisco, have ragione, ma m’ha fatto mettere paura! (a Gina) Ma statte senza pensiero: tuo padre all’una e nu minuto se va a fare na bella scampagnata… ‘O duttore l’avete chiamato?

Gina

Si, e ha detto che tiene il morale scosso. ‘O fatto sapite qual è? Ca papà sta in uno stato che fa impressione! Po’ essere pure ca ‘a paura ‘o fa asci pazzo!

Carolina

Lassàmmo fa a Dio… Lassàmmo fa a Dio!

Assunta

(di dentro) signorina il padrone vuole venire in salotto! (e compare sulla soglia)

Gina

No, no è meglio che resta a letto!

Assunta

Gliel’ho detto anch’io! (esce)

Gina

(avviandosi) vini Jack…qua Jack..

Escono a destra

Carolina

E’ bello, Jack… è bello! (via con Rosina, a destra)

Poco dopo, da destra, compare pasquale, sorretto da Gina e Assunta; seguono Carolina Rosina e Jack; Pasquale è pallidissimo

Pasquale

Piano, piano… mamma mia, le gambe!

Lo fanno sedere sulla sedia accanto al tavolo

Gina

Ma pecchè nun si’ rimasto dint’’o lietto?

Pasquale

Voglio stà ccà…. Che fatica camminare. E se capisce, chella è ‘a paralisi

Jack

Perché non essere rimasto in letto?

Pasquale

Qui c’è più aria. (nota Assunta che segue ridendo lo scambio di battute) tu pecchè ride neh?

Assunta

Scusate, ma non ne posso fare a meno

Rosina

Quello poi è pure il nervosismo! Ma voi don Pasqua’ come vi sentite’


Pasquale

Male, male, paralisi che vanno e vengono…. (vuole dimostrare la gravità del suo stato, e spiegare la paralisi: prende il polsino della camicia con la destra e poi lo lascia di colpo, e il braccio ricade, inerte; Jack ha guardato con molto interesse, e ora s’avvicina, prende il polsino della camicia e senza lasciare cadere il braccio lo muove avanti e indietro, come se fosse il braccio di un burattino; Pasquale lo lascia fare, poi indignato) amico basta! (e ritira il braccio) non si scherza con le paralisi altrui!

Jack

(non convinto) eppure il dottore…..

Pasquale

Chillo non capisce niente! Ha tenuto il coraggio di dicere ca io sto buono! (viene preso da brividi e gli battono i denti, quasi subito il tremito si trasforma in un borbottio ritmato, che gli altri ascoltano come affascinati) mettiteme na cosa sulle spalle, copritemi…

Gina

Assunta, piglia un cuscino

Assunta

Subito signorina…. (esce a destra)

Gina

(gridandole dietro) porta pure ‘o plaid!

Assunta

(tornando con quanto richiesto) ecco anche la coperta.

Gina

Ecco qua (mette il cuscino dietro alle spalle del padre, e gli copre le gambe con il plaid)

Intanto Pasquale ha notato Carolina, che porta un largo cappello nero, e aguzza lo sguardo per capire chi è

 

Pasquale

Avete chiamato già il prete?

Carolina

Ma no, don pasqua’ so’ Carolina!

Pasquale

Ci sta pure Carolina… è venuta a vedè comme moro!

Carolina

No, che sfizio… So venuta a Napoli pè fa cierte spese

Pasquale

Lo vedete come sono ridotto? Pelle e ossa! Sono finito. ‘A vi llanno. Stanotte aggio avuto nu delirio tremendo….

Carolina

Che avete avuto? Ch v’hanno mandato?

Pasquale

Ma che hai capito? Sai che cos’è il delirio?

Carolina

Eh, no

Pasquale

E io nemmeno, ma ho avuto il delirio. Neh, che ore sono?

Carolina

(guardando l’orologio da polso) mezzogiorno e dieci

Jack

(guardando il suo) ne, signora: mezzogiorno e venti

Gina

Ma nonsignore, l’orologio tuo va male

Jack

Mio orologio essere cronometro!

Gina

Sarà cronometro, ma va avanti

Jack

No, no, no, prego va benissimo

Gina

Ma se io ti sto dicendo che va avanti, vuol dire che l’orologio tuo va avanti! (e alle spalle del padre, fa dei gesti per far comprendere a Jack la situazione, aiutata da Carolina e Rosina)

Jack

(che finalmente ha capito) Aaaaaaaah! Ma poi mezzogiorno e dieci mezzogiorno e venti………

Pasquale

Ma voi fate sul serio? Voi li pigliate per niente dieci minuti, per uno che deve morire ad orario fisso?

Carolina

Don pasqua’ ma che vi sentite?

Pasquale

Caruli’ me ne sto andando… Filomena addò sta?

Assunta

Nella camera degli ospiti sta dormendo

Pasquale

Dorme?

Gina

L’ho fatta coricare io, a mamma. Nun ne puteva cchiù. M’ha detto che stanotte non ha riposato proprio

Pasquale

E’ vero, è vero……. tutta la notte sveglia!

Carolina

E che avete fatto?

Pasquale

Abbiamo fatto pace…. Era l’ultima notte

Carolina

Ah, e vuie perciò vi sentite debole stamattina

Pasquale

M’ha fatto tanta giuramente, m’ha dimostrato che mi vuole bene… E m’ha giurato pure che tenarrà sempre spento o lumino nnanz a Dante

Carolina

Ma mo sta appicciato

Pasquale

Chi l’ha appicciato?

Assunta

Io

Pasquale

Spegni immediatamente

Assunta

Ve bene (esegue)

Pasquale

E leva quel busto da là. Portatillo fore, non voglio vederlo

Assunta

Subito (esce portando via il busto di Dante)

Pasquale

Oh, adesso che non ci sta lui mi sento meglio (pausa) Arturo è tornato

Gina

No

Pasquale

Speriamo ca è riuscito a piglià ‘o posto ca scegliette io

Gina

Speriamo….

Carolina

(vedendo entrare Filomena vestita di nero) ‘A vedova, a vedova

Filomena

(a Pasquale) guardate che è ridotto! Marito mio, avevi ragione tu.. ‘O suonno s’avvera! Comme faccio a campà senz’’e te! (piange disperata)

Pasquale

Parti con me!

Gina

Ma pecchè dicite sti ccose? (scoppia in pianto)

Jack

(confortandola l’abbraccia) non piangere, Gina!

Filomena

Figlia mia, figlia mia… Carolina mia bella ..

Carolina

Che disgrazia, che disgrazia!

Tutti piangono

Pasquale

Filume’… io mi sento un poco meglio! (nessuno gli da retta) Io sto meglio (si accorge che Gina e Jack si abbracciano piuttosto sfacciatamente, e tira jack per la giacca) Gue’ oh? La finiamo, o no?

Jack

Io piangere…

Pasquale

Ma questo non è il modo di piangere e poi, aspettate ca moro, Filume’ io aggio ditto ca me sento meglio!

Filomena

(guardandolo) macchè, tieni ‘a faccia d’’o muorto! L’orecchie bianche (gli tocca il naso) il naso freddo!

Carolina

Ma perchè sta spaventato.. chiamate nu duttore!

Jack

Dottore fuori casa non trovato

Gina

Correte, correte! (ma nessuno si muove)… chiamate i luminari!

Carolina

(in tono discorsivo) Filume’, se permettete, vado nu poco di là  a fa colazione. Sto digiuna a stamatina… Vieni Rusì

Escono insieme

Arturo

(dalla comune) comme staie papà?

Pasquale

In partenza

Arturo

Embè, a me me pareno mill’anne ca se fa l’una…

Pasquale

Che t’ha ditto ‘o commendatore Sperani?

Arturo

Il commendatore è stato buono e t’ha ceduto ‘o posto

Pasquale

Veramente?

Arturo

Si, si, dice: ”fate accomodare vostro padre, per carità!”

Pasquale

E’ stato molto gentile. Il posto più panoramico di tutto il cimitero. Veramente n’amico è stato! (pausa) adesso vi debbo fare il discorso del moribondo, state attenti. (si mette in posa) figli miei…

Jack

(guardando l’orologio) fate presto!


Pasquale

(irritato) va pure di fretta! Figli mie… e piangete! Davanti, al moribondo si piange, e che diavolo! Su avanti tutti insieme! (e da inizio ad un pianto finto e ritmato, che lui dirige con tutte e due le braccia, come un direttore d’orchestra; gli altri piangono come indica lui, ore forte ora piano, e smettono quando lui chiude la battuta) Figli miei…. (tutti piangono; Pasquale preso in controtempo, esita, ma subito si riprende e, entrando in battuta li dirige come prima, fino alla chiusura della battuta) mo’ fatemi parlà!

Filomena

Ma noi stiamo piangendo

Pasquale

Io debbo fare il discorso… magari mi potete accompagnare con un singhiozzo ogni tanto.. ma accussì è n’esagerazione! Dunque: figli miei! Voi non sapete che disgrazia sia la morte del capo di casa. E’ coma una nave in tempesta senza timone! Artu’, quando io sarò al mondo di là, tu governerai la nave. Fernuto ‘o lutto, farai sposare tua sorella cu stu turzo e carcioffola. In quanto a tua madre, hai il dovere di tenerla con te e di non farle mancare nulla, però se viene a cerca denaro, rispondi piombo! Appena morto, mettetemi ‘o vestito nero e a camicia bianca, E che ato? Ah nu fazzoletto… anzi due: nun se può mai, sapè nu raffreddor, i  calzini, mi mettete quelli di seta, con le scarpe di vernice. Non mettetemi ‘e stivalette pecchè me fanno male ‘e calle. In quanto al trasporto funebre, fate le cose senza economia. E nun facite ca subito se scioglie ‘o curteo! Tutti i giorni venite a trovarmi o cimmiter e faciteme dicere assai messe… duie o tre al giorno. Vedite se putite truva’ nu prevete a spasso: facit nu forfait…

Carolina

(tornando sempre con la figlia) dunque, che se dice, neh…

Filomena

(guardando l’orologio di Jack) quanto ce manca?

Jack

Ci siamo

Filomena

(dopo aver guardato l’orologio) mamma santa!

Pasquale

(a Filomena) Quanto ce manca

Filomena

E’ meglio ca nun m’addimanne… (passeggia nervosamente, confidando agli altri l’orario)

Pasquale

Dieci?

Filomena

Meno

Pasquale

Otto’

Filomena

Meno

Pasquale

Quatto? Tre?

Filomena

Ci vònno due minuti!

Pasquale

Uh! Mamma mia, non ci vedo più

Filomena

(scuotendo il marito) Pasca’… Pasca… nun murì!

Pasquale

E mo vediamo! Come se dipendesse da me.. Addò sta chillo… A voi Jack, voi che non mi nascondete la verità, mi dovete dire l’orario fino alla fine dell’agonia

Jack

(imitando l’annunzio della radio) ore 12,59 attenti al segnale orario delle 13!

Pasquale

non ci vedo più

Jack

Meno cinquanta, meno quaranta..

Filomena

Pasca!

Jack

Meno trenta

Pasquale

Trenta che cosa?

Jack

Secondi, secondi..

Pasquale

Io non me sento niente.. io me sento na famma tremenda!

Jack

Meno 10 meno 5 meno 4…(Pasquale assume vari atteggiamenti che pensa possa assumere che sta per morire) meno 3.. meno 2… meno 1 ..ore 13!

Pasquale straluna gli occhi, poi reclina il capo di scatto

Gina

Papà!

Filomena

(lo scuote forte) Pascà, Pascà, Pascà!

Pasquale

(che sottecchi guarda tutti, sorvegliandoli nelle loro azioni) guè, làsciatemi morire in pace

Filomena

Mamma mia, e quanto sei materiale!

Pasquale

Famme murì in santa pace! (e reclina di nuovo il capo)

Carolina

(con grande calma) e’ morto

Tutti gridono, piangono, si agitano. Jack accomoda il morto incrociandogli le braccia sul petto e stendendogli bene le gambe; poi va in quinta dove aveva già preparato l’occorrente, e torna con due candelieri e con due candele già accese e gliele mette ai piedi; poi soddisfatto dell’operazione compiuta, va a mettersi dietro alla poltrona di pasquale, formando gruppo con gli altri.

Giovanni

(dalla comune) il dottore

Filomena

(con un singhiozzo) troppo tardi! Dotto’, è morto…

Dottore

Si calmi, signora, si calmi…

Arturo

Dotto’ guardate voi

Dottore

Vediamo… levate ste candele. (Giovanni esegue; il dottore esamina pasquale brevemente) Ma se sta meglio di me e di voi!

Pasquale

Dottore! Mi avete salvato la vita!

Dottore

Ma c’avite murì, vuie tenite na salute ‘e fierro!

Pasquale

Sentitemi il polso per favore

Dottore

Ma io ho da fare me ne devo andare…. (tutti lo pregano) Basta.. (sente il polso) Regolarissimo!

Pasquale

Il cuore, il cuore

Dottore

Don Pasqua’, nun me fate perdere tempo… voi state bene!

Pasquale

Abbiate pazienza..

Dottore

Benissimo (ascolta il cuore poi si rialza)

Pasquale

Avete sentito?

Dottore

Eh!

Pasquale

E che si sente?

Dottore

Niente

Pasquale

Ma il cuore, l’avite sentito?

Dottore

Il cuore si

Pasquale

E che volevate sentì, ‘a Vedova Allegra?

Dottore

Voi camperete n’ati cient’anni

Pasquale

Basta la parola…Avete sentito? Io campo cient’anni! E che fame che tengo! Dotto’ adesso andiamo a tavola, e voi restate a pranzo con noi!

Dottore

Grazie, ma io scappo, perché tengo un consulto all’una precisa

Jack

E’ l’una e dieci

Carolina

L’una e sette

Arturo

L’una e un quarto

Pasquale

Dotto’… avete detto all’una?

Dottore

Eh! L’una. L’orologio mio va benissimo. Io l’aggio miso poco fa cu l’osservatorio meteorologico… E’ l’una meno cinque

Pasquale

(ricadendo sulla poltrona) madonna, aiutateme!

Cala la tela

  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 6 volte nell' ultima settimana
  • 25 volte nell' ultimo mese
  • 520 volte nell' arco di un'anno