Sonnu stranu e ternu sicco

Stampa questo copione

orazio

SONNU STRANU  e  TERNU SICCU

Commedia brillante in due atti

di:

Rocco Chinnici

-----

La commedia è ambientata nella realtà dei nostri giorni e culturalmente trae ispirazione dalla quotidianità belmontese. I tratti caratteristici di questa cultura possono essere rintracciati nel linguaggio dei personaggi, nel loro modo d’essere e di interagire.

Alcentro della commedia troviamo una famiglia un po’ particolare, ma ciò non significa che sia lontana dalla concreta realtà. Il capo famiglia, Orazio, manifesta nelle sue battute una sofferenza particolare per la situazione familiare che lo imprigiona e che, secondo le sue aspirazioni, non gli permette di realizzarsi. Questo personaggio un po’ particolare trova un uomo che apparentemente mostra di condividere i suoi ideali e quindi di liberarlo da quella prigionia; si tratta di Alberto, un vicino di casa trasferitosi di recente, con il quale Orazio pensa di intraprendere un’illusoria carriera artistica. Sarà illusoria perché, con gran disappunto, Orazio scoprirà, più tardi, che quella di Alberto non è vena artistica ma pura follia.

Sullo sfondo di questa vicenda si colloca la mania del gioco del lotto e quindi della facile vincita, che vede protagonista proprio la stravagante famiglia di Orazio. La poliedricità della commedia è data dalla tragicomicità, elemento peculiare  che caratterizza taluni personaggi tra cui: Alberto nella sua incompresa follia, o Michelino nella sua derisa diversità.

In queste vicende l’unico personaggio che sembra trarre beneficio da questo gruppo di “cucuzzuna”, così come li definisce egli stesso, è Brasi, venditore di menzogne di cui spesse volte Orazio è fornitore. Brasi, infatti, si occupa della vendita di prodotti che si rivelano semplicemente frutto della sua fantasia, ma che tuttavia potrebbero essere pallide ombre di realtà future.

Patrizia Milici

                              

Personaggi                            Interpreti

                  

Oraziu                                                calzolaio

                        Giosina                                               moglie

                        Lena                                                   figlia

                        Andrea                                                           figlio

                        Pitrinu                                                figlio

                        Gnaziu                                                           suocero

                        Michilinu                                            vicino

Ancila                                                moglie

Ortenziu                                             cliente di O.

Brasi                                                   socio di O.

Albertu                                               pazzo

Ignazia                                                           moglie

(Un baglio; Orazio intento ad aggiustare scarpe, canticchia una canzonetta la quale vuole alludere ai clienti che non pagano; ogni tanto batte sulla forma di ferro il martello)

ORAZIU

(Canterellando) A notti dormu / e mi ‘nzonnu ca travagghiu / poi m’arruspigghiu / e ‘un c’è nuddu ca mi paga / comu facemu / a campari stà famigghia… (smette di cantare e riflette sulla sua famiglia) Stà famigghia, bedda famigghia! Mi pari di stari dintra… dintra… ma forsi è megghiu ‘un ci pinsari a la famigghia. (Riprende a cantare) Haju ‘na mugghieri… (Entra in scena, truccata e con minigonna, la moglie Giosina. Parla lentamente trascinandosi le parole).

GIOSINA

Orà!

ORAZIU

(Risponde con lo stesso tono) Sintemu… (Si gira e, vedendola agghindata in quel modo, ne rimane meravigliato) Ma dicu ju unni sta jennu cumminata daccussì?

GIOSINA

A missa

ORAZIU

A missa!? Ma quali missa? (Giosina s’abbassa gli occhi a terra seccata)

LENA

(Fuori scena parla col nonno il quale, in quanto sordo, stenta a sentirla) Vossa pigghia u cappeddu. U cappeddu! E chi è ‘ntrunatu!

GNAZIU

(Sempre fuori scena) ‘Nfurnatu?

LENA

(Ironica) Se, vugghiutu!

GNAZIU

Curnutu? Cu, ju? (Chiama in aiuto la figlia Giosina) Giosina, Giosina!

ORAZIU

(Alla moglie) Talé va viri pi to patri, prima ca ‘ncumincia a trasiri ‘nno carricatu; e va levati ssa vistina!

GIOSINA

(Si avvia borbottando, poi si gira e si lamenta col marito che è, a parer suo, arretarato) Si mattusa!

ORAZIU

Mattusa! Matussa! Ritrata; ha senti e mettiti corchi cosa ‘ncanciu. (Giosina esce) Chissa è capaci ca, pi comu ci dissi di livarisilla, nesci a nura; tantu oramai dici ca è mancipata… (Ricomincia a cantare) A notti dormu… (Smette di cantare e ritorna su quanto aveva dento la moglie) Io sugnu mattusa! (Riprende a cantare) E mi ‘nzonnu ca travagghiu… (S’affaccia, dall’abitazione di fronte quella di Oraziu, Ancila, indisposta dal forte canto di Orazio e del suo continuo battere il martello).

ANCILA

Ma dicu ju nun vi siddia sempri ‘na musica? Nun putiti evitari di sbattiri puru ssu binidittu marteddu? Ca pi forza a me maritu aviti a fari nesciri?

ORAZIU

Sintiti… Signora…, e… vi ricordu ca quannu uso questo apprezzativo di “signora” è dovuto solo al fatto ca la bon’arma di me matruzza mi fici troppu ducatu, picchì pi mia, vuautri, “signura” ci siti solo pir l’anagrafe, “donna cimiciolla”! Qua ju, pi regula vostra, sono libero, fuori, sutta lu celu, all’aria allapertu! Mi capiti? E ‘un c’è nudda liggi ca mi po’ ‘mpidiri di cantari, “donna cimi…”, mi capistuu, o ancora no?! E vi cunsigghiu di nun lu fari nesciri propriu a vostru (ironico) maritu, ca cu st’arietta si po’ rifriddari.

ANCILA

(Inviperita) Vui vi putiti arrifriddari li corna, gran pezzu di crastu! (E se ne rientra sbattendo la finestra. Fuori scena) No, ma di stu bagghiu è carriari di cursa! Nni ‘nn’avemu a ghiri e quattru e cincu!

ORAZIU

(Meravigliato) Grannissima tappinara! Matruzza mia m’aviti a scusari, ma chista e propria ‘na gran… A mia? A vostru maritu crastu… anzi “crastuni”!

ANCILA

(Fuori scena, al marito) U sintisti? Cu tia parra! Ca smoviti!

MICHILINU

(Entra in scena. E’ molto effeminato) Chi dicistiu?

ORAZIU

 ( Con lo stesso tono) Nun lu sintistiu?

MICHILINU

(Il no lo esprime con un’alzata di testa) ‘Nzu

ORAZIU

(Sillabato) Cra-stu-ni

MICHILINU

(Col fazzoletto in mano fa un gesto effeminato) Ah, mi pareva!Vastasu! (Se ne rientra)

ORAZIU

A mia? A vostra mugghieri! Ca si la fa cu tri quarti di paisi. (Ricomincia a cantare) A notti penzu / a comu fari ad arricchiri, / e nun c’è versu / di putiri addiminari…

ORTENZIU

(Venendo dal fondo) Salutmu mastru Oraziu, a quantu vju siti sempri allegru. Biatu vui!

ORAZIU

Oh! la biddizza di don Ortenziu! E c’avemu a fari, quantu menu circamu d’ammucciari li guai.

ORTENZIU

Ma quali guai, ca ccà, siti ‘nta la paci di l’ancili; li guai nuautri l’avemu nna lu paisi: li rumura di li muturedda, li vinnitura ambulanti ca pari ca facissinu comizi, e l’aria? Laria!Si inchinu li purmuna di ‘na puzzura di scarichi di machini ca puru la notti vi la sintiti di supra; ‘nveci ccà, fora du paisi… (facendo un grande respiro) Aaah! Veni lu cori!

ORAZIU

Don Ortenziu, dicitimi di chi aviti bisognu e lassatili iri tutti sti parauna, picchì ogni cucchiara sapi li guai di la pignata c’arrimina.

ORTENZIU

Chi fu, v’affinnistivu don Oraziu? Io ‘ntinniva diri… (Entrano Giosina, Gnaziu e Lena, tutti agghindati come se stessero per recarsi ad un grande ricevimento)

GIOSINA

(Mostrando al marito la veste che s’è cambiata) Chista è bona?

LENA

E iu, papà, ti piaciu? (Indicando i vestiti e il cappellino che ha sul capo).

ORAZIU

E a chiddu! (Indicando il suocero tutto tirato a nuovo) Unni u stati purtannu, a Lircara?

GNAZIU

(Che non ha sentito bene) A liccari? Chi, u gilatu?

ORAZIU

A liccari si! A sucari babbaluceddi!

GNAZIU

(Continua a non capire) Chi dici? (A Giosina) A jucari c’aceddi?

ORAZIU

Se, a jucari cu i taddariti! A Lircara… u paisi, a fera va!

GIOSINA

(Inviperita) Portaci a to soru a fera, gran pezzu di trunzu di vrocculu!

LENA

Talè mamà amuninni, ‘un ‘ncuminciamu cu i predichi.

PITRINU

(L’altro figlio; un po’ tonto, indossa un chimono, è fissato con le arti marziali; va facendo ginnastica, si avvicina a Ortenziu e fa come per combattere; Ortenziu si stringe verso la parete, ha paura d’essere colpito) Ti cantatti!

ORAZIU

A tia! (Alla moglie) Va pigghia a chiddu.

PITRINU

(Continuando a far finta di combattere) Pà, ti cacà, e mancu u tuccavu. (Si avvia di nuovo da Ortenziu) Ta dugnu! (Gli fa delle esibizioni ravvicinate, mentre Ortenziu continua a stare aderente al muro per la paura) Vo vidiri ca ti pigghiu ‘nto ‘n occhiu? (Continua a fare esercizi, d’un colpo diventa serio) Oh, t’alé. (Mostra la mano come se pendesse rotta dal polso). Un ti cantari. Manu modda, manu modda, u Signuri ti la ‘ncodda, ti la ‘ncodda cu lu vinu… tan Martinu, (gli da due sonori ceffoni) tan Martinu!

GIOSINA

(Interviene portandoselo) A tia Pitrinu! (A Ortenzio) L’aviti a scusari, pi iddu è un jocu. (A Pitrinu) E’ veru, a matri, ca pi tia è un jocu ?

PITRINU

Ti, ti! Tomu vegniu ti nni ‘ntignu ‘n’autru; ah, ah? (Va da suo padre) Pà, mi la fari a pattina? (Riflette) A pattina cu i roti a pallini; ah, ah? Ti diti? (Orazio non risponde) A no! (Si avvia per andare verso la porta di donna Ancila, mentre Ortenzio, pensando che ritornasse da lui, si mette in disparte).

ORAZIU

A tia! Unni sta ennu? (Alla moglie) Ferma a chissu ca già a prima m’afici cu donna Ancila.

GIOSINA

(Torna indietro insospettita) Chi cosa… facisti, cu donna Ancila?

ORAZIU

Talé, ti nni vo iri e ti li porti a tutti quantu sunnu e mi lassati ‘n paci: Chi cosa puteva fari cu donna Ancila? A prima sciarra!

GIOSINA

Ah, mi pareva! (Si avvia, poi si gira) E guai a tia, sai! (Agli altri) Amuninni nuautri. (Fra se) A prima sa fici!

ORAZIU

(A don Ortenziu che ancora guardava meravigliato) Don Ortenziu, chi nun è megghiu rispirari puzzura di scarrichi di machina? Dicitimi chi vi servi.

ORTENZIU

(Soprappensiero) Ah, si! Ca ccà, sti scarpi (mostrando le scarpe che ha in mano). Mi custaru un occhiu p’accattalli; e ora, u viditi?

ORAZIU

Dati ccà (li guarda attentamente mostrando ogni tanto segni di insoddisfazione). Umh! Umh!

ORTENZIU

Don Oraziu spiegativi megghiu cu ssu umh; mi vuliti diri ca ‘un si ponnu cunsari?

ORAZIU

No… veramenti… cunsari si ponnu… sulu ca…

ORTENZIU

U capivu. Viremu, forsi… aspittati ca m’assettu, picchì avanti ca mi diciti chiddu chi haju a fari, nn’haju tempu.

ORAZIU

Quantu dicistivu ca vi custaru?

ORTENZIU

Un occhiu!

ORAZIU

‘Nzumma, v’avissuu a vinniri l’autru occhiu pi cunsalli. Iu vi cunsigghiu di jttalli e accattarivinni ‘n’autru paru.

ORTENZIU

Ma… chi diciti veru?

ORAZIU

Ah chi vipari ca sugnu ccà pi cuntari sturielli!

ORTENZIU

Sulu u matrimoniu di mé cumpari Janu ci fici! Ora haju chiddu di ‘mpari Vanni… e ‘nn’haju di spenniri sordi!

ORAZIU

E cu vu dici di spenniri, scusati?

ORTENZIU

Comu, cu mu dici di spenniri! Allura, ci vaju a pedi scausi o matrimoniu? Ma u sapiti ca siti beddu!

ORAZIU

Ma quali pedi scausi, scusati; v’accattati un paru di mocassini, chi ci vonnu pi forza di marca li cosi pi lu matrimoniu?

ORTENZIU

Ah, ci vaju cu li mocassini… e macari pi vistitu mi mettu… un paru di causi da duminica!

ORAZIU

Allura chi?

ORTENZIU

M’aviti a scusari, ma… vui veru diciti?

ORAZIU

Oh talé! Certu ca dicu veru!

ORTENZIU

Taliati a chistu! E accussì, a chiesa, l’invitati ‘nveci di stari attenti a la missa, ciuciulianu a mia.

ORAZIU

Don Ortenziu a chiesa si ci va pi ludari a Diu; e vui pinsati ca lu Pataternu, di tutti li pinseri ca havi, si ricorda di taliari a vui cu li mocassini e cu tutti li causi di la duminica?

ORTENZIU

Nun dicu chissu, è sulu…

ORAZIU

E’ sulu ca vi pari mali pi la genti. La genti, caru Don Ortenziu, trova sempri a chi diri. Circati di nun fari la fini chi fici zzu Vrasi Pirripinzì.

ORTENZIU

Zzu Vrasi! E cu era st’autru?

ORAZIU

‘Na vota di tanti anni fa, ogni sira a la stissa ura, passava di la chiazza u zzu Vrasi u pirripinzì cu lu sceccu; a prima vota iddu a cavaddu e so figghiu, un picciriddu di setti, ott’annuzzi, a pedi attaccatu a la cura di l’armalu; allura ci foru li primi cummenti di li pirsuni, di chiddi ca ciuciulianu comu diciti vui: “Signuri mé ddu citruluni accavaddu e ddu criaturi a pedi”. L’indumani sira, lu zzu Vrasi, capennu la manascata, fici, iddu camianu attaccatu arrinatu a la cura di lu sceccu e so figghiu accavaddu; appeni arrivanu ‘nta la chiazza, pronti ‘nca pari ca aspittavanu comu lu cacciaturi a la tana: “Signuri mé chiddu ca è giuvini accavaddu e ddu mischinu du zzu Vrasi a pedi”. Lu zzu Vrasi circava di truvari li rimeddii a quantu diciva la genti…

ORTENZIU

E chi mutivu avia, scusati, lu sceccu nun era lu so?

ORAZIU

Ah, si! E picchì, li causi di la duminica nun sunnu vostri?

ORTENZIU

Sintemu unni vulit arrivari

ORAZIU

E allura chi pinsau di fari lu zzu Vrasi, l’indumani sira, pinsannu d’aviri truvatu lu rimeddiu, passaru tutti dui, patri e figghiu, accavaddu a lu sciccareddu, vulistuu vidiri: “Signuri mé nun ci pari a tutti dui piatusu lu poviru animali”? Lu zzu Vrasi, stancu di tutti ddi chiacchiri, l’indumani passau a pedi cu so figghiu, e lu sceccu viaggiava leggiu, vulistiu avvidiri ‘nta la la chiazza chi ciuciuliu: “zzu Vrasi! Ma chi vaccattastuu a fari lu sceccu si lu fati iri leggiu”!? (Ortenzio sorride) Riditi? U sapiti chi fici lu zzu Vrasi? Si pigghiau la famigghia e canciau paisi.

ORTENZIU

Bonu fici!

ORAZIU

U zzu Vrasi! E vui? A cu aspittati a pigghiarivi la valigia, si pinsati di viviri pi chiddu ca dici la genti?

ORTENZIU

Veramenti…

ORAZIU

Don Ortenziu, s’avissimu a canciari paisi ogni vota ca apri vucca la genti, cu sapi quantu voti avissimu di fari u giru di lu munnu.

ORTENZIU

Forsi aviti arraggiuni, e sulu ca cu la genti, si ci devi cunviviri, caru don Oraziu.

ORAZIU

Faciti comu vuliti, bonu, chi vaju a diri!

ORTENZIU

(Muovendo la scarpa che ha in mano) E allura! C’haju a fari?

ORAZIU

(Pensando che Ortenzio si riferisse alla scarpa) Iu vi dicissi di Jittalli.

ORTENZIU

Iu nun dicu li scarpi…

ORAZIU

Ah, vui…? Iu vi cunsigghiassi di cunviri ‘nveci prima di tuttu cu la vostra pirsuna. L’autri, li pirsuni, ddoppu, ddoppu caru don Ortenziu, ddoppu. (Entra Fabio)

ANDREA

(Entra finendosi di sistemare i capelli; è anch’egli agghindato) Ciao papy (fa un cenno a Ortenzio).

ORAZIU

Sintemu a st’autru.

ANDREA

Ci vediamo più tardi (si avvia), anzi…

ORAZIU

(Ripetendo come se sapesse tutto a memoria) Non mi aspettate, andrò a cena con gli amici. (Fabio si ferma) Ma dicu ju chi nun u sai diri quarchi vota: ciao papy oggi mi vajo a sgangare le ossa a lavorare, no! Tantu c’è u fissa ca ci pensa.

ANDREA

C’è tempo per quello, papy.

ORAZIU

(A Ortenzio) A forza di “c’è tempu”, cu tia arrivassi o trimila!

ANDREA

E non è meglio, papy, vivere così tanto a lungo?

ORAZIU

(Alzandosi) Talè levati di ccà davanti, prima ca ti lassu iri stu vancu di supra. (Fabio esce)

ORTENZIU

Ma chi vuliti, sunnu picciotti!

ORAZIU

(Si sente il rombo di un motore che va via. Oraziu guarda verso dove arriva il rumore muovendo la testa) Sulu u sbagghiu fici cu li mé figghi, caru don Ortenziu: li mali abbituavu sinu di quannu eranu nutrichi; ci dicia: u vò beni o papà? E prima ca iddu capiva, ju stissu, prjatu, arrispunniva: sì, sì. Ci diciva: a vò l'acqua? E subitu lu criaturi s’attruvava lu biccheri a lu mussu; e accussì a forza di u vò chistu e u vò chiddu…, crisceru sirvuti a tappu, senza fari lu sforzu di ‘nsignarisi a chiamari mancu li cosi di prima nicissità, cu ci lu faciva fari sprimirisi lu cirivedduzzu… Nenti, nun ci ha mancatu nenti a li criatura

ORTENZIU

‘Nca vui bona longa a sapiti!

ORAZIU

Si ‘nveci, quannu lu signurinu avia siti, iu lu facia gridari, o megghiu faciva finta di nun capiri chiddu ca dicia, vui pinsati ca muriva di siti? S’avissi abbituatu a spiegari megghiu lu parrari, s’avissi ‘ncuminciatu a sgranchiri li ammuzzi di nicu e ju m’avissi prjatu di avillu vistu caminari prima, no ca ‘ncuminciau a ghiri sulu a quattr’anni!

ORTENZIU

Di un versu aviti arraggiuni, ma di l’autru… lu faciau moriri di siti?

ORAZIU

Ma quali siti e siti! Iu, l’acqua, strittu e malu paratu, ci l’avissi datu lu stissu, sulu ca ci avissi ‘nsignatu: a ghisari di nicu lu culiddu di la siggitedda e a parrari prima pi nicissità, no ca ora nni lamintamu puru ca li carusi parranu granni; chi mutivu hannu di fallu prima… l’acqua, e lu dicia ju pi iddu, lu pani e lu dicia ju pi iddu, lu latti… e tuttu lu restu. U capistu ora “a vò l’acqua” o parru ‘ngrisi? (Entrano in scena Ancila e Michilinu)

ANCILA

(A Ortenzio) Bon giornu don Ortenziu! Don Oraziu chiffari nun ‘nn’havi e a tutti ci cunta la parabula di l’acqua. S’era iu di vostru patri vi faciva siccari li argi, e vi faciva scattari lu feli ca acqua nun vi nni dava ma mancu s’eravu ciuncu.

ORAZIU

Grannissima mugghieri di ‘na coperativa di masculotti, a mia fati scattari lu feli? (Ortenzio interviene mettendosi fra i due) Aviti a ringraziari ca vi maritastivu cu ‘na donzella (indicando Michelino); pi vui ci vuliva un marituni ca prima di tuttu vi dava ‘na bedda ‘nzaccata di vastunati prima e dopo i pasti, e appressu ca vi scusciava li ammi si vi pirsuadivu a dimannari lu picchì.

ORTENZIU

E bonu! E chi ssù sti cosi tra vicini?

ANCILA

Vicini… ancora pi picca (a Ortenziu); ni nni stamu jennu! E spiramu a Diu ca lu novu ‘nquilinu vi facissi dannari l’arma!

ORAZIU

(Fa scongiuri) Tè, tè, fimmina di malaguriu! (Tenta di acchiapparla) ‘Nca va ca si t’acchiappu bedda matri, bedda matri ca…

ANCILA

(Impaurita, chiama il marito) Michilinu! Michilinu! Curri, curri!

MICHILINU

(Arriva di corsa e, anziché capire il perché del vociare della moglie, con modi sempre effeminati va ad accarezzare Ortenzio) Oh, don Ortenziu! Ma chi vinistuu a pedi du paisi?

ORTENZIU

(Oraziu e la moglie rimangono meravigliati) Salutamu don Michilinu! Chi ‘un u sapiti ca mi piaci caminari a pedi? Servi a sgranchiri li ammi e nni lu stissu tempu ‘nn’ajuta a pinsari, strata facennu.

ANCILA

(Da dietro il banchetto da lavoro per non farsi acchiappare da Orazio) Michilinu!

MICHILINU

(Seccato) Arrivu! (A Orazio) Videmu quannu a finiti, Oraziu!

ANCILA

(La lite si placa. Ortenziu si libera dei due) Grazii don Ortenziu; si finistuu vi putemu dari un passaggiu.

ORAZIU

E bonu faciti. Mittitivillu ‘nto menzu, tutti dui.

ANCILA

Chi sintiti diri?

ORAZIU

E ‘mpetta, oh!

ORTENZIU

(A Orazio) ‘N ‘autra vota!

ORAZIU

(A Ancila) No, nenti… siccomu cu don Ortenziu si parrava di…, e chi fu, v’offinistuu bona donna? Iu nun sintiva diri chiddu ca pinsastuu vui.

MICHILINU

Videmu quannu a finiti, Oraziu!

ANCILA

Iu sugnu fora don Ortenziu (si avviano). A vui aspittamu.

ORTENZIU

Arrivu donna Ancila! (A Oraziu) Ma comu, vicini di casa e…

ORAZIU

E nzoccu? Ci fu un tempu ca javamu d’accordu, e comu si ghiavamu d’accordu! Ma poi… Schirzava cu Michilinu e s’offinnia donna Ancila; schirzava cu donna Ancila e s’affinnia don Michilinu, sinu ca decisi di nun schirzari cchiù cu nuddu di li dui. E havi di ddu jornu ca parinu vipiri, Di mi nni scanza. Vipiri!

ORTENZIU

(Allusivo) E vui… picchì schirzavavu cu don Michilinu? (Si sente suonare il clacson)Vegnu, vegnu! Vi salutu don Oraziu e… scusati si vi li lassu ddocu li scarpi (ed esce).

ORAZIU

(Forte) Nun vi stati a prioccupari, e grapiti l’occhi ddocu vui, assittatu ‘nta lu menzu. (Fra se) Ma quali scusari e scusari (prende le scarpe e le guarda). Sintiti a st’autru! (Indicando dove è uscito Ortenziu) Vui picchì schirzavavu cu don Michilinu! Boh! Attruvatici chi vuleva diri… Oh, ‘un facemu chi pensa ca… ju… cu… talé canciamu discursu, ‘n’autra ora! Dunqui, (Riguardando le scarpe)  ju, ‘nna sti scarpi, giustu a puntu ca s’avvicina la festa di lu Crucifissu, ci haju a tuccari… dicu nenti… ‘na vintina di milaliri, ca ‘nzemmula a st’autri fannu… un santu e ‘na santuzza: centucinquanta milaliri; anzi quantu sistemu puru chisti, prima c’arriva Brasi e nun su pronti (si siede ad aggiustare le scarpe e canta). Vinniri li scarpi / e cchiù bellu d’aggiustalli, / (smette di cantare e pensa a quanto disse Ortenzio) Io… cu… (Risolino, e riprende a cantare) Si vusca un’occhiu / senza spenniri ‘na lira/ (Entra Brasi, guardingo, ha un sacco in mano).

BRASI

Don Oraziu, (sempre guardandosi in giro) haju quattru crienti sta vota!

ORAZIU

Nun vi scantati ca nuddu c’è. Allura… lu guadagnu è duppiu?

BRASI

Duppiu… a secunnu di chi cundizioni su li scarpi! Servinu tutti pi lu matrimoniu di ‘mpari Vanni. U sapiti com’è, a genti  pi fari fiura spenni e spanni ca vui mancu vi lu ‘mmaginati, e iu cuntinuu a ‘mbrugghiarici ca sunnu scarpi ca usanu l’attori sulu pi fari un firmis e poi li vinnunu tutti; pinsati ci haju ‘mbrugghiatu c’arrivanu sinu di Roma, di cini città: “Eh, pi chissu vi custanu cari!” ci dicu. Quarchi fimmina, pinsati, voli sapiri pir sinu cu era l’attrici ca li purtava (ridono).

ORAZIU

Mo sapiti ca siti propiu un fighiu di bu… (Brasi rimane sconcertato e Orazio si riprende) bona donna.

BRASI

Ah, mi pareva.

ORAZIU

 Ma chi aviavu pinsatu, ca vi diceva figghiu di buttana? Quindi oltri a lu guadagnu truvastivu puru lu passatempu.

BRASI

L’autru jornu, pinsati, mi vinnii un paru di scarpi puru (ride) di la Madonna!

ORAZIU

(Che stava ridendo alle battute di Brasi, si fa subito serio e lo guarda. Poi ironico) E di san Giuseppi, di san Giuseppi ancora nun vi ha capitatu di vinnirinni?

BRASI

No, veramenti ancora no! (Fra se) San Ciuseppi! E cu è st’autru cantanti?

ORAZIU

Zzu Brasi, ‘nsina ca mi ‘mbrugghiavavu chidda di l’attori, forsi macari iu ci avissi cridutu, ma… chi la genti s’agghiutti puru ca sunnu di li santi… veru ca di sti tempi tutti vidinu santi…

BRASI

Ma chi jti fantasticannu mastru Oraziu! Ju ‘ntennu diri la Madonna chidda ca canta e fa firmis; siccomu li giurnala hannu dittu ca stava girannu un firmis a Roma, iu… u capistuu ora? San Ciuseppi! Ma dunni vi vennu certi nisciuti?

ORAZIU

Nenti di menu! E ju ca pinsava…

BRASI

Si l’accattau Mariuccia, a figghia di Nofriu lu ‘ntrallazzista d’ogghiu, ca si ‘nn’ha fattu palazzi cu quattru arvuli di alivi ca havi; e iu, ca haju quarchi arvuli suprecchiu, certi anni… vui  u sapiti la ulivi com’è: un annu si, e un annu no, a malu appena arrinesciu a fari l’ogghiu pi cunsarimi la ‘nsalata; e u zzù Nofriu, tuttu l’annu, vinni ogghiu a menza Palermu; U sapiti ca, a  diri la virità, pinsannu d’avilli vinnutu a so figghia, mi sentu la cuscenza cchiù appostu.

ORAZIU

A cuscenza! Ma di quali cuscenza parrati? Vui siti capaci di vinniri, puru a vostra matri, un paru di tappini di la regina Lisabetta. (Mostra le ultime scarpe di Ortenziu) U viditi sti scarpi; (glieli mostra) taliatili bonu, custanu un occhiu.

BRASI

Mastru Oraziu nun facemu ora… li grossi attori oramai l’haju piazzatu tutti; videmu, caminannu, cu mi veni pi lu ciriveddu. (Si sente il rumore di una macchina che arriva).

ORAZIU

Subitu, ‘nfilati tutti cosi docu addintra; sunnu dudici para, quattru attori e ottu attrici (mettono dentro le scarpe velocemente).

BRASI

(Si carica sulle spalle il sacco e si avvia) Salutamu mastru Oraziu.

ANCILA

Trasiti donna Ignazia; il posto è di una tranquillità (Guardando verso l’abitazione di Orazio e, parlando più forte, allude) che voi nemmeno ve lo immaginate. E voi, don Alberto, che siete appena uscito dal… come si dice…

IGNAZIA

(Interviene cercando di non far pesare al marito la disgrazia dell’essere stato per lungo tempo in una casa di cura) Ma quale uscito e uscito, donna Ancila! Mio marito è stato… in villeggiatura, si ecco! In villeggiatura. (Ad Alberto) E’ veru, Albé?

ALBERTO

(Calmo e con gli occhi al difuori dalle viscere) A villeggiari haju statu; (Ignazia è soddisfatta dalla risposta, ma…) A villeggiari cu la zoccula di vostra soru.

ANCILA

(Sentendosi offesa esplode) Ma comu vi pirmittiti? Gran pezzu…

IGNAZIA

(Interviene cercando di giocare su il frainteso) Ma, donna Ancila! Chi cosa capistivu? Mé maritu voli diri la zoccula, la scarpa! Che si trovava ad avere, in quel posto di villeggiatura; una scarpa di vostra sorella.

ANCILA

Ah, mi pareva!

ALBERTO

A zoccula

ANCILA

(Fra se) E comu facia ad aviri la scarpa di me soru? (Col sorrisino ironico si rivolge ad Alberto) E… sintiti, vuautri unni è c’aviti villeggiatu? (Fra se) Po’ essiri ca me soru persi a scarpa dda.

ALBERTO

(Che le si era avvicinata per sentirla capisce tutto) Ca comu! Vi pari ca vostra soru è Cenerentola? E’ una tappinara!

ANCILA

(Adirata) Sintiti…

IGNAZIA

(Esclama come se avesse capito) Aaahhh! (chiamandola in disparte) u viriti? Me maritu, sicuramenti vi scancia pi ‘n’autra; forsi pa signurina Virgilia, chidda ca vinni i scarpi: mocassini, zocculi, ciabbatti, tappini… eccu. Aspittati; (al marito) Albé, chista è a soru…

ALBERTO

Ra zoccula.

IGNAZIA

(Fra se) Ah, ma chistu veru si fissò! (Ad Ancila) Va bé si, canciamu discursu, chi ci vuliti fari… è un pocu… comu diri…

ANCILA

Nenti nun vi prioccupati, poi ciù spiegati megghiu a mastru Oraziu.

IGNAZIA

Oraziu! E cu è stu Oraziu?

ANCILA

Chiddu ca s’havi a liccar l’ugna! Il vostro nuovo vicino di casa. E’ un pocu… comu diri…

IGNAZIA

Vastasu! Si si licca l’ugna, scusati.

ANCILA

Si, è puru vastasu… (cerca di riprendersi) no, no, anzi… educatissimu! Ju… veramneti… vuliva diri ‘n’autra cosa…

IGNAZIA

Nun vi sfurniciati, ca cchiù scuru… (guardando il marito) di menzannotti, nun pò fari; a mia chiddu ca cchiù mi ‘nteressa è la tranquillità pi Albertu; ccà, mi pari ca dicistuu chi ci ‘nn’era assai tranquillità… o sbagghiu?

ALBERTO

Assai nni vogghiu! Assai…

ANCILA

Nun vu dissi; ccà u sulu rumuri ca si senti è lu piritozzu di li muschi.

ALBERTU

Allura ci sunnu muschi quantu ‘na muntagna! ‘Na muntagna? (I due non capiscono) E si a quarchi musca, oltri a lu piritoni, ci veni giustu a puntu di cacari, ‘nn’avemu a mettiri li maschiri Ani? (I due continuano a non capire) Talé Gnazìna, amuninni ca ccà lu silenziu fa puzza!

ANCILA

Ma chi sintistuu! Lu piritozzu voli diri… (fa dei piccoli passi).

IGNAZIA

(Scoppia a ridere) Aaahhh!!! (Fa nach’essa dei piccoli passi) Viditi quantu è schirzusa!

ANCILA

Iu? Vostru maritu!

IGNAZIA

U capisti Albé? Si senti lu rumuri… (facendo anch’essa dei piccoli passi) di li passi… (ride e fa ancora dei piccoli passi) da musca.

ALBERTO

(Fa lentamente dei passi lunghi, i due lo guardano meravigliati) Ru liùni!

IGNAZIA

(Lo chiama un po’ in disparte) Albé, albé! (Lo rimprovera sottovoce per non far capire niente a Ignazia) Ra musca! Chi ci trasi u liùni?

ALBERTO

(Seccato e sottovoce) Camurrìa buttana! Mi… chi sì! Sempri tutti cosi tu a vinciri. ‘Un ci jocu cchiùni!

IGNAZIA

Ma quali vinciri e vinciri! Ccà ‘un c’è nuddu ca voli vinciri!

ALBERTO

Nuddu? Nuddu, nuddu nuddu?

IGNAZIA

Nuddu

ALBERTU

Allura… vonnu perdiri tutti?

IGNAZIA

(Sempre in disparte) Senti, ccà… (Si gira da Ignazia, le fa un sorrisino forzato) Umh! (Ad Alberto) ‘Un c’è nuddu… ne chi voli vinciri e ne mancu ca voli perdiri! U capisti?

ALBERTU

E di sti cosi chi nni facemu? Ani? Mi pighiu ju?

IGNAZIA

(Che stava per perdere la pazienza) Ma quali co… (Rabbia contenuta) Si, si pighiatilli tu… (ironica) Si cuntentu? (A Ignazia) Eh, chi vuliti… (Alberto fa finta di raccogliere cose come da un alberello e continua a conservarli in tasca).

ANCILA

Io? Nenti! ‘Na vota ca si sta pigghiannu tutti cosi iddu!

IGNAZIA

Ma chi si sta pigghiannu, puru vui? Chiddu… scherza! Si propriu accussì, scherza!

ANCILA

Donna Ignazia, i cosi, schirzannu, schirzannu si fannu! Viniti ca vi fazzu avvidiri u  rarreri di st’autru latu; ‘nto mentri ca vostru maritu cogghi. (Alberto continua a raccogliere e conservare. Ignazia e Ancila escono. Dopo un attimo entra Orazio, si stava sedendo al lavoro mentre si accorge di Alberto con quei suoi gesti strani, e rimane meravigliato).

ORAZIU

(Gli si avvicina lentamente e gli batte leggermente la mano sulla spalla; quello, senza scomporsi, si gira, lo guarda e continua i suoi movimenti) Scusati, ma, vui… cu siti?

ALBERTU

Arberto. (Riprende i suoi movimenti).

ORAZIU

Ah, siti arberto! (Alberto continua come se nulla fosse). E… ccà chi ci fati?

ALBERTU

Siti troppu curiusu (fa come se gliene fosse caduto qualcuno a terra).

ANCILA

(Da fuori scena) Aspittati ca pigghiu a chiavi. (Entra, e trova: Alberto che fa finta di raccogliere; e si rivolge, in disparte, ad Orazio meravigliato) Don Oraziu, vi purtavu un beddu vicinanzu; u viriti a chistu chi pari ca babbìa, è un attori di tiatru famosu! Per ora si sta esercitannu a recitari la parti di unu che raccoglie frutti che parlano; vui ‘un lu disturbati… io ora vegnu (ed esce, mentre Orazio cerca di capire).

ALBERTU

 Oh, avia carutu ‘n terra!

ORAZIU

(Meravigliato; continua a guardare quegli strani movimenti di Alberto) E… a pigghiastivu?

ALBERTU

Uh, pigghiavu! (e glielo mostra) U viriti, quantu è bellu?

ORAZIU

Maronna, quantu è beddu! Pisa quasi tri chila!

ALBERTU

Mi… ma chi hai u pisu ‘n manu? E’ tri chila menu tri grammi… (meravigliato osserva Oraziu) E… tu cu sì?

ORAZIU

(Fra se) Talé chi semu abbirsati! O riversu ju a finiri!

ALBERTU

‘Un si senti!

ORAZIU

(Nervoso) Ah, ‘un si senti… (Inizia gridando, e si contiene) Io sugnu Ora… ziu! (rabbia contenuta) Oraziu sugnu!

ALBERTU

Veni Orà, m’ajuti a finiri di pigghiari chisti? (indica un posto).

ORAZIU

(Ironico) E… unni i mettu?

ALBERTU

‘N terra posali ‘n terra ca i vegnu a pigghiu. Pianu! Posali pianu va si no, chiancinu!

GIOSINA

(Oraziu esegue. Entra in scena Giosina; s’accorge dei due e rimane di stucco) Scusati, disturbu… (girando attorno ai due) si mi facissivu scienti di ‘nzoccu stati facennu?

ORAZIU

Sss… Aspetta ca stamu finennu! (Ad Alberto) Arbertu, ancora assai ‘nn’hai?

ALBERTU

Nautri setti.

ORAZIU

(A Giosina imbambolata) Talé chi fai aiutaci, ca nni spicciamu.

GIOSINA

(Più confusa che persuasa) Ah, quindi io… avissi ajutari… a iddu pi… spicciarinni? (Si mette anch’essa in ginocchio accanto ad Oraziu intento a adagiare quei frutti dell’immaginazione d’Alberto). Senti: primisi, primisi, vulissi sapiri chi cosa sta facennu? (Adirata) Secunnu, secunnu…

ORAZIU

Sss! Pianu, ca chiancinu!

GIOSINA

(Rabia contenuta) Secunnu, secunnu, vulissi sapiri cu è stu… squilibratu chi fa ginnastica…

ORAZIU

Zittuti, locca! Chistu è ‘n’attori famosu, e per ora…

ANCILA

(Entra con Ignazia) Allura chi vi nni pari di stu postu, ‘un é… (s’accorge di Oraziu e di Giosina messi a carponi) Allura, don Oraziu? La signora Giosina! Ah, ma vju ca già aviti fattu léa! (indicando Alberto)

GIOSINA

Sintiti… donna Ancila, mu vuliti spiegari chi cos’è tuttu stu discursu mimicu?

IGNAZIA

(Recandosi da Alberto) Arbé finisti? Cugghisti tutti cosi?

ORAZIU

A diri la virità, ci desi ‘na manu macari ju…

IGNAZIA

(Meravigliata) Ah, picchì vui… siti… puru…

ORAZIU

(Imbarazzato) No… veramenti, bravu com’è iddu no! Ju… haju ricitatu… sulu quannu era nicu vogghiu riri, ‘nno teatrinu ra parrocchia; (indicando Alberto) ‘nveci iddu no, iddu si viri ca è bravu (Ignazia rimane meravigliata, non capisce) si, iddu si si viri!

IGNAZIA

(A Giosina, mentre Oraziu porta quanto a preso, ad Alberto) Mi rispiaci signura; io nun sapìa ca vostru maritu…

GIOSINA

Me maritu! Ma… me maritu… chi? Vi vuliti spiegari megghiu?

ANCILA

(Interviene) Donna Giosina, chisti sunnu i novi vicini di casa: (li presenta) la Signora Ignazia; (si stringono la mano) il signor Alberto, suo marito… (Alberto non sente, parla con Orazio).

IGNAZIA

Arbé, Alberto! (lo va a prendere) Albertu, veni ccà, chista è la signora Giosì.

ALBERTU

Così! E ju sono il signor Cosà! E questo (indicando Oraziu) è il signor… (alla moglie in confidenza) Cu è chistu?

IGNAZIA

Non so!

ALBERTU

(A Giosina) Il signor non so’! (Giosina continua a rimanere meravigliata per quanto sta accadendo).

ANCILA

(A Ignazia) Scusate. (Conduce Giosina in disparte) Sentite, in poche parole, questi sono i due nuovi inquilini; la signora Ignazia… la moglie di Alberto (indicandolo), mi ha pregato se conoscevo un posto tranquillo dove il marito…, dimesso da pochi giorni dal… comu si dici? Ma… ma…

IGNAZIA

(Interviene precedendo Ancila) Forsi è megghiu ca ciù spiegu io: l’aviti presenti un panaru? (Giosina, segue meravigliata) Un ci fa nenti siddu è grossu o nicu; u panaru… ‘un havi ddu cosa (facendo segno di un arco) ri unni s’afferra?

GIOSINA

U manicu! (Ignazia dissente)

ANCILA

(A Ignazia) Forsi è megghiu ca ciù diciti ‘n talianu.

IGNAZIA

(Ripete) Il paniere non ha quel coso… (fa il segno ancora dell’arco) da dove si prende?

GIOSINA

Il manico!?

IGNAZIA

Ecco, brava! Ora, faciti finta ca su cosa… dove si prende, è vostru, e già nni capemu.

GIOSINA

Nenti di menu, chi giocu di paroli! Sintiti, si m’aviti a diri puru ch’è pazzu, ‘un c’è bisognu ca firriati ‘ntunnu; u panaru, a ghistra…

IGNAZIA

Ma quannu mai! Cerchiamo un posto tranquillo, perché gli permetta di ritrovare la tranquillità e potere raggiungere quel giusto equilibrio che, per il continuo stress lavorativo ha perduto. Non vi preoccupate, è anche una persona educatissima, e non molesta proprio nessuno; credetemi, troverete in noi un ottimo vicinato.

ANCILA

Be, io devo andare. Allora, signora Ignazia, rimanete o vi do un passaggio?

ORAZIU

(Con Alberto si trovano vicino il banchetto dei ferri. Alberto sta per toccare qualcosa e Oraziu interviene subito. Prende il martello e lo batte forte sulla forma di ferro) Chistu ‘un si tocca!

ALBERTU

(A Ignazia) Ma chi niscju foddi! Mi stava struppiannu! (A Oraziu) Oh, (non sente) oh!

ORAZIU

Chi c’è? Ti sei spaventato! Vedi come anch’io sono un bravo commediante? (Le donne parlano fra di loro senza curarsi dei due)

ALBERTU

(Con indice e medio aperti). Viri ca ju ti scippu l’occhi! U capisti?

ORAZIU

(Fra se) Però haju a ‘mprissioni ca chistu va trasennu ca minutidda; ma comunqui, recitamu. Senti signor… cosà (prende la forma di ferro), u sai chi è chista? (Fa l’espressione d’un pazzo) Una furma di ferru, e sugnu capaci di rumpiritilla supra li corna! U sai ‘nzoccu sunnu li corna? O puru ti pari d’aviri arrivatu o funnacu; (batte di nuovo, forte, il martello sulla forma che ha in mano) u capisti?

IGNAZIA

(Preoccupata) Che c’è, che succede?

GIOSINA

Nenti… sicuramenti me maritu ci sta spiegannu bonu comu si battinu li chiova supra la furma.

IGNAZIA

Sugnu cuntenta ca ficiru amicizia, ‘ntra riddi si capiscinu, certu. (Giosina non capisce. Ignazia chiama Alberto) Arbè, Arberto! Su, andiamo, che don’Ancila ci da un passaggio; domani siamo qua ed avrai tutto il tempo che vuoi di parlare col signor Orazio.

ORAZIU

(Batte ancora il martello e parla ad Alberto sottovoce e con la rabbia contenuta) U capistivu? Avemu tempu.

ALBERTU

(Alla moglie) U viri, chiddu è pazzu!

IGNAZIA

(Interviene per non mortificare Giosina) Ma no! Chi dici? (A Giosina) Scusatelo; sicuramente voleva dire…

GIOSINA

U panaru… u manicu… Sintiti, ‘un vi mittiti purci ‘n testa, ca ccà ‘un ci sunnu: ne panara e ne mancu carteddi, quindi…

ALBERTU

Mi spiegani u fattu da furma…

GIOSINA

(A Ignazia) U viriti anzi ca u fa scienti a vostru maritu di comu funzionanu li cosi? (Ad Alberto) U viri?

ALBERTU

Si, ma… funzionanu mali i cosi, ccà!

ANCILA

Allora, andiamo che ho premura; mio marito sta aspettandomi. (Saluta da lontano Orazio) Stativi bonu, don Oraziu, d’ora ‘n poi vi auguru cent’anni di saluti e tanti divirtimenti. A ben rivederci, donna Giosina (si danno la mano).

IGNAZIA

(A Oraziu, indaffarato a sistemare arnesi sul banchetto) A domani, signor Orazio. (A Giosina) Ci vediamo domani allora (stretta di mano e si avviano. Alberto ritorna in dietro mentre Orazio l’osserva; si ferma a prendere come se si fosse dimenticato qualcosa di ciò che stava raccogliendo prima).

ALBERTU

Mi nni stava scurdannu unu…

ORAZIU

(Batte sulla forma il martello, e Alberto si spaventa) Lassalu stari, ca chiddu è miu!

ALBERTU

(Spaventato, si allontana borbottando). Curnutu! ‘Un ci jocu cchiù cu tia (gli fa la linguaccia camminando indietro, si gira per andare e sbatte contro il muro; Giosina si mette una mano davanti come per volersi riparare il colpo che ha preso Alberto).

GIOSINA

Bedda matri, tutti i renti ci careru!

ALBERTU

(Al muro) E tu, cu si?

ORAZIU

(Parlando fra le mani come se avesse un megafono) Sono il muro! (Alberto si spaventa).

IGNAZIA

(Da fuori scena chiama Alberto) Alberto, su, andiamo!

ALBERTU

(Al muro) E ju sugnu (Parlando col tono di Orazio) Alberto; in cantilena) e ‘un mi struppiavu, ‘un mi struppiavu! (Esce cantilenando, mentre Orazio e Giosina lo guardano meravigliati).

ORAZIU

Eh, chi nni pigghi?

GIOSINA

Chi nni pigghiu! U viri a tutti rui, si v’arrivu attruvari ancora cu ddi gesticolazioni mimichi (Facendo mimica), ‘n ca va ca pigghiu un beddu palacciuni e u fazzu puru io anticchi di movimento (sillabato) mi mi co!

ORAZIU

U viri tu, si cchiù gnucculuna ri na crapa streusa. Chiddu, recita! Tiatru! U capisci tu chi cosa volere diri tiatru? Ah, ti pari ca è pazzu? Artisti! Persone che si liberano di tutti li pregiudizii di questo mondo (Giosina lo guarda meravigliata) Eh, u viri ca ti veni difficili afferrari il concerto!

GIOSINA

Mancu mali ca ora avemu l’artista!

ORAZIU

Lu poi diri! Di l’arti, ju, nni sugnu un veru maistru! Voi, avete distrutto le mie ispirazioni, cu tutti li vostri discursa… terra, terra, mi avete portato a discutere come semplice gente di strada…

GIOSINA

Mischinu! Acchiana supra u marciaperi prima ca ti metti ri sutta ‘na machina. Gente di strata!

ORAZIU

Ah, ma ora cu don Alberto posso finalmente rispolverare e arricchire il mio archivio interiore, pieno, accatastato di parole da voi inconprese, in disuso, e voglio migliorarlo con vocaboli nuovi, liberi da tabù oramai passati anche di moda. (Giosina lo guarda meravigliata)

GIOSINA

Ma chi ti sviluppà a scienza tutta ‘nta ‘na vota? Chi schifìa sta riscennu? Ma comu parri?

ORAZIU

Ecco! lo vedi? Come posso, con voi, perfezionare l’arte? Essa viene repressa, schiacciata, soffocata…

PITRINU

(Entra ridendo) Comu tugnu rirutu!

ORAZIU

(Alludendo) Morta! Seporta!

PITRINU

(Serio) Pa’

ORAZIU

Sintemu

PITRINU

Mi l’accattari u lillilulli?

GIOSINA

E ora? U trovi ‘nno to vocabolariu ‘nteriori lillilulli?

ANDREA

(Entra aiutando il nonno a sorregerlo, è morto di sonno e va strofinandosi gli occhi) Ho un sonno… da non crederci! Sul letto, mi giravo, mi rigiravo… ho tutta la schiena a pezzi.

ORAZIU

(Ironico) Ah, ma quannu è accussì oh papà tu chiama, ‘un ti strapazzari ca ti vinemu a girari nuautri ‘nto lettu, picchì… ha fari sti sforzi ri girariti e rigirariti viri ca ti po’ veniri l’ernia!

GNAZIU

(A Fabio) Chi dissi?

ANDREA

Niente, l’ernia!

GNAZIU

A cu, a to patri ci vinni l’ernia? Comu, a pigghiari i scarpi?

ANDREA

Ma quando mai, nonno! A me, dice che può venire l’ernia!

GNAZIU

E comu fa a sapiri ca t’havi a veniri l’ernia? Chiffà addimina vinturi ora?

ORAZIU

(A Giosina) Talè tu vò purtari rintra, ca ju è discurriri cu stu signurinu!

GNAZIU

(Adirato) Ju me stari ccà! U capisti? (Orazio si gira ed egli incalza) Cu tia parru, robba bona!

ORAZIU

(Perdendo la pasienza) Ma ricu ju vi nni vuliti iri rintra tutti quantu siti e mi lassati travagghiari ‘n santa paci, si, o puru no?!

GNAZIU

Ju me stari ccà ti rissi! Oggi vogghi manciari aria, mi capisti? Mi vulissi tu pruibiri puru di manciari ora?

GIOSINA

(Indicandogli una panca)Vossa s’assetta ccà; ‘un ci duna cuntu.

ANDREA

(Si è ripresa la calma) Senti mamma, poco fa, (guardando suo padre che ha intrapreso a lavorare) sul letto, mi giravo e rigiravo perché stavo facendo un sogno strano, (ricordando il sogno) ma così strano… roba da non crederci… era come se tutto accadesse veramente! (Oraziu intento ad origliare). 

GIOSINA

(Curiosa) Figghiu me chi sonnu facisti?

ANDREA

Glielo voglio raccontare pure al nonno (si avvicina con la mamma verso il nonno che era rimasto fisso a guardare Oraziu, il quale vedendosi osservato cerca di fare l’indifferente). Ho sognato d’essere attorniato da diversi attori, tanti attori; (come se stesse ricordando) ricordo… c’era pure qualche cantante, ma… quello che era strano è che tutti erano a piedi scalzi, non tenevano le scarpe, capito? Non è strano?

ORAZIU

(Fra se) Vo viriri ca Brasi ci va futti veru i scarpi a l’attori? No, no un po’ essiri…

GIOSINA

Ma chi parri sulu?

ORAZIU

E… senti ‘na cosa, tu, mentri rurmevi unn’eri?

ANDREA

Ma papy! Dove vuoi che potevo essere, a letto!

ORAZIU

Ma scertu! Chi ti giravi e ti rigiravi… ju ricu nel sogno! Unn’eri mentri ti stavi ‘nzunnannu?

ANDREA

Cosa vuoi che mi interessava sapere il lugo dove potevo trovarmi, i sogni non hanno una dimora fissa; si può essere nello stesso tempo: in America, in Russia, o… dentro un castello, oppure in groppa ad un cavallo... ma... quello che ricordo è che non avevano le scarpe; poi entrò un signore, una persona come tante altre, aveva un vecchio sacco sulle spalle, lo posò a terra, lo aprì…

ORAZIU

(Precedendolo) E ‘ncuminciau a dari scarpi a tutti!

ANDREA

Ma quando mai! Uscì da lì dentro un omino…

GNAZIU

Chi cosa?

ORAZIU

Un omino!

GNAZIU

(Adirato e col bastone alzato, ad Orazio) Tu zittuti, e ‘un pipitari! A caputu? (Orazio corre ai ripari. Poi ad Andrea) E chi fici, chi fici?

ANDREA

Aveva una lunghissima barba color rame che quasi gli toccava i piedi; contò gli attori, li moltiplicò per il numero dei cantanti, divise la somma con il numero di quanti erano i piedi scalzi e alla fine dette tre numeri: 21 – 63 – 32; mi guardò ridendo e se ne ritornò nel sacco che il vecchio, chiuse, si caricò sulle spalle e andò via, mentre si sentiva allontanare lenta la grossa risata di quello strano omino.

GIOSINA

(Ansiosa) Figghiu miu, sicuru si ca sunnu chisti li nummari?

ANDREA

Certo che lo sono!

GNAZIU

(Esplode di gioia) Sugnu riccu! Finarmenti arricchivu! Arrivau lu jornu!

ANDREA

Di cosa stai parlando, nonno?

GNAZIU

Picciuli! Moneta! (A Giosina) Dimmi ‘na cosa figghia mia, unni sunnu ddi picciuli ca ti resi l’autru jornu?

GIOSINA

‘Un mi diri ca…

‘GNAZIU

 Tutti, pigghiali tutti; ‘nn’avemu a jucari 21 – 63 – 32.

GIOSINA

Tutti… tutti, tutti?

GNAZIU

Tutti!

GIOSINA

Ju… siccomu s’avvicina la festa di lu paisi… pinsava d’accattari un pocu di rubbiceddi di mettiri; semu tutti mali vistuti.

GNAZIU

‘Ntantu piccamora fa cauru, e a mumentu ti fazzu avvidiri ca semu tutti vistuti. Ma ‘un lu capisci, locca! La furtuna nni vosi dari li nummari, e tu…

ANDREA

Veramente è stato l’omino, nonno.

GNAZIU

E “questo” omino si chiama fortuna.

ANDREA

Nonno, l’omino è maschio!

GNAZIU

Ah, si! E picchì Andrea chi è fimmina?

ORAZIU

(Alla moglie) Ma quali furtuna e furtuna, tu ‘n’autra! La nostra signora vera furtuna è (indicandosi la fronte) ccà!

GIOSINA

(Ironica) Ah, si? E ddocu? E dicci allura alla signora chi nesci di dda dintra, e va a fari un pocu di spisa, quantu menu un pocu di spisa, ca ‘un avemu mancu di chi manciari cchiù.

ORAZIU

A spisa, a spisa,‘ngnuranti! Ma chi capisci?

GNAZIU

Vaccatta u pisci?

ORAZIU

Se u baccalaru! Senti a st’avutru.

GNAZIU

(A Giosina) E va pigghia ssi picciuli! (Ad Orazio) E tu zittuti! (Escono Giosina E Andrea. Preoccupato) E ora… pi quali rota s’hannu a jucari?

ORAZIU

Pi quali rota? Comu pi quali rota? Ca pi Palermu s’intenni! Scusassi, u sonnu ‘un lu fici Andrea, e vossia pensa ca ri quantu è lagnusu, chiddu, si putia iri a ‘nzunnari cchiù luntanu di Palermu? (Entrano Giosina e Andrea che vanno parlando)

ANDREA

Su, mamma, vienici anche tu!

GNAZIU

(Si prende i soldi che gli consegna Giosina) Quantu sunnu?

GIOSINA

Seicentu quarantamilaliri!

ORAZIU

(Meravigliato) E unni li tiniavu tutti sti picciuli scusati? E… Già ‘un è ‘na vincita aviri tutti sti sordi, c’è bisognu di jucari?

GNAZIU

‘Un ci dari cuntu a chiddu;  U sai chi (A Giosina) ti ricu, jamuci tutti tri a jucalli sti nummari. (Escono)

ORAZIU

(Rimasto solo, riprende a cantare, lavorando, quel motivetto iniziale) A notti dormu / e mi ‘nzonnu ca travagghiu; / comu haju a fari / pi circari d’arrichiri; / Haju ‘na mugghieri… (Gli balena un’idea e smette di cantare) Comu dissi, comu dissi? (Rifà un pezzo del motivetto) comu haju a fari / pi circari d’arricchiri… Certu, ma certu! Tu ‘mmaggini si ddu ‘ntollaru ri me soggiru fa veru un ternu siccu? No, ma chi vaju pinsannu… Però… si fussi veru… m’avissi a passari un piaciri ca l’haju (indicando la gola) ccà di tantu tempu. Quantu dissiru? Seicentu quarantamilaliri! Dunqui sarebbiru………! Maronna, quantu picciuli! Primisi, primisi, è pigghiari a unu e c’è diri: “tu, mettiti ddocu e travagghia pi mia!” “E che fari zzù Oraziu?” E ju ci dicu: “senti beddu, si ha cuntinuari a travagghiari pi mia, per prima cosa, anzi per primissima cosa mi devi chiamare Signor Cavaliere Commentatore Orazio, u capisti? Dunqui senti, il lavoro consisti in questo, mentre io mi sto stinnicchiato con la pansa rivolta verso l’alto a catturare i raggi del sole, tu, con una cascettina piena di monete, mi starai accanto muovendola così (mimica), con un ritmo armonioso in modo che io possa sentire e appinnicarimi col soave suono dei sanarelli: (come se muovesse la cassettina) ‘ntrinchiti, ‘ntrinchiti, ‘ntrinchiti… (Entra Pietro che va esibendo le arti marziali, s’accorge di suo padre, gli si avvicina e butta un fischio come se chiamasse gli animali. Orazio si spaventa).

PITRINU

(Dopo aver fischiato continua a chiamare) Tè, tè, tè!

ORAZIU

(Spaventatissimo) Corpu di sali chi ti pigghiassi! Ca chista manera di trasiri è?

PITRINU

Pà, ma chi chiami i vacchi?

ORAZIU

I pecuri chiamu, i pecuri! Ma ti vo iri a livari ssi robi?

PITRINU

Pà, a vo ‘nsignata ‘na mossa? Ti fazzu vulari ‘nta l’aria e poi ti fazzu scuppari ‘nterra comu un saccu ri patati, mentri cuminci a jittari vuci: “m’arrennu, m’arrennu!”

ORAZIU

Talè ti nni vo iri ri unni vinisti, avanzi ca ti lassu iri ‘na furma di scarpa  ccà (indicando la testa), e ti fazzu iri gridannu: “A testa, a testa! Unn’è a testa?”

PITRINU

Pà, cu t’ansigna ssa mossa?

ORAZIU

To nannu m’ansignà ssa mossa!

PITRINU

(Meravigliato) U nannò?

ORAZIU

U nannò, u nannò!

PITRINU

Picchì… u nannò…

ORAZIU

Tu ha sapiri ca to nannu era un grandissimo campioni ri Karatè; a tia un ti rici nenti picchì pensa ca poi tu un lu lassi cchiù ‘n paci… vò ‘nsignata sta mossa, vo ‘n signata dda mossa, e allura prifirisci un ti fari sapiri nenti. (Pietro è meravigliato) Ah, chi ti parìa, to nannu ‘nna ssu sport è ‘na cosa ca tu mancu tu ‘mmaggini.

PITRINU

Paaa! Ma chi ta ricennu veru?

ORAZIU

Senti chi fa, comu tu viri ravanti cafudda ‘nta facci senza ririci nenti; ‘un lu ‘nzerti mancu mentri rormi a chiddu.

PITRINU

Pà, comu veni… (va aprendere un pezzo di legno fuori scena) talè, ci nni cafuddu un corpu ‘nto mussu cu ‘na velocità ca mancu havi avvidiri di unni s’arricugghiu lu corpu. Pà, comu veni, un ci fari accapiri nenti, e taliami (Alza il legno facendo la finta) cu quali velocità lampiu.

ANDREA

(Si sentono arrivare; Pietro fa segno al padre di non fare capire che egli si sta nascondendo col pezzo di legno fra le mani) Allora, nonno, come riscuoterai la vincita… la moto! Promessa. (Entrano)

GNAZIU

A missa?

ORAZIU

Se, a binirizioni!

GNAZIU

(A Giosina) Chi dici, chi dici?

GIOSINA

No, nenti u lassa perdiri. Si voli iri a ripusari ‘n’anticchia? Ddoppu tutta sta strata a pedi… (di spalle ai tre c’è Pietro che fa segni al padre se può colpire; Oraziu fa segni a Pietro di lasciare stare, ma quello insiste. Giosina non capisce i movimenti di Orazio, si girano ma Pietro si nasconde in tempo) Ma ‘nzumma si po’ sapiriche vennu a diri sti gisticolazioni?

ORAZIU

Ah, nenti! Mi staju ripassanu la parti di ‘na commedia. (Giosina e Andrea sono meravigliati; Oraziu recita) Idda dici: “Ciù rugnu, o ‘un cciù rugnu?” E ju ci dicu no! Lassa stari! E idda ancora cciù rugnu, o ‘un cciù rugnu? E ju ci dicu…

GIOSINA

No, lassa stari!

PITRINU

(Entra gridando un urlo di Karaté) Jaaa! (E si ferma davanti al nonno) Forza nonnò, oramai u sacciu u discursu. (Scatta pronto per attaccare) In guardia! Pronti… (Ignazio lo guarda e non capisce) A fa finta ca un capisci? Pronti (incomincia a ruoteare il legno e colpisce il nonno che cade a peso morto) Jjjaaa!

GIOSINA

Bedda matri! Ma chi facisti?

GNAZIU

Ajutu! Murivu, murivu!

GIOSINA

(Tocca in testa il padre) Maronna, pezzu ri bummuluni!

GNAZIU

Susimi, susimi! (Andre e Giosina lo aiutano) Veni ccà, (cerca Pietro col bastone alzato) unni si? (Pietro scappa dentro mentre lo inseguono, uscendo, Gnaziu col bastone sempre alzato e Andrea) Ccà a veniri, si t’acchiappu!

GIOSINA

(Guarda il marito) E… tu naturalmenti… ‘un ‘nni sa nenti?

ORAZIU

Ju, e chi centru ju?

PITRINU

(Entra inseguito dal nonno, sempre col bastone alzato, e Andrea) Pà, u viri ca u ‘nzirtavu, e tu ricivi ca ‘un ci a facìa.

GIOSINA

E tu… (al marito), tu ‘un nni sapivi nenti? (Prende il legno che Pietro aveva buttato a terra e si rivolge contro il marito, mentre ritornano correndo verso casa i tre, con dietro ora Giosina che insegue Orazio) Veni ccà allura! Scappi? Si t’acchiappu!

Fine pimo atto

Secondo atto

(Scena medesima. Alberto seduto ad un tavolinetto, intento a scrivere, ogni tanto si ferma, si alza, pensa, sorride, si risiede e ricomincia a scrivere. Orazio lo Guarda; è un po’ meravigliato per questi suoi movimenti continui e si mette a cantare il solito ritornello.)

ORAZIU

A notti dormu, / e mi ‘nzonnu ca travagghiu; / poi…

ALBERTU

Sinti, o cantati ‘nsilenziu o vi zittiti, picchì ju… staju scrivennu ‘na storia troppu bella.

ORAZIU

E chi vuliti ri mia, trasitivinni dintra! Eh, scusati, cu vu dici di ‘un scriviri?

ALBERTU

(Col tono di una rilassatezza quasi voluta) Ma ju scrivu ‘nzilenziu, accuntu ca scrivo forte!

ORAZIU

(Lo guarda e comincia a cantare solo facendo mimica) Raccussì va beni? O e troppu forti?

ALBERTU

Macari raccussì, nzumma, si senti e ‘un si senti; quasi quasi un mi nni runa fastidiu. (Oraziu continua a mimare delle canzoni, e in Alberto accresce la curiosità di conoscerne il titolo; fa alcuni movimenti ritmici per cercare di capire quale canzone potrebbe essere, ma non ci riesce) E chissa, quali canzuna eni? (Oraziu fa finta di non sentire e continua a lavorare, sempre mimando il motivo) Cu tia parru; ti rissi, qual è ssa canzuna?

ORAZIU

(Finalmente si decide) Scusa Arbé, cu tutti sti artoparlanti addumati un sintia nenti; aspetta (fa finta di spegnere l’amplificazione. Allberto guarda meravigliato). Chi dicisti?

ALBERTU

(Pensieroso) Mu scurdavu, turnamu ‘nn’arreri.

ORAZIU

Aspetta allura c’addumu l’amplificazioni. (Ricomincia a mimare il motivo della canzone).

ALBERTU

(Che aveva ricominciato a scrivere, si ricorda quanto aveva chiesto ad Orazio) Qual’è ssa canzuna? (Oraziu, avendo fanto finta di ricominciare a lavorare, continua a farla non sentendolo) Cu tia parru!

ORAZIU

(Si alza gli occhi per guardare alberto e s’accorge, facendo finta di non aver capito, che egli lo sta chiamando) Scusa Arbé, quantu astutu tutti sti cosi (continua a far finta di spegnere). Allura, dimmi Arbé, sono tutt’orecchi! Chi dicisti? (Alberto è pensieroso) Senti Arbé, un mi diri ca tuscurdasti arreri!

ALBERTU

Chi cosa?

ORAZIU

Comu, chi cosa! Havi ru voti ca m’addumanni u titulu ra canzuna!

ALBERTU

U titulu… ri quali canzuna?

ORAZIU

Ri “volare”; (ne canta qualche strofa) volare, oh, oh! Cantare, oh, oh, oh oh. Nel blu, dipinto di blu…” U capisti?

ALBERTU

(Curioso) Orà, picchì quannu rici “ volare” fa oh, oh, e ‘nveci quannu rici “cantare” fa oh, oh, oh oh? Cantari è cchiù megghiu ri volare?

ORAZIU

(Con rabbia contenuta) Senti s’è pi megghiu, ju dicissi ca è vulari! Vulari e ‘un attirrari cchiù supra di sta terra china di cunfusioni, di suppurtazioni, di genti ca chianci, (Alberto mima esprimendo gli stati d’animo di quanto dice Orazio) di genti c’arriri, di genti ricca e di genti povira, di genti c’arragiuna e di genti ‘n veci comu a tia ca ancora ‘un haju caputu si dici veru o puru… (facendo con la mano il gesto di pazzo).

ALBERTU

Orà, haju a ‘mprissioni ca ognunu di nuautri capisci chiddu ca nni cummeni e perciò facemu tanti riscursa. Nuautri amu arragiunari…

ORAZIU

Sintemu

ALBERTU

Tu rici c’è genti ricca e genti ‘nveci ch’è povira, è giustu?

ORAZIU

Certu ca ‘un è giustu!

ALBERTU

Senti Orà, che mi vuoi prendere in giro e va bene, ma che tu hai detto queste testuali paroli: cè genti ricca e genti ‘nveci ch’è povira, hai detto così?

ORAZIU

Certu!

ALBERTU

(Arrabbaito) Oh! Senti parramu orizzontali (facendo con le mani il segno) picchì si ncuminciamu a fari acchiana e scinni cu i paroli, ju mi cunfunnu. Si stava dicennu ca ognunu di nuautri parra a secunnu comu ci cummeni e quindi nascinu tanti riscursa.

ORAZIU

E picchì?

ALBERTU

Tu antura dicisti: c’è genti ricca e c’è’nveci cu è povira ricisti accussì?

ORAZIU

Certu!

ALBERTU

Tu chi ssi riccu?

ORAZIU

Ma quannu mai!

ALBERTO

Ecco! Lo vedi? Questo è un discorso! E dimmi ‘n’autra cosa, si tu fussi riccu, u dicissi “ c’è genti ricca e c’è ‘nveci cu è povira?”

ORAZIU

Ma quannu mai!

ALBERTU

Ecco! Lo vedi? Questo è un altro discorso! Per la stessa cosa si fanno due discorsi diversi, ma tutti rui giusti. (Misterioso) Orà, che tu voi volare è un conto, ma che per questo tu non vuoi atterrare in questa terra è un altro conto.

ORAZIU

E allura com’è ca a mia mi veni difficili addivintari riccu?

ALBERTU

Pu stissu mutivu ca o riccu ci veni difficili addivintari poviru, anzi cerca d’addivintari cchiù riccu.

ORAZIU

(Con rabbia contenuta, gli parla sillabando) Se nti, A rbé, vi ni sti ‘nna stu ba gghiu pi fari ne sci ri fo ddi a mi a?

ALBERTU

Ma quannu mai! Si tu ca vo nesciri foddi; picchì un fa comu a mia?

ORAZIU

E tu comu fa?

ALBERTU

Comu facia me patri Giuvanni. (Con enfasi) Bravu era me patri, Ora. Cu ci addumannava “ zzù Giuvanni, chi ura sunnu?” Iddu ci arrispunneva: “ Ura i munciri!”  Corcunu ca ‘un havia caputu chi ura eranu ci ricia: “E a chi ura si munci, zzù Giuvanni?” E iddu, me patri, bravu era me patri, siccomu chiddu ‘un l’avia caputuci arrispunniva “versu st’ura!” (Oraziu non capisce)

ORAZIU

Quindi… “versu a st’ura” era sicuramenti l’orariu giustu?

ALBERTU

Certu! U ricia me patri!

ORAZIU

Certu ca vostru patri… bonu riscurria. Eccu, picchì vui… riscurriti…

ALBERTU

Comu è me patri!

LENA

(Entra muovendosi a ritmo di musica) Pà, rici a mamà (facendo segno di soldi) ca è ghiri a cattari (fa segno che deve andare a comprare cose da mangiare. Poi si rivolge ad Alberto) Zzù Albertu, a finì ri scriviri dda storiella?

ALBERTU

‘Na tragedia! Staju scrivennu ‘na tragedia, morti ca morinu…

LENA

(Spaventata) Bedda matri!

ORAZIU

(A Lena) A tu ‘n’autra ca ti scanti! ‘Un lu viri ca babbìa; chi significa morti ca morinu? Si ssu morti c’è bisognu ca morinu?

ALBERTU

Certu ru voti morinu, prima ru scantu e poi perché vengono uccisi… ccà! In questo bagghiu.

LENA

(Si va a mettere dietro a suo padre) Bedda matri, pà, mi scantu!

ORAZIU

(A Lena) E levati di cca rarreri!

GNAZIA

(Da fuori scena chiama il marito) Alberto, Albertu! (Entra in scena) Alberto, devi prendere la medicina! Lo hai dimenticato? (Ad Orazio) Scusate don Oraziu, ciao Lenù. (Alberto si avvia ad andare a prendere le medicine, poi si ferma).

ALBERTU

‘Un mi tuccati supra u tavulu chiddu ca staju scrivennu! (Alla moglie) E’ ‘na bella storia, sula ca è un pocu tristi; ma a staju finennu ri scriviri. (Si avvia borbottando).

LENA

Ronna Gnazia, bella storia! ‘Un motu mi stava facennu veniri! Pà mi ru i picciuli ca vaju accattu a spisa?

GNAZIA

A peri, sula, ‘n sinu o paisi a ghiri?

ORAZIU

Chissa, ‘n sinu o ‘nfernu arriva sula. (A Lena) Ricci a to matri ca i picciuli si fa ddari ri to nannu, ca i clienti, ancora ‘un mi ‘nn’hannu purtatu. ‘Nveci di jucarisi u ternu picchì ‘un si jucava l‘ambu?

LENA

Ma di chi sta parrannu, pa’?

ORAZIU

No, nenti, tu dicci d’accussì.

LENA

Idda mi rici ri veniri nni tia, tu mi rici ri iri nni idda (esce borbottando).

GNAZIA

Certu, sti clienti ca ritardanu a pagari…

ORAZIU

‘N sina ca ritardanu a spiranza c’è; poi ci su chiddi ca fannu certi tappi!

GNAZIA

Don Oraziu, scusati siddu vi fazzu corchi dumanna indiscreta

ORAZIU

Dicitimi, donna Gnazia.

GNAZIA

(Guarda un po’ se qualcuno possa sentirla) Ma, vui… criritimi ‘un pari propriu ca suffriti… (Orazio la guarda meravigliato) ri… comu si rici?

ORAZIU

Ri miseria, vuliti riri?

GNAZIA

Nun staju schirzannu, don Oraziu, vui u sapiti a quali malatia mi rifirisciu…  (Alberto entra con un bicchiere di vino in mano e va per andarsi a sedere al tavolino) Albé, ti pigghiasti i miricini?

ALBERTU

Non le ho travate.

GNAZIA

E chissu ca ‘n manu chi cos’è?

ALBERTU

Un beddu biccheri ri vinu, u dutturi rici ca metti saluti…

GNAZIA

(Si alza per andare a levargli il bicchiere) Un lu tuccari! Giustu dissi u dutturi, ma pi mia parrava; tu u sai ca alcolici ‘un ‘nni poi viviri. Dallo a me il bicchiere, le medicine sono messe sul tuo comodino; avanti, fai u bravu. (Alberto esce a malumore. Gnazia prende i fogli, sono in bianco, e glieli fa vedere ad Orazio) U viriti, a vuautri vi rissi ca a sta finennu ri scriviri a storia; ma quali storia?

ORAZIU

(Prende i fogli e rimane meravigliato) Ma… sunnu tutti bianchi! E a tragedia… i morti ca morinu?

GNAZIA

Allura vui… ‘un siti…? (fa con la mano il gesto di uno che è pazzo)

ORAZIU

Ju, pazzu! Ma chi stati dicennu?

GNAZIA

Allura, cu me maritu vui… cugghiavu… pi finta?

ORAZIU

Ah, nenti ri menu! Ju recitava cu vostru maritu…

GNAZIA

M’aviti a pirdunari allura siddu ju pinsava ca puru vui…

ORAZIU

Puru vui! Ma di chi cosa stati parrannu? O chi forsi vostru maritu… (Gnazia annuisce) Ora si spieganu certi gesti, certi parrati a troffa! Ma comu, donna Ancila mi dissi ca vostru maritu è ‘n attori famosu, e chi stava ripassannusi la parti di… i frutti che piangono… si mi pari ca d’accussì mi dissi!

GNAZIA

Don Oraziu, ma comu, ‘un l’aviti caputu? Me maritu… è pazzu!

ORAZIU

(Si riempie di paura) Ma chi stati dicennu? E ora? ‘Un ci fati capiri nenti a me mugghieri ca a chidda si ci arrestanu tutte le coronarie, e… sti morti che vennu ammazzati ccà, in questo bagghiu? (Preoccupato) Donna Gnazia, un facemu ca vostru maritu… a storia a voli realizzari veru… ccà, ‘nna stu bagghiu?

GNAZIA

A diri la virità, veramenti ancora ‘un ammazzatu a nuddu; ma… u sapiti com’è? ‘Nsina ca unu è normali periculu ‘un ci nne, picchì ‘na persona normali ragiuna; ma… quannu ‘na pirsuna metti a perdiri corpa, metti lu ciriveddu ‘n folla e nun ragiuna cchiù, addiu ti rissi!

ORAZIU

E chi siti tranquilla! Io, ccà, haju ‘na famigghia a cui badari, (fra se) ricemu, ‘na famigghia, o chi vi pari! Quindi, vuautri… mi rispiaci donna Gnazia, ma aviti a smammari, sluggiari, andare via va!

GNAZIA

Chi cosa? Comu dicistivu? Cu donna Ancila avemu un cuntrattu scrittu ca parra chiaru! Io e me maritu, ccà, putemu stari, senza ca nni smovi nuddu, pi armenu n’autri sett’anni…

ORAZIU

Chi cosa!? E ssa chiddu ci veni ‘ntesta d’ammazzari a tutti, comu la mittemu?

GNAZIA

Don Oraziu, pi mia si vuliti ristari putiti stari, ‘un mi disturbati propriu, ma si capiti ca curriti un bruttu rischiu… mi dispiaci (indicando l’uscita del baglio) chista è l’uscita, vi carriati tutta a famigghia e cu s’ha vistu, s’ha vistu.

ALBERTU

(Rientra, ha in mano una falce e la va accarezzando) Gnazina, Gnazina, unni si?

GNAZIA

Ccà, ccà sugnu! Chi c’è, chi ssu sti vuci? E chi fai cu ssa cosa ‘n manu?

ORAZIU

(Gli parla con un falso sorrisino, cercando di non far capire ad Alberto che già sa tutto sul suo conto) Unni stati ennu a metiri? (Alberto lo guarda male)

ALBERTU

Rimmi ‘na cosa Gnazina, sta favucia bona tagghia? (Passa la mano sopra la lama) I rintuzzi comu l’havi?

GNAZINA

Bona, bona tagghia, ma ora va posala ca ‘nna stu mumentu nun servi.

ALBERTU

Staju scrivennu la commedia e questa me la metto accanto, così mi vado ricordando tutto il filo del discorso. Ragionamento orizontale (facendo segno con le mani).

ORAZIU

Va beni, allura ju arrivu dda donna Gnazia, a ‘n’autra antichia nni viremu.

ALBERTU

Unni sta ennu?

ORAZIU

(Tenendosi sotto i pantaloni) Veramenti, prima di tuttu è ghiri…

ALBERTU

Talè Orà (muovendo velocemente la falce)… zamt! Eh, comu ci vaju?

GNAZIA

(Oraziu, dalla paura, sale sul banchetto dei ferri; Ignazia, trovandosi accanto ad Orazio, incomincia a sentire puzza e lo guarda) Ma…

ORAZIU

Puzza, puzza c’è! E siddu un ci livati dda cosa ri manu e vu purtati rintra, ccà, a mumentu sta puzza ‘n petra.

GNAZIA

(Si sente arrivare gente) Talé amunì Albé ca sta vinennu u dutturi.

ALBERTU

U dutturi! E chi voli u dutturi? Ju sugnu guaritu, ‘un haju nenti; è veru, è veru Gnazina ca ‘un haju nenti?

GNAZIA

E va be, per ora trasemu, po’ essiri ca viri ca un ci si e visita a don Oraziu.

ALBERTU

(Escono) A don Oraziu, si, a don Oraziu.

ORAZIU

(Entra Brasi e trova Oraziu ancora salito sul banchetto degli attrezzi da lavoro. Oraziu improvvisa un comizio) Cari compagni…

BRASI

‘Un tantu… cari, don Oraziu! Ma chi vi mittiti a fari comizii puru? (Incomincia sentire puzza) Bih, bih, bih chi puzza! Scarricanu all’apertu i gabinetti ‘nna stu bagghiu?

ORAZIU

A diri a virità, havi un bellu pezzu ca ra puzza si sta ‘ntustannu!

BRASI

E menu mali ca semu all’apertu. (Cerca di capire di dove possa venire questa puzza) ‘Nca va ca c’è di moriri accupatu… sintiti, don oraziu, ritornu ‘n’autra vota.

ORAZIU

(scende dal banchetto) Aspittati ca vegnu subitu (ed esce).

BRASI

(Meravigliato) E chi è? E’ stranu… pari ca a puzza scumpariu. Nenti, sicuramenti eraviri i naschi chini e ‘un la sentu cchiù. (Entra Alberto in mutandoni, con un cappello da sole in testa, ha un vaso da notte in mano) E chistu cu è? (Alberto va a svuotare il vaso all’entrata del baglio. Brasi rimane di stucco). Puru! (Continua a non capire. Alberto rientra, mentre Brasi continua stropicciarsi gli occhi pensando abbia potuto avere una visione). Ma era un miraggiu, o mi staju ‘nzunnannu?

ORAZIU

Zzù Brasi, chi parrati sulu?

BRASI

Don Oraziu, haju a ‘mprissioni ca ‘un mi sentu bonu. Nun è ca pi cumminazioni ‘nna stu bagghiu passianu li spirdi?

ORAZIU

A diri propriu a virità ci ammancanu propria iddi ‘n menzu li peri!

BRASI

E puru nun era normali chiddu ca vitti ora ora cu l’occhi me!

ORAZIU

Sicuramenti vuautri, cu sta fantasia chi aviti super sviluppata, vi ‘mmagginati cosi ca si ponnu sulu vidiri nne sogni. Ma jamu a nuautri, sicuramenti vinistivu pi fari li cunta… o sbagghiu?

BRASI

(Ogni tanto guarda verso la porta da dove uscì Alberto) Dicemu ca vinni puru pi chissu, (guarda ancora verso la porta) anchi si vaju diri, ‘n cunfirenza, ca forsi era megghiu ca nun vinìa.

ORAZIU

(Adirato) ‘Nzumma, si po’ sapiri chi cosa cuntinuati a taliari a fari la porta?

BRASI

E va beni, va beni ‘un c’è bisognu di jittari vuci! Nenti, si viri ca ho avuto una visione e a puzza ma ‘mmintavu, tantu ca ‘un si senti cchiù. Dunqui sintiti, (prende dalla tasca dei soldi e gliene porge un po’) chisti su chiddi di la vota passata; pichiddi di ora si nni parra tra ‘na misata. (Orazio lo guarda meravigliato) Eh, a genti fici spisi pi lu matrimoniu, quindi prima ca accucchia l’autri u tempu ci voli… A propositu a vuliti sentiri l’urtima? L’autru jornu, passanu di la strata du zzù Nofriu, lu patri di Mariuccia, ddu beddu spicchiu ri mennula amara, lu vitti ca carricava damigiani chini d’ogghiu, dicemu ogghiu, supra la machina pi purtalli a vinniri ‘n Palermu; nun mi chiamau pi farimi assaggiari l’ogghiu! Mi viniva di jittari puru li vuredda, tantu era bruttu.

ORAZIU

E vui nenti ci dicistivu?

BRASI

Aviti a sentiri. Mi vinni franca e ci dissi: zzù Nofriu a vuliti vinnuta “la bustina di l’imbottigliamentu naturali?” (Oraziu non capisce) “E chi cos’è?” Mi dissi. “Chi cos’è? E’ l’urtima ritruvata della scienza olearia, e consiste in questo: a Maggio, quannu l’alivi ‘ncumincianu a divintari quantu la calìa, s’aspetta la prima luna china, e la sira, prima di scurari, si sciogghi la bustina in centu litri d’acqua e si nni sparti un litru ad arvulu, ‘nn’Austu, quannu a luna è a l’urtimu quartu, si vannu attaccanu li buttigghi vacanti, scuri però annu a essiri li buttigghi ci dicu, ‘ntali rami, e versu lu misi di Ottobri lu miraculu di la scienza va pigghiannu forma, li buttigghi si vannu jnchennu tutti a lu stissu liveddu…

ORAZIU

E iddu, iddu chi fici, nun mi diciti chi s’accattau la bustina?

BRASI

A li primi ‘un ci vosi cridiri, poi ci spiegai un pocu u fattu di lu prucessu tecnologico e di quantu oramai nun sbalurdisci cchiù a nuddu, sulu a di quattru cucuzzuna gnuranti ca ‘ne legginu e ne mancu si ‘nformanu sulla scienza.

ORAZIU

Vui, a diri la virità, ‘nveci nni la scienza ci sguazzati, quindi nun aviti propriu di chi ‘nfurmarivi…

BRASI

Ci dissi, è l’urtima e la staju purtannu di lu Piemonti, la vuliti o mi nni vaju? U sapiti chi mi dissi? “E comu fazzu a sapiri quantu buttigghi haju a taccari a ogni arvulu?” “Lu viditi quantu siti gnuranti?” Ci dissi; si fa u cuntu tra la quantità di aulivi ad arvulu e per la resa in percentuali, e alla fini si appenninu tanti buttigghi pi quantu è lu risultatu.

ORAZIU

Mo sapiti ca vui nun mi sbalurditi cchiù?

BRASI

Don Oraziu, ju, cu sti quattru cucuzzuna chi ci sunnu ‘nta stu paisi, avissi di chi campari di rennita, è sulu ca sugnu troppu onestu.

ORAZIU

Onestu si! Onestu comu l’acqua ru baccalaru. Di centu ca nni diciti, è già assai si si nni rinesci a pigghiarinni una.

BRASI

Siti gnuranti, chistu è u fattu. U sintistivu, per esmpiu, ca stannu spirimintannu ‘na machina ca estrai di la terra chiddu ca servi?

ORAZIU

Comu, comu?

BRASI

Eccu, u viditi quantu nun sapiti nenti! Vi fazzu un esempiu, l’arvulu di la ulivi, vistu ca parravamu di alivi, chi cosa fa pi produrri ogghiu?

ORAZIU

Comu chi cosa fa, prima di tuttu s’havi a zappari, rimunnari, cuncimari arrusciari…

BRASI

Tutto lavoro di manodopera sprecato; vui aviti a sapiri ca l’arvula cu li so radici addatta, comu lu nutricu, nni li minni di la matri terra, e chi cosa fa? Trasforma tuttu chiddu ca suca in frutti ca poi fannu l’ogghiu.

Ora li scienziati hannu ‘nvintatu ‘na machina ca ‘nfila cuattru congegni ‘nta la terra, vui la programmati e idda vi trasforma direttamenti chiddu ca vi servi, chi sacciu… ogghiu, mustu, mennula, nuci, muluna… tuttu in liquido!

ORAZIU

E li vraccoca? Li persichi? Li rapparina? Tutti chiddi ca hannu l’ossu ‘nzumma.

BRASI

Don Oraziu, aviti a leggiri, sparti vi sintiti di essiri struitu; la macchina, duviti sapiri ca è cchiù ‘ntilligenti di vui, (Oraziu dissente) prima di tuttu perché… capisci ca ci su cchiù lagnusa e da un prodotto già prontu, senza mancu bisognu cchiù di masticallu e poi… l’ossa! u sapiti vui a chi servinu l’ossa?

ORAZIU

A fari rinasciri avutri pianti.

BRASI

Eccu, bravu! E… dicitimi ‘na cosa a machina chi ci nni futti di l’avutri pianti, siccomu è ‘ntilligenti, capisci ca comu si guasta il tecnico subito la ripara (Oraziu è sbalordito); oooh! U capistivu ora?

ORAZIU

(Scruta in giro per vedere se qualcuno possa sentire) Zzù Brasi, un cunsigghiu m’aviti a dari, po’ essiri ca vui vi ‘nni ‘ntinniti; pi suttamettiri un pazzu chi ci voli? (Brasi non capisce).

BRASI

Chi… dicistivu?

ORAZIU

Capistivu giustu, ‘un fati finta. U signurinu Michilinu, cu dda gran tappinara di la sua signura Ancila, di ccà carriaru, e affittaru li casi (indicandoli) ad avutri; sunnu dui, maritu e mugghieri e…

BRASI

(Precedendolo) E u maritu è chiddu (indicando da dove uscì Alberto) ru rinali!

ORAZIU

Si, sicuramenti iddu. ‘Un nni pozzu cchiù; quannu arrivaru, a diri la virità… si era un pocu stranu, ma nun parìa ca s’avia a ghiri a finiri ccà, antura nisciu fora ca favucia…

BRASI

Ca favucia?

ORAZIU

Ca chi! Rici ca sta scrivennu ‘na commedia tragica e s’havi a teniri o latu a favuscia picchì a quantu pari ci facilita la ispirazioni.

BRASI

E dicitimi ‘na cosa, ‘nni sta commedia u sapiti vui siddu morinu cristiani ammazzati?

ORAZIU

Tutti, tutti morinu ammazzati! E si vi pò ‘ntirissari, si svolgi tuttu ‘nna un bagghiu.

BRASI

Ccà! ‘Npochi paroli vi voli asciucari a tutti. Nenti un vi scantati, ci aviti a fari pigghiari un beddu cacazzu e farici sentiri quattru rumura, e viditi ca iddu, di stu bagghi sloggia di cursa.

ORAZIU

E già, i rumura! A iddu dici ca ci dunanu fastidiu, voli tranquillità. E chi scantu ci pozzu fari pigghiari?

BRASI

‘Ntantu farici perdiri li spiranzi di cuntinuari a scriviri ssa storia…

ORAZIU

Ma quali scriviri! I fogghi su sempri bianchi! La va fabbricannu ‘nna lu so ciriveddu difittusu.

BRASI

E quannu… dici iddu ca scrivi, unni si metti?

ORAZIU

(Indicando il tavolo col tappeto che arriva quasi a terra) Dda! S’assetta e mi metti a taliari fissu ‘nta l’occhi, facennu finta ogni tantu di scriviri.

(Si sente Alberto che parla con la moglie).

ALBERTO VOCE F. C.

Ignazia sto andando a scrivere

BRASI

Ccà è u scrittori

IGNAZIA VOCE F. C.

Le hai prese tutte le medicine?

ALBERTO VOCE F. C.

Tutti mi pigghiavu i miricini

IGNAZIA VOCE F. C.

Cerca di non disturbare!

BRASI

Sintiti chi facemu, vui trasiti rintra e ci diciti a vostru figghi Pitrinu di veniri a fari un pocu di rumura vicinu a don Albertu, io mi ‘nfilu sutta u tavulu, comu iddu nesci e s’assetta vuautri nisciti e vi mittiti a travagghaiari senza farici accapiri nenti di mia ca sugnu sutta u tavulu, quannu iddu talia a favucia pi farisi veniri l’ispirazioni, vui taliati la furma; u capistivu chi vogghiu diri?

ORAZIU

Tranquillu, quannu diciti vui ‘ncuminciamu.

ALBERTO VOCE F. C.

Ignazia, haju ‘nna testa corchi mortu fattu cu sucu

IGNAZIA VOCE F. C.

Chi schifiu! (Orazio e Brasi si avviano a prendere il prprio posto, mentre esce Alberto)

ALBERTO

(Prende i fogli che sono sul tavolo, sono in bianco, fa finta di leggerne il contenuto) Lo zio Gnazio (facendo come se tagliasse con la falce) zamt! La signorinella Lena (ripete) zamt! La signora Giosina (ripete) zamt! Mentre (Entra Orazio) Oraziu, al suco! (Orazio lo guarda impaurito, mentre entrambi si siedono ognuno al proprio posto. Alberto prende la falce, la fa vedere ad Orazio e poi accarezza la lama. Inizia a scrivere e il tavolo inizia a muoversi portandosi, sotto gli occhi sbalorditi di Alberto, da Orazio, il quale fa vedere la forma ad Alberto e fa finta di darsela ripetutamente in testa, poi la posa all’impiedi sul tavolo che  ritorna lentamente verso Alberto che si alza pieno di paura, entra Pietro, non visto da Alberto, e gli va a sistemare dietro, sotto il tavolo, delle piroette che accende e va via; le piroette fanno un gran fracasso, ed escono Alberto verso la sua stanza implorando aiuto a Ignazia, e da sotto il tavolo esce Brasi con i capelli tesi, morto dalla paura e con la faccia tutta piena di nero di fumo delle piroette, Orazio lo vede, non lo riconosce e scappa dentro casa).

GNAZIU V.F.C.

Giosina, Giosina a guerra!

GIOSINA V.F.C.

Vossa rormi, ca chissu Pitrinu appi a essiri cu i fuareddi.

IGNAZIA V.F.C.

Chi c’è, chi successi?

ALBERTO V.F.C.

I spirdi ‘n guerra! I spirdi ‘n guerra!

BRASI

Un motu, mi fici pigghiari! Attrovacci u cori unni l’haju arrivatu! (Si guarda intorno) Ih, e comu finì, u fui fui ci fu?

IGNAZIA

(Affaccia dalla finestra per vedere, e richiude di corsa gridando) Bedda matri, lu diavulu vitti!

BRASI

U capivu, quantu mi nni vaju (si avvia, si ricorda di qualcosa); però prima vogghiu fari ‘na cosa, (apre il cassetto dove Orazio mise i soldi e se li prende tutti) sti picciuli servinu per il mio servizio straordinario, voli diri ca dumani, vistu ca ‘ncumincia la festa di lu Santissimu Crucifissu, mi nni vaccattu sasizza, trinchiceddi di porcuva, cutini a volontà e mitu tutti li me parenti a la saluti  di sta genti e cu l’auguriu ca Oraziu ritorna a truvari paci e serenità. Addiu vi rissi!

ORAZIU

(Affaccia la testa e non vede nessuno) Zzù Brasi, oh, oh! E chi è, tutti spireru?

ALBERTO V.F.C.

Oggi stissu nni ‘nn’avemu a ghiri di stu bagghiu, troppu movimentu, troppu rumura, u dutturi, vogghiu o dutturi!

ORAZIU

(Fa rumore sulle scalette della finestra, poi si trasforma la voce) Arbetooo! A ti aspettuuu!

ALBERTO

U dutturi, u dutturi vogghiu!

IGNAZIA V.F.C.

Jtivinni! Cu siti cu sta vuci?

ORAZIU

Berzebuùùù!

IGNAZIA

Jtivinni vi dissi, ca me maritu sta mali!

ORAZIU

Ritornerò ogni venti quattro ore! (Rientra a casa. Dopo un attimo, escono, guardinghi, Alberto e Ignazia con delle valige in mano abbandonando la nuova abitazione. Riesce Orazio. Ha una radiolina in mano, si siede al posto di lavoro).

GNAZIU V.F.C.

Giosina, chi ura sunnu? Ca me sentiri l’estrazioni ri nummari del lotto.

GIOSINA V.F.C.

Vossa dormi ca i cuntrollu io li nummari.

ORAZIU

Oh, ‘un hannu risettu, su propria convinti ca hannu a fari u ternu!

GIOSINA

(Entra in scena) Ora, unn’è a radiu di suprà u comò?

ORAZIU

(Indicandola) Dda! ‘Un la viri unn’è?

GIOSINA

Dammilla ca me ghiri a sentiri li nummari.

ORAZIU

M’haju a sentiri prima li notizii regionali, comu è ura ti chiamu.

GIOSINA

Tu ‘un mi chiami!

ORAZIU

Oh bedda matri! Si ti ricu ca ti chiamu, ti chiamu. Vasinnò u sa chi facemu? Ci isu u volumi accussì senti puru tu, va beni?

GIOSINA

Va beni, va beni! (Esce borbottando)

ORAZIU

Talè addumamu. (si sentono le ultime notizie del telegiornale “Sono stati presi i tre rapinatori che hanno derubato la cassa del Teatro Stabile di Belmonte). O paisi nni nuautri! Era megghiu quannu tiatru ‘un ci nn’era! “E’ stata sventata una rapina al super carcere di Palermo. Pare che i santi siano scesi in campo a favore dei cittadini; sta volta è toccato al Comune di Agridolce, durante la riunione del consiglio comunale, ancora una volta è mancata la luce ed entrati ancora in scena San Caloriu e San Crispinu, almeno così dicono di chiamarsi, veloci come il vento hanno massacrato tutti i consiglieri comunali, credenti e non credenti. Dopo queste ultime notizie ci colleghiamo con la redazione dell’intendeza di Finananza per l’estrazione dei numeri della ruota di Palermo. Primo numero estratto (Oraziu abbassa il volume; si capisce dall’espressione che ha azzeccato il terno) 21, 46, 63, 38, 32. (Oraziu rialza il volume ed entra Giosina).

GIOSINA

E chi è, picchì ‘un si ‘ntisi nenti?

ORAZIU

(Cerca di nascondere l’emozione) E chi nni sacciu! Forsi si ‘nn’appi a ghiri a luci…

GIOSINA

Giustu ‘nna stu mumentu si nni ju a luci? (Giosina si avvicina all’aradio e parla col conduttore del programma) Sintissi signor lei, mi voli ripetiri i nummari ra rota ri Palermu, ca o Mizzagnu si nni ju a luci e ‘un mi potti sentiri? (Voce del conduttore) “Ripetiamo i numeri della ruota di Palermo: primo numero 21, 46, 63, 38, 32” (Il conduttore parla veloce) Soru, soru signor lei, quantu rissi l’urtimi ru nummari? (Ancora il conduttore) Senta signora, ma ci pari ca stamu jucannu a tummula?” Mi comu fa! Mentri è pi chissu astutu! (Ancora il conduttore) “No, no signora aspetti!” Un mi ‘nteressa, mali pi lei! (Spegne l’aradio e controlla i numeri). 21… e c’è, 46…nenti, 63… e c’è puru, 38… nenti, 32… (Va svenendo dalla gioia) Tre nta rui…

ORTENZIU

(Orazio lascia Giosina svenuta sulla sedia; si sentono le voci di Ortenzio che entra con un altro cliente di Orazio) No, ma sta vota ‘nn’havi a rimborsari li picciuli, li me scarpi u vitti cu l’havi misi, avutru chi cantanti e attori! Viriti chi razza di società c’avianu fattu cu Brasi, ma ora… (S’accorgono di Giosina seduta, gli si avvicinano, Ortenzio pensa che si sia addormentata come la tocca, quella cade dalla sedia, è ancora svenuta) Ih! Ma chista è morta! Talè amunì di cursa! I picciuli vannu e vennu; cu sapi comu stannu li cosi. (Ortenzio butta la sigaretta, e i due escono).

ANDREA

(Uscendo di casa trova la mamma a terra) Mamma, cos’è successo? Mamma parla! (S’accorge della sigaretta ancora che fuma la prende e cerca di odorarne il contenuto, mentre entra Orazio con una bacinella d’acqua e una tovaglia, s’accorge di Andrea con la sigaretta in mano e non sapendone la ragione, le molla un sonoro ceffone)

ANDREA

Aih! Ma cosa fai?

ORAZIU

Chistu è picchi fumi, e l’autri, chiddi ru picchì ‘un era u mumentu adattu ri fallu, i scippi comu appena si ripigghia to matri. Va pigghia anticchia r’acqua cu zuccaru. (Andrea esce; Orazo continua a bagnarle legermmente il viso con una punta di tovaglia bagnata. Giosina va rinvenendo, ed Orazio le fa bere quanto ha portato Andrea).

GIOSINA

Unni sugnu? Chi mi sentu strana! Unni su i picciuli? I picciuli vogghiu! (Andrea chiede al padre se Giosina stesse dando i numeri).

ORAZIU

(Gli molla un altro ceffone) E chistu, picchì sta pinsannu ca to matri è pazza.                                                      

ANDREA

Senti papà, se vuoi darmi tutti gli arretrati, ti prego di darmeli quando spetta darmeli, perché così io non ci capisco più niente.

GNAZIU

(Entra con Lena) Giosina, comu finiu chi nummari?

GIOSINA

Si sapissi, papà! (Sviene di nuovo)

ORAZIU

(Ad Andrea) Curri, va pigghia arreri l’acqua cu zuccaru!

GNAZIU

(Trova Oraziu che sostiene la moglie col braccio sotto il collo) Chi fai cu me figghia, vastasu! A tia chissu t’hannu a dari!

ORAZIU

Sss! Si zitti, ca so figghi sta mali.

GNAZIU

E chi ci facisti?

ORAZIU

Ju? Vossia! Cu ssà camurria ri ternu.

GNAZIU

E chi ci trasi u ternu, mu voriri?

ORAZIU

Ci trasi, ci trasi! Picchì si ‘un lu jucavavu ‘un l’avissivu fattu.

GNAZIU

Chi dici? Ficimu u pattu? Cu cu, cu tia? Senti viri ca ju patti ‘un ‘nn’haju fattu mai cu nuddu, figuramunni cu tia!

ORAZIU

(Arriva Andrea con il bicchiere) Ma quali pattu e pattu! Senti tu vo purtari a to nannu e ci spiega ca pigghia u ternu, picchiì capisci ciciri pi favi. (Andrea quando riesce a capire che ha fatto il terno, comincia a sentirsi male). Oh, oh, un facemu… (Andrea sviene). U sta virennu chi c’è ccà? E su dui. Ora comu fazzu? Vossa va pigghia l’acqua cu zuccaru! Chi è, un ci senti?

GNAZIU

Chi ssi, cuntenti?

ORAZIU

Se, mi staju scricchiannu ri risati. U capivu ci vaju ju. (Ed esce. I due rinvengono).

GIOSINA

Papà, vincemu!

ANDREA

Nonno, abbiamo fatto terno! Capisci? (Gnaziu sta per svenire) No, nonno!

GNAZIU

(Mentre sta svenendo sussura la cifra vinta) Allura… vincemu chiossà ru miliardu…

GIOSINA E ANDREA

Oh, no! (Ricadono svenuti, mentre arriva Orazio, li guarda meravigliato ed esce, rientra dopo un po’ con Pietro e Lena; hanno un secchio d’acqua ciascuno, i secchi di Lena e Pietro sono più piccoli).

LENA

Pà, prima io!

PITRINU

No, prima io! (Ci pensa) Mo nannò, s’afira a natari?

ORAZIU

A natari! Tu ha sapiri ca… to nannu… a tia ‘un ti voli riri nenti, picchì pensa ca poi tu ci addumani: comu si fa a tuffarisi, comu si scinni sutt’acqua…

PITRINU

Ah, si! Allura mali pi iddu ca ‘un mi rici nenti! (Ci ripensa) Pà, ma ‘un facemu ca s’afira comu u karatè? U viristi antura? O sugnu veloci io, o iddu è troppu scarsu. Pà sdivacu?

LENA

Pà pigghiamunnini unu lunu! Io mi pigghi o nannò…

PITRINU

No, o nannò io!

LENA

Mi chi si! E va be, io cia sdivacu a Antria. Sdivacu?

ORAZIU

No, tutti tri ‘nzemmula, quannu vu ricu ju! Oh a vostra matri senza ririci poi, ca fuvu ju! E quannu mu putia passari stu capricciu. Pronti via! Tiniti, arricriativi! (Rinvengono velocemente e a soggetto).

PITRINU

Fammi viriri comu sa natari nonnò! (I tre escono di corsa).

GNAZIU

U sarvagenti, u sarvagenti! Anneu, anneu!

GIOSINA

Bedda matri, u diluviu!

ANDREA

Mamma cos’è successo? Se tu sapessi cosa mi stavo sognando…

GIOSINA

Senti a matri, prima spirugghiamunni u riscursu ru primu sonnu.

GNAZIU

Giosina, Giosina… vincemu chiossà ru miliardu… oh…(sta per svenire, mentre Giosina gli fa segno di no)

GIOSINA

E no, ora basta, cu stu cala e ghisa! Ma… cchiù tostu (ad Andrea), to patri unn’è? Un penzu ca stu scherzettu… Sicuramenti Lena e Pitrinu… no, no un po’ essirri, ddi ru criatura sicuramenti… (Si sente arrivare una macchina, e lo sbattere degli sportelli. Entrano Michelino e Ancila; i quali, vedono i tre seduti ancora per terra, bagnati, e rimangono meravigliati).

ANCILA

(A Michilinu) I viri, i viri comu scialunu iddi! (Ironica) Jocanu cu l’acqua! Chi è, vi sintiti a mari, o in piscina? (A Ignazio)  E  a vossia un ci nni pari mali a st’età? Ma comu vi spercia? Certu, pi vuautri, ora è comu siddu avissivu fattu un ternu! (Vanno alzandosi).

ANDREA

Guardi signora che è prorio così! Nonno, diglielo pure tu che abbiamo vinto.

GNAZIU

Certu ca vincemu. 21, 63, 32, siccu ‘nni la rota di Palermu!

MICHILINU

Ma comu ‘un vi ‘nni vrjugnati, puru vui!

GIOSINA

Chista è a ‘nvidia, papà, a ‘nvidiazza ‘nfami ca si li sta manciannu vivi, lassatili cantari!

ANCILA

Ma ‘un vi ‘nni parsi mali a ‘nvintarici puru lu fattu di li spirdi? Di lu diavulu Berzebù! (I tre si guardano meravigliati). Chi è, fati finta di ‘un capiri? Ah, ma ju vi canusciu boni, sapiti! Persimu lu cuntrattu di l’affittu? Pacenzia, ma… aviti tempu di chi pintirivinni!

GIOSINA

Sintiti, spiegativi megghiu, picchì ccà cu è u cchiù scartu ‘un ha caputu mancu ‘na parola di chiddu c’aviti rittu.

MICHILINU

Ah, si! Quindi… ‘un aviti caputu nenti di chiddu c’avemu rittu?

ANDREA

Non ci crederete ma è proprio così!

GNAZIU

Amuninni, quantu jamu a pigghiari sti picciuli.

ANCILA

(Ironica) Sintiti, vistu ca vincistivu vi proponemu ‘n’affari, chi ‘nni pinsati si vi vinnissimu la parti di lu nostru bagghiu?

GNAZIU

E… sintemu, quantu vulissivu?

ANCILA

(Michilinu e Ancila parlano fra di loro e trovano quanto chiedere) Avemu pinsatu di dimmannarivi setti miliuna, eh! Chi ‘nni pinsati?

GNAZIU

(I tre parlano fra di loro) Affari fattu! (Si stringono la mano) A brevi facemu lu cuntrattu.

MICHILINU

(Prende le chiavi dalla tasca) Tiniti, chisti sunnu li chiavi, la parola pi nuavutri è megghiu di lu cuntrattu.

ORAZIU

(Entra in scena con Lena e Pitrinu vestiti a festa) Oh, a biddizza di donn’Ancila! Don Michilinu! (Lena prende l’aradio e l’accende; c’è della musica poi inizia il telegiornale. Orazio si rivolge alla moglie, ad Andrea e al suocero) E vuautri, chi fati assammarati? (Finisce la musica ed inizia il telegiornale).

GIORNALISTA

Diamo ora le notizie del giornale radio. La fortuna è andata a far visita a Belmonte Mezzagno, un paesino alle spalle di Palermo; la cifra che vi ha lasciato sfiora i tre miliardi. Andrea fa segno al nonno della moto che aveva promesso di comprargli. Si è alla ricerca di questi nuovi super miliardari, pare che ha vincere i soldi è stato qualcuno che abita in un casolare, o baglio nei pressi del paese, un certo Orazio.

GIOSINA

(Si avvicina all’aradio e parla al giornalista) Sintissi signor lei, virissi ca a vinciri i soldi un fu un certu Oraziu, ma Gnaziu, Gnaziu u patri i Giosina.

GIORNALISTA

Grazie signora! E’ arrivata una notizia sul fortunato del biglietto vincente, sappiamo che si chiama Gnaziu… Il padre di chi, signora?

GIOSINA

Signor lei, comu di cu? Ri mia! (Abbraccia suo padre)

GIORNALISTA

E lei chi è, scusi?

GIOSINA

A figghia di Gnaziu (abbraccia suo padre e spegne l’aradio mentre Ignazio continua a svuotare le tasche alla ricerca del biglietto).

GNAZIU

U bigliettu! Unn’è u bigliettu?

GIOSINA

Papà, ‘un mi diri ca u pirdisti?

GNAZIU

Ccà (indicando la tasca), ccà l’avia!

ORAZIU

Circati (esce da sotto il cappello il biglietto e lo sventola) chistu?

GNAZIU

Giosina acchiappalu! ‘Nca va ca si t’acchiappu! (Incominicano ad inseguire Oraziu: Ignazio, Giosina, Andrea, e Ancila con Michelino che guardavano meravigliati lo svolgersi dei fatti. E’ un continuo inseguirsi, un entrare ed uscire di scena dei personaggi i quali rincorrono Oraziu che insistentemente continua a sventolare il biglietto vincente; mentre si vanno abbassando le luci.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno