Sott… sott… aumm aumm!

Stampa questo copione

Settembre 2014

SOTT …. SOTT….. AUMM AUMM!

Commedia comico brillante in due atti di

Raffaele Caianiello

Non si può non ridere. ‘Sott sott.. Aumm aumm!’ è un’unica risata: dall’inizio alla fine della commedia. A cominciare dalle prime scene, quando dalle prime battute si intuisce cosa i personaggi di questa esilarante commedia, stanno combinando. Un piano semplice ed immediato, architettato in modo talmente elementare da disarmare lo spettatore: è la praticità dell’arte d’arrangiarsi la vera protagonista dell’inverosimile struttura. Una famiglia ridotta al lastrico che si ingegna a frodare, anzi derubare i malcapitati per potersi programmare un futuro… onesto! Furti finalizzati all’acquisizione di un capitale, ma solo quel tanto che possa bastare, per poter avviare un’attività onesta… E così la famiglia Cimmaruta, riponendo in un cassetto i sani principi del capofamiglia ignaro di quanto i suoi congiunti stiano macchinando ed attuando,va avanti nell’intento fino al raggiungimento della somma decisa all’inizio del ‘progetto’. Non mancano scene originalissime che si vanno ad inserire nel contesto globale della storia, con equivoci spassosi. E alla fine il vero animo dei protagonisti, i valori per cui il capofamiglia si è sempre battuto: “Pe tutta a vita ,v’agge mparate a essere persone oneste e chiste è o risultate! (…) ( va verso la moglie) 35 anne e matrimonie, na vita sana e mo te canosche a viramente! Carulì,o tradimente tuoie ,è chille ca me fa chiù male dinte o core! Tu a nu figlie to può aspettà a nu genere ,sicuramente ma a na mugliere che le vulute bene e ta vulute bene pe na vita intere no! No! chessa nun m’aviva fa!”. I sentimenti che ha cercato di inculcare ai propri figli vengono fuori offrendo anche una visione diversa, quella vera, originaria, della moglie, regista di tutto l’apparato criminale per il quale ha una sua giustificazione: “ Si o sacce, tutte quante t’avimme tradute, ma è state pe necessità,( lo accarezza con voce lamentosa) si tiene raggione,l’onestà nun s’accatte, quanta vote ce le ditte,ma nuie nun puteveme accattà chiù niente.sei perzone e nuie ca campaveme cu 900eure. Treciente e affitte, tasse a vuluntà , pe magnà pane e mortadelle e pe vestì  niente e allore l’avimme penzate e fatte! Perdoneme Alfò! O sacce, sti stisse buone e sorde me facisse restituì  ma nun pozze Alfò, nun pozze fa je ngalere e figlie miei!”. La conclusione è affidata  alla saggia reazione dello stesso Alfonso che finge di non aver capito nulla affermando: “a verità ? ehh si! Tutte quante simme brave a dicere a verità ,chella verità che llate se vonne sentì e dicere pe stà mpace ca cuscienza ma e vote a realtà ca te truove a campà è troppe pesante e o dulore è troppe forte  e  a verità  è pure tanta scommode!  E … allora nu pover’omme che adda fa,po bene da famiglie, fa finte ca tutte va buone ,che è felice e serene  ma…..chiste pe furtuna nun è o case nuoste”, un atteggiamento di accettazione condiviso anche dall’innamorata del figlio che, scoperti i furti, per amore comprende e tace.

Personaggi:

Carolina       

Alfonso         Cimmaruta marito di Carolina

Ettoruccio    Risucchia genero di Alfonso

Mariella        moglie di Ettoruccio

Rocco                          figlio di Alfonso

Madda          figlia di Alfonso

Adriana         investigatrice privata

Filomena      cliente di Elisa                   

Ornella          amante di Rocco

Procopio      Cadorna  guardia giurata e marito di Ornella

Sasà               amico di famiglia

Filippo           Balocco direttore di banca

Enrico            Dottore        

PRIMO ATTO

  Stanza da pranzo non molto arredata, un tavolo tre sedie,una poltrona   un  quadro della madonna alla parete e un orologio. Una credenza con cassetti e un mobiletto porta telefono.La comune al centro, una porta a destra e due  a sinistra. Sulla scena Carolina   impegnata ad aggiustare un vestito da donna indossato da  Ettoruccio

CAROLINA:   ( sulla cinquantina ,ancora una donna piacente , ha in mano  ago e cotone  e sulla spalla un metro da sarta  e sta fissando le misure del vestito indossato da Ettoruccio che si vede di spalla e muove in continuazione perché soffre il solletico e ride ) ecco qua , e nun te movere, me faie piglià sti misure o no? pare na cana smosse!

ETTORUCCIO : (sulla trentina ,genero di Carolina ,disoccupato) e vuie me cellighiate, o sapite ca soffre e solletico! Io poi dico ma pecchè sti caspite e misure nun e pigliate ncuolle a Mariella?

CAROLINA: (  sempre impegnata a  fare gli aggiustamenti) pecchè Mariella è chiattulelle e a veste è stretta!

  ETTORUCCIO: azze chiattulella! Chiattona vulite dicere!( entra Mariella e sente

CAROLINA: seh, fatte sentì e vide ca te succede

MARIELLA:  succede ca ogge mange pane e murtadelle! …..

ETTORUCCIO: (si volta  con la testa) comme fosse na nuvità!

MARIELLA: embè,ti sei fatto licenziare ?e chest’è!

ETTORUCCIO: ( va verso la moglie e Carolina gli va dietro, tentando di aggiustare il vestito)io mi sono fatto licenziare? Allore nun è capite? è stata l’azienda che fatte fallimente.

MARIELLA: pe forze, cu lavoratore comme a te e a Rocco puteva maie je nnanze?

ETTORUCCIO: magare fosse state peccheste,chille, o povere ragioniere se l’hanne magnate e tasse ed è  fernute mmeize a na vie pur’isse. Nuie faticaveme,i cliente nun pavavene e o state  se ne futteve e accussì l’azienda se sciarmate.

CAROLINA:  e mo statte ferme si no se sciarme pure o vestite e stasere nun se magne.( entra Alfonso)

ALFONSO: (sulla sessantina, guardia giurata  in pensione, porta occhiali spessi ,il berretto da guardia e si trascina una gamba,ha in mano  un portafoglio vuoto e va  direttamente verso Ettoruccio tendendo la mano )guagliò, cacce e sorde!

ETTORUCCIO:  qua sorde’

ALFONSO: e duie eure ca te futtute a dinte o portafoglio mie

ETTORUCCIO: ma quanne maie ma che dicite, je me futteve e sorde vuoste?

ALFONSO: non negare, ncoppe o portafoglio ci stanno le tue impronte vegetali!

ETTORUCCIO: seh,na scorze e pummarole e na felle e cucuzzielle!

MARIELLA: papà, lasssetele stà, e sorde lagge pigliate je paccattà o pane e due ette e mortadelle

ALFONSO:e addie! Ma insomme vulite vede c’avita fa? È maie possibile campà a seie  perzone cu na misera pensione comme a mia?

CAROLINA: e raggione ma mo falle fernute,ca in qualche modo sempe se fa.

ETTORUCCIO: basta avere fede,e non perdere la speranza!

CAROLINA: ca po  campamme e carità! ( ad Ettoruccio) E nu te movere!

ALFONSO: va buò, je scenne abbasce,sempre trove chi m’offre o cafè! ( esce)

MARIELLA: meno male!  ( suonano alla porta,  va ad aprire ed entra Rocco,che vede di spalle Ettoruccio e pensa che sia una cliente)

ROCCO: ( Bel giovane ,coetaneo e cognato di Ettoruccio anche lui, disoccupato) buongiorno ( a Mariella sottovoce) chi è?

MARIELLA: ( indicando Ettoruccio)chella là?na cliente particolare

ROCCO: uh! me pare na bella femmena

MARIELLLA: e comme no!

CAROLINA: ( scostandosi da Ettoruccio) ecco fatto mo to può levà ( Ettoruccio, si gira, Rocco rimane sorpreso ,poi comincia a ridere)

ROCCO: ahhha ahhhhha na cliente particolare ahhhhhh

ETTORUCCIO: e ride ncoppe a sta…. ( coprendosi la bocca )uhhhhmmmm,( si toglie il vestito) tu vide ca se passe! ( entra Madda,bella ragazza,vestita bene e alla moda)ah, è arrivata lady matalena! ( a Carolina) nun na puteve fa  essa a mudella no?

MADDA: ( giovane  e bella ,sui vent’anni) je na cosa aggia fa , mo venghe ( va verso l’interno)

ELISA: chella na cosa adda fa! L’avite tirate mmieze? E mò l’avite lassà stà!

ROCCO: mammà tene arraggione Madda, adda penzà a fa l’esca pe pesciolini

MARIELLA: e grazie a essa che avimme putute mettere già più di   ottantamila euro da parte

ETTORUCCIO: avite ragione, natu paie e colpe buone e ce putimme mettere in proprio

ROCCO: arapimme nu belle ristorante  pizzeria tutto nostro

ETTORUCCIO: o probleme è uno solo, vostro padre

CAROLINA: gia, si sapesse chelle ca facimme,chille se ne muresse e collere

ROCCO: e nuie ce muresseme e famme!d’altra parte nuie nun o facimme pe delinquenza ma pe sopravvivenza!

ETTORUCCIO: e certo. Nuie teneveme nu lavoro oneste e l’avimme perze pe gente disonesta

ROCCO: e allora cercamme e fottere a chille che ci hanno fottuto, politici, ricchi commercianti e liberi professionisti.

ETTORUCCIO: si ma resta o fatte che na scusa bona a pe papà l’avimme truvà

MARIELLA: e già  si no comme cio spiegamme che simme addeventate ricche dinta a na botta?

CAROLINA: quanne sarà o mumente ce penzamme

MADDA:  ( rientra Maddalena) papà è asciute?

ETTORUCCIO: sissignore,( a Madda )ce stanne nuvità?

MADDA: ce ne stanne doje una è per oggi a pranzo e l’altra per domani, sempre a pranzo

ROCCO: uno dopo l’altro? azze! allore  ci dobbiamo  muovere.

ETTORUCCIO: ma nun putive fa une ogge e una fra na settimana?

MADDA: meglie oggi l’uove ca dimane a gallina! Nun ce pozze fa niente si tutte e duie m’hanne date sti disponibilità. ( apre la borsa e da un biglietto a Ettoruccio) chiste so l’indirizze!o primme è Filippo e o seconde è Licandro. Ncoppe o bigliette ce sta tutte scritte.

 CAROLINA: allore ognune facesse chella ca le tocca, Mariè, tu pienze a patete, falle perdere nu poche e tiempe e si addimmanne de sorde saie comme le dicere,Ettoru’, tu avvise a Sasà e teniteve pronte,Rocco, tu che aspiette, accumince a vede a  cucina! e tu Matalè,marraccumanne nun primme de l’une!!( va verso il quadro della madonna)maronnella mia perdonece ma  è ….pe necessità, tu me capisce è overe? je vache a fa spesa ce vedimme a doppe( esce

ROCCO:  (Rimasto solo)allora,famme mettere o vestite e cuoche e vedimme chelle c’aggia fà,dunque,sistemiamo però prima la tavola( comincia a preparare la tavola,prendendo una tovaglia da un cassetto) ecco qua o mesale e cerimonia ( bussano alla porta ,va ad aprire ed entra Adriana)

Adriana: ( bella ragazza, modi gentili ) salve, posso?

ROCCO: ( sorpreso dall’avvenenza di Adriana) prego accomodatevi,cosa posso fare per voi?

ADRIANA: sono venuto a ritirare il vestito che la signora Elisa mi ha sistemato

ROCCO: ah si, ma mia madre al momento non è in casa,però dovrebbe arrivare a momenti, è uscita per compere

ADRIANA: ah bene, sapete dov’è  il vestito  e se è pronto?

ROCCO:  si, si è nella stanza di mamma

ADRIANA: posso provarlo?

ROCCO: ma certo accomodatevi ( gli apre la stanza di sinistra)prego ( Adriana entra)mamma mia e quanto è bona!( bussano, va ad aprire ed entra Ornella)

ORNELLA: ( sui trent’anni, veste scollata e provocante, si  butta di colpo su Rocco) ah si, lo so,sei solo, ho visto che sono usciti tutti e mi sono precipitata, ahhh stringimi,fammi quello che vuoi ( Rocco, cerca di divincolarsi,facendo segni che non è solo)perché mi sfuggi?  Eh e daiii

ROCCO: ( riesce a sfuggirgli) ssshhh di là c’è una cliente di  mia madre

ORNELLA: cosa?

ROCCO: è venuta a ritirare un vestito, sshhhh

ORNELLA: sicuro? Non è che mi tradisci?

ROCCO: ma quando mai shhhh! (bussano alla porta e si sente la voce di Procopio dall’esterno)tuo marito!

ORNELLA: O Dio! Se mi vede qui mi ammazza! Ha dei sospetti da tempo( Adriana ,si affaccia e sente tutto non vista mentre Procopio urla di aprire)

ROCCO: mamma mia! Nasconditi ( Ornella si infila nella stanza di destra e Rocco, va ad aprire)

PROCOPIO: ( sulla cinquantina, entra con un coltello in mano,in testa il cappello da guardia giurata)addò stà? Parle, addò stà ca v’accide a tutte e duie ( punta il coltello sulla pancia di Rocco)avante, dimme addo stà? Arete a na porta o sotto liette?

ROCCO: ma chi?( scostando il coltello) Leve stu cose a mieze!ca nun ce stà nisciune!

PROCOPIO:  ( agitando il coltello ) addò stà mugliereme, l’hanne viste ca è trasuta cca!

ROCCO: ma quanne maie!ma chi la vista?

PROCOPIO: ah si? e mo vedimme,s’adda perdere o nomme e Procopio Cadorne si nun ve rompo e corne! sempre puntandogli il coltello e sempre Rocco che cerca di allontanarlo)avante ,arape sti porte!( all’improvviso ,si apre la porta di sinistra ed esce Adriana,la quale, mette il vestito sul tavolo , va verso Rocco tutta spaventata)

ADRIANA: (si butta fra le braccia di Rocco) amore che succede! Chi è questo energumeno?

ROCCO: (sorpreso, sta al gioco) è… è il signore del piano di sopra! Avete visto avete spaventata la mia  ehhhmm  fidanzata!

PROCOPIO: ( sorpreso e poi contento di non aver trovato la moglie)oh scusate, scusate, che errore , oh come sono contento! Allore erano tutte  calunnie e maldicenze! !criminali! m’hanne scritte perfino lettere anonime! E scusate signurì,oh sono contento, sono contento,come sono contento

ROCCO:  (fra se….  E comme si cornuto!) ( lo prende per un braccio e lo accompagna fuori) si , si  statte cuntiente mamo scusateci  … facitece stà cuiet! (chiude la porta  e si mette le mani in fronte asciugandosi il sudore)mamma mia! ( va verso Adriana e l’abbraccia) oh grazie, grazie,mi avete salvato la vita! ( fa per baciarla ed entra Ornella)

ORNELLA: porco!

ROCCO: ( va verso Ornella) porco?la stavo ringraziando! E l’avisse fa pure tu! La signorina ci ha salvato la vita a tutte e duie!

ORNELLA: e già! mo l’agge pure ringrazià

ADRIANA:  certo signora e ringraziate pure  il signore che stavo qui altrimenti facevate una brutta fine

ORNELLA:  e venite spesso qui e overe?

ROCCO: ma quanne maie! te l’ho detto,  è venuta per ritirare il vestito! Io ..non la conosco

ADRIANA: è così. Ora aspetto la signora, ritiro il vestito e me ne vado  però cara signora ,un consiglio ve lo voglio dare. Vostro marito prima o poi, vi scoprirà visto che ha già dei sospetti e quando sarà, non vi perdonerà. Sentite a me, lassate perdere. La vita è più preziosa di una  semplice avventura!

ROCCO: io penso che la signora tiene ragione, quello Procopio ,è un violento e a fine do pullastre nun a voglie fa.  Mo è meglie che te ne vaie agge  viste ca se ne sagliute ncoppe

ORNELLA: si me ne vache!  vuie uommene  site comme i chiuove !  ma…. ce  vedimme … cane e paglie!( esce)

ADRIANA: beh,a quanto pare la signora non vuole mollare,io starei attento

ROCCO: a chi lo dite signorina

ADRIANA: ( gli porge la mano) mi chiamo Adriana

ROCCO: io Rocco. Vedi, io vorrei uscire  da questo impiccio ma ogni volta … mi tenta  ci ricasco e perdo il controllo.

ADRIANA:  la prossima volta prova con Alt e Cancel  Altrimenti ti becca il marito e  non puoi fare più return

ROCCO: eh , se mi da il tempo!

ADRIANA:e si, capisco. Non siete fidanzato vero?

ROCCO: no. ho avuto molte ragazze ma non mi sono mai legato

ADRIANA: io vi consiglio di  trovare la ragazza che fa per voi  e vedrete che la mollerete.

ROCCO: si avete ragione ma …. voi siete fidanzata?

ADRIANA: adesso volete scherzare vero? ( si apre la porta ed entra Carolina con delle buste della spesa colme di ogni genere)

CAROLINA: oh signurì, scusatemi,mi ero scordato che dovevate venire( poggia le buste sul tavolo) venite il vestito è pronto, l’avite sule pruvà

ADRIANA: non vi preoccupate, il vestito eccolo qui l’ho già provato e mi va bene ( guardando le buste della spesa)caspita avete fatto una gran bella spesa!

CAROLINA: e si, io quando esco facce a spesa pe na settimana

ADRIANA: io invece pensavo che forse tenevate degli ospiti

CAROLINA: a no … no. siamo solo noi di  famiglia

ADRIANA: ah e … quanto vi debbo per il vestito?

CAROLINA:  fate dieci euro, sapete, l‘agge dovuto scucirlo , ritagliarlo e ricucirlo tutto

ADRIANA: va bene (gli dà i soldi e prende il vestito ah, vi posso portare più tardi anche una camicetta?

CAROLINA: me la potete portare domani? Sapite  mo aggia cucinà e tenche nu poche e cheffà

ADRIANA: e va bene ve lo porto domani (va verso Rocco)   arrivederci, è stato un piacere

ROCCO: a chi lo dite. Spero di rivedervi

ADRIANA:  mi rivedrete certamente … ciao  ( esce)

CAROLINA:  bella guagliola è overe?(  mette tutto il contenuto delle buste sul tavolo)

ROCCO: si veramente  bella e pure ..intelligente!

CAROLINA:  si ma accumince  appriparà qualcosa ca po venghe a darte na mano ( Rocco esce e poco dopo  entrano Alfonso e Mariella  che fa cenni che non ha potuto trattenerlo oltre)

ALFONSO:( vede tutta quel ben di Dio sul tavolo e rimane sorpreso) Maronne! e che è arrivate a befana?

CAROLINA: nossignore,è arrivate Matalena! O saie che le piace e jucà o banculotte no? cu chellu poche ca guadagne facenne a cummesse ogni tante se fa na jucata e ..mo a vinte nu lampe!

ALFONSO: a chelle o lampe l’avesse fulminà! Scummette ca ogge tenimme ospite è overe?

MARIELLA: si papà,Madda,ha invitato  il suo nuovo fidanzato

ALFONSO: nuovo? Na cagnate nate? Cheste me vo fa je o campusante! Ma io mi chiedo che comportazione è questa?

CAROLINA: Alfò e falla fernute! Si a guagliole nun trove chille adatta tene arragione che cagne!

ALFONSO: si ma o facesse pure  ma luntane a me! Chiste è l’ottave  ca mo porta a  mangià  a casa !

CAROLINA: e spienne tu e sorde? E pienze a campà!

ALFONSO: e chelle è o difficile! Ca ogni juorne è na guerra e je ce capite sempe mmieze! Me ne vache abbascie  si no me s'aggravogliano 'e stentine 'ncuorpo

 ( esce farfugliando )

CAROLINA:  assa fa a maronne! Mariè, porte sti buste a Rocco e dille ca se muvesse

MARIELLA: vaco! Ah appena vene Ettoruccio,chiammeme ( prende le buste ed esce)

CAROLINA: ( comincia a sistemare la casa )ah ,ogni vote ca se fa sta messa in scena me fanne venì e palpitazione o core ( bussa ,va ad aprire ed entra Sasà) viene trase ( s’affaccia sulla porta) ma Ettoruccio addò stà?

SASA’: (Sulla trentina. Il classico spaccone ,veste curioso e tiene sempre un sigaro in bocca che fa finta di masticare ed ogni tanto si morde il labbro ed impreca) sta arrivando,è andato a parcheggiare il camion.( entra Mariella)

CAROLINA: o camion? Pecchè l’avite già sistemate?

SASA’: è venuto  nu capolavoro!

MARIELLA:  ma l’avite cagnate o nonne o ci avete messo  sempe o stesse?

SASA’:  e comme no! ci abbiamo stampato ai lati  il nome della nuova ditta ( apre le braccia per descrivere )  … ditta RAI …. Ripuliamo Appartamenti Indipendenti. belle eh?  e ci ho messo anche il numero di telefono …..199.123.000

CAROLINA:  e che razza e nummere è?

SASA’: È il numero di affari tuoi, il gioco  della Rai

MARIELLA:  e si o fanne!

SASA’:  e quanne risponnene chille! e po na vota fatte o servizie subbete o cancellamme (  entra Madda. Indossa un vestito corto e provocante)  ( rimane incantato con il sigaro in bocca e gli occhi stralunati) Marò!! ( si morde il labbro, si mette la mano alla bocca  e urla e balla come un indiano ) uhhhhh    ahhhai   ahhhhai

MADDA: (  guarda Elisa , poi Mariellla )  cher’è? Che le succiese?

CAROLINA: niente,sta pruvanne a parte du cojote !

SASA: (  si ferma all’improvviso ) Matalè, nun ce pozze fa niente,quanne te veche accussì addevente sceme

MADDA:  j che nuvità! Tu sceme ce si nate!

SASA’:  no je ce so addeventate appriesse a te

MADDA:    e tu nun ce venì, po essere ca t’arrepiglie, mammà , je vache,sto cca pe l’une  (A Sasà )e m’arraccumanne a te e ad Ettoruccio, vedite e nun fa strunzate ( esce)

SASA’:( a Mariella e a  Carolina) L’avite sentute?  È na vita ca ce vache appriesse e chelle me mortifica sempe!

CAROLINA: Sasà, secondo me te rassignà! Matalena tene a capa avizate e sape chelle ca vo! ( entra Ettoruccio) ah tante ce mise?

 ETTORUCCIO:  o camion è a posto.aveve truvà o parchegge juste e che nun dava nell’occhio, Gennare  pure l’aggia avvisate in modo che  appena facimme o colpe  o camion  già sparisce ma o prubleme è nate?

CAROLINA: qual è?

ETTORUCCIO:l’appartamente  do chiochiaro sta nelle vicinanze e na banca e sapite chi fa o turne e guardie?

SASA’: no chi è ,o canuscimme?

ETTORUCCIO: eccome no  e  ce canosce pur’ isse a nuie e si ce vede ,avimme fernute e fa campà!

MARIELLA: ma insomme chi è?

ETTORUCCIO:  è chillu curnute e Procopio Cadorna

MARIELLA:  azz! ma è curnute overe?

CAROLINA: e comme no! si  tutte e corna   ca le mette a mugliere fossere lampioni, c’attuorne fosse tutta n’Illuminazione! e a che ora va?

ETTORUCCIO:  Adda piglià servizie proprie e l’une

 CAROLINA:  e allore nun te preoccupà, a Procopio ci penso io

 ETTORUCCIO:  ah si? e supponiamo che non ci riuscite,nuie po ca facimme?

CAROLINA:   tu supponi che ce riesche e vai tranquille!

SASA’: e se no?  Ettoruccio tiene ragione  una cosa è stare tranquille e nate è sta chi pateme d’anime lo sapete pure voi, dinta a vita ce stanne e cose vere e  quelle supposte eh! le cose vere sono sicure ma le supposte addò   e mettimme … e supposte?

 MARIELLA:  (a Sasà ) te mitte addo saie tu! Si mammà a ditte ca ce penze esse! Accussi è! ( Sasà fa una smorfia curiosa)

ETTORUCIO:  E  va buone po rieste è tutto pronto?

MARIELLA: tutto pronto. Rocco stà a cucinà, Matalena è asciute e papà pure e torne a ore e pranze

ETTORUCCIO: eh! vuie  fra poche v’abbuffate  e je me mange pane e mortadelle! Vulesse sapè pecchè tocche  sempe a me e fa  o lavoro sporco 

CAROLINA:  saie cucinà tu? Saie acchiappà e cliente? No! saie sule guidà o camion e dare na mano a Sasà ,quindi jate e tenetevi pronte quanne ve chiamme!

SASA’:  jamme  Ettorù,jamme ca si tutte va buone….facimme duie belli trasloche!

ETTORUCCIO :e jammuncenne e Die cia manne bbone! ( escono)

CAROLINA: e ce mancave sule ca chillu curnute e Procopio  facesse servizie vicine a casa c’avimme vuotà!  Eh, e vedimme comme l’aggia pe le fa perdere tiempe ( bussano,va ad aprire ed entra Filomena)

CAROLINA:'donna filome'.je v'aspettave pe l’otte  e site venute e diece!

FILOMENA .( Donna grossolana e ignorante,parla con accento particolare )agge pacienze Caruli' a mentre steve a veni' ma pigliate na colica rettale e so state chiù e n'ore abbracciata a tazze do cesse'

MARIELLA: azz, n’avite cunzumate e carta igienica

 FILOMENA:   e chi a usa, chille a casa mia nu rotole e carte fra me e mariteme se cunzume  dinto o gire e meza jurnate!

CAROLINA: ma scusate cu che ve stuvate

FILOMENA:  ca  cazzetta do sport

MARIELLA:  a che?

FILOMENA:  o giurnale c’accatte mariteme.Prima so legge e po l’usamme po cesse! Sparagnamme e accumparimme!

CAROLINA :  uh maronne! e vuie mannasseve in fallimento e fabbrica di carta igienica

FILOMENA:   si nun facesseme accussì in fallimente ci andassimo noi. Mariteme dice ca  pe stare in buona salute, ce sta bisogne e liberà a  cerevelle e o cuorpe  e accussì ce pigliamme na purga o juorne e levamme o miereche a tuorne!

MARIELLA: se vede ca stammatine avite sbagliate a dose!

FILOMENA:  adda essere accussì, Donna Carulì, avite mise a pezza o pigiame e mariteme?

CAROLINA: Sissignore, è pronte ( va su una sedia e lo prende)  ecco qua tenete Ma a prossima vota accattatacille nuove nu pigiame.Chesta e settima pezza ca ce mette! Me pare o pigiame e Arlecchino

FILOMENA: (  apre la borsa, tira fuori un uovo e lo porge a Carolina)  ecco qua, Bivitaville  è fresco uscito.

CAROLINA: nate uove? E che l’avite fatte vuie? Donna Filomè,je vulesse sapè e sorde ca ne facite! A casa e proprietà a tenite, due pensione  e pigliate,nun  tenite figlie, e nun cacciate maie nu sorde

FILOMENA:  e sorde vanne stipate pecchè nun se sape maie che te po succedere! L’avite sentute o fatte ca è succiese a signore do quinte piane?

MARIELLA:   a Donna Ermina? Che l’è succiese?

FILOMENA:  o marite se ne fujute  cu na rumene e quarant’anne

CAROLINA: o marite? Ma si chille tene ottant’anne!

FILOMENA:   eh! e chille se mpazzisce a tutta età! a rumena,jeve pe pulizie e intante se maniave o viecchie,po  ajere  apprufittanne  ca signora Erminia ,nun era in casa, sa pigliate o viecchie la purtata a posta la fatte piglià tutte e sorde e so scumparse

CAROLINA:  tu vide o pataterne

FILOMENA: avite viste? Allore io dico, famme stipà ca nun se po maie sapè! (all’improvviso, si porta la mano alla pancia  e si lamenta ) mamma mia !

CAROLINA: c’avite Donna Filomè ( Filomena si torce e si lamenta) ma che ve succede?

FILOMENA: maronne  che  turciamiento 'e panz!

CAROLINA:  pe carità, donna Filumè,scennitevenne abbasce addo vuie

FILOMENA: ( sempre torcendosi)  nun cia facce …   ( gli scappa una scorreggia) o bagne, o bagne addò sta o a facce nterra!

MARIELLA:  accà  … venite ( gli apre la porta del bagno  mentre Filomena scorreggia ancora)

ROCCO: ( entra ) ma che state cumbinanne! Se sentene  e tronule fina a cucina! ( si mette le mani al naso) mamma mia e  che puzze! ( scappa via)

CAROLINA: Mariè arape tutte cose o ca se more asfissiate!

MARIELLA: ma tu vide stammatina ca ci aveva succedere!

FILOMENA: (  dal bagno) donna Carulì  ca  ce manca a carta igienica

CAROLINA: ( si guarda intorno e prende un giornale ,si ottura il naso  lo butta nel bagno) a cazetta do sport nun a tenche ,stuvateve co cazettine e Napule! Maronne e che puzza!

MARIELLA:  e speramme ca se ne esce ambresse! ( entra Alfonso  annusa l’aria e si mette le mani al naso)

ALFONSO: ne ma cher’è sta puzza .Rocco sta cucinanne, nu vatte muorte?

CAROLINA: pegge,sta  chella fetose e donna Filumena  ca se fatte sotta e sta dinto o bagne

ALFONSO: ( sempre con le mani al naso) ce vedimme a ore e pranze! ( esce)

CAROLINA: cheste si nun esce me blocche tutte tutte cose ( si avvicina alla porta del bagno) donna Filumè a che state?

FILOMENA: agge quase fatte! Me sto stuvanne

CAROLINA:  assa fa a Maronne!

MARIELLA: je vache a dà na mane a Rocco in cucina

CAROLINA: si ma tienete pronte che devi andare a chiamare a Procopio

MARIELLA:  va buò ( esce)

CAROLINA: ( si avvicina al bagno) avite fatte?

FILOMENA: (  apre la porta e Carolina per poco non sviene dalla puzza)  avitece pacienza , me scappate!( piglia il pigiama) ce vedimme Donna Carulì   (esce)

CAROLINA:  ce vedimme?   È meglie ca nun ce vedimme accussì nun ve sentimme! mamma do Carmine! Ca ce vò na disinfestazione cu l’acqua e colonia! ( prende dei profumi e comincia a spruzzare nell’aria) aria  …aria  ! ( bussano alla porta) e chi ate mo? aspettate nu poche ca mo arape,( finisce di spruzzare , annusa l’aria , va ad aprire ed entra Ornella)

ORNELLA:donna Carulì, Rocco è in casa?

CAROLINA: sissignore ma tene cheffà!

ORNELLA:  e nun mo putite chiammà nu poche

CAROLINA: Ornè, parlammece chiare, je o sacce ca tenite o debbule pe figlieme ma l’avite lassà stà!

ORNELLA:  donna Carulì ma ca dicite, je a Rocco o voglie bene  comme a nu frate

 CAROLINA:   e come no! sentite a me, lassatele perdere,je nun voglie ca figlieme passa nu guaie pe colpa vostra! Si a vuie ve prore a caccavella, facitavelle rattà a qualcun altro .

ORNELLA: ( contrariata e nervosa) si,però je lagge parlà!

CAROLINA: v’agge ditte ca mo nun è cosa, jatevenne e po se ne parla

ORNELLA:  e va bene,  me ne vache ma  voglie chiarimenti, stateve bone ( fa per uscire )

CAROLINA:aspettate nu mumente, Procopio stà ncoppe?

ORNELLA:  sissignore, sta ancore ncoppe

CAROLINA:  e allore dicitele ca  prime ca se ne va ,me facesse o favore e passà da ccà

ORNELLA:   ca vulite fa nu scandale? Me vulite forse arruvinà?

 CAROLINA:  nun te preoccupà, nun so scema! L’aggia chiedere nu favore

ORNELLA: va buone, riferirò e  …. riferite pure voi a Rocco che l’aggia parla! ( esce)

MARIELLA:mammà chi era? Filumena ca se ne jeve?

CAROLINA:  nossignore,era chella zoccola e Ornella , vuleve a Rocco ma l’agge ditte ca nun ere cosa?

MARIELLA: e Procopio?

CAROLINA:  l’agge ditte A Ornella do fa passà accà  ma nun me fide, fa na cosa, miettete e guardie ncoppe  e scale e si nun trase pienzece tu

ROCCO: ( entra) Mammà je so quase pronte ,chi era?

CAROLINA:era Ornella ,ma l’agge mannate, mo aspetta o marite, fa na cosa, piglieme nu paie e butteglie e vine  russe senza etichetta a une ce mitte o tappe bianche e allate o tappe gialle e portamelle primma ca vene

ROCCO: c’avite fa ce vulite regalà?

CAROLINA: si  ma modo mio, va e fa ambressa

ROCCO: vado ( esce e rientra con le bottiglie mentre Carolina sistema la tavola)ecco qua , ma mi dicite pecchè?

CAROLINA: pecchè si no Ettoruccio e Sasà nun ponne fa o trascloco cu isse ca  se trove proprie vicine a casa do chiochiaro  ( si sente Mariella dall’esterno che saluta Procopio) ovilloco oj , va trasetenne

ROCCO:  si è meglie si no facimme storie, ( esce)

CAROLINA: ( apre la porta a  Procopio e Mariella) oh signor Procopio, entrate che vi stavo aspettando

PROCOPIO :   (Vestito da guardia giurata, entra insieme a Mariella)  eccomi donna Carolina, in che posso servirvi

CAROLINA: prego accomodatevi, ( fa cenno a Mariella di sparire) ma come state bello vestito da poliziotto!

PROCOPIO: eh, belle na vote! Ormaie a vicchiaia avanza! Vuie piuttosto site ancore na bella femmene

CAROLINA:  grazie, troppo buone,peccate ca sule mariteme nun se n’accorge

PROCOPIO: pecchè mugliereme se n’accorge,? dice ca me so fatte viecchie e musce e cierte vote credetemi,me fa o veramente penzà a male

CAROLINA:  cierte vote?, ma pensate a salute e venimme a nuie, vi ho chiamato per avere un consiglio

PROCOPIO:  e dite … dite  se posso a disposizione

CAROLINA: vedete, oggi mia figlia ha invitato il suo fidanzato a pranzo e io non voglio fare brutte figure , So che in fatto di vino siete un vero intenditore

PROCOPIO ( pavoneggiandosi) beh  insomma, diciamo che sono un amante del buon bere

CAROLINA : allora siete la persona giusta per consigliarmi quale mettere a tavola ( prende le bottiglie) ecco qua tenete

PROCOPIO: ( le prende , le osserva) dunque,  e diciteme na cosa o menù è a base pesce o a base carne

CAROLINA:   ce sta o pesce e ce sta a carne

PROCOPIO: uhmm menù misto e allore  dovete mettere  un vino che si sposa per tutte le pietanze 

CAROLINA:  e chille e o fatte!  nu sacce  quale butteglie ci devo mettere

PROCOPIO:  cheste me parene  uguale , nun tenene nisciune etichette

CAROLINA:  si ma e tappe so diverse e pure o vine,  chi ma  regalate ha ditte ca so vine   buone assaie

PROCOPIO: e allore bisogna provarli

CAROLINA: subito! (Apre la prima bottiglia,ne versa un bicchiere e glielo porge)

PROCOPIO: ( assaggia) buono! ( riassaggia) buono veramente!

CAROLINA:  bevete con buona salute tanto di bottiglie ne ho tante ( Procopio beve) allora che dite?

PROCOPIO(  beve tutto il bicchiere)questo è un autentico brunello di montalcino, sulla carne è indicatissimo

CAROLINA( versa un’altro bicchiere) e provate sul formaggio ( taglia un pezzo di parmigiano, ecco tenete, Procopio,mangia e beve)

PROCOPIO: buone  …buono ahhhh e quanto è fresco scende ancora più meglio

CAROLINA: (  si versa un bicchiere e ne versa un altro a Procopio) e alllore facimme nu brindise po fidanzamento e Maddalena, vivite e vedite comme ve sentite chiù leggiere( Carolina assaggia e Procopio si scola il bicchiere e comincia ad esaltarsi)

PROCOPIO: ( comincia a mostrare segni di ubriacatura) ah , avite raggione, me sente liggiere , ( si alza) vedite , me sente e gambe liggiere liggiere ( fa dei passi , inciampa e si risiede) Donna Carulì, ca bella femmene ca site

CAROLINA:  si è? (Apre l’altra bottiglia, versa un bicchiere e lo porge a Procopio)e mo assaggiate questo ( Procopio beve)

PROCOPIO: ahhhh e chiste è nu frascate,buone  ( comincia a farfugliare) buone ,bu buone co …  comme a vuie

CAROLINA: (  ne versa un altro bicchiere) e vevite ..vevite  cu bona salute ( Procopio beve

PROCOPIO: ah stu vine fa ringiovanì, quanne se dice.. me sente liggiero comme a nu cardille

CAROLINA : e  bevite ca addeventate giuvinotte  ( versa vino e Procopio ormai ubriaco beve)

PROCOPIO (  ormai ubriaco tenta di alzarsi)  si.. so giovene  , so giovene  e … do  do donna Carulì, ca ca fe ca femmene ca site …..  faciteve da nu   nu vase ( si alza a fatica e va verso Carolina  tentanto di baciarla ma inciampa e cade mentre  entra Alfonso)

A LFONSO: (  rimane  un attimo sorpreso e senza parole) ma  ma che succede? Che ce fa chiste nterrra?

PROCOPIO ( da terra cercando di alzarsi) Pro ..Procopio …. Cado  cado

ALFONSO: e gia si carute! ( a Carolina) ma sta mbriache?

CAROLINA:   e nun o vide? È trasute pe me chiedere nu poche e vine e se mbriacate!

 ALFONSO: e mo chi o sosse a terrra,almene chiammate a mugliere ca so vene a piglià! ( chiama Mariella ) Mariella, Mariè  viene nu poco a ccà! ( entra Mariella , vede seduto a terra Procopio che canta “ o sole mie” in modo storpiato)Mariè,va da signora Ornella  e dincelle ca se venesse a piglia o tenore

MARIELLA: uh mamma mia, sta proprie fatte buone! vache, ( esce)

ALFONSO: ( a Carulina)dice a verità te si addivertita a farle mbriacà è overe? Je te canosche, si na columbrina

CAROLINA: ma quanne maie!   A ditte ca o vine le piaceve e che ne puteve bevere tante senza ca se mbriacarse e je lagge avute appurà

ALFONSO: e comme no? ( entra Ornella e Mariella)

ORNELLA: (  vede il marito seduto a terra che canta) santu Cosime e Damiane tu vide comme sta cumbinate chiste? ma che se bevute?

CAROLINA: sa sculate quase doie butteglie e vine, je ce lo dicevo, Signor  Procopio  jatece chiane . chesse ve po fa male ma isse niente , anze ha vulute pruvà pure nu poche e furmagge

 ORNELLA:   e mo comme facce a purtarle ncoppe, chillle aveve pure je a servizie

ALFONSO: a purtarle ncoppe ve do je na mane po servizie telefonate e facitele cagnà turne

ORNELLA:si mo vache ncoppe e telefone ma vuie ….site anziane, chiammate a Rocco , isse e giovene e …  tene a forze

CAROLINA: nossignore, nun ve preoccupate  ce penze mariteme

ALFONSO: venite aiutiamolo a stare in piedi (tentano varie volte con lazzi a soggettto e non ci riescono anche perché Ornella fa finta di mettere forza  e Alfonso prende il colpo della strega) Ah che dolore ..me so bluccate, aiutateme( lo aiutano a sedere ) nun cia facce…   ah!  ca dulore e schiena!

ORNELLA :  avite viste chiammate a Rocco si no mariteme a ca nun se move!

CAROLINA: (  con riluttanza chiama Rocco) Rocco, viene a darce na mano ( Rocco esce )

 ROCCO: ( vede il padre che si lamenta e Procopio che canta) tu vide o Pataterne!

 CAROLINA:  jamme muovete ca se fa tarde,aiute a purtà Procopio ncoppe e scinnatenne subite! Tu Mariè damme na mano e spustà patete ncoppe o divane

 ROCCO: eh, Ornè damme na mano ( alzano Procopio fanno per portalo  via)

CAROLINA: Rocco ..e capite che e scennere subite ?( Rocco fa cenno con la testa e via)

 ALFONSO: ( sdraiato dul divano) Marò che dulore!

 CAROLINA:   e nun te lamentà sempe! Calmete,   ( guarda l’orologio sulla parete )ca a mumente vene Matalena co nnamurate! Mariè, fernimme e sistemà sta tavola. (Comiciano ad apparecchiare e ogni tante Carolina guarda l’orologio e Alfonso si lamenta) tu vide chille se scenne!

ALFONSO: e dalle o tiempe! Ahia  …l’adda mettere a liette?

 CAROLINA: eh si chelle è sicure” a liette fernisce! ( Marielle se la ride)

ALFONSO: tu vide a chelle je m’allammente ed essa ride! ( entra Rocco tutto sciarmato) Rocco ma comme stai sciarmate! Tante ce mise?

ROCCO: Papà …. J ca ce vulute …. Meglie can un ne parlamme! Vache in cucina! ( esce)

CAROLINA: povere figlie! Meglie ca  nun ne parlamme! (( bussano alla porta) Marò già stanne ccà ( va a d aprire ed entra Madda e Filippo) accomodatevi,prego

MADDA: eccoci qui,mamma, vieni Pippo,questa è Carolina, mia madre

FILIPPO:(classico bancario, vestito scuro e occhiali,sui quarant’anni, . quando si contraria fa un tic nervoso e ogni tanto batte gli occhi e muove la bocca) signora,è un piacere conoscerla!

CAROLINA: il piacere è tutto nostro caro Filippo

MADDA: ( vede il padre sul divano che cerca di alzarsi) vieni caro, ti presento papà . Papà, questo è Filippo il mio ragazzo

FILIPPO: ( Filippo si presenta) Piacere Filippo Balocco

ALFONSO:   nu poco crisciutìielle eh, piacere Alfonso Cimmaruta e speramme ca sia a vota bona e site promosse!

MADDA: vieni Pippo, accomodati,a papà gli piace scherzare

ALFONSO: ( lo osserva ancora e in modo ironico fra se )Pippo, mah! Secondo me chiste manche è buone!

CAROLINA:signor Pippo prego sedetevi, state comodo, fate come foste a casa vostra vi va un aperitivo? Abbiamo uno spumantino fresco fresco

FILIPPO: si grazie ( si siede vicino a Madda, si guarda intorno) cara tu lo vuoi?

MADDA: certo che si ( entra Mariella con gli aperitivi) ah vieni Mariella, questo è Filippo ma io lo chiamo Pippo ahhhh ( presentazioni e Mariella porge gli aperitivi  a tutti e bevono)

ALFONSO: cosicchè ,vui site impiegato di banca!

MADDA: Papà ma che impiegato, è il direttore della banca?

ALFONSO:ah … bravo! cu chella faccia! Addirittura direttore.Scommetto  della banca di Napoli eh ?

FILIPPO: veramente della banca di Roma!

ALFONSO: e diciteme na cosa  signor Peppa quante guadagne nu direttore e Banca

FILIPPO: ( facendo il tic ) mi chiamo Filippo  non Peppa!

ALFONSO: e va buò me so sbagliate , ca chi và e chi vene e me mbroglie sempe! Però nun m’avite rispuoste ( fa segni a denaro con la mano)

FILIPPO:  eh …. Insomma …. Abbastanza!

MADDA: Papà ma cosa t’importa  di quando guadagna , l’importante è che mi vuole bene vero Pipino mio ‘

FILIPPO: si   caciottina mia

CAROLINA:  ( a parte) Marò quante è brutte!

MADDA : ah che caldo che fa  oggi!

MADDA: è  vero, oggi fa molto caldo! Io questa giacchino, me lo tolgo! Caro,oh come stai sudato, su togli pure la giacca tesoro,qui sei come a casa tua non sei in banca!

FILIPPO: si hai ragione, ( si toglie la giacca e fa per alzarsi ma Mariella interviene)

MARIELLA:  dai qua, ci penso io l’appendo all’attaccapanni (prende la giacca e nell’appenderla  con mano furtiva e non vista fruga le tasche poi delusa torna dagli altri) che ne dite se ci accomodiamo a tavola? Il  nostro cuoco personale è già pronto ( fa segni  a Carolina che non ha trovato le chiavi nella giacca)

FILIPPO: ah avete un cuoco personale?

CAROLINA:  certamente, è mio figlio Rocco, ha fatto la scuola alberghiera e … lavorato in tanti ristoranti  vedrete  come ha cucinato bene

 ALFONSO: e allora se e è pronto assettiamoci,prego signor Pippa! ( gesto di nervosismo di Filippo accompagnato dal tic)

 MADDA: papà ,ti prego, Pippo! E poi così lo posso chiamare solo io! Tu chiamalo Filippo

CAROLINA:  venite Filippo, quello mio marito, vi voleva solo mettere a vostro agio ( prego accomodatevi qui ( lo fa sedere) e tu Madda vicino a Lui, Tu Alfò, a capo tavolo

ALFONSO: si mi date na mane e m’avizate

CAROLINA:  e raggione , sapete quello ha fatto uno sforzo e mo tiene il mal di schiena , vieni Marìè ( lo aiutano a sedersi )

ALFONSO: ma Ettoruccio? Dove stà Ettoruccio

MARIELLA:  farà tardi Papà .l’hanno chiamato ad un …. colloquio di lavoro e appena si sbriga   viene!

 CAROLINA:  allora buon appetito, tu Mariè miettete vicine a me  che qui si siede  Rocco  ( tutti cominciano a mangiare poi Carolina fa  dei cenni a Mariella, la quale annuisce e dopo un po’ si alza )

 MARIELLA:   ed ora , i primi piatti! ( si alza e va in cucina)

MADDA:   eh i primi patti di Rocco sono una specialità, vedrai caro!

FILIPPO: si cara

MARIELLA E ROCCO(  entrano con le pietanze)

CAROLINA:   ah  che bellezze! Servite pure

ROCCO: ( serve Filippo poi si presenta) ecco qua eh che ve ne pare! Ciao io sono Rocco fratello di Madda e cuoco di famiglia

FILIPPO: ( si alza e si presenta) piacere, io sono Filippo ma per Madda …..Pippo!

MADDA: oh mio tesoro!

MARIELLA:  con in mano il vino ( propongo un brindisi con questo vino fresco e delizioso! ( versa a tutti , facendo il giro del tavolo e quando arriva a Filippo fa finta di scivolare e gli versa il vino addosso) oh madonna che ho combinato! ( Filippo si alza e  Lei, con un tovagliolo cerca di pulirlo) oh scusatemi oh che ho fatto!

ALFONSO: e sprecate nu bicchiere e vine buone!

FILIPPO: ( si guarda , fa partire il tic) non vi preoccupate ,sono cose che succedono!

CAROLINA:  ma siete tutto bagnato, fate una cosa, Madda, accompagna Filippo nella tua camera e dagli un pantalone di Rocco e una camicia di Ettoruccio pulita, poi consegna il pantalone e la camicia di Filippo a Mariella che la pulirà e l’asciugherà mentre  finiamo di mangiare

MADDA: su caro, vieni, andiamo,  ( Filippo mezzo frastornato segue Madda ed escono)

MARIELLA: (esce e rientra con i panni e poi  si mette vicino alla porta ) e mi tocca fare pure a lavannaia!

A LFONSO:   chi   sporche pulisce! Me dispiace po vine

MADDA:( esce  con il pantalone e la camicia di Filippo  e fa il cambio ) m’arraccumanne muovete! ( Mariella prende gli abiti e va nella camera accanto)

CAROLINA:  e speramme ca le leve  e chiave!

ALFONSO: quali chiave!

C AROLINA:uh agge ditte e chiave! Vuleve dicere e macchie!

MADDA: (  esce con Filippo) vieni, stai benissimo( Filippo fa segni di rassegnazione)

FILIPPO: scusate …..

ALFONSO: nun ve preoccupate, so cose ca succedene, assettateve  e mangiate!

MARIELLA:  (esce tutta soddisfatta)tutto a posto ,agge levate e macchie  e lagge  stise o sole. (si avvicina a Carolina) l’agge menate e chiave a Sasà a dinte o bagne!

CAROLINA: ah bene! Continuiamo! ( mangiano ,bevono e parlano a soggetto)

ROCCO: Mariè, andiamo a prendere i secondi ( escono portando i piatti sporchi via

ALFONSO: ah ca bella magnate! ( bussano alla porta , Carolina va ad aprire, sì affaccia e poi rientra)

ALFONSO: chi era?

CAROLINA: niente, une ca ha sbagliate!

ROCCO E MARIELLA: (  entrano con i secondi e serve insieme a Mariella) prego assaggiate queste delizie ( tutti mangiano)

CAROLINA: Mariè,vatte affaccià ca si se so asciugate , le daie  pure na stirate( da dietro, passa le chiavi a Mariella in modo che il pubblico la vede)

MARIELLA: ( si alza) subito mammà ( esce mentre rientra Rocco )

MADDA:  caro, ti piace? Su bevi un altro bicchiere di questo vino( lo versa e Filippo beve)

FILIPPO: delizioso!

 ALFONSO: oh caro Fifì

MADDA; Filippo Papà ,Filippo Balocco

ALFONSO: scusate , signor Allocco, ( Filippo fa il tic)e dico , questa storia con Maddalena è na cosa seria o e na pazziella!perche vedete, la signorina qui presente è nu poche pazzerella

FILIPPO: ( guarda Madda)  certo che è  seria! Tu che dici Madda?

MADDA: ma certo caro!

CAROLINA: Rocco porta i dolci che papà tene sempe voglie e pazzià! ( Rocco esce e poi rientra con dei dolci)

ROCCO: ecco qua. Fatti con le mie mani, assaggiate!( tutti  assaggiano)

FILIPPO: buoni, veramente buoni, permettete ( ne prende altri) io sono goloso sui dolci non mi trattengo

ALFONSO: stateve accuorte signor Galonzo

FILIPPO: Balocco! ( tic in continuazione)

ALFONSO:  Ah si scusate ,non ne mangiate molto altrimenti può venirvi una  sciacquarella alla panza

CAROLINA: prendete ,prendete senza cerimonia!quello Alfonso scherza (bussano, va ad aprire ed entra Ettoruccio) Ah Ettoruccio! Come è andata?

ETTORUCCIO: nu capolavoro e ..scusate il ritardo” ( sottovoce) Sasà già ha purtate tutto in magazzino!

CAROLINA: vieni, ti presento Filippo Balocco l’amico di tua sorella ( presentazioni)

ETTORUCCIO: c’è rimasto qualcosa?

ROCCO: e come no! in cucina ce sta nu sacche e robbe!

CAROLINA: ora facciamo un bel caffè e poi …. Ci riposiamo vero?

FILIPPO:  vi riposate?

CAROLINA: perché  voi no? noi appena mangiato, abbiamo l’abitudine di fare un pisolino! ( rientra Mariella con i vestiti di Filippo)

MARIELLA: ( ecco qua, lavati e stirati a Filippo) Prego

FILIPPO:  grazie! E allora mi cambio?

MADDA: si caro, entra lì. Cambiati .poi prendi il caffè e…. poi ci vediamo stasera! ( Filippo entra in camera)  che ve ne pare, lo mettiamo a votazione?

CAROLINA: e mettiamolo a votazione ! per me ..bocciato

MARIELLA:…bocciato ( Alfonso segue la votazione con apprensione e ad ogni bocciato, fa segni rassegnazione )

ROCCO: pure pe me!

ETTORUCIO: bocciato

ALFONSO: e io o sapeve!  E chiste pure è futtuto! Sotto un altro! ( esce)

FILIPPO: eccomi qua, e …tuo padre?

MADDA: è   crollato!  Vieni caro prendiamo il caffè

FILIPPO: cara ,lo sai bene, il caffè lo prendo alle cinque

MADDA:  e allora andiamo caro, ti accompagno  giù e poi ….ci vediamo stasera

FILIPPO: si cara , ma prima fammi ringraziare i tuoi per l’ottimo pranzo e la bella compagnia ( ringrazia tutti) grazie e …a presto ..spero! ( esce con Madda)

ETTORUCCIO: mammà, nu colpo fantastico j ca teneve a casa! Quadri, gioielli e mobili preziosi, ?’avimme pulizzate a casa   ca manche nu cazettielle  ce trove chiù! (bussano alla porta,va ad aprire ed entra Sasà) Sasà merce consegnata?

SASA’: merce consegnate !  cu stu colpe levate e spese  ce so trasute trentamila euro pulite pulite!  ( entra Madda)

MADDA: allore?

CAROLINA:   ( va verso il quadro derlla madonna ) grazie Marunnè! (riempie i bicchieri di spumante e propone il brindisi ) allore o primme chochiaro e jute e mo…..sotto o seconde!

FINE 1° ATTO

SECONDO ATTO

Stessa scena del 1° atto. Carolina è intenta a preparare la colazione quando entra Alfonso ,si avvicina alla tavola e da uno sguardo,prende la caffettiera e annusa ma non riesce a capire.

ALFONSO: boh! ( prende una tazza e versa, mette lo zucchero, gira e assaggia) Carulì, dimme na cosa ma cheste è cafè oppure è orzo.Pecchè si è cafè è a schifezze do cafè, si è orze è na schifezza o stesse!

CAROLINA: siente nun sacce niente, nun l’agge fatte je, la fatte Madda, se avizate ambresse per andare al lavoro e l’ha fatte!

ALFONSO: chelle nun sape fa niente! Neanche truvà n’omme  ca le va a genie!  Je po diche, ma si nun si cunvinte ma pecchè me le purtà a casa?

CAROLINA:  ca t’aggia dicere, forse a guaglione,va truvanne pure o cunforte  do cunsense nuostre

ALFONSO: ( assaggiando biscottini)  e intante n’avite bocciate n’ate! Si nun fosse ca finalmente se magne buone ogni vote ce presente qualcune  ve mannasse o paese e pullecenelle a vuie a esse e a tutte e scieme ca porte a casa! Ma poi diche, chelle a scegliere , sape scegliere e se putesse pure sistemà! E ditte niente chi fa l’imprenditore, chi o politiche, chi direttore e banche e llate nun me ricorde  chiù chi erano . A voglie e si facesse a signora!

CAROLINA:  dice a verità,te piaciute o pranze e ieri?

ALFONSO: l’unica cosa che me piaciute!

CAROLINA: ogge ne facinne n’ate!

ALFONSO: n’ate? Vuo dicere ca ogge me porte a canoscere nat’ aspirante genere?

CAROLINA: si ma stavote ma ditte ca è l’urteme! Ha ditte ca è nu gioelleiere assaie interessante

ALFONSO: Maronne do Carmine ( si alza , fa per andare da Carolina )!  Nooo! Vuie me facite ascì pazze!  ( si  ferma  di botto) Anze no! e pazze site vuie!

 CAROLINA: E calmete, va cagnate , jesce e quanne tuorne ….te faie na bella magnate e..

 ALFONSO:   e facimme n’ate piacere e canoscere! Carulì, stamme a sentì, je spere ca Maddalena, nu fa niente male,pecchè si no a cacce fore! Dinta a casa e Alfonso Cimmaruta l’onestà è di casa e nun accette nisciuna  mala azione! Esco e questa è l’urteme!  (esce e poco dopo entrano Mariella ed Ettoruccio)

CAROLINA: eh mattiniere pure vuie? O sapite ca già so e diece e ci dobbiamo muovere?

MARIELLA:  papà è asciute?

CAROLINA: nossignore se jute a cagnà e stà e ca cape girate!

ETTORUCCIO:  puverielle, tene ragione ! ( prende il caffè e sputa) ma cher’è sta robbe?

CAROLINA: nun o sacce! Ma sbrigateve! A Sasà le chiammate?

ETTORUCCIO: tutto a posto e…speramme pe l’urtema vota!

CAROLINA: adda essere l’urtema vota si no a patete l’avimme sulu  ricoverà!

MARIELLA:speramme ca nun o vene maie a sapè!

CAROLINA:nun  o vene a sapè si tutte tenite a vocca chiusa a si no…..succede l’inferne! ( entra Alfonso ) papà ,uscite?

ALFONSO:  dipende,je me stesse a casa a leggermi o giurnale ma siccome nun me facite stà cuiet …. ( bussano alla porta, Mariella va ad aprire ed entra Sasà) ovvì?

SASA’: (sempre con il mezzo sigaro in bocca)  buongiorno a tutti.Eccomi qua,sono pronto

ETTORUCCIO: ed io pure

 ALFONSO: s'é unito 'a fronna 'e lauro e 'o fegatiello! Pronte pe fa che?

SASA’: don Alfò …non lo sappiamo ancora, andiamo in cerca di lavoro

ALFONSO: tu vai in cerca di lavoro? Ettorù nun tiene speranze !Chisse nun l’ha mai truvate e nu sape manche addò sta!

ETTORUCCIO:papà nun o mortificate!

SASA’: embè …sempe ve facce na sorpresa

ALFONSO: comme no! ca tutte me  fanne e sorprese , Ettoruccio e Rocco  hanne perze o lavore, mugliereme,m’appripare natu pranze e figlieme Matalena me porta a canoscere natu fidanzate! J che belli surprese! Esco si no a  se scioglie a nervature ! ( esce)

CAROLINA: avite viste?perciò facimme stu colpo e …. Fernimmelle cca!

ETTORUCCIO: va buò ,jSasà ,jamme,quanne site pronte chiammatece

MARIELLA: Ettorù m’arraccumanne stateve accuorte!

ETTORUCCIO: nun te preoccupà Mariè, tiene o poste assicurate arete o bancone do ristorante nuostre

MARIELLA: o arete e cancelle do carcere e poggioreale! ( Ettoruccio fa corna) va, e….attiente!  mammà je me  vache a sistema a cammera( Ettoruccio esce  mentre Mariella rientra in camera)

CAROLINA:  ( gridando va dietro Mariella) e  và  scetà pure chillu dormiglione e Rocco! mamma mia! Chiste si vene a sapè chella ca facimme, avimme passate o guaie! ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Filomena con in mano un cartoccio)

FILOMENA :    Buongiorno,  Carulì,agge  ncuntrate Alfonse pe  e scale. Che è succiese? Steve comme a nu toro nfuriate!

CAROLINA:  seh. Toro nfuriate, na vote! Al massimo nu camosce azzuppate!

FILOMENA:  camosce azzuppate? Ah  agge capite ( fa segni allusivi) nun se fire chiù eh?

CAROLINA:  chiste nun so fatte de vuoste! A proposito, ca site venute a fa?

FILOMENA: v’agge purtate ( apre il cartoccio) questo mutandone di mio marito, ce la mettete na pezza?

CAROLINA: ce site già jute o bagne?

FILOMENA; sissignore! Mi sono svacantata!

CAROLINA: meno male ( guarda il mutandone, lo apre tutto) azze e buche stanne juste mieze une annanze e ..una arete!

FILOMENA: e si, è nu poche e tiempe ca stà sfunnnanne tutte cose, e mutande e jette ma o mutandone costa care!

CAROLINA:  ma scusate ma comme fa?

 FILOMENA: e …e…  arete e  buche i fa  sempe o stesse mode, pirete e fetecchie a vulunta!   ( si guarda intorno come a vedere se c’è qualcuno)  annanze …..a vuie vo pozze dicere. chille l’uommene so comme e banane chiù se fanne viecchie e chiù s’ammosciene e mariteme  era addeventate comme o vuoste

CAROLINA:  comme o mie?

FILOMENA:  eh, nu camoscie azzuppate ! e allore parlanne cu n’amica mia , ma date o rimedie!

CAROLINA:  overe?  E  e che va date?

FILOMENA: ( apre la borsa , tira fuori una boccettino e lo mostra a Carolina) o rimedie juste …  o cialisse!

 CAROLINA:  o cialisse? E cher’è na droga?

FILOMENA: no, so cierte pinnulille, e sapisseve comme funzionene! Quamme me sente nu poche smosse

CAROLINA: e ca site na cana?

FILOMENA:  era così per dicere, volevo dire, quanne me sente nu poche nfucate, je prendo un pinnolino di questo , lo faccio in polverina e lo butto nel piatto di mio marito. doppe na mezora  e robbe da camoscio azzoppato  addevente  nu toro nfuriato!

 CAROLINA: ah e accussi ….. donna Filomè, facimme na cosa,je mo a pezze o mutandone va mette ma doppe niente ove ….me date nu pinnulille pure a me e….vedimme si funzione pure cu mariteme

FILOMENA: sicure ca funzione! ( apre il boccettino e tira fuori una compressa) ecco qui. tenite ma m’arraccumanne, sciuglitele buone dinta o piatte in modo can un se n’accorge e niente.Sapite comm’è, l’uommene so tutte boriuse  e nuie femmine avimme sempe truvà o mode  pe fa fesse in modo ca so cunvinte ca ci hanno fatto fesse. 

CAROLINA: donna Filumè, nun ve faceve accussì filosefe

FILOMENA:  a no? je agge fatte a terza alimentare ma e cose meie me sacce vedè!, allore ce vedimme dimane stateve bone e nun perdite o pinnullille ca po ….me facite sapè ( esce)

CAROLINA: ( prende la compressa) ecco qua, mo la metto dentro a questa scatolina   e po…. vedimme si funzione.( entra Rocco)ah, ce le fatte! Fa colazione e muovete c a pe mieze jorne adda essere tutte pronte

ROCCO: nun te preoccupà,ah a proposito me servesse nu poche e timo al limone pe metterle ncoppe o pesce e me manche pure o vine bianche.

CAROLINA:  mo esco e to piglie! Si avesse venì qualcune pe qualche riparazione, dincelle ca ogge nun è cose ca sto troppo mpegnate ( prende il portamoneta in un cassetto  ed esce)

MARIELLA: (entrando) mammà è uscita?

ROCCO: mo proprio,tI serviva?

MARIELLA:no, ( si siede vicino a Rocco) marò,che brutto suonne m’agge fatte stanotte

ROCCO: ah e ca te si sunnate?

MARIELLA: to diche ma nun dicere niente a Mammà si no chelle subbete se mpressione

ROCCO: a Ettoruccio ce le cuntate?

MARIELLA: pegge ancora! Marò che brutte suonne!

ROCCO: agge capite lassa stà ,va a fernì che mi impressione e nun facce chiù niente

MARIELLA: no, sin nun o conte a qualcune me sente na cosa dinte o stommeche

ROCCO:  va buò si te sentì male …dice

MARIELLA: ma mo nun m’ arricorde buone,è tutte n’umbruoglie, pare ca steveme tutte a tavole a magna,pazzianne e rirenne quannne all’improvviso se arapute a porte e chi trase  … chi trase ….( si ferma come incantata)

ROCCO:  ( la scuote)  chi caspite è trasute?

MARIELLA: na bestia cu tre cape! Una era na capa e coccodrille ,nata na capa e puorche e llate na cape e morte! Senza dicere niente, e tre cape  se so menate ncoppe a tavole. A cape coccodrille,se magnate tutte cose, a cape e puorche  se menate ncuolle a mammà e a capa e morte ncuolle a papà! E nuie cu mazze,scope e varrulille cercaveme do caccià. Pa fine ce simme riuscite ma o povere papà pa paure nun parlave chiù e mammà ere tutte cuperte e cacca do puorche po,pa  paure me so scetate e nun m’arricorde chiù niente!

ROCCO: ma proprie ogge t’avive fa stu suonne?

MARIELLA: nun o cuntà a nisciune! ( bussano alla porta , va ad aprire ed entra Adriana) prego dicite

ADRIANA: ( porta un giornale sotto il braccio )buongiorno, la signora Carolina c’è?

ROCCO: ( appena la vede, finisce di bere e si asciuga) ah sei tu entra pure , ( a Mariella in sottovoce)Mariella,Va , va vide che e fà accumicie a pulizzà a cucina ca mo venghe ( Mariella esce)che piacere rivederti

ADRIANA:  sono venuta a portare una camicetta  da sistemare a vostra madre

ROCCO: e quando venite voi… puntualmente non la trovate

ADRIANA: beh , combinazioni! Verrà subito oppure tarderà

ROCCO: no verrà fra poco ma prego accomodatevi,  sapete una cosa?

ADRIANA:cosa?

ROCCO: Vi aspettavo

ADRIANA: davvero?

ROCCO: è  da ieri che non faccio che pensarvi,strano ma vero!

ADRIANA: per la verità anche io , vi ho pensato

ROCCO:( incoraggiato dalle parole si avvicina) ricordate quando vi ho abbracciato

per ringraziarvi? È come se dentro di me un fluido caldo mi attraversasse tutto!  Io credo che …..

ADRIANA:(Adriana. Gli mette un dito davanti alla bocca) no, non lo dire,potresti pentirtene

ROCCO: pentirmi di dirti che …. mi sono innamorato di te?

ADRIANA: ma come è possibile? ( lo guarda fisso) penso che la stessa cosa  ….. sia successo anche a me!

ROCCO: (si avvicina di più e Adriana si allontana) allora perché …. perchè mi sfuggi

ADRIANA: non lo so .. io   ,hai letto il giornale ( glielo mette sotto il naso) c’è una notizia che credo possa interessarti

ROCCO: interessarmi? Cos’è?

ADRIANA: ( legge) ladri svaligiano l’appartamento di Filippo Balocco  direttore della banca di Roma

ROCCO: ( cerca di contenersi)eh ..eh  che c’è di strano

ADRIANA: C’è di strano che il signor Balocco ieri era vostro ospite a pranzo, lo ha dichiarato nell’intervista

ROCCO: ( prende il giornale, osserva la foto)ah ! si è vero. Oh come mi dispiace! Ma scusa a te che importa?

ADRIANA:vedi,io lavoro in una agenzia investigativa  e …

ROCCO: state indagando su questi furti?

ADRIANA:no .è una cosa mia personale. la curiosità mi ha spinto ad indagare per fatti miei e ho potuto notare che neanche a farla apposta anche la vittima del furto precedente è stato derubato mentre era a pranzo a casa vostra .Ho provato con gli altri ma hanno cambiato città

ROCCO: sarà stata una coincidenza

ADRIANA:  lo spero! Vedi Rocco,ora sono confusa, io ….  Insomma anche tu mi piaci  e ora …..

ROCCO:  … ora capisco, vieni qui ad indagare con la scusa degli aggiusti e brava!

ADRIANA:si è vero ma poi ….. ( gli si avvicina ) qualcosa in me è cambiato io …. ( Rocco , gli volta le spalle) ho capito ….( esce senza in silenzio, Rocco si gira, è tentato di andarli dietro ma poi desiste)

ROCCO: per la miseria!siamo fregati!( chiama Mariella)Mariella ….Mariella ( Mariella esce spaventata(

MARIELLA: ma che è succiese? Cher’è?

ROCCO: simme futtute!

MARIELLA: eh? ma che dici?( entra Carolina)

ROCCO: ah meno male, mammà,chiamme ad Ettorucce e sospendiamo tutto!

CAROLINA:(mette sul tavolo la busta della spesa)ma che staie dicenne?

ROCCO:mammà. Qualcuna ci sta spiando. Ti ricordi la bella ragazza ca è venuta ieri per l’aggiusto? È na investigatrice privata. Era venute pe ce spià, tenche l’impressione ca ha capite o meccanisme!

CAROLINA: O caspite! E come ha fatte

ROCCO: liggenne o giurnale, (Lo prende)ecco qua ,vedi, o direttore e banca ha dichiarate ca steve a pranze addò nuie e che  quanne è turnate   a casa … o saie no? e allora la ragazza, che gia sapeva del furto precedente ha capito che è successo allo stesso modo

CAROLINA:so state concidenze! nun ce stà nisciuna prova

ROCCO: si,ma si succede pur’ogge accussì nun so chiù coincidenze!

MARIELLA: Rocco tene ragione,mammà, fermamme tutte cose!

CAROLINA:nun fermamme niente! Facimme e nata manere

ROCCO: e comme?

CAROLINA: te si scurdate ca Sasà, lavore comme cameriera alla lanterna?

ROCCO: embè?

CAROLINA: mo chiamme a Matalena e le dico do purtà a mangià là! Po e na manere o e nate le fottene e chiave e o colpo o facimme o stesse!

MARIELLA: si ma o gioielliere po sempre dichiarà ca steve in compagnia di Madda e … rischiammo o stesse

CAROLINA: o gioielliere non dirà niente, tene a mugliere in vacanza e nun le conviene e  fa natu scandale!

MARIELLA:  j me mette sule paure ca  facimme tutte quante na brutta fine!

ROCCO: mammà piensece buone!

CAROLINA: è l’urteme! O facimme e basta accussì!Vache a chiamà a Matalena e avviso a Ettoruccio,

MARIELLA:  e nun e può telefonà?

CAROLINA: sti cose nun se fanne pe telefone (a Rocco) tu intante vide e te mettere in contatto cu sta ragazza ca è venute ccà e tienele sotto controlle ( esce)

MARIELLA:o suonne Rocco, o suonne ca m’agge fatte! Tenche a  paura

ROCCO: e suonne so suonne!

MARIELLA: je e suonne ce crere! E l’agge interpretate! A bestia teneve tre cape! a cape coccodrille se mange tutte chelle ca tenimme e chesta sarrà a legge, a capa e puorche ,ce regne e merde e a cape e muorte fa cadè malate a papà!

ROCCO: ( Rocco turbato ma deciso )cheste so fantasie, je esco! ( esce)

MARIELLA:  e je mo che facce? Aspette? Marò me tremme tutta a vita.  ( bussano,va ad aprire ed entra Procopio, ha una fascia in fronte e si tiene la testa ) a Signor Procopio,siete voi? Che volete?

PROCOPIO: vostra madre non c’è?

MARIELLA: viene fra poco, vi serve qualche cosa?

PROCOPIO: vedete, tenche nu male e cape ca me stà rintrunanne nfronte( si siede)

MARIELLA: (Fra  se -le starranne a spuntà e corne!) E io che posso fare

PROCOPIO: sono venuto per vedere se avete qualche compressa po mo fa passà,è quase mezzogiorno e le farmacie stanno chiudendo

MARIELLA: aspettate ca mo veche, ( apre il cassetto delle medicine e cerca) hanna essere chiste ccà, uh ce ne stà une sule, ecco qua, teniteve pure a scatule

PROCOPIO: ( prende la  scatolina) grazie, stateve bone. (esce lentamente mantenendosi la fronte)

MARIELLA: Maronne e comme stà nguaiate! Pare nu fantasime ca cammine ( squilla il telefono e va a rispondere) pronto? Donna Filumè, site vuie? No mammà è asciuta, nun ce stà. Che l’aggia dicere? Ah va buone ce lo dirò, stateve bona ( chiude il tel) boh! Chissà ca vuleve dicere ( entra Alfonso) papà site turnate?

ALFONSO: ca domanda scema! Ma vuie femmene site tutte accusssì? si me vide ccà vo dicere ca so turnate, mammete e gli altri addò stanne, nun se mange?

MARIELLA: si  si mangia ma …. L’ospite nun o tenimme cchiù! Hanne ….. hanne  fatte questione e se so lassate

ALFONSO: assa fa Die! L’ha bucciate primme e mangià!

MARIELLA: e si,avimme sparagnate . Mammà mo vene

ALFONSO: ah si?  e mitte a tavola ca tenche na famme e muorte!

MARIELLA: no! a capa muorte?

ALFONSO: no che?

MARIELLA : no niente, vuleve dicere si subbete! ( entra Carolina)

CAROLINA: ah si turnate?

ALFONSO: pure tu mo? E nun me vide? Jamme mangiamme!

CAROLINA: Mariè prepara a tavule pe tre

ALFONSO: pe tre? E llate?

MARIELLA:  e papà tel’agge ditte ca è zumpate o fidanzamente

ALFONSO: si ma llate?

CAROLINA:  Matalena, se mangiate na cosa e presse e presse ,ed è andata al lavoro mentre Ettoruccio e Rocco so state chiammate  …  pe nu servizie e cucine a nu ristorante

 ALFONSO:   e allore ….allore mangianne! ( Mariella esce e poi entra con gli antipasti e e mangiano)ah che belli antipasti! Ah! nu juorne ca  se mange bbuone e senza aspiranti generi!

MARIELLA:  speranne ca a prossima vota  si o porta  nu fidanzate  nun è pe finta!

ALFONSO: comme sarebbe a dicere?

CAROLINA: niente voleve dicere ca a prossima vota si o porta nun è sule pe capricce ma cu convinzione.

ALFONSO: ah si  certe! Stesse sicure ca a casa mia nun trasene chiù gente fiine a quande nun è sicura! ( squilla il tel e Carolina va a rispondere)

CAROLINA: pronto, si tu Ettorù? Ah si? ah assa fa a Maronne! meno male! va buò vi aspetto a casa!(  A Mariella) tutto a posto, missione conclusa!

ALFONSO: cher’è? Ca staie dicenne?

CAROLINA: niente, ere Ettoruccio, ha ditte che hanno quasi fatto e che il padrone del ristorante è rimasto molto contento  e …pure noi è vero Mariella (apre il cassetto,prende non vista una scatolina )

MARIELLA:  quanne se fatiche buone ce sta sempe o premie( vache a piglià o  primme)

 CAROLINA: statte vado io,e piglie o primme e  pure siconde e dolce,ogge se festeggia!( esce)

ALFONSO: ( A Mariella) ma sta bbona ca cape?

MARIELLA: e comme no chelle è cuntente pecchè Rocco ed Ettorucce hanne truvate a fatica!

CAROLINA: ( serve prima Alfonso)ecco qua,oggi pranzo speciale!( serve Mariella e poi si mette a tavola e ogni tanto ,osserva il marito che mangia) è buone eh?

ALFONSO: quanne cucine Rocco,è sempe buone!

CAROLINA:  e mange ca doppe ce facimme pure nu bellu riposino! Mange mange!

MARIELLA: si nu bello riposino ce vo! ( entrano Rocco ed Ettoruccio) oh, venite venite,( Rocco ed Ettoruccio si siedono)

ETTORUCCIO: ah Mariè,porta a tavule ca tenche na famme e lupe!( Mariella va e torna con i piatti)

ROCCO: a chi o dice!

ALFONSO: ma comme site state a cucina po ristorante e nun avite magnate?

ETTORUCCIO:  ah …. Si … ma chi a toccate o mangià do ristorante! Nuie avimme cucunate buone ma a materia primme nun è chelle accatte mammà!

ROCCO: e’ a casa nostra  o meglie ristorante!

ALFONSO: avite raggione! Ah me so fatte na bella mangiate  e….me sente nu Lione!

CAROLINA: di già?  e va va Lione!

MARIELLA:O lione!  o suonne!

ALFONSO:  ca suonne?

MARIELLA: no vuleve dicere mo ve facite nu belle suonne!

CAROLINA:   e va, avviate ca doppe venghe pur’ie

ALFONSO: ( si alza) vache, buona prosequazione  ( esce)

CAROLINA: allore tutte a poste?

ETTORUCCIO: tutto a posto, Sasà, ha purtate gia tutto o…magazzine e chiù tarde passa  e facimme e cunte

CAROLINA:    e tu Rocco, che fatte cu chella guagliona

ROCCO: e .. e  che agge fatte, l’agge purtate a spasse, nu cafè,quatte chiacchiere e …. E niente ci vedimme stasere pe nata passiata!

CAROLINA:  ne guagliò, ma tu niente niente te ne fusse jute e cape?

ROCCO:  no … no  ma ca dice!  Si  Adriana me piace  ma ….. insomme me piace!

MARIELLA: è partute pure Rocco!

ETTORUCCIO: ( a Rocco)  guaglio ..nun te fa fa! Chesse te scopre tutte e zelle!

ROCCO: e chi parle! No, nun addimmanate chiù niente e chillu fatte. Pe esse era sula na curiosità, mo concidenze ….. nun ce so state!

CAROLINA: si ma statte accuorte o stesse! Beh je me vache arrepusà pur’je nu poche ( esce)

MARIELLA:Ettorù fernisce e mangà ca cew arrepusamme pure nui nu poche, stavote agge avute proprie paure!

ETTORUCCIO:   e pecchè?  Avimme sule cagnate scene ma o risultate è state o stesse!

MARIELLA: si ma tu nun saie o suonne ca m’agge fatte ( entra Madda) ah è turnate pure Matalena!

MADDA: (  si siede e si prende un bicchiere d’acqua) mamma mia e che c’è vulute! A vuie tutte a poste

ROCCO: tutte a poste e a te?

MADDA: mi sono fatta accompagnare alla fermata del bus e sono tornata, voleva per forza portarmi a casa sua, ma io gli ho detto che avevo un impegno di lavoro.figureteve che   ha ditte ca me vuleve fa na sorpresa

M ARIELLA:eh mo a trova bona …a sorpresa!

 ETTORUCCIO: ahh ahhhha! L’avimme rimaste sule o cambie de mutande! Ahhhhh

MARIELLA: (  a Madda) te vuò magnà qualcose?

MADDA: no so piena! Me voglie sule fa na doccia e rilassarme

MARIELLA:  e va fai buone te le si ammeretate!

MADDA:si è? Famme je va casi ce scappe me voglie fa nu sunnarielle ( esce)

ETTORUCCIO: (a Mariella)a proposite do sunnarielle che stive dicenne

MARIELLA:  ah si ,lagge cuntate a Rocco ( suona il tel. e va a rispondere)pronto, si a site ancore vuie,si mammà è venute, ha pure mangiate e mo è andata nu poche a liette. Comme? Donna Filumè nun agge capite ,venite chiù tarde? E venite che v’aggia dicere ( chiude il tel) ma chi a capisce a cheste! Ha chieste si mammà ere soddisfatte mah?

ETTORUCCIO: lassa stà! Allore stu cunte?

MARIELLA:   e fernute e magnà? E viene, viene jammuncenne areppusà ca po to conte

ETTORUCCIO: uhmm e… jamme ( escono insieme)

ROCCO: eh! ca chi se riposa a destra e a chi a sinistra e je fosse o sceme ( si alza) mo nu poche e ripose mo facce pur’je ( fa per andare ed entra Carolina) e cher’è gia avite fatte?

CAROLINA: magari! nun agge putute !

ROCCO :state ancore chine e adrenalina, è o nervosisme !

CAROLINA: si è o nervosisme e si me capite pe mane chi sacce je …..a strozze

ROCCO: ma cu chi ce l’avite, che è succiese? ( suonano alla porta, va ad aprire ed entra Filomena)

CAROLINA: ( uno sguardo al cielo) grazie Patatè! Viene viene ( fra se -ca mo t’acconcie pe feste) Rocco, vatte arrepusà va

ROCCO: si ma ….. ( la mamma gli fa segno di sloggiare) e  vache  vaache ( esce)

CAROLINA:donna Filumè , v’hanna accidere!ma che caspite e pinnule m’avite date

FILOMENA: ma pecchè nun ha fatte effette?

CAROLINA: e comme no! mariteme sta ancora a fa  a guardie o cesse!

FILOMENA: possibile? ( apre il boccettino e le mostra ) je chiste v’agge date e v’assicure can un fallischene o Santu Die, je me penzave ca v’avesseve fatte na bella rinfrescate e invece

CAROLINA: e invece me so sule avvelenate!

FILOMENA: ma … avisseve sbagliate pinnule?

CAROLINA: ( li guarda) però mo che ce penze o culore nun ere chiste, Donna Filumè me sa che m’avite date e pinnule e vostro marito! una purga al giorno leva il medico di torno!

FILOMENA:ma guardate buone addò l’avite mise pecchè so sicure ca chiste v’agge date ( bussano alla porta, Carolina,apre  ed entra Ornella)

ORNELLA: oh scusate,pensavo che…

CAROLINA: si cercate  Rocco, nun ce stà!

ORNELLA:  no veramente, so venute pe ve ringrazia

CAROLINA: uh e pecchè?

ORNELLA:  chella pillule po male e cape ca Mariella a date  a mariteme è stata miracolosa! ( Filomena e Carolina si guardano) nun sule le passate o male e cape ma …..l’ha scetate tutte cose! Pareve nu vulcane! Donna Carulì  me dicite comme se chiammene?

FILOMENA:  ( Carolina sottovoce ) je ve l’agge ditte c’avite sbagliate

CAROLINA: (si rende conto della situazione ) ah  e…. ma vi dovete stare attenta ,ci dovete dare la dose giusta se no le porta  altre  conseguenze

ORNELLA:  se po  pure  sentere male?

FILOMENA: no … no nun se corre rischie basta usà a dosa giusta!

CAROLINA:facimme accussì,io ve ne do n’altra, voi vedete se è stata a pillule oppure è stata na coincidenza ( prende uno scatolino , tira fuori una pillola e gliea dà) ecco qua

ORNELLA: grazie, però se funzione   ancora mi dovete dicere comme se chiammene!

FILOMENA: ma si ca funzionen se chiamm( Carolina gli pesta un piede)ahhhhhhhh ( s i mantiene il piede e si lamenta e fa il giro della tavola)

CAROLINA: oh scusate donna Filumè! Jate signora Ornella, che mo la soccorro io

ORNELLA: grazie, grazie a dopo ( esce)

CAROLINA: eh  si! a doppe a tutte cose,  mo le faceve pure o piacere da fa addecrià!

FILOMENa: ( si massaggia il piede) ahia ….  M’avite azzuppate, ma che  pillule ci avete dato

CAROLINA: vuie m’avite ditte che era nu segrete? Ed je l’agge mantenute! Lagge date na pillule purgative ad effetto immediato!

FILOMENA: uh povere marite! Avite ragione,avite fatte buone, si no chelle sapeve tutte e fatte nuoste! ( prende il boccettino e da una pillola a Carolina) e stavote nun sbagliate!

CAROLINA: stavote,mo tenche care care! ( se lo mette nel portamoneta)

FILOMENA: ma o mutandone ,me l’avite sistemate?

CAROLINA: avitece pacienze nun ancore, venite domani e lo trovate fatto

FILOMENA: m’arraccumanne, facitele nu buone rinforze , pezza e lino e filo doppio!

si no stamme a punte e  a cape

CAROLINA: nun ve preoccupate ci penso io

FILOMENA: e allora stevi bene e  …… dateve  fa ..ahhh ahhh ( esce)

CAROLINA: povere Alfonso,ave ragione puverielle!( entrano Ettoruccio e Mariella)

MARIELLA: ma che è succiese, agge sentute  e gridà

ALFONSO : ( da dentro) Carulì …Carulì ..viene subbete

CAROLINA: niente,nun te preoccupà, je vache , sta chiammane patete, me sa che a fernute a carta igienica!( esce)

ETTORUCCIO: viate a isse! Je so due juorne che nun ce vache!

MARIELLA: e t’agge date pure  na pillola purgativa a effetto immediate!

ETTORUCCIO: ma che , chella ma sule ammusciate!

MARIELLA: me ne so accorte!( bussano alla porta ,Mariella,va ad aprire ed entra Sasà che ha in mano una borsa)

ETTORUCCIO: viene Sasà. Allora? tutto sistemato?

SASA’: tutto a posto.

MARIELLA: e assettete và, ca mo facce o cafè?

SASA’: me lette dinte o pensiere,nu belle cafè . è chelle ca c vo? Rocco ?

ETTORUCCIO: sta dinte, te serve?

SASA’: e si avimme fa chillu servizie,o ragioniere da famiglie è isse!

MARIELLA: Ettorù e chiammele va . a mentre facce o cafè

ETTORUCCIO: speranne ca nun sta a durmì si no mo becco qualche vaffa…( esce)

SASA:Mariè, a che stamme cu Maddalena, ce parlate chiù?

MARIELLA: sissignore ci ho parlato ma tene a capa aute e tu o saie! Ho provato in tutte le maniere e finalmente…. se decise! ha ditte ca te vo bene  e….

SASA’: se decise?  Me vo bene? ( muove nervosamente il sigaro in bocca)

MARIELLA:  si! comme a nu frate Sasà, comme a nu frate! E basta.

SASA’: ( si morde il labbro ed urla)   ahhhhhh!!!e….. allora …allora m’aggia rassegnà?

MARIELLA: ( annuendo)rassegnati Sasà, Rassegnati ( entrano Rocco ed Ettoruccio)

ROCCO: oh avite fate a spia ca me steve arrepusà eh!

SASA: scusate maestà,ma quanne si devono mettere certe cose a posto meglio subito che dopo

ETTORUCCIO: si,è meglie ma avimme essere presente tutte quante

MARIELLA: mo chiamme a Mammà e Matalena e vedimme se si può ,nun ve scurdate ca papà sta a chill’atte ( esce)

ROCCO: tene ragione .si papà sta scetate nun se ne fa niente ( entra Madda e Mariella)           

MARIELLA: mammà mo vene,pare ca papà se stà arrepusanne

SASA: meno male!(prende la borsa e la mette sul tavolo)colpo finale, colpo grosso!

ETTORUCCIO: ne teneve e brillante in casa! ( entra Carolina)

CAROLINA: ( facendo segno di stare zitti) ssshhhh parlate chiane si o se scete.

SASA’: (sempre roteando il sigaro in bocca)bellu colpo donna Carulì!  Levanne e spese so Trentamila euro!( consegna la busta a Carolina)

CAROLINA: bene, a questo punto,a ognuno la sua parte, Rocco damme na mane  ( si avvicinano al mobile,lo spostano, e dal retro , Carolina sfila una busta. Poi risistemano il mobile)ecco qua,ora mi dovete dire che ne volete fare

SASA’: io mi prendo la mia parte e mi apro il negozio di barbiere, so stufe e fa o guaglione a don Vicienze!

ETTORUCCIO: io ,Rocco e Maddalena,siamo già d’acccordo, apriamo un piccolo ristorante pizzeria e ci mettiamo in proprio!

CAROLINA: Rocco: conta  e fa le parti ( Rocco conta i soldi ,mentre tutti guardano e ripetono sottovoce, Appare Alfonso  dalla comune che si ferma non visto e ascolta )

ROCCO:( fa tutti i mazzetti e li depone sul tavolo)sono 136000 euro!

MADDA: (con sorpresa) no! avimme fatte tutte sti sorde!

ETTORUCCIO:  a facce de fesse ca ce so carute! Si nun ce fossere state e spese avesseve fatte chiù e duecentomila euro

SASA’: però si deve ammettere che l’organizzazione è stata perfetta! Madda, bravissima  a fare abboccare i pesciolini, Mariella a scipparle e chiave ed io ed Ettoruccio,in quatte e quatte otte a pulizzarle e case! Organizzazione perfetta!

CAROLINA: pure a regia! Nun te scurdà e pezze che agge dovuto mettere!

ROCCO: e je e pranze c’agge priparate!( Alfonso, batte un pugno fortissimo sulla porta ed avanza come uno spettro. Tutti,si voltano verso la comune sorpresi e spaventati

ALFONSO: ( tiene un dito accusatorio alzato)delinquenti,mariuoli…..traditori! Tutte quante m’avite tradute! (punta il dito su Madda e poi su tutti) tu,mo se spieghe tutte cose,i fidanzate,e pranze,tu! Malafemene! Ecco chi tenche pe figlia, na malafemmena!

MADDA:  te sbaglie papà, je non me so maje vennute! Je l’appenneve sulamente!

ALFONSO: je v’appennesse a tutte quante! Avite disonorate a casa mia! M’avite distrutte! Pe tutta a vita ,v’agge mparate a essere persone oneste e chiste è o risultate!E tu ( a Ettoruccio) e (indicando Sasà)  e  chistatu fetente ..mariuole!( si volta vero Mariella) a mugliere e nu mariule!( va verso la moglie) 35 anne e matrimonie, na vita sana e mo te canosche a viramente! Carulì,o tradimente tuoie ,è chille ca me fa chiù male dinte o core! Tu a nu figlie to può aspettà a nu genere ,sicuramente ma a na mugliere che le vulute bene e ta vulute bene pe na vita intere no! No! chessa nun m’aviva fa! ( si avvicina al tavolo ,e butta i soldi per terra come un ossesso poi  disperato si mette le mani in testa) chesta nun m’aviva fa! ( comincia a sbandare e prima che si affloscia a terrra ,Rocco lo sostiene)

ROCCO: aiutatemi, mettiamolo sulla poltrona ( lo adagiano sulla poltrona)

CAROLINA: ( cerca di farlo rinvenire) nu poche e acqua, dateme nu poche e acqua,( gliela spruzza sul viso ) Alfò…alfò…( Alfonso farfuglia e Carolina con la voce rotta dal pianto) chiammate o miereche, facite ambresse!

MARIELLA: ( va al tel.) pronto dottor Gargiulo,presto veite a casa papà nun stà buone! ah   e va bene   si ,si ma ambresse! Sta venenne nu sostitute ( raccoglie i soldi  li rimette nella busta e li porta via)

CAROLINA: Alfò, p’ammore e Die nun me fa mettere a paure, arrepigliete!parle, di qualcosa uh maronne se fatte tiseche tiseche

ETTORUCCIO: che adda dicere ,è svenute !

ROCCO: dateme na mane e purtammele ncoppe o liette, si stà distese ,è meglie(  lo aiuta Ettoruccio  insieme a Carolina lo portano via)

SASA’: ( si avvicina a Madda)  mi dispiace… povere don Alfonso ma po pechhè sa pigliate accussì tante!

MADDA:  pecchè tu nun può capì! Papà, è na persona onesta e fin da piccoli ci ha insegnati ad esserli anche a noi e mo è comme l’avesseme date na curtellate dinto o core!( bussano alla porta va ad aprire ede ntra Enrico con la sua borsa da medico)siete il dottore?

ENRICO: ( giovane medico sui trent’anni) si …si  cosa è successo?

MADDA: venite venite di qua( escono dalla comune)

SASA: ( si siede sul divano)mah……uno poi si deve sentire male  per certe cose!( bussano alla porta , vedendo che non va nessuno, va Lui ed entra Adriana)

ADRIANA:Buongiorno,c’è Rocco? Sasà(rimane sorpreso ) che vi siete incantato?

SASA’  :   ( fra se-Quante è bona!) ah ,eh ….si si c’è..ma in questo momento ,è .occupato,io sono Sasà ..un suo amico

ADRIANA: piacere Adriana

SASA:( muove il sigaro da un aparte all’all’altra dela bocca  e si morde il labbro)  ahi!!!!!! Adri…Adriana,ah..  ah ..ah!!

ADRIANA: che vi succede? Sembra che avete visto un fantasma

SASA’: niente mi sono morso la lingua….voi siete quindi l’amica  di Rocco..l’investigatrice…!

ADRIANA: vedo che vi ha parlato di me

SASA’: e come no! accomodatevi,…siete venuta in momento poco piacevole ma ora l’avverto che siete qui

ADRIANA: è successo qualcosa?

SASA’:Don Alfonso,il papà di Rocco non si è sentito bene e ora sono tutti di là con il dottore  (dalla comune entrano  come in processione Alfonso,sorretto da Rocco ed Ettoruccio,poi Carolina, seguita da Mariella, Enrico e Madda. Alfonso, viene adagiato sulla poltrona e non fanno caso ad Adriana che nel frattempo si era defilata)

CAROLINA: dottò, va bene qui?

ENRICO: sta benissimo

CAROLINA:  se lo dite voi, a me pare na statua e cere!

ENRICO: non vi preoccupate, vostro marito fisicamente sta bene! Purtroppo,ha avuto un blocco psicologico per cui la mente è come se fosse a riposo, ecco il motivo per cui deve stare qui e non a letto. Deve stare sempre in compagnia, sentire le voci,altrimenti non si sbloccherà mai

MARIELLA: dottò e quanne se sblocca?

ENRICO: ci vuole un po di tempo e qualche medicina. Ora vi lascio, se qualcuno di voi viene nel mio studio, gli do delle compresse che il paziente deve assumere due volte al giorno

MADDA: ( con voglia) vengo io dottore

ENRICO: bene ,allora andiamo, mi raccomando non deve stare mai solo,sempre qualcuno a fargli compagnia e a parlargli.. Andiamo ( esce insieme a Madda)

CAROLINA:  e chi lo lascia solo! Avete visto io ve lo avevo detto ed è successo!

SASA’: ( temendo che Carolina continui la blocca con un braccio) Rocco, qui cè Adriana.( Adriana si fa avanti)

ROCCO: Adriana, sei qui?

ADRIANA:  ero venuta a chiamarti come d’accordo mi  dispiace per tuo padre …se non puoi..non fa niente

ROCCO: non ti preoccupare,ora usciamo, tanto lo hai sentito, Papà sta bene,deve solo..sbloccarsi e qui in casa la compagnia è già abbastanza, non è vero mammà?

CAROLINA: si si signorina è così andate … andate

ADRIANA: come volete, spero che vostro marito, si riprenda al più presto

ROCCO: mammà allora noi andiamo se è qualcosa mi chiami ciao  ( escono)

CAROLINA: e chi l’aveve viste a chelle!

MARIELLA:  meno male che nun e ditte niente

CAROLINA: eh pe poche nun faceve nata frittata, Mariè fa na cosa sisteme nu poche a casa ca nun se po maie sapè

MARIELLA:si e raggione,Ettorù, famme nu piacere,passa nu poche po scarpare e vide si ma sistemate e scarpe bone.

ETTTORUCCIO: si mo vache , aggia piglia pure nu pacchette e sigarette  Sasà, viene cu me?

SASA:  e jamme. A proposito ma e sorde?

MARIELLLA: tutte a poste l’agge sistimate je,mammà ja ccummince a sistemà e case e liette ( esce)

SASA’: va buò e jamme ( escono)

CAROLINA: ( si  avvicina ad Alfonso che continua a fissare il vuoto) Alfò …alfò e scetete a stu brutte suonne, jamme ( gli accarezza  il viso) Alfò,te voglie bene….e ja scetete ( si volta verso l’immagine della Madonna) Marunnella mia ,aiuteme,damme nu segne e speranze ( bussano alla porta,rimane sorpresa, poi ribussano)agge capite nun staie bussanne tu ( va ad aprire ed entra Ornella e Procopio)

ORNELLA: donna Carulì, Simme venute pe na parole e cunforte avimme ncuntrate Maddalena con il dottore e ci ha detto di Don Alfonso,come stà?

CAROLINA:   e come deve stare, sta bene ma…..  ( con singhiozzo di pianti )  nun parle….nun dice niente! È comme si nun ce vedesse e nun ce sentesse!

PROCOPIO: uh e comme me dispiace!  Allore è paralizzate?

CAROLINA:no, nun è paralizzate ..ma nun se move…..( Alfonso comicia non visto a muovere gli occhi e la testa,poi si riblocca e quando non visto si muove)

ORNELLA:  che disgrazie, pure a nu colleghe e mio marito succedette a stessa cosa

PROCOPIO: sule ca puverielle doppe tre juorne se facette a cartella ( Alfonso fa le corna)

CAROLINA: Procò ma che dicite! E meno nale ca site venute pe me cunfurtà!

PROCOPIO: si ma comme se dice ca a chiovere e a murì nun ce vo niente ( ancora corna di Alfonso)

CAROLINA: azze Procò, pensate a vuie chiuttoste

PROCOPIO: e pecchè a me nun me steve a capità? Stammatina pe poche nun mureve

ORNELLA: è  vero donna Carulì,a doppe ca sa pigliate o pinnule po… male e cape l’agge truvate svenute ncoppe a tazza do cesse

CAROLINA: effetto immediato! Sarrà state nu cale e pressione.Ma po le passate?

PROCOPIO: a cacarella si ma o male e cape è rimaste

CAROLINA: (Fra se, voltandosi) e chelle so e corne! ( rientra Madda) Matalè,e purtate a  medicina?

MADDA: (  apre la borsa e tira fuori una scatola) ecco qua mammà. Mi raccomando una adesso e l’altra stasera.

CAROLINA: ( prende una compressa e l’acqua , si avvicina a d Alfonso e con pazienza gliela fa prendere)su ..ingoia…e su ..piano piano.  Ah! E speramme che le fa effetto!

ORNELLA:  a sti farmece e ogge nun ce se po je appriesse e vote funzionene e vote no!

CAROLINA:  e che ce vulite fa

MADDA: mammà io esco, ci vediamo stasera

CAROLINA:  addo vaie?

MADDA: è   na sorpresa mammà ca si tutte va buone….. ciao mammà  ( esce mentre entra Filomena)

FILOMENA: (  entra guarda, Alfonso e poi gli altri) marò allore è overe? Je nun ce vuleve credere quanne ma ditte a portiera,povere Don Alfonse……

CAROLINA: fra poche o sape tute Napule ca mariteme sta bloccate!

FILOMENA: ( si avvicina d Alfonso e gli tocca le gambe) uh mamma mia donna Carulì chiste è sicure l’effette do pinnule invece e na cosa sola l’ha fatte ntisicà tutte quante!

ORNELLA: je ve l’agge ditte, e pinnule e ogge acconcene na cose e ne scassene ciente!

CAROLINA:nun sa pigliate nisciune pinnule!anze facinne na cosa( va verso il mobile ,prende la compressa e la dà ad Ornella) tenete, chesta è a bona, primme mi ero sbagliata e v’agge date na pinnule purgativa, vedite ca cheste po male e…..cape funzione! O nomme po vo facite dicere a donna Filomena

PROCOPIO: vuleve dicere je ca o male e cape nun me passave!

ORNELLA: grazie …grazie donna Carulì

CAROLINA: grazie ma ….. (gli si avvicina ) finisce qui ,   ce simme capite?

ORNELLA: si…. e comme no! andiamo Procò, viene ca o male cape cu cheste te passe sicure, stateve bone e speramme ca Don Alfonse si rimetta….. jamme Procò

PROCOPIO: stateve buone e….stateve attiente a Don Alfonse si passene e tre juorne ,è salve e si no  ( fa per andare facendo il segno e Alfonso non visto,alza una gamba e gli mette lo sgambetto. Procopio inciampa e cade per terra) ahia  ahia la gamba….ahia  

ORNELLA: si o solite mbranate! ( lo aiuta ad alzarsi)camina jammuncenne ( escono con Procopio che si lamenta)

FILOMENA: donna Carulì, site na femmene e core! Je me ne vache e spere tante ca don Alfonse se sparalizze! Facite na cosa, chillu mutandone jettatele,a mariteme ci accatto il nuovo, stateve bone ( esce)

CAROLINA: mo vide ca va pezzenne! ( si avvicina a d Alfonso che fa sempre finta di essere ancora bloccato) Alfò.comme te siente, Alfò, e rispunneme! Si o sacce, tutte quante t’avimme tradute, ma è state pe necessità,( lo accarezza con voce lamentosa) si tiene raggione,l’onestà nun s’accatte, quanta vote ce le ditte,ma nuie nun puteveme accattà chiù niente.sei perzone e nuie ca campaveme cu 900eure. Treciente e affitte, tasse a vuluntà , pe magnà pane e mortadelle e pe vestì  niente e allore l’avimme penzate e fatte! Perdoneme Alfò! O sacce, si stisse buone me dicisse e restitui e  sorde arrete  ma nun pozze Alfò, ormai è tardi! Nun pozze fa je ngalere e figlie miei!, e scetete  e dille na parole.te voglie bene Alfò! ( Alfonso accenna a  svegliarsi) si …si scetete Alfò!

ALFONSO: Carulì ma .. ma che è succiese? Me sente… tutte sciarmate….che è succiese me so addurmute?

CAROLINA: ( verso il quadro)grazie Marunnè….grazie. si Alfò te si addurmute! Mariè viene, patete se scetate,puortele o cafè! (Quando entra Mariella .cerca di farle capire a gesti che il padre non ri ricorda più niente)

MARIELLA: papà, comme ve sentite?( l’abbraccia mentre Carolina continua a gesti e infine capisce ) ce vuleve na bella durmute eh! mo ve porte nu bellu cafè

ALFONSO:  e fatte qualcose e male ca m’abbracce? Eh?

MARIELLA: no papà,accussì…(  si volta verso la mamma con le lacrime agli occhi)accussì

ALFONSO: Carulì,t’arrecuorde eh? ( indicando Mariella)quanne ere guagliole e faceva na marachelle invece e scappà…m’abbracciava

CAROLINA:Alfò, chelle ere preoccupate ca primme e t’addurmì nun te si sentite troppe buone

ALFONSO: io? E chi s’arricorde Carulì (entra Ettoruccio, Mariella  gli va incontro e  con la scusa del bacetto ,di nascosto gli  sussurra qualcosa) eh tua figlia ogge sta cuntenta!

ETTORUCCIO: ciao papà, ve l’avite fatta a durmute eh!

ALFONSO: e quanne ce vo.. e Rocco e Maddalena

MARIELLA: ( ad Ettoruccio) e viste, nun s’arricorde chiù niente! O blocco l’ha cancellate tutte cose

CAROLINA: so asciute,ma mo vide comme tornene.(  entra Madda insieme ad Enrico) e viste Matalena già sta ccà ( Madda ed Enrico si avvicinono ad Alfonso) ah è venuto pure o duttore, venite accomodatevi dottò  ( si avvicina a Madda e gli sussurra qualcosa)

ALFONSO: o duttore? Pecchè sta male qualchedune?

MADDALENA: ma no papà e sula na visita e cortesia, e vero Enrico?

ENRICO: ( un po confuso) si è una visita di cortesia

ALFONSO:   ( guarda Madda con sospetto) ah … di cortesia… Carulì,  nun è ca o tenimme ospite pe cena?

CAROLINA: Ma no, il dottore era venuto prima perché avevi avuto una ….una

MARIELLA:una male digestione e così…..è venuto per controllo

ALFONSO: duttò, nun ve preoccupate ,sto buone

ENRICO: lo vedo  e mi fa piacere e  se è così….posso anche andare

MADDA: si , si  , mammà io torno subito, accompagno il dottore   e torno , andiamo Enrico?

ENRICO: si cara andiamo  ( escono)

ALFONSO: ma.. ho capito bene? Cara? O sapeve je stamme a punte e a cape!

CAROLINA:  no, nun po essere…..  anze po essere…..po essere che chesta e a vota bona!

ALFONSO: noo! Nun ce crede!  Me venute nata vota  o male e panze Mariè, accumpagneme..( Mariella lo aiuta ad alzarsi ) basta Carulì e capite? ….. basta!!!!!!!! ( escono)

CAROLINA:( risoluta)  si basta! Ettorù, mo che vene Rocco, piglia a parte ca tocca a Sasà e dancelle. Da oggi in poi……si torna all’antica

ETTORUCCIO:si mammà, avimme rischiate abbastanza, mo è venute o mumente e fa nata vota e cose onestamente ( entrano Rocco ed Adriana)

ROCCO: e papà comme stà… ( si guarda intorno) addo sta?

CAROLINA: mo viene, sta buone,  se scetate all’improvviso e tutte chelle ca è succiese primme  e se bloccà nun s’arricorde chiù niente! Mo ce sta Mariella cu isse,  ( ad Adriana) signurì, si site venute pa camicetta, ogge manche e cose, avitece pacienze

ROCCO: mammà …Adriana sa tutto!

CAROLINA : comme sarebbe? Che cosa sa … ah e papà che ha avute o blocche e va buò che fa

ROCCO: no mammà. Sa tutto! Adriana è una ragazza molto intelligente,ha capito

CAROLINA: ha …capito ..tutto? ma ..proprio tutto tutto?

 ROCCO:  si mammà, un po’ aveva capito e un po gli ho confessato tutto

 ETTORUCCIO:  uh San Gennare mie!

CAROLINA:tu e confessate tutto e pecchè?   e mo? Mo… ca succede?

ADRIANA : niente, nun succedarrà niente! Io e  Rocco ci amiamo, ha confessato perché quanne  due se vonne bbene,bugie nun hanne esistere!  Agge capito pecchè l’avite fatte e… Rocco ma prumesse che  non succederà mai e mai più

CAROLINA: nun succcedarrà mai più! Adrià, fatte abbraccià! Da oggi pe te so comme na mamma ( si abbracciano mentre entra Alfonso e Mariella ) Alfò, Mariè, chesta è a fidanzata e Rocco, è na bona guagliola

ALFONSO: e spere cu tutto core ca è accussì! ( si abbracciano e poi lo stesso con Mariella)

CAROLINA :  Mariè, apparecchia a tavule e tu Adrià, stasera ceni con noi, da oggi si da famiglia ( entra Madda)vieni Maddalè, cheste è Adriana a fidanzate  e Rocco!( Mariella mette a tavola vino e bicchieri

MADDA:  che bello! ( abbraccia Adriana) comme so cuntente!Mammà, Papà, v’aggia dicere pur’je na bella cosa,v’arricurdate a vincita che agge fatte o banculotte?

ALFONSO: Embe?

MADDA: Papà, je nun aveve fatte o lampe ma o terne!

CAROLINA: (  fingendosi sorpresa) o terne? Uh Maronne ! e quante e vinte?

MADDA: abbastanza pe ce fa  arapì nu piccolo ristorante !

CAROLINA:  uh che bella nutizia! Brava figlia mia! ( l’abbraccia)

ROCCO: e viste papà?

ETTORUCCIO: io o diceve sempe ,Matalena ,è furtunate!

MARIELLA: che bella cosa eh papà? Finalmente putimme ascì a dinta a miseria!

CAROLINA: (  vedendo Alfonso pensieroso) Alfò, pecchè nun dice niente

ALFONSO:  ma sta dicenne overe? Je pare can un ce crede

CAROLINA:    è a  verità!, dicelle pure tu Matalè che è a verità

 MADDA: si papà chesta è a verita!

ALFONSO:a verità ? ehh si! Tutte quante simme brave a dicere a verità ,chella verità che llate se vonne sentì e dicere pe stà mpace ca cuscienza ma e vote a realtà ca te truove a campà è troppe pesante e o dulore è troppe forte  e  a verità  è pure tanta scommode!  E … allora nu pover’omme che adda fa,po bene da famiglie, fa finte ca tutte va buone ,che è felice e serene  ma…..chiste pe furtuna nun è o case nuoste ( guardando la moglie.l) è vero Carulì?( Carolina mestamente annuisce) allora…. sapite ca ve diche? ( Versa il vino in un bicchiere, lo  alza) facimme nu belle brindisi  rignite e bicchiere pure vuie( eseguono)  Alla prosperita di questa famigli,alla verità e all’onestà ca nun v’adda chiù lassà!  alllora ….. ( bussano alla porta , Mariella , va ad aprire ed entra Enrico mentre  gli altri rimangono tutti fermi con il bicchiere alzato )

 MADDA: vieni Enrico, entra!

 ENRICO: io veramente, non vorrei disturbare

MADDA: ma dai quale disturbo, Papà, to pozze chiedere nu piacere?

ALFONSO:   e comme no?

MADDA:  stasera agge nvitate Enrico a cena!

ALFONSO:  nata vota?  e accuminciamme da cape  mo!

MADDA: papà …. ( abbraccia Enrico) stavote è pe sempe!

ALFONSO:( guarda gli altri ,con rassegnazione apre le braccia) Carulì tu ca dice,lo mettiamo ai voti?

TUTTI: ( alzando i bicchieri in alto ) promosso!!!!!!!!! ( si abbracciano tutti)

FINE DELLA COMMEDIA

                                                                                                                       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno