Sotto a chi tocca…

Stampa questo copione

SOTTO A CHI TOCCA...

Tutelato dalla S.I.A.E.

                                                                                     Teatro Comico Napoletano

SOTTO A CHI TOCCA...

Atto unico

 di

Colomba  Rosaria Andolfi

(1993)

Non sono consentiti adattamenti, riduzioni, modifiche del testo, variazioni del titolo.

Questo atto unico risale al 1993. La prima stesura di questo testo è stata depositata alla SIAE l’11 maggio 1993. È stato portato in scena per la prima volta il 27/2/1994 al Teatro Nuovo di Napoli dalla Compagnia Il Guazzabuglio.  

Tutelato dalla S.I.A.E.

                                                                                     Teatro Comico Napoletano

SOTTO A CHI TOCCA...

Atto unico

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1993)

Personaggi

DOTTORE STARNUZZO, ginecologo

PEPPINO, uomo di fatica dello studio

SIG.RA MIMOZIO DEGARDA, paziente

GIOVANE DONNA (Mariella), paziente

DONNA A, paziente incinta

DONNA B, paziente di mezza età

DONNA C, paziente incinta

RAGAZZA, paziente formosa e piacente

SOTTO A CHI TOCCA...

Atto unico

di

Colomba  Rosaria Andolfi

(1993)

        La vicenda si svolge in un pomeriggio d’inverno del 1993 nella sala d’attesa di uno studio medico convenzionato. Sulla parete frontale una libreria. Sulla parete sinistra, guardando il palcoscenico dalla sala, una porta che dà nella stanza del dottore e più in fondo la comune; nell’angolo un attaccapanni a bracci dove è appeso un camice bianco. Al centro della scena, verso destra, sette sedie formano una specie di angolo salotto (tre sono rivolte verso il pubblico, due sono poggiate alla parete destra e le altre due sono sulla sinistra. Davanti alle sedie un tappeto con un tavolino sul quale vi sono alcune riviste. Sulla parete destra, fra le sedie frontali e quelle laterali c’è una piccola scrivania disposta di traverso a favore del pubblico. Sulla scrivania: campanello con batacchio, calendario da tavolo, blocco notes, penna e fogliettini numerati. Alle pareti dei quadri senza pretese.

                                   

  Sul tavolino è poggiato un panno per la polvere.

          

  Peppino, uomo di mezza età, ignorante e malandato, sta spazzando con una vecchia scopa; al collo ha una sciarpa di lana.

PEPPINO (finisce di spazzare alla meglio, solleva un lembo del tappeto e vi nasconde sotto l’immondizia): E pure chesto è fatto. (Starnutisce) Che friddo!... Chisà ca nun tengo pure ’a freva.

          

        Bussata di porta (campanello)

PEPPINO (guarda l’orologio): Nun ’o vvonno capì c’hanno aspettà abbascio!

        Altra bussata di porta (campanello)

PEPPINO: Uffà, mò accumminciammo! (Esce di scena dalla comune con la scopa in mano - voce fuori campo) Stu corridoio m’ ’o fanno fà cinquanta vote.   

SIGNORA M. D. (molto elegante, con guanti e cappello, con fare invadente entra nella sala d’attesa, precedendolo): Oh, meno male, non c’è nessuno! ... (Si sfila i guanti) Il dottor Starnuzzo è già in studio?

PEPPINO (senza più la scopa - ironico e flemmatico): Sì, stà aspettannno a vvuje ! ...  Signo’, ’o duttore nun è ancora arrivato! ... ’O studio arape ’e cinche e mò so’ appena ’e quatto e mmeza…  Nun ve pozzo fà trasì… Scennite abbascio ’o palazzo e saglite doppo ’nzieme all’ate… Accussì ve pigliate ’o nummero, v’assettate ccà e aspettate tantu bello ’o turno vuosto.

SIGNORA M. D.: Ma si farà troppo tardi! ... Io stasera ho il conchèn a casa mia!

PEPPINO: Cochè?

SIGNORA M. D.: Non importa, buon uomo... Pazienza! ... Dite al dottore che ci vedremo in seguito.

PEPPINO: Ma pecché ’o duttore ve canosce?

SIGNORA M. D.: Oh, già, è vero, non mi sono nemmeno presentata! ... (Giocherella con i guanti) Sono la signora Isabella Mimozio Degarda… Avrei conosciuto il dottore in questa sede.

PEPPINO (frastornato da tanta prosopopea e da quel modo di parlare): Io songo ’o sicritario... Si vulite, ve pozzo prenutà na visita a pagamento pe’ martedì o giovedì, accussì nun aspettate, pecché ve scrivo pure l’ora.

SIGNORA M. D.: Oh, non è il caso…  Ero venuta soltanto per un piccolo consulto…  Vorrà dire che tornerò fra un’oretta al massimo. Sono sicura che il dottore mi riceverà.  Non scomodatevi! Conosco la strada (esce di scena - voce fuori campo) Buonasera.

PEPPINO: Bonasera...  M’ha sturduto… (Prende il panno della polvere e inizia a spolverare una sedia - si ferma e scimmiotta la signora che è uscita)  Songo la signora Mamozio ’e carta.  So’ venuta add’ ’o duttore pecché tengo ’o singulto… No, nun pozzo aspettà pecché stasera ’a casa tengo nun saccio che… Torno fra poco cu Lauretta e Massimo. (Guarda l’orologio sul polso) Madonna è quase ora!

        Squilla il telefono nella stanza accanto (sei trilli).

PEPPINO: Sona sò, tanto io nun rispongo… (Spolvera alla meglio un’altra sedia) Basta accussì… Si ce stà nu poco ’e povere, ’a levano lloro cu ’e cappotte.

        Altra bussata di porta

PEPPINO: Vengo, vengo!.. Nu mumento!

GIOVANE DONNA (voce fuori campo): Scusate tanto… Permettete?...

PEPPINO (voce fuori campo): Prego (la precede in scena). 

GIOVANE DONNA (di aspetto gradevole, orecchini d’oro a cerchi): Vuje, site ’o segretario… È overo?

PEPPINO (lusingato e ammirato): Sì, songo propeto io!

GIOVANE DONNA: Nun me dicite niente! ... ’O ssaccio ca nun avite aperto ancora ’o studio… ma, ve prego, cercate ’e me fà passà primma.

PEPPINO: Signora mia, io ve vulesse accuntentà, però sicuramente ce stanno ll’ate primma ’e vuje.

GIOVANE DONNA (gli mette con garbo in mano una banconota da cinquemila lire): Vedite ’e m’accuntentà… Mio marito è geluso… Aggi’ ’a turnà ’a casa primma ca isso arriva.

PEPPINO (dà una sbirciatina alla banconota): Facimmo accussì, trasite già int’ ’a stanza d’ ’o duttore…  Cu isso ce parlo io e si ’a gente s’allamenta dico ca… vuje site na parente d’ ’a soja, venuta ’a fore... Jate!... Chella è ’a porta (le indica la porta che è in scena).

GIOVANE DONNA: Grazie, grazie assaje! (varca la porta ed esce di scena).

       

        Peppino chiude la porta della stanza, guarda la banconota contro luce e la mette in tasca.

       

 Altra bussata di porta

PEPPINO (prende il panno per la polvere e va ad aprire): Ccà nun ce stà pace!  (Voce fuori campo)  Ah, duttó, bonasera!

DOTTORE (in giacca e cravatta, entra in scena, seguito da Peppino): Peppì, ce stanno nuvità?

PEPPINO (nasconde lo strofinaccio sulla sedia dietro la scrivania): Ccà ’e nnuvità nun mancano maje! ... È venuta na signora tutta alicante, na certa Mamozio ’e carta… Ve vuleva canoscere, però se n’è ghiuta pecché  ’a casa teneva nun saccio che... Era venuta pe’ nu singulto sulamente… Ha ditto che torna cu tutto ’o seguito, quanno lle sarrà passato.

DOTTORE: Peppì, passato che cosa?

PEPPINO: Forse ’o singulto...  Ah, mò me scurdavo, ha ditto che porta pure a Lauretta e Massimo.

DOTTORE: E chi so’?

PEPPINO: Nun me l’ha ditto… Sarranno ’e figli.

DOTTORE: Peppì tu parle ostrogoto… E chi te capisce! ... Passame ’o cammese!

PEPPINO: Subbeto!... (Prende il camice bianco dall'attaccapanni e aiuta il medico a indossarlo) Duttó, dint’ ’a stanza vosta ce stà na signora ca tene ’o marito geluso.

DOTTORE: E tu ’a vaje a annasconnere propio dint’ ’a stanza mia?!

PEPPINO: Qua’ annasconnere! ... Chella vò essere visitata.

DOTTORE: E pecché l’hé fatta trasì primma ’e ll’ate?

PEPPINO: Pecché è na parenta d’ ’a vosta, venuta ’a fore.

DOTTORE (incredulo): Na parente d’ ’a mia venuta ’a fore!

PEPPINO: Nooo… Io accussì aggio penzato ’e dicere si ll’ate fanno obrazione.

DOTTORE (sorride): Vuo’ dicere obiezioni.

PEPPINO: Sì, inzomma, si s’ arrisentono.

        Bussata di porta (campanello)

DOTTORE (va verso la sua stanza): Peppì, io mi ritiro... M’arraccumanno, nun te ’mbruglià quanno daje ’e nummere! (esce di scena, chiudendosi la porta alle spalle).

        Bussata di porta insistente (campanello)

PEPPINO: E chi se ’mbroglia! ... Vengo! Vengo! (Esce di scena sempre dalla comune - Voce fuori campo) E dateme ’o tiempo!

DONNA A (voce fuori campo): E tanto ce vuleva!

DONNA C (voce fuori campo): Nun ce ’a faccio cchiù a stà allerta.

DONNA B (voce fuori campo): Signó nun vuttate!

DONNA A (popolana incinta con borsa della spesa in mano, entra in scena seguita da Peppino):  Bell’o’, io songo ’a primma.

DONNA B(popolana di mezza età, entra in scena): Quanno maje! ... Simmo arrivate ’nzieme  e io stevo nu passo annanze.

DONNA C(si accarezza il pancione e va a sedersi): Io saccio ca stongo subbeto doppo.

RAGAZZA: I’ songo ’a quarta. 

PEPPINO (frastornato):Nu mumento!  (In piedi dietro la scrivania, prende i foglietti numerati per distribuirli) È na parola!

DONNA A(rivolta alla donna B): Io vaco ’e pressa; nun pozzo aspettà.

DONNA B: E pecché avess’ ’a aspettà io?!

PEPPINO: Zitte! ... Zitte! ... Me state sturdenno! ... Cercammo ’e capì.

DONNA A: Che vulite capì? ... Vuttate ’e mmane e dateme ’o nummero uno.

DONNA B:  E pecchè io avess’ ’a avé ’o nummero duje?

PEPPINO: Si nun ve mettite d’accordo, ccà facimmo notte.

DONNA B: Nun è colpa mia… È ’a signora che è preputente.

DONNA A (grida): Preputente a chi?!

DONNA B (grida): A vvuje ca vulite passà annanze.

DONNA A (grida): Io stevo annanze… ’E poco, ma stevo annanze.

 

DONNA B (grida): Pe’ forza, tenite ’e piere accussì luonghe!

DONNA A (grida): Guardateve ’e piere vuoste!

PEPPINO (agita il campanello): Zitte! (Imprudentemente) Nun alluccate ca ’o duttore sta visitanno.

DONNA A - DONNA B - DONNA C (in coro): Stà visitanno!!

DONNA A: Ma vedite a stu scemo!… Ce fà appiccecà p’ ’o primmo nummero, quanno già ha fatto trasì a n’ata aumma aumma.

DONNA C: E comm’è possibile?!

DONNA B: ’O ssape isso.

DONNA A: Stu ’mbruglione!

PEPPINO (cerca invano di parlare): Nu mumento! ...  Mò ve spiego...

DONNA B (tono minacciosso): Embé, ’a voglio propio vedé a sta femmena quanno esce... M’ha da dicere comme ha fatto a trasì, si ’o studio steva chiuso.

DONNA A: Sti ccose succedono sulo ccà.

DONNA C: È n’indecenza!

 

PEPPINO (scuote il campanello): Basta! Stateve zitte! ...(Tono confidenziale)  ’A signora che stà dinto, si è trasuta primma e stà dinto, è pecché nun puteva aspettà.

DONNA B (tono ironico): Overo? ... Pecché è speciale?

PEPPINO: No. È ca essa... inzomma... appartene ’o duttore.

DONNA A (guarda maliziosamente la donna B - risata): Ahahah! ... E mò se spiega tuttecose.

DONNA B (risata): Ahahah! ...  È ’a cummara.

PEPPINO (cerca di correre ai ripari): No, no… È na parente venuta ’a fore.

DONNA C (ride): Seh, ’a parente!

DONNA A - DONNA B (in coro, ridendo): ’A parente.

         La ragazza sorride divertita.

PEPPINO: Allora sti nummere ’e vvulite o no?..  A chi aggi’ ’a dà ’o nummero uno?

DONNA B (accomodante): E datencillo ’a signora ccà.

DONNA A (gentile): Signó, si jate ’e pressa, nun facite cumplimente; io ’a casa tengo già tutto pronto p’ ’a cena.

        Peppino con i foglietti numerati in mano, guarda confuso le due donne.

DONNA B: No, grazie; i’ pure truvarraggio pronto… Chella Rafilina mia jeva a accattà nu poco ’e muzzarella pe’ ssicondo e ddoje pummarole pe’ fà na bella ’nzalata... Pe’ chesto pozzo aspettà.

DONNA A: E grazie assaje ...  (Rivolta a Peppino) Allora ’o primo nummero datemmillo a me ((prende il primo foglietto e va a sedersi).

PEPPINO: Ah, s’è sciolta ’a gloria!

DONNA B (prende il secondo foglietto e va a sedersi accanto alla Donna A): Finalmente m’assetto nu poco!

PEPPINO (si siede alla scrivania): ’O nummero uno e ’o nummero duje so’ state assignate!...  A chi tocca ’o nummero tre?

DONNA C (si alza): A me... Io stevo subbeto doppo (prende il suo foglietto e torna a sedersi).

PEPPINO (soddisfatto): E avimmo piazzato pure ’o tre…  (Sorridente, guarda la ragazza piacente e formosa) E ccà stà ’o quatto pe’ vvuje.

RAGAZZA (prende il foglietto numero quattro): Grazie (siede sulla sedia di fronte a Peppino, conserva il foglietto e tira fuori dalla borsa lo specchietto e il  rossetto).

DONNA C: Mamma mia, comme me fanno male sti scarpe!

DONNA A: Bell’o’, me disseve nu bicchiere d’acqua fredda? ... Tengo na sete!

        La ragazza si dà il rossetto sulle labbra. Peppino la guarda estasiato.

DONNA A: Bell’ o’, dico a vvuje!

DONNA B: E chillo mò ve sente! ... (A voce alta) Bell’ o’, ’a signora ccà vò nu bicchiere d’acqua.

 

PEPPINO (seccato, si alza): Ma comme, vuje saglite ’a vascio, vicino ’o palazzo ce stà pure ’o bar e mò v’arricurdate ca tenite sete!

DONNA B: Mamma mia, comme site sprucito! ... Quanta storie pe’ nu bicchiere d’acqua! ...  Anze, visto ca ve truvate, purtatammillo pure a me!

DONNA A: Si ’o tenite ’e plastica ca se jetta, è meglio.

DONNA B: Già, pe’ l’infezione.

PEPPINO: Ma site venute add’ ’o ginecoroco o addu Caflisce? (esce di scena borbottando)Gesù , Gesù, vedite che pretese!

DONNA B (rivolta alla ragazza - tono indagatore): E vvuje, signurì, è ’a primma vota ca venite ccà?

RAGAZZA: Sì (tira fuori un romanzo dalla borsa).

DONNA A: Site fidanzata?

RAGAZZA: E chesto che ce azzecca? (apre il libro alla pagina dove c’è un segno e si immerge nella lettura).

DONNA B (a bassa voce, rivolta alla donna A): Allora ha fatto ’o guajo…  Vuje già site cliente d’ ’o duttore?

DONNA A: Sì; chesta è sulo na visita ’e cuntrollo… ’O dottore Starnuzzo m’ ’o cunzigliaje n’amica mia… Pure na sora mia se trova na bellezza.

DONNA C: ’O ddiceno tutte quante ca è nu ginecologo bravo… I’ ’o cunosco ’a tre anne.

 

PEPPINO (ritorna in scena con due bicchieri di vetro colmi d'acqua): Ecco servito!  ’O ccafè arriva cchiù tarde (torna a sedersi alla scrivania).

DONNA A (con una risatina): E chillo nu cafè ce vulesse propio a chest’ora! (Beve l’acqua - disgustata) E che schifo! Comm’è cavera!

DONNA B (sorseggia appena un po’ d’acqua): Nun l’avite manco fatta scorrere nu poco!

DONNA A (si alza, prende anche il bicchiere della vicina e va a riporli sulla scrivania di Peppino): C’è passata ’a sete!... Tenite!(torna a sedersi).

DONNA B (rivolta all’altra donna incinta C): A me stu duttore me l’ha cunsigliato na cugnata mia. Si me so’ decisa a venì è pecché da nu paro ’e mise tengo spisso nu dulore sotto ’a panza.

PEPPINO (tono professionale): Sarrà sicuramente n’inframmazione all’ovario… È propeto na sciucchezza... (Si alza) Io ne capisco pecché tengo ’a pratica, pure si me manca ’o piezzo ’e carta… Dicimmo ca me songo spicializzato stanno ccà ’ncoppa (siede sulla sedia vicino alla ragazza).

RAGAZZA (rivolta a Peppino): Io tengo spisso nu dulore abbascio ’a schiena ca me risponne annanze (si tocca la schiena, mettendo in evidenza il seno). Secondo vuje ’e che se tratta?

PEPPINO (sgrana gli occhi): Songo sicuro ca ’o duttore ve faciarrà na bella visita pe’ l’appurà... Avite già fatto quarche marmocrafia ’mpietto?

RAGAZZA: No; veramente, nun aggio fatto niente... Pecché?... L’avev’’a fà?

PEPPINO: E mò certamente ’o duttore ve faciarrà na bella visita pe’ vedé si stà tutto a posto… (Occhi sognanti) Ah, ’e ttenesse io ’e mmane soje!

DONNA B (rivolta a Peppino): Sentite… Gué, dico a vvuje!

DONNA A: E chillo s’è ’ncantato.

DONNA B: Bell’ o’?

PEPPINO: Sì, dicite.

DONNA B:  Ma quant’anne tene stu duttore?

PEPPINO: E che ve ’mporta?… Io ve pozzo dicere soltanto ca è nu miedeco fenuminale… Penzate ca cierti vvote riesce a fà ’a tiannosi sulo cu na guardata, senza nemmanco visità… (Fissa il seno della ragazza) Invece po’, quann’ è nicessario, fà na visita ca nun fernesce maje… Inzomma, dipende d’ ’e circustanze.

        La ragazza si guarda le calze e si ravvia i capelli con le mani.

DONNA B: Io cu ’e miedece nun ce vaco d’accordo… Danno sempe na cura longa longa e io nun tengo pacienza.

PEPPINO: E che vulisseve nu miracolo! (Tornando a sedersi) Chille so’ miedece, nun so’ sante (starnutisce).   

DONNA B: È overo. ’E sante so’ tutte n’ata cosa!... Io cu Santa Caterina aggio truvato ’a salvezza mia… Si tengo nu male ’e capa o nu male ’e rine, ce ’o ddico a essa e subbeto stongo bona.

PEPPINO (ironico): Aggio capito… Ce tenite cunfidenza.

DONNA B: Ce tengo devuzione. (Rivolta alla vicina) Lle porto spisso dduje fiore e ll’appiccio na cannela.        

PEPPINO (stanutisce e si soffia il naso): Mamma mia, sto’ ’nguajato!

RAGAZZA (ironica): Pecchè nun facite na preghiera a Santa Caterina pure vuje?

DONNA B: Nèh, guaglió, ma tu vulisse sfottere?

RAGAZZA: E chi se permettesse! (si immerge di nuovo nella lettura del romanzo).

DONNA B: Cu ’e sante nun se pazzéa!

        La donna C prende una rivista dal tavolino e comincia a sfogliarla. Peppino riordina la scrivania.

 

DONNA A (rivolta a Peppino): ’A signora che stà dinto sarrà nu caso difficile, pecché ’a visita stà duranno assaje.

PEPPINO: E dicere che va pure ’e pressa pecché tene ’o marito geluso!

DONNA B: E se vede ca ’o puveriello d’ ’o marito se sente ’o piso d’ ’e ccorna. (Rivolta alla donna C) Mio marito ’e me nun è stato maje geluso pecché io nun ll’aggio dato mutivo.

PEPPINO(guardandola): E chillo sape a isso.

DONNA A: E comme so’ scomode sti sseggie!

PEPPINO (ironico): E dicitencello ’o duttore, accussì ’a prossima vota ve fà truvà ’e ppultrone ’e velluto.

DONNA B (tira fuori dalla borsa i ferri con un lavoro a maglia già iniziato e lascia il gomitolo di lana all’interno della borsa che poggia in terra, ai suoi piedi - Rivolta alla donna A ): Sta lana ’a tenevo… Voglio fà nu gilé a mio marito. 

PEPPINO: E facite bbuono… Se l’ammereta.

DONNA A: Io saccio faticà sulo all’uncinetto, ma me vulesse ’mparà a ausà ’e fierre.

PEPPINO (rivolto alla ragazza): E vvuje signurì?... Vuie sapite fà ’a maglia?

RAGAZZA (solleva gli occhi dal romanzo): ’A maglia?... (Guarda la donna B che sferruzza)No, nun ’a saccio fà.

PEPPINO (incantato, la testa appoggiata sul gomito): E vabbuo’, nun ’mporta. Sicuramente sapite fà ati ccose...  

        La ragazza sorride e riprende a leggere.

DONNA A (guarda la donna B che sferruzza): Facite chianu chiano; voglio capì. 

DONNA B (sferruzza piano): Vedite, è facile… Primma ’a sotto e po’ ’a coppa.  

PEPPINO (con occhi sognanti guarda la ragazza e ripete): Primma ’a sotto e po’ ’a coppa. 

DONNA C (rivolta a Peppino): Nèh, bell’ o’, ma riviste nove nun ce ne stanno?... (Mostra la rivista che ha preso dal tavolino) Chesta tene ’e stesse anne d’ ’a primma criatura mia.

PEPPINO: Sti rriviste stanno ccà pe’ ve fà passà ’o tiempo… Si vulite ’e giurnale nuove, ve l’accatttate primma ’e saglì.

DONNA A: Sentite che risposta!...  Io quanno vaco add’ ’o parrucchiere trovo  tutte riviste nove....

PEPPINO: E se vede ca dint’ ’o prezzo d’ ’e  capille ce stà pure stu lusso… Vuje ccà nun pavate, venite c’ ’a mutua; pe’ chesto nun putite pretennere. Pure nuje ’o marterì e ’o gioverì, pe’ ’e vvisite a pagamento, mettimmo quacche rivista nova.

DONNA C: E po’ che facite, ve l’astipate?

PEPPINO: Pe’ forza!...  Chelle scumparevano subbeto… ’A gente che veneva cu ’a mutua, nun solo nun pavava, ma se purtava pure ’e rriviste.

        Bussata di porta

PEPPINO (si alza pigramente dalla sedia): Sperammo ca sta giurnata fernesce! (va ad aprire).

SIGNORA M. D. (voce fuori campo): Eccomi qua!  (Irrompe nello studio, seguita da Peppino) Come vedete, ho mantenuto la promessa.

PEPPINO (frastornato): Qua’ prumessa?

SIGNORA M. D. (si sfila i guanti): Ma come, non vi ricordate di me?... Sono la signora Isabella Mimozio Degarda… Avvertite, per favore, il dottore!... Vedrete che mi riceverà subito.

        Le donne, davanti a tanta prosopopea, si scambiano risolini.

PEPPINO: Signó, aggiate pacienza nu poco! … ’O duttore mò stà visitanno (va a sedersi alla scrivania).

Signora M. D.: Speriamo che si sbrighi (si dà una sistemata al cappello e dà un’occhiata ai libri esposti nella libreria, ignorando completamente le donne presenti).

DONNA A: Ma chi è ’a mugliera d’ ’o Presidente?!

        La signora Mimozio Degarda si finge distratta.

DONNA B: ’A gente penza ca sparannese ’e ppose addeventa cchiù ’mpurtante...  Nun ’o ssape ca chi vene cu ’a mutua ha da fà ’a fila comm’a tutte ll’ate.

DONNA C: Forse ’a signora nun s’è accorta ca ce stammo già nuje... Bell’o’, pecché nun ce ’o spiegate ’a signora?

DONNA A: Sti ccose succedono, quanno ce stà uno comme a chisto ca nun sape fà rispettà ’o turno!

DONNA B: Propio accussì.

PEPPINO (per scusarsi): Ma io veramente...

DONNA A (grida, spazientita): Vedite!... Chillo ancora nun se decide a spiegà a sta vecchia alliffata ca essa ha da trasì doppo ’e nuje.

 

PEPPINO (agita il campanello - a bassa voce): Zitte!... Nun alluccate, si no ’o duttore s’ ’a piglia cu mme!

DONNA B (si gira e rivolta alla Signora M. D.): Nèh, signó, site sorda?... Stammo parlanno cu vvuje.

SIGNORA M. D. (si volta): Dite a me? (si avvicina).

DONNA A: Sì, propio a vvuje… Ccà s’ha da rispettà ’o turno e vvuje site l’urdema.    

SIGNORA M. D.: Come ho già spiegato all’omino, ho molta fretta perché stasera ho un impegno.

DONNA A (tono ironico): Gesù, sentite, tene l’impegno! (Nervosa)E nnuje allora che avessem’ ’a dicere!

DONNA C: Nuje tenimmo tanta  penziere ’a part’ ’a capa!

DONNA B (ironica): Ma ’a signora tene ’e guante e ’o cappiello… Nun se pò assettà vicino a nnuje. 

PEPPINO (si alza e agita il campanello): E stateve zitte! (Rivolto alla signora M. D.) Signó, scusate tanto!

DONNA A(a voce alta): Ma che l’ha fatto na fattura?!.. Vedite a stu ruffiano comm’ è addeventato gentile!... Primma, pe’ce purtà nu poco d’acqua, ha fatto tanta storie.

DONNA B  (a voce alta): Nemmanco si avesse avut’ ’a jì a Lurdès

DOTTORE (spazientito, si affaccia nella sala d’attesa): Ma, insomma! … Se pò sapé che sta succedenno?!

        La ragazza interrompe la lettura e guarda con interesse il dottore.

DONNA A: Addimannatancello a stu coso ca tenite ccà ncoppo.

DONNA B (ironica): ’O sicritario.

PEPPINO (avvicinandosi al dottore): Ma io, veramente ...

SIGNORA M. D. (sorridente, va verso il dottore): Il Dottor Starnuzzo?

DOTTORE (perplesso): Sì… Ci conosciamo?

SIGNORA M. D. (gli porge la mano che il dottore si limita a stringere): Adesso sì… Sono Isabella Mimozio Degarda; sono già venuta poc’anzi.

PEPPINO (a parte): E mò che ce azzecca Anzio? (continua ad ascoltare). 

SIGNORA M. D.: Vede, dottore, avrei bisogno di un piccolo consulto e speravo mi potesse ricevere subito, perchè stasera ho un tavolino di conchèn. Ma l’omino non le ha detto niente?

DOTTORE (sorride): Sì, l’omino mi ha accennato… Cara signora, mi dispiace che si sia scomodata due volte, ma il lunedì non effettuo visite a pagamento. (Rivolto a Peppino) E tu, nun ce ’o ssapive dicere?... Nun le putive prenotà n’appuntamento?

PEPPINO: Ma io, veramente....

SIGNORA M. D.: Non importa, dottore… Non immaginavo che un piccolo consulto comportasse tanti problemi… Vorrà dire che ci vedremo un’altra volta.

DOTTORE (le stringe la mano): L’aspetto...  Arrivederci (lancia un’occhiataccia a Peppino e si ritira di nuovo nella sua stanza).

SIGNORA M. D. (rivolta a Peppino): Arrivederci (fa per uscire di scena).

PEPPINO: Aspettate!.

SIGNORA M. D. (si volta): Non scomodatevi, buon uomo!

PEPPINO: E l’appuntamento?

SIGNORA M. D. (uscendo di scena): Telefonerò in questi giorni. (Voce fuori campo) Buonasera.

PEPPINO (scrolla il capo): Boh!... Bonasera (siede dietro la scrivania).

DONNA C (rivolta a Peppino): Ma nun l’avite capito ca è na pezzenta sagliuta?!

DONNA A (ride): Si l’avesse capito, nun ll’avesse fatto tanta cicerannammuolle... (Viso disgustato) Ha ’nfettato l’aria c’ ’o prufumo che teneva ’ncuollo.

DONNA C: Comme steva alliffata.

 

DONNA B (ride): Se vede ca ha scagnato ’o miedeco p’ ’o maestro ’e ballo!

        Suono di trombetta

PEPPINO: ’O duttore s’è liberato!...  ’O nummero uno pò trasì.

DONNA A : Finalmente!

DONNA B: E che d’è ? Ce chiamma cu ’a trumbetta?

PEPPINO: Si ’a trumbetta nun ve piace, dicitencello.

DONNA A: Sta borza cu ’a  spesa ’a lasso ccà.... Permettete?

DONNA C (gentile): Sì, sì… Jate! State senza penziere.

PEPPINO (nervoso): E ghiate, nun ’o facite aspettà!

        La donna A entra dal dottore, uscendo di scena.

DONNA B (rivolta alla donna C): L’avesse propio vuluta vedé a chella ch’è asciuta! 

DONNA C: P’ascì nun se passa ’a ccà… Dint’ ’a stanza d’ ’o duttore ce stà n’ata porta.

 DONNA B (guarda l’orologio): Stasera se faciarrà propio tarde… Tengo nu penziero!

DONNA C: E pecché?

DONNA B: Pecché Rafilina mia, è rimasta sul’essa a guardà ’o nonno… Chillo cu ’a capa nun ce stà cchiù.

PEPPINO: Sarrà nu poco ’e semmenza senìle.

DONNA B: Papà, sapite, tene chillu morbo ca se truculéa sano sano.

PEPPINO (aria professionale): ’O morbo ’e pacche e ssona.

DONNA B: Propio accussì.

PEPPINO (compiaciuto): E chella è l’esperienza.

DONNA B: Chiagne comm’ a nu criaturo… Mò s’è fissato ca io songo ’a mamma.

PEPPINO: ’E ffissazione so’ peggio d’ ’e mmalatie.

DONNA C (mesta): È overo… Nu frato mio da nu mese s’è fissato c’ ’o cane… ’O chiamma“papà”.   

DONNA B (ride): Vuje che dicite!

        La ragazza interrompe la lettura.

PEPPINO: E va ditto pecché?

DONNA C: È cunvinto ca dint’ ’o cane ce stà l’anema ’e papà… Dice ca papà l’è ghiuto ’nzuonno e ce l’ha ditto. Povero frato mio, nun arragiona propio cchiù!... Pretenne finanche ca ’o cane dorme ’int’ ’o lietto e che s’ assetta a tavola cu nnuje.

        La donna B e la ragazza ridono.  

PEPPINO: E chiste so’ nummere: vintiduje ’o pazzo, sissantuno ’o cane e quarantasette ’o muorto che parla.

DONNA B: Che dicite! ’O muorto che parla fa quarantotto; ne so’ sicura… Quarantasette è sulo ’o muorto.

DONNA C: Ate che nummere!... Nuje, pe’ sta fissazione, stammo perdenno ’a pace.  

DONNA B: Ma ’o miedeco che dice?

DONNA C: Dice ca primma o poi sta fissazione lle passarrà… Avimm’ ’a aspettà…

PEPPINO: Che more ’o cane.

        La donna B ride.

RAGAZZA: No, povera bestia!... Mamma mia invece è fissata cu ’e ccarte… Qualsiasi cosa ha da fà, ’o spia primma ’e ccarte… Ajere nun è nemmanco scesa a fà ’a spesa pecché  ’a dint’ ’e ccarte era asciuta la “luna nera”.

PEPPINO (guarda incantato la ragazza): Overo!

DONNA B: Pò essere ca ogge ll’esce na carta bona.

RAGAZZA: Nun sia maje!… ’O mese passato l’ascette “la dea bendata” e chella pazza ’e mammà se giucaje pure ’e sorde ’e l’affitto… Papà ’a vuleva accidere…

DONNA C: E aveva ragione.    

        Bussata di porta

PEPPINO (sbuffando va ad aprire): Almeno venesseno tutte ’nzieme!

GIOVANE DONNA (voce fuori campo): Scusate, song’ ancora io.

PEPPINO (voce fuori campo): Prego, trasite!

GIOVANE DONNA (entra in scena, seguita da Peppino, toccandosi il lobo privo dell’orecchino): Aggio perzo nu ricchino... L’avite pe’ caso truvato?

PEPPINO: No. 

GIOVANE DONNA: E comme faccio!

PEPPINO: Calmateve!... Sicuramente ’o truvammo. Cercammelo primma ccà...  Mò ’o duttore stà visitanno.

GIOVANE DONNA (rivolta alle presenti): Buonasera.

DONNA B e DONNA C: Buonasera.

RAGAZZA (fra i denti): Buonasera.

GIOVANE DONNA (si abbassa per cercare sotto le sedie - rivolta alla donna B): Permettete?

DONNA B (sposta la borsa e le gambe): Prego, prego (guarda Peppino con aria interrogativa).

PEPPINO (ingenuamente): È ’a signora ca steva dinto… Ha perzo nu ricchino.

DONNA B: Signó, è inutile che guardate ccà… Sicuramente l’avite perzo quanno ’o duttore v’ha visitata.

        Suono di trombetta.

PEPPINO: ’O duttore s’è liberato!... Chi ha da trasì?

DONNA B: Tocca a me (ripone in fretta il lavoro a maglia nella borsa e si alza).

PEPPINO: Signó, pe’ piacere, aspettate nu mumento!... Vaco a dà n’uocchio dint’ ’a stanza d’ ’o duttore pe’ cercà ’o ricchino ’e sta giovane

DONNA B (si siede di nuovo):Sì, ma facite ampressa!

 

        Peppino entra nella stanza del dottore.

DONNA A (voce fuori campo): Mò me scurdavo ’a borza d’ ’a spesa! (entra in scena dalla comune e guarda con aria interrogativa la giovane che sta abbassata a cercare qualcosa sotto il tappeto).

DONNA B (ironica, rivolta alla donna A): È ’a parente d’ ’o duttore… Chella ch’è trasuta primma... Ha perzo nu ricchino.

DONNA A (sorride, ma cambia espressione non appena la giovane si alza e si gira): Marié, e tu che ce faje ccà?!

MARIELLA: Songo incinta n’ata vota! ’O duttore m’ha fatto na bella visita e m’ha dato ll’analisi ’a fà... Gennaro nun sape ancora niente.

DONNA A (rivolta alla donna B): Chesta è ’a sora mia cchiù piccerella.  

DONNA B: Overo?... Comm’è bellella!... Pare na pupata.

DONNA A: È na santa a suppurtà ’o marito che tene!

PEPPINO (rientra in scena trionfante con l’orecchino in mano): ’O vedite ccanno, l’aggio truvato!

 Suono di trombetta.

MARIELLA (prende l’orecchino): Grazie… Grazie assaje!

DONNA A: Ma che grazie!... Tu ’o ringrazie pure a stu fetente ca s’è permiso ’e dicere chellu poco!... (Adirata, rivolta a Peppino)’A parente d’ ’o duttore, è overo?! ... ’A cummara, è overo?! ...  Ma io lle spacco ’a capa! (gli si avventa contro).

 Altro suono di trombetta.

DONNA B (la trattiene): Calmateve!...  Ve facite venì quaccosa.

MARIELLA: Ma io vulesse capì che stà succedenno?!

PEPPINO (con un filo di voce): ’O vvulesse capì pur’ io.

DONNA A: Stà succedenno ca si aggio a stu puorco dint’ ’e mmane, l’accido.

DONNA B: E po’ diceno ca ’a femmena è maligna.... Vedite stu miez’ ommo ch’è stato capace ’e fà!

DOTTORE (nervoso, entra in scena con la trombetta in mano): Silenzio!... Ma se pò sapé che stà succedenno?!

DONNA C (indicando Peppino): Spiatancello a isso.

DONNA A (ironica): ’O sicritario.

DOTTORE (nervoso): Peppì, sì’ sempe tu!

PEPPINO (confuso): Ma io, veramente...

Cala il sipario

F I N E

Il napoletano: lingua da studiare. La mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (ed Kairòs), in vendita nelle librerie e on-line, è disponibile anche in versione Ipad.

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno