Spaccato napoletano

Stampa questo copione

SILVIO CALANDRELLI

SILVIO CALANDRELLI

SPACCATO NAPOLETANO

FANTASIA MUSICALE IN DUE ATTI

1997


PERSONAGGI

Pulecenella(maschera napoletana)

Pasquale(portiere)

Concetta(popolana)

Rosa(popolana)

Gaetano(figlio di Concetta)

Alfredo(marito di Nannina)

Nannina(moglie di Alfredo)

Furturella(amica di Nannina)

Carmelina (fidanzata di Michele)

Michele(fidanzato di Carmelina)

Ntoneniello(barbiere)

Ciccillo(spasimante di Furturella)

Gennaro(padrone del bar)

Luigino(barista)

Astarita(maresciallo carabinieri)

Sig. ra Sciarillo(popolana)

Ferdinando(pescivendolo)

Filomena(moglie di Saverio)

Saverio(marito di Filomena)


ATTO PRIMO

In una piazzetta di un vicolo di Napoli, alla periferia della Città. Sul fondo: parco alberato; prima quinta a destra: un condominio, seconda quinta a destra: un salone per barbiere, attaccato alla parete una gabbia con uccello; terza quinta a destra: caserma dei carabinieri; in fondo a destra una stradina in salita; prima quinta a sinistra. fabbricato con negozi; seconda quinta a sinistra: fabbricato con bar davanti al quale sono disposti tavolini e sedie; terza quinta a sinistra fabbricato con panni stesi ai balconi

A sipario chiuso pulcinella canta "’A città ‘e pulecenella" durante la quale si apre il sipario e lo stesso entra in scena. Alla fine della canzone esce di scena. Intorno a un tavolino dei bar sono seduti Alfredo e Nannina. Ad un altro tavolino è seduto Michele. In un angolo davanti al bar, non seduto, Gaetano. Sulla porta del bar, Gennaro e Luigino. Sotto il portone del condominio, Pasquale che parla con Concetta. Davanti al salone il barbiere che rade la barba a Ciccillo.

PASQUALE:                           Donna Cuncè, la gente parla, e se la gente parla, qualcosa nce adda essere! (rivolgendosi al gatto che fruga nella spazzatura, mettendola in disordine) Guè, uh mannaggia chillu gattone ‘e mammete! Frustallà! Frustallà! Ma vedite nu poco che m'ha cumbinato, ha scigliato tutt''a munnezza!

CONCETTA                            Eh! don Pasquà! M'avite fatto squaglià ‘o sangue mpiette, e che modi sono questi! A chillu povero mucillo l'avite miso ‘na paura 'ncuollo che sarà arrivato a Fuorigrotta senz''o tram!

PASQUALE                            Donna Cuncè, dicite bbuono vuje! ma quello, il monnezzaro se non trova la monnezza ben raccolta, non se la prende, e nuje rummanimmo cu 'a puzza sott’’o naso pe’ tutt''a jurnata. Ma vedete un poco se é cosa questa, che io tutte 'e venerdì che Dio ha criato, devo fare la guardia al portone, a ‘o gatto e 'a ‘o munnezzaro!

CONCETTA                            Uh Giesù! ma voi che dite? e perchè poi proprio i venerdì?

PASQUALE                            E pecchè la signora Sciarillo, che non se ne fa sfuggire uno di questi giorni, il venerdì mangia pesce. E questo sarria niente perché… comme se dice? Ognuno è padrone della propria tasca e dei propri gusti, ma il guaio è, che la signora Sciarillo è fissata cu chillu fetente ‘e gatto e dice ca pure isso adda magnà pesce ‘o venerdì.

CONCETTA                            E allora?

PASQUALE                            E allora, 'e tutte ‘e ccape ‘e pesce e le interiora, ne fa na bella busta e, puntualmente, ‘a lascia aperta in mezzo alla mondezza. 'O gatto, che ‘a capito ‘a sunata, se conta ‘e juorne e ‘o venerdì, preciso comme ‘a na cambiale scaduta, se tuffa mmiezze ‘a munnezza. Comme fa ad essere accussì preciso, senza nemmeno nu calannario, è stato sempre un mistero!

CONCETTA                            Don Pasquà nun dicite scemità! Chillo mò ‘o gatto se mparava pure a cuntà. La verità è che quello sente la puzza del pesce e se votta a ccapa sotto mmiezzo ‘a munnezza. Oh ma venimmo a nuje, don Pasquà, voi poc'anzi mi avete detto che la gente parla, embè aggia parlà pur’io si nò schiatto.

(Uscendo dal portone Rosa si imbatte nei due, porta in testa un cappello con applicazioni dí una varietà di frutta in cui manca il limone).

ROSA                                       Donna Concetta buon giorno. (poi a Pasquale in tono scherzoso) Don Pasquà m’avite fatto piglià chillo spavento stammatina, ma che avíte vattuto, c’’o pisaturo nfacci’’a porta? Aieressera ve dicette ‘e farme 'na tuzzaliata pecchè avevo paura ‘e pìglía suonno,  voi capite, io stamattina tenevo da fare una cosa molto importante, ma vuie… all'anema d’’a tuzzuliata!

PASQUALE                            Donna Rò, 'a vota prossinta ve manno ‘e viuline (poi a Concetta) donna Concè non vi distraete, parlate, sfogatevi, io sto qua per ...

ROSA                                       Pe’ sapè ‘e fatte d'’a gente!

PASQUALE                            No, per ascoltare e consigliare se occorre.­

CONCETTA                            Va buò , don Pasquà, lascíamo perdere. Dunque, vi volevo dire che se la gente parla lo fa con ragione. E che pozzo dicere… E’  overo che stamm’’o mese 'Agosto e il caldo fa smanicare un pò tutti, ma 1ei, Carmelina, me pare che se scuperchia nu poco troppo. Aieressera a ‘o bar Santa Chiara, dove si trovava pure chillu guaglione e Gaetano mio figlio, Carmelina faceva 'e stufe una continuazione, “oh che fuoco che arriva da sotto! Oh che calore che arriva da coppa!” E se scoperchiava ‘a sotto e ‘a coppa, tanto che a chillu povero guaglione ‘e Gaetano l'uocchie lle jucavano comm` 'a doje palle ‘e bigliardo, e andavano sotto e sopra, sopra e sotto, senza truvà un attimo di tregua. Don Pasquale mio, quella ha tenuto caldo tutta ‘a serata! Me pareva e vedè ‘o Vesuvio quanno fumma!

ROSA                                       Don Pasquà è overo, ‘nce stevo pur’io. Improvvisamente tutte ll'uommene d’’o vico sentirono il desiderio impellente ‘e pigliarse nu cafè. Non so quanti cafè ha fatto chillu povero barista aieressera! E quanto zucchero ha risparmiato ‘o padrone d'’o bar!

PASQUALE                            E che centra mò lo zucchero?

ROSA                                       Centra! Centra! Perchè lo zucchero lo servivano in bustina.

PASQUALE                            Embè?

ROSA                                       Embè, chille alliccapettule non la vedevano propria la bustina, (mimando i gesti) se pigliavano ‘o cucchiaino, gìravano 'o ccafè, s'’o bevevano amaro e guardavano! Guardavano comme  chi aspetta l'eruzione d’ò Vesuvio da nu mumento all’ato!

CONCETTA                            Don Pasquà, pure mio marito ca soffre d'insonnia disse che ‘na tazzulella e cafè gli avrebbe fatto bene!

PASQUALE                            Zitta donna Cuncé! Sta arrivanno!

Entra in scena Carmelina; tutti insieme cantano “’O Suspiro” mentre Carmelina si pavoneggia e, cosciente della sua bellezza, gira tra i vari per­sonaggi maschili stuzzicandoli mentre passa indifferente vicino al tavolino dov’è seduto Michele. Invitata da Gennaro, lo segue nel bar, Michele si leva dal tavolo e li segue.

CICCILLO                              (Alla fine della canzone alzandosi arrabbiato dalla sedia) Ntoneníè, mannaggia  chi t' ha mìso stu curtellaccio mmane! Te si purtate nu baffo appríesso!

NTONENIELLO                     E che, è colpa mia? Ca ce pozzo fà si vuie ve muvite cu ‘a cape.

CICCILLO                              Ma qua’ cape! Si  tu ca quanno vide ‘na femmena t’allumme!

NTONENIELLO                     Io l'aggì ‘u dato sule ‘na guardata!

CICCILLO                              Pare bbuono ca ‘nce ne data sule una! Io 'o ddico sempe ca t'aggia cagnà e maie 'o faccio!

NTONENIELLO                     Don Ciccì chesto nun l’avita dicere, me facite piglia collera!

CICCILLO                              E io, pe’ nun fà piglià collera a te, a matina primma 'e venì a farme ‘a barba aggia passà p’’a chiesa ‘o Giesù!

NTONENIELLO                     E pe’ fa che?

CICCILLO                              E m’addimmanne? Me vaco a raccummannà l'anema! Pecchè, si primma ‘e mettere ‘o rasule mmane a uno, ‘o facessero passà na visita ‘a cape, se starria cchiù tranquille!

NTONENIELLO                     Don Cicci, e mò pe’ nu baffo ca me so’ purtato appriesso, me vulite fa passà pè pazzo?

CICCILLO                              Io nun te voglio fa passà pe’ pazzo ma tu nun ce staie cu ‘a cape! Quanno faje 'a barba, ‘e mmane fanno na cosa e ‘a cape sta a n’ata parte! Te pare poco chello ca m'he cumbinato ‘a semmana passata?

NTONENIELLO                     Ma chella fuje na distrazione!

CICCILLO                              Me faciste 'a faccia comm’’a na rattacasa!

NTONENIELLO                     Don Ciccì, 'o ssapite ca site culleruso assaie?

CICCILLO                              Ah, io so culleruso? Tu invece 'e me passà ‘nfaccia l’allumme, me passe a preta pommice, me faie ‘na            faccia ca me pare l’ultimo moicano (al pubblico: sule ‘a penna 'ncape me mancava) e pò so’ culleruso pure? Ntoneniè, io 'a chillo auciello ca tiene dint'a caiola ‘o sparo!

NTONENIELLO                     E che c’entra mò brillantina? Chillo povero auciello sta pe’ fatte suie!

CICCILLO                              Centra! Centra! Pecchè l'atu iuorne pe’ parlà cu isso,           pigliaste mmano ‘a preta pommice invece e l’allumme. Ntuneniè tu quanno nun ce stanno ‘a guardà femmene te faie ‘e meglie discorse cu brillantina, comme ‘o chiame tu! E allora si ancora cchiù pericoloso, Ntoneniè!

NTONENIELLO                     Ma comme pericoloso?

CICCILLO                              Ntoneniè tu parle cu brillantina, nun dicere che no! E Isso te risponne pure! Comme facite a ve capì ancora nun ‘o saccio! Saccio sule ca quanno trasite in sintonia me rummane sulo ‘a, dicere ‘o rusario, vedenne chelli mmane ‘ncoppa e faccia ca vanno pe’ fatte loro!

NTONENIELLO                     Don Ciccì nun dicite accussì! P’’o baffo nun ve pigliate collera! Mò ve taglio pure chill’ato e s’aggiusta tutte cose!

CICCILLO                              E cu sta filosofia toia io m’aggia sta accuorto! Pecchè si nu juorne ‘e chisto pe’ sbaglio me taglie ‘na recchia tu p’aggiustà tutto me taglie pure chellata!

NTONENIELLO                     (Riaccompagnando ciccillo alla sedia) Nun ve ‘nquietate don Ciccì

ROSA                                       Donna Concè 'o fatto nun fernesce cca! E famme movere va, ‘e chiacchiere so’ belle ma nun ghiengheno ‘a panza! E io aggia arrivà nu mumento addò Totonno ‘o sapunaro primma ca piglia ‘o giro!

PASQUALE                            E iate, ja’! Io me vaco a mettere a posto nu poco chella munnezza e po’ me vaco a piglià nu gelatiello a ‘o bar.

CONCETTA                            Facite proprio ‘na cosa bona, accussi ve arrefrescate pure vuje! 'A vocca e, ‘e palle ‘e ll'uocchie! (Prendendo sotto braccio Rosa)  Donna Ro’ vengo con voi, devo fare la stessa strada. Donna Ro’, a me chella nun m’'a conta iuste! Quella.... (Si avviano verso la scesa)

PASQUALE                            ( A Rosa che si allontana)Donna Ro’! ‘O limone!

ROSA                                       A chi?

PASQUALE                            A vuje!

ROSA                                       A me ‘o limone?

PASQUALE                            P’’a macedonia!

ROSA                                       A me ‘o limone p’’a macedonia? Don Pasquà ma vuie che state accucchianno?

PASQUALE                            Eh! Donna Ro’! Mmiez’ ‘a frutta ca purtate ‘ncapa!

R0SA                                        Embè?

PASQUALE                            Ve manca ‘o limone! Nella macedonia è d'obbligo ‘o limone!

ROSA                                       ‘O limone nun mò metto ‘ncapa pecchè ’o faccio magià a’ gente spiritosa comme ‘a vuje! Jammuncenne Donna Cuncè!

Ciccillo nel frattempo lascia il salone del barbiere e si va a sedere al bar, mentre il barbiere resta sotto la porta del suo esercizio e Pasquale va a sistemare l’immondizia

NANNINA                              Alfrè io t’aggi’u visto. Tu ‘a puntave comme ‘o cacciatore punta ‘a quaglia.

ALFREDO                               Nannì, ma te fusse mbriacata cu ‘a limunata?

NANNINA                              Pecchè me vulisse dicere ca Carmelina nun te piace?

ALFREDO                               Ma certo che me piace, ma questo non significa… e poi Carmelina è na bona guagliona, tene sulo 'a sfortuna‑fortuna di essere pure bella e questo le causa molti inconvenienti.

NANNINA                              Si, è proprio comme dice tu! Alfrè, nun fa `o battilocchio pecchè me faie tuccà é nierve. Chella ‘a quanno è turnata d’’a Francia, addò ghiett'a sta ‘nziemm’ ‘a zi’ Lucia dopp’’a disgrazia, fa tutta ‘a sci scic, la sciantosa. A chillu povero Michele ‘nce sta facenno passà tutt’’e ppene ‘e gelosia. La gente dice che s'attira ll’uommene appriesse comme ‘e mosche ‘a ‘o miele!

ALFREDO                               L’avite miso 'mpont’’a nu puorco a chella povera guagliona!

NANNINA                              Ma qua’ puorco! Si tu nu puorco servatico ca comme ‘a vide appizze ll'uocchie! Ma ‘a santarella comme dice tu, ha fatte marenna a sarachielle! 'E ffemmene d’’o vico stanno male ustinate. E pò, ‘o ssa’ ca te dico? Che me sò proprio scucciata ‘e te correre appriesso, ‘e fa ‘o cane ‘e guardia! Alfrè hai capito bene! Me ne vado, ti restituisco la libertà, torno 'a fa ‘a soubretta.

Nannina canta "Ninì tirabusciò”

Alla fine della canzone

NANNINA                              Statte bbuono Alfrè, nun me cercà stasera vaco a durmì addò Furturella (Esce fuori scena)

ALFREDO                               (Rincorrendo Nannina) Nannì ma che vai dicenno! Nannì, Nannì, (incespica e cade) Mannaggia ll’arme de mammeta! (si rialza ed esce di scena)

CARMELINA                         (uscendo dal bar seguita da Michele) No Michè, tu me ‘a lascià stà. Nun pozzo perdere ‘o tiempo appriesso all'ammore, nun è 'o mumento! Mo aggia penzà 'a vita mia! Quella vera! Chella ca s'affronta tutt’’e mmatine quanno arape ll'uocchie! Chella ca te votta vriccille ‘ncopp ‘o core juorne pe’ juorne fino a farl’addiventà 'na preta grossa ca nun sente chiù niente, nisciuno sentimento!

MICHELE                               Carmelì, io nun te riconosco chiùl Che t'hanno fatto!

Pasquale va al bar, Michele e Carmelina cantano "Cu me"

Alla fine della canzone entrano e vanno a sedersi al bar, Filomena e Saverio ed occupano, rispettivamente, i posti di Alfredo e Nannina.

MICHELE                               Nun può essere addiventata accussi crudele, tagliente peggio ‘e ‘na ghigliottina, ‘a gente dice ca tu…

CARMELINA                         Ca io so’ 'na malafemmena? E tu ‘nce crire? Michè tell'aggi’’o ditto, chisto è ‘o mumento ‘e penzà sulo ’a licenza.

MICHELE                               Ma ‘e che licenza staie parlanno?

CARMELINA                         Di quella che mi permetterà di aprire un chiosco al centro della piazza.

MICHELE                               Allora è overo ca vuo’ fa’ a tutti i costi l’emancepata. Ma come, ci sono tanti lavori ca ‘na femmena po’ ffa’ pe' guadagnarse ‘a vivere onestamente! E invece tu no! Tu vuo’ fa’ l'acquarola!

C4RMELINA                          Sí! L’acquarola! L'acquarola! Ma pecchè ca ‘nce tiene 'a dicere! E' nù lavoro comme 'a n’ato!

MICHELE                               E' nu lavoro pe’ uommene!

CARMELINA                         E quale sarria ‘o lavore pe’ ffemmene? Chille ca nun vonne fa’ l'uommene? ‘O scarto vuosto? C’aggia fa'? 'A lavannara? 'A ricamatrice? 'A capera? Dimme tu ch’aggia fa’! Voglie fa’ l'acquarola! Per la pari opportunità voglio fa’ l'acquarola! Ce riesco, nun ce riesco chisto e' n'atu cunto!

MICHELE                               Ma che so’ sti pparole? 'A pari opportunità! Ma che significa? Io nun ce capisco niente cchiù!

CARMELINA                         Quanno te vanno 'e scarpe strette faje sempe ‘o scemo pe’ nun ‘j’ a guerra! Miche’ ‘e tiempe so’ cagnate, l’uomo e la donna nella società moderna so’ eguale! Chello ca pò ffa’ l’uno, po’ ffa’ l'ato! E poi Miché ‘a vuò sapè ‘a verìtà? La tua insistenza mi innervosisce, non mi fa concentrare sulle cose che…

MICHELE                               Sui sorrisi che devi dispensare a cominciare da Don Gennaro!

CARMELINA                         E perchè no! Don Gennaro e' amico d’’o maresciallo Astarita e ‘o marisciallo m'hadda rilascià ‘a licenza! Che faccio ‘e male! Me chiammano ‘a sciantosa ste quatto male lengue d'o quartiere! Ma ìo so ‘na femmena onesta e, si faccio ‘a sciantosa è pecchè è tempo ca ll’aggia fa! ‘A vita accussì me vole!

Camelina canta “’A Frangesa " mentre Michele ritorna al suo posto. Durante l'esecuzione di Carmelina, anche Gaetano rimane soggiogato dalla sua bellezza, cosa che non sfugge al barista Luigino che gli sta accanto.

Alla fine della canzone Ciccillo (prima per il fondo a sinistra) e Don Pasquale (dopo, mangiando un gelato e recandosi verso il condominio) escono di scena. Carmelina si siede al posto di Ciccillo e parla amabilmente con don Gennaro.

LUIGINO                                (prende Gaetano per un braccio e lo porta verso il centro scena) Gaetà, ma tu overo faje?

GAETANO                              Luigì nun ne pozzo cchìù! Io m’’a sonno tutt’’e notte! E' troppo bella! E' troppo bella! (Si appoggia con la testa sulla spalla di Luigino).

LUIGINO                                Guè! E chìsto mò me svene ncopp’’a spalla! Gaetà! Jamma a vedè comme avimm’a fa jucà ‘e bigliette stammatina!

GAETANO                              Luigì nun e' colpa mia! E’ stu sfaccimme ‘e  core ca nun ‘o riesco chiù a frenà! (prende la mano di Luigino e se la porta sul cuore)

LUIGINO                                Chiammateme 'a figlia d'’o miedeco! (poi sentendo il battito accelerato del cuore) E che è, na litturina! (al pubblico) mamma d’’o carmene! Chìsto mo me jetta ‘o core ‘a part’e fora e more ‘e subbeto! Ma vuje vedite comme ‘na gunnella po' ffa' vollere ‘o sanghe dinto ‘e vvene ‘e n’ommo! (poi soffermandosi sulla figura di Gaetano) Ma po' vurria capì addò sta ll’ommo! (cercando di far tornare in sè Gaetano) Gué, Gaetà! Gaetà fernescela!

GAETANO                              Me piace! Me piace! Luígì me piace!

LUIGINO                                (Al pubblico) L’ha pigliato pe’ nu gelato! Guagliò ma ’a vuò fernì o no! Ma te sì cuntato l'anne ca tiene? Tu te l'he’’a levà sta fissazione! ‘E ‘a pazzià cù 'e guagliuncelle comme a te!

GAETANO                              Io voglio pazzià cu Carmelina!

LUIGINO                                  Chiamatelo fesso! Guè! Vide chisto, quanno sulo l'ha guardata comme s'è ‘ntesecuto tutte quanto! Me pare ‘nu cannulicchie appena asciuto d’’o mare.

GAETANO                              Luigì me piace! Luìgí…

LUIGINO                                Gaetà rilassate! Ammosciate! Vattenne ‘a casa! Si passa mammeta ‘a cca sarranno nummere sicure! Tell’aggi’’u ditto tanti vvote! Cca ‘nnanze nun ce ‘a azzeccà  cchiù! E tu staje sempe cca!

Luígíno canta “Guaglione”

Durante l'esecuzione della canzone Carmelina chiacchiera amabilmente con don Gennaro ‑ (alla fine della canzone)

LUIGINO                                Gaetà, vattenne ‘a casa, va! Va! (Gaetano senza parlare si avvia verso casa mentre entra in scena Ferdinando)

FERDINANDO                       (Entrando in scena con un cesto di pesci) Pigliateve ‘o pesce! Pesce fresco, pesce vivo! (Avvicìnandosi a Filomena e Saverio seduti al tavolo del bar) Donna Filomè piglitateve ‘o pesce! Vedite ccà si nun ‘o tengo, zompa 'a fora ‘a cesta!

FILOMENA                            Quant'’o ffacite ‘o chilo?

FERDINANDO                         Donna Filomè si v’’o ppigliate tutte quante, ve faccio ‘nu bellu prezzo. Chillo mò è asciuto d'’o Mare! Guardate! Guardate!

SAVERIO                                Ferdinà, chille pesce è! Nun so’ piezze d'oro! Perciò nun sparà a lluongo si no chesta nun se piglia cchiù niente, e me faie rummanè cù 'o desiderio d'’a zuppa ‘e pesce.

FERDINANDO                       Ah! pure vuje ve vulite fa ‘a zuppa ‘e pesce?

FILOMENA                            Pecchè, chi ate s’’a vo’ fa?

FERDINANDO                       Carmelina ncoppa ‘a scesa. Poco prìmma pur’essa s'ha pigliato nu chilo ‘e rrobba. M’’a ditto che era ‘a paricchio ca desiderava ‘na zuppa ‘e pesce! Però, che coincidenza! Don Savè, avite avuto ‘o stesso pensiero ‘e Carmelina.

SAVERIO                                (Al pubblico) ‘O vì lloco! Maggiù jucato ‘a zuppa ‘e pesce!

FILOMENA                            Comme no, e chille s’adorano ‘e penziere!

FERDINANDO                         Va buò, quelle poi sono combinazioni! Comme se dice… è telepatia! Può succedere quando due persone si pensano nello stesso momento!

SAVERIO                                (Al pubblico) Dalle! Carreca ‘a mano! Pe' fforza me vò fa mazzià stammatina! (a Ferdinando) Ferdinà ma tu he ‘a vennero ‘o pesce o si venuto a fa ‘o prufessore!

FILOMENA                            Fall’’o parlà! E quello si sta spiegando cosí bene! Praticamente a Carmelina ll’he venuto ‘o desiderio d'’a zuppa ‘e pesce pe’ telescopia…

PERDINANDO                       Telepatia

FILOMENA                            Eh, comme cacchio se chiamm'essa pe'…

FERDINANDO                       Telepatia!

FILOMENA                            Ll’he venuto ‘o stesso desiderio pure a Saverio!

SAVERIO                                Ma vuje che state accucchianno, io…

 

FILOMENA                            Statte zitto! Nun parlà pecchè faccio correre ‘e carabiniere! Fetente! 'Nfame! Traditore! (ad ogni parola fa seguire una borsettata in testa a Saverio) Me faje magnà veleno tutte ‘e juorne! Ma vedite ccà! Chisto pe’ scummesa sta allerta! Si fa na sciusciata ‘o viento s’’o porta appriesso e penza a Carmelina! Ma sta vota nun t’ha passe liscio. T’aggi’’a spaccà ‘a cape! T’aggi’’a adderezzà ‘e custate!

FERDINANDO                       (al pubblico) Vi’ comme è arraggiosa chesta! Mo me piglio ‘a cesta e me ne vaco! M'avesse truvà mmiezz'’e mazzate stammatina! (A Filomena) Donna Filomè allora ‘o vulite stu pesce o m’’o porto! Chillo si sta n’atu ppoco s'ammoscia tutte quanto!

FILOMENA                            E che, l'avimmme fatto ammuscià nuie?

FERDINANDO                       E ve site mise a ffà chistu pruciesso!

FILOMENA                            Ma qua’ pruciesso! V’’o putite purtà! V’’o putite purtà! Ogge stu pesce non è di mio gradimento, anze a guardarlo bbuono me pare muorto ‘a cient’anne.

FERDINANDO                       E sì, ve ll'aggi’’u purtato mbarzamate! Don Savè, aggio capito! ‘O desiderio d'’a zuppa ‘e pesce v’’o facite passà n'ata vota. Stasera faciteve ’na bella zuppa ‘e latte! Ma vedite nu poco…

GENNARO                             Ferdinà te ne vaje 'a lloco cu sta cesta? Avimma servì 'o Ccafè o avimma vennere ‘o pesce?

FERDINANDO                       Me ne vaco! me ne vaco! (alza la cesta) Pigliateve ‘o pesce! Pesce fresco! Pesce vivo! (esce di scena)

Rientrano in scena Rosa e Concetta, si fermano all’angolo del barbiere, osservano e commentano incuriosite dalla scena

GENNARO                             Carmelì vi voglio fare l’omaggìo di una cassata bella e aggraziata comme ‘a vuje! Permettete?

CARMELINA                         E perchè no! Don Gennà se le cose vanno come dico io, quanto prima restituirò la gentilezza!

GENNARO                             Carmelì vuje site na sfugliatella cavera! Nu zucchero! Beata chella mamma ca ve facette!

Gennaro canta “Comme facette Mammeta”

Durante l'esecuzione della canzone, Carmelina non resta insensibile a tutti i complimenti di don Gennaro. La cosa non sfugge a Concetta, a Rosa e a Michele. Quest'ultimo esce di scena arrabbiato

MICHELE                               E chesto lle piace ‘e fa… ‘a palomma! Ma si ll'acchiappo dinto ‘a sti mmane…

CARMELINA                         Don Gennà, ma avite parlato c’’o maresciallo?

GENNARO                             Carmelì, ma pecchè vulite fa faticà chella bella capuzzella ca tenite? Cheste so’ cose che ‘nce aggia penzà io! Stateve tranquilla.

CARMELINA                         Eh! Penso io e penso io! E intanto il tempo passa! Don Gennà io ho bisogno d’’o chiosco!

GENNARO                             E non ci pensate!

CARMELINA                         Sì, non ci penso! Io invece ce penzo! Ce penzo! E penzatece nu poco ‘e cchiù pure vuje, arrivederci don Gennà!

(Carmelina esce dì scena per il fondo a destra. Gennaro rientra al bar. Concetta e Rosa avanzano verso il centro della scena)

CONCETTA                            Donna Rò chiste so’ nummere sicure! 14 ‘a figliola, 77 'o diavule senza corne e 79 ‘o diavule cu doie corne!

ROSA                                       Donna Cuncè vuje tirate fore nummere ‘a tutte 'e pparte! Me facisteve caccià chille belli sorde ‘a semmana passata pe' chillu terno sìcco ca ve sunnasteve! E addò sta?

CONCETTA                            E che, e' colpa mia? ‘A buon’anima do’ nonno chilli nummere me dette!

ROSA                                       E vuje sunnateve quacche muorto chiù frisco! 'O nonno vuosto sarrà muorto ‘a nu seculo!           L'avarranno mannato in pensione pure ‘a chill’atu munne e nun 'o fanno cchiù cuntà! Comme succede addò nuie! Quello tutto il mondo è paese e la ncoppa nun ve penzate ca fanno eccezione!

CONCETTA                            Dicite buono vuie donna Rò! Ma 'e suonne so’ a comme veneno! Io po’, muorte frische nun ne tengo, papà è ancora vivo!

ROSA                                       Ma quant 'anne tene ‘o pate vuosto?

CONCETTA                            Donna Ro' aggiate pacienza! Niente niente vulisseve tirà ‘e piere a papà pe’ nce fa ‘a cummudità!

ROSA                                       Ma quanno maie! 'O nonno comunque nun va bbuono!

CONCETTA                            E quanno ‘o veco cagne canale! Donna Rò! Chille po’ se piglia pure collera!

ROSA                                       E cacciamme 'e sorde! Nun 'o facimme piglià collera! Ma sta vota primma voglio sape’ ‘a do' so' asciute fore stu diavule cu ‘e corne e ‘o diavule senza corne!

CONCETTA                              Embè, 'o diavule senza corne è chillu fariseo ‘e don Gennaro! Pecchè e' nu diavule tentatore!

ROSA                                       E Michele sarria 'o diavule cu ‘e corne!

CONCETTA                            E nun l'avite visto ca steva arraggiato comme a nu diavole? A Michele io però, ’a verità, ‘nce veco pure è corne!

                                   

ROSA                                       Ah! Ecco! (pausa) Donna Cuncè 'o banco lotto ‘nce penzammo n’ata vota! Mo penzammo piuttosto 'e fa quaccosa e chiù importante! Io a chillu guaglione ‘o tengo dint’’o core.

CONCETTA                            E io no? Tengo nu pisemo ncopp’’a coscienza ca…

ROSA                                       Io diciarria ‘e parlà cu’ Don Domenico.

CONCETTA                            ‘O prevete? E chella s’arravoglia pure a isso! Io invece diciarria 'e parlà cu ‘o maresciallo! 'A legge è sempe ‘a legge!

ROSA                                       Donna Cuncè, io cu ‘a legge nun ce aggi’’a avuto maie a che fa!

CONCETTA                            E chi ‘nce avute maie a che fa! Ma cca sule ‘o marisciallo ce po salvà!

ROSA                                       Dicite bbuono Donna Cuncè! Iammo!

Concetta e Rosa bussano al portone della caserma

CONCETTA                            Mariscià!

ROSA                                       Mariscià! Mariscià!

MARESCIALLO                    E nu mumento! Che cosa è chesta! Che ‘e successo!

Le donne cantano “Tuppe Tuppe Mariscià”

MARESCIALLO                    Ma io non ho capito ancora l'accusa precisa che muovete contro Carmelina.

CONCETTA                            Tiene caldo!

MARESCIALLO                    Tiene caldo?

ROSA                                       Marescià Carmelina tene troppa cavere, ‘e vvote pare ca s'appiccia.

MARESCIALLO                    E mò chiammamo ‘e pumpiere p’’a stutà. Donna Rò ma vuje che me iate cuntanno?

CONCETTA                            Mariscià vuie pazziate? Ma ccà si nun se pruvvede chella s’arrefresca cù ll'uommene nuoste.

MARESCIALLO                    Ma nun dicite scemità! Vedete, in primo luogo, l’accusa che le muovete fa ridere e, vi assicuro, non solo a me. Figurammece si 'o giudice fa arrestà a Carmelina pecchè tiene caldo. Vedete, Carmelina da quando è rimasta orfana di padre e di madre non cerca altro che crearsi un'indipendenza economica. Povera piccerellal E che ce po’ fa si ‘a gente approfitta e se piglia 'a pizzicata! Anzi io, proprio adesso, sto andando ncoppa ‘a scesa pe’ le purtà l'autorizzazíone a mettere ‘o chiosco. Chesta è na cosa che 'a farrà veramente felice, è ‘a paricchio che ll’aspettava. Iate, jate, arretirateve 'e ccase voste e lasciate stà ‘e chiacchiere.

Le donne se ne vanno non proprio convinte e il maresciallo si avvia verso la scesa.

SI CHIUDE IL SIPARIO


SPACCATO NAPOLETANO

SECONDO ATTO


Stessa scenografia del 1° atto con l'aggiunta di un chiosco in fondo al parco alberato.

Al levarsi del sipario, Ciccillo, Ntoneniello e Gennaro, davanti al chiosco di Carmelina, anch'essa presente, che consumano una bibita.

In disparte Furturella e la signora Sciarillo.

Tutti cantano "Ndringhete, ndra".

Alla fine della canzone, Ciccillo si distacca dagli altri e si avvicina alle donne.

CICCILLO                              Guè, Furturè!

FURTURELLA                       Uh, mamma mia!( al pubblico) Comm'è azzeccuso chisto! Stai n'ata vota ccà? Ma che vuò ‘a me? Me vuo' lassà sta' o no?

CICCILLO                              Furturè, nun te ngrifà, io nun so' turnato pe' te dicere n'ata vota ca te voglio bene, a proposito..., Furturè, te voglio bene!

FURTURELLA                       Ciccì, e mo accummience n'ata vota? Io nun ‘o saccio comme te ll'aggi’’a fa capì. Tu nun tiene nè arte e nè parte e, oggi come oggi, non puoi essere l'uomo della mia vita.

CICCILLO                              E io perciò io t''o dico tutte 'e juorne, pecchè po' capità che un giorno lo potrò essere e va a fernì ca proprio chillu juorno nun te ll'aggio ditto.

FURTURELLA                       Ciccì nun me fa perdere tiempo, se pò sapè che me vulive dicere?

CICCILLO                              E certo che se pò sapè! So' venuto pe' chesto! Furturè, Alfredo vo saglì ncoppa a casa toia pe' parlà cu Nannina. Chillo, 'a quanno Nannina l'ha lassato, fa 'o pazzo, nun se fa persuaso. 'O bell'è che m'acchiappa sotto e d''a matina a sera io m''aggia sentere dinto 'e recchie tutt''e cunte ncoppa a Nannina, 'a soubrette e 'a gelusia. T'assicuro ca nun 'o pozzo sentere cchiù! Perciò, famme stu piacere, fall''o parlà cu Nannina.

FURTURELLA                       Ciccì ma tu fusse asciuto scemo? 'O ssaie quanta vote ‘nce l'aggi’’u ditto a Nannina? S'è miso p''o miezo pure 'a signora Sciarillo.

SIGNORA SCIARILLO        Comme no! Sapisseve quanta vote ‘nce ll'aggi’’u ditto pur'io, ma chella nun 'o vò sentere manco 'e nummenà!

FURTURELLA                       E tu mo 'o saie che persona è 'a signora Sciarillo! Ciccì si ha ditto 'e no a essa, nun perdere proprio tiempo!

SIGNORA SCIARILLO        Ma no, che vuol dire...

FURTURELLA                       No, no! Vuol dire, vuol dire! 'A gente d''o quartiere, no pe' vò dicere 'nfaccia, ve stà a sentì, i vostri consigli li seguono tutti, pecchè diceno ca vuie cù tutto chillu pesce ca ve mangiate, avita tenè 'a capa chiena 'e forfora.

SIGNORA SCIARILLO        E che c'entra mò 'a forfora cù 'a capa mia?

FURTURELLA                       Uh, comme se dice?... m'aggio scurdato! Mannaggia a me ca nun me magno maie 'o pesce! Ah, ecco! Tena 'a capa chiena 'e...

CICCILLO                              Di animaletti!

FURTURELLA                       No, 'e fosforo!

CICCILLO                              Furturè, cù sti vongole ca cacce fore, ate che pesce te’’a mangià, tu te'’a magnà 'na balena si vuò accuncià nu poco sta lengua strevallata ca tiene!

SIGNORA SCIARILLO        Sentite Ciccì, m''o vulite fa nu piacere? S'è fatto tardi e io aggi’’u lasciato a maritemo 'ncoppa sulo. Chillo sta poco buono, so' scesa pe ‘nce fà 'na pizza addo Giuvanne 'o 'nzevato, ma vedo che non ce la faccio a tempo.

CICCILLO                              Dite a me signora Sciarillo.

SIGNORA SCIARILLO        M'avisseva fa fà 'na bella pizza, però mi raccomando, senza olio, senza mozzarella e senza pomodoro.

CICCILLO                              'A pasta ‘nce 'a pò mettere?

SIGNORA SCIARILLO        Ciccì, nun pazziate. Quello mio marito è nu poco gravante! Ciccì, po' m''a purtate nu poco 'ncoppa?

CICCILLO                              Ma certo signora Sciarì, vado e torno.

Ciccillo via per il fondo

SIGNORA SCIARILLO        Iamme Furturè, saglimmuncenne pure nuie (prendendo sotto braccio Furturella) Chella nun se fà capace! Tene 'a capa tosta chella!

Le donne escono dalla prima quinta a sinistra. Dal fondo entrano Concetta e Rosa confabulando.

ROSA                                      Embè, io nun 'o ssupporto! Ma l'avite vista comme và vestuta? Tutta robba fru-fru! Pè forza ca chillo alliccapettule nun'a molla!

CONCETTA                            Donna Rò, chella ha fatto resuscità pure a chillu muorto 'e mariteme!

ROSA                                      Veramente?

CONCETTA                            Donna Rosa mia, chillo stà tutto 'mbarazzato!

ROSA                                      Sta controindicazione nun 'a cunuscevo. Possibile che ll'ha fatto chist'effetto?

CONCETTA                            E sò niente 'e limunate che se zuca! Sta sempe 'ntustato nnanze a nu chiosco. Ma si 'o piglio 'ncastagna, 'o spacco 'a capa a doie parte.

Entra Alfredo e si imbatte nelle donne

ALFREDO                              Donna Cuncè, avito visto a Ciccillo?

CONCETTA                            No, nun l'aggi’’u visto, si 'o veco l'aggi’’a dicere qualche cosa?

ALFREDO                              No, sulo ca 'o cerco. 'O marito vuosto comme stà? 'O bubbone s'è avasciato?

CONCETTA                            Chillo che ‘nce ha fatto don Domenico con l'aspersore, si!

ALFREDO                              Pecchè ne tene pure n'ato?

CONCETTA                            Chillo che ‘nce aggi’’u fatto io.

ROSA                                      E ched'è, ha pigliato mazzate 'a tutte 'e parte? 'O prevete però nun 'o facevo accussì manesco!

CONCETTA                            Ma qua' manesco! E' stato chillu cetrulo 'e mariteme ca s'è vuttato cù 'a faccia annanze mentre don Domenico benediceva 'o chiosco.

ALFREDO                              Veramente pure 'o prevete s'è distratto nù poco.

CONCETTA                            Nù poco? Chillo ha appizzato ll'uocchie ‘ncoppa a Carmelina e cull'aspersore vatteva 'nfronte a chillu 'nzellanuto 'e mariteme.

ROSA                                      Che me dicite donna Cuncè? Cheste so' cose 'a nun credere. Chella femmena è capace 'e fa vutà 'a capa pure a 'o prevete?

ALFREDO                              Ma qua' femmena! Qua' prevete! Chella s'è trattato 'e na disgrazia! Site vuie ca pe' ogni cosa ca succede, pe' fforza ‘nce vulite vedè 'o zampino 'e Carmelina.

CONCETTA                            Guè, chisto 'a defenne pure! S''a jucato 'a mugliera e ancora nun s'arrenno!

ALFREDO                              Sarrà meglio ca me ne vaco. Donna Cuncè si vedite a Ciccillo dicitence ca 'o cerco. (uscendo di scena) Chillo 'o Pataterno primma 'e ffà e po' l'accocchia!

CONCETTA                            Donna Rò, ma 'a vedite comme fa 'a smurfiosa con don Gennaro? Forse pensa di mettersi in grande e unire le attività. E chillu povero Michele...

ROSA                                      Ma vuie che dicite? E pozzo maie credere ca...

CONCETTA                            Donna Rò, ma voi non li vedete come tubano? Me pareno 'e palumme 'e piazza Plebiscito!

Le donne escono di scena confabulando

CARMELA                             Don Genna' voi mi confondete! Io vi ho restituito solo una gentilezza. Voi me ne avete fatte tante.

GENNARO                             Carmelì, voi lo sapete cosa voglio.

CARMELA                             Don Genna' vuie tenite 'a capa fresca!

GENNARO                             Carmelì, io non mi arrendo!

CARMELA                             Don Genna', nun facite accussì! Vuie 'o sapite ca si mettite mmiezo sti ccose me facite perdere subbeto 'o buonumore. Io tengo ato p''a capa!

Gennaro canta "A tazza 'e cafè".

CARMELA                             Don Genna', putite ‘a vutà quanto vulite vuie, 'o zuccaro 'a sotto 'a tazza nun se scioglie.

GENNARO                             Carmelì io nun so' ommo 'a essere purtato 'ncarrozza!

CARMELA                             E chi maie l''a penzato!

GENNARO                             E allora perché siete così sfuggente? (fa per abbracciarla) Carmelì vuie site ‘na ’nguilla, ma 'a pesca 'e ll'anguille è stata sempe 'a passiona mia!

CARMELA                             Eh, don Genna'! E che ve site purtato 'a morza 'a 'o posto d''e mane? (lo respinge energicamente) Se io so' ‘na 'anguilla, comme piscatore vuie manco ’nce pazziate!

GENNARO                             (barcollando, al pubblico) Vi' che forza che ha cacciato! Se ‘nce provo n'ata vota, chesta me manne a 'o spitale!

NTONENIELLO                     Don Genna' attenzione a 'e scoglie! Ve putite fa male!

GENNARO                             (al pubblico) 'E scoglie 'e mammeta! Vedite che figura m''a fatto fa'! (ricomponendosi) Carmelì, io overo nun ve capisco, doppo tutte 'e cerimonie ca ‘nce simmo fatte, me date sta sbalanzata!

CARMELA                             E voi toccate! Scusate don Genna'.

GENNARO                             Ma io pensavo che...

CARMELA                             E ve site sbagliato! Don Genna', io male nun ve ne voglio. Si ogge pozzo cuntà ‘ncoppa all'attività aggia ringrazià a vuie.

GENNARO                             Io ho solo controllato che non venisse calpestato un vostro diritto.

CARMELA                             Don Genna' voi siete stato il mio santo in Paradiso e nun me metto scuorno d''o dicere. Pecchè 'e sante 'mparaviso 'e teneno tutte quante! S'adda mettere scuorno chi 'e move pe' scarpesà 'e diritte 'e ll'ate. Chello ca m'avite fatto vuie io nun m''o scordo e ve ne sarraggio sempe ricunuscente, ma 'o core mio nun v''o pozzo da', chillo l'aggio prumisso paricchiu tiempe fa! Si nun vulenno v'aggio fatto fa cannulicchie, scusateme. (rivolgendosi a Ntoneniello) Iammo Ntonenie', accumpagname ‘nu poco ca s'è fatto tarde.

NTONENIELLO                     Subito Carmelì, sempre ai tuoi comandi!

Gennaro canta "Malafemmena" (solo la 1^ strofa e il ritornello)

GENNARO                             Luigì, purtammo sti tavulinette a parte 'e dinto, ca s'è fatto tarde pure pe' nuie. (eseguono)

LUIGINO                                Don Genna' dimane faccio nù poco chiù tarde.

GENNARO                             Comme si fosse 'na nuvità! Tu m'aje dicere quanno si' venuto puntuale.

LUIGINO                                Ma che è colpa mia si me capita sempe 'e fa quaccosa?

                                                                                   

GENNARO                             E ti capita sempre quando devi venire ad aprire l’esercizio, manco ce tenisse n'appuntamento fisso. Iammuncenne, jà, si no me faie arraggià pure stasera.

Escono di scena

E' tarda sera (predisporre in anticipo il lento movimento di luci)

Ciccillo entra in scena con una scatola in mano.

ALFREDO                              (da dentro con voce alterata) Guè, Ciccì! Ciccì!

CICCILLO                              (spaventato) Chi è! Chi è!

ALFREDO                              Ciccì so' io, Alfredo.

CICCILLO                              Puozze iettà 'o bbeleno, nun nce 'o voglio perdere! M'he fatto rummanè senza sciato. (al pubblico) Guè, chisto quanno fa accussì me fa piglià na freva ca overo 'o ciaccarria!

ALFREDO                              Ma c'aggio fatto? T'aggi’’o sulo chiammato!

CICCILLO                              Ah, tu te miette dint''o scuro, me faie chella voce 'e lupo arraggiato, me faie murì 'e paura e po' <<T'aggi’’o sulo chiammato!>>.

ALFREDO                              E mò te facevo 'a voce 'e ll'arcangelo Gabriele, Ciccì comme si' delicato! (tocca maldestramente lo scatolo che Ciccillo porta in mano) Che puorte ccà dinto?

CICCILLO                              (esageratamente preoccupato) Alfrè mò me facive carè 'a pizza! (apre lo scatolo per controllare)

ALFREDO                              (guarda il contenuto dello scatolo) 'A pizza?

CICCILLO                              Eh! Alfrè, 'a pizza, 'a pizza!

ALFREDO                              E chi te l'ha fatta sta schifezza 'e pizza?

CICCILLO                              Ma pecché, te l'aje magià tu?

ALFREDO                              No! Ma vurria sapè chi 'o tene stu curaggio.

CICCILLO                              E io mò, si nun metto 'e cartielle, tu nun si cuntento.

ALFREDO                              Ciccì, tu si m''o vuò dicere m''o dice, si nun m''o vuò dicere nun m''o dice! Sa quanto me ne mporta, io tengo ato p''a capa. Ma chi s'adda magnà?

CICCILLO                              'O vi' ca si curiuso?

ALFREDO                              Ma qua' curiuso!

CICCILLO                              Si curiuso Alfrè, si curiuso! Tu si nato curiuso! Iammo a vedè! 'A pizza è p''o marito d''a signora Sciarillo, essa me l’ha urdinata accussì.

ALFREDO                              Allora mo' ca saglie ‘ncoppa vide 'e ncuntrà a Furturella e...

CICCILLO                              E dalle! Alfrè l'aggi’’u ncuntrata già a Furturella.

ALFREDO                              E allora?

CICCILLO                              Allora m'ha ditto ca Nannina nun tene cape 'e turnà cu te.

ALFREDO                              Ma cheste so' cose d'ascì a fore 'e panne! Va buò Ciccì, mò puortece sta cosa cavera ‘ncoppa e vide d''a ncuntrà n'ata vota. Io te aspetto ccà.

CICCILLO                              (avviandosi) Sta cosa cavera? Sta cosa! Pecchè 'e cavera ‘nce so' rummaste sule 'e mane doppo stu bellu ragiunamento che ‘nce simme fatte. (esce di scena dalla quinta a sinistra)

Da sinistra entra in scena Ferdinando

FERDINANDO                      Don Alfrè, che facite sulo sulo mmiezo 'a via a chest'ora?

ALFREDO                              Voglio sta sulo comme a nù cane, aggia da' cunto a te?

FERDINANDO                      Vuie nun state sulo comme a nù cane, vuie state sulo comme a nù cane arraggiato! E so' mode 'e risponnere chiste? Io v'aggi’’o purtato sempe rispetto, quanno vaco a piscà 'o meglio pesce 'o levo subbeto 'a nanze pe' v'ò purtà! Ve servo comme 'o prevete ‘ncoppa all'altare e vuie... (al pubblico) se dice buono: S. Antonio s'annammuraie d''o puorco!

ALFREDO                              Va buò, mo nun esagerà! Io stongo nu poco nervuso. Va! Va a menà 'a rezza e dimane ammatina arricuordate 'e me mettere nù bellu cefule da parte.

FERDINANDO                      E comme no? Chillo mò 'o cefule ha sentuto l'ordine e s'è miso subbeto in viaggio pe' venì dinto 'a rezza mia. Don Alfrè! Chella perciò se chiamma pesca, pecché nun se sape maie chello ca se acchiappa! Vulesse 'o cielo ca...

ALFREDO                              E allora dicimmo che è nu buono augurio. Si pische 'o cefule m''o puorte. Statte buono Ferdinà e bona pesca!

FERDINANDO                      'O vi' lloco! (al pubblico) 'O ssapevo ca m''o diceva. Don Alfrè, 'a capa è tosta! Ve ll'aggi’’o ditto tanta vote ca nun se dice bona pesca a nù piscatore e vuie...

ALFREDO                              Comme si superstizioso!

FERDINANDO                      Io nun so' superstizioso, ma nun m''o voglio sentì 'e dicere, va buò? Aggio chiuso 'a serata, farraggio sicuro ‘na bella pesca pure dimane! Ma vedite si a nù piscatore se po' dicere <<bona pesca>>. (esce arrabbiato a sinistra)

ALFREDO                              Mamma d''o Carmene! E chesto che cos'è, nun se po' arapì manco cchiù 'a vocca. Io stongo arravugliato comme a nu fegatiello e chillo penza a...

CICCILLO                              (entrando in scena) Alfrè, a Furturella nun l'aggi’’u vista.

ALFREDO                              Viene ccà Ciccì, mo ‘nce faccio ‘na bella serenata, po essere ca sentenno...

CICCILLO                              Alfrè, tu me faie fa' storie cù Furturella.

ALFREDO                              Nun te preoccupà, ‘nce mettimmo dinto 'o scuro.

Alfredo canta "'A serenata 'e Pulecenella"

A fine canzone Nannina e Furturella escono in scena e vanno incontro ai due uomini

NANNINA                              Alfrè perduoname, doppo sti belli parole ca m'aje ditto, nun ‘nce l'aggio fatto cchiù a starte luntano!

FURTURELLA                       Ciccì, è venuto 'a chiagnere pure a me, sta canzone m''e scesa ‘nfunno 'o core e m''a fatto capì ca te voglio bene pur'io. Nun fa niente ca nun tiene nè arte e nè parte. Stasera putimmo campà sulo d'ammore! Dimane po, sarrà n'atu juorno, comme diceva Rossella O' Hara! E mica po' funziunà sulo pe' essa sta filosofia!

Ciccillo e gli altri in coro cantano "Furturella"

A fine canzone entra in scena Pasquale

PASQUALE                            Guè, ma che d'è stasera, nisciuno tene suonno? Che avite, pigliata 'a notte pe' ‘o juorno? Ccà 'a gente adda durmì!

ALFREDO                              L'aggio ditto ca nun se po' arapì manco cchiù 'a vocca! Nuie mò ch'avimmo fatto?

PASQUALE                            Ch'avite fatto? Io so' stato n'ora assettato mmiezo 'o lietto, aspettanno ca te decidive na vota pe' sempe.

ALFREDO                              Don Pasquà, decidevo a fa chè?

PASQUALE                            Ad abbassare la voce! <<Mò t''o dico zitto zitto zitto, mò t''o dico zitto zitto zitto>> e addò sta? L'avisse avasciato ‘na vota chillo trumbone 'e voce!

CICCILLO                              Va buo' don Pasca', vuie mò site nu poco esagerato.

PASQUALE                            Statte zitto tu! Tu nun aje parlà proprio! Mha chiammato don Saverio pe' sapè quanno te vulive dedicedere a murì. 'A verità è stato nu sperpetuo.

FURTURELLA                       Comme! E' stato nu sperpetuo?

PASQUALE                            Furturè nun 'o difennere pecchè a don Saverio l'aggi’’u avuto fermà io. Era sciso cù ‘na mazza grossa mmano e 'a forza 'o vuleva dà ‘na mano a murì.

NANNINA                              'O vuleva da' ‘na mana a murì?

PASQUALE                            Eh! Donna Nannì! E chillo pare che l'ha ditto ‘na vota sola <<io mò moro>>. (al pubblico) Puozze jettà 'o bbeleno, ‘nce ha fatto murì a nuie!

FURTURELLA                       E don Saverio?

PASQUALE                            A don Saverio ‘nce vuluto 'o bello e 'o buono p''o fa turnà ‘ncoppo adda mugliera. 'A ditto ca teneva ‘na capa ‘ntrunata comme a ‘na campana e le pareva ca 'o battaglio lle vatteva ancora ‘ncoppa.

CICCILLO                              Chillo pigliaie chelle burzate ‘ncapa ll'atu juorno!

NANNINA                              'A mugliera 'o ntummaie buone pure quanno turnaiene 'a casa. 'O carrecaie 'e mazzate e male parole, avette nù pacchero ‘ncoppa 'o naso ca me facette impressione!

ALFREDO                              Allora perciò ‘nce vuluto 'o bello e 'o buono p''o fa turnà ‘ncoppa adda mugliera. Forse, 'o puveriello, se senteva cchiù tranquillo abbascio!

PASQUALE                            Ma vuie che state accucchianno? Faciteme 'o favore, arreterateve primma ca svigliammo tutto 'o quartiere!

ALFREDO                              Iammo Nannì, iammuncenne 'a casa nosta. A tutte quante, bona nuttata! (si allontanano scambiandosi affettuosità)

PASQUALE                            Nuttata!? 'E chello ca ‘nce rummasta!

CICCILLO                              Iammo Furturè, iammuncenne pure nuie.

FURTURELLA                       Iammuncenne, addò?

CICCILLO                              A casa toia!

FURTURELLA                       A casa mia, a fa che?

CICCILLO                              Comme, tu poco primma he ditto: putimmo campà pure sulo d'ammore!

FURTURELLA                       Ma io dicevo un amore... animale!

CICCILLO                              (al pubblico) 'A sotta! E se faceva tanto preja'? ...Animale!? Io saccio fa' 'o cane. Sperammo ca lle piace!

PASQUALE                            Accussì primitiva a chesta nun 'a facevo.

MOGLIE DI PASQUALE     (fuori scena) Pascà t'arretire o no? He lassato 'a porta aperta.

PASQUALE                            Sto' venenne! Sperammo ca nun so' trasute 'e surice 'a dinto, si no fernesce ca 'a nuttata overo 'a facimmo chiara chiara. (esce di scena)

CICCILLO                              Allora l'avimma fa mmiezo 'a via?

FURTURELLA                       Che cosa?

CICCILLO                              L'ammore animale!

FURTURELLA                       Addò uno se trova! E che è, mò nce se sceglie pure 'o posto?

CICCILLO                              (al pubblico) Proprio comme 'e cane! Mò ‘nce faccio ‘na ringhiata signorile, manco m'avessa piglià pe' nu cane 'e massaria? Grr, grr.

FURTURELLA                       Guè, Ciccì! Che tiene, 'a puca ‘ncanna?

CICCILLO                              Aggio fatto n'ata figura 'e niente. Si sapevo m'allenavo nu poco c''o mastino 'e don Saverio stammatina. (con voce alterata) Furturè! Grr, grr.

FURTURELLA                       Mamma d''o Carmene, chisto s'affoca! Ciccì quanto te si fatto brutto!

CICCILLO                              Ma chi se sta affucanno! Furturè io stongo facenno 'o cane. Manco nun l'avisse capito. Io voglio fa ammore! Grr, grr, grr.

FURTURELLA                       Uh mamma mia, chisto è asciuto pazzo! Ciccì nun fa accussi me faie mettere appaura.

CICCILLO                              Grrr! Grrr! Grrr!

FURTURELLA                       Aiutateme! Currite! Ciccillo è asciuto pazzo!

CICCILLO                              Ma comme “Ciccillo è asciuto pazzo”? Si stata tu a me dicere ca te piace l'ammore animale.

FURTURELLA                       E chisto sarria l'ammore animale? Tu staie facenno 'o cane! L'ammore animale adda essere gentile, 'a parola stessa t''o ddice. Adda ascì dall'anima!

CICCILLO                              Animale ch'adda ascì dall'anima? Anima comme ll'anima, chella ca tenimmo ‘mpietto?

FURTURELLA                       Eh!

CICCILLO                              Furturè, puozze jettà 'o bbeleno! Se dice spirituale, platonico! Animale, vedite che se fida 'e dicere cu chella vocca! Amore animale. Mha fatto fà 'o cane, mha fatto fà.

PASQUALE                            (uscendo in scena arrabbiato) Guè, ma 'a fernite cù st'anema? Mannaggia l'anema vosta! Ccà s'adda durmì! Ah ah, seh seh, ne sta arrivanno n'ato!

Entra in scena Michele cantando "Luna rossa"

PASQUALE                            Guagliò, vattenne 'a casa, chella nun è pe' te! Tu aje arapì ll'uocchie, nun è cchiù 'o tiempe 'e menarse dinto 'e campane.

FURTURELLA                       Vedite llà, se sta struienno comm''a ‘na cannela.

MICHELE                               Don Pascà nun dicite accussì, vuie nun 'a cunuscite bona a Carmelina, chella me vo' bene, io 'o saccio.

PASQUALE                            E tu statte cù sta capa! Vide lloco comme te si cumbinato, me pare n'alluccuto!

MICHELE                               Ve sbagliate don Pascà, chello ca penzate vuie nun po' essere.

FURTURELLA                       Michè, 'a gente d''o quartiere parla, nun è sulo don Pascale 'a penzarlo.

MICHELE                               E se sbagliano tutte quante!

MOGLIE DI PASQUALE     (fuori scena) Pascà, curre! ‘Nce sta nù sorice ‘ncoppa a culunnetta, pozza jettà 'o sango, comme me guarda brutto!

PASQUALE                            'O vi' lloco, aggio fatta 'a frittata! (alla moglie) Sto' venenno! (esce di scena)

CICCILLO                              Jammo Michè, arreterammece ca s'è fatto tarde.

MICHELE                               Jate, io vengo appriesso.

CICCILLO                              (uscendo di scena con Furturella) Povero guaglione!

MICHELE                               (al pubblico) Io 'o ssaccio ca stà ‘a reto 'a fenesta e nun tene 'o curaggio 'e scennere. Pecché Carmelina nun s'è scurdata 'e me! Quanno a Maggio se ne jette me dicette <<Michè aspettame>> e io l'aggi’’u aspettata.

Michele canta "Era de Maggio" (1^ strofa e ritornello), entra in scena Carmela e canta la 2^

strofa.

Durante l'esecuzione del 2° ritornello entrano tutti i personaggi in scena. Il sipario si chiude

alla fine della canzone.à

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 7 volte nell' ultima settimana
  • 12 volte nell' ultimo mese
  • 26 volte nell' arco di un'anno