Spirito allegro

Stampa questo copione

MAIGRET E IL PAZZO DI BERGERAC

 

SPIRITO ALLEGRO

Di Noel Coward

Traduzione ed adattamento

 di Giancarlo Ripani

  1 Giugno 2001                                                                  Versione 2001                                                                                                 


Personaggi  (in ordine di apparizione)

                                                       

FILIPPO                                       cameriere

PALMIRA HUTTON              amica                                   

                           

MAUD CONSIDINE               seconda moglie 

CARLO CONSIDINE             scrittore

ORAZIO WICHFIELD           vicario

ERNESTO BRADMAN                   medico

HENRIETTE BRADMAN     amica

        

MADAME ARCADI`              medium

RODOLFO                                   spirito guida

        

GIDENAMADA                       spirito multiplo

ELVIRA CONSIDINE            prima moglie                                                             


L’ambientazione: una cittadina vicino Londra negli anni tra il30 e il 40

La scena: Soggiorno di una villa padronale settecentesca ovviamente ammodernata con un camino, un pannello specchio semitrasparente che ruotando possa consentire l’ingresso in scena, due o tre porte di cui una dia accesso dall’esterno.

L’arredamento: Un tavolo tondo con sette sedie, un divano, un ritratto di donna anziana, un ritratto di donna giovane, un vaso da fiori, un candeliere da tavolo con relativa candela una etagere su cui tra l’altro poggia un busto di Dante Alighieri a grandezza naturale, un carrello o mobile portaliquori, una cassapanca 


Primo Tempo

Parte M1

Dopo ~ 15” Sipario

Luci Pz1 (piazzato notte)

Filippo si aggira per la stanza con un piumino in mano e spolvera i mobili facendo mosse da karateca con gridolini relativi

Fil:

Ah .... ah ah ...... ah ah  ah .....

E1 (campanello)

Filippo prima si guarda attorno perplesso poi si mette il piumino tra i denti a mo’ di pugnale e va ad aprire P2 e si pone in posizione di assalto

Da P2 entra Palmira con in mano una borsetta

pal:

Buona sera c’e` la signora Maud ?

Sospettoso

FIL:

Tu chi essere ?

Con sussiego

PAL:

Puoi annunciare che Lady Palmira Hutton desidera conferire con lei.

Filippo strappa dalle mani di Palmira la borsetta poi la prende per il collo e la scrolla

Urlando con voce strozzata

PAL:

Aiuto ! Aiuto !

Entra Maud da P3

Accorrendo presso Palmira

MAU:

Fermo Filippo !

Ma sei impazzito?

FIL:

Io uccidere donnaccia che volere te ferire !

Filippo lascia Palmira

Massaggiandosi il collo

PAL:

Pezzo di idiota ho detto conferire e non ferire !

MAU:

Cara Palmira ti prego di scusare il nostro Filippo, e` da poco in Inghilterra e non e` ancora padrone della nostra lingua.

Pal:

C’ e ` mancato poco che mi strozzasse !

Maud invita con un gesto Palmira a sedere sul divano

MAU:

Cosa ti posso offrire per rimetterti dallo spavento?

Pal:

Un dito di Porto non sarebbe male !

Maud si avvia verso il carrello dei liquori

MAU:

Puoi andare Filippo.

Con veemenza

FIL:

Tu non chiamare me Filippo.

Mentre prepara il Porto

MAU:

E come allora ?

Con orgoglio

Fil:

Mio nome essere Son Na Colon io principe e discendere da dinastia di grandi samurai: “Nun Tien No Jen!

Ammirata

Pal:

Complimenti Maud !

Abbiamo fatto le cose in grande: un cameriere di sangue nobile

Assumendo una posa da Karateca

FIL:

Io anche cintura nera di Kug Fu e Karate

Pal:

Straordinario!

Filippo si inginocchia ai piedi di Maud

Con trasporto a Maud

FIL:

Io eleggere te a mia dama, nessuno potere toccare te a costo di mia vita !

Schernendosi

MAUD

Adesso non esageriamo.

Scattando in piedi

FIL:

Se mia signora permettere io fare subito fare giuramento di samurai.

Rassegnata

MAU:

Un’altra volta Filippo.

Divertita

PAL:

Dai lascialo fare e` cosi divertente !

Brandendo il piumino come una sciabola

FIL:

Ah. Ah, ah.

Per Buddha Fo e Confucio

Io pronto a sacrificio

Traccia dei fendenti con il piumino

Ah. Ah, ah.

Per Fo, Confucio e Buddha

Giurare di mettercela tudda

Traccia dei fendenti con il piumino

Ah. Ah, ah.

Per Confucio, Buddha e Fo

Mia vita per signora Maud

Traccia dei fendenti con il piumino e con uno di essi va a colpire il busto di Dante Alighieri

Ah. Ah, ah.

Accorrendo presso il busto

MAU:

Attento !

Per poco non rompi il busto di Dante !

Mio marito non te lo avrebbe mai perdonato.

Guardando il busto

FIL:

Anche signore Dante fare pugilato?

Ridendo

PAL:

Ma che dici Dante e` stato un grande poeta italiano !

Poco convinto

FIL:

Forse vero. Ma  suo naso dire che lui tirare di boxe.

Io intendere !

Spingendolo decisamente verso P1

MAU:

Adesso puoi andare Filippo !

Uscendo

FIL:

Io non Filippo, io principe ....

Filippo esce da P1

Maud porge il bicchiere a Palmira e la raggiunge al divano

Con ammirazione

PAL:

Niente male il samurai !

Ma  dove lo hai scovato ?

Sedendosi vicina a Palmira

MAU:

Me lo ha mandato l’agenzia stamattina.

PAL:

Perché l’altra cameriera ... come si chiamava .....

Venendo in aiuto

MAU:

Agnese

Pal:

Già Agnese.

 Per quale motivo se ne e` andata ?

Facendo il gesto della pancia

MAU:

Il motivo cresceva di giorno in giorno !

Ridendo

PAL:

Non mi dire !

Sembrava una gatta morta !

Gesto significativo

E dimmi chi e` il .......

MAU:

Mah ?

Con malizia

Il garzone del lattaio era un po’ di tempo che frequentava la nostra cucina e forse non solo quella !

Con invidia

PAL:

Pero` dimostra buon gusto la piccina: il garzone del lattaio e` un gran bel  ragazzo !

Consultando l’orologio

MAU:

Sei arrivata in anticipo.

Madame Arcadi` non sarà qui prima delle nove.

Pal:

Sono venuta per scusarmi.

Purtroppo non  potrò essere dei vostri.

Ha telefonato la zia Edvige che ha avuto il solito attacco di artrite ed e` praticamente immobilizzata.

Dispiaciuta

MAU:

Che peccato !

Non sai a cosa rinunci !

Interessata

PAL:

E` veramente tanto forte questa medium ?

Sicura

MAU:

Eccezionale !

Dicono che sia unica al mondo !

Speranzosa

PAL:

Senti vedi di combinare un’altra seduta la prossima settimana che un fenomeno simile non me lo voglio perdere.

Possibilista

MAU:

Vedrò di poterti accontentare se Carlo e` d’accordo.

Pal:

Per questa sera ho pregato Costanza Hampton di sostituirmi.

MAU:

Hai fatto bene.

Alzandosi

PAL:

Adesso debbo proprio andare.

Ricordati che domani mi dovrai raccontare tutto per filo e per segno !

Accompagnandola alla porta

MAU:

Ci puoi contare !

Maud e Palmira si abbracciano

PAL:

Ciao !

Sorridendo

E in bocca al lupo o meglio in bocca allo spettro !

Palmira esce da P2

Maud suona il campanello

Da P1 compare subito Filippo

FIL:

Comandare mia principessa.

Porgendo i bicchieri a Filippo

MAU:

Per favore Filippo riportali in cucina.

Uscendo da P1

FIL:

Io non Filippo ......

Entra Carlo da P2

Con calore

CAR:

Buona sera cara.

Carlo getta il cappotto sul divano e va ad abbracciare Maud

Rispondendo all’abbraccio

MAU:

Ben tornato tesoro.

Con un sospiro

Car:

Non vedevo l’ora di tornare a casa!

Sono distrutto !

Premurosa

MAU:

Hai avuto una giornata molto faticosa ?

CAR:

Non me ne parlare !

Fregandosi le mani

E tra poco ci aspetta una seratina a dir poco movimentata !

MAU:

A proposito volevo dirti che ....

Interrompendo

CAR:

So tutto, ho incontrato Palmira alla fine del vialetto.

Che ne dici di un bel Martini per metterci in forze ?

Con scarso entusiasmo

MAU:

Vada per il Martini.

Carlo va  al carrello dei liquori

Car:

Li preparo subito ....

Cercando sul carrello

Maud manca il ghiaccio.

MAU:

Chiamo subito per farlo portare.

Maud suona il campanello

Si interrompe portandosi le mani agli occhi

MAU:

Oddio!

Carlo aiutami mi deve essere entrato un moscerino nell’occhio !

Carlo si precipitata verso Maud le prende la testa fra le mani e la rovescia all’indietro

Da P1 entra Filippo che si precipita contro Carlo lo strattona lontano da Maud, con una mossa di Karate lo stende a terra e gli pone un ginocchio sullo stomaco

FIL:

Aaaaah !

Feroce

Io te uccidere !

Accorrendo

MAU:

Buono .... buono !

Scostandolo da Carlo

E` il signor Considine, mio marito !

Carlo ancora a terra si massaggia la testa

Car:

Per Giuda Iscariota, ma che cavolo mi e` successo ?

Con orgoglio

FIL:

Essere stato io !

Ancora frastornato

Car:

E tu chi sei ?

MAU:

Ti presento Filippo, il nostro nuovo cameriere.

Con orgoglio

FIL:

Io fatto giuramento di samurai di difendere signora Maud !

Sconcertato

CAR:

Samurai ? Ma che cazzo dice questo qui ?

Tagliando corto

MAU:

Filippo vai a prendere un po’ di ghiaccio.

Uscendo da P1

FIL:

Io non Filippo .....

Perplesso

car:

Ma e` tutto matto quel coso ?

Minimizzando

MAU:

Ma no caro e` solo molto devoto e poi e` una sicurezza in casa pensa e` campione di Karate !

Perplesso

Car:

Sara` !

Mi sa che era meglio tenersi in casa una cameriera un po’ mignotta che questo energumeno.

MAU:

Dai, non essere cosi pessimista!

Diamogli tempo per ambientarsi.

Da P1 entra Filippo con  un secchiello di ghiaccio

Affettuoso

car:

Come posso dire di no alla mia adorata mogliettina !

Rompendo il ghiaccio con il taglio della mano

FIL:

Ah !  Ah !  Ah!

Signora essere servita !

MAU:

Grazie Filippo.

Uscendo da P1

FIL:

Io non Filippo  .....

Carlo va al carrello dei liquori

Car:

Ti faccio un Martini da resuscitare i morti !

Ironico

Adattissimo per quello che ci aspetta tra poco !

MAU:

Spiritoso !

Invece falli leggeri per tutti e due, meglio conservare la mente lucida questa sera.

Agitando lo shaker

CAR:

Si, per goderci meglio lo spettacolo e farci quattro risate !

Perplessa

MAU:

Scusa, se non credi allo spiritismo, perché hai combinato questa seduta ?

Mentre mesce il cocktail

CAR:

Ho in mente un romanzo con protagonista una tizia convinta di avere poteri paranormali.

Il titolo l’ho già trovato: “La donna invisibile”

Conclusiva

MAU:

E speri che Madame Arcadi ti fornisca qualche spunto.

Porgendo il bicchiere a Maud

Car:

Precisamente !

Il massimo pero` sarebbe riuscire  a carpire qualcuno dei suoi trucchi !

Collaborativa

MAU:

Vuoi che prenda qualche appunto ?

Alzando il bicchiere verso Maud

CAR:

Maud sei straordinaria, altro che Madame Arcadi !

Tu mi leggi nel pensiero, stavo proprio per proportelo !

Alzando anche lei il bicchiere

MAU:

Sfruttatore !

Intrigante

Di un po’ anche alla tua prima moglie chiedevi di aiutarti nel lavoro ?

Con stupore ironico

CAR:

Ad Elvira ?

Stai scherzando ?

Laconico

La signora aveva ben altro per la testa !

Interessata

MAU:

Cosa per esempio ?

Sbrigativo

Carl:

Vestiti, gioielli, feste, balli, serate mondane ....

Improvvisamente serio

Pero` ...

Incalzante

MAU:

Pero` ?

Con aria sognante

car:

A letto era ... era ....

Laconica

MAU:

Più brava di me !

Preso di contropiede

Carl:

Si !

Cercando di recuperare

No ! Cosa mi fai dire !

Gelida

MAU:

Ormai lo hai detto !

Premuroso

CAR:

Maud scusami, non volevo offenderti.

Curiosa

MAU:

Stai tranquillo non sono certo gelosa di un ricordo.

Piuttosto mi piacerebbe sapere che tipo era Elvira.

 

Alzandosi

CAR:

Un piccolo animale selvaggio, tutta istinto e niente razionalità .

Bella ... bella non c’e`  che dire !

Lasciando in sospeso

MAU:

Mentre io ....

Affettuoso

CAR:

Tu sei il mio complemento oggetto, il mio punto esclamativo messo in fondo alla frase: “Ti amo “!

Amara

MAU:

Grazie e` molto carino, pero` confessa che non sono riuscita a cancellare del tutto  il suo ricordo.

Non e` cosi?

Car:

Povera Elvira e` morta cosi giovane !

Deciso

Adesso basta parlare di lei.

 Vuoi un altro Martini ?

Maliziosa

MAU:

D’accordo purché al posto dell’oliva ci metti un tuo bacio !

Carlo si precipita al carrello

Car:

La signora sarà servita all’istante !

Mescendo dallo sheaker

Pronto un Martini al bacio come non ne ha mai assaggiato prima d’ora !

Carlo porge il bicchiere a Maud i due stanno per baciarsi quando da P1 entra Filippo

Con la solita mossa

FIL:

Aaaaah !

Maud e Carlo si separano bruscamente

Adiratissimo

CAR:

Nooo !  io questo lo caccio via subito !

Scio scio ....

Paziente

MAU:

Cosa c’e` Filippo ?

FIL:

Avere telefonato donna con voce di gallina vecchia e dire che lei non venire.

MAU:

Era sicuramente Costanza !

A Filippo

Grazie Filippo, per piacere vai a prendere un po’ di legna per il camino.

Fil:

Io non Filippo .....

Filippo esce da P1

Seccato

CAR:

Mannaggia Giuda !

Adesso come facciamo ?

Non realizzando

MAU:

Come facciamo cosa ?

CAR:

Quella pazza di Madame Arcadi ha posto come condizione imprescindibile che  fossimo in sette a formare la catena !

Curiosa

MAU:

Perché proprio sette ?

Minimizzando

CAR:

Fumo negli occhi per i creduloni !

Il Sette e` considerato il numero magico per eccellenza. Non per nulla sette sono i sacramenti, sette i vizi capitali, sette le virtù, sette i giorni della settimana, sette le meraviglie del mondo e cosi via. 

Riflettendo collaborativa

MAU:

Potremmo invitare il maggiore Jonas.

CAR:

Ha l’influenza !

MAU:

Eduard Rich-Moore ?

CAR:

E` caduto da cavallo giocando a polo !

Decisa

MAU:

Allora non ci resta che una soluzione !

Interessato

CAR:

Quale ?

Riprendendo il bicchiere

MAU:

Prima il nostro Martini speciale!

CAR:

Giusto !

Maud e Carlo brindano poi fanno per abbracciarsi quando rientra Filippo da P1 con alcuni tronchetti di legno, i due si separano bruscamente.

Con la solita mossa

 FIL:

Aaaaah !

Va al centro

Con tre tronchetti forma un parallelepipedo poi con il palmo della mano spacca il superiore (che sarà` stato opportunamente segato) poi li mette nel camino mentre Maud e Carlo lo guardano sconcertati

FIL:

Aaaaaah !

Filippo esce da P1

Riscuotendosi

Car

Adesso e` troppo !

Carlo va deciso dietro Filippo Maud lo blocca

MAU:

Aspetta !

E` proprio Filippo la nostra soluzione  !

Deciso

CAR:

Scordatelo !

Quella specie di scimmione rovinerebbe tutto !

Laconica

MAU:

Allora niente numero sette e niente seduta spiritica !

Rassegnato

CAR:

Vada per il pazzo purché sia tu a convincerlo.

MAU:

Lascia fare a me.

Con trasporto

CAR:

Maud, Maud, come farei senza di te !

Ironica

MAU:

Potresti chiedere a Madame Arcadi di far tornare Elvira !

Rabbrividendo

CAR:

Ci mancherebbe altro !

E` solo te che voglio !

Maud e Carlo fanno per abbracciarsi quando suona il campanello della porta E1

MAU:

E` destino che stasera non ci si possa baciare in pace

Vengo !

Maud va ad aprire P2

Entrano Ernesto ed Henriette

Abbracciando Maud

HEN:

Buona sera cara Maud.

MAU:

Ben arrivata Henriette.

Dando la mano a Carlo

ERN:

Ciao scrittore !

Stringendo la mano

Car:

Amici miei sono contento di vedervi.

MAU:

Datemi i vostri soprabiti che li porto nello spogliatoio

Henriette e Ernesto si liberano dei soprabiti e li consegnano a Maud che raccoglie anche quello di Carlo

Hen:

Speriamo di non essere in ritardo.

Ernesto e` stato trattenuto in ospedale.

Maud esce da P3, mentre Carlo fa cenno di sedere agli altri due

ERN:

Uno strano caso di regressione isterica, ci ho lavorato tutto il giorno ma non sono riuscito a trovare una soluzione

Ironico

Car:

Chiedi a Madame Arcadi di evocare l’anima di Freud, chissà che non ti possa dare una mano !

Ride

Ah, ah, ah!

ERN:

Buona idea !

Carlo ed Ernesto ridono di cuore

Seria

HEN:

Non vedo cosa ci sia da ridere.

ERN:

E` l’unica cosa da fare, lo spiritismo non ha nessuna base scientifica.

Cercando la parola

hen:

Non diresti cosi se avessi letto il trattato di quell’italiano... come si chiamava ....

Intervenendo

Car:

Lombroso. Cesare Lombroso.

Lo conosco, ha scritto un cumulo di idiozie !

Insistendo

HEN:

Se tanta gente afferma di aver assistito a fenomeni, a dir poco sconvolgenti, qualcosa di vero ci dovra` pure essere !

Sicuro

Car:

Trucchi ! Solo volgarissimi imbrogli !

ERN:

A cui dobbiamo aggiungere la suggestione.

CAR:

Sono d’accordo.

Insistendo

HEN:

Come spiegate allora che tutte le donne di Londra fanno la fila per farsi fare le carte da Madame Arcadi ?

Alzando le spalle

ERN:

Il mondo e` pieno di creduloni disposti a spendere fior di sterline per farsi infinocchiare.

Sicuro

Car:

Che sia una mistificatrice non ci sono dubbi ....

Campanello porta E1

Carlo va ad aprire

HEN:

Mio Dio, eccola !

Entra Orazio

ORA:

Si può ?

Car:

E` lei caro vicario.

Pretesco

ORA:

La pace del Signore sia sempre con voi !

HEN:

Ben arrivato padre.

Pacatamente

ORA:

Permettetemi di chiarire che sono venuto dopo aver chiesto l’autorizzazione a sua eccellenza il vescovo, che me l’ha benignamente concessa, raccomandandomi di vigilare affinché non ci si prenda gioco delle anime dei nostri cari defunti.

Minimizzando

ERn:

Stia tranquillo  che qui l’unica che prenderemo in giro sarà quell’imbrogliona di Madame Arcadi !

Andando al carrello

CAR:

In attesa della fattucchiera che ne direste di bagnarci  l’ugola ?

ERN:

Buona idea !

ORA:

Credo che la nostra donna stia per arrivare se e` quello strano tipo in bicicletta che arrancava sulla salita.

Guardando dalla finestra dove comincia a lampeggiare, tuoni lontani E2

HEN:

Farà bene a sbrigarsi sta per scoppiare un temporale

car:

Siamo tutti alla prima esperienza vero ?

Entra Maud da P1

A Henriette

ERN:

Veramente noi una specie di precedente l’abbiamo vissuto, vero Henriette ?

Con un gesto di intesa

HEN:

Zia Carolina ?

ERN:

Proprio lei !

Interessato

CAR:

Forza raccontate mentre io preparo i beveraggi.

Severa

MAU:

Carlo non esagerare !

Con rimprovero

Hai già bevuto due Martini !

Alzando le spalle

CAR:

Cosa vuoi che siano !

A Ernesto

Allora ?

ERN:

Tre estati fa abbiamo trascorso le vacanze in campagna, in casa della zia Ernestina.

Precisando

HEN:

Che si era messa in mente di essere una medium dotatissima !

Annoiato

ERN:

Tutte le sante sere ci costringeva a interminabili sedute spiritiche.

HEN:

Nella speranza di riuscire a far materializzare un suo vecchio spasimante.

Ironico

ERN:

Che detto fra noi, aveva avuto la fortuna di morire una settimana prima delle loro nozze !

Partecipe

ORA:

Otteneste qualche risultato ?

Sorridendo

HEN:

L’unica cosa che comparve fu un vecchio cane randagio che aveva trovato la porta aperta !

Sorridendo

MAU:

Povera zia chissà che delusione !

Con enfasi

ERN:

Al contrario !

Si tenne il cane in casa sicura che fosse la reincarnazione del suo povero John !

Sentenziando

ORA:

Beati i poveri di spirito perché di essi e` il regno dei cieli !

Entra Filippo da P1 con la solita mossa

FIL:

Aaaah !

Tutti sobbalzano

CAR:

Ancora !

Indicando Filippo

MAU:

Filippo, il nostro nuovo cameriere, prenderà parte alla seduta.

In posa da karateca

FIL:

Io molto contento di incontrare spiriti

Mesto

Chiedere di parlare con mio grande maestro “Cio Un Manon” che inventato mossa tremenda che portato lui in tomba.

Curiosa

Hen:

Come mai ?

Dispiaciuto

FIL:

Lui provare colpo davanti specchio ma suo nobile cuore non retto a visione  tanto terribile!

Ironico

ERN:

Insomma e` morto di paura !

Lampo   Tuono E3

Buio

Entra Arcadi da P2 e si ferma sulla soglia

Un lampo molto intenso la illumina tuono violento E3

Filippo va a nascondersi sotto il tavolo

Luce in Pz1

ARC:

Buona sera a tutti !

Tutti si guardano attorno sgomenti

Tutti:

Sera ......

Deglutendo

CAR:

Ben arrivata Madame Arcadi.

Avvicinandosi ad Arcadi

MAU:

Dia pure a me il suo scialle.

Facendo un passo indietro

ARC:

Ferma !

Imperativa

Non lo tocchi !

Sconcertata

MAU:

Perché ?

Con enfasi

ARC:

Questa mantella avvolgeva la grande Amalia Palladino quando, durante la sua ultima seduta, il grande Spirito l’ha chiamata a se !

Ironico

ERN:

Un incidente sul lavoro !

Severa

ARC:

La sua ironia e` fuori luogo dottor Bradman.

Stupito

ERN:

Conosce il mio nome ?

Con enfasi

ARC:

Il mio spirito guida non mi nasconde mai nulla!

Mi risulta che oggi, in ospedale, ha avuto un caso difficile.

Sconcertata

HEN:

E` vero !

ARC:

E lei, signora Bradman sappia che anche gli uomini vengono a farsi predire il futuro da me!

Stupita

MAU:

Sorprendente. Veramente sorprendente!

Materna

ARC:

Cara Maud non rimproveri troppo suo marito se beve qualche bicchiere. Un po’ d’alcool serve a scaldare la vena degli scrittori !

Borbottando

ORA:

Verba volant scripta manent.

Pacatamente

ARC:

Signor vicario tranquillizzi il suo vescovo che Madame Arcadi non consente che si faccia del male ai defunti.

Guardandosi attorno

Si direbbe che non siamo ancora tutti

Guardandosi attorno anche lei

Mau:

Ma dove si e` cacciato Filippo ?

Arcadi alza la tovaglia del tavolo

Imperativa

ARC:

Vieni fuori ragazzo !

Opponendo resistenza

FIL:

Io non volere ....

Arcadi prende per mano Filippo e lo fa alzare

Con enfasi

ARC:

Nessuno deve avere paura quando la medium e` Madame Arcadi!

Cercando di sgattaiolare via

FIL:

Io non paura ma avere appuntamento ...

ARC:

Ascolta, quando tu porti il colpo “patazaki”,

Arcadi simula la mossa

Sposti troppo lateralmente il braccio sinistro cosi` perdi in efficacia !

Tremando

FIL:

Essere proprio parole di mio povero maestro !

Tu strega !

Ironico

Car:

E brava Madame Arcadi !

Scommetto che si e` nascosta dietro la finestra ad origliare i nostri discorsi !

Severa

ARC:

Caro signore il suo scetticismo sarà dileguato in un lampo !

Buio

Lampo luminosissimo

Tuono E3

Luci in Pz1

Fregandosi le mani

ARC:

Magnifico ! Proprio il tempo giusto !

Ironico

CAR:

Se lo dice lei !

Arcadi si avvicina al tavolo

ARC:

La serata nasce sotto i migliori auspici.

 Possiamo prendere posto attorno al tavolo.

Indicando la sedia di fronte al pubblico

Io mi sedero` qui.

Tutti eseguono

Lei signor Considine alla mia destra ....

Il dottor Bradman alla mia sinistra con a fianco la sua signora ...

Lei padre di fronte a me

Tu ragazzo vicino al vicario

Lei Maud naturalmente a fianco di suo marito.

Con sarcasmo

ERN:

Sembra di essere ad un pranzo in ambasciata !

Ironica

ARC:

Tra un po’ dottore le passera` la voglia di ridere.

ERN:

Non ci conti madame !

Seria

ARC:

Una raccomandazione: non interrompete la mia trance qualunque cosa accada .

Altrimenti .....

Preoccupata

Hen:

Altrimenti ?

Drammatica

ARC:

Potrebbe essere molto pericoloso per me, ma soprattutto per voi !

Misteriosa

Le entità, da me evocate, potrebbero dare luogo a spiacevoli fenomeni di “polingest” !

ERN:

Sarebbe a dire ?

ARC:

Che so ... oggetti che fluttuano nell’aria, mobili che cambiano posizione .... finestre che sbattono .... ventate fredde ... urla disumane o altre bricconate del genere.

Scattando in piedi

FIL:

Io ricordato appuntamento con allenatore “Te Do Un Pizzon” ......

Perentoria

ARC:

Seduto ragazzo !

Girando attorno al tavolo

Vi raccomando la massima concentrazione.

Con trasporto

Se tutti insieme riusciremo a generare una grande forza psichica potremo, forse, ottenere una materializzazione !

Sdrammatizzando

CAR:

Via Madame Arcadi ci risparmi meschini trucchi da fiera paesana !

Risentita

ARC:

Trucchi ?

Io non ho bisogno di ricorrere a trucchi caro signor Considine !

CAR:

Dite tutti cosi !

Intervenendo

MAU:

Carlo per piacere ....

Decisa

ARC:

Vi invito tutti ad astenervi, durante la mia trance, da qualsiasi commento o gesto di scherno, che potrebbero irritare entità presente !

MAU:

Le prometto che Carlo farà il bravo.

A Carlo

Vero amore ?

Carlo fa un vago  cenno di assenso

Soddisfatta

ARC:

Bene !

Per prima cosa chiamerò Rodolfo ad aiutarmi.

Curiosa

HEN:

Scusi chi e` Rodolfo ?

Con orgoglio

ARC:

E` il mio spirito guida,

Tutti noi medium ne abbiamo uno.

Il mio nella sua ultima reincarnazione ha preso le sembianze di Rodolfo Valentino.

Ironico

ERN:

Perché prima chi era ?

Ricordando

ARC:

Dunque vediamo un po’ ....

Adamo ... Paride ... Giulio Cesare ... Paolo Malatesta ... don Giovanni ... Giacomo Casanova !

Con allegra ironia

CAR:

E brava la nostra medium che si e` scelta come compagno l’anima dei più grandi amanti della storia !

Offesa

ARC:

Prego e` stato lui a scegliere me !

Scuotendo la testa

Ora:

Sciocchezze !

Madornali sciocchezze, Santa Romana Chiesa non ammette la reincarnazione.

Sant’Agostino nel primo libro de .....

Intervenendo

HEN:

Via padre non e` il momento per una lezione di teologia.

Ironico

ERN:

Ma si lasciamo fare a Madame Arcadi la sua recita !

Adirata

ARC:

La mia recita ? La vedremo !

Filippo accendi la candela !

Filippo fa qualche tentativo con le mani tremanti

FIL:

Io... io non ... non po ..potere... mie ... mie mani tre ... tremare ...

Togliendo i fiammiferi dalle mani di Filippo

ORA:

Ci penso io.

Orazio accende la candela

Arcadi spegne la luce

Da Pz1 a Pz2( fascio strettissimo solo sul tavolo)

ARC:

Unite le vostre mani per formare la catena.

Tutti eseguono

Bravi.

Adesso chiudete gli occhi e sgomberate le vostre menti da tutti i pensieri terreni.

Tirando fuori dalla sacca un disco

Mettiamo un po’ di musica per creare l’atmosfera giusta ....

Il pezzo preferito dal mio Rodolfo: “Il tango delle capinere” ....

Scattando in piedi

CAR:

No !

Urlando

Quella canzone no !

Tirando Carlo per la manica

MAU:

Carlo avevi promesso di non fare sciocchezze !

Isterico

CAR:

Tutto quello che volete ma quella canzone no !

Decisa

ARC:

Silenzio !

Adesso concentrate i vostri pensieri su di un trapassato che vorreste rivedere ....

Parte M2

Arcadi si siede

ARC:

Spirito guida se sei fra noi dammi un segnale ...

Silenzio assoluto

Arcadi comincia a vibrare

ARC:

Sento la tua presenza ....

Ti ordino di rispondermi !

Un colpo violentissimo accompagnato da un sobbalzo del tavolo

Spaventata

HEN:

Vergine Maria !

Segnandosi

ORA:

Libera nos Domine !

Con voce roca

ARC:

Amico mio, vogliamo fare come al solito ?

Un colpo per il si e due per il no ?

Un colpo ed un sobbalzo del tavolo

ARC:

Grazie !

Chi vuoi essere questa sera ?

Adamo?

Due colpi

Paride ?

Due colpi

Giulio Cesare ?

Due colpi

Paolo Malatesta ?

Due colpi

Don Giovanni?

Due colpi

Giacomo Casanova ?

Due colpi

Rodolfo Valentino allora!

Un colpo violentissimo

Buio

Dal pannello con lo specchio esce una notevole quantità di fumo, poi gira su se stesso per far uscire Rodolfo

Che sarà completamente avvolto in una cappa nera con guanti bianchi

Cercapersone su Rodolfo + candela + Wood Pz3

Rodolfo a tempo di musica si avvicina ad Arcadi la fa alzare e muove con lei alcuni passi di tango poi la fa di nuovo sedere, nel frattempo tutti gli altri staranno immobili come se non si accorgessero di nulla

Stop M2

Rodolfo soffia sulla candela

 DaPz 3 a Pz4 Wood esalta bianco

L’effetto deve risultare in modo che siano visibili solo i guanti di Rodolfo

Rodolfo passa vicino ad Henriette e le pizzica il sedere

HEN:

Ahi !

Risentita

Ehi dico !

ERN:

Cosa succede ?

hen:

Qualcuno mi ha dato un pizzicotto sul sedere !

Dispiaciuta

ARC:

La prego di scusare Rodolfo signora Bradman. Avrei dovuto avvisarvi che, quando e` presente una bella donna, spesso si prende qualche libertà !

Ironico

CAR:

Ci mancava solo uno spirito pomicione !

Rodolfo assesta un sonoro ceffone a Carlo

CAR:

Ahi !

Chi mi ha dato uno schiaffo ?

Ammonendo

ARC:

Attento Rodolfo che se non ti comporti bene non ti faccio più ballare con me.

Capito ?

Un colpo

ORA:

Requiem eterna dona eis Domin ....

Viene interrotto da una gragnola di colpi

Con veemenza

ARC:

Signor vicario la smetta !

Questa preghiera fa irritare terribilmente Rodolfo !

Timidamente

Ora

Mi scusi pensavo di aiutarla.

ARC:

Rodolfo caro hai portato con te un trapassato desideroso di mettersi in contatto con uno di noi ?

Un colpo

Bene.

Con chi vuol parlare ?

Con il signor Bradman ?

Due colpi

Con la signora Maud ?

Due colpi

Con il signor Considine ?

Un colpo

CAR:

Con me ?

Ironico

Gli dica che ha sbagliato indirizzo !

Rodolfo affibbia due ceffoni a Carlo

CAR:

Ahi ! Ahi !

Seccata

ARC:

Signor Considine la smetta di provocare Rodolfo altrimenti non rispondo più delle sue azioni !

MAU:

Ha ragione Madame Arcadi !

A Carlo

Se continui cosi rischi di rovinare tutto !

ARC:

Piuttosto cerchiamo di capire chi possa essere quest’anima che desidera mettersi in contatto con lei.

Ironico

CAR:

Potrebbe trattarsi dello zio George, che mi voleva un bene come ad un figlio !

Pensate che le sue ultime parole prima di morire furono: “ Carlo, chiamatemi Carlo che voglio dire a quel figlio ......

Si apre la cassapanca ne esce a mezzobusto Gidenamada vestito da scheletro

Luce effettata sulla cassapanca + wood Pz5

Disgustato

GID:

Di puttana che ho scoperto che ha falsificato la mia firma su di un assegno!”

Mascalzone ringrazia Iddio che sono crepato subito dopo, che se fossi campato ancora un giorno ti avrei fatto la bella sorpresa di non lasciarti nemmeno il becco di un quattrino !

Ma tanto prima o poi dovrai capitare da queste parti allora vedrai che accoglienza ti preparo !

Via luce dalla cassapanca Gidenamada scompare

Due colpi

Rodolfo esce di scena dallo specchio

ARC:

Non era lo zio George.

Proviamo con un altro defunto.

Implorante

ORA:

Madame la prego non insista !

ARC:

Rodolfo ci sei ancora?

Silenzio

Rodolfo rispondimi !

Silenzio

Con un sospiro di sollievo

HEN:

Grazie al cielo se ne e` andato !

ARC:

Rodolfo stasera ha voglia di farsi desiderare !

Sicura

In questi casi e` necessario che io vada in una trance ancora più  profonda.

Reverendo riaccenda la candela.

Alzandosi

ORA:

Penso che sia opportuno smettere e lasciare che i nostri poveri morti riposino in pace.

Alzandosi

FIL:

Prete avere ragione !

Alzandosi

ERN:

Ma si ! Tanto abbiamo capito come funziona !

Alzandosi

HER:

Torniamo a casa !

Con estrema decisione

ARC:

Fermi tutti

La candela prego !

Orazio con riluttanza accende

Luci in Pz2

Andando al giradischi

ARC:

Rimettiamo il tango.

Con veemenza

CAR:

Basta con quella maledetta canzone !

MAU:

Carlo che maniere !

Parte M2

Tornando a sedere

ARC:

Mani in catena e occhi chiusi !

Arcadi emette alcuni profondi sospiri poi resta immobile come una statua.

Fumo dallo specchio

Il pannello si gira ed escono Elvira (con una cappa e cappuccio bianchi con sotto un negligee anch’esso bianco) e Rodolfo vestito da ballerino argentino di tango

Cercapersone su di loro Pz3

Elvira e Rodolfo con alcuni passi di tango si portano al centro, poi sempre ballando iniziano il loro dialogo che nessuno mostra di sentire

Languida

ELV:

Balli divinamente amico mio !

ROD:

E tu sei leggera come una piuma !

Convinta

ELV:

Siamo proprio una coppia affiatata !

Dispiaciuto

ROD:

Se tu non ti fossi messa in testa di tornare sulla terra avremmo potuto vincere il campionato di ballo dell’altro mondo!

Ballando si avvicinano a Carlo

Con trasporto

ELV:

Desideravo tanto rivedere il mio Carletto !

Perplesso

ROD:

Cosa ci trovi ancora in questo miscredente proprio non lo capisco !

Con trasporto

ELV:

Era cosi dolce il mio maritino !

ROD:

Quasi quasi gli mollo un altro ceffone !

Rodolfo alza la mano per colpire Elvira lo ferma

ELV:

Non farlo !

Questa era la nostra canzone preferita.

Romantica

Sapessi quante volte l’ho ballata fra le sue braccia !

Con rammarico

ROD:

Lo faccio solo per te.

Con un sospiro

ELV:

Chissà quanto gli sono mancata in questi sette anni !

Ironico

ROD:

Non sembrerebbe.

Indicando Maud

Anzi direi che si e` consolato in fretta !

Sicura

ELV:

Quell’ochetta  tutto cervello e poco culo non può farlo felice, conosco bene il mio Carletto.

Perplesso

ROD:

Se lo dici tu !

Sicura

ELV:

Ma adesso sono tornata e faro` in modo che le cose tornino come ai bei tempi.

ROD:

Cerca di non fermarti molto.

Ci mancherai lassù !

ELV:

Vedremo.

Ora sparisci e lasciami fare !

ROD:

Vado !

Ah, se hai bisogno chiamami !

Rodolfo soffia sulla candela

Luci Pz4 Wood

Lancia un bacio ad Elvira ed esce dallo specchio

Elvira si sdraia sul divano in posa lasciva

Arcadi cade a terra rovesciando la sedia restando rigida  in catalessi come se stesse ancora seduta

Stop M2

Tutti gli altri si rianimano come uscendo da un sonno

Preoccupato

Ora:

Santo cielo si e` spenta di nuovo la candela !

CAR:

Qualcuno riaccenda la luce !

Filippo esegue

Via Pz3

Luci in Pz1

Con un grido

Hen:

Guardate Madame Arcadi !

Spaventata

MAU:

Mio Dio sembra morta !

Inginocchiandosi presso Arcadi

ERN:

Lasciatemi vedere !

Preoccupata

HEN:

Come sta ?

Controllando il polso

ERN:

Il polso e` solo un po’ rallentato ....

Conviene metterla sdraiata

Carlo aiutami e lei reverendo prenda quel cuscino dal divano e glielo metta sotto la testa.

Carlo ed Ernesto sdraiano a fatica Arcadi al centro

Orazio tenta di prendere il cuscino che Elvira trattiene

ORA:

Ma cos’ha questo cuscino ... sembra incollato ..

Elvira lascia il cuscino

Cadendo a terra

ORA:

Oooooh !

Ernesto recupera il cuscino e lo sistema sotto la testa di Arcadi

ERN:

Mi sembra prudente aspettare che interrompa spontaneamente la trance.

Pero un po’ di aceto potrebbe aiutarla.

Con un cenno

MAU:

Filippo vai .

Lamentoso

FIL:

Io non potere ..... mie gambe non camminare ...

MAU:

Capito !

Vado io

Maud va verso P1, passando davanti ad Evira questa le fa lo sgambetto facendola cadere

Restando a terra

MAU:

Dio che dolore !

Preoccupato

CAR:

Che succede cara ?

Con un lamento

MAU:

La caviglia !

Ho un male cane alla caviglia !

Premuroso

Carl:

Aspetta che ti aiuto ....

Carlo fa per accorrere

Minimizzando

ELV:

Non darle retta Carletto

E` tutta scena !

Bloccandosi

CAR:

Dicevi Maud ?

Perplessa

MAU:

Io non ho parlato.

Sconcertato

CAR:

Eppure qualcuno ha detto ...

ELV:

Che e` tutta scena !

Sconcertato

CAR:

L’ho sentita di nuovo !

HEN:

Ma cosa hai sentito ?

Esitante

CAR:

Una voce ... una voce di donna ...

Impaziente

MAU:

Nessuno mi aiuta ?

Carlo si guarda attorno mentre Ernesto lascia Arcadi e accorre presso Maud

ERN:

Ci penso io .

Prendendo il piede di Maud tra le mani le fa una sommaria fasciatura

Su vediamo cosa e` successo a questo piedino da fata.

Acida

ELV:

A me sembra una zampa di gallina !

Deciso

CAR:

E no !

Questa volta non potete dire di non averla sentita !

Sicuro

ORA:

Le garantisco che io non ho udito nulla !

Lamentoso

FIL:

Io sentire solo miei denti battere !

Severa

HEN:

Guarda Carlo che se pensi di continuare il gioco di Madame Arcadi hai sbagliato momento !

Intrigante

ELV:

Carletto, pulcinotto mio dolce dolce, ti sono mancata vero ?

Isterico

CAR:

Fate star zitta quella voce !

Dispiaciuta

ELV:

Ti pare questo il modo di accogliermi dopo sette anni di lontananza ?

Mettendosi le mani sulla testa

CAR:

Io divento pazzo !

Amara

ELV:

Nemmeno un buonasera, nemmeno un bacio ?

Non ti riconosco più !

Agli altri

CAR:

Mi dovete credere c’e` un’estranea in questa stanza !

Severa

MAU:

Il gioco e` durato anche troppo !

Carlo smettila !

Commiserevole

ELV:

Povero Carletto come ti sei ridotto !

Questa arpia ti comanda a bacchetta !

Rialzandosi

ERN:

Tranquilla Maud, niente di rotto !

Solo una lieve slogatura.

Ernesto aiuta Maud a rialzarsi

Con rammarico

ELV:

Che peccato !

Sicuro

Car:

Eh no !

Adesso ho capito il trucco !

Carlo muove deciso verso Arcadi

ELV:

Ma non c’e` nessun trucco!

Sono proprio io: la tua Elvira !

Scrollando Arcadi

CAR:

La vedremo !

Mi stia a sentire una volta per tutte ....

Interrompendo

ORA:

Ma non la scuota cosi !

Si ricordi che ci ha avvertiti che può essere pericoloso !

Continuando

CAR:

Me ne frego se le piglia un accidente !

Intervenendo

ERN:

Fermo !

Mi sembra che Madame Arcadi stia uscendo dalla trance.

Stiracchiandosi

ARC:

Mmmmuuuummmm !

Aiutando Arcadi ad alzarsi

ERN:

Come si sente Madame ?

Arc:

Benissimo !

Mentre fa alcune flessioni

In forma perfetta !

ORA:

Sia ringraziato il cielo!

HEN:

Ci ha fatto prendere un bello spavento

Soddisfatta

ARC:

Adesso raccontatemi cosa e` accaduto durante la mia trance.

Sicura

HEN:

Niente, assolutamente niente !

Stupita

ARC:

Nessun fenomeno paranormale ?

Deciso

ORA:

Nemmeno l’ombra !

Perplessa

ARC:

Voi mi state nascondendo qualcosa !

Io sento che siamo in presenza di un fatto molto, molto serio!

Scherzoso

ERN:

A dire il vero quel burlone di Carlo, per farci paura, ha detto di aver sentito una voce.

A Carlo seria

ARC:

E` cosi` ?

Minimizzando

CAR:

Si, ma poi ho capito che ......

Imperativa

ARC:

Silenzio !

Preoccupata

HEN:

Che succede Madame ?

Arcadi comincia a girare per la stanza annusando come un cane

ARC:

Una voce..... una voce avete detto....

No,  sono sicura che  non si tratta soltanto di una voce ....

Impressionata

HEN:

Cosa intende dire ?

Continuando ad annusare

ARC:

Sento .... sento una presenza .... forse più di una presenza in questa stanza !

Con terrore

FIL:

Scappare tutti !

Casa essere stregata !

Tra l’orgoglioso e il preoccupato

ARC:

L’energia metapsichica irradiata e` impressionante  !

ORA:

Sciocchezze !

Perplessa

ARC:

Spero di non aver messo in circolazione qualche entità non benigna !

Scettico

CAR:

Ci mancherebbe altro !

Preoccupata

ARC:

Fate molta attenzione e se dovessero accadere fenomeni strani non esitate a chiamarmi !

MAU:

Sono sicura che non ce ne sarà bisogno.

Grazie per la serata.

Filippo accompagna Madame.

Schernendosi

FIL:

Io non volere restare solo con fattucchiera !

Maud :

Filippo come ti permetti ?

Arruffando i capelli di Filippo

ARC:

Non lo rimproveri e` solo un povero pulcino spaventato !

Mostrando le mani di Filippo

Mani grandi e cuore piccolo piccolo !

Buona notte a tutti e ... alla prossima !

Arcadi esce da P2

Dandosi un tono

CAR:

Che ne dite di un buon drink per rimettersi dalle emozioni della serata ?

ELV:

Sarebbe meglio una coppa di Champagne !

Pensando che sia stata Maud a suggerire

CAR:

Perché no!

In cantina abbiamo un Dom Perignon del ‘22 pronto per le occasioni speciali !

Soddisfatta

ELV:

Il mio preferito !

Grazie Carletto !

Carlo perplesso si guarda attorno

CAR:

Vado subito a prenderlo !

Carlo esce da P1

Tornando baldanzoso

FIL:

Se padrona comandare io questa notte montare guardia contro spiriti cattivi !

Se vedere io fare mossa di maestro Pien La Fug .....

Cosi !

Mentre fa le solite mosse Elvira gli assesta un colpo di taglio sulla mano sinistra

Ah ... ah ... ahi ! Ahi !

HEN:

Che succede ?

Tenendosi la mano

FIL:

Io grande dolore a mia possente mano sinistra!

Ahi ..... ahi .....ahi .....

Filippo esce urlando da P1

Perplessa

HEN:

Strano tipo questo tuo cameriere  Maud !

Ironico

ORA:

Incredibile e` riuscito a farsi male da solo !

Rientra Carlo da P1 con la bottiglia

Mostrando la bottiglia

CAR:

Champagne !

Mentre Carlo stappa e versa e serve lo champagne Elvira piroetta attorno agli altri

Rabbrividendo

MAU:

Brrr ... che freddo !

ERN:

Sento anch’io uno spiffero !

Rabbrividendo

HEN:

Mi si e` accapponata la pelle !

Mentre Carlo porge  il bicchiere a Maud Elvira lo urta facendole cadere la champagne addosso

Asciugandosi con un fazzoletto

MAU:

Ma stai un po’ attento !

Alzando il calice

CAR:

Alla salute eterna dei nostri cari fantasmi !

Entusiasta

ELV:

Un brindisi tutto per me !

Grazie Carletto !

Carlo si guarda ancora attorno ma non osa dire nulla

Posando il bicchiere

HEN:

Ernesto si e` fatto tardi, vogliamo andare ?

Idem

ERN:

Certamente cara.

CAR:

Vado a prendervi i soprabiti.

Carlo esce da P3

ORA:

Se permettete facciamo un po’ di strada assieme.

A Maud ironica

HEN:

Se succede qualcosa di quello che ha detto Arcadi telefonami subito !

Con altrettanta ironia

MAU:

Staremo attentissimi a cogliere la ben che minima presenza di qualche spirito maligno ....

Elvira la pizzica sul collo

Ahi !

HEN:

Ti sei fatta male ?

Massaggiandosi

MAU:

Una puntura di zanzara.

Strano che ci siano in questa stagione !

Da P3 rientra Carlo con i soprabiti

Prendendo il cappello

ORA:

La pace del Signore sia sempre con voi !

ERN:

Mi raccomando Maud non sforzare il piede.

A Maud

HEN:

Ti telefono domani.

Accompagnandoli alla porta

CAR:

Arrivederci e grazie di tutto.

Henriette, Ernesto ed Orazio escono da P2

Carlo mette i bicchieri sul vassoio mentre Maud cerca di accendersi una sigaretta ma Elvira le spegne un fiammifero dopo l’alro

Seccata

MAU:

Accidenti di nuovo quella corrente d’aria !

Anche Carlo prende una sigaretta dal portasigarette Elvira prontamente gliela accende

Pensando fosse stata Maud

CAR:

Grazie cara.

Premurosa

MAU:

Ti e` stata utile la serata ?

Carlo si siede e prende a sfogliare un giornale

Car:

Tutto sommato penso di si.

MAU:

Adesso che siamo soli mi spieghi perché ti sei inventato quella storia della voce ?

Abbassando il giornale

CAR:

Inventato un bel niente !

In un primo momento mi sono veramente impressionato, poi ho capito da dove veniva !

MAU:

Se puoi spiegarlo anche a me !

Car:

Da Madame Arcadi !

Convinto

Quella e` una ventriloqua di prima forza !

Sollevata

MAU:

Ad un certo punto eri cosi turbato che ho avuto paura che ti pigliasse un accidente.

Ridendo

CAR:

Dovevo avere una faccia !

Pensa se avessi visto per davvero un fantasma !

Elvira si toglie mantello e cappuccio rivelando un neglige` piuttosto spinto e va dietro Carlo

Bussandogli sulla spalla

ELV:

Eccomi Carletto !

Carlo si gira di scatto e lascia cadere giornale e sigaretta dalle labbra

CAR:

Vergine Santissima !

Elvira va a sdraiarsi sul divano assumendo una posa lasciva

Maud va a raccogliere la sigaretta e la spegne

Stizzita

MAU:

Carlo stai un po’ attento !

Balbettando

CAR:

Eee ... El ... Elvi ....

Deglutendo

Elvira !

Stupita

MAU:

Elvira cosa ?

CAR:

E` la` la` la` la `la `.....

MAU:

Adesso ci mettiamo anche a cantare !

Indicando il divano

CAR:

E` la`! Sdraiata sul divano !

Perdendo la pazienza

MAU:

Carlo non ricominciare !

Impaurito

CAR:

Vu .... vuoi dire che non la vedi ?

Tagliando corto

MAU:

Senti tu hai bisogno di una bella dormita.

Prendendolo per la mano

Vieni andiamo a letto.

Sicuro

CAR:

Ti assicuro che sono sveglissimo !

Decisa

MAU:

Allora vuol dire che sei completamente sbronzo !

CAR:

Ma neanche per sogno !

Decisa

ELV:

Vado a prepararti un Alkaseltzer.

Maud esce da P1

Sensuale

ELV:

Non darle retta Carletto, a me sei sempre piaciuto quando eri un po’ brillo.

Ti cadevano i freni inibitori e allora si che ci divertivamo !

Carlo si siede a fianco di Elvira

Deglutendo

Car:

E ... Elvira sei veramente tu ?

Effervescente

ELV:

In puro spirito !

Preoccupato

CAR:

Cosa vuoi da me ?

Porgendo il bicchiere

ELV:

Innanzi tutto un altro schiampagnino e poi ....

Servendo lo champagne

CAR:

Poi ?

Gattina

ELV:

Poi spero che ti dimostrerai un po’ più espansivo con la tua mogliettina, visto che hai voluto che tornassi !

Con veemenza

CAR:

Ma nemmeno per sogno !

Continuando

ELV:

Io, in un primo momento non volevo venire....

Perché ero in collera con te.

Melliflua

Pensavo che ti fossi dimenticato del tutto della tua Elvira.

Sulla difensiva

CAR:

Non e` cosi !

Ti ho sempre ricordata con affetto.

ELV:

I primi tempi forse.

Venivi tutte le domeniche a portarmi i fiori.

Con trasporto

Sapessi come ne ero orgogliosa con le mie colleghe defunte !

Piagnucolosa

Poi da quando hai sposato quella Maud ti fai vedere si e no il giorno dei morti !

Sbrigativo

CAR:

Ti prometto che andrò tutte le domeniche al cimitero, ma adesso da brava tornatene da dove sei venuta.

Sicura

ELV:

Non ci penso neppure !

Con un sospiro

Sapessi quanto ho brigato lassù per convincerli a farmi tornare a casa mia !

Perplesso

CAR:

A casa tua ?

Preoccupato

Non ti sarai messa in mente di stabilirti qui ?

ELV:

A parte che non so proprio come fare per ritornare nell’aldilà poi , dopo che ti ho rivisto, ho sentito un non so che ...

Sconcertato

CAR:

Cosa intendi con il tuo non so che ?

ELV:

Sento di amarti come e più di prima !

E non intendo lasciarti a quella Maud !

Carlo cade seduto sul divano

Prendendosi la testa fra le mani

CAR:

Mamma mia aiutami tu !

Buio

Il ritratto della mamma scompare per far posto a Gidenamada truccato come nel ritratto (con parrucca e veletta)

Fumo

Luci Pz6 (luce effettata ritratto+ wood)

GID

Eccomi piccolo mio!

La tua mammina e` qui !

Elvira va al ritratto

Adirata

ELV:

Signora Considine cosa ci fa in questa casa?

Premurosa

GID:

Non hai sentito ?

Il mio Carletto ha bisogno di me !

Acida

ELV:

Non penserà di intromettersi di nuovo tra me e mio marito ?

Perplessa

GID:

Tuo marito ?

Carlo non e` più tuo marito !

Decisa

ELV:

Questo e` da vedere !

Perplessa

GID:

Di un po’ Elvira cosa ti sei messa in quella zucca vuota ?

ELV:

Se aspetta che glielo dica sta fresca !

Aggressiva

GID:

Non ti e` bastato tormentarlo da viva il mio ragazzo!

Anche da morta non lo lasci in pace !

Candida

ELV:

E` stato suo figlio ad evocarmi !

Sospettosa

GID:

Qualcosa mi dice che stai per giocargli uno di quei  sporchi tiri, che erano la tua specialità di moglie !

Soave

ELV:

Tiri o non tiri con me era felice !

Severa

GID:

Attenta a quello che fai, carina, altrimenti quando torni nell’aldilà te ne faccio pentire amaramente !

Sicura

ELV:

Stia tranquilla, che stavolta lo faccio felice per sempre !

GID:

Comunque morta avvisata mezza inumata !

Buio

Torna il ritratto Elvira torna a sedersi accanto a Carlo

Luci in Pz1

Scuotendosi

CAR:

Elvira sii ragionevole ... come puoi pensare di...

Entra da P1 Maud con un bicchiere

Seccata

MAU:

Non hai ancora finito di parlare da solo come un matto ?

Distratto

CAR:

Non parlavo da solo stavo dicendo ad Elvira ...

Maud si siede vicino a Carlo dalla parte opposta di Elvira

Porgendogli il bicchiere

MAU:

Dai bevi che ti passa la sbronza !

Porgendogli il calice di Champagne

ELV:

Brinda alla nostro incontro!

Allontanando i bicchieri

CAR:

Questo e` troppo !

Insistendo

MAU:

E` solo un sorso.

Bevi che ti fa bene !

Sbuffando

ELV:

Pfui ! Come e` noiosa !

Come hai fatto a sopportarla per tutti questi anni !

Ridandogli il bicchiere

Alla nostra Carletto

CAR:

Non insistere.

Sei una gran maleducata !

Risentita

MAU:

Maleducata io ?

Non essere cafone, io cerco solo di essere gentile con te !

Intervenendo

ELV:

Rompicoglioni altro che gentile !

Seccato

CAR:

Usa, almeno, un linguaggio adatto ad una signora !

Scattando

MAU:

Ma dico, sei ammattito ?

CAR:

Scusa Maud non dicevo a te !

Incalzante

MAU:

E a chi allora ?

Indicando la stanza

Ci siamo soltanto noi due in questa stanza !

Stancamente

CAR:

Ti ripeto che c’e` anche Elvira !

Adirata

MAU:

Vai all’inferno tu e la tua Elvira!

Gesto con la mano sul naso

ELV:

Marameo !

L’inferno l’ho scampato, per un pelo ma l’ho scampato.

Cercando di essere convincente

CAR:

Credimi Maud.

 Elvira e` davvero qui, seduta accanto a me.

Sai che cosa faccio ?

Adesso mi alzo cosi sarete sedute l’una accanto all’altra !

Carlo fa per alzarsi Maud lo blocca e si alza lei

Decisa

MAU:

Sono  io che mi alzo e vado a dormire.

Ironica

ELV:

Sogni d’oro carina !

Maud fa per allontanarsi, Carlo la trattiene

CAR:

Aspetta !

Elvira ti prego alzati e fatti vedere da Maud.

ELV:

Non ci penso neppure !

Adirandosi

CAR:

Non essere indisponente !

Tagliando corto

MAU:

Basta con questa farsa vieni a letto con me.

ELV:

Accontentala Carletto: una botta e via poi torni qui da me !

CAR:

Non essere volgare !

Avendo persa la pazienza

MAU:

Adesso e` troppo !

Me ne vado.

Maud esce da P2

CAR:

Maud ... non dicevo a te ... Maud .... Maud !

Se ne e` andata !

ELV:

Evviva ! Finalmente soli !

Con veemenza

CAR:

Come te lo debbo dire che non voglio restare solo con te porcaccio di un Giuda Iscariota !

Carlo si copre la faccia con le mani

Buio

Si spalanca la finestra

Fumo

Pz7 (luce effettata sulla finestra+wood)

Compare Gidenamada truccato da Giuda con un cappio al collo

GID:

Minghia !

Al gioco pesante passammo !

Elvira va alla finestra

Sorpresa

ELV:

Giuda che ci fai qui ?

Indicando Carlo

GID:

A chillo fottuto fighio di bottana quando una quacche cosa ci facisse camurria sempre al sottoscritto a rompere i coglioni venisse !

ELV:

Cerca di capirlo, stasera ha avuto una forte emozione.

GID:

E chi se fotte nun ce lo mettesse ?

Uora uora che mi capitao`sotto le mani tutte le offese gli facisse ingoiare !

Supplice

ELV:

Non stasera ti prego !

Stasera Carletto e` tutto mio !

Deciso

GID:

Voscienza almeno me permettisse di infilargli questa corda al collo, cosi uno spavento fogghiuto si pigghiasse !

Decisa

ELV:

No !

Insistendo

GID:

Almeno gli putisse fare il lamento dell’impiccato cosi` se la faccesse nei calzoni !

ELV:

No.

Implorante

GID:

Solo una bottuzza sulla capa con la sacca dei trenta denari pecche` si ricurdasse de mia !

ELV:

Ho detto no.

Chiudendo la finestra

Anzi vedi di sparire subito altrimenti quando torno non ti invito più a cena !

GID:

E  no, questo non lo potete fare !

Un affronto del genere ad uomo d’onore come mia !

Cedo al ricatto !

Buio

Si richiude la finestra, Elvira torna accanto a Carlo

Luci in Pz1

Scuotendolo

ELV:

Carletto ... Carletto ?

Trasognato

CAR:

Forse ha ragione Maud sono ubriaco fradicio !

Miciona

ELV:

Dimmi la verità, non sei contento neanche un po' di avermi di nuovo accanto a te?

Esitante

CAR:

Ecco, ad essere proprio sincero, dopo lo spavento, ti confesso che ho provato un certo non so che .....

Soddisfatta

ELV:

Cosi va già meglio.

Rapito

CAR:

Mi sembra di essere tornato a tanti anni fa ...

 Io e te su questo divano ....

Stringendosi a Carlo

ELV:

Vicini, vicini ....

Preoccupato

CAR:

Ma come faccio con Maud ?

ELV:

Non ci pensare.

Sdraiati un po’ e metti la testa sulle mie gambe come facevi allora.....

Carlo esegue

Bravo cosi.

Adesso chiudi gli occhi che ti faccio il massaggino alla testa che ti piaceva tanto ...

Elvira massaggia dolcemente la testa di Carlo

Con un sospiro

CAR:

Lo sai che mi sento già meglio !

ELV:

Mettiamo la nostra canzone ....

Elvira fa un gesto verso il grammofono e parte M3

Con voce impastata dal sonno

car:

Credo che sia tutto un sogno.

Domattina quando mi sveglio racconto tutto a Maud.

Sai le risate che ci faremo !

Elvira da uno schiaffo a Carlo

Reagendo

CAR:

Ehi dico !

Elvira sistema un plaid addosso a Carlo

ELV:

Scusa caro mi e` scappato.

Adesso dormi che ti spengo la luce

Elvira fa un gesto

Buio

Fumo dallo specchio da cui entra Rodolfo vestito da Giacomo Casanova

Cercapersone su di lui, Pz8  Elvira entra nel raggio luminoso

ROD:

Allora mia cara come va con il miscredente ?

Soddisfatta

ELV:

Non mi lamento.

Credo che pian pianino tornerà ad amarmi più di prima

Scandalizzato

ROD:

Non e` possibile ... e` contro le regole !

Maliziosa

ELV:

Quelle di lassù ma adesso siamo quaggiù !

Preoccupato

ROD:

Al tempo !

Sai benissimo che prima di amarti di nuovo dovrebbe .....

Elvira l’interrompe mettendo l’indice sulle labbra di Rodolfo

ELV:

Sssst non mettiamo limiti alla divina Provvidenza !

Perplesso

Rod:

Attenta Elvira ti stai mettendo su di una strada pericolosa !

ELV:

Non ti preoccupare, sono sicura che con il tuo aiuto me la caverò benissimo !

Con ammirazione

Piuttosto come siamo eleganti stasera !

Con falsa modestia

ROD:

Che vuoi quando ero Giacomo le donne andavano pazze per le mie mises.

ELV:

Non solo per quelle !

Con enfasi

Casanova !

Porgendole il braccio

Rod:

Madamigella permette questo ballo ?

ELV:

Con vero piacere messere !

Elvira e Rodolfo ballano languidamente per alcuni secondi

Buio

Elvira e Rodolfo escono

Stop M3

Luci in Pz9 (penombra)

Carlo dorme raggomitolato sul divano

Da P2 entra Maud con un fascio di margherite che mette nel vaso poi va alla finestra e tira le tende

Luci in  Pz10 giorno

Acida

MAU:

Sei ancora qui ?

Stiracchiandosi

CAR:

Mmmummmm

Scalciando la coperta

Perché dove sono ?

MAU:

Hai passato tutta la notte sul divano.

Andando alla finestra

car:

Come e` bella la luce del giorno!

Guardandosi attorno

Fa sparire sogni ed illusioni

Cercando di baciare Maud

E soprattutto mi porta te amore mio !

Respingendolo

MAU:

E` inutile che fai il cascamorto per farti perdonare.

Risentita

Ieri sera ti sei comportato in maniera a dir poco incivile !

Stupito

CAR:

Io ?

Maud durante le battute seguenti piega e mette a posto il plaid, rimette in ordine i cuscini del divano etc

Carlo la segue come un’ombra

Ancora risentita

MAU:

Mi hai insultato per tutta la sera !

CAR:

Non ce l’avevo con te !

Candido

Sai benissimo che parlavo con Elvira

Seccata

MAU:

Ancora con questa sciocchezza !

Riflessivo

CAR

Non posso darti torto, dal tuo punto di vista non posso darti torto.

MAU:

Finalmente !

Leggermente compiaciuto

car:

Pero` ti garantisco che ieri sera Elvira era qui. Dopo che tu sei andata via abbiamo fatto una lunga chiacchierata e mi ha fatto anche un massaggino alla testa !

Acida

MAU:

Alla testa ti hanno dato i Martini e lo Champagne !

car:

Ti assicuro che non ero ubriaco

MAU:

Allora avrai mangiato pesante.

Poi lo stress della seduta spiritica ti ha bloccato la digestione causandoti una sorta di allucinazione.

CAR:

Impossibile ho mangiato soltanto un piatto di carne fredda.

Entra Elvira da P2 con un fascio di rose che depone sul tavolo

A Carlo

ELV:

Carletto hai fatto colazione ?

Distratto

CAR:

Non ancora.

Con entusiasmo

ELV:

Ci penso io !

Elvira esce da P1

Perplesso

CAR:

Senti Maud ammetterai che anche tu ti comporti in modo strano.

Risentita

MAU:

Non cercare di cambiare le carte in tavola come al tuo solito !

Ironico

CAR:

Scusa prima ti preoccupi perché ho mangiato troppo  poi vuoi che faccia colazione !

Perplessa

MAU:

Chi ha mai parlato di colazione.

Guardandosi attorno

CAR:

Oddio e` tornata Elvira !

Entra Elvira da P1

Volenterosa

MAU:

Senti Carlo lascia che ti aiuti ad uscire fuori da questa assurda situazione.

ELV:

Sara` pronta fra un attimo.

Soddisfatta

Sai Carletto che e` bello occuparsi di nuovo di te !

Elvira sostituisce le rose alle margherite

Seccato

CAR:

Io non voglio che ti occupi di me !

Lasciami in pace una buona volta !

Risentita

MAU:

Quando fai l’ignorante proprio non ti sopporto!

Buttando le margherite nel cestino

ELV:

Ecco fatto !

Le margherite non mi sono mai piaciute !

CAR:

Chi se ne frega dei tuoi gusti !

Facendo uno sforzo per restare calma

MAU:

Senti Carlo io sono buona e cara ma la mia pazienza ha un limite !

Sarcastica

ELV:

Si ! Buona e cara ! Te la raccomando !

Non ha fatto altro che maltrattarti !

Feroce

CAR:

Fatti gli affari tuoi !

Scattando

MAU:

Penso che siano affari miei se mio marito si comporta come un pazzo, credendo di vedere fantasmi a destra e a sinistra !

ELV:

State litigando per me !

Battendo le mani

Come sono contenta !

Adirato

CAR:

Un incosciente ecco cosa sei !

Piangendo

MAU:

Questo e` troppo, trattarmi cosi dopo che sto cercando di prendermi cura di te !

ELV:

Ci mancava un bel piantarello !

Perfida

Fregatene Carletto, lasciala cuocere nel suo brodo !

CAR:

Sei un’egoista senza cuore !

Piccata

MAU:

Io egoista ?

CAR:

Ma non tu Elvira !

Sconcertata

MAU:

Ancora?

CAR:

E` tornata !

Isterico

Lo capisci che e` tornata !

Asciugandosi gli occhi

MAU:

Senti Carlo ragioniamo con calma ......

Da P1 entra Filippo con il vassoio della colazione ed il polso sinistro fasciato

FIL:

Aaaah ! Colazione pronta !

CAR:

Mettila sul tavolo e sparisci !

Filippo mette il vassoio sul tavolo poi si accorge che Maud sta piangendo

Andando vicino a Maud

FIL:

Chi fare piangere mia principessa ?

Spostandosi verso Carlo

Tu dire me che io fare lui mossa di grande “Sot Me Cac” e spezzargli braccia , gambe.. collo ....

Elvira con una mossa di lotta giapponese mette a terra Filippo e gli torce il  braccio buono

Urlando di dolore

FIL:

Aiaiaiaiaiiah!

Grande dolore a mio altro povero braccio !

Io correre in ospedale

Uscendo di corsa da P2

Aiaiaiaiaiaih !

A brutto muso

CAR:

Elvira cosa gli hai fatto ?

ELV:

Ma niente !

Minimizzando

Una mossetta che mi ha insegnato la buonanima di Bruce Lee.

Melliflua

MAU:

Carlo ?

Accorrendo presso Maud

CAR:

Si amore ?

Elvira affibbia un calcio a Carlo

Tenendosi lo stinco con la mano

CAR:

Ahi !

Con dolcezza

MAU:

Innanzi tutto ti voglio chiedere scusa perché non ho capito subito il tuo problema.

Preoccupata

ELV:

Attento che sta per fregarti !

Zittendola

CAR:

Ma sta un po’ quieta !

Condiscendente come se parlasse ad un matto

MAU:

Certo, certo starò calma calma, buona buona e mi prenderò cura del mio maritino.

CAR:

Sei meravigliosa cara !

Secondo calcio di Elvira a Carlo

Tenendosi l’altro stinco con la mano

CAR:

Ohi !

Prendendolo per mano

MAU:

Adesso da bravo il mio passerottino viene di sopra con la sua Maud e si mette a letto subito subito.

Spazientita

ELV:

E` una fissa quella di portarti a letto .

Sporcacciona !

Andando verso P3

MAU:

Ti metti sotto le coperte e stai al calduccio ad aspettare Ernesto che ti viene a fare una bella visitina !

All’orecchio di Carlo

ELV:

Se le dai retta finisci dritto dritto in manicomio!

Bloccandosi

CAR:

Io non mi sento male !

MAU:

Ma certo che no.

Melliflua tentando di guadagnare P3

Solo una piccola indisposizione che cacciamo via subito subito.

Deciso

CAR:

Ascolta Maud, concedimi cinque minuti ed io ti dimostrerò che non sono pazzo.

Rassegnata

MAU:

D’accordo, cinque minuti poi a letto.

Carlo conduce Maud al divano

Facendola sedere

CAR:

Ecco siedi qui.

Porgendo la scatola delle sigarette a Carlo

ELV:

Accendi a questa isterica una sigaretta che le distende i nervi !

CAR:

Giusto.

Offrendo una sigaretta a Maud

Tieni fumati una sigaretta

Accendendogliela

Stai comoda ?

Impaziente

MAU:

Si, ma vieni al dunque.

Ad Elvira

CAR:

Elvira, per piacere, sposta quel vaso con le rose dal tavolo al caminetto.

Puntando i piedi

ELV:

Nemmeno viva !

Io questa soddisfazione a quell’intrusa non gliele do !

Implorante

CAR:

Fallo per amor mio.

Capricciosa

ELV:

No e poi no !

Minaccioso

CAR:

Bada che chiamo Madame Arcadi e ti faccio rispedire da dove sei venuta !

ELV:

Ricattatore !

Elvira va al tavolo

Indicandolo

CAR:

Maud guarda bene quel vaso.

Stupita

MAU:

Ma ... io ci avevo messo le margherite.

Perché ora ci sono le rose ?

Elvira fa una boccaccia a Maud

Sfottente

ELV:

Perché a me piacciono le rose !

Paziente

CAR:

Elvira da brava ....

ELV:

Mmmmmmm

CAR:

Maud non perdere di vista il vaso.

Elvira sposta il vaso dal tavolo al caminetto

Scattando in piedi

MAU:

E` un trucco!

Uno sporco trucco per prenderti gioco di me !

CAR:

Elvira fai qualche altra cosa ti prego !

ELV:

Subito amore !

Elvira ribalta le sedie, sposta i soprammobili e fa partire M4

Terrorizzata

MAU:

No può essere .... non può essere !

Abbracciandola

CAR:

Allora ci credi che Elvira e` qui ?

Divincolandosi

MAU:

Ho paura .... ho paura !

Maud esce di corsa da P3

Correndole dietro

CAR:

Maud non fare cosi !

Aspettami !

Carlo esce di corsa da P3

Buio

Fumo dallo specchio

Entra Rodolfo vestito da don Giovanni

Cercapersone su di lui Pz8

ROD:

Allora mia cara come vanno le cose ?

Entrando nel cerchio di luce

ELV:

Incominciano ad andare benino.

Perplesso

ROD:

Cosa intendi per benino ?

Intrigante

ELV:

Beh per ora sono riuscita a farli litigare .

Piano piano vedrai che la spunto caro il mio don Giovanni !

Preoccupato

ROD:

Se lassù scoprono quello che stai combinando passiamo un guaio tu ed io che ti ho aiutato.

Sicura

ELV:

Lasciami fare che andrà tutto bene !

Non convinto

ROD:

Se lo dici tu !

Ammaliatrice

ELV:

Ora fammi ballare che ho nostalgia delle nostre serate danzanti

Con trasporto

ROD:

Anche tu mi manchi molto.

Tornerai presto vero ?

ELV:

Chissà !

Sale la musica i due ballano con trasporto

Buio

Sipario

Dopo ~ 20” stop M4

 

Fine Primo Tempo

Secondo Tempo


Parte M5

Dopo ~15” sipario

Luci in Pz11 (pomeriggio inoltrato)

Il tavolo e` apparecchiato per il te`Maud passeggia nervosamente fumando una sigaretta

Via M5

Campanello ingresso E1

Maud spegne la sigaretta e va ad aprire

Entrano da P2 Arcadi e Orazio

Preoccupato

ORA:

Buonasera cara Maud cosa succede ?

Ansiosa

ARC:

Siamo corsi subito appena avuto il suo messaggio !

Picchiettando con le mani

MAU:

Siete molto gentili.

ARC:

Ad onor del vero aspettavo una sua chiamata già da ieri sera.

MAU:

Prego sedetevi

Gradite una tazza di te` ?

Maud suona il campanello

Arcadi e Orazio si siedono al tavolo

ARC:

Volentieri, grazie.

ORA:

La vedo molto nervosa cara Maud.

MAU:

Penso che chiunque lo sarebbe al mio posto.

Con evidente nervosismo

In questa casa stanno succedendo cose assolutamente  fuori da ogni logica ...

Interessatissima

ARC:

Fuori della logica ?

Magnifico !

Entra Filippo con un braccio ingessato e il vassoio del te nell’altro soltanto fasciato

Preoccupato

ORA:

Cosa ti e` successo figliolo ?

Lamentoso

FIL:

Tutta colpa di spirito malvagio lui colpito me a tradimento !

Fiero

Ma io aspettare momento di vendetta   perché ...

MAU:

Adesso vai Filippo.

Uscendo P1

FIL:

Io non Filippo .....

Maud serve il te

Ad Arcadi

MAU:

Latte ?

Decisa

Arc:

Niente latte !

Fa regredire la sensorialita` medianica !

ORA:

Maud se adesso volesse accennarci ...

Urlando di piacere

ARC:

Tartine al camembert !

Ne afferra una e mangia di gusto

Ideali per la transgenesi !

ORA:

Tornando al problema ....

Urlando di piacere

ARC:

Sandwichs al cetriolo !

Ne afferra uno e mangia di gusto

Nulla e` meglio dal cetriolo per lo sviluppo della poligenesi

ORA:

Madame ....

Urlando di piacere

ARC:

Pasticcini alle mandorle !

Ne afferra uno e mangia di gusto

Una mano santa per la fantasmosesorialita`

Togliendole il vassoio di mano

ORA:

Madame la prego lasci stare il mangiare ed ascoltiamo cosa ha da dirci la signora Considine !

Esitante

MAU:

A dire il vero non saprei da che parte cominciare .......

Con un pacca sulla spalla di Maud

ARC:

Coraggio !

L’aiuto io: Rumori di notte ? ..... Porte che sbattono ? .... Scricchiolii ... ululati ?

Scuotendo la testa

MAU:

No, niente di tutto questo.

Incalzante

ARC:

Allora correnti d’aria  ... odori sgradevoli ..

MAU:

Peggio !

Molto peggio !

Fremente d’impazienza

ARC:

Forza parli ! Non mi tenga sulle spine !

A Carlo

MAU:

Ecco, forse lei reverendo ricorda la prima moglie di mio marito ...

ORA:

Certo, che diamine, la povera signora Elvira !

Con rammarico

Era cosi bella e cosi giovane quando l’angelo del Signore l’ha chiamata a se !

MAU:

Si ricorda come e` morta ?

Mestamente

ORA:

Fu vittima di un naufragio in pieno inverno.  Come conseguenza si busco` una polmonite che la porto nella tomba in pochi giorni.

Con veemenza

ARC:

Scommetto che e ` morta qui in casa ?

precisando

ORA:

Esattamente nella sua camera da letto, fui io a darle l’estrema unzione poco prima che ....

Salta dalla sedia urlando

ARC:

Siiiii !

Ho capito  ! Ho capito !

Sconcertato

ORA:

Se fate capire anche me .

Conclusiva

MAU:

Ieri sera dopo che siete andati via si e` materializzata !

Gira per la stanza con il braccio alzato e le dita a v

ARC:

Vit-to-ria! Vit-to-ria  ! Vit-to-ria !

Perplessa

MAU:

Lo strano e` che soltanto mio marito riesce a vederla e sentirla !

Saccente

ARC:

Un classico fenomeno di transfert sublimale indotto su soggetto predisposto !

E` su tutti i testi di parapsicologia !

ORA:

Se lo dice lei !

Non riuscendo a contenersi

ARC:

E sono stata io a far si che avvenisse !

Evviva ! Evviva !

ORA:

Madame la prego !

Con orgoglio

ARC:

Il mio nome sarà scritto nell’albo d’oro dell’associazione internazionale di metafisica !

Un trionfo ! Un trionfo !

Amara

MAU:

Se per lei e` un trionfo, per me invece e` una grande sciagura !

Guardandosi attorno

ARC:

E dove e` ora il piccolo caro ectoplasma ?

Con malgarbo

MAU:

La buonanima adora girare in macchina

Si e fatta portare da Carlo a Folkestone.

ARC:

Eccitante !

Acida

MAU:

Carlo e` come rincretinito.

Fa tutto quello che il caro spettro gli chiede!

partecipe

ORA:

Ma e` terribile !

Sconsolata

MAU:

Questa storia mi sta portando ai matti !

Partecipativo

ORA:

Cara Maud c’e` qualcosa che possiamo fare per lei ?

Decisa

MAU:

Una sola: rispedire Elvira da dove e` venuta !

Tornando seria

ARC:

Questo e` un bel problema.

ORA:

Già !

Preoccupata

MAU:

Cosa intende per bel problema ?

Sconsolata

ARC:

Mi duole ammettere che non saprei da che parte incominciare.

Speranzosa

MAU:

Lei reverendo ha una soluzione ?

Perplesso

ORA:

Dipende.

Santa Madre Chiesa ha i suoi padri esorcisti che pero` si occupano solo degli indemoniati.

Quindi ....

MAU:

Quindi ?

ORA:

Bisognerebbe stabilire lo status della povera anima .

Lei non sa se la signora Elvira ha fatto cenno di essere fra gli spiriti eletti oppure ..

Spazientita

MAU:

Ma cosa vuole che ne sappia !

Conclusivo

ORA:

Allora temo che non sia di nostra competenza.

Non arrendendosi

MAU:

Ma ci sarà` pure un rito ... una formula ... una stregoneria !

Possibilista

ARC:

Per essere onesti ci sarebbe lo scongiuro di Nostradamus.

Lo ricorda reverendo ?

ORA:

Certamente madame !

Carlo si alza e va vicino ad Arcadi

I due si accosciano e si alzano alternativamente come marionette

ORA:

Ambaramba` cicci` cocco` ....

ARC:

... Tre fantasmi sul comò ....

ORA:

.... Che facevano rumore ...

ARC:

... Con catene e cazzarole .....

ORA:

... Finche` la minghia ci scasso` ...

AR-OR:

...Ambaramba cicci` cocco` !

Esortativa

MAU:

Bene, proviamo con questo !

Scuotendo la testa

ARC:

Non funziona più !

Sono secoli che fa cilecca !

Sconsolato

ORA:

Gli spiriti sembrano essersi vaccinati !

Cominciando a montare in collera

MAU:

Conclusione io dovrei tenermi Elvira per sempre fra le scatole ?

Intervenendo

ORA:

Maud si calmi la prego !

MAU:

Ma che calmarmi e calmarmi !

Aggressiva

Questa fattucchiera da strapazzo prima combina un casino e poi non sa come venirne fuori !

Risentita

ARC:

Moderi le parole altrimenti ...

Mettendosi faccia a faccia

MAU:

Altrimenti cosa ?

Sono io che la denuncio alla polizia.

Dilettante incapace !

Sconvolta

ARC:

Di... dilettante io ?

Per sua norma io sono  una professionista molto, ma molto considerata !

Sprezzante

MAU:

Allora faccia il suo dovere !

Sardonica

ARC:

Io il mio dovere l’ho fatto ieri sera, e molto bene, visti i risultati !

Intervenendo

ORA:

Signore vi prego !

Proseguendo

ARC:

Che colpa ne ho io se il signor Considine desiderava ardentemente rivedere la sua defunta moglie!

Adirata

MAU:

Mio marito desiderava ben altro !

ARC:

Cosa sentiamo !

MAU:

Carlo voleva scoprire qualcuno dei suoi meschini imbrogli !

Risentita

Feroce

ARC:

Imbrogli ?

Ancora con questa storia?

Intervenendo

ORA:

 Madame si calmi !

ARC:

Allora sa cosa le dico ?

Rancorosa

Che sono contenta di avervi messo un fantasma dentro casa, cosi imparate, a vostre spese, a prendervi gioco delle forze occulte !

Arcadi con sussiego esce da P2

MAU:

Maledizione !

Disperata

Adesso cosa faccio ?

Pretesco

ORA:

Cara Maud confidiamo nell’aiuto della Divina Provvidenza che sapra` Lei come ricondurre nel mondo dei più la povera anima smarrita.

La pace del Signore sia sempre con voi !

Orazio esce P2

MAU:

La pace !

In questa casa no ci sarà` più pace finche` non se ne va quella la ` !

Da P2 entra Elvira seguita da Carlo

Leziosa

ELV:

Parlavi di me carina ?

Elvira si va a sdraiare sul divano

A MAU:

CAR:

Ciao Maud.

Abbiamo visto uscire Madame Arcadi ed il vicario, come mai sono venuti a farci visita?

Cupa

MAU:

Li ho chiamati io.

CAR:

E perché mai ?

Inviperita

ELV:

 Lo so io il perché !

Indicando Maud

Vuole farmi cacciare da casa mia !

CAR:

Maud e` vero ?

Candida

MAU:

Vero cosa ?

CAR:

Quello, che dice Elvira.

Ironica

MAU:

Dimentichi che io non ho il piacere di ascoltare la buonanima !

Paziente

CAR:

Elvira pensa che tu abbia fatto venire Madame Arcadi ed il vicario per farla tornare nel regno dei morti.

MAU:

E se anche fosse?

Cattiva

ELV:

Perfida !

Povero Carletto ti sei allevata una serpe in seno !

Decisa

MAU:

Fino a prova contraria questa e` casa mia !

Avrò bene il diritto di decidere chi ospitare e chi no !

ELV:

Che caratteraccio !

Di un po’ Carletto come hai fatto a sopportarla tutti questi anni ?

Mediando

CAR:

Elvira, cerca di capire un po’ anche Maud !

E tu Maud prova a trovare un dialogo con Elvira .

Ironica

ELV:

Allora stai fresco !

Facendo un palese sforzo di volontà

MAU:

Tenterò! Tenterò solo per amor tuo !

Acida

ELV:

Ruffiana !

Paziente

MAU:

Senti Elvira .....

Guardandosi attorno

... dove accidenti sta ?

Indicando il divano

CAR:

E` sul divano.

Parlando al divano

MAU:

Ti chiamo Elvira perché mi sembra fuori luogo chiamarti signora Considine

ELV:

Non vedo cosa ci sia di male !

A Carlo

MAU:

Cosa ha detto ?

Pronto

CAR:

Che per lei va benissimo.

Suadente

MAU:

Voglio parlarti con il cuore in mano ...

Ironica

ELV:

Ammesso che tu lo abbia un cuore carina !

Elvira si alza e va alla finestra

MAU:

Senti ...

Interrompendo

CAR:

Si e` spostata  alla finestra.

Maud si sposta alla finestra

MAU:

Confesso che ho chiesto a Madame Arcadi e al vicario di indicarmi il modo per farti scomparire ....

ELV:

Finalmente !

Elvira si sposta vicino al caminetto

MAU:

Penso ...

Interrompendo

CAR:

E` andata al caminetto.

Parlando al caminetto

MAU:

Penso che anche tu al mio posto avresti agito nella stessa maniera.

Sostenuta

ELV:

C’e` modo e modo di fare le cose.

Ma già c’e` chi nasce signora e chi non lo diventerà mai !

A Carlo

MAU:

A detto qualcosa ?

CAR:

Apprezza la tua lealtà !

A Carlo

Gesto con la mano

ELV:

Chiedile se i due vecchiacci hanno trovato il sistema per .....

CAR

Elvira vorrebbe sapere cosa contano di fare Madame Arcadi e il vicario.

MAU:

Niente !

Sconsolata

Non sanno dove mettersi le mani.

Elvira si mette a ballare dalla gioia

Con un grido

ELV:

Evviva ! Resto qui !

Cantando come un coro da stadio

Aleoo aleoo ! Aleoo aleoo !

Elvira ballando va verso il tavolo

Al caminetto

MAU:

Ascolta Elvira ....

Interrompendo

CAR:

Si e` seduta al tavolo.

Infastidita

MAU:

Dille di star ferma una buona volta !

Schifata

ELV:

Che caratteraccio !

Compassionevole

Povero caro chissà che inferno era la tua vita  !

Carlo fa una smorfia eloquente

Incuriosita

MAU:

Scommetto che ha detto una cattiveria sul mio conto !

Cercando di svelenire la disputa

CAR:

Ma no, anzi dice che sta già affezionandosi anche a te.

ELV:

Falso, ipocrita !

Sicura

MAU:

Io invece no!

A Carlo

Per quanti sforzi faccia non riesco a sopportare il pensiero di dividerti con un altra sia pure un fantasma !

Accomodante

CAR:

Vedrai che con il tempo ti abituerai.

Salace

ELV:

Oppure toglierai il disturbo che sarebbe pure meglio !

Evasivo

CAR:

Dai cara, non complichiamo le cose.

Perplessa

MAU:

Con quel cara ti riferivi a lei o a me ?

Salomonico

CAR:

A tutte e due.

Decisa

MAU:

No, basta !

E` una lotta impari !

Accalorandosi

Lei sente quello che dico mentre io mi debbo accontentare di una traduzione addomesticata di tutte le cattiverie che dice contro di me !

Mediando

CAR:

Ti sbagli, Elvira non si permetterebbe mai!

Vivace

ELV:

Mi permetto e come mi permetto !

A Carlo

MAU:

Non mi trattare da cretina.

Sei stato proprio tu a raccontarmi che la cara salma, da viva, aveva un carattere impossibile oltre che volgare.

Piccata

ELV:

Questa me la paghi Carletto !

Perdendo la pazienza

CAR:

Cercate di stare un po’ calmine tutte e due!

Acida

MAU:

Io per mio conto sono calmissima, anzi sai che ti dico, visto che non c’e` più posto per me in questa casa me ne vado.

ELV:

E` la prima cosa sensata che hai detto !

Dura

MAU:

Pero cara Elvira .....

Guardandosi attorno

Ovunque tu sia , sappi che prima di farlo mi rivolgerò a tutti i massimi esperti del mondo, papa compreso, per trovare il sistema di rispedirti all’inferno !

Facendo le corna

ELV:

Tie ! Tie !

Conciliatorio

CAR:

 Maud non drammatizzare.

Decisa

MAU:

E se tu vorrai seguirla: buon viaggio !

Maud esce da P3

CAR:

Maud non fare cosi !

Carlo fa per seguire Maud Elvira lo ferma

Sbrigativa

ELV:

Lasciala cuocere nel suo brodo che prima o poi le passa!

CAR: 

Ma e` mia moglie ! ....

Elvira va a sedere sul divano

Civetta

ELV:

Ed io chi sono ?

Insistendo

CAR:

Le voglio bene ...

Gattina

ELV:

Quanto ne volevi a me ?

Perplesso

CAR:

Non so ... con te era una cosa diversa ....

ELV:

Finalmente una cosa carina !

Gattina

Vieni, siedi qui vicino a me e coccolami un po’ come facevi ai nostri tempi.

Sul chi vive

CAR:

Cos’hai in mente Elvira ?

Quando facevi la gattina erano sicuramente guai in vista !

Arruffando i capelli di Carlo

ELV:

Stupidone e` che ho voglia di stare tra le tue braccia e poi ...

CAR:

E poi ?

In un sussurro

ELV:

Fare l’amore !

Scattando in piedi scandalizzato

CAR:

Ma ... ma cosa dici ?

ELV:

Perché non ti piacerebbe ?

CAR:

Non dico di no .....

Ripensandoci

Ma tu .... tu non hai più un corpo !

Sei uno spirito !

Intrigante

ELV:

E` vero, ma forse c’e` una soluzione.

Proccupato

CAR:

Quale ?

ELV:

Frena i bollori a suo tempo capirai !

Spingendo Carlo verso P3

Adesso vai da Maud e cerca di metterla calma. Senza fare troppo il cascamorto mi raccomando !

Titubante

CAR:

Ma cosa le dico ?

ELV:

Quello che vuoi purché le impedisci di mettere in atto la sua minaccia

Uscendo da P3

CAR;

Le donne ! Chi le capisce e` bravo !

Buio

Parte M6

Il busto di Dante scompare al suo posto la testa di Gidenamada truccato da Dante

Fumo dallo specchio Entra Rodolfo vestito da Paolo Malatesta

Cercapersone su di lui Pz8

Avanzando verso il centro

ROD:

Amor che a nullo amato amar perdona mi prese di costei piacer si forte che, come vedi, ancor non m’abbandona ....

La bocca mi bacio tutta tremante.

Galeotto fu il libro e chi lo scrisse !

Entrando nel fascio di luce

ELV:

 Rodolfo lascia perdere !

Lo sappiamo bene che le cose non sono andate come le ha scritte quel visionario dello zio Dante!

Si illumina la testa di Dante Pz12

Adirato

GID:

Visionario un paio di strufoli !

Ohi dico !

Costi` mi si vole far fare la figura del bischero !

Minimizzando

ROD:

Dai Dante lo sanno tutti che si trattava di una squallida storia di corna in famiglia.

Altro che libro galeotto !

Ancor più adirato

GID:

Grullo di celluloide ascoltami per benino: o se tu vai ancora in giro a raccontar codeste bischerate io ti schiaffo nel girone dei contaballe e di li` non ti ci toglie più nemmeno Dominedio !

Minacciosa

ELV:

Caro il mio poeta ti consiglio di non alzare tanta polvere altrimenti ...

GID:

Cosa la mi devo sentir dire !

La bimbina minaccia !

O che tu non lo sai che da domani la ti trovi a contar storie a Bonifacio ottavo !

Intrigante

ELV:

Attento Dante che racconto a Beatrice di quella volta che mi volevi portare nel boschetto del paradiso terrestre !

Preoccupato

GID:

O che tu scherzi nevvero ?

Madonna Beatrice l’e` gelosissima e se tu le conti di cotella fanciullata vo a passare un guaio che a confronto la guerra tra Guelfi e Ghibellini  l’era una bischerata !

Deciso

ROD:

Allora sparisci !

GID:

Bonini, bonini che io vo per la città dolente, io vo fra la perduta gente ....

Via luce su Gidenamada Pz8

Perplesso

ROD:

Perché mi hai chiamato Elvira ?

Intrigante

ELV:

Ho bisogno di te per un lavoretto

Con slancio

ROD:

Io per te farei qualsiasi cosa !

Elvira sussurra all’orecchio di Rodolfo

Scandalizzato

ROD:

No !

Questo proprio non lo possiamo fare !

Suadente

ELV:

Dai Rodolfuccio !

Preoccupato

ROD:

Se ci scoprono finiamo davanti al tribunale celeste !

Mettendogli le braccia al collo

ELV:

Se  fai il bravo, quando torno lassù lo leggi tu a me quel libro galeotto !

Remissivo

ROD:

Sia !

Balliamo ora !

Sale M6 i due ballano

Dopo ~10” Buio Stop M6

Escono Rodolfo ed Elvira

Entra Maud

Luci in Pz1  (Sera)

Lampi - tuoni- rumore di pioggia E4

Maud visibilmente preoccupata fuma una sigaretta mentre Ernesto sta rimettendo nella borsa alcuni strumenti medici

Tranquillo

ERN:

Se ti dico di stare tranquilla puoi credermi.

A parte lo spavento nulla di grave.

Con un sospiri di sollievo

MAU:

Sia ringraziato il cielo !

ERN:

Gli ho fatto un bendaggio sulle escoriazioni alla testa e una puntura di antidolorifico.

Con un buon sonno domani sarà` solo un brutto ricordo.

MAU:

Grazie Ernesto.

Curioso

ERN:

Ma cosa e` successo esattamente ?

MAU:

Hai presente quel grande rosone di pietra che sta sopra l’architrave del cancello ?

ERN:

Certamente. E` il pezzo più antico della casa, sarà li da almeno trecento anni.

Con raccapriccio

MAU:

Carlo stava  uscendo per accompagnare Filippo in ospedale, quando l’ho chiamato per ricordargli di ordinare la legna, lui ha fatto mezzo passo indietro e proprio in quel momento il rosone si e` staccato e ....

Interrompendo

CAR:

(FC) Ragazzi preparate gli aperitivi che stiamo arrivando !

Rumore violento di un corpo che cade dalle scale

Urlando

CAR:

(FC) Aiutooooo !

Buio

Fumo dallo specchio

Entrano Rodolfo vestito da Giulio Cesare ed Elvira 

Parte M7

Cercapersone su di loro Pz8

Deciso

ROD:

Basta ! Chiuso !

Elvira non contare più sul mio aiuto !

Cercando di stuzzicare Rodolfo

ELV:

Rodolfo non ti riconosco più !

Tu che sei stato Giulio Cesare ti metti paura come una donnetta !

Precisando

ROD:

Con la piccola differenza che da Cesare non ho mai perso una battaglia sia sul campo che a letto, qui invece non ne va bene una !

Minimizzando

ELV:

Un piccolo incidente di percorso!

Elencando

ROD:

Primo: abbiamo provato a mandare il tuo Carletto tra i più tirandogli in testa il rosone e l’abbiamo mancato !

Dispiaciuta

ELV:

Per un pelo !

Tutta colpa di quell’impicciona di Maud !

Continuando

ROD:

Centrando pero` la testa del filippino.

Poi abbiamo messo in atto la seconda tua brillante idea: spalmare di grasso le scale ...

Rammaricata

ELV:

Che gioia sarebbe stata per Carletto morire nella propria casa con me pronta ad accoglierlo !

ROD:

Solo che  ha fatto passare prima Filippo

Concludendo

Ed e` lui che e` rotolato giù come un sacco di patate !

Serafica

ELV:

Sono sicura che andrà meglio la prossima volta.

Deciso

ROD:

Non ci sarà una prossima volta !

Adesso raduna armi e bagagli

 e ce ne torniamo lassù !

Intrigante

ELV:

Cesarino, Cesarino mio bello ti ricordi cosa ti e` successo alle idi di marzo per non aver dato retta ad una donna?

Rabbrividendo

ROD:

Non mi ci far pensare !

Cattiva

ELV:

Quello era niente in confronto a quello che ti capiterà se non mi aiuti !

Rassegnato

ROD:

Sia !

Cos’hai in mente questa volta ?

ELV:

Un piano pressoché infallibile, mentre balliamo te lo spiego.

Sale M7 i due ballano

Dopo ~10” Buio

Escono Rodolfo ed Elvira

Entrano Maud, Carlo ed Ernesto

Stop M7

Luci in Pz1  (Sera)

Lampi - tuoni- rumore di pioggia E4

Preoccupato

ERN:

Questa volta la faccenda e` piuttosto seria.

Temo che il vostro Filippo si sia fratturata la tibia.

CAR:

Quelle maledette scale !

Sconcertato

Non capisco come ci sia potuto finire quella macchia d’olio !

ERN:

L’unica cosa che ho potuto fargli e` un bloccaggio provvisorio.

Bisogna che lo portate subito in ospedale, vi accompagnerei io stesso ma purtroppo tra mezz’ora sono atteso per un consulto.

MAU:

Non ti preoccupare hai fatto anche troppo.

Ci pensiamo Carlo ed io.

Raccattando la borsa

ERN:

Allora io vado.

Tenetemi informato. Buonanotte.

Accopagnandolo alla porta

MAU:

Grazie di tutto e porta i nostri saluti ad Henriette.

Ernesto esce da P2

Titubante

CAR:

Maud, a proposito di Filippo c’e` un piccolo problema.

Sul chi va la`

MAU:

Sarebbe a dire ?

Serafico

CAR:

Oggi e` mercoledì.

Non raccogliendo

MAU:

Allora ?

Timidamente

CAR:

E` la serata di Elvira.

Sbrigativa

MAU:

Chiedi alla diletta salma di invertire con domani.

Restio

CAR:

Si cosi mi pianta una scena madre come ai vecchi tempi !

Adirata

MAU:

Mi fa una rabbia vederti succube di quella piccola strega !

CAR:

Maud, non ricominciamo !

Abbiamo provato a passare le serate tutti e tre assieme risultato ...

Concludendo

MAU:

Disastro completo !

CAR:

Allora vada per la soluzione di una sera per ciascuna !

Acida

MAU:

Con la piccola differenza che quando e` la mia serata non so mai se il leggiadro spirito e` dietro qualche angolo a spiarci e farsi beffe di me !

Non troppo sicuro

CAR:

Elvira non lo farebbe mai, me lo ha giurato!

Scettica

MAU:

E tu le credi ?

Mi ha completamente inibita, non riesco nemmeno a fare l’amore con te !

Conciliante

CAR:

Vedrai che con il tempo .....

Sicura

MAU:

Ma quale tempo e tempo, non mi abituerò mai !

Timidamente

CAR:

Nello specifico di questa sera ......

Sarcastica indicando se stessa

MAU:

Non ti preoccupare che la fessa accompagnerà lei Filippo in ospedale.

Timidamente

CAR:

Un’altra piccola cosa, cerca di riportare la macchina il prima possibile perché ho promesso ad Elvira di accompagnarla al cinema.

Acida

MAU:

Nient’altro ?

Entra da P3 Filippo con braccia testa e gamba fasciati saltella su di una sola gamba

Lamentoso

FIL:

Io grande dolore a mia possente gamba ... io tutto un grande dolore !

Prendendolo sottobraccio

MAU:

Su Filippo, non ci pensare.

Andiamo

Premuroso

CAR:

Mi raccomando Maud sii prudente che ha ripreso a piovere forte e la discesa dopo il cancello e particolarmente sdrucciolevole.

Acida

MAU:

Risparmiami almeno le tue premure !

Maud e Filippo escono da P2

Carlo va alla finestra poi si sposta al carrello dei liquori

CAR:

Che tempo del diavolo!

Buio

Fumo dal caminetto

Dal caminetto esce Gidenamada vestito da diavolo il suo soliloquio e` come se non fosse ascoltato da Carlo

Luce effet. sul camino+wood Pz13

Sarcastico

GID:

Guaglio` tieni poco da sfottere, ognuno sape` ‘e cose soie !

CAR:

Quello che mi ci vuole e` un buon whisky !

GID:

Bevi, bevi piezz’e fesso !

Accussi appena trasi a porta inferi te mettimmo a fare compagnia a chilli du’ imbriaconi di Bacco e Noe` !

Alzando il bicchiere

CAR:

Alla vita !

Lugubre

GID:

Eterna !

Che ad essa ti ci manca poco assaje !

Perplesso

CAR:

Chissà che fine a fatto Elvira ?

GID:

Bona chilla fetentona !

Non ti sei fatto ancora capace che la ex mugliera toia, assieme a chill’ attore da quattro suorde te stanno cumbinando ‘na’ammuina per fatti venire all’inferno subbito subbito !

Entra Elvira dallo specchio

ELV:

Melchisedec ?

Indicando Carlo

GID:

Donna Elvira carissima che piacere vedervi!

ELV:

Che ci fai qui ?

GID:

Mi hanno mandato ad accattarmi un’anima dannata !

ELV:

Carletto e` mio !

Non ti azzardare a toccarlo!

GID:

Non vi pigliate collera !

Mostrando una carta bollata

Tengo tanto di bolla di prelievo in carta bollata che avisse in coppa la firma del principale in persona !

Stappandogli di mano il foglio

ELV:

Fai vedere ?

Cercando di opporre resistenza

GID:

Ue comme simmo malfidati !

Leggendo

ELV:

Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi !

Risentito

GID:

Nuie ? Ma quanno maie!

Restituendogli la carta

ELV:

Manca la data !

GID:

Trattasi di una semplice svista.

‘O sapite come sono fatte chille bon’anime degli impiegati celesti, tra nu caffè e l’altro si saranno scurdati di scrivere la data.

Mo’ che torno laggiù con il pacco sistemiamo tutt’e cose!

ELV:

Tu non sistemi un bel niente !

Vade retro Satana !

GID:

Non ve facite scuorno con il sottoscritto !

Io songo solo  nu povero diavolo di seconda categoria.

Vado a sentire il principale che ne pensa.

Caso mai ripasso e allora chist’omme ‘e niente me lo porto seco me !

Fumo dal camino

Buio

Gidenamada esce

Luci Pz1  (notte)

Carlo fa per accendersi una sigaretta Elvira lo precede

Sorpreso

CAR:

Elvira sei qui !

Allaciandosi il soprabito

ELV:

Allora si va ?

Timidamente

CAR:

Dovremo pazientare un pochino.

La macchina e` servita a Maud

Isterica con un urlo

ELV:

No !

Sconcertato

CAR:

No cosa ?

Concitatamente

ELV:

Fermala ... presto fermala !

Non capendo

CAR:

Ma Elvira .....

Spingendolo verso P2

ELV:

Corri .... corri !

Spazientito

CAR:

Adesso stai esage ......

Viene interrotto  da una disperata frenata poi da un agghiacciante rumore di ferraglia E5

Correndo verso P2

CAR:

Maud .... Maud .....

Carlo esce da P2

Buio

Parte M8

Fuma da specchio

Entra Rodolfo vestito da Paride

Cercapersone su di lui Pz8

Si abbassa M8

Preoccupatissimo

ROD:

Questa volta il guaio l’abbiamo combinato proprio grosso !

Entrando nel cono di luce

ELV:

Vuoi dire che L’Elvira  .....

Laconico

ROD:

E` dei nostri !

Imprecando

ELV:

Benedizione !

Qualche angelo ci ha messo le ali !

ROD:

Attenta Elvira che la nostra nuova collega sembra animata da intenzioni tutt’altro che pacifiche nei tuoi  confronti !

Perplessa

ELV:

Sarebbe a dire ?

ROD:

La prima cosa che ha chiesto a San Pietro e` stata di ......

Rodolfo prende tra le braccia Elvira e cominciano a ballare

Cresce M8

I due ballando escono dallo specchio

Buio

Entrano Carlo, Orazio , Ernesto, Henriette e Palmira

Stop M8

Luci in P10 (giorno)

Carlo e` in lutto con tanto di fascia nera al braccio, siede affranto sul divano, accanto a lui Palmira, Orazio e seduto al tavolo con Henriette, Ernesto e` in poltrona

Affranto

CAR:

Grazie amici.

Grazie a tutti !

Partecipativa

PAL:

Il minimo che potevamo fare, in un momento tanto penoso, era di starti vicino.

HEN:

Volevamo tutti bene alla povera Maud !

Segnandosi

ORA:

L’eterno riposo doni a lei il Signore !

ERN:

Come e` successa la disgrazia ?

Quasi piangendo

CAR:

I freni !

Mentre accompagnava Filippo in ospedale si sono rotti i freni !

Pensare che la settimana scorsa avevo fatto revisionare tutta la macchina !

Sentenziando

ORA:

E` morta facendo un’opera buona.

Il suo posto ora e` tra gli spiriti eletti !

Compassionevole

PAL:

Povero caro deve essere tremendo perdere anche la seconda moglie nel fiore degli anni!

Pretesco

ORA:

Cerchi conforto nella preghiera e la sua Maud sarà vicina a lei come se non  fosse mai andata via !

Guardandosi attorno singhiozza

CAR:

Tutto in questa casa mi ricorda i bei momenti passati con la mia Maud !

HEN:

Non ci pensare !

Carlo si alza e gira, come trasognato, per la stanza andando di volta in volta presso gli oggetti menzionati

Sfiorando il carillon

CAR:

Questo carillon, quante volte, quante volte lo abbiamo fatto suonare ! .......

Carlo si gira e il carillon si mette a suonare

Accarezzando il soprammobile

CAR:

Questo soprammobile lo abbiamo comperato a Venezia durante il nostro viaggio di nozze ! ....

Carlo si gira e il soprammobile cade in mille pezzi

Indicando la tenda della finestra

CAR:

Proprio la settimana scorsa aveva fatto cambiare le tende !

Carlo si gira e la mantovana della tenda si stacca da un lato e penzola sinistramente

Lucidando una foglia del Ficus

CAR:

Questo Ficus era la sua pianta preferita, la annaffiava con tanto amore tutte le mattine! .......

Carlo si gira e il Ficus si ripiega su se stesso

Indicando il quadro

CAR:

Questo ritratto se lo fece fare lo scorso anno a Montmatre ! ....

Carlo si gira e il ritratto cade a terra

Come risvegliandosi

CAR:

Ma che succede ?

Minimizzando

ERN:

Niente di particolare.

Guardandosi attorno

CAR:

Il carillon suona da solo .... il soprammobile e` in mille pezzi ... il ficus si e` seccato .... la tenda e` caduta ... il ritratto di Maud e` in frantumi  e tu dici niente di particolare !

Minimizzando

ERN:

Coincidenze ! Banali coincidenze.

Con voce strozzata

CAR:

Elvira e` di nuovo qui !

Preoccupata

PAL:

Carlo stai vaneggiando !

Quasi isterico

CAR:

Dopo la morte di Maud sembrava scomparsa anche lei, invece e` ancora in questa casa !

HEN:

Adesso non ricominciare con quella stupida storia di fantasmi !

PAL:

Non fa onore alla tua intelligenza fissarsi su certe cose !

ORA:

Domani avevo in programma di celebrare una Messa in suffragio per l’anima della nostra Maud vorrà dire che la dedicherò anche alla signora Elvira.

Chissà che possa servire !

CAR:

Grazie don Orazio.

Alzandosi

ORA:

Caro signor Considine, e` quasi l’ora della funzione, ed io purtroppo la debbo lasciare. 

i

PAL: 

L’accompagno Padre.

Baciando Carlo

Stai tranquillo Carlo in settimana vengo con il tappezziere e risistemiamo tutto.

Palmira e Orazio escono da P2

Alzandosi

HEN:

Andiamo anche noi, mi raccomando per qualunque cosa chiamaci a qualsiasi ora.

Abbracciando Carlo

ERN:

Coraggio amico mio !

Henriette ed Ernesto escono da P2

Carlo cerca di raccogliere i cocci

Entra Filippo da P1 appoggiandosi su di una gruccia

Esitante

FIL:

Scusare me signore, io avere peso qui su stomaco !

Filippo tira su con il naso Carlo glielo pulisce con il suo fazzoletto da taschino

Sorridendo mestamente

CAR:

Filippo non e` bastato romperti testa braccia e gamba adesso anche lo stomaco !

Lamentoso

FIL:

Io tre notti che non dormire ....

Singhiozzando

E piangere ...... piangere

Carlo asciuga gli occhi di Filippo con il fazzoletto da taschino

Lamentoso

CAR:

Via non fare cosi altrimenti fai piangere anche me.

Tra un singhiozzo e l’altro

FIL:

Me tornare ... sempre in testa ... parole ultime di mia principessa !

Facendosi attento

CAR:

Maud ?

Che cosa ha detto ?

Tra un singhiozzo e l’altro

FIL:

Signora quando ... perso  controllo di macchina urlare: “Maledetta strega tu volere mio Carlo ... invece avere me!”

Sconvolto

CAR:

Ripeti, ripeti.

 

FIL:

“Maledetta strega tu volere mio Carlo invece avere me!”

Scuotendo la testa

Io non capire !

Duro

CAR:

Io invece si !

Ecco dove e` la spiegazione di tutti quegli incidenti: il rosone, le scale, la macchina !

Inveendo

Maledetta assassina questo era il suo piano!

Sconcertato

FIL:

Mia nobile testa non seguire.

CAR:

Non ha importanza

Accompagnando Filippo a P1

Adesso da bravo mi aspetti in cucina.

Sulla soglia di P1

Elvira entra dallo specchio e si pone dietro Carlo

Dobbiamo stare molto uniti perché in questa casa siamo rimasti noi due soli !

Leziosa

ELV:

Non e` esatto Carletto perché ci sono anch’io !

Con disappunto

CAR:

Elvira !

Lo sapevo, lo sapevo che eri tornata !

ELV:

Veramente non mi sono mai mossa.

Mi e` sembrato carino durante il suo funerale lasciare la scena a quella Maud.

Faceta

Perché come si dice: “Al morto che fugge esequie d’oro “ !

Severo

CAR:

A proposito di Maud e` vero quello che mi ha detto Filippo ?

Facendo la finta tonta

ELV:

Come faccio a saperlo, io non lo capisco proprio quel tizio quando parla,

Che strani gusti aveva la collega ad assumere certa gente !

Furente

CAR:

Lascia perdere i gusti di Maud.

Incalzante

E` vero o no che hai sabotato i freni della macchina perché volevi uccidermi ?

Accattivante

ELV:

Sai che quando ti arrabbi sei ancora più eccitante ?

Insistendo

CAR:

E` vero o non e` vero ?

Candida

ELV:

Se pure fosse ?

L’ho fatto perché ti amo ancora !

Amaro

CAR:

Bel modo di dimostrarmi il tuo amore !

ELV:

Era il solo per farti restare in eterno con me.

Furente

CAR:

Ma lo sai chi sei ?

ELV:

Una donna ..., scusa un’anima innamorata!

Urlando

CAR:

No !

Una pazza omicida ecco quello che sei!

Minimizzando

ELV:

Esagerato !

Con i pugni stretti

CAR:

Hai assassinato Maud !

ELV:

E stata solo una fortunata coincidenza.

CAR:

Come fortunata ?

Cercando di spostare il discorso

ELV:

Carletto sai che non ti capisco ?

Risentito

CAR:

E quando mai mi hai capito tu ?

ELV:

Mi stai facendo un processo invece di essermi grato per averti liberato per sempre di quell’arpia !

Aggressivo

CAR:

Chi te lo ha chiesto, io stavo bene con Maud !

ELV:

Bugiardo !

Lo dici solo per soddisfare i tuoi sensi di colpa !

Sicuro

CAR:

Io non ho sensi di colpa.

Con disprezzo

ELV:

Ma non ti accorgi che questi sette anni trascorsi con quella ti hanno ridotto ad una larva ?

CAR:

Stai farneticando.

ELV:

Prendi per esempio i tuoi romanzi, non valgono un quarto di quando la tua musa ispiratrice ero io !

CAR:

Niente di più falso !

Precisando

Maud era una collaboratrice preziosa per me, non era come te che ti sei sempre fregata allegramente del mio lavoro !

Frivola

ELV:

Lo facevo di proposito.

Perché cosi tu ti impegnavi al massimo per darmi uno schiaffo morale !

Aggressivo

CAR:

Altro che schiaffi morali !

A ceffoni veri avrei dovuto prenderti!

I tuoi soli pensieri erano di dilapidare il mio denaro e divertirti alle mie spalle !

Risentita

ELV:

Se aspettavo te per svagarmi un po’ stavo fresca ! Tu stavi tutto il santo giorno davanti a quella maledetta macchina da scrivere !

Colto da un ricordo

CAR:

A proposito che ci facevi in barca con Giulio Andersen il giorno che avete fatto naufragio ?

ELV:

Mi annoiavo tremendamente cosi ho accettato l’invito di Giulio.

Con lui si che riuscivo a farmi quattro risate !

Insinuando

CAR:

Vi siete fatti quattro risate o quattro ....

Interrompendo

ELV:

Carletto non essere volgare !

Incalzante

CAR:

Insomma era il tuo amante si o no ?

Scocciata

ELV:

Ecco che ricominci a fare l’Otello !

Al contrario di te a Giulio non era geloso di Philip Norton e si che ne avrebbe avuto motivo !

Scandalizzato

CAR:

Philip ? Philip Norton il mio più caro amico ?

Sognante

ELV:

Era impossibile resistergli !

Che uomo e che maschio era Philip !

Amaro

CAR:

Che non ti fregasse niente del sottoscritto me ne sono accorto già durante il viaggio di nozze quando arrivammo a Salterton !

Inorridita

ELV:

Non ricordarmi Salterton !

Solo un insensibile come te poteva portare una giovane sposa, assetata di forti emozioni, in quel posto dimenticato da Dio!

CAR:

Potevi dirlo subito che non ti piaceva !

Sconsolata

ELV:

Come se non ci avessi provato !

Ma tu eri tutto preso a fare la ruota attorno a non so più quale editore.

Cosi per vincere la noia sono andata a passare il week end nella tenuta del capitano Girdle.

Con rimpianto

Che cavalcate ci siamo fatti !

Colpito

CAR:

Aspetta un attimo.

Mi dicesti che andavi a trovare una nonna moribonda.

Candida

ELV:

L’ho fatto per il tuo bene.

Scandalizzato

CAR:

Il mio bene ?

Falsamente premurosa

ELV:

Certamente, chissà come ti saresti arrabbiato se ti avessi detto che il buon Girdle era follemente innamorato di me

Amaro

CAR:

Cosi anche il capitano ....

Compassionevole

ELV:

Poverino mi faceva tanta pena !

CAR:

Chissà quanti altri ti hanno fatto la stessa pena senza che io ne sapessi nulla !

Sprezzante

ELV:

Cosa pretendevi da me ?

Che passassi i migliori anni della mia vita accanto al grande scrittore, che la cosa più allegra che sapesse fare era di leggermi  le scempiaggini che andava scrivendo ?

Fuori di se

CAR:

Fedifraga e assassina ecco cosa sei !

Gelida

ELV:

Adesso basta !

Non intendo essere insultata dopo che ho rinunciato per te alla pace eterna !

CAR:

Ma chi te lo ha chiesto !

Prima torni da dove sei venuta e meglio e` !

Decisa

ELV:

Ci puoi contare, mi hai scocciato per la seconda volta !

Vai a chiamare quella fattucchiera che mi ha spedito qui e dille che non vedo l’ora di tornare nell’aldilà !

CAR:

Stai tranquilla che lo faccio subito !

Carlo esce da P2 sbattendo la porta

Buio

Parte M9

Fumo dallo specchio da dove entrano Rodolfo vestito da Adamo (con solo una foglia di fico davanti) e Maud.

Cercapersone su di loro Pz8

I due ballano languidamente abbracciati

Dopo alcuni passi Elvira entra nel cono di luce. Si abbassa M9

ELV:

Rodolfo !

ROD:

Cosa c’e` mia cara ?

Con rimprovero

ELV:

Non ti vergogni di ballare con l’ultima arrivata ?

ROD:

La colpa e` solo tua !

Stavi tutto il giorno appiccicata a quel citrullo del tuo ex marito ed io mi sono sentito trascurato.

Baciando la mano a Maud

Cosi ho chiesto alla dolce Maud di farmi un po’ di compagnia.

Civetta

MAU:

Rodolfo e` stato tanto carino da farmi da cicerone nell’aldilà.

A Rodolfo

ELV:

Scommetto che le hai fatto vedere anche il boschetto del paradiso terrestre !

Sporcaccione !

Minimizzando

ROD:

Non vedo cosa ci sia di male.

La piccola Eva chiude sempre un occhio per me !

A Maud

ELV:

Intanto che eravate li un assaggino della famosa mela non te lo sarai lasciato scappare. Vero carina ?

Soddisfatta

MAU:

Solo un morso piccolo piccolo.

Ti confesso che non era niente male!

Inchinandosi

ROD:

Grazie troppo buona !

Maliziosa

MAU:

Conto di rifarmi la prossima volta.

Rodolfo ha promesso di portarmici molto presto !

A Rodolfo

ELV:

Guai a te se ci riprovi !

Buio Escono Maud. Elvira e Rodolfo

Entrano Carlo ed Arcadi

Stop M9

Luci in Pz1 (notte)

Disperato

CAR:

Madame sono nelle sue mani !

ARC:

Stia tranquillo che madame Arcadi non tradisce mai !

Dubbioso

CAR:

Speriamo !

ARC:

Ho studiato il problema per giorni e notti, ho consultato tutti i testi possibili di parapsicologia, di ectoplasmologia, fantasmologia comparata, di extrasensorialita` applicata, di biogenesi transmateriale ....

Speranzoso

CAR:

Ha trovato quello che fa per noi ?

Laconica

ARC:

Niente !

CAR:

Ma allora ....

ARC:

Poi mi sono ricordata di un antico testo italiano dall’assurdo titolo: “La smorfia”, nella cui appendice ho trovato uno strano rituale messo a punto nell’ottocento dal cosiddetto mago di Napoli, un certo Gennaro Quagliarulo, che sembra fatto apposta per caso nostro.

Con entusiasmo

CAR:

Bene mettiamolo subito in atto !

ARC:

Ha provveduto a far si che venga ricomposta la stessa linea di forza psichica della volta precedente ?

CAR:

Non e` stato facile convincerli ma saranno tutti qui a momenti.

ARC:

Ovviamente dovremo sostituire la povera signora Maud, che sicuramente dal cielo ci vede ed approva.

CAR:

Ho pensato anche a questo.

Il suo posto lo prenderà Palmira Hutton una amica della mia povera moglie.

Entra Elvira da P3

ARC:

Molto bene.

Ancora un particolare fondamentale per la riuscita della trasmigrazione: La piccola cara Elvira desidera davvero tornare nell’aldilà ?

Perché se cosi non fosse ...

Sicuro

CAR:

Me lo ha chiesto lei stessa !

Acida

ELV:

Carletto di a questa stronza che se non la smette di chiamarmi piccola cara io ci ripenso.

Terrorizzato

CAR:

Ci mancherebbe altro !

ARC:

Cosa dice ?

CAR:

Niente parlavo con Elvira.

Con slancio

ARC:

Ma allora e` qui !

Mio dio come sono emozionata !

Piccola cara sapessi come sono orgogliosa di te !

Con repulsione

ELV:

A me invece fai schifo !

ARC:

Animuccia mia vieni ad abbracciarmi !

Arcadi si aggira per la stanza con le braccia protese, Elvira la sfugge

Sollevando il vaso di fiori

ELV:

Se ti avvicini ti spacco questo vaso sulla testa !

Ansiosa

ARC:

Ha detto qualcosa ?

CAR:

Le spiace molto ma il regolamento celeste non glielo consente.

Delusa

ARC:

Peccato !

Sarebbe stata la più grossa soddisfazione della mia vita !

Facendo il gesto dell’ombrello

ELV:

Ti attacchi al tram!

Campanello ingresso E1

Andando ad aprire

CAR:

Eccoli che arrivano!

Da P2 entrano: Orazio, Henriette, Ernesto e Palmira

Precisando

ORA:

Caro signor Considine la prego di considerare la mia presenza come una prova di amicizia per lei e di rispetto per la povera Maud, alla quale avevo promessa tutta la mia collaborazione.

Dietro ad Orazio  con disprezzo

ELV:

Sempre viscido il pretaccio !

CAR:

La ringrazio di cuore.

HEN:

Ernesto non voleva venire perché e` sempre convinto che si tratta di un fenomeno suggestivo di cui sei vittima.

Ironica dietro Henriette

ELV:

Potevate restarvene a casa allora !

Dottorale

ERN:

Esatto. Pero` visto che la mia esperienza di medico mi insegna che una forte contro emozione può essere salutare per la salute mentale del paziente, eccomi qui.

Ironica dietro Ernesto

ELV:

Ha parlato il pozzo di scienza !

PAL:

Anch’ io sono del parere di Ernesto ma per l’affetto che mi legava alla cara Maud non mi sono sentita di tirarmi indietro.

Ironica dietro Palmira

ELV:

Ma chi l’ha chiamata questa beghina !

Entra da P1 Filippo

Tremebondo

FIL:

Io confessare che avere ancora tanta, tanta paura, ma essere pronto a lottare per cacciare via spirito cattivo che fatto tanto male a mia principessa

Cattiva dietro Filippo

ELV:

E non sai quanto te ne faro` a te povero allocco !

Indicando il tavolo

ARC:

Per cortesia sedetevi agli stessi posti della famosa sera.

Tutti eseguono

Con scherno

ELV:

Comincia la farsa !

Melliflua

ARC:

Signor Considine vuol pregare la piccola cara di stendersi sul divano.

Reagendo

ELV:

Non mi va di essere comandata a bacchetta da questo ammasso di lardo !

ROD:

Elvira non ricominciamo con i capricci !

Elvira si sdraia sul divano

ARC:

Stai comoda ?

Forse e` meglio se metti la tua testolina su questo cuscino

Arcadi pone un cuscino sotto la testa di Elvira

Imitando Arcadi

ELV:

Stai comoda piccola cara .....

Carletto levamela di torno o faccio un macello !

Sarcastico

CAR:

Ancora un po’ di pazienza e sarai tu a toglierti di torno !

Rivolta al tavolo

ARC:

Ho bisogno della collaborazione di tutti voi per mettere in atto il metodo del grande Gennaro Quagliarulo.

ORA:

Faremo il possibile Madame.

ARC:

Al mio cenno dovete ripetere la formula magica perché il suo effetto sia rafforzato.

Arcadi leva entrambe le mani al cielo assumendo una posizione ieratica

Dopo alcuni istanti tira fuori dalla borsa una treccia d’aglio, una di cipolle, un cornetto rosso e una mano a forma di corna che man mano che recita la filastrocca dispone attorno ad Elvira

ARC:

Aglie  e fravaglie

Fattura ca’ nun quaglie

Cuorna e bicuorna

Caporisce e caporaglie

Elvira starnutisce ripetutamente

ELV:

Ehi dico toglimi queste cipolle di dosso che sono allergica !

Arcadi si rivolge al gruppo al tavolo come un direttore d’orchestra

Arcadi gira intorno a Elvira bagnandola con un rametto di rosmarino che intinge in una acquasantiera

Tutti:

Aglie  e fravaglie

Fattura ca’ nun quaglie

Cuorna e bicuorna

Caporisce e caporaglie

ELV:

Mi stai bagnando tutta  col rischio che mi venga un raffreddore !

Arcadi estrae dalla borsa alcuni uccelli che durante la filastrocca butta dietro le spalle poi gira attorno ad Elvira cospargendola di sale

ARC:

Scio scio ciucciue`

Gesto di Arcadi

Tutti:

Scio scio ciucciue`

ARC:

Purtateve l’anema soia

Gesto di Arcadi

Tutti:

Scio scio ciucciue`

ARC:

Purtatevella nell’aldilà

Gesto di Arcadi

Tutti:

Scio scio ciucciue`

ARC:

Che nun la vulimme acca`

Gesto di Arcadi

Tutti:

Scio scio ciucciue`

Disperata

ELV:

Fermate questa pazza !

Durante la seguente filastrocca Arcadi gira intorno ad Elvira incensandola con un turibolo

ARC:

Gesù, Giuseppe e Maria

‘o fantasma se ne isse via

Tutti:

‘o fantasma se ne isse via

ARC:

Maria, Gesù e Giuseppe

o fantasma izzasse ‘e chiappe

Tutti:

o fantasma izzasse ‘e chiappe

ARC:

Giuseppe, Maria e Gesù

o fantasma nun tuorne chiu`.

Tutti:

o fantasma nun tuorne chiu`.

Ridendo di cuore

ELV:

Ma e` tutto da ridere !

Carletto come fai a fidarti di questa imbrogliona ?!

Arcadi va verso il grammofono

ARC:

Pronti a formare la catena.

Reverendo la candela.

ORA:

Subito.

Pz1 incrocia con Pz2

Eseguendo

ARC:

Mettiamo il solito disco.

Parte M2

Arcadi si siede

ARC:

Adesso chiudiamo gli occhi ......

Rodolfo  .... Rodolfo mio caro se ci sei batti un colpo !

Colpo fortissimo e sobbalzo del tavolo

ARC:

Rodolfo nel nome della nostra amicizia ti prego di esaudire il desiderio del signor Considine

Si spegne la candela

Buio

Fumo dallo specchio da cui entrano Rodolfo (vestito da Valentino) e Maud

Cercapersone su di loro Pz8

Ballando vanno verso il divano fanno alzare Elvira che si unisce al ballo sostituendo Maud fra le braccia di Rodolfo Pz4

Si scambiano un’altra volta poi Elvira e Maud vanno vicino a Madame Arcadi e le applicano due orecchie d’asino e una fluente barba mentre Rodolfo Si aggira attorno al tavolo distribuendo scappellotti e pizzicotti

I tre si riuniscono e sempre ballando a scambio escono dallo specchio.

Buio Stop M2

Un fortissimo colpo ed un sobbalzo del tavolo fanno uscire Arcadi dalla trance

ARC:

Fatto !

Sento che qualcosa e` accaduto

Signor   Considine accenda la luce.

Carlo esegue, luci in Pz1, poi si precipita al divano

Urlando di gioia

CAR:

Se ne e` andata !

E` sparita !

Elvira non c’e` più !

ORA:

Complimenti madame.

Guardandola meglio

Ma cosa le e` successo ?

Arcadi si precipita allo specchio

Sorridendo

HEN:

Ho l’impressione che Elvira le abbia voluto lasciare un ricordino !

Ridendo

FIL:

Madame essere adesso vero fenomeno di baraccone !

ERN:

Si tranquillizzi che la chirurgia plastica fa miracoli.

PAL:

E` vero ho sentito parlare di un chirurgo brasiliano che e` riuscito a ....

Interrompendo Enfatica

ARC:

Un avvertimento !

Questo e` un avvertimento !

Mai più disturberò la pace eterna delle anime trapassate !

Compiaciuto

ORA:

Brava Madame Arcadi.

Mi fa piacere sentirglielo dire !

CAR:

Grazie Madame.

Ho deciso che non scriverò più quel libro per mettere in ridicolo l’occultismo.

Decisa

ARC:

Ormai per me e` un capitolo chiuso.

Da oggi in poi mi occuperò solo dei vivi.

Ad Orazio

Mi vuole nella sua parrocchia signor vicario ?

Con slancio

ORA:

Con grande piacere Madame.

Mi aiuterà nei battesimi e soprattutto nei funerali !

ARC:

Facciamo un po’ di strada assieme ?

Addio a tutti !

ORA:

Vi aspettiamo domani per la Messa.

Arcadi ed Orazio escono da P2

Con un sospiro di sollievo

PAL:

Sono contenta che tutto sia andato per il meglio.

Ti saluto Carlo e niente più cattivi pensieri.

ERN:

Aspettaci che veniamo anche noi.

HEN:

Ciao Carlo e ricordati che domani sera sei a pranzo da noi.

CAR:

A presto amici miei e grazie di tutto.

Henriette, Ernesto e Palmira escono da P2

FIL:

Se signore non avere più bisogno di “Filippo” io tornare in mio paese per fare lottatore professionista.

CAR:

Vai pure, il tuo coraggio e` sprecato qui da noi !

Filippo esce da P1

Carlo va verso il carrello dei liquori

CAR:

Finalmente un po’ di pace !

Pz1 incrocia con Pz4 (solo wood)

Dallo specchio entrano Elvira e Maud che si vanno a porre dietro Carlo

CAR:

Toh, e` andata di nuovo via la luce. Si starà preparando un altro temporale.

Carlo si riempie il bicchiere poi lo leva a mo’ di brindisi

CAR:

Un brindisi alle mie  care defunte mogli !

Andando sul fianco destro di Carlo

ELV:

Carletto non essere infantile !

Girandosi di scatto verso Elvira

CAR:

Ma ....

Andando sul fianco sinistro di Carlo

MAU:

Comportati da uomo !

Prendendosi la testa fra le mani

CAR:

No ! Non e` possibile !

Tutte e due !

Con slancio

MAU:

Staremo con te per sempre !

Affettuosa

ELV:

Sei contento Carletto ?

MAU:

Abbiamo ripristinato i turni !

Parte M2

Elvira fa ballare Carlo

ELV:

Lunedì io.

Maud strappa Carlo dalle braccia di Elvira e lo fa ballare con lei

 

MAU:

Martedì io.

Elvira strappa Carlo dalle braccia di Maud e lo fa ballare con lei

ELV:

Mercoledì io.

Maud strappa Carlo dalle braccia di Elvira e lo fa ballare con lei

MAU:

Giovedì io.

Elvira strappa Carlo dalle braccia di Maud e lo fa ballare con lei

ELV:

Venerdì io.

Maud strappa Carlo dalle braccia di Elvira e lo fa ballare con lei

MAU:

Sabato io.

Bloccandosi speranzoso

CAR:

E la domenica ?

EL-MA:

Tutte e due assieme naturalmente !

Il ballo prosegue alcuni istanti con la consueta alternanza.

Buio

Sipario

           

Fine         

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 35 volte nell' arco di un'anno