Sportello bancario

Stampa questo copione

SPORTELLO BANCARIO

S.I.A.E.

    Teatro Comico Napoletano

SPORTELLO BANCARIO

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

(1994)

Non sono consentiti adattamenti e variazioni del titolo.

Questo lavoro del 1994 è stato portato per la prima volta in scena nel 1995 dalla Compagnia Il Guazzabuglio. Lo spettacolo, composto da più atti unici, si apriva con l’introduzione in versi “’A vita è na scazzetta”.

S.I.A.E.

    Teatro Comico Napoletano

SPORTELLO BANCARIO

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

(1994)

Personaggi

Impiegato di banca A (giovane trentenne)

Impiegato di banca B (uomo sui cinquant’anni)

Gigino (usciere - uomo di mezza età)

Donna Carmela (cliente della banca - popolana sui sessant’anni)

Ragazzo del bar

L’Introduzione in versi “’A vita è na scazzetta”, riportata a pag. 17, è facoltativa.  

SPORTELLO BANCARIO

La vicenda si svolge nel 1994, verso la fine di ottobre.

La scena è ambientata nella piccola agenzia di una banca in provincia di Napoli. La grossa scritta “BANCA MELOPRESTI”,  spicca in alto sulla parete frontale.  Al centro della scena  due sportelli, dotati all’interno di due sedie girevoli, di un solo telefono a tastiera e di un computer dell’epoca (di quest’ultimo il pubblico vede soltanto la parte posteriore del monitor e il retro della relativa tastiera). Sull’unico banco esterno dei due sportelli, due penne biro per i clienti in piccole basi di plastica nera. All’interno dei due sportelli, su un mobiletto basso (non visibile al pubblico) sono poggiate due grosse cartelle di cartone colorato, stracolme di fogli stampati; il mobiletto contiene una cartellina con dei documenti e un elenco telefonico. Sulla parete frontale, in fondo a sinistra, c’è una porta chiusa ma praticabile.

Sulla parete destra, la scrivania dell’usciere con relativa sedia con accanto un cestino per la carta; sulla scrivania mucchi di moduli e un portapenne a cilindro. Sulla parete sinistra, verso il proscenio, la porta (non visibile) da cui si accede in banca.

I due impiegati sono in piedi all’interno degli sportelli mentre l’usciere legge un giornale sportivo, standosene comodamente seduto alla sua scrivania.

IMPIEGATO A (in jeans e maglione, rivolto all’impiegato B ):M’immagino ’a faccia ca hé fatto quanno t’hanno ditto ’e venì a faticà ’int’ a st’agenzia ’e paese.

IMPIEGATO B (in giacca e cravatta): Certamente nun aggio pigliato ’o terno!... Però m’hanno assicurato ca se trattava ’e na sostituzione pe’ dduje mise sulamente.

IMPIEGATO A: Sì, pecché Schiavetti, ’o collega che fatica ccà, ha avuto nu brutto incidente cu ’a machina.

IMPIEGATO B: E chesto me dispiace.

IMPIEGATO A (indicando il computer): Isso stu coso ’o sape ausà buono; io  invece nun so’ ancora troppo pratico.

IMPIEGATO B: Io col computer mi ci trovo una bellezza.

IMPIEGATO A: Allora pe’ chesto t’hanno mannato ccà.

IMPIEGATO B (si siede al computer e digita qualcosa sulla tastiera) : Ma nun funziona?

IMPIEGATO A: No, sta bloccato da venerdì… Aggio pure chiammato ’o tecnico.

IMPIEGATO B: Sperammo ca vene ampressa, si no comme se fa.

  

IMPIEGATO A:  Saccio ca â sede ’e Napule, addó staje tu, se fatica assaje… (Sorride): Ccà è tutto n’ata cosa (si abbassa a prendere una grossa busta a sacchetto da un ripiano interno del banco).  

 

IMPIEGATO B  (guardando l’usciere): Vedo, vedo. 

IMPIEGATO A: Sti dduje mise, ca starraje ccà, t’arrepuose. 

IMPIEGATO B: Sì, ma â sera, c’ ’o traffico d’ ’a tangenziale, ce mettarraggio doje ore pe’ turnà â casa… (Timidamente) Io me so’ spusato ’a poco… Â casa tengo nu tesoro che m’aspetta.

 

GIGINO (con indosso un vistoso maglione a quadri, solleva gli occhi dal giornale e lo guarda): Però ve site spusato nu poco attempatiello.

IMPIEGATO B: Già, però ma mia moglie è assaje cchiù giovane ’e me. (Sospira) Si chiama Tiziana.  

IMPIEGATO A: Tiziana… Che bellu nomme! (apre la grossa busta).

IMPIEGATO B: Chella tene bello tuttecose… Sperammo ca sti dduje mise passano ampressa!

IMPIEGATO A (sorride): Aggio capito, si’ geluso.

GIGINO: E pe’ forza!... Cu na mugliera giovane e bella, ’e ccorna stanno sempe areto ’o vico.     

IMPIEGATO A: (tira fuori dalla busta un fascio di moduli): Gigì so’ arrivate ’e module nuove….  Tie’, pigliatille!… ’E module viecchie se ponno jettà.

GIGINO (si alza malvolentieri): ’O ssapevo, ata fatica pe’ me (prende il mucchio di moduli e lo poggia sulla scrivania accanto agli altri).

IMPIEGATO B (rivolto all’usciere): Che fate!...  Togliete i moduli vecchi, altrimenti si confondono!

GIGINO (seccato): Sissignore. (A parte) Sperammo ca Schiavetti torna ampressa… Io a  chisto già nun ’o supporto (raccoglie i moduli vecchi dalla scrivania e li butta nel cestino).

Squillo del telefono

IMPIEGATO A (solleva pigramente la cornetta): Pronto!....  Comme?... ’A lòcena?... No, signó, avite sbagliato...  E se vede c’ avite letto malamente ’o nummero… Questa è una banca, nun è na macelleria...  (Sorride) ’A borza?!… E comme ha da jì!?...  Scenne, scenne ancora... ’E Fiàt?... (Sbrigativo) E che v’aggi’ ’a  dì?... Si vulite, accattatavelle…. Buongiorno! (Ripone la cornetta e rivolto al collega) So’ cose ’e pazze!… ’E ffemmene so’ passate d’ ’a borza d’ ’a spesa alla borsa valori.

IMPIEGATO B: Oggi le donne sono molto emancipate.

GIGINO (si alza dalla scrivania e avanza di qualche passo verso l’entrata della banca): Vide si ’o guaglione d’ ’o bar se spiccia a venì!  (Nervoso, guardando fuori alla strada) Io nun ce pozzo credere… ce stà na multa ’ncopp’ ’a machina! (Rivolto al collega A) Chillu fesso ’e Pascalino m’avrà fatto ’a contravvenzione pe’ divieto ’e sosta… (Adirato) E mò chi ’o sente a mio suocero!…Chella è ’a machina soja… Ajere me l’ha ’mprestata cu tanta raccumandazione.

IMPIEGATO A: Però tu a Pascalino ’o putive avvertì ca ogge ire venuto cu n’ata machina… ’O ssaje ca pe’ nnuje chillo tene sempe n’uocchio ’e riguardo.  

GIGINO (nervoso - tono ironico): E già, mò mannavo nu Comunicato ’o Comando d’ ’e Vigili Urbani!

IMPIEGATO B (scandalizzato): Pascalino sarebbe un vigile urbano?

IMPIEGATO A (sorride) :  Sì è ’o vigile d’ ’a zona… Stà sempe pe’ ccà fore.

GIGINO: Però, propio quann’ io so’ arrivato stammatina, nun ce steva…  (A parte) Che bella croce m’aggio fatto stu  lunnedì!

IMPIEGATO A (rivolto all’impiegato B): Tu hé sempe faticato â sede ’e Napule?

IMPIEGATO B : Sì, sempe… Sulamente na vota so’ stato pe’ sei mise a Nola.

GIGINO (a parte - preoccupato): Sei mise!...  (Rivolto all’impiegato A) Sperammo ca Schiavetti pe’ Natale torna!

IMPIEGATO B : Torna o nun torna, io cchiù ’e dduje mise ccà nun ce resto…  A Napule tengo na sposa fresca e bella… Nun pozzo correre ’o rischio d’ ’a perdere!

IMPIEGATO A (a parte, sorridendo) : E comm’è  geluso!

GIGINO (guarda verso la strada e a gesti richiama l’attenzione del ragazzo del bar che sta passando): Gué, dico a te!… Io sto aspettanno ancora ’o ccafè (mima il caffè, fingendo di portare una tazzina alla bocca)  e ’o curnetto (mima, facendo con le dita il segno delle corna, volutamente proprio davanti all’impiegato B).

IMPIEGATO B (nervoso, vedendo quel gesto): È meglio ca nun ce penzo… (guarda l’orologio sul polso e ne pulisce il vetro col fazzoletto).  

GIGINO (si precipita verso la porta d’ingresso della banca per scacciare un cane randagio): Gué, frusti là!... Sciò, sciò!... Propio ccà hé ’a venì a fà?!... (Tornando verso la scrivania) ’E chistu passo, fore a sta banca ce starranno cchiù ccane ca crestiane!... (Si siede e inizia a sistemare i nuovi moduli) E faticammo!  (Li sfoglia e li divide, leggendo la scritta in alto) “Richiesta di assegni circolari” (sistema questo gruppo di moduli su un lato della scrivania) Chiste mettimmele ccà… (Legge la scritta in alto su altri moduli) “Distinta di versamento” (ne fa un secondo mucchio che sistema accanto al primo ) Chiste mettimmele appriesso. (Legge la scritta sui restanti moduli) “Disposizione di bonifico”.... Boh? (li sistema più in là) Ecco fatto (soddisfatto, riapre il giornale).

 

IMPIEGATO B (rivolto all’ impiegato A): Ma comme so’ ’e cliente ’e st’agenzia?

IMPIEGATO A : È brava gente; è gente semplice… Chisto è nu paesiello; ce cunuscimmo tutte quante.

IMPIEGATO B: Si tiene lavoro arretrato, dimmello.

IMPIEGATO A: So’ arrivate cierti comunicate ca s’avessen’ ’a leggere. (Indicando il ripiano del mobiletto)  Stanno dint’ a chella cartella.

IMPIEGATO B: Allora mò ce dongo n’uocchio… (Va verso il mobiletto e solleva una grossa cartella di cartone colorato) E comme pesa!

IMPIEGATO A:   No, nun è chella... Llà ce stanno ’e domande d’impiego ca ’e guagliune d’ ’o paese ce cunsegnano a mmano….  (Sorride) Chille puverielle s’illudono ancora ’e truvà nu posto.... Nun ’o ssanno ca ogge è cchiù facile vencere na quaterna ca trasì ’int’ a na banca. 

IMPIEGATO B (rimette la cartella sul mobiletto e sollevandone un’altra dello stesso colore, ma più leggera): Allora è chesta cartella ccà?

 

IMPIEGATO A: Sì.

IMPIEGATO B (apre la cartella e inizia a sfogliare i fogli stampati che vi sono contenuti) : Ma sti comunicati a me me pareno superati!

DONNA CARMELA (popolana invadente, capelli neri arruffati, giacca con tasche su gonna al polpaccio, rossetto alle labbra, entra in scena come se entrasse in una bottega): Bongiorno!

GIGINO (senza interrompere la lettura): Bongiorno.

IMPIEGATO A (cordialmente) : Bongiorno, Donna Carmè!... Avit’ ’a luvà o avit’ ’a mettere?

DONNA CARMELA (guardando il nuovo impiegato) : E chi è chillu sciccone?

IMPIEGATO A (tono confidenziale) : È venuto ’a Napule a darce na mano pecché Pascalino Schiavetti stà ricoverato ’o spitale cu nu braccio e na coscia ’ngessate.

DONNA CARMELA : ’O ssaccio… Puveriello, comme m’è dispiaciuto!…Chillo ce puteva arrummané!… ’A machina s’è tutta arravugliata; io l’aggio vista.

IMPIEGATO B  (chiudendo  la cartella) : Pe’ me sti fogli se ponno pure jettà.

IMPIEGATO A: Meglio accussì.

                                 

        Squillo del telefono

IMPIEGATO A (alza la cornetta) : Pronto?…  (Tono deferente) Sì direttore… …….. Ha detto Scuotto Antonio?...... Un assegno del ventinove settembre?… Certamente, vengo subito (Abbassa la cornetta, prende velocemente una cartellina dal mobiletto e rivolto a Donna Carmela) Scusate, Donna Carmè; m’ha chiammato ’o direttore...  (Andando verso la porta chiusa che è in scena) Jate add’ ’o collega nuovo (varca quell’uscio ed esce di scena).  

 GIGINO (sentendo assegno interrompe la lettura):Mò me scurdavo ’e cagnà l’assegno ’e mio suocero! (Tira fuori un assegno dal portafogli, si avvicina allo sportello del nuovo impiegato e poggia l’assegno sul banco) Mio suocero sti sòrdee vvò tutte a diecemila lire.

IMPIEGATO B  (guarda l’assegno - perplesso) : Napo?... Napo?.... Ma io stu paese nun ’o cunosco.

GIGINO (sbircia l’assegno): Ma qua’ Napo?…  Napoli ...  (Sorride) Mio suocero ’a “lì” nun ce l’ha misa pecché sta già stampata.

IMPIEGATO B : Ma questa “lì” si riferisce alla data!... (Ironico) Allora  pure gli abitanti di Termoli dovrebbero scrivere Termo perché la “lì” è già stampata?... (Categorico) Mi dispiace ma questo assegno non va.  Deve essere rifatto (glielo restituisce).

DONNA CARMELA (a parte) : E comm’è fetuso!

GIGINO (nervoso, riprende l’assegno e lo rimette in tasca) : Sta semmana è accumminciata propio storta! … (Seccato, torna a sedersi) Stasera me tocca ’e turnà a Napule addu mio suocero (sbuffando, riapre il giornale).

 

IMPIEGATO B (rivolto alla donna che lo guarda timorosa): Prego, si accomodi!

DONNA CARMELA (si avvicina allo sportello e guardandosi intorno): E addó m’assetto?... Ccà nun ce stà nisciuna seggia.

IMPIEGATO B (sorride) : Ah, c’è stato un frainteso.

DONNA CARMELA  : Overo?!...  E mò stu monaco addó stà?

IMPIEGATO B (sorride): No, non ho detto frate, ho detto frainteso… Dicendo “Prego, accomodatevi!” intendevo dire “Avvicinatevi!”…

DONNA CARMELA: E spiegateve meglio!.... (Fruga nelle tasche della giacca e tira fiori un mazzo di chiavi - Sorride ) No, cheste so’ ’e cchiave d’ ’a casa mia… (Tira poi fuori un borsellino a scatto - Tono confidenziale) Ccàdint’ ’o burzellino ce tengo sulo ’a curona d’ ’o rusario e ’e bigliette d’ ’o lotto (Infila la mano destra nel lato sinistro del reggiseno e tira fuori un fazzoletto arrotolato che poggia sul banco davanti al cassiere)  È  uno… (Solleva un lembo della giacca e dalla tasca della gonna tira fuori un sacchetto di stoffa che poggia sul banco accanto all’altro)  E dduje… (si abbassa e infila le mani  nella calza gambaletto).

IMPIEGATO B (sporgendosi dallo sportello) : Ma che fate!?

DONNA CARMELA (estrae dalla calza un altro fazzoletto arrotolato che poggia sul banco): E tre… (Sorride) Ancora nu mumento (Infila la mano sinistra nel lato destro del reggiseno e tira fuori un ultimo fazzoletto arrotolato che poggia sul banco) E quatto… (Soddisfatta, indica gli involtini di pezza) Ecco qua!

IMPIEGATO B (perplesso): E allora?

DONNA CARMELA: ’E vvoglio mettere ’ncopp’ ’o contro currente.

IMPIEGATO B: Sti ppezze!

DONNA CARMELA:  Qua’ pezze!…  Io parlo d’ ’e sòrde ca ce stanno ’a dinto… So’ nu milione e dujecientomila lire… V’ ’e pputite cuntà.

IMPIEGATO B (disgustato, guardando quelle pezze arrotolate) : Allora voi dovete fare la distinta.

DONNA CARMELA (adirata) : Nèh, ma che state dicenno!... Io ccà vengo a purtà ’e sòrde; nun vengo a fà  vummecosa!... Si a me me vulite pe’ cliente, m’ avit’ ’a piglià accussì comme songo.

IMPIEGATO B (cercando di controllarsi): Forse non mi sono spiegato... La distinta è un modulo che vi deve  consegnare l’usciere (indica Gigino).

DONNA CARMELA (frastornata) : E io che ne saccio!… Chesta è ’a primma vota.…(Andando verso Gigino) E chi ’o capisce!...  (Sorride) Gigì, comm’ ha ditto che si’?…

GIGINO (compiaciuto, lisciandosi i capelli): Ha ditto "usciere".

DONNA CARMELA : E  bravo a Gigino!... Siente, Gigì, ’o ssaje qualu moto m’ hé ’a cunzignà?

GIGINO (tono professionale): Sì, Donna Carmè. (Legge la scritta su un modulo) Distinta di versamento… (Sorride) Ecco qua! (Porgendoglielo) Chistu è ’o modulo che fa pe’ vvuje.

DONNA CARMELA: E grazie assaje…. Gigì, comme t’ha chiammato?

GIGINO (compiaciuto) : Usciere.

DONNA CARMELA (dandogli una pacca sulla spalla): Eh bravo a Gigino! (Torna dall’impiegato che è in attesa allo sportello) Ccà stà ’o motulo … Tenite!.... Mò me ne pozzo jì?

IMPIEGATO B : No, un momento!… Questo modulo è in bianco… Voi lo dovete compilare.

DONNA CARMELA (non capisce) : Compi che!?

IMPIEGATO B  : Lo dovete riempire.

DONNA CARMELA: Io nun ve capisco… Spiegateve meglio.

IMPIEGATO B : Lo dovete scrivere.  

DONNA CARMELA (sorride per nascondere l’imbarazzo) : Sapite, io nun ce veco buono... Nun m’ ’o putisseve scrivere vuje?

IMPIEGATO B (pazientemente, prende la penna dal banco): E va bene...... Come vi chiamate?…

DONNA CARMELA: Carmela... Nun avite ’ntiso?... Ccà me cunosceno tutte quante.

IMPIEGATO B (scrive) : Carmela ...   (La guarda) E poi?…

DONNA CARMELA : Carmela Luongo, ma si me vulite avit’ ’a cercà ’e Carmela ’a pupata.... A me accussì me sapeno ’int’ ’o paese.

IMPIEGATO B (paziente, scuote la testa) : E ditemi, il conto corrente è a vostro nome?

DONNA CARMELA: Spiegateve meglio.

IMPIEGATO B : Quando avete bisogno di soldi, voi venite qua e come fate?

DONNA CARMELA (sorride) : Uh Gesù!…Vaco add’ ’o cumpagno vuosto, chillo ca mò se n’è ghiuto ’a llà; lle dongo na striscia ’e carta e lle dico "Me manna mariteme, dateme sti sòrde!"... Nun faccio pe’ vandalismo, ma mariteme tene ’o cchiù bello puosto ’e pesce d’ ’o paese!… Stà propeto mmiez’ ’a piazza... Tene ostriche, vongole, taratufole, lupine, cannulicchie, maruzzielle, e tutto pesce ’e primma qualità. (Rivolta a Gigino) Gué, Gigì, comm’ è ’o pesce ’e Michele?

GIGINO (sollevando gli occhi dal giornale) : È frisco assaje!

DONNA CARMELA (compiaciuta, rivolta all’impiegato B): Avite ’ntiso?    (Tono confidenziale)  Ogge però è lunnedì... Stà a riposo.

IMPIEGATO B (seccato, strappa il modulo): Allora il conto corrente è intestato a Michele Luongo.... Per favore, fatevi consegnare un altro modulo dall’usciere.

DONNA CARMELA (sbuffa) : Uffà!… Però, stavota cercate ’e nun ’o sbaglià. (Avvicinandosi all’usciere) Gigì, damme n’atu foglio comm’ a chillo ’e primma.….L’impiegato nuovo ha sbagliato a scrivere.

GIGINO (porge subito un altro modulo): Eccovi servita.  (Guarda l’orologio sul polso - a parte) ’O ccafé stammatina nun arriva.

DONNA CARMELA (porge il modulo all'impiegato): Tenite ccà e vedimmo ’e ce spiccià!

IMPIEGATO B (col fazzoletto si asciuga la fronte imperlata di sudore): Accussì sperammo!…  Se vi ricordate ’o nummero d’ ’o conto corrente, ce spicciammo cchiù ampressa.

DONNA CARMELA (sorride) : E ssite furtunato pecché, siccomme tengo ’o vizio d’ ’o lotto, ce tengo na passione p’ ’e nummere (Apre il borsellino e mostra vari biglietti giocati) Guardate ccà!

IMPIEGATO B : Vedo, vedo... E allora?…

DONNA CARMELA (ne sceglie uno) : Ecco qua... (Legge velocemente i numeri segnati sul biglietto della ricevitoria ) 18 ’o sangue, 38 ’e mmazzate, 41 ’o curtiello e 5 ’a mano… Io m’ ’e gioco tutte ’e settimane ’ncoppo ’a rota ’e Napule... Si vulite, v’ ’e putite giucà pure vuje.

IMPIEGATO B (spazientito): Io non gioco!

DONNA CARMELA (lo guarda) : Meglio accussì!… Vuje nun ’a tenite ’a faccia ’e uno furtunato... Però chillo che v’aggio dato è ’o nummero d’ ’o contro currente che m’ avite spiato… (Sorride, rivolta a Gigino) Io me l’arricordo sulamente accussì comme m’ ’o gioco.

IMPIEGATO B (si asciuga la fronte e cerca di mantenere la calma) : Vi dispiace ripeterlo un’altra volta?… Però, per piacere, ditelo piano.

DONNA CARMELA: Se vede propio ca site nuovo ’e sta banca....  Allora  signate!

        Gigino prende subito una penna e si prepara ad annotare i numeri sul bordo superiore del giornale.

DONNA CARMELA (rilegge piano, in modo cadenzato, i numeri riportati sul biglietto della ricevitoria) : 18, ’o sangue.

GIGINO (scrivendo) : Sì.

DONNA CARMELA (si accerta che l’impiegato B abbia scritto sul modulo e legge il secondo numero) : 38, ’e mmazzate.

GIGINO (scrivendo) : Sì.

DONNA CARMELA (gli occhi all’impiegato e poi al  biglietto) : 41, ’o curtiello.

GIGINO (scrivendo) : Sì.

DONNA CARMELA: E 5, ’a mano (conserva il biglietto nel borsellino).... Va buono mò? (rimette il borsellino nella tasca della giacca).

 Gigino, soddisfatto, ripone la penna nel portapenne.

IMPIEGATO B: Sì… Vorrei sapere dove abitate.

DONNA CARMELA (lusingata da questa richiesta - tono confidenziale) : Io stongo ’e casa porta a porta cu Alfredo ’o ricciulillo, ca vene a essere pure ’o frate cucino ’e Gigino (indica l’usciere).

GIGINO: Esatto! (riprende a leggere).

IMPIEGATO B (cercando di mantenere la calma): E dove abita Alfredo, ’o ricciulillo?

DONNA CARMELA : Sapite addó stà ’a funtanella ca nun votta cchiù?… Llà, nu poco cchiù ’nnanze, propio vicino a Don Beppe ’o giurnalaro... Sicuramente ’o canuscite a Don Beppe!

IMPIEGATO B :  No,  mai sentito a stu Don Beppe.

DONNA CARMELA: Comme!… Chillo, siccomme è scartellato, porta bene assaje… (Sorride) Si fosse a vvuje, cu ’a scusa d’accattà ’o giurnale, ’a matina me ’mbruscennasse nu poco vicino ’a spalla soja.

IMPIEGATO B (si asciuga la fronte) : Eh già mò me vaco a ’mbruscenà vicino ’o giurnalaro! (Cercando di mantenere la calma) A me l’indirizzo d’ ’a casa vosta me serve pecché l’aggi’ ’a scrivere ’ncopp’ a stu modulo.... So’ stato chiaro mò?

DONNA CARMELA : E c’ aspettaveve a m’ ’o dicere!...  (Sorride) Sapite, ’a targa d’ ’a via stà propeto vicino ’o palazzo mio… (Pensosa)  Però chillo è tutto puntellato; chisto è ’o problema.

 

  L’impiegato A rientra in scena per prendere l’elenco telefonico.

IMPIEGATO B (esasperato) : A me si  ’o palazzo è puntellato nun me ’mporta.... A me me serve l’indirizzo d’ ’a casa vosta.

IMPIEGATO A: Donna Carmela sta ’e casa in Via E puntato, A puntato, Mario, numero quattro... (con l’elenco telefonico in mano, esce frettolosamente di scena per tornare dal direttore).

IMPIEGATO B : (scrivendo l’indirizzo sul modulo) : Via E. A. Mario, 4… Ah, finalmente! (si asciuga la fronte).

DONNA CARMELA: Io ve l’avevo ditto ca era tutto puntellato.

 

IMPIEGATO B (assecondandola) : Sì, sì.

DONNA CARMELA: Ma nun v’ ’e ccuntate ’e sòrde?…

IMPIEGATO B : No, no… Aspetto il collega.

DONNA CARMELA : E ffacite bbuono… Chillo tene ’a pratica.

IMPIEGATO B (le porge il modulo compilato): Per favore, firmate qua.

DONNA CARMELA (perplessa, guarda sul modulo il punto dove l’impiegato tiene l’indice) : E pecché aggi’ ’a firmà si avite già firmato vuje pe’ me?

IMPIEGATO B (al limite della sopportazione) : Io vi ho segnato soltanto il punto  dove dovete firmare.... Questa ics non è una firma.

DONNA CARMELA (prendendo il modulo): Overo?!… (Si allontana un po’ dallo sportello e perplessa osserva la crocetta segnata sul modulo - a parte) Però, assumiglia assaje ’a firma mia.... Gigì, addó me pozzo assettà?... Pe’ firmà aggi’ ’a stà commoda.

GIGINO (divertito, piega il giornale e si alza per cederle la sedia): Donna Carmè, venite ccà! ... Ve faccio assettà ’o posto mio.

IMPIEGATO B (a parte, guardando gli involtini di pezza sul banco): Che schifo!... E chi ’e ttocca!

DONNA CARMELA (impacciata, con il modulo in una mano si siede alla scrivania di Gigino) : Grazie, Gigì!... Tu ccà dinto si’ ’o meglio.

GIGINO (prende una penna dal portapenne e porgendogliela): Ccà ce sta ’a penna. 

DONNA CARMELA (per farsi spazio, accatasta i moduli che Gigino aveva sistemato con tanta cura sulla scrivania): Accussì va meglio.

GIGINO (seccato): E ce credo! (Si accorge che Donna Carmela ha messo il modulo da firmare sottosopra) Donna Carmè, aspettate!... ’O modulo stà sottencoppa (lo gira).

DONNA CARMELA: Gigì, nun me guardà, si no me ’mbroglio!

GIGINO : State tranquilla, nun ve guardo (si volta verso la parete).

DONNA CARMELA (fissa il modulo come per prenderne le misura e vi traccia una grossa X): Ecco fatto!… (Soddisfatta, si alza e consegna il modulo all'impiegato B) Tenite!… Mò me ne pozzo jì?

IMPIEGATO B (guarda il modulo che Donna Carmela gli porge - esasperato) : Noo!!… Voi così l’avete annullato!

GIGINO (che, sbuffando, sta riordinando i moduli sulla scrivania, sentendo “annullato”, si blocca) : Nun è ccosa ancora.

DONNA CARMELA (nervosa, rivolta all’impiegato B): E mò ch’è stato?... Vuje parlate strevuzo… Io nun ve capisco.                                        

IMPIEGATO B (spazientito) : “Annullato” significa ca mò s’ha da rifà d’ ’o capo.

DONNA CARMELA : Se vede propio ca stammatina ve site scetato stuorto… Io, pe’ v’ accuntentà, aggio fatto tutto chello che m’avite ditto… Guardate ccà, che bella firma!… È na croce accussì grossa ca ’a vedesse pure nu cecato.

IMPIEGATO B (appoggiato sul banco si regge la fronte con la mano - voce lamentosa) : E chisto è ’o guajo!.... Vuje cu sta croce ve site pigliato tutt’ ’o foglio!

DONNA CARMELA (nervosa, si riprende il modulo) : E m’ ’o pputiveve dicere ca a vvuje ve piace ’a firma piccerella.

IMPIEGATO B (barcollando, esce dallo sportello): Me sento male… Me sento male  (si asciuga la fronte col fazzoletto).

GIGINO (lo guarda, restando seduto): Se vede ca ’a giacca ve dà calore.   

RAGAZZO DEL BAR (entra in scena, reggendo un vassoio con una tazzina di caffè e un bicchiere d’acqua): ’E curnette so’ fernute… (Guarda la scena e rivolto a Donna Carmela) Ch’è stato?...  

DONNA CARMELA: Dice ca se sente male… (prende la tazzina dal vassoio e beve il caffè).

GIGINO (guarda Donna Carmela che sta bevendo il suo caffè): Ma veramente… 

DONNA CARMELA: Ah, stu ccafè ce vuleva propio! (rimette la tazzina nel vassoio).

IMPIEGATO B (si appoggia alla scrivania di Gigino e si allenta il nodo della cravatta) : Stó male… Me manca ll’aria.

 

RAGAZZO DEL BAR (rivolto a Gigino) : Don Gigì, ’e sòrde m’’e date vuje?...

GIGINO (nervoso): E comme no!    

  L’impiegato A rientra in scena.

IMPIEGATO B (appoggiato alla scrivania di Gigino – voce lamentosa): Me sento male… (Si sbottona il collo della camicia) Me sento male.   

 

IMPIEGATO A (preoccupato) : Ma che stà succedenno?!

RAGAZZO DEL BAR: Dice ca se sente male.

IMPIEGATO B (voce lamentosa): Dateme na seggia.

IMPIEGATO A (tono imperativo): Na seggia…  Gigì, ’a seggia! 

GIGINO (frastornato, si alza): Ah, sì… (Avvicina con indifferenza la sua sedia all’impiegato B)  Ccà stà ’a seggia.

RAGAZZO DEL BAR (uscendo di scena): Io me ne vaco… Pavate dimane.    

IMPIEGATO A (aiuta il collega a sedersi) : Jammo, assettate nu poco.

DONNA CARMELA (rivolta a Gigino): Io me ne songo accorta, nun appena so’ trasuta, ca teneva na brutta cera… Pe’ me facesse buono a  se ’mbruscenà nu poco vicino a Don Beppe ’o scartellato.

GIGINO : Stammatina ’o scartiello ’e Don Peppe cu mme nun ha funzionato.  

IMPIEGATO B (seduto, con il fazzoletto sulla fronte, ascolta incredulo): Pateterno mio, vide a me che me steva astipato!

DONNA CARMELA (rivolta all’impiegato A - tono confidenziale ): Chillo stà ’ntessecuso pecché nun è pratico d’ ’a fatica.... (Indicando i fagottini di pezza che sono sullo sportello) Nun s’è vuluto nemmanco cuntà ’e sòrde…E po’ sapisseve quanta storiec’ha fatto ’ncopp’ a sta firma mia! (sventola il modulo che ha in mano).

IMPIEGATO A (sorride, compiaciuto) : Ah, ogge avite pure firmato!... E brava a Donna Carmela!

IMPIEGATO B (esasperato, si accascia sulla sedia): Addó songo capitato!?... Comme faccio a restà ccà duje mise?!

DONNA CARMELA (lo guarda e scuote la testa) : Puveriello, se vede propio ca sta fatica nun fa pe’ isso… È muscio assaje… Io, si me mettesse ’e casa e ’e puteca, putesse fà pure ’a cassiera ’int’ ’a sta banca... (Fissa con disappunto l’impiegato B) E ’a gente ’a spicciasse ampressa ampressa, io! (Compiaciuta, guarda l’impiegato A e l’usciere che sorridono divertiti).

FINE

In uno spettacolo, formato da più atti unici, “Sportello bancario” è stato di solito rappresentato unitamente a  “Sotto a chi tocca” per velocizzare  il cambio di scena. 

Introduzione facoltativa in versi

’A vita è na scazzetta

Tra na farsa e na macchietta

ccà se ride e se riflette

pecché ’a vita è na scazzetta;

chi s’ ’a leva e chi s’ ’a mette.

Chi ’e denare ’int’ ’a cascetta

tene chiuse cu ’e lucchette;

chi, purtanno ’a cinghia astretta,

lassa pure ’e pporte aperte.

Chi, arrubbanno cu ’e mmazzette,

già s’è fatto tre villette;

chi, pe’ mezzo ’e na furchetta,

va ’ngalera cu ’e manette.

Chi se magna nu capretto

e stà sicco pe’ difetto;

chi se spogna na galletta

e fa ’a panza ’a for’ ’o pietto.

Chi se tene na subretta

pecché ’a sacca ce ’o permette;

chi se sposa na carnetta,

quatto sòrde ’int’ ’a giacchetta.

Chi cumanna c’ ’a bacchetta

senza mai tirà ’a carretta;

chi fatica e stà suggetto

e sudore e sanghe jetta.

Nuje, teatranno, sti ccose cuntammo;

’e ddicimmo pazzianno pazzianno…

tu che ride però t’addimanne:

ma qua’ farsa?… Chest’è verità.

scazzetta: berretto; macchietta: versi comici; ccà:qua; ’int’ ’a cascetta: nella cassaforte; astretta: stretta; lassa: lascia; pe’ mezzo ’e: a causa di; magna: mangia; sicco: magro;; spogna: ammollisce; ’a for’ ’o pietto: più sporgente del petto; se tène: mantiene; ’a sacca ce ’o permette: la tasca glielo consente; na carnetta: una sanguisuga che gli prosciuga le tasche; quatto sòrde’ int’ ’a giacchetta: quattro soldi nella giacca; jetta: butta/ versa; cuntammo: raccontiamo; pazzianno pazzianno: giocandoci sopra; t’addimanne: ti domandi; qua’: quale.

Questi versi sono pubblicati anche nel libro “Chicchi di grano” (ed. Guida 2005).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno